Sei sulla pagina 1di 171

Comportamento delle strutture in c.a.

in zona sismica Pagina i/171

Progettazione di Strutture in C.A. in Zona Sismica

Prof. Paolo Riva


Dipartimento di Progettazione e Tecnologie
Facoltà di Ingegneria
Università di Bergamo
V. Marconi, 5 – 24044 Dalmine (BG)
E-Mail: paolo.riva@unibg.it
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina ii/171

INDICE
pag.
1.  EDIFICI IN C.A. ................................................................................................................................................. 7 
2.  MATERIALI ..................................................................................................................................................... 10 
2.1  Calcestruzzo .................................................................................................................................................... 10 
2.1.1  Comportamento del calcestruzzo confinato con staffe ............................................................................. 11 
2.1.2  Calcestruzzo confinato secondo EC2 ....................................................................................................... 14 
2.2  Acciaio da Armatura ........................................................................................................................................ 16 
2.2.1  Comportamento Meccanico ...................................................................................................................... 16 
3.  PRINCIPALI PRESCRIZIONI NTC E CONFRONTO CON EC8 ............................................................ 22 
3.1  Calcestruzzo .................................................................................................................................................... 22 
3.2  Acciaio da Armatura ........................................................................................................................................ 22 
3.3  Tipologie strutturali e fattori di struttura ......................................................................................................... 23 
3.4  Fattori di Struttura ........................................................................................................................................... 27 
4.  MODELLAZIONE DELLA STRUTTURA ED ANALISI ........................................................................... 29 
5.  DIMENSIONAMENTO E VERIFICA EGLI ELEMENTI STRUTTURALI ............................................ 30 
5.1  Telai - Definizioni (punto 5.1.2 – EC8) e Comportamento ............................................................................. 30 
5.2  Comportamento di Elementi di Strutture a Telaio ........................................................................................... 31 
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina iii/171

5.3  TRAVI ............................................................................................................................................................. 36 


5.3.1  Limiti dimensionali................................................................................................................................... 36 
5.3.2  Sollecitazioni nelle Travi .......................................................................................................................... 36 
5.3.3  Verifiche agli SLU di Travi ...................................................................................................................... 37 
5.3.4  Dettagli Costruttivi per le Travi ................................................................................................................ 39 
5.4  Confronto: prescrizioni costruttive normativa ACI 318-02 ............................................................................. 45 
5.5  PILASTRI........................................................................................................................................................ 47 
5.5.1  Limiti dimensionali................................................................................................................................... 47 
5.5.2  Sollecitazioni nei Pilastri .......................................................................................................................... 47 
5.5.3  Verifiche agli SLU di Pilastri ................................................................................................................... 49 
5.5.4  Dettagli Costruttivi per i Pilastri ............................................................................................................... 49 
5.6  Confronto: prescrizioni costruttive normativa ACI 318-02 ............................................................................. 53 
5.7  Nodi Travi-Pilastro .......................................................................................................................................... 55 
5.7.1  Definizioni ................................................................................................................................................ 55 
5.8  Comportamento di Nodi Travi-Pilastro ........................................................................................................... 56 
5.9  NODI TRAVI-PILASTRO.............................................................................................................................. 60 
5.9.1  Sollecitazioni nei nodi (EC 8 - solo per DCH)........................................................................................ 60 
5.9.2  Verifiche di resistenza (solo per CD A e DC H) ..................................................................................... 60 
5.9.3  Dettagli Costruttivi ................................................................................................................................... 62 
5.9.4  Confronto: prescrizioni costrutttive normativa ACI 318-02 (ACI 352R-02) ........................................... 63 
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina iv/171

5.10  Pareti - Definizioni (punto 5.1.2 – EC8 – analoghe per NTC) ........................................................................ 72 
5.11  Comportamento di Strutture a Pareti ............................................................................................................... 73 
5.11.1  Meccanismi di Comportamento di Pareti Singole .................................................................................... 74 
5.11.2  Meccanismi di Comportamento di Travi d’accoppiamento...................................................................... 78 
5.12  EC8 – PARETI ................................................................................................................................................ 79 
5.12.1  Limiti dimensionali................................................................................................................................... 79 
5.12.2  Sollecitazioni nelle Pareti ......................................................................................................................... 79 
5.12.3  Verifiche di Resistenza di Pareti............................................................................................................... 82 
5.12.4  Dettagli Costruttivi per le Pareti ............................................................................................................... 85 
5.13  EC8 - Travi di Collegamento (DC H).............................................................................................................. 92 
5.14  Il Ruolo dei Tamponamenti nella Risposta Sismica ........................................................................................ 96 
5.15  EC8 – Effetti dei Tamponamenti sulle Strutture ........................................................................................... 101 
5.15.1  Irregolarità dovute alla presenza dei tamponamenti ............................................................................... 101 
5.15.2  Limitazione del danno nei tamponamenti ............................................................................................... 102 
5.15.3  Effetti locali dovuti a tamponamenti in muratura o calcestruzzo ........................................................... 103 
6.  CALCOLO DI UN EDIFICIO A STRUTTURA MISTA PARETI-TELAIO – EC 8 .............................. 105 
6.1  Calcolo delle sollecitazioni dovute alle azioni statiche ................................................................................. 110 
6.2  Calcolo delle sollecitazioni dovute alle azioni sismiche ............................................................................... 111 
6.2.1  Analisi a Spettro di Risposta................................................................................................................... 119 
6.3  Verifiche con EC 8 ........................................................................................................................................ 125 
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina v/171

6.4  Soluzione 1 .................................................................................................................................................... 126 


6.4.1  VERIFICHE ELEMENTI STRUTTURALI .......................................................................................... 126 
6.5  CASO 2: Guscio a C modellato con pareti separate ...................................................................................... 142 
6.5.1  VERIFICHE ELEMENTI STRUTTURALI .......................................................................................... 145 
6.6  CASO 3: edificio con sole pareti non accoppiate in direzione y ................................................................... 156 
6.6.1  . MODELLO AD ELEMENTI FINITI DELL’EDIFICIO ..................................................................... 157 
6.6.2  Analisi a Spettro di Risposta................................................................................................................... 159 
6.6.3  . VERIFICHE ELEMENTI STRUTTURALI ........................................................................................ 160 
6.7  MODELLO AD ELEMENTI FINITI DELL’EDIFICIO CON FONDAZIONE SCATOLARE ................. 168 
6.8  CONCLUSIONI ............................................................................................................................................ 171 

BIBLIOGRAFIA
T. Paulay, M.J.N. Priestley, “Seismic Design of Reinforced Concrete and Masonry Buildings,” John Wiley, 1992.
G.G. Penelis, A.J. Kappos, “Earthquake Resistant Concrete Structures,” E&FN Spon, 1998.
R.E. Englekirk, “Seismic Design of Reinforced and Precast Concrete Buildings,” John Wiley, 2003.
D.J.Dowrick, “Earthquake Resistant Design for Engineers and Architects,” J. Wiley, 1987
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina vi/171
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 7/171

1. EDIFICI IN C.A.
L'impostazione delle nome, con le regole di progetto che da essa discendono, prevede che gli edifici in cemento amato
posseggano in ogni caso una adeguata capacita di dissipare energia in campo inelastico per azioni cicliche ripetute, senza
che ciò comporti riduzioni significative della resistenza nei confronti delle azioni sia verticali che orizzontali.
Ai fini di un buon comportamento dissipativo d’insieme, le deformazioni inelastiche devono essere distribuite nel maggior
numero possibile di elementi duttili, in particolare nelle travi, evitando al contempo che esse si manifestino negli elementi
meno duttili (ad es. i pilastri) e nei meccanismi resistenti fragili (ad es. resistenza a taglio, resistenza dei nodi trave-
pilastro). Il procedimento adottato sia nell’Eurocodice 8, sia nelle Norme Tecniche, per conseguire questo risultato si
indica con il nome di "criterio della gerarchia delle resistenze" (GR).
Entrambe le norme sono calibrate per due livelli di Capacità Dissipativa, o Classi di Duttilità (CD): alta (CD"A") e bassa
(CD"B"), mentre per l’EC8 sia la classe media (CD “M”). Il livello CD"A" prevede che sotto l'azione sismica di progetto
la struttura si trasformi in un meccanismo dissipativo ad elevata capacità, mentre al livello CD”B" (o “M”) si richiede
essenzialmente che tutti gli elementi a funzionamento flessionale: travi, pilastri e pareti, posseggano una soglia minima di
duttilità.
In funzione del livello di duttilità che si intende conseguire variano sia le modalità di applicazione del criterio della
gerarchia delle resistenze sia l'entità dell'azione sismica di progetto, regolata dal valore del fattore di Struttura q.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 8/171

PROBLEMI!

• Le strutture in c.a. sono costituite da un materiale FRAGILE, il calcestruzzo (deformazione massima εcu ≈ 3÷4%o),
ed un materiale DUTTILE, l’acciaio da armatura (deformazione massima εsu ≈ 7÷8%);
700

600

500

σ [MPa]
400

300

200
Hot Rolled d12 Wire Mesh
100 Cold Drawn d12 Wire Mesh
Tempcore d16 Rebar
0
0 2 4 6 8 10 12
ε [%]

Calcestruzzo Acciaio da Armatura

È possibile rendere “Duttile” il Calcestruzzo?


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 9/171

• L’acciaio è un materiale duttile (almeno dovrebbe!), ma è sufficiente che sia anche solo elastico-perfettamente
plastico, o deve essere dotato di incrudimento?

Δmax = Δel + Δp Δp = θpH = φpLpH Δmax = Δel + Δp Δp = θpH = φpLpH

θp My θp

My=Mu φu Mu φu

fs M fu Mu

fy My fy My

ε φ ε φ

Acciaio Elastico Acciaio con Incrudimento


Lp → 0 - φp deve tendere a ∞ per avere Δmax significativa Lp > 0 - φp più contenuta consente di avere Δmax sufficienti
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 10/171

2. MATERIALI
2.1 Calcestruzzo
• Non ammesso calcestruzzo di classe inferiore a C20/25;
• La resistenza e la duttilità del calcestruzzo aumentano notevolmente in presenza di stati di compressione tri-assiale
(Fig. 11.1).

Fig. 11.1 – Legame σ-ε al variare della pressione di confinamento in prove tri-assiali.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 11/171

2.1.1 Comportamento del calcestruzzo confinato con staffe


• Dato il comportamento tri-assiale, l’aggiunta di staffe può comportare un sensibile miglioramento del calcestruzzo
sotto stati “mono-assiali” sia in termini di resistenza, sia, soprattutto, in termini di duttilità (Fig. 11.2 e 11.3);

Fig. 11.3 – Legame Forza Normale - deformazione su


Fig. 11.2 – Legame σ-ε su cilindri confinato con spirali in prismi a base quadrata con diverso contenuto di armatura
acciaio. di confinamento (staffe).
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 12/171

• Per bassi valori di compressione nel calcestruzzo confinato, le staffe risultano solo marginalmente soggette a
trazione (dilatazione trasversale del calcestruzzo trascurabile), e quindi non forniscono alcun contributo
apprezzabile, ed il comportamento del calcestruzzo è simile a quello del materiale non confinato;
• Perché il confinamento sia efficace le staffe devono essere ravvicinate (vd. Meccanismi di confinamento in Figg.
11.4, 11.5). Staffe vicine limitano inoltre la tendenza all’instabilità delle armature compresse, migliorando
sensibilmente le caratteristiche di duttilità della sezione, soprattutto in presenza di azioni cicliche;

Fig. 11.4 – Effetto del confinamento in presenza di azione Fig. 11.5 – Calcestruzzo confinato e non confinato nelle
assiale. sezioni armate con staffe.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 13/171

• Il calcestruzzo all’esterno delle staffe (copriferro) è caratterizzato da comportamento non-confinato, e non può
essere considerato come resistente qualora si raggiungano valori di deformazione che superino la deformazione
limite per il calcestruzzo non-confinato (tipicamente in zona sismica, quando si fa riferimento al comportamento
duttile degli elementi in c.a. inflessi o presso-inflessi);
• Dato il considerevole aumento della duttilità del calcestruzzo confinato, si osserva un notevole incremento della
duttilità delle sezioni inflesse e (soprattutto) presso-inflesse;
• Sono disponibili in letteratura legami costitutivi da utilizzare per l’analisi non-lineare o per le verifiche di duttilità
delle sezioni in c.a. confinate (es. Fig. 11.6). Dal punto di vista della resistenza sezionale, la presenza di
confinamento ha un effetto solamente marginale (se sfrutto il confinamento non posso considerare il copriferro,
quindi il braccio della coppia interna non cambia apprezzabilmente, malgrado migliori la resistenza a compressione
del materiale).

Fig. 11.6 – Esempio di legame costitutivo per calcestruzzi confinati (Park et al.).
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 14/171

2.1.2 Calcestruzzo confinato secondo EC2


• Il confinamento del calcestruzzo comporta una modifica del legame sforzo-deformazione efficace: si ottengono
resistenze maggiori e deformazioni critiche superiori;
• In assenza di dati più precisi, si può utilizzare il legame σc-εc illustrato in figura 11.7, nella quale le diverse quantità
hanno il seguente significato:
fck,c= fck(1.000 + 5.0 σ2/fck) per σ2 ≤ 0.05fck
fck,c= fck(1.125 + 2.5 σ2/fck) per σ2 > 0.05fck
2
εc2,c = εc2(fck,c/fck)
εcu2,c = εcu2 + 0.2 σ2/fck
dove σ2 (= σ3) è la tensione di confinamento efficace allo Stato Limite Ultimo, mentre εc2 e εcu2 sono forniti in
Tabella 11.1. Il confinamento può essere generato da staffe adeguatamente chiuse (uncini a 135°), che arrivano a
snervamento a causa della dilatazione trasversale del calcestruzzo compresso.

Fig. 11.7 – Legame σc-εc per il calcestruzzo confinato.


• Il confinamento efficace può essere valutato, con riferimento alle formule riportate in Fig. 11.8, come:
σ2/fck = 0.5αωwd = 0.5αnαs(Volstaffe/Volcls,confinato)(fydw/fcd)
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 15/171

Fig. 11.8 – Calcolo del confinamento efficace da EC 2.


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 16/171

2.2 Acciaio da Armatura


εsu,k > 7.5% (Agt)
1.15 ft/fy < 1.35
fy,eff/fy,nom < 1.25
2.2.1 Comportamento Meccanico
• Il comportamento mono-assiale in funzione della resistenza caratteristica a snervamento è qualitativamente illustrato
in Fig. 11.9;

Fig. 11.9 – Andamento qualitativo del legame σs-εs in funzione del tipo di acciaio.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 17/171

• Comportamento di acciaio saldabile tipo Tempcore (Fig. 11.10, . [ECSC Steel RTD Programme]):
Materiale “bi-fase” con corteccia martensitica e cuore ferritico-perlitico;
Resistenza a snervamento (Re) tipicamente fsy > 500 MPa;
Deformazione ultima (Agt) circa uguale a 8%
Resistenza ultima (Rm) circa pari a 1.15 fsy.

Fig. 11.10a - Sezione trasversale dell’armatura con Fig. 11.10b –Confronto tra il legame s-e di barra integra e
corteccia martensitica e cuore ferritico-perlitico comportamento di cuore o corteccia.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 18/171

• Differenza di comportamento tra acciai Tempcore, Reti da acciaio laminato, e Reti da acciaio trafilato a freddo.
700

600

500
σ [MPa]
400

300

200
Hot Rolled d12 Wire Mesh
100 Cold Drawn d12 Wire Mesh
Tempcore d16 Rebar
0
0 2 4 6 8 10 12
ε [%]

Fig. 11.11 – Legame σs-εs per diversi tipi di acciaio in commercio.


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 19/171

700 700
600 600
500 500
σ [MPa]

σ [MPa]
400 400
300 300
200 16rif1 200 16rif3
16tt4 16e4
100 100
0 0
0 0,04 0,08 0,12 0,16 0 0,04 0,08 0,12 0,16
ε ε
800 700
700 600
600 500
σ [MPa]

σ [MPa]
500
400
400
300
300
24rif1 200 24rif2
200
24tt2 24e5
100 100
0 0
0 0,04 0,08 0,12 0,16 0 0,04 0,08 0,12 0,16
ε ε

Fig. 11.12 – Comportamento di acciaio B500B non saldato Fig. 11.13 – Comportamento di acciaio B500B non saldato
oppure saldato testa a testa: a) φ16; b) φ24. oppure staffa φ8 saldata a croce su barra: a) φ16; b) φ24.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 20/171

140
120 16rif1c
100 16tt1c

P [kN]
80
60
40
20
0
0 5 10 15 20 25 30 35 40
Number of Cycles
300

250

200

P [kN]
150

100 24rif1c
24tt3c
50

0
0 5 10 15 20 25 30 35 40
Number of Cycles

Fig. 11.14 – Comportamento a fatica oligociclica di Fig. 11.15 – Comportamento a fatica oligociclica per barre
armatura φ16 in acciaio Tempcore in acciaio B500B saldato testa a testa: a) φ16; b) φ24.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 21/171

Fig. 11.16 – Interpretazione del meccanismo di Fig. 11.17 – Meccanismo di rottura di armatura soggetta a
comportamento di armatura sogetta a carichi ciclici carichi ciclici
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 22/171

3. PRINCIPALI PRESCRIZIONI NTC E CONFRONTO CON EC8


3.1 Calcestruzzo
• Non ammesso calcestruzzo di classe inferiore a C20/25;
3.2 Acciaio da Armatura
Per le strutture si deve utilizzare acciaio B450C.
Si consente l’utilizzo di acciai di tipo B450A, con diametri compresi tra 5 e 10 mm, per le reti e i tralicci; se ne
consente inoltre l’uso per l’armatura trasversale unicamente se è rispettata almeno una delle seguenti condizioni:
elementi in cui è impedita la plasticizzazione mediante il rispetto del criterio di gerarchia delle resistenze,
elementi secondari, strutture poco dissipative con fattore di struttura q 1,5.

B450C B450A
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 23/171

3.3 Tipologie strutturali e fattori di struttura


Le strutture sismo-resistenti in cemento armato previste dalle presenti norme possono essere classificate nelle seguenti
tipologie:
strutture a telaio, nelle quali la resistenza alle azioni sia verticali che orizzontali è affidata principalmente a telai spaziali,
aventi resistenza a taglio alla base ≥ 65% della resistenza a taglio totale;
strutture a pareti, nelle quali la resistenza alle azioni sia verticali che orizzontali è affidata principalmente a pareti,
singole o accoppiate, aventi resistenza a taglio alla base ≥ 65% della resistenza a taglio totale. Una parete è un elemento
strutturale di supporto per altri elementi che ha una sezione trasversale caratterizzata da un rapporto tra dimensione
massima e minima in pianta superiore a 4. Si definisce parete di forma composta l’insieme di pareti semplici collegate in
modo da formare sezioni a L, T, U, I ecc. Una parete accoppiata consiste di due o più pareti singole collegate tra loro da
travi duttili (“travi di accoppiamento”) distribuite in modo regolare lungo l’altezza. Ai fini della determinazione del fattore
di struttura q una parete si definisce accoppiata quando è verificata la condizione che il momento totale alla base prodotto
dalle azioni orizzontali è equilibrato, per almeno il 20%, dalla coppia prodotta dagli sforzi verticali indotti nelle pareti
dalla azione sismica;
strutture miste telaio-pareti, nelle quali la resistenza alle azioni verticali è affidata prevalentemente ai telai, la resistenza
alle azioni orizzontali è affidata in parte ai telai ed in parte alle pareti, singole o accoppiate; se più del 50% dell’azione
orizzontale è assorbita dai telai si parla di strutture miste equivalenti a telai, altrimenti si parla di strutture miste
equivalenti a pareti;
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 24/171

strutture deformabili torsionalmente, composte da telai e da pareti, la cui rigidezza torsionale non soddisfa ad ogni
piano la condizione
r/ls > 0.8
nella quale: r2 = rapporto tra rigidezza torsionale e flessionale di piano (‘torsional radius’)
ls2 = (L2 + B2)/12 (L e B dimensioni in pianta dell’edificio)
strutture a pendolo inverso, nelle quali almeno il 50% della massa è nel terzo superiore dell’altezza della costruzione o
nelle quali la dissipazione d’energia avviene alla base di un singolo elemento strutturale. Non appartengono a questa
categoria i telai ad un piano con i pilastri collegati in sommità lungo entrambe le direzioni principali dell’edificio e per i
quali la forza assiale non eccede il 30% della resistenza a compressione della sola sezione di calcestruzzo (tipico di
strutture prefabbricate);
struttura a pareti estese debolmente armate, se, nella direzione orizzontale d’interesse, essa ha un periodo
fondamentale, calcolato nell’ipotesi di assenza di rotazioni alla base, non superiore a TC, e comprende almeno due pareti
con una dimensione orizzontale non inferiore al minimo tra 4,0m ed i 2/3 della loro altezza, che nella situazione sismica
portano insieme almeno il 20% del carico gravitazionale
Le strutture delle costruzioni in calcestruzzo possono essere classificate come appartenenti ad una tipologia in una
direzione orizzontale ed ad un’altra tipologia nella direzione orizzontale ortogonale alla precedente.
Se una struttura non è classificata come struttura a pareti estese debolmente armate, tutte le sue pareti devono essere
progettate come duttili.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 25/171

Fig. 3.1 – Sistemi torsionalmente stabili ed instabili

Fig. 3.2 – Effetti della torsione: (a) edifici instabili, (b) edifici stabili
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 26/171

Edifici a nucleo.

Tipologie di pareti accoppiate


Pareti singole ed accoppiate
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 27/171

3.4 Fattori di Struttura


Il fattore di struttura da utilizzare per ciascuna direzione della azione sismica è dato dalla seguente espressione:
q = q0 KW KR ≥ 1.5 (EC 8) Le strutture a pareti estese debolmente armate devono
essere progettare in CD “B”.
qo è legato alla tipologia strutturale
KW è un fattore che dipende dal meccanismo di collasso Strutture aventi i telai resistenti all’azione sismica
prevalente in strutture a pareti composti, anche in una sola delle direzioni principali, con
KW = 1,00 per telai e sistemi accoppiati equiv. a telai travi a spessore devono essere progettate in CD”B” a
KW = (1+Σhwi/Σlwi )/3 ≤1 (≥0,5) per sistemi a pareti, meno che tali travi non si possano considerare elementi
sistemi accoppiati equiv. a pareti, e strutture a nucleo, strutturali “secondari”
dove hwi e lwi sono, rispettivamente, l’altezza e la
dimensione in pianta prevalente delle pareti
Valori di q0
Tipologia CD “B” – “M” EC8 CD “A” – “A” EC8
Strutture a Telaio, a pareti accopiate, miste 3.0 αu/α1 4.5 αu/α1
Strutture a Pareti Singole 3,0 4.0 αu/α1
Strutture a deformabili torsionalmente 2 3
Strutture a pendolo inverso 1.5 2
α1 moltiplicatore della forza sismica orizzontale (taglio alla base) per il quale il primo elemento strutturale raggiunge la
sua resistenza flessionale;
αu moltiplicatore della forza sismica orizzontale (taglio alla base) per il quale si verifica la formazione di un numero di
cerniere plastiche tali da rendere la struttura labile.
Il valore di αu/α1, può essere calcolato per mezzo di un analisi statica non lineare (push-over) e non può in ogni caso
essere assunto superiore a 1,5.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 28/171

Qualora non si proceda ad una analisi non lineare per la valutazione di αu/α1, i seguenti valori possono essere adottati:
a) Strutture a telaio o miste equivalenti a telaio;
edifici a telaio di un piano: αu/α1 = 1,1
edifici a telaio a più piani, con una sola campata: αu/α1 = 1,2
edifici a telaio con più piani e più campate: αu/α1 = 1,3
b) Strutture a pareti o miste equivalenti a pareti
strutture con solo due pareti non accoppiate per direzione orizzontale: αu/α1 = 1,1
edifici a pareti non accoppiate: αu/α1 = 1,1
edifici a pareti accoppiate o miste telaio-pareti: αu/α1 = 1,2
Quando risultasse q < 1.5, può essere adottato q = 1.5.
Per tipologie strutturali diverse da quelle precedentemente definite, ove si intenda adottare un valore q > 1,5, il valore
adottato dovrà essere adeguatamente giustificato dal progettista.
Strutture aventi i telai resistenti all'azione sismica composti con travi a spessore, anche in una sola delle direzioni
principali, devono essere progettate per la Classe di Duttilità CD"B".
Strutture con grandi pareti debolmente armate, non potendo contare sulla dissipazione in cerniere plastiche,
devono essere progettate per la Classe di Duttilità CD"B".
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 29/171

4. MODELLAZIONE DELLA STRUTTURA ED ANALISI


Il modello della struttura su cui verrà effettuata l’analisi dovrà rappresentare in modo adeguato la distribuzione di massa e
rigidezza effettiva considerando, laddove appropriato (come da indicazioni specifiche per ogni tipo strutturale), il
contributo degli elementi non strutturali.
In generale il modello della struttura sarà costituito da elementi resistenti piani a telaio o a parete connessi da diaframmi
orizzontali. Se i diaframmi orizzontali, tenendo conto delle aperture in essi presenti, sono sufficientemente rigidi, i gradi
di libertà dell’edificio possono essere ridotti a tre per piano, concentrando masse e momenti di inerzia al centro di gravità
di ciascun piano.
Gli edifici regolari in pianta possono essere analizzati considerando due modelli piani separati, uno per ciascuna direzione
principale.
In aggiunta all’eccentricità effettiva, dovrà essere considerata un’eccentricità accidentale, spostando il centro di massa di
ogni piano, in ogni direzione considerata, di una distanza pari al ±5% della dimensione massima del piano in direzione
perpendicolare all’azione sismica.
Nel caso di edifici con struttura in cemento armato, composta acciaio-calcestruzzo e in muratura, la rigidezza degli
elementi può essere valutata considerando gli effetti della fessurazione, considerando la rigidezza secante a snervamento.
In caso non siano effettuate analisi specifiche, la rigidezza flessionale e a taglio di elementi in cemento armato può essere
assunta pari sino al 50% della rigidezza dei corrispondenti elementi non fessurati, ad esempio in funzione dell’influuenza
dello sforzo normale permanente.
Valori usuali per strutture in c.a.
Pilastri: 0,4-0,7 Ig in funzione di N (cresce al crescere di N);
Travi in c.a.: 0,4-0,5 Ig
Pareti in c.a.: 0.3-0.5 Ig
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 30/171

5. DIMENSIONAMENTO E VERIFICA EGLI ELEMENTI STRUTTURALI

5.1 Telai - Definizioni (punto 5.1.2 – EC8) e Comportamento

ZONA CRITICA Zona di un elemento sismo-resistente primario, dove si manifesta la combinazione più
avversa di azioni (M, N, V, T) e dove si può formare una cerniera plastica;

TRAVE Elemento strutturale soggetto prevalentemente ad azione flessionale ed ad una azione assiale
normalizzata ν = NEd/Acfcd ≤ 0,1 (le travi sono generalmente orizzontali);

PILASTRO Elemento strutturale che supporta azioni gravitazionali per compressione assiale o è soggetto
ad una azione assiale normalizzata ν = NEd/Acfcd > 0,1 (i pilastri sono generalmente verticali);
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 31/171

5.2 Comportamento di Elementi di Strutture a Telaio

Differenza di risposta in travi al variare dell’armatura di confinamento


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 32/171

50 80
70
40
Specimen: P1 60 Specimen: P4
Section: 200x300 Section: 200x300
30 Reinforcement: 4#16 50 Reinforcement: 4#16
Stirrups: 1#8@75mm Stirrups: 1#8@75mm
Re = 536 MPa
40
Re = 536 MPa
20 Rm = 632 MPa 30 Rm = 632 MPa
Agt = 12% Agt = 12%
No Axial Load 20 N = 200 kN
10
10

Load (kN)
Load (kN)

0 0
-10
-10
-20
-20 -30
-40
-30 -50
-60
-40
-70
-50 -80
-150 -100 -50 0 50 100 150 -150 -100 -50 0 50 100 150
Displacement (mm) Displacement (mm)

Comportamento ciclico di nodo trave colonna. Comportamento ciclico di sezione di estremità di pilastro

Riduzione della rigidezza a taglio e


“pinching” in una trave tozza
(Bertero&Popov, 1977)
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 33/171

Quadro fessurativo a 3δy Distacco copriferro a 6δy Fessure dopo 2 cicli a 6δy Fessure dopo 3 cicli a 6δy

Dettaglio dell’armatura
Formazione di una cricca nell’armatura longitudinale Apertura della staffa alla base longitudinale rotta
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 34/171

Differenza di comportamento di pilastri con diversa armatura di confinamento.


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 35/171

Danneggiamento di pilastri
soggetti ad elevata
compressione e flessione
ciclica: (a) diagramma del
momento; (b) diagramma
del taglio; (c) sketch del
danno; (d) azione assiale.

Danneggiamento di pilastri
soggetti ad elevata
compressione e taglio
ciclico: (a) diagramma del
momento; (b) diagramma
del taglio; (c) azione
assiale; (d) sketch del
danno.

Espulsione esplosiva dl
copriferro in pilastro corto:
(a) diagramma del
momento; (b) diagramma
del taglio; (c) azione
assiale; (d) sketch del
danno.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 36/171

5.3 TRAVI
5.3.1 Limiti dimensionali
• Eccentricità max. trave rispetto al pilastro: e ≤ bc/4 dove bc è la larghezza del pilastro in direzione
(solo EC8) normale all’asse della trave (necessario per assicurare un
trasferimento efficace delle azioni cicliche nel nodo trave-pilastro)
• Larghezza massima della trave: bw ≤ min {bc+ hw; 2bc} dove bw e hw sono rispettivamente la
larghezza e l’altezza dell’anima della trave (necessario per poter
sfruttare l’effetto del confinamento dell’azione assiale del pilastro
sull’aderenza delle armature della trave che attraversano il nodo)
• Larghezza minima della trave bw ≥ 200mm – b/h ≥ 0.25 (Solo NTC)
5.3.2 Sollecitazioni nelle Travi
• Momenti flettenti ed azioni assiali sono determinati dall’analisi, mentre il taglio è calcolato applicando il Capacity
Design, scrivendo l’equilibrio limite della trave utilizzando i momenti di estremità Mid illustrati in figura.

⎧ ΣM Rc ⎫
M id = γ Rd M Rb,i ⋅ min ⎨1, ⎬,
⎩ ΣM Rb ⎭
γRd = 1.0 per CDB e γRd = 1.20 per CDA
MRb e MRc sono i momenti resistenti all’estremità di
trave e pilastro, rispettivamente, questi ultimi calcolati
in corrispondenza della azione assiale di progetto per
la direzione del sisma considerata.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 37/171

• Qualora una trave sia supportata da un’altra trave (non da un pilastro), Mid è il momento sollecitante della trave;
• Nel caso travi supportino elementi verticali (travi saltapilastro);
a. Pareti strutturali non possono essere supportata da travi o piastre;
b. Se una trave sismo-resistente primaria supporta un pilastro, non deve esserci alcuna eccentricità tra gli assi
del pilastro e della trave, e la trave deve essere supportata direttamente da due pilastri o pareti.

5.3.3 Verifiche agli SLU di Travi

5.3.3.1 Classe di Duttilità M

• Il momento ed il taglio resistenti sono calcolati secondo le regole del c.a. (vd. Anche EC2);
• L’armatura superiore delle sezioni di estremità con sezione a T o L deve essere posizionata prevalentemente entro
l’anima della trave. Solo parte di esso può essere posizionato all’esterno, ma comunque entro la larghezza efficace
della flangia (vedi figura)

Trave primaria collegata a Trave primaria collegata a Trave primaria collegata a Trave primaria collegata a
pilastro esterno in presenza di pilastro esterno in assenza di pilastro interno in presenza di pilastro interno in assenza di
trave trasversale di h simile. trave trasversale. trave trasversale di h simile. trave trasversale.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 38/171

5.3.3.2 Prescrizioni Aggiuntive per Classe di Duttilità H

• La resistenza a Taglio viene calcolata secondo EC2, assumendo in zona critica una inclinazione θ = 45° per il
puntone compresso nel traliccio ad inclinazione variabile;
• In caso vi sia rischio di inversione del taglio alle estremità delle travi può essere necessario disporre armatura a
taglio bi-diagonale, secondo che il rapporto ζ = VEd,min/VEd,max tra il taglio sollecitante minimo e massimo, derivato
mediante applicazione del Capacity Design, assuma i seguenti valori:
ζ ≥ -0,5 – Verifica a taglio secondo EC2;
ζ < -0,5 – una quasi completa inversione del taglio è attesa, nel qual caso si distinguono due situazioni:
|VEd|max ≤ (2+ ζ)·fctd·bw·d, dove fctd è la resistenza a trazione secondo EC2, vale quanto sopra;
|VEd|max > (2+ ζ)·fctd·bw·d deve essere disposta armatura bi-diagonale (normalmente inclinata a 45°).
Metà del taglio deve essere resistito da staffe e metà da armatura bi-diagonale.
La verifica dell’armatura bi-diagonale viene effettuata imponendo:
0,5VEd,max ≤ 2As·fyd·cosα, dove As è l’armatura inclinata che attraversa il piano di scorrimento potenziale
(la sezione di estremità della trave) ed α è l’inclinazione di tale armatura (α =
45°oppure α ≈ (d-d’)/lb)

Esempio di armatura bi-diagonale


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 39/171

5.3.4 Dettagli Costruttivi per le Travi

5.3.4.1 Classe di Duttilità B (M – EC8)

• Dimensione della zona critica in prossimità di cernere plastiche:


lcr = hw per sezioni in prossimità di pilastri;
lcr = hw su ciascun lato di una potenziale cerniera plastica non in prossimità di un pilastro;
lcr = 2hw per sezioni critiche di travi saltapilastro
• Ai fini di soddisfare i criteri di duttilità locale, la duttilità in termini di curvatura dovrà essere:
μφ ≥ 2qo -1 se T1 ≥ Tc
μφ ≥ 1 + 2(qo -1) Tc/T1 se T1 < Tc
Tali valori sono basati sulla assunzione, generalmente conservativa per elementi in c.a., che μφ = 2μδ - 1 e che
μδ = q per T1 ≥ Tc e μδ = 1 + (q-1)Tc/T1 per T1 < Tc (si veda teoria del fattore di duttilità);
• In ogni sezione della trave, salvo giustificazioni che dimostrino che le modalità di collasso della sezione siano
coerenti con la classe di duttilità adottata, il rapporto d’armatura tesa deve essere compresi tra i seguenti limiti:
1.4 3.5 1.4 7
< ρ < ρ comp + - per fyk = 430MPa si ottiene = 0,31% < ρ < = 1,56%
f yk f yk 450 450
ρ è il rapporto geometrico di armatura tesa = As/(bh) oppure Ai/(bh)
As e Ai rappresentano l'area dell'armatura longitudinale tesa, rispettivamente superiore e inferiore;
ρcomp è il rapporto geometrico relativo all’armatura compressa
fyk è la tensione caratteristica di snervamento dell'acciaio (in N/mm2).
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 40/171

• L'armatura superiore per il momento negativo alle estremità delle travi deve essere contenuta per almeno il 75%
entro la larghezza dell'anima e comunque, per le sezioni a T, entro la larghezza efficace illustrata in figura.

Trave primaria collegata a Trave primaria collegata a


pilastro esterno in presenza di pilastro esterno in assenza di
trave trasversale di h simile. trave trasversale.
• Almeno 2 barre φ14 (per EC8 - φ12) sia sopra che sotto devono essere presenti per tutta la lunghezza della trave;
• Armatura compressa è almeno metà di quella tesa (A’s > 0,5As) nella zona critica e ovunque > 0,25 armatura tesa;
• L’armatura superiore per tutta la lunghezza della trave deve essere almeno pari ad ¼ dell’area di armatura superiore
alle estremità della trave.
• EC8 - La verifica di duttilità è implicitamente soddisfatta se:
- l’armatura compressa è almeno metà di quella tesa (A’s > 0,5As), oltre quanto necessario per la verifica a SLU;
0.0018 f cd
- ρ ≤ ρ max = ρ '+ ⋅ dove ρ = As/bd e ρ' = A's/bd, dove b è la larghezza della flangia compressa;
μφ ε sy ,d f yd
⎛ f ctm ⎞
• EC8 - ρ > ρ min = 0,5⎜ ⎟ percentuale minima di armatura tesa per una trave primaria;
⎜ f yk ⎟
⎝ ⎠
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 41/171

• Nella zona critica di una trave, le staffe (staffe chiuse con ganci a 135°, ancorati per almeno 10φ ed assicurati alle
barre longitudinali) devono soddisfare i seguenti requisiti:
- dbw ≥ 6mm diametro minimo delle staffe;
- s ≤ min{hw/4; 24dbw; 225mm; 8dbL} passo massimo delle staffe (dbL = diametro armature longitudinali);
- prima staffa entro 50mm dalla sezione terminale della trave.

Disposizione armatura trasversale


5.3.4.2 Prescrizioni Aggiuntive per Classe di Duttilità A (EC8 – H)

• Dimensione della zona critica in prossimità di cernere plastiche:


lcr = 1.5hw per sezioni in prossimità di pilastri;
lcr = 1,5hw su ciascun lato di una potenziale cerniera plastica non in prossimità di un pilastro;
• Almeno 2 barre φ14 sia sopra che sotto devono essere presenti per tutta la lunghezza della trave;
• L’armatura superiore per tutta la lunghezza della trave deve essere almeno pari ad ¼ dell’area di armatura superiore
alle estremità della trave (solo EC8 – anche per CD B nelle NTC).
• Nella zona critica di una trave, il passo delle staffe (staffe chiuse con ganci a 135°) deve essere minore o uguale a:
- s ≤ min{hw/4; 24dbw; 175mm; 6dbL} passo massimo delle staffe (dbL = diametro armature longitudinali).
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 42/171

5.3.4.3 Armature alle estremità delle travi (NTC)


• Le armature longitudinali delle travi, sia superiori che inferiori, devono attraversare, di regola, i nodi senza ancorarsi
o giuntarsi per sovrapposizione in essi. Quando ciò non risulti possibile, sono da rispettare le seguenti prescrizioni:
- le barre vanno ancorate oltre la faccia opposta a quella di intersezione con il nodo, oppure rivoltate verticalmente
in corrispondenza di tale faccia, a contenimento del nodo;
- la lunghezza di ancoraggio delle armature tese va calcolata in modo da sviluppare una tensione nelle barre pari a
1,25 fyk, e misurata a partire da una distanza pari a 6 diametri dalla faccia del pilastro verso l’interno.
• La parte dell’armatura longitudinale della trave che si ancora oltre il nodo non può terminare all’interno di una
zona critica, ma deve ancorarsi oltre di essa.
• La parte dell’armatura longitudinale della trave che si ancora nel nodo, deve essere collocata all’interno delle
staffe del pilastro. Per prevenire lo sfilamento di queste armature il diametro delle barre non inclinate deve essere
≤ αbL volte l’altezza della sezione del pilastro, essendo:
⎧ 7.5 ⋅ f ctm 1 + 0.8υ d
⎪γ ⋅ f ⋅ nodi interni
⎪ 1 + 0. 75 k ⋅ ρ / ρ
α bL = ⎨ Rd yd D comp
7.5 ⋅ f ctm
⎪ ⋅ 1 + 0.8υ d nodi esterni
γ ⋅
⎪⎩ Rd yd f
• dove: νd è la forza assiale di progetto normalizzata; kD vale 1 o 2/3, rispettivamente per
CD”A” e per CD”B”; γRd vale 1.2 o 1, rispettivamente per CD”A” e per CD”B”.
• Se per nodi esterni non è possibile soddisfare tale limitazione, si può prolungare la trave
oltre il pilastro, si possono usare piastre saldate alla fine delle barre, si possono piegare le
barre per una lunghezza minima pari a 10 volte il loro diametro disponendo un’apposita
armatura trasversale dietro la piegatura (vedi EC2).
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 43/171

RIEPILOGO DISPOSIZIONI COSTRUTTIVE TRAVI – NTC


Larghezza delle Travi:
bw ≥ 20cm
bw ≤ min {bc+ hw; 2bc}

Disposizioni costruttive per le armature delle travi


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 44/171

RIEPILOGO DISPOSIZIONI COSTRUTTIVE TRAVI – EC8


Larghezza delle Travi:
bw ≥ 20cm
bw ≤ min {bc+ hw; 2bc}

Eccentricità delle Travi:


e ≤ bc/4

Disposizioni costruttive per le armature delle travi


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 45/171

5.4 Confronto: prescrizioni costruttive normativa ACI 318-02


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 46/171
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 47/171

5.5 PILASTRI
5.5.1 Limiti dimensionali
• dimensioni minime del pilastro se θ > 0.1, bmin = 1/10 massima distanza tra il punto di inflessione
del momento flettente (M=0) e l’estremità del pilastro (bmin = H/10 per
pilastri a mensola, bmin == H/20 per punto di inflessione a metà altezza);
• bmin = 250mm (per EC8 solo per DC H)
5.5.2 Sollecitazioni nei Pilastri
• L’azione assiale è calcolata dall’analisi, mentre, al fine di evitare meccanismi di piano debole, il momento flettente è
calcolato mediante Capacity Design (Colonna forte e Trave debole) lungo entrambi gli assi del pilastro imponendo:
ΣMRc ≥ γRdΣMRb
dove:
ΣMRc è la somma dei momenti resistenti del pilastro, valutati per l’azione assiale di progetto per cui MRc = min;
ΣMRb è la somma dei momenti resistenti della trave convergente nel pilastro.
γRd = 1,30 per CD A e γRd = 1,10 per CD B (per EC8 γRd = 1,30 sia per DC M e DC H)
• Per travi con connessioni a ripristino parziale deve essere usato il valore resistente della connessione.
• Si osserva che a rigore l’equilibri andrebbe scritto in corrispondenza del baricentro del nodo, includendo quindi i
tagli all’estremità del nodo. È comunque accettabile usare i momenti resistenti all’estremità di travi e pilastri.
• Nella scrittura dell’equilibrio, si assume il nodo in equilibrio ed i momenti, sia nei pilastri che nelle travi, tra loro
concordi. Nel caso in cui i momenti nel pilastro al di sopra ed al di sotto del nodo siano tra loro discordi, al
denominatore della formula va posto il solo valore maggiore, il minore va sommato ai momenti resistenti delle travi.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 48/171

• Per la sezione di base dei pilastri del piano terreno si adotta come momento di calcolo il maggiore tra il momento
risultante dall’analisi ed il momento MC,Rd della sezione di sommità del pilastro.
• Il suddetto criterio di gerarchia delle resistenze non si applica alle sezioni di sommità dei pilastri dell’ultimo piano.
• Momenti flettenti ed azioni assiali sono determinati dall’analisi, mentre il taglio è calcolato applicando il Capacity
Design, scrivendo l’equilibrio limite della trave utilizzando i momenti di estremità Mid illustrati in figura.
M 1d + M 2 d
VEd =
lc
NTC
M id = γ Rd M Rc,i ,
γRd = 1.1 per DCM e γRd = 1.30 per DCH
EC 8
⎧ ΣM Rb ⎫
M id = γ Rd M Rc,i ⋅ min ⎨1, ⎬,
⎩ Σ M Rc ⎭

γRd = 1.1 per DCM e γRd = 1.30 per DCH


MRb e MRc sono i momenti resistenti all’estremità di trave e pilastro,
rispettivamente, questi ultimi calcolati in corrispondenza della azione
assiale di progetto per la direzione del sisma considerata.
Nel caso in cui i tamponamenti non si estendano per l’intera altezza dei
pilastri adiacenti, VEd da considerare per la parte del pilastro priva di
tamponamento è calcolata assumendo l’altezza lc pari alla estensione
della parte di pilastro priva di tamponamento
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 49/171

5.5.3 Verifiche agli SLU di Pilastri


5.5.3.1 Classe di Duttilità B (EC8 – M)

• Il momento ed il taglio resistenti sono calcolati secondo NTC (EC2), utilizzando il valore dell’azione assiale da
analisi;
• La verifica a presso-flessione deviata, può essere effettuata eseguendo la verifica secondo una direzione principale
alla volta, utilizzando un momento resistente ridotto pari a 0.7MRd (equivalente ad assumere un dominio di
interazione Mx-My rettangolare a N costante);
• In colonne sismo-resistenti primarie, νd = Nsd/(Acfcd) ≤ 0,65.
5.5.3.2 Prescrizioni Aggiuntive per Classe di Duttilità A (EC8 – H)

• In colonne sismo-resistenti primarie, νd = Nsd/(Acfcd) ≤ 0,55.


5.5.4 Dettagli Costruttivi per i Pilastri
5.5.4.1 Classe di Duttilità B (EC8 – M)

• Armatura longitudinale minima:


A
1% ≤ ρl = s ≤ 4% ,
Ac
Per sezioni simmetriche, l’armatura deve essere disposta simmetricamente;
• Per tutta la lunghezza del pilastro l’interasse tra le barre non deve essere superiore a 25 cm (NTC);
• Almeno una barra intermedia lungo i lati dei pilastri, per assicurare l’integrità dei nodi (min. 8 barre/pilastro, EC8);
• Lunghezza Critica alle estremità dei pilastri lcr:
lcr = max{hc;lcl/6; 450mm} (= lc se lc < 3h – NTC)
dove hc è la dimensione max del pilastro e lcl è l’altezza libera del pilastro (lc/2 per shear building, lc per mensola);
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 50/171

• Ai fini di soddisfare i criteri di duttilità locale, la duttilità in termini di curvatura dovrà essere:
μφ ≥ 2qo -1 se T1 ≥ Tc
μφ ≥ 1 + 2(qo -1) Tc/T1 se T1 < Tc
• Per ottenere i valori di μφ specificati, εcu,2 > 0,35%. Si deve quindi predisporre adeguata armatura di confinamento
per compensare la perdita del copriferro, ed utilizzare i legami costitutivi per il calcestruzzo confinato;
• NTC - Se sotto l’azione del sisma la forza assiale su un pilastro è di trazione, la lunghezza di ancoraggio delle barre
longitudinali deve essere incrementata del 50%
• EC8 - La verifica di duttilità è implicitamente soddisfatta se:
bc Sezioni Rettangolari
αω wd = 30 μφν d ⋅ ε sy , d ⋅ − 0,035
bo bi2
αn = 1− ∑
Dove: n 6bo ho

volume staffe di confinamento f yd ⎛ s ⎞⎛ s ⎞


ωwd = ⋅ α s = ⎜⎜1 − ⎟⎟⎜⎜1 − ⎟⎟
volume calcestruzzo confinato f cd ⎝ 2b o ⎠⎝ 2 ho⎠

Perc. meccanica volumetrica; Sez. Circolari con Staffe


νd = Nsd/(Acfcd) – azione assiale normalizzata; αn = 1
εsy,d – deformazioni a snervamento dell’acciaio;
μφ – duttilità richiesta; α s = (1 − s / 2 Do ) 2
hc e ho – dim.max. totale e confinata del pilastro; Sez. Circolari con Spirale
bc e bo – dim.min. totale e confinata del pilastro; αn = 1
α = αn·αs – indice di efficienza del confinamento.
α s = (1 − s / 2 Do )

• ωwd ≥ 0,08 nella zona critica alla base di una colonna primaria;
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 51/171

• Staffe e legature dbw ≥ 6mm con ganci a 135° devono essere previste nelle zone critiche con il seguente passo:
s ≤ min {bo/2; 175mm; 8dbL};
• La distanza tra armature longitudinali legate da staffe o legature deve essere inferiore a 200mm;
• EC8 - L’armatura trasversale nella zona critica può essere calcolata secondo EC2 solo se νd ≤ 0,2 e q ≤ 2,0.

5.5.4.2 Prescrizioni Aggiuntive per Classe di Duttilità A (EC8 – H)

• EC 8 - Lunghezza Critica alle estremità dei pilastri lcr: lcr = max{1,5hc;lcl/6; 600mm}, dove hc è la dimensione
massima del pilastro e lcl è la luce netta;
• EC 8 - Nei due piani inferiori di un telaio multipiano, la zona critica deve essere incrementata del 50%;
• ωwd ≥ 0,12 nella zona critica alla base di una colonna primaria, e ωwd ≥ 0,08 nelle rimanenti zone critiche;

• Staffe e legature con ganci a 135° (EC8 - e d bw ≥ 0,4 ⋅ d bL, max ⋅ f ydL / f ydw ) devono essere previste in lcr con passo:
s ≤ min {bo/3; 125mm; 6dbL};
• La distanza tra armature longitudinali legate da staffe o legature deve essere inferiore a 150mm;
• EC8 - La quantità di armatura longitudinale alla base del pilastro, in prossimità della fondazione, non può essere
inferiore a quella posta all’intradosso del primo impalcato.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 52/171

RIEPILOGO DISPOSIZIONI COSTRUTTIVE PILASTRI


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 53/171

5.6 Confronto: prescrizioni costruttive normativa ACI 318-02


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 54/171

Armatura di un Pilastro a Stella prima del getto

Esempio di pilastri sismoresistenti in struttura con solai


alveolari Armatura di trave in una struttura con pilastri
prefabbricati
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 55/171

5.7 Nodi Travi-Pilastro


5.7.1 Definizioni
Si definisce nodo la zona del pilastro che si incrocia con le travi ad esso concorrenti
Si distinguono due tipi di nodo:
Nodi interamente confinati, così definiti quando in ognuna delle quattro facce verticali si innesta una trave. Il
confinamento si considera realizzato quando su ogni faccia la sezione della trave si sovrappone per almeno i 3/4 della
larghezza del pilastro, e su entrambe le coppie di facce opposte del nodo le sezioni delle travi si ricoprono per almeno i
3/4 dell'altezza;
Nodi non interamente confinati: tutti i nodi non appartenenti alla categoria precedente.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 56/171

5.8 Comportamento di Nodi Travi-Pilastro


Comportamento di nodi travi
pilastro: (a1) nodo armato secondo
normativa; (a2) nodo con
confinamento ridotto; (b) dettaglio
costruttivo di nodo esterno con
armature inclinate aggiuntive; (c)
risposta di nodo esterno con armature
inclinate; (d) risposta di nodo esterno
armato in maniera convenzionale.

(c)

(b) (d)
(a)
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 57/171

Collasso di un nodo d’angolo.

Tipologie di collasso in nodi trave-colonna: (a)


raggiungimento della capacità portante nella trave; (b) Collasso di un nodo esterno
raggiungimento della capacità portante nella colonna; (c)
espulsione del copriferro nel nodo; (d) collasso per
ancoraggio delle armature della trave; (e) collasso a taglio
del pannello di nodo.

Collasso di un nodo interno


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 58/171

Meccanismi di trasferimento
Determinazione delle azioni nei nodi. delle azioni nei nodi.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 59/171

Meccanismi resistenti nelle verifiche


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 60/171

5.9 NODI TRAVI-PILASTRO


5.9.1 Sollecitazioni nei nodi (EC 8 - solo per DCH)
• Le azioni nei nodi devono essere calcolate secondo Capacity Design, utilizzando i valori delle resistenze delle travi
ed il valore minimo del taglio nei pilastri;
• Il taglio nei nodi può essere calcolato come:
Nodi interni: V jhd = γ Rd ( As1 + As 2 ) f yd − VC Nodi esterni: V jhd = γ Rd As1 ⋅ f yd − VC
As1 = area dell’armatura superiore nelle travi; VC = taglio nel pilastro al di sopra del nodo,
As2 = area dell’armatura inferiore nelle travi; calcolato dall’analisi;
γRD = 1,20 = coefficiente di sovraresistenza.

5.9.2 Verifiche di resistenza (solo per CD A e DC H)


• La compressione diagonale indotta nel nodo dal meccanismo a puntone deve essere inferiore alla resistenza del
calcestruzzo in presenza di trazione trasversale. A tal fine, è sufficiente verificare quanto segue:
νd νd
Nodi interni: V jhd ≤ ηf cd 1 − ⋅ b j hc ; Nodi esterni: V jhd ≤ 0,80 ⋅ηf cd 1 − ⋅ b h NTC;
η η j c
ν
V jhd ≤ 0,85 ⋅ηf cd 1 − d ⋅ b j hc EC 8
η
η = 0,6(1-fck/250) con fck espresso in MPa; bj = larghezza efficace del nodo pari a:
νd = Nsd/(Acfcd) = azione assiale normalizzata nel a) se bc > bw: bj = min{bc; (bw+0,5hc)}
pilastro al di sopra del nodo; b) se bc < bw: bj = min{bw; (bc+0,5hc)}
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 61/171

• Deve essere posizionata nel nodo una quantità adeguata di armatura di confinamento, verticale ed orizzontale, al fine
di limitare la trazione massima nel calcestruzzo (σct ≤ fct). In assenza di valutazioni più precise, ciò può essere
ottenuto impiegando staffe orizzontali con φmin = 6mm, e tali che:
2
⎛ V jhd ⎞
⎜ ⎟
Ash ⋅ f ywd ⎜ b j ⋅ h jc ⎟
⎝ ⎠
≥ − f ctd
b j ⋅ h jw f ctd + ν d f cd
Ash = Area totale delle staffe orizzontali bj = larghezza efficace del nodo;
Vjhd = taglio nel nodo precedentemente definito; νd = Nsd/(Acfcd) = azione assiale normalizzata nel
hjw = Distanza tra estradosso trave ed armatura inf. pilastro al di sopra del nodo;
hjc =distanza tra le armature + esterne del pilastro; fctd = resistenza a trazione di progetto del cls.
• In alternativa a quanto sopra, l’integrità del nodo può essere garantita mediante staffe orizzontali che abbiano area
tale da soddisfare le condizioni seguenti (si veda capacity design applicato al nodo);
Nodi interni: Nodi esterni:
Ash f ywd ≥ γ Rd ( As1 + AS 2 ) f yd (1 − 0,8ν d ) ; (1) Ash f ywd ≥ γ Rd AS 2 f yd (1 − 0,8ν d ) ; (2)
νd = Nsd/(Acfcd) = azione assiale normalizzata nel γRd = 1.2 Coefficiente di sovraresistenza;
pilastro al di sopra del nodo (1), AS2 = area dell’armatura superiore nella trave;
oppure al di sotto del nodo (2); AS1 = area dell’armatura inferiore nella trave.
• Le staffe nel nodo devono essere disposte uniformemente all’interno dell’altezza hjw, tra le armature inferiori e
superiori della trave;
• EC 8 - Deve essere presente una quantità di armatura verticale passante nel nodo, tale che:
Asv,i ≥ (2 / 3) ⋅ Ash ⋅ (h jc / h jw ) ,
dove Asv,i è l’area delle barre poste lungo i lati delle facce rilevanti del nodo (tutte, escluse le barre d’angolo).
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 62/171

5.9.3 Dettagli Costruttivi


• L’armatura di confinamento orizzontale nei nodi non interamente confinati deve essere almeno pari all’armatura
orizzontale nella zona critica del pilastro adiacente il nodo;
• NTC - Per nodi non confinati, appartenenti a strutture di DC “A” e “B” deve essere verificata la seguente
condizione:
n st ⋅ Ast R
≥ 0.05 ck
i ⋅b f sy
nella quale nst ed Ast sono rispettivamente il numero di braccia e l’area della sezione trasversale di armatura della
singola staffa orizzontale, i è l'interasse delle staffe, e b è la larghezza utile del nodo (larghezza confinata, vedi
sopra).
• EC 8 - Per i pilastri sismoresistenti primari, almeno una barra verticale intermedia deve essere presente lungo i lati
del nodo, tra le armature d’angolo del pilastro.
• NTC - evitare per quanto possibile eccentricità tra l'asse della trave e l'asse del pilastro concorrenti in un nodo. Nel
caso che tale eccentricità superi 1/4 della larghezza del pilastro la trasmissione degli sforzi deve essere assicurata da
armature adeguatamente dimensionate allo scopo.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 63/171

5.9.4 Confronto: prescrizioni costrutttive normativa ACI 318-02 (ACI 352R-02)

Esempio 1 – Nodo Interno NON interamente confinato (solo i pilastri E-W coprono il 75% del pilastro)
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 64/171

Esempio 2 – Nodo Esterno NON interamente confinato (solo tre travi)


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 65/171

Esempio 3 – Nodo Interno interamente confinato con travi fuori spessore


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 66/171

Esempio 4 – Nodo d’angolo


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 67/171

Esempio 5 – Nodo d’angolo con pilastro che non prosegue.


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 68/171

Esempio 6 – Nodo Interno con travi in spessore.


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 69/171

Esempio 7 – Nodo perimetrale con trave di spina in spessore e travi di bordo ribassate.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 70/171

ESEMPI DI DETTAGLI COSTRUTTIVI


NODO DI BORDO
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 71/171

ESEMPI DI DETTAGLI COSTRUTTIVI


NODO D’ANGOLO
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 72/171

5.10 Pareti - Definizioni (punto 5.1.2 – EC8 – analoghe per NTC)

PARETI Elementi strutturali che supportano altri elementi ed hanno una sezione allungata con
rapporto lunghezza su spessore lw/bw > 4 (Ordinanza bw/lw < 0.3)

PARETI DUTTILI pareti incastrate alla base in maniera tale che non ci siano rotazioni relative rispetto al resto
della struttura, progettate ed armate in maniera da dissipare energia per flessione in una zona
plastica (cerniera plastica) posta in prossimità della base, priva di aperture o fori importanti

GRANDI PARETI DEBOLMENTE ARMATE pareti con elevate dimensioni trasversali, aventi cioè lunghezza lw
≥ 4m oppure lw ≥ 2/3hw (altezza della parete), la quale, in presenza di azioni sismiche,
svilupperà una modesta fessurazione ed esibirà un modesto comportamento non-lineare.

Nota: tali pareti tendono a dissipare energia nel terreno per radiazione, esibendo una
rotazione rigida alla base (rocking). A causa delle dimensioni trasversali, non possono essere
progettate per dissipare efficacemente energia tramite una cerniera plastica alla base.

PARETI ACCOPPIATE elementi strutturali composti da due o più pareti single, connesse in maniera regolare da travi
opportunamente duttili (travi di accoppiamento), tali da ridurre di almeno il 25% la somma
dei momenti flettenti alla base delle pareti collegate, ipotizzate come agenti separatamente.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 73/171

5.11 Comportamento di Strutture a Pareti

Tipologie di pareti accoppiate

Pareti singole ed accoppiate

Tl
M tot
grado di
accoppiamento

Tl
≥ 0.25
M tot
Problematiche nelle pareti accoppiate
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 74/171

5.11.1 Meccanismi di Comportamento di Pareti Singole

Principali meccanismi di comportamento di pareti soggette ad azioni sismiche.


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 75/171

Meccanismi di comportamento nelle travi di


collegamento

(Bertero, 1980)

Riduzione della rigidezza a taglio e “pinching” in una


trave tozza (Bertero&Popov, 1977)
Pareti in c.a. – Rottura per Presso flessione
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 76/171

Meccanismo i travi di accoppiamento.

Comportamento di parete governata dal taglio.

Comportamento ciclico di una parete tozza: (a) armata


Meccanismi di rottura a taglio in pareti tozze in maniera convenzionale; (b) armata con armature
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 77/171

Meccanismo di danno in corrispondenza di riprese di Meccanismo di danno dovuto a flessione e


getto compressione.

Collasso con fessure a X


Meccanismo di danno divuto al taglio.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 78/171

5.11.2 Meccanismi di Comportamento di Travi d’accoppiamento


Modelli per l’analisi di pareti accoppiate
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 79/171

5.12 EC8 – PARETI


5.12.1 Limiti dimensionali
• Spessore minimo dell’anima bw0 ≥ max{150mm; hs/20} dove hs è l’altezza netta di interpiano
valido sia per pareti duttili sia per grandi pareti
bw0 ≥ 200mm nel caso di travi di collegamento con armature inclinate
5.12.2 Sollecitazioni nelle Pareti
5.12.2.1 Classe di Duttilità B (EC 8 – M)
• EC8 - Si può adottare una ridistribuzione delle azioni sismiche tra le pareti primarie, pari al più al 30% e tale per cui
il taglio totale alla base non venga ridotto. Il taglio deve essere ridistribuito tra le pareti in analogia al momento
flettente, così da non modificare sensibilmente il rapporto M/V in ciascuna parete, rispetto alla soluzione elastica.
• EC8 - In pareti soggette ad elevate fluttuazioni di azione assiale, come nelle pareti accoppiate, momento e taglio
possono essere ridistribuiti dagli elementi soggetti a compressione minore (o trazione), a quelli soggetti a
compressione maggiore (N.B. la presenza di compressione aumenta la resistenza flessionale a parità di armatura);
• EC8 - In pareti accoppiate, le azioni interne possono essere ridistribuite tra le travi di accoppiamento di piani diversi
in ragione pari al più al 20%, purché l’azione assiale alla base di ciascuna parete (somma dei tagli sulle travi di
accoppiamento) non sia modificata;
• EC8 - Devono essere considerate le incertezze della distribuzione dei momenti flettenti lungo le pareti snelle
(hw/lw < 2) , principalmente a causa di effetti di modi superiori al primo e di approssimazioni nella modellazione;
• Deve essere considerato il possibile aumento del taglio in seguito allo snervamento a flessione alla base delle pareti
primarie. Ciò può essere soddisfatto prendendo un taglio di progetto pari al taglio ricavato dall’analisi, maggiorato
del 50% (VSd ≥ 1,50Vanalisi);
• Per pareti estese debolmente armate il taglio ad ogni piano può essere ottenuto amplificando il taglio derivante
dall’analisi del fattore (q+1)/2;
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 80/171

• In sistemi accoppiati (Telai + Pareti duttili), l’inviluppo dell’azione di taglio deve essere opportunamente
modificato, al fine di considerare le incertezze legate all’influenza dei modi superiori;
• Se q>2, si deve tener conto delle forza assiale dinamica aggiuntiva che si genera nelle pareti per effetto dell’apertura
e chiusura di fessure orizzontali e del sollevamento dal suolo. In assenza di più accurate analisi essa può essere
assunta pari al ±50% della forza assiale dovuta ai carichi verticali in condizioni sismiche;
a – diagramma del momento da analisi;
b – inviluppo di progetto
a1 – tension shift. Tale distanza dovrebbe essere
consistente con l’inclinazione dei puntoni nella
verifica a taglio alla base. Generalmente la distanza a1
viene assunta pari all’altezza critica nella quale si
sviluppano le deformazioni plastiche
Sistema a pareti Sistema accoppiato
Modifica del diagramma inviluppo del momento flettente
Linea a tratteggiata – diagramma del taglio da analisi;
Linea piena – diagramma del taglio aumentato del 50%
A – inviluppo di progetto, avente Vtop ≥ 0,50Vbase

Modifica del diagramma inviluppo del Taglio per sistemi misti Telaio-Pareti
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 81/171

5.12.2.2 Prescrizioni Aggiuntive per le pareti di Classe A (EC 8 – H)


• Il taglio di progetto deve essere ricavato mediante Capacity Design come:
VEd = ε·V’Ed ≥1.5·V’Ed, dve: V’Ed è il taglio ricavato dall’analisi e
2 2
⎛γ M ⎞ ⎛ S (T ) ⎞
ε = q ⋅ ⎜⎜ Rd ⋅ Rd ⎟⎟ + 0,1⎜⎜ e c ⎟⎟ ≤ q e γRD = 1.20;
⎝ q M Ed ⎠ ⎝ Se (T1 ) ⎠
• Per pareti tozze (hw/lw < 2) non è necessario modificare il diagramma del momento flettente e del taglio. Il taglio di
progetto si può ricavare amplificando il taglio da analisi come:
⎛M ⎞ ' '
VEd = γ Rd ⋅ ⎜⎜ Rd ⎟⎟ ⋅ VEd ≤ q ⋅ VEd , dove γRD = 1.20;
⎝ M Ed ⎠
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 82/171

5.12.3 Verifiche di Resistenza di Pareti


5.12.3.1 Classe di Duttilità M

• La resistenza a flessione deve essere calcolata come per pilastri presso-inflessi, considerando tutta l’armatura
verticale d’anima ai fini della valutazione della resistenza delle pareti;
• In elementi primari, l’azione assiale normalizzata deve essere inferiore a 0,4 - ν d = N sd /( Ac ⋅ f cd ) ≤ 0,4 ;
• La resistenza a taglio deve essere calcolata come per i pilastri, considerando la possibile rottura per scorrimento;
• Per le pareti estese debolmente armate occorre limitare le tensioni di compressione nel calcestruzzo per prevenire
l’instabilità fuori dal piano, limitando la snellezza della zona terminale, considerata come pilastro isolato;
• Sezioni composte costituite da elementi rettangolari connessi (pareti a L-, T- U-, I-, o similari) dovrebbero essere
considerate come elementi monolitici, composti da una o più anime (circa) parallele alla direzione di azione del
sisma e da una o più flange (approssimativamente) normali ad esse. Ai fini del calcolo della resistenza flessionale, la
larghezza efficace di una flangia dovrebbe essere presa come il valore minimo tra i seguenti:
⎧l f − Larghezza effettiva della flangia

l f , eff = min ⎨0.5d w − Metà della distanza da una flangia adiacente
⎪0,25h − 25% della altezza totale della parete al di sopra della sezione considerata
⎩ w
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 83/171

5.12.3.2 Prescrizioni Aggiuntive per le pareti di Classe A (EC 8 - H)

• In elementi primari, l’azione assiale normalizzata deve essere inferiore a 0,4 - ν d = N sd /( Ac ⋅ f cd ) ≤ 0,4 .

• Verifica a taglio-compressione del calcestruzzo dell’anima


Il valore resistente VRd,max deve essere calcolato come segue:
- fuori dalla zona critica: come per le travi utilizzando un braccio della coppia interna z = 0,8lw e θ=45°;
- nella zona critica: riducendo all’40% il valore calcolato come sopra
• Verifica a taglio-trazione dell’armatura dell’anima
La verifica varia al valore del rapporto di taglio αs = MEd/(VEdlw), dove lw è l’altezza della sezione
- se αs ≥ 2,0 la verifica si esegue come per le travi utilizzando z = 0,8lw e θ=45°;
- se αs < 2,0 (pareti tozze) si applicano le seguenti prescrizione
VRd = VRd , ct + 0,75 ρ h f yd , hbwoα s lw dove VRd,ct è la resistenza di elementi senza armature al taglio,
valutata con x = MEd/VEd, da assumersi comunque nulla se NEd è di
trazione e ρh è la percentuale di armatura orizzontale;
ρ h f yd , hbwo z ≤ ρ v f yd , vbwo z + min N Ed deve essere inserita una armatura verticale minima;
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 84/171

• Verifica per Scorrimento a Taglio


In corrispondenza dei potenziali piani di scorrimento posti all’interno delle zone critiche (ad esempio alla base delle
pareti, nelle riprese di getto o nei giunti costruttivi) deve risultare:
VEd ≤ VRd,s dove VRd,s = Vdd + Vid + Vfd è il valore di progetto della resistenza a taglio a scorrimento:
⎧⎪1,3 ⋅ ∑ Asj ⋅ f cd ⋅ f yd
Vdd = min ⎨ resistenza a spinotto delle armature che attraversano il piano;
⎪⎩0, 25 ⋅ f yd ∑ sj
⋅ A
Vid = ∑ Asi ⋅ f yd ⋅ cos ϕ resistenza delle armature inclinate che attraversano il piano;
[( )
⎧μ f ⋅ ∑ Asj ⋅ f yd + N Sd ⋅ ξ + M Ed / z ]
V fd = min ⎨ resistenza ad attrito della zona compressa;
⎩ 0,5η ⋅ f cd ⋅ ξ ⋅ l ⋅ b
w wo
dove:
ΣAsj è la somma dell’area delle barre verticali dell’anima o di barre posizionate negli elementi
di estremità aggiunte all’uopo;
ΣAsi è la somma dell’area delle barre inclinate (angolo ϕ). Si raccomandano diametri grandi;
η = 0,6(1-fck/250) con fck espresso in MPa;
μ è il coefficiente d'attrito, che sotto azioni cicliche può essere posto pari a 0.60;
ξ =x/(lw⋅bw0) è l'altezza della parte comressa della sezione normalizzata.
- Le barre inclinate devono essere ancorate al di fuori del piano di scorrimento su entrambi i lati e devono
incrociarsi al di sopra del piano di scorrimento entro una distanza pari a min{0,5lw; 0,5hw);
- La presenza delle barre inclinate modifica la resistenza a flessione, utilizzata per determinare VEd:
VEd può essere calcolata incrementando il momento MRd di ΔMRd = ΣAsi·fydi·sinϕi·li
oppure, Vid = ∑ Asi ⋅ f yd ⋅ [cos ϕ − 0,5li ⋅ sin ϕ /(α s ⋅ lw )] dove li è la distanza tra le barre inclinate.
- - Per pareti tozze: Vid > VEd/2 alla base della parete e Vid > VEd/4 altrove.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 85/171

5.12.4 Dettagli Costruttivi per le Pareti

5.12.4.1 Classe di Duttilità M

• L’altezza della zona critica al di sopra della base della parete può essere stimata come:

⎧2 ⋅ l w

hcr = max[lw , hw / 6] ≤ ⎨⎧hs per n ≤ 6 piani ( EC 8)
⎪⎨2 ⋅ h per n ≥ 7 piani
⎩⎩ s
dove hs è l’altezza netta di interpiano, e dove la base
della parete è definita dalla fondazione, oppure
all’incastro del piano interrato, qualora sia presente un
diaframma rigido con pareti perimetrali (fondazione
scatolare)

• Nelle regioni critiche della parete deve essere garantita una duttilità minima in termini di curvatura μφ definita come:
NTC EC8
⎧2 ⋅ q − 1 se T1 ≥ Tc ⎧ ⎛ M Ed ⎞ dove MEd e MRd sono i

μφ = ⎨ ⎪ 2 ⋅ q0 ⎜
⋅ ⎜ M ⎟⎟ −1 se T1 ≥ Tc momenti sollecitanti e
Tc ⎝ Rd ⎠ max
⎪1 + 2 ⋅ (q − 1) se T1 < Tc ⎪
μφ = ⎨ resistenti alla base della
⎩ T1
⎪ ⎛ ⎛ M Ed ⎞ ⎞ Tc parete
⎜ ⎜ ⎟ − 1⎟
⎪1 + 2 ⋅ ⎜ q0 ⋅ ⎜ M ⎟ se T1 < Tc
⎩ ⎝ ⎝ Rd ⎠ max ⎟⎠ T1
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 86/171

5.12.4.2 Disposizioni Costruttive NTC (CD “B” e CD “A”)

• Le armature, sia orizzontali che verticali, devono essere disposte su entrambe le facce della parete. Le armature
presenti sulle due facce devono essere collegate con legature in ragione di almeno nove ogni metro quadrato.

• Il passo tra le barre deve essere non maggiore di 30 cm. Il diametro delle barre deve essere non maggiore di un
decimo dello spessore della parete.

• Nell’altezza della zona inelastica di base hcr , si definisce una zona “confinata” costituita dallo spessore della parete
e da una lunghezza “confinata” Lc pari al 20% della lunghezza in pianta L della parete stessa e comunque non
inferiore a 1.5 volte lo spessore della parete. In tale zona il rapporto geometrico ρ dell’armatura totale verticale,
riferito all’area confinata, deve essere compreso tra i seguenti limiti:
1% < ρ < 4%

• Nelle zone confinate l’armatura trasversale deve essere costituita da barre di diametro non inferiore a 6 mm, disposti
in modo da fermare una barra verticale ogni due con un passo non superiore a 8 volte il diametro della barra o a 10
cm. Le barre non fissate devono trovarsi a meno di 15 cm da una arra fissata.

• Nella rimanente parte della parete, in pianta ed in altezza, vanno seguite le regole delle condizioni non sismiche, con
un minimo di armatura minima orizzontale e verticale pari allo 0.2 %, per controllare la fessurazione da taglio.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 87/171

5.12.4.3 Disposizioni Costruttive (EC 8 – DC M e DC H)

• EC8 - In assenza di verifiche specifiche, tale valore di duttilità può essere ottenuto mediante la realizzazione di
elementi di estremità confinati, la cui estensione e quantità di armatura di confinamento è definita nel seguito;
Estensione dell’elemento di estremità Armatura di confinamento
(zona nella quale si prevede sia superata la def. del CLS non αω b
wd ≥ 30 μ φ (ν d + ωv )ε sy , d c − 0,035
confinato εcu = 0.35-0.4%) b0
dove:
Vol. Staffe Conf . f yd
ωwd = ⋅ % mecc. vol. confin.
Vol. cls. conf . f cd
εcu2 = 0.35% μφ duttilità richiesta, definita sopra;
εcu2,c = N sd
νd = azione assiale normalizzata;
0.0035+0,1αωwd Ac ⋅ f cd
f yd , v
ωv = ρ v ⋅ % meccanica armatura verticale;
f cd
Larghezza minima el. di estremità: b ≥ 200mm εsy,d val. di progetto della def. di snervamento;
w α = αn· αs fattore di efficacia del confinamento
lc,min ≥ α n = 1 − ∑ bi2 / 6bo / ho
n
min{0,15lw; 1,50bw} s s
α s = (1 − )(1 − )
2bo 2ho
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 88/171

• l’armatura trasversale negli elementi di confinamento Calcolo della percentuale meccanica volumetrica
può essere determinata secondo EC2 qualora: di armatura di confinamento

νd ≤ 0,15 oppure νd ≤ 0,20 e q viene ridotto del 15%


• la percentuale di armatura longitudinale negli
elementi di estremità è pari a ρ ≥ 0,5%;
• almeno una armatura longitudinale sì ed una no
devono essere legate da staffe o legature;
• al di sopra·della zona critica si applicano le regole da
EC2. Comunque, in tutte le zone dove è attesa una
deformazione del cls εc > 0.2%, la percentuale di
armatura longitudinale deve essere pari a ρ ≥ 0,5%;
• nel caso di elementi di estremità con larghezza
maggiore dell’anima vengono date indicazioni
specifiche;
• per pareti con flange, non è richiesta armatura di
confinamento se la larghezza della flangia ed il suo
spessore sono pari almeno a quanto indicato in
figura, dove hs è l’altezza netta di interpiano.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 89/171

5.12.4.4 Prescrizioni Aggiuntive per le pareti di Classe H (solo EC 8)

• Se la parete è connessa ad una flangia con hf ≥ hs/15 e


bf ≥ hs/5 e se l’elemento di estremità si estende
all’interno dell’anima oltre la flangia per non più di
3bwo, allora la largheza minima dell’elemento di
estremità è pari a bw0 ≥ max{150mm; hs/20}

• All’interno degli elementi di estremità si prescrive che le staffe rispettino i requisiti geometrici delle colonne in
classe H e che ωwd ≥ 0.12. Inoltre, negli elementi di estremità almeno una armatura longitudinale sì ed una no
devono essere legate da staffe o legature
• Gli elementi di estremità si devono estendere di un ulteriore piano al di sopra della zona critica;
• Deve essere prevista una armatura d’anima orizzontale e verticale minima ρh,min = ρv,min = 0,002;
• L’armatura di parete deve essere costituita da una maglia di armature con le medesime caratteristiche di aderenza,
collegate da spilli con spaziatura circa pari a 500m;
• L’armatura d’anima deve avere φ ≥ 8mm ma φ ≤ bwo/8. Il passo deve essere sw ≤ min{250mm, 25φ};
• Per compensare gli effetti sfavorevoli della fessurazione nelle riprese di getto (problemi di scorrimento), deve essere
prevista la seguente armatura minima attraverso la ripresa:

ρ min
⎧⎛
⎪ ⎜
≥ ⎨⎜⎝
1 .3 ⋅ f ctd −
N Ed ⎞
Aw ⎟⎠
( (
⎟ / f yd ⋅ 1 + 1.5 f cd / f yd )) dove Aw è l’area trasversale della parete
⎪0,0025

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 90/171

RIEPILOGO DISPOSIZIONI COSTRUTTIVE PARETI


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 91/171

ESEMPIO – PARETE VANO ASCENSORE


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 92/171

5.13 EC8 - Travi di Collegamento (DC H)


• Accoppiamento dovuto a solette non deve essere considerato, non essendo efficace (insufficiente rigidezza);
• Le travi di accoppiamento vengono considerate come travi snelle se:
a) è improbabile che si manifesti fessurazione diagonale in entrambe le direzioni: V Ed ≤ f ctd ⋅ bw ⋅ d
b) è prevedibile un collasso prevalentemente flessionale (travi snelle) l/h ≥ 3
• In caso contrario, la resistenza sismica deve essere garantita da armatura a croce di S.Andrea.
V Ed ≤ 2 ⋅ Asi ⋅ f yd ⋅ sin α dove:
VEd è il taglio di progetto (VEd = 2⋅MEd/l)
Asi area totale delle armature in ogni
direzione diagonale
• Armatura diagonale disposta come nelle
Meccanismi di comportamento nelle travi di collegamento colonne, con lato ≥ 0,5bw. La lunghezza
di ancoraggio deve essere aumentato del
50% rispetto a EC2;
• Staffe chiuse (ganci a 135°) con passo
s ≤ 100mm;
• Deve essere aggiunta armatura
longitudinale e trasversale in quantità
almeno pari ai min. da EC2 per travi
alti. L’armatura longitudinale può
estendersi nelle pareti per soli 150mm.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 93/171

RIEPILOGO DISPOSIZIONI COSTRUTTIVE TRAVI DI COLLEGAMENTO


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 94/171

Esempio di setto sismo-resistente

Dettagli armatura nello spigolo


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 95/171

Armatura ad X per travi di accoppiamento prima del


Esempio di armatura di parete getto

Disposizione di armatura attorno alle finestre in pareti


in c.a.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 96/171

5.14 Il Ruolo dei Tamponamenti nella Risposta Sismica


E’ necessario distinguere due tipi di problemi:
• l’eventuale interazione meccanica, favorevole o sfavorevole, dei tamponamenti con la struttura, con una
conseguente significativa modifica della risposta strutturale rispetto a quanto si avrebbe in assenza di tale
interazione;
• il danneggiamento dei tamponamenti stessi per effetto delle deformazioni impresse dalla risposta sismica della
struttura (SLD: inagibilità dell’edificio, SLU: crollo o espulsione dei tamponamenti).
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 97/171

Interazione dei tamponamenti con la struttura – Effetti Globali


Tamponamenti distribuiti Tamponamenti distribuiti
irregolarmente in pianta: irregolarmente in elevazione:
spostamento del centro di possibile creazione di un
rigidezza con conseguenti piano debole
effetti torsionali

Interazione dei tamponamenti con la struttura – Effetti Locali

Danno ai pilastri per effetto delle forze


concentrate esercitate dai
tamponamenti
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 98/171

Effetto di tamponature parziali - creazione di colonne tozze con conseguente rottura a taglio

Espulsione del paramento esterno in mattoni a vista


(Fabriano, sisma umbro-marchigiano, 1997) – debolezza
del vincolo dei tamponamenti nei confronti del collasso
fuori piano
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 99/171

Danneggiamento di pilastri in contatto con


tamponamenti su un solo lato Danneggiamento dei tamponamenti: (a) distacco dal
telaio; (b) Fessure ad X.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 100/171

Disposizione di armatuew e meccanismi di collasso in


pilastri corti: (a) Armatura convenzionale con staffe
ravvicinate; (b) Staffe ed armatura ad X; (c)
Armatura a rombo e staffe.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 101/171

5.15 EC8 – Effetti dei Tamponamenti sulle Strutture


5.15.1 Irregolarità dovute alla presenza dei tamponamenti

5.15.1.1 Irregolarità in pianta

• Dovrebbero essere evitate distribuzioni di tamponamenti fortemente irregolari in pianta o elevazione


(considerando anche l’estensione e la posizione delle aperture nei tamponamenti);
• Nel caso di forte irregolarità in pianta, è necessario utilizzare un modello tridimensionale della struttura e
modellare l’effetto dei tamponamenti, tenendo conto della incertezza delle proprietà meccanica e della posizione
delle stesse. Dovrebbe essere effettuato anche uno studio di sensibilità al riguardo della posizione e della
proprietà dei tamponamenti, ad esempio trascurando la presenza di un pannello ogni tre o quattro, in particolare
nella direzione meno rigida dell’edificio. Deve essere posta particolare attenzione alla valutazione degli effetti
torsionali legati alla presenza dei tamponamenti;
• Tamponamenti con una o più aperture significative (es. porte o finestre) dovrebbero essere trascurati;
• Nel caso di moderata irregolarità in pianta, è sufficiente raddoppiare l’eccentricità accidentale delle masse.

5.15.1.2 Irregolarità in elevazione

• In caso ci siano forti irregolarità in elevazione devono essere aumentate le azioni sul piano ove si ha riduzione dei
tamponamenti mediante un coefficiente pari a:
η = (1 + ΔVRw / ∑ VSd ) ≤ q (se η < 1,1 l'effetto può essere trascurato)

dove ΔVRw è la riduzione totale della resistenza dei tamponamenti al piano considerato, calcolata rispetto al piano
superiore con il maggior numero di tamponamenti, e ΣVSd è la somma dei tagli agenti negli elementi resistenti
primari del piano.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 102/171

5.15.2 Limitazione del danno nei tamponamenti


• indipendentemente dalla classe di duttilità, devono essere prese adeguate contromisure per evitare rotture fragili
premature dei tamponamenti, così come per evitare il collasso fuori piano dei pannelli o di loro parte. Deve
essere posta particolare attenzione ai pannelli il cui rapporto di snellezza sia inferiore a 15 (min{lw/tw; hw/tw}<15);
• per aumentare la resistenza sia nel piano sia fuori piano si può applicare una rete nell’intonaco su un lato della
muratura, utilizzare armature longitudinali inglobate nei letti di malta, e vincolate nei pilastri;
• se ci sono aperture importanti nei pannelli, esse dovrebbero essere incorniciate da cordoli in c.a.

(a)

Esempio di rinforzo di tamponamento (Calvi & Bolognini, 1999).


(a) tamponatura semplice drift 0,4%, (b) tamponatura con rete in
acciaio da 1mm, drift da 0,4%.
(b)
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 103/171

5.15.3 Effetti locali dovuti a tamponamenti in muratura o calcestruzzo


• A causa della particolare vulnerabilità dei tamponamenti al piano terra, deve essere previsto l’insorgere di
irregolarità strutturali e devono essere prese misure adeguate. In mancanza di valutazioni più precise, l’intera
lunghezza dei pilastri al piano terra dovrebbe essere considerata come critica, e confinata di conseguenza;
• Se i tamponamenti sono più corti dell’intera lunghezza dei pilastri adiacenti (insorgenza di colonne tozze):
a) l’intera altezza del pilastro deve essere considerata critica, ed armata di conseguenza (staffe);
b) deve essere considerata la riduzione della luce di taglio dei pilastri, calcolando il taglio sollecitante
mediante capacity design, adottando come luce la lunghezza del pilastro non in contatto con i
tamponamenti, ed un coefficiente di sovraresistenza γRd = 1.1 o 1.3 per DCM e DCH, rispettivamente;
c) l’armatura a taglio (staffe) così calcolate devono essere distribuite sulla lunghezza non in contatto con i
tamponamenti, ed estese per una lunghezza hc (dimensione della sezione del pilastro nel piano del
tamponamento) nel pilastro, nella zona in contatto con i tamponamenti;
d) se la lunghezza del pilastro non in contatto con il tamponamento è inferiore a 1,5 hc, il taglio deve
essere resistito da armature inclinate;
• Se i tamponamenti sono presenti su un solo lato di un pilastro, e si estendono per l’intera lunghezza dello stesso
(es. pilastri d’angolo), l’intera lunghezza dovrebbe essere considerata come critica ed armata di conseguenza;
• La lunghezza lc sulla quale viene applicata la forza di taglio dovuta ai tamponamenti (zona interessata dal
puntone della muratura, la cui larghezza può essere presa pari ad una frazione della lunghezza della diagonale del
pannello, es. L/10) deve essere verificata a taglio per il valore minore delle seguenti forze di taglio: (a) la
componente orizzontale del puntone nel tamponamento, valutata sulla base della resistenza dei letti di malta; (b)
valutata sulla base dell’applicazione del capacity design sul pilastro considerando una lunghezza lc.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 104/171

Limitazioni di danni ai tamponamenti, si dovranno adottare misure atte ad evitare collassi fragili e prematuri dei
tamponamenti esterni e la possibile espulsione di elementi in muratura in direzione perpendicolare al piano della
muratura. Metodi suggeriti:
- inserimento di leggere reti di acciaio (es. diametro 1 mm, passo 10-20 mm) sui due lati della muratura,
collegate tra loro a distanza < 500 mm;
- inserimento di armature orizzontali nei letti di malta a interasse non superiore a 500 mm (es. tralicci con
diametro 5mm)

Nota: le tecniche sopra suggerite sono efficaci per tamponature interamente


confinate dal telaio in c.a., grazie all’meccanismo di resistenza “ad arco” che si
oppone all’espulsione fuori dal piano. Per tamponature esterne non confinate del
telaio (es. faccia a vista) è necessario introdurre dei collegamenti al paramento
interno confinato dal telaio o alla struttura in c.a..

Meccanismo ad arco
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 105/171

6. CALCOLO DI UN EDIFICIO A STRUTTURA MISTA PARETI-TELAIO – EC 8


Viene presentato lo studio di un edificio in C.A. di civile abitazione costituito da 5 piani fuori terra e da un piano interrato;
l’ingombro complessivo in pianta è pari a 22.2x12.3m.
Le strutture in elevazione sono costituite da pilastri, travi, pareti in c.a. con solai in latero-cemento.
Lo schema sismo-resistente è costituito da telai perimetrali di facciata in c.a. uniti alle pareti accoppiate che costituiscono
il vano scala e ascensore. I solai sono considerati come diaframmi infinitamente rigidi nel piano. I telai interni, ipotizzati
come non sismo-resistenti, devono essere comunque in grado di sviluppare deformazioni compatibili con gli spostamenti
degli elementi sismo-resistenti.
La struttura in elevazione insiste su di una fondazione scatolare costituita dalle strutture in C.A. dell’interrato, composte
dai muri perimetrali controterra, dal solaio del piano terra, e dalle strutture di fondazione.
La carpenteria del piano tipo e una sezione dell’edificio sono riportate nelle Figure seguenti. Le dimensioni riportate sono
quelle ottenute in seguito al pre-dimensionamento ed alle successive verifiche secondo normativa.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 106/171

PIANTA PIANO TIPO


2 220
475 480 270 480 475
40 430 50 430 50 220 50 430 50 430 40

40

40
4775
435

435
295

200
40

40
1 230

30 235 30

2175
480
440

440
30 235 30

420
195 40

195 40
2375
40

40
430 50 4425 30 235 30 4425 50 430 40
150

150
40

520 520

Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 107/171

SEZIONE EDIFICIO

25
285
25
285
25
285
1 860
25 285
25
285
25
285

1 230
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 108/171

Solaio PIANO TIPO Solaio COPERTURA ACCESSIBILE


Sovraccarichi permanenti: Sovraccarichi permanenti:
2
P.P. Solaio H=20+5cm 345 kg/m P.P. Solaio H=20+5cm 345 kg/m2
Sottofondo H=10cm 200 kg/m2 Pendenza H=10cm 200 kg/m2
Pavimento 40 kg/m2 Pavimento galleggiante 75 kg/m2
Intonaco 30 kg/m2 Intonaco 30 kg/m2
Partizioni interne 100 kg/m2
TOTALE PERMANENTE 715 kg/m2 TOTALE PERMANENTE 650 kg/m2
Sovraccarico Accidentale 200 kg/m2 Sovraccarico Accidentale 200 kg/m2
TOTALE SOLAIO TIPO 915 kg/m2 TOTALE COPERTURA 850 kg/m2
SCALA BALCONI
Sovraccarichi permanenti: Sovraccarichi permanenti:
2
P.P. 570 kg/m P.P. Solaio H=15cm 375 kg/m2
Sottofondi 180 kg/m2 Pendenza H=7cm 140 kg/m2
Pavimento 50 kg/m2 Pavimento 40 kg/m2
Intonaco 30 kg/m2
TOTALE PERMANENTE 830 kg/m2 TOTALE PERMANENTE 555 kg/m2
Sovraccarico Accidentale 400 kg/m2 Sovraccarico Accidentale 400 kg/m2
TOTALE SCALE 1230 kg/m2 TOTALE BALCONI 955 kg/m2
TAMPONAMENTI ESTERNI PARETI VANO SCALA
P.P.12+8cm comp. Intonaci 240 kg/m2 P.P.S=25cm 625 kg/m2
Intonaco 60 kg/m2
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 109/171

MATERIALI
Calcestruzzo C25/30 (Rck = 30 MPa) Acciaio per armatura FeB 44k

fck = 25 MPa fyk = 430 MPa


fctm = 0.3 fck2/3 = 2,56 MPa Es = 206000 MPa
fctk,0.05 = 0.7 fctm = 1,80 MPa γs = 1,15
Ec = 9500 ( fck + 8 ) 1/3 = 30500 MPa fyd = fyk / γs = 374 MPa
γc = 1,6
fcd = fck / γc = 15,63 MPa
τRd = 0.25 fctk0.05 / γc = 0,28 MPa
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 110/171

6.1 Calcolo delle sollecitazioni dovute alle azioni statiche


Il dimensionamento degli impalcati è stato svolto in maniera tradizionale mediante calcolo a trave continua dei solai.
Analogamente, le travi sono state dimensionate per le azioni verticali a partire dai carichi dei solai, con calcoli a trave,
senza considerare il comportamento a telaio della struttura. Infine, i pilastri sono stati calcolati per sola azione assiale. Le
verifiche sono state svolte con il metodo degli SL.
Con riferimento alle combinazioni di carico previste da EC2, le azioni per lo SLU e SLE sono state determinate
utilizzando i valori dei coefficienti di combinazione relativi ad un edificio residenziale, riportate in Tabella 3.1.
Tabella 3.1 – Coefficienti per la definizione delle azioni statiche.
SLU non Sismico
SLE non sismico
γG = 1,40 (1,0 se il suo contributo aumenta la γG = 1
sicurezza)
γQ = 1
γQ = 1,50 (0,0 se il suo contributo aumenta la
sicurezza)
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 111/171

6.2 Calcolo delle sollecitazioni dovute alle azioni sismiche


Il dimensionamento e la verifica sismica dell’edificio è stata effettuata mediante l’applicazione del “Criterio della
Gerarchia delle Resistenze” (Capacity Design).
Il modello è stato sviluppato con le seguenti ipotesi:
1. travi e pilastri modellati con elementi “beam” tri-dimensionali;
2. pareti modellate con elementi “wall”;
3. impalcati infinitamente rigidi nel piano;
4. massa di piano distribuita; in fase di analisi si considera un’eccentricità accidentale del 5% come previsto dalla
Normativa;
5. incastro perfetto dei pilastri e delle pareti in corrispondenza dell’estradosso della soletta piano terra;
6. la fondazione scatolare (parte interrata dell’edificio) non è stata modellata, poiché ritenuta infinitamente rigida
rispetto alla parte in elevazione dell’edificio.

Le analisi sono state svolte utilizzando sia per lo stato limite ultimo (SLU) sia per lo Stato Limite di Danno (SLD) una
rigidezza pari al 50% EIg per le travi e 70% EIg per le pareti e i pilastri (dove il momento d’inerzia Ig si riferisce alla
sezione di solo calcestruzzo)
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 112/171

Coefficiente di Importanza γI = 1,0 (Edificio ordinario)


SLU - ψEi = ϕψ2i SLD - ψEi = ϕψ2i
Piano ψ2i ϕ Piano ψ0i ϕ
Tutti i piani 0,3 0,5 Tutti i piani 0,3 0,5
Copertura 0,2 1,0 Copertura 0,2 1,0

Zona Sismica 2: ag = 0.25g


Terreno Categoria C
Depositi di sabbie e ghiaie mediamente addensate o di argille di media consistenza con spessori da
diverse decine fino a centinaia di metri, caratterizzzati da valori di Vs,30 compresi tra 180 e 360 m/s
S TB TC TD
1,25 0,15 0,50 2,0
Fattore di smorzamento: ξ = 0,05 ⇒η = 1,0
L’edificio è stato dimensionato e verificato con riferimento ad una classe di duttilità alta
(CD“A”). Il coefficiente di struttura risulta pertanto:

q = q0 ⋅ k D ⋅ k R

dove:
q 0= 3 struttura a nucleo;
r
infatti < 0.8 dove:
ls
r2 è il rapporto tra rigidezza torsionale e flessionale di piano
L2 + B 2
ls =
2
con B e L dimensioni in pianta dell’edificio
12
KD = 1 per edificio in CD“A”;
KR = 1 per edificio regolare in altezza.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 113/171

5
(m/s^2)
Sd

Spettro Elastico
3 Spettro SLU
Spettro SLE
2

0
0.0 0.5 1.0 1.5 2.0 2.5 3.0 3.5 4.0
T
(s)
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 114/171

Tabella 6.1 – Caratteristiche degli elementi nel modello ad Elementi Finiti: Pareti e travi di collegamento.
Elemento BxH [cm] Sezione [cm2] Ix [cm4] Iy [cm4]
Trave di Collegamento 30x65 1 950 686 562 146 250
Parete 1 - 2 30x420 12 600 945 000 185 220 000
Parete 3 - 5 30x200 6 000 450 000 20 000 000
Parete 4 295x30 8 850 64 180 938 663 750

Tabella 6.2 – Caratteristiche degli elementi nel modello ad Elementi Finiti: Pilastri d’angolo sismo-resistenti.
INTERPIANO BxH [cm] Sezione [cm2] Ix [cm4] Iy [cm4]
PT-1-2-3-4-5 40x40 1 600 213 333 213 333

Tabella 6.3 – Caratteristiche degli elementi nel modello ad Elementi Finiti: Pilastri sismo-resistenti Telaio 1.
INTERPIANO BxH [cm] Sezione [cm2] Ix [cm4] Iy [cm4]
PT-1-2-3-4-5 40x35 1 400 142 916 186 667

Tabella 6.4 – Caratteristiche degli elementi nel modello ad Elementi Finiti: Pilastri sismo-resistenti Telaio 2.
INTERPIANO BxH [cm] Sezione [cm2] Ix [cm4] Iy [cm4]
PT-1-2-3-4-5 50x35 1 750 178 645 364 583

Tabella 6.5 – Caratteristiche degli elementi nel modello ad Elementi Finiti: Travi di bordo
INTERPIANO BxH [cm] Sezione [cm2] Ix [cm4] Iy [cm4]
PT-1-2-3-4-5 35x50 1 750 364 583 178 645
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 115/171

Dettaglio vano scala


Modello dell’Edificio

DettaglioTelaio 2 dir. XX Dettaglio Telaio 1 dir. YY


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 116/171

Dettaglio Rigid Link di piano


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 117/171

Modo 1 Modo 2 Modo 3

Modo 4 Modo 6 Modo 8

Modo 10 Modo 13
Figura 5.2 Modi propri di vibrare
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 118/171

Tabella 5.6 Principali risultati dell’analisi modale


Sisma in Direzione X-X Sisma in Direzione Y-Y
Modo Frequenza Periodo Sa (SLU) % Massa Modo Frequenza Periodo Sa (SLU) % Massa
F [Hz] T [Sec] Sa (SLD) F [Hz] T [Sec] Sa (SLD)
2 2
[m/s ] [m/s ]
0.88 1.13 1.13 20.88% 2.08 0.48 2.55 72.41%
1 3
1.36 3.06
1.46 0.78 1.65 49.61% 8.34 0.12 2.64 16.90%
2 8
1.97 2.75
2.86 0.35 2.55 4.41% 18.61 0.05 2.89 6.32%
4 13
3.06 1.83
5.84 0.17 2.55 16.44%
6
3.06
12.06 0.08 2.80 4.78%
10
2.14
Totale 96.12% Totale 95.63%
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 119/171

6.2.1 Analisi a Spettro di Risposta


L’analisi a spettro di risposta è stata effettuata ipotizzando che il sisma agisca alternativamente in direzione longitudinale
(X-X) e trasversale (Y-Y). L’eccentricità accidentale che determina i massimi spostamenti e le massime sollecitazioni nel
modello è risultata essere la (-δx)+(-δy), per la quale gli effetti torsionali risultano essere maggiormente significativi.
I risultati relativi alle due situazioni, riferite alla combinazione SRSS, sono illustrati nelle figure e tabelle seguenti.
Si osserva che sia per il sisma in direzione Y-Y (Ey+0.3Ex) sia per il sisma in direzione X-X (Ex+0.3Ey) la struttura è
soggetta a torsione, denotando un comportamento misto telaio-parete.
Le dimensioni dei telai sono governate dalla verifica allo SLD per il quale è stato necessario contenere entro lo 0,5% gli
spostamenti relativi di interpiano. In tale fase si è riscontrato che l’eccessivo incremento di spessore delle pareti
determina un aumento dell’eccentricità tra centro di massa e delle rigidezze, aumentando l’incidenza degli effetti
torsionali sull’edificio. L’aumento della dimensione dei pilastri, di contro, ha permesso di avvicinare il centro di taglio a
quello delle masse riducendo gli effetti torsionali.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 120/171

Tabella 6.7 Spostamenti relativi di interpiano (SLD)


Piano Livello Altezza Nodo Spostamento Drift Drift
(m) (m) (m) (%) permesso
6 15.5 3.1 156 0.0062 0.0020 < 0.005
5 12.4 3.1 124 0.0073 0.0023 < 0.005
4 9.3 3.1 92 0.0081 0.0026 < 0.005
3 6.2 3.1 60 0.0088 0.0028 < 0.005
2 3.1 3.1 5 0.0085 0.0028 < 0.005
1 0 3.1 1 0.0050 0.0017 < 0.005
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 121/171

Telaio 1 Telaio 3
-19 -53 -38 -40 -23 -28

-50

-45

-39

-58

-12

-79
40

14
-72 -74 -61 -15 -32 -43

-59

-54

-36

-65
40

48

18

26
-88 -84 -74 -29 -42 -53

-71

-64

-41

-71
51

50

28

34
-106 -90 -85 -45 -51 -63

-79

-70
59

43

50

39

42

72
-117 -90 -91 -60 -58 -70

-64

-45

-46

-46
82

72

50

71
-105 -75 -82 -62 -56 -66

-69

-63

-49

-48
69

65

55

72
M (kNm) M (kNm)

Telaio 2 Telaio 4
-103 -116 -86 -112 -94 -80 -52 -24 -75 -68
-144

-163

-134

-148

-128

-129
-39

-79

-58
40
-137 -151 -129 -148 -135 -113 -58 -20 -94 -101
-115

-139

-114

-117
-36

-65

40

97

90

48
-146 -158 -145 -155 -141 -112 -54 -24 -91 -101
-127

-154

-128

-130

101
-41

-71

51

95

50
-152 -160 -158 -160 -146 -111 -49 -26 -87 -99
130

157

137

132
43

72

59

98

92

50
-147 -152 -162 -152 -140 -105 -42 -27 -79 -94
126

158

132

128
-45

-64
71

94

87

50
-129 -127 -132 -130 -117 -91 -34 -23 -65 -80
181

192

182

182

116

113
-63

-69
72

55
M (kNm) M (kNm)
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 122/171

Sisma Ex+0.3Ey

-159 -233 -423


503 105 -176

-246 -431 -851


604 101 -308

-889 -511 -1310


22 37 -439

-1402 -668 -1786


-385 80 -564

-821 -24 -2246


-2311 -664 -681

-635 71 -2624
-4197 -789 -801
M (kNm) V (kN) N (kN)
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 123/171

Sisma Ex+0.3Ey

834 834 89 89 -147 -147 283 283 -204 -204


834 89 -147 283 -204

2249 2249 -240 -240 -230 -230 -772 -772 -324 -324
2249 -240 -230 -772 -324

-4389 -4389 -471 -471 -289 -289 -965 -965 -414 -414
-4389 -471 -289 -965 -414

-7386 -7386 -791 -791 -327 -327 -1281 -1281 -490 -490
-7386 -791 -327 -1281 -490

-11342 -11342 -1204 -1204 -336 -336 -1588 -1588 -589 -589
-11342 -1204 -336 -1588 -589

-15899 -15899 -1880 -1880 -355 -355 -1692 -1692 -767 -767
-15899 -1880 -355 -1692 -767

Mx (kNm) My (kNm) Vx (kN) Vy (kN) N (kN)


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 124/171

Tabella 5.8 Taglio totale sugli elementi strutturali Sisma X-X

Taglio totale Taglio nei Pilastri Taglio nei Pilastri Taglio nelle Pareti Taglio nelle Pareti
Piano
[kN] [kN] % [kN] %
Base 2268 602 26.5 1666 73.5
Estradosso 1°
2056 498 24.2 1558 75.8
impalcato
Estradosso 2°
1817 562 30.9 1255 69.1
impalcato
Estradosso 3°
1539 596 38.7 943 61.3
impalcato
Estradosso 4°
1179 422 35.8 757 64.2
impalcato
Estradosso 5°
777 482 62.0 295 38.0
impalcato

Tabella 5.9 Taglio totale sugli elementi strutturali Sisma Y-Y

Taglio totale Taglio nei Pilastri Taglio nei Pilastri Taglio nelle Pareti Taglio nelle Pareti
Piano
[kN] [kN] % [kN] %
Base 3656 128 3.5 3528 96.5
Estradosso 1°
3503 182 5.2 3321 94.8
impalcato
Estradosso 2°
3180 216 6.8 2964 93.2
impalcato
Estradosso 3°
2673 216 8.1 2457 91.9
impalcato
Estradosso 4°
1976 194 9.8 1782 90.2
impalcato
Estradosso 5°
1087 198 18.2 889 81.8
impalcato
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 125/171

6.3 Verifiche con EC 8


Per quanto riguarda la determinazione del fattore di struttura dell’edificio, l’EC8 consente di classificare in modo diverso
l’edificio nelle due direzioni principali a seconda del comportamento strutturale dello stesso. Di conseguenza è possibile
utilizzare fattori di struttura diversi nelle due direzioni.
Nel caso specifico la presenza di pareti con lunghezza superiore a 4 m, classificabili come grandi pareti debolmente
armate, oltre a imporre (§5.2.2.2 (13)) la progettazione dell’edificio con classe di duttilità media (DCM), suggerirebbe di
classificare il sistema strutturale come “sistema con grandi pareti debolmente armate”, tuttavia ciò non è corretto in
quanto (§5.2.2.1 (3)) il periodo fondamentale della struttura è superiore a 0.5 s e il carico verticale portato da tali pareti
(Pareti 1 e 2) è inferiore al 20% del carico verticale totale. Di conseguenza tutte le pareti vanno progettate con le
prescrizioni relative ai “pareti duttili”.
Si procede ora a verificare se il sistema strutturale possieda sufficiente rigidezza torsionale in entrambe le direzioni:
condizione soddisfatta se r ≥ ls , dove r è la radice quadrata del rapporto tra la rigidezza torsionale e quella laterale mentre ls
è il raggio d’inerzia del piano in esame. Per il sistema strutturale considerato risulta nelle due direzioni:
rx = 5.56m < ls = 7.23m

ry = 2.23m < ls = 7.23m

La relazione r ≥ ls non è verificata per entrambe le direzioni: l’edificio viene quindi classificato in entrambe le direzioni
come “sistema torsionalmente flessibile”.
Il fattore di struttura risulta in questo caso q=2, pertanto le sollecitazioni da analisi negli elementi strutturali vanno scalate
di un fattore 3/2 (infatti l’analisi effettuata è di tipo elastico lineare).
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 126/171

6.4 Soluzione 1
6.4.1 VERIFICHE ELEMENTI STRUTTURALI

6.4.1.1 PARETE 1
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 127/171

• TAGLIO: “Il diagramma degli sforzi di taglio di calcolo si ottiene moltiplicando quello ottenuto dall’analisi per il
fattore α dato da:

M Rd
α = γ Rd ⋅
M Sd

dove MRd= momento resistente della sezione di base della parete


MSd= momento sollecitante ottenuto dall’analisi
γRd= 1,20
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 128/171

Le azioni di progetto delle pareti 1 ottenute dall’analisi possono essere così riassunte:
• NSd= 3608 kN
• MY,Sd=8744 kNm
• VY,Sd=1372 kN
Disponendo 14φ20 per pilastrino d’estremità (ρ=1.83%) e φ12/15 nell’anima, la verifica a presso-flessione ha portato ai
seguenti risultati
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 129/171

VERIFICA A TAGLIO
Il taglio dimensionante è pari a (§5.4.2.4 (7)): VSd = VY ,Sd ⋅1.5 = 2058 ⋅1.5 = 3087kN .
• Armatura a taglio

⎛ A ⋅n ⎞
VWd = ⎜ sw b ⎟ ⋅ 0.9 ⋅ d ⋅ f ywd ⋅ ctg 38° ≥ VSd (dove 38° è l’angolo corrispondente alla formazione di un puntone compresso
⎝ s ⎠
disposto lungo le diagonali della parete); disponendo STφ12/10 a 2 bracci si ottiene 3652 N ≥ 3087 kN ;

• Verifica a compressione diagonale d’anima

1 ⎛ f ⎞
VRd , Max = ⋅ 0.6 ⋅ ⎜1 − ck ⎟ ⋅ bw ⋅ 0.9 ⋅ d ⋅ f cd ≥ VSd
( tgθ + ctgθ ) ⎝ 250 ⎠

sostituendo i valori numerici si ottiene che 4264kN ≥ 3087 kN

• Verifica a scorrimento

VSd 3087kN
vSd ≤ vRd dove vSd = = = 3.01MPa
0.9 ⋅ d ⋅ bw 0.9 ⋅ 3800mm ⋅ 300mm

vRd = c ⋅ f ctd + μ ⋅ σ n + ρ ⋅ f yd ( μ sin α + cos α ) ≤ 0.5 ⋅ν ⋅ f cd (si rimanda a §6.2.5 per la definizione dei singoli elementi) da cui si
ricava
vRd = 0.35 ⋅1.125MPa + 0.6 ⋅ 2.85MPa + 0.005 ⋅ 374MPa ⋅ 0.6 ≤ 0.5 ⋅ 0.53 ⋅15.63MPa

vRd = 0.39 MPa + 1.71MPa + 1.12 MPa = 3.22 MPa ≤ 4.14 MPa

La verifica è soddisfatta. I dettagli costruttivi sono riportati nella figura seguente:


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 130/171
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 131/171

6.4.1.2 PARETE 3
Le azioni di progetto ottenute dall’analisi possono essere così riassunte:
• NSd= 767 kN
• MY,Sd=1.5x15899 kNm=23848 kNm
• MX,Sd=1.5x1880 kNm=2820 kNm
• VY,Sd=1.5x355 kN=535 kN
• VX,Sd=1.5x1692 kN=2538 kN
Disponendo negli elementi verticali 10φ24 (ρ=3,01%) per pilastrino d’estremità (50cmx30cm) e φ20/10 nell’anima e
nell’elemento orizzontale 12φ24 (ρ=3,01%) per pilastrino d’estremità (60cmx30cm) e φ20/10 nell’anima, la verifica a
presso-flessione ha portato ai seguenti risultati (Figura 6.1.2.2.1):
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 132/171

Il taglio dimensionante per ciascun elemento della parete è pari a:


Elemento orizzontale:
VSd = 1.5 ⋅VX , Sd = 3807kN

• Armatura a taglio: VWd = ⎛⎜ Asw ⋅ nb ⎞⎟ ⋅ 0.9 ⋅ d ⋅ f ywd ≥ VSd disponendo STφ16/10 a 2 bracci si ottiene 3964kN ≥ 3807 kN ;
⎝ s ⎠

• Verifica a compressione diagonale d’anima: VRd ,Max = 1 ⋅ 0.6 ⋅ ⎛⎜1 − f ck ⎞


⎟ ⋅ bw ⋅ 0.9 ⋅ d ⋅ f cd ≥ VSd
2 ⎝ 250 ⎠

sostituendo i valori numerici si ottiene che 3895kN ≥ 3807 kN

• Verifica a scorrimento vSd ≤ vRd dove


VSd
vSd = = 4.8MPa
0.9 ⋅ d ⋅ bw

vRd = c ⋅ f ctd + μ ⋅ σ n + ρ ⋅ f yd ( μ sin α + cos α ) ≤ 0.5 ⋅ν ⋅ f cd (si rimanda a §6.2.5 per la def.dei singoli elementi) da cui si ricava
vRd = 0.35 ⋅1.125MPa + 0.6 ⋅ 0.86MPa + 0.014 ⋅ 374MPa ⋅ 0.6 ≤ 0.5 ⋅ 0.53 ⋅15.63MPa

vRd = 0.39 MPa + 1.71MPa + 5.24 MPa = 7.39 MPa ≤ 4.14 MPa

La relazione non risulta verificata! Per ottenere dei risultati accettabili è possibile, utilizzare del calcestruzzo di
classe superiore C30/37 o aumentare lo spessore della parete nella zona critica. Si è scelto di utilizzare del
calcestruzzo C30/37 per non modificare la geometria della struttura.
VSd
La nuova verifica a scorrimento dà: vSd = = 4.8MPa
0.9 ⋅ d ⋅ bw
vRd = 0.35 ⋅1.25MPa + 0.6 ⋅ 0.86MPa + 0.014 ⋅ 374MPa ⋅ 0.6 ≤ 0.5 ⋅ 0.53 ⋅18.75MPa

vRd = 0.44 MPa + 1.71MPa + 5.24 MPa = 7.39 MPa ≤ 4.97 MPa

Poiché si ha vSd = 4.8MPa ≤ vRd = 4.97 MPa la verifica risulta soddisfatta.


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 133/171

Elementi verticali:
VSd = 1.5 ⋅VX , Sd = 401kN

• Armatura a taglio
⎛ A ⋅n ⎞
VWd = ⎜ sw b ⎟ ⋅ 0.9 ⋅ d ⋅ f ywd ≥ VSd disponendo STφ12/10 a 2 bracci si ottiene 1445kN ≥ 401kN ;
⎝ s ⎠
• Verifica a compressione diagonale d’anima
1 ⎛ f ⎞
VRd , Max = ⋅ 0.6 ⋅ ⎜1 − ck ⎟ ⋅ bw ⋅ 0.9 ⋅ d ⋅ f cd ≥ VSd
2 ⎝ 250 ⎠
sostituendo i valori numerici si ottiene che 2597 kN ≥ 401kN

• Verifica a scorrimento
vSd ≤ vRd dove
VSd
vSd = = 0.78MPa
0.9 ⋅ d ⋅ bw

vRd = c ⋅ f ctd + μ ⋅ σ n + ρ ⋅ f yd ( μ sin α + cos α ) ≤ 0.5 ⋅ν ⋅ f cd da cui si ricava


vRd = 0.35 ⋅1.125MPa + 0.6 ⋅ 0.86MPa + 0.014 ⋅ 374MPa ⋅ 0.6 ≤ 0.5 ⋅ 0.53 ⋅15.63MPa

vRd = 0.39 MPa + 1.71MPa + 5.24 MPa = 7.39 MPa ≤ 4.14 MPa

Poiché si ha vSd = 0.78MPa ≤ vRd = 4.14MPa la verifica risulta soddisfatta. I dettagli costruttivi sono riportati in Figura
Si osserva come la classificazione dell’edificio in classe Media secondo EC8 porti a un aumento del 50% delle
sollecitazioni e conseguentemente gli elementi strutturali, in questo caso le pareti, risultino fortemente armate. Parrebbe
sensato quindi modificare lo schema strutturale dell’edificio, per esempio inserendo ulteriori pareti orizzontali o
eliminandole completamente, come sarà trattato nell’esempio successivo.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 134/171
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 135/171

6.4.1.3 VERIFICA TRAVI

Si riporta a titolo d’esempio la verifica della trave 238 secondo EC8. Le azioni di progetto ottenute dall’analisi sono:
• MSd=1.5x162 kNm= 243 kNm
• VSd=1.5x132 kN=198 kN
Si dispongono 5φ20 superiormente e inferiormente (MRd=260 kNm).
Il taglio dimensionante VSd è ottenuto dall’equilibrio della trave secondo:
1. Carico gravitazionale Vg in condizioni sismiche (p+ψ2q)
2. Momenti d’estremità Mi,d corrispondenti alla formazione di cerniere plastiche alle estremità della trave o ai
pilastri ad essa connessi.
Il taglio dovuto all’azione dei carichi gravitazionali è pari a 45 kN, mentre quello dovuto al secondo contributo è dato da:
M 1, d + M 2, d ⎛ ∑ M Rc ⎞
VEd = dove M i ,d = γ Rd M Rb ,i min ⎜ 1,
⎜ ∑ M ⎟⎟
ltrave ⎝ Rb ⎠

Da cui: M i ,d = 1.0 ⋅ 260kNm ⋅ min ⎛⎜1, 289 + 289 ⎞⎟ = 260kNm e VEd = 2 ⋅ 260kNm = 189kN
⎝ 260 + 260 ⎠ 2.75m

Il taglio dimensionante è quindi VSd = 45kN + 189kN = 234kN

• Armatura a taglio: VWd = ⎛⎜ Asw ⋅ nb ⎞⎟ ⋅ 0.9 ⋅ d ⋅ f ywd ≥ VSd disponendo STφ10/10 a 2 bracci si ottiene 250kN ≥ 234kN ;
⎝ s ⎠
Le staffe dovranno essere disposte in corrispondenza della zona critica all’estremità delle travi (L = h = 50 cm).
• Verifica a compressione diagonale d’anima

1 ⎛ f ⎞
VRd 2 = ⋅ 0.6 ⋅ ⎜1 − ck ⎟ ⋅ bw ⋅ 0.9 ⋅ d ⋅ f cd ≥ VSd - sostituendo i valori numerici si ottiene che 625kN ≥ 234kN
2 ⎝ 250 ⎠
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 136/171

6.4.1.4 VERIFICA NODO TRAVE PILASTRO


Sollecitazioni nodi trave-pilastro maggiormente sollecitati
Nodo 68 Nodo 100
MSd -150 -154

(kNm)

-152 -162 -160 -158


157 26 149 50
76 -1 84 -1
136 145

158 157

VSd 99 97

(kN)

132 01 119
89 85 92 1
10
7 91 99 99 97

91 99

NSd Sup. 227 Sup. 184


(kN) Inf. 253 Inf. 211
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 137/171

NODO 68
L’EC8 impone l’adozione del Capacity Design secondo la formula (§4.4.2.3 (4)) ∑ M Rc ≥ 1.3∑ M Rb nel caso in cui il sistema
sia di tipo “Sistema a telaio” o “Sistema a telaio equivalente”; nel nostro caso, “Sistema torsionalmente flessibile”,
l’ultilizzo della suddetta formula non è previsto, si dimensiona quindi il pilastro secondo le sollecitazioni sismiche da
analisi: MSd=1.5x157kNm = 235 kNm.
Disponendo 3+3φ20 alle estremità e 2+2φ20 lateralmente (ρ=1.79%), si ottiene MRd = 281 kNm.
L’azione assiale normalizzata deve essere inferiore a 0.65 (§5.4.3.2.1(3)):
N Ed
vd = = 0.066 < 0.65
Ac ⋅ f cd

Il taglio dimensionante VSd è ottenuto dall’equilibrio del pilastro soggetto a momenti d’estremità Mi,d:
M 1, d + M 2,d ⎛ ∑ M Rb ⎞
VSd = dove M i ,d = γ Rd M Rc ,i min ⎜ 1,
⎜ ∑ M ⎟⎟
l pilastro ⎝ Rc ⎠

Da cui
⎛ 260 + 260 ⎞
M i ,d = 1.1⋅ 281kNm ⋅ min ⎜1, ⎟ = 1.1⋅ 281kNm ⋅ min (1, 0.92 ) = 278kNm e VSd = 2 ⋅ 278kNm = 179kN
⎝ 281 + 281 ⎠ 3.1m
• Armatura a taglio

⎛ A ⋅n ⎞
VWd = ⎜ sw b ⎟ ⋅ 0.9 ⋅ d ⋅ f ywd ≥ VSd disponendo STφ8/10 a 3 bracci si ottiene 242kN ≥ 179kN ;
⎝ s ⎠

Le staffe così determinate dovranno essere disposte in corrispondenza della zona critica all’estremità del pilastro (L
= h = 50 cm).
• Verifica a compressione diagonale d’anima
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 138/171

1 ⎛ f ⎞
VRd 2 = ⋅ 0.6 ⋅ ⎜1 − ck ⎟ ⋅ bw ⋅ 0.9 ⋅ d ⋅ f cd ≥ VSd
2 ⎝ 250 ⎠

sostituendo i valori numerici si ottiene che 625kN ≥ 183kN

VERIFICA DEL NODO TRAVE-PILASTRO


bc
Inoltre deve essere α ⋅ ωd ≥ 30 μϕ vd ⋅ ε sy ,d − 0.035
b0

Dove, disponendo nel nodo staffe STφ10/10 con 2 bracci si ha


⎛ bi2 ⎞ ⎡⎛ s ⎞⎛ s ⎞⎤
• α = α n ⋅ α s = ⎜1 − ∑ ⎟ ⎢⎜ 1 − ⎟⎜ 1 − ⎟⎥ , si rimanda al punto §5.4.3.2.2 (8) per una definizione più dettagliata dei
⎝ n 6b0 h0 ⎠ ⎣⎝ 2b0 ⎠⎝ 2h0 ⎠ ⎦
singoli termini, da cui:

⎛ 152 cm 2 ⎞ ⎡⎛ 10cm ⎞ ⎛ 10cm ⎞ ⎤


α = α n ⋅ α s = ⎜ 1 − 10 ⎟ ⎢⎜ 1 − ⎟ ⎜1 − ⎟ =
⎝ 6 ⋅ 30cm ⋅ 45cm ⎠ ⎣⎝ 2 ⋅ 30cm ⎠ ⎝ 2 ⋅ 45cm ⎠ ⎥⎦
= 0.72 ⋅ 0.83 ⋅ 0.89 = 0.53
0.50cm 2 ⋅174cm 374 87cm3
• ωd = ⋅ = ⋅ 24 = 0.154
10cm ⋅ 30cm ⋅ 45cm 15.63 13500cm3

• μϕ = 3

Per cui 0.53 ⋅ 0.154 = 0.082 ≥ 30 ⋅ 3 ⋅ 0.0784 ⋅ 0.0187 ⋅1.1 − 0.035 = 0.115 − 0.035 = 0.080

Il nodo è pertanto verificato. I dettagli costruttivi sono riportati in Figura


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 139/171
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 140/171

6.4.1.5 VERIFICA DELLA TRAVE D’ACCOPPIAMENTO

Sollecitazioni:
• MSd= 1.5x590 kNm= 885 kNm
• VSd=1.5x529 kN=794 kN
l 2.18m
Poiché = = 3.4 > 3 la verifica delle travi di collegamento è da eseguire con i procedimenti contenuti in §5.4.3.1.
h 0.65m
Il taglio dovuto all’azione dei carichi gravitazionali è trascurabile, mentre quello dovuto alla formazione di cerniere
plastiche all’estremità della trave è dato da:
M 1, d + M 2, d ⎛ ∑ M Rc ⎞
dove M i ,d = γ Rd M Rb ,i min ⎜ 1, da cui
VEd =
ltrave ⎜ ∑ M ⎟⎟
⎝ Rb ⎠

M i ,d = 899kNm e VEd = 2 ⋅ 899kNm = 825kN


2.18m
• Armatura a taglio (staffe + armatura inclinata)

⎛ A ⋅n ⎞
VWd = ⎜ sw b ⎟ ⋅ 0.9 ⋅ d ⋅ f ywd + Asw,inclinata ⋅ f ywd ⋅ sin α ≥ VSd disponendo STφ14/10 a 2 bracci e 4φ24 in diagonale nelle due direzioni
⎝ s ⎠
si ottiene 653kN + 195kN = 848kN ≥ 825kN .

• Verifica a compressione diagonale d’anima

1 ⎛ f ⎞
VRd , Max = ⋅ 0.6 ⋅ ⎜1 − ck ⎟ ⋅ bw ⋅ 0.9 ⋅ d ⋅ f cd ≥ VSd
2 ⎝ 250 ⎠

sostituendo i valori numerici si ottiene che 720kN ≤ 825kN . La verifica non è soddisfatta, si procede quindi, come nel
caso del guscio a C, ad utilizzare del calcestruzzo di classe superiore C30/37. Così facendo si ha 864kN ≥ 825kN la
verifica è soddisfatta.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 141/171

Per quanto riguarda l’armatura a flessione si dispongono 8φ24+2φ20 in posizione superiore e inferiore (MRd=888kNm). I
dettagli costruttivi sono rappresentati in Figura
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 142/171

6.5 CASO 2: Guscio a C modellato con pareti separate


È stata effettuata un’analisi dell’edifico precedente modellando le pareti del guscio a C come pareti indipendenti,
trascurando cioè il comportamento a guscio aperto del vano ascensore. Questa ipotesi semplificativa porta a una riduzione
delle azioni nel guscio data la diminuzione di rigidezza del medesimo. La distribuzione di azioni è comunque equilibrata
anche se non viene rispettata la congruenza degli spostamenti lungo gli spigoli dei setti costituenti il nucleo a C. Ai fini
della progettazione sismica, una soluzione comunque equilibrata può in ogni caso essere accettata, lasciando alle
disposizioni costruttive il compito di garantire la congruenza. I risultati ottenuti e le relative verifiche sono di seguito
riportati
Sisma in Direzione X-X Sisma in Direzione Y-Y
Modo Frequenza Periodo Sa % Modo Frequenza Periodo Sa %
F [Hz] T [Sec] (SLU) Massa F [Hz] T [Sec] (SLU) Massa
Sa Sa
(SLD) (SLD)
2
[m/s ] [m/s2]
1.06 2.32
1 42.47% 3 72.06%
0.84 1.19 1.28 1.87 0.53 2.79
1.34 2.64
2 30.82% 7 17.12%
1.05 0.94 1.61 7.61 0.13 2.75
2.55 2.89
4 4.42% 13 6.24%
2.86 0.35 3.06 18.59 0.06 1.83
2.55
5 10.59%
3.87 0.26 3.06
2.73
9 5.70%
8.70 0.11 2.45
Totale 94.00% Totale 95.42%

In particolare si osserva che la struttura così modellata risulta leggermente più flessibile e che la massa partecipante al
primo modo di vibrare è raddoppiata rispetto al caso precedente (minore influenza della torsione)
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 143/171

Spostamenti relativi di interpiano (SLD)


Piano Livello Altezza Nodo Spostamento Drift Drift
(m) (m) (m) (%) permesso
6 15.5 3.1 156 0.0080 0.0026 < 0.005
5 12.4 3.1 124 0.0105 0.0034 < 0.005
4 9.3 3.1 92 0.0128 0.0041 < 0.005
3 6.2 3.1 60 0.0140 0.0045 < 0.005
2 3.1 3.1 5 0.0132 0.0043 < 0.005
1 0 3.1 1 0.0076 0.0024 < 0.005
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 144/171

Taglio totale sugli elementi strutturali Sisma X-X (SRSS)


Taglio Taglio nei Taglio nei Taglio nelle Taglio nelle
Piano totale Pilastri Pilastri Pareti Pareti
[kN] [kN] % [kN] %
Base 1668 658 39.4 1010 60.6
Estradosso
1485 798 53.7 687 46.3
1° impalcato
Estradosso
1293 838 64.8 455 35.2
2° impalcato
Estradosso
1095 792 72.3 303 27.7
3° impalcato
Estradosso
923 666 72.2 257 27.8
4° impalcato
Estradosso
1041 696 66.9 345 33.1
5° impalcato
Taglio totale sugli elementi strutturali Sisma Y-Y (SRSS)
Taglio Taglio nei Taglio nei Taglio nelle Taglio nelle
Piano totale Pilastri Pilastri Pareti Pareti
[kN] [kN] % [kN] %
Base 3546 148 4.2 3398 95.8
Estradosso
3424 226 6.6 3198 93.4
1° impalcato
Estradosso
3100 266 8.6 2834 91.4
2° impalcato
Estradosso
2612 274 10.5 2338 89.5
3° impalcato
Estradosso
1928 244 12.7 1684 87.3
4° impalcato
Estradosso
1096 248 22.6 848 77.4
5° impalcato
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 145/171

6.5.1 VERIFICHE ELEMENTI STRUTTURALI Parete 1 Parete 3

Parete 4
SEZIONE DI BASE

6.5.1.1 PARETE 1-2 Parete 2 Parete 5

Le azioni di progetto ottenute dall’analisi possono essere così riassunte:


• NSd= 4010 kN
• MY,Sd=1.5x9499 kNm=14248 kNm
• VY,Sd=1.5x1436 kN=2154 kN

Il taglio dimensionante è pari a (§5.4.2.4 (7)): VSd = VY ,Sd ⋅1.5 = 2154 ⋅1.5 = 3231kN .

Disponendo 16φ20 per pilastrino d’estremità (ρ=2.09%) e φ12/15 nell’anima, la verifica a presso-flessione è soddisfatta
(MRd=14402 kNm).
VERIFICA A TAGLIO
• Armatura a taglio

⎛ A ⋅n ⎞
VWd = ⎜ sw b ⎟ ⋅ 0.9 ⋅ d ⋅ f ywd ⋅ ctg 38° ≥ VSd (dove 38° è l’angolo corrispondente alla formazione di un puntone compresso
⎝ s ⎠
disposto lungo le diagonali della parete); disponendo STφ12/10 a 2 bracci si ottiene 3676kN ≥ 3231kN ;
1 ⎛ f ⎞
• Verifica a compressione diagonale d’anima: VRd ,Max = ⋅ 0.6 ⋅ ⎜1 − ck ⎟ ⋅ bw ⋅ 0.9 ⋅ d ⋅ f cd ≥ VSd
( tgθ + ctgθ ) ⎝ 250 ⎠

sostituendo i valori numerici si ottiene che 4264kN ≥ 3231kN


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 146/171

VSd 3231kN
Verifica a scorrimento: vSd ≤ vRd dove vSd = = = 3.15MPa
0.9 ⋅ d ⋅ bw 0.9 ⋅ 3800mm ⋅ 300mm

vRd = c ⋅ f ctd + μ ⋅ σ n + ρ ⋅ f yd ( μ sin α + cos α ) ≤ 0.5 ⋅ν ⋅ f cd da cui si ricava


vRd = 0.35 ⋅1.125MPa + 0.6 ⋅ 2.85MPa + 0.005 ⋅ 374MPa ⋅ 0.6 ≤ 0.5 ⋅ 0.53 ⋅15.63MPa

vRd = 0.39MPa + 1.71MPa + 1.12 MPa = 3.22 MPa ≤ 4.14 MPa

La verifica risulta quindi soddisfatta. I dettagli costruttivi sono riportati in Figura


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 147/171

6.5.1.2 PARETE 3-5


Le azioni di progetto ottenute dall’analisi possono essere così riassunte:
• NSd= -1169 kN
• MY,Sd=1.5x1925 kNm=2887 kNm
• VY,Sd=1.5x483 kN=725 kN
Il taglio dimensionante è pari a (§5.4.2.4 (7)): VSd = VY ,Sd ⋅1.5 = 725 ⋅1.5 = 1088kN .
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 148/171

Disponendo un’armatura distribuita costituita da 1+1φ20/10, la verifica a presso-flessione è soddisfatta (MRd=3041 kNm).
VERIFICA A TAGLIO
• Armatura a taglio VWd = ⎛⎜ Asw ⋅ nb ⎞⎟ ⋅ 0.9 ⋅ d ⋅ f ywd ≥ VSd disponendo STφ14/12.5 a 2 bracci si ottiene 1448kN ≥ 1088kN ;
⎝ s ⎠

• Verifica a compressione diagonale d’anima VRd ,Max = 1 ⋅ 0.6 ⋅ ⎛⎜1 − f ck ⎞


⎟ ⋅ bw ⋅ 0.9 ⋅ d ⋅ f cd ≥ VSd
2 ⎝ 250 ⎠

sostituendo i valori numerici si ottiene che 1964kN ≥ 1088kN


VSd 1088kN
• Verifica a scorrimento vSd ≤ vRd dove vSd = = = 2.30MPa
0.9 ⋅ d ⋅ bw 0.9 ⋅1750mm ⋅ 300mm

vRd = c ⋅ f ctd + μ ⋅ σ n + ρ ⋅ f yd ( μ sin α + cos α ) ≤ 0.5 ⋅ν ⋅ f cd nel caso di azione assiale di trazione si ha:
vRd = μ ⋅ σ n + ρ ⋅ f yd ( μ sin α + cos α ) ≤ 0.5 ⋅ν ⋅ f cd

vRd = −0.6 ⋅1.94 MPa + 0.022 ⋅ 374MPa ⋅ 0.6 ≤ 0.5 ⋅ 0.53 ⋅15.63MPa

vRd = −1.16MPa + 4.93MPa = 3.77 MPa ≤ 4.14 MPa

La verifica risulta quindi soddisfatta.


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 149/171

6.5.1.3 PARETE 4
Le azioni di progetto ottenute dall’analisi possono essere così riassunte:
• NSd=1517 kN
• MY,Sd=1.5x6049 kNm=9074 kNm
• VY,Sd=1.5x1019 kN=1529 kN
Il taglio dimensionante è pari a (§5.4.2.4 (7)): VSd = VY ,Sd ⋅1.5 = 1529 ⋅1.5 = 2294kN .
Disponendo un’armatura distribuita costituita da 1+1φ24/10 nei pilastrini d’estremità e 1+1φ20/10 nell’anima, la verifica a
presso-flessione è soddisfatta (MRd=9800 kNm).
VERIFICA A TAGLIO
• Armatura a taglio
⎛ A ⋅n ⎞
VWd = ⎜ sw b ⎟ ⋅ 0.9 ⋅ d ⋅ f ywd ≥ VSd disponendo STφ16/15 a 2 bracci si ottiene 2390kN ≥ 2294kN ;
⎝ s ⎠

• Verifica a compressione diagonale d’anima - VRd ,Max = 1 ⋅ 0.6 ⋅ ⎛⎜1 − f ck ⎞


⎟ ⋅ bw ⋅ 0.9 ⋅ d ⋅ f cd ≥ VSd
2 ⎝ 250 ⎠

sostituendo i valori numerici si ottiene che 2919kN ≥ 2294kN


VSd 2294kN
• Verifica a scorrimento - vSd ≤ vRd dove vSd = = = 3.26MPa
0.9 ⋅ d ⋅ bw 0.9 ⋅ 2600mm ⋅ 300mm

vRd = c ⋅ f ctd + μ ⋅ σ n + ρ ⋅ f yd ( μ sin α + cos α ) ≤ 0.5 ⋅ν ⋅ f cd da cui si ricava


vRd = 0.35 ⋅1.125MPa + 0.6 ⋅1.71MPa + 0.034 ⋅ 374MPa ⋅ 0.6 ≤ 0.5 ⋅ 0.53 ⋅15.63MPa

vRd = 0.39 MPa + 1.03MPa + 7.63MPa = 9.05MPa ≤ 4.14 MPa da cui vRd = 4.14 MPa

La verifica risulta quindi soddisfatta. I dettagli costruttivi delle pareti 3-4-5 sono contenuti nella Figura
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 150/171

Dettagli Costruttivi Pareti 3-4-5


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 151/171

6.5.1.4 VERIFICA TRAVI

Le azioni di progetto ottenute dall’analisi possono essere così riassunte:


• MSd= 1.5x193 kN= 289 kNm
• VSd=1.5x159 kNm=239 kNm
Si dispongono 5φ20 superiormente e inferiormente (MRd=260kNm).
Il taglio dimensionante VSd, determinato come nell’esempio precedente, è 205 kN. Disponendo STφ10/10 a 2 bracci la
verifica è soddisfatta.

6.5.1.5 VERIFICA NODI TRAVE-PILASTRO


Nodo 68
NSd MSd VSd
(kN) (kNm) (kN)
-167 110

Sup. 211

Inf. 232 -159 -177 110 136


87
176 43 2
105 1
10
90 -1
161

183 105
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 152/171

VERIFICA DEL PILASTRO (§5.4.2.3; §5.4.3.2 )


Disponendo 3+3φ20 alle estremità e 2+2φ20 lateralmente (ρ=1.79%), come nel caso dell’ordinanza 3431, si ottiene
MRd = 279 kNm, pertanto la verifica a flessione è soddisfatta (MRd > MSd = 1.5x176 kNm = 264 kNm).
Il taglio dimensionante VSd è ottenuto dall’equilibrio del pilastro soggetto a momenti d’estremità Mi,d e vale 184 kN;
disponendo STφ8/10 a 3 bracci le verifiche a taglio sono soddisfatte.
VERIFICA DEL NODO (§5.4.3.3 )
bc
Deve essere α ⋅ ωd ≥ 30 μϕ vd ⋅ ε sy ,d − 0.035
b0

Disponendo nel nodo staffe STφ10/10 con 2 bracci si ha


⎛ bi2 ⎞ ⎡⎛ s ⎞⎛ s ⎞⎤
• α = α n ⋅ α s = ⎜1 − ∑ ⎟ ⎢⎜ 1 − ⎟⎜ 1 − ⎟⎥ , si rimanda al punto §5.4.3.2.2 (8) per una definizione più dettagliata dei
⎝ n 6b0 h0 ⎠ ⎣⎝ 2b0 ⎠⎝ 2h0 ⎠ ⎦
singoli termini, da cui:

⎛ 152 cm 2 ⎞ ⎡⎛ 10cm ⎞ ⎛ 10cm ⎞ ⎤


α = α n ⋅ α s = ⎜ 1 − 10 ⎟ ⎢⎜ 1 − ⎟ ⎜1 − ⎟ =
⎝ 6 ⋅ 30cm ⋅ 45cm ⎠ ⎣⎝ 2 ⋅ 30cm ⎠ ⎝ 2 ⋅ 45cm ⎠ ⎥⎦
= 0.72 ⋅ 0.83 ⋅ 0.89 = 0.53
0.50cm 2 ⋅174cm 374 87cm3
• ωd = ⋅ = ⋅ 24 = 0.154
10cm ⋅ 30cm ⋅ 45cm 15.63 13500cm3

• μϕ = 3

Per cui 0.53 ⋅ 0.154 = 0.082 ≥ 30 ⋅ 3 ⋅ 0.0784 ⋅ 0.0187 ⋅1.1 − 0.035 = 0.115 − 0.035 = 0.080

Il nodo è pertanto verificato. I dettagli costruttivi sono rappresentati in Figura


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 153/171
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 154/171

6.5.1.6 VERIFICA DELLA TRAVE D’ACCOPPIAMENTO

Sollecitazioni:
•MSd= 1.5x501 kNm= 751 kNm
•VSd=1.5x499 kN=748 kN
Il taglio dovuto alla formazione di cerniere plastiche all’estremità della trave dato da
M 1,d + M 2, d ⎛ ∑ M Rc ⎞
dove M i ,d = γ Rd M Rb ,i min ⎜ 1, da cui
VEd =
ltrave ⎜ ∑ M ⎟⎟
⎝ Rb ⎠

M i ,d = 785kNm e VEd = 2 ⋅ 785kNm = 720kN , inferiore al taglio ottenuto dalle analisi; si verifica quindi la trave utilizzando il taglio
2.18m
da analisi:

• Armatura a taglio (staffe + armatura inclinata)

⎛ A ⋅n ⎞
VWd = ⎜ sw b ⎟ ⋅ 0.9 ⋅ d ⋅ f ywd + Asw,inclinata ⋅ f ywd ⋅ sin α ≥ VSd disponendo STφ14/10 a 2 bracci e 4φ24 in diagonale nelle due direzioni
⎝ s ⎠
si ottiene 653kN + 195kN = 848kN ≥ 748kN .

• Verifica a compressione diagonale d’anima

1 ⎛ f ⎞
VRd , Max = ⋅ 0.6 ⋅ ⎜1 − ck ⎟ ⋅ bw ⋅ 0.9 ⋅ d ⋅ f cd ≥ VSd
2 ⎝ 250 ⎠

sostituendo i valori numerici si ottiene che 720kN ≤ 748kN . La verifica non è soddisfatta, si procede quindi ad utilizzare
del calcestruzzo di classe superiore C30/37. Così facendo si ha 864kN ≥ 748kN e la verifica è soddisfatta.
Per quanto riguarda l’armatura a flessione si dispongono 8φ24 in posizione superiore e inferiore (MRd=785kNm). I
dettagli costruttivi sono rappresentati in Figura
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 155/171
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 156/171

6.6 CASO 3: edificio con sole pareti non accoppiate in direzione y


Da ultimo è stata effettuata un’analisi dell’edifico precedente eliminando la parete in direzione X e considerando le pareti
in direzione Y non accoppiate. I risultati ottenuti e le relative verifiche sono di seguito riportati.
L’edificio è stato dimensionato e verificato con riferimento ad una classe di duttilità alta (CD“A”). Il coefficiente di
struttura risulta pertanto:
q = q0 ⋅ k D ⋅ k R ; q = 4.8

dove:
αu
q 0= 4 = 4 ⋅1.2 = 4.8 struttura mista telaio pareti
α1

KD = 1 per edificio in CD“A"; KR = 1 per edificio regolare in altezza.


Si procede ora alla classificazione dell’edificio secondo Eurocodice 8.
Lungo la direzione Y, vale a dire la direzione delle pareti, il sistema è classificato come “sistema a pareti”; si ricorda che,
a seguito delle considerazioni fatte nell’esempio precedente, le pareti di lunghezza superiore a 4 m impongono l’utilizzo
di una classe di duttilità media (DCM) e che le stesse vanno progettate con le prescrizioni relative ai “muri duttili”.
Il fattore di struttura risultante è in questo caso q=3 pertanto le sollecitazioni da analisi negli elementi strutturali vanno
scalate di un fattore 4.8/3 (infatti l’analisi effettuata è di tipo elastico lineare).
Lungo la direzione X il sistema è classificato come “sistema a telaio”; si è scelto di utilizzare una classe di duttilità alta
(DCH). Il fattore di struttura è q = 4.5 α u = 4.5 ⋅1.2 = 5.4 ; le sollecitazioni da analisi negli elementi strutturali vanno scalate di
α1
un fattore 4.8/5.4.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 157/171

6.6.1 . MODELLO AD ELEMENTI FINITI DELL’EDIFICIO


Le caratteristiche principali degli elementi strutturali inseriti nel modello ed i risultati principali sono riassunti in Tabella
Caratteristiche degli elementi nel modello ad Elementi Finiti: Pareti e travi di collegamento.
Sezione
Elemento BxH [cm] Ix [cm4] Iy [cm4]
[cm2]
Parete 1 - 2 30x420 10 500 945 000 185 220 000
Parete 3 - 4 30x200 5 000 449 999 19 999 999

Caratteristiche degli elementi nel modello ad Elementi Finiti: Pilastri d’angolo sismo-resistenti.
Sezione
INTERPIANO BxH [cm] Ix [cm4] Iy [cm4]
[cm2]
PT-1-2-3-4-5 60x35 2 100 214 375 630 000

Caratteristiche degli elementi nel modello ad Elementi Finiti: Pilastri Telaio 1 sismo-resistenti.
Sezione
INTERPIANO BxH [cm] Ix [cm4] Iy [cm4]
[cm2]
PT-1-2-3-4-5 50x35 1 750 178 645 364 583
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 158/171

Principali risultati dell’analisi modale.


Sisma in Direzione X-X Sisma in Direzione Y-Y
Modo Frequenza Periodo Sa % Modo Frequenza Periodo Sa %
F [Hz] T [Sec] (SLU) Massa F [Hz] T [Sec] (SLU) Massa
Sa Sa
(SLD) (SLD)
[m/s2] [m/s2]
0.83 1.52
1 74.02% 3 67.99%
0.73 1.35 1.11 1.28 0.78 2.04
2.28 2.28
4 11.39% 7 20.07%
2.33 0.42 3.06 6.21 0.16 3.06
2.28 2.67
6 4.73% 15 6.96%
4.33 0.23 3.06 16.15 0.06 2.14
Totale90.14% Totale95.02%
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 159/171

6.6.2 Analisi a Spettro di Risposta


Spostamenti relativi di interpiano (SLD)
Piano Livello Altezza Nodo Spostamento Drift Drift
(m) (m) (m) (%) permesso
6 15.5 3.1 156 0.0067 0.0022 < 0.005
5 12.4 3.1 124 0.0107 0.0035 < 0.005
4 9.3 3.1 92 0.0143 0.0046 < 0.005
3 6.2 3.1 60 0.0156 0.0050 < 0.005
2 3.1 3.1 5 0.0147 0.0047 < 0.005
1 0 3.1 1 0.0082 0.0026 < 0.005
Taglio totale sugli elementi strutturali Sisma Y-Y (SRSS)
Taglio Taglio nei Taglio nei Taglio Taglio
Piano totale Pilastri Pilastri Pareti Pareti
[kN] [kN] % [kN] %
Base 1576 184 11.7 1392 88.3
Estradosso 1°
1474 218 14.8 1256 85.2
impalcato
Estradosso 2°
1326 274 20.7 1052 79.3
impalcato
Estradosso 3°
1136 306 26.9 830 73.1
impalcato
Estradosso 4°
896 306 34.2 590 65.8
impalcato
Estradosso 5°
696 378 54.3 318 45.7
impalcato
Nella direzione X-X tutto il taglio è affidato a i pilastri.
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 160/171

6.6.3 . VERIFICHE ELEMENTI STRUTTURALI Parete 1 Pa rete 3

VERIFICA DELLE PARETI – SEZIONE DI BASE

Parete 2 Pa rete 4

6.6.3.1 PARETE 1-2


Le azioni di progetto ottenute dall’analisi possono essere così riassunte:
• NSd= 1371 kN
• MY,Sd=1.6x6467 kNm=10347 kNm
• VY,Sd=1.6x643 kN=1029 kN
Il taglio dimensionante è pari a (§5.4.2.4 (7)): VSd = VY ,Sd ⋅1.5 = 1029 ⋅1.5 = 1544kN .
Con 12φ20 per pilastrino estremità (ρ=1.57%) e φ14/15 nell’anima, verifica a presso-fless. soddisfatta (MRd=10433 kNm).
VERIFICA A TAGLIO
• Armatura a taglio - VWd = ⎛⎜ Asw ⋅ nb ⎞⎟ ⋅ 0.9 ⋅ d ⋅ f ywd ≥ VSd disponendo STφ12/15 a 2 bracci si ottiene 1930kN ≥ 1544kN ;
⎝ s ⎠

• Verifica a compressione diagonale d’anima - VRd ,Max = 1 ⋅ 0.6 ⋅ ⎛⎜1 − f ck ⎞


⎟ ⋅ bw ⋅ 0.9 ⋅ d ⋅ f cd ≥ VSd - 4264kN ≥ 1544kN
2 ⎝ 250 ⎠
VSd 1544kN
• Verifica a scorrimento - vSd ≤ vRd dove vSd = = = 1.50MPa
0.9 ⋅ d ⋅ bw 0.9 ⋅ 3800mm ⋅ 300mm

vRd = c ⋅ f ctd + μ ⋅ σ n + ρ ⋅ f yd ( μ sin α + cos α ) ≤ 0.5 ⋅ν ⋅ f cd da cui si ricava


vRd = 0.35 ⋅1.125MPa + 0.6 ⋅1.09MPa + 0.010 ⋅ 374 MPa ⋅ 0.6 ≤ 0.5 ⋅ 0.53 ⋅15.63MPa

vRd = 0.39MPa + 0.65MPa + 2.24MPa = 3.28MPa ≤ 4.14 MPa

La verifica risulta quindi soddisfatta. I dettagli costruttivi sono contenuti in Figura


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 161/171

6.6.3.2 PARETE 3-4

Le azioni di progetto ottenute dall’analisi possono essere così riassunte:


• NSd= 1163 kN
• MY,Sd=1.6x1229 kNm=1966 kNm
• VY,Sd=1.6x199 kN=318 kN

Il taglio dimensionante è pari a (§5.4.2.4 (7)): VSd = VY ,Sd ⋅1.5 = 318 ⋅1.5 = 477kN .
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 162/171
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 163/171

6.6.3.3 VERIFICA TRAVI


Le azioni di progetto ottenute dall’analisi possono essere così riassunte:
• MSd=0.88x184 kNm=162 kNm
• VSd=0.88x141 kN=124 kN
Si dispongono 2φ20 + 2φ16 superiormente e inferiormente (MRd=170kNm).
Il taglio dimensionante VSd, determinato come nell’esempio precedente, si ottiene dalla somma di:
3. Carico gravitazionale Vg in condizioni sismiche (p+ψ2q)
4. Momenti d’estremità Mi,d corrispondenti alla formazione di cerniere plastiche alle estremità della trave o ai
pilastri ad essa connessi.
Il taglio dovuto all’azione dei carichi gravitazionali è pari a 45 kN, mentre quello dovuto al secondo contributo è dato da:
M 1, d + M 2, d ⎛ ∑ M Rc ⎞
VEd = dove M i ,d = γ Rd M Rb ,i min ⎜ 1,
⎜ ∑ M ⎟⎟
ltrave ⎝ Rb ⎠

⎛ 274 + 274 ⎞
Da cui . M i ,d = 1.2 ⋅170kNm ⋅ min ⎜ 1, ⎟ = 204kNm e VEd = 2 ⋅ 204kNm = 148kN
⎝ 170 + 170 ⎠ 2.75m

Il taglio dimensionante è quindi VSd = 45kN + 148kN = 193kN


• Armatura a taglio - VWd = ⎛⎜ Asw ⋅ nb ⎞⎟ ⋅ 0.9 ⋅ d ⋅ f ywd ≥ VSd disponendo STφ10/10 a 2 bracci si ottiene 250kN ≥ 193kN ;
⎝ s ⎠

Le staffe così determinate dovranno essere disposte in corrispondenza della zona critica all’estremità delle travi (L =
1.5xh = 75 cm).
• Verifica a compressione diagonale d’anima - VRd 2 = 1 ⋅ 0.6 ⋅ ⎛⎜1 − f ck ⎞
⎟ ⋅ bw ⋅ 0.9 ⋅ d ⋅ f cd ≥ VSd
2 ⎝ 250 ⎠

sostituendo i valori numerici si ottiene che 625kN ≥ 193kN


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 164/171

6.6.3.4 VERIFICA NODI TRAVE-PILASTRO


Nodo 68
NSd MSd VSd
(kN) (kNm) (kN)
-172

105
Sup.
269
141
-156 -184 86 115

125 105
155 77 1
87 -1
168
Inf.
285

125
214

VERIFICA DEL PILASTRO (§5.5.2.2; §5.5.3.2 )


L’EC8 impone l’adozione del Capacity Design secondo la formula (§4.4.2.3 (4)) ∑ M Rc ≥ 1.3∑ M Rb nel caso in cui il sistema
sia di tipo “Frame system” come in questo caso. Da cui M Rc ≥ 1.3 ⋅ (170 + 170 ) kNm / 2 = 221kNm
Disponendo 3+3φ20 alle estremità e 2+2φ20 lateralmente (ρ=1.79%), come nel caso dell’ordinanza 3431, si ottiene MRd =
287 kNm.
Il taglio dimensionante VSd è ottenuto dall’equilibrio del pilastro soggetto a momenti d’estremità Mi,d:
M 1, d + M 2,d ⎛ ∑ M Rb ⎞
VSd = dove M i ,d = γ Rd M Rc ,i min ⎜ 1,
⎜ ∑ M ⎟⎟
l pilastro ⎝ Rc ⎠

Da cui
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 165/171

⎛ 170 + 170 ⎞
M i ,d = 1.3 ⋅ 287kNm ⋅ min ⎜1, ⎟ = 1.3 ⋅ 287kNm ⋅ min (1, 0.59 ) = 220kNm e VSd = 2 ⋅ 221kNm = 142kN .
⎝ 287 + 287 ⎠ 3.1m

Disponendo STφ8/10 a 3 bracci le verifiche a taglio sono soddisfatte. Le staffe così determinate dovranno essere disposte
in corrispondenza della zona critica all’estremità dei pilastri (L = 1.5xh = 75 cm).

VERIFICA DEL NODO (§5.5.3.3)


bc
Deve essere α ⋅ ωd ≥ 30 μϕ vd ⋅ ε sy ,d − 0.035 (§5.5.3.3 (7))
b0

Disponendo nel nodo staffe STφ10/10 con 2 bracci si ha


⎛ bi2 ⎞ ⎡⎛ s ⎞⎛ s ⎞⎤
• α = α n ⋅ α s = ⎜1 − ∑ ⎟ ⎢⎜ 1 − ⎟⎜ 1 − ⎟⎥ , si rimanda al punto §5.4.3.2.2 (8) per una definizione più dettagliata dei
⎝ n 6b0 h0 ⎠ ⎣⎝ 2b0 ⎠⎝ 2h0 ⎠ ⎦
singoli termini, da cui:

⎛ 152 cm 2 ⎞ ⎡⎛ 10cm ⎞ ⎛ 10cm ⎞ ⎤


α = α n ⋅ α s = ⎜1 − 10 ⎟ ⎢⎜ 1 − ⎟ ⎜1 − ⎟ =
⎝ 6 ⋅ 30cm ⋅ 45cm ⎠ ⎣⎝ 2 ⋅ 30cm ⎠ ⎝ 2 ⋅ 45cm ⎠ ⎥⎦
= 0.72 ⋅ 0.83 ⋅ 0.89 = 0.53
0.50cm 2 ⋅174cm 374 87cm3
• ωd = ⋅ = ⋅ 24 = 0.154
10cm ⋅ 30cm ⋅ 45cm 15.63 13500cm3

• μϕ = 3

Per cui 0.53 ⋅ 0.154 = 0.082 ≥ 30 ⋅ 3 ⋅ 0.0784 ⋅ 0.0187 ⋅1.1 − 0.035 = 0.115 − 0.035 = 0.080 Tale verifica è soddisfatta.
Devono inoltre essere verificate le prescrizioni contenute in (§5.5.3.3 (2b)) e (§5.5.3.3 (4b)):
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 166/171

vd
(§5.5.3.3 (2b)) - V jhd ≤ η ⋅ f cd 1− b j hc con V jhd = γ Rd ( As1 + As 2 ) f yd − VC
η

Dove:
As1 è l’area dell’armatura superiore della trave
As2 è l’area dell’armatura inferiore della trave
VC è il taglio del pilastro ricavato dall’analisi sismica
γ Rd è un fattore di sovra-resistenza pari a 1.2
0.08
Da cui: 1.2 ⋅ ( 2 ⋅1030mm 2 ) ⋅ 374MPa − 124kN ≤ 0.54 ⋅15.6MPa 1− 350mm ⋅ 500mm - 800kN ≤ 1360kN
0.54

(§5.5.3.3 (4b)): Ash f ywd ≥ γ Rd ( As1 + As 2 ) f yd (1 − 0.8 ⋅ vd )

Dove:
Ash è l’area totale delle staffe di confinamento
Da cui - 12 ⋅ 79mm2 ⋅ 374MPa ≥ 1.2 ( 2 ⋅1030mm2 ) 374MPa (1 − 0.8 ⋅ 0.08) - 355kN < 865kN

Questa ultima verifica non è soddisfatta, si procede quindi aumentando il numero di staffe all’interno del nodo.
Disponendo STφ12/5 con 2 bracci si ha
22 ⋅113mm 2 ⋅ 374MPa = 930kN ≥ 865kN
La verifica risulta ora soddisfatta. I dettagli costruttivi sono in Figura
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 167/171
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 168/171

6.7 MODELLO AD ELEMENTI FINITI DELL’EDIFICIO CON FONDAZIONE SCATOLARE


Dell’edificio precedente è stata svolta un’analisi dinamica inserendo nel modello la fondazione scatolare; è stato così
possibile determinare gli sforzi di taglio presenti al piano terra e le sollecitazioni presenti nei cordoli e nelle lesene.

Modello dell’Edificio Particolare Fondazione Scatolare


Modello ad Elementi Finiti dell’edificio
Il modello della scatola di fondazione è stato sviluppato con le seguenti ipotesi:
1. lesene modellate con elementi “beam” tri-dimensionali;
2. pareti modellate con elementi “wall” di spessore 30 cm;
3. impalcato modellato con elementi plane stress di spessore 5 cm;
Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 169/171

Dall’analisi modale si osserva come i periodi propri dei vari modi di vibrare della struttura siano pressoché identici a
quelli ottenuti con la modellazione dell’edificio senza la fondazione scatolare; ciò implica che la fondazione può essere
considerata infinitamente rigida rispetto alla struttura sovrastante e la sua considerazione o meno nell’analisi non
comporta errori significativi nei risultati ottenuti. Vengono di seguito riportati i risultati relativi alle sollecitazioni del
piano terra.
Sisma in X
254 254 39 329 329

13

-1
153

-1 6
-6 7

-3 7
-6 7

-3 7

-1 1

-2 4
153

-1 6
253 253

189 189
153

253

189

-1 6
71 71 63 328 328

Sisma in Y
203 203 20 28 28

14

24
305

438
-106 -106
-89
-89

-0

8
305

438
504 504

540 540
305

504

540

438

-390 -390 -20 480 480

Azioni assiali nei cordoli e nelle lesene


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 170/171

MIDAS/Gen
POST-PROCESSOR
PLN STS/PLT STRS
SIG-XY BOTH SIDE
2.63763e-001
2.21729e-001
1.79695e-001
-0.16 -0.06 0.03
-0.20 -0.02 1.37661e-001
9.56265e-002
5.35925e-002
0.00000e+000

-0.12 -0.05 -3.04756e-002

-0.12 0.09 -7.25096e-002


-1.14544e-001
-1.56578e-001
-0.12 0.13 -1.98612e-001
-0.16 0.11 0.13
0.04 0.13

0.04 0.14 CB: X0.3Yslu


0.02 0.21 MAX : 622
MIN : 611
FILE: ROB- SCATO~
0.09 0.07 0.26 0.22 UNIT: N/mm^2
DATE: 05/29/2006
VIEW-DIRECTION
X: 0.000
Y: 0.000
Z: 1.000

Sisma in X - Sforzi di taglio presenti nel diaframma (valore massimo nell’elemento)


MIDAS/Gen
POST-PROCESSOR
PLN STS/PLT STRS
SIG-XY BOTH SIDE
5.07296e-001
4.19967e-001
3.32639e-001
-0.40 -0.30 0.40
-0.45 0.51 2.45310e-001
1.57982e-001
7.06537e-002
0.00000e+000

-0.41 0.37 -1.04003e-001

-0.41 0.37 -1.91331e-001


-2.78660e-001
-3.65988e-001
-0.40 0.42 -4.53316e-001
-0.44 -0.31 0.50
-0.36 0.42

-0.36 0.42 CB: Y0.3Xslu


-0.37 0.42 MAX : 615
MIN : 611
FILE: ROB- SCATO~
-0.37 -0.39 0.46 0.49 UNIT: N/mm^2
DATE: 05/29/2006
VIEW-DIRECTION
X: 0.000
Y: 0.000
Z: 1.000

Sisma in Y - Sforzi di taglio presenti nel diaframma (valore massimo nell’elemento)


Comportamento delle strutture in c.a. in zona sismica Pagina 171/171

La normativa prescrive di considerare agenti sui diaframmi le forze ottenute dall’analisi per lo SLU aumentate del 30%. Si
osserva che è necessario inserire dell’armatura aggiuntiva a taglio nella cappa per resistere alle azioni sismiche. Nel caso
specifico è sufficiente una rete elettrosaldata φ5/20x20.

6.8 CONCLUSIONI
Le analisi presentate mostrano che tra tutte le soluzioni analizzate, la soluzione che fornisce i risultati migliori in termine
di risparmio di armatura e semplicità nella realizzazione dei dettagli costruttivi è quella che prevede pareti non accoppiate
nella sola direzione trasversale, con telai sismoresistenti in direzione longitudinale. Chiaramente ciò comporta un aumento
delle dimensioni dei pilastri in facciata.

L’esempio svolto porta a concludere che è comunque opportuno utilizzare schemi strutturali il più semplici possibile,
cercando di evitare l’utilizzo di nuclei scala-ascensore eccessivamente rigidi, ai quali spesso consegue un comportamento
a nucleo dell’edificio, caratterizzato da un valore modesto del coefficiente di struttura.