Sei sulla pagina 1di 31

n o

ila
i M
i d
u d
l i St
g e
Istituzioni di Economia i t à d
e r s
n i v
t U
i g h
y r
o p
a.a. 2020-2021
C semestre
Secondo

Prof.ssa Bozzano Monica


n o
ila
i M
i d
u d
l i St
eg
à d Misurare Lo
i t
ers
ni v Sviluppo Economico
t U
i gh
y r
o p
C
Di cosa parliamo oggi?
n o
ila
i M
Come si misura lo sviluppo economico
i d
u d
Quali dimensioni vanno considerate
l i St
eg
Quali indicatori vengono utilizzati dalle OI
à d
i t
Come si calcolano
ers
Critiche ed estensioni n i v
t U
i g h
y r
o p
C
Chiariamoci le idee…
n o
la i
Sviluppo economico e crescita economica: sono la stessa i M cosa?
i d
Cosa si intende con crescita economica di un t u d
paese?
l i S
Cosa si intende per sviluppo economico
e g di un paese?
à d
Come si misura la crescita economica?
s i t
e r
Come si misura lo sviluppo
n i v economico?
t U
i g h
y r
o p
C
Crescita vs. Sviluppo
n o
ila
 Crescita Economica: i M
i d
d
 Consiste nell’aumento di beni e servizi prodotti da un sistema
u
l i St
economico in un certo periodo di tempo. Concetto quantitativo.
 Sviluppo Economico: eg
à d
i t
 È un concetto più ampio che comprende anche elementi di
ers
qualità della vita di natura sociale, culturale e politica.
ni v
 Concetto multidimensionale e incentrato sulle persone.
t U
i gh
y r
p
La crescita economica può essere considerata come condizione
o
C
necessaria ma non sufficiente dello sviluppo economico di un Paese.
Crescita Economica
n o
ila
M i
Le misure della crescita economica possono dare i d
un’idea distorta del
u d
t l’aspetto della
livello di reddito di un paese, ad esempio,Sse
g l i
distribuzione del reddito non è considerata.
d e
i t à
e r s
Una piccola frazione della popolazione può possedere la maggior
parte del benessere del n v
i paese. Ne consegue che il livello di benessere
t U
umano della maggior
i g h parte della popolazione sia molto basso.
y r
o p
C
Misurare la crescita o la ricchezza di una nazione
n o
Si usano misure di performance economica in termini i la di
reddito, spesa e prodotto nei vari paesi: i M
i d
 PIL, Prodotto Interno Lordo (GDP – Gross u d
Domestic Product)
 il valore complessivo dei beni e servizi S t
prodotti all'interno di un
g l i
Paese in un certo intervallo di tempo
e
à d
 PNL, Prodotto NazionaleitLordo (GNP – Gross National Product)
r s
 PIL + redditi esteri deieresidenti
i v
n dei non residenti
- redditi interni
U
 PIL(o PNL) h t
pro capite
r i g
 tiene p y
conto della dimensione della popolazione;
o
 PILCreale
 Considera le differenze di livelli dei prezzi in paesi differenti.
Critiche all’uso del PIL
n o
i la
Affidabilità dei dati? M i
i d
Quanto sono accurati i dati nei paesi meno sviluppati?
t u d
Distribuzione del reddito?
l i S
e g
Qualità della vita?
à d
s
Variazioni della crescita economica i t di un paese implicano un miglioramento
della qualità di vita della v e r
popolazione?
n i
Cosa succede agli orari di lavoro, alla salute, alle famiglie?
t U
Impatto deiig h di cambio?
tassi
y r
o p
Differenze nei tassi di cambio possono creare distorsioni nei confronti tra paesi –
C
PPP
Critiche all’uso del GDP
n o
ila
Economia sommersa/informale? i M
i d
d
Alcune attività economiche non sono riportate nelle statistiche
u
l i St
nazionali, a maggior ragione in paesi meno sviluppati.
g e
Alcune attività economiche sono
d
àillegali.
s i t
e r
n v
Attività lavorative non iretribuite che contribuiscono ugualmente a
U
creare ricchezza –t attività assistenziali e caritatevoli, produzione
g h
casalinga. yri
o p
C
Sviluppo Economico
 la promozione dei diritti umani; n o
ila
M
 l'appoggio alle istituzioni locali con particolare riguardo al diritto alla
i
convivenza pacifica; i d
u d
territoriali; l i St
 la difesa dell'ambiente e lo sviluppo sostenibile delle risorse

eg
d
 lo sviluppo dei servizi sanitari e sociali con attenzione prioritaria ai
à
i t
problemi più diffusi ed ai gruppi più vulnerabili;
ers
 il miglioramento dell'educazione della popolazione, con particolare
ni v
attenzione all'educazione di base;
U
h t
 lo sviluppo economico locale;
r i g
y
 l'alfabetizzazione e l'educazione allo sviluppo;
p
C o
 la partecipazione democratica;
 l'equità delle opportunità di sviluppo e d'inserimento nella vita
sociale.
Lo Sviluppo è un concetto olistico
L’idea di sviluppo incorpora l’idea di variazioni di benessere n o
li a umano
delle genti del mondo. i M
i d
È un concetto normativo: aperto ad interpretazioni t u d e soggettivo.
l i S
Cosa va incluso? e g
à d
Povertà?
s i t
Uguaglianza? e r
n i v
Progresso? t U
i g h
Autostima?
r
p y
o
Libertà?
C
Sostenibilità?
Human Development Approach
n o
ila
i M
i d
u d
“People are the real wealth of a nation. The basic objective of
l i St
development is to create an enabling environment for people to enjoy
g e
large, healthy and creativetà d
lives. […] Human development is a
s i
renlarging people’s choice.
process of
i v e
U n
h t
r i g (Human Development Report 1990)
p y
C o
Come nasce l’approccio dello Sviluppo Umano
n o
i
Mahbub ul Haq (1934-1998): pioniere della teoria dello Sviluppo
la
i M
Umano e fondatore del Human Development Report. i d
u d
Amartya Kuman Sen (1933- ): Premio Nobel per l’Economia: teoria
i St
della sviluppo umano, welfare economics, i meccanismi della
l
eg
povertà, discriminazione di genere e liberalismo politico.
à d
i t
ers
L’approccio dello sviluppo umano utilizzato a partire dal 1990 dal
ni v
United Nations Development Programme come base concettuale per
t U
il Human Development Report.
i gh
y r
o p
C
Human Development Index (HDI)

n o
L'Indice di Sviluppo Umano è un indicatore composito i ladi sviluppo
i M
macroeconomico.
i d
t u d
E’ una misura socio-economica usata per S valutare la qualità della vita
g l i
nei paesi del mondo.
d e
Permette di stilare una graduatoriai t à di tutti i paesi del mondo a
e r s
seconda del livello di n iv
sviluppo umano.
t U
i g h
L’indice di sviluppo umano (HDI) misura lo sviluppo e i progressi
r
y una popolazione nel suo complesso e permette di
raggiuntipda
C o
analizzare i cambiamenti nel tempo.
Perché si usa?
n o
Per enfatizzare che le persone e le loro capacità sono alilcentro a dello
i M
sviluppo e soprattutto il criterio più importante per i d valutare il livello
t u d
dello sviluppo di un paese. S
l i
g nazionale: perché due
Per valutare le scelte di politica economica
d e
paesi con lo stesso livelli di PIL i t à
pro capite mostrano livelli di sviluppo
e r s
umano così differenti? n i v
U
t grandi disparità tra paesi, regioni, tra generi,
i g h
Per riflettere sulle
r
y e altri sottogruppi della popolazione.
gruppi etnici
o p
C
Human Development Index (HDI)
n o
i la
Combina tre dimensioni dello M
L’HDI quindi misura quindi tre
i
sviluppo, includendo anche dimensioni
d
i dello sviluppo
t u d
fattori non monetari S
umano:
i
l  La possibilità di una vita lunga e
 la speranza di vita alla nascita e g
(che esprime anche il grado di
à d salubre (lunghezza della vita),
organizzazione sanitaria); i t
e rs
 il livello di istruzione (misurato  La possibilità di essere educati
ni v
dal tasso di alfabetizzazione
degli adulti e dal numero
(livello di conoscenza),
t U
medio di anni di scuola
frequentati);
i gh
y r
 lo standard di vita  La possibilità di un decente
o p
rappresentato dal PIL reale standard di vita.
C
(convertito in termini di parità
di potere d’acquisto e in dollari
internazionali).
Come è costruito?
n o
ila
i M
i d
u d
l i St
eg
à d
i t
ers
ni v
t U
i gh
y r
o p
C
Human Development Index (HDI): 4 gruppi (HDR 2019)
n o
ila
i M
1) sopra 0,8: sviluppo molto alto. 62 paesi, sono presenti la gran
i d
d
parte dei paesi sviluppati di Nord America, Europa occidentale,
u
Oceania ed Asia dell'Est.
l i St
g
2) tra 0,799 e 0,700: sviluppo alto. 56 paesi, sono presenti la gran
e
d
parte dei paesi in via di sviluppo dell'Europa dell'Est, America Latina,
à
i t
Sudest Asiatico e Caraibi, e i paesi del petrolio della ricca Penisola
Araba e Cina. ers
ni v
U
3) tra 0,699 e 0,55: sviluppo medio. 37 paesi, sono presenti tutti gli
t
i gh
altri paesi con sviluppo intermedio o in via di sviluppo, tra cui l’India.
y r
4) sotto 0,55: basso sviluppo. 36 paesi quasi tutti localizzati in Africa.
o p
C
Distribuzione geografica dell’HDI
n o
ila
i M
i d
u d
l i St
eg
à d
i t
ers
ni v
t U
i gh
y r
o p
C
L’HDI ci mostra qualcosa in più rispetto al PIL
n o
ila
i M
i d
u d
l i St
eg
à d
i t
ers
ni v
t U
i gh
y r
o p
C 20
Critiche HDI
n o
• Non include considerazioni di tipo ambientale, si focalizza ila
i M
esclusivamente sulla perfomance nazionale e sulla graduatoria dei
i d
d
paesi, non guarda allo sviluppo in un’ottica globale.
u
l i St
• Gli indici che compongono l’HDI sono limitati tra 0 e 1. Questo è una
g
limitazione per i paesi ricchi che non possono migliorare il loro posto
e
d
in graduatoria nonostante si possa ancora fare molto per quanto
à
i t
riguarda la crescita economica e la longevità delle persone.
ers
v
• Non riflette la partecipazione politica o le differenze di genere.
ni
U
• Non considera indicatori di libertà e cultura.
t
i gh
• Non considera i diritti umani.
y r
p
• Il concetto di HDI considera l’aspetto materiale dello sviluppo ma
o
C
non quello dello sviluppo morale delle persone.
Miglioramenti successivi e nuovi indici
n o
HPI – Human Poverty Index
i la
i M
HPI 1 i d
u d
HPI 2
l i St
e g
GDI Gender-related Development à d Index
s i t
e r
n i v
Confronta gli squilibri fra generi nelle tre dimensioni, reddito, salute, istruzione dell’HDI

GEM Gender Empowerment


t U Measure
i g h
y r
Misura invece la partecipazione alla vita politica ed economica delle donne

o p
C
Human Poverty Index (HPI)
n o
Introdotto nel 1997, l’HPI è un indice composito che misura “laila
i M
d
privazione in tre dimensioni di base, ovvero una vita lunga e sana, la
i
conoscenza e un tenore di vita decente”. u d
E’ composto dalle seguenti variabili: l i St
eg
- la probabilità alla nascita di non vivere oltre i 40 anni (*100);
à d
i t
- il tasso di alfabetizzazione degli adulti;
ers
- la media non ponderata della quota di popolazione senza accesso ad
ni v
una fonte d’acqua pulita e dei bambini sotto peso di età inferiore a
U
5. h t
r i g
E’ costruito in modo che sia dato un peso maggiore alla dimensione
p y
o
che è affetta da maggiore privazione. (HDP 1997)
C
HPI-1 e HPI-2
n o
ila
i M
i d
u d
l i St
eg
à d
i t
ers
ni v
t U
i gh
y r
o p
C
Povertà assoluta e Povertà relativa
n o
i
Il concetto di povertà si è evoluto storicamente, passando da un
la
i M
d
certa idea di sussistenza ad un concetto basato sui bisogni di base
i
d
e poi ad un concetto che oggi è prevalente basato sull’idea di
u
privazione.
l i St
eg
Povertà assoluta: la situazione in cui gli individui non hanno alcun
à d
accesso alle risorse per soddisfare i bisogni fondamentali (basic
i t
rs
needs) – in particolare quelli di natura materiale, ossia cibo, alloggio
e
e vestiti.
ni v
t U
Povertà relativa: gli individui sono esclusi dalla fruizione delle
i gh
risorse necessarie per condurre un tenore di vita “normale” in base a
y r
specifici standard sociali ed economici, per cui si hanno soglie molto
o p
C
differenti fra i vari paesi.
Una nuova misura per la povertà: MPI
n o
i
Il Multidimensional Poverty Index, o MPI, è una misura elaborata
la
i M
d
per catturare le severe privazioni che colpiscono gli individui nello
i
stesso momento. u d
i St
Cattura sia l’incidenza della privazione sia l’intensità (quanti sono
l
poveri, quanto e in quali dimensioni).eg
à d
t
Può essere usata per avere un’idea complessiva della povertà di un
i
rs
paese e permette di fare confronti sia tra paesi e regioni sia tra
e
ni v
specifici gruppi all’interno della stessa popolazione.
t U
L’MPI si propone come prima misura globale di questo genere e offre
i gh
un valido strumento per coadiuvare altre misure tradizionali della
y r
p
povertà basate sul reddito.
o
C
Multidimensional Poverty Index
n o
la i
M
MPI nel 2020 è stato calcolato per 107 paesi la cuii popolazione totale
i d
ammonta a 5.9 miliardi di persone (77% delladpopolazione
S t u
mondiale).
g l i
d e
Circa 1.3 miliardi di persone (22%) à che vivono nei paesi considerati
s i t
r
vivono in povertà multidimensionale.
e
n i v
U
https://www.youtube.com/watch?v=wsgSxhEsq1o
t
i g h
y r
o p
C
MPI e povertà acuta
n o
ila
L’MPI considera un insieme di fattori critici o “privazioni” al livello di
i M
d
household: dall’educazione alla salute, ai beni e servizi a disposizione.
i
u d
t acuta” che è molto di
Questo permette una chiara visione della “povertà S
g l i
più delle semplici misure basate sul reddito.
e
d
àdimensione può non rappresentare
La privazione riguardante una sola
s i t
r
e persona come povero multidimensionale se i
v
povertà. L’MPI considera iuna
n
t U
vari indicatori di privazione pesati raggiungono almeno il 30%.
i g h
y r
o p
C
Le dimensioni multiple della Povertà
n o
ila
i M
i d
u d
l i St
eg
à d
i t
ers
ni v
t U
i gh
y r
o p
C
Altre misure per uno sviluppo globale?
n o
 Numero di medici pro capite  Happy Planet Index ila
M i
 Numero di frigoriferi pro capite  Gross National
d
i Happiness
t u d
 Numero di televisioni pro capite  Living l i S Planet Index
e g
 Numero di automobili per à d Physical Quality of Life Index
s i t
famiglia e r  Genuine Progress Indicator
n i v
 Attività economica
t U per settore  Freedom House
i g h
r
 Livelli di crimine
y
o p
C su salute e servizi alla
 Dati
salute
n o
ila
i M
i d
u d
l i St
eg
à d
i t
rs e
n i v
t U
i g h BUONO STUDIO!
y r
op
C

Potrebbero piacerti anche