Sei sulla pagina 1di 3

Armonia cromatica

Alterazioni
Si tratta di alterazioni cromatiche di una o due note d'un accordo. Se si deve numerare, è sufficiente
completare la numerica abituale precisando le alterazioni dinnanzi al numero relativo alla nota alterata.

Precauzioni

1.  Non bisogna mai - evidentemente - raddoppiare una nota alterata.


2.  Non far mai sentire simultaneamente l'alterazione e la nota non alterata.
3.  Evitare le relazioni di terza diminuita generate da una nota alterata con un'altra nota
dell'accordo: l'orecchio ha la tendenza a percepirle, per enarmonia, come un intervallo di
seconda maggiore, per cui la comprensione è confusa. Per contro, il rivolto - sesta
eccedente - è chiaro. :

SESTE ECCEDENTI
Gli accordi di 6 e +6 si prestano bene all'alterazione del basso e/o della sesta. Essi precedono
immediatamente la funzione di dominante, alla quale conducono, rinforzandola, su gradi diversi questo
movimento. [ A ragione delle 'spinte' derivanti dal IV grado alzato e dall'eventuale VI abbassato - nel
maggiore - in direzione del V, e della loro intriseca tensione, precedente quella della dominante - ndt]

Tutti gli esempi seguenti - seste eccedenti in diverse posizioni - si possono teoricamente applicare ai due
modi, anche se qui sono presentate solo in maggiore per meglio porre in risalto l'alterazione discendente del
VI abbassato.

L'arrivo alla funzione di dominante può teoricamente esser espressa altrettanto bene sia da una triade da
sola che da una quarta e sesta d'appoggiatura (cadenzale) seguita da una triade. I soli impedimenti sono
delle esigenze di scrittura, secondo la disposizione delle parti.

Annotazioni sugli esempi

Lo studio di tutte le possibili disposizioni, nelle pagine seguenti, non dev'esser memorizzato. E' sufficiente
che la loro costituzione sia ben compresa e soprattutto che l'ascolto sia ben chiaro: le vostre orecchie ne
ricostruiranno la meccanica quando si presenterà l'occasione di scrivere una sesta aumentata. [Mai
sovraccaricare di dati il cervello - ma capire, razionalizzare, dedurre dove possibile principii generali, e ...farsi
aiutare dall'orecchio! - ndt]

Per maggior chiarezza, ogni esempio comincia con l'accordo non alterato, seguito sul 2o tempo della 1a
misura dall'accordo alterato in oggetto. Nella realtà musicale, la presenza dell'accordo non alterato
iniziale non è obbligatoria: l'accordo alterato può esser ovviamente impiegato da solo.

SESTA ITALIANA
Si tratta dell'accordo del IV grado in primo rivolto, con la contemporanea alterazione discendente del basso e
l'alterazione ascendente della sesta. Se la comparazione seguente, non corretta dal punto di vista analitico,
ma che vi può aiutare a capire la sua costruzione in un altro modo, potreste immaginare una corrispondenza
enarmonica con un accordo di settima di dominante un semitono al di sopra della vera dominante, senza la
quinta (ma nel quale la sensibile sia raddoppiata)

Esempio  1: non temere l'ottava nel raddoppio tenore-contralto. Questo tipo di raddoppio è frequente prima
del V o del I e conduce all'accordo seguente in maniera ben equilibrata.
Esempio  2: altra disposizione.
Esempio  3: la risoluzione su di una triade (senza settima) genererebbe delle quinte parallele, a meno di
non tornare alla risoluzione dell'esempio 2. L'arrivo sulla settima di dominante è accettabile, ma le tre note
del contralto sono goffe. Partire dal sol (settima) è meglio, se lo stile piace.
Esempio  4: variante corretta dell'esempio 3. Questa disposizione necessita della quarta e sesta.

SESTA FRANCESE

Esempi da 1 a 3: è l'accordo di +6 (prestito al tono della dominante, o "V del V") con l'alterazione
discendente del basso. E' anche la sola delle tre a contenere 2 dissonanze apparentate alla settima (re-do e
la bemolle-fa diesis, come enarmonia di la bemolle-sol bemolle).

L'esempio 3 è forse quello che si presterebbe meglio per pervenire alla settima di dominante, con un fa
bequadro al contralto - misura 2 - se la maniera piace.

SESTA TEDESCA

La si può considerare come una sesta francese con l'aggiunta dell'alterazione ascendente della
fondamentale (che è il re) Se ciò vi può aiutare, sebbene non sia la vera analisi, la sua caratteristica è
l'enarmonia con un accordo di settima di dominante completa posta un semitono sopra la dominante
principale.

Esempio 1: a causa del carattere ascendente dell'alterazione della fondamentale, la risoluzione naturale è
sulla quarta e sesta (e non sulla triade), in mancanza della quale il movimento ascendente fallirebbe e si
sentirebbe l'equivalente di due quinte (la bemolle-re diesis e sol-re bequadro).
Esempio 2: risoluzione su terza e quinta, senza la quarta e sesta. Solo in questa posizione, derivante
dall'esempio 1, si ammettono le due quinte parallele di questa concatenazione anche se s'impiega spesso
questa scrittura enarmonica che maschera la quarta più che eccedente tra basso e tenore, per trasformarla
in quinta giusta (si abbia la consapevolezza della possibile enarmonia con l'accordo di settima di dominante).
[Che gli alunni in genere temono, ma che nessuno si sognerebbe di contestare! - ndt]

Pardon... per le denominazioni

Gli aggettivi qualificativi italiana, francese e tedesca sono in uso nei paesi anglosassoni [non solo, lo sono
anche in Italia - ndt]. Come per la sesta napoletana non v'è nulla di strettamente geografico [un trattatista
americano individua anche una sesta ...svizzera, ndt] nè di storico: i tre tipi di seste possono convivere
tranquillamente in contemporaneità :

Ci sarà di certo un grande teorico anglosassone [probabilmente tra gli americani, grandi scopritori dell'acqua
calda per quanto riguarda i fatti dell'Arte e dell'Uomo - ndt] che battezzerà quest'innocente esempio: "seste
della Comunità europea" ! Nel frattempo Jacques Chailley ci mostra, nel suo Traité historique d'analyse
musicale (pag. 31) le prime apparizioni di seste cosiddette italiane (secondo la nomenclatura inglese
di moda nel Quebec) poste in un passaggio di effetto drammatico da Pascal de l'Estocart, musicista
francese del XVI secolo.

Se questo vi può aiutare dal punto di vista della mnemotecnica, ecco come
uno dei miei vecchi alunni presenta le diverse seste eccedenti ai suoi studenti
(insegna in una università degli Stati Uniti).

Let's speak about the lightness La leggerezza della sesta italiana è ben
of the Italian sixth. With only a third evidente! Con appena una terza e una
with the augmented sixth, it is light, sesta aumentata, essa è arieggiata,
sunny, a little bit like italian cooking. soleggiata, un po' come la cucina italiana.
A little fresh tomato, olive oil and Un poco di pomodoro fresco, olio d'oliva
basil and it is delectable. e basilico: una vera delizia!