Sei sulla pagina 1di 186

G iancarlo T acchi

DA STALIN A GORBACEV
CLASSI SOCIALI E STATO
NELLA RUSSIA SOVIETICA

graphos
Questo ebook è stato realizzato e condiviso per celebrare il
Centenario della Rivoluzione russa
1917-2017

\
\.

.
graphos/storia

23
Giancarlo Tacchi

Da Stalin a Gorbacév
Classi sociali e Stato
nella Russia sovietica

GRAPHOS
© 1999
Graphos - Campetto, 4-16123 Genova

Stampa
Globalprint - Cassina de' Pecchi (Mi)
Maggio 1999
Indice

Premessa 7

1. Stalin e Keynes 11

2. Caratteri del capitalismo sovietico 15


3. Lo stalinismo 25
In campo economico 25
In campo politico 43
Il regime e le classi sociali 58
La fine 79
4. La borghesia imprenditoriale 85
5 . 1 colcosiani 110
6. La piccola borghesia urbana 125
7. La classe operaia 134
8. La perestrojka 151
Appendice
Minoranze rivoluzionarie e Russia sovietica 160
Nomi citati 177
Premessa

Nel 1952 Amadco Bordiga, su «Il Programma comunista», quindi­


cinale del piccolo Partito comunista internazionalista, pubblicò il Dia­
logato con Stalin, primo degli scritti dedicati a colmare il vuoto ana­
litico, da un punto di vista materialistico, tra la rivoluzione d'Oltobre
e i sommovimenti politici, sociali ed economici della Russia dalla ri­
voluzione stessa al secondo dopoguerra. Tale lavoro fu seguilo, nel­
l'arco di alcuni anni, da altri, come Russia e rivoluzione nella teoria
marxista, Struttura economica e sociale della Russia d'oggi e il Dia­
logato coi morti, dedicato al XX congresso del PCUS.
Tutti i testi menzionati partivano dalla difesa del significato comu­
nista e internazionalista della rivoluzione russa e della lotta condotta
dal partito bolscevico sotto la direzione di Lenin nell'obiettivo di man­
tenere aperta la prospettiva di un collegamento alla sperata rivoluzio­
ne in Europa - dalla resistenza alle armate controrivoluzionarie dei
bianchi alla rimessa in moto dell'arretrata e disastrata economia del
paese -, per studiare in modo integralo il fallimento della rivoluzione
proletaria nell'Europa centrale, la lotta per il potere all'interno del par­
tito bolscevico e dello Stato russo, raffermarsi dei meccanismi fonda-
mentali della riproduzione capitalistica in economia e la specificità del
loro funzionamento (o disfunzionamento) a partire dalla composizio­
ne sociale esistente, a mezzo tra vasti strati precapitalistici nelle cam­
pagne e una burocrazia politica e istituzionale sempre più svincolata
dalle calanti spinte sociali rivoluzionarie e sempre più condizionata
dalle leggi dell'economia fondata sul lavoro alienato.
Vedere in tali scritti solo una denuncia da sinistra del carattere con­
trorivoluzionario dello stalinismo e del post-stalinismo, tesa a sma­
scherare l'irreparabile degenerazione della Terza Internazionale e dei
parliti comunisti e nel contempo a riaffermare la validità dell'espe­
rienza bolscevica contro la canea borghese, oppure leggervi solo una

7
riaffermazionc della teoria marxista contro la pretesa via riformista
delle vecchie c nuove socialdemocrazie e contro i cantori del libero
mercato, oppure, e peggio, ridurre l'uno e l'altro aspetto a una pole­
mica interna all'area minoritaria di estrema sinistra (soprattutto con­
tro libertari e trotskysli), equivale a perdere l'essenziale del tentativo
di Bordiga: la fondazione di una analisi unitaria delle relazioni politi­
che interne alla Russia c internazionali e delle contraddizioni specifi­
che dei rapporti di produzione sovietici rispetto all'economia mon­
diale, gettando così le basi per un approccio materialistico non gene­
rico al corso degli avvenimenti.
Fu proprio questo aspetto dell'opera di Bordiga ad attirare un certo
numero di giovani che cercavano una via per reagire in modo non oc­
casionale allo stalinismo imperante nel movimento operaio. Tra essi vi
fu anche l'autore dello scritto che presentiamo, insieme ad altri collabo­
ratori della casa editrice.
Non a caso infatti, nello stesso torno di tempo, la situazione politi­
ca aveva conosciuto un'evoluzione: a tutti sono note le rivolte ope­
raie nella Germania orientale nel '53, le vicende d'Ungheria del '56 c
le crisi nello statu quo imposto da Yalta alle aree extraeuropcc. Pur­
troppo la produzione di Bordiga non trovò uno sviluppo teorico
costruttivo per opera dello stesso Bordiga - che, dopo aver cercalo di
continuare la sua messa a punto, con riflessioni notevoli, ne 11 corso
del capitalismo mondiale nell'esperienza storica e nella dottrina di
Marx, non spinse però a fondo l'esame dei mutamenti intervenuti a li­
vello socio-economico nelle condizioni della classe operaia in senso
stretto e dello stesso proletariato, riproponendo anzi la sua tradizio­
nale visione schematica e meccanicistica dei rapporti politici tra le
classi, che pure aveva superato di slancio in varie occasioni nei testi
dedicati alla Russia sovietica. Tanto meno seppe sfruttare la strada
abbozzata con questi ultimi l'organizzazione in cui egli militò fino al­
la morte, avvenuta nel 70. In tale organizzazione ha prevalso infatti
una lettura tutta ideologica - finalizzata alla mera demarcazione nei
confronti delle tendenze politiche "esterne" - che ha sterilizzato le po­
tenzialità del lavoro teorico, compiuto da marxista rivoluzionario, del
fondatore del Partito comunista d'Italia.
Anche la crisi dei partiti sedicenti comunisti dell'Occidente, paral­
lela al crollo dell'URSS, non ha portato - come del resto era prevedi­
bile, dato che le idee non viaggiano per contagio aereo di testa in
testa - ad una riscoperta dell'analisi bordighiana. È solo il progredire
concreto delle contraddizioni che hanno messo fine all'Unione so­
vietica e all'ordine di Yalta c il loro esplicarsi a livello macropolitico,
come nei sommovimenti che interessano la linea di faglia che va dal

8
Vicino Oriente ai Balcani, a rendere, più che attuale, necessario ritro­
vare il filo di una lettura con metodo marxista della storia russa post­
rivoluzionaria.
Questo e l'obiettivo che si e posto Giancarlo Tacchi, il quale - an­
dando oltre la constatazione del fatto che lo sviluppo dell'economia
russa e consistito nel passaggio da una situazione di precapitalismo a
una piena economia di mercato, e affrontando il problema della strut­
tura sociale del potere, fuori dalla definizione formalistica e statica
(oltre che limitativa) di "capitalismo di Stato" -, conduce la sua ana­
lisi circa le caratteristiche specifiche dello sviluppo economico, so­
ciale e politico sovietico, non attraverso la ricerca di particolarità ac­
cidentali, ma investigando in quale modo le leggi fondamentali del
modo di produzione capitalistico si siano affermate nel paese, sotto
la garanzia di un apparato statale che, di volta in volta, a seguito del­
la stessa evoluzione economica, ha dovuto modificare le proprie basi
immediate di consenso e i propri sistemi di neutralizzazione del po­
tenziale antagonismo proletario, con soluzioni innovative, ma meto­
dologicamente non dissimili da quelle applicate in Occidente.
In questo modo Tacchi riesce a riscattare l'analisi dello sviluppo
capitalistico dalla metafisica di chi vede solo l'andamento meccanico
delle leggi di mercato, come dal volontarismo idealistico di ehi asso-
lutizza il potere dell'apparato, per riportarla alla politica, intesa come
costruzione di opposizioni o aggregazioni programmatiche da parte
delle diverse componenti delle classi fondamentali della società, in
fasi determinate del suo sviluppo produttivo, con lotte che, a partire,
da un assetto istituzionale e parlitico dato, si ripercuotono però in mo­
do più o meno traumatico su di esso.
Tacchi passa così a ricostruire come - consumata la controrivolu­
zione, con la dissoluzione dei cardini internazionalistici del bolscevi­
smo - Stalin, espressione di un modo di produzione che doveva co­
munque affermarsi nell'arretrata Russia, abbia dovuto ingaggiare una
lotta senza esclusione di colpi all'interno dell'apparato statale e parti­
tico nei confronti delle spinte autonomistiche dei vari ceti e corpora­
zioni (emanazione nel loro insieme di quello stesso modo di produ­
zione), facendo leva a tal fine sul desiderio, da parte della sempre più
rassegnata classe operaia, di un minimo di elementare sicurezza nella
vita quotidiana.
Viene trattato di seguito il formarsi di veri e propri blocchi sociali,
destinati a loro volta ad andare in crisi sotto la pressione degli inte­
ressi economici ridefiniti dallo sviluppo capitalistico. Negli snodi di
queste crisi vengono collocati il susseguirsi delle varie fasi della po­
litica staliniana, la destalinizzazione chrusccviana e il passaggio alla

9
lunga pax brezneviana, per giungere alla perestrojka di Gorbacev,
con la quale gli stessi elementi di continuità dei periodi precedenti
sono venuti meno sotto il prevalere delle spinte centrifughe dei vari
strati sociali.
Con la caratterizzazione della Russia attuale come arca aperta alle
attività predatorie dei grandi centri finanziari internazionali si con­
clude l'opera, rimandando senza soluzione di continuità al complesso
intreccio di problemi che stanno prepotentemente venendo alla ribal­
ta nella ex Unione sovietica e nell'area di influenza che essa si era con­
quistata dopo la seconda guerra mondiale, e fornendo una chiave in
più per una lettura non fatalistica dei possibili sviluppi politici, non
risolvibili con la meccanica riproposizione di programmi c parole d'or­
dine di una passato diverso della lotta tra le classi.

C. Basile

10
1.
Stalin e Keynes

Nel giugno 1996, a Novosibirsk, Olga Petrovna, operaia me­


talmeccanica di circa quarantanni, agitava un cartello con l'im­
magine di Stalin nel corso di un comizio tenuto da Zuganov,
candidato del partito "comunista" russo alle elezioni presiden­
ziali.
Nell'agosto dello stesso anno, sul quotidiano italiano «La Re­
pubblica», Giorgio Ruffolo, in un articolo dal titolo Qui ci vor­
rebbe un nuovo Keynes, recensendo un libro di Alain Boubdil,
scriveva: «Keynes ritorna! Stanno diventando matti».
Che cosa avevano in comune Olga Petrovna, operaia che ri­
ceveva il salario un mese su due e sopravviveva a malapena
con i pochi rubli a sua disposizione nella città siberiana, e Alain
Boubdil, economista, già consigliere del defunto presidente
francese François Mitterrand? Nulla, a parte una cosa: che en­
trambi, dato che il presente non piaceva loro, invocavano il
ritorno di individui giudicati come espressione di tempi mi­
gliori, Stalin nel primo caso, Keynes nel secondo.
Dato che Olga Petrovna era un'operaia e Alain Boubdil un
economista borghese, sarebbe stato naturale pensare che il ru­
de autocrate Iosif Vissarionovic Stalin e John M aynard Key­
nes, sofisticato lord inglese ed economista di fama mondiale,
avessero ben poco in comune. A prima vista era così, ma sol­
tanto a prima vista.
Che cosa significava Stalin per Olga Petrovna e che cosa
significa per tutti coloro che, nella disgraziata situazione del­

11
l'ex Unione Sovietica, invocano ancora oggi il suo nome? Il
"socialismo". Non il socialismo come lo intesero Marx, Engels
e Lenin, cioè come una società senza merce, salario, profitto,
ma il socialismo come lo intesero i comunisti sovietici, da Sta­
lin appunto a Breznev: una società nella quale si pensava che,
grazie all'isolamento dall'Occidente e alla pianificazione stata­
le, le forze produttive potessero essere regolamentate, che
quindi non ci sarebbero state crisi di sovraproduzione, infla­
zione, disoccupazione, ecc., e che gli operai avrebbero avuto
sempre la sicurezza del posto di lavoro e delle assicurazioni
sociali.
Per Olga Petrovna, il colpevole della "fine del socialismo",
cioè il responsabile dei guai che ella passava, era Gorbacèv.
Questi aveva dovuto dichiarare bancarotta quando il Cremlino
non era stato più stato in grado di dare i cannoni (tanti) al­
l'Armata Rossa e il burro (poco) alla popolazione, in quanto le
casse dello Stato erano ormai vuote; così aveva anche messo
definitivamente fine al sogno stalinista di una Russia isolata
dall'Occidente, di un immenso paese in cui le forze economi­
che fossero padroneggiate dal Cremlino.
Che cosa significava Keynes per Alain Boubdil? Non abbia­
mo avuto occasione di leggere il suo libro, ma crediamo di
poter rispondere a questa domanda grazie all'articolo di Ruf-
folo. Keynes per l'econom ista francese significava Bretton
Woods, la stabilità dei cambi monetari e dei tassi d'interesse,
in definitiva la regolamentazione dell'economia mondiale da
parte del Fondo Monetario Internazionale (e, in ultima analisi,
del governo di Washington), regolamentazione grazie alla qua­
le sarebbero state evitate sia una depressione come quella del
1929 sia le guerre commerciali.
Non sappiamo se per Alain Boubdil il cattivo fosse stato Ri­
chard Nixon, che nel 1971 aveva dichiarato la non convertibi­
lità del dollaro con l'oro e messo fine ai cambi quasi fissi fra le
monete dei principali Stati, se fosse stato Paul Volcker, presi­
dente della Federal Reserve Board, che nel 1979 aveva alzato
il tasso d'interesse dopo decenni di stabilità al fine di conserva­
re aH'America il ruolo di banca del mondo intero, oppure se
fosse stato Milton Friedman, apostolo della linea di restrizione

12
monetaria da parte dello Stato. Pensiamo che Boubdil fosse
convinto che questa via, come scriveva Ruffolo, stesse «por­
tando dritto all'inferno di una grande depressione».
Qualcosa in comune, allora, l'autocrate del Cremlino e il lord
inglese lo hanno avuto, e non poco! Entrambi erano convinti di
poter regolamentare l’economia capitalistica, di poter evitare
crisi economiche, disoccupazione, ecc., grazie all'intervento del­
lo Stato borghese.
Probabilmente entrambi si infischiavano degli scritti di Marx
ed Engels (che forse Stalin non aveva mai studiato a fondo),
dato che consideravano questi scritti ormai superati dai nuovi
sviluppi deH'cconomia. Noi invece, che riteniamo l'opera di
Marx ed Engels ancora utile per cercare di interpretare i proces­
si economici e sociali, come abbiamo atteso il crollo dell'Unione
Sovietica, così attendiamo l'arrivo dell'«infemo di una grande
depressione», convinti che ben prima di essa vada riannodato il
filo spezzato della teoria c della politica rivoluzionaria.
A tutte le Olga Pctrovna va la nostra solidarietà, ma non al­
ziamo certo ritratti di Baffone ne battiamo le mani a Zuganov,
che si prodiga perché gli avvenimenti dell'ex "paese del sociali­
smo" rimangano incomprensibili agli operai russi. Al contrario!
Il risultato della disgregazione economica, sociale c politica
dell'Unione Sovietica è stato il definitivo superamento e l'eli­
minazione di un'anomalia sulla quale negli scorsi decenni si è
innestato un enorme e pericolosissimo equivoco storico e poli­
tico, che ha avuto un ruolo determinante nel ridurre a condi­
zioni di estrema marginalità il movimento rivoluzionario nei
paesi dell'Occidente c far rovinosamente deviare quelli dei pae­
si sottosviluppati. L'eliminazione di questo equivoco è, benin­
teso, lontanissima dall'instaurare da sola le condizioni favore­
voli alla ripresa della lotta di classe, tanto nei paesi occidentali
quanto in quelli dell'ex Unione Sovietica, ma il persistere di
esso rappresenterebbe un ostacolo notevole alla ripresa, che au­
spichiamo, del movimento rivoluzionario.
La conservazione capitalistica mondiale ha gridato "Ben fat­
to!" sia a Keynes, ispiratore del New Deal rooseveltiano e
architetto dell'ordine mondiale di Bretton Woods, sia a Stalin,
massacratore di comunisti e artefice di un falso socialismo in

13
Russia. La rivoluzione proletaria griderà "Ben fatto!" sia a Gor-
bacev sia a El'cin, becchini del «socialismo reale».

Nel lontano 1956 Amadeo Bordiga, uno degli ultimi rappre­


sentanti della tradizione rivoluzionaria del primo dopoguerra,
in un'opera intitolata Dialogato coi Morti, scrisse:
Se la crisi non venisse mai, essi (i difensori del capitali­
smo sovietico], a braccetto con Keynes e Spengler c l'avvi­
nazzata scienza d'America, ci avranno battuti, Marx, Lenin e
noi, lontani pollastri del rosso Chanteclair. E abbasseremmo
la cresta.
Ma se crisi verrà, come verrà, non avrà solo vinto il mar­
xismo [...] la crisi mercantile universale morderà al cuore
anche la giovane industria russa. Ciò sarà il risultalo di avere
unificato i mercati e resa unica la circolazione vitale del
mostro capitalista! Ma chi ne unifica il bestiale cuore, unifi­
ca la Rivoluzione, che potrebbe dopo la crisi del secondo
intcrgucrra c prima di una terza guerra, trovare la sua ora
mondiale1.1

1. [A. Bordiga], Dialogato coi morti («Il Programma comunista», 1956), Ro­
ma, Edizioni sociali, 1976, p. 212.

14
2.
Caratteri del capitalismo sovietico

Da tempi lontanissimi i critici di sinistra dell'Unione Sovie­


tica hanno messo in luce la natura controrivoluzionaria della
politica del Cremlino e il carattere non socialista dell 'econo­
mia sovietica1.
Verso l'inizio degli anni Cinquanta Amadeo Bordiga non si
limitò a denunciare il carattere controrivoluzionario della poli­
tica dello Stato e del partito moscoviti da Stalin in poi, ma
dimostrò in maniera esauriente la natura capitalistica del modo
di produzione e distribuzione esistente in Unione Sovietica12. Un
altro contributo all'identificazione del carattere capitalistico del­
l'economia di questo paese venne, nello stesso tom o di tempo,
da Tony Cliff, dirigente degli International Socialists3.
Dato che in quella fase significativo era far risaltare i tratti
politici, sociali ed economici del "socialismo" moscovita che
erano comuni al capitalismo d'Occidente, è stata tuttavia ridotta
l'attenzione riservata a ciò che di peculiare vi era in Unione So­
vietica.
Da allora sono stati pochissimi coloro che hanno cercato di
comprendere la specificità sovietica, le modalità politiche e so­

1. Cfr. B. Bongiovanni, L'antistalinismo di sinistra e la natura sociale del-


l'URSS, Milano, Feltrinelli, 1975.
2. Cfr. [A. Bordiga], Dialogato con Stalin («Il Programma comunista», 1952),
Borbiago, Edizioni Sociali, 1975.
3. Cfr. T. Cliff, State Capitalism in Russia, London, Pluto Press, 1955.

15
ciali con le quali il capitalismo si è storicamente sviluppato in
Russia tra il 1928-29, cioè l'inizio del processo di industrializ­
zazione accelerata, e il 1991, quando la bandiera rossa è stata
ammainata dal Cremlino senza grandi clamori.
Cercheremo qui di descrivere come il capitalismo con il men­
tito simbolo della falce e martello sia nato, vissuto e uscito dal
palcoscenico della storia, soffermandoci, in particolare, proprio
sulle specifiche caratteristiche dello Stato e delle classi sociali
nella Russia sovietica.

Grazie agli sviluppi dell'analisi bordighiana4 siamo stati in


grado di capire non solo la natura capitalistica delle strutture
economiche sovietiche, ma soprattutto come queste strutture
fossero quelle di un capitalismo industriale nella sua fase gio­
vanile, dotato quindi di alti ritmi di sviluppo - ritmi che, negli
anni Cinquanta e Sessanta, la stragrande maggioranza degli
intellettuali assumeva invece come prova inconfutabile di
socialismo - , e, comunque, di un capitalismo in grave ritardo
rispetto a quelli dell'Occidente.
Giovinezza e arretratezza tuttavia non possono essere consi­
derate come tratti peculiari del capitalismo sovietico.
Un giovane capitalismo industriale si è avuto in Inghilterra
alla fine del Settecento, in Francia nel 1830-40, negli Stati
Uniti nel 1840-60, in Germania verso il 1860, in Italia all'in-
circa nel 1870, nella Russia zarista dal 1890 in avanti, in Giap­
pone all'inizio di questo secolo e, dopo il caso sovietico, nella
Cina di Mao Tse-tung. Numerosi, quindi, sono i modelli di ca­
pitalismo industriale in fase giovanile, molto diversi fra loro a
seconda della posizione dei paesi interessati sul mercato inter­
nazionale, del ruolo svolto dalla borghesia e dalle altre classi
sociali, dei compiti dello Stato nel promuovere lo sviluppo
economico, per non parlare delle collocazioni storiche e geo­
grafiche.

4. [A. Bordiga], Struttura economica e sociale della Russia d'oggi («Il Pro­
gramma comunista», 1955-57), Milano, Edizioni «Il Programma comuni­
sta», 1976.

16
Fra l'Italia di Agostino Depretis e la Russia di Stalin, entram­
be "giovani" ed entrambe "arretrate" rispetto all'Inghilterra, agli
Stati Uniti e alla Francia, le differenze sono enormi.

Non molto ci ha aiutati a comprendere la specificità sovieti­


ca la nozione di capitalismo di Stato, cioè di un modello capi­
talistico nel quale lo Stato non fa solo il soldato, il gendarme e
il postino, ma anche il banchiere e l'industriale.
Come scrisse Bordiga in una lettera del 19515, tale nozione,
«che in sé nulla ci dice», si poteva applicare sia all'Italia di
Mussolini sia all'Inghilterra laburista di quell'epoca e, aggiun­
giamo noi, alla Germania di Guglielmo II, a quella di Hitler, al
Giappone di Biro Hito, all'Italia democristiana e, infine, a tanti
paesi del Terzo Mondo in questo dopoguerra, Cina in testa.
Abbiamo, quindi, tanti modelli di capitalismo di Stato, molto
diversi fra loro a seconda del rispettivo grado di sviluppo eco­
nomico, della fase di guerra aperta o di competizione "pacifi­
ca" con altri Stati, dei rapporti esistenti fra l'alta burocrazia sta­
tale e le classi sociali, a seconda, in definitiva, delle esigenze
che gli interventi dello Stato in campo economico hanno cer­
cato, riuscendoci o meno, di soddisfare.
Va comunque ricordato che il carattere statale del capitali­
smo non traspare dalla storia di alcun altro grande paese altret­
tanto bene come da quella della Russia, dove per secoli ha do­
minalo un feudalesimo di Stato, più vicino al dispotismo asia­
tico che ai modelli occidentali, dove i primi germi del capitali­
smo (arsenali e manifatture prima, industrie poi) sono nati su
iniziativa dello Stato zarista pressato da esigenze militari, dove
una borghesia industriale è comparsa solo alla fine dell'Otto­
cento, dove infine lo Stato borghese di Stalin ha ereditato la
direzione delle banche e delle principali industrie dallo Stato
proletario di Lenin. In passato, grandi proprietari terrieri come
il conte Seremctev e il principe Dolgorukij erano stati servitori
dello Stato agli ordini di Pietro il Grande; nella prima metà
degli anni Trenta, Ord/.onikidze, direttore di tutta l'industria pe­

5. «Prometeo», n. 3, 1952, ora in O. Damen, Bordiga. Validità e limiti di un'espe­


rienza, Milano, EPI, 1971.

17
sante, e Vorosilov, cui competeva l'industria bellica, sono stati
funzionari agli ordini di Stalin.

Il militarismo è stato una caratteristica fondamentale del


modello sovietico dal 1929 al 1991 così come era avvenuto
per il regime degli zar6, quando lo Stato assorbiva gran parte
della ricchezza nazionale per garantire le risorse indispensabi­
li a difendere militarmente il paese dalle pressioni esercitate
dall'Occidente sviluppato, e così facendo ritardava ulterior­
mente lo sviluppo delle forze produttive e rallentava il proces­
so di differenziazione delle classi sociali.
Suvorov, Kutuzov, Zukov, Rokossovskij hanno avuto nelle lo­
ro mani non solo un bastone da maresciallo, ma una grandissima
parte delle risorse umane e materiali della Russia, zarista prima,
sovietica poi. Ivan, che come operaio viveva con i suoi tre fratel­
li in una sola stanza alla periferia di Mosca e mangiava zuppa di
cavoli, da soldato dell'Armata Rossa disponeva di un modernis­
simo carro armato, anche se continuava a mangiare una zuppa di
cavoli.
Già nel 1946 Bordiga scriveva:
Il dilagare del fenomeno militarista [...] rappresenta un co­
lossale inevitabile peso economico sullo sforzo delle classi
produttrici. I piani per industrializzare la Russia, indirizzan­
do i quattro quinti di questa industrializzazione al potenzia­
mento delle armate per vere e proprie conquiste imperialisti­
che, hanno sottoposto il lavoratore delle fabbriche ad uno
sforzo spasmodico7.
Verso la metà degli anni Settanta alcuni autori, vuoi perché
hanno avuto a disposizione dati non falsificati, vuoi perché il loro
retroterra culturale empirico li ha resi capaci di descrivere molto
bene alcuni alberi anche senza riuscire a capir nulla della foresta
che avevano di fronte, hanno analizzato con cura il rapporto esi­

6. Cfr. L. Trotsky, 1905, Firenze, La Nuova Italia, 1971.


7. A. Bordiga, La Russia sovietica dalla rivoluzione ad oggi, «Prometeo», n. 1,
luglio 1946 (ristampa integrale in B. Bongiovanni, L'anlistalinismo di sini­
stra..., cil., pp. 357-375).

18
stente fra la produzione bellica e il resto dell'economia sovietica.
Il giornalista e storico Alexander Yanov è arrivato a dire che l'ap­
parato militar-industriale aveva trasformato l'economia sovietica
«sostanzialmente in sua sua colonia»89e ha aggiunto:
La centralizzazione rende possibile l'estrazione indiscrimi­
nata di risorse dal Gruppo B [industria leggera] a favore del
Gruppo A [industria pesante] così come da un settore all'al­
tro del Gruppo A’.

A questo punto il lettore ci consentirà una digressione. Per


mantenere quello che, per analogia con l'America, è stato chia­
mato il «complesso militar-industriale», l'intera economia è stata
posta alle sue dipendenze attraverso imposizioni politico-ammi­
nistrative dello Stato, cioè attraverso la pianificazione (stanzia­
menti privilegiati e prezzi politici, cioè prezzi bassi per i prodotti
che il settore bellico acquistava e alti per le merci che vendeva).
Ciò che ci ha meravigliato non è stato il gran chiasso che gli
imbrattacarte hanno fatto sulla pianificazione in sé, senza cerca­
re di capire quali fini questa perseguisse; ciò che ci ha meravi­
gliato è stato il fatto che i trotskysti, per decenni, abbiano credu­
to che la pianificazione fosse un elemento di non capitalismo, un
fenomeno che indicasse una trasformazione nel senso del socia­
lismo, dimenticando che, se un'economia di transizione verso il
socialismo dovrà essere indubbiamente pianificata da uno Stalo
proletario, 1'esistenza di un'economia pianificata non ne prova
automaticamente il carattere non capitalistico o di transizione fra
capitalismo e socialismo. Ciò che poteva attestare dove realmen­
te ci si trovasse e dove si stesse andando non era la pianificazio­
ne, che era solo un mezzo usato per conseguire un fine, ma era
proprio il fine che il piano statale voleva conseguire. Chiusa la
digressione.

Gli esempi di militarismo capitalistico sono numerosi nella


storia contemporanea. Ricordiamo soltanto i principali: la Fran-

8. A. Yanov, La nuova destra russa. La distensione dopo Breznev, Firenze,


Sansoni, 1981, p. 187.
9. Op. cil., p. 280.

19
eia della Terza Repubblica; la Germania, guglielmina prima e
nazista poi, con il suo formidabile esercito; l'Inghilterra con
l'invitta Royal Navy; il Giappone degli anni Trenta; soprattutto
l'America dall'inizio degli anni Quaranta ai giorni nostri, con i
suoi poderosi mezzi aerei, navali, nucleari e missilistici.
Peculiare della Russia sovietica non è stato, quindi, l'aver
speso più dei suoi concorrenti, specie dell'America, per mante­
nere il proprio apparato bellico; è stato il fatto che, per l'infe­
riorità del proprio sviluppo economico e per la propria posizio­
ne non dominante sul mercato mondiale (di qui l'impossibilità
a drenare risorse da altri paesi per sostenere le spese belliche),
essa è stata costretta a un risparmio obbligato in tutti gli altri
settori e, quindi, a un ulteriore aggravamento del ritardo delle
proprie forze produttive rispetto a quelle dei paesi occidentali.
Nikolaj Gogol' ha raccontato la storia dell'impiegato Akakij
Akakievic, che, dopo aver speso la metà del proprio stipendio
mensile per comperarsi un cappotto nuovo, fu costretto a man­
giare una sola volta al giorno, mentre, magari, un mercante per
acquistare un cappotto analogo non doveva rinunciare nemme­
no al dolce. E, proprio come il povero Akakij, alla fine l'Unio­
ne Sovietica si è estinta nell'indifferenza generale.

L'autarchia, un ridottissimo grado di integrazione dell'eco­


nomia al mercato mondiale, è stata un'altra importante peculia­
rità del modello sovietico di capitalismo, in quanto in Occi­
dente, non solo in pace, ma anche in guerra, le economie sono
sempre state unite da migliaia di legami.
Poiché la parola "autarchia" potrebbe essere fonte di equivo­
ci, suscitando l'impressione di una similitudine fra la Russia so­
vietica e l'Italia fascista dopo le sanzioni decretate dalla So­
cietà delle Nazioni nel novembre 1935, va subito detto che, al
di là del fatto che quelle sanzioni sono state applicate solo par­
zialmente (con una riduzione delle forniture di petrolio e di
carbone) e che l'Italia ha commerciato liberamente con la Ger­
mania, ogni paese dell'Europa occidentale da secoli è sempre
stato collegato agli altri da canali commerciali, legali e clande­
stini, che sono rimasti aperti al di là della politica contingente
degli Stati. Tutt'altra cosa si è verificata per la Russia sovieti­

20
ca, che ha commerciato con l'Occidente (e fino al 1941 con
ogni paese straniero) in misura sempre molto contenuta e che,
da questo punto di vista (ma non solo da questo), ha realizzato
il sogno degli slavofili dell'Ottocento: essere «un impero gi­
gantesco, isolato e autosufficiente» (Nikolaj J. Danilevskij).
Nella Russia di Stalin, eccettuata l'importazione di macchine
e tecnici dall'America e dalla Germania durante il primo piano
quinquennale, gli scambi con l'estero sono stati minimi fino
alla seconda guerra mondiale e ciò è servito a creare un'indu­
stria di base senza condizionamenti stranieri. Dal 1945 alla
fine degli anni Settanta gli scambi sono avvenuti con i paesi
satelliti dell'Europa orientale, cioè sul «mercato socialista», se­
parato dall'Occidente tramite la Cortina di Ferro.
Alla base dell'autarchia c'è stata la volontà del Cremlino di
mantenere la direzione dell'apparato produttivo e la pace so­
ciale. Se il monopolio statale sul commercio estero fosse stato
abolito, se le merci c i capitali stranieri avessero potuto entrare
liberam ente in Unione Sovietica, la direzione dell'apparato
industriale o, almeno, dei suoi settori nevralgici sarebbe passa­
ta ai centri produttivi e finanziari dell'Occidente, ai quali sa­
rebbe andata la maggior parte del plusvalore estorto agli operai
locali; il capitalismo internazionale avrebbe beneficiato del­
l'accumulazione messa in moto da Stalin, la Russia sarebbe
tornata una semicolonia del capitale occidentale, come nel 1914.
Inoltre, gran parte delle industrie sovietiche, incapaci di regge­
re la concorrenza con quelle occidentali, avrebbero chiuso i
battenti e licenziato gli operai.
Di tutto questo sono stati ben consci i dirigenti del Cremlino,
Gorbacèv compreso, il quale però non ha avuto altra scelta,
quando, per mendicare i capitali dell'Occidente, è stato costret­
to ad alzare bandiera bianca. Che cosa abbia significato la fine
del monopolio statale sul commercio estero è oggi ben visibi­
le, in quanto la Russia è ripiombata appunto nella condizione
di semicolonia della finanza occidentale.
Da Chruscèv in avanti, confermando la sua posizione, arre­
trata nei confronti dell'Occidente e avanzata rispetto al Terzo
Mondo, l'Unione Sovietica ha esportato petrolio e altre materie
prime in Europa occidentale (da dove ha importato moderne

21
apparecchiature industriali), mentre ha inviato armi e altri pro­
dotti industriali in India, Cina, Vietnam, Egitto, Siria, Libia, Irak,
ecc.
La partecipazione sovietica al mercato intemazionale dei ca­
pitali è stata sempre trascurabile, sia per la scarsità di risorse
finanziarie da esportare, sia per l'opposizione del Cremlino a
un libero ingresso di capitali stranieri.

I caratteri giovanile (anche se con Breznev il bebé è diventa­


to un giovanotto che, a un certo punto, ha smesso di crescere e,
poi, con Gorbacév è stato colpito da una malattia gravissima
che l'ha fatto deperire a vista d'occhio), arretrato, statale (e da
Chruscév in poi, anche repubblicano, comunale e cooperativo),
militarista e autarchico del capitalismo sovietico sono tutti ele­
menti indispensabili per comprenderne la specificità lungo
tutto l'arco della sua esistenza. In particolare, l'arretratezza ri­
spetto all'Occidente, il militarismo e l'autarchia, fenomeni di­
stinti ma strettamente interdipendenti, definiscono, a nostro
avviso, in maniera adeguata la posizione della Russia sovietica
nel contesto intemazionale, cioè i suoi rapporti con gli altri
paesi.
Abbiamo detto elementi indispensabili per cogliere la speci­
ficità del capitalismo sovietico, il ruolo in esso dello Stato e la
posizione delle varie classi sociali all'interno del paese, che è il
tema del nostro lavoro. Elementi necessari, ma, a nostro avvi­
so, tutt'altro che sufficienti per comprendere come questo stes­
so capitalismo si sia storicamente sviluppato dal 1928-29 al
1991.
Per rendersi conto della necessità di disporre di ulteriori ele­
menti sulla cui base definire in modo esauriente il caso sovieti­
co, basti pensare all'esistenza, rispetto ai modelli occidentali,
di anomalie come quelle che qui elenchiamo e più avanti esa­
mineremo: 1) la borghesia sociologicamente intesa è stata del
tutto assente fino alla metà degli anni Cinquanta; 2) i ceti medi
urbani tradizionali, artigianali e commerciali, sono stati pre­
senti in quantità trascurabile in tale periodo; 3) i contadini so­
no stati costretti, all'inizio degli anni Trenta, a entrare nei kol­
choz, che nel periodo staliniano hanno rappresentato vere e

22
proprie comunità di servi della gleba, come nel feudalesimo di
Stato della vecchia Russia (i contadini stessi erano infatti lega­
ti al posto di lavoro, obbligati a fornire allo Stato corvées e una
parte dei prodotti del terreno comune colcosiano); 4) gli operai
industriali e agricoli, dal 1928-29 alla metà degli anni Cin­
quanta, sono stati privati della libertà di disporre della loro for­
za-lavoro e hanno posseduto in pratica soltanto la loro vita:
mentre una minoranza ha ricevuto alcuni privilegi ed è salita
nella scala sociale, costituendo una base di consenso per il
regim e, la stragrande m aggioranza ha dovuto sopportare, a
dispetto di qualsiasi menzogna propagandistica, condizioni di
vita miserabili; 5) il lavoro coatto è stato praticato su vasta
scala dall'inizio degli anni Trenta fino alla morte di Stalin, pro­
prio come è avvenuto nell'antichità, nel dispotismo asiatico e,
per rimanere in ambito capitalistico, nel Sud degli Stati Uniti
fino alla vittoria di Lincoln e nei territori conquistati dal regime
nazista nel corso della seconda guerra mondiale; 6) il molo dello
Stato nella vita del paese durante l'autocrazia staliniana non
trova analogia nella storia occidentale, nemmeno con gli assolu­
tismi europei dei secoli passati, ma la trova soltanto nella storia
russa, con Ivan il Terribile e Pietro il Grande, e nel dispotismo
asiatico.
Salta subito agli occhi come i fenomeni che abbiamo ricor­
dato non si siano verificati lungo tutto l'arco dell'esistenza del
capitalismo con il mentito simbolo della falce e del martello,
ma soltanto in una periodo preciso della sua vita, in quello che
è stato consegnato alla storia come stalinismo e che, a nostro
parere, c iniziato con l'industrializzazione accelerata e la col­
lettivizzazione forzata, chiudendosi definitivamente nel 1953-
56 con l'avvento al potere di Chruscev e con la cosiddetta de­
stalinizzazione.
Da ciò si deduce che la Russia sovietica non ha costituito
un'entità omogenea dal 1928-29 al 1991. Considerando lo stes­
so periodo si può parlare di entità omogenee, anche se soltanto
in linea di massima, nel caso dei paesi che hanno dominato la
scena mondiale, come gli Stati Uniti (dove il New Deal di
Roosevelt ha rappresentato comunque qualcosa di ben diverso
rispetto agli anni di Hoover) e come flnghilterra (dove però la

23
presenza laburista nel governo dopo la guerra ha visto un note­
vole intervento dello Stato nell'economia). Si tratta di paesi
che hanno vinto entrambe le guerre mondiali, che non sono
mai stati invasi da eserciti stranieri e che presentano un'auten­
tica continuità storica del potere statale. E non si può fare lo
stesso discorso per gli Stati sconfitti nel 1945 - Germania,
Giappone e Italia - , né tanto meno per l'Unione Sovietica, epi­
centro di terremoti economici, sociali e politici.

Per comodità di esposizione tratteremo allora separatamente


gli anni dello stalinismo, nei quali l'autocrazia ha messo in om­
bra le classi sociali, e quelli del periodo post-stalinista, che esa­
mineremo attraverso la dinamica di ogni classe. Parleremo, infi­
ne, della perestrojka.

24
3.
Lo stalinismo

Un fenomeno come lo stalinismo racchiude in sé elementi


non solo diversi ma opposti. Basti soltanto accennare al fatto,
sottolineato con forza da Bordiga nei suoi scritti, che Stalin,
«becchino della rivoluzione d'Ottobre» secondo la definizione
di Trotsky, è stato, nello stesso tempo, uno dei più grandi rivo­
luzionari borghesi di questo secolo.
Il metodo migliore per affrontare la questione, quindi, ci sem­
bra quello di tenere distinti l'economico, il politico e il sociale
(per non parlare di elementi come il giuridico, il culturale, ecc.);
va da sé che tale distinzione non deve far dimenticare le inter­
connessioni fra queste categorie.

In cam po econom ico

Dal punto di vista economico lo stalinismo è stato una radica­


le rivoluzione industriale dall'alto, in quanto, nell'obiettivo di
raggiungere in pochi anni i paesi sviluppati dell'Occidente - o,
almeno, di ridurre quanto più possibile la distanza fra questi e la
Russia - , ha avviato la macchina dell'accumulazione capitalisti­
ca sul più esteso territorio statale del pianeta, unificando terre e
popolazioni diversissime fra loro e strappando «i pastori erranti
dell'Asia alla contemplazione delle vaghe stelle dell'Orsa»1.

1. [A. Bordiga], Dialogalo con Slalin, cit., p. 70.

25
Ad animare e dirigere questa rivoluzione industriale di
tipo nuovo era un gruppo dominante organizzato e politica-
mente orientato, il cui nucleo era costituito da una piccola
cerchia di dirigenti che prendevano le decisioni politiche più
importanti. Verso la fine degli anni '20, questo gruppo diret­
tivo ebbe il suo centro istituzionale nel Politbjuro e, più
tardi, nell'ambiente dei fedeli di Stalin. Ma la direzione poli­
tica, sia essa costituita da un gruppo o da un capo unico, non
può agire isolata: essa esige non solo il sostegno sicuro del­
l'esercito e della polizia per conservare la propria autorità
contro qualsiasi minaccia all'ordine, ma anche la coopera­
zione attiva del gruppo dirigente che esegue, interpreta ed
integra le sue direttive determinando la politica quotidiana
del regime [...]. Questi «quadri dirigenti (rukovodjascie ka-
dry)» non sempre costituiti da operai per estrazione sociale e
raramente da operai per occupazione reale, furono gli artefi­
ci della rivoluzione industriale2.
Così scrive Edward H. Carr, la cui monumentale opera sulla
Russia sovietica, completata con la collaborazione di R.W.
Davies, si colloca, a nostro parere, tra i principali lavori storici
del Novecento.
Nel secolare e, alla fine, vano, tentativo di raggiungere eco­
nomicamente l'Occidente, Stalin è stato il continuatore di Ivan
il Terribile e di Pietro il Grande. Dotando l'Unione Sovietica di
una forte industria di base in pochi anni, egli ha reso il paese
relativamente autosufficiente e, quindi, non più una semicolo­
nia, condizionata economicamente dalle centrali finanziarie di
Parigi e Londra e controllata politicamente dal Quai d'Orsay o
da Downing Street, come avveniva all'epoca di Nicola II.
Le enormi sofferenze che hanno accompagnato la rivoluzione
industriale in Occidente sono una specie di Belle Epoque se con­
frontate con gli orrori conosciuti dall'Unione Sovietica, nella
quale, inizialmente, le pochissime isole di capitalismo di alcune
grandi città erano immerse in un oceano di sottosviluppo.
Va aggiunto, tuttavia, che, se in campo industriale lo stalini­
smo è stato un cambiamento radicale, in campo agricolo esso,

2. E.H. Carr, Le origini della pianificazione sovietica., Ili, Il parlilo e lo Stalo


1926-1929, Torino, Einaudi, 1978, pp. 429-430.

26
come vedremo, specie dopo il 1935, lasciò le cose in generale
a livello precapitalistico, con il predominio della piccola coltu­
ra a conduzione familiare associata ai kolchoz.
Su questo aspetto c'è una generale concordanza di valutazio­
ni tra gli storici e gli studiosi ed è inutile dilungarsi.
È su un altro punto che non c'è accordo. Esiste per alcuni il
dilemma se, per la trasformazione della Russia in un paese
industriale, in assenza di crediti stranieri, fosse indispensabile
la via stalinista - identificata con l'industrializzazione accele­
rata e con la collettivizzazione forzata - o se fosse possibile
anche la via buchariniana - identificata sostanzialmente con la
continuazione della NEP e con uno sviluppo «a passo di tarta­
ruga».
Esisteva un'altra via di uscita? L’interrogativo - scrive
Moshe Lewin - è di quelli che creano imbarazzo allo stori­
co, eppure c difficile evitare di porsi la domanda, a meno
di essere convinti che, in realtà, non esisteva alcuna alter­
nativa5.
Chi non prende in considerazione non solo questo specifico
dilemma, ma, più in generale, «l'atteggiamento, più emotivo
che razionale, che potremmo definire "fare la storia con i se"»4
è proprio Carr, che, a proposito dell'annuncio di una conferenza
a Cambridge sul tema «La rivoluzione russa era inevitabile?»,
così commenta:
Senza dubbio la domanda voleva essere assolutamente sc­
ria. Ma se avessimo visto annunciare una conferenza dal titolo
"La Guerra delle Due Rose era inevitabile?", avremmo subito
sospettato uno scherzo. Lo storico parla della conquista nor­
manna o della guerra d'indipendenza americana come se ciò
che avvenne avesse dovuto di fatto avvenire, c come se il pro­
prio compito fosse semplicemente quello di spiegare quello
che avvenne e perche [...]. Tuttavia allorché parlo della rivolu­
zione russa del 1917 esattamente in questo modo - l'unico che
si addice allo storico - vengo investito da una serie di critiche
per aver descritto implicitamente ciò che avvenne come qual-

------------------ t
3. M. Lewin, Storia sociale dello stalinismo, Torino, Einaudi, 1988, p. 96.
4. E.H. Carr, Sei lezioni sulla storia, Torino, Einaudi, 1966, p. 104

27
cosa che doveva necessariamente avvenire, c per non aver
preso in considerazione tutto ciò che avrebbe potuto avvenire
e non avvenne [...]. Il pasticcio della storia contemporanca ò
questo, che la gente si ricorda del tempo in cui tutte le alterna­
tive erano ancora aperte, e difficilmente riesce ad assumere
l'atteggiamento dello storico per cui ogni alternativa c stata
definitivamente bloccata dal fatto compiuto5.
La distinzione fra colui che si limita a «spiegare quello che
avvenne e perché» - «lo storico» secondo Carr - e chi, invece,
non si limita a questo, ma prende in considerazione anche «ciò
che avrebbe potuto avvenire e non avvenne», chi fa «"la storia
con i se"», merita una riflessione.

In una delle migliori pagine della Storia della rivoluzione rus­


sa di Trotsky si legge:
Resta da chiedersi, e la domanda non c di scarsa importan­
za, benché sia più facile porla che darvi una risposta: come
si sarebbe sviluppata la rivoluzione se Lenin non avesse
potuto giungere in Russia nell'aprile 1917? Se la nostra
esposizione, in genere, mostra e dimostra qualche cosa c,
speriamo, che Lenin non era il demiurgo del processo rivo­
luzionario, ma solo si inscriva nel concatenarsi delle forze
storiche oggettive. Di questa catena, però, era un anello fon­
damentale. La dittatura del proletariato derivava dal comples­
so della situazione. Ma bisognava instaurarla. Non si poteva
instaurarla senza un partito. E il partito non poteva assolvere
la sua funzione se non dopo averla compresa. Appunto per
questo Lenin era indispensabile. Sino al suo arrivo, neppure
un solo dirigente bolscevico era stato capace di fare la dia­
gnosi della rivoluzione [...]. Ma si può dire con certezza che
il partito avrebbe trovato la sua strada anche senza di lui?
Non oseremmo affermarlo in nessun modo [...]. Così non c
affatto da escludere che il partito disorientato e scisso avreb­
be potuto lasciarsi sfuggire l'occasione rivoluzionaria favore­
vole per molti anni6.
In un testo cronologicamente precedente - Le lezioni del­
l'Ottobre - lo stesso Trotsky aveva scritto:

5. Ibidem..
6. L.D. Trotsky, Storia della rivoluzione russa, Milano, Mondadori, 1969, p. 358.

28
La rivoluzione tedesca avrebbe potuto vincere sia nel
1918 che nel 1919 se avesse avuto una giusta direzione di
partito. Nel 1917 abbiamo visto l'esempio della Finlandia,
dove il movimento rivoluzionario si sviluppava in circostan­
ze eccezionalmente favorevoli spalleggialo c sostenuto diret­
tamente dalla Russia rivoluzionaria. Ma il partito finlandese,
con maggioranza socialdemocratica, fece fallire la rivoluzio­
ne. Non meno chiaro è l'insegnamento offerto dall'esperien­
za dell'Ungheria [...]. Fin dai suoi primi passi la rivoluzione
ungherese si trovò a combattere senza direzione. Senza il
partito, al di fuori del partito, aggirando il parlilo, con un
surrogato di partito, la rivoluzione proletaria non può vince­
re. Questo c l'insegnamento principale degli ultimi dicci anni7.
Dopo aver ipotizzato che cosa sarebbe potuto accadere nella
Russia del 1917, invece della vittoria, se non fosse arrivato in
tempo Lenin, Trotsky ha parlato di ciò che avrebbe potuto
avvenire in altri paesi d'Europa, invece della sconfitta, se ci
fosse stala una direzione rivoluzionaria. In altre parole, egli
non si c limitato a «spiegare quello che avvenne e perche», ma
ha preso anche in considerazione "quello che avrebbe potuto
non avvenire" (in Russia), "quello che avrebbe potuto avvenire
e non avvenne" (in Germania, Finlandia e Ungheria); si è chie­
sto perche ciò che era possibile si sia verificato in un caso e
non negli altri. Trotsky ha scritto così non tanto perche «si [è]
ricordalo] del tempo in cui tutte le alternative erano ancora
aperte», ma, soprattutto, perché ha esaminato il passato dal
punto di vista del militante, cioè di chi, dovendo agire sui fatti
di oggi c di domani, non si limita a spiegare i fatti di ieri, ma
cerca in essi degli insegnamenti utili alla sua parte, ben sapen­
do che, in alcune circostanze, è l'azione degli uomini a far sì
che gli avvenimenti prendano una piega piuttosto che un'altra.
Questo metodo di esaminare il passato, di indagare il reciproco
rapporto fra il comportamento umano e ciò che è successo
oppure non è successo, è l'elemento che fa sì che, come sostie­
ne lo stesso Carr, «uno dei presupposti della storia è che l'uo­

7. L.D. Trotsky, Le lezioni dell'Ottobre, in La rivoluzione permanente e il so­


cialismo in un paese solo, scritti di N. Bucharin, I. Stalin, L. Trotsky, G. Zi-
nov'cv, Roma, Editori Riuniti, 1973, pp. 82-83.

29
mo è in grado di trarre profitto [...] dall'esperienza dei suoi
predecessori»8.
Non è stato solamente Trotsky a ipotizzare quello che avreb­
be potuto verificarsi se o se non. Lo hanno fatto e continuano a
farlo economisti, politici, militari, medici, ecc., individui che,
per il ruolo che svolgono, guardano al passato (non il passato
della Guerra delle Due Rose, ma quello prossimo, con proble­
mi che hanno ampie analogie con quelli attuali) per ricavarne
insegnamenti.
Ad ogni piè sospinto si sente ripetere che la storia non si fa
con i se. M a qual è l'esatto significato di questo luogo comune
e quali sono i limiti entro i quali esso è valido?
«Fare la storia» è espressione che può riferirsi al lavoro dello
storico come al lavoro del politico. I due casi conferiscono
però alle parole un senso diverso: sia il verbo sia il sostantivo
hanno significati che non corrispondono da un campo di atti­
vità all'altro. Il carattere concludente del luogo comune ha ori­
gine nel fatto che, di norma, il senso che esso ha nel campo
dello storico viene trasferito al campo del politico. Quel luogo
comune è un modo come un altro per ricordare che il lavoro
dello storico ha per oggetto un dato ormai immodificabile; la
vicenda che lo storico vuole ricostruire ha comportato quei
determinati fatti e quel determinato concatenamento di essi, ad
esclusione di ogni altro fatto e di ogni altro concatenamento.
Lo storico, cioè, è invitato a ricordare come suo compito non
sia tracciare delle ucronie: la battaglia di Ponte Milvio la vinse
Costantino e, se qualcuno deve chiedersi che cosa sarebbe ac­
caduto se, invece, l'avesse vinta Massenzio, questo qualcuno
non è sicuramente lo storico. Quel luogo comune è, dunque,
limitativo. L'enunciato è, tuttavia, meno rigoroso di quanto
faccia pensare la sua perentorietà. La storia è andata in un dato
modo, ma che, entro certi limiti, potesse andare altrimenti non
era escluso da nessun fattore presente nel campo di esplorazio­
ne dello storico così come questi lo percepisce, né, d'altro lato,
era escluso da un qualche a priori presente nel suo universo

8. E.H. CaiT, op. cit., p. 126.

30
intellettuale. Lo ammette implicitamente lo storico stesso quan­
do, esaminando l'operato di questo o quel soggetto, giudica
che esso, operando in questo modo piuttosto che in quest'altro,
sia incorso in un errore (errore nel senso di atto non inquadra­
bile, in tutto o in parte, in un rapporto logicamente corretto fra
mezzo e fine; errore nel senso di atto "sfasato" rispetto agli
clementi di giudizio e di previsione a disposizione del soggetto
stesso, ecc.). Certo, anche l’errore non si sottrae alla propria na­
tura, cioè al fatto di essere un fenomeno inserito in una catena
di eventi che lo precedono e lo seguono. Ma quella determina­
ta catena di eventi poteva comportare quella maglia piuttosto
che questa e Vesserei quella maglia piuttosto che questa avreb­
be, in una qualche misura, modificato il concatenarsi delle ma­
glie ulteriori. In ciò l'ottica dello storico si avvicina a quella del
politico.
Per il politico fare la storia significa che la catena degli even­
ti, immodificabile una volta formata, è ancora da costruire.
Egli è, certo, vincolato largamente dalle maglie già in essere
della catena stessa, ma sua funzione è quella di operare delle
scelte. Nessuna di queste scelte sarà libera (nel senso in cui si
parla di libero arbitrio). Ma ciò significa forse che esse saran­
no in lutto c per tutto determinate?
È il problema del riconoscimento, alla sfera della coscienza
c della volontà, di un margine di autonomia, cioè di un margi­
ne entro il quale i contenuti di essa non risultino da processi
causali esterni. La coscienza e la volontà sono dotale di auto­
nomia solo apparentemente o questa autonomia, per ristretta
che possa essere, è reale?
Un riferimento filosofico essenziale, che legittima la posi­
zione del problema, si trova in quella pagina della Dialettica
della natura in cui Engels rifiuta di situare su un medesimo
piano un accadimento singolo (per esempio, il fatto che alle
cinque del mattino una pulce mi abbia pizzicato il polpaccio) e
le leggi universali (come quelle che spiegano lo stato di equili­
brio del sistema solare).
La relazione tra gli intenti del politico e i suoi atti può essere
corretta o scorretta, a seconda che venga o non venga rispettata
una razionale rispondenza degli atti agli intenti. Questa razio-

31
naie rispondenza, il suo rispetto e il suo non rispetto, sono
senza dubbio elementi oggettivabili, cioè suscettibili di venir
rappresentati come dati di fatto. Ma questo non significa che
siano dati oggettivi. La sfera della coscienza è popolata di dati
soggettivi che sono oggettivabili. Però questi dati soggettivi
oggettivabili avremmo il diritto di considerarli oggettivi solo
se potessimo ritenere sottoposta a determinismo assoluto la co­
scienza stessa. E questa del determinismo assoluto non è che
una veduta metafisica, laddove la condizione di comprensibi­
lità dei fenomeni concreti risiede nel loro oggettivo strutturarsi
in insiemi, i quali, a prescindere dal rapporto che lega gli uni
agli altri i fenomeni, hanno ciascuno propri modi di esistenza,
ossia leggi proprie. Sarebbe singolare se un fenomeno unico
come la coscienza non avesse leggi proprie, e quindi una pro­
pria relativa autonomia. Di qui il margine di responsabilità del
politico.
Che cosa distingue allora Carr, che rifiuta il se negli avveni­
menti passati, da coloro che, avendo la responsabilità di opera­
re delle scelte, i se li usano per trarre da quegli stessi avveni­
menti gli insegnamenti che giudicano utili alla loro causa? Il
fine per cui scrivono, le motivazioni per cui si interessano alla
storia recente.
Non esiste lo storico, esistono gli storici. Carr, quando parla
dello storico pensa a se stesso e ai suoi colleghi titolari di cat­
tedre universitarie: studiosi che, al di là del loro specifico
punto di vista, cercano soltanto di capire che cosa sia avvenuto
e perché; uomini che, al di là delle loro particolari ideologie,
non si pongono il problema di intervenire sugli avvenimenti
presenti e futuri, non hanno la responsabilità di operare delle
scelte. Trotsky non era soltanto uno studioso del passato, ma,
soprattutto, un politico che, dovendo operare delle scelte, veri­
ficava la validità dei mezzi che la sua parte aveva o poteva
avere a disposizione, chiedendosi se senza di essi le passate
vittorie sarebbero state possibili oppure se con quei mezzi le
passate sconfitte sarebbero state evitabili.
Non ha agito diversamente quel politico conservatore che, in
veste di storico, ha indetto alfUniversità di Cambridge la con­
ferenza sull'inevitabilità o meno della rivoluzione russa, per

32
sostenere, c'è da giurarci, che con certi mezzi si sarebbe potuta
evitare la presa del potere da parte dei bolscevichi.

Tornando al caso specifico, cioè all'alternativa tra stalinismo


e bucharinismo, diciamo subito che interrogarsi su di essa,
cioè chiedersi se il primo fosse o meno l'unica via possibile
per trasformare la Russia in un paese industriale, non dipende
dal fatto che la soluzione avrebbe potuto essere diversa, ma dal
fatto che, visti gli orrori dello stalinismo, alcuni storici, citia­
mo per tutti Alee Nove, avrebbero preferito un percorso diver­
so, più "morbido" e graduale, quale avrebbe potuto essere quel­
lo indicato da Bucharin. Coloro che ritengono che nel 1928-29
entrambe le soluzioni fossero possibili sono, in primo luogo,
più o meno consapevolmente, convinti che il gruppo dirigente
del partito al potere sia stato libero di scegliere quale strada
percorrere; in secondo luogo, identificano nelle caratteristiche
umane, politiche, ideologiche di quel gruppo dirigente la causa
della scelta compiuta. In definitiva, considerano Stalin come
un diabolus ex machina, in quanto avrebbe preferito la solu­
zione peggiore.
1 fatti mostrano invece che Acciaio, questo il significato del­
lo pseudonimo con il quale Iosif Vissarionovic Djugasvili è pas­
sato alla storia, è stato costretto proprio dalle circostanze a im­
boccare l'unica strada possibile, cioè che una serie di forze
economiche e sociali lo hanno costretto nel 1928-29 a diventa­
re stalinista.
La direzione del partito, Stalin in testa, dal 1926 al '28 è stata
tutl'altro che favorevole all'industrializzazione accelerata. Anzi,
ha combattuto i "superindustrializzatori", cioè Trotsky, Preobra-
zenskij, Pjatakov e coloro che li appoggiavano (come Zinov'ev
e Kamenev, i quali lo hanno fatto a dispetto del richiamo alla
concezione leninista della NEP che aveva caratterizzato la loro
Opposizione di Leningrado nel 1925). Inoltre, nello stesso pe­
riodo, nelle campagne le forme cooperativistiche (cooperative
di produzione e/o di commercio dei prodotti agricoli, varie
forme di kolchoz) e statali (sovchoz) non solo non hanno rice­
vuto alcun impulso da parte del governo, ma sono state abban­
donate a se stesse e si sono ridotte di numero e di importanza.

33
Come ricorda Trotsky ne La rivoluzione tradita9 e sottolinea­
no anche Carr e Davies ne L'origine della pianificazione sovie­
tica. Agricoltura e Industria. 1926-1929'°, Stalin fino al 1928 si
è appoggiato ai contadini ricchi, ai commercianti e alla media
borghesia industriale, ha continuato la politica "liberista" della
NEP, ha affermato che «non b iso g n a la ] promuovere l'indu­
strializzazione trascurando o violando gli interessi dell'agricol­
tura» (novembre 1926), ha sostenuto che costruire una diga sul
fiume Dnepr per la produzione di energia elettrica sarebbe stata
una sciocchezza paragonabile a quella di un muzik che con i
suoi pochi copechi avesse preferito comperare un grammofono
invece di far riparare l'aratro.

Si deve soprattutto a Carr e a Lewin, ai quali si è aggiunto


alla metà degli anni Settanta Charles Bettelheim11, se conoscia­
mo abbastanza bene la dinamica sociale in Unione Sovietica
dal 1917 alla "rivoluzione dall'alto".
Dopo l'Ottobre i contadini poveri e senza terra si impadroni­
rono delle aree coltivabili appartenenti allo Stato zarista, alla
nobiltà e ai contadini ricchi. La divisione della terra coltivabile
fra 24 milioni di famiglie che usavano mezzi di produzione
primitivi non giovò alla produttività del lavoro né al riforni­
mento alimentare delle città. Rispetto al 1914 si produsse una
quantità minore di derrate alimentari e, della quantità prodotta,
una percentuale minore giunse nelle città. Tanto più grande era
il numero delle proprietà contadine sulla stessa terra coltivabi­
le, più piccolo l'appezzamento coltivato da un singolo produt­
tore, tanto maggiore era la parte del raccolto che ogni singola
famiglia contadina destinava al proprio consumo, tanto minori
erano la parte che veniva venduta al mercato - data anche, fra 910

9. Cfr. L.D. Trotsky, La rivoluzione tradita, Roma, Samonà-Savclli, 1968.


10. Cfr. E.H. Carr-R.W. Davies, Le origini della pianificazione sovietica, I, Agri­
coltura e industria 1926-1926, Torino, Einaudi, Torino, 1972.
11. Cfr. C. Bettelheim, Le lotte di classe in URSS 1917/1923 c 1923/1930, Mi­
lano, Etas Libri, 1975 e 1978. In francese l'autore ha pubblicato anche Les
luttes de classes en URSS 1930-1941, due voli., Paris, Maspcro/Scuil, 1982-
1983.

34
l'altro, la scarsità di beni di consumo durevoli da acquistare
con i soldi ricavati dalla vendita - e quella che veniva conse­
gnata allo Stato.
Nella guerra civile sia l'Armata Rossa sia gli eserciti bianchi
furono formati prevalentemente da contadini reclutati a forza. I
contadini della Russia settentrionale e centrale, che avevano
ricevuto un pezzetto di terra dopo l'Ottobre, combatterono sot­
to la guida della classe operaia; i contadini delle regioni del
Don, del Kuban, dell'Ucraina meridionale, della Siberia occi­
dentale (assimilabili ad altrettante Vandee), i quali avevano già
un loro terreno prima della rivoluzione, combatterono sotto la
guida militare della vecchia nobiltà zarista e sotto la direzione
politica anglo-francese. La paura di vedersi strappare la terra
dai vecchi padroni in caso di vittoria dei bianchi convinse la
stragrande maggioranza dei contadini della Russia settentrio­
nale e centrale a fornire al nuovo Stato sovietico il grano ne­
cessario alla popolazione urbana e all'Armata Rossa; in alcune
occasioni, però, furono reparti di operai armati a requisire il
grano nelle campagne.
Dopo tre anni di guerra civile, dopo la sconfitta degli eserciti
bianchi, i contadini, non avendo ormai più paura di perdere la
terra, conservarono il grano per se stessi. Le città conobbero
allora la fame. NeH'invemo 1920-21 si verificarono nelle cam­
pagne vere e proprie rivolte contro il governo sovietico che
utilizzava reparti aririati per requisire il grano; nelle città si
ebbero manifestazioni di protesta degli operai, fino all'insurre­
zione di Kronstadt.
Per scongiurare la fame e un'irreparabile frattura fra operai e
contadini il governo, su impulso di Lenin, approvò la Nuova
Politica Econom ica (NEP), che permise ai contadini, dopo la
consegna allo Stato di una percentuale fissa della loro produ­
zione («imposta in natura»), di vendere il resto del raccolto sul
libero mercato.
Lenin, Trotsky e gli altri dirigenti bolscevichi furono ben
coscienti del fatto che la NEP, favorendo l'accumulazione pri­
vata nell'agricoltura, nel commercio, nella piccola e media in­
dustria, consentiva il formarsi nelle campagne e nelle città di
un ceto medio con interessi antiproletari, ma furono obbligati a

35
imboccare questa strada per evitare una carestia che avrebbe
significato la vittoria della controrivoluzione, per evitare che la
fame riuscisse là dove i Kolcak, i Denikin, i Vrangel' avevano
fallito; furono costretti a una ritirata in campo economico per
poter mantenere il potere politico ancora per qualche anno,
sperando che nel frattempo il proletariato occidentale venisse
loro in aiuto. La NEP si rivelò salutare dal punto di vista eco­
nomico e, dal 1922 al 1926, si ebbe un lento ma continuo au­
mento sia della produzione agricola e industriale, sia del teno­
re di vita della popolazione.
Nelle campagne la differenziazione di classe tra i contadini
procedette velocemente: da un lato, si raccolsero i kulaki, con­
tadini che, avendo ricevuto i terreni migliori e disponendo di
un certo capitale di esercizio, si arricchivano vendendo i loro
prodotti sul libero mercato delle città; dall'altro lato, coloro
che, avendo ricevuto un terreno poco fertile e non disponendo
di capitali, erano costretti per sopravvivere a farsi assumere
come braccianti dai contadini ricchi oppure ad andarsene nelle
città in cerca di lavoro; fra questi due estremi stava la massa
dei contadini medi, che dividevano il prodotto fra l'autoconsu­
mo e la vendita al mercato. Pressoché assenti erano le aziende
cooperativistiche di produzione, che occupavano appena il 2%
delle terre coltivate e si dividevano tra i kolchoz e i sovchoz
diretti dallo Stato.
Nel 1927 la NEP entrò in crisi.
La produzione di cereali si ridusse da 76 milioni di tonnellate
nel 1926-27 a 71 milioni nel 1928; nella quantità prodotta dimi­
nuì la quota ceduta alle città (ammasso e libero mercato) e au­
mentò quella destinata all'autoconsumo (fenomeno determinato
dal comportamento dei contadini medi) o ai granai (fenomeno
determinato invece dalla condotta dei kulaki, che preferivano
conservare il grano per venderlo successivamente a un prezzo
maggiore); nella quantità ceduta alle città diminuì la quota desti­
nata alfammasso e aumentò quella destinata al libero mercato,
cosa che rialzò il prezzo del pane; la fuga dei contadini poveri
dalle campagne verso le città aumentò il numero di coloro che
consumavano derrate alimentari senza produrle. Nelle città il
pane scarseggiava e quello che c'era costava sempre di più.

36
Tra il 1926 c il 1929 - scrivono Carr e Davics - l'Unione
Sovietica continuava a presentare il fenomeno, apparente­
mente paradossale, di un aumento simultaneo del numero di
operai occupati c di quello di operai disoccupati [...]■ La
riserva che alimentava questo allargamento della forza-lavo­
ro era la popolazione rurale eccedente12.

All'inizio del 1927 nelle poche grandi città industriali si con­


centravano circa un milione e settecentomila disoccupati13, che
non ricevevano quasi nulla come sussidio. Inoltre, l'alto nume­
ro di disoccupati spinse sempre più verso il basso il salario de­
gli occupati, per cui le condizioni di vita e di lavoro degli ope­
rai peggiorarono di giorno in giorno.
La NEP, se aveva salvalo i contadini dalla catastrofe - scri­
vono ancora Carr c Davies -, aveva ridotto l'industria c il mer­
cato del lavoro al limite del caos [...]. Il proletariato, l'eroico
portabandiera della rivoluzione, era stato disperso, disgrega­
to, decimato sotto l'urlo della guerra civile c del caos indu­
striale; c l'operaio industriale era diventalo il figliastro della
NEP [...]. Nelle città dappertutto si dovette stringere la cin­
ghia. E non c'cra la sicurezza per il futuro: la convinzione su
cui era fondata la NEP che si potesse nutrire la città con una
combinazione di consegne volontarie allo Stalo c di libere
vendile sul mercato era crollata1415.

Lcwin, per parte sua, nota:


Verso la find del 1927 la NEP entrò in crisi [...]. L'espe­
rienza della NEP fu così chiusa prima che nella mente dei
dirigenti venisse a configurarsi una politica alternativa1'.
La crisi economica infranse la coesistenza fra le classi. In par­
ticolare, essa portò gran parte della classe operaia, duramente
colpita dalla disoccupazione di massa e dalla carestia, a schierar­

12. E.H. Carr R.W. Davics, Le origini della pianificazione sovietica, II, Lavo­
ro, commercio, finanza. 1926-1929, Torino, Einaudi, 1974, p. 5.
13. E.H. Carr-R.W. Davics, op. cit., p. 9.
14. E.H. Carr, Ixt rivoluzione russa da Lenin a Stalin (1917-1929), Torino, Ei­
naudi, pp. 64 c 106.
15. M. Lcwin, op. cit., p. 63.

37
si non solo contro i ricchi commercianti, i nepmen, gli speculato­
ri che si arricchivano sempre più, contro i «direttori rossi» delle
grandi fabbriche che avevano ripristinato condizioni di lavoro
pressoché simili a quelle dell'era zarista, contro i burocrati dello
Stato, del partito e dei sindacati, ma anche e soprattutto contro i
contadini che non inviavano il grano alle città, fossero i kulaki o
i contadini medi, anch'essi accusati di mettere da parte il grano
senza preoccuparsi troppo della fame che strangolava le città.
Mentre l'aristocrazia operaia si riconosceva nel sindacato di­
retto da Tomskij ed era favorevole al mantenimento dello statu
quo, la parte più umile della classe operaia - manovali, stagio­
nali e soprattutto disoccupati - faceva pressione sugli organismi
periferici del partito affinché si cambiasse la politica economica,
si imboccasse la via deH'induslrializzazione accelerata che avreb­
be assorbito la disoccupazione (cosa che il governo di Stalin non
aveva voluto fare in precedenza, malgrado le insistenze dei diri­
genti dell'industria pesante raccolti nel Vesencha - Consiglio
Superiore dell'Economia Nazionale - e malgrado le sollecitazio­
ni dell'Opposizione unificata); scopo parallelo di questa pressio­
ne era che si procedesse alla requisizione del grano nelle campa­
gne, come all'epoca del «comunismo di guerra».
Quando Stalin, prima con grande precauzione, poi sempre
più decisamente, si orientò nel senso della collettivizzazione
forzata e dell'industrializzazione accelerata, ebbe quindi con sé
la parte più umile della classe operaia. Come in altri momenti
decisivi della vita sovietica (cioè, durante la guerra civile e
nella guerra del 1940-45 contro la Germania), anche in questo
periodo vi fu un notevole e spontaneo afflusso di giovani ope­
rai nel partito (dopo che nel '26 la percentuale degli operai nel
partito aveva toccato la punta più bassa, il 39,4%, mentre quel­
la dei contadini era cresciuta al 39%, la percentuale dei primi
tra gli iscritti raggiunse nell'aprile del '30 il 48,6%"’).
Il XV congresso del partilo del dicembre ‘27 - scrivono
ancora Carr e Davics - previde come uno dei corollari di
un'economia pianificata ed industrializzata «l'assorbimento16

16. Cfr. G. Procacci, Il partito nell'Unione Sovietica 1917-1945, Bari, Laterza,


1975.

38
di forze lavorative superflue sulla base di una crescita inin­
terrotta delle forze produttive del paese»; ed un articolo pub­
blicato salutò la costruzione di nuovi progetti come Dne-
prostroj, la ferrovia Turk-Sib c il canale Volga-Don come un
«possente regolatore della nostra battaglia contro la disoccu­
pazione»17.

Un'analogia con questa fase della storia russa si può trovare


nelle politiche economiche americana e tedesca degli anni Tren­
ta, quando i governi di Washington e Berlino realizzarono un
massiccio intervento nella vita economica dei rispettivi paesi
per arginare i più devastanti effetti della Grande Depressione.
Ma una prima differenza, di natura economica, fu che, mentre
nelle superindustrializzatc terre d'Am erica e di Germania i
governi limitarono il loro intervento ai lavori pubblici e a im­
portanti riforme sociali, nella Russia arretrata il Cremlino in­
tervenne sia sul terreno dei lavori pubblici, sia, soprattutto, co­
me promotore del processo di industrializzazione. Una secon­
da differenza, questa volta di natura politica, fu che Stalin
(come del resto Mussolini, liberista nel 1926, statalista e rifor­
matore sociale nel '36) svolse, dapprima, il ruolo di Hoover e
di Bruning - deflazionismo, "ortodossia" finanziaria - c, in
seguilo, quello di Roosevelt e di Hitler - espansione economi­
ca (più tardi definita keynesiana).
In definitiva, non fu Stalin a scegliere come industrializzare
la Russia: incerto^ fra la destra, fautrice dell'industrializzazione
«a passo di tartaruga», e la sinistra, sostenitrice della necessità
di accelerare l’industrializzazione, Stalin, a un certo punto,
fece passare i superindustrializzatori della sinistra per modera­
ti, in quanto fu spinto avanti da forze economiche e sociali che
o avrebbero trovato in lui il realizzatore delle loro esigenze,
oppure l'avrebbero fatto sparire dalla scena. Egli si convertì,
insomma, allo stalinismo... a calci nel sedere.

Dopo aver risposto ad Alee Nove e agli altri storici che pen­
sano che sarebbe stato possibile il tipo di industrializzazione

17. E.H. Carr-R.W. Davics, op. cit., p. 16.

39
auspicato dalla destra buchariniana, è necessario rispondere
anche a coloro che si sono chiesti che cosa sarebbe avvenuto
nella Russia sovietica se, invece che dagli staliniani, il potere
fosse stato preso dall'Opposizione di sinistra, in particolare da
Trotsky.
Scrive Isaac Deutscher:
Nel corso del dibattito [al XII congresso del Partito co­
munista, nel 1923] Krasin, il vecchio compagno di Trotsky,
si rivolse direttamente a lui c gli chiese se avesse riflettuto
attentamente sulle implicazioni del primitivo accumulo so­
cialista. Ai suoi inizi, osservò Krasin, il capitalismo non
solamente versava ai lavoratori un salario insufficiente, o
contava sull'«astinenza» dell'imprenditore per promuovere
l'accumulo. Ma aveva sfruttato le colonie, «saccheggiato in­
teri continenti», distrutto i proprietari terrieri inglesi, rovi­
nato i tessitori indiani c sulle loro ossa, «che imbiancavano
le pianure dell'India», aveva costruito la moderna industria
tessile. Trotsky aveva condotto l'analogia fino alla sua con­
clusione logica [...] i bolsccvichi si erano ormai resi conto
di avere poche probabilità di attirare crediti stranieri in ter­
mini accettabili, per cui il quesito posto da Krasin conserva­
va tutta la sua forza: dove trovare le risorse necessarie per
un rapido accumulo? Quando egli parlò dello sfruttamento
dei contadini c delle «bianche ossa» dei territori indiani,
Trotsky balzò in piedi protestando di non aver «proposto
nulla di simile». Era vero. Ma la logica del suo atteggia­
mento non portava, invece, allo «sfruttamento della classe
contadina»?18
Dopo la sconfitta della classe operaia in Occidente non esi­
steva per la Russia un'alternativa a ciò che fu lo stalinismo, sia
che a guidare il processo di industrializzazione accelerata fos­
se stato, come fu, il gruppo staliniano, sia che fosse stata l'Op­
posizione di sinistra (molti dei suoi esponenti, fra l'altro, ve­
dendo nella politica del Cremlino la realizzazione dei progetti
economici dell'Opposizione, capitolarono).
In conclusione le possibilità erano sì due, ma non alla fine
degli anni Venti, né erano quelle sulle quali tanti storici hanno

18. I. Deutscher, Il profeta disarmato. Leone Trotsky 1921-1929, Milano, Lon­


ganesi, 1970, pp. 140-141.

40
dibattuto. Le due alternative furono presenti fino al 1923 ed
erano l'industrializzazione sotto la direzione del proletariato
intemazionale e con i mezzi della tecnica più sviluppata, oppu­
re, ed è ciò che avvenne, l'accumulazione primitiva in un paese
semibarbaro diretta dagli apparati dello Stato e del partito uni­
co, cioè nient'altro che lo stalinismo. Tertium non dcitur.

Dopo aver affermato che lo sviluppo «a passo di tartaruga»


era impossibile fin dal 1927-28 e che la sconfitta del proleta­
riato in Germania nel 1923 aveva reso inevitabile la via stalini­
sta per l'industrializzazione della Russia, resta aperta la que­
stione dell'incvitabilità o meno dello stalinismo così come si è
storicamente sviluppato da un certo punto in avanti.
All'interno della logica stalinista era possibile uno sviluppo
economico che si discostasse per aspetti rilevanti da quello che
si c realizzato? In altre parole, gli elevati ritmi dello sviluppo
industriale, l’alta percentuale di contadini medi inseriti a forza
nei kolchoz e, soprattutto, la completa subordinazione dell'agri­
coltura all’industria, dell'industria leggera a quella pesante c del­
l'industria pesante a quella bellica, erano fenomeni già deter­
minati alla fine della NEP? Rispondere affermativamente si­
gnifica credere che, dalla fine degli anni Venti, l'Unione Sovie­
tica abbia vissuto fuori da pressioni esterne, cioè che lo stalini­
smo, così come si è presentato dal 1933 in avanti, sia stalo, in
ultima analisi, il prodotto di forze interne al paese.
La completa subordinazione dell'economia al settore bellico
avvenne solo quando la guerra tornò a profilarsi all'orizzonte,
cioè dopo l'avvento al potere in Germania del nazionalsociali­
smo nel gennaio del 1933. All'interno del partito e dello Stato
sovietici si verificò, infatti, nel corso dello stesso anno, un'aspra
lotta fra due ali dello schieramento stalinista: da una parte i
"moderati" (Kirov, Varejkis, Kobakov, ecc.), dirigenti locali fa­
vorevoli a concedere una quota maggiore di investimenti all'in­
dustria leggera e all'agricoltura, e dall'altra gli "intransigenti"
(Stalin, Molotov, Kaganovic, Vorosilov), fautori dell'assoluta
priorità dell'industria degli armamenti e vincitori di una lotta che
si concluse con l'eliminazione anche fisica dei moderati.

41
Come la sconfitta del proletariato in Germania nel 1923 era
stata decisiva non solo per la vittoria del «socialismo in un
solo paese», ma anche per il prevalere della via stalinista all'in­
dustrializzazione, così la crisi del 1929 e la stessa vittoria del
nazionalsocialismo determinarono le caratteristiche del regime
staliniano.
A questo punto l'interrogativo che ci siamo posti in preceden­
za cambia: pur in presenza dei disastrosi effetti economici e
occupazionali della crisi del 1929 in Germania e in tutta
l'Europa e posto che la Germania restava l'area nella quale si
sarebbe giocata la partita decisiva per la stessa Unione Sovie­
tica, sarebbe stata possibile, nel quadro che si era delineato con
la sconfitta delle sinistre in Russia, una politica diversa da quel­
la applicata dall'Intemazionale e dal partito comunista tedesco,
che finì per favorire l'avvento di Hitler al potere e l'emergere di
una prospettiva di guerra generale a breve o medio termine?
Che cosa avrebbe implicato, sul piano dei risultati, un atteggia­
mento della KPD che non fosse di sottovalutazione del pericolo
rappresentato dal movimento nazista e soprattutto non indivi­
duasse nella socialdemocrazia il «nemico principale del prole­
tariato»? In altre parole: alfintem o dell'impostazione stalinista
poteva, all'inizio degli anni Trenta, essere elaborata una politica
delle alleanze in Germania?
L'interrogativo non è ozioso. Il tema richiederebbe molto spa­
zio, ma ci sembra abbastanza evidente che una socialdemocra­
zia al potere in Germania nei primi anni Trenta - questo lo
sbocco logico del discorso che stiamo facendo - avrebbe sì
dovuto fare i conti con il drammatico problema di una disoc­
cupazione di proporzioni mai viste, ma si può escludere che li
avrebbe fatti adottando in tutto e per tutto le ricette riarmiste
del nazismo. Una socialdemocrazia al potere avrebbe sì dato
impulso a grandi lavori pubblici e al tempo stesso avrebbe
potuto finanziarli con una massiccia esportazione di prodotti
industriali in direzione dell'Unione Sovietica (una pur limitata
applicazione di questa esportazione si era già avuta durante la
Repubblica di Weimar ed essa fu ripresa, sempre in modo limi­
tato e con intenti unilaterali, da parte dello stesso nazismo), ma
ciò non avrebbe significato, all'opposto della politica economi­

42
ca di Hitler, una guerra in tempi abbastanza ravvicinati. E,
tolta di mezzo questa prospettiva, l'evoluzione economica e
politica dell'Unione Sovietica sarebbe stata, con tutta probabi­
lità, inserita in un quadro diverso da quello dell'autocrazia sta­
liniana, pur senza abbandonare l'ombrello protettivo del «socia­
lismo in un solo paese».

In cam po po litico

Da un punto di vista politico occorre dire con chiarezza che


lo stalinismo è stalo la parte più cosciente e radicale del terro­
re bianco che si c abbattuto sulla classe operaia internazionale
dopo la sua sconfitta nei primi anni Venti. Lo stalinismo non
colpì solo il movimento comunista russo e la Terza Interna­
zionale, ma ogni forma di organizzazione che raggruppasse
avanguardie operaie nell'Unione Sovietica, in Europa orientale
e in molli paesi dell'Europa occidentale e dell'Asia.

E occorre chiedersi: perché dal potere proletario di Lenin,


Trotsky, Zinov'cv e Kamepev si è passati al regime di terrore
bianco di Stalin, Molotov, Kaganovic, Mikojan e Vorosilov?
Per la vittoria finale del socialismo, per l'organizzazione
della produzione socialista, gli sforzi di un solo paese, so­
prattutto di un paese agricolo come la Russia, sono insuffi­
cienti1''.
Sono parole non di Trotsky o di Zinov’ev, ma dello stesso
Stalin, di uno Stalin che nel gennaio 1924 non osava ancora
scrivere - lo pensasse o meno - che la trasformazione dell'eco­
nomia in senso socialista fosse possibile in un solo paese, il
quale, fra l'altro, pur avendo dimensioni continentali, non era 19

19. l.V. Stalin, Questioni del leninismo, in La rivoluzione permanente e il socia­


lismo in un paese solo, cit., p. 269.

43
la stessa cosa degli Stati Uniti - cioè non era nemmeno alla
lontana paragonabile con il paese più progredito del mondo sia
neH'industria sia nell'agricoltura, ossia con un paese sostanzial­
mente autosufficiente, signore del mercato mondiale fin dal
1918 - , ma era una realtà nella quale non si poteva passare dal
capitalismo al socialismo... perché non c'era ancora il capitali­
smo, se non in una misura molto limitata.
Ciò ci dice che il socialismo non era possibile nella sola
Russia sovietica, ma non rappresenta una risposta all'interroga­
tivo che ci siamo posti. A ben vedere, però, le parole di Stalin ci
aiutano a comprendere l'entità del cambiamento subito dal parti­
to bolscevico quando, giunto al potere e avendolo conservato
dopo tre anni di guerra civile, non avendo ricevuto alcun aiuto
da parte della classe operaia occidentale, non fu in grado di pro­
cedere alla trasformazione dell'economia in senso socialista e di
realizzare il programma per il quale si era battuto, trovandosi,
invece, in tempi brevi, impegnato in qualche cosa di diverso,
cioè nell'industrializzazione del paese. Così facendo il partito
bolscevico cessò di essere l'espressione del potere proletario.
Chiedo allora che il compagno Stalin dica che cosa acca­
drà in Russia se non si verifica entro un certo periodo di
tempo la rivoluzione proletaria in Europa21’.

Questa domanda, che Bordiga pose direttamente a Stalin in


occasione dell'Esecutivo allargato dell'Internazionale comuni­
sta nel 1926, sottolineava l'impossibilità per il potere proleta­
rio stesso, in assenza di una rivoluzione in Occidente, di so­
pravvivere in Russia, al di là del fatto esteriore che al potere
rimanessero le stesse persone fisiche, lo stesso partito, con gli
stessi simboli che avevano accompagnato la vittoria dell'Ot­
tobre e della guerra contro i bianchi.
In definitiva, le cause per cui si passò da Lenin a Stalin,
cause per spiegare le quali hanno fatto scorrere fiumi d'inchio­
stro militanti rivoluzionari, storici seri e storici ciarlatani (con
quest'ultimo termine ci riferiamo a coloro che hanno sostenuto 20

20. In B. Bongiovanni, L'antistalinismo di sinistra..., cit., p. 339.

44
che vi sarebbe stata continuità d'intenti tra il primo e il secon­
do), sono le stesse per cui la via stalinista all'industrializzazio­
ne fu la sola possibile alla fine degli anni Venti, le stesse per
cui nel primo dopoguerra le forze della conservazione borghe­
se si dimostrarono superiori a quelle della rivoluzione e l'assal­
to proletario fu rintuzzato.
Scrive lo storico americano W.H. Chamberlin:

Nel giudicare gli avvenimenti del 1919 non bisogna di­


menticare due cose. La prima, che una gran parte dcll'Huropa
centrale e orientale era in vario grado, in uno stalo di disorga­
nizzazione politica, sociale ed economica, e quindi atta ad
essere influenzata dal movimento bolscevico; la seconda, che
i capi bolsccvichi di quel tempo prendevano mollo sul serio
la missione della rivoluzione mondiale. Se non riuscirono a
sostenere Bela Kun in Ungheria e gli altri apostoli della rivo­
luzione sociale in altri paesi con la stessa energia con cui
l'Inghilterra sostenne Kolcak c Dcnikin, ciò dipese da man­
canza di forze, non da mancanza di volontà. Se non ci fosse
stato l'intervento straniero, se con la fine della guerra mon­
diale fossero cessati gli aiuti degli Alleati ai russi bianchi,
quasi certamente la guerra civile in Russia si sarebbe conclu­
sa più rapidamente con una vittoria decisiva dei sovietici, c
allora una Russia rivoluzionaria trionfante si sarebbe affac­
ciata su un Europa tutta percorsa da fremiti rivoluzionari21.

La classe operaia dei paesi dell'Intesa contribuì al fallimento


delle operazioni militari tentate a più riprese contro il governo
rivoluzionario in Russia (ammutinamento dei marinai francesi
a Odessa, rifiuto dei portuali inglesi e americani di caricare le
navi con le armi e le munizioni destinate agli eserciti bianchi),
ma non arrivò mai ad uno scontro armato per il potere statale.
In Germania le sollevazioni operaie che si verificarono dal
1918 al 1923 furono sconfitte e, nella fase successiva, la situa­
zione economica e sociale dell'Europa centrale fu resa più sta­
bile grazie agli investimenti realizzati dagli americani (piani
Dawes e Young).

21. W.H. Chamberlin, Storia della rivoluzione russa, Torino, Einaudi, 1941, pp.
584-585.

45
In definitiva la classe operaia russa e il partito di Lenin e
Trotsky furono sconfitti dalle soverchianti forze della conserva­
zione capitalistica intemazionale. Di più non era possibile fare.

M a quando si passò dal potere proletario, cioè da un potere


il cui principale obiettivo era quello di fornire ogni appoggio
possibile alla rivoluzione intemazionale, al regime controrivo­
luzionario di Stalin?
La domanda non ha mai avuto né potrà mai avere una rispo­
sta precisa, perché il potere proletario in Russia non è stato
abbattuto militarmente in breve volger di tempo, come nel ca­
so della Comune di Parigi o delle Repubbliche dei consigli in
Baviera e in Ungheria; in Russia la classe operaia ha perso len­
tamente il potere, nel corso di alcuni anni, e lo ha perso anche
se alla guida del paese è rimasto lo stesso partito bolscevico e
sulla Torre del Salvatore ha continuato a sventolare la stessa
bandiera rossa.
Carr ha perfettamente ragione nel considerare la politica
estera del Cremlino come il miglior metro per valutare la natu­
ra di classe del potere sovietico:

Nei primi anni della rivoluzione sovietica la politica estera


e gli obicttivi comunisti nei paesi stranieri erano inseparabili
e indistinguibili. NcH'cslatc del 1920 non avrebbe avuto al­
cun senso il domandare se l'avanzata in Polonia veniva intra­
presa nell'interesse del comunismo intemazionale o della po­
litica sovietica; c il congresso dei popoli orientali tenuto a
Baku nel settembre dello stesso anno serviva unicamente
l'uno c l'altro scopo [...]. Ma quando dopo il 1921 la necessità
di difendere unicamente le conquiste della rivoluzione prole­
taria nella Russia sovietica cominciò a superare in importan­
za la speranza di estendere queste conquiste ad altri paesi, si
udì presto l’accusa che la causa del comunismo internaziona­
le fosse subordinata agli interessi dello Stato sovietico22.

22. E.H. Carr, // socialismo in un solo paese, II, La politica estera 1924-1926,
Torino, Einaudi, 1969, pp. 12-13.

46
Fra il 1921 e il 1923 vi fu qualcosa di simile a una doppia
politica estera sovietica, qualcosa che giustificò in parte i com­
menti di alcuni pubblicisti occidentali secondo i quali Zino-
v'ev, presidente dell'Internazionale Comunista, e Cicerin, mini­
stro degli esteri del Cremlino, «lavoravano coscienziosamente
uno contro l'altro»; si trattò di una contraddizione inevitabile,
ma nel 1923 il sostegno dato dai russi alla frazione di destra
della KPD, ai Brandler, Thalheimcr, ccc., nel corso delle lotte
che culminarono nell'insurrezione di Amburgo - un appoggio
che aveva avuto come alternativa non praticabile affiancare
una sinistra massimalista (quella della Fischer e di Maslow) in
una tragica avventura per la classe operaia - diede una parven­
za di legittimità al sospetto dei dirigenti della KAPD estremi­
sta, secondo i quali, dietro l'ambigua politica del partito russo,
ci sarebbero stali i legami economici c militari stretti l’anno
precedente a Rapallo fra il Cremlino c la Repubblica di Wei­
mar.
Nel 1924 con la «bolscevizzazione» dei partiti comunisti di
tutti i paesi, con la pratica attuata da Mosca di mettere alla dire­
zione di quei partiti clementi di sua fiducia, non fu più Mosca
stessa a dipendere, sia pure tendenzialmente, dall'Internazionale
c quindi a legare il suo futuro a quello della rivoluzione proleta­
ria in Occidente: fu l'Internazionale Comunista a condizionare
la sua politica alle esigenze statali russe.
Nel 1926 la politica estera del Cremlino divenne apertamente
controrivoluzionaria in Cina, dove, per non contrastare gli inte­
ressi delfimperialismo britannico, il delegato dell'Internazio­
nale, Borodin, consegnò il proletariato di Shanghai legato mani
e piedi al boia Chiang Kai-shck, sostenuto da Mosca e finanzia­
to dai governi inglese e americano.
Ai vertici dell’Intemazionale i rivoluzionari furono sostituiti
dai cosiddetti centristi, dai Thälmann, Ulbricht, Thorez, To­
gliatti, Lciisky, Dimitrov, uomini convinti che l’unica via per
l'emancipazione proletaria passasse per le fortune di Mosca,
unico interesse dei quali era fiutare l'aria che tirava al Cremli­
no per essere sempre pronti a soddisfare in ogni parte del mon­
do le esigenze dello Stato sovietico. Poiché Mosca doveva man­
tenere a tutti i costi il controllo dell'Internazionale comunista

47
come fattore di politica estera e come merce di scambio con i
governi degli altri paesi, la repressione contro tutti coloro che
non si adeguavano alle disposizioni di Stalin fu spietata. Basti
soltanto pensare alla guerra civile spagnola del 1936-1939, nel
corso della quale il m assacro di migliaia di militanti del
POUM e di anarchici compiuto dagli stalinisti aprì le porte ai
generali di Franco.

Come si passò, dunque, dal potere proletario al regime di


Stalin? La questione è stata affrontata da alcuni dirigenti bol-
scevichi e da numerosi storici.
Cominciamo dalla risposta di Deutscher, che ebbe un passato
di militante nel movimento comunista polacco e nell'opposi­
zione di sinistra intemazionale:
Dopo gli anni della guerra mondiale, della guerra civile c
dell'intervento straniero, la poca industria che la Russia pos­
sedeva era andata in rovina. Il macchinario c le riserve di
materiale si erano consumali. Economicamente la nazione
era come se fosse stata ributtata indietro di mezzo secolo. La
gente delle città bruciava i mobili per riscaldare la casa.
Decine di migliaia di contadini erano colpiti dalla carestia c
vagavano per il paese in cerca di cibo. I [...] lavoratori che si
erano battuti sulle barricate nel 1917 si erano dispersi, e
come forza sociale integrata avevano cessato di esistere. I
più valorosi erano morti nella guerra civile: molti avevano
occupato posti nella nuova amministrazione, nell'esercito c
nella polizia; mollissimi erano fuggiti dalle città affamate; i
pochi che erano rimasti impiegavano maggior tempo a ba­
rattare che non a lavorare, diventavano dei declassati c veni­
vano risucchiati dal mercato nero. Queste furono le circo­
stanze formative del tempo in cui i bolsccvichi, all'inizio
degli anni '20, cercavano di dar forma al loro regime c di
consolidarlo. Ma nel fare questo non potevano appoggiarsi
alla classe di cui si erano considerati l'avanguardia [...]. Fi­
sicamente e politicamente quella classe era svanita 1...]. Poi­
ché la classe lavoratrice fisicamente non era là, i bolsccvichi
decisero di agire come suoi luogotenenti e fiduciari 1...) con­
siderarono loro dovere di esercitare la "dittatura del proleta­
riato", come rappresentanti di un proletariato inesistente o
quasi [...]. Senza aspettarselo si trovarono in una posizione
che, mutatis mutandis, era paragonabile a quella dei dccabri-

48
sti, dei populisti e dei narodnovolzi dcll'OUocento, la posi­
zione di un'elite che non ha dietro di sé una classe rivoluzio­
naria. Ma l'elite era ora al governo23.
Queste parole ci ricordano come dalla guerra civile tutte le
classi fossero uscite esauste e come il partito bolscevico si
fosse trovato a non avere più la classe operaia dietro di sé. Con­
temporaneamente, per gli incarichi assunti dai suoi militanti
nell'apparato statale, nella direzione delle industrie e delle ban­
che nazionalizzate, ecc., questo partito si trovò ad avere al pro­
prio interno il generale ed i soldati della stessa divisione, il
direttore e gli operai della stessa industria; esso divenne così il
terreno decisivo dello scontro per il potere fra le classi, scontro
che si protrasse fra il 1921 e il 1923 e il cui esito fu deciso dal­
la mancata vittoria della classe operaia in Occidente. Dire que­
sto non significa certo affermare che all'interno del partito bol­
scevico vi furono banchieri e industriali a contendere il potere
agli operai: significa affermare che là dove molti hanno visto
soltanto una lotta fra alcuni individui per il potere personale vi
fu una lotta fra diversi programmi, ognuno dei quali rappre­
sentava gli interessi di una classe, al di là del fatto che i singoli
individui fossero o meno coscienti di ciò che sostenevano quei
program mi.
Pur essendo sospeso al di sopra delle classi sociali, il partilo
non era collocato in una dimensione irreale, né i suoi militanti
vivevano sulle nuvole, ma occupavano posizioni precise e dif­
ferenziate nella società civile e nell'apparato statale.
Scrive Christian Rakovskij nei Pericoli professionali del p o ­
tere (1928):
Quando una classe prende il potere, una sua parte diviene
l'agente di questo potere. Così sorge la burocrazia [...]. Dove
l’accumulazione capitalista c proibita ai membri del partito
al potere, questa differenziazione comincia ad essere funzio­
nale; in seguito diviene sociale. Penso qui alla posizione
sociale di un comunista che ha a sua disposizione un'auto­
mobile, un buon appartamento, vacanze regolari e che riceve
il salario massimo autorizzato dal parlilo; posizione che dif-

23. I. Deutscher, La rivoluzione incompiuta, Milano, Longanesi, 1968, pp. 74-77.

49
ferisce da quella del comunista che lavora nelle miniere di
carbone e che riceve un salario di 50 o 60 rubli al mese24.
Nel testo da cui è tratta questa citazione, teso a spiegare per­
ché da anni in Russia ci fosse una «passività delle masse (pas­
sività ancora più grande tra le masse comuniste che tra quelle
senza partito) nei riguardi di [...] prevaricazioni, violenze, cor­
ruzione, [...] abusi di potere inauditi, dispotismo senza limiti
[...], fatti conosciuti non da mesi ma da anni»25, Rakovskij so­
stiene che il suo discorso «tratta di difficoltà inerenti a ogni nuo­
va classe dirigente, che sono la conseguenza della presa e del­
l'esercizio del potere stesso»26; a nostro parere, invece, quei
processi che il dirigente bolscevico scorgeva in atto nella Rus­
sia degli anni Venti si sarebbero verificati molto difficilmente,
almeno nella stessa misura, in un paese come la Germania di
quegli stessi anni, dove sia le strutture economiche in generale
sia il grado di coscienza e di organizzazione della classe ope­
raia erano notevolmente più alti che in Russia e, quindi, subito
dopo la presa del potere sarebbe stato possibile non solo eleva­
re le condizioni di vita e di lavoro di ogni operaio, ma, soprat­
tutto, ridurre sempre più le differenze economiche e sociali fra
tutti i lavoratori, agenti o meno del potere.
Durante la guerra civile essere un quadro del partito bolsce­
vico comportava soltanto doveri pesantissimi e la quasi certez­
za di finire fucilato in caso di successo dei bianchi, ma, con la
vittoria dell'Armata Rossa, tale posizione comportò per alcuni
militanti anche dei privilegi: nelle condizioni economiche e
sociali della Russia di quegli anni, caratterizzate da un'estrema
povertà, da un'estesa disoccupazione e dalla mancanza di al­
loggi, il privilegio di ricevere un salario, fosse anche uguale a
quello di un "operaio medio", di disporre di una casa, fosse an­
che di una sola stanza in qualche periferia di M osca o di Pie-
trogrado, rappresentava per molti individui l'unico mezzo per

24. C. Rakovskij, I pericoli professionali del potere, Roma, Samonà-Savclli,


1967, p. 27.
25. Op. cit., p. 24.
26. Op. cit., p. 26.

50
sopravvivere, per non finire nella massa di coloro che vagava­
no senza un lavoro e senza un tetto da una città all'altra; così
molti militanti che avevano un incarico nell'apparato del parti­
to stesso o in quelli civile o militare dello Stato, nelle indu­
strie, nei trasporti, ecc., fecero di tutto per conservare il loro
posto, per i vantaggi che comportava.
Gli apparati del partito e dello Stato, da strumenti di esecuzio­
ne della volontà politica, diventarono non solo difensori di pro­
pri specifici interessi, ma acquisirono una loro propria volontà,
quella della stabilità, del mantenimento dello statu quo.
«Si assiste - nota Bettelheim - all'inizio di un processo di
autonomizzazione degli organi amministrativi del partito ri­
spetto agli organi politici dirigenti, processo strettamente lega­
to a quello che spinge l'apparato amministrativo statale a ren­
dersi autonomo dalla dittatura del proletariato»27, dove la «li­
nea proletaria», ai vertici del partito e dello Stato, era ormai
unicamente determinata, come riconobbe Lenin nel marzo del
1922, «dall'autorità immensa cd intatta di quel ridottissimo stra­
to che si può definire la vecchia guardia del partito»28.
L'apparato del partito si fuse con quello amministrativo dello
Stato (a prescindere dall'origine sociale proletaria o piccolobor-
ghesc di questi quadri) e si rese progressivamente autonomo.
Lenin era perfettamente consapevole della situazione:
Lo Stalo [...] non ha funzionato a modo nostro. E come ha
funzionalo? La macchina sfugge dalle mani di chi la guida;
si direbbe che qualcuno sia seduto al volante e guidi questa
macchina, che però non va nella direzione voluta, quasi
fosse guidata da una mano segreta, illegale» (lettera del
27/3/1922 all'XI congresso del partito)29.
Come ricostruisce Lewin ne L'ultima battaglia di Lenin, que­
sti spese i suoi ultimi mesi di vita combattendo contro la buro­
crazia del partito e dello Stato sovietici.

27. C. Bettelheim, Le lotte di classe in URSS 1917/1923, Milano, Etas Libri,


1975, p. 230.
28. Brano riportato in C. Bettelheim, op. cit., pag. 245.
29. Brano riportato in C. Bettelheim, op. cit., pag. 223.

51
Dal 1921 al 1923 all'interno del partito si ebbe un vero e pro­
prio dualismo di poteri: da un lato, i rivoluzionari, per i quali
lo sviluppo della Russia e lo stesso potere politico proletario
dipendevano dalla vittoria della rivoluzione in Occidente, e,
dall'altro, gli uomini dell'apparato, decisi a mantenere i privile­
gi già acquisiti e a non rischiarli in nuove battaglie contro il
mondo capitalistico.
Alla testa dei due schieramenti vi erano due gruppi di mili­
tanti profondamente diversi fra loro per esperienza di vita e
per formazione culturale. Scrive Lewin:
Due grandi categorie di militanti [...] compongono il parti­
to. Gli uni erano intellettuali sensibili alle esigenze della dot­
trina, idealisti attaccati alla loro visione del socialismo: essi
erano stati iniziati in maggioranza ad un marxismo di tipo
occidentale, in modo particolare attraverso lunghi soggiorni
in Europa durante l'emigrazione. Gli altri erano anzitutto
degli esecutori, degli uomini d'azione, degli specialisti della
rivoluzione, più aderenti alle realtà quotidiane; la loro for­
mazione e le loro capacità ne facevano raramente degli intel­
lettuali: erano per lo più degli antichi agitatori dell’interno i
quali non avevano conosciuto l'emigrazione [...]. Ma il corso
degli avvenimenti doveva ben presto dare la prevalenza agli
attivisti della tempra di Ordzonikidzc, Kaganovic, Molotov,
Kujbyscv o Stalin piuttosto che ai Rakovskij, Kreslinskij,
Screbrjakov, Prcobrazensky, Macharadze, Trotsky, ccc.30
Nell'autunno del 1922 gli uomini dell'apparato, nelle mani
dei quali si trovavano il segretariato generale, l'ufficio organiz­
zativo (Orgbjuro), l'apparato di repressione (Ceka) e gran parte
dell'esercito, attuarono una loro politica che, collocandosi sulla
scia di quella grande-russa dell'epoca zarista, era opposta a
quella della direzione del partito. Sintomatico fu l'affare geor­
giano, quando, dopo aver conquistato militarmente il paese cau­
casico, refrattario a unirsi con Mosca, Stalin accusò Lenin,
schierato decisamente in difesa del diritto del popolo georgia­
no all'autodeterminazione, di «liberalismo nazionale»31. Se le
galline accusano le aquile di volare più in basso di loro signifi­

30. M. Lewin, L'ultima battaglia di Lenin, Bari, Laterza, 1969, p. 74.


31. Cfr. M. Lewin, op. cit., Bari, Laterza, 1969, p. 66.

52
ca che il corso degli avvenimenti è un vero e proprio ciclone
che le spinge in alto.
Per conquistare tutto il potere e per mantenerlo, gli uomini
dell'apparato cercarono alleati nella società civile e li trovaro­
no nelle classi sociali che la NEP aveva fatto rinascere dalle
loro ceneri, nei kulaki, nei ricchi commercianti, nella media
borghesia dell'industria privata, nel l'aristocrazia operaia, grup­
pi che, a loro volta, trovarono un'espressione politica all'inter­
no del partito e constatarono di disporre di convinti tutori della
legge e dell'ordine negli uomini dell'apparato.
Noi - dichiarò Trotsky - siamo il solo partito del paese c,
ncll’altualc periodo della dittatura, non potrebbe essere altri­
menti. Le stesse necessità della classe operaia, dei contadini,
dell'apparato statale c dei suoi stessi iscritti agiscono sul par­
tito, cercano di avere una propria espressione politica trami­
te il partito [...]. Ogni frazione tende a farsi portavoce di
determinati interessi sociali (Gruppi e frazioni, Pravda, 28
dicembre 1923)'3.

Più tardi lo stesso Trotsky chiarì meglio i rapporti esistenti


fra le diverse frazioni del partito bolscevico - che fin dal 1922-
23 non era più sospeso al di sopra delle classi come nel 1920,
ma era ormai ben radicato nella società civile - e i «determina­
ti interessi»:
Nel comitato centrale, come negli altri organi del partito c
dello Stato, esistono tre tendenze fondamentali:
Prima tendenza: Incontestabile deviazione di destra. Que­
sta tendenza c composta da due gruppi. Uno di questi, per il
suo opportunismo, riflette in larga misura le tendenze dei
contadini medi, "forti economicamente", si basa su di essi c
prende ispirazione dalle loro esigenze. Si tratta del gruppo
dei compagni Rykov, Smirnov, A.P. Kalinin, [...] c altri "uo­
mini d'affari" politici dei contadini agiati [...]. L'altro gruppo
è composto dai più elevati funzionari dei sindacati, che si
basano sugli strati meglio retribuiti degli operai c degli im­
piegati [...]. Ha come esponenti Tomskij, Mcl'nicanskij, Do-
gadov c altri [...].32

32. L. Trotsky, Nuovo corso, Roma, Samonà-Savclli, 1967, p. 57.

53
Seconda tendenza: "centrista" e dell'apparato. I suoi capi
sono i compagni Stalin, Molotov, Uglanov, Kaganovic, Mi-
kojan, Kirov. Rappresentano il vero Ufficio Politico. Bucha-
rin, oscillando ora da un lato, ora dall'altro, "unifica" la poli­
tica di questo gruppo [...]. I "dirigenti" del partito, dei sinda­
cati, degli organi economici della coopcrazione, dell’appara­
to dello Stato sono attualmente decine di migliaia. In questo
strato vi e un considerevole numero di burocrati "operai",
transfughi degli ambienti proletari e che hanno perduto ogni
legame con essi.
Terza tendenza: L'opposizione33.

M a i «centristi» non erano soltanto una «tendenza»: i «porta­


voce di determinati interessi» erano anche coloro che avevano
in mano le leve del potere. L'opposizione, al contrario, non
aveva dietro di sé né apparati né una classe sociale, in quanto,
come precisato da Rakovskij, la classe operaia era passiva e i
pochi lavoratori che passivi non erano venivano duramente
colpiti dalla polizia politica.
La fine della guerra civile e l'introduzione della NEP -
nota Carr - inaugurarono un periodo di grave cd estesa
disoccupazione, dovuta a drastici licenziamenti sia da parte
degli organi pubblici sia da parte delle imprese industriali in
via di riorganizzazione in base al principio del chozrascet
[profitto annuale come criterio di conduzione aziendale] [...].
In meno di un anno la NEP aveva ricreato le caratteristiche
essenziali dell'economia capitalistica34.
Ogni minaccia di sciopero da parte degli operai per impor­
re l'esame delle loro rivendicazioni era considerata un'infra­
zione alla disciplina sindacale e punita con l'espulsione dei
responsabili dal sindacato, ciò che significava l'automatico
licenziamento dalle fabbriche e l'impossibilità di ottenere un
altro lavoro [...]. Quando avvenivano interruzioni del lavoro,
subito la GPU interveniva, su richiesta della direzione e col
tacito od esplicito consenso dei sindacati, per arrestare gli

33. Piate-forme de l'Opposition de Gauche, in Les bolcheviks contre Staline.


1923-1928, Paris, Ed. «Quatrième Internationale», pp. 123-124 (tr. it. La
piattaforma dell'Opposizione, Roma, Samonà e Savelli, 1969). 11 testo fu
redatto in collaborazione da Trotsky e Zinov'cv, ma il primo svolse un ruolo
preponderante.
34. E.H. Carr, La rivoluzione bolscevica, Torino, Einaudi, 1964, p. 727.

54
"organizzatori", i "sobillatori" [...]. Le condizioni assomi­
gliavano abbastanza a quelle prevalenti nelle fabbriche nei
giorni peggiori del regime zarista da provocare amare rifles­
sioni sulla sorte degli operai sotto lo "Stato degli opcrai",s.

Il malcontento trovò uno sbocco in vari gruppi semiclande­


stini ai margini del partito, come, per esempio, il Gruppo ope­
raio di Mjasnikov.
Nella primavera-estate 1923 l'aggravamento delle condizioni
di vita della classe operaia innescò numerosi scioperi selvaggi
a M osca e a Pictrogrado. L'Opposizione non fece causa co­
mune con i lavoratori e non sfruttò il loro malcontento. Trotsky,
convinto che l'accelerazione del processo di industrializzazio­
ne fosse il principale mezzo per rafforzare il potere proletario,
riteneva infatti che gli operai dovessero adattarsi, per favorire
l'espansione industriale, a fare sacrifici anche notevoli sul pia­
no salariale.
Il 5 marzo 1923 Lenin, convinto che l'affare georgiano fosse
il sintomo di un male molto più profondo, chiese a Trotsky di
attaccare Stalin su questo problema. Al XII congresso del par­
tito, in aprile, Trotsky, invece, non solo non attaccò Stalin, ma
rinunciò anche a rendere pubbliche le note dello stesso Lenin
sulla questione della Georgia. Egli riteneva che il principale
pericolo per il potere proletario in quel momento venisse dai
kulaki, dai nepmcn, dalla borghesia privata e che quindi Stalin
costituisse un baluardo contro tale pericolo.
La XII conferenza del partito che si tenne a Mosca dal 16 al 18
gennaio 1924, nella settimana precedente la morte di Lenin, san­
cì la sconfitta dell'Opposizione da parte del nascente regime di
Stalin. Come il comportamento del governo e del partito a pro­
posito della crisi tedesca del 1923 - con l'imposizione all'Inter­
nazionale di un bilancio "amministrativo" e non politico della
sconfitta e con il trasferimento della direzione della KPD alla
sinistra della Fischer, di Maslow e Thälmann, che, in una situa­
zione non più rivoluzionaria, collocò il proprio massimalismo in35

35. E.H. Carr, La morte di limiti. L'interregno 1923-1924, Torino, Einaudi, 1965,
p. 92.

55
una dimensione puramente propagandistica - chiuse il periodo
della doppia politica estera sovietica e ne inaugurò il corso aper­
tamente antirivoluzionario, così la sconfitta dell'Opposizione fu
la fine del dualismo di poteri nella Russia sovietica, cioè il pas­
saggio dal potere proletario di Lenin e Trotsky alla democrazia
piccoloborghese di Stalin. La crisi del movimento comunista
intemazionale aveva raggiunto un punto di non ritorno.

I vincitori consolidarono subito le loro posizioni: all'interno


con la «leva Lenin», all'esterno con la «bolscevizzazione» dei
vari partiti comunisti.
Nei mesi di febbraio, marzo ed aprile 1924 - scrive Carr -
ebbe luogo quella che nella storia del partito fu denominata
"leva leninista". Le norme per l'ammissione erano stale elabo­
rate in modo così vago da lasciare una discrezione pressoché
illimitata ai funzionari locali del partito; e l'efficiente macchi­
na di partito creata dalla segreteria di Stalin ebbe l'occasione
di sperimentare se stessa [...]. I membri del partilo avevano
sempre pensato di avere speciali privilegi e speciali doveri.
Ma ora per la prima volta i privilegi cominciavano ad assume­
re una forma prevalentemente materiale. In tempi di disoccu­
pazione gli iscritti al partito erano i primi ad essere scelti c gli
ultimi ad essere licenziati; c tra i doveri, il cui scrupoloso
adempimento garantiva il godimento dei privilegi, il dovere
della disciplina verso le autorità del partito era importante
come non mai prima. La leva leninista venne intrapresa sotto
la dominante influenza della lotta contro l'opposizione. Essa
apparve come una consacrazione della vittoria appena conse­
guita e una garanzia contro un rinnovarsi della lotta16.

Con la «bolscevizzazione» i partiti comunisti persero ogni


autonomia e divennero degli strumenti della politica stalinista;
coloro che non si adeguarono furono prima emarginati, poi
espulsi (Karl Korsch, Arkadij Maslow e Ruth Fischer in Ger­
mania, Bordiga in Italia, Pierre Monatte, Alfred Rosmer e Bo­
ris Souvarine in Francia, James P. Cannon negli Stati Uniti).36

36. Op. cit., p. 331.

56
Il terrore bianco divenne la politica dei vincitori, che conse­
gnarono nel 1926 il proletariato e i contadini cinesi al boia
Chiang Kai-shek, costrinsero Trolsky all'esilio, deportarono de­
cine di migliaia di comunisti nei campi di lavoro forzato del­
l'Asia centrale e della Siberia, da dove per lo più non fecero
ritorno.
Nel 1928-29, dopo la crisi della NEP, questi stessi vincitori
furono spinti dal corso degli avvenimenti ad avviare il proces­
so di industrializzazione accelerata del paese spazzando via la
piccola e media borghesia urbana e rurale su cui si erano ap­
poggiati in precedenza e svolgendo così la funzione di agenti
del grande capitale nella Russia sovietica.
I vinti non furono mai in grado di opporsi ai vincitori, in
quanto l'unica arma di cui avrebbero potuto disporre per cam­
biare l'esito dello scontro sarebbe stata una vittoriosa rivolu­
zione proletaria in Occidente, che non si verificò e che non era
in loro potere suscitare. Al di là dei fattori contingenti, questa
fu la causa ultima non solo della loro sconfitta, ma anche delle
modalità con le quali essa si verificò, modalità che misero in
evidenza la loro debolezza anche materiale nei confronti del­
l'avversario. Il loro ruolo nella storia fu quello di "profeti di­
sarmati", come già si era verificato per Babeuf, per Buonarro­
ti e per gli Eguali nella rivoluzione francese.
Il peggio che possa accadere al capo di un partilo estremo -
scrive Engels - c di essere costretto a prendere il potere in un
momento in cui il movimento non c ancora maturo per il
dominio della classe che egli rappresenta c per l'attuazione di
quelle misure che il dominio di questa classe esige [...]. Egli
si trova quindi necessariamente di fronte ad un dilemma inso­
lubile: ciò che egli può fare contraddice tutto ciò che ha fatto
sino ad ora, ai suoi principi, c agli interessi immediati del suo
partito, c ciò che deve fare c inattuabile [...]. Chi incorre in
questa falsa posizione è irrimediabilmente perduto11.
Questo passo di Engels è stato citato spesso dai socialdemo­
cratici a sostegno della tesi secondo la quale all'origine dello 37

37. F. Engels, La guerra dei contadini in Germania, in K. Marx-F. Engels,


Opere, X, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 478-479.

57
stalinismo ci sarebbe stata l'assunzione del potere da parte dei
bolscevichi prima che le strutture economiche e sociali della
Russia fossero mature per una trasformazione in senso sociali­
sta. L'argomento colpisce lo Stalin fautore del «socialismo in
un solo paese», ma non tocca minimamente Lenin che sempre
vide nel potere proletario in Russia una leva per favorire la
rivoluzione ne\V Occidente sviluppato: la ragione per cui il par­
tito della rivoluzione comunista si trovò al potere soltanto nel­
la Russia arretrata fu la sconfitta del proletariato in Germania
tra il 1918 e il 1923, in battaglie nelle quali, fra l'altro, la so­
cialdemocrazia non svolse certo la parte del giudice imparzia­
le, ma si diede un gran da fare sotto le insegne della conserva­
zione capitalistica.
L'isolamento della rivoluzione d'Ottobre dall'Occidente fece
emergere dal partito proletario al potere in Russia due dirigenti
in lotta fra loro: uno, Stalin, fece ciò che poteva, agevolando lo
sviluppo del capitalismo in Russia, ma in contrasto con tutta la
condotta precedente del partito, cioè con i suoi principi e i suoi
interessi immediati; l'altro, Trotsky, non potè fare ciò che do­
veva, cioè conservare il potere proletario fino a una ripresa vit­
toriosa del movimento rivoluzionario in Occidente e, in segui­
to, agire per la trasformazione dell’economia in senso sociali­
sta. Entrambi furono irrimediabilmente perduti.

Il regim e e le classi sociali

Dal punto di vista sociale lo stalinismo ha avuto caratteri


tanto reazionari, quanto progressivi.
Fu reazionario dato che la trasformazione della vecchia Rus­
sia in un moderno paese industriale, la cosiddetta «costruzione
del socialismo», avvenne con la retrocessione degli operai a uno
stadio semischiavistico (e le condizioni di vita di Ivan Deni-
sovic furono di gran lunga peggiori di quelle dello zio Tom e
non migliori di quelle dei detenuti in un Arbeitlager prima del
crollo della macchina bellica nazista) e con la reintroduzione

58
di fatto della servitù della gleba, poiché i contadini deportati
nei kolchoz tornarono alla situazione precedente il 1861.
Fu progressivo in quanto trasformò i ceti medi urbani tradi­
zionali (artigiani, commercianti e liberi professionisti) e una
parte dei contadini (quelli divenuti braccianti nei sovchoz) in
lavoratori salariati e ostacolò col terrore poliziesco la forma­
zione di una classe borghese stabile.
Ma in quale modo dal regime piccoloborghese del 1926 -
che si reggeva sulla burocrazia dello Stato e del partito unico,
manteneva un'alleanza con i ceti medi urbani e rurali e si dice­
va fautore del «socialismo in un solo paese» da raggiungere a
«passo di tartaruga» - si arrivò all'autocrazia di Stalin e alle
profonde trasformazioni sociali da essa operate?
La crisi economica del 1927, caratterizzata dalla carestia e
dalla disoccupazione di massa nelle città, portò alla fine della
NEP e, quindi, della coesistenza fra le classi: i contrasti fra
operai e contadini, operai e commercianti, contadini ricchi e
poveri, divennero più aspri. Chi ne uscì vincente fu, come
tante volte è accaduto nella storia, una forza esterna alla so­
cietà civile, ossia l'apparato dello Stato, che comunque dispo­
neva già prima di ampi poteri in campo politico ed economico.
Stalin, sotto la spinta di avvenimenti che quasi certamente lo
avrebbero fatto saltare dal potere se non avesse assecondato il
loro corso, fu costretto ad abbandonare il «passo di tartaruga»
e a correre sul terreno economico e sociale, tanto da giustifica­
re per sé l'appellativo di «locomotiva della storia», inventato
da qualche cortigiano; cessò di mantenere buoni rapporti con
la piccola borghesia urbana e rurale, pose fine all'alleanza con
la destra di Bucharin, Rykov e Tomskij; imboccò, prima con
grande cautela e poi con decisione, la via dell'industrializza­
zione accelerata come rimedio alla crescente disoccupazione e
la via della collettivizzazione forzata come unico mezzo effi­
cace per strappare il grano ai contadini e darlo alle città.
L'apparato dello Stato e del partito fu l'unica forza organiz­
zata a livello federale, l'unica, quindi, in grado di svolgere il
ruolo di esecutore testamentario della rivoluzione russa (man­
cando lo sbocco rivoluzionario mondiale, il compito si riduce­
va alla modernizzazione della struttura economica del paese).

59
In tal modo la rivoluzione, sconfitta dal punto di vista proleta­
rio, vinse dal punto di vista nazionalborghesc.
L'industrializzazione accelerata e gli imperativi dei piani per
attuarla, la collettivizzazione forzata, l'abolizione di ogni forma
di attività artigianale e commerciale, cambiarono radicalmente
le strutture economiche e sociali e la sovrastruttura politica.
Il regime piccoloborghese di Stalin si trasformò in pochi
anni nell'autocrazia di Stalin, dell'«uomo d'acciaio», del capo
dell'«ordine dei portatori di spada». Si sviluppò il «culto della
personalità» (come l'autocrazia fu bovinamente definita dai
chrusceviani).
La parte vincente del vertice del partito - Stalin, Molotov,
Kaganovic, Vorosilov, Mikojan, Kujbysev, Ord/.onikidze, Ki-
rov - divenne definitivamente il vertice dello Stato e concentrò
nelle proprie mani i compiti di direzione politica, economica e
amministrativa dell'Unione Sovietica.
La burocrazia statale fu epurata, «purgata» di quegli elemen­
ti che non riscuotevano l'incondizionata fiducia degli stalinisti;
al di sopra di essa si levò la GPU, la polizia politica, diretta
prima da Jagoda, poi da Ezov e da Berija, reale strumento del
potere del Cremlino, moderna edizione deW'opricnina di Ivan
il Terribile.
La repressione di massa praticata dalla polizia politica e il
terrore da essa ispirato furono i principali mezzi per impedire
la nascita di una qualsiasi forma di autonomia nei confronti
dell'autocrazia, per distruggere nella burocrazia civile e milita­
re dello Stato quei centri di potere che non fossero compieta-
mente fedeli al Cremlino, per far sì che le situazioni di privile­
gio (fossero esse relative a singole persone oppure a gruppi o
categorie) non si cristallizzassero, per impedire ogni forma di
organizzazione operaia al di fuori degli imbrigliatissimi sinda­
cati di regime, per costringere i colcosiani a dare il loro grano
allo Stato.
Lo scrittore Anatoli Rybakov, nei suoi due romanzi I figli
dell’A rbat e II grande terrore, ha colto meglio di tanti storici le
ragioni che furono alla base delle repressioni cominciate nel
1931 (anno del processo al «partito industriale») contro la clas­
se dirigente del paese, contro i direttori dei grandi complessi

60
industriali, i generali dell'A rm ata Rossa, gli ambasciatori nei
paesi stranieri, i vertici stessi della polizia, ecc. Nel primo ro ­
manzo Stalin parla a E/.ov:
L'apparato industriale si sta trasformando da sovietico in
tecnocratico [...]. L'apparato tecnocratico tende alla supre­
mazia economica c la supremazia economica equivale alla
supremazia politica Noi non possiamo tollerare una
supremazia economica c, conscguentemente, una suprema­
zia politica della tecnocrazia1*.

In un altro passaggio così l'autore ricostruisce le riflessioni


di Stalin:
L'apparato andava mantenuto e rafforzato, ma occorreva
eliminare già embrionalmente la sua autonomia, cambiare
costantemente gli uomini, senza permettere il consolidamen­
to di legami reciproci. Un ricambio costante al suo interno
non permetteva all'apparato di avere una forza politica auto­
noma, ma lo costringeva a restare un potente strumento nelle
mani di un capo assoluto. Questo apparato come strumento di
potere doveva incutere terrore al popolo, ma doveva tremare
davanti al capo. 11 suo era un apparato del genere? No, non lo
era [...]. Tuttavia quei vecchi quadri erano anche i più com­
patti, i più legati tra loro c non avrebbero lasciato così facil­
mente il loro posto, quindi bisognava buttarli fuori [...] biso­
gnava eliminarli fisicamente15.

Il problema per Stalin fu quello di impedire l'autonomizza-


zione nei confronti dell'autocrazia da parte delle forze che con­
trollavano le leve degli apparati economico e amministrativo;
qui la vera spiegazione delle «campagne an ti burocratiche» e del­
le «purghe» degli anni Trenta.
I dirigenti dell'industria pesante raggruppati nel Vesencha, gli
uomini che fin dal 1925-26 si erano battuti per un'accelerazione
del processo di industrializzazione contro il governo di Stalin
allora fautore del «passo di tartaruga», i direttori delle gigante­
sche acciaierie di Krivoj Rog in Ucraina e di Magnitogorsk 389

38. A. Rybakov, / figli dell'Arbat, Milano, Rizzoli, 1988, p. 347.


39. Op. cil., p. 327.

61
negli Urali, della centrale elettrica sul Dnepr, ecc. furono elimi­
nati, molto spesso anche fisicamente.
Con il frequente cambiamento del posto di lavoro, la depor- .
tazione e la fucilazione dei dirigenti d'industria, il Cremlino
ostacolò sul nascere il formarsi di una rete di interessi che
avrebbe potuto diventare un centro di potere economico dotato
di autonomia nei confronti del vertice dello Stato, così come in
precedenza era stato il Vcsencha.
In queste continue epurazioni l'autocrazia trovò alleati tutti
coloro che miravano a prendere il posto dei loro superiori e
che erano convinti che a loro non sarebbe mai successo di
essere svegliati alle quattro del mattino dagli uomini della
GPU per poi venire velocemente condannati in un simulacro di
tribunale alla fucilazione o alla deportazione come partecipanti
a un complotto con Hitler o con il Mikado contro la «patria so­
cialista».
Quanti si trovarono a dirigere le aziende, dalle più piccole ai
giganteschi complessi industriali, non arrivarono mai ad essere
un'élite economica dotata di una qualche autonomia: furono
soltanto servitori dello Stato, una vera e propria aristocrazia di
servizio che ricordava quella di Pietro il Grande, cioè un insie­
me di individui il cui prestigio sociale e benessere materiale
derivavano in maniera pressoché esclusiva dalle funzioni svol­
te sul momento al servizio dello Stato.
L'assenza di un'élite economica relativamente autonoma fece
sì che nelle stesse persone fisiche vi fosse la temporanea coin­
cidenza fra tre funzioni: direzione politica, amministrativa ed
economica.
Dov'era la borghesia nella Russia sovietica? Per decenni
tanti militanti rivoluzionari si sono posti il quesito, che, peral­
tro, veniva loro rivolto anche dai membri e simpatizzanti dei
partiti stalinisti quando sentivano messa in dubbio la natura
socialista delle strutture economiche e sociali sovietiche. Eb­
bene, la borghesia esisteva come categoria politica, perché il
Cremlino difendeva sia il sistema capitalistico contro il prole­
tariato, sia il capitalismo sovietico contro quello degli altri Sta­
ti; esisteva come categoria economica, in quanto l'alta buro­
crazia dello Stato e del partito unico dirigeva il processo di

62
industrializzazione; non era presente invece come categoria
sociologica, in quanto lo stalinismo impediva lo sviluppo di
una classe borghese sociologicamente intesa. Per la prima vol­
ta la storia ebbe modo di vedere un'economia capitalistica sen­
za che fossero presenti i Rockefeller, i Morgan, gli Armstrong, i
Rolhschild, i Krupp, i Thyssen, gli Agnelli.
Non solo lo Stato sovietico aveva la proprietà delle terre e
degli immobili, del denaro, dei mezzi di produzione, ma ai suoi
ministeri economici spettava la funzione imprenditoriale, cioè
l'essenziale del modo di produzione capitalistico, la valorizza­
zione del capitale, l'accumulazione del capitale stesso.
Nel settore industriale lo Stato fu l'unico imprenditore, l'uni­
co centro di accumulazione del capitale, in quanto fu impedita
ogni autonomia alle singole aziende o ai complessi aziendali,
fu impedito ogni rapporto fra le industrie che passasse fuori
dai ministeri economici. II Cremlino si comportò come se
fosse l'unica impresa del settore industriale, come un immenso
trust con un unico bilancio e con una regolamentazione degli
scambi fra le aziende per via amministrativa, bilancio e scambi
stabiliti mediante la pianificazione centralizzata.
L'esigenza del capitale, che una parte sempre maggiore del
profitto fosse destinata a nuovi investimenti, alla riproduzione
allargata, andava di pari passo con l'esigenza dello Stato di
disporre di una quantità sempre crescente di merci come aerei,
carri armati, cannoni, mitragliatrici, ecc.
Nell'epoca staliniana il capitale marciò sempre insieme allo
Stato, del tutto indifferente all'assenza di una vera e propria
borghesia. Pochi riuscirono a identificare entrambi i loschi
figuri che si aggiravano sulle immense pianure della Russia
sovietica, in danno di milioni di individui; pochi videro il capi­
tale, tutti videro lo Stato. Era difficile identificare correttamen­
te questi figuri, perché entrambi avevano i baffi e gli stivali del
"compagno" Iosif Vissarionovic.
Con Chruscev la borghesia sovietica uscì dallo stadio
embrionale e cercò di diventare la beneficiaria della rivoluzio­
ne industriale promossa dallo stalinismo grazie al fatto che Mo­
sca continuava ad essere un polo autonomo di accumulazione
scarsamente legato ai centri industriali e finanziari dell'Oc­

63
cidente. Con El'cin la borghesia ha preso finalmente il potere,
ma, nello stesso tempo, si è trovata ridotta al ruolo di agente
locale della borghesia intemazionale.

Oltre alla borghesia lo stalinismo eliminò dalle città gli arti­


giani e i commercianti. Lo Stato, come divenne l'unico im­
prenditore, così divenne l'unico commerciante (a parte i mer­
cati colcosiani dal 1935 in avanti), l'unica rete distributiva fra
città e campagna, fra industria e agricoltura, fra le diverse in­
dustrie, fra le industrie e i cittadini. Artigiani e commercianti
riapparvero con Chruscév e prosperarono soltanto negli ultimi
anni del periodo bre/.neviano; successivamente sostennero la
borghesia nella sua ascesa al potere con El'cin.

Con l'industrializzazione accelerata e la pianificazione dcl-


l'economia gli operai non conobbero più disoccupazione, ma
furono espropriati della libertà di disporre della loro mercé, la
forza-lavoro, e, di conseguenza, possedendo soltanto la loro
vita, furono collocati in una condizione di semischiavitù. Dopo
aver spinto il governo di Stalin sulla via dell'industrializzazione
accelerata, essi si ritrovarono con le catene ai piedi. Ma è indub­
bio che furono anche, insieme alla piccola borghesia impiegati-
zia, il sostegno del regime. Il lettore non ha capito male: c'era il
consenso, nonostante la semischiavitù.
Gli operai non solo furono legati alle località di residenza dal
sistema dei passaporti interni e dalla propiska come tutti gli altri
cittadini, ma furono anche vincolati all'azienda (l'autolicenzia-
mento, impedito in pratica fino dall'inizio degli anni Trenta in
quanto comportava la perdita del diritto all'alloggio e alla tessera
annonaria, fu proibito anche per legge nel 1940 e soltanto nel
'56 Chruscév lo rese di nuovo possibile per le industrie che non
rientrassero nel settore bellico o strategico). Largamente diffusa
fu inoltre la trasferta comandata, quasi sempre, ovviamente, per
le regioni più inospitali: l'estremo nord, la Siberia, il Kazakistan.
Infine, ai lavoratori fu impedito con ogni mezzo di espatriare,
cioè di vendere la loro forza-lavoro all'estero.
Ma non si impedì loro soltanto di scegliere a chi vendere la
forza-lavoro, ma anche a quanto. I sindacati, come ogni altra

64
organizzazione economica e sociale, persero la loro autonomia
trasformandosi in un apparato dello Stato ("cinghia di trasmis­
sione" fra il Cremlino e i lavoratori, ovviamente a senso unico)
e il terrore poliziesco provvide a stroncare ogni tentativo da
parte degli operai di disporre di un proprio organismo di dife­
sa. Molto probabilmente il massacro e la deportazione di mi­
gliaia di quadri di base a Leningrado dopo l'uccisione di Kirov
nel dicembre 1934 furono effettuati soprattutto per cancellare
il grado di autonomia di cui gli operai della città, prima culla
della rivoluzione d'Ottobre e successivamente roccaforte del­
l'opposizione di sinistra, godevano rispetto ai centri partitico e
sindacale moscoviti.
Sarebbe però fuorviante credere che il terrore poliziesco sia
stato l’unico metodo adottato dal Cremlino nei confronti degli
operai. Il terrore fu messo in atto, e spesso fino alle estreme
conseguenze, soltanto quando alcuni lavoratori rivendicarono
una qualche autonomia sociale, cioè chiesero di trattare diret­
tamente le condizioni di vendita della loro forza-lavoro; altri­
menti esso rimase allo stato potenziale. Anzi, si può affermare
che si abbatté sugli operai in misura di gran lunga inferiore che
su qualsiasi altra classe sociale.
Sarebbe ugualmente fuorviante pensare che se, dalla NEP
allo stalinismo, i lavoratori subirono un declassamento dal pun­
to di vista sociale, passando da proletari a scmischiavi, anche
le loro condizioni economiche peggiorarono. Al contrario! La
maggioranza degli operai, rispetto agli ultimi anni della NEP,
quelli caratterizzati da una disoccupazione di massa e dalla
carestia nelle grandi città, registrò un miglioramento delle con­
dizioni di vita e di lavoro e, soprattutto, non sentì più di avere
davanti a sé un futuro incerto.
1 lavoratori, oltre a conquistare la sicurezza del posto di lavo­
ro, mantennero ciò che avevano ottenuto nel 1917 con l'Otto­
bre: salario minimo garantito, ferie, assicurazioni sociali pagate
dallo Stato (anche se il pagamento di queste ultime si tradusse
di fatto in un salario decurtato). Inoltre, i prezzi degli affitti, dei
servizi pubblici e sociali, delle mense aziendali e dei beni di
prima necessità furono tenuti bassissimi per mantenerli in rap­
porto con il livello medio salariale.

65
Insieme alla convinzione di lavorare per una futura società
socialista, questa politica "laburista", il cui livello fu sicura­
mente miserabile, ma connesso all'altrettanto miserabile grado
di sviluppo economico e culturale del paese, fu la causa princi­
pale del consenso portato allo stalinismo da parte della stra­
grande maggioranza degli operai, lavorassero essi nelle indu­
strie, nei servizi o nei sovchoz. Tale consenso permase sia in
pace, sia durante la seconda guerra mondiale. Soltanto con
Breznev la Russia sovietica ha conosciuto una politica laburi­
sta il cui livello, pur rimanendo notevolmente inferiore rispetto
a quelli occidentali, può essere definito adeguato a una moder­
na società industriale.
Va da sé che non solo ci furono differenze nelle retribuzioni
degli operai, ma, come messo in luce da Trotsky nella Rivolu­
zione tradita, queste differenze furono di gran lunga superiori
a quelle esistenti in Occidente. Da un lato, gli stachanovisti e
gli operai specializzati dell'industria bellica ebbero alti salari,
case conforlcvoli, buone mense, spacci ben forniti, ferie sul
M ar Nero, ecc.; dall'altro lato, i manovali delfindustria leggera
e dei servizi, per non parlare dei limiteiki, i senza residenza, si
trovarono nelle più miserabili condizioni di vita e di lavoro. Si
creò un solco profondo fra gli operai che avevano la residenza
e i limiteiki, fra i dipendenti di un acciaieria e quelli di un'in­
dustria alimentare, fra i lavoratori specializzati e i manovali,
solco che costituì una profonda ferita nel corpo della classe
operaia, mai cicatrizzata per tutta la durata del sedicente socia­
lismo sovietico.

La classe sociale che pagò il tributo più alto al processo di


industrializzazione, un tributo che non significò solo una con­
dizione di vita e di lavoro miserabile, ma anche milioni di
morti per fame, fu la piccola borghesia rurale.
Quando, nel 1926-28, i contadini ridussero la quantità di
prodotti agricoli, soprattutto cereali, da inviare nelle città (in
quanto preferirono conservare ciò che, dopo l'autoconsumo e
le scorte, restava nei depositi, per spuntare un prezzo migliore
in un secondo tempo), la fame prese alla gola la popolazione
urbana.

66
Gli operai, colpiti nello stesso tempo da una disoccupazione
di massa, non poterono certo pagare gli alti prezzi del mercato
libero. Per loro divenne una questione di vita o di morte strap­
pare il grano ai contadini. Due eserciti di miserabili si fronteg­
giarono allora. Mentre nel 1917 le città e le campagne si erano
spaccate in due tronconi, classe operaia contro borghesia da un
lato, braccianti e mugichi contro contadini ricchi e aristocrazia
fondiaria dall'altro lato, dal 1928 al 1930 la parte più misera
degli operai si unì ai braccianti e ai contadini senza terra per
combattere non tanto i contadini ricchi, che erano pochi, quan­
to i contadini medi che erano molti di più. La media e la picco­
la borghesia urbana e i contadini poveri restarono spettatori
dello scontro.
Durante l'inverno 1929-30 - scrive Carr - 25 mila operai
(scelti, si disse, fra 70 mila volontari) furono assegnali ad un
lavoro permanente nelle zone rurali; ed essi non furono che
il nucleo di un numeroso esercito di attivisti del partito, fun­
zionari, esperti agricoli, trattoristi c militari dell'Armata Ros­
sa disseminati nelle campagne per guidare i contadini nell'ovi­
le dei nuovi colcos'10.

Una nuova c più terribile guerra civile fu combattuta per


anni, ma si svolse in presenza di un potere centrale forte che si
schierò a fianco di uno dei contendenti.
Mors tua, vita mea! 1 contadini, sconfitti, morirono a milioni
per fame. Gli operai riuscirono a mangiare. Ma, come un po­
polo che ne opprime un altro perde la sua stessa libertà, così
una classe sociale che ne opprime un'altra si ritrova essa stessa
in catene. Alla fine vincitrice non fu la classe operaia, ma l'au­
tocrazia di Stalin, cioè si rafforzò il potere dispotico dei vertici
dello Stato. Nelle campagne, a obbligare i contadini a conse­
gnare la maggior quantità possibile di grano, non furono più le
squadre operaie, ma gli uomini della GPU, che, in quegli anni
e grazie a quelle funzioni, divennero il pilastro del regime.
Tutto ciò accadde non per qualche deliberazione di Stalin o del40

40. E.H. Carr, La rivoluzione russa da Lenin a Stalin {1917-1929), cit., p. 181.

67
partito, ma per la dinamica delle forze sociali in un paese iso­
lato e poverissimo, nel quale, per sopravvivere, si era costretti
a strappare il pane dalla bocca di un altro.
Con la collettivizzazione forzata i contadini divennero mem­
bri delle comunità agricole di servi della gleba come nel feu­
dalesimo di Stato russo e nel dispotismo asiatico c furono sot­
toposti ad uno sfruttamento inaudito.
Si voleva ottenere gratuitamente dalle campagne la maggior
quantità possibile di grano in breve tempo ed era materialmen­
te escluso che l'amministrazione statale potesse sequestrare il
grano a venticinque milioni di piccole aziende a conduzione
familiare sparse per l'immenso paese; sarebbe stato più agevo­
le, invece, farlo con decine di migliaia di unità produttive po­
ste sotto il diretto controllo della GPU. Il Cremlino, allora, fe­
ce sì che qui duecento, là trecento famiglie contadine, unificas­
sero il terreno, il bestiame e gli altri mezzi di produzione, lavo­
rassero insieme la terra (il tutto senza fornir loro concimi,
sementi e macchine) e mettessero insieme il prodotto, prodotto
dal quale prima le squadre operaie, poi la GPU portarono via
quanto più grano era possibile e lo inviarono all’ammasso.
Se i contadini senza terra e i braccianti, che niente avevano
da perdere, aderirono spontaneamente ai kolchoz, i contadini
ricchi e medi vi furono costretti manu militari (c, spesso, dopo
che avevano ucciso c mangiato tutto il bestiame). La nuova e
più grande unità agricola che risultò dall'unificazione delle
piccole aziende a conduzione familiare fu simile all 'artel', cor­
porazione contadina dei secoli precedenti, forma intermedia
fra la comune agricola e l'associazione per la coltivazione in
comune.
Alcuni storici, riferendosi alla collettivizzazione forzata, par­
lano di un "errore" di Stalin; non dissimile è il giudizio che ne
dà Trotsky nella Rivoluzione tradita. Ora, si può parlare di "er­
rore" quando si usano mezzi, se non controproducenti, inade­
guati al raggiungimento di un determinato fine; per il governo
di Stalin, invece, nel caso in oggetto, il fine non era l'aumento
della produttività del lavoro nelle campagne (che poteva cre­
scere alla sola condizione che migliorassero gli strumenti di pro­
duzione, cioè concimi e macchine) e, quindi, l'aumento della

68
produzione (che diminuì, per non parlare della catastrofe degli
allevamenti dopo che i contadini avevano mangiato gran parte
degli animali prima di entrare nei kolchoz), ma era quello di
strappare il grano ai contadini anche a costo della riduzione del­
la produzione. Lewin ha messo in evidenza molto bene questo
aspetto nella sua opera Contadini e potere sovietico'" e negli
scritti raccolti nella Storia sociale dello stalinismo.
Fra la fine dell'Ottocento e i primi anni del Novecento la Rus­
sia meridionale e l’Ucraina erano il "granaio d’Europa", perché
esportavano il cercale in gran quantità nel resto del continente;
ciò, però, non era dovuto ad abbondanza del prodotto e all'alta
produttività del lavoro agricolo in quelle terre (come, invece,
era il caso dell'Argentina, dell'America e del Canada), ma al
fatto che, per far mangiare un piatto di spaghetti a un pescatore
napoletano e per far guadagnare parecchi rubli al proprietario
terriero, al contadino ricco e al mercante russi, il povero muzik
che aveva prodotto quel grano soffriva la fame, come la soffri­
va l'operaio di San Pietroburgo e di Mosca, dove di grano ne
arrivava poco. All'inizio degli anni Trenta, per far mangiare gli
operai c gli altri abitanti delle città sovietiche, il colcosiano
dovette stringere la cinghia.
Lo stalinismo annullò di fatto la riforma agraria democratico-
borghese del 1917, quella che aveva dato «la terra ai contadini»,
c la stessa riforma del 1861 che aveva emancipato i servi della
gleba; girò indietro la ruota della storia, perché non si andò
verso una forma collettiva di lavoro tipica di un'economia capi­
talistica (come per esempio una cooperativa di produzione), ma
si tornò alla grande proprietà fondiaria di Stato che aveva carat­
terizzato in passato il dispotismo asiatico e il feudalesimo di
Stato russo, nel quale l'apparato zarista era arrivato a essere pro­
prietario di oltre la metà dei terreni e delle "anime", come veni­
vano chiamati i contadini servi. Stupisce che pochi finora si
siano soffermati su questo aspetto.
Dato che la popolazione contadina era in soprannumero rispet­
to alle terre coltivabili, alcuni milioni di agricoltori furono strap-41

41. Milano, Angeli, 1972.

69
pati alle loro zone d'origine in Ucraina, nella Russia europea e
nel Caucaso settentrionale e furono deportati nei campi di lavoro
forzato dell'estremo nord, dell'Asia centrale e della Siberia, dove
vennero adibiti alla costruzione di strade, ponti, canali, dighe,
ferrovie. Altri furono obbligati a partire per le città dove lavora­
rono in condizioni inumane nelle fabbriche e nei cantieri.
Dove la collettivizzazione forzata fu più rapida e più brutale
- in Ucraina, nel Caucaso settentrionale e nel Basso Volga,
cioè nelle aree più fertili dell'Unione Sovietica, nelle quali i
contadini erano fra i più ricchi - nel solo inverno 1932-33 ci
furono almeno due milioni di morti per fame (la «fame di Sta­
lin») in quanto la GPU depredava a tal punto i kolchoz che ai
contadini non restava nemmeno la quantità di cibo necessaria
alla sopravvivenza. Non desta certo stupore il fatto che, mentre
gli operai difesero il regime staliniano con eroismo nel corso
della «grande guerra patriottica» contro la Germania, i colco­
siani di quelle regioni nel 1941 salutassero i soldati tedeschi
come liberatori, offrendo loro pane e sale in segno di benvenu­
to, fornissero a Hitler le truppe ausiliarie del generale Vlassov
(quasi un milione di volontari) e togliessero alla Wehrmacht il
proprio sostegno soltanto quando le SS non fecero altro che
sostituire la GPU nel depredare i kolchoz.
I colcosiani, servi della gleba in una società capitalistica, ol­
tre a essere vincolati alla terra (furono loro negati i passaporti
interni e per poter andare in città essi dovevano prima avere il
lasciapassare della direzione del kolchoz), furono obbligati a
lavorare per un tempo stabilito, a dare allo Stato almeno un
terzo del prodotto al costo di produzione e a fornire corvées
(per la costruzione di strade, ponti, canali, per il disboscamcn-
to, ecc.) dalle quali gli altri abitanti della Russia sovietica
erano esentati. Inoltre, a differenza dei lavoratori delle città,
non fruirono di alcuna assicurazione sociale (pensione, inden­
nità di malattia o infortunio).
I colcosiani che disponevano di terreni fertili e di sufficienti
capi di bestiame furono in grado non solo di sopravvivere, ma
anche di arrichirsi vendendo le eccedenze allo Stato e/o al
mercato colcosiano nelle città; quelli invece che avevano a
disposizione terreni aridi e poco bestiame morirono di fame.

70
Poiché non si poteva avere il grano se chi lo doveva coltiva­
re moriva di fame, il regime staliniano dovette limitare la rapi­
na ai danni delle campagne. Con il "compromesso" del 1935 il
Cremlino assegnò a ogni famiglia colcosiana un pezzetto di
terra e alcuni animali del kolchoz in dotazione privata; in tal
modo il colcosiano, mentre sul terreno comune restava mem­
bro di una collettività serva della gleba come nel vecchio feu­
dalesimo di Stato - al di là del fatto che qualcuno fosse in
grado di infilare nel proprio materasso migliaia di rubli (persi,
comunque, con la riforma monetaria del dopoguerra), mentre
altri vivevano a stento - , sul proprio appezzamento era un libe­
ro colono, padrone del misero prodotto ottenuto con un im­
menso c brutale dispendio di energie. Va da sé che i colcosiani
dedicarono tutti i loro sforzi alla terra che coltivavano da pa­
droni trascurando quella che coltivavano come servi.
Con la fine dello stalinismo la Russia conobbe, per la secon­
da volta in meno di cento anni, una emancipazione dei servi.
Nel 1953, appena morto Stalin e poco dopo l'arrivo di Ma-
lcnkov al vertice del regime, i kolchoz divennero di fatto pa­
droni del terreno, ricevettero nelle loro mani tutti i mezzi di
produzione (concimi, sementi, bestiame, macchine) e dispose­
ro del prodotto, del quale contrattarono con lo Stato la quantità
e il prezzo di vendita. Da comunità agricole di servi della gle­
ba quali erano in precedenza i kolchoz diventarono vere e pro­
prie aziende capitalistiche, cooperative di produzione. Rimase,
palla al piede del singolo kolchoz e di tutta l'agricoltura sovie­
tica, il piccolo appezzamento familiare, al quale il colcosiano
continuò a dedicare gran parte del suo lavoro e dei suoi capita­
li a scapito del terreno comune.
La nuova emancipazione dei servi fu promossa dalla borghe­
sia che, appena fuori dallo stadio embrionale, cercava un allea­
to che fungesse da baluardo sia contro il ritorno dell'autocrazia
sia contro la classe operaia, e lo trovò tra i contadini. Con
Malenkov prima e con Chruscév poi cambiò il rapporto fra le
classi urbane e quelle rurali a tutto vantaggio di queste ultime.
Vedremo più avanti come ciò avvenne.
I vinti dei primi anni Trenta diventarono i vincitori dal 1953
al 1958. Chruscév, stando alle sue memorie, venne accusato

71
più volte da Stalin di essere un «socialrivoluzionario», ossia
un difensore dei contadini: evidentemente Stalin conosceva mol­
to bene i suoi polli.

Non si può parlare dello stalinismo, dei risultati economici,


politici e sociali da esso conseguiti, senza esaminare più detta­
gliatamente quello che fu il principale mezzo usato dal regime:
il terrore.
Pur accettando l'ipotesi che la macchina del terrore, la poli­
zia politica, abbia "ecceduto", cioè che il mezzo si sia reso par­
zialmente autonomo rispetto ai fini che i vertici del Cremlino
intendevano raggiungere, non vi sono dubbi sul fatto che il ter­
rore sia stato uno strumento senza il quale lo stalinismo non
avrebbe nemmeno mosso i suoi primi passi.
Senza le fucilazioni, le torture, le deportazioni di massa e la
paura ispirata da tali metodi sarebbe stato impossibile annienta­
re i vecchi quadri bolscevichi, ridurre i contadini a moderni
servi della gleba mediante la collettivizzazione forzata, utilizza­
re 10-20 milioni di individui come schiavi per sviluppare le
infrastrutture e le industrie nelle aree più desolate del paese, tra­
sformare gli operai in semischiavi legandoli al posto di lavoro c
costringendoli a vendere la forza-lavoro a un prezzo vilissimo,
annientare i ceti medi urbani tradizionali, distruggere e succes­
sivamente impedire la rinascita di ogni forma di autonomia
sociale, trasformare in pochi anni la vecchia Russia contadina in
un paese industriale senza disporre di colonie e di capitali esteri.
La necessità del terrore fu alla base del continuo sviluppo
dell'organismo preposto alla sua attuazione: dalla seconda me­
tà degli anni Trenta gli organi della GPU, diventata NKVD, di­
vennero così numerosi da costituire un'intera armata, con divi­
sioni e reggimenti, m igliaia di ufficiali e centinaia di migliaia
di agenti (per non contare gli informatori e i provocatori), tutti
ben retribuiti e capillarmente presenti in ogni fabbrica, scuola,
stazione ferroviaria, per non parlare del Gulag, del quale la
polizia politica ebbe l'amministrazione così come le SS ebbero
quella degli Arbeitlager nazisti.
Va da sé che, reciprocamente, il continuo uso del terrore di­
venne una necessità, un affare per la GPU-NKVD, che, dalla

72
Lubjanka al più sperduto ufficio nella steppa, non cessò mai di
inventare "cospirazioni" per poter aumentare i suoi organici e i
suoi privilegi; di qui gli "eccessi", che comunque coinvolsero
milioni di individui. L'uso della repressione su una parte della
popolazione servì a radicare nella società l'idea che fosse im­
possibile contrastare in qualche modo il potere, alla stessa stre­
gua nella quale è impossibile modificare fenomeni naturali qua­
li il succedersi delle stagioni e degli anni. L'uso della repres­
sione e la paura da essa ispirata trasformarono i cittadini in
sudditi rassegnati e, a volte, in miserabili delatori.
Se la violenza è sempre stata la levatrice della storia, nella
Russia sovietica il terrore staliniano è stato la levatrice della
nuova società capitalistica. La violenza dei Levellers e degli
lronsides nella rivoluzione inglese, il terrore dei sanculotti e dei
giacobini nella rivoluzione francese, si sono manifestati elevati a
potenza e applicati su scala gigantesca in Russia, in quella che è
stata di fatto l'ultima rivoluzione borghese dell'Europa.
Come il più liberale e democratico dei regimi non ha mai
governato soltanto con la carota e con le promesse di un domani
migliore, ma ha usato anche il bastone e la paura da esso ispira­
ta, così lo stalinismo è stalo ben lungi dal governare soltanto con
la repressione e il terrore c dall'usare questi metodi durante tutta
• la sua esistenza c verso tutte le classi sociali con la stessa inten­
sità. La repressione colpì soprattutto i quadri di vertice e quelli
intermedi dell'amministrazione civile e militare dello Stato, del
partito, degli apparati economici, poiché da loro poteva venire
una qualche resistenza all'autocrazia, alla politica del "tutto e
tutti per lo Stato". Al contrario, gli operai, a meno che non cer­
cassero di dar vita a forme organizzative autonome (come, pro­
babilmente, avvenne a Leningrado), furono appena sfiorati dalla
repressione: a loro fu sempre dato un tetto, magari quello di una
baracca, un posto di lavoro, una zuppa di cavoli, la possibilità di
salire nella scala sociale e la promessa del socialismo.

Lo stalinismo ha fatto scomparire per un quarto di secolo dal


paese sia la borghesia sociologicamente intesa sia i ceti medi
urbani tradizionali, ha declassato gli operai a semischiavi, i
contadini a servi della gleba, e ha introdotto il lavoro schiavi­

73
stico, cioè ha spinto verso il basso l'intera società civile. Nello
stesso tempo, però, la fase che porta il suo nome è stata carat­
terizzata da una straordinaria mobilità sociale individuale ver­
so l'alto. Questo fenomeno di ascesa sociale ha interessato de­
cine di migliaia di persone. Se, come si diceva un tempo, il
fantaccino di Napoleone poteva portare nel suo zaino un basto­
ne da maresciallo, se l'avventuriero del Far-West americano po­
teva diventare un magnate dell'industria mineraria o il proprie­
tario di un immenso ranch, il metalmeccanico sovietico poteva
non solo diventare dirigente di un'acciaieria o direttore di un
servizio pubblico, ma anche alto funzionario dello Stato: oggi
operaio, domani direttore di un'industria, dopodomani capo di
una regione, sindaco di una grande città o, addirittura, ai verti­
ci del potere.
Come Safirov, Kurbatov, Mcnsikov e Jagu/.inskij, partendo da
umili origini, divennero aiutanti di Pietro il Grande, così Chru-
scèv, Kosygin, Breznev, da operai o modesti impiegati, arrivaro­
no, attraverso il partito (organizzazione grazie alla quale avveni­
va l'ascesa sociale nella Russia sovietica, così come avvenne in
passato mediante la chiesa cattolica in Europa occidentale), ai
vertici economici, politici e amministrativi del paese.
L'ascesa sociale di decine di migliaia di persone fu possibile
sia per l'enorme aumento di posti dirigenziali disponibili negli
apparati economici e amministrativi, sia perché le grandi «pur­
ghe» prima e le perdite umane nel corso della guerra contro la
Germania poi liberarono moltissimi posti. Verso la metà degli
anni Trenta, mentre migliaia di rivoluzionari, di dirigenti indu­
striali e amministratori finirono davanti ai plotoni d'esecuzione
o nel Gulag, decine di migliaia di giovani operai e impiegati,
dopo aver seguito speciali corsi universitari della durata di uno
o due anni, divennero direttori di industrie, di servizi pubblici
e sociali, amministratori, quadri politici.
In definitiva lo stalinismo fu rivoluzionario in senso econo­
mico, perché attuò una profonda rivoluzione industriale dall'al­
to, e fu controrivoluzionario in senso politico, perché si rivelò
il più implacabile nemico del comuniSmo e del movimento ope­
raio, mentre ebbe caratteri sia progressivi sia reazionari in
senso sociale; fu caratterizzato da una struttura economica capi­

74
talistica, da una sovrastruttura «militar-feudale» (espressione
usata da Lenin in riferimento allo zarismo, cioè ad un insieme di
militarismo, autocrazia e feudalesimo di Stato grande-russo),
con un'ideologia che si richiamava ad una società futura, quella
socialista. Questa ideologia ebbe anche un'importantissima fun­
zione: quella di assicurare al Cremlino la fedeltà di milioni di
operai, sia all'interno del paese sia nel resto del mondo, e la sim­
patia delle masse sfruttate d'Asia, Africa e America Latina.
Pochi identificarono in Stalin un funzionario del capitale. Non
pochi l'autocrate grande-russo. Moltissimi, purtroppo, il sociali­
sta. Se la storia, come amava dire Lenin, non procede rettilinea
come la Prospettiva Ncvskij, se i grandi fenomeni storici rara­
mente sono omogenei, presentando invece al loro interno ele­
menti contradditori, è vero che lo stalinismo è stato la risultante
dell'incontro e dello scontro tra grandi forze storiche: l'economia
capitalistica del ventesimo secolo, l'arretratezza e la barbarie
russe, la lotta del movimento operaio e socialista intemazionale.
L'autocrazia, come ogni altro regime, non era sospesa nel
vuoto, ne si reggeva solo su se stessa. Mentre quella degli zar
e, in particolare, di Pietro il Grande, fece leva sul comuniSmo
primitivo delle comunità agricole per contrastare la nobiltà ter­
riera c i mercanti delle città, lo stalinismo, per costruire quello
che pretese di chiamare socialismo, cioè per industrializzare il
paese, fece leva sulla classe operaia.
Furono i giovani operai a sostenere Stalin quando gettò alle
ortiche il «socialismo a passo di tartaruga» e diventò stalinista,
cioè assertore dell'industrializzazione accelerata e della collet­
tivizzazione forzata. Furono loro a dar forza a Stalin quando
l'offensiva hitleriana mise in pericolo 1'esistenza stessa della
Russia, mentre i colcosiani ucraini e caucasici accoglievano i
soldati tedeschi come liberatori; furono i giovani operai che,
con una mobilitazione politica (e un massiccio afflusso nel
partito42), economica (lavoro per 10-12 ore al giorno nelle in­
dustrie belliche) e militare (difesa ad oltranza di Leningrado,
M osca e Stalingrado assediate, massicci arruolamenti di vo­

42. G. Procacci, op. cit., p. 163.

75
lontari nell'Armata Rossa, formazione di migliaia di bande par-
tigiane nelle retrovie tedesche), difesero il regime con le un­
ghie e con i denti, così come erano stati gli operai, gli artigiani
e i contadini a difendere la Francia giacobina dagli eserciti
delle monarchie europee e dai vandeani all'interno.
Bordiga, in una delle sue pagine migliori, ha ricordato che
già in passato le rivoluzioni hanno sbrigato compiti arretrati:
In America la borghesia industriale del nord condusse una
guerra sociale c rivoluzionaria non per conquistare il potere
a danno della aristocrazia feudale, che non era in America
mai esistita, ma per provvedere ad un trapasso nelle forme di
produzione assai ritardato rispetto a quello in cui storica­
mente nasce la società borghese: la sostituzione della produ­
zione a mezzo di manodopera schiava con quella a mezzo di
salariati, o di artigiani c contadini liberi, mentre le borghesie
europee avevano dovuto lottare solo per eliminare la forma
del servaggio della gleba, molto più moderna e meno arre­
trata della schiavitù. Ciò prova che una classe non c "prede­
stinata" ad un solo compito di trapasso tra forme sociali. La
borghesia americana non dovette dedicarsi ad abolire i privi­
legi ieudali ed il servaggio, ma tornare indietro c liberare la
società dallo schiavismo. Vi è in questo esempio l'analogia
col compito della classe proletaria russa, che non fu il pas­
saggio dalla forma capitalista a quella socialista, ma il prece­
dente rigurgito storico del salto dal dispotismo feudale al
capitalismo mercantile [...]. In Russia il compito di distrug­
gere l'ultimo feudalesimo non era poco per una classe ope­
raia vittoriosa tra così terribili prove, mentre era certamente
troppo quello che Stalin finge si volesse da lei, cioè l'abbatti­
mento del capitalismo di tutti i paesi. Questo doveva rima­
nere, rimase e rimane il compito proprio della classe operaia
nei grandi Stati industriali più avanzati del mondo33.

Dopo il crollo dell'Unione Sovietica, la questione di quali


forze siano state beneficiarie dell'accumulazione capitalistica
messa in moto dallo stalinismo è stata risolta praticamente.
L'ipotesi secondo la quale la borghesia sovietica avrebbe
potuto realizzare un'accumulazione capitalistica autonoma ri-43

43. [A. Bordiga], Struttura..., cit., Appendice, La Russia nella grande rivoluzio­
ne e nella società contemporanea (1956), pp. 702-703.

76
spetto all'Occidente non trova riscontri dalla fine degli anni
Ottanta. Lo stalinismo da un lato cercò di impedire la realizza­
zione di questa possibilità ostacolando col terrore poliziesco la
nascita dal seno della burocrazia sovietica di una borghesia
sociologicamente intesa, dall'altro lato preservò questa stessa
possibilità, prima mantenendo una rigida autarchia in campo
economico e l'isolazionismo sul terreno della politica intema­
zionale, poi mandando oltre venti milioni di operai e di conta­
dini a morire per difendere la «patria socialista» dai tedeschi,
infine, nel dopoguerra, erigendo la Cortina di Ferro per resiste­
re alle pressioni economiche (piano Marshall), politiche e mili­
tari degli Stati Uniti.
L'ipotesi del centro autonomo di accumulazione non è più
realistica da quando il collasso economico ha costretto il
Cremlino ad abbandonare i suoi avamposti politico-militari in
Europa orientale, a ridurre il suo potenziale bellico, ad aprirsi
alle merci e ai capitali stranieri eliminando il monopolio statale
del commercio con l’estero, a mandare Gorbaccv in giro per il
mondo mendicando prestiti c accettando preventivamente tutte
le condizioni politiche ed economiche dell'Occidente. L'Unio­
ne Sovietica di Gorbaccv può essere paragonata a un grande
cartello industriale sull'orlo della bancarotta: la proprietà e la
gestione del cartello hanno dovuto chiedere soldi in prestito alle
banche, che, dallo stesso momento, sono subentrate di fatto nel­
la proprietà e nella gestione (nel caso specifico si è trattalo del
Fondo Monetario Internazionale e/o dei liberi mercati finanzia­
ri); sono state le banche a decidere chi dovesse gestire il cartel­
lo, quali settori dovessero essere tenuti in vita (o potenziati) e
quali dovessero chiudere, sono state le banche a decidere la
percentuale di profitto di cui appropriarsi. La Russia di El'cin è
quello stesso grande cartello industriale ormai fallito, che, dopo
aver perso pezzi da tutte le parti (Ucraina, Kazakistan, repub­
bliche caucasiche, baltiche e centroasiatiche), dopo aver chiuso
interi settori di produzione o averli venduti a prezzi stracciati
(privatizzazioni), svende tutti i prodotti che può (nel caso speci­
fico gas naturale, petrolio e armamenti).
In altre parole, i beneficiari dell'accumulazione capitalistica
messa in moto dallo stalinismo, i principali fruitori dei profitti

77
derivanti dallo sfruttamento della classe operaia russa, appaio­
no essere ormai i grandi centri finanziari occidentali, in primo
luogo americani e tedeschi, mentre la borghesia russa (pur arri­
vata con El'cin al potere) si sta riducendo al ruolo di loro rap­
presentante locale.
Stalin ha arato e seminato il campo, Wall Street sta racco­
gliendo i frutti (anche se non può impedire che parte del botti­
no finisca a Francoforte), così come sta raccogliendo in com­
petizione con Tokyo quelli che cadono dall'albero che Mao
Tse-tung ha scosso con tanto vigore in Cina.
La politica degli "uomini d'acciaio", dei "portatori di spada"
che credevano di superare con la forza della loro volontà il
determinismo economico, che ritenevano possibile creare nella
Russia isolata dal resto del mondo una grande industria, ma
nello stesso tempo cercavano di impedire sia la nascita e lo
sviluppo della borghesia indigena, sia l'assoggettamcnto al
capitalismo intemazionale; la politica di questi "socialisti ro­
mantici" che hanno mandato a morte migliaia di comunisti (so­
cialisti scientifici che giudicavano follia il «socialismo in un
solo paese») e decine di migliaia di semplici militanti rivolu­
zionari che si sono opposti alla linea controrivoluzionaria pra­
ticata in tutto il mondo, a prescindere dal grado maggiore o
minore di consapevolezza che ha animato la loro opposizione,
questa politica ha dovuto constatare la propria sconfitta storica
quando i rappresentanti di quella borghesia sovietica, che mai
avrebbe dovuto comparire sulla scena, hanno cacciato la mum­
mia di Stalin dal suo mausoleo, hanno additato nell'ex «padre
dei popoli della Russia» l'unico responsabile di oltre vent'anni
di massacri e di terrore e hanno mandato in pensione Molotov,
Kaganovic, Mikojan e Vorosilov.
Quasi trentanni dopo i figli dello stalinismo, i signori del
«socialismo reale» - come l’analfabeta Bre/.nev definì il siste­
ma sovietico - , questa stirpe di zombie che stava all'autocrate
del Cremlino come la farsa di paese sta alla tragedia storica,
questa borghesia nata da una «selezione al contrario» (come
disse con felice espressione il dissidente Amal'rik), questa clas­
se dominante nata con Chruscev e convinta, grazie alla prote­
zione dello Stato nei confronti dei paesi esteri, di poter godere

78
essa sola del plusvalore estorto agli operai, ha dovuto a sua volta
constatare la propria debacle quando Gorbacev si è prosternato ai
banchieri dell'Occidente e si è dichiarato disposto a indossare la
livrea di maggiordomo del cosiddetto mondo libero.
Qualche anno fa l'inviato di un quotidiano italiano intervistò
a M osca il novantenne Lazar Moiseevic Kaganovic, colui che
con Molotov e con lo stesso Stalin rappresentò il vertice dei
vertici dello stalinismo. Nell'intervista il vegliardo si lamentò
del fatto che ormai i banchieri, i mercanti, gli speculatori, la
malavita e i preti ortodossi erano diventati i padroni di Mosca;
è probabile che egli invidiasse in cuor suo Stalin, che, moren­
do nel 1953, non fece in tempo a vedere quale fosse la conclu­
sione del suo sanguinario regime, quale fine avesse fatto un
"socialismo" edificato sui cadaveri di migliaia di comunisti,
sulla carne e sul sangue della classe operaia d'Europa e d'Asia.

L a fin e

Le forze evocale dall'accumulazione capitalistica primordia­


le degli anni Trenta e dalla ricostruzione postbellica della se­
conda metà degli anni Quaranta - intendendo con esse non
solo le necessità economiche del capitale, che, a un certo gra­
do di sviluppo, non erano più compatibili con il lavoro schiavi­
stico e semischiavistico, con un unico centro di accumulazio­
ne, ma anche le spinte provenienti dalle classi sociali che
durante l'industrializzazione accelerata e la ricostruzione si so­
no sviluppate, soprattutto le spinte dei dirigenti industriali che,
cento volte tenuti a freno, cento volte hanno cercato di conqui­
stare il ruolo sociale loro spettante per la posizione occupata
nel processo produttivo e di sviluppare le rispettive aziende - ,
queste forze evocate dagli apprendisti stregoni del Cremlino,
ad un certo punto, all'inizio degli anni Cinquanta, si sono ribel­
late, decise a strappare lo knut dalle mani dell'autocrazia, che
pure le aveva suscitate.
Il XIX congresso del partito, nell'ottobre del 1952 (congres­
so nel quale il partito stesso abbandonò la qualifica di bolsce­

79
vico per chiamarsi Partito Comunista dell'Unione Sovietica),
parlò con la voce dall'accento georgiano di Stalin.
Vi si tornò a parlare - scrive Boffa - un linguaggio pole­
mico e antiburocratico [...]. Ma nell'esperienza di governo
staliniana il tema antiburocratico aveva un significalo assai
preciso. Due erano i precedenti: quello del '28 e quello del
'37, entrambi accompagnati da una eliminazione (politica e
incruenta la prima, terroristica e sanguinosa la seconda) di
una notevole parte dello strato dirigente sovietico'1'1.

Le forze che erano alle leve degli apparati economici e am­


ministrativi, però, non solo si erano rese parzialmente autono­
me nei confronti dell'autocrazia ma si erano anche unite fra
loro per combattere il "tiranno"; poiché Dio (leggi le necessità
economiche e sociali del paese, il corso degli avvenimenti) era
con loro, la vittoria non poteva mancare.
La morte di Stalin nel marzo del 1953 fu il preludio del crol­
lo dell'autocrazia: Zukov, Vasilevskij, Konev, i generali che ave­
vano vinto le grandi battaglie di Mosca, Stalingrado c Kursk, i
conquistatori di Berlino, non erano disposti a fare la stessa fine
di Tuchacevskij, Egorov, Bljucher, ecc., fatti fucilare da Stalin
nel 1937; nel giugno dello stesso '53 presero Bcrija, capo ap­
parentemente onnipotente della polizia politica, e lo passarono
per le armi. Con il ridimensionamento della polizia politica
l'autocrazia perse la sua spada e fu sconfitta.

Caduta la "tirannia", gli alti quadri degli apparati economico,


politico e amministrativo - gruppi sociali decisi ad ottenere il
consolidamento delle loro posizioni e, quindi, a impedire il ri­
torno dell'autocrazia - non solo acquistarono un certo grado di
autonomia nei confronti del vertice dello Stato, ma ne influen­
zarono anche alcune decisioni. Nello stesso tempo i "piccoli
Stalin" della periferia non solo ebbero una certa indipendenza
dal Cremlino ma, a loro volta, furono in grado di esercitare
pressioni nei confronti del centro; come nel passaggio da Pie-4

44. G. Boffa, Storia dell'Unione Sovietica, IV, 1945-1964, Roma, Ed. «L'Uni­
tà», 1990, pp. 163-164.

80
tro il Grande ai suoi successori il vertice dello Stato aveva ce­
duto una parte dei suoi poteri e delle sue proprietà ai boiardi
("lo zar governa al centro, i nobili alla periferia"), così il siste­
ma sovietico divenne dualistico: un'oligarchia al vertice, una
satrapia in sede locale. Dal 1953 al '56, quindi, sotto la spinta
delle forze che avevano sconfitto l'autocrazia, furono varate
riforme economiche, sociali, politiche e giuridiche che modifi­
carono profondamente la società.
Dal punto di vista amministrativo si ebbe un notevole decen­
tramento: le alte burocrazie locali - in precedenza controllate
dalla polizia politica - si trovarono a disporre di una notevole
autonomia nei confronti del Cremlino e di un forte potere sui
territori sottoposti alla loro giurisdizione. Un ruolo fondamen­
tale divenne quello dei segretari degli Obkom (comitati di par­
tito a livello di oblast"), simili ai nostri prefetti, cioè rappresen­
tanti dello Stato in periferia e, nello stesso tempo, difensori
degli interessi locali a Mosca.
Con le riforme di Malcnkov - che abolirono le corvées ob­
bligatorie, ridussero le quote della produzione da destinare
all'ammasso, aumentarono il prezzo pagato dallo Stato per i
prodotti agricoli, consentirono di fatto (anche se non di diritto)
ai colcosiani di lasciare il terreno cui erano precedentemente
vincolati - , il kolchoz, da comunità serva della gleba, diventò
una cooperativa di produzione, una vera e propria azienda ca­
pitalistica.
Nel 1956 i cancelli del Gulag furono aperti e milioni di Ivan
Denisovic tornarono a casa dopo anni di lavoro schiavistico in
Siberia, nell'Asia centrale e nell'estremo nord. Milioni di altri
non tornarono e, il più delle volte, non si trovarono nemmeno
le loro tombe. Il posto degli schiavi all'ultimo gradino della
società sovietica fu preso dai limitciki, coloro che lavoravano
in una località senza avere il diritto di residenza.
Nello stesso anno agli operai fu concesso di vendere la loro
forza-lavoro al miglior offerente, cioè di autolicenziarsi e di
cercare un nuovo posto di lavoro; in un solo anno dall'aboli­
zione del vincolo che li legava alla fabbrica, almeno il 50%
degli operai industriali non addetti al settore bellico (dove il
vincolo permaneva) cambiarono azienda.

81
Timidamente nelle città comparvero artigiani - per lo più
edili e riparatori - e commercianti privati; meno timidamente
si sviluppò il mercato nero.
Con le riforme economiche di Chruscev, di cui parleremo
diffusamente più avanti, la borghesia sociologicamente intesa
uscì dallo stadio embrionale.
La nascita e lo sviluppo di questi strati comportò l'instaurarsi
di relazioni fra ciascuno di essi e l'alta burocrazia dello Stato e
del partito unico, detentrice del potere politico.
L'autocrazia di Stalin si era appoggiata alla classe operaia,
mentre aveva ridotto alla fame i colcosiani e terrorizzato i qua­
dri medio-alti degli apparati economici. L'oligarchia di Chru­
scev si appoggiò alle figure imprenditoriali che si affacciavano
sulla scena, all'aristocrazia operaia e ai colcosiani. Dalla «dit­
tatura del proletariato» di Stalin si passò allo «Stato di tutto il
popolo» di Chruscev.
In particolare, si modificò il rapporto della classe operaia
con il ceto medio impiegatizio, da un lato, e, dall'altro, con la
piccola e media borghesia rurale, a tutto vantaggio di quest'ul-
tima. I colcosiani, vinti sotto Stalin, diventarono vincitori con
Kukuruznik, «l'uomo del granoturco», come fu soprannomina­
to lo stesso Chruscev per aver voluto forzare la coltivazione di
quel cereale in tutto il paese senza preoccuparsi troppo della
natura del terreno e del clima. Alla base delle agevolazioni
concesse ai colcosiani vi furono ragioni politiche, la volontà
delle élites economiche e amministrative di garantirsi contro
un possibile ritorno dell'autocrazia e di assicurarsi stabilità
rispetto alla classe operaia.
La mobilità sociale nei due sensi che si era avuta sotto lo sta­
linismo si ridusse gradualmente. I borghesi restavano borghesi,
anche se spesso dovevano cambiare posto; gli operai lavorava­
no sempre nelle officine, anche se ora cambiavano frequente­
mente non solo azienda, ma anche città; i braccianti seminava­
no e aravano con potenti trattori i terreni dei sovchoz senza
prospettive di cambiamento e i colcosiani continuavano a zap­
pare la terra comune e i loro campicelli privati, anche se ora riu­
scivano a nascondere parecchi rubli nei materassi. Le classi so­
ciali cominciarono a diventare stabili.

82
Dalla metà degli anni Cinquanta il capitalismo sovietico
assomigliò sempre più ai suoi fratelli d'Occidente, anche se
Chruscèv (molto probabilmente dopo aver scolato una bottiglia
di vodka di troppo per festeggiare l'iniziale successo della col­
tivazione delle terre vergini nella Siberia sud-occidentale e nel
Kazakistan, oppure il lancio dello sputnik) disse non solo che
si sarebbe superata in pochi anni l'America nella produzione di
carne e latte (e questo sarebbe già stato un motivo sufficiente
per rinchiuderlo in manicomio), ma che era alle porte, addirit­
tura, il comuniSmo.
Al XX congresso del PCUS, che si tenne nel 1956, lo stesso
Chruscèv tuonò contro il «culto della personalità» e accusò
Stalin di tutti i crimini commessi dal regime. I difensori dell’au­
tocrazia, avendo contro di loro il dio delle forze economiche e
sociali, non opposero resistenza ai vincitori. Gli unici caduti
nello scontro, almeno stando alle cronache, furono il già citato
Bcrija e qualche decina di agenti della polizia politica, subito
passati nel dimenticatoio della storia.
La fine dell'autocrazia, il venticello di libertà che passò per il
paese fece uscire dal lungo letargo \'intelligencija che fino al
1930 non solo non era mai rimasta estranea alla vita politica,
ma vi si era profondamente impegnata: il pentito cantore del
«padre dei popoli», Il'ja Ercnburg, parlò di «disgelo»; il corti­
giano Evtusensko elevò inni alla libertà; Pastemak pubblicò il
suo piagnucoloso Dottor Zivago\ Sol/.cnicyn diede alle stampe
la sua prima bellissima opera sull'«arcipelago Gulag», Una gior­
nata di Ivan Denisovic.
Il passaggio dalla "rivoluzione dall'alto" di Stalin alle "riforme
dall'alto" di Chruscèv ebbe notevoli ripercussioni sia in Asia sia
in Europa. Mao Tse-tung iniziò con il Cremlino una disputa
nella quale le questioni ideologiche entravano come i classici
cavoli a merenda e, dopo aver invano cercato di ottenere dai
"nuovi zar" aiuti economici che questi non potevano né voleva­
no dare a Pechino, cercò di porsi alla testa dei paesi e dei movi­
menti antimperialisti del Terzo Mondo. In Europa orientale si
ebbe un allentamento della morsa sovietica: la Polonia e l'Un­
gheria, le due ribelli di sempre, cercarono di approfittarne. In
Europa occidentale i cappelli divennero idee e il XX congresso

83
causò violente burrasche nelle scatole craniche degli orfani di
Stalin. Gli imbecilli filostalinisti gridarono al tradimento, male-
dirono il «rinnegato Chruscev» e, dopo affannose ricerche di
nuove luci provenienti dall'Oriente e di nuove vie al socialismo,
si inginocchiarono in preghiera di fronte... ai contadini di Mao e
ai pastori erranti delle montagne albanesi. I saltimbanchi e i pa­
gliacci come Thorez e Togliatti, vecchie baldracchc staliniste,
diedero un osceno spettacolo sulle piazze di Parigi e di Roma
ballando al suono della balalajka e cantando la canzonaccia di
Chruscev, nella quale il «culto della personalità» veniva additato
come unico responsabile di tutti i misfatti; dopo aver rimpiazza­
to il ritratto di Baffone con quello di Chruscev in tutte le loro
sezioni, i partiti comunisti, le organizzazioni nate dalla «bolsce­
vizzazione» del 1924 e diventate come Arlecchino serve di due
padroni, il Cremlino e la «bandiera nazionale gettata nel fango
dalla borghesia», cominciarono la lunga marcia verso lo «strap­
po» e, soprattutto, «dentro le istituzioni». Alla vittoria di Chru­
scev visionari come Pietro Nenni, in fremente attesa di posare il
deretano su una poltrona ministeriale, intonarono il Te deum in
onore del «socialismo dal volto umano», proprio mentre gli ope­
rai polacchi e ungheresi, che al «socialismo dal volto umano»
avevano prestato fede, venivano presi a cannonate da Chruscev.

11 passaggio dal comuniSmo agrario primitivo al sistema


industriale capitalista non può avvenire - scriveva Engels nel
lontano 1893 a proposito delle prospettive di una rivoluzione
borghese in Russia - senza terribili sconvolgimenti sociali,
senza la scomparsa c la trasformazione di classi intere; quale
enorme sofferenza, c che spreco di vite umane c di forze pro­
duttive ciò implichi necessariamente, lo abbiamo visto in
proporzioni più ridotte nell'Europa occidentale45.

45. Brano riportato in E.H. Carr, Le orìgini della pianificazione sovietica, IV,
cit., p. 435.

84
4.
La borghesia imprenditoriale

«Quale la nuova classe che attraverso questo Stato esercita la


propria dittatura?» Questa domanda, posta a Bordiga nel corso
di una discussione del 1951 i militanti rivoluzionari la fecero
a se stessi e ai loro compagni per qualche decennio.
Una risposta non era stata data, né avrebbe potuto essere
data, da Trotsky, per il quale alla società uscita dalla rivoluzio­
ne d'Oltobre competeva ancora nel '40 un carattere fondamen­
talmente socialista e la burocrazia era una semplice escrescen­
za dello Stato operaio, una «casta parassi tari a». Per Trotsky la
burocrazia era una «casta governante», per dirla con Otto
Bauer, come ad esempio gli junker nella Germania guglielmi-
na, mentre la classe operaia, pur espropriata del potere politi­
co, era e restava la classe dominante.
Una risposta, ma tutt'altro che corretta, arrivò dai principali
esponenti della corrente generalmente indicata con la formula
del «collcttivismo burocratico»: Bruno Rizzi, James Burnham,
Pierre Chaulieu-Comelius Castoriadis (con altri fondatore nel
1949 della rivista «Socialisme ou Barbarie»). Costoro - che,
per una radicale estraneità al marxismo, un retroterra culturale
libertario e una propensione a non andare oltre l'aspetto super­
ficiale degli avvenimenti, non presero nemmeno in considera­
zione il contesto in cui si era verificata la «degenerazione»
sovietica, interpretata come l'inevitabile involuzione di qual­
siasi società divisa in delegati e deleganti (di qui discese anche 1

1. «Prometeo», n. cit.

85
la loro convinzione che lo stalinismo fosse nato dal «giacobi­
nismo bolscevico», dal partito di Lenin) - trattarono in manie­
ra estremamente rozza delle strutture economiche e sociali del­
la Russia sovietica (dove per Rizzi sarebbe esistito un nuovo
modo di produzione né capitalista né socialista, il «collettivi­
smo burocratico» appunto, per Chaulieu-Castoriadis un non me­
glio definito «capitalismo burocratico»). Essi credettero di ri­
solvere la questione della classe dominante in Unione Sovietica
stabilendo un'automatica ed immediata corrispondenza fra l'al­
ta burocrazia dello Stato e del partito unico (vista come entità
omogenea) e la classe dominante (intesa non come dirigente i
mezzi di produzione ma come sua proprietaria collettiva attra­
verso lo Stato).
Non diversa fu la risposta data da uno dei più noti esponenti
della corrente del «comunismo dei consigli», Anton Pannckoek,
per il quale la classe dominante nel capitalismo sovietico era la
burocrazia statale in quanto proprietaria collettiva dei mezzi di
produzione, così come non fu diversa la risposta data da Milo-
van Djilas nel suo tanto reclamizzato quanto poco originale
libro La nuova classe.
Ciò che sfuggì sia a Chaulieu-Castoriadis, sia a Pannekoek e
a Djilas, fu che la classe dominante in una società capitalistica
non è costituita tanto da coloro che hanno la proprietà dei
mezzi di produzione, quanto da coloro che ne hanno la direzio­
ne, che svolgono nel processo produttivo la funzione di valo­
rizzazione del capitale, e cioè dagli imprenditori.
Chi cercò di individuare coloro che avevano la direzione dei
mezzi di produzione fu Tony Cliff, che però scorse erronea­
mente nella burocrazia nel suo insieme la personificazione del
capitale.
Alla domanda postagli nel 1951, così rispose invece Bordiga:
Qualunque sia la verità sul processo dcH'cconomia russa c
sulla sua vera "direzione" la politica di partito e la politica
internazionale degli stalinisti sono ugualmente fetenti. Ecco
perché (...] non mi importa tanto dire: in Russia il cittadino
Boris Capilalisloff in via tale numero tale non fa niente c si
nutre di caviale e vodka c quadri di Rubens; ma la politica di
liquidare i partiti fu fetente, perche americani ed inglesi fa­

86
cessero bene la guerra; la politica dei blocchi partigiani fu
fetente2.

In altre parole, Bordiga privilegiò l'aspetto politico su quello


sociologico nell'identificazione della classe dominante nella
Russia sovietica.
Negli anni immediatamente successivi egli non si limitò a
mettere in evidenza soltanto i caratteri «fetenti» della politica
dello Stato e del partito sovietici, ma anche il carattere capita­
listico del modo di produzione e distribuzione vigente in quel
paese3; infine, verso la metà degli anni Cinquanta, ne analizzò
le strutture economiche c sociali4.
Una conseguenza dell'interpretazione di Bordiga - che si
guardò bene dal risolvere in modo semplicistico la questione
dell'identificazione della classe dominante in Unione Sovie­
tica, cioè non stabilì un'automatica e immediata corrisponden­
za fra i dati economici, sociali c politici - fu la limitata atten­
zione riservata al ruolo svolto dalla burocrazia nell'evoluzione
storica della società sovietica c, in questo quadro lo scarso
interesse per la questione dell'esistenza o meno del signor Ca-
pitalistoff, per l'identificazione della borghesia imprenditoriale
sovietica c per il rapporto fra questa e le élites politiche e
amministrative. Liliana Grilli ha sottolineato che
in Bordiga |...] la categoria di "classe capitalista" tende a
decadere come categoria sociologica - indicante cioè un
gruppo sociale ben definito - c resta come pura categoria
economica5.

Bordiga aveva indiscutibilmente ragione quando, in polemi­


ca con i rappresentanti delle varie correnti antiburocratiche,
ricordò che la burocrazia, in quanto tale, non era una classe ma
era al servizio della classe dominante in qualsiasi società divi­
sa in classi. A questo punto, però, stabilito chi non era il signor

2. «Prometeo», n. cit.
3. Con i già citati Dialogato con Stalin e Dialogato coi morti.
4. Con Struttura economica e sociale della Russia d'oggi, cit.
5. L. Grilli, Amadeo Bordiga. Capitalismo sovietico e comuniSmo, Milano, La
Pietra, 1982, p. 167.

87
Capitalistoff, restava la necessità di vedere quale fosse e dove
fosse la borghesia imprenditoriale sovietica, tenendo conto che
una classe sociale, prima ancora di essere un gruppo di perso­
ne, è una "rete di interessi".
Alla base della scarsa attenzione di Bordiga per il signor Ca­
pitalistoff, alla metà degli anni Cinquanta, stava prevalente­
mente la constatazione del carattere giovanile del capitalismo
sovietico, nel senso che lo sviluppo economico di quegli anni
poteva non aver ancora delineato con chiarezza quale gruppo
sociale avrebbe assunto il ruolo primario e soltanto la fase suc­
cessiva avrebbe mostrato l'affermazione di un settore pubblico
e/o di un settore privato (colcosiani ricchi, cooperatori delle
città).
Da un lato l'emergere del signor Boris Capitalistoff alla fine
degli anni Cinquanta (evento previsto da Bordiga nei suoi
scritti), dall'altro lato i num erosi lavori di storici, economisti,
sociologi e politologi (che, pur incapaci di trattare l'intera que­
stione sovietica, hanno però fornito esaurienti spiegazioni su
suoi singoli aspetti) hanno reso possibile affrontare il tema
delle forme peculiari assunte dal capitalismo e, in particolare,
il tema della classe dom inante sovietica.
La separazione della proprietà dalla direzione dei mezzi di
produzione (cioè il fatto che sul terreno giuridico la titolarità
dei mezzi di produzione non competesse necessariamente a
coloro che svolgevano le funzioni imprenditoriali) e il fatto
che la sostanza del profitto capitalistico potesse assumere la
forma di alti stipendi, di partecipazione agli utili, di tangenti
legali ed extralegali di varia natura, tutto questo configurava
tanto poco una fenomenologia estranea al capitalismo occiden­
tale che, alm eno sotto alcuni profili, la forma compiuta e più
completamente assunta dalla borghesia di Stato la si trovava in
Italia, dove le partecipazioni statali avevano dato origine alla
«razza padrona». Ciò ha reso l'Italia il miglior punto di osser­
vazione occidentale per esam inare la borghesia di Stato della
Russia sovietica (anche se siam o ben lontani dal credere che
sia possibile operare una com pleta e meccanica assimilazione
fra questi strati di punta dell'O ccidente - "di punta" in quanto
hanno rappresentato il m aggior grado di integrazione che mai

88
sia stato raggiunto fra la borghesia, l'alta burocrazia statale e la
medio-alta burocrazia politico-partitica - e la parte dell'alta
burocrazia sovietica che ha svolto le funzioni della borghesia
imprenditoriale).

Grazie all'analisi di Bordiga sulle strutture economiche e


sociali della Russia sovietica, al crescere del signor Boris Ca-
pitalistoff, che all'epoca di Breznev era ormai diventato adulto,
grazie al punto di osservazione privilegiato rappresentato dal­
l'Italia, ai numerosi lavori di storici, economisti, politologi e
sociologi sulla nomenklatura, sulla pianificazione e, più in
generale, sulla società sovietica di quegli anni, nel 1981 siamo
stati in grado, sia pure dalle colonne di una rivista ultraminori­
taria, di fornire un ulteriore contributo all'individuazione della
classe dominante in Unione Sovietica6.
La nostra lesi è stata che la borghesia imprenditoriale dove­
va essere identificata in una parte degli alti gradi della buro­
crazia dello Stato e del partito unico e in una parte dei quadri
di vertice degli apparati aziendali delle principali imprese
(pubbliche - cioè federali, repubblicane, regionali, distrettuali,
comunali - e private - cioè le cooperative artigianali, specie
edili, e quelle agricole, i kolchoz). Abbiamo sostenuto anche
che una parte dell'alta burocrazia non integrava solo la classe
borghese, ma ne era il settore più caratterizzato e più dotato di
capacità decisionali.
In Unione Sovietica la burocrazia non poteva essere vista né
solo come un "corpo separato" (anche se era certamente, in
larga misura, anche questo), né come un insieme di delegati
della classe dominante nazionale e/o del capitale estero. In al­
cuni medi e alti burocrati si produceva una sovrapposizione
della qualità di borghese a quella di burocrate, per cui, per un
periodo più o meno lungo, le stesse persone fisiche facevano
parte della burocrazia statale e/o partitica (avevano, cioè, una
certa posizione nell'ordine giuridico della società) e della bor­
ghesia imprenditoriale (svolgevano, cioè, una certa funzione

6. Noie sulla burocrazia sovietica, «L'Internazionalista», n. 10, 1981.

89
nel processo produttivo). Soprattutto, però, si verificava il fatto
che la qualità di imprenditori traeva origine dai poteri decisio­
nali che competevano loro proprio in quanto alti burocrati inse­
riti in un quadro caratterizzato dall'assenza storica di classi do­
minanti espresse fisiologicamente dall'evoluzione economica.
Questi individui godevano di un alto reddito in relazione alle
funzioni svolte e al ruolo occupato, reddito che era un involu­
cro con diversi contenuti (profitto capitalistico in forma di
premi, partecipazione agli utili, disponibilità di beni e servizi,
ecc. per le prime; livello stipendiale per il secondo).
Le frazioni della classe dominante erano dotate di differenti
margini decisionali e facevano un diverso uso dei loro poteri.
In ultima analisi, l’alta burocrazia dello Stato c del partito uni­
co, responsabile prevalentemente del complesso militar-indu-
striale o del «settore centralizzato» (siderurgia, chimica di base,
energia nucleare, petrolio, industrie belliche vere c proprie),
cercava di difendere gli interessi generali c a lungo termine del
capitale sovietico, mentre i direttori di alcune associazioni in­
dustriali, responsabili del «settore decentralizzato» (quello, per
esempio, dei beni di consumo), cercavano il massimo profitto
annuale, profitto che andava poi in parte all'impresa che diri­
gevano (con investimenti e dividendi), in parte allo Stato come
proprietario dei mezzi di produzione, degli immobili e del ca­
pitale monetario.
Abbiamo identificato così nell'alta burocrazia dello Stato
(ministri, direttori generali dei ministeri economici), del partito
unico (vertici degli organismi paralleli a quelli statali esistenti
all'interno del PCUS) e in una parte dei quadri superiori dei
principali apparati aziendali (alcuni kombinat e alcune associa­
zioni industriali) la borghesia imprenditoriale in Unione Sovie­
tica. Ci siamo tuttavia espressi in modo impreciso, limitandoci
a identificare il signor Boris Capitalistoff in una fotografia di
gruppo scattata sulla Piazza Rossa negli anni Settanta, sotto
Breznev. Abbiamo in altre parole fornito un'immagine statica e
non dinamica della borghesia imprenditoriale nella Russia so­
vietica.
Tonnellate di libri sono state scritte sulla storia della borghe­
sia in Inghilterra, Francia, Germania, America e altri paesi oc­

90
cidentali. Dopo / pericoli professionali del potere di Rakovskij
e La rivoluzione tradita di Trotsky centinaia di volumi sono sta­
ti scritti sulla burocrazia statale e partitica della Russia Sovie­
tica, ma a tutti i loro autori è sfuggito il fatto che una parte
degli alti burocrati, almeno dagli anni in cui prese avvio l'indu­
strializzazione accelerata, sono stati anche agenti del capitale;
la presenza del signor Capitalistoff è sfuggita loro per il sem­
plice fatto che davano per scontato il carattere fondamental­
mente socialista dell'economia sovietica: e in regime socialista
non ci sono agenti del capitale.
Cercheremo qui, ora, di tracciare quelli che sono stati i tratti
salienti della borghesia sovietica, di ricostruire la sua nascita,
il suo sviluppo, le sue frazioni economiche e politiche, i rap­
porti reciproci di queste frazioni e quelli con le altre classi
sociali e con l’alta burocrazia dello Stato e del partito unico.

Come abbiamo detto in precedenza, sotto lo stalinismo la bor­


ghesia esisteva come categoria politica, in quanto l'alta buro­
crazia dello Stato e del partito unico difendeva sia il sistema
capitalistico contro il proletariato, sia il capitalismo sovietico
contro gli altri Stati; esisteva come categoria economica, poi­
ché la stessa alta burocrazia dello Stato e del partilo svolgeva
le funzioni imprenditoriali nel processo di industrializzazione;
era invece assente o, meglio, era presente soltanto in forma
embrionale come categoria sociologica, in quanto il regime
impediva lo sviluppo di una classe borghese stabile. Con fre­
quenti cambiamenti del posto di lavoro, con le deportazioni e
le fucilazioni, si contrastò l'autonomizzazione nei confronti del­
l'autocrazia da parte delle forze che erano alle leve di comando
in ogni apparato, si bloccò sul nascere il formarsi di una rete di
interessi comuni a un certo gruppo di individui, si rese impos­
sibile il cristallizzarsi di un'elite economica. Le imprese non
ebbero alcun potere decisionale e alcun rapporto di tipo diretto
le une con le altre; a svolgere funzioni imprenditoriali furono
esclusivamente i vertici dei ministeri economici. Non soltanto
in un numero molto ristretto di persone si verificò una tempo­
ranea coincidenza fra tre funzioni - direzione politica, ammi­
nistrativa ed economica - , ma tutti gli individui che avevano in

91
mano le leve dell'apparato economico - da Ordzonikidze,
direttore delFindustria pesante, e da Vorosilov, preposto all'in­
dustria bellica, a coloro che dirigevano le singole aziende -
rappresentarono una vera e propria "aristocrazia di servizio",
un insieme di persone il cui prestigio sociale e benessere mate­
riale derivavano in misura pressoché esclusiva dalle funzioni
temporaneamente svolte al servizio dello Stato.
Senza il potere dispotico dei vertici dello Stato l'industrializ­
zazione accelerata e la ricostruzione dopo i disastri provocati
dal secondo conflitto mondiale non sarebbero state possibili.
Terminata l'opera, però, l'autocrazia non solo non fu più neces­
saria ma costituì un freno alfulteriore sviluppo dell'economia e
della società: basti soltanto pensare alla bassa produttività del
lavoro schiavistico e all'enorme difficoltà di dirigere dal centro
le migliaia di piccole e medie industrie sparse per l'enorme
paese.
Le nuove esigenze economiche e sociali trovarono i loro rap­
presentanti proprio negli strati che costituivano quella che ab­
biamo chiamato aristocrazia di servizio, i quali non solo si re­
sero progressivamente autonomi nei confronti dell'autocrazia c
si allearono fra loro per conservare le posizioni acquisite, ma
cercarono anche di strappare la frusta dalle mani del tiranno.
Dopo uno scontro durato alcuni anni, la denuncia di Stalin da
parte di Chruscèv alla tribuna del XX congresso del PCUS nel
1956 suggellò la fine dell'autocrazia, l'avvento di un'oligocra-
zia, la nascita delle classi sociali tipiche di una società capitali­
stica e, in particolare, della borghesia sociologicamente intesa,
cioè del signor Boris Capitalistoff: alle singole imprese furono
concessi margini più o meno grandi di potere decisionale, ini­
ziò un qualche timido rapporto fra esse al di fuori dei ministeri
economici, i dirigenti delle imprese stesse mantennero le loro
funzioni imprenditoriali, anche se, ovviamente, potevano esse­
re trasferiti da un'azienda all'altra, continuarono a svolgere fun­
zioni amministrative o politiche e, infine, come in ogni altro
paese capitalistico, per i singoli manager si prospettò il rischio
di finire in rovina oppure in carcere per quache "reato".
Le riforme economiche di Chruscèv, introdotte sotta la spinta
del neonato signor Capitalistoff, evidenziarono le varie frazio­

92
ni della borghesia, codificarono i rapporti che si erano stabiliti
fra la classe dominante e lo Stato da un lato, fra la classe do­
minante e le altre classi della società dall'altro.

Al Cremlino restò la proprietà di tutte le imprese e la direzio­


ne di quelle aziende che facevano parte del complesso indu­
strial-militare direttamente o indirettamente (miniere, giacimenti
di petrolio e raffinerie, aviazione civile, marina mercantile).
Il controllo dei servizi pubblici e sociali, delle industrie del
settore B (beni di consumo) e di una percentuale non trascura­
bile di quelle del settore A (mezzi di produzione) passò dal
governo federale alle amministrazioni locali: repubbliche del­
l'Unione, oblast' (regioni), rajón (distretti), comuni. Migliaia
di aziende periferiche fruirono di una certa autonomia decisio­
nale e divennero anch'esse, come lo Stato, centri di accumula­
zione c di investimento (anche se la parte del profitto d'impre­
sa che restava nelle loro casse dopo quella ceduta al Cremlino,
vuoi sotto forma di rendita fondiaria e finanziaria, vuoi sotto
forma di tasse, non era molto alla); migliaia di aziende furono,
di fatto anche se non di diritto, in grado di commerciare fra
loro e di vendere i propri prodotti non più esclusivamente allo
Stato, ma anche direttamente sul libero mercato (pratica che si
può chiamare coleo siane simo industriale7).
Accanto al capitalismo di Stato, diretto da una parte dell'alta
burocrazia federale, nacquero e presero forma capitalismi di
repubblica, regione, distretto e comune; accanto alla borghesia di
Stato si svilupparono classi dominanti locali. Tutto ciò presentò
non poche analogie con il fenomeno che si verificò, più o meno
negli stessi anni, nella Jugoslavia di Tito: formazione di gruppi
economici i cui componenti erano uniti dal fatto di appartenere
alla stessa repubblica, alla stessa regione, allo stesso comune.
Anche nella Russia sovietica, come in Jugoslavia, non passò
molto tempo prima che il "localismo", il "nazionalismo economi­
co", cioè la pratica di anteporre gli interessi della bottega locale
rispetto a quella federale, venissero denunciati a più riprese.

7. L'espressione fa stato delle analisi di Bordiga.

93
Borghesia di Stato e classi dominanti locali non si trovarono
mai su un piano di parità, ma la prima fu di gran lunga la più
dotata di capacità decisionali e tale rimase fino agli ultimi anni
dell'era Gorbacev, quando la pianificazione centralizzata fece
clamorosamente fallimento.
La pianificazione continuò infatti a regolare la maggior parte
degli scambi fra i principali settori dell'economia, scambi che,
come sempre in regime capitalistico, erano diseguali. Grazie
alla pianificazione il settore A vendeva a quello B la quantità
di merci che voleva (cioè tutti quei mezzi di produzione che
aveva interesse a vendere e che, molte volte, le industrie pro­
duttrici di beni di consumo non avevano invece alcun bisogno
di comperare, almeno sul momento), della qualità che voleva
(in genere piuttosto scadente c, comunque, di gran lunga infe­
riore a quella delle merci destinate all'industria bellica), al prez­
zo che voleva (sempre più alto rispetto a quello richiesto alle
industrie facenti parte del complesso industrial-militare), alle
date di consegna che voleva (mentre, ovviamente, la puntualità
era assicurata quando l'acquirente erano le forze armate).
Questo sistema di scambi ineguali funzionò grazie al fatto
che lo Stato aveva il monopolio del commercio, non solo di
quello estero (per ciò che concerneva il capitale monetario, i
mezzi di produzione e i beni di consumo), ma anche di quello
interno (per il capitale monetario c i mezzi di produzione). Il
Cremlino era l'unico a gestire la distribuzione dei prodotti del­
l'industria pesante dato che in questo settore era molto limitata
la pratica del colcosianesimo industriale, almeno fino a Gorba-
cèv, quando è invece divenuta dominante se non esclusiva.
All'interno del settore A, grazie sempre alla pianificazione
centralizzata, l'apparato industrial-militare continuò a essere,
per dirla con Yanov, il «Santo dei Santi» e, anche in questo
caso, fu così fino alla caduta di Gorbacev.
La pianificazione, diretta dall'alta burocrazia statale, è stata
definita in vari modi: dai commentatori sedicentemente di
sinistra come «pianificazione socialista», da quelli dichiarata-
mente borghesi come «economia mafiosa di Stato». Per noi la
pianificazione nella Russia sovietica è stata non solo il mezzo
per il trasferimento di plusvalore da una parte all'altra della

94
classe dominante, non solo il mezzo mediante il quale l'intera
economia era condizionata dalle esigenze del settore bellico,
ma, soprattutto, lo strumento con il quale il capitale dirigeva
lo Stato.
In ultima analisi, a dirigere l'economia non erano i pianifica­
tori, a muovere quella parte dell'alta burocrazia statale e parti­
tica che prendeva le decisioni fondamentali in materia econo­
mica erano le necessità capitalistiche dell'accumulazione, del­
la riproduzione allargata, quelle necessità che nella Russia so­
vietica si sono manifestate nel continuo sviluppo del comples­
so industrial-militare.
Ogni anno dovevano essere prodotti più carri armati, più
cannoni, più missili, più testate nucleari e tutti questi prodotti
dovevano trovare nel Cremlino il loro acquirente e in Panta­
lone colui che alla fine pagava il conto. Così lo Stato, impren­
ditore e acquirente, marciava insieme al capitale: armi alla «pa­
tria socialista» da un lato, accumulazione capitalistica dall'al­
tro.
Il tentativo fatto nel 1953-54 da Malenkov - momentanea­
mente alla testa della frazione riformista, che tutelava gli inte­
ressi delle imprese del settore decentralizzato - per ridurre gli
investimenti nell'industria pesante c aumentare la produzione
dei beni di consumo, fu bloccalo dalla convergenza fra la fra­
zione che difendeva gli interessi del complesso industrial-mili­
tare e il gruppo centrista di Chruscev, garante della stabilità
politica e sociale del regime. Negli anni successivi tutti gli
sforzi compiuti dai rappresentanti delle industrie produttrici di
beni di consumo, in primo luogo da Kosygin, si infransero
contro la coalizione formata dai "mangiatori d'acciaio" del com­
plesso industrial-militare e dai centristi di Breznev. Il governo
di Chruscev e quello di Breznev continuarono, da questo punto
di vista, la politica di Stalin: l'esercito prima di tutto, il resto
dopo, se rimanevano ancora soldi nelle casse. Invano i Liber-
man, Nemcimov, Leonl'ev chiesero lo smantellamento della
pianificazione centralizzata, il «libero mercato socialista», il
profitto aziendale come scopo della produzione, ecc.; da eco­
nomisti borghesi, anche se di grande levatura, non si resero mai
conto che, in ultima analisi, non erano i signori del Cremlino a

95
dirigere l'economia, ma era il capitale a controllare il segreta­
rio generale del PCUS.
Il crollo della pianificazione centralizzata avvenne, ripetia­
mo, verso la fine degli anni Ottanta, quando il Cremlino non fu
più in grado di acquistare tutte le merci prodotte dal complesso
industrial-militare e, quindi, il meccanismo dell'accumulazione
capitalistica si inceppò.

La grande borghesia, piccola minoranza in qualsiasi paese,


non può mantenere il proprio potere economico e sociale se
non gode dell'appoggio di altre classi o di parte di esse; tale
appoggio può andare dal consenso attivo, militante, fino alla
neutralità.
Con la fine dello stalinismo tornarono alla luce tutte le classi
sociali tipiche di una società capitalistica: i cancelli del Gulag
furono aperti e milioni di individui tornarono a casa dopo anni
di lavoro schiavistico; agli operai fu concesso di vendere la
loro forza-lavoro al miglior offerente e, a meno che non lavo­
rassero nelle industrie del settore bellico, fu data loro la possi­
bilità di autolicenziarsi e di cercarsi un'altra occupazione; il
colcos, da collettività serva dello Stato, divenne una cooperati­
va di produzione, mentre la singola famiglia colcosiana non
differì più dalla famiglia colonica d'Occidente; nelle città ri­
comparve la piccola borghesia tradizionale (artigiani, commer­
cianti, liberi professionisti). Divenne quindi indispensabile, per
il signor Capitalistoff, trovare degli alleati.
L'autocrazia di Stalin si era appoggiata sulla classe operaia
che, pur ridotta in condizioni semischiavistiche, aveva benefi­
ciato di una politica laburista e della possibilità di una notevo­
le ascesa sociale. Con l'oligarchia borghese di Chruscev il rap­
porto fra la classe operaia (nei cui confronti fu sì mantenuta la
politica laburista, ma senza che cambiasse il livello miserabile
in cui versava la stragrande maggioranza dei lavoratori) e la
piccola e media borghesia rurale si modificò a tutto vantaggio
di quest'ultima; alla base delle notevoli agevolazioni fatte ai
colcosiani, anche se il lavoro parcellare comportava una bas­
sissima produttività, ci fu la volontà delle élites economiche e
amministrative di avere un alleato al fine di assicurarsi la sta­

96
bilità sociale e politica e di garantirsi contro il possibile ritorno
di form e autocratiche. Il regime di Breznev - che pur vide un
notevole miglioramento delle condizioni di vita nelle città -
continuò la politica assistenzialistica di M alenkov e, soprattut­
to, di Chruscév nei confronti dei colcosiani, per cui, dal '53 al­
l'inizio degli anni Ottanta, vi fu un enorme trasferimento di ric­
chezza dalle città alle campagne. Solo dopo la metà degli anni
Ottanta, dato che i fondi nelle casse dello Stato erano sempre
più ridotti, i sussidi a favore dei colcosiani cessarono e il go­
verno Gorbacev fu sostenuto soltanto dai ceti medi urbani che
si erano sviluppati nell'era Breznev. Quando la bandiera rossa
fu amm ainata al Cremlino e i ceti medi urbani, già partigiani
di Gorbacev, acclamarono El'cin, operai e colcosiani rimasero a
guardare del tutto indifferenti.

La borghesia negli anni Cinquanta e Sessanta consolidò le


sue posizioni e si differenziò dalle altre élites, per cui, già
negli anni Settanta, il signor Capitalistoff divenne un perso­
naggio facilmente individuabile.
La formazione di élites economiche, politiche e amministrati­
ve dotate di un certo grado di stabilità, da Chruscév in avanti,
ridusse sempre più la mobilità sociale nei due sensi che aveva
caratterizzato la fase staliniana: quasi sempre gli uomini della
nomenklatura restavano tali anche se molto spesso passavano
dalle funzioni amministrative (per esempio, da presidente di
distretto oppure da sindaco) a quelle economiche (per esempio,
a direttore di un'associazione industriale o dell'Aeroflot) e politi­
che (per esempio, a segretario del PCUS di una grande città) e
viceversa; gli operai, invece, non uscivano più dall'officina
anche se cambiavano di frequente non solo azienda ma anche
città; i braccianti dei sovchoz seguitavano a guidare i loro tratto­
ri; i colcosiani continuavano a zappare la terra per tutta la vita,
anche se, a differenza di prima, potevano incrementare i loro
risparmi.
Sotto Breznev le posizioni delle élites divennero del tutto sta­
bili perché si ridussero anche gli spostamenti all'intemo della
nomenklatura; la borghesia imprenditoriale, federale o locale,
divenne un gruppo più chiuso di prima nei confronti degli altri

97
(matrimoni al suo interno, abitazioni in quartieri separati, scuole
riservate per i figli, ecc.). Soprattutto nelle grandi città della
parte europea del paese i nuovi posti al vertice erano ormai po­
chi e quelli vecchi già quasi tutti occupali; gli "arrivati" difende­
vano tenacemente le loro posizioni e cercavano di trasmetterle
ai figli, grazie alla creazione di scuole prestigiose (veri e propri
trampolini di lancio per la carriera), alle raccomandazioni rese
possibili dalla rete di relazioni esistente fra gli uomini della
nomenklatura e alla buona parola del capo locale del partito
unico. Quesfultimo rimase sempre l'organismo che promuove­
va l'ascesa di un singolo individuo alle funzioni medio-alte in
campo economico, politico e amministrativo e che, reciproca­
mente, ne determinava l'eventuale allontanamento da queste
funzioni. Nella Russia sovietica, paese in cui non vi sono stati
gli aspetti sovrastrutturali tipici delle società capitalistiche, spe­
cie la categoria giuridica della proprietà per quanto concerneva i
mezzi di produzione e conseguentemente la possibilità di la­
sciarli in eredità ai figli, la trasmissione dei poteri economici da
una generazione all'altra è avvenuta attraverso il partito unico.

Fin dai suoi primi anni di vita la borghesia sovietica è stata


però tutt'altro che un corpo omogeneo. Come in Occidente,
essa è stata divisa in varie frazioni, non solo economiche ma
anche politiche. Inoltre, mentre la classe dominante sovietica c
quella russa sostanzialmente coincidevano - e la Russia fu l'uni­
ca repubblica dell'Unione a non avere un proprio partito fino al­
la fine degli anni Ottanta - , in ogni altra repubblica vi era una
borghesia nazionale con propri specifici interessi.
Dal punto di vista economico una sommaria distinzione l'ab­
biamo fatta in precedenza: da un lato, c'era una borghesia di
Stato o, meglio, sovietica, dirigente il complesso industrial-
militare e le imprese ad esso collegate, simbioticamente unita
all'alta burocrazia statale e partitica; dall'altro lato, c’era una
borghesia locale, dirigente il resto delle imprese del settore A,
quelle del settore B, i servizi pubblici e sociali, intrecciata alle
burocrazie regionali, distrettuali, comunali e, fuori dalla Rus­
sia, agli apparati delle singole repubbliche dell'Unione e dei
singoli parliti sedicenti comunisti nazionali.

98
Dal punto di vista politico abbiamo parlato, anche qui trac­
ciando uno schema, dell'esistenza all'interno del PCUS di un'ala
imperiale, legata alla borghesia federale e al complesso indu­
strial-militare, interessata al proseguimento della pianificazione
centralizzata, favorevole a una linea dura in politica estera, so­
prattutto nei confronti della Cina; di un'ala riformista, legata
alle borghesie locali e alle industrie non facenti parte del settore
bellico, propensa allo smantellamento della pianificazione cen­
tralizzata (punto di riferimento di questa corrente era il «libero
mercato socialista» dell'Ungheria, della Cecoslovacchia e della
Germania orientale) e della politica laburista, soprattutto all'ab­
bandono degli sforzi per mantenere all'interno della produzione
la forza-lavoro "in esubero"; di un'ala centrista, conservatrice,
legata alla medio-alta burocrazia partitica, ai dirigenti dei kol­
choz, ai vertici sindacali, garante della stabilità del regime,
della pace sociale perseguita sia con la prosecuzione della poli­
tica laburista nei confronti dei lavoratori salariati delle città e
delle campagne, sia con l'assistenzialismo verso i colcosiani,
favorevole al puro c semplice mantenimento dello statu quo in
politica internazionale, nemica di ogni sorta di avventura. La
frazione centrista ha mantenuto il potere fino alla metà degli
anni Ottanta grazie all'alleanza con la frazione imperiale, un'al­
leanza originata soprattutto dalla considerazione che la ristrut­
turazione dell'economia chiesta dai riformisti avrebbe minato le
basi stesse del regime, cioè il fatto che sia la potenza militare
sia la pace sociale erano garantite dalla piena occupazione. Va
aggiunto, infine, che le frazioni politiche della classe dominante
non hanno mai avuto una base di massa nella società civile -
come, tanto per intenderci, la Democrazia cristiana e il partito
togliattiano in Italia fino alla metà degli anni Sessanta - , in
quanto operai, colcosiani e ceti medi urbani sono stati per
decenni del tutto indifferenti in materia politica; soltanto verso
la metà degli anni Ottanta una parte della società civile, costi­
tuita dai ceti medi urbani, è uscita dal lungo letargo e ha costi­
tuito la base di massa del partito della perestrojka prima e dei
cosiddetti radicali di Boris El'cin poi.
I rapporti fra i diversi gruppi della borghesia sovietica, pur
essendo sempre stati caratterizzati da contrasti più o meno

99
aspri, che hanno avuto come cornice il PCUS, dalle più remote
sezioni periferiche su su, fino alla Piazza Vecchia di Mosca,
non sono mai arrivati a un punto di rottura, almeno fino al ter­
mine dell'era Gorbacèv. I componenti la parte soccombente, i
dirigenti delle imprese che non facevano parte del complesso
industrial-militare, i cosiddetti tecnocrati, non sono mai andati
oltre i brontolìi, le liti con i segretari degli Obkom (commissa­
riati di oblasf), gli articoli di fuoco contro i burocrati pubblica­
ti sulla rivista progressista «Novy Mir», le polemiche contro
l'organo dei conservatori, «Molodaja gvardija»; hanno preferi­
to sempre il grigio ordine sovietico alle avventure, ai rischi eco­
nomici e, soprattutto, politici; sono stati ancor più sottomessi
allo Stato di quanto lo era stata la vecchia borghesia russa nei
confronti dello zar all'inizio del secolo; il regime sovietico - e
con esso la pianificazione centralizzata - non è mai stato attac­
cato da un nemico interno, è finito per morte naturale, quando
ormai il suo organismo non aveva più alcuna forza vitale.
Naturalmente i rapporti fra le frazioni della borghesia sono
stali molto diversi a seconda dei periodi, a volte contenuti nel­
l'ambito di un fisiologico contrasto di interessi, a volte anche
violenti.
Grazie alla possibilità di disporre ancora di immense ric­
chezze naturali a basso costo e agli introiti provenienti dalla
vendita in Occidente del petrolio e di altro materiale energeti­
co, l'era Breznev è stata il periodo più stabile e prospero del­
l'intera storia sovietica e, conseguentemente, quello in cui i
rapporti fra le diverse frazioni della classe dominante sono
stati meno tesi. Il complesso industrial-militare ha avuto il suo
massimo sviluppo in tempo di pace: parità con l'America in
campo nucleare e missilistico, potenziamento della forza aerea
e della flotta avviata per la prima volta nel Mediterraneo e
nell’Oceano Indiano. Nello stesso tempo le imprese del settore
decentralizzato sono riuscite a mantenere, a loro volta, un di­
screto ritmo di espansione. Se il tasso di crescita annuale della
produzione industriale era sceso dall'11,7% del periodo fra il
1951 e il 1960 al 7,5% del periodo fra il 1961 e il 1970 ed è
passato al 5,9% dal 1971 al 1980, tuttavia questo tasso di cre­
scita è rimasto comunque notevolmente superiore a quello dei

100
paesi occidentali che, anzi, alla m età degli anni Settanta, han­
no conosciuto una seria crisi recessiva.
Fino a che le risorse crescevano, anche se più lentamente che
in passato, fino a che il regime, distribuendo "politicamente"
tali risorse, poteva permettersi un formidabile apparato milita­
re, l'assistenzialismo nei confronti dei colcosiani, la politica
laburista nei confronti degli operai, la difesa di buone condi­
zioni di vita dei ceti medi urbani nelle repubbliche periferiche,
era assicurato il consenso da parte di tutte le classi sociali e di
tutti i popoli dell'Unione, non c'erano veri e propri contrasti né
fra le classi sociali né fra il Cremlino e le varie frazioni della
classe dominante.
Anche le relazioni fra Mosca e le classi dominanti delle re­
pubbliche periferiche, infatti, non sono mai state così buone
come nell'epoca bre/.neviana: in cambio della fedeltà all'Unio­
ne lo Stato federale ha concesso alle singole repubbliche una
larga autonomia in materia amministrativa ed economica, fa­
vorendo il consolidarsi di tanti piccoli capitalismi di repubbli­
ca, regione, distretto, comune; nell'Asia centrale c nel Cauca’-
so si sono sviluppati veri e propri potentati locali. La politica
occupazionale a favore dei ceti medi impiegatizi (uffici pleto­
rici, nascita di istituti "culturali" di ogni genere), le agevola­
zioni in materia creditizia e impositiva nei confronti degli arti­
giani c dei commercianti sono state i mezzi per legare la picco­
la borghesia urbana delle repubbliche periferiche alle classi
dominanti di queste e a Mosca,
M a è necessario addentrarsi un po' di più nei rapporti fra il
Cremlino, i dirigenti del settore della produzione bellica e i
tecnocrati del settore decentralizzato durante l'era Breznev.

Anno: 1980. Luogo: Leningrado. Personaggi: Konstantin, di­


rettore generale delle officine Kirov (ex Putilov), facenti parte
del settore bellico; Sergej, direttore generale di un'associazione
industriale facente parte del settore decentralizzato.
Seguiamo ora il destino di 2.000 pezzi semilavorati prodotti
dall'acciaieria Neva facente parte del complesso industrial-
militare e situata alla periferia della metropoli baltica. I primi
mille pezzi sono stati venduti dall'acciaieria Neva non allo

101
Stato, ma direttamente a Sergej tramite un mediatore privato
al prezzo di mercato di 3.000 rubli l'uno (colcosianesimo indu­
striale); i secondi mille pezzi sono stati venduti allo Stato per
2.000 rubli l'uno, dallo Stato a Konslantin per 1.000 rubli
l'uno (intermediario fra l'acciaieria Neva e le officine Kirov il
primo segretario dell'Obkom, il ''prefetto sovietico", cui spet­
tava un ruolo fondamentale come anello di congiunzione fra il
Cremlino e la periferia).
Alla fine di questi scambi :
a) L'acciaieria Neva ci ha rimesso 1 milione di rubli ( Ì.000 x
1.000 pezzi), avendo venduto allo Stato per 2.000 a pezzo ciò
che sul mercato sarebbe stato venduto a 3.000 a pezzo. Si rifà
completamente tuttavia non solo grazie al fatto che paga p o ­
chissimo le materie prime e il materiale energetico, i cui prezzi
sono tenuti artificialmente bassi dallo Stato, ma grazie alla sov­
venzione di l milione di rubli ricevuta dal Cremlino. Bilancio
in pareggio.
b) Lo Stato ci ha rimesso 1 milione di rubli (sempre 1.000 x
1.000 pezzi) avendo comperato per 2.000 dall'acciaieria Neva
ciò che vende per 1.000 a Konstantin. Inoltre al passivo dello
Stato va aggiunto il milione di rubli che esso dà come sovven­
zione all'acciaieria Neva (per non parlare delle spese di tra­
sporto). A bilancio c'è un passivo di 2 m ilioni di rubli. Il
Cremlino si rifà di questa perdita, come di altre, con i rubli
prelevali annualmente dagli utili delle imprese del gruppo B.
c) Konstantin (officine Kirov) ha guadagnato 2 milioni di ru­
bli (2.000 x 1.000 pezzi) avendo comperato per 1.000 ciò che
sul mercato sarebbe costato 3.000 al pezzo. Sono i due milioni
di rubli che ci ha rimesso lo Stato (o che, in ultima analisi, han­
no perso le imprese del gruppo B).
Sergej non si è stupito di questo trasferimento di plusvalore
operato dallo Stato da una parte all'altra della borghesia
industriale (trasferimento che lui, non essendo marxista, chia­
ma rapina o economia mafioso di Stato), ma non si è dato
facilm ente per vinto anche se in fondo non ci ha rimesso nulla
rispetto al prezzo di mercato. Che diamine! Dopo tutto lui non
è un qualunque manager di una qualunque industrietta che
produca pentole, abituata da sempre a essere rapinata, ma

102
dirige un complesso di industrie, alcune del settore A, altre del
settore B, ha alle proprie dipendenze oltre cinquemila persone
fra operai e impiegati. Per avere anche lui quei pezzi semila­
vorati a 1.000 rubli l'uno dallo Stato e per non essere costretto
a rifornirsi sul libero mercato dove costano 3.000, ha preso in
mano il telefono speciale riservato alla nomenklatura e ha fa t­
to di tutto per convincere il compagno primo segretario del-
l'Obkom, ma non ha avuto successo, nemmeno promettendo una
grossa tangente; gli è stato risposto che i semilavorati richie­
sti erano già finiti, che ciò gli sarebbe servito di lezione per il
futuro in quanto le ordinazioni andavano fa tte molto prima,
che avrebbe dovuto tenere delle scorte in magazzino. Schiu­
mante di rabbia contro quella canaglia del prim o segretario
dell'Obkom, contro quel burocrate da quattro soldi che non
sarebbe capace nemmeno di mandare avanti una fabbrichetta
di pentole e che ha tanto potere perché è l'uomo del Cremlino,
Sergej ha dapprima pensato di ricorrere a Mosca, al ministero
competente, ma poi si è trattenuto: lui non ha, come Konstan-
tin, santi in paradiso. Alla fine, quindi, ha dovuto pagare quei
semilavorati che gli occorrono 3.000 rubli l'uno (e, dato che il
mercato libero fra le industrie, pur diffuso, è per metà illegale,
ha dovuto anche pagare una tangente alla polizia).
Sergej sa che, vendendo allo Stato, non può scaricare sul
prezzo del prodotto finito almeno una parte dei due milioni di
rubli che ha pagalo in più del previsto, perché lo Stato stesso
paga il prezzo stabilito dai pianificatori del ministero, non un
rublo di più; deve quindi fare in modo di dare allo Stato per il
prezzo convenuto di 5 rubli per ogni singola merce non un
milione di prodotti finiti come stabilito in precedenza ma sol­
tanto 800.000 (incasso 4 milioni di rubli) e vendere gli altri
200.000 al libero mercato (in pratica alle industrie del settore
B) per IO rubli l'uno (incasso 2 milioni di rubli), guadagnando
così un milione di rubli (200.000 x 5) sul previsto. In tal modo
il mancato guadagno sarà non di due ma di un solo milione di
rubli; il milione recuperato verrà in ultima analisi, anche qui,
dalle industrie del settore B, costrette a comperare quei 200.000
pezzi che Sergej non ha venduto allo Stato. Alla fine tutto ciò
ha significato un milione di rubli di profitto in meno del previ­

di
sto per il complesso di industrie diretto da Sergej. È inutile
sperare che la Gosbank riduca il tasso di interesse sui capitali
prestati, che lo Stato quest'anno si accontenti di imposte mino­
ri rispetto all'anno scorso, che diventi possibile licenziare una
parte degli operai; vorrà dire che non sarà nemmeno il caso
di parlare di aumentare i premi di produzione (forma «sociali­
sta» del dividendo) per sé e per gli altri dirigenti e, soprattut­
to, vorrà dire che bisognerà diminuire i soldi destinati alle men­
se e alle attivitcì sociali dei dipendenti. Sergej è ben conscio
del fatto che almeno la metà dei macchinari lIelle sue industrie
è obsoleta, che andrebbe cambiata per migliorare la produtti­
vità del lavoro; non aveva i capitali necessari per fare nuovi
investimenti prima e ora gli capita anche che il profitto annua­
le sia minore del previsto. Dovrà andare alla Gosbank e al m i­
nistero, a Mosca, per chiedere i crediti necessari a comperare
i nuovi macchinari, ma sa già la risposta: la precedenza spetta
al settore delle forniture militari, agli altri toccano le briciole.
Così Sergej, direttore generale di un'associazione di indu­
strie, funzionario del capitale, iscritto al partito da treni'anni,
aspetta la prossima riunione del PCUS per dare battaglia ai
burocrati e ai militaristi di Mosca, che stanno portando l'indu­
stria sovietica verso l'abisso; lui e centinaia di altri come lui
saprebbero molto bene come fare per risolvere i problemi del­
l'economia sovietica: metterebbero fine al monopolio statale
del commercio dei mezzi di produzione e dei semilavorati, in­
trodurrebbero libertà di licenziamento per gli operai non
necessari, ridurrebbero il prelievo annuale dello Stato sui pro­
fitti aziendali. Ma Sergej e centinaia di altri dirigenti indu­
striali come lui sanno per esperienza che anche questa volta la
loro lotta sarà perduta e che, alla fine, tutti si guarderanno
bene dallo scendere in campo contro il regime.
La storiella di Sergej e Konstantin c una nostra versione,
libera ma non troppo, del capitolo «Ritratto politico di un
manager sovietico» del lavoro La nuova destra russa. La d i­
stensione dopo Breznev di Alexander Yanov.

Abbiamo detto che l'era di Breznev è stata il periodo più pro­


spero dell'intera storia sovietica. Come spesso avviene, però,

104
eran o già molto evidenti i sintomi della m alattia responsabile
d e lla successiva decadenza e morte del regime.
N el settore industriale, a un tasso di investimenti calante, ma
p u r sempre positivo, corrispose una dim inuzione del rendi­
m ento degli investimenti stessi. Per produrre le stesse quantità
di merci - televisori o carri armati - furono necessari materie
prim e e prodotti energetici in quantità sempre maggiore. Op­
pure, come più spesso si verificò, con particolare evidenza nel
settore dei beni di consumo, con la stessa quantità di materie
prim e, petrolio, ccc., si produssero le stesse merci di prima;
m a queste merci furono di una qualità molto più scadente.
In Occidente, alla recessione della metà degli anni Settanta
sono seguiti un aumento della composizione organica del capi­
tale, un aumento cioè del capitale costante (macchine) e una
dim inuzione di quello variabile (forza-lavoro), e uno sposta­
m ento degli investimenti sia da un settore all'altro nel territorio
m etropolitano sia dalla madrepatria ai paesi dove la forza-
lavoro costava meno. L'espandersi della microclcttronica - ve­
ra c propria nuova rivoluzione industriale che è stata alla base
del processo di ristrutturazione capitalistica - è stato il princi­
pale fattore di miglioramento della produttività delle industrie
occidentali che hanno fatto uso dei computer nella produzione
di massa. La ristrutturazione, con il rinnovamento dei macchi­
nari obsoleti nelle aziende ancora efficienti e con la chiusura
delle aziende decotte, non ha portato alla disoccupazione di
m assa perché i lavoratori espulsi dalle industrie sono stati in
gran parte assorbiti dalla distribuzione e dai servizi pubblici e
sociali.
Nella Russia sovietica, invece, mancando i capitali necessari
a modernizzare l'apparato produttivo e non essendo sviluppato
il settore distributivo c quello dei servizi, non è stato possibile
fare come in Occidente. I macchinari obsoleti non sono stati
rinnovati se non parzialmente, le industrie decotte sono state
lasciate in vita grazie ai sussidi statali e al meccanismo inflatti-
vo così innescato, i lavoratori in eccesso non sono stati licen­
ziati perché il Cremlino non ha voluto intaccare la base stessa
su cui si reggeva la pace sociale (la garanzia del posto di lavo­
ro). Inoltre, per aumentare la produzione di una determinata

105
merce, invece di ristrutturare le industrie esistenti alzando la
produttività di ciascuna di esse, sono state create nuove indu­
strie anch'esse caratterizzate da una bassa qualità della compo­
nente tecnologica: imprese, quindi, con una produttività di
poco superiore a quelle già esistenti. In tal modo il rendimento
sociale del lavoro si è ulteriormente abbassato, lo spreco di
materie prime ed energia è stato enorme, la qualità delle merci
è scesa al livello dei paesi del Terzo Mondo (con la parziale ec­
cezione rappresentata dai prodotti destinati alle forze armate).
La rincorsa degli Stati Uniti in campo militare, soprattutto
dopo l'accentuazione delle spese per gli armamenti promossa
dall'amministrazione Reagan con le «guerre stellari», provocò
una voragine nel bilancio del Cremlino e diede il colpo decisi­
vo all'economia sovietica accelerandone la crisi. Se una com­
petizione fra la Russia sovietica e l'Occidente sul piano indu­
striale, commerciale e finanziario non c'è mai stata, una com­
petizione c'è stata, ed aspra, fra Mosca e Washington sul piano
degli armamenti. All'inizio degli anni Ottanta, per produrre le
stesse armi fabbricate in America (dove con lo stesso investi­
mento di prima si producevano più armi essendo aumentata la
produttività del lavoro), l'Unione Sovietica, a causa del cre­
scente invecchiamento del proprio apparato industriale, ha
dovuto impiegare sempre più risorse; reciprocamente l'obsole­
scenza dell'apparato produttivo si è ripercossa sulla qualità
dello stesso materiale bellico, che è divenuto inadeguato a reg­
gere il confronto con i prodotti occidentali.
L'alta burocrazia dello Stato e del partito era ben conscia del
fatto che un processo di ristrutturazione industriale di quella
portata avrebbe richiesto una quantità di capitali di cui non
avrebbe potuto disporre nemmeno riducendo drasticamente le
condizioni di vita e di lavoro delfiniera popolazione; in altre
parole, il tentativo di spostare una parte degli investimenti dal
complesso industrial-militare al settore decentralizzato e so­
prattutto quello di ammodernare l'apparato produttivo avrebbe­
ro portato non solo ad avere la botte vuota (con la rinuncia alla
parità con l'America sul piano militare), ma ad avere anche la
moglie del tutto sobria (leggi: disgregazione delle basi del con­
senso sociale). Di qui la completa paralisi del regime per alcu­

106
ni anni, paralisi evidenziata prima dal patetico tentativo di An­
dropov di risanare l'economia con una campagna di moralizza­
zione, poi dai famosi silenzi di Cemenko. M entre l'alta buro­
crazia dello Stato e del partito era paralizzata, i tecnocrati non
andarono oltre il solito brontolio.
Sotto la pressione delle forze economiche e sociali non era
però più possibile rimanere immobili o limitarsi ai brontolìi; il
deterioramento della situazione era talmente avanzato da esse­
re ormai manifesto anche agli occhi dell'uomo della strada: au­
mentando l'inflazione le industrie, tanto del gruppo A quanto
del gruppo B, adottavano sempre più la pratica del colcosiane-
simo industriale, cioè vendevano al mercato piuttosto che allo
Stato, il quale pagava un prezzo che era la metà se non meno.
La pianificazione centralizzata si sgretolò così ad ogni livello;
i banconi dei negozi statali furono sempre più vuoti, le merci
al libero mercato sempre più care; i redditi da lavoro diminui­
rono giorno per giorno.
Durante l'era Breznev i contrasti fra le frazioni della borghe­
sia avevano raggiunto il loro punto più basso; alla metà degli
anni Ottanta, dopo la paralisi legata ai nomi di Andropov e di
Tcrnenko, si scatenò una vera e propria tempesta all'interno
della classe dominante sovietica e i contrasti fra i suoi diversi
gruppi economici c politici raggiunsero il culmine.
La parte dell'alta burocrazia dello Stato e del partito più de­
cisa ad impegnarsi nel tentativo di modernizzare i settori prin­
cipali dell'apparato industriale e a riformare l'intero sistema tro­
vò una piattaforma di convergenza con molti dirigenti delle
aziende del complesso industrial-militare e con un settore dei
tecnocrati; nacque così il partito della perestrojka che attaccò a
fondo i centristi (o conservatori, come furono poi definiti), de­
cisi a preservare la stabilità del regime mantenendo la piena
occupazione nell'industria, non toccando i sussidi ai colcosiani
e ai ceti medi urbani delle repubbliche periferiche. Poiché il
corso degli eventi e il vuoto nelle casse dello Stato erano con­
trari ad ogni tentativo di conservazione, Gorbacév, capo del
partito della perestrojka, nel marzo 1985, arrivò al potere bat­
tendo Romanov, sindaco di Leningrado e candidato dei conser­
vatori.

107
Nella storia della Russia cominciò un nuovo periodo, alla fi­
ne del quale (quando il regime, colpito da una devastante crisi
economica, esalò l'ultimo respiro) il signor Boris Capitalistoff,
senza colpo ferire, aveva superato la sua lunga sudditanza nei
confronti dell'alta burocrazia dello Stato e del partito. Capita­
listoff si è seduto sul trono del Crem lino, si è liberato delle
sovrastrutture politiche e giuridiche che ostacolavano l'ulteriore
sviluppo dei suoi affari, non più limitati alla sola industria ma
estesi al commercio, interno ed estero, e alla finanza. Il signor
Capitalistoff si è però trovato a rappresentare localmente i
grandi centri finanziari occidentali; com e abbiamo scritto in
precedenza, l'eventualità che il principale beneficiario dell'ac­
cumulazione capitalistica messa in m oto dallo stalinismo, il
fruitore della maggior parte dei profitti derivanti dallo sfrutta­
mento della classe operaia sovietica, potesse essere la borghe­
sia indigena come centro di accum ulazione autonomo dal­
l'Occidente, non è stata più attuabile da quando il collasso eco­
nomico ha costretto il Cremlino ad aprirsi alle merci c ai capi­
tali stranieri, eliminando il monopolio statale del commercio
con l'estero e passando sotto tutte le forche caudine, politiche
ed economiche, allestite dall'Occidente, che è il principale
beneficiario di quell'accumulazione.
Il signor Capitalistoff che si è seduto sul trono del Cremlino
alla fine della perestrojka è diverso dall'individuo che era alla
metà degli anni Ottanta: il progressivo sgretolam ento della pia­
nificazione centralizzata, specialmente dopo il 1989, ha pro­
fondamente modificato anche i rapporti aH'intcrno della bor­
ghesia imprenditoriale sovietica, soprattutto i rapporti fra le
industrie del complesso industrial-militare e tutte le altre azien­
de, non tanto perché i tecnocrati siano diventati più forti quan­
to per il tracollo del settore dominante.

Leningrado, 1990. Vediamo come se la passano i nostri


Konstantin e Sergej dopo dieci anni.
Sergej per avere i semilavorati non ha telefonato più al p ri­
mo segretario di Obkom, ma li ha com perati direttamente dal­
l'acciaieria Neva al prezzo di 6.000 rubli al pezzo (il doppio
che nell'80), spendendo 6 milioni di rubli (ovviamente il dop­

108
pio che nell'80); ha venduto al mercato libero l'80% dei pro­
dotti fin iti a 20 rubli l'uno (sempre il doppio rispetto all'80),
allo Stato il rimanente 20% che non ha trovato compratori (ma
dal Cremlino ha ricevuto solo una promessa di pagamento),
incassando 16 milioni di rubli (invece dei 6 dell'80); in defini­
tiva ha avuto un attivo di 10 milioni (invece dei 3 dell'80 che,
corretti per l'inflazione, nel 1990 sarebbero 6 milioni). Sergej
è felice e progetta di modernizzare i macchinari delle sue azien­
de, di distribuire premi di produzione a se stesso e ai suoi col­
leghi; andrebbe meglio se non dovesse pagare allo Stato la
rendita fondiaria e le tasse, alla Gosbank la rendita finanzia­
ria e, soprattutto, se potesse licenziare gli operai che non ser­
vono.
Konstantin ha chiamato il primo segretario dell'Obkom al
fin e di ottenere come gli scorsi anni i 1.000 semilavorati al
prezzo di 1.000 rubli l'uno, ma, per la prima volta, si è sentito
dire di arrangiarsi e di andare a trovarli sul libero mercato
perché l'acciaieria Neva non consegna più allo Stato merci a
2.000 rubli al pezzo quando può ottenerne 6.000 vendendole
direttamente. Così ha dovuto pagare i semilavorati 6.000 rubli
al pezzo come Sergej, ma, al contrario di questi, non ha potuto
vendere il prodotto finito al libero mercato. Che diamine!
Nessuno vuole comperare carri armati, cannoni e mitragliatri­
ci, neppure a prezzi stracciati. Non solo. Il Cremlino gli ha
detto apertamente che dopo la fine del Patto di Varsavia i
paesi ex fratelli non acquisteranno più armi sovietiche e che,
quindi, esso assorbirà soltanto il 50% dei prodotti e, data la
scarsità di denaro liquido, li pagherà in futuro. Alla fine
Konstantin ha speso 6 milioni di rubli e non ha incassato un
copeco.
Per prima cosa le officine Kirov hanno chiuso gli spacci
riservati (dove, comunque, generi alimentari e beni di consu­
mo erano molto scarsi) e drasticamente ridotto le sovvenzioni
ai servizi sociali. I tempi sono cambiati. La stessa manutenzio­
ne degli impianti si è fatta problematica.

109
5.
I colcosiani

Con la fine dello stalinismo la Russia non solo assistette per


la seconda volta in meno di cento anni a un'emancipazione di
servi della gleba, ma vide anche i colcosiani, i vinti dei primi
anni Trenta, diventare i vincitori.
Nel passaggio dall'autocrazia di Stalin, che si era esclusiva-
mente basata sugli operai, all'oligarchia di Malenkov prima e
di Chruscev poi, basata sulla neonata borghesia imprenditoria­
le, sulla piccola e media borghesia rurale e sull'aristocrazia ope­
raia, i rapporti fra i colcosiani e i lavoratori delle città si modi­
ficarono progressivamente a tutto vantaggio dei primi. I rap­
porti fra le classi sociali che si instaurarono con Malenkov e
Chruscev continuarono sostanzialmente invariati con Breznev
ed entrarono in crisi, come ogni altro aspetto della società so­
vietica, con Gorbacèv.
Durante lo stalinismo i colcosiani furono vincolati alla terra,
obbligati a lavorare sul terreno comune dei kolchoz per un
tempo stabilito, costretti a versare allo Stato almeno un terzo
del prodotto al costo di produzione, sottoposti a corvécs (co­
struzioni di ponti, canali, strade, edifici, ecc.) dalle quali gli
altri cittadini erano esentati; non beneficiarono, a differenza
dei lavoratori delle città, di alcuna assistenza da parte dello
Stato (scuole, ospedali), di assicurazioni sociali (indennità di
malattia, infortunio, vecchiaia) e di servizi pubblici (acquedot­
ti, luce, telefono). Poiché non si poteva ottenere dalle campa­
gne una quantità di grano tale da soddisfare almeno i bisogni

110
minimi della popolazione urbana se una parte tutt'altro che pic­
cola dei produttori continuava a morire di fame, come era suc­
cesso nel 1932-33, il regime staliniano nel 1935 escogitò il
rimedio di dare in dotazione a ogni singola famiglia colcosiana
un pezzetto di terra e alcuni animali del kolchoz presso il quale
viveva, in modo da assicurare ai componenti di quella famiglia
i mezzi per mantenersi. Il singolo colcosiano, che rimaneva ser­
vo della gleba sul terreno comune del kolchoz, divenne un
colono sul suo campicello privato.
Dopo il 1953 i colcosiani furono emancipati: non furono più
legati alla terra, non dovettero più lavorare per un tempo stabi­
lito sul terreno comune o prestare corvées. Non solo: i kolchoz
divennero di fatto padroni delle rispettive terre, ebbero nelle
loro mani la gestione prima e la proprietà poi dei mezzi di pro­
duzione (bestiame, concimi, sementi e, dal '58, macchine e trat­
tori), disposero del prodotto, del quale contrattarono con lo Sta­
to sia la parte da consegnare all'ammasso sia il prezzo di ven­
dita, prezzo che, pur rimanendo al di sotto di quello del libero
mercato, aumentò progressivamente.
Il kolchoz, da comunità serva dello Stato, diventò, per ciò
che concerneva il terreno comune, una cooperativa di produ­
zione, un azienda capitalistica a gestione collettiva. Il singolo
colcosiano, membro della cooperativa sul terreno comune, ri­
mase colono sul proprio appezzamento.

Vediamo dettagliatamente le diverse anime del singolo col­


cosiano dal 1953 in avanti, analisi magistralmente svolta da
Bordiga alla metà degli anni Cinquanta1.
Per ciò che concerneva il terreno comune del kolchoz egli
era proprietario fondiario collettivo, poiché, anche se legal­
mente la terra apparteneva allo Stato e non era alienabile, il
kolchoz ne aveva il godimento perpetuo, non pagava affitto,
era proprietario della casa e degli altri beni immobili situali sul
terreno comune; era imprenditore capitalista collettivo, in

1. Cfr. Struttura economica e sociale della Russia d'oggi, cit.


quanto il kolchoz era gestore e proprietario di tutti i mezzi di
produzione, proprietario del prodotto finale del lavoro (con la
limitazione che doveva venderne allo Stato una quota stabilita
a un prezzo convenuto, sempre inferiore, comunque, a quello
del libero mercato), proprietario del profitto realizzato, che ve­
niva annualmente diviso fra gli investimenti sul terreno comu­
ne e i dividendi alle singole famiglie colcosiane, dividendi va­
rianti a seconda della quantità di capitali che esse avevano
investito nell'impresa comune; era infine bracciante salariato,
in quanto riceveva dal kolchoz un compenso variabile a secon­
da delle ore che lui e la sua famiglia avevano lavorato sul ter­
reno comune. La posizione sociale del singolo colcosiano - o,
meglio, della singola famiglia colcosiana - sul terreno comune
non differiva granché da quella del membro di una cooperativa
agricola di produzione della Val Padana nella stessa epoca.
Per ciò che concerneva l'appezzamento individuale, il mede­
simo singolo colcosiano era proprietario fondiario in quanto
goditore perpetuo della terra e padrone della casa e degli altri
immobili situati sul suo campicello; era imprenditore capitali­
sta (ovviamente entro i limiti in cui aveva la possibilità di
espandere la produzione) in quanto era sia gestore sia proprie­
tario dei mezzi di produzione impiegati sul suo terreno, pro­
prietario del prodotto di cui poteva totalmente disporre, parte
per l'autoconsumo, parte per la vendita sul mercato; era infine
lavoratore salariato. Sul suo terreno il colcosiano - c anche
qui sarebbe meglio dire la famiglia colcosiana - non differiva
in nulla dal coltivatore diretto della nostra penisola.
In definitiva, nella Russia sovietica il singolo colcosiano era
nello stesso tempo membro di una cooperativa di produzione e
coltivatore diretto; due volte proprietario fondiario (collettivo e
individuale), imprenditore capitalista (idem), lavoratore salaria­
to. Se tre sono le anime di un coltivatore diretto, ben sei erano
quelle del colcosiano sovietico; due, però, principali: quella "col­
lettiva" e quella "individuale". A differenza dei personaggi delle
tragedie classiche, le due anime principali che albergavano nel
corpo del singolo colcosiano non erano in feroce lotta fra loro,
ma, al contrario, una si sacrificava per l'altra, quella "collettiva"
cedeva continuamente risorse a quella "individuale".

112
Già con il "compromesso" staliniano del 1935, a livello di
ogni kolchoz si verificò un drenaggio di lavoro e di mezzi di
produzione dal terreno comune ai campicelli familiari (e, molto
probabilmente, anche di prodotti dall'azienda collettiva alla sin­
gola famiglia). Dal 1953 in avanti, con l’attenuazione prima e la
scomparsa poi della pressione esercitata dallo Stato, questo dre­
naggio di risorse si accentuò notevolmente. La singola famiglia
colcosiana dedicò la maggior parte del proprio tempo lavorativo
e dei propri investimenti al campicello di cui disponeva - dove
prevalevano le colture intensive e fallevamenlo degli animali
più piccoli - a scapito del terreno comune, sul quale non di rado
lavoravano per lo più solo le donne, i vecchi e i ragazzi. Con­
cimi, sementi, macchine agricole e animali, acquistati dal kol­
choz nel suo insieme per essere impiegati sul terreno comune,
vennero utilizzati molto spesso dai singoli colcosiani sui propri
campicelli; ciò fu fatto, soprattutto, dai membri più ricchi e
influenti del kolchoz - i quali, ci si può scommettere, erano
anche i dirigenti dell'intera impresa agricola collettiva - vuoi in
forma di affitto, vuoi in altre forme meno legali. Quasi certa­
mente una parte non piccola del prodotto del terreno comune fu
presa, più o meno di nascosto, da ogni singolo colcosiano. In­
fine, le famiglie colcosiane più ricche affittarono, per uno o più
anni, una parte più o meno grande del terreno comune, ovvia­
mente la più fertile, c la gestirono come se si fosse trattato di un
loro campo privato, utilizzando contadini dello stesso o di altri
kolchoz come lavoratori salariati e riservando a se stessi le sole
funzioni dirigenziali.
Nel 1970 i campicelli familiari rappresentavano fra il 4 e il 5
per cento dell'intero territorio dei kolchoz (ma tale percentuale
probabilmente non teneva conto del terreno comune affittato ai
singoli); malgrado ciò, per una famiglia colcosiana il reddito
proveniente dal proprio appezzamento era supcriore mediamente
di due o tre volte rispetto a ciò che ricavava sommando la pro­
pria quota di profitto collettivo del kolchoz al salario per il lavo­
ro fornito sul terreno comune; in alcuni casi, riguardanti le fami­
glie più ricche che avevano in affitto una parte del terreno comu­
ne, il reddito "individuale" era superiore di venti o trenta volte
rispetto a quello derivante dal far parte dell'azienda collettiva.

113
Abbiamo detto che all'interno dello stesso kolchoz l'anima
"collettiva" del singolo colcosiano, dal più ricco al più povero,
ha sempre ceduto risorse all'anima "individuale". Ma, con l'ec­
cezione dei pochi casi rappresentati dalle famiglie più ricche,
che prendevano in affitto una parte del terreno comune e lo
gestivano come se fosse stato proprio, dietro l'anima "indivi­
duale" del colcosiano c'era soltanto il campicello, il fazzoletto
di terra, la coltivazione scarsamente produttiva praticata su una
piccola estensione di terra e in grado di fornire pochi prodotti,
che andavano in parte all’autoconsumo e in parte al mercatino
locale.

Si è scritto che durante gli ultimi anni dell'era Chruscev esi­


stevano, a parte i 12 mila sovchoz, circa 37 mila kolchoz; que­
sto l'aspetto formale. Quello reale era l'esistenza di circa 200
mila aziende medio-grandi (numero ottenuto moltiplicando il
numero dei kolchoz per 5, presumibile entità delle famiglie
ricche che prendevano in affitto parte del terreno comune) c di
circa 4 milioni di microaziende familiari (numero dei kolchoz
moltiplicato per quello delle famiglie di ogni kolchoz). Queste
aziende medio-grandi e piccole erano intente le une e le altre a
drenare risorse dal terreno comune.
Ciò che ha condizionato la struttura agricola della Russia so­
vietica è stata Xenorme quantità di microaziende familiari ri­
maste in vita grazie al lavoro estenuante quanto scarsamente pro­
duttivo dei componenti le stesse famiglie e grazie al continuo
drenaggio di risorse dal terreno comune dei kolchoz ai campicchi
privati e, in ultima analisi, grazie ai sussidi dello Stato. All'origi­
ne della bassa produttività dell'agricoltura ci sono state infatti
non solo cause naturali (la scarsa fertilità di molti terreni per il
clima), economiche (l'arretratezza dei mezzi e delle vie di comu­
nicazione, come per esempio la scarsità di autocarri e di treni fri­
goriferi, la cattiva condizione delle strade, ecc.; la cronica inca­
pacità dell'industria leggera di fornire strumenti, come trattori e
concimi chimici, in quantità adeguata e, soprattutto, di buona
qualità), ma anche e principalmente cause sociali (la persistenza
di una grande quantità di microaziende, scarsamente produttive e
mantenute dallo Stato per ottenere il consenso dei colcosiani).

114
Lo Stato, soprattutto da Chruscèv in poi, investì una quantità
enorme di capitali nelle campagne: la resa di questi capitali fu di
gran lunga inferiore a quella che si sarebbe ottenuta in un'econo­
mia agraria su vaste estensioni come quella delle pianure ameri­
cane e canadesi, delle vallate californiane, della Val Padana, del­
la Danimarca, dell'Olanda, ecc. M a ciò che rivela meglio il bas­
so livello della produttività agricola della Russia sovietica non è
tanto il paragone con le ricche terre d'Occidente, quanto quello
con la Russia zarista, dove prevaleva la grande azienda agraria:
l'aumento della produzione agricola in Russia dal 1914 al 1965
è stato inferiore all'aumento della popolazione delle città, per cui
la disponibilità pro capite di prodotti agricoli di un abitante delle
città in epoca sovietica è stata inferiore a quella dell'epoca zari­
sta, soprattutto per i prodotti dell'allevamento. Inoltre, la crescita
della produzione di cereali non è stata determinata dall'aumento
della produttività del suolo e del lavoro, ma dall'aumento delle
terre coltivate (sviluppo estensivo): infatti le Terre Vergini, dis­
sodale nella Siberia sud-occidentale e nel nord del Kazakistan
dalla metà degli anni Cinquanta in poi, hanno aumentato la su­
perficie coltivabile dell'Unione Sovietica di un territorio vasto
come quello dell'intera arca agricola del Canada; e, fra l'altro, in
queste terre è prevalsa nettamente la forma del sovchoz, cioè si
sono diffuse grandi imprese agricole nelle quali lo Stato era il
proprietario fondiario e l'imprenditore capitalista, i lavoratori
erano braccianti salariati e, soprattutto, si lavorava su grandi
estensioni di terreno con i più moderni mezzi di produzione.
Negli anni Settanta c stato calcolato che la produttività del
lavoro in Unione Sovietica rispetto agli Stati Uniti era la metà
per il settore industriale, un quarto per il settore agricolo. Da
ciò si deduce che: 1) investendo 100 non si otteneva 100 in
prodotti agricoli, come, mettiamo, in America, ma soltanto 25;
2) reciprocamente, per ottenere 50 in prodotti agricoli non si
investiva 50, come in America, ma 200.

La bassa produttività dell'agricoltura, la prevalenza del cam­


p ie llo sulla grande estensione, il fatto che l'anima "individua­
le" del colcosiano sia stata mantenuta in vita a spese di quella

115
"collettiva", ha fatto sì che, una volta finita la politica di estor­
sione praticata dallo stalinismo, i colcosiani, nel loro insieme,
abbiano ricevuto, tramite lo Stato moscovita, molto più di ciò
che hanno dato alle città, ha fatto sì che ci sia stato un gigante­
sco trasferimento di plusvalore dai lavoratori delle città ai
colcosiani.
Il drenaggio di risorse dalle città ai colcosiani, che si è veri­
ficato dal 1953, in avanti risulta evidente se si analizzano gli
scambi avvenuti fra lo Stato e i kolchoz in tale periodo.
Durante lo stalinismo i kolchoz versavano allo Stato circa un
terzo del loro prodotto, se non di più, al costo di produzione, o
anche meno, e pagavano al Cremlino un'imposta annua abba­
stanza alta sia sui loro redditi generali, sia su quelli individuali
di ogni famiglia. Con le riforme di Malcnkov i kolchoz non so­
lo furono tenuti a versare allo Stato una quota del loro prodotto
minore che in precedenza, diciamo un quarto invece di un
terzo, ma dalla consegna di una quantità minore di prima rice­
vettero dal Cremlino molti più rubli che negli anni precedenti
grazie al notevole aumento del prezzo pagato per ogni singola
derrata alimentare (aumento di sette volte per i cereali, sei per
la carne, tre per il latte e le patate, ecc.), prezzo che, in alcuni
casi, era ormai vicino a quello praticato sul libero mercato.
Inoltre si ebbero una riduzione delle imposte sui redditi dei kol­
choz, l'annullamento di tutti i vecchi debiti nei confronti dello
Stato e il dimezzamento delle imposte sui campicchi familiari.
In definitiva, il Cremlino pagò i prodotti agricoli molto più
di prima ai colcosiani e ricevette da loro più o meno come
prima con le imposte.
Gli oneri dello Stato, al contrario, aumentarono notevolmente
dal 1953 in avanti. Sotto Stalin essi erano stati costituiti quasi
esclusivamente da occasionali lavori pubblici nelle campagne,
lavori il più delle volte assicurati da corvées imposte ai colcosia­
ni stessi. Da Malenkov in poi il Cremlino fece costruire nelle
campagne a proprie spese strade, ponti, acquedotti, collegamenti
dei kolchoz con la rete elettrica (e l'energia stessa fu ceduta a un
prezzo poco più che simbolico); a ciò si aggiunsero gli oneri
sociali: ospedali e scuole gratuiti, pensioni, indennità di malattia
e infortunio.

116
Lo Stato non solo vendette macchine agricole, sementi e
concimi chimici ai colcosiani a prezzi molto bassi, spesso infe­
riori a quelli d'acquisto, ma concesse sussidi e agevolazioni sul
credito a tutti coloro che acquistavano questi mezzi di produ­
zione. Inoltre, il Cremlino emise per i colcosiani biglietti dei
treni e degli aerei a prezzi irrisori: a tutti i visitatori dell'Unio­
ne Sovietica negli anni Settanta e Ottanta è capitato di vedere
le sale d'attesa degli aeroporti gremite di contadini con cassette
piene di prodotti, che andavano a vendere su mercati distanti
due o tremila chilometri, spostandosi, ad esempio, dalle regio­
ni caucasiche a Mosca, dove il mercato dei fiori, della frutta e
dei vini era controllato da georgiani e ceceni. Se il Cremlino
pagò per le derrate alimentari acquistate dai colcosiani un
prezzo minore di quello praticato sul libero mercato, in cambio
stanziò, almeno fino a Gorbacev, quando non fu più in grado
di farlo, somme enormi in favore degli stessi colcosiani per
opere pubbliche, oneri sociali, agevolazioni varie, sussidi. In­
fine, lo Stato concesse sussidi per i mancati profitti alle fami­
glie colcosiane più povere e alle aziende agricole decotte.
In un paese come l'Unione Sovietica che, a differenza degli
Stati Uniti, del Giappone c dell'Europa occidentale, non dispo­
neva dei profitti derivanti dai capitali investiti all'estero, il pas­
sivo a favore dei colcosiani è stato bilancialo con un uguale
drenaggio di risorse che lo Stato stesso ha effettuato ai danni
dei lavoratori delle città c dei braccianti dei sovchoz.
Non ci sono cifre che dicano a quanto siano ammontate le
sovvenzioni erogate a vario titolo dallo Stato ai colcosiani dal
1953 alla metà degli anni Ottanta, ma gli effetti provocati dal
massiccio trasferimento di risorse dai lavoratori delle città ai
colcosiani, gli uni e gli altri considerati rispettivamente nel
loro insieme, sono stati ben evidenti.
Innanzitutto, mentre gran parte dei lavoratori urbani non ave­
vano spesso cibo a sufficienza (e, comunque, la qualità degli
alimenti era quasi sempre scadente) e dovevano fare lunghe e
umilianti code per procurarselo, i colcosiani, dalla metà degli
anni Cinquanta in avanti, hanno quasi sempre mangiato a sa­
zietà. In secondo luogo, la maggior parte dei lavoratori delle
città ha avuto a disposizione piccoli, se non addirittura minu­

117
scoli, spazi abitativi, quasi sempre in squallidi e fatiscenti
palazzoni di periferia distanti molti chilometri dal luogo di
lavoro, dai negozi, dai posti di svago; i colcosiani, invece, han­
no avuto una loro casetta, anche se, a volte, era poco più di
una baracca; la percentuale delle case d'abitazione familiari
per numero di abitanti costruite dalle cooperative edilizie dopo
il 1960 è stata molto superiore nelle campagne che in città. In­
fine, mentre i lavoratori di Mosca, Leningrado e Kiev non han­
no certo avuto la possibilità di risparmiare molto, i colcosiani
hanno messo da parte, sempre dopo il '60, un discreto gruzzo­
lo, anche se, data l'estrema scarsità e la bassa qualità dei beni
di consumo durevoli acquistabili, sono stati costretti a un rispar­
mio forzoso e le casse di risparmio rurali hanno pagato loro
solo il 2-3 per cento di interesse annuo: dagli anni Sessanta in
avanti, infatti, si è verificato un enorme aumento dei depositi
privati nelle casse di risparmio rurali, mentre nello stesso pe­
riodo l'aumento dei depositi nelle banche urbane è stato piutto­
sto contenuto.
Lo Stato [...] con le sue funzioni presiede ad un trasporto
di plusvalore [corsivo nel testo] dalla classe operaia delle
città a quella contadina (due volte proprietaria, in forma in­
dividuale c in forma associata)2.

Bordiga ha evidenziato efficacemente come nella Russia


sovietica, dalla metà degli anni Cinquanta in avanti ci fosse un
drenaggio di risorse dai lavoratori delle città ai colcosiani e,
soprattutto, ha sottolineato le ragioni politiche che erano alla
base di tale drenaggio, in quanto nella «patria del socialismo»
si stava verificando un processo analogo a quello che avveniva
da oltre un secolo in Francia, dove, per mantenere la stabilità
politica e sociale, lo Stato borghese conservava in vita e forag­
giava Jacques Bonhomme, il contadino d'Oltralpe, a scapito del­
la produttività del lavoro agricolo (fattore che la frammenta­
zione della terra e dei capitali su di essa investiti manteneva a
bassi livelli). Oltre ai colcosiani sovietici e a Jacques Bon­
homme, per non dimenticare il «bel paese» degli anni Cin­

2. Op. cit., p. 507.

118
quanta e Sessanta, ricordiamo anche i coltivatori diretti di Bo-
nomi, come esempio di mantenimento dei piccoli contadini da
parte dello Stato a scopo politico.
I colcosiani, gli sconfitti del periodo staliniano, tra la collet­
tivizzazione forzata e la riforma monetaria che, nel dopoguer­
ra, li privò di quasi tutti i loro risparmi, salirono dopo il 1953,
grazie alle riforme economiche volute dal neonato signor Ca-
pitalistoff, sul carro dei vincitori, e vi rimasero fino a Gorba-
cev e alla disgregazione dell'Unione Sovietica.

Abbiamo finora parlato dei colcosiani - e lo stesso abbiamo


fatto per i lavoratori delle città - come di un tutto unico. Spin­
giamo ora il nostro sguardo all'interno dei kolchoz.
Questi differivano fra loro a seconda della rendita differenzia­
le del terreno (determinata dalla qualità del terreno stesso che
poteva essere più o meno fertile, dal clima, dal tipo di coltura:
da un lato, c'erano le ricche terre del sud della Russia europea,
dell'Ucraina, della Transcaucasia, delle regioni baltiche, parago­
nabili a quelle migliori dell'Europa mediterranea, dell'Olanda o
della California; dall'altro, i terreni scarsamente fertili del nord e
del centro della Russia europea, non molto migliori delle desola­
te campagne dcll'inlcrno dell'India). Differivano poi a seconda
della vicinanza o meno a un mercato cittadino (dove vendere i
prodotti deperibili in breve tempo e acquistare mezzi di produ­
zione) oppure a grandi strade e ferrovie; a seconda delle infra­
strutture presenti sul territorio e della quantità e qualità dei mez­
zi di produzione disponibili.
A un estremo, i kolchoz più ricchi, come quelli del Caucaso
e della Crimea, che producevano fiori, tè, vini, frutta, oppure
quelli delle regioni baltiche, produttori di carne, burro, for­
maggi. Qui quasi tutte le famiglie colcosiane avevano un buon
reddito, belle case e un discreto conto in banca. All'altro estre­
mo, i kolchoz più poveri, come quelli del nord-est della Russia
europea, che producevano soltanto cavoli, patate, cetrioli,
legumi e pollame: aziende nelle quali la maggior parte delle
famiglie lavorava prevalentemente per l'autoconsumo e per i
pochi mbli ricavati vendendo alcuni prodotti sul mercato loca­
le; per cui i giovani spesso se ne allontanavano per andare a

119
lavorare, sia come braccianti in kolchoz più ricchi, sia come
operai stagionali nelle cooperative edilizie; qui il reddito della
gran parte delle famiglie colcosiane era molto basso, le case
erano baracche di legno, i conti in banca pressoché inesistenti;
negli anni Ottanta il numero dei kolchoz giudicati del tutto im­
produttivi, decotti, cioè pressoché incapaci di fornire prodotti
alle città, fu valutato intorno ai 6.500 e ognuno di essi era com­
posto da circa 400 famiglie.
Come esistevano kolchoz ricchi e kolchoz poveri, così, al­
l'interno dello stesso kolchoz vi erano contadini che possiamo
distinguere in ricchi, medi e poveri. Va da sé che, mentre al­
l'interno delle aziende più prospere i colcosiani erano in mag­
gioranza ricchi, all'interno di quelle decotte quasi tutti i colco­
siani vivevano nell'indigenza.
I colcosiani ricchi, nuovi kulaki, versavano più capitali degli
altri nel fondo comune dei kolchoz (per cui ricevevano una
quota maggiore dei dividendi annuali), avevano come appez­
zamento individuale terreni fra i più fertili, prendevano in af­
fitto sia una parte del terreno comune dei kolchoz, sia alcuni
lotti di altre famiglie impiegandovi una notevole quantità di
mezzi di produzione e di lavoro salariato e riservavano a se stes­
si la sola funzione imprenditoriale. Costoro hanno dato parec­
chio allo Stato, cioè molti prodotti del terreno comune dei kol­
choz venduti a prezzi inferiori a quelli del mercato, ma hanno
ricevuto molto di più; godevano, infatti, proprio perché la loro
produzione era alta, di una notevole quantità pro capite di sov­
venzioni statali a vario titolo (prezzi di favore per i mezzi di
produzione acquistati, crediti a bassi tassi d'interesse, agevola­
zioni per il trasporto dei prodotti ai mercati); ma, dato che la
percentuale di colcosiani ricchi nel complesso del l'agricoltura
sovietica non era alta, a questa classe sociale non andava che
una piccola parte delle risorse globalmente stanziate dallo Sta­
to in favore dei colcosiani.
I colcosiani poveri versavano pochissimi capitali al fondo
comune dei kolchoz, per cui riscuotevano dividendi annuali
molto bassi; lavoravano poco sui terreni comuni, perché anda­
vano spesso come salariati sugli appezzamenti familiari dei
colcosiani ricchi o nelle cooperative edili, e, quindi, riceveva­

no
no dai kolchoz un salario molto scarso. Fornendo un modesto
contributo alla produzione sui terreni collettivi, costoro hanno
dato pochissimo allo Stato, ma, nello stesso tempo, hanno rice­
vuto prò capite molto poco: i servizi pubblici e sociali esistenti
al di fuori delle campagne più ricche erano scadenti; inoltre
essi non hanno goduto di agevolazioni sui prezzi e sui crediti
per acquistare mezzi di produzione... perché non li acquistava­
no; non hanno fruito di facilitazioni per trasportare al mercato
i loro prodotti... perché se li mangiavano o li portavano a piedi
al mercatino del paese vicino (chi, durante un viaggio in Unio­
ne Sovietica, non ha visto vecchie contadine vendere qualche
pomodoro, un po' di carote o cetrioli nei pressi delle stazioni
ferroviarie?). In definitiva, i colcosiani poveri hanno ricevuto
dallo Stalo assistenza medica, scuola per i figli, una misera
pensione alla fine della vita lavorativa, qualche sussidio a inte­
grazione degli scarsi guadagni: non mollo, ma abbastanza per
mantenerli in vita, impegnati in una fatica immane e scarsa­
mente produttiva o saltuariamente utilizzati come salariati; non
è stato granché prò capite, ma, data l'alta percentuale di colco­
siani poveri neH'agricollura sovietica, questo strato sociale ha
ricevuto gran parte delle risorse che il Cremlino ha globalmen­
te stanziato in favore dei colcosiani.
I colcosiani medi ricevevano dai kolchoz una quota del profit­
to annuale e il salario; ricavavano dal loro campicello un discre­
to gruzzolo per acquistare mezzi di produzione, una nuova casa,
qualche bene durevole di consumo e, infine, per farsi un piccolo
conto in banca. Partecipando alla produzione sul terreno comu­
ne dei kolchoz, davano allo Stato qualcosa, ma ricevevano prò
capite molto di più; essendo i più numerosi nel mondo dei kol­
choz, non ci sembra azzardato sostenere che questo strato sia
quello che maggiormente si è avvantaggiato del trasferimento di
plusvalore effettuato dal Cremlino dalle città alle campagne e
abbia rappresentato pertanto il principale sostegno politico e
sociale del regime dal '53 alla metà dell'era Gorbacev.
Le risorse che il Cremlino prendeva ai lavoratori delle città
- proletari e quadri intermedi dell'industria e dei servizi - an­
davano soprattutto ad awnentare i redditi del colcosiano medio
e a mantenere in vita quello povero.

121
Riferendoci alla defunta Unione Sovietica, tre sono le imma­
gini che più delle altre vengono alla mente: i missili interconti­
nentali e le stazioni spaziali con i loro equipaggi umani orbitanti
attorno alla terra; le miserabili isbe delle desolate campagne del
nord-est della Russia europea, dove i colcosiani poveri vivevano
fra gli animali e il letame; le lunghe code che i lavoratori delle
città facevano ogni giorno per procurarsi cibo e beni di consumo
durevoli. Ebbene, dietro queste tre immagini c’è l'enorme costo
che, in un paese come l'Unione Sovietica, privo di profitti deri­
vanti da capitali investiti all’estero, gravava sulle spalle dei lavo­
ratori delle città per il mantenimento sia dell'enorme apparato
militare sia del mondo colcosiano.
L'assistenzialismo nei confronti dei colcosiani ha avuto ca­
ratteri in parte simili, in parte diversi rispetto alla politica pra­
ticata dagli Stati borghesi in Occidente negli stessi anni. L'ana­
logia sta nella pratica, comune a tutti gli Stati, di foraggiare
abbondantemente le classi medie per garantire la stabilità poli­
tica e sociale, anche se a scapito della produttività del lavoro.
La specificità sovietica deriva dal fatto che i ceti medi forag­
giati dal Cremlino, fino alla metà degli anni Ottanta, non sono
stati prevalentemente quelli urbani, come è avvenuto in Occi­
dente, almeno a partire dagli anni Sessanta, ma sono stati quasi
esclusivamente quelli rurali. Tale specificità è dovuta, innanzi­
tutto, all'alta percentuale di addetti all'agricoltura nella Russia
sovietica (e, quindi, in ultima analisi, all'arretratezza del paese
rispetto all'Occidente); in secondo luogo, è dovuta allo scarso
sviluppo che già avevano avuto i ceti medi urbani tradizionali,
cioè gli artigiani e i commercianti, nella vecchia Russia e alla
loro pressoché completa eliminazione sotto Io stalinismo, ceti
medi urbani che soltanto negli ultimi anni dell'era Breznev tor­
narono a svilupparsi; infine la specificità sovietica è dovuta
allo scarso peso sociale dei ceti medi moderni, dei quadri in­
termedi dell'industria e dei servizi pubblici e sociali (la cui im­
portanza è stata notevole soprattutto nei paesi più sviluppati,
come l'America e la Germania).
L’assistenzialismo nei confronti dei colcosiani, iniziato con
Malenkov, proseguito con Chrusccv e Breznev, è entrato in
crisi, come ogni altro aspetto della vita sovietica, con Gorba-

122
cév, per mancanza di fondi da parte dello Stato (aumento delle
imposte sui redditi dei colcosiani, degli interessi sui crediti
concessi, riduzione dei sussidi e dei lavori pubblici nelle aree
rurali, ecc.).

L'inflazione degli ultimi anni Ottanta ha comportato un note­


vole drenaggio di derrate alimentari dal circuito distributivo
statale (nel quale i prezzi sono rimasti gli stessi di prima) a
quello privato (nel quale invece i prezzi sono aumentati sem­
pre più); ciò è avvenuto a tutti i livelli della catena distributiva:
dalla riduzione della quantità di prodotto consegnato dai kol­
choz allo Stato, alla sparizione delle merci dai punti di vendita
statali per essere poi vendute in quelli privati. Nello stesso tem­
po però l’inflazione ha fatto salire i prezzi dei mezzi di produ­
zione c dei beni durevoli acquistali dai colcosiani ormai solo
sul mercato libero, poiché per queste merci è avvenuta la stes­
sa cosa che per le derrate alimentari, cioè il passaggio dal cir­
cuito distributivo statale a quello privato. Poiché i prezzi dei
prodotti industriali e dei servizi sono aumentati molto più dei
prezzi dei prodotti agricoli, dalla metà degli anni Ottanta si è
avuto, dopo trent'anni, un notevole drenaggio di capitali dalle
campagne alle città, soprattutto verso il commercio e la picco­
la c media industria alimentare, tessile e produttrice di beni di
consumo durevoli. L'inflazione, inoltre, ha drasticamente ridot­
to il potere d'acquisto dei rubli depositati dai colcosiani nelle
casse di risparmio rurali e nei loro materassi. Con la pere-
strojka i colcosiani, vincitori nel periodo che va da Malenkov
a Breznev, son tornati a essere dei vinti.
Nei kolchoz poveri - che già in precedenza avevano poco da
vendere allo Stato o al libero mercato e pochi mezzi di produ­
zione o beni durevoli da acquistare - , dato che i singoli colco­
siani non trovavano più niente nei negozi statali e i prezzi era­
no troppo alti per loro sul libero mercato, si è accentuato il fe­
nomeno per cui si coltivava poco più di quello che serviva per
l'autoconsumo e per il baratto con le piccole industrie locali;
poiché a tanto bastavano donne, vecchi e bambini, gli uomini
sono andati a lavorare come braccianti nei kolchoz ricchi o co­

123
me manovali nelle cooperative edilizie, commerciali e artigia­
nali delle città.
I kolchoz ricchi, vendendo al libero mercato o barattando i
propri prodotti con alcune industrie, hanno guadagnato molto
più di prima, per cui hanno aumentato la produzione e assunto
braccianti sia per il terreno comune sia per i campi familiari.
Le famiglie colcosiane più facoltose, con i loro profitti, hanno
dato vita a imprese di commercio fra città e campagna e hanno
aperto punti di distribuzione e ristoranti nelle città; reciproca­
mente capitali dalle città sono affluiti nelle campagne (nume­
rosi kolchoz sono stati praticamente acquistati dalle industrie
più floride per poter ricevere per i loro dipendenti quelle derra­
te alimentari che non arrivavano più dal circuito pubblico) e
nell’intermediazione commerciale fra città e campagna, ormai
completamente sfuggita dalle mani dello Stato.
Per la grande maggioranza dei colcosiani medi le condizioni
economiche sono cambiate: quelle di alcuni, pochi, si sono avvi­
cinate a quelle dei ricchi; quelle di altri, molti, sono arrivate a
essere prossime a quelle dei colcosiani poveri. Si capisce così
perché la maggioranza dei colcosiani abbia appoggiato i conser­
vatori contro il partito della pcrestrojka, perché, fra i demoni del­
le campagne sovietiche, il solo Stalin sia stato considerato peg­
giore di Gorbacév, perché, infine, i pope siano tornati a essere dei
punti di riferimento.
La Russia non più sovietica non sembra aver fatto altro,
anche nelle campagne, che procedere sulla via di quello che
era avvenuto negli ultimi anni del sedicente socialismo. Molto
scarse sono state le notizie dal mondo agricolo ex sovietico
dopo l'avvento al potere di El'cin, ma il fatto che l'Unione dei
contadini, organizzazione che sotto molti aspetti ricorda l'itali­
ca Coltivatori diretti di Bonomi, abbia appoggiato il partito di
Zuganov, la dice lunga.

124
6.
La piccola borghesia urbana

La piccola borghesia urbana in Unione Sovietica (come del


resto in Occidente) non può essere considerata un'entità omo­
genea, ma va distinta almeno in due settori, diversi sia per ciò
che concerne la loro nascita e il loro sviluppo, sia per i rapporti
con il regime sovietico prima e poi con il governo El'cin.

Lo scarso peso avuto dai ceti medi urbani cosiddetti tradizio­


nali (artigiani, commercianti e liberi professionisti) è una ca­
ratteristica della storia della Russia, di quella zarista come di
quella sovietica.
Le antiche città russe, a differenza di quelle occidentali dal
Cinquecento al Settecento, non conobbero, se non in minima
misura, le corporazioni artigiane e la manifattura: furono sol­
tanto comunità amministrative e militari; analogamente alle
città asiatiche, consumavano e non producevano quasi nulla.
Lo sviluppo del libero commercio e, in misura minore, dell'ar-
tigianato, che si ebbe nelle principali città dell'impero a partire
dalla prima metà dell’Ottocento e che, pur con le alterne vicen­
de dovute alla rivoluzione e alla guerra civile, proseguì fino
alla NEP, fu bloccato dallo Stato fra la fine degli anni Venti e
l'inizio degli anni Trenta. Lo stalinismo spazzò via dalle città
non solo i borghesi dell'industria privata e i commercianti, ma
anche gli artigiani e i liberi professionisti, trasformandoli in
lavoratori salariati alle dipendenze dello Stato. Il Cremlino non
solo diventò l'unico imprenditore industriale, ma ebbe anche il
monopolio dei servizi pubblici e sociali, fu il solo a distribuire
le merci fra la città e la campagna (unica eccezione furono i

125
mercati colcosiani), fra i diversi settori dell'industria, fra le in­
dustrie e i cittadini.
Con la fine dell'autocrazia staliniana, contemporaneamente
alla nascita della borghesia imprenditoriale sociologicamente
intesa, all'eliminazione del lavoro schiavistico e al superamen­
to della moderna serviti! della gleba nelle campagne, si veri­
ficò una notevole crescita del già esistente mercato colcosiano
e il sorgere di piccole imprese artigiane, soprattutto nell'edili­
zia privata e pubblica (appalti) e nella manutenzione dei beni
di consumo durevoli. Soltanto con l'inizio degli anni Ottanta,
però, commercianti e artigiani hanno acquistato una certa con­
sistenza numerica e cominciato ad avere un qualche peso so­
ciale.
Inizialmente decine di migliaia di dipendenti delle industrie,
dei servizi, del commercio, dei trasporti, nei giorni e nelle ore
libere (e, spesso, anche in quelle di lavoro), da soli oppure in
collaborazione con familiari e colleghi, si dedicarono ad una
seconda attività lavorativa. L'operaio dell'industria automobili­
stica cominciò a riparare le auto dei vicini di casa e dei cono­
scenti dietro pagamento in rubli o in beni di consumo; il tecni­
co dell'azienda elettrica si mise ad aggiustare i televisori di
coloro che abitavano nel suo quartiere e, data la bassa qualità
di questi prodotti, i clienti furono sempre numerosi; il medico
ospedaliero trasformò una stanzetta della propria casa in am­
bulatorio dove ricevere i pazienti privati; due conducenti di
autobus di un'azienda municipale di trasporti presero in affitto
un vecchio camion e trasportarono derrate alimentari dalle
campagne alle città ed elettrodomestici in senso opposto; il
commesso di un grande emporio statale cominciò ad acquista­
re mobili appena arrivavano pagandoli poche decine di rubli
all'emporio nel quale lavorava e rivendendoli poi per un prez­
zo quattro o cinque volte superiore ai colcosiani che venivano
in città per fare acquisti e non trovavano nulla nei negozi stata­
li o comunali; la cameriera d'albergo comperò dollari dai turi­
sti occidentali per dieci rubli l'uno e li rivendette poi a venti. In
un secondo tempo, dopo aver rimediato un certo capitale con il
quale acquistare gli strumenti necessari a estendere la loro atti­
vità, questi soggetti lasciarono le aziende pubbliche presso le

126
quali erano occupati come dipendenti, si misero in proprio e
gran parte di essi diede vita alle cosidette "cooperative", eufe­
mismo usato per definire quelle che nella maggior parte dei
casi erano imprese con uno o due padroni e dieci o venti di­
pendenti sottopagati, reclutati per lo più fra i colcosiani poveri
che avevano abbandonato i campi per cercare fortuna in città e
fra gli immigrati clandestini provenienti dall'Asia centrale e dal
Caucaso.
La "seconda economia" si diffuse molto rapidamente per due
motivi: la continua crescita dei salari che si verificò nella se­
conda metà degli anni Settanta e nella prima metà del decen­
nio successivo e, conscguentemente, la crescente domanda di
cibi migliori, beni di consumo durevoli, servizi, tutte cose of­
ferte in quantità scarsa c di qualità scadente dalle imprese pub­
bliche, comunali, regionali o statali che fossero. Alla "seconda
economia" fecero ricorso non solo singoli cittadini, ma anche
piccole e medie industrie pubbliche che, non trovando i mezzi
di produzione, i semilavorati e le materie prime necessari nei
circuiti statali, si rivolgevano spesso a imprese cooperative di
commercio alfingrosso per acquistare ciò di cui avevano biso­
gno; così come i comuni davano in appalto a cooperative edili
la manutenzione di edifici, la costruzione di strade, ponti,
scuole, ospedali, ccc.
Non stiamo qui a vedere fino a qual punto queste imprese
siano state condotte in modo legale oppure le loro attività siano
prosperate quasi esclusivamente grazie alla corruzione dei fun­
zionari pubblici, all'evasione fiscale, all'assenteismo di chi aveva
un doppio lavoro, al furto di strumenti di produzione e di beni di
consumo (che, dopo essere scomparsi dal settore pubblico, riap­
parivano in quello privato a un prezzo che cresceva sempre più a
causa dell'inflazione), al lavoro di immigrati clandestini retribuiti
con pochi rubli per 10-12 ore di lavoro al giorno. Tra l'altro, i let­
tori conoscono molto bene tutte queste cose in quanto le vedono
ogni giorno in Italia. Ciò che ci interessa sottolineare è come sia
stato tumultuoso lo sviluppo dei ceti medi urbani tradizionali,
soprattutto a Mosca e Leningrado: prendendo come unità di mi­
sura il numero delle "cooperative" ufficialmente registrate, si è
passati da 3.700 nel luglio 1987 a 300 mila, con oltre sei milioni

127
di addetti, nel gennaio 1991. Si può verosimilmente presumere
che lo sviluppo di questa classe sociale sia continuato fino a che,
per il peggioramento delle condizioni di vita della stragrande
maggioranza della popolazione, la domanda di beni e servizi è
diminuita in modo considerevole e, contemporaneamente, gli
spazi per esercitare un'attività artigianale e commerciale sono ri­
sultati già tutti occupati. Dopo il crollo del regime sovietico la
contrazione del commercio in generale si è accompagnata al suo
aumento nel settore dei beni di lusso, quasi esclusivamente im­
portati dall'Occidente, e al proliferare di banchetti dove tantissi­
mi pensionati hanno cercato e cercano, per mangiare, di vendere
qualcosa.
Parlando dei ceti medi urbani non si può non far cenno al
fatto che gran parte delle piccole e medie industrie produttrici
di beni di consumo, già sotto Breznev ma soprattutto con Gor-
bacev, come comperavano una parte dei mezzi di produzione e
delle materie prime sul libero mercato, così consegnavano allo
Stato solo una parte dei prodotti e rivendevano il resto sullo
stesso mercato libero; questo colcosianesimo industriale era
alla base del fatto che, a volte, alcune merci (dai saponi ai de­
tersivi, alla carta igienica, fino ad arrivare ai televisori, ai fri­
goriferi, ai mobili, ecc.) erano pressoché introvabili nei negozi
pubblici e si potevano trovare soltanto sul libero mercato, dove
il loro prezzo saliva sempre più a causa dell'inflazione. La stes­
sa cosa è avvenuta ovviamente per le derrate alimentari, pres­
soché introvabili nei negozi pubblici, ma poiché i prezzi dei
prodotti industriali e dei servizi aumentavano molto più dei
prezzi dei prodotti agricoli, durante la perestrojka si è avuto,
come abbiamo detto, un notevole drenaggio di capitali dalle
campagne verso le città o, meglio, verso la piccola borghesia
urbana tradizionale. Infine, il notevole aumento dei prezzi del­
le merci e dei servizi da un lato, il lieve incremento dei salari
dall'altro, hanno costituito un ulteriore consistente drenaggio
di risorse, questa volta dai lavoratori salariati delle città ver­
so i ceti medi tradizionali.
Artigiani, commercianti e liberi professionisti non hanno mai
ricevuto sovvenzioni dal Cremlino in quanto hanno fatto la loro
comparsa quando i soldi nelle casse statali scarseggiavano sem­

128
pre più; non hanno mai sostenuto il regime sovietico fino all'era
Breznev, in quanto i loro affari prosperavano proprio nella misu­
ra in cui le carenze del settore pubblico si accentuavano e le
capacità repressive dello Stato diminuivano; hanno sostenuto
Gorbacèv contro i conservatori poiché temevano il ritorno di un
regime che ostacolasse i loro affari. Alla fine degli anni Ottanta,
mentre si delineava il collasso irreversibile dell'Unione Sovietica,
i ceti medi urbani tradizionali si sono mobilitati a sostegno non
tanto di Gorbacèv quanto dei cosiddetti radicali, decisi a mettere
fine ai prezzi politici dei beni di prima necessità, a ridurre sempre
più l'assistenza statale ai kolchoz e alle industrie decotte e, vero­
similmente, a ridurre le tasse alle "cooperative".
Nell'agosto del 1991, in occasione del fallito colpo di Stato
del vicepresidente Janaev, del KGB e di vari ministri, in prima
fila a Mosca e Leningrado si trovarono artigiani, commercianti
e liberi professionisti che sostennero El'cin, Popov e Sobcak, ab­
battendo i simboli dell'ormai defunto regime e sventolando la
bandiera bianco-blu-rossa della Russia.

La nascita dei ceti medi cosidetti moderni - quadri intermedi


dell'amministrazione, dell'industria e dei servizi - risale alla
seconda metà degli anni Trenta, quando le purghe falcidiarono
pressoché completamente coloro che erano arrivati a occupare
quelle posizioni in epoca zarista e rivoluzionaria e una nuova
generazione di origine operaia, fedele al regime e al suo capo,
prese il posto di quanti erano finiti nel Gulag o di fronte ai plo­
toni d'esecuzione.
Durante lo stalinismo questa classe non ebbe stabilità sociale:
ogni quadro intermedio poteva, in qualsiasi momento, diventare
un dirigente o tornare a essere un semplice lavoratore. A un certo
punto, però, vuoi perché quelli che erano arrivati al vertice riu­
scirono a difendere le posizioni raggiunte, vuoi perché gli appa­
rati dello Stato, delle industrie e dei servizi ebbero bisogno di
un'organizzazione gerarchica competente e solida, il regime fa­
vorì la differenziazione sociale e la cristallizzazione dello statu
quo. Sotto Chruscèv e, soprattutto, con Breznev, se diventò mol­
to difficile per i ceti medi urbani arrivare a posti di vertice, fu
pressoché impossibile anche la discesa della scala sociale.

129
Il rapporto fra i componenti dei ceti medi urbani moderni e il
regime sovietico è stato profondamente diverso da un settore
all'altro di questo gruppo sociale.
Coloro che lavoravano nelfamministrazione civile e militare,
federale e locale, o nelle industrie collegate al ministero della di­
fesa ricevevano notevoli privilegi dal Cremlino: alti stipendi, ca­
se confortevoli per un affitto puramente nominale, ferie annuali
nei migliori alberghi di Soci, Yalta o altre località sul Mar Nero,
accesso ai ristoranti più famosi e ai negozi più fomiti, cure nelle
cliniche dove esercitavano i medici più quotati, possibilità di
iscrivere i figli alle scuole superiori più prestigiose. In cambio di
tutto ciò hanno fornito al regime un consenso attivo, soprattutto
da Breznev in poi. Durante la perestrojka, dato che i loro privile­
gi, pur non essendo stati cancellati, si sono ridotti, sono stati
abbastanza critici nei confronti di Gorbacèv e non hanno fatto
nulla per sostenerlo. Dopo il crollo del regime, una parte di que­
sti quadri intermedi si è trovata a svolgere le stesse funzioni di
prima nelle amministrazioni e nelle industrie collcgate al settore
bellico delle varie repubbliche che hanno preso il posto del­
l'Unione c ha quindi mantenuto, almeno in buona parte, i privile­
gi che aveva; un'altra parte, invece, si è ritrovata in condizioni
molto precarie e rimpiange oggi il defunto regime o milita nelle
formazioni nazionaliste più oltranziste. Un discorso particolare
va fatto per gli ufficiali e sottufficiali di nazionalità russa: alcuni,
in primo luogo gli appartenenti ai corpi speciali, hanno mantenu­
to posti e privilegi nell'esercito; altri sono finiti in veri e propri
campi profughi, come quelli precedentemente di stanza nella
Germania orientale, nelle repubbliche baltiche e caucasiche, da
dove sono stati costretti a partire senza avere una casa già pronta
e uno stipendio assicurato nella madrepatria.
Ben diverso il caso del rapporto fra il regime sovietico e gli
ingegneri, i medici, gli insegnanti, gli addetti ai servizi pubbli­
ci e sociali, i tecnici delle industrie non legate al settore belli­
co. Il tenore di vita di questi individui, che costituivano la stra­
grande maggioranza dei ceti medi urbani, non è mai stato
superiore a quello di un operaio specializzato occupato nella
stessa azienda, cioè è stato piuttosto basso: magri stipendi, un
piccolo appartamento in periferia, ferie da trascorrere nei par­

130
chi della propria città, lunghe file per procurarsi cibo e beni di
consumo durevoli, ecc.; inoltre la riforma scolastica del 1965,
che rese più difficile l'accesso agli alti gradi di istruzione non
solo per i figli degli operai ma anche per i rampolli di questo
settore della piccola borghesia urbana, fu una vera e propria
porta sbattuta in faccia a questo strato che, da allora, non ha
provato se non risentimento nei confronti del Cremlino.
Ridotta mobilità sociale, sovrapproduzione di laureati rispet­
to ai posti disponibili nelle élites, concorrenza sempre più aspra
per questi posti: tutto ciò è stato alla base del dissenso di una
parte non trascurabile dell'intelligencija russa nei confronti del
regime fra la fine degli anni Sessanta e l'inizio degli anni
Settanta. Come rilevato da Lewin1, nel corso della storia russa
vi sono state spesso profonde fratture fra la sfera politico-isti­
tuzionale, quella sociale e quella genericamente culturale, per
cui certe correnti ideologiche, presenti soprattutto nel ceto me­
dio intellettuale, sono tornate alla luce dopo decenni: entrata in
crisi l'ideologia che si definiva «marxista-leninista», deluse le
speranze che il «disgelo» chrusceviano aveva suscitato nell'in-
telligcncija, le principali tendenze dissidenti sono state, come
nella vecchia Russia zarista, quella occidentalista e quella sla­
vofila. I seguaci della prima si sono riconosciuti nelle posizio­
ni di Sacharov e hanno sognato il "paradiso occidentale" dove,
secondo loro, esisteva ogni libertà politica e civile. I seguaci
della seconda, come ha ricostruito efficacemente Yanov, hanno
vagheggiato il ritorno a un passato mitico: il nazionalismo, il
misticismo religioso, l'antioccidcntalismo sono state le loro
bandiere; Bclov, Abrainov, Solzenicyn e i registi Tarkovskij e
Michal'kov i loro eroi; Berdjaev, il filosofo esaltatore dell'«ani-
ma russa», il loro punto di riferimento; «Molodaja gvardija»,
«Litcraturnaja Rossija» e «Oktjabr1» le loro riviste12.
Il regime, per contrastare il dissenso, agì a vari livelli: permise
l'emigrazione in Israele a decine di migliaia di ingegneri, medici,
letterati, ecc. di religione ebraica e così facendo rese vacanti i

1. Cfr. Storia sociale dello stalinismo, cit.


2. Clr. A Yanov, La nuova destra russa..., cit., prima parte.
posti da loro precedentemente occupati; costrinse coloro che non
si piegavano (come Solzenicyn) ad abbandonare il paese; cooptò
al proprio interno le frange più disponibili; costrinse altri all'iso­
lamento, tenendoli però a disposizione per ogni futura evenienza
(come nei casi di Sacharov e di Roy Medvedcv); rinchiuse, infi­
ne, quelli che ritenne più pericolosi negli ospedali psichiatrici e
nelle carceri. Quando Gorbacév salì al potere questo settore della
piccola borghesia urbana, almeno nella Russia, sostenne in gran
parte gli uomini della percstrojka, sia per le libertà politiche e
civili che venivano concesse dal Cremlino, sia per la speranza in
un miglioramento delle proprie condizioni di vita e di lavoro; il
"paradiso occidentale" sembrava proprio dietro l'angolo. Dopo
qualche anno questa gente, delusa da Gorbacév, ha accolto El'cin
come un autentico liberatore e lo ha sostenuto nell'agosto 1991
in occasione del tentato colpo di Stato, salvo poi, quando è stata
licenziata o quando il suo stipendio reale si è abbassato ancora,
gridare al tradimento, abbandonare con disgusto ogni interesse
per la vita politica oppure accodarsi a uno dei numerosi partiti
sorti nel frattempo: monarchici fautori del ritorno dello zar, na­
zisti, antisemiti del Pamjat, ultranazionalisti di Zirinovskij, ccc.
sul versante di destra, neotrotskysti, sindacalisti rivoluzionari c
anarchici su quello di sinistra.
Mentre in Russia, dall'inizio degli anni Settanta, il dissenso è
stato antisovietico, nel Baltico, nel Caucaso, in Asia centrale e
in Ucraina occidentale - dove i concorrenti della piccola bor­
ghesia intellettuale indigena erano i russi che si erano stabiliti
abbastanza di recente in quei territori - esso è stato, prima di
tutto, antirusso (a parte le componenti specifiche come quella
antiarmena in Azerbaigian, antiazera in Armenia, ecc.). Finche
i sussidi del Cremlino al ceto medio intellettuale arrivarono pun­
tualmente il dissenso rimase assai limitato; quando Gorbacév
ridusse drasticamente quei sussidi il dissenso si trasformò in
aperte ribellioni a Mosca, la prima delle quali avvenne già alla
fine del 1986 in Kazakistan quando il conservatore Kunaev fu
deposto dal Cremlino.

Dalla fine degli anni Venti alla metà degli anni Ottanta, tutti i
componenti della società civile, tutte le classi sociali, dalla

132
borghesia agli operai, dai colcosiani ai ceti medi urbani, hanno
avuto soltanto un ruolo di comparse. Dalla metà degli anni Ot­
tanta la perdurante assenza di un movimento operaio degno di
questo nome, la frammentazione del mondo contadino, la viltà
di una borghesia paurosa della propria ombra e sempre pronta
a rifugiarsi sotto l'ala protettrice dello Stato, hanno fatto sem­
brare gli avvenimenti della Russia sovietica una lotta fra l'alta
burocrazia del Cremlino e i ceti medi urbani, fra lo Stato e il
"popolo", hanno fatto credere che i protagonisti della dramma­
tica disgregazione dell'Unione Sovietica fossero i giornalisti e
gli speculatori, i professori di economia e i borsari neri, i bot­
tegai e gli imbianchini. Ma i ceti medi urbani, proprio mentre
sono saliti sul palcoscenico della storia, dopo oltre sessant'anni
di assenza, hanno dimostrato di essere capaci di svolgere sol­
tanto il ruolo di massa di manovra di una parte della classe do­
minante.

Verso la fine degli anni Ottanta è venuta meno un’altra speci­


ficità del capitalismo sovietico rispetto al capitalismo occiden­
tale: i ceti medi foraggiati dallo Stato per garantire la stabilità
politica e sociale non sono stati più i colcosiani, ma la piccola
borghesia urbana, soprattutto i ceti medi cosidetti tradizionali,
che non pagavano né imposte al Cremlino né contributi per gli
oneri sociali a favore dei propri dipendenti (formalmente soci
delle "cooperative") ed erano liberi di assumere e di licenziare
chi e quando volevano. Anche qui El'cin non ha fatto altro che
proseguire sulla strada tracciata da Gorbacév.

133
7.
La classe operaia

L'affermazione di Egor Ligacév, dirigente del gruppo conser­


vatore del PCUS dal 1985 in avanti, secondo la quale «l'ele­
mento di maggior valore della nostra vita è sempre stato la
fiducia e la sicurezza del popolo sovietico riguardo al futuro. È
questo il socialismo o quanto meno la sua caratteristica essen­
ziale»1, affermazione che avrebbe potuto benissimo uscire dal­
la bocca di uno qualsiasi fra coloro che in questi ultimi anni
hanno identificato il socialismo con il cosiddetto Stato sociale,
potrebbe essere per noi motivo di ironia se presa in sé c per sé.
Ma, data la grande importanza che hanno rivestito e rivestono
lo Stato sociale e, in particolare, il laburismo per la classe ope­
raia e per gli altri lavoratori salariati, il discorso non può ov­
viamente essere liquidato in modo così sommario.

Non è certamente questa la sede adatta per parlare in manie­


ra esauriente del laburismo, cioè di una politica finalizzata al
progressivo miglioramento delle condizioni economiche dei
lavoratori all'interno della società capitalistica, né per andare
oltre un brevissimo excursus sulle principali politiche laburiste
nei paesi occidentali: il Welfare State nell'Inghilterra dei primi
anni del secolo, la Social Security Act del New Deal di Roo­
sevelt nell'America della Grande Depressione, la politica na­
zionalsocialista del pieno impiego e delle assicurazioni sociali
obbligatorie per tutti i lavoratori nella Germania dopo la gra-

1. V. Zaslavsky, Storia del sistema sovietico, Firenze, Nuova Italia Scientifica,


1995, p. 184.

134
vissima crisi degli ultimi anni della Repubblica di Weimar, la
legislazione sociale realizzata in Italia da M ussolini alla metà
degli anni Trenta, le grandi conquiste in materia salariale e
assistenziale ottenute dai lavoratori nella Francia del Front
Populaire nel '36, il justicialismo di Peron, che applicò la poli­
tica dei regimi fascisti di Berlino e di Roma all'Argentina degli
anni Quaranta (repressione della classe operaia sul terreno po­
litico, fine di ogni autonomia sindacale, notevoli miglioramen­
ti per i lavoratori sul piano dell'assistenza sociale), le conquiste
ottenute dai lavoratori in Am erica e, soprattutto, in Eàiropa
dalla metà degli anni Sessanta in avanti (protezione del lavoro,
assicurazioni sociali statali obbligatorie, scuole e servizio sani­
tario gratuiti, case popolari, ecc.), fino a che la Thalcher in In­
ghilterra c Reagan negli Stali Uniti hanno dato il via a una loro
progressiva erosione con effetti anche negli altri paesi.
Ciò che qui ci interessa ricordare è, in primo luogo, che,
come già messo in rilievo da Engels e da Lenin, la politica
laburista nei principali paesi dell'Occidente è stata resa possi­
bile dai grandi profitti derivanti dagli investimenti di capitale
finanziario nelle colonie, semicolonie o arce di influenza; in
secondo luogo, che la politica laburista ha profondamente in­
fluito suH'orientamcnto della stragrande maggioranza dei lavo­
ratori nei confronti degli Stati borghesi, i quali, in quanto elar­
giscono prestazioni assistenziali, sono considerati alla stregua
di arbitri fra le classi sociali.

L'affermazione di Ligacev fa capire molto meglio di un trat­


tato come «la sicurezza del popolo sovietico riguardo al futu­
ro» (impieghi assicurati, salari relativamente stabili, ritmi di
lavoro meno intensi di quelli occidentali, prezzi politici degli
alimenti e dei beni durevoli di prima necessità, bassissimi costi
degli affitti e dei servizi pubblici e sociali, ecc.) abbia assicura­
to al regime il consenso - o, se si preferisce, il non-dissenso -
della stragrande maggioranza dei lavoratori fino alla metà del­
l'era Gorbacèv.
Il consenso da parte della maggioranza dei lavoratori salaria­
ti ha contribuito alla stabilità del regime sovietico per decenni:
basterebbe solo pensare alla scarsità di lotte ri vendicati ve, che

135
non può essere spiegata soltanto con il timore ispirato dal
mastodontico apparato repressivo. La fine di quel consenso è
stata una delle cause principali del collasso del regime. Il fatto
però che il consenso stesso non si sia trasformato in aperto
contrasto fra il governo Gorbacev e i lavoratori quando «la si­
curezza riguardo al futuro» è diminuita giorno dopo giorno, è
stata la ragione fondamentale per cui il regime è uscito dalla
scena in modo pressoché indolore; i lavoratori, infatti, sono
stati spettatori passivi della lotta tra l'alta burocrazia statale e
alcune frazioni della borghesia e tra altre frazioni della borghe­
sia e i ceti medi urbani.

La prima peculiarità del laburismo sovietico rispetto a quelli


occidentali è stata il suo carattere miserabile (bassi salari, coa­
bitazioni, mediocre qualità dei servizi pubblici e sociali, beni
di consumo molto scadenti, ferie fatte a casa, ecc.).
Il massiccio foraggiamento del sistema colcosiano ha contri­
buito ad abbassare il livello delle condizioni di vita dei lavora­
tori salariati delle città e delle campagne. D'altra parte anche in
Occidente, per le medesime ragioni di stabilità politica c socia­
le, è avvenuto e avviene un trasferimento di plusvalore dalla
classe operaia ai ceti medi (anche se, dato il carattere più svi­
luppato del capitalismo, prevalentemente verso i ceti medi ur­
bani).
Le spese per l'apparato militare sono state un'altra causa del­
le miserabili condizioni di vita dei lavoratori salariati sovietici,
anche se non si deve credere che negli Stati Uniti, pur con
incidenza percentualmente inferiore sul bilancio dello Stato, il
peso del militarismo sulla vita quotidiana sia stato inferiore.
Il livello miserabile del laburismo sovietico rispetto a quello
dell'Occidente è, in definitiva, spiegato dall'inferiore sviluppo
economico del paese e dalla sua stessa posizione nel mercato
mondiale. Se quello sovietico si è configurato, senza alcun dub­
bio, come uno Stato imperialista, ciò è vero nel senso più tradi­
zionale del termine, cioè in quello della tendenza all'espansione
territoriale con mezzi militari, non certo nel senso leniniano, di
correlazione della politica estera all'esportazione di capitale.
Quella sovietica non è stata certamente una società impcriali-

136
stica nel senso in cui lo sono state e lo sono quelle degli Stati
Uniti, del Giappone, della Germania, dell'Inghilterra, della Fran­
cia, dell'Italia, ecc., dove è sempre stato assicurato, tolti i pe­
riodi di grave recessione economica, un discreto tenore di vita
non solo ai ceti medi ma anche a gran parte della classe ope­
raia, grazie ai sovraprofitti provenienti dai paesi meno svilup­
pati nei quali le classi dominanti delle grandi potenze hanno
riversato merci e capitale finanziario. In Unione Sovietica, in­
vece, un tenore di vita degno di una moderna società industria-
lizzata è stato assicurato soltanto a un piccolo strato privile­
giato di lavoratori, diciamo al venti per cento, mentre il resto,
pur essendo in buona parte "garantito", è sempre rimasto sulla
soglia della pura sussistenza.

Una seconda peculiarità del laburismo sovietico è stata quella


per cui più che di mantenimento della piena occupazione si
dovrebbe parlare di trasferimento della disoccupazione all'inter­
no della produzione, almeno per il periodo successivo a Stalin,
quando si sono esauriti prima il processo di accumulazione pri­
mitiva e poi quello di ricostruzione dopo i disastri della guerra.
Secondo le stime, probabilmente non esagerate, di alcuni econo­
misti sovietici, la disoccupazione nascosta avrebbe toccato punte
del 40-50% contando industria, agricoltura e servizi.
Il trasferimento della disoccupazione all'interno della produ­
zione non c stata certo un'esclusiva sovietica: basta guardare
all'Italia di Craxi e Andreotti negli anni Ottanta. Ma sulle rive
della Moscova, della Neva e del Dnepr il fenomeno ha assunto
proporzioni gigantesche. Inoltre, mentre in Occidente l'ecce­
denza di forza-lavoro è stata scaricata prevalentemente nei ser­
vizi e nella distribuzione, in Unione Sovietica la disoccupazio­
ne è rimasta all'interno dell'industria e del l'agricoltura.
Mancando i capitali necessari non è stato possibile fare come
in Occidente - rinnovo dei macchinari obsoleti nelle aziende
ancora efficienti, chiusure delle industrie decotte, trasferimen­
to di una parte della forza-lavoro in sovrannumero nei servizi e
nella distribuzione, mantenimento del resto dei lavoratori in esu­
bero mediante vari tipi di sussidi. I macchinari obsoleti sono
stati rinnovati soltanto parzialmente, le industrie decotte sono

137
State lasciate in vita grazie a sussidi statali e al meccanismo
inflattivo così innescato, i lavoratori in eccesso non sono stati
licenziati per la paura del Cremlino di infrangere la base stessa
su cui si reggeva la pace sociale.
Non solo. Per aumentare la produzione di una certa merce,
invece di ristrutturare le aziende esistenti elavandone la pro­
duttività ("sviluppo intensivo") sono state create nuove impre­
se, anch'esse caratterizzate da una composizione organica del
capitale alta per la parte variabile, cioè per la forza-lavoro, e
bassa per la parte costante, cioè per le macchine ("sviluppo
estensivo"). In tal modo la forza-lavoro occupata, invece di
diminuire, è aumentata, ma il rendimento del lavoro sociale si
è ulteriormente abbassato, lo spreco di materie prime cd ener­
gia è stato enorme, la qualità delle merci e dei servizi è scesa
al livello del Terzo Mondo con l'unica eccezione rappresentata
dal complesso industrial-militare.
Fino all'era Gorbacèv l'ingresso di capitali esteri nel paese è
stato limitato e sottoposto a regole rigide, in quanto le imprese
a capitale occidentale che altrimenti sarebbero state create, e
che avrebbero impiegato la metà del personale delle corrispon­
denti aziende locali, se lasciate libere di decidere le merci da
produrre e i prezzi di vendita, avrebbero rapidamente fatto fal­
lire quelle sovietiche, i cui prodotti sarebbero stati più scadenti
e più costosi, e avrebbero conseguentemente innescato una di­
soccupazione di massa. Inoltre sarebbe stato molto difficile per
il Cremlino impedire che una buona parte di materie prime,
energia, semilavorati e forza-lavoro qualificata prendesse quel­
la strada invece di andare al complesso industrial-militare, da­
to che le imprese sorte dagli investimenti esteri avrebbero pa­
gato di più. In definitiva gli investimenti esteri avrebbero mes­
so in crisi il militarismo e la politica del pieno impiego, cioè i
due cardini fondamentali del sedicente socialismo sovietico; di
qui il carattere a un dipresso autarchico dell'economia imposto
dal Cremlino.
Al calo degli occupati si è sostituita una diversa ripartizione
del monte salari, in modo che la riduzione dello stesso si è
distribuita su tutti gli occupati anziché scaricarsi unicamente
sui disoccupati. Così, invece della disoccupazione, si è avuto

138
un deterioramento del salario medio, diretto e indiretto, che,
nonostante sia cresciuto in valore nominale più della produtti­
vità negli ultimi anni dell'era Breznev, ha però perduto il suo
valore reale per il notevole aumento dei prezzi sul libero mer­
cato a causa dcH'inflazione e della conseguente fuga delle
merci dalla rete distributiva statale (nella quale i prezzi di ven­
dita sono rimasti fissi, cioè bassi) al mercato libero (nel quale
erano molto più alti). Questo fenomeno si è notevolmente ac­
centuato nell'era Gorbacèv.
L'Unione Sovietica ha realizzato pertanto, almeno per ciò
che ha riguardato l'ottanta per cento dei lavoratori dell'indu­
stria e dei servizi, ciò che Marx avrebbe definito la socializza­
zione della miseria.
La socializzazione della miseria ha avuto, fra l’altro, notevoli
ripercussioni sul modo di vivere, pensare, lavorare di questo
ottanta per cento dei lavoratori, i quali hanno perso qualsiasi
interesse al lavoro perché le loro condizioni di vita non cam­
biavano in relazione alla quantità e qualità della loro opera; un
modo di lavorare che non è certo mutato con le promesse di
premi di produzione o, al contrario, con le minacce di multe
fatte da Gorbacèv, proprio mentre le file davanti ai negozi sta­
tali e comunali diventavano sempre più lunghe e gli scaffali
sempre più vuoti.
Questi lavoratori, con un livello di vita miserabile ma garan­
tito, si sono abituati nel corso del tempo a lavorare poco e ma­
le, ma anche a non lottare per migliorare le loro condizioni, a
estraniarsi completamente dalla vita pubblica; sono caduti in
un letargo dal quale non si sono ancora svegliati. Le contraddi­
zioni fondamentali della società sovietica, prima fra tutte quel­
la tra le colossali spese per le missioni spaziali e la mancanza
nei negozi di tutto ciò che serviva per la vita quotidiana, hanno
suscitato, se pure lo hanno suscitato, appena qualche brontolio.
La stessa svolta chruscèviana, la politica tesa ad appoggiarsi
prevalentemente sui contadini e non più sugli operai, a favori­
re economicamente i primi a scapito dei secondi, fu possibile
grazie a questo sonno prolungato e, una volta attuata, non su­
scitò se non scarse reazioni. L'unico episodio di rivolta operaia
riportato dalla stampa - e l'unico, del resto, dall'inizio della

139
costruzione del «socialismo in un solo paese» - fu quello di
Novocerkassk, nella Russia meridionale, nel 1962. La causa
scatenante di questa rivolta fu appunto un improvviso aumento
di prezzo dei principali generi alimentari al fine di favorire i
colcosiani. La rivolta fu repressa con i carri armati e, successi­
vamente, con la fucilazione di una parte degli organizzatori e
rintem am ento dei ribelli nei lager.
La socializzazione della miseria e le ripercussioni che essa
ha avuto sul modo di vivere, pensare e lavorare della larga mag­
gioranza dei lavoratori è, a nostro avviso, la principale spiega­
zione del fatto che non vi è mai stato nella Russia sovietica
nulla di paragonabile, per rimanere nell'ambito dei paesi cosid­
detti socialisti dell'Europa orientale, alla rivolta operaia della
Germania Est nel 1953, alla larga partecipazione dei lavoratori
all'insurrezione ungherese nel 1956 e alla «primavera di Pra­
ga» nel 1968, al movimento operaio polacco dagli anni Cin­
quanta fino a Solidarnosc. Nei territori che vanno dall'Elba alla
Vistola non solo sono rimaste certe forme di solidarietà di
classe e di lotta comune contro lo sfruttamento capitalistico
mascherato da socialismo, ma il modo di prendere la vita come
viene espresso dalla parola nicego (non importa), caratteristico
del vecchio muzik russo quando subiva ogni sopruso senza
reagire minimamente, non è mai riuscito a permeare lo spirito
dei lavoratori come nella Russia sovietica.
Gli operai sovietici, dopo aver cercato da giovani di miglio­
rare le proprie condizioni cambiando molto frequentemente
lavoro e città, si sono poi rassegnati a passare la loro vita svol­
gendo un'attività monotona, camminando per chilometri e pi­
giandosi negli autobus per andare dalla casa al lavoro e vice­
versa, aspettando per ore davanti ai negozi che arrivasse il loro
turno per acquistare un nuovo colbacco, litigando con la mo­
glie se questa aveva acquistato un paio di stivali troppo costo­
so, passando le domeniche con la famiglia all'isola Kreslovskij
se leningradesi o al parco Gorkij se moscoviti, facendo il tifo
per lo Spartak se moscoviti o per lo Zenit se leningradesi. Mol­
te volte la vodka è stata l'unico mezzo per dimenticare per qual­
che ora le loro condizioni miserabili (per cui quando Gorbacev
volle proibirne il consumo, fu odiato come non mai).

140
Non ci sembra pertanto di esagerare dicendo che una percen­
tuale tutt'altro che trascurabile di lavoratori sovietici ha avuto
un modo di vivere e di pensare molto più vicino a quello di un
sottoproletariato, miseramente assistito, ma pur sempre assisti­
to, che a quello degli operai di un paese industrialmente avan­
zato. Un modo di vivere e di pensare che non è cambiato,
anche se, dopo la fine dell'Unione Sovietica, la socializzazione
della miseria non c'è più o, almeno, non esiste nella misura e
nelle forme precedenti.
Quando le spese per reggere la gara con l'America nella cor­
sa agli armamenti scatenata dall'amministrazione Reagan han­
no aumentato sempre più l'inflazione, le possibilità del Crem­
lino di pagare la differenza fra i prezzi praticati sul libero mer­
cato e i prezzi politici esistenti nei negozi statali si sono ridot­
te, gli alimenti e i beni di consumo di prima necessità hanno
scarseggiato nei punti di vendita statali o comunali. Coloro che
non disponevano dei rubli necessari per fare la spesa al merca­
to libero sono rimasti quasi sempre senza carne, frutta e, non
raramente, senza latte e zucchero. A questo punto il laburismo
sovietico ha cessalo di essere laburismo. Il consenso nei con­
fronti del regime è finito, Gorbacèv è diventato veramente
l'uomo più odiato in Unione Sovietica. M a non si è andati oltre
il brontolio. Con l'eccezione degli scioperi dei minatori del
Kuzbass, del Donbass e di Vorkuta nel 1989 e nel '90 e di spo­
radiche lotte di ferrovieri, la classe operaia ha assistito del tut­
to indifferente sia al crollo dell'Unione Sovietica dopo oltre
scttant'anni di tragica storia, sia a un ulteriore peggioramento
delle proprie condizioni di vita con il governo El'cin. Nicego.
Il comportamento della classe operaia in tale circostanza ha
destato la meraviglia non solo di quella sinistra che ha sempre
visto la rivoluzione dietro l'angolo, ma anche di tutta la stampa
d'informazione.
Fra i periodi cosiddetti pacifici e quelli contrassegnati da
violenti contrasti fra le classi, a determinare la direzione degli
avvenimenti è lo stato d'animo delle masse. Nessun grande ri-
volgimento sociale deriva automaticamente da una grande crisi
economica, dal crollo di un vecchio ordine. Gli uomini posso­
no vivere per generazioni sotto un regime in disfacimento sen­

141
za rendersene conto, assistervi del tutto indifferenti oppure,
all'improvviso, sotto l'impulso di qualche stimolo esterno che a
volte può apparire, in sé e per sé, del tutto privo di significato,
dare sfogo alla loro disperazione, decidere che così non si può
più andare avanti, far sparire la parola niccgo dal loro vocabo­
lario. Ma nell'ex Unione Sovietica non è andata così.

Dopo il suo livello miserabile, dopo il trasferimento della


disoccupazione all'interno della produzione, la terza peculiarità
del laburismo sovietico è consistita nella grande disparati di
trattamento fra i diversi settori della classe operaia, disparità
molto maggiore che in Occidente e che è stala una lacerazione
nel corpo della classe per l'intera durata del regime. Tale dispa­
rità, costituendo un ostacolo per lotte basate su una comune
piattaforma rivendicativa ed essendo connessa al corporativi­
smo aziendale, è stata un'ulteriore causa della pluridecennale
passività degli operai.
Il Cremlino ha presieduto a un trasferimento di plusvalore
non solo dalla classe operaia nel suo insieme ai contadini (per
non parlare della borghesia, che riceveva i profitti sotto forma
di alti stipendi, premi di produzione, ecc., c, soprattutto, del
complesso industrial-militare, che succhiava risorse da tutta
l'economia), ma anche a un trasferimento di plusvalore da una
parte alialtra della classe operaia.
Una prima netta divisione fra i lavoratori è stata quella fra
"garantiti" (diciamo all'incirca l'80%, che hanno beneficiato del­
la politica del Cremlino in misura più o meno grande) e "non
garantiti".
Al punto più basso della scala sociale stavano i limiteiki,
coloro che lavoravano, poniamo, a Mosca, senza avere la pro-
piska, cioè il diritto alla residenza. Come clandestini, essi po­
tevano essere licenziati in qualsiasi momento, non avevano
alcun diritto a ricevere un alloggio dal comune, per cui viveva­
no in baracche e scantinati, non avevano diritto all'indennità di
malattia e alle assicurazioni sociali, alle mense, agli spacci
aziendali, ecc.; facevano i lavori più umili e pesanti, riceveva­
no i salari più bassi. Secondo alcune statistiche formavano il

142
20% della forza-lavoro nelle grandi città. La loro condizione è
assimilabile a quella dei coolies cinesi, addetti nel secolo scor­
so alla costruzione delle ferrovie negli Stati Uniti, a quella de­
gli emigranti italiani ed ebrei russi nelle sweatshops del Lower
East Side di New York all'inizio del secolo e, per venire a og­
gi, a quella di gran parte degli extracomunitari nell'Europa oc­
cidentale e dei clandestini messicani nel sud-ovest degli Stati
Uniti.
I limileiki, veri paria della società sovietica, hanno preso il
posto degli schiavi del Gulag nel fornire lavoro a costi bassis­
simi (fra l'altro, il loro numero nelle grandi città è notevolmen­
te aumentato proprio dal 1956, quando fu posto termine al
lavoro schiavistico in genere e alla servitù della gleba nelle
campagne) c nel permettere agli altri lavoratori di disporre di
qualche briciola in più.
Per la maggior parte ex colcosiani poveri fuggiti da una terra
incapace di assicurar loro la sussistenza, asiatici, caucasici
(cèrnye, neri, come vengono spregiativamente chiamati dai
russi), essi sono vissuti nelle principali città in condizioni di
totale abbruttimcnto. Sono stati l'oggetto dell'odio di quei
lavoratori che, pur "garantiti", non facevano parte della vera e
propria aristocrazia operaia; sono stati visti come concorrenti
non tanto per il posto di lavoro quanto per il cibo nei negozi
statali, ehe diventava sempre più scarso e non bastava per tutti;
sono stati bersaglio del disprezzo dei benpensanti con il distin­
tivo del PCUS all'occhiello della giacca, i quali giudicavano
una vergogna per la società il comportamento di quei misera­
bili, non certo il fatto che esistessero.
"Garantiti" sono stati gli operai che, in misura diversa, hanno
usufruito della politica laburista del Cremlino: lavoro sicuro,
abitazioni a basso prezzo, ferie pagate, assicurazioni sociali,
ecc.
La principale divisione fra questi ultimi è stata quella fra lo
strato supcriore, l'aristocrazia operaia (formata, come abbiamo
detto, dal 20% dei lavoratori), e gli altri (il 60%). Peculiare del
capitalismo sovietico è stata la profonda differenza nel tenore
di vita e, conseguentemente, nel modo di pensare e di lavorare
di questi due settori.

143
Come ha ben messo in evidenza il sociologo G rancelli2, ciò
che ha fatto sì che un operaio facesse parte o meno dello strato
superiore non era tanto il tipo di lavoro che svolgeva o la sua
qualifica, quanto l'importanza strategica dell'impresa in cui era
inserito, importanza che ovviamente era massima per le azien­
de del settore industrial-militare. Inoltre, come rilevato dallo
stesso Grancelli, il privilegio non si è manifestato tanto nel
ricevere un salario maggiore rispetto agli altri lavoratori, quan­
to nel fruire di una maggior quantità e di una miglior qualità di
beni e servizi.

Anno: 1987 Luogo: Leningrado, città appartenente al grup­


po di quelle meglio fornite, in quanto sede di molte industrie
strategicamente importanti. Personaggi: Ivan, operaio specia­
lizzato occupato in un azienda produttrice di sedili per treni e
autobus; la moglie Olga, infermiera; Igor, manovale alle offi­
cine Kirov (ex Putilov), iscritto al PCUS, membro del sindaca­
to aziendale, ma sicuramente non della nomenklatura; Tatja­
na, la moglie di Igor, anch'essa infermiera.
Seguiamo ora il destino di 2 kg di carne di manzo che ven­
gono da un kolchoz della vicina campagna. Il primo kg è stato
venduto dai produttori al libero mercato colcosiano e acqui­
stato da Ivan al prezzo di 8 rubli. Il secondo kg è stato venduto
dal kolchoz allo Stato per 6 rubli, è andato in uno spaccio ri­
servato dove è stato acquistato da Igor al prezzo di 2 rubli, per
cui alla fine dello scambio:
a) Il kolchoz ci ha rimesso 2 rubli vendendo allo Stato per 6
invece che al libero mercato per 8 (ma si è rifatto grazie alle
sovvenzioni ricevute dal Cremlino).
b) Lo Stato ci ha rimesso 4 rubli perché ha comperato a 6 e
rivenduto a 2 (e non contiamo né le spese di trasporto e refri­
gerazione, né il salario ai commessi dello spaccio).
c) Igor ci guadagna 6 rubli avendo pagato 2 la stessa merce
che sul libero mercato colcosiano costava 8.

2. Cfr. B. Grancelli, Le relazioni industriali di tipo sovietico, Milano, Angeli,


1986.

144
Questo fatto non ha destato alcuna meraviglia in Ivan per­
ché egli sa, per lunga esperienza, che nei negozi pubblici cui
lui, come ogni altro cittadino sovietico o come ogni visitatore
straniero, può liberamente accedere, 1 kg di carne di manzo
costerebbe sì soltanto 2 rubli... solo che non la si trova mai
eccetto che in qualche ricorrenza; sa altresì che nello spaccio
dove Igor ha acquistato il suo kg di carne lui non può entrare,
perché quello è uno spaccio riservato ai soli dipendenti delle
officine Kirov.
Lo stesso giorno Olga, moglie di Ivan, dopo aver fatto inutil­
mente 2 o 3 lunghe file p e r procurarsi una nuova padella in
cui cuocere la carne, ne ha acquistata per 10 rubli una da una
specie di borsanerista abitante al piano di sotto. Tatjana, inve­
ce, ha tirato fuori la padella che il giorno prima Igor ha ac­
quistato al solito spaccio delle officine Kirov per 3 rubli e 50
copechi.
Anche se la fam iglia di Ivan e quella di Igor hanno portato a
casa ogni mese gli stessi salari nominali, si capisce come i
salari reali siano stati ben differenti.
Inoltre, mentre pane, patate, cavoli, cetrioli e latte non m an­
cavano quasi mai nei negozi aperti a tutti, carne, uova, polla­
me e verdura fresca si trovano quasi esclusivamente al merca­
to colcosiano o negli spacci riservati. Si può quindi ben capire
come tutto ciò influisca sulla vita di ogni giorno.
Le differenze fra Ivan e Igor non sono però limitate al solo
settore alimentare e ai casalinghi.
Ivan abita con la moglie e due figli in un appartamento di
due camere e servizi all'estrema periferia della città e impiega
un'ora per raggiungere il luogo di lavoro; ha ricevuto quel­
l'appartamento in affitto dal comune dopo lunghi anni di atte­
sa. Igor, invece, grazie ai buoni uffici del potente sindacato
delle officine Kirov, ha ottenuto dal comune, qualche mese
dopo la sua richiesta, un buon appartamento di tre camere e
servizi vicino al luogo di lavoro e vi abita con la moglie e due
fig li pagando un affitto mensile solo di qualche rublo maggio­
re rispetto a quello pagato da Ivan.
Quando arriva l'estate Igor, sempre grazie al sindacato, spen­
dendo solo un centinaio di rubli tutto compreso, va con la

145
fam iglia in aereo a Soci, sul M ar Nero, dove alloggia due set­
timane nella "casa del sindacalo". Nello stesso periodo Ivan,
che per andare due settimane a Soci con la fam iglia dovrebbe
spendere un migliaio di rubli, passa le ferie pescando nella
Neva, portando i figli a giocare nel parco dell'isola Krestov-
skij, guardando alla televisione qualche vecchio film sulla
"grande guerra patriottica " o qualche documentario esaltante
gli eroi del lavoro, bevendo birra con gli amici, criticando l'al­
lenatore dello Zenit, responsabile secondo lui dei cattivi risul­
tati della squadra nel campionato di calcio.
La differenza fra Ivan e Igor per ciò che riguarda l'assisten­
za sanitaria non è molta... finché i nostri due eroi, le loro
mogli o i loro figli stanno bene di salute. Se il primo si amma­
lasse finirebbe in stanzoni non molto puliti, in mani frettolose
e non molto esperte; il secondo, invece, si varebbe della clini­
ca riservata ai dipendenti della Kirov, non certo all'altezza di
quelle riservate alla nomenklatura, ma dove almeno tutto è
pulito e il personale più numeroso e più qualificato.
D'altra parte, Ivan non si lamenta troppo poiché Andrej, il
cognato che fa il suo stesso lavoro in un'azienda di Kujbisev,
gli ha detto che là i negozi pubblici sono di gran lunga meno
forniti che a Leningrado e i servizi pubblici e sociali molto più
scadenti.

Poiché il tenore di vita di un lavoratore dipendeva dall'im-


portanza strategica dcH'impresa in cui era occupato, esisteva
uno stretto legame fra gran parte dei dipendenti e la rispettiva
azienda, c'era cioè in questi lavoratori la convinzione di una
comunanza di interessi non tanto con i loro compagni di classe
o, almeno, di categoria, quanto con l'impresa.
Tutto ciò è stato alla base della corporativizzazione della so­
cietà sovietica, che, a nostro avviso, con la socializzazione del­
la miseria ha contribuito all'inerzia di cui per anni ha dato
prova la classe operaia.
I sindacati, fra l'altro, non sono stati organizzazioni di catego­
ria o di mestiere come in Occidente, ma organizzazioni d'azien­
da, in quanto il loro compito è consistito nello stimolare la pro­
duzione e nel fornire le ricompense all'interno delle imprese

146
(premi di produzione, viaggi e soggiorni sem igratuiti per pas­
sare le ferie, ecc.).
Nell'am bito della distribuzione, la pianificazione centralizza­
ta non è esistita soltanto per le m aterie prim e e i mezzi di pro­
duzione fra le aziende, m a anche per i generi alim entari, i beni
di consumo durevoli, i servizi pubblici e sociali fra i diversi
settori della classe operaia, operando un vero e proprio trasfe­
rimento di plusvalore da un settore all'altro dei lavoratori.
Il fallimento della pianificazione stessa e l'aum ento dei prez­
zi hanno provocato, soprattutto dall'89 in avanti, un drenaggio
di merci verso il mercato libero a scapito sia dei negozi statali
o comunali aperti a tutti, sia degli spacci riservati; ciò si è veri­
ficato in ogni anello della catena distributiva (dai kolchoz e
dalle industrie di elettrodom estici, che hanno venduto gran
parte della quota destinata allo Stato ai grossisti privati e ai
borsaneristi, giù giù fino alle com m esse dei negozi aperti a
tutti o degli spacci riservati, che hanno nascosto sottobanco le
merci per darle a clienti disposti a pagarle alm eno quattro vol­
te il prezzo stabilito amministativamente).
Non solo i pensionati, i limitciki, i lavoratori dei servizi e
delle industrie del settore B non hanno trovato quasi più nulla
nei negozi pubblici, ma, per la prima volta, anche gli operai
delle industrie strategicamente importanti hanno trovato i ban­
chi vuoti negli spacci loro riservati e hanno dovuto andare al
libero mercato, dove nel frattempo i prezzi sono aumentati
sempre più. Anche stavolta, però, brontolìi e nulla più.

Anno: 1992, febbraio. Luogo: Leningrado. Vediamo come se


la sono passata e cosa hanno pensato i nostri eroi.
Olga, la moglie di Ivan, ha comperato 1 kg di carne di
manzo al mercato colcosiano per 32 rubli; se rispetto al 1987
il suo salario e quello del marito sono all'incirca raddoppiati,
il costo della carne (come di quasi ogni altra cosa) è però
quadruplicato, per cui, invece che comperarla una volta alla
settimana, è ora possibile acquistarla soltanto ogni quindici
giorni. Nello stesso tempo il latte e lo zucchero si trovano sem­
pre più raramente nei negozi pubblici e, al libero mercato col­
cosiano, i prezzi aumentano continuamente.

147
Alle ultime elezioni Ivan e Olga hanno votato per il Fronte
Democratico di Sobcak in quanto costui ha promesso di bat­
tersi contro iprivilegi dei "comunisti", negozi riservati inclusi;
ora che i cambiamenti ci sono stati, ma in peggio, non sanno
più che cosa pensare, tanto più che hanno scorto fra i più ac­
cesi sostenitori dei radicali la borsanerista del piano di sotto,
che negli ultimi tempi gira piena di gioielli, e il riparatore di
televisioni del piano di sopra, che ha messo in piedi una coo­
perativa e che ora gira per la città in Mercedes.
Da qualche mese Igor non ha trovato più la carne allo spac­
cio delle officine Kirov e ha mandato la moglie Tatjana al mer­
cato colcosiano ad acquistare I kg di carne di manzo per 32
rubli; visti i prezzi, pensa che ora potranno permettersela sol­
tanto una volta al mese.
Lo scorso anno Igor non ha potuto andare in ferie sul Mar
Nero perché le officine Kirov hanno drasticamente ridotto i
fondi destinati ai premi e ai servizi sociali per i loro dipenden­
ti; ha passato il tempo giocando a scacchi nei giardini del
Kazanskij Sobor e ha notato che sulla Prospettiva Nevskij il
numero dei mendicanti, degli sbandati, di coloro che fin o a
ieri giudicava dei vagabondi e degli elementi antisociali è no­
tevolmente aumentato.
In cuor suo ha maledetto quel bastardo del sindaco Sobcak e
ha ricordato con nostalgia l'era brezneviana, quando a capo
della città c'era Romanov, il potente segretario locale del PC US
sconfitto da Gorbacév, quell'altro figlio di un cane, nella corsa
per il Cremlino. Nell'agosto dell'anno scorso ha sperato che a
Mosca i golpisti ripristinassero lo stato di cose precedente
anche se, essendoci fra di loro il capo del KGB e avendo senti­
to raccontare dal padre quale fosse stato il ruolo della polizia
politica nell'uccisione di Kirov e nella deportazione di decine
di migliaia di operai leningradesi che ne seguì, ha da sempre
guardato con paura e odio i cekisti; fallito il putsch a Mosca,
Igor non ha saputo che fare né ha ricevuto qualche indicazio­
ne o chiarimento dai suoi compagni di lavoro, dal sindacato o
dal partito.
Quando, nel gennaio '92, pochi giorni dopo lo scioglimento
dell'Unione Sovietica, un decreto del governo El'cin ha can-

148
celiato il sistema dei prezzi politici, per cui il costo degli ali­
menti e dei beni di prima necessità e le tariffe dei mezzi di tra­
sporto e dei servizi pubblici e sociali sono almeno raddoppia­
ti, il nostro Igor si è iscritto insieme ad alcuni compagni di la­
voro al nuovo partito "comunista " della Russia, anche se è ri­
masto meravigliato per il fatto che i provvedimenti presi dai
nuovi signori del Cremlino, il ritardo nel pagamento dei salari
e la paura di finire licenziati entro breve tempo non abbiano
suscitato nuli'altro che lamentele e che gli unici che siano sce­
si nelle strade a protestare siano stati i pensionati.

Decenni di politica laburista, la socializzazione della miseria


che ha assicurato a tutti la sussistenza, la corporativizzazione
della società che ha legato gli operai alle imprese in cui lavora­
vano e li ha resi indifferenti a tutto ciò che avveniva al loro
esterno (né più né meno di quanto accadeva nell'Ottocento ai
contadini del vecchio mir, parola indicante sia il campicello
sia il mondo intero), il totale disinteresse per la vita politica,
per coloro che stavano "in alto", tutto ciò ha abituato la grande
maggioranza degli operai sovietici alla passività, ad accettare
gli avvenimenti senza reagire, a non pensare nemmeno alla ri­
bellione ancor prima di sapere come ribellarsi. Non imporla.
Nicego.
Con il crollo del regime sovietico è finita la politica laburista:
i negozi si sono riempiti di merci nella misura in cui i portafogli
degli operai si svuotati di rubli; i servizi sociali pressoché gra­
tuiti sono scomparsi gradualmente; gli ospedali hanno somiglia­
to sempre più a ospizi di mendicità; lo spettro della disoccupa­
zione è ricomparso in Russia dopo oltre sessant'anni. Le abitu­
dini acquisite in decenni sono però continuate.
Dal 1991 in avanti si è abbattuta sulla Russia una delle più
gravi e devastanti crisi economiche del secolo, di intensità pari
soltanto alla Grande Depressione seguita in America alla crisi
finanziaria del '29 e alla disoccupazione di massa che distrusse
la Repubblica di Weimar e portò il nazismo al potere. Una crisi
di tale intensità - che, anche se non accompagnata da disoccu­
pazione di massa, ha visto moltissime industrie del tutto ferme e
i salari pagati un mese sì e uno no - non ha avuto alcuna rispo­

149
sta operaia. Non a caso gli unici a scendere nelle strade sono
stati i pensionati di oltre settant'anni, ex combattenti della secon­
da guerra mondiale, ammaestrati dagli eventi bellici a essere
solidali tra loro e a trovare la forza per reagire alle avversità.
La conservazione capitalistica mondiale può gridare "Ben
fatto!" al defunto «socialismo reale», a Stalin, a Chruscèv e a
Breznev, a un regime capace di tenere fermi i lavoratori anche
dopo essere sceso nella tomba.
La disgregazione economica, sociale e politica dell'URSS è
stata lontanissima dal l'instaurare da sola le condizioni favore­
voli alla ripresa della lotta di classe non solo in Occidente, ma
nella stessa ex Unione Sovietica. E però vero che la persisten­
za del regime avrebbe costituito un ostacolo pressoché insor­
montabile alla ripresa del movimento operaio proprio nelle
città che hanno conosciuto le rivoluzioni del 1905 e del 1917.
In un futuro che ci auguriamo non troppo lontano, una nuova
rivoluzione griderà a Stalin, carnefice di comunisti ma indu-
strializzatore delle steppe, a Gorbacév e a El'cin, affossatori del
falso socialismo sovietico: "Ben scavato, vecchia talpe!"

150
8.
La p e r e s tr o jk a

Dopo la rivoluzione dall'alto di Stalin e le riforme di Chru-


sccv, un nuovo profondo cambiamento nelle strutture econo­
miche e sociali delia Russia sovietica si verificò con la pere-
slrojka.
Il cambiamento fu promosso dai settori dell'alta burocrazia
dello Stato e del partito unico più decisi ad attuare le riforme
ritenute indispensabili per evitare il collasso del regime e al­
leati con la frazione della borghesia imprenditoriale che più
sollecitava la modernizzazione dell'apparato produttivo ormai
obsoleto.
11 tentativo di ristrutturare i settori decisivi della macchina
produttiva è fallito, i mezzi adoperati per realizzarlo sono stati
il colpo di grazia inferto al regime sovietico. Il partito della
perestrojka, artefice del tentativo, è stato travolto dalla mace­
rie. La frazione della borghesia che ha accompagnato per un
tratto questo partito si c ritrovata, alla fine, seduta sul trono di
Mosca, ma soltanto nelle vesti di regnante locale sottoposto a
un potere più grande, l'impero del capitale finanziario.

Poiché l'Unione Sovietica non riceveva dall'estero profitti


derivanti da investimenti di propri capitali né usufruiva di pre­
stiti esteri, il Cremlino poteva reperire i capitali necessari alla
modernizzazione del paese soltanto nel proprio bilancio. Come
l'Akakij Akakievic della novella gogoliana, il quale, non pos­
sedendo nulla al di fuori del proprio stipendio di impiegato
statale di basso rango, doveva mangiare una sola volta al gior­

151
no per pagare il suo nuovo cappotto, così il Cremlino, per fare
gli investimenti necessari a ristrutturare almeno i settori fonda-
mentali dell'industria sovietica, ha dovuto drasticamente ridur­
re tutte le sue spese.
Ciò ha significato la rinuncia immediata e aperta alla parità
in campo militare con l'America e allo stesso ruolo di potenza
mondiale in campo politico, con l'abbandono di tutti gli avam­
posti conquistati negli ultimi anni e il ritiro dietro la linea di
demarcazione con il "mondo libero" convenuta a Yalta: il cor­
po di spedizione sovietico è stato richiamato dall'Afghanistan;
le basi militari a Cuba, in Nicaragua, Angola, Etiopia, Libia,
Irak, Vietnam e Corea del Nord sono state smantellale.
La resa del Cremlino alla Casa Bianca, la rinuncia a contra­
stare, anche se in misura molto ridotta, l'egemonia planetaria
americana, a ben vedere, mentre ha concesso una momentanea
boccata d'ossigeno al bilancio sovietico, non ha modificato
sostanzialmente la strategia politico-militare del paese, in quan­
to Mosca ha sempre tenuto una linea esclusivamente difensiva
nei confronti di Washington e ha cercato la parità in campo
militare, proprio perché conscia della propria enorme inferio­
rità economica e finanziaria.

Nello stesso tempo in cui ha rinunciato a rincorrere l'Ame­


rica sul piano militare il partito della percstrojka ha taglialo
drasticamente le sovvenzioni ai ceti medi urbani delle repub­
bliche del Caucaso e dell'Asia centrale, sovvenzioni che ave­
vano legato in precedenza la piccola borghesia urbana di quel­
le aree sia ai governanti locali sia a Mosca. La fine del mante­
nimento delle classi medie urbane in quelle repubbliche, asso­
ciata alla diminuita capacità coercitiva dello Stato centrale e
alla progressiva disgregazione dei legami commerciali fra i
diversi settori e le diverse aree dell'Unione, è stata alla base
della riapparizione di un nazionalismo militante antisovietico e
antirusso nelle repubbliche caucasiche, in quelle baltiche e
nell'Ucraina occidentale. La rinascita di questo nazionalismo
in breve tempo ha portato alla disgregazione dell'Unione ed è
stata il primo effetto della perestrojka a ritorcersi contro gli

152
apprendisti stregoni che avevano messo in moto elementi or­
mai incontrollabili.
La perestrojka ha posto fine all'assistenzialismo nei confronti
dei colcosiani iniziato con Malenkov e proseguito con Chru-
scèv e Breznev: le casse dello Stato erano quasi vuote e non
era più possibile spendere denaro per avere il consenso della
piccola e media borghesia rurale. La fine dell'assistenzialismo,
l'inflazione che ha ridotto i risparmi accumulati dai colcosiani,
un aumento del prezzo dei prodotti industriali notevolmente
supcriore a quello delle derrate alimentari, hanno causato, per
la prima volta dopo oltre trent’anni, un notevole drenaggio di
capitali dalle campagne alle città.
I colcosiani ricchi hanno realizzato buoni affari vendendo
molti prodotti sul libero mercato; quelli poveri erano già in pre­
cedenza ridotti a mangiare tutto ciò che coltivavano per sop-
pravvivere. I più colpiti dal cambiamento della politica del
Cremlino e dall'inflazione sono stati i colcosiani medi, in pre­
cedenza bastione del regime; non meraviglia, quindi, il fatto
che Gorbaccv sia stato l'uomo più odiato nelle campagne so­
vietiche dopo Stalin e che i colcosiani abbiano assistito del tut­
to indifferenti al crollo dcU'Unione Sovietica.
II partito della perestrojka ha eliminato progressivamente i
prezzi politici delle derrate alimentari e dei beni durevoli di
prima necessità; mentre i prezzi di queste merci aumentavano
sempre più sul libero mercato, il Cremlino non ha ritoccato il
prezzo con cui le acquistava dalle industrie e dai kolchoz: in­
dustrie e kolchoz, quindi, hanno venduto allo Stato soltanto le
merci più scadenti o, comunque, quelle che non riuscivano a
vendere sul libero mercato, per cui non solo sono stati desola­
tamente vuoti i banconi dei negozi pubblici, ma hanno comin­
ciato a restare quasi privi di merci anche gli scaffali degli spac­
ci riservati ai dipendenti di molte grandi industrie. Gli acquisti
sono divenuti possibili soltanto sul libero mercato.
L'operaio, venditore di forza-lavoro pagata poco più di pri­
ma, compratore di derrate alimentari e altri beni di consumo
molto rincarati, ha visto le proprie condizioni di vita peggiora­
re notevolmente, soprattutto se prima usufruiva dei ben fomiti
spacci riservati. Durante la perestrojka si è verificato perciò un

153
notevole drenaggio di plusvalore dalla classe operaia e dagli
altri lavoratori salariati alla piccola e media borghesia urbana
tradizionale (piccola industria, artigianato, commercio e servi­
zi). Il consenso della maggioranza dei lavoratori nei confronti
del regime è finito, ma la classe operaia, come abbiamo già
detto, non ha reagito al peggioramento delle proprie condizioni
di vita e ha assistito con indifferenza al crollo dell'Unione So­
vietica.
Contrari a Gorbacev sono stati i quadri intermedi dell'ammi­
nistrazione civile e militare dello Stato: la riduzione del loro
prestigio sociale era associata a quella del loro stipendio reale.
La piccola borghesia urbana tradizionale è stata l'unica clas­
se sociale a trarre vantaggi dalla perestrojka. I servizi pubblici
e sociali fornito da Stato, repubbliche e comuni sono diventati
sempre più scarsi e scadenti per cui hanno fatto fortuna i priva­
ti: riparatori di auto ed elettrodomestici, imbianchini, elettrici­
sti, idraulici, tassisti, medici, ristoratori, ecc. Dato che i negozi
pubblici non avevano più merci da vendere, i commercianti
privati hanno combinato affari d'oro. Questa classe ha garanti­
to a Gorbacev un sostegno nella misura in cui temeva un ritor­
no al passato, ma, nello stesso tempo, non ha disdegnato i radi­
cali di El'cin, che promettevano di ridurre le tasse.
Favorevoli a Gorbacev sono stati anche i ceti medi urbani
moderni, i quadri intermedi dei servizi pubblici e sociali, anche
se le loro condizioni di vita e di lavoro non erano certo migliora­
te (i loro stipendi erano pressoché invariati, mentre il costo della
vita saliva; la qualità del loro lavoro si era ulteriormente ridotta
per la diminuzione dei finanziamenti del Cremlino ai servizi).
Ciò che ha fatto di insegnanti, ingegneri, tecnici, medici ospeda­
lieri, ecc. altrettanti sostenitori di Gorbacev prima e di El'cin poi
sono state le maggiori libertà politiche e civili e la speranza di un
domani migliore. Quando sono stati delusi da Corvo Bianco,
hanno ripreso a occuparsi soltanto delle loro faccende o hanno
riscoperto la "religione dei padri".
I contrasti fra le frazioni economiche e, soprattutto, politiche
della classe dominante sono stati molto aspri. Gorbacev è stato
esposto ad attacchi provenienti da due parti: dai conservatori
di Ligacev - timorosi che le riforme portassero a un gravissi­

154
mo conflitto sociale senza riuscire a modernizzare l'apparato
industriale del paese - e dai radicali di El'cin, decisi a por fine
ad ogni forma di sussidio alle aziende decotte.
Nel frattempo, la diffusione del colcosianesimo industriale -
non solo fra le aziende produttrici di beni di consumo ma an­
che fra quelle fabbricanti mezzi di produzione o fornitrici di
materie prime, energia elettrica, petrolio o gas naturale - ha
progressivamente distrutto la pianificazione centralizzata: or­
mai allo Stato si vendeva solo quello che non si era riusciti a
vendere sul libero mercato. I legami economici fra i diversi
settori e le diverse aree geografiche dell'Unione Sovietica si
sono logorati sempre più; la classe dominante sovietica è usci­
ta dalla scena ed è comparsa una classe dominante per ogni
repubblica (russa, ucraina, kazaka, ecc.).
La necessità di ottenere prestiti in Occidente ha costretto il
Cremlino a rinunciare al monopolio statale sul commercio este­
ro-, ciò ha fatto sì che, come abbiamo già detto, i principali
beneficiari dell'accumulazione capitalistica, i fruitori della mag­
gior parte dei profitti derivanti dallo sfruttamento della classe
operaia, siano stati sempre più i grandi centri finanziari occi­
dentali, soprattutto americani e tedeschi, mentre il signor Capi-
talistoff si è ridotto al ruolo di loro rappresentante locale.
In definitiva, mentre l’autocrazia di Stalin si era appoggiata
alla classe operaia, l'oligarchia di Chruscev e di Breznev alla
borghesia imprenditoriale, ai colcosiani e a una parte degli
operai, la percstrojka di Gorbacev, che ha cercato di salvare gli
interessi generali c permanenti del capitale sovietico, è stata
sostenuta soltanto dalla piccola borghesia urbana.

La perdita dei satelliti dell'Europa orientale è stata per M o­


sca una vera c propria tegolata in testa. Il Cremlino ha subito
la disintegrazione del Patto di Varsavia malgrado avesse dalla
sua i governi di Washington, Londra e Parigi, desiderosi di
impedire la riunificazione tedesca. Se molto si è dissertato
sulla rivalità fra USA e URSS, ben poche sono state invece le
analisi sulla "santa alleanza" fra la Casa Bianca e il Cremlino,
sul ruolo svolto da M osca come garante della divisione della
Germania e come gendarme dell'Europa orientale. Al di là del­

155
le liturgie sul valore eterno della libertà e sulle «nefandezze
dei comunisti», gli Stati Uniti hanno appoggiato tutti gli «in­
terventi fraterni» effettuati dai sovietici nell'Europa orientale: a
Berlino est nel 1953, in Polonia e in Ungheria nel '56, in Ceco­
slovacchia nel '68. Pochi commentatori inoltre hanno sottoli­
neato che, se l'America ha vinto la Guerra Fredda con la Rus­
sia sovietica, la principale beneficiaria della sconfitta moscovi­
ta è stata la Germania.
Da un punto di vista geopolitico, con la sparizione dei satel­
liti europei Mosca ha perso il bottino raccolto nella seconda
guerra mondiale, mentre è tornato a presentarsi sulla scena sto­
rica il problema della Grande Germania; sotto il profilo della
politica interna, la fine del Patto di Varsavia è stata una batosta
perché il canto di sirena del marco tedesco ha trovato orecchie
ben disposte all'ascolto non solo nei paesi baltici ma anche a
Kiev; da un punto di vista finanziario, è stata una batosta per­
ché capitali tedeschi che probabilmente sarebbero stati investi­
ti in Unione Sovietica sono finiti nell'ex Germania orientale, in
Ungheria, Cecoslovacchia e Polonia, proprio mentre i capitali
americani e giapponesi prendevano la via della Cina e del Sud-
Est asiatico; da un punto di vista commerciale, è stata una ba­
tosta perché, se Mosca aveva venduto ai paesi dell'Europa orien­
tale il suo petrolio a un prezzo che era la metà di quello del mer­
cato internazionale, se aveva inviato aiuti economici alla Polo­
nia per sostenere Jaruzelski, è altresì vero che i paesi cosiddetti
socialisti erano stati ottimi acquirenti, obtorto collo, dei pro­
dotti del complesso industrial-militare sovietico (non solo carri
armati, cannoni, aerei militari, ma anche aerei per l'aviazione
civile, acciaierie, ecc.).
La perdita dei satelliti dell'Europa orientale, effetto della debo­
lezza economica e politica dell'Unione Sovietica, è divenuta, a
sua volta, causa di un'ulteriore accelerazione della crisi politica
ed economica di un regime sedicentemente socialista ormai
apertamente sconfessato dagli stessi vertici del Cremlino.
Con l'eccezione di alcuni Stati dell'Asia e dell'Africa, il Crem­
lino è rimasto l'unico acquirente delle merci prodotte dal com­
plesso industrial-militare, settore che da solo forniva all'incirca
il 50% della produzione sovietica.

156
Pur continuando a comperare carri armati e missili in gran
quantità, gettando così benzina sul fuoco dell'inflazione e alleg­
gerendo sempre più il suo portafogli, il governo non è riuscito
più a tener dietro al continuo aumento delle merci prodotte dal
complesso industrial-militare.
Stato e capitale hanno per decenni marciato in perfetto ac­
cordo nella Russia sovietica. Il Cremlino, dopo aver messo in
moto il meccanismo dell'accumulazione (Stato imprenditore),
aveva reso possibile il mantenimento della riproduzione allar­
gata acquistando ogni anno una quantità maggiore di merci,
cioè più carri armati, cannoni, missili, testate nucleari (Stato
compratore). Quando i soldi sono diminuiti nelle sue casse, il
Cremlino, fra l'altro rimasto l'unico possibile acquirente, non è
riuscito più a pagare tutte le merci prodotte dal complesso
industrial-militare.
La classica contraddizione del modo di produzione borghese,
quella tra «vulcano della produzione» e «palude del mercato»1,
si c verificata nel settore dominante dell'economia sovietica.
Ciò è rimasto nascosto dall'aspetto fenomenico rappresentato da
uno Stato che, dopo aver dilapidato le risorse del paese per
armarsi fino ai denti, ha fatto bancarotta.
Mentre nel settore centralizzato c'era una sovrapproduzione
relativa di merci, in quello decentralizzato continuava a esiste­
re la sottoproduzione relativa. La riconversione di parte delle
industrie che fabbricavano cannoni in imprese produttrici di
televisori e frigoriferi non è stata possibile per la mancanza di
capitali da parte del Cremlino.

Dall'89 al ’91 la pcrestrojka è entrata in agonia: aumento del­


l'inflazione, bancarotta finanziaria dello Stato, fallimento tota­
le della pianificazione centralizzata.
Le industrie e i kolchoz hanno venduto tutti i loro prodotti
sul libero mercato e hanno regalato di fatto allo Stato, insol-

1. Vulcano della produzione o palude del mercato? è il titolo di un lavoro di


Bordiga apparso nel 1954 sul «Programma comunista», ristampato nel 1992
a Torino dalla Editing.

157
vente, ciò che è rimasto invenduto. Le imprese che sono riu­
scite a vendere buona parte dei loro prodotti hanno avuto un
proprio bilancio indipendente, si sono fatte concorrenza fra
loro e i loro dirigenti sono stati del tutto liberi di decidere gli
investimenti, i prezzi delle merci, i salari.
Defunto il PCUS, i dirigenti industriali hanno dato vita ad as­
sociazioni imprenditoriali come l'Unione scientifica industriale
(per il settore decentralizzato) e l'Associazione delle imprese
di Stato (per il complesso industrial-militare).
Nell'agosto del 1991 il patetico tentativo di alcuni alti buro­
crati dello Stato di opporsi alla disgregazione dell'Unione So­
vietica ricorrendo ai carri armati - vecchio vizio, questo, del
regime sovietico, già definito Panzerkommunismus dagli ope­
rai di Berlino est nel 1953 - è finito nel ridicolo.
Nel dicembre dello stesso anno, quando il presidente ucraino
Kravcuk ha dato risposta negativa alla richiesta del presidente
russo El'cin di mantenere i legami con Mosca alle condizioni
del Cremlino, l'URSS è finita.
Se nel 1988 il generale Jazov, allora ministro della difesa so­
vietico, aveva detto che Mosca aveva perso la terza guerra mon­
diale senza sparare un solo colpo di fucile, a questo punto,
forse, avrà pensato che, se Hitler avesse battuto Stalin, il terri­
torio perso dal Cremlino, forse, sarebbe stato minore.
Grazie alla fine del regime, per il signor Capitalistoff il lungo
periodo di sudditanza nei confronti dello Stato c terminato. I bo­
iardi, senza sparare un sol colpo, hanno detronizzato lo zar.
La borghesia, senza far nulla, si è liberata delle sovrastruttu­
re politiche e giuridiche che l'Unione Sovietica del dopoguerra
aveva in parte ereditato dall'autocrazia di Stalin e che erano di­
ventate un grave ostacolo allo sviluppo dei suoi affari, ormai
non più limitati all'industria, ma estesi al commercio interno
ed estero e alla finanza.
La borghesia in genere è classe dominante, ma non gover­
nante. Sono però ben poche nel mondo le borghesie introdotte
nel "palazzo" come il signor Capitalistoff: miliardari come Fé-
dorov e il presidente del Gazprom Cernomyrdin hanno subito
fatto parte della compagine ministeriale e ci sono rimasti fino
al crollo finanziario dell'agosto 1998.

158
L'alta burocrazia statale e la "classe politica" non trattano più
con gospodin Capitalistoff, eseguono i suoi ordini.
Giunto sul trono moscovita, il signor Capitalistoff si è trova­
to a essere non solo il rappresentante locale dei grandi centri
finanziari occidentali, ma anche a regnare su una Russia deva­
stata, che sopravvive svendendo tutto quello che può, soprat­
tutto gas naturale, petrolio e armi.
Per l'ex «paese del socialismo», più che di crisi, si deve par­
lare di catastrofe. Dal 1991 al '96 la produzione industriale, sia
nel settore dei mezzi di produzione sia in quello dei beni di
consumo, è diminuita di oltre il 50% (durante la Grande De­
pressione negli Stati Uniti diminuì del 30%); nello stesso
periodo la produzione agricola è calata del 45%. Non solo non
si sono fatti più investimenti per aumentare la produzione (ri­
produzione allargata), ma nemmeno quelli per rinnovare gli
impianti logorati (riproduzione semplice). Colui che siede ora
sul trono del Cremlino non è più, quindi, un imprenditore capi­
talista: è diventato ormai solo un decrepito parassita, che vive
e si arricchisce svendendo le risorse naturali del paese e trasfe­
risce il bottino nelle casseforti delle banche occidentali.

In Occidente la fine del regime stalinista ebbe notevoli riper­


cussioni e scatenò violente burrasche nelle scatole craniche de­
gli orfani di Stalin; la fine dell'Unione Sovietica, invece, è av­
venuta nella più completa indifferenza, perché negli stagni non
si verificano tempeste.
A Washington, Parigi e Londra la notizia della disgregazione
dell'Unione Sovietica è stata accolta con costernazione; con eu­
foria invece a Bonn, in quanto il marco è riuscito là dove sono
falliti sia gli elmi chiodati del Kaiser sia le divisioni corazzate
del Fiihrer: estendere l'area di influenza tedesca alle repubbli­
che baltiche e all'Ucraina.

159
Appendice
Minoranze rivoluzionarie e Russia sovietica

Nella trattazione precedente abbiamo esaminato gli avvenimenti che si


sono succeduti nell'arco di scttanl'anni nella Russia sovietica e accennalo
alle valutazioni che sono state date su specifiche questioni dai principali
teorici delle formazioni che hanno criticato da sinistra la politica del
Cremlino dall'inizio degli anni Venti in avanti. Ad alcuni lettori sono
sicuramente note le posizioni di Gortcr, Pannekoek, Korsch, Trotsky,
Rizzi, Chaulieu-Castoriadis, Cliff e Bordiga sulla struttura economica c
sociale della Russia sovietica, ma esse non sono altrettanto note alla
maggior parte di coloro che si accostano a queste problematiche.
Il libro di Bruno Bongiovanni, L'antistalinismo di sinistra e la natura
sociale dell'URSS', uscito nel 1975 c ormai reperibile soltanto nelle
biblioteche, ne fa un'utile rassegna, anche se non esente da difetti, sia sul
piano dell'informazione (non sono riportale le tesi di Korsch c quelle di
Urbanhs, quest'ultimo espulso dalla KPD nel 1926 - contro di lui
Trotsky polemizzò negli anni Trenta proprio a proposito della natura del
potere politico esistente a Mosca e del carattere dell'economia sovietica -,
e si tace sull'analisi di ClifP), sia perché non fornisce al lettore gli stru­
menti per cogliere la diversità esistente fra il contesto in cui nascevano
quelle posizioni negli anni Venti e Trenta (rappresentato dalla necessità
di contrastare lo stalinismo ogni giorno soprattutto sul terreno politico) e
quello in cui uscivano gli scritti sulla Russia sovietica dopo la fine del
secondo con ditto mondiale (quando prevalente era l'esigenza, se soddi­
sfatta correttamente è un altro problema, di fornire materiale teorico alle
nuove generazioni di militanti rivoluzionari).
Nel 1990 è poi uscito L’URSS e i teorici del capitalismo di Stato di
Riccardo Tacchinardi e Arturo Percgalli3, anch'esso di non facile reperi­
bilità. Gli autori considerano non solo le posizioni di quanti hanno affer-1

1. Milano, Feltrinelli.
2. T. Cliff, Stalinist Russia. A marxist Analysys, ora in State Capitalism, Lon­
don, Pluto Press, 1974.
3. Manduria, Lacaita.

160
mato che il modo di produzione e distribuzione esistente nella Russia
sovietica era definibile con la formula del "capitalismo di Stato" - usata
con significati completamente diversi da un marxista come Bordiga (per
il quale era «estremamente indeterminata») e da un libertario come Chau-
licu-Castoriadis (per il quale era sinonimo di un'economia completamen­
te diretta dall'apparato statale) -, ma anche le posizioni di coloro che han­
no affermato da punti di vista diversi che tale modo di produzione c di­
stribuzione non era di tipo socialista (da Trotsky a Rizzi, a certi autori
socialdemocratici e agli anarchici). In tal modo Tacchinardi e Percgalli
hanno messo insieme elementi del tutto eterogenei. Si tratta comunque
di un lavoro utile da un punto di vista informativo.
L'opportunità di riassumere qui, ora, le posizioni assunte dalle minoran­
ze rivoluzionarie sulla natura del regime politico installato al Cremlino e
sulla struttura economica e sociale della Russia, trova però un ostacolo nel
fatto che richiederebbe molto spazio. Abbiamo perciò scelto la via inter­
media di limitarci ad una sintesi delle tesi più significative.

Fino al 1921-22 quasi tutti i comunisti concordavano su quattro punti:


1) In Russia, dove era avvenuta una rivoluzione democratico-borghese
diretta dal proletariato, esisteva un modo di produzione capitalistico e il
potere politico era nelle mani della classe operaia.
2) La Russia avrebbe potuto passare a un modo di produzione sociali­
sta soltanto se il proletariato avesse preso il potere nei principali paesi
dell'Occidente e successivamente diretto il processo di industrializzazio­
ne in Russia.
3) Compilo fondamentale del proletariato russo era, quindi, quello di
usare ogni mezzo per favorire la vittoria della classe operaia in Occi­
dente. A tal fine, su iniziativa dei bolscevichi, si era dato vita all'Interna­
zionale Comunista c si era cercato di favorire la rivoluzione in Germania
con la guerra alla Polonia. Va da sé che esistevano divergenze fra i partiti
dell'Internazionale sui mezzi tattici per conseguire la vittoria nei paesi
occidentali.
4) In assenza di una vittoriosa rivoluzione proletaria in Occidente il
proletariato avrebbe perso il potere politico nella stessa Russia.

Nel 1922 il Linkskommunismus, il comunismo di sinistra, si staccò dai


bolscevichi in quanto sostenne di divergere da loro non più soltanto per
ragioni tattiche ma per la strategia stessa della lotta (di subordinazione,
sostenne, del movimento operaio a un governo di Mosca che non cerca­
va più di favorire la vittoria della rivoluzione in Occidente). Nacque l'In­
temazionale Comunista Operaia (KAI), la cui principale organizzazione
fu la KAPD (Partito Comunista Operaio di Germania) c di cui avrebbero
dovuto far parte, secondo le intenzioni dei promotori, gli eredi dei glo­
riosi Shop-stewards inglesi e gli Industriai Workers of thè World (IWW)
americani.

161
L'errore dei bolscevichi - scrisse Hermann Gortcr all'inizio del 1923
- non consiste nelle misure democratico-borghesi che essi, costretti dai
contadini, hanno preso o dovranno prendere, ma nell'azione e nel pro­
gramma prescritti al proletariato europeo e americano, con cui essi ten­
tano di nascondere la via alla rivoluzione proletaria mondiale [...]. Con
ciò essi hanno dimostrato che il loro scopo e la costituzione della re­
pubblica democratico-borghese russa e non del comunismo russo [...].
[Nel 1921) come in un soffio sparì tutto quanto era comunista. L'in­
dustria venne (dapprima in parte) denazionalizzata [...] fu nuovamente
introdotto il libero commercio (dapprima all'interno); abolito il princi­
pio della gratuità dei servizi statali [...] abrogato anche il principio del­
l'approvvigionamento gratuito degli operai e degli impiegali e introdot­
to nuovamente il sistema del salario. In breve la Russia, se le forze ri­
voluzionarie d'Buropa non si affrettano a intervenire, si avvierà per la
strada già percorsa da tutti gli altri Stati capitalistici di estrazione ru­
rale. Questa volta però sotto la guida di comunisti celebri e di un piccolo
partito burocratico che un tempo era comunista1.

La NEP fu una ritirata in campo economico alla quale i bolscevichi


furono costretti per conservare il potere politico e non la fine del potere
proletario stesso. E indubbio, e di ciò Lenin e Trotsky furono ben consci,
che l'eliminazione dei vincoli posti all'economia di mercato minò ulte­
riormente le basi del potere proletario, ma si trattava di guadagnar tempo
in attesa della vittoria in Occidente. In altre parole, Gortcr diede per
compiuto nel 1921 un processo ancora in atto, processo che si concluse
alla line del 1923 con la sconfitta proletaria in Germania e con l'avvento
al potere del gruppo staliniano in Russia.
Gortcr, Pannckock e gli altri comunisti di sinistra affermarono nel bien­
nio 1922-23:
1) che la classe operaia aveva perso il potere politico in Russia nel '21
a favore della piccola borghesia e della burocrazia dello Stato e del parti­
to bolscevico;
2) che la Russia si avviava verso uno sviluppo economico di tipo ca­
pitalistico;
3) che un processo rivoluzionario in Occidente avrebbe ancora potuto
«salvare la Russia».
Dopo il 1923 la KAPD, perno della KAI, si disgregò: KAPD-tcndcnza
Esscn, KAPD-tcndcnza Berlino, KAUD, sorta dalla fusione fra una parte
della KAPD e dell'Unione Operaia di Germania (AUD). Alcuni emigrali
tedeschi negli USA, fra cui Paul Mattick, diedero vita a varie riviste. In
Olanda il Gruppo dei comunisti intemazionali (GIC) pubblicò alcuni
lavori di Pannckock e di altri esponenti del comunismo dei consigli. Per
quanto riguarda la questione russa, «la concezione prevalente negli anni4

4. L'Intemazionale Comunista Operaia, in B. Bongiovanni, L'antistalinismo di


sinistra..., cil., p. 122.

162
Venti è che i contadini sono la classe dominante in Russia. Successiva­
mente la tesi del capitalismo di stato, lanciata da Ridile nel 1920, prevale
nella GIC verso la metà degli anni Trenta»56.
Il socialismo di Stato - scrisse Pannckock nel 1946 - c un capitali­
smo di Stato. La schiera degli impiegati e dei dirigenti, la burocrazia
statale, rappresenta qui la classe dominante e sfruttatrice. Sono essi i
padroni dei mezzi di produzione, non nel senso che ognuno di loro per­
sonalmente ne possieda una parte, ma perche tutti insieme possiedono
tutto. Sono essi che hanno in mano il compito di sviluppare la grande
industria c la produttività perseguendo quanto ha realizzato la borghe­
sia in Europa occidentale c negli Stati Uniti. Devono fare della Russia,
cioè di un paese di contadini arretrato c primitivo, un paese moderno
con delle grandi industrie. Ma anche se la Russia non c diventata [...]
un paese in cui domina la classe operaia e il comunismo, la rivoluzione
russa ha rappresentato un gigantesco progresso ed ha avuto un'enorme
importanza. Può giustamente essere paragonata a ciò che la rivoluzione
francese è stata per la Francia. Essa distrusse il potere dei sovrani c dei
feudatari, dando la terra ai contadini c sviluppando l'industria*.

Pannckock non esaminò la specifica forma assunta dal capitalismo in


Unione Sovietica limitandosi alla formula generica di «capitalismo di Sta­
lo»; la classe dominante nella Russia sovietica sarebbe stala la burocrazia
in quanto proprietaria collettiva c dirigente dei mezzi di produzione.

Nel 1926 la «bolscevizzazione», voluta dal Cremlino per controllare i


partiti comunisti di tutto il mondo, portò all'espulsione dalla KPD, dap­
prima, della frazione di sinistra di Katz, Korseh c Sehwarz, e, successiva­
mente, della stessa direzione formata da Ruth Fisher, Maslow c Urbahns.
Il Partito Comunista russo - scrisse Korseh nel 1926 - percorre osti­
natamente la strada della costruzione del capitalismo e della liquidazio­
ne politica ed anche organizzativa del comunismo. Passo passo nel par­
tito russo si compie nello stesso tempo un fatale mutamento del suo
carattere di classe. Il partito della classe proletaria si c trasformato in
partito di Stato che rappresenta in apparenza gli interessi di tutte le
classi dello Stato russo ma in realtà gli interessi delle classi economica­
mente dominanti che di conseguenza esso coagula c organizza7.

Ne risultava che
1) il potere politico in Russia non era più proletario;
2) la Russia andava verso uno sviluppo di tipo capitalistico;

5. D. Aulhicr J. Barrot, La gauche communiale en Allemagne. 1918-1921,


Paris, Payot, 1976, p. 231 (tr. it. La sinistra comunista in Germania, Mila­
no, La Salamandra, 1981).
6. A. Pannckock, La rivoluzione russa, in B. Bongiovanni, op. cit. p. 169.
7. K. Korseh, Scrini politici, I, Bari, Laterza, 1975, p. 157.

163
3) l'Intemazionale Comunista, asservita al Cremlino, ostacolava la ri­
voluzione proletaria in Occidente e le rivoluzioni democratico-borghesi
in Oriente (come nel caso cinese);
4) era necessaria una «nuova Zimmcrwald», cioè una nuova Intema­
zionale, e per darle vita si dovevano raccogliere le frazioni di sinistra dei
partiti comunisti (prima fra tutte quella legata in Italia a Bordiga, che non
accettò questa proposta).

Nel 1928 Urbahns e altri militanti espulsi dalla KPD diedero vita al
Leninbund. All'inizio questa organizzazione fu vicina alle posizioni di
Trotsky. Quando nel 1929 Urbahns sostenne che l’Unione Sovietica non
era più uno Stato operaio, Trotsky gli rispose che non si era ancora arri­
vati al Termidoro. Successivamente Anton Grilcwicz c altri simpatizzan­
ti del rivoluzionario russo, allora in esilio in Turchia, abbandonarono il
Leninbund formando l'Opposizione Unificata di Sinistra della KPD.

Nel febbraio del 1929 Heinrich Brandlcr c August Thalhcimer, espulsi


dalla KPD in quanto giudicati "destri", diedero vita alla KPD-Oppo-
sition. Non conosciamo nulla della loro posizione sull'URSS se non per
quanto ne riferisce lo storico Hermann Weber: «Le destre rifiutavano la
posizione egemonica di Stalin nel Cominlcm ma riconoscevano valida
tale posizione all'interno dell'Unione Sovietica»8.

Per capire la posizione di Trotsky sulla natura del potere politico c sulla
struttura economica c sociale della Russia sovietica dal 1926 in avanti,
bisogna innanzitutto conoscere la risposta che lo stesso Trotsky diede al­
l'interrogativo posto dalla vittoria della rivoluzione in Russia nel 1917 e
dalla sua mancata estensione in Occidente, soprattutto in Germania, negli
anni seguenti: quanto tempo poteva durare in un paese arretrato c isolalo
una sovrastruttura come il potere statale della classe operaia, in attesa che
il proletariato assestasse un colpo decisivo alla borghesia del paese che do­
minava il mercato mondiale? Più specificamente: senza una rivoluzione
vittoriosa in Occidente quanto tempo poteva durare il potere proletario
nella Russia sovietica, dove «la linea proletaria» ai vertici del partito c del­
lo Stato era ormai unicamente determinata, come riconosciuto dallo stesso
Lenin nel marzo del '22, soltanto «dall'autorità immensa ed intatta di quel
ridottissimo strato che si può definire la vecchia guardia del partilo»?9
Se un'azione politica c sempre caratterizzata, per così dire, da una cer­
ta dose di sostiluzionismo nel rapporto fra partito c classe operaia, que­

8. H. Weber, La trasformazione del comuniSmo tedesco , Milano, Feltrinelli,


1979, p. 21.
9. Citato da C. Bcttelheim, Le Lotte di classe in URSS. 1917-1923, Milano, Etas
Libri, 1975, p. 245.

164
sta dose di sostituzionismo fu al diapason nella storia della Russia sovie­
tica. L'interrogativo diventa allora: quanto tempo poteva rimanere al po­
tere il partito proletario, o, meglio, quel «ridottissimo strato», senza una
vittoriosa rivoluzione in Occidente?
Nel febbraio del 1926, in occasione del VI Comitato esecutivo allarga­
to dell'Intemazionale comunista, Trolsky, che aveva già apertamente
denunciato sia la politica controrivoluzionaria degli staliniani in campo
intemazionale sia la teorizzazione del «socialismo in un solo paese», so­
stenne che il potere proletario in Russia avrebbe potuto resistere per altri
cinquant'anni anni in attesa della rivoluzione in Occidente.
Pochi anni dopo, il 7 settembre del 1929, polemizzando con Urbahns,
egli scrisse che in Russia non si era ancora arrivati al
Termidoro [...] [parola che] indica la prima vittoriosa lappa della con­
trorivoluzione, cioè, chiaramente, il passaggio del potere dalle mani di
una classe a quelle di un'altra, questo passaggio essendo necessariamen­
te accompagnato da una guerra civile mascherata, dal punto di vista po­
litico, dal fatto che la lotta ha luogo tra le frazioni di un partito unito
ancora alla vigilia [...]. Se è stato impossibile strappare il potere dalle
mani dei plebei [...] senza dichiarare una guerra civile {...| qualcuno
può forse pensare o credere che il potere possa passare dalle mani del
proletariato russo a quelle delle borghesia in modo pacifico, per una via
tranquilla, impercettibile, burocratica? Una simile concezione del Ter­
midoro non e che un riformismo rivoltato. I mezzi di produzione [...]
restano sin qui nelle mani dello Stato sovietico. La terra e stata nazio­
nalizzata [...]. Il monopolio del commercio estero sussiste come prote­
zione contro un intervento economico del capitalismo101.

Nel dicembre del 1927 la Piattaforma dell'Opposizione aveva dichia­


ralo che soltanto «l’Opposizione rapprcscnta[va] l'ala leninista del parti­
lo»", cioè, di fatto, il partilo del proletariato, l'organismo che difendeva
gli interessi storici e generali della classe operaia. Nel giugno del 1920,
nel corso della guerra civile, Trotsky aveva scritto che
la dittatura dei Soviet e possibile solo attraverso la dittatura del nostro
partito [...]. In questa "sostituzione" del potere del partito al potere
della classe operaia non c’c nulla di accidentale; in realtà non c’è stata
affatto alcuna sostituzione. I comunisti esprimono gli interessi fonda­
mentali della classe operaia12.
Ebbene, nel 1927-28, con la sconfitta dell'Opposizione di sinistra, il
partito del proletariato fu estromesso dal Partito bolscevico. In altre pa-

10. La difesa dell'URSS e l'Opposizione, in L.D. Trotsky, Strilli 1929-1936, To­


rino, Einaudi, 1962, pp. 127 e 132-133.
11. L.D. Trotsky, G.E. Zinov'cv et alii, La piatlaforma dell'Opposizione, Roma,
Sam onàc Savelli, 1969, p. 84.
12. L.D. Trotsky, Terrorismo e comuniSmo, Milano, Sugar, 1966, p. 120.

165
rolc il partilo del proletariato, dopo essere stalo estromesso dal potere
nel 1923, fu dichiarato illegale e perseguitato nel '27-28, fu frantumato
come organizzazione e al suo posto rimasero solo militanti isolati, chi in
esilio, chi in carcere. Ciò non avvenne per «via tranquilla, impercettibile,
burocratica», ma, come scrisse Rakovskij il 6 agosto 1928, per «[l'Jindif-
ferenza politica diffusa nella classe operaia»"; per un'indifferenza che
era il risultato di tante sconfitte subite non in una sola grande battaglia,
come nel caso della Comune di Parigi e delle repubbliche sovietiche di
Baviera e d'Ungheria, ma in tanti piccoli scontri nel corso di alcuni anni,
nei quali la violenza fu esercitata soltanto da una parte, dagli apparati di
repressione dello Stato.
Privata del suo partito, la classe operaia russa non era ormai più altro
che una classe in sé, priva di ogni capacità politica. Scrisse invece Trotsky
nel corso della polemica con Urbanhs:
Benché l'Opposizione sia stata distrutta come organizzazione e ben­
ché il proletariato sia stato indebolito, la pressione dei suoi interessi di
classe, congiunta alla pressione delle idee dell'Opposizione, e risultata­
la abbastanza forte da costringere l'apparalo centrista a operare un pro­
lungato zig-zag verso sinistra'4.

Che cos'era per Trotsky la Russia del 19297


Quello che contrappone la Repubblica sovietica di Stalin a quella di
Lenin, non e l'esistenza di un potere borghese, non e l'esistenza di un
potere al di sopra delle classi, ma sono gli elementi di dualità del po­
tere13145.

Dopo la fine della NIìP la classe operaia spinse per la collettivizzazione


forzata e per l'industrializzazione accelerata in quanto pressata da bisogni
elementari, come il pane e il lavoro, e tale spinta fu recepita e attuata dal
Cremlino proprio in quanto portava alla stessa via attraverso la quale lo
sviluppo capitalistico della Russia sovietica doveva obbligatoriamente pas­
sare. Trotsky, invece, volle scorgere nel fenomeno un protagonismo poli­
tico della classe operaia, l'imposizione da parte della classe operaia stessa
sia della collettivizzazione forzata sia dell'industrializzazione accelerata a
uno Stalin fautore del «socialismo a passo di tartaruga».
Dalla nostra analisi - scrisse Trotsky nel 1935 deriva una serie di
conclusioni, che esponiamo qui in forma concisa:

13. C. Rakovskij, / pericoli professionali del potere, Roma, Samonà e Savclli,


1967, p. 25.
14. lei difesa dell'URSS e l'Opposizione, in L.D. Trotsky, Scritti 1929-1936, cit.,
p. 129.
15. Op. cit., p. 138.

166
1. Il Termidoro della grande rivoluzione russa non è dinnanzi a noi,
ma cc lo siamo già lasciato da tempo dietro le spalle. I termidoriani po­
trebbero già celebrare, diciamo, il decimo anniversario della loro vitto­
ria.
2. L'attuale regime politico dcll'URSS e un regime di bonapartismo
"sovietico" (o antisoviético), più vicino come tipo all'Impero che al Con­
solato.
3. Come basi sociali e tendenze economiche, l'URSS continua a ri­
manere uno Stato operaio16.

La burocrazia sovietica si legge nella Rivoluzione tradita del 1936 -


rassomiglia a qualsiasi altra burocrazia e soprattutto a quella del fasci­
smo. Ma se ne distingue pure per caratteristiche di estrema importanza.
Sotto nessun altro regime, la burocrazia ha raggiunto una simile indi­
pendenza [...]. [Non ha| al suo fianco una borghesia nazionale. In que­
sto senso non si può negare che sia qualcosa di più di una semplice bu­
rocrazia. Essa e lo strato sociale privilegiato e dominante nella società
sovietica [...]. La burocrazia sovietica ha politicamente espropriato il
proletariato per difendere con i suoi metodi le conquiste sociali del pro­
letariato [...]. I mezzi di produzione appartengono allo Stato. Lo Stato
"appartiene" in qualche modo alla burocrazia. Se questi rapporti [...] si
stabilizzassero [...[ senza resistenza o contro la resistenza dei lavorato­
ri, porterebbe alla liquidazione completa delle conquiste della rivolu­
zione proletaria. Ma questa ipotesi è ancora prematura. Il proletariato
non ha ancora detto la sua ultima parola. La burocrazia [...] e obbligata
a difendere la proprietà dello Stato, fonte del suo potere e dei suoi red­
diti. Per questo aspetto della sua attività, resta uno strumento della dit­
tatura del proletariato17.
L'assenza di una borghesia nazionale faceva della burocrazia sovietica,
o, meglio, di una parte di essa, qualcosa di più di una semplice burocra­
zia: non si trattò soltanto di uno strato privilegiato, in quanto essa, so­
prattutto, dirigeva i mezzi di produzione e distribuzione.

La questione era allora:


a) Se il processo di produzione fosse diretto secondo gli interessi della
classe operaia. Se sì, la burocrazia, anche se ritagliava per se stessa una
grossa fetta di torta, non era una classe dominante, ma soltanto una casta
governante, uno «strumento della dittatura del proletariato». La posizio­
ne di Trotsky fu che, trattandosi della sovrapposizione della volontà po­
litica della classe operaia al processo di produzione, non si poteva parla­
re di capitalismo; quindi lo Stalo era operaio, anche se «degenerato» a cau­

16. Stato operaio, termidoro e bonapartismo, in B. Bongiovanni, L'anlistalini-


smoi di sinistra..., cit., p. 238.
17. L.D. Trotsky, La rivoluzione tradita, Roma, Samonà e Savelli, 1969, pp. 227-
228.

167
sa del ruolo svolto dalla burocrazia e l'URSS era una «società intermedia
fra capitalismo e socialismo»1819.
b) Se il processo di produzione fosse diretto secondo gli interessi della
burocrazia. Se sì, la burocrazia era una vera e propria classe dominante.
Trattandosi anche qui della sovrapposizione di una volontà - in questo
caso quella della burocrazia - al processo di produzione non si poteva
parlare di capitalismo. Ovviamente non si poteva nemmeno parlare di
Stato operaio. Ne nacque, come vedremo, la teoria del «collcttivismo bu­
rocratico».
c) Se il processo di produzione obbedisse alle leggi della riproduzione
allargata. Se sì, la burocrazia, o, meglio, una sua parte, non era altro che
l'agente del capitale e svolgeva le funzioni che sono proprie della bor­
ghesia imprenditoriale; il modo di produzione vigente nella Russia so­
vietica era quindi quello capitalistico c una parte della burocrazia svol­
geva le funzioni della borghesia nazionale oppure era l'agente locale di
un centro capitalistico straniero.
Non vogliamo qui discutere se una qualche forma di "bonapartismo ope­
raio" sia possibile o meno. Quel che c sicuro c che nella Russia di Stalin
la classe operaia non solo non aveva la forza politica di prendere, se pur
indirettamente, come credeva Trotsky, le scelte fondamentali in materia
economica, ma, non aveva nemmeno una pur limitatissima autonomia
sociale in quanto ogni tentativo di disporre di un proprio organismo con­
trattuale indipendente dai sindacati di regime era duramente represso. La
resistenza degli operai allo stalinismo, quando c'cra, non andava oltre il
sabotaggio delle macchine per combattere lo stachanovismo. Ciò che di
peculiare avvenne in Russia fu che gli operai, vuoi per soddisfare i loro
bisogni fondamentali, vuoi per la speranza in un domani migliore, non
negarono mai il consenso a un regime che, per avviare l'accumulazione
primitiva, li ridusse in condizioni scmischiavislichc.
Sul piano della teoria - scrisse ancora Trotsky - si può immaginare
una situazione in cui la borghesia intera si costituisca in società per
azioni per amministrare con i mezzi dello Stato tutta l'economia nazio­
nale [...]. Non si ebbe mai un regime del genere c non ci sarà mai a cau­
sa delle profonde contraddizioni che dividono i possidenti tra di loro [...].
La prima concentrazione dei mezzi di produzione nelle mani dello Stato
che la storia conosca c stata compiuta dal proletariato a mezzo di una ri­
voluzione sociale c non dai capitalisti a mezzo di trusts statizzati. Que­
sta breve analisi basta a mostrare come siano assurdi i tentativi di identi­
ficare lo statalismo capitalista con il sistema sovietico15.

La concentrazione dei mezzi di produzione nelle mani dello Stato, re­


sa possibile dall'Ottobre, sarebbe stata un elemento significativo di non­

18. Op. cit., p. 232.


19. Op. cit., pp. 225-227.

168
capitalismo - o, meglio, di un «capitalismo circoscritto entro determinati
limiti», secondo la definizione di Lenin sul capitalismo di Stato in Rus­
sia nel marzo 1922 -, a condizione che lo Stato fosse rimasto nelle mani
della classe operaia; era, invece, una delle peculiarità del capitalismo so­
vietico, che nacque e si sviluppò sulle ceneri dell'Ottobre.
Trotsky identificava soprattutto nella proprietà statale dei mezzi di pro­
duzione la causa dei successi ottenuti dalla Russia di Stalin in campo
industriale; ora, la storia economica di questo secolo ha mostrato che la
causa fondamentale degli alti tassi di sviluppo economico va ricercata
nella giovane età del capitalismo (come in Germania, Giappone e Italia
dopo le distruzioni belliche).
Fino alla sua morte per mano di un sicario di Stalin, Trotsky seguitò a
combattere la politica del partito e dello Stato moscoviti, ma continuò a
considerare la Russia sovietica uno «Stato operaio degenerato» e a soste­
nere la necessità di difenderlo dagli Stati capitalistici. Dopo che all'inter­
no del Socialist Workers Party, sezione americana della Quarta Intema­
zionale fondata nel 1938, la corrente facente capo a Bumham e a Shacht-
man sostenne che quello moscovita non poteva più essere definito uno
Stalo operaio e che la burocrazia era una classe dominante, così scrisse
Trotsky dal suo ultimo rifugio di Coyoacan il 25 settembre del 1939:
Se questa guerra provoca, come crediamo fermamente, una rivolu­
zione proletaria, essa deve inevitabilmente condurre al rovesciamento
della burocrazia in URSS |...]. In questo caso la questione se la buro­
crazia staliniana fosse una classe od una escrescenza nell'ambito dello
Stato operaio sarà risolta automaticamente2".

Un discorso a parte va l’alto per le formazioni che si sono richiamate a


Trotsky dopo la seconda guerra mondiale. Data la grande differenza esi­
stente tra le formazioni che si richiamano al trotskysmo, ci limitiamo qui
al loro comun denominatore: l'Unione Sovietica, fino al 1991, e stala con­
siderata uno Stalo operaio sulla base della nazionalizzazione dei mezzi
di produzione e distribuzione, del monopolio statale del commercio este­
ro e, quindi, della possibilità per lo Stato di pianificare l'economia. Ab­
biamo già criticalo questa posizione e, in particolare, sottolineato che a
definire la natura di classe di uno Stato non può essere una pianificazio­
ne statale di per se, ma solo il line che quella pianificazione intende rag­
giungere.
Aggiungiamo ora alcune considerazioni:
1) A meno di non pensare che i pianificatori siano stati presi da smania
autodi strutti va, il crollo dell'economia sovietica e la prova che il pro­
gramma di pianificazione, cioè l'insieme degli interventi necessari a diri-20

20. L.D. Trotsky, In difesa del marxismo, Roma, Samonà e Savclli, 1969, p. 47.

169
gcre l'economia secondo la volontà dello Stato moscovita, era diventalo,
almeno da molti anni, nulla più che una lista di desideri. In ultima analisi
l'economia sovietica non era pianificabile, se non per un periodo limita­
to, in quanto si trattava di un'economia capitalistica.
2) Il crollo dcll'URSS c l'avvento al potere della borghesia sociologi­
camente intesa è avvenuto del tutto pacificamente. Posto che c assurdo
parlare di passaggio da uno Stato operaio a uno Stato borghese senza scon­
tro sul terreno militare, si possono fare solo due ipotesi: la prima c che
ncll'URSS da Stalin in avanti non sia esistito uno Stato operaio, la se­
conda è che sarebbe uno Stato operaio anche quello di Boris El'cin. Con­
sideriamo ovviamente valida solo la prima.

Dal 1923 in avanti il POUM spagnolo fu l'unica formazione di sinistra


rivoluzionaria a trovarsi impegnata nella lotta per il potere in Europa; se
di questo parlilo conosciamo l'operato sul terreno teorico, politico c mili­
tare nei confronti della controrivoluzione stalinista, non ne conosciamo
però le posizioni sulla struttura economica c sociale della Russia di Sta­
lin. Sappiamo soltanto che Andrcs Nin, segretario politico del POUM,
aveva militato per molti anni nel Partito russo c si era schierato con l'Op­
posizione di sinistra. Nel 1946 Grandizo Munis, un trolskysta spagnolo,
che peraltro non aveva aderito al POUM, esule in Messico - collegato al
poeta surrealista Benjamin Pórci, che per parte sua aveva militalo nel
POUM, c a Natalia Sedova Trolsky - in un lavoro intitolato Rusia y el sta­
linismo mundial, nell'imminenza di una rottura con la Quarta Inter­
nazionale, colpì al cuore la nozione di «Stato operaio degenerato», sotto­
lineando proprio il fine al quale tendeva la pianificazione sovietica:
Per il leader spagnolo [...] - scrivono Tacchinardi c Pcrcgalli - la pia­
nificazione in Russia non è una vera pianificazione per il consumo del­
la popolazione ma un piano di produzione in funzione della difesa c del
profitto di una categoria sociale dominante212.

Nel 1939 Bruno Rizzi con La bureaucratisation da monde12aveva da­


to per primo forma compiuta ad alcune idee che circolavano in ambienti
trolskysti europei ed americani. Rizzi aveva sostenuto che:
1) poiché il processo di produzione era sottoposto alla volontà di una
classe sociale non si trattava di capitalismo; fin qui egli si trovava d'ac­
cordo con Trolsky;
2) la classe sociale che dirigeva i mezzi di produzione secondo la pro­
pria volontà non poteva essere, anche se in modo indiretto, una classe

21. R. Tacchinardi-A. Pcrcgalli, L'URSS e i teorici del capitalismo di Stato, cit.,


p. 95.
22. Ora in B. Rizzi, Il collettivismo burocratico, Imola, Calcati, 1967.

170
operaia ridotta in una condizione di semischiavitù; non si doveva dunque
parlare di «Stato operaio» e, quindi, era improponibile qualsiasi «difesa
dcll'URSS»;
3) a dirigere i mezzi di produzione secondo la propria volontà era la
burocrazia, per Rizzi proprietaria collettiva dei mezzi di produzione stes­
si; la burocrazia era quindi la classe dominante;
4) nella Russia sovietica era venuta alla luce una nuova società, identi­
ficata come collettivismo burocratico, con una classe dominante, la bu­
rocrazia, che, a differenza della borghesia, non creava c/o non migliora­
va continuamente i mezzi di produzione, ma utilizzava quelli esistenti
per ricavare i prodotti destinati al proprio consumo; una nuova società
per molti aspetti simile al vecchio dispotismo asiatico;
5) questo collcttivismo burocratico non era venuto alla luce soltanto
nella Russia sovietica ma, per vie diverse, anche nella Germania di Hi­
tler, nell'Italia di Mussolini e nell'America di Roosevelt.
Alla base delle enunciazioni di Rizzi c'era l'idea errata che la burocra­
zia sovietica, o parte di essa, dirigesse il processo di produzione preva­
lentemente per ricavarne quanto occorreva al proprio consumo e non in
conformità alle leggi obiettive dell'accumulazione capitalistica.

Alla fine degli anni Quaranta, in Francia, Chaulicu-Casloriadis, princi­


pale redattore della rivista «Socialistnc ou Barbarie» e dirigente del rag­
gruppamento omonimo, in rottura con la Quarta Internazionale, definì la
Russia sovietica come capitalismo burocratico, scorgendo nella burocra­
zia russa una classe dominante in senso proprio23. A detta di Chaulicu-
Castoriadis c'erano sì in Russia categorie economiche capitalistiche co­
me la merce e il salario, ma non c'era più l'anarchia della produzione in
quanto l'economia era completamente pianificata. La tesi derivava dal­
l'incomprensione del fatto che l'economia capitalistica può essere piani­
ficata per un periodo più o meno lungo dallo Stato borghese, ma senza
che ciò possa eliminare la contraddizione fondamentale del sistema, cioè
quella fra la crescente produzione di merci e l'incapacità del mercato di
assorbirle, a prescindere da quali siano i soggetti che elaborino il cosid­
detto piano, i "padroni delle ferriere" o gli alti burocrati dell'apparato sta­
tale. Dato che non basta criticare le ideologie, ma e necessario inserirle
nel loro contesto politico e storico, ricordiamo come la convinzione che
fosse venula alla luce una nuova forma di capitalismo, esente da crisi di
sovrapproduzione grazie alla pianificazione, si fosse diffusa dopo che il
New Deal e il nazionalsocialismo avevano momentaneamente risolto la
devastante crisi del 1929-33. Ma il fatto è che questa crisi fu superata ef­

23. Cfr. C. Castoriadis, La società burocratica, 2 voli., Milano, Sugarco, 1978-


79.

171
fettivamente soltanto con la seconda guerra mondiale. La tesi di un capi­
talismo pianificato andò ben al di là e ben oltre «Socialismo ou Barba­
rie», come si constata facilmente ricostruendo il percorso delle ideologie
operaiste degli anni Sessanta e Settanta.

Nel 1955 Tony Cliff, del gruppo inglese International Socialists, che
aveva rotto con la Quarta Internazionale nel 1950, portò a termine con
Stalinist Russia. A Marxist Analysis24 sia una critica delle posizioni di
Trotsky e dei principali esponenti della teoria del collettivismo burocra­
tico, sia un esame della struttura economica e sociale sovietica. Nel suo
lavoro Cliff delincò alcune caratteristiche del capitalismo sovietico :
1) esso era di tipo statale (l'industria sovietica era paragonata a un gran­
de trust al cui interno la produzione e gli scambi erano regolati central­
mente; non si poteva però parlare di pianificazione);
2) era anche di tipo militarista (l'intera economia era subordinata alle
esigenze della produzione bellica);
3) era infine arretrato rispetto a quelli occidentali.
Per Cliff la burocrazia, che dirigeva il processo di produzione nel sen­
so dell'accumulazione capitalistica, svolgeva le funzioni storiche della
borghesia.
L'analisi di Cliff abbandonò però il traccialo del marxismo e si inserì
nel filone ideologico di un capitalismo fantastico, nel quale il processo
di produzione e distribuzione era sempre sottoposto alla volontà della
burocrazia statale. Ciò risultò evidente nell'affermazione secondo la qua­
le lo Stato sovietico, con l'economia di guerra (cioè con una produzione
prevalente di valori d'uso e non di scambio), avrebbe potuto evitare crisi
di sovrapproduzione. Sfuggì a Cliff il fatto che in ogni caso c'cra uno
scambio di cannoni, mitragliatrici, carri armati, ccc. fra lo Stato in veste
di produttore e lo Stato in veste di acquirente; che l'acquirente prima o
poi non avrebbe più avuto i rubli necessari per acquistare ciò che il pro­
duttore avrebbe immesso sul mercato.

Torniamo ai primi anni Venti. La sinistra marxista italiana, alla dire­


zione del Partito Comunista d’Italia, prese le distanze dai bolsccvichi su
questioni di lattica (quella del parlamentarismo rivoluzionario prima, del
fronte unico e del governo operaio poi).
Nell'ottobre del 1923 - scrive Bongiovanni - si e concluso il ciclo ri­
voluzionario tedesco con una secca disfatta, il delitto Matteotti in Italia
ha dimostrato che il fascismo non sarà sconfitto dall'insurrezione prole­
taria [...]. La "stabilizzazione" capitalistica [...] e dunque una realtà [...].
Il 22 febbraio del 1926 Bordiga è tuttavia presente a Mosca al VI Co­
mitato Esecutivo Allargato dell'Intemazionale ed è in questa occasione

24. Cil.

172
che la lotta contro il "socialismo in un solo paese", radice teorica c pra­
tica della controrivoluzione staliniana, assume per la prima volta il va­
lore di un principio non solo tattico ma integralmente strategico:
«BORDIGA: "Allo scopo di precisare la questione delle prospettive
chiede se il compagno Stalin pensa che lo sviluppo della situazione rus­
sa c dei problemi interni del partito russo è legata allo sviluppo del mo­
vimento proletario internazionale".
«STALIN: "Questa domanda non mi è mai stata rivolta. Non avrei
mai creduto che un comunista potesse rivolgermela. Dio vi perdoni di
averlo fatto".
«BORDIGA: "Chiede allora che il compagno Stalin dica che cosa ac­
cadrà in Russia se non si verifica entro un certo periodo di tempo la
rivoluzione proletaria in Europa".
«STALIN: "Se sapremo bene organizzare l'economia russa, essa c de­
stinala a svilupparsi, c con essa c la rivoluzione che si sviluppa"». (Ver­
bale della riunione del 22/2/1926 della delegazione italiana al Comi­
tato Esecutivo Allargato dell'Internazionale Comunista, in I primi dieci
anni di vita del PCI. Documenti inediti dell'archivio Angelo Tasca, Fel­
trinelli, Milano, 1967, p. 231).
In queste parole Bordiga vede una netta inversione di tendenza: non
c più la rivoluzione mondiale che può sciogliere le contraddizioni, so-
cialisticamcntc insolubili, dell'economia russa, ma c qucst'ullima, con i
suoi successi, che può far progredire la rivoluzione. Il capovolgimento
di tutta la prospettiva comunista del '17 non sfugge a Bordiga: la stabi­
lizzazione capitalista è un fenomeno mondiale che coinvolge anche lo
Stato russo [...] del tutto perso alla causa della rivoluzione proletaria in­
ternazionale” .

Per la sinistra italiana nel 1926-27


1) la classe operaia aveva ormai perso il potere politico;
2) la Russia si avviava verso uno sviluppo di tipo capitalistico;
3) un processo rivoluzionario in Occidente, contrastato dagli stalinisti,
sarebbe stato forse ancora in grado di recuperare la Russia a una trasfor­
mazione in senso socialista della società.
Mentre andò costituendosi in Francia c in Belgio una frazione della
sinistra italiana di cui Ottorino Pcrrone (Vcrccsi) fu il militante più rap­
presentativo, Bordiga, inviato al confino dal 1926 al '29, ritenne che, nel­
l'ipotesi di una lunga durata della controrivoluzione, fosse importante,
soprattutto, fornire materiale teorico alle future generazioni di militanti
rivoluzionari.
Nel 1946, nel suo lavoro su La Russia sovietica dalla rivoluzione ad
oggi2 526, egli indicò alcune delle caratteristiche specifiche assunte dal capi­
talismo in Unione Sovietica:

25. B. Bongiovanni, L'antistalinismo di sinistra..., cit., pp. 338-339.


26. «Prometeo», n. 1, luglio 1946 (in B. Bongiovanni, op. cit., p. 357).

173
1) lo statalismo, con la presenza di una pianificazione centralizzata:
Carattere discriminante delle realizzazioni socialiste nell'economia, le
quali sono possibili soltanto in regime di dittatura del proletariato [...],
c lo svincolamento di una massa di forze produttive dal meccanismo mo­
netario mercantile e la loro organizzazione in funzione del più alto ren­
dimento del prodotto reso sociale. Una tale economia socialista c di ne­
cessità pianificata [...]. All'opposto, non ogni economia pianificata è
economia socialista, giustificata o meno che sia dalle esigenze militari
o da quelle della ricostituzione di risorse distrutte. Un capitalismo pri­
vato ed un capitalismo di Stalo sono ben suscettibili di esperimenti di
economia pianificata; ed c anzi questo il senso economico dei regimi
fascisti;

2) rimmaturità c l'arretratezza rispetto all'Occidente (per esempio l'alta


percentuale di addetti all'agricoltura);
3) l'isolamento economico daH'Occidcntc;
4) il militarismo:
La situazione, divenuta permanente, dell'isolamento economico della
Russia per la pretesa costruzione del socialismo, ha avuto per conse­
guenza il dilagare del fenomeno militarista, che, insieme a forme este­
riori di pieno stile borghese, patriottico c nazionalista, rappresenta un
colossale, inevitabile peso economico sullo sforzo delle classi produt­
trici. 1 piani per industrializzare la Russia, indirizzando i quattro quinti
di questa industrializzazione al potenziamento delle armate per vere c
proprie conquiste imperialistiche, ha sottoposto il lavoratore delle fab­
briche ad uno sforzo spasmodico.

All'inizio degli anni Cinquanta - nel Dialogato con Stalin21c, successi­


vamente, nel Dialogato con i morti38- egli mise efficacemente in eviden­
za la natura capitalistica dell'economia sovietica; poi trattò ampiamente
del capitalismo sovietico. Ma di ciò abbiamo parlato in precedenza.
La questione alla quale Bordiga prestò sempre scarsa attenzione fu tutta­
via quella dell'identificazione della classe dominante, del «signor Boris
Capitalistoff», di chi svolgesse le funzioni della borghesia imprenditoriale.
Per Bordiga, negli anni che vanno dal '45 al '48, l'URSS c uno Stato
capitalistico - scrive Bongiovanni - che minaccia di essere totalmente
inghiottito non tanto dalla potenza delle armi, quanto dalla potenza del
dollaro (...]. In questa occasione la classe dominante in URSS è sempli­
cemente la borghesia internazionale, che sfrutta anche il proletariato
russo grazie all’utile mediazione dell'oligarchia burocratica staliniana.
Entro breve tempo, tuttavia, risulta evidente che l'ipotesi ultra-impcria-
listica [...] non regge più: la Russia di Stalin affronta la guerra fredda
con risolutezza ed aggressività, rifiuta i prestiti del piano Marshall, mct-278

27. Borbiago, Edizioni sociali, 1975.


28. Roma, Edizioni sociali, 1976.

174
tc in opera il blocco di Berlino, appoggia il colpo di Stato-rivoluzione
di Praga, appoggia la definitiva liquidazione del fantoccio degli ameri­
cani Chiang Kai-shek, interviene nel conflitto coreano25.
Nel luglio del 1951 a chi chiedeva «Quale la nuova classe che attra­
verso questo Stalo esercita la propria dittatura?»”, Bordiga rispose che la
classe dominante nella Russia Sovietica non era la burocrazia:
Che cosa precisamente è la classe? Un insieme di persone? Detto
male. È invece una "rete di interessi"11.
Ma non precisò quali fossero i fili di questa «rete».
Per idcnticarc la classe dominante il problema era vedere se la buro­
crazia o, meglio, una parte di essa non svolgesse anche il ruolo di bor­
ghesia imprenditoriale. Nella Russia di Stalin un settore dell'alta buro­
crazia dello Stato e del parlilo unico dirigeva non soltanto in campo am­
ministrativo e politico, ma anche in quello economico. Non era forse quel
ristretto nucleo di persone al cui vertice si trovavano Stalin, Molotov,
Kaganovic, Mikojan e Vorosilov a decidere quanti miliardi di rubli inve­
stire nell’acciaieria di Magnilogorsk, quanti nel complesso chimico di
Bobrikovo, quanti, invece, nell'industria lessile?
Abbiamo scritto che la dose di sostiluzionismo nel rapporto fra partilo
e classe operaia fu al diapason nella storia della Russia sovietica. La
stessa cosa si può dire per il rapporto fra partito e classe borghese. Il nu­
cleo dirigente del partilo staliniano fu il partilo della borghesia sovietica,
l'organismo che, in assenza della borghesia sociologicamente intesa, agì
in campo politico ed economico per difendere gli interessi generali e
permanenti del capitale sovietico anche contro gli interessi economici
immediati della burocrazia statale e partitica. Se gli staliniani, invece di
cercare con ogni mezzo (autarchia, mastodontico apparato militare, ccc.)
di opporsi al dollaro, avessero aperto le porle al capitale lìnanziario -
parliamo di ciò che avrebbero potuto lare gli staliniani nel 1948, non
Gorbaccv alla fine degli anni Ottanta -, che cosa avrebbe loro impedito
di avere privilegi economici anche superiori a quelli ricavali dall'essere i
beneficiari del plusvalore estorto alla classe operaia sovietica? In fondo,
il reddito derivante dal plusvalore degli operai, stante l’arretratezza del­
l'economia (dietro lo schermo ingannevole degli alti tassi di sviluppo) e
stante la quota destinala alle spese militari, era, in definitiva, modesto,
cioè non aveva nulla a che vedere con i redditi degli industriali e dei ban­
chieri d'Occidcntc. Il nucleo dirigente del partito staliniano fu il partilo
della borghesia sovietica, un "ordine dei portatori di spada"; tragedia sto-29301

29. B. Bongiovanni, L'anlistalinismo di sinistra..., cit., pp. 341-342.


30. «Prometeo», n. cit., ora in O. Damen, Bordiga. Validità e limiti di un'espe­
rienza, Milano, EP1, 1971.
31. Ibidem..

175
rica Tu il fatto che gli staliniani fossero convinti di essere il partito della
classe operaia e di agire in nome del proletariato, e soprattutto il fatto
che di ciò fossero convinti anche milioni di lavoratori in Russia e nel
mondo.

176
Nomi citati

Abramov, F.A., 131 Chaulicu, P. vedi Castoriadis, C.


Agnelli, 63 Chiang Kai-shek, 47, 57, 175
Amal'rik, A., 78 Chrusccv, N.S., 21-23, 63-64, 71, 74,
Andrcotti, G., 137 78, 82-84, 92, 95-97, 110, 114-115,
Andropov, J.V., 107 122, 129, 150-151, 153, 155
Armstrong, 63 Ciccrin, G.V., 47
Aulhicr, D., 163 Cliff, T„ 15, 86, 160, 172
Coslantino il Grande, 30
Babeuf, F.N ., 57 Craxi, B., 137
Barrot, J., 163
Bauer, O., 85 Damcn, O., 17, 175
Belov, V., 131 Danilevskij, N.J., 21
Berdjaev, N.A., 131 Davies, R.W., 26, 34, 37-39
Berija, L.P., 60, 80, 83 Dawes, C.G ., 45
Bettelheim, C., 34, 51, 164 Denikin, A.I., 36, 45
Bljuchcr, V.K., 80 Depretis, A , 17
Boffa, G„ 80 Dculschcr, I., 40, 4-498
Bongiovanni, B., 15, 18, 44, 160, 162- Dimitrov, G.M., 47
163, 167, 172 175 Djilas, M., 86
Bonomi, P„ 119, 124 Dogadov, A.I., 53
Bordiga, A., 7-8, 14 18, 25, 44, 56, 76, Dolgorukij, 17
85-89,93, 111, 118, 157, 160, 171-175
Borodin, M.M., 47 Egorov, A.I., 80
Boubdil, A., 11-13 El'eyn, B.N., 14, 64, 77-78, 97, 99, 124-
Brandlcr, H., 46, 164 125, 129, 133, 141, 148, 150, 154-
Bre/nev, L.I., 12, 19, 22, 66, 74, 78, 89- 155, 158, 170
90, 95, 97, 100-101, 104-105, 107, Engels, F„ 12-13,31,57, 84, 135
110, 122-123, 128-130, 139, 150, Erenburg, I.G., 83
153, 155 Evtusenko, E.A., 83
Brüning, H., 39 Ezov, N.I., 60-61
Bucharin, N.I., 29, 33, 54, 59
Buonarroti, F„ 57 Fedorov, 158
Burnham, J., 85, 169 Fischer, R„ 47, 55-56, 163
Franco, F., 48
Cannon, J.P., 56, 67, 84 Friedman, M., 12
Carr, E H., 26-30, 32, 34, 37-39, 46, 54-
57,84 ’ Gogol’, N.V., 20
Casloriadis, C., 85-86, 160-161, 171 Gorbaecv, M.S., 10, 12, 14, 21-22, 77,
Cemenko, K.U., 107 79, 94, 97, 100, 107, 110, 117, 119,
Cemomyrdin, V., 158 121-124, 128-130, 132-133, 135-136,
Chamberlin, W.H., 45 138-141, 148, 150, 153-155, 175

177
Gorier, H., 160, 162 MaoTse-tung, 16,78, 83-84
Grancelli, B., 144 Marshall, G.C., 77, 165,
Grilcwicz, A., 164 Marx, K„ 8, 12-14, 57, 139
Grilli, L„ 87 Maslow, A., 46, 55-56, 163
Guglielmo II, 17 Massenzio, 30
Mattcolti, G., 172
Biro Hilo, 17 Mattick, P„ 162
Hiller, A., 17, 39, 42-43, 62, 70, 158, 171 Medvedev, R., 132
Hoover, H.C., 23, 39 Mcl'nicanskij, G.N., 53
Mensikov, M., 74
Ivan il Terribile, 23, 26, 60 Michal'kov, N., 131
Mikojan, A.I., 43, 54, 60, 78, 175
Jagoda, G.G., 60 Millerrand, F., 11
Jaguzinskij, 74 Mjasnikov, G.I., 55
Janaev, 129 Molotov, V.M., 41, 43, 52, 54, 60, 78-
Jaruzelski, W., 156 79, 175
Jazov, D., 158 Monattc, P., 56
Morgan, 63
Kaganovic, L.M., 41, 43, 52, 54, 60, 78-
Munis, G., 170
79, 175
Mussolini, B„ 39, 135, 171
Kalinin, M.I., 53
Kamenev, L.B., 33, 43 Napoleone I, 74
Kalz, I., 163 Nemcinov, V., 95
Keynes, J.M., 11-14 Nenni, P., 84
Kirov, S.M., 41, 54, 60, 65, 148 Nicola II, 26
Kobakov, I.D., 41 Nin, A., 170
Kolcak, A.V., 36, 45 Nixon, R„ 12
Konev, I.S., 80 Nove, A., 33, 39
Korsch, K„ 56, 160, 163
Kosygin, A.N., 74, 95 Ordjonikidze, G.K., 17, 52, 60, 92
Krasin, L.B., 40
Kraveuk, L„ 158 Pannckoek, A., 86, 160, 162-163
Kreslinskij, N.N., 52 Pasternak, B.L., 83
Krupp, 63 Peregalli, A, 160-161, 170.
Kujbisev, V.V., 52, 60 Pérel, B„ 170
Kun, Bela, 45 Pcron, J.D., 135
Kunaev, 132 Perronc, O., 173
Kurbalov, 74 Petrovna, ()., 11-13
Kutuzov, M.I., 18 Pietro il Grande, 17, 23, 26, 62, 74-75,
80-81
Lenin, V.I., 7, 12, 14, 17, 28-29, 35, 37, Pjatakov, G.L., 33
43-44, 46, 51-52, 55-56, 58, 67, 75, Popov, G., 129
86, 135, 162, 164, 169 Preobra/cnskij, E.A., 33, 52
Leriski, J., 47 Procacci, G., 38, 75
Leont'ev, L., 95
Lewin, M., 27, 34, 37, 51-52, 69, 131 Rakovskij, C.G., 48-49, 52, 54, 91, 166
Liberman, E., 95 Reagan, R., 135, 141
Ligacev, E.K., 134-135, 154 Rizzi, B„ 85-86, 160-161, 170-171
Lincoln, A., 23 Rockefeller, 63
Rokossovskij, K.K., 18
Macharadze, F.E., 52 Romanov, G., 107, 148
Malenkov, G.M., 71, 81, 95, 97, 110, Roosevelt, F.D., 23, 39, 134, 171
116, 122-123, 153 Rosmer, A., 56

178
Rotschild, 63 Thyssen, 63
Rubens, P.P., 86 Tito, J.B., 93
Ruffolo, G., 11-13 Togliatti, P., 47, 84
Rühle, O., 163 Tomskij, M.P., 38, 53, 59
Rybakov, A., 60-61 Trotsky, L.D., 18, 25, 28-30, 32-35, 40,
Rykov, A.I., 53, 59 43, 46, 52-58, 66, 68, 85, 91, 160-
Sacharov, A.D., 131-132 162, 164-169, 172
Safirov, P.P., 74 Trotsky, N. Sedova, 170
Schwarz, E., 163 Tuchacevskij, M.N., 80
Serebrjakov, L.P., 52
Uglanov, N.A., 54
Scrcmctev, B., 17
Ulbricht, W., 46
Shachtman, M., 169
Urbanhs, H., 160, 163-166
Smirnov, A.P., 53
Sobcak, A., 129, 148 Varejkis, I.M., 41
Solzenicyn, A,I., 83, 131-132 Vasilcvskij, A.M., 80
Souvarine, B., 56 Vlassov, A.A., 70
Spengler, O., 14 Volcker, P., 12
Stalin, I.V., 7-8, 11-13, 15, 17-18, 21, Vorosilov, K.E., 18, 41, 43, 60, 78, 92,
25-26, 29, 33-34, 37-39, 41, 43-44, 175
46-47, 52, 54-56, 58-61, 63-64, 67- Vrangel', P.N., 36
68, 70-72, 75, 78-80, 82-84, 87, 92,
95-96, 110, 116, 124, 137, 150, 153, Weber, H., 164
155, 158-159, 164, 169, 170, 173-175
Suvorov, A.V., 18 Yanov, A., 19, 94, 104, 131
Young, O.D., 45
Tacchinardi, R., 160-161, 170
Tarkovskij, A., 131 Zaslavsky, V., 134
Thalhcimer, A., 47, 164 Zinov'ev, G.E., 29, 33, 43, 47, 54, 165
Thälmann, E., 47, 55 Zirinovskij, V.W., 132
Thatcher, M., 135 Zuganov, G.A., 11, 13, 124
Thorez, M., 47, 84 Zukov, G.K., 18,80

179
graphos

Arturo Pcrcgalli
L'altra Resistenza
Il PCI c le opposizioni di sinistra (1943-1945)
L. 45.000

Christian Riechers
Gramsci e le ideologie del suo tempo
L. 35.000

Cesare Salctta
Per il revisionismo storico
contro Vidal-Naquet
L. 16.000

Amadco Bordiga
Il rancido problema del Sud italiano
L. 16.00

Philippe Bourrinet
Alle origini del comuniSmo dei consigli
Storia della sinistra marxista olandese
L. 58.000

Lucien Laurat
Stalin, la linguistica e l'imperialismo russo
L. 14.000

Philippe Bourrinet
Ante Ciliga (1898-1992)
Nazionalismo e comuniSmo in Jugoslavia
L. 22.000

Roger Garaudy
I miti fondatori della politica israeliana
L. 28.000
Paul Rassinier
La menzogna di Ulisse
L. 38.000

Grigorij Evsccvic Zinov'ev


La formazione del Partito bolscevico
1898-1917
L. 35.000

Angelo Vivantc
Irredentismo adriatico
Dal covo dei "traditori"
L. 38.000

Il caso Faurisson
e il revisionismo olocaustico
Testi di Noam Chomsky,
Robert Faurisson, Serge Thion
Saggio introduttivo di Cesare Salctta
L. 28.000

Carlo Mattogno
Da Cappuccetto Rosso ad... Auschwitz
Risposta a Valentina Pisanty
L. 32.000

Hans Erich Kaminski


Bakunin
Vita di un rivoluzionario
L. 42.000
AMADEO BORDIGA
SCRITTI 1911-1926
A cura di Luigi Gerosa

1.
Dalla guerra di Libia
al congresso socialista di Ancona
1911-1914
568 pp - Lit. 65.000
L'organizzazione dei giovani socialisti in Campania - Il nazionalismo, la de­
mocrazia giolittiana e l'impresa di Tripoli - Socialismo e antimilitarismo - La
polemica con il gruppo sindacalista e i socialisti riformisti di Napoli - La na­
scita del circolo rivoluzionario Carlo Marx - Il congresso socialista di Reggio
Emilia - La lotta contro la massoneria - Il congresso giovanile di Bologna -
La polemica ''anticulturista'' con Tasca e Salvemini - La guerra nei Balcani c
il congresso socialista intemazionale di Basilea - I socialisti di Napoli c il de­
creto-catenaccio del 1913 - Lo sciopero dei metallurgici milanesi - Il «Soldo
al soldato» - 11 PSI e le elezioni politiche generali del 1913: la lotta elettorale
a Napoli c a Roma - Il "blocco popolare" a Napoli - Democrazia c sociali­
smo - Il congresso socialista di Ancona - La Settimana rossa e le elezioni
amministrative a Napoli

2.
La guerra, la rivoluzione russa
e la nuova Internazionale
1914-1918
568 pp - Lit. 75.000
La Seconda Intemazionale c il PSI di fronte alla guerra mondiale - La batta­
glia del settimanale «Il Socialista» per la neutralità assoluta dell'Italia nel
conflitto - L'interventismo democratico - Il voltafaccia di Mussolini, la sua
espulsione dal partito c la fondazione del «Popolo d'Italia» - L'odissea dei
volontari garibaldini in Francia - L'interventismo di sinistra e il mito della
"guerra rivoluzionaria" - La campagna per l'amnistia ai condannati politici e
alle vittime della reazione - Il convegno socialista di Bologna del maggio
1915-11 socialismo rivoluzionario e la guerra - Il dibattito sulla pace c le
prospettive del dopoguerra - Alla direzione del settimanale «L'Avanguar­
dia» - La costituzione della frazione rivoluzionaria intransigente - La rivolu­
zione russa, lo scioglimento dell'Assemblea Costituente e la pace di Brcst-
Litovsk - L'Unione Sindacale Italiana di fronte alla guerra e alla rivoluzione
in Russia - Le caratteristiche della nuova Intemazionale
Il nucleo dirigente del partito staliniano, in assenza della borghe­
sia sociologicamente intesa, ha agito in campo politico ed economi­
co per difendere gli interessi generali e permanenti del capitale
sovietico anche contro quelli immediati della burocrazia statale e
partitica. Questo nucleo dirigente è stato un ordine di "portatori di
spada"; tragedia storica è stato il fatto che gli stalinisti fossero con­
vinti di essere il partito della classe operaia e di agire in nome del
proletariato.

L. 32.000