Sei sulla pagina 1di 9

259

Esempio metodo matriciale


Lo schema statico riportato in gura viene risolto applicando il metodo matriciale.

Figura 7.1.

I dati di input sono:

ˆ Campata L = 6.00 m

ˆ Altezza H = 4.00 m

ˆ Altezza sezione trave ht = 0.70 m

ˆ Larghezza sezione trave bt = 0.30 m

ˆ Altezza sezione pilastro hp = 0.40 m

ˆ Larghezza sezione pilastro bp = 0.30 m

ˆ Modulo elastico E = 31500 MPa;

ˆ Carico sulla trave q = 40 kN/m

ˆ Forza orizzontale sul nodo 2: F1 = 150 kN

ˆ Forze verticali sui nodi 2 e 3: F2 = 30 kN

Note le dimensioni delle sezioni e il modulo di Young, si possono calcolare le rigidezze


assiali e essionali:

EAp = E · bp · hp = 31500 · 0.30 · 0.40 = 3780 MN


bp · h3p 0.30 · 0.403
EIp = E · = 31500 · = 50.4 MNm2
12 12 (7.1)
EAt = E · bt · ht = 31500 · 0.30 · 0.70 = 6615 MN
bt · h3t 0.30 · 0.703
EIt = E · = 31500 = 270 MNm2
12 12
260 Capitolo 7

La matrice di rigidezza della struttura viene assemblata dalle matrici di rigidezza delle
singole aste, che vengono espresse come delle matrici 2×2 di sottomatrici 3 × 3:

1 1 2 2 3 3
     
K1,1 K1,2 K1,1 K1,2 K1,1 K1,2
k1 = 1 1 k2 = 2 2 k3 = 3 3 (7.2)
K2,1 K2,2 K2,1 K2,2 K2,1 K2,2

La matrice di rigidezza della struttura risulta espressa come:

1 1
 
K1,1 K1,2 0 0
1
 K2,1 1 2 2
K2,2 + K2,2 K2,3 0 
K=
 0 2 2 3 3
 (7.3)
K3,2 K3,3 + K3,3 K3,4 
3 3
0 0 K4,3 K4,4

Il nodo 1 e 4 sono incastrati al suolo per cui le loro componenti di spostamento


sono nulle:

u1 = 0 v1 = 0 ϕ1 = 0
(7.4)
u4 = 0 v4 = 0 ϕ4 = 0

Per tener in conto tali condizioni di vincolo, si eliminano le righe e le colonne


della matrice di rigidezza corrispondenti alle equazioni di equilibrio che hanno come
incognite gli spostamenti del nodo 1 e 4. La matrice di rigidezza della struttura
vincolta si riduce a una matrice 2 × 2 di sottomatrici 3 × 3:

1 2 2
 
K2,2 + K2,2 K2,3
Kv = 2 2 3 (7.5)
K3,2 K3,3 + K3,3

Le matrici di rigidezza delle singole aste vengono dapprima scritte nel riferimento
locale e poi riportate nel riferimento globale. Per l'asta 1 occorre solo la sottomatrice
1
K̄2,2 , che è data da:

EAp
 
 H 0 0 
12EIp 6EIp
 
1
K̄2,2 = 0 (7.6)
 

 H3 H2 
 6EIp 4EIp 
0
H2 H

L'angolo di rotazione dell'asta 1 è γ1 = π/2, e la matrice di rotazione α1 vale:

   
cos γ − sin γ 0 0 −1 0
α1 =  sin γ cos γ 0 = 1 0 0  (7.7)
0 0 1 0 0 1
261

Dunque risulta:

1 1
K2,2 = α1 · K̄2,2 · α1T
EAp
 
0 0
 H
     
0 −1 0 0 1 0
12EIp 6EIp

= 1 0 0 · 0  · −1 0 0 
   
0 0 1
 H3 H2 
0 0 1
 6EIp 4EIp 
0 (7.8)
H2 H
12EIp 6EIp
 
0 −
 H3 H2 
EAp
 
=
 
0 0 
 H 
 6EIp 4EI p
− 0
H2 H

Per la trave il riferimento locale coincide col riferimento globale (γ2 = 0◦ ), di con-
seguenza la matrice di rigidezza della trave scritta nel sistema di riferimento locale
coincide con la matrice scritta nel riferimento globale:

EAt EAt
 
0 0 − 0 0
 L L 
 12EIt 6EIt 12EIt 6EIt 
0 − 2 0 − − 2
 
L3 L3
 
 L L 
 6EIt 4EIt 6EIt 2EIt 
0 − 2 0
 
L L L2 L
 
K2 = K̄2 = 
 EAt
 (7.9)
 − EAt 
0 0 0 0 

 L L 

 12EIt 6EIt 12EIt 6EIt 
 0 − 0 
 L3 L2 L3 L2 
6EIt 2EIt 6EIt 4EIt
 
0 − 2 0
L L L2 L

3
Per l'asta 3 occorre solo la sottomatrice K̄3,3 , che è data da:

EAp
 
 H 0 0 
12EIp 6EIp
 
3
K̄3,3 = 0 (7.10)
 
− 2 
 H3 H 
 6EIp 4EIp 
0 − 2
H H

L'angolo di rotazione dell'asta 3 è γ1 = −π/2, e la matrice di rotazione α3 vale:

   
cos γ − sin γ 0 0 1 0
α3 =  sin γ cos γ 0  =  −1 0 0  (7.11)
0 0 1 0 0 1
262 Capitolo 7

Dunque risulta:

3 3
K3,3 = α3 · K̄3,3 · α3T
EAp
 
0 0
 H
     
0 1 0 0 −1 0
12EIp 6EIp

=  −1 0 0 · 0 · 1 0 0 
  
 − 2
0 0 1
 H3 H 
0 0 1
 6EIp 4EIp 
0 − 2 (7.12)
H H
12EIp 6EIp
 
0 −
 H3 H2 
EAp
 
=
 
0 0 
 H 
 6EIp 4EI  p
− 0
H2 H
Una volta scritti tutti gli elementi nel sistema globale, è possibile assemblarli e
quindi scrivere la matrice di rigidezza dell'intera struttura:
 
12EIp EAt 6EIp EAt
+ 0 − − 0 0
 H3 L H2 L 
EAp 12EIt 6EIt 12EIt 6EIt
 
 
 0 + − 0 − − 
 H L3 L2 L3 L2 
6EIp 6EIt 4EIp 4EIt 6EIt 2EIt
 
 
 − − + 0 
Kv = 
 H2 L2 H L L2 L 
EAt EAt 12EIp 6EIp

− −
 
 0 0 + 0 
 L L H3 H2 
 12EIt 6EIt 12EIt EAp 6EIt 
0 − 0 +
 
 
 L3 L2 L3 H L2 
 6EIt 2EIt 6EIp 6EIt 4EIt 4EIp 
0 − − +
L2 L H2 L2 L H
I termini che compaiono nella matrice sono:

12EIp 12 · 50.4 12EIt 12 · 270


= = 9.45 MN/m = = 15.0 MN/m
H3 43 L3 63
6EIp 6 · 50.4 6EIt 6 · 270
= = 18.9 MN = = 45.0 MN
H2 42 L2 62
4EIp 4 · 50.4 4EIt 4 · 270
= = 50.4 MNm = = 180 MNm (7.13)
H 4 L 6
2EIp 2 · 50.4 2EIt 2 · 270
= = 25.2 MNm = = 90.0 MNm
H 4 L 6
EAp 3780 EAt 8820
= = 945 MN/m = = 1102 MN/m
H 4 L 6
e risulta:

 
1112 0 −18.9 −1102 0 0

 0 960 −45.0 0 −15.0 −45.0 

 −18.9 −45.0 230 0 45.0 90.0 
Kv =   (7.14)

 −1102 0 0 1112 0 −18.9 

 0 −15.0 45.0 0 960 45.0 
0 −45.0 90.0 −18.9 45.0 230
263

Il vettore dei carichi F è somma di un vettore F0 di azioni direttamente applicate ai


nodi, e di un vettore F ∗ derivante dai carichi trasmessi dalle aste caricate ai nodi. I
due vettori risultano rispettivamente pari a:

 
0
 qL 

       
f2x F1 0.15 MN 0
 
 2 
f2y F2 0.03 MN  qL2 −0.12 MN 
       
         
m2 0 0 0.12 MNm 
 
F∗ =  12
      
Fo =  = = =
   
f3x 0 0 0 0
        
         
f3y F2 0.03 MN  qL −0.12 MN 
       

 
m3 0 0 −0.12 MNm
 
 2 
 qL2 

12
(7.15)
Dunque risulta:
 
0.15 MN

 −0.09 MN 
0.12 MNm 
F = Fo + F ∗ = 

 (7.16)

 0 

 −0.09 MN 
−0.12 MNm

Noti la matrice di rigidezza e il vettore dei carichi, è possibile risolvere il sistema e


calcolare gli spostamenti globali della struttura:

F = Kv · X =⇒X = Kv−1 · F (7.17)

Il risultato di tale operazione è:

 
9.071 m

 −0.0488 m 

 1.407 rad  × 10−3

x= (7.18)

 8.989 m 

 −0.1457 m 
−0.3134 rad

Per calcolare le caratteristiche della sollecitazione, calcoliamo il vettore degli sposta-


menti locali di ogni asta a partire da quello degli spostamenti globali:

ˆ Asta 1:
   
0 0

 0 


 0 

 0  × 10−3
 T
 0  × 10−3

x1 =  x̄1 = β1 · x1 = 

 9.071 m 

 −0.0448 m 
 −0.0448 m   −9.071 m 
1.407 rad 1.407 rad
(7.19)
264 Capitolo 7

ˆ Asta 2:
   
9.071 m 9.071 m

 −0.0488 m 


 −0.0488 m 

 1.407 rad  × 10−3
 T
 1.407 rad  × 10−3

x2 =  x̄2 = β2 · x2 = 

 8.989 m 


 8.989 m 

 −0.1457 m   −0.1457 m 
−0.3134 rad −0.3134 rad
(7.20)

ˆ Asta 3:
   
8.898 m 0.1457 m

 −0.3134 m 


 8.989 m 

 −0.3134 rad  × 10−3
 T
 −0.3134 rad  × 10−3

x3 =  x̄3 = β3 · x3 = 

 0 


 0 

 0   0 
0 0
(7.21)

Noti gli spostamenti locali di ogni asta, è possibile calcolare le forze che nascono agli
estremi, moltiplicando gli spostamenti per le rigidezze. Nel riferimento locale le forze
sull'asta 1 valgono:

F̄ = k̄1 · x̄1 =
1
EAp EAp

0 0 − 0 0
 H H 
 12EIp 6EIp 12EIp 6EIp 
0 − 2 0 − − 2
   

 H3 H H3 H

 0
 6EIp 4EIp 6EIp 4EIp   0 
0 − 2 0
   

H H H2 H
 
· 0  −3
  −0.0448  × 10 =
 
 EAp EAp
 − 0 0 0 0   
 H H   −9.071 
 
 12EIp 6EIp 12EIp 6EIp  1.407
 0 − 0 
 H3 H2 H3 H2 
6EIp 4EIp 6EIp 4EIp
 
0 − 2 0
H H H2 H
 
42.3 MN

 59.1 MN 

 −136 MNm  × 10−3

=

 −42.3 MN 

 −59.1 MN 
−100 MNm
Da cui è possibile calcolare le caratteristiche della sollecitazione agli estremi del-
l'asta applicando al vettore delle forze i segni:

 
−1

 1 

 1 
  (7.22)

 1 

 −1 
−1
265

Si ottiene:

   
N1 −0.0423 MN

 T1  
  0.0591 MN 

 M1   −0.136 MNm 
C1 =  =  (7.23)

 N2  
  −0.0423 MN 

 T2   0.0591 MN 
M2 0.100 MNm

Nel riferimento locale le forze sull'asta 2 valgono:


F̄2 = k̄2 · x̄2 =
EAt EAt
 
0 0 − 0 0
 L L 
 12EIt 6EIt 12EIt 6EIt 
0 − 2 0 − − 2
  

 L3 L L3 L

 9.071
 6EIt 4EIt 6EIt 2EIt   −0.0488 
0 − 2 0
  
  1.407 
L L L2 L
 −3
=  EAt   8.989 ×10 =
· 
 − EAt
0 0 0 0  
  −0.1457 

 L L 
 12EIt 6EIt 12EIt 6EIt  −0.3134
 0 − 0 
 L3 L2 L3 L2 
6EIt 2EIt 6EIt 4EIt
 
0 − 2 0
L L L2 L
 
90.9 MN

 −47.7 MN 

 220.5 MNm  × 10−3

=

 −90.9 MN 

 47.7 MN 
65.7 MNm

Essendo l'asta 2 soggetta ad un carico distribuito, per denire le caratteristiche del-


la sollecitazione occorre considerare la dierenza tra le forze derivanti dagli spostamenti
nodali () e le reazioni di incastro perfetto:

   
90.9 MN 0 MN

 −47.7 MN 


 −120 MN 


 220.5 MNm  × 10−3 − 
  120 MNm  × 10−3 =

F̄2 − F2 =  (7.24)

 −90.9 MN 


 0 MN 

 47.7 MN   −120 MN 
65.7 MNm −120 MNm

 
90.9 MN

 72.3 MN 

 100 MNm  × 10−3

=

 −0.091 MN 

 0.168 MN 
0.186 MNm

Da cui è possibile calcolare le caratteristiche della sollecitazione agli estremi del-


l'asta applicando al vettore delle forze i segni ():
266 Capitolo 7

   
N2 −0.091 MN

 T2  
  0.0723 MN 

 M2   0.100 MNm 
C2 =  =  (7.25)

 N3  
  −0.091 MN 

 T3   −0.168 MN 
M3 −0.186 MNm

Nel riferimento locale le forze sull'asta 3 valgono:

F̄3 = k̄3 · x̄3 =


EAp EAp
 
0 0 − 0 0
 H H 
 12EIp 6EIp 12EIp 6EIp 
0 − 2 0 − − 2
   

 H3 H H3 H

 0.1457
 6EIp 4EIp 6EIp 4EIp   8.989 
0 − 2 0
   

H H H2 H
  −0.3134 
=   EAp
 · ×
 − EAp   0 
0 0 0 0  
0


 H H 

 
 12EIp 6EIp 12EIp 6EIp  0
 0 − 0 
 H3 H2 H3 H2 
6EIp 4EIp 6EIp 4EIp
 
0 − 2 0
H H H2 H
−3
10 =

 
138 MN

 90.9 MN 

 −186 MNm  × 10−3

=

 −138 MN 

 −90.9 MN 
−179 MNm

Da cui è possibile calcolare le caratteristiche della sollecitazione agli estremi del-


l'asta:

   
N3 −0.138 MN

 T3  
  0.091 MN 

 M3   −0.186 MNm 
C3 =  =  (7.26)

 N4  
  −0.138 MN 

 T4   0.091 MN 
M4 0.178 MNm

La seguente gura mostra gli andamenti di sforzo normale N, taglio T e momento


ettente M.
267

Figura 7.2.