Sei sulla pagina 1di 27

Gianluca Buttolo è nato a Udine nel g i a n lu ca b u t to lo Nel settembre del 1974, l’avvocato

g ia n lu ca b ut to lo
1968. Inizia l’attività di illustratore Giorgio Ambrosoli riceve dal

la scelta
nel 2003 dopo una lunga “Ho potuto vivere sempre la mia vita e mai quella voluta da altri.
Governatore di Banca d’Italia
collaborazione con uno studio di Voglio sia lo stesso per Annalori, Betò, Filippo e Francesca. l’incarico di curare il fallimento
Architettura. Ha disegnato per Non potrò evitare che abbiano paura, nella vita, ma certamente della Banca Privata Italiana del
diverse testate giornalistiche, case posso insegnare loro a non aver paura di scegliere… È l’unico modo banchiere Michele Sindona.
editrici e per il teatro. Attualmente
è impegnato come illustratore di
utile per stare loro sempre accanto, essere comunque presente.” giorgio ambrosoli Abbandonato dallo Stato, che lo
ha chiamato a difendere i propri
libri per bambini in collaborazione interessi, con l’aiuto di pochi
con uno scrittore inglese. Questo fidati amici, di un integerrimo
è il suo primo graphic novel. Maresciallo della Finanza e i vertici
di Banca d’Italia, Ambrosoli riesce
a completare il suo mandato fra
pressioni, minacce e tentativi di

la scelta - giorgio ambrosoli


corruzione, svelando la “grande
truffa” dell’impero Sindona e i
legami del bancarottiere con la
politica (la DC di Andreotti e
Fanfani), la massoneria (Gelli e
la P2), un esponente dello IOR
(Mons. Marcinkus), la magistratura
e la mafia. Dal groviglio di poteri
forti, tra alta finanza e politica,
con un prezioso contributo di emerge la figura di un uomo
umberto ambrosoli coraggiosamente libero di seguire
i dettami della propria coscienza e
del rispetto per le leggi.

www.renoircomics.it
ISBN 978-88-6567-122-1

€ 14,90 9 788865 671221


Cara lettrice, caro lettore,

Cara
questolettrice,
libro ticaro lettore,
è offerto dalle biblioteche del Comune di Milano nell’ambito
di Milano da leggere, l’iniziativa di promozione della lettura realizzata in
questo libro ti ècon
collaborazione offerto
ATMdalle biblioteche
– Azienda del Milanesi
Trasporti ComuneS.p.A.
di Milano nell’ambito
PerMilano
di da leggere,
conoscere i servizil’iniziativa di promozione
e altre iniziative della lettura
delle biblioteche: realizzata in
milano.biblioteche.it
collaborazione con ATM – Azienda Trasporti Milanesi S.p.A.
Per conoscere i servizi e altre iniziative delle biblioteche: milano.biblioteche.it
L’edizione 2019 di Milano da leggere è dedicata al racconto per immagini e
conserva la sua “cifra milanese” proponendo fumetti e graphic novel di autori,
L’edizione 2019 di Milano
editori, personaggi, da leggere
ambientazioni è dedicata
in stretto al racconto
legame per immagini e
con la città.
conserva
Si ringraziala WOW
sua “cifra milanese”
Spazio Fumettoproponendo e graphic novel di autori,
fumetticollaborazione.
per l’amichevole
editori, personaggi, ambientazioni in stretto legame con la città.
Si ringrazia WOW Spazio Fumetto per l’amichevole collaborazione.

Edizione ridotta di La scelta – Giorgio Ambrosoli


Sceneggiatura e disegni di Gianluca Buttolo.
Edizione ridotta di La scelta ReNoir
– Giorgio Ambrosoli
Comics
© Gianluca 2015.
Buttolo
Sceneggiatura e disegni©di Gianluca
2019 Buttolo.
- RENOIR Sas
ReNoir Comics 2015.
Si ringraziano gli autori e l’editore per la gentile concessione dell’opera.
Il suo utilizzo è strettamente personale e non è consentita la riproduzione
Si ringraziano gli autori e l’editoreoper la gentilead
la diffusione concessione dell’opera.
altri in nessuna forma.
Il suo utilizzo è strettamente personale e non è consentita la riproduzione
o la diffusione ad altri in nessuna forma.
Inv i to a l l a l e t t u r a

Milano, febbraio 2015

La storia di Giorgio Ambrosoli, mio padre, cioè l’esempio che egli


ha dato con le scelte che hanno caratterizzato la sua vita, ha conosciuto
una diffusione crescente con il passare degli anni dal momento in cui
venne ucciso: inizialmente nota solo ai più attenti, poi coperta da una
sorta di oblio nelle more della definizione del processo penale che ha
individuato e punito i responsabili dell’omicidio, poi di nuovo oblio fino al
1991 e da lì la possibilità di una sempre più diffusa conoscenza.
Due giorni dopo l’omicidio, era stato Marco Vitale, economista,
su Il Giornale a rappresentare come fosse ben possibile avere da subito
un’opinione molto chiara su quale battaglia avesse combattuto papà,
contro quale sistema egli avesse agito; pochi anni dopo era stata la penna
di Giampaolo Pansa su La Repubblica a ricostruire con nitore quella
storia, anche per stimolare la curiosità di seguire l’imminente processo a
carico di Michele Sindona e Robert Venetucci.
Eppure, finché nel 1991 (a distanza di quattro anni dalla senten-
za che ha condannato all’ergastolo i due imputati), non è uscito il libro
Un eroe borghese di Corrado Stajano, ho sempre avuto la sensazione
che quella vicenda ed i suoi significati fossero conosciuti da pochissimi.
Invece, una sera di quell’anno, alla presentazione milanese di quel libro
bellissimo, ho visto quanto diffuso fosse il desiderio di incontrarsi e
stringersi intorno all’esempio di papà. 
Quante persone fossero legate al valore delle sue scelte da un moto che
non era solo di riconoscenza, ma anche di nutrimento: come se ci fosse
bisogno di abbeverarsi al pozzo di quell’esempio per potersene nutrire,
per trovare le energie per imitarlo nel proprio piccolo.
Da quel libro è stato tratto nel 1995 un bellissimo film, diretto
da Michele Placido e con Fabrizio Bentivoglio nei panni di mio padre. Un
documento serio e rigoroso, incapace di cedere alla retorica del dovere e
di strizzare l’occhio a sentimentalismi e sensazionalismi.
Il Ministro della Pubblica istruzione di allora scrisse ai presidi
delle scuole superiori per invitare i docenti a farlo vedere agli studenti:
divenne così materiale didattico.
Servizi giornalistici e televisivi, anche negli anni successivi, hanno
permesso pure loro di divulgare ulteriormente quella storia; tuttavia, a
trent’anni dalla morte di papà, nel 2009 io stesso ho sentito l’esigenza
di riproporla. A differenza di tante altre vicende italiane, le bocce erano
ferme da tempo: non solo la verità – attraverso il processo conclusosi nel
1987 – era emersa rapidamente con chiarezza, ma nessun elemento negli
anni si era aggiunto a scalfire la solidità della ricostruzione processuale
o ad arricchire quella parte di ricostruzione non pertinente al processo
penale. Eppure ho ritenuto che il racconto dell’esempio di vita di papà,
in una nuova forma, dovesse essere offerto a chi allora era distratto o
naturalmente assente, e a chi non aveva ancora avuto l’occasione di
sapere che c’è quel pozzo cui abbeverarsi.
Ho scritto così, per i tipi di Sironi Editore, Qualunque cosa succeda,
cercando di mettere in evidenza la normalità della vita di papà, della
sua persona. Un’evidenza di normalità che può aiutare a capire come,
nella quotidianità di scelte ben meno drammatiche di quelle che egli
ha affrontato, tutti si possa essere armati del medesimo coraggio di
difendere la propria libertà e di essere responsabili, senza dover essere
animati da spirito eroico.
Da quel libro è stata tratta una miniserie TV di gran successo,
trasmessa su RAI1 pochi mesi prima della pubblicazione di questa opera.
Articoli, servizi giornalistici televisivi, libri, un film e una serie
TV: in tanti mi chiedono quale sia fra le fonti che tramandano l’esempio
di papà quella che preferisco. Non esiste una risposta giusta, poiché
ciascuna di quelle fonti è adatta a persone diverse: dipende da quanto
tempo si intende dedicare, quanto si vuole approfondire, se si ha una
curiosità anche della parte “tecnica” della vicenda (come la Banca Privata
è fallita e quali azioni la Liquidazione ha posto in essere per ricostruire i
fatti e recuperare il maltolto) o se si è più interessati al profilo umano, ma
dipende anche dalla predisposizione di ciascuno per l’una o l’altra forma
narrativa.
Quindi, quando mi viene posta quella domanda, la mia atten-
zione fugge all’immaginare quali strumenti ancora possano permettere
all’esempio di papà di raggiungere chi può giovarsene.
Questa pubblicazione è la testimonianza di come anche il
fumetto possa essere occasione di una ricostruzione molto documentata,
fedele, approfondita e seria da offrire all’attenzione di quei lettori che
amano questo linguaggio fatto di immagini e testo. La bibliografia
testimonia il grande lavoro di ricerca, orientato con intelligenza.
Il lavoro dell’autore è stato talmente scrupoloso da riproporre
dettagli apparentemente marginali (anche affidati solo alla parte di
immagine), ma in realtà determinanti per entrare nella storia e capirne il
significato. Buona lettura, quindi!

Umberto Ambrosoli
milano,
24 settembre 1974.
ore 23.00.

avvocato ambrosoli?

sono io.

Mi scusi, avvocato
ambrosoli...

...il Governatore di banca d’italia,


guido carli, la attende domani
a roma.

Va bene,
riferisca che ci sarò.
buonasera.

Buonasera.

22
roma, 25 settembre 1974.

annalori...
sono solo!

23
mi hanno nominato unico
commissario liquidatore ...la situazione descritta
della bpi* dagli ispettori incari-
di sindona. cati dei controlli
dicono è di estrema
che... gravità...

...sindona ha sistemati- ...l’istituto non è


camente ignorato stato guidato seguendo
ogni regola am- i criteri di un ente con
ministrativa e funzioni di interesse
contabile... pubblico...

...una condotta che ha


portato a un passivo ...difficilmente
di 168 miliardi recuperabili.
di lire...

* BPi, Banca privata italiana.


24
ha detto che
Mi ha garantito il
sarcinelli sarà il dovranno essere
suo appoggio per
mio interlocutore tutelati soprat-
l’intera durata
con banca d’italia. tutto i piccoli
dell’incarico.
risparmiatori.

incontrerà...
o, meglio, incontreremo
persone che faranno lo farò,
l’impossibile per dottor sarcinelli,
ostacolarci. lo farò.

lo tenga sempre a
mente, avvocato
ambrosoli.

...sembra una quante sigarette Sono solo


persona a vedremo... hai fumato oggi? al secondo
modo... accendino...

25
come stanno volevano salutarti
i bambini? e gli ho promesso
che saremmo rien-
trati presto.

come è
andata a
roma?

non lo so, anna. ai tempi della sfi* i oggi, io sono il solo a curare il
commissari incaricati della liquidazione fallimento di una banca con rapporti
furono tre, a cui si aggiunsero pro- a livello internazionale e di pro-
fessionisti esterni in qualità prietà di uno dei più cele-
di collaboratori. brati uomini in campo
economico...

...uomo che, non molto tem- te la caverai benissimo,


po fa, è stato definito pub- giorgio.
blicamente dall’onorevole
andreotti “salvatore
della lira”.

* SFi, società finanziaria italiana, alla cui liquidazione partecipò lo stesso ambrosoli.
26
vorrei solo capire ...o se pensano che una
se questa scelta è sola persona sia, al
un segno di fiducia bisogno, più facile
nelle mie qualità da manovrare.
professionali...

come mi ripeti spesso con ti piace prendermi


quel tuo tono prudente, in giro, anna? un po’.
“vedremo”...

comunque,
accettando l’incarico
ho la possibilità
di fare qualcosa
di utile per il
paese... e questo
non è poco.

temo solo che per quindi, festeggiamo!


i prossimi mesi sarà godiamoci la pizza...
difficile cenare fuori sindona può aspettare
come stasera. fino a domani
mattina.

27
milano, 27 settembre 1974.

Ho telefonato a
pino Gusmaroli.
Lo vorrei in
squadra.

“ti sei preso un


bel carciofo
da mangiare”,
ha detto.
Confido nel suo
aiuto e in quello
di Tino e Pollini.

non sarà un’impresa rapida


e facile e con il tempo potrà
solo complicarsi.

tempo che non avrò


per francesca...

...per filippo,
umberto
e annalori.

28
Mancano ore all’apertura della Banca, ma quando arrivo
in via Boito ci sono già un centinaio di persone in coda.

Volti tesi, sanno il e Nessuno


voci rotte poco che immagina
dall’emozione. hanno di essere
sperano di scritto i in attesa
recuperare giornali. davanti al
i risparmi di nulla...
una vita.

...A una banca che


non esiste più!

29
i muri, gli uffici non c’è un dettaglio ma è questo ordine
e gli impiegati... fuori posto. a tradire la
realtà.

nulla è più
ordinato di uno
spazio vuoto.

sono l’avvocato avvocato, non la


ambrosoli. aspettavamo così
presto...

30
immagino
vorrà stabilir-
si nell’ufficio
dell’avvocato
Sindona.

Preferirei
di no.

almeno
quelli di cui
L’ufficio va sigillato rimane ancora
per evitare di dover una traccia.
rincorrere i documenti
chissà dove.

31
giorgio, qui si parla di gestire da mi sbagliavo.
solo migliaia di rapporti di una non ti hanno dato da
banca nata dalla fusione “furba” mangiare un carciofo,
di due istituti di proprietà ma da spostare una
di Sindona. montagna!

ho pensato lo stesso ero nel panico, credimi,


mentre cominciavano pino... poi ho preso un
a portarmi parte foglio in mano e l’ho
degli incar- letto... l’ho posato e
tamenti. ne ho preso un
altro...

...e ho capito che, dopotutto, anche la


montagna più alta è la somma di migliaia e migliaia, certamente,
piccoli sassi posti uno come i documenti che dovremo
sopra l’altro. controllare... ma anche piccoli
e quindi più facili da spo-
stare alle nostre
spalle.

32
all’inizio, come i sassolini, i ...ma se riusciamo a elaborare un
documenti ci sembreranno sistema che faciliti l’incrocio dei
tutti uguali... dati che avremo a disposizione,
possiamo farcela.

per il resto ci affideremo e tutto questo,


al nostro intuito, alla nostra come pensi di
memoria e, per quello che ho farlo?
visto, a una buona dose
di fortuna.

con è il primo giorno in


matite, penne, banca, abbiamo fatto
gomme... le 4 di mattina, e
l’avvocato fa del
sarcasmo.

...sperando che
la banca ci permetta
di usare le sue
calcolatrici.

33
i primi giorni controlliamo un numero
incalcolabile di incartamenti.

La maggior parte inutili


per ricostruire i movimenti
di denaro e di valori della Banca.

Lavoriamo con l’opprimente


sensazione di non essere mai soli.

i documenti non sono dove


dovrebbero essere e quelli
più compromettenti sono
già stati distrutti.

Dormiamo poco ma senza


perdere la nostra lucidità.

Rallentati, spiati e osteggiati,


riusciamo a disegnare un
primo, parziale quadro
della situazione.

34
mi chiedo
perché nessu- Quando però
no abbia preso una azienda
provvedimenti, pubblica come
se la situazione il banco di Roma
di insolvenza regala 100 milioni
era nota dal di dollari a Sindo-
na, senza garan- Non lo ammettia-
‘71... Due mesi mo apertamente,
fa parlavano zia, è chiaro che
a livello politico ma abbiamo paura
ancora di sal- che questo
vare questa sono tutti re-
sponsabili... chi lo incarico metterà
banca. a dura prova la
ha permesso e
anche quelli che nostra fiducia nei
avrebbero confronti delle
dovuto istituzioni.
opporsi.
evidentemente, le stesse che
gli appoggi di siamo chiamati a
Sindona sono rappresentare e
importanti e non tutelare.
solo di caratte-
re politico.

e sindona?

35
Ambrosoli non mi preoc- Se qui a Milano le cose False comunicazioni socia-
cupa. Non sa quali cas- dovessero andar male, a li, illecita ripartizione de-
setti aprire e passerà New York non avrei spe- gli utili, falso in bilancio.
del tempo prima che inizi ranze contro le accuse Posso dirti la marca di
a rappresentare per il fallimento della penna usata da Urbisci per
un problema. National Franklin firmare il mandato, ma so
Bank*. che non lo chie-
derai.

il mandato
di cattura
è già più
fastidio- Sei sicuro
so. delle tue
fonti al
Palazzo di
Giustizia?

Hai uno, forse due giorni di vantaggio, Di positivo c’è che dovranno proce-
ma è chiaro che l’italia dere secondo le regole. ciò li
non è più un posto renderà prevedibili.
sicuro.
Si tratta di
scegliere fra
sappiamo
Svizzera o America.
anche di cosa
possono
accusarci,
questo è
chiaro,
Licio.

Dalla Svizzera
continuerei a Negli Stati Uniti
tenere sotto Potrei invece con-
controllo la tare sull’appog-
situazione. gio di molti “amici”
e Sfruttare il pre-
Oltretutto, il stigio di cui ancora
loro sistema godo, insistendo
giudiziario sulla tesi della
non prevede persecuzione
l’estradizione politica da parte
per molti dei dei comunisti.
reati di cui do-
vrò rendere
conto.

* Ventesima banca per volume di affari negli stati uniti. dal 1972, acquistata e controllata da sindona.
36
Per gli americani, dopotutto,
rimango il “genio della finanza”.

il fallimento
della BPi è stato
dichiarato senza Si è ricorso a
che ve ne fossero tale procedimento
fondati motivi. per depredarmi di tutto
in italia e in Svizzera
dove io regolarmente,
uno dei pochissimi
italiani, avevo
dei beni.

il Time rico-
nosce in me
”il finanziere mentre
di maggior è noto che i capitali
successo”. vanno via dall’italia in
bianco, in nero e in rosso,
io sono stato uno dei pochis-
simi italiani che ha sempre
importato capitali in italia
e come premio io oggi
mi trovo in esilio*.

Basterà ripetere le stesse


frasi ai giornali, alle televi-
sioni, nelle Università e tutti
finiranno con il credermi la
vittima di un attacco politico
Business Week mirato a colpire quanti, come
mi ha eletto me, da sempre sono impegna-
“l’italiano più ti nella lotta contro
geniale dal l’ideologia comunista.
dopoguerra”.

* CIT. da intervista.
37
scambi reciproci, consi-
gli di amministrazione in
fotocopia, tutto por-
terebbe a ipotizzare un
seguendo il denaro in unico grande proprie-
entrata e uscita dalla tario...
bpi ci rendiamo conto
che sarà complicato purtroppo, negli uffi-
anche solo cogliere ci è più facile trovare
l’estensione dell’im- le barchette di carta
pero sindona. minuziosamente ripie-
gate da sindona che
prove documentali a
sostegno delle nostre
ipotesi.
con un righello e
pennarelli colorati, preoccupante notare
disegno un poster che le società con-
cercando di mettere trollate sembrano
in relazione le opera- essere nient’altro che
zioni e i rapporti fra scatole vuote
le società che appar- o contenenti altre
tengono al gruppo. scatole...

38
39
avvocato, un maresciallo
non sono stato della guardia di
la prima scelta per finanza chie-
questo incarico... de di lei. Lo faccia
accomodare
nel mio uffi-
cio.
...eppure la mia nomina
continua a suscitare
ipotesi.

negli ambienti
della finanza è opinione
diffusa che il mio sia
solo un ruolo
di facciata.

maresciallo novembre, questo è un man- Avvocato,


dato di perquisizione e di sequestro! mi permetta,
un palese segnale di sfiducia ma è stato lei
nei miei confronti o, peggio, a richiedere al
un modo per rallentarmi e tribunale una
impedirmi di svolgere le dichiarazione di
funzioni di pubblico uffi- insolvenza del-
ciale. la banca di Sin-
dona e l’avvio
di una indagine
per bancarotta
fraudolenta.

il Pm Viola, constatata
la complessità dei do- Maresciallo, parliamoci chiaro, più
cumenti ricevuti dal mani muovono le carte, più facilmente
suo ufficio, ha chiesto queste si perdono… e ho già speri-
il nostro aiuto. mentato che nel suo ambiente
molti auspicano che ciò
e noi, per svolgere accada.
le indagini, dobbiamo
guardare proprio
quei documenti.
la questione è
tutta qui.

40
...farò finta che lei non e per questa volta
avvocato... abbia detto nulla. mi impongo di non
aggiungere altro.

Ora, per cortesia,


firmi la notifica prego.
del mandato e
chiudiamo qui
la faccenda.

grazie,
Avvocato.

41
Vittorio, è diventato impossibile Hanno invaso gli uffici!
lavorare. Per qualsiasi stupidag- un modo per controllarmi,
gine devo firmare carte e per- come fanno quelli che in banca
messi ai finanzieri. continuano a fare il gioco
di sindona.

capisco la tua irritazione, i tempi stringono vuoi riunire


ma perché volevi vedermi? e ho bisogno che il gruppo?
non per lamentarti tu dia una mano a
dei finanzieri… me e agli altri.

sembra
la battuta
di un film,
ma l’idea è
quella.

conta su di e sono felice


me, giorgio. che tu me lo abbia
chiesto.

sì?
ne riparliamo
fra una setti-
mana.

42
Gianluca Buttolo è nato a Udine nel g i a n lu ca b u t to lo Nel settembre del 1974, l’avvocato

g ia n lu ca b ut to lo
1968. Inizia l’attività di illustratore Giorgio Ambrosoli riceve dal

la scelta
nel 2003 dopo una lunga “Ho potuto vivere sempre la mia vita e mai quella voluta da altri.
Governatore di Banca d’Italia
collaborazione con uno studio di Voglio sia lo stesso per Annalori, Betò, Filippo e Francesca. l’incarico di curare il fallimento
Architettura. Ha disegnato per Non potrò evitare che abbiano paura, nella vita, ma certamente della Banca Privata Italiana del
diverse testate giornalistiche, case posso insegnare loro a non aver paura di scegliere… È l’unico modo banchiere Michele Sindona.
editrici e per il teatro. Attualmente
è impegnato come illustratore di
utile per stare loro sempre accanto, essere comunque presente.” giorgio ambrosoli Abbandonato dallo Stato, che lo
ha chiamato a difendere i propri
libri per bambini in collaborazione interessi, con l’aiuto di pochi
con uno scrittore inglese. Questo fidati amici, di un integerrimo
è il suo primo graphic novel. Maresciallo della Finanza e i vertici
di Banca d’Italia, Ambrosoli riesce
a completare il suo mandato fra
pressioni, minacce e tentativi di

la scelta - giorgio ambrosoli


corruzione, svelando la “grande
truffa” dell’impero Sindona e i
legami del bancarottiere con la
politica (la DC di Andreotti e
Fanfani), la massoneria (Gelli e
la P2), un esponente dello IOR
(Mons. Marcinkus), la magistratura
e la mafia. Dal groviglio di poteri
forti, tra alta finanza e politica,
con un prezioso contributo di emerge la figura di un uomo
umberto ambrosoli coraggiosamente libero di seguire
i dettami della propria coscienza e
del rispetto per le leggi.

www.renoircomics.it
ISBN 978-88-6567-122-1

€ 14,90 9 788865 671221