Sei sulla pagina 1di 7

Agenas

Agenas on line | Campagna informativa nazionale.“Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza”

Campagna informativa nazionale


“Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza”

I
102

l Ministero della salute, negli ultimi anni, ha rilevato un incremento del ri-
corso ai servizi di emergenza-urgenza. Una delle principali cause di tale si-
tuazione è attribuita alla carenza di informazioni a disposizione del cittadino
circa la natura e l’utilizzo del sistema di emergenza-urgenza. Anche per tale
motivo il Ministero ha ritenuto opportuno stipulare un Accordo di collabo-
razione con l’Agenas finalizzato a realizzare una campagna informativa nazio-
nale diretta a tutta la popolazione, con particolare riferimento ai giovani e agli
stranieri.
L’accesso all’informazione, difatti, favorisce una maggiore capacità del citta-
dino nella gestione delle risorse/servizi, nel decision-making e nella risoluzione
dei problemi; è uno degli elementi indispensabili per promuovere una parteci-
pazione responsabile della popolazione alla gestione del sistema sanitario. Citta-
dini più informati sono cittadini più consapevoli e competenti nel riconoscere
il proprio bisogno assistenziale e, in base a questo, nell’individuare la struttura
più adeguata a rispondervi. Promuovere la conoscenza dei servizi sanitari dis-
ponibili, le modalità di accesso e il loro corretto utilizzo significa, quindi, lavo-
rare per incrementare l’empowerment del cittadino e per favorire, di conseguen-
za, l’efficacia e l’efficienza dei servizi stessi.
Il progetto per la realizzazione della campagna informativa, della durata com-
plessiva di 24 mesi, è iniziato nel febbraio 2010 ed è volto al conseguimento dei
seguenti obiettivi:
• diffondere a livello nazionale la cultura dell’emergenza-urgenza;
• sensibilizzare ed informare i cittadini sul corretto utilizzo dei servizi di
emergenza-urgenza attraverso una Campagna informativa ad hoc;
• illustrare alla popolazione le caratteristiche e le modalità d’accesso ai ser-
vizi di emergenza-urgenza;
Campagna informativa nazionale. “Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza”

• informare su cosa fare e non fare in attesa esperienze di informazione sui servizi di emer-
dei soccorsi. genza-urgenza attuate ai diversi livelli del Siste-
Tale progetto si sviluppa in accordo con i prin- ma sanitario nazionale (Regione, Aziende 118,
cipi dell’empowerment, seguendo una metodo- Asl, IRCCS,APU,AO).
logia basata sull’intersettorialità e sul coinvolgi- Da quanto emerso dall’analisi della letteratu-
mento più ampio possibile di tutti i portatori di ra è stato possibile individuare un set minimo di
interesse per la definizione di un messaggio co- elementi utili alla pianificazione della campagna
mune e per l’individuazione delle modalità di informativa nazionale, tra i quali se ne possono 103
diffusione più efficaci. citare alcuni particolarmente rilevanti quali:
Di seguito vengono sinteticamente riportate 1. usare strategie di intervento integrate;
le azioni e i prodotti sinora realizzati, al fine di 2. il supporto della comunità dei medici di
promuovere l’interesse dei professionisti dei si- medicina d’urgenza, medici di famiglia, pe-
stemi sanitari regionali nei confronti della cam- diatri e l’impegno dei leader civili, politici
pagna informativa, intesa come azione collabo- e professionali della comunità, appaiono
rativa. una condizione fondamentale;
3. l’impostazione generale metodologica de-
ANALISI DELLA LETTERATURA ve seguire la teoria del marketing sociale
E DELLE ESPERIENZE con forte orientamento alla comunicazio-
Il primo passo per la realizzazione del pro- ne di massa;
getto è stato l’analisi della letteratura e delle espe- 4. la campagna deve tener conto dei deter-
rienze, una tappa preliminare per identificare minanti del comportamento (teorie del
quali fossero le strategie migliori per pianificare comportamento);
e realizzare una campagna informativa efficace. 5. le campagne informative vanno ripetute e
L’analisi della letteratura scientifica sull’argo- affiancate da interventi educativi di comu-
mento ha avuto come focus le campagne infor- nità (sul territorio);
mative sui servizi di emergenza-urgenza realiz- 6. è importante avviare strategie di mobilita-
zate a livello nazionale e internazionale. Gli obiet- zione di comunità con community leaders,
tivi conoscitivi dell’analisi sono stati: formazione di gruppi consultivi di comu-
• analizzare i tipi di intervento realizzati per nità e distribuzione di materiale attraver-
migliorare il corretto uso dei servizi di so scuole ed eventi/convegni/congressi sa-
emergenza-urgenza; nitari;
• identificare le caratteristiche di una cam- 7. segmentare il target di riferimento in op-
pagna informativa efficace in sanità; portuni sottogruppi.
• reperire le esperienze, realizzate o in cor-
so, in Italia (disponibili sui siti istituzio- ATTIVAZIONE DELLA RETE
nali). PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO
Oltre alla ricognizione delle revisioni siste- Sulla base delle indicazioni emerse dalla let-
matiche e narrative sul tema, è stata realizzata, teratura e nel rispetto dei principi metodolo-
attraverso una ricerca web, una mappatura delle gici sopra riportati, il Gruppo di Coordina-
Agenas on line | Campagna informativa nazionale.“Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza”

mento del progetto, costituto da Ministero del- no state attivate le comunicazioni con le Amba-
la salute e Agenas, ha invitato tutte le Regioni sciate dell’Albania, della Cina, del Marocco, del-
e Province Autonome (PA) a supportare l’im- la Romania e dell’Ucraina, ovvero con gli orga-
plementazione della campagna informativa, at- nismi di rappresentanza delle comunità stranie-
tuando quelle azioni di diffusione dei conte- re più presenti sul territorio nazionale (dati Istat
nuti ritenute più utili ed efficaci per lo speci- e Dossier Caritas Migrantes 2009). Sono state,
fico contesto regionale. Tutte le Regioni/PA infine, invitate ad aderire alla campagna infor-
104 hanno dato la loro disponibilità a partecipare mativa le principali Associazioni nazionali di vo-
attivamente alla campagna, costituendo il Grup- lontariato impegnate nel sistema territoriale di
po di Pilotaggio della stessa. È stato, quindi, con- soccorso.
diviso tra il gruppo di Coordinamento e Pilo-
taggio uno specifico piano attuativo che pre- LA BASE INFORMATIVA COMUNE
vede la diffusione di contenuti informativi in tre am- Nella convinzione che sia fondamentale la dif-
biti, riconosciuti come “privilegiati” sulla base fusione di un messaggio alla cittadinanza che sia
delle indicazioni emerse dall’analisi della lette- univoco, condiviso da istituzioni e professioni-
ratura e delle esperienze: sti, basato sulle indicazioni della letteratura e del-
1. “Tecnico-professionale”: professionisti che le esperienze già realizzate, sono stati formulati
operano nell’emergenza-urgenza (PS, 118), una serie di contenuti informativi, organizzati
Medicina Generale, Pediatria, Continuità nelle seguenti schede:
Assistenziale; • Che cos’è il numero 118
2. “Scuola”: Scuola Primaria, Scuola Secon- • Chiamare il numero 118
daria di I grado e Scuola Secondaria di II • In attesa dei soccorsi
grado; • Il pronto soccorso
3. “Cittadinanza”: rete dell’associazionismo • L’accesso al pronto soccorso
civico. • Il servizio di continuità assistenziale (ex
Per ciascuno dei tre ambiti si è ritenuto fon- guardia medica).
damentale rendere partecipi i principali stake- Tali schede sono state proposte dal Ministero
holder nella definizione dei contenuti e delle mo- della salute e rielaborate con il Gruppo di Pilo-
dalità di diffusione, attuando una strategia di pro- taggio, con i professionisti della sanità e con il
gressivo coinvolgimento di tutti i possibili in- mondo del volontariato impegnato nel sistema
terlocutori. È stata, quindi, promossa la costitu- di emergenza-urgenza. Il processo appena de-
zione di un gruppo di lavoro in ambito tecnico scritto ha permesso la definizione di una base
professionale a cui partecipano Ordini e Colle- informativa comune (Figura 1), condivisa a li-
gi, Associazioni Professionali e Società Scienti- vello nazionale sia dalle Regioni e PA, sia dagli
fiche Nazionali di settore. È in corso di defini- Ordini e Collegi,Associazioni Professionali e So-
zione, inoltre, una collaborazione interistituzio- cietà Scientifiche dei professionisti che operano
nale tra Ministero della salute e Ministero del- nell’emergenza-urgenza, Medicina Generale, Pe-
l’università e della ricerca al fine della buona rea- diatria e Continuità Assistenziale (Riquadro 1).
lizzazione del progetto in ambito scolastico. So- Le sei schede informative rappresentano la ba-
Campagna informativa nazionale. “Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza”

se che i diversi attori potranno arricchire e adat- posito si deve evidenziare come intorno all’argo-
tare ai propri contesti locali. Per raggiungere ef- mento si siano da subito registrate grande vivaci-
ficacemente il target della campagna, le schede tà e interesse. Le opere vincitrici saranno premia-
sono state tradotte in lingua inglese, francese, spa- te in occasione di un evento dedicato e verranno
gnola e tedesca e sono state rese disponibili sul utilizzate dall’Agenzia per realizzare la Campagna
sito dell’Agenas all’indirizzo http://www.agenas. Informativa.
it/Emergenza_Urgenza.html, dal quale chiun- Nell’arco del primo anno di attività, si è esau-
que sia interessato a partecipare alla diffusione rita la fase di pianificazione della campagna in- 105
dei contenuti potrà scaricarle. formativa, sono stati costituiti i gruppi di lavo-
ro, condivisi gli obiettivi, i metodi e gli strumenti,
BANDI PER CONCORSO DELLE IDEE e il progetto è attualmente in piena attuazione.
L’Agenzia per realizzare la Campagna informa- Sono in fase di avvio le diverse attività informa-
tiva ha ritenuto opportuno coinvolgere da subito tive che le Regioni/PA hanno ritenuto più uti-
i cittadini. Ha così bandito quattro concorsi di idee, le organizzare sul proprio territorio e che po-
rivolti ai giovani fino ai trenta anni di età, per l’i- tranno implementare in collaborazione con le
deazione di un logo, di uno slogan, di un poster e Istituzioni scolastiche, con i professionisti della
di un video/spot. La Campagna informativa sarà sanità, con i cittadini, le comunità straniere, le
quindi realizzata utilizzando i prodotti che vince- organizzazioni di volontariato. Per la realizza-
ranno il concorso di idee. I bandi sono stati pub- zione della campagna informativa potranno es-
blicati sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica sere scelti diversi strumenti, differenziati per ti-
Italiana, su due principali quotidiani a tiratura na- pologia e destinatari come, ad esempio, confe-
zionale, nonché sul sito istituzionale dell’Agenzia renze e comunicati stampa, incontri con le scuo-
(http://www.agenas.it/gareempowerment.html). le e i professionisti, pubblicazioni su siti web isti-
Sulla medesima pagina del sito è stata inoltre rea- tuzionali, spot televisivi e/o radiofonici, campa-
lizzata una specifica rubrica faq che si è andata gra- gna stampa-quotidiani, campagna affissioni, opu-
dualmente autoalimentando con i quesiti posti dai scoli informativi distribuiti presso scuole, far-
candidati e le risposte date dall’Ente. A tale pro- macie, presidi sanitari, stazioni ferroviarie, me-

GRUPPO DI COORDINAMENTO

Ministero della Salute


Dipartimento della Qualità
Direzione Generale della Programmazione Sanitaria,
dei Livelli Essenziali di Sezione Qualità Sezione Affari Generali
Assistenza e dei Principi etici di Sistema e Accreditamento e Personale
Massimo Giannone Giovanni Caracci Laura Conti
Paolina Caputo Sara Carzaniga Maria Albergo
Angela Rita Panuccio Beatrice Cerilli Alessandra De Blasis
Micaela Cerilli Tiziana Maola
Carmen Mantuano Manuela Pardi
Agenas on line | Campagna informativa nazionale.“Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza”

tropolitane e aeroportuali, ecc.. dei risultati ottenuti da iniziative analoghe rea-


Gli strumenti sopra elencati saranno utilizza- lizzate a livello locale e garantendo contempo-
ti calibrandoli sulle caratteristiche del contesto raneamente l’unicità del messaggio informativo
e del target, tenendo conto delle esperienze e che è stato condiviso a livello nazionale.

106 Figura 1 - Contenuti informativi condivisi all’indirizzo


http://www.agenas.it/Emergenza_Urgenza.html
Campagna informativa nazionale. “Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza”

Riquadro 1 - Ordini e Collegi,Associazioni Professionali


e Società Scientifiche Nazionali di settore
AISACE - Associazione Infermieri Specializzati in Area Critica ed Emergenza
ANIARTI - Associazione Nazionale Infermieri di Area critica
C.A.R.D. - Confederazione Associazioni Regionali di Distretto
FIMMG - Federazione Italiana Medici di Famiglia
FIMEUC - Federazione Italiana di Medicina di Emergenza-Urgenza e Catastrofi
FIMP - Federazione Italiana Medici Pediatri
FNOMCeO - Federazione Nazionale Ordini Medici Chirurghi e Odontoiatri
IPASVI - Federazione Nazionale Collegi Infermieri professionali, Assistenti sanitari,Vigilatrici d'infanzia
Metis - Società Scientifica dei Medici di Medicina Generale 107
NOE - Nurses of Emergency - Associazione Scientifica Italiana Infermieri di emergenza
SIMEU - Società Italiana di Medicina d'Emergenza-Urgenza
SIMEUP - Società Italiana di Medicina di Emergenza ed Urgenza Pediatrica
SIMG - Società Italiana di Medicina Generale
SIP - Società Italiana di Pediatria
SIS 118 - Società Italiana Sistema 118 – Consulta dei Dirigenti Responsabili delle Centrali Operative 118
Finito di stampare nel mese di marzo 2011