Sei sulla pagina 1di 63

Abilità Informatiche A.A.

2010/2011
Lezione 2: Architettura del Calcolatore

Facoltà di Lingue e Letterature Straniere


Dal problema al risultato:
il ruolo del computer
PROBLEMA

CONOSCENZA
SUL DOMINIO
DEL PROBLEMA
ALGORITMO

{
ANALISTA
SVILUPPO
DELLA PROGRAMMATORE
SOLUZIONE
CONOSCENZA
PROGRAMMA LINGUAGGIO DI UTENTE
PROGRAMMAZIONE

programma dati soluzione

ESECUZIONE
DEL
PROGRAMMA

2
{ COMPUTER
Architettura del calcolatore

 La prima decomposizione di un calcolatore è relativa a due


macro-componenti:
 Hardware

 Software

3
Architettura del calcolatore
 L’architettura dell’hardware di un calcolatore reale è molto
complessa
 La macchina di von Neumann è un modello semplificato
dei calcolatori moderni, composta da
 Unità di calcolo
 Una memoria che contiene programmi e dati dei programmi

Le istruzioni da eseguire stanno in memoria,


vengono prelevate, decodificate ed eseguite.

 John von Neumann, matematico ungherese, progettò, verso


il 1945, il primo calcolatore con programmi memorizzabili
anziché codificati mediante cavi e interruttori

4
Macchina di Von Neumann

E’ composta da 4 tipologie di componenti funzionali:


 unità centrale di elaborazione (CPU)
 esegue istruzioni per l’elaborazione dei dati
 svolge anche funzioni di controllo
 memoria centrale
 memorizza e fornisce l’accesso a dati e programmi
 interfacce di ingresso e uscita
 componenti di collegamento con le periferiche del calcolatore
 bus
 svolge la funzionalità di trasferimento di dati e di informazioni di
controllo tra le varie componenti funzionali

5
Modello di Von Neumann (1)

Controllo
istruzioni

 La CPU (Central Processing Unit) spesso


integra due distinte unità:
 L’Unità di controllo si occupa di ALU dati

controllare tutte le operazioni del


calcolatore, interpretare le istruzioni CPU MEMORIA

prelevate dalla memoria e inviare alle altre


unità i segnali per l'esecuzione delle
operazioni Ingresso

 L’Unità aritmetico-logica, detta ALU


(Arithmetic & Logic Unit), fornisce la
capacità di effettuare operazioni di tipo
aritmetico/logico di base. Si occupa di Uscita

eseguire le operazioni : somme, confronti… BUS


A volte e’ affiancata da un co-processore PERIFERICHE
matematico

Le componenti fondamentali di un
moderno calcolatore elettronico
6
Modello di Von Neumann (2)
 La Memoria centrale ha lo scopo di
conservare le istruzioni e i dati da Controllo
istruzioni
elaborare e i risultati ottenuti dalle
elaborazioni;
 Le Interfacce collegano alle ALU dati

 Unità di ingresso (Input) che immette le


informazioni nel calcolatore per farle CPU MEMORIA

elaborare;
 Unità di uscita (Output) che riceve le Ingresso
informazioni dalla memoria del calcolatore
per renderle pronte all’uso;
le unità di ingresso e uscita
sono anche dette periferiche Uscita

 Il Bus, vero e proprio canale di BUS

PERIFERICHE
comunicazione che consente ai dati di
transitare fra diversi componenti del
calcolatore. Le componenti fondamentali di un
moderno calcolatore elettronico
7
Modello di Von Neumann (3)
Per ogni istruzione del programma:
 la CPU, tramite la sua parte Controllo, Controllo
istruzioni
ordina il prelevamento di una istruzione
dalla Memoria;
 la decodifica, cioè la interpreta capendo ALU dati

quali azioni comporta;


 la esegue utilizzando le opportune unità CPU MEMORIA

coinvolte
 durante l’esecuzione può: Ingresso
Segnali di controllo
 usare la ALU
 effettuare altri accessi in memoria per
leggere o scrivere dati Spostamento dati
e/o istruzioni
Uscita
 effettuare operazioni di ingresso (per
es. leggi un dato dalla tastiera) o di uscita PERIFERICHE
(per es. visualizza il risultato sul video).

8
Macchina di Von Neumann,
uno schema

9
Macchina di Von Neumann (1)

Il funzionamento di un calcolatore è descrivibile in termini di


poche componenti (macro-unità) funzionali
 ogni macro-unità è specializzata nello svolgimento di una tipologia
omogenea di funzionalità
 Eccezione: l’unità centrale di elaborazione, che svolge sia funzionalità di
elaborazione che di controllo

10
Macchina di Von Neumann (2)

11
Memorizzazione

 Un calcolatore memorizza
 i dati, che rappresentano informazioni di interesse
 i programmi per l’elaborazione dei dati
 La memoria è l’unità responsabile della memorizzazione
dei dati
 Una unità di memoria fornisce due sole operazioni
 memorizzazione di un valore (scrittura)
 accesso al valore memorizzato (lettura)

12
Elaborazione (1)

 Le istruzioni di un programma corrispondono ad


operazioni elementari di elaborazione
 operazioni aritmetiche
 operazioni relazionali (confronto tra dati)
 operazioni su caratteri e valori di verità
 altre operazioni numeriche

13
Elaborazione (2)

 Un calcolatore sa svolgere poche tipologie di operazioni


elementari ma in modo molto efficiente
 un calcolatore può eseguire decine o centinaia di milioni di
istruzioni al secondo
 L’elaborazione dei dati viene svolta dall’unità
aritmetico-logica (ALU), che è un componente
dell’unità centrale di elaborazione

14
Trasferimento

 Obiettivo: permettere lo scambio di informazioni tra


le varie componenti funzionali del calcolatore
 trasferimento dei dati e delle informazioni di controllo
 Due possibili soluzioni
 collegare ciascun componente con ogni altro componente
 collegare tutti i componenti a un unico canale (bus)
 L’utilizzo di un bus favorisce la modularità e l’espandibilità del
calcolatore

15
Controllo

 Il coordinamento tra le varie parti del calcolatore è


svolto dall’unità di controllo
 è un componente dell’unità centrale di elaborazione
 ogni componente dal calcolatore esegue solo le azioni che gli
vengono richieste dall’unità di controllo
 il controllo consiste nel coordinamento dell’esecuzione
temporale delle operazioni
 sia internamente all’unità di elaborazione sia negli altri
elementi funzionali

16
Il computer „moderno‟ segue il modello di
Von Neumann, con diversi tipi di memoria

Unità di elaborazione, processore, CPU (Central


Processing Unit)
Memoria centrale, RAM (Random Access Memory)
Memoria secondaria, memoria di massa
Bus di sistema (collega tutti gli altri componenti)
Periferiche di I/O (mouse, tastiera, terminali,
stampanti, ecc.)

17
Periferiche e memorie esterne
PC

scanner
stampante

Input Output

mouse

tastiera

video
Disks – flash cards – DVD - …

18 Memorie di massa
All‟interno: struttura di un PC

La comunicazione fra le varie componenti avviene attraverso il bus di sistema.


Tramite il bus la CPU legge\scrive dati e istruzioni in memoria, trasferisce da\a
la memoria ai dispositivi di I/O, …
19
Componenti HW: Bus
 Il bus
 Linea a cui sono contemporaneamente connessi tutti i dispositivi
hardware del calcolatore.
 Analogo alla colonna spinale.
 Controllato dalla CPU
 Consente il trasferimento di dati tra le unità hardware
 Velocità misurata in megahertz (come la CPU), ma di solito più lento...
 E’ il collo di bottiglia per molti PC.

20
Bus: le caratteristiche
 Vantaggi
 Semplicità: unica linea di connessione implica costi ridotti
 Estendibilità: aggiunta di nuovi dispositivi molto semplice
 Standardizzabilità: regole precise di comunicazione tra
dispositivi diversi

 Svantaggi
 Lentezza: il bus è utilizzabile solo in mutua esclusione
 Limitata capacità: al crescere del n. di dispositivi collegati
 Sovraccarico del processore: la CPU funge infatti da
master sul controllo del bus

21
Componenti HW:
motherboard (scheda madre)
 Piastra ricavata da un sandwich di strati di vetronite e rame: generalmente ha da
quattro a sei strati di rame;
 Ha integrato il bus di sistema, composto da 50 a 100 fili in rame incisi su di essa
 Dotata di connettori separati ad intervalli regolari per l’innesto dei moduli di
memoria e di I/O. Si tratta di una serie di connessioni elettriche ognuna delle quali
può trasmettere cifre binarie (0 o 1) in successione,
 Vi sono montate le componenti del computer (CPU, RAM, hard disk, etc.)

zoccoli o slot
zoccolo per il processore
per le schede

zoccolo per la memoria

22
Motherboard: componenti principali
 Alloggiamento per la CPU: Socket, (es. zoccolo ZIF, Zero Insertion Force)
o SLOT1;
 gli slot per l'installazione delle RAM;
 la RAM CMOS, alimentata in permanenza da una pila o una piccola
batteria che memorizza i parametri di configurazione del BIOS;
 Controller e Slot di espansione:
 PCI (schede video, audio, scheda rete, modem, sintonizzatore TV,
controller firewire, USB…)
 AGP, PCI Express (schede video);
 Controller e slot IDE/ATA, SATA e/o SCSI per la gestione delle unità
disco (Hard Disk, CD e DVD), floppy;
 Porte: parallela, seriale, USB, PS2,…
 In molte Mainboard, specie se compatte, molte schede di espansione
possono trovarsi già integrate (es. la scheda video, la scheda audio,
interfacce di rete LAN o Ethernet e porte Firewire)

23
Componenti HW: la memoria
 Supporto alla CPU: deve fornire alla CPU dati e istruzioni
il più rapidamente possibile
 Archivio: deve consentire di archiviare dati e programmi
garantendone la conservazione e la reperibilità anche
dopo elevati periodi di tempo
 Diverse esigenze:
 Velocità per il supporto alla CPU
 Non volatilità ed elevate dimensioni per l’archivio

24
Le memorie: diversi tipi
Cosa può fare la tecnologia ?
 Memorie elettroniche relativamente piccole e veloci, volatili, a
costo medio alto
 RAM : lettura e scrittura nell’ordine delle decine di nanosecondi per
parola
 Memorie magnetiche e ottiche, grandi, molto capienti,
persistenti e lente
 Dischi rigidi : lettura e scrittura nell’ordine di alcuni millisecondi per
blocco
 CD ROM, DVD

25
Le memorie: diversi usi

I computer usano supporti di memorizzazione di più tipi :

 una memoria centrale, RAM : contiene i programmi durante la


loro esecuzione ed i dati relativi
 altrimenti il processore sarebbe per la maggior parte del tempo
fermo in attesa di dati da/per la memoria

 una o più memorie di massa (dischi etc.) : che mantengono


tutti i dati ed i programmi in attesa di essere eseguiti in modo
persistente, anche dopo lo spegnimento del calcolatore

26
Memoria centrale: RAM
RAM: Random Access Memory

Memorizza:
 I programmi in esecuzione
 I dati dei programmi in esecuzione

Viene cancellata ogni volta che si spegne il


computer.

27
Notazione binaria
Tutte le informazioni vengono rappresentate mediante
sequenze di 0 e di 1
bit: BInary digiT

Per esigenze logico-costruttive, i bit tra RAM e CPU


fluiscono a gruppi di 8.

Altra unità di misura utilizzata: byte (sequenza di otto bit)


Un byte é la più piccola unità accessibilie singolarmente.

28
RAM: struttura
 I bit nella memoria sono raggruppati in celle (o registri)
 Tutte le celle sono formate dallo stesso numero di bit
 Le celle sono numerate in sequenza: il numero di ogni
cella costituisce il suo indirizzo
 L’indirizzo serve per accedere all’informazione contenuta
nella cella
 Specificando l’indirizzo di una cella, la CPU e’ in grado di
leggere e/o modificare il valore dei bit memorizzato in
quella cella
 La cella è l’unità indirizzabile più piccola

29
Perchè si chiama RAM
(Random Access Memory)?
 Si può accedere direttamente alle varie celle, una volta noto il loro
indirizzo
 Il tempo necessario per accedere ad una cella è lo stesso,
indipendentemente dalla posizione della cella nella sequenza
 Il termine “random” (casuale) indica proprio il fatto che non vi sono
differenze nell’accesso alle varie celle della memoria

30
RAM: principali proprietà
 Veloce: per leggere/scrivere una cella ci vuole un tempo di
accesso dell’ordine di poche decine di nanosecondi
(millesimi di milionesimi di secondo = 10-9 sec.)
 Volatile: è fatta di componenti elettronici, togliendo
l’alimentazione si perde tutto
 (Relativamente) costosa
 Tutte le celle hanno uguale dimensione: 8, 16, 32, o 64 bit
 Le operazioni che si eseguono sulla memoria sono
operazioni di lettura e scrittura
 Una cella può contenere un dato o un’istruzione

31
Operazioni sulla memoria
Si possono eseguire solo due operazioni:

lettura e scrittura

Lettura: con questa operazione si accede al contenuto di una


cella di memoria che viene trasferito, senza essere
modificato, alla CPU.

Scrittura: con questa operazione il contenuto di una cella di


memoria viene modificato, e viene sostituito con dati
provenienti dalla CPU.

32
Componenti HW:
CPU - Central Processing Unit

 Programmi e dati risiedono in file memorizzati in


memoria secondaria.
 Per essere eseguiti (i programmi) e usati (i dati)
vengono copiati nella memoria primaria.
 Il processore, CPU, è in grado di eseguire le istruzioni di
cui sono composti i programmi
 I programmi che la CPU è in grado di eseguire sono
scritti in linguaggio macchina

33
CPU: funzionamento

copia il programma in RAM

programma
CPU
programma

RAM
HARD DISK esegui le istruzioni del programma

34
Il set di istruzioni macchina

 Ogni tipo di processore e’ in grado di eseguire un


numero limitato (40/100) di istruzioni
 Combinando in modo diverso sequenze anche molto
lunghe di istruzioni (i programmi) si possono far fare
al computer tantissime cose completamente diverse

35
Legge di Moore
Osservazione fatta da Gordon Moore nel 1965:
il numero dei transistor per cm2
raddoppia ogni X mesi

In origine X era 12. Correzioni successive hanno portato a fissare


X=18. Questo vuol dire che c’è un incremento di circa il 60%
all’anno.
# Transistor [CPU Intel]

100 000 000

10 000 000

1 000 000

100 000
1989 1991 1993 1995 1997 1999
Legge di Moore e progresso
 Il progresso della tecnologia provoca un aumento del
numero di transistor per cm2 e quindi per chip.
 Un maggior numero di transistor per chip permette
di produrre prodotti migliori (sia in termini di
prestazioni che di funzionalità) a prezzi ridotti.
 I prezzi bassi stimolano la nascita di nuove
applicazioni (e.g. non si fanno video game per
computer da milioni di $).
 Nuove applicazioni aprono nuovi mercati e fanno
nascere nuove aziende.
 L’esistenza di tante aziende fa crescere la
competitività che, a sua volta, stimola il progresso
della tecnologia e lo sviluppo di nuove tecnologie.
Componenti HW: altre memorie

 Memoria di sola lettura (ROM)


 Memoria cache
 Buffer

39
Memoria di sola lettura (ROM)

 ROM = Read Only Memory


 Memoria permanente e di sola lettura
 Non può essere modificata
 A differenza della RAM non è volatile
 Veloce quasi come la RAM
 Contiene le informazioni di inizializzazione usate ogni
volta che si accende l’elaboratore (bootstrap)

40
Memoria cache
 L’accesso alla RAM è comunque più lento rispetto alla velocità
della CPU.
 Si utilizza quindi una memoria che consenta accessi
estremamente veloci su istruzioni e dati utilizzati di recente.
Questa memoria è la cache memory: veloce, ma molto più
costosa della RAM quindi piccola.

 La cache rappresenta un livello di memoria intermedio tra i


registri del processore e la RAM
 Memorizza i dati usati più spesso senza doverli recuperare tutte le
volte dalla RAM (che è più lenta)
 Influisce moltissimo sulle prestazioni e sul costo della CPU (e quindi
del computer)

41
Buffer
 Piccole parti di RAM con funzioni di memoria temporanea
 Usati per il passaggio delle informazioni da un programma o dispositivo ad
un altro
 In Windows si parla di Clipboard, memoria temporanea usata per esempio per
le operazioni di Copia e Incolla

1
2
3
4
5

Clipboard
(buffer)
Foglio elettronico
Programma di videoscrittura
42
Componenti HW:
memorie secondarie o di massa

 Caratteristiche principali:
 non volatilità: mantengono le informazioni anche a computer
spento
 grande capacità

 Le memorie secondarie o di massa sono basate


principalmente su tecnologie magnetiche e ottiche.
 ES. Hard disk, floppy disk, CDROM, DVD, etc.

 I dati sono organizzati in file e gestiti dal file system

43
Le memorie di massa

44
Hard disk

 È costituito da una serie di


dischi magnetici rigidi
(piatti) sovrapposti e
ruotanti su un asse
verticale. La superficie è
divisa in aree di memoria,
sui cui scrive e legge una
testina. Le testine sono il
doppio dei piatti.

45
CD rom e DVD

 Il disco ottico è fatto di tre


strati, di cui uno in vetro
temperato che produce un
sostrato rigido. Poi una
superficie di registrazione in
lega metallica e infine un
involucro di plastica
trasparente.

46
Memorie Flash

 Funzioni:
 trasferimento dati;
 archiviazione dati “sensibili”.
 Tecnologia elettronica non
volatile
 bassi consumi
 piccole dimensioni
 capacità dai 256MB ai 32GB
 File system come per i
dischi
 Il sistema operativo gestisce
l’accesso come se fossero
dischi;

47
Nastri Magnetici e unità DAT
 Capacità di diversi GigaByte
Spazio tra record
(inter record gap) Record fisico
Traccia 1
Traccia 2
………

Traccia 8
Traccia 9

Accesso sequenziale
Molto lenti
Utili solo per operazioni di backup
Gerarchia delle memorie
Dimensioni Velocità Costo/bit
CPU Registri min max max

Cache

Memoria centrale

Dischi magnetici / ottici

max min min


Nastri magnetici

49
Componenti HW: porte di comunicazione
 Porte seriali: trasportano 1 bit per volta, hanno velocità massima =
115 KB/sec e si usano per periferiche lente, come mouse e modem
esterni, non sopportano cablaggi superiori a 300 metri
 Porte parallele: trasmettono 8 bit alla volta in parallelo, sono più
veloci delle seriali ma non sopportano cablaggi superiori a 30 metri,
adatte a collegare stampanti, o altri dispositivi di immagazzinamento
esterno delle informazioni. Hanno velocità massima = 150 KB/sec.
 Porte SCSI (small computer system interface) permettono la
connessione di molti dispositivi in cascata, e sono usate per scanner
CD-ROM, ...
 USB (Universal Serial BUS): seriali ad alta velocità
 velocità = 12 Mbit/sec
 collegano fino a 127 periferiche in cascata
 alimentano direttamente periferiche a basso consumo
(tastiere, mouse) e sono completamente plug & play
 la USB 2.0 del 1999 arrivano fino a 480 Mbps.

50
Quanto “potente” è il mio PC?
 Parametri da considerare:
 Frequenza del processore
 Dimensione della RAM
 Dimensione della memoria di massa
 Velocità di accesso (bus)
 Grandezza della cache
 Numero e tipo di porte

51
Tassonomia dei calcolatori /1
Quantità vs. qualità:
 Cambiare di un ordine di grandezza la quantità significa
cambiare anche la qualità:
 un’auto in grado di raggiungere una velocità di 1000 km/h nel deserto
del Nevada è una macchina fondamentalmente diversa da un’auto
che fa 100 km/h sull’autostrada;
 un grattacielo di 100 piani non è solo un edificio di 10 piani un po’ più
grande.
 Nei computer le differenze sono di diversi ordini di grandezza.
 I miglioramenti procurati dalla legge di Moore possono essere
utilizzati in modi diversi:
 costruire calcolatori sempre più potenti a prezzo costante;
 costruire lo stesso calcolatore a prezzi ogni anno più convenienti.
Tassonomia dei calcolatori /2
Tipo Prezzo (€) Applicazione tipica
Calcolatore monouso 1 Biglietti di auguri
Calcolatore dedicato 10 Orologi, automobili, …
Calcolatore per videogiochi 100 Videogiochi personali
Calcolatore per PC 1K PC da tavolo o portatile
Server 10 K Server di rete
Reti di workstation 100 K Centro di calc.
dipartimentale
Mainframe 1M Database di una banca
Supercalcolatore 10 M Previsioni del tempo

I prezzi sono solo indicativi.


Tassonomia dei calcolatori /3
 Calcolatori monouso:
 chip singoli incollati all’interno dei biglietti di auguri;
 si tratta in pratica di calcolatori usa e getta.
 Sistemi embedded (calcolatori dedicati):
 calcolatori che si trovano in telefoni, televisori, forni, auto, …
 questi calcolatori contengono un processore, meno di un
megabyte di memoria e qualche funzione di I/O.
 Videogame
 normali calcolatori con particolari capacità grafiche, ma
software limitato e poche possibilità di estensione; fanno parte
di questa categoria anche i PDA;
 contengono un processore, alcuni megabyte di memoria, un
tipo di schermo (anche un televisore) e poco di più.
Tassonomia dei calcolatori /4
 Personal computer (PC) o workstation:
 dotati di alcune decine di megabyte di memoria, di un disco
fisso contenente alcuni gigabyte di dati, drive CD–ROM,
modem, scheda audio e altre periferiche;
 dotati di sistemi operativi elaborati, molte opzioni di
espansione e una vasta gamma di software disponibile.
 Server di rete
 si tratta di PC o workstation potenziati utilizzati come
server di rete sia per le reti locali che per Internet;
 esistono sia in configurazione con processore unico che con
più processori, hanno alcuni gigabyte di memoria, molti
gigabyte di spazio sul disco fisso e interfacce di rete ad alta
velocità.
Tassonomia dei calcolatori /5
 NOW (Networks of Workstations) o
COW (Cluster of Workstations)
 composti da PC o workstation normali collegate con reti ad elevate
prestazioni (qualche gigabit/sec) e funzionanti con software speciale, che
permette a tutte le macchine di lavorare insieme su un unico problema;
 architetture sono facilmente scalabili (da alcune macchine ad alcune
migliaia) e sono paragonabili a minisupercomputer.

 Mainframe
 calcolatori grandi come una stanza, in uso fin dagli anni ’60;
 non sono più veloci di server potenti, ma solitamente hanno più capacità
di I/O e sono dotate di grandi insiemi di dischi
 sono macchine estremamente costose, che vengono spesso mantenute
per via dell’ingente investimento esistente in termini di software, dati,
procedure operative e personale.
Tassonomia dei calcolatori /6
 Supercomputer
 hanno CPU velocissime, molti gigabyte di memoria centrale,
dischi e reti molto veloci.
 Recentemente molti supercomputer sono diventati
macchine altamente parallele non molto diverse dai COW,
ma con componenti più veloci e più numerosi.
 I supercomputer vengono utilizzati per risolvere problemi di
calcolo molto complicati in campi scientifici e ingegneristici:
 simulazione di uno scontro fra galassie,
 sintesi di nuovi farmaci,
 modelli del comportamento dell’aria attorno alle ali di un aereo.
Il concetto di macchina astratta
 Alla base di un moderno computer c’è l’idea di
rappresentare i programmi in forma digitale. L'elaboratore
diviene una macchina “universale” in grado di eseguire
qualsiasi compito “calcolabile”, semplicemente inserendo
un nuovo programma.
 Il progettista hw definisce il set di istruzioni
dell’elaboratore, ovvero un linguaggio minimo (L1)
mediante il quale l’elaboratore può essere programmato
 A sua volta, anche L1 può essere limitato e difficile da
usare, ma si può usare per realizzare un nuovo linguaggio,
L2, che consente di eseguire operazioni più sofisticate di
L1, e quindi semplifica la programmazione dell’elaboratore

58
… come una cipolla

59
Mettendo assieme le cose…
 I programmi che non sono in esecuzione sono
memorizzati nella memoria secondaria

CPU RAM Disk


Cache
App SO

Bus

60
Software: SO (Sistema Operativo)
 Il sistema operativo è caricato dalla memoria secondaria in
memoria principale quando viene acceso il computer, e vi
rimane finché non viene spento.

CPU RAM
Cache
SO App SO

Bus

 Il SO agisce come “manager” del sistema, garantendo che ogni


dispositivo hw dialoghi correttamente con gli altri dispositivi.
 Offre l’interfaccia perché l’utente interagisca con il computer.
 Esempi: MacOS, WindowsXP, UNIX, Linux, Solaris, ...

61
Lanciare un programma
 Quando si lancia un programma il sistema operativo
controlla la CPU e carica il programma dalla memoria
secondaria alla RAM.

CPU RAM Disk


Cache

App
SO SO App SO

Bus

62
Esecuzione
 Quando il programma è in esecuzione, carica ad ogni
passo una nuova istruzione (dalla memoria o dalla
cache), la esegue, e memorizza il risultato nella
memoria.

Disk
CPU RAM
Cache
SO

App
App SO App

Bus

63