Sei sulla pagina 1di 68

La trattrice agricola

parte 3: azionamento delle operatrici


argomenti

 la trattrice come mezzo


 di trazione
 resistenza all'avanzamento e aderenza
 organi di propulsione
 per il collegamento delle operatrici
 gancio di traino
 attacco a tre punti e sollevatore idraulico
 attacco flangiato
 per l'azionamento delle operatrici
 presa di potenza
 distributori idraulici
potenza per la m.o.

 potenza di trazione:

W = F v + perdite di trasmissione (10-15%)


e slittamento (max 15-20%)
 potenza meccanica alla p.d.p.

W = M n + perdite di trasmissione
(5-10%)
 potenza idraulica

W = p Q + perdite di trasmissione
(15-20%)
trazione

 organi di propulsione
 ruote gommate
 2RM
 DT
 trazione anteriore
dinsinseribile es. su
strada
 cingoli
resistenza all’avanzamento

 si compone di:
 resistenza dell'aria: trascurabile
 resistenza al rotolamento: deformazione ruota / terreno
 resistenza dovuta alla pendenza

resistenza al
rotolamento Rr

Rr = cr · G

è una forza di attrito


volvente
cr = 0,02 – 0,20
resistenza al rotolamento
resistenza al rotolamento

 equilibrio delle forze verticali: GB

 equilibrio delle forze orizzontali: T  Rr

 equilibrio dei momenti rispetto al


centro di rotazione:
aB  M p  eR r
resistenza al rotolamento

aB  M p  eR r

e r, B G

a Mp
Rr  G 
r r
resistenza al rotolamento

 la resistenza al rotolamento è minore:


 quanto maggiore è il raggio della ruota
 quanto minore è il peso gravante sulla ruota
 quanto minore è la deformazione del terreno
 grande superficie di appoggio
 terreno poco deformabile

a Mp
Rr  G 
r r
 generalmente si esprime come:

R r  cr G
 cr = coefficiente di resistenza al rotolamento
resistenza al rotolamento: valori medi

Coefficiente di resistenza al rotolamento cr: valori medi per


trattrici agricole.
Superficie Ruote gommate Cingoli
Strada pavimentata 0,02 - 0,03 -
Strada in terra battuta 0,04 - 0,06 0,04 - 0,05
Stoppie di grano, cotica erbosa 0,06 - 0,08 0,05 - 0,07
Terreno umido 0,12 - 0,16 0,08 - 0,10
Letto di semina 0,15 - 0,20 0,12 - 0,13
resistenza al rotolamento

 la resistenza al rotolamento
è minore:
 quanto maggiore è il
raggio della ruota

a Mp
Rr  G 
r r
 quanto maggiore è
l'area di appoggio
 cingoli
 pneumatici a bassa
pressione
resistenza dovuta alla pendenza

R p  G · sen α

Pendenza
Rp / G
gradi % a
10 17 0,23
20 36 0,39
30 58 0,55
capacità di trazione

 la forza di trazione massima esercitabile (T) non può superare il


valore dell'aderenza (A)

TA

forza di trazione
peso aderente

Fa
reazione del terreno
aderenza
aderenza

 equilibrio delle forze verticali e orizzontali: GB T  Fa

 equilibrio dei momenti rispetto al centro


M m  M p  eFa  aB
della ruota:
aderenza

M m  M p  eF a  aB

a r, B G

M m  M p  rF a  aG

Mm M p a
Fa    G
r r r
aderenza

 l'aderenza è una resistenza di attrito radente che si oppone allo


slittamento della ruota

Fa  c a G
 ca = coefficiente di aderenza, che dipende
 dal tipo di terreno
 dal tipo di organi di propulsione
 dallo slittamento della ruota
 G = peso aderente, che dipende
 dal rapporto peso / potenza della trattrice, G0 / W
 dalla quota di peso aderente m
 eventuali zavorre (fino a 20% di G0)
coefficiente di aderenza

 tipo di terreno
 organi di propulsione

Coefficiente di aderenza ca: valori medi per trattrici agricole.


Ruote gommate Cingoli
Strada 0,90 - 1,00 -
Terra battuta 0,60 - 0,70 0,85 - 0,95
Stoppie di grano 0,45 - 0,55 0,70 - 0,80
Cotica erbosa 0,40 - 0,50 0,60 - 0,70
Terreno umido 0,35 - 0,40 0,50 - 0,60
Terreno lavorato 0,30 - 0,38 0,40 - 0,50
coefficiente di aderenza

 ca dipende anche dallo slittamento della ruota

vp v

vp

 = slittamento
vp = velocità periferica della
ruota
v = velocità effettiva di
avanzamento della
trattrice
slittamento

 comporta una perdita di potenza


 max = 4-8% (cingolati), 10-15% (4RM)
peso aderente

 dipende:
 dal rapporto peso / potenza della trattrice

2RM DT cingolato

G0 / W, kg/kW 40-45 45-55 55-65


peso aderente

 dipende:
 dalla quota di peso aderente (gravante sulle ruote motrici)

trattrici a 2RM: 0,6-0,7

4RM, cingoli: 1 (trattrici


ad aderenza totale)
peso aderente

 dipende:
 dalla presenza di zavorre (fino al 20% di G0)
forza di trazione massima esercitabile

T  A  c a mG  Z 

 tenendo conto di tutti i fattori in gioco, a parità di potenza al motore, la


capacità di trazione è:

(valori indice)
2RM 100
4RM 130 - 140
4RM zavorrato 150 - 170
cingolato 200 - 250
organi di propulsione

 ruote gommate
 motrici
 motrici e direttrici
 battistrada con
costolatura a spina di
pesce a centro aperto
 p = 1 - 2 bar
 a bassa pressione: 0,5
- 1 bar
 direttrici (anteriori nei 2RM)
 battistrada a rilievi
longitudinali
 p = 2 - 3 bar
cingoli

 maggiore area d’appoggio


 p sul terreno = 0,3 - 0,5 bar
 minore cr, maggiore ca
pressione sul terreno
cingoli

 sovracingoli in gomma per


marcia su strada (vmax = 15
km/h)
 cingoli in gomma: su strada
vmax = 40 km/h
durata

durata in h

min max

ruote gommate
2000 3000

cingoli metallici 3000 4000

cingoli in gomma 4000 5000


organi speciali
organi di direzione

trattrici a cingoli:
 frizioni di sterzo (staccano il collegamento al cingolo interno)
 collegate a freni di sterzo

D Distributore idraulico
comando frizioni di sterzo
F Serbatoio con filtro
incorporato
P Pompa idraulica
1 Leva di comando frizioni
di sterzo
█ Olio in aspirazione
█ Olio in scarico
█ Olio in mandata a bassa
pressione
collegamento e azionamento delle operatrici

distributori
idraulici

gancio di traino attacco


a 3 punti
presa di potenza

barra di traino
il gancio

 collegamento all'occhione del


timone di traino
 regolabile in altezza

perno di
fissaggio
rimorchi a due assi

alleggerimento
dell'assale

momento
ribaltante

timone
orizzontale
(OK)
rimorchi monoasse

 fino al 25% del peso può gravare sul gancio


il gancio

 categorie
barra di traino

 inclinabile orizzontalmente
 per operatrici trainate
disassate rispetto alla
trattrice
 vendemmiatrice
trainata
 erpice a dischi
 limitata possibilità di
spostamento in
verticale
attacco a tre punti

puntone (terzo punto)

leva e tirante
del sollevatore
idraulico

braccio inferiore

braccio inferiore
attacco a tre punti

 le dimensioni sono normalizzate in 4 categorie:

Potenza,
Categoria
kW

1 < 48

2 < 92

3 80 - 185

4 > 135

N trattrici strette
attacco a 3 punti anteriore

attrezzo anteriore o 2 attrezzi


attacchi rapidi

cordino di
sgancio

rotule nei
bracci…
ganci sistema
o sul lato Walterscheidt
operatrice
attacchi rapidi

tipo ASAE

a triangolo
attacco anteriore

 possibilità di 2 attrezzi in contemporanea


sollevatore idraulico

pistone
idraulico
dispositivi di
regolazione leva agente
sui bracci
inferiori

pompa

filtro

serbatoio dell'olio
pompa a ingranaggi
(pmax = 180 bar)
controllo del sollevatore

 a posizione fissa (controllata)


 attrezzi che devono operare ad una determinata altezza da terra
 spandiconcime, irroratrici
 oppure devono operare ad una determinata profondità di lavoro
 scavafossi, lame livellatrici

atomizzatore portato
controllo del sollevatore

 flottante
 la m.o. è libera di muoversi in verticale
 m.o. attrezzi che lavorano appoggiati al terreno con slitte,
ruote o rulli
 frese, vangatrici, trinciaerba, falciatrici

con rullo

slitta di appoggio
controllo del sollevatore

 a sforzo controllato
 attrezzi per la lavorazione del terreno
 aratri, coltivatori, i ripuntatori
 buon adattamento alle ondulazioni del terreno
 profondità di lavoro costante se il t. è uniforme

sul 3° punto
sensori di
sforzo

sui bracci
inferiori
terreno ondulato
terreno di diversa tenacità
attacco flangiato

 anteriormente (cimatrici)
 lateralmente (lavorazione sottochioma)
 migliore visibilità, controllo ecc.
la presa di potenza

 consente l'azionamento delle m.o. a mezzo di un albero cardanico


derivazione del moto

 a monte del cambio


 regime pdp dipendente dal regime del motore

 a valle del cambio (pdp "sincronizzata")


 regime pdp dipende dal regime motore e dalla marcia innestata
pdp sincronizzata

 azionamento di ruote motrici


dell'operatrice
 es. rimorchi con assale motore
 (sempre meno usato)

es. vendemmiatrice trainata, ruote motrici


con trasmissione idrostatica
regime della pdp

 regime di rotazione della p.d.p.:

 a regime normalizzato per n  nWmax

 a 540 giri/min (più frequente)

 a 1000 giri/min
 utile per la trasmissione di potenze elevate (W = M n)
 per le operatrici che la richiedono
• es. per ridurre l'impiego di ingranaggi moltiplicatori
sull'operatrice

 a regime normalizzato per n  2/3 nWmax

 "economica" a 540 giri/min a circa 1500 giri/min del motore


schema pdp completo
schema 540 - 1000

Schema della scatola della p.d.p. con le


coppie di ingranaggi per il funzionamento a
540 o 1000 giri/min.
normale ed "economy"
giunti cardanici

giunto cardanico
v1  v2

doppio giunto cardanico


v1  v2 se a < 20°
albero cardanico
giunti cardanici

 doppio giunto cardanico semplice


 a1 = a2 < 45°
 altrimenti staccare pdp

 giunto omocinetico
 fino a 50-80° per brevi periodi
protezioni

cuffia

guaina telescopica
catenella di fissaggio
distributori idraulici

 consentono l'azionamento di organi esterni mediante l'impianto


idraulico della trattrice
 martinetti idraulici su m.o.
 motori idraulici rotativi su m.o.
 freni dei rimorchi
distributori idraulici

 consentono l'azionamento di organi esterni mediante l'impianto


idraulico della trattrice
 martinetti idraulici su m.o.
 motori idraulici rotativi su m.o.
 freni dei rimorchi
pistoni idraulici
motore idraulico

regolazione
altezza

regolazione
larghezza
distributori idraulici

 motori idraulici
rotativi su m.o.
distributori idraulici

 azionamento dell'impianto di frenatura dei rimorchi


 possibile anche impianto ad aria compressa
impianto idraulico

 l'azionamento di organi esterni può richiedere elevate portate d'olio


 centralina idraulica esterna azionata dalla p.d.p.
impianto idraulico

 i trattori da vigneto gen. hanno


2 o 3 circuiti idraulici
indipendenti
 sollevatore idraulico
 azionamento m.o.
 altre utenze (freni
ecc.)
 elevate portate d'olio ne
provocano il riscaldamento con
abbassamento del rendimento
di trasmissione
 radiatore dell'olio

Potrebbero piacerti anche