Sei sulla pagina 1di 3

La progettazione

La progettazione degli appalti pubblici è l’attività di definizione di tutte le


caratteristiche che un determinato lavoro, servizio o fornitura devono possedere.

La progettazione ha l’obiettivo di trasformare l’esigenza definita dall’azione politica in


risultato oggettivo e contiene tutte le valutazioni tecniche ed economiche nel rispetto della
normativa vigente.

All’interno delle 4 fasi fondamentali degli appalti pubblici, la progettazione segue


la programmazione e precede l’affidamento e l’esecuzione.

La progettazione è trattata negli articoli 23 e seguenti del Codice Contratti.

Quando ha inizio e quando termina la progettazione?


La progettazione ha inizio una volta che l’amministrazione aggiudicatrice ha concluso la
fase di pianificazione ed ha approvato la programmazione dei lavori, servizi e forniture.
L’approvazione della programmazione si determina con l’approvazione del bilancio di una
amministrazione pubblica.

Il termine della progettazione si ha con la validazione del progetto mediante la quale si


procede successivamente all’affidamento.
Come si procede?
La progettazione degli appalti pubblici è fatta per livelli successivi che permettono un
progressivo dettaglio di elementi che lo compongono. In generale tutte le acquisizioni che
siano lavori, servizi e forniture richiedono una progettazione dettagliata prima che si
proceda al loro affidamento.

Al fine di permette alla parte politica di valutare l’andamento delle proprie scelte in merito
alla realizzazione di appalti pubblici la progettazione è fatte per livelli successivi di
definizione.

I livelli di progettazione permettono di definire man mano che il progetto si evolve, gli


elementi di dettaglio e permettono di valutare l’andamento del progetto affinché esso sia
in linea con gli indirizzi politici.

In base alla complessità del progetto si stabiliscono i livelli da attuare in modo che per
appalti semplici sia possibile accorpare più livelli in uno solo.

Il contenuto dei progetti di lavori è riportato nel precedente articolo riferito ai livelli di


progettazione.

Il progetto di servizi e forniture e composto dagli elaborati riportati nell’art. 23 comma 15


del Codice Contratti.

Chi redige il progetto?


La progettazione degli appalti pubblici di lavori, servizi e forniture è svolta da persone
competenti nelle materie specifiche.

I progetti di lavori sono redatti da tecnici come previsto dall’art. 24 del Codice Contratti.

I progetti di servizi e forniture sono redatti da soggetti senza particolari titoli.

La progettazione può essere svolta con il personale interno alla stazione appaltante


oppure ricorrendo professionisti esterni.

La modalità di scelta dei professionisti esterni dipende dagli importi dell’appalto da


realizzare. In particolare per i lavori sono affidati in base a quanto prevede l’art. 157 del
Codice Contratti che riepiloga in modo chiaro le modalità da seguire.

I riferimenti sono al valore delle attività di progettazione, coordinamento della sicurezza in


fase di progettazione, di direzione dei lavori, di direzione dell’esecuzione, e coordinamento
della sicurezza in fase di esecuzione

importo prestazione modalità riferimenti


fino a 40.000 euro affidamento diretto articolo 36,
comma 2,
lettera a)
articolo 36,
affidamento diretto previa valutazione
da 40.000 a 100.000 euro comma 2,
di almeno 5 operatori
lettera b)
 Parte II,
pari o superiore a 100.000 euro fino alla soglia Titolo III e
procedura ordinaria nazionale
di 139.000 euro o 214.000 euro IV del
codice
 Parte II,
Titolo I, II,
pari o superiore alla soglia procedura ordinaria europea
III e IV del
codice