Sei sulla pagina 1di 34

MATTEO ZAMBUTO

MARIA
SPERANZA NOSTRA

Le più belle antifone mariane e altri canti

EDITORIALE AUDIOVISIVI
INDICE

MARIA SPERANZA NOSTRA pag. 4


AVE O STELLA DEL MARE pag. 7
AVE MARIA pag. 10
REGINA DEI CIELI RALLEGRATI pag. 13
O SANTA MADRE DEL REDENTORE pag. 16
MADRE DEL SIGNORE pag. 18
SALVE REGINA pag. 20
SOTTO LA TUA PROTEZIONE pag. 22
TUTTA LA TERRA TI PREGA pag. 25
AVE REGINA DEI CIELI pag. 29

2 PAOLINE EDITORIALE AUDIOVISIVI - © FSP, Roma 1996 - Tutti i diritti riservati


AVE SANTA MADRE DI DIO

“Maria, perché Madre santissima di Dio


presente ai misteri di Cristo, per grazia di Dio esaltata,
al di sotto del Figlio, sopra tutti gli angeli e gli uomini,
viene dalla Chiesa giustamente onorata con culto speciale.
E di fatto, già fin dai tempi più antichi,
la beata Vergine è venerata col titolo di “Madre di Dio”
e i fedeli si rifugiano sotto la sua protezione,
implorandola in tutti i loro pericoli e necessità” (LG, 66).
Questo passo conciliare introduce a proposito
l’opera che stiamo presentando.
“Maria speranza nostra” è una proposta di canti mariani
tratti dalla più antica tradizione cristiana.
Sono lodi, invocazioni, inni per celebrare Maria con i titoli più belli
con cui è stata chiamata nel corso dei secoli.
Alcuni di questi sono riferiti alla sua regalità:
Regina del cielo, Signora degli angeli, Sovrana del mondo;
altri alla sua maternità: Madre amatissima, clemente e pia,
rifugio e conforto; altri ancora, attingendo alle immagini della natura,
la invocano come stella del mare, porto sicuro,
giardino in fiore, bella come la luna, più splendente dell’aurora...
Pregare Maria è un’esigenza per il popolo cristiano
che a lei si affida con fiducia. L’intento di questa proposta
è offrire contenuti perché il canto a Maria
si nutra alle fonti della Tradizione e la Vergine
continui a essere venerata con le antiche e più belle preghiere
che a lei siano mai state rivolte.
Le melodie con cui queste invocazioni sono espresse
suggeriscono e aiutano la preghiera
soprattutto corale della comunità cristiana.
Per noi che avanziamo a fatica in mezzo alle prove
del tempo presente, la gloriosa Vergine brilla quaggiù
come “segno di sicura speranza e di consolazione
per il popolo di Dio che è in cammino,
fino a quando arriverà il giorno del Signore” (LG, 68).

PAOLINE EDITORIALE AUDIOVISIVI - © FSP, Roma 1996 - Tutti i diritti riservati 3


MARIA SPERANZA NOSTRA
Musica di Matteo Zambuto

4 PAOLINE EDITORIALE AUDIOVISIVI - © FSP, Roma 1996 - Tutti i diritti riservati


PAOLINE EDITORIALE AUDIOVISIVI - © FSP, Roma 1996 - Tutti i diritti riservati 5
MARIA SPERANZA NOSTRA Lettura: Dalla “Lumen Gentium”, 68
Testo di Matteo Zambuto La Madre di Gesù, come in cielo glorificata
ormai nel corpo e nell’anima è immagine e
Ave, Maria, speranza nostra, inizio della Chiesa che dovrà avere il suo
ave a te, Madre di Dio. compimento nell’età futura, così sulla terra
Beata tu, giardino in fiore, brilla ora innanzi al peregrinante Popolo di
fonte di grazia e di purezza. Dio quale segno di sicura speranza e di
consolazione, fino a quando arriverà il
Splendente aurora, donna gloriosa, giorno del Signore (cfr. 2 Pt 3,10).
tu sei la via che porta al cielo.
Salve, Regina, tempio di Dio,
hai dato al mondo il re dei re.

Sei benedetta fra tutte le donne,


a te innalziamo la nostra lode. Preghiera
O Madre santa, volgi lo sguardo Guardando a te, Maria,
a noi tuoi figli che ti preghiamo. rinasce la beatissima speranza:
O dolce Madre del Salvatore la purezza è possibile,
rendici puri da ogni male. l’innocenza è possibile,
Veglia su noi che camminiamo la virtù è possibile,
con il tuo Figlio. Ave Maria. Ave Maria. quello che è ideale e distante è possibile.
Ed è possibile in te e in noi,
perché da te fluisce in noi la grazia.
“Piena di grazia”.
Trabocca in te la grazia
e viene sopra di noi.
Guardando a te, Maria,
rigeneriamo i nostri pensieri,
diventiamo ancora capaci di pensare bene,
di escludere tutto quello
che suscita in noi immagini
inquinate dal peccato.
Guardando a te, Maria,
facciamo risorgere e scaturire dentro di noi
le immagini di bontà e di bellezza
che Gesù ha predicato.
(Paolo VI, 8.12.1958)

6 PAOLINE EDITORIALE AUDIOVISIVI - © FSP, Roma 1996 - Tutti i diritti riservati


AVE STELLA DEL MARE
Musica di Matteo Zambuto

PAOLINE EDITORIALE AUDIOVISIVI - © FSP, Roma 1996 - Tutti i diritti riservati 7


8 PAOLINE EDITORIALE AUDIOVISIVI - © FSP, Roma 1996 - Tutti i diritti riservati
AVE STELLA DEL MARE Lettura: Dalla “Lumen Gentium”, 66
Testo tradizionale Maria, perché Madre santissima di Dio, che
Elaborazione di Matteo Zambuto prese parte ai misteri di Cristo, per grazia di
Dio esaltata, dopo il Figlio, sopra tutti gli
angeli e gli uomini, viene dalla Chiesa
Ave, Maria, stella del mare,
giustamente onorata con culto speciale. Già
tu sei madre gloriosa di Dio:
fino dai tempi più antichi la beata Vergine è
vergine sempre, Maria,
venerata col titolo di “Madre di Dio”, sotto
porta felice del cielo.
la cui protezione i fedeli imploranti si
L’Angelo santo ti ha salutata, rifugiano in tutti i pericoli e necessità.
ha recato l’annunzio di Dio, Soprattutto a partire dal Concilio di Efeso il
ha mutato la sorte di Eva, culto del popolo di Dio verso Maria crebbe
donando al mondo la pace. mirabilmente in venerazione e amore, in
Ave, Maria, stella del mare, preghiera e imitazione, secondo le di lei
veglia ancora su noi. profetiche parole: “Tutte le generazioni mi
Ave, o Madre del Redentore, chiameranno beata, perché grandi cose mi
resta sempre con noi. ha fatto l’onnipotente” (Lc 1,48).

Spezza i legami ai popoli oppressi, Preghiera


ed ai ciechi ridona la luce.
Vergine santa e Madre nostra dolcissima,
Scaccia da noi ogni male,
che invochiamo
chiedi per noi ogni bene.
col nome di “Madonna del buon viaggio”,
Mostrati madre di tutta la terra, noi ci affidiamo a te
offri a Cristo la nostra preghiera: nel momento di affrontare la strada.
egli l’accolga benigno,
lui che s’è fatto tuo Figlio. Tu conosci i pericoli cui andiamo incontro,
le trepidazioni del percorso,
Ave, Maria, stella del mare... le consolazioni del ritorno.
Sii tu dunque sempre la nostra guida,
Vergine santa fra tutte le donne, il nostro sostegno,
dolce madre regina del cielo, il nostro conforto.
rendi innocenti i tuoi figli,
umili e puri di cuore. E poiché la nostra vita
Dona agli uomini giorni di pace, è un viaggio verso il cielo,
veglia sempre sul nostro cammino, dirigi i nostri passi nella via della pace
fa’ che vediamo il tuo Figlio, e portaci un giorno
pieni di gioia nel cielo! alla meta finale desiderata,
ove a te uniti
Ave, Maria, stella del mare... con te gioiremo della gioia di Dio,
o dolce Madre nostra,
Ave, Maria, stella del mare, o Madonna del buon viaggio.
resta sempre con noi.
(Paolo VI, 22.10.1963)

PAOLINE EDITORIALE AUDIOVISIVI - © FSP, Roma 1996 - Tutti i diritti riservati 9


AVE MARIA
Musica di Matteo Zambuto

10 PAOLINE EDITORIALE AUDIOVISIVI - © FSP, Roma 1996 - Tutti i diritti riservati


PAOLINE EDITORIALE AUDIOVISIVI - © FSP, Roma 1996 - Tutti i diritti riservati 11
AVE MARIA Per questo è anche riconosciuta quale
sovreminente e del tutto singolare membro
Testo tradizionale
della Chiesa e sua figura ed eccellentissimo
modello nella fede e nella carità, e la Chiesa
Ave, Maria, piena di grazia, Cattolica edotta dallo Spirito Santo, con
il Signore è con te. affetto di pietà filiale la venera come madre
Tu sei benedetta fra tutte le donne amantissima.
e benedetto è il frutto del tuo seno, Gesù.

Santa Maria, Madre di Dio, Preghiera


prega per noi peccatori,
adesso e nell’ora della nostra morte. Maria, che il popolo ebraico,
Amen. Amen. in virtù della sua elezione messianica,
ha avuto la somma fortuna d’averti per figlia.
Maria, che a buon diritto fosti proclamata
la benedetta fra tutte le donne.
Maria, che avesti l’intuito profetico
di essere chiamata beata
da tutte le generazioni.
Maria, elettissima fra tutte le creature
Lettura: Dalla “Lumen Gentium”, 53 per pienezza di grazia
Maria Vergine, la quale all’annunzio dell’An- e santissima per l’innocenza immacolata
gelo accolse nel cuore e nel corpo il Verbo e per la corrispondenza volontaria e totale
di Dio e portò la Vita al mondo, è al volere di Dio.
riconosciuta e onorata come vera Madre di Maria,
Dio e Redentore. Redenta in modo sublime Madre di Cristo,
in vista dei meriti del Figlio suo e a lui unita Madre di Dio,
da uno stretto e indissolubile vincolo, è Madre dei credenti,
insignita del sommo officio e dignità di Madre nostra.
Madre del Figlio di Dio, e perciò figlia
prediletta del Padre e tempio dello Spirito Maria, in te si realizza in modo perfetto
Santo; per il quale dono di grazia esimia quanto Cristo ha elargito e promesso
precede di gran lunga tutte le altre creature, all’umanità redenta,
celesti e terrestri. Insieme però è congiunta sei la prima a partecipare
nella stirpe di Adamo con tutti gli uomini alla sua opera di salvezza
bisognosi di salvezza, anzi è “veramente e ai suoi meriti,
madre delle membra di Cristo... perché tanto da riflettere in te
cooperò con la carità alla nascita dei fedeli l’intera figura della Chiesa
della Chiesa, i quali di quel Capo sono le come tipo e modello.
membra”. (Paolo VI, 24.03.1965)

12 PAOLINE EDITORIALE AUDIOVISIVI - © FSP, Roma 1996 - Tutti i diritti riservati


REGINA DEI CIELI RALLEGRATI
Musica di Matteo Zambuto

PAOLINE EDITORIALE AUDIOVISIVI - © FSP, Roma 1996 - Tutti i diritti riservati 13


14 PAOLINE EDITORIALE AUDIOVISIVI - © FSP, Roma 1996 - Tutti i diritti riservati
REGINA DEI CIELI RALLEGRATI Preghiera
Testo tradizionale Tu, Maria, sei già arrivata alla pienezza,
sei al primo posto
Regina dei cieli, rallegrati, alleluia: nell’opera della creazione.
Cristo, che hai portato nel grembo, alleluia, Il fatto di aver dato a Cristo
è risorto, come aveva promesso, alleluia. la vita al mondo
Prega il Signore per noi, alleluia. ti ha meritato una indescrivibile gloria.
Tu, Maria, sei ricolma di beni preternaturali,
sei Regina del cielo,
Madre di Cristo,
Madre della Chiesa,
Madre nostra.
L’amore che tu, Maria, hai avuto per Cristo
e per gli uomini, con i quali hai sofferto,
con i quali hai vissuto,
è la chiave per comprendere
perché Dio ti ha sollevata per prima
in anticipo, nella gloria eterna.
Dobbiamo vivere imitandoti, Maria,
Lettura: Dalla “Lumen Gentium”, 59 nella tua fede,
Essendo piaciuto a Dio di non manifestare nella tua speranza,
solennemente il mistero della salvezza nella tua purezza soprattutto,
umana prima di aver effuso lo Spirito nella tua carità.
promesso da Cristo, vediamo gli Apostoli Dobbiamo avere
prima del giorno della Pentecoste una grande confidenza in te.
“perseveranti d’un solo cuore nella Allora la nostra vita sarà cristiana,
preghiera con le donne e Maria Madre di sarà fin d’ora beata.
Gesù e i fratelli di lui” (At 1,14), e anche (Paolo VI, 15.08.1973)
Maria implorante con le sue preghiere il
dono dello Spirito, che l’aveva già
adombrata nell’Annunciazione.
Infine, l’Immacolata Vergine, preservata
immune da ogni macchia di colpa originale,
finito il corso della sua vita terrena, fu
assunta alla celeste gloria in anima e corpo,
e dal Signore esaltata quale Regina
dell’universo, perché fosse più pienamente
conformata col Figlio suo, Signore dei
dominanti (crf. Ap. 19,16) e vincitore del
peccato e della morte.

PAOLINE EDITORIALE AUDIOVISIVI - © FSP, Roma 1996 - Tutti i diritti riservati 15


O SANTA MADRE DEL REDENTORE
Musica di Matteo Zambuto

16 PAOLINE EDITORIALE AUDIOVISIVI - © FSP, Roma 1996 - Tutti i diritti riservati


O SANTA MADRE DEL REDENTORE
Testo tradizionale

O santa Madre del Redentore, Preghiera


porta dei cieli, stella del mare,
Contempliamo il prodigio
soccorri il tuo popolo
della tua maternità, Maria:
che anela a risorgere.
tu sei la fonte.
Tu che accogliendo il saluto di Dio, Accogliamo con esultanza e venerazione
nello stupore di tutto il creato, il mistero dell’Incarnazione.
hai generato il tuo Creatore, Tu, Maria, sei la “porta del cielo”
Madre sempre vergine, sei la splendida “Madre del Redentore”.
pietà di noi peccatori. Amen.
Il culto che ti tributiamo
non pregiudica la totalità e l’esculsività
dell’adorazione, che solo a Dio e a Cristo
in quanto Figlio consustanziale del Padre
è dovuta,
ma piuttosto ad essa ci guida
e ce ne garantisce l’accesso,
perché tale culto risale la via
che Cristo ha percorso in discesa
per farsi uomo.
(Paolo VI, 21.12.1977)

PAOLINE EDITORIALE AUDIOVISIVI - © FSP, Roma 1996 - Tutti i diritti riservati 17


MADRE DEL SIGNORE
Musica di Matteo Zambuto

18 PAOLINE EDITORIALE AUDIOVISIVI - © FSP, Roma 1996 - Tutti i diritti riservati


MADRE DEL SIGNORE Preghiera
Testo di Matteo Zambuto Maria, tu sei la fonte,
Maria, tu sei la Madre che introduce
Cristo nel mondo.
L’Angelo disse: Piena di grazia,
Tu sei al centro,
ave a te, vergine santa.
al vertice delle sorti
La volontà di Dio si compia
dell’umanità.
dentro di te per tutti i secoli.
Sei tu che rendi
La salvezza, o Maria, hai donato a noi. per virtù dello Spirito Santo
Ave, Madre del Signore, Cristo nostro fratello.
resta accanto a noi. Tu sei la porta
Vergine sposa, arca di Dio, per la quale Gesù Salvatore
madre soave, grembo d’amore, entra nel mondo,
hai generato con fede sublime sei la “porta del cielo”,
il tuo Signore, il Salvatore. la ”causa della nostra letizia”.
Inneggiamo a te per essere meno indegni
La salvezza, o Maria, hai donato a noi. di accogliere Cristo
Ave, Madre del Signore, con l’inno della fede,
resta accanto a noi. della speranza,
Quando Gesù fu crocifisso, dell’amore,
sotto la croce triste piangevi che solo ed in sommo grado a lui è dovuto.
addolorata per il tuo Figlio, Siamo sotto il tuo manto, Maria,
che ti donò a noi per madre. per essere sotto l’effusione
della salvezza di Cristo.
La salvezza, o Maria, hai donato a noi.
Ave, Madre del Signore, (Paolo VI, 15.08.1971)
resta accanto a noi.

PAOLINE EDITORIALE AUDIOVISIVI - © FSP, Roma 1996 - Tutti i diritti riservati 19


SALVE REGINA
Musica di Matteo Zambuto

20 PAOLINE EDITORIALE AUDIOVISIVI - © FSP, Roma 1996 - Tutti i diritti riservati


SALVE REGINA Preghiera
Testo tradizionale Tu, Maria, sei umile,
sei una regina misericordiosa,
che ami discendere tra i poveri
Salve, Regina, madre di misericordia,
e dispensare il bene.
vita, dolcezza e speranza nostra, salve.
Nessuno di noi è messo alla porta,
A te ricorriamo, esuli figli di Eva;
nessuno può considerarsi escluso,
a te sospiriamo, gementi e piangenti
perché tu, Maria,
in questa valle di lacrime.
ci dai il senso della fratellanza
Orsù dunque, avvocata nostra, e solidarietà delle dimensioni umane.
rivolgi a noi gli occhi tuoi misericordiosi Tu susciti in noi
e mostraci, dopo questo esilio, Gesù, grande confidenza e speranza,
il frutto benedetto del tuo seno. possiamo aggrapparci al tuo manto e dire:
O clemente, o pia, o dolce Vergine Maria. perché, Maria,
non concedi a ognuno di noi
la stessa letizia?
La tua gloria non è un abisso
che ci separa da te,
ma una sorgente di speranza
che a te ci conduce.
Tu sei la nostra speranza!
Noi ti celebriamo,
noi ti salutiamo, o Maria!
(Paolo VI, 15.08.1967)

PAOLINE EDITORIALE AUDIOVISIVI - © FSP, Roma 1996 - Tutti i diritti riservati 21


SOTTO LA TUA PROTEZIONE
Musica di Matteo Zambuto

22 PAOLINE EDITORIALE AUDIOVISIVI - © FSP, Roma 1996 - Tutti i diritti riservati


PAOLINE EDITORIALE AUDIOVISIVI - © FSP, Roma 1996 - Tutti i diritti riservati 23
SOTTO LA TUA PROTEZIONE Preghiera
Testo tradizionale Ricorriamo alla tua intercessione, Maria,
come a quella di una Madre
buona e potente presso la sorgente
Sotto la tua protezione cerchiamo rifugio,
d’ogni grazia,
santa Madre di Dio:
Cristo Figlio tuo e nostro Salvatore.
non disprezzare le suppliche
di noi che siamo nella prova, Ti preghiamo
e liberaci da ogni pericolo, per tutte le nostre necessità spirituali
o Vergine gloriosa e benedetta. non escluse
– come avvenne alle nozze di Cana –
quelle nostre temporali.
Tu, Madonna santissima,
Lettura: Dalla “Lumen Gentium”, 58 ottienici dal Signore
tutti i favori di cui abbiamo bisogno,
Nella vita pubblica di Gesù, la Madre sua per ciascuno di noi,
appare distintamente, fin da principio, per i nostri cari,
quando alle nozze in Cana di Galilea, mossa per le nostre famiglie,
a compassione, ottenne con la sua inter- le parrocchie, le comunità.
cessione che Gesù Messia desse inizio ai
miracoli (cfr. Gv 2,1-11). Ti diciamo:
Durante la predicazione di lui raccolse le di tutti noi mostrati Madre.
parole, con le quali il Figlio, esaltando il (Paolo VI, 11.10.1967)
Regno al di sopra dei rapporti e dei vincoli
della carne e del sangue, proclamò beati
quelli che ascoltano e custodiscono la parola
di Dio (cfr. Mc 3,35 par.; Lc 11,27-28), come
essa fedelmente faceva (cfr. Lc 2,19 e 51).
Così anche la Beata Vergine avanzò nella
peregrinazione della fede e serbò fedelmen-
te la sua unione col Figlio sino alla croce,
dove, non senza un disegno divino, se ne
stette (cfr. Gv 19,25) soffrendo profon-
damente col suo Unigenito e associandosi
con animo materno al sacrificio di lui,
amorosamente consenziente all’immo-
lazione della vittima da lei generata; e
finalmente, dallo stesso Gesù morente in
croce fu data quale madre al discepolo con
queste parole: Donna, ecco il tuo figlio (cfr.
Gv 19,26-27).

24 PAOLINE EDITORIALE AUDIOVISIVI - © FSP, Roma 1996 - Tutti i diritti riservati


TUTTA LA TERRA TI PREGA
Musica di Matteo Zambuto

PAOLINE EDITORIALE AUDIOVISIVI - © FSP, Roma 1996 - Tutti i diritti riservati 25


26 PAOLINE EDITORIALE AUDIOVISIVI - © FSP, Roma 1996 - Tutti i diritti riservati
PAOLINE EDITORIALE AUDIOVISIVI - © FSP, Roma 1996 - Tutti i diritti riservati 27
TUTTA LA TERRA TI PREGA Lettura: Dalla “Lumen Gentium”, 63
Testo di Matteo Zambuto La beata Vergine, per il dono e ufficio della
divina maternità che la unisce col Figlio
Redentore, e per le sue singolari grazie e
O Maria, dono di Dio,
funzioni, è pure intimamente congiunta con
piccola donna dal cuore grande,
la Chiesa: la Madre di Dio è figura della
tu provi stupore di fronte all’annnuncio,
Chiesa, come già insegnava sant’Ambro-
tu innocente, ricolma di grazia.
gio, nell’ordine cioè della fede, della carità
No, non temere, è l’angelo santo: e della perfetta unione con Cristo. Infatti,
ti ha scelta fra tante il tuo Signore. nel mistero della Chiesa, la quale pure è
Egli ha guardato all’umile ancella giustamente chiamata madre e vergine, la
e opere grandi ha compiuto in te. beata Vergine Maria è andata innanzi,
presentadosi in modo eminente e singo-
Tutta la terra ti prega, Maria,
lare, quale vergine e quale madre.
tu sei lo specchio della Chiesa in cammino.
Cantano i cieli, esulta la terra:
tu sei un canto di lode al Signore! Preghiera
Maria, tu sei la figura ideale della Chiesa,
Tu, o Maria, sei piena di grazia,
il modello della Chiesa,
raggio di luce, sorriso di Dio.
colei che rispecchia in sé
Nei tuoi passi c’è fretta di amare,
l’immagine della santa Chiesa.
di dire la gioia che ti ha conquistata.
In te, Maria, piena di grazia
Oggi hai trovato il cielo in terra, troviamo tutte le ricchezze che la Chiesa
perché il cielo è Dio e Dio è in te. rappresenta, possiede e dispensa.
Vuoi portare a coloro che ami In te, Maria,
l’annuncio del Regno, la nuova speranza. abbiamo la Madre verginale di Cristo,
Tutta la terra ti prega, Maria... nella Chiesa
la madre verginale dei cristiani,
E crebbe il germoglio naturale quella maternità,
nel tuo grembo di donna, mistica questa.
l’amore di madre per questo tuo figlio. In te, Maria,
Quello che il cielo non può trattenere, contempliamo la figura della Chiesa:
una vergine dona nello Spirito Santo. la tua elezione è congiunta.
Sei Madre di Dio, l'Emmanuele: con quella dell’umanità redenta.
Dio con noi, Figlio del Padre. Le tue prerogative
Tu sei la donna che reca la pace, si comunicano alla Chiesa,
che porta la gioia all’umanità. tu possiedi e riassumi in te
tutte le perfezioni e le grazie
Tutta la terra ti prega, Maria... di cui Cristo ricolma la Chiesa.
Tutta la terra ti prega, Maria.. (Paolo VI, 27.05.1964)

28 PAOLINE EDITORIALE AUDIOVISIVI - © FSP, Roma 1996 - Tutti i diritti riservati


AVE REGINA DEI CIELI
Musica di Matteo Zambuto

PAOLINE EDITORIALE AUDIOVISIVI - © FSP, Roma 1996 - Tutti i diritti riservati 29


30 PAOLINE EDITORIALE AUDIOVISIVI - © FSP, Roma 1996 - Tutti i diritti riservati
AVE REGINA DEI CIELI Preghiera
Testo di Matteo Zambuto Maria, tu sei la sola creatura umana,
dopo il Signore tuo Figlio Gesù,
entrata in Paradiso
Ave, Regina dei cieli,
anima e corpo
ave, Signora degli angeli;
all’epilogo della tua vita terrena.
porta e radice di salvezza,
rechi al mondo la luce. L’innocenza, ristabilita in te
benedetta fra tutte le donne
Vergine, tu rallegrati,
costituisce un primo titolo
bella fra tutte le donne;
della tua immortalità
salve, o tutta santa,
anche fisica.
prega per noi Cristo Signor,
prega per noi Cristo Signor. L’agile, trionfale, santissima tua figura,
viva, risorta, ci appare nello splendore
della tua Assunzione.
Tu sei l’anticipata primizia
della nostra futura risurrezione,
speranza e garanzia
del nostro vero e reale destino.
Tu, Maria assunta, ci offri,
dalle mani di Cristo,
il dono della speranza.
O Maria, nostra speranza, salve!
(Paolo VI, 15.08.1975)

2017 - Tutti i diritti riservati


PAOLINE EDITORIALE AUDIOVISIVI - © FSP, Roma 1996 31
Spartito DPS 1265 - 8019118081216 - Acquistato su paolinestore.it
In copertina: Raffaello, Madonna col bambino
Grafica: Elisabetta Franco
© FSP, 1996 P PAOLINE EDITORIALE AUDIOVISIVI
Distribuzione: PAOLINE DIFFUSIONE - Via A, Pio, 75 - 00145 ROMA
paoline.it - paolinestore.it - ed.audiovisivi@paoline.it

Potrebbero piacerti anche