Sei sulla pagina 1di 2

URL :http://www.repubblica.

it/
PAESE :Italia
TYPE :Web International

27 settembre 2021 - 13:07 > Versione online

Le dodici università dove le donne sono


maggioranza nelle discipline scientifiche
In un ateneo su cinque la presenza femminile nelle materie Stem, bassa nella media
nazionale, è superiore a quella dei maschi. San Raffaele, Teramo e Campus Biomedico
hanno i numeri più alti. Il traino delle Biotecnologie ROMA - Le donne italiane si iscrivono
poco ai dipartimenti scientifici. Le universitarie rappresentano, sul milione e
ottocentomila iscritti totali degli atenei italiani registrati nell'anno accademico concluso, il
57 per cento, la maggioranza. Se si prendono in esame le materie Stem (Matematica,
Fisica, Scienze, Tecnologie informatiche), tuttavia, le donne scendono al 37 per cento
Nelle Ict, le Tecnologie dell'informazione e della comunicazione, l'aliquota femminile
sugli iscritti è solo al 14 per cento. In Ingegneria, Manifattura e Costruzioni le donne
restano poche: il 29 per cento. Si registrano numeri maggioritari, invece, in Scienze
naturali, dove il 57 per cento sono studentesse. Nello specifico, seguono i corsi di
Ricerca biotecnologica in Medicina (triennale) e Biotechnology and medical Biology
(magistrale).
Scuola, concorso per Matematica e Fisica: nove su dieci non passano lo scritto
di Corrado Zunino
06 Luglio 2021
In questa situazione di arretratezza italiana nel rapporto tra donne e discipline
tecno-matematiche, riscontrabile anche nei risultati scolastici rilevati da Invalsi, si
inseriscono dodici università italiane (su 100 esistenti nel Paese tra pubbliche, private e
telematiche) che, secondo lo studio di Talents Venture, hanno più iscritte che iscritti
all'interno dei corsi di laurea della famiglia Stem.
Il San Raffaele di Milano è l'ateneo con una maggiore rappresentanza femminile tra le
persone iscritte a un corso prettamente scientifico: sono il 78 per cento su 228 studenti
in valore assoluto. Le universitarie seguono i corsi di Ricerca biotecnologica all'interno di
Medicina. Come presenza di donne ai corsi scientifici, seconda è l' Università di
Teramo , il 67 per cento di 624 presenze totali. Qui mantengono una forte
frequentazione femminile i corsi di Biologia delle cellule staminali e Tissue Engineering,
tenuti dalla professoressa Barbara Barboni , nonché Bioscienze e Tecnologie
agro-alimentari e ambientali. Il 30 per cento delle ore di questi insegnamenti si svolge in
laboratorio. Ancora, terza per presenza donne nei dipartimenti scientifici è l' Università
Campus Biomedico di Roma , 992 iscritti ai corsi Stem, il 61 per cento sono studentesse.
Seguono Urbino Catanzaro , la Tuscia , e, settima, l' Università del Piemonte Orientale
Nell'ateneo con sede a Vercelli su 4.065 iscritti, il 58 per cento è formato da donne. Altre
cinque università hanno una quota di maggioranza femminile nelle discipline Stem e
sono: il San Raffaele di Roma (telematica), Foggia Ferrara , la Cattolica di Milano e lo
Iuav di Venezia , l'istituto universitario di architettura.
"Per cogliere le opportunità offerte dalla rivoluzione digitale", si legge nel report,
"servono imprescindibilmente professioniste e professionisti con competenze Stem. In
questo percorso è fondamentale incentivare la partecipazione delle donne allo studio
scientifico e tecnologico, ad oggi principalmente ad appannaggio degli uomini".
Abbiamo visto come specificatamente nei corsi Ict la presenza femminile sia bassa, ma
all' Università privata Bocconi di Milano la presenza femminile è del 47 per cento grazie
al corso Cyber risk strategy and governance. Nel filone di Ingegneria, Manifattura e
Costruzioni, ancora, lo Iuav di Venezia ha iscritte pari al 52 per cento.

Tutti i diritti riservati


URL :http://www.repubblica.it/
PAESE :Italia
TYPE :Web International

27 settembre 2021 - 13:07 > Versione online

In occasione della Notte europea dei ricercatori, venerdì scorso, si è svolto a Milano
l'incontro finale dell'iniziativa speciale sull'Empowerment femminile (Siwe), promossa dal
B20, espressione delle imprese all'interno del G20. La Fondazione Bracco nell'occasione
ha lanciato il manifesto “Mind the Stem Gap” per valorizzazione i modelli di ruolo
femminili anche all'interno di un percorso matematico-scientifico.

Tutti i diritti riservati