Sei sulla pagina 1di 2

Jaap van BENTHEM, Fortuna in focus.

Concerning "conflicting" progressions in Josquin's Fortuna


dun gran tempo, in Tjischrift van de Vereniging voor Nederlandse Muziekgeschiedenis, 1980 vol.
XXX/1
La paternitê di Fortuna dun gran tempo. A parte la pubbl. nell'Odhecaton l'attribuzione a Josquin
puÿ tener conto che nel disegno strutturale del pezzo c'Å il nome del compositore!
- rif. a studi precedenti (soprattutto Elders e Antonowycz)
- cit. riguardante la presenza del nome "Josquin" sia nel testo (come acrostico) che nella musica
(come numero di note del cf) di Illibata Dei virgo (DesPrez=88, Josquin=99)
- anche in Fortuna la II parte presenta 99 note nelle voci S-A1-A2-B e 88 nel cf, mentre La-Mi-La
(ripetuto 4 volte, quindi 12 note) rappresenta il numero simbolico della Santa Vergine
- forte presenza del numero 11 nei segmenti presenti nelle 3 parti di Fortuna (vedi schema p.37-8) e
conteggio delle note rimanenti che dê 187 (=Josquin desPrez, 99+88; da osservare che a tale
numero si arriva solo con il Do del contra di b.30 che non ha una funzione essenziale e che tale
osservazione si puÿ fare anche in Illibata dove Josquin aggiunge una ultima nota al cf di 87 note)
- valori simbolici del numero 40 (privazioni e sventure, collegabili al periodo di composizione del
pezzo, cioÅ la caduta degli Sforza) e rif. alla frottola El grillo (nota 90 con gli stessi numeri
gematrici)
- considerazioni sulla datazione della composizione e sul modo Lidio di una parte del pezzo che
Ramos de Pareja associa alla fortuna

- vedi anche SCALETTA; allegata partitura della frottola El grillo


- scopo dell'articolo sarebbe controllare lo studio analitico fatto da Lowinsky su Fortuna in
occasione della edizione dell'Odhecaton della Helen Hewitt (in MQ XXIX, 1943, pp.45-77)

- indice e sintesi del contenuto dei capitoli:


1) Fortuna nell'interpretazione di Lowinsky. Atipico insieme di chiavi (il Superius senza bemolli, il
tenor con uno e il contra con due) da cui si deriva che Josquin aveva qualcosa di inusuale in mente:
se si osserva il primo episodio si nota un continuo mutamento tonale che rappresenta al meglio la
casualitê del Fato --> solamente se si considera la musica ficta si possono scoprire le intenzioni
dell'autore ("questa Å una delle prime composizioni ad usare tutte le 12 note e a fare un'uso
sistematico della modulazione")
2) l'arrangiamento di Spinacino. Dal cfr con l'intavolatura liutistica contenuta in Spinacino si nota
che molte alterazioni vengono smentite: puÿ la versione di S. aiutarci a stabilire l'interpretazione più
corretta oppure essa per prima non corrispondeva all'idea del compositore?
3) Elementi strutturali versus conflitti strutturali in Fortuna. Considerazioni analitiche riguardanti:
a) la melodia (preesistente dall'ultimo quarto del XV sec. e consistente in 2 parti)
b) il sistema della trasposizione esacordale sul quale l'esposizione dei diversi segmenti Å basata
(dovuto all'imitazione)
c) le considerazioni sulle coppie di voci e sul modo di entrare della seconda voce
d) il materiale c/p aggiunto
Il risultato indica che i diversi conflitti che si riscontrano (relazioni di tritono, 8ve aumentate e false
relazioni) sono legati alle funzioni degli elementi nella struttura della composizione (es.3)
4) Proposte di Lowinsky sulla data di composizione. Mantenimento nel 1976 (Josquin des Prez,
Proceedings of the International Josquin-Festival-Conference, p.450, nota 13) della proposta
formulata nel 1943, quando aveva parlato del pezzo come di un esempio di "creazione di nuovi
simboli e di una nuova espressivitê" e aveva indicato come data di composizione il 1499 (sotto
l'influenza della caduta degli Sforza)
5) Ancora su "conflitti" strutturali nlla composizione di Josquin. Riferimento ad altri pezzi di
Josquin (tra cui la DÄploration d'Ockeghem) in cui Lowinsky osservando tritoni e false relazioni le
attribuisce a intenzioni espressive, senza notare che le stesse sonoritê sono usate nel Kyrie della
stessa messa
6) Successione lidia nella messa di Josquin Una musque de Buscaya. Rilevamento di molte
"cadenze sospese" al posto delle cadenze finali
7) Successioni lidie nelle composizioni di Josquin. Rilevamento del modo lidio [quello con il
quarto grado aumentato]
8) Successioni accordali in conflito versus opposizioni contrastanti fa-mi/mi-fa. ...
9) Successioni lidie e opposizioni fa-mi/mi-fa nelle intavolature di Spinacino. Un risultato Å che un
editore coevo poteva velare le successioni che sembrano particolarmente dure attraverso il ricorso
alla musica ficta, senza crearsi particolari problemi
10) Un altro arrangiamento di Fortuna in Spinacino. ...
11) Fortuna dun gran tempo sotto nuova veste. Possiamo cosô riassumere:
a) l'adattamento polifonico nell'Odhecaton è basato su un canto preesistente trasposto in modo lidio;
su uno studio dei segmenti di questi canti rispetto al loro uso in c/p imitativo; su un'applicazione
ponderata del sistema modale che risulta da progetto imitativo
b) le conseguenze dell'organizzazione del materiale rivelano una forte relazione tra il profilo
melodico degli elementi c/p e le loro funzioni; una successiva integrazione dei contrasti essendo la
struttura polifonica una conseguenza del sistema modale scelto