Sei sulla pagina 1di 4

TARDO ROMANTICISMO CAP38

Il primo a scrivere un brano che fa riferimento ad un programma musicale è Berlioz con la sinfonia
fantastica, dalla quale prende spunto Listz per un saggio intitolato ‘’arold …’ nel quale parla della finalità e
l’estetica della musica a programma.

Intento descrittivo e idea poetica sono i mezzi da utilizzare per andare oltre i limiti formali di un brano
musicale.

Utilizzando un programma il compositore esclude interpretazioni sbagliate del suo brano, inoltre dal
momento che sarebbe assurdo utilizzare lo stesso programma per più lavori una composizione è unica a sé
stessa, l’originalità del programma garantisce l’originalità dell’opera.

Listz dà vita con l’oveture del ‘’tasso’’ dà vita al primo esempio di poema sinfonico nel 1849. Per brlioz si
parlava di sinfonia a programma mentre con listz entriamo nell’era del poema sinfonico strutturato in un
unico movimento suddiviso in sezioni contrastanti che presentano temi di carattere diverso tra loro e
variati seguendo il contenuto poetico a cui fanno riferimento.

Il soggetto può essere letterario, artistico o un pensiero. Viene identificano nel titolo del brano e da testi
poetici disseminati nella partitura.

All’origine dei poemi di listz c’è un’opera letteraria, soprattutto quelli scritti nel periodo di Weimar

Titoli: cercali

I tre movimenti del faust sono collegati tra solo da dei temi che si alternano e trasformano durante il
programma.

Prelude del ’54: si tratta di uno dei poemi sinfonici più celebri ed eseguiti, all’interno sono presenti 4 sezioni
nelle quali ciascuna rievoca i pensieri e le emozioni della poesia.

1. Il sorgere dalla vita


2. Le tempeste dell’esistenza umana
3. Il rifugio nella pace dei campi
4. Il combattimento e la vittoria finale

Il sorgere della vita: https://www.youtube.com/watch?v=5j5zY-h7gOg&ab_channel=IlaryRhineKlange

Per la vasta produzione l’anticonformismo e grazie ai suoi scritti listz esercita un’influenza enorme sui
compositori del secondo 800, in particolare su strauss.

Stauss nasce nel 64 a Monaco, gli 8 poemi sinfonici scritti da lui manifestano la sua maestria nell’ambito
della scrittura orchestrale. Nel 1905 pubblica una revisione del trattato di strumentazione di berlioz.

in lui dominava un acceso e intenso vitalismo, una concezione della composizione come robusto
artigianato, temperato da una vena di satira graffiante e lontana dall’aura di misticismo wagneriano. Per
quanto riguardava l’opera, Strauss si dimostrò molto moderno: le sue opere, Salome ed Elektra, si servono
della tecnica del Leitmotive, creando con essi una trama fittissima e inestricabile, quasi come un commento
psicoanalitico; la sua modernità si trova nell’uso dei testi che non vengono alterati da alcun intervento
librettistico, ma lasciati drammi in prosa.
In questi poemi sinfonici si nota una raffinata elaborazione dei motivi, probabilmente la maggior
complessità viene raggiunta nel 1947 nel don chiquoitte , una drammatizzazione sinfonica del saggio dei
Servantes.

Sono presenti i due personaggi principali esposti del violoncello solista e clarinetto basso spesso unito al
bassotuba. Nonostante la caratterizzazione dei personaggi legata ad alcuni strumenti, a partire dal
violoncello per Don Chisciotte, Strauss cerca nell'orchestrazione la continuità sinfonica facendo circolare i
materiali tematici tra diverse famiglie strumentali, evitando l'identificazione esclusiva tra personaggio e
strumento.

Dal punto di vista formale "Don Quixote" è unico tra i suoi lavori in quanto scritto in una forma di tema con
variazioni, utile a sfoggiare il più spinto virtuosismo orchestrale, ma anche a descrivere le diverse peripezie
degli eroi messi in scena, seguendo una precisa traccia programmatica.

Le 10 variazioni si distinguono per l’impianto coloristico che tendono a trasportare l’ascoltatore in un


mondo fantastico. Strauss mostra il suo talento di dar vita ad immagini che vengono associate ad un
particolare colore sonoro.

https://www.youtube.com/watch?v=5PvCGu2Ue0U&ab_channel=RocVela

così parlò Zaratustra del 46, è una libera interpretazione di uno scritto ni nietcheze nel quale viene esposto
la dottrina del super uomo. Strauss esprime di aver voluto esprimere un quadro musicale dello sviluppo
della razza umana attraverso le sue fasi e le sue emozioni interiori.

Il poema è composto da degli episodi intitolati come i capitoli dell’opera di n., il quinto è costruito in forma
di fuga ovvero la più rigorosa della forma occidentale per simboleggiare il dominio della scienza e della
virtù. Il soggetto della fuga è tratto dal tema del superuomo. Il preludio inizia con l’esposizione del tema del
superuomo eseguito dalle trombe, proprio qui si nota la maestria dell’orchestrazione perché tutto il brano
è fondato sulla combinazione dei timbri dell’orchestra.

https://www.youtube.com/watch?v=c8r_pZoaZf0&ab_channel=tomekkobialka

salomè del 1905

electra del 1909

in queste due opere la tendenza del compositore è quella di esprimere i lati più oscuri e contradditori della
psiche umana, temi della morte, solitudine e malinconia.

La trama di salomè è tratta dal dramma di wilde, esponete del decadentismo di fine 800. Viene ripreso
senza modifiche, al massimo qualche taglio.

Cerca la trama

Danza dei sette veli:

https://www.flaminioonline.it/Guide/Strauss/Strauss-Salome-testo.html

https://www.youtube.com/watch?v=6oVaIuMI0II&ab_channel=NationaleOpera%26Ballet

Electra fa riferimento alla tragedia di Sofocle ambientata in una Grecia barbarica, al centro c’è la sete di
vendetta di electra nei confronti degli assassini di suo padre. Con questo libretto inizia la collaborazione tra
strauss e ugo von hoffstandal

https://www.flaminioonline.it/Guide/Strauss/Strauss-Elektra-testo.html

https://www.youtube.com/watch?v=jq1qfG0r4LE&ab_channel=ClassicalMusicUniverse
strauss mette in mostra stati patologici dei personaggi. Il linguaggio musicale è ricco di dissonanze e con
sonorità gigantesche.

Il linguaggio armonico ha subito l’influsso di wagner, ampliandolo fino al limite delle sue possibilità.

Il compositore utilizza i leitmotiv e la musica fluisce ininterrotta. Il ruolo dell’orchestra è potenziato al


massimo (esempio l’organico dell’Electra)

Le composizioni di strauss hanno un carattere declamatorio con intervalli insoliti, anche di un’estensione
molto ampia.

Nel 1911 abbiamo’ ’il cavaliere dalla rosa’’ su libretto di hoffmanstall, commedia musicale ambientata a
vienna e lo stile è più semplice ed orecchiabile. Ci sono molti accenni a rimi di valzer e scene a carattere
sentimentale e burlesco.

Brahms le 4 sinfonie considerate le eredi delle sinfonie di Beethoven, non ispirate a programmi
extramusicali. il modello di beethoven si nota nell’utilizzo Dello sviluppo dei temi che coinvolge tutte le
parti della composizione

Sono articolasi notaovimenti e si attengono ad una stringente logica formale con un rigoroso controllo della
tecnica compositiva, tutti elementi del classicismo musicale.

Allo stesso tempo presentano una sonorità orchestrale molto densa e dai vari colori, oltre da presentare
molte dissonanze e modulazioni audaci.

Continuo risalto dato al suono delle viole e dei violoncelli a cui spesso vengono affidati temi molto liriciiii,
valorizza inltre la famiglia dei legni, in particolare clarinetti e corni.

La sua bravura nel contrappunto deriva dallo studio dei compositori del passato tra tutti i compositori
nessuno aveva una cultura musicale vasta come la sua, infatti cura molte edizioni di musiche antiche e
moderne. Il suo interesse per la tecnica della variazione tocca il vertice nel finale della quarta sinfonia del
1885, dove troviamo 30 variazioni ed una coda sopra al tema esposto all’inizio.

https://www.youtube.com/watch?v=pT6SN4tPbv8&ab_channel=jenny

brhams si vede accolto bene dal pubblico del tardo 800 perché aveva un gusto basato su bach e il
classicismo viannese.

Bruckner, le sue sinfonie hanno dato u contributo essenziale all’arricchimento del linguaggio del tardo 800,
9 sinfonie scritte fino al 1896.

Divise in 4 movimenti, conservano le forme classiche e nessuna fa riferimento ad un programma, bruckner


revisionava continuamente le proprie sinfonie e per questo motivo di quasi tutte ne esistono più versioni.

Dalla nona di beethoven deriva la sua concezione grandiosa della forma sinfonica che viene estesa fino a
raggiungere concezione colossali, ricava anche alcuni procedimenti formali, come la presenza di motivi
variati in tempi lenti e la citazione di temi nei movimenti finali.

Il suo linguaggio sinfonico è influenzato da Wagner che ammirava molto, e a lui dedica la terza sinfonia del
1873.

L’influsso di wagner si fa sentire nell’organico orchestrale che è molto vasto e negli ultimi lavori si avvicina
molto a quello che è stato l’organico della tetralogia.
Utilizza anche procedimenti in ambito armonico e tematico con l’elaborazione di motivi tematici che si
espandono formando ampie ramificazioni.

https://www.youtube.com/watch?v=kY4l2Xx3crs&ab_channel=hr-Sinfonieorchester
%E2%80%93FrankfurtRadvvioSymphony

Potrebbero piacerti anche