Sei sulla pagina 1di 8

Sword Art Online

ソードアート・オンライン
(Sōdo Āto Onrain)

Copertina del primo volume dell'edizione italiana,


raffigurante Kirito e Asuna

Genere avventura[1], fantascienza[2]

Light novel

Testi Reki Kawahara

Disegni abec

Editore ASCII Media Works - Dengeki


Bunko

1ª edizione 10 aprile 2009 – in corso

Volumi 25 (in corso)

Editore it. Edizioni BD - J-Pop


Collana 1ª  J-Pop Romanzi
ed. it.

1ª edizione  8 ottobre 2014 – in corso


it.

Volumi it. 15 / 25 

Testi it. Sandro Cecchi

Manga

Testi Reki Kawahara

Disegni Tamako Nakamura (Aincrad),


Tsubasa Hazuki (Fairy
Dance e Mother's Rosario), Kōtarō
Yamada (Phantom Bullet e Project
Alicization), Shii Kiya (Calibur)

Editore ASCII Media Works - Dengeki


Bunko

Rivista Dengeki Bunko


Magazine, Dengeki G's
Comic(Calibur), ComicWalker(Ph
antom Bullet)

Target seinen

1ª edizione 10 agosto 2010 – in corso

Periodicità mensile

Tankōbon 17 (in corso)

Editore it. Edizioni BD - J-Pop

1ª edizione  5 luglio 2014 – in corso


it.

Volumi it. 16 (in corso)

Testi it. Giovanni Lapis (Aincrad), Sandro


Cecchi (da Fairy Dance)

Serie TV anime

Regia Tomohiko Itō (stagioni 1 e


2), Manabu Ono (stagione 3)

Musiche Yuki Kajiura

Studio A-1 Pictures

Rete Tokyo
MX, tvk, TVS, TVA, RKB, HBC
, MBS, AT-X, CTC, BS11, TV
Q, TVh

1ª TV 7 luglio 2012 – in produzione

Episodi 97 (in corso) in 3 stagioni + 2 episodi


riassuntivi

Rapporto 16:9

Durata ep. 24-48 min

Editore it. Dynit (edizione Daisuki esclusa)

Rete it. Rai 4 (stagione 1), Supersix(Ka-


Boom, stagione 2)

1ª TV it. 30 gennaio 2014 – in pausa

1º streamin Popcorn TV (stagione 1


g it. sottotitolata), Daisuki(stagione 2

sottotitolata), Netflix (stagioni 1-2-3

sottotitolate e

doppiate), VVVVID (stagioni 1-2-3

sottotitolate e doppiate), Amazon

Video (stagioni 1-3 sottotitolate e


doppiate)

Episodi it. 96 (in corso) in 3 stagioni + 4 episodi


riassuntivi
Durata ep. i 24-48 min
t.

Studio dop Studio P.V. (stagioni 1-2), Lylo


p.it. Italy (stagione 3), SEDIF (stagione
3)

Dir. dopp. it Luca Semeraro, Fabrizio


. Mazzotta

Light novel

Sword Art Online: Progressive

Testi Reki Kawahara

Disegni abec

Editore ASCII Media Works - Dengeki


Bunko

1ª edizione 10 ottobre 2012 – in corso

Volumi 8 (in corso)

Manga

Sword Art Online: Progressive

Testi Reki Kawahara

Disegni Kiseki Himura

Editore ASCII Media Works - Dengeki


Bunko

Rivista Dengeki Bunko


Magazine, Dengeki G's Comic

Target seinen

1ª edizione 10 agosto 2013 – in corso

Tankōbon 9 (in corso)


Editore it. Edizioni BD - J-Pop

1ª edizione  5 agosto 2020 – in corso


it.

Volumi it. 7 (in corso)

Testi it. Sandro Cecchi

Film TV anime

Sword Art Online: Extra Edition

Regia Tomohiko Itō

Soggetto Reki Kawahara, Munemasa


Nakamoto

Musiche Yuki Kajiura

Studio A-1 Pictures

Rete Tokyo MX, BS11

1ª TV 31 dicembre 2013

Episodi unico 

Rapporto 16:9

Durata 101 min

Editore it. Dynit

Episodi it. unico 

Durata it. 96 min

Studio dop Studio P.V.


p.it.

Dir. dopp. it Luca Semeraro, Fabrizio


. Mazzotta
Sword Art Online (ソードアート・オンライン Sōdo Āto Onrain?) è una serie di light novel scritta
da Reki Kawahara e illustrata da abec, pubblicata da ASCII Media Works sotto l'etichetta Dengeki
Bunko dal 10 aprile 2009. La storia segue le vicende di Kazuto Kirigaya, giovane
videogiocatore online che in un futuro prossimo sperimenta le prime realtà virtualiMMORPG. Kawahara
originariamente scrisse la serie in forma di web novel sul suo sito web dal 2002 al 2008. Dall'opera
sono stati tratti i manga pubblicati da Kadokawa, due serie di light novel spin-off, un film e
numerosi videogiochi. L'edizione italiana della serie di light novel principale e dei manga è curata
dall'etichetta J-Pop di Edizioni BD.
Un adattamento anime di venticinque episodi, prodotto da A-1 Pictures, è andato in onda
in Giappone dal 7 luglio al 22 dicembre 2012. Uno special televisivo riassuntivo, chiamato Extra Edition,
è stato diffuso il 31 dicembre 2013, mentre il sequel dell'anime, sempre prodotto da A-1 Pictures e
intitolato Sword Art Online II, è stato trasmesso dal 5 luglio al 20 dicembre 2014. Un film
d'animazione dal titolo Sword Art Online - The Movie: Ordinal Scale, ambientato tra la seconda e la
terza stagione, è uscito nelle sale cinematografiche giapponesi il 18 febbraio 2017. La terza stagione
dell'anime, Sword Art Online: Alicization, è stata trasmessa in due parti da ottobre 2018. Tutte le
produzioni anime sono state adattate in italiano da Dynit.
Sword Art Online ha riscosso un successo commerciale molto diffuso. Al 2020 più di venticinque milioni
di copie delle light novel sono state vendute in diversi paesi del mondo [3], tra cui Giappone, Cina, Corea
del Sud, Thailandia, Stati Uniti, Canada, Brasile, Germania, Francia e Regno Unito. La serie anime ha
ricevuto recensioni contrastanti da parte della critica, che in certi casi ne ha lodato le animazioni, la
colonna sonora e l'esplorazione degli aspetti psicologici delle realtà virtuali, mentre in altri ne ha
criticato il ritmo e la sceneggiatura.

Indice

 1Trama
 2Personaggi
 3Ambientazioni
 4Tecnologia delle VR-Console
o 4.1FullDive
o 4.2Brain Machine Interface (BMI)
 5Media
o 5.1Light novel
o 5.2Manga
o 5.3Anime
 5.3.1Serie televisive
 5.3.2Special
 5.3.3Film
o 5.4Videogiochi
 6Accoglienza
 7Note
 8Voci correlate
 9Altri progetti
 10Collegamenti esterni

Trama[modifica | modifica wikitesto]
Sword Art Online (SAO) è una realtà virtuale di gioco di ruolo in rete multigiocatore di massa
(VRMMORPG) pubblicata nel 2022: grazie al NerveGear, un casco in grado di stimolare i cinque sensi
dell'utilizzatore tramite la manipolazione diretta del cervello, i giocatori possono impersonare e
controllare il loro stesso personaggio nel gioco direttamente con la loro mente.
SAO viene aperto ufficialmente il 6 novembre 2022, ma gli utenti connessi si rendono conto che è
impossibile disconnettersi. Il creatore del gioco, Akihiko Kayaba, si rivela uno psicopatico e li informa di
averli imprigionati: se desiderano tornare ad essere liberi, deve essere raggiunto e superato l'ultimo
livello del gioco (rappresentato dal 100º piano del castello volante di Aincrad, in cui si trova il boss
finale), tuttavia in caso di game-over o di rimozione forzata del NerveGear, l'hardware causerà
un coma cerebrale al giocatore per mezzo di scosse elettriche al cervello. I giocatori vengono subito
ricoverati e nutriti artificialmente. Tra i tanti giocatori ad assistere alle parole di Kayaba, vi è Kazuto
"Kirito" Kirigaya, uno dei 1.000 beta tester che aveva avuto la possibilità di provare il gioco in
anteprima. Forte della sua precedente esperienza, Kirito si impegna a fondo per portare a termine il
gioco da solo, ma col passare del tempo farà coppia con una giocatrice di nome Asuna di cui si
innamorerà. Due anni dopo, il protagonista scopre l'identità di Kayaba in SAO, lo affronta e lo sconfigge
una volta per tutte, guadagnandosi così sia la propria libertà sia quella degli altri giocatori ancora vivi.
Una volta tornato nel mondo reale, Kirito scopre però che 300 giocatori di SAO, Asuna inclusa, non si
sono ancora risvegliati. Seguendo una pista secondo la quale Asuna si ritroverebbe imprigionata in un
altro VRMMORPG chiamato Alfheim Online (ALO), Kirito partecipa anche a quest'altro gioco, all'interno
del quale egli incontra per caso Leafa, ossia sua cugina Suguha. Con il suo aiuto, Kirito scopre che i
giocatori intrappolati in ALO fanno parte di un piano ideato da Nobuyuki Sugō per eseguire degli
esperimenti illegali sulla mente umana e trovare un modo per controllarla. Inoltre Sugō ha anche
intenzione di sposare Asuna nel mondo reale per impadronirsi dell'azienda di suo padre, ragion per cui
Kirito va su tutte le furie annientandolo sia in ALO che nella realtà. Una volta sconfitto Sugō nel mondo
di ALO, il ghost program di Akihiko gli donerà "il seme", ovvero il programma di generazione dei mondi,
dandogli la scelta di distruggerlo o di avvalersene. Kirito sceglierà, durante la festa nel pub di Agil, di
renderlo disponibile al mondo intero, così che ognuno possa creare il suo mondo personale, e dare
nuovo lustro alla categoria dei VRMMO, quasi portati all'estinzione per causa di Sugō.
Poco tempo dopo, Kirito gioca a Gun Gale Online (GGO) per investigare su alcune morti misteriose che
stanno avvenendo nel mondo reale. Assistito da una giocatrice di nome Sinon che gli fa da guida in
quest'altra realtà, Kirito identifica e segnala alle autorità i colpevoli dei vari omicidi, tra i quali vi sono
anche alcuni ex membri di una gilda di assassini che egli aveva affrontato in SAO.
Successivamente Kirito viene assunto per testare il Soul Translator (STL), una macchina
all'avanguardia caratterizzata da un'interfaccia molto più realistica e complessa di quelle provate da lui
in precedenza. A differenza del mondo reale, nel mainframe della realtà virtuale — chiamata
Underworld (UW) — di questa nuova tecnologia, il tempo scorre migliaia di volte più velocemente, e i
ricordi di Kirito di ciò che accade al suo interno sono ristretti. Tuttavia Kirito viene gravemente ferito da
uno degli assassini di SAO e finisce così per svegliarsi dentro Underworld senza potersi ricordare come
si è ritrovato lì oppure come disconnettersi, lasciando il suo vero sé nel mondo reale in uno stato
comatoso.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]
Lo stesso argomento in dettaglio:  Personaggi di Sword Art Online.

Kirito (キリト Kirito?) / Kazuto Kirigaya (桐ヶ谷 和人 Kirigaya Kazuto?)


Doppiato da: Yoshitsugu Matsuoka (ed. giapponese), Alessio De Filippis
Kirito è il protagonista di Sword Art Online ("SAO"). Essendo stato uno dei pochi beta tester, ha
potuto provare il gioco prima del lancio ufficiale, e può infatti vantare un'incredibile esperienza e
conoscenza di SAO. Qualche tempo dopo l'inizio del gioco, Kirito si unisce ad una gilda,
nascondendo loro di essere un Beater (termine coniato da Kirito stesso per definirsi, che è
l'unione di Beta Tester e Cheater), ma durante l'esplorazione di un dungeon cadono in una
trappola, e i compagni di Kirito rimangono vittime di nemici molto più forti di loro. Kirito,
sentendosi responsabile dell'accaduto, deciderà di continuare il suo viaggio verso il 100º piano
da solo senza coinvolgere altri giocatori. Le abilità di Kirito miglioreranno ulteriormente quando,
misteriosamente, un giorno noterà di avere accesso ad una skill sconosciuta e mai vista in
SAO, la "dual wield"; per non provocare la rabbia o l'invidia di altri giocatori, cercherà di tenere
nascosta quest'abilità.
Asuna (アスナ Asuna?) / Asuna Yūki (結城 明日奈 Yūki Asuna?)
Doppiata da: Haruka Tomatsu (ed. giapponese), Francesca Manicone e Jolanda
Granato (da Alicization) (ed. italiana)
Asuna è una delle prime persone con cui Kirito instaurerà un rapporto di amicizia. Asuna è
famosa per la sua incredibile velocità, tanto da essere soprannominata "Asuna la saetta". Dopo
il primo incontro con Kirito, i due si separeranno, e quando si incontreranno di nuovo, si scoprirà
che Asuna è diventata uno dei vicecomandanti dei "Knights of Blood", la gilda più forte di tutta
SAO. Inizialmente, l'unico pensiero di Asuna sarà quello di finire il gioco, ritenendo che ogni
giorno passato lì dentro è un giorno perso nel mondo reale; questo fino a quando non si
innamorerà di Kirito, rendendosi conto che nonostante sia un mondo virtuale, il rapporto è vero.
Heathcliff (ヒースクリフ Hīsukurifu?) / Akihiko Kayaba (茅場 晶彦 Kayaba Akihiko?)
Doppiato da: Tōru Ōkawa / Kōichi Yamadera (ed. giapponese), Marco Balzarotti / Massimiliano
Lotti (ed. italiana)
Kayaba è il direttore e creatore di Sword Art Online, nonché antagonista principale del primo
arco narrativo. È a causa sua se i giocatori connessi a SAO non possono lasciare
volontariamente il mondo virtuale tramite logout. Inoltre, impedisce la rimozione del NerveGear
tramite terzi, poiché l'hardware distruggerebbe il cervello (attraverso un sistema che genera
onde radio molto potenti) del giocatore in caso di rimozione forzata. L'obiettivo, a sua detta, è
stato già raggiunto, ovvero quello della creazione di un vero e proprio mondo alternativo, e
desidera limitarsi ad osservare lo svolgersi degli eventi. In linea con tali intenzioni, si nasconde
sotto le rispettate vesti di Heathcliff, capo della gilda dei "Knights of Blood", partecipando
attivamente nel mondo virtuale. Nonostante il proprio avatar abbia la protezione dell'immortalità,
Kayaba non necessita strettamente di simili misure, poiché, in quanto creatore di SAO, conosce
perfettamente tutte le sue meccaniche di gioco ed il modo migliore per contrastarle. Grazie a
tale protezione, Kayaba sconfigge Kirito in un primo duello, ma viene scoperto dal ragazzo, il
quale dimostra la sua immortalità all'intera gilda dei "Knights of Blood" quando, dopo il
combattimento col boss del 75º piano, gli sferra un attacco a sorpresa che gli sarebbe risultato
letale. Nonostante non sia ricorso alle sue vere fattezze per non farsi identificare, Kayaba ha
scelto di impostare anche il proprio NerveGear con l'ordine di distruggere il suo cervello in caso
di sconfitta.