Sei sulla pagina 1di 44

N.

11 - NOVEMBRE 1984
ANNO XXIX

·...
a>). fi
- -:....
ll'~ • ·~ - .-----~
~~

SOMMARIO

LETIERE ACCADEMICO

At:RONJIUTICA 3 AL DIRETTORE
AL PARLAMENTO.
A POZZUOLI
di L.N.

MENSILE
DELL'AVIAZIONE ITALIANA
LEGGI E PROPOSTE
29 ASTORIA
ERONAUTICA

ANNO Dl FONDAZIONE 1955


PUBBLJCAZIONE EDI TA
4 GIORNATA DELLE
FF.AA.
4 . MESSAGGI
29. IL 1° NOVEMBRE 1911
SUL DESERTO DEL
SAHARA
DALLA di Angelo Angeli
ASSOCIAZIONE 6. A BARI PER I CADUTI
ARMA AERONAUTICA
Centro Studl Militarl Ae ronautlcl D'OLTREMARE
di Giorgio Bertolaso 30 TACCUINO
DIVIAGGIO
30. IN VOLO SULLA

DIRETTORE EDITORIALE
CATULLO NARDI
8 PROBLEMATICHE
MILITARI
8. DIFESA, INDUSTRIA
GRANDE MURAGLIA
di Paris Pernazza

del Capo di Stato 33. BUSSOLA ED


DIRETTORE RESPONSABILE Maggiore della Difesa, OROLOG IO
GIUSEPPE MASINI diGIEMME
Gen. S.A.
CAPO DELLA REDAZIONE
Lamberto Bartolucci
ANGELO BALISTRERI

13 COMMEMORAZIONI 34 COS
OGGI Sl VOLA
I'
34. II "G. P.S."
LABORATORIO FOTOGRAFICO 13. COCCARDE
A.A .A. TRICOLOR! NEI CIELI di Costantino Petrosellini
Servlzl fotografici di M ario Lucci
DEL SUD
DIREZIONE, REDAZIONE,
di Giuseppe Masini In copertina - Un velivolo del 6• Stormo
AMM INISTRAZIONE In pagina- Da sinistra: Trittico del veli-
00192 • ROMA 19. CRONACA Dl UN volo C.200 e C.205 V
Via Marcant onio Colonna. 23 BREVE RITORNO
Tel. 06/ 310895 - 06/ 3598882
c.c.p. 14406009 - A eronautics ACASA PRECISAZIONE
di G.M.
LITOTJPOGRAFIA NOVA AGEP Per un involontario errore di battitura,
Via Giustiniani 15 · Tel. 6565262 20. NEL CINOUANTENARIO i"artieolo in titolato '·Su Malta quel 7 luglio
DEL RECORD Dl AGELLO 1942". pubblieato sui numero 5- 1984 c sta-
di Pedro to cr roneamentc fi rmat o A ngelo France-
schi inveec di A ngelo Franccsehctti .
Regist raz. Trib. Roma 6607
in data 23.3.1959 22 L'AERONAUTICA
MILITARE
22. IL 6° STORMO. FASCJCOLO SPECIALE
DIAVOLI ROSSI Sl' MA (con fonda colore
CON LE All DEGLI e numerazione propria,
Gil articoli r ispecchiano esclusivamen· tra pagg. 18-19) dedicato alia
ANG ELl ASSOCIAZJONE ARMA
t e le opinion! personal! ctei rispettivi
Autorl. di M. G. AERONAUTICA

27. ORMAI NON BATTE SOSTENITORI


CHE L'ALA DEL MIO Ai "sostenitori" che verseranno
una somma di almena L. 15.000
Proprleta letteraria, artist ica e scien- SOGNO annue sara inviato
tifica riservata. Per n produzioni, an- di G.B. in omaggio if nostro giornale
che se parziali, del t esti, e fatto ob- (cc/postale "Aeronautica "
bllgo dl cit are Ia fonte. 28. INAUG URATO IL n. 14408009 Roma)
NUOVOANNO
posti g fi Ufficiafi in eguali condizioni, e gnitii, senza Ia qua/e e inevitabife 1111 na-
LETTERE stato stabifito 1111 diverso e pii.t renwnera- wrale degrado di q11este stesse.
Si e, inoftre. defl'avviso che trauandosi
AL tivo trauamelllo econ omico, venendosi,
conseguenlem ellle, ad operare, a/ di /a di di 1111 pro blema riferiiO a( partico fare e
DIRETTORE qualsiasi co11siderazione etica e logica. mipico stato giuridico del personate mifi-
un 'aperta violazione di que/In "par con- wre, esso non p uo in afc111r modo essere
dido iuris" san cilll dal/a noslra Coslilll- trasferito n el generate contesto degli
zione (per maggiori deuagfi cfr. sullo ar- emofumenti pensionistici anc/1e perclu?, e
gom ento i 11. 10 del 1983 e 2/3 del car- "in primis", Ia posizione di ausiliaria
rente anno di questa giomafe). 110 11 e posizion e di quiescen za, bensi a se
A wfe proposilo e per gfi anzideui m o- swnte. Pertanto, ci sembra eire della que-
tivi giunge nolizia che 1111 gmppo di Uffi- stione possa, e debba , essere affrontata e
ciafi ha giii avvimo 1111 regolare ricorso risolta con wr preciso e fermo imervento
NCORA IN MERITO alia competellle Magistra/1/ra. dei vertici delfe FF.AA. e del Ministro
ALL' AUSILIARIA Ci sembra, p ertanto, quanta mai op- def/a Difesa.
poriiiiW e urge111e - e qui to miamo a ri- Ne possono accetwrsi rinvii ad un 'e-
Scorrendo Ia " Gazzetta Ufficiale della petere quanto giil prospeuato nei .5/tm- nWIWiula Iegge di re visione deUo sta/o
Repubblica l ta liana·· in uno degli ultimi m en zionati n. di ''A £ R ONA UTICA" - giuridico degli Ufficiafi, perche nel frat-
numcri mi e cad uto l'occhio su un de- l'emanazione di 1111 adeguato provvedi- tempo eire q11esta venga pasta a flo stu-
creta del Presidente del Consiglio dei m ento /egis fativo di parificazion e dei due dio, passata da 1111 tavolo afl'aftro. di-
Ministri. col quale " ... per adeguare Ia trattamenti di ausifiaria. at fine, o ftre che scussa. presentata a/ Parfamento e da
co nsistenza del premia della " Penna di eliminare 111r co/llenzioso eire di certo qllesto studiata, con interminabili rimbal-
tl'oro" rima to invari ato da ol tre dieci si aflarglreril a mace/ria d'olio, di ridare ::i tra Camera e Se11ato, 1•errebbero caf-
anni ... " il premia stesso viene elevato a fiducia net diritto. nefla eq11itil e conser- peswti e faui decadere i diriui di m alta
L. 20 milioni. Buon per chi beneficia di vare fl{'l' /e istituzioni mifiwri q 11efla di- gente.
dett o premia ho pensato. rna nello stes-
so tempo il mio pensicro c andato all'in-
denni ta di ausiliari a per gli Ufficiali ,
cioc a quella vergognosa elemosina che AL PARLAMENTO
viene data agli Ufficiali posti in delta LEGGI E PROPOSTE
posizione. " H orribile dictu '' talc miseri a
d'indennita c ferm a dal 1954 (Iegge
10.4. 1954 n. 113: Stato degli Ufficiali
deii'Esercito, della Marina e deii' Aero-
nautica) e nessuno se ne preoccupa; for-
se sarebbe il caso di organi zza re adegua-
ti festeggiamcn ti per il suo trentesimo
compleanno . dato che certamente e l'u-
nica indenni ta in ltalia che ha resistito
per tanti anni senza godere di alcun mi-
nimo aumento.
A part e gli scherzi e . enza voter ripe-
tcre quanto gia scri tto piLl volte ed an-
che dame (vedi " AERONAUTICA'' N .
14 del 3 1.7. 1980) sui ve ro e propri o fur- LEGGE 8 ottobre 1984, n. 693. di pilotaggio per i piloti e osservatori an-
to che I'Amministrazione perpetra in Modific he alia Iegge 8 novembre che deii'Esercito e della Marina, per gli
danno degli Ufficiali in P.A. , mi sembra 1956, n. 1327, relativa alia concessio- ufficiali navigatori dei dirigibili ed aero-
pero necessaria che i capi militari re- ne della medaglia mauriziana. stati; del servizio prestato quale compo-
sponsabili si interessino con maggior nente degli equipaggi fissi e sperimen-
convinzione della que!>tione. non solo LA NUOVA LEGGE tatori e collaudatori con obbligo di volo
perchc nel giro di pochi anni anche loro SULLA " MAURIZIANA" e dei reparti paracadutisti, con perce-
avranno a subire lo te so furta. ma an- zione della relativa indennita;
che perc he Ia P.A. c sempre una posi- Art. 1 e) il 50 per cento del periodo totale di
zione di servizio. tant o chc co mporta reparto di campagna e di imbarco per
doveri ed obblighi f'issa ti per Iegge, e L'articolo 2 della Iegge 8 novembre gli ufficiali e sottufficiali delle Ire Forze
quindi tutto cio che ad cssa attiene rien- 1956, n. 1327, e sostituito dal seguente : armate (e sufficiente a tale scope l'ap-
tra nelle lora co mpe tenze. Non sta ce rto " La medaglia unica, per tutto il perso- partenenza a tali unita e con qualsiasi
a me ricord are che compi to di un Co- nate militare per dimensioni e conio, ha incarico);
mandante c anche quello di tut clare gli il diametro di millimetri 35 ed e confer- f) per intero il servizio in comando o
intercssi dei propri inferiori. ma certo me al modello annesso al decreto del in direzione, prestato dagli ufficiali e
mi piacerebbe pater co nstatare che chi Presidente della Aepubblica 19 marzo sottufficiali delle Ire Forze armate;
di doverc anziche lirnitarsi a " Seguire" 1955, n. 470" . g) per intero i corsi universitari, per
questa annosa pratica dell'aggiornamen- tutti g li ufficiali delle Forze armate per i
to dcll'indenni ta di ausiliaria. si facesse e
quali richiesto il possesso del diploma
parte dirigente per ottenerne finalm cntc Art. 2 di laurea ai fini del reclutamento, ed il
una equa soluzionc . M i scmbra che corso superiore di teologia per i cappel-
dopa trcnt'anni sarcbbe o ra! L'articolo 4 della Iegge 8 novembre lani militari.
Manlio Biccolini e
1956, n. 1327, sostituito dal seguente: Tali norme sono applicabili anche agli
"Per il compute degli anni di servizio ufficiali e sottufficiali del Corpo della
sono validi: guardia di finanza.
a) il servizio militare comunque pre- Le maggiorazioni previste dalle lettere
II socio, Gen. Man fio Biccofini, lw ra- state; b), c), d), e) e g) non sono Ira lora cu-
gioni da vendere, ta1110 pili che per fa ca- b) le campagne di guerra; mulabili, quando coincidono nel tempo" .
tegoria dei Souufficiafi in posi zione ausi~ c) il servizio prestato in zone d'inter-
fiaria, recem em ente istituita (Legge 11. vento per conto deii'ONU o in forza di
212 del / 0 maggio 1983) e articofaw su accordi multinazionali; (( Ministero Difesa emanera quanto pri-
obbfighi identici a quelli cui so11o souo- d) il 50 per cento dell'effettivo servizio ma le norme applicative.

3
4 NOVEMBRE

I , , ' '

..

II Presidente Pcrtini rcnde omaggio al Militc lgnoto.

suno pill di noi anziani , che quegli eventi vivemmo e


soffrimmo di persona, e in grado di testimoniare l'enor-
e
La ricorrenza stata solennemente celebrata in tutta me e tragica inutilita della guerra, le mostruose ingiu-
ltalia alia presenza delle massime Autorita e con una stizie che essa scatena, i solchi incolmabili che essa
larga affluenza di popolo. Aperte ai cittadini, che vi spalanca tra i popoli. Quanto prezioso e irrinunciabile
sono affluiti in gran numero, le installazioni militari del- fosse - nonostante tutto - il bene dell'unita nazionale
le tre Forze Armate. fu pill tardi a dimostrarlo, durante Ia resistenza, Ia
somma non meno dolorosa di sacrifici che le Forze Ar-
mate generosamente pagarono - all'unisono con il po-
polo insorto - per riconquistare l'indipendenza e Ia li-
berta della Patria e per risollevare il paese dall'abisso
MESSAGGIO DEL PRESIDENTE della sconfitta e dall'invasione straniera nel quale il fa-
DELLA REPUBBLICA scismo l'aveva spinto. Noi tutti crediamo e vogliamo
che non pill alia guerra, bensl agli strumenti del diritto
" Ufficiali, Sottufficiali , Soldati, Marinai, Avieri, cele- e del consenso, sia affidato d'ora innanzi il comune de-
briamo oggi, con Ia Festa deii'Unita Nazionale, Ia gior- stino del nostro popolo. Nella difesa della pace cosl
nata tradizionalmente dedicata aile Forze Armate della come nella tutela dell'unita della sicurezza dell'indipen-
Repubblica nei cui ranghi voi avete l'onore e il privile- denza nazionale consiste dunque il fine ultimo delle
gio di servire. La ricorrenza che in questo giorno ricor- Forze Armate, garanti e depositarie dei pill alti valori
diamo ci rimanda ad eventi grandiosi e, insieme, dolo- spirituali e morali consegnatici dalla Iotta di liberazione.
rosi della nostra storia. Quattro Novembre significa per Soldati, Marinai, Avieri , siate oggi pill che mai fieri del
noi italiani Ia conclusions vittoriosa di uno sforzo duris- compito vitale ed arduo che vi e stato affidato. Con Ia
simo che per Ia prima volta affratello - fianco a fianco consapevole fedelta degli uomini liberi rinnovate - cia-
nelle trincee - giovani di ogni regione e ceto sociale, e scuno di voi - il severo impegno di disciplina che vi
per sempre cementa con il sangue di seicentomila ca- vincola al servizio della collettivita, per un comune av-
duti l'irreversibile scelta di una ltalia una, finalmente ri- venire di giustizia e di pace. Viva le Forze Armate!
condotta ai suoi sacri confini secondo il sogno a lungo Viva Ia Repubblica! Viva l'ltalia!
vagheggiato dalle generazioni del Risorgimento. Nes- Sandro Pertini

4
GIORNATA DELLE FORZE ARMATE

II Ministro della Difesa al Sacrario di Redipuglia.

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEl MINISTRI guerra, i generosi sacrifici e i grandi slanci dei soldati e
ALLE FORZE ARMATE del popolo ebbero il 4 Novembre del 1918 quasi il sen-
so di una nuova speranza. L'ltalia, che ritrovati con
Nella ricorrenza della Giornata deii'Unita Nazionale e Trento e Trieste i propri confini naturali, in quella unita
delle Forze Armate, desidero rinnovare le espressioni di lingua e di storia che da a una Nazione Ia propria le-
del vivo apprezzamento e del grato riconoscimento del gittimita, affermava sui Piave il proprio onore nella sce-
Governo e mio personale per Ia generosa dedizione e na del mondo. E se un'ondata di irrazionalismo scosse
l'esemplare impegno con cui Esercito, Marina e Aero- I'Europa fino alia tragedia di una nuova guerra civile
nautica assolvono quotidianamente il loro dovere al fra europei, con nuovi lutti e nuove distruzioni, Ia guer-
servizio della Patria e a tutela del~e sue libere istituzio- ra di liberazione getto le basi della nuova unita repub-
ni. lnvio a lei ed agli appartenenti aile Forze Armate il blicana prefigurata da Giuseppe Mazzini. Soldati, Mari-
mio cordiale augurale saluto. nai , Avieri , voi siete gli eredi e i custodi in armi di quei
Bettina Craxi valori che Ia Repubblica ha fissato nella sua Costitu-
zione. Nella Democrazia fondata sui consenso e nel
quadro delle libere scelte internazionali, quelle scelte
che hanna dato all'ltalia ed aii'Europa il piu lungo pe-
MESSAGGIO DEL MINISTRO DELLA DIFESA. riodo di pace della loro storia, voi siete i garanti della
nostra sicurezza e delle nostre liberta. Nel vostro im-
Soldati, Marinai, Avieri , le Forze Armate dell'ltalia pegno al servizio della collettivita e della pace, voi ob-
Repubblicana celebrano oggi, nel giorno della loro te- e
bedite al voto della Nazione, che fiera di voi e della
sta, Ia Giornata deii'Unita Nazionale. Ricordano tutti i vostra disciplina, sui filo di quel giuramento che vi fa
Caduti delle guerre italiane insieme con i seicentomila cittadini e soldati di una repubblica che puo sempre
morti di quella che fu chiamata l'ultima guerra del Ri- contare sullo spirito di servizio e sulla assoluta dedizio-
sorgimento; uno sforzo collettivo che strinse nelle trin- ne delle sue Forze Armate, di terra, di cielo e di mare,
cee gli italiani dei diversi dialetti e delle diverse estra- fedeli allo spirito del patto costituzionale e sue naturali
zioni sociali, in uno scatto d'orgoglio e di tenacia che interpreti. Viva le Forze Armate!
rese determinante il contribute dell'ltalia alia Vittoria Viva Ia Repubblica! Viva l'ltalia!
degli Alleati. I dolori e i lutti di quarantuno mesi di Giovanni Spadolini

5
TESTIMONIANZA DI UN AMICO

A BARI PER I CADUTI


D'OLTREMARE
di Giorgio Bertolaso

In occasione della cerimonia a ricordo ra re tutto it recuperabile per ricostruire II Ten. M.O. V.M. Francesco Rizzitelli.
dei caduti d'oltremare, celebrata anclre de lle sco rte che c i permettessero di po-
quest'anno, per Ia ricorrenza del 4 No- ter operare it piu a lu ngo possibile a apprestai a compilare Ia proposta. Non
vembre, nella ciuii di Bari, e stara com- fian co degli Alleati. In quest 'o pe ra it so come mai Rizzite lli venne a cono-
memoraw l'eroica figura del Ten. pilota contributo di Rizz itc lli e stato determi- scenza de l fatto: piombo nell a mia te nda
Francesco Rizzitelli, Medaglia d'Oro al nantc. e mi investl di male parole e strappo
Valore Militare alia m emoria. M a it suo ca rattere si e rive lato appie- quanto ero riu scito a me tt e re assieme in
L'orazione stilata dal Gen. di S.A. no non appena a bbia mo cominciato l'at- qualche giorno di lavoro e mi disse: '·fi-
Giorgio Berrolaso s11 incarico deii'Asso- tivita bellica suii'A lbania e in Jugosla via nita Ia gue rra non voglio correre it ri -
ciazione Anna Aeronautica e stata leua, contro le truppe tc desche che occupava- schio di adagiarmi su questo riconosci-
per un 'improvvisa indisponibilitii dell' al- no quei .terri tori. Ent ro Ia fine de l '43 Ia me nto; ci sara tanto da fa re che voglio
to ufficiale, dal Ten. Col. Costantino Pe- fase organizzat iva del 4• Stormo si pote co ntinuare a combattere per conqui star-
rrosellini. Consigliere nazionale de/- co nside rare completa ta e comi ncio ap- mi un posto ne lla vita come libe ro citta-
IA.A. pl11ridecorato al valore Militare. pieno l'attivita o pc rativa di quel 1944 dino ; l'eventua le promozione in S. P. E.
che possiamo ce rtame nte considerarc potrebbe rapprcsentare una lim itazion c
.. . Sette mbre 1943. Mi trovo a ll'Aero- l'an no piu glo rioso pe r il nostro Reparto a lia mia libe rta ·• .
porto d i Ga latina ( Leece) e mi sto aggi- e pe r Ia ricostituita Regia Ae ronau tica . A nulla va lsero le considerazioni che
rando fra lc tende dell' accampame nt o; In numcrevoli furo no gli attcsta ti di av re bbe se mpre potuto rinunciare e
mi si avvicina un giovanotto con una me rito e i riconoscim e nti incond iz ionati dare le dimiss io ni come e quando l'aves-
vecchia motocicletta e mi ch iede scnza da parte degli Alleat i con c ui collabora- se voluto. E' sta to irre movibile ed ho
nessun prcambolo: "c qui che si fa Ia vamo attivamente sui fro nte dc i Balca ni . dovuto dichiara rmi sco nfitto ed accanto-
guerra co ntro i Tedeschi?'' G li rispondo I coma nclan ti a lleat i, sotto it cui control- nare de finiti vamente Ia pro posta .
affermativamente. Lui si presenta e d i- lo operavamo . si mostraro no inizialmen- Pe r com ple tare it quadro de lla figura
chiara che in ta l caso si sa re bbe fermato te scetti ci e sospettosi circa le nostre ca- umana di questo U ffic ia le voglio parte -
e si sarebbc interessato pe r otte nere paci ta, possibi li ta e vo lonta d i combatte- cipare alcune conside razion i che spesso
l'assegnazio ne al nostro Reparto. Que- re. Si dovettero ricredere be n presto mi faceva a proposito della nost ra situa-
sto e stato il mio pri mo incontro con grazie a uomini come Rizzit e lli che in- zione d i comba tt en ti ne lla gue rra d i Li-
Fra ncesco R izzitelli, Tenente pilota d i sta ncabilme nte no n soltan to operavano be razione a t confronto de ll a precedente.
comple mento della Regia Aero nautica. pe r mante nere assie me uomini e ma te- Francesco a ffc rm ava con calore: "caro
Quest"uo mo di corporatura esile con ria li ma con accanime nto , abnegazione G iorgio, faci le e combattere e mori re
uno sguardo vivace ed aperto mi c riu- ed e ntusiasmo volavano a tt rave rso l'A- o ra che combattia mo per Ia libe razione
scito subito simpatico e mi adoperai pe r- driatico su macchine che pareva impos- de lle nostre case. che abbia mo idea li
che fosse assegna to a lia 9·1· a lia q uale sibil e potessero man tenersi in cielo, por- ben ch iari c precisi; ma che uomini co-
apparte ncvo ; le sue cspc rie nze prccc- tanclo Ia lo ro offensiva sui Balcan i fino loro che con a lt re tt anta dedizione ha nn o
de nti e il suo aspetto aperto, co rdia le ed oltre il limite di ogni immaginaz io ne e combattuto e sono morti soltanto pe r te-
allegro era no garanzia d i p ro fessionalita possibilit a umane. ncr fede ad un giuramento presta to. pe r
ed ent usiasmo. e quest i e rano gli uomini Rizzitelli era sempre fra i primi , sc m- te ne re alto l'o nore de lla pro pria Bandie-
che ci scrvivano in que i mome nti: uom i- pre pronto a ll 'azio ne e d una so la cosa ra e pe r esse re degni dell a paro la
ni sempre pronti a dare senza nu lla e ra impossibil e ottenere da lu i: Ia rinun- uo mo!"
chiedere per se stessi. cia ad una qua lunq ue m issione di gue r- I nostri vecch i Macchi inta nto stavano
Dopo qualche giorno recatosi p resso ra. c ro llando, e ra no esausti, ridotti a llo
Ia sua fami glia ritornava con Ia sua mo- Da Galatina a Pa lata , a Nuova l' atti- stre mo ; i nostri specia listi compivano
tocicle tta a lia qua le aveva aggiunto una vi ta de llo Stormo e sta ta continua ed miracol i per manda rli in volo e per noi
cassettina in cui stava accuccia to un cuc- im portantissima. Un giorn o il Co ma n- piloti stava dive nt a ndo piu rischioso l'at-
cio lotto tutto pelo: e ra Fid ino . Anch 'es- da nt e mi ha chiesto che cosa aspettassi a traversamento del mare c he Ia reazi o ne
so e stato preso in forza dal Reparto. presentargli una proposta di promozione de l ne mico.
Ci ren de mmo conto immediatame nte in S.P.E. per me rito di gue rra per it Nei primi di giugno de l '44 ci spo-
d i quanto prezioso fosse l'apporto alia T e n. di Compl. Fran cesco Rizzite lli : ri- stammo sulla pista di Campo Yesuvio
Squadrigl ia di questo va lc nte e va loroso sposi che l' Ufficiale non ne voleva sape- ne i pressi d i Napoli per ricevere dagli
Ufficia le. Erava mo a llo ra in fase orga- re. II Co mandante mi ordino di compila- A lleati i ve livo li P.39 Aircobra e pe r
ni zzati va. II Reparto , rimasto tagli ato re ta le proposta di na scosto in quanto fa re un min imo d i addestrame nto prima
fuori dalle fonti di rifo rnim ento e so- inte nde va prem ia re q uesto va loroso che di portarl i in combattime nto.
prattutto dai servizi tecnici . stava mc di- a mpi amente merit ava it riconoscimen to La pista e ra le tteralmen te sommersa
cando le ferit e degli ulti mi mesi di gue r- sia per il valore che per le capacita e so- da lla cene re del Vesuvio che in quell 'e-
ra. Sq uadre d i nostri specia listi e rano pra ttutto pe r l'entusiasmo che se m pre to poca aveva avuto il suo ultimo sprazzo
state invia te sui va ri ca mpi dove e ra sorreggeva. d i vita . Questa ce ne re veniva aspirata
passata Ia guerra pe r ce rcare d i recupe- Mi chiusi allo ra ne lla mia tenda e mi clai nostri motori e causava nume rosi in-

6
Uno schieramcnto di caccia sull'aeroporto di Lcvcrano rcso impraticabilc dalla pioggia.

c ide nti tanto che ta li velivo li e rano stat i vano ritira ndo progressiva mente verso guono ne i suoi due att aeeh i successivi e
sopranno mina ti •·tombe vola nti ". Nord e ne t mese di Novembre si erano poi sull a via de l ritorno.
Un gio rn o a nc he Rizzite lli fu coi nvol- stre tti in una morsa ne ll a zona A lbania Rizzite lli si preoccupa pe r Ia loro in-
to in uno di questi incide nti: vedcmmo - Mo nt e negro- Jugos la via. columita . chi edc in siste nte me nte loro
un velivolo stramazzare c rimba lzarc Battu ti eostan tc me nt.e dal le a vi<}zio ni notizie eel a lora rispo nde di non prcoe-
sull a pista c quando il polvc ronc si fu della Balcan A ir Force si e rano organ iz- cuparsi per lui : "e ra tutto pe rfe ttam e nt e
soll cvato , vc de mmo Rizzitcll i vicino al zati a d ifesa e Ia loro re azione si d imostra - a posto""! Ma dopo qua lc he istan te il suo
rc litt o: era rimasto miracolosamente il- va rnicidiale, tanto che il Co ma ndo de lla velivo lo fu visto senza eont ro llo , Rizzi-
lcso. Lo obbliga i ad anda rsc ne in lice n- B.A.F. aveva d a ta ordin e tassativo di non telli ne ll ' abitacolo appariva abbandona-
za per un po' di tempo pe r riprendersi re it e rare gli attacchi e sfrutt a re a l massi- to e prccipitava stro nca to dall e ferite: i
dallo shock e pe r recuperare a lme no in mo Ia so rpresa pe r po te r cont e nere il pitt grcgari invano restavano su i posto spe-
parte le e ne rgie pro fuse in tant i mesi di possibi le le nostre pc rdite. rando di veclere il paracadu te o qualchc
gue rra . D opo pochi gio rni . te rm inato II 30 novembre Rizzite lli pa rte alia te- altro segno di Speranza.
l'addestram e nto del Re parto, ci trasfe- sta di una forrnazion e di 4 ve li voli per Rizzite lli e ra scompa rso ncl null a cosi
rimmo a ll"Acroporto di Levcrano per ri- at taccare le formazioni tedcschc ne ll a come pochi rnesi prima e ra improvvisa-
cominciare l'a ttivit11 hcllica con i P. 39. zona d i Podgorica a Nord de l Lago di me nte appa rso con Ia massi ma semplici-
Rizzite lli piombo immediatamentc no- Scuta ri; do po un 'o ra eli volo pio mba sui- ta al nostro accampame nto desideroso
nostante a vesse usufruito solo di una te postaz ioni ne mic he giil in allarrnc pe r solt anto eli seguirc il suo impulso gene-
minim a parte di quan to gli sa rebbe stato preceele nti attacchi. I gregari vedo no eli- rosa di battcrsi per un destino mi gliorc
necessa ria per riprendersi comple tame n- sti ntamc nte chc il s uo vc livo lo vicnc de ll a nostra Pa tria.
te. Affe rm o chc non inte ndeva restarse- ce ntra to da una raffica, ma Rizzite lli Fidino sopravvisse per mo lti a nni a n-
ne a casa quando sapeva be ni ssimo che no n acce nn a a elesistere dall 'azione: da cora a l suo padro ne . resta ndo fino a lia
no i aveva mo bisogno del suo a iuto. pe r radio l'o reline a i suoi gregari eli rie n- sua fin e padro ne incontrastato del C ir-
D opo un po· d i te mpo dedicato alia atti- trare immedia ta mc nte alia base mc ntrc colo Ufficial i de l 4" Stormo , a mato e ri-
vit it o rganizza ti va del Re parto, riusci ad lui si appresta a rc ite rare gli attacchi spettato ne l no me dell'Eroe che in que l
otte ne re dal Servizio Medico l'idoneita sull e postazioni te clesche q uasi volesse lontano gio rn o de l sette mbrc de l "43 l'a -
cornple ta a l volo e riprese in pic no l'at- far pagare loro il piu ca ro possibilc lo ve va porta to presso di no i.
tivita he llica con il velivolo P.39. strazio causato a ile sue ca rni.
l nta nto i T edesc hi ne i Balcani si sta- I suo i gregari no n lo lascia no . lo se- Giorgio Bertolaso

7
PROBLEMATICHE
MIL/TAR/

L )INTERVENTO DEL
CAPO DI STATO
MAGGIORE DELLA DIFESA
GEN. DI S.A.
LAMBERTO BARTOLUCCI
ALLA CONFERENZA
NAZIONALE
SULL)INDUSTRIA
PER LA DIFESA

DIFESA.,
INDUSTRIA:
UN DIALOGO
PER
ARMONIZZARE
LA TRIADE
Premessa
''RISORSE Sono particolarmente lieto dell"opportunlta che m1 e stata
data di intervenire nella fase conclusiva di questa Conferen-
FINANZIARIE, za, voluta dal Ministro della Difesa in adesione ad una spe-
cifica richiesta del Parlamento.
Gli ultimi anni hanno visto nascere molte iniziative intese
ESIGENZE ad approfondire un lema di cosi viva attualita: nell'ambito
delle nostre Forze Armate lo stesso tema e stato affrontato
sia nel corso dell'attivita congiunta delle 3 Scuole di Guerra,

MIL/TAR/, sia al Centro Alti Studi per Ia difesa. Proprio un anno fa ,


concludeva i suoi lavori Ia Commissione Parlamentare d'in-
chiesta e di studio sulle commesse di armi e mezzi ad uso

PRODUZIONE'' militare e sugli approvvigionamenti, istituita nel 1977.


Ed anche l'opinione pubblica e stata sensibilizzata al ri-
guardo per l'attenzione che Ia stampa ha dedicate ai pro-
grammi di ammodernamento delle Forze Armate nel loro in-
sieme.
Vorrei sottolineare come il successo di questo Convegno
confermi il profondo interesse che va consolidandosi nei

8
,.

confronti dei problemi delle Forze Armate, dell'industria degli


armamenti e delle attivita economiche comunque connesse I risultati delle analisi
con l'organizzazione militare. Questo interesse ben si giusti-
fica qualora si considerino, singolarmente od unitariamente, Premesso che il Convegno e stato part1colarmente utile per
le conclusioni emerse nelle presentazioni e negli interventi il confronto, il contribute di idee e per Ia chiarificazione che e
che qui sono stati fatti . . stata latta su molti punti controversi relativi aile varie compo-
Le quattro relazioni presentate e l'approfondito dibattito nenti che intervengono nella sicurezza del Paese, vorrei rife-
e
che ne seguito hanno messo in luce le oggettive condizio- rirmi ai risultati delle analisi sviluppate che mi sembra abbiano
ni di disagio nelle quali si muovono le attivita di pianificazio- evidenziato resigenza di definire una chiara politica di difesa
ne a lungo !ermine, da un lato e quelle produttive, dall'al- in relazione al grado di sicurezza che si vuole raggiungere, da
tro. cui, poi, far discendere l'entita delle risorse umane e finanzia-
Nel mio intervento di sintesi trattero gli aspetti di interesse rie da destinare aile Forze Armate, secondo una pianificazio-
ne e programmazione di lungo !ermine, integrata e coerente
specifico dell'area tecnico-operativa. Voglio subito precisare, con Ia programmazione dello sviluppo economico, tecnologico
pero, che quanto diro non vuole rappresentare una conclu- ed industrials nazionale. E' emersa altresi, Ia necessita di uno
sione di questo riuscito Convegno, ne intende assumere il stretto collegamento tra potere politico, vertice militare e mon-
valore di un "pacchetto di proposte" del vertice militare. do industriale da realizzare attraverso un costante dialogo vol-
Esso ha il solo senso di un momento di riflessione su quan- to ad armonizzare Ia triade "risorse finanziarie", "esigenze mi-
e
to di piu interessante, a parer mio, emerso dal dibattito. litari" , "produzione" che costituisce il punto di partenza e di
Sara, poi, cura degli Stati Maggiori approfondire le risul- sinntesi per ogni realistica politica di difesa.
tanze emerse quale punto di riferimento per gli studi in cor- La prima delle due esigenze, ossia Ia definizione di una ....._
so in ambito Difesa sulle varie tematiche. chiara politica di difesa, costituisce uno degli atti politici di 1111"""

9
..
1

maggiore rilevanza. Essa rientra nella sfera di compete nza del monica composizione dello strumento militare da sviluppare in
Parlamento e del Governo. ai quali, peraltro, non deve man- un arco pluriennale e per Ia quale siano previste ed assicurate
care il contribute e l'apporto di pensiero e di consulenza della le necessaria disponibilita finanziarie. Tale sistema dovra es-
componente militare che e da considerare fattore qualificato sere gestito necessariamente dallo SMD, beninteso a seguito
tecnico della sicurezza nazionale. di un aperto dialogo con gli SS.MM. di F.A. e con l'area tecni-
Mi limitero, al riguardo , a ricordare che il modello di difesa co-amministrativa, nell'intento di pervenire ad una sintesi uni-
che si vuol conseguire, e soprattutto uno schema politico-mili- taria ed interforze, che e premessa indispensabile per Ia utiliz-
tare, che, tenendo conto dei fattori incidenti (situazione geo- zazione razionale delle risorse e garanzia per una equilibrate
strategica, impegni internazionali, situazione socio-economica, efficienza complessiva dello strumento militare. In sostanza si
situazione industriale, impegni con l'estero etc.). racchiude i li- dovra assicurare Ia stretta compatibilita Ira programmi e risor-
neamenti essenziali della strategia difensiva del Paese ed atti- se, ancorando le scelte a precise priorita. Cio permettera di
va tutte le componenti. In base ad essi vengono definiti obiet- realizzare , altresi , una maggiore integrazione Ira obiettivi na-
tivi ed assetto delle Forze Armate. Tale modello presuppone zionali ed impegni assunti nell'ambito deii'AIIeanza. La con-
una specifica volonta politica di predisporre stru menti materiali creta realizzazione di una pianificazione coerente con le diret-
adeguati e credibili, agevolata dalla concomitante azione diret- tive del Governo e del Parlamento, sorretta da ipotesi finan-
ta a sensibilizzare Ia pubblica opinione sulla necessita e pro- ziarie attendibili, consentira di dare credibilita e vigore alia
duttivita delle spese per Ia sicu rezza, dando vita ad un sem- proiezione pluriennale degli obiettivi della Difesa, costituendo
. pre pili ampio consenso da parte di vasti strati di cit1adini. Ri- al tempo stesso prezioso punto di riferimento per !'industria .
tengo, infatti, che una ·migliore organizzazione difensiva del Sono peraltro pienamente convinto del fatto che una pianifica-
Paese debba sforzarsi di trovare Ia sua prima radice nel con- zione della Difesa, impostata su basi concrete, potra esservi
sensq pili ampio, cioe nell'accettazione, da parte di sempre solo se verra inserita nel pili ampio quadro della programma-
pili vasti strati di cittadini, di quel minimo di sacrificio che il zione economica ed industriale nazionale e se i programmi di
settore richiede in termini di risorse materi ali, e nella manife- R-S e di Ammodernamento, saranno inseriti nei piani di setto-
stazione di spontanea partecipazione e di apprezzamento per re dei vari co mparti produttivi nazionali. In tal modo, Ira l'altro,
una funzione primaria svolta nell'interesse di tutti. sara anche possibile utilizzare in altri settori le tecnologie svi-
In merito alia seconda delle esigenze individuate, riguard an- luppate per esigenze militari, favorendo cosi le ricadute eco-
te Ia necessita di uno stretto collegamento tra potere politico, nomiche e sociali delle spese per Ia difesa nazionale.
vertice militare e mondo industriale, non posso che soffermar- Tutto cio presuppone certamente una migliore definizione
mi - ovviamente - sui ruolo e le problematiche proprie della del quadro normativo che regola le funzioni interne deii'A.D. ,
sfera militare. Ho sottolineato poc'anzi l'importanza dell'armo- rna anche un pili marcato collegamento interministeriale, dato
nizzazione - attraverso un dialogo costante - dei tre parame- che - come e chiaramente emerso in questo convegno - Ia
tri "risorse", " esigenze", "produzione". All'ambiente militare Difesa non puo essere isolata in quanto essa stessa e parte
compete di esprimere, con Ia maggior chiarezza possibile, le di un sistema composito - il " sistema ltalia" - che deve ope-
proprie esigeni.e, desumendole naturalmente dai compiti as-
segnati e dal modo di fronteggiarli.
In realta non si puo negare che in passato qualche incertez-
za vi sia stata nell'esprimere e finalizzare le esigenze delle
FF.A.A. e cio soprattutto per l'obiettiva difficolta di armonizza-
re e compendiare bisogni di natura settoriale dovuti al caratte-
re tridimensionale dello strumento militare (Esercito - Marina -
Aeronautica), nonche per Ia difficolta di contare su stabili pia-
nificazioni finanziarie. In questo contesto, che presenta luci ed
ombre, da parecchi anni gli organi militari nel campo tecnico-
operativo e tecnico-amministrativo stanno cercando di indivi-
duare esigenze e requisiti in forma armonica. Le leggi per
l'ammodernamento dei mezzi delle tre Forze Armata hanno
rappresentato un passo avanti nella ricerca di una program-
mazione dotata di un accettabile grado di validita e di conti-
nuita. E' certo che furono leggi programmatiche per meta ed
in senso approssimativo. In primo luogo, esse non comprese-
ro tutti i programmi delle Forze Armate nell'arco di tempo del-
la loro validita ed in secondo luogo esaurirono le risorse finan-
ziarie, in certi casi, in meta del tempo previsto. Denunciarono,
quindi, subito Ia loro natura particolare anche se ebbero il
grande pregio di accelerare !'iter dei singoli progetti, con l'isti-
tuzione dei Comitati per Ia loro attuazione.
Difficolta persistono, rna sono, oggi, affrontate con spirito
costruttivo, in seno agli Stati Maggiori. II loro superamento
sara possibile nella misura in cui, in una concreta visione inte-
grata del dispositive militare, scaturita dal modello di difesa,
sara realizzata una pianificazione interforze che determini l'ar-

10
rare con profonda unita d'intenti.
Proprio in questa prospettiva si colloca l'esigenza di un di- L'organizzazione ·
scorso corale, piu ampio, non a livello Difesa, rna a livello in-
terministeriale che crei procedure adeguate, garantisca finan- di vertice
ziamenti appropriati, favorisca le esportazioni net rigido rispet-
to della politica estera del Paese, consenta di sviluppare col- Altro aspetto d1 fondamentale importanza, strettamente con-
laborazioni internazionali, ed in particolare europee, e che nesso con i concetti dianzi espressi, e quello della struttura
tenda, soprattutto, al potenziamento della ricerca e dello svi- militare ed in particolare del suo vertice, dove su:;r.istono
luppo attraverso adeguati fin anziamenti. complessi problemi di coordinamento e di integraz1one sui
II quadro attuale, a mio avviso, per certi versi, carente e quali peraltro non mi dilunghero in quanto l'argomento e anco-
scarasamente definito, lascia di fatto sulla Difesa Ia responsa- ra all'esame di una Commissione altamente qualificata, nomi-
bilita di decisioni che - non trovando adeguati e tempestivi ri- nata dal Signor Ministro. Mi limitero, pertanto, a porre in luce
ferimenti in scelte di Iondo, ne sufficiente integrazione con at- solo taluni punti essenziali. L'organizzazione di vertice, come
tivita proprie di altri organi deii'Esecutivo - suscitano talvolta precisava il Prof. Caianiello, e articolata su due branche di-
superficiali quanto ingiuste critiche. La responsabilita di tali stinte: Ia prima tecnico-operativa, Ia seconda tecnico-ammini-
e
decisioni, infatti, stata fino ad oggi - ad eccezione di alcuni strativa finalizzata aile esigenze di quella operativa, responsa-
programmi delle leggi promozionali - praticamente sostenuta bile delle scelte in quanto unica utilizzatrice dei mezzi.
daii'Amministrazione Difesa che si e dovuta anche preoccupa- Per meglio comprendere it problema che esiste all'interno
re di assicurare un indispensabile equilibrio nelle strutture del- dell'organizzazione della Difesa occorre prendere alto dell'esi-
l'industria nazionale degli armamenti, orientandone piu o stenza di esigenze di coordinamento orizzontale diverse da
meno direttamente le linee ed il gradiente di sviluppo e sup- quelle del coordinamento verticale. Le prime si riferiscono al-
portandone - in modo spesso occasionale - il "marketing". l'unitarieta interforze delle pianificazioni, vuoi operative vuoi
Tutt~ cio, m9ntre da un lato ha rappresentato - in mancan- relative all'approntamento e alia preparazione dello strumento
za di strutture e procedure piu idonee - un fatto tutto somma- e all'attuazione della pianificazione stessa. Le seconde si rife-
to positivo, dall'altro, ha praticamente circoscritto nell'ambito riscono invece alia possibilita delle singole Forze Armate di
della Difesa Ia gestione di problemi che, come ho gia detto, gestire unitariamente tutti i settori che incidono sulla !oro effi-
avrebbero dovuto coinvolgere altri settori in modo ben piu am- cjenza nell'area sia operativa sia tecnico-amministrativa. L'at-
pio e consistente. Appare necessario, dunque, che Ia pianifi- tuale assetto privilegia il coordinamento verticale rispetto a
cazione interforze trovi riferimento, oltre che in un modello di quello orizzontale e si rendono percio necessari appropriati in-
difesa necessariamente in continua evoluzione, anche in un terventi.
coerente ed armonico modello di sviluppo del Paese. Voglio precisare che anche ora viene esercitato un coordi-
namento orizzontale. Ne sono esempi il Comitate dei Capi di
II sistema d'arma "Spada". prod otto dalla nostra industria. SM e il Segretario Generate/DNA che esercita un importante
azione di indirizzo unitario nei riguardi dell'area tecnico-ammi-
nistrativa. lnoltre, il collegamento assai stretto delle varie Dire-
zioni Generali con gli Stati Maggiori, cnsente a chi ha Ia re-
sponsabilita della preparazione e dell'impiego delle forze di in-
dirizzare incisivamente i responsabili dell'attuazione tecnico-
amministrativa dei programmi. L'armonizzazione interforze e
certamente obiettivo arduo da perseguire, rna occorre ricono-
scere che ogni successo in questa direzione si traduce in van-
taggi globali che sarebbe errato sottovalutare. In ogni caso, a
mio parere i tempi sono maturi perche il problema venga af-
frontato nelle sedi opportune per pervenire ad una piu puntua-
le individuazione di sfere di competenza e delle relative re-
sponsabilita in modo da permettere, tra l'altro, una razionale
unicita decisionale, vero presupposto di ogni effettiva capacita
di pianificazione per uno sviluppo armonico e bilanciato del
nostro potenziale militare. I provvedimenti che possono dare
concreta risposta a tale problema, pur salvaguardando Ia indi-
vidualita delle singole Forze Armate, debbono riconoscere Ia
particolare posizione del Capo di SMD che ass i cur::~ l'unitarie-
ta dello sforzo difensivo, con il valido sostegno consultive for-
nita dal Comitate dei Capi di Stato Maggiore.
La posizione e le attribuzioni del Direttore Nazionale degli
Armamenti debbono peraltro essere ben definite, avendo ri-
guardo aile responsabilita che sono connesse anche con to
sviluppo di programmi multinazionali di sempre maggiore rile-
vanza economica, tecnologica e industriale.

11
II continuo confronto co n metodologie di "management" di meglio delle forze e dei mezzi disponibili, caratterizzando,
altri Paesi, imposto dai consistenti programmi di collaborazio- questi ultimi , in termini di potenza e di elevata precisione.
ne internazionale fin qui condotti, ha messo in contatto sia Ia II ricorso aile cosiddette "tecnologie emergenti" si pone,
struttura della Difesa (nei due settori tecnico-militare e tecni- quindi, per le Nazioni occidentali, quale esigenza da fronteg-
co-amministrativo), sia quella industriale, con interlocutori che giare e da soddisfare per opporre un valido argine alia cre-
agiscono con una incisivita ed una capacita decisionale diffi- scente minaccia. Ed in definitiva alzare Ia soglia nucleare. Le
cilmente riscontrabile nel nostro Paese. E ci6 non per meriti o attivita di Ricerca e Sviluppo, i relativi alti costi, Ia capacita in-
demeriti personali, rna grazie al sostegno che tali nostri inter- dustriale, vanno, peraltro, riguardate correttamente in una otti-
locutori hanno dal quadro normative in cui essi operano e gra- ca ed in una prospettiva non soltanto squisitamente militare,
zie aile diverse strutture " dedicate". Non ci si pu6 certamente rna in un contesto piu ampio che tenga conto di tulle le impli-
dimenticare che, per lunghi anni, il rappresentante italiano alia cazioni positive e delle ricadute sulle strutture socio-economi-
Conferenza dei Direttori Nazionali degli Armamenti fu il Presi- che, industriali ed occupazionali. In sede di programmazione
dente del Consiglio Tecnico Scientifico della Difesa che non va tenuto conto responsabilmente di tutto ci6, per individuare
aveva alcuna responsabilita nei settori di Ricerca e Sviluppo e le strade percorribili e Ia convenienza, sotto tutti gli aspetti, di
Produzione delle singole Forze Armate e gestiva, invece, in andare verso una direzione piuttosto che verso un'altra. II
proprio soltanto le attivita di Ricerca e Sviluppo di interesse massimo sforzo in campo nazionale deve, per6, sapersi ac-
interforze. Ne pu6 passare inosservato il fatto che il Presiden- cortamente coniugare con gli intenti di standardizzazione che
te deii'IEPG (lndipendent European Programme Group), nato vanno perseguiti e con processi di cooperazione Ira Paesi eu-
a Palazzo Salviati, fu il Sottocapo di SM della Difesa, oberato ropei. La frammentarieta degli interessi industriali ed economi-
di innumerevoli altri compiti che, poco o nulla, avevano a che ci hanno costituito, invero, una remora in campo NATO alia
fare con le tematiche di quel "foro" internazionale. Ambedue realizzazione della "standardizzazione" . A tale stato di cose,
si trovavano di fronte i 'Rappresentanti degli altri Paesi, unici solo in parte, si e cercato o si cerca di porre rimedio con Ia
responsabili nello specifico ed esclusivo campo della Ricerca- cosiddetta "interoperabilita" . Una prospettiva cosi delineata
Sviluppo e produzione di armamenti. Nessuna delle due aile potra essere realizzata solo attraverso una sempre crescente
Autorita aveva aile spalle una struttura " dedicata" del tipo di collaborazione ed una piu fattiva cooperazione tra Paesi euro-
quelle esistenti, per esempio, nel Regno Unito (Procurement pei, allo scopo di ottimizzare le risorse disponibili, e, soprattut-
Executive), in Germania (Direzione Generale degli Armamenti) to, per non creare pericolosi scompensi economici che potreb-
od in Francia (Delegazione Generale per gli Armamenti) an- bero derivare dall'ipotizzabile crescita esponenziale dei costi.
che se - ufficialmente - era chiamato a rappresentare il no- I tempi stringono: le Forze Armate debbono, perci6, fornire
stro Ministero della Difesa al tavolo delle trattative. chiari segnali di carattere operative con senso della realta che
Un passo in avanti e stata certamente Ia emanazione del non si veni di solo pessimismo, segnali che si debbono muo-
D.M. 24 novembre 1978 che stabilisce compiti ed attribuzioni vere nell'alveo di una indispensabile linearita di intenti, nella
del DNA, identificato nella stessa persona del Segretario Ge- consapevolezza che il livello di sviluppo tecnologico, che deri-
nerale della Difesa. Molta strada deve, per6, essere percorsa va al Paese anche dagli investimenti destinati alia Difesa, e
in campo ordinativo per conferirgli una reale capacita negozia- innanzitutto, un "bene del tempo di pace", lievito necessario
le e quelle facolta che si rinvengono nei DNA degli altri Paesi per Ia crescita complessiva della Nazione.
NATO e che comportano Ia creazione di un organismo ade-
guato, posto aile sue dipendenze per consentirgli di assolvere
i compiti assegnati.
'

Conclusione
Le tecnologie emergenti
In conclusione, facendo cenno a talune problematiche inter-
ne delle Forze Armate, quali quelle della pianificazione inter-
Vorrei ora soffermarmi su un argomento al quale si e ab- forze, della corresponsabilita interministeriale nella gestione
bondantemente fatto cenno nel corso del dibattito, per Ia sua del rapporto Difesa-lndustria e del nuovo assetto del vertice
attualita ed importanza e per le dirette connessioni che pre- militare, ho voluto solamente sottolineare Ia loro diretta inci-
senta con le tematiche trattate nel corso del Convegno; il denza sui ruolo delle Forze Armate nel quadro del dialogo co-
tema, cioe, del progresso tecnologico o. se si vuole, delle tec- stante con il potere politico ed il mondo industriale volto ad ar-
nologie emergenti. E' un dato incontrovertibile che il progres- monizzare quella che ho indicate come Ia triade "risorse",
so tecnologico e le innovazioni che esso comporta sono inti- "esigenze", "produzione". In tale contesto non v'e dubbio che
mamente collegate con lo sviluppo di ogni strumento militare. Ia chiarezza, Ia completezza, in una parola Ia credibilita con
Pu6 fondatamente affermarsi che dalla fine del secondo con- cui sara possibile esprimere le esigenze mililari in termini di
flitto mondiale, Ia pace e stata mantenuta anche grazie al rag- beni materiali, e fortemente condizionata dalla soluzione dei
giungimernto di un sostanziale equilibrio di forze. Tale equili- problemi dianzi accennati. Affrontarli e risolverli con soluzioni
brio e, oggi, gravemente compromesso dall'incremento quanti- equilibrate e lungimiranti rientra nell'interesse comune, quale
tative e qualitative delle forze dei Paesi deii'Est. Le Nazioni premessa per una sempre piu spinta collaborazione del mon-
del mondo occidentale debbono, perci6, dare una risposta do militare ed industriale nel superiore interesse della Difesa
pronta ed adeguata, facendo ricorso anche aile proprie capa- e del progresso generale del nostro Paese.
cita tecnico-scientifiche che consentano loro l'utilizzazione al Gen. Lamberto Bartolucci

12
COMMEMORAZIONI

Un ac roporlo del Sud


du rante Ia guerra di li bcrazionc.

COCCARDE TRICOLOR/
NEI CIELI DEL SUD
Da l 12 al 1-1 o t tobre. ne Jrambi to d e lle portuale, in quanto punta eli racco lta
ce le braz io ni inclcllc per il 40. a nnive rsa- di Giuseppe Masini deg li auto mezzi A. M .. facen ti Ia spola
rio de ll a gue rra eli liberazione. e stalO tra Ia vic ina base e Ia ci tta .
ricordaw ~ Leece il cont ribu to pro ffe rt o Succcssivame nt e. dinanz i a ile sum-
dalla nostra aviazionc a quc Jraspra Iot- del giorno 12 con un a lto quanto ma i si- menzionate persona li ta e un folto grup-
ta . protrallasi per be n ve nti mesi e ca- gnificat ive: prescnti il Capo el i Stato po di ex comba tt e nt i. il Sindaco della
ra tterizza ta. a l d i li\ dci sacrifici e dci ri - Maggio re dell a A. M .. Gen. eli S.A. Ba- be lla citt il pug licse. c hiamata da l Grego-
schi affrontati da uo mini che avcvano silio Co ttone: il Comanclantc della Ill rovius Ia "Firc nzc de l barocco··. ha con -
gi<t su lle s pallc o lt re tre a nni eli crue ntc Regionc Aerca. Cic n . di S.A . S iro Ca sa- fe rito. ne llH sa la consili arc de l munici-
ba t taglic, cia un profond o torme n to spi- grande; il Presiden tc Nazionalc d c ll" As- pio , Ia c illadinanza o noraria locale al
ritua lc. viss uto . per a ltro. nc l mezzo eli sociazio ne Arrn a A eronautica. Gen . di Gen . Cot tone. il q uale. nel suo ind irizzo
una viccnda certamcn te Ia piu dra mma- S.A. Catullo Na rdi; le massime Au to rita di ringraziarnento accompagnato da un
t ica delri ntero arco della sto ria unitari a regiona li e citt adinc c num e rosi rcduci. simbol ico dono, costituito cia un'artistica
d e ll a nazione itali a na. I" A rnrninistrazione comunale di Leece riprod uz ionc d e lla ste mm a a raldico del-
Ta lc commc morazio nc. im prontata. ha d edicato a ll" Aeronautica Militare un In Fo rzn A rmata. ha voluto prccisarc.
cosl co m<.: Ia c in :ostanza lo richiedcva. a mp io spazio urbann. il " largo·· an ti- con un sincl:ro traspo n o. di consi dcrarc
ad· una no n co mun e, ma a nchc sobri a, stante il caste ll o di C arlo V . d ivenu to !' a lt a tcst imo nianza di stima riccvuta ri- llo....
so le nniti\ . ha avuto ini zio il pome riggio a Jrc poca una specie di appendi ce a e ro- volta a tutt i g li aviatori ita li ani per i scr- 1111""'"

13
Uno scorcio di Leece.
II castello di Carlo V.

vizi da cssi generosamc ntc c costante- st ro dell a Difesa , Sen. G iova nni Spado- to Moci, decora to deii' O rdine Milita re
me nte rcsi a li a Pa tria: lini ; i Sottosegre tari Gorgoni e Leccisi; d' lta lia, Ma rio Bacich , unico s upe rstite
A lia se ra, nel Po lit eam a Naziona le, e mc m bri de l Parla mc nto. tra i q uali it tra i Comanda nt i d e i re parti che opera-
stato te nuto da l Co rpo musicale de l- Sen . De Giuseppe c gli O n .li Me le leo. ro na a sud. fra mmisti a coll eghi . grega-
l'A .M . un magni fi co concerto. Pla tea Me mmi e Poti; il Capo di Sta to Maggio- ri , specialisti e avieri di un te mpo, a mici
g rc mita, vivissimo successo. re della Difesa , Ge n. di S .A. La mbe rto tra amici, legat i tutto ra l'u n l'altro da
Ba rt o lu cci; le precitate A utorita mili tari que l particola re sentime nto d'affe tto ,
c c ivili ; il Coma ndantc Gcnera le delle mis to a reciproca stima e fiduci a . che
Scuo le dell' A.M. , Gen . di S.A. Cesare unisce. sem prc , e per sem pre , uo mi ni
II scguc ntc gio rno 13 it momento pn1 Fazzini ; avia tori in servizio e in congedo legati ad un co mune destino, specie se
inte nso della rie vocazio ne in argomento, e tra qucsti ultimi raccolti sotto le inse- a ltale na nte , come in que i giorn i lon ta ni ,
svoltasi, a buo n diritto, sull ' aeroporto di gne dcii'"A.A.A." tant i red uci a ncora, s ui ca mpi di volo. a bordo degli ae ropla-
Lecce-Gala tin a a ttua lmen te sede della circa un mi gli aio , gi unti da diverse parti ni . ne l fu oco de i comba ttime nti , nel tur-
Scuo la di volo inizia lc aviogc tti. che su d' lta lia su velivoli e a uto bus, messi a di- bi ne di cento avventure , tra Ia vita e Ia
di csso s i ebbero Ia ricostituzio ne e Ia sposizio ne dall ' Aeronautica c a degua ta - mo rte; e sentime nto , pe r di pill ulte rior-
principale base o pera tiva dei Re parti d i mc ntc assistiti ( no nostante qua lche pic- me nt e rinsaldatosi per esse re dive nuto
volo chc, all ' indomani dell'armistizio , ri- co lo contratte mpo , inevitabile in avveni- a llora, sotto il c ro llo de i trad izio nali im-
prescro a com battc re con stre nua le na- me nti de l genere) da l sodalizio di appar- palchi dello Sta to, Ia sola fo rza d i a mal-
cia contro un nuovo , spie tato nem ico. tc nc nza. In prim o pia no t ra costo ro le gamazio ne c di spinta de l loro agire e
Pa rtecipi della grande ce rimon ia in c ui p restigiose figure dei Gen. li Francesco de l loro spc rarc . .
e venu ta ad esprim e rsi detta rievocazio- Cava le ra , gia Capo di Stato M aggiore Alia testa di Reparti schi e rat i in a rmi
nc. in una sincera c compat ta unita di de lla Difesa, Giulio Cesare G raziani, in un vasto hangar, pavesa to a festa ,
mot ivazio ni morali c di inte nt i, il Mini- Medaglia d ' Oro a l Va lore Mil it a re. Pao- tutte lc bandiere di g uerra dcll ' aerona u-

II Capo di Stato Maggiore dcll'i\erona utica, (;en. S.A. Basilio Cottone, rnc ntre riccvc
dal S indaco di Leece l' attestalo del conferimento della cittadinanza o noraria.

14
tica a simboleggiare Ia concorde rinasci- Armata. rappresent ato dai sott ufficiali . Iizzi no per quell a giustizia sociale. a nco-
ta dell a nazione e, affi a ncato ad esse, it specialisti e mi litari di truppa, ha ceduto ra tanto care nte , specie nei ri gua rdi del-
laba ro dell ' Associazione Arm a Aero" it microfono aii'A iutante di B a ttaglia , la tutela delle nostre classi di nascita ,
nautica, interamente trapunto di Meda- all 'epoca 1" Aviere mitragliere d i bordo per quella sere na convive nza, per que l-
glie d'Oro a t Ya lore Militare. simbo lo Rosario D ' Angelo con un passato di 120 l'amore di Patria in nome della quale i
de l coraggio , dell'abnegazione con cui missioni di guerra , 60 azioni nella cam- migliori di noi so no cad uti ...
gli aviatori ita liani ha nno in ogni eve- pagna di liberazione, 15 combattimenti
nienza adempiuto at proprio dovere sen- aerei sostenuti con tra Ia caccia avversa-
za mai porsi domande. litigi solo aile ri a, piu volte fe rito. 8 ricompe nse at va-
leggi dell a Patria e dell'onore milita re, e lore. Termi nato tra scroscianti applausi it
per molti di essi sino all'est re mo sacrifi- Ecco il suo discorso: surriportato inte rvento , cosl it Capo di
cio, scrivendo pagine di un 'epica gran- "Sono fie ro e onorato di avere Ia pos- Stato Maggiore dell' Aeronautica:
dezza pur in una so rte ta lo ra avversa. sibilita di pre ndere oggi Ia parola. Sento " E' per me un grande privilegio tro-
La ce rimo nia si e aperta con un 'allo- Ia grande responsabilita di rappresenta- va rmi oggi tra colora che ope rano da
cuzio ne del Gen. Ca tullo Nardi. re tutti colora che h ~ nno affrontato ri- questa e da altre basi aeree del sud , of-
" Qua le Presidente de li'Associazione schi e sacrifici tra it 1943 e it 1945 agen- fri rono it lo ra generoso contributo a li a
Arma Aeronaut ica - egli ha detto - ho da da lla nobile. ospita le Pugli a. libe razione d 'ltalia. Ed e a loro c he.
l'onore di rivolgere, a no me dei red uci e Scelsi Ia via del sud come molti altri , quale Capo di Stato Maggiore e. qu indi ,
degli aviatori in congedo, un reverente , per Ii bera e ferma convinzione, nella fi- respo nsabile della Forza Armata , desi-
commosso pensie ro ai co mpagni cad uti d ucia di potere contribui re alia salvezza dero esprimere tutta Ia fie rezza e l'orgo-
in tutti i cieli e in tutti i te mpi ; un ea ldo dell ' ltalia ... glio dell' Aeronautica Militare per averc

II M inistro della Difesa, Sen. G iova nni Spadolini ed i Capi di Stato Maggiore della Difesa e dell' Ae-
ronautica a t !oro ingr esso nell'aviorimessa detraeroporto di Lecce-Galatina.
saluto a ile Au toritit qu i prcse nti ; un au- ... Ripresi ad ope rare co n to Stormo avut o tra le sue fi le uom ini veri che tan-
gurio affe tt uoso at persona te in servizio Baltimore, rna desidero qui ricorda re i to dettero senza nulla chiedere .. .
de li 'Aero naut ica Milit a re con un sentito combatte nti - pi loti, tecni ci, specia listi e ... Noi tutti dobbiamo al sacrificio e al
ringrazia mc nto per ave re voluto ri corcla- personate d i governo- eli tutti i Reparti. coraggio di uomini co me questi, che
re in sie me quegli episodi , d i carattere Caccia, bombardi e ri , trasporto, idrovo- seppero a nte porre agli inte ressi pe rsona-
prevale nte me nte mora le , che permise ro la nt i, logistici. li o d i parte que lli deii' Aeronautica e
a i Re parti eli sopravvivere allo sfacelo Chi a llora ha vi ssuto que i tempi ricor- de lla Patria, se fu poss ibile sa lva re Ia
naziona le . segnando l' inizio dell a lu nga. da le enormi d ifficolt a. Ia ma ncanza el i sovranita e Ia Iibe rti\ nazio nal e.
diffici le , spesso umi liante. via de lla rico- ogn i piu e lementa rc conforto, rna in pri- Pe r rend e re tangibile testimonianza
struzione naziona le: via che fu intrapre- ma luogo il lavoro improbo e q uasi mi- de ll'alto valore e de l profondo sign ifica-
sa senza calcoli e condizioni , sotto l'e m- racoloso per fare tornare in volo aerei to che Ia Forza A rmata , in ogni suo
pito immedia to dei se ntimenti. cia solda- con le cocca rde tricolori. uomo , att ribuisce all' opera di chi , nel-
ti. ma rinai e a viatori , da questa me ravi- Ero ne ll a for mazione del Magg. Erasi, l' ora piu diffic ile. seppe ma nt cnerla viva
gliosa te rra pugliese all' indomani dell a abbattuto da ll a contraerea tedesca nel ed unita , sono sch ierate le bandiere eli
tragedia de ll 'S sette mbre." bacino deii'A rsa. Yidi con i mie i occhi gue rra dell' Aeronautica milit are e d i
Ril eva to come di questi uomini si par- l'esplosio ne de l vc li vo lo. Ia caduta dei qu e i suo i Reparti che combatte ro no Ia
li sempre troppo poco e ben poco o nu l- rottami . In que lla fia mm a ta, rimasta im- campagna che stiamo rievoca ndo.
la si facc ia in co ncreto, co me sarc bbe pressa ne t mio a nimo, accom un o qu anti La lo ro presenza qui e, a nche, sim bo-
dove roso, nei loro riguardi , il Gen. Nar- eaddero per ideali, in cui tuttora noi re- lo di con tinuita; sta a sign ificare che
di. intende ndo con cio porre nel giusto duci fermame nte c rediamo. quel patrimonio di ideali, per Ia cu i af-
risalto il p rczioso, eroico ruolo svolto, Combattemmo con le armi ed ora lo fe rmazione quattro dccenni or sono lot-
ne ll'alveo eli una fulgid<f, esaltante tradi- faccio con Ia nostra p resenza civile per- tarono i reduci che noi oggi onoriamo , c IIIIo...
zione, cia quell'asse portante della Forza che tal i ideali , a nco ra incompiuti, si rea- lo stesso nel qua le ritrovano Ia loro ma- ,.....

15
L· Aiutante di Battaglia Rosario 0 ' Angelo
nel suo intervento.
con una stupcfacc ntc a udacia. documc n-
tata dal confc rimc nt o di 26 Me daglic
d ' Oro a l Va lo re Mi litarc e 500 el'A rgc n-
to e eli Bro nzo - e con ris ult ati eli ra ra
e ffi cac ia. largame nt c c ufficia lmc nte ri-
conosci uti . per a lt ro. dai co mandi c dai
m assimi espo ne nti eli governo anglo-
a me ricani , tra cui i qu a li Wi nsto n C hur-
chill e Ha rry T rum a n . il Ge n . Cotto ne
ha aggiu nto:
.. Di grande sig nificato si c. a n-
che. ri vc lata l'a tti vita de l fro ntc clande-
st ino eli resistc nza de ll' Ac ro na utica chc .
so rto ne i primi gio rni de l no ve mbre
1943 . ha pa rtccipato a ile ope razio ni be l-
lichc co n azio ni di sabo taggio , con Ia
pro paga nda c con il rccupc ro eli m a te-
ri a li . Nc l giug no de l l lJ44 i suoi iscritti
e ra no 2.500 c gia nume rosi i cadut i ...
... La co mmozio nc da lla q ualc ia mo
presi ne l ricorcla rc lc gesta eli qucsti un-
mini c i vicnc da lla considcrazionc d i
qu a nto p ro fo nda c stata Ia fed c chc li ha
a nima ti. quanto e lcvat i se ntim c nti , gli
iclcali c he ha nno ispira to le lo ro azioni e
trice gli aviato ri dei nostri giorni . e lo
stesso be ne prezioso a l qualc dovra nn o
continua re a d ispira rsi lc futu re gene ra-
z io ni .
In un mo me nt o oscuro e t ragico pe r
tutta Ia nazio ne. quando tutt o semb ra va
irrim ediabi lme nte pc rd ut o. ebbe ro
modo di rifulge re i va lo ri e te rni de llo
spirito, i se ntime nti piu no bili dc ll' a ni-
mo.
II logo ri o fi sico e mo ra le, l' intim o tra-
va glio. le c no rmi diffico lta materiali in
cui qucgli uo mini si trovarono ad o pe ra-
re no n fecc ro venire me no. a nzi csa lta-
rono. il ge nc roso s la ncio e l'uma na soli-
darie ta.
Fu q ucsto scntimc nto chc. appe na
qu a lchc giorno dopo l'armi st izio. li spin-
se. no nosta nte Ia pe nuria de i mezzi di-
spo ni bili . ad accorrc rc nc i cic li di Corfu
c d i Cc fal o ni a pe r po rta rc a iu to ai fra -
te lli in armi de lla " Di visio nc A cqui" .
Fu l'a nsia eli un imme clia to risca tto
c hc po rto i rc pa rti da caccia ad c ffe ttua-
rc lo stesso mese di se ttc mb re le prime
azio ni o ffe nsive lu ngo le coste de ll a J u-
gos lavia . A lba nia c G recia".
- Posto in lu ce come, solo grazie all'ap-
pass io na ta o pe ra di ricostruzio nc de lle
supe rstiti Fo rzc Acree, prcscnti o afflui-
tc a l sud. compiu ta cia quc i so ldati de l
ciclo. a li a loro fe rrea dc te rminazio ne. fu
possibi lc, ad a ppe na un mcsc di d ista nza
da ll'a rmi stiz io. il 15 o tt obrc, giungerc
alia cost ituzione di una U ni ta Aerea su
3 Raggru ppamcnti - Caccia. Bo mbarda-
me n to-Trasporto. ld rovola nti - con co n-
tcmporanco suo inserime nt o ne lla "Bal-
ka n A ir Force". post a agli o rdini del
Co ma ntlo Aereo A llca to de l Med ite rra -
neo; cvidc nzia ta Ia port a ta dcll'inte rvc n-
to di de lt a U nit a nella ca mpag na in que-
stio ne - 4.000 azion i be lli che con o ltrc
60.000 ore d i volo. condo ttc principa l-
me nte sull 'accanito fro nt c cl e i Ba lca ni

''Aireobra P. 39" del IV Stormo in volo di


guerra.

16
II Ministro della Difesa mentre pronuncia
Ia sua allocuzione.
per Ia d ifesa dei q ua li . come a tt es ta I' a l-
to num ero d e i cad uti c d e i dis pe rsi.
mo lti no n ha nno esita to a sacrificare Ia
pro pri a esiste nza .
La lo ro ope ra e qu e ll a di t a nti a ltri
soldati e ma rinai d' lta lia , seppure p re-
senti ne lla nos tra me mo ri a, segno l' a lba
d i u na nuova realta. q ue ll a de ll'ordin a-
me nto repu bblica no. alia cui nascita
I' A e rona uti ca ita lia na lui contri b uito in
rileva nt e misura.
L a concessione d i un a de ll e Medagl ie
d 'Oro a l Valo re Milit are d i cui Ia sua
ba nd iera e insignita costituisce anc he il
riconoscim e nto del valo re e d e ll 'e ro ismo
d e i q ua li i suo i uo mini mi gli"o ri ha nn o
dato p rova d u ra n te Ia g ue rra d i li bera-
zio ne.
A i re duci un vivo riconoscente ring ra-
z ia mento".
A ile calde e vib ra nti paro le de l Capo
d i S tato Maggiore deii' Ae ro na utica, so t-
tolineate spesso e specie a l te rmine d e l-
l' a llocuzio ne da lui pro nunciata. da en-
tusiasti ci consensi. ha nn o fatto seguit n
q ue ll e d e l ministro de lla Di fesa.
Pun tua lizzata, a nch · egli . l'import a nza
che i combatte n t i de lla libe razione han-
no avut o ne ll a rinascita del nostro Pae-
sc , pone ndo ne ne l co nte mpo in pi e no ri -
salto il va lo re profuso e i sacrifiei soffe r-
t i in un a g ue rra d ' inso lita asprezza. q ua-
si a raccogli e re u n ideale messaggio di
quanti cadd e ro ne lla s pera nza d i u n
• mo ndo mi glio re , il Sen . Spadolin i ha d i-
chiara to:
·· ... Pe r Ia pace noi lavoria mo in E u-
ropa e in Occide n te . Lo abbia mo ri bad i-
to a Stresa: i Paesi d e ll ' alleanza at la n ti-
ca sono per Ia riprcsa d el negoziato n u-
cleare tra Est e Ovcst e, di frontc a l
raggiung ime nto d i un a p ia tta fo rma d i
accordo , so no pron ti a smante ll are i
missili gia ins ta ll ati. ossia quelle cont ro -
misure occ id e ntali seguite alia doppia
d eci sione d e l dice mbre 1979. E siamo
per ritrovare un p unto eomu ne ne ll a d i-
fe sa de ll a comunita c u rope a. ne ll a pil1
va sta cornice atlantica . E ' qucsto il sen-
so de lla confe renza d e i Minist ri della
Difesa e d egli E ste ri d e ii'Unione Euro-
pea Occidentale. co n vocata a Roma pe r
il 26 c il 27 ottobre . Ia prima che avvie-
ne nc l corso di un tre nt e nnio c Ia p rima
che alime nt a el i nuo vo le s pe ranze el i
una Co muni1a e urope a d i difesa chc at-
te nui lc minacce d e lla el istruzio nc nu-
clc a re (ch e sarebbe Ia fine dell ' uman it ~1)
e riporti l'atte nzio ne sulla poss ib il it ~1 d e l
clisarmo controllato c bil anc ia to ai piu
bassi li velli possibil i ...
. .. In questi quarant'a nni abbiamo regi-
st ra to gran eli p rogress i. m a d obbiamo an-
co ra ri pararc pro fondi squilihri. Co lon>
c he caclde ro ne lla guerra eli libe ra zione
g ua rd ava no a d un ' l ta li a d ive rsa e mig li o-
re d i que sta che sia mo riusciti fin o ra a co-
struirc. Ecco pc rc hc noi ria ffe rmi a mo c he
Ia via pe r uscire dai fat tori el i turbame n to
e eli d e gradazio ne che affl iggono il nostro
Pacsc in questo mome nt o c il ritorno a li a
costituzione re pubblica na. ne lla lc l!c ra ......
ma ancora piu ne llo s pirito".

17
\ eruporto di Lecce-Galatina. La cnrdiale riunionc ron\'i\'ialc tra gli intervenuti a lia l'(•rimonia .
Conclusasi con il disco rso de l Ministro speui vi Comandanti . Col. Corrado Salvi litico. c le mc nt o primario di ricos truzio-
de lla Dife~a. a nc h'csso a lungo e ripetu- e Co l. Augusto Be rtinari. ne di una " nuova" comunita , basata su
tame nte applaudit o, Ia fasc ufficia lc del- qucgli stessi idc a li. di lihc rtil . eli gius ti -
la comm e moraz io ne, ha avuto luogo una z ia. che delto cse rcit o aveva e le lto a
spettacolare manifcs tazio ne acrea . im- propria bandiera.
pe rniat a sullc csibi zio ni di un a li a ntc Ncl c hiu derc questa nostra modesta La scconda considerazio ne allienc a i
che ha evoluito in e legant i figuraz ioni a cronaca c i sia consentito aggiungere due gio rni eli oggi. Come giil in prececlen ti
te mpo di musica: un lancio , d'insolita brevi. pcrsonali consiclerazion i. eli cui Ia analogh i avve nim en ti svolt isi in a ltre cit-
be llczza. di un gruppo di paracaduti st i prima a ltro non c chc una specie d i a n- ta d'ltalia abbiamo avuto modo di nota-
deii'A . M .. i ben noti "Falchi ble u"; un notazionc a pic' di pagi na a l bri llan te di- rc anchc qui a Leece una straordi na ria
attacco s imulato seguito da 4 '·G 9 1 Y", scorso del Capo di Stato Maggiore del- accorrenza di folia co n aperte. calorose
4 "F 104 S" e 2 ''M RCA Tornado"; due I'Aeronauti ca e precisame nte a l passo in ma ni fcstazioni ui stima verso lc Forzc
passaggi di 16 .. IB 339'' della Scuola di cui egli ha posto in ch iara evidenza il Armate. ancorchc. per l'occasione mani-
volo di Leece: c. infine. su un interven- fatto chc l'albn de l nuovo ordinamcnto fes tat e ver o I'Acronautica Militare.
to delle "Frcccc Tricolori" chc, come democra tico del nostro Paesc c nata ui Cio. sc nza uubbio per il riemergere
semprc. hanno portato a l massimo !'en- campi eli ha11aglin della guerra di Iibera- sovcntc. come ne lla cant cillil puglicse.
tusiasmo di o ltre 10.000 spellntori. zione. di ant ic hi comuni rico rdi, di antiche co-
Si c t rallato di una parata che per E' questo un d<ttO incont rovenibile e muni ~o fferen lC e pcranzc, scppure. in
l'occasione ci sembra abbia avuto un poichc csso c troppo spesso diment icato linea generale. unit a me nte all'amorc chc
suo spccifico significate. Essa, infalti , per ragioni che non stiamo qui ad illu- il popo lo ita liano nutrc peri suoi fi gli in
non ha vo hll o solo fornirc un a prova o. strarc (ma chc, d 'a ltro ca nto. sono fa cil- a rmi .
meglio , un ' ultcrio rc prova agli occhi me nte intuibili ) molt o be ne ha fallo il Pe nsiamo, tullavia , c he in talc com-
dell a pubblica opi nionc de ll 'clevata effi- Gen. Cottone a ricordarlo. portamento sia un a hen pii't incisiva ra-
cie nza o pc ra ti va de ll a nostra aviazionc, In proposito una scmplicc rilc ttura gionc rapprcsc ntat a dal fa llo c he da
nonostant e lc tantc difficolt il essc nzia l- storica. II 10 scllc mbre de l 1943, il G e n . qualc hc te mpo in qua si va risco prc ndo
me nte di caratt e rc fin a nziario cui essa si Eisenhower avcva clic hia ra to a nome de l ncllc Forzc Armatc, ncl !oro passa to,
trova eli frontc , ma anchc, c prima di suo govc rn o chc lc iugu latoric condizio- nel !oro presc nt e. ne l loro a lto se nso del
IUIIO. dare il segno eli una continuit il. ni armistiziali a noi irnpostc a Cassibi le dovcrc e del !>acrificio. il s im bolo p iu
idealc c concreta tra gli avia to ri di ie ri avrebbcro pot ut o csscrc ampia me nte vivo e piu pa lpitan tc. si no qu asi in una
c di oggi. di una tradizionc chc non co- corre llc in o rdi nc al contributo mil itare raffigurazione concrcta , d i quci va lo ri
noscc soluzion i di cont inuita e, in pari chc l'llalia avrebbc dato ne lla guerra ideali che. altualmcntc. dopo tanti mi-
te mpo, esprimc un affcttuoso e ricono- contro Ia Germania . s tificanti inganni c amarc dclusion i. tor-
sccntc salu to a quanti nei hui anni del Orbenc. sc tullo questo avvcnne. con- nano a riaffiorarc nc llc coscicnze dei
19-13-19-15 dispcratamentc si batterono se n tendo cosi al manoriato popolo ita- ci11adini. qua le unico pun to di riferi-
per sconfi ggc re, come sconfisse ro , un lianu una piu agcvolc rinascita. fu mcri- mcn to de l proprio vivcrc. del proprio
fato ncm ico nel corso di una battaglia 10, prima anco ra dcgli uomini politici. progrcdirc in un ardentc dcsiderio di
se nza meno tra lc pitt grandi su i piano venuti a lia ribalta in un sccondo mo- pace nella sicurczza.
mora le c. per talc moti vo, Ia piu esal- mcnto. dci comha llenti della libe n a - "La vera forza dci popoli. annotava a
tantc, della nostra sto ria acrona utica e ben 80.000 morti tra le Fu rze Armate Sant'Elena Napolcone. c qucll a morale.
nazionale. rcgolari - di un cscrcito, qui intcso nelle dci grandi idca li. Qua ndo questa vicnc a
II succcssivo giorno 1-1 c st<llo quello sue compo nc nti di te rra . d i mare e de- mancare. nulla sovvicne in aiu to. Non le
della chiusura uc l ciclo cc le brativo. dei !'aria . divcnuto in que l fran gc nte. per ricchezze. non gli ese rc iti , non Ia fort u-
libc ri incontri. dc ll'arri vederci, ne l qua- un alto di spontan c a volont<'t. da stru- na . E' Ia lczio nc de ll a stcll'ia".
d ro di un<t sq uisit a osp it a liti\ offcrta su i- me nlo. cosi come \! in ogni Paese, d i un
lc basi di Leece c di Amendo la dai ri - cc rt o qua l prccos tituit o asscll o soc io-po- G iuseppe Masini

18
AERONAUTICA
n. 11 NOVEMBRE 1984 1

IL PRES/DENTE NAZIONALE AI SOC/


II Presidente Nazionale ha effettuato letterario , giornallstico, cinematografico, Nel corso della piccola familiare ceri-
nel mese di ottobre un intenso giro di artistico, ecc. da proclamare in una sa- mol";a di Campomarino si e avuto un
visite partecipando a cerimonie, a mani- rata dedicata aii'Aeronautica fra quelle evento straordinario. Crediamo per Ia
festazioni ed a riunioni, di seguito indi- programmata per festival o manifesta- prima volta nelle nostra storia aeronau-
cate. zioni artistiche locali importanti. Questa e
tics Ia moglie di un Aviatore stata insi-
Un incontro con i dirigenti ad Asti il tipo di manifestazione a carattere regio- gnita della cittadinanza onoraria nell'in-
30 settembre e Ia classica annuale ceri- nale o interregionale darebbe una svol- tento di premiare in lei i sacrifici e le an-
monia in omaggio ai Caduti del Piemon- ta culturale aii'Associazione ed awici- sie di tutte le donne degli Avlatori. An-
te al Santuario/Sacrario di Loreto in Co- nerebbe ad essa i giovani e Ia societa; che su questa troverete un articolo nel
stigliole d'Asti il 1• ottobre; l'inaugura- il Piemonte o altra Regione, potrebbero nostro giornale.
zione il 2 ottobre in Vignale Monferrato, essere di esempio e di stimolo aile altre Questa intenso periodo si e significa-
di un monumento, composto da un veli- Regioni. Un augurio di buon lavoro aile tlvamente concluso a Desenzano il 21
volo e da una targa, dedicato alia Pattu- Sezioni Piemontesi ed aile Autorita! ed a Vigna di Valle il 23 per Ia celebra-
glia acrobatica; l'incontro con Ia Sezio- Gli incontri e le riunioni "ad hoc" han- zione del cinquantenario del record di
ne di Pallanza il 3 ottobre e l'omaggio no permesso di conoscere il pensiero di Agello.
al Monumento ai Caduti eretto da quella dirigenti e soci su molti progetti e pro- La celebrazione quest'anno si e sdop-
Sezione; Ia riunione con i Presidenti o blemi associativi in modo da regolare e piata a causa della inaugurazione del
lora rappresentanti delle Sezioni del Ve- mediare Ira i vari suggerimenti e propo- settore dei Record al Museo Aeronauti-
neto a Verona il 4 ottobre; l'incontro con ste Ia linea di condotta generale. II P.N. co; riteniamo e ci auguriamo che cio
i rappresentanti della Sezione di Bre- ringrazia colora che hanna voluto se- non voglia affatto spostare il centro tra-
scia e con le Autorita e Ia Sezione di gnalare suggerimenti e critiche ed in dizionale delle celebrazioni da Desen-
Desenzano il 5 ottobre anche in vista particolare per il generale apprezza- zano che ha meritato in molteplici anni
del cinquantenario del record di Agello; mento che e stato espresso sulla ge- di attenzioni Ia paternita cittadina di
l'incontro col Comandante e col perso- stione, sui progetti di sviluppo e sulla quel Reparto A.V. che onor6 ed onora
nale del 53• Stormo il 6 ottobre; Ia mes- politica volta ad ignorare insulti e provo- l'ltalia.
sa al Santuario di Crea in suffragio dei cazioni allo scopo di evitare ulteriori In conclusione di questa arido ma ne-
siluranti Buscaglia, Erasi Faggioni e fonti di divisioni. cessaria resoconto sentiamo II dovere
Marini e l'incontro conviviale con i soci Un particolare ringraziamento va a di rivolgere a tutti i Reduci del conflitto
di Trino il 7 ottobre; Ia cerimonia di Ac- tutte le Autorita militari e civili che han- 40/45 il ringraziamento per aver voluto
qui in omaggio ai Caduti a Cortesio 1'8 no partecipato aile nostre manifestazio- partecipare alia "Ioro festa", anche se
ottobre; contatti a Firenze presso Auto- ni ed a quelle che partecipano attiva- talvolta l'impegno utficiale e Ia comples-
rita militari e cittadine per Ia pubblica- mente ai nostri programmi di sviluppo. sita degli eventi ha travolto l'organizza-
zione di un libra aeronautico lo stesso 8 Grandissimo rilievo hanna avuto le zione che non e sempre riuscita a porre
ottobre. cerimonie di Leece del 12-13-14 ottobre in giusta "posizlone logistics" i Reduci
Nel corso di dette visite soci e diri- e quelle di Campomarino del 15 ottobre, che almena anziani purtroppo sono!
genti hanna potuto esprimere e dibatte- sulle quail il nostro giornale, in questa Per colora che non avessero parteci-
re problemi di interesse generale e par- stesso numero ha gia ampiamente rife- pato si segnala che Ia commemorazio-
ticolare, consentendo al Presidente di rita. Hanna vista una folia partecipazio- ne ufficiale dell'evento e stata tenuta
ricavare "il polso" di importanti settori ne di Reduci e di Soci che hanna potuto daii'A. di B. D'Angelo Rosario, allora 1
associativi. utilizzare 400 posti aerei e 400 posti au- Av. mitragliere, 9 volta decorato, a Lee-
Durante le cerimonie e gli incontri pie- tabus. Vi e stato un solo piccolo disgui- ce e dal Gen. Dallari, allora S. Ten. Pi-
montesi sono state contattate molte Au- do, anche se importante per i 4 soci Iota, pluridecorato della Caccia a Cam-
torita locali, Sindaci, Assessori Regio- che l'hanno subito e ce ne displace. Le pomarino realizzando una slgnificativa
nali, ecc. e si e potuta constatare una targhe ricordo per i Reduci saranno in- rotazione di personaggi, ruoli e gradi
sostanziale identita di vedute con i diri- viate a cura del Comando Aeroporto in volta a ricordare a tutti l'unita del perso-
genti centrali e locali dell'Associazione accordo con Ia Presidenza. Nel corso nale dell'Aeronautics quando i grandi
sulla opportunita di intraprendere tutti i delle cerimonie di Leece il Ministro Spa- eventi della Patria chiamarono.
passi necessari ad unificare le cerimo- dolini ha dimostrato Ia sua sensibilita al Aile Autorita militari e civili ed ai Pre-
nie viciniori in un evento importante, a problema del Reduci e Soci "pensionati sidenti e Soci un sentito ringraziamento
rotazione fra le varie localita, centrato d'annata" ricevendo il Gen. Graziani ed a nome del partecipanti e mio personale
su una cerimonia di omaggio ai Caduti il Gen. Nardi alia presenza del Capo di per Ia squisita e atfettuosa ospitallta,
da un Jato e su una manifestazione cul- S.M. della Difesa Gen. Bartolucci e del ovunque superiore ad ogni aspettativa.
turale aeronautics dall'altro. Si e ipotiz- Capo di S.M. deii'Aeronautica Gen. Cot-
zato un premia annuale aeronautico, tone. Sui colloquia si riferisce a parte. Gen. S.A. Catullo Nardi
2---------------------------------------------------------------------------------
LA MOSTRA
DELL'ALIANTE
A VALBREMBO
Si e rece ntemente svolta Ia deci ma
edizio ne de lla Mostra Mercato detr A-
Iia nte di Valbrembo. La mostra , orga-
nizza ta dalla G lasfaser Ita lia na , e dive-
nuta it punto di incon tro annua le obbli-
ga torio degli a ppassionati de l vo lo a
vela, non solo italia ni . e di impo rtan ti
costru t tori.
In mostra quest'an no, o lt re le macchi-
ne gia no te l'affe rmato s ta nda rd DG-300
de lla Elan, it biposto T win Aero de ll a
Grob, it motoali ante 0 1098 della stes-
sa casa ed it PIK 20E, ora costru ito in
Francia. Le novit a era no costituite dal
nuov issimo standard Discus d i Ho li- Uno scorcio della Mostra Mercato dell' Aliante a Valbrembo.
ghaus , reduce d alle affermazioni di Rie-
ti , e daii ' ASK 23 di Schleiche r clestina to
all' uso ne i clu b; tra i mo toali ant i da llo
Janus CM, pure d i Ho lighaus, no nche RADUNI PROSS/MI...
de ll ' interessa ntissimo A N20K Piccolo d i E' in corso di pre pa razionc un Raclu- no stesso, Ia cui data ve rra success iva-
B o rowsk i in prima visio nc assolut a. no, e he si te rra a Sie na ne l co rso del me nte clecisa .
Come d i consue to era no prcscnti aile 1985, clegli ex, all ievi specialisti e di go- G li interessati po tranno chie clerc chia-
mostre anche i costrutto ri di Radio, d i verno, no nche clegli allievi ufficiali pilo- rimenti al: Te n. Pil. Compl. Piero Nico-
strume nti e d i accessori, come anche di ti , in servizio net lo nta no 1936, presso Ia le tti - Via Giaco mo Puccini , 154 LUC-
ultral cggeri e di de lta plani . Scuo la di Pian del Lago (Siena) , a l eo- C A (socio de ll a Sezion e A .A .A. eli Luc-
man do dell 'allora Ca p. Luigi G o ri Sa- ca ) oppure at Ge n. D.A . Francesco
vcllini . G li ex a ppa rtene nti , conosciuti G uazzini (Preside nte de lla Sezione
come "Que IIi di Sant a Colomba" . sono A .A. A . di Sinalu nga) Tel. 0577/630 134.
invitati a dare Ia lo ro adesio ne a l Raclu-

E GIA' EFFETTUA Tl
COMUNICATO In occasio ne del 45" annuale mo lti Uffi-
ciali de l t• C.T.R.S. si so no riuniti pres-
mand anti suecedutisi ncl tempo. Quindi
presso it Circolo Uffici ali c avvenuta Ia
AIREDUCIDEL so I' Aeropo rto eli Vigna di Valle . In un consegna di alcun e targhc ricordo. A
ambie nte carico di ricord i acronautici tutti i prescnti c stato . poi. d ist ri bui to
3° STORMO quale e il Musco Storico di Vigna di un picco lo ricordo. Prescnti a l Raduno
Valle si sono ritrovati , cosl. parte di co- anche l'ollan tadue nne Gen. Angelo
lo ro i q uali. prove nie nti ci a tutte lc Mo ri e mo lti ra ppresentanti dell'lndu-
Come noto net gio rno dcll'intito lazio- Armi , avevano c reato il primo nuclco d i stri a Aerospazialc. La Sezione di N a poli
ne de l 3" Sto rmo alia M .O . Ca rlo E ma- 220 U fficia li in S.P.E. del R uolo Se rvizi de trA .A .A .. in vit a ta, e ra ra ppresenta ta
nue le Buscaglia , sono stati consegnati - e che negli anni dell a gue rra . della rico- dal Co nsigli e re Nazionale Comm. Ar-
a no me de i reduci 1940/45 - tre a rtis tici struzio ne e dell o sviluppo detrAero na u- mando Schiavone.
ste mmi d' argento al Coma nda nte di tica po rta ro no il !o ro consistentc a ppo r-
Stormo ed a i Comand anti del 28" e 132' to a rfianca ndo in ogni occasione i eoll c-
Gruppo. La spesa eli Lit. 1.000.000 = ghi Pilot i.
(un milione ) e stata parzial mcnt e cope r- Nel Corso della cerimo ni a c stata dc-
ta fin o ra dalle segue nti trc sottoscrizio- RICONOSCIMENTO
post a una co rona cl' allo ro al monume nto
ni: ai Cad uti. A li a S. Messa, ha fatto segui-
to una visita mo tto inte ressante . illustra- II Gcnc ra lc Corrado Dcodato c stato
-Ge n. G.C. G raziani .. . Li t. 250.000. = ta clal Dirctto rc de l Musco, ai gl o r io~i rccent c mc ntc in signito dc ll''·acino d 'o-
- Col. P. A mmannato . .. ·• 250 .000. c•mcli , ed un pra nzo con Ia partccipa ro" ne t corso di un a singo lare manifesta-
- AAA .. . 200. 000. :o zione de l Comandante dell ' ld rosca lo al zione che , a rriva ta gia a l suo ~econclo
qua le c stata o ffc rta Ia mcdaglia ricordo a nno . e ri volta a prcmiarc i cittadin i pa-
To tal e 700.000. = chin cst chc con Ia !oro allivita, impegno

Si invitano tutti i rcduci che voglio no


del R aduno
.. "'
soc1alc l' morale , hanno o norato ed o no-
ra no Ia cttla d i Pachino .
II Clcnc ralc Corrado D cndat o c ~ t ato
partceipare. ad inviare Ia loro offcrta . in Prcsso l'ae roporto eli C'apodiehino Sl e dcMgnato pc rchc · comba tt cnt c ne lla ~~·
rappo1to ovviamc ntc a lie proprie possi- te nuto it Raduno degli appartc ncn tt alia co nda guerra mnndiak ~ ~ d i!>tinSl' per
bilita , tramitP. il c.c . poslale nr. Direzionc Costnwoni Ae ronautiche d1 att1 di er01srno. rc ndc ndosi p ro tagonis ta
14408009 int '·AE RONA UTl CA'' , Via Na po li sia in servizio che in pens10nc . dt mc morahdi ~ tl ura m cnti e ll'ambito
Marc'A ntomo Colonna 23. Ro ma, con Dopo Ia S. Messa il Col. G A n Vadala :.ocwlc ra pprcscn ta un mo dc llo di gene-
Ia mo tivat:10ne .. pro ste mm i 3" S to rmo". ha tc nu to una pro lusio ne ctrca i 60 a nm rosita e d1 a lt ru t mo per Ia sua sch ~e tta
Daremo no tizia nei prossi mi numcn di vi ta della D.C.A. A I termine il Ten. dispo nibilita " .
di eoloro chc han no voluto uni rsi ai no- Gen. G iova nni L aera ha inaugurato Ia Comp lime nti de ll ' Associazio ne all'a-
minativi suind icat i. OraLie. vetrin a che racchiudc le foto dei Co- mico e sncio Deoda to .
---------------------------------------------------------------------------------3
BORSE Dl STUDIO RIPRISTINATE PERIL PERSONALE
PER L 'ESTERO IN QUIESCENZA LE PROVVIDENZE PER
LE CURE BALNEO-TERMALI;
IDROPINICHE, INALATORIE, ECC...
OFFERTE DA STATI Sono s tatc ripristina te a favore del ca··. Ia Presidenza Nazio na le aveva, gia
persona lc in quiescenza, le facil itazion i a i prim i gio rni eli novembre. tra tta to
ESTERI ED ORGANISMI in materia di dege nza e di cure ba lneo- l"a rgomc nt o in una circola re in,ia ta a
INTERNAZIONALI tenna li ; idropiniche, inalatorie, consc- tulle le Sezio ni. per te nerla a disposizio-
A CITTADINI ITALIANI guenti a ferite. lesioni, infermita, dipen· ne degli interessari.
denti da cause di servizio di guerra e di
PER L'ANNO volo.
ACCADEMICO 1985-86 II provvcdimento e stato adottato dal
Ministero della Difesa, a scguito eli pa-
rere del Consiglio di Stato e de ll'avviso "Amici lettori, Ia rubrica Leflere al
espresso. dalla Presidenza del Consiglio Dire/tore e a vostra disposizione. Fateci
dei Ministri. Poiche, per l'a nno in corso. conosce re i vostri problcmi. Li discutc-
Alcun i Governi ed Organismi interna-
il tcrminc per Ia prcscntazione de lla do- remo insic me, cerchercmo di risolverli.
· zionali offrono a cittad ini italiani, per manda era fissato a l 30 novembre 1984 , Lettere, pero. moh o brevi. contcn ut e a l
l" anno accademico 1985-86, un cc rto nu- c no n sarebbe stalo possibilc da rne noti- massimo in una cartclla da ttiloscritta.
mero di borse di stud io, util izzabili per
zia ai soci A.A.A. in te mpo utile me- Quelle pitl lunghe no n polranno esscre
scguire corsi di ~peci a li zzaz i onc p rcsso
d ia nte Ia pubbl ieazio ne su "Aerona uti - accolte ".
universi ta od isti tu ti supcriori stranic ri
(statali o legalmen te ri conosciuti) o per
effettuare ricerchc presso a rchivi. ccntri
cultura li , biblio teche, labo ra tori , ecc.
Le borsc sono riscrva tc genc ralmcntc
a la ureati in qualsiasi disciplina, a stu -
denti unive rs itari iscritti almc no al 4•
a nn o di corso, in rcgo la con gli csami c d
a d a rtis ti. CALENDARIO ARTISTICO 1985 DELL'A.A.A.
Facc ia mo seguirc uno schc ma ti co
e lenco de i Paesi che o ffro no le borse di E' disponibile un calendario 1985, del formato em. 40 x 30,
studio in parola: A lban ia - A lgeria -
Aus tra li a - Au stria - Be lgio - Bulga ria -
consistente in un fascicolo di cartoncino pregiato, stampato a co-
Ca nada - Cecoslovacchia - C ina - Ci pro lori, che riportera alcune fra le piu significative illustrazioni di inte-
- Coll egia d 'Euro pa - Co lo mbia - Consi- resse aeronautico, nonche l'elenco delle Sezioni dell' Associazione
glio d 'Europa - Corea - C uba - Dan i- con i nomi dei rispettivi Presidenti ed altre utili informazioni.
marca - Egitto - F.A .O . - Finlandia - Le Sezioni che desiderano ricevere il calendario-strenna pre-
Francia - Giappone - British Council detto dovranno richiedere il numero di copie desiderate, inviando
(G ra n Bre tag na)- Grecia- India- Iran- alta Presidenza Nazionale Ia somma di Lire 5.000 per ogni copia.
Iraq - l rlanda - ls rac lc - Jugoslavia -
Lussemburgo Mal ta Messico -
N.A.T. O.- Norvegia- N uova Zc la nda-
Paesi Bassi - Pa kista n - Polo nia - P orto-
galla - Rcpubblica De moc rat ica Tedcsca
- Repubblica Federale di Germania -
Romania - Siria - Spagna - Stati Uniti
d'Ame ri ca - Sud America - Svezia - SOTTOSCRIZIONE PRO-AERONAUTICA
Svizzera - Tai la ndia - Tunisia - Tu rc hi a -
Unghe ria- U.R.S.S. Proseguia mo Ia pubblicazione dei nomina tivi eli colo ro che. oltre a quelli gia rcsi
Le do ma ndc da ttiloscritte. reda ttc in no ti. hanno partecipato a lia sottoscrizione " Pro-Aeronautica".
cana Iibera. debbono esse re prescntate
me diante raccoma nd ata o ppurc conse- Riporto versamenti precede nti L. 8.495.950
gnate in b usta chiusa munita di indiriz-
zo. a ii' Ufficio Accettazione Corrispon- Nuovi versamen ti
de nza del Ministe ro dcgli Affa ri Este r i.
Le domande dovranno pe rve nirc a cle tt o - Sezio ne A.A.A. di Ve nez ia L. 100.000
Ministe ro e ntro il te rmine s tabi lito pe r - Sezio ne A.A.A. Monselice L. 50.000
ciascun Paese; de lla data d i arrivo fa ra - Sczione A .A.A . di Sarnico L. 20.000
fe de so ltan to il timbro a data de l Mini- - M.l lo Luigi De Masi L. 50.000
stero degli Affa ri Esteri, che ve rra ap- - Carlo Sla pic r L. 10.000
posto sulle clomande stesse ne l gio rno - Guerrino G ruppio ni L. 10.000
del loro a rri vo. E' nccessa ri o ino ltra re
do m" nda separata per ogni borsa ric hic- - Tota lc L. 8.735.950
sta.
Gl i int e ressati. pe r ricevere co mpl c ti Q uanti a ltri intc nda no partecipare a lia sottoscrizione, potranno c ffc tt ua rc i vc rsa-
c hiarimc nti circa Ia partccipazionc a l- mc nt i su c.c.p. 14408009 intestato a ii ' Associazionc Arma Aerona utica - V ia Ma rcan-
l'assegnazio ne de lle bo rse eli studio in ton io Colo nna , 23-00192 ROMA , specificando ne ll'apposito spazio de l mo dulo . sot-
qu cs tio ne potranno consultare l'a pposito to l' indicazione "ca usale de l versamento", "Sottoscrizio ne Pro-Acrona utica".
fascicolo richic elenclo lo . in te mpo utile,
a l Ministero elegli Affa ri Es tcri - Dir. NOT A: Si precisa ch e il versa me n to eli L. 30.000 riportato ne l numero scorso c stato
Gen. de lle Re lazioni C ultura li - Uffic io c ffe ttua to. da l Gen. To mmaso Folinea . a ricordo del fratello reccnte rn e nt c scompa r-
IX, 00195 ROM A. so.
4------------------------------------------------------------------------------------
ATTIVITA' DELLE SEZIONI E DE/ NUCLEI
ro . Presidente della Sezione dante lo Sto rmo, il T . Col.
di Asti, del Presidente Nazio- Milana Coma ndante il Grup-
nale Gen. Nardi, del Sindaco po , il Gen. S.A. Nardi Presi-
di Costiglio le Dott. Bellone dcnte Nazionale. il Rcvisore
che si diceva particolarmente dei Conti A.N.A.A . c a utore
fiero di averc il Sacrario dei- delle vignette di "Aeronauti-
I'Ae ronautica nella zona di ca" T . Col. Pil. Anioli, i Pre-
sua giurisdizione. sidenti o Consiglieri delle Se-
zioni eli A.A.A. di Mondovi,
TRINO Pavia, Novi Li gure, Asti,
Alessandria, Torino e Casale.
AI tcrmi nc della serata Az-
zurra d iscorsi di rito e scam-
bio di targhe; quindi sono sta-
te e lctte Lady 53• Stormo, Ia
S ig/ra Annamaria Carnevalet-
Asti - II Gen. Nardi, con Autorita militari e civili in raccogli- ti, Lady AAA Trino Ia Sig/ra
mento, in memoria dei Caduti. Marvit Milana , Lady Aqu ila
Ia Madrina della Sezionc di
I' Regionc Aerea, Gen . di
Trino Sig/ra Lina Bertolotti, e
S.A. Ecc. Franco Pisano, i
Miss Aquila Ia Signorina Lu-
Consiglieri Nazio nali On . Vii-
dovica Barale.
tore Catella c Cav. Dante
ASTI Mezzano, e molti a ltri Uffi-
ciali Superiori dcll ' Arma .
Ospiti d'onorc crano il Sinda-
co di Costigliolc, Gra nd 'Uff. VIGNALE
Dott. Riccardo Bellone e Ia L'Associazione Arma Ac- MONFERRATO
N .D . Olga Amc rio-Pescarmo- ronautica , Sezio ne di Trino.
na. Madrina del Sacra rio . La ha recente me nte celebra to Ia
S. Messa veniva ce lcb rata da tradiziona le "serata azzurra" .
Mons. G uido Montanaro, giil AI Santuario di C rca Mon-
Cappella no dell' Acronau tic a fcrrato e s tata cele bra ta una
Militare e ora Cappe llano funz ione religiosa officiata d al
della Sezione di Ast i dei- Cappellano Militarc Mons.
I'A.A.A., assistito da Don Guido Montanaro per ricor-
Luigi Corino , Parroco della dare il 40• c 41 • a nni versa rio
Chiesa c custode del Sacrario della scomparsa delle M. Oro
e dal Superiore dci Domeni- a l Y .M. Magg. Buscaglia ,
La Sezione AAA di Asti ha cani Padre lcardi. Dopo Ia Cap. Faggio ni c Col. Muti ,
ricordato con un solenne rito Messa, i convenuti si portava- unitamentc a tutti gli Aerosi-
ehc ogni anno si ripcte. if no davanti al gruppo di stele lurator i scomparsi. Ai soci c
Personale deii'Aeronautica crcttc a memoria dci Cadu ti familiari prescnti si so no uniti E' sta to rcccntcmente inau-
Militarc e civile caduto in dove veniva dcpos ta una co- una vcntina di Ufficiali e Sot- gurato a Vignalc Monfcrrato
guerra cd in pace nell'adem- rona di alloro. Seguivano. tufficiali dei Gemelli 53• Stor- il Monumc!nto aii' Acro nauti-
pimento del proprio dovere. quindi, gli interventi del mo e 2 1• Gruppo di Cameri, ca, erctto nel cortilc del Ca-
La cerimonia si e tenuta pres- Gcom. Cav. Dario Accorne- it Col. Carncvalctti Coman- stello di Callo ri . Prescnti alia
so Ia Frazione Loreto di Co-
stigliole d'Asti, dove Ia Sezio
ne, come noto, ha creuo
presso Ia Chiesa Parrocchiale,
dedicata alia Madonna di Lo-
reto, un Sacrario cornposto
da una seric di ste le di grani-
to. arroccate su un alt o co lic
e dedicate, ognuna, a un a sin-
gola Sezione del Piemonte.
A lia solennc ccrimon ia, o l-
tre a numerosi aviatori in
congedo e rclativi Prcsidcnt i
di Sezionc, hannu preso parte
tulle lc massime au tor i t ~• Mi-
litari, Civili e Religiose dell a
Provincia, assicme al Presi-
dente Na7ionalt: dell' Associa-
zionc Arma Acronautica,
Gen. di . S.A. Ecc. Catullo
Nardi, venuto appositamcn te
da Roma. E ran o inollre pre-
senti il Col. Pi I. Cat r.cvalctli, II Prcsidcnte Nazionale /\.A.A . Gen. S.A. II Comandante del 53• Stormo, Col. Carneva-
Comandante dello Stormo Catullo Nar di, appu nta !'aquila alia l\ladrina lctti, mentre riccve una mcdaglia ricordo dal
caccia di Cameri, in rappre- della Sezione di I rino Lina Bertolotti. Presidente della Sez. di Trino Dante Mezzano.
sentanza del C'omandantc Ia
5
negildo Dal Pan, Serg. Pil. Provincia, il Comandante del
Arturo Dali'Oro, Ten. Pil. Gruppo A.L.E .. Ten. Col.
Giorgio Moccheggiani, Cap. Moro. II Presidente della
Pil. Ugo Pozza e Serg. Magg. nuova Sezione, Aurel io Lise ,
Pil. Ferruccio Serafini. Ma- ha voluto sottolineare l'esi-
drine del Labaro le sorell e genza di raggruppare in una
degli eroi Serafini, Dal Pa n c sola Sezione gli ex appartc-
Moccheggian i. Presenti alia nenti aii'Aeronautica delle
cerimonia i Labari delle altre valli bellunesi ed ha concl uso
Associazio ni d'Arma bellune- ringraziando tutti coloro che
si, del Nastro Azzurro, del- hanno contribuito a lia riuscita
l' Associazione Combattenti e de lla cerimoni a . II Presidente
Reduci, del Nucleo A.A.A. Nazionale ha sottolito come
di Feltre, un plotone di avieri I'Associazione Am1a Aero-
deii 'Aeroporto d i Treviso, i nautica sia rigorosame nte al
Comandanti degli Stormi 2o e di sopra delle parti e pertanto
II Presidente Nazionale A:A.A. tra Personalita, Ufficiali ed ex 5 1• con alcuni Ufficial i e Sot- sia doveroso ricordare I' e ro i-
piloti dava nti all'aereo ed alia targa, facenti parte del monu- tufficiali. Presenti. inoltre. il smo di tutti gli apparte nenti
mento er etto a Vignale Monferrato in onore della Pattuglia Presidente Nazio nale dell' As- all'Arma. Dopo Ia cerimonia
Acrobat ica dei "'Getti Tona nti" . sociazione Arma Aeronauti- tutti i convenuti hanno potuto
significativa cerimonia il Pre- resio Rizzaglio. il Ten. Pil. ca, Gen . S.A. Catullo Na rdi, assistere a ll'esibizione d i alcu-
sidente Nazio nale dell'Asso- Ranieri Callori, caduto ne l- il Vice Presidcnte Nazionale e ni paracadutist i bellunesi ed
c•azione Arma Aeronaut ica, l' ultima guerra dopo aspra Prcsidente de lla Sezione di e ffett uare un volo su Belluno
Gen. S .A . Catullo Nardi. il battaglia, ne i eieli di Malta. Verona, Gen. G iacomo Con- con aerei deii 'Aero Club lo-
Gen. Pit. Alessandro Bladelli. AI termine della funzione e tili, Prefetto di Belluno, il cale.
il M.llo Pil. Angelo Birago, il stato benedetto il Monum en- Comand ante de ll a Brigata Al- II pranzo sociale, in frater-
Comandante della base aerca to aii'Aviatore, consistente in pina Cadore , Gen. lean , il na a micizia. ha concluso Ia
di Comesi. Comanda nti ed un velivolo tipo A .T.6 di pro- Questorc, il Presidente della giornata inaugurativa.
avieri de l Deposito di Caste l venienza a mericana, collocato
d'An none, il Sindaco e M.llo gia da qualche te mpo nel cor-
dei Carabinie ri d i V ignale ed tile del Castello per diretto
alcune scolaresche del luogo. interessamento del vignalese
II Parroco Don Pier Luigi M.llo Angelo Birago: succes-
Acuto ha celebrate una S. sivamente e stata scoperta
Messa ne l corso della quale una lapide a ricordo dei Piloti
ha ricordato in part icolare campioni del volo Acrobatico
modo il M .llo Narciso Pille- "Getti Tonanti" : M. llo Pi l.
pich, ex appartenente alia Angelo Birago, Cap . Pil. Pio
Paltuglia Acrobatica .. Getti Marsilli. Magg. Pil. Luigi
Tonanti ". il Comandant e col- Deggiovann i, Maresciallo Pi-
laudatore Manl io Q uara ntell i, Io ta Narciso Pillepich e Gene-
i vignalcsi Ten. Col. Pil. Ro- rale Pilota A lessandro Bladel-
mualdo Ferraris, il M.llo Te- li .
II Labaro della Sezione di Belluno chc si fregia di cinque Meda-
glie d' Oro.
suddetta Aerobrigata. La ma-
nifestazione si e svolta davan-
ti all ' bangar nume ro I con i
PISA Reparti schierati al comando
del Vice Comandante Col.
Pi l. Tiboni. Resi gli onori alia
Bandiera di guerra della 46°
Acrobrigata dccora ta con me-
daglia d'oro, e al Capo di
Stato Maggiore A.M. G e n .
I " B. B. B." . (Birago-Biadelli- Barbera) gia a ppartenenti alia Pat - Basilio Cottone, I'Arcivesco-
tuglia Acroba tica dei "Getti Tonanti". vo di Pisa. Monsignor Mat-
te ucci. ha celebrate Ia S.
Alia presenza di numerosi Messa a l termine della quale
ci ttadini . soci e sim patizzanti e stata benede tta Ia Stele
BELLUNO de ii'Associazione Arma Ae- marmorea che ricorda il Sa-
ro nautica si e svolta, rccen te- crificio dell a Medaglia d'Oro
mc nte, l'inaugurazione de lla T e n. Pil. Silvio Angelucci, al
Sczione di Belluno. All'alza quale e stata ufficialmente in-
bandie ra ed a lia dcposizionc titol ata Ia 46° Acrobriga ta.
di alcu ne corone d'alloro ai Un folto gruppo di soci de l- II saluto aile numerose Au-
piedi de l monumento ai Ca- la Sezione A .A.A. di Pisa. ex torita prcsenti ed al C<tpo di
cl uti e della statua de ll a Ma- apparte nenti alia 46° Aerobri- Stato Maggiore A.M. c stato
donna di Loreto. ha fatto se- gata, accompagnati da l pro- porto dal Gen. Ugo Tonini.
guito un a S. Messa ncl corso prio Presidente Enzo Cioni, Comandante dell a Base, c he
della q uale e stato benedetto ha prcso parte alia cerimo nia ha a nche esaltato le gesta del
il Labaro azzurro dell a Sezio- c he si e svo lta suii'Aeroporto R e pa rto in pace ed in guerra.
ne che si fregia di cinque me- d i San G iusto, per Ia ricor- Quindi ha preso Ia parola il
daglie d'o ro: Serg. Pil. Erme- renza del tre nt e nna le de ll a Capo di Stato Maggiore A.M .
6---------------------------------------------------------------------------------
II Comandante de lla 2" Regio- le VISJle aile varic infrastrut-
ne Aerea Ge n. Stelio Nardin i ture della SGA . i soci sempre
ha premia to gli cquipaggi che accompagna ti dagli U fficia li
hanno vinto il "Volant Ro- della Scuo la hann o assistito
deo'". AI te rminc de ll a ceri- alia S. Messa, e succcssiva-
mo nia, davanti ad un foll o mcntc consuma to il consueto
pu bblico, si e svolta un ' in te- pranzo , ne l co rso del qua lc il
ressante csercitazio nc con ve- Gen. G uazzini , P rc~ide nt c
livoli de ll a 46" Aerobrigata in della Sezione di Si na lunga. ha
colla borazionc co n i Para del- consegnato un a targa ricordo
la Fo lgore che ha dato dimo- al Te n. Col. Forcsti , auguran-
strazione delle capaci ti\ o pe- do ino ltre a l Ge n. Melo ni, gia
rative raggiunte dai Re parti. brillante Comandante del 4"
Stormo Caccia, un buon pro- I soci di Pis a all' aeropor to di S an Giusto in occasione della ce-
segui mc nt o di comando. Ne l lebr azione del trentenn ale della 46" Acrobrigata.
SINALUNGA pome riggio , dopo una breve I' Aero nautica , il gen. S. A. stanza a Viterbo dal 1937 al
sosta a Ficsole. il gru ppo e Giova nn i Savo rclli . il Vice 1943, molti Soci giunti da tut-
rie nt ra to a Sina lunga . Coma nd antc della 2· Regio- ta Italia , o ltre due mi la vi ter-
ne Acrea , Gen. D .A. C laud io besi.
• • D' Antoni o, il Prcside nte Do po la bened izio ne de l
; O norario de ll a nostra Asso - mo numento da parte de l Vi-
Va , ino ltre, ri cord ata Ia vi- ciazio ne , G en. S. A. G iul io cario del Vcscovo , Pie tro F ra-
sit a di aggio rna mcnto. effet- Cesare Graziani, M.O .V.M. , re . il cappc ll ano de lla Scuo la
tuata in precedc nza dalla Sc- in rapprese ntanL:a de l P.N . VAM , do n G iuseppe Pa ppi
zione di Sinalunga , prcsso il Gen . Catu llo Nardi, il consi- ha celc brato Ia Messa al ca m-
53" Stormo di Came ri . glie re nazio nalc ten. co l. Pe- po . Hanno fatto segui to i di-
trosellin i, il sindaco di Viter- scorsi de l preside nte della Se-
bo , dr. Silvio A scenzi , iI vice zione Mario Di ni , de l gen.
Prefctto dr . Splendo re, il Pre- Graziani, de l dr. Delle Mo na -
sidcnte dcll.Amminis trazio ne che. de l Sindaco Ascenzi. del-
P rovincialc, dr. Ange lo Anto- l'o n.le C icca rcl ini .
VITERBO nio Delle Mo nache , il Vice 11 monumc nto. realizza to
La Sczione A .A.A . d i Sin a- P reside nte Ugo Sposc tti. il d allo scult orc Vin cenzo Sam-
lunga unit amentc al Nucleo d i comanda ntc del Presidio Mil i- buci di Bagnaia, su progctto
Monta lcino si e recata in visi- tare gen. Br. Do me nico lnne- de ll' ing. A ntonio Me rca nti e
ta el i aggio rna mento presso Ia co , e numerose a ltre autorita de ll 'arch. G iuseppe Di Stefa-
Scuola d i Guerra Aerca di Fi- e pc rsonalita con le rappre- no , c sorto a cura de ll a Sezio-
renze. I soci o no sta ti corte- senta nze delle Associazio ni ne di Vi tcrbo . in ricordo c
semcnte acco lti da clivcrsi Uf- d' A rma e principalme ntc i fa- memo ria d i 158 avia tori viter-
ficiali dclr istitu to Ae ro nauti- mi liari dei cadut i ex apparte- besi c degli equipaggi del 9"
co, fra i quali il T en. Col. Pil. nenti al 9" Stormo B.T. di Sto rm o B.T.
E nrico Fo resti de ii 'Ufficio
Studi che ha il compito d i
preparare pro fess io na lmcnte i
fut uri Comand anti di Gruppo
e d i Stormo. gli Ufficiali di
S.M. a li vell o esecu tivo e di-
rc tti vo , no nche con i corsi d i II Sottoscgre tario ali a Dife-
aggio rn ame nto. i Capita ni sa. o n.lc Barto lo Cicca rd ini.
Ruolo Naviganti Speciale c ha inaugurato a Viterbo il
Se rvizi, Capit ani Tecnici de l monu ment o dedicato .. Ai Ca-
Ge nio c del Co mmissariat o, duti de lrAero na ut ica " , de l
Ufficiali Med ici in servizio capoluogo e della P rovincia.
agli Stormi ed a ltri E nti cle i- Era no prcscnti a lt a ccrimon ia
I'Aeronauti ca Milita re. Dopo per lo Stato Maggiore del-

Soci fami lia ri e simpatizzanti della Sczionc di Sinalunga e del II monumento eretto a Viterbo dedicato ai Caduti del-
Nucleo di Montalcino ritratti sui Piazza le della Scuola di G uer- l' Aer onautica .
ra Acrea.
---------------------------------------------------------------------------------7
no, il quale ha porto il benve-
nuto ai visitatori invitandoli,
FOGG lA quincli, a visitare le attrezza-
ture tecniche e logistiche del-
la Base. Subito dopo il Co-
mandante dell ' Aerobrigata,
Gen. Ugo Tonini, ha ricevuto
il Presidente della Sezione di
Foggia , Gen. Aiace Castro-
nevi , il q uale ha cos! potu to
consegnare al Generale, a
no me del Sindaco, il sigillo
de lla citta di Foggia.
Nel corso della visita i soci
de lle tre Sezioni hanno reso
gli onori al monumento ai Ca-
duti eli Kindu.
Soci delle Sezioni di Foggia, Vasto e Lanciano davanti al Monu-
numento ai Caduti di Kindu.
Continuando le visite di ag-
Ha avuto luogo Ia visita di giornamento ai Reparti ed Presidente, Gen. Aiace Ca- to seguito Ia visita alia zona
aggiornamento alia 46° Aero- E nti dell' Aeronautica Milita- stronovi. All'a rrivo gli ospiti logistica-operativa del Cen-
brigata di Pisa da parte de i re, gli appartenenti alia Se- sono stati ricevuti dal Coman- tro. Nel corso del consueto
Soci delle Sezioni A.A.A. di zione A.A.A . di Foggia si clante del Centro, Col. Clau- incontro conviviale, il Presi-
Foggia, Vasto c Lanciano. II so no recati a far vis ita al 31 o dio Masti, e da molti altri Uf- dente della Sezione ha offer-
gruppo dei soci, partito dal- Centro Radar deli ' A .M. eli ficiali. Dopo Ia celebrazionc to , a nome del Sindaco , le
l'aeroporto di Amendola con Jacotenente, nella Foresta eli una Santa Messa i soci chi avi della citta eli Foggia al
un C.222 dell'A.M., e stato Umbra. hanno ascoltato un esa uriente Comandante Masti il quale a
accolto all ' arrivo a Pisa dal Alia visita hanno partecipa- "briefing" illustrate da inte- sua volta ha donato a tutti i
Comandante in 2· della Ae- to circa 30 persone, tra soci e ressanti diapositive, tenuto presenti il d istintivo del Cen-
robase, Col. Pil. Alfio Paga- fam iliari, accompagnati dal dal Comandante, a cui ha fat- tro Radar.

A VVENIMENTI LIETI
ONORIFICENZE ni, si sono laureati rispelliva- NOZZE na di nome Emanuela. Ai ge-
mente in Storia Antica ed in nitori /e pit/ vive felicitazioni.
Giurisprudenza presso I' Uni-
AI signor Liberatore Anto- versitii degli Studi di Bologna, Nella Basilica di San Cas- ***
nio e stata conferita /'onorefi- entrambi col massimo dei voti siano in Venezia si sono uniti La figlia del Presidente del-
cienza di Commendatore nel- e lode. Ai neo dottori i pit/ in matrimonio if Signor Emi- la Sezione A.A.A. di Venezia,
/'O.M.R.I. vivi rallegramenti e a/ socio lio Trame, Jiglio del Consi- Magg. Rino D'Este, ha data
Ramponi le piu senlite felicita- gliere della Sezione A.A.A. di alia luce una graziosa bambi-
*~ * zioni. . Venezia Mario Trame, e fa Si- na. AI nonno ed alia mamma
AI M.llo r cl. "Sc" in gnorina Monica Boscolo. Ai /e nostre piu vive felicitazioni
congedo Soldo Saverio - Con- .. * * novelli sposi rallegramenti e per il lieto even/a.
sigliere della Sez. A.A.A . di felicitazioni.
Foggia e Presidente della Se- ***
Jl figlio del Presidente della
zione Prov. dell' Ass. Famiglie La Sezione A.A.A. di Pa-
Sezione A.A.A. di Sarnico, si
Caduti e Mutilati di Foggia, if lazzolo S/0 e lieta di annun-
Presidente de/In Repubblica
e brillalllemente laureato in CULLE
Economia e Commercia pres- ciare Ia nascita di Federica,
con Suo decreta gli ha confe- nipotina del Cav. Cesare Ron-
rito I'Onorificenza di Cavalie- so I' Universitii di Bergamo. II socio della Sezione di, Presidente della Sezione, e
re Ufficiale a/ Merito della Re- A.A.A. di Ancona, signor figlia del socio R osario Rosa-
pubblica .. * * * Aurelio Ovazi, e diventaw rio Zanelli. Rallegramenti e
nonno di ut.a bambina di felicitazioni.
... * .. II Signor Tobia Bressanello, .nome Eleonora. Vive congra-
E' staw conferita, a titolo figlio di Luigi Bressanello sa- tulazioni. :t * *

onorifico, la promozione a!
grado di M.llo di r Cl. Pac-
chera Gustavo, socio fondato-
cia del Nucleo di Bu.rano (Ve-
nezia), si e brillantemente /au-
reato in Architel/ura. AI neo
..
...
La Sezione di Galatina e
AI Signor Francesco Gottar-
di. socio della Sezione di Pa-
lazzolo S/0, ed alia gentile
re della Sezione di Brescia e architelfo congratulazioni ed lieta di annunciare Ia nascita
consorte Pinuccia Signoroni,
da sempre, ininterrollamente, auguri. di Georgia figlia del r Vice giungano /e piu vive felicita-
membra del Consiglio Diretti- Presidenle Magg. Pi/. Luigi zioni per Ia nascita della foro
vo. * *• Romano. Alia mamma, genti- primogenita Federica.
le signora Rita, ai piccoli Ric-
La signorina Flavia Di Dio, cardo e Vanessa ed a/ felicissi-
figlia del M./lo ZO C/. Armiere mo papa, giungano graditi i
Giuseppe Di Dio socio della nostri pit~ sinceri auguri. Per mancanza di s pazio sia-
LAUREE Sezione A.A. A. di Villafran - mo coslretti a rimandare al
ca, si e brillantemente /aureata * * • prossimo numero notizie rela-
Annalisa ed Alessandro in Medicina e Chiru.rgia pres- II signor Pieri110 Spangaro, tive aile attivita di altre Sezio-
Ramponi figli del socio della so I'Universita di Verona . Consigliere del Nucleo ni c Nuclei nonche ulteriori ci-
Sezione A.A.A. di Bologna Alla neo doltoressa le piu A.A.A. di Va/vasone e diven- tazioni degli scomparsi.
Ten. Pi/. Dr. Altiero Rarnpo- vive felicitazioni. tato papa di una bella bambi-
8---------------------------------------------------------------------------------
Cl HANNO LASCIATO
ALBENG A BOLZANO massi mo grado di questa spe- soci, il Co nsiglio Direttivo, Ia
Girello Giuseppe Antonioli Athos cialita. Nel 1939 fu no min ato Presidenza, esprimo no il rim-
Direttore del Rc parto Arma- pianto per Ia perdita del lo ro
E' prematuramen te manca- La Sezione d i Bolzano an- me nto , dal 1942, con il grado amico e porgono le piu senti-
to all'eta di 50 anni , il signor nuncia Ia scomparsa de l socio di Maggio r Generate, assunse te condogli anze ai fami li ari.
G iuseppe G irello, socio de lla Athos Antonio li . A ile esequie Ia pii1 alta carica di Diretto re
Sezio ne di Albenga. Numero- ha partecipato if Consiglio dell e costruzio ni aero nauti- FIOENZA
si soci hanno partecipato a ile Direttivo e un folto numero che. A ile estre me o noranze di Stocchi Remo
esequie svoltesi in Villanova. di soci che hanno espresso Cividale , erano presenti una
alia vedova e altri familiari le rappresenta nza del Presidio. E ' venuto a mancare all'af-
condoglianze piu sentite. Ia bandie ra dell ' Associazione fetto dei suoi ca ri il socio de l-
Combatte nti di Medeuzza, il la Sezione A.A.A . d i Fidenza
ASCOLJ PICENO Labaro con scorta e il T e n.
Capponi Antonio R emo Stocchi. La s ua diparti-
BRESCIA Col. Zuliani del Nucleo ta ha destato viva commozio-
Graziano Giovanni A.A.A. di Civida le . ne in q uanti lo conobbe ro. fa-
La Sezione A .A.A. di
Asco li Pi ceno. annuncia Ia sciando un vuoto incolma bile
E' recenteme nte scomparso ne lla famiglia e fra i soci della
scomparsa del socio fondatore il socio della Sezione A.A.A. Larcher Marco
Av. Gov. Antonio Capponi. Sezione dove e ra iscritto fin
di Brescia, M.llo Pil. Giovan- da ll a fondazio ne.
Uomo attivo, fu sempre pre- ni Graziano. Si e sp ento i1 Col. Pil. Con-
sente a tutte le manifestazioni te Ma rco Larcher, ufficiale di
di carattere associativo. nobile famiglia tren tina. Aiu- FIRENZE
La Sezio ne di Brescia an- tante di volo del Duca Amc- Zannoni G. Mario
nuncia Ia scomparsa dei soci : deo d'Aosta , nel periodo
De Laurentis lgino Col. Pil. R e mo Segala; Magg. quando a Gorizia comando il E' recentemente scompar-
G.A.r. i. Giuseppe Buizza; S. 4° Stormo, Ia Brigata Caccia c so, in Val d i Pesa, il Comm.
E' deceduto il lo Av . Marc. Ten. Antonio Olivieri; Serg. Ia Divisione Aquila. Brillante Giacomo Mario Zannoni , so-
fgino De Laurentis, combat- Pil. Pietro Bracchi; Ernesto ufficia le decora to a l V .M. , cio dell a Sezione di Firenze,
rente del 2° Confli tto Mondia- Cavenago (Nucleo di Calvisa- fece parte di prestigiosi R c- Preside nte Regionale e Vice
le, Grande Jnvalido di Guer- no); Riccardo Lanfredi (Nu- parti da Caccia e Bombarda- Presidente Nazionale Fami-
ra , Socio fondatore e Consi- cleo d i G hed i); Vittorio Bu- mento. Fu in Spagna Co man- glie Caduti e Mutilati dcll'Ae-
glie re della Sezione A.A.A. gatti. Luigi Colosini , Emilio dante di una squ adriglia de l ronautica, fratell o de lla Me-
di Ascoli Piceno. La sua di- Za ni (N ucleo di Lumezzane); G ruppo «Asso di Bastoni >>; daglia d ' oro Livio Zanno ni.
partita ha lasciato un vuo to G. Battista Masini (Nucleo d i durante il 2° conflitto mondia- Segul , sempre, costanteme nte
immenso c ta nto rimpia nto Manerbio); Angelo Buizza, le e bbe il comando della 4093 e fede lme nte le vice nde del-
tra quanti lo conoscevano; ol- Giuseppe Ricci (Nucleo di Squadriglia Caccia . nel 1941 l' A rma Azzurra .
tre ad essere stato un sosteni- Ospitaletto). de lla 208"· Squadrigli a da A lia famigl ia del ca ro
tore dell 'Arma Azzurra, !gino Bombardamento. Partecipo scomparso giungano le piu
De Laurentis, e stato un Va- aile operazioni be lliche in Si- scntite condoglianze.
le nte pittorc, caricaturista e CASTIGLIONE DEL LAGO cili a. Grecia, Africa Setten-
disegnatore. Ferrieri Giovanni trionale. Ai fun era li molti uf-
ficiaH ed amici e una ra ppre- FRASCATI
La Sezione d i Castiglione sentanza del 4° Stormo. Cimmino Luisa
del Lago lamenta Ia scompa r-
ASTI sa del Socio fondatore M. llo
Adriano Giovanni La Sezio ne A.A.A. di Fra-
G iova nni Ferrieri. Era ap- FALCONARA MARITTIMA scati aununcia Ia scomparsa
prezzato e ben voluto da tutti de ll a signo ra Luisa Cimmino
La Sezione A.A .A. di Asti per l'attaccamento al dove re Sono venuti a ma ncare alia
annunci co n do lore Ia scom- moglie del Capo Nucleo Gui-
e per if grande a morc che da Sezione A.A.A. di Falconara do Ranieri. U n folto numero
parsa de l proprio Socio Co l. sempre nutriva per !'Anna M. il Serg. Magg. Pil. Ing.
Giovanni Adriano Serg. Pilo- di soci era presente ai funera-
Aeronautica. Enrico Calabria , ed il socio li , cele brati presso Ia Parroc-
ta de lla gue rra 19 15/1918. piu anziano de lla Sezione, l o
Iscritto alia Sezio ne fin dalla chia di Capocroce in Frascati.
Av. mot. Pietro Visconti. La
sua fondazione era d a tutti CIVIOALE !o ro scomparsa ha destato un
apprezzato e stimato per Ia Bonessa Enrico comm osso cordoglio in quanti GALLIATE
sua indole buona e feale, so- li conoscevano pe r le loro alte
cio sempre presente aile ma- Si sono svolti a Cividale i doti umanitarie e attaccamen-
nifestazio ni indette dalla Sc- La Sezione di Galliate ha
funerali del Gen. lng. Gr. to verso l'Arma Azzurra. perduto i seguenti soci: Luigi
zione, lascia un profondo Uff. Enrico Bonessa, disccn- Ai fune rali erano presenti
vuoto tra le file degli associa- Ferrari , Angelo Magni , R e mo
dente di una famiglia che ha con il Labaro della Sezione il Muttini , Gaudenzio Bozzo la ,
ti. All 'estremo sa luto in Ca- d ato valorosi soldati alia pa- Pres ide nte e molti altri asso-
stagnolc Lanze, Ia Sezionc di Luciano Crolla, Italo G allina,
tria. Nato a Cefalu ne l 189 1, ciati. Carlo Fagnoni.
Asti era presente con Labaro nel 19 11 allievo dell' Accade-
ed il Cons iglio Direttivo a l mia Militare di Torino, usciva
comp leto. S. Ten. di Artiglieria parteci- FIDENZA ** *
pando alia prima gue rra mon- Michelazzi Rino
d iale . Laureatosi in Ingegnc- E' venuta a mancare a B el-
BARI ria, a lia fond azione dell ' Ae- Con profondo dolore i soci Juno al l'eta d i 92 a nni Ia si-
ronautica Militare entrava a tutti dell a Sezione di Fidenza gno ra Ida De Battista, vedo-
E' deceduto il socio Viola fa r parte del Genio Aeronau- an nunciano Ia perdita del so- va de l Ten. Col. Pil. G in o
A rnaldo, de lla Legione di tico. In scgui to ad una bril- cio Rino Michclazzi del nu- Santi , primo Presidente de lla
Bari. lante carriera raggiungeva il cleo d i Pieveottoville. Tutti i Sezionc.
A Campomarino) ne! Mo!is~ t! 15 ottobre

CRONACA DI UN BREVE
RITORNO A CASA
di G.M.
orne i lellori ricorderanno (Cfr. l'anno scorso, rna sotto un profile pura- Stormi di stanza a Campomarino, sia ai

C "Aeronautica", n. 10/83) un
anno fa venne solennemente
inaugurata a Campomarino
una stele ricordo in onore dei quattro
Stormi - il " 3• Baltimore" da bombarda-
mente formale. lnfatti, si e trattato, in
sostanza, di un nuovo vero e proprio
evento celebrativo, di un nuovo vero e
proprio "ritorno a casa" da parte di uo-
mini che non solo vissero a Campoma-
sentimenti di affetto cui abbiamo in pre-
cedenza accennato, si e proceduto allo
e
"scoprimento" degli stemmi; ed stato,
questo, un memento di generale intensa
commozione, essendo in quei simboli il
. menlo, il " 3·", il " 4." e il " 51 • da caccia rino una drammatica "tranche" di vita, sangue dei tanti aviatori caduti ovunque
- che durante Ia guerra di liberazione rna che in primo luogo, trovarono - ed sia stato necessario accorrere in difesa
avevano operato da fortunose, precarie ecco il "ritorno a casa" - in questo Iem- della Patria.
striscie di volo ricavate aile porte della bo di terra del forte e generoso Molise In tale contesto un fatto sorprendente.
gentile cilia molisana. una seconda famiglia, permeata nei loro Allineati, in perfetto ordine, dinanzi al
II 15 ottobre, quegli stessi reduci confronti dello stesso calore di quella monumento dedicate agli aviatori , i
dei. .. reparti che, con Ia loro "Associa- originaria, dalla quale Ia turbinosa vi- bambini, tanti bambini, delle scuole lo-
zione Arm a Aeronautica", avevano par- cenda della guerra li aveva strappati cali con in testa i relativi insegnanti e in
tecipato al surricordato avvenimento, via. un agitare festoso di una miriade di
sono qui tornati per presenziare l'appo- Ben evidente ci6 nella cord ialita degli bandierine tricolori di carla. Un quadro
sizione, alia base della stele, degli incontri tra cittadin i e reduci, nell'affet- che mi e sembrato uscito dalla coperti-
stemmi delle Unita di appartenenza. Tra tuoso riemergere di comuni ricordi , in na di una vecchia "Domenica del Cor-
costoro le due Medaglie d'Oro al Valore quel particolare clima delle grandi occa- riere", disegnata dall'indimenticabile
Militare, Gen. di S.A. Giulio Cesare sioni che ha pervaso l'intera cerimonia, Beltrame.
Graziani e Brunetti a nome del Gruppo ricca di un'intensita emotiva pari a quel- Un'immagine, questa, che sinora non
Medaglie d'Oro al Valore Militare e i la dell'ottobre '83, chiara espressione di mi era mai stato dato di vedere in mani-
pluridecorati Gen. di SA Enrico Mare- un legame saldamente radicato nell'ani- festazioni del genere e che mi ha pro-
scalchi, Rolandi e molti altri. Moltissimi i mo di tutti, cittadini e aviatori. fondamente toccato non tanto per avere
soci "A.AA " della Sezione di Napo1i Hanno preso Ia parola il sindaco della suscitate in me, con Ia sua evocazione
(che lodevolmente non manca mai agli cilia, Sig. Cammilleri , il Presidente Na- di tempi andati, un'ondata di struggenti
importanti appuntamenti sociali), guidati zionale deii"'A.AA " Gen. di S.A. Catul- memorie, quando perche conferma del-
dal loro dinamico Presidente Armando lo Nardi e il Col. Bertinaria mentre l'or- la permanenza, al di Ia di una diversa
Schiavone. ganizzazione ufficiale e stata pronuncia- sconsolante facciata, quale sovente ci
Ha rappresentato il Comandante della ta, cosi come all'inaugurazione della viene presentata dalla scomposta irre-
Ill RA, Gen. di SA Siro Casagrande il stele aveva fatto l"'aerosilurante" Gen. quietezza delle metropoli,e delle indub-
Col. Bertinaria comandante della Scuola Graziani, dal "cacdatore" Gen. Dallari. bie gravi lacerazioni dalle quali siamo
di volo di Amendola, dalla quale sono, Rievocati dagli oratori il tragico 1943- afflitti, di un'ltalia sana, solida, operosa,
altresi, giunti numerosi Ufficiali e Sottuf- 1945 e il tenace eroico sforzo compiuto rimasta attaccata aile proprie rad ici e,
ficiali. Ha reso gli onori una compagnia in dello tragico biennio dai nostri aviato- pertanto, ricca di una forza, di una spiri-
di avieri in armi. ri per Ia liberazione del Paese, con una tualita di popolo tali da aprire !'animo ad
Per quanto sopra, Ia cerimonia in pa- precisa sottolineatura attinente sia allo una serena fiducia nel domani.
rola e venula a riallacciarsi a quella del- specifico, rilevante apporto dei quallro

19
NEL
S
uccessivamente, nel mezzo di
un'ulteriore lase della cerimo-
nia sono stati offerti significati-
vi riconoscimenti al Gen. Giu-
lio Cesare Graziani, Gen. Catullo Nardi
e al Col. Porthos Ammannato "per ave-
ra essi voluto - ha messo in risalto il
ClNQUANTENAR/0
sindaco - che a Campomarino restasse
nel tempo il segno di una presenza ae-
ronautica che tanto ha onorato l'intera
nazione, concorrendo cos i, tra I' altro in
DEL RECORD
maniera determinante alia valorizzazio-
ne storica della citta".
Quindi, un episodio che ha dato ap-
Dl AGELLO
pieno Ia misura della straordinaria sen-
sibilita degli abitanti di Campomarino , di Pedro
del "come" vedono, sentono Ia nostra
aviazione: il Sindaco. con un gesto sim-
bolicamente rivolto a tulle le donne - Do menica 21 o llobre 1984 ha avuto II Gen . Catullo ard i. President e Na-
madri, spose, figlie, sorelle - di tutti gli luogo a Desenzano. nel luogo dove or- z iona le dcii'A.A.A .. ha posto. nel suo
aviatori italiani, con una peculiare atten- geva il vecchio glo rioso idroscalo scdc discorso. l'accento sulla continuita di
zione verso quante ebbero a perdere i dcll' ind ime nticabilc Rcparto Alta Velo- una tradizione che c rctaggio dell'intera
propri cari, ha conferito Ia cittadinanza ci ta. una tocca nte commemorazione del com unitil nazionale . o llre che valore as-
onoraria locale alia moglie di un Ufficia- volo prim a to d i Francesco Agello (oltrc solu to d e lla nostra Aeronautica. e le-
le pilota, l'allora Ten. Costantino Petro- 709 km/ h , cinqua nt'ann i fa!) , o rga nizza- me nto permanente di un it<) della n ost r~
sellini, valoroso pilota da caccia. ta mirabi lm e nte dalla loca le Sezione dei- Pa tria . o lt re i regimi c hc passano e gh
Che a ricevere l'alto riconoscimento I'A.A.A. con il generoso apporto del uomini c he si avvicendano .
sia stata prescelta Ia signora Petroselli- Comune. Successivamente, martedi 23 ouobrc
ni e da mettersi in relazione al fatto che II luogo. se de natura le del ricordo di 1984. sull ' ldrosca lo di Vigna d i Valle
dopo 1'8 settembre, si era anch'essa tant<1 audacia e perizia. ha visto i "velo- (Braccia no). gia sede di Reparti antesi-
portata, affrontando con i 2 piccoli figli cisti " supe rstiti nonchc Ia Bandicra di gna ni deii'Acronautica Militarc. c della
grossi rischi, a Campomarino, dove il gue rra del 6" Stormo c Ia partecipazione Sezio nc ld ro del Centro Spc nmc ntalc
marito allora si trovava. per condividere cora le ed appassionata d i una nuova po- antcguerra c c hc o ra ospi ta degnarnente
con lui le pene di quel tempestoso pe- polnio ne chc non dimentica e avrebbe il Museo Storico de ii'A.M .. si c svolta
riodo. Gia, le donne degli aviatori. Chi visto vole ntie ri Ia celehrazio ne ufficialc Ia cc rimonia uffi cia le comme morat iva
aveva mai pensato di ricordare pubbli- proprio a Descnza no dove visse ro e si nc l c inqua nt e na rio de llo storico vo lo c hc
camente il loro silenzioso tormento, le sacrificarono i componenti del Rcparto. il Ma rcsciallo Pilota Francesco Age ll o,
maceranti attese dei ritorni, l'inconsola- a suo tempo di fama mondia le. ai comandi di idrocorsa Macchi Casta ldi
bile dolore dei mancati rientri?
Chi scrive ricorda il volto di una gio-
vane donna, di colpo impietritosi, fattosi
persino muto di pianto, alia notizia della
scomparsa del marito, caduto sui fronte
del Mediterraneo e che, per ragioni di
personale amicizia familiare egli ebbe il
triste compito di portarle.
Sono passati da allora tanti anni. Ep-
pure quel volto, bello, straripante gioia
di vivere, subito raggelatosi, quegli oc-
chi illuminati di mille speranze subito
spentisi sono tuttora dinanzi a me; e
ogni volta che mi trovo a passare sotto
le finestre della casa da lei abitata in
una strada dai tenui colori di un acque-
rello , della vecchia, affascinante Pisa,
casa a me ben nota per comuni giuochi
d'infanzia con il giovane aviatore cadu-
to, mi viene di alzare spontaneamente
lo sguardo lassu e rivivere quel breve
incontro senza parole, rivedere Ia sua
figura tarsi in un istante incorporea nel-
la calante penombra d1 una p1ovosa
giornata d'inverno.
La campana di una torre vicina scan-
diva le ore. Nei miei orecchi e ancora
qual suono. Era il battito di un cuore
che continuava a pulsare si, rna senza
piu vita.
E questa, questa scritta da tutte le
donne de1 soldat1 del c1elo scomparsi e
superstiti, e pur essa una pagina di sto-
ria della nostra aviazione, della nostra
Pat ria.
Lode a te, Campomarino, per averla
tolta dall'oblio, posta nella dovuta luce.
G.M.
20
72 esegui sui Lago di Garda , decolland(,
dall'ldroscalo di Desenzano. il 23 otto-
bre 1934 , durante il qu a le fu raggiunta
Ia velocita d i oltre 709 km/ora , p rim ato
assoluto di velocita per idrovolanti a pi-
ston i. tuttora imba ttuto .
A lia celebrazio ne era prese nte Ia Ban-
diera di g uerra del Reparto Sperime nta-
lc di Yolo. che ha ora scde a Pratica di
Mare. La Bandiera e stata concessa al
R e parto in riconoscime nto dell e azio ni
belliche effettuate d ura nte il conflitt o
1940-43 (d ifesa aere a. bomba rdame nti a
Jungo raggio. particolari coll egame nti II Gen. Cottone
fra c ui il famoso Roma-Tokyo , ccc.). mentrc consegna
Presenti ·' velocisti '' di a llora c parcnti alia vcdova Agcllo
d i C oloro che non sono piu. fra cu i Ia una medaglia d ' oro
vcdova del Marescia llo Age ll o. dece du - commemorativa
to durant e un volo prova durante Ia dello storico
guerra (col grado di Capita no). primato mondialc.
I discorsi ufficiali so no stati tcnuti dal
Genera le S.A. G iuseppe Pesce , chc ha
tracciato un inte ressante profil o storico
del Reparto A lta Ve locita di D cse nza-
no. dall'lng. Giovan ni Bazzocchi. pro-
getti sta dei nostri Macchi 326 e 339 ed
erede e continuatore de ll 'opera dell'lng.
Castoldi c re atore degli idrocorsa, non-
che dei veli vo li da comhatt ime nto della
serie ·· 200 .. , che ha t rattato l'aspetto
te cnico della preparazione e dell 'esecu-
zio ne de l volo , il Capo di Stato Maggio-
re de li ' Aeronautica Militare G e n. S . A.
Basilio Cottone. che ha e spresso Ia fie-
rezza dell ' Aerona utica di oggi per e ssere
e rede e continuatrice d i tanta glo ri osa ha posto in rilievo come I'A e ronautica de ll a vit a , ne l corso degli an ni, anehe
tradizione. e dal Sottose gre ta rio di Stato costituisca se mpre Ia punta di dia mante a rtra vc rso lc impegnativc co mpetiz io ni
a lia Dife sa. On. Bartolo Ciccard ini . che de l progresso sc ie ntifico nazionale, oggi de ll a Coppa Schne ide r : il nom e de i
come cinqua nt ' a nni fa , ind ipcndcnte - compia nti Be rnasco ni . Ne ri, Bellini . Dal
me nte dalle situazioni politi che contin- Mo lin , Cassine lli , Zerbi. Mo nti . Sca pi-
ge nti. ne lli . De Be rnardi. D e Briga nti so no
Eran·o presenti anche il Capo di Stato s tat i piu vo lte pro nunciati . insic mc a
Maggiore de lla Difesa. G e ne rale S. A . quelli di tutto ra vive nti come Palanca (il
Lamberto Barto lucci e . particolare si- mago dei motori) ed altri no ti ssimi .
gnificat ive , i " pinguini '' de l Corso "Cen- La con tinuit a de lla tradi zio nc di le na-
ta uro IV" dcli ' Accade mia A c ro naut ica . cia , di co raggio e di pe rizia di tccnici c
Ncl co rso de lla cerimo ni a, il Capo d i pilot i si e mate ria lizzata nc ll 'inaug ura-
Stato Maggiore de li ' A.M . ha confe rito z io ne ne l Musco Storico A .M. de l ·' Pa-
Ia Medaglia d' Oro a l Me rit o A e rona uti- digli o nc dc i Primati". chc co n a m pia do-
co alta me mo ria dell"l ng. Pa o lo Fo resio cum c nt azio ne fo rnisce tutt c le notizie
(chc fu an ima to rc di una delle piu prc- re lative a llo sviluppo itali ano de lle alte
stigiose industric a e ro na utiche na zion ali: ve locita , o ltre Ia presenza " fisica" di
Ia " Macchi " ) , a ll'lng. Giuseppe Gabrie l- prcstigiosi aere i. fra cui na turalm e ntc il
li ( progctti sta di vclivoli da comba tti - famoso Macchi Casto ldi 72 . gioic llo in-
me nto c da traspo rt o, fra c ui il G .55. il supc rato de ll a nostra industria .
G.91. il G2 12 e d il G .222. costruiti dal La ma nifestazione si c conc lusa con
g ruppo FIAT), cd all'lng. Re nato Bo ni- l'esibizio nc de lla Pattugli a Ac ro batica
fa cio (a ttua lc Preside nt c dc ll' Ac ri ta li a . Nazio nalc " Freccc Tri colo ri". dot a te co-
il complcsso ae rospazia le itali a no c hc ha m'c no to d i vcli voli "Macchi ", a testi -
raccolt o l'c rcditii di pe rizia e di tccnica mo nia nza di que ll a conti nui ta che c Ia
de lle nost rc indust rie c chc o ra si a ffe r- fo rza c Ia sos ta nza de ll a nostra Fo rza
m a in ca mpo mo ndialc in ca mpi pa rtico- A rm a ta. La pc rfezio nc de ll e fi g ure acro-
larm e nt c impegnati vi co me coprodu zio ni bati che . che sposan o a rmoni osam e ntc
di veli voli mo de rnissimi q uali il B7-l7 c au dacia . pe ri zia c pre pa razio ne pro fes-
l'MD. 80, produzio ne d i ··T o rna do " e el i sio na le ha dimostra to an cora una volta
F- 104/S. no nche in campo spaz ia lc . con a ile mi gli a ia d i pc rsonc co nve nutc chc
lo "'Spacc lab·· ed il ··T e th ered Satelli - l' c rc d ita dc i coraggiosi pio nie ri . chc
te""). st ra ppa ro no in tutto il mo ndo ovazio ni
A li a Sig no ra Agell o . visib ilme nt e el i intcrc fo lic. si chc il no me d' lta li a fu
commossa . c sta ta co nsegna ta da l G e n . pi u voltc acclama to sot to ogni la titud i-
Cotto ne una me daglia d"o ro comme mo- ne. c o ra in buo nc m a ni , nc lle ma ni di
rativa de llo sto rico volo. co n un o m ag- colo ro che oggi vestono Ia glo riosa uni -
gio fl o reale. fo rm e g rigio-azzu rra. la nciat i a ile piC1 a r-
II rico rdo di tutt i c andato a i p rccur- dit c conq uiste del cie lo e dc llo spazio.
sori di qu esta magnifi ca a ffe rmazio ne,
c hc Ia pre pa ra rono, a lc uni col sa crificio Pedro

21
STOR

'
DIA VOLI ROSSI SI, MA
CONLEALI
DEGLI ANGELI
di M.G.
iamo nel 1936. E' Ia crisi dei- venula a trovarsi l'aviazione al sorgere

S I'Europa di Versailles, della fine


delle speranze, o meglio delle
illusioni, di pace cullate in seno
alia Societa delle Nazioni, dell'avanzare
sempre piu nitido, sotto Ia spinta furiosa
della seconda meta degli anni '30, nel-
l'impellente necessita (non riscontrabile
in eguale misura ne nella marina, ne
nell'esercito) di modificare un assetto
che, per effetto delle sue straordinarie
e farneticante del revanscismo hitlerano affermazioni avutesi nel periodo 1925-
e in un'assoluta carenza di adeguate 1935, si era fatto di colpo obsolete.
conduzioni pelitiche, dell'orribile spettro Un precise e quanta mai eloquente ri-
di una seconda conflagrazione mondia- chiamo storico che, seppure qui riferito
le. (per ragioni di brevita) ad una sola na-
In questa irrequieto, ventoso panora- zione, puo emblematicamente rappre-
ma tutti i grandi Stati europei comincia- sentare Ia situazione generale del mo-
no a rivolgere una particolare attenzio- menta, ci viene offerto dall'intenso tra-
ne, e in un macerante crescente assillo, vaglio vissuto dal 1934 al 1937 dall'ln-
sui lora e sugli altrui potenziali militari, ghilterra nell'elaborazione di una lunga
appuntando specialmente lo sguardo, serie di progetti d'espansione aeronauti-
su quello aeronautico; e cio per essere ca, miranti alia parificazione delle pro-

22
~ L 'AERONAUTICA
------ MIL/TARE
ITA LIANA

MO

23
prie Forze aeree con quelle tedesche cia, il "6•" , costituito in pari data, e for-
sulla base di un primo approntamento, malo da due " Gruppi" il "2." (con Ia
per il 1937, di una linea di volo compo- " 150a", " 151 a" e "152a" Squadriglia) e
sta da 70 Squadriglie da bombardamen- il "3. (con Ia " 153a", " 154a" e " 155a"
to e aerosiluranti, 35 da caccia e 18 da Squadriglia), operanti con 53 aeroplani,
ricognizione, per un totale di 1.527 ae- di cui 2 " Fiat CR 20", 42 " Fiat CR 32 ",
roplani. 5 " Fiat CR Asso" e 4 "Caproni 100".
Non diverso, ovviamente, in un simile Mobilitato nell'aprile del 1939 per l'oc-
contesto politico e politico-militare , il cupazione della Albania, il "6.", dopo
comportamento del nostro Paese con Ia una breve permanenza a Tirana, lorna
conseguenza che , cosi come per gli in- nel mese di maggio in ltalia, sull'aero-
glesi e i francesi (mentre i tedeschi tro- plano di Ravenna, lasciando, per6, Ia
vandosi a costituire Ia loro Luftwaffe ex " 151 a" e Ia " 152a" Squadriglia aile di-
novo non hanno problemi dello stesso pendenze del " 160. Gruppo Autonomo
tipo), anche da noi, e per altro tra mag- II "CR . ~II" . Caccia Terrestre " e perdendo, inoltre,
giori difficolta per essere impegnati nel- nel luglio, anche Ia " 155a" , trasferita in
la logorante definizione della conquista Africa Orientale.
etiopica, l'intero ordinamento deii'Aero- AI 10 giugno del 1940, seguendo Ia
nautica e i relativi schieramenti operativi sorte di mo lti altri Reparti aerei e per
prendono rapidamente a mutare fisiono- quegli stessi motivi che abbiamo gia ri-
mia, criteri e ruoli di impiego, consisten- cordato su questo nostro giornale (cfr.
ze, dislocazioni. n. 8/9, 1984), lo Stormo in parola si
smembra nei suoi due Gruppi che, ritor-
nati intanto agli organici iniziali, vivran-

Q
uando il 24 maggio del 1915 no d 'ora in poi ciascuno una propria vi-
l'ltalia entra in guerra contro cenda.
gli lmperi Centrali, Ia sua II "2. Gruppo", divenuto subito auto-
aviazione e costituita da soli nomo ed equipaggiato con " Fiat G 50",
59 aeroplani bellicamente efficienti, ri- "CR. 32'" in formazionc. e dai primi giorni del summenzionato

II FIAT "CR. As~o".

partiti in 40 magre Squadriglie, disloca-


te su 6 aeroporti : Campoformido (sede
della "6a", "7a" e "Sa" Squadriglia
" Nieuport" incorporate nel "2. Battaglio-
ne Squadriglie aviatori" ), Chiasellis, La
Comina, San Vito al Tagliamento, Tor-
resella , Bazzera (Venezia).
Orbene, il 15 gennaio del 1936, nel
quadro del suaccennato riordino, il vec-
chio, glorioso aeroporto di Campoformi-
do, che tanta parte aveva avuto nelle
vicende del precitato con flitto, ritrova
l'originario splendore, per essere stato
destinato a base di uno Stormo da cac- II " RE. 211111".

24
mese di giugno alia fine di dicembre su-
gli aeroporti di Bari e di Grottaglie con
compiti di sorveglianza dei litorali meri·
dionali della penisola; quindi, dal gen-
naio at luglio del 1941 , in Africa setten-
trionale, sulla base di Castelbenito e, in
un secondo tempo, di Maraua, ave vie-
ne impegnato in continue, estenuanti
missioni di vigilanza e di scorta; succes·
sivamente, rientrato in patria e dotato di
velivoli "RE 2001 ", su vari aeroporti del
sud e della Sardegna, con un'intensa
partecipazione agli eventi bellici che si
snoderanno sui fronte del Mediterraneo
dall'agosto del 1941 at maggio del
1943. Trasformato, infine, in un Gruppo
intercettori, dopa to sbarco alleato in Si·
cilia, ripiega a Sarzana e Albenga a di·
fesa dei porti e delle citta di La Spezia
e di Genova; impegno, anche questa,
assolto, cosi come nei precedenti cicli
operativi, con un encomiabile spirito di
sacrificio e strenuo ardimento, sino all'S
settembre, da cui verra a trovarsi dram-
maticamente travolto.
Oat canto suo, it "3° Gruppo", sempre
net giugno del 1940, si porta in Sarde-
gna per essere qui impiegato in azioni
di scorta ai "BA 88" del " 19° Gruppo" e
a protezione dell'intera area insulare.
Fattosi it 24 luglio del 1941 anch'esso
autonomo e dislocato to stesso giorno La pattuglia acrobat ica dci .. Diavoli Rossi..
in Africa settentrional~ sulla base di
Forman (Tripoli), dalla quale ridotto allo Di li a due mesi appena le sue Squa- contra le massicce formazioni nemiche,
stremo per Ia dura Iotta sostenuta su driglie, rabberciate alia meglio, sono cosl come sino dai primi giorni del con-
que! micidiale scacchiere operativo, frettolosamente spedite, !'una distaccata flitto , tutte le foro risorse in uomini e
rientrera in ltalia, andando a schierarsi dall'altra, su basi della Calabria e della mezzi, esse rientreranno in ltalia, a Ca-
sull'aeroporto di Ciampino, net giugno Sicilia, finche net luglio del 1943, esau- selle Torinese, ave it 7 settembre it "6°" ....._
del 1942. rite in un generoso. eroico prodigarsi verra virtualmente sciolto. ,....

II "muso" del Tornado.

25
erminata Ia guerra, nel corso " 6... , nella sua qualita di Reparto Cac-

T di quella tenace, esaltante lase


della ricostruzione nazionale e
deii'Aeronautica, il "6•" il 1·
gennaio del 1951 rinasce a vita nuova,
prima sull'aeroporto di Treviso-Sant'An-
cia-bombardiere adibito alia difesa dei
confini nazionali e dei territori dei Paesi
della NATO, sia in via autonoma che
nell'ambito di una stretta cooperazione
con le Forze di terra e navali, una nuo-
gelo e dal 1• giugno, montato su " D 51 va era, che potremmo chiamare del fu-
D Mustang", su quello di Ghedi (Bre- turo, essendo equipaggiato ora con
scia), ove· e tutt'ora di stanza. " MACA Tornado", velivoli che, prodotti
Dopa circa venti mesi di un alacre la- da un consorzio trinazionale, anglo-te-
voro di ampliamento delle infrastrutture desco·italiano, rappresentano Ia massi-
aeroportuali e di assestamenlo ordinati· ma espressione della piu avanzata evo-
vo, lo Stormo nel novembre del 1952 si luzione tecnico-scientifica mondiale.
presenta ordinate su Ire Gruppi di vola,
il " 154." , il " 155. .. e il " 156.", equipag-
giati con aviogetti "D H 100 Vampire".
Trasformato il 1· febbraio del 1953 in iunti a questo punto riteniamo
"6" Aerobrigata"; sostituiti in pari dati i
"Vampire" con " F 84 F Thunderjet" e,
nel 1956, questi ullimi con " F 84 F
Thunderstreak" , lo Stormo in argomen-
to, del 1957 al 1959, da piena prova
G ;;uperfluo far correre altre pa-
role, poiche Ia pur sommaria
sintesi storica qui tracciata e
i pur pochi dati sopra riportati bastano
da soli a darci il volto, il carattere di
della allissima capacita operativa, con- questa splendido reparto, una delle piu
seguita per di piu in uno sbalorditivo salde e piu sicure cerniere del nostro
tempo di primato, destando in llalia e apparato difensivo.
all'estero una entusiastica ammirazione Vogliamo solo dire che se un qualche
con le esibizioni della sua pattuglia cittadino vedra un qualche mattino
acrobatica, denominata "I divaoli rossi". sfrecciare su di lui il " diavolo rosso", si
Entrati in scena, a partire dal 15 giu- e certi che esso non manchera di senti-
gno del 1953, gli " F 104 G Starfighter" re dentro di se un brivido di orgoglio e
e brillantemente risolte, ancora solo nel Pilota r navigatore a:t ri rntro da una mis- di riconoscenza per uomini, figli del pro-
volgere di pochi mesi, tulle le comples- sione di addestrarnento. prio popolo, che, su quelle macchine
se problematiche connesse all'entrata in rombanti, fedeli aile fulgide tradizioni
linea della nuova macchina aerea, nel Stormo" sulla base di San Damiano e il del Reparto di appartenenza e nel piu
1965, il suddetto Reparto oflre un'ulte· "156." il "36"" a Gioia del Colle), il ampio contesto operative della Forza
riore testimonianza della propria effi· "406• Gruppo Servizi Tecnici" Armata stanno dedicando, al prezzo di
cienza conquistando un prestigioso (" S.T .O." ), il "156" Gruppo Servizi Logi· duri sacrifici, Ia lora giovinezza, Ia loro
"Trofeo NATO" per avere compiuto stici e Operativi " (" S.L.O." ), un Gruppo vita a difesa del suo quotidiano vivere,
5.000 ore di volo senza alcun incidente. Difesa" e un " Gruppo Servizi ammini· della sua liberia e. contemporaneamen-
II 1" settembre del 1957, Ia "6a Aero- strativi". te, nel nome di un progresso umano
brigata" riassume l'originaria struttura di Effettuate dal 15 giugno 1963 al 31 ispirantesi ad una sincera unione spiri-
Stormo, articolandosi su un " Comando dicembre 1982 ben 65.000 ore di vola tuale con tulle le genii della Terra.
Stormo" con un "Ufficio Comando" e un con una media annua di circa 3.400. "Diavoli rossi" ? Sl . Ma con le ali degli
"Ufficio Operazioni", e i seguenti " Grup- Magnificamente superate, inoltre, 16 angeli.
pi": "154" Gruppo di vola " (mentre il "valu tazioni tattiche".
" 155" e andato a ricostituire il " 50 • Con il 27 agosto 1982 si apre per il M. .G.

MRCA "Tornado"
Vel. max. Mach 2:
Peso max. al decollo,
kg 24.000-motore
spinta max. a secco,
lbs 15.000. Autono-
mia: km. 1390- Anna-
menlo: 2 cannoni da
30rnm: rnissili aria-
aria a corto e medio
raggio; missili aria-
terra a guida precisa;
missili aria-nave a gui-
da precisa; bombe a
caduta balistica. Dille
costruttrici: AER ITA-
LIA (It alia), BAC (ln-
ghiltcrra), MBB (Ger-
mania Federate).

26
mo ria c. fin a lmc ntc, pe r Ia targa a ricor-
do de i pi lo ti cad ut i con il mollo ... "O r-
mai no n balle chc !'a la del mio so-
gno"... fall a reinstallare negli uhimi
giorni prima della cerimonia a lia quale
ci stavamo approssimando. elle due
sale tte alia de tra dell ' ingresso. quella
dei ci me li e quella dei documenti storici.
I' Aeronautica invcce c completamcnte
a sente: ci sono cime li di vclivolo tede-
sco e di velivolo inglesc ma nessun ci-
mel io di velivolo ita lia no. La sale ll a do-
cu me ntazio ne com unq uc c mo h o inte-
ressante e vi so no custod itc copie int e-
ressa nt issim c d i documc nti sto rici re la ti-
vi a li a bat taglia . Mi hanno colp it o in
modo parti colare le copic de i tc lcgram-
mi con i quali il Gen. Ro mme l chie deva
ad Hitl er l'aut o rizzazio ne ad iniz ia re
una ritiral a o rdinata in mo do cia salvarc
al massimo uo mi ni e ma teria li e lc ri-
sposle categoriche. assolute dci due Dit-
tato ri che imponeva."'> come unica solu-
zionc Ia rcsistcnza ad o llranza fino a l-
II Gen. 5.11. Giorgio Bertolaso. com- to rapida me nt c su pc ra to grazie all'a iuto l'ultimo uomo ... se a lmeno quci politici
ballellle ad £1 Alamein con if 4' Stormo, del nostro addctto prcsso I' A mba~c i ata si fossero limit a ti a fare soltanto i politi-
ha rapprese/1/ato 11111i gli aviatori e i soci d' Ita lia , Col. Pil. Searamucei, c del ci!
dei/'"A . A.A." alia Rmnde cerim onia di Console Generate d'ltalia in Alessa n- Do po una b reve cerimonia di deposi-
omaggio ai Cat/uti che .1i s1•olge ogni dria. dolt. Giancarlo lzzo: omaggio fl o- zione di una corona alia lapidc c he ri-
011110 a/ Sacrario e che quest'anno era or- reate da parte d i graziose rappresent a nti corda il saerificio degli Asca ri inquadrati
gani==ata da//'lwlia. locali e. q uin di. via sugli a ut obus per nelle fil e del nostro Ese rcito ci siamo
Siamo lil'li di COIIIItllirare specialmeflle I' A lbergo. avviat i al Sacra rio vero e proprio: ci sia-
a qll(•i reduci che Ill' fll'£'1'ano da tempo In c ra ta ricevimc nto al Consolato m o schi crat i in buon o rdinc, sono arri-
/ame/1/ato Ia scomparsa, che e sww ripri- d' ltalia di A lcssandri a e Ia mallin a svc- vate le va rie Auto rita. con in testa il
stitwut COIII 'era Ia wrga agli A viatori Ca- glia prima dc ll' alba c pan c nza verso El Mi nistro Spadolini. c d c co min ciata. for-
dllti per it dC'Ierminante intervento del Ala me in . II via ggio c StalO abbasta nza tunatamc nte scnza cl isco rsi. Ia cc rimo nia
Capo di Sww Maggiore dei/'Aeronautica interessante: a t tra vc rsa ndo Ia pc ri fc ria internazio na lc. Mo lti g li ita liani prcsc n-
Gen . Basifio Couone e per Ia disponibili- d i A lessand ria ci siamo rcsi co nto de ll o ti .
ta del Gen . Brandi. Commissario di sfo rzo che questo Paese sta facendo per A cerimonia finita siamo a nclati a
Onorcaduti. messi a/ corre/1/e del proble- te nt a re di mi glio rare Ia sua situazionc pranzo in una o rganizzazione turist ica su
ma dalla nostra Associa=ione. economico socialc e poi dccinc c decinc qucll o stupe ndo Marc Meditcrraneo e
d i e hilo mct ri di li to ra nca nc l dcse rto po i finalmente siano pot uti tornarc a l
lungo un Medite rraneo splcndente di
... luci e di colori . Ci siamo ferma ti dopo
poco piu di cc nto chi lo mctri. credo esat-
nostro Sacra rio li beri di o no rarc i nostri
povc ri Amici ognun o a modo proprio.
anche sc nc l fratt e mpo veniva ce lebrata
C'ero gif1 passato all re volle sui radio- tame ntc Ill . dove el.istc un cippo dei una Messa a ii' Ahare del Sacrario. Ho
far~ di. E l Dab? , !>.u ra nte It: mie peregri- nostri Bersaglie ri che eleve rappresenta- cosl passato un paio di ore. quasi in
nazlOm verso I Onente; ma e ra soltanlo re il punto piu avanzato raggiunto dai trance. fr a i povcri resti eli quci G iovani
un pu nlo di ripo rlo. uno delle cent ina ia nostri Soldati. e che dice ... "manco Ia che l ~t rimasero. ricerca ndo nomi a me
che si . usseguivano per raggiungere Ia fonuna. no n il valo re" ... e cominciai a cari . ricordando episod i di val ore spesso
meta ancora l on t a n i~~ima. Questa voila meditare ed a caricarmi! Cont inuando d ime nt icat i e rico rd a ndo i va ri momenti
n~pp rese nt ava Ia rine del viaggio, anche vede mmo i Ma usolc i dei Greci, dei Bri- in c ui . in que) lon ta no '-t2. sono staiO vi-
ptuttosto sco modo. ve rso E l A lamein: tannici. elc i Tedeschi eel alia fine giun- einissimo a raggiungcre questi Am ici .
rapprcsenw va l' in izio d i un partico la rc gcmmo al nostro. ~ Qui mi c vc nuto il pc nsie ro di qua nto
SUllO t~'a nim o. cr~atosi col ~o praggiun ­ L' impressio nc c stata trauma tica: av re i pc rso. d i q uanto non mi avrcbbc
gerc. I accavallars1 al ia me moria di tanti quclla e ra Ia me ta de l nostro viaggio, Ia dalo Ia vita sc anch' io fossi fra lo ro. e
rico rdi chc pratica me llle cia scmprc e ra- c'erano miglia ia d i nostr i compagni pcrchc. pe r qua le forma di giustizia io
no rimasti a~~op iti e nascosti dal turbi- mcno fonunati di no i. cari!.simi amici sono a neora al di qua! G ira nclo a lia ri-
nio de l tra~co rrerc del la vita; rni avvici- cui mi ~ent i vo vici no come mai lo cro ccrca di A m ici c he pu rt roppo no n riusci-
nai alia cahi na dci pi loti c, mcntre il staiO. c poi no n me l'a ~ pc11avo cosl ; vo a trovarc ho incont ra to un nostro
Cl30 deli' A.M. iniziava Ia virata e Ia di- dallc poche c eli~ t rat t c in formazioni che Souufficia lc fermo in raccoglimcnto da-
!>CC!.a verso A lexandria . mi !.i c prcsen- avevo avuto lo immaginavo molto van ti ad un Loculo. gli ho chicsto se
lalO lo l>COnfinaiO panorama della zona meno... Personal mente prcferisco il avesse li qua le he parentc: "Comandan-
chc net 1942 ha assistiiO a l crollo della Mausoleo italiano a tulli gli ahri proba- tc. lassu in quel loculo c'c mio Padre.
ultima ~pc ranza dcll' lt a lia: immediata- bi lme nte propri o perchc c It a li ano e ricordo ~o ll a nt o il suo abbraccio prima
mc nte mi ~ i affacciarono un'immcnsitfl manticne in picno pregi e difelli del no- di pa rt ire! ... " Scappai. mi nascosi e fi -
di ricordi di episodi. di l>ituazioni ... l'in- st ro carallere. Molle sono le osse rvazio- nalme nte pian si!
do mani avrci polllto. finalmcnte. visita- ni che si possono fa re soprallutto da Alia fin e lasciammo il Mausolco c.
r~ c r~ ~d c rc o n~a~gio a ile spoglie di tan- pa rte di noi deii'Acrona utica Militare: dura nte il viaggio di ritorno ad A lessan-
ll a~m c 1 Cadut1 111 q ue i giorni: Za rini . scmbra proprio c he nc lle bat taglie afri- clria ci fermammo a re ndere o no rc ai
Bevilacqua . Massa. Barsotti. G ibe lli ni e cane Ia Regia Acrona ut ica sia slala as- Cadu ti T e desc hi , Greci e Brit a nnici.
tant issimi a lt ri di c ui no n ri esco a rico r- se nte se no n fossc pe r Ia presenza eli un Aggi rando mi fra lc tombe. mi vc nnc il
dare i no mi ma chc scnt ivo a lcggiare a t- cippo intitola to a li a Regi a Aeronautica. pc nsic ro c hc probabil mc ntc qua lc uno
tnrn o a me come il Tu rbine de l nostro di una pi sta intito lata a Li vio Ccccolli , e ra li pe r ma no m ia ... no n nc ho prova-
··Gagli ardct to ". Ycnni disto lt o dallc mH.! Cap . Pilota A.A., Medaglia d 'O ro ali a la soddisfazionc a lcun a! ...
~cd i tazi o n i ~l al l a procccl ura di a tle rrag- Me mo ria. a ll n prcsenza eli num e rosi Pi-
gJO. Coni ro lh doga nali . passapo rt i ... tul- lo ti A . A. fra lc me claglie d 'Oro a lia Me- G.B.

27
INAUGURATO IL NUOVO
ANNO ACCADEMICO A POZZUOLI
tonomamente nel programma spaziale
italiano.
La cerimonia si e conclusa con l'aper-
tura ufficiale del nuovo corso di studio e
l'indirizzo di salute del Capo di Stato
Maggiore deii'Aeronautica Militare che,
dopo aver evidenziato come una ceri-
monia di inaugurazione di un anno di
studi, ben lungi dall'esaurirsi nella ritua-
lita e nella formalita dell'avvenimento,
costituisca evento rigeneratore e vivifi-
catore di nuove energie nella dinamica
culturale deii'Accademia Aeronautica
ha affermato che Ia formazione dei qua~
e
dri Ufficiali impresa importante e diffi-
cile alia quale Ia Forza Armata deve de-
dicare Ia massima attenzione. "Siamo
consci" ha proseguito il Generale Cotto-
ne, "che so/tanto uomini adeguatamen-
te preparati, capaci di riunire in se, ac-
canto alia indispensabili doli di coman-
do, indiscusse capacita dirigenziali sa-
ranno in grado di gestire mezzi ed orga-
nizzazioni sempre piu complesse e di
far fronte con successo aile sfide del
nostro tempo ed a quelle, ancor piu im-
II Prof. Lucia no Gurrrino mcnlre pronuncia in Accademia Ia sua prolusionr. pegnative, di d((mani".
LN.

Alia presenza del Capo di Stato Mag-


giore deii'Aeronautica Militare Generale
Basilio Cottone e delle piu alte autorita
religiose, militari e civili, ha avuto luogo RICOSTITUITO A TRAPANI IL 37° STORMO
aii'Accademia Aeronautica di Pozzuoli
Ia solenne inaugurazione del nuovo cor-
so di studi 1984-85 nel 61 ° anniversario II "Nucleo operative Difesa Aerea" eroiche azioni durante l'ullima guerra, di
di fondazione dell'lstituto. deii'Aeronautica Militare, gia costituito e Medaglia d'Oro al Valore Militare: intercet-
II Generale Pasquale Graziano, nella operante sull'aeroporto di Trapani-Birgi, tazione, appoggio aile Unita di superficie
sua qualita di Comandante deii'Accade- ha assunto il nominative di "37" Stor- e, in modo particolare, aile Forze navali.
mia Aeronautica, ha sintetizzato i com- mo", mentre il suo Gruppo di volo quel- Con Ia costituzione di detto Stormo
pili, le realizzazioni ed i programmi del lo di " 18° Gruppo Caccia intercettori viene notevolmente ad ampliarsi, e per
massimo lstituto di formazione deii'Ae- ogni tempo ("C.I.O.")". di piu in un'area quanto mai delicata, il
ronautica Militare. Comandante il Col. Pinto, linea di campo d'intervento della nostra aviazio-
Successivamente, ha avuto luogo Ia volo fermata da " F 104 S" . ne militare.
consegna agli Allievi che si sono mag- Compiti di questo nuovo Reparto, rial- Tanti fervidi auguri, 37° Stormo, per
giormente distinti per studio, disciplina, lacciantesi aile tradizioni e alia storia del un tuo felice e radioso ritorno in seno
attitudine al volo dei premi: "Esercito ''37" Stormo B.T .", d~corato , per le sue alia grande famiglia aeronautica.
del Air Espanol" aii'AIIievo Pilota Botta;
"Medalla al Merito Tenente Carlos
Meyer Baldo" al Sottotenente Pilota
Ve rcellino: " Fuerza Aerea Argentina" ai-
I'Aspirante Pilota Di Napoli. Si e avuta
poi Ia prolusione tenuta dal Prof. Lucia-
no Guerriero sui tema: "Nuove prospet- IL CAPO Dl STATO MAGGIORE DELL'A.M.
tive dell'attivita spaziale, il ruolo dell'lta-
lia". L'oratore ha tracciato un quadro IN VISITA NELLA COREA DEL SUD
della attivita spaziale italiana con riferi-
mento alia situazione mondiale nel me-
mento di transizione della lase esplora- Su invito del Capo di Stato Maggiore te prestigio internazionale della nostra
tiva a quella di industrializzazione dello delle Forze Aeree sud coreane, Gen. aviazione militare, si e svolta in un clima
spazio con Ia possibilita quindi della Kim, il Gen. Basilio Cottone, accompa- di viva cordialita e stima reciproca, artico-
presenza permanents dell'uomo nel co- gnato dal Gen. Vincenzo Manca e dal landosi in un intense programma di incon-
smo. Ten. Col. Vincenzo Camporini, ha com- tri con i massimi esponenti della suddetta
Nel corso della sua prolusione il Prof. piuto, dal 28 settembre al 3 ottobre, una Aeronautica e con le piu aile cariche dello
Guerrieri ha illustrate l'attivita spaziale visita ufficiale nella Corea del Sud. stato, tra cui, in primo luogo, il Presidents
degli ultimi 10 anni soffermandosi sulle Tale visita, chiaro riflesso del crescen- del Consiglio e il Ministro della Difesa.
singole iniziative cui l'ltalia partecipa
nell'ambito dei programmi deii'Agenzia
Spaziale Europea o che ha avviato au-

28
STORIA
AERONAUTICA

IL 1° NOVEMBRE
DEL 1911
SULDESERTO
DEL
SAHARA

II 29 settc mbrc d e l 19 11 l' l ta lia eli- 3 ''N icu po rt ". 2 "Fa rman " c 2 "Etrich" "Cipe lli". La limitatczza di delta azionc
c hiara g uerra a li a Turchia e il 5 o ttobre (cui si aggiu ngc ranno in seguit o un ana- si co mmcn ta da sola. ma c ad essa c he
un suo Corpo el i s ped izione. am mon ta n- logo Rcparto c 2 "Piotoni autonomi d'a- d evc rico noscc rsi - c in cio Ia sua im-
tc a 3-lA98 uomi ni . sba rca sui suolo li bi- viazione". formatisi. questi ultimi con ponanza. tanto da destarc nc l mo ndo
co. occupa Ia piazza fo n e d i Tripoli. aviato ri civili militarizzati per iniziativa u na vastis ima risona nza - l'avcre realiz-
Di ll a pochi g io rni , tra il 12 e il IS della Rivista "La Stampa S poniva" eli zato pe r Ia prima volta nella storia dei-
dcllo stesso mcsc eli ottob rc. sn lpano ela T orin o . c chc sarann o rispe ttiva me nte I'Acronautica milita rc il concc tt o del
Napoli alia volta eli Tripo li i pi roscafi dis locati a Bc ngasi. Derna e Tobruk). s i bombardamc nt o acr..:o.
"E nriche tt a", "San nio" e " Pla ta". aven- c appe na in st a ll a to aile porte d i Tripoli. Ecco in propos ito un commc nt o d e l
g io rnale ing lcse ··Centra l News": ..... La
guerra el i Libia ha el im os trat o c hiara-
;n..: n te come Ia navigaz ione ac rca forni -
sca uno spaven toso mezzo eli d istruzi o-
ne. Q uesti n uovi strume nti be ll ic i sono
d cs tin ati a rivoluzio nare Ia ta ttica c Ia
strat egia mo d c rn a .....

II Cap. Gavotli sull'aeroporto di Tripoli.

do a bordo una "Fio ttig lia di ae ropla ni " , li. che il 1• novcmbre il S. Te n . Giulio
dcst in ati ad opcrarc. assieme ad uniti\ di Cavott i si al za in volo con il suo "Nie u-
acrostieri e dirigibilisti. in se no al Corpo pon " per a ndare a bombardare alcune
di s pedizione. posizion i ne mic he nei pressi di A in Za ra
Ta le contingent e. al com a ndo de l c ne lla oasi di Tagiura.
Cap. Ca rlo Pi azza c composto da 9 U ffi - II mate ria le esplosivo lanciato - a
ci ali. 30 milit ari d i t ruppa. 2 "Bicriot". mano - e costituito d a 4 bombe tipo La bomba "Cipelli".

29
TACCUINO
Dl V/AGG/0
CON IL ((COLLEONI"

IN VOLO SULLA
di Paris Pernazza

, .,_ __ .-- -·,- .-:- ~~~_: . . .,-..->~_;~.- -~--~~


• ·: • •
..
••
-
~
-~ ;
~.
4<.

- -- - - ...
- .._ -:-

L ' in croci a l or~ ··Colleoni".

COLLEONI

aluni recenti eventi internazio- Chi scrive, allora Capitano, era Capo

T nali, Ira cui l'accordo anglo-ci-


nese per Hong Kong, hanno
riportato alia mia memoria una
vicenda che io ebbi Ia ventura di vivere
quasi cinquanta anni or sono in Estre-
del servizio aereo deli'Unita: un servizio
ridollo all'osso, affidato , cosi come per
tulle le navi di eguali caralleristiche, ad
un "RO 43" e ad un secondo mezzo
fornito da congrue parti di ricambio.
mo Oriente. Dopo un mese di navigazione, quanto
II 7 luglio del 1937 il Giappone aveva mai difficile per i numerosi ostacoli, di
mosso guerra alia Cina e rapidamente, natura prevalentemente politica, frappo-
in quello stesso mese, erano cadute in sti da giapponesi e inglesi, alia vigilia di
mano dei nipponici le cilia di Pechino e Natale del surricordato 1938 giungem-
di Tientsin, sede, quest'ultima, dal mo aile foci del grande "Fiume Azzur-
1900, di alcune "concessioni" (centri di ro", lo Yang-Tze-Kiang (una foce im- II pcrsonalc acrona ulico imbarcato sui "Col-
espansione commerciale e di influenza mensa, della quale non si vedevano i li- lcon i". In second a fil a. da sinislra: Scrg. Monl.
politica) devolute a Nazioni europee, tra miti), pronti ad affrontare il fiume Van- Culazzo, M. llo Pil. J>a rcnti , Ca p. Pil. Pcrnaz-
cui l'ltalia. poe, suo affluen te, che conduce a za. S. Ten. Vase. Bertoli. Serg. Magg. Mol.
· Sia a protezione dei nostri connazio- Shangai e che riuscimmo a superare Castrol'illari.
nali; nonche degli interessi che noi ave- grazie alia collaborazione, indispensabi-
vamo in Cina e che Ia guerra, unita- le, tanto esso era ingombro di navi af- corso di una lenta ritirata strategica, Ia
mente a giuochi egemonici di piu ampia fondate e di relilli di ogni genere, scon- capitale a Chungking, molto all'interno,
portata internazionale, avrebbe potuto volto da violente correnti e allraversato sulle montagne.
compromellere in maniera assai grave; da pericolosissime secche, di un "pile- Nonostante, per6, l'ingente spiega-
sia per questioni di prestigio di bandiera to ", nella persona, per l'occasione. di mento di forze . dopo un anno e mezzo
e, altresi , con il sincere intento di porta- un esperto comandante italiano. di operazioni, gli assalitori non erano
re un concreto aiuto aile popolazioni ca- Trovammo Cina, Corea e Manciuria stati capaci di andare oltre il controllo
dute nelle fauci del conflillo, nel 1938 gia terribilmente sconvolte dalla guerra. delle maggiori cilia e delle principali vie
venne inviato in quei mari lontani l'in- I giapponesi dominavano dalla Manciu di comunicazione, prevalentemente flu-
crociatore "Colleoni", al comando del ria a Hong Kong, mentre il Comandante viali. Per tutto il resto della vastissima
Cap. di Vase. Catalano Gonzaga e con in capo dei cinesi, il Generalissimo area delle retrovie era alliva una silen-
un equipaggio di circa 600 uomini. Kiang Kai-Shek, aveva trasferito, nel ziosa e sanguinosa guerriglia. I giappo-

30
NEI MARI DELLA CINA

GRANDE MURAGLIA

II fiuml' Yang-Tzc-K iang (il Fiurnc Azzurro). £sso nascc dall'allopiano del Tibet !', dopo un percorso di 5.800 krn (prr circa meta naviga-
bili). sfocia ncl Marc Cincsc settentrionale. pressp Shangai.

nesi apparivano impantanati, invischiati savano, di nolle, tulle le marinerie, tulle che in guerra (lnghilterra, Francia, Stati
come uccelli nelle panie dinanzi alia Je ciurme di basso rango di varie nazio- Uniti, ecc.); cosi come era accaduto
sterminata ampiezza del territorio cine- nalita e colore e contro le quali i "marc" verso il 1910 aii'Ammiraglio inglese
se e alia enorme enti ta numerica della del "Colleoni" dovettero lottare dura- Sturdee e aii'Ammiraglio tedesco Von
popolazione. circa un miliardo di anime. mente per rintuzzare provocazioni, in- Spee che, avversari al "bridge" in quel
II grande porto fluviale di Shangai era giurie, volgari arroganze. circolo, dovevano scontrarsi in mare
stipato di navi di ogni genere e naziona- I nostri Ufficiali frequentavano , inve- aperto aile Falkland durante Ia prima
tita, pullulava di imbarcazioni in massi- ce, dancings d'alto bordo (e d'alto co- guerra mondiale (8 dicembre 1914), ove
ma parte "sam pangs". Cadaveri galleg- sto), ove folleggiava Ia bella stirpe fem- entrambi perirono eroicamente.
gianti defilavano sovente, lentamente minile siberiana, discendente della no-
lungo le fiancate della nostra nave tra- billa russa che Ia Rivoluzione bolscevi-
scinati verso il mare; e cadaveri ancora, ca aveva defenestrato e disperso per il
onostante perc i vari diversivi

N
abbandonati, butterati dal vaiolo giace- mondo. E funzionava soprattutto il
vano per le tante vie recondite della cil- "French Club". ove eravamo ancora mondani, Ia vita di Shanghai
Ia. bene accetti. divenne ben presto monotona
La guerra aveva distrutto e incendiato Famoso e importante questo circolo, e arida, ed eravamo ansiosi di
Natao, Ia Shanghai cinese, e i suoi vari francese di nome rna internazionale di tornare all'aperto, sui mare, per respira-
milioni di abitanti si erano rifugiati, per fatto, perche luogo di convergenza di re aria pura, per navigare e volare, per
trovare salvezza, nel Settlement inter- tulia Ia elite d'Oriente: diplomatici, uffi- mantenere valida Ia nostra preparazio-
nazionale, che i giapponesi avevano· ri- ciali, mercanti (anche di cannoni), spio- ne professionale. lnfatti, gli eventi sta-
sparmiato e rispettato. E questo gigan- ni, dame di vario tenore. I locali pubblici vano precipitando in Europa. E invano
tesco afflusso indiscriminato di mis'e'ra- e i circoli erano frequentati liberamente attendemmo l'arrivo a Shanghai di altri
bili aveva trasformato il Settlement in da tutti, meno che dai giapponesi, i vin- due nostri lncrociatori che avevano ini-
una vera Babele, ove dominavano sudi- citori, ove si sentivano insicuri e ove ve- ziato il giro del mondo seguendo Ia rol-
ciume, caos e malattie infettive. nivano derisi dai cinesi. Non mancaro- la di Colombo. II nostro Governo aveva
Due cose, tuttavia, ancora funziona- no, in detto circolo, incontri e amicizie ritenuto opportuno farli rientrare in pa-
vano egregiamente: i " dancings" nottur- con gli 'Ufficiali di quelle nazioni che di tria.
ni e il "French Club". Nei primi si river- li a poco sarebbero state nostre nemi- Ma venne !'estate del 1939, e il "Col- .....

31
Ieoni" pole levare l'ancora, disce nde r~ il
Vanpoo e guadagnare il largo. Rolla
Nord, destinazione Chinvangtao, un pic-
colo porto sulla costa del Mar Cinese
sellentrionale, a circa 100 km da Tient-
sin e da Pechino (non lontana Ia Gran-
de Muraglia).
In questa trasferta visitammo Tzillao
(gia tedesca) e Cheeffu (inglese) nella
penisola dello Shantung.
Ma il piccolo porto di Chinvangtao era
pieno zeppo di navi (giapponesi) e non
pole accogliere il nostro incrociatore.
Pertanto, dovemmo gellare le ancore al
largo, in rada aperta, a circa un miglio
dalla costa, mentre il velivolo veniva
sbarcato, ormeggiato ad un gavitello
ancorato presso Ia spiaggia e, quindi,
qui posto sollo Ia sorveglianza di alcuni
uomini sistemati in una tenda. Poteva-
mo, finalmente, volare dopo tanti mesi
di ruggine .
Ma ci mancava l'ausilio di padre
Gherzi, un religiose italiano di stanza in La "G rande M uraglia" . (Oclla lunghczza di 2.450 km, cssa ru l'OSiruita da i rincsi SUll O Ia dinastia
Oriente, che aveva organizzato un ser- Ts' n ncl Ill sec. a.C. . a dircsa cont ro lc in vasioni dei mongoli. Distrutta. in gra n parte, da costoro
vizio meteo per l'avviso dei "tifoni" ai verso Ia fin e del XIII sec .. ru r icostruita dalla dinastia dci M ing rr a il 1368 c il 1644.
naviganti. lnfalli, Ia nolle seguente al
nostro arrivo , fummo investiti da un tifo- a forza di braccia fino al galleggiamen- gressivamente accentuate, benino a si-
ne di particolare violenza, che il "Col- to. Ouindi. di nuovo al gavitello in allesa nistra, male a destra. Poi d'improvviso,
leoni" riusci con fatica a fronteggiare, del. .. collaudo. Lo scafo e i due galleg- dopo uno scossone, "Pippo" cade in
aiutando Ia tenuta delle ancore con le gianti laterali erano, si , ammaccati, ma vile larga e disordinata a destra. Tenta-
macchine a Iento moto. tenevano. Ora bisognava provarli e tive normale di recupero: riduco motore,
II "pi lola" , cosi mi chiamavano i colle- mellerli a punto. II tempo stringeva; si comandi al centro, niente. Si prosegue
ghi della Marina, non chiuse occhio dovevano effelluare i "tiri" su bersaglio nella caduta a destra. Cosa fare? Sotto,
quella nolle, e non tanto per il "mal di rimorchiato, ed era indispensabile l'os- l'orizzonte ruota sempre piu velocemen-
mare", quanto per il pensiero fisso al servazione aerea. te, fischiano le crociere, il "Colleoni" si
velivolo, in balia a quella po' po' di bu- II "pilota" era piullosto prebccupato di avvicina. Ouestione di secondi. Lancio?
riana. Cosi non appena spunto !'alba, questo ... collaudo per due ragioni: dubbi E come uscire dallo strello abitacolo,
egli sali in coperta per individuare rae- sui centraggio del velivolo (il ''RO 43" con quelle po' po' di accelerazioni che
reo e di col po impietri: " Pippo", I' aero- non scherzava), e Ia sua ruggine , dopo fanno vedere rosso e sconvolgono il
plano, non c'era piu: andato a Iondo, o circa 6 mesi d'inallivita (situazione mai ce rvello? Ma Ia forza della disperazione
scarrocciante solitario per !'alto mare? capitatagli prima). Ma meglio rischiare a volte fa fare miracoli: pedalo, spunto
Di li a qualche istante, pero, con l'aiuto che rimanere a terra chissa per quanti motore, spingo, tiro ed ecco, che !'aero-
di un binocolo esso venne individuate mesi ancora. Non rimase, cosi , che pro- plano "sente" finalmente i comandi, vie-
sulla spiaggia, ma molto lontano dalla vare. E quando tullo l'equipaggio sta a ne fuori; vai dirillo, giu sempre richiama
balligia. AI che, pensai, non e finita, c'e guardarti, non si puo tergiversare troppo dirillo ... , "splash" a poca distanza dalla
ancora una speranza. Saltai con I'Os- in prove di flollaggio, ecc. Percio, corsa nave.
servatore (il compianto Ten. di Vase. V. e decollo quasi regolari, salita dirilla E cosi si concluse quel memorabile ...
Bertoli) su un motoscafo veloce e insie- fino a 1200 metri. II velivolo pende a collaudo nel cielo di Chinvangtao. L'os-
me filammo verso te rra. destra, ma lo controllo. Manovre pro- servatore e il medico di assistenza mi
L'idro giaceva traversato sulla spiag-
gia, con lo scafo conficcato nella rena,
lordo di alghe e terriccio a circa 100
metri dal pelo dell'acqua, tanta era stata
Ia forza del vento e l'altezza delle onde.
Tullavia, da una rapida ispezione ap-
parve riparabile. Ma come riportarlo in
mare se, ritorn ati mare calmo e alta rna-
rea, distava ancora 80 m dall'acqua? Ci
mellemmo subito alacramente all'opera:
raddrizzamento, pulitura, revisione,
cambio di qualche organo, centraggio.
E tullo con i cosiddelli mezzi di bordo,
cioe, inadeguati alia bisogna. Successi-
vamente per riportare il velivolo a mare,
si scavo un lungo cunicolo sulla sabbia,
e qui si Ieee scorrere (a secco) lo scafo

AI centro: il Sottosegretario della M a rina giap-


ponese, con, alia sua destra, il Cap. di Vase.
Catala no Gonza ga, Comandante del "Colleo-
ni '', alia sinistra, il nostro A mbascia torc G iu-
riati e aile spalle il Col. Pil. Nerio Brunetti. a d-
detto aero na utico a Tokio. In terza fila. in pie-
di (qua rto da destra) il C ap. Pcrnazza.

32
raggiunsero subito... congratulandosi,
ma non videro il mio pallore e il sudore
che correva per Ia schiena. Avevano
capita tutto ed avevano subito messo in
moto per ... raccogliere eventuali rottami
galleggianti.
Meglio centrato e messo a punta il
velivolo e completato il programma ad-
destrativo, tiri compresi, approfittai di
queste esercitazioni per trasgredire,
una volta tanto, aile limitazioni di mare
e di spazio assegnateci dai giapponesi.
Un giorno, presi quota e mi diressi ver-
so le montagne alia ricerca della lama-
sa "Grande Muraglia" . Final mente Ia in-
dividuai, sembrava una strada ondeg-
giante inerpicantesi tra i manti e le valli,
in direzione nord.
La seguii per un po', con Ia mente ri-
volta aile grandiosita millenarie della
Gina; quindi, effettuai il rientro. Nessun
rilievo. I miei pochi voli in E.O. finirono
qui, con un cattivo ma anche con un bel
ricordo del cielo cinese.
Poi si salp6 per Ia Corea, ove visi-
tammo Dairen e Seul, quindi si and6 in
Giappone con sosta e visita a Nagasa-
ki, Kioto (in lontananza l'alta vetta del
vulcano Fusijiama), Osaka, Tokio.
Grandi accoglienze in Giappone con ri-
cevimenti, teste, banchetti e graziosissi- La rolla di ricnt ro del .. Colleoni"'.
me "geishe".
In Europa, intanto, era scoppiata Ia 28 no, dopo aspra Iotta, devette soccom- Patria! Ma il suo "pilota" in Gina era
G. (29 agosto 1939) . Quale sorte ·d at- bere; mentre il "Sande Nere" poteva lontano, perche sbarcato pochi giorni
tendeva, cosi lontani dalla patria? Guer- cavarsela per il rotto della cuffia. E fu Ia prima. Giuochi del destine!
ra di corsa, o rientro? Male che vada, prima, il "Colleoni", delle nostre unita di
pensavamo. abbiamo l'amicizia dei squadra, ad offrire il suo olocausto alia Paris Pernazza
giapponesi, allora dominatori di tutto
I' Oriente.
E nel caso di scontro con superiori
Forze navali inglesi, io speravo sempre
di cavarmela con tempestivo catapulta-
mento. Svolto il nostro compito di os-
servazione, avremmo diretto verso qual-
che spiaggia arnica, e forse saremmo
BUSSOLA E OROLOG/0
stati internati. Non teme"\lo i lenti
" Swordfish" inglesi, ai quali il "RO 43 "
dave le sorbe in velocita e manovra. G uido !'auto ne ll a no tt e te ll a ta tra prati e boschi . o mb re di cose. ricord i e
Ma il destine ci riserv6 altro program- pcnsieri. A tte nto a la mpcggi a re c a ste rzarc p rcfcrirci decolla rc nc l ciclo a mi-
ma. lnfatti, un radiogramma ci ordin6 di co-ne mico. sui ma rc Iucente a ll'o rizzont c sotto il diffuso ch iaro re astralc.
rientrare in patria. Addio Oriente, navi- Come una volt a.
ghiamo verso Massaua, ove saremmo II mo no to no rumo rc dc i mo to ri e ra sott o fo ndo al sil c nzio. rott o ra ra mc nt e
stati destinati per rinforzare le nostre tla b revi paro le con l'e quipaggio. fiducioso pa n ecipe a l mio me to dico girovaga-
Forze navali in A.O.I. rc.
Ma Ia nave non era condizionata per Ro tte . te mpi e dovere e rano tutt ' uno, pe r Ia fedel e esecuz io ne de l comp ito
le alte temperature del Mar Rosso. ln- ri cog niti vo . Bussola c o ro logio e rano a tal fin e strumc nti essenzia li.
fatti , durante Ia nostra breve sosta a Qua nd o . ncl Mc dite rra neo orie nt a le, appa ri vano scafi staglia ti sui Iucido
Massaua, un Maresciallo di macchina o rizzontc no tturno. cssi e rano cenarne ntc nc mici. Allo ra mi avvicinavo veloce-
morl di insolazione. Allora si rientra in rne nte e siluravo.
ltalia? Si! E il Colleoni, il 28 ottobre II c ic lo ste ll ato. c terna rnc nt c indiffe re nt e ail e viccnde um ane n e ll <~ sua lumi-
1939, scortato da due Caccia fiammanti nosa magnificenza . copri va i b revi lampcggia nti scontri . i ~ui scgni s~ari v;mo
e con il "gran pavese" a riva, si ormeg- presto ne lle te ne bre. Ma Ia pi e ta poteva a ppannare Ia co mp1accnza de1 succe s-
giava nel porto di Gaeta, tra le navi so- si.
relle della 28 Squadra Navale. Percorsi C redevo di so rpre nde re gli avve rsari . ma poi seppi che cssi c i scgui vano col
40.000 km. radar molto prima c he li a l!accassimo. rna no n sparavano fin che spe ravano di
E poi? Poi, il "pilota" devette coniu- no n essere visti .
garsi. .. per pater ottenere lo sbarco. De- Di gio rno il tiro ne mico e ra piu crue nto e gli scontri impie tosi, .con mo lta
stinazione: aeroporto di Littoria (Co- gio ia di uscirn e vivi. . . . .
mando di Squadriglia e Scuola di Volo Ora , guidando !'auto ne ll a no tte ste llata tra o m bre d 1 cose e d 1 n conh . pe n-
Senza Visibilita e su ben altre macchi- so che t utta Ia vita si snodi in te mpi dive rsi su di verse rotte. Ma il te mpo piLl
ne: "S 79" aerosiluranti). inte nso e pie no fu que llo de lla giovinezza .
E il "Colleoni"? La nostra bella e cara
nave fu Ia prima ad entrare in battaglia Gicmme
(con Ia gemella "Sande_. Nere), luglio
1940, nelle acque di Candia. Ma sopraf-
fatto dal piu grande "Sidney" australia-

33
OGGI 51 VOLA COS/'

SEGNALI DALLO SPAZIO PER LA NAVIGAZIONE

II ••G.P.S.
di Costantino Petrosellini

In un precede nt e a rticolo. scritt o a sc- con l'impi ego d e ii'!.N.S .. Ia sua accura- '70 so no st ati in iz ia ti . cia parte d e lle Na-
guit o d e l dolorosissimo inc ide nte de l tczza no n e ta le pe r le ope razioni p reve- zion i de l gru ppo occident a le, approfon-
Boeing 747 d e lla Korea n A ir Lines ab- d ib ili in un fu tu ro ormai prossimo. d iti studi pe r trovare u n mezzo in g rado
battuto ne i p ressi dell a penisola di Diccvamo. nell 'artico lo cita to, che Ia di fornirc con e lcva ta accu ratezza Ia po-
Ka m tcha t ka d a caccia sov ie tici. abbiarno ccrt ificazione d i d e tti appara ti prevcdc sizio ne d i qualsiasi mob ile. con da ti tri-
d escri.)to succintamen te i pri ncipi di fu n- un e rro re massimo di due mig lia ogn i d ime nsion a li ( ivi quindi compresa Ia
zio narne nto e di impiego dei siste mi di o ra d i volo: il chc, se e accett abi le su q uo ta). che pero no n possa essere inter-
navigazio ne inerzia!e ( !. N.S .), attu al- lunghi pcrco rsi occa nic i. non risulta ce r- fe ri to da agenti naturali o contro misure
me nte impiega ti su velivoli c ivili e m ili - tame ntc compatib ile . pe r esc m pio , per e le tt roniche.
tari . Detti sistc mi. che dan no una e lcva- lc m a novre d i .. re ndez-vous .. fra velivoli II risultat o eli questi st ucl i c il siste ma
ta affi dabilitii su lung hi pc rcorsi con riforn ito ri c da rifornire oppu re per g li G . P.S. (G lo ba l Positio nin g System = S i-
prccisioni notcvo li. han no l' in discut ibilc avvic ina menti in bassa visibil ita su aero- ste ma G loba le el i Posiz io na me nto ). ba-
va nt aggio di cssere comple tamentc porti ta tt ic i s provvisti d i a degua ta assi- sato su segna li e mes~ i da sate lliti artifi-
..se lf-contained .. , ossia ge nc ra no da soli stc nza radioele ttri ca . cia li .
tutti i segnali neccssari a lia nav igazio nc, lno ltre, il siste ma !. N .S. no n e in g ra- I satc lliti sara n no in tutto 24. su trc
sc nza alcuna necessit a di trasmissioni da d o . ne ll a versio nc insta ll ata sui ve livo li o rbite circolari pe rpe ndicolari fra di
te rra. N e dcriva chc sono to t a lmc nte a ttual i. di fo rni re l'indicazionc de lla !o ro. ad una a lt ezza di circa 20.000 km
immuni da intc rfe re nze eli qu a lsiasi tipo. q uo t a di volo . Pe r ovviare a q uest i in- dalla T e rra . O g ni orb it a. composta da
ivi co mprcse q uc llc provoca te ad a rte co nve nie nti , incom pat ibi li come abbia- o tt o sat e ll iti. vcr r~1 pe rco rsa in 12 ore.
pe r fini bell ici. Tuttavia. pe r quanto mo d c tto pe r l' impiego corrc t to dei nuo- Cio permettera. da ogni p un to d e l pia-
precisa possa esse re Ia co ndo tta d e l vo lo vi sistc mi d'a rma . a cava ll o degli anni ne ta. di ave re sempre " in vista " a lm e no
sc i sa te lliti .
II p rinc ipio di fun zio narne nt o d e l si-
ste ma C. il segue nte . II ri ccvito rc eli bo r-
do del vel ivol o, c he c esa ttame nt e sin -
cro ni zza to con il " te mpo .. d e l sist e ma.
misu ra l' istantc prcciso del la rieezio nc
d el segna le da l sat e llite . A ttravc rso un
ca lco la to rc . c possibile conosce rc l'intc r-
II sate llite "G. P.S." vallo inte rco rre nte fra Ia parte nza e l'a r-
rivo d e l scgnale : mo lti pl icando ques to
te mpo per Ia vc loc it[t d e lla luce si ricava
Ia d istan za d e l mobile dal sa te llite. II
tutto in " te mpo rea lc ...
II velivolo p uo riceverc cont e mpo ra -
nc ame nte l' e missionc d i a lme no tre sa-
tc ll iti: Ia posizio ne e l' inte rsczio ne delle

34
COMPONENTE
Dl
CONTROLLO

I
Segnali di novlgazlone Schema funzionalc

~
del "Global Posilioning
System" .
\ J;
(\ -_A..
~= lnstollozlone di
conlrollo del salcllili

UTILIZZATORI

tre supt.:rfi ci sfe riche d i raggio co nosciu- simo c ca pacc d i fo rnirc i dati di posi- rlavio G io ia da A ma lfi sar;\ so ltanto ull
to ( Ia d istanza ca lcola ta co me dctto pri- zio nc con e rrore di circa 5 mc tri in o ri z- ricordo?
ma ). zo nt a lc. 8 m c tri per Ia rnisurazio ne d e lla Le buo nc rcgolc d icono chc tutti gli
Natura lmen te, sia il ri cevito re che i qu ota c rneno di 5 cent ime tri a l secondo apparat i c le ttro ni ci od inc rziali devo no
trasme tlito ri d e i sa tc lliti devono essere ne lla misu ra della ve locita. csscrc consid c rati (c sono dcfilliti ) come
perfctta me nte sincronizzati . A cio si Le p rime p rove ha'nno gia d a ta risul- ··aiuti a li a n :.~v i gaz i o n c··. il chc sig ni fica
provvede a mezzo d c ll"cmissio nc d i un tati piLl chc soddi sfacc nt i. Escguiti con chc cssa va condott a scmprc col sist e ma
··scgnalc di corrczio nc ·• pe r l'oro logio a Ull numcro ridotto di satc lliti , hanno eli- cl assico della bussola c d c ll'o ro lo gio.
c rista llo d e l ricevitorc . La vc locit1t d e l most rato chc Ia prccisio ne d e l siste ma e Esso c si cu ro. a nc hc sc mc no prcciso: Ia
vclivolo utilizza to rc vie ne d e te rmin a ta anchc supe ri orc a que ll a di progetto rn a ··navigazio nc alia s tima ·· ha talvo lta dato
attrave rso Ia mi sura d e lle sfa sa me nt o soprattutto chc le contro misurc e le ttro- risult at i insperati c spesso sa lvat o vitc
d c i segna li di un quarto satel lite, Ia cui nic hc sono inc ffi caci s ullc e mission i d e l uman c mcssc in pe ricolo clal " tradim c n-
vc l oci t ~l rela tiva rispctto a ll"util izzat o re G . P.S. to ·· di sofi sticati appa rat i.
c no ta . II G. P .S. po tra sostituire tull i i siste- D "alt ra pa rte l"automazionc ha rn iglio -
II siste ma c composto qui nd i da un mi di radio navigazio ne a ltua lmc nte in raiO si le p rcstazio ni ma ha aume ntaro
complcsso di co ntro llo (stazioni a te rra). uso . no nchc anchc tutti quelli d i a vvici- nor cvomc nr c il ca rico di lavo ro del pilo-
da un complesso spazia le (satcl liti) c d a l narnc nto di precisio nc. comprcsi que lli ta . costrc tt o ad un con tro llo stre t!l$sirno
compl csso d cgli utilizzato ri . chc no n de lle po rtacrei . Non sa ranllo piu neccs- no n solo dcgl i a ppa ra t i m a a nchc d c i si-
sono solta n to i velivo li in aria , ma pos- sa ric cost osc e vulne ra b ili instal laz io ni ::t ste mi d i a ll arme d i ava ria dcgli stessi.
sono esse re a nchc navi , ve icoli te rrestri te rra. S ar ~t a nche po ssibilc ri solvcre tutti II rischio d e ll a " d c rcsponsabil izzazio-
o add irittura uo mini iso lat i. i proble rni co nnessi a l Cont ro llo d el nc'" d e l pilo ta nc i rig uardi d e lle insta lla-
II complesso di co ntro llo c costituit o T ra ffi co Ae reo a mezzo el i trasrnissio nc zio ni c incom bc ntc: il richia mo a i fo nda-
da q ua tiro stazio ni . situ a te una ne ll" iso la aut o matica dei dati ("d a ta link"). o llrc- m c nti primari d e ll''·umanitil'" dcll'indivi-
d i G uam ( Mar del Giap pone). una a c hc assicu rarc lc comullicazioni a voce duo c qui ndi dovc rc inc luttabil e ne lla
Wahiawa ( H awa ii). una ad E lme ndo rf scnza lirnitazio ne di d istanza. dctcrminazio nc d ci programmi d i fo rm a-
(A laska) ed un a a V ande m bc rg (Cali for- Tullo c io p uo se rnb ra re fa nt ascie nza: zio nc eli colo ra che, su acrci , navi. vci-
nia). Q uest"ultima c Ia stazio ne princi- c in vccc sara una rca lt ~t in te mpi re la ti- coli tc rrestri c s pazia li utilizzc ranno si-
pa lc. che provvcd e u na volta a l giorn o va mc ntc brevi. E" prcv isto chc il siste m a stc mi prod ig ios i come il G. P.S.
al "'ca rica me nto·· ne ll a me moria de i sa - sia to ta lrn ente o pe rati vo prima del 1990.
te lliti d e i d at i necessari pe rchc possan o S i avvicina il te mpo in cui Ia busso la eli Costant ino Pctroscllini
tras mc tte rc con co ntinuit ~t il preciso
o ra rio d e ll a p ropria trasmissio ne e Ia
propria posizio nc ne lla s pazio. I sa te lli-
t i. pe r gli sco pi di sin cro nizzaz ione gia
d e tt i. ~ono d o t at i di sistc mi misu ratori
de l te m po atomici o a l cc io . c hc danno PER UN NUOVO "TRE AQUILOTTI"
un e rrore ma ssimo eli un secondo su o l-
tre 300.000 a nni.
Le t rasmi ssio ni avve ngono su due frc-
qu e nze a d o ndc ult raco rte. con siste m a
E' allo studio Ia possibilita di realizzazione di un film suii'Accade-
di sca mbio progra mmata, e co n irra dia- mia Aeronautica.
zio nc direzio na lc: q u e~to me to d a e limi - Onde pater procedere alia stesura del copione ed affinche questa
na q uasi total mc ntc i disturbi dov uti a stesso possa rispecchiare Ia realta e to spirito della vita deii'Accade-
cause natu rali od a contro misurc clettro- mista, I'Associazione Arma Aeronautica, interessata all'iniziativa, invi-
nic hc, in modo ta lc chc Ia ricczio ne c ta gli allievi ed ex allievi di Pozzuoli ad inviare ad "Aeronautica", via
assicurata in ogni caso. Marcantonio Colonna, 23-00192 ROMA - le proprie testimonianze ed
Lc due freq uc nzc sono modu late pe r
o ttc nc rc due diversi g ra di d i precision e
esperienze, goliardiche, di studio, vola, ecc... (con eventuate materia-
del siste ma , uno pe r g li utili zzatori mili - le illustrativo) at fine di..trarre elementi utili alia costruzione del film.
ta ri d e l tipo pit! sofistica to. eel uno pe r
tutti gli a ltri. II grado d i prccisio nc mas-

35
Lo stemma del 6° Stormo

Direzione, Redazione, Amminlstrazlone Via Marcantonio Colonna, 23 - 00192 Roma