Sei sulla pagina 1di 4

Molto problemi richiedono l’impiego di coordinate polari per essere risolti

Definiamo allora le equazioni di equilibrio e di congruenza per un generico sistema di riferimento 3-D ()

Passiamo ora al caso di un problema piano bidimensionale riferendoci ad un piano ()

Definiamo la funzione di Airy nel caso di problema piano bidimensionale in coordinate polari

Come nel caso di coordinate cartesiane, lo stato tensionale in un problema piano è indipendente dal fatto che esso
sia SPT o SPD

Definiamo poi l’equazione di campo nel caso di forze di volume nulle, essa corrisponde ad un’equazione
biarmonica.
Definiamo poi l’equazione di campo nel caso di forze di volume nulle e problema assial-simmetrico (la forma
del solido e le condizioni di carico sono indipendenti dalla coordinata angolare), l’equazione biarmoinca diventa
un’equazione alle derivate ordinarie e possiamo quindi trovare la sua soluzione

Funzione di Airy nel caso di problema piano bidimensioale


assialsimmetrico (SPT o SPD)

Ricaviamo le tensioni nel caso di problema piano bidimensionale assialsimmetrico

A questo punto dobbiamo scegliere se rientrare nel caso di SPT o SPD


SPT SPD

SPT (sottili) SPD (lunghi)

Equazioni di legame
Equazioni di legame
(di tipo lineare elastico isotropo)
(di tipo lineare elastico isotropo)

Campo di spostamento

Campo di spostamento

Non definito, ma uguale a quello


dell’SPT salvo considerare le costanti
ed
sono relativa ad uno spostamento
rigido

si calcolano a partire dalle condizioni al


contorno

Questo stato piano è caratterizzato dalla Viceversa, questo stato piano è


seguente generazione di deformazione caratterizzato dalla seguente
longitudinale generazione di tensione longitudinale:

Esempio di calcolo dello stato tensionale di una lastra circolare piena, abbiamo sottolineato nuovamente che esso è
indipendente dal fatto che si abbia un SPT o un SPD.
Tornando al caso generale abbiamo definito l’integrale generale della funzione biarmonica, esso prende il nome
di soluzione di Michell

È chiaro che quando entrano in gioco le variabili il problema si complica e non è più possibile scrivere la
funzione di Airy in forma chiusa come è capitato nel caso di assial-simmetria, inoltre le dipendenze fra seno,
coseno e raggio si mischiano.