Sei sulla pagina 1di 1

- Breve riflessione sull’etimologia del termine monumento

. monuménto (ant. moniménto) s. m. [dal lat. monumentum «ricordo, monumento», der.


di monere «ricordare»]. Etimologicamente, opera d’arte posta a ricordo: se considerato nel rigore del suo
etimo, il monumento rappresenta e celebra le più alte espressioni di una determinata temperie storica e socio-
politica, sia che essa si estrinsechi in uomini di valore e/o eventi di rilievo storico. Esso condensa in sé un
sistema di valori, che è quello proprio della contingenza storico-politica che lo esprime ed ammonisce al
bene agere. Poiché, tuttavia, il bene non è un assoluto ed evolve con la storia umana, allora una
considerazione rigorosa del concetto di monumento esigerebbe la distruzione di tutte le opere che siano
passate, per il naturale sviluppo della storia, a significare un qualche male.

- Dignità del manufatto storico


Una Statua, oggi, può perdere o mutare la sua autorità simbolica e la sua capacità di trasmettere virtù e
valori, come naturale conseguenza dell’evoluzione secolare della morale; ma conserva in sè una portata
educativa, in quanto manufatto storico, che ne stabilisce il valore intrinseco e il diritto alla tutela.

- Possibili deroghe alla tutela del manufatto storico


Il principio generale sopra affermato riconosce però alcune deroghe: può accadere che un’opera si trovi a
costituire nell’attualità socio-politica un possibile pericolo, in quanto, ad esempio, espressione di
autoritarismo ed oggetto di culto di gruppi estremisti. Non solo, in tal caso, l’opera non educa più al bene, ma
può ispirare il male. Non pare questo il caso della statua di Collston a Bristol.

- La Statua di Collston: distruggerla, musealizzarla o difenderla?


La distruzione violenta ed arbitraria della statua, nega a noi stessi e ai posteri un documento della storia ed è
è dunque illegittima, tanto più poiché condanna il (lontanto) passato secondo le leggi morali del presente e
poiché non si scaglia contro un simbolo dotato di alcuna pericolosità. Allo stesso modo, benché preferibile
alla distruzione, la musealizzazione non risolverebbe la questione.