Sei sulla pagina 1di 36

Preghiera dei bambini

davanti a Gesù Sacramentato

VII° Giornata delle Famiglie


dell’Istituto del Verbo Incarnato

Bagnoregio, 1° Maggio 2019


vii giornate deLLe FamigLie

Preghiera dei bambini davanti a gesù sacramentato

“Arriverà il giorno in cui i bambini convertiranno i loro genitori”


San Giovanni Bosco

Guida:
In questo momento di Adorazione Eucaristica, vogliamo elevare a Dio
la nostra preghiera per bocca dei più piccoli, per bocca dei bambini, le cui
suppliche sappiamo che hanno una forza speciale: “Dalla bocca dei bimbi
e dei lattanti hai tratto per te una lode” (Sal 8, 3).
Nostro Signore ci insegna ad avere uno spirito umile e docile come
quello dei bambini, per far si che la nostra preghiera raggiunga il trono
di Dio nel Cielo: “La preghiera dell’umile penetra le nubi, finché non sia
arrivata a Dio, non si contenta” (Sir. 36, 17).

2
vii giornate deLLe FamigLie
Bambino 1:
Caro Gesù, io credo che sei presente nell’Eucarestia; ti adoro dal più
profondo del mio cuore, e voglio crescere ogni giorno di più nel tuo
amore. Gesù, spero di andare in Cielo; Gesù Ti amo molto; Signore Gesù
che sei nell’Ostia, fai di me un bambino santo.

SIA LODATO OGNI MOMENTO

3
vii giornate deLLe FamigLie
Bambino 2:
Signore Gesù, siamo qui davanti a te i tuoi bambini, e veniamo con
molta fede a chiederti cose importanti.
Ti preghiamo prima di tutto per i nostri papà, che devono faticare
per tante ore di lavoro ogni giorno. Tante volte li vediamo stanchi e
preoccupati per molte cose. Ti chiediamo, Gesù, che Tu aiuti sempre i
nostri papà. Vogliamo che loro ci insegnino a pregare e ci insegnino ad
amarti ogni giorno di più. Noi cercheremo sempre di obbedire ai nostri
papà.
Offriamo alla Vergine Santissima un giglio per i nostri papà, simbolo
di fierezza, nobiltà di animo e purezza.

ANDRÒ A VEDERLA UN DÌ

4
vii giornate deLLe FamigLie
Bambino 3:
Signore Gesù, vogliamo ora farti una preghiera per ognuna delle
nostre mamme. Anche tu hai voluto una mamma per te, e hai scelto
la migliore tra le mamme, la Vergine Maria. Ti ringraziamo per il dono
grandissimo di avere una mamma. Loro fanno tanti sacrifici per noi,
giorno e notte. Sono sempre accanto a noi e si preoccupano tanto della
nostra salute e soprattutto della nostra anima.
Per le nostre mamme, vogliamo offrire alla Madonna una rosa,
chiedendoti di custodire sempre il loro cuore materno in mezzo a tutte le
difficoltà della vita.

O VERGINE PURISSIMA

5
vii giornate deLLe FamigLie
Bambino 4:
Signore Gesù, ti preghiamo ora per i nostri nonni. Tu sai bene come
loro sono contenti quando noi aiutiamo a casa, quando siamo obbedienti,
quando facciamo bene i nostri compiti e quando recitiamo bene le nostre
preghiere. Loro sono un esempio per noi. Ti vogliamo ringraziare per
tutto quello che i nostri nonni hanno fatto per noi. Sicuramente hanno
fatto tantissime cose per noi che non sappiamo. Ti preghiamo anche
per i nostri nonni che ci hanno già lasciato, perché siano molto felici in
Paradiso.
Per loro vogliamo offrire un fiore di mandorlo, il primo a sbocciare in
primavera, simbolo di speranza, delicatezza e fragilità.

O DEL CIELO GRAN REGINA

6
vii giornate deLLe FamigLie
Bambino 5:
Infine, Gesù, vogliamo offrirti una preghiera speciale per tutti i
sacerdoti, seminaristi, suore, monaci e missionari. Tu hai voluto
scegliere alcune persone perché lavorino sempre per te e perché preghino
molto e facciano molti sacrifici per noi. Ti preghiamo perché siano grandi
santi. Anche noi vogliamo diventare grandi santi ed avere un posto molto
vicino alla Vergine Maria in Paradiso.
Per loro ti offriamo la passiflora, che rappresenta i simboli della Passione
di Gesù, affinché ognuno di loro ci insegni ad amare Gesù e imparare
tanto dalla Sua Croce.

È L’ORA CHE PIA

7
vii giornate deLLe FamigLie
Guida:
Concludiamo questo momento di supplica a Gesù Sacramentato con
un canto Eucaristico, ricordando come insegna sant’Agostino, che “chi
canta prega due volte”. Quanto più bella sarà questa doppia preghiera
sulle labbra dei bambini!

SIA LODATO E RINGRAZIATO

8
Santa Messa
vii giornate deLLe FamigLie
Guida: Oggi la Chiesa commemora San Giuseppe lavoratore, l’umile
carpentiere che fu scelto da Dio come padre adottivo del Verbo Incarnato e
custode della famiglia cristiana. La sua intercessione ci aiuti a difendere il
supremo valore della famiglia, prima cellula della società e piccola Chiesa
domestica.

Canto d’ingresso
Il Coro:
TE DECET LAUS
(KEVIN ALLEN)

Te decet laus, A Te si deve la lode,


te decet hymnus, a Te l’inno,
tibi gloria Deo Patri et Filio, a Te la gloria o Dio Padre e Figlio,
cum Spiritu Sancto, insieme allo Spirito Santo,
in sæcula sæculorum. nei secoli dei secoli.
Amen. Amen.

rito di introdUZione

Il celebrante:
Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.
R. Amen.

La grazia del Signore nostro Gesù Cristo, l’amore di Dio Padre e la


comunione dello Spirito Santo sia con tutti voi.
R. E con il tuo spirito.

10
vii giornate deLLe FamigLie
Fratelli, per celebrare degnamente i santi misteri, riconosciamo i nostri
peccati.

Confesso a Dio onnipotente e a voi, fratelli, che ho molto


peccato in pensieri, parole, opere e omissioni, per mia colpa,
mia colpa, mia grandissima colpa. E supplico la beata sempre
vergine Maria, gli angeli, i santi e voi, fratelli, di pregare per
me il Signore Dio nostro.

Dio onnipotente abbia misericordia di noi, perdoni i nostri peccati e ci


conduca alla vita eterna.
R. Amen.


KYRIE (MISSA DE ANGELIS)

  Q Ё      !  㰆  Q   ᐁ     <


XV-XVI. s.

! !
5.

K Y- ri-e, * e- lé- i-son. iij.  @


     Q Ё      Q   ᐁ     !
! ! !
  㰐  ᐃ      !    㰐  ᐁ @
 ! Q Ё Q  ᐁ     !
Chrí ste, e- lé- i-son. iij. Ký-ri-

! !
  㰐  ᐃ     
 ! Q Ё Q  ᐁ    
e, e- lé- i-son. ij. Ký-ri- e

! !
** e- lé- i-son.

11
vii giornate deLLe FamigLie
GLORIA ( MISSA DE ANGELIS)

           XVI. s.
5.
     
G Lóri- a in excélsis Dé- o.  Et in térra 
                    
 
        
pax homí-ni-bus bónae vo-luntá- tis. Laudá- mus te.

              

        
Bene-dí-ci mus te. Ado-rá- mus te. Glo-ri- fi-cámus

   
        
te. Grá-ti- as á-gi mus tí- bi propter mágnam gló-

                      

ri- am tú- am. Dómi-ne Dé- us, Rex caelés-tis, Dé- us
      
            

Pá-ter omní- po- tens. Dómi-ne Fí- li uni-gé-ni-te
                 
   
Jé-su Chrís-te. Dómi-ne Dé- us, Agnus Dé- i,
 
          
 
    
  
Fí- li- us Pá- tris. Qui tól-lis peccá-ta mún- di,

                  
12
            
    vii  g    F
iornate deLLe
 
 amigLie


Fí- li- us Pá- tris. Qui tól-lis peccá-ta mún- di,

                     


Fí- li- us Pá- tris. Qui tól-lis peccá-ta mún- di,

     

mi-se-ré- re nó- bis. Qui tól-lis peccá-ta múndi,

                   


mi-se-ré- re nó- bis. Qui tól-lis peccá-ta múndi,
 
      
    
súsci-pe depre- ca-ti- ó-nem nós- tram. Qui sédes ad
súsci-pe depre-ca-ti- ó-nem nós- tram. Qui sédes ad

                        
déx te- ram Pá-  tris,  mi- se- ré- re nó-bis. Quóni- am tu

             
déxte-ram Pá-tris, mi-se-ré-re nó- bis. Quó ni- am tu

            

só-lus sánctus. Tu só-lus Dómi-nus. Tu só-lus
só-lus sánctus. Tu só-lus Dómi-nus. Tu só-lus

                   
    

Al-tíssi mus, Jé-su Chrí-ste. Cum Sáncto Spí-ri-

                    


Al-tíssi mus, Jé-su Chrí-ste. Cum Sáncto Spí-ri-

  in gló- ri- a Dé- i Pát- ris. A-  men.


tu,
 
tu, in gló-ri- a Dé- i Pát- ris. A- men.
Orazione colletta
Il celebrante:
Preghiamo.
O Dio, che nella tua provvidenza hai chiamato l’uomo a cooperare con
il lavoro al disegno della creazione, fa’ che per l’intercessione e l’esempio
di san Giuseppe siamo fedeli alle responsabilità che ci affidi, e riceviamo
la ricompensa che ci prometti. Per il nostro Signore Gesù Cristo.
R. Amen.
13
vii giornate deLLe FamigLie

LitUrgia deLLa ParoLa

Prima Lettura

Guida: Dio creò l’uomo a sua immagine, maschio e femmina, affinché


dominassero su tutta la terra.

Dal libro della Genesi 1,26 – 2,3


Dio disse: «Facciamo l’uomo a nostra immagine, secondo la nostra
somiglianza: domini sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo, sul
bestiame, su tutti gli animali selvatici e su tutti i rettili che strisciano sulla
terra».
E Dio creò l’uomo a sua immagine; a immagine di Dio lo creò: maschio
e femmina li creò. Dio li benedisse e Dio disse loro: «Siate fecondi e
moltiplicatevi, riempite la terra e soggiogatela, dominate sui pesci del
mare e sugli uccelli del cielo e su ogni essere vivente che striscia sulla terra».
Dio disse: «Ecco, io vi do ogni erba che produce seme e che è su tutta
la terra, e ogni albero fruttifero che produce seme: saranno il vostro
cibo. A tutti gli animali selvatici, a tutti gli uccelli del cielo e a tutti
gli esseri che strisciano sulla terra e nei quali è alito di vita, io do in
cibo ogni erba verde». E così avvenne. Dio vide quanto aveva fatto,
ed ecco, era cosa molto buona. E fu sera e fu mattina: sesto giorno.
Così furono portati a compimento il cielo e la terra e tutte le loro schiere.
Dio, nel settimo giorno, portò a compimento il lavoro che aveva fatto
e cessò nel settimo giorno da ogni suo lavoro che aveva fatto. Dio benedisse
il settimo giorno e lo consacrò, perché in esso aveva cessato da ogni lavoro
che egli aveva fatto creando.

V. Parola di Dio
R. Rendiamo grazie a Dio.

14
vii giornate deLLe FamigLie

Salmo Responsoriale

dal Salmo 89

R. Rendi salda, Signore, l’opera delle nostre mani.

Insegnaci a contare i nostri giorni


e acquisteremo un cuore saggio.
Ritorna, Signore: fino a quando?
Abbi pietà dei tuoi servi! R.

Saziaci al mattino con il tuo amore:


esulteremo e gioiremo per tutti i nostri giorni.
Si manifesti ai tuoi servi la tua opera
e il tuo splendore ai loro figli. R.

15
vii giornate deLLe FamigLie
Vangelo

Guida: Il Vangelo ci mostra le umili condizioni terrene nelle quali il Verbo


di Dio si fece carne, così, anche da famiglie semplici possono venire grandi frutti
di santità, se si impara a mettere Dio al primo posto.

Canto al vangelo Sal 67,20

Alleluia, alleluia.
Di giorno in giorno benedetto il Signore:
a noi Dio porta la salvezza.
Alleluia.

Il diacono:
Il Signore sia con voi.
R. E con il tuo spirito.

+ Dal vangelo secondo Matteo 13, 54-58

R. Gloria a te, o Signore.


In quel tempo Gesù, venuto nella sua patria, insegnava nella loro
sinagoga e la gente rimaneva stupita e diceva: «Da dove gli vengono questa
sapienza e i prodigi? Non è costui il figlio del falegname? E sua madre,
non si chiama Maria? E i suoi fratelli, Giacomo, Giuseppe, Simone e
Giuda? E le sue sorelle, non stanno tutte da noi? Da dove gli vengono
allora tutte queste cose?». Ed era per loro motivo di scandalo.
Ma Gesù disse loro: «Un profeta non è disprezzato se non nella sua
patria e in casa sua». E lì, a causa della loro incredulità, non fece molti
prodigi.
Parola del Signore
R. Lode a Te, o Cristo

16
vii giornate deLLe FamigLie
Guida: L’Assessore Spirituale presenta i candidati all’ammissione al Terzo
Ordine Secolare al Padre Provinciale. Ci possiamo sedere.

L’Assessore Spirituale:
Reverendissimo Padre Ernesto Caparròs, Superiore Provinciale
dell’Istituto del Verbo Incarnato: questi sono i candidati che hanno
manifestato esplicitamente il desiderio di appartenere al Terzo Ordine
Secolare dell’Istituto del Verbo Incarnato, chiedendo l’ammissione al
terzo livello di appartenenza.

omeLia

17
vii giornate deLLe FamigLie
Guida: I candidati, dai loro posti, in piedi, proclamano a voce alta la loro
personale richiesta di ammissione al Terzo Ordine Secolare.

Io, N. N., consapevole che i fedeli laici,


uniti a Cristo in virtù del Battesimo,
sono chiamati da Dio e scelti in Cristo
per essere santi e immacolati nella Sua presenza
per mezzo della carità,
e per questo partecipano alla vocazione comune alla santità
e alla perfezione dell’amore,
chiedo di essere ammesso/a
come membro del Terzo Ordine Secolare
dell’Istituto del Verbo Incarnato,
nel terzo livello d’appartenenza.
Mi spinge a fare questa scelta
il desiderio di realizzare più perfettamente,
all’interno della grande famiglia religiosa del Verbo Incarnato,
la mia personale vocazione e missione laicale,
consapevole dei diritti e degli obblighi che ne derivano.

18
vii giornate deLLe FamigLie

benediZione e consegna deLLe insegne dei


terZiari e deL direttorio

Guida: Il celebrante procede ora alla benedizione, aspersione, incensazione


e consegna delle insegne dei Terziari. Ci mettiamo in piedi.

Signore Nostro Gesù Cristo, Salvatore del genere umano,


benedici queste insegne + di dedizione e d’amore per Te e per
la Tua Madre Santissima, che i tuoi figli hanno deciso di portare
con sé come membri del Terzo Ordine Secolare dell’Istituto
del Verbo Incarnato nel terzo livello d’appartenenza. Concedi
loro salute nel corpo, protezione nell’anima e la grazia di
vivere in comunione con Te fino alla morte. Tu, che sei Dio,
e vivi e regni con Dio Padre nell’unità dello Spirito Santo per
tutti i secoli dei secoli. Amen.

Le asperge con acqua benedetta, le incensa. Poi dice:

Ricevete queste insegne, emblema della vostra appartenenza


come terziari alla nostra famiglia religiosa. Vivete con fedeltà
quanto avete imparato e conformate il vostro cuore al Cuore di
Cristo, vostro Signore. Ricevete anche il Direttorio del Terzo
Ordine Secolare dell’Istituto del Verbo Incarnato affinché
raggiungiate le cime della santità attraverso la spiritualità
della nostra famiglia religiosa. Dio Nostro Signore vi conceda
la grazia di mantenere sempre vivo il carisma del fondatore.

Poi impone lo scapolare ad ogni terziario e consegna loro un esemplare del


Direttorio del Terzo Ordine Secolare, mentre il coro canta.

19
vii giornate deLLe FamigLie

Preghiera UniversaLe o dei FedeLi


Il celebrante:
Il Signore Gesù, vincitore della morte, siede, alla destra del Padre e
intercede come avvocato e mediatore per tutti gli uomini. In questa fede
invochiamo la divina misericordia.

Guida: Ad ogni invocazione rispondiamo cantando:


R. Ascoltaci, o Signore.

1. Per il Papa e i vescovi, affinché, uniti alla croce di Cristo, possano essere
intrepidi propagatori della Verità e difensori del Vangelo. Preghiamo.R.

2. Per i governanti, affinché consci del loro ruolo nella società, cerchino
il vero bene comune anche a costo di sacrifici. Preghiamo.R.

3. Per le famiglie, affinché traendo forza dai sacramenti e dalla preghiera,


possano essere una piccola Chiesa domestica, unite nella carità reciproca.
Preghiamo. R.

4. Per i membri del Terz’ordine, perché possano edificare la città di Dio


in questa società, instaurando tutte le cose in Cristo. Preghiamo. R.

5. Per tutti i partecipanti a questa Giornata delle famiglie, affinché


guidati dallo Spirito Santo ed abbandonati alla Volontà Divina, possano
essere veramente il sale della terra. Preghiamo. R.

6. Affinché l’incontro internazionale della famiglia religiosa che si terrà


quest’anno, sia un’opportunità per approfondire il carisma del nostro
Istituto e affinché segni l’inizio di opere concrete di apostolato in tutte le
nostre missioni per poter inculturare il Vangelo in tutto l’uomo e in ogni
manifestazione dell’uomo. Preghiamo. R.

20
vii giornate deLLe FamigLie
Il celebrante:
O Dio, che hai risuscitato Gesù dai morti e lo hai costituito Signore
dell’universo, riconosci la sua voce nella nostra preghiera; dona ad ogni
uomo di incontrarsi con lui e di cooperare all’avvento del tuo regno. Per
Cristo nostro Signore.
R. Amen.

21
vii giornate deLLe FamigLie

LitUrgia eUcaristica

Presentazione delle offerte


Guida: Uniamo alle offerte, che saranno portate all’altare, tutte le gioie e le
croci che viviamo nelle nostre famiglie, per unirle al sacrificio di Gesù Cristo ed
essere sempre in comunione con Lui.

Canto d’offertorio
Il coro:
O BONE JESU
(G. P. DA PALESTRINA)

O bone Jesu, O buon Gesù


miserere nobis abbi pietà di noi
quia tu creasti nos perché tu ci hai creato,
tu redemisti nos tu ci hai redento
sanguine tuo pretiosissimo. con il tuo sangue preziosissimo.

22
vii giornate deLLe FamigLie
SALGA DA QUESTO ALTARE

Il celebrante:
Pregate, fratelli, perché il mio e vostro sacrificio sia gradito a Dio, Padre
onnipotente.
R. Il Signore riceva dalle tue mani questo sacrificio a lode e
gloria del suo nome, per il bene nostro e di tutta la sua santa
Chiesa.
23
vii giornate deLLe FamigLie
Orazione sulle offerte
O Dio, fonte di ogni bene, guarda i doni che ti presentiamo
nel ricordo di san Giuseppe, e fa’ che la nostra umile offerta diventi
pegno della tua protezione. Per Cristo nostro Signore.
R. Amen.

Prefazio di San Giuseppe

Il celebrante:
Il Signore sia con voi.
R. E con il tuo spirito.
In alto i nostri cuori.
R. Sono rivolti al Signore.
Rendiamo grazie al Signore, nostro Dio.
R. É cosa buona e giusta.
È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre in ogni luogo
a te, Signore, Padre santo,
Dio onnipotente ed eterno.
Noi ti lodiamo, ti benediciamo, ti glorifichiamo,
nella memoria di San Giuseppe.
Egli, uomo giusto, da te fu prescelto
come sposo di Maria, Vergine e Madre di Dio;
servo saggio e fedele
fu posto a capo della santa famiglia,
per custodire, come padre, il tuo unico Figlio,
concepito per opera dello Spirito Santo,
Gesù Cristo nostro Signore.
E noi, con tutti gli angeli del cielo,
innalziamo a te il nostro canto,
e proclamiamo insieme la tua gloria:
24
vii giornate deLLe FamigLie

6.  ᠂ ᠂  
Q Ⰶᐁ<
Sanctus (Missa De Angelis)

Ё ᒁ 
ᢁ ᐁ   Ё ᐁ 

 Ђ
(XI) XII. s.

S Anc-
    Q ᐁ ᐁ㰋  Ё ᠂   ᐁ    Ђ   <
tus, * Sánctus, Sánc- tus Dó- mi-

! 
nus

 Ⱀ   ҁ Q !  ᐁ   Q ᐁ Ё      ᢁ  =
Dé- us Sá- ba- oth. Plé-ni sunt


 Ё  ᠂  ᐁ   Ђ      Ё Q  !  ᐁ  !   <
caé- li et tér- ra gló- ri-a tú- a. Hosánna in

 ! !
  Ё     Q Ё   !  ᐁ Ё ᠁ Ё ᠂  ᐁ 
excél- sis. Bene-díc- tus qui vé- nit in nómi-

(ᐁ 
ne Dó- mi-ni. Ho- sán- na in excél- sis.

25
vii giornate deLLe FamigLie
Preghiera Eucaristica II

Il celebrante:
Padre veramente santo, fonte di ogni santità, santifica questi doni con
l’effusione del tuo Spirito, perché diventino per noi il corpo + e il sangue
di Gesù Cristo nostro Signore.
Egli, offrendosi liberamente alla sua passione,
prese il pane e rese grazie,
lo spezzò, lo diede ai suoi discepoli, e disse:

PRENDETE, E MANGIATENE TUTTI:


QUESTO È IL MIO CORPO
OFFERTO IN SACRIFICIO PER VOI.

Dopo la cena, allo stesso modo,


prese il calice e rese grazie,
lo diede ai suoi discepoli, e disse:

PRENDETE, E BEVETENE TUTTI:


QUESTO È IL CALICE DEL MIO SANGUE
PER LA NUOVA ED ETERNA ALLEANZA,
VERSATO PER VOI E PER TUTTI
IN REMISSIONE DEI PECCATI.
FATE QUESTO IN MEMORIA DI ME.

26
055-Mistero della fede

& 2ˆ3
4 œj j œj œj œj œ œ
vii giornate deLLe FamigLie
Il celebrante: œ
Mistero della
Mi Fede
j j œ
- ste - ro del - la fe - de.

Œ j œj œ œ œ œ œ œj œ œ
œ J
jœ œ j j
An - nun - cia - mo la tua mor - te, Si - gno - re,

œ œj œj œ œ . œ J J œ œ œ œ

j
pro - cla - mia - mo
U
la tua ri - sur - re - zio - ne,

œ œ œ œ œ j j j
J œ œj œ œ œ ˙
nel - l'at - te - sa del - la tua ve - nu - ta.

Celebrando il memoriale
della morte e risurrezione del tuo Figlio,
ti offriamo, Padre,
il pane della vita e il calice della salvezza,
e ti rendiamo grazie
per averci ammessi alla tua presenza
a compiere il servizio sacerdotale.
Ti preghiamo umilmente:
per la comunione al corpo e al sangue di Cristo
lo Spirito Santo ci riunisca in un solo corpo

CC1: Ricordati, Padre, della tua Chiesa diffusa su tutta la terra:


rendila perfetta nell’amore
in unione con il nostro Papa Francesco,
il nostro Vescovo Lino, e tutto l’ordine sacerdotale.

CC2: Ricordati dei nostri fratelli,


che si sono addormentati nella speranza della risurrezione,
e di tutti i defunti che si affidano alla tua clemenza:
ammettili a godere la luce del tuo volto.
27
vii giornate deLLe FamigLie
Di noi tutti abbi misericordia:
donaci di aver parte alla vita eterna,
insieme con la beata Maria,
Vergine e Madre di Dio,
con gli apostoli e tutti i santi,
che in ogni tempo ti furono graditi:
e in Gesù Cristo tuo Figlio
canteremo la tua gloria.

Per Cristo, con Cristo e in Cristo,


a te, Dio Padre omnipotente,
nell’unità dello Spirito Santo,
ogni onore e gloria per tutti i secoli dei secoli.

Il coro e l’assemblea cantano:

riti comUnione
Il celebrante:
Obbedienti alla parola del Salvatore e formati al suo divino
insegnamento, osiamo dire:

Padre nostro, che sei nei cieli,


sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà,
come in cielo così in terra.
Dacci oggi il nostro pane quotidiano,
e rimetti a noi i nostri debiti
come noi li rimettiamo ai nostri debitori,
e non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male.

28
vii giornate deLLe FamigLie
Liberaci, o Signore, da tutti i mali, concedi la pace ai nostri giorni;
e con l’aiuto della tua misericordia, vivremo sempre liberi dal peccato e
sicuri da ogni turbamento, nell’attesa che si compia la beata speranza,
e venga il nostro Salvatore Gesù Cristo.

Il coro e l’assemblea:

Signore Gesù Cristo, che hai detto ai tuoi apostoli: “Vi lascio
la pace, vi do la mia pace”, non guardare ai nostri peccati, ma alla
fede della tua Chiesa, e donale unita e pace secondo la tua volontà.
Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.
R. Amen.

La pace del Signore sia sempre con voi.


R. E con il tuo spirito.

Il diacono invita l’assemblea a darsi il saluto della pace.

29
vii giornate deLLe FamigLie
AGNUS DEI (MISSA DE ANGELIS)

Il celebrante:
Beati gli invitati alla Cena del Signore.
Ecco l’Agnello di Dio, che toglie i peccati del mondo.
R. O Signore, non sono degno di partecipare alla tua mensa:
ma di’ soltanto una parola e io sarò salvato.

Guida: prepariamoci ad accogliere Gesù Cristo nell’Eucaristia, perché Egli


diventi il vero Signore della nostra famiglia e regni nelle anime di ognuno dei
suoi membri.
30
vii giornate deLLe FamigLie
Canto di comunione
Il coro:
AVE VERUM
(W. A. MOZART)

Ave Verum Corpus natum de Ave, o vero corpo, nato da Maria


Maria Virgine, Vergine,
Vere passum, immolatum in cruce che veramente patì e fu immolato
pro homine, sulla croce per l’uomo,
Cuius latus perforatum unda fluxit dal cui fianco squarciato sgorgarono
et sanguine, acqua e sangue:
Esto nobis praegustatum in mortis fa’ che noi possiamo gustarti nella
examine. prova suprema della morte
Amen. Amen.

CRISTO È RISORTO

31
vii giornate deLLe FamigLie

consacraZione dei noveLLi terZiari a maria santissima in


materna schiavitù d’amore

Guida: Adesso i novelli terziari fanno la consacrazione a Maria Santissima.

Io, N. N., riconoscendomi umilmente peccatore(-trice),


rinnovo e ratifico nelle vostre mani
le promesse del mio battesimo.
Rinuncio per sempre a Satana e alle sue opere,
e mi consegno interamente a Gesù Cristo, Sapienza Incarnata,
per portare la mia croce dietro di Lui
tutti i giorni della mia vita.
E per essere ancor più fedele di quanto lo sia stato(-a) fino ad oggi,
scelgo Te, o Maria, davanti alla corte celeste,
per mia Madre e Signora.
Ti consegno e consacro in qualità di schiavo(-a) d’amore
il mio corpo e la mia anima, i miei beni interiori ed esteriori,
il valore delle mie buone azioni passate, presenti e future,
concedendoti totale e pieno diritto per disporre di me
e di tutto quanto mi appartiene, senza riserve,
secondo la Tua volontà, per la maggiore gloria di Dio,
nel tempo e nell’eternità.
Ricevi, o Vergine benigna,
questa piccola offerta della mia schiavitù d’amore,
in onore ed unione alla sottomissione che
la Sapienza Incarnata volle osservare verso la Tua Maternità;
come omaggio al poter che entrambi avete
sopra questo umile peccatore(-trice);
e in rendimento di grazie per i privilegi
di cui vi munì la Santissima Trinità.
Dichiaro che d’ora in poi voglio,
da tuo(-a) vero(-a) schiavo(-a),
procurare il Tuo onore e obbedirTi in tutto.

32
vii giornate deLLe FamigLie
O Madre ammirevole!
presentami al tuo amatissimo Figlio
in qualità di eterno(-a) schiavo(-a),
affinché, così come Egli mi riscattò attraverso di Te,
per le Tue mani mi riceva ora.
O Madre di misericordia,
fammi la grazia di ottenermi
la vera sapienza di Dio
e di collocarmi a questo scopo
fra il numero di coloro che ami,
guidi, nutri e proteggi come figli e schiavi Tuoi.

O Vergine fedele,
fammi a tal punto in tutto perfetto(-a) discepolo(-a),
imitatore(-trice) e schiavo(-a) della Sapienza Incarnata,
Gesù Cristo, Tuo Figlio,
che, per la Tua intercessione e secondo il Tuo esempio,
arrivi alla pienezza della perfezione su questa terra
e della gloria del Cielo. Così sia.

Il coro:
AVE MARIA
(T. L. de Victoria)

33
vii giornate deLLe FamigLie
Orazione dopo la comunione

Il celebrante:
O Dio, nostro Padre, che ci hai accolti alla tua mensa, fa’ che nella
nostra vita, sull’esempio di san Giuseppe, rendiamo testimonianza
al tuo amore, e godiamo i frutti della giustizia e della pace.
Per Cristo nostro Signore.
R. Amen.

riti di concLUsione

Il celebrante:
Il Signore sia con voi.
R. E con il tuo spirito.

Vi benedica Dio onnipotente, Padre e Figlio + e Spirito Santo.


R. Amen.

Il diacono:
La gioia del Signore sia la nostra forza. Andate in pace.
R. Rendiamo grazie a Dio.

Guida: Maria, che la Chiesa chiama “Regina della famiglia”, ci conceda


la grazia di testimoniare nella nostra vita quotidiana la bellezza della famiglia
cristiana, aperta alla vita e nella grazia di Dio.

34
vii giornate deLLe FamigLie
Canto finale

TE IOSEPH
Te, Joseph, celebrent agmina cælitum Ti celebrino, Giuseppe, le schiere celesti,
Te cuncti résonent christíadum chori Ti acclamino tutti i cori dei cristiani:
Qui clarus meritis junctus es inclytæ Chiaro per meriti, sei congiunti all’illustre
Casto foedere Virgini. Vergine con una casta alleanza

Almo cum tumidam germine conjugem Quando la sposa feconda per almo seme
Admirans, dubio tangeris anxius Ammiri, un dubbio angoscioso ti assale,
Afflatu superi flaminis angelus L’Angelo ti rivela che il Bimbo è concepito
Conceptum puerum docet. Per il soffio supremo dello Spirito.

Tu natum Dominum stringis, ad exteras Tu stringi a te il nato Signore, alle straniere


Aegypti profugum tu séqueris plagas; Terre d’Egitto tu lo segui profugo;
Amissum Solymis quæris, et invenis, Perduto a Gerusalemme lo cerchi, e lo trovi
Miscens gaudia fletibus. Mescolando al pianto la gioia.

Post mortem reliquos sors pia consecrat, Pia morte consacra gli altri dopo la morte,
Palmamque emeritos gloria suscipit: E la gloria accoglie i meritevoli della palma:
Tu vivens, superis par, frùeris Deo Tu già da vivo, pari ai Celesti, godi Dio,
Mira sorte beatior. Per mirabile destino più beato.

Nobis, summa Trias, prece precantibus O eccelsa Trinità, perdona a noi supplici,
Da Joseph meritis sidera scandere: Per i meriti di Giuseppe facci salire ai Cieli:
Ut tandem liceat, nos tibi perpetim Affinché possiamo per sempre a te
Gratum pròmere canticum. Sciogliere un canto di gratitudine.
Amen. Amen

35