Sei sulla pagina 1di 19

Divisione Segreterie Studenti

Area Studenti

REGOLAMENTO TASSE E CONTRIBUTI STUDENTI

INDICE

Premessa...............................................................................................................................pag. 2
Titolo I. Corsi di laurea, laurea specialistica, magistrale e a ciclo unico
art. 1 Caratteristiche della contribuzione......................................................................pag. 2
art. 2 Composizione della contribuzione......................................................................pag. 2
art. 3 Rateizzazione....................................................................................................pag. 2
art. 4 Modalità di pagamento......................................................................................pag. 3
art. 5 Indennità di ritardato pagamento........................................................................pag. 3
art. 6 Mancato pagamento di tasse e contributi...........................................................pag. 3
art. 7 Prove di ammissione e prove di valutazione della preparazione iniziale............pag. 3
art. 8 Studenti part time................................................................................................pag. 3
art. 9 Trasferimenti......................................................................................................pag. 4
art. 10 Passaggi di corso.............................................................................................pag. 4
art. 11 Laurea...............................................................................................................pag. 4
art. 12 Duplicati del libretto universitario e del diploma di laurea.................................pag. 4
art. 13 Attività aggiuntive per il sostegno Scienze della Formazione Primaria.............pag. 4
art. 14 Interruzione della carriera.................................................................................pag. 5
art. 15 Sospensione della carriera...............................................................................pag. 5
art. 16 Reintegro..........................................................................................................pag. 5
art. 17 Rinuncia agli studi.............................................................................................pag. 5
Titolo II. Rimborsi
art. 18 Modalità di richiesta..........................................................................................pag. 5
art. 19 Contributi rimborsabili......................................................................................pag. 5
art. 20 Contributi non rimborsabili...............................................................................pag. 6
Titolo III. Esoneri
art. 21 Esoneri totali.....................................................................................................pag. 6
art. 22 Esoneri parziali.................................................................................................pag. 6
art. 23 Esoneri per merito.............................................................................................pag. 7
Titolo IV. Autocertificazione del reddito – ISEEU
art. 24 ISEEU – Definizione.........................................................................................pag. 7
art. 25 Scadenze..........................................................................................................pag. 8
art. 26 Modalità di presentazione.................................................................................pag. 8
art. 27 Chi deve/non deve presentarlo........................................................................pag. 8
art. 28 Controlli e sanzioni............................................................................................pag. 9
Titolo V. Post Lauream
art. 29 Master...............................................................................................................pag. 9
art. 30 Corsi di perfezionamento................................................................................pag. 10
art. 31 Corsi di aggiornamento...................................................................................pag. 10
art. 32 Scuola di Specializzazione alle Professioni Legali.........................................pag. 10
art. 33 Esami di Stato.................................................................................................pag. 10
Titolo VI. Corsi singoli
art. 34 Iscrizione ai corsi singoli.................................................................................pag. 10
Allegati
All. A - Calcolo dell’ISEEU.........................................................................................pag. 11
All. B - Tabella importi annui tasse e contributi universitari........................................pag. 16
All. C - Tabella contributi fissi.....................................................................................pag. 19

Premessa

Regolamento Tasse e Contributi Studenti


Il presente regolamento è valido dalla data di emanazione e fino all’approvazione di eventuali
successive modifiche.
Il Regolamento, gli importi annuali di tasse e contributi, nonché quelli dei contributi fissi, di cui alle
tabelle allegate al Regolamento, sono pubblicati nel Portale dello Studente.

TITOLO I
CORSI DI LAUREA, LAUREA SPECIALISTICA, MAGISTRALE E A CICLO UNICO

art. 1 Caratteristiche della contribuzione


L’ammontare e i criteri di calcolo della contribuzione vengono definiti dal Consiglio
d’Amministrazione.
Nel rispetto della normativa vigente, l’importo viene graduato secondo criteri di equità e
solidarietà che ne garantiscano un’effettiva progressività, in relazione alle condizioni economiche
degli studenti e per tutelare le condizioni economiche più disagiate.
Le condizioni economiche dello studente sono individuate sulla base dell'Indicatore della
Situazione Economica Equivalente per le Università (ISEEU).

art. 2 Composizione della contribuzione


La contribuzione risulta così composta:
• imposta di bollo virtuale relativa alla domanda di iscrizione o di immatricolazione (14,62 euro)
• tassa regionale: fissata dalla Regione Lazio e adeguata annualmente al tasso di inflazione
programmata
• tassa minima di iscrizione: fissata dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca e
adeguata annualmente al tasso di inflazione programmata
• contributi universitari variabili a seconda del valore ISEEU: a partire dall’anno accademico
2009/2010 gli scaglioni ISEEU sono adeguati al tasso di inflazione programmata con cadenza
biennale

art. 3 Rateizzazione
Il pagamento delle tasse e dei contributi universitari è suddiviso in due rate, ovvero in tre rate
qualora l’importo della seconda rata ecceda i 500 euro.

PRIMA RATA
Composizione Imposta di bollo virtuale, tassa regionale, tassa minima di iscrizione e
dell’importo contributi universitari
Scadenza pagamento Secondo le scadenze previste dai bandi di ammissione
immatricolazioni
Scadenza pagamento Entro il 5 ottobre di ogni anno, con scadenza il giorno successivo se
anni successivi festivo
Importo 500 euro

SECONDA RATA
Composizione Differenza tra il totale delle tasse dovute in base al valore ISEEU e
dell’importo l’importo versato con la prima rata (esclusi imposta di bollo virtuale e
tassa regionale) al quale per gli immatricolati si aggiunge il contributo
di immatricolazione (52 euro)
Scadenza pagamento 5 febbraio o giorno successivo se festivo
Importo Max 500 euro
N.B. I richiedenti borsa di studio Laziodisu che non dovessero risultare
beneficiari e che avevano versato come prima rata esclusivamente
l’imposta di bollo virtuale, saranno tenuti a versare anche quanto
dovuto come prima rata, senza addebito dell’indennità di ritardato
pagamento
TERZA RATA
Composizione Contributi universitari
dell’importo

Regolamento Tasse e Contributi Studenti 2


Scadenza pagamento 5 maggio o giorno successivo se festivo
Importo Importo eventualmente eccedente i 500 euro già addebitati con la
seconda rata

Altre rateizzazioni
In caso di documentate condizioni economiche disagiate e di arretrati che superino i 1.000,00
euro, l’importo dovuto può essere rateizzato per un massimo di cinque rate, su richiesta
presentata alla Segreteria Studenti secondo le modalità descritte nel Portale dello Studente. Se
la richiesta viene accolta e lo studente non rispetta le scadenze previste, non potrà presentarla
nuovamente. Gli esami eventualmente sostenuti durante il periodo della rateizzazione saranno
registrati in carriera solo a pagamento completato.

art. 4 Modalità di pagamento


• Con bollettino MAV inviato dall’Ateneo all’indirizzo indicato dallo studente secondo le modalità
indicate sul bollettino stesso, pagabile presso qualsiasi sportello bancario;
• con bollettino stampato dall’area riservata del Portale dello Studente, pagabile
esclusivamente presso gli sportelli Unicredit-Banca di Roma;
• online con carta di credito attraverso l’area riservata del Portale dello Studente;
• con bollettino stampato presso gli sportelli della Segreteria Studenti, pagabile esclusivamente
presso gli sportelli Unicredit-Banca di Roma.

Lo studente è tenuto ad aggiornare tempestivamente le variazioni di recapito attraverso l’area


riservata del Portale dello Studente, o comunicandolo alle Segreterie Studenti se iscritto a corsi
ante D.M. 509/1999, e a informarsi sulle date di scadenza. La mancata ricezione dei bollettini di
pagamento non potrà essere motivo di richiesta di esenzione dall’indennità di mora per ritardato
pagamento.

art. 5 Indennità di ritardato pagamento


L’ammontare dell’indennità è calcolato sulla base del ritardo con cui si effettua il pagamento,
come di seguito indicato:
• fino a 30 giorni: 30,00 euro
• da 31 a 90 giorni: 60,00 euro
• oltre 90 giorni: 120 euro

art. 6 Mancato pagamento di tasse e contributi


Gli studenti che non risultino in regola con il pagamento delle tasse e dei contributi relativi a tutti
gli anni di iscrizione non potranno proseguire la carriera. Non saranno pertanto ammessi agli
esami di profitto e all’esame di laurea e non potranno: ottenere il trasferimento presso altro
ateneo o altro corso di laurea; rinnovare l’iscrizione all’anno accademico successivo; ottenere
certificati; presentare domanda per le borse di collaborazione e altre borse; presentare domanda
di esonero tasse e domanda di borsa di studio regionale; presentare alcun tipo di istanza legata
alla posizione di studente; esercitare la rappresentanza negli organi collegiali.
Gli esami eventualmente sostenuti senza aver regolarizzato la posizione amministrativa saranno
annullati con apposito provvedimento rettorale.

art. 7 Prove di ammissione e prove di valutazione della preparazione iniziale


La partecipazione alle prove di ammissione per i corsi di studio a numero programmato, e alle
prove di valutazione della preparazione iniziale per i corsi di studio ad accesso libero, comporta il
pagamento di un contributo fisso di 25,00 euro.

art. 8 Studenti part time


L’importo dei contributi annui di iscrizione è ridotto proporzionalmente rispetto alla durata del
percorso formativo sottoscritta con apposito contratto ai sensi di quanto previsto dal
Regolamento quadro di Ateneo dei contratti degli studenti part time.
Agli studenti iscritti a tempo parziale si applica la disciplina della contribuzione valida per gli
studenti iscritti a tempo pieno, comprese le norme relative all’esonero totale o parziale da tasse e
contributi.

art. 9 Trasferimenti

Regolamento Tasse e Contributi Studenti 3


a) Trasferimenti in ingresso
Gli studenti trasferiti da altri atenei che abbiano già pagato la prima rata presso l’ateneo di
provenienza sono tenuti a versare l’intero ammontare dei contributi universitari previsti, fatto
salvo l’importo della tassa minima di iscrizione, nonché la tassa regionale per intero se
provenienti da regioni diverse, più il contributo per il trasferimento in entrata di 52,00 euro e
l’imposta di bollo virtuale di 14,62 euro.
b) Trasferimenti in uscita
Gli studenti che intendono trasferirsi presso un altro ateneo devono essere in regola con il
pagamento di tasse e contributi. Sono tenuti al solo pagamento del contributo per il
trasferimento in uscita di 77,00 euro e dell’imposta di bollo virtuale di 14,62 euro se la
richiesta è presentata entro la scadenza del pagamento della prima rata delle tasse; se
invece viene effettuata oltre tale scadenza, devono versare anche la prima rata delle tasse e
l’indennità per ritardato pagamento.

art. 10 Passaggi di corso


Gli studenti che intendono richiedere il passaggio a un diverso Corso di Studio di Roma Tre sono
tenuti preliminarmente a rinnovare l’iscrizione entro la scadenza prevista, versando la prima rata
di tasse e contributi per il Corso di Studio cui risultano già iscritti. Successivamente, potranno
presentare la domanda di passaggio entro la scadenza prevista dal Corso di Studio di
destinazione. Ad accoglimento della richiesta, il passaggio dovrà essere perfezionato attraverso il
versamento del contributo per il passaggio di corso di 52,00 euro e dell’imposta di bollo virtuale di
14,62 euro, entro la scadenza indicata nei decreti di ammissione ai Corsi di Studio.

art. 11 Laurea
All’atto della presentazione della domanda di ammissione all’esame di laurea, gli studenti sono
tenuti al versamento di un contributo di 83,00 euro e dell’imposta di bollo virtuale di 14,62 euro.
Qualora rinunciassero a sostenere l’esame di laurea nella sessione richiesta, non dovranno
versare nuovamente il contributo per essere ammessi all’esame in una sessione diversa.
Gli studenti che intendono laurearsi in una sessione dell’anno accademico successiva alla prima,
prevista generalmente nei mesi di giugno e luglio, non devono rinnovare l’iscrizione all’anno
accademico successivo. In caso di rinnovo dell’iscrizione, l’importo di tasse e contributi versati
non sarà rimborsato.
Qualora non potessero laurearsi nei tempi previsti, dovranno rinnovare l’iscrizione, senza
addebito dell’indennità per ritardato pagamento se è stata presentata una domanda di
ammissione all’esame di laurea.

art. 12 Duplicati del libretto universitario e del diploma di laurea


Il rilascio di duplicati del libretto universitario e del diploma di laurea richiede il versamento
rispettivamente di un contributo di 26,00 e 52,00 euro, cui si aggiunge l’imposta di bollo virtuale di
14,62 euro.

art. 13 Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria: Attività aggiuntive per il
sostegno
L’iscrizione alle attività aggiuntive per il sostegno (400 ore), cui possono accedere iscritti e
laureati in Scienze della Formazione Primaria, comporta il versamento di un contributo fisso
stabilito dal Consiglio d’Amministrazione nella misura di 1.000,00 euro da corrispondersi in due
rate di 500,00 euro ciascuna.
Per il conseguimento del secondo indirizzo di insegnamento, gli studenti iscritti al corso di laurea
in Scienze della Formazione Primaria in possesso del titolo per il sostegno per il primo indirizzo,
possono iscriversi alle attività aggiuntive per il sostegno (50 ore) versando un contributo fisso
stabilito da Consiglio di Amministrazione nella misura di 250,00 euro.

art. 14 Interruzione della carriera


L’interruzione della carriera si verifica quando lo studente non si iscrive a uno o più anni
accademici e pertanto non versa quanto dovuto di tasse e contributi. Nei periodi interessati
dall’interruzione non è possibile compiere alcun atto di carriera.
La richiesta di riattivazione della carriera dopo un’interruzione di uno o più anni accademici
comporta il versamento di un contributo fisso per la regolarizzazione degli anni accademici

Regolamento Tasse e Contributi Studenti 4


precedenti pari a 207,00 euro per ogni anno accademico di interruzione, oltre al versamento
dell’indennità minima di mora per ritardato pagamento per ogni anno accademico di interruzione.

art. 15 Sospensione della carriera


Gli studenti che richiedono la sospensione della carriera, in caso di accoglimento della domanda
sono tenuti al versamento del contributo di 52,00 euro più 14,62 euro di imposta di bollo virtuale.
Per l’anno accademico interessato non dovranno versare altre tasse e contributi.

art. 16 Reintegro
La richiesta di reintegro negli studi a seguito di decadenza comporta il versamento di un
contributo di 75,00 euro più 14,62 euro di imposta di bollo virtuale per la domanda e di un
contributo fisso di 2.500,00 euro per il reintegro, oltre all’iscrizione per l’anno accademico in
corso.

art. 17 Rinuncia agli studi


Qualora all’atto della rinuncia lo studente risulti essere in una posizione debitoria relativa a un
anno accademico nel quale ha sostenuto esami, sarà tenuto a corrispondere l’importo mancante.
Nel caso in cui non abbia effettuato la dichiarazione della posizione economica (valore ISEEU)
per l’anno di competenza, sarà autorizzato a farlo in ritardo.
Gli immatricolati che presentino rinuncia entro il 31 dicembre non sono tenuti a versare l’importo
di tasse e contributi previsto per la seconda rata.

TITOLO II
RIMBORSI

art. 18 Modalità di richiesta


Per ottenere i rimborsi previsti è necessario presentare richiesta alle Segreterie Studenti
utilizzando la modulistica opportunamente predisposta disponibile nel Portale dello Studente e
secondo le istruzioni lì indicate.
Nel caso in cui la richiesta di rimborso riguardi studenti deceduti, alla domanda dovranno essere
allegati i seguenti documenti:
− Dichiarazione sostitutiva di atto notorio nella quale il richiedente dichiara l'assenza di
testamento e indica tutti gli eredi legittimi.
− Delega autenticata (in Comune) degli eredi ad uno di essi (o a terzi) ad effettuare la richiesta
e a ricevere il rimborso.
art. 19 Contributi rimborsabili
• Prima rata di iscrizione a chi richieda successivamente, e ottenga, la sospensione della
carriera: l’importo non sarà restituito, ma stornato sull’anno di riattivazione della carriera
• Contributi di iscrizione erroneamente addebitati (p.e. per errate o mancate acquisizioni delle
autocertificazioni ISEEU o errori nelle autocertificazioni stesse)
• Ultimo anno di un corso di laurea a ciclo unico (Giurisprudenza e Sc. Formazione Primaria) ai
laureati che abbiano i seguenti requisiti:
− laurea conseguita entro la durata normale del corso di laurea
− valore ISEEU pari o inferiore agli 80.000 euro
− voto di laurea pari o superiore alla media dei voti di laurea della Facoltà di appartenenza
nell’a.a. precedente

art. 20 Contributi non rimborsabili


• Tasse e contributi di iscrizione in caso di successiva rinuncia
• Contributo per la partecipazione alle prove di ammissione
• Contributi per trasferimento in ingresso, trasferimento in uscita e passaggio di corso
• Prima rata di iscrizione a quanti si laureano entro le sessioni previste per l’anno accademico
precedente
• Tassa regionale

Regolamento Tasse e Contributi Studenti 5


• Imposta di bollo virtuale

TITOLO III
ESONERI

art. 21 Esoneri totali


Hanno diritto all’esonero totale dal pagamento di tasse e contributi:
a) Gli studenti con una disabilità documentata pari o superiore al 66%, indipendentemente dalla
capacità contributiva, che sono tenuti esclusivamente al pagamento dell’imposta di bollo
virtuale. Per ottenere l’esonero gli studenti devono presentare autocertificazione ISEEU con
indicazione del tipo di esonero richiesto, quindi far pervenire alle Segreterie Studenti la
certificazione della disabilità;
b) Gli studenti con una disabilità documentata compresa tra il 33% e il 65% e con una capacità
contributiva inferiore a quella prevista per la sedicesima fascia, che sono tenuti
esclusivamente al pagamento della tassa regionale e dell’imposta di bollo virtuale. Per
ottenere l’esonero gli studenti devono presentare autocertificazione ISEEU con indicazione
del tipo di esonero richiesto, quindi far pervenire alle Segreterie Studenti la certificazione della
disabilità;
c) Gli studenti vincitori o idonei di borse di studio e prestiti d'onore concessi da Laziodisu. Per
ottenere l’esonero gli studenti devono presentare autocertificazione ISEEU con indicazione
del tipo di esonero richiesto; non devono effettuare il versamento della prima e della seconda
rata di iscrizione, ma pagare esclusivamente l’imposta di bollo virtuale di 14,62 euro;
d) Gli studenti stranieri borsisti del Governo italiano nell'ambito dei programmi di cooperazione
allo sviluppo e degli accordi intergovernativi culturali e scientifici e relativi periodici programmi
esecutivi, tenuti al solo pagamento dell’imposta di bollo virtuale di 14,62 euro. Per ottenere
l’esonero gli studenti devono presentare autocertificazione ISEEU con indicazione del tipo di
esonero richiesto;
e) I vincitori di gare di matematica (1°, 2° e 3° classificati con voto di maturità pari almeno a
90/100), tenuti al solo pagamento dell’imposta di bollo virtuale di 14,62 euro. Per ottenere
l’esonero gli studenti devono presentare autocertificazione ISEEU con indicazione del tipo di
esonero richiesto;
f) Limitatamente al I anno di laurea magistrale, i laureati in un corso di laurea triennale che
abbiano i seguenti requisiti:
• laurea conseguita entro la durata normale del corso di laurea
• valore ISEEU pari o inferiore agli 80.000 euro
• voto di laurea pari o superiore alla media dei voti di laurea della Facoltà di appartenenza
nell’a.a. precedente
• immatricolazione ad un corso di laurea magistrale nell’a.a. immediatamente successivo
alla laurea
Per ottenere l’esonero gli studenti devono presentare autocertificazione ISEEU con
indicazione del tipo di esonero richiesto.

art. 22 Esoneri parziali


Hanno diritto all’esonero parziale dal pagamento di tasse e contributi:
a) Gli studenti con disabilità compresa tra il 33 e il 65% e con ISEEU superiore alla sedicesima
fascia contributiva, che sono tenuti al pagamento dei contributi, della tassa regionale e
dell’imposta di bollo virtuale. Per ottenere l’esonero gli studenti devono presentare
autocertificazione ISEEU con indicazione del tipo di esonero richiesto, quindi far pervenire
alle Segreterie Studenti la certificazione della disabilità;
b) Beneficiari di borsa Laziodisu iscritti al 1° anno fuori corso , che hanno diritto all’esonero totale
delle tasse e versano il 50% dei contributi. Per ottenere l’esonero gli studenti devono
presentare autocertificazione ISEEU con indicazione del tipo di esonero richiesto;
c) Dipendenti di Roma Tre, indipendentemente dal reddito, tenuti al pagamento del 50%
dell'importo dovuto in base alla fascia contributiva d'appartenenza. Per ottenere l’esonero gli
studenti devono presentare autocertificazione ISEEU con indicazione del tipo di esonero
richiesto;

Regolamento Tasse e Contributi Studenti 6


d) Figli di dipendenti di Roma Tre con ISEEU pari o inferiore alla sedicesima fascia contributiva,
tenuti al pagamento del 50% dell'importo dovuto in base alla fascia contributiva
d'appartenenza. Per ottenere l’esonero gli studenti devono presentare autocertificazione
ISEEU con indicazione del tipo di esonero richiesto;
e) I vincitori di gare di matematica con voto di maturità inferiore a 90/100, tenuti al pagamento
del 50% dell'importo dovuto in base alla fascia contributiva d'appartenenza. Per ottenere
l’esonero gli studenti devono presentare autocertificazione ISEEU con indicazione del tipo di
esonero richiesto;

Gli esoneri parziali sono effettuati sull’importo di ciascuna singola rata addebitata.

art. 23 Esoneri per merito


L’esonero può essere concesso una sola volta e non si applica a già laureati o con abbreviazioni
di corso e iscrizioni in qualità di ripetente.

a) Corsi di laurea triennale


I laureati entro la durata normale del corso di laurea, con valore ISEEU pari o inferiore agli
80.000 euro e voto di laurea pari o superiore alla media dei voti di laurea della Facoltà di
appartenenza nell’a.a. precedente, hanno diritto all’esonero totale da tasse e contributi
universitari (esclusa tassa regionale e imposta di bollo virtuale) per il primo anno di iscrizione a
un corso di Laurea magistrale attivato presso Roma Tre se l’immatricolazione è effettuata
nell’anno accademico immediatamente successivo a quello della laurea.

b) Corsi di laurea a ciclo unico (Giurisprudenza e Sc. Formazione Primaria)


I laureati entro la durata prevista del corso di laurea, con valore ISEEU pari o inferiore agli 80.000
euro e voto di laurea pari o superiore alla media dei voti di laurea della Facoltà di appartenenza
nell’a.a. precedente, otterranno il rimborso di tasse e contributi (esclusa tassa regionale e
imposta di bollo virtuale) relativi all’ultimo anno di corso a condizione che si laureino entro le
sessioni previste per l’anno accademico.

TITOLO IV
AUTOCERTIFICAZIONE DEL REDDITO – ISEEU

art. 24 ISEEU - Definizione


L’Indicatore della Situazione Economica Equivalente per l’Università - ISEEU – è un indicatore
necessario a definire la capacità contributiva dello studente.
La capacità contributiva dello studente è individuata sulla base dell'Indicatore della Situazione
Economica Equivalente (ISEE, Decreto Legislativo n. 109/1998) e successive modificazioni ed
integrazioni.
L’ISEEU è un ricalcolo dell’ISEE che tiene conto del Decreto del Presidente del Consiglio dei
Ministri (DPCM) del 9 aprile 2001, che all'art. 5 determina criteri specifici per la individuazione
delle condizioni economiche utili per l'ottenimento delle prestazioni sociali agevolate, in materia di
diritto allo studio universitario.

I criteri di calcolo sono descritti nell’allegato A.

art. 25 Scadenze
L’autocertificazione dell’ISEEU si effettua entro la scadenza del 5 dicembre al fine di poter
essere inseriti nelle fasce di contribuzione e pagare la seconda, ed eventualmente la terza rata,
in relazione alla propria fascia di appartenenza.

In caso di presentazione dell’autocertificazione oltre la scadenza del 5 dicembre, lo studente sarà


soggetto a una sanzione pari a 120 euro. La presentazione non può comunque avvenire oltre il 5
febbraio, scadenza del pagamento della II rata. La sanzione non è addebitata a coloro che:
• hanno presentato domanda di trasferimento in ingresso;

Regolamento Tasse e Contributi Studenti 7


• si immatricolano alle Lauree Magistrali, qualora la scadenza per l’immatricolazione sia fissata
a data successiva al 5 dicembre;
• si immatricolano a corsi a numero programmato oltre il 5 dicembre in seguito a eventuali
subentri;
• frequentano una università estera nell’ambito di un accordo di mobilità internazionale nel
periodo di presentazione dell’ISEEU.
Le autocertificazioni effettuate oltre il 5 dicembre possono essere presentate esclusivamente
presso Roma Tre, in modalità online o presso la Piazza Telematica d’Ateneo.

In considerazione dell’adeguamento biennale al tasso di inflazione programmata degli scaglioni


ISEEU effettuato nell’anno accademico 2009/2010, a partire da tale anno accademico
l’autocertificazione deve essere presentata con cadenza biennale, a meno che non intervengano
modifiche al reddito e/o al patrimonio nell’arco del biennio che ne rendano necessaria una nuova
presentazione.
L’autocertificazione deve essere sempre presentata a seguito di modifiche al reddito e/o al
patrimonio, a prescindere dalla cadenza biennale ordinaria.
Tutti gli studenti che non avessero presentato l’autocertificazione nell’anno accademico
2009/2010, dovranno presentarla nell’accademico 2010/2011.

art. 26 Modalità di presentazione


Roma Tre ha stipulato una convenzione con i CAAF (Centri Autorizzati di Assistenza Fiscale) per
il servizio gratuito di presentazione del modello ISEEU. L’elenco dei CAAF convenzionati è
consultabile dal Portale dello Studente. Il CAAF provvede a trasmettere i dati all’Ateneo, mentre
lo studente è tenuto esclusivamente a conservarne una copia. La presentazione presso i CAAF è
possibile solo entro il 5 dicembre.

L’Ateneo ha inoltre attivato un servizio di autocertificazione online, accessibile dal Portale dello
Studente, con assistenza alla compilazione presso la Piazza Telematica
(http://host.uniroma3.it/laboratori/piazzatelematica/). La presentazione online o con assistenza
presso la Piazza Telematica è obbligatoria oltre il 5 dicembre.

art. 27 Chi deve/non deve presentarlo


Tutti gli studenti, compresi i fuori corso o ripetenti, a prescindere dalla loro posizione di carriera
scolastica, possono richiedere l’inserimento nelle fasce contributive compilando il modello ISEEU
nei termini e nelle modalità previste.
La mancata presentazione dell’autocertificazione ISEEU comporta l’inserimento d’ufficio
nella fascia massima di contribuzione.
A partire dall’a.a. 2009/2010 l’autocertificazione ISEEU deve essere presentata comunque con
cadenza biennale, pur in assenza di modifiche al reddito e/o al patrimonio. Deve invece essere
presentata con cadenza annuale qualora il reddito e/o il patrimonio subiscano modifiche rispetto
all’anno precedente.
Deve presentare il modello ISEEU lo studente:
• che abbia una capacità contributiva inferiore al valore massimo previsto al fine
dell’inserimento nelle fasce contributive;
• che intenda richiedere l’esonero totale o parziale dalle tasse e dai contributi nei seguenti casi:
− con disabilità pari o superiore al 66%, allegando la documentazione rilasciata dalla
competente A.S.L. attestante la percentuale di invalidità;
− con disabilità compresa tra il 33% e il 66% che intenda richiedere l'esonero parziale o
totale, allegando la documentazione rilasciata dalla competente A.S.L. attestante la
percentuale di invalidità;
− che richieda una borsa erogata da Laziodisu;
− che sia beneficiario di un prestito d’onore;
− dipendente dell'Università degli Studi Roma Tre;
− figlia/o di dipendente dell'Università degli Studi Roma Tre, con un ISEEU pari o inferiore
alla sedicesima fascia contributiva;

Regolamento Tasse e Contributi Studenti 8


− straniero borsista del governo italiano nell'ambito dei programmi di cooperazione allo
sviluppo e degli accordi intergovernativi culturali e scientifici e relativi periodici programmi
esecutivi;
− laureati in un corso di laurea triennale che richiedano l’esonero totale dal I anno di un
corso di laurea magistrale, con laurea conseguita entro la durata normale del corso di
laurea, valore ISEEU pari o inferiore agli 80.000 euro, voto di laurea pari o superiore alla
media dei voti di laurea della Facoltà di appartenenza nell’a.a. precedente e
immatricolazione ad un corso di laurea magistrale nell’a.a. immediatamente successivo
alla laurea:
− laureandi in una sessione dell’a.a. precedente, ai fini dell’inserimento in fascia qualora
non potessero più laurearsi nei tempi previsti.

Non deve presentare il modello ISEEU lo studente:


− che abbia una capacità contributiva superiore al valore massimo previsto;
− la cui capacità contributiva non abbia subito variazioni rispetto all’anno precedente, se ha
presentato un ISEEU nell’anno accademico 2009/2010 e con cadenza biennale da allora;
− laureato nell’anno accademico precedente in un corso di laurea di Roma Tre che si
immatricola a un corso di laurea magistrale, con capacità contributiva che non abbia
subito variazioni rispetto all’anno precedente e se ha presentato un ISEEU nell’anno
accademico 2009/2010 e con cadenza biennale da allora.

art. 28 Controlli e sanzioni


In caso di accertamento di anomalie nell’autocertificazione dell’ISEEU, lo studente dovrà
certificare la nuova situazione economica equivalente e sarà tenuto al pagamento della
differenza tra le tasse e i contributi pagati e quelli dovuti a seguito delle verifiche in fase di
controllo, oltre che al pagamento di una sanzione amministrativa corrispondente alla
maggiorazione del 50% della differenza di cui sopra. La sanzione amministrativa, comunque, non
potrà superare l’importo di 500,00 euro ed essere inferiore ai 100,00 euro.
In caso di accertamento di anomalie che non determinino un cambiamento di fascia, lo studente
dovrà ugualmente certificare la nuova situazione economica equivalente e sarà tenuto al
pagamento di 100,00 euro a titolo di oneri amministrativi.
In caso di dichiarazione eccedente, l’Amministrazione provvederà all’inserimento nella fascia
dovuta.
Gli studenti sottoposti a verifiche che non rispondano alle convocazioni dell’Ufficio Controlli
Autocertificazioni ISEEU o rifiutino di produrre le documentazioni richieste saranno, per l’anno
soggetto a verifica, esclusi dalle riduzioni contributive derivanti dall’inserimento in fasce e
saranno tenuti al pagamento della sanzione amministrativa. Gli studenti per i quali siano state
riscontrate anomalie nell’autocertificazione saranno automaticamente sottoposti a verifica per
tutta la durata degli studi.

TITOLO V
POST LAUREAM

art. 29 Master
La tassa d’iscrizione ai Master di I e di II livello è stabilita annualmente dal Consiglio
d’Amministrazione, su proposta del Consiglio del Master. L’importo della tassa comprende
l’imposta di bollo virtuale e il contributo per il rilascio del diploma finale.
L’iscrizione a un singolo modulo o a più moduli per l’acquisizione di un attestato di Corso di
perfezionamento, qualora previsto dal regolamento del Master, comporta il pagamento di una
tassa corrispondente alle varie tipologie e dell’imposta di bollo virtuale per ogni iscrizione
effettuata.

art. 30 Corsi di perfezionamento


La tassa d’iscrizione è stabilita annualmente dal Consiglio di Amministrazione, su proposta del
Consiglio del Corso di perfezionamento. L’importo della tassa comprende l’imposta di bollo
virtuale e il contributo per il rilascio dell’attestato finale.

Regolamento Tasse e Contributi Studenti 9


art. 31 Corsi di aggiornamento
La tassa d’iscrizione ai Corsi di aggiornamento è stabilita annualmente dal Consiglio
d’Amministrazione, su proposta del Consiglio del Corso. L’importo della tassa comprende
l’imposta di bollo virtuale.

art. 32 Scuola di Specializzazione alle Professioni Legali


La partecipazione al concorso di ammissione alla Scuola comporta il pagamento di un contributo
fisso.
Per ciascun anno di corso lo studente deve versare una tassa di iscrizione suddivisa in due rate
di pari importo, stabilito annualmente dal Consiglio di Amministrazione, che comprende l’imposta
di bollo virtuale di 14,62 euro e il contributo per il rilascio del diploma finale.

art. 33 Esami di Stato


La partecipazione agli esami di Stato prevede la corresponsione di contributi universitari per
l’ammissione all’esame e per il rilascio del diploma. Comporta altresì il versamento della tassa
regionale, di una tassa in favore dell’Agenzia delle Entrate e dell’imposta di bollo virtuale di 14,62
euro.

TITOLO IX
CORSI SINGOLI

art. 34 Iscrizione ai corsi singoli


Per l’iscrizione ad ogni corso singolo è dovuto l’importo di 150,00 euro e l’imposta di bollo virtuale
di 14,62 euro. È possibile iscriversi a corsi singoli che comportino l’acquisizione totale di un
massimo di 36 crediti.
Per l’iscrizione come corsi singoli a corsi speciali, quali i corsi in Lingua inglese organizzati dalla
Facoltà di Giurisprudenza nell’ambito del progetto Studying Law at Roma Tre, è prevista la
corresponsione di un contributo fisso di 200,00 euro, oltre all’imposta di bollo virtuale.

Regolamento Tasse e Contributi Studenti 10


All. A

CALCOLO DELL’ISEEU

ISEEU = (ISRU + 20% ISPU)/P

ISRU = indicatore della situazione reddituale; se questo valore


è negativo deve essere considerato pari a zero
ISPU = indicatore della situazione patrimoniale
P = parametro (vedi scala di equivalenza)

L'indicatore della situazione economica equivalente per l'Università è determinato con riferimento
all'intero nucleo familiare anagrafico quale risulta alla data di presentazione del modello di
richiesta di calcolo dell'ISEEU. Secondo quanto stabilito dal DPCM n. 221/99 e successive
modificazioni ed integrazioni, al fine di tenere adeguatamente conto dei soggetti che sostengono
effettivamente l'onere di mantenimento agli studi, lo studente può essere considerato parte del
nucleo familiare di origine ovvero essere considerato indipendente in base alle seguenti modalità:
a) Studente inserito nel nucleo familiare di origine
Ciascun soggetto può appartenere ad un solo nucleo familiare. Fanno parte del nucleo familiare i
soggetti componenti la famiglia anagrafica, tutti i componenti presenti nello stato di famiglia,
anche se non legati da vincoli di parentela) ai sensi dell’articolo 4 del DPR 30 maggio 1989, n.
223. Agli effetti anagrafici per famiglia si intende un insieme di persone, coabitanti ed
aventi dimora abituale nello stesso Comune, legate da: vincoli di matrimonio, parentale, affinità,
adozione, tutela, vincoli affettivi.
b) Studente indipendente dal nucleo familiare di origine
Lo studente è considerato indipendente dal nucleo familiare di origine quando ricorrano entrambi
i seguenti requisiti:
1. residenza esterna all'unità abitativa della famiglia di origine, da almeno due anni rispetto alla
data di presentazione della domanda per la prima volta a ciascun corso di studi, in alloggio
non di proprietà di un suo membro;
2. redditi da lavoro dipendente o assimilati fiscalmente dichiarati, da almeno due anni, non
inferiori a 7.500,00 Euro annui con riferimento ad un nucleo familiare di una persona.

ISRU - indicatore della situazione reddituale


L'indicatore della situazione reddituale è determinato sommando per ciascun componente del
nucleo familiare anagrafico:
a) il reddito complessivo risultante dall'ultima dichiarazione presentata ai fini delle imposte sui
redditi delle persone fisiche, al netto dei redditi agrari relativi alle attività indicate dall'articolo
2135 Codice Civile svolte, anche in forma associata, dai soggetti produttori agricoli titolari di
partita Iva, obbligati alla presentazione della dichiarazione ai fini dell'IVA. In caso di esonero
dall'obbligo di presentazione della dichiarazione dei redditi vanno assunti i redditi imponibili ai
fini IRPEF risultanti dall'ultima certificazione consegnata dai soggetti erogatori. Per ultima
dichiarazione o ultima certificazione si intendono la dichiarazione presentata o la
certificazione consegnata nell'anno in cui si presenta la dichiarazione sostitutiva unica,
relative ai redditi dell'anno precedente.
b) Se, al momento in cui deve essere presentata la dichiarazione sostitutiva unica, non può
essere presentata la dichiarazione dei redditi o non e' possibile acquisire la certificazione,
relative ai redditi dell'anno precedente, deve farsi riferimento alla dichiarazione dei redditi
presentata o alla certificazione consegnata nell'anno precedente.
c) È consentito dichiarare l'assenza di reddito di un soggetto appartenente al nucleo familiare,
quando questi nell'anno solare precedente alla dichiarazione sostitutiva unica non ha
percepito alcun reddito; in tal caso sono effettuati specifici controlli dall'I.N.P.S. e dagli enti
erogatori, ai sensi del Decreto Legislativo n. 109 del 1998, e successive modificazioni, volti ad
accertare l'eventuale successiva presentazione della dichiarazione dei redditi o il ricevimento
della certificazione sostitutiva;

Regolamento Tasse e Contributi Studenti 11


d) i redditi di lavoro prestato nelle zone di frontiera e in altri paesi limitrofi da soggetti residenti
nel territorio dello Stato;
e) i proventi derivanti da attività agricole, svolte anche in forma associata, per le quali sussiste
l'obbligo alla presentazione della dichiarazione IVA. A tal fine va assunta la base imponibile
determinata ai fini dell'IRAP, al netto dei costi del personale a qualunque titolo utilizzato;
f) il reddito figurativo delle attività finanziarie determinato applicando il tasso di rendimento
medio annuo dei titoli decennali del Tesoro al complessivo patrimonio mobiliare del nucleo
familiare individuato secondo quanto indicato nei successivi commi 2, 3 e 4.
Qualora il nucleo risieda in abitazione in locazione, dalla somma dei suddetti elementi reddituali
si detrae il valore del canone di locazione annuo, fino a concorrenza e per un ammontare
massimo di 5.160,00 Euro. In tal caso il richiedente e' tenuto a dichiarare gli estremi del contratto
di locazione registrato e l'ammontare del canone. Ai fini dell'applicazione della detrazione del
presente comma:
a) l'abitazione di residenza del nucleo è quella nella quale risiedono i componenti del nucleo
familiare e per la quale il contratto di locazione è registrato in capo ad almeno uno dei
componenti;
b) se i componenti del nucleo, in virtù dell'applicazione dei criteri di cui all'articolo 1-bis, risultano
risiedere in più abitazioni per le quali il contratto di locazione è registrato in capo ad alcuno
dei componenti stessi, la detrazione si applica, tra le suddette, all'abitazione individuata dal
richiedente nella dichiarazione sostitutiva unica; se il contratto di locazione risulta solo in
quota parte in capo ai componenti del nucleo la detrazione si applica per detta quota.

Reddito di fratelli e sorelle


Al fine di tenere adeguatamente conto dei soggetti che sostengono effettivamente l'onere di
mantenimento dello studente, il reddito ed il patrimonio dei fratelli e delle sorelle dello studente
facenti parte del nucleo familiare concorrono alla formazione di tutti gli indicatori della condizione
economica nella misura del 50%.

Redditi percepiti all'estero


L'Indicatore della situazione economica equivalente all'estero si ottiene dalla somma dei redditi
percepiti all'estero e del venti per cento dei patrimoni posseduti all'estero, che non siano già stati
inclusi nel calcolo dell'Indicatore della situazione economica equivalente, valutati con le stesse
modalità e sulla base del tasso di cambio medio dell'euro nell'anno di riferimento, definito con
decreto del Ministero delle finanze, ai sensi del Decreto-Legge 28 giugno 1990, n. 167, articolo 4,
comma 6, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto 1990, n. 227, e successive
modificazioni ed integrazioni.
I redditi percepiti all'estero devono essere attestati mediante certificazione in lingua
italiana da allegare al modello ISEEU.

ISPU - indicatore della situazione patrimoniale universitaria


L'indicatore della situazione patrimoniale è determinato sommando, per ciascun componente del
nucleo familiare i seguenti valori patrimoniali:

Patrimonio immobiliare (fabbricati e terreni)


Il valore patrimoniale è dato dall’imponibile definito ai fini ICI al 31 dicembre dell’anno precedente
a quello di presentazione del modello ISEEU, indipendentemente dal periodo di possesso.
Dovranno essere considerati i beni posseduti da ogni singolo soggetto componente il nucleo
familiare al 31 dicembre dell’anno precedente alla presentazione del modello ISEEU, anche se
non più posseduti alla data della dichiarazione. Sono compresi i diritti reali di godimento
(usufrutto, uso, abitazione, servitù, superficie, enfiteusi, ecc.). È esclusa la nuda proprietà.
Dal valore così determinato di ciascun fabbricato o terreno, si detrae, fino a concorrenza,
l’ammontare dell’eventuale debito residuo alla stessa data del 31 dicembre per mutui contratti per
l’acquisto dell’immobile o per la costruzione del fabbricato.
Qualora il nucleo risieda in abitazione di proprietà, dalla somma dei suddetti valori si detrae per
tale immobile, in alternativa alla detrazione del debito residuo, se più favorevole e fino a
concorrenza, il valore della casa di abitazione, come sopra definito, nel limite di 51.645,69 Euro.
Ai fini dell’applicazione della detrazione l’abitazione di residenza del nucleo è quella nella quale
risiedono i suoi componenti, di proprietà di almeno uno di essi.

Regolamento Tasse e Contributi Studenti 12


Se i componenti del nucleo risultano risiedere in più abitazioni la cui proprietà è di alcuno dei
componenti stessi, la detrazione si applica, tra le suddette, all’abitazione individuata dal
richiedente nella dichiarazione del modello ISEEU.
Se l’immobile risulta in quota parte di proprietà di alcuno dei componenti del nucleo, la detrazione
si applica solo per detta quota.
Patrimonio mobiliare
Dovrà essere considerato il patrimonio posseduto in termini di valore complessivo da ogni singolo
soggetto componente il nucleo familiare al 31 dicembre dell’anno precedente la presentazione
del modello ISEEU.
Dovranno essere considerati i beni posseduti al 31 dicembre dell’anno precedente anche se non
più posseduti alla data della dichiarazione.
Ai fini della determinazione del patrimonio mobiliare devono essere considerate le componenti di
seguito specificate, possedute alla data del 31 dicembre dell’anno precedente alla presentazione
del modello ISEEU:
• depositi e conti correnti bancari e postali, per i quali va assunto il valore del saldo contabile
attivo, al netto degli interessi, alla data del 31 dicembre dell’anno precedente alla
presentazione della dichiarazione sostitutiva di cui all’articolo 6;
• titoli di Stato, obbligazioni certificati di deposito e credito, buoni fruttiferi e assimilati per i quali
va assunto il valore nominale delle consistenze alla data di cui alla lettera a);
• azioni o quote di organismi di investimento collettivo di risparmio (Oicr) italiani o esteri, per le
quali va assunto il valore risultante dall’ultimo prospetto redatto della società di gestione alla
data di cui alla lettera a);
• partecipazioni azionane in società non quotate in mercati regolamentati e partecipazioni in
società non azionarie, per le quali va assunto il valore della frazione del patrimonio netto,
determinato sulla base delle risultanze dell’ultimo bilancio approvato anteriormente alla data
di presentazione della
• dichiarazione sostitutiva di cui all’articolo 6, ovvero in caso di esonero dall’obbligo di
redazione del bilancio, determinato dalla somma delle rimanenze finali e dal costo
complessivo dei beni ammortizzabili, al netto dei relativi ammortamenti, nonché degli altri
cespiti o beni patrimoniali;
• masse patrimoniali, costituite da somme di denaro o beni non relativi all’impresa affidate in
gestione a un soggetto abilitato ai sensi del Decreto Legislativo n. 415 del 1996, per le quali
va assunto il valore delle consistenze risultanti dall’ultimo rendiconto predisposto, secondo i
criteri stabiliti dai regolamenti emanati dalla Commissione nazionale per le società e la borsa,
dal gestore del patrimonio anteriormente alla data di cui alla lettera a);
• altri strumenti e rapporti finanziari per i quali va assunto il valore corrente alla data di cui alla
lettera a), nonché contratti di assicurazione mista sulla vita e di capitalizzazione per i quali va
assunto l’importo dei premi complessivamente versati a tale ultima data, ivi comprese le
polizze a premio unico anticipato per tutta la durata del contratto, per le quali va assunto
l’importo del premio versato; sono esclusi i contratti di assicurazione mista sulla vita per i quali
alla medesima data non è esercitabile il diritto di riscatto;
• imprese individuali per le quali va assunto il valore del patrimonio netto, determinato con le
stesse modalità indicate alla precedente lettera e).

Per i rapporti di custodia, amministrazione, deposito e gestione cointestati anche a soggetti


appartenenti a nuclei familiari diversi, il valore della consistenza è assunto per la quota di
spettanza.
Il valore complessivo, individuato per singolo soggetto appartenente al nucleo familiare, viene
approssimato per difetto ai 500,00 Euro o suoi multipli.
Dal valore del patrimonio mobiliare calcolato si detrae, fino a concorrenza, una franchigia pari a
15.493,71 Euro. Tale franchigia non si applica ai fini della determinazione del reddito figurativo.

Indicatore della Situazione Patrimoniale all’Estero


L’Indicatore della situazione patrimoniale equivalente è calcolato secondo le modalità di cui al
Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n. 109, e successive modificazioni ed integrazioni, tenendo
anche conto dei patrimoni posseduti all’estero. Tali patrimoni sono considerati con le stesse
modalità del citato decreto legislativo con le seguenti integrazioni:

Regolamento Tasse e Contributi Studenti 13


• i patrimoni immobiliari localizzati all’estero, posseduti al 31 dicembre dell’anno precedente
alla presentazione della domanda, sono valutati solo nel caso di fabbricati, considerati sulla
base del valore convenzionale di 500,00 Euro al metro quadrato;
• i patrimoni mobiliari sono valutati sulla base del tasso di cambio medio dell’euro nell’anno di
riferimento, definito con decreto del Ministero delle finanze, ai sensi del Decreto- Legge 28
giugno 1990, n. 167, articolo 4, comma 6, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto
1990, n. 227, e successive modificazioni ed integrazioni.
Il patrimonio posseduto all’estero deve essere attestato mediante certificazione in lingua italiana
da allegare al modello ISEEU.

La scala di equivalenza
La scala di equivalenza è un parametro che aumenta con il numero dei componenti il nucleo
familiare.

Numero Parametro
componenti P
1 1,00
2 1,57
3 2,04
4 2,46
5 2,85

Valori correttivi del parametro P


I valori correttivi della scala consentono di tener conto di condizioni di disagio, facilitando
l’accesso alle prestazioni sociali agevolate:
+ 0,35 Per ogni ulteriore componente
+ 0,20 Nucleo con figli minori ed un solo genitore, che abbia svolto attività di lavoro o di impresa
per almeno 180 gg nell’anno e a condizione che nel nucleo familiare non ci siano altri soggetti
maggiorenni
+ 0,50 Per ogni componente con handicap permanente o invalidità pari o superiore al 66%
+ 0,20 Per nucleo con figli minori in cui entrambi i genitori abbiano svolto attività di lavoro e di
impresa per almeno
180 gg nell’anno
+ 0,20 Per nucleo con figli minori e un solo genitore

Regole sulle persone coniugate


I coniugi fanno sempre parte dello stesso nucleo familiare, anche quando non risultano nello
stesso stato di famiglia.
I coniugi conviventi, anche se uno o entrambi a carico ai fini IRPEF di altre persone, formano un
nucleo familiare a sé stante.
Se i coniugi invece hanno diversa residenza anagrafica e sono a carico di altre persone, faranno
comunque parte del medesimo nucleo familiare ma non a sé stante, bensì identificato sulla base
della famiglia anagrafica di uno dei coniugi, scelta di comune accordo come residenza familiare.
Gli unici casi in cui i coniugi non risultino far parte dello stesso nucleo familiare sono:
• in caso di separazione legale;
• se è stata ordinata la separazione in pendenza di domanda di nullità di matrimonio;
• se è stata consentita la diversa residenza a seguito di provvedimenti temporanei ed urgenti
del giudice;
• se uno dei coniugi è stato escluso dalla potestà sui figli;
• se è stata proposta domanda di divorzio;
• se sia in corso un procedimento da cui risulti l’abbandono del coniuge.
È fondamentale che le predette situazioni siano oggetto di un provvedimento del giudice o di un
procedimento in corso.
Una semplice separazione di fatto non comporta la divisione del nucleo.

Regole sui minori


I figli minori che convivono con un genitore sono sempre iscritti nel nucleo familiare di cui fa parte
il genitore stesso.

Regolamento Tasse e Contributi Studenti 14


Se i figli minori sono coniugati (over 16 anni) sono tenuti a seguire le regole dei soggetti
coniugati.
I minori in affidamento preadottivo e temporaneo, affidati con provvedimento del giudice al
dichiarante, al coniuge o ad altre persone che sono nello stesso stato di famiglia, fanno parte del
nucleo familiare del dichiarante (o del coniuge, se con diversa residenza e lo stato di famiglia di
riferimento è questo).
Se affidati a terzi con provvedimento del giudice, fanno parte del nucleo della persona a cui sono
stati affidati, anche se inseriti in altra famiglia anagrafica carico ai fini IRPEF di altro soggetto.
I minori in affidamento e collocati presso istituti di assistenza o comunità sono considerati nucleo
familiare a sé stante.
I soggetti a carico ai fini IRPEF, anche se componenti altra famiglia anagrafica, fanno parte del
nucleo familiare della persona di
cui sono a carico. Quando un soggetto risulta a carico ai fini IRPEF di più persone, si considera,
tra quelle di cui è a carico, componente il nucleo familiare:
• della persona della cui famiglia anagrafica fa parte;
• se non fa parte della famiglia anagrafica di alcuna di esse, della persona tenuta agli alimenti;
in presenza di più persone obbligate agli alimenti nello stesso grado, si considera
componente il nucleo familiare di quella tenuta in misura maggiore.

Regolamento Tasse e Contributi Studenti 15


All. B
TABELLE IMPORTI ANNUI TASSE E CONTRIBUTI UNIVERSITARI

Sono esclusi i contributi fissi eventualmente dovuti, tassa regionale e imposta di bollo virtuale

LAUREE TRIENNALI-I, II E III ANNO CICLO UNICO, ORDINAMENTO ANTE D.M. 509/99

Fasci
a ISEEU Inferiore ISEEU Superiore Tasse e contributi universitari
1 € - € 13.499,99 € 385,29
2 € 13.500,00 € 14.499,99 € 405,29
3 € 14.500,00 € 15.499,99 € 425,29
4 € 15.500,00 € 16.499,99 € 445,29
5 € 16.500,00 € 17.499,99 € 465,29
6 € 17.500,00 € 18.499,99 € 485,29
7 € 18.500,00 € 19.499,99 € 505,29
8 € 19.500,00 € 20.499,99 € 525,29
9 € 20.500,00 € 21.499,99 € 545,29
10 € 21.500,00 € 22.499,99 € 565,29
11 € 22.500,00 € 23.499,99 € 585,29
12 € 23.500,00 € 24.499,99 € 605,29
13 € 24.500,00 € 25.499,99 € 625,29
14 € 25.500,00 € 26.499,99 € 645,29
15 € 26.500,00 € 27.499,99 € 665,29
16 € 27.500,00 € 28.499,99 € 685,29
17 € 28.500,00 € 29.499,99 € 705,29
18 € 29.500,00 € 30.499,99 € 725,29
19 € 30.500,00 € 31.499,99 € 745,29
20 € 31.500,00 € 32.499,99 € 765,29
21 € 32.500,00 € 33.499,99 € 785,29
22 € 33.500,00 € 34.499,99 € 805,29
23 € 34.500,00 € 35.499,99 € 825,29
24 € 35.500,00 € 36.499,99 € 845,29
25 € 36.500,00 € 37.499,99 € 865,29
26 € 37.500,00 € 38.499,99 € 885,29
27 € 38.500,00 € 39.499,99 € 905,29
28 € 39.500,00 € 40.499,99 € 925,29
29 € 40.500,00 € 41.499,99 € 945,29
30 € 41.500,00 € 42.499,99 € 965,29
31 € 42.500,00 € 43.499,99 € 985,29
32 € 43.500,00 € 44.499,99 € 1.005,29
33 € 44.500,00 € 45.499,99 € 1.025,29
34 € 45.500,00 € 46.499,99 € 1.045,29
35 € 46.500,00 € 47.499,99 € 1.065,29
36 € 47.500,00 € 48.499,99 € 1.085,29
37 € 48.500,00 € 49.499,99 € 1.105,29
38 € 49.500,00 € 50.499,99 € 1.125,29
39 € 50.500,00 € 51.499,99 € 1.145,29
40 € 51.500,00 € 52.499,99 € 1.165,29
41 € 52.500,00 € 53.499,99 € 1.185,29
42 € 53.500,00 € 54.499,99 € 1.205,29
43 € 54.500,00 € 55.499,99 € 1.225,29
44 € 55.500,00 € 56.499,99 € 1.245,29
45 € 56.500,00 € 57.499,99 € 1.265,29
46 € 57.500,00 € 58.499,99 € 1.285,29
47 € 58.500,00 € 59.499,99 € 1.305,29
48 € 59.500,00 € 60.499,99 € 1.325,29
49 € 60.500,00 € 61.499,99 € 1.345,29

Regolamento Tasse e Contributi Studenti 16


50 € 61.500,00 € 62.499,99 € 1.365,29
51 € 62.500,00 € 63.499,99 € 1.385,29
52 € 63.500,00 € 64.499,99 € 1.405,29
53 € 64.500,00 € 65.499,99 € 1.425,29
54 € 65.500,00 € 66.499,99 € 1.445,29
55 € 66.500,00 € 67.499,99 € 1.465,29
56 € 67.500,00 € 68.499,99 € 1.485,29
57 € 68.500,00 € 69.499,99 € 1.505,29
58 € 69.500,00 € 70.499,99 € 1.525,29
59 € 70.500,00 € - € 1.533,00

LAUREE SPECIALISTICHE/MAGISTRALI, IV E V ANNO CICLO UNICO

Fasci
a ISEEU Inferiore ISEEU Superiore Tasse e contributi universitari
1 € - € 13.499,99 € 415,29
2 € 13.500,00 € 14.499,99 € 435,29
3 € 14.500,00 € 15.499,99 € 455,29
4 € 15.500,00 € 16.499,99 € 475,29
5 € 16.500,00 € 17.499,99 € 495,29
6 € 17.500,00 € 18.499,99 € 515,29
7 € 18.500,00 € 19.499,99 € 535,29
8 € 19.500,00 € 20.499,99 € 555,29
9 € 20.500,00 € 21.499,99 € 575,29
10 € 21.500,00 € 22.499,99 € 595,29
11 € 22.500,00 € 23.499,99 € 615,29
12 € 23.500,00 € 24.499,99 € 635,29
13 € 24.500,00 € 25.499,99 € 655,29
14 € 25.500,00 € 26.499,99 € 675,29
15 € 26.500,00 € 27.499,99 € 695,29
16 € 27.500,00 € 28.499,99 € 715,29
17 € 28.500,00 € 29.499,99 € 735,29
18 € 29.500,00 € 30.499,99 € 755,29
19 € 30.500,00 € 31.499,99 € 775,29
20 € 31.500,00 € 32.499,99 € 795,29
21 € 32.500,00 € 33.499,99 € 815,29
22 € 33.500,00 € 34.499,99 € 835,29
23 € 34.500,00 € 35.499,99 € 855,29
24 € 35.500,00 € 36.499,99 € 875,29
25 € 36.500,00 € 37.499,99 € 895,29
26 € 37.500,00 € 38.499,99 € 915,29
27 € 38.500,00 € 39.499,99 € 935,29
28 € 39.500,00 € 40.499,99 € 955,29
29 € 40.500,00 € 41.499,99 € 975,29
30 € 41.500,00 € 42.499,99 € 995,29
31 € 42.500,00 € 43.499,99 € 1.015,29
32 € 43.500,00 € 44.499,99 € 1.035,29
33 € 44.500,00 € 45.499,99 € 1.055,29
34 € 45.500,00 € 46.499,99 € 1.075,29
35 € 46.500,00 € 47.499,99 € 1.095,29
36 € 47.500,00 € 48.499,99 € 1.115,29
37 € 48.500,00 € 49.499,99 € 1.135,29
38 € 49.500,00 € 50.499,99 € 1.155,29
39 € 50.500,00 € 51.499,99 € 1.175,29
40 € 51.500,00 € 52.499,99 € 1.195,29
41 € 52.500,00 € 53.499,99 € 1.215,29
42 € 53.500,00 € 54.499,99 € 1.235,29

Regolamento Tasse e Contributi Studenti 17


43 € 54.500,00 € 55.499,99 € 1.255,29
44 € 55.500,00 € 56.499,99 € 1.275,29
45 € 56.500,00 € 57.499,99 € 1.295,29
46 € 57.500,00 € 58.499,99 € 1.315,29
47 € 58.500,00 € 59.499,99 € 1.335,29
48 € 59.500,00 € 60.499,99 € 1.355,29
49 € 60.500,00 € 61.499,99 € 1.375,29
50 € 61.500,00 € 62.499,99 € 1.395,29
51 € 62.500,00 € 63.499,99 € 1.415,29
52 € 63.500,00 € 64.499,99 € 1.435,29
53 € 64.500,00 € 65.499,99 € 1.455,29
54 € 65.500,00 € 66.499,99 € 1.475,29
55 € 66.500,00 € 67.499,99 € 1.495,29
56 € 67.500,00 € 68.499,99 € 1.515,29
57 € 68.500,00 € 69.499,99 € 1.535,29
58 € 69.500,00 € 70.499,99 € 1.555,29
59 € 70.500,00 € - € 1.563,00

All. C
CONTRIBUTI FISSI

Regolamento Tasse e Contributi Studenti 18


Contributo Importo euro
Prove di ammissione 25,00
Immatricolazione 52,00
Trasferimento ad altro ateneo 77,00
Trasferimento da altro ateneo 52,00
Passaggio di corso di studio 52,00
Sospensione degli studi 52,00
Indennità ritardato pagamento fino a 30 giorni 30,00
Indennità ritardato pagamento da 31 a 90 giorni 60,00
Indennità ritardato pagamento oltre i 90 giorni 120,00
Presentazione ISEEU oltre la scadenza 120,00
Duplicato libretto 26,00
Diploma finale 83,00
Duplicato diploma finale 52,00
Domanda di reintegro 75,00
Reintegro 2.500,00
Regolarizzazione anni precedenti1 207,00
Attività di sostegno Sc. Form. Primaria I ind. (400 ore) 1.000,00
Attività di sostegno Sc. Form. Primaria II ind. (50 ore) 250,00
1
L’importo si intende per ogni anno accademico durante il quale lo studente non risulta iscritto. All’importo si
aggiunge l’indennità minima di mora per ritardato pagamento.

Regolamento Tasse e Contributi Studenti 19