Sei sulla pagina 1di 2

PAESE :Italia DIFFUSIONE :(101364)

PAGINE :20 AUTORE :Alessandro Zaccuri


SUPERFICIE :18 %
PERIODICITÀ :Quotidiano

7 ottobre 2021

•ELZEVIRO

Quando la lingua
batte sul dente
dell'odio sociale
che insiemecon GiorgioZanchini dirige il
ALESSANDROZACCURI Festivalpresiedutoda PieroDorfies. All'ormai
tradizionale rilevazionequantitativa si affianca

C
ome non si sa, ma in un modo o questavolta un rapporto qualitativo, nel quale
nell'altro nella Commediaci sarebbero confluiscono le opinioni di studiosi e
finiti anche gli hasthtag.La vanità professionisti (sulversantepropriamente
colpevole,l'aggressivitàimprovvisa,ma anche linguistico si segnalanoi nomi di Giuseppe
la trama sottile degli affetti, il desiderio della AntoneUi,ValeriaDella Valle eVera Gheno).
relazionecon l'altro: no.Dante non avrebbe Una duplicità di sguardoche,anchenelle sue
persol'occasionedi farconfluire tanto contraddizioni latenti, permettedi apprezzare
ricchezzanel suopoema.Il chenon significa l'ampiezzadella questione,rispettoalla quale
che i socialnel loro insiemesiano un il riferimento a Dante si rivela tutt'altro che
capolavoro,sia chiaro.L'intuizione suUaquale esornativo.Prediamolo statodi salute
sifondala nona edizionedelFestival del dell'italiano, ritenuto
Giornalismoculturale,in programma da "buono" dal 42%
domaniadomenica aUrbino dopo una lunga degliintervistati. Per
seriedi incontri preparatori ( perinformazioni il 27%, inoltre, la
www.festivalgiomalismoculturale. it), riguarda lingua di oggi sarebbe
semmaiun altro versante,non privo di di applicazione più
implicazioni estetichee, anzi,propedeutico a immediata rispetto a
qualsiasiesperimentoartistico. Il tema scelto quantoaccadessein
per quest'anno,"Divina Cultura", giocaconla passatoe per il 32%
ricorrenzadel centenariodantesco, addirittura più ricca.
proponendouna seriedi contributi suUostato Quest'ultima
di salutedellalingua italiana.Lo fa attraverso valutazione nontrova
gli interventi di una scritttice
del tutto d'accordogli
straordinariamentepopolare come Stefania esperti,per i quali il
Auci ( alla quale è affidata la lezione inaugurale) rischio di un
edi un maestroriconosciuto comeEmilio progressivo
Isgrò (cheterrà la lectìo conclusiva),oltre chedi impoverimento non è
unnutrito gruppo di giornalisti,linguisti e da escluderein maniera assoluta.Anche qui, in
operatoridella comunicazione.Lo fa, in ogni caso,lavisione d'insieme non è affatto
particolare,presentando i datidella ricercasu pessimista.La rete, dallaquale provengonole
Lingua e linguaggio nell'Italia della post- spinte più innovative,ha favorito pratiche di
pandemia, realizzatada Ipsosin scrittura più diffuse, sulle quali si allunga però
collaborazioneconLaRica,il Laboratorio di l'ombra minacciosadel famigeratohatespeech
ricercasuUa comunicazioneavanzata o discorsod'odio. Sottoposti a uno sguardopiù
dell'Università di Urbino. L'indaginesi ravvicinato,delresto, anchei dati quantitativi
inseriscenelle attività dell'OsservatorioNews- rivelano lapresenzadi questapreoccupazione,
Italia, promossodalla sociologaLeilaMazzoli,

Tutti i diritti riservati


PAESE :Italia DIFFUSIONE :(101364)
PAGINE :20 AUTORE :Alessandro Zaccuri
SUPERFICIE :18 %
PERIODICITÀ :Quotidiano

7 ottobre 2021

segnalatadal 28% degliintervistati.Le


maggiori apprensionisono suscitatedal ruolo
svolto dallepersonalitàpubbliche, indicate
come esempi negativi dal 55%.Suun elemento
tutti concordano,compresi gli interpellati della
sezionequalitativa: la violenzaverbalenon è
un'invenzione del web, tanto meno dei social.
Già nella Commedia,a fianco di luminose
aperturealla meraviglia, si tiovano insulti
memorabili, condannecomminate a colpi di
espressionigergalie funamboliche
denigrazioni, alcune dellequali giustamente
passatein proverbio.A farela differenza, e a
sollecitareuna qualcheforma di emulazione
aggiornataai nostii tempi, è la consapevolezza
linguistica di cui Dante èportatore eche gli
permette divariare toni e registri,in una
continua alternanzadi sceltelessicalieperfino
di soluzioni sintattiche.In questosenso,la
lettura delDe vulgari eloquentiapuò risultare
oggi ancorapiù attuale dellaCommediastessa.
Nel trattato infatti Dante spostail
ragionamento su un piano di ulteriore
complessità,facendo della pantera, creatura
sfuggente e cangiante,l'oggettodi un
inseguimento chetroverànel poema il suo
compimento. L'usodellalingua,insomma, non
può andaredisgiunto dalla rifiessione suUa
lingua stessa.Èuno dei motivi per cui
andrebbeapprezzata(e non
sbrigativamenteliquidata come effimera)la
richiesta di un linguaggio piùrispettosoe
inclusivo che provienecon indulibia
evidenzadallapartepiù giovane del
campionecoinvolto nell'indaginepromossa
dal Festival del Giornalismo culturale. La
lingua cambia, non c'èniente da fare.
L'importante è che cambi in meglio.
3 RIPRODUZIONE
RISERVATA?-

La salute
dell'italiano
èbuona
per il 42%
d'intervistati
di un'indagine
Ipsos. Ma
il 28% teme
il linguaggio
violento
sui social

Tutti i diritti riservati