Sei sulla pagina 1di 44

Malattie del Cuore

Corso di Laurea in Chimica


e Tecnologia Farmaceutiche

Marco Cei/Alberto Genovesi Ebert


Spedali Riuniti, Livorno

1
Il Cuore

➢ Dimensioni di “un pugno”

➢ Pesa circa 300 gr.

➢ Pompa circa 6000 lt/giorno

2
Il sistema cardiovascolare
Nei mammiferi il cuore è diviso in due metà (sinistra e destra) non
comunicanti tra loro, ognuna costituita da un atrio e da un ventricolo.

Sangue venoso dai tessuti >atrio Vene polmonari > atrio sinistro
destro > ventricolo destro > arteria > ventricolo sinistro > circolo
polmonare > polmone sistemico.

3
Anatomia

Arterie e vene Valvole

4
Anatomia

Il ventricolo sx ha una
sezione trasversa
pressochè circolare, e
pareti più spesse del
ventricolo dx.

5
6
Miocardio = Muscolo Cardiaco
• Miocardio comune o di
lavoro
• Miocardio o sistema di
conduzione

7
8
Polarizzazione cellulare
Ca++
+
+ + +
+
Pompa Na-K ATPasi dip + ------- +
Na+ + --------- +
K+ Na+ + ------------ +
+ ------------ +
+
--------------+
+ + ++
--------------
------------
----------
K+ Flusso da gradiente di --------
concentrazione -------

9
10
Potenziali d’azione

Cellula di lavoro Cellula segnapassi


11
Potenziali d’Azione Cardiaci

12
13
14
Tessuto Miocardico Specifico e Potenziale d’Azione

15
Corrente Pacemaker
La velocità della
depolarizzazione
spontanea
determina la
frequenza del
ritmo cardiaco.

16
REFRATTARIETA’ E
RISPOSTA CONTRATTILE

17
Diffusione dell’Impulso Attraverso il
Miocardio Specifico

Nodo del Seno Atrio sinistro


Atrio sinistro

Branca Sinistra

Atrio destro

Nodo AV

Fascio di His
Ventricoli
Branca destra
18
Il ciclo cardiaco – la sequenza
Destro Sinistro

Sistole = contrazione

Delay Delay
diastole diastole Diastole = rilassamento

Gli atri sono camere relativamente piccole che danno una


piccola spinta di sangue ai ventricoli
19
Emodinamica
Fase di
Eiezione
Sistole Ventricolar Riempimento
Atrial Ventricolare
Normale e Contrazione
Isovolumetric
e
Rilassamento
Isovolumetric
a o

12
La valvola semi- La valvola semi-
0
lunare si apre lunare si chiude
10 Pressione
0 arteriosa
Pressione (mm Hg)

8
0
6
0
4
la Valvola
0
AV la Valvola
1 si chiude AV
0 si apre Pressione
0 ventricol.

T Elettrocardiogram
P
.

Q S
T1 T2 Toni cardiaci

Sistole Sistole Diastol


Atrial Ventricolar e
e e
Tempo approx 0 0. 0. 0. 0. 0. 0. 0. 0.
1 2 3 4 5 6 7 8
Curva della pressione
20
21
22
“Dizionario”Cardiologico

•Precarico:   l’entità di allungamento della fibra


muscolare prima della contrazione (dipende dal
riempimento ventricolare (volume telediastolico:
EDV) 

•E’ in correlazione con la pressione atriale

•Il determinante più importante del precarico è il


ritorno venoso

23
Meccanismo di Frank Starling

24
Legge di Frank – Starling
•Illustra la relazione tra “allungamento” delle fibre
e forza di contrazione e quindi tra gettata
sistolica e riempimento diastolico (pressione
atriale.)

25
“Dizionario”Cardiologico

Contrattilità:  capacità “intrinseca del muscolo


cardiaco di sviluppare forza per una data entità
di allungamento della fibra muscolare.

26
Meccanismo di Frank Starling

27
“Dizionario”Cardiologico

•Postcarico: la forza contro cui il ventricolo deve


contrarsi (pressione arteriosa). 

•Per il ventricolo sinistro è la pressione aortica

•Per il ventricolo dx è la pressione polmonare

28
Postcarico e Velocità di
Accorciamento

29
Volumi Cardiaci

•EDV= Volume Telediastolico = quantità di sangue


raccolto nel ventricolo durante la diastole

•ESV = Volume Telesistolico = quantità di sangue


rimante al termine della sistole

•SV = Gettata Sistolica = Volume Telediastolico


(EDV) – Volume Telesistolico (ESV)

30
Stroke Volume (SV) = Gittata Sistolica
•Dipende da 3 fattori: Precarico, Postcarico e Contrattilità

•Precarico è la quantità di sangue di cui il ventricolo è


riempito e quindi dispone
• Postcarico è la pressione arteriosa contro cui il ventricolo
si contrae.
•Contrattilità è la forza che il muscolo può produrre per
una determinata lunghezza
 
•Questi fattori determinano la quantità di sangue pompata
ad ogni sistole.
31
Heart Rate (HR) Frequenza Cardiaca

La Frequenza Cardiaca è proporzionale alla Portata


Cardiaca

•Nell’adulto a riposo: 60-100 bpm 

Un aumento dell’attività parasimpatica tramite i recettori


colinergici M2 nel cuore ridurrà la frequenza cardiaca

Un aumento dell’attività simpatica tramite i recettori


adrenergici B1 e B2 nel cuore aumenterà la frequenza
cardiaca

32
Cardiac Output = Portata Cardiaca

Portata Cardiaca (CO) è il volume di sangue pompato


per unità di tempo (min’)

•CO = SV x HR
•Dove:
•CO= Portata Cardiaca in L/min (normale ~5 L/min)
•SV (Stroke Volume) Gittata Sistolica per battito
•HR (Frequenza Cardiaca)  numero di battiti/minuto
33
Preload = Precarico Afterload = Postcarico

34
Il cuore da i numeri

35
36
37
Le Arterie Coronariche

38
Le Arterie Coronariche

Aorta

Tronco
Comune

Circonflessa

Discendente
Coronaria Anteriore
Destra

39
Flusso Coronarico
C.
sin
300

200
(ml/min)

C.dx
100

0
Sistol Diastol
e e
A.C. Guyton, MD from Textbook of Medical Physiology, Sixth Edition, 1981,
W.B. Saunders Company 40
Flusso Coronarico
Intramyocardial Pressure

150 Systole Diastole

100
Arterial Blood 12
(mmHg)

Pressure 0
10
50 0
80
Left Coronary
0 Blood Flow

150
Left Ventricular Pressure

100
Right Coronary
50 Blood Flow

Zero Flow
(mmHg)

41
Fattori determinanti l’apporto e
la richiesta di O2 miocardico

Apporto Richiesta

Anatomia delle coronarie Frequenza


Pressione diastolica Postcarico
Durata della diastole MVO2 Precarico
Estrazione dell’O2 Contrattilità
HBG
PaO2
42
Malattie del Cuore
•Malattie congenite
•Malattie dei vasi coronarici (Cardiopatia ischemica):
•Infarto miocardico acuto
•Angina pectoris
•Morte cardiaca improvvisa
•Malattie “elettriche” (aritmie)
•Malattie delle valvole (stenosi ed insufficienze)
•Malattie del muscolo cardiaco (Miocarditi, Cardiomiopatie)
•Malattie del pericardio (acute e croniche)
43
Malattie del Cuore

• Le malattie cardiovascolari rappresentano la principale


causa di morte nel nostro Paese, essendo responsabili
del 44% di tutti i decessi.

• La cardiopatia ischemica è la prima causa di morte in


Italia, rendendo conto del 28% di tutte le morti.

(Fonte: Centro Nazionale di Epidemiologia, Prevenzione e Promozione


della salute – Istituto Superiore di Sanità Roma)
44