Sei sulla pagina 1di 311

LUIGI CATTANEO .

Anatomia del
SISTEMA NERVOSO
CENTRALE E PERIFERICO
DELL'UOMO

MONDUZZI .L4.L.J.L �.L'-'-"


LUIGI CATTANEO
Profusore di Anatomb Umana Normale
neU'Univeuid di Pavia

Anatomia del
SISTEMA NERVOSO
CENTRALE E PERIFERICO
DELL'UOMO

Figure di Giuseppe Parmiani

seconda ediz;om:

iVfONDuzzr EDITORE
Indice

SISTEMA NERVOSO CENTRALE 1

MIDOLLO SPINALE ;

/Veroj spinali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • . . . . . . . . . . . . . . . . . • • . . .. lO
Costituzione interna del midollo $pinale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • • • . .. Il
Sostanza grigia del midollo spinale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • • • . . . Il
Costituzione della sostanza grigia del midollo spinale. . . . . . • . . . . . . . • • . .. 13
Organizzazione della sostanza grigia del midollo spinale . . . . . . . . . . . • .• . .. 17
Archi n:flessi spinali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • • . . . . 23
Sostanza bianca del midollo spinale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • • . ... 23
Costituzione della so$tanza bianca del midollo spinale . . . . . . . . . . . . • • . . .. 25
Fasci dei cordoni del midollo spinale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • • . . . . 27
Canale centrale del midollo spinale.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • • • . . . . • • . . .. 34

ENCEFALO ..... 35

Nervi encefalici . . . . . . . . . • . . . . . . . • . . . . . . . . . • • • . . . . . . . . 36
Tronco cerebrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • • . • . • . • • • • . • • . • • • . . . 38
Midollo allungato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • • • . . . • • • • . . . . . . . • . . . 38
Costituzione interna del midollo allungato . . . . . . . . . . • • . . . . . . . . . . • . . . 41
Ponte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • • . . . . . ;1
Costituzione interna del ponte 52
Mesencefalo................ . ;7
Costituzione interna del mesencefalo 58
Cervelletto ..................... . 67
Suddivisione del cervelletto .. 71
Costituzione interna del cervelletto . . . . . . . . . . . . . • . . . . . . . . . . . • . . .. 72
Connessioni del cervelletto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • . . . . . . . . • . • . .. 76
Costituzione dei peduncoli cerebellari. . . . . . . . . . . • . . . . . • • . • • . . . . . . . . .. 81
Cervello . . . . . . . . . . . . . . . . . . • . . . . . . . • • . . . . . . . . • • . . . . 83
Diencefalo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • • . . . . . . . . • • . . . . . . . . • • . . .. 84
lpotalamo . . . . • • • . . . . . . • . • . . . . . • • . . . . . . . . • . . . . . . . . . • • • . .. 85
Talamo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • . . • • . . . • . . • . . 90
Epitalamo 97
Telencefalo ....... . 98
Conformazione esterna d.egli emisferi cerebrali. . . . . . . • • . . . . . . . . • • . . .. 99
Costituzione interna degli emisferi cerebrali . . . . . . . . . • • . . . . . . . . • • . . . ' to8
Ippocampo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • • • . . . . . . . • • . . .. 131
Rinencefalo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • . • . . • . . . . • • . . .. 137
VI

Formazioni intercmisferiche . . . . • • . . . . . . . . . . .. 139


Venrricoli cerebrali. . . . . . . . . . . . . . . • • . . . . . . . • • • . . . . .. 143
IV ventricolo . . . . . • • • • . . . . • . . • . . . . . • • • • • • • • . . 145
Acquedotto cerebrale (del Silvio). . . . • • • . . . . . • . • • . . . . . • • . . • . • . . 147
III ventricolo . . . . . . . . . .
. . . . • • . . . . . . .. 147
Ventricoli laterali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • • . . . . . . . . . 149

PRINCIPALI VIE NERVOSE SENSITIVE E MOTRlCI. . . . . . . . . . . . . ... . . ... 155

Vie sensitive . . . . . • . . . . . .. . .. 155


Vie sensitivc spin.ali . . 155
Via spino.bulbo-talamo-<:onicale 155
Via spino·talamo-cortjçale 157
Via sensitiva ttigeminale . 159
Via gustativa . 161
Vi. vestibolare . . . . .. . 162
Via acustica. 163
Via ottica . . . . . • . • . 166
Via olfattiva . . • . • . • . 171
Vie motrici . . . • • . • • • . . . . . • . . . . . . • • • • . . • • • • 173
Via piramidale . . . . . . . . . . . . . . • • • • . . • . 173
Vie extrapirarnidali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • • • . . . 1 75
Via cOftico-urio-pallido-cubro-{reticolo-)'pinale . • . • . . .. ... 177
Via cortico-strio-pallido-ipotalamo-olivo-spinale . • • • • • . 177
Via cortico-ponto-cerebello.rubro-reticolo-spinale . . . . . . . . . • . .. 179

VASI SANGUlFERl DEL NEVRASSE . . . . . • . . • . . . . . • • . • • . . . . . . • • • . . . . 181

Vasi sanguifrri del midollo spinale. . . . . . • • . . • • . . . . . • .. lS1


. . . . . . . . . . • • . .

Arterie del midollo spinale . . . . . . . . . • . . . . . . . . • •... 181


• . . . . . . . . . . • .

Vene del midollo spinale . . . . . . . . . • . . . . . . . . . . • . 183


. . . . . . . . . • • . . . .

Vasi sanguiferi del tronco cerebrale . . . . . . • . . . . . . . . . • • 183


. . . . . . . . . . • . . . .

Arterie del tronco cerebrale . . . . . • . • • • . . . . . .. .. 183


. . • • . . . . . • • • .

Vene del tronco cerebrale .. 185


Vasi sanguiferi del cervelletto . . . . . . . . . . . . . . • . . . . . • . 186
. • • . . . . . . . • . . . .

Arterie del cervelJetto . . . . . . . . . . . . • . ... . ... .. .... . ..... . . . . .. 186


Vene del cervelletto . . . . . . . . . . • . . . . . . . . . . • . 187
Vasi sanguiferi del cervello . . . . . . . . . . . . . . ............. 188
. . . • . .

Arterie del cervello . . . . . . • • • . . . . . . • . . • . • . . . . . . . .. 188


. . . • . • . • . • .

Vene del cervello . . . . . . . . • • . • . • . . • • . • • . . . . • • 196


. • • . . . . . . . • . . . .

MENINGI . . . . . . . . . . . . . . . . • • • . . . . . . • • . • . • . . . . . . . • • . . . . . • • • • . . . . 201

Dura madre . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • • • . . . . . 20 1
Dur. m.dre spinale. . . . • • . ... 201
Dur. madre encefalica . . • • ... 202
Aracnoide . . . . . . . . . . . . . • . . • . . 20S
Aracnoide spinale . . . . . • . . • . . • . . . . • • . . 20S
Aracnoide encefalica . . • • • . 20S
Pia madre . . . . . . . . . . . . . . • . . . . . • • . . .. 209
Pia madre .pinale . . . . . . . . . . . . . . • • . . .. 210
Pia madrè encefalica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • • • • • • • . . • . • . ... 211
Spazio sottoaracnoidale e liquido cefalo-rachidiano . . . . . . . • • . • . . . . . . . • . ... 211
VII

SISTEMA NERVOSO PERIFERICO 215

NERVI SPINAU ... 219

Plcsso çervicale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 220


Rami cutanei del plesso cervicale . . . . . . . . . . . • . . . . . . . . . • • . . . . . . . • . . . . 221
Rami muscolari del plesso cervicale . . . . . . . . • • . . . . . . . . . • . . . . . . . . • . . . . 221
Nervo cervicale discendente ............ , . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 221
Nervo frenico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • . . . . 221
l'lesso brachiale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • . • . . . . . . . • • • . . . . . . . . • . . . . 223
Rami collaterali del plesso brachiale . . . . . . . • . . . . . . . . . • • . . . . . . . . . • . . . . 225
Rami terminali dci plesso brachiale . . . . . . . . • . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 225
Nervo ascellare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • • . . . . . . . . . . . . . 225
Nervo radiale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • • • . . . . . . . . . . . . 227
Nervo muscolo<utaneo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • • . . . . 230
Nervo mediano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • . . . . . . . . . . • . . . . 231
Nervo ulnare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • • • • . . . . . . . . • • . . . . 233
Nervo cutaneo mediale del braccio .............................. . 234
Nervo cutaneo mediale dell'avambraccio . . . . . . . . . . • • . . . . . . . . . . • . . . . 236
Nervi mtercostali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • • . . . . . . . . . . . . . . . . 236
Plesso lombare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • . . . . . . . . • • . . . . . . 236
Nervo i1eo.ipogastrko . . . . . . . . . . . • • . . . . . . . . • • . . . . . . . . • • • . . . . . 238
Nervo ileo..inguinile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • • • . . . . . . . • • • • . . . . 240
Nervo genito.femorale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • • • . . . . . . . • . • . . . . . . 240
Nervo cutaneo laterale della coscia ... 241
Nervo otturatore ......................................... . 241
Nervo femorale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • • • • . . . . . . . . . • . . . . 242
Plesso sacrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • . . . . . . • • . • . • . . . . • . . . . . . . 243
Nervi del cingolo pelvico . . . . . . . . . . . . . . . • . . . . . . . . . . . . . . . . • . . . . . . . 245
Nervi della parte libera dell'arto inferiore . . . . . . . . . . . . • . . . . . . . . • • • . . . . . 246
Nervo cutaneo posteriore della coscia . . . . . . . . . . . • • . . . . . . . . . • • . . . . . 246
Nervo ischiatico ........................................... . 246
Ple$so pudendo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • • . . . . . . . . • • . . . . . 252
Nervo pudendo . . . . . . . . • • • . . . . . . . . • . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 253
Plesso coccigeo . . . . . . . . . . . . . . • . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • . . . . . . . • • . . . . . 253

NERVI ENCEFALICI 255

Nervo olfattivo . . . . . . . . • . . . . . . . • . . . . . . . . . . . . . . . . . • . . . . . . . . . . . . 255


Nervo ottko . . . . . . . . . . . . . . . . • • . . . . . . . • . • . . . . . . • • • . . . . . . . . . . . 256
Nervo oculomotore . . . . . . . . . . • . . . • . . . . . • . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 256
Nervo trocleare . . . . . . . . . . . . . • . . . . . . . . . . . . . . . . • . . . . . . . . . . . . . 259
Nervo trigemino 259
.'
. . . . . . . . . . . . . • . . . . . . • • . • . . . . . . . • . . . . . . . . . . . . . .

Nervo oftalmico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • . . . . . • . . . . . . . . . • • . . . . 260


Nervo mascellare . . . . . . . . • . . . . . . . . . • . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 262
Nervo mandibolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • • . . . . 264
Nervo abduçente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • . . . . . . . . . • . . . . . . . . . . . . . 268
Nervo faciale ......... .
268
Rami collaterali del nervo facialc 270
Rami terminali del nervo fadale 271
Nervo acustico .............................................. . 272
Nervo vestibolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
'
. . . . • . . . . . . . . . • . . . . 273
Nervo cocleare . . . . . . . . . . . . • . 273
Nervo glosso·faringeo ...... ..... .
274
VIII

Rami collaterali del nervo glosso-faringeo 275


Rami terminali d ci nervo glosso.faringeo . 275
Nervo vago . . . . . . . . . . . . _ . . . . . . 276
Rami della parle cervicale del nervo vago. 278
Rami della parte [atacica del nervo vago . 278
Rami della parte addominale del nervo vago _ 279
Nervo accessorio. 280
Nervo ipoglosso . . _ . _ . _ . . . . . _ . . . . . . . . _ 281

SISTEMA DEL SIMPATICO. 283

Ortosimparico _ . . . _ _ _ _ . . . _ . . _ _ . . _ _ . . 284
Parte cervicale dell'ortosimpatico . 285
Parte [araciea deU'ortosimparico 287
Parte lombare dell'orlosimpatico 288
Parte pelvica dell'ortosimpatico _ 291
Parasimpatico . . . . . . .. . _ . . . _ . _ . . . _ . . . • • . . . . . . . • . . . _ . . 291
Parasimpatico encefalico . . . . . . . . . _ . . . . . . • . .. . 291
Parasimparico del nervo oçulomotore . .. . . 291
dci nervo (adale .
. . . . • •

Parasimpatico . . . . . . . . . . . . . . . • • . . . . . . . • • • . 293
Par;uimpatico del nervo glono.fa ringeo . . . . • • • • . • . • • . . • • • • • • ..
. 298
Parasimpatico del nervo vago .... . . . . . • . . ... 301
Parasimpatico del nervo accessorio . . . • • . . . . 302
Parasimpatico sacrale . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . 302
SISTEMA NERVOSO
CENTRALE
Il sistema nervoso centrale è rappresentato dal nevrasse. Questo è composto
di due grandi parti che sono direttamente continue l'una con l'altra; esse sono:
il midollo spinale, che è accolto nel canale vertcbrale, e l'encefalo, che è con­
tenuto nella cavità del cranio.
Il nevrasse, visto sia in superficie che in sezioni di taglio, non presenta un
colore uniforme; esso infatti appare costituito, in alcune parti, da una sostan­
za di colore grigio-roseo e più delicata: la sostanza grigia, e nelle altre parti da
una sostanza di colore bianco rosato, più compatta e resistente: la sostanza
bianca. La sostanza grigia accoglie le cellule nervose o neuroni; la sostanza bianca
è formata di fibre nervose mieliniche.
MIDOLLO SPINALE

Il midollo spinale (fig. 1) è simile ad un lungo stelo pressoché cilindrico,


solamente un poco appiattito in senso antero-posteriore. Esso è posto nel ca­
nale vertebrale, estendendosi da subito sotto il foro occipitale fino a livello del
corpo della Il vertebra lombare.
Il midollo spinale misura in lunghezza circa 44 cm. Superiormente, il midollo
spinale si continua con il midollo allungato, il confine con il quale è dato da un
piano orizzontale che passa ad uguale distanz.a tra l'emergenz.a dell'ultimo paio
dei nervi encefalici (nervo ipoglosso) e quella del [ paio dei nervi spinali (nervo
[ cervicale). Inferiormente, il midollo spinale termina assonigliandosi nel nm.o
midollare, dal cui apice ha origine il filo tenninale. Questo è un esile filamento,
lungo circa 25 cm e con un diametro all'incirca di 2 mm, che va a fissarsi sulla
faccia posteriore del coccige mediante il legamento cocci�o, formatogli attorno
dalle tre meningi spinali fuse in un'unica guaina.
Il midollo spinale ha un diametro medio che, misurato nella zona di mezzo
della sua parte toracica, risulta essere all'incirca di lO mm. Il midollo spinale
non ha però calibro uniforme; presenta infatti due rigonfiamenti fusiformi nei
suoi tratti che corrispondono alle emergenz.e dei nervi spinali più voluminosi,
ossia quelli deputati all'innervazione rispettivamente degli arti superiori e degli
ani inferiori. Tali due rigonfiamenti sono rispettivamente il �gonfiamerlto �­
vicale (o entumescetlza cervicale) ed il rigotlfiamento lombare (o erltumescen­
za lombare). Ii rigonfiamento cervicale comincia all'estremità superiore del
midollo spinale e si estingue a livello della II vertebra toracica, avendo nella
sua parte media, più espansa, un diametro frontale di 14 mm. Il rigonfiamen­
to lombare inizia a livello della IX vertebra toracica e termina alla l vertebra
lombare, mostrando, nel suo punto di massima espansione, un diametro fron­
tale di 12 mm.
Il midollo spinale ha un peso di circa 28 gr.
Il midollo spinale non è rettilineo, ma mostra curvature analoghe a quelle
della colonna vertebra le che l'accoglie; è pertanto convesso in avanti entro la
parte cervicale della colonna vertehrale, è invece concavo anteriormente entro
la parte toracica, torna infine a farsi convesso verso l'avanti entro quella lom­
bare.
il midollo spinale non riempie interamente la cavità del canale vertebrale,
ma ne occupa la sola parte centrale (fig. 2), rimanendo separato dalle pareti
6 M1OOLLO SPINAl.I:':

del canale medesimo per l'interposiz.ionc dello spazio perimidollare, che con­
tien e le me'Ii11ii spinali e, esternamente a queste, il tessuto adiposo peridurale
nel quale decorrono abbondanti vasi sanguiferi, soprattutto venosi. Il midollo
spinale è mantenuto in tale sua normale posizione centrale da diversi mez.zi di
fissità; questi sono: la sua continuità con il midollo allungato, l'impianto dci

�\------ pontè

;:J::--.
_

midollo allungato
n. I cervicale /.

') rigonfiamento cervicale

n. f toracìco li
#.'

Ib. midollo spinale

) rigonfilHllcnw lombare

I..
___________..
LJ
---- midolI<lre
n. I/ambare

coda e�.Ul

n, J SClcrale
'"
V,

n. J coccigeo filo termi!1ale

Figura l. Midollo spin.le con i nervi spinali, visto anteriormente.


MIDOLLO SPINALE 7

dura madre spinale ______


, midollo spinale

spazio

spazio peridurale _____ , del

, ,
foro
intervertebrale
n. •pinale

Figura 2. Midollo spinale entro il canale vertebra le. visto in una sezione trll.sverij.;l.!e a livello di
una vertebra celVicale.

suo filo terminale sul coccige, le aderenze che i nervi spinali da esso emergenti
contraggono, tramite le loro guaine durali, con i fori intervertebrali della co­
lonna verterale, infine la presenza ai suoi due lati dei lçgqmenti dentjcolati che
dalla pia madre spinale vanno all'aracnoide e alla dura madre. Immerso nel li­
quido ce[alo-rachidiano dello spazio sottoaracnoidale, il midollo spinale può poi
agevolmente seguire i movimenti della colonna vertebrale, sempre però con­
servando la sua posizione centrale entro il canale vertebrale.
In superficie, il midollo spinale (fig. 3) presenta anteriormente un solco
che lo percorre per tutta la lunghezza lungo la linea mediana ed i cui labbri sono
facilmente divaricabili: è la fessura mediana anteriore j mostra posteriormente,

cordone posteriore ----------


-
7�S;::::::I:�� ::_---
----_j2lf' �,-",
,,,,

cordone laterale __________ --, , ______ solco lateraleposteriore

---j'-I
--------;-,/:,:;;;;r'--;
radice osteriore del nervo spinali __

";/
ganglio spinale

n.spinak------- �..
radice anteriore
del nervo spinale
-----a;;�;;;;�:::::;;,: fessura mediana anteriore

Figura 3. Tratto del midollo spinale con l'emergenza di due paia di nervi spinali, visto anteriormente.
8 MlDOLW SPINALE

lungo la linea mediana, un altro solco longitudinale che lo percorre interamen­


te, ma i cui labbri sono saldati: è il solco mediano posteriore. Il piano sagit­
tale mediano passante per la fessura mediana anteriore e per il solco media­
no posteriore divide il midollo spinale in due metà simmetriche, destra e si­
nistra.
In ciascuna metà dci midollo spinale si vedono, verso l'avanti e verso l'indic­
tra, rispettivamente le origini apparenti delle radici anteriori c quelle delle radici
posteriori dei nervi spinali; ciascuna di tali radici fa emergenza scomposta in un
gruppetto di radicale, che sono allineate verticalmente. Se le radicole delle radici
anteriori vengono strappate, compare sulla superficie del midollo spinale una serie
filare di piccole depressioni, che costituisce il solco laterale anteriore; analoga­
mente, se vengono strappate le radicale delle radici posteriori, si manifesta sulla
superficie dci midollo spinale un'altra serie verticale di piccole fossette, che è
il solco lateraleposteriore.
La porzione di superficie del midollo spinale compresa tra la fessura mediana
anteriore ed il solco laterale anteriore è il cordone anteriore; quella delimitata dal
solco laterale anteriore e dal solco laterale posteriore è il cordone laterale; quella
infine interposta tra il solco laterale posteriore ed il solco mediano posteriore
è il cordone posteriore. Quest'ultimo cordone, nella parte più alta del midollo
spinale, è percorso longitudinalmente dal solco intennedioposten·ore.
Da ciascuna metà del midollo spinale fanno emergenza 33 radici anteriori
e 33 radici posteriori dei nervi spinali. Poiché ogni radice anteriore si unisce poi
con la radice posteriore che emerge ai suo stesso Iiv�Uo, si costituiscono 33 ner­
vi spinali per lato; ossia, dal midollo spinale emergono complessivamente 33 pa­
ia di nervi spinali. Queste sono distinte in: 8 paia di nervi�icaU, 12 paia di
nervi toracici (o nervi dorsali), 5 paia d; nervi lombari,J...paia di nervi sacrali e
3 paia di nervi coccigei; di queste ultime paia, il Il ed il III paio sono rudimen­
tali e sono contenuti nel legamento coccigeo, assieme al filo terminale.
Essendovi notevole discrepanza tra la lunghezza del midollo spinale e quel­
la della colonna vertebrale, solamente i nervi spinali più alti decorrono pressoché
orizzontalmente per portarsi al loro foro di uscita dal canale vertebrale; tutti
gli altri nervi spinali si inclinano invece verso il basso, e ciò in modo tanto più
manifesto quanto più emergono da parti inferiori dci midollo spinale. Si ha di
conseguenza che gli ultimi nervi toracici ed i nervi lombari, sacrali e coccigei
scendono verticalmente per un tratto minore o maggiore entro il canale ver­
tebrale, prima di raggiungere il loro foro di uscita dal canale vertebrale stesso;
essi formano così, all'estremità inferiore del midollo spinale, un voluminoso
fascio nerveo che ingloba anche il mo terminale e che ha il nome di coda equina
(fig. 1).
Il midollo spinale viene diviso in..uarti: cervicale, toracica (o dorsale), lom­
..l?E.re, sacrale c coccigea, le quali corrispondono alle parti del midollo spinale
donde emergono rispettivamente i nervi cervicali, i nervi toracici (o nervi dorsali),
i nervi lombari, i nervi sacrali cd i nervi coccigei; esse non hanno quindi alcuna
corrispondenza con le omonime parti della colonna vertebrale. Ciascuna parte
del midollo spinale viene poi suddivisa in altrettanti �menti sp-inali (o ma.ta­
mer; seinali, o neuromeri) (fig. 4) quante sono le paia dei nervi spinali che vi
ongmano.
MIDOLLO SPINALP. 9

osso

arre cervicDle
cùl mid"lllJ s inak

lombare

parte lombare
della colonna verrebrale

2.arte lacrale
della colonna vertebrale

p4T te çoçdg ea
della colol1M verfebrak

Figura 4. Parti e segmenti del midollo spinale e loro rapporti çon le parti della çolonna ver­
tebrale.
IO MlOOlLO SPINALE

Nervi spinali
Ogni nervo s- p inale risulta costituito dall'unione della radice anteriore con la
radice posteriore, unione che avviene poco prima dell'uscita del nervo spinale
stesso dal canale vertebrale (fig. 2). La radice anteriore è motrice (o effettrice) e la
radice posteriore è sensitiva (o afferente); ne consegue quindi che il nervo spinale
è un nervo misto.
l. La radice anteriore del nervo spinale ha la sua Q!jginf: apparente, cioè
la sua emergenza dal nevrassc, in corrisp-ondenza del mka.1ate.r.@L@teriore del
midollo spinale; ha la sua origine reale, ossia i ncuroni che ne danno le fibre, nel
COniO anteriore del midollosp inale.
Le fibre radicolari atlteriori (fig. 5), che formano la radice anteriore del nervo
spinale, sono di due tipi: fibre motrici somatiche, le quali sono deputate all'in­
nervazione motrice dei muscoli scheletrici; fibre chiamate
comunemente libre_�gal1gligri. le quali mettono capo ai gangli simpatici, donde
nascono poi le fibre postgangliari per l'innervazione motrice della muscolatura
involontaria ed eccitosecretrice delle ghiandole.
2. La radice posteriore del nervo spinale ha la sua �rigine apparente, ossia
l'uscita dal nevrasse, nel solco laterale posteriore del midollo spinale; ha la sua
origine reale, c i oè i neuroni che ne danno le fibre, nelganglio spirlale.
Il fanglio spinale (fig. 2) si presenta come un rigonfiamento posto lungo la
radice posteriore del nervo spinale. Esso è formato di fleurotli sensit;vi (o pro-

radice posteriore del nervo spinale __________ _ , ,- ___ radice anteriore del nervo spinale

cellule effettrici viscerali ---, fibre centrali


I
____ ___

.flangUo spinale
I

como posteriore #' \ J


neuroni a T

U
(...,---Jì
-.J

\ (
fibre sensirive viscera/i
como latera/e
I J
corno anteriore bre sensitive somaticne

.- ____ t1. spinale

��
ramo comunicante
fibre motrici somaricne

gangUo ,;,""",;CO p""""."l,


")-::
___11 � ,
\
L-rt1mo comunicante bianco

fibre postgal1gliari

L--gcmglio simpatico laterovertebrale

Figura S. Costituzione delle radici anteriore e posteriore di un nervo spinale.


MIDOLLO SPINALE Il

toneuroni sen.sitivi); questi sono detti comunemente neuroni a T (fig. 5) perché


il loro ncurite, divenuto una fibra mielinica, si divide a T dando così luogo ad una
fibra periferica e ad una fi'bra centrale. La fibra periferica, uscita dal ganglio spi­
nale, prosegue nel nervo spinale c va a distribuirsi in un territorio periferico del
corpo; la fibra centrale, percorrendo la radice posteriore del nervo spinale, si porta
dal ganglio spinale al midollo spinale. La fibra periferica raccoglie gli impulsi
sensitivi, che poi la fibra centrale reca al midollo spinale.
i re radicolari posteriori (fig.
Le fb 5), che costituiscono la radice posterio­
re del nervo spinale, sono fibre
viscerali.

COSTITUZIONE INTERNA DEL MIDOLLO SPINALE


Il midollo spinale è costituito, centralmente, da sosta11Za K!2gja e, periferi­
camente, da sostanza bianca (fig. 6).
Il midollo spinale è percorso al centro, per tutta la sua lunghezza, da un sotti­
lissimo canale scavato entro la sostanza grigia: è il canale centrale del midollo
spinale (o canale dell'ependima).

Sostanza grigia del midollo spinale


La sostanZa grigia del midollo spinale (fig. 6), osservata in una sezione tra­
sversale del midollo spinale, presenta grosso modo l'aspetto di una H. Essa for­
ma al centro un sepimento trasversale relativamente esile: la commessura grigia,
dalle cui estremità, destra e sinistra, si espandono due voluminose masse allungate

----'"..,��__/'7-",..,.c----- commessura grigia posteriore


----'::==="� ,';'''''�
canale centrale del midollo spinale

���
::::
zona marginal,, ..
... ice posteriore

"\_
(del Lissauer) _ ___
___ nervo spinale

��+
strato zonale zona radicolare
_ _ __ __

;;;:::';::
(d,I W,I,',y'''; ------"
cordone posteriore

--,:cf----- ""d"n, laterale


___ __

sosta,"n"
(del R: J

-\'-:.c-"7.c;----- commessura bianca


� __ _

corno posteriore ----,

.......:.I!Iii�
--- "d nerllO spinale
radice anteriore

corno laterale _____ _ J --,��, '---'"'-'\--'-'�_


____ __ _ _ ""d"n, anteriore

corno anteriore -------' '--____ __ wmn""'"" grigia anteriore

Figura 6. Sezione trasversale del midollo spinale.


12 MIDOLLO SPINALE

sagittalmente.
Un piano frontale immaginario passante per il canale centrale del midollo
spinale, il quale decorre nel mezzo della commessura grigia, divide la sostanza
grigia del midollo spinale in una metà anteriore ed in una posteriore. La com­
messura grigia viene pertanto suddivisa da detto piano frontale immaginario nel­
la commessura ,rizia anteriore e nella commessura grigia posteriore, mentre
ognuna delle due masse grigie laterali viene scomposta rispettivamente nel corno
anteriore e nel como posteriore. La zona di unione del corno anteriore con quello
posteriore, e che si continua medialmente con la commessura grigia, è detta �
intermedia.
TI corno anteriore è diretto in avanti e un po' lateralmente. arrestandosi ad
una certa distanza dalla superficie del midollo spinale. Esso è tozzo e molto più
largo del corno posteriore; consta di una testa e di una base. La testa del corno
anteriore è la parte posta in avanti e maggiormente espansa; essa h a un contor­
no festonato da cui fuoriescono fascetti di fibre nervose che si dirigono verso
il solco laterale anteriore del midollo spinale, donde poi emergono per costituire
le radici anteriori dei nervi spinali. La base del corno anteriore è la parte più
ristretta posta in addietro; essa si continua direttamente con la base del corno
posteriore, con cui forma la zona intermedia. Alla base del corno anteriore, li­
mitatamente al tratto del midollo spinale che è compreso fra l'VIII segmento
cervicale ed il Il segmento lombare, è presente un'espansione di sostanza grigia
diretta lateralmente: è il corno laterale.
11 CQmQ posteriore si dirige in addietro e lateralmente, giungendo fino in
vicinanza della superficie del midollo spinale; esso infatti è più lungo del corno
anteriore, rispetto al quale è però più sottile e ha un contorno regolare. Il cor­
no posteriore è costituito, in avanti, dalla base e, in addietro, dalla testa, che
sono congiunte fra loro da una parte ristretta, detta collo. La base del corno
posteriore è unita alla base del corno anteriore a costituire la zona intermedia;
lateralmente, essa si espande con [rabecole di sostanza grigia entro la sostanza
bianca del contiguo cordone laterale, costituendo la iormazione reticolare del
midollo spinale. La testa del corno posteriore, presso la sua estremità, consta
di una particolare sostanza grigia molliccia: la sostanza gelatinosa (del Rolando),
che a sua volta è incappucciata da uno strato di cellule nervose sparse con fibre
nervose, chiamato strato zonale (del WaIdeyerl (o zona sp.ongiola); quest'ultimo è
separato dalla superficie del midollo spinale da uno strato di fibre nervose mie­
Iiniche a decorso longitudinale: la zona marginale (del Lissauer).
Tenuto presente che la sostanza grigia del midollo spinale, vista in sezione
trasversale, presenta due corna anteriori, due corna posteriori ed una commes­
sura grigia, viene facile comprendere come la sostanza grigia medesima, nel suo
insieme, formi quattro colonne, due �nterjori e due p-osteriori, (fig. 7), le quali
si estendono per tutta la lunghezza del midollo spinale, congiume tra loro da una
lamina centrale. Dall'VIIl segmento cervicale al Il segmento lombare del midol­
lo spinale, la sostanza grigia forma inoltre due CJJlatJ11JL.lp,U!Jtli, destra e sinistra,
che si sollevano lateralmente dalle due colonne anteriori; esse sono le corna
laterali che si osservano nelle sezioni oriz.zontali del midollo spinale.
La sostanza grigia del midollo spinale è maggiormente sviluppata a livello dei
rigonfiamenti cervicale e lombare del midoHo spi nale scesso; 10 è meno nel crar-
MIDOLLO SPINALE 13

to interposto fra tali due rigonfiamenti. Essa termina all'estremità inferiore


del midollo spinale, assumendo l'aspetto di un anello che circonda la parte termi­
nale, dilatata, del canale centrale del midollo spinale.

Costituzione della sostanza grigia del midollo spinale


La sostanza grigia del midollo spinale è formata di çellule nervose e di fibE
�e, nella maggior parte amieliniche, inoltre di çcllule di nevroglia.
Le cellule nervose della sostanza grigia del midollo spinale sono: cellule del
l tipo del Golgi, le quali hanno un lungo neurite che, divenuto una fibra nervosa
mielinica, generalmente esce dalla sostanza grigia del midollo spinale; celluledel
Il ti o del Golgi, le quali hanno un neurite che si ramifica entro la sostanza gri­
gia del midollo spinale, assolvendo penanto a funzioni di collegamento a breve
distanza.
Le cellule del I tipo del Golgi presenti nella soscanza grigia del midollo spinale,
sulla base del comportamento del loro ncurite, sono distinte in cellule radicolari
e cellule funicolari (fig. 7). I neuriti delle prime diventano le fibre nervose che

fibre ce"trali ___________________ � periferiche

nellroni a T

����

. un ganglio spirutle

------f--f;:r�·
corno'"'''rio"' _______

r--�----,,".', rcWicolari

-+
cellula f""'",/a,,,
dell'apparato �__ ___ ,"'"Ia ttffertrice viscerale
di connessione
:-7l.j---�,,1l.� motrice somatica

S3:::��--- fi'�" pregangliare

l'---,r.b,', motrici somatich�

cellule funicoLlri
dell'apparato
inters�gmentale
-------l.:--+;Ej�

Figura 7. C�llul� nervose del midollo spinale e neuroni a T di un ganglio spinale.


14 M!OOLLO SPINAL.E

Figura 8. Motoneurone � di un corno anteriore del midollo spinale.

costituiscono le radici anteriori dei ncrvi spinali; i ncuriti delle seconde diventano
fibre nervose che formano fasci entro i cordoni (o funicoli) della sostanza bianca
del midollo spinale.

CeHule radicolari. Le cellule radica/ari (fig. 7) hanno i loro neuriti che diventano
fibre mieliniche: le Hbre radicalar; anteriori, che escono dal midollo spinale
costituendo le radici anteriori dei nervi spinali; sono pertanto esclusive del corno
anteriore del midollo spinale, compreso il corno laterale che ne è una dipen­
f
denza. Esse sono distinte in cellule motrici somatiche e cellule e fettrici visce-

cellUkl det Rensna..,

�� motonewwni lt

Figura 9. Cellula del K.enshaw di un çorno anteriore del midollo spinale.


MIDOLLO SPINALE 15

rali.
1. Le cellu le motrici somatiche, dette anche nellroni sornatoniotori o più
comunemente motonellrol1i, sono proprie della testa del corno anteriore del mI­
dollo spinale. Esse danno luogo alle fibre motrici somaficlle delle radici ante­
riori dei nervi spinali.
Si considerano i motoneuroni a, che innervano le fibre muscolari striate dei
muscoli scheletrici, ed i motoneuroni 'l. che innervano le fibre muscolari striate
accolte nei fusi neuro·muscolari dci muscoli scheletrici medesimi.
l motoneuroni Ot (fig. 8) sono in numero di circa 100.000 per ciascun an­
timero del midollo spinale. Sono neuroni di forma variabile, ma sempre molto
voluminosi, che sono provvisti di grossi dendriti abbondantemente ramificati,
i quali possono spingersi anche nell'antimero opposto del midollo spinale. Hanno
ciascuno un neurite che assume la guaina mielinica ancora nell'ambito della so­
stanza grigia del midollo spinale, divenendo così una fibra motrice somatica;
questa passa nella radice anteriore di un nervo spinale c, seguendo il nervo spinale
medesimo, giunge al muscolo cui è destinata; quivi si ramifica ripetutamente e
ciascuna sua ramificazione terminale va a costituire una placca motrice a ridosso
di una fibra muscolare striata scheletrica. Un singolo rnotoncuronc a innerva
molte fibre muscolari striate scheletriche, il cui numero può variare da 25 in al­
cuni muscoli fino a 1900 in altri; un motoneurone a con tutte le fibre muscolari
striate scheletriche da esso innervate costituisce un unità motrice.
'

I neuriti dei motoneuroni 0', poco dopo la loro origine, emettono rami col­
laterali ricorrenti che contraggono sinapsi con particolari cellule funicolari: le
ellule del Renshaw (fig. 9), le quali riverberano impulsi inibitori sugli stessi mQ­
toneuroni 0'.
I motoneuroni a sono distinti in fasici c tonici; quelli fasici inviano alle fibre
muscolari striate scheletriche impulsi che ne determinano la contrazione rapida
fasica. quelli tonici trasmettono invece alle fibre muscolari striate scheletriche
impulsi prolungati che aumentano il tono muscolare.
l mo ton euroni "t sono frammisti ai motoneuroni a, rispetto ai quali sono di
minore grandezza e sono anche meno numerosi. Danno origine a fibre motrici
somatiche che pure entrano nella costituzione delle radici anteriori dei nervi spio
nali e vanno ai muscoli, dove inncrvano le fibre muscolari ,striate scheletriche
che sono accolte entro i fusi neuro-muscolari, organuli questi che hanno il compi­
to di registrare lo stato di tensione dei muscoli o tono muscolare.
Situati entro il perimisio dei muscoli e delimitati da un involucro fibroso,
i fusi neuro-muscolari sono costituiti da alcune fibre muscolari striate scheletriche
di piccole dimensioni che sono innervate, tramite placche motrici, dalle fibre
motrici somatiche originate dai motoneuroni 'Y, e che inoltre sono circondate da
avvolgimenti anulo.spirali formati attorno ad esse da fibre periferiche dci ncuroni
a T dei gangli spinali. Tali fibre muscolari intrafusali, contraendosi, stimolano
le fibre sensitive degli avvolgimenti anulo-spirali e gli eccitamenti, mediante le
fibre centrali dei neuroni a T dei gangli spinali, vengono trasmessi ai motoneuroni
tonici del midollo spinale i quali, così stimolati per via riflessa, danno luogo ad
impulsi che rafforzano il cono muscolare. Pertanto, tramite tale circuito riflesso,
che è chiamato circuito 'Y (fig. lO), i motoneuroni 'Y controllano il tono mu­
scolare.
16 MIDOLLO SPINALE

-J.l.\/
fibre
muscoLm' intrafu$tJli P1eJ.1rone a T
./
fibra
muscou,re extrafusa/e {,W / gong/io spinak

neurone associatilXJ

--l---'\'�"'",o-- midollo spinale


,

avvolgimenti
anula-spirali _ "
� mo,on,umn"

"" motoneurOl1e tonico


____

Figur.a lO. Schema di un circuito,,! del midollo spinale.

2. J...e cellul.e effettrici JJiscerali, dette anche "euroni visceroeflettori o neuroni


p regangliari , si trovano nella base del corno anteriore, incluso il corno laterale. Pili
piccole delle cellule motrici somatiche, esse sono deputate all'innervazione della
muscolatura involontaria cui non inviano però direttamente gli impulsi nervosi,
ma li trasmettono tramite l'interposizione dei neuroni dei gangli simpatici. Le cel.
lule ef!e.ilPci viscerali danno infatti origine a fibre mieliniche: le fibre eflettrici
viscerali, dette comunemente fb
i re che fuoriescono dal midollo
spinale tramite le radici anteriori dei nervi spinali e che poi, abbandonando i nervi
spinali stessi con i rami comunicanti bianchi, mettono capo ai gangli simpa­
tici, in rapporto ai cui neuroni terminano. Dai neuroni dei gangl i simpatici ori­
ginano inftne le fibre postganglian' che si recano ai rispettivi territori di inner­
vazione.

Cellule funicolari. Le cellule funicolan' (fig. 7) danno origine a fibre mieliniche:


le fibre funicolan', che entrano nella costituzione dei cordoni della sostanza bianca
del midollo spinale. Possono essere distinte in cellule funicolari deII'apPJmLto
intersennentale, che sono quelle le cui fibre non sconfmano dal midollo spinale
e sono pertanto deputate a collegare tra loro i diversi segmenti spinali, ed in cel­
lule funicolari dell'apparato di connessione, che sono invece quelle le cui fibre
salgono all'encefalo e collegano cosÌ la sostanza grigia del midollo spinale a quel­

(!)
la dell'encefalo.
Le cellule funicolari dell'apparato intersegmentale sono presenti in tutta
la sostanza grigia del midollo spinale. Esse hanno un neurite che si riveste della
guaina mielinica e passa nella sostanza bianca di uno dei cordoni del midollo
spinale, dove si biforca dando luogo ad un ramo ascendente e ad uno discendente.
MIDOL.LO SPINALE 17

Tali due rami, cammin facendo, staccano ad angolo retto molte ramificazioni
collaterali che vanno nella sostanza grigia del midollo spinale; i due rami mede­
simi, dopo un decorso più o meno lungo, entrano poi anch'essi nella sostanza
grigia del midollo spinale, dove si estinguono rispettivamente ad un livello più
alto e ad uno più basso di quello in cui è localizzata la loro cellula d'origine .
Alcune cellule funicolari dell 'apparato intersegmentale inviano alle commes­
sure del midollo spinale, specie a quella bianca, il ramo ascendente e quello di­
scendente di divisione della propria fibra, oppure anche uno solo dei d\le; tali
rami mettono così capo alla sostanza grigia de1h metà eterolaterale dci midollo
spinale. Le cellule in questione sono dette pertanto cellule commcs'surali.
o L Lçellule funicolari dell'apparato di connessia ne sono localizzate fonda­
mentalmente nel corno posteriore del midollo spinale. Esse posseggono un neu­
rite che, divenuto una fibra mielinica, passa nella sostanza bianca di uno dei cor­
doni del midollo spinale e, ripiegando verso l'alto, entra nella costituzione di uno
dei fasci ascendenti che dal midollo spinale si portano all'encefalo. Le fibre di tali
cellule possono dare, quando stanno piegando verso l'alto, un ramo discendente
che entra poi nella sostanza grigia del midollo spinale; emettono inoltre co-.
stantemente, lungo il loro cammino ascendente, ramificazioni collaterali destinate
alla sostanza grigia stessa del midollo spinale .

Organizzazione della sostanza grigia del midollo spinale


Entro la sostanza grigia del midollo spinale, le cellule nervose sono in parte dis­
seminate, ma nella maggior parte sono raggruppate in ,1uclei (figg. 1 1 A e 1 1 B).
Questi si estendono in genere per più segmenti spinali oppure per tutta la lunghez­
za del midollo spinale, per cui vengono detti anche colonne o lamine.
I nuclei della sostanza igia del midollo spinale sono distinti in: 'tuclei soma­
tomotori, nuclei visceroeffettori, nuclei sensit;vi.
[ nuclei somatomotori, deputati all'innervazionc della muscolatura volonta­

ria, si trovano nella testa dci corno anteriore del midollo spinale. Essi sono co­
stituiti dai motoneuroni e danno luogo alle fibre motrici somatiche che si distri­
buiscono ai muscoli scheletrici.
l nuclei visceroefiettori, destinati all'innervazione della muscolatura involon­
taria, sono posti nella base del corno anteriore e particolarmente nel corno laterale
del midollo spinale. Essi sono formati delle cellule effettrici viscerali e danno
origine alle fibre pregangliari, che mettono capo ai gangli simpatici.
[ nuclei sensi!ivi sono costituiti da cellule funicolari e sono propri del corno
posteriore del midollo spinale ; essi ricevono le fibre centrali dei neuroni a T dei
gangli spinali, che recano ad essi stimoli sensitivi, ed emettono fibre funicolari che
salgono a diversi territori dell'encefalo per recare a questi gli stimoli sensitivi
medesimi. I nuclei sensitivi sono distinti in nuclei somatosensitivi e nuclei viscero­
sensitivi. l primi, che ricevono gli stimoli sensitivi dalla cute, dai muscoli e dalle ar­
ticolazioni, sono sparsi in tutto il corno posteriore del midollo spinale; i secondi
invece, che ricevono gli stimoli sensitivi dai visceri, si trovano solo nella base del
corno posteriore del midollo spinale .

Nuclei del corno ante riore . " corno anteriore del midollo spinale, incluso il
18 MIDOLLO SPINALE

ce/mina delle
cellule post,w-margjlllfl i \,.

nucleo d.ùJp

� � p'osterje!..e

!'JUcUI2.(Ù,lla -l\r------ � i�dja

C VI

colonna delle _
,___________ colo11n/.l del Clarke


c4Lulè_p�t"Q.:mS!8jmlli
\.
CO/D'ma intermedia mediale
nucleo�

'"

SoSt:in:zagelatinosa corno posteriore
(d"(RQJa"d�)


"ueleo dello ,omm'=,"grigia
testa del como
posteriore , ---=-- OC corno laterale

col01l11<1 intermedia laterale � :,ona intennedia

colonna laterale ________----' .... corno anteriore

colonna media/e I \ nucJe.,lV_{s.e'rosensitiLii

TX

Figura Il A. Nu lei della sostanza grigia del midollo spinale a livello del VI segmento cervicale
c (CYJl e del X segmen­
to toracico (Tx).

corno laterale che ne è una dipendenza, ha fondamentalmente funzione mo­


trice, ossia effettrice; da esso originano infatti le fibre motrici somatiche, de­
putate all'innervazione dei muscoli scheletrici, e le fibre effettrici viscerali o
fibre pregangliari per l'innervazione della muscolatura involontaria. Il corno an­
teriore del midollo spinale accoglie pertanto i nuclei somatomotori ed i nuclei

<1}1
visceroeffettori.
nuclei SQmatomotori (che formano nell'insieme la lamina iX) (figg. 1 1 A e
11 B) si trovano nella testa del corno anteriore del midollo spinale. Essi formano
MIDOLLO SPINALE 19

calamIa delle : -------- ColO1I'la de��


h:::==::;:;:::;rr=')s=:;;:-
��:_--- cololllla intermedia media/e
cellule po,""o-n""I'n,,1; -----�

\\�------ cornoposteriore
r
nucleo della

-------1'1
sostanzagelatinosa

..l\�----- commessura grigia


(del Rotando)

;...:--;::��;s;:...--_jt_----
nucleo della

--------1\
À��---:ff------
tella del como zona ÙI/ermedia
posteriore

��
como anteriore
colonnapo,t" o'''t,".Je ___

colonna antera-laterale ____/


_____ ��----- colonna posreTo-mediale
colonna centrale ________j "''''''=���====:::::=- _______ "o/,onno antero-mediale

colOnna delle cellule po,",�m,,,g'n,,I;


,

nucleo della

#-_
sostanza gelatinosa
(del Rolando) _ _ _____

.l\r----- CommtU. u!il'grigÙJ


��:::",,�:;(::.---It-------nna- zonaero.med
nucl�o della

-------11
testa del como
posteriore intermedia

nucleo intermedio mediale \\


___
:; ����,.--/;f----- colo post iale
� ,��::�
"'� �"----- ,orno tmterio.re
""::::���""'''''::;:;;;;':::---
colonna ostero-laterale _____

colonna antero-laterale _____--/ ''''' ''"n' parasim atica sacrale laterale

colonna centrale ________-' '-______________ ,al,,",,, antero-mediale

Figura 118. Nuclei della sostanza grigia del midollo spinale a livello del III segmen!o lombare (Lm) e del IV segmen­
!o sacrale (SJV) '

un gruppo mediale, che consta dei nuclei deputati all'innervazione dei muscoli an­
nessi alla colonna vertebrale, ed un iruppo laterale, che è costituito dai nuclei
destinati ad innervare i muscoli laterali e anteriori del tronco e quelli degli arti.
Il gruppo medi'11e dei nuclei somatomotori è rappresentato dalla çolonna
afltero-mediale e dalla colonna postero-mediale; di esse, la prima innerva i mu­
scoli flessori della colonna vertebrale, la seconda invece ne innerva gli estensori.
Tali due colonne cellulari sono bene evidenti in corrispondenza dei due rigonfia­
menti, cervicale e lombare, del midollo spinale; nel tratto compreso fra i due ri-
20 MIDOLLO SPINALE

gonfiamenti medesimi sono invece sostituiti da una colonna cellulare singola.


Il g!.uppo laterale dei nuclei somatornotori è costituito da tre colonne cellu­
lari, le quali sono bene distinte in corrispondenza dei rigonfiamenti cervicale e
lombare del midollo spinale; esse sono: la colanrla centrale, la colonna antero­
laterale e la colonna postero-laterale'-.La colonnd centrale, in corrispondenza del
rigonfiamento cervicale, dà luogo alle fibre nervose che innervano il diaframma;
a livello del rigonfiamento lombare, dà le fibre nervose per i muscoli del peri­
neo, La colonna antera-laterale provvede, in corrispondenza del rigonfiamento
cervicale, all'innervazione dei muscoli della spalla e dci braccio c, in corrispon­
denza del rigonfiamento lombare, a quella dei muscoli dell'anca e della coscia.
La colonna postero·laterale, a livello del rigonfiamento cervicale, dà le fibre ner­
vose per i muscoli dell'avambraccio e della mano; in corrispondenza dei rigonfia.
mento lombare, dà origine alle fibre nervose per i muscoli della gamba e del
piede. Nella parte toracica del midollo spinale, compresa tra i rigonfiamenti
cervicale e lombare, dette ne colonne cellulari sono sostituite da un'unica co-­
lonna cellulare che provvede all'innervazione dei muscoli intercostali e dei muscoli
della parete dell'addome.
La base del corno anteriore del midollo spinale, all'incirca dal V segmento
cervicale fino alla parte iniziale del midollo allungato, accoglie il nucleo del
nervo accessorio spjruJle, che è il nucleo somatomotore deputato all'innervazione
dei muscoli sterno-cleido-mastoideo e trapezio. Tale nucleo dà origine a fibre
motrici somatiche che attraversano il cordone laterale del midollo spinale per
fare emergenza, raggruppate in radicale, tra le radici anteriori e quelle posterio­
ri dei primi nervi spinali; dette radicole si dirigono verso l'alto e, riunendosi
poi na loro, formano appunto il nervo accessorio spinale.
(2') I nuclei visceroeffettori (o nuclei mioleiotici) (figg. 1 1 A e 11 B) occupano
la base del corno anteriore del midollo spinale ed il corno laterale; si trovano per­
tanto nella cosiddetta zona intermedia. Essi sono la colonna intennedia kJterale e
le due colonn�rasjm�tiche sacraN.
La colonna intermedia laterale costituisce l i corno laterale del midollo spinale
e si estende pertanto dall'VIlI segmento cervicale al Il segmento lombare; essa
dà origine alle fibre preganglfari dell'ortosimpatico che, uscendo dal midollo
spinale con le radici anteriori dei nervi spinali, mettono capo ai gangli latero­
vertebrali (tronco del simpatico) e prevertebrali dell'ortosimpatico, dai quali
nascono poi le fibre postgangliari che si distribuiscono alla muscolatura involon­
taria con funzione motrice. La colonna intermedia laterale è sede pertanto dei
centri ortosimpatici nevrassiali, che sono lungo essa così distribuiti: nella parte
superiore, in corrispondenza dcII'VIII segmento cervicale e del I segmento tora­
cico del midollo spinale, travasi il centro cilio-spinale (del Budge) che presiede alla
motilità del muscolo dilatatore della pupilla; nella parte superiore vi è pure il cen­
tro cardio-acceleratore, che va dall'VlIl segmento cervicale al Il segmento toraci­

co; dal III al V segmento toracico travasi il centro pa/monare; dal VI segmento
toracico al II segmento lombare si estendono inftne j centri per i visceri addomino­
pelvici.
Le colonne parasimpatiche sacrali, laterale e m�iale (o colonna ritorta
del Lamelle), sono localizzate nei segmenti sacrali del midollo spinale.
Esse danno luogo alle fibre pregangliari del parasimpatico sacra/e, le quali
MIDOLW SPINALE 21

escono dal midollo spinale con le radici anteriori dei nervi spinali e mettono capo
ai gangli pe1vid del parasimpatico; da questi gangli prendono poi origine le fibre
postgangliari che provved::mo alla innervazione motrice della muscolatura invo­
lontaria ed alla innervazione eccitosecrettice delle ghiandole.

Nuclei del corno �riore. Il corno posteriore del midollo spinale ha funzio­
ne sensitiva; ad esso mettono infatti capo le fibre centrali dei neuroni a T dei
gangli spinali, o i loro rami collaterali, che recano impressioni della sensibilità
generale, sia somatica ---.cl!cviscerale, raccolte dai recettari che le fibre periferiche
dei ncuroni a T dei gangli spinali stessi formano nei diversi territori periferici
del corpo. Si tratta di vari tipi di sensibilità generale, che sono determinati da
stimoli di differente nalUra.

1]) Nell'ambito della sensibilità somatica sono da distinguersi la sensibilità


esterocettiva e la sensibilità propriocettiva.
La sensibilità esterocettiva comprende la sensibilità taltite (sia superficiale
che profonda), la sensibilità termica e la sensibilità dolorifica. Nella sensibilità
esterocettiva sono poi da disdnguersi: la sensibilità esterocettiva epicritica, che è
quella bene analizzabile nelle sue caraucristiche e che è rappresentata dalla forma
più fine e discriminativa della sensibilità tattile, detta pertanto sensibilità tat­
tile epicritica; la sensibilità esterocettiva protopatica, che è quella ricca di conte­
nuti emozionali difficilmente analizzabili e che comprende sia la sensibilità ter­
mica e quella dolorifica, sia la sensibilità tattile a carattere diffuso o sensibilità
tattile protopatica.
La sensibilità propriocettiva è data dagli stimoli provenienti dai muscoli,
dai tendini e dalle articolazioni; essa informa delle posizioni e degli"atteggiamenti
delle varie parti del corpo, inoltre condiziona il tono muscolare. La sensibilità
propriocettiva viene distinta in cosciente ed incosciente.
2. La sensibilità viscerale (o sensibilità enterocettiva) è raccolta dai recettori
che trovansi nei visceri, i '1uali sono in grado di captare le variazioni dell'ambiente
interno.

Il corno posteriore del midollo spinale accoglie pertanto i nuclei sensitivi (fìgg.
11 A e 11 B), i quali danno origine a fasci nervosi che si recano all'encefalo: sono i
nuclei viscerosensitivi, posti alla base del corno posteriore, e i nuclei somatosensi­
tivi, distribuiti in diverse parti del corno posteriore e rappresentati dalla colonna..
intermedia mediale, dalla _colonna del Clarke e dal nucleo della testa del corno
posteriore. Nel cornO posteriore del midollo spinale si trovano poi altri nuclei che
hanno funzione associativa nell'ambito del midollo spinale stesso; essi sono il nu­
cleo reticolare spinale, il nucleo della sostanza gelatitlosa (del Rotando) e la
colonna delle cellule postero-marginali.
I nuclei viscerosensitivi sono piccoli gruppi di cellule funicolari che sono
sparsi nella base del corno posteriore, ossia entro la zona intermedia subito
dietro ai nuclei visceroeffettori. Dai nuclei viscerosensitivi originano fìbre ner­
vose che, sparse o riunite in piccoli (ascetti, salgon o nella sostanza bianca del
midollo spinale, specie entro il cordone laterale, e che costituiscono nell'insie­
me il lemnisco viscerale; '1uesto, che è pertanto deputato al trasporto degli stimoli
22 MIOOLLQ SPINALE

della sensibilità viscerale, si porta al calamo, dopo avere subito in parte interru­
zioni sinaptiche nella formazione reticolare del tronco cerebrale.
La (oL01lna irltermed;a medjale (che è parte della lamill4 VII) è situata nella
parte mediale della base del corno posteriore e si estende per tutta la lunghezza del
midollo spinale. Essa dà origine al [rudo sl2iuo-cerebellare ve'Hrale(del Gowers),
crociato, che decorre nel corclone laterale eterolaterale del midollo spinale e si
porta al paleocerebello, dove termina nella corteccia cerebellare cui reca stimoli
della sensibilità propriocettiva incosciente specialmente degli arti.
La colonna del Clarke (o nucleo dorsale) (che è parte della lam;'Ja V[[) è posta
rncclialmcnte tra la base ed il coUo del corno posteriore, subito dietro alla colonna
intermedia mediale; essa si estende dall'VIII segmento cervicale al III segmento
lombare del midollo spinale. Vi prende origine il fascio spin o-cerebellare dorsale
(del Flechsig), diretto, che sale nel cordone laterale omolaterale del midollo spi­
nale e si porta alla corteccia cerebellare del paleocerebello, recando stimoli della
sensibilità propriocettiva incosciente soprattutto del tronco.
Il nucleo della testa del como J2osteriore (o nucleo proprio del corno p oste­
riore, o lamine III e IV) occupa la parte centrale della testa del corno posteriore
per tutta la lunghezza del midollo spinale. Vi originano i fasci spino-talamici ante­
riore e laterale, crociati, che decorrono nei cordoni rispettivamente anteriore e
laterale eterolaterali del midollo spinale e mettono capo al nucleo ventrale poste­
riore del talamo, il primo recando impulsi della sensibilità tattile protopatica ed il
secondo impulsi della sensibilità termica e di quella dolorifica; ha inoltre origine il
fascio spin o-tettale, crociato, che sale nel cordone laterale eterolaterale del mi­
dollo spinale e si porta alla lamina quadrigemina del mesencefalo, portando im­
pulsi della sensibilità esterocettiva protopatica. l fasci spino-talamici anteriore

(�V)
e laterale ed il fascio spino-tertale formano nell'insieme il lemnisco spinale.
il nucleo reticolare spinale corrisponde alla formazione reticolare
del midollo spinale. Consta di cellule funicolari che danno luogo a fibre nervose
che si portano nel cordone laterale dello stesso lato ed in quello anteriore del
laro opposto, esplicando una funzione associativa intersegmentale.
Il nucleo della sostanza &elatinosa (del.J!,olandg.) (o lamina 11) trovasi presso
l'estremità della testa del corno posteriore, corrispondendo alla sostanza gelatino­
sa (del Rolando). Risulta costituito sia dd cellule del II tipo del Golgi, sia da cellule
funicolari le cui fibre, biforcdndosi, danno origine a rami ascendenri e discen­
denti alquanto brevi che hanno funzione associadvd intersegmenrale nell'ambito
del corno posteriore del midollo spinale. Si ritiene che il nucleo deUa sostanza
gelatinosa (del Rolando) abbia funzione associativa, cioè sia interposto tra le
terminazioni delle fibre centrali dei neuroni a T dei gangli spinali accolte nella
zona marginale (del Lissauer) e nello strato zonale (dci Waldeyer) ed i neuroni
del nucleo della testa del corno posteriore. 1\ nucleo della sostanza gelatinosa
(del Rolando), a livello dei primi segmenti cervicali del midollo spinale, si conti­
nua con il nucleo della radice discendente del nervo tri emina.
La colollna delle cellule [!.ostero-margiuali ( lamina I incappuccia il nucleo del­
la sostanza gelatinosa (del Rolando), formando l'estremità apicale del corno
posteriore; corrisponde pertanto allo strato zonale (del Waldeyer) (o zona spon­
giosa). E' anch'essa formata di cellule funicolari, le cui fibre associano tra loro
segmenti diversi del corno posteriore del midollo spinale.
MIDOLLO SPINALE 23

Archi riflessi spinali


Come si è detto, fibre centrali dei neuroni a T dei gangli spinali e loro rami
collaterali entrano in grande numero nel corno posteriore del midollo spinale.
Mentre la maggior pane di tali fibre centrali dei neuroni a T si estingue nel cor­
no posteriore stesso in rapporto con le cellule funicolari, altre invece si portano
nel corno anteriore, dove .terminano in connessione con le cellule radicolari,
sia motrici somatiche che effettrici viscerali. Queste ultime fibre danno luogo
agli archi riflessi spinali (fig. 12); sono cioè fibre sensitive capaci di influenzare
direttamente sia le cellule motrici somatiche, causando movimenti riflessi dei
muscoli scheletrici, sia le cellule effetrici viscerali, provocando contrazioni ri­
flesse della muscolatura involontaria dei visceri.
Gli archi riflessi spinali sono pertanto costituiti ciascuno, essenzialmente, da
un neurone a T di un ganglio spinale e da una cellula radicolare del midollo spi­
nale in sinapsi tra di loro; quando sono così formati da due soli neuroni, essi sono
archi riflessi spinali semplici e si realizzano nell'ambito di un singolo segmento
del midollo spinale. Nella maggior parte degli archi riflessi spinali, tra il neurone
a T e la cellula radicolare sono imerposti uno o più neuroni associativi (o neuroni
intercalari) della sostanza grigia del midollo spinale, i quali hanno il compito di
moderare l'imensità e di rallentare la velocità degli impulsi nervosi che attraver­
sano gli archi riflessi medesimi; questi archi riflessi spinali che hanno anche neu­
roni associativi imeressano frcgucmcmente più segmenti del midollo spinale.

Sostanza bianca del midollo spinale


La sostanza bianca del midollo--..Ip.inale (fig. 6) forma, in ciascun antimero del
midollo spinale, tre cordoni (o funicoli), che sono distinti in: anteriore. latallÙLe­
posten·ore. Forma poi, nella parte mediana anteriore del midollo spinale, la com­
messura bianca.
Il cordone anteriore del midollo spinale è delimitato in superficie dalla fes­
sura mediana anteriore e dal solco laterale anteriore. E' compreso in profondi­
tà tra la fessura mediana anteriore cd il corno anteriore. Poiché il corno anteriore
si arresta ad una certa distanza dalla superficie del midollo spinale, il cordone
anteriore risulta delimitato in modo incompleto dal contiguo cordone laterale.
Il cordone latetale del midollo spinale si estende in superficie tra il solco
laterale anteriore ed il solco laterale posteriore. Profondamente risulta inter·
pOStO tra il corno anteriore, che lo delimita parzialmente dal cordone anteriore, cd
il corno posteriore che, giungendo fino quasi alla superficie del midollo spinale,
lo separa pressoché interamente dal cordone posteriore, li cordone laterale ri­
mane collegato con il cordone posteriore solo da un sottile strato di sostanza
bianca che incappuccia l'estremità del corno posteriore e che è la zona margi­
nale (del Lissauer.J..
Il cordone posteriore del midollo spinale si estende in superficie tra il sol­
co laterale posteriore ed il solco mediano posteriore. In profondità, esso è de­
limitato lateralmente dalla zona radicolarc, costituita dalle fibre radicolari po­
steriori che entrate nel midollo spinale si dispongono sul contorno mediale del
corno posreriore, e medialmente dal septum posterius, sepimento di fibre gliali
24 MIDOLLO SPINALE

l' ,'>-, ,Ij


glV1glio spirnde
./

corno posteriore

midollo spi/Ulle
Il .T

cellula radicotare �

neurone assodlltillO
� g
" anglio spinàle

corno posteriore
/I \ :\ �I ,� cute

midollo spina/e
II , /'(l "euronl! a T
I
� '\ I \',1 �

corno anteriore n. spi/Ulle
l_l

cel/ula radicolare � -

muscolo

corno posteriore � -' ganglio spinale

.
"euronl assOCiat. ..
iVI ' I( ),\ I,
r ....,. , L.. cute

midollo spinale Il ...... Ali "t'uTone Il T

� '. {,�\ \ �
�I::::M
corno anteriore n. spinale

"".'" ,odio""'" musco�

i
Figura 12. Archi riflessi spinali In A, arco riflesso spinale semplice; in B e C, archi riflelSi spinali con interposti neu­
roni luocativL
MIDOLLO SPINALE 25

che si estende dalla commessura gngta posteriore al solco mediano posteriore.


La commessura bianca del midollo spinale travasi nel fondo della fessura me­
diana anteriore del midollo spinale stesso, all'innanzi della commessura grigia
anteriore. Essa si estende tra i due cordoni anteriori del midollo spinale.

Costituzione della sostanza bianca del midollo spinale


La sostanza bianca del midollo spinale è costituita da fibre nervose mieli­
niche.
Nella grande maggioranza, le fibre nervose mieliniche della sostanza bianca del
midollo spinale decorrono verticalmente, con direzione ascendente oppure di­
scendente, entro i cordoni (o funicoli) del midollo spinale, formandone i f
asci;
sono dette pertanto fibre funicolari. Esse possono essere fibre endogene, cioè
nate dalle cellule funicolari del midollo spinale Stesso; oppure possono essere fibre
esogene, quali sono infatti le fibre nervose mieliniche che dall'encefalo discen­
dono nel midollo spinale, inoltre le fibre nervose mieliniche che provengono dai
gangli spinali e che assumono un andamento verticale entro il midollo spinale.
Altre fibre nervose mieliniche della sostanza bianca del midollo spinale hanno
invece decotso grosso modo orizzontale : sono le fibre commessurali e le fibre
radicokui.
Le fibre commessurali sono proprie della commessura bianca del midollo
spinale. Esse sono fibre funicolari che, per passare nella metà eterolateralc del
midollo spinale, entrano nella commessura bianca dove decorrono orizzontal­
mente.
Le fibre radicolari sono rappresentate dai tratti intramidollari delle radici
anteriori e delle radici posteriori dei nervi spinali. Si distinguono pertanto in
fibre radicatari anteriori ed in fibre radicatari posteriori.
Le fibre radicolari anteriori provengono dalle cellule radicolari del corno
anteriore del midollo spinale; sono quindi fibre motrici somatiche e fibre pre­
gangliari. Riunite in piccoli fascetti, esse attraversano obliquamente la SOStanza
bianca al confine tra il cordone anteriore e quello laterale, dirigendosi verso il
solco laterale anteriore del midollo spinale, dove fuoriescono come radici anteriori
dei nervi spinali.
Le fibre radicolari posteriori (fig. 13), pertinenti alle radici posteriori dei
nervi spinali, provengono dai gangli spinali ; sono infatti le fibre centrali dei
neurani a T penetrate nel midollo spinale in corrispondenza del solco latera­
le posteriore; sono pertanto fibre sensitive. Le fibre radicolari posteriori sono
da distinguersi in : fibre di grosso calibro, che sono quelle decorrenti nella parte
postero-mediale delle radici posteriori dei nervi spinali, e in fibre di piccolo
calibro, che sono quelle decorrenti nella parte antero-Iaterale delle radici po­
steriori dei nervi spinali.
Le fibre radicolari posteriori di grosso calibro sono deputate al trasporto
degli impulsi della sensibilità tattile epicritica e della sensibilità propriocetdva
cosciente; esse si portano a ridosso del contorno mediale del corno posteriore,
costituendo la zona radicolare, dove si dividono in un rarno ascendente ed in
uno discendente. Di questi, il ramo ascendente, che è di diametro nettamen­
te maggiore rispetto a quello discendente, si porta nel cordone posteriore del
26 MIDOLLO SPINALE

..
corno posteriore como anteriore
del midollo spina
le'_______ del midollo spinale
, /

J
fascio longitudit1O.1e cordonI! posteriore
del como posteriore del midollo spinale
/
fascio dorso-laterale __
�f fascicolo cuneato

neuroni a T
di un ganglio spinale ---4 � fascicolo gracile

f------ di piccolo calibro


fibre radica/ari posteriori fibre radicolar; posteriori
di grande calibro I

f------midollo spinale
neurOI1; a T
di un ganglio spjl1Qle �

pii li·1
fibre radicola"; posteriori fibre radicolari posteriori
digranck calibro I di piccolo calibro
II ..

fascio a virgo14 -------- __ � y�


r o ovale.
,asci

Figura 13. Schema del comportamento delle fibre radicolari posteriori entro il midollo spinale.

midollo spinale entro il fascicolo gracile (del Coll) o entro il fascicolo cuneato (del
Burdach) e si reca al midollo allungato, emettendo tuttavia lungo il suo decorso
numerosissimi rami collaterali che passano nel corno posteriore. Il ramo di­
scendente si immette invece nel fascio ovale (del Flechsig) o nel fascio a vir­
gola (dello Schultze) del cordone posteriore del midollo spinale e, dopo un
decorso più o meno lungo, va a terminare nel corno posteriore del midollo spi­
nale stesso.
Le fibre radicolari posteriori di piccolo calibro provvedono al trasporto
degli impulsi delle sensibilità tattile protopatica, termica e dolorifica, inoltre
della sensibilità viscerale. Tali fibre entrano nel lascio dorso-laterale_ (del Lis­
sauer), corrispondente alla zona marginale (del Lissauer), o nel fascio longitu­
dina1e del corno posteriore, accolto nello strato z.onale (del Waldeyer) (o zona
spongiosa) dell'estremità della testa del corno posteriore; in seno a detti fasci,
esse si dividono in un ramo ascendente ed in uno discendente, che passano poi
nel corno posteriore del midollo spinale dove prendono rapporto soprattutto
con i neuroni del nucleo della testa del corno posteriore o direttamente, o tra­
mite l'interposiz.ione del nucleo della sostanza gelatinosa (del Rolando).
MIOOLLQ SPINALE 27

Fasci dei cordoni del midollo spinale


lfasci di fibre nervose mieliniche che compongono i cordoni della sostanza
bianca del midollo spinale possono essere distinti in fasci del cordone anteriore,
fasci del cordone laterale e fasci del cordone posteriore (fig. 14).

Fasci del cordone anteriore. l fasci del cordone anteriore del midollo spinale
sono distinti in: fasci discendenti, che provengono dall'encefalo e vanno alle corna
anteriori del midollo spinale, avendo funzione motrice; fasci ascendenti, che
nascono dalle corna posteriori del midollo spinale e salgono all'encefalo, essendo
di natura sensitivai fasci a funzione associativa intersegmentale, formati di fibre
nervose ascendenti e discendenti che, nate da cellule funicolari della sostanza
grigia del midollo spinale, mettono capo alla sostanza grigia di segmenti spinali
superiori od inferiori rispetto a quelli dove le fibre nervose medesime sono nate.

ti)
I fasci del cordone anteriore del midollo spinale (fig. 14) sono i seguenti.
Il fascio fondamentale anteriore è un fascio a funzione associativa inter­
segmentale che, situato nella parte profonda del cordone anteriore del midollo
spinale, circonda medialmente ed in avanti il corno anteriore.
11 fascio fondamentale anteriore nasce nel corno anteriore del midollo spi-

fascicolo <U"",to'-------, r---omo


----< posteriore

zona " "k,,�', --------� r---1<


--- ",;,,'10 gracile
fibre radicolari po,"" "'" ,-------{.,,,o a virgola
-----"
fascio dm'w-la',,,,I,-------�, r---,----I<" ,'o ovale
fascio fondamentale laterale ----"
____
--Jr""cio reticolo-spinale laterale
fascio spino-cerebellare dorsale -----,
/--1<"" 0 vestibolo-spinale laterale
fascio piramide ,,,,,,,,,, ----­

____
---("""0 tetto-spinale laterale
;..---j,,,,,,o fondamentale posteriore
fascio r«bro,spinale laterale --,

fascio spino-tettaIe -----"


�-·fo,,'oo,!o longirudinale mediale

fascio spino-cerebellare ,"",01, --


1--.(",010 vestibolo-spinale anteriore
--- fascio fondamentale anteriore
fascio spino-talamico laterale ---�
,,---1<"" 0 tetto-spinale anteriore
fascio spino-tawmico oo'''io,-'-------"

fascio ol;,'o-,p'ool,--------./
"---1"'" 0 TUbro-spinale anten'ore
corno ,""'io>-' --------../ '---'---:("' '·0 piramidale diretto
fascio spino-oUvare -------' '-________ jo,,'o reticolo-spinale OfIten'ore

Figura 14, Fasci dei cordoni del midollo spinale, in una sezione trasversale (lato destro).
28 MIDOLLO SPINALE

nale da cellule funicolari dell'apparato intersegmentale; risulta pertanto costi�


tuito da fibre ascendenti e da fibre discendenti le quali, dopo un decorso più o
meno breve dalla loro origine, rientrano nel corno anteriore medesimo, dove

® !l fascicolo
si mettono in rapporto con le cellule radicolari .
longitudinale mediale è, nella parte cervicale del midollo spi­
nale, un fascio discendente; diviene poi un fascio a funzione associativa inter­
segmentale nelle restanti parti del midollo spinale. Trovasi nella profondità
della zona mediate del cordone anteriore, neU'angolo formato dal corno an­
teriore con la commessura grigia anteriore.
Il fascicolo longitudinale mediale trae origine, all'estremità superiore della
callatta del mesencefalo. dal nucleo della commessura posteriore (del Darksche­
witsch) e dal nucleo interstiziale del fascicolo longitudinale mediale (del Cajal).
Discendendo verso il basso, nell'attraversare il ponte ed il midollo allungato,
si arricchisce di fibre nervose che gli vengono date dalla formazione reticolare e
dai nuclei vestibolari laterale (del Deiters) e mediale. Tali sue fibre nervose di
origine encefalica non scendono oltre il tratto cervicale del midollo spinale,
estinguendosi esse in rapporto con i motoneuroni del corno anteriore, specie con
quelli che presiedono all'innervazione dei muscoli deputati ai movimenti di
rotazione della testa.
Il fascicolo longitudinale mediale è presente anche nelle restanti parti del
midollo spinale perché, a cominciare dalla parte toracica di questo, vi arrivano
dal corno anteriore fibre nervose delle cellule funicolari dell'apparato interseg­
mentale. Queste fibre nervose si biforcano, entro il fascicolo longitudinale me­
diate stesso, in un ramo ascendente ed in uno discendente i quali, dopo un de­
corso più o meno lungo, entrano nel corno anteriore assolvendo alla funzione
associativa intersegmentale.
�) Il {
ascio piramidale diretto (o fascio cortico-spinale anteriore, o fascio del
Tiirck) è un fascio discendente che decorre nella parte mediale del cordone ante­
riore del midollo spinale; è deputato alla motilità volontaria e cosciente. Esso è la
parte del fascio piramidale che non si è incrociata nel midollo allungato; proviene
pertanto dalla corteccia cerebrale della circonvoluzione frontale ascendente del­
l'emisfero cerebrale omolaterale.
Il fascio piramidale diretto, nel suo cammino discendente entro il midol­
lo spinale, cede costantemente fibre che passano nella commessura bianca e
mettono capo al corno anteriore eterolaterale, dove contraggono sinapsi con i
motoneuroni. Esso quindi, discendendo, va grado grado diminuendo di volume,
fmo ad estinguersi interamente circa a metà della parte toracica del midollo
spinale.
li> Jl {ascio teito-spinale anteriore, crociato, è un fascio discendente che
appartiene alle vie ottica ed acustica riflesse ; esso reca infatti, ai motoneuroni
del corno anteriore del midollo spinale, impulsi luminosi ed impulsi uditivi capaci
di determinare risposte motrici riflesse.
Il fascio tetto-spinale anteriore proviene dalla lamina quadrigemina del mesen­
cefalo ed è costituito da quelle fibre delle vie ottica ed acustica riflesse che,
entro il mesencefalo, si sono incrociate nella decussazione fontaniforme (del
Meynert). Discendendo, esso emette via via fibre che entrano nel corno ante­
riore del midollo spinale. Si estingue nella parte cervicale del midollo spinale.
MIDOLLO SPINALE 29

s. !L fascio vestibolo.spinale anteriore, parzialmente crociato, è un fascio


discendente che non oltrepassa la parte cervicale del midollo spinale. Esso è
formato di fibre nervose, sia dirette che crociate, che provengono dai nuclei
vestiboIari del midollo allungato. Mette capo al corno anteriore del midollo
spinale.
II fascio vestibolo.spinale anteriore, che reca impulsi captati dai receuori
del senso statico dell'orecchio, provvede a determinare cambiamenti di posi.
zione della testa e degli arti superiori al fme del mantenimento dell'equilibrio;
esercita inoltre un controllo sul tono muscolare.
6 .!!.....fu.cio reticolo-spinale atlteriore, diretto, è un fascio discendente a
.

funzione motrice, che appartiene al sistema delle vie extrapiramidali.


Il fascio reticolo·spinale anteriore è costituito da fibre nervose che proven­
gono dalla parte omolaterale della formazione reticolare del mesencefalo e di
quella del ponte. Tali sue fibre mettono capo al corno anteriore del midollo
spinale, dove esercitano un'azione sollecitatrice sui lnotoneuroni, cedendo in·
fatti impulsi facilitanti ai motoneuroni ex ed impulsi attivanti ai motoneuro·
Ili -y; danno inoltre impulsi ai neuroni pregangliari.
7 . li fascio rubro·spinale anteriore, crociato,
è un piccolo fascio discen·
dente motore, pertinente al sistema delle vie extrapiramidali; esso è limitato alla
parte cervicale del midollo spinale. Le sue fibre, che sono nate nella parte ma·
gnicellulare del nucleo rosso del mesencefalo e si sono incrociate nella decus·
sazione del Forel, terminano nel corno anteriore del midollo spinale, dove hanno
un'azione di controllo sul tono muscolare e sull'attività motrice.
8. Il fascio olivo·spinale, parzialmente crociato, è un fascio discendente
che è posto presso la superficie, all'estremità laterale del cordone anteriore del mi­
dollo spinale; esso è unito al fascio spino--olivare con il quale forma il fascio
triangolare (del Helweg). E' un fascio motore che appartiene al sistema delle vie
extrapiramidali.
Il fascio olivo-spinale proviene dal nucleo olivare inferiore del midollo al·
lungato. Le sue fibre mettono capo via via al corno anteriore del midollo spi­
nale.
9. Il fascio spino-olivare, crociato, è un fascio ascendente, sensitivo, che de­
corre confuso con il fascio olivo.spinale, unitamente al quale forma il fascio
triangolare (del Helweg). E' costituito da fibre crociate che, nate dal corno po·
steriore eterolaterale del midollo spinale, si portano al nucleo olivare inferiore
e alle paraolive del midollo allungato, donde la via prosegue poi per il cervel­
letto tramite le fibre olivo-cerebellari. Il fascio spino-olivare, dal punto di vi·
sta funzionale, viene ritenuto omologo dei fasci spino.cerebellari dorsale (del
Flechsig) e ventrale (del Gowers), recando esso infatti stimoli della sensibilità
pro�ocettiva incosciente del tronco e degli arti.
10. 11 fascio spino-tafamico anteriore è un fascio ascendente , sensitivo ; es·
so è posro nella parte laterale del cordone anteriore del midollo spinale, davanti
ai fasci spino-talamico laterale e tetto-spinale del cordone laterale, unicamente
ai quali forma il lemnisco spinale. Il fascio spino-talamico anteriore reca gli im­
pulsi della sensibilità tattile protopatica del tronco e degli arti; fa parte pertanto
del secondo tratto della via spirto·talamo.corticale, deputata al trasporto di
detta sensibilità.
30 MIOOLLO SPINALE

Il fascio spino-talamico anteriore è crociato; le sue fibre onglnano infatti


dal nucleo della testa del corno posteriore (o nucleo proprio del corno poste­
riore) eterolaterale c, dopo essersi incrociate nella zona mediana del midollo
spinale, si fanno ascendenti entrando appunto nella costituzione del fascio me­
desimo. Il fascio spino-talamico anteriore, dopo avere percorso il tronco cere­
brale, mette capo al nucleo ventrale posteriore del talamo; molte sue fibre ter­
minano invece nella formazione reticolare del midollo allungato e in quella del
ponte, donde poi partono fibre sia per il calamo che per il cervelletto.

Fasci del cordone laterale. Anche i fasci.del cordone laterale del midollo spi­
Lasci discendenti e da fasci ascendenti, oltre che da
nale sono rappresentati da
un {ascio a Funzione associativa intersegmentale. l fasci del cordone lacerale
del midollo spinale (fig. 14) sono i seguenti.
(i) Il (ascio fondamentale laterale è un fascio a funzione aSSOclatiVa imer­
segmentale , che è pOSto nella profondità del cordone laterale del midollo spi­
nale. Origina da cellule funicolari dell'apparato intersegmentale della sostanza
grigia del midollo spinale, le cui fibre, immessesi nel fascio medesimo, si divi­
dono ciascuna in un ramo ascendente ed in uno discendente. Tali rami, dopo
avere percorso due o tre segmenti spinali, abbandonano il fascio fondamentale
laterale ed entrano nella sostanza grigia del midollo spinale, associando così
segmenti spinali posti a diverse altezze.
Q.) Il (
ascio piramidale crociato (o fascio cortico-spinale laterale) è un gran­
de fascio discendente che occupa la parte intermedia del cordone laterale del
midollo spinale, spostato posteriormente. Esso rappresenta la parte più cospi­
cua del fascio piramidale, quella cioè che a liveUo del midollo allungato si è
incrociata nella decussazione delle piramidi ; è pertanto il fascio motore che reca
gli impulsi per la modlità volontaria e cosciente.
Originato dalla corteccia cerebrale della circonvoluzione fromale ascenden­
te dell'emisfero cerebrale eterolaterale, il fascio piramidale crociato percorre il
midollo spinale per tutta la sua lunghezza e va grado grado assottigliandosi perché
continuamente cede fibre che passano nel corno anteriore omolaterale del midollo

,'3) Il
spinale, dove si mettono in rapporto sinaptico con i motoneuroni.
fascio reticolQ:s.pinalUaterale è un fascio discendente che è posto
subito all'innanzi del fascio piramiclale crociato. Appartiene al sistema motore
delle vie extrapiramidali ; esso eserciterebbe un'azione inibitrice sull'attività dei
motoneuroni del corno anteriore del midollo spinale.
II fascio reticolo-spinale laterale origina dalla formazione reticolare del midol­
lo allungato. Le sue fibre, che sono sia dirette che crociate, terminano nel corno
anteriore del midollo spinale.
4) 11 fascio rubro-sp-inale laterale è un fascio discendente, motore, che si trova
all'innanzi del fascio piramidale crociato, di lato al fascio reticolo-spinale late­
rale. Fa parte del sistema delle vie extrapiramidali, recando impulsi che control­
lano l'attività motrice ed il tono muscolare.
Il fascio rubro-spinale laterale, analogamente al fascio rubro-spinale ante­
riore del quale è però più voluminoso, prende origine nel mesencefalo dalla par­
te magnicellulare del nucleo rosso e si incrocia neUa decussazione del Farei.
Esso percorre il cordone laterale del midollo spinale, cedendo gradualmente
lIIlDOLLO SPINALE 31

-V Il
fibre che entrano nel corno anteriore.
fascio tetto-sp-inale laterale è un fascio discendente che rappresenta
parte diretta delle vie ottica ed acustica riflesse, deputate a causare movimen­
ti riflessi in seguito ad impulsi luminosi ed uditivi.
Il fascio tetto-spinale laterale origina, analogamente al fascio tetto-spinale
�reriore, dalla lamina quadrigemina del mesencefalo, ma le sue fibre non subi­
scono alcun incrociamento; esse discendono infatti olTlolaterali al corno ante­

6)
riore del midollo spinale, dove contraggono sinapsi con i motoneuroni.
Il fascio vestibolo-sp-inale laterale è un fascio discendente, diretto, che
naste dai nuclei vestibolari del midollo allungato. Esso percorre longirudinalmente
l'intero midollo spinale, emettendo via via fibre che entrano nel corno anteriore
del midollo spinale stesso.
Il fascio vestibolo-spinale laterale, che reca impulsi provenienti dai recettori
del senso statico dell'orecchio, determina movimenti riflessi del corpo atti al man­
tenimento od alla ripresa dell'equilibrio, esplicando la sua azione specie sui

:j) Il
movimenti del tronco e degli arti inferiori.
fascio spino-talamico laterale è un fascio ascendente, sensitivo, che
occupa la parte intermedia del cordone laterale del midollo spinale verso l'avanti,
contiguo al fascio spino-talamico anteriore. Fa parte del secondo tratto della
via spino-talamo--corticale e trasporta gli impulsi della sensibilità termica e di
quella dolorifica del tronco e degli arti.
Il fascio spino-talamico laterale, che unitamente al fascio spino-talamico
anteriore ed al fascio spino-tettale costituisce il cosiddetto lemr,isco spinale,
è un fascio crociato. Le fibre del fascio spino-talamico laterale originano infatti
dal nucleo della testa del corno posteriore ( o nucleo proprio del corno posteriore)
eterolaterale e, dopo essersi incrociate nella parte mediana del midollo spinale,
passano nel cordone laterale dove si fanno ascendenti costituendo appunto il
fascio medesimo. Il fascio spino-talamico laterale percorre il tronco cerebrale e
mette capo al nucleo ventrale posteriore del talamo; molte sue fibre si arrestano
però nella formazione reticolare del midollo allungato ed in quella del ponte, da
cui partono poi fibre che entrano nel fascio medesimo per raggiungere il talamo,

@) 11 {ascio
oppure che si portano al cervelletto.
spino-tettale è un fascio ascendente che decorre addossato al
fascio spino�talamico laterale, analogamente al quale prende origine dal nucleo
della testa del corno posteriore del midollo spinale ed è crociato. Esso mette
capo alla lamina quadrigemina del mesencefalo e trasporta impulsi della sensibi­

o Il lemnisco viscerale è
lità esterocetÙva protopatica, pare specialmente dolorifica.
dato da un insieme di fascetti ascendenti, sparsi, che
prendono origine dai nudei viscerosensitivi della base del corno posteriore del
midollo spinale e che sono pertanto deputati al trasporto degli stimoli della

�� el tronco cerebrale ed all'ipotalamo periventricolare.


sensibilità viscerale. Esso mette capo al talamo, oltre che alla formazione reti­

� 11 fascio spino-cerebellare dorsale (del Flechsig) è


cola ,
un fascio ascenden­
te, sensitivo, che occupa la parte posteriore della superficie del cordone laterale
del midollo spinale. Esso reca gli impulsi della sensibilità propriocettiva inco­
scient�, soprattutto quella del tronco, al cervelletto.
Il fascio spino-cerebellare dorsale (del Flechsig), che è diretto, prende ori-
32 MIDOLLO SPINALE

,,----- midollo spinale

/---f<
-- lScicc,lo cuneato

t---f
--- ascicolo gracile

radici posteriori
dei nervi cervicali
e toraciei I - IV

radici posteriori
dei nervi
taradci V - XlI,
lombari
sacTali e coccigeo

Figura 1 s . Schema della costituzione dei fascicoli gracile (del Goll) e cuneato (del Burd.ch)
del cordone posteriore del midollo spinale (lato sinistro).
MIDOLLO SPINALE 33

gine dalla colonna del Clarke del corno posteriore omolaterale del midollo spi­
nale. Percorso il midollo spinale, entra nel peduncolo cerebellare inferiore e
giunge nel cervelletto, dove mette capo alla corteccia cerebellare del paleoce­

@ Il fascio spino-cerebellare ventrale


rebello.
(del Gowers) è un fascio ascendente,
sensitivo, che trovasi nella parte anteriore della superficie del cordone laterale del
midollo spinale. Esso porta gli impulsi della sensibilità propriocettiva incosciente,
specialmente quella degli arti, al cervelletto.
Il fascio spino-cerebellare ventrale (del Gowers) , che è crociato, nasce dal
nucleo intermedio mediale del corno posteriore eterolaterale del midollo spi­
nale. Giunto al mesencefalo, entra nel peduncolo cerebellare superiore ed arri·
va così al cervelletto. dove termina nella corteccia cerebellare del palcocere­
bello.

Fasci del cordone posteriore, l fasci del CQrdo21tq'lOs.teoQre del midollo spinale
(fig, 14). fatta eccezione del fascio fondamentale posteriore che è un fascio a
funzione associativa intersegmentale, sono fasci sensitivi costituiti dalle fibre
radicolari posteriori di grosso calibro, nate dai neuroni a T dei gangli spinali
omolaterali. Tali fibre infatti, entrate nella zona radicolare del midollo spinale
si dividono ciascuna in un ramo ascendente ed uno discendente, che passano poi
nel cordone posteriore del midollo spinale. Quivi, i rami ascendenti formano due
grossi fasci : il fascicolo gracile (del Goll) ed il fascicolo cuneato (del Burdach), che
salgono all'encefalo recando gli impulsi della sensibilità tattile epicritica e della
sensibilità propriocettiva cosciente del tronco e degli arti; i rami discendenti
costituiscono due fasci di calibro minore: il fascio ovale (del Flechsig) ed il fascio
a virgola (dello Schultze), che sono destinati al corno posteriore del midollo

@ tLiascio iondamentale p-osteriore


spinale.
è posto nella profondità del cordone
posteriore. Esso risulta formato di fibre che originano dalle cellule funicolari del­
l'apparato intersegmentale del corno posteriore e che, entrate nel fascio stesso,
si dividono ciascuna in un ramo ascendente ed in uno discendente ; tali rami,
dopo avere percorso due o tre segmenti spinali, abbandonano il fascio medesimo e

� !!..1ascicolo gracile
passano nel corno posteriore del midollo spinale,
(del Goll) forma da solo la gran parte del cordone
posteriore nella metà inferiore del midollo spinale.
Il fascicolo gracile (del Goll) è costituito dai rami ascendenti che origina­
no dalla biforcazione, entro la zona radicolare del midollo spinale , delle fibre
radicolari posteriori dei nervi coccigeo, sacrali e lombari e dei nervi toracici
del XII al V incluso (fig. 15); esso inizia pertanto all'estremità inferiore del
midollo spinale e, salendo verso l'alto, va grado grado ingrandendosi sino al V
segmento toracico, donde prosegue verso l'alto mantenendo immutata la pro­
pria dimensione. Il fascicolo gracile (del Goll) si porta al midollo allungato,

o Jl.1.ascicolo
dove termina nel nucleo del fascicolo gracile (o nucleo del Goll).
cuneato (del Burdach) fa la sua comparsa nel cordone po­
steriore, a lato del fascicolo gracile (del GolI), nella metà superiore del midol­
lo spinale. Andando verso l'alto, va sempre più ingrandendosi fino a diventare
più voluminoso del fascicolo gracile (del Goll) stesso, rispetto al quale ha an-
34 MIDOLLO SPINALE

che fibre nervose di calibro maggiore.


il fascicolo cuneatO (del llurdach) è formato dai rami ascendenti di divi­
sione dctle fibre radicolari posteriori dei nervi toracici dal IV al [ e di quelli
di tutti i nervi cervicali (fig. 15). Esso raggiunge il midollo allungato, dove mette
capo al nucleo dci fascicolo cuneato (o nucleo del Burdach).
4l !l fascio ovale (del Flechsig) è un fascio relativamente esile, situato nella
parte più mediale del cordone posteriore del midollo spinale, dove è compreso
tra il fascicolo gracile (del GoU) ed il septum posterillS. Si estende dall'ultimo
segmento cervicale all'estremità inferiore del midollo spinale.
11 fascio ovale (dci Flechsig) è costituito dai rami discendenti di divisione
delle fibre raclicolari posteriori, i rami ascendenti delle quali sono entrati nel
fascicolo gracile (del Goll) o nel fascicolo cuneato (del Burdach). Esso, nel suo
decorso verso il basso, cede costantemente fibre che si addentrano nel corno

®
posteriore del midollo spinale.
Y!llcio a vi.!g!ZJa (dello Schultze), in alto, è pOSto nella parte centrale del
cordone posteriore del midollo spinale, tra il fascicolo gracile (del Coli) ed il fa­
scicolo cuneato (del Burdach); in basso, travasi lateralmente al fascicolo
gracile (del Goll). Esso è particolarmente sviluppato in corrispondenza del ri­
gonfiamento cervicale e di quello lombare del midollo spinale.
Il fascio a virgola (dello Schulrze) è anch'esso formato, analogamente al fascio
ovale (del Flechsig), dai rami discendenti di divisione delle fibre radicolari poste­
riori i cui rami ascendenti hanno costituito il fascicolo gracile (del Coll) o il
fascicolo cuneato (del Burdach). Lungo il suo cammino discendente, esso cede via
via fibre che passano nel corno posteriore del midollo spinale.

Canale centrale del midollo spinale


Il midollo spinale ha come sua cavità il canale centrale del midollo spinale
o canale dell'ependima) (fig. 6) che, scavato al centro deUa commessura gri­
gia, lo percorre assialmente per tutta la lunghezza.
Il canale centrale del midollo spinale è sottilissimo, spesso in alcuni punti
è anche obliterato. Esso in alto si continua, per un ccrto tratto, entro il midol­
lo allungato e si apre poi nel IV ventricolo. Inferiormente termina a fondo cie­
co i n corrispondenza del cono midollare del midollo spinale, dove forma una
dilatazione, che è detta ventricolo terminale (del Krause). Contiene li9Eido
cefalo-racnidiano.
Il canale centrale del midollo spinale è rivestito dell 'ependima, strato di
cellule cilindriche di natura gliale.
ENCEFALO

L'encefalo (fig. 1 6 ) , avvolto dalle sue meningi, occupa la cavità del cranio.
Ha la forma di un grosso ovoide ad asse maggiore sagittale, convesso nella sua
faccia superiore e grosso modo appiattito in quella inferiore. Pesa, in media,
gr 1308 nell'uomo e gr 1171 nella donna.
Da un punto di vista macroscopico, prescindendo da considerazioni em­
briologiche, l'encefalo può essere suddiviso in tre parti: il tLcmaLc..e.abrale,
il cervelletto, il cervello.
Il tronco cerebrale (o tronco encefalico) fa seguito al midollo spinale e com­
prende, dal basso verso l'alto, il midollo allungato (o bulbo), il ponte ed il me­
sencefalo.
n cervelletto è situato dietro al midollo allungato ed al ponte. E' congiun­
to al tronco cerebrale dalle tre paia di peduncoli cerebellari, di cui gli inferio­
ri lo uniscono al midollo allungato, i medi al ponte ed i superiori al mesence­
falo.
Il cervello fa seguito al mesencefalo e costituisce la parte superiore dell'en­
cefalo e quella nettamente più voluminosa. Esso comprende il diencefalo ed
il telencefalo; quest'ultimo, che presenta lo sviluppo di gran lunga maggiore,
consta dei due emisferi cerebrali con le formazioni interemisferiche ed ingloba
pressoché totalmente il diencefalo.
Considerata invece la storia del suo sviluppo, l'encefalo è da suddividersi
in tre parti fondamentali, che corrispondono alle parti derivate distintamente
dalle tre primitive vescicole costituenti l'abbozzo dell'encefalo nell'embrione;
tali tre parti, dal basso verso l'alto, sono: il rombencefalo, il mesencefalo ed il
proencefalo. Il rombencefalo viene dis'tinto a sua volta in mielencefalo, che è il
midollo allungato, e metencefalo, rappresentato dal ponte e dal cervelletto; il
mesencefalo tale rimane; il proencefalo si suddivide in diencefalo e telencefalo e
corrisponde pertanto al cervello.
Entro l'encefalo sono scavati i ventricoli cerebrali, cavità intercomunican­
ti entro cui scorre il liquido cefalo-rachidiano. Essi, dal basso verso l'alto, sono: il
1 V ventricolo, cavità propria del rombencefalo, che è in continuazione con il
canale centrale del midollo spinale e che è compreso tra il midollo allungato ed il
ponte in avanti ed il cervelletto in addietro; l'acquedotto cerebrale (del Silvio),
cavità propria del mesencefalo, che esso percorre longitudinalmente; il If[ ven­
trt'colo, cavità propria del diencefalo, al centro del quale esso è scavato; i due
36 ENCEFALO

midollo allungato
\fl'fl.

Figura 16. Encefalo, visto dalla sua faccia inferiore.

ventricoli laterali, cavita proprie del telencefalo, accolti ciascuno nel corrispon­
dente emisfèro cerebrale.

Nervi encefalici
All'encefalo sono annessi i nervi encefalici, che sono in numero di 12 paia
e vengono numerati dall'avanti all'indietro in base alla loro emergenza dall'en­
cefalo medesimo. Eccezion fatta per il I ed il Il paio dei nervi encefalici che sono
annessi al cervello, tutti gli altri nervi encefalici fanno emergenza, ossia hanno
la loro origine app.arente, in corrispondenza del tronco cerebrale, il quale ne
contiene anche i nuclei.
Alcuni nervi encefalici sono nervi motori, altri sono nervi sensitivi, altri
-- -- -

infine sono nervi misti, cioè con una componente motrice od effettrice ed una
sensitiva.
Le fibre motrici somatiche dei nervi encefalici, deputate ad innervare la
muscolatura volontaria, prendono origine dai nuclei somatomotori, che sono
ENCEFALO 37

\ '''f:::� 7L-------d,/ nervo oculomotore


nucleo visceroeffettore nucleo somatomotore prindpale


lkl nervo °'uk,m,ot'''' ---------' -�==
'''' : -

�:������=
If
M
del nervo o: : � ::� �\ç �� :-='�
CleO Somotomoto ' 'nt o/'
' ' '

,L�r ?R�
- ------
).

"'' � nucleo della radice mesencefalica


nervo trigemino

->.,-------�/.t
nudeo del nervo t"'d,''''-
- --------; nucleo sensi/ivo prindpale

-------7�''''::--f___;r -,._-:::..---__
nervo trigemitlo
nucleo motore

----f-----! ---j'---"",,ko salivatorio superiore


fkl nervo tn,'''ni'w _ n""/'o del nervo abducente

-.eleo vestibolare superiore

�leo cocleare do"ok _____ -' '''',--: "';;


:;>'-
- --"""/'0 salivatorio inferiore

�leo cocleare ""*0/' ______ / rr�------ ,'u"ko dell'ala cinerea

_deo vestibolare .",,,/, ______ -.-/ '-- _______ J


" ,d"o laerimatorio

mu;leo vestibolare m'·di"k ______ J '- ______ .n'''''w del tlf:rvo faciale

/
-\---'I
nucleo vestibolare i''
, '-

_
j 'no" ________ _____ nud,o del fascicolo solitario

-t�
�__

_
_eleo del nervo i',
'og/o,"o _________ """"o motore dorsale del nervo vago

tti::±:Bl
'--

I-___
�ko om'��"o '''''''0 del nervo accessorio del vago

I
__
____
____
____
____ ____

IfUdeo del nervo accessorio 'pm''''.


- ----- ____ m""o della radice discendente
del nervo trlgemino

Figura 17. Nuclei dei nervi encefalici, proiettati sulla faccia posteriore del tronco cerebrale. In rosso, i nuclei soma­
tomotori; in giallo, i nuclei visceroeffettori; in auurro, i nuclei sensitivi.

formati dicellule motrici somatiche o motoneuroni.


Le fibre effettrici viscerali o fibre pregangliari dei nervi encefalici nascono
dai nuclei visceroeffettori, che sono costituiti da cellule effettrici viscerali o
"euroni pregangliari. Tali fibre effettrici viscerali si portano ai gangli del pa­
rasimpatico encefalico, dai quali traggono poi origine le fibre postgangliari per
l'innervazione della muscolatura involontaria e delle ghiandole.
Le fibre sensitive sia somatiche che .viscerali e della sensibilità speci&a
dei nervi encefalici, escluse quelle del nervo olfattivo e del nervo ottico, nascono
dai gangli encefalici (o gangli cerebrali), che sono posti lungo il decorso dei nervi
stessi, Detti gangli encefalici, analogamente ai gangli spinali, sono formati di
neuroni a T, ossia di neuroni sensitivi (o protoneuroni sensitivi) che sono prov­
visti di un neurite il quale si divide a T, dando una fibra periferica ed una fibra
centrale; fanno eccezione solamente il ganglio vestibolare (dello Scarpa) ed il
ganglio spirale (del Corti), pertinenti al nervo acustico, i quali hanno neuroni
sensitivi che emettono direttamente due fibre, l'una periferica e l'altra centrale.
Mentre le fibre periferiche dei neuroni a T dei gangli encefalici vanno a distribuirsi
38 ENCEFALO

nei territori periferici del corpo, le fibre centrali entrano nell'encefalo, dove
terminano nei nuclei sensitivi; da questi poi le vie sensitive dei nervi encefalici
proseguono verso il talarno e poi la cortecda cerebrale.
I nuclei dei nervi encefalici (fig. 17) sono localizzati nella parte posteriore o
dorsale del tronco cerebrale, cioè nella così detta callatta (o tegmento) del tronco
cerebrale. Essi hanno inoltre una regolare distribuzione, per cui in posizione
mediale sono allineati verticalmente i nuclei somatomotori, subito di lato i nu­
clei visceroeffettori ed infine, in posizione laterale, i nudei sensitivi.

TRONCO CEREBRALE
Il tronco cerebrale (o tronco encefalico) è la diretta prosecuzione verso
l'alto del midollo spinale. Dal basso verso l'alto, esso consta del midollo allun�
gato, del ponte e del mesencefalo.

Midollo allungato
il midollo allungato (o � (flgg. 1 8 e 1 9 ) è compreso tra il midollo spinale,
che gli è poSto inferiormente, ed il ponte, che gli sta sopra. Il suo conune con
il midollo spinale è dato da un piano trasversale che passa ad uguale distanza
tra l'emergenza del I paio dei nervi spinali (I nervo cervicale) e quella del XII
paio dei nervi encefalici (nervo ipoglosso) ; tale confine è talora segnato da un
lieve restringimento, chiamato colletto del bulbo. Il suo limite col ponte è dato
da un altro piano, pure trasversale, che passa per il solco bulbo-pontino, pro�
fonda depressione orizzontale scavata anteriormente tra il midollo allungato
ed il ponte.
il midollo allungato è per la gran parte contenuto nella cavità del cranio,
in rapporto anteriormente con il corpo dell'osso occipitale e posteriormente
con il cervelletto, tramite l'interposizione del IV ventricolo. Ma poiché il mi­
dollo allungato oltrepassa inferiormente il foro occipitale, esso viene a spor­
gere per brevissimo tratto entro il canale vertebrale, raggiungendo in avanti
l'apice del dente dell'epistrofeo ed in addietro la membrana oçcipito-adantoidea
posteriore.
Il midollo allungato ha grosso modo la forma di un cono tronco capovolto,
orientato pressoché verticalmente con solo una lieve inclinazione verso l'indie­
tro. Misura circa 25 mm di altezza, 2 2 mm di larghezza e 14 mm di spessore.
Il midollo allungato presenta a considerare .una /accia anteriore, due facce
laterali. dest.ta...&.. sinistra..ed.. una.1acciaposterjore.
.

La faccia anteriore del midollo allungato (fig. 18) è percorsa verticalmen­


te, lungo la linea mediana, dalla fessura mediana allteriore, che è la prosecu­
zione di quella del midollo spinale. Tale fessura, presso la sua estremità infe�
riore, è obliterata per un certo tratto da fasceni di fibre nervose, incrodantisi
obliquamente, che costituiscono la decussaziQne delle f!-iramidi (o itlcrociamento
delle piramidi) ; superiormente, raggiunge il solco bulbo-pontino, dove termina
con una depressione denominata foro cieco (del Vicq d'Azyr). Da ciascun lato
della fessura mediana vi è un grande rilievo longitudinale, chiamato piramide,
ENCEFALO 39

chiasma o"',,' ___ _ __ _ _____ ���.___::�---------------.,, ottico

n, ..--.1r--------P,d,'",'olo cilrf!bmle
solco pontino '"""'O.', _
_ __ __ -'.,;;;r p __________ n,. trigemino

/--p"'••,,olo cercbell<Jre medio


solco b"',"",' --------f--::
----,I---- n, facia� proprlametlte detto
n. intermedio (del Wrisberg)

n, 'og" _______ / '---- - - ___ n, acustico

1'1. accessorio dd' "','o ---�/ '- ___ __ _ _ _ __ n, ipoglDsso

midollo 0/1''"''0''' ./ '---J.--- �""O mediana anteriore

--++-I
__ __ _ _ _ _ __

del midollo allungato


midollo ,p"",. ___________

'- _ ______ o.,,""u"'n' Jelle piramidi

Figura 18. Tronco cerebrale, visto anteriOrmente.

che in basso si perde nella decussazione delle piramidi. Sopra alla piramide, nel
solco bulbo-pontino, fa emergenza il nervo abducente (VI nervo encefalico).
Di lato alla piramide decorre verticalmente il solco laterale anteriore, che è in
continuazione col solco omonimo del midollo spinale; in esso emergono le ra­
dicale del nervo ie.oglosso (XII nervo encefalico).
Ciascuna [accia laterale del midollo allungato (fig. 18) presenta, immedia­
tamente di lato al solco laterale anteriore, il cordone laterale, che è la prose­
cuzione del cordone laterale del midollo spinale; esso mostra, nella sua parte
supenore, un voluminoso rilievo ovalare ad asse maggiore verticale, che è chia­
mato oliva�
Dietro al cordo ne laterale è scavato longitudinalmente il solco laterale cr

steriore ; in esso fanno emergenza successivamente, procedendo dal basso verso


l'alto, le radicale del nervo accessorio del vag.o (XI nervo encefalico), quelle
del nervo vago (X nervo encefalico) e quelle del nerVQ glosso-faringeo (IX nervo
encefalico). Il solco laterale posteriore, raggiungendo superiormente il solco
bulbo-pontino, fotma la fossetta retroliv(lre, nella quale vi sono l'origine apparente
del nervo (lcustico (VIII nervo encefalico) e, subito medialmente, l'origine ap-
40 ENCEFALO

parente del nervo faciale (VII nervo encefalico), il quale è scomposto nel nervo
intermedio (del hlrisberg), che è laterale, e nel nervo faciale propriamente detto,
che è mediate.
La faccia anteriore e quella laterale del midollo allungato sono percorse
dalle fibre arciformi esterne, Sono fascetei di fibre nervose, arcuati a concavità
superiore, che fuoriescono dalla fessura mediana anteriore, passano sotto l'oliva e
raggiungono la faccia posteriore del midollo allungato dove si uniscono al pe­
duncolo cerebellare inferiore.
Nella [accia posteriore del midollo allungato (fig. 1 9 ) sono da distinguersi
una superficie libera, inferiore, ed una JMP-crficie ventricolare, superiore; questa
ultima corrisponde al pavimento del IV ventricolo.
La superficie libera della faccia posteriore del midollo allungato è percor­
sa longitudinalmente, lungo la linea mediana, dal solco mediano posten'ore e
presenta sui lati i cordoni posteriori, prosecuzione dei cordoni posteriori del mi­
dollo spinale. Ciascun cordone posteriore è solcato verticalmente dal solco in­
termedio posteriore che segna il confine tra la sua parte mediale, spettante al
fascicolo gracile (del GolI), e quella laterale, pertinente al fascicolo cuneato
(del Burdach). Alla estremità superiore del fascicolo gracile (del Goll) vi è un
rilievo: la clava, ed a quella del fascicolo cuneato (del Burdach) vi è un altro ri­
lievo: il tubercolo cuneato.
Le due clave, destra e sinistra, in alto si allontanano un poco tra di loro;
rimangono tuttavia congiunte da una sottile lamella grigia: l'obex, che circo-

braccio quadrigemino superiore

braçcio quadrigemi"o inferiore


a�
. ...... . �
tubercolo quadrigemino superiore

tubercolo quadrigemino inferiore

��
" .

laminll qUCldrigcmina

/ I)
J ? ""
4'
n. trockare �
____peduncolo cerebellare superiore
/'
frenu.lo del velo midollare anteriore ,
, tubercolo acustico

�\I !\,
________

velu midollarc arltcriore peduncolo cerebellare medio


,
\\ ...- �< I
.Y I
locus çoeruleus J'eriore
peduncolo cerebelÙlre inl"

......- strie mUlo/ldn" del IV ve"tricolo

ala bilmca esterrnl


0 mediano del pallimento del IV ventric%

/
1:1:(
ala bianca Imerrnl . tuberc% Cuneato

�l,\t��
ala citum�a

Figura 19. Tronco çCfcbrale, visto posterionnente, e pavimento del IV ventricolo.


ENCEFALO 41

scrive posteriormente l'orifizio di apertura del canale centrale del midollo spi­
nale nel IV ventricolo e che rappresenta l'estremità superiore della commessu­
ra grigia posteriore del midollo spinale.
In alto, la superficie libera della faccia posteriore del midollo allungato pre­
senta i due peduncoli cerebellari inferiori, destro e sinistro, ciascuno dei quali
apparentemente è la continuazione del corrispondente cordone posteriore al
di sopra della clava e del tubercolo cuneato. I due pcduncoli cerebellari infe­
riori già all'origine cominciano a divaricare; essi si portano verso l'alto, sempre
più allontanandosi tra loro e, raggiunto il confine tra il midollo allungato ed il
ponte, piegano in addietro ed entrano nel cervelletto.
La superficie ventncaIare della faccia posteriore del midollo allungato è la
zona affondata che è compresa tra i due peduncoli cerebellari inferiori . Essa
rappresenta la parte inferiore del pavimento del IV ventricolo, essendone la
parte superiore costituita dalla faccia posteriore del ponte. La superficie ven­
tncolare del midoll o allungato ha la forma di triangolo ad apice inferiore . E'
percorsa longitudinalmente, nel mezzo, dal solco mediano del pavimento del IV
ventn'colo (o stelo del calamo scrittario). Da ciascun lato di tale solco, proce·
dendo in senso medio-laterale, presenta dapprima un rilievo triangolare a base
superiore, che è denominato ala bianca interna (o frigono dell'ipoglossa), poi una
depressione triangolare a base inferiore, che per il suo colorito è chiamata aia
cinerea, da ultimo ancora un rilievo triangolare a base superiore, che è detto ala
bianca esterna.

Costituzione interna del midollo allungato


Verranno considerate cinque sezioni trasversali del midollo allungato, con·
dotte successivamente dal basso verso l'alto.
l . In una sezione trasversale passante per l'estremità inferiore del midol­
lo allungato (fig. 20), presso il confine con il midollo spinale, la sostanza grigia
e la sostanza bianca presentano una distribuzione che è pressoché analoga a
quella che esse hanno nel midollo spinale. Si notano tuttavia alcune importan­
ti particolarità.
Ciascun corno anteriore della sostanza grigia presenta alla sua base, ptesso
il contorno laterale, l'estremità superiore del nucleo del nervo accessorio spinale,
nucleo somatomotore che è deputato all'innervazione dei muscoli sterno·deido­
-mastoideo e trapezio e che già era presente nella parte superiore del midollo
spinale. Le fibre motrici somatiche che vi originano si portano lateralmente ed
escono riunite in fascetti, i quali si uniscono agli altri emergenti dalla parte cer­
vicale del midollo spinale per formare appunto il nervo accessorio spinale.
L'estremità della testa di ciascun corno posteriore è abbracciata da un fa·
scio semilunare di fibre nervose discendenti che sostituisce la zona marginale
(del Lissauer) del midollo spinale: è la radice discender!te del nervO tn'gemino
(o tratto s inale del nervo tri emitlO). Questa è formata di fibre sensitive soma­
tiche provenienti dal ganglio semilunare (del Gasser) del nervo trigemino; trat­
tasi infatti delle fibre centrali dei neuroni a T del ganglio semilunare (del Gas­
ser) le quali, entrate nel ponte, hanno piegato verso il basso, organizzandosi
appunto a costituire detta radice discendente che percorre l'intero midollo al-
42 ENCEFALO

lungato fma a raggiungere i primi segmenti cervicali del midollo spinale. La radice
discendente del nervo trigemino accoglie anche le fibre sensitive somatiche nate
dal ganglio giugulare del nervo vago, dal ganglio superiore (dell'Ehrenritter del i
nervo glosso-faringeo e dal ganglio genicolato del nervo intermedio (del Wrisberg)
del faciale, che vi entrano in corrispondenza del midollo allungato; tranasi delle
fibre centrali dei neuroni a T di detti gangli.
L'estremità della testa del corno posteriore è ora occupata dal nucleo della
radice discendente del nervo trigemino, che ha sostituito il nucleo della sostanza
gelatinosa (del Rolando) e che riceve le fibre della stessa radice discendente
del nervo trigemino. Tale nucleo, cui afferiscono gli impulsi della sensibilità
[attile protoparica e delle sensibilità termica e dolorifica della testa, emette
fascetti di fibre nervose che, dopo incrociamento, piegano verso l'alto ed entra­
no nella costituzione del lemnisco trigeminale, destinato al nucleo ventrale po­
steriore del talamo; dà inoltre fibre nervose ai nuclei somatomotori e viscero­
effettori degli altri nervi encefalici per gli archi riflessi, e fibre nervose alla for­
mazione reticolare del midollo allungato ed a quella del ponte; dà origine infine
gemino-cerebellari, crociate, che seguendo il peduncolo cerebellare
alle fibre tn
inferiore si recano al cervelletto, dove terminano nella corteccia cerebellare del
paleocerebello.
2. Una sezione trasversale del midollo allungato condotta poco sopra la
precedente e passante per la decussazione delle piramidi (fig. 21) dimostra che
i Lasci piramidali destro e sinistro, provenienti ognuno dalla circonvoluzione
frontale ascendente del rispettivo emisfero cerebrale, con la maggior parte delle

fascicoIo longitudinale mediale


r------

fascicolo cUrn'!ato , J fascio vestia% -spimlle anteriore

radice disamd,mte
,--nucleo del nervo accessorio tpimlIe
del Ilet'110 tngemino
,
nucleo della radice discendente
fascio piramidale crociato
� del nervo trigemino
fasco
i spl'lO-cerebelLlre dorsale......
\---o----�c mo posteriore
t---fascio tetto-spinak anteriore
fascio reticolo-spinale Ioterale-

1-----corno anteriore
fascio rubra-Ip/ml/e laterale-­

� 'L-fascio rubro-tpinale anteriore


fascio .m;"o,./cttale -

fascio tpino-cerebellare ventrale

f(Jfdo rpi" o-taw.mico laterale---'"


-'---fascio reticolo-spinale /lnteriore
V fascio piramidtJle diretto
fl1..fcio spi7lo-talt1.mico anteriore----/'"

I E�
\
fascio olivo-sDinale fo.scio vestibolo-tpinale l/lter/lIe

fascio spillo-olivare --------� fascio tetto-spinale LJter/lle

Figura 20. Sezion e trasveuale del midollo allungato. passante in prossimità della sua estremità inferiore.
ENCEFALO 43

fmcicolo ,,,""' ,- "'""''" del fmcieolo gracile


-------;;
_____

fascicolo '.'''.10 _ _
,--
__
_ '" "
.. del fascicolo cuneato
_ ____

radice discendente nucleo della radice discendt


mte
del nervo tri,''"';"'' _
_ ___ � _____ d" tl(!fl/O 'rlgemino
fmcio spino_urebelUlre do",""_ _____ �'o,'o posteriore

fascio p;'",",;,1,," ,ro,"",, _-'


_
__ l'',io tetto-spifUde I.a.t/!raU

fascio �"ro,"'i ".. _


_ ___ i"''''';''''''10 d/!i fasci piramida1i
fascio spino-cerebellare ",,,,,,I,_� _______ oo,mo anteriorc

-" :",, spinale


6.""'J''--- ''",;o piramidale diretto
fascio ol""'-,p;,<Ù, _____ _______ ,1,",";,,,o

fascio ",;,",-01""", _____ --"

Figura 21. Sezione trasversale del midollo allungato, passante per la decussazione delle piramidi.

fibre si incrociano tra di loro nella parte anteriore del midollo allungato.
Le fibre di c a
i scun fascio piramidale che si sono incrociate si portano in
addietro ed in fuori e, piegando poi verso il basso, discendono nel cordone latera.
le del midoUo spinale, dove costituiscono il fascio piramidale crociato; esse,
nel portarsi al cordone laterale del lato opposto, attraversano il corno anterio­
re eterolaterale e, come si suoi dire, lo decapitano; la sostanza grigia del corno
anteriore medesimo, invasa e scomposta da tali fibre mieliniche, diventa la forma­
zione reticolare. Una parte minore delle fibre dei due fasci piramidali non si
incrocia e, proseguendo verso il basso, entra nel cordone anteriore omolaterale del
midollo spinale, dove forma il [ascio piramidale diretto.
Lateralmente, decorrono nel midollo allungato il Lascio triartgolare (del
Helweg), Q. Jascio spino-cerebellare ventrale (del Cowers) ed il Lascio spino­
cerebellare dorsale (del Flechsig), che si trovano verso la superficie, ed il lemnisco
.il2inale, il fascio t�-spinale laterale ed il fascio rubro-sEinale (del Monakow),
che sono posti più in profondità.
La sostanza grigia del midollo allungato è qui distribuita abbondantemen­
te attorno al canale centrale, dove costituisce la cosiddetta sostanza grigia cen­
trale. E' rappresentata poi, all'estremità di ciascun corno posteriore, dal nucleo
della radice discendente del nervo trigemino, sensitivo, che è abbracciato in super.
fide dalla radice discendente del nervo trigemino. Forma infine, da ciascun lato,
due espansioni che si sollevano posteriormente dalla sostanza grigia centrale e si
affondano entro il fascicolo gracile (del Coll) ed il fascicolo cuneato (del Bur­
dach); esse sono le estremità inferiori del nucleo del fascicolo gracile (o nucleo
del Coll) e del l1I�cleo del fascicolo cuneato (o nucleo del Burdach), ambedue
nuclei sensitivi.
3 . In una sezione trasversale del midollo allungato passante al di sopra di
44 ENCEFALO

fascicolo graclt� ___________ ----" �,------_ nucleo delfascicolo gracik

fascicolo cuneato ________ --, __ "ucleo del nervo accessorio del vago

radice discendente .- nucleo del fascicolo cuneato


--., �
__

del nervo mgemina

t-
_____

nucleo della radice discendente


fascio spino-cerebellare dorsale

r--
de1 nervo trigemino
.......
____

fascio rwbro-spil141e ____ _ nucleo del nervo ipoglosso

fascio tetto-spimlle laterale



1 ___ nucleo del cordone laterale

fascio spino-cerebellare ventrale __1 !.- lemnisco mediale

Z
______

fascio olivo-spinale _____ ---' incrociamento dei lemnischi

'I
1
fascio spino-olivare _
_ _____ _ fascicolo longitudinale media/e

fascio piramidQle

Figura 22. Sezione trasversale dci midollo allungato, passante per la dava ed il tubercolo cuneato.

quella ora considerata ed interessante la clava ed il tubercolo cuneato (fig. 22),


i due (asci piramidali costituiscono le due piramidi nella parte anteriore del
midollo allungato, ai lati della fessura mediana anteriore. Alla superficie di cia­
scun fascio piramidale è applicato, per breve tratto, un sottile strato di sostanza
grigia: è il nucleo arcuato (o nucleo arciforme), che riceve fibre dal fascio pira­
midale ed invia fibre al cervelletto tramite il peduncolo cerebellare inferiore.
Dietro al fascio piramidale, presso il fondo della fessura mediana anteriore,
travasi il fascicolo longitudinale mediale.
Nella parte laterale del midollo allungato, che rappresenta l'estrema pro­
paggine superiore del cordone laterale del midollo spinale, decorrono, presso la
superficie, il fascio triangolare (del Helweg), il fascio spino-cerebellare verztrale
(del Gowers) ed il fascio spino-cerebelk1re dorsale (del Elechsig) e, in profondità, il
lemnisco spinale, il fascio tetto-spùlale laterale ed il fascio rubro-spinale (del
Monakow). Medialmente a tali fasci si trova il nucleo del cordone laterale (o
nucleo laterale), il quale riceve fibre dal lemnisco spinale, dai fasci spino­
cerebellari ventrale e dorsale e dal lemnisco viscerale e dà poi luogo a fibre
nervose che si recano al cervelletto seguendo il peduncolo cerebellare inferiore;
esso è pertanto intercalato lungo vie della sensibilità esterocettiva e di quella
protopatica, inoltre della sensibilità viscerale.
Dietro al nucleo del cordone laterale vi è il nucleo della radice discendente
del nervo trigemino, circondato lateralmente dalla radice discendente del ner-
110 trigemino.
NeUa parte posteriore del midollo allungato, il fascicolo gracile (del Coli)
ed il fascicolo clmeato (del Burdach) appaiono invasi ciascuno da un volumi­
noso ammasso di sostanza grigia: sono rispettivamente il nucleo del fascicolo
gracile (o nucleo del ColI) ed il nucleo del fascicolo cuneato {o nucleo del Bur-
ENCEFALO 4S

dacn), che dalla sostanza grigia centrale vi si affondano incappucciati in superficie


di quanto ancora rimane dei due fascicoli medesimi. Tali due nuclei sensitivi
determinano quei rilievi della faccia posteriore del midollo allungato che sono
chiamati rispettivamente la clava ed il tubercolo cuneato.
Il fascicolo gracile (del Goll) ed il fascicolo cuneato (del Burdach) termi­
nano ciascuno nel loro rispettivo nucleo; dai nuclei dei due fascicoli originano
poi fibre nervose destinate a costituire un fascio singolo, che è il
kmnisco media/e
�ascio bulbo-talamico). Le fibre nervose che nascono dal nucleo del fascicolo
gracile e dal nucleo del fascicolo cuneato si portano in avanti e medialmente,
descrivendo arcate aperte postero-medialmente, onde il nome di fibre arclformi ill­
teme ; giunte all'innanzi del canale centrale, tra questo ed il fondo della fessura
mediana anteriore, esse si decussano con quelle eterolaterali formando l'incro­
ciamento dei lemniscni. Divenute cosÌ eterolaterali, tali fibre nervose si organiz­
zano in un fascio: il lemnisco mediale, il quale si porta verso l'alto in direzione
del talamo, al cui nucleo velltrale posteriore mette capo.
Dal nucleo del fascicolo gracile e dal nucleo del fascicolo cuneato, oltre al
lemnisco mediale, originano anche le fibre bulbo-cerebellari. Parte di queste
si accompagnano alle fibre del lemnisco mediale fino al loro incrociamento,
dove anch'esse si decussano ; indi si portano alla fessura mediana anteriore e,
applicandosi alla supertìcie della piramide, contornano quest'ultima e poi la
faccia laterale del midollo allungato fino a raggiungere il peduncolo cerebel­
lare inferiore, nel quale entrano per recarsi al cervelletto; sono chiamate fibre
arclIonni esterne anteriori. Parte di esse invece emergono sulla faccia poste­
riore del midollo allungato e vi decorrono aderenti, fino a portarsi al pedun­
colo cerebellare inferiore omolaterale ; sono le fibre arciformi esterne poste­
riori.
Entro la sostanza grigia centrale, che è posta attorno al canale centrale, vi
è l'estremità inferiore del nucleo del nervo ipoglosso, somatomotore, e lacero­
posteriormente a quest'ultimo travasi il nucleo del nervo accessorio del vago, che
è visceroeffettore.
4. In una sezione trasversale del midollo allungato condotta al dì sopra
della precedente ed interessante la parte inferiore del pavimento del IV ventri­
colo (fig. 23), la linea mediana appare occupata dal rafe del midollo allungato,
il quale si estende dal fondo della fessura mediana anteriore fino alla sostanza
grigia centrale, che ora forma il pavimento del IV ventricolo. Il rafe del mi­
dollo allungato risulta qui costituito, oltre che dall'incrociamento delle fibre
dei lemnischi mediali originate più in basso, anche dall'incrocia mento delle fibre
olivo-cerebellari che si portano al peduncolo cerebellare inferiore del Iaea op­
pOSto.
Anteriormente, da ciascun lato della fessura mediana anteriore, vi è il fascio
piramidale, che costituisce la piramide ; ad esso è ancora applicato il nucleo
arcuato. Dietro al fascio piramidale si trova il lemnisco mediale che, sezionato
trasversalmente, appare come una striscia triangolare a base anteriore, costeg­
giante il rafe del midollo allungato ; esso è attraversato dalle tìbre nervose che si
portano al rafe del midollo allungato. il lemnisco mediale giunge posteriormente
fino in vicinanza del fascicolo longitudinale mediale, il quale decorre subito a lato
del solco mediano del pavimento del IV ventricolo.
46 ENCEFALO

fasci
colo long/tud/n,lIe dorsale ______-, ,-______ .Iascicolo l<mgitudirwle mediale

radice discendente , _______ nucleo del nervo ipoglosso


del nervo vestibolare _ �,

____

___ nucleo intercalato dello Staderitli


peduncolo cerebellare il1feriore_
,--- nucleo motore dorsale
,
__

fascicolo solitario ____ del nervo vago


fascio r nudeo �stjbolare inferiore
spirw-cerebellare dorsale
del fascicolo solitario

L-- nucleo salivatario inferiore


radice discendente
del nervo trigemino /

/ nucleo della radice discendente

;�
fascio ruhro.spirnde

.J
del nervo trigemino
fascio tetto-spinale laterale
nucleo ambiguo

ventrale

lemnisco spinale I ., \
\
fornuuio"e ruicolare

paraoliva dorsale

fascio piramidale nucleo olivare infuiore

le",nisco mf!diale I \ paraoliva t.lentraÙ!

rafe ______________--' L ______________ nucleo arcuato

Figura 23. Sezione trasversale del midollo allungato, passante per la parte inferiore del pavimento del IV ventricolo.

Lateralmente al fascio piramidale si trova il nucleo olivare inferiore (od


oliva bulbare), cui è dovuto quel rilievo denominato oliva che è visibile sulla
faccia laterale del midollo allungato. E ' un nucleo molto voluminoso che ha la
forma di una lamina grigia pieghettata ed incurvata su sé stessa, così da forma­
re una convessità rivolta lateralmente ed una concavità che guarda medialmente.
La sua convessità è abbracciata dai sistemi delle fibre afferenti al nucleo mede­
simo; la sua concavità, chiamata ilo, dà invece uscita alle fibre efferenti.
11 nucleo ollvare inferiore possiede, come suoi elementi tipici, le cellule
a rovo (o cellule del Vincenzi) (fig. 24). Queste sono caratterizzate dall'avere
dendriti molto ramificati che si ripiegano e si aggrovigliano attorno al pireno­
foro, così che le cellule medesime assomigliano a cesp ugli di rovo; hanno poi
un neunte che, assunta la guaina mielinica, esce dall'ilo del nucleo olivare infe­
riore ::;te::;::;o, entrando nella costituzione di uno dei suoi sistemi efferenti.
I Erincipali sistemi �ffe rentj del nucleo olivare infenore sono: ij1ascio sp.ilw-.:.
-olivare} croc iato, che sale dal corno posteriore del midollo spinale decorrendo
nel fascio triangolare (del Helweg) ; i! Jascio centrale della callotta, che discen­
de dalla zona incerta dell'ipotalamo, dal nucleo rosso del mesencefalo e dalla
formazione rcticolare del tronco cerebrale.
l sistemi efferenti del nucleo olivare inferiore sono: le fibre olivo-cerebel­
lari che, dopo essersi incrociate nel rafe del midollo allungato, proseguono in
ENCEFALO 47

direzione del peduncolo cerebellare inferio're per ragglUngere il cervelletto; il


fascio olivo-sEinale, parzialmente crociato, che si porta al corno anteriore del
midollo spinale, decorrendo nel fascio triangolare (del Helwe�).
Il nucleo olivare inferiore, considerate le sue afferenze dall'ipotalamo, dal
nucleo rosso e dalla formazione reticolare del tronco cerebrale e la sua proie­
zione ai motoneuroni del corno anteriore del midollo spinale , risulta essere un
nucle o pertinente al sistema delle vie extrapiramidali, con funzione regolatrice
dell'attività contrattile e del tono della muscolatura scheletrica.
Esso riceve inoltre dal corno posteriore del midollo spinale impulsi della
sensibilità propriocettiva incosciente del tronco e degli arti, che poi invia al
cervelletto.
In stretta vicinanza del nucleo olivare inferiore si trovano due piccoli nuclei:
le paraolive dorsale e mediale, che hanno le stesse connessioni e lo stesso signifi­
cato funzionale del nucleo olivare inferiore.
Dietro al nucleo olivare inferiore, nella parte laterale del midollo all ungato,
decorrono il fascio spino-cerebellare ventrale (del Gowers), il lemnisco spinale, il
fascio tetto-spinale laterale ed il fascio rnbro-spinale (del Monakow).
La superficie della parte latera-posteriore del midollo allungato è occupa­
ta dal peduncolo cerebellare inferiore, che appare come un voluminoso ammas­
so di sostanza bianca, le cui fibre sono sezionate trasversalmente. In esso è en­
trato il fascio spino-cerebellare dorsale (del Flechsig J.
La parte centrale del midollo allungato, retrostante ai fasci piramidali ed
ai nuclei olivari inferiori e che può essere considerata come callotta del midollo
allungato, è occupata dalla formazione reticolare del midollo allutzgato, la qua­
le giunge posteriormente fino alla sostanza grigia centrale che sta presso il pa­
vimento del IV ventricolo. La formazione reticolare è disseminata di cellule
nervose sparse o riunite in piccoli nuclei, le quali sono inframmezzate da fibre
nervose singole o riunite in fascetti. Nella formazione reticolare del midollo

Figura 24. Cellule a rovo del nucleo olivare inferiore del midollo allungato.
ENCEFALO
48

allungato si considerano la zona mediana e, a ciascun lato di questa, la zona


mediale e la zona laterale.
La zona mediana della formazione reticolare del midollo allungato, che si tro­
va in corrispondenza del rafe del midollo allungato ed immediatamente ai lati di
questo, è connessa con il cervelletto. Essa riceve infatti le fibre cerebello-reticolari,
provenienti dai nuclei del cervelletto, ed invia le fibre reticolo-cerebellari alla
corteccia cerebellare.
La zona mediale della formazione reticolare del midollo allungato è fonda­
mentalmente caratterizzata dalla presenza di grosse cellule nervose; essa ha fun­
zione motrice, essendo intercalata lungo il sistema delle vie extrapiramidali.
Vi origina principalmente il fascio reticolo-spinale laterale che scende al corno
anteriore del midollo spinale, recando impulsi nervosi inibitori dell'attività motri­
ce, del tono muscolare e del1e attività riflesse sia somatiche che visccrali.
La zona laterale della formazione reticolare del midollo allungato, che pos­
siede piccole cellule nervose, ha funzione sensitiva. Essa riceve come afferenze
fibre nervose dai fasci sensitivi ascendenti del midollo spinale, qualiil lemnisco
spinale ed il lemnisco viscerale, nonché fibre nervose che provengono dai nuclei
sensitivi dei nervi encefalici. Da essa partono fibre nervose che si recano ai nuclei
intralaminari del talamo, da cui irradiano poi fibre nervose all'intera corteccia
cerebrale con funzione attivatrice. Tali fibre attivanti la corteccia cerebrale
influenzano tra l'altro gli stati di veglia, di sonno, di attenzione, ecc.; determinano
inoltre in tutta la corteccia cerebrale quello stato di attivazione che è necessario
per una migliore valutazione degli impulsi delle sensibilità epicritica e protopa­
dea che le vie sensitive trasmettono all'area sensitiva primaria della corteccia
cerebrale.
Nella parte posteriore del midollo allungato, lungo il pavimento del IV ven­
tricolo, si estende la sostanza grjgia centrale, entro la quale sono presenti i nuclei
di alcuni nervi encefalici, distribuiti come segue.
Subito a lato del solco mediano del pavimento del IV ventricolo, in cor­
rispondenza dell'ala bianca interna del pavimento medesimo, vi è il nucleo del
nervo ipoglosso, somatomotore; esso è separato dalla superficie del pavimento
del IV ventricolo per la presenza del fascicolo longitudinale dorsale (dello Schiitz),
fascio discendente che proviene dall'ipotalamo periventricolare e dalla forma­
zione reticolare del mesencefalo e che mette capo ai nuclei somatomotori e
visccrocffettori dei nervi encefalici. Dal nucleo del nervo ipoglosso partono le
fibre motrici somatiche del nervo medesimo per· I 'jnnervazione dei muscoli della
lingua e dei muscoli sottojoidei; esse, organizzate in fascetti, percorrono il mi­
dollo allungato dali 'indietro in avanti e lateralmente onde raggiungere il solco
laterale anteriore, dove fanno emergenza.
A lato del nucleo del nervo ipoglosso travasi il nucleo intercalato (dello
Staderini), che pare sia di natura sensitiva, in connessione probabilmente con il
senso del gusto.
Più lateralmente, in corrispondenza della parte inferiore dell'ala cinerea
del pavimento del IV ventricolo, vi è il nucleo motore dorsale del nervo vago,
che è un importantissimo nucleo visceroeffettore; esso dà origine infatti alle
fibre effettrici viscerali o fibre prcgangliari del nervo vago che sono deputate
aU'innervazione motrice del cuore, della muscolatura liscia della trachea, dell'al-
ENCEFAW 49

bero bronchiale e del polmone, di quella dell'esofago, dello stomaco e di gran


parte dell'intestino, inoltre della muscolatura liscia delle vie bilifere e della par­
te superiore delle vie urinarie, nonché all'innervazione eccitosecretrice del fe­
gato, del pancreas, del rene, della gonade e delle innumerevoli ghiandole distri­
buite lungo le vie aerifere ed il tubo digerente, fibre che sono destinate ai nume­
rosi gangli parasimpatici posti in vicinanza degli organi innervati. Tali fìbre ef­
fettrici viscerali che nascono dal nucleo motore dorsale del nervo vago si dirigono
di lato ed in avanti, incrociando anteriormente la radice discendente del nervo
trigemino ed il suo nucleo; raggiungono infine il solco laterale posteriore del
midollo allungato dove, unitamente alle altre fibre del nervo vago, fanno emer­
genza.
Di lato al nucleo motore dorsale del nervo vago, entro la sOStanza grigia
centrale, vi è un piccolo fascio di fibre nervose ad andamento discendente; è il
fascicolo solitario (o tratto solitario), al quale è accollato il nucleo del fascicolo
solitario (o nucleo del tratto so litario ) II fascicolo solitario è formato dalle
,

fibre sensitive specifiche del gusto che provengono dal ganglio nodoso del nervo
vago, dal ganglio petroso (deU'Andersch) del nervo glosso-faringeo e dal ganglio
genicolato del nervo intermedio (del Wrisberg) del nervo faciale, essendo esse infatti
le fibre centrali dei neuroni a T dei gangli stessi. Il fascicolo solitario, lungo il suo
decorso, cede via via le proprie fibre al contiguo nucleo del fascicolo solitario, il
quale pertanto rappresenta il nucleo della sensibilità gustativa dei nervi vago,
glosso-faringeo ed intermedio (del Wrisberg) del faciale. Dal nucleo del fascicolo
solitario originano fibre bulbo-talamiche che, confondendosi con quelle del
lemnisco mediale, salgono al talamo per terminarvi nel nucleo ventrale poste­
riore.
Nella sostanza grigia centrale corrispondente alla paxte laterale dci pavimento
del IV ventricolo è infine localizzato il nucleo vestibolare inferiore, sensitivo e
pertinente al senso statico, cui è applicata la radice discendente del nervo ve­
stiboIare. Quest'ultima è formata di fibre del nervo vestibolare nate dal ganglio
vestibolaxe (dello Scarpa) che, entrate nel midollo allungato e faccesi discendenti,
mettono via via capo al nucleo vestibolare inferiore stesso. Da quest'ultimo
nucleo nascono poi fibre nervose che entrano principalmente nella costituzione
del fascio vestibolo-spinale laterale.
Profondamente alla sostanza grigia centrale, sparsi entro la formazione reti­
colare del midollo allungato, vi sono i seguenti nuclei pertinenti a nervi encefalici.
Jl nucleo ambig!!o è il nucleo somatomotore dei nervi vago e glosso-faringeo;
esso è deputato all'innervazione dei muscoli della faringe e della laringe. Le fi­
bre motrici somatiche che vi traggono origine si portano dapprima in addietro,
fino presso il nucleo motore dorsale del nervo vago; piegano poi in avanti e
lateralmente e, accollatesi alle fibre effettrici viscerali nate dal nucleo motore
dorsale del nervo vago, si recano al solco laterale posteriore del midollo allungato,
dove fanno emergenza.
Il nucleo salivatorio ---.i!Jieriore è il nucleo visceroeffettore del nervo glosso­
faringeo; esso è un piccolo nucleo posto dietro al nucleo ambiguo. Vi nasco­
no le fibre effettrici viscerali o fibre pregangliari che, seguendo i
l nervo glosso­
faxingeo, vanno al ganglio otico (dell'Arnold) per l'innervazione eccitosecretrice
della ghiandola parotide e delle ghiandole della tonaca mucosa della guancia
50 ENCEFALO

fascicolo longituJinale mediale ________, ,- _______ nuc/eo del nervo ipoglosso

fascicolo longitudinale dorsale - , nudeo vestibo/.a,e t.Jterale


,--
\
_______

peduncolo cerebellare inferiore vestlbolore superiore

radice discencknte
r-"ucleo coc/eare dorsak

I-- nucleo vestibolare


del nervo trigemil1o _

gl
__

lemnisco spinale
mediate
-'

fascio r'14bro-spinale ___

'-nucleo cocleare ventfale

-j
fascio tetto-spin<ùe laterale
, '----nucleo della radice discendente


lascio spino-cerebellare ventrale' ___
de/nervo trigernino

lemnisco media/e '\ nucleo dell'al4 cinerea

paraoUva ventmle ./
\ formazione reticolare

nucleo arcuato I \ nucleo olivare inferiore

Figura 25. Sezione trasversale del midollo allungato, passante in prossimità della sua parte superiore.

e delle labbra.
Il nudeo della radice dscendente
i del nervo trigemino, contornato lateral­
mente dalla radice discendente del nervo trigemino, è posto lateralmente al nucleo
ambiguo ed al nucleo salivatorio inferiore.
5. In una sezione trasversale condotta nella sua parte più alta (fig. 25),
POCQ al di sotto del pance, il midollo allungato presenta una struttura presso­
ché simile a quella riscontrata nella sezione precedentemente considerata; solo
posteriormente, il pavimento del IV ventricolo risulta più esteso e la sua sostanza
grigia centrale accoglie alcuni altri nuclei di nervi encefalici.
Entro la sostanza grigia centrale, di lato al nucleo del nervo ipoglosso posto
in corrispondenza dell'ala bianca interna del pavimento del IV ventricolo, vi è il
nucleo dell'ala cinerea, che occupa la parte superiore dell'ala cinerea del pavi­
mento del IV ventricolo e che è la prosecuzione verso l'alto del nucleo del fa­
scicolo solitario. Esso è il nucleo viscerosensitivo dei nervi vago e glosso-faringeo;
riceve infatti le fibre sensitive viscerali nate dal ganglio nodoso del nervo vago, che
recano impulsi sensitivi dalla faringe e dai visceri toracici ed addominali, e le
fibre sensitive mcerali nate dal ganglio petroso (del Andersch) del nervo glosso­
faringeo, che portano impulsi sensitivi dal palato molle, dalla faringe e dal gIorno
carotico. Dal nucleo dell'ala cinerea originano fibre bulbo-talamiche che, se­
guendo il lemnisco mediate, si portano al nucleo ventrale posteriore del tala­
ma.
Di lato al uucleo dell'ala cinerea si estende il complesso dei nuclei vestibo-
ENCEFALO SI

lari, sensitivi e pertinenti al senso statico. In corrispondenza dell'ala bianca esterna


del pavimento del IV ventricolo si trova infatti il nucleo vestibolare mediate,
che è la prosecuzione verso l'alto del nucleo vestibolare inferiore; lateralmente
al nucleo vestibolare mediale vi è il nucleo vestibolare laterale (del Deiters)j
supero-lateralmente infine, presso il contorno mediale del peduncolo cerebellare
inferiore, si trova il nucleo vestibolare superiore (o nu.cleo vestibolare dorsale del
Bechtrew).
l nuclei vestibolari ricevono le fibre del nervo vestibolare dell'acustico; esse
sono le fibre centrali dei neutoni sensitivi del ganglio vestibolarc (dello Scarpa) e
recano gli impulsi nervosi provenienti dai recettori del senso statico dell'orecchio.
l nuclei vestibolari danno origine: al fascio vestibolo-cerebellare, prevalentemente
diretto, che, seguendo il peduncolo cerebellare inferiore, si reca alla corteccia ce­
rebellare dell'archicerebello; ai fasci vestibolo-spinali atlteriore e laterale, di cui il
primo parzialmente crociato ed il secondo diretto, che discendono nel midollo spi­
nale e mettono capo al corno anteriore, recando ai rn otoneuroni gli impulsi nervo­
si provenienti dai recettori del senso statico dell'orecchio che, influenzando la
contrazione dei muscoli scheletrici con un meccanismo di natura riflessa, concor­
rono al mantenimento dell'equilibrio; a fibre per il [ascicolo longitudinale media­
k, crociate, che vanno ai nuclei dei nervi oculomotore, trocleare e abducente,
costituendo così la base anatomica dei riflessi vestibolo-oculomotori.
Presso l'estremità superiore del midollo allungato infine, fanno la loro com­
parsa postero-Iateralmente i nuclei cocleari ventrate e dorsale, applicati rispet­
tivamente davanti e dietro al peduncolo cerebellare inferiore. Essi sono nuclei
sensitivi, deputati al senso dell'udito; ricevono infatti le fibre del nervo cocleare
dell'acustico, recanti gli impulsi uditivi captati in corrispondenza dell'organo spira­
le dci Corti dell'orecchio intern o.

Ponte
Il onte (o ponte del Varolio) (figg. 18 e 19), è compreso tra il midollo
allungato , postogli inferiormente, ed i peduncoli cerebrali del mesencefalo che
gli stanno al di sopra. Il suo limite con il midollo allungato è segnato da un piano
trasversale passante per il solco bulbo-pontino ; quello con i peduncoli cerebrali è
dato da un altro piano, pure trasversale, che passa per il solco pontino , profonda
depressione scavata orizzontalmente sulla faccia anteriore del tronco cerebrale tra
il ponteed i peduncoli cerebrali.
Il ponte si continua sui lati con i eduncoli cerebellari medi, due volumi­
nosi cordoni bianchi che si dirigono posteriormente e lo collegan o al cervel­
letto. Ma poiché il ponte trapassa nei peduncoli cerebellari medi insensibilmente,
senza alcun particolare limite, si considera convenzionalmente come suo coo­
fine laterale il piano sagittale che collega l'emergenza del nervo fadale con quel­
la del nervo trigemino, la quale ultima travasi appunto all'estremità laterale
del ponte medesimo.
Ilponte ha forma grosso modo cubica, misurando circa 2,5 cm di altezza,
3,5 cm di larghezza e 2,5 cm di spessore. Presenta due facce libere: l'anteriore, che
prende rapporto con il clivus della base del cranio e giunge fino a pochi millimetri
dal contorno superiore della lamina quadrilatera della s feo oide, e laposteriore,
52 ENCEFALO

che è rivolta al cervelletto con l'interposizione de/ IV venericolo.


La faccia anteriore del ponte (fig. 18), è convessa sia in senso trasversale
che in senso verticale. Essa è percorsa longitudinalmente, nella sua parte di mez­
ZO, dal solco basilare, che è delimitato su ciascun lato da un rilievo verticale:

il tOTUS piramidalis (o prominenza piramidale), determinato dal fascio pirami­


dale che decorre in seno al ponte. Presenta poi, nella sua parte più laterale, la
emergenza del nervo trigemino (V nervo encefalico), che avviene con due radici:
la sensitiva e la motrice, le quali sono tra loro separate da un piccolo fascetto
di fibre pontine superficiali: la linguetta del 'vrisberg; di esse la radice sensitiva.
molto voluminosa cd appiattita, è situata lateralmente, mentre quella motrice,
piccola e cilindrica, è posta medialmente.
La fac.....rut. J2.WeJiclN.sie.l.p.o.IKe (fig. 19) è la superficie ventricolare, formando
infatti essa la parte superiore del pavimento del IV ventricolo. Ha forma trian­
golare con base inferiore e si continua in basso, senza alcun limite di demarca­
zione, con la superficie ventricolare spettante al midollo allungato.
La superficie ventricolare del ponte è percorsa longitudinalmente dal solco
mediano del pavimento del IV ventricolo (o stelo del calamo scrittorio), a lato
del quale si trova, verso il basso, un rilievo rotondeggiante che è chiamato colli­
culus facialis (o eminentia reres, o collinetta roto.,da). Offre ancora a conside­
rare infero-lateralmente il tubercolo acustico, il quale sta al confine con il mi­
dollo allungato. Mostra infine, nella sua parte supero-laterale, una zona di colorito
grigio-azzurrognolo, che è indicata con il nome di locus coeruleus.
La superficie ventricolare del ponte è costeggiata sui lati dai peduncoli cere­
bellari superiori, destro e sinistro, i quali, simili a due nastri bianchi appiattiti,
dal cervelletto si portano in alto e medialmente, fino al contorno inferiore del­
la lamina quadrigemina del mesencefalo.

Costituzione interna del ponte


Il ponte, osservato nelle sezioni trasversali, presenta a considerare due di­
stinte parti: l'una anteriore, chiamata 12iede del ponte (o base del ponte), l'altra
posteriore, che è detta callotta del ponte (o tegmento del ponte).
Delle sezioni trasversali del ponte ne verranno descritte due, l'una passante
per la sua parte inferiore, l'altra interessante la sua parte superiore.
1 . In una sezione trasversale condotta per la parte inferiore del ponte (fig.
26), il piede del po,lte presenta i fasci piramidali, destro e sinistro, i quali però
non affiorano in superficie come nel midollo allungato, perché circondati da
molti nuclei sparsi: i nuclei basilari del ponte, e da un grande numero di fibre
nervose ad andamento trasversale: le cosiddette fibre trasversc del ponte, che
altro non sono che le fibre ponto-cerebellari originate dagli stessi nuclei basi­
lari del ponte. l nuclei basilari del ponte e le fibre trasverse del ponte si adden­
trano anche nei due fasci piramidali, in parte scomponendoli.
l nudei basilari del ponte sono piccoli raggruppamenti sparsi di neuroni
intercalati sulla via crociata che collega la corteccia cerebrale alla corteccia ce­
rebellare. I nuclei basilari del ponte ricevono infatti il fascio cortico'pontino
frontale (dell'A rnold), che proviene dalla corteccia cerebrale del lobo frontale
dell'emisfero cerebrale, ed il fascio cortjco-pot1ti�lo temporale (del Tiirck), che
ENCEFALO 53

fascicolo longitudinale dorsale _______, r-----o•.d,o dlll nervo abducente

fascicolo longitudinale m"di,l, ______"\ ,-_________ ,'",,',o lacri»wtorlo

�duncolo cerebellare io}'ri,,,,


.
,- _____ ,0•d,.
• ",li,." "",. superiore

radice discendente o"d.. ",,,z.,,,, dorsa�

')j;Fi'\\-- ,,",',"0 vestibolare laterale


__

del nervo '""'"'ioo _


_ _ _

nucleo vestibolare mediale


fascio rubro.spinale ___

Z.",,,I,_�
__ ".,ko cocleare ventrale
fascio tetto.spinale

fascio spino.cerebellare �",.,I,_':'


della radice discendente
del nervo trigemino

. _
Iemnisco 'P"no" _ _____-' �____",""" del nervo faciale

Iemnsco
i mediale _________-' �______"""'" oli".:!rll sl.lperiore

fascio centTale della <a1'1,,'''______-l '- _____ .""""'0 del corpo trapezoide

fascio piramidale ___________.J L _________ Jo,,=,'O"' reticolare

'O� "�",,'m, ___


____
____
____ � '- --_______ ".,,"', basi/ari del ponte

Figura 26. Sezione trasversale del ponte, passante per la sua parte inferiore.

viene dalla corteccia cerebrale dei lobi temporale, parietale ed occipitale dell'emi·
sfera cerebrale; essi danno poi origine alle fibre ponto·cerebellari le guali, dopo
essersi incrociate lungo la linea mediana del piede del ponte formando il rafe
del ponte, passano nel peduncolo cerebellare medio eterolaterale e giungono
così nel cervelletto, terminando infine entro la corteccia cerebellare del neo-­
cerebello.
La callotta del ponte è percorsa sagittalmente, lungo la linea mediana, dal
rafe del ponte, che gui è formato dall'incrociamento di fibre mieliniche della
callotta del ponte. Da ciascun lato del rafe del ponce, nella parte anteriore con·
finante con il piede del ponte, decorre il lemnisco mediale che, sezionato per.
pendicolarmente, appare ellittico con asse maggiore trasversale; assomiglia quindi
ad una lente biconvessa, onde il suo nome.
Dietro ai lemnischi mediali, la callotta del ponte mostra un'ampia zona
occupata dalla formazione reticolare del ponte. Come quella del midollo allun·
gato, essa presenta una zona median.a, di lato alla quale si trovano una zona
mediale a grandi cellule, con funzione motrice, ed una zona laterale a piccole
cellule, con funzione sensitiva. La zona mediana e la zona laterale della forma·
zione reticolare del ponte hanno le stesse connessioni delle corrispondenti zone
della fprmazione reticolare del midollo allungato; la zona mediale della forma­
zione reticolare del ponte dà invece origine a fibre nervose che passano nel fascio
reticolo·spin.ale anteriore e mettono capo al corno anteriore del midollo spinale,
dove esercitano un'azione sollecitatrice sui motoneuroni ed un'azione facili.
54 ENCEFALO

tante sulle attività riflesse.


Posteriormente alla formazione reticolare del ponte si estende la sostanza
grigia centrale del pavimento del IV ventricolo; mentre nella sua parte laterale
sono ancora presenti i nuclei vestibolari mediale e laterale, nella parte mediale, in
corrispondenza dci colliculus facialis del pavimento del IV ventricolo, travasi il
nucleo del 'Iervo abducente, che è il nucleo somatomotore deputato all'inner­
vazione del muscolo retto laterale dell'occhio. Il nucleo del nervo abducente
riceve, tfa l'altro, fibre del fascicolo longitudinale mediale che lo collegano ai nu­
clei vestibolari per i riflessi vestibolo-oculomotori ed ai nuclei dei nervi trocleare
ed aculamotore, deputati all'innervazione degli altri muscoli dell'occhio; esso dà
luogo a fibre motrici somatiche che si portano in avanti e verso il basso per rag­
giungere il solco bulbo-pontino, dove fanno emergenza al di sopra della piramide.
In profondità alla sostanza grigia centrale del pavimento del I V ventricolo,
accolto pertanto entro la formazione reticolare del ponte, si trova il nucleo del
nervo fadale, che è il nucleo somatomotore deputato all'innervazione dei muscoli
pellicciai (o muscoli mimici) della testa e del collo, nonché del muscolo stapedio,
del muscolo elevatore del velo palatino, del muscolo dell'ugola e del ventre
posteriore del muscolo digastrico. E' rimarchevole il fatto che la metà superiore
del nucleo del nervo faciate (deputata all'innervazione dei muscoli pellicciai della
metà superiore della faccia) riceve fibre nervose recanti gli impulsi motori volonta­
ri, oltre che dal fascio genicolato (o fascio cortico-nucleare) eterolaterale analoga­
mente agli altri nuclei somatomotori dei nervi encefalici, anche da quello omolatc­
rale. Le fibre motrici somatiche che originano dal nucleo del nervo faciale si diri­
gono dapprima postero-medialmente e, giunte al nucleo del nervo abducente,
lo contornano formando il cosiddetto ginocchio intrapontino del "ervo faciale,
che determina sul pavimento del IV ventricolo il colliculus facialis ; si ripiegano poi
verso il basso e di lato per raggiungere la fossetta retrolivare, dove emergono.
Di lato al nucleo del nervo faciale, sempre entro la formazione reticolare del
ponte, vi è il piccolo nucleo lacrimatorio (dello Yagita), che è il nucleo visceroef­
fettore del nervo faciale deputato all'innervazione eccitosecretrice della ghiandola
lacrimale e delle ghiandole nasali e palatine; da esso partono infatti le fibre effet­
trici viscerali o fibre pregangliari per il ganglio sfeno-palatino (del Meckel).
Subito lateralmente al nucleo lacrimatorio (dello Vagita) vi è un altro pic­
colo nucleo visceroeffettore: è il nucleo salivatorio superiore (del Kolmstamm)
del nervo intermedio (del Wrisberg) del fadale; esso dà origine alle fibre effet­
trici viscerali o fibre pregangliari destinate ai gangli sottomandibolare (del Meckel)
e sottolinguale per l'innervazione cccitosecrctrice delle ghiandole sottoman­
dibolare e sottolinguale e delle ghiandole della lingua.
Nella pane più laterale della formazione reticolare del ponte, medialmente al
peduncolo cerebellare inferiore, travasi il nucleo della radice discendente del ner­
vo trigemino, cui è applicata di lato la radice discendente del nervo tngemino.
Sono infine presenti nella callotta del ponte il nucleo cocleare ventrale ed
il nucleo cocleare dorsale che, già riscontrati nella parte più alta del midollo
allungato, si sono fatti ora più voluminosi. Il nucleo cocleare ventrale è posto
sul contorno anteriore del peduncolo cerebellare inferiore; il nucleo cocleare
dorsale, di dimensioni minori rispetto al precedente, è applicato al contorno
posteriore del peduncolo cerebellare inferiore e corrisponde al tubercolo acu-
ENCEFALO 55

stico del pavimento del IV ventricolo. Tali due nuclei cocleari, che sono sensitivi
e pertinenti al senso dell'udito, ricevono le fibre del nervo cocleare dell'acustico;
esse sono le fibre centrali dei neuroni sensitivi del ganglio spirale (del Corti) e reca­
no gli impulsi acustici captati dall'organo spirale del Corti dell'orecchio interno.
Le fibre nervose che nascono dal nucleo cocleare ventrale si portano nella
parte più anteriore della callotta del ponte, al confine con il piede del ponte,
e gui costituiscono il corpo trapezoide, formazione impari e mediana che rappre­
senta l'incrociamento delle vie acustiche. Il corpo trapezoide appare come un
complesso di fibre nervose trasversali che si estende tra i due nuclei cocleari
ventrali, intersecando i due lemnischi mediali; lungo esso sono intercalati, da
ciascun lato, due piccoli nuclei: il nucleo olivare superiore (od oliva pontina),
lateralmente, ed il nucleo del corpo trapezoide, medialmente. Le fibre origi­
nate dal nucleo cocleare ventrale ed entrate nel corpo trapezoide in parte ter­
minano nel nucleo olivare superiore o nel nucleo del corpo trapezoide dello stes­
so lato o del lato opposto, dai guali nascono poi fibre che passano nel corpo
trapezoide stesso, in parte invece, e sono le più numerose, si fanno eterolate­
rali, proseguendo senza alcuna interruzione.
Le fibre nervose che originano dal nucleo cocleare dorsale decorrono in di­
rezione mediale lungo il pavimento del IV ventricolo, fino a raggiungere il solco
mediano del pavimento stesso. Quivi si affondano, incrociandosi con quelle omo­
loghe del lato opposto; fattesi così eterolaterali, si affondano nella callotta del
ponte fino a raggiungere il corpo trapezoide, cui si uniscono.
Il corpo trapezoide si continua, in corrispondenza di ciascuna sua estremità
laterale, con un fascio di fibre nervose che si dirige verso l'alto: è il lemnisco
laterale. Quest'ultimo risulta pertanto costituito: da fibre nervose nate dal nucleo
cocleare ventrale, le guali sono nella gran parte crociate; da fibre nervose prove­
nienti dal nucleo olivare superiore e dal nucleo del corpo trapezoide, che sono
sia dirette che crociate; da fibre nervose originate dal nucleo cocleare dorsale,
che sono crociate.
Nella parte laterale della callotta del ponte si trovano il Lascio sEino-cerebel­
lare ventrale (del Gowers),l!..1ascio tetto-s2inale laterale, il fascio rubro-spinale
(del Monakow) ed il lemnisco sp.itwle. Decorrono inoltre nella callotta del ponte
il fascio centrale della callotta, che trovasi subito dietro al lemnisco mediale, ed il
fascicolo longitudinale mediale ed il fascicolo longitudinale dorsale (dello Schutz),
che sono presso il pavimento del IV ventricolo in vicinanza della linea mediana.
2. In una sezione trasversale passante per la parte superiore del ponte (fig.
27), i peduncoli cerebellari inferiori non sono più presenti, mentre si riscontra­
no ora, ai lati del ponte, i peduncoli cerebellari medi e, ai lati del IV ventricolo,
i peduncoli cerebellari superiori.
Il piede del ponte mostra una costituzione simile a quella descritta nella se­
zione precedente, con la sola differenza che i fasci piramidali sono maggior­
mente scomposti dall'addentrarsi in essi dei nuclei basilari del ponte e delle fi­
bre trasverse del ponte.
Nella callotta del ponte, entro la parte laterale della formazione reticolare,
travasi il nucleo motore del nervo trigemino (o nucleo masticatorio), che è il
nucleo somatomotore del nervo trigemino deputato all'innervazione dei musco­
li màsticatori, del muscolo milo-joideo, del ventre anteriore del muscolo diga-
56 ENCEFA.W

IV ventricolo lIelo midolLare anteriore


I
_
_ ___________

,
fascicolo longitl4dinale dorsale _____ 1000gitudinak mediale

peduncow cerebellare superiore ___ -; motore del nervo trigemino


).
_ nucleo sensitivo principale
#.
fascio tetto_spinale laterak _
,

t··:::; ;:� ,;,


del nervo trigemino
peduncolo . . .'

\.?�
, ,

cerebellare medio coeruleus

lemnisco Laterau rdicoLare


,� " :.

lemnisco spinale lemnisco laterale

fascio rubro-spinale ______ basilari del ponte

lemnisco mediale ________ _ centrak della callotta

fascio piramidale I

Figura 27. Sezione trasversale del ponte, passante per la sua parte superiore.

strico, del muscolo tensore del velo palatino e del muscolo censore del timpano.
Le fibre motrici somatiche che vi hanno origine decorrono in fascetti lungo il
contorno laterale del nucleo, organiz.zandosi poi in una radice unica che si por­
ta anteriormente e di lato per emergere all'estremità laterale del ponte.
Lateralmente al nucleo motore del nervo trigemino vi è il !1ucleo sensitivo
principale del nervo trigemino, che si estende fino all'estremità superiore del
ponte; esso riceve le fibre sensitive somatkhe del nervo trigemino provenienti
dal ganglio semilunare (del Casser) . Le fibre centrali nate dai neuroni a T del
ganglio scmilunarc (del Gasser) infatti, entrate nella callotta del ponte e giunte
presso il nucleo sensitivo principale del nervo trigemino, in parte danno luogo
ad una breve e grossa radice orizzontale, che è quella appunto che entra nel nucleo
sensitivo principale del nervo trigemino, altre formano invece la radice discenden­
te del 'lervo trigemino, che accompagna il nucleo della radice discendente del
nervo trigemino giungendo fino ai primi segmçnti cervicali del midollo spina­
le, altre infine costituiscono la radice mesencefalica del rwTVO trignnill o , che
sale nel mesencefalo per affiancarsi al nucleo della radice mesencefalica del
nervo trigemino. Dal nucleo sensitivo prindpale del nervo trigemino, cui fon­
damentalmente afferiscono gli impulsi della sensibilità tactile epicritica della testa,
originano fibre nervose che si incrociano e, unendosi a quelle nate dai nuclei delle
radici discendente e mesenccfalica del nervo trigemino, formano il lemnisco tri­
geminale, destinato a terminare nel nucleo ventrale posteriore del talamo; nascono
inoltre fibrc ncrvo�e che vanno ai nuclei somatomotori e visceroeffettori degli altri
nervi encefalici per stabilire Sii archi riflessi.
Infme, presso il lcmnisco laterale, che decorre nella parte laterale della callotta
del ponte, si osserva il nucleo del lemnisco laterale, che appartiene alla via acustica.
Esso riceve fibre del lemnisco laterale e a questo cede poi le sue fibre nervose.
ENCEFALO 57

Mesencefalo
Il mesencefalo (figg. 1 8 e 19) consta dei due peduncoli cerebrali, che ne
formano la parte anteriore, e della lamina quadrigemina, che ne costituisce la
parte posteriore. r peduncoli cerebrali e la lamina quadrigemina sono fra loro
in diretta continuità.

Peduncoli cerebrali. I peduncoli cerebrali, destro e sinistro (fig. 18), sono due tron­
chi cilindrici, un poco appiattiti, i quali fanno seguito al ponte e si portano in alto
ed in fuori fino a penetrare ciascuno nel corrispondente emisfero cerebrale.
I due peduncoli cerebrali, dirigendosi verso l'alto, divaricano tra di loro
e delimitano cosÌ la fossa interpeduncolare. Il fondo di questa è occupato in
basso da una superficie di sostanza grigia attraversata da fori vascolari: è la so­
stanza perforata posteriore ; in alto presenta invece i due corpi mammillari, i
quali appartengono però al diencefalo.
Ciascun peduncolo cerebrale è circoscritto mediaI mente da un solco che,
costeggiando la fossa interpeduncolare, si porta in alto ed in fuori : è il solco
dell'oculomotore, così chiamato perché in esso fa emergenza il nervo oculo­
motore (III nervo encefalico). E' delimitato poi lateralmente dal solco latera­
le del mesencefalo (fig. 28), che è la prosecuzione verso l'alto del solco decor­
rente tra il peduncolo cerebellare medio e quello superiore.
I peduncoli cerebrali hanno una lunghezza di circa 1 8 mm sul lato mediale
e di 14 mm su quello laterale; hanno una larghezza di circa 14 mm in basso

,--,l'---b,"'''io quadrigemino inferiore


braccio quadrigemino m,p"-io,,, ----I--, �-----------"igo'no dell'abenula
corpo genicolato lat,,,,k --_...��
------,'--:�
corpo genicolato mediale

tratto ottia" -------7� :-:�"j" "al"""IO quadrigemino superiore


peduncolo a'"b" aik -----f--' "'--ta,;""I'o quadrigemino inferiore

trigono del lemnisco ------1--, -- . trocleare


'---n

solco laterale del m",,;",,</.lo ----/ it�p"da,"",lo cerebellare superiore


ponte-------' '----."d'anoo,lo cerebellare inferiore

peduncolo cerebellare medio -----.-/ .r'::\�:_--p'wi,""tto del IV ventricolo


midollo all,mg,''' --------'' 1-----,,010 midollare anteriore
�-.../

Figura 28. Tronco cerebrale, viHO latera-posteriormente dopo l'asportazione del cervelletto.
58 ENCEFALO

e di 20 mm in alto. Presentano una superficie di colore bianco, la quale mostra


striature longitudinali cd in parte anche elicoidali, espressioni dei fascetei di
fibre nervose che li percorrono.
( due peduncoli cerebrali contraggono rapporto in avanti con la lamina qua­
drilatera dello sfenoide ; sui lati sono in rappoTto, ma ad una ccrta distanza, con
i contorni laterali del foro ovale (del Pacchioni) costituito dal tentatio del cer­
veHetto della dura madre.

Lamina quadri gemina. La lamina quadrigemitta (fìgg. 19 e 28) è nascosta in


profondità tra il cervelletto e gli emisferi cerebrali, rivolta verso il contorno
posteriore del foro ovale (del Pacchioni) del tentorio del cervelletto.
La lamina quadrigemina misura 12-15 mm in lunghezza e 22-25 mm in larghez­
za. Essa confina inferiormente con i due peduncoli cerebellari superiori, da cui è
separata per l'interposizione di un solco trasversale nel quale, da ciascun lato, fa e­
mergenza il nervo trocleare (IV nervo encefalico); prende rapporto superiormente
con la commessura posteriore, nel mezzo, e con le estremità posteriori dei talami,
sui lati; confina lateralmente con il trigono de" em'lisco (fig. 28), piccola area tri­
angolare che la separa dal solco laterale del mesencefalo.
La lamina quadrigcmina presenta quattro rilievi, grosso modo emisferici,
i quali sono disposti in due coppie, l'una inferiore e l'altra superiore ; essi sono
i tubercoli quadrigemini inferiori, rispettivamente destro e sinistro, ed i tuber­
coli quadrigemiru' superiori, pure destro e sinistro. I rubercoli quadrigemini
inferiori hanno un colore biancastro; essi misurano circa 6 mIO in lunghezza e
8 mm in larghezza. I tubercoli quadrigemini superiori, se confrontati con quel­
li inferiori, hanno un colore tendente al grigiastro; essi inoltre sono più volu­
minosi, misurando circa 7 mm in lunghezza e 1 2 mm in larghezza.
Ciascun tubercolo quadrigemino inferiore si continua di lato con il braccio
quadrigemino inferiore, rilievo che si porta al corpo genicolato mediale (fig.
28); è questo una protuberanza grigia che fa seguito alla parte posteriore del
talamo e che è applicata al contorno laterale del peduncolo cerebrale . Ciascun
tubercolo quadrigemino superiore prosegue di lato con il braccio quadrigemi­
no superiore , rilievo che mette capo al corpo genicolato laterale (fig. 28); an­
che questo è un prolungamento posteriore del talamo, situato sul contorno latera­
le del peduncolo cerebrale supero-lateralmente al corpo genicolato mediale.

Costituzione interna del mesencefalo


Osservato in una sezione trasversale rispetto al suo asse longitudinalc (fig. 29),
il mesencefalo presenta in posizione eccentrica, spostata verso l'indietro, una
cavità: è l'acquedotto cerebrale (del Silvio). Un piano frontale passante per
l'acquedotto cerebrale (del Silvio) divide il rnesenccfalo in una parte anteriore,
spettante ai due peduncoli cerebrali, ed in una posteriore, che corrisponde all� la­
mina quadrigemina.

Peduncoli cerebra l i . I due peduncoli cerebrali appaiono nettamente distinti tra di


loro nella parte anteriore per l'interposizione di una incisura, corrispondente alla
fossa interpeduncolare. Posteriormente si presentano invece fusi lungo la linea me­
diana.
Ciascun peduncolo cerebrale è percorso trasversalmente, a pieno spessore,
ENCEFAW 59

�---'':--,�---li"---"hi,u.,, ottico

2!'r;}'-i---'-- p.',d. del peduncolo


J..:l-��--,-----J
cerebrale
posteriore
O'''"'''' nera

1:..il-"---I-�- ,/lott, del pedunc.olo


nucIeo ��'-------'���'s;k:;f� cerebrale

14mina quadrigemina ------��,---\\--

Figura 29. Mesencefalo, sezionato trasversalmente, e diencefalo.

da una lamina di sostanza grigta : la sostanza nera (del Soemmering) {fig. 29).
La parte del peduncolo cerebrale che si estende al davanti della sostanza nera
(del Soemmering) è detta piede del peduncolo, quella che invece si trova al­
l'indietro è chiamata callotta del pedr.mcolo (o tegmento del peduncolo). Il
piede e la callotta dei due peduncoli cerebrali sono in diretta continuità rispet­
tivamente con il piede e con la callotta del ponte.
La sostanza nera (del Soemmeri'lg) (figg. 30 e 31) è uno strato di sostanza
gngla, pm spesso mediai mente che non di lato, il quale si estende in senso tra·
sversale dal solco dell'oculomotore al solco laterale del mesencefalo, descriven­
do una concavità posteriore. Essa inferiormente giunge al confine del mesence·
falo con il ponte, superiormente si spinge fino sotto il talamo.
La sostanza nera (del Soemmering) è formata da cellule nervose fittamente
addensate, varie per forma e grandezza, le quali contengono abbondanti gra­
nuli di un pigmento nerastro. Essa poi lungo il suo contorno anteriore, prospi­
ciente il piede del peduncolo cerebrale, è percorsa da numerosi fasceni di fibre
mie!iniche che le donano un aspetto reticolare; è pertanto qui chiamata zona
reticolare (o strato intermedio).
[ sistemi afferenti della sostanza nera (del Soemmering). che vi penetrano in
corrispondenza della sua zona reticolare, sono rappresentati fondamentalmente
dalle fibre palUdo-nigre, provenienti dal globus pallid'ts, e dalle fibre cortico-nigre,
che discendono dalla corteccia cerebrale dell'area motrice secondaria (o area 6)
del lobo frontale dell'emisfero cerebrale. Il principale sistema efferente della so­
stanza nera (del Soemmering) è il fascio nigro-striato per il putamen del corpo
60 ENCEFALO

striato e per il globu$ pallidus; esso emerge dall'estremità superiore della sostanza
nera (del Soemmering) e, portandosi verso l'alto, si scompone in fascetti che inter·
secano le fibre del braccio posteriore della capsula interna a guisa dei denti di un
pettine, onde il nome di fascio pettinato (o fascio a pettine) dato al fascio medesi­
mo. Considerato che il putamen ed il globus pallidu$ inviano poi fibre nervose al
nucleo ventrale anteriore del talamo che a sua volta proietta fibre nervose alla cor­
teccia cerebrale delle aree motrici primaria (o area 4) e secondaria (o area 6) del
lobo frontale dell'emisfero cerebrale, la sostanza nera (del Soemmering) viene
ritenuta come parte integrante del sistema delle vie extrapiramidali con funzione
nella stabilizzazione dei movimenti volontari, partecipando alla produzione del
tono muscolare.
Il piede del peduncolo cerebrale (figg. 30 e 31) è formato di sostanza bianca;
consta infatti di fasci di fibre nervose mieliniche a decorso verticale, discendenti.
Essi sono: u.. iascio cort1'co-pontino temporale (del Turck), posto nel quinto latera­
le del piede del peduncolo cerebrale, il quale proviene dalla corteccia cerebrale del
lobo temporale, ed in parte anche dei lobi occipitale e parietale dell'emisfero cere­
brale, e va ai nuclei basilari del ponte; ilfasc.iQ cort1'co-pcwtin.o_ /rontale.. (deIl'A r­
nold), situato nel quinto mediale del piede del peduncolo cerebrale, che discende
dalla corteccia cerebrale dell'area motrice secondaria (o area 6) del lobo frontale
dell'emisfero cerebrale e si distribuisce ai nuclei basilari del ponte; !liascio pirami­
dale, posto nei tre quinti intermedi del peduncolo cerebrale, le cui fibre destinate
ai nuclei somatomotori dei nervi encefalici, costituenti il cosiddetto f�cio genico­
lato (Q.. lascio cortico-nucleare). occupano la parte più mediale di tale zona inter­
media del piede del peduncolo cerebrale, mentre le sue fibre destinate al corno an­
teriore del midollo spinale ne occupano la restante parte.
Scendono infine nel piede del peduncolo cerebrale le fibre cortico-nigre
e le fibre pallido-nigre, le quali poi si addentrano nella sostanza nera (del Soem-


/
acquedotto cerebrale (del Silvjo) ____ nucleo centrale del tubercolo
quadrigemino inferiore
lemllisco lateralt.
"
_nucleo della radice mesencefalica
radia muencefalica
nervo

A
del nervo trigemino del trigemino '

� t\ fOT1l1lUion� ruicolore

3J!';ti
f.ut:icolo Itmgitudir1t1.le dorsak


nucleo del netVO trocle.:Jre

I.�. ·_":
fascio Icllo+fpinale laterale

rf.ucicolo Iongitudil1t11e m�diale


'l\r� �cu.wuione del Wemekink
lcmnisco spjr1t1.1�


fascio cort/co-pontino t�mporale

f.ucio rubro-spinalf! --------' sostanza nera

fascio piramidale ----


,
--- '---.fascio centrale della callotta
'---l-- e"'n"co mediale

Figura 30. Se'lione trasversale del mesencefalo. pauante per i tubercoli quadrigemini inferiori
ENCEFALO 61

stroti di sostanzo banco


i str4ti di sostanza grigia
del tubercolo qucuJrigemino �,�,,;o,,' _
_ _, --del tubercolo quadrigemina superiore
,
acquedotto cerebrale (del SiI,,'o,I _
_ _, r------ ''''''1<0 prdettale
fascicolo longitudinale mediale ___,
,,---'---[0 "'''''','"' retÌçulartl
lemnisco spinale ________�
nucleo som<Jlomutore pri"cipafe
fascicolo longitudinale dorsale --__0" nervo ocwlomotore
:-

i
fasco nucleo viscercuffeuorc
cortico.pontino temporale ___d,", nervo ocwlomotorc

'-----''"'1'0 rosso

_______
fascio piramidale
�--_____',"t,m'.o nera
fascio ,0'""�p""f'"ofr,
mf,
,I, ,-----=
nucleo SOm4tomotore centrale
decussa.zlone fontaniforme (del M,'Y""') _
_ _-I ,-
_ _______.,,1 nervo oculomatore
decussa.zione del Forel __________-..l '--
_ __,""'"'0 del fascio pedunco14re trasverso

Figura. 3 1 . Sezione tusveruJe del mesencefalo, passante per i tubercoli quadrigemini superiori.

mering) in corrispondenza della sua zona reticolare.


Al piede del peduncolo cerebrale, presso la sua estremità superiore, è applica­
to un fascio di fibre nervose micliniche a decorso trasversale: è il fascio pedunco­
lare trasverso (del Gudden) (o fascio retino-tegmentale); esso consta di fibre ner­
vose originate dalle cellule multipolari della retina dell'occhio eterolaterale le qua­
li, dopo avere percorso il nervo Ottico ed essersi incrociate nel chiasma ottico, en­
trano nel tratto ottico, che poi tosto abbandonano appunto come fascio pedunco­
lare trasverso (del Gudden). Il fascio peduncolare trasverso (del Gudden) circonda
il contorno anteriore e poi quello mediale del peduncolo cerebrale ; si affonda infi­
ne nella fossa interpeduncolare per terminare nel nucleo_ del Lascio peduncolare
trasverSO (o nuc{eo ottico basale) (fig. 31). il quale è situato tra il piede del pedun­
colo cerebrale ed il corpo mammillare. Dal nucleo del fascio peduncolare trasverso
partono fibre nervose che vanno alla callotta del mesencefalo per i nuclei del ner­
vo oculomotore ; partono poi altre fibre nervose che, seguendo un decorso inverso
a quelle del fascio peduncolare trasverso (del Gudden), si recano alla retina del·
l'occhio eterolaterale.
La callotta deL peduncolo cerebrale di un lato è pressoché interamente fusa
con quella del peduncolo cerebrale eterolaterale j ne risulta una formazione uni­
ca: la callotta del mesencefalo (o tegmento del mesencefalo).
La callotta del mesencefalo verrà considerata in due tagli del mesencefalo,
trasversali rispetto al sua asse longitudinale: l'un taglio inferiore, passante per la
parte media dei tubercoli quadrigemini inferiori; l'altro condotto invece superior­
mente, attraverso la parte media dei tubercoli quadrigemini superiori.
(ì) In una sezione trasversale del mesencefalo passante per i tubercoli quadri.
62 ENCEFALO

gemini inferiori (fig. 30), entro la parte anteriore della callatta del mcsencefalo,
subito dietro alla sostanza nera (del $oemmering), è presente il lemnisco mediale.
Posteriormente a quest'ultimo decorrono, procedendo in senso mediolaterale: il
fascio rnbro·spinale, il leml1isco trigcminale, il lemnisco spinale ed il fascio tetto­
spinale laterale. Il lemnisco laterale, pertinente alla via acustica, sta passando nel
tubercolo quadrigemino inferiore.
La parte centrale, mediana, della callotta del mesenccfalo è occupata da un vi­
stoso mcrodamento di fibre nervose: è la decussazione del Wernekink, (o decussa­
z;one dei peduncoli cerebellari superiori), data dalle fibre nervose dei due pedun­
coli cerebellari superiori. Essa è costituita dalle fibre del fascio cerebello-rubro . e
dalle fibre cerebelIo-talamiche che, arrivate dal cervelletto seguendo il peduncolo
cerebellare superiore, proseguono nel loro andamento verso l'alto con direzione
latero-mediale, cosÌ da raggiungere la zona mediana della callotta del mesencefalo
dove si incrociano con quelle eterolaterali prima di proseguire in direzione rispet­
tivamente del nucleo rosso e del talamo.
Entro la sostanza grigia centrale, posta attorno all'acquedotto cerebrale
(del Silvio) , travasi da ciascun lato, in posizione antero-mediale, il nucleo del
rlervo trocleare , nucleo somatomotore che provvede all'innervazione del musco­
lo obliquo superiore dell'occhio. Tale nucleo è collegato, tramite il fascicolo
longitudinale mediale, ai nuclei degli altri nervi motori dei muscoli dell'occhio, ai
nuclei vestibolari del midollo allungato ed alla parte cervicale del corno anteriore
del midollo spinale che innerva i muscoli del collo deputati ai movimenti della
testa; dette connessioni determinate dal fascicolo longitudinale mediale sono
responsabili del sinergismo dei movimenti degli occhi con i movimenti della testa,
importantissimo al fine del mantenimento dell'equilibrio del corpo. Le fibre
motrici somatiche che nascono dal nucleo del nervo trocleare si dirigono poste­
riormente all'acquedotto cerebrale (del Silvio) , dove si incrociano con quelle
eterolaterali prima di emergere in corrispondenza del contorno inferiore della
lamina quadrigemina.
NeUa parte laterale della sostanza grigia centrale vi è il nucleo della radice
mesencef
alica del nervo trigemino, con applicata lateralmente la radice mesen­
cefalica del rJervo tTigemino. Detto nucleo della radice mesencefalica del nervo
trigemino, che è somatosensitivo, presiede alla sensibilità propriocettiva sia dei
muscoli dell'occhio che dei muscoli masticatori. Le fibre nervose della sensibi­
lità propriocettiva dei muscoli dell'occhio hanno origine da neuroni a T del
ganglio semilunare (del Casser) del nervo trigemino ; i neuriti di tali neurani
si dividono infatti a T, dando luogo a fibre periferiche, che formano le termi­
nazioni sensitive nei muscoli dell'occhio, e a fibre centrali, che passano a costi­
tuire la radice mesencefalica del nervo trigemino e vanno a terminare nel nucleo
della radice mesencefalica del nervo trigemino. Le fibre nervose della sensibilità
propriocettiva dei muscoli masticatori nascono invece da neuroni sensitivi che
si trovano nello stesso nucleo della radice mesencefalica del nc.rvo trigemino;
tali neuroni danno infatti luogo a fibre nervose che entrano nella costituzione
della radice mesencefalica del nervo trigemino ed escono poi dal ponte con la
radice sensitiva del nervo trigemino, raggiungendo infine i muscoli masticato­
ri dove formano le terminazioni sensitive. Il nucleo della radice mesencefalica
del nervo trigernino pertanto, oltre ad essere un nucleo somatosensitivo perché
ENCEFALO 63

riceve fibre sensltlve somatiche dal ganglio semilunare (del Casser), lo è anche
perché esso medesimo dà origine a fibre sensitive somatiche, rappresentando
cosÌ una vera eccezione poiché è norma che le fibre sensitive traggano origine
dai gangli sensitivi. Dal nucleo della radice mesencefalica del nervo trigemino
nascono fibre nervose che entrano nella costituzione del lemnisco trigeminale,
oltre ovviamente a fibre nervose che si portano ai nuclei somatomotori e vi­
sceroeffettori degli altri nervi encefalici per formare gli archi riflessi.
Tutte le parti della callotta del mesencefalo che sono interposte tra i fasci ed
i nuclei sopraddetti sono occupate dalla fonnazione reticolare del mesencefalo,
costituita da numerosi, piccoli nuclei inframmezzati da fibre nervose e da fascetti
di fibre nervose. Anche nella formazione reticolare del mesencefalo sono distin­
guibili una zona mediana, centrale, e, da ciascun lato, una ZOlla mediale ed una zo­
na laterale, le quali hanno fondamentalmente la stessa costituzione e le stesse con­
nessioni delle corrispondenti zone della formazione reticolare del midollo allunga­
to e di quella del ponte. Dalla zona mediale della formazione reticolare del mesen­
cefalo ha inizio il fascio reticolo-spj�lale anteriore, che si ingrandisce poi per l'ap­
porto di fibre nervose dato dalla zona mediate del!a formazione reticolare del
ponte e mette infine capo al corno anteriore del midollo spinale, esercitando
un'azione attivatrice sui motoneuroni.
® In una sezione trasversale del mesencefalo passante per i tubercoli qua­
drigemini superiori (fig. 31). entro la caliatta del mesencefalo è presente il nucleo
rosso. Questo appare come un voluminoso nucleo che è interRosto tra il raLe
della ,aliotta del mtlenc.eftU.o, formato dall'incrociamento delle fibre nervose
lungo la linea mediana, ed il lemnisco mediale ; esso deve la sua tipica colorazione
rossastra, oltre che alla ricca vascolarizzazione, ad un pigmento contenente ferro
che è presente nelle sue cellule. Visto in sezione trasversale, il nucleo rosso ha
forma perfettamente circolare; se considerato invece nel suo insieme, esso risulta
di forma cilindrica, estendendosi dal livello dei tubercoli guadrigemini superiori
fino sottO al diencefalo.
Il nucleo rosso è formato di una porzione inferiore a grandi cellule nervose,
chiamata parte magnicellulare, e di una porzione superiore a piccole cellule
nervose, denominata parte parvicellulare. Quest'ultima, che è quella maggior­
mente sviluppata nell'encefalo dell'uomo, è filogeneticamente più recente rispet­
to alla parte magnicellulare, che è formazione più antica.
rl nucleo rosso riceve come sistemi afferenti: le fibre cortico-rubre, che
provengono dalla corteccia cerebrale del] 'area motrice secondaria (o area 6)
dci lobo frontale dell'emisfero cerebrale omolaterale; le fibre pallido-rubre,
che nascono dal globus pallidus e si portano al nucleo rosso seguendo il fascicolo
lenticolare e l'ansa lenticolare; il fascio cerebello-rubro che, originato dal nucleo
dentato e dai nuclei globoso ed emboliforme dci cervelletto, entra nel mesencefalo
tramite il peduncolo cerebellare superiore e raggiunge il nucleo rosso dopo essersi
incrociato nella decussazione del Wernekink.
I si
stemi efferenti che prendono origine dal nucleo rosso sono i seguenti.
Il fascio rubro-spinale (del Monakow) nasce dalla parte magniceUulare del nucleo
rosso e si incrocia con quello eterolaterale entro la callotta del mesencefalo,
formando la decussazione del Farei; dopo avere attraversato il ponte ed il mi­
dollo allungato cedendo fibre ai nuclei somatomotori dei nervi encefalici, di-
64 ENCEFALO

scende nel midollo spinale scomposto nel fascio rubro-spinale anteriore, alquanto
esiguo, e nel fascio rnhro-spinale laterale, più voluminoso, i quali mettono capo
al corno anteriore del midollo spinale stesso, di cui però non oltrepassano la parte
cervicale. Le fibre rubro-reticolari originano prevalentemente dalla parte parvi­
cellulare del nucleo rosso et dopo incrocia mento, terminano nella zona mcdiale
della formaz.ione redcolare del mesenccfalo, di quella del ponte e di quella del
midollo allungato, costi:uendo il primo tratto della via Tubre-reticoio-spinale;
questa via, che rappresenta il sistema efferente maggiore del nucleo rosso, pro­
segue dalla formazione reticolare, oltre che con fibre per i nuclei somatomotori
dei nervi encefalici, con i fasci reticolo-spinali anteriore a laterale destinati al
corno anteriore del midollo spinale. Le fibre rubro-olivari, dirette, entrano nella
costituzione del fascio centrale della callotta e si portano al nucleo olivare in­
feriore del midollo allungato. Infine, il fascio rnbro-ta/amico nasce dalla parte
parvicellulare del nucleo rosso e mette capo al nucleo ventrale laterale dci ta­
lamo ornolaterale.
Concludendo, il nucleo rosso è un importantissimo centro motore che fon­
damentalmente è intercalato sulla via cortico-strio- pallido-rubro{reticolo-)spinale
e sulla via cortico-ponto-cerebello-rubro-reticolo-spinale, che appartengono al
sistema delle vie extrapiramidali, inoltre sulla via cerebello-rubro-talamo-corticale,
che collega il cervelletto all'area motrice primaria (o area 4), nonché anche all'arca
motrice secondaria (o area 6) della corteccia cerebrale. Il nucleo rosso provvede a
mantenere e a regolare il tono muscolare, inoltre a regolare la motilità volontaria
ed i movimenti automatici che accompagnano i movimenti volontari, esplicatldo
anche un'azione moderatrice sull'attività muscolare.
Immediatamente di lato al nucleo rosso vi è il lemnisco mediale. Esso pre­
senta la sua estremità mediale incavata per adattarsi al nucleo rosso stesso; per­
tanto, in sezione trasversale, ha l'aspetto di una cornucopia.
La parte centrale della callotta del mesencefalo, compresa fra i due nuclei
rossi, è occupata in addietro dalla decussazione fontanifonne (del Meynert),
che è l'incrociamento dei due fasci tetto-spinali mediali, discendenti dalla lamina
quadrigemina del mesencefalo e pertinenti pertanto alle vie ottica ed acustica
riflesse; è occupata invece in avanti dalla decussazione del Forel, che è l'incro­
clamento dei due fasci rubro-spinali (del Mo�zakow). Lungo la linea mediana, le
fibre di tali due decussazioni formano il rafe della callotta del mesencefalo.
Anteriormente alla decussazione del Farei, in rapporto con la fossa jmerpe­
duncolare, vi è il nucleo interpeduncolare. Esso riceve il fascio abenulo-interpe­
duncolare (o fascio retroflesso del Meynert), fascio interamente crociato che
viene dal nucleo dell'abenula, pertinente all'epitalamo, e che appartiene quindi
alla via olfattiva; dà poi origine a fibre che si recano alla formazione reticolare del
mesencefalo.
Nella parte anteriore della sostanza grigia centrale che circonda l'acquedot­
to cerebrale (del Si l vio) vi sono i nuclei soma/omotori, centrale e principale, del
nervo oculomotore, inoltre il nucleo visceroeffettore del nervo ocu/omotore.
Il nucleo somatomotore centrale del nervo ocuIomotore è impari e mediano
e pertanto fornisce fibre motrici somatiche sia al nervo oculomotore destro
che a quello sinistro; esso è situato in posizione mediana anteriormente all'acque­
dotto cerebrale (del Silvio). Il nucleo somatomotore principale del nervo oculo-
ENCEFALO 65

motore è invece pari ed è posto subito di lato al detto nucleo sOlllatomOtore


centrale. Dai nuclei somatomotori del nervo oculomotore partono le fibre mo­
trici somatiche che provvedono all'innervazione dei muscoli retti superiore,
mediale ed inferiore dell'occhio, del muscolo obliquo inferiore dell'occhio e del
muscolo elevatore della palpebra superiore. I nuclei somatomotori del nervo
oculomotore sono collegati in doppio senso, tramite il fascicolo longitudinale
mediale, con i nuclei degli altri nervi motori dei muscoli dell'occhio (nuclei
del nervo abducente e del nervo trocleare), con i nuclei vestibolari del midollo
allungato, inoltre con la parte cervicale del corno anteriore del midollo spinale che
presiede all'innervazione dei muscoli deputati ai movimenti della testa. Tali
connessioni determinano il sinergismo tra i movimenti della testa e quelli degli
occhi che è fondamentale per il mantenimento dell'equilibrio del corpo; quando
infatti la testa ruota in una direzione, a causa di stimoli che partono dai nuclei
vestibolari gli occhi deviano nella direzione opposta, conservando così l'oggetto
osservato nel campo della visione.
Il nucleo visceroeffettore del nervo ocuiomotore, detto comunemente nucleo
di Edinger e Westphal, è situato postero-medialmente al nucleo somatomotore
principale del nervo oculomotore. Esso dà origine alle fibre effettrici viscerali
o fibre pregangliari destinate al ganglio ciliare per l'innervazione del muscolo
sfintere della pupilla e del muscolo ciliare, accolti entro l'occhio. Il nucleo di
Edinger e Westphal ha connessioni con la retina sia dirette, sia tramite l'inter­
posizione del nucleo pretettale del tubercolo quadrigemino superiore; tali con­
nessioni creano la via per la contrazione riflessa del muscolo sfintere della pupilla
e del muscolo ciliare.
Tra i nuclei del nervo oculomotore, in addietro, ed il nucleo rosso, in avanti,
trovasi il tratto iniziale del fascicolo longitudinale mediale. Questo prende in­
fatti origine, presso l'estremità superiore del mesencefalo al confine col dien­
cefalo, da due nuclei situati nella sostanza grigia centrale che circonda l'acquedot­
to cerebrale (del Silvio): il nucleo della commessura posteriore (del Darksche­
witsch) ed il nucleo interstiziale dei fascicolo longitudinale mediale (del Gajal). Le
fibre nervose che originano da tali due nuclei in parte passano nel fascicolo
longitudinale mediale omolaterale, in parte invece entrano nella commessura
posteriore e discendono poi nel fascicolo longitudinale mediale eterolaterale.

Lamina quadrigemina. La lamina quadrigemina mostra una differente struttura,


se viene considerata nei tagli tras.versali interessanti i tubercoli quadrigemini
inferiori, oppure in quelli passanti per i tubercoli quadrigemini superiori.
(1) Ciascun tubercolo quadrigemino inferiore (fig. 30) è costituito da un am­
masso di sostanza grigia: il nucleo centrale del tubercolo quadrigemino infe­
riore, che è ricoperto in superficie ed in profondità di sostanza bianca.
Al tubercolo quadrigemino inferiore giunge il lemnisco laterale della via
acustica. La maggior parte delle fibre del lemnisco laterale costeggia il contor­
no laterale del nucleo centrale del tuhercolo quadrigemino inferiore e prosegue
nel braccio quadrigemino inferiore per portarsi al corpo genicolato mediale,
che è il nucleo del talarno da cui la via acustica centrale irradia poi alla cortec­
cia cerebrale dell'area acustica primaria; una parte invece delle fibre del lem­
nisco laterale termina nel nucleo centrale dci tubercolo quadrigemino inferio-
66 ENCEFALO

re, rappresentandone il principale sistema afferente. Altri sistemi afferenti al


nucleo centrale del tubercolo quadrigemino inferiore sono: le fibre cortico­
-tettali, che provengono dall'area acustica del lobo temporale dell'emisfero ce­
rebrale; il fascio tetto-spinale, che sale dal midollo spinale, recando impulsi
della sensibilità esteroçettiva protopatica del tronco e degli arti.
Dal nucleo centrale del tuberco!o quadrigemino inferiore partono come
sistemi efferenti: le fibre tetto-genicolate, che passano nel braccio quadrige­
mino inferiore e si recano al corpo genicolato mecliale, il quale poi proietta
le sue fibre alla corteccia cerebrale dell'area acustica primaria; le fibre tetto­
-spinali, tetto-bulbari e tetto-pontine che unitamente alle fibre omonime prove­
nienti dal tubercolo quadrigemino superiore, discendono ai nuclei somatomotori
spinali ed encefalici, rappresentando la via acustica riflessa, via capace di determi­
nare movimenti muscolari in risposta a stimoli acustici; le fibre tetto"Cerebellari,
che seguendo il peduncolo cerebellare superiore si portano alla corteccia cerebella­
re, mettendo così sotto il controllo del cervelletto le attività riflesse in seguito a

(j)
stimoli acustici.
Ciascun tubercolo quadrigemino superiore (fig. 31) è costituito da una
serie di strati di sostanza bianca e di sostanza grigia, che si succedono alterna­
tivamente. In superficie vi è uno strato di sostanza bianca, cui segue uno strato di
sostanza grigia, poi ancora uno strato di sostanza bianca, e così via fmo ad aver­
si quattro strati di sostanza bianca e tre strati di sostanza grigia.
11 principale sistema afferente del tubercolo quadrigemino superiore è rap­
presentato dalle fibre ottiche che, nate dalle cellule multipolari della retina, vi
giungono seguendo il tratto ottico e poi il braccio quadrigemino superiore; esse
recano stimoli luminosi. Altri sistemi afferenti del tubercolo quadrigemino su­
periore sono: le fibre cortico-tettali, che provengono dalla corteccia cerebrale del
lobo occipitale ove ha sede l'area ottica primaria; le fibre del fascio spino-tettale,
che salgono dal midollo spinale recando impulsi della sensibilità esterocettiva
protopatica del tronco e degli arti.
I sistemi efferenti del tubercolo quadrigemino superiore sono le fibre tetto­
-spinali, le fibre tetto-bulbari e le fibre tetto-pantine, destinate ai nuclei soma­
tomotori dei nelVi spinali ed encefalici e che fanno parte della via ottica rifles­
sa, deputata a determinare movimenti muscolari riflessi a seguito di stimoli
luminosi. Parte delle fibre tetto-spinali si incrocia anteriormente all'acquedotto
cerebrale (del Silvio) assieme a parte delle fibre tetto-spinali provenienti dal
tubercolo quadrigemino inferiore, formando la decussazione fontanifonne (del
Mey"ert); infIne, unitamente a queste ultime fibre, costituisce il fascio tetto­
-spinale anteriore, che si reca al corno anteriore del midollo spinale. Parte inve­
ce delle fibre tetto-spinali non si incrocia e, unendosi alle fibre tetto-spinali
non crociate che provengono dal tubercolo quadrigemino inferiore, forma
il fascio tetto-spitlale laterale, che pure mette capo al corno anteriore del midollo
spinale. Le fibre tetto-bulbari e le fibre tetto-ponti ne non si incrociano e, co­
me le omonime fibre che provengono dal tubercolo quadrigemino inferiore,
si recano ai nuclei sOOlatomotori dei nervi encefalici posti rispettivamente nel
midollo allungato e nel ponte.
Dal tubercolo quadrigemino superiore partono anche fibre nervose che en·
trano nel fascicolo fongitudinale mediale e che in parte vanno ai nuclei somato-
ENCEFAW 67
motori dei nervi che provvedono all'innervazione dei muscoli dell'occhio (nervi
abducente, trocleare ed oculomotore), ed in parte scendono invece ai primi
segmenti del midollo spinale dove terminano nel corno anteriore ; esse sono re­
sponsabili dei movimenti riflessi coniugati degli occhi, come anche dei movimenti
riflessi oculocefalogiri in risposta a stimoli luminosi. Originano infine fibre tet­
to-cerebellari, che si portano alla corteccia cerebellare seguendo il pedunco­
lo cerebellare superiore e mettono sotto il controllo del cervelletto i movimen­
ti riflessi determinati da stimoli luminosi.
Subito ventralmente agli strati di sostanza bianca e di sostanza grigia che
compongono il tubercolo quadrigemino superiore vi è il nucleo pretettale. Esso
riceve, tramite il tratto ottico e poi il bracdo quadrigemino superiore, fibre
ottiche provenienti dalle cellule multipolari della retina, che vi recano stimoli
luminosi; dà origine a fibre nervose che si portano sia al nucleo visceroeffettore
del nervo oculomotore o nucleo di Edinger e Westpha!, deputato all'innervazione
dei muscoli sftntere della pupilla e ciliare dell'occhio, sia al centro dUo-spinale
(del Budge) del corno laterale del midollo spinale, deputato all'innervazione del
muscolo dilatatore della pupilla. Il nucleo pretettale fa parte pertanto della via
ottica riflessa, essendo infatti intercalato lungo le vie nervose che determinano i
movimenti riflessi dei muscoli involontari dell'occhio, ossia il riflesso della co­
strizione pupillare, il riflesso dell'accomodazione visiva ed il riflesso della dila­
tazione pupillare.

CERVELLETTO
Il cervelletto (fig. ] 6) è situato posteriormente al midollo allungato ed al
ponte, dai quali è separato per l'interposizione della cavità del IV ventricolo.
Il cervelletto, considerato nel suo insieme, ha forma ellissoidale, appiatti­
to dall'alto in basso. Sono in esso ben .distinggibili u�arte centrale, allun­
gata sagittalmente e stretta, che è detta 1Lcrme, ��12arti laterali, molto più
sviluppate, che sono chiamate emisferi cerebellari. Lo completano due pic-

Figura 32. Cervelletto, visto dalla sua faccia superiore.


68 ENCEFALO

<
::-
- -------------------,
faccia superiore
/"<:L

verme superiore --------: ve/o midollare anteriore


""
r.;;: peduncolo cerebellare superiore

:eedurrcolo cerebellare medio


di:.
1---cerebellare inferiore
solco orizzontale peduncolo
velo midollare
cerebellare
verme inferiore ------

........
... ....-- faccia inferiore

Figura 3 3 . Cervelletto, visto anteriormente.

cole formazioni, una per lato, denominate fIocculi.


II cervelletto h a il diametro trasversale di circa 9 cm, quello antero-posteriore
di circa 6 cm ed il diametro verticale di circa 5 cm. Il suo peso è all'incirca di 142
gr nell'uomo e di 128 gr nella donna.
II cervelletto offre a considerare una faccia superiore ed una faccia inferiore,
separate fra di loro d a una circonferenza.
La faccia superiore del cervelletto (fig. 32) è leggermente convessa; essa è
percorsa sagittalmente, nella sua parte di mezzo, da un rilievo: il venne superiore,
ai lati del quale si trovano le facce superiori dei due emisferi cerebellari, che de­
gradano in basso ed in fuori. La faccia superiore del cervelletto è in rapporto
con il tentodo del cervelletto della dura madre, che la separa dai lobi cccipi­
tali degli emisferi cerebrali.
La faccia inferiore del cervelletto (fig. 33) è percorsa sagittalmente da una
profonda depressione: la vallecula (del Reil), nella cui profondità si trova il
verme inferiore ; ai lati si estendono le facce inferiori dei due emisferi cerebel­
lari forcemente convesse. La faccia inferiore del cervelletto è in rapporto con
le fosse cerebellari dell'osso occipitale e, più in avanti, con le facce postero­
-superiori delle piramidi degli ossi temporali.
La circonferenza del cervelletto mostra anteriormente una profonda de­
pressione, che è l'ilo del cervelletto (fig. 33). In sua corrispondenza fanno emer­
genza i peduncoli cerebellari (fig. 28), in numero di tre paia: i peduncoli cere­
bellari superiori, che collegano il cervelletto al mesencefalo, i peduncoli cere­
bellari medi, che congiungono il cervelletto al ponte, i peduncoli cerebellari
inferiori (o corpi restiformi), che uniscono il cervelletto al midollo allungato.
I peduncoli cerebelklri superiori (figg. 19, 28 e 33) hanno forma appiat­
tita; essi stann � nella parte alta dell'ilo del cervelletto. Fuoriusciti da questo,
si portano in alto e medialmente e raggiungono il contorno inferiore della lamina
quadrigemina del mesencefalo. I peduncoli cerebellari superiori sono collegati
tra loro da una lamella di sostanza bianca, che è detta velo midollare anteriore
ENCEFALO 69

(o valvola del Vieussens). Il velo midollare anteriore ha forma triangolare e ter­


mina emettendo, in corrispondenza del suo apice superiore, un cordoncino
bianco che si pone tra i due tubercoli quadrigemini inferiori: è il frenulo del
velo midollare anteriore.
I peduncoli cerebellari medi (figg. 19, 28 e 33) hanno forma ovalare e sono
7 8 volte più grandi dei peduncoli cerebellari superiori e di quelli inferiori;
-

essi occupano le parti laterali dell'ilo del cervelletto. Usciti dall'ilo del cervel­
letto, si portano in fuori ed in alto per continuarsi direttamente con il ponte.
,L peduncoli cerebellari inieriori (figg. 19, 28 e 33) sono posti, all'ilo del
cervelletto, infero-medialmente ai peduncoli cerebellari medi e sono Unttl a
questi ultimi. Fuoriusciti dall'ilo del cervelletto, si dirigono in basso e medial­
mente per raggiungere la faccia posteriore del midollo allungato.
All'ilo del cervelletto, tra i contorni posteriori dei due peduncoli cerebellari
medi fusi con quelli inferiori, è teso il velo midollare posteriore (o valvola del
Tarin) (6g. 33). Quest'ultimo, nella sua parte di meno, prende aderenza con
l'estremità anteriore del verme inferiore del cervelletto, chiamata nodulo, e
risulta pertanto scomposto in due parti.
l flocculi del cervelletto (6g. 33) sono posti all'estremità anteriore della
faccia inferiore del cervelletto stesso. Sono due piccoli ciuffi, destro e sinistro,
alquanto indipendenti dagli emisferi cerebellari; essi si trovano un poco di lato
al nodulo del verme inferiore, ognuno subito al di sotto al corrispondente pe­
duncolo cerebellare medio.
La superficie del cervelletto è percorsa trasversalmente dai solchi cerebel­
lari, curvilinei e paralleli tra di loro. Tali solchi, visti sulla superficie del cervel­
letto, sembrano tra di loro pressoché simili; se vengono invece divaricati, oppure
se si osservano in sezioni del cervelletto (fig. 34), appaiono di differente pro­
fondità. Di essi, i meno profondi separano tra di loro le lamelle cerebellari; altri
un poco più profondi circoscrivono gruppi di lamelle cerebellari, che prendono

lamina cerebellare --'1\''''';


r-.Jk<fO della llita

Figura 34. Lobi, lamine e lamelle cerebellòòri ed òòlbero della vita, in una sezione sagittale del
cervelletto.
ENCEFALO
70

il nome di lamine cerebellari; altri infme molto profondi dividono i lobuli del
cervelletto.
Il più profondo tra i solchi cerebellari è il solco orizzontale (o grande solco
circonferenziale del Vicq d'Azyr) (fìgg. 32 e 33), che raggiunge i 2 - 3 cm di
profondità; esso decorre lungo la circonferenza del cervelletto, giungendo in
avanti fino all'ilo del cervelletto; divide così il verme superiore dal verme infe­
riore e le facce superiori degli emisferi cerebellari da quelle inferiori. Altro im­
portante solco cerebellare è il solco primario (fig. 32), così denominato perché
è il primo solco che compare nel corso dello sviluppo del cervelletto; esso è un
solco arcuato a concavità anteriore che decorre sulla faccia superiore del cervel­
letto, intaccando sia il verme superiore che i due emisferi cerebellari.

Lobuli del cervelletto. llobuli del ceT1JelIetto (fig. 35) vengono distinti in lobuli
del venne e lobuli degli emisferi cerebellari. Nel verme superiore si susseguono
dall'avanti all'indietro cinque lobuli, cui corrispondono di lato, sulla faccia su­
periore di ciascun emisfero .cerebellare, altri cinque lobuli. Nel verme inferiore
vi sono altri quattro loboli, ai quali da ciascun lato corrispondono tre lobuli
sulla faccia inferiore dell'emisfero cerebellare ed il Oocculo.
I Iobuli del venne superiore, dall'avanti all'indietro, sono; la lingula, il lobulo
centrale, il culmine del monticello, il declive del monticello ed il folium vennis.
I lobuli della faccia superiore dell'emisfero cerebellare, che dall'avanti all'indie­
tro si trovano rispettivamente di lato a ciascuno di tali lobuli del verme superiore,
sono: il frenulo della lingula, l'ala del lobulo centrale, il lobulo quadrangolare,
il lobulus simplex ed il lobulo semilunare superiore.
l lobuli del verme hl[eriore, dall'indietro in avanti, sono: il tuber vennis,
la piramide, l'uvola ed il nodulo. I lobuli della faccia inferiore dell'emisfero
cerebellare, che dall'indietro in avanti sono posti dì lato rispettivamente al tuber

Ungula frenulo della IinguLi


lobulo cetItra LI dellobulo centrale

culmine del m(lIIticcUo obulo quadrangolare


declille del monticcUo �__
olco primario
Hrmi s iF'= . �

folium 'obulus simplex
\, �'J"..
"";: ::=- �obulo semilunare superiore
, -
ruber vermis .

� oolco orizzontale
inferiore
" lobulo dig4Strico

Figura 35. Lobuli del çervelletto e suddivisione del çervelletto: in verde, !'archicerebdlo; in giallo, il paleocerebello;
in rosa, il neocerebello.
ENCEFALO 71

solco '--':'I-J'-7�L ____- "'''O primelrio

Figura 36. Se:zione sagittale mediana del cervelletto per dimostrarne la .uddivjsione: in verde,
l'archicerebello; in giallo, il palecx:erebello; in rosa, il neocerebello.

vennis, alla piramide e all'uvola, sono: il lobulo semilunare inferiore, il lobulo


digastrico e la tonsilla (o amigdala). Lateralmente al nodulo si trova il flocculo.

Suddivisione del cervelletto


Il cervelletto viene suddiviso in tre parti: )'archicerebello, il leocerebello
ed il neocerebello (f1gg. 35 e 36» . Tale suddivisione, basata sui diversi momenti
di comparsa delle parti del cervelletto nel corso della fùogenesi, ha notevole
importanza perché alle tre parti corrispondono connessioni differenti e quindi
funzioni diverse.
L'archicerebello corrisponde alla parte affatto anteriore della faccia inferiore
del cervelletto; esso è costituito dal nodulo, nel mezzo, e dai due flocculi, sui
lati, i quali nell'insieme formano il cosiddetto lobo jlocculo-nodulare. L'archi­
cerebello è il centro dell equilibrio connesso coi recettori del senso statico del­
'

l'orecchio interno.
!Le aleocerebello è la parte del cervelletto che si estende al davanti del solco
primario e che è detta lobo anteriore del cervelletto. Esso comprende pertanto,
sulla faccia superiore del cervelletto, la lingula, il lobulo centrale ed il culmine
del monticello, localizzati nel verme superiore, ed il frenulo della lingula, l'ala
del lobulo centrale e il lobulo quadrangolare di ognuno dei due emisferi cere­
rebellari; comprende inoltre, sulla faccia inferiore del cervelletto, la piramide e
l'uvola del verme inferiore e le tonsille dei due emisferi cerebellari. Il paleoce­
rebello è il centro regolatore del tono muscolare e della postura.
Il J.le_ocerebello corrisponde alla parte del cervelletto che si trova dietro al
solco primario e che è denominata lobo posteriore del cervelletto. Comprende
pertanto, sulla faccia superiore del cervelletto, il declive del mondceUo ed il
folium vermis del verme superiore ed il lobulus simplex ed il lobulo semilunare
72 ENCEFALO

superiore di ciascuno degli emisferi cerebellari; comprende, sulla faccia inferiore


del cervelletto, il iuber lIermis del verme inferiore ed il lobulo semilunare inferiore
ed il lobulo digastrico di ambedue gli emisferi cerebellari. il neocerebeUo è i l
centro regalatore dei movimenti volontari ed automatici.

Costituzione interna del cervelletto


Una sezione del cervelletto (fig. 37) dimostra che l'organo è costituito, in
superficie, da uno strato di sostanza grigia dello spessore di 1 1,5 mm: la cor­
-

teccia cerebellare; che all'interno è formato di sostanza bianca: il corpo midol­


lare del cervelletto; che entro quest'ultimo vi sono alcune formazioni di sostanza
grigia: i nudei del cervelletto.

Cortecci a cerebellareLa corteccia cerebellare appare come uno strato di sostanza


grigia che ricopre l'intera superficie del cervelletto, affondandosi pure a rivestire i
solchi cerebellari di vario ordine. Essa manca solo in corrispondenza dell'ilo del
cervelletto, laddove si trovano i peduncoli cerebellari.
La corteccia cerebellare (figg. 38 e 39) ha come suoi elementi tipici le cel­
lule del Purkinje. l pirenofori di queste ultime sono allineati a costituire una
regolare fila a metà circa della corteccia cerebellare . In superficie ai pirenofori
delle cellule del Purkinje si estende lo strato moleealare, in profondità lo strato
dei.sranuli.
rJ} Le cellule del Purkinje (fig. 40) hanno il pirenoforo di forma globosa,
con un diametro massimo di circa 40 /1. Dal polo superficiale del loro pireno­
foro si staccano due o tre dendriti che entrano nello Strato molecolare, dove
[armano un'amplissima arborizzazione con ramificazioni spinose, la quale giun­
ge fin presso la superficie della corteccia cerebellare; tale arborizzazione avviene
secondo un piano perpendicolare alla lunghezza della lamella cerebellare, per
cui essa mostra un aspetto che ricorda quello di un albero da frutta a spalliera.
Dal polo profondo del loro pirenoforo si diparte un neurite che percorre lo
strato dci granuli e, assunta la guaina miehnica, entra nel corpo midollare del

corpo midollare

;:t � nucleo dentato

!orteccw cerebelwre

Figura 37. Cervelletto, sezionato orizzontalmente.


ENCEFALO 73

G�ia cerebelldre nel suo I

Figura 38 . Elementi costitutivi della corteccia cerebellare, visti in una sezione perpendicolare
all'asse longitudinale di una lamella cerebellare.

fibra
rampical1te
corteccia
cellula
cerebellare
del Purkinje .<1
insieme

fibre
granuli muschiose

Figura 39. Elementi costitutivi della corteccia cerebellare, visti in una sezione parallela all'as­
se longitudinale di una lamella cerebellare.
74 ENCEFALO

Figura 40. Cellula del Purkjnie della corteccia cerebellare.

r)
cervelletto per portarsi ad uno dei nuclei del cervelletto, entro cui termina.
Lo strato molecolare, che, come si
è detto, accoglie le arborizzazioni
dendritiche delle cellule del Purkinje, possiede le cellule stellate, distinte in
estenlC cd iutcnze. Le cellule stellate esterne sono poste nella parte più super­
ficiale dello strato molcealare ed il loro neurice ramifica in rapporto coi den­
driti delle cellule del Purkinje. Le cellule stellate inteme (o cellule dei canestri)
occupano la parte più profonda dello strato molecalare; il loro neuriee decor­
re orinontalmente con direzione perpendicolare rispetto all'asse longitudinale
della lamella cerebellare c, cammin facendo, stacca numerosi rami collaterali che
discendono in profondità per prendere rapporto coi pirenofori delle cellule del
Purkinje, attorno ai quali formano con le loro ramificazioni terminali un avvolgi­
mento a canestro; esse pertanto, contraendo sinapsi asso-somatiche con diverse
cellule dci Purkinje, associano queste secondo un asse perpendicolare alla lunghez­
za della lamella cerebellare.
Tra le fibre presenti nello strato mole calare sono da ricordare le fibre ram­
picanti e le fjbre parallele.
Le fibre rampicanti sono fibre pertinenti ai sistemi afferenti della corteccia
ENCEFALO 75

cerebellare le guali, entrate nella corteccia cerebellare stessa, raggiungono lo


strato molecolare, dove si abbarbicano attorno ai dendriti delle cellule del Pur­
kinje.
Le fibre parallele provengono dai neuriti dei granuli, che sono situati nello
strato profondo della corteccia cerebellare ; tali neuriti infatti, saliti nello stra­
to molecolare, si dividono a T, dando così origine a due rami che, col nome
appunto di fibre parallele, decorrono orizzontalmente con un andamento paral­
lelo all'asse longitudinale della lamella cerebellare. Le fibre parallele interse­
cano le spalliere dendritiche delle cellule del Purkinje e, contraendo con gueste
sinapsi asso-dendritiche, associano le stesse cellule del Purkinje secondo la dire­

(3J
zione della lunghezza della lamella cerebellare.
Lo strato dei granuli è occupato da un numero enorme di piccolissime
cellu(e nervose, che sono dette granuli. Questi sono forniti di pochi e brevi den­
driti, i guali ramificano con una modalità che assomiglia agli artigli di un ani�
male, onde il nome di cellule ad artiglio dato ai granuli medesimi. Hanno poi
un sottile neurite che, senza assumere la guaina mielinica, sale nello strato mole­
colare dove, dividendosi a T, dà luogo a due fibre parallele.
l granuli, tramite i loro dendriti, contraggono sinapsi asso-dendritiche con
le fibre muschiose. Queste sono fibre pertinenti ai sistemi afferenti della cortec­
cia cerebellare le guali, entrate nello strato dei granuli, danno luogo ad una
serie di ramificazioni, ciascuna delle guali termina poi, in rapporto coi dendri­
ti dei granuli, con una arborizzazione simile ad un ciuffo di muschio. Le for­
mazioni sinaptiche tra i dendriti dei granuli e le fibre muschiose prendono il
nome di glomeruli cerebellari (del Held).
Lo strato dei granuli è infine attraversato dalle fibre rampicanti che salgono
verso lo strato mole colare, inoltre dai neuriti delle cellule del Purkinje che di­
scendono verso il corpo midollare del cervelletto.

Da quanto si è detto, risulta dunque che tutti i sistemi afferenti della cortec­
Cla cerebellare mettono capo alle cellule del Purkinje o direttamente (fibre ram­
picanti), o tramite l'interposizione dei granuli (fibre muschiose); risulta inoltre
che tutti i sistcmi efferenti della corteccia cerebellare traggono origine dalle
cellule del Purkinje, infatti soltanto i ncuriti di queste ultime escono dalla cor­
teccia cerebellare per portarsi ai nuclei del cervelletto.

Corpo midolJare del cervelletto. Il corpo midollare del cervelletto (fig. 37) occupa
la parte centrale del cervelletto. Esso manda all'interno dei lobuli del cervelletto
grosse propaggini; da queste se ne staccano altre minori che si addentrano nelle
lamine cerebellari, da cui si dipartono infine altre espansioni più fini che for­
mano l'assc centrale delle lamelle cerebellari (fig. 34). Per tale sua modalità di
suddivisione, il corpo midollare del cervelletto ha avuto il nome di albero della vi­
ta, ricordando esso infatti l'aspetto delle foglie della tuja o albero della vita.
Il corpo midollare del cervelletto è formato dai sistemi delle fibre afferenti
del cervelletto, che vi giungono seguendo i peduncoli cerebellari e che sono de­
stinati alla corteccia cerebellare. E' costituito inoltre dai sistemi delle fibre effe­
renti del cervelletto; guesti sono rappresentati dalle fibre cortico-nuc1eari (neu­
riti delle cellule del Purkinje), che dalla corteccia cerebellare vanno ai nuclei
76 ENCEFALO

del cervelletto, e dalle fibre che, originate dai nuclei medesimi, si portano ai pe­
duncoli cerebellari per uscire dal cervelletto.
Nel corpo midollare del cervelletto si trovano infine le fibre di associaiione
intracerebellare rappresentate, oltre che dai sistemi di fibre nervose che associano i
due emisferi cerebellari fra di loro e da quelli che associano gli emisferi cerebellari
stessi al verme, dalle fibre arcuate e dalle fibre a ghirlanda. Le fibre arcuate,
presenti in tutto il cervelletto, collegano una lamella cerebellare a quella con­
tigua, decorrendo profondamente al solco tra le due lamelle subito al di sotto
la corteccia cerebellare ; le fibre a ghirlanda, esclusive del neocerebeUo, collega­
no lamelle cerebellari fra di loro distanti. Sia le fibre arcuate che le fibre a ghir­
landa hanno un decorso che è perpendicolare alla lunghezza delle lamelle ce­
rebellari.

Nuclei del cervelletto. I nuclei del cervelletto_(.fig. 37), accolti entro il corpo
midollare del cervelletto, sono pari e sono in numero di quattro. Procedendo
dalla linea mediana in fuori, essi sono: il nucleo del tetto (o nucleo del fastigio),
i l nucleo gIoboso, il nucleo emboliforme, .u nucleo dentato (od oliva cerebel­
lare). I primi tre nuclei sono situati entro il verme del cervelletto; di essi, il nucleo
del tetto appartiene all'archicerebello, i nuclei globoso ed emboliforme sono
invece del paleocerebello. Il nucleo dentato, molto più voluminoso degli altri
tre nuclei, è posto nell'emisfero cerebellare e fa parte del neocerebello; esso ha
la forma di una lamina grigia pieghettata, ricurva su sé stessa, e misura circa
2 cm in senso sagittale e l cm nelle altre direzioni.
I nuclei del cervelletto sono intercalati lungo le vie efferenti del cervelletto.
Essi ricevono infatti le fibre nervose (neuriti delle cellule del Purkinje) dalla
corteccia cerebellare, che delle vie efferenti stesse rappresenta l'origine; da essi
nascono poi i fasci ed i sistemi di fibre nervose che, seguendo i peduncoli cere­
bellari, fuoriescono dal cervelletto.

Connessioni del cervelletto


il cervelletto è connesso direttamente, sia in direzione afferente che effe­
rente, con numerosi centri di sostanza grigia del midollo spinale, del tronco
cerebrale e del diencefalo; è inoltre connesso indirettamente con la corteccia
cerebrale.
Differenti sono le connessioni del cervelletto in relazione alle sue tre fun­
zioni fondamentali, che sono: il mantenimento dell'equilibrio, la regolazione
del tono muscolare e della pastura, la regolazione e la coordinazione dei mo­
vimenti volontari ed automatici. Tenuto presente che a tali tre funzioni pre­
siedono distintamente l'archicerebello, il paleocerebello ed il neocerebello, è
opportuno considerare separatamente: le connessioni dell'archicerebello (fig.
41), le connessioni del paleocerebello (fig. 42), � connessioni del neocerebel­
lo (fig. 43).

Connessioni del l'archicerebello. AU'archicerebello (fig. 41), che è rappresentato


dal lobo flocculo-nodulare del cervelletto, giungono gli stimoli captati dai re­
cettori del senso statico dell'orecchio interno, ossia dalle macule acustiche del-
ENCEFALO 77

nucleo dei tetto del ";,,,ll"'a ·--TI'I!:i::....:f--h'r---l�


corteccia cerebellare

-l l - C ::::
=: = I-<id
:;;
nuclei vestibolari


'-�
;:::;:1rr";:--
- ::::>r-
:' -·fil",
midollo allungato

centrali dei neuroni


del gcmglio vestibolare
(dello Scarpa)

� g"",,t;o vestibolare (dello Scarpa)

1;-
__

fascio vestibolo-spinale la'''ak--------i::::-i ___ 1'." periferiche dei neuroni


del gcmglio vestibolare

-------(N-
(dello Scarpa)
fascio vestibolo-spinale '"""'O,,,

corno anteriore del midollo ,p,;�l,-----_+__j

Figura 41. Connessioni dell'archicerebello.

l'utricolo e del sacculo e dalle creste ampollari dei condotti semicircolari, re­
cettori che registrano la posizione e gli spostamenti della testa nello spazio, da
cui dipende l'equilibrio. Al lobo fIocculo-nodulare del cervelletto mette capo
infatti il fascio vestibolo-cerebellare, quasi interamente diretto, che proviene
dai nuclei vestibolari del midollo allungato, specialmente dai nuclei vestibolari
mediale e superiore ; i nuclei vestibolari hanno ricevuto a loro volta le fibre cen­
trali dei ne urani sensitivi del ganglio vestibolare (dello Scarpa), le cui fibre pe­
riferiche si distribuiscono ai detti recettori del senso statico dell'orecchio in­
terno, raccogliendo gli stimoli da questi captati. Al lobo flocculo-nodulare del
cervelletto giungono direttamente anche fibre centrali dei neuroni sensitivi del
ganglio vestibolare (dello Scarpa) omolaterale che non hanno subito interruzione
nei nuclei vestibolari del midollo allungato. Detti sistemi afferenti giungono al
cervelletto seguendo il peduncolo cerebellare inferiore e mettono capo alla metà
omolaterale della corteccia cerebellare del lobo flocculo-nodulare del cervel­
letto.
Dalla corteccia cerebellare del lobo flocculo-nodulare del cervelletto partono
fibre nervose (neuriti delle cellule del Purkinje) che vanno a terminare nel nu­
cleo del tetto del cervelletto. Da quest'ultimo nucleo originano: il fascio cere­
bello-vestibolare, diretto, che si immette nel peduncolo cerebellare inferiore e
si reca ai nuclei vestibolari del midollo allungato omolaterali; il fascicolo unci-
78 ENCEFALO

nato, crociato, che risale fino al peduncolo cerebellare superiore, nel quale si
immette per discendere poi ai nuclei vestibolari "eterolaterali del midollo allun­
gato.
Dai nuclei vestiboiari del midollo allungato, particolarmente dal nucleo
vestibolare laterale (del Deiters) e dal nucleo vestibolare inferiore, traggono
origine: il fascio vestibolo-spinale anteriore, parzialmente crociato, che discen­
de nella parte cervicale del midollo spinale, portando al corno anteriore di questo
gli impulsi che determinano i movimenti della testa e dell'arto superiore al fine
del mantenimento dell'equilibrio; il fascio vestibolo-spinale laterale, diretto,
i! quale percorre l'intero midollo spinale e reca al corno anteriore del midollo
spinale stesso gli impulsi che determinano i movimenti del tronco e dell'arto
inferiore necessari al mantenimento dell'equilibrio.
Da quanto si è detto, risulta dunque che l'archicerebello è centro dell'equi­
librio. Esso infatti controlla la posizione e gli spostamenti della testa nello spazio
e di conseguenza interviene determinando movimenti delle varie parti del corpo
.
atti a mantenere l'equilibrio.

Connessioni del paleocerebello. Il paleocerebello (fig. 42), che corrisponde al


lobo anteriore del cervelletto, riceve numerosi fasci e sistemi di fibre nervose che
gli recano impulsi della sensibilità propriocettiva incosciente provenienti dalle arti­
colazioni e dai muscoli, inoltre impulsi della sensibilità esterocettiva provenien­
ti dal tegumento, infine anche stimoli luminosi ed acustici. Detti fasci e sistemi
di fibre nervose afferenti al paleocerebello sono i seguenti. 1 ) il fascio spino-cere­
bellare dorsale (del Flechsig), diretto, nasce dalla colonna del Clarke del corno
posteriore del midollo spinale, che ha ricevuto a sua volta fibre centrali dei neu­
roni a T dei gangli spinali; raggiunge il cervelletto seguendo il peduncolo cere­
bellare inferiore e si distribuisce alla corteccia cerebellare del lobo anteriore del
cervelletto, recandole impulsi della sensibilità propriocettiva incosciente del
tronco. 2) Il fascio spino-cerebellare ventrale (del Cowers), crociato, origina dal
nucleo intermedio mediale del corno posteriore del midollo spinale, cui hanno
messo capo fibre centrali dei neuroni a T dei gangli spinali; il fascio sale fino al
mesencefalo, qui penetra nel peduncolo cerebellare superiore e raggiunge il cer­
velletto, alla corteccia cerebellare del cui lobo anteriore si distribuisce, por­
tandole impulsi della sensibilità propriocettiva incosciente degli arti. 3) Le fibre
olivo-cerebellari, crociate, originano dal nucleo olivare inferiore del midollo
allungato e si portano al cervelletto seguendo il peduncolo cerebellare inferiore;
tenuto presente che il nucleo olivare inferiore riceve il fascio spino-olivare che
proviene dal corno posteriore eterolaterale del midollo spinale, a sua volta" con­
nesso con i neuroni a T dei gangli spinali, ne consegue che tali fibre olivo-cere­
bellari costituiscono il secondo tratto della via Spi�!o-olivo-cerebellare, deputata
a trasmettere alla corteccia cerebellare del lobo anteriore del cervelletto impul­
si della sensibilità propriocettiva incosciente del tronco e degli arti. 4) Le fibre
bulbo-cerebellari, in gran parte crociate, nascono dai nuclei del fascicolo gracile
e del fascicolo cuneato del midollo allungato, che a loro volta ricevono i fasci­
coli omonimi nati dai gangli spinali; esse seguono il peduncolo cerebellare infe­
riore e mettono capo alla corteccia cerebellare del lobo anteriore del cervelletto,
cui recano impulsi della sensibilità esterocettiva del tronco e degli arti. 5) Le fi-
ENCEFALO 79

�teccia cere.ktilare
nucleo rosso chi mesencefalo
--------.:::J;=�� ,-----
..d.d p.aleocereke.l1o

ascio cerebello-rubro
f
_-;��
fibre cortico-nudeari -t'7'r�

�ccia cerebellare

-------+--11
'----- del ealeocerebello
fascio rubro-spilM/e

fascio spino-ccrebellare venh'ale -------1I--1H

fascio spino-cerebellare dorsale --------+--IIfH

- ----------.ganglio spinale
,;
-"' �t���J t:
..c :-
COniO posteriore del midollo spinale _
_ __

Figura 42. Conne.uioni del p-aleocere�lJo.

bre trigemino-cerebellari, sia dirette che crociate, provengono dai nuclei sensi­
tivi del nervo trigemino posti nel tronco cerebrale, ai quali mettono capo le fi­
bre centrali dei neuroni a T del ganglio semilunare (del Gasser) del nervo tri­
gemino stesso; di tali fibre trigemino-cerebellari, quelle nate dal nucleo della
radice discendente del nervo trigemino e dal nucleo sensitivo principale del ner­
vo trigemino entrano nel peduncolo cerebellare inferiore, quelle nate dal nucleo
della radice mesencefalica del nervo trigemino passano invece nel peduncolo
cerebellare superiore; dette fibre si portano alla corteccia cerebellare del lobo
anteriore del cervelletto, trasmettendo impulsi della sensibilità propriocettiva
incosciente dei muscoli dell'occhio e dei muscoli masticatori, inoltre impulsi della
sensibilità esterocettiva della testa. 6) Le fibre reticolo-cerebellari, in gran parte
crociate, nascono dalla formazione reticolare del midollo allungato, del ponte e
del mesencefalo, seguono principalmente il peduncolo cerebellare inferiore e
si recano al lobo anteriore del cervelletto, portando alla corteccia cerebellare
impulsi sensitivi che la formazione reticolare ha ricevuto dalle molteplici fibre
sensitive che ad essa mettono capo. 7) Le fibre tetto-cerebellari. parzialmente cro­
ciate. vengono dai tubercoli quadrigemini superiore ed inferiore del mesencefalo,
seguendo il peduncolo cerebellare superiore; esse recano stimoli luminosi ed
acustici.
80 ENCEFALO

Dalla corteccia cerebellare del lobo anteriore del cervelletto, che ha ricevu­
to dette afferenze, partono fibre nervose (neuriti delle cellule del Purkinje) che
si portano al nucleo globoso ed al nucleo emboliforme del cervelletto; esse rap­
presentano il primo tratto della via efferente del paleocerebello. Dai nuclei glo­
baso ed emb oliforrne del cervelletto hanno origine fibre nervose che entrano nel
fascio cerebello-rnbro c, seguendo il peduncolo cerehellare superiore, raggiungono
la callotta del mesencefalo dove, dopo essersi incrociate nella decussazione del
Wernekink (o decussazione dei peduncoli cerebellari superiori), mettono capo alla
parte magnicellulare del nucleo rosso eterolaterale. Dalla parte magnicellulare del
nucleo rosso del mesencefalo h a origine il fascio rubro-spinale (del Monakov) che
si incrocia entro il mesencefalo, formando la decussazione del Forel, e discende
poi nel midollo spinale scomposto nei fasci rubro-spinale anteriore e rubro-spinale
laterale; questi due fasci mettono capo al corno anteriore del midollo spinale, re­
cando impulsi che regolano sia il tono muscolare, come anche la pastura, ossia la
posizione di alcune parti del corpo rispetto alle altre.
Concludendo dunque, il paleocerebello controlla il tono muscolare e la pastura.

Connessioni del neocerebello. Il neocerebello (fig. 43), che è rappresentato dal


lobo posteriore del cervelletto, è fondamentalmente connesso, sia in senso affe­
rente che efferente, con le aree motrici della corteccia cerebrale.
La via afferente del neocerebello è la via cortico-ponto-cerebellare; i primi
tratti di tale via sono il fascio cortico-potltino frontale (dell'Amold), che nasce
dalla corteccia cerebrale dell'area motrice secondaria (o area 6) del lobo fron­
tale dell'emisfero cerebrale, ed il fascio cortico-pontino temporale (del Turck),
che viene principalmente dalla corteccia cerebrale del lobo temporale dell'emi­
sfero cerebrale; tali due fasci, che sono diretti, mettono capo ai nuclei basilari
del ponte. Dai nuclei basilari del ponte prendono origine le fibre ponto-cerebel­
lari che, dopo essersi incrociate nel rafe del ponte, si immettono nel peduncolo
cerebellare medio e giungono così al cervelletto, dove terminano nella corteccia
cerebellare del lobo posteriore del cervelletto stesso.
La via efferente del neocerebello ha origine dalla corteccia cerebellare del
lobo posteriore del cervelletto, donde partono fibre nervose (neuriti delle cel­
lule del Purkinje) che mettono capo al nucleo dentato del cervelletto. Dal nucleo
dentato del cervelletto traggono origine le fibre cerebello-talamiche, che seguono
il peduncolo cerebellare superiore, si incrociano nella decussazione del Wernekink
(o decussazione dei peduncoli cerebellari superiori) della callotta del mesencefalo
e vanno a terminare nel nucleo ventrale laterale del talamo; dal nucleo dentato del
cervelletto prende inoltre origine la via cerebello-rubro-talamica, il cui primo trat­
to è dato da fibre nervose che entrano nel fascio cerebello-rubro e che, tramite il
peduncolo cerebellare superiore, si portano al mesencefalo dove si incrociano nella
decussazione del Wernekink (o decussazione dci peduncoli cerebellari superiori) e
terminano poi nella parte parvicellulare del nucleo rosso, ed il cui secondo tratto è
il fascio rubro-talamico che dalla parte parvicellulare del nucleo rosso si reca al nu­
cleo ventrale laterale del talamo. Dal nucleo ventrale laterale del talamo partono le
fibre talamo-corticali che mettono capo alla corteccia cerebrale dell'area motrice
primaria (o area 4) del lobo frontale dell'emisfero cerebrale, dove nasce il fascio
piramidale deputato alla motilità volontaria, e recano gli impulsi cerebellari aventi
ENCEFALO 81

eorleeeia cerebrale dell'area motrice


pn'maria de/ lobo i",",'ol., _
_ ___ _
,,-
_ _______ /i', .
. talamo-corticali

�'"___ nucleQ ventrale wter41e del t4U!mo

-1f" � �����"
,"orteeeia cerebrale
dell'area motrice

I��-\It--"u,l,o rosso del mesencef410


--
�condaria dello1
,o .f,a
'
"',k-- __

fascio cortico-pontino frontale �;;;;;;:(ilf I���;l--�fi l,,, cerebello-talamiche

/-,:::f-----.fi"" cerebello-rubre
corteccia cerebr41e

------��[f��-.:.( ���("--- fil,.. cortico-nucleari

��::::?"----
nuclei basiU!ri de/1?Ente

-------���
rorteccicl
flbre ��" "" "I�n; ,,,,,b,I�,, del neocerebello

Figura 43. Connessioni del m:ocerebello.

il compito di stabilizzare gli impulsi motori volontari; altre fibre talamo-corticali


vanno alla corteccia cerebrale dell'area motrice secondaria (o area 6) del lobo
frontale dell'emisfero cerebrale, donde hanno inizio le vie extrapiramidali.
LI neocerebello esplica dunque un'azione regolatrice e di controllo sull'area
motrice primaria della corteccia cerebrale, generatrice degli impulsi motori vo­
lontari, nonché sull'area motrice secondaria. Esso è pertanto il centro della
regolazione e della coordinazione dei movimenti volontari ed automatici.

Da quanto ora esposto, non si deve ritenere che l'archicerebello, il paleoce­


rebello ed il neocerebello siano tre parti del cervelletto funzionalmente separate
in modo netto fra di loro, con connessioni esclusive per ciascuna di esse e con
funzioni del tutto indipendenti. Così, ad esempio, le fibre olivo-cerebellari, le
fibre trigemino-cerebellari, le fibre reticolo-cerebellari e le fibre tetto-cerebellari,
oltre che al paleocerebello, mettono capo anche al neocerebello, così come anche
le fibre ponto-cerebellari, oltre che al neocerehello, vanno anche al paleocerebello.
Analogamente, per alcune funzioni, l'attività specifica di una determinata parte
del cervelleuo viene integrata dall'attività delle altre parti.

Costituzione dei peduncoli cerebellari


l..p-eduncoli cerebellari sono formati-d..aifasci e dai sistemi di fibre nervose af­
ferenti ed efhretJ1U1el cervelletto.
82 ENCEFALO

l fasci ed i sistemi di fibre nervose afferenti del cervelletto, fatto il loro


ingresso nel corpo midollare del cervelletto tramite i peduncoli cerebellari, si
portano in direzione della corteccia cerebellare, dove le loro fibre nervose si
addentrano e terminano. I fasci ed i sistemi di fibre nervose efferenti del cer­
velletto nascono dai nuclei del cervelletto e si immettono nei pcduncoli cerebellari
per uscire dal cervelletto; essi rappresentano i secondi tratti delle vie efferenti del
cervelletto, in quanto i primi tratti delle vie efferenti stesse sono le fibre nervose
(neutiti delle cellule del Purkinje) che dalla corteccia cerebellare si recano ai nuclei
del cervelletto.

Peduncolo cerebellare inferiore. Il peduncolo cerebellare inferiore, che collega


il cervelletto al midollo allungato, accoglie i seguenti fasci e sistemi di fibre
nervose afferenti del cervelletto : il fascio spino-cerebellare dorsale (del Flechsig),
diretto, che proviene dalla colonna del Clarke del corno posteriore del midollo
spinale; le fibre bulbo-cerebellari, prevalentemente crociate, che nascono dal
nucleo del fascicolo gracile e dal nucleo del fascicolo cuneato del midollo allun­
gato; le fibre trigemino-cerebellari, sia dirette che crociate, che vengono dal
nucleo della radice discendente del nervo trigemino del midollo allungato e del
ponte e dal nucleo sensitivo principale del nervo trigemino del ponte; le fibre
olivo-cerebellari, crociate, che originano dal nucleo olivare inferiore del midollo
allungato; le fibre reticolo-cerebellari, nella maggior parte dociate, che vengono
dalla formazione reticolare del midollo allungato, del ponte e del mesencefalo;
il fascio vestibolo-cerebellare, pressoché interamente diretto, che prende origi­
ne dai nuclei vestibolari del midollo allungato.
Il peduncolo cerebellare inferiore contiene, come fascio efferente del cervel­
letto, il fascio cerebello-11estibolare, diretto, che dal nucleo del tetto del cer­
velletto si reca ai nuclei vestibolari del midollo allungato.

Peduncolo cerebellare medio. Il peduncolo cerebellare medio, che si estende


tra il cervelletto ed il ponte, è pressoché interamente costituito da un grande siste­
ma afferente del cervelletto: quello delle fibre ponto-cerebellari, prevalentemente
crociate, che provengono dai nuclei basilari del ponte.

Peduncolo cerebellare superiore. il peduncolo cerebellare superiore, che collega


il cervelletto al mesencefalo, accoglie, come fascio e sistemi di fibre nervose af­
ferenti del cervelletto: il fascio spino-cerebellare ventrale (del Gowers), crociato,
che proviene dal nucleo intermedio mediale del corno posteriore del midollo
spinale; le fibre trigemino-cerebellari, prevalentemente crociate, che nascono dal
nucleo della radice mesencefalica del nervo trigemino; le fibre tetto-cerebellari, in
parte crociate, che vengono dai tubercoli quadrigemini inferiore e superiore del
mesencefalo.
Il peduncolo cerebellare superiore contiene i seguenti fasci e sistemi di fibre
nervose efferenti del cervellettc;: il fascio cerebello-rnbro, crociato, che nasce
dai nuclei globoso ed emboli forme e dal nucleo dentato del cervelletto e si reca al
nucleo rosso del mesencefalo; le fibre cerebello-talamiche, crociate, che originano
dal nucleo dentato del cervelletto e vanno al nucleo ventrale laterale del talamo; il
fascicolo uncinato , crociato, che proviene dal nucleo del tetto del cervelletto e,
ENCEFALO 83

dopo essere risalito nel peduncolo cerebellare superiore, discende ai nuclei vesti­
boIari eterolaterali del midollo allungato.

ICERVELLOI
Il cervello (fig. 44) costituisce la porzione superiore dell'encefalo ed è quella
di gran lunga più voluminosa. Esso occupa la maggior parte della cavità del cra­
nio, essendo la sua faccia superiore in rapporto con l'intera volta cranica e quella
inferiore in rapporto con le fosse endocraniche anteriore e mcdia c con il ten­
torio del cervelletto della dura madre.
Il cervello. ha la forma di un ovoide ad asse maggiore antero-postenore, con
l'estremità posteriore più espansa di quella anteriore. Il suo diametro antero­
-posteriore è circa di 1 7 cm nell'uomo e di 1 6 cm nella donna, quello trasversale
di 14 cm nell'uomo e di 13 cm nella donna e quello verticale di 1 3 cm nell'uomo
e di 12,5 cm nella donna. Il suo peso, considerato unitamente a quello del me­
sencefalo, è circa di 1 1 54 gr nell'uomo e di 1016 gr nella donna.

polofrontale dell'emisfero cerebrale __


___ �......,

.,,<'4--,.,,-,;1 '.1
superficie orbitale
del lobo frontale -------

scissura Laterale
(del Silvio)

sostanzaperforata

_n,
u__u� __
_ ___
__ ����r
sostaTlzaperforata

---JL
circonvoluzione p"ostcrlorc
temporale inferiore

circonvoluzione

lobulo fusiforme ---\:c----,


scissura collaterale
--+-'i'--, '1------ del cervello
jessura trasversa

Figura 44. Cervello, visto dalla sua faccia n


i feriore.
84 ENCEFALO

Il cervello risulta costituito dal diencefalo e dal telencefalo. Il telencefalo,


molto più voluminoso del diencefalo, consta dei due emisferi cerebrali con le
[erniazioni interemisferiche e rappresenta la parte di gran lunga preminente sul­
la superficie esterna del cervello; il diencefalo sporge infatti solo parzialmente
sulla faccia inferiore del cervello, nella zona interposta tra i due emisferi ce­
rebrali.

Diencefalo
Il diencefalo è in gran parte nascosto dal telencefalo, essendo infatti quasi
interamente inglobato entro gli emisferi cerebra,l i; solo alcune sue parti affio­
rano sulla faccia inferiore del cervello nella zona mediana. Le formazioni per­
tinenti al diencefalo visibili sulla faccia inferiore del cervello (fig. 29), dall'in­
dietro in avanti, sono: i corpi mammillari, il tuber cinereum con l'ipofisi, il
chi�rt'{a ottico con i nervi ed i tratti ottici, la lamina terminale.
� 1.) I CO!]!J mammillari sono due rilievi biancastri di forma emisferica, aventi
il diametro di 5 .6 mm. Essi sono posti nella fossa interpeduncolare, subito al

i) Il tuber cinereum è una lamina grigia, convessa inferiormente, che si pro­


davanti della sostanza perforata posteriore, uno per lato della linea mediana.

lunga in basso con un cono appiattito dall'avanti all'indietro, detto eminenza


mediana (o infundibolo). All'eminenza mediana è congiunta, mediante il pe­
duncolo ipofisario, l'ipofisi.
L'ipofisi è un organo impari e mediano, che è accolto nella sella turcica
dello sfenoide; ha forma ovalare e ha dimensioni relativamente modeste, mi­
surando 15 mm di larghezza, 5 mm di altezza e 7 - l O mm di spessore. Essa
consta di due parti nettamente distinte per origine, per struttura e per funzio­
ne, ossia di una parte posteriore, più piccola e di colore più chiaro, che è la
neuroipofisi e di una parte anteriore, più grande e di colore più scuro, che è
l'adenoipofisi; di esse la sola neuroipofisi è di natura nervosa ed è in continui­
tà con l'ipotalamo tramite il peduncolo ipofisario, l'adenoipofìsi è invece una
formazione di natura epiteliale che è applicata in avanti e sui lati alla neuro­
ipoRsi.
(3) Il chiasmo ottico è una lamina bianca di forma rettangolare, con asse
maggiore trasversale, la quale è inclinata dall'alto in basso e dall'avanti all'indietro.
A ciascuno dei suoi due angoli anteriori giunge il nervo ottico (II nervo encefali­
co), proveniente dall'occhio; da ciascuno dei suoi due angoli posteriori si diparte
il tratto ottico. Il tratto ottico ha l'aspetto di un' cordone bianco appiattito;
eiSO si porta in addietro ed in fuori, costeggiando dapprima il tuber cinereum
e poi il contorno laterale del peduncolo cerebrale; mette capo al corpo genico­
lato laterale.
4. La lamina terminale è una sottile lamella grigia che dal contorno anteriore
del chiasma ouico si porta verso I:alto per unirsi al rostro del corpo calloso.
Le altre parti che compongono il diencefalo, come si è detto, sono nascoste
entro gli emisferi cerebrali, distribuite attorno alla cavità del III ventricolo. Per
prenderne visione è necessario quindi aprire, mediante una sezione sagittale
mediana, il I I I ventricolo mettendone allo scoperto la parete laterale (fig. 45).
Si vede allora che quest'ultima è percorsa da un solco grosso modo orizzontale:
ENCEFALO 85

tell1. corioicUl1. solco ipota16mico


dd III �,"ri,olo _____ ____

recesso ,pifi" ri,' --___,

,-;��-T---'''to pellucido
commessurl1. po" ".io�"__.....

\.i\--,-/;'---J'-L---.<oI",", del fornice

� = ::
::: ::::;
;:E ;-_ :O:,"�i�
�J. ",,:� entric016re
ro:,
Monro)
� ;:
sostcmZI1. perforl1.tl1. commessura anteriore
IV �n"i",lo _
_ __ ---./
corpo nn'm.nilir..., ____-" :"�;:::::::,""'----".mi" terminale
,-_______.,hi"'., ottico
'--______."'''0 dell'il1fumlibolo
Figura 4'. Parete laterale sinistra del III ventricolo, vista in una setione sagittale del cervello.

il solco ipotalamico (del Monro). AI di sotto di tale solco si nota una superficie
grigia triangolare ad apice inferiore: è l'ipotalamo. Superiormente al solco si
osserva una superficie grigia convessa, di forma ovalare: è il talarno. Sopra e
dietro al talamo si vedono le formazioni dell'epitalamo.

Ipotalamo
L'iE2.talamo è la parte inferiore del diencefalo, situata al di sotto del talamo.
Osservato in sezione frontale (fig. 46), l'ipotalamo presenta due pJlrti: l'iR-0-
talamo perjventricolare, lamina grigia relativamente sottile che è in diretto rap­
portO con il i l i ventricolo; il subtalamo, complesso di nuclei di sostanza grigia che
si estende al di sottO" del talamo, di lato all'ipotalamo periventricolare.

lpotalamo periventri colare. L'ipotalamo periventricolare è una lamina di sostan­


za grigia: sostanza grigia centrale, che rappresenta la prosecuzione di quella che
circonda l'acquedotto cerebrale (del Silvio). Esso costituisce la parte inferiore
della parete laterale del III ventricolo; superiormente giunge fino sotto al talamo,
mentre inferiormente si continua ininterrottamente da un metà all'altra del
1Il ventricolo.
NeU'ipotalamo periventricolare si distinguono numerosi nuclei, distribuiti
sia nella sua parte profonda, cioè subito sotto all'ependima che riveste la cavità
86 ENCEFA.LO

III ventn'colo � cella media del venmcolo laterale


"

nucleo caudato corpo calloso


,
I---
______

nuclei dorsali del talarno


____ ____ setto pellucido

braccio posteriore

!----l1uclei mediali del talamo


della capsula interna
_

nuclei Ilel1trali del talamo ___""""", f-----zOTla incerta


g/obu! pallidus _

'---nucleo del campo del ForeI


______

nucleo ipota/amico (del Luys) ___

t---.corpo
--- mammillare

Figura 46. Talamo, ipotalamo e nucleo lenticolarc di sinistra, visti in sezione frontale.

del III ventricolo, sia nella sua parte intermedia, sia infine nella sua parte su··
perfidale (fig. 47).
(D La parte profonda dell'ipotalamo perivemricolare è occupata dal nucleo
areiforme periventricolare (fig. 47), formato da neurani disposti in file vertica­
li subito sotto l'ependima del III ventricolo.
., Tra i nuclei che costituiscono la parte intennedia dell'ipotalamo periventri·
colare (fig, 48) si trova il nucleo sopraottico, che è situato in avanti, applicato
alla faccia superiore del tratto ottico; si trova ancora il nucleo paraventricolare,
che è posto posreriormente e superiormente rispetto al precedente. Tali due
nuclei sono formati da neuroni secretori, i quali elaborano ormoni; l'ossitocina
e la vasopressina, che scendono lungo i neuriti dei neuroni stessi per mettere capo
alla neuroipofìsi.
La "eI4roipofisi conSta di cellule della ncvroglia, dette pituiciti, e di fibre ner­
vose amicliniche. Queste ultime appartengono al fascio ipotalamo-ipofisario, che
viene dai nuclei sopraottico e paraventdcolare e che, seguendo il peduncolo ipofi.
sario, mette capo alla neuroipofisi e vi reca il secreto elaborato dai neurani di detti
due nuclei; tale secreto è visibile lungo le fibre nervose del fascio ipotalamo-ipofi­
sario stesso SOtto forma di grosse gocce, denominate corpi del Hering. Le fibre
nervose del fascio ipomlamo-ipoGsario terminano a ridosso dei vasi capillari san·
b'Uiferi della neuroipofisi, nei quali detto se creta si immette.
eli altri nuclei presenti nella parte intermedia dell'ipotalamo periventrico­
lare sono: in avanti, le aree ipota/amiche anteriore e dorsale e, in addietro, i
nud�i ipota/amici ventro-mediale e dorso-mediale, l'area ipotalamica posteriore
ed il nucleo peri/amicale, quest'ultimo che circonda la colonna del fornice.
ENCEFALO 87

Figura 47 . Nuclei del1'ipotalamo periventricolare di sinistra, visti in sezione frontale.

@ Nella parte superficiale dell 'ipotalamo periventricolare sono allineati, in


senso medio-laterale, il nucleo mammillo-infundibolare, il nucleo mammillo­
-tuberale ed i nuclei laterali del tuber, rappresentati questi ultimi da strie ver­
ticali di neuroni (fig. 47).

Vengono infine considerati con l'ipotalamo periventricolare i nuclei accolti


nel corpo mammillare. Essi sono il nucleo mammillare mediale, che è il più
voluminoso, ed il nucleo mammillare laterale.

commessura po"'ri,,,, _-!::::��r


�t--l;:.....,..,...,-.n,,,f.,o paraventricolare
area ipotalamica area ipotalamica

nucleo ipotatamico
c---'-o,-,
-- om,n""",, anteriore
""j- __ n,d.,o sopraottico

area ipotalamica
nucleo ipotalamico

nucleo p" ifon


'''''o
, '----c.; �I---J

Figura 48. Nuclei della parle intermedia dell'ipotalamo periventricolare, proiettati suUa parete laterale sinistra del
III ventricolo.
88 ENCEFALO

CormessiO�lI· delf'ipotalamo perive'1fricolare. I sistemi afferenti dell'ipotalamo


perivemricolare sono numerosi ed hanno diverse origini. Oltre a fibre prove­
nienti daUa corteccia cerebrale dei lobi frontale e temporale dell'emisfero cerc­
brale, dal calamo e dal globus pallidus, sono particolarmente da ricordare: 1 ) i
sistemi delle fibre alfattive, rappresentati da fascctti di fibre che vengono dal
setto pellucido, dalla sostanza perforata anteriore e dal nucleo amigdaloidco e
che comprendono inoltre il fascio mammillare del fornice (o fascio ippocampo­
-mammillare) che, originato dalla concccia cerebrale del corno di Ammone e
della fascia dentata, decorre nel fornice e mette capo ai nuclei del corpo mam­
miliare; 2) il sistema ascendente viscerale, che proviene dai nuclei del fascicolo
solitario e dell'ala cinerea del midollo allungato, recando impulsi viscerali raccolti
dai nervi vago, glosso-faringeo ed intermedio (del Wrisberg) del facialc, tra cui
impulsi gustativi; J) i fascicoli reticolari ascendenti, che S0l10 costituiti da fibre
nervose pertinenti a catene multisinaptiche di neuroni te quali salgono dal midollo
spinale e dal tronco cerebrale.
I principali sistemi efferenti dell'ipotalamo periventricolarc sono: 1) il fasci­
colo 10llgitudinale dorsale (dello Schutz ) , che discende nella sostanza grigia
centrale del mcscnccfalo, anteriormente all'acquedotto cerebrale (del Silvio), e
poi nel ponte e nel midollo allungato presso il pavimento dci IV ventricolo, di
lato al fascicolo longitudinale mediale. Esso reca fibre efferenti dell'ipotalamo
periventricolare ai nuclei visceroeffettori del nervo oculomotore (nucleo di
Edinger e Westphal), del nervo faciale (nucleo salivatorio superiore e nucleo la­
crimatorio dello Vagita), del nervo glosso-faringeo (nucleo salivatorio inferiore)
e del nervo vago (nucleo motore dorsale del nervo vago), ai nuclei somatomotori
del nervo trigemino, del nervo faciale, dei nervi glosso-faringeo e vago (nucleo
ambiguo) e del nervo ipoglosso, nonché alla formazione reticolare del tronco cere­
brale; 2) il fascio mammillo-talamico (del Vicq d'Azyr), che dai nuclei del corpo
mammiUare si reca ai nuclei anteriori del talamo; J) i fascicoli iporalamo-talamici,
che vanno al nucleo dorso-mediate del tal amo ; 4) i fascicoli ipotalamo-tegmentali,
che mettono capo alla formazione reticolarc del mcsencefalo da cui, tramite vie
mulcisinaptiche, gli stimoli scendono fino al midollo spinale; 5) il fascio ipota­
lamo-ipofisario , che, originato dai nuclei sopraottico e paraventricolare, entra nel
peduncolo ipofisario e si porta alla neuroipofisi, recando gli ormoni elaborati
dai neuroni di tali due nuclei.

Come risulta dalle sue connessioni, l'ipotalamo periventricolare è un centro


di integrazione delle funzioni viscerali. Esso riceve impulsi olfattivi e gustativi e
stimoli viscerali e somatici di diversa provenienza; scarica poi, mediante il fasci­
colo longitudinale dorsale (dello Schiitz), impulsi nervosi sui nuclei visceroeffet­
tori e somatomotori del tronco cerebrale, stimolando la secrezione salivare e ga­
strointestinale e la peristalsi e mettendo in azione i muscoli masticatori e quelli
della deglutizione.
Tramite i fascicoli ipotalamo-tegmentali, cui seguono poi catene multisinapti­
che che arrivano ai nuclei visceroeffettori del midollo spinale, l'ipotalamo periven­
tricolare regola la temperatura corporea, provocando vasodilatazione che proteg­
ge dal caldo, oppure vasocostrizione che difende dal freddo.
A causa delle sue afferenze dalla corteccia cerebrale e delle sue efferenze
ENCEFALO 89

ai nuclei visceroeffettori, l'ipotalamo periventricolare interviene ampiamente


nelle espressioni emotive, determinando modificazioni del ritmo cardiaco, della
pressione sanguigna e della peristalsi del tubo gastro-intestinale, provocando
inoltre miclriasi, rossore o pallore del viso, sudorazione .
L'ipotalamo periventricolare funge anche da "centro del bere", regolando
l'appetito e la ricerca discriminata degli alimenti. Interviene poi nel determi­
nare il sonno e la veglia. Influenza inoltre il comportamento sessuale.
L'ipotalamo periventricolare infine, oltre che tramite le sue connessioni
nervose, esercita la propria azione mediante gli ormoni elaborati dai neuroni
di alcuni suoi nuclei. Così, mediante la vasopressina (o adiuretina) secreta dai
nuclei sopraottico e paraventricolare, favorisce l'assorbimento dell'acqua da
parte delle cellule dei tubuJi renali e la contrazione della muscolatura liscia delle
arteriole, provocando un aumento della pressione sanguigna; inoltre, mediante
l'ossitocina secreta dai medesimi nuclei, causa le contrazioni della muscolatura
liscia dell'utero durante il parto ed agisce sulla muscolatura liscia degli organi
In genere.

Subtalamo. Il subtalamo (fig. 46), situato lateralmente aU'ipotalamo periventrico·


lare, è in diretta prosecuzione con la callotta del mesencefalo, della quale accoglie
infatti le estremità superiori della sostanza nera (del Soemmering), del nucleo
rosso e della formazione reticolare del mesencefaJo. Il subtalamo accoglie poi
formazioni di sostanza grigia e di sostanza bianca sue proprie.
Sotto al talamo vi è il nucleo ipotalamico (del Luys), che è una massa grigia
aforma di lente biconvessa. Il nucleo ipotalamico (del Luys) è separato dal talamo
mediante una lamina di sostanza bianca che uno strato di sostanza grigia accolto
nel suo spessore, chiamato zona incerta, suddivide in due lamelle, l'una superiore
e " altra inferiore. Tali due lamelle bianche si riuniscono medialmente tra di loro e
formano il campo del Forel, entro il quale vi sono neuroni sparsi che costituiscono
nell'insieme il nucleo del campo del Forel.
I nuclei ora ricordati sono nuclei motori che fanno parte del sistema delle vie

li nucleo ipotalamico
extrapiramidali.
(del Luys) è connesso con la corteccia cerebrale del­
l'arca motrice secondaria (o area 6), tramite l'interposizione del corpo striato
(nucleo caudato e putamen) e del globus pallidus. Esso dà luogo a sistemi di
fibre che vanno al globus pallidlls medesimo e ad altri che discendono alla for­
mazione reticolare del mesencefalo.
La zona incert� olere che dalle aree motrici della corteccia cerebrale, riceve
fibre dal globus pallidus tramite il fascicolo lenticolare. Essa dà origine a fibre
che entrano nel fascio centrale della callotta e menano capo al nucleo olivare in­
ferio�e del midollo allungato o direttamente, o dopo interruzione nella for­
mazione reticolare del mesencefalo. La zona incerta è pertanto intercalata sulla via
cortico-stri011allido-ipo talamo-olivo-spinaie.
Il nucleo del campo del Farei riceve le fibre dal nucleo lenticolare (globus
pallidl's e plltametl) mediante l'ansa lenticolare, fascio questo che, emergendo
dalla faccia inferiore del nucleo lenticolare, si porta medialmente sotto al nucleo
ipotalamico (del Luys) e raggiunge l i campo del FareI. il nucleo del campo del Fo­
rei dà luogo a fibre che discendono alla formazione reticolare del mesencefalo.
90 ENCEFALO

Globus pallidus. PUÒ essere aggregato ai nuclei del subtalamo il globl4s pallidus
(fig. 46) che, quantunque sia situato più di lato e quindi non si trovi esattamente
sotto il talamo, ha il medesimo significato funzionale dci nuclei del subtalamo,
essendo anch'esso un nucleo motore diencefalico pertinente al sistema delle vie
extrapiramidali.
Il globus_pallidus è un voluminoso nucleo di forma triangolare. Esso con
la sua faccia laterale è in rapporto, mediante l'interposizione di una sottile la­
mella di sostanza bianca, con il putametl, in unione con il quale forma il nucleo
lenticolare; con le sue due facce mediali è in rapporto con la capsula interna.
II globus pallidus è connesso con la corteccia cerebrale dell'area motrice
secondaria (o area 6) dell'emisfero cerebrale, oltre che direttamente, soprat­
tutto tramite i sistemi di fibre che gli arrivano dal corpo striato (nucleo cau­
dato e putarnen), il quale è collegato a sua volta con la corteccia cerebrale me­
desima.
Il globus pallidus dà origine anzitutto alle fibre pallido-nigre ed alle fibre
pallido-rubre, destinate rispettivamente alla sostanza nera (del Soemmering)
ed al nucleo rosso del mesencefalo. Tali fibre seguono in parte l'ansa lenticolare,
fascio quest'ultimo che si costituisce al di sotto del nucleo lenticolare e si porta
medialmeme ùno al campo del Farei donde, ripiegando in basso, discende nel
mesencefalo; altre decorrono invece nel fascicolo fenticolare il quale, nato dal
globus pallidus, si porta mediaimente per raggiungere la zona incerta ed il campo
del Farei, proseguendo poi verso il basso fino al mesencefalo.
li globus pallidus. tramite l'ansa lenticolare ed il fascicolo lenticolare, invia
fibre anche al nucleo del campo del Farei ed alla zona incerta.
Infine, altri sistemi efferenti del gfobus pallidus sono rappresentati: dal
fascicolo talamico, c�e si reca al nucleo ventrale ameriore del talamo; dal fasci­
colo subtalamico, che va al nucleo ipotalamico (del Luys); dal fascicolo pallido­
-ipotalamico, che mette capo ali 'ipotalamo periventricolare.

Talamo
11 talamo (fig. 49) è ben visibile quando lo si osserva dall'alto, dopo l'aspor­
tazione del corpo calloso, del fornice e della tela corioidea del III ventricolo.
Esso ha la forma di un ovoide, il cui asse maggiore è diretto dall'indietro in avan­
ti e mediai mente. Misura circa 4 cm in lunghezza, 2 cm in altezza e 1,5 cm in
larghezza.
Il talamo offre a considerare quattro fac_ce: una superiore (o dorsale), una
mediale, una inferiore (o ventrale) e una laterale; inoltre due f1Q.lUuteriore e
posterior:e Ne sono liberi la faccia superiore, quella mediaie ed i due poli.
..

La faccia superiore del calamo (fig. 49) è compresa tra la stria midollare
del talamo, striscia bianca che ne segna il confine con la faccia mediate, ed il
solco opto-striato che ne forma il confine laterale, delimitandola dal nucleo
caudato. La faccia superiore del talamo è percorsa longitudinalmente dal solco
corioideo, che dall'indietro si porta in avanti e medialmente e che divide la faccia
superiore medesima in due parti, mediale e laterale; la parte mediale è ricoper.
ta dalla tela corioidea del [[ I ventricolo, sopra cui sta il fornice, e termina po­
steriormente con un voluminoso rilievo: il pulvinar; la parte laterale, che forma
ENCEFALO 91

ginocchio del corpo calloso


------r----f=--
nucleo cauda.to -------f-�

tubercolo anteriore del talamo _I---


.'1--+_"0"" �to-striato e stria terminale
__

solco corioideo
-------1-

pulvinar ___________ _ _-\1t-4!'---- t';g'mo dell'abenula

lamin.! qulldrj
�emjna _______

Figura 49. Nuclei caudati, talami ed epitalamo visti dall'alto, dopo asporta:tione del corpo calloso e del fornice
ed apertura dei ventricoli laterali e del III ventricolo.

il pavimento della cella media del ventricolo laterale, è rivestita di un ispessimen­


to dell'ependima: la lamina affixa. La faccia superiore del talamo termina in
avanti con un rilievo, denominato tubercolo anteriore del talamo.
La faccia mediale del talamo (fig. 45) è convessa e guarda la cavità del III
ventricolo. Essa è compresa tra la stria midollare del talamo, che la delimita su­
periormente, e il solco ipotalamico (del Momo), che ne segna il confine infe­
nore.
La faccia inferiore del talarno (fig. 46) è in rapporto con l'ipotalamo.
La faccia laterale del talamo (fig. 46) è in rapporto con il braccio posteriore
della capsula interna, che la separa dal nucleo lenticolare.
11 polo anteriore del talamo (fig. 49) è in rapporto con la corrispondente
colonna del. fornice, che gli passa all'innanzi e con la quale esso delimita il foro
interventricolare (del Monro) che mette in comUnICaZIOne il III ventricolo col
ventricolo laterale .
Il polo posteriore del talarno (fig. 49), più espanso di quello anteriore, in
alto fa sporgenza nella cavità del crocicchio del ventricolo laterale ; in basso,
esso si prolunga sul contorno laterale del peduncolo cerebrale, formando i corpi
genicolati laterale c mediale (fig. 28), i quali nell'insieme costituiscono il cosid­
detto metatalamo.

Struttura del talamo. il talamo è fondamentalmente costituito da sostanza grigia,


92 ENCEFALO

la quale è organizzata in numerosi nuclei: i nuclei talamici (fig. 50). Ha inoltre


una componente di sostanza bianca; questa in parte gli è posta perifericamente:
sostanza bianca peritalamica, in parte invece all'interno: sostanza bianca intra­
talamica.
La sostanza bianca peritalamica riveste, a guisa di lamina, le facce superiore,
laterale e inferiore del talamo. Essa, sulla faccia superiore del talamo, prende
il nome di strato zonate; questo medialmente si continua con la già ricordata
stria midollare del talamo, mentre lateralmente si congiunge alla tenia sernicjr­
colare, che è una banderella di sostanza bianca accolta nel solco opto-striato.
La sostanza bilJnca intratalamica è rappresentata da due lamine disposte
sagittalmente entro il talamo, di cui l'una laterale e l'altra mediale: sono le lami·
ne midollari rispettivamente esterna ed interna. La lamina midollare esterna,
alquanto sottile, è posta in vicinanza della faccia laterale del talamo; essa separa
il nucleo reticolare del talamo, che è il più later"aIe dei nuclei del talamo, da tut·
ta la restante parte del talamo stesso. La lamina midollare interna (fig. 50),
più spessa di quella esterna, travasi nel pieno spessore del talamo; essa anterior·
mente e verso l'alto si · scompone in due lamine divaricanti, cosÌ da presentare
una forma ad Y nelle sezioni orizzontali.

Nuclei talamlci. La lamina midollare interna suddivide i nuclei talamici in tre


�ndi gruppi: i nuclei anteriori (fig. 50), che sono compresi fra le due lamine
della biforcazione anteriore della lamina midollare interna; i nuclei {aterali (fig.
46), che sono posti lateralmente alla lamina midollare interna e che sono a loro
volta distinti in nuclei ventrali e nuclei dorsali; i nuclei mediali (fig. 46), che

��R.)'���� -----

l1ucle,l(l��ab-..,IaJJ� ----,
nucleo dorso-mediate
""&,? �s,!�eylf ----

nuc1eo'.')entra
le posteriore
v ....... ./ -"

Figura 50. Nudei del talalllO sinistro, visti superiormente.


ENCEFALO 93

sono situati medialmeme alla lamina midollare interna. Completano i nuclei


talamid: i nuclei intralaminari, posti nella lamina midollare interna; il nucleo
reticolare, che trovasi presso la superficie laterale del talamo; i nuclei della linea
mediana, che sono situati presso la superficie mediale del talamo.
Dal punto di vista funzionale, i nuclei talamici sono da distinguersi in nuclei
specifici e nuclei non specifici.
I nuclei speCIfici del talamo proiettano le loro fibre efferenti ciascuno ad un
preciso territorio della corteccia cerebrale del telencefalo; comprendono i nuclei
intercalati sulle vie sensitive, nei quali le vie sensitive stesse subiscono interru­
zione per proseguire poi con i loro ultimi tratti verso la corteccia cerebrale. I
nuclei specifici del talamo sono collegati con la corteccia cerebrale in doppio
senso; pertanto ciascun nucleo, oltre ad emettere le fibre talamo-corticali per
un determinato territorio della corteccia cerebrale, riceve fibre cortico-talamiche
dal territorio corticale stesso. I nuclei specifici del talamo sono rappresentati
dai nuclei anteriori, dai nuclei laterali, sia ventrali che dorsali, e dai nuclei me­
diali.
I nuclei nOrl specifici del talamo ricevono afferenze dalla formazione reti­
colare del tronco cerebrale, recanti impulsi sensitivi che seguono vie ascendenti
multisinaptiche; inviano poi le loro efferenze alla corteccia cerebrale del telen­
cefalo mediante sistemi talamo-corticali diffusi; essi assolvono ad una funzione
attivante della corteccia cerebrale stessa, cosÌ da mantenere l'attività corticale

l
tipica dello stato di veglia che consente una migliore valutazione degli impulsi
sensitivi trasmessi dai nuclei specifìci. nuclei non specifici del talamo com­
prendono i nuclei intralaminari, il nucleo reticolare ed i nuclei della linea me­
diana.

f'ludei anterion". I nuclei anterion' del talamo (fig. 50), di cui uno principale e due
accesson', sonoposti nella parte anteriore del talamo, occupando quel rilievo che è
denominato tubercolo anteriore del talamo. Essi ricevono il fascio mammillo-tala­
mica (del Vicq d'Azyr) proveniente dai nuclei del corpo mammillare dell'ipotala­
mo, che a loro volta hanno afferenze dal corno di Ammone e dalla fascia dentata
tramite il fornice; ricevono inoltre fibre direttamente dal fornice. I nuclei anteriori
del talamo proiettano fibre nervose alla corteccia cerebrale del lobo limbico, in
particolare a quella della circonvoluzione del cingolo.
I nuclei anteriori del talamo sono connessi con la via olfattiva; sono inoltre in­
seriti sul circuito della memoria (o circuito del Papez), che è formato da regioni
cerebrali collegate fra loro in cui avvengono la registrazione e l'immagazzinamento
delle tracce mnemoniche. In tale circuito della memoria, l'ippocampo ventrale
(corno di Ammone e fascia dentata) si congiunge, tramite il fornice, ai nuclei del
corpo mammillare dell'ipotalamo; questi nuclei inviano il fascio mammillo-talami­
co (del Vicq d'Azyr) ai nuclei anteriori del talamo, i quali proiettano poi fibre ner­
vose alla corteccia cerebrale del lobo limbico (circonvoluzioni del cingolo e dell'ip­
pocampo) dell'emisfero cerebrale; detta corteccia cerebrale del lobo Iimbico man­
da infine fibre nervose all'ippocampo ventrale, chiudendo così il circuito della me­
mona.

Nuclei ventrafi. I nuclei verl/rali del talamo costituiscono un voluminoso com-


94 ENCEFALO

plesso che occupa la parte latero-inferiore del talamo, continuandosi in addie­


tro con i corpi genicolati laterale e media1e. Essi, dall'avanti all'indietro, sono:
il nucleo ventrale anteriore, il nucleo ventrale laterale. il tlucleo ventrale poste­

{DII
riore, il corpo genicolato laterale, il corpo genicolato mediale.
nucleo ventrale anteriore (fig. 50) riceve fibre dal globus pallidus, che a
sua volta, tramite il corpo striato, ha ricevuto impulsi nervosi dall'arca soppresso­
ria (o area 4s) della corteccia cerebrale dcllohe frontale dell'emisfero cerebrale; ri­
ceve inoltre fibre di neuroni del globus pallidus e del putamen che sono connessi
con la sostanza nera (del Soemmering) del mescncefalo tramite il fascio pettinato.
Esso dà luogo a fibre talamo-corticali che vanno alla corteccia cerebrale delle aree
motrici primaria (o area 4) e secondaria (o area 6) del lobo frontale dell'emisfero
cerebrale e che hanno funzione sia soppressoria, (cioè di provocare il rilassamento
dei muscoli) , sia di stabilizzazione dei movimenti volontari partecipando alla pro­

® !.L nucleo ventrale laterak. (o nucleo verltrale intermedio) (fig. 50) è con­
duzione dci tono muscolare.

nesso con il cervelletto, ricevendo infatti la via cerebello-mbro-talamica e le fibre


cerebello-talamiche; esso dà origine a fibre calamo-corticali che si recano alla
corteccia cerebrale del!'area motrice primaria (o area 4) e del! 'area motrice se­
condaria (o area 6) del lobo frontale dell'emisfero cerebrale. Il nucleo vcntrale
laterale del talamo stabilisce pertanto una connessione fra la corteccia cerebel­
lare e la corteccia cerebrale di dette aree motrici, inviando a queste gli stimoli

B Il
cerebellari atti a stabilizzare gli impulsi motori.
nucleo ventrale posteriore (fig. 50) è il maggiore dei nuclei ventrali
del talamo ed è intercalato sulle vie sensitive. Esso riceve infatti: il lemnisco
mediale che, provenendo dal nucleo del fascicolo gracile e dal nucleo del fasci­
colo cuneato cterolaterali del midollo allungato, reca gli impulsi delle sensibi­
lità tauile epicritica e propriocettiva cosciente del tronco e degli arti; i fasci
spino-ta/amici anreriore e laterale che, originati dal nucleo della testa del corno
posteriore (o nucleo proprio del corno posteriore) eterolaterale del midollo
spinale, conducono gli impulsi della sensibilità tattile protopatica e delle sensi­
bilità termica e dolorifica del tronco e degli arti; il lemnisco trigeminale, pure
crociato, che proviene dai nuclei della radice discendente, sensitivo principale
e della radice mesencefalica del nervo trigemino, recando impulsi della sensibi­
lità della testa; il lemnisco viscerale, che proviene dalla base del corno posteriore
del midollo spinale e trasporta impulsi della sensibilità viscerale ; infine, fibre
bulbo-falamiche che vengono dai nuclei del fascicolo solitario e dell 'ala cinerea
del midollo allungato, recando sia impulsi della sensibilità gustativa, sia impulsi
della sensibilità viscerale dei territori dei nervi glosso-faringeo e vago. Dal nucleo
ventrale posteriore del calamo originano fibre talamo-Gorticali che costituiscono
la radiazione sensitiva; questa si porta alla corteccia cerebrale della circonvoluzio­


ne parietale ascendente dell'emisfero cerebrale, dove ha sede l'area sensitiva pri­
mar (o aree 3, 1 , 2).
14. Il
corpo genicolato laterale (fig. 50) è intercalato sulla via ottica; ad esso
giunge infatti il tratto ottico, formato di fibre nervose che sono nate dalle cellule
multipolari delle retine d'ambedue gli occhi e che recano impulsi luminosi. Dà
origine alla radiazione ottica (del Gratiolet); quest'ultima si porta alla faccia
mediale del lobo occipitale dell'emisfero cerebrale, dove termina nella corteccia
ENCEFALO 95

cerebrale che circonda la scissura calcarina, sede appunto dell'area ottica primaria

@
(o area 17).
Il corpsL genicolato mediale (fig. 50) è intercalato sulla via acustica; esso
riceve infatti, tramite il braccio quadrigemino inferiore, il lemnisco laterale,
proveniente dai nuclei cocleari del ponte, e le fibre tetto�genicolate, nate dal
tubercolo quadrigemino inferiore che ha ricevuto a sua volta fibre dal lemnisco
laterale. Dà origine alla radiazione acustica che si porta alla corteccia cerebrale
dell'area acustica primaria (o aree 41 e 42), situata nella circonvoluzione tem­
porale trasversa (dell'Eschl) del lobo temporale dell'emisfero cerebrale.

Nuclei dorsali. I nuclei dorsali del talamo occupano la parte latero�superiore


del calamo stesso. Dall'avanti all'indietro, eSSI sono: il nucleo dorso-laterale,
i1 nucleo laterale posteriore, il pulvinar.
li nucleo dorso-laterale ed il nucleo laterale posteriore (fig. 50) si trovano
in corrispondenza della faccia superiore del talamo, di cui il primo è posto in
avanti ed il secondo in addietro. Ricevono afferenze sensitive dai nuclei ven­
trali del talamo, specialmente dal nucleo ventrale posteriore; proiettano poi
fibre talamo-corticali alla corteccia cerebrale dell'area stereognosica (o aree
5 e 7 ) , situata nella parte posteriore del lobo parietale dell'emisfero cerebrale.
Il pulvinar (fig. 50) è un grosso nucleo, situato in corrispondenza del polo
posteriore del talamo. Al pulvinar giungono fibre afferenti, recanti impulsi sen­
sitivi, dal nucleo ventrale posteriore del calamo, dal corpo genicolato laterale
e dal corpo genicolato mecliale; da esso partono poi fibre talamo-corticali per
le aree sensitive secondarie della corteccia cerebrale, cioè per l'area scereogno­
sica (o aree 5 e 7) del lobo parietale dell'emisfero cerebrale, per l'area ottica
secondaria (o aree .1 8 e 19) del lobo occipitale e per l'area acustica secondaria (o
area 42) dcl lobo temporale.

Nuclei media/i. Tra i nuclei mediali del calamo quello prevalente è il nucleo
dorso-mediate (fig. 50). Questo nucleo scambia ampie connessioni con l'ipota­
lamo periventricolare; è inoltre connesso in doppia direzione con la corteccia
cerebrale della parte anteriore del lobo frontale dell'emisfero cerebrale, ossia
con la corteccia prefrontale (o aree 9, l O, 11 e 12), che è deputata a manifesta­
zioni intellenive ed emozionali, e con la corteccia cerebrale della superficie
orbitale (o aree 1 3 e 14) del lobo frontale stesso, che fondamentalmente in­
fluenza le funzioni viscerali; riceve infine afferenze sensitive dal nucleo ventrale
posteriore del talamo, tramite neuroni di associazione intratalamica.
A causa delle sue afferenze dall'ipotalamo periventricolare, il nucleo dorso­
mediale riceve impulsi viscerali che, associati agli impulsi sensitivi provenienti
dal nucleo ventrale posteriore dci talamo, vengono trasmessi alle sopraddette
parti della corteccia cerebrale del lobo froncale dell'emisfero cerebrale, ove
influenzano il determinarsi dcl cosiddetto "tQno affettivon, ossia di quelle par­
ticolari sensazioni per cui l'individuo può sentirsi contento o triste, ottimista
o pessimista, calmo od eccitato, ecc. Ricevendo poi fibre nervose da tali parti della
corteccia cerebrale ed inviando fibre nervose all'ipotalamo pcrivencricolare, il
nucleo dorso-mediale funge da mediatore tra gli impulsi corticali e le risposte
ipotaJamiche nell'ambito della sfera emotiva e di quella vegetativa.
96 ENCEFALO

Nuclei inlralaminan'. I nuclei intralaminari del talamo sono piccoli nuclei e sono
così denominati perché posti entro la lamina miclollare interna del calamo, che
in loro corrispondenz.a si scompone in lamelle secondarie per circondarli. Di
essi, il maggiore e meglio delimitato è il nucleo ce"tro-mediano (del Luys), che
è posto circa nella parce mediana del calamo.
I nuclei intralaminari dci talamo ricevono afferenzc sensitive dalla forma­
zione reticolare del tronco cerebrale. Essi non inviano direttamente fibre alJa
corteccia cerebrale, ma esplicano una funzione attivante aspecifica su questa
ultima tramite gli altri nuclei del calamo cui inviano le loro fibre efferenti.

Nucleo reticolarc. 11 nucleo reticolare del calamo è uno strato di sostanza grigia
che forma la superficie laterale del talamo, essendo compreso fra la lamina mi­
dollare esterna del talamo e la capsula interna. E' così denominato perché è
percorso da numerosissimi fascetti di fibre mieliniche che escono dal talamo.
li nucleo reticolare del talamo riceve afferenze sensitive della formazione
reticolare del tronco cerebralc. Invia fibre alla corteccia cerebrale, con funzione
attivante aspecifica.

Nuclei della linea mediana. I nuclei della linea mediana del talamo sono raggrup­
pamemi ceUulari posti sulla faccia mediale del talamo stesso, cmJ'Q la sostanza
grigia cemrale del III ventricolo in profondità all'ependima; costituiscono inol­
tre la commessura grigia intertalamica, sorta di ponte di sostanza grigia che,
attraversando la cavità del Il [ ventricolo, collega l'un calamo all'altro.
I nuclei della linea mediana dci talamo ricevono aEferenze sensitive dalla for­
mazione reticolare del tronco cerebrale e dal nucleo ventrale posteriore del
talamo; ricevono inoltre aEferenze dal sottostante ipotalamo periventricolare.
Essi inviano fibre, con funzione anivante aspecifica, alla corteccia cerebrale.

\ Peduncoli del talamol Sono deni peduncoli del talamo (fig. 51) i vari Sistemi
di fibre nervose mieliniche che collegano il talamo aUa corteccia cerebrale. Essi
risultano costituiti sia dalle fibre nervose che dal talamo irradiano alla corteccia
cerebrale e che nell'insieme formano la cosiddetta radiazione talamica, sia dalle
fibre nervose che dalla cortcccia cerebrale discendono al talamo. [ peduncoli del
talamo sono distinti in: anteriore, superiore (o medio), posteriore, inferiore.
Il pedullcolo anteriore dd �o collega il talamo con la corteccia cere­
brale della parte anteriore del lobo frontale dell'emisfero cerebrale. ossia con
la corteccia prefrontale e con la corteccia cerebrale della superficie orbitale
del lobo frontale; collega inoltre il talamo con la corteccia cerebrale della cir­
convoluzione del cingolo dell'emisfero cerebrale. Esso percorre il braccio anteriore
della capsula interna.
II peduncolo superiorU9 peduncolo medio) -'./e/Jalamo congiunge il talarno
con la corteccia cerebrale delle aree motrici del lobo frontale e con quella delle
aree sensitive dei lobo parietale dell'emisfero cerebrale; comprende pertanto an­
che la radiazione sensitiva. Esso decorre nel braccio posteriore della capsula
interna.
li peduncolo posteriore del (alarno collega il talamo con la corteccia cere­
brale del lobo occipitale dell'emisfero cerebrale; accoglie pertanto la radiazicmt
ENCEFALO 97

peduncolo anteriore
del talamo
'-':'''-"",-- ,''d'un,qlq superiore del ta/amo

-----,

�����j\-_ peduncolo
posteriore
del tawmo

�---..,
polo frontale
dell'emisfero cerebrale

polo temporale
dell'emisfero ,,,,,b,,�, _
_ __ ./ polo occipitale

peduncolo inferiore del tawmo _____ J

Figura 5 1 . Peduncoli del talamo di sinistra.

ottica (del Cratiolet). Passa nel segmento recrolenticolare della capsula interna.
Il peduncolo inferiore del talamo congiunge il talamo con la corteccia cere­
brale del lobo temporale dell 'emisfero cerebrale, comprendendo la radiazione
acustica. Decorre nel segmento sottolenticolare della capsula interna.

L'epitalamo (fig. 49) consta: della stria midollare del talamo con il trigono
dell'abenula; dell 'epifisi con le abenule; della commessura posteriore.
(1) La stria midollare del talamo (o tenia del talamo) è un fascetta bianco che
decorre orizzontalmente lungo il margine superiore del tal amo, giungendo po­
steriormente fino al trigono dell'abenula. Essa è costituita da fibre nervose della
via olfattiva che provengono dal nucleo amigdaloideo seguendo la tenia semicirco­
lare.
il trigono dell'abenula è una piccola zona triangolare compresa tra l'estre­
mità supero-posteriore del talamo e la lamina quadrigemina del mesencefalo.
Esso accoglie il nucleo dell'abenula, cui mette capo la stria midollare del talamo;
è pertanto un centro pertinente alla via 01fattiva.
Dal nucleo dell'abenula nasce il fascio abenulo-interpeduncolare (o fascio
retroflesso del Meynert) che si porta in basso ed in addietro e, dopo incrocia­
mento, termina nel nucleo interpeduncolare, piccolo nucleo situato nel mesen­
cefalo in vicinanza della fossa interpeduncolare; da questo originano a loro volta
fibre destinate alla formazione reticolare del mesencefalo.
Dal nucleo dell'abenula nascono anche fibre abenulo-tegmentali, direttamente
9H ENCEFALO

destinate alla formazione reticolare del mesencefalo. Da quest'ultima si dipartono


poi fibre che, entrate nel fascicolo longitudinale dorsale (dello Schiitz), met­
tono capo al nucleo salivatorio superiore (del Kohnscamm) del nervo intermedio
(del Wrisberg) del faciale, al nucleo salivatorio inferiore del nervo glosso-faringeo
ed al nucleo motore dorsale del nervo vago, per cui stimoli olfattivi possono
determinare la secrezione della saliva e dei succhi digestivi ed eccitare la peristalsi
dello stomaco e dell'intestino, che mettono inoltre capo al nucleo mOtore del
nervo trigemino e al nucleo ambiguo dei nervi glosso-faringeo e vago, per cui i
medesimi stimoli olfactivi possono causare anche movimenti dei muscoli ma­
sticatori e di quelli della deglutizione.
2) L'epifis�hjandola pineale), impari, è un corpicciolo che si trova al di
sotto dello splenio del corpo calloso, adagiato sulla lamina quadrigemina del
mesencefalo nel solco tra i due [Ubercoli quadrigemini superiori. La base del­
l'epifisi, rivolta verso il III ventricolo, è scavata da una fossetta, il cui labbro
superiore è detto commessura abenulare. Da ciascuna delle due estremità di
questa si diparte infatti l'abetwla, piccolo fascetta bianco che si porta in avanti,
costeggiando mediaimente il erigono deU'abenula.
L'epifisi consta di cellule della nevroglia, che sono dette pinealociti; sono
cellule di varia grandezza e sono fornite di prolungamenti che prendono attacco
sui setti connettivali che sepimentano l'organo e sulle pareti dei vasi sanguiferi. Ai
pinealociti sono frammisti numerosi astrociti, ed inoltre fibre gliali che si fanno
particolarmente numerose con il progredire dell'età. Dopo il ventesimo anno
di età, entro l'epifIsi si formano concrezioni calcaree che costituiscono la sabbia
cerebrale.
@) La commessuraposteriore (fig. 45) è un cordone bianco, posto SOtto la base
dell'epifisi, che decorre trasversalmente al confine tra il mesencefalo ed il dience­
falo. Tra i sistemi di fìbre che costituiscono la commessura posteriore sono da ri­
cordare le fìbre nate dal nucleo della commessura posteriore (del Darkschewitsch),
che si incrociano in essa per discendere poi nel fascicolo longitudinale mediale
eterolaterale, inoltre le fibre intertalamiche, che collegano tra loro le parti poste­
riori dci due talami.

!Te lencefalO I
Il teletlcefalo risulta coslltuito d.u due emisferi cerebrali, destro e sinistro,
e dalle formazioni imeremisferm. interposte tra i due emisferi cerebrali stessi
e rappresentate dal corpo calloso, daliQulice (o trigono cerebrale), dalla com��
sura anteriore e dal setto e.elIucido.
Visto dall'alto, il telencefalo mostra i due emisferi cerebrali, separati da una
profonda fessura sagittalc: la fessura interemisferica (o fessura longitudinale del
cervello), nella cui profondità, limitatamente alla sua parte media, si trova il
corpo calloso.
Osservato inferiormente, il telencefalo mostra i due emisferi cerebrali an­
cora separati, in avanti ed in addietro, dalla fessura interemisferica; nella zona
di mezzo invece, essi risultano congiunti dalla parte del diencefalo affiorante
in superficie e dal mesencefalo. Mentre il confine del telencefalo con il mesence­
falo non è segnato da alcun particolare limite, il confine del telencefalo col me-
ENCEFALO 99

sencefalo è dato da un profonda fessura che circonda il mesencefalo stesso, ab­


bracciandolo in addietro e sui lati: è la fessura trasversa del cervello (del Bicllat).
La fessl.ratrasversa del cervello (del Bichat) ha la forma di un ferro di cavallo,
con concavità anteriore; offre pertanto a considerare una parte mediana, che è
posteriore, e due parti laterali, che proseguono in avanti. La parte mediana è de­
limitata, in basso, dalla lamina quadrigemina del mesencefalo e, superiormente,
dall'estremità posteriore o splenio del corpo calloso; ciascuna parte laterale è
circoscritta, inferiormente, dalla circonvoluzione dell'ippocampo dell'emisfero
cerebrale e, superiormente, dal peduncolo cerebrale del mesencefalo.

Conformazione esterna degli emisferi cerebrali


Ciascun emisfero cerebrale ha la forma di un mezzo ovoicle, con un diame­
tro antera-posteriore di circa 1 7 cm, uno trasversale di 7 cm ed uno verticale di
1 3 cm. Esso offre a considerare tre facce; laterale, mediale ed inferiore; mostra
poi tre margini; superiore, infero-laterale ed infero-media/e; presenta infine due
poli: uno anteriore, o polo frontale, ed uno posteriore, o polo occipitale.
La superficie di ciascun emisfero cerebrale è percorsa da numerose solcature
a varia direzione. Di esse, alcune si affondano notevolmente entro l'emisfero
cerebrale e sono dette scissure cerebrali; altre invece sono meno profonde e sono
chiamate solchi cerebrali. Le scissure cerebrali delimitano sulla superficie dell'emi­
sfero cerebrale ampi territori, che sono detti lobi cerebrali. I solchi cerebrali, uni­
tamente alle scissure cerebrali, circoscrivono nell'ambito dei diversi lob'i cerebrali
una serie di rilievi, che sono chiamati circonvoluzioni cerebrali (o giri cerebrali).

Faccia laterale dell'emisfero cerebrale. La faccia laterale dell'emisfero cerebrale


(fig. 52) è fortemente convessa. Essa è in rapporto con la volta del cranio.

Scissure della faccia laterale dell'emisfero cerebrale. La faccia laterale dell'emi­


sfero cerebrale è percorsa da tre scissure: la scissura laterale (del Silvio), la scis­


SIIra centrale (del Rolando), la scissura perpendicolare estema.
La scissura laterale (del SilviQ ) è l a maggiore fra tutte le scissure dell 'emi�
sfera cerebrale, entro il quale essa si approfonda notevolmente. Originata in cor�
rispondenza della faccia inferiore dell'emisfero cerebrale, essa giunge sulla faccia
laterale dell'emisfero cerebrale stesso, dove decorre verso l'addietro, giungendo
sino al confine tra il terzo medio e quello posteriore della faccia laterale me�
desima.
Se si divaricano i labbri della scissura laterale (del Silvio), ave essa percorre
la faccia laterale dell'emisfero cerebrale, si vede che essi delimitano un ampio
spazio: la fossa laterale (del Silvio), il cui fondo è occupato da un gruppo di cir­
convoluzioni cerebrali che costituiscono il lobo dell'insula.
2.I La scissura centrale (del Rolando) decorre grosso modo verticalmente
sulla faccia laterale dell'emisfero cerebrale, a metà distanza circa tra il polo
frontale e quello occipitale. Essa origina poco sopra alla scissura laterale (del
Silvio) e si porta in alto; giunta al margine superiore dell'emisfero cerebrale,
lo taglia per continuarsi ancora per un breve tratto sulla faccia mediale del!'emi­
sfero cerebrale medesimo.
100 ENCEFALO

circonvoluzione parleta/e inferiore


drconvoluziol1c frontale n
i feriore giro sopramarginale
,
solco interparietale
solCQ frontale inferiore circonvoluziotlc parietale superiore
circonvoluzione frontale medja solco postcentrale
solco frontale superiore
circonvoluzione frontale superiore scissura centrale (del Rolando)
solco precentrale circonvoluzione froTltale ascendent�

circonvoluzione Dccipitale jnferior�


circonvoluzione temporale inferiore solco Decipitale
temporale medio circmlVoluzione oedpitaIe
�irconvoluzjone temporale media solco Dccipita/e superio,J

bi
temporale superiore circonvoluzione Dccipita/e
rconvoluzione temporale superiore incisura perpendicolare
. , I
scissura laterale (del Silvio) gIro angolare

Figura 52. Faccia laterale dell'emisfero cerebrale sinutro.

i) �cissura P-Mpel1dicolare esterna travasi nella parte posteriore della fac­


cia laterale dell'emisfero cerebrale; essa rappresenta la prosecuzione, sulla faccia
laterale stessa, della scissura perpendicolare interna che è presente sulla faccia
mediale dell'emisfero cerebrale. La scissura perpendicolare esterna nel cervello
dell'uomo è molto breve, ridotta ad una semplice incisura: l'l'tlcisura perpendi­
colare esterna, che discende dal margine superiore dell'emisfero cerebrale; la scis­
sura infatti viene obliterata inferiormente dalla presenza di pieghe che dal lobo
occipitale vanno ai lobi parietale 'e temporale: sono le pieghe di passaggio del
Cratiolet.
ENCEFALO 101

Lobi della faccia laterale dell'emisf.!!!o--ferebrak. Le tre scissure ora descritte cir­
coscrivono, sulla faccia laterale dell'emisfero cerebrale, quattro lobi cerebrali: il
lobo frontale, il lobo parietale, il lobo occipitale, i.l lobo temporale. I lobi ce­
rebrali della faccia laterale dell'emisfero cerebrale sono completati dal lobo del­
l'insula, i.l quale sta nascosto nella profondità della scissura laterale (del Silvio).
(1 . Il lobo frontale si estende al davanti della scissura centrale (del Rolando),
che Ìo divide dal retrostante lobo parietale. Esso è delimitato inferiormente
dalla scissura laterale (del Silvio) , che lo separa dal lobo temporale.
Il lobo frontale è percorso da due solchi orizzontali tra loro paralleli: sono
il solco fr01ltale superiore ed il solco frontale infen·ore. Questi due solchi, alle
loro estremità posteriori, si biforcano ciascuno in un ramo ascendente ed in uno
discendente; tali rami di divisione, mettendosi tra di loro più o meno comple­
tamente in continuità, formano un terzo solco ad andamento verticale: è il solco
precentrale (o solco prerolandico), così chiamato perché decorre parallelamente
alla retrostante scissura centrale (del Rolando) .
I solchi anziddetti delimitano sul lobo frontale quattro circonvoluzioni ce­
rebrali. Esse sono: in avanti, la circonvoluzione frontale superiore, la circon­
voluzione frontale media e la circonvoluzione frontale inferiore, che sono disposte
orizzontalmente l'una sopra l'altra, essendo separate tra di loro rispettivamente
dal solco frontale superiore e dal solco frontale inferiore; in addietro, la circon­
voluzione frontale ascendente {o circonvoluzione precentrale, o circonvoluzione
prerolandica}, che è messa verticalmente dietro al solco precentrale, tra questo e la
scissura centrale (del Rolando).
La circonvoluzione frontale inferiore è scomposta in tre parti da due solchi
che salgono dalla sottostante scissura laterale (del Silvio) e che si addentrano in
essa. Tali sue tre parti sono denominate, dall'avanti all'indietro, parte orbita/e,
parte triangolare (o capo) e parte opercolare (o piede) della circonvoluzione
frontale inferiore.
La circonvoluzione frontale ascendente in basso è congiunta alla parte infe­
riore della circonvoluzione parietale ascendente del lobo parietale mediante una
piega di passaggio che decorre al di sotto dell'esrremità inferiore della scissura
centrale (del Rolando), separando quest'ultima dalla scissura laterale (del Silvio) .
Tale piega di passaggio è detta piega fronto-parietale inferiore (od opercolo ro­
landico ).
�. Il lob0-Earietale è posto dietro alla scissura centrale (del Rolando), che
lo divide dal lobo frontale, e sopra alla scissura laterale (del Silvio), che lo separa
dal lobo temporale; esso connna in addietro con il lobo occipitale, da cui è delimi­
tato dalla incisura perpendicolare esterna, completata quest'ultima da una linea
immaginaria che ne continua la direzione verso il basso.
Il lobo parietale presenta nella sua parte anteriore un solco verticale che
decorre parallelamente all'antistante scissura centrale (del Rotando) : è il solco
postcentrale (o solco postrolartdico). Dietro al solco postcentrale, esso mostra
un solco orizzontale: è i l solco interparietale, che in avanti raggiunge i l solco
postcencrale, mentre in addietro prosegue nel lobo occipitale.
Tali due solchi determinano, nel lobo parietale, la presenza di tre circon­
voluzioni cerebrali. In avanti vi è la circonvoluzione parietale ascendente (o
circonvoluzione postcentrale, o circonvoluzione postrolandica), che è disposta
102 ENCEFALO

verticalmente tra la scissura centrale (del Rolando) ed il solco postcencrale. In


addietro si trovano la circonvoluzione parietale superiore e la circotlVoluzione
parietale inferiore, che sono poste orizzontalmente l'una sopra l'altra, fra loro
separate dal solco interparietale.
La circonvoluzione parietale ascendente è congiunta inferiormente, come
già si è deuo. con la circonvoluzione frontale ascendente del lobo frontale tramite
la piega rronto-parietalc inferiore (od opercolo rolandico).
La circonvoluzione parietale inferiore è collegata alla circonvoluzione tem­
porale superiore del lobo temporale mediante il giro sopramarginale, che è una
piega di passaggio la quale abbraccia l'estremità posteriore della scissura laterale
(del Silvio), chiudendo la scissura medesima. Poiché dal giro sopramarginale si
diparte una seconda piega, chiamata giro angolare (o piega curva), che circonda
l'estremità posteriore del solco temporale superiore e si unisce poi alla circon­
voluzione temporale media, la circonvoluzione parietale inferiore viene ad essere

f?J
colle�ata anche con la circonvoluzione temporale media.
Il lobo occipitale è situato dietro ai lobi parietale e temporale, dai quali
esso è separato dall'incisura perpendicolare esterna e da una linea immaginaria
che continua quest'ultima verso il basso, fino al margine infero-Laterale deLl'emi­
sfero cerebrale.
Il lobo occipitale è percorso da due solchi orizzontali, paralleli fra di loro;
sono il solco occipitale superiore ed il solco occipitale medio, di cui il primo è la
prosecuzione in addietro del solco interpatietale. Tali due solchi delimitano tre
circonvoluzioni cerebrali che sono disposte orizzontalmente l'una sopra l'altra;
esse sono: la circonvoluzione occipitale superiore, la circonvoluzione occipitak
media e la circonvoluzione occipitale inferiore.
(4� ll lobo tenlEorale è posto al di sotto dei lobi frontale e parietale, dai quali
è separato dalla scissura laterale (del Silvio). Esso confina posteriormente col
lobo occipitale, essendo dato il limite con questo da una linea immaginaria che
continua verso il basso l'incisura perpendicolare esterna; termina in avanti con
un'estremità arrotondata, che è il polo temporale dell'emisfero cerebrale.
II lobo temporale presenta due solchi orizzontali, l 'uno superiore e l'altro
inferiore ; essi sono iJ solco temporale superiore ed il solco temporale medio.
Tali due solchi determinano la presenza, sul lobo temporale, di tre circon­
voluzioni cerebrali che sono disposte orizzontalmente l'una sopra l'altra; sono la
circonvoluzione temporale superiore, la circonvoluzione temporale media e la
circonvoluzione temporale inferiore.
Dalla faccia superiore della circonvoluzione temporale superiore, che è rivolta
verso la scissura laterale (del Silvio) ed è visibile quindi solo divaricando questa
ultima, si solleva una piega che, passando dietro al lobo dell'insula, si porta
alla circonvoluzione parietale inferiore: è la circonvoluzione temporale trasversa

\?JJI
(dell'Heschl).
lobo dell'insula (fig. 53) è situato nella profondità della scissura laterale
(del Silvio), dove sporge entro la fossa laterale (del Silvio). Ha forma grosso
modo triangolare, con apice rotondeggiante rivolto verso il basso, ed è delimi­
tato perifericamente dal solco circolare.
Il lobo dell'insula è percorso verticalmente dal solco centrale dell'insula,
che lo divide in una parte anteriore ed in una posteriore. La parte anteriore
ENCEFALO 103

-

temporale trasversa

"____ lobo temporale

Figura 53. Lobo dell'insula e circonvoluzione temporale trasversa dell'emisfero cerebrale sinistro., nel fondo della
.Kissura laterale (del Silvio) divaricata.

è percorsa da due solchi longitudinali che la scompongono nei tre giri brevi
dell'insu la; la parte posteriore è occupata dal giro lungo dell'insula, che talora
un solco secondario verticale suddivide in due parti.

Faccia mediale dell'emisfero cerebrale. La faccia mediale dell'emisfero cere­


brale (fig. 54) è pianeggiante. Essa guarda la fessura intercmisferica; è pertanto
contigua alla {accia mediale dell'emisfero cerebrale eterolaterale, essendone però
quasi completamente separata dall'interposizione della falce del cervello della
dura madre che si approfonda nella fessura interemisferica.
La faccia mediale dell'emisfero cerebrale circonda in avanti, al di sopra ed
in addietro l'ilo dell'emisfero cerebrale, cioè la zona dove il corpo calloso ed
il peduncolo cerebrale si addentrano nell'emisfero cerebrale medesimo.
La faccia mediale dell'emisfero cerebrale è separata dal corpo calloso tra­
mite il solco del corpo calloso , che costeggia ljuest'ultimo superiormente.

Scissure della faccia mediale dell'emisfero cerebrale. Sulla faccia mediale del.
l'emisfero cerebrale si trovano la scissura del cingolo, la scissura perpendicolare
interna e l a scissura calcarina.
1 . La scissura del cingolo rappresenta la parte superiore della scissura limbica,
essendo la parte inferiore di quest'ultima costituita dalla scissura collaterale che è
posta sulla faccia inferiore dell'emisfero cerebrale.
La scissura del cingolo, che decorre longitudinalmente circa ad eguale di·
104 ENCEFALO

stria midollare del (a/amo scissura del cingolo


,
lobulo quadri/otero ginocchio del corpo calloso
circonvoluzione dci cingolo solco del corpo calloso
tronco del corpo calloso
piega frontv-parieta/e superiore rostro del corpo
scissura ccntrale (del Roumdo) circmlVoluzione frontale interml
,
paracentrale fornice

lamina rostralt scissura collateral�


de/lobo limbico circonvoluzione dell'ippocampd
cissura calcanna benderclkl del Giacomim'
scissura laterale (del
,
scissura perpendicolare interna solco iporaltJmico
splenio del corpo ,,1I10so commessura anteriori

Figura 54. Faccia mediale dell'emisfero cerebrale sinistro.

stanza tra il margine superiore dell'emisfero cerebrale ed il solco dci corpo cal.
10so, ha un andamento che è parallelo al corpo calloso. Essa è formata da due
disdntc parti: l'una anteriore, che è detta scissura sottofrontale; l'altra poste­
riore, che è denominata scissura sottoparietale.
La scissura sottofrontale inizia al di sotco dell'estremità anteriore o ginocchio
del corpo calloso. Portandosi in avanti ed in alto circonda quest'ulcimo; prose­
gue poi verso l'indietro al di sopra del corpo calloso, con andamento a questo
parallelo. Giunta ad un livello corrispondente al terzo posteriore del corpo cal­
loso, piega verso l'alto e raggiunge il margine superiore dell'emisfero cerebrale.
La scissura sottoporietale, dipartendosi dalla scissura souofrontale nel punto
in cui questa piega verso l'alto, ne continua in addietro l'andamento parallelo
al corpo calloso. Essa arriva fino sopra all'estremità posteriore o splenio del
ENCEFALO 105

�)
corpo calloso.
La scissura perpendicolare interna si trova nella parte posteriore della
faccia mediale dell'emisfero cerebrale. Partendo dal margine superiore dell'emi­
sfero cerebrale, dove è in continuità con l'incisura perpendicolare esterna, essa
discende in basso perpendicolarmente; arriva fino dietro allo splenio del corpo

o
calloso, dove si unisce alla scissura calcarina.
La scissura calcanna trovasi nella parte infero-posteriore della faccia me­
diale dell'emisfero cerebrale; è disposta orizzontalmente, parallela al margine
infero-mediale dell'emisfero cerebrale stesso. Essa inizia presso il polo ocdpi­
tale dell'emisfero cerebrale e si porta in avanti. Dopo essersi incontrata con la
scissura perpendicolare interna, termina ad un livello corrispondente a quello
dello splenio del corpo calloso.

Lobi della faccia_ mediale dell'emisfero cerebrale. l lobi cerebrali presenti sulla
faccia mediale dell'emisfero cerebrale sono: il lobo limbico, il lobo frontale, il'

©
lobo parietale ed' il lobo occipitale.
Il lobo limbico è rappresentato, sulla faccia mediale dell'emisfero cere­
brale, dalla circonvoluzione del cingolo (o circonvoluzione del corpo calloso,
o circonvoluzione callosa), che è posta inferiormente alla scissura del cingolo,
compresa tra quest'ultima ed il solco del corpo calloso. La circonvoluzione
del cingolo comincia in avanti al di sotto del ginocchio del corpo calloso; por­
tandosi in alto e poi in addietro, circonda quest'ultimo e poi superiormente
l'intero corpo calloso. Arrivata sotto allo splenio del corpo calloso, essa si conti­
nua con l' s i tmo del lobo limbico, che la collega all'estremità posteriore della
circonvoluzione dell'ippocampo, la quale completa il lobo limbico sulla faccia

® Al lobo frontale appartiene, sulla faccia mediale dell'emisfero cerebrale,


inferiore dell'emisfero cerebrale.

la superficie compresa tra il margine superiore dell'emisfero cerebrale e la scis­


sura sotto frontale. li limite posteriore è dato dalla parte ascendente della scissura
sotto frontale stessa.
Un piccolo solco, presente un poco al davanti della parte ascendente della
scissura sotto frontale, divide la superficie mediale del lobo frontale in due parti
diseguali. Di esse, quella anteriore è di gran lunga più estesa ed ha il nome di
circonvoluzione frontale interna; quella posteriore è il lobulo paracentrale, il
contorno superiore del quale è intaccato dall'estremità superiore della scissura
centrale (del Rolando).
Il lobulo paracentrale, in avanti, è costituito dalla prosecuzione, sulla faccia
mediale dell'emisfero cerebrale, della circonvoluzione frontale ascendente. In
addietro, è dato dalla piega fronto-parietale superiore che, passando sotto all'e­
stremità superiore della scissura centrale (del Rolando), chiude la scissura me­
desima e congiunge la circonvoluzione frontale ascendente con la circonvoluzione

0J La porzione della faccia mediale dell'emisfero cerebrale spettante al lobo


parietale ascendente.

parietale è il lobulo quadrilatero. Questo è circoscritto: in avanti, dalla parte


ascendente della scissura sottofrontale ; in addietro, dalla scissura perpendicolare
interna; in basso, dalla scissura sottoparietale.
106 ENCEFALO

__

>,
...... polo Irc,lIale dell'emisfero cerebrale

"l
------ \
solco o/fattivo circonvoluzione crbUaIe media/e

bulbo olfattillQ circonvoluzione orbitofe medw.

If
i
giro retto

--------- � L1
�t �

pedrmcolo olfattivo
""onool.,;o", Mb;,./e �,,,.le
��
��
solco o rbirale - - �

\ ,� polo temporale dell'emisfero cerebrale


scissura laterale (del Silvio)

�. , �
circonvoluzione olfattiva wte,afe

J
benderella dell',mcus (del GiacominjJ ------::
circmlVoluzione olfattiva mediale

'\"L A �
sostanza perforata anteriore

uncw dell'ippocampo
�,

J"'
fessura trasversa del cervello (del Bic!l(lt) .-..,,_

! $oko temporale inferiore

t I
""on,ol.,;o.., ddl';ppo,.mpo

---'I�� r
'\ l /
Iobulo fusiforme

Il? . }II
circonvoluzione del cingolo
fobula lingr.wle

scissura calcarirnl
Il ..
r 7/
r $0I . , .
Ie mJenore

7/
co occrplta

circonvoluzione o,bitale inferiore


'-... � polo occipitale dell'emisfero cerebrale

Figura 5S. Faccia inferiore dell'emisfero cerebrale sinistro.

\4.)Al lobo occi12it@e spetta fondamentalmente, sulla faccia mcdiale deI­


l'emisfero cerebrale, la zona triangolare compresa tra la scissura perpendicolare
interna e la scissura calcarina; essa è chiamata cuneo.

Faccia inferiore_ rutll'emisfeLo cerebrale. La faccia inferiore dell'emsfi ero cere­


brale (fig. 55) è attraversata trasversalmente, al confine tra il suo terzo anteriore
e i suoi due terzi posteriori, dalla scissura laterale (dci Silvio), che la percorre
in senso medio-Iaterale.
La porzione antistante alla scissura lateraJe (del Silvio), grosso modo pia­
neggiante, appoggia sulla fossa endocranica anteriore. La porzione retrostante
alla scissura laterale (del silvio) nella sua metà anteriore è convessa ed è in rap­
porto con la fossa endocranica media, nella sua metà posteriore è invece con­
cava e riposa sul tentorio del cervelletto della dura madre.

Scissure della faccia illferiore dell'emisfero cerebrale. Sulla faccia inferiore dcl-
ENCEFALO 107

l'emisfero cerebrale si trovano due scissure : la scissura laterale (del Silvio) e la

([)
scissura collaterale.
La scissura laterale (del Silvio) è presente sulla faccia inferiore dell'emi­
sfero cerebrale con la sua parte iniziale. Essa comincia subito di latO alla sostanza
perforata anteriore (posta in vicinanza del margine infero-mediale dell'emisfero
cerebrale) e, descrivendo una curva a concavità posteriore, si porta lateralmente
fmo a raggiungere il margine infero-lateralc dell'emisfero cerebrale, donde poi

2)
prosegue sulla faccia laterale dell'emisfero cerebrale medesimo.
La scissura collaterale decorre longitudinalmente nella porzione della
faccia inferiore dell'emisfero cerebrale retrostante alla scissura laterale (del Silvio).
Essa origina in prossimità del polo temporale dell'emisfero cerebrale e si porta
in addietro fino in vicinanz a del polo occipitale, mantenendo un decorso all 'in­
circa parallelo al margine infero-mediale dell'emisfero cerebrale.
Il tratto anteriore della scissura collaterale prende parte alla costituzione
della scissura limbica, in quanto ne forma la parte inferiore; la parte superiore
della scissura Ii mbica è infatti rappresentata, come si è detto, dalla scissura del
cingolo che travasi sulla faccia mediale dell'emisfero cerebrale.

Lobi della faccia in eriore dell'emisfero cerebrale. Sulla faccia inferiore dell'emi.
sfero cerebrale sono prese nti il lobo frontale, il lobo temporale, il lobo limbico

0.
ed il lobo occipitale.
E ' pertinente al lobo frontale tutta la porzione della faccia inferiore dei·
l'emisfero cerebrale che si estende all'innanzi della scissura laterale (dci Silvio);
essa prende il nome di mEerfjcie orbitale del lobo frontale.
Sulla superficie orbitale del lobo frontale si trovano il solco olfattivo ed il
solco orbita/e. Il solco o/fattivo è mediale e decorre longitudinalmente in vici­
nanza del margine infero-mediale dell'emisfero cerebrale; esso è così chiamato
perché acco glie il bulbo olfattivo ed il peduncolo olfattivo. Il solco orbitale
è posto lateralmente al precedente, nella parte centrale della superficie orbi­
tale dci lobo frontale; ha grosso modo la forma di una Y c oi suoi due rami di
divisione rivolti in avanti, talora può avere la forma di una H.
I due solchi ora ricordati delimitano, sulla superficie orbitale del lobo fron­
tale, quattro circonvoluzioni cerebrali. Medialmente al solco olfattivo, compreso
tra questo ed il margine infero-mediale dell'emisfero cerebrale, vi è il giro retto.
Lateralmente al solco olfattivo, tra quest'ultimo e il solco orbitale, si trova la
circonvoluzione orbita/e mediale. Tra i due rami di divisione dci solco orbitale è
compresa la circo'lVoluzione orbitale media. Lateralmente al solco orbitale si

'
estende la circonvoluzione orbitale laterale.

C Jl k?k.. temporale è rappresentato, sulla faccia inferiore dell'emisfero cere·


brale, dalla zona che si estende di lato alla scissura collaterale. Il suo limite ante­
riore è la scissura laterale ( del Silvio); quello posteriore è dato da una linea imma­
ginaria che continua sulla faccia inferiore dell'emisfero cerebrale " andamento del­
la scissura perpendicolare interna, linea questa che lo separa dal lobo occipitalc.
La superficie inferiore del lobo temporale è percorsa longitudinalmente dal
solco temporale inferiore, il quale la divide in due parti. La pane che si trova
lateralmente a tale solco è la circonvoluzione temporale inferiore che dalla faccia
laterale dell'emisfero cerebrale, oltrepassando il margine infero-Iaterale dell'emi-
108 ENCe.FALO

sfero cerebrale stesso, prosegue sulla faccia inferiore; la parte posta medialmente
al solco temporale inferiore è il lobulo fusiforme. Il lobulo fusiforme, compreso
dunque tra il solco temporale inferiore e la sdssura collaterale, è largo nella sua
parte di mezzo, va invece restringendosi alle sue estremità; esso in avanti non
raggiunge il polo temporale dell'emisfero cerebrale, mentre in addietro prosegue

® Il
nel loho Dccipicale.
lobo limbico è rappresentato, sulla faccia inferiore dell'emisfero cere­
brale, dalla circonvoluzione dell 'ippocampo , posta mediaimente alla scissura
collaterale. La circonvoluzione dell'ippocampo, trovandosi al di sotto dell'ilo
dell'emisfero cerebrale, completa inferiormente il lobo limbico; quest'ultimo
lobo infatti, che superiormente è costituito dalla circonvoluzione del cingolo,
forma attorno all'ilo medesimo un grande anello pressoché completo, interrotto
solo per un breve tratto anteriormente, in corrispondenza della sostanza perforata
anteriore.
La circonvoluzione dell 'ippocampo è delimitata lateralmente dalla scissura
collaterale . Medialmente, giunge alla fessura trasversa del cervello (del Bichat),
della cui parte laterale forma il contorno inferiore, e prosegue poi entro la fessura
stessa, terminando in corrispondenza del solco dell'ippocampo, solco longitu­
dinale che rimane nascosto nella profondità della parte laterale della fessura tra­
sversa del cervello (del Bichat). In avanti, arriva al contorno mediale del polo
temporale dell'emisfero cerebrale, dove termina incurvandosi medialmente cosÌ da
costituire una sorta di uncino, che è detto uncU$ dell'ippocampo; l'estremità ante­
riore della circonvoluzione dell'ippocampo è il lobulo dell 'ippocampo. In ad­
dietro, giunge fino sotto allo splenio del corpo calloso dove, tramite l'istmo del
lobo limbico , si continua con la circonvoluzione del cingolo e, mediante la piega

DU lobo occipit�le comprende, sulla faccia inferiore dell'emisfero cerebrale,


retrolimbica, si congiunge al lobulo linguale del lobo occipitale.

la zona che si trova dietro ad una linea immaginaria che prosegue, sulla faccia
inferiore dell'emisfero cerebrale, il decorso della scissura perpendicolare interna.
La superficie inferiore del lobo occipitale è percorsa lateralmente dal solco occi­
pilale jtlferiore, che è la prosecuzione in addietro del solco temporale inferiore,
e r:nedialmente dalla parte posteriore della scissura collaterale.
Di lato al solco occipitale inferiore si trova la circonvoluzione occipitale
. inferiore , che si continua dalla faccia laterale dell'emisfero cerebrale . Tra il solco
occipitale inferiore e la scissura collaterale vi è la parte posteriore del lobulo
fusifonne. Medialmente alla scissura collaterale si estende il fobulo linguale,
il quale oltrepassa il margine infero-mediale dell'emisfero cerebrale ed arriva
fino alla scissura calcarina.

I Costituzione interna degli emisferi cere�btali


Ciascun emisfero cerebrale è costituito, in superficie, da uno strato di sostanza
grigia : la corteccia cerebrale. All'interno, è formato di sostanza bianca. Entro
quest'ultima si trovano i nuclei del telencefalo (oltre ai nuclei del diencefalo
i descritti) ed è scavata la cavità del ventricolo laterale.

Corteccia cerebrale. La corteccia cerebrale (o pallio) ricopre l'intera superficie


ENCEFALO 109

dell'emisfero cerebrale, affondandosi anche a rivestire le scissure ed i solchi cere­


brali. La sua superficie è pertanto, in ciascuno degli emisferi cerebrali, di 1 1 00 _

1200 cm2 , di cui un terzo appartiene alla superficie libera e due terzi spettano alle
pareti delle scissure e dei solchi cerebrali.
Lo spessore della corteccia cerebrale è molto mutevole secondo le zone;

esso va da un massimo di 3,3 mm (come nella circonvoluzione frontale ascen­


dente) ad un minimo di 1 ,6 mm (come nel lobo occipitale). Nell'ambito di cia­
scuna zona poi, lo spessore è maggiore in corrispondenza della superficie libera
delle circonvoluzioni cerebrali e va grado grado riducendosi verso la profondità
delle scissure e dei solchi cerebrali.
La corteccia cerebrale di gran lunga prevalente appartiene al neopallio, è cioè
corteccia cerebrale filogeneticamente recente. Solo zone limitate della corteccia
cerebrale sono di origine filogenetica antica, appartenendo esse all 'arc!Jipallio ed al
paleopallio ; sono infatti archipallio la corteccia cerebrale del corno di Ammone e
quella della fascia dentata, sono invece paleopallio la corteccia cerebrale dcl loho
olfattivo, quella della regione paraolfattiva e quella infine del lobulo dell'ippo­
campo che corrisponde all'estremità anteriore della circonvoluzione dell'ippo­
campo.
Nella corteccia cerehrale i diversi tipi di neuroni che la costituiscono, in base
alle loro caratteristiche morfologiche, sono raggruppati a formare strati sovrap.
pOSti. La corteccia cerebrale spettante al neopallio ha sei strati di neuroni ed
essa prende il nome di isocorteccia cerebrale. La corteccia cerebrale pertinente

·�::-:·::i:}X: .
strato moleco�,----f==:::---I

stratQ. 1!anulare esferno


'--F" -'·..

strato delle celluw


�. j • � . •' �
� .. � l,
e grandi esterne'-----t-1i , , I . ,
.oiramidali me_die

strato g�al1ulare interno--f


",c
::
: ;� ;(
-;"'
\_ ' "? ;i} del Bai/larger

strato delle a/ll4w


., i . ' • �����I-_ !!,",in ,,,n,, del Bai/larger

. "
p'iramidali grandi Ùlte rne_+"";

, 1 1 1 I' 1 ,' IL-j2'>--t---- , d",o",o verticale


mieli"iche

t- I. ,t
strato delw
ceJmk. polimorfe_ .; , fibre di associazione

\:1
del Meyyrt
----

. ', ,I
A B

Figura 56. Isocorteccia cerebrale omotipica. I n A, strati cellulari; in 8, fibre mieliniche.


1 10 ENCEFALO

Figura 57. Cellula piramidale dcll'isocorteccia cerebrale.

all'archipallio cd al paleopallio ha generalmente un numero minore di strati


di neuroni ed è detta al/oeorteccia cereurale.

lsocorteccia cerebrale. I sei strati di neuroni che compongono l'isocorteccia


cerebrale (fig. 56), procedendo dalla superficie in profondità, sono i seguenti.
Il l strato è lo strato ma/eeolare (o strato plessiforme). Esso accoglie le cellule
orizzontali, così denominate perché hanno i dendriti ed il neurite che decorrono
orizzontalmente nello strato medesimo, collegando tra loro i dendriti delle cel­
lule piramidali che salgono dagli strati sottostanti.
Il Il strato è lo strato gra'lUlare esterno, che è costituito da cellule pirarni­
dali piccole.
Il II! strato è lo strato delle cellule piramidali medie e grandi esterne.
Il lYstrato.. è lo strato granulare interno, che è formato da cellule pirami­
dali piccole.
ENCEFALO 111

Il V strato è lo strato delle cellule piramidali grandi interne.


Il VI strato è lo strato delle cellule polimorfe, il quale è costituito da cellule
nervose di varia forma (triangolari, piramidali, fusiformi, ecc.).
Le cellule nervose maggiormente rappresentate nell'isocorteccia cerebrale
sono dunque le cellule piramidali {fig. 57}, le quali sono così denominate per
la forma piramidale del loro pircnoforo, che è orientato con " apice rivolto verso
la superficie della corteccia cerebrale e con la base verso la profondità. Dal loro
apice si diparte un lungo e grosso dendrite, che sale verticalmente sino a rag­
giungere lo strato molecolare, dove emette le sue ramificazioni terminali che
assumono un andamento orizzontale nello strato medesimo; dalla loro base
originano alcuni dendriti più brevi cd il neurite, il quale si dirige in profondità
c, divenuto una fibra nervosa mielinica, esce dalla corteccia cerebrale e passa nella
sostanza bianca dell'emisfero cerebrale. Le cellule piramidali danno luogo per­
tanto ai sistemi di fibre efferenti dell'isocorteccia cerebrale.
Nell 'isocorteccia cerebrale sono presenti inoltre moltissime cellule nervose
il cui neurite non abbandona l'isocorteccia cerebrale stessa, ma che in essa si
estingue con una serie di ramificazioni; esse hanno funzione associativa intra­
corticale. Tali cellule, oltre alle già ricordate cellule orizzontali dello strato mole­
colare, sono rappresentate dalle cellule a doppio pemlacchio dendritico, dalle
cellule del Martinotti e dalle cellule del Il tipo del Golgi.
Le cellule a doppio pentlacchio dendritico, numerose soprattutto nello strato
delle cellule piramidali medie e grandi esterne e nello strato granulare interno,

I I -. - I - .

:" ':.'-:" '':' ' :':.�."'� ;


'

.: : '.�::. ' -- ./••.. : .-
'!;'" '-.:,:.;...: ;::;
� . II :�
. ...'�� ... :. . : . : .
: ::':'. :' : : .
II II
� .

:.:: : ; ::: : ;.:.. .. 'i : '::
� " ' : - " ' - : ' !.
••
"�4
A
III

U. ' t i.
• • III
:�' . r ': '· ' .· i:.:

.
.. . .
..... ' ''.. '' . ' ....... ..
, l ' .- ' , ' . .
IV "':. �.: .'; ..: .. , ;.'': . .
III

l'• • ' � •
.

.. ... ..

.
:.,; ; : ,' ..:. , :
· "
.

1 4 .: •
,
"

,,
"

. . ' ,
. .

' ,0:' :.'.. '- ,;' :::


.
.
. . ..
. .

,' ," ,' ,� . : . 'a.:.


. . .

: : . : : .. : : ',
. . .

IV
.

frf'r

" t , '-' ,l' . , lo'
.

" 'l'
V '
. . .

4 · " , ·; 1
l '
' , •

• I

·1. '
IV •
. •

j
VI { I i , 1 l'
.. .

V
" . . ..

V . . .... '·1 '" \ 1 ·


•�I 1 ', l ii l l l ,
VI

II I
VI
4t � ,
. jj l
A B C ..

Figura 58. Tipi di isocorteccia cerebrale. In A. isocorteccia cerebrale eterotipica agranulare;


in B, isocorteccia cerebrale omotipica; in C, isocortcccia cerebrale eterotipica granulare.
112 ENCEFALO

.1dS$ura
centrale

scissura
ktte.raJe..

figura 59. Arce corticali sulla faccia laterale dell'emisfero cerebrale sinistro.

hanno il pirenoforo fusiforme, orientato col suo asse maggiore perpendicolar­


mente alla superficie della corteccia cerebrale. Da ciascun polo del puenofaro
emerge un ciuffo di lunghi dendriti ; da uno dei poli si diparte poi il neucite che
può discendere oppure salire, risolvendosi infme con ramificazioni a distanza dal
pirenoforo.
Le cellule del Martinotti hanno il pirenoforo che può essere di diversa forma.
Ciò che le caratterizza è il fatto di avere il ncurite che sale verso l'alto, fino a rag­
giungere lo strato molecalare, dove termina con una fitta ramificazione.
Le cellule del II tipo del Golgi hanno il iaco ncurite che si risolve in un denso
cespuglio di rami, quasi subito dopo la sua origine dal corpo cellulare.

Nella maggior parte dell'isocorteccia cerebrale i sei strati sono ben distinti
l'uno dall'altro; l'isocorteccia cerebrale è chiamata in tal caso omotipica (flgg.
56 e 58).
in certe z.one deli 'isocorteccia cerebrale invece i sei strati sono male deli­
mitati o per una predominanza delle cellule piramidali medie e grandi, che oc­
cupano anche gli strati granulari, oppure per un prevalere delle cellule pirami.
dali piccole, che invadono anche gli strati delle cellule piramidali medie e grandi ;
l'isocorteccia cerebrale è detta allora eterotipica, rispettivamente eterotipica
agranulare ed eterotipica granulare (o koniocorreccia) (fig. 58).
L'isocorteccia cerebrale eterotipica agranulare, propria dell'area motrice
primaria (circonvoluz.ione frontale ascendente), è l'isocorteccia cerebrale di
maggiore spessore. In essa le cellule piramidali medie e grandi occupano anche
il Il e il IV strato, nei quali le cellule piramidali piccole sono pressoché assenti;
ENCEFALO 113

(d,I Rol,,,d,,J -----r'\


scissura centrale

scissura
pe_rpe;d.icolare
tt

tt

scissura '-4---""""" laterale (del Silvio)


=

Figura 60. Aree corticali sulla faccia mediale dell'emisfero cerebrale sinistro.

nel V strato sono poi presenti lecellule piramidali giganti (del Betz l.
L'isocorteccia cerebrale eterotipica granulare (o koniocorteccia), propria
delle aree sensitive primarie, è una isocorteccia cerebrale sottile. In essa le cel­
lule piramidali piccole, oltre ad essere stipate ne! I l e nel IV strato, invadono
anche il III ed il V strato, dove si frammischiano ad alcune cellule piramida­
li medie.

Nell'isocorteccia cerebrale, oltre a fibre nervose amieliniche, sono presenti


anche fibre nervose mieuniche (fig. 56). Queste hanno sia direzione verticale, che
direzione orizzontale.
Le fibre nervose mieliniche a direzione verticale sono riunite in fascetti, che
cominciano a farsi evidenti nel III strato dell'isocorteccia cerebrale e vanno ingran­
dendosi via via che si procede verso gli strati profondi. Essi sono costituiti anzi­
tUttO dai neuriti delle cellule piramidali che, diretti in profondità, hanno as­
sunto la guaina mie!inica ancora nello spessore dell'isocorteccia cerebrale, prima
di abbandonarla. Sono formati inoltre dalle fibre afferenti dell'isocorteccia
cerebrale che, penetrate in questa dalla profondità, camminano per un certo
tratto verticalmente, prima di assumere un andamento orizzontale.
Le fibre nervose mieliniche a direzione orizzontale sono le fibre afferenti
dell'isocorteccia cerebrale che, ripiegatesi, hanno assunto andamento orizzontale;
sono inoltre i rami collaterali dei neuriti delle cellule piramidali e le fibre di
associazione intracorticale. Le fibre nervose mie!iniche a decorso orizzontale
formano, neU'isocorteccia cerebrale, i seguenti sistemi: il plesso dell'Exner,
accolto ne! I strato; la stria del Bechterew, posta nella parte più superficiale de! III
114 ENCEFALO

Figura 61. Omuncolo motorio, proiettato sulla drconvolu:tione frontale ascendente dell'emi­
sfero cerebrale sinistro.

strato; la stria esterna del Baillarger, che occupa il IV strato; la stria interna del
Baillarger, che si trova nel V strato; le fibre di associazio,ze intracorticale del
Meynert, che sono nel VI strato.

Aree corticali. La corteccia cere.bnk....ri.ene suddivisa nelle aree corticali, che


diversificano [fa loro per i caratteri morfologici (spessore della corteccia cere­
brale medesima, spessore dei suoi strati, concentrazione dei neuroni, ecc.) e per la
funzione.

Arce corticali del lobo frontale dell'emisfero cerebrale. Sono da considerarsi


nel lobo frontale dell'emisfero cerebrale : l'area 4 , l'area 4s, l'area 6, l'area 8,

Q)
le ar�e 9, 1 0 e 12, le aree 1 3 e 1 4 (fìgg. 59 e 60).
L'area 4 occupa la circonvoluzione frontale ascendente (inclusa la sua
parte che sconfina nel lohulo paracentrale della faccia mediale dell'emisfero
cerebrale) e si estende anche sulla parete anteriore della scissura centrale (del
Rolando), fino al fondo della scissura medesima. Essa è l'area motrice primaria
(o arca somato-motrice primaria) nella quale si generano gli impulsi motori volon­
tari pcr tutti i muscoli della metà eterolaterale del corpo, fatta eccezione per
i muscoli dell 'occhio.
Nell'arca 4 sono identificabili vari territori dai quali originano gli impulsi
motori volontari per i diversi gruppi muscolari. Detti territori sono distribuiti in
modo tale da aversi, sull'area 4, una rappresentazione motrice somatotopica, detta
omuncolo motoria (fig. 6 1 J. la quale è tale per cui la metà eterolaterale del corpo
si proietta capovolta sull'area medesima; infatti, a cominciare dal basso, si hanno
ENCEFALO 115

dapprima i centri del1a motilità della testa, poi quelli del collo, poi quelli dell'arto
superiore, indi quelli del tronco, quelli dell'arto inferiore, infine quelli della
motilità dei muscoli del perineo che sono sulla faccia mediale dell'emisfero
cerebrale.
L'area 4 ha numerose afferenze, tra cui quelle provenienti dai nuclei ven­
trale anteriore e ventrale laterale del talamo che recano impulsi rispettivamente
dal corpo striato e globus pallidus e dal cervelletto. Dall'area 4 nasce il fascio pi­
ramidale, che discende nel tronco cerebrale e nel midollo spinale, dove le sue fibre
mettono capo ai nuclei somatomotori eterolaterali dei nervi encefalici e spinali e
recano gli impulsi motori volontari.

�0 L'area 4s è una snetta striscia di corteccia cerebrale che si estende longi­


tudinalmente subito al davanti dell'area 4 . E' l'ar ea soppressoria ; essa infatti,
tramite un circuito passante per il corpo striato e poi per il nucleo ventrale ante­
riore del talamo, invia impulsi inibitori all'area 4, determinando il rilassamento dei
muscoli.
30 L'area 6 occupa le parti posteriori delle circonvoluzioni frontali inferiore,
media, superiore ed interna, trovandosi subito all'innanzi dell'area 4s. Essa è
l'area motrice secondaria, dalla quale originano le vie extrapiramidali, vie che
sono deputate al controllo ed alla regolazione dei movimenti volontari e che SOIlO
preposte al tono pastorale ed ai movimenti semivolontari ed automatici che si

il corpo striato, tramite


associano ai movimenti volontari.
L'area 6, oltre che con l'area 4 , ha connessioni con
il nucleo ventrale anteriore del talamo, e con il cervelletto, mediante il nucleo
ventrale laterale del talamo. Dall'area 6 partono le fibre cortico-nigre e le jìbre
cortico-rubre, rispettivamente per la sostanza nera (del Soemmering) e per il
nucleo rosso del mesencefalo; da '1uesti centri, attraverso vie multisinaptiche,
gli impulsi vengono poi inviati ai nuclei motori del tronco cerebrale e del mi­
dollo spinale. Dall'area 6 nasce anche il fascio cortico-pontino frontale (del­
l'Arnold), che si reca ai nuclei basilari del ponte.
4J L'area 8 si estende longitudinalmente al davanti dell'area 6. E' l'area ma­
trice dalla quale originano gli impulsi motori volontari che determinano i movi­
menti degli occhi; dà infatti luogo a fibre nervose che vanno ai nuclei dei nervi
motori dei muscoli estrinseci dell'occhio, posti nel mesencefalo e nel ponte, ossia
ai nuclei dei nervi oculomotore, trocleare ed abducente. Essa è detta anche area
oculocefalogira in quanto presiede pure ai movimenti coniugati dei due occhi,

�)
associati alla rotazione della testa.
Le aree 9. 1 0, 11 e 12 occupano le parti anteriori della faccia laterale
e della faccia mediale del lobo frontale dell'emisfero cerebrale, al davanti del­
" l'area 8; vengono anche indicate globalmente col nome di corteccia prefrorltale.
Esse grosso modo si susseguono l'una all'altra, a cominciare dall'arca 9, che è
la più posteriore, per giungere in avanti ali'area 1 l ; l'area 12 si trova solamente
sulla faccia mediale del lobo frontale dell'emisfero cerebrale.
Sono aree associative, ampiamente collegate con le altre parti dell'emisfero
cerebrale, sia omolaterale che eterolaterale. Sono deputate alle funzioni intel­
lettive più complesse ed elevate. Esse ricevono anche fibre nervose dal nucleo
dorso-mediale del talamo che recano loro impulsi viscerali e somatid; questi in­
fluenzano poi l'insorgenza, nelle aree corticali medesime, di quei particolari
1 16 ENCEFALO

i
Figura 62. Omuncolo sensitivo, proettato luUa circonvoluzione parietale ascendente dell'emi·
sfero cerebrale sinistro.

stimoli che determinano il "tono affettivo", per cui l'individuo è contento o


scontento, ottimista o pessimista, tranquillo o iracondo, ecc. Per le loro con·
nessioni con le aree corticali motrici, si ritiene che esse siano anche il centro
regolatore della motilità volontaria o centro della previsione, il centro cioè dei

t6) ,Le
meccanismi mentali che progenano l'attività motrice.
aree lI c 14 si trovano sulla superficie orbitale del lobo frontale del­
l'emisfero cerebrale. Sono anch'esse aree associative ed hanno connessioni e
funzioni pressoché simili a quelle della corteccia prefrontale. In particolare,
danno risposte emotive che, tramite le ampie connessioni con l'ipotalamo peri­
ventricolare, influenzano le funzioni viscerali.

Aree corticali del lobo p.,arietale deJJ.:.e.misfeIo cerebrale. Le aree corticali presenti
nel lobo parietale dell'emisfero cerebrale sono: le aree 3, 1 e 2 e le aree 5 e 7
( figg. 59 e 60).
u.) Le aree 3, 1 e 2 occupano la circonvoluzione parietale ascendente, com­
presa la parete posteriore della scissura centrale (del Rotando), e si estendono
anche sulla faccia mediale dell'emisfero cerebrale in corrispondenza della parte
posteriore del lobulo paracentrale. In particolare, l'area 3 occupa la parete po­
steriore della scissura centrale (del Rotando), l'area 1 è localizzata lungo il labbro
posteriore della scissura centrale (del Rolando) e l'area 2 si estende sulla restante
parte della circonvoluzione parietale ascendente.
Esse costituiscono nell'insieme l'area sensitiva primaria, la quale tramuta in
sensazioni coscienti gli impulsi della sensibilità generale della metà eterolaterale
del corpo che le vengono proiettati dalla radiazione sensitiva, proveniente dal
ENCEFALO 117

nucleo ventrale posteriore del talamo.


Nell'area sensitiva primaria vi è una rappresentazione sensitiva somatotopica
dei vari territori della metà eterolaterale del corpo, chiamata omuncolo serr.sitivo
(fig. 62), che è alquanto simile a quella che si riscontra nell'area motrice pri­
maria; pertanto, inferiormente è localizzato il territorio della testa, subito sopra
quello dell'arto superiore, poi quello del tronco, indi quello dell'arto inferiore e da
ultimo, sulla faccia mediale dell'emisfero cerebrale, il territorio della regione
perineale, comprendente gli organi genitali esterni e la zona anale. Nella parte
affatto inferiore, rivolta verso la scissura laterale (del Silvio), è localizzata la
sensibilità dei visceri toraco-addomino-pelvici.
Le aree 3, 1 e 2 sono ampiamente connesse con l'area 4, in modo tale che le
sensazioni che ad esse giungono da un determinato territorio del corpo vengono
inviate alla zona dell'area 4 che presiede alla motuità del territorio medesimo. Si

sti�i.sensitivi.
crea in tal modo l'arco diastaltico corticale, che determina risposte motrici agli

8 Le aree 5 e 7 si trovano nel lobo parietale, immediatamente dietro l'area 2.


Precisamente, l'area 5 occupa la circonvoluzione parietale superiore e, scon­
finando anche sulla faccia mediale dell'emisfero cerebrale, si estende sull'in­
tero lobulo quadrilatero; l'area 7 è localizzata nella circonvoluzione parietale
inferiore.
Le aree 5 e 7 costituiscono nell'insieme l'area stereognosica (o area serr.sitiva
secondan"a), che permette di riconoscere gli oggetti in base alle sensazioni, senza
l'ausilio della vista. Esse sono infatti aree di integrazione, nelle quali si accumu­
lano i ricordi mnemonici delle sensazioni pregresse.


Aree corticali del lobo occipitale dell'emisfero cerebrale, Nel lobo occipitale
dell'emisfero cerebrale sono da considerarsi: l'area 1 7. le aree 1 8 e 1 9. l'area 39
(fi 59 e 60).
1. L'area 1 7 è posta sulla faccia mediale del lobo occipitale dell'emisfero
cere rale, in corrispondenza della scissura calcarina di cui occupa i labbri e la
profondità. Essa è l'area ottica pn"maria (o area visiva pn"man"a) dove gli impulsi
luminosi, che vi giungono tramite la radiazione ottica (del Cratiolet) proveniente
dal corpo genicolato laterale, vengono trasformati in sensazioni visive coscien­
ti.
La sistematizzazione esistente nell'area ottica primaria è tale per cui la sua
parte posteriore è la sede della percezione delle immagini captate dalla zona ma­
culare della retina, e quindi è deputata alla visione distinta ed all'esatta discrimina­
zione cromatica, mentre le sue parti via via anteriori sono la sede della percezione
delle immagini captate dalle parti della retina sempre più distali rispetto alla zo­
na maculare, e pertanto presiedono alla visione periferica; inoltre, la parte del­
l'area ottica primaria che corrisponde al versante superiore della scissura calcarina
percepisce le immagini captate dai quadranti retinici superiori, mentre quella che
corrisponde al versante inferiore della scissura calcarina percepisce le immagini

o
captate dai quadranti retinici inferiori.
.Le aree 1 8 e 1 9 si estendono perifericamente all'area 17. In particolare,
l'area 18 si trova per la maggior parte sulla faccia mediale del lobo occipitale
dell'emisfero cerebrale, circondando immediatamente al di sopra ed al di sotto
118 ENCEFALO

l'area 1 7 ; mentre l'area 19, che circonda perifericamente l'area 18, si estende sia
sulla faccia mediale che su quella laterale del lobo occipitale dell'emisfero cerebra­
le.
Le aree 1 8 e 19 rappresentano l'area ottica secondaria (o area visiva secon­
daria), che è sede della memoria visiva. Le aree 18 e 19 presiedono anche ai
movimenti coniugati degli occhi nel seguire un oggetto in movimento ed alla
fissazione dello sguardo; ciò avviene per un loro collegamento, tramite i tubercoli

C;� del nervo abducente eterolaterale.


quadrigemini superiori, con i nuclei dei nervi motori degli occhi, specie con il

� L'area3 9 viene considerata unitamente alle aree del lohe occipitale quan­
nu

tunque risieda nel giro angolare, collegante la circonvoluzione parietale inferiore


con la circonvoluzione temporale media, perché essa è strettamente connessa con
le funzioni visive. E' infatti il centro verbo-visivo, che dà la capacità di compren­
dere il significato delle parole scritte.

Aree corticali del lobo temporale dell'emisfero cerebrale. Le principali aree


corticali del lobo temporale dell'emisfero cerebrale sono: le aree 41 e 42 e l'area
22 (fìgg. S9 e 60).
(9 Le aree 41 e 42 corrispondono rispettivamente alla parte superficiale ed a
'luella profonda della circonvoluzione temporale trasversa (dell'Heschl) , posta nel­
la fossa laterale (del Silvio) dietro al lobo dell'insula. L'area 42 si estende per bre­
ve tratto anche sulla superficie esterna della circonvoluzione temporale superiore.
Le aree 4 1 c 42 costituiscono l'area acustica primaria (o area uditiva primaria)
nella quale gli impulsi acustici, che le vengono recati dalla radiazione acustica
proveniente dal corpo genicolato mediale, sono tramutati in sensazioni uditi­
ve coscienti.
Nell'area acustica primaria esiste una sistematizzazione tale per cui la sua

� è sede della percezione dei suoni bassi.


parte profonda è sede della percezione dei suoni acuti, mentre quella super-

0) L'arca 22 occupa la circonvoluzione


fici .
temporale superiore . Essa è l'area
acustica secondaria (o area uditiva secondaria), nella quale sono localizzati i
ricordi nmemonici dci suoni. E' inoltre sede della comprensione del linguaggio
parlato, ossia della capacità di intendere il significato delle parole ascoltate.

Aree corticali del lobo limbico dell'emisfero cerebrale. Vengono considerate, sulla
circonvoluzione del cingolo. le aree 33. 24. 31 e 23 e. sull'istmo del lQbalimbic.o ,
le aree 261 29 c 30 (fig. 60). Tali aree corticali ricevono principalmente le fibre
nervose provenienti dai nuclei anteriori del talamo; esse sano pertanto deputate al­
le funzioni mnemoniche, oltre che alla funzione olfattiva.
Nell'uncus dell'ippocampo ha sede l 'area gustativa. Essa riceve fibre nervose
dal nucleo ventrale posteriore del talarno, che a sua volta ha ricevuto le fibre bul­
bo-talamiche provenienti dal nucleo del fascicolo solitario del midollo allungato.
Le aree corticali del lobo limbico hanno anche un'azione regolatrice sulle fun­
zioni viscerali e sulle manifestazioni emotive, mediante fibre nervose che esse in­
viano ai nuclei dell'ipotalamo periventricolare.

Centri corticali del lineuaggi o. I centri corticali del linguaggio (o centri cor-
ENCEFALO 119

F-�""-d---"'"",--{' " Rolando)


sdssurGl centrale

centro d"Il, " "f" --7�-7,,c;.,

cenfro del centro

!
---"1
centro

scissura laterale (del S;/,'o)

Figura 63. Centri corticali del linguaggio sulla faccia laterale dell'emisfero cerebrale sinistro.

ticali della parola) (fig. 63) sono zone particolari della corteccia cerebrale alle
quali si deve la possibilità di esprimersi con le parole e guella di recepire il si­
gnificato delle parole. Tali centri corticali risiedono nell'emisfero cerebrale do­
minante, che generalmente è guello sinistro, tranne che nei mancini nei quali è
invece quello destro.

01
I centri corticali del linguaggio sono da distinguersi in motori e sensoriali.
centri corticali motori del linguaggio sono il centro del linguaggio arti­
colato ed il centro della �j)a. Mediante il primo ci si esprime parlando, me­
diante il secondo ci si esprime scrivendo.
Il centro del linguaggio articolato è posto neU'area motrice secondaria (o area
6 ) in corrispondenza della parte posteriore della circonvoluzione frontale infe­
riore, al davanti della zona dell'area motrice primaria (o arca 4) che provvede alla
motilità dei muscoli che entrano in azione quando si parla.
li centro della grafia si trova anch'esso nell'area motrice secondaria (o area
6), ma in corrispondenza della parte posteriore della circonvoluzione frontale
media, al davanti della zona dell'area motrice primaria (o area 4) che provvede
alla motilità dell'arto superiore, alla quale il centro della grafia stesso invia fibre

®
nervose. Esso presiede alla coordinazione dei movimenti nella scrittura.
I centri corticali sensoriali del linguaggio sono Wotro verbo-acustjco ed
il centro verbo-visivo che nell'insieme formano il cam O del Wernicke.
Il centro verbo-acl4stico risiede nella circonvoluzione temporale superiore,
�. in corrispondenza dell'area 22. Esso è il centro della memoria acustica del lin­
guaggio e permette di comprendere esattamente il significato delle parole ascol­
tate.
120 ENCEFALO

,..-.\. "*'" polo frontale dell'emisfero cerebrale


corno frontale del ventricolo laterale
......

braccjo anteriore della capsula interna

testa del nucleo C4U!ÙltO


....

r / r-
,

-g{h
capsula estrema _ ginocchio della capsula "r1terna
'
.

globus pallidus
,------- \ i If
»--- braccio posteriore della capsula interna

\ /.
--- segmento retrolenticolare

'\"7""
coda del "Ucleo caudato
della capSlolÙJ inter'Tld

r-
corno occipitale del ventricolo laterale
{'amba del fornice

�polo occipitale dtlll'emisfero cerebrale


Figura 64. Nuclei della base e capsule interna, esterna ed estremll., visti nel taglio del flechsig deU'emisfero cerebrale
5ini�tro.

11 centro verbo-visivo si trova nel giro angolare, ossia nell'area 39. E' il centro
della memoria visiva delle parole e dà la percezione esatta del significato delle pa­
role scritte quando si legge.

Nuclei del telencefalo. nuclei del telencefalo sono il corpo striato, il claustro
l
ed il nucleo amigdJl1aide.CL Essi, unicamente al globus pallidus ed al talarno del -i
diencefalo, costituiscono i nuclei della base, così denominati perché accolti
nella parte basale dell'emisfero cerebrale che è quella sottostante al tronco del
corpo calloso. I nuclei della base vengono infatti per la gran parte mostrati dal
taglio di Flechsig (fig. 64), che è la sezione orizzontale dell'emisfero cerebrale pas­
sante per il ginocchio e per lo splenio del corpo calloso.

Il

CorRO striato. corpo striato consta di due parti: il nucleo caudato ed il puta­
rne he sono jn continuità tra di loro per mezzo di ponti di sostanza grigia.
Q) II nucleo caudato è ben visibile quando si apre la cavità del ventricolo
laterale (fig. 49), nella quale esso fa sporgenza al di sotto dell'ependima.
Considerato nel suo insieme, il nucleo caudato ha la forma di una grande vir-
ENCEFALO 121

gola (fig. 65), che ha una grossa estremlta anteriore e che va man mano asSOt­
tigliandosi in addietro. Esso è incurvato su sé stesso, così da formare un anello
quasi completo, interrotto solo per un certo tratto inferiormente. E' lungo com­
plessivamente 70 mm circa ed è largo in media 20 mm alla sua estremità anteriore
e 4 mm all'estremità posteriore.
Nel nucleo caudato si distinguono tre parti che, dall'avanti all'indietro, sono:
la testa, il tronco e la coda. La testa, corrispondente alla grossa estremità ante­
riore del nucleo, si trova al davanti del calamo ed affiora nella cavità del corno
frontale del ventricolo laterale, formandone la parete infero-Iaterale. Il tronco,
che segue posteriormente alla testa, è posto in corrispondenza del pavimento
della cella media del ventrieolo laterale, dove esso costeggia la faccia superiore
del calamo, essendone separato dal solco opto-striato. La coda fa seguito al
tronco a livello del crocicchio ventricolare; essa piega in basso e poi si dirige
verso l'avanti, decorrendo lungo la parete supero-laterale del corno temporale
del tricolo laterale .
2. Il putamen si trova in una posizione laterale rispetto al nucleo caudato.
Esso e una spessa lamina di sostanza grigia, convessa all'infuori, che è applicata
lateralmente al gfobus pallidus, unitamente al quale [orma il nucleo fetltico­
la" (figg. 64 e 65).
La parte anteriore dci putamen è congiunta alla testa del nucleo caudato
mediante un vistoso ponte di sostanza grigia (fig. 66), che passa al di sotto del
braccio anteriore della capsula interna (zona di sostanza bianca che è interposta
fra la testa del nucleo caudato ed il nucleo lenticolare) . E' collegata ancora alla
testa del nucleo caudato da una serie di strie di sostanza grigia che percorrono
il braccio anteriore medesimo della capsula interna, onde il nome di corpo striato
che è dato dall'insieme dei due nuclei.

Q)
Lprincipali sistemi afferenti ed efferenti del corRO striato sono i se uenti.
Tra i sistemi afferenti del corpo striato sono da considerarsi in primo
luogo le fibre cortico-striate, che provengono fondamentalmente dalla corteccia

ponte di sostanza grigia


tra la resta del ;---""",
--- dd nucleo caudaro
nucleo caudaro cd il putamen
braccio anteriore
c------ d,'� capsu/4 interna

glcbus p,'lid,,, ----- ,;!--,,,,",,, dci nucleo caudato


---'
braccio posteriore
del/4 capsula ,h ",,�, ____

coda del 1luc/eo ""d,,'o- ____ ---'!

Figura 65. i
Nucleo caudato, nucleo lenticolare e talamo di sinistra, vsti superiormente.
122 ENCEFALO

;/

I --k
braccio anteriore testa del nucleo caudato

"l
___

della capsula i"tema


7 ; I

putamen �,\ ponte di sostanza grigia


la
r-:
tr/J testa del nucleo
claustro __ -c
,I_-caudato ed il putamen

,�
Figura 66. Corpo striato di sinistra, visto in una sczione frontale passante per U braccio ante­
riore della capsula interna.

cerebrale dell'area motrice secondaria (o area 6) e dell'area soppressoria (o area


45) del lobo frontale dell'emisfero cerebrale.
Un grande sistema afferente del corpo striato è rappresentato poi dalle fibre
nigra-striate, provenienti dalla sostanza nera (del Soemmering) del mesence­
falo. Tali fibre costituiscono il fascio pettinato, così denominato perché, nel
salire verso il corpo striato, esso è scomposto in fascetti che intersecano, come
i denti di un pettine, gli altri sistemi di fibre che percorrono il braccio poste­
riore della capsula interna,
Un ultimo sistema afferente del corpo striato è dato dalle fibre ipotalarno­

@
-striate, che provengono dal nucleo ipotalamico (del Luys) del subtalamo,
Tra i sistemi efferenti del corpo striaco vi sono anzittutto le numerosis·
sime fibre strio-pallidali, che vanno al globus pallidus.
Altro sistema efferente del corpo seriato è l'ansa lenticolare. Questa si costi·
tuisce al di sotto del nucleo lenticolare, prendendo origine dal putamen e dal
nucleo caudato, oltre che dal globus pallidus. Con direzione mediale, essa per­
corre trasversalmente la parte più bassa del braccio posteriore della capsula
interna (zona di sostanza bianca che è compresa tra il talamo ed il nucleo lenti·
colare) , fino a raggiungere il campo del Farei del suhcalamo. Quivi, dopo avere
in parte contratto sinapsi coi neuroni del nucleo del campo del FareI medesimo,
piega verso il basso e mette capo al nucleo rosso ed alla formazione reticolare
del mesencefalo,

eialutTo. Il claustro (o antemuTo) (Hg. 64) è una sottile lamina di sostanza grigia
ENCEFALO 1 23

dello spessore di 1 - 2 rum. B' interposto tra il putamen, posto mediaimente,


e la corteccia cerebrale del lobo dell'insula, situata lateralmente. Esso, col suo
contorno inferiore, si incurva medialmente e si mette in continuità col Iluclt:o
amigdaloideo.
Il claustro riceve fibre nervose da diversi territori della corteccia cerebrale e a
diversi territori della corteccia cerebrale ne invia.

Nucleo ami daloideo. Il nucleo amigdaloideo è un nucleo, a sua vòlta SCOIll­

ponibile in nuclei secondari, che ha la forma di una piccola mandorla, con un


diametro medio di circa 1 cm. Si trova in corrispondenza dell'estremità an­
teriore della circonvoluzione dell'ippocampo e dell'uncus dell'ippocampo, es­
sendo posto al di sotto della corteccia cerebrale, con la quale esso è in con­
tinuità.
Il nucleo amigdaloideo è fondamentalmente intercalato lungo la via olfat­
tiva; ha infatti, come suo sistema afferente, la stria olfattiva laterale.
Il principale sistema efferente del nucleo amigdaloideo è rappresentato dalla
tenia semicircolare. Questo fascio, emergendo dall'estremità posteriore del nucleo
amigdaloide o, decorre verso l'indietro lungo la parete supero-laterale del corno
temporale del ventricolo laterale, essendo posto medialmente alla coda del nucleo
caudato; circonda poi il polo posteriore del talamo e, piegando verso l'alto, si
immette nel solco opto-striato del pavimento della cella media del ventricolo
laterale, dove si dirige verso l'avanti. A livello circa del foro interventricolare (del
Monro), dà luogo ad un fascetta che passa a costituire la stTia midollare del ta/amo
e mette capo al nucleo dell'abenula; dà poi origine a fibre che vanno nella com-

!!----- WLflll-Clolllo.t
cdla media

capsula esterna ______ -+�


nucleo

capsula estrema ______ bracciop"osteriore

e====fjt=====
J.eSSJlI4 trasversa
del cervello (del Bichat) ---

Figura 67. Sezione frontale della capsula interna di sinistra, passante per il suo segmento sottolenticolare.
124 ENCEFALO

messura anteriore e che sono destinate al nucleo amigdaloideo eterolaterale;


emette ancora altre fibre che si recano al setto pellucido. Piega infine verso il
basso e va a terminare nell'ipotalamo periventricolare.

Sostanza bianca dell 'emisfero cerebrale. Nell 'emisfero cerebrale, superiormente


ai nucl ei telencefalici e diencefalici accolti nella sua parte basale, la sostanza
bianca forma, al di sotto della corteccia cerebrale, una massa continua, la quale
è detta centro semiovale. I centri semiovali dei due emisferi cerebrali, colle­
gati tra di loro dal corpo calloso, costituiscono nell'insieme il centro ovale (del
Vieussens).
Nella pane basale dell'emisfero cerebrale invece, la sostanza bianca si in­
terpone tfa i nuclei ivi accolti, formando alcune lamine che sono dette capsule ;
queste sono: la capsula interna, la capsula esterna e la capsula estrema. Esse
sono ben visibili nel taglio del Flechsig dell'emisfero cerebrale (fig. 64), cioè
nella sezione orizzontale dell'emisfero cerebrale che passa per il ginocchio e per lo
spl7fli� del corpo calloso.
l!.)Gapsula
interna. Nel taglio del Flechsig dell'emisfero cerebrale (fig. 64),
la capsula interna appare come una spessa lamina di sostanza bianca che è in­
terposta tra la testa del nucleo caudato ed il falamo, siwati medialmente, ed
il nucleo lenticolare, posto lateralmente. Essa descrive un angolo ottuso, aperto
lateralmente, che abbraccia il nucleo lenticolare.
In detto taglio si distinguono nella capsula interna, procedendo dall'avanti
all'indietro, le seguenti parri: il braccio anteriore (o braccio frontale), che è
compreso tra la testa del nucleo caudato ed il nucleo lenticolare; i l ginocchio,
che corrisponde al punto in cui la capsula interna forma l'angolo e che è deli­
mitato in avanti dalla testa del nucleo caudato, in addietro dal polo anteriore
del calamo, lateralmente dal nucleo lenticolare; il braccio posteriore (o braccio oc­
cipitale), che è interposto tra il talamo ed il nucleo lenticolare; il segmento re-

tronco del corpo calloso


:;»' �u:h� l---:n-
__ so:
corteccia cerebrale

braccio posteriore
della capsula intema
�"'!!fj\ -.
'\,
-"
corona raggiata
7 ,

, - '�� ;--1\,- del corpo Cill/OSO


splenio ginocchio
' �
'!
-
.":':'::"-7""\
del corpo calloso
I ""
piede del brilccio anteriore
,
�,,:.,
:'''r�
peduncolo cerevrille \� ,�-

r. " ,S:
S
'
;t-
I della capsula interna
7

"'igura 68. Corona raggiata ddl'emisfero cerebrale sinistro.


ENCEFALO 125

trolenticolare, che fa subito seguito al braccio posteriore, trovandosi di lato


al talamo e dietro al nucleo lenticolare.
Se si osserva poi la capsula interna in sezioni frontali dell'emisfero cerebrale,
se ne può osservare una quinta porzione, che è detta segmento sottolentico­
lare (fig. 67). Quest'ultimo si presenta come una lamina bianca orizzontale che,
dipartendosi dal punto in cui la capsula interna si continua col piede del pedun­
colo cerebrale del mesencefalo, si porta esternamente, al di sotto del nucleo
lenticolare, verso il lobo temporale dell'emisfero cerebrale.
In una ricostruzione plastica, la capsula interna è simile ad un ventaglio,
la cui impugnatura corrisponde al piede del peduncolo cerebrale del mesence­
faio , col quale infatti la capsula interna direttamente prosegue. Superiormente,
la capsula interna si espande nel centro semiovale dell'emisfero cerebrale, nel

quale irradiando, forma la corona raggiata (fig. 68).
psula esterna. La capsula esterna (fig. 64) è la lamina di sostanza bian­
ca che è interposta tra il putamen, situtato medialmente, ed il c1austro, posto
impu�a(ura corrisponde alla commessura anteriore.
di lato. Anch'essa, in una sua ricostruzione, appare come un ventaglio, la cui
'Gjçap-.!ula estrema. La capsula estrema (fig. 64) è la lamina di sostanza bian­
ca 'clie è compresa tra il c1austro, medialmente, e la corteccia cerebrale del lobo
dell'insuIa, lateralmente.
Le fibre nervose mieliruche che costituiscono il centro semiovale e le capsule
dell'emisfero cerebrale appartengono ai sistemi di associazione, ai sistemi com­
messurali ed ai sistemi di proiezione.
Sono sistemi di associazione quelli che collegano zone diverse della cortec­
cia cerebrale, appartenenti al medesimo emisfero cerebrale. Sono sistemi com­
messurali quelli che congiungono fra loro zone della corteccia cerebrale appar­
tenenti ai due emisferi cerebrali. Sono sistemi di proiezio'le quelli che colle­
gano, con direzione conicifuga oppure corticipeta, la corteccia cerebrale a nuclei
dell'encefalo o del midollo spinale.
Sistemi di associazione. l sistemi di associazione sono distinti in brevi e lun hi.
I sistemi di associazione brevi collegano fra di loro zone vicine della corteccia
cerebrale, nell'ambito pertanto della medesima circonvoluzione cerebrale o di
una circonvoluzione cerebrale immediatamente contigua; essi decorrono in
genere come fibre nervose isolate. I sistemi di associazione lunghi collegano zone
della corteccia cerebrale tra di loro distanti, nell'ambito del medesimo lobo
ner�e, di cui i maggiori sono i seguenti fasci di associazione interlobare.
cerebrale oppure appartenenti a lobi cerebrali diversi; sono di norma fasci di fibre
l:; 1l. fascicolo l�itudit1ale superiore (fig. 69) è posto in vicinanza della
faCCIa laterale dell 'emisfero cerebrale. A cominciare dalle circonvoluzioni frontale
inferiore e frontale ascendente, esso si porta in addietro percorrendo la cap­
sula esterna; si incurva poi in basso e, piegandosi verso l'avanti, prosegue in
direzione del polo temporale dell'emisfero cerebrale.
Il fascicolo longitudinale superiore, che descrive pertanto nel suo decorso
un ampio arco aperto verso l'avanti, collega tra di loro i lobi frontale, temporale,
parietale ed occipitale dell'emisfero cerebrale, in corrispondenza delle loro facce
laterali.
1 26 ENCEFALO

scissurl3 laterale (del Silvio) �


f
ascicolo w,..dnato /

j,ontak

Figura 69. Fasçicolo longitudinale superiore e fasdcolo uncmalo, proiettati sulla faccia laterale dell'emisfero cere­
brale sinistro.

011 fascicolo longitudinale inferiore (o fascicolo temporo-occipitale) (fig. 70)


si estende dal polo temporale al polo occipirale dell'emisfero cerebrale, decor­
rendo in vicinanza del margine infero-laterale dell 'emisfero cerebrale stesso.
Nel suo decorso, esso passa latero-inferiormente al corno ocdpitale del ventri­
colo laterale, dove prende rapporto con la radiazione ottica (del Gratiolet) , che
gli sta subito medialmente.
li fascicolo longitudinale inferiore congiunge tra di loro le circonvoluzio­
ni temporali ed occipitali che si trovano sulla faccia inferiore dell'emisfero ce­

(i)
rebrale.
Il fascicolo occipito-frontale sUE-eriore (fig. 70), a cominciare dal lobo
frontale dell'emisfero cerebrale, si porta in addietro, costeggiando di lato il
corno frontale e la cella media del ventricolo laterale, al di sotto della radia­
zione callosa. Piega poi verso il basso e si allarga a ventaglio formando il tepetum,
che è il sottile strato di sostanza bianca rivestente la parete supero-laterale del
corno temporale e quella laterale del corno occipitale del ventricolo laterale.
Si espande in fine nelle circonvoluzioni cerebrali delle facce laterali dei lobi tem­
por�� ed occipitale dell'emisfero cerebrale.
l1J !!fascicolo occipito-for ntale inferiore (fig. 70) decorre nella parte infe­
riore della capsula esterna. Esso si estende dalle circonvoluzioni cerebrali della
faccia laterale del lobo frontale a quelle delle facce inferiori dei lobi temporale ed

&)11 fascicolo uncinato


occiFitale dell'emisfero cerebrale.
(fig. 69) consta di due parti. L'una sua parte, infe­
riore, forma uno stretto arco, aperto in avanti, e collega le circonvoluzioni cerebra­
li della superficie orbitale del lobo frontale con la circonvoluzione dell'ippocampo
ENCEFALO 127

scissura laterak (del Sit,io) ___ 7'""'::::;----/7'"---;::?::�: _,--."i","O ce ntrak (del Rolando)

fa.scicolo occipito-frontale fa.sdeolo (Jcdpitn-frontllic

polo frontak

---\ -T\--l"\----.!.a.. pet�


dell'emisfero
cerebrale

-\
polo temporale

::::���;..--;;;.........;:...; ..::::
dell'emisfero cerebrale

fascicolo longitudirnJle inferiore -....�


.: ;,.
____

'
__
polo ocdpitale
dell emisfero
-_L ____ cerebrale

Figura 10. Fascicolo longitudinale inferiore e fascicoU occipito-frontali superiore ed inferiore proiettati sulla (accia
laterale dell'emisfero cerebrale sinistro.

del lobo limbico dell'emisfero cerebrale. L'altra sua parte, superiore, è pressoché
rettilinea e congiunge la faccia laterale del lobo frontale con la faccia laterale
del lobo temporale dell'emisfero cerebrale. Le due parti del fascicolo uncinato
aderiscono tra loro ad un livello corrispondente all'estremità anteriore del lobo

@
dell'insuia.
11 cingolo (fig. 71) è il fascio accolto nel lobo limbico, del quale segue
l'andamento; esso pertanto, analogamente al lobo limbico, descrive un ampio
arco aperto antera-inferiormente. Il cingolo decorre dapprima nella profondità
della circonvoluzione del cingolo, subito sopra alla radiazione callosa; in ad­
dietro, piega poi verso il basso e si continua nella profondità della circonvolu­
z.ione dell'ippocampo. Collega pertanto il lobo limbico con le circonvoluzioni
cerebrali delle facce mediale ed inferiore dell'emisfero cerebrale che sono contigue
al lobo limbico stesso.

Sistemi commessurali. l sistemi commessurali sono rappresentati fondamen­


talmente dai fasci della radiazione callosa (fig. 72), la quale è data dallo scom­
porsi del corpo calloso quando questo di addentra nel centro semiovale dell'emi­
sfero cerebrale.
I fasci della radiazione callosa sono costituiti da fibre nervose che sono nate
principalmente da cellule piramidali piccole e medie della corteccia cerebrale e che
da un emisfero cerebrale si portano a quello eterolaterale, collegando tra di
loro zone simmetriche ed anche non simmetriche della corteccia cerebrale neo­
palliak
Le fibre nervose costituenti la parte media o tronco del corpo calloso, entrate
128 ENCEFALO

dngolo «",",o dd dngolo

,���� - -- � --
:.;......"1---'""""'"
-

\
1 corpo calloso
scissuro
perpendicolare polo frontale

.JI
interna dell'emisfero
cerebrale
sciuura
calcarina \\ ....-;
.
>' ;;;y polo temporale

polo occipitak
dell'emisfero
cerebrClle '- ./

Figura 7 1 . Cingolo proiettato sulle facce medialc cd inferiore dell'emisfero cerebrale sinistro.

fOTcees minor /t....'


.. 0�

forceps rnajar r· :;;;>�

Figura 72. Radialione callosa. vista in una 5e'Zione orinontalc del cervello.
ENCEFALO 129

Figura 73. Fasci della capsula interna dell'emisfero cerebrale sinistro.

nel centro semiovalc, irradiano verso la corteccia cerebrale con disposizione a


ventaglio, sia nei piani frontali che in quelli orizzontali. Esse, nel loro decorso,
intersecano i fasci di associazione e quelli di proiez.ione.
Le fibre nervose dell'estremità posteriore o splenio del corpo calloso, pene.
trate nel centro scmiovale, si portano in addietro verso il polo occipitale dell'emi.
sfera cerebrale, passando medialmente al corno occipitale del ventricolo laterale.
Considerando globalmente .il comportamento delle fibre nervose dello splenio
del corpo calloso entro i due emisferi cerebrali, si vede che esse descrivono un amo
pio arco aperto posteriormente: è il {orceP-J.--.lli.ajm.
Le fibre nervose dell'estremità anteriore o ginocchio del corpo calloso, adden·
tratesi nel centro semiovale, si portano in avanti verso il polo frontale dell'emisfe­
ro cerebrale. Se si considera il comportamento delle fibre nervose del ginocchio
del corpo calloso globalmente entro i due emisferi cerebrali, si vede che tali fio
bre nervose formano un arco aperto in avanti, il quale è più stretto di quel.
lo costituito dalle fibre nervose dello splenio del corpo calloso: è il forceps mi·
nor.

Sistemi di roiezione e costituzion d Ila ap-sula interna. l sistemi di proie.


zione formano, entro il centro semiovale, la corona raggiata (fig. 68). Questa
ha la forma di un amplissimo ventaglio, la cui apertura superiore si estende al
di sotto della corteccia cerebrale, ininterrotta dal polo frontale a quello occi.
pitale dell 'emisfero cerebrale, e che inferiormente si continua con la capsula
interna.
Procedendo dall'avanti all'indietro, nella corona raggiata si possono aistin·
130 ENCEFALO

guere quattro segmenti; anteriore, medio (o superiore) , posteriore, inferiore,


che si continuano rispettivamente con le seguenti parti della capsula interna:
il braccio anteriore, i l ginocchio ed il braccio posteriore, il segmento retr.olen­


ticolare, il segmento sottolenticolare.
Il segmento anteriore della corona raggiata, e quindi il braccio anteriore
della capsula interna (fig. 73) che ne è la prosecuz.ione inferiore, è costituito
principalmente dal peduncolo anteriore del talarno e dal fascio cortico-pontino
frontale (dell'Arnold),
II peduncolo anteriore del talamo collega in doppio senso il talamo con
la corteccia cerebrale del lobo frontale dell'emisfero cerebrale ; è infatti forma­
to principalmente delle fibre nervose che congiungono il nucleo dorso-mediale
del talamo alla corteccia cerebrale prefrontale del lobo frontale dell'emisfero
cerebrale. Esso è formato inoltre delle fibre che dai nuclei anteriori del talamo
vanno alla circonvoluzione del cingolo.
Il fascio cortico-pontino frontale (dell'Arnold) proviene dall'area motrice
secondaria (o area 6) del lobo frontale dell'emisfero cerebrale e discende verso
il piede del peduncolo cerebrale del mesencefalo, dovendosi recare ai nuclei

©
basilari del ponte.
Il segmento medio (o segmento superiore) della corona raggiata, e così
anche il ginocchio ed il braccio posteriore della capsula interna (fig. 73) che
lo continuano inferiormente, consta del fascio piramidale, delle fibre cortico-TUbre
e del peduncolo medio (o peduncolo superiore) del ta/amo. Quest'ultimo è
fondamentalmente costituito dalla radiazione sensitiua, che dal nucleo ventrale
posteriore del talamo si reca all'area sensitiva primaria (o aree 3, l e 2) del lobo
parietale dell'emisfero cerebrale; comprende inoltre le fibre talamo-corticali, che
dal nucleo ventrale laterale del talamo si portano alla corteccia cerebrale delle aree
motrici primaria (o area 4) e secondaria (o area 6) del lobo frontale dell'emisfero
cerebrale.
In particolare per quanto riguarda la capsula interna, nel suo ginocchio è
localizzato il fascio genicolato (o fascio cortico-nucleare), costituito dalle fibre del
fascio piramidale che, nate dalla parte inferiore della circonvoluzione frontale
ascendente, sono destinate ai nuclei somatomotori dei nervi encefalici. Nella metà
anteriore del braccio posteriore vi è il fascio piramidale, al quale si mescolano le
fibre talamo-corticali provenienti dal nucleo ventrale laterale del talamo e destina­
te all'area motrice primaria (o area 4) e all'area motrice secondaria (o area 6) del
lobo frontale dell'emisfero cerebrale; vi sono inoltre le fibre cortico-TUbre, che dal­
·
l'area motrice secondaria (o area 6) del lobo frontale dell'emisfero cerebrale si re­
cano al nucleo rosso del mesencefalo. Nella metà posteriore del braccio posteriore
si trova la radiazione sensitiua che, come si è detto, dal nucleo ventrale posteriore
del talamo si porta all'area sensitiva primaria (o aree 3, l e 2) del lobo parietale

®
dell'emisfero cerebrale.
Il segmento posteriore della corona raggiata, e quindi anche il segmento
retrolenticolare della capsula interna (fig. 73) che gli fa seguito inferiormente,
corrisponde al peduncolo posteriore del talamo. Quest'ultimo risulta fondamental­
mente costituito dalla radiazione ottica (del Gratiolet) che, originata dal cor­
po genicolato laterale del talamo, si reca all'area ottica primaria (o area 17)
del lobo occipitale dell'emisfero cerebrale.
ENCEFALO 131

(j) Il segmento inferiore della corona raggiata, come anche il segme�lto sot­
tolenticolare della capsula interna (fig. 73) con cui esso si continua, consta:
dci peduncolo inferiore del talamo , costituito principalmente dalla radiazione
acustica che dal corpo genicolato mediale del talamo si reca all'arca acustica
primaria (o aree 41 e 42) deUa circonvoluz.ione temporale trasvcrsa (dcll'Hcschl)
dell'emisfero cerebrale; inoltre, del fascio cortico-pontino temporale (del Tiirck)
che, originato nella sua maggior parte dalla corteccia cerebrale del lobo temporale
deU'emisfero cerebrale, si porta al piede del peduncolo cerebrale del mesencefalo
per raggiungere poi i nudei basilari del ponte.

I I ppocampo j
L'ippocamp'o consta di un complesso di formazioni che sono poste circo­
larmente attorno all'ilo dell'emisfero cerebrale, in profondità e concentricamente
al lobo limbico. Trattasi di circonvoluzioni cerebrali ridotte di volume, ed in
parte anche atrofiche, le quali rappresentano l'ardlipallio, ossia una corteccia
cerebrale filogeneticamente antica che, a seguito del grande sviluppo acquisito
dal neopallio, è stata spinta in profondità e si è ristretta entro spazi angusti,
subendo anche un parziale arrotolamento.
L'i ocam o viene distinto in base alla sua topografia rispetto al corpo
calloso, in ippocampo ventrale ed ippocampo dorsale, di cui quest'ultimo è
alquanto rudimentale.

Ip ocam o ventrale. L'ippocampo ventrale si sviluppa attorno al solco del­


l'ippocampo (fig. 74), solco longitudinale che decorre nel fondo della parte
laterale della fessura trasversa del cervello (del Bichat), delimitando Illcdialmente
la circonvoluzione dell 'ippocampo. J1 solco deU'ippocampo, le cui due pareti
collabiscono fra di loro con l'interposizione di un sottile strato di pia madre,

comodi fimbria

--i::;;;;;;;;;;:::==<
corno temporale
del vel1tricolo laterale

scissura collaterale _____=

Figura 74. Solco dell'ippocampo ed ippocampo ventrale di sinistra, in sc2:ione frontale.


132 ENCEFALO

como di A

:f�ja demata
___

'..

g�a deUQwice

V""" ",.ç;
>I
�ntricolo laterale

Figura 75, Ippoca


m � trall;.... dL sinistra, visto dopo apertura della cavità del ventricolo la­
p
terale.

neU 'affondarsi entro l'emisfero cerebrale non ha un andamento rettilineo, ma


si arrotola, spingendosi infatti dapprima orizzontalmente di lato e piegando
poi verso l'alto ed infine medialmente. Ne consegue quindi che la corteccia
cerebrale che forma la parete inferiore del solco delI'ippocampo descrive una
curva più ampia di quella che ne forma la parete superiore; la corteccia cere­
il corno di Am­
brale della parete inferiore del solco dell'ippocampo costituisce
mone, mentre quella della parete superiore forma la fascia dentata. Le fibre
nervose efferenti del corno di Ammone e della fascia dentata si vanno ad inter­
porre fra le due formazioni medesime, formando un nastro di SOstanza bianca che
è la fimbria.
L'ippocampo ventra1e consta pertanto di tre formazioni, disposte longi­
tudinalmente l'una a fianco dell'altra, le quali sono, in senso latero-mediale:
il como di Ammone, la fimbria, la fascia dentata (fig. 75). Di queste forma­
zioni, il corno di Ammone e parte della fimbria fanno sporgenza entro il corno
temporale del ventricolo laterale, la restante parte della fimbria e la fascia den­
tata si trovano invece nel fondo della parte laterale della fessura trasversa del
ENCEFALO 133


t.Y
ce ello (del Bichat).
Il corno di Ammone è un voluminoso rilievo semicilindrico, lungo circa
5 cm, che sporge entro la cavità del corno temporale del ventricolo laterale,
estendendosi longitudinalmente dall'estremità anteriore del corno temporale

' ,
stesso al crocicchio ventricolare ; maggiormente espanso in avanti e via via as­
gl
sotti iantesi verso l indietro esso descrive una concavità apena mediaimente.
Mostra, specie in avanti, alcune depressioni separate da rilievi trasversali, che
sono denominate digitazioni dell'ippocampo. La superficie del corno di Ammone
è riv stita di uno strato di sostanza bianca, che è l'alveus.
2 La fimbria è un nastro bianco, appiattito dall'alto in basso, che costeg­
gia medialmente il corno di Ammone, descrivendo pertanto, come quest'ul­
timo, una concavità mediale. Alla sua estremità posteriore, essa piega verso l'alto

W La fascia dentata è un nastricino grigio, percorso da una serie di incisure


e, circondando il polo posteriore del talamo, si continua con la gamba del fornice.

trasve(sali che gli don an o un aspetto increspato. La fascia dentata è visibile


nel fondo della parte laterale della fessura trasversa del cervello (del Bichat),
dove appare delimitata inferiormente dal solco dell'ippocampo, di cui essa forma
il labbro superiore e che la separa dalla circonvoluzione dell'ippocampo, e su­
periormente dal solco fimbrio-de'ltaro, che la divide dalla firnbria, La fascia
dentata, anteriormente, si continua con la benderella dell'uncus (del G!'acomini)

StTdto g"'nulo,o -------, b,·",,/o j"ferior�

- r===='Y:==-�\
,------

--f'-
d�l presso corioidl:o
strato molecoldre

coda del nucleo " "d" o .t-


-�
I4lerah
--,
-
-----
- ------

,----1-'01,0 fimbrio-dentato
"""""'--1--,'--
como temporale

----t-p- "dun'"lo cerebrale


del vel1!ricolo

lamina
,:;:::,-==!���� ��
i�
;�:�� �
::! del cervello
fessura trasversa
(del Bichat)

�-,,-- '" mad"


m/dol"'",,

strato p:

----t��
l
circonvoluzione
strato ""un"",

strato radiato dello "-lf--"'''o dell'ippocampo


'--t----�u,'" dentata
strato

-I
,,;d"--
strato molecol4re -

--
- --"
-=
==== :..- -I �f------��---...=.: ==ol----"'mO djAmmOne
strato l�

-
strato
,
stratum ori.. . _________J '------ d,Il, cellule polimorfe

Figura 76. Corteccia cerebrale d!"1 corno di Ammone e della fucia dentata di sinistra, in sezione frontale.
134 ENCEFAW

(fig. 55), che esce dalla fessura trasversa del cervello (del Bichat) e si porta 5ul­
l'uncus dell'ippocampo; posteriormente, fuoriesce pure dalla fessura trasversa
del cervello (del Bichat) e si continua con la fasciola cinerea, che sale sullo sple­
nio del corpo calloso.

t
Struttura dell'ippocampo ventrale La sosta.nza grigia dell'ippocampo ventrale
è corteccia cerebrale pertinente al'archipallio. Essa ha differente struttura nel

Q
corno di Ammone e nella fascia dentata.
La corteccia cerebrale del corno 4i Ammo"e (fig. 76) è quella della parete
inferiore del solco dell'ippocampo. Essa consta fondamentalmente di tre strati,
che dalla superficie, ossia dalla superficie rivolta al solco dell'ippocampo, in
profondità sono: lo strato moleealare, lo strato lucido e lo stratum oriens.
Lo strato molecolare è molto alto, costituendo da solo circa i due terzi della
corteccia cerebrale del corno di Ammone; esso accoglie fondamentalmente cellule
del Il tipo del Golgi, che hanno funzione associativa, ed i grossi dendriti apicali
delle cellule piramidali, i cui corpi si trovano nel sottostante strato lucido. Lo
strato molecolare è a sua volta suddivisibile in diverse parti che, dalla superficie in
profondità, sono: la lamina midollare esterna, che è uno straterello di fibre nervo­
se mieliniche; lo strato plessiforme, formato delle ramificazioni terminali dei den­
driti apicali delle cellule piramidali; lo strato lacunoso, che accoglie la lamina
midollare interna; lo strato radiato, che è caratterizzato dalla presenza dei den­
driti apicali delle cellule piramidali che si portano con andamento radiale verso
la superficie.
Lo strato lucido accoglie i corpi delle cellule piramidali (o cellule a doppio
pemlaccnio). Queste sono cellule voluminose, i cui corpi sono un po' modifi­
cati rispetto a quelli delle cellule piramidali della corteccia cerebrale del neo­
pallio, tendendo essi alla forma fusata o a quella ovalare. Esse hanno un grosso
dendrite apicale che percorre lo strato radiato e termina ramificando nello strato
plessiforme; hanno un gruppo di corti dendriti basali, che ramificano nello stra­
tum oriens; emettono infine dalla base un neurite che discende nello stratum
oriens e, acquisista la guaina mielinica, passa poi a costituire l'alveus sulla superfi­
cie del corno di Ammone rivolta verso la cavità del corno temporale del ventricolo
laterale.
Lo stratum oriens è costituito, oltre che dalle ramificazioni dei dendriti
basali delle cellule piramidali, da cellule polimorfe i cui neuriti vanno allo strato
lucido, dove ramificano attorno ai corpi delle cellule piramidali.
In profondità allo stratum oriens si estende l'alveus, strato di sostanza bianca
che riveste la superficie del corno di Ammone che guarda la cavità del corno
temporale del ventricolo laterale. L'alveus è formato delle fibre efferenti del
corno di Ammone, che sono nate dalle cellule piramidali; tali fibre dall'alveus

®
passano poi a costituire la fimbria.
La corteccia cerebrale della (ascia dentata (fig. 76) corrisponde alla parete
superiore del solco dell'ippocampo e si continua pertanto, nella profondità
del solco stesso, con la corteccia cerebrale del corno di Ammone. Molto più
bassa di quest'ultima, essa consta, dal solco dell'ippocampo in profondità: dcUo
strato molecolare, dello strato granuloso e dello strato delle cellule polimorfe.
Lo strato molecolare accoglie numerose cellule del II tipo del Golgi. Esso
ENCEFALO 135

è percorso, nella sua parte superficiale, da una lamella di fibre nervose mieliniche.
Lo strato granuloso è formato di cellule piramidali piccole, dette granuli,
i cui neuriti discendono nello strato delle cellule polimorfe e proseguono poi verso
la corteccia cerebrale del corno di Ammone, dove terminano nello strato lucido in
rapporto con le cellule piramidali. I granuli della fascia dentata rappresentano
pertanto gli elementi associativi tra la fascia dentata stessa ed il corno di Ammone.
Lo strato delle cellule polimorfe accoglie cellule nervose i cui neuriri, dive­
nuti fibre nervose mieliniche, entrano nella costituzione della fimbria.

Connessioni dell'ippocampo ventrale. Tra i sistemi afferenti del corno di Am­


mone e della fascia dentata vi è il fascio temporo-ammonico proveniente dal
lobulo dell'ippocampo, che corrisponde all'estremità anteriore della circon­
voluzione dell'ippocampo e la cui corteccia cerebrale appartiene al paleopallio;
esso è un fascio pertinente alla via olfattiva. Le fibre del fascio temporo-ammo­
nico, oltre che all'ippocampo ventrale omolaterale, in parte minore mettono
anche capo all'ippocampo ventrale eterolaterale, passando attraverso lo psalterium
del fornice.

dd

Figura 77. Corpo calloso, visto dalla sua faccia superiore, ed ippocampo dorsale.
136 ENCEFALO

Tutti i sistemi efferenti del corno di Ammone e della fascia dentata costitui­
scono dapprima la fimbria, che si forma lungo il contorno mediale del corno di
Ammone dalla convergenza delle fibre nervose del suo alveus, cui si uniscono le
fibre nervose provenienti dalla fascia dentata; passano poi nella costituzione del
fornice. Detti sistemi efferenti sono: il fascio mammillare del fomice (o fascio
ippocampo-mammiflare), che dall'ippocampo ventrale si porta ai nuclei del
corpo mammillare dell'ipotalamo; il fascio alfattivo del COniO di Ammone (dello
Zuckerkandl), che dall'ippocampo ventrale si porta al lobo olfattivo, alla sostanza
perforata anteriore ed al setto pellucido, contenendo però fibre nervose anche a
direzione opposta; le fibre della commessura ammonica, che passano per l o
psalterium del fornice e collegano l'ippocampo ventrale di un lato con quello
eterolaterale.
L'ippocampo vcntrale è inserito sul cosiddetto circuito della memoria (o circu­
ito del Papez) , formato da regioni cerebrali, fra loro collegate in un circuito chiu­
so, le quali provvedono a registrare e ad immagazzinare le tracce mnemoniche.
Infatti, la corteccia cerebrale dci corno di Ammone e quella della fascia dentata
danno origine al fascio mammillare del fornice (o fascio ippocampo-mammillare)
che, seguendo la fimbria e poi il fornice, si porta ai nuclei del corpo mammillare
dell'ippotalamo; questi ultimi inviano il fascio mammillo-talamico (del Vicq
d'Azyr) ai nuclei anteriori del talamo, che a loro volta proiettano fibre nervose al­
la corteccia cerebrale del lobo limbico, in particolare a quella della circonvoluzio­
ne del cingolo; la corteccia cerebrale del lobo limbico manda n
i fine fibre nervose
alla corteccia del corno di Ammone e a quella della fascia dentata, chiudendo così
il circuito della memoria.

IQQocampo dorsale. L'ippocampo dorsale (fig. 77) è un esile straterello di so­


stanza grigia che riveste la faccia superiore del corpo calloso e che è detto indu­
sium griSetHn. Il suo spessore è molto sottile, tale infatti da non mascherare
affatto il colore bianco del corpo calloso.
L'indusium griseum mostra, da ciascun lato, due sottili ispessimenti longi­
tudinali, l'uno laterale e l'altro mediale: sono rispettivamente la stria longitu­
dinale laterale e la stria longitudinale mediale. Le due strie longitudinali origi­
nano in addietro dalla biforcazione della fasciola cinerea ; è questa la prosecu­
zione posteriore della fascia dentata che piega verso l'alco, circondando lo sple­
nio del corpo calloso.
La stria longitudinale laterale (o stria tecta) è nascosta nella profondità
del solco del corpo calloso, per cui è necessario divaricare quest'ultimo onde
scorgerla; verso l'avanti, essa si oblitera. La stria longitudi'Jale mediale (o nervo
del Lancisi) percorre l'intero corpo calloso, discende poi lungo il ginocchio del
corpo calloso stesso e, piegandosi lateralmente, si continua con la benderella
diagonale (del Broca), che passa a ridosso della sostanza perforata anteriore e
si unisce infìne alla benderella dell'uncus (del Giacomini); quest'ultima, come
si è detto, è la prosecuzione anteriore della fascia dentata.
L'ippocampo dorsale consta di formazioni atrofìche di sostanza grigia; ac­
coglie però anche, specie nella stria longitudinale mediale, fasceni di fìbre ner­
vose mieliniche che sono pertinenti alla via olfattiva.
ENCEFALO 137

-f-----b,,'bo olfattillO
giro "" � + ----�ci rC 011 VoluziOlle orbitalc media/e

circoPlllOluzioPle frontale ;"J'"",,--+


Il�:---"---1 '''0 olfattillO
_________

sostatlztJ perforata '"'''"0'''-----,1, 11---"----p J.,"olo olfattivo


drcC»1voluzioPle olfattiva m.,d;"k -<j, /;- -',;g,''' o olfattivo

�:.<";:" ";",m,ol,,,,;,m, l/ i a laterale


____
_
_ __ _

e stria olfattiN mediale

-.2
__ o arr v
benderella diagof'ItJfe (d,,1 Elm"o)
__ e stril1. alfattiva Interale

chias�a ottico � ----l,,b,,/o detl'ippocampu

-.
"
_____

'- _______ -''''''0 ottico

Figura 78. Lobo olfattivo e regione paraolfattiva di sinistra.

I Rinencefalo]
Il rinencefalo (fig. 78) è la parte dell'encefalo, pertinente al paleopallio, che
è deputata alla funzione olfattiva. Il rinencefalo, che nell'uomo ha uno scarso
sviluppo, è applicato alla superficie orbitale del lobo frontale dell'emisfero ce­
rebrale ; esso consta del lobo olfattivo e della regione paraolfattiva.

Lobo olfattivo. lobo olfattivo comprende: il bulbo ol'attivo. il pedUJ:J.C.Q]Q


11
olfattivo , le circonvoluzioni ol'attive laterale e mediale ed il tngtmCLolfatJiuQ.
Il bulbo olfattivo è un corpicciolo di colore grigio-roseo, avente forma ava­
lare con una lunghezza di circa 1 cm. Esso è posto nel solco olfattivo della su­
perficie orbitale del lobo frontale dell'emisfero cerebrale, essendo inferiormente
appoggiato sulla lamina cribrosa dell'etmoide. Riceve i ftlamenti del nervo 01-
fattivo (I nervo encefalico), che provengono dalle cellule olfattive della mucosa
olfattiva della fossa nasale e che gli giungono attraverso i forami· della lamina
cribrosa dell'etmoide.
Il pedul1c�iattjvo è un cordoncino, lungo circa 3 cm, che fa seguito
posteriormente al bulbo olfattivo e che, come quest'ultimo, è accolto nel solco
olfattivo della superficie orbitalc del lobo frontale dell'emisfero cerebrale. Alla
faccia inferiore del peduncolo olfattivo è applicato un fascio di fibre nervose
mieliniche: è il tra tto olfattivo.
138 ENCEFALO

neuriti _______ -<:t::;;� ��rat1uli del bulbo o/fattivo

cellule tnitrali -1

_A
�T\" glomeruli o/fattivi

fibre olfattivi!

cellule olfattive
della mucosa olfattiva ---Jj l "-- lamina
\ �cribrosa dell'etmoide

Figura 79. Struttura del bulbo olfauivo.

All'estremità posteriore del solco olfattivo, il peduncolo olfattivo si divide


nelle due circonvoluzioni alfattive, laterale e mediate ; sono queste due modesti
rilievi che, divaricando tra di loro, delimitano una piccola zona triangolare,
denominata trigono alfattivo. Quando il pecluncolo olfatdvo si divide, anche
il tratto olfattivo, che gli sta applicato inferiormente, si biforca e dà così luogo
alle due strie olfattive, laterale e mediale, ciascuna delle quali prosegue sulla
superficie della corrispondente circonvoluzione olfatriva.
La circonvoluzione olfattiva laterale raggiunge posteriormente l'uncus del­
l'ippocampo; quivi la stria olfattiva laterale si distribuisce al lobulo dell'ippo­
campo, corrispondente all'estremità anteriore della circonvoluzione dell'ippo­
campo, al nucleo amigdaloideo ed alla parte laterale della sostanza perforata an­
teriore. La circonvoluzione olfattiva mediale termina in addietro a ridosso del
giro retto della superficie orbitale del lobo frontale; quivi la stria olfattiva me­
diale si disperde sulla parte mediale della SOStanza perforata anteriore e sul set­
to pellucido.

Regione paraolfattiva. Laregione paraolfattiva è posta dietro al trigono alfat­


civo ed è fondamentalmente rappresentata dalla sostanza perforata anteriore,
la quale è cosi denominata perché mostra una serie di forami per il passaggio
ENCEPAW 139

di vasi sanguiferi. La sostanz.a perforata anteriore, mentre in avanti confina


con il trigono olfattivo e con le due circonvoluz.ioni olfattive, in addietro è deli­
mitata, lateralmente, dal contorno mediale del polo temporale dell'emisfero
cerebrale e , mediaimente, dal chiasma ottico e dal tratto ottico.

Struttura e connessioni del rinencefalo. Il bulbo alfattivo (fig. 79) consta fon­
damentalmente di sostanza grigia, la quale è organizzata a formare diversi strati
concentrici, molto più sviluppati sul versante inferiore del bulbo olfattivo Stesso,
che non su quello superiore. Procedendo dalla superficie in profondità, i princi­
pali strati sono: lo strato delle fibre olfattive, che è formato delle fibre del nervo
olfattivo provenienti dalle cellule olfattive della mucosa olfattiva della fossa na­
sale; lo strato dei glomeruli olfattivi, costituito da una serie lineare di grosse
formazioni rotondeggianti, che sono chiamate glomeruli olfattivi e rappresentano
le strutture sinaptiche fra le fibre del nervo olfattivo ed i dendriti delle cellule
mitrali; lo strato delle cellule mitTali, che è costituito da una singola fila di cel­
lule mitrali, grossi neuroni i cui dendriti vanno in superficie ai glomeruli olfat­
tivi, mentre il loro neurite si porta in profondità per passare poi nel peduncolo
olfattivo ; lo strato dei granuli e dei fasci di sostanza bianca, che consta di un
grande numero di piccolissime cellule nervose senza neurite, dette granuli del bul­
bo olfattivo, e di fascetti di sostanza bianca dati dai neuriti delle cellule mitrali
che, divenuti fibre nervose mieliniche, si portano al peduncolo 01fattivo per for­
mare il tratto olfattivo.
Il peduncolo olfattivo, le due circonvoluzioni olfattive ed il trigono olfat­
tivo hanno una corteccia cerebrale pertinente al palcopali io, la quale ha tre
strati; questi, che sono particolarmente evidenti in corrispondenza delle due
circonvoluzioni olfattive e del trigono olfattivo, dalla superficie in profondità
sono: lo strato pleSSlforme, lo strato delle cellule piramidali piccole e medie e
lo strato delle cellule polimorfe. Sulla superficie di tale corteccia cerebrale sono
applicate le fibre nervose mieliniche che sono originate dalle cellule mitrali del
bulbo olfattivo e che costituiscono il tratto olfattivo sul peduncolo olfacrivo e
le strie olfattive sulle due circonvoluzioni olfattive. Parte di dette fibre nervose
originate dalle cellule mitrali ed un grande numero di loro rami collaterali ter­
minano nella corteccia cerebrale del peduncolo olfattivo, delle circonvoluzioni
olfattive e del trigono olfattivo ; dalla corteccia cerebrale stessa nascono poi fibre
nervose che entrano nel tratto olfanivo e nelle strie olfattive per portarsi, fram­
miste e confuse con le fibre nervose nate dalle cellule mitrali del bulbo olfattivo,
alla sostanza perforata anteriore, al lobulo dell'ippocampo, al nucleo amigdaloideo
ed al setto pellucido.
La sostanza perforata anteriore è uno strato di corteccia cerebrale, spettante al
paleopallio. Ad essa giungono fibre nervose delle due strie olfattive, laterale e
mediale; vi partono fibre nervose per l'ipotalamo periventricolare.

Formazioni interemi sferiche


Le o,mazioni interemis eriche del telencefalo sono strutture, impari e me­
diane , che sono interposte tra i due emisferi cerebrali. Esse comprendono: le
commessure del telencefalo, ossia il corpo calloso, il fornice e la commessura
140 ENCEFALO

anteriore, che collegano tra loro i due emisferi cerebrali; il setto pellucido.

Corpo callostj Il corpo calloso (fig. 77) è la maggiore tra le commessure del
telencefalo, rappresentando infatti la formazione commessurale propria del
neopallic. E' una spessa lamina di sostanza bianca che è tesa, nella profondità
della fessura interemisferica, tfa le facce mediaIi dei due emisferi cerebrali, nei
quali essa si addentra in corrispondenza del loro ilo.
Osservato in un taglio sagittale mediano del cervello, il corpo calloso appare
allungato sagittalmente ed incurvato con concavità inferiore. E' lungo 89 cm-

ed ha uno spessore in altezza di circa 15 mm in addietro, di 10 mm in avanti e di 8


mm nella sua parte media.
Sono distinguibili nel corpo calloso (fig. 54) una parte media, denominata
tronco del corpo calloso, e due estremità, di cui la posteriore è chiamata splenio
del corpo calloso (od arietta del corpo calloso) e l'anteriore è detta ginocchio
del corpo calloso. Il ginocchio del corpo calloso termina inferiormente con una
punta rivolta in addietro: è il rostro del corpo calloso; quest'ultimo a sua volta
si continua in basso con la lamina rostrale, la quale si porta dietro la commes­
sura anteriore, dove si congiunge alla lamina terminale che chiude anteriormente
il ili ventricolo.

fftw.."bio
1:= '\\
foro


del corpo c,dloso
� _

outo·stritAto

Figura 80. Fornice visto dall'alto, dopo asportazione del corpo calloso e apertura dei ventricoli
laterali.
ENCEFALO 141

Il corpo calloso presenta due facce, l'una superiore e l'altra inferiore.


La faccia superiore del corpo calloso (fig. 77), che è larga in media 1,5 cm,
è rivolta verso la profondità della fessura interemisferica. Essa è ricoperta dall'in­
dusium griseum dell'ippocampo dorsale, esile straterello di sostanza grigia che
presenta da ciascun lato la stria longitudinale laterale (o stn'a tecta) e la stria
longitudinale mediale (o nervo del Lancisi).
La faccia inferiore del corpo calloso (fig. 54) forma una concavità in senso
sagittale ; è inoltre un poco convessa in senso trasversale. E' larga circa 4 cm;
è infatti più estesa della faccia superiore poiché essa si continua anche entro
gli emisferi cerebrali, dove forma le pareti superiori del corno frontale e della
cella media dei due ventricoli laterali.
La faccia inferiore del corpo calloso, con la sua parte mediana, è aderente
in addietro alla faccia superiore del fornice, in avanti invece prende contatto
con il margine superiore del setto pellucido che, a guisa di setto sagittale, si
interpone tra il corpo calloso ed il fornice; con le sue due parti laterali, essa
guarda il corno frontale e la cella media dei due ventricoli laterali, formandone
le pareti superiori.
Il corpo calloso, da ciascun lato, si continua entro il centro semiovale del
corrispondente emisfero cerebrale, nel quale le sue fibre nervose espandendosi
costituiscono la radiazione callosa.

ForniceJ Il fornice (o trigono cereb� (fig. 80) è una lamina bianca di forma
triangolare con base posteriore, che è disposta grosso modo orizzontalmente
al di sotto del corpo calloso. E' lungo da 40 a 42 mm ed è largo alla sua base
da 38 a 40 mm; ha uno spessore di 3 - 4 mm.
Il fornice presenta a considerare una faccia superiore ed una [accia infe­
riore.
La faccia superiore del fornice in addietro aderisce strettamente alla faccia
inferiore del corpo calloso ; in avanti invece se ne allontana e prende rapporto,
lungo la linea mediana, col margine postero-inferiore del setto pellucido, mentre
sui lati sporge nei ventricoli laterali a l di sotto dell'ependima, prendendo parte
alla costituzione del pavimento della loro cella media.
Waccia inferiore del fornice è in rapporto per tutta la sua estensione con
la tela corioidea del III ventricolo. Tramite l'interposizione di quest'ultima,
essa corrisponde, nella sua parte media, alla volta del III ventricolo, mentre
ai lati è adagiata sopra i due talami.
Nella sua parte posteriore, il fornice risulta formato, sui lati, da due bende­
relle bianche appiattite: le gambe del fornice, le quali convergono dall'indietro
in avanti e verso la linea mediana, fino a toccarsi tra di loro; nel mezzo, è costi­
tuito invece da numerosi fascetti trasversali di fibre nervose mieliniche che sono
tesi tra le due gambe stesse e formano lo psalterium (o lyra).
Ciascuna gamba del fornice è la prosecuzione della fimbria del corrispon­
dente lato. La fimbria infatti, originata dal corno di Ammone e dalla fascia
dentata, dopo aver percorso dall'avanti all'indietro la parete infero-mediale
del corno temporale del ventricolo laterale, piega verso l'alto circondando il
polo posteriore del talamo e, postasi al di sopra del talamo stesso, diventa la
gamba del fornice.
-

142 ENCEFALO

peduncolo oIfattivo
/___ {:l\I ,,
"' ''" Ja
' ttivo
bulbo olr

---/----" � 1
'17'::; :\
fascio posteriore fascio anteriore

) ,�
della commessura anteriore della commessura anteriore

IY f �� \ �\
}.
fobula del/'ipPoCiJmpo commessura anteriore
""'--

Figura 81. Commessura anteriore, proiettata sulla fascia infedore del cervello.

Lo psalterium consta delle fibre nervose che passano dall'una gamba del
fornice all'altra, per discendere poi lungo la fimbria fino al corno di Ammo­
ne ed alla fascia dentata eterolaterali. Lo psalterium rappresenta dunque la com­
messura ammonica, deputata a collegare l'ippocampo ventrale di un lato con
queUo del lato oppOSto.
Le due gambe del fornice, come si è detto, in avanti si accollano tra di loro;
ne risulta così il corpo del fornice.
Il corpo del fornice alla sua estremità anteriore si divide in due cordoni
bianchi, di forma cilindrica, che sono le colonne del fornice (fig. 45). Le due
colonne del fornice piegano verso il basso in corrispondenza della parete ante­
riore del III ventricolo e, divaricando tra di loro, passano subito dietro alla com­
messura anteriore. Ciascuna colonna del fornice prosegue poi verso il basso, in
fuori cd in addietro, decorrendo dapprima all'innanzi del polo anteriore del
talamo, col quale delimita il foro interventricolare (del Momo); indi, attraver­
sando l'ipotalamo periventricolare, raggiungere il corpo mammiUare omola­
terale.

il fornice risulta fondamentalmente costituito dal fascio mammillare del


fort/ice (o fascio ippocampo-mammillare) , che dall'ippocampo ventrale si porta al
corpo mammillare dell'ipotalamo, e dal fascio olfattivo del corno di Ammone
(dello Zuckerkandl) , che collega in doppio senso l'ippocampo ventrale con il lobo
olfattivo e con la sostanza perforata anteriore. Accoglie inoltre le già ricordate
fibre della commessura ammonica formanti lo psalterium, per cui il fornice è da
ENCEFALO 143

considerarsi la formazione commessurale dell'archipallio.

Icommessura anterior�. La commessura anteriore (fig. 45) è un cordone bianco,


del diametro di 4 - 5 mm, che è teso tra i due emisferi cerebrali in corrispon­
denza della parete anteriore del III ventricolo, immediatamente al davanti delle
colonne del fornice.
La commessura anteriore consta di due fasci, l'uno anteriore e l'altro poste­
riore, i quali si uniscono nella loro parte media (fig. 8 1 ) . li fascio anteriore,
molto sottile,. forma un'ansa a concavità anteriore e collega fra di loro i due
lobi olfattivi ; il fascio posteriore, più sviluppato del precedente, descrive una
concavità posteriore e connette il lobulo dell'ippocampo ed il nucleo amigda­
loideo di un lato con quelli eterolaterali.
Per tale sua costituzione, la commessura anteriore è da considerarsi la for­
mazione commessurale del paleopallio.

Setto pellucido II setto pellucido (fig. 54) è un sottile scpimento verticale me­
diano che si interpone tra il corpo calloso ed il fornice laddove, in avanti, queste
due formazioni si allontanano tra di loro; esso pertanto si adatta all'intervallo
compreso tra tali due formazioni. II setto pellucido mostra a considerare due
facce e tre margini.
Le due facce del setto pellucido, destra e sinistra, guardano la cavità del
corno frontale del rispettivo ventricolo laterale, formandone la parete mediale.
l margini del setto pellucido sono l'uno superiore, l'altro anteriore, l'altro in­
fine postero-inferiore. Il margine superiore è rettilineo ed è aderente alla faccia
inferiore del tronco del corpo calloso. Il margine anteriore è convesso e si im­
pianta sulla concavità, aperta posteriormente, che è formata dal ginocchio e dal
rostro del corpo calloso. Il margine postero-inferiore è concavo e si adatta alla
faccia superiore del fornice.
Il setto pellucido consta di due esili lamine, fra di loro parallele, che sono
separate dall'interposizione di una fessura: la cavità del setto pellucido.
Il setto pellucido risulta formato da sostanza bianca e da sostanza grigia;
quest'ultima ne tappezza la cavità,
Il principale sistema che mette capo al setto pellucido è la stria olfattiva
mediale. Dal setto pellucido partono fibre nervose che entrano nella stria midol­
lare del talarno e giungono così al nucleo dell'abenula dell'epitalamo.

VENTRICOLI CEREBRALI I
I ventricoli cerebrali sono le cavità scavate internamente nell'encefalo; sono
intercomunicanti e vi circola il liquido cefalo-rachidiatlO. Essi sono: il IV ven­
tricolo, che è in continuità con il canale centrale del midollo spinale ed è com­
preso tra il midollo allungato ed il ponte in avanti ed il cervelletto in addietro;
l'acquedotto cerebrale (del Silvio), che percorre il mesencefalo, collegando il IV
ventricolo con il III ventricolo; il 111 ventric% , che è scavato nel diencefalo; i due
ventricoli laterali, dei quali ciascuno è accolto nel corrispondente emisfero cere-
'('\!Jlf'!U1S !l;W) O!'rJ;:lU;,n;p
'ru'\!!P;W ;l'\!llJSllS ;UOp:;S 'run U! pç!A 'OIO�!llU;'\ 111 ; (O!,\ns I;P) ;lu'ì;�OI:) OllOp;nb:lll 'OIO�plU;'\ Al 'Z8 lIl�!tI

�--<>1'''!'''''� Al 1;1P
----�·"'·""1I· 01l0p!W

";1P!O!�O:) q.)J
Wn<IJ<1Up '''1'''------,
--�l '"!''''''' Al

O:).IIJO
, , l �P) <1[V�q'JJiJJ
iJl"u.'WJOIJ onopimb;)V

VU!'UI>[
(oJUOW I<1P
)
iJ.Jl'I0:)!JlU<MJiJ)U!
V.It1SS<1WWOj

iJJ!w o! /<1P
• 0;)10$
OPP"llild

Dm,,!'" III li1P

iJ�l>lIop!W 1>!-J1$ ""P!D!-JD;) pt"l

OSOll" /Il
;)

O'1Vd3:>N3
ENCEFALO 145

brale e comunica con il III ventricolo mediante il foro iHterveHtricolare (del


Momo).

Jv ventricolo I
Il IV veHtricolo (fig. 82) è una cavità impari che trovasi in posizione mediana
tra il midollo allungato ed il ponte, situati in avanti, ed il cervelletto, posto
in addietro. il IV ventricolo comunica inferiormente con il canale centrale del
midollo spinale e superiormente con l'acquedotto cerebrale (del Silvio) del me­
sencefalo.
Il IV ventricolo ha l'aspetto di una fessura quasi verticale, lunga 3 cm e larga
2 cm. Esso presenta a considerare: una parete anteriore, detta pavimento; una

<D
parete posteriore, chiamata volta; quattro margini; quattro angoli.
Il pavimento del I V ventricolo (o fossa romboidale) (fig. 19) ha la forma
di una losanga e risulta dall'unione per la base di due triangoli: l'uno inferiore,
bulbare, che è pertinente alla faccia posteriore del midollo allungato; l'altro
superiore, pontino, che corrisponde alla faccia posteriore del ponte. Il pavimento
del IV ventricolo è percorso longitudinalmente dal solco mediano del pavimento
del IV ventricolo, chiamato anche stelo del calamo scrittorio.
Il triangolo bulbare del pavimento del IV ventricolo mostra, in ciascuna sua
metà, tre zone di aspetto triangolare, che sono: l'ala bianca interna, rilievo do­
vuto alla sottostante presenza del nucleo del nervo ipoglosso; l'ala cinerea, de·
pressione a cui corrispondono in profondità il nucleo motore dorsale del nervo
vago ed il nucleo dell'ala cinerea; l'ala bianca esterna, rilievo dovuto al nucleo
vestibolare mediale. Nel triangolo bulbare poi, da ciascun lato del solco mediano
del pavimento del IV ventricolo irradiano alcune strie bianche, tra loro grosso
modo parallele, le quali con decorso orizzontale od obliquo si portano in fuori
fino a raggiungere il peduncolo cerebellare inferiore: sono le strie midollar; del I V
ventricolo (o barbe del calamo scrUtorio); esse sono date dalle fibre nervose
mieliniche provenienti dal nucleo arcuato del midollo allungato le quali, dopo
avere attraversato dall'avanti all'indietro il midollo allungato ed essersi incrociate
al di sotto del solco mediano del IV ventricolo, fuoriescono da questo stesso
solco per decorrere poi applicate al pavimento del IV ventricolo e raggiungere
cosÌ il peduncolo cerebellare inferiore che le reca al cervelletto.
II triangolo pontino del pavimento del IV ventricolo presenta inferiormente,
a lato del suo solco mediano, un rilievo chiamato colliculus facialis (o eminentia
teres, o collinetta rotonda), determinato dal ginocchio che le fibre motrici so­
maciche del nervo fadale, nel loro decorso intrapontino, formano attorno al nu­
cleo del nervo abducente. Ancora in basso, di lato al colliculus facialis, vi è un
altro rilievo: il tubercolo acustico, dovuto al sottostante nucleo cocleare dorsale.
Nella parte supero-laterale del triangolo pontino infine, vi è una zona che per il


suo colorito grigio-azzurrognolo, dipendente dal pigmento accolto nelle cellule

� La volta del IV ventricolo è formata da due piani inclinati, i quali si incon­


ch costituiscono, è detta locus coeruleus.

trano in corrispondenza dell'ilo del cervelletto costituendo un angolo diedro aper­


to in avanti, che è denominato fastigio. Si possono pertanto distinguere nella vol­
I ta del IV ventricolo due versanti, l'uno superiore e l'altro inferiore.
146 ENCEFALO

Il versmlte superiore della volta del I V ventricolo (fig. 19) è dato, nelle parti
laterali, dai due peduncoli cerebellari superiori e, nel mezzo, dal velo midollare
anteriore (o valvola del Vieussens), che è ceso tra i due peduncoli cerebellari
superiori medesimi.
Il versante inferiore della volta del IV ventricolo (fig. 83) è costituito, nella
sua parte affatto superiore, dal velo midollaTe posteriore (o valvola del Tarin),
cui aderisce posteriormente, nella sua parte di mezzo, il nodulo del cervelletto.
Al velo midollare posteriore fa seguito, verso il basso, la membrana otturatoria
(o membrana tectaria), che è sottilissima, ridotta ad uno strato di cellule epen.
dimali; essa è strettamente aderente alla faccia anteriore della tela corioideCl del
iV ventrieolo, formata della pia madre ehe si insinua tra la faccia inferiore del
cervelletto e la membrana otturatoria medesima. Solo sui suoi lati la membrana
otturatoria si ispessisce un poco e forma le due tenie, che prendono attacco sui
due rispettivi margini laterali del triangolo bulbare del pavimento del IV ven­
tricolo.
La tela eorioidea del I V ventricolo (fig. 83) è costituita, come si è detto,
dalla pia madre che si addentra tra la faccia inferiore del cervelletto e la mem­
brana otturatoria. Essa ha la forma di un triangolo con base superiore, apice
inferiore e due margini laterali. La sua base è in rapporto con il contorno inferiore
del velo midollare posteriore; il suo apice raggiunge l'obex, che è una sottile
lamella griga tesa tra i cordoni posteriori del midollo allungato, dove questi
divaricano per delimitare il triangolo bulbare del pavimento del TV ventricolo ;
i suoi margini laterali sono in rapporto con i contorni laterali del triangolo bulbare
del pavimento del IV ventricolo.
La tela corioidea del IV ventricolo mostra sulla sua faccia anteriore, rivolta
verso la cavità del IV ventricolo, i plessi corioidei del IV ventricolo: sono gavoc­
cioli vascolari che, rivestiti della membrana otturatoria, fanno sporgenza nella ca­
vità del IV ventricolo. Un primo gruppo di plessi corioidei percorre longitudi­
nalmente la tela corioidea dall'apice alla base, disposto in due me ai lati della
linea mediana: sono i plessi corioidei rnediali; un secondo gruppo forma, da
ciascun lato, un'unica fila lungo la base della tela corioidea: sono i plessi co­
rioidei laterali. Considerati pertanto nel loro insieme, j plessi corioidei del IV
ventricolo descrivono una T, la cui branca verticale è doppia.
La tela corioidea del IV ventricolo è interrotta, presso la sua estremità infe­
riore, da un foro: il foro del Magendie, che permette il passaggio del liquido
cef -rachidiano dalla cavità del IV ventricolo allo spazio sottoaracnoidale.
3. Il V ventricolo, come si è detto,Aquattro margini, due superiori e due

i!1ieriori. Ciascun margine superiore è dato dalla linea di aderenza del pedun-
colo cerebellare superiore al ponte. Ciascun margine inferiore è dato dall'im­
pianto della tenia della membrana otturatoria sulla dava del midollo allungato


e sul peduncolo cerebellare inferiore, i quali per l'appunto circoscrivono late­


. 11
ra1 nte il triangolo bulbare del pavimento del IV ventricolo .
IV ventricolo mostra infin�q.uattro @gdi; inferiore, .mperiore e due late­
rali. L'angolo inferiore comunica con il canale centrale del midollo spinale.
L'angolo superiore si continua con l'acquedotto cerebrale (del Silvio) del mesen­
cefalo. Gli angoli laterali sono i cosiddetti recessi laterali; ciascun recesso late­
rale termina con un foro: il foro del Luschka, che fa comunicare la cavità del
ENCEFALO 147

I V ventricolo con lo spazio sottoaracnoidale, permettendo la fuoriuscita del


liquido cefalo-rachidiano. Attraverso il foro del Luschka sporgono alcuni plessi
corioidei laterali e, attorno ad essi, si avvolge per un certo tratto l'estremità
superiore della tenia del corrispondente lato; si costituisce così una particolare
formazione che risulta di una guaina bianca dalla cui estremità sporge un gavoc­
ciolo rossastro: è il cosiddeuo corno dell'abbondanza.

Ac uedolto cerebrale (del Silvio) l


L'acquedotto cerebrale (del Silvio) (fig. 82) percorre il mesencefalo dal
basso verso l'alto, decorrendo lungo il piano mediano nella parte di confine
tra i peduncoli cerebrali e la lamina quadrigemina.
L'acquedotto cerebrale (del Silvio) mette in comunicazione il IV ventri­
colo con il ilI ventricolo, nei quali si apre rispettivamente mediante l'orifizio
hlferiore e l'orifizio superiore. Misura in lunghezza circa 1 5 mm ed in larghezza
da 1 a 2 mm, essendo più ristretto alle sue estremità e più dilatato nella par­
te di mezzo.
Osservato nelle sezioni trasversali del mesencefalo, l'acquedotto cerebrale
(del Silvio) mostra una forma mutevole secondo le zone interessate dal taglio.
Può infatti apparire come una fessura, o come un triangolo, oppure come un
cuore da carta da gioco; comunque la parte rivolta anteriormente è sempre acuta,
essendo infatti l'acquedotto cerebrale (del Silvio) percorso, nella sua parte ante­
riore, da un solco che è la prosecuzione del solco mediano del pavimento del
I V ventricolo.

\ III ventricoloJ
!l UI ventricolo (o ven/ricolo medio) (fig. 82) è una cavità impari e mediana
interposta tra il talamo e l'ipotalamo di un lato e quelli eterolaterali, al di sotto
del corpo calloso e del fornice. Esso comunica, posteriormente, con l'acque­
dotto cerebrale (del Silvio ) ; comunica in avanti, tramite i fori interventricolari (del
MOrlro) con i due ventricoli laterali, scavati negli emisferi c�rebrali.
Il III ventricolo ha la forma di un imbuto ad apice inferiore, appiattito tra­
sversalmente; misura circa 2,5 cm sia in lunghezza che in altezza e 0,5 cm in
larghezza. Si possono distinguere ln esso: due pareti laterali, destra e sinistra;
una parete posteriore; una parete anteriore; un pavimento, inferiore ; una volta

@
superiore.
Ciascuna parete laterale del Ili ventricolo (fig. 45) è percorsa longitudinal­
mente dal solco ipotalamico (del Monro), che si estende dall'orifizio superiore
dell'acquedotto cerebrale (del Silvio) al foro interventricolare (del Monro),
posto al confine tra la parete laterale stessa e quella anteriore del I I I ventri­
colo. La superficie sottostante al solco ipotalamico (del Monro) è pertinente
all'ipotalamo; la superficie soprastante al solco stesso corrisponde alla faccia
mediale del talarno. Lungo il contorno superiore della faccia mediale del talamo
decorre una benderella bianca: la stria midollare del talamo.
All'estremità anteriore della parete laterale del I I I ventricolo, dove essa con­
fina con la parete anteriore, vi è il foro interventricolare (del Monro), che mette
in comunicazione la cavità del III ventricolo con quella del ventricolo laterale
148 ENCEFALO


del corrispondente lato. Esso è circoscritto in addietro dal polo anteriore del

\.2j
tal o ed in avanti dalla colonna del fornice, che gli si incurva davanti.
La parete posteriore del III ventricolo (fig. 45) è simile ad un margine. Pre­
senta in alto la base dell ep ijisi , cntro cui si insinua un piccolo recesso della cavi·
' '

tà ventricolare che è chiamato recesso epifisario. AI di sotto travasi la commessura


posteriore , che appare come un cordone bianco teso trasversalmente. Inferior­
mente alla commessura posteriore vi è una fossetta, nella cui profondità si apre
l'orifizio superiore dell'acquedotto cerebrale (del Silvio). L� parete posteriore


prosegue poi in avanti ed in basso con il pavimento del III vemricolo.
Laparete anteriore del lIl ventricolo (fig. 45) è anch'essa simile ad un mar­
gine. E' costituita, in alto, dalle due colonne del fomice. Queste, dapprima con­
tigue l'una all'altra, divaricano poi tra di loro per portarsi in fuori ed in basso,
onde circondare il polo anteriore del corrispondente talamo e circoscrivere ante­
riormente il foro interventricolare (del Monro); esse, divaricando, delimitano
uno spazio angolare la cui profondità è percorsa dalla commessura ameriore,
cordone bianco che collega i due emisferi cerebrali decorrendo appunto tra­
sversalmente all'innanzi delle due colonne del fornice. Al di sotto della com­
messura anteriore, la parete anteriore del III ventricolo è costituita dalla lamina
tenninale; questa raggiunge inferiormente il chiasma ottico, con il quale circo­

"0)11
scrive un'angusta fessura che è detta ,ecesso ottico.
pavimento del lIl ventricolo (fig. 45) si estende dalla parete posteriore
a quella anteriore, avendo pur'esso l'aspetto di una fessura. Consta di una su­
perficie cui stanno all'esterno, procedendo dall'indietro in avanti, la sostanza
perforata posteriore, i corpi mammillari ed il tube, cine,eum; a quest'ultimo
corrisponde la parte più declive del pavimento del III ventricolo, che è deno­
minata ,ecesso dell'infrmdibolo. Il pavimento del III ventricolo termina in avanti
con la faccia superiore del chiasma ottico, cui si congiunge in avanti la lamina

®
terminale.
La volta del III ventrico[o (fig. 45) è costituita dalla lamina corio idea epi-

--t' ----- ... � À\


IC ;;:::--
cmpo c,llo,o braccio superiore
__

� (4
(
cmdcc",o �""i,o"''' nucl�o caudato

braccio posteriore I
I ___

braccio inferiore
(J ....--... ....

Figura' 84. Schema di un ventricolo latera.1e.


ENCEFALO 149

testa del nucleo ca"d'""'


--------,/""IIl<"
_______ corpo calloso

------ff"Y' �111::::---,id ventricolo laterale


braccio anteriore como frontale
dellil capsulil intema

clilustr�______ ---:H ]'f------,,"'o pellucido


-------l1ri--
___

nucleo Ienticolare

Figura 85. Corno frontale del ventricolo laterale di sinistra, in sezione frontale.
.

telia/e, che è uno strato di cellule ependimali, in continuità con quelle rivestenti
le altre pareti della cavità del ventricolo stesso. La lamina corioiclea epiteliale è
applicata alla faccia inferiore della tela corioidea del III ventn'colo, formata della
pia madre che, addentratasi nella parte mediana della fessura trasversa del cervello
(del Bichat) tra lo splenio del corpo calloso e la lamina quadrigemina, si spinge in
avanti al di sotto del fornice. La tela corioidea del III ventrico!o presenta sul suo
versante inferiore, allineati lungo la linea mediana, una serie di gavoccioli vasco­
lari: i plessi conoidei del III ventricolo, che fanno sporgenza nella cavità del
ventricolo medesimo, rivestiti dalla lamina corioidea epiteliale.
E' da rilevare che la tela corioidea del III ventricolo non si limita a costituire
la volta del III ventricolo, ma che essa, espandendosi da ciascun lato, si insinua
tra il fornice e la sottostante faccia superiore del talamo, fino a raggiungere
la cavità del ventricolo laterale dove forma il braccio superiore del plesso co­
rioideo laterale della cella media del ventricolo laterale stesso.

\ Ventricoli lateralq
l ventn'coli laterali, in numero di due destro e sinistro, sono scavati ognuno
all'interno del corrispondente emisfero cerebrale. Comunicano con il III ventri­
colo tramite i relativi fori interventncolari (del Monro). Ciascun ventricolo late­
rale è paragonabile ad una lunga e stretta fessura che, descrivendo una ellissi
incompleta perché aperta in avanti ed in basso, circonda al di sopra, in addietro
ed in basso il talamo ed il nucleo caudato (fig. 84).
Si possono distinguere nel ventricolo laterale un braccio superiore, posto
al di sopra del talamo e del nucleo caudato, ed un braccio inferiore, che sta al
di sotto di tali nuclei. I due bracci si continuano l'uno nell'altro dietro al polo
posteriore del talamo, in corrispondenza di una zona relativamente dilatata,
150 ENCEFALO

tenia delfornice \ r
, COrpo calloso
, ,
__________

tet1ia corioidca "


.
cella media
, del ventricolo �te"ale
plesso corioideo le-----,
__

latera
'_tronco del nucleo caudato

ti. tennina/e
....-;

L stria midollare del talamo


tela corioidea
del III ventricolo I

Figura 86. Celle medie dei ventricoli laterali, in sezione frontale.

che è chiamata crocicchio vent,-icolare. Da quest'ultimo sì diparte poi il braccio


posteriore del ventricolo laterale, che si porta in addietro entro il lobo occipi­
tale dell'emisfero cerebrale.

Braccio superiore del ventricolo laterale. Il braccio superiore del ventricolo


laterale è lungo da 6 a 7 cm. Un piano frontale passante per il foro interventri­
colare (del Monro) lo divide in due parti di lunghezza pressoché uguale; la parte


anteriore al piano medesimo è detta corno frontale. l'altra invece retrostante

t...1J
è c mata cella media.
Il corno frontale del ventricolo laterale è incurvato, con concavità rivolta
lateralmente. Esso ha forma triangolare (fig. 85) e mostra pertanto a considerare
tre pareti: superiore, itlfero-laterale e mediale. La parete superiore è data dalla
faccia inferiore del corpo calloso ; anteriormente tale parete si ripiega verso il
basso, corrispondendo al ginocchio del corpo calloso, e chiude così in avanti
il corno frontale medesimo. La parete infero-laterale è costituita dalla testa del


nucleo caudato. La parete mediale è formata dal setto pellucido e, inferiormente


aq to, dalla colonna del fornice.
La cella media del ventricolo laterale, vista in una sezione frontale appare
come una fessura orizzontale (fig. 86), larga circa 1,5 cm; mostra quindi due
pareti, l'una superiore e l'altra inferiore.
Laparete sup-en'ore dellacellamedia (fig. 86) corrisponde alla faccia inferiore
del corpo calloso.
La parete inferiore della cella media (figg. 80 e 86) è costituita, procedendo
in senso latero-mediale : dal trOtlCO del nucleo caudato, dalla faccia superiore
del talamo, dal contorno laterale del fornice.
confine tra il nucleo caudato e il talamo è segnato da un solco longitu­
Il
dinale: il solco opto-striato, il quale accoglie la tenia semicircolare, fascetto di
fibre nervose che viene dal nucleo amigdaloideo; sopra alla tenia semicircolare
ENCEFALO 151

coda del nucleo ""d,"o --1--;


plesso corioideo la,,,,,k·-- --�---o-�, 'pcgenicolato laterale
corno temporale ----e-Ip duncolo cerebrale
del ventricolo ," ,",,,--/
--_______ -p,." madre
corno di A,"m'�.�-----' festura trasversa
_____ d,,' cervello (del Bichat)
fascia d""",�------,
circonvoluzione

Figura 87. Corno temporale del ventricolo laterale di sinistra, in se:tione frontale.

decorre la vena terminale, a sua volta ricoperta da un ispessimento dell'ependima:


la lamina cornea. Tali tre formazioni che occupano il solco opto-striato costi­
tuiscono nell'insieme la stria terminale.
Tra il talamo ed il fornice fa sporgenza, in corrispondenza della parete in­
feriore della cella media, il braccio superiore del plesso corioideo laterale . Esso
è una dipendenza della tela corioidea del III ventricolo che si insinua tra il talamo
ed il fornice.
L'ependima che riveste la parete inferiore della cella media del ventricolo
laterale, dopo avere formato la già ricordata lamina cornea in corrispondenza del
solco opto-striato, prosegue medialmente sopra il talamo, costituendo la lamina
affixa la quale, raggiunto il braccio superiore del plesso corioideo laterale, si
ispessisce nella tenia corioidea. Da quest'ultima si diparte il rivestimento di
ependima del braccio superiore del plesso corioideo laterale stesso che, dopo
averlo ricoperto, giunge al contorno laterale del fornice, dove termina con un altro
ispessimento, denominato tenia del fornice.

Braccio inferiore del ventricolo laterale. Il braccio inferiore del ventricolo late­
rale è chiamato como tem orale.
E' una fessura lunga circa 4 cm che, nel portarsi dal crocicchio ventricolarc
verso il polo temporale dell'emisfero cerebrale, decorre in vicinanza del margine
infcro-mediale dell'emisfero cerebrale, descrivendo un'ampia curva aperta supe­
riormente.
Il corno temporale del ventricolo laterale (fig. 87) presenta una parete su­
pero-laterale ed una parete infero-mediale.
La parete supero-laterale del corno temporale del ventricolo laterale è costi­
tuita lateralmente dal tapetum, lamina di sostanza bianca data dal fascio di
associazione occipito-frontale superiore ed in parte anche dalla radiazione callosa;
medialmente presenta la coda del nucleo caudato, che è costeggiata sul suo
152 ENCEFALO

sv1e"io del corvo calloso. '/.loetu m

1 [ ':-",-
'?l.ulbo del corno occipita, rMi4Ziom! otdÈir.del Gratio/et)


�lSsura .
ca caTlna... �t:;

�ura collaterJò '\, \...;;.,f ,eminenza collaterale

Figura 88. Corno occipitale del ventricolo laterale di sinistra, in sezione frontale.

contorno mediale dalla te'lia semicircolare.


La parete i"fero-mediate del CONIO temporale dci ventricolo laterale è co­
stituita in gran parte dal como di AmmOtle, grosso rilievo dell'ippocampo ventrale
che si estende, descrivendo una concavità mecliale, dalla estremità anteriore del
corno temporale stesso al crocicchio ventricolare. MecliaJmente al corno di Am­
mone si trova la fimbria; quest'ultima però partecipa alla costituzione della
parete infero-mediale del corno temporale del ventricolo laterale solamente
con la sua parte laterale, sporgendo infatti con la sua parte mediale nel fondo
della parte laterale della fessura trasversa del cervello (del Bichat). Il conflne
tra la parte intraventricolare e quella extravencricolare della fimbria è segnato
da una piccola cresta: la cresta ependimale , che decorre lungo la fimbria stessa
laddove l'ependima del ventricolo si riflette dalla parete infero-mediale su quella
supero-laterale del corno temporale del ventricolo laterale, formando il margine
mediale del corno temporale medesimo.
In corrispondenza del margine mediale del corno temporale del ventricolo
laterale, la pia madre che tappezza la pane laterale della fessura trasversa del cer­
veUo (del Bichat) si affonda per costituire il braccio iuferiore del plesso corioideo
laterale (fig. 87), il quale viene rivestito dall'introflettersi dell'ependima del
margine mediale stesso.

Braccio posterirue del ventricolo laterale. Il braccio posteriore del vemricolo


laterale, chiamato corno occipitale, è una cavità incurvata mediaimente, che
dal crocicchio ventricolare si porta verso il polo occipitale dell'emisfero cere­
brale. E' lungo 2,5 - 3 cm.
il corno occipitale del ventricolo laterale (ug. 88) presenta tre pareti: su­
pero·laterale, mediale, inferiore.
ENCEFALO 153

/'
ginocchio del carpo calloso

a, corioidea anteriore ----�::::=�����==j


corno di Ammone -------,

circonvoluzione
dell'ippocampo
braccio superiore
braccio inferiore laterale
delplesso corioideo

[ascia dentata

-------i��Hc
corioidea
fimbria
splenio del corpo calloso

corno occipitate
crocicchio del ventricolo laterale

Figura 89, Plesso corioideo laterale di sinistra, visto dall'alto dopo apertura del ventricolo laterale, e arterie coTÌoidee
anteriore e posteriore.

La parete supero-laterale del como occipitale è concava mediaI mente, Essa


è in continuità con la parete supero-laterale del corno temporale del ventricolo
laterale e pertanto, come quest'ultima, è data dal tapetum. Esternamente al
tapetum decorre la radiazione ottica (del Cradolet).
La parete mediale del como occipitale mostra due rilievi orizzontali sovrap­
posti. Quello superiore è il bulbo del como occipitale ed è costituito dalle fibre

11
del forceps major che dallo splenio del corpo calloso si portano verso il polo
occipitale dell'emisfero cerebrale. rilievo inferiore è il calcar avis, che è l'espres­
sione ventricolare della scÌ.'ìsura calcarina, ossia il sollevamento della parete ven­
tricolare determinato da tale scissura.
La parete inferiore del como occipitale è data dall'eminenza collaterale,
rilievo dovuto alla scissura collaterale che vi decorre al di sotto.

Plesso corioideo lateraleJ Il plesso corioideo laterale (fig. 89) è un lungo cordone
rossastro e granuloso, accolto nel ventricolo laterale, che comincia a livello cuca
del foro interventricolare (del Momo) e, portandosi in addietro, decorre dap-
154 ENCEFALO.

prima sulla parete inferiore della cella media del ventricolo laterale; passa poi
nel crocicchio ventricolare, circondando il polo posteriore del talamo, e si con­
tinua infine nel corno temporale del ventricolo laterale, adagiato al di sopra
della flmbria e del corno di Ammone. Esso descrive pertanto una U aperta ante­
riormente, avendo un braccio superiore, accolto nella cella media del ventricolo
laterale, ed un braccio inferiore. contenuto nel corno temporale del ventricolo
laterale.
Il plesso corioideo laterale è costituito dalla pia madre che si spinge nel ven­
tricolo laterale, ove essa fa sporgenza rivestita dall'ependima. Nella cella media
del ventricolo laterale la pia madre giunge dopo avere formato la tela corioidea
del 111 ventricolo; essa infatti vi penetra come un'espansione laterale della stessa
tela corioidea del III ventricolo che si insinua tra il talalllo ed il fornice. Nel
corno temporale del venuicolo laterale la pia madre arriva passando per la pane
laterale della fessura trasversa del cervello (del Bichat) e sollevando poi l'ependima
del margine mediale del corno temporale.
PRINCIPALI VIE NERVOSE
SENSITIVE E MOTRICI

Una via nervosa è costituita da una serie di centri ncuronali che, tramite le fi­
bre nervose da essi originanti, si collegano consecutivamente a catena così da con­
giungere territori differenti nell'ambito del nevrasse, oppure da congiungere il nc­
vrasse con le parti periferiche del corpo o viceversa. Ciascuna via nervosa è deputa­
ta al trasporto di impulsi nervosi che le sono specifici. E' frequente riscontrare, nel
tratto intermedio di una via nervosa, una concentrazione degli impulsi nervosi su
un numero via via decrescente di neuroni rispetto al territorio iniziale e a quello
terminale della via nervosa stessa.
Verranno qui riassunte le principali vie nervose, sensitive e motrici, che colle­
gano fra loro il nevrasse e le parti periferiche del corpo.

VIE SENSITIVE
Vie sensitive spinali
Le vie sensitive spinali afferenti alla corteccia cerebrale sono la via spirlo­
-bulbo-talamo-corticale e la via spino-talarno-corticale.

Via spino-bulbo-talamo-corticale

La via spiuo-bulbo-talamo-corticale (fig. 90) è deputata a trasmettere gli


impulsi della sensibilità tattile epicritica e della sensibilità propriocettiva cosciente
del tronco e degli aTti alla corteccia cerebrale dell'area sensitiva primaria del lobo
parierale dell'emisfero cerebrale.
La via spino-bulbo-talamo-corticale ha origine dai gangli spinali. Questi ri­
sultano costituiti dai neuroni a T (o protoneuToni sensitivi), i neuriei dei quali
si dividono ciascuno in una fibra periferica, che si reca alla periferia del corpo
per terminare in un corpuscolo sensitivo, ed in una fibra centrale, che entra nel
midollo spinale.
Le fibre centrali dei neuroni a T entrano nel midollo spinale, come fibre
radicoIari posteriori, in corrispondenza del solco laterale posteriore e si portano
nella zona radicolare del midollo spinale stesso, dove ciascuna di esse si divide
in un ramo ascendente ed in uno discendente. Mentre i rami discendenti for­
mano il fascio ovale (del Flechsig) ed il fascio a virgola (dello Schuleze) desti-
156 PRINCIPALI VIE NERVOSE SENSITIVE E MOTRICI .

corteccia cerebr,de dello.

I drcol1voluzione parietale ascendente

I lIucleo caudato

I ,Q(/iazione sensitiva

corpo calloso

nucleo ventrale
posteriore del taklmo
'. " .rJ'Yl
. �
g Il claustro

nucleo

midoUo allungato
\ --l '" lemnisco mediate

fI incrociamtmto de; lemnuchi

ì-- nucleo del fascicolo cunl!ato

...... nucleo del fascicolo gracile

gtmgli spinali
(

radici posteriori dei nervi spinali-.J \ midollo spinale

fascicolo cuneato I

fiJUR 90. Via spino.bulbo-talamo-corticale.


PRINCIPALI VIE NERVOSE SENSITlVE E MOTRICI 1 57

nati al corno posteriore del midollo spinale, 1 rami ascendenti si organizzano a


costituire il fascicolo gracile (del ColI) ed il fascicolo cuneato (del Burdach ). In
particolare, il fascicolo gracile (del Goll) è formato delle fibre nervose nate dai
gangli spinali che sono compresi fra il I coccigeo ed il V toracico, mentre il fa­
scicolo cuneato (del Burdach) è costituito di quelle originate dai gangli spinali che
vanno dal IV toracico al i cervicale.
Il fascicolo gracile (del Goll) ed il fascicolo cuneato (del Burdach) salgono
verso l'alto, percorrendo il cordone posteriore del midollo spinale, ed arrivano
nella parte inferiore del midollo allungato. Qui essi terminano rispettivamente
nel nucleo del fascicolo gracile (o nucleo del Coli) e nel nucleo del fascicolo
cuneato (o nucleo del Burdach).
Dal nucleo del fascicolo gracile e dal nucleo del fascicolo cuneato, la via
spino-bulb o-talamo-corticale prosegue con un unico fascio: il lemnisco mediale
(o fascio bulbo-talamico) , che nasce da ambedue tali nuclei. Il lemnisco mediale,
subito dopo la sua origine, si incrocia con quello eterolaterale al davanti del canale
centrale; piega poi verso l'alto e si fa ascendente. Esso decorre dapprima a lato del
rafe del midollo allungato, poi nella cali atta del ponte e indi nella callotta del
mesencefalo. Raggiunge infine il nucleo ventrale posteriore del talarno, nel quale
termina.
Il nucleo ventrale posteriore del talamo dà origine alle fibre talamo-corticali,
che entrano nella costituzione della radiazione sensitiva. Questa percorre dap­
prima la metà posteriore del braccio posteriore della capsula interna e poi il centro
semiovale dell'emisfero cerebrale; mette infine capo alla corteccia cerebrale delIa
circonvoluzione parietale ascendente dell'emisfero cerebrale, la quale è sede
dell 'area sensitiva primaria (o aree 3, l, 2). In particolare, le fibre talamo-corticali
della via spino-bulbo.talamo-corticale terminano nei due terzi superiori circa della
circonvoluzione parietale ascendente, dove appunto vi è la rappresentazione
sensitiva somatotopica del tronco e degli arti.

Via s ino-talamo-corticale
La via spino-talarno-corticale (fig. 9 1 ) reca gli impulsi della sensibilità tat­
tile protopatica e delle sensibilità termica e dolorifica del tronco e degli arti
alla corteccia cerebrale dell'area sensitiva primaria del lobo parietale dell'emi·
sfera cerebrale.
La via spino-talamo-corticale nasce dai gangli spinali. Le fibre centrali ori­
ginate dai neuroni a T (o protoneuroni sensitivi) dei gangli spinali penetrano,
come fibre radicolari posteriori, nel midollo spinale dove costituiscono il fascio
dorso·laterale (del Lissauer), nella zona marginale (del Lissauer), ed il fascio
longitudinale del corno posteriore, entro lo strato zonale (dci Waldeyer). Le
fibre di tali due fasci entrano nel corno posteriore del midollo spinale; qui in
parte mettono capo direttamente al nucleo della testa del corno posteriore (o
nucleo proprio del coniO posteriore), in parte invece terminano nel nucleo
della sostanza gelatinosa (del Rolando) le cui fibre nervose efferenti vanno poi
al nucleo della testa del corno posteriore.
Dal nucleo della testa del corno posteriore nascono fibre nervose che, dopo
incrociamento entro la sostanza grigia del midollo spinale, si portano nei coro
158 PRINCIPALI VIE NERVOSE SENSITIVE E MOTRICI

corteccia cerebrllk della


circol1volu.lione p/:lrietale ascendente
I

nucleo caudato
I

radiazione sensitiru
j

corpo calloso
7 ...

\ �
nucleo VjIlntrale

ç::::o-
posteriore del tt.llamo

nudeo

? ....... midollo allungato

...... lemnisco spinale

gangli spinali
(

nucleo de/k. testa


radici posteriori dei nervi spinali----1 \ del como posteriore del midollo spirnde

Figuna 91. Via ,pino-tillamo-corticale.


PRINCIPALI VIE NERVOSE SENSITIVE E MOTRICI 1 59

doni anteriore e laterale eterolaterali del midollo spinale, dove formano rispet­
tivamente il fascio spino�talamico anteriore ed il fascio spino�talamico laterale,
di cui il primo reca gli impulsi della sensibilità tattile protopatica ed il secondo
quelli delle sensibilità termica e dolorifica. l due fasci spino-talamici, anteriore
e laterale, risalgono il midollo spinale affiancati l'uno all'altro e, unitamente
al fascio spino�tettale che è ad essi vicino, costituiscono il lemnisco spinale.
Il lemnisco spinale percorre H midollo allungato, poi la cali atta del ponte,
indi la callotta del mesencefalo. Qui il fascio spino-cettale passa nella lamina
quadrigemina, mentre i fasci spino-talamici anteriore e laterale proseguono oltre
fino a raggiungere il nucleo ventrale posteriore del talamo, dove terminano.
Dal nucleo ventrale posteriore del talamo nascono le fibre talamo�corticali
che, entrando nella radiazione sensitiva, attraversano il braccio posteriore della
capsula interna ed il centro semiovale dell'emisfero cerebrale e giungono infine
alla corteccia cerebrale della circonvoluzione parietale ascendente, sede della
area sensitiva primaria (o aree 3, 1, 2). Tali fibre talamo-corticali terminano in
corrispondenza dei due terzi superiori circa della circonvoluzione parietale ascen·
dente, che è dove trovasi la rappresentazione sensitiva somatotopica del tronco
e degli arti.

lVia sensitiva trigeminalJ


La via sensitiva trigeminale (fig . 92) reca gli impulsi senslttvl provenienti
dalla testa alla corteccia cerebrale dell'area sensitiva primaria del lobo parie­
tale dell'emisfero cerebrale; tali impulsi vengono raccolti dalle terminazioni
periferiche delle fibre sensitive del nervo trigemino, inoltre anche dalle termi­
nazioni periferiche di fibre sensitive dei nervi faciale, glosso-faringeo e vago.
La via sensitiva trigeminale ha origine dal
ganglio semilunare (del Gasser).
Le fibre centrali dei neuroni a T (o protoneuroni sensitivi) del ganglio semi�
lunare (del Gasser) formano la radice sensitiva del nervo trigemino che entra
nella callotta del ponte, dove si divide in tre parti: la radice discendente del
nervo trigemino, molto lunga, che dal ponte discende nel midollo allungato
e poi nel midollo spinale, giungendo fino ai primi segmenti cervicali di questo
ultimo; la radice orizzontale del nervo trigemino, breve ma voluminosa, che
rimane nel ponte; la radice mesencefavca del nervo trigemino, sottile, che dal
ponte sale alla callotta del mesencefalo.
La radice discendente del nervo trigemino è formata dalle fibre del nervo trige­
mino che recano gli impulsi della sensibilità tattile protopatica e della sensibilità
termica e dolorifica della testa; essa, attra�ersando il midollo allungato, si arricchi�
sce delle fibre centrali deineuroni a T (o protoneuroni sensitivi) del ganglio geni�
colato del nervo intermedio (del Wrisberg) del nervo faciale, del ganglio superiore
(dell'Ehrenritter) del nervo glosso�faringeo e del ganglio giugulare del nervo vago,
le quali recano impulsi sensitivi somatid di limitati territori della testa. Alla radi�
ce discendente del nervo trigeminoè accollata medialmente, per tutta la sua lun�
ghezza, una colonna di sostanza grigia: è il nucleo della radice discendente del
nervo trigemino, nel quale le fibre della radice discendente stessa terminano.
La radice orizzontale del nervo trigemino è costituita dalle fibre del nervo
trigemino che recano gli impulsi della sensibilità tattHe epicritica della testa. Essa
160 PRINCIPALI VIE NERVOSE SENSITIVE E MOTRICI

corUccia cerebrale della

\:::3/'
nucleo ventrale
posteriore dei talamo

'- I�
nucl�o
mesencefalo _____--,
lenticoLire

ianilio semilunare ----./


(del Casser)

della
radice

'- ponte

\ radice m�falica del nervo trigemino

\ midollo aljun�o

midollo spinale

\ ,adice discendente del nervo trieemino

L
____ .nucleo della rtldiCil disundilntil dd nilrVD trigemino

figunl 92. Via sensitiva rrigeminale.


PRINCIPALI VIE NERVOSE SENSITIVE E MOTRICI 161

entra e termina nel nucleo sensitivo principale del nervo trigemino, che è posto
nella callotta del ponte, pressocché in continuità con l'estremità superiore del
nucleo della radice discendente del nervo trigemino.
La radice mesencefalica del nervo trigemino consta delle fibre del nervo
trigemino che ponano gli impulsi della sensibilità propriocettiva dei muscoli
dell'occhio; essa è accompagnata medialmeme, per tutta la lunghezza, da una

11
sottile colonna di sostanza grigia: il nucleo della radice mesencefalica del nervo
trigemino, entro cui le sue fibre terminano. nucleo della radice mesencefalica
del nervo trigemino contiene anche neuroni sensitivi (o protoneuroni sensitivi)
le cui fibre vanno ai muscoli masticatori, raccogliendovi gli impulsi della sensibilità
propriocettiva; per la presenza di questi ultimi neuroni sensitivi, il nucleo della
radice mesencefalica del nervo trigemino viene ad essere anche l'origine, sia pure
di una piccola parte, della via sensitiva trigeminale.
Dal nucleo della radice discendente del nervo erigemmo, dal nucleo sensi­
tivo principale del nervo trigemino e dal nucleo della radice mesencefalica del
nervo trigemino originano fibre nervose che si incrociano lungo la linea mediana
del tronco cerebrale e, fattesi così eterolaterali, salgono verso l'alto, riunendosi
ed organizzandosi in un fascio: il lemnisco trigeminale, il quale si porta al nucleo
ventrale posteriore del talamo.
Dal nucleo ventrale posteriore del talamo nascono le fibre talamo-corticali
che, entrate nella costituzione della radiazione sensitiva, percorrono il braccio
posteriore della capsula interna e poi il centro semiovale dell'emisfero cerebrale ;
mettono capo infme alla corteccia cerebrale della circonvoluzione parietale
ascendente dell'emisfero cerebrale, dove infatti ha sede l'area sensitiva primaria
(o aree 3, 1 , 2). Dette fibre talamo-corticali della via sensitiva Ciigeminale ter­
minano nel terzo inferiore circa della circonvoluzione parietale ascendente, dove
infatti è localizzata la rappresentazione sensitiva somatotopica della testa.

Via gustatival
Tre sono i nervi deputati al senso del gusto: il nervo intermedio (del Wrisberg)
del nervo faciale, che si distribuisce ai calici gustativi della parte anteriore della
lingua; il nervo glosso-faringeo, che innerva i calici gustativi della zona del V
Iinguale e di quella subito retrostante della radice della lingua; il nervo vago,
che provvede ad innervare i calici gustativi della parte posteriore della radice
della lingua, delle vallecole glosso-epiglottiche e della faccia anteriore dell'epi­
glottide.
La VUI gustativa nasce pertanto dal ganglio gem·colato del nervo intermedio
(del Wrisberg) del nervo faciate, dal ganglio petroso (dell'Andersch) del nervo
glosso-faringeo e dal ganglio nodoso del nervo vago. Mentre le fibre periferiche
dei neuroni a T (o protoneuroni sensitivi) di tali gangli mettono capo ai calici
gustativi, le fibre centrali degli stessi neuroni a T entrano nel midollo allungato,
dove formano il fascicolo solitario (o tratto solitariO); da questo, le fibre passano
poi via via nel nucleo del fascicolo solitario (o nucleo del tratto solitario) ap­
plicato al fascicolo solitario stesso e vi terminano.
Dal nucleo del fascicolo solitario originano fibre bulbo-talamiche che, confon­
dendosi con le fibre del lemnisco mediale, si portano al nucleo ventrale posteriore
162 PRINCIPALI VIE NERVOSE SENSITIVE E MOTRICI

del talamo.
Il nucleo ventrale posteriore del talamo dà fibre talamo-corticali, le quali van­
no a terminare nella corteccia cerebrale dell'uncus dell'ippocampo del lobo lim­
bica dell'emisfero cerebrale, dove ha sede l'area gustativa; in parte, esse vanno for­
se a terminare anche nella corteccia cerebrale della parte inferiore della circonvo-
.
luzione parietale ascendente dell'emisfero cerebrale.

\ Via vestit:?lare\
,

La via vestibolare nasce dal ganglio vestibolare (dello Scarpa) del nervo vesti­
bolare, ramo del nervo acustico. Essa trasporta gli impulsi di gravità e di accelera­
zione della testa, i quali sono indispensabili per il mantenimento dell'equilibrio del
corpo nello spazio. Gli stimoli di gravità e di accelerazione della testa vengono
captati dalle fibre periferiche dei »euroni sensitivi (o protoneuroni sensitivi) del
ganglio vestibolare (dello Scarpa) in corrispondenza dei recettori del senso statico

nucleo centrale fibre tetto-genicolate corteccia cerebrale della circonvoluzione


del tubercolo quadrigemino inferiore, temporale trasversa (de/1'Heschl)

....... radiazione acustica

nucleo dellemnisco laterale


\J� ....... corpo genicolato mediale

ganglio spirale
(del Corti)_
') lemnisco laterale

o>-�-----
'i.--1f'-
_________ nucleo olivare superiore

n. cocleare ./ del corpo trapezoide

nucleo cocleare ventrale--/ '\. midollo allungato

nucleo cocleare dorsale J \ corpo trapezoide

Figura 93. Via acustica.


PRINCIPALI VIE NERVOSE SENSITIVE E MOTRICI 163

dell'orecchio interno: le macule acustiche e le creste ampollari, le cui cellule sen­


soriali sono stimolate dai movimenti dell'endolinfa causati dagli spostamenti della
testa.
Le fibre centrali dei neuroni sensitivi del ganglio vestibolare (dello Scarpa)
mettono capo ai nuclei vestiholari inferiore, mediate, laterale (del Deiters) e
superiore del midollo allungato. Da tali nuclei vestibolari prendono origine i
seguenti sistemi di fibre nervose: 1 ) il fascio vestibolo-cerebellare, che percorre
il peduncolo cerebellare inferiore e si porta alla corteccia cerebellare dell'archi­
cerebello ed in parte anche al nucleo del tetto del cervelletto; 2) i fasci vesti­
bolo-spinali anteriore c laterale, che discendono nei cordoni rispettivamente
anteriore e laterale del midollo spinale e terminano nel corno anteriore del mi­
dollo spinale stesso, proiettando sui motoneuroni impulsi vestibolari che deter­
minano la contrazione dei muscoli del tronco e degli arti ed i conseguenti mo­
vimenti per il mantenimento dell'equilibrio del corpo; 3) fibre nervose per la
formazione reticolare del midollo allungato e del pance, tramite la quale stimoli
vestibolari raggiungono anche i nuclei visceroeffettori dei nervi encefalici, in
particolare il nucleo motore dorsale del nervo vago, dando così ragione della
insorgenza di fenomeni riflessi viscerali a seguito della stimolazione dei recettori
del senso statico dell'orecchio interno; 4) fibre nervose che, entrando nel fa­
scicolo longitudinale mediale, in parte discendono al corno anteriore dei seg­
menti cervicali del midollo spinale che presiedono ai movimenti dei muscoli
del collo, in parte invece salgono ai nuclei motori dei muscoli dell'occhio (nuclei
dci nervi abducente, trocleare ed oculomotore), costituendo la base anatomica
dci riflessi vestibolo-oculomotori, ossia dei movimenti riflessi degli occhi a se­
guito di stimoli vestibolari.
E' da ritenersi che la via vestibolare giunga anche alla corteccia cerebrale;
ciò spiegherebbe il fatto che gli stimoli che determinano l'orientamento spa­
ziale raggiungono il livello di coscienza. Si ammette che dai nuclei vestibolari
del midollo allungato partano fibre nervose che salgono nel fascicolo longitu­
din.ale mediale per passare poi nel talamo. Dal talamo originerebbero poi le
fibre talamo-corticali per l'area vestibolare della corteccia cerebrale, la quale
sarebbe localizzata nel lobo temporale e nelta circonvoluzione parietale ascen­
dente dell'emisfero cerebrale.

I Via acustica \
La via acustica (o via cocleare) (ng. 93) ha origine dal ganglio spirale (del Cor­
ti) del nervo cocleare, ramo del nervo acustico. Essa reca all'area acustica primaria
dell'emisfero cerebrale gli impulsi uditivi. Gli stimoli uditivi vengono captati dalle
fibre periferiche dci neuroni sensitivi (o protoneuron.i sensitivi) del ganglio spirale
(del Corti) entro l'organo spirale del Corti dell'orecchio interno.
Le fibre centrali dei neuroni sensitivi del ganglio spirale (del Corti) entrano
nel midollo allungato in corrispondenza della fossetta retrolivare e si portano
al nucleo cocleare ven.trale ed al nucleo cocleare dorsale, che sono posti nella
zona di conrme fra il midollo allungato ed il ponte. Maggiore è la parte di esse
che termina nel nucleo cocleare ventrale, che non quella che va a terminare
nel nucleo cocleare dorsale.
164 PRINCIPALI VIE NERVOSE SENSITIVE E MOTRICI

Dal nucleo cocleare ventrale originano fibre nervose che si portano nella
parte anteriore della callotta del ponte, subito dietro il piede del ponte stesso;
quivi esse decorrono trasversalmente e si fanno cterolatcrali, costituendo con
quelle provenienti dal nucleo cocleare ventrale del lato oppOStO un complesso
trasversale di fibre nervose che è denominato corpo trapezoide. Lungo il corpo
trapezoide si trovano due piccoli nuclei: il nucleo olivare superiore ed il nucleo
del corpo trapezoide. Parte delle fibre del corpo trapezoide, prima o dopo di
essersi incrociate, vanno a terminare nel nucleo olivare superiore o nel nucleo
del corpo trapezoide, che al corpo trapezoide stesso cedono poi le loro fibre
efferenti.
Dal nucleo cocleare dorsale nascono fibre nervose che decorrono lungo il
pavimento del IV ventricolo in direzione del solco mediano di quesfO, raggiunto
il quale vi si addentrano. Affondandosi nella callotta del ponte, esse si incro­
ciano; raggiungono poi il corpo trapezoide, al quale si uniscono.
Le fibre del corpo trapezoide, all'estremità laterale di questo, piegano verso
l'alto costituendo un fascio: il lemnisco laterale, che sale ni direzione del me­
sencefalo. Prima però di abbandonare il ponte, il lemnisco laterale presenta
intercalato lungo il· suo decorso il nucleo del lernnisco laterale, nel quale alcune
delle sue fibre terminano e dal quale nascono fibre nervose che entrano e sal­
gono nel lemnisco laterale stesso.
Il lcmnisco laterale raggiunge la lamina quadrigcmina del mesencefalo. Qui
parte delle sue fibre costeggia lateralmente il nucleo centrale del tubercolo qua­
drigemino inferiore e, seguendo il braccio quadrigemino inferiore, si porta al
corpo genicolato mediale del talarno; le altre sue fibre terminano invece nel
nucleo centrale del tubercolo quadrigemino infen'ore, donde nascono le fibre
tetto-genicolate che per la via del braccio quadrigemino inferiore si recano pure
esse al corpo genicolato mediale del talamo.
Dal corpo genicolato mediale del calamo originano le fibre falamo-corticali
che formano la radiazione acustica. Questa decorre nell'emisfero cerebrale con
direzione laterale, percorrendo il segmento sottolenticolare della capsula interna,
e mette capo alla corteccia cerebrale della circonvoluzione temporale trasversa
(dell'Heschl) nascosta entro la scissura laterale (del Silvio) dell'emisfero cere­
brale, dove ha sede l'area acustica primaria (o area uditiva primaria, o aree 41
e 42). La sistematizzazione dell'area acustica primaria è tale per cui sulla cir­
convoluzione temporale trasversa (dell'Heschl), procedendo dalla profondità
verso la superficie, si proietta l'organo spirale del Corti dalla sua estremità in­
feriore a quella superiore; ne consegue che la parte profonda della circonvolu­
zione temporale trasversa (dell'Heschl) è sede della percezione dei suoni acuti,
mentre la sua parte laterale, verso la superficie, è la sede della percezione dei
suoni bassi.

Via aCLJstjca.-r.i11essa. Dal nucleo centrale del tubercolo quadrigemino inferiore


del mesencefalo, che riceve fibre del lemnisco laterale, prendono origine le fibre
tetto-pontine, le fibre tetto-bulbari e le fibre tetto-spinali; esse fanno parte della
via acustica riflessa, la quale va ai nuclei somatomocori dei nervi encefalici pontini
e bulbari ed al corno anteriore del midollo spinale, al fine di determinare mo­
vimenti riflessi in risposta agli stimoli acustici.
PRINCIPALI VIE NERVOSE SENSITIVE E MOTRICI 165

Le fibre tetto-pontine e le fibre tetto-bulbari scendono dirette ai nuclei


somatomotori dei nervi encefalici che sono situati rispettivamente nel ponte
e nel midollo allungato. Le fibre tetto-spinali in parte sono dirette e si uniscono
alle fibre tetto-spinali dirette della via ottica riflessa per costituire il fascio tetto­
-spinale laterale, che discende nel cordone laterale del midollo spinale, in parte
invece si incrociano con quelle eterolaterali nella decussazione fontaniforme
(del Meynert) del mesencefalo e si uniscono poi alle fibre tetto-spinali crociate
della via ottica riflessa per formare il fascio tetto-spinale anteriore, che scende
nel cordone anteriore del midollo spinale; le fibre tetto-spinali della via acustica
riflessa terminano infine nel corno anteriore del midollo spinale in connessione
sinaptica con i motoneuroni.

(±-------+---------------- �tma

chiasma ottico

tratto ottico
nucleo pretettale

pogenicolato faterale
cor --1---

radiazione ottica
(del Gratiolet)
--------1---­

Figura 94. Via ottica.


166 PRJNCIPALI VIE NERVOSE SENSITIVE E MOTRICI

Figura 95. Tratto mturetinico della via ottica.

IVia otticiil]
La via ottica (fig. 94) nasce dalla retina dell'occhio. Essa è deputata a portare
gli impulsi luminosi provenienti dalla retina all'area ottica primaria del lobo acci­
pitale dell'emisfero cerebrale.
La via ottica ha inizio con i fotorecettori della retina (fig. 95), distinti in
cellule dei bastoncelli e cellule dei coni; essi sono neuroni sensitivi profondamente
modificati e rappresentano pertanto i protoneuroni sensitivi della via ottica.
, fotorecettori contraggono sinapsi con le cellule bipolari della retina, le quali
rappresentano pertanto i secondi neuroni della via ottica. Le cellule bipolari
della retina a loro volta contraggono sinapsi con le cellule multipolari della re­
tina (o cellule gangliari della retina), che sono pertanto i terzi neuroni della
via ottica.
Le fibre ottiche, nate dalle cellule multipolari della retina, escono dall'occhio
PRINCIPALI VIE NERVOSE SENSlTlVE E MOTRICI 167

e formano il nervo ottico. In quest'ultimo sono da distinguersi ere gruppi di


fibre ottiche: le fibre maculari, che rappresentano un terzo circa delle fibre
del nervo ottico stesso e che provengono dalla zona della macula lutea della
retina, deputata alla visione distinta ed alla esatta discriminazione cromatica;
le fibre nasali, che sono le fibre perimaculari provenienti dalla parte mediale
o nasale della retinai le fibre temporali, che sono le fibre perimaculari prove­
nienti dalla parte laterale o temporale della retina.
Il nervo ottico giunge al chiasma ottico i qui metà delle fibre maculari si
incrocia e l'altra metà prosegue invece diretta, le fibre nasali si incrociano to­
talmente, le fibre temporali non si incrociano e continuano tutte dirette (fig. 96).
Dal chiasma ottico parte il tratto ottico che, per l'incrociamento avvenuto nel
chiasma ottico, risulta costituito di fibre maculari dirette e crociate, di fibre
nasali crociate e di fibre temporali dirette; praticamente, il tratto ottico acco­
glie le fibre nervose che vengono dalla metà laterale o temporale della retina
dello stesso lato e quelle che vengono dalla metà mediale o nasale della retina
dell'altro lato.
Il tratto ottico si dirige posteriormente e mette capo al corpo genicolato
laterale del talamo (fig. 94), dove la magg ioranza delle sue fibre termina. In
particolare, le fibre maculari si portano nella parte centrale del corpo genico­
lato laterale; le fibre temporali del quadrante supero-laterale della retina orno­
laterale e le fibre nasali del quadrante supero-mediale della retina eterolaterale
vanno neUa parte mediale del corpo genicolato laterale; le fibre temporali del
quadrante infero-Iaterale della retina omolaterale e le fibre nasali del quadrante
infero-mediale della retina eterolaterale entrano neUa parte laterale de) corpo
genicolato laterale.
Dal corpo genicolato laterale del talamo nascono le fibre talamo-corticali

Figura 96. Incrociamento della via ottica nel chiasma ottico.


168 l'RlNCIPALI VIE NERVOSE SENSITIVE E MOTRICI

che formano la radiazione ottica (del Gratiolet). Quest'ultima decorre nell'emi­


sfero cerebrale con direzione posteriore, passando dapprima nel segmento retro­
lenticolare della capsula interna e poi lateralmente al corno occipitale del vcn­
tricolo laterale; piega infine medialmente e giunge nella profondità della faccia
mediale del lobo occipitale dell'emisfero cerebrale, dove entra nella corteccia
cerebrale dei labbri e del fondo della scissura ca/carina, sede dell area ottica '

primaria (o area visiva primaria, o area 1 7). Quest'area è detta anche area striata
poiché le fibre nervose mieliniche della radiazione ottica (del Gratiolet), entrate
nella corteccia cerebrale, vi formano una stria bianca visibile macroscopicamente:
la stria del Gennari (o stria del Vicq d'Azyr).
Sull'area ottica primaria le diverse parti di ambedue le retine si proiettano
nel modo seguente. Sulla parte posteriore dell'area ottica primaria sono rap­
presentate le zone retiniche maculari, terminandovi infatti quelle fibre della
radiazione ottica (del Gratiolet) che sono nate nella parte centrale del corpo
genicolato laterale; la parte posteriore dell'area ottica primaria è pertanto la
sede della visione distinta e della precisa discriminazione cromatica. Andando
verso l'avanti, si proiettano sull'area ottica primaria le parti retiniche via via peri­
feriche rispetto alle z.one maculari; in particolare, sul versante superiore della
scissura calcarina sono rappresentati i quadranti rednici superiori, terminandovi
infatti le fibre della radiaz.ione ottica (del Gratiolet) provenienti dalla parte
mecliale del corpo genicolato laterale, mentre sul versante inferiore della scis­
sura calcarina sono rappresentati i quadranti retinici inferiori, terminandovi
le fibre della radiazione ottica (del Gratiolet) nate dalla parte laterale del corpo
genicolato laterale .

Via ottica riflessa. Una parte delle fibre ottiche decorrenti nel tratto ottico
non si interrompe nel corpo genicolato laterale ma, seguendo il braccio quadri­
gemino superiore, raggiunge la lamina quadrigemina del mesencefalo e va a ter­
minare nel tubercolo quadrigemino sl4periore e nel nucleo pretettale, piccolo
nucleo che è posto subito anteriormente agli strati di sostanza bianca e di so­
stanza grigia che costituiscono il tubercolo quadrigemino superiore (fig. 94).
Da tali due centri nervosi prosegue la via ottica riflessa, che è deputata a deter­
minare movimenti riflessi in risposta a stimoli luminosi.
l . Dal tubercolo quadrigemino superiore del mesencefalo nascono fibre
tetto-pontine, tetto-bulbari e tetto-spinali Le fibre tetto-pontine e le fibre tetto­
.

bulbari, che sono dirette, mettono capo ai nuclei somatomotori dei nervi en­
cefalici del ponte e del midollo allungato. Le fibre tetto-spinali in parte sono
dirette, in parte invece si incrociano nella decussazione fontanifonne (del Mey­
nert) del mesencefalo; di esse, le fibre dirette si uniscono alle fibre tetto-spinali
dirette della via acustica riflessa per formare il fascio tetto-spinale laterale, mentre
le fibre crociate si uniscono alle fibre tetto-spinali crociate della via acustica
riflessa per costituire il fascio tetto-spirlale anteriore. l fasci tetto-spinali laterale
ed anteriore discendono nei cordoni rispettivamente laterale ed anteriore del
midollo spinale, da dove le fibre tetto-spinali della via ortica riflessa passano nel
corno anteriore del midollo spinale per terminare in rapporto sinapdco con
i motoneuroni.
Dal tubercolo quadrigemino superiore originano ancora fibre nervose che,
PRINCIPALI VIE NERVOSE SENSITIVE E MOTRICI 169

chiasma o"""' __________ :;;>..,.._/ '..:- __ _ """ko viscuoeffurorc

_�
del nervo or:ulomotorc
tratro o,,",,' _______ nucleo di Edinger e We.stphal)

". otti,w _
_ ____ �_

corpo dl,'",, �/

J__1I--
__

� --------�m',lol,lo allungato

Figura 97. Via del rifleuo di costrizione pupWare e del riflesso di OlccomodOllione visivOl.

seguendo il fascicolo IOllgitudinale mediale, in parte salgono ai nuclei soma­


tomotori dei muscoli dell'occhio ed in parte invece scendono ai primi segmenti
del midollo spinale per terminare nel corno anteriore . Esse rappresentano la
base anatomica dei movimenti riflessi oculocefalogiri, ossia dei movimenti ri­
flessi coniugati degli occhi e della testa in risposta agli stimoli luminosi.
2. Dal nucleo pretettale del mesencefalo partono le fibre nervose respon­
sabili delle risposte riflesse dei tre muscoli involontari dell'occhio: il muscolo
sfintere della pupilla, il muscolo dilatatore della pupilla ed il muscolo ciliare.
Le fibre nervose nate dal nucleo pretettale in parte si portano al nucleo
visceroeffettore del nervo oculomotore , chiamato anche nucleo di EdiP1.ger e
Westpltal, del mesencefalo, dal quale nascono le fibre pregangliari parasimpa­
tiehe per l'innervazione del muscolo sfintere della pupilla e del muscolo ciliare.
Esse sono responsabili sia del riflesso di costrizione pupillare (o miosi), che si
verifica in condizioni di forte luminosità o per una più netta visione della im­
magine durante l'accomodazione, sia del riflesso di accomodazione visiva, ossia di
adattamento dell'occhio per la visione di oggetti vicini mediante modificazioni
della curvatura della lente criscal1ina.
Altre fibre nervose nate dal nucleo pretettale mettono capo invece, attraverso
la formazione reticolare del tronco cerebrale, al midollo spinale dove terminano
nel nucleo intermedio laterale del corno laterale a livello dell'VBI segmento cer-
170 PRINCIPALI VIE NERVOSE SENSITIVE E MOTRICI

chi4sma ottico
'v
mesencefalo
,.\t ./

tratto ottico ...... ..J. nucleo pretettale

n. ottico __

occhio
I_{ II r
I• ponte

� !
iride

�.
retina ./

-:1 midollo allungato

\�il
ganglio cervicale su�"'ore
del tronco del simpatico


centro spino-ciliare (del Budge) midollo spirnzle

Figura 98. Via del riflesso di dilatazione pupillare.

vicale e del t segmento toracÌco, essendo qui localizzato il centro dUo-spinale (del
Budge) dal quale originano le fibre pregangliari ortosimpatiche per l'innervazione
del muscolo dilatatore della pupilla. Tali fibre nervose del nucleo pretettale sono
responsabili del riflesso di dilatazione pupillare (o midriasi), che si manifesta in
condizioni di scarsa luminosità, oppure anche in particolari condizioni come negli
stati emozionali.
La via del riflesso di costrizione pupillare e del riflesso di accomodazione
visiva (fig. 97) ha inizio da cellule mu1cipolari della retina le cui fibre ottiche
mettono capo al nucleo pretettale; da questo ultimo partono fibre nervose per
il nucleo visceroeffettore del nervo oculomotore o nucleo di Edinger e Westphal,
dal quale nascono fibre pregangliari che, seguendo il nervo oculomotore, giun­
gono al ganglio ciliare del parasimpatico encefalico; dal ganglio ciliare nascono
infine. le fibre postgangliari che, tramite i nervi ciliari brevi, entrano nell'occhio
per terminare nel muscolo costrittore della pupilla e nel muscolo ciliare.
11 riflesso di accomodazione visiva è accompagnato, oltre che dal riflesso
di costrizione pupillare che provvede ad una più netta definizione deU'immagine,
PRINCIPALI VIE NERVOSE SENSITIVE E MOTRICI 171
anche daLia convergenza dei due occhi dovuta alla contrazione bilaterale del mu­
scolo retto mediale dell'occhio ; il riflesso è pertanto denominato più esattamente
riflesso di accomodazione-convergenza. La convergenza dei due occhi avviene per­
ché l'area ottica primaria del lobo occipitale dell'emisfero cerebrale invia fibre in­
traemisferiche di associazione all'area
8 del lobo frontale dell'emisfero cerebrale,
dove vi è il centro della convergenza; quest'ultimo manda poi fibre nervose ai
nuclei somatomotori del nervo oculomotore, deputati all'inn'ervazione del mu­
scolo retto mediale dell'occhio.
La via del riflesso di dilatazione pupillare (fig. 98) inizia da cellule multi­
polari della retina le cui fibre ouiche arrivano al nucleo pretettale. Questo dà
luogo a fibre nervose che, passando per la formazione reticolare del tronco ce­
rebrale, scendono nel midollo spinale dove terminano nel centro ciUo-spinale
(del Budge ) , posto nel corno laterale del midollo spinale stesso a livello del­
l'vlII segmento cervicale e del I segmento toracico. Dal centro cilio-spinale (del
Budge) nascono fibre pregangliari che, percorrendo il tronco del simpatico, vanno
al ganglio cervicale superiore dell'ortosimpatico. Da questo ganglio originano le
fibre postgangliari che seguono dapprima il nervo carotico interno e poi, at­
traversando o il ganglio semuunare (del Gasser) del nervo trigemino oppure il
ganglio ciliare, passano nei nervi ciliari lunghi oppure in quelli brevi, tramite
quali entrano nell'occhio per distribuirsi al muscolo dilatatore della pupilla.

\Via cifallivaI
La via olfattiva (fig. 99) ha inizio dalle cellule olfattive, che sono distribuite
nella mucosa olfattiva della fossa nasale. Da tali cellule originano fibre nervose che
formano i fascetti del nervo olfattivo e mettono capo al bulbo olfattivo, dove con­
traggono sinapsi asso-dendritiche con le cellule mitrali del bulbo olfattÌvo me­
desimo.
Dalle cellule mitrali del bulbo olfattivo nascono fibre nervose mieliniche che
formano il tratto olfattivo, fascio che decorre verso l'addietro, applicato alla
faccia inferiore del peduncolo olfattivo. Il tratto olfattivo, giUnto all'estremità
posteriore del peduncolo olfattivo, si biforca dando luogo alla stria olfattiva late­
rale ed alla stria olfattiva mediale. Le strie olfattive proseguono applicate rispetti­
vamente alla circonvoluzione olfattiva laterale ed alla circonvoluzione olfattiva
mediate, che fanno seguito posteriormente al peduncolo olfattivo.
Cammin facendo, sia il tratto olfattivo che le due strie olfattive cedono
fibre sia alla corteccia cerebrale del peduncolo olfattivo che a quella delle due
circonvoluzioni olfattive, le quali a loro volta danno origine a fibre nervose che
passano nella costituzione del tratto olfattivo e delle due strie olfattive.
La stria olfattiva laterale mette capo alla parte laterale della sostanza per­
forata anteriore, nonché all'estremità anteriore della circonvoluzione dell'ippo­
campo o lobulo dell'ippocampo ed al nucleo amigdaloideo.
La stria olfattiva mediale termina nel trigono ol/attivo, nella parte mediale
della sostanza perforata anten'ore e nd setto pellucido ; inoltre, mediante sue fibre
che salgono sul ginocchio del corpo calloso, raggiunge anche }'jnduseum griseum
dell'ippocampo dorsale.
Da tali centri di sostanza grigia cui mettono capo le strie olfattive laterale
172 PRINCIPALI VIE NERVOSE SENSITIVE E MOTRICI

nuclei anten'ori del talumo __ ___� stria midolla,.e del talamo

___�
I
circonvoluzione del cil1golo _ k
,--fascio abenulo-interpedunco lre

______---, -/- f::-=


"'-\;---_--- L
setto pellucido_ ----'nuc!eo dell 'abel1uka
___
, ...,

(
circonvoluzione fascio mammilla,e
al/attiva mediale

� corpo calloso
:;o

pedlmcolo

bulbo

n. olfl1ttillO

muCOSa alfattiva l
circonvoluzione olfattiva lateralel \ 7/ tenia semicircolare
sostatt.-a perforata antf!riore I \ ipotoltimo periventricolare
lobulo dell'ippocampo I di Ammo"e e fascia dentata

nucleo amigdtJoideo I \ corpo m4mmillare

fascio temporo...:lmmonico, _
_ ______ J L-fascio mammillo-talamico (del Vicq d'Azyr)

Figura 99. Via olfattiva.

e mediale, la via olfattiva prosegue nei modi seguenti.


1 . Dal lobulo dell'ippocampo parte il fascio tempoTo-ammonico, che ter­
mina nel corno di Ammone e nella fascia dentata, formazioni che costituiscono
l'ippocampo ventrale.
Dal corno di Ammone e dalla fascia dentata origina il fascio mammillare
del fornice (o fascio ippocampo-mammillare) che, percorrendo il fornice, mette
capo al corpo mammillo.re dell'ipotalamo. Da quest'ultimo nasce il fascio mam­
millo-talamico (del Vicq d'Azyr), che termina nei nuclei anteriori del talarno.
Questi nuclei del talamo inviano infine fibre nervose alla corteccia cerebrale della
circonvoluzione del cingolo dell'emisfero cerebrale.
2. Dal trigono olfattivo, dalla sostanza perforata anteriore, dal setto pel­
lucido e dal nucleo amigdaloideo nascono sistemi di fibre nervose che vanno ai
PRINCIPALI VIE NERVOSE SENSITIVE E MOTRICI 173

nuclei dell'ipotalamo periventricolare. Questi ultimi nuclei danno luogo a fibre


nervose che, seguendo il fascicolo longifudinale dorsale (dello ScluUz), mettono
capo ai nuclei somatomotori e visceroeffettori dei nervi trigemino, faciale, glosso­
-faringeo e vago; tali fibre fanno parte della via olfattiva riflessa, che scarica
su detti nuclei impulsi olfattivi capaci di mettere in azione sia i muscoli che pre­
siedono alla masticazione ed alla deglutizione sia la muscolatura liscia della parete
del tubo digerente, inoltre capaci di determinare la secrezione delle ghiandole
salivari e delle ghiandole gastriche ed intestinali.
3. Dal nucleo amigdaloideo origina la tenia semicircolare che si porta nel solco
opto-striato della parete inferiore della cella media del ventricolo laterale, dove
decorre dall'indietro in avanti. La tenia semicircolare, giunta in vicinanza del foro
interventricolare (del Monco), si risolve in tre parti: una che va al setto pellucido,
una che scende all'ipotalarno periventricolare , una infine che va a costituire la
stria midollare del talarno e si porta al nucleo dell'abenu/a dell'epitalamo.
Dal nucleo dell'abenula originano sia le fibre abenulo-tegmentali, che vanno
alla formazione reticolare del mesencefalo, sia il fascio abenulo-interpeduncolare
(o fascio retroflesso del Meynert) ; quest'ultimo, dopo incrodamento, mette
capo al nucleo interpeduncolare del mesencefalo, dal quale partono poi fibre
nervose che si recano alla formazione reticolare del mesencefalo. Dalla formazione
reticolare del mesencefalo nascono infine fibre nervose che entrano nel fascicolo
longiwdinale dorsale (dello Schutz ) ; esse fanno parte della via olfattiva riflessa e
pertanto, analogamente a quelle originate dall'ipotalamo periventricolare, met­
tono capo ai nuclei somatomo tori e visceroeffettori dei nervi trigemino, faciale,
glosso-faringeo e vago.
La via olfattiva possiede tre commessure. Esse sono: la commessura ante­
riore, che è la formazione commessurale per il bulbo olfattivo, il peduncolo
olfattivo, la sostanza perforata anteriore ed il lobulo dell'ippocampo; la com­
messura ammonica, rappresentata dallo psalterium del fornice, che è la forma­
zione commessurale del corno di Ammone e della fascia demata; la commes­
sura abenulare, che collega il nucleo dell'abenula di un lato con quello etero­
laterale .

l° VIE MOTRICI '


Via iramidale
La via piramidale (fig. 100) è la via della motuità somatica volontaria coscien­
te, deputata ad inviare gli impulsi motori volontari ai muscoli scheletrici e pellic­
ciai del corpo. Essa è pertanto responsabile dell'attività comrattile volontaria dei
muscoli, fatta eccezione dei muscoli estrinseci dell'occhio.
La via piramidale nasce dalla corteccia cerebrale della circonvoluzione fron­
tale ascendente del lobo fromale dell'emisfero cerebrale; qui ha sede infatti
l'area motrice primaria (o area 4), la quale è caratterizzata da una rappresen­
tazione motrice somatotopica tale per cui la metà esterolaterale del corpo vi
si proietta capovolta. Le cellule piramidali di tale corteccia, che rappresentano
i protoneuroni motori della via piramidale, danno luogo a fibre nervose che
formano il fascio piramidale.
174 PRINCIPALI VIE NERVOSE SENSITIVE E MOTRICI

corteccia cerebrale della


circonvoluzione frontale ascendente _
_ _�

nucleo caudato �

fascio piramidale \

IL I corpo calloso

nucleo

fascio
co rtico-pontino ��
temporale (del TUTek) :y
fascio cortico-pontino
[rmlra/e (del1'Amold)

....... midollo allungato

jl1(;rociamento dei fasci piram/dali /


� fascio piramidale crociato

midollo sp/MIe _____________ ...J anteriore di un nervo spinale

f4SCio piramidule diretto I '--como anten·ore del midollo spinale

Figura 100. Via piramidale.


PRINCIPALI VIE NERVOSE SENSITIVE E MOTRICI 175

Il fascio piramidale discende nel centro semiovale dell'emisfero cerebrale


ed entra poi nella capsula interna, occupandone il ginocchio e la metà anterio­
re del braccio posteriore. La sua parte che travasi nel ginocchio della capsula in­
terna è il fascio genicolato (o fascio cortico-nucleare); questo proviene dalla parte
inferiore della circonvoluzione frontale ascendente e dalla piega fronto-pariecalc
inferiore (od opercolo rolandico) dell'emisfero cerebrale ed è destinato ai nuclei
somatomotori dei nervi encefalici, esclusi forse i nuclei dei nervi oculomotore,
trocleare e abducente.
Oltrepassata la capsula interna, il fascio piramidale entra nel piede del pedun­
colo cerebrale, costituendone i tre guinti intermedi, di cui il fascio genicolato (o
fascio cortico-nucleare) occupa la parte mediale.
Il fascio piramidale prosegue in basso, decorrendo nel piede del ponte e poi
nella piramide del midollo allungato. Nell'attraversare il ponte ed il midollo allun­
gato, il fascio genicolato (o fascio cortico-nucleare) si estingue; le sue fibre infatti
abbandonano via via il fascio medesimo come fibre aberranti (del Déjèrine) e, do­
po incrociamenco, mettono capo ai nuclei somatomotori dei nervi encefalici del
ponce e del midollo allungato.
Nella parte inferiore del midollo allungato, in corrispondenza della decussazio­
ne delle piramidi, la maggior parte delle fibre del fascio piramidale si incrocia e
prosegue poi nel cordone laterale eterolaterale del midollo spinale, costituendo il
fascio piramidale crociato (o fascio cortico-spinale laterale); le altre fibre del fa­
scio piramidale proseguono invece dirette ed entrano nel cordone anteriore omo­
laterale del midollo spinale, formando il fascio piramidale diretto (o fascio corti­
co-spinale anteriore). Il fascio piramidale crociato discende per tutta la lunghezza
del midollo spinale ed emette via via fibre che entrano nel corno anteriore del mi­
dollo spinale del lato in cui il fascio sta decorrendo. Il fascio piramidale diretto,
che termina ai primi segmenti toracici del midollo spinale, emette fibre che si in­
crociano nella commessura bianca del midollo spinale e raggiungono cosÌ il corno
anteriore eterolaterale del midollo spinale.
Le fibre del fascio piramidale, siano esse giunte ai nuclei somatomotori dei
nervi encefalici od al corno anteriore del midollo spinale, terminano contraendo
rapporti simpatici con i motoneuroni, i quali rappresentano i secondi neuroni del­
la via piramidale. Le fibre nervose nate dai motoneuroni escono dal nevrasse con i
nervi encefalici o con le radici anteriori dei nervi spinali e vanno ai muscoli soma­
tici, dove le loro ultime ramificazioni terminano con le placche motrici (o giunzio·
ni neuro·muscolari) sulle fibre muscolari striate.

vie extragiramidali
Le vie extrapiramidali sono vie motrici polineuroniche che, partendo da
aree motrici della corteccia cerebrale, scendono al corno anteriore del midollo
spinale dove, o direttamente o tramite neuroni associativi, si mettono in rap­
pOrto con i motoneuroni a e "'{, recando ad essi impulsi nervosi che controllano e
regolano i movimenti volontari ed il tono muscolare, che presiedono ai movimenti
automatici e semiautomatici associati ai movimenti volontari, che sovrintendono
inoltre ai movimenti della mimica e dell'espressione.
<Jltlu!ds °11'°1"
.'
-------,

;;;l�------<JJtll0:>!JaJ
""". "i!l' 0lloP,lIu lap
<JUO!ZtIJlUOj

�---+-- ,,,.od � � Of"f<J:>u�s�w �


I P I P
<JJ"I0:>!I<JJ �UO!rDWJOf

"'::
"" 7-..l.
, --- ''l''f''''''''w l�P OSSOJ Oi1pnu

l----1--- n�pm'�o"" ��f

;.;...�-:'�,,:::.-
.. ------.0'01l'" odJo:J

\ ,
\

OIVpnV:J O""'.·-----'

V!JVpUO:J�s <J:J!JJow "'''",,/l''P·-------'


illVJqiun Vp:J<JIJO:J

1::>11UOW ::I ::IAI1.ISN3S 3S0A1I3N 31A I1Vdl:JNllld 9LI


PRINCIPALI VIE NERVOSE SENSITIVE E MOTRICI 177

Sono da distinguersi fondamentalmente tre vie extrapiramidali, di cui due


passanti per il corpo striato: la via cortico-strio-pallido-rubro{reticolo-)spinale
e la via cortico-strio-pallido-ipotalamo-olivo-spinale, che rappresentano l'extra­
pyramidillm in senso stretto, ed una passante per il cervelletto: la via cortico­
ponto-cerebello-rubro-reticolo-spinale.

Via cortico-strio·pallido-rubro-(reticolo-)spinale
La via cortico-striojJallido-rubro-(reticolo-)spinale (fig. 101) è la maggiore
delle due vie extrapiramidali passanti per il corpo striato.
Essa ha inizio in corrispondenza dell 'area motrice secondaria (o area 6)
e dell area soppressoria (o area 4s) del lobo frontale e da alcune aree corticali
'

dei lobi parietale e limbico dell'emisfero cerebrale. Dalla corteccia cerebrale


di tali aree nascono le fibre cortico-striate che, percorrendo il centro semiovale
dell'emisfero cerebrale, si portano al corpo striato, ossia al nucleo caudato ed al
putamen.
Il corpo striato dà origine alle fibre strio-pallidali, che si recano al globus
pallidus.
Dal globus pallidus nascono le fibre pallido-nigre e le fibre pallido-rubre
che, seguendo principalmente }'arlsa lenticolare ed il fascicolo lerlticolare, si
portano al mesencefalo dove mettono capo rispettivamente alla sostarlza ,Iera
(del Soemmering) ed al nucleo rosso. Mentre dalla sostanza nera (del Soemmering)
nascono fondamentalmente fibre nervose ascendenti che formano il fascio rligro­
striato (o fascio pettinato) destinato al putamen del corpo striato ed al globus pal­
lidus, dal nucleo rosso la via nervosa prosegue invece verso il bassa.
La parte magnicellulare del nucleo rosso dà il fascio rubro·spinale (del Mo­
nakow) che, dopo incrociamento nella decussazione del Forel del mesencefalo,
discende verso il midolla spinale dove vi entra scomposto nei fasci rubro·spinali
anteriore e Ùlterale, destinati ambedue ad estinguersi nel como anteriore del
midollo spinale stesso.
La parte parvicellulare del nucleo rosso dà origine alle fibre rubro-reticolari,
crociate, per la formazione reticolare del mesencefalo, per la formazione reticola­
re del ponte e per la formaziorle reticolare del midollo allungato.
Dalla formazione reticolare del mesencefalo e da quella del ponte nasce il
fascio reticolo-spit1ale anteriore, che scende al corno anteriore del midollo spina­
le recando impulsi ad azione sollecitatrice. Dalla formazione reticolare del midollo
allungato prende origine invece il fascio reticolo-spinale laterale, che va al corno
anteriore del midollo spinale portando impulsi inibitori dell 'attività motrice.
Dai motoneurorll' del corno anteriore del midollo spinale nascono infine le
radici anteriori dei nervi spinali che vanno ad inneevare i muscoli scheletrici.

Via cortico-strio-pallido-ipotalamo-olivo-spinale
La via cortico-strio-palljdo-ipotalamo�livo-spinale è simile, nel suo tratto
iniziale: cortico-strio-pallidale, alla via cortico-strio-pallido-rubro-(reticolo-)spina­
le; essa si stacca infatti da quest'ultima via nervosa a livello del globus pallidus,
dove fibre nervose nate da quest'ultimo si portano, tramite il fascicolo lenticolare,
178 PRINCIPALI VIE NERVOSE SENSITIVE E MOTRICI

corteccia cereb,ale ,---


_ _________ corpo clllloso

dtJll'IIrec:! motrice secondaria _


_ __�
� nucleo rosso del mesencefalo
nucleo caudato
\
mesencefalo
f41cio cortico-pontino I
I,onlme (dell'Arnold) fascio rubro-spinale
� J

talamo _
_ _____� r- jibre rubro-rericolari
\
r)IUTe cerebello-rubre

}X-
nucleo lentjCQÙlre

dausrro ___ --" pon"

corteccia
cerebrllk del
lobo temporale �
corteccia
fascio tortico-pontino r cerebellare
temporale (del Turck) __ \
�\
,_-'
[
:c::::: ,II\
fibre cortieo-nue/eari
arvelfetto
>.. nucleo del1tato del cervelletto
nuclei basilari
�----- fibre ponto-cerebelklri
formcuione reticolaTe
del mesencefalo e del ponte _______--'

midollo spinale ____________ --' '--formazione reticolare Jel midollo allungato

fascio reticolo-spinale anteriore _ _ ___


_ _ _ L_____ radice anteriore di 141'1 nervo spinale

fascio reticolo-spil1a.le laterale ________--' '--


_ _____ como artteriore del mdollo
i spjrnd�

Figura 102. Via cortico1'onto<erebello�bro.rericolo-5pinale.


PRINCIPALI VIE NERVOSE SENSITIVE E MOTR-JCI 179

all lpotalamo dove terminano nella zona incerta.


'

Dalla zona incerta dell'ipotalamo hanno origine le fibre ipotalamo--olivari


per il nucleo olivare inferiore del midollo allungato, le quali seguono il fascio
centrale della callotta: quest'ultimo fascio, lungo il suo decorso discendente
entro il tronco cerebrale, si arricchisce delle fibre rubro-olivari, provenienti
dal nucleo rosso del mesencefalo, e delle fibre reticolo-olivan', nate dalla fo r­
mazione reticolare del mesencefalo, del ponte e del midollo allungato, anche
esse destinate al nucleo olivar€ inferiore del midollo allungato, dove infatti il
fascio centrale della calIatta stesso termina.
Dal nucleo olivare inferiore del midollo allungato parte il fascio olivo-spinale
che discende nel midollo spinale, entro il cordone anteriore, per terminarvi nel
como anteriore. Dai motoneuroni di quest'ultimo nascono le radici anteriori dei
nervi spinali destinate ai muscoli scheletrici.

Via cortico onto�rebello-rubro-reticolo-s inale

Lavia cortico-ponto-cerebello-rubro-reticolo-spinale (fig. 102). detta anche


via motrice indiretta, origina dalla corteccia cerebrale con due distinti fasci:
il fascio cortico-pontino frontale (dell'Arnold) ed il fascio cortico-pontino tempo­
rale (del TU'rck). 11 fascio corticopontino frontale (dell'Arnold) nasce dalla
corteccia cerebrale dell'area motrice secondaria (o area 6 ) del lobo frontale
dell'emisfero cerebrale; percorre il braccio anteriore della capsula interna; cam­
mina poi nel quinto mediale del piede del peduncolo cerebrale del mesencefalo;
raggiunge da ultimo il piede del ponte, dove termina nei nuclei basilari del ponte.
II fasciocortico-pontino temporale (del Tiirck) trae origine da diverse zone della
corteccia cerebrale dei lobi temporale, occipitale e parietale dell'emisfero cere­
brale; decorre nel segmento sottolenticolare della capsula interna; attraversa poi il
quinto laterale del piede del peduncolo cerebrale del mesencefalo; termina infine
nel piede del ponte entro i nuclei basilari del ponte.
Dai nuclei basilari del ponte nascono le fibre ponto-cerebellari, che per la mag­
gior parte si incrociano nel rafe del piede del ponte. Esse si portano al peduncolo
cerebellare medio cterolaterale c, percorrendolo, arrivano al cervelletto, dove
terminano nella corteccia cerebellare del neocerebello.
Dalla corteccia cerebellare originano le fibre cortico-nucleari (neuriti delle
cellule del Purkinje) che vanno al nucleo dentato del cervelletto.
Dai nucleo dentato del cervelletto nascono le fibre cerebello-rubre che, en­
trando nella costituzione del fascio cerebello-rubro, seguono il peduncolo cerebel­
lare superiore e raggiungono la callotta del mesencefalo nella quale, dopo incrocia­
mento nella decussazione del Wernekink (o decussazione dei peduncoli cerebellari
superiori), mettono capo alla parte parvicellulare del nucleo rosso eterolaterale.
Dalla parte parvicellulare del nucleo rosso del mesencefalo partono le fibre
rubro-reticolari, crociate, che mettono capo alla formazione reticolare del me­
sencefalo, del ponte e del midollo allungato.
Dalla formazione reticolare del mesencefalo e del ponte origina il fascio
reticolo-spinale anteriore, che si porta al como anteriore del midollo spinale
recando impulsi ad azione sollecitatrice. Dalla formazione reticolare del midollo
allungato nasce il fascio reticolo-spinale laterale, che scende al como anteriore del
180 PRINCIPALI VIE NERVOSE SENSmVE E MOTRICI

midollo spinale portando impulsi con funzione inibitrice.


I moloneuroni del corno anteriore del midollo spinale danno infine origine al­
le radici anteriori dei nervi spinali, le cui fibre nervose vanno a terminare nei mu­
scoli scheletrici.
VASI SANGUI FERI DEL NEVRASSE

Vasi sangulferl del midollo spinale


Arterie del midollo spinale
Le arterie del midollo spinale sono le arterie vertebro-midollari, che arrivano
al midollo spinale accompagnando i nervi spinali; esse sono pertanto in numero
uguale a quello dei nervi spinali. Le arterie vertebro-midollari che accompagnano i
nervi cervicali provengono dall'arteria vertebrale e dalla arteria cervicale ascen­
dente; quelle che seguono i nervi toratici nascono dalle arterie intercostali; quelle
che camminano coi nervi lombari vengono dalle arterie lombari ; quelle infme che
seguono i nervi sacrali ed il nervo coccigeo originano dall'arteria sacrale latera­
le.
Ciascuna arteria vertebro-midollare penetra, in compagnia del corrispon­
dente nervo spinale, nel canale vertebrale e qui si risolve in ramoscelli che si

anastomotico arterioso postero�terale

PO:;;�;i�rr��[1
""'l�
tratto anastomotico vmoso radice posteriore
-
___ ----d,l nervo spinale

v. radicolare po,',rio".
_ _ #�y � a. radicolare posteriore
4l:.L.,: -I��� � ,.tg.ké.. r__';r �" "a"gUlo spinak
__

--j
-
aa.penet ranti--- -- .,__ r_ ___

periferiche
,-_ a. midollare

"- ___ ••. spinak

tratto anastomotico vmoso an.";.,'_


_ ____.../ \...
_ ____"'a••o �u." m'o.;'o arterioso anteriore

Figura 103 . Vasi sanguiferi del hlidollo spinale. Sul lato destro, le vene; sul lato sinistro, le arterie.
182 VASI SANGUIFERI DEL NEVRASSE

./
ponte

a.
\./ midollo all"t1�to

a. spirnllc flo�re

/I. lIertebra/e /' a. l1e,.,eb�ale

/I. spinale ariteriore (


tratto anastomotico IraltQ atl<JStomotico
arterioso p.JJstero-laterak

� midollo spjn�e

ad. radicolari anteriori �!l\� �aa. radicolari..e0steTiorj

f",elA A1, tf,Jo�� ffl<w Pos, H/Cl'f


dee ." ,Ioreo 'p',,,l< (", Q Itri /n
p.;> � ()Q. lA.-
, d
A B

Figura 104. Arterie del midollo spinale. In A, sulla faccia anteriore, e in B, sulla faccia poste­
riore del midollo spinale.

distribuiscono al periostio del canale vertebrale ed in un ramo plU vistoso: la


arteria rnidollare (fig. 103), che rimane applicata al nervo spinale. L'arteria mi­
dollare si divide poi tosto nell'arteria radicalare anteriore e nell arteria radicolare
'

posteriore, che proseguono in direzione del midollo spinale, applicate rispetti­


vamente alla radice anteriore ed alla radice posteriore del nervo spinale.
Le arterie radicolari anteriori, giunte al midollo spinale, decorrono sulla
faccia anteriore di questo fino a convergere, unitamente a quelle dell'altro lato,
in un tronco arterioso longitudinale, impari e mediano. che è posto all'innanzi
della fessura mediana anteriore del midollo spinale: è il tratto anastomotico
arterioso anteriore (fig. 1 04). Quest'ultimo in alto si divide in due rami, ognuno
dei quali si continua poi a pieno canale con la corrispondente arteria spinale
anteriore che proviene dall'arteria vertebrale.
Le arterie radicolari posteriori, giunte al midollo spinale, si dividono ciascuna
VASI SANGUIFERI DEL NEVRASSE 183

in un ramo ascendente ed in uno discendente che, inosculandosi a pieno canale


con il ramo discendente soprastante e con quello ascendente sottostante delle
due arterie radicolari posteriori contigue, prendono parte alla costituzione del
tratto anastomotico arterioso postero-laterale (fig. 104). Questo tratto anasto­
motico, che è pari e simmetrico, decorre longitudinalmente applicato al solco
laterale posteriore del midollo spinale, dietro alle origini apparenti delle radici
posteriori dei nervi spinali; esso in alto si unisce alla corrispondente arteria spinale
posteriore, ramo dell'arteria vertebrale.
II tratto anastomotico arterioso anteriore ed i due tratti anastomotici arte­
riosi postero-Iaterali sono collegati tra di loro da numerosissime arterie anasto­
motiche, che formano sulla superficie del midollo spinale, nello spessore della
pia madre, le rete arteriosa perimidollare.
Dai tratti anastomotici arteriosi e dalla rete arteriosa perimidollare si di.
partono le arterie penetranti, che si affondano entro il midollo spinale. Di esse,
le arterie penetranti centrali, che derivano principalmente dal territorio del
tratto anastomotico arterioso anteriore, irrorano le corna anteriori, la commes­
sura bianca, la commessura grigia e le basi delle corna posteriori del midollo
spinale; le arterie penetranti periferiche, che vengono fondamentalmente dai
territori dei tratti anastomotici arteriosi postero-laterali, vascolarizzano le teste
delle corna posteriori ed i cordoni del midollo spinale.

Vene del midollo spinale

Le vene del midollo spinale (fig. 103) hanno un decorso che ripete a grandi
linee quello delle arterie.
Le ven.e intramidollari si gettano in una fitta rete venosa perimidollare, accolta
nella pia madre. Entro tale rete venosa perimidollare spiccano, per il loro mag­
giore calibro e per la loro lunghezza, il tratto anastomotico venoso anteriore
e i due fratti anastomotici venosi postero-laterali, che accompagnano i corri­
spondenti tratti anastomotici arteriosi, inoltre la vena mediana posteriore, che
decorre lungo il solco mediano posteriore del midollo spinale.
Dalla rete venosa perimidollarc traggono origine le vene radicolari anteriori
e le vene radicolari posteriori, che seguono le rispettive radici dei nervi spinali
e che poi, unendosi tra di loro, formano le vene m dollari,
i le quali sono in genere
una per ogni nervo spinale.
Ciascuna vena midollare si unisce a vene che provengono dal pcriostio del
canale vertebrale e dai plessi venosi pcridurali, con le quali forma il plesso venoso
perigangliare posto nel foro interverterbale. Quest'ultimo plesso si getta poi,
secondo le zone, o nella vena vertebrale, o nelle vene intercostali, o nelle vene
lombari, o infine nella vena sacrale laterale.

Vasi sanguiferi del tronco cerebrale


-------

Arterie del tronco cerebrale

Il tronco cerebrale è irrorato dal sistema delle due arterie vertebrali, destra
e sinistra.
184 VASI SANGUIFERI DEL NEVRASSE

L'arteria vertebrale, ramo dcll'aneria succlavia, dopo avere percorso il canale


trasversario delle vertebre cervicali ed avere perforato la membrana occipito­
adantoidea posteriore e la dura madre, entra neHo spazio sottoaracnoidale dove si
trova a lato del miclotlo allungato; decorrendo verso l'alto e mediai mente, essa
passa sulla faccia anteriore del midollo allungato c, raggiunto il solco bulbo­
pontino, si unisce con quella eterolaterale, formando l'arteria basilare. Quest'ulti­
ma, che è impari e mediana, sale verso l'alto sulla {accia anteriore d�1 ponte,
accolta nel solco basilare; giunta al solco prcpontino, essa si biforca nelle due
arterie cerehrali posteriori, destra e sinistra, che piegano lateralmente, circon­
dando ciascuna il corrispondente peduncolo cerebrale dci mesencefalo.

[Arterie del midollo allungatq. Il midollo allungato riceve, da ciascun lato, l'arte­
ria spinale anteriore (fig. 1 05) e l'arteria spinale posteriore, che nascono dalla
estremità superiore dell'arteria vertebrale e discendono rispettivamente sulla
faccia anteriore e su quella posteriore del midollo allungato fino al midollo
spinale; qui la prima si unisce al tronco anastomotico arterioso anteriore del
midollo spinale, mentre la seconda si inoscula con il corrispondente tratto ana­
stomotico arterioso postero-laterale del midollo spinale. Il midollo allungato
riceve inoltre rami dall'arteria cerebellare infero-posteriore, proveniente dalla
arteria vertebrale, e dall 'arteria basilare.
Le arterie del midollo allungato si risolvono sulla superficie del midollo
allungato stesso in numerosi rami, fra loro ampiamente anastomizzati, che de­
corrono nella pia madre. Da tali rami originano poi le arterie penetrmlti, che si

Figura 105. Arterie vertebrali e arteria basilare e loro rami.


VASI SANGUIFERI DEL NEVRASSE 185

addentrano nel midollo allungato, comportandosi come arterie terminali; esse


infatti non si anastomizzano fra di loro, ma hanno ciascuna un proprio terri­
torio circoscritto di irrorazione. Le arterie penetranti comprendono: le arterie
penetranti cerltrali, che entrano in corrispondenza della fessura mediana ante­
riore dci midollo allungato e vanno ai nuclei motori dei nervi encefalici posti nel
midollo allungato; le arterie pelletranti periferiche, che si affondano in tutto il
restante ambito della superficie libera del midollo allungato e si distribuiscono
agli altri nuclei ed alla sostanza bianca del midollo allungato; le arterie radicolari,
ognuna delle quali, presso l'origine apparente di un nervo encefalico, si divide
in un ramo che penetra nel midollo allungato e si porta al nucleo del nervo en­
cefalico stesso ed in un ramo che segue il nervo verso la periferia.

Arterie del ponte. l&! (fig. 105) �gQno dall'arteria basi­


arteriJL..de Lpo11Le
lare. Questa emette dalla sua profondità le arterie penetranti centrali, che si
affondano nel ponte in corrispondenza del solco basilare e vanno ad irrorare
i nuclei motori dei nervi encefalici situati nel ponte; dà luogo poi ad una serie di
rami collaterali che si ramificano e si anastomizzano sulla faccia anteriore del
ponte, formano una rete arteriosa entro la pia madre. Da tale rete arteriosa
prendono origine le arterie penetranti periferiche, che si affondano nel ponte per
irrorare gli altri nuclei e la sostanza bianca del ponte stesso, inoltre le arterie ra­
dicotari, che si comportano in modo analogo alle arterie radicolari dci midollo
allungato. Anche nel ponte, le arterie penetranti si comportano come arterie
terminali.

IArterie del mesencefalol �rtçrie del mesencefalo sono da distinguersi in arte­


i p,eduncoli cerebrali ed arteriJ!...de1a,Jamina
rie de 1 --'lliadrigemina.
Provvedono alla vascolarizzazione di ciascun peduncolo cerebrale: le arterie
peduncolari paramediane. che nascono dall'estremità superiore dell'arteria basilare
e dai tratti iniziali delle due arterie cerebrali posteriori e che si affondano in
corrispondenza della SOStanza perforata posteriore; le arterie peduncolari me­
diali, che provengono dall'arteria cerebrale posteriore e dall'arteria comunicante
posteriore, ramo dell'arteria carotide interna, e che entrano nel mesencefalo in
corrispondenza del solco dell'oculomotore; le arterie pedl/ncolart' laterali, che
originano dall'arteria cerebrale posteriore e dall'arteria corioidea anteriore, ramo
dell'arteria carotide interna, e che si addentrano in corrispondenza del solco
laterale del mesencefalo.
La lamina quadrigemina riceve da ciascun lato: l'arteria quadrjgemina infe­
riore, che è ramo dell'arteria cerebellare superiore; l'arteria quadrigemina media,
che è ramo dell'arteria cerebrale posteriore; l'arteria quadrigemina superiore,
che è anch 'essa ramo dell'arteria cerebrale posteriore. Le arterie quadrigemine
d'ambo i lati si ramificano e si anastomizzano fra di loro, formando al di sopra
della lamina quadrigemina, entro la pia madre, un'unica rete arteriosa superfi­
ciale; da questa traggono origine molteplici ramoscelli che, col carattere di arte­
rie terminali, si affondano e si distribuiscono alla lamina quadrigemina.

Vene del tronco cerebrale

Vene del midollo allungato. Le vene del midollo allungato si portano sulla su-
186 VASI SANGUIPERI DEL NEVRASSE

perfide esterna del midollo allungato dove convergono in due tronchi venosi
impari e mediani, che sono: la vena mediana anteriore, che decorre luogo la
fessura mediana anteriore del midollo allungato, rappresentando la prosecu­
zione verso l'alto del tratto venosa mediano anteriore del midollo spinale, e che
sbocca superiormente nella rete venosa prepontina; la vena mediana posteriore,
prosecuzione della vena mediana posteriore del midollo spinale, che presso la
estremità inferiore del IV ventricolo si divide in due rami i quali, dopo avere
ricevuto le vene corioidee della tela corioidea e dei plessi corioidei del IV ven­
cricolo, circondano ciascuno il corrispondente peduncolo cerebellare inferiore
per gettarsi infine nel plesso venosa del foro ocdpitale.

Vene del pontel Le vette del ponte convergono sulla faccia anteriore del ponte,
dove formano il plesso venoso prepontino, ricco plesso venoso cui mette capo
anche la vena mediana anteriore del midollo allungato e che comunica sui lati
con le vene flocculari del cervelletto. Il plesso venosa prepontino si scarica nelle
vene basilari (del Rosenthal) e, tramite queste, nella grande vena cerebrale (di
Galeno); si scarica inoltre nelle vene flocculari del cervelletto e, mediante queste,
nei seni petrosi sia superiori che inferiori della dura madre.

\ Vene del mesencefaJa::JLe vene del mesencefalo comprendono quelle dei pe·
duncoli cerebrali e quelle della lamina quadrigemina.
Le vene dei peduncoli cerebrali sono piccole vene che decorrono sulle facce
anteriori e su quelle laterali dei peduncoli cerebrali stessi. Esse, da ciascun lato,
mettono capo alla vena basilare (del Rosenthal) ed alla vena comunicante po·
l
steriore, la quale collega infatti le due vene basilari (de Rosenthal) decorrendo
subito all'innanzi dci due peduncoli cerebrali.
Le vene della lamina quadrigemina si gettano nella grande vena cerebrale
(di Galeno), la quale travasi subito dietro la lamina quadrigemina stessa.

Vasi sanguiferi del cervelletto


Arterie del cervelletto

Le arterie del cervelletto (figg. 105 e 106) sono tre, pari e simmetriche:
l'arteria cerebellare jnfero-posteriore, ramo dell'arteria vertebrale, che si porta
sulla parte posteriore della faccia inferiore del cervelletto; l'arteria cerebellare
infero-anteriore, ramo dell'arteria basilare, che si reca sulla parte anteriore della
faccia inferiore del cervelletto; l'arteria cerebellare superiore, ramo anch'essa
dell'arteria basilare, che va sulla faccia superiore del cervelletto.
I molteplici rami che traggono origine dalle successive divisioni delle tre
arterie cerebellari si anastomizzano ampiamente tra di loro e con i rami delle
tre arterie cerebellari eterolaterali; si viene COSI' a costituire, sulla superficie
del cervelletto, un'unica, grande rete arteriosa, la quale è continua da una metà
all'altra dell'organo. Da tale rete arteriosa che circonda il cervelletto nascono
vasi più fini, i quali entrano nella pia madre; quivi essi formano una rete fittis·
sima, che si addentra anche nei solchi di vario ordine che percorrono la super­
ficie del cervelletto, Dalla rete arteriosa accolta nella pia madre si diparte una
moltitudine di ramoscelli finissimi, che si affondano perpendicolarmente nel
VASI SANGUIFERI DEL NEVRASSE 187

a. cerebrale posteriore eSeP1ce(alo

a. corioidea pruteriore

a. basiill re • cerebel/ore superiore

ponte:-----_

midoUo aI/uP1
gato

a. cerebellare iP1(ero-aP1teriore

a. cerebellare iP1fero- osteriore

a. vertebrale '-______ �Iletto

Figura 106. Arterie del cervelletto del lOlto sinistro.

cervelletto; essi vanno a costituire una rete di vasi capillari a maglie fitte entro la
corteccia cerebellare, ed una rete a maglie più ampie in seno alla sostanza bianca
del corpo midollare del cervelletto.
Tra i rami arteriosi che si addentrano nel cervelletto spicca sugli altri, per il
calibro nettamente superiore, l'arteria del ,luc1eo dentato; essa proviene dalla
arteria cerebellare infero-anteriore.
Le arterie cerebellari inferiori infine, specie quella infero-posteriore, forni.
scono .mche le arterie corioidee del IV ventricolo, per la tela corioidea ed i plessi
corioidei del IV ventricolo.

Vene del cervelletto


Le vene del cervelletto si raccolgono sulla superficie dell'organo, dove poi
convergono in collettori venosi maggiori che sono le tiene vermiane (o vene
cerebelÙlri mediati) e le ve/le cerebelÙlri laterali.
Le vene vermiane, in numero di due e distinte in superiore ed inferiore, sono

vasi pari e simmetrici che costeggiano rispettivamente il verme superiore ed il


verme inferiore del cervelletto; di esse, quella superiore decorre dall'indietro
in avanti e termina nella grande vena cerebrale (di Galeno), '1uel1a inferiore
decorre invece dall'avanti alJ'indietro e si apre nel confluente dei seni ( o tor­
colare di Erofilo) della dura madre. Le vene cerebellari laterali decorrono d'ambo
i lati presso la circonferenza del cervelletto e sono distinte in allterior; e poste­
riori, secondo se in rapporto con la parte anteriore oppure con quella posteriore
188 VASI SANGUIFEIU DEL NEVRASSE

della circonferenza medesima; di esse, le anteriori, che sono dette anche vene
flocculari, si portano in avanti e vanno a sboccare nei seni petrosì superiore
ed inferiore della dura madre, le posteriori si aprono invece nel seno trasverso
della dura madre.

\ � sanguiferi del Cerv""è1iOl


Me(jg del '!!n'�

Le arterie del cervello provengono dalle due arterie carotidi interne, destra
e sinistra, e dall'arteria basilare, quest'ultima costituita dall'unione delle due
arterie vertebrali, destra e sinistra, che a loro volta sono rami collaterali delle
arterie succlavie.
Ciascuna arteria carotide interna, penetrata nella cavità del cranio attraverso
il canale cacotico dell'osso temporale ed attraversato il seno cavernoso della dura
madre, giunge alla faccia inferiore del cervello presso il çontorno laterale del
chiasma ottico. Qui essa, dopo avere dato come ramo collaterale l'arteria oftal.
mica per la cavità orbitale, si risolve nei suoi rami terminali destinati al cervello;
di questi, due sono particolarmente voluminosi: l'arteria cerebrale anteriore e
l'arteria cerebrale media (o arteria silviana), altri due sono invece più esili: la
arteria corio idea anteriore e l'arteria comunicante posteriore.
L'arteria basilare, giunta al solco prepontino, si divide nei suoi due rami
terminali destinati al cervello: le due arterie cerebrali posteriori, destra e sinistra.
L'arteria basilare dà pure al cervello indirettamente, tramite le sue arterie ce­
rebellari superiori, le due arterie corioidee medie, destra e sinistra, per la tela
corio idea del III ventricolo.
I rami delle due arterie carotidi interne e quelli dell'arteria basilare si ana­
stomizzano tra di loro in vicinanza della loro origine, formando il poligono
arterioso del rvillis (fig. 107); è questo una sorta di anello arterioso che è posto
sulla faccia inferiore del cervello attorno alle parti del diencefalo affioranti in
superficie (chiasma ottico. tuber C;'lereum e corpi mammillari) e che ha il com­
pito di rendere maggiormente uniforme la distribuzione del sangue al cervello.
U poligono arterioso del Willis ha la forma di un ettagono; esso presenta per.
tanto un Iaea anteriore impari e mediano, che è dato dall'arteria comunicante
anteriore congiungente le due arterie cerebrali anteriori, e tre lati pari e sim·
metrici, di cui quello antera-laterale è costituito dal tratto iniziale dell'arteri a

cerebrale allteriore, ramo dell'arteria carotide interna, quello laterale è forma­


to dall'arteria comunicante posteriore, che dall'arteria carotide interna si por­
ta all'arteria cerebrale posceriore, e quello infine poscero-Iaterale è rappresen­
tato dal tratto iniziale dell'arteria cerebrale posteriore, ramo dell'arteria ba­
silare.
Le arterie del cervello, in base ai loro territori di distribuzione, vengono
distinte in: arterie corticali, arterie centrali, arterie corioidee.
Le arterie corticali (o arterie periferiche) decorrono sulla superficie di cia­
scun emisfero cerebrale, esternamente alla pia madre, e si ramificano ripetu­
tamentc fino ad acquisire il diametro di circa l mm; si addentrano allora nelle
spessore della pia madre dove, ulteriormente dividendosi, danno luogo a ramo-
VASI SANGUIFERI DEL NEVRASSE 189

a. comunicante anteriore _
_ _____
'a��t---- a cerebrale anteriore

••..,,-----a.. carotide interna

cJljasma o'nco ---_---' '---- a. cerebrale media

,-!---ci�C:;"'r---
________

a. comunicmlte posteriore

,-i------...::--a.. corioidea anteriore


.--"If----+==- a.. cerebrale posteriore
a. b""'/',,, -----!--fi'----

mesencefalo -------,1:-'

Figura 107. Poligono arterioso del willis.

sceHi che si anastomizzano ampiamente tra di loro e formano la rete arteriosa


piale, che consta di una rete ad ampie maglie entro cui è accolta una rete a maglie
strette di vascllini molto esili. Dalla rete piale si origina un numero stragrande di
piccole arterie che si affondano perpendicolarmente nell 'emisfero cerebrale, av­
volte ciascuna da una guaina di pia madre che ne circonda poi anche le rami­
ficazioni, arrestandosi solo a livello dei vasi capillari; tale guaina di pia madre non
aderisce però alla parete dell'arteria, ma ne è separata dallo spazio di Virchow e
Robin che comunica con lo spazio sottoaracnoidale e funge da via di deflusso
della linfa. Tali arterie che penetrano nell'emisfero cerebrale in parte si distri­
buiscono alla corteccia cerebrale: sono le arterie corticali in senso stretto, in parte
invece mettono capo alla sostanza bianca del centro semiovale dell'emisfero
cerebrale: sono le arterie midollari.
Le arterie centrali provvedono, in ciascun emisfero cerebrale, alla vasco­
"
larizzazione dei nuclei della base e delle capsule interna ed esterna. Sono arte­
rie a carattere terminale, avendo ciascuna un suo proprio territorio di vasco­
larizzazione indipendente da quelli circostanti; esse infatti, oltre a non contrarre
anastomosi tra di loro, non si anastomizzano neppure con le arterie midollari
delle arterie corticali che si distribuiscono al centro semiovale dell'emisfero
cerebrale. Per quest'ultimo fatto, tra il territorio di distribuzione delle arterie
190 VASI SANGUIFERI DEL NEVRASSE

midollari e quello delle arterie centrali esiste una zona dell'emisfero cerebrale
che è scarsamente vascolarizzata.
Le arterie corioidee sono deputate a vascolariu.are le formazioni corioidee
che la pia madre forma nel III ventricolo e nei ventricoli laterali.

1 . L'arteria cerebrale anteriore (fig. 108) è il secondo in grandezza dei rami


terminali dell'arteria carotide interna. Essa, dirigendosi in avanti e medialmente,
giunge presso la fessura longitudinale del cervello dove, tramite un breve vaso
trasversale impari: l'arteria comunicartte anteriore, contrae anastomosi con la
arteria cerebrale anteriore eterolaterale ; piega indi verso l'alto e si addentra
nella fessura interemisferica del cervello dove, circondato il ginocchio del corpo
calloso con un'ampia curva aperta posteriormente, prosegue verso l'addietro
sulla faccia mediale dell'emisfero cerebrale, mantenendosi parallela al solco
del corpo calloso. Termina con l'arteria frontale interna posteriore, arteria cor­
ticale che sale sul lobulo quadrilatero della faccia mediale dell'emisfero cere­
brale, passando anche con alcuni rami sulla faccia laterale dell'emisfero cere­
brale stesso in corrispondenza della parte alta del lobo frontale; termina inoltre
con l'arteria pericallosa, che prosegue in addietro lungo il solco del corpo cal­
loso e va ad unirsi all'arteria cerebrale posteriore dietro lo splenio del corpo
calloso.
L'arteria cerebrale anteriore dà, come suoi primi rami collaterali, le arterie
centrali antero-mediali, che si affondano nella sostanza perforata anteriore e
vanno ad irrorare la testa del nucleo caudato.
L'arteria cerebrale anteriore emette poi ancora, come rami collaterali, le
seguenti arterie corticali: l'arteria frontale interna inferiore (fig. 109), che si

d, frontale interna posteriore


�-?"/1 � a. frontale i"tcma media

.c':...._.:>...
,..-.

corpo calloso ______,• "d. frontale interna anteriore

, ,,I,,,,�
I&..'sii..t� ��
, J�""..


" w,b,"I, """ " 0,"

",- �
� .:::. . 1",'" _
__ -,
"� . _
a. cerebrale posteriore

Figura 108. Arteria cerebrale anteriore c arteria cerebrale posteriore sulle facce mediale ed inferiore dell'emisfero
cerebrale sinistro.
VASI SANGUIFERI DEL NEVRASSE 191

-
�brale ,
n" "io�
;;;" ______ ",


a...cerebrale �,a"'_-------�LI ,,�::;s;;��.. ------- o orbito
. -f�
-
a�carotjde .

e'!!.'io"-------'I-"��r1
a. comunicante

o. b""'o�,----_f./.:::: . del corno di Ammone

ramo tem ora� anteriore


. cerebraleposreriore
- - " -

Figura 109. Arterie cerebrali anteriore, media e posteriore sulla faccia inferiore dell'emisfero cerebrale sinistro.

porta sulla parte mediale della superficie orbitale del lobo frontale dell'emi.
sfero cerebrale; le arterie frontali interne anteriore e media (fig. 108), che ri­
salgono sulla faccia mediale dell'emisfero cerebrale, sconfinando con i loro rami
anche sulla parte superiore della faccia laterale dell'emisfero cerebrale in cor­
rispondenza dei lobi frontale e parietale.
Concludendo, i territori di distribuzione delle arterie corticali che origina­
no dall'arteria cerebrale anteriore sono: la faccia mediale dell'emisfero cere­
brale (fig. 1 1 0), escluso il lobo occipitale; le parti superiori dei lobi frontale e
parietale sulla faccia laterale dell'emisfero cerebrale (fig. 1 1 1); la parte mediale
della superficie orbitale del lobo frontale dell'emisfero cerebrale (fig. 1 1 2). 11
territorio di distribuzione delle arterie centrali che vengono dall'arteria cere­
brale anteriore è la testa del nucleo caudato.
2 . L'arteria cerebrale media (o arteria silviana) (fig. 109) è il maggiore dei
rami terminali dell'arteria carotide interna. Dalla sua origine, essa si porta di
lato sotto all'emisfero cerebrale del corrispondente lato, decorrendo inferior­
mente alla sostanza perforata anteriore. Raggiunta la scissura laterale (del Silvio),
si immette nella profondità di questa e, seguendone l'andamento, passa dalla
192 VASI SANGUlFERI DEL NEVRASSE

seissura centrale (del RQlatldo� I


.......
, corpo cal oso

pescirspeunradicolare poldelo'efmroisntferaloe
poldelo'e.acmicsifpeirtoale polo temporale
L-scis ura laterale(del Silvio)
Figura 1 10. Territori di distribuzione delle arterie corticali sulla faccia mcdiale dell'emisfero cerebrale sinistro: in
giallo, dell'arteria cerebrale anteriore; in azzurro dell'arteria cerebrale media; in arancio, dell'arteria cerebrale po­
,

steriore.

7�\
(�2)
scis uIa foterak (del Si!;; � �
_, ""," seistura centrale

poldcIo'efrmisomaferloe im:isJ!LQ
perpctldicQ.lare
;010
polo Egip.ilille

�ltetmemisfe�Lero (:eJcbrttU /
ddr�
Figura 1 1 1 . Territori di distribuzione delle arterie corticali sulla faccia laterale dell'emisfero cerebrale sinistro: in
giallo, dell'arteria cerebrale anteriore; in azzurro, dell'arteria cerebrale media; in arancio, dell'arteria cerebrale po­
steriore .
VASI SANGUIFERI DEL NEVRASSE 193

faccia inferiore su quella laterale dell'emisfero cerebrale. Termin;a con l'arteria


del giro angolare (o arteria della piega curva) (ftg. 1 1 3 ), che fuoriesce dall'estre­
mità posteriore della scissura laterale (del Silvio) e si distribuisce sul giro an­
golare (o piega curva),
Passando al di sotto della sostanza perforata anteriore dell'emisfero cere­
brale, l'arteria cerebrale media emette ad angolo retto le arterie centrali antera­
laterali (ftg. 1 14), che si affondano nella sostanza perforata anteriore stessa; esse,
che sono in numero di 8 a 1 2 e sono le più voluminose tra le arterie centrali del
cervello, sono distinguibili in un gruppo medialc ed in uno laterale. Il gruppo
mediale sono le arterie striate mediaii ; esse vanno a vascolarizzare il globus pal­
lidus ed il braccio anteriore della capsula interna. Il gruppo laterale è rappresen­
tato dalle arterie striate laterali; queste si portano al putamen, lo irrorano e,
dopo averlo attraversato, piegano medialmente e, percorrendo la capsula in­
terna, si recano sia al nucleo caudato: le arterie lenticolo-caudate, sia al talamo:
le arterie lenticolo-ottic he , nonché alla capsula esterna. Tra Ìe arterie centrali
antera-laterali è da ricordare la così detta arteria dell 'emorragia cerebrale (dello
Charcot), che fa parte delle arterie lenticolo-caudate e decorre sulla faccia laterale

scissura laterale (d"ll,!!>, ;� _-L


_

Figura 1 1 2 . Territori di distribuzione delle arterie corticali sulla faccia inferiore dell'emisfero
cerebrale sinistro: in giallo, dell'arteria cerebrale anteriore: in azzurro, dell'arteria cerebrale
media; in arancio, dell'arteria cerebrale posteriore.
194 VASI SANGUIFERI DEL NEVR.ASSE

a. frontale ascendente a. parieta/e a.sctmdente

a. frontale anteriore --a, paneta/e posteriore


.r

del giro angolare

scissur.rl wteralll
(del Silvio)
l:Td':::r�-(
X
� '- _
,d'M' «"",/e
(del Rolando)

\ "
."' .

tJ
raland/ca

-.,
a. temporale media

a. temporale anteriore _____ )'<':1�����:::�


a. temporale posteriore /

Figur:a 1 1 3 . Rami dell'arteria cerebrale media sulla fa.ccia kterale dell'emisfero cerebrale sinistro.

del pu tamen.
Decorrendo nella profondità della scissura laterale (del Silvio), l'arteria cere­
brale media emette numerose arterie corticali che fuoriescono dalla scissura
medesima e si portano sulla superficie esterna dell'emisfero cerebrale. Esse sono
(fìgg. 109 e 1 1 3 ) : l'arteria orbito-frontale, che si distribuisce alla parte laterale
della superficie orbitale del lobo frontale dell'emisfero cerebrale ; l'arteria fron­
tale anteriore e l'arteria frontale ascendente, che salgono sulla faccia laterale
del lobo frontale dell'emisfero cerebrale, di cui la seconda costeggia anterior­
mente la circonvoluzione frontale ascendente; l'arteria rolandica, che risale lungo
la scissura centrale (del Rolando) dell'emisfero cerebrale ; l'arteria parietale ascen­
dente e l'arteria parietale posteriore, che salgono sulla faccia laterale del lobo
parietale dell'emisfero cerebrale, di cui la prima decorre lungo il contorno poste­
riore della circonvoluzione parietale ascendente; le tre arterie temporali, ante­
riore, media e posteriore, che discendono sulla faccia laterale del lobo temporale
dell'emisfero cerebrale.
Riassumendo, i territori di distribuzione delle arterie corticali che proven­
gono dall'arteria cerebrale media sono: la faccia laterale dell'emisfero cerebrale
(fig. 1 1 1 ), tranne le parti superiori dei lobi frontale e parietale, il lobo occipi­
tale e la parte posteriore del contorno inferiore del lobo temporale; sulla faccia
inferiore dell'emisfero cerebrale (fig. 1 1 2) , la parte laterale della superficie orbi­
tale del lobo frontale, il polo temporale e la parte anteriore della circonvoluzione
temporale inferiore. 1 territori di distribuzione delJe arterie centrali originate
dall'arteria cerebrale media sono: il nucleo caudato, il nucleo lenticolare, il
talamo, il braccio anteriore della capsula interna, la capsula esterna.
VASI SANGUIFERI DEL NEVRASSE 195

nucleo lenricoUJre -r''---,. r1---n--- ucleo caudato


---,,cèr:,' _
_________

capsu14 es ren
ra- - �I/ �.apsula intenw

lenticolo-caudate--------t'---,
______
_______

aol.
/------ talamo

c14ustro --------�.,f=::sç�" I;.ç..,�;._-f.a_--- a. lenticolo-ottiche


a. dell'emorragia
cerebrale (dello cltarcor) -��
_���
��:
:��____ ----A::!'.�� I�_-----a. cerebrale media
scissura larerale (del Silvio) s...;:�"'=--- sostanza perforata anteriore

Figura 114. Arterie centrali antero-laterali, viste in una se�ione frontale dell'emisrero cerebrale sinistro.

3. L'arten'a corioidea anteriore (f�. 89) è la maggiore fra le arterie corioidee


del cervello. Originata dall'arteria carotide interna, si porta di lato ed in addie­
tro seguendo il tratto ottico; contornato lateralmente il peduncolo cerebrale,
entra nella parte laterale della fessura trasversa del cervello (del Bichat), dove
si immette poi nel plesso corioideo laterale in corrispondenza dell'estremità
anteriore del corno temporale del ventricolo laterale. Essa percorre l'intero
plesso corioideo laterale, seguendone l'andamento dal corno temporale del ven­
tricolo laterale al crocicchio ventricolare ed infine alla cella media del ventricolo
laterale stesso. Termina presso il foro interventricolare (del Monro), dove il plesso
corioideo laterale si estingue.
L'arteria corioidea anteriore dà anzittutto i rami al plesso corioideo laterale.
Fornisce inoltre varie arterie centrali del cervello, che vascolarizzano la coda
del nucleo caudato ed il talamo, inoltre il ginocchio, il braccio posteriore ed i
segmenti retrolenticolare e sottolenticolare della capsula interna.
4. L'arteria comunicante posteriore (fig. 107) nasce dall'arteria carotide
interna e, portandosi in addietro, raggiunge l'arteria cerebrale posteriore entro
cui si apre. Essa dà luogo ad alcune arterie centrali del cervello, tra cui la mag­
giore si affonda nel cervello stesso dietro il tratto ottico e, salendo verticalmente,
si porta al tubercolo anteriore del talamo.
S. L'arteria cerebrale posteriore (figg. 108 e 109), originata dalla biforca­
zione dell'arteria basilare presso l'estremità superiore del ponte, si dirige lateral�
mente e poi posteriormente, circondando il peduncolo cerebrale del corrispon­
dente lato; indi prosegue verso l'indietro lungo il margine infero-medialc del­
l'emisfero cerebrale, fino a raggiungere l'estremità anteriore della scissura cal-
196 VASI SANGUlFERI DEL NEVRASSE

carina. Qui si continua con il suo ramo terminale: l'arteria calcarùla, che decorre
verso l'addietro costeggiando la scissura calcarina; essa si distribuisce sulla faccia
rnediale del lobo cccipitate dell'emisfero cerebrale con arterie corticali, le quali
passano anche sulla faccia laterale del lobo occipitale stesso.
L'arteria cerebrale posteriore emette, presso la sua origine, le arterie centrali
postero-mediali, che si addentrano nella sostanza perforata posteriore della fossa
interpeduncolare del mcsencefalo e vanno al talamo; emette ancora, appena
circondato il pcduncolo cerebrale, le arterie centrali postero-laterali, che si af­
fondano nel solco laterale del mesenccfalo e si recano anch'esse al talamo. La
arteria cerebrale posteriore dà poi origine all'arteria corioidea posteriore (fig. 8 9 ) ;
questa entra nella parte mediana della fessura trasversa del cervello (dci Bichat) e,
portandosi lateralmente, raggiunge il plesso corioideo laterale, dove questo dalla
cella media del ventricolo laterale passa ncl crocicchio ventricolare, e ad esso
si distribuisce .
Decorrendo lungo il margine infero-mediale dell'emisfero cerebrale, l'arteria
cerebrale posteriore dà luogo anzittutto all'arteria del corno di Ammone (fig. 109),
che entra nella parte laterale della fessura trasversa del cervello (del Bichat)
per distribuirsi al corno di Ammone ed alla fascia dentata, nonché alla circon­
voluzione dell'ippocampo dell'emisfero cerebrale. Essa emette poi i suoi due
rami temporali, anteriore e posteriore (fig. 1 0 9 ) , i quali si portano lateralmente
sulla faccia inferiore dell'emisfero cerebrale nella parte retrostante alla scissura
laterale (del Silvio), dove si risolvono in arterie corticali; queste sconfinano
anche sulla faccia laterale dell'emisfero cerebrale, portandosi sul lobo occipi­
tale e sulla parte posteriore del contorno inferiore del lobo temporale.
Riassumendo, i territori di distribuzione delle arterie corticali nate dall'arteria
cerebrale posteriore sono: sulla faccia inferiore dell'emisfero cerebrale (fig. 1 1 2 ) ,
la parte retrostante alla scissura laterale (del Silvio), tranne il polo temporale
e la parte anteriore della circonvoluzione temporale inferiore ; sulla faccia mediale
dell'emisfero cerebrale (fig. 1 1 0 ) , il lobo occipitale; sulla faccia laterale dell'emi­
sfero cerebrale (fig. 1 1 1 ) , il lobo occipitale e la parte posteriore del contorno
inferiore del lobo temporale; infine, il corno di Ammone e la fascia dentata.
Il territorio di distribuzione delle arterie centrali originate dall 'arteria cerebra­
le posteriore è rappresentato dal talamo. Il territorio di distribuzione dell'ar­
teria corioidea posteriore , ramo dell'arteria cerebrale posteriore, è il plesso co­
rioideo laterale.
6. L'arteria corioidea media proviene indirettamente dall'arteria basilare
in quanto è ramo deU 'arteria cerebellare superiore, a sua volta ramo collaterale
dell'arteria basilare stessa. Essa si porta nella parte mediana della fessura trasver­
sa del cervello (del Bichat) e raggiunge l'estremità posteriore della tela corioi­
dea del III ventricolo; in questa si immette e la percorre poi interamente dal­
l'indietro in avanti, decorrendo in vicinanza della linea mediana a fianco della
omonima arteria eterolaterale. Vascolarizza la tela ed i plessi corioidei del III
ventricolo.

\ Vene del cervello \


Le vene del cervello vengono discinte in vene cerebrali superficiali e vene
VASI SANGUIFERI DEL NEVRASSE 197

.�:�
'��""'
0lIl · :!:�f�"I��:::-- __ _ e o agittale superiore
_ _s l1 s
-
della dura madr
""e

� v. grande a11astomica
�J
__

(del

v. piccola al1as� (del Labbé) -\f'-+---'


seMO trasverso
L__ della dura madre

Figura 1 1 S. Vene cerebrali superficiali sulla faccia laterale dell'emisfero cerebrale sinistro.

seno !agirrale superiore della dura madre v. corioidea


v. cerebrale interna ;",,
v. limbica posteriore --/�{f��
v. del setto pellucido

_..l(";:::�=:.:_::::;'3fI=::;t::� 'ìc--"�,-v.
___

limbica anteriore
...

seMo !agittale

--1-11'--+"
inferiore
della dura madre

grande vena

--jUf;;'''-odc:�
cerebrale
(di Galeno)

t'1\-(=--c;;;<;
seno retto
della dura madre

seno trasverso
destro
della dura madre

confluente dei seni .."�----------- seno trasverso sinistro della dura madre

Figura 116. Vene cerebrali supc�ficiali sulle facce mediale ed inferiore dell'emisfero cerebrale sinistro.
198 VASI SANGUIFERI DEL NEVRASSE

v al'at iva
' l'
,( 7/' \' " Y1 l�
'"\ I( ....
� .. \\ V limbica anteriore
'

perfdeorlaatasoansttaenrizoare , ---
vv. v. comunicante
v. del 'insula /'"

bas(del Rosilareenthal) -
v.

./
� v.cerebrale interna
(I
! gratlde vetl(adiceGdkrrebr1aole)

Figura 1 1 7 . Vene basilari (del Rosenthal) sulla faccia inferiore del cervello.

cerebrali profonde. Sboccano tutte nei seni venasi della dura madre.

Vene cerebrali suoerficiali. Le vene cerebrali superficiali (o vene corticali) pren­

..
dono origine da una ricchissima rece venosa accolta nella pia madre che riveste
ciascun emisfero cerebrale : è la rete venosa .piak.---'J.lun.ll.QJ1.Q.caposiale"PIIP
e
corticali '-tl senso stretto, che provengono dalla corteccia cerebrale, sia le vene
midollari, che vengono dal centro semiovale dell'emisfero cerebrale.
Le vene cerebrali superfìciali decorrono sulla superficie di ciascun emisfero
cerebrale (figg. 1 1 5 e 1 1 6 ) , esternamente alla pia madre. Di esse, le superiori,
ossia quelle decorrenti sulla parte superiore dell'emisfero cerebrale, si portano
verso l'alto e si aprono nel seno sagittale superiore della dura madre, sboccando
quelle anteriori secondo il senso della corrente venosa del seno sagittale superiore
e le posteriori invece contro corrente; le inferiori, decorrenti sulla parte inferiore
dell'emisfero cerebrale, scendono in basso e vanno ad aprirsi o nel seno cavernoso,
o nel seno petroso superiore, o nella parte orizzontale del seno trasverso della dura
madre.
Sono vene cerebrali superficiali anche due vene anastomotiche che decor­
rono sulla faccia laterale dell'emisfero cerebrale (fig. 1 1 5) e collegano il seno
sagittale superiore della dura madre con alcuni seni venosi della dura madre posti
VASI SANGUIFERI DEL NEVRASSE 199

- -
'-\-
-f ---- nud,o caudato

lJ'--f--t---+f----
_ -\-++�_�+
..,'" pellucido

(-I-- +:f-+
v. del "" O l"llu",lo _

- --
-,-
-t, - ", Ionn ' d�l fornice

c-\,----- tela corioidea


v. cerebrale 'mm"__ _ -:::j: del III ventricolo

grande vena ,,,,,b,,I'�---!J


(di Galeno)

del corpo callaso

Figura 118. Vene cerebrali profonde, viste superiormente.

sulla base del cranio. Esse sono: la vena grande anastomotica (del Trolard), che
parte dal seno sagittale superiore della dura madre e discende parallela alla scissura
centrale (del Rolando) e poi lungo la parte anteriore della sdssura laterale (del
Silvio), mettendo infine capo al seno petroso superiore o al seno cavernoso
della dura madre; la vena piccola anastomotica (del Lahbé), che decorre poste­
.riormente alla vena grande anastomotica (del Trolard), collegando il seno sa­
gittale superiore alla parte orizzontale del seno trasverso della dura madre.
Fa parte infine delle vene cerebrali superficiali la vena basilare (del Rosenthal)
(fig. 1 1 7), vena relativamente voluminosa che decorre sulla faccia inferiore del­
l'emisfero cerebrale presso il suo margine infero-mediale. La vena basilare (del
Rosenthal) si forma sotto la sostanza perforata anteriore dell'emisfero cerebrale
dalla confluenza delle vene seguenti: la vena limbica auteriore, che proviene
dalla faccia mediale dell'emisfero cerebrale, dove essa decorre sulla parte anteriore
della circonvoluzione del cingolo; la vena dell'insula, che viene dalla profondità
della scissura laterale (del Silvio) ; la vena olfattiva, che deriva dal solco olfat­
tivo della superficie orbitale del lobo frontale dell'emisfero cerebrale ; la vena co­
rioidea anteriore, che viene dal braccio inferiore del plesso corioideo laterale; le
vene della sostanza perforata anteriore, che sono alcune vene cerebrali profonde
provenienti dalla testa del nucleo caudato e dal braccio anteriore della capsula
200 VASI SANGUIFERI OEL NEV RASSE

interna. La vena basilare (del Rosenthal) si porta in addietro lungo la parte late­
rale della fessura trasvcrsa del cervello (del Bithat), circondando lateralmente
il peduncolo cerebrale; raggiunta la parte mediana della fessura trasvcrsa del cer­
vello (del Biellat), essa piega meclialmente c si apre nella grande vena cerebrale
(di Galeno). La vena ba'silarc (del Rosenthal), prima di circondare il peduncolo
cerebrale, si anastomizza con quella eterolaterale tramite la vena cornllllica"te
posteriore.

[VeMcerebr:aTrprofonde.1 Le vene cerebralLprofot,de (fig. 1 1 8 ) raccolgono il


sangue tefluo dai nuclei della base e dalle capsule interna ed esterna di ciascun
emisfero cerebrale, inoltre il sangue tefluo dalle formazioni corioidee del I I I
ventricolo e dei ventricoli laterali.
Per ciascUn emisfero cerebrale, il collenore venoso cui mettono capo le vene
cerebrali profonde è la ve"a cerebrale interna. Questa si forma in vicinanza del
foro interventricolare (del Monro) dall'unione delle tre seguenti vene: la vena
del setto pellucido , che discende sulla faccia del setto pcUucido rivolta verso la
cavità del ventricolo laterale; la vena terminale, che decorre sulla parete interiore
della ceUa media del ventricolo laterale nel solco opto-striato, contenuta nella
stria terminale, e che raccoglie il sangue refluo del nucleo caudato, del nucleo
lenticolare, dci talamo e delle capsule interna ed esterna; la l1
en1LCOrioide al'os. te·
Il:!!! , che proviene dal braccio superiore del plesso corioideo laterale. La vena ce­
rebrale interna decorre dall'avanti all'indietro nello spessore della tela corioidea
del III ventricolo e, giunta all'estremità posteriore di questa, si unisce con quella
eterolaterale, formando un vaso impari e mediano: la grarlde vena cerebrale
(di Galeno).
La grande vena cerebrale (di Galeno), che è lunga circa I cm e larga 0,5 cm,
piega verso l'alto, dietro lo splenio del corpo calloso, e raggiunge l'estremità
anteriore del seno rctto della dura madre, entro cui si apre quasi ad angolo retto.
Nel suo breve decorso, essa riceve numerosi afflucnti, tra cui: le due vene basi·
lari (del Rosellthal); le due vene limbic1te posteriori, ciascuna proveniente dalla
faccia mediale del corrispondente emisfero cerebrale, dove decorre sulla parte
posteriore della circonvoluzione del cingolo; le verle del corno di Amman.c,
originate dal corno di Ammone e dalla fascia dentata.; le due Ilene_ver.malle i

�periorj! che vengono dalla fac.cia...supetiorc d�ke.rYellecto.


MENINGI

il nevrassc è avvolto da tre tonache connettivali sovrapposte, che sono dette


meni�lgj. Queste risultano pertanto interposte fra la superficie del ncvrassc e le
pareti rispettivamente del canale vertebrale e della cavità del cranio.
Delle meningi. la più esterna è la dura madre (o pachimeninge), che è carat­
terizzata dall'essere spiccatamente fibrosa, spessa e resistente. Ad essa segue verso
l'interno l'aracnoide, membrana più delicata che sta applicata alla superficie
profonda della dura madre, essendo separata da quest'ultima tramite uno spazio
virtuale: lo spazio sottodurale. Fa seguito infine in profondità la pia madre,
membrana pure sottile che è strettamente aderente alla superficie del nevrasse e
che è ricchissima di vasi sanguiferi. L'aracnoide e la pia madre sono separate da
uno spazio: lo spazio sortoaracnoidale, nel quale è contenuto il liquido cefalo­
rachidiano; esse sono tuttavia largamente connesse fra di loro da sottili trabecole
connettivali che percorrono lo spazio sottoaracnoidale, per cui vengono anche
considerate come un'entità unica che è denominata leptomeninge.
Le tre meningi, in corrispondenza del passaggio dei nervi spinali ed encefa­
lici dai loro rispettivi fori di uscita dal canale vertebra!e e dalla cavità del cranio,
si avvolgono attorno ai nervi medesimi, continuandosi a formarne l'involucro.
Le meningi vengono distinte in meningi spinali e meningi encefaliclle, secondo
se rivestono rispettivamente il midollo spinale oppure l'encefalo.

\ Dura madre I
La dura madre è un sacco fibroso, molto resistente, che avvolge l'intero ne­
vrasse. Si considerano distintamente la dura madre spinale e I.a dura madre ence­
{alica, che trapassano l'una neU'altra in corrispondenza del foro occipita!e.

Dura madre spinale

La dura madre s12.inale, accolta nel canale vertebrale, ha la forma di un tubo


cilindrico che racchiude il midollo spinale con la coda equina. Termina inferior­
mente in corrispondenza del canale sacrale, restringendosi in forma di cono:
il cono durale, il cui apice corrisponde alla Il vertebra sacrale; oltre il cono du­
rale, essa prosegue confusa con le altre due meningi attorno al fIlo terminale che­
fuoriesce dall'apice del cono durale stesso. Arriva superiormente al foro oc-
202 MENINGI

cipitale, al cui periostio prende aderenza; da qui si continua con la dura ma­
dre encefalica.
La dura madre spinale (fig. 2) non aderisce alle pareti del canale vertebrale,
ma ne è separata da uno spazio: lo spazio peridurale, che contiene tessuto adi­
poso ed i plessi venosi vertebrali inferni. Essa è tuttavia connessa alle pareti
del canale vertebrale da robuste travate fibrose che dalla sua superficie esterna,
attraversando lo spazio peridurale, si portano all'endorachide, ossia alla lamina
fibrosa che tappezza internamente il canale vertebrale confondendosi col pe­
riostio delle vertebre e con i legamenti intervertebrali.

Dura madre encefalica

La dura madre e"cefalica avvolge interamente l'encefalo ed è pertanto ac­


colta entra la cavità del cranio; essa risulta fusa con l'endocranio, ossia col pe­
riostio che tappezza internamente la cavità del cranio, formando con esso una
unica entità. Solo in alcune zone circoscritte esiste una separazione fra la dura
madre e l'endocranio, precisamente: sulla faccia antera-superiore della piramide
dell'osso temporale, in prossimità dell'apice, e sulla contigua porzione della
grande ala dello sfcnoide, dove la separazione esistente fra le due lamine con­
nettivali determina la cavità del Meckel, destinata ad accogliere il ganglio se­
milunare (del Gasser) del nervo trigemino; sulla faccia postero-superiore della
piramide dell'osso temporale, in corrispondenza dell'orifizio esterno dell'acque­
dotto del vestibolo, dove tra la dura madre e l'endocranio separati è accolto
il sacco endolinfatico; a livello della sella turcica e dei due solchi caratici dello
sfenoide, dove la separazione fra la dura madre e l'endocranio circoscrive i due
seni cavernosi della dura madre, con i seni intercavernosi che li collegano.
La superficie interna della dura madre encefalica emette, verso la cavità
durale che essa circoscrive, alcuni sepimellti che suddividono parzialmente la
cavità durale medesima. La dura madre encefalica mOStra poi sdoppiamenti,
rivestiti internamente di endotelio, nei quali circola sangue venosa: sono i seni
venosi della dl/ra madre.

Sepimenti della dura madre encefalic . I d sepimenti della dura madre encefa­
lica, tesi entro la cavità durale, sono: la [alce del cervello, il tentorio del CeT­

Y1i gran lunga più estesi che non gli ultimi due.
--;;[letto, la {alce del cervelletto ed il diaframma della sella. Di essi i primi due

lY La [alce del cerveUo (fig. 1 1 9) è un grande


son
e robusto sepimento sagit­

tale che discende verticalmente dalla volta del cranio lungo la linea mediana
e si addentra nella fessura interemisferica del cervello, interponendosi fra i due
emisferi cerebrali.
La falce del cervello offre a considerare un margine superiore, un margine
inferiore, un apice, anteriore, una base, posteriore, e due facce laterali, destra
e sinistra. Il margine superiore, convesso, si estende antero-posteriormente dal
foro cieco dell'osso frontale alla protuberanza occipitale interna, inserendosi
quindi dapprima sulla cresta frontale e poi sulla doccia sagittale dell'osso fron­
tale, degli ossi parietali e dell'osso occipitale. Il margine inferiore. concavo,
è più breve del margine superiore; esso è libero e tagliente e guarda il corpo
MENINGI 203

falce del un'Cito


seno sagitttJle inferiore --,,....;;;. '<>.=,,-_ "m, stJgittak superiore

tentorio del cervelletto ------- --'\"='''' ;<;-J---- seno retto


seno petroso superiore --------'1:
'-
,·onn.,nl" dei seni

v. giugulare interna ------- '------ "no trasverso

Figura 119. Falce del cervello e tentorio del cervelletto, vuti dal lato sinistro.

calloso , dal quale è maggiormente distanziato in avanti, mentre gli si aVV1cma


in addietro fino a toccarne lo splenio. L'apice, tronco, prende attacco sulla
crista galli dell'etmoide. La base, rettilinea ed inclinata obliquamente dall'avanti
all'indietro e verso il basso, si impianta sulla faccia superiore del tentorio del
cervelletto lungo la sua linea sagittale mediana. Le due facce laterali, vertica­

�ro cerebrale.
li e pianeggianti, guardano ciascheduna la faccia mediale del corrispondente

:I!:J Il te'ltario del cervelletto (ftgg. 1 1 9 e 120) è un esteso e spesso sepimento


em

'
trasversale, che è teso al di sopra della fossa endocranica posteriore; esso pe­
raltro non chiude questa interamente perché presenta in avanti l incisura del
tentorio, che forma con l'antistante lamina quadrilatera dello sfenoide il foro
ovale (del Pacchioni), in corrispondenza del quale travasi il mesencefalo. Il ten­
torio del cervelletto risulta pertanto interposto fra il cervelletto e gli emisferi
cerebrali; questi ultimi infatti si appoggiano su di esso, non gravando COSI' sul
sottostante cervelletto.
Il tentorio del cervelletto presenta due facce, superiore ed inferiore, un
margitle aderente, posteriore, ed un margine libero, anteriore. La faccia supe­
riore, che è in rapporto con gli emisferi cerebrali, è convessa in quanto è sol­
levata lungo la linea sagittale mediana dove vi si impianta la base della falce del
cervello; essa mostra pertanto la forma di un tetto con due spioventi degradanti
204 MENINGI

seno sfeno-parietale M ::'if� eh/asma ottico

i\ a. carotide interna
diaframrruJ dell4 sella ----UJ
foro del

diaframrruJ della se/id

seno petroso superiore

incisura del tentario --\

seno retto \1:.1


\' f.I.I--- tentorio del cervelletto

seno trasverso
�x�,. w-- bt1Sf! della falce del cervello

Figura 120. Tentorio del cervelletto e diaframma della sella, visti dall'alto.

dal centro ai lati e verso il basso, La faccia inferiore è invece concava; al cul­
mine centrale corrisponde il verme superiore del cervelletto, mentre alle parti
laterali corrispondono le facce superiori degli emisferi cerebellari. Il margine
aderente, convesso, prende attacco sulla protuberanza occipitale interna e pro­
segue poi, da ciascun lato, sul solco trasverso dell'osso occipitale e indi sul margine
superiore della piramide dell'osso temporale; giunto all'apice della piramide, vi
passa a ponte al di sopra, formando così il contorno superiore dell'orifizio di
ingresso alla cavità del Meckel, e raggiunge infine il processo dinoideo posteriore
dello sfenoidc, sul quale si impianta con la sua estremità terminale. Il margine
libero, concavo, circoscrive l'incisura del tentorio che, come si è detto, delimita
coll'antistante lamina quadrilatera dello sfenoide il foro ovale (del Pacchioni); con
ognuna delle sue due estremità terminali, esso passa al di sopra dell'estremità
terminale del margine aderente del tentorio del cervelletto e va ad ancorarsi sul

GJ
processo clinoideo anteriore dello sfenoide.
La [alce del cervelletta... è un piccolo sepimento verticale a forma di fal­
ce che è disposto sagittalmente lungo la linea mediana, al di sotto del tento­

cio del cervelletto. Essa si addentra nella vallecula (del Reil) del cervelletto.
MENINGI 20S

La sua base, superiore, si attacca sulla faccia inferiore del tentorio del cervel­
letto lungo la sua linea sagiuale mediana, per un'estensione di circa 2 cm a
partire dall'indietro. Il suo apice, inferiore, si porta fino al foro occipitale, do­
ve si risolve in due pieghe che proseguono costeggiando i contorni laterali del
foro occipitale. rl suo margine posteriore, convesso, si inserisce sulla cresta occipi­

jQferiore del cervelletto.


tale interna. Il suo margine anteriore, concavo, è libero e si pone di fronte al ver­

Xjl l1 diaframma della se�fìg. 120) è una lamella quadrangolare che è tesa
me

al di sopra della sella turcica dello sfenoide, estendendosi dal contorno poste­
riore del solco del chiasma al contorno superiore della lamina quadrilatera; si
continua poi da ciascun lato a costituire la parete superiore del seno cavernoso
della dura madre. Il diaframma della sella mostra al centro un piccolo orifizio:
il foro del diaframma della sella, attraverso il quale passa il peduncolo ipofi­
sario ; in corrispondenza di tale foro infatti, la dura madre si estroflene verso
il fondo della sella turcica onde formare il sacco durale che avvolge l'ipofisi.

Seni venosi della dura madre. Il seni venosi della dura madre sono spazi costituiti
da sdoppia menti della dura madre, oppure compresi fra la dura madre e l'endo­
cranio. Sono rivestiti internamente di endotelio e vi scorre dentro sangue ve­
nosa; ad essi infatti, oltre alle vene delle meningi, a quelle dell'orecchio interno
e alle vene diploiche comprese nello spessore delle ossa piatte della volta del
cranio, mettono capo le vene encefaliche e le vene oftalmiche. I seni venosi
della dura madre scaricano il loro sangue nella vena giugulare interna; alcuni
di essi però comunicano anche con altre vene extracraniche, mediante i così
detti emissari venosi che passano per fori della cavità del cranio.
Taluni seni venosi della dura madre presentano diverticoli laterali, chiamati
laghi venosi.
I seni venosi della dura madre sono alcuni impari, altri pari. lseni venosi
impari della dura madre sono: il seno sagittale s�periore. il seno sagitta1einfe­
riore il seno retto. I seni venosi ari della dura madre sono: il seno trasverso,
il seno occipitaIe, il seno petroso superiore, il seno petroso inferiore, il seno
cavernoso il seno s eno arietale-içlel Brechet).

,-Seni venosi impari dilLi dura maa� W il seno sagittale superiore (fig. 1 1 9)
è un lungo seno venosa che decorre dall'avanti all'indietro in corrispondenza
del margine superiore della falce del cervello dellà dura madre, descrivendo
pertanto un'ampia curva concava inferiormente. Esso trae origine a livello del
foro cieco dell'osso frontale da una venuzza che si forma per la convergenza
di alcune piccole venulc; si porta in addietro costeggiando la cresta frontale
e, fattosi poi voluminoso, decorre entro la doccia sagittale dell'osso frontale,
degli ossi parietali e dell'osso occipitale; raggiunta la protuberanza occipitale
interna, si apre entro il confluente dei seni (o torcolare di Erofilo) ( ftgg. 1 1 9
e 121). E' questo un'ampia cavità venosa, scavata nella dura madre a ridosso
della protuberanza occipitale interna, nella quale convergono, oltre al seno sa­

�4,ipartono i due seni trasversi.


gittale superiore, anche il seno retto e i due piccoli seni occipitali e dalla qua­

\<2) !1 seno sagittale inferiore (fig.


le
1 1 9), relativamente esiguo , decorre lungo
206 MENINGI

il margine inferiore della fa1ce del cervello della dura madre. Esso origina, circa
a metà di deno margine, dalla confluenza di alcune venune della falce del cer­
vello stessa; si porta poi in addietro, aumentando di volume, e si apre nell'estre­

2)
mità anteriore del seno retto.
Il seno retto (ftgg. 1 1 9 e 1 20), alquanto voluminoso, decorre dall'avanti
all'indietro, lungo l'impianto della base della falce del cervello sul tentario del
cervelletto della dura madre. Anteriormente, esso è in diretta continuità con il
seno sagittale inferiore; posteriormente si apre nel confluente dei seni.

[ Sen; venasi p ari della dura madr�"(y Il seno trasverso (o se,1O laterale) (figg. 1 1 9 ,
120 e 1 21 ) è un grande e lungo seno venosa che nasce dal confluente dei seni
e si reca al foro giugulare (o foro lacero posteriore) della base del cranio, dove
si continua poi direttamente con la vena giugulare interna; esso convoglia per­
tanto in quest'ultima vena la quasi totalità del sangue dei seni venosi della dura
madre. A partire dal confluente dei seni, il seno trasverso si porta dapprima di lato
con decorso orizzontale, accolto entro il solco trasverso dell'osso occipitale
lungo l'impianto del tentorio del cervelletto della dura madre; quando poi que­
st'ultimo passa ad inserirsi sul margine superiore della piramide dell'osso tem­
porale, il seno trasverso abbandona il tentorio del cervelletto e piega verso il basso,
seguendo il solco sigmoideo della faccia mediale del processo mastoideo dell'osso
temporale e dell'osso occipitale, fino a raggiungere il foro giugulare, dove trapassa
nella vena giugulare interna. In tale suo tratto discendente, il seno trasverso è

@
detto anche seno sigmoideo.
Il seno occipitale (fig. 1 21 ) è un seno venosa sottile che inizia da venuz­
ze in corrispondenza del contorno laterale del foro occipitale. Si porta poi in
il margine aderente della falce del cer­
addietro e verso l'alto, risalendo lungo
velletto della dura madre, dove può parzialmente fondersi con il seno omoni­
mo eterolaterale. Si apre infine nel confluente dei seni.
'(3) Il seno petroso superiore (figg. 1 20 e 1 21) è uno Stretto seno venoso che
decorre lungo l'impianto del temorio del cervelletto della dura madre sul mar­
gine superiore della piramide dell'osso temporale. Medialmente, esso comunica
con l'estremità posteriore del seno cavernoso; lateralmente, si apre nel seno tra­

4) Il seno petroso inferiore (fig. 1 2 1 ), più breve e più ampio del seno pettoso
sverso, dove quest'ultimo da orizzomale si piega per farsi discendente.

superiore, decorre lungo il tratto mediate dell'articolazione del margine poste­


riore della piramide dell'osso temporale con l'osso occipitale. Esso origina dal­
l'estremità posteriore del seno cavernoso e si porta in basso e di lato fino a rag­
giungere il foro giugulare della base del cranio, dove trapassa in una vena che
fuoriesce dal foro medesimo e si apre poi tosto nella vena giugulare imerna. l seni
petrosi inferiori dei due lati sono anastomizzati fra di loro tramite il plesso ba­
silare (o seno occipitale trasverso), che è posto a ridosso del clivo della base del
cranlO.
(5:J Il seno cavernoso (fig. 1 21 ) è un ampio e corto seno venosa che è posto
a lato della sella [urcica dello sfenoide, estendendosi dalla fessura orbitale su­
periore dello sfenoide fino all'apice della piramide dell'osso temporale. Esso
è compreso tra la dura madre e l'endocranio, che in sua corrispondenza sono
separati fra di loro. La sua parete inferiore è data infatti dall'endocranio che
MENINGI 207

,---'\<'-!Ac-- seni ntercaverrlo$l


i

seno /l.. carotide

seno ""'"
petroso petroso

v. giugulare

seno oc,dpi "k-,\,!, 'f-


+ H- '�'o trasverso

Figura 121. Seni venosi della dura madre sulla base del cranio, aperti.

tappezza il solco carotico dello sfenoide; la parete mediale corrisponde al sacco


durale che avvolge l'ipoftsi ; la parete superiore è la prosecuzione laterale del
diaframma della sella della dura madre; la parete laterale è data dalla dura madre
che dalla parete superiore degrada verso il basso per fondersi con l'endocranio e
tappezzare la fossa endocranica media. La cavità del seno cavernoso è percorsa da
numeroslssime trabecole fibrose: le frabecole del Wil!is, che si intersecano fra di
loro, dando così al seno medesimo un aspetto cavernoso.
r seni cavernosi dei due lati sono collegati fra loro da due brevi seni venosi
impari, che decorrono sotto al diaframma della sella della dura madre, l'uno
al davanti e l'altro all'indietro del sacco durale che avvolge l'ipoftsi, e che sono
detti seni intercavemosi, rispettivamente anteriore e posteriore. I due seni caver­
nosi con i due seni intercavernosi che li congiungono formano nell'insieme il seno
coronario (o seno circolare).
11 seno cavernoso accoglie, entro la sua cavità, l'arteria carotide interna e,
lateralmente a questa, il nervo abducente, che lo percorrono rivestiti esterna­
mente di endotelio perché immersi entro il sangue. L'arteria carotide interna,
che è circondata dal plesso carotico interno (o plesso cavernoso) deU'oftosim·
208 MENINGI

patico cervicale, si immette nel seno cavernoso non appena, percorso il canale
cacotico della piramide dell'osso temporale, entra nella cavità dci cranio ; essa
vi descrive un S e ne fuoriesce poi perforando la parete superiore del seno ca­
vernoso medesimo. Il nervo abducente penetra nel seno cavernoso in corrispon­
denza della sua estremità posteriore, dove la dura madre gli si estroflette at­
torno per formarne l'involucro, e si porta in avanti onde rafSiungere la fessura
orbitale superiore dello sfenoide.
Strettamente accollati alla superficie interna della parete laterale del seno
cavernoso decorrono, allineati dall'alto in basso, il nervo oculomotore, il nervo
tcocleare ed il nervo oftalmico dci trigemino, che si recano alla fessura
orbitale superiore detto sfenoide. Essi sono avvolti ciascheduno dall'involucro

�avernoso.
formatogli attorno dalla dura madre, il quale è fuso con la parete laterale del

\.V II seno sfeno=parietale


se
(del Brechet) (fig. 1 21 ) è un lungo e sottile seno
venosa che discende dalla volta del cranio poco dietro alla sutura coronale ,
dove è fondamentalmente in connessione con le vene meningee medie. Decorre
poi sotto alla piccola ala dello sfenoide e si getta infine nell'estremità anteriore
del seno cavernoso.

Aracnoidei,
L'aracnoide è una sottile membrana connettivale che è applicata alla super­
ficie interna della dura madre, dalla quale è separata da uno spazio virtuale:
lo spazio sottodurale. Con la sua faccia interna, l'aracnoide è rivolta invece verso
lo spazio sottoaracnoidale ed emette esili trabecole che, attraversando lo spazio
medesimo, si portano alla pia madre.
Sono da distinguersi l'aracnoide sp itlale e l'aracnoide encefalica.

Aracnoide !pinale
L'aracnoide spinale si continua superiormente, a livello del foro occipitale,
con l'aracnoide encefalica; inferiormente, analogamente alla dura madre spi­
nale , giunge in corrispondenza della I l vertebra sacrale, dove poi, confusa con
la dura madre e con la pia madre, si continua nella guaina del fIlo terminale
del midollo spinale.
L'aracnoide spinale, essendo applicata alla faccia interna della dura madre
spinale , riproduce la forma di quest'ultima; ha pertanto l'aspetto di un tubo
cilindrico.

Aracnoide encefalica

L'aracnoide encefalica riveste la faccia interna della dura madre encefalica,


accompagnando i sepimenti che quest'ultima emette emro la cavità durale .
Essa pertanto, seguendo la falce del cerveUo, si affonda neUa fessura imeremisfe­
rica; seguendo poi il tentorio del cervelletto, ne riveste la faccia superiore e poi,
passando per il foro ovale (del Pacchioni), va a rivestirne la faccia inferiore.
L'aracnoide encefalica, a cominciare circa dal decimo anno di età, mostra
MENINGI 209

)----- d.,,, madre

spazio ,ottoa",",,;dal ,--liJ


�e------ I';' madre
corteccia ----f;;..:,;
,,,,,b,,',,

Figura 122. Granulazione aracnoidale (del Paçch.ioni) in un lago venoso della dura madre ence­
falica, sezionata longitudinalmente.

villosità che (anno sporgenza sulla sua (accia esterna: sono le granulazioni aracnoi­
dali (del Pacchioni) (fig. 1 22). Esse hanno dimensioni variabili tra quella di un
grano di miglio e quella di un grano di riso e sono di preferenza riunite a gruppi
in zone determinate, specialmente lungo il seno sagittale superiore della dura
madre. Le granulazioni aracnoidali (del Pacchioni) fanno sporgenza entro i seni
venosi oppure entro i contigui laghi venosi della dura madre, sollevandone la
parete che pertanto le incappuccia. Con il progredire dell'età, le granulazioni
aracnoidali (del Pacchioni) possono aumentare notevolmente di volume e sca­
vare fossette sulla superficie interna delle ossa del cranio.
Le granulazioni aracnoidali (del Pacchioni) sono costituite, in superficie,
da una estroflessione dell'aracnoide, mentre all'interno di esse si continua il
trabecolato connettivale che sepimenta lo spazio sottoaracnoidale e vi è liquido
cefalo-rachidiano. Si ammette che le granulazioni aracnoidali (del Pacchioni)
partecipino al riassorbimento del liquido cefalo-rachidiano, favorendone il de­
flusso entro il circolo venosa.

r Pia madrel
La pia madre è applicata strettamente alla superficie del nevrasse, che essa
riveste in ogni sua parte, affondandosi anche entro tutti j solchi e le depressioni
che la superficie medesima presenta.
La pia madre accoglie nel suo spessore una grande quantità di vasi sanguiferi,
2\0 MENINGI

i quali si continuano poi entro il nevrasse accompagnati da setti connettivali che


dalla superficie profonda della pia madre stessa si dipartono. Ciò assicura pertanto
l'aderenza della pia madre al nevrasse.
Sono da distinguersi la pia madre spinale e la pia madre encef alica, il cui
eoofme corrisponde al limite fra il midollo spinale ed il midollo allungato.

I Pia madre spinaleJ


La pia madre spinale avvolge l'intero midollo spinale e giunge pertanto infe­
riormente, come il midollo spinale medesimo, a livello della II vertebra lombare.
Prosegue poi con la guaina del ma terminale del midollo spinale.
La pia madre spinale dà luogo, in corrispondenza dell 'emergenza dal midollo
spinale delle radici anteriori e posteriori dei nervi spinali, alle guaine radicolari,
che avvolgono le radici medesime. Forma poi sui lati i due legamenti denticolati,
destro e sinistro (fig. 123).
Ciascun legamento denticolato è una lunga striscia connettivale che è tesa
frontalmente per tutta la lunghezza del midollo spinale, tra l'emergenza delle
radici anteriori c quella delle radici posteriori dei nervi spinali. Mentre il suo
contorno mediale è continuo, prendendo arcacco sulla pia madre del midollo
spinale lungo la linea di mezzo tra il solco laterale anteriore ed il solco laterale

:\ dura modre spinale

,,
rodice posteriore
del "erllO spltulle

, I,
r.wice anteriore
del tlervo spi"ale

� N.� ,
legamento denticowto
midollo spinale I "I
T
del/d pia madre spinale

Figura 1 2 3. Legamenti denticolati della pia madre spinale.


MENINOI 211

posteriore, il suo contorno laterale è invece [estonata e mostra circa una ventina
di dentellature, i cui apici si inseriscono all'aracnoide e alla dura madre spinali.
Tali dentellature corrispondono agli intervalli tra i nervi spinali ; tra di esse, il
contorno laterale del legamento denticolato forma arcate che permettono l'in.
contro delle radici anteriori con quelle posteriori dei nervi spinali e quindi la
loro unione.

Pia madre encefalica]


La pia madre encefalica avvolge interamente l'encefalo, affondandosi entro
tutti i solchi e le scissure. esSa è però un po' meno strettamente aderente alla
superficie dell'encefalo che non la pia madre spinale alla superficie del midollo
spinale.
La pia madre encefalica forma poi, in corrispondenza dei ventricoli cerebrali,
le tele corioidee ed i plessi corioidei, già descritti a proposito dei relativi ventri­
coli cerebrali.

S azio sottoaracnoidale e li uido cefalo-rachidian '


Lo ipazio sottoaracnoidaIe (fig. 124) è lo spazio compreso fra l'aracnoide
e la pia madre. Esso è continuo ed è percorso da delicate trabecole connettivali
tese fra le due meningi che lo delimitano. Contiene il liquido cefalo-rachidiano.
Poiché la pia madre segue tutti i rilievi e le depressioni della superficie del ne­
vrasse, e non così invece si comporta l'aracnoide che sta applicata alla superficie
profonda della dura madre, ne consegue che l'ampiezza dello spazio sottoaracnoi­
dale è mutevole da zona a zona. Ciò è soprattutto evidente in corrispondenza del.
l'encefalo, dove le zone più ampie dello spazio sottoaracnoidale sono dette, in or­
dine decrescente di grandezza: cisterne (o laghi), fiumi, rivi e rivoli.
cisterne maggiori dello spazio sottoaracnoidale sono le seguenti.
l La sterna cerebello-midollare è
ci impari ed è situata posteriormente. E'
costituita dall'aracnoide allorquando essa si porta dalla faccia posteriore del
midollo allungato alla faccia inferiore del cervelletto. E' fra tutte le cisterne la più
ampia e vi si aprono il foro del Magendie ed i due fori del Luschka del IV ventri­
colo; in sua corrispondenza si ha pertanto il passaggio del liquido cefalo-rachi­
diano dalle cavità interne del nevrasse allo spazio sottoaracnoidale.
2 � terna ambiens, pure impari e situata posteriormente, è data dal­
l'aracnoide che dalla faccia superiore del cervelletto passa a ponte sopra la lamina
quadrigemina del mesencefalo, onde raggiungere lo splenio del corpo calloso.
Essa si estende anche sui lati, circondando i peduncoli cerebrali del mesencefalo.


Nell�isterna ambiens trovansi le origini apparenti dei nervi trocleari.
( La cisterna media del onte, impari e posta anteriormente, è costituita dal­
l'aracnoide che dalla faccia anteriore del midollo allungato si porta sulla faccia

'4:) La cisterna laterale del ponte, anch'essa posta anteriormente, è pari. Essa
anteriore del ponte. Accoglie l'arteria basilare.

è formata dall'aracnoide che dalle facce anteriori del midollo allungato e del
ponte si porta di lato sulla faccia inferiore del cervelletto. In sua corrispondenza
fanno emergenza dal nevrasse i nervi faciale, acustico, glosso-faringeo, vago ed
212 MENINGI

cisterna dd corpo calloso


7� � dura modre

dell'emisfero cereb'Clk ,/,//


.....
faccia media/e

oo'po "Ilo.o /11 � """ '-'\.


\,\ ' pIa' maure
-�

cistem4
'I ,
ambiens
tentono del
r ___

� �.. � cistem.:l della


..mi.. ,,,min,l,

c<�
cenJelletto
e seno retto \\
J. �:::::;, ctStema del chuama
confluente dei senj� ....... cisterna interpeduncolare

'- cisterna media del ponte


cistl!!ma cerebello·midollare /
11/ midollo allungato

Figura 124. Spa:.do Jotto.aracnoidale, in una suione saginaIe (lato sinistro).

6) La
accessono.
cisterna interpeduncolare, impari, è posta sulla faccia inferiore del
cervello. E' determinata dall'aracnoide che dalla faccia anteriore del ponte si
porta all'eminen:za mediana (o infundibolo) del tuber cinereum, passando come
un ponte sulla fossa interpeduncolare del mesencefalo. Essa comunica con la
cisterna ambiens che circonda i due peduncoli cerebrali del mesencefalo. In

(60 �isterna
sua corrispondenza vi sono le origini apparenti dei nervi oculomotori.
del chiasma, pure impari e posta sulla faccia inferiore del
cerv'etio, si trova subito all'innanzi della cisterna interpeduncolare, con la qua­
le è in continuità. Essa è formata dall'aracnoide che si estende tra " eminenza

� carotidi interne.
mediana (o infundibolo) del tuber cinereum ed il chiasma ottico. Accoglie le due
artc
I!.} La cisterna della ktmina terminaI!.. . impari, si trova sulla faccia inferiore
del cervello, al di sopra della cisterna del chiasma, con cui si continua. E' costi­
tuita dall'aracnoide che si mantiene a notevole distanza dalla lamina terminale

/
e dal rostro del corpo calloso. Essa si continua, da ciascun lato, con la cisterna

\.§} La cisterna
del)
a., ossa laterale (del silvio) e, verso l'alto, con la cisterna del corpo calloso.
della fossa ktterale (del Silvio), situata sulla faccia inferiore
MENINOI 213

del cervello, è pari. Essa è determinata dall'aracnoide che dalla superficie orbi�
tale del lobo frontale passa a ponte sul polo temporale dell'emisfero cerebrale,
decorrendo sotto alla sostanza perforata anteriore. In essa sfocia il fiume silviano,

t�
che proviene dalla faccia laterale dell'emisfero cerebrale ed è formato dall'aracnoi­

(2!La cisterna del co�p'o calloso, impari, è situata nella profondità della fes­
de pa5sa sulla scissura laterale (del Silvio).

sura interemisferica. E' determinata dall'aracnoide che si insinua al di sotto del


margine inferiore della falce del cervello della dura madre, sopra al corpo calloso.
Poiché la falce del cervello in addietro è contigua al corpo calloso, mentre se ne
distanzia in avanti, ne consegue che la cisterna del corpo calloso è presente so­
lamente al di sopra della parte anteriore del corpo calloso. La cisterna del corpo
calloso, come si è detto, si continua in avanti ed in basso con la cisterna della
lamina terminale.

Il liquido cefalo�rachidiano è un umore incolore e limpido che è contenu­


to nei ventricoli cerebrali e nel canale centrale del midollo spinale, inoltre nello
spazio sottoaracnoidale . Esso ha come sua funzione primaria quella di mantenere
l'equilibrio osmotico degli elementi nervosi; ha inoltre il compito di formare
un cuscinetto liquido a funzione protettiva attorno al nevrasse; è deputato infine
a ricevere la linfa del tessuto nervoso, eliminando cosÌ i prodotti del suo me­
tabolismo.
II liquido cefalo-rachidiano è secreto dai plessi corioidei entro i ventricoli
cerebrali, soprattutto in corrispondenza dei ventricoli laterali dove i plessi co­
rioidei sono maggiormente sviluppati. Dai ventricoli laterali, tramite i fori inter­
ventricolari (del Monro) , il liquido cefalo-rachidiano passa nel III ventricolo; da
qui, mediante l'acquedotto cerebrale (del Silvio), si porta nel IV ventricola donde,
attraverso il foro del Magendie ed i due fori del Luschka, passa nello spazio sotto­
aracnoidale.
Il liquido cefalo-rachidiano viene riassorbito dai vasi capillari sanguiferi
delle pareti e delle trabecale dello spazio sottoaracnoidale . Si attribuisce im­
portanza per il riassorbimento del liquido cefalo�rachidiano anche alle granula­
zioni aracnoidali (del Pacchioni).
SISTEMA NERVOSO
PERI FER I CO
ilsistema ,Iervoso periferico consta dell'insieme dei nervi. Questi sono cordoni
di fibre nervose che decorrono per l'intero corpo, distribuendosi ad organi e
tessuti.
La maggior parte dei nervi fa emergenza dal nevrasse: sono i nervi spino­
-cncefalici (o nervi cerebro-spi"ali), a loro volta distinti in nervi spinali c ,Iervi
e'Ice/alici (o tlervi cranici) secondo se emergono dal midollo spinale oppure
dall'encefalo. Ahri nervi fanno invece emergenza dai gangli simpatici e sono detti
nervi simpatici; essi fanno parte del sistema del simpatico che, quantunque stret­
tamente collegato ai nervi spino-encefalici, verrà considerato e descritto a parte.
l nervi spino-encefalici sono deputati alla sensibilità, sia generale che spe­
cifica, ed alla motilità della muscolatura volontaria; pOSSOIlO pertanto contenere
sia fibre sel'lsitive chefibre motrici somatiche. [ nervi che contengono ambedue
tali tipi di fibre nervose sono detti "ervi misti; quelli che hanno solo fibre sen­
sitive sono chiamati tleroi setlsitivi; quelli infine formati di fibre motrici somatiche
sono detti nervi motori. (Invero, i nervi motori, che sono destinati all'innerva­
zione dci muscoli, contengono sempre anche fibrc sensitive per le terminazioni
sensitive accolte nei muscoli stessL) l nervi spino-encefalici possono infine con­
tenere fibre pregangliari e fibre postgmlgliari del simpatico, che vi sono accolte
pcr un certo tratto del loro decorso.
l lIervi simpatici sono destinati ai visceri, provvedendo alla motilità della
rnuscolatura involontaria ed all'attività secrenice delle ghiandole; pertanto, sono
costituiti in genere da fibre postgal1gliari, alcuni però anche da fibre pregangliari.
l nervi simpatici contengono inoltre fibre semitive, che essi però ricevono dai
nervi spino·encefalici e che provvedono all'innervazione sensitiva dei visccri.
Si considera come origille reale di un nervo la sede dove stanno i neuroni
che danno le fibre nervose dci nervo Stesso. Per le fibre sensitive, l'origine reale
è nei gallgli spino-encefalici (o gangli cerebro·spinali), costituiti dai neuroni
a 'j' (fig. 7), ossia da neuroni sensitivi ciascuno dci {!uali ha un neurite che si divide
a '[' in una fibra periferica, che si reca alla periferia del corpo dove forma termi­
nazioni sensitive, ed in una fibra centrale, che si porta nel nevrassc. Pcr le fibrc
motrici somaticlle, l'origine reale è nei
nuclei somatomotori del nevrasse, che
sono costituiti dai motOtlCUron;. Per le fibre pregaugliari, l'origine reale è nei
nuclei lIisceroeffettori del nevrasse , costituiti dalle cellule effeurici viscerali. Per le
fibre postgatlgliari, l 'origine reale è nei gangli simpatici, costituiti dai neuroni
218

gangliari simpatici.
Si considera come origine appareute di un nervo la sede dove il nervo ha
apparentemente inizio, ossia per un nervo spino-encefalico là dove esso emerge
dal nevrasse, per un nervo simpatico il ganglio simpatico da cui il nervo stesso
ha origine.
Fanno in fine parte del sistema nervoso periferico quegli aggregati di neuroni
dislocati fuori dal nevrasse che sono detti gangli. Questi possono essere gangli
spino-encefalici (o gangli cerebro-spinali), che sono posti lungo il decorso dei
nervi spino-encefalici e rappresentano le origini reali delle fibre sensitive dei nervi
stessi, oppure gangli simpatici, che sono le origini reali delle fibre postgangliari dci
nervi sim pa tid.
NERVI SPINALI

I nervi spinali (fig. 1) sono i nervi che fanno emergenza dal midollo spinale.
Essi sono in numero di 33 paia, distinte in: 8 paia di nervi cervicali, 1 2 paia di
nervi toradei (o nervi dorsali), 5 paia di nervi lombari, 5 paia di nervi sacrali
e 3 paia di nervi coccigei; dci nervi coccigei però, le ultime due paia sono ru­
dimentali.
Ciascun nervo spinale è un nervo misto, in quanto risulta dall'unione della
radice anteriore , che è motrice, con la radice posteriore, che è sensitiva (fig. 3).
La radice anteriore del nervo spinale ha la sua orighlc reale nel corno aute­
riore del midollo spinale (fig. S). Ha la sua origine apparente in corrispondenza
del solco laterale anteriore del midollo spinale (fig. 3).
La radice posteriore del nervo spinale ha la sua origine reale nel ganglio
spinale (fig. 5), che è pOSto lungo il decorso della radice posteriore stessa. Ha la
sua origine apparente in corrispondenza del solco laterale posteriore del midol·
lo spinale (fig. 3).
La radice anteriore e la radice posteriore del nervo spinale si uniscono fra di
loro entro il canale vertebrale, in vicinanza del corrispondente foro di uscita
dal canale vertebrale stesso (fig. 2). il nervo spinale cosÌ costituitosi fuoriesce
avvolto da una guaina formatagli attorno dalle meningi spinali.
Le diverse paia dei nervi spinali escono simmetricamente sui lati della colonna
vertebrale, avendo con quest'ultima i seguenti rapporti (fig. 4). Degli 8 nervi
cervicali, il r passa in un foro compreso tra l'osso occipitale e l'atlante; i sei
seguenti escono ciascuno attraverso il foro intervertebrale delimitato dalla ver·
tebra cervicale di numero precedente e da quella di numero corrispondente;
l'VIII passa per il foro intervertebrale posto tra la VII vertebra cervicale e la I
vertebra toracica. Dei 12 nervi toracici, i primi undici escono ciascuno per il
foro intervertebrale compreso tra la vertebra toracica di numero corrispondente
e quella di numero seguente; il XII esce attraverso il foro intervertebrale delimi·
fato dalla XII vertebra toracica e dalla I vertebra lombare. Dei 5 nervi lombari,
i primi quattro passano ciascuno per il foro intervertebrale pOSto tra la vertebra
lombare di numero corrispondente e quella di numero seguente; il V passa tra la
V vertebra lombare e l'osso sacro. Dei 5 nervi sacrali, i primi quattro escono per
i corrispondenti fori sacrali; LI V passa fra l'osso sacro ed il coccige. Il nervo coc·
Clgeo emerge a lato del coccige, ad un livello compreso tra la I e la [I vertebra
coccigea.
220 NERVI SPINALI

n. "ranae OCCW'

n. pic olo occipitale l'


n. J!rande aLlrlCO are
. I
Ifi.'"H' �4
F �\ ,. \\ m. sterno-deido-mastoideo
� n. cutaneo del col o
[/"YJ nn. sopradallicolari
Figura 125. Nervo grande occipitale e rami cutanei del pieno cervicale di destra.

Ciascuno dei nervi spinali appena uscito dal canale vertebralc dà luogo ad
un nervo meningeo, sensitivo, che entra nel canale vercebrale e si distribuisce
alle meningi spinali. Si divide poi in un ramo atlteriore ed in un ramo posteriore,
ambedue misti; il ramo anteriore è molto più voluminoso del ramo posteriore,
fatta eccezione per i primi due nervi cervicali per i quali invece è l'inverso. II ramo
posteriore del l nervo cervicale è il nervo sottoccipitale, quello del ll nervo cervi­
cale è il nervo grande occipitale (fig. 1 25); essi, dopo aver innervato alcuni mu­
scoli della nuca, si distribuiscono alla cute della regione occipitale della testa.
I rami posteriori dei nervi spinali provvedono all'innervazione motrice dei
muscoli che sono annessi posteriormente alla colonna vertebrale, accolti nella
doccia vertebro-costale; presiedono inoltre all'innervazione sensitiva della cute
ad essi sovrastante.
I rami anteriori dei nervi spinali si anastomizzano a gruppi fra di loro, costi­
tuendo i plessi nervosi; fanno eccezione i rami anteriori dci nervi toracici, che
formano invece i rlervi intercostali. I plessi nervosi che si susseguono dall'alto in
basso sono: il plesso cervicale, il plesso brachiale, il plesso lombare, il plesso
sacraIe, il plesso puderldo ed il plesso coccigeo .

PLESSO CERVICALE
Il plesso cervicale è dato dai rami anteriori del l, del Il, del III e del iV rlervo
cervicale. La costituzione del plesso cervicale è relativamente semplice e consiste
NERVI SPINALI 221

nella presenza di tre anse anastomotiche: una superiore, una media ed una ,'nfe­
riore , le quali collegano fra di loro, al davanti dei processi trasversi delle prime
vertebre cervicali, i quattro rami nervosi costituenti il plesso medesimo.
Il plesso cervicale si forma nel collo entro la loggia carotica, alla cui parete
posteriore travasi applicato. Esso è in rapporto in avanti col margine posteriore
del muscolo sterno-dcido-mastoidco e, più medialmente, anche col fascio vasco­
lo-nervoso del collo.
I rami tenninali che traggono origine dal plesso cervicale vengono distinti
in cutanei e muscolari,

Rami cutanei del plesso cervicale


l rami cutanei del plesso cervicale (fig. 1 25), sensitivi, si portano lateral­
mente e, dietro il margine posteriore del muscolo sterno--eleido-mastoideo, per­
forano la fascia cervicale superficiale e si fanno così sottocutanei. Essi sono i
seguenti.
1 . Il nervo piccolo occipitale si reca in alto ed in addietro, distribuendosi
alla cute della regione occipitale e della regione mastoidea.
2. I l nervo grande auricolare risale verso l'alto, abbracciando ad ansa la faccia
laterale del muscolo sterno--eleido-mastoideo, e si porta dietro al padiglione
auricolare, alla cui innervazione cutanea esso provvede. Dà rami cutanei anche
alla regione parotidea.
3. Il nervo cutaneo del collo si porta in avanti, incrociando orizzontalmente
la faccia laterale del muscolo sterno-c1eido-mastoideo, e va a distribuirsi alla
cute delle regioni soprajoidea e sottojoidea.
4. I nervi sopraclavicolari, generalmente in numero di quattro, si portano
verso il basso, distribuendosi alla cute della regione sopraclavicolare e di quella
sottoclavicolare, nonché alla cute della regione deltoidea.

Rami muscolari del plesso cervicale


l rami muscolari del pIesso cervicale, motori, sono rappresentati, oltre che
da un ramo per il muscolo stemo-cleido-mastoideo e da un ramo per il muscolo
trapezio (muscoli che sono innervati anche dal nervo accessorio), dal nervo
cervicale discendente e dal nervo frenico.

Nervo cervicale discendente

i l nervo cervicale discendente si unisce al ramo discendente del nervo ipa­


glosso e forma con questo l'ansa dell'ipoglosso, che travasi adagiata sulla faccia
laterale della vena giugulare interna. L'ansa dell'ipoglosso emette rami che prov­
vedono all'innervazione dei muscoli sottojoidei, fatta eccezione per il muscolo
tira-joideo, alla cui inncrvazionc prowede direttamente il nervo ipoglosso.

Nervo frenico

Il nervo frenico (fig. 1 26) è il maggiore dei nervi del plesso cervicale ed è
anche nervo di grandissima importanza per la sua funzione respiratoria, in quanto
222 NERVI SPINALI

m. sca/eno anteriore J
� m. stemo-n.dfeirdeno-icmoastoidco
/.
;:;:..
........
... ....:0:
sinistro
n. frenico destro 7.c=
v. cava superiore l � \ Ic o s t a
p/e lm mediastinale \
\
\
. ",
l! y- !
I-_�_I- ___
derpolaml "emoonepe,ver/cfrsainersndi i/tccrooo
deraml nei trevromfri�e1Qn1iico
___ + __ _

Figura 126. Nervi frenici.

innerva il diaframma che è il principale muscolo inspiratore. Il nervo frenico


è pertanto fondamentalmente un nervo motore; contiene però anche fibre sen­
sitive per il pericardio, per la pleura e per il peritoneo che riveste la faccia infe­
riore del diaframma.
Subito dopo la sua origine, il nervo frenico si accolla alla faccia anteriore
del muscolo scateno anteriore, entro la guaina di questo. Giunto alla base del
collo, abbandona il muscolo scale no anteriore e, portandosi medialmente, passa
fra la vena succlavia, situata in avanti, e l'arteria succlavia, posta in addietro, per
discendere nella cavità wracica.
Enrro la cavità toracica, il nervo frenico destro costeggia lateralmente la
vena anonima destra e poi la vena cava superiore; il nervo frenico sinistro passa
lateralmente all'arco dell'aorta. Successivamente, sia il nervo frenico destro che
quello sinistro decorrono al davanti della radice del corrispondente polmone
e poi discendono di lato al pericardio fibroso, entro il tessuto connettivo che
congiunge quest'ultimo alla pleura mediastinalc. Lungo il suo decorso entro la
cavità toraciea, il nervo frenico emette rami pleurali ed il ramo pericardico,
destinati rispettivamente alla plcura ed al pericardio.
Il nervo frenico raggiunge il diaframma in corrispondenza del suo centro
frenico. Quivi si risolve nei suoi rami terminali, che si espandono in parte sulla
faccia superiore del diaframma ed in parte su quella inferiore. Essi sono prin­
cipalmente rami motori che entrano nel diaframma e lo innervano; alcuni altri
invece provvedono all'innervazione sensitiva della pleura diaframmatiea ed altri
NERVI SPINALI 223

ancora a quella del peritoneo che riveste la faccia inferiore del diaframma; tra
questi ultimi vi sono anche rami che, seguendo il legamento falciforme del fegato,
vanno ad innervare il peritoneo che avvolge il fegato. Dalla terminazione del nervo
frenico, soprattutto di quello destro, nascono inoltre i rami frenico-addominali,
che attravcrsa.no il diaframma e si portano al plesso celiaco (o plesso solare)
dell'ortosimpatico, dove mettono capo alla concavità del ganglio celiaco del
corrispondente lato.

PLESSO BRACHIALE
brachiale (figg. 127 c 128) è formato dai rami anteriori del V, dcI V/,
Il plesso
del VII e dell'VIII nervo cervicale e da gran parte del ramo anteriore del I nervo ta·
racico. E' il plesso nervoso deputato fondamentalmente all'inncrvazione dell'arto
superiore.
Il ramo anteriore del V nervo cervicale si unisce con quello anteriore del
VI nervo cervicale e ne risulta il tronco primario superiore del plesso bradliale;

,------ 11. V cervicale

trOl1co primario m.,di,o--------.. ,----- 11. VI cervirule

tronco primario in}erio"'--------. ------ n_ VII cervicale

tronco secOl1dario lat""k _


_ ______ , ----- n. VIII cervicale

n . 1 toracico

_y------ clavicola
______
-

'------ a. succ14v�

-'1II "'''''\-
''
n. del muscolo
n. med'i=" ""nd, pettorale

_.;.:
_ ___
___

n_ m�wl�,"'a""o --- m. grande pettorale

':$<:'-------p,;.",lo pettorale
n. del muscolo

nn. cutanei mediaU


/
del braccio e d,II ',wam!'",,,io '- -____ m. piccolo pettorale

11. sottoscapo14re m.'di,'


___ -/ '--
_______ m. sottoscapolare

forca del nervo m"d'm" ____ J '-- _________ n, toracico lungo

m. grande dorsale ________ 1 '-


________ m. dentato anteriore

m. grande "'ondo ________ --1 '-


________ n. sottoscapolare inferiore

Figura 127. P!uso brachiale di destra, visto anteriormente.


224 NERVI SPINALI

tronco secondario posteriore Il. V cervicale

n. arasdceiallaere I. I
!Ii. trOtlCO primario scuepervriicoarlee
ti .
�, Il. VI

tronco secondario laterale ,•, ,., Il. /lll cervicale

ti.muscofo-Cuf JJlCOmedia/e I ra m o
p im rio edi
tronco secondario
I �lc' �I " . VIII cervicale

,•

\ I to r a c iC Q
n. medi,mo

ti,u/llare medw/. e r: .A "- 1 pri"wrio Il. I


tronco illferiore
tI. CI/ta/ICO
lel 'u ambrac io ,
'
. " _ ==
n. ial
eu/aneo mecl c del braccio

Figura 128. Schema della costituzione del plesso brachiale di destra.

il ramo anteriore del VII nervo cervicale prende il nome di trO/ICO primario
medio del plesso brachiale ; il ramo anteriore dell'VIII nervo cervicale si unisce
alla maggior parte del ramo anteriore del l nervo toracico e si forma il tronco
primario inferiore del plesso braclliale.
I tre tronchi primari del plesso brachiale si trovano, alla base del collo, entro
la loggia sopraclavicolare maggiore, nella quale fanno emergenza tra il muscolo
scaleno anteriore ed il muscolo scaleno medio c nella quale poi proseguono
di lato e verso il basso, applicati a quest'ultimo muscolo. [ tronchi primari supe­
riore e medio dci plesso brachiale si trovano ad un livello più alto dell'arteria
succlavia, mentre il tronco primario inferiore del plesso brachiale è dietro a
tale arteria.
I tre tronchi primari del plesso brachiale passano poi dietro alla clavicola
e si portano così nella cavità ascellare. Quivi ciascun tronco primario si divide
in due rami, l'uno anteriore e l'aJrro posteriore. r rami posteriori di divisione
dci tre tronchi primari del plesso brachiale si uniscono fra di loro e danno luogo
al tronco secondario posteriore del plesso brachiale, che si dispone dietro alla
arteria ascellare. Il ramo anteriore che nasce dalla divisione del tronco primario
superiore del plesso brachiale e quello che origina dalla divisione del tronco
primario medio del plesso brachiale si uniscono a formare il tronco secondario
laterale del plesso brachiale, che si mette lateralmente all'arteria ascellare. Il
ramo anteriore di divisione del tronco primario inferiore del plesso brachiale
prende il nome di tronco secondario mediale del plesso brachiale e si pone me­
dialmentc all'arteria ascellare. (Il tronco secondario laterale del plesso brachiale
è chiamato anche tronco secondario superiore del plesso brachiale, mentre il
tronco secondario mediale del plesso brachiale è detto anche tronco secondario
inferiore del plesso brachiale, dai rapporti che essi assumono coll'arteria ascel­
lare quando il braccio è in posizione di abduzione invece che di adduzione.)
NERVI SPINALI 225

Il tronco secondario posteriore del plesso brachiale dà luogo al nervo ascel­


lare ed al �lervo radiale.
Il tronco secondario laterale del plesso brachiale si scinde in un ramo supe­
riore ed in un ramo inferiore. Il ramo superiore è l i nervo muscolo-cutaneo; il
ramo interiore si unisce al ramo superiore di divisione del tronco secondario
mediale del plesso brachiale per formare il nervo mediano.
Il tronco secondario mediale del plesso brachiale si divide in un ramo su­
periore ed in un ramo inferiore. Il ramo superiore si fonde, come si è detto,
con il ramo inferiore di divisione del tronco secondario laterale del plesso bra­
chiale e ne risulta il nervo mediano. Il ramo inferiore di divisione dà luogo al
nervo uiliare, al nervo cutaneo mediale del braccio ed al nervo cutaneo mediale
dell'avambraccio.
I nervi ora ricordati vengono considerati come rami termirwli del plesso
brachiale. Dai tronchi primari del plesso brachiale come anche da quelli secon­
dari originano poi numerosi altri nervi, che vengono ritenuti invece come rami
collaterali del plesso brachiale.

Rami collaterali del plesso brachiale


I rami collaterali del plesso brac1,iale sono i seguenti.
1. r1 nervo dorsale della scapola si porta in addietro verso l'angolo mediale
della scapola e discende poi lungo il margine mediale della scapola medesima.
Innerva il muscolo elevatore della scapola ed i muscoli romboidei piccolo e
grande.
2. Ii nervo toracico lungo (Hg. 127) discende suUa parete mediale della cavità
ascellare, applicato al muscolo dentato anteriore che innerva.
3. Il nervo del muscolo grande pettorale innerva l'omonimo muscolo.
4. il rlervo del muscolo piccolo pettorale è deputato all'innervazione del
muscolo omonimo.
5. Il nervo succlavio innerva il muscolo succlavio.
6. Ii nervo soprascapolare si porta in addietro e, passando per l'illcisura
della scapola, entra nella fossa sopraspinata della scapola stessa, dove innerva
il muscolo sopraspinato. Discende poi nella fossa sottospinata della scapola
per innervare il muscolo sottospinato ed il muscolo piccolo rotondo.
7 . I nervi sottoscapolari sono distinti in superiore, medio ed irlferiore. Di essi
il superiore innerva il muscolo sottoscapolare; il medio innerva i muscoli sot­
toscapolate e grande rotondo; l'irlferiore partecipa all'innervazione del muscolo
grande dorsale.
8. II nervo toraco-dorsale si porta al muscolo grande dorsale.

Rami terminali del plesso brachiale


Nervo ascellare
Il nervo ascellare è un nervo misto; esso provvede all'innervazione motrice
del muscoio deltoideo ed all'innervazione sensitiva dell'articolazione scapolo­
-omerale, della cute della spalla e di quella della parte laterale del braccio (Hg.
129).
226 NERVI SPINALI

n. ascellare
\ ,
I n. ascelÙlre

mediate
del braccio

n. mldc% -cutaneo n. mU$Colo�utdneo

f---t1--- . radiale
___

mediale
dell'avambraccio

n. mediano

A B

Figura 129. Territori sensitivi cutanei dell'arto superiore destro: A , sulla faccia anteriore; B,
sulla faccia posteriore.

Originato nella cavità ascellare dal tfonco secondario posteriore del plesso
brachiale, il nervo ascellare (fig. 130) si porta di lato ed esce dalla cavità ascel­
lare immettendosi, in compagnia dell'arteria circonflessa posteriore dell'omc­
ra nel quadrilatero del Velpeau, che risulta delimitato: superiormente dal mu­
scolo piccolo rocondo, inferiormente dal muscolo grande rotondo, posterior­
mente dal capo lungo del muscolo tricipite del braccio ed anteriormente dal
collo chirurgico dell'omero. Mantenendosi poi aderente al collo chirurgico del­
l'omero, circonda questo dall'indietro in avanti, ricoperto dal muscolo deltoideo,
nel quale esso poi si esaurisce.
II nervo ascellare dà rami collaterali che vanno all'articolazione scapolo­
-omeralc ed alla cute della spalla. Emette inoltre, come ramo collaterale, il nervo
cutaneo laterale del braccio ; questo perfora la fascia brachiale dietro il margine
posteriore del muscolo deltoideo e, fattosi così sottocutaneo, si distribuisce alla
cute della regione laterale del braccio.
NERVI SPINALI 227

Nervo radiale
Il nervo radiale, che è tra i rami più voluminosi del plesso brachiale, è un
nervo misto. Con le sue fibre motrici somatiche, esso provvede all'innervazione
dei muscoli posteriori del braccio e dei muscoli laterali e posteriori dell'avam­
braccio; con le sue fibre sensitive, esso innerva la cute della faccia posteriore
del braccio, della faccia posteriore dell'avambraccio e della faccia dorsale della
mano, nella sua parte corrispondente al I ed al Il dito ed alla metà laterale del
III dito (fig. 129), prende inoltre parte all'innervazione dell'articolazione del
gomito e dell'articolazione radio--carpale.
Originato nella cavità ascellare dal tronco secondario posteriore del plesso
brachiale, il nervo radiale decorre verso il basso, dapprima dietro all'arteria ascel­
lare. Passando poi al disotto del muscolo grande rotondo (fig. 130) esce dalla
cavità ascellare ed entra nella loggia osteo-fasciale posteriore del braccio dove,
accompagnato dall'arteria profonda del braccio, si immette nel solco del nervo

, circonflessa posteriore dell'omero

_______ n. ascellare

----�
------ n,. deltoideo

m. piccolo 'o"ondo ------ omero

m, grande 'O"ondo------4; n, cutaneo laterale del braccio

4<--- lfI '-


capo lungo del muscolo
a.
tricipite del b,,""io-
- --
____ profonda del braccio

n. 'odiol,-------='" ,------m. vasto laterale

n. oln''''--------1

Figura 130. Nervi ascellare e ndiale, nella faccia posteriore della spalla e del braccio di destra,
228 NERVI SPINALI

m. bicipite del braccio


\\
m. braclu'c;..,adiale
....... �\:/l Il. brac/,iale

-1, :f------ del nervo radiale


m. estensore ramo profondo
radiale IUligo del carpo

11. radiale ./ flessore superficiale delle dita

m. SUpiPl(Hore ./
V n. mediano

Q. radiale
\\: L __________ II. ulnaTe

m. estensore radiale breve del carpo -t- . flessore profondo delle dita

ramo superficiale de/ nervo radiale --.J; IlIl.. Q. u{nare

m. flessore lungo delpollice I � m. "rOrltHore quadrato

P,\ le/lameluo trasverso del carpo

Figura 1 3 1 . Ramo superficiale del nervo radiale, nervo mediano e nervo uLnare, nella faccia an­
teriore dell'avambraccio destro.

radiale dell'omero, essendo ricoperto dal muscolo tricipite del braccio. Poiché
segue l'andamento di detto solco, esso circonda ad elica l'omero, con direzione
dall'alto in basso e in senso medio-Iaterale. Giunge così in vicinanza della piega
del gomito, dove esso si fa anteriore, mettendosi nell'interstizio tra il muscolo
brachiale, situato medialmentc, ed il muscolo brachio-radiale, posto lateralmente;
qui si divide nei suoi due rami terminali: il ramo profo'ldo ed il ramo supero
fidale (fig. 1 3 1 l.

Rami collaterali. Il nervo radiale emette i seguenti rami collaterali.


1. I rami muscolari del nervo radiale sono destinati al muscolo tricipite del
braccio, al muscolo anconeo, al muscolo brachio-radiale ed al muscolo esten·
sore radiale lungo del carpo.
2. Il nervo cutaneo posteriore del braccio perfora la fascia brachiale a metà
NERVI SPINALI 229

circa del margine mediale del capo lungo del muscolo tricipite del braccio, onde
distribuirsi alla cute della faccia posteriore del braccio.
3. Il nervo cutaneo posteriore dell'avambraccio attraversa la fascia brachiale
posteriormente, subito sopra aU'epicondilo dcll'omcro, e discende sulla faccia
posteriore dell'avambraccio, innervandone la cute.

Rami terminali. I rami terminali del nervo radiale sono, comc si è detto, il ramo
profondo ed il ramo superficiale.
1 . li ramo profondo del nervo radiale (fig. 132), motore, emette subito il
ramo per il muscolo estensore radiale breve del carpo e si immette poi nel canale
supinatorio, scavato entro il muscolo supinatore. Fuoriuscito dal canale supina­
torio, esso viene a trovarsi tra il piano superficiale e quello profondo dei muscoli
posteriori dell'avambraccio, dove si ramifica per innervare i muscoli medesimi.
2. Il ramo superficiale del nervo radiale (fig. 131), sensitivo, è più sottile
del ramo profondo. Esso discende verso il basso, costeggiando medialmente

mo .o----+--t--7z
.ens<on'tensore comlme del e di'·.
m. ----f--� estePisore r�diale brevesudepilnctl�trporoe
mi.,n"lo .f-_./'
m. estensore proprio del __ _________ m o.

--'." 0 pro ondo del nervo radiale


f

m.
er�mostdorensso�rleeprdeolpra maio d,no/ 'i.di« -\f-!
___-<Ho aebsduttentsoorreelbrmegovededellpolpollliiccee
n,o

1r�
___ ____

del nervo "


" '.,'_
_ _______ -1 w> ,ro-,
__ ,no. estePisore lungo delpollice
Figura 132. Ramo profondo del nervo radiale, nella faccia posteriore dell'avambraccio destro.
230 NERVI SPINALI

t1\IJ,' ramo superficiale del nervo radiale

!
ramo dorst,lle dell(l mano
del llervo w/nare

il'-- rm, digitali dorsali

Figura H l . Rami del nervo radiale e del nervo ulnare, nella faccia dorsale della mano destra.

il muscolo brachio-radiale assieme ai vasi radiali. Nel terzo inferiore dell'avam­


braccio, abbandona i vasi radiali e si fa posteriore. Perfora poi la fascia anti­
brachiale e si divide in rami che decorrono sulla metà laterale del dorso della
mano (fig. 133), innervandone la cute, e che poi proseguono verso le prime
tre dita della mano per formare i nervi digitali dorsali, laterale e mediale, rispet­
tivamente del pollice e dell'indice, ed il tlervo digitale dorsale later-ale del medio,
i quali provvedono all'innervazione della cute del dorso di tali dita.

Nervo muscolo-cutaneo

il nervo muscolo-cutaneo (o nervo perforante del Casserio) è un nervo misto.


Esso provvede all 'innervazionc motrice dei muscoli anteriori del braccio ed
all'innervaziollc sensitiva della cute della parte laterale dell'avambraccio (fig.
1 29).
Dalla cavità ascellare, dove è originato dal tronco secondario laterale d.el
plcsso brachiale, il nervo muscolo-cutaneo discende nella loggia osteo-fasciale
anteriore del braccio (fig. 134), esscndo dapprima dietro al muscolo coraco­
-brachiale. Attraversa poi dall'indietro in avanti il muscolo coraco-brachiale,
accolto in un canale scavato nel muscolo stesso; viene così a trovarsi sulla faccia
NER.VI SPINALI 231

L-- fo"" del nervo mediano


----f
__

". mu."ol,o.,u,O""O

,\-
__________ � ulnare
.

1- _________ "" mediano

_____ m. tricipite del braccio

:...-
________ 0.• brachiale

m. bicipite del b",,,,;o----- ---II-f41i1-

n. cutaneo
laterale d,//'.'"oml,,,'do ---,

""II"...----m. pronatore rotondo


_
_ ___

Figura 1 34. Nervi muscolo-cutaneo. mediano ed ulnare, nella faccia anteriore del braccio destro.

anteriore del muscolo brachiale, sulla quale discende ricoperto dal muscolo
bicipite del braccio. Nel portarsi verso il basso, si dirige anche lateralmente e,
in corrispondenza della piega del gomito, si trova di lato al tendine del muscolo
bicipite del braccio. Quivi perfora la fascia brachiale e , fattosi sottocutaneo,
prosegue nella parte laterale dell'avambraccio come nervo cutaneo laterale del­
l'avambraccio, che innerva la cute della regione laterale dell'avambraccio.
Il nervo muscolo-cutaneo emette lungo il suo decorso i rami muscolari, che
provvedono all'innervazione dei muscoli anteriori del braccio, ossia del muscolo
coraco-brachiale, del muscolo brachiale e del muscolo bicipite del braccio.

Nervo mediano
Il nervo mediano è un voluminoso nervo misto. Con le sue fibre motnci
somatiche, esso innerva i muscoli anteriori dell'avambraccio, esclusi il muscolo
232 NERVI SPINALI

flessore ulnare del carpo e la metà mediale del muscolo flessore profondo delle
dita; innerva inoltre, nella mano, il I ed il I l muscolo lombricale ed i muscoli
dell'eminenza tenar, tranne il muscolo adduttore del pollice ed il capo profondo
del muscolo flessore breve del pollice. Con le sue fibre sensitive, innerva la cute
della faccia palmare della mano nella parte corrispondente al l, al l i ed al III dito
ed alla metà JateraJe del I V dito (Hg. 129); partecipa inoltre all'innervazione
dell'articolazione del gomito e dell'articolazione radio..carpale.
Il nervo mediano si forma nella cavità ascellare dalla fusione del ramo in­
feriore del tronco secondario laterale con il ramo superiore del tronco secon­
dario mediale del plesso brachiale. L'ansa, aperta superiormente, determinata
dall'unione di tali due rami è detta forca del nervo mediano ed abbraccia an­
teriormente l'arteria ascellare (fig. 1 27).
Dalla cavità ascellare, il nervo mediano discende nella parte mediale della
loggia astea-fasciale anteriore del braccio (fig. 134) immediatamente all'in­
nanzi del setto intermuscolare mediale. Costeggia mediaImente prima il mu­
scolo coraco-brachiale e poi il muscolo bicipite del braccio; è posto dappri­
ma lateralmente all'arteria brachiale, ma poi le si fa mediale, incrodandola al
davanti.
Giunto alla piega del gomito, il nervo mediano passa tra il capo omerale
ed il capo ulnare del muscolo pronatore rotondo e poi tra i due capi del mu­
scolo flessore superficiale delle dita. Discende così nella parte anteriore del-

n. mediano l� f... ul Ulre


ti.

?\
ramo pa/mdearlenesurvpeoruilcniaarlee
f

m. adduttore delpollice J�
ramo padelmlanererprvooIIondo/naTe
1------
f

nn.kJter,aUgliiteamelipaldiamliari 1

Figura 1 H. Nervo mediano e nervo ulnue, nella palma della mano destra.
NERVI SPINALI 233

l'avambraccio (fig. 1 3 1 ) dove decorre tra il muscolo flessore superficiale delle


dita ed il muscolo flessore profondo delle dita, mantenendosi in posizione me­
diana.
A livello del polso, il nervo mediano entra nel canale del carpo ed arriva
così nella mano (fig. 135). Qui si risolve nei suoi rami terminali.

Rami collaterali. Il nervo mediano, lungo il suo decorso nell'avambraccio, stacca


rami muscolari che provvedono all'innervazione dei muscoli anteriori dell'avam­
braccio, eccezion fatta per il muscolo flessore ulnare del carpo e la parte mediale
del muscolo flessore profondo delle dita.

Rami terminali. I rami terminali del nervo mediano, che ongmano dalla suddi­
visione del nervo medesimo entro la palma della mano, sono rami muscolari
e rami cutanei.
1 . I rami muscolari del nervo mediano si distribuiscono principalmente entro
l'eminenza tenar, innervando il muscolo abduttore breve del pollice, il musco­
lo opponente del pollice ed il capo superficiale del muscolo flessore breve del
pollice. Altri rami vanno ad innervare il I ed il II muscolo lombricale della
mano.
2. I rami cutanei del nervo mediano innervano la cute dell'eminenza tenar
e della parte centrale della palma della mano. Sono rappresentati inoltre dai
nervi digitali palmari, laterale e mediale, rispettivamente del pollice, dell'indice e
del medio e dal nervo digitale palmare laterale dell'anulare, i quali provvedono
all'innervazione della cute palmare di tali dita.

Nervo ulnare

Il nervo ulnare è un grosso nervo misto. Con le sue fibre motrici somatiche
esso innerva: nella parte anteriore dell'avambraccio, il muscolo flessore ulnare
del carpo e la parte mediale del muscolo flessore profondo delle dita; nella mano,
il capo profondo del muscolo flessore breve del pollice, il muscolo adduttore
del pollice, i muscoli interossei palmari e dorsali, il III ed il IV muscolo lombricale
ed i muscoli dell'eminenza ipotenar. Con le sue fibre sensitive si distribuisce
alla mano dove innerva, sulla faccia palmare, la parte corrispondente alla metà
mediale del IV dito ed al V dito e, sulla faccia dorsale, la parte corrispondente
alla metà mediale del III dito ed al IV e V dito ( fIg. 129); partecipa inoltre alla
innervazione dell'articolazione del gomito e dell'articolazione radio-carpale.
Nato nella cavità ascellare dal tronco secondario mediale del plesso brachiale,
il nervo ulnare discende nella parte mediale della loggia osteo-fasciale anteriore
del braccio (fIg. 134), subito al davanti del setto intermuscolare mediale, avendo
lateralmente l'arteria brachiale che lo separa dal nervo mediano. Perfora poi
il setto intermuscolare mediale e scende lungo la faccia posteriore di questo,
entro la loggia osteo-fasciale posteriore del braccio, dove costeggia medialmente
il capo breve del muscolo tricipite del braccio.
In corrispondenza del gomito, il nervo ulnare decorre posteriormente entro
la doccia compresa fra l'epitrodea dell'omero e l'olecrano dell'ulna. Passa poi
tra il capo omeralc ed il capo ulnare del muscolo flessore ulnare del carpo e
NERVI SPINALI
234

giunge così neUa parte anteriore dell'avambraccio, dove si trova In posIZIone


mediale.
Nell'avambraccio, il nervo ulnare (fig. 1 3 1 ) discende applicato alla parte
mediale del muscolo flessore profondo delle dita, essendo ricoperto dal mu­
scolo flessore ulnare del carpo; è accompagnato dai vasi ulnari.
Al polso, il nervo ulnare passa subito di lato all'osso pisiforme, in un suo
canalicolo osteo-fibroso. Arriva così nella palma della mano, dove si risolve
nei suoi rami terminali.

Rami collaterali . Il nervo ulnare emette i suoi rami collaterali allorquando decorre
neU'avambraccio. Essi sono i seguenti.
1 . 1 rami muscolari provvedono aU'innervazione del muscolo flessore ulnare
del carpo e della metà mediale del muscolo flessore profondo delle dita.
2. Il ramo dorsale della mano, sensitivo, si stacca dal nervo ulnare in cor­
rispondenza del terzo inferiore dell'avambraccio. Esso si fa posteriore e perfora
la fascia antibrachiale in corrispondenza del polso. Fattosi così sottocutaneo,
discende sulla metà mediale del dorso della mano (Hg. 133) innervandone la cute e
dando luogo ai nervi digitali dorsali, mediale e laterale, rispettivamente del mi­
gnolo e dell'anulare e al nervo digitale dorsale mediale del medio, destinati alla
cute della faccia dorsale di tali dita.

Rami terminali. I rami terminali del nerllO ulnare, che originano dalla sua divi­
sione entro la palma della mano, sono: il ramo palmare SI'perficiale ed il ramo
palmare profondo (fig. 135).
1 . Il ramo palmare superficiale dà rami al muscolo palmare breve ed alla
cute dell'eminenza ipotenar. Termina formando i nervi digitali palmari, mediale
e laterale, del mignolo ed il nervo digitale palmare mediale dell'anulare, che si
distribuiscono alla cute della faccia palmare di tali dita.
2. Il ramo paImare profondo si porta, in compagnia del ramo palmare pro­
fondo dell'arteria ulnare, nella profondità della palma della mano, dove si di­
spone tra i tendini dci muscoli flessori superficiale e profondo delle dita, posti in
avanti, ed i muscoli interosse! palmari, situati in profondità; dirigendosi di lato,
giunge con i suoi rami terminali fino nella profondità dell'eminenza tenar. I suoi
rami sono fondamentalmente rami muscolari ; essi provvedono all'innervazione di
tutti i muscoli Jell'eminenza ipotcnar (escluso il muscolo palmare breve), di tutti i
muscoli interassei, palmari e dorsali, della mano, del III e del IV muscolo 10m­
bricale della mano, ed in fine del muscolo adduttore del pollice e del capo pro­
fondo del muscolo flessore breve del pollice.

Nervo cutaneo mediale del braccio


Il nervo cutaneo mediale del braccio è un nervo esclusivamente sensitivo,
che è deputato all'innerva:tione cutanea della parte mediaie del braccio (fig.
129).
Il nervo cutaneo mediale del braccio origina dal tronco secondario mediale
del plesso brachiale, entro la cavità ascellare. Diretto verso il basso, appena oltre-
NERVI SPINALI 235

n. I intercostale -----;\__=:

j��������
rami cutanei
laterali dei
_
nervi intercostali _

'-;.;f.\---",m . intercostali interni


__
coste __ _ _
__ __ �,,� - m. retto dell'addome
'-'i--

n. 'o"oco,tal, -------+���,..
m. trasverso d,1i',
"'olo" - -
,, - - -� --i �""

Figura 136. Nervi intercostali di destra.

passata la cavità ascellare perfora la fascia brachiale e si fa sottocutaneo. Di·


scende allora verso il basso lungo la parte mediale del braccio, dando via via
rami che si distribuiscono alla cute. Esso arriva fino in vicinanza della piega del
gomito.
236 NERVI SPINALI

Nervo cutaneo mediale dell'avambraccio


Il nervo cutaneo mediale dell'avambraccio è nervo solo sensitivo e presiede
all'innervazione cutanea della parte mediale dell'avambraccio (fig. 129).
Nato nella cavità ascellare dal tronco secondario mediale del plesso brachiale,
i
l nervo cutaneo mediale dell'avambraccio scende neUa parte mediale della loggia
astea-fasc a
i le anteriore del braccio. Laddove la vena basilica perfora la fascia
brachiale per farsi profonda, esso attraversa la fascia brachiale e si fa superfi­
ciale; discende allora lungo il braccio e poi l'avambraccio entro la tela 50ttO­
cutanea, costeggiando la vena basilica. A cominciare dal gomito, emette rami
che si distribuiscono alla cute daUa parte mediale dell'avambraccio.

NERVI INTERCOSTALI

l nervi intercostali, nervi mISti, sono in numero di 1 2 per lato. Essi sono
i rami anteriori di divisione dei 1 2 nervi toracici; fa eccezione il I nervo intet­
costale , il quale rappresenta solo una piccola parte del ramo anteriore del I nervo
toracico, entrando la maggiore parte del ramo medesimo neUa costituzione
del plesso brachiale.
I nervi intercostali (fIg. 136) decorrono ciascuno nel corrispondente spazio
intercostale, tra i muscoli m
i ercostali esterno ed interno, tranne il XII nervo
intercostale che cammina al di sono deUa XII costa e che perciò è deuo più
esattamente nerllo SOltocostafe.
1 primi sei nervi intercostali arrivano fmo all'estremità anteriore dei loro
corrispondenti spazi intercostali, a ridasso dello sterno, e qui si estinguono.
I successivi nervi incercostali invece si continuano oltre i lOTO spazi intercostali
e si immettono nello spessore della parete dell'addome, dove proseguono in avanti
con direzione obliqua verso il basso.
Lungo il loro decorso, i nervi intercostali emettono: rami cutanei laterali,
che provvedono all'inncrvazione della cute della parete laterale del torace e
della parete laterale dell'addome; rami cutanei anteriori, che innervano la cute
della parete anteriore del torace e della parete anteriore dell'addome; rami mu­
scolari, che presiedono all'innervazione dei muscoli intrinseci della gabbia to­
racica e, per quanto riguarda gli ultimi sei nervi intercostali, anche all'innerva­
zione dei muscoli della parete antera-laterale dell'addome.

PLESSO LOMBARE

Il plesso lombare ( frgg. 137 e 138) è formato dai rami anteriori del f, del
II, del ili c di parte del TV nervo lombare. Esso si costituisce medi
ante la for­
mazione di tre anse anastomotiche che collegano rispettivamente il ramo an­
teriore del l nervo lombare con quello del I l , il famo anteriore del I l nervo lom­
bare con quello del III ed il ramo anteriore del III nervo lombare con quello
del IV.
fn particolare , il ramo anteriore del I nervo lombare si divide in tre rami,
che sono: il nervo ileo-ipogastrico, il nervo ileo-inguinale e la J ansa atUlStomo-
NERVI SPINALI 237

m. trasverso d,ll',dd'on,, --- /' :-;j:;::;:::;11- XlI COffa

1ll'dJI-----.lI----- m. quadrato dei lombi



________

n.

�t=::�:iI_-------- n . l lombaTe
ileo-ipogastrico
-------"

n. i1eo-il1guil1ale -------'"

m. obliquo ì"temo d,Il'"dd'on" -1 "'--1---- 1 al1sa al1a.stomotica


'--11--- ". 11 lombare
del plesso lombare
m. obliquo esterno d,ll',dd'on,, _

rI. cutaneo laterlile de/la coscia


-----· ll ansa arllU'lomotica
del plesso lombare

______ 11. Ili /ombare

"'------ gel1itoJemorale
m. ill.'o -----....
rI.

'-4\------ 111 ansa al1astomotica


n. femorale -------,

m. gral1de p""u -----� del plesso lombare

ramo gluteo de/ l1ervo L _________ I1. IV lombare


cutal1eo laterale della '",,,;., --,
"' """"0 lombo-sacrale

i)�::::�'r
___ ___
__

tI
ramO femorale de/ l1ervo
rl.
-
cutal1eo laterale della ,""d" - otturatore
,,
_
_________

Fi8'lra 1 3 7 . Pieno lombare di destra, visto anteriormente dopo resezione del muscolo grande psoas.

tica del plesso lombare, che si unisce al ramo anteriore del Il nervo lombare.
Il ramo anteriore del II nervo lombare dà origine: al nervo genito-femorale. al
nervo cutaneo laterale della coscia cd alla fI ansa anastomotica del plesso lom­
bare. che si fonde con il ramo anteriore del III nervo lombare e dalla quale ha
origine la radice superiore del nervo otturatore. Il ramo anteriore del III nervo
lombare dà luogo: alla radice media del nervo otturatore, alla radice superiOre
del nervo femorale e alla 111 ansa anastomotica del plesso lombare. che si unj·
sce al ramo anteriore del IV nervo lombare. Il ramo anteriore del IV nervo lom­
bare si divide in tre rami; di tali tre rami, il superiore è la radice inferiore del
nervo femorale, quello medio rappresenta la radice inferiore del nervo ottura­
tore, quello inferiore infine si unisce al ramo anteriore del V nervo lombare
per formare il tronco lombo-sacra/e. che entra nella formazione del plesso sa­
crale.
Il plesso lombare si costituisce di lato alla parte lombare della colonna vero
tcbrale, nello spessore del muscolo grande psoas.
238 NERVI SPINALI

. J lombare

r ;;:{,'
f
n. ileo-ipogastrico J ansa al/aslomatica

Ir
, t:if!
_

del plesso lombare


'/eo-mguma/e
n. I " _,

'i?i; :!
' '

n. lI /ombaTe

I'
n. cutaneo
f4rerale della coscia
Il ansa cmastomotica

, ,- j n, m /ombare

I,L:::07� 4
111 ansa cmastomotica
del p/esso lombare

>'"'1 ' :1 n. IV lombare

l
�w'�'._»- -'1/
n. femorale

n. otturatore ..

IV) I n. V lombare

tronco lombo-sacrale
I U II
Figura 1 38. Schema deUa costituzione del plesso lombare di destra.

Nervo ileo-ipogastrico
Il nervo ileo-ipogastrico (fig. 1 3 7 ) , nervo misto, decorre dall'indietro in
avanti e verso il basso entro la parete addominale, di cui ne innerva i muscoli
e la cute.
Il nervo ileo-ipogastrico, fuoriuscito dal muscolo grande psoas, decorre dap­
prima davanti al muscolo quadrato dei lombi e indi sulla faccia mediale del
muscolo trasverso dell'addome. Perfora poi questo muscolo e decorre al di sotto
del muscolo obliquo interno dell'addome ; perforando anche quest'ultimo musco­
lo poco sopra alla spina iliaca antero-superiore dell'osso dell'anca, prosegue
il suo decorso al di sotto del muscolo obliquo esterno dell'addome. Raggiunge
infIne la guaina del muscolo retto dell'addome, nella quale penetra per estin­
guersi nel musc�lo retto dell'addome e nel muscolo piramidale.
Il nervo ileo-ipogastrico emette, lungo il suo decorso, rami cutanei che attra­
versano i diversi strati muscolari della parete dell'addome e si distribuiscono
infme alla cute della parete medesima. Esso provvede poi, coi suoi rami muscolari,
all'innervazione dei muscoli obliquo esterno, obliquo interno e trasverso dell'ad­
dome, del muscolo retto dell'addome e del muscolo piramidale.
NERVI SPINALI 239

. ileo.inguinale

n. cutaneo n. cutaneo

-/-_ -'t,---�-- " t. cosd4


Llterau Llterak
ddt. co",", _
_

n. cutaneo
posteriore

--
____
_ n. ischiatico

Figura 139. Territori sensitivi cutanei dell'arto inferiore destro: A, sulla faccia anteriore : B, sulla
faccia posteriore.
240 NERVI SPINALI

Nervo ileo-inguinale
Il nervo ileo-itlg"inale (fig. 137), nervo misto, decorre nella parete dell'ad­
dome con un andamento simile a queUo del nervo ileo-ipogastrico, rispetto al
quale cammina parallelamente al di sotto. Esso termina addentrandosi nel canale
inguinale, da! cui anello inguinale sottocutaneo poi fuoriesce per distribuirsi
allo seroto oppure al grande labbro ed alla cute della regione pubica e della piega
dell'inguine (fig. 139).
Oltre ai rami cutanei per la cute della parete dell'addome, il nervo ileo-ingui­
naIe dà rami muscolari ai muscoli obliquo esterno, obliquo interno e trasverso
dell'addome.

Nervo genito-femorale
Il nervo gel1ito-femorale (fig. 137), nervo misto, discende sulla faccia ante­
riore del muscolo grande psoas, sotto la fascia di questo. Arrivato presso il lega­
mento inguinale, si divide in un ramo laterale: il nervo lombo-inguinale, ed in

i
cn.raumtmusaoneglocoultlaoeto-ecrdeuat/aelnnedeeorlvaloacteorsac/iea�iTt /
" . cuta"eo laterale del asacrotoscriiao
--.
'
11.
/
--
- --
----
- --
- --
----
----
- -
--

1f
cn.raumtmusaonefoceomllaorot-ecarulaetlaedendeelonel14merCvOodSiaCliae-7
, .�.

�•(1�� an. ot. fteumorratoarlee


. ."..
I J'

-;T
, J"L/

n. dereltmuso decolfloemorquaedricipite ---1 L __


__ _
__ m. adduttore breve
rn .
[),7 Illi
'-
--
__

I------
__
____
____ __
__
_ n.s a f e no
m. advdutasttoormee ldungoiale
L-----m.

� sartorio
1ft.

deraml nuo ivnofraspaa'etenloarc


'l'
.,
'1Ii
. 'f"7..

Figura 140. Nervo femorale, nervo otturatore e nervo cutaneo Laterale della coscia, nella (accia
<Interiore della coscia destra..
NERVI SPINALI 24)

uno mediale: il nervo spermatico esterno.


1. " nervo lombo-inguinale passa nella lacuna vasale, lateralmente all'arteria
femorale, ed entra così nel triangolo femorale (dello Scarpa); qui perfora la fascia
cribrosa e, fattosi sottocutaneo, si distribuisce alla cute della parte antera-supe­
riore della coscia (fig. 139). Cede i suoi rami motori al muscolo iliaco ed al mu­
scolo trasverso dell'addome.
2. Il nervo spermatico esterno si immette nel canale inguinale e vi fuori­
esce poi attraverso il suo anello inguinale sottocutaneo. Innerva lo scroto o il
grande labbro, inoltre la cute della parte supero-mediale della coscia. Dà i suoi
r(lUli motori ai muscoli obliquo interno e trasverso dell'addome ed al muscolo
cremastere_

Nervo cutaneo laterale della coscia


Il nervo cutaneo laterale della coscia è un nervo esclusivamente senSltlvOj
esso provvede all'innervazione cutanea della faccia laterale della coscia e della
parte laterale della regione glutea (fIg, 139).
Fuoriuscito dal contorno laterale del muscolo grande psoas, il nervo cutaneo
laterale della coscia (fig, 137) discende sulla faccia anteriore del muscolo qua­
drato dei lombi e poi su quella del muscolo iliaco, fino a raggiungere quell'inci­
sura dell'osso dell'anca che è compresa tra la spina iliaca antero-superiore e la
spina iliaca antero-inferiore. A tale livello passa nella coscia, dove si divide nel
ramo femorale e ncl ramo gluteo (fig. 140).
1. il ramo femorale , si porta in basso, incrociando anteriormente il muscolo
sartoria c , lungo il margine infero-Iaterale di questo, perfora la fascia lata e si fa
sottocutaneo. Si distribuisce alla cute della faccia laterale della coscia.
2, Il ramo gluteo si dirige in addietro, perfora la fascia lata e, fattosi sottocu­
taneo, si porta alla parte laterale della regione glutea, innervandone la cute,

Nervo otturatore
Il nervo otturatore è un nervo misto. Esso, con le sue fibre motrici somatiche,
inncrva i muscoli mediali della coscia e, con le sue fibre sensitive, si distribuisce
alla cute della faccia medialc della coscia (fig. 139).
Il nervo otturatore emerge dal contorno mediale del muscolo grande psoas
e si porta in avanti ed in basso, applicandosi alla parete laterale della cavità
pelvica. Raggiunge così iJ canale otturatorio e vi penetraj nell'attraversare tale
canale, emette il ramo per il muscolo otturatore esterno. All'uscita dal canale
otturatorio (fig, 140), si divide nei suoi due rami terminali: l'anteriore ed il
posteriore.
1 , Il ramo anteriore del rlervo otturatore più voluminoso di quello posteriore,
discende nella parte mcdiale della coscia tra il muscolo adduttore lungo, posto
in avanti, ed il muscolo adduttore breve, situato in addietro. Innerva i muscoli
adduttore lungo, adduttore breve e gracile. Emette inoltre un ramo cutaneo
per la cute della metà inferiore della faccia mediale della coscia.
2. il ramo posteriore del nervo otturatorfJ si dirige in addietro e provvede
all'innervazione del muscolo grande adduttore.
242 NERVI SPINALI

Nervo femorale
Il nerllO femorale è il più voluminoso tra i nervi del plesso lombare. Nervo
misto, esso innerva, con le sue fibre motrici somatiche, i muscoli anteriori della
coscia e. con le sue fibre sensitive, la cute della faccia anteriore della coscia
e quella della faccia antero�mediale della gamba (fig. 139), inoltre l'articolazione
cDxo-femorale e l'articolazione del ginocchio.
l! nervo femorale fa emergenza lungo il contorno laterale del muscolo grande
psoas e discende verso il basso, adattandosi all'angolo che il muscolo grande
psoas medesimo forma con il muscolo iliaco, quando i due si uniscono per for­
mare il muscolo ilio-psoas. Arriva cos,' al legamento inguinale c vi passa al di
sotto, subito di lato alla benderella ilio-pettinea, percorrendo pertanto la lacuna
neuro-muscolare assieme al muscolo ilio-psoas. Giunge così nella coscia (fig.
140), da dove viene a trovarsi in profondità alla fascia ilio-pc ttinea, che forma il
pavimento del triangolo femorale (dello Scarpa). Qui si divide nei suoi rami
terminali, che sono: il nervo muscolo-cutaneo laterale, il nervo muscolo-cutaneo
mediale , il nervo del muscolo quadn"cipite del femore ed il nervo safeno (o nervo
safeno interno ).
1. Il nervo muscolo-cutaneo laterale è un nervo misto. I suoi rami muscolari
provvedono all'innervazione del muscolo sartoria. I suoi rami sensitivi sono: i
nervi perforanti, superiore ed inferiore, che attraversano dall'indietro in avanti
il muscolo sartorio per farsi poi sottocutanei e distribuirsi alla cute della faccia
anteriore della coscia; il nervo accessorio del sa/eno, che si divide in un ramo
superficiale, il quale si fa sottocutaneo sulla faccia mediale della coscia e si accolla
alla vena grande safena per raggiungere i
l ginocchio dove si unisce al nervo safeno
(o nervo safeno interno), ed in un ramo profondo , il quale discende accompa­
gnando l'arteria femorale e si distribuisce infine alla cute della faccia mediale del
ginocchio.
2. il nervo muscolo-cutaneo mediale è pure di natura mista, ma è molto più
piccolo del precedente. Si risolve in numerosi filamenti che si distribuiscono
ai muscoli pettineo e adduttore lungo ed alla cute della parte antera-superiore
della coscia.
3. Il nervo del muscolo quadricipite del femore, quasi interamente motore,
si risolve in quattro rami, ognuno dei quali è destinato ad uno dei quattro capi
che compongono il muscolo quadricipite del femore.
4. " nervo safeno (o nervo safeno interno ), sensitivo, discende dapprima
di lato all'arteria femorale e poi le si pone antero-medialmente. Giunto nel cana­
le degli adduttori (dell'Hunter), perfora la fascia vasto-adduttoria, che ne forma la
parete anteriore, e si porta verso l'epicondilo mediale del femore, dove si divide
nei suoi due rami terminali: il ramo infrapatellare ed il ramo tibiale. Questi si
dirigono al condilo mediale della tibia, dove perforano la fascia crurale e si fanno
sottocutanei.
Il ramo infrapatellare del nervo safeno si reca al di sotto della patella ed
innerva la cute della faccia antero-mediale del ginocchio.
Il ramo tibiale del nervo safeno (fig. 1 4 1 ) è più voluminoso del ramo infra­
patellare e rappresenta la diretta prosecuzione del nervo safeno. Esso discen­
de sulla faccia antero-mediale della gamba, decorrendo lungo la vena grande
NERVI SPINALI 243

ramo infrapatellare del nervo safeno --tt:::::;;;;f'


,

\l

-;11--'"'"" abiale dcI nell'O safeno

n. perOl1eo superficiale -------\:--1\

+�
cl4tQ1leo dorsale mediate del piede

,-
n. cl4tQ1leo dorsale imermedio del p;"d,

n. cl4taneo dorsale laterale del p;"d"---!\'j'Il

:I!!r---". peroneo profondo

Figura 141. Ramo tibiale del nervo safeno e nervo peroneo superficiale, nella faccia anteriore
della gamba destra.

safena, e giunge coi suoi rami terminali al contorno mediale del piede. Cammin fa.
cendo, innerva la cute della faccia antero·mediale della gamba.

PLESSO SACRALE
Il plesso sacrale (fig. 142) risulta dall'unione del tronco lombo-sacrale, for.
mato di parte del ramo anteriore del l V nervo lombare e del ramo anteriore
del V nervo lombare , con i rami anteriori del I e del II nervo sacrale e con parte
del ramo anteriore del Il! nervo sacrale.
244 NERVI SPINALI

+ ..Il?"
ff0
� ::::=-
: --- -
ti. 1 V lombare osso sacro

--rvq(:'�
___________

n. V lombare tronco del / simpatico


/

\. ' �.�.".
' �':........
". �\��"�.I�
______

trol'lCO lombo·sacrale -,-- n. I s acra/e


"
_.,�;;tp
"

\,!'/'
_
_ ________

d,ir,
,

\J':..; , . '
._

I q '"
plesso mcrale Il sacra/e
ti
n.

'x
.
.\1.

legamento sacro-spinoso _
_ ___ III. p/riforme
m. ilio-psoas -,
\�* n. m sacra/e

�\
________

\*-

m. otturatore inferno n. IV sacrale
nervo e vasi otturatori

vasi iliaci esterni


\
\\ U n. V sacrale

\\'\\:\) W/fI
n. del muscolo pleuo coccigeo
elevatorc dell'mIO
.'!o.
'"
'\::�""S-�.
n. I coccigeo
m. elevatore defI'ano

""
....... n. emorroidale

n. dei muscolo otturatore interno �'.\� �"


sinfisi pubica
"
n. gluteo inferiore

,",'
" n. pudendo
n. dorsale del pefle
.
!lO"
'\ tuberasità ischiarica
n. del per/neo -------,
\ ramo perineale
del nervo gluteo inferiore

Figura 142. Pieno sacrale, pieno pudendo e pieno coccigeo di destra.

Tali rami nervosi costitutivi del plesso sacrale convergono fra di loro e, sulla
faccia anteriore del muscolo piriforme dietro alla fascia pelvica, danno luogo ad
una grossa formazione nervea di forma triangolare, la cui base corrisponde all'osso
sacro ed il cui apice giunge alla parte antera-inferiore del grande foro ischiatico,
dove poi essa si continua con il nervo ischiatico.
I rami del plesso sacrale si distinguono in nervi del cingolo pelvico e nervi
della parte libera dell'arto inferiore. Essi fuoriescono dalla cavità pelvica pas­
sando per il grande foro ischiatico , al di sotto del muscolo piriforme, ad ecce­
zione del r.ervo gluteo superiore che passa invece al di sopra. Rimane nella
cavità pelvica il solo nervo del muscolo pinforme, che entra nel muscolo orna­
nimo in corrispondenza della sua faccia ameriore.
NERVI SPINALI 245

Nervi del cingolo pelvi co


l nervi del cingolo pelvico sono i seguenti.
1 . Il nervo del muscolo otturatore interno, fuoriuscito attraverso il grande
foro ischiatico, contorna la spina ischiatica dell'osso dell'anca ed entra nel piccolo
foro ischiatico per portarsi nella fossa ischio-rettalc, dove si distribuisce al mu­
scolo otturatore interno.
2. li nervo del muscolo gemello superiore è destinato al muscolo omonimo.
3. Il nervo dei muscoli gemello inferiore e quadrato del femore innerva tali

m. grande gh,',o-
----
----
---- __, _______ ",. medio gluteo
n. gluteo superiore -------------iO'-. ,------
m.. piccolo gluteo

piri/ormc
n. gluteo ";'['''0'' -------,'-- ,------ m.

otturatore interno

1'1. schiatico
i --
----
----
-- " IW
� -- "c iit'-,lft------ m. quadrato delfemore

-------1;
1'1. cutaneo
posteriore della coscia

m. bicipite d,l f'mo"'-------�

adduttore grande

m. semimembranuso

1-- __
__ __
____
_ _
_ '" semitendinoso

-'!j- n. peroneo comune

'+ " cutaneo laterale del polpaccio


__
____
____ ___ _
__

n. cutaneo media/e del po,lr'''';�--' ____

Figura 143. Nervo ischiatico e nervi glutei superiore ed inferiore, nella faccia posteriore dell'an­
ca e della coscia di destra.
246 NERVI SPINALI

due muscoli.
4 . Il nervo del muscolo piriforme è destinato all'omonimo muscolo.
S. Il nervo gluteo superioTe (fig. 143), fuoriuscito dalla grande incisura ischia­
dea passando a1 di sopra del muscolo piriforme, si dispone tra il muscolo medio
gluteo ed il muscolo piccolo gluteo, ai quali si distribuisce. Innerva anche il
muscolo tensore della fascia lata.
6. Il nervo gluteo inferiore (Hg. 143) esce dal grande foro ischiatico, pas­
sando sotto al muscolo piriforme, e viene e trovarsi profondamente al muscolo
grande gluteo, cui si distribuisce.

Nervi della parte libera dell'arto inferiore


I nervi della parte libera dell'arto inferiore sono il nervo cutaneo posteriore
della coscia ed il nervo ischialleo.

Nervo cutaneo posteriore della coscia


Il nervo cutaneo posteriore della coscia è un nervo sensitivo, deputato alI 'in­
nervazione cutanea della parte inferiore della regione glutea, della faccia poste­
riore della coscia e della regione poplitea.
Il nervo cutaneo posteriore della coscia, che è fuso alla sua origine con il
nervo gluteo inferiore (f�. 143), esce dalla cavità pelvica passando per il grande
foro ischiatico, al di sotto del muscolo piriforme, e viene cosÌ a trovarsi profon­
damente al muscolo grande gluteo. Piegando verso il basso, passa nella coscia
dove discende in rapporto con la superficie profonda della fascia lata, nell'in­
terstizio tra il muscolo bicipite del femore ed il muscolo semitendinoso; arriva
così fino alla cavità poplitea.
Emette all'iniz.io rami perineali per la cute del perineo e degli organi ge­
nitali esterni. Discendendo poi nella coscia al di sotto della fascia lata, forni­
sce via via ram!' cutanci che perforano la fascia lata medesima ed innervano la
cute della parte inferiore della regione glutea, della faccia posteriore della co­
scia, della regione poplitea e della parte più alta della faccia posteriore della
gamba.

Nervo ischiatico
Il nervo ischiatico è il più voluminoso dei nervi del corpo, avendo un dia­
metro di 1 2 - 14 mm; considerato con i suoi rami terminali, risulta anche es­
sere il nervo più lungo. E' un nervo misto; unitamente ai suoi rami terminali ,
esso provvede all'innervazione motrice dei muscoli posteriori della coscia, dei
muscoli della gamba e dei muscoli del piede ed all'innervazione sensidva del­
la cute delle facce antero-Iaterale e posteriore deUa gamba e della cute del piede
(fig. 139), inoltre dell'articolaz.ione del ginocchio e dell'articolazione tibio-tarsica.
tI nervo ischiatico (fig. 143) esce dal grande foro ischiatico, appoggiato
sopra la spina ischiatica dell'osso dell'anca. Piega subito verso il basso, essendo
ricoperto dal muscolo grande gluteo ed appoggiando successivamente sul muscolo
gemello superiore, sulla parte riflessa del muscolo otturatore interno, sul mu-
NERVI SPINALI 247

4. poplitea -------------t....I;t;t------------- •. isc1,ìaliw

Il. cutaneo media/e del polpaccio 1\-41---------.< ''''0'''' comlmc


\_
"'1:-''C-J'-'1!(----------- a. poplitea
11. tibiale _
_ ________

a. tibiale p''''''ri,,'' ------- ;--- ________ a.perunea

m. flessore lungo delle dUo _


_ __ + f/------ m. tibiale posteriore

mal/eolo mediale della 'i.io _


_ __ -+ \\-____ malleolo laterale della fibula

Figura 144. Nervo cibiale, nella faccia posteriore della gamba destra.

scolo gemello inferiore e sul muscolo quadrato del femore. In questo suo trat­
to, esso si trova interposto tra la tuberosità ischiatica dell'osso dell'anca, posta
medialmente, ed il grande trocantere del femore, situato lateralmente, essendo
circa equidistante da tali due formazioni ossee.
Il nervo ischiatico passa poi nella loggia osteo-fasciale posteriore della co­
scia, dove discende pressoché verticalmente lungo la linea aspra del femore,
da cui lo separano le inserzioni del muscolo grande adduttore, del muscolo vasto
laterale e del capo breve del muscolo bicipite del femore. Viene incrociato po­
steriormente dal capo lungo del muscolo bicipite del femore.
248 NERVI SPINALI

Lungo il suo decorso nella coscia, il nervo ischiatico innerva il muscolo semi­
membranoso, il muscolo semitendinoso ed il muscolo bicipite del femore ; dà
anche un ramo per l'innervazione del muscolo grande adduttore.
Il nervo ischiatico giunge COS1' nella parte superiore della cavità poplitea,
compreso tra il muscolo semitendinoso, posto medialmente, ed il muscolo bicipite
del femore, situato lateralmente. Quivi esso si divide nei suoi due rami terminali: il
nervo Ubiale ed il nervo peroneo comune.

Nervo tibia le. Il nervo tibiale (fig. 144) è il maggiore dei due rami di divisione
del nervo ischiatico ed è un nervo misto.
Il nervo tibiale percorre dall'alto in basso la cavità poplitea e si reca alla

n. tibiaJe .!IiIU'i
. 'II.i ti. verotleo comune

n. cutaneo mediale del volpacdo \ 1-:1


. 11 1 /(
�.I�,\ n. cutaneo laterale del polpaccio

v. piccola saftma

1'1/1 rI. surale

Figura 145. Nervi cutanei mediale e laterale del polpaccio, nella faccia posteriore della gamba
destra.
NERVI SPINALI 249

1 "1+--4---- n, peroneQ profondo

-----j+mt-!i-\--I---, m"d;,l, del pe.tk


n. curc:meo dorsllie n. C/lfa7lf" d,,,sale
intermedio del piede i

m. estensore IUllgo delle d,U,-----h

n. cutallCO clorsale laterale del p;,d' --1

Figura 146. Nervi cutanei dorsali del p e


i de destro.

arcata del soleo, che attraversa. Discende così nella loggia osteo-fasciale poste­
riore della gamba in compagnia dei vasi tibiali posteriori, essendo compreso
fra il muscolo tricipite surale ed il piano profondo dei muscoli posteriori del­
ia gamba. Giunto a livello del collo del piede, esso piega medialmente, passan­
do dietro al malleolo mediale della tibia; e sul lato mediale del calcagno si di­
vide nei suoi due rami terminali: il nervo pIantare mediale ed il nervo plantare la­
terale.
I rami collaterali del nervo tibiale sono: il nervo cutaneo mediale del pol­
paccio (o nervo safeno esterno) ed i rami muscolari.
1 . Il nervo cutaneo medjale del polpaccio (o nervo sa/eno esterno) (fIg.
145), sensitivo, origina dal nervo tibiale in corrispondenza della cavità popli­
tea e discende verticalmente lungo la faccia posteriore della gamba, in compa­
gnia della vena piccola safena. E' dapprima al di sotto della fascia crurale; dove
però la vena piccola safena attraversa la fascia crurale per farsi profonda, esso
diventa sottocutaneo. Fattosi così superficiale, emette rami per la cute della
metà inferiore della faccia posteriore del1a gamba.
In corrispondenza del terzo inferiore della gamba, il nervo cutaneo mediale
del polpaccio riceve un'anastomosi dal nervo cutaneo laterale del polpaccio
(ramo del nervo peroneo comune) e, mutato dopo tale anastomosi il suo nome
in quello di nervo surale, passa dietro al malIe alo laterale della fibula ed arri-
250 NERVI SPINALI

-j �l----------a.
n. tibia/e m . flessore breve delle dita
___

*
a. fibiale pos teriore - pIantare laterale

6\
____ _
_

a.

n. piantare mediale --------J �------m. quadrato de/w pianta


piantare mediale ________ n. pIantare laterale

-j I---m.
-- flessore lungo delle dita
ramo media/e
del nervo piantare mediale _
_ __

L
ramo laterale
del nervo pl.mtare media/e

Figura 147. Nervi piantaTi mediale e laterale del piede destro.

va sul dorso del piede come nertlo cutaneo dorsale laterale del piede (fig. 146).
Quest'ultimo innerva la cute della pane laterale del dorso del piede e termina con
i nervi digitali dorsali, laterale e mediale, del V dito e con il nervo digitale dor­
sale laterale del TV dito, destinati alla cute della faccia dorsale di tali dita.
2. f rami mu.(coldri si staccano dal nervo tibiale lungo il suo decorso nella
gamha. Essi innervano tutti i muscoli posteriori della gamba.

I rami terminali del nervo tibiale sono, come si è detto, il nervo piantare
mediale ed il nervo piantare laterale (Hg. 147), che sono ambedue nervi mi­
sti.
1. Il nervo plantar� mediale {fig. 147} decorre verso l'avanti nella parte me­
diale della pianta del piede, costeggiando medialmente il muscolo flessore breve
delle dita. Esso emette rami muscolari, che innervano il muscolo abduttore
dell'alluce, il capo mediale del muscolo flessore breve dell'alluce, il muscolo
flessore breve delle dita ed il I ed il II muscolo lombricale del piede; stacca inol­
tre rami cutanei, che innervano la cute della parte mediale della pianta del pie­
de. Termina dando luogo ai nervi digitali plantari, mediali e lateraU, dell'allu­
ce, del II dito e del III dito ed al nervo digitale pIantare mediale del IV dito,
i quali innervano la cute della faccia piantare delle dita medesime.
2. Il 'Iervo pIantare laterale (fig. 147) si porta in avanti e di lato nella pianta
del piede, decorrendo tra il muscolo flessore breve delle dita ed il muscolo qua-
NERVI SPINALI 251

drato della pianta. Innerva, con i suoi rami motori, i muscoli laterali della pianta
del piede annessi al V dito, il muscolo quadrato della pianta, il l l l ed il IV mu­
scolo lombricale del piede, i muscoli interossei plantari e dorsali del piede, il
muscolo adduttore dell'alluce ed il capo laterale del muscolo flessore breve
dell'alluce. Innerva, con i suoi rami sensitivi, la cute della parte laterale della
pianta del piede. Dà infIne luogo al nervo digitale pIantare laterale del IV dito ed
ai nervi digitali plantari, mediale e laterale, del V dito per la cute della faccia
piantare di tali dita.

NelVo peroneo comune. Il nervo peroneo comune (fig. 144) è un nervo misto.

n. peronco com,"'------- _ �
-A --------"'. peroneo breve

m. pcrorleo 1..,<,,------- 1i9tt-t-------,.. tibiale anteriore


______ n. peroneo profondo

m. estensore lungo delle dù·,---- L ______ m. tibiale anteriore

m. estensore lungo d,ll'"ll,,,


____

Figura 148. Nervi peronei superficiale e profondo, nella faccia anteriore della gamba destra.
252 NERVI SPINALI

Originato nella cavità poplitea dalla divisione dci nervo ischiatico, esso si di­
rige lateralmente e verso il basso c, abbandonata la cavità poplitea medesima,
arriva nella parte laterale della gamba, dove travasi applicato al collo della fibula.
Qui si divide nei suoi due rami termirlali; il "uvo peroneo superficiale cd il
nervo peroneo profondo.
Il nervo pcroneo comune emette come suo ramo collaterale, ancora entro
la cavità poplitea, il 'lervo cutaneo laterale del polpaccio (o nervo accessorio
del nervo safetlO estenlo) (fig. 1 45), sensitivo. Esso discende nella parte late­
rale del polpaccio e. a metà circa della gamba, perfora la fascia crurale per di­
stribuirsi alla cute della metà inferiore della faccia laterale della gamba; emette
inoltre un ramo anastomotico che si unisce al nervo cutaneo mediale del pol­
paccio (o nervo safeno esterno), ramo del nervo tibiale, per formare il nervo
surale.
1 . Il rwrvo pero,lCO superficiale (fig. 148), nervo misto, discende nella log­
gia osteo-fasciale laterale della gamba, tra il muscolo peroneo lungo ed il mu­
scolo peroneo breve, alla cui innervazione esso provvede. Arrivato nel terzo
inferiore della gamba, perfora la fascia crurale (fig. 1 4 1 ) e, fattosi Sottocuta­
neo, si divide nei suoi due rami terminali, che sono l i tlervo cutaneo dorsale
mediale del piede ed il nervo cutaneo dorsale intermedio del piede (fig. 146).
Questi discendono verso la parte mediale e quella intermedia del dorso del piede.
innervandone la cute; il nervo cutaneo dorsale mediale del piede termina poi
formando i nervi digitali dorsali, mediale e laterale, dell'alluce e del 11 dito ed il
nervo digitale dorsale mediale del III dito, mentre il nervo cutaneo dorsale inter­
medio del piede forma il nervo digitale dorsale laterale del Ili dito ed il nervo
digitale dorsale mediale del i V dito.
2. Il nervo peroneo profondo (fig. 148), nervo motore, si porta in avanti,
circondando il collo della fibula. Discende nella loggia osteo-fasciale anteriore
della gamba, anteriormente alla membrana interossea della gamba, decorrendo
dapprima tra il muscolo estensore lungo delle dita ed il muscolo tibiale ante­
riore poi tra quest'ultimo muscolo ed il muscolo estensore lungo dell'alluce;
è accompagnato dai vasi tihiali anteriori c arriva fino sul dorso del piede. In­
nerva, nella gamba, i muscoli anteriori della gamba e, sul dorso del piede, i muscoli
estensori brevi dell'alluce c delle dita.

PLESSO PUDENDO

([ plesso Plldendo (fig. 1 42), è costituito da parte del ramo anteriore del III
nervo sacrale e dall'intero ramo anteriore del J V nervo sacrale, che si uniscono
fra di loro. r\ plesso pudendo fa seguito inferiormente al plesso sacrale c, come
quest'ultimo, travasi nella cavità pelvica, appoggiato sulla faccia anteriore del
muscolo piriforme c ricoperto dalla fascia pelvica.
I principali ram; collaterali del plesso pudendo sono: il nervo del muscolo
elevatore dell'ano ed il nervo del muscolo isc/'io-coccigeo, motori, che sono
destinati ai due muscoli omonimi; i rami viscerali, sensitivi. per la vescica uri­
naria, p�r l'intestino retto e, nella donna, anche per la vagina; il nervo emor­
roidale inferiore, misto, che si distribuisce al muscolo sfintere esterno dell'ano
NERVI SPINALI 253

ed alla cute dell'ano.


Il ramo terminale del plesso pudendo è il nervo pudeudo .

Nervo pudendo
Il 'lervo pudendo (fig. 142), nervo misto, provvede all'innervazione motrice
di molti muscoli del perineo ed all'inncrvazione sensitiva degli organi genitali
esterni e della cute del pcrineo.
Il nervo pudendo esce dalla cavità pclvica attraverso la parte inferiore del
grande foro ischiatico, passando al di sotto del muscolo piriforme. Circonda
la spina ischiatica dell'osso dell'anca ed entra nel piccolo foro ischiatico, giun­
gendo così nella fossa ischio-rettale, dove si applica al muscolo otturatore in­
terno. Qui si biforca nei suoi due rami termi/lali, che sono: il nervo del peri­
rteo ed il nervo dorsale del pene (o del clitoride).
1. 11 l1ervo del peri"eo, che appare come la prosecuzione diretta del nervo
pudendo, si porta in avanti sulla faccia mediale della tuberosità ischiatica dell'os­
so dell'anca, descrivendo una curva aperta antero-superiormente. Giunge così
presso il contorno posteriore del trigono uro-genitale dove, dopo avere dato
rami per l'innervazione sia del muscolo sfintere esterno dell'ano che della cute
deU'ano, si divide in un ramo superficiale, che va ad innervare la cute dello scroto
oppure del grande labbro, ed in un ramo profondo, che si distribuisce ai muscoli
ischia-cavernoso, bulbo-<:avernoso e trasverso superficiale del perineo, inoltre
nel maschio all'uretra ed al suo corpo cavernoso e nella femmina al bulbo del ve­
stibolo.
2 . Il nervo dorsale del ptme (o del clitoride), che è minore del nervo del peri­
neo, si dirige in avanti seguendo il ramo ischio-pubico dell'osso dell'anca, in com·
pagnia dei vasi pudendi interni, ed arriva sotto alla sinfisi pubica. Quivi, nel ma­
schio, passa sul dorso del pene, dove si pone a lato dell'arteria dorsale del pene
ed emeHe rami per i corpi cavernosi del pene e per la cute del pene, terminando
infine nel corpo cavernoso del glande e nella cute che lo riveste; nella femmina
passa invece sul dorso del clitoride, distribuendosi a questo ed alla parte superiore
del piccolo labbro. Il nervo dorsale del pene (o del clitoride) innerva anche il
muscolo trasverso profondo del perineo ed il muscolo sfintere striato dell'uretra,
mediante rami che esso stacca quando decorre lungo il ramo ischio-pubico del­
l'osso dell'anca.

PLESSO COCCIGEO

Il plesso coccigeo (fig. 142) risulta costituito dal ramo anteriore del V tlervo
sacrale e dal ramo anteriore del J 'lervo coccigeo, uniti fra di loro da un'ansa.

E' situato nella cavità pclvica, al d:J.vanti del muscolo ischia-coccigeo, essendo
ricoperto dalla fascia pelvica.
Il ramo principale dci plesso coccigeo è il nervo ano-coccigeo, nervo misto,
il quale dà fibre al muscolo ischio.coccigeo ed alla cute interposta tra l'ano e
l'apice del coccige.
NERVI ENCEFALICI

I nervi encefalici (o nervi cranici) sono i nervi che fanno emergenza dal­
l'encefalo, nel quale essi hanno anche i loro nuclei effettori e i loro nuclei sen­
sitivi. I nuclei effettori sono distinti in nuclei somatomotori e nuclei viscero­
effettori; essi sono le origini reali rispettivamente delle fibre motrici somatiche e
delle fibre pregangliari dei nervi encefalici. I nuclei sensitiv; sono invece i nuclei
cui mettono capo le fibre sensitive dei nervi encefalici, ossia le fibre centrali dei
neuroni a T dei gangli encefalici, essendo infatti questi ultimi le origini reali delle
fibre sensitive stesse.
I nervi encefalici sono in numero di ] 2 paia e vengono numerati dall'avanti
all'indietro, in base alla loro origine apparente dall'encefalo. Essi sono:
il nervo del I paio: nervo olfattivo;
il nervo del II paio: nervo ottico;
il nervo del III paio: uervo oClllomotore;
il nervo del IV paio: nervo troc/eare;
il nervo del V paio: nervo trigemino;
il nervo del VI paio: nervo abducente;
il nervo del VII paio: nervo faciale;
il nervo dell'VIII paio: nervo acustico;
il nervo del IX paio: rlervo glosso-faringeo;
il nervo del X paio: nervo vago;
il nervo dell'XI paio: nervo accessorio;
il nervo del XII paio: nervo ipoglosso.

Nervo olfattivo
il "ervo olfattivo (fig. ] 49). I nervo encefalico, è nervo esclusivamente sen­
sitivo e provvede al trasporto delle impressioni olfattive. Esso non si presenta
come un singolo tronco nervoso, ma è scomposto in 1 5 - 20 piccoli fascetti: i
filame,Jtj olfattivi, accolti nella parte superiore della fossa nasale.
Il nervo olfattivo nasce, entro la mucosa olfauiva, dalle cellule olfattive
che ne costituiscono pertanto l'ongine reale. Le fibre olfattive, nate dalle cel­
lule olfattive stesse, si raggruppano a costituire i filamenti olfattivi, i quali de­
corrono verso l'alto sulle facce mediale e laterale della fossa nasale, profonda­
mente alla mucosa olfattiva; raggiunta la lamina cribrosa dell'etmoide, essi ne
256 NERVI ENCEFALICI

,
olfattivi

Figura 149. Nervo olfattivo di destra. In A, fdamcnti olfattivi sotto la tonaca mucosa della parete medWc: della
fossa nasale:; in B , fdamenti olfattivi sotto la tonaca mucosa della parete laterale della fossa nasale.

11
attraversano i forami e mettono capo al bulbo olfattivo, che sulla lamina cri�
brasa stessa è adagiato. loro ingresso nel bulbo clfattivo viene considerato
come l'origine apparente del nervo olfattivo.

Nervo ottico
Il nervo ottico (fig. 150), II nervo encefalico, è nervo solo sensltlvo ed è
deputato al trasporto delle impressioni luminose. Esso è formato dalle fibre
ottiche che nascono, nella retina dell'occhio, dalle cellule multipolari (o cellule
gangliari) ; queste rappresemano pertanto l'origine reale del nervo ottico.
Il nervo ottico si estende dall'occhio al chiasma ottico, cui esso mette capo
e che viene ritenuto la sua origine apparente.
In base ai rapporti che il nervo ottico contrae nel suo decorso, vi si distin­
guono quattro parti: la parte intrabulbare, molto breve, corrispondente al suo
tratto iniziale che attraversa la membrana corioidea e la sclera dell'occhio; la
parte intraorbitale, la più lunga, che percorre la cavità orbitale dal polo posteriore
dell'occhio al foro ottico dello sfenoide ; la parte intracanalicolare, che attraversa
il foro ottico dello sfenoide; la parte intracranica, che dal foro ottico dello sfe­
noide giunge al chiasma ottico.

Nervo oculomotore
il nervo oCII/omotore (o nervo oculomotore comune) (fig. I SO), III nervo
encefalico, è un nervo motore, con fibre motrici somatiche e fibre pregangliari.
Le sue fibre motrici somatiche provvedono all'innervazione dei muscoli retto
superiore dell'occhio, retto mediale dell'occhio, retto inferiore dell'occhio ed
obliquo inft.riore dell'occhio, inoltre del muscolo elevatore della palpebra supe-
NERVI ENCEFALICI 257

riore; le sue fibre pregangliari, pertinenti al parasimpatico encefalico, sono de­


stinate al ganglio ciliare per }'innervazione dei muscoli involontari dell'occhio:
il muscolo sfintere della pupilla ed il muscolo ciliare.
L'origine reale del nervo oculomotore è nella callotta del mesencefalo, dove
le sue fibre motrici somatiche nascono dai due nuclei somatomotori del nervo
oculomotore : il principale ed il centrale, di cui quest'ultimo è impari, e le sue fibre
pregangliari originano dal nucleo visceroeffettore del nervo oculomotore, detto
comunemente nucleo di Edinger e Westphal. L'origine apparente del nervo oell­
lomotore è sulla faccia anteriore del mesencefalo in corrispondenza del solco
dell'oeulomotore, interposto tra il contorno mediale del peduncolo cerebrale
e la fossa interpeduncolare.
Il nervo oculomotore dalla sua emergenza si porta in avanti ed entra tosto
nella parete laterale del seno cavernoso della dura madre; giunge così alla fes­
sura orbitale superiore dello sfenoide e vi penetra, passando entro l'anello ten­
dineo comune dei muscoli dell'occhio. Nell'attraversare la fessura orbitale supe­
riore, esso si divide nei suoi due rami terminali: il superiore e l'inferiore, che
entrano nella cavità orbitale.
Il ramo superiore del nervo oculomotore si dirige in avanti ed in alto e si
distribuisce al muscolo retto superiore dell'occhio ed al muscolo elevatore della
palpebra superiore. Il ramo inferiore del nervo oculomotore, si porta invece
in avanti ed in basso e dà i rami per i muscoli retto mediate, retto inferiore ed
obliquo inferiore dell'occhio; esso dà origine inoltre, staccandola dal suo ramo
per il muscolo obliquo inferiore dell'occhio, alla radice breve del ganglio ciliare
che mette capo al ganglio ciliare, situato entro l a cavità orbitale sul contorno

m. retto superiore de,"'""hi"


-------,
ramo superiore del llervo o,",io'm"',,,e __ ,

*__
11. naso·ciliare
--------:"
/-\- "" lacrimale
ganglio di',,,,
_____
_
_ ________

g,�i""dol, lacrimale
,r�--

gallglio ",",il""",,' ---t=::;-:'"--��':' anastomosi

,
de/ nervo lacrimale
"

�ç_��
'-
_ _ ',0" il nervo zigomatko

,------='t-.t' :,�
", O"" O , __
____
____
____

m. obliquo
m. retto laterale d,"'""h..

_+-.1.!
___ '''j,,,i,,,, dcIl 'occhio

ramo ùlferiore dcI nervo o""lc' m,, ',',, � ______ n. àgomatico

,
m. retto inferiore dell', ,,,h,", _
_ ______
-1

Figura 1 5 0 . Nervo ottico, nervo oculomotore e ganglio ciliare di destra, visti dopo l'asportazione della parete laterale
della cavità orbitale.
258 NERVI ENCEFALICI

�"....r--
. ffl . elevatore della palpebra superiore

n. fntratrocl�are tfat'\�
.... .. III�