Sei sulla pagina 1di 137

APPUNTI FISICA II

(ELETTROMAGNETISMO E
ONDE)
Fisica II
Politecnico di Milano
136 pag.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
APPUNTI FISICA 2
Di Ferdinando Terminiello

Indice Analitico
PARTE 1 .............................................................................................................................................................. 4
0.A) CLASSIFICAZIONI DELLE 4 FORZE PRINCIPALI ........................................................................................... 4
0.B) CLASSIFICAZIONE PARTICELLE ELEMENTARI............................................................................................. 5
0) CARICA ELETTRICA E FORZA DI COULOMB ............................................................................................... 5
FORZA DI COULOMB ...................................................................................................................................... 6
CAMPO ELETTRICO ........................................................................................................................................ 7
1) CONCETTO DI FLUSSO E TEOREMA DI GAUSS .......................................................................................... 8
CONCETTO DI FLUSSO ................................................................................................................................... 8
CALCOLO DEL FLUSSO................................................................................................................................ 8
CASO PARTICOLARE ................................................................................................................................... 9
LA LEGGE DI GAUSS ....................................................................................................................................... 9
DEFINIZIONE DI ANGOLO SOLIDO ............................................................................................................. 9
DIMSTRAZIONE LEGGE DI GAUSS ............................................................................................................ 10
1)Dimostrazione di gauss per un campo elettrostatico prodotto da una carica puntiforme su una
superficie 𝑑𝑆. ....................................................................................................................................... 10
2)Il teorema di Gauss è applicabile soltanto per cariche interne........................................................ 11
3)Il teorema di Gauss vale indipendentemente dal fatto che la carica sia puntiforme. ..................... 13
TEOREMA DI GAUSS NELLA FORMULAZIONE LOCALE ................................................................................ 13
2) CALCOLO DEL POTENZIALE ..................................................................................................................... 15
A) CARICHE AL FINITO .............................................................................................................................. 15
B) DISTRIBUZIONE DI CARICA ANCHE ALL’INFINITO ................................................................................ 16
PIANO INIFITO DI CARICHE .......................................................................................................................... 16
3) RELAZIONI LOCALI DEL CAMPO .............................................................................................................. 17
RELAZIONI TRA CAMPO ELETTRICO E POTENZIALE ..................................................................................... 17
SUPERFICIE EQUIPOTENZIALE ..................................................................................................................... 18
CONDIZIONI DI RACCORDO DEL CAMPO IN PRESENZA DI DISTRIBUZIONI 𝜎 DI CARICA SUPERFICIALE. .... 19
IRROTAZIONALITA’ DEL CAMPO .................................................................................................................. 20
4) ENERGIA POTENZIALE E POTENZIALE ELETTRICO .................................................................................. 21
LAVORO PER INSIEME DI CARICHE .............................................................................................................. 22
POTENZIALE ................................................................................................................................................. 23
CIRCUITAZIONE (Lo spostamento della carica lungo una linea chiusa)....................................................... 24
5) EQUILIBRIO IN UN CAMPO ELETTRICO ................................................................................................... 25

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
EQUAZIONE DI POISSON.............................................................................................................................. 26
EQUAZIONE DI LAPLACE .............................................................................................................................. 27
6) CONDUTTORI........................................................................................................................................... 27
SISTEMI DI CONDUTTORI ............................................................................................................................. 27
CONDENSATORI ........................................................................................................................................... 30
CALCOLO CAPACITA’ CONDENSATORI ..................................................................................................... 30
Condensatore sferico........................................................................................................................... 30
Condensatore piano ............................................................................................................................ 31
Condensatore cilindrico....................................................................................................................... 32
COLLEGAMENTI DEI CONDENSATORI .......................................................................................................... 33
CONDENSATORI IN PARALLELO ............................................................................................................... 33
CONDENSATORI IN SERIE......................................................................................................................... 34
ENERGIA IMMAGAZZINATA ALL’INTERNO DI UN CONDENSATORE ............................................................ 35
ENERGIA POTENZIALE CONFIGURAZIONALE ............................................................................................... 36
CAMPO ELETTROSTATICO E POTENZIALE (NEI CONDUTTORI) .................................................................... 39
CONDUTTORE CAVO (SCHERMO ELETTRICO) .......................................................................................... 40
ALTRA PROPRIETA’ DELLO SCHERMO ELETTROSTATICO ......................................................................... 42
TEOREMA DI COULOMB .............................................................................................................................. 43
DIMOSTRAZONE (MATEMATICA) ............................................................................................................ 43
DIMOSTRAZIONE DI TIPO FISICO ............................................................................................................. 44
PRESSIONE ELETTROSTATICA ...................................................................................................................... 45
CAPACITA’ DI UN CONDUTTORE ISOLATO................................................................................................... 45
CAPACITA’ DI UNA SFERA ............................................................................................................................ 47
ENERGIA POTENZIALE ELETTROSTATICO ..................................................................................................... 48
7) DIELETTRICI E POLARIZZAZIONE NELLA MATERIA ................................................................................. 49
DIELETTRICO NON POLARE (POLARIZZAZIONE PER DEFORMAZIONE) ........................................................ 50
DIELETTRICI POLARI (POLARIZZAZIONE PER ORIENTAZIONE) ..................................................................... 51
LIVELLO MACROSCOPICO ............................................................................................................................ 52
RELAZIONE LOCALE...................................................................................................................................... 56
8) CORRENTI ELETTRICHE ............................................................................................................................ 59
INTENSITA’ DI CORRENTE E DENSITA’ DI CORRENTE................................................................................... 60
EQUAZIONE DI CONTINUITA’ DELLA CORRENTE ELETTRICA ....................................................................... 62
9) LEGGE DI OHM ........................................................................................................................................ 64
MODELLO DI CONDUZIONE ELETTRICA DRUDE E LORENTZ ........................................................................ 64
LEGGE DI OHM ........................................................................................................................................... 65
LEGGE DI OHM PER I CONDUTTORI METALLICI ........................................................................................... 66

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
10) EFFETTI TERMICI (EFFETTO JOULE) ..................................................................................................... 67
GENERATORE DI FORZA ELETTROMOTRICE ................................................................................................ 68
PARTE 2 ............................................................................................................................................................ 70
0) MAGNETOSTATICA.................................................................................................................................. 70
DIFFERENZA CON LA FORZA ELETTRICA ...................................................................................................... 70
LINEE DI FORZE MAGNETICHE ..................................................................................................................... 71
CAMPO MAGNETICO ................................................................................................................................... 71
ESPERIMENTO OERSTED-AMPERE............................................................................................................... 71
FORZA DI LORENTZ ...................................................................................................................................... 72
LEGGI DI LAPLACE ........................................................................................................................................ 73
PRIMA LEGGE DI LAPLACE ....................................................................................................................... 73
LEGGE DI BIOT-SAVART ....................................................................................................................... 74
SECONDA LEGGE DI LAPLACE .................................................................................................................. 74
FORZE TRA CIRCUITI PERCORSI DA CORRENTI ............................................................................................ 76
LE SORGENTI DI B E LA SUA DIVERGENZA ................................................................................................... 78
LA LEGGE DI AMPERE E IL ROTORE DI B ...................................................................................................... 79
FORMA LOCALE DI AMPERE .................................................................................................................... 81
CAMPO B GENERATO DA UN SOLENOIDE ................................................................................................... 81
EFFETTO HALL .............................................................................................................................................. 84
EQUIVALENZA FRA MAGNETI E SPIRE ......................................................................................................... 86
1) MAGNETISMO NELLA MATERIA ............................................................................................................. 90
DIAMAGNETICI E PARAMAGNETICI ............................................................................................................. 92
DIAMAGNETICI ........................................................................................................................................ 93
PARAMAGNETICI ..................................................................................................................................... 93
LEGGE DI AMPERE ....................................................................................................................................... 94
IN FORMA LOCALE ................................................................................................................................... 94
NEL CASO PARTICOLARE DI UN SOLENOIDE ............................................................................................ 94
INTENSITA’ DI MAGNETIZZAZIONE .............................................................................................................. 94
NEI DIAMAGNETICI E PARAMAGNETICI................................................................................................... 96
CONDIZIONI DI RACCORDO FRA DUE MATERIALI MAGNETICI .................................................................... 97
2) LEGGI DI FARADAY-LENZ....................................................................................................................... 100
ESPERIMENTI DI FARADAY......................................................................................................................... 100
LEGGE DI FARADAY .................................................................................................................................... 102
INDUZIONE DI MOVIMENTO E FLUSSO TAGLIATO .................................................................................... 103
INDUZIONE DI TRASFORMAZIONE ............................................................................................................ 107
MUTUA E AUTOINDUZIONE ...................................................................................................................... 108

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
INDUTTANZE IN SERIE O IN PARALLELO .................................................................................................... 111
3) DENSITA’ DI ENERGIA DEL CAMPO MAGNETICO ................................................................................. 112
IN UN SOLENOIDE ...................................................................................................................................... 112
4) EQUAZIONI DI MAXWELL...................................................................................................................... 113
5) ONDE ELETTROMAGNETICHE ............................................................................................................... 115
ONDE PIANE............................................................................................................................................... 116
ONDA PIANA SINUSOIDALE ................................................................................................................... 120
POLARIZZAZIONE DI UN’ONDA .................................................................................................................. 122
ONDE SFERICHE ......................................................................................................................................... 124
DENSITA’ DI ENERGIA ASSOCIATA ALLA PRESENZA DI ONDE ELETTROMAGNETICHE .............................. 124
TEOREMA DI POYNTING ............................................................................................................................ 125
IMPULSO TRASPORTATO DALLE ONDE ELETTROMAGNETICHE ................................................................ 128
6) SORGENTI CAMPI ELETTROMAGNETICI ............................................................................................... 129
7) SPETTRO ONDE ELETTROMAGNETICHE................................................................................................ 136

PARTE 1
0.A) CLASSIFICAZIONI DELLE 4 FORZE PRINCIPALI

CLASSIFICAZIONI DELLE 4 FORZE


PRINCIPLI
GRAVITA'
L’interazione INTERAZIONE DEBOLE ELETTROMAGNETISMO
gravitazionale è INTERAZIONE FORTE L’interazione nucleare L’interazione
fondamentale nella vita L’interazione forte è debole è responsabile elettromagnetica è
di tutti giorni, in quanto responsabile dei legami del decadimento importante per la
responsabile della nel nucleo e del radioattivo beta del struttura e le interazioni
gravità. Il suo raggio decadimento della nucleo e di altri processi delle particelle
d’azione è infinito ma maggior parte delle di decadimento delle fondamentali. Il raggio
alla scala delle particelle fondamentali. particelle fondamentali. d’azione r è infinito e la
interazioni tra particelle Ha un raggio d’azione Non ha particolare dipendenza della forza
subatomiche i suoi molto limitato influenza sui legami elettromagnetica dalla
effetti sono del tutto nuclear distanza varia come 1/r2
trascurabili.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
0.B) CLASSIFICAZIONE PARTICELLE ELEMENTARI

ADRONI
(RISENTONO DELLA FORZA
LEPTONI NUCLEARE FORTE; NON SONO
(NON RISENTONO DELLA FORZA PARTICELLE FONDAMENTALI:
NUCLEARE FORTE) SONO COMPOSTI DA
PARTICELLE PIU' PICCOLE DETTE
QUARK)

PROTONE
ELETTRONE e-

MUONE μ- NEUTRONE

TAU τ-

NEUTRINO ADRONI COMPOSTO DA DUE


ELETTRONICO ve QUARK FORMANO I MESONI.
ADRONI COMPOSTI DA TRE
QUARK FORMANO BARIONI
NEUTRINO
MUONICO vμ

NEUTRINO DEL
TAU vτ

0) CARICA ELETTRICA E FORZA DI COULOMB


La carica elettrica è espressione di una proprietà intrinseca della materia ed è la
grandezza fisica responsabile delle interazioni elettriche. Le cariche elettriche
possono essere positive (protoni) e negative (elettroni). I corpi in natura sono
generalmente neutri, ovvero hanno lo stesso numero di cariche positive e negative;
se un corpo è elettricamente carico può esserlo positivamente (mancanza di
elettroni) o negativamente (eccesso di elettroni).

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
I corpi macroscopici si possono suddividere in isolanti, nei quali la carica elettronica
non è libera di muoversi; conduttori, in cui gli elettroni (detti di conduzione) si
possono muovere liberamente attraverso il corpo, e semiconduttori, in cui le cariche
si possono muovere sotto determinate condizioni. I corpi isolanti si possono caricare
elettricamente per strofinio (triboelettricità), acquistando o cedendo elettroni ad un
altro corpo (a seconda della posizione relativa nella serie triboelettrica). I conduttori
si possono caricare elettricamente per strofinio solo se opportunamente isolati
dall’ambiente circostante.

La carica elettrica ha le seguenti proprietà, dedotte sulla base di evidenze


sperimentali:
(i) Cariche dello stesso segno si respingono, cariche di segno opposto si
attraggono;
(ii) La carica elettrica è quantizzata, ovvero i valori assunti dalla carica elettrica
sono multipli interi di una quantità minima indivisibile, pari in modulo alla
carica dell’elettrone (o del protone), indicata con e [quantizzazione della
carica elettrica]. I modelli teorici e le evidenze sperimentali più recenti
prevedono anche l’esistenza di particelle con carica frazionaria, i quark
(con carica -1/3 e oppure +2/3 e), che tuttavia non sono fino ad oggi mai
stati osservati come particelle libere;
(iii) La carica elettrica si conserva in un sistema isolato, il quale cioè non ha
scambi di materia attraverso la frontiera o superficie che lo delimita
[conservazione della carica elettrica];
(iv) La carica elettrica è un invariante, cioè non dipende dal sistema di
riferimento ovvero dallo stato di moto del corpo o della particella che
possiede la carica [invarianza della carica elettrica].
FORZA DI COULOMB
Forza di Coulomb Il modulo della forza F che si esercita tra due cariche puntiformi 𝑞1
e 𝑞2 poste a distanza r nel vuoto è data dalla forza di Coulomb:

dove la costante

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
𝐶2
𝜀0 = 8.85 × 10−12 è detta costante dielettrica del vuoto. Nella materia la forza
𝑁𝑚
elettrostatica tra cariche diminuisce ed 𝜀0 è sostituita dalla costante dielettrica
(assoluta) del mezzo 𝜀 = 𝜀0 𝜀𝑟 , dove 𝜀𝑟 > 1è la costante dielettrica relativa
(adimensionale) che dipende dal materiale. La forza di Coulomb tra due cariche
puntiformi ha natura vettoriale, agisce lungo la congiungente le due cariche, cioè è
una forza centrale (e conservativa), è inversamente proporzionale alla loro distanza r
ed è attrattiva se le cariche hanno segno diverso o repulsiva se hanno lo stesso
segno. La forza che una carica 𝑞1 esercita su una carica 𝑞2 , 𝐹12 , è quindi data da:

Se in una regione di spazio sono presenti n cariche, vale il principio di


sovrapposizione.
CAMPO ELETTRICO
In ogni punto P dello spazio si può definire un campo elettrostatico 𝐸(𝑃) come la
forza, dovuta a tutte le cariche (sorgenti) presenti, agente su una carica sonda q
molto piccola (al limite, tendente a zero), divisa per la carica sonda stessa, ovvero la
forza totale agente su una carica unitaria posta in P:

con 𝑟𝑖 distanza tra 𝑞𝑖 𝑒 𝑞 e 𝑢𝑖 versore diretto da 𝑞𝑖 𝑎 𝑞. Le cariche che generano il


campo elettrostatico sono dette cariche sorgenti. Il campo elettrostatico prodotto
da una singola carica puntiforme ha direzione radiale. Anche per il campo
elettrostatico vale il principio di sovrapposizione: il campo elettrostatico prodotto da
un insieme di cariche è dato dalla somma vettoriale dei campi prodotti dalle singole
cariche.

Nel caso di distribuzione continua di carica (sorgente), la sommatoria è sostituita da


un integrale vettoriale esteso a tutta la distribuzione di carica.

L’unità di misura del campo elettrico nel SI è Newton/Coulomb (N/C) [oppure


Volt/metro (V/m)]. Le proprietà del campo elettrostatico sono descrivibili mediante
una rappresentazione grafica, le linee di forza del campo elettrostatico, definite

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
come quelle linee orientate tangenti in ogni punto al campo elettrostatico E, il cui
verso è concorde a quello del campo stesso. Esse hanno le seguenti proprietà: - per
ogni punto passa una sola linea di forza, ovvero le linee di forza non si intersecano
mai; - le linee di forza originano dalle cariche sorgenti positive e terminano su quelle
negative; se al finito vi sono cariche di un solo segno, esse terminano all’infinito; - le
linee di forza si addensano ovvero sono più fitte dove il campo elettrostatico è più
intenso (nello spazio tridimensionale il numero di linee per unità di superficie è
proporzionale all’intensità del campo elettrostatico).

1) CONCETTO DI FLUSSO E TEOREMA DI GAUSS


CONCETTO DI FLUSSO
Si considera:
1) UN CAMPO VETTORIALE
2) UNA SUPERFICIE ORIENTATA
CALCOLO DEL FLUSSO
Il flusso è definito come il numero di
linee di forza che attraversano la
superficie orientata.
Il flusso dipende da:
1) Orientamento della superficie
2) Intensità del campo
3) Estensione della superficie

Il flusso elementare del campo elettrostatico attraverso un


elemento di superficie orientata è definito come:
𝑑𝜙(𝐸⃗ ) = 𝐸⃗ ∙ 𝑢
⃗⃗⃗⃗𝑛 𝑑𝑆
Il flusso del campo E attraverso una superficie qualsiasi è dato da:

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
𝜙 = ∫ 𝐸⃗ ∙ ⃗⃗⃗⃗
𝑢𝑛 𝑑𝑆

CASO PARTICOLARE
Se la superficie è piana e il campo elettrostatico è uniforme, il
flusso è dato dal semplice prodotto scalare del campo per la
superficie.
𝜙 = 𝐸⃗ ∙ ⃗⃗⃗⃗
𝑢𝑛 𝑆
Il flusso massimo su ha con un’orientazione della superficie
perpendicolare alle linee di forze del campo. Line di campo
parallele alla normale della superficie.
Se la superficie è chiusa per convenzione si assume il versore
uscente in ogni punto della superficie.
Se il flusso uscente, E concorde con la normale.
Se il flusso è entrante, E discorde con la normale.
LA LEGGE DI GAUSS
La legge di Gauss afferma che il flusso del campo elettrostatico attraverso
una superficie chiusa prodotto da una distribuzione qualsiasi di carica è
paria a:
∑𝑞
𝜙(𝐸 ) =
ε0
Dove le cariche considerate sono le cariche interne alla superficie
gaussiana che consideriamo.
DEFINIZIONE DI ANGOLO SOLIDO
Consideriamo due semirette uscenti da un punto O, formanti tra loro un
angolo 𝑑𝜃. Se una delle due rette inizia a ruotare attorno all’altra retta
(mantenuta fissa) si genera un cono, più precisamente il movimento della
retta descrive un angolo solido. Quindi l’angolo solido è una porzione di

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
spazio, la cui misura può essere effettuata intercettando una calotta di
superficie 𝑑𝑆 di una sfera di raggio R e centro O.
𝑑𝑆𝑠𝑓𝑒𝑟𝑎
𝑑Ω =
𝑅2
Integrando su tutto lo spazio si ottiene l’angolo 4𝜋.
DIMSTRAZIONE LEGGE DI GAUSS
1)Dimostrazione di gauss per un campo elettrostatico prodotto da una carica
puntiforme su una superficie 𝑑𝑆.
Consideriamo una superficie chiusa e una carica Q al suo interno

Consideriamo un cono infinitesimo che intercetta una superficie


infinitesima 𝑑𝑆.
Calcolando il flusso elementare abbiamo che

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
1 𝑄 1 𝑄
𝑑𝜙 = 𝐸⃗ ∙ 𝑢
⃗ 𝑛 𝑑𝑆 = 𝑢
⃗ 𝑟 ∙ ⃗⃗⃗⃗
𝑢 𝑛 𝑑𝑆 = 𝑑𝑆𝑐𝑜𝑠𝜃 =
4𝜋𝜀0 𝑟 2 4𝜋𝜀0 𝑟 2
Dove
𝜃 𝑟𝑎𝑝𝑝𝑟𝑒𝑠𝑒𝑛𝑡𝑎 𝑙′ 𝑎𝑛𝑔𝑜𝑙𝑜𝑓𝑜𝑟𝑚𝑎𝑡𝑜 𝑡𝑟𝑎 𝑢𝑟 (𝑣𝑒𝑟𝑠𝑜𝑟𝑒 𝑑𝑒𝑙 𝑐𝑎𝑚𝑝𝑜 𝑒𝑙𝑒𝑡𝑡𝑟𝑜𝑠𝑡𝑎𝑡𝑖𝑐𝑜)
𝑒 𝑢𝑛 (𝑣𝑒𝑟𝑠𝑜𝑟𝑒 𝑑𝑒𝑙𝑙𝑎 𝑠𝑢𝑝𝑒𝑟𝑓𝑖𝑐𝑖𝑒 𝑜𝑟𝑖𝑒𝑛𝑡𝑎𝑡𝑎).
Di conseguenza
𝑑𝑆𝑐𝑜𝑠𝜃 𝑟𝑎𝑝𝑝𝑟𝑒𝑠𝑒𝑛𝑡𝑎 𝑙𝑎 𝑝𝑟𝑜𝑖𝑒𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑑𝑒𝑙𝑙′ 𝑒𝑙𝑒𝑚𝑒𝑛𝑡𝑜 𝑑𝑖 𝑠𝑢𝑝𝑒𝑟𝑓𝑖𝑐𝑒 𝑑𝑆 𝑠𝑢𝑙𝑙𝑎
𝑠𝑓𝑒𝑟𝑎 𝑑𝑖 𝑟𝑎𝑔𝑔𝑖𝑜 𝑟 𝑒 𝑐𝑒𝑛𝑡𝑟𝑜 𝑠𝑢𝑙𝑙𝑎 𝑐𝑎𝑟𝑖𝑐𝑎 𝑄, 𝑜𝑟𝑡𝑜𝑔𝑜𝑛𝑎𝑙𝑒
𝑎𝑙𝑙𝑎 𝑑𝑖𝑟𝑒𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑢𝑟 𝑐ℎ𝑒 𝑐ℎ𝑖𝑎𝑚𝑖𝑎𝑚𝑜 𝑑𝑆⊥
1 𝑄 1
= 𝑑𝑆 = 𝑄𝑑Ω
4𝜋𝜀0 𝑟 2 ⊥ 4𝜋𝜀0
Si definisce angolo solido come rapporto tra l'elemento di superficie
normale intercettato ed il quadrato della distanza.
Di conseguenza
1 1 𝑄
𝜙=∫ 𝑄𝑑Ω = 𝑄4𝜋 =
4𝜋𝜀0 4𝜋𝜀0 𝜀0
Il teorema di Gauss è una conseguenza legata direttamente alla legge di
Coulomb e alla inversa proporzionalità quadratica del campo con la
carica. Senza questa relazione la legge di Gauss non esisterebbe.
2)Il teorema di Gauss è applicabile soltanto per cariche interne.
DIMOSTRAZIONE

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Considerando una carica esterna alla superficie gaussiana, uno dei tanti
coni infinitesimi che possiamo tracciare sulla superficie intercetta la
superficie stessa per un numero pari di volte.
Consideriamo per semplicità che intercetta due volte la superficie.
Otteniamo quindi due flussi da considerare.
1 𝑄 𝑄 𝑄
𝑑𝜙1 = 𝑢
⃗⃗⃗⃗ ∙ 𝑢 𝑑𝑆 = − 𝑑𝑆 = − 𝑑Ω
4𝜋𝜀0 𝑟12 1 𝑛1 1 4𝜋𝜀0 1 ⊥ 4𝜋𝜀0
𝑓𝑙𝑢𝑠𝑠𝑜 𝑒𝑛𝑡𝑟𝑎𝑛𝑡𝑒 𝑎𝑙𝑙𝑎 𝑠𝑢𝑝𝑒𝑟𝑓𝑖𝑐𝑖𝑒
1 𝑄 𝑄 𝑄
𝑑𝜙2 = 𝑢
⃗⃗⃗⃗ ∙ 𝑢 𝑑𝑆 = 𝑑𝑆 = 𝑑Ω
4𝜋𝜀0 𝑟22 2 𝑛2 2 4𝜋𝜀0 2 ⊥ 4𝜋𝜀0
𝑓𝑙𝑢𝑠𝑠𝑜 𝑢𝑠𝑐𝑒𝑛𝑡𝑒 𝑑𝑎𝑙𝑙𝑎 𝑠𝑢𝑝𝑒𝑟𝑓𝑖𝑐𝑖𝑒
Quindi:
𝑑𝜙2 = −𝑑𝜙1 → 𝑑𝜙1 + 𝑑𝜙2 = 0
Possiamo ripetere il ragionamento per ogni flusso infinitesimo, ottenendo
lo stesso risultato.
Di conseguenza 𝜙𝑐𝑎𝑟𝑖𝑐𝑎 𝑒𝑠𝑡. =0.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
3)Il teorema di Gauss vale indipendentemente dal fatto che la carica sia
puntiforme.
Consideriamo un insieme di cariche
𝜙(𝐸⃗ ) = ∮ 𝐸⃗ ∙ 𝑢
⃗ 𝑛 𝑑𝑆 = (𝑝𝑒𝑟 𝑖𝑙 𝑝𝑟𝑖𝑛𝑐𝑖𝑝𝑖𝑜 𝑑𝑖 𝑠𝑜𝑣𝑟𝑎𝑝𝑝𝑜𝑠𝑖𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 ) =

⃗⃗⃗𝑖 ∙ ⃗⃗⃗⃗
= ∮∑𝐸 𝑢𝑛 𝑑𝑆 = (𝑠𝑓𝑟𝑢𝑡𝑡𝑎𝑛𝑑𝑜 𝑙𝑖𝑛𝑒𝑎𝑟𝑖𝑡à) =
𝑄 𝑖𝑛𝑡𝑒𝑟𝑛𝑎
∑ ∮ 𝐸⃗𝑖 ∙ 𝑢
⃗ 𝑛 𝑑𝑆 = ∑ (𝑐𝑎𝑠𝑜 𝑑𝑖𝑠𝑐𝑟𝑒𝑡𝑜)
𝜀0
𝑖 𝑖

Caso continuo
1
𝑑𝑄 𝑖𝑛𝑡 = 𝜌𝑑𝑉 𝑎𝑙𝑙𝑜𝑟𝑎 𝜙𝑆 (𝐸⃗ ) = ∫ 𝜌𝑑𝑉
𝜀0

TEOREMA DI GAUSS NELLA FORMULAZIONE LOCALE


Il teorema di Gauss può avere significato anche in una forma locale (non
solo considerando l’intera superficie) sfruttando il concetto della
divergenza. Esso è uguale a
𝜌
𝑑𝑖𝑣(𝐸⃗ ) =
𝜀0
Si può dimostrare attraverso il teorema della divergenza oppure con la
seguente dimostrazione:

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Consideriamo un cubo infinitesimo di volume 𝑑𝑉. Immaginiamo dei campi
su duce facce opposte del cubetto.
Abbiamo che il flusso 𝑑𝜙 = 𝑑𝜙𝑥 + 𝑑𝜙𝑦 + 𝑑𝜙𝑧
Calcoliamo il flusso per le facce ortogonali all’asse x, cioè 𝑑𝜙𝑥 .
𝑑𝜙𝑥 = 𝐸⃗ ∙ (−𝑢
⃗ 𝑥 )𝑑𝑦𝑑𝑧 + 𝐸⃗ ′ ∙ (𝑢
⃗ 𝑥 )𝑑𝑦𝑑𝑧 =
Il primo membro il campo è discorde a 𝑢𝑥 , 𝑑𝑦𝑑𝑧 è la superficie.

= (−𝐸⃗𝑥 + 𝐸⃗𝑥′ )𝑑𝑦𝑑𝑧 =

⃗⃗⃗⃗𝑥′ = 𝐸 𝜕𝐸⃗
𝑠𝑖𝑐𝑐𝑜𝑚𝑒 𝐸 ⃗⃗⃗⃗𝑥 + 𝑑𝑥 (𝑣𝑎𝑟𝑖𝑎𝑧𝑖𝑜. 𝑖𝑛𝑐𝑟𝑒𝑚𝑒𝑛𝑡𝑎𝑙𝑒)
𝜕𝑥
𝜕𝐸⃗ 𝜕𝐸⃗
= (−𝐸⃗𝑥 + 𝐸⃗𝑥 + 𝑑𝑥) 𝑑𝑦𝑑𝑧 = 𝑑𝑥𝑑𝑦𝑑𝑧
𝜕𝑥 𝜕𝑥
Stesso ragionamento per gli altri flussi. Otteniamo
𝜕𝐸⃗ 𝜕𝐸⃗ 𝜕𝐸⃗
𝑑𝜙 = 𝑑𝜙𝑥 + 𝑑𝜙𝑦 + 𝑑𝜙𝑧 = 𝑑𝑥𝑑𝑦𝑑𝑧 + 𝑑𝑥𝑑𝑦𝑑𝑧 + 𝑑𝑥𝑑𝑦𝑑𝑧
𝜕𝑥 𝜕𝑦 𝜕𝑧
𝑢𝑔𝑢𝑎𝑔𝑙𝑖𝑎𝑛𝑑𝑜𝑙𝑜 𝑐𝑜𝑛 𝑖𝑙 𝑡𝑒𝑟𝑒𝑚𝑎 𝑑𝑖 𝐺𝑎𝑢𝑠𝑠 𝑜𝑡𝑡𝑒𝑛𝑖𝑎𝑚𝑜:
𝜕𝐸⃗ 𝜕𝐸⃗ 𝜕𝐸⃗ 𝜌𝑑𝑉
𝑑𝑥𝑑𝑦𝑑𝑧 + 𝑑𝑥𝑑𝑦𝑑𝑧 + 𝑑𝑥𝑑𝑦𝑑𝑧 =
𝜕𝑥 𝜕𝑦 𝜕𝑧 𝜀0
𝜕𝐸⃗ 𝜕𝐸⃗ 𝜕𝐸⃗ 𝜌 𝑑𝑥𝑑𝑦𝑑𝑧
( + + ) 𝑑𝑥𝑑𝑦𝑑𝑧 =
𝜕𝑥 𝜕𝑦 𝜕𝑧 𝜀0
𝜌
𝑑𝑖𝑣(𝐸⃗ ) =
𝜀0

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
2) CALCOLO DEL POTENZIALE
A) CARICHE AL FINITO
1 𝑄
Carica puntiforme 𝑉𝑝 =
4𝜋𝜀0 𝑟
1 𝑄𝑖
Insieme di cariche puntiformi 𝑉𝑝 = ∑
4𝜋𝜀0 𝑟𝑖
1 𝑑𝑞 1 𝜌𝑑𝑟
Cariche continue 𝑉𝑝 = ∫ = ∫
4𝜋𝜀0 𝑟 4𝜋𝜀0 𝑟

DIPOLO ELETTRICO

Un dipolo elettrico è una coppia di cariche uguali ma di segno


opposto, poste a distanza piccolissima.
La distanza 2a è molto piccola rispetto a r1 e r2
Calcolando il potenziale abbiamo che
1 𝑄 𝑄 𝑄 𝑟2 − 𝑟1
𝑉𝑃 = ( − )= ( )
4𝜋𝜀0 𝑟1 𝑟2 4𝜋𝜀0 𝑟1 𝑟2
𝑐𝑜𝑛𝑠𝑖𝑑𝑒𝑟𝑖𝑎𝑚𝑜 𝑙𝑎 𝑠𝑒𝑔𝑢𝑒𝑛𝑡𝑒 𝑎𝑝𝑝𝑟𝑜𝑠𝑖𝑚𝑎𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒
𝑟1 𝑟2 ≅ 𝑟 2 𝑒 2𝑎 𝑐𝑜𝑠𝜙 = 2𝑎 𝑐𝑜𝑠𝜃 = (𝑟2 − 𝑟1 )
Questo perché quando il punto P si trova molto lontano rispetto alle
due cariche (e per molto lontano si intende che la distanza dalle
cariche è molto maggiore della distanza fra le due cariche) le cariche
sembreranno coincidere nello spazio creando una carica totale
neutra. Avremmo che 𝑟1 ~𝑟2 ~𝑟. 𝜙 è 𝑙′ 𝑎𝑛𝑔𝑜𝑙𝑜 𝑡𝑟𝑎 2𝑎 𝑒 𝑟2 .
Se siamo molto lontani 𝜙 = 𝜃

𝑄 2𝑎𝑐𝑜𝑠𝜃
Quindi 𝑉𝑝 ≅
4𝜋𝜀0 𝑟2

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Questo ci fa intuire che su un piano perpendicolare passante nel
centro dell’asse del dipolo il potenziale è nullo
Inoltre, se definiamo il momento di dipolo:
𝜌 = 𝑄𝑑𝑢 ⃗ 𝑑𝑜𝑣𝑒 𝑢 è 𝑖𝑙 𝑣𝑒𝑟𝑠𝑜𝑟𝑒 𝑠𝑢𝑙𝑙′ 𝑎𝑠𝑠𝑒 𝑑𝑒𝑙 𝑑𝑖𝑝𝑜𝑙𝑜
⃗ ∙𝑢
𝜌 ⃗⃗⃗⃗⃗𝑟
Allora 𝑉𝑝 ≅
4𝜋𝜀0 𝑟 2
Dove 𝑢𝑟 è 𝑖𝑙 𝑣𝑒𝑟𝑠𝑜𝑟𝑒 𝑑𝑖 𝑙𝑢𝑛𝑔𝑜 𝑟
B) DISTRIBUZIONE DI CARICA ANCHE ALL’INFINITO
Consideriamo un filo infinito di carica, con distribuzione lineare di
carica paria a 𝜆. Il campo generato dal campo è perpendicolare al
𝜆
filo e di modulo 𝐸 =
2𝜋𝜀0 𝑟

Vogliamo calcolare il potenziale nel punto P, stabilito P0 come


punto di partenza.
Avremmo che:
𝑃 𝑃 𝑃
𝜆 𝜆 1
𝑉 (𝑃0 ) − 𝑉(𝑃) = ∫ 𝐸⃗ ∙ 𝑑𝑠 = ∫ ⃗ 𝑟 ∙ 𝑑𝑠 =
𝑢 ∫ 𝑑𝑟 =
𝑃0 𝑃0 2𝜋𝜀0 𝑟 2𝜋𝜀0 𝑃0 𝑟
𝜆 𝑟 𝜆 𝑟
= ln ( ) → 𝑉 (𝑃) = 𝑉(𝑃0 ) − ln ( )
2𝜋𝜀0 𝑟 𝑟0 2𝜋𝜀0 𝑟 𝑟0
Se assumiamo 𝑃0 come punto di riferimento in cui V=0 allora
𝜆 𝑟
𝑉 (𝑃) = − ln ( )
2𝜋𝜀0 𝑟 𝑟0

PIANO INIFITO DI CARICHE

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
In un piano il campo elettrico è uguale a
𝛿
𝐸⃗ = ± 𝑢
⃗ (+𝑠𝑒 𝑥 > 0 − 𝑠𝑒 𝑥 < 0)
2𝜀0 𝑥
Considerando sempre un punto P e P0, vogliamo calcolare il
potenziale in P.
𝑃 𝑃
𝛿 𝛿
𝑉 (𝑃0 ) − 𝑉(𝑃) = ∫ 𝐸⃗ ∙ 𝑑𝑠 = ∫ ± ⃗⃗⃗⃗ = |
⃗ 𝑥 ∙ 𝑑𝑠
𝑢 (𝑥 − 𝑥0 )| →
𝑃0 𝑃0 2𝜀0 2𝜀0
𝛿
→ 𝑉(𝑃) = 𝑉(𝑃0 ) − | (𝑥 − 𝑥0 )|
2𝜀0
𝛿
𝑠𝑒 𝑉 (𝑃0 ) = 0 𝑒 𝑥0 = 0 → 𝑉 (𝑃) = − | (𝑥 )|
2𝜀0

3) RELAZIONI LOCALI DEL CAMPO


RELAZIONI TRA CAMPO ELETTRICO E POTENZIALE
𝐵
𝑉 (𝐴) − 𝑉 (𝐵) = ∫ 𝐸⃗ ∙ 𝑑𝑠 → 𝐸⃗ ∙ 𝑑𝑠 = −𝑑𝑉
𝐴

Localmente
𝐸⃗ = 𝐸𝑥 𝑢
⃗ 𝑥 + 𝐸𝑦 𝑢
⃗ 𝑦 + 𝐸𝑧 𝑢
⃗ 𝑧 𝑒 𝑑𝑠 = 𝑑𝑥 𝑢
⃗ 𝑥 + 𝑑𝑦 𝑢
⃗ 𝑦 + 𝑑𝑧 𝑢
⃗𝑧
Quindi
(𝐸𝑥 𝑢
⃗ 𝑥 + 𝐸𝑦 𝑢
⃗ 𝑦 + 𝐸𝑧 𝑢
⃗ 𝑧 ) ∙ (𝑑𝑥 𝑢
⃗ 𝑥 + 𝑑𝑦 𝑢
⃗ 𝑦 + 𝑑𝑧 𝑢
⃗ 𝑧 ) = 𝐸𝑥 𝑑𝑥 + 𝐸𝑦 𝑑𝑦 + 𝐸𝑧 𝑑𝑧
Considerando per un momento soltanto la componente lungo x
𝜕𝑓 𝜕𝑉
Abbiamo che se f=f(x) 𝑑𝑓 = 𝑑𝑥 𝑞𝑢𝑖𝑛𝑑𝑖 𝑑𝑉(𝑥 ) = 𝑑𝑥
𝜕𝑥 𝜕𝑥

Questo vale per ogni componente quindi

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
𝜕𝑉 𝜕𝑉 𝜕𝑉
𝑑𝑉 = 𝑑𝑥 + 𝑑𝑦 + 𝑑𝑧
𝜕𝑥 𝜕𝑦 𝜕𝑧
Di conseguenza
𝜕𝑉 𝜕𝑉 𝜕𝑉
𝐸𝑥 𝑑𝑥 + 𝐸𝑦 𝑑𝑦 + 𝐸𝑧 𝑑𝑧 = − ( 𝑑𝑥 + 𝑑𝑦 + 𝑑𝑧)
𝜕𝑥 𝜕𝑦 𝜕𝑧
Deve quindi valere che
𝜕𝑉 𝜕𝑉 𝜕𝑉
𝐸𝑥 = − ; 𝐸𝑦 = − ; 𝐸𝑧 = −
𝜕𝑥 𝜕𝑦 𝜕𝑧
Quindi
𝜕𝑉 𝜕𝑉 𝜕𝑉
𝐸⃗ = − ( 𝑢𝑥 + 𝑢𝑦 + 𝑢 ) = −𝑔𝑟𝑎𝑑𝑉
𝜕𝑥 𝜕𝑦 𝜕𝑧 𝑧
Se conosciamo il potenziale localmente possiamo ottenere il campo
SUPERFICIE EQUIPOTENZIALE
Una superficie equipotenziale è una superficie dello spazio dove il
potenziale ha lo stesso valore.
ES. Tutti i conduttori sono superfici equipotenziali
Il campo in una superficie equipotenziale è sempre ortogonale a una
superficie.
Dimostrazione
Definita una superficie equipotenziale in cui 𝑉(𝑥, 𝑦, 𝑧) = 𝑐𝑜𝑠𝑡
Consideriamo la componente del campo che giace sulla superficie
equipotenziale El.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
𝜕𝑉
Avremmo che 𝐸𝑙 = − (𝑣𝑎𝑙𝑒 𝑝𝑒𝑟 𝑜𝑔𝑛𝑖 𝑙 𝑐ℎ𝑒 𝑠𝑐𝑒𝑔𝑙𝑖𝑎𝑚𝑜)
𝜕𝑙
𝜕𝑉
Ma si avrà che = 0 (𝑝𝑒𝑟 𝑜𝑔𝑛𝑖 𝑙 𝑐ℎ𝑒 𝑠𝑐𝑒𝑔𝑙𝑖𝑎𝑚𝑜) 𝑝𝑜𝑖𝑐ℎè 𝑉 = 𝑐𝑜𝑠𝑡
𝜕𝑙

Questo vuol dire che 𝐸𝑙 = 0 ovvero il campo non ha nessuna componente


che giace sulla superficie. Quindi l’unica direzione possibile è che sia
ortogonale alla superficie.
CONDIZIONI DI RACCORDO DEL CAMPO IN PRESENZA DI DISTRIBUZIONI 𝜎
DI CARICA SUPERFICIALE.

Consideriamo una superficie su cui costruiamo un cilindretto infinitesimo


(la cui altezza 𝑑ℎ->0, cioè immaginiamo che il cilindretto venga
“schiacciato” sempre di più). In presenza di un campo elettrico, possiamo
applicare Gauss.
𝑄𝑖𝑛𝑡 𝜎Δ𝑆
𝐸⃗1 ∙ ⃗⃗⃗⃗ ⃗⃗⃗⃗2 ∙ 𝑛⃗2 Δ𝑆 =
𝑛1 Δ𝑆 + 𝐸 =
𝜀0 𝜀0
Possiamo assumere che 𝑛
⃗⃗⃗⃗2 = 𝑛⃗ 𝑒 𝑛⃗1 = −𝑛⃗
Quindi
𝜎 𝜎
−𝐸⃗1 ∙ 𝑛⃗ + 𝐸
⃗⃗⃗⃗2 ∙ 𝑛⃗ = → −𝐸1𝑛 + 𝐸2𝑛 =
𝜀0 𝜀0
𝑑𝑜𝑣𝑒 𝐸1𝑛 𝑒 𝐸2𝑛 𝑠𝑜𝑛𝑜 𝑙𝑒 𝑐𝑜𝑚𝑝𝑜𝑛𝑒𝑛𝑡𝑖 𝑛𝑜𝑟𝑚𝑎𝑙𝑖 𝑎𝑙𝑙𝑎 𝑠𝑢𝑝𝑒𝑟𝑓𝑖𝑐𝑖𝑒 𝑑𝑒𝑙 𝑐𝑎𝑚𝑝𝑜
Questo risultato ci fa capire che la normale del campo non si conserva ma
𝜎
varia di un valora paria a .
𝜀0

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Consideriamo adesso al posto di un cilindretto, una circuitazione.

In questo caso avremmo che


⃗⃗⃗⃗⃗1 + 𝐸
𝐸⃗1 ∙ 𝑑𝑙 ⃗⃗⃗ 2 = 0
⃗⃗⃗⃗2 ∙ 𝑑𝑙

Assumendo che 𝑑𝑙 = 𝑑𝑙2 𝑒 − 𝑑𝑙 = 𝑑𝑙⃗⃗1 avremmo che


⃗⃗⃗⃗⃗1 + 𝐸
−𝐸⃗1 ∙ 𝑑𝑙 ⃗⃗⃗⃗2 ∙ ⃗⃗⃗
𝑑𝑙2 = 0 → −E1,l + 𝐸2,𝑙 = 0 𝑐𝑖𝑜è 𝐸1,𝑙 = 𝐸2,𝑙
Dove con
𝐸1,𝑙 𝑒 𝐸2,𝑙 𝑠𝑖 𝑖𝑛𝑡𝑒𝑛𝑑𝑒 𝑙𝑒 𝑐𝑜𝑚𝑝𝑜𝑛𝑒𝑛𝑡𝑖 𝑡𝑎𝑛𝑔𝑒𝑛𝑧𝑖𝑎𝑙𝑖 𝑎𝑙𝑙𝑎 𝑠𝑢𝑝𝑒𝑟𝑓𝑖𝑐𝑖𝑒
Con questo risultato quindi significa che la componente tangente del
campo si conserva.
IRROTAZIONALITA’ DEL CAMPO
IL CAMPO È IRROTAZIONALE (CIOE’ IL ROTORE DEL CAMPO È NULLO)
𝑟𝑜𝑡(𝐸 ) = 𝑟𝑜𝑡(−𝑔𝑟𝑎𝑑𝑉 ) = −𝑟𝑜𝑡(𝑔𝑟𝑎𝑑𝑉 ) = 0
Il rotore di un gradiente è sempre nullo

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
4) ENERGIA POTENZIALE E POTENZIALE ELETTRICO
Consideriamo una carica sorgente che genera un campo elettrostatico.
Vogliamo calcolare il lavoro compiuto dalle forze del campo elettrostatico
che spostano una carica di prova q0

Per definizione di lavoro, il lavoro infinitesimo è uguale a:

𝑑𝑊 = 𝐹 ∙ 𝑑𝑠 = 𝑞0 𝐸𝑑𝑠𝑐𝑜𝑠𝜃
Dove 𝜃 è uguale all’angolo compreso tra 𝑑𝑠 e il campo E (quindi anche la
forza). Per uno spostamento finito dalla posizione A alla posizione B lungo
un percorso C1 il lavoro è dato da
𝐵 𝐵
𝑊 = ∫ 𝑞0 𝐸⃗ ∙ 𝑑𝑠 = 𝑞0 ∫ 𝐸⃗ ∙ 𝑑𝑠 𝑑𝑜𝑣𝑒 𝑞𝑢𝑒𝑠𝑡 ′ 𝑢𝑙𝑡𝑖𝑚𝑜
𝐴 𝐴

è 𝑢𝑛 𝑖𝑛𝑡𝑒𝑔𝑟𝑎𝑙𝑒 𝑑𝑖 𝑙𝑖𝑛𝑒𝑎 𝑑𝑒𝑙 𝑐𝑎𝑚𝑝𝑜 𝐸 𝑙𝑢𝑛𝑔𝑜 𝐶1


Possiamo scomporre 𝑑𝑠 in due componenti una parallela al campo e uno
ortogonale al campo
𝐵
𝑞0 𝑄 𝐵 𝑢
⃗𝑟
𝑊 = ∫ 𝑞0 𝐸⃗ ∙ (𝑑𝑠⊥ + 𝑑𝑠∥ ) = ∫ 2 ∙ (𝑑𝑠⊥ + 𝑑𝑠∥ ) =
𝐴 4𝜋𝜀0 𝐴 𝑟

(𝑑𝑜𝑣𝑒⃗⃗⃗⃗⃗ ⃗⃗⃗⃗⃗⃗⃗⊥ = 0 𝑝𝑜𝑖𝑐ℎè 𝑝𝑒𝑟𝑝𝑒𝑛𝑑𝑖𝑐𝑜𝑙𝑎𝑟𝑖)


𝑢𝑟 ∙ 𝑑𝑠
𝑞0 𝑄 𝐵 𝑑𝑟
= ∫ = 𝑑𝑜𝑣𝑒 𝑑𝑟 è 𝑙𝑎 𝑝𝑟𝑜𝑖𝑒𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑑𝑖 𝑑𝑠∥ 𝑠𝑢 𝑢𝑟
4𝜋𝜀0 𝐴 𝑟 2

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
𝑞0 𝑄 1𝐵 𝑞0 𝑄 1 1
[− ] = ( − )
4𝜋𝜀0 𝑟 𝐴 4𝜋𝜀0 𝑟𝐴 𝑟𝐵
Quindi si è dimostrato che il lavoro dipende esclusivamente dal punto di
partenza e di arrivo, cioè è funzione solo dei punti di partenza e arrivo e
non del percorso compiuto. In questo caso infatti la forza è centrale e
dipende dalla distanza r.
Se noi definiamo
𝑞𝑄 1
𝑈= + 𝑐 → 𝐸𝑁𝐸𝑅𝐺𝐼𝐴 𝑃𝑂𝑇𝐸𝑁𝑍𝐼𝐴𝐿𝐸
4𝜋𝜀0 𝑟
(Essa è definita almeno di una costante arbitraria c)
Allora il lavoro tra A e B è:
𝑊𝐴𝐵 = 𝑈𝐴 − 𝑈𝐵 = −Δ𝑈
Cioè la differenza di energia è uguale al lavoro compiuto cambiato di
segno.
Immaginiamo di portare la carica dall’infinito al punto B
Avremo che 𝑈(∞) → 0 allora c->0
𝐵 𝐵
𝑄
𝑈𝐵 = 𝑈(∞) − ∫ 𝑞𝐸⃗ ∙ 𝑑𝑠 = − ∫ 𝑞𝐸⃗ ∙ 𝑑𝑠 =
∞ ∞ 4𝜋𝜀0 𝑟
Cioè l’energia potenziale sarà pari al lavoro (cambiato di segno) compiuto
dal campo per spostare la carica dall’infinito alla posizione finale.
LAVORO PER INSIEME DI CARICHE
Immaginiamo di avere un insieme di cariche puntiformi e un campo E
generato da l’insieme di cariche Qi.
Per il principio di sovrapposizione abbiamo che
𝐵 𝐵
𝑄𝑖 1 1
𝑊𝐴𝐵 = ∫ 𝑞 ∑ 𝐸⃗𝑖 ∙ 𝑑𝑠 = 𝑞 ∑ ∫ 𝐸⃗𝑖 ∙ 𝑑𝑠 = 𝑞 ∑ ( − )=
𝐴 𝐴 4𝜋𝜀0 𝑟𝑖 𝐴 𝑟𝑖 𝐵

= ∑(𝑈𝑖𝐴 − 𝑈𝑖𝐵 ) = − ∑ Δ𝑈𝑖

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
𝑟𝑖 𝑠𝑜𝑛𝑜 𝑙𝑒 𝑑𝑖𝑠𝑡𝑎𝑛𝑧𝑒 𝑑𝑒𝑙𝑙𝑎 𝑐𝑎𝑟𝑖𝑐𝑎 𝑞 𝑐𝑜𝑛 𝑐𝑖𝑎𝑠𝑐𝑢𝑛𝑜 𝑑𝑒𝑙𝑙𝑒 𝑠𝑜𝑟𝑔𝑒𝑛𝑡𝑖
GRAFICO DI ENERGIA POTENZIALE DI UNA CARICA SORGENTE (in funzione
della distanza dalla carica sorgente)
CON SORGENTE POSITIVA
U

R
1
Proporzionale a
𝑟

CON SORGENTE NEGATIVA


R

Q
Proporzionale a 1/r
PER UNA CARICA POSTIVA L’ENERGIA POTENZIALE AUMENTA SE LA SI
SPOSTA IN OPPOSIZIONE DEL CAMPO (LAVORO NEGATIVO), DIMIUISCE SE
SI MUOVE NELLO STESSO VERSO DEL CAMPO (LAVORO POSITIVO)
STESSO DISCORSO PER LA CARICA NEGATIVA.
POTENZIALE
La tensione tra A e B viene definita come
𝐵
𝑊𝐴𝐵 𝑈𝐴 𝑈𝐵
Δ𝑉 = = ∫ 𝐸⃗ ∙ 𝑑𝑠 = ( − ) = 𝑉𝐴 − 𝑉𝑏 𝑑𝑜𝑣𝑒 𝑉
𝑞 𝐴 𝑞 𝑞
𝑈
= (𝑝𝑜𝑡𝑒𝑛𝑧𝑖𝑎𝑙𝑒)
𝑞
Quindi la tensione fra due punti A e B non è altro che la differenza di
potenziale.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Il potenziale può essere definito come il lavoro che compiono le forze del
campo per spostare una carica unitaria.
CASO DI CARICA PUNTIFORME
𝑄 1
𝑉𝑄 =
4𝜋𝜀0 𝑟
CASO DISCRETO (INSIEME DI CARICHE)
𝑄𝑖
𝑉=∑
4𝜋𝜀0 𝑟
CASO CONTINUO (DISTRIBUZIONE CONTINUA DI CARICHE)
𝑑𝑄 1 𝜌𝑑𝑟
𝑉=∫ = ∫
4𝜋𝜀0 𝑟 4𝜋𝜀0 𝑟

Se in un campo elettrico sposto una carica in un percorso chiuso il lavoro


è nullo: non c’è variazione di energia potenziale.
Le forze del campo elettrostatico sono forze conservative (si conserva
l’energia meccanica totale 𝐸𝑀 = 𝐸𝑝 + 𝐸𝑘 )
CIRCUITAZIONE (Lo spostamento della carica lungo una linea chiusa)
A 𝛾1

𝛾2 B

⃗⃗⃗⃗
𝑊 = ∮ 𝑞𝐸⃗ ∙ 𝑑𝑠
𝐵 𝐴 𝐵 𝐵
= ∫ 𝑞𝐸⃗ ∙ 𝑑𝑠 + ∫ 𝑞𝐸⃗ ∙ 𝑑𝑠 = ∫ 𝑞𝐸⃗ ∙ 𝑑𝑠 − ∫ 𝑞𝐸⃗ ∙ 𝑑𝑠 = 0
𝐴 𝐵 𝐴 𝐴

Poiché l’integrale non dipende dal percorso i due integrali sono uguali.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Consideriamo un contributo infinitesimo 𝑑𝑊 = −𝑑𝑈
Sappiamo che per il teorema dell’energia cinetica 𝑑𝑊 è uguale anche a
𝑑𝐾
In un campo elettrostatico l’unica forza agente è la forza elettrica
−𝑑𝑈 = 𝑑𝐾 → 𝑑(𝐾 + 𝑈) = 0
QUINDI K+U=cost
Questo vuol dire che in un campo elettrostatico l’energia meccanica si
conserva.

5) EQUILIBRIO IN UN CAMPO ELETTRICO


Una posizione P di equilibrio stabile per una carica q è definita dal fatto
che per qualsiasi piccolo spostamento da tale posizione esistono forze che
riportano la carica nella posizione originaria.
Di conseguenza se abbiamo in qualsiasi punto di un’ipotetica superficie
chiusa che circonda P la forza è diretta verso P e di conseguenza anche il
campo.

Per la legge di Gauss, questo vuol dire che c’è un flusso entrante nella
superficie e quindi all’interno ci deve essere una carica q’ negativa, ma
noi abbiamo ipotizzato che si il vuoto. Quindi la situazione descritta non
può verificarsi e concludiamo che una carica, posta in un campo

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
elettrostatico, non ha posizioni di equilibrio STABILE se non a ridosso delle
cariche sorgenti o all’infinito.
Sappiamo che l’equazione di Gauss in forma locale è
𝜌
∇∙𝐸 =
𝜀0

Il campo E ha una divergenza diversa da zero se e solo se in presenza di


una densità di carica. Nello spazio vuoto la divergenza è nulla.
EQUAZIONE DI POISSON
Inoltre, sappiamo che il campo elettrostatico è uguale a:

𝐸⃗ = −∇(𝑉) 𝑐𝑖𝑜è 𝑎 𝑚𝑒𝑛𝑜 𝑖𝑙 𝑔𝑟𝑎𝑑𝑖𝑒𝑛𝑡𝑒 𝑑𝑒𝑙 𝑝𝑜𝑡𝑒𝑛𝑧𝑖𝑎𝑙𝑒


Di conseguenza abbiamo che:
𝜌 𝜌 𝜌
∇ ∙ (−∇(𝑉) = → ∇ ∙ (∇(𝑉)) = − 𝑐ℎ𝑒 𝑝𝑜𝑟𝑡𝑎 𝑎 ∇2 (𝑉 ) = −
𝜀0 𝜀0 𝜀0

Tale equazione prende il nome di equazione di Poisson e lega il potenziale


alla densità di carica.
Operatore di Laplace (∇2 )
Operando in coordinate cartesiane abbiamo che
𝜕𝑉 𝜕𝑉 𝜕𝑉
∇(𝑉) = 𝑢
⃗⃗⃗⃗𝑥 + ⃗𝑦+
𝑢 𝑢

𝜕𝑥 𝜕𝑦 𝜕𝑧 𝑧
⃗⃗⃗⃗𝑥 𝜕𝑢
𝜕𝑢 ⃗⃗⃗⃗𝑦 𝜕𝑢⃗𝑧 𝜕𝑓 𝜕𝑓 𝜕𝑦
∇= + + ⃗ = 𝑥+ 𝑦+
𝑚𝑒𝑛𝑡𝑟𝑒 ∇ ∙ F
𝜕𝑥 𝜕𝑦 𝜕𝑧 𝜕𝑥 𝜕𝑦 𝜕𝑧
Di conseguenza
𝜕𝑉 𝜕𝑉 𝜕𝑉 𝜕 𝜕𝑉 𝜕 𝜕𝑉 𝜕 𝜕𝑉
∇ ∙ (∇(𝑉)) = ∇ ∙ ( 𝑢
⃗⃗⃗⃗𝑥 + 𝑢
⃗𝑦+ 𝑢
⃗ 𝑧) = + + =
𝜕𝑥 𝜕𝑦 𝜕𝑧 𝜕𝑥 𝜕𝑥 𝜕𝑦 𝜕𝑦 𝜕𝑧 𝜕𝑧
𝜕2𝑉 𝜕2𝑉 𝜕2𝑉
2
+ 2 + 2 = ∇2 𝑉
𝜕𝑥 𝜕𝑦 𝜕𝑧
Quindi consideriamo la somma delle derivate parziale seconde di V

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
𝜕2𝑉 𝜕2𝑉 𝜕2𝑉 𝜌
+ + = −
𝜕𝑥 2 𝜕𝑦 2 𝜕𝑧 2 𝜀0
Essa è un’equazione differenziale di secondo ordine non omogeneo. Per il
teorema di unicità delle soluzioni, per una distribuzione di carica la
soluzione dell’equazione esiste sempre ed è unica.
𝑆𝑖 𝑑𝑖𝑚𝑜𝑠𝑡𝑟𝑎 𝑐ℎ𝑒 , 𝑙𝑎 𝑠𝑜𝑙𝑢𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑑𝑒𝑙𝑙′ 𝑒𝑞𝑢𝑎𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑝𝑒𝑟 𝑢𝑛𝑎 𝑑𝑖𝑠𝑡𝑟𝑖𝑏𝑢𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑑𝑖
𝑐𝑎𝑟𝑖𝑐𝑎 𝑎𝑙 𝑓𝑖𝑛𝑖𝑡𝑜 è
1 𝜌(𝑟⃗⃗⃗′ )𝑑𝜏
𝑉(𝑟) = ∫ 𝑖𝑛𝑡𝑒𝑔𝑟𝑎𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑠𝑢𝑙 𝑣𝑜𝑙𝑢𝑚𝑒 𝜏
4𝜋𝜀0 |𝑟 − 𝑟 ′ |
Che già abbiamo considerato nel calcolo del potenziale elettrostatico di
distribuzioni continue di carica
EQUAZIONE DI LAPLACE
Nello spazio vuoto diventa
∇2 (𝑉) = 0 → 𝑒𝑞𝑢𝑎𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑑𝑖 𝐿𝑎𝑝𝑙𝑎𝑐𝑒

6) CONDUTTORI
SISTEMI DI CONDUTTORI

Consideriamo due conduttori di cui uno carico e l’altro scarico.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Per induzione il conduttore 1 fa comparire sul conduttore 2 una carica -q’
e sulla faccia opposta una carca q’. Il potenziale del conduttore 1 cambia
e si porta a un valore di 𝑉1 𝑚𝑖𝑛𝑜𝑟𝑒 𝑎𝑙 𝑣𝑎𝑙𝑜𝑟𝑒 𝑑𝑒𝑙 𝑝𝑜𝑡𝑒𝑛𝑧𝑖𝑎𝑙𝑒 𝑉1′ 𝑠𝑒𝑛𝑧𝑎
𝑖𝑙 𝑐𝑜𝑛𝑑𝑢𝑡𝑡𝑜𝑟𝑒 2. Questo perché le cariche −𝑞′ contribuiscono in modo
maggiore rispetto alle cariche q più lontane. Come risultato aumenta la
capacità del conduttore 1.
Considerando il caso generale avremmo che

𝑉𝑖 = ∑ 𝛽𝑖𝑗 𝑄𝑗
𝑗

I coefficienti 𝛽𝑖𝑗 vengono detti coefficiente di potenziale e dipendono solo


dalla geometria del sistema
Per esse valgono le relazioni 𝛽𝑖𝑗 = 𝛽𝑗𝑖 , 𝛽𝑖𝑗 > 0, 𝛽𝑖𝑖 > 𝛽𝑖𝑗
Dati i potenziali e nota la matrice dei coefficienti, le cariche sui conduttori
sono univocamente determinate dal sistema delle equazioni lineari.
𝑉1 = 𝛽11 𝑞1 + 𝛽12 𝑞2 + ⋯ 𝛽1𝑛 𝑞𝑛
𝑉2 = 𝛽21 𝑞1 + 𝛽22 𝑞2 + ⋯ 𝛽2𝑛 𝑞𝑛

𝑉𝑛 = 𝛽𝑛1 𝑞1 + 𝛽𝑛2 𝑞2 + ⋯ 𝛽𝑛𝑛 𝑞𝑛

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Questo significa che, matematicamente, 𝑑𝑒𝑡𝛽 ≠ 0 cioè la matrice dei
coefficienti associati sia diverso da 0.
Invertendo il sistema, si ottiene

Dove 𝑐𝑖𝑗 sono detti coefficienti di induzione e valgono le seguenti


relazioni
𝑐𝑖𝑗 < 0, 𝑐𝑖𝑖 > 0 , 𝑐𝑖𝑗 = 𝑐𝑗𝑖
Anche questa matrice ha determinante non nullo.
La conoscenza dei coefficienti di induzione e di potenziale permette di
risolvere qualsiasi problema di elettrostatica che riguarda n conduttori.
Questi coefficienti dipendono dalla geometria dei conduttori.
Consideriamo un sistema di due conduttori con cariche uguali ed opposte
(tra i quali c’è induzione elettrostatica totale)
𝐴𝑏𝑏𝑖𝑎𝑚𝑜 𝑐ℎ𝑒 𝑄1 = −𝑄2 = 𝑄
𝑉1 = 𝛽11 𝑄 − 𝛽12 𝑄
𝑉2 = β21 𝑄 − 𝛽22 𝑄
Δ𝑉 = 𝑉1 − 𝑉2 = (𝛽11 − 2𝛽12 + 𝛽22 )𝑄
𝑄 1
𝐶= =
Δ𝑉 (𝛽11 − 2𝛽12 + 𝛽22 )
La capacità del sistema risulta indipendente dalla carica q e determinato
dalla geometria

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
CONDENSATORI
I condensatori sono formati da due conduttori dette armature fra le quali
ci può essere il vuoto o un elemento dielettrico, fra i quali avviene una
induzione completa.
CALCOLO CAPACITA’ CONDENSATORI
Condensatore sferico

Consideriamo un condensatore costituito da una sfera di raggio R


contenuto all’interno di un guscio sferico di raggio R1 e di un certo
spessore.
1 𝑄
Sappiamo che 𝑡𝑟𝑎 𝑅 < 𝑟 < 𝑅1 𝑖𝑙 𝑐𝑎𝑚𝑝𝑜 𝐸 =
4𝜋𝜀0 𝑟 2

𝑅 𝑅 𝑄 𝑄 1 𝑅1
Mentre 𝑉1 − 𝑉2 = ∫𝑅 1 𝐸⃗ ∙ ⃗⃗⃗
𝑑𝑙 = ∫𝑅 1 2 𝑑𝑟 = [− ] =
4𝜋𝜀0 𝑟 4𝜋𝜀0 𝑟 𝑅
𝑄 1 1
[ − ]
4𝜋𝜀0 𝑅 𝑅1

Ponendo inoltre
𝑑 = 𝑅1 − 𝑅
𝑟 = √𝑅1 𝑅 𝑟𝑎𝑔𝑔𝑖𝑜 𝑚𝑒𝑑𝑖𝑜

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Si ha che
𝑄 𝑅1 − 𝑅 𝑄𝑑
𝑉1 − 𝑉2 = ( )=
4𝜋𝜀0 𝑅1 𝑅 4𝜋𝜀0 𝑟
Quindi
𝑄 𝑄4𝜋𝜀𝑟 𝜀0 𝑆𝑎
𝐶= = =
Δ𝑉 𝑄𝑑 𝑑
Dove
𝑆𝑎 è 𝑙𝑎 𝑠𝑢𝑝𝑒𝑟𝑓𝑖𝑐𝑖𝑒 𝑑𝑒𝑙𝑙′ 𝑎𝑟𝑚𝑎𝑡𝑢𝑟𝑎 (𝑐𝑜𝑛𝑠𝑖𝑑𝑒𝑟𝑎𝑛𝑑𝑜 𝑖𝑙 𝑟𝑎𝑔𝑔𝑖𝑜 𝑚𝑒𝑑𝑖𝑜)
Condensatore piano
In un condensatore piano le armature sono costituite da due armature
parallele.

Ai bordi del condensatore si trascurano gli effetti.


La carica positiva è distribuita in modo uniforme su un’armatura e
nell’altra (sempre con distribuzione uniforme) la carica negativa.
Sappiamo che all’interno del condensatore il campo elettrico (all’interno
del condensatore) è

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
𝜎
𝐸= 𝑢
𝜀0 𝑛
Da cui abbiamo
2 2
𝜎
⃗ 𝑥 ∙ 𝑑𝑙 = ∫
𝑉1 − 𝑉2 = ∫ 𝐸𝑢 𝑑𝑥
1 1 𝜀0
𝜎 𝑄𝑑
𝑉1 − 𝑉2 = 𝑑=
𝜀0 𝜀0 𝑆
𝑄 𝜀0 𝑆
𝐶= =
Δ𝑉 𝑑
Condensatore cilindrico

In questo caso il campo (nella zona compresa tra le due armature) è


𝜆 1
𝐸=
2𝜋𝜀0 𝑟
𝑄 = 𝜆ℎ
2
𝜆 1
𝑉1 − 𝑉2 = ∫ ⃗ 𝑟 ∙ 𝑑𝑙
𝑢
1 2𝜋𝜀 0 𝑟
𝑅2
𝜆 𝑑𝑟 𝜆 𝑅2 𝑄 𝑅2
=∫ = ln ( ) = ln ( )
𝑅1 2𝜋𝜀0 𝑟 2𝜋𝜀0 𝑅1 2𝜋𝜀0 ℎ 𝑅1

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
𝑄 2𝜋𝜀0 ℎ 2𝜋𝜀0 ℎ𝑅1 𝜀0 𝑆𝑎
𝐶= = ≈ =
Δ𝑉 ln (𝑅2 ) 𝑑 𝑑
𝑅1
𝑅 𝑅1 +𝑑
Dove ln ( 2 ) = ln ( ) (𝑑𝑜𝑣𝑒 𝑑 = 𝑅2 − 𝑅1 )
𝑅1 𝑅1

𝑑 𝑑 𝑑
ln (1 + )≈ 𝑝𝑒𝑟 𝑑 ≪ 𝑅1 𝑐𝑖𝑜è 𝑝𝑒𝑟 →0
𝑅1 𝑅1 𝑅1
COLLEGAMENTI DEI CONDENSATORI
Un condensatore viene essenzialmente utilizzato come “deposito” di
carica. Pur essendo la carica totale essa è separato da una carica +q e una
carica -q. Tramite opportuni collegamenti è possibile far scorrere la carica
-q da un’armatura a un’altra generando corrente che scarica il
condensatore.
CONDENSATORI IN PARALLELO
In una connessione di tipo parallelo ogni armatura positiva è collegata a
un terminale, e ogni armatura negativa a un altro terminale.
La connessione in parallelo implica un collegamento tale che la differenza
di potenziale applicata sui singoli conduttori è la stessa.

Abbiamo quindi che


𝑄1 = 𝐶1 V e Q 2 = 𝐶2 𝑉 𝑑𝑜𝑣𝑒 𝑝𝑒𝑟 𝑉 𝑠𝑖 𝑖𝑛𝑡𝑒𝑛𝑑𝑒 𝑉1 − 𝑉2
La carica globale
𝑄 = 𝑄1 + 𝑄2 = (𝐶1 + 𝐶2 )𝑉

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Definiamo così la capacità equivalente del sistema collegato in parallelo
𝑄
𝐶𝑒𝑞 = = (𝐶1 + 𝐶2 )
𝑉
Cioè in parallelo i condensatori si comportano come un unico
condensatore la cui capacità è data dalla somma delle singole capacità
CONDENSATORI IN SERIE

Nella connessione di tipo serie c’è un solo collegamenti tra i due


condensatori e si viene a formare nel complesso tra condensatori.
Il collegamento in serie implica che la differenza di potenziale applicata ai
morsetti è data dalla somma delle differenze di potenziale dei singoli
componenti. Cioè 𝑉𝐴 − 𝑉𝐵 = 𝑉1 + 𝑉2
𝑄 𝑄
𝑉1 = 𝑒 𝑉2 =
𝐶1 𝐶2
𝑄 𝑄 1 1
𝑉𝐴 − 𝑉𝐵 = + = 𝑄( + )
𝐶1 𝐶2 𝐶1 𝐶2
Quindi si definisce capacità equivalente del sistema in serie
𝑄 1
𝐶𝑒𝑞 = =
Δ𝑉 1 1
+
𝐶1 𝐶2
Cioè

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
1 1 1
= +
𝐶𝑒𝑞 𝐶1 𝐶2
Questo vuol dire che condensatori collegati in serie sono equivalenti a un
unico condensatore la cui capacità inversa è data dalla somma delle
capacità inverse dei singoli condensatori.
ENERGIA IMMAGAZZINATA ALL’INTERNO DI UN CONDENSATORE
Il processo di carica di un condensatore prevede la separazione di cariche
e quindi un lavoro. Possiamo immaginare che la carica di un condensatore
avvenga sottraendo una carica 𝑑𝑞 dall’armatura negativa e portata
sull’armatura positiva così che una carica +q è stata trasferita da
un’armatura all’altra lasciando la prima con una carica -q.
Se in una fase intermedia il potenziale tra le armature e V dovuto allo
spostamento già avvenuto di cariche, per spostare un ulteriore carica
infinitesimo è necessario un lavoro
𝑞
𝑑𝑊 = 𝑉𝑑𝑞 → 𝑊 = ∫ 𝑑𝑞𝑉 (𝑒𝑠𝑠𝑒𝑛𝑑𝑜 𝑉 = ) →
𝐶
𝑄
𝑞𝑑𝑞 1 2 1 2 1
→𝑊=∫ = 𝑄 = 𝐶𝑉 = 𝑄𝑉 = 𝑈
0 𝐶 2𝐶 2 2
Come si vede il lavoro dipende solo dalla carica e dalla capacità e non
contiene informazioni sul processo. Questo lavoro viene immagazzinato
nel sistema sotto forma di energia potenziale elettrostatico
Espressione legata al campo del sistema di cariche piuttosto che alle
sorgenti stesse
𝜀𝑜 𝑆
Sappiamo che la capacità 𝐶 =
𝑑
1 2 1 𝜀𝑜 𝑆 2 2
𝑈= 𝐶𝑉 = 𝐸 𝑑 𝑑𝑜𝑣𝑒 𝑉 = 𝐸𝑑
2 2 𝑑
1 1
𝑈 = 𝜀0 𝑆𝐸 2 𝑑 = 𝜀𝑜 𝐸 2 𝜏 𝑑𝑜𝑣𝑒 𝜏 è 𝑖𝑙 𝑣𝑜𝑙𝑢𝑚𝑒 𝑑𝑒𝑙 𝑐𝑜𝑛𝑑𝑒𝑛𝑠𝑎𝑡𝑜𝑟𝑒
2 2
𝑐𝑖𝑜è 𝑖𝑙 𝑣𝑜𝑙𝑢𝑚𝑒 𝑑𝑜𝑣𝑒 è 𝑑𝑒𝑓𝑖𝑛𝑖𝑡𝑜 𝑖𝑙 𝑐𝑎𝑚𝑝𝑜 𝑒𝑙𝑒𝑡𝑡𝑟𝑜𝑠𝑡𝑎𝑡𝑖𝑐𝑜.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Ipotizzando che l’energia sia distribuita nei punti in cui c’è campo e che
questa distribuzione sia uniforme possiamo dire che la densità di energia
elettrostatica (ovvero l’energia elettrostatica per unità di volume) è
1
𝑢𝑡 = 𝜀0 𝐸 2
2
Si può dimostrare che in una regione in cui è definito un campo
elettrostatico l’energia contenuta in un volume infinitesimo 𝑑𝜏 è
1
𝑑𝑈 = 𝑢𝑡 𝑑𝜏 = 𝜀0 𝐸 2 𝑑𝜏
2
L’energia totale si ottiene integrando su tutto il volume
1
𝑈= 𝜀0 𝐸 2 ∫ 𝑑𝜏
2

ENERGIA POTENZIALE CONFIGURAZIONALE


Supponiamo di avere tre cariche. Considero una caria q1 e dall’infinito la
porto in un punto P1 compiendo lavoro nullo.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Successivamente considero una carica Q2 e la porto dall’infinito a un
punto P2, compiendo un lavoro (dovuto alla presenza di un campo
𝑄1 𝑄2
elettrico generato da Q1) pari a 𝑊12 = .
4𝜋𝜀0 𝑟12

Considera ancora una terza carica Q3 portandola dall’infinto a un punto


𝑄1 𝑄3 𝑄2 𝑄3
P3, compiendo un lavoro 𝑊13 + 𝑊23 = +
4𝜋𝜀0 𝑟13 4𝜋𝜀0 𝑟23

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Di conseguenza il lavoro totale per costruire il sistema è
𝑄1 𝑄2 𝑄1 𝑄3 𝑄2 𝑄3
𝑊𝑡𝑜𝑡 = 𝑊12 + 𝑊23 + 𝑊13 = + + = −Δ𝑈
4𝜋𝜀0 𝑟12 4𝜋𝜀0 𝑟13 4𝜋𝜀0 𝑟23
= 𝑈𝑒 (𝑟) − 𝑈(∞) = 𝑈𝑒 (𝑟) 𝑝𝑜𝑖𝑐ℎè 𝑈(∞) = 0
In generale
𝑈𝑒
1 𝑞𝑖 𝑞𝑗 𝑏𝑖𝑠𝑜𝑔𝑛𝑎 𝑐𝑎𝑙𝑐𝑜𝑙𝑎𝑟𝑒 𝑚𝑒𝑡à 𝑑𝑒𝑙𝑙𝑎 𝑠𝑜𝑚𝑚𝑎𝑡𝑜𝑟𝑖𝑎, 𝑝𝑒𝑟𝑐ℎè 𝑟𝑖𝑝𝑒𝑡𝑒
= ∑ ( )
2 4𝜋𝜀0 𝑟𝑖𝑗 𝑑𝑢𝑒 𝑣𝑜𝑙𝑡𝑒
𝑖≠𝑗

Se poniamo
𝑞𝑗
𝑉𝑖 = ∑ 𝑜𝑡𝑡𝑒𝑛𝑖𝑎𝑚𝑜
4𝜋𝜀0 𝑟𝑖𝑗
𝑗≠𝑖

1
𝑈𝑒 = ∑ 𝑄𝑖 𝑉𝑖
2
𝑖

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
CASO CONTINUO
1 1
𝑈= ∫ 𝑑𝑞𝑉 = ∫ 𝜌(𝑟⃗⃗⃗′ )𝑉(𝑟⃗⃗⃗′ )𝑑𝜏 𝑑𝑖𝑠𝑡𝑟𝑖𝑏𝑢𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑑𝑖 𝑣𝑜𝑙𝑢𝑚𝑒
2 2
1
𝑈= ∫ 𝜎(𝑟⃗⃗⃗′ )𝑉(𝑟⃗⃗⃗′ )𝑑𝑆 𝑑𝑖𝑠𝑡𝑟𝑖𝑏𝑢𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑠𝑢𝑝𝑒𝑟𝑓𝑖𝑐𝑖𝑎𝑙𝑒
2
1
𝑈= ∫ 𝛿(𝑟⃗⃗⃗′ )𝑉(𝑟⃗⃗⃗′ )𝑑𝑙 𝑑𝑖𝑠𝑡𝑟𝑖𝑏𝑢𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑙𝑖𝑛𝑒𝑎𝑟𝑒
2
Se il potenziale è costante (ad esempio in un conduttore)
1 1 1 1
𝑈= 𝑈 = ∫ 𝜎(𝑟⃗⃗⃗′ )𝑉𝑑𝑆 = 𝑈 = 𝑉 ∫ 𝜎(𝑟⃗⃗⃗′ )𝑑𝑆 = 𝑉𝑄
2 2 2 2

CAMPO ELETTROSTATICO E POTENZIALE (NEI CONDUTTORI)


Un conduttore è un corpo in cui i portatori di carica sono liberi di
muoversi.
Un esempio di conduttori sono i metalli.
Le sostanze metalliche hanno una struttura chimica tale che permettono
agli elettroni di valenza di muoversi liberamente. La densità di portatori di
carica è molto elevata, paria a ≅ 10−23 𝑐𝑚−3
I conduttori possono essere anche liquidi ionizzati, in cui i portatori di
cariche sono ioni negativi o ioni positivi, così come anche i gas ionizzati.
Consideriamo un conduttore all’equilibrio elettrostatico carico, cioè le
cariche presenti sono fisse e non si muovono. Ciò impone che il campo
all’interno è nullo perché se fosse presente un campo non nullo, ciò
permetterebbe alle cariche di muoversi.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Se 𝐸 = 0 considero una superficie Σ interna di Gauss qualsiasi. Per questa
superficie 𝜙(𝐸 ) = 0 → 𝑞𝑖𝑛𝑡𝑒𝑟𝑛𝑎 = 0 . Questo significa che non esistono
cariche all’interno del conduttore, ma l’unica possibilità e che si
distribuiscono sulla superficie.
Quindi se ad esempio il conduttore acquisisce elettroni essi si portano
sulla superficie.
Il potenziale del conduttore è costante in ogni punto del conduttore.
2
𝑉1 − 𝑉2 = ∫ 𝐸 ∙ 𝑑𝑠 = 0 → 𝑉1 = 𝑉2 = 𝑉0
1

Quindi il conduttore è una superficie equipotenziale.


Il campo su un punto vicino alla superficie di un conduttore è ortogonale.

CONDUTTORE CAVO (SCHERMO ELETTRICO)


Consideriamo un conduttore cavo. Se abbiamo una carica positiva esterna
le cariche si dispongono nel seguente modo.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Se consideriamo una superficie gaussiana sigma che racchiude la sfera
minore del conduttore cavo avremmo che il flusso è nullo
𝑖𝑛𝑡
𝜙Σ (𝐸 ) = 0 → 𝑄𝑇𝑂𝑇 =0
Immaginiamo per assurdo una distribuzione di carica sulla superficie
interna del conduttore

Le linee di forza del campo si disporranno come in figura


Sappiamo che l’integrale lunga la linea di forza
𝐵 𝐴
∮ 𝐸⃗ ∙ 𝑑𝑙 = ∫ 𝐸⃗ ∙ 𝑑𝑙 + ∫ 𝐸⃗ ∙ 𝑑𝑙 = 0
𝐴 𝐵

Poiché il campo elettrico è irrotazionale

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Il primo integrale (dove considera la parte di linea esterna al conduttore
(cioè dentro la sfera minore) deve essere diverso da 0. Mentre il secondo
integrale deve essere uguale a 0 (il campo all’interno del conduttore è
nullo). Dunque, l’uguaglianza non potrà mai essere soddisfatta.
Di conseguenza la distribuzione di carica c’è soltanto sulla superficie
esterna del conduttore.
Il campo all’interno della sferetta di conseguenza è nullo.
ALTRA PROPRIETA’ DELLO SCHERMO ELETTROSTATICO
Consideriamo adesso una carica all’interno della cavità. Per induzione si
dispongono cariche negative nella superficie interna.

Consideriamo una superficie di Gauss che racchiude la superficie interna.


Anche in questo caso il flusso è nullo 𝜙Σ (𝐸 ) = 0 → 𝑄 𝑖𝑛𝑡 = 0
Quindi ∫ 𝜎𝑑𝑆 = −𝑄 → 𝑐𝑖𝑜è 𝑠𝑢𝑙𝑙𝑎 𝑠𝑢𝑝𝑒𝑟𝑓𝑖𝑐𝑖𝑒 𝑖𝑛𝑡𝑒𝑟𝑛𝑎 𝑠𝑖 𝑑𝑖𝑠𝑡𝑟𝑖𝑏𝑢𝑖𝑠𝑐𝑒
Una carica opposta ma in modulo uguale a quella immessa all’interno del
conduttore. Questo perché le linee di forza non devono oltrepassare la
superficie di Gauss.
Per mantenere la neutralità sulla superficie esterna si colloca la carica
positiva (sempre di modulo uguale a Q considerato).
Qualunque posizione assume la carica Q all’interno della cavità, la
distribuzione sulla superficie esterna non cambia (cambia solo la
distribuzione interna).

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
TEOREMA DI COULOMB
Considero un conduttore e aggiungo una carica su di essa.

DIMOSTRAZONE (MATEMATICA)
Si considera una superficie infinitesima e un cilindretto costruito su tale
superficie la cui altezza tende a zero. Il flusso infinitesimo nella base
inferiore (interna al conduttore) sarà nulla.
Mentre il campo sulla base superiore sarà dato da:
𝜎𝑑𝑆
𝐸⃗ ∙ 𝑢
⃗⃗⃗⃗𝑛 𝑑𝑆 = 𝑝𝑒𝑟 𝑖𝑙 𝑡𝑒𝑜𝑟𝑒𝑚𝑎 𝑑𝑖 𝐺𝑎𝑢𝑠𝑠
𝜀0
𝜎
𝐸𝑁 = 𝐶𝐴𝑀𝑃𝑂 𝐷𝐼 𝑈𝑁 𝐶𝑂𝑁𝐷𝑈𝑇𝑇𝑂𝑅𝐸
𝜀0

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
DIMOSTRAZIONE DI TIPO FISICO
Consideriamo un conduttore qualsiasi e da questo conduttore asportiamo
una superficie infinitesima.

Per il principio di sovrapposizione si avrà che


𝐸⃗𝑡𝑜𝑡 = 𝐸⃗𝑐𝑎𝑚𝑝𝑜 𝑑𝑖 Δ𝑆 + 𝐸⃗(𝑐𝑎𝑚𝑝𝑜 𝑑𝑖 𝑐𝑜𝑛𝑑𝑢𝑡𝑡𝑜𝑟𝑒−Δ𝑆)
1𝜎
𝐸⃗𝑣,𝑒𝑠𝑡 = 𝑢

2 𝜀0 𝑛
1𝜎
𝐸⃗𝑣,𝑖𝑛𝑡 = − 𝑢
⃗⃗⃗⃗
2 𝜀0 𝑛

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Consideriamo adesso il campo della sfera (escluso la superficie)
𝐸𝑙,𝑖𝑛𝑡 è il campo che viene generato in un infinitesimo più sotto della
superficie esterna dove è possibile avere un campo perché c’è il vuoto.
𝐸⃗𝑙,𝑖𝑛𝑡 = 𝐸⃗𝑙,𝑒𝑠𝑡 = 𝐸⃗𝑙
1𝜎
𝐸⃗𝑙,𝑖𝑛𝑡 = −𝐸⃗𝑣,𝑖𝑛𝑡 = 𝑢

2 𝜀0 𝑛
1𝜎
𝐸⃗𝑙,𝑒𝑠𝑡 = 𝑢

2 𝜀0 𝑛
1𝜎 1𝜎
𝐸⃗𝑖𝑛𝑡 = −𝐸𝑣,𝑖𝑛𝑡 = ( − ⃗ =0
)𝑢
2 𝜀0 2 𝜀 0 𝑛
𝜎 𝜎 𝜎
𝐸⃗𝑒𝑠𝑡 = 𝐸⃗𝑙,𝑒𝑠𝑡 + 𝐸⃗𝑣,𝑒𝑠𝑡 =( + )𝑢
⃗⃗⃗⃗𝑛 = 𝑢⃗
2𝜀0 2𝜀0 𝜀0 𝑛
PRESSIONE ELETTROSTATICA
Esiste una pressione esercitata sulle cariche superficiale del conduttore
1𝜎 1 𝜎2
𝐹 𝑒𝑙
= 𝐸⃗𝑙 ∙ 𝜎Δ𝑆 = ∙ 𝜎Δ𝑆 𝑢
⃗𝑛 = Δ𝑆 𝑢
⃗𝑛
2 𝜀0 2 𝜀0
𝐹 𝑒𝑙 1 𝜎 2
𝑝𝑒𝑙 = =
Δ𝑆 2 𝜀0
Notiamo che qualunque sia il segno della carica, il segno della forza sarà
sempre positivo (cioè stesso verso del campo, verso l’esterno), vuol dire
che la forza cerca di spingere le cariche verso l’esterno.
CAPACITA’ DI UN CONDUTTORE ISOLATO
Consideriamo un conduttore nello spazio vuoto

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
𝑃
∫ 𝐸⃗ ∙ 𝑑𝑙 = 𝑉𝐴 − 𝑉𝑃 = 0 → 𝑉𝐴 = 𝑉𝑃 𝑝𝑜𝑡. 𝑠𝑢𝑙𝑙𝑎 𝑠𝑢𝑝𝑒𝑟𝑓𝑖𝑐𝑖𝑒
𝐴

1 𝜎(𝑟 ′ )𝑑𝑆
𝑉𝑝 = ∫
4𝜋𝜀0 |𝑟 − 𝑟 ′ |
𝑉𝑝 = 𝑐𝑜𝑠𝑡
{
∫ 𝜎𝑑𝑆 = 𝑄

Imponiamo una variazione della carica


𝜎 ′ = 𝑘𝜎
Essendo lineari ho
𝑉 ′ = 𝑘𝑉
𝑄 ′ = 𝑘𝑄
Si ottiene quindi che potenziale e carica sono proporzionali

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
𝑉 ′ 𝑄′
= = 𝑘 → 𝑄 = 𝑘𝑉 𝑘 = 𝐶
𝑉 𝑄
Cioè 𝑄 = 𝐶𝑉 𝑞𝑢𝑒𝑠𝑡𝑜 𝑐𝑜𝑒𝑓𝑓𝑖𝑐𝑖𝑒𝑛𝑡𝑒 𝐶 è 𝑑𝑒𝑡𝑡𝑜 𝑐𝑎𝑝𝑎𝑐𝑖𝑡à
Capacità viene espressa anche in Farad F.
La capacità dipende dalla forma del conduttore
CAPACITA’ DI UNA SFERA
Consideriamo un conduttore sferico di raggio r. Sappiamo che il
potenziale per un conduttore è costante e per una sfera è uguale a
𝑄
𝑉𝑝 =
4𝜋𝜀0 𝑟
𝑄
Avendo definito la capacità come 𝐶 =
𝑉
𝑄
Allora 𝐶𝑠𝑓𝑒𝑟𝑎 = 𝑄 = 4𝜋𝜀0 𝑟
4𝜋𝜀0 𝑟

Quindi la capacità di una sfera dipende dal raggio.

Consideriamo due conduttori sferici posi a una distanza tale che non
sentono un’influenza reciproca. Se questi conduttori vengono uniti da un
filo la carica al loro interno si ridistribuirà e sarà uguale a 𝑄 = 𝑄1 + 𝑄2

𝑄1 𝑄1 𝑄2 𝑄2
Avremmo che 𝑉1 = = 𝑒 𝑉2 = =
𝐶1 4𝜋𝜀0 𝑅1 𝐶2 4𝜋𝜀0 𝑅2

(𝑝𝑟𝑖𝑚𝑎 𝑑𝑖 𝑒𝑠𝑠𝑒𝑟𝑒 𝑐𝑜𝑙𝑙𝑒𝑔𝑎𝑡𝑖 𝑑𝑎𝑙 𝑓𝑖𝑙𝑜)

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Una volta collegati 𝑉1 = 𝑉2 𝑐𝑖𝑜è
𝑄1 𝑄2
=
𝑅1 𝑅2
La carica totale si spartisce in modo proporzionale ai loro raggi.
Inoltre, abbiamo che
𝑄1 𝑄 − 𝑄1 1 1 𝑄
= → 𝑄1 [ + ] =
𝑅1 𝑅2 𝑅1 𝑅2 𝑅2
Da cui si ricava che
𝑅1
𝑄1 = 𝑄
𝑅1 + 𝑅2
𝑅2
𝑄2 = 𝑄
{ 𝑅1 + 𝑅2
Inoltre, possiamo notare che
𝜎1 4𝜋𝑅1 𝜎2 4𝜋𝑅2 𝜎1 𝑅2
= → = 𝑐𝑖𝑜è 𝜎1 𝑅1 = 𝜎2 𝑅2
𝑅1 𝑅2 𝜎2 𝑅1
La distribuzione di carica è inversamente ai loro raggi.
Nelle punte la distribuzione di carica è maggiore.

ENERGIA POTENZIALE ELETTROSTATICO


Consideriamo un conduttore al quale viene aggiunta una carica 𝑑𝑄.
Compirò un lavoro per portare questa carica infinitesima dall’infinito sulla
superficie del conduttore.
𝑑𝑊 𝑒𝑠𝑡 = −𝑑𝑊 𝑒𝑙 = 𝑑𝑈 = 𝑑𝑞Δ𝑉
𝑑𝑊 𝑒𝑠𝑡 = 𝑑𝑞Δ𝑉 → 𝑑𝑊 𝑒𝑠𝑡 = 𝑑𝑞𝑉 (𝑞 ) (Δ𝑉 = 𝑉(𝑞 ) − 𝑉(∞) = 𝑉(𝑞)
𝑞
𝑒𝑠𝑡
𝑞 𝑒𝑠𝑡
𝑞 1 𝑞2 1 2 1
𝑑𝑊 = 𝑑𝑞 → 𝑊 = ∫ 𝑑𝑞 = = 𝐶𝑉 = 𝑄𝑉
𝐶 0 𝐶 2𝐶 2 2
1 𝑄 1 𝑄2
Per la sfera 𝑉 = 𝑊=
4𝜋𝜀0 𝑅 8𝜋𝜀0 𝑅

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
7) DIELETTRICI E POLARIZZAZIONE NELLA MATERIA
Consideriamo un condensatore piano carico e isolato. Quindi tra le
armature c’è una differenza di potenziale 𝑉0 𝑒 un campo 𝐸0

Ora immaginiamo che all’interno del condensatore venga inserito un


materiale dielettrico (isolante). Sperimentalmente si nota che il valore del
campo elettrico e della tensione si è abbassato.
Viene definita costante dielettrica relativa il rapporto adimensionale
𝐸0 𝑉0
𝜀𝑟 = = >1
𝐸 𝑉

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Se la differenza di potenziale diminuisce, allora la capacità del
𝑄
condensatore aumenta essendo 𝐶 = .
𝑉

Un materiale isolante differisce dai conduttori dal fatto che tutti gli
elettroni sono legati agli atomi che gli appartengono e restano legati ad
esso (non sono liberi).
COMPORTAMENTO DI SOSTANZE NEUTRE

In assenza di campo elettrico abbiamo che


Dielettrici non polari: il baricentro delle cariche positive coincide con il
baricentro delle cariche negative
Dielettrici polari: il baricentro delle cariche positive e negative non
coincidono. Esiste dunque un momento di dipolo proprio
DIELETTRICO NON POLARE (POLARIZZAZIONE PER DEFORMAZIONE)
Quando per un dielettrico non polare viene applicato un campo
elettrostatico, allora la carica negativa si sposta e il baricentro non
coincide più con quello della carica positiva

Si viene a creare un momento di dipolo. Inoltre, c’è anche un’interazione


di tipo coulombiano tra la carica negativa e la carica positiva (forza di
attrazione) che tende a riavvicinarle. Il risultato finale è che le cariche si
troveranno spostate in un certo stato di equilibrio ottenendo un piccolo
dipolo.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Considerando una superficie di Gauss di raggio x, applichiamo il teorema
ottenendo

2
𝑞𝑥 3 𝑞𝑥
4𝜋𝑥 𝐸𝑐 = 3 → 𝐸𝑐 =
𝑅 𝜀0 4𝜋𝑅 3 𝜀0
Abbiamo inoltre che |𝐸𝑐 | = |𝐸| per mantenere l’equilibrio
𝑞𝑥
Quindi 𝐸 = → 𝑞𝑥 = 4𝜋𝜀0 𝑅 3 𝐸 → 𝑝 = 𝛼𝑑 𝐸
4𝜋𝑅 3 𝜀0

𝑑𝑜𝑣𝑒 𝑝 è 𝑖𝑙 𝑚𝑜𝑚𝑒𝑛𝑡𝑜 𝑑𝑖 𝑑𝑖𝑝𝑜𝑙𝑜 𝑒 𝛼𝑑 𝑣𝑖𝑒𝑛𝑒 𝑑𝑒𝑡𝑡𝑎 𝑝𝑜𝑙𝑎𝑟𝑖𝑧𝑧𝑎𝑏𝑖𝑙𝑖𝑡à 𝑎𝑡𝑜𝑚𝑖𝑐𝑎


[𝛼𝑑 ] = 𝐹 ∙ 𝑚2 ≈ 0,74 ∙ 10−4 𝐹 ∙ 𝑚2
DIELETTRICI POLARI (POLARIZZAZIONE PER ORIENTAZIONE)
Nei dielettrici polari, poiché il baricentro le cariche positive e negative fra
loro hanno già un momento di dipolo, applicando un campo le rispettive
cariche risentiranno di forze.

Il momento di dipolo sarà


⃗⃗ = 𝑟 + × 𝐹 + + 𝑟 − × 𝐹 − = 𝑟 + × (𝐹 + − 𝐹 − ) = 2𝑟 + × 𝑞𝐸⃗ = 2𝑟 + 𝑞 × 𝐸⃗
𝑀
= 𝑝 × 𝐸⃗
ATTENZIONE
A livello macroscopico i momenti di dipolo si compensano fra loro
IL VALORE MEDIO DEL MOMENTO

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Ricapitolando per un dielettrico non polare, nel momento che viene
immerso in un campo si viene a creare un dipolo elettronico microscopico
che risulta essere parallelo e concorde al campo. Tale fenomeno prende il
nome di polarizzazione elettronica.
Nel caso dei dipoli polari, essi hanno già un dipolo intrinseco. In assenza di
campo elettrico i dipoli sono orientati a caso, per via degli urti e
agitazione termica. Quando si applica un campo E agisce un momento
delle forze che ne causa un orientamento con il campo soltanto parziale
(questo è dovuto sempre all’agitazione termica). Tale fenomeno prende
nome di polarizzazione per orientamento e porta al risultato che ogni
molecola acquista un momento di dipolo medio parallelo al campo E.
TALE VALORE MEDIO DEL MOMENTO DI D DIPOLO E’
𝑝2
<𝑝 >= 𝐸⃗ = 𝛼0 𝐸⃗ 𝑐𝑜𝑛 𝛼0 ≈ 10−39 𝐹 ∙ 𝑚2 𝑒 𝑐𝑜𝑛 𝑇 ≈ 300 𝐾
3𝑘𝑏 𝑇
SE MODIFICA LA TEMPERATURE, AUMENTA (DIMINUSICE) IL MOTO
MOLECOLARE E DIMINUSICE (AUMENTA) IL MOMENTO DIPOLO MEDIO.

Possiamo sempre scrive che


𝑝 = 𝛼𝐸⃗ 𝑑𝑜𝑣𝑒 𝛼 = 𝛼𝑑 + 𝛼0
LIVELLO MACROSCOPICO
Vettore polarizzazione P viene definito come:
∑ 𝑝𝑖
𝑃 = lim = 𝑁 < 𝑝 > = 𝑁𝛼𝐸⃗
𝜏→0 𝜏

Sommo tutti i momenti orientati come il campo elettrico e divido per il


volume totale. N è la densità volumetrica di dipoli atomici o molecolari
(numero di atomi per unità di volume). Il vettore polarizzazione per
definizione in un conduttore è 0, così come nel vuoto. Soltanto negli
isolanti è diverso da 0.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Consideriamo di avere un cilindro dielettrico tra le armature di un
condensatore

Notiamo che i dipoli si polarizzano nella direzione del campo.


Quello che avviene è che all’interno del cilindro avviene una
compensazione delle cariche, spostate dalle posizioni di equilibrio,
mentre sulla superficie di esso ciò non accade. Quindi soltanto sulla
superficie del cilindro avremmo una densità di carica. Queste cariche di
polarizzazione non sono libere come nei conduttori ma sono vincolate ai
propri atomi.
Consideriamo adesso un cilindro di Gauss di base Δ𝑆

Applicando il teorema di Gauss

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
𝑄𝑡𝑜𝑡 (|𝜎| − |𝜎𝑝 |)Δ𝑆 |𝜎| − |𝜎𝑝 |
𝐸⃗ Δ𝑆 = = →𝐸=⃗ →
𝜀0 𝜀0 𝜀0
𝐸⃗ 𝜀0 = |𝜎| − |𝜎𝑝 | → |𝜎𝑝 | = |𝜎| − 𝜀𝑜 𝐸⃗
Essendo
𝐸0 |𝜎|
𝐸= = 𝑎𝑏𝑏𝑖𝑎𝑚𝑜
𝜀𝑟 𝜀0 𝜀𝑟
|𝜎| 1 𝜀𝑟 − 1
|𝜎𝑝 | = |𝜎| − = |𝜎| (1 − ) = |𝜎|
𝜀𝑟 𝜀𝑟 𝜀𝑟
𝐷𝑜𝑣𝑒 𝜀𝑟 − 1 = 𝜒 (𝑝𝑟𝑒𝑛𝑑𝑒 𝑖𝑙 𝑛𝑜𝑚𝑒 𝑑𝑖 𝑠𝑢𝑠𝑐𝑒𝑡𝑡𝑖𝑏𝑖𝑙𝑖𝑡à 𝑒𝑙𝑒𝑡𝑡𝑟𝑖𝑐𝑎)
|𝜎|𝜒
|𝜎𝑝 | =
𝜀𝑟
Il cilindro può considerarsi come un grosso dipolo per il dielettrico
Sapendo che la carica di polarizzazione sarà data da
𝑄𝑝 = |𝜎|𝑝 𝑆
𝑝𝑑𝑖𝑒𝑙𝑒𝑡𝑡𝑟𝑖𝑐𝑜 = 𝑄𝑝 𝑑 = |𝜎𝑝 |𝑆𝑑
Poiché abbiamo definito il vettore polarizzazione come
𝑃=𝑁<𝑝>
𝑝𝑑𝑖𝑒𝑙𝑒𝑡𝑡𝑟𝑖𝑐𝑜 = 𝑃(𝑆𝑑) 𝑑𝑜𝑣𝑒 𝑆𝑑 è 𝑖𝑙 𝑣𝑜𝑙𝑢𝑚𝑒
L’uguaglianza è valida perché P si riferisce a un’unità di volume, quindi se
moltiplicato per il volume stesso dal vettore p del dielettrico (dipolo
cilindrico)
Di conseguenza abbiamo che
|𝜎𝑝 |𝑆𝑑 = 𝑃𝑆𝑑 → |𝜎𝑝 | = 𝑃
ATTENZIONE: VALE SOLO NELLE CONDIZIONI IN CUI IL CILINDRO È RETTO
Di conseguenza poiché
|𝜎|𝜒 𝜀0 𝐸0 𝜒 𝜀𝑜 𝜀𝑟 𝐸𝜒
|𝜎𝑝 | = = = = 𝜀0 𝜒𝐸
𝜀𝑟 𝜀𝑟 𝜀𝑟

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
𝑃⃗ = 𝜀0 𝜒𝐸⃗
I dielettrici che seguono questa legge sono detti lineari. Essi sono
materiali amorfi, caratterizzati da isotropia spaziale.

Consideriamo di nuovo il campo


|𝜎| − |𝜎𝑝 |
𝐸⃗ = → |𝜎| = 𝜀0 𝐸⃗ + |𝜎𝑝 | → |𝜎| = 𝜀0 𝐸⃗ + 𝑃⃗ = 𝐷

𝜀0
IL VETTORE D VIENE DETTO SPOSTAMENTO ELETTRICO (O INDUZIONE
DIELETTRICA)
È UN VETTORE AUSILIARE.
⃗ = 𝜀0 𝐸⃗ + 𝜀0 𝜒𝐸⃗ = 𝜀0 (1 + 𝜒)𝐸⃗ = 𝜀𝑜 𝜀𝑟 𝐸⃗
𝐷
Il vettore D è diretto come E

CONSIDERIAMO UN DIELETTRICO CHE NON HA UNA SUPERFICIE RETTA

Per il principio di conservazione della carica ho che


𝑞𝑝− + 𝑞𝑝+ = 0

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
|𝜎𝑝+ |𝑆⊥
−|𝜎𝑝− |𝑆⊥ + |𝜎𝑝+ |𝑆 =0→ −|𝜎𝑝− |𝑆⊥ + =0
𝑐𝑜𝑠𝜃
Moltiplicando per 𝑐𝑜𝑠𝜃 e dividendo per 𝑆⊥ ho
|𝜎𝑝− |𝑐𝑜𝑠𝜃 + |𝜎𝑝+ | = 0 → |𝜎𝑝+ | = |𝜎𝑝− |𝑐𝑜𝑠𝜃
|𝜎𝑝− | = 𝑃 𝑝𝑜𝑖𝑐ℎè 𝑠𝑢𝑝𝑒𝑟𝑓𝑖𝑐𝑖𝑒 𝑟𝑒𝑡𝑡𝑎

|𝜎𝑝+ | = 𝑃𝑐𝑜𝑠𝜃 = 𝑃⃗ ∙ 𝑢
⃗ 𝑛⊥
Questo è il risulto generale della densità di polarizzazione locale.

Ora se il dielettrico è omogeno, isotropo e lineare abbiamo detto che non


ha cariche all’interno di esso.
Questo vuol dire che la carica superficiale totale deve essere nulla. Cioè

∮(𝑃⃗ ∙ 𝑢
⃗ 𝑛 )𝑑𝑆 = ∮ 𝜎𝑝 𝑑𝑆 = 0

RELAZIONE LOCALE
SUPPONIAMO ADESSO UN DIELETTRICO NON OMOGENO (CIOE’ UNA
DENSITA’ VARIABILE)
In questo caso oltre a una densità superficiale di polarizzazione, esiste
anche una densità spaziale di polarizzazione.
Considerando sempre il principio di conservazione della carica abbiamo
dunque

∮ 𝜎𝑝 𝑑𝑆 + ∫ 𝜌𝑝 𝑑𝜏 = 0

𝑑𝑜𝑣𝑒 𝜌𝑝 è 𝑙𝑎 𝑑𝑒𝑛𝑠𝑖𝑡à 𝑑𝑖 𝑐𝑎𝑟𝑖𝑐𝑎 𝑠𝑝𝑎𝑧𝑖𝑎𝑙𝑒 𝑚𝑒𝑛𝑡𝑟 𝑑𝜏 è 𝑢𝑛 𝑣𝑜𝑙𝑢𝑚𝑒𝑡𝑡𝑜


𝑖𝑛𝑓𝑖𝑛𝑖𝑡𝑒𝑠𝑖𝑚𝑜 𝑑𝑒𝑙 𝑑𝑖𝑒𝑙𝑒𝑡𝑡𝑟𝑖𝑐𝑜

∮ 𝑃⃗ ∙ 𝑢
⃗⃗⃗⃗𝑛 𝑑𝑆 + ∫ 𝜌𝑝 𝑑𝜏 = 0

PER IL TEOREMA DELLA DIVERGENZA ABBIAMO CHE

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
⃗ 𝑑𝜏 + ∫ 𝜌𝑝 𝑑𝜏 = 0 → ∫(𝑑𝑖𝑣 𝑃⃗ + 𝜌𝑝 )𝑑𝜏 = 0
∫ div P

Tale integrale è nullo se è solo se


𝑑𝑖𝑣𝑃⃗ = −𝜌𝑝
QUINDI IN UN DIELETTRICO NON OMOGENO LA DENSITA SPAZIALE DI
POLARIZZAZIONE È UGUALE IN OGNI PUNTO ALL’OPOSTO DELLA
DIVERGENZA DEL VETTORE POLARIZZAZIONE
QUANDO 𝑑𝑖𝑣𝑃 = 0 vuol dire che la carica di polarizzazione è distribuita
soltanto sulla superficie.

Considerando la legge di Gauss in forma locale abbiamo inoltre che


𝜌 + 𝜌𝑝
𝑑𝑖𝑣 𝐸⃗ = → 𝜀0 𝑑𝑖𝑣𝐸⃗ = 𝜌 − 𝑑𝑖𝑣𝑃⃗
𝜀0
𝜌 = 𝜀0 𝑑𝑖𝑣𝐸⃗ + 𝑑𝑖𝑣𝑃⃗ = 𝑑𝑖𝑣(𝜀𝑜 𝐸⃗ + 𝑃⃗) = 𝑑𝑖𝑣(𝐷
⃗ )=𝜌


|𝜎| = 𝐷
L’ultima espressione ci dice che il flusso del vettore D attraverso una
superfice chiusa che contiene sia cariche libere che cariche di
polarizzazione dipende esclusivamente dalle CARICHE LIBERE.

NELLO SPAZIO PRIVO DI CARICHE LIBERE, COME PUO’ ESSERE LO SPAZIO


TRA I CONDUTTORI CARICHI RIEMPITO DA UN DIELETTRICO, LE RELAZIONI
DIVENTO
𝑑𝑖𝑣 (𝐷) = 𝜌

CONDIZIONI DI RACCORDO TRA DUE DIELETTRICI PER D, E

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Consideriamo un cilindretto infinitesimo nel punto di raccordo tra due
dielettrici, in modo che una base sia immersa in un dielettrico e l’altra
base nell’altro.

Calcolando il flusso totale (sulle basi)


⃗⃗⃗⃗2 ∙ 𝑢
𝜙𝑡𝑜𝑡 = (𝐷 ⃗ 1 ∙ (−𝑢
⃗ 𝑛 )Δ𝑆 + 𝐷 ⃗⃗⃗⃗𝑛 )Δ𝑆 = 0
(𝑝𝑜𝑖𝑐ℎè 𝑛𝑜𝑛 𝑐𝑖 𝑠𝑜𝑛𝑜 𝑐𝑎𝑟𝑖𝑐ℎ𝑒 𝑙𝑖𝑏𝑒𝑟𝑒)
Quindi
(𝐷𝑛2 − 𝐷𝑛 1 )Δ𝑆 = 0 (𝐷𝑛 𝑐𝑜𝑚𝑝𝑜𝑛𝑒𝑛𝑡𝑒 𝑜𝑟𝑡𝑜𝑔𝑜𝑛𝑎𝑙𝑒)
Cioè
𝐷𝑛 1 = 𝐷𝑛 2
Passando da un dielettrico all’altro si conserva la componente normale
del vettore spostamento.
Consideriamo invece adesso un circuito chiuso costruito in questo modo.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Abbiamo che il campo elettrico è irrotazionale, cioè

𝐸⃗2 ∙ 𝑑𝑙 + 𝐸⃗1 ∙ (−𝑑𝑙) = 0


𝐸𝑡 2 − 𝐸𝑡1 = 0 → 𝐸𝑡2 = 𝐸𝑡1
Si conserva la componente tangenziale (mentre quella normale no e si
può dimostrare).
Questo dunque porta un cambiamento di direzione delle line del campo,
fenomeno che prende il nome di rifrazione delle linee di forza.

8) CORRENTI ELETTRICHE
Una corrente è dovuta a un flusso di cariche. La corrente elettrica in un
mezzo conduttore è costituita dallo spostamento ordinato di cariche
all’interno del mezzo. Nei metalli le uniche cariche libere di muoversi
sono gli elettroni.
Se il conduttore è immerso in un campo elettrico i portatori di carica
subiscono una forza che li spinge tutti a muoversi nella direzione del
campo con verso dipendente dal segno della carica; il moto collettivo è
caratterizzato da una velocità di deriva 𝑣𝑑 (≈ 10-3 m/s).
NEL PARTICOLARE
𝑚
Gli elettroni hanno una velocità termica 𝑣𝑡ℎ ≈ 106 (in equilibrio
𝑠
elettrostatico)

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
< 𝑣𝑡ℎ > = 0 𝐶𝑖𝑜è 𝑖𝑙 𝑣𝑒𝑡𝑡𝑜𝑟𝑒 𝑚𝑒𝑑𝑖𝑜 è 𝑛𝑢𝑙𝑙𝑜.
Il moto degli elettroni è completamento disordinato, questo fa in modo
che la velocità media si annulla e quindi in media nessuna superficie del
conduttore è attraversato da una carica netta
SE AGISCE UN CAMPO

In questo caso < 𝑣 > = < ⃗⃗⃗⃗⃗⃗


𝑣𝑡ℎ + 𝑣0 > Dove 𝑣0 è la velocità che gli
elettroni assumono a causa del campo elettrico. Dove v viene detta
velocità di deriva. In questo caso quindi la superficie del conduttore sarà
attraversata da un flusso di carica con 𝑣𝑑 ≠ 0.

INTENSITA’ DI CORRENTE E DENSITA’ DI CORRENTE


Si definisce intensità di corrente attraverso la superficie S (orientata) di un
conduttore il rapporto tra la quantità di carica 𝑑𝑄 che attraversa la
superficie S e l’intervallo di tempo 𝑑𝑡:
𝑑𝑄
𝑖=
𝑑𝑡
Il verso della corrente è per convenzione assunto uguale a quello delle
cariche positive. È una evidenza sperimentale che, ai fini elettrici, il moto
di una carica positiva in un dato verso è equivalente a quello di una carica
negativa che si muove in verso opposto.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
de

Per mettere in relazione la corrente elettrica con il moto delle cariche ci


riferiamo a una superficie infinitesima 𝑑𝑆 la cui normale formi un angolo
con il campo e quindi con la velocità di deriva. Nel tempo Δ𝑡, le cariche
percorrono una distanza 𝑣𝑑 Δ𝑡 per cui la carica complessiva che passa
nella superficie 𝑑𝑆 è quella del volumetto infinitesimo 𝑑𝜏 definito da 𝑑𝑆 e
𝑣𝑑 Δ𝑡
𝑑𝜏 = 𝑣𝑑 Δ𝑡𝑑𝑆𝑐𝑜𝑠𝜃
Quindi
d𝑞 = 𝑁𝑞𝑑𝜏 𝑑𝑜𝑣𝑒 𝑁𝑞 è 𝑙𝑎 𝑑𝑒𝑛𝑠𝑖𝑡à 𝑑𝑖 𝑐𝑎𝑟𝑖𝑐𝑎 𝑠𝑢 𝑢𝑛𝑖𝑡à 𝑑𝑖 𝑣𝑜𝑙𝑢𝑚𝑒
d𝑞 = 𝑁𝑞 (𝑣𝑑 d𝑡𝑑𝑆𝑐𝑜𝑠𝜃 ) = 𝑁𝑞𝑣𝑑 ∙ ⃗⃗⃗⃗
𝑢𝑛 𝑑𝑆𝑑𝑡
Definiamo il vettore 𝐽 = 𝑁𝑞𝑣
⃗⃗⃗⃗𝑑 (vettore densità di corrente)
⃗ 𝑛 𝑑𝑆𝑑𝑡
=𝐽∙𝑢
⃗ 𝑛 𝑑𝑆𝑑𝑡
𝑢
𝑑𝑖 = 𝐽 ∙ =𝐽∙𝑢
⃗ 𝑛 𝑑𝑆
𝑑𝑡
L’intensità di considerata su tutta la superficie S sarà

⃗ 𝑛 𝑑𝑆 (𝑖𝑛𝑡𝑒𝑔𝑟𝑎𝑙𝑒 𝑑𝑖 𝑠𝑢𝑝𝑒𝑟𝑓𝑖𝑐𝑖𝑒)
𝑖 = ∫𝐽 ∙ 𝑢

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Se vi sono portatori di segno opposto (come nei fluidi ionizzati e nelle
soluzioni elettrolitiche dove i portatori di carica possono essere anche
positive)
𝐽 = 𝑁 + 𝑞 + 𝑣𝑑+ + 𝑁 − 𝑞 − 𝑣𝑑−
I due termini sono concordi e hanno lo stesso verso del campo elettrico
𝐽 = 𝑛+ 𝑞 + 𝑣𝑑+ − 𝑛− 𝑞 − 𝑣𝑑−
IL FATTO CHE IL VETTORE J È SEMPRE CONCORDE AL VETTORE DEL
CAMPO ELETTRICO DISCENDE DALLA DEFINIZIONE DEL VETTORE STESSO

EQUAZIONE DI CONTINUITA’ DELLA CORRENTE ELETTRICA


Consideriamo un conduttore e isoliamo al suo interno un volume

Notiamo che dalla 𝑖 = ∫ 𝐽 ∙ 𝑢 ⃗ 𝑛 𝑑𝑆 abbiamo che i contributi positivi


all’integrale vengono da quella parte della superficie del volume in cui il
prodotto 𝐽 ∙ 𝑢𝑛 è 𝑝𝑜𝑠𝑖𝑡𝑖𝑣𝑜 ( 𝑗 𝑝𝑢𝑛𝑡𝑜 𝑣𝑒𝑟𝑠𝑜 𝑙′ 𝑒𝑠𝑡𝑒𝑟𝑛𝑜 ) che corrisponde a
una carica positiva che esce (o una carica negativa che entra), mentre i
contributi negativi vengono da quella parte della superficie del volume in
cui il prodotto è negativo (J punta verso l’interno) che corrisponde a
carica positiva entrante ( o negativa uscente).
Per il principio di conservazione della carica richiede che i (che
rappresenta la carica che attraversa S nell’unità di tempo) sia uguale alla

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
variazione nell’unità di tempo alla carica complessiva contenuta
all’interno di S.
Cioè
𝑑𝑞𝑖𝑛𝑡
⃗ 𝑛 𝑑𝑆 = −
𝑖 = ∫𝐽 ∙ 𝑢
𝑑𝑡
Il segno meno è giustificato dal fatto che se l’integrale è
complessivamente positivo vuol dire che i contributi positivi sono
maggiori cioè che la caric0a uscente è maggiore (quindi la carica interna
diminuisce), di conseguenza ha derivata negativa (viceversa se l’integrale
è negativo).
APPLICANDO IL TEOREMA DELLA DIVERGENZA ALLA RELAZIONE TROVATA
𝑑𝜌 𝑑𝑞 𝑑
+ ∫ 𝑑𝑖𝑣 𝐽𝑑𝜏 = − ∫ 𝑑𝜏 𝑝𝑜𝑖𝑐ℎè = ∫ 𝜌𝑑𝜏
𝑑𝑡 𝑑𝑡 𝑑𝑡
𝑑𝜌
∫ (𝑑𝑖𝑣𝐽 + ) 𝑑𝜏 = 0
𝑑𝑡
Quindi deve essere nullo l’integrando
Otteniamo l’equazione di continuità
𝑑𝜌
𝑑𝑖𝑣𝐽 = −
𝑑𝑡
IN CONDIZIONI STAZIONARE SI HA CHE
𝑑𝑄𝑖𝑛𝑡
= 0 𝑎𝑙𝑙𝑜𝑟𝑎 𝑑𝑖𝑣𝐽 = 0
𝑑𝑡
Un vettore il cui flusso è nullo in qualsiasi superficie chiusa si dice
solenoidale. Il vettore J in condizioni stazionare è solenoidale.
Da questo si ricava che in condizioni stazionare l’intensità di corrente è la
stessa attraverso ogni sezione del conduttore.
La somma algebrica delle correnti entranti in nodo è nulla (legge di
Kirchhoff ai nodi).

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
9) LEGGE DI OHM
MODELLO DI CONDUZIONE ELETTRICA DRUDE E LORENTZ
Il modello classico della conduzione nei metalli di Drude e Lorentz
fornisce una interpretazione fisica della legge di Ohm. Le assunzioni del
modello sono le seguenti.
IN EQULIBRIO ELETTROSTATICO
1) gli elettroni si muovono di moto rettilineo uniforme con velocità
estremamente elevata ( 𝑣𝑡ℎ = 106 𝑚/𝑠));
2) nel loro moto subiscono continue interazioni (urti) con gli ioni del
reticolo;
3) dopo ogni urto l’elettrone perde memoria di direzione e verso che
aveva prima dell’urto, ovvero considerando più urti successivi si ha
una distribuzione casuale e isotropa della velocità vettoriale, e
pertanto (mediando su più urti) non vi è flusso netto di carica, cioè
una corrente, in alcuna direzione.

IN PRESENZA DI UN CAMPO ELETTROSTATICO


1)Sui portatori di carica agisce una forza (forza di Coulomb) e ciascun
elettrone acquista una accelerazione nella direzione del campo, in verso
opposto ad esso
2)alla distribuzione casuale ed isotropa delle velocità si sovrappone una
velocità di deriva 𝑣 uguale per ciascun elettrone, molto piccola in modulo
rispetto alla velocità termica, per cui il tempo medio τ tra due urti
successivi (che dipende da v termica) resta inalterato.
Se 𝑣1𝑖 è la velocità subito dopo l’urto i-esimo e 𝑣
⃗⃗⃗⃗⃗2 𝑖 quella prima dell’urto
successivo si ha che
𝑒𝐸⃗
𝑣2 𝑖 = 𝑣1 𝑖 − 𝑡
𝑚𝑒 𝑖

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
𝑒𝐸⃗
𝑑𝑜𝑣𝑒 è 𝑙′ 𝑎𝑐𝑐𝑒𝑙𝑒𝑟𝑎𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑑𝑜𝑣𝑢𝑡𝑜 𝑎𝑙 𝑐𝑎𝑚𝑝𝑜 𝐸 𝑒 𝑡𝑖 è 𝑖𝑙 𝑡𝑒𝑚𝑝𝑜 𝑡𝑟𝑎𝑠𝑐𝑜𝑟𝑠𝑜 𝑓𝑟𝑎
𝑚𝑒
𝑖 𝑑𝑢𝑒 𝑢𝑟𝑡𝑖.
Consideriamo un numero N elevato di urti possiamo definire la velocità di
deriva come la velocità media dell’elettrone prima dell’urto
𝑒𝐸⃗
∑𝑁 ∑𝑁 𝑡 𝑒𝐸⃗
𝑖=𝑖 𝑣1𝑖 𝑖=1 𝑚𝑒 𝑖
𝑣𝑑 =< 𝑣2𝑖 > =
⃗⃗⃗⃗ − =− 𝜏
𝑁 𝑁 𝑚𝑒
∑𝑁
𝑖=𝑖 𝑣1𝑖
= 0 𝑎 𝑐𝑎𝑢𝑠𝑎 𝑑𝑒𝑙𝑙𝑎 𝑑𝑖𝑠𝑡𝑟𝑖𝑏𝑢𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑐𝑎𝑠𝑢𝑎𝑙𝑒 𝑒𝑑 𝑖𝑠𝑜𝑡𝑟𝑜𝑝𝑎 𝑑𝑒𝑙𝑙𝑎
𝑁
𝑣𝑒𝑙𝑜𝑐𝑖𝑡à 𝑑𝑜𝑝𝑜 𝑙′ 𝑢𝑟𝑡𝑜 𝜏 è 𝑖𝑙 𝑡𝑒𝑚𝑝𝑜 𝑚𝑒𝑑𝑖𝑜.

Si ottiene quindi una velocità di deriva costante e uguale per tutti i


portatori, proporzionale alla forza agente, ovvero al campo 𝐸
LEGGE DI OHM
Abbiamo quindi che
𝑁𝑒 2 𝐸⃗
𝐽 = 𝑁(−𝑒)𝑣𝑑 = 𝜏 = 𝜎𝑐 𝐸⃗
𝑚𝑒
𝑁𝑒 2 𝜏
Dove 𝜎𝑐 prende il nome di conduttività ed è uguale a 𝜎𝑐 =
𝑚𝑒

Nel caso più generale di portatori di carica di entrambi i segni le


conduttività dovute alle due specie di portatori si sommano.
TALE RELAZIONE È NOTA COME LEGGE DI OHM.
Essa stabilisce che il rapporto tra la densità di corrente e il campo
elettrico applicato è data da una caratteristica del conduttore (che è
appunto la conduttività).
Spesso la relazione è scritta come
𝐸⃗ = 𝜌𝐽

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
1
Dove 𝜌 = 𝑒𝑑 è 𝑐ℎ𝑖𝑎𝑚𝑎𝑡𝑎 𝑟𝑒𝑠𝑖𝑠𝑡𝑖𝑣𝑖à 𝑑𝑒𝑙 𝑐𝑜𝑛𝑑𝑢𝑡𝑡𝑜𝑟𝑒
𝜎𝑐

LEGGE DI OHM PER I CONDUTTORI METALLICI


Consideriamo di applicare la legge di ohm a un conduttore metallico
cilindrico di sezione S e lunghezza h. Ai capi del metallo è applicato un
generatore di tensione che crea così una differenza di potenziale,
generando un campo elettrico e dunque una corrente elettrica
(STAZIONARIA)

Abbiamo che
1
𝐽 = 𝜎𝐸⃗ = 𝐸⃗
𝜌
Inoltre, sappiamo che
1 𝜌
𝑖 = ∫𝐽 ∙𝑢
⃗ 𝑛 𝑑𝑆 = 𝐽𝑆 = 𝐸⃗ 𝑆 → 𝐸⃗ = 𝑖
𝜌 𝑆
INOLTRE
𝐵
𝑉 = 𝑉𝐴 − 𝑉𝐵 = ∫ 𝐸⃗ ∙ 𝑑𝑠 = 𝐸ℎ
𝐴

In definitiva abbiamo che


𝜌ℎ 𝜌ℎ
𝑉= 𝑖 𝑐ℎ𝑖𝑎𝑚𝑜𝑛𝑑𝑜 𝑅 =
𝑆 𝑆
Otteniamo la legge di ohm per i metalli
𝑉 = 𝑅𝑖

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
SE LA SEZIONE È VARIABILE LUNGO UN TRATTO 𝑑ℎ allora
𝜌𝑑ℎ 𝜌𝑑ℎ
−𝑑𝑉 = 𝐸 ∙ 𝑑𝑠 = 𝑖→𝑉=∫ 𝑖
𝑆 𝑆
𝜌𝑑ℎ
Se definiamo 𝑅 = ∫ allora otteniamo sempre 𝑉 = 𝑅𝑖
𝑆

All’inverso della resistenza diamo il nome di G (conduttanza)


𝑆 𝜎𝑆
𝐺= =
𝜌ℎ ℎ

10) EFFETTI TERMICI (EFFETTO JOULE)


L’effetto termico della corrente o effetto Joule è in un fenomeno
dissipativo. Quando in un conduttore fluisce corrente, il campo 𝐸 compie
un lavoro sui portatori di carica, accelerando gli elettroni tra un urto e il
successivo (con aumento della loro energia cinetica). Nell’urto (di tipo
anelastico) gli elettroni cedono l’incremento di energia cinetica e il lavoro
compiuto dal campo elettrico viene assorbito negli urti dal reticolo
cristallino, per cui l’energia interna del conduttore aumenta. Di
conseguenza aumenta la temperatura del conduttore, che in virtù della
differenza di temperatura rispetto all’ambiente circostante in cui è
immerso, cede l’incremento di energia interna sotto forma di calore. È
questo il fenomeno noto come effetto Joule. In altre parole, il lavoro
compiuto dal campo elettrico serve per vincere la resistenza (viscosa)
opposta dal reticolo cristallino al moto ordinato degli elettroni.

Il contributo di lavoro infinitesimo 𝑑𝐿 = 𝑑𝑞 (VA − 𝑉𝐵 ) = 𝑖𝑑𝑡(𝑉𝐴 − 𝑉𝐵 )


La potenza dissipata (data dalla legge di Ohm) sarà
𝑑𝐿
= 𝑖 (𝑉𝐴 − 𝑉𝐵 ) = 𝑖 2 𝑅 → 𝑖𝑛 𝑓𝑢𝑛𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑑𝑒𝑙𝑙𝑎 𝑐𝑜𝑟𝑟𝑒𝑛𝑡𝑒
𝑑𝑡

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
𝑑𝐿 𝑉 2
= → 𝑖𝑛 𝑓𝑢𝑛𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑑𝑒𝑙𝑙𝑎 𝑡𝑒𝑛𝑠𝑖𝑜𝑛𝑒
𝑑𝑡 𝑅
Considerando un volumetto di conduttore 𝑑𝜏 = Δ𝑆𝑑𝑙, l’analoga relazione
locale è data da:

𝑑𝐿 = 𝑑𝑞𝐸⃗ ∙ 𝑑𝑙 = 𝑁𝑞𝑑𝜏𝐸⃗ ∙ 𝑣𝑑 𝑑𝑡
Dove 𝑁𝑞 è la densità di carica per unità di volume, 𝑣𝑑 è la velocità di
deriva quindi 𝑑𝑞 = 𝑁𝑞𝑑𝜏 𝑒 𝑑𝑙 = 𝑣𝑑 𝑑𝑡
= 𝑑𝜏 𝐽 ∙ 𝐸⃗ 𝑑𝑡 𝑝𝑜𝑖𝑐ℎ𝑒 𝐽 = 𝑁𝑞𝑣𝑑 (𝑝𝑒𝑟 𝑑𝑒𝑓𝑖𝑛𝑖𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒)
𝑑𝐿
= 𝐽 ∙ 𝐸⃗
𝑑𝜏𝑑𝑡
Si ricava la potenza dissipata per unità di volume

GENERATORE DI FORZA ELETTROMOTRICE


In regime stazionario J è un vettore solenoidale. Un vettore solenoidale è
inoltre caratterizzato dal fatto che le sue linee del campo sono chiuse. In
un percorso chiuso abbiamo visto che il campo elettrostatico è
irrotazionale, quindi non è in grado di generare lavoro e dunque corrente.
Per generare corrente è necessario un generatore (come una pila) che
applica una differenza di tensione a due estremità del percorso chiuso.
Un generatore di tensione è un dispositivo al cui interno sono presenti
forze di natura non elettrica (ad es. meccanica, chimica) non conservative.
Tali forze agiscono sulle cariche libere presenti, separando le cariche
positive da quelle negative. Esiste pertanto all’interno del generatore un
campo elettromotore 𝐸⃗𝑚 che agisce sulle cariche, spostandole, a
seconda del segno, verso i due poli del generatore, rispettivamente
positivo e negativo.
Il campo elettromotore, presente nel generatore è diretto dalle cariche
negative verso quelle positive, in condizione di equilibrio (cioè a morsetti
aperti) è bilanciato dal campo elettrostatico 𝐸⃗𝑠 che si viene a generare a

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
seguito della separazione delle cariche, diretto in verso opposto, per cui
risulta, nel generatore 𝐸⃗𝑀 + 𝐸⃗𝑠 = 0 cioè in modulo 𝐸𝑀 = 𝐸𝑆
Consideriamo dunque il campo totale 𝐸⃗ .
Esso compirà un lavoro dato da

∮ 𝐸⃗ ∙ 𝑑𝑙 (𝑙𝑢𝑛𝑔𝑜 𝑖𝑙 𝑝𝑒𝑟𝑐𝑜𝑟𝑠𝑜 𝑐ℎ𝑖𝑢𝑠𝑜)

In questo caso E non è irrotazionale perché c’è il contributo del


generatore.

∮(𝐸⃗𝑀 + 𝐸⃗𝑠 ) ∙ 𝑑𝑙 = ∮ 𝐸⃗𝑀 ∙ 𝑑𝑙 + ∮ ⃗⃗⃗⃗


𝐸𝑠 ∙ 𝑑𝑙 =

(il secondo termine è 0 poiché Es è irrotazionale)


𝐴
∫ 𝐸⃗𝑀 ∙ 𝑑𝑙 = 𝜀
𝐵

𝜀 viene detta forza elettromotrice (essa NON è una forza)


La forza elettromotrice è il lavoro fatto dal campo elettromotore per
spostare la carica unitaria positiva dal morsetto negativo B a quello
positivo A all’interno del generatore. La forza elettromotrice ℰ è pertanto
anche uguale al lavoro compiuto dal campo elettromotore per far
circolare una carica unitaria attraverso il circuito chiuso.
Quindi in definitiva è il generatore che compie lavoro.
A morsetti aperti, si ha che la forza elettromotrice è pari alla differenza di
potenziale tra i due morsetti del generatore:
𝐴 𝐴 𝐴 𝐵
∫ (𝐸⃗𝑀 + 𝐸⃗𝑆 ) ∙ 𝑑𝑙 = 0 → 𝜀 = ∫ 𝐸⃗𝑀 ∙ 𝑑𝑙 = − ∫ 𝐸⃗𝑠 ∙ 𝑑𝑙 = ∫ 𝐸⃗𝑠 ∙ 𝑑𝑙
𝐵 𝐵 𝐵 𝐴
= 𝑉𝐴 − 𝑉𝐵
𝜀 = 𝑉𝐴 − 𝑉𝐵
Se un generatore reale è collegato ad un circuito esterno di resistenza R,
la differenza di potenziale ai morsetti del generatore e la corrente nel

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
circuito variano al variare di R. Questo comportamento è dovuto alla
presenza di una resistenza interna distribuita 𝑟 ≠ 0 nel generatore, che
provoca una caduta di tensione all’interno del generatore, la cui tensione
ai morsetti diminuisce linearmente all’aumentare della corrente nel
circuito.

PARTE 2
0) MAGNETOSTATICA
Esistono forze a distanza tra corpi magnetizzati che sono repulsive e
attrattive. Un magnete è un corpo che ha delle proprietà magnetiche
ovvero è in grado di agire delle forze di tipo attrattive o repulsive. Un
magnete è costituito da due poli: nord e sud (positivo e negativo). Inoltre,
si ha che per uno stesso magnete i poli sono sempre di segno opposto.
Poli dello stesso segno di respingono. Poli di segno opposto si attraggono.
Sperimentalmente non è stato ancora possibile separare i due poli di un
magnete. Quindi non è possibile isolare i poli.
La forza magnetica è stata ricavata da Coulomb. Come per le cariche
elettriche, si può definire una forza quasi analoga detta forza di Coulomb
per le iterazioni magnetiche
𝑃1 𝑃2
𝐹 = 𝑘𝑚
𝑟2
Dove P1 e P2 sono i poli magnetici, 𝑘𝑚 è una costante che dipende dal
𝜇
mezzo in cui avviene l’iterazione. Nel vuoto è uguale a 𝑘𝑚 = 0 =
4𝜋
4𝜋∙10−7
𝑑𝑜𝑣𝑒 𝜇0 è 𝑙𝑎 𝑝𝑒𝑟𝑚𝑒𝑎𝑏𝑖𝑙𝑖𝑡à 𝑚𝑎𝑔𝑛𝑒𝑡𝑖𝑐𝑎 𝑛𝑒𝑙 𝑣𝑢𝑜𝑡𝑜.
4𝜋

DIFFERENZA CON LA FORZA ELETTRICA


Una carica elettrica positiva o negativa può essere sempre isolata, mentre
i poli magnetici no. Se si taglia a infatti a metà una calamita compaiono
sempre due poli per ciascun pezzo (e si potrebbe continuare all’infinito)
-

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
LINEE DI FORZE MAGNETICHE
Un’altra esperienza significativa è quello che si ottiene ponendo della
limatura di ferro intorno al magnete. I granelli di limatura si dispongono in
modo ordinato lungo linee regolari. Questo perché ogni granello viene
magnetizzato dal campo magnetico generato, diventano un dipolo
magnetico e si orientano lungo le linee del campo del magnete sorgente.
(valgono tutte le proprietà delle linee di forza introdotte per i campi
elettrici).

LE VARIE ESPERIENZE CI FANNO INTUIRE CHE GLI ELEMENTI COSTITUTIVI


DEI MAGNETI SONO I DIPOLI MAGNETICI
CAMPO MAGNETICO
Come abbiamo già visto un dipolo magnetico modifica lo spazio intorno a
sé generando un campo, che chiamiamo B. Per il campo magnetico vale la
legge di Gauss (date le analogie con la forza elettrica).
Di conseguenza

⃗ ∙ 𝑑𝑠 = 0
∮𝐵

Il polo interno è sempre nullo poiché non può essere mai isolato.
𝑑𝑖𝑣𝐵 = 0
Il campo B è dunque solenoidale
ESPERIMENTO OERSTED-AMPERE
La prima relazione tra fenomeni magnetici ed elettrici fu scoperta da
Oersted nel 1811 e successivamente ripreso da Ampere.
Oersted mostrò che un ago magnetico posto in prossimità di un filo
percorso da corrente tendono ad assumere una precisa posizione di

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
equilibrio. Ovvero il filo genera un campo magnetico le cui linee di forza
sono circonferenze concentriche al filo

Ampere dimostrò che anche due fili percorsi da corrente interagiscono fra
loro. Da ciò intuì che gli effetti magnetici non sono altro che la
manifestazione dell’interazione tra cariche elettriche in movimento.
Per spiegare l’azione sui magneti bisogna pensare che in ogni molecola o
atomo esistono delle correnti microscopiche locali.
FORZA DI LORENTZ
Se una carica isolata si muove all’interno di un campo magnetico su di
essa agisce una forza detta forza di Lorentz. Se la carica rimane ferma la
carica non subisce nessuna forza.
Si vede sperimentalmente che tale forza è proporzionale al campo, alla
velocità della carica, e alla carica stessa. Inoltre, dipende dall’angolo tra
𝑣𝑒𝐵
⃗⃗⃗ ⃗ . Essa è massima se v è ortogonale a B. È zero se v è parallelo a B.
Inoltre, la forza è ortogonale sia a v che a B.
Da questo si deduce che:

𝐹𝐿 = 𝑞𝑣 × 𝐵
IN BASE ALLA DEFINIZIONE DI LAVORO SI HA CHE
⃗ ) ∙ (𝑣𝑑𝑡) = 0
𝑊 = 𝐹 ∙ 𝑑𝑙 = 𝐹 ∙ (𝑣𝑑𝑡) = 𝑞(𝑣 × 𝐵
Si ha che 𝑣 × 𝐵 è 𝑠𝑖𝑐𝑢𝑟𝑎𝑚𝑒𝑛𝑡𝑒 𝑝𝑒𝑟𝑝𝑒𝑛𝑑𝑖𝑐𝑜𝑙𝑎𝑟𝑒 𝑎 𝑣 𝑞𝑢𝑖𝑛𝑑𝑖 𝑖𝑙 𝑝𝑟𝑜𝑑𝑜𝑡𝑡𝑜
𝑚𝑖𝑠𝑡𝑜 è 𝑛𝑢𝑙𝑙𝑜.
Per un qualsiasi spostamento della particella in cui esiste il campo
magnetico, l’energia cinetica resta costante in quanto la forza di Lorentz
non compie lavoro sulla particella. Da un contributo solo
sull’accelerazione centripeta della particella.
La forza di Lorentz è una forza centripeta, agisce sulla direzione ed è
sempre ortogonale alla velocità.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
LEGGI DI LAPLACE
PRIMA LEGGE DI LAPLACE
Esprime come calcolare matematicamente il campo generato da un
circuito percorso da corrente.
Preso un circuito elettrico di cui considero un tratto dl orientato come la
corrente.

Le linee del campo sono delle circonferenze concentriche al filo e la loro


intensità diminuisce linearmente con la distanza r dal filo.
Il campo magnetico generato su un qualsiasi punto P sperimentalmente è
dato da

𝜇0 𝑑𝑙 × 𝑟 𝜇0 𝑑𝑙 × 𝑢⃗𝑟
𝑑𝐵 = 𝑖 = 𝑖
4𝜋 𝑟3 4𝜋 𝑟2
Considerando l’intero circuito Γ

𝜇0 𝑑𝑙 × 𝑟
⃗ =
𝐵 𝑖∮
4𝜋 𝑟3

Esempio

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
LEGGE DI BIOT-SAVART
La legge di Biot-Savart esprime il campo magnetico generato da un filo
indefinitamente lungo, di lunghezza approssimabile a infinito,
attraversato da una corrente stazionaria. Considero un generico elemento
di filo dl orientato secondo la corrente. Il campo B generato in P sarà
entrante per la regola della vite (entrante per ogni contributo dB).
Il contributo dB sarà dato da

𝜇0 |𝑑𝑙||𝑟|𝑠𝑖𝑛𝜃
⃗ =
𝑑𝐵 𝑖 𝑢
⃗𝑏
4𝜋 𝑟3
𝜇0 𝑑𝑧 𝑑 cos3 𝜑
⃗|=
|𝑑𝐵 𝑖 𝑢
⃗𝑏
4𝜋 𝑑3
𝑑
Considerando che 𝑟𝑠𝑖𝑛𝜃 = 𝑑 𝑒 𝑑 = 𝑟𝑐𝑜𝑠𝜑 → 𝑟 =
𝑐𝑜𝑠𝜑

𝜇0 𝑑𝑧𝑐𝑜𝑠 3 𝜑
⃗|=
|𝑑𝐵 𝑖 𝑢𝑏
⃗⃗⃗⃗
4𝜋 𝑑2
𝑑
Ponendo inoltre 𝑧 = 𝑑 𝑡𝑔𝜑 → 𝑑𝑧 = 𝑑𝜑
cos2 𝜑

𝜇0 𝑑𝑐𝑜𝑠 3 𝜑 𝜇0 𝑖
⃗|=
|𝑑𝐵 𝑖 2 𝑢
⃗⃗⃗⃗
𝑏 = 𝑐𝑜𝑠𝜑𝑢
⃗⃗⃗⃗𝑏
4𝜋 𝑑 cos2 𝜑 4𝜋𝑑
𝜋
𝜇 𝑖 2 𝜇0 𝑖
⃗ = 0 𝑢
𝐵 ⃗ 𝑏 ∫ 𝑐𝑜𝑠𝜑𝑑𝜑 =
4𝜋𝑑 −
𝜋 2𝜋𝑑
2

SECONDA LEGGE DI LAPLACE


Quando un circuito percorso da corrente è immerso in un campo
magnetico, ogni elettrone subisce l’azione della forza di Lorentz.

𝐹𝑙 = −𝑒𝑣𝑑 × 𝐵
Attraverso gli urti, tale forza è trasmessa alla massa del conduttore che
supponiamo essere indeformabile.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
In un tratto 𝑑𝑠 del circuito di sezione Σ sono contenuti 𝑛Σ𝑑𝑠 elettroni
(dove n indica il numero di elettroni per unità di volume)
Di conseguenza la forza risultante sarà
⃗ = Σ𝑑𝑠 𝑗 × 𝐵
𝐹 = −(Σ𝑑𝑠)𝑛𝑒 𝑣𝑑 × 𝐵 ⃗
Essendo Σ𝑑𝑠 uguale al volume infinitesimo 𝑑𝜏, si vede che la forza agente
per unità di volume sul conduttore è

𝐹𝜏 = 𝐽 × 𝐵
Dall’altra parte possiamo considerare anche che Σ𝑗 = 𝑖 ottenendo

𝑑𝐹 = 𝑖𝑑𝑠 × 𝐵
Questa è detta seconda legge di Laplace ed esprime il fatto che la forza
magnetica agente su un tratto infinitesimo di filo conduttore è ortogonale
al filo e al campo magnetico
Considerando il circuito intero si ha che


𝐹 = 𝑖 ∮ 𝑑𝑙 × 𝐵

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
FORZE TRA CIRCUITI PERCORSI DA CORRENTI

Consideriamo due circuiti percorsi da corrente elettrica. Consideriamo


che il circuito 1, poiché è attraversato da corrente, genererà un campo
magnetico B1. In tale campo è immerso il circuito 2.
Sappiamo che

𝜇0 𝑑𝑙1 × 𝑟
⃗⃗⃗⃗1 =
𝐵 𝑖1 ∮
4𝜋 𝑟3
E per la seconda legge di Laplace, abbiamo che sull’elemento infinitesimo
del secondo circuito agirà una forza pari
⃗1
𝑑𝐹2 = 𝑖2 𝑑𝑙2 × 𝐵
Da cui

𝜇0 𝑑𝑙1 × 𝑟
𝐹2 = 𝑖2 ∮ 𝑑𝑙⃗⃗⃗2 × 𝐵
⃗ 1 = 𝑖2 ∮(𝑑𝑙2 × 𝑖1 ∮ )=
4𝜋 𝑟3
𝑖2 𝑖1 𝜇0 𝑑𝑙1 × 𝑟
= ∮(𝑑𝑙2 × ∮ )
4𝜋 𝑟3
Tale formula ha una sua semplificazione se si considerano fili rettilinei
paralleli, ottenendo

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
𝜇0 𝑖1
𝐵1 = (𝑡𝑒𝑜𝑟𝑒𝑚𝑎 𝑑𝑖 𝐵𝑖𝑜𝑡 𝑆𝑎𝑣𝑎𝑟𝑡)
2𝜋𝑑
𝑖1 𝑖2 𝑙𝜇0
𝐹2 =
2𝜋𝑑
La forza è attrattiva se le due correnti hanno lo stesso segno, mentre è
repulsiva se hanno segno opposto.
Quest’ultima relazione viene utilizzata per definire l’unità di misura della
corrente l’Ampere.
L’AMPERE È L’INTENSITA’ DI QUELLA CORRENTE CHE, CIRCOLANDO IN
DUE LUNGHI FILI PARALLELI POSTI A DISTANZA DI 1m L’UNO DALL’ALTRO,
PRODUCE SU CIASCUNO DEI DUE FULI UNA FORZA PER UNITA’ DI
𝑁
LUNGHEZZA PARIA A 2 × 10−7
𝑚

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
LE SORGENTI DI B E LA SUA DIVERGENZA
Abbiamo già visto che
⃗)=0
𝑑𝑖𝑣(𝐵
E mette in evidenza le proprietà solenoidali del campo magnetico.
Tale risultato vale anche per campi prodotti da corrente.

Dalla prima legge di Laplace sappiamo che


𝜇0 𝑑𝑙 × 𝑟 − 𝑟 ′
𝑑𝐵 = 𝑖
4𝜋 |𝑟 − 𝑟 ′ |3
Calcoliamo la divergenza di questa espressione.
Sfruttiamo la seguente identità vettoriale
𝑑𝑖𝑣 (𝑎 × 𝑏) = 𝑟𝑜𝑡(𝑎) ∙ 𝑏 − 𝑎 ∙ 𝑟𝑜𝑡(𝑏)
𝑑𝑙 × (𝑟 − 𝑟 ′ ) 𝑟 − 𝑟′ 𝑟 − 𝑟′
𝑑𝑖𝑣 ( ) = 𝑟𝑜𝑡 (𝑑𝑙) ∙ − 𝑑𝑙 ∙ 𝑟𝑜𝑡 ( )
|𝑟 − 𝑟 ′ |3 |𝑟 − 𝑟 ′ |3 |𝑟 − 𝑟 ′ |3
Possiamo notare che 𝑟𝑜𝑡(𝑑𝑙) = 0 è nullo in quanto dl è indipendente da r
𝑟−𝑟 ′
ed è costante. Anche 𝑟𝑜𝑡 (|𝑟−𝑟 ′ |3 ) è 𝑛𝑢𝑙𝑙𝑜 poiché rotore di un campo
𝑟
conservativo. (𝑟𝑜𝑡 ( 3) = 0)
𝑟

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
LA LEGGE DI AMPERE E IL ROTORE DI B

Consideriamo un filo indefinitamente lungo e due linee chiuse una delle


quali (l1) chiusa attorno al filo.
Calcoliamo la circuitazione lungo le due linee

⃗ ∙ 𝑑𝑙1
Γ1 = ∮ 𝐵 ⃗ ∙ 𝑑𝑙2
Γ2 = ∮ 𝐵

Il campo B prodotto dal filo (percorso da corrente) è dato da


𝜇0 𝑖
𝐵= 𝑢 (𝑢 𝑣𝑒𝑟𝑠𝑜𝑟𝑒 𝑡𝑎𝑛𝑔𝑒𝑛𝑡𝑒 𝑎𝑙𝑙𝑒 𝑐𝑖𝑟𝑐𝑜𝑛𝑓𝑒𝑟𝑒𝑛𝑧𝑒)
2𝜋𝑟 𝑡 𝑡
𝑑𝑙 = 𝑑𝑟 𝑢𝑟 + 𝑟𝑑𝛼 𝑢𝑡 + 𝑑𝑧 𝑘
Dove 𝑢𝑟 rappresenta il versore radiale, 𝛼 l’angolo indicato in figura (i cui
estremi sono 𝛼0 𝑒 𝛼 + 2𝜋 𝑝𝑒𝑟 𝑙1 𝑒 entrambi 𝛼0 𝑝𝑒𝑟 𝑙2) e k versore di z
𝜇0 𝑖
Γ=∮ 𝑢 ∙ (𝑑𝑟 𝑢𝑟 + 𝑟𝑑𝛼 + 𝑑𝑧𝑘 ) =
2𝜋𝑟 𝑡
𝜇0 𝑖
=∮ 𝑑𝛼
2𝜋
Poiché 𝑢𝑡 ⊥ 𝑢𝑟 𝑒 𝑢𝑡 ⊥ 𝑘
Γ1 = 𝜇0 𝑖 Γ2 = 0
Tale risultato significa che
Scelta una qualsiasi linea chiusa l lungo la quale calcolare la circuitazione
di B, ad essa non contribuiscono le correnti non concatenate con la linea,
mentre contribuiscono tutte quelle concatenate.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
RISULTATO FINALE È LA LEGGIE DI AMPERE

⃗ ∙ 𝑑𝑙 = 𝜇0 ∑ 𝑖𝑘
∮𝐵
𝑘

Dove ciascuna corrente concatenata 𝑖𝑘 è positiva se il verso della


circuitazione è antiorario rispetto al suo verso, negativa in caso contrario.
La seguente legge vale sempre. In presenza di simmetria si può utilizzare
tale legge per il calcolo di B.
ATTENZIONE
LA CIRCUITAZIONE È DETERMINATA SOLO DALLE CORRENTI
CONCATENATE, MENTRE LA DETERMINAZIONE DEL CAMPO MAGNETICO
DA TUTTE LE CORRENTI (ANCHE QUELLE NON CONCATENATE)
ESEMPIO
Consideriamo un filo rettilineo percorso da una corrente di intensità i

Utilizziamo il teorema di circuitazione di Ampere per ottenere il campo B.


Il sistema possiede una simmetria cilindrica. Il campo deve avere la stessa
intensità in tutti i punti posti alla stessa distanza r. La sua direzione è
tangente alle circonferenze col centro sul filo (come mostrato dagli
esperimenti di Oersted).
Scegliamo come direzione dell’integrazione una di queste circonferenze e
il verso come richiesto dalla regola della mano destra.

⃗ ∙ 𝑑𝑙 = 2𝜋𝑟𝐵 = 𝜇0 𝑖
∮𝐵

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Da cui otteniamo che
𝜇0 𝑖
𝐵=
2𝜋𝑟
FORMA LOCALE DI AMPERE
LA LEGGE DI AMPERE PUO’ ESSERE ESPRESSA ANCHE IN FORMA
DIFFERENZIALE UTILIZZANDO IL TEOREMA DI STOKES
Che afferma per un generico vettore A

∮ 𝐴 ∙ 𝑑𝑙 = ∬ 𝑟𝑜𝑡(𝐴) ∙ 𝑑𝑆

Che applicato al campo B da

⃗ ) ∙ 𝑑𝑆 = ∮ 𝐵
∬ 𝑟𝑜𝑡(𝐵 ⃗ ∙ 𝑑𝑙 = 𝜇0 𝑖

Sapendo che i è uguale a

𝑖 = ∮ 𝐽 ∙ 𝑑𝑆

Quindi

⃗ ) ∙ 𝑑𝑆 = 𝜇0 ∮ 𝐽 ∙ 𝑑𝑆
∬ 𝑟𝑜𝑡(𝐵

Cioè
⃗ ) = 𝜇0 𝐽
𝑟𝑜𝑡(𝐵
CAMPO B GENERATO DA UN SOLENOIDE

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Il solenoide viene costruito avvolgendo in modo elicoidale un filo attorno
a un cilindro. Consideriamo un filo molto lungo e trascuriamo gli effetti
vicino ai bordi. Supponiamo inoltre che il filo sia avvolto in modo da poter
considerarlo come una successione di spire circolari piane molte vicine
una dall’altra.
Data la simmetria del sistema le componenti
𝐵𝑟 (𝑟𝑎𝑑𝑖𝑎𝑙𝑒) 𝑒 𝐵𝜃 (𝑡𝑟𝑎𝑣𝑒𝑟𝑠𝑎 ) 𝑠𝑜𝑛𝑜 𝑛𝑢𝑙𝑙𝑒. 𝑄𝑢𝑖𝑛𝑑𝑖 𝑖𝑙 𝑐𝑎𝑚𝑝𝑜 è 𝑑𝑖𝑟𝑒𝑡𝑡𝑜 𝑙𝑢𝑛𝑔𝑜
𝑙𝑎 𝑑𝑖𝑟𝑒𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑎𝑠𝑠𝑖𝑎𝑙𝑒 𝑢𝑧 .

𝐵𝜃 (𝑟)è 𝑛𝑢𝑙𝑙𝑎 𝑝𝑜𝑖𝑐ℎè 𝑠𝑒 𝑎𝑝𝑝𝑙𝑖𝑐ℎ𝑖𝑎𝑚𝑜 𝑙𝑎 𝑙𝑒𝑔𝑔𝑒 𝑑𝑖 𝐴𝑚𝑝𝑒𝑟𝑒 𝑎𝑑 𝑢𝑛𝑎 𝑔𝑒𝑛𝑒𝑟𝑖𝑐𝑎


𝑐𝑖𝑟𝑐𝑜𝑛𝑓𝑒𝑟𝑒𝑛𝑧𝑎 𝐶 𝑑𝑖 𝑟𝑎𝑔𝑔𝑖𝑜 𝑟 𝑐𝑜𝑛𝑐𝑒𝑛𝑡𝑟𝑖𝑐𝑎 𝑐𝑜𝑛 𝑢𝑛𝑎 𝑠𝑝𝑖𝑟𝑎 𝑑𝑒𝑙 𝑠𝑜𝑙𝑒𝑛𝑜𝑖𝑑𝑒, 𝑙𝑎
𝑐𝑖𝑟𝑐𝑢𝑖𝑡𝑎𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑑𝑖 𝐵 𝑙𝑢𝑛𝑔𝑜 𝑡𝑎𝑙𝑒 𝑙𝑖𝑛𝑒𝑎 è 𝑢𝑔𝑢𝑎𝑙𝑒 𝑎 2𝜋𝑟𝐵𝜃 (𝑟), 𝑚𝑎 𝑙𝑎 𝑐𝑜𝑟𝑟𝑒𝑛𝑡𝑒
𝑐𝑜𝑛𝑐𝑎𝑡𝑒𝑛𝑎𝑡𝑎 𝑎𝑑 𝑒𝑠𝑠𝑎 è 𝑛𝑢𝑙𝑙𝑎 (𝑠𝑖𝑎 𝑠𝑒 𝐶 è 𝑖𝑛𝑡𝑒𝑟𝑛𝑎 𝑎𝑙 𝑠𝑜𝑙𝑒𝑛𝑜𝑖𝑑𝑒, 𝑠𝑖𝑎 𝑠𝑒 è
𝑒𝑠𝑡𝑒𝑟𝑛𝑎). 𝐷𝑢𝑛𝑞𝑢𝑒 2𝜋𝑟𝐵𝜃 (𝑟) = 0 𝑐𝑖𝑜è 𝐵𝜃 (𝑟) = 0

𝐶𝑜𝑛𝑠𝑖𝑑𝑒𝑟𝑖𝑎𝑚𝑜 𝑖𝑙 𝑓𝑙𝑢𝑠𝑠𝑜 𝑑𝑖 𝐵 𝜙(𝐵) 𝑎𝑡𝑡𝑟𝑎𝑣𝑒𝑟𝑠𝑜 𝑢𝑛 𝑐𝑖𝑙𝑖𝑛𝑑𝑟𝑒𝑡𝑡𝑜 𝑑𝑖 𝑟𝑎𝑔𝑔𝑖𝑜 𝑟


𝑐𝑜𝑎𝑠𝑠𝑖𝑎𝑙𝑒 𝑐𝑜𝑛 𝑖𝑙 𝑠𝑜𝑙𝑒𝑛𝑜𝑖𝑑𝑒. 𝐼 𝑐𝑜𝑛𝑡𝑟𝑖𝑏𝑢𝑡𝑖 𝑎𝑙𝑙𝑒 𝑏𝑎𝑠𝑖 𝑠𝑖 𝑒𝑙𝑙𝑖𝑑𝑜𝑛𝑜 𝑎 𝑣𝑖𝑐𝑒𝑛𝑑𝑎.
Per la legge di Gauss per il magnetismo, sarà quini
𝜙(𝐵) = 𝑆𝐵𝑟 (𝑟) = 0 𝑐𝑖𝑜è 𝐵𝑟 (𝑟) = 0

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
IL CAMPO DI UN SOLENOIDE È NULLO ALL’ESTERNO ED È UNIFORME
ALL’INTERNO

Consideriamo una linea rettangolare chiusa di due lati di lunghezza l


paralleli al cilindro, e gli altri lati di lunghezza dl infinitesima. Essa è tutta
esterna al solenoide. Non essendoci correnti concatenate abbiamo che
𝐵1 𝑙 − 𝐵2 𝑙 = 0 𝑑𝑎 𝑐𝑖ò 𝐵1 = 𝐵2
Quindi uniformità del campo all’esterno. Poiché il campo a grandi
distanze tende a zero, escludendo le regioni estreme del solenoide, esso è
nullo ovunque.
Anche all’interno del solenoide il campo è uniforme. Consideriamo che la
𝑁
linea chiusa sia tutta interna al solenoide. Il numero di spirali chiuse è 𝑙
𝐿
e il campo esterno è nullo.
Si ottiene che

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
𝜇0 𝑁𝑙 𝑁
𝐵𝑖𝑛𝑡 𝑙 = 𝑖 𝑛=
𝐿 𝐿
𝐵𝑖𝑛𝑡 = 𝜇0 𝑖𝑛
Il verso segue la regola della mano destra

EFFETTO HALL

Consideriamo un sottile strato di metallo di forma rettangolare.


Applichiamo una differenza di potenziale all’estremità del conduttore in
modo che in esso scorra corrente J. Inoltre, il conduttore è immerso in un
campo B. Il campo esercita una forza di Lorentz 𝐹𝐿 = 𝑞𝑣 × 𝐵 ⃗ sulle cariche
in movimento che consentirà l’accumulo di carica positive sulla superficie
1.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Siccome il conduttore era neutro, allora per il principio di conservazione
della carica sulla superficie 2 si verrà a creare un accumulo di carica
negativa.
Si può descrivere l’azione del campo magnetico sui portatori di carica
come quella di un campo elettromotore 𝐸𝑚 .
Considerando un volumetto ΔL si ha che

𝐹𝐿 = 𝑁𝑞Δ𝐿 𝑣 × 𝐵

𝐹𝐿 𝑁𝑞Δ𝐿 𝑣 × 𝐵 𝐽×𝐵⃗
𝐸𝑚 = = = 𝑝𝑜𝑖𝑐ℎè 𝐽 = 𝑁𝑞𝑣
𝑄 𝑁𝑞Δ𝐿 𝑁𝑞
Anche se considerassimo una carica negativa, il verso di J rimarrebbe
invariato (per convezione si considera sempre che il verso che indica J è
quello delle cariche positive).
Si avrà che
𝐸𝑚 𝑖̂ 𝑠𝑒 𝑞 = 𝑞 +
𝐸𝑚 = {
𝐸𝑚 (−𝑖̂) 𝑠𝑒 𝑞 = 𝑞 −
Il campo (quindi la forza di Lorentz) è sempre diretta lungo il versore i,
determinando uno spostamento del portatore di carica. Notiamo che se il
portare di carica è positivo si ha un accumulo sulla superficie 1 di carica
positiva, mentre se il portatore di carica è negativo si ha un accumulo di
carica negativa sempre sulla superficie 1.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Ciò viene a creare in entrambi casi una differenza di potenziale tra le
superfici 1 e 2. Tale fenomeno è detto effetto Hall.
Lo spostamento traversale delle cariche ha fine quando si raggiunge una
situazione di regime in cui le cariche accumulate formano un campo
elettrostatico 𝐸𝑠 opposto al campo elettromotore considerato
Per cui si avrà che calcolando il potenziale elettrostatico abbiamo che
𝑉1 − 𝑉2 = ±𝐸𝑑 =
(𝑑𝑜𝑣𝑒 𝑑 è 𝑙𝑎 𝑑𝑖𝑠𝑡𝑎𝑛𝑧𝑎 𝑓𝑟𝑎 𝑙𝑒 𝑑𝑢𝑒 𝑠𝑢𝑝𝑒𝑟𝑓𝑖𝑐𝑖 )
𝐽𝐵 + 𝑞 = 𝑞+
= 𝑑={
𝑁𝑞 − 𝑞 = 𝑞−
Da ciò si intuisce che in un conduttore metallico
𝐽𝐵
𝑉1 − 𝑉2 = − 𝑑
𝑁𝑒
(portatori di carica negativi) oltre che la possibilità di calcolare il campo
magnetico, come
|𝑉1 − 𝑉2 |𝑆𝑁𝑒
𝐵=
𝑖

EQUIVALENZA FRA MAGNETI E SPIRE


L’equivalenza coinvolge due aspetti:

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
1) Magneti e spire producono lo stesso campo magnetico
2) Posti in un campo magnetico subiscono la stessa azione meccanica.

L’equivalenza è valida soltanto a una certa distanza, cioè quando la


distanza è molto grande rispetto alle loro dimensioni.
DIMOSTRIAMO IL PRIMO ASPETTO

Campo di una spira


Nel punto P il campo infinitesimo sarà
Uguale a
𝜇0 𝑑𝑙 × 𝑟
⃗ =
𝑑𝐵 𝑖
4𝜋 𝑟3
𝜇 𝑑𝑙
⃗|= 0𝑖
|𝑑𝐵
4𝜋 𝑟 2

Per simmetria, la componente


ortogonale a z campo si annulla quindi
rimane soltanto la componente
parallela all’asse z. Quindi il campo sarà diretto parallelamente
all’asse z. Quindi abbiamo che
𝑅
𝑑𝐵𝑧 = 𝑑𝐵𝑠𝑖𝑛𝜃 = 𝑑𝐵 =
√𝑅 2 + 𝑑2
𝑅
𝑝𝑜𝑖𝑐ℎè 𝑠𝑖𝑛𝜃 =
√𝑅 2 + 𝑑2
𝜇0 𝑅𝑑𝛼 𝑅
= 𝑖 2 =
4𝜋 𝑅 + 𝑑 2 √𝑅 2 + 𝑑2

Dove 𝑑𝑙 = 𝑅𝑑𝛼
𝜇0 𝑅 2 𝑑𝛼
= 𝑖
4𝜋 √(𝑅 2 + 𝑑2 )3
Integrando su tutta la spira si ottiene

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
2𝜋
𝜇0 𝑅 2 𝑑𝛼 𝜇0 𝜋𝑅 2
𝐵𝑧 = 𝐵 = ∫ 𝑑𝐵 = ∫ 𝑖 = 𝑖
0 4𝜋 √(𝑅 2 + 𝑑2 )3 2𝜋 √(𝑅 2 + 𝑑2 )3
𝜇0 𝐴
= 𝑖
2𝜋 √(𝑅 2 + 𝑑2 )3

Nell’ultimo passaggio abbiamo moltiplicato e diviso per 𝜋 in modo


che compari A al numeratore, l’area della spira.

Si definisce momento di dipolo magnetico 𝑚 = 𝑖𝐴 𝑧̂


𝜇0 𝑚
𝐵=
2𝜋 √(𝑅 2 + 𝑑2 )3
Nel caso particolare che d>>R allora √(𝑅 2 + 𝑑2 )3 ≈ 𝑑 3
𝜇0 𝑚
𝐵≈
2𝜋 𝑑3
Che scritto in modo vettoriale è
𝜇 𝑚 𝑧̂
⃗ ≈ 0
𝐵
2𝜋 𝑑3
(𝐶𝐴𝑀𝑃𝑂 𝐷𝐼 𝑈𝑁𝐴 𝑆𝑃𝐼𝑅𝐴 𝑃𝐸𝑅𝐶𝑂𝑅𝑆𝐴 𝐷𝐴 𝑈𝑁𝐴 𝐶𝑂𝑅𝑅𝐸𝑁𝑇𝐸 𝑆𝑇𝐴𝑍𝐼𝑂𝑁𝐴𝑅𝐼𝐴)

Consideriamo adesso il campo di un magnete

Abbiamo che (dalla definizione di campo)

𝜇0 𝑝 𝑝
𝐵𝑧 = 𝐵 = ( − )=
4𝜋 𝑙 2 𝑙 2
(𝑑 − 2) (𝑑 + 2)
𝑙 2 𝑙 2
𝜇0 𝑝 (𝑑 + 2) − 𝑝 (𝑑 − 2)
= [ ]=
4𝜋 𝑙 2 𝑙 2
(𝑑 − 2) (𝑑 + 2)
𝜇0 2𝑝𝑑𝑙
=
4𝜋 𝑙 2 𝑙 2
(𝑑 − 2) (𝑑 + 2)
Assumendo che 𝑑 ≫ 𝑙

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Allora
𝜇0 2𝑝𝑑𝑙 𝜇0 𝑝𝑙 𝜇0 𝑚
𝐵≈ ≈ =
4𝜋 𝑑4 2𝜋 𝑑3 2𝜋 𝑑3

Assumendo come momento magnetico 𝑚⃗⃗ = 𝑝𝑙 𝑧̂


Vettorialmente è uguale
𝜇 𝑚
⃗ = 0
𝐵 𝑧̂
2𝜋 𝑑3

Quindi il campo magnetico generato è lo stesso di quello della spira


(ovviamente se producono lo stesso momento magnetico)

DIMOSTRAZIONE DEL PRIMO ASPETTO


Consideriamo una spira di forma rettangolare immersa in un campo
magnetico.
A causa del campo magnetico la spira sarà
sottoposta a una forza magnetica.
Calcoliamone il contributo infinitesimo
𝑑𝐹 = 𝑖𝑑𝑙 × 𝐵⃗
Su tutta la spira essa è uguale a
⃗ = 𝑖 ∮ 𝑑𝑙 × 𝐵
𝐹 = ∮ 𝑖𝑑𝑙 × 𝐵 ⃗ =0

Infatti, considerando le forze agenti per ogni lato, data la particolare


simmetria, esse si compensano.

Su ogni lato agiranno una coppia di forza, per tale motivo verrà
esercitato un momento meccanico M.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
𝑃𝑒𝑟 𝑢𝑛𝑎 𝑠𝑝𝑖𝑟𝑎 𝑚 = 𝑖𝐴
𝑀 = ∑𝑟 × 𝐹 =
𝑖
𝑖𝑏𝐵𝑎 𝑖𝑏𝐵𝑎
= 𝑠𝑖𝑛𝜃 + 𝑠𝑖𝑛𝜃 =
2 2
= 𝑖𝑏𝑎𝐵𝑠𝑖𝑛𝜃 = 𝑖𝑆𝐵𝑠𝑖𝑛𝜃 =
= 𝑚𝐵𝑠𝑖𝑛𝜃 = 𝑚 ⃗⃗ × 𝐵⃗

Per il magnete abbiamo che

Il momento delle forze è pari a


𝑝𝐵𝑙 𝑝𝐵𝑙
𝑀= 𝑠𝑖𝑛𝜃 + 𝑠𝑖𝑛𝜃
2 2
= 𝑝𝑙𝐵𝑠𝑖𝑛𝜃 =
= 𝑚𝐵𝑠𝑖𝑛𝜃 =
=𝑚 ⃗
⃗⃗ × 𝐵

1) MAGNETISMO NELLA MATERIA


Le proprietà magnetiche della materia sono determinate dalla
struttura degli atomi, all’interno dei quali si muovono gli elettroni.
A livello atomico gli elettroni che ruotano intorno a un nucleo
possono considerarsi come spire microscopiche. Nel modello
dell’atomo di idrogeno si ha

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
𝑒
𝑖= (𝑑𝑜𝑣𝑒 𝑇 𝑟𝑎𝑝𝑝𝑟𝑒𝑠𝑒𝑛𝑡𝑎 𝑖𝑙 𝑝𝑒𝑟𝑖𝑜𝑑𝑜 𝑑𝑖 𝑟𝑖𝑣𝑜𝑙𝑢𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 )
𝑇
𝑒𝑣
𝑖=
2𝜋𝑅
Definiamo il momento orbitale come
𝑒𝑣 𝑒𝑣𝑅
𝑚𝑜 = 𝑖𝐴 = 𝜋𝑅 2 =
2𝜋𝑅 2
E il momento angolare
𝐿0 = 𝑚𝑒 𝑣𝑅
𝑒𝑣𝑅
⃗⃗⃗⃗⃗𝑜 =
𝑚 (−𝑢̂𝑧 )
2
1 𝑒
𝑚
⃗⃗ 𝑜 = − 𝐿 𝑢̂
2 𝑚𝑒 0 𝑧
𝑒
𝐷𝑜𝑣𝑒 𝑣𝑖𝑒𝑛𝑒 𝑑𝑒𝑡𝑡𝑜 𝑓𝑎𝑡𝑡𝑜𝑟𝑒 𝑔𝑖𝑟𝑜𝑚𝑎𝑔𝑛𝑒𝑡𝑖𝑐𝑜
𝑚𝑒

L’elettrone può considerarsi anche una sfera microscopica. Esso


ruota su sé stesso determinando un momento di spin
𝑒
𝑚𝑠 = − 𝐿 𝑐𝑜𝑛 𝐿𝑠 𝑚𝑜𝑚𝑒𝑛𝑡𝑜 𝑎𝑛𝑔𝑜𝑙𝑎𝑟𝑖 𝑑𝑖 𝑠𝑝𝑖𝑛
𝑚𝑒 𝑠
Considerando un momento magnetico atomico che sarà dato dalla
combinazione di un momento magnetico di spin e i momenti
magnetici orbitali.
Nello stato fondamentale di un atomo isolato, il momento
magnetico atomico è determinato dagli elettroni dei gusci più
esterni non completamente riempiti, in particolare dai momenti
magnetici di spin degli elettroni non accoppiati.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Generalmente, in assenza di campi esterni, il momento magnetico
totale è nullo a causa della distribuzione causale dei moment nello
spazio (con eccezione delle sostanze ferromagnetiche).

Quando questo viene inserito in un campo magnetico si osservano


comportamenti diversi a seconda che il momento magnetico
intrinseco sia o non sia nullo.

DIAMAGNETICI E PARAMAGNETICI

Consideriamo che il piano delle orbite sia perpendicolare al campo B.


Abbiamo due situazioni.
Nel primo caso il momento magnetico dell’elettrone è diretto nello stesso
verso di B, e la forza magnetica dunque è diretto verso l’esterno. Questa
forza rallenta la velocità dell’elettrone e produce quindi una variazione di
m. Δ𝑚 è diretto dunque in verso opposto a m, e quindi in verso opposto a
B.
Nel secondo caso l’elettrone si muove in senso orario, il momento
magnetico è diretto verso l’alto, opposto a B, e la forza magnetica è
diretto verso l’interno dell’orbita. Quindi la forza aumenta la velocità
dell’elettrone è produce una variazione di m. Δ𝑚 è diretto nello stesso
verso di m, quindi in verso opposto a B.
Da ciò si dimostra che la variazione di velocità angolare è Δ𝑤 =
𝑒𝐵
, effetto noto come precessione di Larmor.
2𝑚𝑒

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
In entrambi i casi abbiamo che la variazione di momento angolare è
opposto al campo magnetico esterno: il momento magnetico indotto è
diretto in verso opposto al momento magnetico che lo ha generato.
Si possono considerare delle correnti elettroniche microscopiche
(generate dall’elettrone) dette amperiane, che si sommano a quelle di
conduzione. Esse sono distribuite nel volume e sulla superficie del corpo.

DIAMAGNETICI
In alcuni corpi queste correnti amperiane si annullano all’interno del
volume, ma non sulla superficie del corpo, dove contribuiscono alla
formazione di una corrente di origine atomica che non comporta alcuna
dissipazione termica. Tali materiali sono detti diamagnetici.
Gli atomi delle sostanze diamagnetiche sono caratterizzati ad avere un
numero pari di elettroni e da strutture elettroniche simmetriche.
Essi provocano una riduzione di piccola entità del campo.
PARAMAGNETICI
Se gli atomi hanno momento angolare diverso da zero (anche nel
volume), si vengono a formare dei dipoli magnetici microscopici che
tendono a disporsi in modo parallelo al campo. Questi materiali vengono
detti paramagnetici. Anche questi materiali presentano l’effetto dovuto
alla precessione di Larmor, con un contributo minore a causa
dell’allineamento e verso opposto.
Gli atomi paramagnetici sono caratterizzati ad avere un numero dispari di
elettroni e da strutture elettroniche molto asimmetriche.

Quindi se per esempio all’interno di un solenoide percorso da corrente,


introduciamo un materiale paramagnetico o diamagnetico abbiamo che:
Per i diamagnetici il campo è minore (ma di poco) rispetto al campo nel
vuoto.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Per i paramagnetici il campo è maggiore (ma di poco) rispetto al campo
nel vuoto.

In presenza di materiali paramagnetici o diamagnetici il campo dovrà


essere espresso come
𝐵 = 𝜇𝑟 𝜇0 𝑖𝑛
Dove 𝜇𝑟 è detto permeabilità magnetica relativa
LEGGE DI AMPERE
IN PRESENZA DI MATERIALI LA LEGGE DI AMPERE DIVENTA
𝑐𝑜𝑛𝑐
∮ 𝐵 ∙ 𝑑𝑙 = 𝜇0 (∑ 𝑖𝑘𝑐𝑜𝑛𝑐 + ∑ 𝑖𝑘′ )
𝑘 𝑘
𝑐𝑜𝑛𝑐
Dove 𝑖𝑘′ sono le correnti atomiche che circolano sulla superficie dei
materiali, concatenate lungo la curva su cui si calcola la circuitazione.
IN FORMA LOCALE
𝑟𝑜𝑡(𝐵) = 𝜇0 (𝐽 + 𝐽′ )
Dove J e J’ rappresentano rispettivamente la densità di corrente di
conduzione e di magnetizzazione.
NEL CASO PARTICOLARE DI UN SOLENOIDE
𝐵 = 𝜇0 (𝑖𝑛 + 𝑖 ′ 𝑛′)
Dove i’ e l’intensità della corrente fittizia che si avvolge sulla superficie, e
n’ è il numero di spire per unità di lunghezza di tale corrente.

INTENSITA’ DI MAGNETIZZAZIONE
Il vettore magnetizzazione è definito come
𝑑𝑚
𝑀=
𝑑𝑉
Il rapporto tra il momento magnetico dm dell’elemento di Volume 𝑑𝑉,
con il volume stesso.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Tale vettore in generale è funzione della distanza e del campo
𝑀 = 𝑓(𝑟, 𝐵)
Possiamo scrivere il vettore m in funzione di M.
Considero una porzione cilindrica di materiale contenuta all’interno del
solenoide con base A e altezza l.
𝑚 = 𝐴𝑙𝑀
Per l’equivalenza tra magneti e spire
𝑚 = 𝐴𝑖′𝑁 = 𝐴𝑙𝑖 ′ 𝑛′
𝑁
Dove 𝑛′ = dove N è il numero di spire
𝑙

Da questo deduciamo che 𝑀 = 𝑖 ′ 𝑛′


Calcolando la circuitazione di un circuito chiuso all’interno della spira
abbiamo che

∮ 𝑀 ∙ 𝑑𝑙 = 𝑀𝑙 = 𝑖 ′ 𝑛′ 𝑙 = 𝑖′𝑁

𝑖 ′ 𝑁 𝑟𝑎𝑝𝑝𝑟𝑒𝑠𝑒𝑛𝑡𝑎 𝑙𝑎 𝑠𝑜𝑚𝑚𝑎 𝑑𝑒𝑙𝑙𝑒 𝑐𝑜𝑟𝑟𝑒𝑛𝑡𝑖 𝑎𝑡𝑜𝑚𝑖𝑐ℎ𝑒 𝑐𝑜𝑛𝑐𝑎𝑛𝑡𝑒𝑛𝑎𝑡𝑒 𝑐𝑜𝑙


𝑝𝑒𝑟𝑐𝑜𝑟𝑠𝑜 𝑢𝑠𝑎𝑡𝑜 𝑝𝑒𝑟 𝑐𝑎𝑙𝑐𝑜𝑙𝑎𝑟𝑒 𝑙𝑎 𝑐𝑖𝑟𝑐𝑢𝑖𝑡𝑎𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒.
Quindi

⃗⃗ ∙ 𝑑𝑙 = ∑ 𝑖′𝑘
∮𝑀
𝑘

Che in forma locale diventa


⃗⃗ ) = 𝐽′ (𝑑𝑎𝑙 𝑡𝑒𝑜𝑟𝑒𝑚𝑎 𝑑𝑖 𝑆𝑡𝑜𝑘𝑒𝑠)
𝑟𝑜𝑡(𝑀
Inoltre, possiamo calcolare B in questo modo
𝐵 = 𝜇0 (𝑖𝑛 ± 𝑀)
Dove il segno è positivo per i materiali ferromagnetici e paramagnetici,
negativo per i materiali diamagnetici.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Da ciò possiamo ricavare un altro vettore, il vettore H la cui circuitazione
dipende soltanto dalle correnti di conduzione, e non da quelle di
magnetizzazione.

∮ 𝐻 ∙ 𝑑𝑆 = ∑ 𝑖𝑘𝑐𝑜𝑛𝑐
𝑘

E quindi
𝑟𝑜𝑡 (𝐻 ) = 𝐽
Da cui otteniamo che
𝐵 = 𝜇0 (𝐻 + 𝑀)
𝐴
H e M sono dimensionalmente omogeni. Si misurano come
𝑚

SI HA CHE
NEI DIAMAGNETICI E PARAMAGNETICI
B e M sono proporzionali a H.
𝐵 = 𝜇0 𝜇 𝑟 𝐻
𝑀 = (𝜇𝑟 − 1)𝐻 = 𝜒𝑚 𝐻
𝜒𝑚 = (𝜇𝑟 − 1) = è 𝑑𝑒𝑡𝑡𝑎 𝑠𝑢𝑠𝑐𝑒𝑡𝑡𝑖𝑣𝑖𝑡à 𝑚𝑎𝑔𝑛𝑒𝑡𝑖𝑐𝑎
Nei mezzi non omogenei sia la suscettività che la permeabilità magnetica
possono variare da punto a punto.
𝜒𝑚 è negativa e indipendente a temperature per le sostanze
diamagnetiche, mentre è positiva per quelle paramagnetiche.
La prima legge di Laplace assume la seguente forma
𝜇𝑟 𝜇0 𝑑𝑙 × 𝑟
𝐵= 𝑖∮ 3
4𝜋 𝑟
Mentre la seconda legge diventa
𝑐𝑜𝑛𝑐
∮ 𝐵 ∙ 𝑑𝑙 = 𝜇𝑟 𝜇0 ∑ 𝑖𝑘
𝑘

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
-
CONDIZIONI DI RACCORDO FRA DUE MATERIALI MAGNETICI

Sappiamo che 𝑑𝑖𝑣 (𝐵 ) = 0 , 𝑐𝑖𝑜è 𝜙(𝐵) = 0


Per tale motivo 𝐵1 𝑛 𝑑𝑆 − 𝐵2 𝑛 𝑑𝑆 = 0 𝐵1 𝑛 = 𝐵2 𝑛
Cioè la componente normale del campo si conserva.

Poiché 𝑟𝑜𝑡(𝐻 ) = 0 𝑠𝑒 𝐽 = 0
Allora 𝐻1 𝑡 𝑑𝑙 − 𝐻2 𝑡 𝑑𝑙 = 0 𝐻1 𝑡 = 𝐻2 𝑡

Cioè la componente tangenziale del vettore H si conserva.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
MATERIALI FERROMAGNETICI
I materiali ferromagnetici sono 𝐹𝑒, 𝑁𝑖, 𝐶𝑜, 𝐷𝑦, 𝐺𝑑 + leghe
Nei materiali ferromagnetici (al contrario dei diamagnetici e dei
paramagnetici) restano magnetizzati anche quando il campo magnetico
esterno cessa di esistere. L’effetto è spiegabile in termini di meccanica
quantistica. Si vengono a creare forze di scambio. Momenti magnetici di
atomi adiacenti si accoppiano aumentando considerevolmente il loro
effetto.
All’interno del materiale si creano delle vere proprie regioni (detti domini
di Weiss) formati da dipoli allineati ognuno caratterizzato da un campo
complessivo di una certa intensità. In un materiale che non ha subito
precedenti magnetizzazioni l’orientazione di questi dipoli è del tutto
casuale e danno un contributo complessivo nullo.

In presenza di un campo esterno succede che il dominio in cui


l’orientazione dei dipoli è più discorde a B diminuisce, mentre quello
concorde aumenta. Aumentando sempre di più
fino a quando i domini discordi scompaiono.
Alla fine, otterrò un momento di dipolo parallelo al
campo esterno.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Il valore di 𝜇𝑟 è molto più elevato rispetto ai
paramagnetici e i diamagnetici. 𝜇𝑟 non è
costante, ma dipende dal campo magnetico
applicato.
Al di sopra di una temperatura, detta di Curie,
che varia da un materiale all’altro, si rompono i
legami fra il dipolo e i materiali ferromagnetici
si comportano come paramagnetici.
Nei ferromagnetici l’andamento di B e di H non è lineare, e cambia man
mano che il materiale è sottoposto a successivi cicli di magnetizzazione.

Consideriamo un materiale ferromagnetico (mai


magnetizzato) all’interno di un solenoide. Se il
solenoide viene percorso da una corrente, si
produrrà un campo magnetico che magnetizzerà
il magnete.
La curva di prima
magnetizzazione (tratteggiata) è
diversa da quelle successive. A
un certo valore di H la
magnetizzazione satura. A sua
volta se diminuiamo la corrente
all’interno del solenoide, il valore
della magnetizzazione diminuisce
seguendo una curva differente. Quando H=0, il valore di magnetizzazione
non è nullo, ma ha un suo valore detto valore di magnetizzazione residuo.
Questo è il motivo per cui i materiali ferromagnetici continuano ad avere
le proprietà magnetiche anche dopo che il campo magnetico è cessato.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
A questo punto se si inverte la corrente il livello di magnetizzazione si
annullerà a un certo valore di H e diventerà negativo fino a saturare
un’altra volta. Aumentando di nuovo la corrente si ottiene lo stesso
comportamento. Tale ciclo viene detto ciclo di isteresi.
I materiali che hanno un ciclo di isteresi largo si magnetizzano
intensamente e mantengono a lungo tale condizione: essi vengono
chiamati <<duri>>. Quelli con un ciclo di isteresi molto stretto si
smagnetizzano facilmente e vengono chiamati <<dolci>>.
Per smagnetizzare un magnete è dunque necessario creare dei cicli che si
stringono man mano intorno all’origine.

2) LEGGI DI FARADAY-LENZ
Faraday eseguì una serie di esperimenti che mostrarono che le forze di
natura elettrica e di natura magnetica rappresentano aspetti diversi di
un’unica interazione.
ESPERIMENTI DI FARADAY
1) MAGNETE IN MOTO RELATIVO RISPETTO A UNA SPIRA.
Faraday notò che muovendo il magnete in moto relativo rispetto
alla spira, si generava corrente elettrica all’interno della spira
(misurata attraverso un galvanometro).

2) CIRCUITO CON CORRENTE STAZIONARIA IN MOTO RELATIVO


RISPETTO A UNA SPIRA.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Anche qui Faraday notò che sulla spira si generava corrente
(indotta).

La cosa importante è che il circuito sia in moto relativo rispetto alla


spira. Infatti, Faraday notò che se sul circuito gira corrente
stazionaria, sulla spira non si genera nessuna corrente indotta. Il
fenomeno infatti è legato alla variazione del campo magnetico

3) CIRCUITO CON CORRENTE VARIABILE IN QUIETE RISPETTO ALLA


SPIRA
In questo caso Faraday noto che sulla spira si generava corrente
indotta anche se il circuito era in quiete.

4) CAMPO MAGNETICO UNIFORME E SPIRA DEFORMABILE


Anche in questo caso si genera corrente sulla spira.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Gli esperimenti eseguiti da Faraday mostrano che:
Quando abbiamo un moto relativo tra spira e circuito con corrente si può
considerare equivalente al fatto che un campo magnetico e quindi gli
elettroni si muovono (risultato delle forze di Lorentz, caso valido anche
per l’esperimento 4)
Mentre negli altri casi si evidenzia un concetto nuovo espressa dalla legge
di Faraday, che racchiude tutti gli esperimenti eseguiti da Faraday.
LEGGE DI FARADAY
La variazione nel tempo del flusso del campo magnetico è pari a una forza
elettromotrice indotta.

𝑑𝜙(𝐵⃗)
𝜀𝑖𝑛𝑑 =−
𝑑𝑡
Il segno meno indica il fatto che il verso della corrente indotta è tale che il
campo che esso genera si opponga alla variazione che l’ha prodotto. Tale
proprietà è nota come Legge di Lenz.
Il sistema si comporta come se venisse allontanato da una situazione di
equilibrio stabile.

I casi qui rappresentati si possono sintetizzare in due casi principali:


1) Quella in cui, rispetto alle sorgenti del campo magnetico, le cariche
mobili sono in movimento (flusso tagliato e induzione di
movimento)

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
2) Le cariche sono ferme (flusso concatenato e induzione di
trasformazione)

INDUZIONE DI MOVIMENTO E FLUSSO TAGLIATO


Consideriamo un flusso tagliato quale può essere una spira
rettangolare che si muove di velocità v su un campo magnetico
uniforme.

Abbiamo che dalla legge di Farady-lenz


𝑑𝜙(𝐵)
𝜀𝑚 = −
𝑑𝑡
Dove 𝜙(𝐵 ⃗ ) = 𝑙 (𝑙 − 𝑥 )𝐵

𝑥 (𝑡) = 𝑣𝐵 𝑡
𝜙(𝐵⃗ ) = 𝑙 (𝑙 − 𝑣𝑡)𝐵 = 𝑙2 − 𝑙𝑣𝑡𝐵
𝑑𝜙(𝐵)
= −𝑙𝑣𝐵
𝑑𝑡
𝜀𝑚 = 𝑣𝑙𝐵
Da un altro punto di vista è come se ci fosse un campo
elettromotore
𝐸⃗𝑚 = 𝑣 × 𝐵 ⃗

𝜀 = ∮ 𝐸⃗𝑀 ∙ 𝑑𝑙 =
𝐿𝑢𝑛𝑔𝑜 𝑖 𝑠𝑒𝑔𝑚𝑒𝑛𝑡𝑖 𝑜𝑟𝑖𝑧𝑧𝑜𝑛𝑎𝑡𝑙𝑖 è 𝑛𝑢𝑙𝑙𝑜, 𝑝𝑜𝑖𝑐ℎè 𝐸𝑚 ⊥ 𝑑𝑙
Fino a quando la spira è immersa interamente nel campo la
circuitazione è nulla (in accordo anche con la legge di faraday,

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
poiché non ci sono variazioni di flusso del campo). Nel momento in
cui la spira esce dal campo si crea una variazione di flusso.
Quindi
𝐵
⃗ ) ∙ 𝑑𝑙 = 𝑣𝑙𝐵
𝜀𝑀 = ∫ (𝑣 × 𝐵
𝐴
La forza elettromotrice gira in senso antiorario rispetto alla figura
considerata, in accordo con la legge di Faraday-Lenz.

Indicata con R la resistenza della spira, su di essa gira una corrente


𝜀 𝐵𝑙𝑣
𝑖= =
𝑅 𝑅
La forza 𝑑𝐹 = 𝑖𝑑𝑙 × 𝐵 ⃗ , dalla seconda legge di Laplace si oppone alla
variazione di flusso per la legge di Lenz.
Le forze che il campo esercita sui lati paralleli alla velocità sono
uguali e opposte, quindi se consideriamo una spira indeformabile
non hanno nessun effetto. La forza che agisce su AD è diretta in
verso opposto ad v. Per estrarre la spira occorre applicare una forza
esterna (cioè fare in modo che v rimanga costante, quindi le forze
totali sono nulle).

Se voglio che il corpo si muova con una velocità costante devo


applicare una forza uguale ed opposta.

La forza esterna dissipa una potenza


𝑃𝑣 = 𝐹𝑒𝑠𝑡 ∙ 𝑣 (𝑝𝑒𝑟 𝑙𝑎 𝑑𝑒𝑓𝑖𝑛𝑖𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑑𝑖 𝑝𝑜𝑡𝑒𝑛𝑧𝑎 )
𝐹 = 𝑖𝑙𝐵

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
(𝐵𝑙𝑣)2
𝑃𝑣 = 𝐹𝑒𝑠𝑡 𝑣 = 𝑖𝑙𝐵𝑣 = (𝑝𝑜𝑡𝑒𝑛𝑧𝑎 𝑑𝑒𝑙𝑙𝑎 𝑓𝑜𝑟𝑧𝑎 𝑒𝑠𝑡𝑒𝑟𝑛𝑎)
𝑅
La potenza invece dovuto all’effetto joule è
2
𝑣𝑙𝐵 𝐵𝑙𝑣
𝑃𝑗 = 𝑅𝑖 2 = 𝑅 ( ) =
𝑅 𝑅
Cioè abbiamo che 𝑃𝑣 = 𝑃𝑗 coerente con il Principio di conservazione
dell’energia.

Il flusso tagliato è alla base della trasformazione di energia


meccanica in energia elettrica (nei generatori elettrici). La parte in
movimento poiché deve essere contenuta all’interno di una
macchina è costretta a ruotare su sé stessa attorno a un asse. Le
forze di Lorentz agenti sulle cariche in movimento all’interno della
spira sono perpendicolari al conduttore stesso (non apportano
nessun contributo).
Calcoliamo 𝜀

𝑑𝜙(𝐵) 𝑑 𝑑
𝜀=− = − (𝐵(𝑎𝑏)𝑐𝑜𝑠𝜃𝑡 ) = − 𝐵𝑎𝑏𝑐𝑜𝑠(𝜔𝑡) =
𝑑𝑡 𝑑𝑡 𝑑𝑡
= 𝐵𝑎𝑏𝜔 sin(𝜔𝑡) = 𝜙𝑀 𝜔 sin(𝜔𝑡) = 𝜀0 sin(𝜔𝑡)
𝐷𝑜𝑣𝑒 𝜙𝑀 è 𝑖𝑙 𝑓𝑙𝑢𝑠𝑠𝑜 𝑚𝑎𝑠𝑠𝑖𝑚𝑜, 𝑐ℎ𝑒 𝑠𝑖 ℎ𝑎 𝑞𝑢𝑎𝑛𝑑𝑜 𝐵 𝑒 𝑖𝑙 𝑣𝑒𝑟𝑠𝑜𝑟𝑒 𝑛𝑜𝑟𝑚𝑎𝑙𝑖
𝑠𝑜𝑛𝑜 𝑝𝑎𝑟𝑎𝑙𝑙𝑒𝑙𝑖 𝑒 𝑐𝑜𝑛𝑐𝑜𝑟𝑑𝑖
La forza elettromotrice varia nel tempo assumendo i valori massimi
tra 𝜀0 𝑒 − 𝜀0 𝑐ℎ𝑒 𝑖𝑛 𝑣𝑎𝑙𝑜𝑟𝑒 𝑎𝑠𝑠𝑜𝑙𝑢𝑡𝑜 𝑠𝑜𝑛𝑜 𝑢𝑔𝑢𝑎𝑙𝑖 𝑎 𝜙𝑀 𝜔

La forza elettromotrice non è continua ma alternata

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
In essa circola una corrente uguale a
𝜀 𝜔 𝐵 𝑎𝑏 sin (𝜔𝑡)
𝑖= =
𝑅 𝑅
Esso è il principio per costruire una dinamo o alternatore

Possiamo fare lo stesso ragionamento invece di considerare la legge


di Farday-Lenz, il rispettivo campo elettromotore
𝐵
𝜀𝑀 = ∮ 𝐸⃗𝑀 ∙ 𝑑𝑙 = 2 ∫ (𝑣 × 𝐵
⃗ ) ∙ 𝑑𝑙 =
𝐴
Poichè nei lati paralleli i contributi sono nulli essendo 𝐸𝑀 ⊥ 𝑑𝑙
𝜀𝑀 = 2𝑣𝐵𝑏𝑠𝑖𝑛(𝜔𝑡)
𝑎𝜔
Essendo 𝑣 =
2
𝜀𝑀 = 𝑎𝑏𝜔𝐵𝑠𝑖𝑛(𝜔𝑡) = 𝜙𝑀 𝜔 sin(𝜔𝑡) = 𝜀0 sin(𝜔𝑡)

Il campo B esercita un momento meccanico sulla spira.


𝑀𝐵 = 𝑚 × 𝐵 𝑑𝑜𝑣𝑒 𝑚 = 𝑎𝑏𝑖 (𝑢𝑛 )
Affinché la spira ruoti con una velocità angolare costante, occorre
agire su di ess un momento uguale e contrario a quello esercitato
dal campo
𝑀𝑒𝑠𝑡 = −𝑚 × 𝐵
La potenza rotazionale erogata da momento esterno è
𝜔2 𝐵2 𝑎2 𝑏 2 sin2 (𝜔𝑡)
𝑃𝑒𝑠𝑡 = 𝑀⃗⃗ 𝑒𝑠𝑡 ∙ 𝜔
⃗ = 𝑎𝑏𝑖𝐵𝜔𝑠𝑖𝑛(𝜔𝑡) =
𝑅
Calcoliamo la potenza termica derivante dall’effetto Joule
2
𝜔2 𝐵2 𝑎2 𝑏 2 sin2 (𝜔𝑡)
𝑃𝑗 = 𝑅𝑖 =
𝑅

Ne segue quindi che 𝑃𝑗 = 𝑃𝑒𝑠𝑡


Cioè il lavoro eseguito dalle forze per mantenere in moto uniforme la
spira si trasforma in energia termica.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
INDUZIONE DI TRASFORMAZIONE
Consideriamo adesso il caso in cui le variazioni di flusso magnetico
attraverso siano dovute esclusivamente dalla variazione nel tempo del
campo. Considerando un circuito rigido, le variazioni sono dovute a
variazioni nel tempo delle intensità delle correnti.
La forza elettromotrice indotta è uguale a

⃗⃗⃗⃗⃗𝑚 ∙ 𝑑𝑙
𝜀 = ∮𝐸

Applichiamo il teorema di Stokes, tale che

𝜀 = ∮ 𝐸⃗𝑚 ∙ 𝑑𝑙 = ∬ 𝑟𝑜𝑡(𝐸⃗𝑀 ) ∙ 𝑢
⃗ 𝑛 𝑑𝑆

Ma per il teorema di Faraday-Lenz esso è anche uguale a


⃗)
𝑑𝜙(𝐵 𝑑
𝜀=− = − ∬𝐵⃗ ∙𝑢
⃗ 𝑛 𝑑𝑆
𝑑𝑡 𝑑𝑡
Essendo

⃗ ) = ∬𝐵
𝜙(𝐵 ⃗ ∙𝑢
⃗ 𝑛 𝑑𝑆

Da ciò si ricava che


𝑑
𝜀=− ⃗ ∙𝑢
∬𝐵 ⃗ 𝑛 𝑑𝑆 = ∬ 𝑟𝑜𝑡(𝐸⃗𝑀 ) ∙ 𝑢
⃗ 𝑛 𝑑𝑆
𝑑𝑡
⃗⃗⃗⃗⃗
𝜕𝐵
𝜀 = ∬− ⃗ 𝑑𝑆 = ∬ 𝑟𝑜𝑡(𝐸⃗𝑀 ) ∙ 𝑢
∙𝑢 ⃗ 𝑛 𝑑𝑆
𝜕𝑡 𝑛

𝜕𝐵
𝜀 = ∬ (𝑟𝑜𝑡(𝐸⃗𝑀 ) + ) ∙ ⃗⃗⃗⃗
𝑢𝑛 𝑑𝑆 = 0
𝜕𝑡

𝜕𝐵
⃗⃗⃗⃗⃗𝑀 )) = −
𝑟𝑜𝑡(𝐸
𝜕𝑡

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Sappiamo che il campo elettrostatico è irrotazionale, di conseguenza la
formula assume una validità ancora più generale

𝜕𝐵
𝑟𝑜𝑡(𝐸⃗𝑀 + 𝐸⃗𝑠 ) = −
𝜕𝑡

𝜕𝐵
𝑟𝑜𝑡(𝐸⃗ ) = −
𝜕𝑡
In questo caso abbiamo considerato S indipendente dal tempo, ma si può
dimostrare che con S dipendente si arriva comunque allo stesso risultato.
Tale legge prende il nome di forma locale di Farday-Lenz.
MUTUA E AUTOINDUZIONE

Consideriamo due spire di cui la spira 1 è percorsa da corrente. Di


conseguenza si verrà a creare un campo magnetico 𝐵1
Calcoliamo il flusso del campo magnetico rispetto alla superficie 𝑆2 della
spira 2.

𝜇0 𝑑𝑙⃗⃗1 × 𝑟
⃗ 1 ) = ∫(
𝜙2 (𝐵 𝑖1 ∮ ) ∙ 𝑢𝑛 𝑑𝑆2
4𝜋 𝑟3
Dove definiamo coefficiente di mutua induzione

𝜇0 𝑑𝑙⃗⃗1 × 𝑟
𝑀12 = ∫ ∫( ∮ ) ∙ 𝑢𝑛 𝑑𝑆2
4𝜋 𝑟3
Tale per cui
𝜙2 (𝐵1 ) = 𝑀12 𝑖1

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Lo stesso vale per il circuito due tale per ci
𝜙1 (𝐵2 ) = 𝑀12 𝑖2
Si dimostra che
𝑀12 = 𝑀21 = 𝑀
Cioè il coefficiente di mutua induzione è lo stesso.
La grandezza dipende dalla geometria dei circuiti, dalla posizione
reciproca e dalle proprietà magnetiche del mezzo
𝑊𝑏 𝑊𝑒𝑏𝑒𝑟
Il coefficiente magnetico si misura in . A tale misura è dedicata
𝐴 𝐴𝑚𝑝𝑒𝑟𝑒
un’unità di misura specifica: 𝐻 (ℎ𝑒𝑛𝑟𝑦)

Consideriamo un solenoide nel vuoto


Esso ha 𝑁𝑠 spire, ciascuno di area S. Considero una
corrente i che genera un campo uniforme al suo
interno. All’interno del solenoide stesso inseriamo un
solenoide molto più piccolo con N spire, ciascuno di
area A. Ipotizziamo che i due solenoidi abbiano gli assi
coincidenti.
Calcoliamo il coefficiente di mutua induzione del
solenoide più piccolo rispetto a quello più grande.
Visto che non ci è noto il campo magnetico interno fuori dall’asse del
solenoide (per gli effetti di bordo), possiamo sfruttare il fatto che 𝑀12 =
𝑀21 e quindi calcolare M come coefficiente di mutua induzione del
solenoide più grande su quello più piccolo.
𝑁𝑠
Calcoliamo il flusso di 𝐵 = 𝜇0 𝑖 prodotto dal solenoide maggiore
𝑙𝑠
concatenato con gli N avvolgimenti di area A del solenoide più piccolo.
𝐴𝑁𝑁𝑠
𝜙(𝐵) = 𝑁𝐴𝐵 = 𝜇0 𝑖
𝑙𝑠
Quindi

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
𝜙(𝐵) 𝐴𝑁𝑁𝑠
𝑀= = 𝜇0
𝑖 𝑙𝑠
Se consideriamo una corrente variabile i(t), abbiamo che
𝑑𝜙 (𝐵𝑒𝑠𝑡 ) 𝑑𝑖𝑒𝑠𝑡
𝜀𝑖𝑛𝑡 = − = −𝑀
𝑑𝑡 𝑑𝑡

Se in un circuito varia l’intensità di corrente, si ha anche la variazione di


flusso magnetico concatenato con il circuito stesso.

In questo caso si definisce un coefficiente detto di autoinduzione


𝜇0 𝑑𝑙 × 𝑑𝑟
𝜙(𝐵 ) = ∫ ( 𝑖∙∮ ) ∙ 𝑢𝑛 𝑑𝑆 = 𝐿𝑖
4𝜋 𝑟3
𝜇0 𝑑𝑙 × 𝑑𝑟
∫( ∙∮ ) ∙ 𝑢𝑛 𝑑𝑆
4𝜋 𝑟3
La variazione di flusso fa in modo che si genera una forza elettromotrice
che si oppone alla variazione che l’ha generata.
𝑑𝑖
𝜀 = −𝐿
𝑑𝑡
Consideriamo l’induttanza di un solenoide di lunghezza 𝑙𝑆 , costituito da
𝑁𝑠 spirali avvolti attorno a un cilindro di sezione A (supponendo un
solenoide infinito).
𝑁𝑠
Assumiamo quindi che il campo 𝐵 = 𝜇0 𝑖 valutiamo il flusso
𝑙𝑠

𝜇0 𝑁𝑠2 𝜇0 𝑁𝑠2 𝐴
𝜙(𝐵) = 𝐴𝑖 di conseguenza 𝐿 =
𝑙𝑠 𝑙𝑠

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Tanto più grande e L, tanto più grande è la forza elettromotrice, quanto
più è difficile variare la corrente nel circuito. L’induttanza è vista come
“l’inerzia” del circuito alla variazione ci corrente.
INDUTTANZE IN SERIE O IN PARALLELO
Vengono chiamate induttori o induttanze alcuni componenti circuitali
caratterizzati da una significativa induttanza. Vengono rappresentati nei
modelli circuitali in questo modo

Essi possono essere collegati in serie o in parallelo.


IN SERIE
Le forze elettromotrici si sommano.
𝑑𝑖
𝜀 = 𝜀1 + 𝜀2 = −(𝐿1 + 𝐿2 )
𝑑𝑡
Il circuito si comporta come se ci fosse un unico induttore di induttanza
L=𝐿1 + 𝐿2
In generale 𝐿𝑒𝑞 = ∑𝑖=1 𝐿𝑖
Ciò vale se 𝑀 = 0, cioè gli induttori sono disaccoppiati.
IN PARALLELO
Poiché per le LKC 𝑖 = 𝑖1 + 𝑖2 𝑎𝑙𝑙𝑜𝑟𝑎
𝑑𝑖 𝑑𝑖1 𝑑𝑖2
= +
𝑑𝑡 𝑑𝑡 𝑑𝑡
𝑑𝑖1 𝜀
=−
𝑑𝑡 𝐿1
𝑑𝑖2 𝜀
=−
𝑑𝑡 𝐿2
𝑑𝑖1 𝑑𝑖2 1 1
+ = −𝜀 ( + ) (𝑠𝑒𝑚𝑝𝑟𝑒 𝑠𝑒 𝑀 = 0)
𝑑𝑡 𝑑𝑡 𝐿1 𝐿2

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Segue che
1 −1
𝐿𝑒𝑞 = (∑ )
𝐿𝑖
𝑖=1

3) DENSITA’ DI ENERGIA DEL CAMPO MAGNETICO


Per variare l’intensità di corrente è necessario contrastare la forza
elettromotrice autoindotta. Occorre quindi un lavoro esterno compiuto
da una forza elettromotrice.
𝐼𝑙 𝑙𝑎𝑣𝑜𝑟𝑜 𝑐𝑜𝑚𝑝𝑖𝑢𝑡𝑜 𝑑𝑎𝑙𝑙𝑎 𝑓𝑜𝑟𝑧𝑎 𝑒𝑙𝑒𝑡𝑡𝑟𝑜𝑚𝑜𝑡𝑟𝑖𝑐𝑒 𝑖𝑛𝑑𝑜𝑡𝑡𝑎 è
𝑑𝑊 = 𝜀𝑑𝑞
Quindi si deve compiere un lavoro esterno paria a
𝑑𝑖 𝑑𝑖
𝑑𝑊𝑒𝑠𝑡 = −𝑑𝑊 = − (−𝐿 ) 𝑑𝑞 = 𝐿 𝑑𝑞 = 𝐿 𝑑𝑖 𝑖
𝑑𝑡 𝑑𝑡
Integrando
𝑖̅
1 2
𝑊𝑒𝑠𝑡 = ∫ 𝐿𝑖𝑑𝑖 = 𝐿𝑖̅ = 𝑈𝐵
0 2
Il lavoro complessivo eseguito per raggiungere il valore finale i
all’intensità della corrente, per la conservazione dell’energia, si ritrova
immagazzinato sotto forma di energia potenziale del campo.
IN UN SOLENOIDE
1 𝜇0 𝑁 2 𝐴 2 𝑙 𝜇02 𝑁 2 𝐴 2 1 𝜇0 𝑁 2 1 2
𝑈𝐵 = 𝑖 = 𝑖 = ( 𝑖) 𝐴𝑙 = 𝐵 𝐴𝑙
2 𝑙 2 𝜇0 𝑙 2 2𝜇0 𝑙 2𝜇0
La densità di energia potenziale è definita come
𝑈𝐵 𝐵2
𝑢𝐵 = =
𝑉 2𝜇0
Se all’interno del solenoide è presente un mezzo lineare, avente
permeabilità magnetica relativa 𝜇𝑟 ,l’espressione va modificata

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
𝐵2 𝐵𝐵 𝜇0 𝜇𝑟 𝐻 𝐵 𝐻𝐵
𝑢𝐵 = = = =
2𝜇0 𝜇𝑟 2𝜇0 𝜇𝑟 2𝜇0 𝜇𝑟 2

4) EQUAZIONI DI MAXWELL
Le equazioni di Maxwell sono una sintesi che da una descrizione unitaria
dei fenomeni elettrici e magnetici.
Esse comprendono
1) Legge di Gauss per l’elettrostatica
𝜌
∇ ∙ 𝐸⃗ =
𝜀0
2) Legge di Farday-Lenz
𝜕𝐵
∇ × 𝐸⃗ = −
𝜕𝑡
3) Legge di Gauss per la magnetostatica
∇∙𝐵 ⃗ =0
4) Legge di Ampere
∇×𝐵 ⃗ = 𝜇0 𝐽

Maxwell in realtà notò un’inconsistenza tra la legge di Ampere e la legge


di conservazione della carica.
Infatti, in regime tempo invariante abbiamo che
𝜕𝜌
∇∙𝐽 =− (𝑙𝑒𝑔𝑔𝑒 𝑑𝑖 𝑐𝑜𝑛𝑠𝑒𝑟𝑣𝑎𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑑𝑒𝑙𝑙𝑎 𝑐𝑎𝑟𝑖𝑐𝑎)
𝜕𝑡
1
𝐽 = ∇×𝐵 ⃗ (𝑙𝑒𝑔𝑔𝑒 𝑑𝑖 𝐴𝑚𝑝𝑒𝑟𝑒)
𝜇0
Poiché la divergenza del rotore è sempre nulla, si ha quindi che una
delle due leggi non è del tutto corretta

Maxwell dimostrò che la legge di Ampere andava modificata in un senso


più generale.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Consideriamo la legge di Gauss e deriviamo membro a membro
𝜕 1 𝜕𝜌
(∇ ∙ 𝐸⃗ ) =
𝜕𝑡 𝜀0 𝜕𝑡
Dalla legge di continuità della corrente abbiamo che
𝜕𝜌 𝜕𝐸
= ∇ ∙ (𝜀0 ) = −∇ ∙ (J)
𝜕𝑡 𝜕𝑡
Quindi
𝜕𝐸
∇ ∙ (𝜀0 + 𝐽) = 0
𝜕𝑡
𝜕𝐸
Dove 𝐽𝑠 = 𝜀 è 𝑑𝑒𝑓𝑖𝑛𝑖𝑡𝑜 𝑐𝑜𝑚𝑒 𝑖𝑙 𝑣𝑒𝑡𝑡𝑜𝑟𝑒 𝑐𝑜𝑟𝑟𝑒𝑛𝑡𝑒 𝑑𝑖 𝑠𝑝𝑜𝑠𝑡𝑎𝑚𝑒𝑛𝑡𝑜
𝜕𝑡

La legge di Ampere viene quindi modificata in questo senso


⃗ ) = 𝜇0 (𝐽 + ⃗⃗𝐽𝑠 )
∇ × (𝐵
L’esistenza di un campo elettrico variabile determina l’insorge di un
campo magnetico del tutto indistinguibile da quello che sarebbe generato
da sole correnti di conduzioni.

Se consideriamo le quattro equazioni nel vuoto, cioè ponendo 𝜌 =


0 𝑒 𝐽 = 0 𝑎𝑏𝑏𝑖𝑎𝑚𝑜 𝑐ℎ𝑒
∇ ∙ (𝐸⃗ ) = 0 ⃗)=0
∇ ∙ (𝐵
{ 𝜕𝐵 { 𝜕𝐸
∇ × 𝐸⃗ = − ∇×𝐵⃗ = 𝜇0 𝜀0
𝜕𝑡 𝜕𝑡
Si può notare la simmetria tra i due campi ognuno con divergenza nulla,
ed entrambi con un rotore legato alla variazione temporale dell’altro.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
5) ONDE ELETTROMAGNETICHE
Combinando le quattro equazioni di Maxwell nel vuoto, è
possibile ottenere l’equazione dell’onde elettromagnetiche.
Si fa utilizzo di questa identità vettoriale
∇ × (∇ × 𝐴) = ∇(∇ ∙ 𝐴) − ∇2 𝐴
Applichiamo l’identità al campo E
∂B
∇ × (∇ × 𝐸⃗ ) = ∇ × (− )=
∂t
(𝑎𝑝𝑝𝑙𝑖𝑐𝑎𝑛𝑑𝑜 𝑙𝑎 𝑠𝑒𝑐𝑜𝑛𝑑𝑎 𝑒𝑞𝑢𝑎𝑧𝑜𝑛𝑒)
= ∇(∇ ∙ 𝐸⃗ ) − ∇2 𝐸⃗
Da cui si ottiene quindi
𝜕𝐵
−∇ × = ∇(∇ ∙ 𝐸⃗ ) − ∇2 𝐸⃗
𝜕𝑡
Ora applichiamo la prima equazione cioè (∇ ∙ 𝐸⃗ ) = 0
𝜕𝐵
∇× = ∇2 𝐸⃗
𝜕𝑡
𝜕
∇ × 𝐵 = ∇2 𝐸⃗
𝜕𝑡
Ora applichiamo la quarta equazione
2
𝜕 𝜕𝐸 𝜕 𝐸
(𝜇0 𝜀0 ) = ∇2 𝐸 → ∇2 𝐸 = 𝜇0 𝜀0 2
𝜕𝑡 𝜕𝑡 𝜕𝑡
Procedendo in modo analogo si ottiene la stessa relazione per B

2
𝜕2𝐵
∇ 𝐵 = 𝜇0 𝜀0 2
𝜕𝑡

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
L’equazione delle onde assumono, per ogni componente dei
campi, la forma dell’equazioni di D’Alambert, del tipo
2
1 𝜕 𝑓
∇2 𝑓 = 2 2
𝑐 𝜕𝑡
1
Dove 𝑐 = . Il valore di c coincide con quello della velocità
√𝜇0 𝜀0
della luce. Questo significa che i campi elettromagnetici variabili
nello spazio si propagano nel vuoto alla velocita della luce.
Ogni componente del campo soddisfa l’equazione di D’Alambert
ONDE PIANE
Consideriamo una funzione
𝑓(𝑥, 𝑡)
Del tipo
𝑓 (𝑥 ± 𝑣𝑡) = 𝑓(𝑤) 𝑑𝑜𝑣𝑒 𝑤 = 𝑥 ± 𝑣𝑡
Dimostriamo che tale funzione soddisfa l’equazione di
D’Alambert
Abbiamo le seguenti relazioni
𝜕𝑓 𝜕𝑓 𝜕𝑤 𝜕𝑓
= = (±𝑣)
𝜕𝑡 𝜕𝑤 𝜕𝑡 𝜕𝑤
Da cui si ottiene che
𝜕2𝑓 𝜕 𝜕𝑓 𝜕 𝜕𝑓
= ( ) = ( (±𝑣))
𝜕𝑡 2 𝜕𝑡 𝜕𝑡 𝜕𝑡 𝜕𝑤
𝜕𝑓
Chiamiamo 𝑟 = ( (±𝑣))
𝜕𝑤

𝜕𝑟 𝜕𝑟 𝜕𝑤 𝜕𝑟
= = (±𝑣)
𝜕𝑡 𝜕𝑤 𝜕𝑡 𝜕𝑤

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Quindi
𝜕2𝑓 𝜕2𝑓 2
= 𝑣
𝜕𝑡 2 𝜕𝑤 2
Consideriamo soltanto una componente spaziale di f (per
semplicità, le relazioni sono le stesse anche per le altre
componenti).
𝜕𝑓 𝜕𝑓 𝜕𝑤 𝜕𝑓
= =
𝜕𝑥 𝜕𝑤 𝜕𝑥 𝜕𝑤
𝜕2𝑓 𝜕 𝜕𝑓 𝜕 2 𝑓 𝜕𝑤 𝜕 2 𝑓
= ( )= =
𝜕𝑥 2 𝜕𝑥 𝜕𝑤 𝜕𝑤 2 𝜕𝑥 𝜕𝑤 2
Possiamo notare che, sostituendo i valori all’equazione di
d’Alambert, l’equazione è soddisfatta
𝜕2 𝜕2
Cioè l’azione di è equivalente a quello di . In termini
𝜕𝑥 2 𝜕𝑤 2
generali l’azione del laplaciano alla funzione è equivalente a
𝑑2
quello di .
𝑑𝑤 2

Campi di questo tipo sono soluzione dell’equazione.


Assumiamo che l’onda non si distorce nel tempo, cioè vale la
seguente relazione
𝑥 ± 𝑣𝑡 = 𝑥 + Δ𝑥 ± 𝑣(𝑡 + Δ𝑡)
Δ𝑥
Δ𝑥 ± 𝑣Δ𝑡 = 0 → = ∓𝑣
Δ𝑡
La costante v (che è la velocità della luce) rappresenta la velocità
con cui questa funzione si sposta nello spazio. La soluzione
dell’equazione dell’onda è data da una perturbazione che non
cambia, ma che trasla nello spazio in funzione del tempo.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Ci sono due soluzioni diverse
Δ𝑥
𝑓(𝑤) = 𝑓(𝑥 − 𝑣𝑡) 𝑠𝑒 = 𝑣 (𝑜𝑛𝑑𝑎 𝑝𝑟𝑜𝑔𝑟𝑒𝑠𝑠𝑖𝑣𝑎 )
Δ𝑡
Δ𝑥
𝑓(𝑤) = 𝑓(𝑥 + 𝑣𝑡) 𝑠𝑒 = −𝑣 (𝑜𝑛𝑑𝑎 𝑟𝑒𝑔𝑟𝑒𝑠𝑠𝑖𝑣𝑎 )
Δ𝑡
Una particolare soluzione è rappresentata dall’onda piana
uniforme che è del tipo
𝐸⃗ = ⃗⃗⃗⃗
𝐸0 𝑓(𝑟 ∙ 𝑢
⃗ 𝑘 ± 𝑣𝑡)
⃗⃗⃗⃗0 = 𝐸0𝑥 ⃗⃗⃗⃗
Dove 𝐸 𝑢𝑥 + 𝐸0𝑦 ⃗⃗⃗⃗
𝑢𝑦 + 𝐸0𝑧 ⃗⃗⃗⃗
𝑢𝑧
⃗ 𝑘 = 𝑣𝑒𝑟𝑠𝑜𝑟𝑒 𝑑𝑖 𝑝𝑟𝑜𝑝𝑎𝑔𝑎𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒
𝑢
𝑟=𝑢
⃗ 𝑥𝑥 + 𝑢
⃗ 𝑦𝑦 + 𝑢
⃗ 𝑧𝑧
In un dato istante di tempo fissato si ha che questi campi dipendo
solo da 𝑟 ∙ ⃗⃗⃗⃗
𝑢𝑘 .

in un tempo fissato si ha che


𝑟 ∙ 𝑢𝑘 = 𝑐𝑜𝑠𝑡𝑎𝑛𝑡𝑒
Rappresenta il piano parallelo
passante per l’origine.
Ciò vuol dire che il luogo dei
punti in cui il campo ha un
determinato valore è un piano
perpendicolare alla direzione di
propagazione.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Al variare di t, tale piano si sposta parallelamente a sé stesso con
1 𝑚
velocità 𝑣 = = 𝑐 ≈ 3 ∙ 102
√𝜀0 𝜇0 𝑠

Consideriamo che l’onda si propaga lungo l’asse 𝑥

Allora abbiamo che 𝑟 ∙ ⃗⃗⃗⃗


𝑢𝑥 = 𝑐𝑜𝑠𝑡 = 𝑣𝑡
ATTENZIONE: L’onda si propaga con velocità c in qualsiasi sistema
inerziale.
I campi elettrici e magnetici variabili nello spazio e nel tempo che
si propagano per onde devo rispettare le leggi di Maxwell (oltre
all’equazione di D’Alambert, esistono casi infatti in cui
l’equazione di D’Alambert è soddisfatta, ma non sono soddisfatte
le leggi di Maxwell).
GENERALMENTE (QUINDI ANCHE NON SOLO PER LE ONDE PIANE)
SI HA CHE LE ONDE ELETTROMAGNETICHE NEL VUOTO SONO
ONDE TRASVERSALI, CIOE’ (𝐸, 𝐵, 𝑣) FORMANO UNA TERNA
DESTRORSA.
⃗ ∙𝑢
Cioè 𝐵 ⃗ 𝑛 = 0 𝑒 𝐸⃗ ∙ 𝑢
⃗⃗⃗⃗𝑛 = 0

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Si dimostra inoltre che Il rapporto fra
𝐸 𝑒 𝐵 è 𝑢𝑔𝑢𝑎𝑙𝑒 𝑎𝑙𝑙𝑎 𝑣𝑒𝑙𝑜𝑐𝑖𝑡à 𝑑𝑒𝑙𝑙𝑎 𝑙𝑢𝑐𝑒.
Che formalmente si traduce in:
𝑣 × 𝐸⃗
⃗ =
𝐵 , 𝐸⃗ = 𝐵
⃗ ×𝑣
𝑣 2

𝐸 𝐸
|𝐵 | = =
𝑣 𝑐
ONDA PIANA SINUSOIDALE
Un particolare tipo di onda piana è quella sinusoidale (detta
anche monocromatica o armonica) ed è espressa dalla funzione
𝑓 = 𝐴𝑐𝑜𝑠(𝑘⃗ ∙ 𝑟 ± 𝜔𝑡 + 𝛿)
𝜔 è 𝑑𝑒𝑡𝑡𝑎 𝑓𝑟𝑒𝑞𝑢𝑒𝑛𝑧𝑎 𝑎𝑛𝑔𝑜𝑙𝑎𝑟𝑒 𝑑𝑒𝑙𝑙 ′ 𝑜𝑛𝑑𝑎 ( 𝑜 𝑝𝑢𝑙𝑠𝑎𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒)
𝜔𝑡 𝑓𝑟𝑒𝑞𝑢𝑒𝑛𝑧𝑎 𝑡𝑒𝑚𝑝𝑜𝑟𝑎𝑙𝑒 𝑑𝑒𝑙𝑙 ′ 𝑜𝑛𝑑𝑎
𝑘⃗ 𝑣𝑒𝑡𝑡𝑜𝑟𝑒 𝑑 ′ 𝑜𝑛𝑑𝑎
𝛿 𝑓𝑎𝑠𝑒 𝑖𝑛𝑖𝑧𝑖𝑎𝑙𝑒
𝐴 𝑎𝑚𝑝𝑖𝑒𝑧𝑧𝑎 𝑑 ′ 𝑜𝑛𝑑𝑎
Per descriverne le proprietà riscriviamo la funzione in questo
modo
𝑘⃗ 𝜔
𝑓 = 𝐴𝑐𝑜𝑠 [𝑘 ( ∙ 𝑟 ± 𝑡) + 𝛿]
𝑘 𝑘

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Osserviamo che la funzione ha la struttura di un’onda piana se
𝜔 𝑘
𝑘
= 𝑣 (𝑙𝑎 𝑣𝑒𝑙𝑜𝑐𝑖𝑡à 𝑑𝑒𝑙𝑙 ′ 𝑜𝑛𝑑𝑎), cioè 𝜔 = 𝑘𝑐 = . Tale
√𝜀0 𝜇0
relazione tra 𝜔 𝑒 𝑘 𝑣𝑖𝑒𝑛𝑒 𝑑𝑒𝑡𝑡𝑎 𝑟𝑒𝑙𝑎𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑑𝑖 𝑑𝑖𝑠𝑝𝑒𝑟𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 e
quella considerata è tipica del vuoto.

⃗𝑘
⃗ 𝑘 = 𝑘 individua la direzione di propagazione dell’onda
Il versore 𝑢
𝜔
e il rapporto la rapidità con cui cambia nel tempo la fase
𝑘
dell’onda.
La pulsazione 𝜔 rappresenta la periodicità temporale di f.
2𝜋
Il periodo infatti viene definito come 𝑇 = 𝜔

Analogamente il modulo di k è detto numero d’onda, caratterizza


2𝜋
la periodicità spaziale. Infatti, si ha che 𝜆 = . Consideriamo che
𝑘
l’onda si propaga l’ungo l’asse x. Abbiamo che:

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Fra la 𝜆 𝑒 𝑇 𝑠𝑢𝑠𝑠𝑖𝑠𝑡𝑒 𝑙𝑎 𝑠𝑒𝑔𝑢𝑒𝑛𝑡𝑒 𝑟𝑒𝑙𝑎𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒
𝜔 2𝜋 𝜆 𝜆
=𝑐→ =𝑐→ =𝑐→ 𝜆 = 𝑐𝑇
𝑘 𝑇 2𝜋 𝑇
POLARIZZAZIONE DI UN’ONDA
Si definisce polarizzazione d’onda la direzione in cui oscilla uno
dei due vettori.
Se l’onda mantiene la propria direzione si dice che è polarizzata
linearmente (di solito si fa riferimento soltanto alla direzione del
campo elettrico perché di conseguenza anche il campo magnetico
seguirà la propria stessa direzione).
Consideriamo un’onda sinusoidale+ polarizzata linearmente
lungo la direzione
⃗⃗⃗⃗𝑝 (𝑐𝑎𝑚𝑝𝑜 𝑒𝑙𝑒𝑡𝑡𝑟𝑖𝑐𝑜) 𝑒 𝑢
𝑢 ⃗ 𝑡 (𝑐𝑎𝑚𝑝𝑜 𝑚𝑎𝑔𝑛𝑒𝑡𝑖𝑐𝑜),
perpendicolari a 𝑢𝑘 abbiamo che:
𝐸⃗ = 𝐸0 cos(𝑘⃗ ∙ 𝑟 − 𝜔𝑡 + 𝛿𝐸 ) 𝑢
⃗𝑝
⃗ = 𝐵0 cos(𝑘⃗ ∙ 𝑟 − 𝜔𝑡 + 𝛿𝐵 ) 𝑢
𝐵 ⃗𝑡
Per quello che abbiamo visto precedentemente deve essere che
𝐸
𝑢𝑡 ⊥ 𝑢𝑝 e 𝐵
= 𝑐.
Ipotizzando che 𝑢𝑝 ≡ 𝑢𝑦 di conseguenza 𝑢𝑡 ≡ 𝑢𝑧
Abbiamo che
𝐸⃗ = 𝐸0 cos(𝑘⃗ ∙ 𝑟 − 𝜔𝑡 + 𝛿) 𝑢
⃗𝑦
𝐸0
⃗ =
𝐵 cos(𝑘⃗ ∙ 𝑟 − 𝜔𝑡 + 𝛿) 𝑢
⃗𝑧
𝑐

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
I campi sono in fase tra di loro e fra le loro ampiezze sussiste la
𝐸0
relazione 𝐵0 = .
𝑐

Fissando l’istante t=0, abbiamo la seguente rappresentazione.

Essendo l’equazione dell’onde un’equazione lineare, si ha che


una qualunque sovrapposizione di onde polarizzate linearmente
e ortogonalmente è un’onda piana che si propaga nella stessa
direzione. In essa però le direzioni di 𝐸 e di 𝐵 non si mantengono
costanti, le loro variazioni sono però caratterizzata da una
regolarità che permette di definire un nuovo stato di
polarizzazione. Si può dimostrare infatti che il vettore campo
elettrico descrive nel tempo un’elisse le cui caratteristiche
dipendono dalle relazioni fra le
ampiezze e le fasi delle onde: si
parla in questo caso di
polarizzazione ellittica.
In particolare, se le onde hanno
stessa ampiezza e fase che

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
𝜋
differenzia di , l’onda è polarizzata circolarmente.
2

ONDE SFERICHE
Oltre alle onde piane, tra le soluzioni dell’equazione esistono anche le
onde sferiche.
Per definizione, i campi da loro rappresentati sono espressi da funzione in
simmetria sferica, cioè una volta fissato t, essa dipende soltanto dalla
distanza r dalla sorgente.
Si può dimostrare che tale relazione è del tipo
𝑓(𝑟 ∓ 𝑣𝑡)
𝐹 (𝑟, 𝑡) =
𝑟
DENSITA’ DI ENERGIA ASSOCIATA ALLA PRESENZA DI ONDE
ELETTROMAGNETICHE
Da ciò che abbiamo studiato, sappiamo che a ogni campo elettrico (così
come nel campo magnetico) è associato una densità di energia,
ottenendo la seguente relazione
1 1 2
𝑢𝐸 = 𝜀0 𝐸 2 ; 𝑢𝐵 = 𝐵
2 2𝜇0
Questa situazione si può estendere anche al caso di un campo variabile,
quindi di campi elettromagnetici e vale una relazione del tipo:
1 2
𝐵2
𝑢 = 𝜀0 𝐸 +
2 2𝜇0
In particolare, per le onde piane si ottiene
1 1 1 1 1 𝐵2
𝐸 = 𝑐𝐵 → 𝑢𝐸 = 𝜀0 𝐸 = 𝜀0 (𝐵𝑐)2 = 𝜀0 𝐵2
2
=
2 2 2 𝜀0 𝜇0 2 𝜇0

Cioè 𝑢𝐸 = 𝑢𝐵 , di conseguenza

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
𝐵2
𝑢= 𝑜𝑝𝑝𝑢𝑟𝑒 𝑢 = 𝜀0 𝐸 2
𝜇0
La relazione della densità di energia per un campo elettromagnetico è
data dal teorema di Poynting (che non è altro che un’estensione sulla
conservazione dell’energia)
TEOREMA DI POYNTING
Consideriamo una zona dello spazio V in cui sono presenti oltre al campo
elettromagnetico, anche particelle cariche generalmente in moto (quindi
non ci troviamo nel vuoto). L’interazione fra cariche e campo
elettromagnetico è data dalla forza di Lorentz 𝐹 = 𝑞(𝐸⃗ + 𝑣 × 𝐵⃗)

Quindi il lavoro fatto in 𝑑𝑡 dal campo elettromagnetico sulle cariche è pari


a 𝑑𝑊 = 𝐹 ∙ 𝑑𝑙 = 𝑞𝑁𝑑𝜏(𝐸⃗ + 𝑣 × 𝐵 ⃗ ) ∙ 𝑑𝑙 = 𝑞𝑁𝑑𝜏(𝐸⃗ + 𝑣 × 𝐵
⃗ ) ∙ 𝑣𝑑𝑡 =

= 𝑞𝑁𝑑𝜏𝐸⃗ ∙ 𝑣 𝑑𝑡 = 𝐸⃗ ∙ 𝐽𝑑𝜏𝑑𝑡
Da cui si ha che
𝑑𝑊
= 𝐸⃗ ∙ 𝐽
𝑑𝑡𝑑𝜏
𝑃
= 𝐸⃗ ∙ 𝐽
𝑑𝜏
Questo significa che l’energia trasferita nell’unità di tempo dal campo alla
materia corrisponde a una potenza nell’unità di volume pari a 𝐸⃗ ∙ 𝐽
Per calcolare la potenza totale basta integrare nel volume 𝜏

𝑃 = ∫ 𝐸⃗ ∙ 𝐽𝑑𝜏 (𝑖𝑛𝑡𝑒𝑔𝑟𝑎𝑙𝑒 𝑑𝑖 𝑣𝑜𝑙𝑢𝑚𝑒)

Applicando la legge di Ampere-Maxwell e identità vettoriale si può


dimostrare che
𝜕 1 2
𝐵2 𝐸⃗ × 𝐵⃗
𝑃 = − ∫ ( 𝜀0 𝐸 + ) 𝑑𝜏 − ∮ ∙𝑢
⃗ 𝑛 𝑑Σ
𝜕𝑡 2 2𝜇0 𝜇0

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Il primo integrale è un integrale di volume, mentre il secondo denota un
integrale di superficie chiuso.
Un trasferimento di energia da parte del campo alla materia corrisponde
a sua volta ad una diminuzione dell’energia dell’onda.
Il primo integrale rappresenta una variazione dell’energia immagazzinata
dall’onda elettromagnetica nel volume V (𝑈𝑒𝑚 )
𝐸⃗ ×𝐵

Il secondo integrale viene detto vettore di Poynting, 𝑆 = . Esso ha la
𝜇0
stessa direzione e verso del vettore velocità di propagazione. Il vettore i
Poynting rappresenta la potenza trasportata dall’onda elettromagnetica
per unità di superficie.
L'energia può essere scambiata tra le cariche e i campi, quella che non
viene trasferita alle cariche si può comunque muovere dove indica il
vettore di Poynting. Dove converge avverrà un aumento della densità di
energia, mentre dove diverge avverrà una diminuzione. La possibilità di
scrivere il bilancio dell'energia per ogni punto significa che la
conservazione è locale oltre che globale, l'energia non può scomparire e
comparire in un altro punto ma può solo fluire.
Ciò viene espresso in questo modo
𝑑𝑈𝑚𝑎𝑡𝑒𝑟𝑖𝑎 𝑑𝑈𝑒𝑚
+ ⃗ 𝑛 𝑑Σ
= −∮𝑆 ∙ 𝑢
𝑑𝑡 𝑑𝑡
𝑑
(𝑈 + 𝑈𝑒𝑚 ) = − ∮ 𝑆 ∙ ⃗⃗⃗⃗
𝑢𝑛 𝑑Σ
𝑑𝑡 𝑚𝑎𝑡𝑒𝑟𝑖𝑎
Nel vuoto abbiamo che
𝑑𝑈𝑒𝑚
= − ∮ 𝑆 ∙ ⃗⃗⃗⃗
𝑢𝑛 𝑑Σ
𝑑𝑡
Se ho un flusso uscente l’energia diminuisce, mentre se ho un flusso
entrante aumenta.
Il teorema di Poynting ha validità generale
Nel caso di onde elettromagnetiche piane abbiamo che

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
𝐸𝐵 𝐸2
𝐸 = 𝑐𝐵 → |𝑆| = =
𝜇0 𝑐𝜇0
Moltiplicando e dividendo per 𝜀0
𝜀0 𝑐 2 𝐸 2 1
= = 𝜀0 𝑐𝐸 2 𝑝𝑜𝑖𝑐ℎè 𝑐 =
𝑐 √𝜀0 𝜇0
Inoltre, avevamo trovato che la densità di energia è uguale a
𝑢 = 𝜀0 𝐸 2
Di conseguenza
|𝑆| = 𝑢𝑐
Quindi se consideriamo una piccola area A (su
un piano parallelo ai piani della superficie
d’onda, per semplicità), possiamo valutare
quanta energia l’attraversa nell’intervallo di
tempo 𝑑𝑡 calcolando il flusso di S attraverso A.
L’energia contenuta nel volume è pari a
𝑑𝑈𝑒𝑚 = 𝑐𝑑𝑡𝐴𝑢𝑒𝑚
𝑑𝑈𝑒𝑚
= 𝑐𝑢𝑒𝑚 𝐴
𝑑𝑡
𝑃 𝑑𝑈𝑒𝑚
= = 𝑐𝑢𝑒𝑚 = 𝑆 = 𝐼
𝐴 𝑑𝑡𝐴
Il modulo del vettore di Poynting rappresenta l’intensità istantanea
dell’onda, definito come l’energia trasportata dall’onda per unità di
tempo e di area, attraverso una superficie perpendicolare alla sua
direzione di propagazione.
Consideriamo in particolare un’onda sinusoidale
Allora abbiamo che

𝑆 = 𝐼 (𝑡) = 𝑐𝜀0 𝐸 2 = 𝑐𝜀0 𝐸02 cos2 (𝑘⃗ ∙ 𝑟 − 𝜔𝑡)

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
In molti casi è significativo soltanto il valore medio dell’intensità di 𝐼(𝑡) su
intervalli di tempo che sono molto più lungi del periodo caratteristico
dell’onda.
𝐼𝑚𝑒𝑑𝑖𝑜 = 𝐼 = 𝜀0 𝑐𝐸02 < cos2 (… ) >
1
Il valore medio di cos 2 (… ) =
2

Dunque
1
𝐼= 𝜀0 𝑐𝐸02
2
IMPULSO TRASPORTATO DALLE ONDE ELETTROMAGNETICHE
A l’onda elettromagnetica è associata anche una quantità di moto
Si dimostra che

𝑆
ℐ=
𝑐2
Dove ℐ è 𝑙𝑎 𝑞𝑢𝑎𝑡𝑖𝑡à 𝑑𝑖 𝑚𝑜𝑡𝑜 𝑑𝑒𝑙𝑙′ 𝑜𝑛𝑑𝑎 𝑝𝑒𝑟 𝑢𝑛𝑖𝑡à 𝑑𝑖 𝑣𝑜𝑙𝑢𝑚𝑒.
Abbiamo visto precedentemente che abbiamo due tipi di interazione tra
l’onda elettromagnetica con le particelle. Una di tipo elettrica che come
abbiamo visto compie lavoro, compiendo al trasferimento di energia e
una di tipo magnetico che non compie lavoro, ma si può dimostrare che la
sua azione è associato a un trasferimento dell’impulso (nella direzione di
propagazione dell’onda)
Consideriamo per semplicità un’onda piana incidente su una superficie di
area A, perfettamente assorbente e perpendicolare alla direzione
dell’onda. Si trova che la variazione di impulso, cioè la variazione di
quantità di moto è paria a
𝑆
Δ𝑝 =
𝑐Δ𝑡𝐴
𝑐2
Δ𝑝 𝑆
= 𝐹 = 𝐴 = 𝑢𝑒𝑚 𝐴
Δ𝑡 𝑐

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Quindi l’azione dell’onda equivale a una forza che agisce sulla superficie
di modulo 𝑢𝑒𝑚 𝐴. La radiazione esercita dunque una pressione sulla
superficie.
Se la superficie è invece perfettamente riflettente, la pressione raddoppia
in quanto le onde riflesse trasportano anch’esse impulso ma nel verso
opposto.
𝐹
𝑃= = 𝑢𝑒𝑚
𝐴

6) SORGENTI CAMPI ELETTROMAGNETICI

SAPPIAMO CHE:
Una carica ferma produce soltanto un campo elettrostatico. Questo vale
anche per una carica che si muove a velocità uniforme. Infatti, per il
principio di relatività l’effetto fisico non può dipendere dalla scelta del
sistema di riferimento. Di conseguenza considerando un eventuale
osservatore che si muove alla stessa velocità uniforme della particella,
deve osservare un campo elettrostatico.
Di conseguenza le onde elettriche possono essere generate soltanto da
cariche in movimento con accelerazione.
Consideriamo una carica q che si muove con moto accelerato (con
accelerazione costante) per un istante Δ𝜏. Abbiamo che per per 𝑟 > 𝑐𝑡 ,
poiché l’onda si diffonde a velocità finita c, il campo elettrico in quella
1 𝑞
zona è quello generato da una carica ferma, cioè 𝐸 = . Nel punto
4𝜋𝜀0 𝑟 2
𝑟 < 𝑐(𝑡 − 𝛥𝜏) il campo è quello prodotto
da una carica a velocità uniforme, poiché la
perturbazione è già passata. Esso ha
sempre direzione radiale, ma rispetto alla
nuova posizione che ha assunto la carica.
Nel punto P (𝑡 − Δ𝜏)𝑐 < 𝑟 ≤ 𝑡𝑐, è quella in
cui si fa sentire l’accelerazione, e quindi si
misura il suo effetto.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Rappresentando l’andamento del campo elettrico attraverso delle linee di
forza, otteniamo questa situazione.

Nella zona di perturbazione si ha quindi una componente trasversa alle


direzioni radiali.
Per determinare il campo elettrico nella zona di perturbazione

Si dimostra che le componenti del campo sono uguali a


1 𝑞
𝐸∥ =
4𝜋𝜀0 𝑟 2
1 𝑎⊥ 𝑞
𝐸⊥ =
4𝜋𝜀0 𝑐 2 𝑟
A distanza sufficientemente grande 𝐸∥ → 0 molto più rapidamente di 𝐸⊥ .
Quindi il campo elettrico ha una componente radiale che va con l’inverso
del quadrato, e una componente trasversa che diventa sempre più
importante. Ed è quest’ultimo il cosiddetto campo di radiazione.
Il modulo di 𝐸𝑟𝑎𝑑 quindi è nullo lungo la direzione radiale ed è massimo in
direzione perpendicolare ad essa (ed ha verso opposto a 𝑎⊥ )
NEL CASO DI ACCELERAZIONE VARIABILE NEL TEMPO
Si può dimostrare che vale una relazione simile

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
𝑟
𝑞 𝑎⊥ (𝑡 − 𝑐 ) 1
𝐸𝑟𝑎𝑑 = 𝑢

4𝜋𝜀0 𝑐2 𝑟 𝜃
Dove 𝑢𝜃 è il versore opposto a 𝑎⊥
Nella quale il componente trasverso dell’accelerazione è valutato al
𝑟
tempo <<anticipato>> 𝑡 − .
𝑐

Il corrispondente campo magnetico è perpendicolare al campo elettrico di


conseguenza
𝐸 × 𝑢𝑟
𝐵𝑟𝑎𝑑 = =
𝑐
𝑟
𝑞 𝑎⊥ (𝑡 − 𝑐 )
= 𝑢
⃗𝜑
4𝜋𝜀0 𝑐2
Quindi abbiamo che entrambi i campi
sono perpendicolari a 𝑢𝑟 la direzione
di propagazione.
Il campo elettrico ha la direzione
tangente al meridiano (𝑢𝜃 ),mentre il
campo magnetico ha quella tangente al parallelo (𝑢𝜑 ).
La radiazione è caratterizzata dal vettore di Poynting che ha direzione
radiale.
𝐸×𝐵 2 2
𝑞 2 𝑎2 sin2 𝜃
𝑆= = 𝑐𝜀0 𝐸 (𝑢𝜃 × 𝑢𝜑 ) = 𝑐𝜀0 𝐸 𝑢𝑟 =
𝜇0 4𝜋𝜀0 𝑐 3 4𝜋𝑟 2
Poiché la radiazione è radiale, possiamo
considerarla come un’onda sferica che si propaga
radialmente 𝐼(𝑡)=S dipendente dalla distanza al
quadrato e anche dall’angolo 𝜃 (angolo fra
accelerazione e direzione di propagazione).

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Si può notare quindi che non avviene irraggiamento nella direzione
dell’accelerazione.
Consideriamo un elemento 𝑑Σ di
superficie sferica, la radiazione
trasporta potenza paria a:

𝑑𝑃 = 𝑆 ∙ 𝑑Σ⃗ = 𝑆𝑑Σ
𝑑Σ = 𝑑Ω𝑟 2
𝑑Σ = 𝑟 2 𝑠𝑖𝑛𝜃𝑑𝜃𝑑𝜑
𝑞 2 𝑎2
𝑑𝑃 = 3
sin3 𝜃 𝑑𝜃𝑑𝜑
4𝜋𝜀0 4𝜋𝑐

2𝜋 𝜋
𝑞 2 𝑎2 sin3 𝜃
𝑃 = ∬ 𝑑𝑃 = ∫ 𝑑𝜑 ∫ 3 4𝜋
𝑑𝜃 =
0 0 4𝜋𝜀 0 𝑐
2 2 2 2
𝑞 𝑎 4 2 𝑞 𝑎
= 2𝜋 ( ) =
16𝜋 2 𝜀0 𝑐 3 3 3 4𝜋𝜀0 𝑐 3
𝑟
Tale potenza è la potenza emessa dalla sorgente all’istante (𝑡 − )
𝑐

CARICA OSCILLANTE E RADIAZIONE DI DIPOLO


Consideriamo una carica q che oscilla in una posizione di equilibrio,
muovendosi parallelamente lungo l’asse z. Sia 𝜔 la pulsazione
dell’oscillazione e A la sua ampiezza.
L’equazione del moto allora sarà del tipo
𝑧(𝑡) = 𝐴𝑐𝑜𝑠(𝜔𝑡 − 𝛿 )
A cui corrisponde l’accelerazione
𝑎(𝑡) = −𝜔2 𝐴𝑐𝑜𝑠(𝜔𝑡 − 𝛿)
Se le caratteristiche del moto rimangono invariate allora otteniamo i
valori

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
2 𝑟
𝑞 𝐴𝜔 cos (𝜔 (𝑡 − 𝑐 ) − 𝛿) 𝑠𝑖𝑛𝜃
𝐸⃗𝑟𝑎𝑑 = − 𝑢𝜃 =
4𝜋𝜀0 𝑐2𝑟
𝜇0 𝑞𝐴𝜔2 𝑠𝑖𝑛𝜃 𝑟
=− cos (𝜔 (𝑡 − ) − 𝛿) 𝑢𝜃
4𝜋 𝑟 𝑐
1 1 𝑠𝑖𝑛𝜃 𝑟
⃗ 𝑟𝑎𝑑 = −
𝐵 cos (𝜔 (𝑡 − ) − 𝛿) 𝑢𝜑 =
4𝜋𝜀0 𝑐 𝑟 𝑐
2
1 𝜇0 𝑞𝐴𝜔 𝑠𝑖𝑛𝜃 𝑟
=− cos (𝜔 (𝑡 − ) − 𝛿) 𝑢𝜑
𝑐 4𝜋 𝑟 𝑐
A causa della presenza del fattore 𝑠𝑖𝑛𝜃, il campo di radiazione è nullo
nella direzione in cui avviene l’oscillazione
La potenza media emessa dall’onda è
1 2 𝑞 2 𝐴2 𝜔4 1 𝑞 2 𝐴2 𝜔4
<𝑃 >= =
2 3 4𝜋𝜀0 𝑐 3 3 4𝜋𝜀0 𝑐 3
CONSIDERIAMO UN DIPOLO ELETTICO OSCILLANTE, coppie di cariche
separate da una distanza d.

𝑞 (𝑡) = 𝑞0 cos 𝜔𝑡
Le cariche variane nel tempo in modo
sinusoidale con pulsazione 𝜔.
Per tale motivo si può definire un momento
di dipolo variabile nel tempo
𝑝(𝑡) = 𝑝0 cos(𝜔𝑡) = 𝑞 (𝑡)𝑑 = 𝑞0 𝑑𝑐𝑜𝑠(𝜔𝑡)

Da cui notiamo che


1 𝑝02 𝜔4
<𝑃 >=
3 4𝜋𝜀0 𝑐 3

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
Consideriamo il seguente
circuito (antenna lineare).
Un generatore mantiene una
corrente alternata.
In questo caso possiamo
considerare gli elettroni di
conduzione dell’antenna
muoversi in un moto collettivo
di oscillazione forzata. Nel caso di 𝑙 ≫ 𝜆, gli elettroni si muovono in fase
Indichiamo con N il numero di portatori di carica per unità di volume, 𝑄0
la carica totale 𝑄0 = 𝑁𝑞Σ𝑐 𝑙.
Abbiamo che 𝑖(𝑡) = 𝐽Σ𝑐 = 𝑁𝑞𝑣(𝑡)Σ𝑐
Quindi abbiamo che
𝑄0 𝑖 (𝑡)
= → 𝑄0 𝑣(𝑡) = 𝑖(𝑡)𝑙
𝑙 𝑣 (𝑡)
𝑄0 𝑣(𝑡) = 𝐼0 sin(𝜔𝑡)𝑙
Derivando rispetto al tempo, otteniamo
𝑄0 𝑎(𝑡) = 𝐼0 𝜔 cos(𝜔𝑡) 𝑙
Di conseguenza il valore della potenza media è (considerando che il valor
medio del coseno è ½)
1 𝐼02 𝜔2 𝑙2
<𝑃 >=
12 𝜋𝜀0 𝑐 3
L’antenna dissipa potenza come se avesse una resistenza. In realtà la
perdita di energia per irradiamento può essere considerata come un
effetto dissipativo, cui associare una resistenza di radiazione R.
1
< 𝑃 > = 𝑅𝑒𝑓𝑓 𝑖(𝑡)2 = 𝑅𝑒𝑓𝑓 𝐼02
2
Espressione che si determina per analogia con effetto Joule.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
1 2
1 𝐼02 𝜔2 𝑙2
𝑅 𝐼 =
2 𝑒𝑓𝑓 0 12 𝜋𝜀0 𝑐 3
1 𝜔2 𝑙2
𝑅𝑒𝑓𝑓 =
6 𝜋𝜀0 𝑐 3
Ricordando che
𝑐
𝜔 = 2𝜋𝜈 𝑒 𝜈 =
𝜆
1 4𝜋 2 𝜈 2 𝑙 2 2𝜋 𝑙2 2𝜋 𝑙2 2𝜋 √𝜇0 𝜀0 𝑙 2
𝑅= = = = ( ) =
6 𝜋𝜀0 𝜈 3 𝜆3 3 𝜀0 𝑣𝜆3 3 𝜀0 𝑐𝜆2 3 𝜀0 𝜆
2𝜋 𝜇0 𝑙 2
= √ ( )
3 𝜀0 𝜆

𝜇0
𝐷𝑜𝑣𝑒 𝑖𝑛𝑑𝑖𝑐ℎ𝑖𝑎𝑚𝑜 𝑐𝑜𝑛 𝑍0 = √ impedenza nel vuoto ed è costante
𝜀0

uguale a 376,7Ω
Un caso analogo a quello dell’oscillatore elettrico può essere trattato per
un dipolo magnetico. Considero una spira in cui scorre della corrente
alternata. Si trovano espressioni analoghe a quello del dipolo elettrico.
C’è tuttavia una differenza: a parità di dimensione e pulsazioni la
radiazione di dipolo elettrico è più intensa di quella di dipolo magnetico,
quindi è più efficiente il dipolo elettrico.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)
7) SPETTRO ONDE ELETTROMAGNETICHE

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: nando-terminiello (nando800@live.it)