Sei sulla pagina 1di 44

L’ATTIVITA’ EDILIZIA E I BILANCI ECONOMICI COMUNALI

permessi di costruire

VOLUME XXIV

ANNO 2020

Massimo Betti - Franca Moroni - Alberto Scheda

2021
GENERALITA’
Il presente studio è finalizzato ad una comprensione delle relazioni tra dinamiche edilizie, trasformazioni territoriali, equilibri economici della finanza pubblica locale.
Elemento principe della presente ricerca è la conoscenza del ruolo delle entrate dell’attività edilizia nel contesto della spesa dei Comuni della Regione Emilia-Romagna.
La Legge 27 gennaio 1977, n. 10, “Norme per l’edificabilità dei suoli”, all’art. 3, prevedeva la corresponsione di un pagamento, commisurato all’entità e alla funzione delle opere edilizie da realizzare, a fronte del
rilascio della concessione edilizia. I Comuni potevano utilizzare tali introiti esclusivamente per la realizzazione delle opere di urbanizzazione (strade, parcheggi, fognature, opere a rete, parchi, scuole, strutture
pubbliche, ecc.), per il risanamento di complessi edilizi dei centri storici e per l’esproprio delle aree destinate ai Programmi Pluriennali di Attuazione, così come indicato all’art. 12, poi abrogato dall’art. 136 del
DPR 380/2001.
La ripartizione delle entrate comunali dell’attività edilizia è stata, successivamente, regolamentata dalle leggi finanziarie.
Per gli anni 2005 e 2006, la L 30 dicembre 2004, n. 311 consentì di destinare le entrate afferenti all’attività edilizia (Titolo IV – permessi di costruire e relative sanzioni) alle S pese correnti (Titolo I),
rispettivamente sino al 75% e sino al 50%.
Per l’anno 2007, la L 27 dicembre 2006, n. 296 consentì di destinare tali entrate per una quota non superiore al 50 % per il finanziamento delle Spese correnti e per una quota non superiore ad un ulteriore 25%
esclusivamente per le spese di manutenzione ordinaria del patrimonio comunale”, pur esse comprese nelle Spese correnti all’interno del bilancio.
Per gli anni 2008, 2009, 2010, la L 24 dicembre 2007 n. 244, per gli anni 2011, 2012, la L 26 febbraio 2011 n. 10, per gli anni 2013, 2014, la L 6 giugno 2013 n. 64, per l’anno 2015 la L 23 dicembre 2014 n. 190,
hanno consentito di destinare tali entrate alle Spese correnti sino al 50%, oltre ad un massimo del 25% destinabile alle “spese di manutenzione ordinaria del verde, delle strade e del patrimonio comunale”.
L’anno 2016 costituisce un momento di discontinuità rispetto agli anni precedenti: con il compimento del processo di riforma della finanza pubblica ad opera del D.lgs. 126/2014 sono state modificate
sensibilmente le regole di redazione dei bilanci comunali e con la L. 28 dicembre 2015, n. 208, cambiano le regole per l’utilizzo delle entrate dell’attività edilizia per il finanziamento della spesa corrente. L’art.
737 della legge finanziaria infatti recita:
“Per gli anni 2016 e 2017, i proventi delle concessioni edilizie e delle sanzioni previste dal testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia, di cui al decreto del
Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, fatta eccezione per le sanzioni di cui all'articolo 31, comma 4-bis, del medesimo testo unico, possono essere utilizzati per una quota pari al 100
per cento per spese di manutenzione ordinaria del verde, delle strade e del patrimonio comunale, nonché per spese di progettazione delle opere pubbliche”.
Per la legge di stabilità 2016, dunque, le entrate derivanti dall’attività edilizia, allocate al capitolo di bilancio “entrate in conto capitale - permessi di costruire”, e disgiunte dalle entrate derivate dalle sanzioni, già
allocate alle entrate correnti, possono essere utilizzate solamente per un sottoinsieme delle Spese correnti.
Conseguentemente, nel quadro della verifica dell’equilibrio economico dei bilanci, oggetto del presente studio, le Spese correnti non saranno più considerate congiuntamente alle spese relative alla quota di
capitale compresa, fino al 2015, nel Titolo III - Rimborso di prestiti. Più precisamente, si è considerato che gli eventuali passivi delle sole Spese correnti per le voci inerenti alle manutenzioni ordinarie elencate
all’articolo 737 della L. n.208, possano essere compensati dalle entrate dell’attività edilizia, anche per il 100% delle stesse.
Le entrate dell’attività edilizia, al netto della quota utilizzata per coprire i passivi delle voci di bilancio elencate al paragrafo precedente, sono ciò che rimane per contribuire al finanziamento delle spese per gli
investimenti. In particolare, si è ritenuto di correlare tale quota delle entrate dell’attività edilizia alle seguenti voci del bilancio consuntivo: “Investimenti fissi lordi e acquisto di terreni” in quanto voci di spesa in
conto capitale legate alla trasformazione del territorio.
Con LR 8 luglio 1996 n. 24 Norme in materia di riordino territoriale e di sostegno alle unioni e alle fusioni di Comuni è iniziato un complesso processo che sta cambiando la geografia politica del territorio
dell'Emilia-Romagna. Questo processo, a partire dall’anno 2013, ha modificato i confini comunali e ha, di conseguenza, parzialmente tolto significato a due delle tre partizioni adottate fino all’anno 2015 nella
elaborazione delle relazioni "L'attività edilizia e i bilanci economici comunali". Infatti, i nuovi Comuni nati dai processi di fusione vedono aggregati territori comunali che, precedentemente, nella partizione per
Caratteristiche fisico-geografiche e nella partizione Carta della distribuzione della popolazione – PTR appartenevano a classi differenti. Da ciò è discesa la decisione, nell’anno 2016, di sospendere le elaborazioni
relative a queste due partizioni e la necessità di individuare una nuova partizione in grado di valutare alcune costanti fisiche del territorio. La nuova partizione, Partizione per ambienti dei suoli, suddivide il
territorio secondo le caratteristiche dei suoli.
L’analisi è stata svolta sull’intero universo dei Comuni della Regione. AGGIUNGI NORME CHE REGOLANO IL 2019 E 2020
DATI E FONTI DEI DATI

In generale i dati utilizzati dal presente studio sono tratti dai certificati conti consuntivi comunali presenti nel sito della Regione Emilia-Romagna, sezione Finanza del Territorio (Bilancio Consuntivo – Entrate
– Accertato e Bilancio Consuntivo – Spese– Impegnato), mentre i valori relativi alle manutenzioni ordinarie sono tratti dal Certificato armonizzato relativo al rendiconto al bilancio 2018.
Nel caso le entrate da “permessi di costruire” e le spese per “manutenzione ordinaria” siano stati gestiti dall’Unione di Comuni, si è recuperato il dato con intervista al personale dell’Unione d’interesse.
I dati sono stati rilevati nel mese di aprile 2018
I dati relativi ai residenti sono stati tratti dal sito ufficiale della Regione Emilia-Romagna,
I termini in corsivo corrispondono alle aggregazioni di voci di bilancio, come di seguito riportato.

Glossario:

Entrate correnti = Investimenti =


“Titolo I: entrate tributarie” “Investimenti fissi, lordi e acquisto di terreni”
“Titolo II: trasferimenti correnti”
“Titolo III: entrate extratributarie”; Altri investimenti =
“tributi in conto capitale a carico dell'ente”
Entrate per investimento = “contributi agli investimenti”
“Titolo IV: entrate in conto capitale” “altri trasferimenti in conto capitale”
“Titolo V: entrate da riduzione attività finanziarie” “altre spese in conto capitale”
“Titolo VI: accensione prestiti” “Titolo III: spese per incremento attività finanziarie”;
“Titolo VII: entrate da anticipazione istituto tesoriere”;
“Titolo IV: spese per rimborso di prestiti”
Entrate attività edilizia =
“Titolo IV “Titolo V: spese per chiusura anticipazioni da istituto tesoriere”
- altre entrate in c.c.- permessi di costruire (E.4.05.01.00.000)
- tributi in c.c. -imposte da sanatorie e condoni Spese per manutenzioni ordinarie =
condoni edilizi e sanatoria opere edilizie abusive (E.4.01.01.01.000) Titolo I
- acquisto beni e servizi
Entrate totali = acquisto servizi
Entrate correnti manutenzioni ordinarie
Entrate per investimento; m.o. riparazione di beni immobili ( U.1.03.02.09.008)
m.o. di beni immobili di valore culturale, storico e artistico ( U.1.03.02.09.009);
m.o.. di terreni e beni materiali non prodotti (U.1.03.02.09.012)

Spese assentite L 232/2016=


Spese per manutenzioni ordinarie
Spese correnti =
“Titolo I: spese correnti”
Spese totali =
Spese per investimento = Spese correnti
“Titolo II: spese in conto capitale” Spese per investimento
“Titolo III: spese per incremento attività finanziarie” Rimborso prestiti

N.B. Le manutenzioni ordinarie possono essere finanziate anche con entrate del Titolo IV: “altre entrate in conto capitale”, “permessi di costruire”

2
CLASSI DI AGGREGAZIONE DEI COMUNI

La correlazione tra le Entrate dall’attività edilizia e le voci di spesa considerate nel precedente paragrafo è stata studiata in relazione a due partizioni dell’universo dei Comuni.

Partizione Numero residenti: considera il numero di residenti nel Comune al 1/1/2020; la partizione è suddivisa nelle classi maggiormente utilizzate nelle analisi della
contabilità pubblica.

Partizione Ambienti dei suoli: è stata costruita a partire dalla Carta dei suoli della Regione Emilia-Romagna, scala 1:1.000.000, in collaborazione con l'Unità sviluppo di basi
informative dei suoli del Servizio geologico, sismico e dei suoli. (vedi allegato A).

PARTIZIONI NUMERO RESIDENTI NUMERO COMUNI


Numero residenti (7 classi)
Comuni con residenti ≥ 50.000 1.913.275 13
Comuni con residenti < 50.000 ≥ 20.000 611.590 21
Comuni con residenti < 20.000 ≥ 10.000 927.050 67
Comuni con residenti < 10.000 ≥ 5.000 680.742 94
Comuni con residenti < 5.000 ≥ 3.000 202.552 51
Comuni con residenti < 3.000 ≥ 2.000 84.462 35
Comuni con residenti < 2.000 49.695 43
Ambienti dei suoli (5 classi)
Comuni di Bassa pianura 1.605.234 112
Comuni di Alta pianura 2.057.868 55
Comuni di Bassa collina 566.194 82
Comuni di Alta collina 206.833 60
Comuni di Montagna 33.237 15
TOTALI 4.469.366 324

I Comuni che compongono la Regione nel 2020 sono 328.

Non sono considerati nelle analisi i seguenti Comuni: Coli (Alta collina), Casteldelci (Alta collina), Maiolo (Alta collina), San Leo (Bassa pianura), in quanto alcune voci di
bilancio non erano riportati nella BDPA al momento del rilevamento. Tali Comuni comprendono 4.926 abitanti, lo 0,11% della Regione.

3
ENTRATE TOTALI E RELATIVA RIPARTIZIONE (milioni di euro)

< 2.000
Comuni per numero di residenti

< 3.000 ≥ 2.000

< 5.000 ≥ 3.000


ENTRATE TOTALI
E
< 10.000 ≥ 5.000 RELATIVA RIPARTIZIONE

< 20.000 ≥ 10.000


Valori assoluti (milioni di euro)

< 50.000 ≥ 20.000

≥ 50.000

0 200 400 600 800 1.000 1.200 1.400 1.600 1.800 2.000 2.200 2.400 2.600 2.800

trasferimenti correnti entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa


entrate extratributarie entrate da riduzione attività finanziarie
anticipazione da istituto tesorerie / cassiere entrate in conto capitale
accensione prestiti

ENTRATE TOTALI E RELATIVA RIPARTIZIONE (milioni di euro)

montagna

alta collina

bassa collina

alta pianura

bassa pianura

0 200 400 600 800 1.000 1.200 1.400 1.600 1.800 2.000 2.200 2.400 2.600 2.800

trasferimenti correnti entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa


entrate extratributarie entrate da riduzione attività finanziarie
anticipazione da istituto tesorerie / cassiere entrate in conto capitale
accensione prestiti

4
5
Comuni per numero di residenti SPESE TOTALI E RELATIVA RIPARTIZIONE (milioni di euro)

< 2.000

< 3.000 ≥ 2.000


SPESE TOTALI
< 5.000 ≥ 3.000
E
< 10.000 ≥ 5.000 RELATIVA RIPARTIZIONE

< 20.000 ≥ 10.000 Valori assoluti (milioni di euro)

< 50.000 ≥ 20.000

≥ 50.000

0 200 400 600 800 1.000 1.200 1.400 1.600 1.800 2.000 2.200 2.400

spese correnti spese in conto capitale


spese per incremento attività finanziarie rimborso di prestiti
chiusura anticipazioni da istituto tesoriere/cassiere

SPESE TOTALI E RELATIVA RIPARTIZIONE (milioni di euro)

0 200 400 600 800 1.000 1.200 1.400 1.600 1.800 2.000 2.200 2.400

spese correnti spese in conto capitale


spese per incremento attività finanziarie rimborso di prestiti
chiusura anticipazioni da istituto tesoriere/cassiere

6
7
ENTRATE TOTALI pro capite
(euro)

1900
1800
1700
1600
1500
1400
1300
1200
1100
1000
900
800
ENTRATE TOTALI
700
600 PRO CAPITE
500
400
300
200
100
0
≥50.000 <50.000 <20.000 <10.000 <5.000 <3.000 <2.000 Regione E.-R.
≥20.000 ≥10.000 ≥5.000 ≥3.000 ≥2.000

Comuni per numero di residenti

ENTRATE TOTALI pro capite


(euro)

2000
1900
1800
1700
1600
1500
1400
1300
1200
1100
1000
900
800
700
600
500
400
300
200
100
0
bassa pianura alta pianura bassa collina alta collina montagna Regione E-R

Comuni per ambienti dei suoli

8
9
ENTRATE ATTIVITA' EDILIZIA - INVESTIMENTI - SPESE CORRENTI
valori assoluti (milioni di euro)
Comuni per numero di residenti

1
< 2.000 18
53

< 3.000 ≥ 2.000


2
28
ENTRATE DELL’ATTIVITA’ EDILIZIA
77

4 INVESTIMENTI
< 5.000 ≥ 3.000 44
170

16 SPESE CORRENTI
< 10.000 ≥ 5.000 115
498
Valori assoluti (milioni di euro)
31
< 20.000 ≥ 10.000 141
724

23
< 50.000 ≥ 20.000 105
548

54 1.982
≥ 50.000 302

0 250 500 750 1.000 1.250 1.500 1.750 2.000


milioni di euro entrate attività edilizia investimenti spese correnti

ENTRATE ATTIVITA' EDILIZIA - INVESTIMENTI - SPESE CORRENTI


valori assoluti (milioni euro)

1
montagna 13
40

Comuni per ambienti dei suoli


4
alta collina 64
195

16
bassa collina 86
430

68
alta pianura 2.024
301

42
bassa pianura 288
1.363

0 250 500 750 1.000 1.250 1.500 1.750 2.000

milioni di euro
entrate attività edilizia investimenti spese correnti

10
ENTRATE ATTIVITA' EDILIZIA - INVESTIMENTI - SPESE CORRENTI
in percentuale rispetto alle spese correnti

1,31%
Comuni per numero residenti

< 2.000 33,33%


100,00%

2,10%
< 3.000 ≥ 2.000 35,75%
100,00%
ENTRATE ATTIVITA’ EDILIZIA
2,29%
< 5.000 ≥ 3.000 25,90%
100,00% INVESTIMENTI
3,31% SPESE CORRENTI
< 10.000 ≥ 5.000 22,99%
100,00%

4,28%
Valori in percentuale rispetto alle Spese correnti
< 20.000 ≥ 10.000 19,52%
100,00%

4,13%
< 50.000 ≥ 20.000 19,20%
100,00%

2,73%
≥ 50.000 15,26%
100,00%

entrate attività edilizia investimenti spese correnti

ENTRATE ATTIVITA' EDILIZIA - INVESTIMENTI - SPESE CORRENTI


in percentuale rispetto alle spese correnti

1,77%
montagna 33,77%
100,00%

Comuni per localizzazione geografica


2,00%
alta collina 32,81%
100,00%

3,70%
bassa collina 19,98%
100,00%

3,34%
alta pianura 14,89%
100,00%

3,10%
bassa pianura 21,13%
100,00%

entrate attività edilizia investimenti spese correnti

11
12
ENTRATE ATTIVITA' EDILIZIA DESTINATE A SPESE CORRENTI
INVESTIMENTI - SPESE CORRENTI
valori assoluti (milioni di euro)
0,1
< 2.000 18
53

0,2
< 3.000 ≥ 2.000 28
77 ENTRATE ATTIVITA’ EDILIZIA
Comuni per numero di residenti

0,5 DESTINATE A SPESE CORRENTI


< 5.000 ≥ 3.000 44
170 assentite da D.L. 18/2020
2,0
< 10.000 ≥ 5.000 115
498 INVESTIMENTI E SPESE CORRENTI
4,2
< 20.000 ≥ 10.000 141
724 Valori assoluti (milioni di euro)
6,6
< 50.000 ≥ 20.000 105
548

3,6 1.982
≥ 50.000 302

milioni di euro 0 200 400 600 800 1.000 1.200 1.400 1.600 1.800 2.000

entrate attività edilizia destinate a spese correnti investimenti spese correnti

ENTRATE ATTIVITA' EDILIZIA DESTINATE A SPESE CORRENTI


INVESTIMENTI - SPESE CORRENTI
valori assoluti (milioni di euro)

0,1

Comuni per ambienti dei suoli


montagna 13
40

0,5
alta collina 64
195

2,5
bassa collina 86
430

9,4
alta pianura 301 2.024

4,7
bassa pianura 288
1.363

0 200 400 600 800 1.000 1.200 1.400 1.600 1.800 2.000
milioni di euro

entrate attività edilizia destinate a spese correnti investimenti spese correnti

13
14
ENTRATE TOTALI PROVENIENTI DALLE
ENTRATE DELL'ATTIVITA' EDILIZIA
%

3,5

3,0
ENTRATE TOTALI
2,5 PROVENIENTI
DA ENTRATE ATTIVITA’ EDILIZIA
2,0

%
1,5

1,0

0,5

0,0
≥50.000 <50.000 <20.000 <10.000 <5.000 <3.000 <2.000 Regione E.-R.
≥20.000 ≥10.000 ≥5.000 ≥3.000 ≥2.000

Comuni per numero di residenti

ENTRATE TOTALI PROVENIENTI DALLE


ENTRATE DELL'ATTIVITA' EDILIZIA
%
3,0

2,5

2,0

1,5

1,0

0,5

0,0
bassa pianura alta pianura bassa collina alta collina montagna Regione E-R

Comuni per ambienti dei suoli

15
16
ENTRATE ATTIVITA' EDILIZIA
DESTINAZIONE
valori pro capite (euro)
40

35

30

25
26,2 ENTRATE ATTIVITA’ EDILIZIA
20
28,9 E RELATIVA DESTINAZIONE
15 26,4
25,3 Valori pro capite (euro)
21,3

10 16,6 17,2
11,7
5 10,7
4,5 2,9 3,8
1,9 2,6 2,1 2,3
0
≥50.000 <50.000 <20.000 <10.000 <5.000 <3.000 <2.000 Regione
≥20.000 ≥10.000 ≥5.000 ≥3.000 ≥2.000 E.-R.

Comuni per popolazione residente

entrate attività edilizia destinate a spese correnti entrate attività edilizia destinate a investimenti

ENTRATE ATTIVITA' EDILIZIA


DESTINAZIONE
valori pro capite (euro)
35

30

25

20
28,3
23,8 25,3
15 23,4
18,3
10 16,5

5
4,6 4,4 3,8
2,9 2,3 2,8
0
bassa pianura alta pianura bassa collina alta collina montagna Regione E-R

Comuni per ambienti dei suoli

entrate attività edilizia destinate a spese correnti entrate attività edilizia destinate a investimenti

17
ENTRATE ATTIVITA' EDILIZIA
DESTINAZIONE
%

70,9 ENTRATE ATTIVITA’ EDILIZIA


86,5 88,1 86,6 83,6 86,9
89,0
93,3 E
RELATIVA DESTINAZIONE

%
29,1
13,5 11,9 13,4 16,4 13,1
6,7 11,0

≥50.000 <50.000 <20.000 <10.000 <5.000 <3.000 <2.000 Regione E.-R.


≥20.000 ≥10.000 ≥5.000 ≥3.000 ≥2.000

Comuni per numero residenti

entrate attività edilizia destinate a spese correnti assentite D.L.18/2020 entrate attività edilizia destinate a investimenti

ENTRATE ATTIVITA' EDILIZIA


DESTINAZIONE
%

86,1 84,5 87,8 86,5 86,9


88,8

13,9 15,5 12,2 13,5 13,1


11,2

bassa pianura alta pianura bassa collina alta collina montagna Regione E-R

Comuni per ambienti dei suoli

entrate attività edilizia destinate a spese correnti assentite D.L.18/2020 entrate attività edilizia destinate a investimenti

18
SPESE TOTALI E RELATIVA RIPARTIZIONE
valori pro capite (euro)

1.619
1.600 71
1.371 76
1.253
1.400
1.177 65
1.143
0 1.115 15 356
33 6
1.200 7
158 52 988 957 18
328
26 172 8
15 49 31
SPESE TOTALI
1.000 15 168
21 217
51
152
22 45 29 E
168 26
800 27
21 RELATIVA RIPARTIZIONE
600
1.036 1.067 Valori pro capite (euro)
895 917 907
400 838
781 732

200

0
≥50.000 <50.000 <20.000 <10.000 <5.000 <3.000 <2.000 Regione
≥20.000 ≥10.000 ≥5.000 ≥3.000 ≥2.000 E.-R.
Comuni per popolazione residente
spese correnti rimborso prestiti investimenti altri investimenti Chiusura anticipazioni da istituto tesoriere/cassiere

SPESE TOTALI E RELATIVA RIPARTIZIONE


valori pro capite (euro)

1.737
1800
49
34
1600
1.371
1.200 404
1400 43
1.093 33 1.143
2
1200 53 7
8 40
958 310 31
24 146
1000 27 10 168
179 14 41
29
33 152
800 24

600 1196
983 945
849 907
400 760

200

0
bassa pianura alta pianura bassa collina alta collina montagna Regione E-R
Comuni per ambienti dei suoli
spese correnti rimborso prestiti investimenti altri investimenti Chiusura anticipazioni da istituto tesoriere/cassiere

19
20
SPESE CORRENTI
fonti di finanziamento
%

99,82 98,80 99,42 99,61 99,69 99,77 99,79 99,58

SPESE MANUTENZIONI ORDINARIE


assentite da L 232/2016
FINANZIATE DA
ENTRATE ATTIVITA’ EDILIZIA
%

0,18 1,20 0,58 0,39 0,31 0,23 0,21 0,42

≥50.000 <50.000 <20.000 <10.000 <5.000 <3.000 <2.000 Regione E.-R.


≥20.000 ≥10.000 ≥5.000 ≥3.000 ≥2.000

Comuni per numero residenti

% spese correnti finanziate dalle entrate attività edilizia % spese correnti NON finanziate dalle entrate attività edilizia

SPESE CORRENTI
fonti di finanziamento
%

99,65 99,54 99,43 99,76 99,76 99,58

0,35 0,46 0,57 0,24 0,24 0,42

bassa pianura alta pianura bassa collina alta collina montagna Regione E-R

Comuni per ambienti dei suoli

% spese correnti finanziate dalle entrate attività edilizia % spese correnti NON finanziate dalle entrate attività edilizia

21
22
DESTINAZIONE ENTRATE ATTIVITA' EDILIZIA -
SPESE PER MANUTENZIONI ORDINARIE
valori assoluti (milioni di euro)
50

45

40

35
ENTRATE ATTIVITA’ EDILIZIA
30 DESTINATE A INVESTIMENTI
25 ENTRATE ATTIVITA’ EDILIZIA
20 DESTINATE A SPESE CORRENTI
assentite da L 232/2016
15
SPESE MANUTENZIONI ORDINARIE
10
%
5

0
≥ 50.000 < 50.000 < 20.000 < 10.000 < 5.000 < 3.000 < 2.000
≥ 20.000 ≥ 10.000 ≥ 5.000 ≥ 3.000 ≥ 2.000

Comuni per popolazione residente

entrate attività edilizia destinate a investimenti entrate attività edilizia destinate a spese correnti manutenzioni ordinarie

DESTINAZIONE ENTRATE ATTIVITA' EDILIZIA -


SPESE PER MANUTENZIONI ORDINARIE
valori assoluti (milioni di euro)
60

55

50

45

40

35

30

25

20

15

10

0
bassa pianura alta pianura bassa collina alta collina montagna

Comuni per popolazione residente

entrate attività edilizia destinate a investimenti entrate attività edilizia destinate a spese correnti spese per manutenzioni ordinarie

23
SPESE PER INVESTIMENTI
fonti di finanziamento
%

100

90

80

70 INVESTIMENTI
60 83,29 84,76 81,03
87,34 84,96 FINANZIATI DA
92,35 94,76
50 96,72
ENTRATE ATTIVITA’ EDILIZIA
40

30 %
20

10 16,71 18,97
15,24 12,66 15,04
7,65 5,24
0 3,28
≥50.000 <50.000 <20.000 <10.000 <5.000 <3.000 <2.000 Regione
≥20.000 ≥10.000 ≥5.000 ≥3.000 ≥2.000 E.-R.

Comuni per numero di residenti

% investimenti finanziati da entrate attività edilizia % investimenti NON finanziati da entrate attività edilizia

SPESE PER INVESTIMENTI


fonti di finanziamento
%
100

90

80

70

60 80,67
84,33 86,98 84,96
94,66 95,48
50

40

30

20

10 19,33
15,67 13,02 15,04
5,34 4,52
0
bassa pianura alta pianura bassa collina alta collina montagna Regione E-R

Comuni per ambienti dei suoli

% investimenti finanziati da entrate attività edilizia % investimenti NON finanziati da entrate attività edilizia

24
25
26
ENTRATE PERMESSI DI COSTRUIRE
DESTINATE A
SPESE CORRENTI

ENTRATE ATTIVITA' EDILIZIA DESTINATE A SPESE CORRENTI

229
numero Comuni

24 25 20
16
10

0% > 0% < 20% ≥ 20% < 40% ≥ 40% < 60% ≥ 60% < 80% ≥ 80% - 100%

intervalli di percentuale delle entrate attività edilizia destinate a spese correnti

ENTRATE ATTIVITA’EDILIZIA

DESTINATE A

SPESE CORRENTI

27
ENTRATE ATTIVITA' EDILIZIA DESTINATE A SPESE CORRENTI
ENTRATE ATTIVITA' EDILIZIA DESTINATE A SPESE CORRENTI
120
100
110
90
100
80
90
70
80 ≥ 75% ≤ 100%

numero Comuni
≥ 75% ≤ 100%
60
numero Comuni

70 ≥ 50% < 75%


≥ 50% < 75%
50 ≥ 25% < 50%
≥ 25% < 50% 60
> 0% < 25%
40 > 0% < 25% 50
= 0%
= 0%
30 40

30
20
20
10
10
0
≥50.000 <50.000 <20.000 <10.000 <5.000 <3.000 <2.000 0
≥20.000 ≥10.000 ≥5.000 ≥3.000 ≥2.000 bassa pianura alta pianura bassa collina alta collina montagna

Comuni per numero residenti Comuni per ambienti dei suoli


.

ENTRATE ATTIVITA' EDILIZIA DESTINATE A SPESE CORRENTI


ENTRATE ATTIVITA' EDILIZIA DESTINATE A SPESE CORRENTI
100%
100%
90%
90%
80%
80%
70%
70%
≥ 75% ≤ 100% ≥ 75% ≤ 100%
60%
≥ 50% < 75% 60% ≥ 50% < 75%
50%
% Comuni

≥ 25% < 50% ≥ 25% < 50%

% Comuni
50%
40% > 0% < 25% > 0% < 25%

= 0%
40%
= 0%
30%
30%
20%
20%
10%
10%
0%
≥50.000 <50.000 <20.000 <10.000 <5.000 <3.000 <2.000 0%
≥20.000 ≥10.000 ≥5.000 ≥3.000 ≥2.000 bassa pianura alta pianura bassa collina alta collina montagna

Comuni per numero di residenti Comuni per ambienti dei suoli

28
GLI ANNI SCORSI AVEVI TOLTO QUESTI 2???????????????????????
ENTRATE ATTIVITA' EDILIZIA DESTINATE A SPESE CORRENTI
REGIONE EMILIA-ROMAGNA

340
320
300
280
260
240
220
≥ 75% ≤ 100%
200
numero Comuni

≥ 50% < 75%


180
≥ 25% < 50%
160
> 0% < 25%
140
= 0%
120
100
80
60
40
20
0

ENTRATE ATTIVITA' EDILIZIA DESTINATE A SPESE CORRENTI


REGIONE EMILIA-ROMAGNA

100%

90%

80%

70%

≥ 75% ≤ 100%
60%

% Comuni
≥ 50% < 75%

50% ≥ 25% < 50%

> 0% < 25%


40%
= 0%

30%

20%

10%

0%

29
SPESE CORRENTI FINANZIATE CON ENTRATE ATTIVITA' EDILIZIA

229
numero Comuni

41
32
14
4 2 2

0% > 0% < 1% ≥ 1% < 2% ≥ 2% < 3% ≥ 3% < 4% ≥ 4% < 5% ≥ 5% < 6%

intervalli di percentuale delle spese correnti finanziate con entrate attività edilizia
SPESE CORRENTI

FINANZIATE CON LE

ENTRATE ATTIVITA’EDILIZIA

30
SPESE CORRENTI FINANZIATE CON ENTRATE ATTIVITA' EDILIZIA
SPESE CORRENTI FINANZIATE CON ENTRATE ATTIVITA' EDILIZIA

100 120

90 110

100
80
≥ 8% 90 ≥ 8%
70
≥ 5% < 8% ≥ 5% < 8%
80
≥ 3% < 5% ≥ 3% < 5%
numero Comuni

60

numero Comuni
70
> 0% < 3% > 0% < 3%
50 60
= 0% = 0%
40 50

40
30
30
20
20
10
10

0 0
≥50.000 <50.000 <20.000 <10.000 <5.000 <3.000 <2.000 bassa pianura alta pianura bassa collina alta collina montagna
≥20.000 ≥10.000 ≥5.000 ≥3.000 ≥2.000

Comuni per numero di residenti Comuni per ambienti dei suoli

SPESE CORRENTI FINANZIATE CON ENTRATE ATTIVITA' EDILIZIA SPESE CORRENTI FINANZIATE CON ENTRATE ATTIVITA' EDILIZIA

100%
100%

90%
90%

80% 80%
≥ 8%
70% 70%
≥ 5% < 8%
≥ 8%
60% ≥ 3% < 5%
60% ≥ 5% < 8%
> 0% < 3%

% Comuni
% Comuni

≥ 3% < 5% 50%
50% = 0%
> 0% < 3%
40% 40%
= 0%

30% 30%

20% 20%

10% 10%

0% 0%
≥50.000 <50.000 <20.000 <10.000 <5.000 <3.000 <2.000 bassa pianura alta pianura bassa collina alta collina montagna
≥20.000 ≥10.000 ≥5.000 ≥3.000 ≥2.000

Comuni per numero di residenti Comuni per ambienti dei suoli

31
GLI ANNI SCORSI NON HAI MESSO QUESTE 2 ?????????????????????????????????’

SPESE CORRENTI FINANZIATE CON ENTRATE ATTIVITA' EDILIZIA


REGIONE EMILIA-ROMAGNA

340
320
300
280
260
240
220
≥ 8%
200
numero Comuni

≥ 5% < 8%
180
≥ 3% < 5%
160
> 0% < 3%
140
= 0%
120
100
80
60
40
20
0

SPESE CORRENTI FINANZIATE CON ENTRATE ATTIVITA' EDILIZIA


REGIONE EMILIA-ROMAGNA

100%

90%

80%

70%

60% ≥ 8%

% Comuni
≥ 5% < 8%
50%
≥ 3% < 5%
> 0% < 3%
40%
= 0%

30%

20%

10%

0%

32
33
DIAGRAMMI DI SINTESI

I successivi diagrammi contengono i punti Pj (x, y), dati da:

Nj Nj

P j ( x̄ j , ȳ j )= ( )
∑ xi ∑ yi
1
Nj
; 1
Nj
dove:

 xi, yi sono i valori delle due variabili di cui si vuole indagare la relazione per ogni Comune della classe della partizione;

 Nj è il numero di Comuni che compongono la singola classe;

 j = (classe 1, classe M) indica la classe della partizione.

34
SPESE CORRENTI - INVESTIMENTI
valori pro capite (euro)

400

350
investimenti p.c.

300
SPESE CORRENTI
250

200
INVESTIMENTI
150
Valori pro capite (euro)
100
700 750 800 850 900 950 1.000 1.050 1.100

spese correnti p.c.

≥ 50.000 < 50.000 ≥ 20.000 < 20.000 ≥ 10.000 < 10.000 ≥ 5.000 < 5.000 ≥ 3.000 < 3.000 ≥ 2.000 < 2.000

SPESE CORRENTI - INVESTIMENTI


valori pro capite (euro)

450

400

350

300

investimenti p.c.
250

200

150

100
750 800 850 900 950 1000 1050 1100 1150 1200 1250

spese correnti p.c.

bassa pianura alta pianura bassa collina alta collina montagna

35
36
INVESTIMENTI - ENTRATE ATTIVITA' EDILIZIA
valori pro capite (euro)

40
entrate attività edilizia p.c.

35 INVESTIMENTI
30
ENTRATE ATTIVITA’ EDILIZIA
25

20 Valori pro capite (euro)


15

10
140 160 180 200 220 240 260 280 300 320 340 360 380

investimenti p.c.

≥ 50.000 < 50.000 ≥ 20.000 < 20.000 ≥ 10.000 < 10.000 ≥ 5.000 < 5.000 ≥ 3.000 < 3.000 ≥ 2.000 < 2.000

INVESTIMENTI - ENTRATE ATTIVITA' EDILIZIA


valori pro capite (euro)

40

entrate attività edilizia p.c.


35

30

25

20

15

10
140 160 180 200 220 240 260 280 300 320 340 360 380 400 420

investimenti p.c.

bassa pianura alta pianura bassa collina alta collina montagna

37
38
INVESTIMENTI -
ENTRATE ATTIVITA' EDILIZIA DESTINATE AGLI INVESTIMENTI
valori pro capite (euro)

30
destinate a investimenti p.c.
entrate attività edilizia

25 INVESTIMENTI

20 ENTRATE ATTIVITA’ EDILIZIA


DESTINATE AGLI INVESTIMENTI
15

Valori pro capite (euro)


10
140 160 180 200 220 240 260 280 300 320 340 360 380

investimenti p.c.

≥ 50.000 < 50.000 ≥ 20.000 < 20.000 ≥ 10.000 < 10.000 ≥ 5.000 < 5.000 ≥ 3.000 < 3.000 ≥ 2.000 < 2.000

INVESTIMENTI -
ENTRATE ATTIVITA' EDILIZIA DESTINATE AGLI INVESTIMENTI
valori pro capite (euro)

30

destinate a investimenti p.c.


entrate attività edilizia
25

20

15

10
120 140 160 180 200 220 240 260 280 300 320 340 360 380 400 420

investimenti p.c.

bassa pianura alta pianura bassa collina alta collina montagna

39
40
SPESE MANUTEZIONI ORDINARIE -
ENTRATE ATTIVITA' EDILIZIA DESTINATE A SPESE CORRENTI
valori pro capite (euro)

12
entrate attività edilizia destinate a

11
10
spese correnti p.c.

9
8
7
6
5
4
3
2
1
0
18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28

spese manutenzioni ordinarie p.c.

≥ 50.000 < 50.000 ≥ 20.000 < 20.000 ≥ 10.000 < 10.000 ≥ 5.000 < 5.000 ≥ 3.000 < 3.000 ≥ 2.000 < 2.000

SPESE MANUTEZIONI ORDINARIE -


ENTRATE ATTIVITA' EDILIZIA DESTINATE A SPESE CORRENTI
valori pro capite (euro)

entrate attività edilizia destinate a


5

spese correnti p.c.


4

0
18 20 22 24 26 28 30 32 34 36 38 40 42 44 46

spese manutenzioni ordinarie p.c.

bassa pianura alta pianura bassa collina alta collina montagna

41
OSSERVAZIONI CONCLUSIVE

SARANNO SOSTITUITE DA DIECI RIGHE DI SINTESI ESTREMA. Da scriveRE

42
Allegato A:

Partizione Ambienti dei suoli


La partizione è composta da 5 classi: Comuni di Bassa pianura, Comuni di Alta pianura, Comuni di Bassa collina, Comuni di Alta collina, Comuni di Montagna.
Ogni classe comprende un aggregato di suoli con caratteristiche omogenee. I 5 tipi di suolo costituiscono i sub-strati dei territori dei Comuni della Regione.
Quando il territorio comunale è ripartito tra due o più classi di suolo, la classe a cui è ricondotto il Comune è individuata secondo la seguente metodologia:
1. il suolo prevalente è > 55%:
- il Comune è assegnato alla classe prevalente;
2. il suolo prevalente è < 55%:
2.1) il territorio comunale è ripartito tra due classi di suolo:
- il Comune è assegnato alla classe a cui appartiene il capoluogo;
2.2) il territorio comunale è ripartito tra tre classi:
- il Comune è assegnato alla classe baricentrica.

43