Sei sulla pagina 1di 1

ORDO AMORIS:

L'ordo amoris è per Scheler il nucleo fondamentale dei valori (distinti dai beni em
pirici), degli atti d'amore e odio dell'individuo e la fonte originaria di ogni
sua autentica esperienza etica. Un ordine soggettivo, il centro dinamico della p
ersona, cui corrisponde un ordo amoris assoluto e universale, capace di struttur
are l'intera realtÀ "dal granello di sabbia fino ad arrivare a Dio". Mutuando il te
ma da Agostino, e alla luce della riflessione pascaliana su un ordre du c ur dis
tinto dall'intelletto, il filosofo tedesco si domanda: è possibile un concetto qual
e "ordine dell'amore" senza cadere in contraddizione? Una riflessione che, conde
nsata in queste pagine inedite pubblicate postume (da un manoscritto del 1916, c
on inserto del 1914-1915), illumina con sguardo fenomenologico il vissuto etico
dell'uomo e il tentativo di elaborarne una dottrina.
UNA MORALE PER LA VITA:
Una morale per la vita non è propriamente titolo di Guardini, ma non sembra affatto
tradirne spirito ed intenzioni, perché, tratte dai suoi corsi sull'Etica, alcune p
agine guardiniane (e qui riproposte da Domenico Bosco in ordine diverso rispetto
all'originale) possono esserci di aiuto per ripensare, da un punto di vista eti
co, non poche questioni di bioetica; si tratta, in effetti, di pagine che, isola
ndo le provocazioni della tecnica (Il regno dell'utile), prospettando il senso d
el riferimento etico alla persona (La persona), individuando ambiti specifici di
applicazione (Il medico e l'arte di guarire), sembrano definire alcune coordina
te dell'interrogazione attuale della bioetica in quel che essa ha di riflessivo.