Sei sulla pagina 1di 2

Analisi del problema

La segreteria didattica gestisce le informazioni riguardanti le diverse


classi, suddivise in sezioni in base all’indirizzo formativo. Al suo interno,
compito della stessa segreteria, è di gestire le varie componenti, gli
alunni e gli insegnati. Ogni alunno presenta delle informazioni generali e
alcune inerenti i dati del proprio genitore; ogni insegnante, invece, oltre
alle informazioni generali, presenta anche un recapito telefono ed email
e il numero delle assenze effettuate durante l’anno.

Analisi dei dati (entità)


Dall’analisi del problema risulta facile individuare le seguenti entità:
- Insegnante, per memorizzare le caratteristiche riguardante ogni
professore;
- Studente, per indicare le informazioni inerenti a ogni alunno
frequentante;
- Classe, per creare il collegamento Insegnante-Studente al fine di dover
comprendere a pieno l’articolazione tra le due entità.

Gli attributi di “Insegnante” sono IDInsegnante, Nome, Cognome,


N.Telefono, Assenza, Data di Nascita e l’Indirizzo, suddivisibile in Città,
CAP, Via.
Gli attributi di “Studente” sono IDStudente, Nome, Cognome, Telefono
di un genitore, email, Data di Nascita e Indirizzo, suddivisibile in Città,
CAP, Via.
Gli attributi di “Classe” sono IDClasse e la Sezione.

Analisi delle associazioni


- Tra l’entità Studente e Classe esiste un’associazione di “frequenta” di
tipo uno a molti. La cardinalità massima di Studente è N, mentre della
Classe è 1. Ciò significa che ogni studente frequenta una sola classe,
mentre ogni classe è frequentata da più studenti. In questo caso la scelta
non è opzionale perché risulta impossibile che uno studente non
frequenti una classe o che una classe non abbia studenti.
- Tra l’entità Insegnante e Classe esiste un’associazione di “assegna” di
tipo molti a molti. La cardinalità massima di entrambe è N e la minima è
0 per l’entità Insegnante e 1 per la Classe. Ciò significa che a ogni
insegnante può essere assegnata una o più classi ma a ogni classe sono
assegnati uno o più insegnanti. Non esiste una classe senza insegnante,
pertanto la scelta non è opzionale.
(L’ultima associazione la metto malgrado mi abbia detto che è un
“errore” in questo caso)
- Tra l’entità Insegnante e Studente esiste l’associazione di “Insegna”, di
tipo molti a molti. La cardinalità massima, pertanto, è N, mentre la
minima è 0 per Insegnante e 1 per Studente. Ciò significa che ogni
insegnante può insegnare a uno o più alunni, mentre ogni alunno è
insegnato da uno o più insegnanti. Non esiste un insegnamento senza
insegnanti.