Sei sulla pagina 1di 2

I GRUPPI SANGUIGNI

Il sangue dei diversi individui può essere suddiviso in gruppi in base alla presenza o meno sulla
superficie dei globuli rossi di particolari complessi molecolari con caratteristiche di antigeni. Se ne
conoscono più di 60, articolate in 14 "sistemi" determinati; di cui i più noti sono il sistema ABO ed
il sistema Rh.
Tali gruppi sono identificati in base alla presenza o meno, sul globulo rosso, di determinate
sostanze dette antigeni (agglutinogeni) e di determinate anticorpi (agglutinine plasmatici)e. Le
agglutinine sono capaci di distruggere in vitro e in vivo i globuli rossi contenenti antigeni di gruppo
diverso tramite una reazione di aggregazione detta agglutinazione.
Nel 1900 Landsteiner dimostrò che i globuli rossi umani contengono due antigeni che indicò con A
e B. Precisamente ciascun globulo rosso può contenere:

• l'antigene A (gruppo A)
• oppure quello B (gruppo B)
• oppure entrambi (gruppo AB)
• oppure nessuno (chiamato per questo gruppo Zero);

inoltre il plasma sanguigno degli individui di

• gruppo A contiene l'agglutinina beta (anti-B) capace di distruggere i globuli rossi del sangue dei
gruppi B e AB;
• il plasma di quelli di gruppo B contiene l'agglutinina alfa (anti-A) capace di distruggere i globuli rossi
dei gruppi A e AB;
• nel sangue degli individui del gruppo 0 sono presenti entrambe le agglutinine;
• in quello del gruppo AB nessuna.

Ciò ha enorme importanza nella pratica della trasfusione: il ricevente non deve avere anticorpi rivolti
contro i globuli rossi del donatore poichè se ciò si verificasse, la salute ed in alcuni casi anche la vita
stessa del ricevente, sarebbe in pericolo. La compatibilità tra donatore e ricevente è messa in evidenza nella
seguente tabella:

La Tabella delle Compatibilità

Posso ricevere da: Posso donare a:

Gruppo O O+ O− A+ O+ B+ AB+
+
Gruppo O O− A+ A− O+ O− B+ B− AB+ AB−
-
Gruppo A A+ A− O+ O− A+ AB+
+
Gruppo A- A− O− A+ A− AB+ AB−

Gruppo O+ O− B+ B− B+ AB+
B+
Gruppo B- O− B− B+ B− AB+ AB−

Gruppo A+ A− O+ O− B+ B− AB+ AB− AB+


AB +
Gruppo A− O− B− AB− AB+ AB−
AB-

Dall’analisi della tabella si evince, in linea generale, che:

Un individuo Gruppo 0 può dare il Sangue a tutti (universale)ma riceverlo solo dal suo

Un individuo Gruppo A può dare il Sangue all´A e all´AB e riceverlo dall´A e dallo 0

Un individuo Gruppo B può dare il Sangue al B e all´AB e riceverlo da B e dallo 0

Un individuo Gruppo AB può dare il Sangue solo AB e lo può ricevere da tutti (universale).

La determinazione del gruppo sanguigno è un´operazione molto semplice anche se assai delicata. Il
Sangue viene esaminato con reagenti detti siero “ANTI-A” e “ANTI-B”. Se non si verifica alcuna
reazione il Sangue in esami appartiene al gruppo 0 (zero), se invece si ha reazione solo con l´anti-A
è del gruppo A, se reagisce con l´anti-B è del gruppo B, e se abbiamo reazione con l´anti-B e con
l´anti-A il sangue appartiene al gruppo AB.

L’Rh è un sistema di caratteri del sangue scoperto nel 1940. Gli antigeni che formano questo
sistema sono indicati con le lettere dell’alfabeto C D E. se sono presenti questi antigeni abbiamo
allora l’Rh + (circa l’85% della popolazione) diversamente l’Rh – (circa il 15% della popolazione).

La frequenza dei Gruppi ed Rh è così suddivisa:

A+ 37,4% B+ 8,5% O+ 35,7% AB+ 3,4%


A- 6,6 % B- 1,5% O- 6,3% AB- 0,6%

Grande attenzione deve essere posta nella pratica trasfusionale anche al gruppo Rh. Si è già detto
che un individuo Rh-, trasfuso con sangue Rh+, viene sensibilizzato e quindi produce anticorpi anti-
Rh che possono provocare agglutinazioni degli eritrociti in seguito a una seconda trasfusione col
sangue Rh+. Nella donna Rh- già la prima sensibilizzante è pericolosa, allorchè, in caso di
gravidanza, il feto concepito sia Rh+: in tal caso infatti il feto va incontro a una gravissima
complicazione emolitica, l'eritroblastosi fetale. Attualmente è possibile prevenire tale rischio
procedendo a una preventiva cura desensibilizzante.