Sei sulla pagina 1di 4

Congregazione della Missione

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.


100% Segui @Cathopedia

La Congregazione della Missione (in latino Congregatio Missionis) è una


società clericale di vita apostolica di diritto pontificio: i membri della Congregazione della Missione

compagnia, detti comunemente Lazzaristi o Signori della Missione o in latino Congregatio Missionis
Presbiteri della Missione o Vincenziani, pospongono al loro nome la sigla
C.M.[1].

Cenni storici
La congregazione venne
fondata da San Vincenzo de'
Paoli (1581-1660). Di origine
contadina, sacerdote dal 1600,
nel 1613 divenne precettore
dei figli di Filippo Emanuele di
Gondi,[2] marchese di Belle-Île
e governatore generale delle SOCIETÀ DI VITA APOSTOLICA CLERICALE

galere: nel gennaio 1617, MASCHILE DI DIRITTO PONTIFICIO

confessando a Gannes un Altri nomi


contadino moribondo, si rese Lazzaristi
conto della miseria morale e Signori della Missione
materiale della popolazione Presbiteri della Missione
rurale e, d'intesa con la Vincenziani
marchesa Françoise San Vincenzo de'
Fondatore
Marguerite de Silly, decise di Paoli
consacrarsi interamente ai Data fondazione 1625
poveri. Il 25 gennaio 1617,
sigla C.M.
festa della conversione di san
Collegamenti esterni
Paolo, presso la chiesa di
Folleville iniziò la predicazione Sito ufficiale (http://cmglobal.org/)
San Vincenzo de' Paoli, fondatore della Congregazione:
della sua prima missione al Scheda (http://www.gcatholic.org/orders/
incisione tratta da un ritratto di Simone François
popolo e il 17 aprile 1625 012.htm) su gcatholic.com
istituì una compagnia, detta dei Presbiteri della Missione, per l'apostolato Scheda (http://www.catholic-hierarchy.or
rurale[3]. g/diocese/dqcm0.html) su catholic-
hierarchy.org
Nel 1625 la fraternità si stabilì nel collège des Bons Enfants di Parigi, da cui i
sacerdoti partivano per predicare, tra la gente di campagna, missioni popolari
che potevano durare tra i venti e i sessanta giorni; nel 1632 la casa madre della compagnia venne trasferita
nell'antico priorato di Saint-Lazare, un antico convento e lazzaretto per gli appestati, per cui i membri della società
presero a essere chiamati anche Lazzaristi. La compagnia venne approvata dall'arcivescovo di Parigi il 24 aprile
1626 e da papa Urbano VIII con la bolla Salvatoris Nostri del 12 gennaio 1633; le prime regole, elaborate dal
fondatore, vennero pubblicate il 17 maggio 1658[3].

Vincenzo de' Paoli non intese creare un ordine, soprattutto per evitare che le attività del coro distogliessero i
membri dall'apostolato attivo: non volle, quindi, che i sodali si vincolassero alla compagnia mediante voti pubblici,
ma che pronunciassero solo voti privati di povertà, obbedienza e castità, più un quarto di dedicarsi all'apostolato tra
i poveri e i contadini (voti approvati da papa Alessandro VII il 22 settembre 1655 e confermati da Pio XII nel 1953).
L'abito dei Presbiteri della Missione fu molto simile a quello del clero secolare: veste talare, colletto bianco rivoltato
all'esterno, fascia nera ai lombi, corona del rosario al fianco[3].

La società ebbe rapida diffusione e alla morte del fondatore (1660) i Lazzaristi erano già presenti in Francia, Italia,
Irlanda, Tunisia, Algeria, Madagascar, Scozia (Ebridi e Orcadi comprese) e in Polonia[3].

Il fondatore, beatificato da papa Benedetto XIII nel 1729, è stato proclamato santo da papa Clemente XII il 16
giugno 1737[4].

Attività e diffusione
Fondata con lo scopo di evangelizzare la gente di campagna, la congregazione aggiunse alla predicazione delle
missioni popolari la predicazione di ritiri ed esercizi spirituali, l'insegnamento e la direzione di seminari, le missioni
ad gentes, la direzione delle Figlie e delle Dame di Carità e l'assistenza a schiavi e forzati[3][1].

La spiritualità dei Lazzaristi porta il segno dell'impronta contemplativa di Pierre de Bérulle e Francesco di Sales,
amici del fondatore: per Vincenzo de' Paoli i suoi presbiteri avrebbero dovuto essere "Certosini in casa, apostoli
fuori".[3] Il motto della società è "Evangelizare pauperibus misit me", "mi ha mandato a portare ai poveri il lieto
annuncio" (Lc 4,18).

I Presbiteri della Missione sono presenti in Africa (Congo, Eritrea, Etiopia, Madagascar, Mozambico, Nigeria), nelle
Americhe (Argentina, Brasile, Canada, Cile, Colombia, Costa Rica, Cuba, Guatemala, Haiti, Honduras, Messico, Perù,
Porto Rico, Stati Uniti, Venezuela), in Asia (Cina, Filippine, India, Indonesia, Libano), in Europa (Austria, Belgio,
Bielorussia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Russia, Slovacchia, Slovenia,
Spagna, Ucraina, Ungheria) e in Australia[5] la sede generalizia è a Roma.[1]:

Al 31 dicembre 2009 la società contava 516 case e 3.829 membri, di cui 2.999 sacerdoti e 30 vescovi.[6].

Cronotassi dei Superiori generali[7]


• San Vincenzo de' Paoli (17 aprile 1625 - 27 settembre 1660)
• Padre René Alméras (17 gennaio 1661 - 22 settembre 1672)
• Padre Edmond Jolly (gennaio 1673 - 26 marzo 1697)
• Padre Nicolas Pierron (1697-1703)
• Padre François Watel (1703-1710)
• Padre Jean Bonnet (10 maggio 1711 - 3 settembre 1735)
• Padre Jean Couty (1736-1746)
• Padre Louis de Bras (6 marzo 1747 - 21 agosto 1761)
• Padre Antoine Jacquier (1762-1787)
• Padre Jean Félix Cayla de la Garde (1788 - 12 febbraio 1800)
• Padre Pierre-Joseph Dewailly (1827 - 25 ottobre 1828)
• Padre Dominique Salhorgne (1829 - 25 maggio 1836)
• Padre Jean-Baptiste-Rigobert Nozo (1835-1842)
• Padre Jean-Baptiste Étienne(1843-1874)
• Padre Eugène Boré (11 settembre 1874 - 3 maggio 1878)
• Padre Antoine Fiat (1878-1914)
• Padre Emile Villette (1914-1916)
• Padre François Verdier (1919-1933)
• Padre Charles Souvay (1933-1939)
• Padre William Slattery (1947-1968)
• Padre James Richardson (1968-1980)
• Padre Richard McCullen (1980-1992)
• Padre Robert P. Maloney (1992 - 15 luglio 2004)
• Padre Gregory Gay (15 luglio 2004 - 5 luglio 2016)
• Padre Tomaž Mavrič dal 5 luglio 2016

Note

1.Ann. Pont. 2007, p. 1510.

2.Enciclopedia Rizzoli Larousse, vol. XV (1971), p. 595, voce Vincenzo de' Paoli (santo).

3.DIP, vol. II (1975), coll. 1543-1551, voce a cura di L. Chierotti.


4.Bibliotheca Sanctorum, vol. XII (1969), coll. 1155-1168, voce a cura di L. Chierotti.

5.Lista delle case e delle opere della congregazione per divisione geografica (http://www.cmroma.it/cur_gen_case_opere.html) su
cmroma.it. URL consultato il 11-9-2009

6.Catalogus Provinciarum, Domorum ac Personarum C.M. 2010, Roma 2010.

7.GC (http://www.gcatholic.org/orders/012.htm)

Bibliografia

• Annuario Pontificio per l'anno 2007, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano, 2007, ISBN 978-88-209-7908-9
• Bibliotheca Sanctorum (12 voll.), Istituto Giovanni XXIII nella Pontificia Università Lateranense, Roma, 1961-1969
• Enciclopedia Universale Rizzoli Larousse (15 voll.), Rizzoli editore, Milano, 1966-1971
• GUERRINO PELLICCIA e GIANCARLO ROCCA (a cura di), Dizionario degli Istituti di Perfezione (10 voll.), Edizioni Paoline, Milano,
1974-2003

Voci correlate

• San Vincenzo de' Paoli


• Giuseppe Morosini
• Beniamino Depalma

Collegamenti esterni

• Sito ufficiale (http://www.cmroma.it/) della provincia romana e curia generalizia della Congregazione della Missione
• Sito ufficiale (http://www.vincenziani.com/) dei missionari vincenziani, provincia di Napoli
• Voce Congregazione della Missione (https://it.wikipedia.org/wiki/Congregazione_della_Missione) di it.wiki (https://it.wikipedia.
org): il materiale ivi presente è stato rielaborato in senso cattolico e integrato

Suggerimenti
Cliccare il collegamento espandi a destra per suggerire un miglioramento: i contributori ▼ espandi▼ espandi
ne terranno conto.
Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.

Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 15 set 2020 alle 09:36.
Il contenuto è disponibile sotto la Attribution-Share Alike 3.0 Unported.

Potrebbero piacerti anche