Sei sulla pagina 1di 24

“LE ABILITÀ SOCIALI: COME INSEGNARE

ATTRAVERSO IL GIOCO (I MATERIALI)”

PROF.SSA GENEROSA MANZO


Università Telematica Pegaso Le abilità sociali: come insegnare
attraverso il gioco (i materiali)

Indice

1 L’ATTENZIONE AI MATERIALI ---------------------------------------------------------------------------------------- 3


2 UN ELENCO DI MATERIALI PER IL GIOCO ------------------------------------------------------------------------ 5
3 LO SPAZIO E I MATERIALI --------------------------------------------------------------------------------------------- 22
BIBLIOGRAFIA --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 24

Attenzione! Questo materiale didattico è per uso personale dello studente ed è coperto da copyright. Ne è severamente
vietata la riproduzione o il riutilizzo anche parziale, ai sensi e per gli effetti della legge sul diritto d’autore
(L. 22.04.1941/n. 633)

2 di 24
Università Telematica Pegaso Le abilità sociali: come insegnare
attraverso il gioco (i materiali)

1 L’attenzione ai materiali

La ricerca e la costruzione di materiali adatti, sia per il gioco sia per l’apprendimento di

abilità in altri campi, è una delle attività più importanti per chi si occupa di educazione del bambino

con autismo o con altri disturbi. Infatti, in questo lavoro non si può contare su componenti

normalmente presenti nello sviluppo del bambino.

I giochi che di solito affascinano i bambini normali hanno già contenuti sociali che il

bambino autistico non coglie e non apprezza, infatti per il bambino normale, ad esempio, la

macchinina è un simbolo dell’umana attività di spostamento e di trasporto, mentre per un bambino

con difficoltà può essere soltanto un oggetto colorato con parti mobili.

Attenzione! Questo materiale didattico è per uso personale dello studente ed è coperto da copyright. Ne è severamente
vietata la riproduzione o il riutilizzo anche parziale, ai sensi e per gli effetti della legge sul diritto d’autore
(L. 22.04.1941/n. 633)

3 di 24
Università Telematica Pegaso Le abilità sociali: come insegnare
attraverso il gioco (i materiali)

L’uso di oggetti i giocattoli mobili come mezzi di trasporto trae il suo interesse da una

specie di racconto e di descrizione che il discente fa di solito per conto suo, o con altri, mentre

gioca; e quindi desta particolare attenzione proprio per la presenza del linguaggio. Anche la sua

possibilità di usare con interesse bambole, pupazzi e peluche nasce da abilità imitative e

linguistiche.

Nella ricerca e nella scelta di materiale interessante per il bambino con difficoltà sociali e di

comunicazione è necessario basarsi su proprietà degli oggetti più concrete e dirette, di tipo

percettivo: movimento, suono, colore, tessuto, consistenza, temperatura. odore.

È indispensabile, comunque, farsi guidare dall’osservazione delle preferenze del singolo

bambino di cui ci si occupa1.

1
Xaiz C., Micheli E., Gioco e interazione sociale nell’autismo. Cento idee per favorire lo sviluppo
dell’intersoggettività, Trento, Erickson, 2001.

Attenzione! Questo materiale didattico è per uso personale dello studente ed è coperto da copyright. Ne è severamente
vietata la riproduzione o il riutilizzo anche parziale, ai sensi e per gli effetti della legge sul diritto d’autore
(L. 22.04.1941/n. 633)

4 di 24
Università Telematica Pegaso Le abilità sociali: come insegnare
attraverso il gioco (i materiali)

2 Un elenco di materiali per il gioco

È possibile stilare una lista di materiali e giocattoli. La lista che segue non è l’elenco di tutti

i materiali e i giocattoli che è necessario assolutamente procurarsi per svolgere l’attività di gioco

con il bambino; è dunque, un parziale elenco di ciò che può essere utile lavorando secondo la

prospettiva del gioco con molti soggetti con difficoltà nello sviluppo sociale2.

Giocando con il proprio bambino per qualche anno, alcuni genitori finiscono spesso per

usare quasi tutti i materiali elencati. Oppure può essere possibile che un insegnante o un terapista,

lavorando con più bambini, abbia necessità di materiali diversi per rispondere ad esigenze diverse.

Se ci si concentra sulle necessità che emergono nel gioco con un singolo bambino, si scoprirà

naturalmente di poter iniziare sol con quei materiali che sono adatti ai suoi gusti del momento.

L’arricchimento della giocoteca è un qualcosa che va di pari passo con i successi che si

otterranno o con le scoperte e le informazioni che verranno raccolte durante l’attività.

2
Newson E., Newson J., Toys and playthings, New York, Pantheon, 1979.

Attenzione! Questo materiale didattico è per uso personale dello studente ed è coperto da copyright. Ne è severamente
vietata la riproduzione o il riutilizzo anche parziale, ai sensi e per gli effetti della legge sul diritto d’autore
(L. 22.04.1941/n. 633)

5 di 24
Università Telematica Pegaso Le abilità sociali: come insegnare
attraverso il gioco (i materiali)

GIOCATTOLI

Bolle di sapone

Attrezzi per soffiare le bolle ad effetto

Biglie

Palline

Palle

GIOCATTOLI

Cubi di legno piccoli, grandi, grezzi e colorati

Cubi di gomma

Cubi di stoffa

Attenzione! Questo materiale didattico è per uso personale dello studente ed è coperto da copyright. Ne è severamente
vietata la riproduzione o il riutilizzo anche parziale, ai sensi e per gli effetti della legge sul diritto d’autore
(L. 22.04.1941/n. 633)

6 di 24
Università Telematica Pegaso Le abilità sociali: come insegnare
attraverso il gioco (i materiali)

Palloncini da gonfiare con la bocca

Palloncini da gonfiare con la pompa di dimensioni, forma e colori diversi

Pompa da palloncini

Attenzione! Questo materiale didattico è per uso personale dello studente ed è coperto da copyright. Ne è severamente
vietata la riproduzione o il riutilizzo anche parziale, ai sensi e per gli effetti della legge sul diritto d’autore
(L. 22.04.1941/n. 633)

7 di 24
Università Telematica Pegaso Le abilità sociali: come insegnare
attraverso il gioco (i materiali)

GIOCATTOLI

Cerchi di legno o di plastica colorati

Perno con anelli colorati

Macchinine, animaletti o personaggi meccanici che viaggiano grazie ad una

pressione o ad un altro meccanismo semplice come la spinta

Modellini di animali in plastica

Modellini di frutta, ortaggi e cibi vari

Piatti, posate e pentole giocattolo

Attenzione! Questo materiale didattico è per uso personale dello studente ed è coperto da copyright. Ne è severamente
vietata la riproduzione o il riutilizzo anche parziale, ai sensi e per gli effetti della legge sul diritto d’autore
(L. 22.04.1941/n. 633)

8 di 24
Università Telematica Pegaso Le abilità sociali: come insegnare
attraverso il gioco (i materiali)

Trottole piccole , grandi, musicali o silenziose

Materiali generici

Cestini piccoli e grandi

Scatole di legno o di cartone robusto

Sacchetti di stoffa

Barattoli di latta

Vassoi di metallo

Attenzione! Questo materiale didattico è per uso personale dello studente ed è coperto da copyright. Ne è severamente
vietata la riproduzione o il riutilizzo anche parziale, ai sensi e per gli effetti della legge sul diritto d’autore
(L. 22.04.1941/n. 633)

9 di 24
Università Telematica Pegaso Le abilità sociali: come insegnare
attraverso il gioco (i materiali)

Pentole vecchie

Collane lucenti, corde con perle o altri oggetti appariscenti infilati

Carta,giornali, riviste illustrate

Materiali generici

Carta velina, carta crespa, carta argentata o dorata

Pompon di strisce di carta colorata o lucente

Tessuti a maglia

Attenzione! Questo materiale didattico è per uso personale dello studente ed è coperto da copyright. Ne è severamente
vietata la riproduzione o il riutilizzo anche parziale, ai sensi e per gli effetti della legge sul diritto d’autore
(L. 22.04.1941/n. 633)

10 di 24
Università Telematica Pegaso Le abilità sociali: come insegnare
attraverso il gioco (i materiali)

Graffette e bottoni

Pasta

Materiali per giochi di movimento

Teli, foulard, stoffe colorate

Cuscini di gommapiuma rivestiti di stoffa a forma di cubo o

parallelepipedo

Attenzione! Questo materiale didattico è per uso personale dello studente ed è coperto da copyright. Ne è severamente
vietata la riproduzione o il riutilizzo anche parziale, ai sensi e per gli effetti della legge sul diritto d’autore
(L. 22.04.1941/n. 633)

11 di 24
Università Telematica Pegaso Le abilità sociali: come insegnare
attraverso il gioco (i materiali)

Scatoloni giganti di cartone

Tappeti

Materassi

Pedane, cassapanche

Divano, o trampolino per saltare

Pallone, grande gonfiabile

Attenzione! Questo materiale didattico è per uso personale dello studente ed è coperto da copyright. Ne è severamente
vietata la riproduzione o il riutilizzo anche parziale, ai sensi e per gli effetti della legge sul diritto d’autore
(L. 22.04.1941/n. 633)

12 di 24
Università Telematica Pegaso Le abilità sociali: come insegnare
attraverso il gioco (i materiali)

Materiali per giochi con l’acqua

Piscinetta di gomma gonfiabile

Contenitori e bottiglie di forme e colori diversi

Spruzzini, imbuti, pistole ad acqua

Animaletti galleggianti

Barche giocattolo

Attenzione! Questo materiale didattico è per uso personale dello studente ed è coperto da copyright. Ne è severamente
vietata la riproduzione o il riutilizzo anche parziale, ai sensi e per gli effetti della legge sul diritto d’autore
(L. 22.04.1941/n. 633)

13 di 24
Università Telematica Pegaso Le abilità sociali: come insegnare
attraverso il gioco (i materiali)

Shampoo e bagnoschiuma colorati

Materiali per giochi musicali

Tamburelli

Piatti

Xilofono con ruote

Carillon

Campanelli

Attenzione! Questo materiale didattico è per uso personale dello studente ed è coperto da copyright. Ne è severamente
vietata la riproduzione o il riutilizzo anche parziale, ai sensi e per gli effetti della legge sul diritto d’autore
(L. 22.04.1941/n. 633)

14 di 24
Università Telematica Pegaso Le abilità sociali: come insegnare
attraverso il gioco (i materiali)

Maracas

Melodica

I materiali elencati fino ad adesso sono adatti a quella fase dell’attività che ha lo scopo di

scoprire quali sono gli oggetti per cui il bambino ha delle predilezioni.

Questa fase può durare anche molto tempo e molto a lungo può durare anche la fase

successiva, ovvero quella della scoperta delle abilità per costruire una relazione reciproca con la

persona con la quale egli gioca.

Si tratta di materiali adatti in questo, caso, ad un bambino piccolo che non parla e che non ha

ancora sviluppato alcune abilità cognitive (ad esempio, abilità di scrittura e di disegno) o abilità

motorie.

È possibile affermare che nel capo dei materiali di gioco non vi è limite, quando il bambino

avrà accettato e sarà capace di sfruttare le situazioni proposte di insegnamento delle abilità sociali, e

quando il suo sviluppo cognitivo e linguistico lo porterà oltre la semplice condivisione di

Attenzione! Questo materiale didattico è per uso personale dello studente ed è coperto da copyright. Ne è severamente
vietata la riproduzione o il riutilizzo anche parziale, ai sensi e per gli effetti della legge sul diritto d’autore
(L. 22.04.1941/n. 633)

15 di 24
Università Telematica Pegaso Le abilità sociali: come insegnare
attraverso il gioco (i materiali)

un’esperienza percettive, si potranno allora proporgli giochi nuovi e più complicati con maggiori

possibilità di suscitare partecipazione ed interesse.

Qualsiasi sia il tipo e il livello di difficoltà del gioco che il bambino è capace di svolgere,

l’importante è privilegiare la funzione alla quale quest’attività è dedicata, ovvero favorire lo

sviluppo dello scambio sociale.

Per far ciò, la regola è semplice: utilizzare giochi e giocattoli che il bambino già si diverte ad

usare e insistere non perché egli alzi il livello di uso del gioco, ma perché impari a divertirsi usando

il gioco ad un livello che già conosce, inserendo però modalità sociali sempre più avanzate3.

Ad esempio, molti discenti con autismo imparano molto facilmente ad usare il computer e i

giochi elettronici, spesso lo fanno da soli o attraverso pochi insegnamenti da parte di altri4.

Nel contesto dell’insegnamento delle abilità sociali, non bisogna insistere perché egli impari

usi evoluti e utili del computer, ma perché riesca ad accettare brevi scambi di turno giocando con

un’altra persona al gioco elettronico preferito.

3
Xaiz C., Micheli op.cit.,p.3.
4
Powers M., Autismo. Guida per i genitori ed educatori,Milano, Raffaello, 1994.

Attenzione! Questo materiale didattico è per uso personale dello studente ed è coperto da copyright. Ne è severamente
vietata la riproduzione o il riutilizzo anche parziale, ai sensi e per gli effetti della legge sul diritto d’autore
(L. 22.04.1941/n. 633)

16 di 24
Università Telematica Pegaso Le abilità sociali: come insegnare
attraverso il gioco (i materiali)

Possono essere adatti a successivi sviluppi i seguenti giochi:

 Scatole con buchi in cui infilare altre forme;

 Omini che saltano da un supporto;

 Giochi con molti effetti da ottenere (campanelli ecc.);

 Giochi che riproducono il verso degli animali;

Attenzione! Questo materiale didattico è per uso personale dello studente ed è coperto da copyright. Ne è severamente
vietata la riproduzione o il riutilizzo anche parziale, ai sensi e per gli effetti della legge sul diritto d’autore
(L. 22.04.1941/n. 633)

17 di 24
Università Telematica Pegaso Le abilità sociali: come insegnare
attraverso il gioco (i materiali)

 Costruzioni ad incastro semplici, bidimensionali e tridimensionali;

 Bambole e pupazzi, arredi e stoviglie giocattolo;

 Libri;

 Raccolta di immagini;

Attenzione! Questo materiale didattico è per uso personale dello studente ed è coperto da copyright. Ne è severamente
vietata la riproduzione o il riutilizzo anche parziale, ai sensi e per gli effetti della legge sul diritto d’autore
(L. 22.04.1941/n. 633)

18 di 24
Università Telematica Pegaso Le abilità sociali: come insegnare
attraverso il gioco (i materiali)

 Fogli e pennarelli;

 Acquerelli;

 Piste;

 Computer;

Attenzione! Questo materiale didattico è per uso personale dello studente ed è coperto da copyright. Ne è severamente
vietata la riproduzione o il riutilizzo anche parziale, ai sensi e per gli effetti della legge sul diritto d’autore
(L. 22.04.1941/n. 633)

19 di 24
Università Telematica Pegaso Le abilità sociali: come insegnare
attraverso il gioco (i materiali)

 Giochi elettronici5.

Dalla lista effettuata si denota che, a parte il caso di alcuni pezzi, tutto il materiale è

facilmente reperibile nei negozi di giocattoli. Esistono però altre fonti da cui attingere per procurarsi

i materiali, ed è indispensabile tenerne conto per evitare di spendere soldi nell’acquisto di qualcosa

che magari alla fine può non incontrare affatto l’interesse del bambino.

Tra queste fonti un rilievo notevole ha il :

1. Il Riciclaggio. Possiamo apportare alcuni esempi di riciclaggio, è possibile prendere dei tubi

di cartone della carta da cucina o della carta igienica, essi possono essere utilizzati come

tunnel in cui far cadere delle biglie, sia come elementi che, una volta colorati, vengono

infilati in una corda. Anche delle bottigliette di plastica, riempite con dei sassolini o del riso

o della pasta, e chiuse con il tappo ben stretto possono diventare degli ottimi strumenti

musicali, ovvero una specie di maracas. Anche pentole vecchie e coperchi possono

trasformarsi in strumenti musicali

5
Xaiz C., Micheli op.cit.,p.3.

Attenzione! Questo materiale didattico è per uso personale dello studente ed è coperto da copyright. Ne è severamente
vietata la riproduzione o il riutilizzo anche parziale, ai sensi e per gli effetti della legge sul diritto d’autore
(L. 22.04.1941/n. 633)

20 di 24
Università Telematica Pegaso Le abilità sociali: come insegnare
attraverso il gioco (i materiali)

2. La produzione artigianale. I cubi grandi di gommapiuma o di stoffa, ad esempio possono

costare molto se comprati nei negozi specializzati, e costare invece, molto poco se invece si

compra della gommapiuma e si rivestono di stoffa in casa, con un risultato perfettamente

paragonabile.

Attenzione! Questo materiale didattico è per uso personale dello studente ed è coperto da copyright. Ne è severamente
vietata la riproduzione o il riutilizzo anche parziale, ai sensi e per gli effetti della legge sul diritto d’autore
(L. 22.04.1941/n. 633)

21 di 24
Università Telematica Pegaso Le abilità sociali: come insegnare
attraverso il gioco (i materiali)

3 Lo spazio e i materiali

Lo spazio di gioco deve essere ben organizzato, affinché il bambino possa usarlo con facilità

e il soggetto adulto possa sentirsi a suo agio.

L’organizzazione dello spazio dovrà essere rigoroso e precisa, funzionale ad una specifica

fase dello sviluppo del bambino, ma anche flessibile, per poter apportare delle modifiche quando le

esigenze del bambino cambiano o se, per qualche specifica ragione le si vuol apportare qualche

miglioramento.

Per esempio se il bambino è piccolo o si comporta come tale, lo spazio potrebbe essere una

comoda poltrona, sempre la stessa sulla quale, con il bambino in braccio o sulle ginocchia si

svolgono alcuni giochi di contatto fisico di turni ecc.

Se il bambino è grande ed il gioco è consolidato e fa parte del susseguirsi organizzato di

attività durante la giornata, lo spazio potrà essere un angolo della casa o della scuola appositamente

arredato.

In tale spazio possono esserci degli scaffali e un angolo di muro a delimitarlo, una

cassapanca, una seggiola bassa comoda per l’adulto, un tappeto, dei cuscini, il trampolino per i salti,

dei contenitori chiusi per i giochi, dei ripiani alto dove tenere sotto controllo degli specifici giochi.

Attenzione! Questo materiale didattico è per uso personale dello studente ed è coperto da copyright. Ne è severamente
vietata la riproduzione o il riutilizzo anche parziale, ai sensi e per gli effetti della legge sul diritto d’autore
(L. 22.04.1941/n. 633)

22 di 24
Università Telematica Pegaso Le abilità sociali: come insegnare
attraverso il gioco (i materiali)

Tutte le proposte effettuate sono determinate da:

3. Quello che riesce a fare l’adulto e da ciò che piace al bambino;

4. Dai mezzi dell’adulto e dalle possibilità offerte dalla struttura della casa;

5. Dalle necessità di ogni singolo bambino, che spesso riceve chiare solo da certi elementi

dell’ambiente.6

È necessario in questo contesto eccedere con la chiarezza e poi progressivamente rendere la

struttura più flessibile, piuttosto che fare fatica ad iniziare l’attività di gioco perché il bambino

scappa, non comprende, è confuso ecc.

Tuttavia affermare che il luogo del gioco deve essere ben organizzato non significa che il

gioco debba svolgersi sempre nello stesso luogo, l’ambiente definito è solo un mezzo per consentire

che il bambino non provi ansia e confusione e che possa quindi dedicarsi con tutta l’attenzione

dovuta all’attività che gli viene proposta.

Dopo l’acquisizione di determinate abilità e una vota che si sono compresi i principi di

fondo di questa organizzazione e di uso di questi materiali si possono tranquillamente introdurre

delle piccole variazioni ed estensioni verso mete superiori.

6
Xaiz C., Micheli op.cit.,p.3.

Attenzione! Questo materiale didattico è per uso personale dello studente ed è coperto da copyright. Ne è severamente
vietata la riproduzione o il riutilizzo anche parziale, ai sensi e per gli effetti della legge sul diritto d’autore
(L. 22.04.1941/n. 633)

23 di 24
Università Telematica Pegaso Le abilità sociali: come insegnare
attraverso il gioco (i materiali)

Bibliografia

 Newson E., Newson J., Toys and playthings, New York, Pantheon, 1979

 Powers M., Autismo. Guida per i genitori ed educatori,Milano, Raffaello, 1994

 Xaiz C., Micheli E., Gioco e interazione sociale nell’autismo. Cento idee per favorire lo

sviluppo dell’intersoggettività, Trento, Erickson, 2001

Attenzione! Questo materiale didattico è per uso personale dello studente ed è coperto da copyright. Ne è severamente
vietata la riproduzione o il riutilizzo anche parziale, ai sensi e per gli effetti della legge sul diritto d’autore
(L. 22.04.1941/n. 633)

24 di 24

Potrebbero piacerti anche