Sei sulla pagina 1di 51

Un rimedio miracolo - Il cloruro di magnesio

di
Marie-France Muller

Quanti rimedi conoscete che vi permettono di curare ra-


pidamente (anche in poche ore) un’influenza, un’angina,
un’otite e altri malesseri di origine infettiva? Se soffrite
di stitichezza, mal di gola, se siete irritabili o vi sentite giù
di tono, il cloruro di magnesio è la soluzione che fa per
voi. Questa polvere bianca si diluisce nell’acqua, non co-
sta cara, ha straordinarie proprietà terapeutiche, si trova
facilmente in farmacia e non ha controindicazioni.
ManieFrance Muller ci insegna a usare il cloruro nelle sue
varie preparazioni e a considerarlo come una preziosa al-
ternativa agli antibiotici, di cui sempre più spesso oggi
abusiamo, a scapito delle difese naturali del nostro orga-
nismo e rinforzando il carattere patogeno di germi sem-
pre più resistenti. Il cloruro è un rimedio naturale, che
potete tenere sempre a portata di mano, e vi risparmierà
tante preoccupazioni perché può essere usato anche in via
preventiva.
Capitolo 1

Una possibile alternativa agli


antibiotici

I nostri paesi ipermedicalizzati subiscono al giorno d’oggi i problemi annunciati


da decenni dai terapeuti di medicine alternative, vale a dire i danni conseguenti
dall’uso improprio degli antibiotici.

1.1 Troppi antibiotici: che catastrofe!


Per troppo tempo si è presa la cattiva abitudine di considerare queste sostanze co-
me una panacea da prendere al minimo dolorino, dal semplice raffreddore (contro
il quale tale cura è completamente inefficace) al leggero mal di gola, senza di-
menticare ogni tifo di ferita benigna (≪non si sa mai come possa evolvere . . . ≫).
D’altra parte molto spesso sono i pazienti a richiedere al proprio medico le loro
care pillole cosı̀ rassicuranti! E non dimentichiamo l’apporto costituito dall’ag-
giunta spesso consistente di queste sostanze all’alimentazione e al trattamento del
bestiame: si ingeriscono cosı̀ quantità non trascurabili e accumulate attraverso la
carne e i suoi derivati, nonché attraverso i latticini (latte, formaggio ecc.).

1.2 La nostra immunità naturale è in pericolo!


Di quest’abuso cominciamo a pagare il prezzo, molto alto, in termini di crollo
delle difese naturali dell’organismo, di intossicazione da farmaci, di rinforzo del
carattere patogeno dei germi divenuti resistenti (infatti, hanno imparato a soprav-

–1–
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio –2–
di Marie-France Muller

vivere agli antibiotici e adesso sanno difendersene molto bene). Le nostre società
devono quindi affrontare un problema sanitario enorme e si arriva sempre più a
sconsigliarne l’assunzione, fintantoché non sia indispensabile.
A questo punto intervengono metodi alternativi altrettanto efficaci, che non
producono effetti nocivi e che costituiscono un’alternativa spesso preziosa quan-
do gli antibiotici non agiscono più. Si tratta altresı̀ di tecniche che permettono
di limitarne l’utilizzo allo stretto necessario, il che non può che rappresentare
un bene per l’intera società. Fra queste il cloruro di magnesio occupa un posto
privilegiato.

1.3 Un rimedio semplice e poco costoso


Conoscete molti rimedi che vi consentano di curare rapidamente (nella maggior
parte dei casi, nel giro di alcune ore) un inizio di influenza (quella vera, non una
semplice rinofaringite), un’angina, un’otite, come tutti quegli innumerevoli picco-
li o grandi malanni di natura infettiva che riescono ad avvelenarvi la vita e questo
per meno di 50 centesimi al giorno? Ammettete che è poco!
Si tratta, inoltre, di un rimedio facile da reperire: potete rivolgervi a qualsiasi
farmacia senza l’obbligo di presentare la ricetta medica. Vi costerà in media da
1,20 a 6 euro per un trattamento da tre a 15 giorni, secondo i casi. Sembra difficile
fare di meglio.

1.4 Risultati in breve tempo


Pur essendo poco o mal conosciuto (direi anche misconosciuto), il cloruro di ma-
gnesio permette tuttavia di ottenere molto spesso risultati rapidi e spettacolari,
anche in certi casi di patologie gravi o acute come la poliomielite, il tetano e
molte malattie infettive. Il professor Delbet lo considerava anche come uno dei
migliori agenti profilattici del cancro! Ciò testimonia la sua importanza e utilità;
ma, senza arrivare a tali livelli, è estremamente efficace in casi comuni come un
inizio di influenza, affaticamento cronico, calo generale di tono (anche a livello
sessuale) e molti piccoli malanni.
Per quanto strano possa sembrare a chi non l’ha provato, nulla di tutto ciò è
affermato in modo aleatorio: se ne ha avuto prova molte volte e a tal proposito
si pubblicano lavori da decenni. Allora, penserete sicuramente, perché non se ne
parla? Perché non è conosciuto meglio? Risponderò soltanto: buona domanda!

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio –3–
di Marie-France Muller

Diciamo che, per la maggior parte, i medici non se ne sono mai informati e non si
interessano molto agli argomenti delle medicine dette impropriamente ≪dolci≫ (in
realtà sono attive, rapide. . . e non sempre cosı̀ dolci, nonostante la buona tolleran-
za). Aggiungiamo che i laboratori farmaceutici non vedono di buon occhio questo
genere di rimedi efficaci e a buon mercato: possiamo capirli! Che ne sarebbe
di loro se tutti imparassero a curarsi in questo modo, con rimedi naturali, piante,
integratori alimentari, massaggi riflessi. . . e il cloruro di magnesio? Sarebbe la
rovina di molti!
Questa piccola guida ha lo scopo di introdurvi all’utilizzo efficace e corret-
to di questo semplice rimedio che, probabilmente, terrete sempre a portata di
mano dopo aver richiuso questo libro. Qualche sacchetto di riserva non occupa
grande spazio e vi eviterà molte giornate sprecate inutilmente, come anche vane
preoccupazioni, dato che questo trattamento si può seguire a scopo preventivo.
Personalmente, considero questo prodotto come la base stessa della mia far-
macia familiare, lo consiglio da più di trent’anni e vi invito a fare altrettanto.

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Capitolo 2

Pierre Delbet: una scoperta audace

Dobbiamo al professor Pierre Delbet la scoperta delle straordinarie virtù curative


e preventive del cloruro di magnesio. Bisogna sottolineare che qui non si tratta
affatto di semplici ipotesi di lavoro, cogitazioni fumose senza altro fondamento
che cercare di far colpo: certo che no! I risultati ottenuti con la terapia magnesiaca
del professor Pierre Delbet poggiano su fatti scientifici basati su un’osservazione
meticolosa.
Nato nel 1861, il professor Pierre Delbet per più di trent’anni di carriera fu
quello che si definisce un ≪barone≫. La sua carriera in ambito medico fu esem-
plare: internista in ospedale, primario responsabile della formazione degli altri
medici in clinica, docente ordinario universitario, poi chirurgo in ospedale, pre-
miato a più riprese dalla facoltà di Medicina e dall’Accademia di Medicina di
Parigi di cui divenne membro, autore di importanti testi che furono capisaldi au-
torevoli di riferimento. Morı̀ nel 1957 a 96 anni compiuti. Tutto ciò indica che
quest’illustre medico non aveva nulla del ciarlatano, ma le idee nuove sono accolte
molto raramente come meriterebbero, soprattutto in ambito medico. . .

2.1 Gli antisettici in questione


Come afferma egli stesso, sin dall’epoca dell’internato era ossessionato dall’≪idea
della nocività degli antisettici≫ ai quali si richiedeva di uccidere i microbi nei tes-
suti stessi. In altre parole, si domandava se il fatto di lavare le piaghe con soluzioni
antisettiche non presentasse più inconvenienti che vantaggi. ≪Dato che i microbi
sono più resistenti delle cellule degli esseri più evoluti≫, gli sembrava impossibile
eliminarli senza distruggere contemporaneamente anche le cellule. In realtà, gli

–4–
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio –5–
di Marie-France Muller

antisettici – che sono veleni per i microbi – lo sono necessariamente anche per le
cellule che essi alterano e distruggono in gran numero, diminuendo cosı̀ la resi-
stenza dei tessuti e favorendo in un secondo tempo l’infezione: l’opposto dello
scopo perseguito!
È partito tutto da quest’idea, molto audace per l’epoca (siamo nel 1889): inve-
ce di indebolire le cellule, non sarebbe meglio sostenere il loro sforzo nella lotta,
alla quale sono state adattate in modo ereditario, contro gli agenti infettivi?
È cosı̀ che la protezione delle cellule (citofilassi) è diventa uno dei princi-
pi fondamentali della sua tecnica chirurgica, non risolvendo tuttavia il problema
delle lesioni infette.

2.2 Aumentare la resistenza all’infezione


Quando scoppia la guerra 1914-1918, viene mobilitato come chirurgo e mandato
in missione nell’Ovest della Francia. Ha l’occasione di esaminare un gran nu-
mero di ospedali e anche di posti avanzati a Jonchery e poi a Châlons. Ritorna
dalle missioni con due certezze: bisognava a ogni costo riorganizzare il servizio
sanitario e, soprattutto, modificare il trattamento delle piaghe. Infatti, scriverà in
seguito: ≪Gli antisettici imperversavano ovunque e i risultati erano deplorevoli!≫.
La sua opinione sui pericoli dell’asepsi si è ulteriormente rafforzata. Intra-
prende allora una serie di ricerche con lo scopo di valutare l’azione dei principali
antisettici. Risultati deplorevoli! Giunge a questa sorprendente constatazione: gli
antisettici, distruggendo i globuli bianchi ancora vivi e attivi e apportando
modifiche chimiche alle albumine contenute nel pus prelevato su una piaga
infetta, ne fanno un eccellente terreno di cultura per i microbi!
La sua idea primaria allora diventa: ≪Aumentare la resistenza delle cellule
perché possano trionfare sui microbi≫, poiché sembra proprio che questa lotta
faccia parte delle loro competenze. La sola medicazione efficace consisterebbe
quindi nel sostenere questo sforzo e soprattutto nell’evitare che venga annullato,
come troppo spesso accade. All’epoca sostiene che non si troverà mai un anti-
settico in grado di sterilizzare una piaga quindi di uccidere tutti i microbi che la
infettano senza uccidere nello stesso tempo un numero considerevole di cellule,
alterando cosı̀ i sistemi naturali di difesa dell’organismo.

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio –6–
di Marie-France Muller

2.3 Risultati straordinari!


Si dedica allora allo studio della fagocitosi e constata che questa facoltà che han-
no i globuli bianchi di inglobare e digerire le particelle organiche o inorganiche
nocive per l’organismo (come i microbi o i globuli rossi lisati dai batteri) varia in
enormi proporzioni, in funzione di leggere differenze chimiche.
Tali constatazioni lo portano a effettuare ricerche per verificare se esiste una
sostanza in quantità minima nei nostri tessuti che sia in grado di rafforzare l’azio-
ne dei globuli bianchi. Egli sperimenta quindi diverse sostanze, cercando quella
che possa presentare un’azione citofilattica interessante. Secondo l’espressione
dello stesso Delbet, ≪la soluzione di cloruro di magnesio al 12,1 per mille ha da-
to risultati straordinari [. . . ]. La soluzione di cloruro di magnesio puro e secco
al 12,1 per mille mantiene la propria azione citofilattica quando è iniettata nel
sistema circolatorio. Può essere utilizzata tanto come medicazione quanto in inie-
zione≫ (tratto da una comunicazione indirizzata all’Accademia delle Scienze di
Francia il 6 settembre 1915). In realtà, in provetta questa soluzione ≪aumenta
la fagocitosi in una proporzione del 75% in rapporto alla soluzione di cloruro di
sodio all’8 per mille, che già la stimola più di tutte le altre sostanze sudiate≫. Di
conseguenza, era il miglior metodo di medicazione.
Definisce ≪citofilattico≫ questo metodo il cui scopo è quello, di esaltare la
vitalità delle cellule (il termine citofilassi significa ≪protezione delle cellule≫),
e aggiunge questo interessante commento: ≪Il termine [. . . ] è abbastanza mal
scelto. Avrei dovuto coniarne un altro che significasse “esaltazione delle cellule”.
Ma poco importa il nome. A quell’epoca concepivo la citofilassi come un metodo
di lotta contro l’infezione delle piaghe, niente di più≫!
Ma fortunatamente non si ferma qui.

2.4 Per uso esterno e poi per via interna


Doveva poi verificare se l’azione citofilattica della soluzione di cloruro di magne-
sio si manifestasse anche nell’organismo. Le sue esperienze, troppo complesse
per essere descritte in questa sede, danno risultati ≪sbalorditivi≫, per usare le sue
parole: quest’azione non soltanto persiste, ma è ancora più marcata (la fagocitosi
aumenta del 129% in un caso e del 333% in un altro). I suoi lavori provano inoltre
che la soluzione non è tossica, persino iniettata nel tessuto cellulare, nel peritoneo
o nelle vene.
Pensa di utilizzare in terapia l’azione che egli stesso definisce ≪potente≫ del-

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio –7–
di Marie-France Muller

la soluzione di cloruro di magnesio. Decide quindi di estenderla alle infezioni


interne, utilizzando la soluzione di cloruro di magnesio sotto forma di iniezioni
endovenose nei soggetti gravemente infetti.

2.5 ≪ Ci dà entusiasmo nel nostro lavoro!≫


Il caso spesso aiuta a sistemare le cose nel modo opportuno, come accadde al-
l’improvviso nelle circostanze che egli descrive in questi termini: ≪Ricordo con
precisione come una delle date importanti della mia vita, il giorno, il momento in
cui per la prima volta lo somministrai per bocca≫. Nel suo reparto all’ospedale
Necker c’era un ferito grave che rifiutava le iniezioni. Cosı̀ suggerı̀ di sommi-
nistrargli la soluzione per via orale. La sorvegliante e le due infermiere presenti
sorridono:
≪ Perché ridete?≫domanda loro.
≪ Lo prendiamo tutte≫, risponde Madame Boivin, la sorvegliante.
≪ E perché?≫.
≪ Ci dà entusiasmo nel nostro lavoro!≫.
≪ Ma che cosa vi ha dato l’idea di prenderlo?≫.
Abbiamo notato che i malati ai quali veniva iniettato provavano una sorta di

benessere. Allora abbiamo provato a berlo e ci ha prodotto lo stesso effetto!≫.


È dovuta a questo caso fortuito l’estensione del metodo citofilattico.
Egli si mette a somministrarlo a tutti i feriti del proprio reparto. Ne assume
anch’egli e lo dà a tutto il suo entourage sia familiare sia professionale. Sono tutti
unanimemente entusiasti della sensazione di euforia, di energia, di resistenza alla
fatica che provano prendendo quello che tutti chiamavano ≪la loro droga≫. La
notizia si sparge in un lampo, e gli procura una ricca messe di fatti che non si
aspettava e che gli ispirano nuove ricerche.
Tutto ciò mi portò a studiare l’azione dei sali di magnesio sulla narcosi clo-

roformica, sulle avitaminosi, sull’anafilassi, sulla secrezione, sull’eliminazione


e sulle proprietà della bile, sull’acidificazione dell’urina≫, cosı̀ importante nel
cancro.
Il campo del suo metodo si trova a essere straordinariamente ampliato: da tec-
nica di medicazione diventa ≪un metodo generale che aumenta la resistenza non
soltanto contro l’infezione, ma contro l’avitaminosi, l’anafilassi, il deperimento

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio –8–
di Marie-France Muller

senile e la cancerizzazione≫. Questo vasto programma lo portò a pubblicare i


suoi lavori in due comunicazioni all’Accademia delle Scienze e all’Accademia di
Medicina nel settembre 1915. Professore di clinica chirurgica, dispone all’epo-
ca di un laboratorio; i suoi allievi sono i suoi più preziosi aiutanti. Nell’aprile
1918 pubblica in collaborazione con uno di loro, Noël Fiessinger, un imponente
libro intitolato Biologie de la plaie de guerre, nel quale redige il bilancio delle sue
ricerche.

2.6 La formula Delbiase


Il metodo si struttura e si perfeziona. All’inizio utilizzava unicamente il cloruro
di magnesio. In seguito, venuto a conoscenza dei lavori di Victor Grignard sulla
potenza sintetica dei composti organomagnesiaci, decide di aggiungere al cloruro
basse quantità degli altri sali alogenati di magnesio: bromuro, ioduro e fluoru-
ro. Dopo qualche tentativo, mette a punto una formula alla quale dà il nome di
Delbiase, in libera vendita in farmacia. (Tuttavia, per un’oscura ragione, l’attuale
Delbiase è stata amputata, dal 1983, dello ioduro e del fluoruro, pur mantenendo
lo stesso nome! Purtroppo contiene solo più cloruro di magnesio e bromuro di
magnesio.)

2.7 Formula originale della Delbiase del professor


Delbet
Ecco la formula esatta che il professor Delbet mise a punto e poi applicò per
decenni con i successi che conosciamo:

cloruro di magnesio 0,592


bromuro di magnesio 0,020
ioduro di magnesio 0,0001
fluoruro di magnesio 0,0009

In sali anidri, vale a dire privati dell’acqua di cristallizzazione, dà:

cloruro di magnesio anidro 0,379


bromuro di magnesio anidro 0,013
ioduro di magnesio anidro 0,000072
fluoruro di magnesio anidro 0,0009

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio –9–
di Marie-France Muller

2.8 Dal trattamento delle piaghe alla profilassi del


cancro
È ancora una volta per puro caso che Delbet è indotto a constatare un possibile le-
game tra l’assunzione regolare di Delbiase e la scomparsa ≪spontanea≫ di lesioni
cutanee precancerose di cui si era già fatto operare a tre riprese, ma che erano re-
cidive nonostante tutto. Dopo aver deciso di non preoccuparsene più, non sapendo
che cosa fare, si mette a prendere la Delbiase ogni mattina. Qualche mese dopo
era tornato tutto normale senza esservi stato attento! Le lesioni non ritornarono
mai più.
Egli aveva già sperimentato l’assunzione di dolomia per questo tipo di proble-
ma, ma senza ottenere risultati (la dolomia è un carbonato doppio di magnesio e
di calcio). La prosecuzione delle ricerche provò che l’azione del cloruro di ma-
gnesio o della Delbiase era dovuta probabilmente non allo ione magnesio, ma alla
molecola salina (il cloruro). Esiste una grande differenza tra il carbonato e i sali
alogenati! Egli poté constatare anche che, mentre i carbonati accelerano l’evolu-
zione di tumori neoplastici o delle lesioni precancerose, il cloruro di magnesio,
come la Delbiase, ne arresta lo sviluppo e spesso li fa persino regredire.
I suoi numerosi esperimenti (ahimè, sugli animali) prendono quindi di mira la
prevenzione e l’evoluzione di tumori innestati. I risultati, nettamente favorevoli,
provano che è possibile rallentare l’evoluzione dei tumori saturando l’organismo
di questi sali alogenati di magnesio. La loro azione sulla cellula neoplastica è in-
discutibile. Tali fatti clinici gli permisero di attribuire ai sali alogenati di magnesio
(cloruro di magnesio e Delbiase) un’azione preventiva contro il cancro.
Egli d’altra parte sottolinea che il cloruro di magnesio non dev’essere consi-
derato come tossico per la cellula neoplastica. In realtà, ≪tutto ciò che vive ha
bisogno di magnesio, tanto le cellule neoplastiche quanto quelle sane≫. L’azio-
ne dei sali di magnesio, infatti, è citofilattica, vale a dire che essi aumentano la
resistenza e l’attività delle cellule, ripristinando il buon funzionamento cellulare
quando questo è compromesso da una qualsiasi patologia.
Un’altra azione del cloruro di magnesio: diminuisce l’alcalosi sanguigna e
acidifica l’urina nei cancerosi che, in genere, soffrono di iperalcalosi. Quest’a-
zione potrebbe spiegare da sola uno dei modi d’agire del cloruro di magnesio sui
terreni organici cancerosi.

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 10 –
di Marie-France Muller

2.9 Carenza magnesiaca e cancerosa:


l’alimentazione moderna sotto processo
Fu a quell’epoca che si cominciò a prendere in considerazione il rapido aumen-
to del numero di tumori in tutti i paesi civili. Era il momento di verificare se la
concezione del ruolo della carenza magnesiaca fosse giusta: in tal caso, la ra-
zione magnesiaca dei paesi sviluppati doveva essere in netta diminuzione, il che
spiegherebbe la repentina recrudescenza dei tumori.
Il risultato delle ricerche di Delbet in questo campo verteva su due ragioni
principali: l’abburattamento delle farine e la raffinazione del sale. Gran parte
del magnesio del grano, infatti, rimane nei sottoprodotti riservati agli animali: il
pane bianco è realmente antigienico, perché privato di tutti gli elementi nutritivi
eliminati durante l’abburattamento. In quanto al sale, la raffinazione è un altro
errore perché elimina ogni traccia di magnesio, quindi è bene consumare un sale
non raffinato.
Un altro fattore importante è la percentuale di magnesio contenuta nella ver-
dura e nella frutta. Quando il terreno è povero di magnesio (come accade in certe
regioni e, alla nostra epoca, a causa delle colture ≪forzate≫ o intensive), si vedono
moltiplicarsi i casi di cancro! Da ciò deriva l’utilità dei concimi a base di magne-
sio che rappresentano uno degli aspetti della politica di prevenzione del cancro di
Delbet.
Per provarlo nel 1928 furono condotti degli studi geografici approfonditi per
verificare se le carte geologiche delle regioni povere di magnesio coincidessero
con quelle delle regioni in cui si riscontrava un numero rilevante di tumori. Se-
condo Delbet, ≪il raffronto delle due carte è sorprendente! Si possono confondere
l’una con l’altra≫. Lo stesso lavoro fu condotto all’estero, con gli stessi risultati.
Cosı̀ in Egitto o in Tunisia, dove l’alimentazione era particolarmente ricca di ma-
gnesio per via della ricchezza di questo elemento nel suolo e nell’acqua, non vi
era diffusione del cancro.

2.10 Gli esperimenti del dottor Neveu


Siamo nel 1932. L’attività del professor Delbet comincia a essere conosciuta.
Altri ricercatori se ne interessano tra cui il dottor Neveu. Quest’ultimo decide
allora di tentare l’esperimento e applica il metodo citofilattico al trattamento delle
malattie infettive, umane e animali.

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 11 –
di Marie-France Muller

Nell’aprile 1937 il dottor Neveu fa i suoi primi tentativi sul trattamento cito-
filattico del cimurro (malattia del cane in giovane età). Tutti questi esperimenti
ebbero esito positivo e riuscı̀ cosi a guarire tutti i cani, alla sola condizione che la
paralisi non superasse gli otto giorni.
Il cimurro in realtà è la poliomielite del cane, e vi è un’identità virale tra
questa forma e la poliomielite umana. L’unica differenza è questa: mentre il cane
può sopportare otto giorni di paralisi senza che l’esito della terapia sia compro-
messo, nell’uomo non accade cosı̀ e bisogna applicare, il trattamento al cloruro
di magnesio il piu presto possibile. Si rileva tuttavia che il dottor Neveu ottenne
ugualmente numerosi successi con malati curati anche con diversi mesi di ritardo!

2.11 La poliomielite è vinta


Questa ≪terribile malattia≫ terrorizzava a ragione molti genitori in quanto non
esisteva alcuna cura efficace. I bambini colpiti portavano per tutta la vita i gravi
postumi della malattia: gambe atrofiche, andatura da sciancato nel migliore dei
casi.
Il dottor Neveu vanta numerosissimi casi di guarigione dalla poliomielite in
alcuni giorni. Il cloruro di magnesio somministrato in tempo blocca la malattia,
anche nei casi più gravi. ≪l’effetto citofilattico del cloruro di magnesio non può
davvero esser messo in dubbio nella cura di questa malattia≫.
Nel 1947, su richiesta del professor Javillier (incaricato della conferenza inau-
gurale), il dottor Neveu prende parte al suo esperimento nel corso delle Journées
Thérapeutiques de Paris con un intervento dal titolo Traitement cytophylactique
de quelques maladies infectieuses de l’homme et du bétail par le chlorure de ma-
gnésium [Trattamento citofilattico di alcune malattie infettive dell’uomo e degli
animali con il cloruro di magnesio]. Qui menziona il suo primo successo su un
caso di poliomielite ottenuto durante l’epidemia del 1943. Quando gli portarono
il bambino, questi era già paralizzato alla gamba sinistra da diversi giorni; no-
nostante il notevole ritardo con cui era iniziato il trattamento, il bambino guarı̀
completamente in una quindicina di giorni!

2.12 Trattamento della poliomielite


Questa terapia va iniziata sin dai primi sintomi, ovvero:

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 12 –
di Marie-France Muller

• affaticamento, malessere generale, cefalea, febbre;

• angina con rigidità della nuca;

• rigidità dolorosa della colonna vertebrale dorsale;

• comparsa della prima paralisi (con caduta della temperatura).

La guarigione sarà rapida e completa in tutti i casi. Se si è aspettato troppo, la


gravità del male aumenta in funzione del ritardo con cui si incomincia la terapia
magnesiaca. Il virus della poliomielite, infatti, distrugge la sostanza nervosa dei
corni anteriori del midollo spinale, lasciando cicatrici sclerotiche inguaribili.
Tuttavia, anche in questo caso, il dottor Neveu consiglia di seguire la terapia
magnesiaca: il malato deve assorbire una dose adatta alla sua età (si veda posolo-
gia alle pp. 70-71) di cloruro di magnesio, inizialmente ogni sei ore per qualche
giorno (quindi quattro volte al dı̀ a intervalli regolari), poi ogni otto ore e infine
due volte al dı̀ per un lungo periodo.
In questo modo è stato possibile migliorare gli stati cronici talvolta in modo
sorprendente, soprattutto nei casi più recenti (paralisi da meno di un mese). Anche
nei casi più vecchi, l’assunzione regolare di Delbiase di sei compresse al dı̀ per
diversi mesi migliora sensibilmente la situazione.
Da allora, sono stati guariti numerosissimi casi grazie a questo trattamento
senza che ciò abbia risvegliato realmente l’attenzione del corpo medico! Si con-
tinua ugualmente a vaccinare sistematicamente i bambini, fatto che ha provocato
la comparsa di numerosi casi di poliomielite vaccinica! Questa vaccinazione è
quindi nel contempo impotente e pericolosa. Il trattamento antibiotico, inoltre,
è totalmente inefficace, come per ogni malattia virale. Eppure la soluzione è a
portata di mano, a disposizione di tutti: il cloruro di magnesio!

2.13 Angina catarrale? Subito il cloruro di


magnesio!
Si osservi che molte malattie infettive gravi cominciano con una seria angina ca-
tarrale. E cosi, anche la rigidità della nuca è presente nei casi di meningite. Il
semplice fatto di iniziare subito il trattamento al cloruro di magnesio – che guari-
sce l’angina – permette per la maggior parte del tempo di evitare disturbi più gravi
e, in ogni caso, di renderli benigni debellando la malattia in incubazione.

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 13 –
di Marie-France Muller

2.14 In caso di epidemia di meningite


Questa temibile malattia continua ogni anno a mietere vittime, soprattutto fra i
bambini. Anche in questo caso, il cloruro di magnesio fa miracoli, fatto che
comunque non deve assolutamente spingervi all’imprudenza.
A scopo preventivo: iniziate appena possibile la terapia al cloruro di magnesio.
Se, nonostante tutto, il bambino presenta sintomi sospetti (angina, violenti mal di
testa, rigidità della nuca) dovete portarlo dal medico, che prescriverà una cura
appropriata. Continuate, tuttavia, a fargli assumere il cloruro di magnesio agli
intervalli consigliati fino alla completa guarigione: il risultato delle due terapie
associate sarà senz’altro migliore.

2.15 Guarigione di un caso di difterite


Ancora una volta, l’esperimento si presenta in modo fortuito, ed è causa dell’ade-
sione definitiva del dottor Neveu a questo metodo.
Una sua piccola paziente, Ghislaine, affetta da sospetta angina (la difterite ave-
va allora effetti devastanti), il dottor Neveu effettua su di lei un prelievo tonsillare
a scopo di analisi; per prudenza, decide di farle assumere del cloruro di magnesio
per attenuare i disturbi anafilattici del siero che egli pensava di doverle iniettare
se l’analisi fosse risultata positiva. Con sua grande sorpresa, il mattino successi-
vo trova la sua giovane paziente totalmente guarita, mentre il risultato dell’analisi
praticata in laboratorio era indubbiamente positivo!
Questa guarigione sbalorditiva segna per lui il punto di partenza delle sue ri-
cerche sul trattamento delle malattie infettive con il cloruro di magnesio. Con il
sostegno di un gruppo di medici che hanno aderito alla tecnica di Delbet sulla
base dei risultati ottenuti, fa un intervento sulle ≪proprietà farmacodinamiche e
terapeutiche del magnesio≫, in occasione delle Journées Thérapeutiques de Paris
nel 1947. In quell’occasione ha la brutta sorpresa di vedere la relazione scritta del
suo intervento non solo troncata, ma soprattutto condensata al massimo e costella-
ta di strani ≪errori tipografici≫: vi si legge, per esempio, ≪miglioramenti≫ quando
invece parla di ≪guarigioni≫, e ≪otto casi su 61≫ invece di. . . ≪58 casi su 61≫ (nei
tre casi rimanenti i pazienti avevano ricevuto un siero oltre alla terapia magnesia-
ca, cosı̀ non li avevano inclusi nella statistica per scrupolo intellettuale, mentre la
percentuale di guarigioni era in realtà del 100%!). Passando i decenni, sembra che
nulla sia realmente cambiato...

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 14 –
di Marie-France Muller

2.16 Altre affezioni trattate con successo


Avvenne lo stesso per l’influenza e le affezioni respiratorie: pleurite essuda-
tiva, bronchite, pertosse, asma, bronchite cronica, enfisema, raffreddore da
fieno e altre. Egli poté sperimentarlo, tra le altre occasioni, durante la grave
epidemia di influenza dell’inverno 1935 che mieté tante vittime: molte persone
morirono di broncopolmonite influenzale. Nel frattempo, le persone curate con il
cloruro di magnesio si rimisero tutte in breve tempo.

2.17 Ciononostante. . .
A dispetto delle prove presentate, degli studi effettuati, delle numerose testimo-
nianze di pazienti guariti e di medici che hanno utilizzato il metodo, il dottor
Neveu dovette subire incessanti critiche, maldicenze, falsità e attacchi iniqui da
parte dei rappresentanti della medicina ≪ufficiale≫. Quando morı̀, prostrato dalla
lotta incessante per salvare bambini altrimenti condannati, almeno aveva avuto la
soddisfazione di sapere che il cloruro di magnesio si sarebbe venduto regolarmen-
te in tutte le farmacie. Fortunatamente è ancora cosı̀, e sta a noi fare in modo che
continui a esserlo ancora a lungo!

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Capitolo 3

Cloruro di magnesio: istruzioni per


l’uso

Facile da preparare, semplice da assumere, poco costoso: bisogna pensare a que-


sto rimedio ai primi segni di un malanno poiché può evitare problemi più gra-
vi. L’unico inconveniente è il gusto sgradevole, per il quale consiglio di berlo
tutto in una volta e non a piccoli sorsi! Dopo qualche dose, sarete sorpresi di con-
statare che il male ≪passa≫ meglio e, anche se non lo trovate gradevole, i benefici
che trarrete da questo piccolo sforzo vi sembreranno senza paragone rispetto al
minimo disagio sopportato.

3.1 I sali di magnesio: alimenti necessari


Li ritroviamo allo stato naturale in molti vegetali (frutta, verdura, cereali. . . ) e
in ogni tipo di complesso organico. Ma la coltivazione intensiva e la raffinazione
eccessiva degli alimenti di base, come pane, farine, cereali, oli, sale ecc., hanno
diminuito la percentuale e spesso hanno persino eliminato ogni traccia di questi
sali, pur tanto necessari al nostro metabolismo. La loro assenza totale è incompa-
tibile con la vita e la loro carenza crea disturbi di vario tipo che scompaiono nel
momento in cui si completa il corretto apporto alimentare quotidiano.
Nei nostri paesi civili la maggior parte della gente soffre di carenza ma-
gnesiaca quasi totale. Non stupiamoci dunque se l’assenza di questo indispensa-
bile catalizzatore crea tanti danni!
Eppure il rimedio è semplice: bisognerebbe aggiungere sistematicamente clo-
ruro di magnesio o Delbiase alla nostra alimentazione. Certo, il suo sapore sgra-

– 15 –
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 16 –
di Marie-France Muller

devole ci scoraggia dal farlo e ce lo fa considerare una medicina, benché in realtà


vada visto come un alimento. Per tale ragione non ha alcuna controindicazione
reale, a dispetto dei preconcetti. (Citeremo in ogni modo le principali precauzioni
d’uso a fine capitolo, per mera sicurezza!)

3.2 Anche per i bambini


Resterete sorpresi di vedere i vostri figli abituarsi meglio di voi a questo tratta-
mento: dopo le prime dosi, saranno loro stessi a chiedervene quando si sentiranno
≪uno straccio≫!

Spiegate loro i vantaggi del trattamento: ≪Vedrai, ti sentirai meglio in pochis-


simo tempo e potrai andare fuori a giocare prestissimo≫, ≪se mandi giù questo
non avrai bisogno di punture≫ (va benissimo con i piccoli che di norma seguono
terapie antibiotiche) ecc.
Avvertiteli del gusto sgradevole, giocate con loro a chi di voi due farà la
boccaccia più bella. . . e promettete un cucchiaino di miele, per esempio, dopo
l’assunzione: il cattivo sapore si attenuerà all’istante. Quando i vostri bambi-
ni avranno verificato i risultati, si comporteranno come molti altri: diventeranno
≪elogiatori≫ del prodotto con i loro piccoli amici e riceverete sicuramente qualche

telefonata da genitori curiosi di sapere di che cosa si tratta!

3.3 Un effetto leggermente lassativo? Normale


Constaterete forse (non sempre) che l’assunzione di cloruro di magnesio ha un
effetto lassativo. Non sospendete però il trattamento, in quanto si tratta di una
reazione del tutto normale e non ha nulla a che vedere con alcun tipo di malattia.
In generale, l’alleviamento avviene con questa leggera diarrea.
Si osserva spesso che, più si è malati, più questa reazione tarda a manifestarsi.
Per esempio, se avete 39◦ C di temperatura, probabilmente dovrete attendere due o
tre giorni perché compaia, nonostante l’assunzione frequente necessaria in questo
caso. In seguito a ciò, constaterete un netto miglioramento del vostro stato di
salute. Può accadere, invece, che la semplice assunzione di un bicchiere al dı̀
basti a provocare l’effetto lassativo: anche in questo caso non vi è alcun problema,
basta diminuire leggermente la dose.
Vogliamo sottolineare che questa reazione non ha nulla a che vedere, per

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 17 –
di Marie-France Muller

esempio, con una crisi di enterite: le feci diventano semplicemente molli (o li-
quide in caso di intenso consumo), fenomeno che rimane totalmente controllabile
(non vi è quindi nulla da temere: potete andare a lavorare o a sbrigare le vostre
commissioni). Benché l’effetto lassativo presenti molti vantaggi, per esempio la
pulizia degli intestini, non è questo lo scopo principale. Approfittate di questa pu-
rificazione, ma non cercate di prolungarla oltre misura, salvo in caso di patologia
grave. Basta diminuire un po’ la quantità assorbita.
Un’altra constatazione interessante è che nelle persone colpite da colite cro-
nica e negli stitici l’assunzione regolare e prolungata finisce sempre per rego-
larizzare la situazione!

3.4 Preparazione
Non vi è nulla di più semplice. Potete farvi preparare in farmacia sacchetti da 20
grammi di cloruro di magnesio. Basta, quindi, diluire il contenuto di un sacchetto
in un litro d’acqua oligominerale: a questo punto la vostra soluzione è pronta
per l’uso e si conserva bene, non è necessario metterla in fresco.
Pensate anche a tenere da parte qualche sacchetto in più: come vi sarà già
capitato, accade spesso che il vostro bambino o proprio voi vi ammaliate il sabato
sera, quando la farmacia più vicina ha appena chiuso!

3.5 Quale forma galenica scegliere?


Potete trovare il cloruro di magnesio in quattro presentazioni distinte.

Cloruro di magnesio da preparare in sacchetti da 20 g Commercializzato in far-


macia. Si tratta della forma più semplice e utilizzata più comunemente.
Inoltre i sacchetti si conservano bene ed è semplice farne scorta. È la forma
cui faremo riferimento più spesso.
Preparazione: sciogliere il contenuto del sacchetto in un litro d’acqua.

Delbiase Farmaco commercializzato in farmacia (Laboratoire Promédica). La


presentazione sotto forma di compresse si addice particolarmente ai viaggi.
Inoltre l’aggiunta di cloruro di magnesio a un altro sale idrogenato ne raf-
forza l’efficacia e accentua l’effetto leggermente euforizzante del prodotto.
Preparazione: sciogliere una o due compresse di Delbiase in un bicchiere

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 18 –
di Marie-France Muller

d’acqua (non stupitevi: la dissoluzione impiega un po’ di tempo a comple-


tarsi).

Cloruro di magnesio iniettabile Commercializzato in farmacia (Laboratoire Me-


ram). Le fiale hanno un dosaggio di 5 g di cloruro di magnesio per 20 ml
di soluzione fisiologica. Questa forma si utilizza solo in situazioni di gra-
ve emergenza, quando si è atteso troppo. Per esempio, nei casi dichiara-
ti di tetano, meningite, leucemia acuta. L’iniezione va praticata per via
endovenosa lenta (20 minuti).

Cytodelbiase Anche questa pomata è venduta in farmacia (Laboratoire Promédica).


Essa permette, fra le altre indicazioni, di trattare i problemi di pelle.

3.6 Posologia

3.6.1 Adulti e bambini sopra i cinque anni

Somministrare 125 cc (un bicchiere) della soluzione da una a sei volte al dı̀,
secondo i casi (si veda più avanti).

1. Se si desidera solo un effetto preventivo (affaticamento, epidemia influen-


zale o altro), in genere basta assumere un bicchiere mattina e sera per
qualche giorno.

2. In caso di malattia acuta (febbre, mal di gola, qualsiasi infezione): è au-


spicabile cominciare con due o tre dosi ravvicinate a tre ore di intervallo
l’una dall’altra; poi una ogni (secondo lo stato del malato). Si termina con
un bicchiere prima di coricarsi per una settimana per ripristinare le difese
immunitarie.

3. In caso di disturbi benigni senza febbre: è sufficiente un bicchiere d’acqua


una o due volte al dı̀ per qualche giorno. Continuare sempre ancora per
qualche giorno dopo la scomparsa di tutti i disturbi.

Come potete constatare, questo trattamento è molto semplice, non vincolante


(si può portare con sé al lavoro, in viaggio ecc.) ed è efficace. La maggior parte del
tempo, vi permetterà di non ammalarvi, o, in ogni caso, di continuare ad andare
a lavorare nonostante il mal di gola o la rinofaringite. Se lo desiderate, si può
abbinare molto bene a una terapia omeopatica, allopatica o altro.

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 19 –
di Marie-France Muller

3.6.2 Bambini sotto i cinque anni

Le dosi sono ridotte in funzione dell’età:

• 100 cc a quattro anni;


• 80 cc a tre anni;
• 60 cc a due anni.

Tuttavia non preoccupatevi se per errore ne avete somministrato troppo: il


prodotto non presenta alcuna tossicità e non accadrà nulla di spiacevole al vostro
bambino, eccetto le feci liquide (da non confondere con un’enterite!).
La frequenza delle somministrazioni è la stessa descritta sopra, da adattare
secondo la situazione.
A scopo preventivo: una o due volte al dı̀.
A scopo curativo: due o tre dosi ravvicinate a tre ore d’intervallo per comin-
ciare in caso d’infezione acuta, poi ogni sei ore per 48 ore, poi ogni otto ore e
infine ogni 12 ore.
Ciascuna dose può essere leggermente addizionata d’acqua, zuccherata a vo-
lontà e aromatizzata con succo di limone per i bambini che assumono con dif-
ficoltà la soluzione pura. Tuttavia, se li avvertite adeguatamente del gusto sgra-
devole, giocate con loro assumendone voi stessi (il che gioverebbe anche alla
vostra salute) e promettete qualcosa di dolce per camuffarne il sapore, general-
mente non dovreste avere alcun problema; ho sempre constatato che i più difficili
da convincere sono gli adulti, non i bambini!

3.7 Per i neonati


In base all’età, si somministra loro la soluzione di cloruro di magnesio con il
contagocce, con un cucchiaino da caffè o con un cucchiaio da tavola, mantenendo
gli stessi intervalli sopra citati.
NB Non esitate a diminuire le dosi in caso di disturbo intestinale prolungato,
perché non è quest’ultimo lo scopo perseguito. Anche se tale reazione è normale e
spesso salutare all’inizio del trattamento, non è necessario mantenerla nel tempo:
il fine principale è quello di nutrire le cellule per aumentare la loro resistenza
all’infezione.

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 20 –
di Marie-France Muller

3.8 Vi sono controindicazioni per il cloruro di


magnesio?
Né il professor Delbet, né il dottor Neveu e tanto meno i loro successori hanno
mai constatato intolleranza o reazioni negative al trattamento con la soluzione di
cloruro di magnesio o con la Delbiase, che, ricordiamo, devono essere considerati
non come medicine, ma come un integratore alimentare. Come afferma il dottor
Neveu, ≪la paura di causare una nefrite non deve impedire l’uso del cloruro di
magnesio. Non ho mai riscontrato casi del genere fra i numerosissimi malati ai
quali ho fatto seguire la terapia magnesiaca≫.
Anche nei casi di ipertensione non è mai stata riscontrata alcuna situazione di
aggravamento.

3.9 Tuttavia, come misure di sicurezza


È preferibile astenersi dal trattamento in caso di grave nefrite o insufficienza rena-
le, di ipertensione arteriosa e in tutti i casi in cui è sconsigliato l’uso del sale. Lo
stesso vale per i casi di emofilia, a causa della sua azione leggermente ritardante
sulla coagulazione sanguigna.
In quanto alla Delbiase, in genere è sconsigliata durante i trattamenti ai chini-
dinici.

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Capitolo 4

Qualche indicazione

L’azione immunostimolante del cloruro di magnesio (o della Delbiase, che ag-


giunge le virtù degli altri sali alogenati di magnesio) lo rende una vera panacea,
utilizzabile in ogni circostanza, dalla più benigna alla più grave. La sua innocuità
consente di farne largo uso, compreso quello preventivo. Cosı̀, nel periodo inver-
nale, perché aspettare di ammalarsi di influenza quando ci si può premunire:
un bicchiere di soluzione mattino e sera vi permetterà di rimanere in piena
forma, anche in caso di epidemia.

4.1 Innanzitutto: prevenzione


L’assunzione di cloruro di magnesio o di Delbiase dev’essere quotidiana: effettua-
ta a scopo preventivo, va considerata come un palliativo alle attuali carenze della
nostra alimentazione.
Tuttavia, tale assunzione rappresenta solo un aiuto isolato, ≪utile transitoria-
mente≫: la vera soluzione, come asseriva Delbet, ≪consisterebbe nel ricollegare il
Ministero dell’Agricoltura a quello della Sanità promuovendo un’alta percentua-
le di magnesio in tutti gli altri nutrienti della nostra alimentazione, che dovrebbe
rappresentare la nostra vera medicina≫. Ma, ahimè, le cose non stanno cosı̀ e, dal-
l’epoca dell’attività di Delbet, la situazione non ha fatto che peggiorare in modo
catastrofico: il numero di tumori e di altre malattie degenerative non ha cessato di
crescere!
Sottolineiamo quindi l’importanza di un’alimentazione a base di frutta, ver-
dura e cereali coltivati secondo i principi dell’agrobiologia, con l’aggiunta di un
po’ di sale non raffinato: la nostra salute e quella dei nostri figli dipende da que-

– 21 –
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 22 –
di Marie-France Muller

sto. Tuttavia, per colmare le carenze, è necessaria la cura a base di cloruro di


magnesio.

4.2 Regime alimentare carenzato


Tra le osservazioni di Delbet, vi è una curiosità: l’assunzione regolare di cloruro
di magnesio attenua in modo considerevole gli effetti negativi di un’alimentazione
carenzata. Sembra per l’appunto che questo sale permetta o regolarizzi determi-
nate sintesi che la carenza di nutrienti diversi (vitamine, minerali. . . ) impedisce o
disturba.
Se è questo il vostro caso, che può essere dovuto a una grave malattia, a una
dieta dimagrante troppo drastica o squilibrata, o semplicemente perché non avete
avuto molto tempo per preparare pasti sani che includano sufficienti quantità di
verdura (anche cruda), cereali non raffinati (riso integrale, pasta integrale, semola,
pane biologico ecc.), frutta, olio extravergine, sale marino non raffinato, vi sarà
molto utile assumere quotidianamente uno o due bicchieri di cloruro di magnesio
oppure una compressa di Delbiase mattina e sera.
Naturalmente, per un risultato duraturo e un miglioramento sensibile della
vostra salute, dovrete rivedere la vostra alimentazione oppure integrarla con vita-
mine, minerali o altri integratori alimentari secondo le vostre necessità e i consigli
di un terapeuta competente.

4.3 Un effetto protettivo contro le radiazioni


ionizzanti
Il nostro mondo ci fa vivere in un vero ≪bagno di radiazioni≫ di ogni tipo. Ol-
tre all’esposizione alla radioattività (chi non ha consumato alimenti irradiati?), vi
sono anche la televisione, i videogiochi, i monitor dei computer, solo per fare
qualche esempio. Questa esposizione quasi permanente sconvolge l’equili-
brio delle cellule vive, ha un effetto molto yin, generando nuove patologie che
possono andare dal semplice affaticamento all’aggressività, al mal di testa. . . e
alla leucemia generata dall’esposizione alla radioattività (per esempio Cernobil).
Il cloruro di magnesio si presenta come un agente chelante della radioatti-
vità, molto yang, in grado di controbilanciare in parte gli effetti distruttivi.

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 23 –
di Marie-France Muller

Se passate molto tempo davanti a uno schermo, cercate di assumere il cloruro


di magnesio regolarmente: vi sarà d’aiuto!

4.4 Quando bisogna agire


Troverete qui di seguito alcune indicazioni riguardo all’utilizzo del cloruro di
magnesio, della Delbiase e della Cytodelbiase. Si tratta di semplici indicazioni:
chiedete il parere del vostro medico o del vostro terapeuta di fiducia.

4.5 Acne
Si ottengono buoni risultati sostituendo le varie lozioni prescritte abitualmente
con il cloruro di magnesio, applicato con un batuffolo di cotone dopo una puli-
zia accurata della pelle. Si può utilizzare anche la Cytodelbiase, dopo accurata
pulizia.
Naturalmente è consigliata la cura magnesiaca al fine di stimolare le difese
immunitarie e il metabolismo.
Esistono acne persistenti guaribili in qualche settimana per via interna:
— un bicchiere di cloruro di magnesio due o tre volte al dı̀.
NB Non abusare della Delbiase negli adolescenti: accelera la maturazione
sessuale, ma può anche causare in certi casi un’eccitazione sessuale eccessiva.

4.6 Affaticamento
La sensazione di affaticamento, di astenia, conseguente a una malattia infettiva,
causata dal surmenage o sopravvenuta senza motivo apparente, scompare rapida-
mente sotto l’influenza del cloruro di magnesio.
Questo sale, d’altronde, procura calma ed energia, associate a una sensazio-
ne di euforia e ottimismo. Esso permette un sovrappiù di attività con minore
fatica, molto utile in numerose situazioni alle quali ci costringe la vita moder-
na. Si riscontra anche una netta crescita della libido, soprattutto con la Delbiase,
raccomandata nei casi di impotenza o di mancanza di desiderio sessuale.

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 24 –
di Marie-France Muller

— Un bicchiere o una compressa di Delbiase due volte al dı̀.

4.7 Allergie
Benché il cloruro di magnesio non guarisca le allergie, le ricerche di Delbet dimo-
strano chiaramente che nella maggior parte dei casi esso permette di sopportare
meglio gli allergeni per i quali costituisce una forma di prevenzione nei casi di
asma, di eczema, di sinusite, di bronchite asmatica ecc.
Ovviamente, in caso di infezione acuta non esitate ad aumentare la frequenza
nell’assunzione.

4.8 Angina
Non appena compare il mal di gola, assumere il cloruro di magnesio da due a
quattro volte al dı̀, al bisogno. Se la febbre è elevata, berne un bicchiere ogni tre
ore il primo giorno, poi dilatare le assunzioni come indicato in precedenza.
Non trascurate mai un mal di gola, in quanto è spesso la prima manifestazione
di disturbi più gravi. Stimolando invece le vostre difese immunitarie, forse po-
trete evitare una malattia più grave senza saperlo. L’ideale sarebbe non aspettare
mai di essere davvero ammalati per curarsi: ciò è spesso possibile con la terapia
magnesiaca.

4.9 Ascesso, antrace, foruncoli


La terapia magnesiaca contrasta il loro sviluppo sin dall’inizio del trattamento:
— un bicchiere di soluzione mattina e sera per tre settimane.
Per l’antrace:
— un bicchiere ogni sei ore.
In tutti i casi, ricoprire le lesioni con impacchi di cloruro di magnesio. Il dolore
si attenua rapidamente e la guarigione avviene in alcuni giorni (una quindicina in
caso di foruncolosi o di antrace).

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 25 –
di Marie-France Muller

4.10 Asma
Si ottengono eccellenti risultati con la semplice assunzione di 125 cc di cloruro
di magnesio due volte al dı̀ almeno per tre settimane. Trattamento da rinnovarsi
finché necessario.

4.11 Ateroma
L’associazione calcio – sali di magnesio favorisce l’eliminazione delle ecce-
denze calciche, in particolare nei tessuti articolari, e delle placche di ateroma
che si fissano sulle arterie. Quiserne e Jarrige hanno constatato ≪lo schiarimento
sullo schermo di aorte scure e la scomparsa di osteofiti in seguito a un trattamento
prolungato di ioduro di magnesio≫, uno dei sali alogenati di magnesio un tempo
contenuti nella Delbiase.
— Secondo la situazione, una compressa di Delbiase da due a quattro volte al
dı̀ per diversi mesi.

4.12 Bocca (afte, infezioni varie)


Sciacqui da due a quattro volte al dı̀, tenendo in bocca la soluzione almeno per
cinque minuti e poi espellerla. Berne nel contempo un bicchiere una o due volte
al dı̀. Vedi anche ≪Piorrea alveolodentale≫.

4.13 Bronchite
Se assunto sin dai primi sintomi (in generale l’angina), il cloruro di magnesio ne
blocca l’evoluzione. In caso di assunzione tardiva, adottare il trattamento dei casi
acuti: inizialmente ogni sei ore, poi ogni otto ore e infine ogni dodici ore.

4.14 Bronchite cronica


Come per l’asma: un bicchiere due volte al dı̀ sino a completa guarigione.

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 26 –
di Marie-France Muller

4.15 Calcoli biliari


Sembra proprio che l’assunzione regolare di due compresse di Delbiase al dı̀ o di
due bicchieri di cloruro di magnesio abbia un’azione preventiva sulla formazione
di calcoli biliari.
Inoltre, come afferma lo stesso Delbet, l’assunzione regolare di cloruro di ma-
gnesio da parte di un malato già portatore di calcoli biliari consente alla cistifel-
lea di sopportarli meglio e di prevenire l’abituale alterazione della sua parete al
contatto con essi. I casi di colecisti guariti con l’assunzione regolare dei sali di
magnesio sono numerosi.

4.16 Cancro
NB Il cloruro di magnesio non guarisce il cancro! Tuttavia, può prevenirne la
comparsa attraverso un uso regolare. Era proprio questo lo scopo essenziale del
professor Delbet: cercare di impedire la cancerizzazione.
In caso di cancro accertato, si raccomanda tuttavia di affiancare alla cura
prescritta l’assunzione regolare di quattro compresse al dı̀ di Delbiase: il vo-
stro sistema immunitario sarà rinforzato e voi vi sentirete meglio, rinvigoriti
anche psicologicamente, fattore che può influire molto positivamente sul decorso
della malattia.

4.17 Capelli bianchi


L’applicazione locale di cloruro di magnesio può ripristinare in alcune persone la
pigmentazione dei peli incanutiti dall’età o dallo stress.
— Mattino e sera, frizionate i capelli e il cuoio capelluto per qualche mese (al-
meno sei) e bevete un bicchiere di soluzione. Applicatene anche sulle sopracciglia
e, se li portate, sui baffi.
Delbet indica anche una formula di crema (l’equivalente dell’attuale Cytodel-
biase) a base di sali idrogenati di magnesio, con la quale otteneva discreti risultati.
Ecco le quantità dei sali di magnesio, secondo le parole del professore.

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 27 –
di Marie-France Muller

Le proporzioni centesimali sono fornite in sali anidri:

cloruro di magnesio 0,80 g


bromuro di magnesio 0,084 g
ioduro di magnesio 0,000504 g
fluoruro di magnesio 0,0063 g

Egli dava indicazione di applicare la crema facendola aderire possibilmente


alla pelle. Inutile spalmarne uno strato spesso. In capo a qualche settimana si
poteva osservare il ritorno del colore nei peli. Potete provare con la Cytodelbiase,
benché non sia molto pratico far aderire la crema al cuoio capelluto!

4.18 Chirurgia
È molto salutare prepararsi a un intervento chirurgico assumendo due volte al dı̀
un bicchiere di cloruro di magnesio. Si riprende questa cura dal giorno succes-
sivo all’intervento, il che permette di ottenere più rapidamente le prime feci e
l’evacuazione dei gas.
Cosı̀, assunto durante la settimana precedente all’intervento, il cloruro di
magnesio dinamizza le difese immunitarie, previene le infezioni, stabilizza il
sistema nervoso grazie all’effetto leggermente euforizzante e dà energia.
Permette anche di sopportare meglio l’anestesia (sulla quale non ha alcuna
influenza) e non aumenta l’emorragia operatoria.
In compenso, la persona operata si rimette meglio e più in fretta!

4.19 Cistifellea
Il cloruro di magnesio esercita un’azione potente sulla secrezione biliare. Induce
l’evacuazione rapida della cistifellea quando questa è intasata. È quindi molto
utile in caso di infezione delle vie biliari, colecistite, angiocolite ecc.
Se soffrite frequentemente di diarrea, meteorismo, spasmi dolorosi dopo i
pasti; vi troverete bene assumendo due compresse di Delbiase al dı̀ per qualche
settimana. In generale sono necessari uno o due mesi per ottenere una regolariz-
zazione definitiva delle feci, ma i benefici non tardano a farsi sentire: scomparsa
dei dolori e dei disturbi intestinali, digestione facile, energia!

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 28 –
di Marie-France Muller

4.20 Coriza o raffreddore di testa


Nella maggior parte dei casi, quando il cloruro di magnesio è assunto all’inizio, il
raffreddore scompare quasi immediatamente dopo aver preso una sola dose!
Se il raffreddore è già in corso, sono necessari due dosi quotidiane per evitare
eventuali complicazioni. È possibile anche instillare nel naso qualche goccia di
soluzione.

4.21 Coriza spasmodica o raffreddore da fieno


Cominciate la terapia magnesiaca un mese prima del periodo critico con un’assun-
zione quotidiana. Se il raffreddore comincia, aumentare a due dosi al dı̀ durante
tutto il periodo. Instillate anche qualche goccia nelle narici mattino e sera o prima
di uscire.

4.22 Crampi, contratture muscolari


L’assunzione regolare di cloruro di magnesio si dimostra molto efficace: mezzo
bicchiere oppure un bicchiere mattino e sera. Lo stesso vale per i tanto dolorosi
crampi notturni.

4.23 Decalcificazione, osteoporosi, rachitismo


Contrariamente all’idea preconcetta, il magnesio, lungi dal decalcificare, favo-
risce al contrario la fissazione del calcio e del fosforo. La causa frequente di
questi fenomeni patologici è proprio la sua carenza! È invece un potente aiuto per
risolvere i problemi di rachitismo e di osteoporosi, in parte grazie alla sua azione
sulle ghiandole endocrine, come le paratiroidi, che giocano un ruolo fondamentale
nel metabolismo del calcio.
Il cloruro di magnesio esercita sul calcio un’azione regolatrice: ne favorisce
la fissazione in caso di carenza e la sua eliminazione laddove la sua presenza è
patologica.
— Una compressa di Delbiase da due a quattro volte al dı̀ secondo la gravità
del caso.

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 29 –
di Marie-France Muller

4.24 Depressione
Si veda anche ≪Affaticamento≫. La consumazione regolare del cloruro di magne-
sio ha un notevole effetto euforizzante e calmante in caso di stato depressivo, di
mancanza di gioia di vivere e di scoraggiamento. Naturalmente non può trasfor-
mare la situazione con un colpo di bacchetta magica, ma la persona può riprendere
in mano la propria vita e ricominciare a considerare le persone e gli eventi in modo
più costruttivo.
— Un bicchiere o una compressa di Delbiase mattino e sera per qualche mese.

4.25 Diarrea neonatale


I risultati sono probanti. Non bisogna temere l’aspetto leggermente lassativo del
prodotto. Somministratelo secondo la posologia indicata in precedenza:
— una dose quattro volte al dı̀.

4.26 Disturbi digestivi


Il cloruro di magnesio aumenta la contrattilità della fibra muscolare liscia, atti-
vando cosı̀ i movimenti dello stomaco e dell’intestino (peristalsi). D’altra par-
te, poiché i succhi pancreatici ed enterici contengono per natura del magnesio,
sembra esistere un rapporto diretto tra l’attività degli enzimi digestivi e la loro
quantità di tale sostanza. Ciò spiegherebbe l’azione del cloruro di magnesio sul
miglioramento dei meccanismi della digestione.
Se soffrite di diarrea o di stitichezza, l’assunzione regolare di cloruro di ma-
gnesio è consigliata in entrambi i casi. Negli stitici cronici esso può provocare
un’evacuazione rapida (benché non si possa considerare questo sale come un pur-
gante), seguita con il tempo da una regolarizzazione del transito intestinale. Se
soffrite di diarrea, l’assunzione continua di cloruro di magnesio ridurrà le vostre
feci, le quali, inoltre, si deodoreranno con il passare del tempo.
Nelle persone che non soffrono di questo tipo di problema, come già detto in
precedenza, è possibile osservare una diarrea nei primi giorni, ma non durerà. Il

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 30 –
di Marie-France Muller

risultato abituale è la regolarizzazione, quindi lasciate che il vostro corpo faccia il


proprio lavoro e si rimetta in sesto, e tutto andrà per il meglio!

4.27 Eczema
Sia che si tratti di un eczema cronico, anche di vecchia data, sia che abbia un’ori-
gine professionale (per esempio palmare), cede generalmente al trattamento ma-
gnesiaco in un lasso di tempo che va dai dieci ai venti giorni.
Nel caso di un eczema secco o umido, frizionatevi più volte al dı̀ con cloruro
di magnesio che lascerete asciugare naturalmente. Potete anche, soprattutto in
caso di eczema secco, utilizzare la crema Cytodelbiase, una o più volte al dı̀.
Per via interna aggiungete: — un bicchiere di cloruro di magnesio oppure una
compressa di Delbiase mattino e sera fino a completa guarigione.

4.28 Enfisema
Questa penosa malattia, che causa una grave difficoltà respiratoria, richiede na-
turalmente una rieducazione polmonare. Tuttavia, il consumo di due bicchieri di
125 cc di cloruro di magnesio al dı̀ prima dei pasti si dimostra generalmente molto
efficace.

4.29 Erisipela
Questa dolorosa malattia della pelle di origine infettiva (in genere dovuta allo
streptococco) si accompagna a gravi sintomi generali. Nonostante la gravità di
quest’affezione, i risultati anche in questo caso sono interessanti. Iniziate il prima
possibile la terapia magnesiaca:
— un bicchiere quattro volte al dı̀, più spesso se le condizioni lo richiedono.

4.30 Esposizione alla radioattività


Problema purtroppo all’ordine del giorno per certi e che può diventarlo per tutti!
È quindi importante sapersi premunire per quanto possibile. Secondo Michel Do-

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 31 –
di Marie-France Muller

gna, il cloruro di magnesio sarebbe un chelante di radioattività, molto yang


(che attira lo yin), che combatte sia la radioattività sia la leucemia che questa
genera. In simili casi è importante associare all’assunzione regolare di cloru-
ro di magnesio il consumo di brodo di miso (si trova in negozi di dietetica) e
l’argilla per via interna ed esterna.
— Un bicchiere di cloruro di magnesio oppure due compresse di Delbiase due
volte al dı̀.

4.31 Ferite varie


I bambini preferiscono di gran lunga che i loro genitori utilizzino la soluzione di
cloruro di magnesio per disinfettare le ginocchia ferite piuttosto che qualsiasi
altro prodotto. Infatti, come mi hanno riferito molti giovani pazienti, ≪non brucia,
non rimangono le ginocchia rosse e la ferita cicatrizza più in fretta senza quelle
brutte croste che venivano con quello che mamma metteva prima!≫.

• Pulire il prima possibile con il cloruro di magnesio, poi lasciare all’aria


libera senza altri prodotti.

• Se la ferita è profonda, ricoprite con garza imbevuta di soluzione magnesia-


ca e lasciatela agire come fareste normalmente. Cambiate la medicazione
ogni giorno.

• Se la ferita presenta sporcizia difficile da asportare, lasciate agire l’impacco


di garza ben umido per qualche ora e date da bere del cloruro di magnesio
due o tre volte durante la giornata.

4.32 Gastroenterite
Le persone colpite da questa patologia sempre più frequente (spesso a causa della
cattiva qualità batteriologica dell’acqua potabile) sono sempre sorprese del fatto
che io consigli loro questa terapia: ≪Ma ho già la diarrea. . . ≫. Tuttavia hanno ben
presto la sorpresa di constatare che la dissenteria diminuisce e che il loro stato
migliora rapidamente!
— Secondo lo stato della persona, da tre a quattro bicchieri al dı̀ per un giorno
o due, poi un bicchiere mattino e sera.

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 32 –
di Marie-France Muller

4.33 Influenza
A scopo preventivo: assumete un bicchiere di soluzione ogni mattina a digiu-
no, quando si prevede un’epidemia. È il modo miglior per evitarla. . . (nella mia
famiglia nessuno si fa mai vaccinare contro l’influenza, e sono più di trent’anni,
da quando conosco il metodo, che non la contraiamo!).
Sin dai primi sintomi, adottate la posologia dei disturbi acuti, ovvero un bic-
chiere ogni tre ore il primo giorno, poi diradare come sopra indicato.
Considerate che è sempre possibile affiancare a questa cura altri trattamenti,
compresi gli antibiotici, se necessario: non potranno che essere maggiormente
efficaci. Tuttavia, se ne può fare a meno per gran parte del tempo.

4.34 Intossicazione alimentare


Può manifestarsi con diarrea, uno stato sincopale, ripetute crisi di vomito.
— Un solo bicchiere di 125 cc in genere è sufficiente a eliminare ogni disturbo.

4.35 Invecchiamento
La quantità di magnesio contenuta nei tessuti muscolari nervosi diminuisce con
l’età; da qui deriva il grande interesse nel colmare questa carenza. Tale di minu-
zione del magnesio nell’organismo potrebbe essere proprio uno dei fattori dell’in-
vecchiamento. Prova ne è l’azione evidente dei sali alogenati di magnesio (cloruro
di magnesio e Delbiase) su certi fenomeni senili (si veda anche ≪Senilità≫).

4.36 Leucoplasia
Quest’affezione cronica molto fastidiosa, che colpisce le mucose (soprattutto la
bocca), si manifesta sotto forma di placche biancastre od opaline, spesso sul bordo
della lingua, e colpisce principalmente le persone affette da deficit immunitario
grave (AIDS, cancro. . . ). Una o due compresse di Delbiase oppure un bicchiere
di cloruro di magnesio da due a quattro volte al dı̀, secondo la gravità della lesione
e lo stato generale, per almeno sei mesi.

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 33 –
di Marie-France Muller

4.37 Macchie di vecchiaia


Queste macchie scure, che fanno disperare tante persone della terza età, possono
essere ampiamente attenuate attraverso l’assunzione continua per via interna del
cloruro di magnesio.
Allo stesso modo, secondo Delbet, ≪l’applicazione locale della pomata ma-
gnesiaca [si veda “Capelli bianchi”] le schiarisce molto e ne riduce le dimensioni.
Esse si schiariscono in fretta, e l’ipercheratosi che talvolta si manifesta sulla loro
superficie si arresta≫.
Tuttavia le macchie non scompaiono mai completamente e, se si sospende il
trattamento magnesiaco, esse riprendono a scurirsi e aumentano di dimensioni.
In ogni caso, l’interesse è evidente se si considera che qui si manifesta un
fenomeno di regolarizzazione della pigmentazione (come per i capelli bianchi), i
cui disturbi ≪giocano un ruolo in certe forme di cancro≫(fra gli altri, quello della
pelle).
— Un bicchiere di cloruro di magnesio al dı̀.
— Applicazione sulle zone colpite di Cytodelbiase prima di coricarsi.

4.38 Malattie infantili: morbillo, scarlattina,


rosolia, varicella. . .
Sin dai primi disturbi (angina, febbre), iniziate il trattamento magnesiaco:
— una dose adatta all’età del bambino ogni sei ore.
Quando compaiono le lesioni cutanee e la febbre è calata, frizionate le zone
colpite con la soluzione o la crema Cytodelbiase; continuate intanto a sommini-
strare un bicchiere di cloruro di magnesio sciolto mattino e sera. Tenete soprattut-
to il bambino al caldo e a riposo fino a completa guarigione, anche se comincia a
sentirsi bene.

4.39 Mastosi, mastite cronica


Nei casi gravi:

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 34 –
di Marie-France Muller

— da quattro a sei compresse di Delbiase al dı̀ per diversi mesi; associate


oppure no ad altri trattamenti.
Nei casi di mastosi ordinaria:
— un bicchiere di cloruro di magnesio due volte al dı̀ per qualche settimana
fa regredire questi problemi fastidiosi che il più delle volte scompaiono.

4.40 Memoria, concentrazione


I sali di magnesio aumentano l’attività cerebrale in modo costante. Attenzione
solo alle dosi elevate: possono portare insonnia, ma senza affaticamento. Se può
essere un inconveniente per alcuni, non lo è certo per coloro ai quali manca sempre
il tempo necessario per le loro attività!
— Una compressa di Delbiase due volte al dı̀ costituisce un dosaggio medio.

4.41 Morbo di Parkinson


I sali di magnesio agiscono anche su alcuni tremori patologici, come quelli di
questa malattia sulla quale sembrano fare faville, benché qui non si possa parlare
propriamente di una vera guarigione.
Delbet cita numerosi casi, fra cui quello di un uomo di 57 anni colpito dal
morbo da otto anni e che non riusciva neanche più ad alimentarsi da solo tanto
i tremori erano intensi. Poiché nessuna cura era riuscita a migliorare il suo sta-
to, comincia ad assumere due compresse di Delbiase al dı̀, portate a cinque due
settimane dopo. Dopo cinque settimane vi è un netto miglioramento, anche se
sporadico: riesce a portare un bicchiere alla bocca e a mantenersi meglio in piedi.
Dopo due mesi di trattamento la stabilità è molto migliorata, i periodi di calma si
sono allungati e lo stato generale gode di un considerevole miglioramento. Inoltre
è aumentato di tre chili!
Una parkinsoniana di 67 anni, che non riusciva più a portare nulla alla bocca a
causa dell’ampiezza dei tremori degli arti superiori, li ha visti rapidamente dimi-
nuire con l’assunzione di quattro compresse di Delbiase al dı̀. Dopo aver interrotto
il trattamento, i tremori sono ripresi dopo cinque giorni! Dopo aver ricomincia-
to ad assumere la Delbiase, tutto rientra nella norma nel giro di qualche giorno.
I tremori sono scomparsi, lo stato generale è soddisfacente, anche se persiste la
rigidità muscolare: la malattia non è guarita, ma quale miglioramento!

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 35 –
di Marie-France Muller

4.42 Orecchioni
Come per le ≪Malattie infantili≫.

4.43 Osteomielite
È citata dal dottor Neveu nel suo famoso intervento; egli precisa: ≪Nessuno
dei malati che ho dovuto trattare per osteomielite ha dovuto subire l’intervento
chirurgico: è tutto rientrato nella norma grazie al cloruro di magnesio≫!

4.44 Otite
Sin dai primi dolori alle orecchie:
— una dose, secondo l’età di cloruro di magnesio tre volte al dı̀.
Il sollievo sopraggiunge nelle ore seguenti. Se la febbre è elevata, sommini-
strare la soluzione ogni sei ore il primo giorno, ogni otto ore il giorno successivo
e infine ogni dodici ore (anche se va tutto bene, per non rischiare una ricaduta). Si
può anche instillare nell’orecchio malato qualche goccia tiepida di soluzione.

4.45 Panereccio
Qualche giorno di cloruro di magnesio lo guarisce, senza che sia necessario in-
cidere e anche quando comincia a manifestarsi una linfangite. Proteggete con
impacchi di cloruro di magnesio.

4.46 Parto
L’assunzione preventiva di cloruro di magnesio allevia nettamente questo momen-
to difficile rendendo molto più sopportabili ed efficaci le contrazioni. Infatti que-
sto sale stabilizza il sistema muscolare, beneficiando la futura mamma del suo
effetto leggermente euforizzante e tonico. Il suo effetto leggermente lassativo può
anche alleviare le ultime settimane di gravidanza.

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 36 –
di Marie-France Muller

Inoltre il consumo preventivo elimina ogni rischio della famigerata ≪febbre


puerperale≫ che ha mietuto tante vittime, soprattutto nei tempi passati.
Tre settimane prima: una compressa di Delbiase due volte al dı̀, compre-
so il giorno del parto. Successivamente, una compressa per qualche settimana
per favorire il ritorno alla normalità (prolungare la somministrazione in caso di
bisogno).

4.47 Pelle
Si veda anche ≪Acne≫, ≪Eczema≫, ≪Prurito≫, ≪Psoriasi ≫. Tutti i problemi di
pelle necessitano l’ausilio del cloruro di magnesio, per via interna e per uso ester-
no: impacco, frizione. . . In questi casi è indicata anche la crema Cytodelbiase.

4.48 Pertosse
Secondo le parole del dottor Neveu, ≪iniziato alla prima tosse, il trattamento ma-
gnesiaco stronca la pertosse; avviato in modo tardivo, modera gli accessi di tosse
e abbrevia la malattia≫.

4.49 Piorrea alveolodentale


Le cause dello scalzamento dei denti in generale sono l’autointossicazione
e l’artritismo. Viene colpito l’alveolo osseo, non la gengiva, e l’atrofia dei
bordi alveolari compare sempre prima delle lesioni gengivali. Quando la piorrea
guarisce, la densità del tessuto osseo ritorna normale.
Il trattamento magnesiaco costituisce un potente coadiuvante alla cura diretta
attuata dal vostro dentista.
— All’inizio una compressa di Delbiase quattro volte al dı̀, poi, in seguito a
miglioramenti, due volte al dı̀ per due o tre mesi.

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 37 –
di Marie-France Muller

4.50 Poliomielite
Come già menzionato, questa terribile malattia fu in un certo modo il ≪cavallo di
battaglia≫ di Pierre Delbet nelle sue ricerche sulle virtù del cloruro di magnesio.
Se il trattamento viene iniziato sin dai primi giorni successivi alla comparsa della
paralisi, la guarigione è rapida e totale, senza postumi. Se è più tardivo, i risultati
rimangono generalmente eccellenti: talvolta con scomparsa totale dei postumi,
ma nei casi curati troppo in ritardo bisogna accontentarsi di una stabilizzazione
dello stato, spesso accompagnata da miglioramenti.
Quando si sospetta un possibile attacco: un bicchiere (o meno, secondo l’età)
di cloruro di magnesio ogni tre ore in caso di febbre, poi diradare come indi-
cato in precedenza (tenete conto che, qualunque sia la gravità della malattia,
la posologia è la stessa!).
In caso di malattia insediata da tempo: assumere il cloruro di magnesio ogni
sei ore (quattro volte al dı̀) per una decina di giorni, poi ogni otto ore per una
quindicina di giorni e infine due volte al dı̀ per un lungo periodo.
A scopo preventivo (per esempio in caso di bagno in acqua inquinata): un
bicchiere (o meno, secondo l’età) mattino e sera per qualche giorno.

4.51 Prostatismo
L’assunzione regolare di Delbiase attenua sempre o spesso fa persino scomparire
i disturbi prostatici (minzioni frequenti e dolorose). Lo stato generale migliora sin
dai primi mesi di trattamento. Tuttavia, non bisogna aspettarsi la guarigione: se si
sospende il trattamento i disturbi riappaiono.
— Una compressa di Delbiase quattro volte al dı̀ per almeno sei mesi, asso-
ciata oppure no a un altro trattamento.

4.52 Prurito
La maggior parte dei pruriti – qualunque ne sia la causa – vengono rapidamente
leniti dall’assunzione di due dosi quotidiane di cloruro di magnesio. Aggiungete
l’applicazione esterna della crema Cyrtodelbiase o della soluzione a livello locale.

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 38 –
di Marie-France Muller

4.53 Psoriasi
Questa dermatosi cosı̀ difficoltosa e complessa da trattare è generalmente allevia-
ta in poco tempo con la cura magnesiaca: una quindicina di giorni bastano per
arrecare alleviamento nella maggior parte dei casi. Tuttavia non si può parlare
di guarigione: le chiazze, infatti, riappaiono sovente alla sospensione del tratta-
mento. Il cloruro di magnesio permette tuttavia di ottenere un lenimento pre-
zioso. Si possono affiancare altri trattamenti naturali (bagno derivativo, argilla,
omeopatia. . . ).
— Un bicchiere di cloruro di magnesio una volta al dı̀.
— Applicazione quotidiana di Cytodelbiase.

4.54 Rigidità muscolare, indolenzimento


Si veda anche ≪Morbo di Parkinson≫. Qualsiasi attacco (salvo causa accidentale)
del sistema neuromuscolare viene alleviato dall’assunzione prolungata di cloruro
di magnesio.
Nelle persone anziane questa rigidità si manifesta in molti modi: andatura a
scatti, difficoltà a scendere le scale, scrittura che diventa irregolare. Vi sono stati
casi di persone afflitte da questi problemi che, grazie all’influenza del cloruro di
magnesio, hanno ripreso un’andatura sciolta ed elastica, e hanno ricuperato
la loro scrittura abituale.
Delbet riferisce il caso di un uomo di 69 anni, iperteso, colpito da tremori che
gli rendevano impossibile la scrittura da due anni: diminuzione del tremore dopo
tre settimane di cura di Delbiase (due compresse al dı̀) e, due settimane dopo, la
scrittura era ritornata normale.

4.55 Sclerosi a placche


Pur senza portare alla guarigione, molto spesso l’assunzione di cloruro di magne-
sio o di Delbiase consente una maggiore stabilità sulle gambe e una diminuzio-
ne dei disturbi oculari, e debella la paresi vescicale all’origine dei disturbi della
minzione.
— Provare ad assumere due e poi quattro compresse al dı̀ di Delbiase.

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 39 –
di Marie-France Muller

4.56 Senilità
L’opera di Delbet ha messo in evidenza l’importanza dei sali alogenati di ma-
gnesio sui fenomeni legati all’invecchiamento: tremori, prurito, calo della libido,
prostatismo negli uomini, incontinenza urinaria, tono generale, concentrazione,
memoria, mobilità, insonnia, macchie scure (dette ≪di vecchiaia≫) ecc.
Nelle persone anziane la percentuale naturale di magnesio diminuisce note-
volmente, mentre il tasso di calcio aumenta. L’equilibrio del rapporto tra questi
due elementi è molto importante, e Delbet ha dimostrato che questo squilibrio au-
menta con l’età. Pur senza essere ≪miracolosa≫, l’assunzione regolare di cloruro
di magnesio e/o di Delbiase è un palliativo per molti effetti dell’invecchiamento.
Pertanto non sapremmo darvi un consiglio preciso sulla posologia. In linea di
massima:
— un bicchiere di cloruro di magnesio o due compresse di Delbiase due volte
al dı̀.

4.57 Sinusite
Si veda ≪Coriza≫.

4.58 Sistema nervoso


Si veda anche ≪Affaticamento≫. La materia grigia è ricca di magnesio. Il siste-
ma nervoso ne è grande consumatore e il sovraffaticamento intellettuale ne
accelera la perdita. Molti disturbi nervosi sono dovuti alla carenza di magnesio.
— Un bicchiere o una compressa di Delbiase una o due volte al dı̀.

4.59 Stitichezza
Si veda ≪Disturbi digestivi≫. Se si tratta di una stitichezza grave e datata, potete
cominciare con dosi ravvicinate il primo giorno: un bicchiere quattro volte nella
giornata. Poi si passa a tre bicchieri il giorno seguente, due da quello successivo
per diverse settimane, fino alla completa regolarità.

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 40 –
di Marie-France Muller

Nel caso più ricorrente di una stitichezza passeggera, un bicchiere o due al


dı̀ basteranno a riportare tutto alla normalità. Quando è ristabilito il buon fun-
zionamento intestinale, continuate ancora per qualche settimana ad assumere un
bicchiere prima di coricarvi.

4.60 Tetano
Questa terribile malattia – che un tempo era devastante e può ancora colpire –
può essere rapidamente e completamente guarita, senza postumi dal cloruro di
magnesio. Il magnesio, avendo la proprietà di ossigenare il sangue, rende
impossibile la proliferazione del tetano, poiché questo può vivere solo in un
ambiente anaerobico. Vi sono due modi di agire per curarlo.

A scopo preventivo. Quando ci si ferisce in maniera sospetta (chiodo arruggini-


to, piaga sporca di terra ecc), il provvedimento migliore è lavare la ferita
il più presto possibile con la soluzione di cloruro di magnesio e berne due
bicchieri al dı̀ per due o tre giorni, al fine di evitare ogni rischio in caso di
eventuale contagio.
Se si è atteso un po’ troppo e la piaga si infetta, vi è ancora tempo per
agire: lavaggio della piaga con la soluzione magnesiaca, impacchi sulla
zona infetta da tenere per il tempo che sembra opportuno, assunzione della
soluzione per via interna in ragione di quattro bicchieri al dı̀ per cominciare,
poi tre il giorno successivo, a seguire due ecc.

A scopo curativo. Nei casi estremi, la perfusione molto lenta di una soluzione
appropriata di cloruro di magnesio (che dev’essere praticata soltanto da un
medico) dà eccellenti risultati nel giro di qualche minuto. Un medico mi ha
riferito il caso di un malato in situazione di contrattura muscolare estrema
(tetania), il quale si ritrovava tranquillamente seduto sul suo letto appena
terminata la per fusione di cloruro di magnesio.
— Iniettare in 20 minuti per via endovenosa 5 g di cloruro di magnesio
sciolto in 20 ml di soluzione fisiologica (formula dei dottori Fumeron e
Neveu). È possibile realizzare facilmente da sé questo preparato facendo
sciogliere 20 g di cloruro di magnesio in 80 ml di soluzione fisiologica.

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 41 –
di Marie-France Muller

4.61 Tiroide (noduli)


In questo caso si rimpiange di non poter più utilizzare la Delbiase originaria che
conteneva una leggera dose di ioduro di magnesio, dato che lo iodio è un elemento
determinante per il trattamento. Tuttavia, l’assunzione regolare di Delbiase asso-
ciata al consumo di sale marino non raffinato, di alghe o di estratti di alghe (si
possono trovare nei negozi di dietetica) esercita un’azione molto favorevole sui
noduli prevenendone la cancerizzazione.
— Due o tre compresse di Delbiase al dı̀ per un periodo prolungato, sino alla
scomparsa dei noduli.

4.62 Tono sessuale


La carenza di sali alogenati di magnesio ha ripercussioni sulla funzione e sul de-
siderio sessuale, come anche sull’affaticamento in generale. Non esitate quindi a
ricorrervi in caso di perdita di tono: ritroverete il dinamismo senza nuocere alla
salute!
— Due compresse di Delbiase mattino e sera.

4.63 Unghie
Si è riscontrato che le unghie molli diventavano più resistenti in seguito all’assun-
zione regolare di cloruro di magnesio.

4.64 Ustioni
Applicate il prima possibile un impacco imbevuto della soluzione di cloruro di
magnesio o di Cytodelbiase. Bere anche un bicchiere di soluzione due volte al dı̀
per prevenire un’eventuale infezione.

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 42 –
di Marie-France Muller

4.65 Verruche
In molti casi, l’assorbimento quotidiano dei sali di magnesio le fa scomparire
rapidamente. Provate anche l’applicazione locale di Cytodelbiase.

4.66 Anche nel vostro giardino. . .


Non è questa la sede per tenere un corso di coltivazione biologica! Tuttavia vi è
un semplice ≪trucco≫che vorrei condividere con voi.
Se avete la fortuna di possedere un orto, innaffiate di tanto in tanto, per
esempio una volta alla settimana, le vostre verdure, insalate, piante aromati-
che e frutti con una soluzione diluita di cloruro di magnesio (personalmente,
utilizzo 20 g per un innaffiatorio di 20 litri). Ciò vi permetterà di arricchire la
loro quantità naturale di sali di magnesio e di renderli ottimi prodotti per la vostra
salute e quella della vostra famiglia.

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Capitolo 5

Per concludere

Le precedenti indicazioni degli usi terapeutici e preventivi del cloruro di magnesio


non si limitano ai pochi casi citati. Esse tuttavia valgono come esempi – dalle
patologie più gravi a quelle più benigne – per consentirvi di imparare a utilizzare
questo meraviglioso alimento. Soprattutto non credetemi sulla parola, sarebbe
un grave danno. Fatene esperienza personalmente: questa parlerà da sé.
D’altronde, sarebbe un peccato non menzionare le possibilità che offre il me-
todo citofilattico al cloruro di magnesio nell’uso veterinario. Per maggiori detta-
gli, fate riferimento alla breve guida Médecines douces pour animaux, nella quale
troverete esposto questo metodo, come anche altri di cure naturali che possono
essere eventualmente associati.
In questi tempi tentano di convincerci che la nostra salute non ci appar-
tiene e che in questo campo dobbiamo affidarci ciecamente al medico, sen-
za osare fare nulla che ci permetta di prenderci cura di noi stessi (i grandi
interessi e le grosse case farmaceutiche dettano legge: cosı̀ gira il mondo). . .
In questo strano periodo dobbiamo persino difendere il giusto possesso del
nostro corpo e la libertà di disporne come desideriamo: pensiamo che in Francia
da giugno 1998 [in Italia dal 1◦ aprile 1999, N. d. T], se non vogliamo automati-
camente essere considerati come potenziali donatori di organi in caso di decesso
(come anche eventualmente riceventi in caso di bisogno), dobbiamo iscriverci in
una lista nazionale (a rischio di essere esposti ai rimproveri e ad altre eventuali
angherie da parte degli adepti del pensiero ufficiale in questo campo, che è: ≪Il
tuo corpo non ti appartiene, ma appartiene a tutti e noi ci siamo arrogati il diritto
di disporne a nostro piacimento, che ti piaccia o no!≫) . . .
In quest’epoca stravagante si tenta di farci capire che non è più cosı̀ utile man-

– 43 –
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 44 –
di Marie-France Muller

tenersi in buona salute a prezzo di qualche sforzo: si può disporre attualmente di


pezzi di ricambio sotto forma di trapianti di organi! È vero che le liste d’attesa
ora sono molto lunghe, ma la situazione cambierà presto, poiché è già stata presa
in seria considerazione l’idea di disporre tra breve di cloni umani (e perché non il
nostro clone personale?) che ci servirebbero da scorte di pezzi di ricambio in caso
di bisogno. . .
Di questi tempi alcuni di noi hanno difficoltà a trovare il proprio spazio vitale
che consenta di condurre serenamente la propria vita, una vita che comunque
appartenga solo a noi e a nessun altro!. . .
Per queste ragioni, mi sembra importante rivalutare e rimettere in pratica le
idee semplici ma geniali di ricercatori seri e umili che avevano dedicato la propria
vita al benessere dei loro simili; essi, tuttavia, se ne sono andati senza vedere i
loro sforzi coronati dal giusto riconoscimento, che avevano il diritto di aspettarsi
dai loro pari.
Non è questo il caso del professor Delbet: la nostra epoca vede una se-
rie di ricercatori ingegnosi e benevoli che, invece di un’accoglienza calorosa
nei riguardi della loro scoperta, ricevono solo umiliazioni, menzogne, rifiuti,
quando non subiscono processi per aver trovato quello che non doveva anco-
ra essere svelato al di fuori dei ranghi del consenso generale della ricerca. Ne
ho conosciuti diversi personalmente. . .
E cosı̀, per semplice riconoscenza per i loro sforzi coraggiosi e il lavoro di una
vita, dobbiamo fare in modo che l’oblio ufficiale non ricopra tutto con un velo
opaco. La scoperta di Delbet –le meravigliose virtù del cloruro di magnesio – era
uno degli scopi di questo breve libro. È altresı̀ importante che questo prodotto
resti disponibile, come anche la Cytodeelbiase e la Delbiase. Solo la pressione
dei consumatori può ottenerlo: il prodotto rimarrà sugli scaffali fintantoché
vi sarà richiesta.
Tanti altri vecchi rimedi, che tuttavia avevano dato prova di efficacia e di basso
costo, sono già scomparsi dai prontuari. . . Bisogna pur fare posto alle nuove pic-
cole meraviglie della nostra tecnologia (agli effetti collaterali numerosi e talvolta
terrificanti); bisogna anche convincerci che si può curare un problema ≪serio≫ so-
lo con un rimedio altrettanto ≪serio≫, e tanto peggio se costa molto caro e ci crea
contemporaneamente altre patologie: bisogna sapere quello che si vuole, e poi
allo stesso tempo si prendono due piccioni con una fava, poiché saranno prescritte
altre medicine altrettanto ≪serie≫ per curare i disturbi causati dalla prima. . .
L’altro scopo di questo libro, certamente quello più importante, è quello di
aiutarvi ad approfittare di questo notevole nutriente per conservare e recuperare
una buona salute, come anche quella dei vostri familiari, grazie a questo metodo

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 45 –
di Marie-France Muller

cosı̀ semplice. Può essere un primo passo verso una maggiore autonomia in un
campo controverso come quello della salute, e anche un modo per riconquistare
una libertà elementare, quella di prendersi cura personalmente del proprio corpo,
e il potere elementare di gestire personalmente la propria salute, almeno nei casi
più benigni! Spero di avervene dato il gusto. . .

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Indice

Copertina 1

1 Una possibile alternativa agli antibiotici 1


1.1 Troppi antibiotici: che catastrofe! . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
1.2 La nostra immunità naturale è in pericolo! . . . . . . . . . . . . . 1
1.3 Un rimedio semplice e poco costoso . . . . . . . . . . . . . . . . 2
1.4 Risultati in breve tempo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2

2 Pierre Delbet: una scoperta audace 4


2.1 Gli antisettici in questione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
2.2 Aumentare la resistenza all’infezione . . . . . . . . . . . . . . . . 5
2.3 Risultati straordinari! . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
2.4 Per uso esterno e poi per via interna . . . . . . . . . . . . . . . . 6
2.5 ≪Ci dà entusiasmo nel nostro lavoro!≫ . . . . . . . . . . . . . . . 7
2.6 La formula Delbiase . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
2.7 Formula originale della Delbiase del professor Delbet . . . . . . . 8
2.8 Dal trattamento delle piaghe alla profilassi del cancro . . . . . . . 9
2.9 Carenza magnesiaca e cancerosa:
l’alimentazione moderna sotto processo . . . . . . . . . . . . . . 10
2.10 Gli esperimenti del dottor Neveu . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
2.11 La poliomielite è vinta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
2.12 Trattamento della poliomielite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
2.13 Angina catarrale? Subito il cloruro di
magnesio! . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
2.14 In caso di epidemia di meningite . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
2.15 Guarigione di un caso di difterite . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
2.16 Altre affezioni trattate con successo . . . . . . . . . . . . . . . . 14
2.17 Ciononostante. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14

3 Cloruro di magnesio: istruzioni per l’uso 15


3.1 I sali di magnesio: alimenti necessari . . . . . . . . . . . . . . . . 15

– 46 –
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 47 –
di Marie-France Muller

3.2 Anche per i bambini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16


3.3 Un effetto leggermente lassativo? Normale . . . . . . . . . . . . . 16
3.4 Preparazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
3.5 Quale forma galenica scegliere? . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
3.6 Posologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
3.6.1 Adulti e bambini sopra i cinque anni . . . . . . . . . . . . 18
3.6.2 Bambini sotto i cinque anni . . . . . . . . . . . . . . . . 19
3.7 Per i neonati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
3.8 Vi sono controindicazioni per il cloruro di
magnesio? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
3.9 Tuttavia, come misure di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . 20

4 Qualche indicazione 21
4.1 Innanzitutto: prevenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
4.2 Regime alimentare carenzato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
4.3 Un effetto protettivo contro le radiazioni
ionizzanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
4.4 Quando bisogna agire . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
4.5 Acne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
4.6 Affaticamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
4.7 Allergie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
4.8 Angina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
4.9 Ascesso, antrace, foruncoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
4.10 Asma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
4.11 Ateroma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
4.12 Bocca (afte, infezioni varie) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
4.13 Bronchite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
4.14 Bronchite cronica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
4.15 Calcoli biliari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
4.16 Cancro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
4.17 Capelli bianchi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
4.18 Chirurgia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
4.19 Cistifellea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
4.20 Coriza o raffreddore di testa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
4.21 Coriza spasmodica o raffreddore da fieno . . . . . . . . . . . . . 28
4.22 Crampi, contratture muscolari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
4.23 Decalcificazione, osteoporosi, rachitismo . . . . . . . . . . . . . 28
4.24 Depressione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
4.25 Diarrea neonatale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
4.26 Disturbi digestivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
4.27 Eczema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
Un rimedio miracolo - il cloruro di magnesio – 48 –
di Marie-France Muller

4.28 Enfisema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
4.29 Erisipela . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
4.30 Esposizione alla radioattività . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
4.31 Ferite varie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
4.32 Gastroenterite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
4.33 Influenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
4.34 Intossicazione alimentare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
4.35 Invecchiamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
4.36 Leucoplasia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
4.37 Macchie di vecchiaia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
4.38 Malattie infantili: morbillo, scarlattina,
rosolia, varicella. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
4.39 Mastosi, mastite cronica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
4.40 Memoria, concentrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
4.41 Morbo di Parkinson . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
4.42 Orecchioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
4.43 Osteomielite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
4.44 Otite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
4.45 Panereccio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
4.46 Parto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
4.47 Pelle . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
4.48 Pertosse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
4.49 Piorrea alveolodentale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
4.50 Poliomielite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
4.51 Prostatismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
4.52 Prurito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
4.53 Psoriasi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
4.54 Rigidità muscolare, indolenzimento . . . . . . . . . . . . . . . . 38
4.55 Sclerosi a placche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
4.56 Senilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
4.57 Sinusite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
4.58 Sistema nervoso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
4.59 Stitichezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
4.60 Tetano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
4.61 Tiroide (noduli) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
4.62 Tono sessuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
4.63 Unghie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
4.64 Ustioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
4.65 Verruche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
4.66 Anche nel vostro giardino. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42

¤dizioniPDF - www.ed-pdf.it Y
. . . come una foglia nel vento. . .
5 Per concludere 43

Potrebbero piacerti anche