Sei sulla pagina 1di 91

Scienze della Terra

Parte I La Terra nell’Universo..................................................................................................................3


L’Universo.............................................................................................................................................3
La nascita dell’Universo.........................................................................................................................3
Origine ed evoluzione dei corpi celesti..................................................................................................4
Le galassie e la struttura dell’Universo.................................................................................................7
Le caratteristiche delle stelle..................................................................................................................8
Il Sistema solare.....................................................................................................................................9
Origine del Sistema solare......................................................................................................................9
I corpi del Sistema solare.......................................................................................................................9
Il Sole.....................................................................................................................................................10
I pianeti di tipo terrestre......................................................................................................................11
I pianeti gioviani...................................................................................................................................12
I moti dei pianeti attorno al Sole.........................................................................................................13
I corpi minori........................................................................................................................................14
Terra e Luna........................................................................................................................................14
Forma e dimensioni della Terra..........................................................................................................14
Il moto di rotazione terrestre...............................................................................................................15
Il moto di rivoluzione terrestre attorno al Sole..................................................................................16
I moti millenari della Terra.................................................................................................................17
La Luna: struttura e origine................................................................................................................18
La Luna e i suoi movimenti..................................................................................................................20
Le fasi lunari.........................................................................................................................................20
L’orientamento e la misura del tempo.................................................................................................21
Le dimensioni della Terra....................................................................................................................21
Le coordinate geografiche....................................................................................................................21
L’orientamento tramite l’osservazione del cielo.................................................................................23
La determinazione delle coordinate geografiche................................................................................24
La misura del tempo:...........................................................................................................................24
I sistemi di posizionamento satellitari.................................................................................................25
Parte II Cartografia e Meteorologia........................................................................................................25
La rappresentazione della superficie terrestre....................................................................................25
Costruzione delle carte geografiche.....................................................................................................25
Il simbolismo cartografico....................................................................................................................26
Rappresentazioni equidistanti, equivalenti, isogone..........................................................................26
1
Le proiezioni pure.................................................................................................................................26
Proiezioni modificate e proiezioni convenzionali...............................................................................28
La scala e le diverse tipologie di carte.................................................................................................28
La tipologia di carte in base al contenuto...........................................................................................29
Il telerilevamento..................................................................................................................................29
L’atmosfera e i fenomeni metereologici...............................................................................................29
Strati e composizione dell’atmosfera...................................................................................................29
Il bilancio termico del sistema Terra e la temperatura dell’aria.......................................................30
La pressione atmosferica e i venti........................................................................................................32
La circolazione generale dell’atmosfera..............................................................................................33
L’umidità dell’aria: nuvole e precipitazioni meteoriche....................................................................34
Perturbazioni atmosferiche e previsioni del tempo............................................................................36
Il clima e la biosfera.............................................................................................................................38
I climi del pianeta.................................................................................................................................38
I cambiamenti climatici........................................................................................................................42
Parte III Geografia fisica............................................................................................................................43
L’idrosfera marina e continentale..........................................................................................................43
Le acque marine.....................................................................................................................................43
I movimenti del mare.............................................................................................................................45
Le acque superficiali...............................................................................................................................47
L’acqua nel terreno e nelle rocce...........................................................................................................48
Fiumi e laghi...........................................................................................................................................48
Ghiacciai.................................................................................................................................................50
L’inquinamento del mare e delle acque continentali............................................................................51
Fenomeni vulcanici e sismici..................................................................................................................52
Vulcani e tipi di eruzione.......................................................................................................................52
La distribuzione geografica dei vulcani..................................................................................................54
Terremoti e onde sismiche....................................................................................................................55
Forza d effetti di un terremoto..............................................................................................................57
Distribuzione geografica delle aree sismiche e prevenzione antisismica.............................................58
La struttura della Terra e la Tettonica delle placche..............................................................................59
Gli involucri della Terra..........................................................................................................................59
Le strutture della fossa oceanica e l’espansione dei fondi oceanici.....................................................61
La tettonica delle placche......................................................................................................................63
La deformazione delle rocce..................................................................................................................67
Parte IV Geologia applicata.......................................................................................................................69

2
La stratigrafia e la tettonica delle placche nello studio delle scienze della Terra...................................69
Elementi di stratigrafia..........................................................................................................................69
Elementi di tettonica..............................................................................................................................69
I materiali della Terra solida..................................................................................................................70
Minerali e rocce.....................................................................................................................................70
Silicati, ossidi, carbonati, solfuri e solfati, elementi nativi, alogenuri, borati e fosfati........................71
Il ciclo geologico delle rocce..................................................................................................................72
I metodi di datazione delle rocce..........................................................................................................74
Il modellamento del rilievo terrestre.....................................................................................................74
La degradazione meteorica delle rocce.................................................................................................74
Il suolo e i movimenti franosi................................................................................................................76
L’azione delle acque correnti e del vento..............................................................................................77
L’azione dei ghiacciai.............................................................................................................................79
L’effetto di rimodellamento del mare sulle coste.................................................................................80
L’evoluzione del piante Terra................................................................................................................81
Il passato del pianeta Terra...................................................................................................................81
I fossili....................................................................................................................................................82
Il Precambriano......................................................................................................................................83
Il Paleozoico...........................................................................................................................................84
Il Mesozoico...........................................................................................................................................84
Il Cenozoico............................................................................................................................................86
Il Quaternario.........................................................................................................................................86
Il pianeta e l’uomo.................................................................................................................................86

3
Parte I La Terra nell’Universo
L’Universo
La nascita dell’Universo
Una delle più grandi scoperte di questo secolo è stata fatta nel 1929 da E.P. Hubble:
le galassie si stanno allontanando alla velocità di migliaia di km/s; le galassie si stanno allontanando
con velocità tanto più alta quanto più sono lontane
(legge di Hubble).
Ciò può essere spiegato se si ammette che l’Universo sia in espansione nella sua globalità, per cui ogni
oggetto che ne faccia parte si allontana da ogni altro per il progressivo dilatarsi dello spazio.
Nel XX secolo sono state formulate ipotesi sull’origine dell’Universo, basate sulle scoperte
dell’astronomo E.P. Hubble.
 Teoria dell’Universo inflazionario: La più accreditata di queste ipotesi è nota col nome di
Teoria del big bang. Secondo questa teoria nell’istante zero (forse 13 miliardi di anni fa), tutto
ciò che oggi forma l’Universo era concentrato in un nucleo primordiale, di volume più piccolo
di un atomo con densità pressoché infinita e temperatura di miliardi e miliardi di gradi. Quel
nucleo di energia pura è esploso (big bang) e ha cominciato a dilatarsi, creando lo spazio in cui
si espandeva (inflazione). Il volume dell’Universo crebbe mentre la temperatura scese a pochi
gradi. L’Universo rimase a lungo un’impenetrabile nebbia luminosa di radiazioni e di gas
(elettroni, protoni, nuclei di elio), finché la temperature scese. L’energia cominciò a condensarsi
in particelle elementari quali elettroni e nuclei che a loro volta si unirono, formando un gas di
idrogeno e, in parte minore, elio. Dopo 300.000 anni, la materia così formatasi si separò dalla
nube di radiazioni per dare inizio alla successiva evoluzione, verso corpi celesti come le stelle.

 Teoria dell’Universo stazionario: Teoria che prevede che l’espansione dell’Universo sia
compensata dalla continua creazione nello spazio di nuova materia, che formerebbe nuove
galassie.
Nel 1964-65, due fisici americani, A. Penzias e R. Wilson, hanno scoperto l’«ultimo bagliore della
creazione», noto tra gli studiosi come radiazione cosmica di fondo. La radiazione primordiale, che
riempie oggi tutto l’Universo e che si è raffreddata fino a circa 3 kelvin è l’immagine dell’Universo
quando aveva «solo» 300000 anni.

Origine ed evoluzione dei corpi celesti


La maggior parte dei punti luminosi che vediamo nel cielo notturno sono stelle, corpi gassosi ad
altissima temperatura che emettono energia sotto forma di radiazioni elettromagnetiche, in conseguenza
delle reazioni nucleari che avvengono al loro interno.

4
Gran parte della materia di una stella è formata da idrogeno all’80% ed elio al 19%; gli altri elementi
chimici, tutti insieme, sfiorano il 1%. Per conoscere la composizione chimica delle stelle si utilizza lo
spettroscopio. Esso analizza la luce emessa dalle stelle, separando le varie radiazioni che la
costituiscono in base alla lunghezza d’onda. Si ottiene così lo spettro stellare.

Le stelle nascono per addensamento e contrazione di parte di nebulose, nubi costituite da finissimi
granelli di polveri cosmiche e gas freddi (soprattutto idrogeno, per oltre il 90%) diffuse nello spazio.
Quando all’interno delle nebulose si innescano dei moti turbolenti, le particelle della nube sottoposti alla
forza di attrazione gravitazionale, si avvicinano e si aggregano in blocchi di materia sempre più grandi.
Se la massa è scarsa si forma una nana bruna, altrimenti se la contrazione prosegue, l’energia cinetica
delle particelle cresce, la temperatura della nube gassosa aumenta ed essa si trasforma in una
protostella.
A causa della forza di gravità, altre particelle vengono ad essere attratte, la contrazione prosegue e il
nucleo della protostella si riscalda sempre più. Nel cuore delle stelle le particelle più interne vengono
sottoposte ad una pressione sempre più intensa e la temperatura aumenta enormemente, essa è così alta
(fino a 15 milioni di gradi) da avviare le reazioni di fusione termonucleari che trasformano l’idrogeno in
elio e avviano l’emissione di una grande quantità di energia sotto forma di calore che rende il blocco di
materia caldissimo e luminosissimo, nasce così una stella.

Queste emissioni di energia fanno espandere i gas verso l’esterno, fino a compensare la forza di gravità:
l’astro raggiunge così una fase di stabilità. In altre parole, l’energia che si libera dalla fusione nucleare
fa dilatare la materia che costituisce la stella, mentre l’attrazione gravitazionale tende a comprimerla. La
stella si mantiene in equilibrio tra le due forze contrastanti finché ha idro geno da utilizzare per la

5
fusione nucleare. Quando questo si è quasi tutto consumato, la stella si avvia verso la fine, che sarà
diversa a seconda della sua grandezza.
La vita di una stella può essere seguita attraverso un grafico – il diagramma H-R – che mette in
relazione la luminosità della stella con la sua temperatura superficiale.

Nel diagramma H-R le stelle non si distribuiscono a caso, ma in grandissima parte si raccolgono lungo
una fascia, che attraversa diagonalmente il diagramma stesso, chiamata sequenza principale al di fuori
della quale si trovano le giganti rosse, le supergiganti e le nane bianche. Durante la fase «adulta» una
stella si trova nella sequenza principale: questa è la fase più stabile della sua vita. Il Sole si trova ora
nella sequenza principale in posizione intermedia, come una stella gialla.
La posizione e la permanenza di una stella nella sequenza principale, in altre parola, la sua vita, dipende
dalla sua massa iniziale: se la massa è piccola la stella rimane meno calda e rossa e vive più a lungo; se
la massa è grande, diventa più calda e blu e consuma l’idrogeno più rapidamente fino ad evolversi in
gigante rossa: quando quasi tutto l’idrogeno è consumato e l’elio si è accumulato nel nucleo della stella,
le reazioni termonucleari rallentano. La forza di gravità non è più bilanciata dall’energia emessa dalla
stella, per cui diminuisce la forza espansiva e il nucleo pertanto si contrae su se stesso aumentando la
sua pressione interna che raggiunge livelli tali da determinare la fusione anche dei nuclei di elio in
nuclei di elementi più pesanti, la contrazione provoca un aumento della temperatura, sufficiente a
innescare nuove reazioni termonucleari, che trasformano l’elio in carbonio.
Per queste fusioni nucleari, la temperatura interna della stella aumenta enormemente e l’involucro
esterno dei gas si espande e si raffredda: la stella diventa una gigante o una supergigante rossa.
Dopo la fase di gigante rossa, l’evoluzione stellare segue vie diverse, che dipendono dalla massa di
partenza della stella.
 Stelle con massa iniziale poco inferiore a quella del Sole si trasformano, al termine della loro
vita, in nane bianche originate da eventi di contrazione verificatisi una volta esaurito il
carburante nucleare costituito dall’elio. La nana bianca poi si raffredda fino a diventare una
massa di materia che non brilla più di luce propria.
 Se la massa iniziale è come quella del Sole o poco superiore, prima di diventare nane bianche
possono diventare nebulose planetarie o esplodere in una nova.
 Stelle con massa iniziale una decina di volte quella del Sole, quando il combustibile elio si è
esaurito, per effetto della fortissima attrazione gravitazionale, subiscono un collasso
gravitazionale così intenso da generare un’immensa esplosione in una supernova cui segue
aumento esponenziale della luminosità e dispersione nello spazio interstellare di grandi quantità
di energia termica e di polveri che alimentano le nebulose. Dopo l’esplosione della supernova,
6
se la stella conserva una massa di 1,5-2 volte quella del Sole, la materia subisce un’altra
trasformazione la materia si contrae ancora e gli elettroni e i protoni si fondono per formare dei
neutroni. In questo stadio la stella ha un diametro di soli 20-30 km: si è trasformata in una stella
di neutroni, detta anche pulsar, perché emette ritmicamente radiazioni elettromagnetiche.
 Stelle con massa iniziale alcune decine di volte quella del Sole dopo la fase di supernova,
qualora sia conservata una massa ancora più grande, possono originare corpi estremamente
densi e freddi, chiamati buchi neri; l’attrazione gravitazionale infatti fa precipitare verso
l’interno della stella ogni cosa, persino le radiazioni, compresa la luce. I buchi neri non sono
visibili ma vengono percepiti proprio in ragione dell’influenza che hanno sugli astri circostanti,
che vengono attratti dalla sua immensa forza di gravità.
Le reazioni termonucleari che avvengono nelle stelle producono nuovi elementi, che vengono dispersi
nello spazio e vanno ad arricchire la materia delle nebulose.

Le galassie e la struttura dell’Universo


Le galassie sono aggregati di una grandissima quantità di stelle e differiscono per la forma e per le
dimensioni. In base alla forma si distinguono quattro tipi di galassie:
– galassie a spirale,
– galassie a spirale barrata (come la Via Lattea);
– galassie ellittiche,
– galassie irregolari.
Negli spazi apparentemente vuoti tra una stella e l’altra è diffusa la materia interstellare (polveri
finissime e gas) spesso concentrata in nebulose. La Galassia che ospita il Sistema solare ha la forma di
un disco con un nucleo allungato, da cui partono lunghi bracci a spirale. Il suo diametro misura 100 000
a.l. circa e comprende oltre 100 miliardi di stelle.

La Terra (con il Sistema solare) fa parte di una galassia, che comprende tutte le stelle e le nebulose
visibili dalla Terra a occhio nudo e, in più, la Via Lattea: una fascia biancastra che solca la Sfera
celeste.
Le galassie tendono a riunirsi in ammassi. Nel raggio di 3 milioni di anni luce dalla Terra si trovano una
ventina di galassie, che formano il Gruppo Locale. Ma si conoscono moltissimi ammassi di galassie,
ciascuno formato da centinaia o addirittura migliaia di galassie. Gli ammassi di galassie sono, a loro
volta, riuniti in gruppi: i superammassi.
Nell’Universo sono presenti numerose «radiosorgenti», cioè oggetti che emettono onde radio: alcune
corrispondono a supernovae, altre sono radiogalassie, altre ancora sono quasar, corpi d’apparenza
stellare che producono emissioni radio di grandissima intensità.

7
Le caratteristiche delle stelle
Le stelle appaiono di diverso colore e di diversa luminosità: alcune sono molto brillanti e si vedono
anche dai centri abitati; altre si distinguono a malapena anche al buio completo. Tali differenze sono
dovute a diversi fattori, tra cui: le dimensioni delle stelle, la loro massa, la loro composizione chimica,
la loro temperatura e soprattutto, la distanza rispetto alla Terra.
La luminosità di un corpo celeste è descritta da una grandezza detta magnitudine.
La magnitudine apparente, misurata attraverso l’uso di fotometri fotoelettrici, descrive la luminosità di
una stella come appare e non per l’effettiva luminosità. Le stelle, infatti, possono apparire più o meno
luminose anche perché si trovano più o meno vicino alla Terra. In base alla loro luminosità apparente le
stelle vengono suddivise in 6 classi, la prima per le stelle più luminose, la sesta per le più deboli ma
ancora visibili ad occhio nudo.
Per confrontare la luminosità di stelle che sono a distanze differenti dalla Terra, è necessario misurarne
la magnitudine assoluta, cioè la quantità di energia luminosa effettivamente emessa, o in altre parole,
la luminosità che le singole stelle mostrerebbero se fossero poste alla distanza standard dalla Terra di 10
parsec.
Il colore di una stella dipende dalla temperatura superficiale. Le stelle blu sono più calde di quelle
bianche; la temperatura superficiale delle prime arriva a 30.000 °C, quella delle seconde a 10.000 °C.
Le stelle bianche sono più calde, in superficie, di quelle gialle, che a loro volta sono più calde delle
arancioni. Le stelle rosse, con la loro temperatura superficiale di 3000 °C, sono le stelle più fredde.
Le stelle si muovono con velocità diverse. Lo studio dell’effetto Doppler sugli spettri delle stelle
consente di valutare se si avvicinano o si allontanano rispetto alla Terra.
Lo spazio tra le stelle non è vuoto, ma è occupato da materia interstellare che forma le nebulose.
Infine, spesso le stelle formano sistemi in cui due astri ruotano intorno a un baricentro comune (stelle
doppie). Massa e diametro delle stelle variano entro limiti molto ampi.

La sfera celeste e la posizione delle Stelle


Osservando il cielo notturno, si ha l’impressione che la Terra sia al centro di un’enorme sfera cristallina
– la Sfera celeste – sulla quale si vedono proiettate le stelle. Osservando il cielo per un tempo
sufficientemente lungo, le stelle appaiono muoversi tutte insieme e si ha l’impressione che la sfera –
immaginaria – ruoti attorno alla Terra. Ciò dipende in realtà dal fatto che la Terra ruota su se stessa; il
moto degli astri è detto infatti moto apparente.
Soltanto un punto – detto Polo nord celeste – resta fermo; esso si trova vicino a una stella: la Stella
polare.
Nell’emisfero meridionale della Terra si ha invece l’impressione che le stelle ruotino in senso orario
attorno a un punto che si trova nelle vicinanze di un gruppo di stelle, la Croce del Sud. Questo punto è
chiamato Polo sud celeste.
In realtà, è la Terra che ruota in senso contrario a quello apparente della Sfera celeste, girando su se
stessa attorno a un asse ideale, che passa per i poli terrestri e si prolunga nello spazio in direzione dei
poli nord e sud celesti.
Come le stelle, anche i pianeti appaiono in rotazione attorno alla Terra, ma cambiano lentamente
posizione nel cielo da una notte all’altra; ci si accorge di questo osservandoli sempre alla stessa ora. Ciò
è dovuto al fatto che i pianeti sono relativamente vicini alla Terra, e che si muovono sulle loro orbite
attorno al Sole.
Fin dall’antichità le stelle sono state associate in gruppi, per rendere più facile la loro individuazione nel
cielo notturno. Questi raggruppamenti si chiamano costellazioni, le quali raggruppano stelle che si
trovano a distanza diversa dalla Terra e solo a causa della prospettiva appaiono sullo stesso piano.
La posizione assoluta degli astri sulla Sfera celeste viene indicata utilizzando le coordinate celesti:

8
– la declinazione celeste, cioè la distanza angolare tra la stella considerata e il piano dell’Equatore
celeste;
– l’ascensione retta, ovvero la distanza angolare della stella dal meridiano celeste che passa per il
punto γ (un punto particolare situato nella costellazione dell’Ariete).
In Astronomia, per esprimere le enormi distanze tra i corpi celesti, si utilizzano varie unità di misura:
– unità astronomica (U.A.), pari alla distanza media tra la Terra e il Sole, che è di circa 149 600
000 km;
– anno-luce (a.l.), la distanza percorsa in un anno dalla radiazione luminosa;
– parsec (pc), la distanza di un punto dal quale l’osservatore vedrebbe il semiasse maggiore
dell’orbita terrestre, perpendicolarmente, sotto un angolo di 1”.
Nel corso dell’anno, il Sole sembra assumere posizioni
diverse rispetto alla Sfera celeste. Questo spostamento è
in realtà una conseguenza del moto di rivoluzione della
Terra attorno al Sole.
In apparenza il Sole percorre un’orbita – che prende il
nome di Eclittica e giace sullo stesso piano dell’orbita
terrestre – la quale attraversa in successione dodici
costellazioni che nell’insieme compongono lo Zodiaco.

Il Sistema solare
Origine del Sistema solare
Il Sistema solare si è formato circa 4,6 miliardi di anni fa a partire dal collasso di una porzione di una
grande nebulosa situata in uno dei bracci della Via Lattea. Questo ammasso di polveri e gas era
costituito in prevalenza da idrogeno e elio, ma anche da elementi più pesanti derivati da reazioni
nucleari avvenute in stelle più antiche del Sole.
Un evento sconosciuto, probabilmente l’esplosione di una supernova, mutò l’equilibrio gravitazionale e
la nebulosa collassò su se stessa in un enorme vortice. La contrazione della nube generò un disco
appiattito al cui centro si definì un nucleo denso e caldo, il proto-Sole. Nel resto del disco i materiali più
volatili (gas, ghiacci) vengono soffiati via dalla radiazione della nuova stella e spinti alla periferia,
mentre vicino al Sole rimangono i materiali meno volatili (rocce, metalli). All’interno di questo disco le
numerose collisioni di polveri e ghiacci diedero origine a corpi di dimensioni sempre maggiori, detti
planetesimali, e da questi alla formazione dei pianeti, dei loro satelliti e degli altri componenti del
sistema planetario, tutti con orbite all’incirca nello stesso piano, mentre miliardi di nuclei ghiacciati
vengono dispersi verso l’estrema periferia su orbite diverse. I planetesimali più interni si arricchirono
quindi di rocce e metalli e a diventare i pianeti rocciosi, mentre quelli più esterni accumularono ghiaccio
e gas a diventare i pianeti gioviani. La maggior parte delle polveri e dei gas, tuttavia, si aggiunse alla
massa iniziale del proto-Sole facendone ulteriormente aumentare la contrazione gravitazionale. Come
conseguenza aumentò di molto anche la sua temperatura, sino al punto da innescare le prime reazioni
termonucleari. Si verificò così l’accensione del Sole: una grande esplosione dalla quale si liberò un
vento stellare che spazzò via le polveri e i gas residui.

9
I corpi del Sistema solare
Il Sistema solare è un insieme d corpi celesti diversi per natura e dimensioni che si muovono in uno
spazio definito, governato dalla forza di attrazione gravitazionale e dal Sole, una sfera di materiale
incandescente che irradia in continuazione energia nello spazio. Il Sole e gli altri corpi che lo
circondano hanno avuto un’origine comune e si pensa che abbiano cominciato a formarsi 4,5 miliardi
di anni fa. Oltre al Sole, il Sistema solare comprende numerosi corpi:
– 8 pianeti;
– 69 satelliti principali che ruotano intorno ai pianeti;
– migliaia di asteroidi concentrati in una fascia che circonda il Sole o esterni all’orbita di
Nettuno;
– moltissimi meteoroidi, frammenti più piccoli degli asteroidi;
– miliardi di masse ghiacciate che formano una nube sferica alla periferia del Sistema solare e
possono originare comete.
Nel Sistema solare si trovano pianeti molto diversi tra loro, ma con caratteristiche comuni:
– hanno una forma che approssimabile ad una sfera;
– orbitano attorno al Sole in senso antiorario (o diretto) anche se con tempi diversi; questo moto è
detto di rivoluzione;
– ruotano attorno a un asse, anche se non tutti nello stesso senso;
– hanno l’asse di rotazione inclinato rispetto al piano dell’orbita, anche se con inclinazioni molto
variabili;
– sono in grado di allontanare i corpi minori dalla loro orbita.
I pianeti del Sistema solare più vicini al Sole sono detti pianeti di tipo terrestre (Mercurio, Venere,
Marte e Terra); quelli più distanti sono detti di tipo gioviano (Giove, Saturno, Urano e Nettuno).

Le differenze tra i due gruppi sono numerose: le dimensioni; la densità (nei pianeti terrestri è in media
5 volte superiore a quella dell’acqua, in quelli gioviani è 1,5 volte); la natura dei materiali che li
costituiscono (i pianeti terrestri sono formati principalmente da rocce e metalli, i pianeti gioviani da gas
e ghiacci); l’atmosfera (i pianeti terrestri sono privi di atmosfera o, se ce l’hanno, è sottile e tenue; i
pianeti gioviani sono avvolti in atmosfere dense e spesse); il numero di satelliti (i pianeti terrestri non
hanno satelliti o ne hanno pochissimi, quelli gioviani ne hanno molti).

Il Sole
È un’enorme massa di sostanze gassose, soprattutto H ed He. Dall’interno verso l’esterno si distinguono
– Nucleo che ha un raggio di circa 150.000km, è la zona di produzione dell’energia; qui grazie
alle elevatissime pressioni e temperature, si innescano reazioni termonucleari che trasformano
l’idrogeno in elio;
– Zona radiativa: l’energia prodotta dal nucleo si trasferisce all’esterno attraverso la zona radiativa
un involucro gassoso con uno spessore di circa 450.000km;

10
– Zona convettiva (spessore di circa 100.000km): in questa zona il trasporto di calore avviene per
convezione attraverso movimenti di materia innescati dalle differenze di temperatura.
Il Sole è un stella di media grandezza (ha un raggio medio di 700.000km), il cui interno è costituito da H
al 98% e da He allo stato di plasma, cioè sotto forma di una miscela di elettroni e nuclei atomici liberi.
La superficie visibile del Sole è chiamata fotosfera, di temperatura 5500°C. La fotosfera ha una
struttura a granuli brillanti, ovvero gigantesche bolle di gas molto caldi in risalita dalla zona convettiva,
e sulla sua superficie sono distribuite le macchie solari, piccole aree scure depresse. Le macchie
appaiono in genere a gruppi che evolvono con regolarità (di solito la vita media di un gruppo è di una
settimana). Il numero di macchie solari passa da valori minimi a valori massimi con un ciclo regolare di
circa 11 anni.
L’atmosfera solare è distinta in due strati:
– la cromosfera, un involucro di gas incandescenti che avvolge la fotosfera;
– la corona, un involucro di gas ionizzati.
La trasformazione dell’idrogeno in elio è in atto da almeno 5 miliardi di anni e si ritiene che ne saranno
necessari ancora altrettanti prima che tutto l’idrogeno del nucleo si trasformi in elio.

La normale attività del Sole è rappresentata dall’energia irradiata dalla superficie, chiamata radiazione
stazionaria, e dal vento solare (particelle ionizzate che sfuggono dalla corona). Altre evidenze
dell’attività solare sono:
– le macchie solari;
– le protuberanze, grandi nubi di idrogeno che si innalzano dalla cromosfera e penetrano per 20-
40 000 km nella corona;
– i brillamenti (o flares), violente esplosioni di energia, veri e propri lampi di luce intensissimi
associati a potenti scariche elettriche.
Quando un flare esplode il flusso di particelle raggiunge la Terra. I velocissimi corpuscoli colpiscono
con
11
violenza le particelle ionizzate dell’alta atmosfera terrestre, soffiandole verso la bassa atmosfera dove
danno origine alle aurore polari.

I pianeti di tipo terrestre


 Mercurio: È il pianeta più interno del Sistema solare, poco più grande della Luna. Mercurio
compie una rivoluzione intorno al Sole in 88 giorni, mentre ha un moto di rotazione intorno al
proprio asse che dura 59 giorni. La temperatura sul lato esposto al Sole sale a +425 °C, mentre
sul lato opposto scende a –175 °C. Mercurio è il pianeta con la più forte escursione termica tra il
dì e la notte ed è praticamente privo di atmosfera. Le strutture più diffuse sulla sua superficie
sono i crateri da impatto, dovuti alla caduta di meteoriti, alcuni accompagnati da un’aureola di
raggi chiari, e le pianure lisce, vaste colate di lava risalite dall’interno del pianeta quando il
materiale si è fuso per l’energia liberata nei tremendi impatti.
 Venere: ha dimensioni e densità simili a quelle della Terra. Le temperature superficiali
raggiungono sia di giorno che di notte i 460 °C, a causa dell’effetto serra. Responsabile
dell’effetto serra è l’anidride carbonica, che costituisce il 97% della densa atmosfera venusiana.
Su Venere sono presenti strutture geologiche complesse:
– il 60% circa della superficie si presenta debolmente ondulata;
– il 15% circa della superficie è occupata da ampie depressioni;
– il 25% circa è costituito da altopiani che si elevano per migliaia di metri rispetto alla
pianura presa come riferimento.
 Terra: è costituita da una serie di gusci concentrici. Partendo dall’interno si incontrano:
– il nucleo, formato da materiale molto denso (essenzialmente ferro e nichel);
– il mantello di rocce ricche di ferro e magnesio;
– la crosta di rocce molto eterogenee, meno dense di quelle sottostanti.
Il pianeta è avvolto da un’atmosfera formata principalmente da azoto e ossigeno con tracce di
altri gas (argon, anidride carbonica, vapore acqueo). La temperatura media della superficie è
tale da permettere all’acqua di persistere allo stato liquido: circa i 3/4 della superficie del pianeta
sono coperti dalle acque.
 Marte: La durata del giorno su Marte è circa la stessa di quella terrestre, ma Marte impiega
687 giorni a compiere una rivoluzione intorno al Sole. A causa dell’inclinazione dell’asse di
rotazione di Marte sul piano dell’orbita si ha un’alternanza di stagioni. Intorno a Marte ruotano
due piccoli satelliti: Phobos e Deimos. Su Marte è presente un’atmosfera molto rarefatta
formata per il 95% da anidride carbonica, con piccole quantità di azoto, vapore acqueo,
ossigeno. La temperatura superficiale è in media –5 °C. La superficie di Marte è stata
modellata da numerosi processi: bombardamento meteoritico, attività vulcanica (in passato
molto intensa), movimenti crostali, erosione, deposizione. La superficie di Marte mostra le
tracce di una lunga permanenza dell’acqua, che oggi si trova sotto forma di ghiaccio nel
permafrost.

I pianeti gioviani
 Giove: Giove è un pianeta gigante, la cui massa è pari al doppio di quella di tutti gli altri
pianeti del Sistema solare messi insieme. È una sfera liquida con un involucro gassoso, formato
per l’85% da idrogeno e per il 15% da elio, e un piccolo nucleo solido di materiali più densi. Il
pianeta ruota intorno al proprio asse con una velocità elevatissima, che all’Equatore raggiunge i
40 000 km/h. L’atmosfera di Giove (il cui spessore è di 1000 km) appare solcata da bande
chiare e scure disposte parallelamente all’Equatore e interrotte da grandi macchie rosse o
biancastre (una di queste è la Grande macchia rossa). Le fasce chiare corrispondono a zone di
risalita dei gas attraverso l’atmosfera gioviana; le zone scure corrispondono a zone di discesa dei
gas. Le macchie corrispondono a perturbazioni cicloniche. Attorno a Giove ruotano almeno 16
12
satelliti. I quattro più grandi (scoperti da Galileo e perciò detti galileiani) sono Io, Europa,
Callisto, Ganimede.
 Saturno: è un pianeta gigante, formato da un grosso involucro di gas (a temperature medie in
superficie di -185 °C) che avvolge un nucleo di idrogeno liquido. L’atmosfera di Saturno ha
una struttura simile a quella di Giove, con un’alternanza di zone chiare e scure. La struttura più
importante di Saturno sono i suoi anelli. Gli anelli sono formati da frammenti di ghiaccio e
polveri con diametri da pochi micrometri al metro, ognuno in rotazione attorno a Saturno su una
propria orbita. Gli anelli sono, quindi, un insieme di corpi su orbite concentriche. Saturno ha 18
satelliti. Nel 2005 la sonda Huygens è atterrata su Titano, il maggiore dei satelliti di Saturno.
 Urano: Urano ha un asse di rotazione che giace quasi sul piano dell’orbita; di conseguenza, il
pianeta volge alternativamente verso il Sole i suoi poli. È avvolto in una spessa atmosfera di
idrogeno, elio e metano ed è freddissimo: la temperatura varia da -208 °C al polo che punta
verso il Sole a -215 °C all’Equatore. La struttura interna del pianeta è formata da un piccolo
nucleo centrale roccioso avvolto da un oceano formato dagli stessi costituenti dell’atmosfera,
ma allo stato liquido. Attorno a Urano ruotano un sistema di 10 anelli e almeno 17 satelliti.
 Nettuno: Nettuno ruota intorno al Sole in 164,8 anni e su se stesso in 16 ore. La temperatura
varia da –232 °C a –211°C. Nettuno è costituito da un oceano di gas liquidi, soprattutto metano,
coperto da un’atmosfera sede di complessi moti circolari. È visibile una struttura a fasce e bande
parallele simile a quella di Giove, interrotta da macchie più scure (zone di discesa dei gas). A
causa della grande distanza dal Sole, la forte attività dell’atmosfera di Nettuno non può essere
dovuta all’energia solare, ma è di origine interna. Si pensa che il calore sia liberato da un nucleo
interno ancora in parte liquido. Attorno a nettuno orbitano 3 anelli e almeno 8 satelliti.
I moti dei pianeti attorno al Sole
Nei primi anni del XVII secolo, l’astronomo tedesco Johannes Kepler (1571- 1630, chiamato
solitamente Keplero) mostrò, attraverso tre leggi che portano il suo nome, come i pianeti si muovano
attorno al Sole percorrendo orbite ellittiche e con una velocità variabile, che dipende dalla loro
posizione sull’orbita.

I. La prima legge di Keplero afferma che i pianeti si muovono su orbite ellittiche aventi il Sole in
uno dei fuochi. Un pianeta si trova quindi a distanze diverse dal Sole durante il moto di
rivoluzione. Il punto in cui la distanza è minima è detto perielio; quello in cui è massimo è detto
afelio.
II. La seconda legge dice che il segmento che congiunge un pianeta con il Sole percorre aree
uguali in tempi uguali. Il pianeta si muove ad una velocità minore quando è distante dal Sole e a
una velocità maggiore quando si trova più vicino.
III. La terza legge dice che i quadrati dei tempi impiegati dai pianeti a compiere le loro orbite sono
proporzionali ai cubi dei semiassi maggiori delle orbite. Se la distanza media di un pianeta dal
Sole è maggiore di quella di un altro, il suo periodo di rivoluzione sarà più lungo.

13
Keplero descrisse il moto dei pianeti, ma non riuscì a comprendere quali forze li costringessero a
muoversi secondo queste leggi.
Fu il fisico inglese Isaac Newton (1642-1727) a dare una spiegazione al moto dei pianeti. Newton
comprese che i pianeti sono trattenuti da una forza che bilancia la forza centrifuga, dovuta al moto di
rivoluzione. Newton descrisse le caratteristiche di questa forza attrattiva formulando la legge della
gravitazione universale
due corpi si attirano in modo direttamente proporzionale alla loro massa e inversamente proporzionale
alla loro distanza elevata al quadrato, espressa dalla formula
G 0 × M ×m
F=
d2
dove F è la forza di attrazione tra i corpi; G0 è la costante di gravitazione universale; M e m sono le
masse dei corpi; d è la distanza dei loro centri.

I corpi minori
I corpi minori del Sistema solare possono essere distinti in tre gruppi in base all’aspetto:
– asteroidi;
– meteore e meteoriti;
– comete.
Gli asteroidi si sono formati dallo stesso materiale da cui si è formato il Sistema solare. Ne sono stati
catalogati circa 20 000, ma il loro numero totale è almeno il doppio. Hanno dimensioni medie di decine
di km. In gran parte sono distribuiti nella fascia degli asteroidi, tra Marte e Giove.
Le meteore e le meteoriti sono corpi la cui orbita interseca quella terrestre, per cui vengono attratte e
cadono sul nostro pianeta. Se il corpo è molto piccolo l’attrito con l’atmosfera lo rende incandescente e
lo fa evaporare. Si forma una scia luminosa che viene chiamata meteora o stella cadente. Se il corpo è
abbastanza grande, non viene tutto consumato dall’attrito e raggiunge la superficie terrestre come
meteorite.
Le comete sono nuclei di polveri e ghiacci che ruotano a grandissima distanza dal Sole, ma che possono
inserirsi in orbite che li portano all’interno del sistema planetario, perdendo nello spazio lunghe scie di
polveri (code).
Molti nuclei ghiacciati stazionano nella fascia di Kuiper, estesa oltre i pianeti, ma miliardi di questi
corpi ruotano molto più lontano dando origine alla nube di Oort, che si estende fino a 150 miliardi di
km dal Sole.

14
Terra e Luna
Forma e dimensioni della Terra
La Terra ha la forma di una sfera quasi perfetta. La prova più convincente, fin dall’antichità, è data
dall’altezza della Stella polare sull’orizzonte: tale altezza varia, infatti, a mano a mano che ci si sposta
verso Nord o verso Sud.

Quando si paragona la forma della Terra a una sfera, non si tiene conto della presenza sulla sua
superficie di irregolarità, come le montagne, che ne alterano poco la forma complessiva. Ma in realtà la
Terra non ha esattamente la forma di una sfera: è un po’ «schiacciata». Questa deformazione è stata
causata nel tempo dalla forza centrifuga, che deriva dalla rotazione che la Terra compie su se stessa, e
dal fatto che la stessa non è fatta di materiale omogeneo. Il solido geometrico che più si avvicina alla
forma della Terra è l’ellissoide di rotazione. Il raggio terrestre, perciò, è più lungo all’Equatore che ai
poli; il suo valore varia tra i 6357 km e i 6378 km.
In realtà, nemmeno l’ellissoide di rotazione rappresenta la vera forma della Terra. Il «solido terrestre» è
del tutto particolare e non corrisponde a nessuno dei solidi che si generano facendo ruotare una figura
geometrica attorno a un asse: è il geoide. In pratica il geoide è il solido la cui superficie è perpendicolare
in ogni suo punto alla direzione del filo a piombo. Rispetto all’ellissoide, il geoide è un po’ rigonfio in
corrispondenza dei continenti e leggermente depresso in corrispondenza degli oceani.

Il moto di rotazione terrestre


La Terra compie diversi movimenti, che fanno variare la sua posizione nello spazio rispetto agli altri
corpi celesti. Uno dei movimenti principali è il moto di rotazione: il nostro pianeta gira su se stesso; più
precisamente, ruota attorno a un asse passante per i poli, chiamato asse terrestre. La rotazione avviene
da Ovest a Est, cioè in senso inverso al movimento che il Sole sembra compiere nel cielo dall’alba al
tramonto o in senso antiorario se osservato dal Polo nord celeste. La velocità angolare di rotazione è
cotante a tutte le latitudini, mentre la velocità lineare è massima all’Equatore (1668km/h) e nulla ai poli.
La Terra impiega 23 ore, 56 minuti e 4 secondi, cioè un giorno sidereo, a compiere una rotazione
completa. La rotazione terrestre ha diverse conseguenze importanti:
1. Innanzitutto, in ogni luogo della Terra si
alternano un periodo di illuminazione, il dì, e un
periodo di oscurità, la notte. L’insieme del dì e
della notte costituisce il giorno, cioè il tempo
dell’intera rotazione. Il passaggio dal dì alla
notte è graduale a causa della presenza
dell’atmosfera, l’involucro di gas che circonda
la Terra. All’alba gli strati più alti

15
dell’atmosfera sono attraversati dai raggi solari un po’ prima del sorgere del Sole, e lo stesso
accade un po’ dopo il tramonto.
2. Altra conseguenza è che la Terra è schiacciata ai poli. Questa caratteristica della forma della
Terra è dovuta alla diversa azione, ai poli e all’Equatore, della forza centrifuga dovuta alla
rotazione ed operante da miliardi di anni.
3. Infine, il moto di rotazione è tale per cui un
oggetto che si muova liberamente sulla superficie
terrestre viene deviato dalla sua direzione iniziale
a causa della cosiddetta forza di Coriolis. Tale
deviazione avviene verso destra o verso sinistra a
seconda che l’oggetto si muova, rispettivamente,
nell’emisfero settentrionale o in quello
meridionale della Terra. Il fenomeno della
deviazione dei corpi in moto sulla superficie
terrestre è molto importante, perché riguarda
anche le correnti marine e i venti.

Il moto di rivoluzione terrestre attorno al Sole


Per tutti i pianeti si è potuta osservare l’esistenza
di un complesso movimento intorno al Sole,
regolato dalle leggi di Keplero. La Terra si
muove lungo un’orbita che ha la forma di
un’ellisse, della quale il Sole occupa uno dei
fuochi. A causa di questa forma dell’orbita, la
distanza tra la Terra e il Sole varia nel corso
dell’anno. Il perielio è il punto dell’orbita più
vicino al Sole; l’afelio è il punto più lontano dal
Sole. La distanza media Terra-Sole è di circa
149.600.000 km.
Se si immagina di guardare dal Polo nord celeste
il piano che contiene l’orbita terrestre, il moto di
rivoluzione avviene in senso antiorario.
La durata del moto di rivoluzione terrestre definisce la lunghezza dell’anno. Una conseguenza
importante del moto di rivoluzione e dell’inclinazione costante dell’asse terrestre sul piano dell’orbita è
la diversa durata del dì e della notte nel corso dell’anno e nei vari luoghi della Terra. Le durate variabili
del dì e della notte dipendono dall’inclinazione dell’asse terrestre sul piano dell’orbita e dal fatto che
l’asse si mantiene sempre parallelo a sé stesso mentre la Terra compie il suo moto di rivoluzione attorno
al Sole.
La durata massima del dì nell’emisfero boreale si ha il 21 giugno, giorno del solstizio d’estate, mentre
la durata minima del dì si verifica il 22 dicembre, giorno del solstizio d’inverno. Ci sono però due
giorni dell’anno durante i quali il dì e la notte hanno la stessa durata, per tutta la superficie terrestre; si
tratta del 21 marzo, giorno dell’equinozio di primavera, e del 23 settembre, giorno dell’equinozio
d’autunno.

16
L’asse terrestre è inclinato di 66° 33’ rispetto al piano dell’orbita (23° 27’ rispetto alla perpendicolare a
tale piano). Di conseguenza, l’apparente traiettoria del Sole intorno alla Terra (l’Eclittica) è inclinata di
23° 27’ rispetto all’Equatore celeste. L’intersezione tra l’Eclittica e il piano che contiene l’Equatore
celeste individua la linea degli equinozi; perpendicolare a questa è la linea dei solstizi.
Altra conseguenza del moto di rivoluzione è l’alternarsi delle stagioni: il moto di rivoluzione della Terra
determina la differente durata del dì nel corso del tempo, in ogni luogo del pianeta, tranne che
all’Equatore. Dalla durata del dì dipende, a sua volta, la quantità di calore ricevuta dai vari luoghi della
superficie terrestre. Estendendo l’osservazione a tutto il periodo di tempo che la Terra impiega per
compiere una rivoluzione completa intorno al Sole, è possibile dire che:
– i periodi dell’anno in cui il dì dura più della notte sono periodi più caldi;
– i periodi in cui la notte dura più del dì sono periodi più freddi;
– quando il dì e la notte hanno durata poco diversa si registrano temperature intermedie.
Questo avvicendarsi durante l’anno di periodi più caldi, periodi intermedi e periodi più freddi viene
indicato come alternanza delle stagioni. Le stagioni sono invertite nei due emisferi.

17
I due tropici e i due circoli polari dividono la superficie terrestre in cinque fasce, chiamate zone
astronomiche, caratterizzate da condizioni diverse di illuminazione e di riscaldamento durante l’anno.
Procedendo da Nord a Sud, le zone astronomiche sono:
– la calotta polare artica,
– la zona temperata boreale,
– la zona intertropicale (o zona
torrida),
– la zona temperata australe,
– la calotta polare antartica.

Per quanto riguarda invece le prove del movimento di rivoluzione,


– l’analogia con gli altri pianeti del Sistema solare;
– la periodicità annua di alcuni gruppi di stelle cadenti;
– l’aberrazione della luce proveniente dalle stelle, cioè il fenomeno ottico per cui ogni
stella appare in una posizione diversa da quella in cui si trova veramente.

I moti millenari della Terra


Il moto di rotazione attorno al proprio asse e quello di rivoluzione attorno al Sole sono i due movimenti
più evidenti che la Terra compie nello spazio. Vi sono poi altri movimenti, molto più lenti, che
richiedono migliaia di anni per compiersi e perciò sono chiamati moti millenari. Sono causati
dall’attrazione gravitazionale che gli altri corpi del Sistema solare, soprattutto il Sole e la Luna,
esercitano sulla Terra.
A causa della lentezza di questi movimenti, non è possibile osservarne direttamente le conseguenze;
tuttavia i loro effetti sono molto rilevanti: riguardano, ad esempio, il clima dell’intero pianeta.
1. la precessione luni-solare. La forza di attrazione gravitazionale del Sole e della Luna nei riguardi
della Terra agiscono più intensamente sulla zona equatoriale che sulle altre parti, e quindi tendono a
«raddrizzare » l’asse di rotazione terrestre rispetto al piano dell’orbita, esso compie un movimento
doppio-conico detto precessione luni-solare. Questo moto ha un periodo di circa 26 000 anni e produce
uno spostamento della linea degli equinozi detto precessione degli equinozi;
2. la variazione dell’eccentricità dell’orbita terrestre. L’attrazione che gli altri pianeti del Sistema
solare esercitano sulla Terra determina lo spostamento della linea degli apsidi (un moto con periodo di
117 000 anni, che influisce sulla precessione) e una variazione dell’eccentricità dell’orbita della Terra
intorno al Sole (con periodo di 92 000 anni).;
3. la variazione dell’inclinazione dell’asse terrestre. La forza di attrazione gravitazionale del Sole e
della Luna sulla Terra dipende dalle distanze tra questi corpi. Poiché tali distanze variano
continuamente, l’asse terrestre compie varie oscillazioni.
I moti millenari alterano nel tempo la distribuzione dell’energia solare sulla Terra e hanno quindi
conseguenze sul clima del pianeta. Questi cambiamenti climatici si manifestano con fenomeni
importanti, come le glaciazioni.
La Terra ha numerosi altri movimenti simultanei, come il moto di traslazione insieme al Sole e la
partecipazione al moto di recessione della Galassia, cioè alla probabile espansione dell’Universo.

La Luna: struttura e origine


Tra la Terra e il suo satellite naturale esistono strette relazioni, astronomiche e planetologiche, che
comprendono:
– il movimento che la Luna compie intorno alla Terra, responsabile delle fasi lunari;
18
– il moto che la Terra e la Luna compiono intorno al Sole;
– l’attrazione gravitazionale che la Luna esercita sulla Terra, principale causa delle maree.
Attualmente la Luna è considerata come un laboratorio naturale e semplificato per lo studio dell’origine
della Terra e come una piattaforma ideale per l’osservazione astronomica e astrofisica. La Luna è
l’unico satellite della Terra, essa ha massa e volume pari rispettivamente a 1/81 e 1/49 di quelli terrestri.
Si tratta di dimensioni ragguardevoli che rendono conto della sua influenza sul pianeta. La Luna ha
densità di circa 3,3 g/cm3, un’accelerazione di gravità alla superficie circa 1/6 di quella esistente sulla
superficie terrestre. Queste caratteristiche della Luna, insieme alla forma pressoché sferica, la fanno
ritenere un altro pianeta, piuttosto che un vero e proprio satellite. La Terra e la Luna, quindi,
costituiscono un sistema biplanetario. Sulla Luna mancano tuttavia l’atmosfera e l’idrosfera. Le
conseguenze principali dell’assenza di atmosfera sono:
– la mancanza dei crepuscoli, per cui si assiste a un passaggio molto brusco dall’illuminazione
solare all’oscurità;
– l’elevata escursione termica fra la “notte” e il “dì”.
Il paesaggio della Luna è caratterizzato dalla presenza di:
– mari, distese scure a fondo quasi piatto costituite da espandimenti di lava basaltica. I mari sono
ricoperti da una coltre di polvere, cenere e detrito grossolano di spessore non definito. Tali
materiali costituiscono il regolite; si sono originati a seguito dell’attività vulcanica e del
successivo rimaneggiamento da parte degli impatti meteoritici e del vento solare;
– terre alte, vaste regioni chiare e densamente craterizzate. Le terre alte costituiscono più del 70%
della “faccia” rivolta verso la Terra e la quasi totalità dell’altra metà della superficie lunare. In
corrispondenza delle terre alte esistono rilievi con forme diverse (catene montuose, orli di circhi
e crateri, colline) la cui altitudine raggiunge anche i 9000 m.
La superficie della Luna è disseminata di crateri e circhi, originati o dalla caduta di meteoriti o
dall’intensa attività vulcanica avvenuta durante la consolidazione della Luna. Altre forme tipiche della
superficie lunare sono i solchi, interpretati come fessure da raffreddamento di lave o linee di fuoriuscita
di gas, o come canali scavati da colate di lava, o anche come vere e proprie faglie (fratture con
spostamento delle masse rocciose a contatto).
Le rocce che formano i mari sono simili ai basalti terrestri; quelle delle terre alte sono anortositi. I
basalti dei mari hanno un’età compresa tra i 3,2 e i 3,8 miliardi di anni; le anortositi sono più antiche e
hanno un’età compresa tra i 4,1 e i 4,4 miliardi di anni. La Luna, quindi, avrebbe un’età di circa 4,5
miliardi di anni.

Nei materiali lunari prelevati durante le


missioni spaziali non sono state
rinvenute tracce di forme di vita, attuali
o passate. I sismografi lasciati sulla
Luna hanno registrato terremoti lunari
che indicano una modesta attività
geologica interna.
L’interno della Luna è suddiviso in:
crosta (la parte più superficiale);
mantello (diviso in litosfera, rigida, e
astenosfera, plastica) e nucleo (non
metallico).

19
Sull’origine della Luna sono state formulate diverse ipotesi, nessuna delle quali però è una teoria
universalmente accettata. Esse sono:
– ipotesi della fissione. Secondo queste ipotesi, la Luna si sarebbe distaccata dalla Terra durante
la formazione del nucleo terrestre, ovvero quando la Terra si trovava ancora allo stato liquido;
– ipotesi della cattura. Secondo queste ipotesi, un tempo la Luna, formatasi altrove da polveri
cosmiche, sarebbe stata un copro libero di muoversi nel Sistema solare. A un certo momento
essa sarebbe giunta tanto vicino alla Terra da esserne attratta e messa in rotazione su un’orbita
ellittica;
– ipotesi dell’accrescimento. La Luna si sarebbe formata dopo la Terra dalla riunione di materiali
cosmici diversi che un tempo erano in orbita intorno alla Terra;
– ipotesi dell’impatto. La Luna si sarebbe formata per aggregazione di materiale proveniente
dalla Terra, finito in orbita in seguito all’impatto di un gigantesco corpo celeste sulla superficie
terrestre.

La storia della Luna dopo la sua origine è molto complessa e si articola in una serie di stadi evolutivi:
– la separazione della crosta, avvenuta poco dopo la formazione della Luna. È in questa fase che
si sono formate le anortositi, le rocce più antiche della superficie lunare;
– una prima epoca di vulcanismo;
– un periodo di bombardamento della superficie lunare da parte di grossi corpi meteoritici. Il
bombardamento ha interessato tutti i pianeti interni del Sistema solare;
– una seconda epoca di vulcanismo, intorno a 4 miliardi di anni fa;
– il declino dell’attività lunare, fino all’attuale condizione di quiescenza.

La Luna e i suoi movimenti


La Luna è un corpo quasi sferico e ha un raggio medio di circa 1738 km, essa al contrario della Terra
non possiede caratteristiche favorenti la vita, né al contrario del Sole, di luce propria ma ne riflette
piuttosto la luce. La Luna è dotata di vari movimenti, che si verificano simultaneamente:
– il moto di rotazione antiorario attorno al proprio asse impiegando 27d7h43m12s, esattamente
quanto impiega per la sua rivoluzione (per questo motivo alla Terra viene mostrata sempre la
stessa “faccia”). L’attrazione che la Terra esercita in maniera maggiore sul rigonfiamento
equatoriale della Luna, causa delle perturbazioni del moto di rotazione lunare, dette librazioni.
Altre librazioni sono invece apparenti, perché legate alle posizioni che la Luna assume rispetto
alla Terra (che pure si sposta) e ai punti della superficie terrestre dai quali si osserva la Luna. Le
librazioni, reali e apparenti, consentono di vedere circa il 59% della superficie lunare, anziché il
50%;
20
– il moto di rivoluzione antiorario attorno alla Terra lungo un’orbita ellittica di cui la Terra
occupa uno dei due fuochi. In realtà, la Terra e la Luna girano insieme intorno al baricentro del
sistema che esse costituiscono. A causa della maggiore massa della Terra, il baricentro del
sistema Terra-Luna si trova all’interno della Terra; e per questo si può dire che la Luna gira
intorno alla Terra. Il punto dell’orbita lunare più vicino alla Terra è il perigeo, il più lontano è
l’apogeo. Il piano dell’orbita lunare forma con il piano dell’orbita terrestre un angolo di circa 5°.
I punti di intersezione delle due orbite sono i nodi e la linea che li unisce è detta linea dei nodi.
La durata della rivoluzione lunare è di 27d7h43m12s (mese sidereo) se riferita a una stella; è di
29d12h44m3s (mese sinodico) se riferita all’allineamento Terra- Sole;
– il moto di traslazione, insieme alla Terra, attorno al Sole che descrive un’orbita complessa detta
epicicloide.
Altri movimenti della Luna, più lenti, sono perturbazioni della rivoluzione lunare, causate dalla variabile
attrazione gravitazionale del Sole e dei pianeti. Tra questi:
– la regressione della linea dei nodi;
– la rotazione dell’asse maggiore dell’orbita lunare.
La Luna infine partecipa alla rotazione della Galassia e all’espansione dell’Universo.

Le fasi lunari
Le condizioni di illuminazione della Luna cambiano, durante il mese sinodico, al variare della sua
posizione rispetto al Sole. Queste diverse condizioni di illuminazione sono chiamate fasi lunari.
Quando la Luna si trova in congiunzione, cioè dalla stessa parte del Sole rispetto alla Terra, la “faccia”
della Luna rivolta verso di noi non viene illuminata e rimane oscura. Si verifica allora la fase di
novilunio.
Quando la Luna si trova in opposizione, cioè dalla parte opposta del Sole rispetto alla Terra, i raggi
solari illuminano la metà della Luna rivolta verso la Terra. Si ha quindi la fase di plenilunio.
Quando la Terra, la Luna e il Sole sono in quadratura, cioè disposti nello spazio in modo da occupare i
vertici di un triangolo rettangolo, risulta illuminato solo un quarto della superficie lunare. Le fasi
corrispondenti sono quelle di primo quarto e ultimo quarto.
Tra queste fasi principali, naturalmente, si hanno tutte le possibili condizioni di illuminazione
intermedie.
La Terra e la Luna, essendo pressoché sferiche, quando vengono investite da un fascio di luce
producono un cono d’ombra; se la Luna, la Terra e il Sole si trovano allineati lungo la linea dei nodi si
verificano le eclissi.
Le eclissi di Luna totali (e parziali) si verificano in plenilunio (con la Luna in uno dei nodi o in
prossimità di esso). Le eclissi totali di Sole si verificano quando la Luna si trova in un nodo in fase di
novilunio. Esse sono osservabili da limitate zone della superficie terrestre.
Le eclissi parziali di Sole si osservano da tutti i luoghi della Terra investiti dalla penombra. Le eclissi
anulari di Sole si verificano quando la Luna si trova in uno dei nodi, in fase di novilunio, e
contemporaneamente in apogeo.

L’orientamento e la misura del tempo


Le dimensioni della Terra
Fin dall’antichità sono stati eseguiti numerosi tentativi per determinare le dimensioni del nostro pianeta.
Non appena si fu affermata l’idea della sfericità della Terra il problema della sua misura fu risolto
teoricamente con un ragionamento puramente geometrico. Il tentativo di cui si hanno notizie più sicure è
quello di Eratostene di Cirene (III a.C.). Le moderne misure basate sull’osservazione delle orbite dei
satelliti artificiali

21
hanno consentito di determinare con precisione la lunghezza del raggio polare (circa 6357 km) e del
raggio equatoriale (circa 6378 km). La diversità dei due valori esprime lo schiacciamento polare
(circa 1/298) della
Terra. Dalle dimensioni della Terra è stata ricavata l’unità di misura delle lunghezze: il metro. Il metro
è quasi esattamente la quarantamilionesima parte del meridiano terrestre.

Le coordinate geografiche
Per localizzare un punto sulla superficie terrestre è possibile sfruttare un sistema di riferimento che
consenta di individuarlo univocamente. Il reticolato geografico è il sistema di riferimento (assoluto,
ovvero indipendente dall’osservatore) rispetto al quale viene individuata, qualsiasi essa sia, la posizione
di un oggetto sulla superficie terrestre. Il reticolato geografico è una specie di «rete immaginaria»
(formata dall’intersezione di un certo numero di circonferenze disegnate sul globo) che avvolge l’intera
superficie terrestre. Le linee che formano il reticolato geografico si chiamano meridiani e paralleli.

I meridiani geografici sono le due semicirconferenze comprese


tra un polo terrestre e l’altro. Considerando dunque un qualsiasi
meridiano, a esso corrisponderà una semicirconferenza opposta
– l’antimeridiano – che lo «completa». Si considerano 360
meridiani geografici, alla distanza angolare di 1° uno dall’altro.
Il meridiano di riferimento passa per l’Osservatorio
astronomico di Greenwich, presso Londra.

Se si immagina invece di tagliare la sfera terrestre


con un piano che sia perpendicolare al suo asse di
rotazione, si osserva come dall’intersezione di questo
piano con la superficie terrestre si ottenga ancora una
circonferenza chiamata parallelo.

Il piano che passa per l’Equatore divide la Terra in due emisferi (due mezze sfere): quello settentrionale,
chiamato anche emisfero boreale, dalla parte del Polo nord, e quello meridionale, detto anche emisfero
australe, dalla parte del Polo sud. Si prendono in considerazione 180 circonferenze, la cui distanza
angolare una dall’altra è sempre di 1°.

22
La posizione assoluta di un punto sulla superficie terrestre viene identificata attraverso le sue
coordinate geografiche, una coppia di valori che hanno come sistema di riferimento la rete dei
meridiani e dei paralleli.
Le coordinate geografiche sono la longitudine e la latitudine.
La longitudine di un qualsiasi punto P della superficie terrestre è data dall’angolo compreso tra il piano
che contiene il meridiano passante per P e il piano che contiene un meridiano preso come riferimento. In
genere
si usa riferirsi al meridiano di Greenwich. Come tutti gli angoli, anche la longitudine viene misurata in
gradi e frazioni di grado. La longitudine può essere Est oppure Ovest.
La latitudine del punto P è data dall’angolo (al centro della Terra) corrispondente all’arco di meridiano
che congiunge il punto P con l’Equatore. La latitudine può essere Nord oppure Sud, a seconda che il
punto si trovi nell’emisfero boreale o in quello australe.
Un’altra grandezza importante per definire la posizione assoluta di un oggetto è l’ altitudine o quota,
cioè la sua distanza verticale dal livello medio del mare.
 Il campo magnetico terrestre--> L’ago della bussola si muove e si posiziona lungo la direzione
Nord-Sud perché – allo stesso modo delle graffette di ferro quando vengono attirate da una
calamita – esso risente del campo magnetico terrestre. In altre parole, la Terra si comporta come
una gigantesca calamita che costringe l’ago magnetico della bussola a posizionarsi secondo la
direzione Nord-Sud magnetica. Il campo magnetico può essere rappresentato attraverso le sue
linee di forza, che mostrano come esso varia nello spazio: indicano, cioè, come si disporrebbe un
ago magnetico posto nei diversi punti del campo. L’origine del campo magnetico che avvolge la
Terra è ancora poco chiara ma è probabilmente legata alla presenza di un materiale buon
conduttore di elettricità in movimento probabilmente a livello del nucleo esterno di ferro fuso.
Molte rocce possono essere magnetizzate al momento della loro formazione e conservano tracce
del campo magnetico terrestre che le ha influenzate (paleomagnetismo). In base alla
magnetizzazione delle rocce è possibile ricostruire l’apparente posizione del Polo nord
magnetico nel passato. Si è scoperto inoltre che i due poli magnetici si invertono periodicamente
di posizione, si verificano cioè delle inversioni di polarità del campo magnetico terrestre. Il
campo magnetico terrestre è importante per la vita sulla Terra, perché fa da scudo al vento solare
(un flusso di particelle provenienti dal Sole dotate di carica elettrica) e alle radiazioni nocive.
Quando si verificano raffiche particolarmente violente di vento solare, l’energia emessa dagli
ioni si evidenzia sotto forma di luminescenze del cielo: le aurore polari.

23
L’orientamento tramite l’osservazione del cielo
Orientarsi significa individuare sul circolo dell’orizzonte visibile alcuni punti fissi: i punti cardinali. I
punti cardinali, utilizzati ormai da molti secoli, sono quattro: il Nord, il Sud, l’Est e l’Ovest. Durante il
dì, il Sole sembra ruotare attorno alla Terra da Est verso Ovest. Nella zona temperata dell’emisfero
boreale, se ci si posiziona a braccia aperte e con la mano sinistra verso Est, si avrà l’Ovest a destra (dove
tramonta il Sole), il Sud di fronte (dove si trova il Sole a mezzogiorno) e il Nord alle spalle. Nella zona
temperata dell’emisfero australe avviene il contrario.
Questo sistema di orientamento è però approssimativo, perché solo agli equinozi il Sole sorge
esattamente a Est e tramonta esattamente a Ovest per qualsiasi punto del globo, a qualsiasi latitudine.
Dopo l’equinozio di primavera nell’emisfero boreale il Sole sorge un po’ spostato verso Nord (a Est-
Nord-Est): tanto più spostato verso Nord quanto più ci si allontana dall’Equatore e quanto più si è vicini
al solstizio d’estate. Nell’emisfero australe avviene l’inverso. Tra l’equinozio di primavera e quello
d’autunno il Sole sorge più a Sud e nel resto dell’anno sorge più a Nord.
Di notte nell’emisfero boreale è possibile orientarsi con la Stella polare, che indica sempre la direzione
del Nord. Nell’emisfero australe si prende invece come riferimento la Croce del Sud, una costellazione
ben
riconoscibile, che indica pressappoco la direzione del Sud.
Infine, è possibile orientarsi anche per mezzo della bussola, uno strumento dotato di ago magnetizzato
che si posiziona verso il Polo nord magnetico. Tuttavia, dato che i poli magnetici non coincidono con
quelli geografici, la direzione indicata dalla bussola non è esattamente quella del meridiano del luogo,
ma di solito
forma con quest’ultimo un angolo detto declinazione magnetica. Per la determinazione della posizione
relativa dei luoghi (cioè rispetto a un osservatore), si usano le coordinate polari, l’azimut e la distanza:

24
– l’azimut è l’angolo compreso tra il segmento che congiunge l’osservatore con il luogo
considerato e la direzione Nord, misurato a partire da Nord e procedendo in senso orario;
– la distanza è la misura lineare tra l’osservatore e il luogo considerato.

La determinazione delle coordinate geografiche


L’orientamento permette di fissare soltanto la posizione relativa dei punti visibili sul piano
dell’orizzonte rispetto a un altro punto, che è quello in cui si trova l’osservatore.
Quando invece si vuole stabilire la posizione assoluta di un qualsiasi punto sulla superficie terrestre
occorre determinare le sue coordinate geografiche, che sono rappresentate dalla longitudine e dalla
latitudine.
Per determinare la longitudine e la latitudine del luogo vengono utilizzate rispettivamente l’ora locale e
l’altezza di una determinata stella sull’orizzonte.
La misura della longitudine si basa sulla determinazione dell’ora locale, che è ricavabile dalla posizione
del Sole nel suo moto apparente attorno alla Terra: il Sole in un’ora si muove apparentemente di 15°;
quindi, per spostarsi da un meridiano al successivo, cioè per spostarsi di 1°, è necessario attendere 4
minuti.
Se ad esempio nella località A, dalla misura dell’altezza del Sole nel cielo si deduce che sono le ore 14 e
12 minuti e nello stesso momento a Greenwich sono le 12 precise, la differenza tra l’ora locale e quella
di Greenwich è di 2 ore e 12 minuti, cioè 132 minuti. In questo lasso di tempo il Sole passa su 132 : 4 =
33 meridiani di grado. Di conseguenza la longitudine di A è 33° E. In conclusione, conoscendo l’ora
locale e l’ora
di Greenwich è possibile calcolare la longitudine. Se l’ora locale è maggiore di quella di Greenwich,
vuol dire che nel luogo considerato il Sole è sorto prima e la località si trova a Est di Greenwich. Se
l’ora locale è minore di quella di Greenwich, il luogo ha longitudine Ovest.
Il metodo utilizzato più di frequente per determinare la latitudine di un luogo consiste nel misurare
l’altezza di una stella, sul piano dell’orizzonte. Nell’emisfero boreale quindi, l’angolo formato dalla
retta che congiunge gli occhi dell’osservatore alla Stella polare e dal piano dell’orizzonte è uguale
all’angolo che corrisponde alla latitudine del luogo. Si tratta di latitudine Nord. La latitudine Sud è del
tutto analoga; naturalmente nell’emisfero australe si utilizza una stella diversa. Un altro metodo per
determinare la latitudine consiste del misurare l’altezza del Sole nel momento della sua culminazione
sul meridiano del luogo (in giorni diversi da quelli equinoziali bisogna, però, considerare la
declinazione solare).

La misura del tempo:


La rotazione terrestre rappresenta l’orologio più naturale a disposizione dell’uomo in quanto consente di
fissare una delle sue principali unità di misura: il giorno. Il giorno solare misura il tempo che intercorre
tra due successive
culminazioni del Sole in un
certo luogo. Il tempo di
rotazione della Terra
riferito alle altre stelle è
invece detto giorno
sidereo.
Questi due intervalli di
tempo non sono uguali, ma
il giorno solare ha una
durata maggiore; mentre
compie una rotazione,
infatti, la Terra si muove
25
anche lungo l’orbita attorno al Sole. Per poter rivedere il Sole nella stessa direzione, dopo una rotazione
completa, occorre quindi che la Terra ruoti ancora di un certo angolo (pari a quello compiuto con il
moto di rivoluzione). Il giorno solare comprende anche quel piccolo intervallo di tempo in più rispetto a
una esatta rotazione.
Ma neppure il giorno solare è perfetto per la misura del tempo durante l’anno, perché ha una durata
irregolare. Infatti, la Terra si muove sull’orbita attorno al Sole con velocità variabile. Per eliminare
l’inconveniente della sua diversa durata nei vari periodi dell’anno, si è convenuto di adottare come
riferimento il giorno solare medio, che si ottiene facendo la media della durata di tutti i giorni solari
dell’anno. Il giorno solare medio è stato poi suddiviso nelle 24 ore di uso comune.
L’altro importante moto che caratterizza la Terra, e cioè quello di rivoluzione attorno al Sole, fornisce
anch’esso un’unità di misura del tempo: l’anno. Per anno sidereo si intende l’effettivo periodo di
rivoluzione della Terra attorno al Sole. Esso corrisponde all’intervallo di tempo che passa tra due ritorni
consecutivi del
Sole nella stessa posizione rispetto alle stelle. L’anno solare è invece il tempo che intercorre tra due
passaggi successivi del Sole allo Zenit dello stesso tropico. L’anno solare è un po’ più breve di quello
sidereo. Dato che la sua durata non corrisponde a un numero intero di giorni, si è resa necessaria
l’introduzione dell’anno civile, di 365 giorni esatti, su cui si basano i calendari.
Il moto di rivoluzione della Luna intorno alla Terra viene usato per fissare il mese. La Luna compie un
giro completo intorno alla Terra in circa 27 giorni (mese sidereo). Se, però, come punto di riferimento
per la rivoluzione lunare si considera il Sole, il tempo necessario perché si verifichi lo stesso
allineamento Terra-Luna-Sole è di circa 29 giorni (mese sinodico).
L’ora vera o ora locale si determina facendo riferimento al passaggio del Sole sul meridiano del luogo.
A causa della rotazione terrestre, quindi, l’ora vera varia con la longitudine, perciò si è adottato un
sistema convenzionale di determinazione degli orari e delle date. Sono stati definiti i fusi orari, 24
«spicchi» ciascuno dell’ampiezza di 15° di longitudine, con differenza di un’ora da uno all’altro. Il
tempo civile è l’ora del meridiano centrale del fuso. L’ora estiva anticipa di un’ora il tempo civile. In
questo sistema convenzionale, la linea internazionale del cambiamento di data divide il tredicesimo
fuso in due parti che hanno la stessa ora, ma giorno diverso.

I sistemi di posizionamento satellitari


Il sistema più moderno e accurato per conoscere la posizione di un corpo sulla superficie terrestre è
quello noto con la sigla GPS, o Global Positioning System (dall’inglese, Sistema di Posizionamento
Globale), realizzato dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti d’America. Il sistema GPS è stato
progettato in maniera da permettere in ogni istante e in ogni luogo del nostro pianeta il posizionamento
di oggetti anche in movimento. Esso si basa su una «costellazione» di oltre 30 satelliti artificiali che
orbitano attorno alla Terra e che consentono di «triangolare» la posizione di un determinato punto, come
si fa con le stelle, attraverso la misura di tempi di arrivo dei messaggi inviati dai vari satelliti.
La grande precisione (addirittura al centimetro), i bassi costi e le ridotte dimensioni del ricevitore stanno
dando grande impulso alla diffusione del GPS, anche per scopi diversi da quelli strettamente militari per
cui era stato progettato. Per esempio, utilizzano il sistema GPS i navigatori satellitari, alcuni sistemi
antifurto delle automobili, i sistemi di pilotaggio automatico degli aerei.
Anche l’Unione Europea ha sviluppato un sistema di posizionamento analogo al GPS: il sistema
Galileo, lo stesso dispone di 30 satelliti e la sua entrata in servizio è avvenuta nel 2013.

26
Parte II Cartografia e Meteorologia

La rappresentazione della superficie terrestre


Costruzione delle carte geografiche
Si basa su due operazioni successive:
– la triangolazione;
– il rilevamento sul terreno.
La triangolazione permette di determinare la posizione di punti del terreno (vertici o punti
trigonometrici), dei quali vengono determinate le coordinate geografiche e l’altitudine. Poi si misura la
distanza esatta tra due di questi punti che, riportata in carta, rappresentano la base geodetica dalla quale
si diparte la rete di triangolazione.
Il rilevamento del terreno permette di stabilire la posizione e l’altitudine di un elevato numero di punti
all’interno della rete di triangolazione.

Il simbolismo cartografico
Le carte geografiche sono simboliche: gli oggetti geografici sono rappresentati mediante segni
convenzionali.
L’andamento altimetrico di una data zona può essere raffigurato in vari modi, legati alla scala della carta
e alla sua finalità:
– sfumo (le parti prominenti del rilievo sono messe in risalto con un’ombreggiatura più o meno
intensa);
– tratteggio (il rilievo viene evidenziato con una serie di trattini convergenti, diretti nel verso di
maggiore pendenza);
– tinte altimetriche (le variazioni di altitudine sono rappresentate per mezzo di colori
convenzionali);
– isoipse o curve di livello, ossia linee che uniscono tutti i punti posti a uguale quota rispetto al
livello medio del mare. In ogni carta il dislivello tra isoipse contigue è sempre lo stesso e prende
il nome di equidistanza.
Una visione bidimensionale del rilievo è quella fornita dai profili topografici. Essi si possono ottenere
immaginando di intersecare il rilievo con un piano verticale (cioè perpendicolare al piano orizzontale di
base del rilievo stesso): si avrà così una linea continua che rappresenta appunto il profilo topografico(o
profilo altimetrico).
Rappresentazioni equidistanti, equivalenti, isogone
Perché una rappresentazione della superficie terrestre possa considerarsi esatta, deve presentare
contemporaneamente tre «requisiti»: (1) equidistanza, principio secondo cui deve restare costante il
rapporto tra le lunghezze sulla carta – o lunghezze grafiche – e quelle reali che esse rappresentano
(2km:2cm=20km:20cm); (2) equivalenza, principio secondo cui deve essere costante il rapporto tra le
aree sulla carta – o aree grafiche – e quelle reali; (3) isogonìa, principio per cui l’angolo formato da due
linee qualsiasi sulla carta deve essere uguale all’angolo compreso tra le due linee corrispondenti sulla
superficie terrestre.
Le rappresentazioni della superficie terrestre che posseggono questi requisiti si dicono rispettivamente
equidistanti, equivalenti e isògone (o conformi).
I globi (spesso detti erroneamente «mappamondi»), avendo una superficie curva come la Terra, sono le
uniche rappresentazioni che posseggono tutti e tre questi requisiti, ma sono purtroppo poveri di dettagli
perché hanno dimensioni contenute. Le carte geografiche, invece, essendo approssimate, rispettano al
massimo uno di tali «requisiti» nemmeno in modo completo, ad esempio, se sono equidistanti non lo
sono in tutte le direzioni. Soltanto le carte geografiche che rappresentano zone molto piccole possono

27
essere considerate quasi esatte, perché la porzione di superficie sferica che viene raffigurata sulla carta è
così piccola da poter essere considerata piana.

Le proiezioni pure
Nelle proiezioni pure il reticolato geografico viene riportato geometricamente su di una «superficie
ausiliaria».
Questa può essere:
– un piano, chiamato piano di proiezione o quadro;
– una parte della superficie di un solido, che possa essere trasferita su un piano senza essere deformata.
In base a tale distinzione, le proiezioni pure vengono suddivise in due tipi principali.
1. Proiezioni prospettiche. Si immagina di proiettare il reticolato geografico direttamente su un
piano tangente alla sfera terrestre. Il piano può essere tangente a un polo, a un punto
dell’Equatore o a un punto qualsiasi della superficie terrestre. Il punto di vista è il punto dal
quale partono le rette immaginarie che proiettano la superficie sferica sul piano di proiezione. Il
punto di vista si trova sempre dalla parte opposta al piano di proiezione.

2.
Proiezioni di sviluppo. Il reticolo geografico è proiettato su una superficie ausiliaria rappresentata
da un cilindro oppure da un cono. Per questo motivo si parla di proiezioni cilindriche e di
proiezioni coniche.

Le proiezioni pure (sia quelle prospettiche, sia quelle di sviluppo) producono molte deformazioni e le
carte che ne derivano sono equidistanti o equivalenti solo lungo linee o per porzioni limitate.
Le proiezioni pure possono essere «ritoccate» per ridurre le deformazioni introdotte nel passaggio dalla
sfera terrestre al piano o alla superficie ausiliaria: si ottengono così le proiezioni modificate. In altri
28
casi, addirittura, invece di applicare i principi geometrici, si ricostruisce il reticolato geografico
ricorrendo alle relazioni matematiche che legano tra loro i vari punti della superficie terrestre: in tal
modo si hanno delle rappresentazioni, dette anche proiezioni convenzionali.

Proiezioni modificate e proiezioni convenzionali


Tra le proiezioni modificate la più utilizzata è certamente la proiezione conforme di Mercatore. Essa
deriva da una proiezione cilindrica pura, alla quale sono apportate alcune modifiche in modo da ridurre
il notevole
schiacciamento delle zone polari. In sostanza, il «ritocco» consiste nel dilatare le distanze tra i paralleli
via via che ci si allontana dall’Equatore. Meridiani e paralleli sono infatti rappresentati come fasci di
rette tra loro parallele che si incrociano ortogonalmente (formando angoli tutti di 90°). Ma, mentre i
meridiani sono tutti equidistanti tra loro, i paralleli si vanno distanziando sempre più andando
dall’Equatore verso i poli. Questa proiezione, oltre che isogona, è equidistante soltanto lungo
l’Equatore; ma non è equivalente.
Le proiezioni convenzionali invece non sono basate su regole geometriche, ma su calcoli matematici; a
seconda dello scopo per il quale la carta viene usata, è possibile costruirla in modo che sia rispettato
almeno uno dei requisiti sopra citati. Tra questo tipo di proiezioni le più rappresentative sono:
– la proiezione conforme di Gauss, in questa carta si suppone di proiettare la superficie terrestre
su un cilindro tangente a un meridiano e all’antimeridiano corrispondente. Si ottiene una carta
nella quale il meridiano di tangenza e l’Equatore sono due linee rette perpendicolari, mentre gli
altri meridiani e paralleli sono linee curve. Nello stretto «fuso» che si estende per pochi gradi a
Est e a Ovest del meridiano di tangenza questa proiezione può considerarsi equidistante e
assicura deformazioni trascurabili.
– la proiezione di Mollweide, si tratta di una proiezione pseudo cilindrica, ovvero una
rappresentazione della superficie terrestre su di una ellisse avente l’asse maggiore (Equatore)
doppio dell’asse minore (meridiano di Greenwich).
– la proiezione interrotta di Goode-Philip che consente una rappresentazione dell’intero globo;
ha l’inconveniente di essere discontinua, ma mantiene l’equivalenza e riduce le deformazioni
delle figure.

La scala e le diverse tipologie di carte


La scala è il rapporto tra le lunghezze riprodotte sulla carta e le corrispondenti lunghezze misurate sulla
superficie della Terra. Dal momento che il raffronto avviene tra lunghezze (e non, ad esempio, tra aree),
si può definire questo rapporto come la scala lineare. Il rapporto esistente tra le aree sulla carta e quelle
sul terreno è uguale al quadrato della scala lineare. La scala della carta viene sempre espressa sotto
forma di frazione. Il numeratore di questa frazione è sempre 1; il denominatore esprime il numero di
volte che le distanze reali sono state ridotte sulla carta. Più è piccolo il denominatore della frazione che
rappresenta la scala, più la scala della carta è grande, e quindi la carta è più dettagliata. In generale, si
considerano carte a grande scala quelle per le quali il valore del denominatore è minore di 150 000.
Viceversa, sono carte a piccola scala quelle in cui il denominatore del rapporto è maggiore di 150 000.
A seconda della scala possono distinguersi diverse tipologie carte geografiche:
1. Le piante e le mappe hanno una scala maggiore di 1:10 000. Sono molto dettagliate, perché
rappresentano porzioni di territorio poco estese. In genere, sono chiamate piante quelle che
rappresentano i centri urbani; sono dette mappe quelle catastali, che raffigurano le zone rurali e
le proprietà (private e pubbliche).
2. Sono carte topografiche, invece, quelle con scala compresa tra 1:10 000 e 1:150 000. Anche
esse sono abbastanza ricche di particolari, rappresentando estensioni relativamente piccole della
superficie terrestre.

29
3. Le carte corografiche, che hanno una scala compresa tra 1:150 000 e 1:1 000 000, raffigurano
zone piuttosto estese della superficie terrestre (ad esempio, un’intera regione italiana), e tuttavia
riescono a raffigurare un discreto numero di particolari (gruppi di case, edifici di interesse
artistico, canali ecc.). Quasi tutte le carte stradali appartengono a questa categoria.
3. Le carte geografiche propriamente dette hanno scala minore di 1:1 000 000. Esse
rappresentano aree molto estese, come uno Stato, un insieme di stati o un intero continente. A
questo gruppo appartengono anche i mappamondi, che rappresentano la superficie terrestre
divisa nei due emisferi, e i planisferi, cioè le carte che rappresentano tutta la superficie terrestre
in un’unica immagine.

La tipologia di carte in base al contenuto


1. Le carte generali possono essere a loro volta distinte in: carte fisiche, che rappresentano gli aspetti
naturali di una data area (fiumi, laghi, coste, rilievi ecc.); carte politiche, che rappresentano gli aspetti
umani (confini,
città, strade, ferrovie ecc.); carte fisico-politiche, che riportano entrambe queste categorie di elementi.
2. Le carte speciali sono costruite per uno scopo preciso. Ne fanno parte: il gruppo delle carte
idrografiche, che comprende le carte marine (mari e coste), quelle nautiche (necessarie par la
navigazione marittima) e quelle idrografiche continentali (fiumi, laghi); le carte aeronautiche, usate per
il volo; le carte turistiche (più incentrate sulle vie di comunicazione).
3. Le carte tematiche mettono in risalto un aspetto particolare – fisico, biologico, antropico o
economico – del territorio. Ne esistono moltissimi tipi, tra i cui: le carte dei climi; le carte della
vegetazione, che indicano il tipo di copertura vegetale nella zona raffigurata; le carte economiche, che
rappresentano la distribuzione di elementi connessi ad attività umane come le industrie, gli allevamenti,
le produzioni agricole. Un cenno particolare meritano le carte geologiche. Queste carte indicano, tramite
colori e simboli, i diversi tipi di rocce, la loro età, i giacimenti minerari ecc., presenti in una determinata
zona.

Il telerilevamento
Esistono diversi tipi di sensori per registrare la radiazione elettromagnetica: i sensori passivi e quelli
attivi.
1. I sensori passivi misurano l’energia solare che viene riflessa (così funzionano, ad esempio, le
macchine fotografiche) o l’energia emessa direttamente dalla superficie terrestre (la radiazione
dell’infrarosso termico, che viene emessa dagli oggetti in funzione della loro temperatura). Le fotografie
aeree consentono di rilevare oggetti molto piccoli e possono fornire dettagliate immagini adatte a
costruire carte topografiche.
2. I sensori attivi (come i radar) utilizzano una sorgente di energia propria, che invia onde
elettromagnetiche
verso la superficie terrestre, e ne registrano l’«eco» (ossia la porzione riflessa). Con lo sviluppo dei
satelliti in
orbita terrestre, i sistemi di rilevamento a distanza si sono affermati sempre più nella ricerca geografica,
ben oltre la tradizionale fotografia aerea. I telesensori dei satelliti sono degli scanner, cioè strumenti che
misurano l’intensità delle onde elettromagnetiche provenienti dalla Terra a brevi intervalli di tempo e
inviano i dati a un computer che li elabora e ne ricava delle immagini.
Osservando con uno strumento opportuno dei fotogrammi in successione è possibile avere la visione in
tre dimensioni delle zone fotografate e, pertanto, una migliore lettura del paesaggio. Le informazioni
ricavate dalle fotografie aeree vengono poi riportate sulla carta e, utilizzando i simboli cartografici
opportuni, si arriva alla rappresentazione grafica del territorio.

30
L’atmosfera e i fenomeni metereologici

Strati e composizione dell’atmosfera


L’atmosfera è una delle componenti del «sistema Terra», come la litosfera, l’idrosfera e la biosfera,
con le quali essa realizza un continuo scambio di materia ed energia. L’atmosfera è di fondamentale
importanza, perché:
– protegge la Terra dalle radiazioni nocive provenienti dal Sole;
– regola il riscaldamento della Terra;
– contiene l’ossigeno, un elemento indispensabile per la vita animale e vegetale;
– contribuisce a modellare il rilievo terrestre;
– permette il continuo scambio di acqua tra il mare e le terre emerse.
La scienza che studia l’atmosfera e i fenomeni che vi si svolgono è la Meteorologia. L’atmosfera è un
involucro aeriforme, costituito da un miscuglio di gas, che circonda la Terra perché trattenuto dalla
forza gravitazionale e che partecipa ai suoi movimenti; prevalentemente in essa si trovano azoto al
78,08% in volume, ossigeno al 20,95%, argon allo 0,93%, anidride carbonica allo 0,03% e piccole
quantità di altri gas allo 0,01%, fra cui neon, elio, kripton, xenon, idrogeno, ozono, anidride solforosa,
ammoniaca, monossido di carbonio etc. Inoltre, negli strati bassi dell’atmosfera è presente in quantità
estremamente variable il vapore acqueo. L’atmosfera si estende per centinaia di kilometri, diventando
sempre più rarefatta verso l’alto. In essa sono riconoscibili diversi strati sovrapposti, dalle
caratteristiche diverse e separati gli uni dagli altri da zone di transizione dette “pause”.
– La troposfera è la parte più bassa e densa dell’atmosfera: ha un’altezza media di circa 12 km (8
sui poli, 17 sull’Equatore). Comprende il 75% della massa di tutta l’atmosfera e quasi tutto il
vapore acqueo presente nell’aria. Qui avvengono i principali fenomeni atmosferici: venti, nubi,
precipitazioni ecc ed è qu che si sviluppa la vita nella troposfera la temperatura diminuisce con
l’altitudine con un gradiente termico verticale di 0,6°C ogni 100m.
– Nella stratosfera la composizione percentuale dell’aria è ancora costante ma tuttavia i gas sono
sempre più rarefatti. Il vapore acqueo e il pulviscolo diminuiscono; perciò qui non si formano
nuvole che diano precipitazioni. La temperatura della stratosfera aumenta verso l’alto di 1-
3°C/km a causa di uno strato di ozono che, assorbendo buona parte dell’energia proveniente dal
Sole, si riscalda.
– Nella mesosfera i gas diventano molto rarefatti e c’è un aumento percentuale di quelli più
leggeri (idrogeno, elio). La mesosfera contiene un gran numero di ioni. In essa la temperatura
diminuisce con l’altezza, fino a raggiungere valori compresi tra -70°C e -90°C intorno agli
80km.
– Nella termosfera l’aria è molto diversa da quella degli strati più bassi. La ionizzazione dell’aria
è ancora più intensa, tanto che la termosfera viene detta anche ionosfera, in questa sede ha inizio
u nuovo aumento progressivo della temperatura che prosegue nello strato successivo, tanto che
nella termo-pausa si raggiungono i 1000°C.
– L’esosfera è la parte più esterna dell’atmosfera: le particelle gassose non sono più attratte dalla
gravità terrestre e non partecipano più alla rotazione del pianeta, la temperatura raggiunge infatti
i 2000°C per cui
– parla di temperature cinetiche, così elevate da consentire ad alcune particelle di superare la
velocità di fuga e di uscire quindi dal campo gravitazionale terrestre.
L’aria contiene anche vapore acqueo, che si trova concentrato negli strati più bassi dell’atmosfera; esso
proviene quasi interamente dall’evaporazione dell’acqua degli oceani. L’atmosfera contiene anche delle
polveri finissime, che provengono sia dalla superficie terrestre (come le ceneri degli incendi e delle
eruzioni vulcaniche, le sabbie sottilissime, i fumi industriali ecc.), sia dallo spazio. Queste polveri
costituiscono il cosiddetto pulviscolo atmosferico.

31
L’atmosfera non ha sempre avuto le sue caratteristiche attuali. Quando la Terra era formata di materiale
fuso, a temperatura altissima, l’atmosfera primordiale (4,6 miliardi di anni fa) doveva essere ricca di
idrogeno, metano, ammoniaca ed elio, e priva di azoto e ossigeno.

Il bilancio termico del sistema Terra e la temperatura dell’aria


Quasi tutta l’energia di cui la Terra dispone deriva dal Sole, che emette continuamente una radiazione
intensissima, a onde corte, valutabile in 5,2*10 24 kilocalorie al minuto. La quantità di radiazione solare
che raggiunge il limite superiore dell’atmosfera terrestre è soltanto di 2 calorie al minuto per centimetro
quadrato ed è detta costante solare. Nell’attraversare l’atmosfera questa radiazione però viene in parte
riflessa (31%), in parte assorbita (18%) e soltanto il 51% costituisce la radiazione globale che giunge al
globo terracqueo; quest’ultimo a sua volta riflette un ulteriore 4% della radiazione solare. Nel
complesso il sistema Terra-atmosfera ha un potere riflettente o albedo pari a circa il 35% della
radiazione solare in arrivo.
La radiazione effettiva assorbita dalla Terra (47% del totale) viene emessa nuovamente sotto forma di
radiazioni a onde lunghe che danno il maggior contributo al riscaldamento dell’atmosfera, a causa della
maggior lunghezza d’onda infatti, le radiazioni emesse non sono in grado di ri-attraversare l’atmosfera e
vengono trattenute, dando luogo al cosiddetto effetto serra; la Terra quindi, si riscalda più dal basso
piuttosto che dall’alto per effetto diretto dei raggi solari e si mantiene calda grazie all’effetto serra
causato da alcuni componenti dell’atmosfera, come l’anidride carbonica e il vapore acqueo, in grado di
assorbire la radiazione emessa dalla superficie terrestre; la presenza dei gas serra rende la temperatura
della superficie terrestre circa 35 °C più alta di quella che si avrebbe in loro assenza.

Il sistema Terra-atmosfera restituisce allo spazio la stessa quantità di energia che riceve dal Sole:
considerando un intero anno e il globo terrestre nel suo complesso si può parlare di equilibrio termico.
La temperatura dell’aria è legata al riscaldamento dell’atmosfera da parte della superficie terrestre
(effetto serra). I suoi valori variano nello spazio e nel tempo, essendo influenzati da numerosi fattori
geografici:
– l’inclinazione dei raggi solari, a sua volta determinata da fattori astronomici come latitudine,
stagione e ora del giorno e da fattori topografici come pendenza del versante e sua esposizione;
– l’altitudine,
– la distribuzione delle terre e dei mari, il fenomeno dipende dal fatto che terre e acque hanno un
diverso comportamento termico, in genere cioè le rocce si riscaldano e si raffreddano più
velocemente di quanto faccia l’acqua;
– la copertura della vegetazione, le piante assorbono infatti parte dell’energia solar che raggiunge
a superficie terrestre utilizzandola per sopperire alle proprie esigenze energetiche.

32
La distribuzione della temperatura sulla superficie terrestre viene evidenziata sulle carte geografiche
tramite isoterme, linee che uniscono i punti con uguale valore della temperatura. Le carte delle
isoterme possono riguardare le temperature giornaliere, mensili, stagionali o annue. Le carte delle
isoterme indicano l’esistenza sulla Terra di diverse zone termiche, che non coincidono con le zone
astronomiche.
Le carte delle isodiafore mostrano l’andamento dell’escursione termica media annua dedotta dalla
differenza tra le temperature medie del mese più caldo e quelle del mese più freddo.
 Le impurezze dell’aria (naturali o prodotte dalle attività umane) vengono trasportate dai venti.
Perciò, gli effetti prodotti dalle sostanze inquinanti si fanno sentire anche a grande distanza dal
luogo di immissione nell’atmosfera. Una delle più preoccupanti forme di inquinamento
atmosferico che interessa la Terra è l’aumento della percentuale di anidride carbonica (in
formula CO2) contenuta nell’aria. Questo aumento è in parte dovuto alla combustione del
carbone fossile e del petrolio, che aumenta sempre più, e in parte ai diboscamenti in varie zone
del pianeta; la minore copertura vegetale riesce infatti ad assorbire (mediante la fotosintesi
clorofilliana) meno anidride carbonica, che come altri gas serra, impedisce che le radiazioni
infrarosse emesse dalla Terra si disperdano nello spazio. La Terra irradia quindi verso lo spazio
meno energia di quanta ne assorba dal Sole. Questo squilibrio energetico causa – gradualmente
– il riscaldamento della Terra.
 I clorofluorocarburi (o Cfc) sono invece i principali responsabili della riduzione della quantità
di ozono nella stratosfera. I clorofluorocarburi sono gas composti di cloro, fluoro e carbonio,
usati – soprattutto in passato – nei sistemi refrigeranti, come i frigoriferi. Questi gas, una volta
giunti nella stratosfera, assorbono i raggi ultravioletti e liberano gli atomi di cloro che
contengono. Il cloro «attacca» le molecole di ozono, combinandosi con esse e liberando
molecole di ossigeno il quale, a differenza dell’ozono, non è in grado di assorbire le radiazioni
ultraviolette provenienti dal Sole. Un aumento delle radiazioni ultraviolette in arrivo sulla
superficie terrestre potrebbe causare gravi danni all’uomo e soprattutto agli invertebrati e alle
piante.

La pressione atmosferica e i venti


Anche l’aria ha un peso che grava sulla superficie terrestre, per via dell’attrazione gravitazionale che la
«attira» verso il centro della Terra. Il rapporto tra il peso dell’aria e la superficie su cui essa grava si
chiama pressione atmosferica. A livello del mare, alla latitudine di 45° e alla temperatura di 0 °C, la
pressione dell’atmosfera fa equilibrio a una colonnina verticale di mercurio alta 760 mm e con sezione
uniforme di 1 cm2. La pressione atmosferica è espressa spesso in millimetri di mercurio (mmHg, dove
Hg è il simbolo chimico del mercurio). In meteorologia si usa il millibar (mb). Nel Sistema
Internazionale l’unità di pressione è il pascal (Pa).
La pressione atmosferica non è costante: in una stessa località varia da momento a momento; e,
spostandosi sulla superficie terrestre, varia da luogo a luogo. I fattori che determinano questi
cambiamenti della pressione atmosferica sono tre.
1. La pressione diminuisce con l’altitudine.
2. La pressione diminuisce al crescere della temperatura dell’aria.
3. La pressione esercitata su una superficie da una massa di aria umida (cioè che contiene vapore
acqueo) è minore di quella esercitata sulla stessa superficie da una massa di aria secca di pari
volume.
La distribuzione della pressione sulla superficie terrestre viene riportata sulle carte geografiche per
mezzo delle isobare, cioè linee che uniscono i punti di ugual pressione riportata a livello del mare, alla
temperatura di 0 °C e alla gravità normale. Le isobare delimitano zone di alta pressione dove l’aria è più
densa e quindi più pesante, o anticicloni, e zone di bassa pressione dove l’aria è meno densa e quindi
più leggera, o cicloni. Le differenze di pressione atmosferica danno origine ai movimenti di masse
33
d’aria definiti venti. L’aria si muove sempre da un’area di alta pressione anticiclonica a un’area di bassa
pressione o ciclonica per ristabilire il bilancio barico. Ne sono esempi sia i movimenti d’aria su grande
scala, i monsoni, sia quelli su piccola scala, le brezze. I venti sono deviati dalla forza di Coriolis (verso
destra nell’emisfero settentrionale, verso sinistra nell’emisfero australe). I venti sono tanto più veloci
quanto maggiore è il gradiente barico.
Una causa dei sistemi di venti che coinvolgono regioni molto ampie è il diverso riscaldamento delle
terre e dei mari. Ad esempio, nell’Oceano Indiano e nella fascia continentale che va dalle coste della
Somalia a quelle della Cina orientale si hanno dei venti periodici chiamati monsoni.
I venti possono manifestarsi anche su scala ridotta, e il meccanismo è lo stesso: l’aria si muove da zone
dove la pressione è più alta a zone dove è più bassa. Alcuni venti possono spirare alternativamente in
direzioni opposte, come conseguenza del verificarsi di inversioni bariche ritmiche. È il caso delle
brezze (con ritmo diurno e notturno) e dei monsoni (con ritmo stagionale).
In riva al mare, per esempio, durante il giorno le rocce si riscaldano più rapidamente dell’acqua e
riscaldano maggiormente gli strati d’aria sovrastanti. Sulla terraferma si stabilisce, perciò, una
condizione di bassa pressione, mentre sul mare la pressione è più alta. Ciò mette in movimento l’aria dal
mare verso la terra (brezza di mare). Di notte, invece, la terra si raffredda più rapidamente; gli strati
d’aria presenti sulla terra diventano più freddi di quelli sull’acqua e quindi la pressione più alta si
stabilisce sulla terraferma. L’aria si muove dalla terra verso il mare (brezza di terra).

La circolazione generale dell’atmosfera


La distribuzione dei diversi valori della pressione atmosferica regola la circolazione generale
dell’atmosfera.
La circolazione generale nella bassa troposfera, a differenza di quanto avviene nell’alta troposfera, è
fortemente influenzata dalla presenza delle terre emerse e dei mari; essa è quindi caratterizzata da tre
sistemi di venti:
– gli alisei, che spirano dalle alte pressioni subtropicali e convergono verso le basse pressioni
equatoriali, nell’emisfero boreale soffiano costantemente da Nord-Est a Sud-Ovest;
– i venti occidentali, che provengono dalle alte pressioni subtropicali e si dirigono verso le basse
pressioni subpolari, soffiano perciò da Sud-Ovest a Nord-Est;
– i venti polari, che partono dalle alte pressioni polari e si dirigono verso le basse pressioni
subpolari.
Le aree di diversa pressione non costituiscono fasce continue; esse sono distribuite in una serie di celle
che si spostano con le stagioni.

34
La circolazione nell’alta troposfera, a partire da quote di 3000-5000 km, è invece zonale, caratterizzata
da correnti occidentali, maggiormente intense sopra le zone temperate della Terra di entrambi gli
emisferi, che scorrono con grande regolarità e costanza, separate da una ristretta zona intertropicale di
correnti orientali. Le correnti occidentali comprendono le correnti a getto, flussi d’aria spessi alcuni
kilometri, larghi oltre 500km e dotati di velocità elevatissime di 500km/h, il cui asse si sviluppa a una
latitudine media di 40° e ad un’altezza di circa 12 km; esso si sposta verso Nord e verso il basso durante
l’estate boreale e verso Sud e verso l’alto durante l’inverno. In ogni emisfero esistono: la corrente a
getto subtropicale, localizzata in una fascia compresa tra i 25 e i 35° di latitudine, e la corrente a getto
del fronte polare, che si trova invece a una latitudine di circa 60°.
Le correnti a getto hanno anche variazioni settimanali della velocità, che comportano la formazione di
onde orizzontali sempre più accentuate.

Secondo le moderne teorie, la posizione in latitudine, la velocità e l’ampiezza delle ondulazioni delle
correnti zonali dell’alta troposfera sono responsabili dei fenomeni che hanno luogo nella bassa
troposfera.

L’umidità dell’aria: nuvole e precipitazioni meteoriche

35
Il vapore acqueo è uno dei componenti più importanti dell’atmosfera e proviene principalmente da
eventi di evaporazione delle acque marine. È presente in quantità molto variabili, a seconda dei periodi
dell’anno e delle diverse regioni della Terra. L’umidità assoluta è la quantità di vapore acqueo (in
grammi) che si trova in 1m 3 d’aria. Essa aumenta con l’aumentare della temperatura. L’aria non può
contenere una quantità illimitata di vapore acqueo: giunta alla quantità massima possibile, si dice che è
satura. Come l’umidità assoluta, anche il quantitativo di saturazione di vapore acqueo dipende dalla
temperatura: più essa è alta, più vapore può essere contenuto in un volume d’aria. L’umidità relativa è
il rapporto tra l’umidità assoluta e il limite di saturazione (cioè l’umidità «massima» a una certa
temperatura), essa viene espressa in percentuale, perciò l’umidità relativa dell’aria satura è del 100%.
Quando la temperatura di una massa di aria ricca di vapore acqueo diminuisce, il vapore condensa.

Ad esempio, quando una massa d’aria umida incontra una montagna, per superarla è costretta a salire.
Salendo, viene a trovarsi a pressioni minori e quindi si espande. L’espansione fa diminuire la
temperatura dell’aria, e il vapore acqueo in essa contenuto condensa. Sul versante di salita si formano le
nuvole e spesso piove. Causa dello spostamento verso l’alto può essere anche l’incontro con un’altra
massa d’aria più densa che si incunea sotto la prima.

36
Se la temperatura è molto bassa, il vapore passa direttamente allo stato solido (sublimazione). Il
risultato di questi processi è la formazione di goccioline liquide, del diametro di circa 1/100 di mm, o di
microscopici aghi di ghiaccio. A causa della loro leggerezza, le goccioline d’acqua e gli aghetti di
ghiaccio rimangono sospese nell’aria e formano le nebbie e le nuvole. Le nuvole si formano a partire da
qualche centinaio di metri dal terreno e sono in gran parte contenute entro il limite superiore della
troposfera. Le nuvole hanno un aspetto molto vario: possono essere diverse per forma, per colore e per

dimensioni.
Le nuvole sono composte da goccioline d’acqua (o aghetti di ghiaccio) che si muovono di continuo
verso il basso ma evaporano appena incontrano strati d’aria più caldi.
Quando le goccioline d’acqua (o le particelle di ghiaccio), raggiungono dimensioni tanto grandi da non
poter più essere sostenute dall’aria, hanno luogo le precipitazioni. Le precipitazioni più comuni e
37
frequenti sono in forma liquida, come pioggia; ma alle medie e soprattutto alte latitudini anche quelle
solide (neve e grandine) non sono rare.

La distribuzione delle precipitazioni sulla superficie terrestre non è uniforme. La piovosità tende a
diminuire
con la latitudine, come accade per la temperatura.
La distribuzione geografica delle precipitazioni viene rappresentata sulle carte mediante le isoiete, cioè
le linee ideali che uniscono tutti i luoghi che ricevono la stessa quantità media di precipitazioni in un
anno, oppure nei singoli mesi.
 Le piogge acide sono precipitazioni contaminate dall’immissione di ossidi di zolfo e di azoto
nell’atmosfera. Questi ossidi, venendo a contatto con l’aria umida, si trasformano in acidi,
rispettivamente in acido solforico e acido nitrico. Quando le goccioline d’acqua si riuniscono
per formare la pioggia, gli acidi si mescolano all’acqua e ne derivano le piogge acide. I serbatoi
naturali di acqua, come i laghi e i fiumi, vengono acidificati. Gli organismi che vi vivono
subiscono gravi danni. Anche la vegetazione viene danneggiata. Anche edifici e monumenti
artistici possono essere alterati dalle piogge acide.

Perturbazioni atmosferiche e previsioni del tempo


Oltre alle alte e basse pressioni permanenti, alle quali si associano condizioni meteorologiche
relativamente stabili, esistono anche anticicloni e cicloni temporanei, che sono responsabili di frequenti
mutamenti del tempo.
Gli anticicloni determinano condizioni di « bel tempo». Infatti, a causa della pressione più elevata, l’aria
– più densa – si muove verso il basso e verso l’esterno, e abbassandosi si riscalda; quindi, la sua umidità
relativa diminuisce e non si formano nuvole. I cicloni danno invece luogo a movimenti dell’aria
dall’esterno verso il centro (dove essa risale) e causano il raffreddamento dell’aria e la formazione di
nuvole e precipitazioni. Perciò essi vengono chiamati anche perturbazioni atmosferiche.
Le perturbazioni atmosferiche più rilevanti sono costituite dai cicloni extratropicali e dai cicloni
tropicali.
– I cicloni extratropicali sono perturbazioni di grande estensione dovute all’incontro, a bassa
quota, di due masse d’aria: una fredda e secca, proveniente dalle zone polari, e una calda e
38
umida, proveniente dalle zone tropicali. Si muovono da Ovest a Est, spinti dai venti occidentali,
con velocità di un migliaio di kilometri al giorno.
– I cicloni tropicali sono aree di bassa pressione molto pronunciata, con estensione meno ampia di
quella dei cicloni extratropicali. I cicloni tropicali interessano le regioni situate in due fasce
comprese all’incirca tra i 5° e i 30° di latitudine, sia a Nord che a Sud dell’Equatore e possono
causare danni enormi. Si spostano dalla zona di formazione, muovendosi da Est verso Ovest,
spinte dagli alisei.

Ancora più violenti dei cicloni tropicali, ma molto meno estesi (circa 200 m di diametro), sono i
tornado, o trombe d’aria. I tornado si formano di solito da una nube temporalesca e hanno l’aspetto di
lunghi e stretti vortici, a forma di imbuto, che dalla nube raggiunge il suolo o il mare. Nel tornado l’aria
si muove a spirale, dal basso verso l’alto, attorno a un asse verticale o inclinato di pochi gradi. Il
«risucchio» è fortissimo e solleva dal suolo tutto ciò che incontra.
Le stazioni meteorologiche misurano di continuo la temperatura, la pressione, l’umidità, le
precipitazioni, i venti. Per rappresentare la distribuzione della pressione atmosferica sulla superficie
terrestre si usano le carte delle isobare, le quali delimitano e suddividono le zone di alta pressione (A
nella carta) chiamate anticicloni, o aree anticicloniche dalle zone di bassa pressione (B) chiamate
cicloni, o aree cicloniche. Queste carte permettono di individuare lo sviluppo dei venti e di determinar
di conseguenza le previsioni del tempo. La velocità del vento si misura con gli anemometri. I valori
misurati dalle stazioni meteorologiche vengono raccolti dagli Uffici Meteorologici, dove vengono
rielaborati al computer e utilizzati per disegnare altri tipi di carte: le carte sinottiche. Le carte sinottiche
sono carte tematiche che riguardano in modo specifico gli elementi meteorologici come la temperatura,
la pressione, i venti, l’umidità, le precipitazioni ecc.).

Il clima e la biosfera

I climi del pianeta


Il clima, insieme alla struttura geologica, ai processi della vita vegetale e animale e alle attività
antropiche, concorre a determinare gli aspetti del paesaggio e caratterizza ogni ambiente della superficie
terrestre. Gli elementi del tempo e del clima sono gli stessi, ma mentre il tempo consiste in una
combinazione momentanea di questi elementi, il clima rappresenta il loro stato medio. Il clima può
essere definito come l’insieme delle varietà quotidiane del tempo atmosferico. Gli elementi climatici
39
possono combinarsi tra loro in molti modi, variando in funzione di numerosi fattori (latitudine,
altitudine, distribuzione delle terre e dei mari, correnti marine, vegetazione, attività umane). La scienza
che si occupa delle caratteristiche, della distribuzione dei diversi tipi climatici nelle varie zone della
Terra e dei loro mutamenti nel tempo è la Climatologia. Il clima consiste nell’insieme delle condizioni
di temperatura, pressione e venti, umidità e precipitazioni, che caratterizzano – nel corso dell’anno –
l’aria presente su un determinato luogo. Per definire adeguatamente il clima di una località si devono
registrare i dati meteorologici tutti i giorni dell’anno per almeno trent’anni.
Gli elementi del clima dipendono da numerosi fattori, come la latitudine, la presenza di montagne più o
meno elevate, la distanza dal mare (o da altri bacini idrici di rilievo), le correnti marine. Per questo
motivo, le condizioni climatiche sono diverse da un luogo all’altro del pianeta.
Il clima è uno dei principali responsabili della formazione del suolo. Il suolo è la parte più esterna e
sottile della crosta terrestre, costituita sia da sostanze minerali che da residui organici. La
decomposizione della frazione organica del suolo dà origine all’humus. La scienza che studia i suoli è
la Pedologia. La formazione del suolo (pedogenesi) dipende da diversi fattori:
– la natura della roccia madre;
– la configurazione del rilievo;
– l’attività degli organismi;
– il tempo di esposizione ai processi pedogenetici;
– il clima.
Gli elementi climatici più coinvolti nei processi pedogenetici sono:
– le precipitazioni, che consentono l’esistenza di una soluzione complessa, ricca di sostanze
assimilabili da
– parte delle piante. Penetrando nel suolo, l’acqua scioglie parte dei sali minerali contenuti nei
livelli più superficiali, per poi depositarli in quelli più profondi. Dove l’acqua è presente in
quantità sufficiente, il suolo assume un profilo con diversi orizzonti;
– le temperature elevate favoriscono l’attività chimica. Durante la pedogenesi esse influiscono
sulle modalità
– di alterazione e disgregazione della roccia madre e sulla velocità di decomposizione della
sostanza organica;
– il vento favorisce l’evaporazione dell’acqua e può produrre l’accumulo (o l’asportazione) dei
materiali che
– costituiscono il mantello detritico (regolite) nel quale si sviluppa il suolo.
In base alle formazioni vegetali, alle temperature e alle precipitazioni sono stati individuati 5 gruppi
climatici fondamentali, secondo la classificazione di Köppen :
1. climi caldi umidi, detti anche climi megatermici umidi,
2. climi aridi,
3. climi temperati, detti anche climi mesotermici,
4. climi freddi, detti anche climi microtermici,
5. climi nivali.

40
Ciascun gruppo comprende inoltre alcuni tipi climatici. L’andamento del clima di un certo luogo può
essere visualizzato costruendo un grafico, chiamato climatogramma, nel quale sono di solito indicati i
valori medi della temperatura e delle precipitazioni – gli elementi principali del tempo e del clima – nei
diversi mesi dell’anno. Il clima influenza la distribuzione della vegetazione sulla Terra e, di
conseguenza, la vita e le attività umane.
Climi caldi umidi e caldi temperati: I climi caratteristici di vaste aree della fascia compresa tra
il Tropico del Cancro (23° 27' latitudine Nord) e il Tropico del Capricorno (23° 27' Sud) sono
quelli caldi umidi (o megatermici umidi). Nella zona torrida, che riceve la maggior quantità di
calore dal Sole per tutto l’anno, le temperature medie non scendono mai sotto i 15 °C, anche nel
mese più freddo. In queste regioni le precipitazioni sono abbondanti: in casi eccezionali
raggiungono anche i 12000 mm annui. Il gruppo dei climi caldi umidi può essere ulteriormente
suddiviso in tre «tipi».
– Il clima equatoriale: le temperature medie sono elevate (arrivano a 25-30 °C) e le
precipitazioni sono abbondanti e uniformi nel corso dell’anno. La grande umidità e
l’abbondanza d’acqua favoriscono lo sviluppo della foresta pluviale.
– Il clima monsonico: è caratterizzato da un periodo di forti precipitazioni durante lo
spirare del monsone estivo, da maggio a ottobre, e da una marcata siccità in coincidenza
del monsone invernale, da ottobre a maggio. Nel clima monsonico la vegetazione
prevalente è rappresentata dalla giungla.
– Il clima della savana: le temperature sono sempre elevate (la media annua supera i 20
°C). Le precipitazioni sono abbondanti, ma non uniformi durante l’anno. La vegetazione
tipica della savana è rappresentata dalle acacie, dai baobab e da grandi praterie di erbe
alte.
Le regioni aride della Terra sono accomunate dalla scarsità delle piogge, che possono mancare
per anni interi, e da escursioni termiche elevate. Nelle regioni aride si distinguono due tipi
climatici principali: il clima predesertico e il clima del deserto. Il clima desertico si distingue
inoltre in deserto caldo e il deserto freddo.
Il clima del predeserto è caratterizzato da precipitazioni medie in genere inferiori ai 250 mm
all’anno, talvolta sotto forma di acquazzoni concentrati in un breve periodo. La vegetazione è
bassa e rada, costituita in prevalenza da piccoli arbusti e cespugli. La differenza tra deserto e
predeserto consiste nella diversa quantità di precipitazioni: assenti nel deserto; scarse nel
predeserto. La differenza tra deserto caldo e deserto freddo è data dalle diverse temperature
medie annue e dalle diverse escursioni termiche. Nel deserto caldo l’escursione termica annua è

41
modesta, mentre quella giornaliera è forte. Nel deserto freddo l’escursione termica annua è
accentuata, quella giornaliera è più contenuta.
I climi temperati: (o mesotermici) sono caratterizzati da inverni non troppo rigidi (le
temperature medie del mese più freddo sono comprese tra i 2 °C e i 15 °C) e da precipitazioni
moderate. Questi climi sono presenti nelle regioni che si trovano alle medie latitudini,
specialmente nell’emisfero boreale (alle stesse latitudini nell’emisfero australe prevalgono
grandi distese oceaniche). Fanno parte del gruppo dei climi temperati due tipi climatici:
– Il clima mediterraneo: le estati sono calde e secche, ma ad esse seguono autunni e
inverni relativamente tiepidi e umidi. In queste regioni è presente una vegetazione
spontanea tipica, formata da alberi bassi e da arbusti sempreverdi: è la macchia
mediterranea.
– Il clima temperato fresco: è caratterizzato da estati fresche e inverni miti. È
mediamente umido. In tale clima la vegetazione spontanea è costituita prevalentemente
dalle foreste di latifoglie decidue, formate cioè da alberi con «foglie larghe» che
cadono in autunno. Nelle regioni meno umide predominano invece le brughiere, con
arbusti e cespugli bassi.
– Il clima sinico o monsonico cinese.
Il territorio italiano è caratterizzato principalmente dal clima mediterraneo, delle zone costiere, e
dal clima temperato fresco, di quelle più interne; ma vi compaiono anche il clima freddo e il
clima nivale. In Italia è quindi possibile individuare almeno sei zone climatiche diverse.
I climi freddi e i climi nivali: I climi freddi (o microtermici) sono caratterizzati da inverni
lunghi e rigidi, durante i quali la temperatura media del mese più freddo scende al di sotto dei 2
°C; ma nel mese più caldo la temperatura media supera i 10 °C. Le precipitazioni si verificano
soprattutto in estate. I climi freddi sono di due tipi.
– Il clima freddo a estate calda: è un clima che segue in latitudine, e nelle zone più
interne dei continenti, il clima temperato fresco. Ha inverni rigidi, che durano anche
otto mesi; le estati sono brevi e relativamente calde. L’escursione termica è, perciò,
notevole. Le precipitazioni si verificano in tutte le stagioni. La vegetazione
spontanea prevalente in molte zone è quella delle grandi foreste di latifoglie decidue.
Nelle aree più interne, con clima meno umido, la foresta decidua lascia il posto alle
steppe-praterie, distese di erbe che vivono appena qualche mese.
– Il clima freddo a inverno prolungato: l’inverno dura più di otto mesi e le estati
sono molto brevi. Le stagioni intermedie sono spesso assenti. Il terreno rimane
coperto di neve per 5-8 mesi e predominano le grandi foreste di conifere.
I climi nivali caratterizzano soprattutto le regioni della Terra situate oltre i circoli polari. La
temperatura dell’aria è sempre bassa: i climi nivali non hanno un periodo caldo e durante
l’inverno in certi casi la temperatura può giungere fino a –80 °C. Le precipitazioni in queste
zone sono scarse, a causa della presenza di aree di alte pressioni permanenti. Nell’emisfero
boreale, nelle terre comprese tra le foreste di conifere e i ghiacci artici si estende la tundra.
Nell’emisfero australe, invece, il clima della tundra non c’è: le aree che potrebbero averlo sono
quasi tutte oceaniche. Al gruppo dei climi nivali appartiene anche il clima di alta montagna,
che caratterizza le zone più elevate dei grandi rilievi della Terra.
Le condizioni climatiche influiscono sul tipo e sulla densità della vegetazione e sulla diffusione della
fauna. La distribuzione delle specie vegetali dipende da:
– la luce. Ogni specie vegetale può svilupparsi in un determinato intervallo di intensità
luminosa. Si riconoscono piante sciafile (che necessitano di poca luce) e piante eliofile (che
richiedono molta luce);
– il calore. Per la vita delle diverse specie esiste un intervallo di temperatura ottimale. In base
alle esigenze termiche si distinguono piante megaterme, mesoterme, microterme, echistoterme.
42
Gli animali sono meno legati delle piante alle condizioni climatiche; comunque essi sono dipendenti
dalla disponibilità di acqua e di vegetazione. Esigenze ambientali simili determinano lo sviluppo di
formazioni vegetali e lo sviluppo di particolari associazioni animali. Le specie animali e vegetali che
vivono in una data zona della Terra sono legate da diversi tipi di interazioni (predazione,
commensalismo, simbiosi, mutualismo, parassitismo). Esse formano una comunità biologica
(biocenosi) che interagisce con l’ambiente fisico circostante (biotopo). Un biotopo e la relativa
biocenosi costituiscono un ecosistema. Più ecosistemi possono costituire grandi ambienti relativamente
unitari detti biomi. La distribuzione mondiale dei biomi dipende dalle condizioni climatiche.

43
I cambiamenti climatici
Lo studio congiunto dei movimenti della Terra nello spazio, della storia geologica del pianeta e della
sua atmosfera dimostra che il clima è in continua evoluzione. Le oscillazioni del clima che si sono
succedute dopo la fine dell’ultima glaciazione sono oggetto di studio della Paleoclimatologia.
Dalla Paleoclimatologia è noto che in tempi passati la Terra è stata interessata da epoche glaciali e
interglaciali. In particolare, negli ultimi 2 milioni di anni si sono susseguite cinque grandi epoche
glaciali, l’ultima delle quali, durata circa 60.000 anni, si è conclusa intorno a 10.000 anni fa, durante
l’Olocene, periodo nel quale la Terra ha subito ulteriori oscillazioni climatiche, anche se di entità minore
di quelle del periodo precedente, Pleistocene; nell’Olocene si sono verificati:
– Optimum Climatico Post-glaciale (che si protrasse fino al 2000-1500 a.C.);
– Optimum Climatico Medievale (fino al 400 d.C.);
– Piccola Età Glaciale (tra il 1590 e il 1850).
A partire da questa data il clima della Terra, e in particolare quello dell’emisfero boreale, non è rimasto
invariato, ma anzi dalla metà del 1900 il clima della Terra ha subìto numerose oscillazioni contrastanti,
anche se globalmente è stata registrata la tendenza verso un certo riscaldamento. Negli ultimi decenni si
è assistito anche ad una progressiva accentuazione dell’inquinamento atmosferico ed in particolare
all’incremento della concentrazione di CO 2, che tende a far elevare la temperatura dell’atmosfera. Molti
climatologi ritengono che negli anni futuri assisteremo a un ulteriore riscaldamento del clima, connesso
all’influenza sempre più marcata dell’uomo sui processi atmosferici.

Le variazioni climatiche sono provocate anche da diverse cause naturali come, ad esempio, le grandi
eruzioni vulcaniche esplosive.
Fra le rappresentazioni più note dell’attuale aumento della temperatura atmosferica vi è il grafico
hockey stick, chiamato così per la sua forma a bastone da hockey, con una parte quasi verticale – la
«paletta» – che rappresenta l’incremento di temperatura riscontrato negli ultimi cento anni.

44
Ciò che il grafico sembra indicare è l’anomalia di un aumento improvviso rispetto all’andamento dei
900 anni precedenti. Anomalia che la maggioranza dei climatologi riconosce come almeno in parte
imputabile alle attività umane seguite alla rivoluzione industriale e quindi all’immissione di gas serra

nell’atmosfera.
La troposfera dell’emisfero boreale verso la fine dell’Ottocento ha iniziato a riscaldarsi, aumentando la
propria temperatura media di circa 0,6 °C in cento anni, e il decennio passato è stato probabilmente il
più caldo degli ultimi 1000 anni.
Nella comunità scientifica c’è accordo sul rischio che la fusione di masse glaciali continentali proceda
in maniera molto consistente e quindi si realizzi un innalzamento del livello marino che potrebbe
essere devastante per molte aree costiere del mondo. Fra gli effetti più preoccupanti del riscaldamento
atmosferico vi è inoltre la riduzione o scomparsa del permafrost.
E non bisogna dimenticare che il riscaldamento dell’atmosfera ha conseguenze importanti sulla
distribuzione di molte specie animali e vegetali, sul loro comportamento e sulla loro fisiologia.
Il rischio di un forte riscaldamento atmosferico globale impone di adottare il principio di precauzione.
Tale principio ha portato gran parte dei Paesi ad adottare delle misure per il contenimento delle
emissioni di gas serra, stipulando il cosiddetto Protocollo di Kyoto (1997). Tale accordo non è stato
ratificato da alcuni stati e gran parte di quelli che lo hanno sottoscritto ha ancora emissioni di anidride
carbonica ben al di sopra dei limiti stabiliti. Sono in corso trattative diplomatiche a livello mondiale alla
ricerca di strategie compatibili con lo sviluppo industriale dei Paesi.

Parte III Geografia fisica

L’idrosfera marina e continentale


Le acque marine
L’acqua che ricopre la superficie terrestre è presente in tutti e tre gli stati fisici della materia:
– liquido, nei mari, nei fiumi, nei laghi, nelle falde sotterranee;
– solido, nei ghiacciai;
– aeriforme (vapore acqueo), nell’aria e nel terreno.
La maggior parte dell’acqua presente sulla Terra si trova raccolta negli oceani e nei mari ed è salata e
amara perché in essa sono disciolti molti sali (di cui quello presente in maggior quantità è il cloruro di

45
sodio NaCl, vi sono poi MgCl2, MgSO4, MgBr2, CaSO4 e CaCO3). La quantità totale di sali presenti
nell’acqua espressa in g/l è detta salinità. La salinità media del mare è del 35 per mille (35‰), valore
che varia soprattutto in funzione della temperatura, della latitudine e della stagione. I rapporti tra i
costituenti principali restano invariati anche al variare della salinità. I costituenti minori e gli
elementi in tracce, invece, sono presenti in proporzioni variabili perché sono spesso influenzati da
fenomeni biologici, come avviene per il fosforo, l’azoto e il silicio. Questi ultimi elementi,
indispensabili per la vita, vengono detti nutrienti. Nell’acqua di mare sono presenti anche gas disciolti,
che in genere provengono dall’atmosfera.
Sott’acqua la pressione aumenta perché al peso dell’aria (che al livello del mare equivale a 1 atmosfera)
si somma quello esercitato dall’acqua stessa, perciò a mano a mano che aumenta la profondità, e di
conseguenza la pressione, aumenta anche la densità dell’acqua.
Il riscaldamento delle acque ha luogo soprattutto nei primi metri di profondità, la temperatura delle
acque è costante rispetto a quella delle terre emerse, ma comunque varia con la latitudine, la stagione e
la profondità. La quantità di radiazione che penetra nell’acqua dipende, oltre che dalla latitudine, dalla
stagione e dall’ora del giorno, da due fattori:
– la trasparenza dell’acqua;
– l’inclinazione dei raggi solari.
Complessivamente, la temperatura media annua di tutte le acque, superficiali e profonde, è di 3,8 °C.
L’ecosistema marino comprende:
– il benthos, insieme di organismi che vivono a contatto con il fondale;
– il necton, formato dagli organismi dotati di movimento proprio;
– il plancton, rappresentato dagli organismi animali o vegetali che si lasciano
trasportare dalle acque.
L’ecosistema marino è minacciato sempre più dall’inquinamento delle acque, non meno grave di quello
dell’aria.
La maggior parte delle acque presenti sulla Terra è raccolta in tre grandi oceani: l’Oceano Pacifico,
l’Oceano Atlantico e l’Oceano Indiano i quali, insieme ai mari, costituiscono insieme l’idrosfera marina,
componente fondamentale per il pianeta in quanto riserva alimentare, giacimento di materie prime e
minerarie, in quanto risorsa d’acqua e fonte di energia. L’idrosfera marina copre circa il 71% della
superficie terrestre e contiene il 96% dell’acqua disponibile della Terra.
Oceani e mari differiscono sia per aspetti geografici che per caratteristiche geologiche:
Gli oceani sono i bacini principali di maggiori e hanno un fondale di tipo basaltico. I grandi
oceani hanno fondali assai vari, di profondità media pari a -3800m, accidentati almeno quanto le
terre emerse. Attorno alle terre emerse si estende una fascia chiamata piattaforma continentale,
a debole pendenza del 2%, alla quale segue la ripida scarpata continentale cui segue il rialzo
continentale. I fondi oceanici veri e propri– detti anche piane abissali – sono solcati dalle
dorsali oceaniche, ospitano profonde e strette fosse (o abissi) e presentano numerosi rilievi
sottomarini di origine vulcanica. I sedimenti dei fondi marini hanno caratteristiche che variano
procedendo dalla costa verso il mare aperto:
– nella zona litorale si depositano i materiali grossolani;
– nella zona sublitorale prevalgono i silt e le argille;
– sui fondi oceanici sono presenti i fanghi a globigerine, i fanghi silicei, i fanghi abissali.
Questi ultimi sono spesso tappezzati da noduli polimetallici, un’enorme risorsa di
minerali utili.
Nei fondali oceanici sono presenti anche forme particolari, come i canyon, incisi da correnti di
torbida, e gli edifici vulcanici, attivi o estinti. Sugli orli di questi ultimi possono svilupparsi
scogliere organogene che formano atolli e barriere coralline.
I mari sono bacini secondari (mari mediterranei, mari adiacenti) e spesso giacciono su un
basamento di tipo continentale.
46
I movimenti del mare
 Il moto ondoso: è un movimento irregolare, dovuto principalmente allo spirare dei venti, la
pressione e l’attrito che i venti esercitano sulle masse d’acqua determinano il sollevamento
delle particelle superficiali, generano onde forzate. Le onde che continuano ad agitare il
mare anche dopo che è cessato il vento sono le onde libere, le quali si propagano in zone
lontane dal luogo di origine. In mare aperto le onde non provocano il moto degli oggetti, ma
trasportano soltanto energia. Queste onde sono chiamate onde di oscillazione.
In un’onda si distinguono diversi elementi:
o la cresta e il ventre, ossia la parte più rilevata e la parte più depressa;
o l’altezza, la distanza verticale tra la cresta e il ventre;
o la lunghezza, la distanza orizzontale tra due creste o due ventri successivi.
Il comportamento e le caratteristiche delle onde variano infatti in funzione del vento e della
distanza dalla costa: quando la profondità del fondale è inferiore alla metà della lunghezza
d’onda, le onde di oscillazione sono sostituite dalle onde di traslazione che, oltre all’energia,
trasportano anche la materia (l’acqua e ciò che essa contiene), in prossimità della costa invece
l’onda si rovescia in avanti formando un frangente di spiaggia e un flusso di ritorno o risacca;
questo accade perché l’agitazione delle particelle d’acqua che partecipano al moto ondoso non
interessa tutta la colonna d’acqua, ma si esaurisce a una certa profondità per cui il movimento
delle particelle da circolare si fa via via più lineare fino a diventare parallelo al fondale e
perpendicolare alla riva.
L’altezza delle onde, varia da zona a zona e di solito non supera i 9 m. Nei mari chiusi, come il
Mediterraneo, le onde sono meno alte rispetto a quelle che si sviluppano negli oceani.
La velocità di propagazione delle onde, ossia lo spazio percorso nell’unità di tempo da una
cresta o da un ventre, dipende dalla forza del vento che le produce; essa si può; in media le onde
viaggiano a 30-40 km/h, ma negli oceani possono raggiungere velocità di 70 km/h. è possibile
inoltre osservare il periodo, cioè l’intervallo di tempo compreso tra due passaggi consecutivi di
una cresta per lo stesso punto fisso.
Infine, in prossimità della costa, a seconda della profondità del fondale si verifica:
o la riflessione delle onde;
47
o la rifrazione delle onde, che fa incurvare le onde e le rende quasi parallele alla linea di
riva.
 Le maree: Le maree sono oscillazioni, innalzamenti (flussi) e abbassamenti (riflussi), ritmici del
livello del mare. Le maree sono provocate dall’attrazione gravitazionale che la Luna e, in
misura minore, il Sole esercitano sulla Terra. Nel fenomeno interviene anche la forza centrifuga
dovuta alla rivoluzione del sistema Terra-Luna intorno al baricentro comune. La fase di
massimo sollevamento delle acque si chiama alta marea, quella di massimo abbassamento
prende il nome di bassa marea. Il dislivello tra questi due valori rappresenta l’ampiezza di
marea.
Durante l’alta marea le acque – libere di muoversi, al contrario delle rocce – si sollevano, attratte
dalla Luna. Sulle acque oceaniche opposte alla Luna fa sentire maggiormente i suoi effetti la
forza centrifuga, dovuta alla rotazione del sistema Terra-Luna attorno al baricentro comune.
Nelle zone situate a longitudini di 90° da quelle in cui si verifica l’alta marea lo spessore
dell’acqua diminuisce perché l’acqua è richiamata verso le zone di alta marea. In questi luoghi si
ha la bassa marea.
Il «ritmo» delle maree riflette le variazioni delle posizioni della Terra, della Luna e del Sole. A
seconda della zona della Terra in cui ci si trova, in un giorno lunare, cioè in 24 ore e 50 minuti,
possono verificarsi:
o due flussi e due riflussi di uguale ampiezza (maree semidiurne);
o due flussi e due riflussi di ampiezza diversa (maree miste);
o un solo flusso e un solo riflusso (maree diurne).
In genere quindi si hanno due alte e due basse maree in poco più di un giorno. Le ampiezze delle
maree mutano durante un mese, a causa delle variazioni delle posizioni reciproche di Terra,
Luna e Sole. Infatti, nel fenomeno interviene anche la forza di attrazione da parte del Sole, che
agisce in modo analogo a quella della Luna, ma con intensità minore. Quando Sole, Terra e
Luna sono allineati (Luna piena o Luna nuova) le due forze attrattive si sommano e l’ampiezza
di marea raggiunge i valori massimi (maree vive). Quando invece le congiungenti Sole-Terra e
Terra-Luna formano un angolo retto (Luna al primo o all’ultimo quarto), gli effetti attrattivi dei
due corpi sulle acque in parte si annullano e le oscillazioni di marea sono minori ( maree
morte).
 Le correnti marine: Una corrente marina può essere paragonata a un fiume che fluisce
all’interno delle acque del mare, alla velocità di alcuni kilometri all’ora. L’acqua che costituisce
la corrente è caratterizzata da temperatura e salinità diverse da quelle della massa d’acqua in cui
scorre. Sono proprio queste differenze che permettono all’acqua della corrente di non mescolarsi
a quella nella quale scorre. Le correnti oceaniche esercitano una forte influenza sul clima delle
coste che lambiscono e partecipano al trasporto di calore dalle zone più calde a quelle più fredde
del globo. A seconda che la loro temperatura sia maggiore o minore di quella delle acque
circostanti, le correnti superficiali sono distinte in:
o correnti calde, che si spostano dalle zone equatoriali ai poli;
o correnti fredde, che chiudono il ciclo muovendosi dalle alte latitudini verso l’Equatore.
Le correnti marine superficiali influenzano il clima delle aree costiere: le zone lambite da
correnti calde hanno un clima più umido e spesso più mite rispetto alle zone poste alla stessa
latitudine ma lambite da correnti fredde; queste ultime, infatti, riducono l’evaporazione delle
acque e quindi rendono più arido il clima.
Lo spostamento delle correnti superficiali è influenzato dalla morfologia dei bacini ed è soggetto
alla forza di Coriolis: perciò le correnti tendono a formare circuiti chiusi e distinti nei due
emisferi. Nell’emisfero boreale la circolazione avviene in senso orario, in quello australe in
senso antiorario.

48
Le correnti profonde sono costituite da acque fredde che scorrono rasenti al fondo dalle alte
latitudini verso l’Equatore. Esiste uno scambio globale di acqua e di calore (in superficie e in
profondità) tra le zone equatoriali e le zone polari. Un circuito completo tra i vari bacini oceanici
si compie in secoli o millenni.
Le correnti non si verificano solo negli oceani ma anche nei mari, dove sono dovute
principalmente a differenze di temperatura e/o salinità tra le acque di bacini adiacenti.

Le acque superficiali
L’idrosfera continentale comprende i ghiacciai, le nevi, il ghiaccio nel terreno, le acque sotterranee, i
laghi e i corsi d’acqua. Essa rappresenta soltanto il 4% delle risorse idriche globali del sistema Terra.
Tuttavia, si tratta di acqua «dolce», essenziale per tutti gli organismi.
Il complesso delle acque allo stato solido prende il nome di criosfera. Il complesso delle acque allo
stato liquido costituisce le acque continentali.
L’acqua presente sulla Terra– che sia allo stato liquido, solido oppure aeriforme – si trova
immagazzinata nei serbatoi naturali costituiti da oceani e mari, ghiacciai e ghiaccio marino, falde
idriche, laghi, fiumi e atmosfera.
Il calore del Sole provoca l’evaporazione di una parte dell’acqua superficiale degli oceani. Si formano
così grandi quantità di vapore acqueo che entrano nell’atmosfera e vengono trasportate dai venti.
Raffreddandosi, il vapore condensa in minuscole gocce che formano le nuvole, dalle quali l’acqua torna
in basso sotto forma di precipitazioni (pioggia, neve, grandine).
L’acqua delle precipitazioni (acqua meteorica) ricade direttamente nel mare oppure giunge sulle terre
emerse. Dell’acqua che cade sulle terre, soltanto una parte scorre in superficie, si raccoglie nei corsi
d’acqua e torna in mare (deflusso superficiale). La porzione più consistente va incontro a destini diversi:
– parte evapora direttamente ritornando all’atmosfera;
– parte viene assorbita dalle radici delle piante ed è successivamente rilasciata sotto forma di vapore
nell’atmosfera, con un processo chiamato (evapo)traspirazione;
– parte penetra per filtrazione nel suolo e va infine a costituire le riserve sotterranee d’acqua, le falde
idriche, per poi raggiungere in tempi più o meno lunghi nuovamente la superficie (deflusso profondo).

L’insieme di questi scambi, che consente all’acqua di lasciare l’oceano globale (compresi i mari),
immettersi nell’atmosfera, pervenire alle terre emerse, per poi ritornare all’oceano globale, è detto ciclo
49
dell’acqua (o ciclo idrologico), esso coinvolge tutto il «sistema Terra», compresa la biosfera e consente
di mantenere mediamente in equilibrio tra loro i diversi serbatoi idrici. Il ciclo dell’acqua può essere
tradotto in termini quantitativi eseguendo il bilancio idrologico globale della Terra, espresso dalla
formula P = D + ET + I, dove P rappresenta l’entità delle precipitazioni, ET l’evapotraspirazione e I
l’infiltrazione. Il bilancio idrologico assume valori differenti nelle diverse zone del pianeta. La
determinazione del bilancio idrologico di un dato territorio è importante ai fini della programmazione
dell’uso dell’acqua.

L’acqua nel terreno e nelle rocce


L’acqua meteorica caduta sulle terre emerse in parte evapora o viene utilizzata dalle piante, in parte
scorre sulla superficie e in parte si infiltra nel terreno. L’acqua scende per gravità fino a quando non
incontra uno strato di rocce impermeabili dove si ferma e origina una falda idrica. Un corpo roccioso in
grado di trattenere acque in quantità utile per alimentare sorgenti e pozzi è un acquifero. Un corpo
roccioso
impermeabile che impedisce il movimento è un acquicludo. Le falde idriche che non sono delimitate
superiormente da uno strato impermeabile vengono chiamate falde freatiche. In molti casi le acque
superficiali penetrano in profondità e si raccolgono in una roccia permeabile che è delimitata,
superiormente e inferiormente, da due strati impermeabili. Si forma così una falda artesiana, ovvero
una falda contenuta n un acquifero compreso fra due acquicludi.

Buona parte dell’acqua delle falde idriche sotterranee fluisce all’esterno formando delle sorgenti.
Difatti, quando uno strato roccioso impermeabile affiora lungo un versante, l’acqua accumulata nelle
rocce permeabili sovrastanti è costretta a fluire all’esterno e si forma una sorgente. In base alla loro
origine si distinguono:
– sorgenti di deflusso;
– sorgenti di sbarramento;
– sorgenti di trabocco;
– sorgenti carsiche.
La portata di una sorgente è la quantità di acqua che sgorga nell’unità di tempo. Essa si esprime in
litri/secondo.

50
Fiumi e laghi
I fiumi sono corsi d’acqua perenni, nei quali l’acqua scorre tutto l’anno; essi sono spesso alimentati da
una o più sorgenti e ricevono acqua dalle piogge o dallo scioglimento di neve e ghiacci. I torrenti sono
invece corsi d’acqua intermittenti che si prosciugano durante le stagioni secche. Il percorso – più o
meno lungo – di un fiume spesso inizia da una sorgente e termina in mare, con la foce. Caratteristiche
importanti dei corsi d’acqua sono lunghezza e pendenza.
Il comportamento idrologico di un corso d’acqua è espresso invece dalla velocità, funzione della
pendenza, e dalla portata, cioè dal volume di acqua che passa nell’unità di tempo attraverso una sezione
trasversale del corso d’acqua. Dalla portata e dalla velocità dipende l’energia della corrente fluviale.
La variazione della portata nell’arco dell’anno costituisce il regime di un corso d’acqua, che è
strettamente legato alle condizioni climatiche

Il territorio delimitato da linee spartiacque che con le proprie acque superficiali alimenta un fiume è
chiamato bacino idrografico. Il bacino idrografico può essere molto esteso: quello del Fiume Po ha una
superficie di circa 75 000 km2.
Non tutti i fiumi sfociano in mare: alcuni confluiscono in altri fiumi, di cui sono affluenti; altri
sboccano in laghi, di cui sono detti immissari. Nella gran parte dei casi i laghi hanno anche fiumi che
ne escono e che si chiamano emissari.
Un lago è una massa d’acqua (di solito dolce) che occupa una depressione – per lo più naturale – della
superficie terrestre senza comunicazione diretta con il mare. I laghi possono essere alimentati da più
corsi d’acqua, dalle acque metereologiche, da quelle di falda e dagli emissari, il bilancio tra l’acqua
ricevuta e quella persa è il bilancio idrico del lago. I laghi mostrano caratteristiche differenti a seconda
del processo che li ha generati; si distinguono dunque:
1. laghi di escavazione glaciale (che possono essere di circo o vallivi),
2. laghi di sbarramento (che possono essere naturali o artificiali),
3. laghi craterici,
4. laghi carsici,
5. laghi di cavità tettonica,
6. laghi relitti e costieri.
Le principali caratteristiche delle acque lacustri riguardano:
– la trasparenza;
– il colore;
– la temperatura, che dipende dalla latitudine, dall’altitudine, dalla profondità del lago e
dalle caratteristiche climatiche locali.
La dinamica dei laghi è l’insieme dei movimenti delle loro acque. Tali movimenti sono dovuti
principalmente:
– ai venti;

51
– alle differenze di temperatura all’interno della massa d’acqua.
Le sesse sono oscillazioni dell’intera superficie lacustre, causate principalmente da variazioni della
pressione atmosferica. Le paludi e gli stagni sono distese di acque basse ospitate in leggere
depressioni, spesso sotto il livello del mare. Le maremme sono estese piane acquitrinose prossime al
mare.

Ghiacciai
I ghiacciai sono grandi masse di ghiaccio che occupano superfici di varia inclinazione e che si muovono
sotto la spinta del proprio peso. La linea che congiunge le quote sopra le quali non tutta la neve caduta
durante l’inverno si scioglie in estate è detta limite delle nevi permanenti. La trasformazione della
neve in ghiaccio è un processo lento, che avviene per modificazioni successive: la neve invernale che
riesce a conservarsi fino alla stagione fredda successiva viene coperta e compressa da altra neve, fonde e
ricristallizza, aumentando progressivamente la sua densità.
A causa della loro notevole massa, i ghiacciai possiedono una certa plasticità, che permette loro di
scorrere. L’entità dei movimenti del ghiacciaio dipende da fattori diversi:
– dalla pendenza del fondo e dalla sua rugosità;
– dalla presenza di ostacoli;
– dal clima del luogo;
– dalla stagione.
Ogni ghiacciaio è costituito dalla zona di alimentazione, che è la parte più alta del ghiacciaio in cui
prevale l’accumulo della neve, e dalla zona di ablazione, che è la parte al di sotto del limite delle nevi
permanenti in cui prevale la fusione. La parte terminale del ghiacciaio, verso valle, è detta fronte, dalla
quale può fuoriuscire un torrente glaciale.

In base alle proprietà fisiche (temperatura ed eventuale presenza di acqua di fusione), si distinguono:
– ghiacciai polari;
– ghiacciai temperati;
– ghiacciai intermedi.

52
In base alla forma si distinguono:
– calotte glaciali, o inlandsis;
– ghiacciai di tipo scandinavo;
– ghiacciai di tipo alaschiano;
– ghiacciai di tipo hymalaiano;
– ghiacciai di tipo alpino;
– ghiacciai di tipo pirenaico.
I ghiacciai più frequenti sulle montagne come le Alpi sono quelli di tipo alpino e soprattutto quelli di
tipo pirenaico. I ghiacciai di tipo alpino partono in genere da una grande concavità scavata nella roccia e
scendono verso valle con una lingua, anche molto lunga. I ghiacciai di tipo pirenaico sono più semplici
e più piccoli: occupano modeste depressioni sotto le cime o lungo i versanti montuosi, e non hanno
lingue.
Il processo che porta alla formazione del ghiaccio che costituisce un ghiacciaio è assai lento. Sono
infatti necessarie decine di anni perché la neve caduta con le precipitazioni si trasformi in ghiaccio.
Il movimento dei ghiacciai è dovuto alla forza di gravità ed è legato alla plasticità in grande del
ghiaccio, ai moti intergranulari e all’eventuale presenza di acqua di fusione. Le trazioni cui è sottoposto
il ghiaccio durante il movimento portano alla formazione di crepacci e seracchi
La velocità del ghiaccio dei ghiacciai è variabile: ridotta all’interno delle calotte continentali,
intermedia nei ghiacciai di tipo himalayano, minore nei ghiacciai alpini.
In un bilancio di massa glaciale, l’ablazione (la quantità di ghiaccio totale perduta annualmente da un
ghiacciaio) può superare l’alimentazione. In questo caso il ghiacciaio si riduce. Nel caso in cui
l’alimentazione superi l’ablazione il ghiacciaio di espande.
Attualmente i ghiacciai ricoprono circa 16 milioni di km 2 di terre emerse; di questi circa 13,5 milioni di
km2 si trovano nel Continente Antartico. Durante le epoche glaciali del Quaternario i ghiacciai erano
ben più estesi e diffusi.

L’inquinamento del mare e delle acque continentali


Il mare è sempre stato considerato come uno «scarico naturale». Tutte queste sostanze contaminano in
misura crescente sia le acque continentali sia quelle marine, producendo effetti dannosissimi sulla flora
e sulla fauna, con gravi pericoli anche per l’uomo; effetti che non rimangono localizzati nelle zone di
scarico, ma si fanno sentire spesso a distanze notevoli.
Si parla spesso di inquinamento organico. La presenza di microrganismi patogeni è indirettamente
dannosa per la salute umana quando vengono utilizzati come alimenti i prodotti della pesca (soprattutto
le ostriche e i mitili) contaminati da tali germi.
Geograficamente più esteso, e pertanto più preoccupante, è l’inquinamento chimico di mari e oceani.
Le sostanze inquinanti possono percorrere tutta la catena alimentare marina, dal fitoplancton allo
zooplancton, per concentrarsi nei crostacei, nei molluschi e nei pesci, e quindi passare all’uomo.
L’inquinamento da petrolio rappresenta una tra le forme più gravi di contaminazione dell’ambiente
marino. Tale tipo di inquinamento è purtroppo un fenomeno abbastanza frequente. Spesso i riversamenti
di greggio (petrolio che deve ancora essere raffinato, per poter essere utilizzato) avvengono nei pressi
delle piattaforme petrolifere e durante le operazioni di lavaggio delle cisterne delle navi, poiché le acque
contaminate vengono irresponsabilmente e illegalmente scaricate in mare. Spesso, i danni causati dalle
fuoriuscite di greggio sono irreversibili. Difatti i processi di degradazione del petrolio, a cui
contribuiscono anche alcune specie di batteri, funghi e alghe, sono estremamente lenti. La macchia di
petrolio può talvolta raggiungere le zone costiere e distruggere gli ecosistemi più vulnerabili (ad
esempio le barriere coralline).
L’inquinamento è un fenomeno che riguarda tutta l’idrosfera continentale, come l’idrosfera marina. Gli
scarichi domestici e industriali, le colture agricole, le cave (e le miniere) e le discariche sono le
principali fonti d’inquinamento di un fiume. I fiumi smaltiscono più rapidamente dei laghi le sostanze
53
inquinanti. Quando un fiume sfocia in un lago, la massa d’acqua lacustre trattiene buona parte delle
sostanze dannose provenienti dal fiume, oltre a quelle che vengono immesse direttamente nel lago dalle
abitazioni e dalle industrie costiere. Un altro fenomeno molto diffuso nei laghi (come in mare) è quello
dell’eutrofizzazione, che consiste nel proliferare di alghe «concimate» dai fosfati e dai nitrati.
Infine, anche le falde idriche non sono esenti da tale fenomeno>, sia quelle freatiche che quelle
artesiane, sono in collegamento con le acque correnti superficiali e, di conseguenza, possono essere
facilmente inquinate. Non c’è praticamente rimedio ad un marcato inquinamento delle falde idriche:
l’unico modo per proteggere le acque sotterranee è non inquinarle.

Fenomeni vulcanici e sismici


Vulcani e tipi di eruzione
Un vulcano è la manifestazione in superficie della risalita di magma, cioè di roccia fusa mescolata a gas
e vapori, tutti ad alte temperature proveniente dal mantello, l’involucro su cui si appoggia la crosta
terrestre, o da zone più «superficiali», cioè nelle parti più profonde della crosta. Dopo la sua eruzione in
superficie, il materiale fuso viene chiamato lava. Quando la lava solidifica, in genere si accumula, fino a
costituire un edificio vulcanico. I vulcani vengono distinti in:
– vulcani centrali: quelli più comunemente noti, perlomeno in Italia, dove se ne conoscono
diversi esempi: l’Etna, il Vesuvio, lo Stromboli.
– vulcani lineari: si formano quando il magma risale per mezzo di fessure eruttive: delle
spaccature che penetrano profondamente nell’interno della Terra. I vulcani lineari si trovano
soprattutto in corrispondenza delle dorsali oceaniche.
Sulla Terra esistono circa 600 vulcani attivi. A questa attività vulcanica visibile in superficie, si
aggiungono le continue emissioni di lava sul fondo degli oceani lungo gli oltre 60 000 km di rilievi
sottomarini, le dorsali oceaniche. L’attività vulcanica può manifestarsi in modi molto diversi, ma si
tratta
di un fenomeno essenzialmente unitario, la cui distribuzione sulla superficie terrestre è tutt’altro che
casuale.
Il vulcanismo è un fenomeno che coinvolge, da miliardi di anni, l’intero pianeta. È dovuto alla risalita
dall’interno della Terra fino alla superficie di magmi, cioè di materiali rocciosi allo stato fuso, mescolati
a gas e vapori. I magmi si originano all’interno della crosta e nella parte alta del mantello, tra i 15 e i
100 km di profondità. Il processo di fusione si verifica in presenza di particolari condizioni chimiche e
fisiche (come aumento di temperatura, diminuzione di pressione, arrivo di fluidi). Il processo di fusione
delle rocce avviene gradualmente: materiale in origine molto caldo, ma ancora solido, si trasforma in
una massa pastosa, al cui interno sono presenti minuscole gocce di magma che si separano dal residuo
refrattario. Quando un volume pari al 5-20 % del materiale originario è fuso, le singole gocce trovano
spazio sufficiente per muoversi e fondersi con altre. La massa fusa si muove verso l’alto per la sua
minore densità rispetto ai materiali circostanti. La velocità di risalita di una massa di magma dipende
dalla sua viscosità, dal volume, dalla profondità della zona in cui si origina, dalla temperatura delle
rocce circostanti.
Le eruzioni vulcaniche trasferiscono materiale dall’interno della Terra alla sua superficie. Questo
materiale – chiamato magma quando è ancora in profondità e lava quando è giunto in superficie – si
trova in genere allo stato fluido.
I prodotti fluidi delle eruzioni vulcaniche sono le colate di lave. Esse non sono tutte uguali ma
differiscono per composizione chimica, per contenuto di gas e per temperatura. Questi fattori
influiscono sulla viscosità dei magmi cioè sulla resistenza allo scorrimento. L’aspetto di una colata di
lava dipende da vari fattori: dalla composizione, dalla viscosità, dalla quantità di gas che contiene e
dalla morfologia del terreno sul quale scende. Le colate di lava, una volta eruttate possono solidificare e
originare rocce effusive o le tipiche lave a cuscino quando eruttate nell’ambiente marino.
54
I frammenti solidi che vengono scagliati all’esterno da un vulcano formano le piroclastiti. Le
piroclastiti hanno dimensioni molto variabili e si distinguono in ceneri vulcaniche lapilli e bombe
vulcaniche. I materiali solidi così emessi vanno a costituire gli edifici vulcanici.
Il magma può contenere fino al 5% in peso di gas e di vapori. La composizione chimica delle emissioni
aeriformi è caratterizzata dall’abbondanza di vapore acqueo, anidride carbonica, zolfo, cloro e azoto.
La presenza dei gas vulcanici svolge una funzione importante nell’innescare le eruzioni in quanto
favoriscono la risalita di magma, essi hanno inoltre contribuito alla composizione dell’attuale atmosfera.
All’attività vulcanica sono ricollegabili anche i lahar (colate di fango) e le manifestazioni vulcaniche
tardive (acque termo-minerali, geyser).
Con il tempo, le colate di lava solidificata e i materiali piroclastici fuoriusciti durante le eruzioni si
accumulano intorno al condotto, formando un rilievo. La forma di questo rilievo dipende dalla
composizione della lava e dal tipo di materiali eruttati. In base alla forma, si distinguono due tipi
principali di edificio vulcanico:
– Vulcani a scudo: i più grandi vulcani terrestri sono del tipo a scudo. Sono edifici vulcanici larghi
e con i fianchi poco ripidi. I vulcani a scudo sono originati da lave fluide. Queste lave
contengono piccole quantità di gas e vapori, perciò le eruzioni sono poco violente.

– Vulcani a strato: I vulcani-strato sono vulcani a forma di cono, dai fianchi generalmente assai
ripidi. I vulcani-strato sono un’alternanza di colate di lava e di strati di materiali piroclastici
eruttati dal condotto centrale durante le fasi esplosive. Quando le lave solidificano ostruiscono il
condotto vulcanico e i gas devono raggiungere forti pressioni per poter rimuovere il «tappo».

Esistono anche altri tipi di strutture derivate dall’attività vulcanica: le caldere e i coni di scorie. Le
caldere sono ampie depressioni circolari con il fondo piatto e le pareti interne ripide, che si formano in
seguito al crollo della parte superiore dell’edificio vulcanico (sia del tipo a scudo, sia del tipo strato). I
coni di scorie sono ammassi piuttosto regolari di frammenti di lava solidificata. I coni di scorie sono
relativamente piccoli e hanno un profondo cratere alla sommità.

È possibile inoltre classificare i vulcani in base al tipo di eruzione, anche se in un medesimo vulcano
possono succedersi nel tempo tipi di attività diversi. I fattori che più direttamente influenzano il tipo di
55
eruzione sono la viscosità del magma e il contenuto in aeriformi, soprattutto acqua e anidride carbonica.
La viscosità varia moltissimo: è elevata nei magmi acidi e molto minore nei magmi basici. Il contenuto
in acqua agisce attraverso la capacità di espansione «esplosiva» del vapore ad alte temperature, quando
diminuisce la resistenza delle rocce attraverso le quali il magma sta risalendo. In base a queste
differenze si può dare la seguente classificazione dei tipi di eruzione. In presenza di attività effusiva
dominante (con magma fluido e contenuto in acqua variabile) si hanno eruzioni:
– di tipo hawaiiano
– di tipo islandese
Se l’attività è mista, effusiva-esplosiva, ma si presenta prevalentemente in forma effusiva (con magma
meno fluido), si hanno eruzioni:
– di tipo stromboliano.
Se l’attività è mista effusiva-esplosiva (con magma viscoso e contenuto in aeriformi elevato) si hanno
eruzioni:
– di tipo vulcaniano;
– di tipo pliniano;
– di tipo peléeano.
Quando l’attività è soltanto esplosiva (e si ha un’interazione tra il magma e l’acqua) si hanno eruzioni:
– di tipo idromagmatico

La distribuzione geografica dei vulcani


Sulla Terra i vulcani attivi si trovano sia sulle terre emerse (dove sono più di 500), sia sui fondali
oceanici. La distribuzione geografica dell’attività vulcanica non è né uniforme né casuale. I vulcani si
distribuiscono per la maggior parte lungo fasce precise che percorrono la superficie terrestre. Inoltre, i
due tipi principali di vulcanismo (effusivo ed esplosivo) hanno una distribuzione geografica diversa.
La manifestazione più imponente del vulcanismo effusivo è associata alle dorsali oceaniche. I magmi
di questo vulcanismo, per lo più basaltici, risalgono direttamente dal mantello. La maggior parte dei
vulcani emersi della Terra è invece localizzata in corrispondenza di alcuni margini di continenti,
oppure fanno parte di intere catene di isole vulcaniche che bordano le fosse coeaniche. Più del 60% di
questi vulcani si trova lungo il margine dell’Oceano Pacifico, dove insieme costituiscono la «cintura di
fuoco». Il vulcanismo esplosivo è associato a magmi che provengono dalla crosta continentale, con
processi di anatessi.
Alcuni vulcani però, si trovano in punti isolati all’interno dei continenti o delle pane abissali, queste
zone sono denominate punti caldi ed in corrispondenza degli stessi prevale l’attività vulcanica effusiva,
si tratta di zone ristrette della superficie terrestre con diametri di 100-200 km. Al di sotto dei punti caldi
si verifica una continua fusione del materiale presente che viene rimpiazzato dalla risalita da grandi
profondità nel mantello di colonne di materiale caldissimo.

56
In Italia molti vulcani hanno costituito dei complessi imponenti, ma sono ormai totalmente estinti.
Attualmente sono attive quattro zone: il monte Etna in Sicilia, parte della costa laziale- campana e del
mare antistante, le isole Eolie e il Canale di Sicilia. Il maggiore dei vulcani attivi italiani è l’Etna, 3350
m, un vulcano-strato. Oggi le eruzioni avvengono sia da bocche poste alla sommità dell’edificio, sia da
numerose bocche laterali, lungo le pendici. Presso Napoli c’è il Vesuvio, un vulcano-strato. Le sue fasi
di attività sono intercalate a lunghi periodi di stasi. Come il Vesuvio, anche i vicini Campi Flegrei e
l’isola di Ischia si trovano oggi in fase di temporaneo riposo. Nell’arcipelago delle Eolie si trovano il
cono vulcanico dello Stromboli, Vulcano, Lipari, mentre Panarea ha avuto manifestazioni recenti.
Salina, Alicudi e Filicudi sono considerati quiescenti.
L’estendersi delle aree urbanizzate determina un rischio vulcanico per le popolazioni che vivono nelle
immediate vicinanze dei vulcani. Il rischio vulcanico è definito come il prodotto tra la probabilità che
avvenga un certo fenomeno vulcanico e i danni che esso provocherebbe. Nei confronti dei vulcani con
attività esplosiva, l’unica difesa è rappresentata dalla prevenzione, con lo studio delle caratteristiche di
un’eventuale eruzione di un vulcano (in base all’analisi della sua attività precedente) e con il
monitoraggio di alcuni parametri chimici e fisici dell’area sorvegliata, per riconoscere l’avvicinarsi di
un’eruzione. Nel caso dei vulcani effusivi, invece, è possibile mettere in atto una difesa attiva, durante
l’eruzione.

Terremoti e onde sismiche


Un terremoto (o sisma) è una vibrazione che si verifica nella crosta terrestre, esso si manifesta infatti
come un movimento più o meno forte di un settore della superficie terrestre. È dovuto a un’improvvisa
liberazione, nel sottosuolo, di energia elastica (l’energia che si accumula in un corpo elastico sottoposto
a deformazione).
Secondo la teoria elaborata da Reid le rocce, sottoposte a spinte o pressioni, si comportano in maniera
elastica e si deformano progressivamente, fino a quando non si raggiunge il limite di rottura. Superato
il limite, la roccia si spezza e le due parti slittano bruscamente una rispetto all’altra: nello scatto,
l’energia elastica si trasforma in energia cinetica, provocando vibrazioni che si propagano tutt’intorno
sotto forma di onde sismiche (non c’è dunque trasporto di materia, ma la propagazione di una
perturbazione elastica in ogni direzione). Con la rottura, nelle rocce si forma una faglia, cioè una
superficie di taglio tra due blocchi di rocce. I terremoti non si verificano soltanto nel momento della
57
formazione della faglia, ma anche lungo faglie esistenti, quando si «riattivano». Il terremoto avviene in
quanto lungo la superficie di faglia le rocce deformate tornano bruscamente all’equilibrio con un
meccanismo di rimbalzo elastico, caratterizzato da violente oscillazioni. Tale perturbazione si propaga
nelle aree circostanti. Il processo di deformazione elastica delle rocce, fino alla rottura, e il successivo
rimbalzo elastico costituiscono nell’insieme il ciclo sismico, che può ripetersi sistematicamente in una
regione.
Il punto all’interno della Terra in cui ha inizio lo scivolamento dei blocchi rocciosi che generano le onde
sismiche si chiama ipocentro del terremoto. La proiezione di questo punto sulla superficie terrestre
(cioè il punto situato sulla verticale dell’ipocentro) si chiama invece epicentro. Dall’ipocentro le onde
sismiche si propagano per tutta la Terra, indebolendosi man mano che si allontanano dal punto di
origine del terremoto. I sismi solitamente si concentrano all’interno di fasce sismiche che delimitano
aree sismiche.
Durante tutto il manifestarsi del rimbalzo elastico la perturbazione si propaga dall’ipocentro in ogni
direzione per mezzo di onde elastiche. La zona posta in superficie sulla verticale dell’ipocentro è detta
epicentro del terremoto. Si distinguono: onde P, onde S (entrambe interne) e onde superficiali;
ciascun tipo di onde produce, nelle rocce che attraversa, una particolare deformazione. Le onde sismiche
più veloci, che arrivano per prime, sono le onde P, seguite dalle onde S. Queste onde si propagano
all’interno del pianeta e, arrivate in superficie si combinano a generare le onde superficiali. Velocità e
modo in cui si propagano le onde sismiche dipendono dai materiali attraversati.
1. Le onde P sono onde di compressione: al loro passaggio, le particelle di roccia oscillano avanti
e indietro nella direzione in cui si sta muovendo l’onda. Le onde P sono le più veloci. Possono
propagarsi in ogni mezzo: nelle rocce più compatte, nel magma, nell’acqua o nell’aria.
2. Le onde S sono invece onde trasversali, o di taglio: al loro passaggio provocano un
cambiamento della forma della roccia, ma non una variazione di volume. Le particelle di roccia
oscillano perpendicolarmente alla direzione di propagazione dell’onda. Non possono propagarsi
attraverso i fluidi.

58
1. Le onde superficiali hanno forme diverse, a seconda di come sono giunte in superficie le onde
P e S. Si propagano a partire dall’epicentro sulla superficie ma si attenuano rapidamente in
profondità. Esistono due tipi di onde superficiali: le onde di Rayleigh (o onde R) e le onde di
Love (o onde L).

Il sismografo è lo strumento con il quale


vengono registrate le onde sismiche. Dai
sismogrammi – i tracciati che mostrano le
onde sismiche dei diversi tipi – registrati in
queste stazioni si possono ricavare molte
informazioni importanti: per esempio l’entità e
la durata di un terremoto, oppure la posizione
del
suo epicentro.

Si può studiare la struttura interna della Terra analizzando il modo in cui si propagano le onde
sismiche quando attraversano la crosta e la superficie terrestre. Le onde sismiche portano con sé una
serie di informazioni sulla natura dei materiali che hanno attraversato, sotto forma di variazioni della
59
loro velocità di propagazione e della direzione delle loro traiettorie. La velocità delle onde sismiche
dipende infatti dal mezzo in cui esse si propagano.
I percorsi delle onde P all’interno della Terra non sono rettilinei, ma curvi. Inoltre, la velocità sia delle
onde P sia delle onde S non è costante, ma varia con la profondità.
– Le onde P accelerano con l’aumentare della profondità fino a quasi la metà del raggio terrestre;
se si spingono più in profondità, rallentano all’improvviso; se vanno infine molto in profondità
subiscono una nuova (minore) accelerazione.
– Anche le onde S accelerano con l’aumentare della profondità fino a poco meno della metà del
raggio terrestre, dove si arrestano improvvisamente.
Tutto ciò fa concludere che il pianeta non sia omogeneo ma strutturato in strati di natura diversa.
Grazie alle informazioni ricavate dallo studio dei dati sismici, oggi è noto che la Terra è formata da
involucri concentrici, che sono costituiti da materiali che differiscono per densità e per lo stato fisico in
cui si presentano (solido o fluido).

Questi tre involucri – crosta, mantello e nucleo – sono separati da superfici chiamate superfici di
discontinuità sismica, perché in loro corrispondenza le onde sismiche vengono deviate.
La crosta è l’involucro più superficiale, si estende dalla superficie fino a 0-35km di profondità. È
separato da quello sottostante dalla superficie di Mohorovicˇic´ (o Moho).
Il mantello è un involucro che si estende per migliaia di kilometri al di sotto della crosta. Una parte del
mantello (chiamata astenosfera tra i 70 e i 250km e caratterizzata da comportamento plastico) si
comporta come se fosse parzialmente fusa: qui, infatti, le onde sismiche rallentano. Il mantello continua
fino a 2900 km di profondità, dove è separato dall’involucro sottostante tramite la superficie di
Gutenberg.
Ancora più in profondità il nucleo si divide in nucleo esterno e nucleo interno: essi sono separati dalla
superficie di Lehmann, posta a 5170 km dalla superficie della Terra. Il nucleo interno è solido.
La parte rigida composta dalla crosta e dal mantello fino all’astenosfera viene chiamata litosfera.

Forza d effetti di un terremoto


La forza di un sisma può venire espressa in due modi.
1. Attraverso la sua magnitudo. La magnitudo misura l’entità di un terremoto e il procedimento
per valutarla fu ideato, nel 1935, dal sismologo Charles Richter. Egli constatò che, a parità di
distanza dall’epicentro, un terremoto più forte di un altro fa registrare sui sismogrammi
oscillazioni più grandi. La magnitudo si calcola a partire dai sismogrammi misurando
l’ampiezza massima delle onde registrate da un sismogramma relativo a quel terremoto con
60
l’ampiezza massima delle onde fatte registrare da un terremoto scelto come riferimento. Come
riferimento si è scelto un terremoto che produce su un sismografo standard, posto a 100 km
dall’epicentro, un sismogramma con oscillazioni massime uguali a 0,001 mm. La scala della
magnitudo (scala Richter) è logaritmica: a un aumento di una unità della magnitudo
corrisponde un aumento di un fattore 10 nell’ampiezza del movimento del terreno.
2. Attraverso la sua intensità. Prima dell’introduzione della magnitudo, la forza di un terremoto
era indicata solo con l’intensità, stabilita in base agli effetti prodotti dal sisma sulle persone,
sugli edifici e sul terreno. Per confrontare gli effetti di diversi terremoti (o dello stesso terremoto
in località diverse) sono state ideate delle scale di riferimento. La scala MCS è la più utilizzata
in Europa e in America ed è suddivisa in 12 gradi. Il suo nome deriva dalle iniziali dello
studioso italiano che l’ha ideata (Mercalli). La magnitudo e l’intensità sono due misure della
forza di un terremoto, ma sono anche dati decisamente diversi. Riportando su una carta
geografica il valore di intensità ottenuto per ogni località e tracciando le linee di confine tra le
zone in cui il terremoto si è manifestato con intensità diverse, si ottiene una serie di curve
chiuse, dette isosisme, che uniscono tutti i punti con lo stesso grado di intensità.
L’arrivo delle onde sismiche in superficie determina un’oscillazione complessa del terreno, che viene
trasmessa agli oggetti sovrastanti. I danni principali agli edifici sono provocati soprattutto dai
movimenti
orizzontali del terreno e dipendono da diversi fattori:
– durata delle oscillazioni,
– tipo di costruzioni,
– natura geologica del terreno su cui poggiano.
Se il terremoto si verifica sotto il fondo del mare, nelle zone costiere si possono risentire gli effetti di un
maremoto, chiamato anche tsunami. Quando il movimento della faglia che provoca il terremoto fa
sollevare o abbassare bruscamente un tratto del fondo del mare, l’oscillazione di quest’ultimo provoca
nella massa d’acqua sovrastante onde molto lunghe, che si propagano a velocità elevatissime. Giunte in
prossimità della costa, le onde possono raggiungere i 30 m di altezza.

Distribuzione geografica delle aree sismiche e prevenzione antisismica


Attraverso lo studio dei sismogrammi i geologi hanno trovato una certa regolarità nella distribuzione
degli epicentri dei terremoti, gli epicentri risultano infatti allineati secondo fasce definite posizionate ai
margini dei continenti o lungo o nei pressi delle dorsali oceaniche. Le fasce sismiche corrispondono
quindi a strutture specifiche della superficie terrestre:
– le dorsali oceaniche, caratterizzate da terremoti con ipocentri superficiali;
– le fosse oceaniche, con ipocentri allineati lungo la superficie di Benioff, da superficiali a
profondi;
– le catene montuose di recente formazione, con ipocentri da superficiali a intermedi.
61
Inoltre, esiste una sismicità legata al vulcanismo. I terremoti vulcanici (tremori) sono vibrazioni del
terreno prodotte dal movimento del magma in risalita entro la crosta e nel condotto vulcanico.

Una delle fasce sismiche più note è la Cintura di fuoco che circonda l’Oceano Pacifico. Lungo la
Cintura di fuoco, i terremoti si verificano in prossimità delle grandi fosse abissali, sia dove queste si
sviluppano lungo il margine di un continente, sia dove esse sono affiancate da un arco di isole.
Un’altra fascia sismica segue il percorso delle catene montuose che si sono formate in tempi più recenti,
a nord del Mar Mediterraneo occidentale, fino all’Himalaya, con un ramo che prosegue verso la Cina.
Ogni anno, nelle zone sismiche, i terremoti e gli eventi da essi innescati (come gli incendi, le carestie, le
epidemie) provocano migliaia di vittime e danni incalcolabili all’economia dei Paesi colpiti.
La prevenzione dei pericoli legati all’attività sismica viene attuata in più modi.
1. Come primo passo si cerca di definire la sismicità di un’area, in base all’intensità e alla
frequenza dei terremoti mediante previsioni di tipo deterministico basate sull’osservazione degli
eventi che si ritiene precedano un terremoto, e mediante previsioni statistiche basate sullo studio
dell’individuazione delle zone sismiche e della frequenza con cui i terremoti vi si presentano.
Strumenti basilari per la previsione statistica sono i cataloghi sismici che contengono dati
caratteristici di tutti i terremoti di cui si è avuta notizia o di cui è disponibile la registrazione
strumentale.
2. Inoltre, nelle aree a rischio, si cerca di costruire i nuovi edifici secondo norme antisismiche e di
rinforzare quelli esistenti.
3. Vengono anche messi a punto dei piani di intervento per organizzare i soccorsi nel caso si
verifichi un terremoto.
4. Infine, la popolazione è istruita, tramite esercitazioni, sui comportamenti da tenere nel momento
dell’emergenza.

La struttura della Terra e la Tettonica delle placche

Gli involucri della Terra


All’interno della Terra, in profondità, si verificano «movimenti» di materiali a spese dell’energia interna
del pianeta. Queste trasformazioni sono il segno di una dinamica interna attiva. Le strutture della
crosta sono il riflesso visibile in superficie di questa attività endogena. Importanti dati per lo studio della
dinamica interna della Terra vengono dall’analisi dei fenomeni vulcanici e sismici, vere «finestre»

62
sull’interno del pianeta che permettono di interpretare la formazione delle rocce, il sollevarsi delle
catene
montuose, il vibrare sismico dell’intero pianeta, l’incessante affluire in superficie di magmi
incandescenti, il modificarsi della forma dei continenti e degli oceani viene descritto da una teoria
globale nota con il nome di «Tettonica delle placche».
La Terra ha una densità media di 5,52 g/cm3. Questo risultato consente di arrivare a una prima
conclusione sull’interno della Terra. Dato che le rocce della crosta hanno una densità media compresa
tra 2,7 e 3 g/cm3, l’interno del pianeta deve essere costituito da materiali con densità molto elevata per
raggiungere il valore medio calcolato. Inoltre, i dati sismici permettono di concludere che la Terra è
formata da una serie di involucri concentrici di diversa natura e spessore, come accade per altro per altri
pianeti del sistema solare; si distinguono:
1. la crosta (la parte più esterna), dello spessore di pochi kilometri (una media di 6-7, sotto gli
oceani e di 35 nei continenti), è relativamente leggera ed h composizione eterogenea;
2. il mantello (la parte centrale), che arriva fino a circa 2900 km di profondità, costituito
prevalentemente da rocce ultrabasiche (peridotiti);
3. il nucleo, diviso a sua volta in due involucri: il nucleo esterno e il nucleo interno, costituito da
una lega metallica di Fe e Ni con qualche elemento meno denso come Si e S.

63
Esistono due tipi di crosta. (1) La crosta continentale corrisponde ai continenti e alla loro
prosecuzione, nelle immediate vicinanze, sotto il livello del mare. (2) La crosta oceanica costituisce il
«pavimento» degli oceani ed è coperta dalle acque. Le principali differenze tra i due tipi di crosta sono:
– lo spessore. La crosta continentale è ovunque più spessa di quella oceanica. Lo spessore medio
della crosta continentale è di circa 35 km. In corrispondenza delle catene montuose il suo
spessore arriva a 60-70 km. Lo spessore della crosta oceanica è di circa 6 km (molto meno in
corrispondenza delle dorsali oceaniche);
– le quote medie della superficie. Il livello medio della superficie della crosta continentale è
4000 m maggiore di quello della crosta oceanica;
– l’età delle rocce. Nella crosta continentale compaiono rocce di ogni età, tra oggi e 4 miliardi di
anni fa; nella crosta oceanica le rocce più antiche hanno al massimo 190 milioni di anni;
– la natura delle rocce e la loro giacitura. La crosta continentale ha una composizione
eterogenea con profonde deformazioni. È divisa in cratoni (aree stabili da molto tempo) e
orogeni (fasce deformate negli ultimi 500 milioni di anni). La crosta oceanica ha una
composizione omogenea e mostra una struttura a strati regolare (strato 1: sedimenti; strato 2:
basalto; strato 3: gabbro).
La crosta «galleggia» sul sottostante mantello, più denso. Le catene montuose emergono in quota perché
sotto di esse la crosta ha un forte spessore di rocce meno dense rispetto al mantello (dette radici) che le
mantiene in equilibrio, grazie a una spinta paragonabile a quella di Archimede. La tendenza della crosta
a raggiungere una posizione di equilibrio attraverso il fenomeno di galleggiamento è detta isostasia.
Ogni variazione dello spessore della crosta si traduce in movimenti verso l’alto e verso il basso chiamati
aggiustamenti isostatici.

Le strutture della fossa oceanica e l’espansione dei fondi oceanici


La crosta oceanica presenta due tipi di strutture molto importanti sia per le loro dimensioni sia per
l’attività geologica ad esse associata: si tratta delle dorsali oceaniche e delle fosse abissali.
L’esplorazione del fondo oceanico ha messo in luce l’esistenza di rilievi sommersi, assai diversi dalle
montagne di superficie, detti dorsali oceaniche. Il fondo degli oceani è percorso da una fascia di crosta
inarcata verso l’alto, lungo circa 60km la cui sommità raggiunge i 2000-3000 m di altezza rispetto alle
piane abissali; in qualche punto essa emerge dalla superficie del mare. Quasi ovunque la sommità delle
dorsali è percorsa da una depressione larga qualche decina di kilometri: è la rift valley. Le dorsali non
corrono rettilinee, ma sono suddivise in segmenti da un sistema di fratture trasversali: le faglie

trasformi.

Sui fondi oceanici, oltre alle dorsali, esistono altre strutture caratterizzate da intensa attività: sono le
fosse abissali, strette depressioni, lunghe migliaia di kilometri, molte delle quali superano i 10 km di
profondità. Il vulcanismo associato alle fosse è altamente esplosivo, e sono anche sede di intensa attività
sismica.

64
Le dorsali oceaniche compongono un sistema di rilievi sommersi che supera i 60 000 km di lunghezza.
La più estesa è la Dorsale Medio-atlantica, che ha un andamento approssimativamente da nord a sud ed
emerge dall’Oceano Atlantico in corrispondenza dell’Islanda. Il lungo allineamento delle fosse abissali
costeggia il bordo occidentale del Pacifico, dallo stretto di Bering fino alla Nuova Zelanda; altri gruppi
sono presenti al largo dell’arcipelago indonesiano. La fossa più profonda è la Fossa delle Marianne,
nell’Oceano Pacifico occidentale.

Secondo l’ipotesi dell’espansione dei fondi oceanici, il rilievo delle dorsali è sostenuto dalla risalita di
materiale caldo nel mantello; l’inarcamento della litosfera provoca la formazione della rift valley, lungo
la quale del materiale fuso risale e alimenta il vulcanismo basaltico della dorsale. La quantità di lava che
fuoriesce lungo le dorsali si divide in due rami, che si allontanano in direzioni opposte rispetto alla
dorsale.

65
Come conseguenza, in superficie i due fianchi della dorsale – trascinati da questi movimenti profondi –
si allontanano a partire dalla rift valley: il movimento non lascia un vuoto, perché altro magma risale e
forma nuovi ammassi di rocce.
Questo incurvamento verso il basso della litosfera determina la formazione di una fossa abissale. Nella
sua discesa la litosfera incontra zone a temperature via via più elevate e comincia a fondere. Una parte
risale in superficie, dove alimenta l’attività vulcanica che si manifesta a una certa distanza dalle fosse.
La discesa della litosfera, lenta ma inarrestabile, avviene con violenti attriti, che si manifestano come
terremoti. Questo lento movimento è chiamato subduzione. Questo sprofondamento provoca terremoti
(i cui ipocentri sono distribuiti su una superficie inclinata detta piano di Benioff), mentre la progressiva
fusione del materiale che affonda produce magmi che risalgono in superficie dove alimentano numerosi
vulcani (arco vulcanico). Globalmente la nuova litosfera che viene prodotta in corrispondenza delle
dorsali bilancia la vecchia che viene riciclata nelle fosse.

Una conferma dell’espansione dei fondi oceanici viene dal fatto che l’età del «pavimento » oceanico,
cioè dello strato di basalto sotto i sedimenti, è tanto più antica quanto più ci si allontana dalle dorsali.
Altra conferma dell’espansione dei fondi oceanici e della loro progressiva consunzione è rappresentata
dalla distribuzione a fasce alternativamente positive e negative delle anomalie magnetiche registrate
sui fondi
oceanici. Le fasce di anomalie magnetiche sono disposte parallelamente alle dorsali e sarebbero causate
dal paleomagnetismo dei basalti della crosta oceanica combinato con il fenomeno delle inversioni delle
polarità magnetiche. La presenza dei due tipi di anomalie richiede che la crosta oceanica non si sia
formata tutta insieme ma in tempi diversi. Anche in questo caso, le fasce di anomalie magnetiche più
vicine alle dorsali sono più recenti di quelle che si trovano a maggiore distanza.

La tettonica delle placche


La teoria più geniale e completa sugli spostamenti dei continenti, nota appunto come deriva dei
continenti, venne proposta nel 1912 dal tedesco Alfred Wegener. Wegener ipotizzò che 200 milioni di
anni fa vari lembi di crosta continentale, ora separati, fossero uniti in un «supercontinente», la Pangea,
66
circondato da un unico oceano. La Pangea si sarebbe poi smembrata in più parti (Americhe, Eurasia,
India, Australia, Antartide), che si sarebbero allontanate tra loro, secondo un meccanismo chiamato
deriva dei continenti.
Purtroppo, essa non convinse a proposito delle forze responsabili degli spostamenti, per cui venne da
molti contrastata. Fu ripresa con successo soltanto negli anni Sessanta del Novecento. In quegli anni, i
dati e le osservazioni sui fondi oceanici portano alla formulazione della teoria della Tettonica delle
placche, un modello globale in grado di spiegare i principali fenomeni geologici del pianeta, come la
formazione dei bacini oceanici e delle montagne, la distribuzione e le caratteristiche dei vulcani e delle
fasce sismiche.
Secondo questa teoria la litosfera è suddivisa in circa venti placche, delle quali sette sono decisamente
più estese delle altre. Le placche litosferiche possono essere formate:
– esclusivamente da litosfera oceanica;
– prevalentemente da litosfera continentale;
– da porzioni di litosfera dei due tipi.

I bordi delle singole placche, chiamati margini, sono distinti, a seconda dei movimenti relativi, in tre
tipi.
1. I margini costruttivi corrispondono al movimento di divergenza tra placche; sono le dorsali
oceaniche.
2. I margini distruttivi corrispondono al movimento di convergenza tra placche; sono le fosse
oceaniche.
3. I margini conservativi sono le faglie trasformi, lungo le quali i lembi di litosfera scorrono uno a
fianco dell’altro, in direzioni opposte.
Le placche non sono immobili sulla superficie del pianeta ma «galleggiano» sull’astenosfera, la quale si
comporta in modo «plastico» e permette non solo il galleggiamento ma anche lo scivolamento delle
placche. Le placche possono avvicinarsi, allontanarsi o scorrere una rispetto all’altra.
67
Quando due placche si avvicinano (perché una scivola sotto l’altra), il risultato è generalmente la
formazione di una catena di vulcani, seguita da un’orogenesi, cioè dal sollevamento di una nuova
catena montuosa. Un esempio di catena montuosa generata da un arco vulcanico è quello delle Ande, in
Sudamerica. Se due placche che comprendono ciascuna un continente e una parte di crosta oceanica si
avvicinano tra loro si ha la nascita di una catena montuosa. In un primo momento l’avvicinamento tra i
continenti comporta la riduzione dell’oceano che li separa. La crosta oceanica entra in subduzione sotto
la crosta continentale (che è più leggera). Al termine di questo processo l’oceano è scomparso, i margini
delle due porzioni di crosta continentale vengono a contatto. È il momento della collisione e si forma
una
catena montuosa (orogenesi). Sono nate in questo modo l’Himalaya e le Alpi. L’orogenesi può avvenire
oltre che per consumazione di crosta oceanica, anche attraverso due altri meccanismi: secondo vari
– per collisione continentale dopo la consunzione di litosfera oceanica interposta tra due placche in
convergenza tra loro;
– per accrescimento crostale a seguito di collisioni di frammenti di crosta di varia natura trascinati a
saldarsi lungo un margine continentale.
Il movimento delle placche porta alla periodica aggregazione di un supercontinente destinato ogni volta
a smembrarsi. Questo ciclo di eventi è chiamato ciclo di Wilson

Quando due placche oceaniche si avvicinano, oppure all’inizio dell’avvicinamento tra una placca
oceanica e una continentale (quando il continente è ancora lontano), si ha subduzione di litosfera
oceanica sotto altra litosfera oceanica. Si forma in questo caso un arco di isole vulcaniche, il quale
emerge lungo il margine della placca che resta in superficie (come l’arcipelago delle Marianne).

La separazione di due placche litosferiche coincide con la formazione di nuova crosta oceanica. In
alcuni luoghi delle terre emerse è possibile osservare gli stadi iniziali della separazione di due placche
68
litosferiche. Un esempio è la Great Rift Valley: la depressione del Mar Rosso che attraversa tutta
l’Africa orientale.

Il modello della Tettonica delle placche è attualmente quello che meglio spiega la maggior parte dei dati
e delle osservazioni.
Per esempio, la Tettonica delle placche è in grado di giustificare la distribuzione dei vulcani e dei
terremoti.
La maggior parte dei vulcani centrali attivi non sottomarini è localizzata lungo archi insulari o archi
vulcanici. Questo vulcanismo è collegato al processo di subduzione in corrispondenza di margini
distruttivi tra le placche. La tettonica delle placche tuttavia permette di comprendere nel dettaglio tutte
le forme di vulcanismo:
– Vulcanismo effusivo e terremoti superficiali sono associati alle dorsali oceaniche, dove si
verifica la fusione parziale del mantello in risalita e l’attivazione di faglie lungo la rift valley.
– Vulcanismo esplosivo e terremoti profondi sono collegati al piano di subduzione nelle fosse
abissali. Qui si verifica la fusione della litosfera che discende verso l’interno della Terra e la
riattivazione di faglie nella placca che affonda.
– Il vulcanismo isolato responsabile de cosiddetti punti caldi, ovvero manifestazioni sulla
superficie terrestre di «pennacchi» o colonne di materiale solido molto più caldo di quello
circostante e risalenti dalle zone profonde del mantello, è originato dal fatto che i punti caldi si
mantengono nella stessa posizione all’interno del mantello per tempi lunghissimi e non seguono
i movimenti delle placche litosferiche. Compare una serie di vulcani che via via si estinguono.

69
Anche la distribuzione degli epicentri di terremoti in fasce ben determinate ha trovato una spiegazione
convincente nell’ambito della teoria della tettonica delle placche. Sono gli sforzi dovuti ai movimenti
della litosfera, concentrati lungo i margini delle placche, a provocare la continua deformazione di masse
rocciose, in cui si accumula l’energia elastica che viene poi liberata dai terremoti.
Anche se il calore percepito in superficie è dovuto essenzialmente alla radiazione solare, la Terra perde
calore continuamente dalla sua superficie. Esistono molte prove del fatto che la Terra al suo interno è
calda. Il calore interno della Terra viene continuamente disperso verso l’esterno attraverso la sua
superficie. L’energia termica della Terra origina dal calore latente che si libera nella solidificazione del
nucleo esterno (fluido) e nel decadimento degli isotopi radioattivi. La quantità di energia termica che
sfugge dalla Terra per unità di area e di tempo viene chiamata flusso termico ed esso vale 0,06W/m2. Il
flusso termico è disomogeneo e riflette la presenza di correnti convettive: materiale più caldo risale nel
mantello a partire dalle zone profonde mentre materiale più freddo sprofonda alla velocità di qualche
cm/anno. La temperatura all’interno della crosta aumenta in media di circa 30 °C a ogni kilometro di
profondità. Al centro del pianeta non dovrebbe superare i 4300 °C.
Le aree dove il flusso termico è maggiore sono molto «attive» dal punto di vista geologico proprio per
effetto dei moti convettivi sottostanti, esse si trovano ad esempio in corrispondenza delle dorsali
oceaniche.

L’origine di questi giganteschi rimescolamenti di materiale va cercata nelle differenze di temperatura


che esistono in zone diverse del mantello, causate, tra l’altro, da una distribuzione non omogenea degli
elementi radioattivi. I moti convettivi potrebbero seguire «circuiti unici» tra la base del mantello e la
litosfera o «circuiti separati» nel mantello inferiore e in quello superiore. Il movimento dei materiali
all’interno della Terra procederebbe in questo modo: la litosfera oceanica fredda e pesante
sprofonderebbe nel mantello e alcuni lembi scenderebbero fino al limite con il nucleo. Dalle stesse zone
risalirebbero i pennacchi, che si manifestano in superficie come punti caldi.

La deformazione delle rocce


Sotto l’azione delle forze che agiscono per milioni di anni all’interno della crosta terrestre le rocce
possono piegarsi oppure rompersi. A seconda di come sono orientate le forze che agiscono sui diversi
settori di crosta, le rocce si deformano con effetti diversi:
1. compressione,
2. distensione,
3. trascorrenza.

70
Se la deformazione non causa la rottura delle rocce, si parla di pieghe; se le rocce si rompono e i due
blocchi che si formano scorrono uno rispetto all’altro, si parla di faglie. Le pieghe sono deformazioni
comuni nelle rocce e in genere non si presentano isolate ma in gruppi, che formano catene di pieghe. A
seconda dell’inclinazione dei fianchi, le pieghe possono essere diritte, inclinate o rovesciate. In
presenza di una frattura, le parti separate possono spostarsi una rispetto all’altra o restare nella posizione
originale.
Nel primo caso le fratture vengono chiamate faglie, mentre nel secondo caso sono dette diaclasi.

71
Una tipica associazione di faglie è quella che determina lo sviluppo di una cosiddetta fossa tettonica,
una depressione in cui un blocco di crosta appare sprofondato tra due blocchi adiacenti che sono stati
allontanati l’uno dall’altro.

Parte IV Geologia applicata

La stratigrafia e la tettonica delle placche nello studio delle scienze della Terra

Elementi di stratigrafia
Le rocce sulla superficie terrestre mostrano tra loro dei complessi rapporti geometrici, che, per
numerose applicazioni, è necessario conoscere e indagare. La Stratigrafia fornisce gli strumenti per
risalire alle giaciture originarie delle rocce e all’ordine con cui si sono formate. La Tettonica studia
invece le deformazioni che interessano le rocce dopo la loro formazione, in conseguenza dei movimenti
della crosta terrestre.
L’oggetto di studio della Stratigrafia è la formazione geologica. Una formazione geologica è un corpo
roccioso di natura complessivamente uniforme, originato in un ambiente rimasto a lungo costante. Lo
strato è l’unità più piccola di una formazione rocciosa sedimentaria: è, in genere, di modesto spessore
ma di grande estensione. La facies indica l’insieme delle caratteristiche litologiche di una roccia e
dipende dall’ambiente di formazione. Determinando la facies di una roccia, è possibile risalire
all’ambiente in cui si è formata.
Tra le facies sedimentarie sono comuni le facies continentali (glaciali, fluviali, desertiche ecc.), di
transizione (palustri, lagunari, costiere ecc.) e marine (litorali, neritiche, pelagiche ecc.).
La Stratigrafia ha elaborato alcuni principi per stabilire, in base all’osservazione sul terreno, la
cronologia relativa secondo la quale si sono formati i diversi corpi rocciosi:
– il principio di orizzontalità originaria;
– il principio di sovrapposizione stratigrafica;
– il principio di intersezione.
Lo studio delle successioni di facies nel tempo mette in luce fenomeni di regressione, cioè di ritiro del
mare da aree prima sommerse, e di ingressione (o trasgressione), cioè di avanzata del mare su aree
continentali.
La trasgressione dà origine ad una discordanza che può essere:
– semplice, se gli strati precedenti la trasgressione e quelli successivi sono tutti paralleli;
– angolare, se gli strati precedenti la trasgressione formano un certo angolo con quelli successivi.
Alla discordanza, che descrive un aspetto geometrico, corrisponde una lacuna di sedimentazione. La
presenza, all’interno di una serie di rocce, di una discordanza con lacuna di sedimentazione indica che
nell’area si sono verificati in successione i seguenti eventi:
– deformazione e sollevamento della crosta fino a emersione di una nuova terra (regressione);
– erosione della nuova terra emersa;
– ritorno del mare con ripresa di sedimentazione (trasgressione).

Elementi di tettonica
I corpi rocciosi appaiono più o meno deformati (traslati e/o cambiati di forma). Le deformazioni sono
successive alla loro formazione e si devono all’azione delle forze che agiscono all’interno crosta
terrestre.
Le faglie sono lacerazioni della crosta lungo le quali alcuni corpi rocciosi scivolano rispetto a quelli
contigui. Esistono diversi tipi di faglie:
72
– le faglie dirette, che determinano un allargamento della crosta;
– le faglie inverse, che al contrario provocano un raccorciamento della crosta.
Un insieme di faglie dirette può provocare uno sprofondamento locale della crosta, detto fossa
tettonica, in cui i settori di crosta che rimangono rialzati sono chiamati pilastri.
Se le rocce si deformano incurvandosi senza rompersi si formano le pieghe (anticlinali, sinclinali).
Se un settore di crosta, scivolando lungo una faglia, finisce per accavallarsi sul settore vicino si genera
un sovrascorrimento in cui la parte sovra-scorsa viene chiamata falda o coltre di ricoprimento.
La serie stratigrafica di un area descrive la successione verticale delle formazioni che affiorano. La
lettura e l’interpretazione delle serie stratigrafiche mette in luce delle ripetizioni cicliche di alcuni
eventi.
Il ciclo geologico (o ciclo di Hutton) comprende tipicamente:
– la formazione di rocce, in genere sul fondo del mare;
– la deformazione tettonica di tali rocce per movimenti della crosta, con sviluppo di magmatismo
e metamorfismo e con sollevamento di catene montuose;
– la demolizione e l’erosione delle strutture prodotte dalla deformazione tettonica, fino allo
spianamento della superficie.
In seguito, nella stessa area, si può sviluppare un nuovo ciclo geologico, che inizia con una trasgressione
marina e la formazione di nuove rocce sedimentarie, discordanti su quelle più antiche. Le tracce di
numerosi cicli simili a quello descritto si riconoscono nelle rocce della crosta terrestre per miliardi di
anni.

I materiali della Terra solida

Minerali e rocce
La crosta terrestre è l’involucro solido più esterno della Terra e ha uno spessore dell’ordine di alcune
decine di kilometri. Sulla crosta si svolgono i numerosi processi chimici, fisici e biologici che regolano
le continue trasformazioni del «sistema integrato Terra». La crosta è costituita dalle rocce, a loro volta
formate dai minerali. Lo studio delle rocce ha messo in evidenza che molte di esse si sono formate in
profondità e ha permesso di ricostruire processi interni della Terra non direttamente osservabili. I
materiali che costituiscono la crosta possono essere osservati in superficie sotto forma di minerali e
rocce. I minerali a loro volta sono formati da elementi e composti. Un elemento è una sostanza formata
da atomi tutti uguali. Un composto invece si forma quando due o più atomi diversi si legano insieme. In
natura si trovano spesso delle miscele quali miscugli eterogenei (miscele in cui le singole sostanze
rimangono separate) o soluzioni (miscele omogenee in cui non è possibile distinguere le singole
sostanze componenti). La materia che ci circonda può presentarsi in tre stati di aggregazione: solido,
liquido e gassoso.
I minerali sono sostanze naturali solide, caratterizzate da una composizione chimica definita, con gli
atomi disposti in una struttura geometrica chiamata reticolo cristallino, cioè una disposizione ordinata e
regolare nello spazio degli tomi che lo costituiscono.
Una roccia contiene in genere più minerali, anche se vi sono rocce formate da un solo minerale. La
forma esterna di un cristallo è detta abito cristallino. Un cristallo è un solido geometrico con facce,
spigoli e vertici che si originano per la crescita progressiva, atomo dopo atomo, di una struttura
tridimensionale elementare d dimensioni infinitesime. Le proprietà dei minerali sono:
– il colore, che può essere utile al riconoscimento, anche se alcuni minerali presentano colori
diversi a seconda delle impurità;
– la lucentezza, che è il modo in cui la superficie di un cristallo riflette la luce;
– la durezza di un minerale, che è la resistenza alla scalfittura;
– la sfaldatura, che è la tendenza di un minerale a rompersi lungo delle superfici parallele alle
facce dell’abito cristallino;
73
– la densità, che è data dalla compattezza degli atomi nel reticolo cristallino del minerale.
Le diverse specie minerali note sono circa 2000, ma quelle più importanti nella costituzione della crosta
sono circa una ventina. I minerali più diffusi sono i silicati, che hanno come struttura di base un
tetraedro formato da silicio e ossigeno; meno abbondanti sono i minerali non silicatici, quali elementi
nativi, solfuri, solfati, ossidi e carbonati. I minerali si formano per cristallizzazione da materiale fuso,
per precipitazione da soluzioni acquose calde, per sublimazione di vapori caldi, per evaporazione di
soluzioni acquose, per attività biologica, per trasformazioni allo stato solido.
Una roccia è, nella maggior parte dei casi, un aggregato naturale di diversi minerali, talvolta anche di
sostanze non cristalline, di solito compatto. La maggior parte delle rocce è eterogenea, cioè formata da
più specie minerali. I processi che portano alla formazione delle rocce (processi litogenetici) sono tre:
– il processo magmatico, parte da materiale fuso ad alta temperatura (il magma) e porta alle rocce
magmatiche o ignee per solidificazione;
– il processo sedimentario di deposito e litificazione di sedimenti derivati dalla disgregazione di
rocce preesistenti, dalla precipitazione chimica o da materiale di origine organica (coralli), che si
svolge sulla superficie terrestre, a basse temperature e pressioni, porta alla formazione delle
rocce sedimentarie;
– il processo metamorfico, che si verifica all’interno della crosta terrestre, a temperature e
pressioni variabili, origina da rocce ignee e sedimentarie e porta alla trasformazione delle rocce
preesistenti generando le rocce metamorfiche.
Il fattore che più incide sulla composizione mineralogica di una roccia (cioè sul tipo e sulla quantità dei
minerali in essa presenti) è propria la sua origine geologica.
Se fosse ripulita dalla vegetazione e dal suolo, la superficie delle terre emerse sarebbe costituita per il
55-60% da rocce metamorfiche, per il 35-40% da rocce magmatiche e fino al 5% da rocce sedimentarie.
Tutte le rocce sono legate in un percorso ciclico, formato dai processi che regolano la loro formazione:
quello magmatico, quello sedimentario e quello metamorfico. A causa dei continui movimenti della
crosta, rocce formatesi attraverso uno di questi processi finiscono nel «dominio» di un altro processo e
cambiano natura. Questo percorso prende il nome di ciclo litogenetico, o ciclo delle rocce e mostra la
«vitalità» dell’intero pianeta, in quanto i movimenti della crosta sono conseguenza di giganteschi
movimenti ancora più profondi.

Silicati, ossidi, carbonati, solfuri e solfati, elementi nativi, alogenuri, borati e fosfati
I minerali sono classificati in 9 gruppi principali, in base alla forma del reticolo cristallino e agli
elementi chimici che li costituiscono.
I silicati sono i minerali più abbondanti della crosta
terrestre: da soli rappresentano l’80% dei materiali che
affiorano sulla superficie del pianeta. Si chiamano così
perché contengono silicio (Si). Oltre al silicio, vi si
trovano l’ossigeno (O) e spesso altri elementi. Il
reticolo cristallino dei silicati ha forma di tetraedro con
4 ioni ossigeno (O2–) che circondano uno ione silicio
(Si4+). Il tetraedro è detto gruppo silicatico (SiO4)4–.
Gli ossidi contengono – come suggerisce il nome –
ossigeno, combinato con elementi detti metallici, come
il ferro (Fe), l’alluminio (Al), il cromo (Cr) ecc.
I carbonati sono composti da uno o più ioni positivi combinati con uno ione carbonato (CO 3)2–. I
minerali più comuni di questa classe sono la calcite, CaCO3, e la dolomite, CaMg(CO3)2.
I solfuri e i solfati contengono zolfo (S). La pirite (FeS2) è un solfuro molto comune. I solfati
comprendono circa 300 tipi di minerali. Uno dei più comuni è il gesso (CaSO4 · 2H2O).

74
Gli elementi nativi consistono in masse pure di un singolo minerale, facilmente utilizzabile. L’oro, in
forma granulare o di pepita, un diamante, un pezzetto di grafite sono esempi di elementi che in natura si
trovano allo stato nativo, cioè sono puri, non combinati con altri.
Gli alogenuri sono costituiti dalla combinazione di uno o più elementi con il cloro, lo iodio e il bromo
(chiamati nel loro complesso alogeni). Trovano largo impiego nell’industria alimentare e chimica
(fertilizzanti), oltre che per l’estrazione di alcuni metalli pregiati, tra cui l’argento. Il salgemma (NaCl) è
un alogenuro.
I borati sono un piccolo gruppo di minerali molto importanti dal punto di vista delle applicazioni
pratiche. Sono sfruttati per ricavare il boro, per vari impieghi industriali.
I fosfati contengono uno ione fosfato legato a uno o più elementi metallici. Trovano impiego
nell’industria chimica, ma anche come gemme.

Il ciclo geologico delle rocce


 Formazione delle rocce magmatiche: Gran parte delle rocce che costituiscono la crosta
terrestre si è formata per solidificazione di un magma, cioè a partire da materiale fuso. Esse
sono dette rocce magmatiche (o ignee). Un magma è una massa di rocce fuse che si forma a
profondità variabili. È una complessa miscela di minerali (silicati) e gas. Quando il magma si
raffredda inizia un processo di cristallizzazione: gli atomi degli elementi in esso presenti si
dispongono in posizioni fisse nei reticoli cristallini, non sono più liberi di muoversi e si forma
una sostanza solida. Le rocce magmatiche sono di due tipi:
– intrusive, che si formano quando la massa fusa solidifica e cristallizza in profondità
circondato da altre rocce; in queste condizioni il raffreddamento avviene in tempi lunghi
e le rocce assumono una struttura granulare e cristallina;
– effusive, che si formano invece quando il magma solidifica in superficie, quando il
magma trabocca e la lava solidifica rapidamente all’aria libera; queste rocce presentano
una struttura porificata, in cui alcuni cristalli della grandezza di qualche mm si
presentano in una pasta di fondo.
Tutte le rocce magmatiche intrusive sono formate da cristalli visibili a occhio nudo. I cristalli
che si formano a mano a mano che il magma si raffredda hanno il tempo sufficiente per crescere
anche fino a qualche millimetro prima che l’intera roccia cristallizzi. Se invece il magma risale
fino in superficie, la sua temperatura passa da circa 1000 °C a quella ambiente in maniera più
rapida e i singoli cristalli non hanno il tempo di crescere. Perciò nelle rocce magmatiche
effusive i cristalli hanno piccole dimensioni, visibili solo al microscopio.
Le rocce magmatiche vengono classificate in base al contenuto di silice dei loro minerali. Si
riconoscono:
– rocce acide (o sialiche), ricche di silice, quali graniti, granodioriti e rioliti;
– rocce neutre, quali dioriti e andesiti;
– rocce basiche, povere di silice, quali gabbri e basalti;
– rocce ultrabasiche, poverissime di silice, quali le peridotiti.

I vari tipi di rocce ignee sono dovuti alla diversa origine dei magmi:

75
– I magmi primari risalgono dal mantello, da profondità superiori ai 35 km. La loro
composizione è prossima a quella del basalto. Si tratta pertanto di magmi basici.
– I magmi anatettici si formano in seguito a un processo di anatessi, cioè di fusione della
crosta continentale alla profondità di qualche decina di km. Si tratta di magmi acidi,
ricchi di silice, dotati di un’elevata viscosità. A parità di altre condizioni (pressione,
temperatura), infatti, i magmi acidi sono più viscosi di quelli basici.
Il problema di come si verifichi la fusione delle rocce nella crosta o nel mantello complesso. Le
condizioni perché si verifichi la fusione, almeno parziale, delle rocce possono essere:
– un locale aumento della temperatura per «rimescolamento » dei materiali in profondità;
– l’arrivo di fluidi che «inumidiscono» la roccia abbassandone il punto di fusione.
 Formazione delle rocce sedimentarie: La crosta terrestre è formata per la maggior parte da
rocce metamorfiche e magmatiche, ma la sua superficie è composta da uno strato quasi continuo
di rocce sedimentarie. Esse sono il risultato del continuo riciclaggio di ogni roccia he arrivi in
superficie, attraverso processi di degradazione, erosione, trasporto e accumulo che avvengono
sulla superficie terrestre per opera degli agenti esogeni. Fra questi, la sedimentazione è la
deposizione, in strati sovrapposti, di vari tipi di materiali. Le rocce sedimentarie vengono divise
in tre gruppi, a seconda del processo di formazione:
– clastiche, quali conglomerati, arenarie e argille, dovute all’accumulo di frammenti
provenienti dalla disgregazione di altre rocce per erosione e trasportati da acqua, vento o
ghiaccio;
– organogene, quali calcàri, selce, carboni fossili e idrocarburi, formate da materiali che
derivano dall’attività biologica di organismi o dai loro resti e si presentano in genere
come ammassi di gusci, di resti scheletrici ecc., o di sostanza organica variamente
trasformata;
– chimiche, che derivano da processi chimici, come la precipitazione dei sali, (rocce
evaporitiche, quali gesso e salgemma) o di alterazione (rocce residuali, come le bauxiti).
Le rocce che affiorano in superficie subiscono la disgregazione e l’erosione per opera degli
agenti atmosferici. I frammenti sono trasportati dall’acqua, dal ghiaccio e dal vento e quindi
depositati sulle terre emerse o sul fondo del mare. La deposizione dei frammenti è detta
sedimentazione. I sedimenti si accumulano in strati sovrapposti e vanno incontro a litificazione,
cioè vengono trasformati in roccia consolidata. Le rocce che si formano seguendo questi
processi sono dette rocce clastiche. Ne sono esempi i conglomerati, le arenarie e le argilliti. Le
rocce organogene invece sono derivate dall’accumularsi di resti di organismi: gusci e scheletri
di animali di varie dimensioni; ammassi di organismi costruttori (come i coralli); resti di vegetali
(come quelli che formano il carbone fossile). Le rocce organogene più diffuse sono i calcari. Le
rocce chimiche si formano soprattutto in seguito alla precipitazione di sostanze sciolte
nell’acqua dei mari e dei laghi. Le stalattiti e le stalagmiti sono concrezioni di calcare che si
depositano in seguito al percolamento di acqua satura di carbonato di calcio dal soffitto delle
grotte.
 Formazione delle rocce metamorfiche: Le rocce, quando vengono sottoposte a temperature
elevate o a forti pressioni (o a entrambi i processi), pur rimanendo allo stato solido possono
subire dei cambiamenti nella composizione mineralogica (cioè del tipo di minerali di cui sono
costituite) e nella struttura (cioè nella disposizione dei minerali al loro interno). Questo processo
di trasformazione mineralogica e strutturale è detto metamorfismo e le rocce che ne derivano
sono chiamate rocce metamorfiche. I casi più frequenti di metamorfismo sono due.
1. Il metamorfismo regionale è un fenomeno che riguarda porzioni molto estese della
crosta terrestre. Le rocce che ne derivano presentano una tipica scistosità, cioè la
proprietà di dividersi facilmente in lastre su piani paralleli.

76
2. Il metamorfismo di contatto si osserva invece quando una massa di magma
incandescente risale attraverso la crosta, oppure si ferma all’interno di questa,
provocando un forte aumento di temperatura nelle rocce con cui viene a contatto.
Attorno alla massa di magma le rocce subiscono delle modificazioni nella composizione
dei minerali.
La temperatura e la pressione che innescano il metamorfismo sono conseguenze del calore
interno della Terra e del peso delle rocce sovrastanti. Al variare dell’intensità del metamorfismo
si formano minerali nuovi. Tali minerali indice consentono di stabilire la facies metamorfica,
cioè la profondità della crosta alla quale si è verificata la trasformazione che ha portato alla
roccia metamorfica. L’ultrametamorfismo si ha quando un ulteriore aumento di temperatura
provoca la fusione totale delle rocce e dà origine a un magma rigenerato o anatettico.
I diversi processi litologici fanno parte di un ciclo litogenetico, nel quale i materiali della crosta
terrestre
vengono continuamente rimaneggiati e riciclati. Il ciclo litogenetico non è perfettamente chiuso, ma è
soggetto ad apporti di materiale fuso proveniente dal mantello. Inoltre, il ciclo non è chiuso neanche nei
confronti di perdite verso l’esterno: atmosfera e idrosfera, infatti, si sono accumulate e vengono
continuamente «alimentate» grazie ai processi vulcanici.

I metodi di datazione delle rocce


Le rocce hanno età differenti. Alcune si sono formate nei primi stadi di evoluzione del pianeta; altre
sono molto più recenti.
Le rocce sono le testimonianze di eventi che si sono verificati in un passato lontano. Attraverso il loro
studio e la loro datazione (stabilendone l’età) è possibile ricostruire la storia del pianeta. La datazione
delle rocce può avvenire in due modi.
1. Si può stabilire se una roccia è più antica o più recente di altre ( datazione relativa), anche senza
sapere quanto tempo fa si sono formate. La Stratigrafia è quella parte delle scienze geologiche
che ha come obiettivo la ricostruzione della storia della Terra attraverso la ricostruzione
dell’ordine in cui si sono formate nel tempo le rocce della crosta. Se si esaminano, dal basso in
alto, gli strati di una successione di rocce sedimentarie, osserviamo che i fossili che si trovano
per primi (sotto) sono presenti per un certo spessore di strati, poi scompaiono lasciando il posto

77
a fossili di altri organismi. Questi vengono sostituiti a loro volta da altri fossili, e così via. Ogni
tipo di fossili è collegato a un certo momento dell’evoluzione della vita sulla Terra.
2. Si può attribuire alla roccia un’età in anni (datazione assoluta). Il metodo radiometrico è il
metodo più largamente impiegato per determinare l’età in anni delle rocce; esso si fonda sulla
radioattività naturale di alcuni elementi presenti nelle rocce.

Il modellamento del rilievo terrestre

La degradazione meteorica delle rocce


Tutte le forme del rilievo terrestre sono il prodotto di due grandi categorie di forze geodinamiche:
– le forze endogene provocano il sollevamento delle montagne, gli innalzamenti e gli
abbassamenti delle aree continentali e marine, il vulcanismo;
– le forze esogene si identificano con i processi alimentati dall’energia proveniente dal Sole che
determina l’azione degli elementi atmosferici, delle acque correnti, dei ghiacciai, del mare. Gli
agenti esogeni esplicano un’azione di erosione, trasporto e deposizione
L’entità di queste modifiche dipende in notevole misura dal tipo di roccia. La scienza che studia le
forme del rilievo terrestre, la loro genesi e la loro evoluzione è la Geomorfologia.
L’attacco della roccia superficiale da parte degli agenti atmosferici costituisce la degradazione
meteorica, che comprende sia la disgregazione fisica delle rocce (cioè la rottura in frammenti), sia la
loro alterazione, ossidazione o dissoluzione. La disgregazione delle rocce si deve a processi di natura
fisica (che non modificano cioè la loro composizione chimica), mentre l’alterazione avviene mediante
processi chimici. Questi fenomeni si svolgono congiuntamente, rafforzandosi a vicenda; tuttavia, i
processi fisici prevalgono nelle regioni aride o fredde, mentre quelli chimici in genere dominano nelle
regioni umide e calde.
Come tutti i corpi, le rocce si dilatano quando si riscaldano e si contraggono se si raffreddano. A lungo
andare, le continue dilatazioni e contrazioni delle porzioni più esterne causano l’indebolimento della
roccia e il distacco di frammenti. Questo fenomeno di disgregazione delle rocce, che è detto
termoclastismo, si verifica dove è marcata l’escursione termica giornaliera (la differenza tra la
temperatura massima e quella minima registrate nelle 24 ore). Quando invece l’acqua presente negli
interstizi e nelle fratture delle rocce congela, aumenta di volume ed esercita sulle pareti delle cavità una
pressione tanto intensa da allargare le fessure e spezzare la roccia. Questo processo di disgregazione
della roccia è detto crioclastismo. Infine, si ricorda anche il processo di degradazione fisica ad opera
dell’attività biologica di alcuni organismi viventi definito bioclastismo.
La degradazione chimica delle rocce comprende la dissoluzione e l’alterazione. Entrambi questi
processi consistono in reazioni chimiche che si verificano tra i minerali delle rocce e l’acqua meteorica
o l’aria. L’ossigeno contenuto nell’aria, o quello disciolto nell’acqua di pioggia, agisce soprattutto sulle
rocce costituite da minerali che contengono ioni ferro. La reazione chimica che avviene tra il ferro e
l’ossigeno è l’ossidazione. Anche l’acqua piovana può agire chimicamente sulle rocce. L’anidrite si
trasforma in
gesso quando viene a contatto con l’acqua, secondo una reazione chimica che è chiamata idratazione.
L’acqua può anche sciogliere vari composti minerali, da sola o con l’aiuto di altre sostanze, come
l’anidride carbonica. Questo processo, detto dissoluzione, è molto importante nel modellamento del
rilievo in alcune regioni.
In varie regioni della Terra la dissoluzione contribuisce in modo determinante a modellare il rilievo. In
particolare, la dissoluzione delle rocce calcaree ad opera delle acque meteoriche dà luogo al carsismo
(dal nome della regione del Carso, al confine tra l’Italia e la Slovenia). L’effetto morfologico della
dissoluzione dei calcari è la formazione di paesaggi carsici. Per lo sviluppo del carsismo è necessario
che le rocce siano intensamente fessurate
1. La pioggia cattura piccole quantità di anidride carbonica.
78
2. Avviene una reazione chimica tra l’acqua e l’anidride carbonica; così si forma un acido.
3. L’acqua acidulata viene a contatto con le rocce calcaree.
4. Il carbonato di calcio, principale componente delle rocce calcaree, è quasi insolubile in acqua;
ma, a contatto con l’acqua acidulata, si trasforma in bicarbonato di calcio, invece solubile.
5. L’acqua meteorica asporta con facilità il bicarbonato di calcio.
Il processo è visibile in superficie, dove la roccia affiora (forme carsiche epigee, uvala o polje), ma
prosegue anche all’interno delle masse rocciose, dove l’acqua penetra attraverso le fratture e fra gli strati
della roccia (forme ipogee) dando origine a cavità sia semplici che complesse formate da pozzi e
gallerie al cui interno possono essere presenti stalattiti o stalagmiti. I rilievi calcarei modellati dalla
dissoluzione evolvono secondo un ciclo carsico che presenta diversi stadi (giovinezza, maturità,
vecchiaia).La dissoluzione può avere luogo anche su altri materiali come salgemma, gesso e dolomie.

I materiali che derivano dalla disgregazione e dall’alterazione chimica delle rocce vanno incontro a
differenti destini a seconda della pendenza del terreno:
– se le superfici rocciose sono orizzontali o poco inclinate, i prodotti della degradazione
rimangono in posto e formano un mantello detritico (regolite);
– se le superfici rocciose sono molto inclinate i frammenti cadono, si accumulano alla base dei
versanti e originano coni di detrito o falde di detrito.

79
Il suolo e i movimenti franosi
Il suolo è la porzione più esterna e più sottile della crosta terrestre; la sua esistenza è in buona parte
conseguenza della degradazione delle rocce. Costituito da un insieme di particelle rocciose degradate,
materia organica, acqua e aria, esso si forma attraverso l’attività congiunta degli organismi viventi
(batteri, funghi, piante e animali) e degli agenti atmosferici.
Il

processo di formazione del suolo avviene in tempi lunghi e passa attraverso stadi successivi. In esso si
differenziano vari livelli, detti orizzonti.
Più il suolo è di colore scuro e maggiore è la quantità di humus che contiene. L’humus è formato da
materia organica finemente suddivisa e parzialmente decomposta. Gli elementi climatici principali che
concorrono alla formazione del suolo sono tre:
1. le precipitazioni;
2. la temperatura;
3. il vento.
Una frana consiste nel movimento, spesso improvviso, di una ingente massa di materiali rocciosi che
scende lungo un versante per effetto della forza di gravità. Il franamento è un fenomeno favorito dalla
disgregazione meteorica delle rocce ed è determinato da tre fattori principali:
– il tipo di materiale che costituisce il versante;
– l’inclinazione del pendìo (l’elevata inclinazione dei versanti contribuisce alla tendenza dei
materiali a crollare, scivolare o colare);
– – la quantità d’acqua presente nei materiali rocciosi, che dipende dalla loro porosità e
fessurazione, e dall’abbondanza delle precipitazioni.
Nelle frane si distinguono:
– la nicchia di distacco, l’intaccatura del pendio che segna il limite tra la roccia rimasta in posto e
quella franata;
– il pendio di frana, il tratto di versante sul quale si sono spostati i materiali franati;
– l’accumulo di frana, costituito dai detriti rocciosi che si sono arrestati formando una massa
caotica.
Anche se gran parte delle frane è dovuta a cause naturali, le attività umane – come il diboscamento,
l’intensa urbanizzazione e certi interventi sul corso dei fiumi – contribuiscono ad aggravare il
fenomeno; nell’innesco delle frane svolgono un ruolo determinante tutte quelle attività umane che
alterano l’equilibrio dei versanti.

80
L’azione delle acque correnti e del vento
L’azione morfologica delle acque superficiali è preceduta da quella delle piogge che possono vincere la
coesione del terreno. Tutte le terre emerse hanno subìto – e subiscono ancora oggi – l’azione erosiva
delle acque correnti. Tra queste acque si distinguono:
– quelle che scorrono in modo disordinato, cioè senza un corso ben definito, chiamate acque
dilavanti;
– quelle che scorrono in letti (o alvei), chiamate pertanto acque incanalate.
Mentre le acque dilavanti operano l’erosione in maniera areale (cioè diffusa su vaste superfici), le acque
incanalate operano invece in senso lineare e perciò scavano nel terreno solchi più o meno lunghi e
profondi, chiamati solchi vallivi. Le acque dilavanti scorrono seguendo le pendenze del rilievo e, a
volte, formano un velo continuo che riesce ad asportare anche i detriti più fini.
Il profilo longitudinale di un corso d’acqua è una curva la cui pendenza è variabile, pur tendendo a
diminuire dal corso superiore al corso inferiore fino al livello di base. Con un meccanismo di erosione
regressiva il profilo longitudinale con il tempo assume la forma di una curva parabolica tangente al
livello
di base: si raggiunge così il profilo di equilibrio. I corsi d’acqua operano anche un’erosione laterale
che determina lo scalzamento delle sponde.
Dall’azione combinata dell’erosione lineare, dell’erosione laterale e della denudazione dei versanti
deriva la sezione trasversale a V delle valli fluviali.

Le forme del rilievo modellate dai corsi d’acqua sono di due tipi: forme di erosione, legate
all’asportazione di frammenti rocciosi, e forme di deposizione, dovute all’accumulo di detriti.
Erodendo le rocce, le acque incanalate creano solchi che con il tempo si trasformano in vere e proprie
valli.

Il deposito dei detriti


avviene più
frequentemente nelle
zone più depresse, dove
l’accumulo dei materiali
trasportati forma le
ampie distese
pianeggianti – talvolta
di notevole spessore –
delle pianure
alluvionali.

81
I corsi d’acqua producono anche alcune forme in parte di erosione e in parte di accumulo: i meandri e i
terrazzi fluviali. Presso la foce i materiali trasportati possono formare un delta che si estende a
mantello con una scarpata sommersa e una parte pianeggiante emersa. Laddove le maree disperdono i
sedimenti si formano gli estuari.
Nell’ultimo tratto di un corso d’acqua, cioè presso la foce, la velocità della corrente diminuisce e il
fiume non è più in grado di trasportare detriti. Il graduale abbandono dei detriti porta alla formazione di
un delta, una forma di deposito costiero. Le foci a delta si formano dove l’azione distruttiva del mare è
troppo debole per disperdere i materiali trasportati dalla corrente fluviale. Le foci a delta sono comuni
nel Mar Mediterraneo di cui il Po ne è un esempio.
Dove invece i dislivelli tra alta e bassa marea sono notevoli, l’azione costruttiva dei fiumi viene
contrastata dai movimenti dell’acqua marina. In questo caso le foci sono larghe, a forma di imbuto e
vengono chiamate estuari. Le foci a estuario sono comuni lungo le coste oceaniche.

Il

modellamento del rilievo ad opera dei corsi d’acqua avviene attraverso fasi successive che costituiscono
un ciclo di erosione:
– nello stadio di giovinezza le valli sono strette e profonde, i corsi d’acqua presentano cascate e
rapide, il reticolo idrografico è disorganizzato;
– nello stadio di maturità le valli si sono estese a monte, il reticolo idrografico è ben organizzato,
– i corsi d’acqua principali hanno quasi raggiunto il loro profilo di equilibrio;
– nello stadio di vecchiaia i versanti raggiungono la minima inclinazione, l’erosione e il trasporto
sono molto ridotti, le alluvioni colmano anche il tratto medio e superiore delle valli.
Al termine dell’ultimo stadio il rilievo primitivo è ridotto a una superficie di spianamento, detta
penepiano. In natura sono rari i paesaggi che hanno raggiunto un completo stadio di vecchiaia perché
una ripresa dell’attività delle forze endogene o una variazione climatica hanno spesso interrotto il ciclo
evolutivo (ringiovanimento del rilievo). Dove prevale la disgregazione meteorica e l’azione delle acque
dilavanti, si formano altre superfici di spianamento, dette pedepiani.
Il vento può asportare polveri, granuli di sabbia, piccoli ciottoli, e li può trasportare, sollevandoli o
facendoli rotolare; infine li può deporre. Caratteristica del vento è la sua capacità di agire
indipendentemente dalla forza di gravità. L’azione meccanica del vento consiste nella spinta che esso
imprime agli oggetti che si oppongono al suo movimento. Tale azione, indipendente dalla gravità, è
particolarmente accentuata nelle zone di alta montagna e nelle regioni aride dove la copertura vegetale è
ridotta o assente.
L’azione morfologica del vento (azione eolica) è presente ovunque, ma è particolarmente intensa nelle
zone povere di vegetazione e dove è poco marcata l’azione delle acque superficiali. Il vento asporta i
detriti presenti fra i ciottoli o fra i blocchi di roccia e nelle fessure degli affioramenti rocciosi. Questo
processo è chiamato deflazione.
Il vento, però, da solo non è in grado di svolgere una marcata azione erosiva; questa si compie
essenzialmente a causa degli urti ad alta velocità delle particelle che l’aria trascina nel suo movimento.
L’azione abrasiva del vento è chiamata corrasione.
82
I depositi eolici sono formati da sabbie e
polveri che possono essere state trasportate
anche a grandi distanze dal luogo in cui
sono state prelevate. La maggior parte dei
depositi eolici si trova nei deserti e nelle
aree costiere. Nelle zone pianeggianti, sotto
la spinta di un vento forte, il materiale
sabbioso viene trasferito da un punto
all’altro, e quindi viene deposto contro gli
ostacoli o dietro di essi, nei punti in cui
l’aria è più calma; qui può accumularsi e
formare delle piatte distese sabbiose, oppure
dei rilievi sabbiosi chiamati dune. Di solito
le dune non sono fisse, ma si spostano con il
tempo.

L’azione dei ghiacciai


I ghiacciai hanno svolto – e svolgono ancora nelle regioni a clima nivale – un ruolo importante nel
modellamento del rilievo, con la loro azione combinata di erosione, trasporto e deposizione.
I ghiacciai, infatti, non sono immobili, ma si muovono verso valle sotto la spinta del loro peso.
L’erosione glaciale si compie essenzialmente attraverso due processi: l’estrazione, che consiste nella
frantumazione e nello sradicamento di blocchi e frammenti dal letto roccioso sul quale si muove il
ghiaccio per effetto delle continue alternanze di gelo e disgelo che si verificano ai margini e sul fondo
del ghiacciaio e nell’azine divaricatrice del ghiaccio che completa la rottura e allontana i materiali che
ne derivano; e l’esarazione, che consiste nell’abrasione o erosione meccanica delle rocce da parte del
ghiaccio e soprattutto dei blocchi e frammenti rocciosi che esso trasporta, ovvero della corrente glaciale
delle eventuali acque di fusione che scorrono sotto il ghiaccio.
I ghiacciai scavano il fondo roccioso ed esercitano un’intensa azione abrasiva grazie ai materiali che
trasportano determinando la formazione dei circhi glaciali. Le lingue glaciali invece, con il loro
poderoso scorrimento, scavano valli diverse da quelle di origine fluviale. Infatti, a differenza dei corsi
d’acqua, che concentrano la loro azione erosiva lungo una linea, il ghiaccio erode la depressione in cui
scorre per tutta la sua ampiezza. Le valli glaciali hanno quindi una forma a U.
A differenza dell’acqua dei fiumi, il ghiaccio dei ghiacciai si comporta come una massa nello stesso
tempo viscosa e plastica e può quindi superare le contropendenze e approfondire le depressioni, il cui
fondo può essere scavato anche al di sotto del livello del mare. I materiali trasportati dal ghiaccio si
accumulano ai fianchi, sul fondo e alla fronte del ghiacciaio (cioè subito a valle della parte terminale
della lingua glaciale) e formano dei grandi ammassi, detti morene, di cui le forme più imponenti sono
gli anfiteatri morenici.

L’effetto di rimodellamento del mare sulle coste


L’abrasione marina – cioè l’attività erosiva del mare – è causata soprattutto dalle onde e solo in
minima parte dalle maree e dalle correnti. Essa è particolarmente efficace lungo le coste con acque poco
profonde, dove le onde, per l’attrito con il fondo, danno origine ai frangenti.
Il mare non compie soltanto azioni distruttive ma opera anche come agente di trasporto e di
deposizione. Infatti, i suoi stessi movimenti ridistribuiscono lungo la costa i detriti prodotti dall’erosione
marina e quelli che vengono scaricati in mare dai fiumi.
Onde, maree e correnti agiscono modellando le coste e, a seconda che prevalga il processo di erosione o
quello di deposizione, possono portare all’arretramento o all’avanzamento della linea di costa.
83
Le coste possono essere classificate – per semplicità – in due categorie, a seconda della loro
conformazione: coste basse e coste alte.
Le coste basse degradano verso il mare con una debole inclinazione, esse sono rappresentate dalle
spiagge in genere, dai lidi, dalle lagune, dagli stagni costieri, dai delta. Le coste basse derivano dal
deposito di detriti rocciosi trasportati dalle onde. Nelle insenature o comunque in zone con acque poco
profonde e riparate, dove le onde abbandonano ciottoli e sabbie, si formano le spiagge. Talvolta i
materiali vengono deposti a una certa distanza dalla riva. Il cordone litoraneo emerso è detto lido. Di
solito, i lidi si formano all’ingresso di insenature o di baie e finiscono per delimitare specchi d’acqua più
o meno grandi, chiamati lagune o laghi costieri.
Le coste alte, invece, possono ergersi sopra il livello del mare anche di parecchie centinaia di metri e
sono falesie, fiordi e coste tettoniche.
1. Le falesie sono coste molto ripide, che si generano quando l’abrasione marina agisce in modo
uniforme lungo un tratto di costa alta e rocciosa, in queste condizioni, in corrispondenza del
livello medio del mare si forma un solco di battigia che si approfondisce sempre più sino a
determinare il crollo della parete rocciosa sovrastante.
2. I fiordi, tipici della Norvegia, sono insenature lunghe e strette che penetrano profondamente
nella terraferma.
3. Le coste tettoniche si trovano in zone caratterizzate da strutture a pieghe o a faglie.
Come tutti i tipi di paesaggio, i litorali non sono stabili nel tempo. Si verificano cambiamenti sia a
lungo, sia a breve termine. I cambiamenti a lungo termine, che si protraggono per tempi geologici, sono
dovuti esclusivamente a cause naturali. Ne sono responsabili i fenomeni orogenetici, i fenomeni
isostatici, le oscillazioni eustatiche del livello marino, la subsidenza delle aree costiere, le oscillazioni
del suolo legate a fenomeni vulcanici.
I cambiamenti a breve termine, che si manifestano in tempi storici, stagionali o giornalieri, sono dovuti
sia a cause naturali, sia a cause antropiche. Ne sono responsabili, ad esempio, le opere marittime, i
prelievi di materiali sabbioso e ghiaioso dagli arenili, gli sbarramenti fluviali (dighe).

84
L’evoluzione del piante Terra

Il passato del pianeta Terra


Le caratteristiche attuali del pianeta Terra sono il risultato di un’evoluzione durata miliardi di anni, nel
corso della quale tutte le componenti del Sistema Terra hanno subìto importanti cambiamenti.
Studiando i fossili contenuti nelle rocce sedimentarie e integrando queste informazioni con i dati che si
ricavano utilizzando il metodo radiometrico, gli scienziati hanno costruito una scala dei tempi geologici
(o scala stratigrafica) che riassume le tappe della storia del pianeta. A partire dai tempi più antichi si
distinguono 4 ere geologiche:
– il Precambriano,
– l’Era paleozoica,
– l’Era mesozoica,
– l’Era cenozoica.
Un insieme di ere è chiamato eòne. Le ere geologiche sono suddivise in periodi, che corrispondono a
stadi dell’evoluzione del pianeta e che comprendono, tra l’altro, grandi eventi biologici.
Il processo di formazione del pianeta inizia circa 4,6 miliardi di anni fa. A circa 4 miliardi di anni fa
risalgono le rocce più antiche finora trovate. A 3,5 miliardi di anni fa risalgono invece le più antiche
tracce di organismi viventi.
A partire da poco più di 3 miliardi di anni fa si attiva la Tettonica delle placche. All’inizio del
Cambriano (circa 600 milioni di anni
fa), compaiono forme di vita animali
e vegetali più complesse.

85
I fossili
I fossili sono resti o impronte di organismi viventi, rimasti «inglobati» negli strati delle rocce
sedimentarie. I fossili comprendono parti dure di organismi (gusci, scheletri), impronte o modelli di
corpi, tracce (orme, cunicoli di vermi), animali interi mummificati o insetti racchiusi nell’ambra.
I fossili si trovano all’interno delle rocce sedimentarie, perché si formano quando gli organismi
muoiono e vengono sepolti dai sedimenti, oppure quando si muovono sui sedimenti e vi lasciano
impresse le loro tracce. I fossili aiutano a ricostruire l’evoluzione della Terra:
– forniscono informazioni sulle singole specie e sugli ambienti nei quali vivevano,
– mostrano che la vita sulla Terra ha conosciuto lunghi periodi di sviluppo separati da eventi di
estinzione in massa, durante i quali il numero di specie viventi si è ridotto notevolmente.
I fossili di organismi vissuti per un breve periodo di tempo, ma su un’area geografica estesa (detti fossili
guida), hanno permesso – con la loro presenza limitata a piccoli spessori di rocce ma diffusa in ampie
regioni – di ricostruire, per tutto il pianeta, la successione delle ere geologiche e la loro suddivisione nei
periodi. Forniscono informazioni anche sul clima di un’area geografica in un certo periodo geologico.

La

fossilizzazione è il processo di formazione di un fossile. Le modalità con cui esso avviene dipendono
dal tipo di organismo e dall’ambiente in cui il processo si verifica. I processi di fossilizzazione più
comuni sono la mineralizzazione, per organismi con parti dure del corpo, e la carbonizzazione, per i
vegetali.
La mineralizzazione è il processo più comune di fossilizzazione. Essa si verifica soprattutto per le parti
dure del corpo e avviene di solito in ambiente acquatico, durante la compattazione e la cementazione dei
sedimenti che circondano il corpo dell’organismo.
La carbonizzazione è il processo che determina la formazione dei carboni fossili. Si verifica quando i
resti di intere foreste rimangono seppelliti sotto i sedimenti.
Uno tra i processi di fossilizzazione di un organismo meno comuni – ma molto interessante perché
permette la conservazione delle sue parti molli – è l’inglobamento, per esempio nell’asfalto naturale o
nell’ambra, la resina indurita di antiche conifere, e nel permafrost, il terreno perennemente gelato della
tundra in vicinanza del Circolo polare artico.

86
Il Precambriano
Il Precambriano è un periodo di tempo lunghissimo, che corrisponde all’85% di tutta la storia della
Terra: dalla formazione del pianeta (4,6 miliardi di anni fa) fino all’inizio dell’Era paleozoica (570
milioni di anni fa). È la parte della storia della Terra meno conosciuta. Il raffreddamento del pianeta fu
accompagnato da grandi emissioni di gas, che, liberati nell’atmosfera primordiale (formata in
prevalenza da idrogeno ed elio), ne modificarono la composizione. La nuova atmosfera conteneva azoto,
vapore acqueo e anidride carbonica, oltre a metano, ammoniaca, idrogeno ed elio, già presenti in
precedenza.
Le più antiche rocce finora rinvenute risalgono a circa 4,2 miliardi di anni fa.
A quell’epoca, quindi, poiché nel frattempo si era formata l’idrosfera (per la condensazione del vapore
acqueo presente nell’atmosfera), la superficie della Terra doveva essere ricoperta da mari poco profondi.

Già oltre 3 miliardi di anni fa poteva essersi innescato un


meccanismo simile a quello della Tettonica delle placche.
Circa 1 miliardo di anni fa il «vagabondare» di continenti ha
portato alla formazione, collisione dopo collisione, di un’unica
terra emersa, un «supercontinente»: i geologi lo hanno
chiamato Rodìnia.

Nell’ambiente dei primi mari avvennero le reazioni chimiche in grado di trasformare le semplici
molecole inorganiche nelle molecole organiche di cui sono fatti gli organismi. Circa un miliardo di anni
dopo la comparsa della vita sulla Terra, si svilupparono i primi organismi autotrofi: ne sono un esempio
certi tipi di alghe. La composizione dell’atmosfera si arricchì così di un nuovo costituente: l’ossigeno.
Questa trasformazione dell’atmosfera è testimoniata dalle stromatoliti.

Intanto la vita continuò a evolversi; circa 1,4 miliardi di anni fa comparvero i primi organismi eucarioti:
si trattava di organismi formati ancora da una sola cellula, ma con un’organizzazione interna molto più
complessa. E dopo «appena» 800 milioni di anni, verso la fine del Precambriano, comparvero organismi
pluricellulari, come meduse e molluschi.

87
Il Paleozoico
L’Era paleozoica iniziò 570 milioni di anni fa e si concluse 245 milioni di anni fa (il termine
paleozoico significa, infatti, «della vita antica»).
L’Era paleozoica è suddivisa in 6 periodi che, a partire dal più antico, sono: il Cambriano,
l’Ordoviciano, il Siluriano, il Devoniano, il Carbonifero e il Permiano.
Durante l’Era paleozoica le placche litosferiche in cui erano incastonati i continenti si spostarono sulla
superficie terrestre. La loro collisione provocò il sollevamento di nuove montagne e, alla fine dell’era, le
terre emerse erano unite in un unico supercontinente: la Pangèa.
Intanto nei mari e sulla terraferma «esplose» la vita: moltissime specie animali e vegetali fecero la loro
comparsa.
Comparvero diversi invertebrati marini, risalenti a 530 milioni di anni fa, tra cui i trilobiti, con
caratteristiche intermedie tra insetti e crostacei, fossili guida del Paleozoico. Nell’Ordoviciano
comparvero gli Ostracodermi, primi vertebrati e antenati dei pesci. Il Devoniano è conosciuto come
«l’età dei pesci», perché furono protagonisti di questa nuova fase dell’evoluzione. Alcuni di essi si
adattarono alla vita sulla Terra, dando origine ai primi anfibi. Le piante si diffusero verso l’interno dei
continenti e nel carbonifero c’erano immense foreste. Nel Permiano fecero la loro comparsa i primi
rettili.
Al termine del Paleozoico, però, si assisté a una drastica crisi biologica: nel giro di qualche milione di
anni, probabilmente a causa di cambiamenti climatici legati alla formazione della Pangèa, scomparve
l’85% delle forme viventi.

Il Mesozoico
L’era dei rettili, o meglio l’Era mesozoica, copre il lungo intervallo di tempo compreso tra 245 e 65
milioni di anni fa.
L’Era mesozoica è divisa in tre periodi, che, a partire dal più antico, sono il Triassico, il Giurassico e il
Cretacico.
L’evento geologico più importante dell’Era mesozoica fu la frammentazione della Pangèa.

88
Sulle terre emerse si diffusero le conifere e, verso la metà dell’era, comparvero le prime angiosperme,
piante dotate di fiori. Nei mari comparvero nuovi coralli e le ammoniti, molluschi che sopravvissero
per tutta l’era con un gran numero di forme. Le ammoniti sono pertanto utilizzate come fossili guida
dell’Era mesozoica.
Ma il Mesozoico fu soprattutto l’«era dei rettili» (tra cui anche i dinosauri), che dominarono il pianeta
per oltre 160 milioni di anni. All’ombra dei rettili maturarono altri «prototipi » biologici, nei quali
comparve la capacità di mantenere costante la temperatura del corpo, detta omotermia (erano cioè «a
sangue caldo», in contrapposizione ai rettili «a sangue freddo»). Nelle nuove forme l’embrione si
sviluppava completamente all’interno del corpo della madre, fino al momento del parto, che produceva
un individuo già relativamente maturo. Queste novità segnano la comparsa dei mammiferi.
Nel Giurassico, circa 140 milioni di anni fa, dall’evoluzione di un altro gruppo di rettili, si
differenziarono i primi uccelli.
Alla fine del Mesozoico si verificò una nuova crisi biologica: in alcuni milioni di anni i dinosauri si
estinsero; inoltre, scomparvero le ammoniti insieme a molti altri gruppi di organismi. La scomparsa dei
rettili lasciò libero il campo allo sviluppo dei piccoli e ancora rari mammiferi: quella che seguì fu la loro
era.
Il Cenozoico
Durante l’Era cenozoica la fauna e la flora del pianeta assunsero un aspetto molto simile a quello
attuale.
L’era, iniziata 65 milioni di anni fa, prosegue tutt’ora. Viene suddivisa in tre periodi: Paleogène,
Neogène e Quaternario (il più recente).
Nel Cenozoico grandi collisioni tra alcune placche litosferiche portarono al sollevamento delle catene
alpino-himalayane e l’aspetto del pianeta mutò profondamente.
Gli animali e le piante del Cenozoico erano simili a quelli attuali. I veri protagonisti dell’evoluzione
della fauna furono i mammiferi che, dopo la scomparsa dei rettili mesozoici, si diffusero rapidamente
occupando tutti gli ambienti.
Tra le molte novità di questa era vi è lo sviluppo dei primati, il gruppo zoologico del quale oggi fanno
parte le scimmie e l’uomo. Verso la fine dell’era i mammiferi erano molto simili a quelli che vivono
attualmente.

Il Quaternario
Il Quaternario è un periodo dell’Era cenozoica, iniziato circa 2,6 Ma fa e in corso tutt’oggi. Grandi
glaciazioni si sono verificate spesso nella storia della Terra: si ritiene che siano legate ai moti millenari
del pianeta.
Il clima è stato più freddo di adesso nella parte finale dell’Era cenozoica. Al contrario, durante le fasi
interglaciali il clima era mediamente più caldo di oggi e le masse ghiacciate erano molto ridotte.
Durante i periodi interglaciali, il ghiaccio si scioglieva e l’acqua tornava al mare, il cui livello si alzava
nuovamente, e territori prima asciutti venivano sommersi.

89
Durante il Quaternario comparve il genere Homo, al quale appartiene la nostra specie (Homo sapiens).
Uomini e scimmie appartengono all’ordine dei Primati. Si pensa che le linee evolutive che hanno
portato da un lato all’uomo e dall’altro alle scimmie antropomorfe (come il gorilla e lo scimpanzé) si
siano separate – a partire da un antenato comune – tra gli 8 e i 5 milioni di anni fa, quando una creatura
simile a una scimmia antropomorfa sviluppò un nuovo adattamento: l’andatura bipede (le scimmie
antropomorfe camminano appoggiando al suolo sia le zampe posteriori sia le nocche degli arti
anteriori).
I resti umani più antichi finora scoperti risalgono a circa 2 milioni di anni fa e sono stati trovati in Africa
centrale. Si tratta di crani e utensili di pietra rudimentali, attribuiti a Homo habilis.
Lo stadio successivo dell’evoluzione umana si compì con la comparsa, a partire da circa 1,7 milioni di
anni fa, di Homo erectus. Homo erectus – a differenza di Homo habilis, che visse esclusivamente in
Africa – si diffuse anche in Asia e in Europa. Circa 200 000 anni fa compariva la specie Homo
neanderthalensis,
diffusa in Europa, specie distinta da quella moderna, anche se vicina a questa. Circa 200 000 anni fa
compariva anche Homo sapiens, la specie cui appartiene l’uomo moderno. Originaria dell’Africa, si
diffuse presto negli altri continenti.

Il pianeta e l’uomo
Uno dei problemi fondamentali dell’umanità sta nel rapporto tra il rapido accrescimento della
popolazione e l’incremento delle risorse necessarie per la vita degli esseri umani.
Occorre l’impegno di tutti i popoli e di ciascun individuo per uno sviluppo sostenibile, ossia per uno
sviluppo che non rechi danni irreversibili all’ambiente. La popolazione umana è in aumento
(espansione demografica) e il fenomeno pone problemi che è necessario conoscere. Una delle
conseguenze dell’espansione demografica è l’ampliamento dell’ecumene (con la conquista delle frange
pioniere dell’ecumene). La densità di popolazione (numero di abitanti per km2) mette in luce zone di
addensamento, cui si contrappongono zone di rarefazione.
Popolamento e sovrappopolamento sono fenomeni dinamici, che nascono dal rapporto tra popolazione e
«produttività» del luogo.
Per definire la capacità di popolamento di un Paese bisogna considerare l’utilizzazione delle risorse
naturali, e quindi le attività economiche. Le risorse naturali comprendono entità biologiche (risorse
biologiche) e risorse inanimate (risorse minerarie). Le attività economiche (primarie, secondarie,
terziarie e quaternarie) sono tutte le attività rivolte a soddisfare i bisogni (materiali e spirituali) degli
esseri umani. Le Scienze della Terra devono sviluppare le conoscenze per reperire risorse energetiche
naturali e materie prime naturali.
I giacimenti minerari derivano dall’arricchimento locale, nella crosta, di un determinato materiale.
I giacimenti di origine magmatica derivano dal raffreddamento di un magma (segregazione magmatica,
attività idrotermali). Tra i giacimenti di origine metamorfica sono le concentrazioni di minerali che si
formano per contatto tra un magma e le rocce entro cui è avvenuta la sua intrusione. I giacimenti
sedimentari sono sia alluvionali, sia di origine chimica (evaporiti e rocce residuali). I giacimenti di
idrocarburi e di carboni fossili sono di origine sedimentaria (rocce organogene).
Le risorse inanimate sono i quantitativi totali di un materiale presente nella crosta terrestre, risultanti
dall’evoluzione geologica. Le risorse energetiche naturali sono in gran parte non rinnovabili.
Per la loro utilizzazione bisogna fare riferimento alle riserve, cioè alla parte di risorse effettivamente
recuperabile. Bisogna pianificare la ricerca e l’uso di fonti alternative (energia e materie prime) e
impiegare in modo razionale quelle esistenti.
La ricerca di giacimenti minerari si basa sulle conoscenze dei processi che portano alla loro formazione:
geochimica, aeromagnetica, immagini da satellite. La ricerca di risorse minerarie ha assunto dimensioni
planetarie, guidata dalle conoscenze geologiche.

90
Nel caso degli idrocarburi la ricerca si è orientata sull’analisi di grandi accumuli sedimentari, perché
l’origine di tali strutture geologiche offre le migliori opportunità perché la sostanza organica nei
sedimenti possa trasformarsi e accumularsi in giacimenti.
Nel caso dei carboni fossili la ricerca ha messo in evidenza la necessità di rintracciare aree della
superficie terrestre che nel passato si siano trovate in fasce climatiche favorevoli a un grande sviluppo
di vegetazione. La scoperta della deriva dei continenti ha orientato le ricerche anche verso antiche aree
che risultano «migrate» ben lontane da tali fasce climatiche.
Un importantissimo problema dello sfruttamento delle risorse minerarie è l’impatto ambientale. Vasti
scavi, accumuli di scarti, dispersione di polveri, liquami e fumi sono all’origine del degrado di ampie
aree e di forme di inquinamento dell’idrosfera e dell’atmosfera, di cui il sistema Terra risente a scala
globale.
La sfida che abbiamo di fronte è la corretta gestione dell’ambiente a livello mondiale, per avere una
qualità della vita accettabile per tutti.

91