Sei sulla pagina 1di 1

Testo argomentativo

È ormai risaputo che le risorse del nostro pianeta sono in costante diminuzione e senza un chiaro cambio di
direzione da parte della specie umana potremmo essere la causa della nostra rovina, la Terra non potrà
infatti reggere ancora a lungo le richieste degli uomini. Alcuni cominciano addirittura a ipotizzare un futuro
fantascientifico in cui gli uomini abbandoneranno la Terra nei prossimi 200 anni, quest’ipotesi è vista da me
più come una semplice congettura, non siamo infatti ancora in grado di prevedere se il genere umano avrà
le tecnologie necessarie per riuscire in imprese tanto ambiziose. L’uomo dovrebbe concentrarsi nel cercare
di “salvare il salvabile” nell’unico pianeta vivibile da noi conosciuto senza continuare a rovinarlo
sconsideratamente sperando di riuscire ad abbandonarlo una volta averne esaurito le risorse,
l’esplorazione spaziale è ancora agli albori e non possiamo affidarci a quella come nostra unica ancora di
salvezza. Alcuni vedono l’esplorazione spaziale come un'altra conquista di territori simile a quelle già
avvenute in precedenza come quella del 1492 che portò alla scoperta delle Americhe, il paragone però non
è a mio avviso corretto in quanto non tiene conto del fatto che le tecnologie per scoprire nuove terre erano
in nostro possesso mentre le tecnologie in ambito spaziale sono ancora rudimentali rispetto alle nostre
necessità nel caso decidessimo di compiere questa impresa, basta pensare al fatto che la stella a noi più
vicina, Proxima Centauri, è distante da noi più di 4 anni luce, per raggiungerla in tempi ragionevoli
dovremmo andare contro i fondamenti della fisica che sostengo l’impossibilità di superare la velocità della
luce.

Al posto di limitarci e lasciare lo spazio come nostra unica via di fuga si dovrebbero implementare delle
regolazioni molto più rigide di quelle attualmente in vigore, ciò danneggerà sicuramente l’economia nel
breve periodo ma senza un cambio di direzione l’economia sarà l’ultimo dei nostri problemi in quanto i
cambiamenti subiti dal nostro pianeta diventeranno irreversibili. Le regolazioni che si dovrebbero prendere
dovrebbero avere come obbiettivi quello di limitare le emissioni nelle industrie più deterioranti per il globo
come quello delle carni (in particolare quelle delle carni rosse) ed il settore energetico cercando di limitarne
il consumo nel primo caso e cercando di rendere più efficiente il settore delle energie rinnovabili nel
secondo.

In conclusione ritengo che l’esplorazione spaziale sarà sicuramente un vantaggio una volta sviluppate le
tecnologie adatte ma non possiamo permetterci di vederla come nostra unica ancora di salvezza
continuando con incoscienza come abbiamo fatto finora.