Sei sulla pagina 1di 89

MISTERI YADITI

LIBRO I

0.Io sono colui che porta la parola di YAH. Scrivi! Questa rivelazione è in più parti

1.Ecco colui che viene, con lui è la stella purpurea

2.Ecco colui che distrugge con lui è il fuoco dell’ abisso

3.Ecco il cielo stellato, ogni stella è mente di una mente

4.Solo colui che ha vissuto è

5.Ciò che vedi è ciò che è reale

6.L’ apparenza è realtà ma la realtà non è verità perciò la verità non esiste

7.Conta se puoi le miriadi delle miriadi

8.Vedi se puoi la coda del serpente

9.La colomba è discesa e ora il serpente sale al sole del chaos per ritrovare il suo regno

10.Ascolta e tieni il segreto

11.Non esiste positivo e negativo

12.L’ illusione umana è di essere perfetti ma nessun corpo è perfetto,

solo le menti lo sono quando esse sono redente da tutte le illusioni

13.Le illusioni sono sovrastrutture di sovrastrutture esse sono ciò che non è essenziale

14.Liberati perciò di ciò che non è essenziale.

15.Questa è la legge: niente è legge

16.Ogni sentimento è illusione, ogni logica è illusione perciò ricorri alla prova della verità sempre
più spesso perché il dubbio si insinua in ogni anfratto, in ogni cellula del tuo corpo.

17.Ed ecco che ogni cellula ha vita propria, ognuna di esse è una stella e in mezzo la stella purpurea
essa splende al di là di ogni galassia,

18.Al di la dell’ illusione delle costellazioni essa è la prima l’ unica la sola


19.ogni aspetto è un suo aspetto perché ogni cosa si origina da un punto: molti fiumi una sorgente
molti fiumi un solo mare.

20.Ciò che si origina da un punto ritorna ad un punto.

21.Impara perciò a distinguere le gocce del mare

22.E che ogni granello di sabbia sia dolore per te e che ogni goccia del mare sia piacere per te.

23.Ascendi coi tuoi pensieri più in alto verso il sole del Caos.

24.Distruggi ciò che hai imparato, impara da ciò che hai distrutto.

25.Il tempo è un’ illusione questo io ti dico.

26.Il tempo è un cambio di prospettiva.

27.L’ universo è raccolto in un punto.

28.Il vento che soffia è forse diverso dal corvo che lo attraversa ?

29.Così l’ uomo non è diverso dalla sua illusione.

30.Ogni uomo è illusione di altri uomini perciò niente esiste fuorché l’ unico. Ed esso è YAH
principio supremo.

31.Ognuno deve ascendere a questo principio.

32.Ogni anima ascenderà a lui perché ogni anima è parte di lui.

33.Distruggi ciò che hai imparato, impara da ciò che hai distrutto.

34.Guarda il sole, esso è forse diverso dalla pianta che irraggia?

35.Guarda la terra, essa è forse diversa dai corpi che ricopre, dalle

pietre che la permeano ?

0.Torna e ti dirò

LIBRO II

0.io sono colui che porta la parola di YAH. Scrivi!

1.Solo colui che siede nei quattro angoli ha la stella purpurea


2.Solo colui che siede nei sei angoli ha la stella purpurea

3.Guarda ora le mani del serpente. Esse sono dovunque, in ogni membro del corpo di YAH

4.YAH è luce senza fiamma perché esso non nasce, esso è

5.Il cane rincorre le pecore, distrugge il suo pastore, solo una pecora tra le molte ucciderà il cane

6.Guarda perciò al sole del kaos esso ti porta sull’ asse del mondo.

7.Il serpente scende e ridiscende.

8.Il serpente è l’ asse del mondo

9.Le parole sono solo parole

10.I numeri sono solo numeri

11.Niente è numerico, niente è fonetico, sono convenzioni umane.

12.Per trovare l’ unico numero bisogna ascendere lungo l’ asse del mondo

13.L’ asse del mondo poggia la sua base sotto il mondo, poggia il suo architrave sopra il cielo

14.Le stelle sono il suo capitello le fiamme sono la sua base

15.Ecco l’ arcobaleno fiammeggiante, ecco la pioggia fertilizzante che discende: questa è la natura
di YAH

16.YAH è continua creazione

17.Che i tuoi pensieri volino alti, che le nuvole rosa incornicino i tuoi piedi

18.Ascolta figlio dell’ uomo!

19.Non c’è verità, non c’è positivo ne negativo, non c’è male, non c’è bene, tutto è conseguenza di
tutto ma l’ origine è unica.

20.Come un bravo tessitore tesserai la tua vita consapevolmente se il tuo io sarà oltre le stelle

21.Oltre il corridoio rosso, oltre le stanze, oltre il tetto dell’ edificio: questo è il tempio che ogni
uomo deve avere nel cuore.

22.Il tempio che costruisci è il tempio che porti sempre con te perciò qual è il bisogno di costruire
un tempio?

23.Che tutti sappiano, che la rivelazione sia per tutti

24.Ma ecco che nessuno capisce e tutti gettano le parole nel fango
25.Ma quando verrà il viandante esso chiederà : dov’è la parola che vi ho dato? Essi risponderanno:
nessuna parola ci perviene da te

26.Allora egli tornerà da dove è venuto: nessuno ne avrà vantaggio

27.Come un bravo scrivano: ogni lettera le sue regole, ogni inchiostro i suoi componenti, ogni
mente la propria mente

28.Non una mente, molte menti

29.Nessuna mente vive da sola

30.Cerca ciò che cerca colui che ha già cercato troverai ciò che dovrà ancora essere

31.Ogni oracolo, ogni oracolo ha la sua connessione con l’ asse del mondo

32.Ogni foglia, ogni albero, ogni animale, ogni capello del tuo corpo, essi sono un’ unica cosa con
l’ asse del mondo. Se essi sono un’ unica cosa, perché hanno scopi diversi? Lo scopo diverso è un
prodotto dell’ illusione ed è l’ illusione stessa

33.Spezza le catene dell’ illusione, spezzale! E uscirai dal pozzo della tua mente

34.Quando il tuo io conoscerà il tuo io, allora come mille veli l’ illusione volerà via e ci sarà
limpida purezza tra la tua mente e la verità

35.Ogni cosa che si esprime ha una parola diversa

36.Questo fa parte dell’ illusione, ogni parola è la stessa parola, ogni obbiettivo è lo stesso
obbiettivo:guarda e capirai, vivi e capirai, frammentati e capirai

37.Che ogni tuo membro sia stella, paglia, acqua, roccia, corvo

38.Che ogni parte della tua mente sia parte della mente degli altri; così, solo così potrai arrivare all’
obbiettivo

39.L’ obbiettivo è l’ origine di ogni origine, la metafora di ogni metafora, la struttura di ogni
struttura

40.Essa è un unico punto da dove tutto viene, dove tutto ritorna

41.E ora conta! Conta finché puoi per renderti conto che i numeri non esistono.

42.Niente è uno, niente è due, tutto è uno, tutto è infinito.

43.La scintilla del cielo è nel tuo cuore: usala!

44.Fa sì che essa sia collegata alla scintilla più grande, all’ origine di ogni scintilla

45.Questo è misterioso:Il mistero è ciò che devi mantenere

46.Taci perciò su ciò che impari perché potresti usarlo per il male
47.L’ unico male è il danneggiamento di se stessi

48.L’ unica ragione per cui seguiamo le leggi è la sopravvivenza

49.La morte non esiste, la vita è infinita.

50.Un uomo che muore diventa terra che diventa albero, che diventa frutto

51.Non c’è fine al ciclo della vita fin quando una vita darà una nuova vita

52.È ora che il sole rosso regni sul trono a lui designato

53.E’ ora che infinito sia uguale a uno

0.Ora va. E torna e ti dirò

LIBRO III

0.Io sono colui che porta la parola di YAH. Scrivi!

1.L’abisso è terrore di ogni terrore

2.Non c’è confine tra esso e la tua mente.

3.Ogni mente è permeata dall’ abisso.

4.Ecco perciò che come spiga di grano al vento tu ti dovrai piegare.

5.L’ uccello becca il fiore della sua innocenza.

6.L’ orchidea cresce: parassita meraviglioso. Essa è la perfezione dell’ imperfezione.

7.Guarda il cielo stellato contorno di nuvole.

8.Guarda il trono di YAH che nessun uomo è degno di vedere. La sua parola disgregherebbe ogni
mente se qualcuno non la portasse.

9.Tendi i tuoi muscoli alla terra, bevi l’ acqua della vita, marchiati col fuoco della conoscenza,
respira l’ aria a sazietà, questo è il principio della vita.

10.Questo è il mistero.

11.Ma dove è il mistero è anche l’abisso, pentacoli di pentacoli lo contornano, ma ognuno può
passare come in un fresco lago; nessuno può uscire, come da una sfera di fuoco.
12.Il suo splendore è pari a quello di mille volte mille soli: è tre e tre e tre. Esso poggia su ogni
mente , Esso guarda in ogni occhio e da ogni occhio.L’ unica anima, l’ unica anima vi poggia i
piedi.

13.Ecco la visione della schiera celeste, arcobaleni di smeraldo e zaffiro la contornano, bracieri di
profumi dovunque invitano alla preghiera. Ma tu osserverai, tacerai e ti ritirerai.

14.Che sull’ orlo dell’ abisso i tuoi piedi siano felpati come quelli di un gatto, che le tue mani siano
delicate, come quelle della scimmia, che la tua coda sia perfetta come quella di un serpente di
gioielli.

15.Ecco la rivelazione: questa è la rivelazione: non c’è rivelazione.

16.Ripeti il gesto più e più volte: apri il tuo cuore!

17.I mostri della tua mente sono ciò che sei, ciò che va distrutto.

18.Se il bersaglio sarai tu stesso non potrai fallire il colpo.

19.Una montagna si erge sul lago del nulla, essa tocca i piedi degli dei e le anime la ricoprono di
fiori di loto.

20.Discenda un solo dio a guardare la tua mente; che esso giudichi, e giudichi per il meglio. La sua
grandezza è come quella di un rosario di ottocento e ottantotto grani. Conta perciò le preghiere,
conta e saprai.

21.Guarda la nave del sole, che solca gli oceani delle stelle, il drago vi si oppone ma essa non potrà
far altro che vincere poiché questa è la natura della natura.

22.Una foresta alle pendici del monte, ogni foglia è una gemma di zaffiro, ogni tronco una colonna
d’oro.

23.Mille e mille raffigurazioni non possono raffigurare ciò che non è concepibile.

24.Non utilizzare perciò raffigurazioni, perché sarebbero inutili.

25.Il simbolo è utile, non l’ immagine.

26.L’ immagine è ciò che distrae, il simbolo è ciò che conduce.

27.Ecco la magia delle cose: polvere di polvere di stelle.

28.Tutto ciò è vero.

29.L’ occhio del serpente guarda in una sola direzione, il corvo non può evitare di essere morso, ma
rinascerà a nuova vita quando da nero diventerà bianco e poi giallo e poi rosso.

30.Questo è l’ angelo pavone: realizzazione. Il suo regno è il cristallo del cristallo, la sua parola
vibra come mille ametiste. YAH è colui che gli affida il regno.

31.Frutto del tuo cuore: la pietà, essa conduce alla vita.


32.Frutto delle tue due mani: la violenza, essa conduce alla morte.

33.Usa le mani per il lavoro, usa il cuore per lo sviluppo.

34.Ecco che le piume del corvo diventano color arcobaleno.

35.Ecco che discende colui che dovrà risalire.

36.Ecco che l’ uroboro è completo: esso è l’ immagine dell’ universo; ciò che va sempre torna.

37.Nell’ uroboro è racchiuso l’ abisso: esso lo tiene, lo sottende, lo limita, ma esso non ha limite.
Questa è la sua natura.

38.Porta con te l’ abisso, esso ti servirà da confronto.

39.Questo è ciò che ti dico: sperimenta se ti è facile.

0.torna e ti dirò.

LIBRO IV

0.Io sono colui che porta la parola di YAH, scrivi!

1.Ognuno necessita della sua rivelazione personale; procura perciò che ognuno la abbia,perché solo
così si arriva alla realizzazione

2.Tutto ciò che devi fare è seguire le orme della tigre;diventare mimetico come essa diventa
mimetica nel canneto di bambù della sua montagna.

3.Ed ecco che la tigre protegge il bosco e il bosco protegge la tigre.

4.Ecco il culto dei morti degli elefanti, ecco le ossa sbiancate dal tempo, esse sono la società.

5.Rubedo è rubedo.

6.Poiché tutto torna, il nigredo torna al nigredo .

7.Ecco allora come un alambicco sublimerai i tuoi ingredienti.

8.Guarda il sole non mutato, nessuno può mutilarlo, perché non ha ne gambe ne braccia.

9.E così chi potrà scoprire la forma dell’ acqua?

10.Lo stagno viene attraversato da mille pesci.


11.L’ universo è un’ espressione della nostra ricerca all’ immortalità ma solo un essere è immortale:
il più piccolo di tutti.

12.Ciò che non ha mente non esiste.

13.Un angolo considerato è sempre parziale.

14.Questo è certo: ognuno viene da una terra, ma la terra è so lo una.

15.I rituali del ramadan non vanno disattesi, poiché questa è la tradizione del popolo, ma nella tua
mente ogni religione è religione.

16.Ciò che non conosci impara, ciò che impari cancella, ciò che cancelli ricorda.

17.Qual è lo scopo di asservire ad una tradizione? Essa è regola sociale, perciò non viene mai
disattesa.

18.Senti il canto dell’ usignolo, di notte esso fa sentire la sua voce, la nasconde nel buio e tra i fiori
di ciliegio.

19.Immergi le tue mani nella terra, sii tutt’ uno con la terra.

20.Niente è reale, niente è vero, tutto è reale, tutto è vero, quale la scelta?

21.Il tuo corpo è la tua casa.

22.Di cosa hai bisogno per vivere?

23.Chi non ha bisogno di niente per vivere, anche se ricco come un re sarà soggetto solo alla sua
curiosità.

24.Polvere di polvere, guarda ciò che accade: il cielo si scurisce, la luna diventa sangue.

25.I fenomeni sono sempre gli stessi, non cadere nella bugia dell’ illusione.

26.Poiché la verità non esiste non puoi aspettarti niente di vero, puoi solo osservare ciò che è reale,
e ciò che per te è verità.

27.Nessuna religione può portare l’ autodistruzione poiché la religione è regola sociale e regola
mentale, essa è disciplina, disciplina per lo sviluppo delle civiltà.

28.Definisci la scienza e la religione e separale.

29.Un esercito dalle mille armature rilucenti in un campo di battaglia, senza un esercito avversario
non può far altro che perdere.

30.Le pietre sono l’ armatura della terra.

31.La realtà è flusso di flusso, non cadere nella bugia dell’ illusione, non puoi vedere immagini
ferme, il flusso è in continuo cambiamento.
32.Il tuo cuore è una porta: usala!

33.Astraiti da ciò che non è necessario, astraiti da ciò che non è reale.

34.Che l’ irreale sia tuo diletto, che il reale sia tuo pane.

35.Che ti sia facile osservare, difficile giudicare, pratico pensare, giusto agire.

36.Retto agire, retto pensare: questo è giusto.

37.Ecco che tornano le nuvole, la luce si fa scura ma la pioggia

fertilizzerà di nuovo la terra.

0. Torna e ti dirò

LIBRO V

0.Io sono colui che porta la parola di YAH, scrivi!

1.Una nuova nascita si appresta per chi trova la rivelazione in se stesso

2. Un nuovo inizio è delicato come una rosa

3. Ecco che gli insetti tornano a nuova vita mangiando il polline dei

fiori, portando la loro fertilità

4. La luce splende su chi capisce questa verità: il nero non è nero

5. Perciò guarda a colui che capisce come guardi al sole imperituro

6. Ringraziamo il sole signore della vita, del tempo, della luce, ringraziamolo perché ci da cibo per
la mente e per il corpo.

7. Ecco che dalla montagna un uomo, un solo uomo ascende verso il sole, ecco che la grande madre
sole lo accoglie nel suo seno caloroso.

8. Scendi come acqua dal monte verso il tuo obbiettivo diffonditi come il delta del fiume

9. Unisciti come si uniscono i rivoli di un torrente

10. La rana compie molte metamorfosi prima di arrivare al suo obbiettivo

11. Ecco che il topo è la tua anima che fugge dal tuo corpo ma tornerà prima del risveglio dal buon
sonno
12. Un ragno tesse la sua tela

13. Apprestati alla fine

14. Ciò che imparerai dovrà essere sigillato, ma ciò che ho rivelato dovrà essere diffuso

15. Perciò ognuno imparerà ciò che ha da imparare

0. Torna e ti dirò

LIBRO VI

1.Io sono tra coloro che sono più vicini alla perfezione, la mia voce è la voce dei demiurghi.

2.Io sono tra coloro che hanno diviso la loro essenza in quattro parti per creare l’ illusione.

3.Il nostro segno è il triangolo.

4.Noi ci pieghiamo su noi stessi per creare spazio e tempo nel tetraedro.

5.In tutte le cose è la nostra essenza profonda, nel tetraedro noi creiamo l’ impronta.

6.Noi siamo l’ essenza dell’ illusione che è stata creata per istruire le anime degli esseri.

7.La nostra voce è quella di mille tuoni, la nostra luce è quella di mille stelle morenti.

8.Nessuno ci vede e sopravvive.

9.Io sono venuto per istruire ogni essere sulla via che conduce alla perfezione .

10.Noi siamo gli artigiani che creano l’ universo.

11.Noi siamo coloro che ogni essere adora con mille nomi.

12.La nostra essenza è vicina alla perfezione come il cielo è vicino alle stelle.

13.Il viandante è giunto per portare la sua parola ad ogni essere del creato.

14.Io porto la via per l’ eterna perfezione che non ha spazio ne tempo ne mente.

15.Ascolta perciò la mia parola attraverso l’ illusione e il serpente tornerà al sole del caos.

16.La mente di ogni essere si disgregherà per dare spazio alla sua vera essenza perfetta.

17.Noi abbiamo duecentocinquantasei nomi e il mio nome è IAOW perché sono tra gli esseri più
vicini a YAH.
18.Per istruire tutti gli esseri abbiamo creato quattro piani e il quinto è il piano dell’ essenza che è
YAH. Da YAH ogni piano si spande e noi siamo come onde del mare nelle sue acque.

19.Il quarto è il piano della creazione che è piano di fuoco dove noi possediamo la nostra essenza
profonda.

20.Il terzo è il piano del comando che è il piano degli dei ed è piano di aria.

21.Il secondo è il piano degli spiriti ed è piano di acqua ed è il piano dell’ influenza.

22.Il primo è il piano degli uomini che è piano di terra ed è piano di volontà.

23.Ogni piano è una sola cosa con ogni piano e ogni piano concorre al raggiungimento della
perfezione attraverso l’ apprendimento graduale della verità.

24.Sette passi sono necessari per raggiungere il quinto piano.

25.Il primo passo è riconoscere che ogni desiderio è un unico desiderio.

26.Il secondo passo è riconoscere che la realtà è illusione e che l’ illusione è imperfetta.

27.Il terzo passo è riconoscere che l’ illusione è creata dalla mente di ogni essere.

28.Il quarto passo è riconoscere che la mente crea l’ illusione per apprendere la via verso la
perfezione.

29.Il quinto passo è riconoscere che la mente è imperfetta e crea un’ illusione imperfetta.

30.Il sesto passo è riconoscere che l’ essenza perfetta degli esseri crea la mente perché essa ci
insegni a riunirci con YAH.

31.Il settimo passo è riconoscere che l’ unico desiderio ci porta verso la vera essenza di verità e
perfezione che è YAH.

32.Perciò noi siamo coloro che creano la base per ogni realtà in modo che gli esseri vivano una
realtà che gli permetta di apprendere l’ uno dall’ altro.

33.Come ogni pietra del tempio regge il peso della cupola allo stesso modo delle altre pietre e
tuttavia le pietre più in alto reggono un peso

minore perciò sono più solide nel tempo, così gli dei che sono più vicini a YAH hanno una via
meno ardua nel raggiungerlo.

LIBRO VII
1.purifico il mio corpo e la mia mente; siano puri i miei atti ed i miei intenti; gloria a YAH
sostanza di ogni sostanza gloria ai demiurghi creatori dell’ illusione gloria agli dei maestri della mia
anima gloria agli spiriti compagni della via gloria ad ogni essere che cerca la luce.

2. Con cuore puro e animo luminoso mi dispongo alla preghiera:

Gloria a YAH sostanza di ogni sostanza! Io saluto YAH, essenza di ogni essenza! Riconosco YAH
come principio di ogni principio. Gloria ai demiurghi creatori!

Io vi saluto Demiurghi costruttori di ogni essenza! Riconosco i demiurghi come generatori dell’
illusione che ci istruisce! Gloria agli dei maestri! Io saluto gli Dei signori dell’ essenza e di ogni
comando! Riconosco negli dei i miei maestri, fonti di conoscenza, che mi guidano per la via
luminosa che porta alla perfezione; essi toccano la mia anima perché sia purificata. Gloria agli
spiriti! Io saluto gli Spiriti compagni dei miei passi! Riconosco negli spiriti le fonti di aiuto e
consiglio nella via che porta alla perfezione! Gloria a tutti gli esseri che cercano la luce! Sia
purificata la mia anima nel compiere buoni atti e nel rimediare ai miei errori; che le mie mani
possano lavorare;

che fuoco e acqua non manchino nella mia casa; che io possa vivere in pace e portare pace a chi è in
conflitto; che io possa servire tutti e amare tutti;

che io possa imparare, insegnare ed essere d’aiuto alla comunità degli esseri.

Sia benedetto YAH,l’ essenza, siano benedetti i demiurghi creatori,

siano benedetti gli dei miei maestri,

siano benedetti gli spiriti,

siano benedette le anime degli esseri che cercano la luce.

3.Che io sia nutrito e che sia fortificato e che possa camminare felice nella via luminosa.

4. Che tu sia benedetto per la terra, l’ acqua, l’ aria e il fuoco. Che tu possa crescere, purificarti,
imparare e raggiungere la luce.

5.ecco il nuovo venuto nella nostra famiglia, io l’ ho messo al mondo, ecco il suo nome ecco il
nuovo nato nella nostra famiglia, io lo accolgo, ecco il suo nome che sia dunque benedetto perché
sia sacra la sua vita nella famiglia come era sacra nel ventre di sua madre e come era sacra fino alla
benedizione.

6.che tu possa servire la tua famiglia nel lavoro e nella pace, nella collera e nella guerra, nei
momenti luminosi e nei momenti bui. Noi ti doniamo l’ universo e la luce. Noi ti doniamo la
responsabilità di agire.

7.che sia manifesto che dove io mangio tu mangi e dove io dormo tu dormi, le nostre acque siano
una sola acqua e i nostri fuochi siano un solo fuoco, costruiamo insieme e la mia gioia sarà la tua
gioia e le tue lacrime saranno le mie lacrime.

8. sei venuto e sei andato,


hai preso ed hai donato,

hai odiato ed hai amato,

ma ora è venuto il tempo di nuove cose.

Accoglietelo presto tra di voi che siete oltre l’ illusione,

perché i riti sono stati compiuti,

il suo fuoco è spento e di acqua non ha più bisogno.

Senza paura ha appreso, senza paura cessa questo suo imparare. Che

possa presto raggiungere l’ assoluto e la luce tanto cercata. Che possa

portare buon suggerimento a quanti rimangono ad imparare. E’

venuto il tempo delle libazioni.

9.Che sia bandita ogni violenza, ogni dissapore, ogni nodo sia sciolto

e risolto ogni dissidio.

Pace in ogni luogo ed ogni tempo, in ogni segno ed ogni visione.

Pace che costruisce, pace che unisce, pace che crea;

venga a noi e non ci abbandoni.

Pace, pace, pace a tutti gli esseri che cercano la luce!

10. Abbiamo rotto il sigillo della pace, il sangue presto scorrerà a

nutrire la terra. Nostro o di altri, poco o tanto, scuro o luminoso;

questo non è importante. Abbiamo rescisso il nostro cuore dalla

nostra mente. Distruggeremo ogni cosa per cui abbiamo lavorato,

ogni sforzo fatto è ormai vano. Abbiamo preso con noi le armi ed

abbiamo abbandonato ogni segno della nostra giusta ricerca.

Piangiamo dunque perché si appresta il momento del dolore in cui il

fratello combatte contro il fratello.

Noi non cederemo nella difesa di ciò che è giusto, e quando tutto

sarà alla fine perdoneremo ogni offesa ma non dimenticheremo ciò


che è stato fatto.

11. E’ venuto il tempo in cui non avrò più tempo da dare al tempo.

Nel dolore o nel piacere le mie membra riposeranno e la mia anima

sarà liberata. Vieni a me, dunque, grande mutamento, che io possa

immergermi nell’ assoluto e lasciare ogni dolore della mente. Non ho

paura della morte, che la morte è illusione e la vita non ha mai fine.

Di nuovo tornerò ad apprendere la via verso la perfezione,

abbracciami, dunque e camminiamo insieme fino al nuovo inizio.

12. sia sacralizzato per la terra, l’ acqua, l’ aria e il fuoco. Sia quattro

volte benedetto e quattro volte sacro. Sia cinque volte benedetto e

cinque volte sacro.

13. io unisco, io combino, che sia benedetta questa unione per

quattro volte e per cinque volte e che possa recare benedizione.

14. io accresco, io aggiungo, che sia benedetta questa crescita per

quattro volte e per cinque volte e che possa recare benedizione.

15. io divido, io rescindo, che sia benedetta questa separazione per

quattro volte e per cinque volte e che possa recare benedizione.

16. io diminuisco, io sottraggo, che sia benedetta questa diminuzione

per quattro volte e per cinque volte e che possa recare benedizione.

17. che tutto questo sia detto nel momento adatto: nella

purificazione, ai quattro angoli del tempo, al momento della

nutrizione, nella benedizione, nella venuta, nella crescita, nella prima

unione, nell’ ultima separazione, nella pace, nella guerra, nell’ ultima

ora, nella sacralizzazione, nell’ unione, nell’ accrescimento, nella

divisione e nella diminuzione.


LIBRO VIII

1.Io sono colui che muta costantemente

2.Io sono colui che trasforma il suo corpo

3.Io sono colui che produce ogni corpo

4.Io sono il signore della carne

5.Io sono il signore dell’ inizio di ogni sapienza

6.Io sono il corvo dei campi di battaglia

7.Prega che non venga mai il mio giorno e che mai sorga la mia alba;

8.Che le catene che mi tengono non siano sottili e che i miei spiriti

siano caritatevoli.

9.mi prostro a me stesso nel sorgere della veglia dicendo:

io che do vita, io che sostengo la vita, io che muto la vita,

dio mutevole signore della carne, io insegno a mutare la mente.

10.Io sono colui che crea l’ impermanenza e l’ imperfezione dell’

illusione acciocché tutti gli esseri apprendano la via per la perfezione.

11.Io distruggo per ricostruire e costruisco per distruggere

12.Il mio vaso origina tutti gli eventi e il mio segno è il cerchio

13.Io sono la sostanza mutevole di ogni mente

14.Io sono ciò che non sono

15.Io sono ciò che è in me

16.Io sono ciò che è fuori di me

17.Su questo rifletti e cerca il flusso del fiume, non la pietra nel suo

letto.

18.Questo è il libro della verità nella menzogna e della menzogna


nella verità.

LIBRO IX

1.io sono il signore del tempo, colui che da fine e da inizio, senza

inizio ne fine.

2.il folle è l’ unico a vedere la luce perché ha visto la luce che lo ha

reso folle.

3.l’ universo è sulla punta del suo dito e calpesta i sapienti pieni di

lettere e null’ altro, ridendo.

4.esso guarda oltre la fine dell’ universo

5.YAH è uno, YAH è molti, YAH è tutto, YAH è tutti.

6.Come potrebbe altrimenti scaturire l’ imperfezione dalla

perfezione?

7.La combinazione è la chiave.

8.Come mille strumenti che suonano note che non stanno insieme.

9.La combinazione è la soluzione dell’ impurezza dell’ anima che va

verso YAH.

10.Il folle deride e gioca e guarda e balla.

11.Il suono dei suoi passi riempie la mente.

12.Signore del canto che non sa cantare e della musica suona che

non sa suonare.

13.Signore dell’ inutile e dell’ inarmonia essenziale.

14.Signore del tempo, follia suprema.

15.Signore della fine senza fine e dell’ inizio senza inizio.


16.Il folle dice sempre la verità, anche se mente.

LIBRO X

1.Che in te non alberghi la paura, essa porta alla violenza.

2.La paura è il piedistallo di ogni azione che porta alla violenza.

3.Potrà mai la violenza generare pace?

4.La violenza è ciò che si genera per se stessa in maniera infinita,

perciò non iniziarne il ciclo.

LIBRO XI

1.Che le tue membra riposino come pietre nella terra.

2.Che i tuoi sensi galleggino come nuvole nel cielo del tramonto.

3.Che i tuoi pensieri vaghino, come vento sulle acque calme.

4.Che la tua mente si dissolva come aria nell’ aria.

5.Che ogni cosa passi, che torni e che passi nuovamente senza essere

tua.

6.Che le sensazioni si assopiscano alla dolce fiamma luminosa del

cuore.

7.Che l’ oscurità della tua mente sia dissipata nel vuoto.

8.Che la luce ti inondi.

9.Che la tua anima si unisca all’ anima del mondo.

LIBRO XII
1.aum ha ta bah!

2.il mondo si illumina di nero più nero del nero.

3.il signore del sole torna alla sua schiera celeste.

4.il sole non è un dio!ricordalo!

5.tutto ciò che viene chiesto è dato , anche ciò che sembra nascosto.

6.il cielo trapunto di stelle ci accoglie.

7.ogni essere è un granello di luce divina.

8.perciò guarda ogni essere come parte di te: la tua anima è la sua

anima e la sua anima è parte dell’ anima universale.

9.cerca colui che ti guiderà alla vittoria: esso sarà un bambino nel

cuore e un vecchio nella bocca.

10.nei deserti hai cercato ed hai trovato le fresche acque. Dopo il

riposo levati, oh sole del mattino, e torna alle sabbie rosse.

11.i suoi occhi sono il sole e la luna, le sue corna d’ oro sono oriente

ed occidente, i suoi capelli sono stelle e il tartaro è nelle sue spalle.

Egli è uno in tutto. Molti ed uno. Soluto e coagulato. La sua natura è

luminosa. Egli è il padre dei padri.

12.ha portato con se un bastone di avellana tagliato con un coltello

bianco, sulla corteccia sono segnate mille generazioni. Chi mai potrà

contrastare i suoi passi incerti e le sue spalle curve e tremanti?

13.la tua mente sia limpida come acqua, a quale scopo pensare a ciò

che non è desiderio?

14.sigilla ogni cosa sacra con il segno dei cinque elementi, che tutti

ne abbiano rispetto ma che non sia venerata.

15.ogni cosa è contenuta nelle cinque cose , ogni cosa si origina da


cinque cose: gioca e calcola.

16.distingui ciò che è corretto e ciò che non porta vantaggio. La

prima cosa è molto amara, la seconda molto dolce.

17.il signore dalla lucente spada ha cercato le sue vittime ma nessuna

testa è caduta: dalla spada viene la paura, ma essa è un vantaggio.

18.nel deserto di ghiaccio gli occhi che bruciano e la pelle che si

screpola, cercherai forse un vestito di seta dei sette colori?

19.l’ arcobaleno degli dei illumina il serpente: il sole del caos è vicino,

che il serpente allunghi le mani e lo afferri!

20.gioielli sono nella mia coppa: rubini, zaffiri, smeraldi e topazi.

Tutto è utile ma niente è indispensabile.

21.nelle mie mani sono carbone, acqua, terra e incenso: tutto è utile,

niente è indispensabile.

22.nella mia mente immagino sette colori: tutto è indispensabile.

23.signore della pallida luna accogli le nostre preghiere: che il sonno

sia pieno di luce!

24.hai trovato un eremita; era sporco, curvo e malato. Ti ha offerto

del pane e non l’ hai accettato e ora la fame ti attanaglia. Dimmi: che

cosa conta di più?

25. l’ unico desiderio ci guida alla luce. Osserva con scienza e procedi

con amore.

26.il momento più doloroso nella vita di un essere è l’ apertura degli

occhi alla luce dello spirito.

27.il momento più dolce nella vita di ogni essere è l’ apertura degli

occhi alla luce dello spirito.

28.conta 3125 esso è l’ infinito nel finito.


29.hai sentito la campana della guerra, perché non ti sei levata

indegna città? Hai sentito il pungolo della luce, perché non ti sei

mosso indegno cuore? La guerra è battaglia con se stessi, il pungolo

è il desiderio della perfezione.

30.tra i mille e mille pensieri, quale ha più importanza? Uno dice “ho

fame” ; l’ altro dice “ho sonno”; l’ altro dice “ho sete”. Chi sa non

dice ma agisce.

31.dormiemte svegliati! Il momento è giunto, la tua mente è pronta,

le tue membra rotte dalla fatica non trattengano il tuo cuore! Come

un puledro scalpita per ciò che ti è dovuto! Sottometti l’ intero

universo se ti si para contro! Lascia fuoco e polvere di coloro che

non ti seguono! Rinfresca d’ aria e d’ acqua coloro che ti sostengono!

32.Taglia con il coltello e dì: questo è completo, perché qui finisce!

33.componi l’ elisir e il pane e il sale coi cinque elementi ed essi ti

regaleranno vita dalla vita. Che siano consumati da tutti, in essi vive

la perfezione e la luce, si purifichi in essi la tua anima e le tue

membra, siano offerti con pace e buona grazia, e che a nessuno siano

rifiutati durante i riti, come segno tangibile del desiderio che è la

guida, della scienza che è il mezzo, dell’amore che è il modo.

34.un coltello affilato è un buon compagno, un bastone è un buon

aiuto, mille generazioni sono nei lavori che compirai con loro.

35.saranno dunque i maledetti, coloro che salveranno le anime degli esseri?

Sarà così per i secoli a venire.

36.la stella purpurea risplende su ogni essere: essa è la capacità di

evolversi che si acquisisce quando si è alla fine dell’ evoluzione.


37.la purpurea luce dell’alba ci illumina, fratelli e sorelle, nutritevi

della sua energia come un assetato si nutre di acqua fresca.

38.nel momento di difficoltà ringrazia gli dei per averti dato la

possibilità di imparare.

39.il signore dalla lunga lancia ha il capo cinto di serpenti, il suo

modesto sguardo non lascia mai la terra.

40.che il tuo kiblah sia l’ universo, che la tua kaaba sia il cuore di

ogni essere. Niente vi è di più sacro, niente vi è che meriti più

rispetto.

41.la vita è un unico immenso fiume che gira intorno all’ infinito

mare delle anime. Da esso è originata e ad esso ritorna, senza fine ne

inizio.

42. Fuggi da chi non interpreta largamente questo libro perché esso

porta alla rovina.

43. l’esercito delle tigri bianche scende dalla montagna per invadere

la terra di nessuno; non c’è pericolo per chi si nasconde sotto il forte

albero.

44. se hai dubbi sul bene e sul male chiedi ad un bambino.

45. io sono il signore guerriero, nato nel buio per portare la luce.

46. tre dei si apprestarono a me per recare doni.

47. io , nato da una dea che mai conobbe maschio.

48. io, per il quale gli spiriti puri scesero a portare saluto.

49. io, che fui purificato nell’ acqua e che resistetti alle tentazioni del

potere sul monte.

50. sono colui che resuscitò suo padre dalla morte e dalla corruzione,

e fui ucciso e resuscitai.


51. ogni giorno il mio mito si ripete, e sono l’ alba, e il fulgore e il

tramonto.

52. gloria a me, signore della luce!

53. gloria a me, colui attraverso il quale il sole risplende!

54. gloria a me, occhio onniveggente, titano d’ oro!

55. gloria a me, spirito che libra le sue ali nello spazio!

56. gloria a me, essenza profonda di ogni essere che cerca la

perfezione!

57. gloria a me , appeso al legno per vivere di nuovo!

58. gloria a me, come il cerchio dell’ infinito posto alla croce per

definire l’ universo!

59. cercami dunque, come ciò di cui hai bisogno.

60. trova le mie tracce e segui loro .

61. scorgimi nel folto delle canne.

62. catturami, e tieni la mia grande potenza, trascinato da me.

63. domami per usare la tua potenza.

64. cavalcami, che io ti porti di nuovo a casa.

65. dimenticami, nella serenità della sera .

66. dimentica me e dimentica te, che il vuoto ti purifichi.

67. torna alla tua origine, sappi che ogni ricerca è vana.

68. torna illuminato, sappi che nessuno può parlare di ciò che la

bocca non può dire!

69. questo è il cammino del sole, segui questo e apri il tuo cuore, che

la strada è dritta in fronte a te..

70. sono il nero osso, re delle tombe, signore della terra e dei vermi.
71. la nera è il mio specchio, la lingua penzolante stillante sangue ed

essa grida: oduda!

72. l’ anima sola mi serve da compagno, principe dell’ incrocio,

uomo e donna, donna e uomo;trasforma il torto in vantaggio, la

schiavitù in giusta rivolta.

73. salutami, perché verrò a prenderti!

74. abbi paura perché eseguirò ogni tuo ordine!

75. adorami, perché io mantengo sempre l’ equilibrio nel fiume!

76. prendi lo spirito e rendilo schiavo!

77. proteggi lo spirito dall’ esser reso schiavo!

78. libera lo spirito che è stato fatto schiavo!

79. questo è il cammino nero della via tortuosa che per arrivare non

parte, e per restare si muove.

80. nella sconfitta e nella vittoria il tuo desiderio è unico, ricorda!

81. il signore del tempo fa scorrere il fiume, ma le sue acque non

dissetano.

82. punto per punto cuci la tua veste, momento per momento forgia

il tuo coltello ogni strumento senta la tua anima, sia toccato dalle tue

mani, sia benedetto dal tuo lavoro.

83. il topo non cambia, il mondo cambia intorno a lui: sii come il

topo!

84. mille e mille anni, mille e mille riti ti separano dalla realizzazione.

Eppure esso è inevitabile, come la roccia si sgretola e le nuvole

piangono, così tu arriverai.

85. nuovi spiriti si presenteranno, nuove preghiere ti sapranno

insegnare, ascolta con rispetto, ma non dimenticare la base del


pilastro.

86. essenze, demiurghi, dei ,spiriti ed esseri sono una cosa, eppure

sono separate. Il passato, il presente e il futuro sono una sola cosa

eppure sono separati. Dovrai passare il tempo per arrivare al di la del

tempo.

87. componi il pane con quattro cereali, i quattro elementi, quattro

spezie o quattro acque, ma è importante che sia quattro volte

benedetto per i quattro elementi e che tutti lo consumino.

88. componi il sale con quattro spezie, quattro grani, quattro tipi di

cristalli buoni da mangiare, ma è importante che sia quattro volte

benedetto per i quattro elementi e che tutti lo consumino.

89. componi l’ elisir con quattro acque, quattro spezie, quattro erbe,

ma è importante che sia quattro volte benedetto per i quattro

elementi e che tutti lo consumino.

90. questi sono i tre segreti del rito e della vita che compongono il

santo dei santi, dio tangibile e mangiabile, così che sia reso grazie e

sia compiuto il passaggio dal dio all’ uomo della luce divina.

91. che sull’ entrata del tempio vi sia una luna alata o una luna.

92. che nel tempio in posizione preminente vi sia un sole alato o un

sole o un cerchio; tutto quello che saprai aggiungere con arte sia ben

accetto alla comunità che usa il tempio.

93. che sull’ entrata dell’ occultum vi sia una luna alata o una luna.

94. che nell’ occcultum in posizione preminente vi sia un cerchio

alato con all’ interno un simbolo di mercurio o un cerchio con all’

interno un simbolo di mercurio o un simbolo di mercurio; tutto


quello che saprai aggiungere con arte sia ben accetto a chi usa l’occultum.

95. nel tempio i riti per la luce di tutti nella via dritta e nella via

tortuosa, nell’ occultum i riti per la luce di chi segue la via tortuosa.

Poiché il dritto è pubblico, molteplice e particolare e il tortuoso è

privato, singolo e particolare. L’ occultum è anche tempio, ma il

tempio non è anche occultum.

96. tutti possano condurre i riti e le cerimonie, per nessuno sia l’

unico impegno e per nessuno sia pane.

97. si faccia se si vogliono i riti in uno solamente o in infinito

numero di esseri.

98. domandati dunque perché io chiedo e cosa mi è risposto?

99. domandati dunque perché mi chiedono e perché io rispondo?

100. la risposta è solo una: solo una è la domanda.

101. il momento della luce è un sole cremisi che illumina l’ anima del

tramonto dell’ oscurità.

LIBRO XIII

1. questo è il libro chiaro, disceso per coloro che hanno dubbi che

attanagliano il cuore.

2. Sia noto che questo libro ha più di una interpretazione ed esso è

essoterico ed esoterico.

3. Sia noto che coloro che interpretano l’ esoterico senza seguire l’

essoterico non hanno cuore puro.

4. in vero questo libro è la chiave di ogni libro.

5. sia detto ed insegnato che se l’ interpretazione di qualsiasi libro


porta al dolore ed all’ odio verso chiunque, al disfacimento dei

principi e delle buone opere, all’ omicidio ed all’ ingiustizia, tale

interpretazione non è e non può essere valida ne fondata sulla verità.

6. in vero facemmo discendere questo libro con parole chiare, che

tutti possono arguire senza l’ aiuto di un maestro e ciò deve essere.

7. Riguardo all’ ingiustizia è già stato detto: ogni bambino sa che cosa

essa sia, e nel cuore ognuno la sente.

8. il sole cremisi illumina le anime, esso è il momento in cui la

tristezza diventa gioia, poiché è il momento dell’ illuminazione.

9. la preghiera è la base di tutto, poiché essa non serve agli dei, che

essi sono a loro bastanti, ma a tutti gli esseri che vogliono essere certi

di ricordare la loro missione in ogni momento.

10. la missione di ogni essere è lavorare per tutti e per se stesso, in

modo che sia felicità nel cuore di ognuno.

11. Non crediate che siano parole vane, dettate dalla semplicità,

poiché l’ essere pronti a donarsi agli altri è la dimostrazione della più

grande forza.

12. Avete un desiderio che guida ogni vostra azione, e nell’

illuminazione è questo: ogni essere ha lo stesso desiderio, desiderio

di raggiungere la perfezione.

13. avete la scienza che vi guida attraverso la vostra istruzione e nell’

illuminazione è questo: seguite la scienza e correte con essa, che essa

è il più grande mezzo per raggiungere la perfezione.

14. avete l’ amore che guida le vostre mani ed i vostri occhi e nell’

illuminazione è questo: ogni azione che non sia fatta per amore è
contraria alla via.

15. Fuggite dall’ angoscia e nel dubbio vivete con gioia

16. chi non sa cosa sia la vita ecco, guardi il sole: come esso nasce,

fiammeggia, muore e si rabbuia e di nuovo nasce per un nuovo

percorso.

17. chi non sa cosa sia la morte ecco, guardi il seme: come esso

germoglia e da vita a nuova vita.

18. in ogni tempo ed in ogni luogo sono posti segni chiari, osservate

con scienza e capirete.

19. vi sono state date le nuvole, che bianche veleggiano e nere

fertilizzano, perciò capite: l’ apparenza non è altro che una veste da

cambiare o da portare, è l’ azione ciò che conta.

20. vi sono state date le montagne che dalla terra si ergono maestose

fino al cielo perciò capite: per elevarsi si abbisogna di base forte e di

capacità di reggere ogni colpo.

21. vi sono stati dati i mari mutevoli e profondi perciò capite: per

regnare bisogna saper prendere ogni forma.

22. vi è stato dato il fulmine luminoso e fiammeggiante perciò capite:

perché il colpo sia efficace è necessario che sia ben diretto e ben

preciso.

23. vi è stata data l’ acqua che fora la roccia perciò capite: la pazienza

è forza.

24. a chi fa penitenza martoriandosi il corpo e procurandosi

sofferenza noi diciamo: come puoi arrivare all’ anima, se

continuamente ti rammenti del corpo? In vero l’ anima è corpo e il

corpo è anima. Vi sono già state date le sofferenze necessarie in


giusta quantità .

25. tutte le vie hanno bisogno di un grande equilibrio per essere

compiute, e tuttavia nella via dritta si cammina insieme a tutti gli

esseri, nella via tortuosa si cammina da soli. Per questo i libri della

via tortuosa sono per i pochi.

26. YAH è uno, YAH è molteplice. Non potete conoscerlo,

enumerarlo, esplorarlo, guardarlo con i vostri occhi o toccarlo con le

vostre mani. Siete parte di YAH e YAH è parte di voi. Avete

raggiunto YAH e non avete ancora iniziato il viaggio verso YAH. In

YAH ogni cosa si annulla ed ogni cosa si esalta.

27. signore dei signori, dio degli dei, senza genere ne volto, luce

senza origine, YAH è.

28.Gli dei sono i vostri maestri, gli spiriti i vostri compagni.

29. Ogni desiderio è parte di un unico desiderio di raggiungimento

della perfezione.

30. La realtà è illusione.

31. L’ illusione è creata dalla mente di ogni essere per istruirsi nel

raggiungimento della perfezione.

32. La perfezione è YAH, principio inconoscibile in numero, genere,

sostanza.

33. la buona regola del comportamento per far progredire la

comunità di tutti gli esseri siano tra voi come incisa nei vostri cuori:

Vogliate per il vostro prossimo ciò che volete per voi stessi.

Questa è l’ essenza di ogni libro.

Seguendo questo la comunità degli esseri giungerà alla perfezione,


alla pace ed alla conoscenza.

34. che sia testimoniata l’ esistenza di YAH, che ogni essere sia

cosciente del velo che ha sul proprio volto.

35. vi sono stati dati insegnamenti ed essi possono essere a voi

piacevoli.

36. vi sono stati dati insegnamenti ed essi possono essere a voi

spiacevoli.

37. epperò ogni cosa ha un suo scopo ed ogni azione una sua

conseguenza.

38. a chi fa penitenza digiunando dal cibo noi diciamo: ti è stato dato

un digiuno più duro e più importante, che è quello da ogni cattiva

opera

39. perché è la mente che comanda la carne e non la carne che

comanda la mente

40. ad ogni cibo che è rifiutato con sforzo cosciente la carne si

ribella, e ad ogni cattiva opera rifiutata con sforzo cosciente la mente

si esalta.

41. e tuttavia di ogni cosa prendi con moderazione.

42. a chi fa pellegrinaggio per vedere il santo dei santi noi diciamo: ti

è stato dato un pellegrinaggio più importante da completare, ed è il

pellegrinaggio verso l’ interno della tua anima.

43. credi forse che ci sia un luogo dove YAH non è e dove gli dei

non operano ?

44. assolvi alla preghiera, digiuna dalle cattive opere, pratica il

pellegrinaggio verso il cuore del cuore.

45. non è importante fare o non fare, ma è di estrema importanza


capire o non capire.

46. la vostra anima è racchiusa in uno scrigno d’ oro con sedici

chiavistelli, ma non cercate la chiave e non volgetevi attorno perché

le chiavi sono già nel vostro cuore.

47. la coscienza di essere ciò che siete è il primo passo verso la

perfezione.

48. non potete cambiare la vostra essenza, non potete cambiare ciò

che siete, potete solo partire da questo per fare buon uso di ciò che

avete.

49. vi abbiamo dato un impegno ed una responsabilità: come gli dei

sono faro per gli esseri che li seguono, così voi dovete essere faro

per il vostro prossimo.

50. che il vostro impegno non sia costruito per l’ aspettativa di una

ricompensa.

51. che il vostro impegno non sia costruito per la paura di un castigo.

52. non c’è ricompensa ne castigo.

53. ciò che fate agli altri lo fate a voi stessi perché l’ universo ha una

sola anima e voi ne siete parte.

54. guardate nel vostro cuore e vedrete che esso è parte del cuore di

ogni essere.

55. ogni mare è lo stesso mare.

56. ogni valle è la stessa valle.

57. ogni fuoco da la stessa luce.

58. ogni vento è lo stesso vento.

59. siate umili e non siate sottomessi.


60. siate perdonatori e non dimenticate.

61. siate rispettosi e pretendete rispetto.

62. siate giusti e non siate inflessibili.

63. siate gli ultimi a prendere le armi e i primi ad abbandonarle.

64. colui che si sforza di seguire questo libro è il tesoro più prezioso

per l’ universo.

LIBRO XIV

1. YAH è essenza di ogni essenza struttura di ogni struttura.

2. YAH è la macchina delle macchine.

3. nessuna mente, nessun essere, nessun luogo.

4. YAH è ciò che non può essere detto ne definito.

5. YAH è mistero di ogni mistero.

6. nessun occhio vede YAH e ancora vede.

7. nessun orecchio sente YAH ed ancora sente.

8. YAH è assoluto di ogni assoluto.

9. luce di luce, perfezione di ogni perfezione.

10. YAH è ciò a cui ogni essere tende per natura.

11. infinito di ogni infinito.

12. la vicinanza di YAH disgrega la mente, eppure YAH è in ogni

cosa.

13. YAH è ciò che ogni essere ama e teme.

14. YAH è la base di ogni scienza.

15. YAH è ciò che cantando non ha canto, eppure il suo canto

definisce l’ universo.
16. YAH è ciò che spostandosi non ha movimento eppure il suo

movimento spazia nell’ illusione del creato.

17. con attenta meditazione vedrete YAH in ogni cosa e in ogni

luogo.

18. con attenta preghiera saprete di essere immersi in YAH come

gocce nel mare.

19. come tetraedri i demiurghi si piegano su se stessi e definiscono la

matrice della creazione di YAH.

20. i quattro elementi ne sono espressione lampante.

21. se cercate la terra non cercate la terra, se cercate acqua non

cercate acqua, se cercate aria non cercate aria, se cercate fuoco non

cercate fuoco.

22. se cercate terra cercate struttura, se cercate acqua cercate

purezza, se cercate aria cercate scienza, se cercate fuoco cercate

illuminazione.

23. questo costituisce il meglio delle offerte ed il meglio delle azioni e

il compimento dell’ opera.

24. ogni essere è espressione di YAH.

25. ogni cosa che abbia un’ anima è espressione di YAH.

26. YAH è l’ anima di ogni universo.

27. YAH è come acqua nel vino e aria nel respiro.

28. nessuno lo percepisce con i normali suoi sensi eppure YAH lega

ogni cosa ad ogni cosa.

29. poiché nessuna cosa esiste se non per il legamento che ha con

ogni altra cosa.


30. YAH è la trama della tela dell’ universo.

31. cercatelo perciò in ogni luogo ed esso non vi si presenterà.

32. cercatelo in ogni anima ed esso vi guarderà negli occhi.

33. cercatelo nel vostro cuore e ne sentirete la pura presenza

34. cercatelo nella vostra anima e lo conoscerete.

35. meditate perciò sull’ assoluto e ne sarete abbracciati.

36. meditate perciò sull’ infinito e diverrete infiniti.

37. YAH è oltre il limite dell’ abisso che tutto distrugge.

38. YAH è oltre il bene e il male.

39. YAH è oltre tutte le considerazioni che la vostra mente riesce a

concepire.

40. YAH unisce e divide, crea e distrugge.

41. l’ oracolo non ne può comprendere lo scopo.

42. il dio non ne può capire l’ essenza.

43. chiunque cerchi di definirlo in modo comprensibile non ne coglie

l’ essenza.

44. la gnosi gli si avvicina.

45. la luce dell’ anima lo percepisce.

46. chi riuscirà a descrivere la gnosi?

47. chi potrà capire la luce dell’ anima?

48. chi mai riuscirà a comprenderlo con la

propria mente senza che questa si disgreghi?

49. l’ essere è un cacciatore senza artigli eppure la sua fame non si

placa.

50. l’ essere è un bambino che ha fame, chi se non sua madre potrà

nutrirlo.
51. lasciate che gli dei siano vostra madre.

52. giocate insieme agli dei per crescere.

53. Come la madre dona la sua esperienza al figlio, gli dei vi donano

la loro consapevolezza.

54. lavorate affinché ognuno possa imparare ed insegnare ciò che sa.

55. non da soli arriverete ma insieme a tutti gli esseri.

56. la consapevolezza e la scienza sono acque purificanti senza le

quali nessuno vive.

57. lasciate che vi siano donate queste acque.

58. lavorate perché acqua e fuoco non manchino mai a nessun

essere.

59. siate luce per chi vaga nel buio e buio per chi soffre nella luce.

60. Siate polvere di stelle, consapevolezze che aspirano ad illuminare

l’ universo.

61. Crescete nella luce della vostra anima.

62. non vi stancate di tentare di migliorare.

63. chiedete, riflettete, elaborate.

64. siate voi stessi i vostri profeti.

LIBRO XV

1.il tempo è eterno fiume e dona l’ oblio.

2. nel tempo abbiamo mandato la luce e ognuno se ne nutre secondo

le sue inclinazioni.

3. Ogni essere ha dubbi, ogni gesto è imperfetto.


4. nel cuore si distrugge il dubbio e nella meditazione si perfeziona il

gesto.

5. perciò camminate dei vostri passi.

6. perciò siate sacerdoti di voi stessi.

7. siate esempio e riferimento.

8. ricordate che la vita non ha fine e non si genera.

9. nessuno può creare e nessuno può distruggere.

10. tutti possono trasformare l’ universo ed esso è un continuo

trasformare.

11. solo YAH è stabilità e perfezione.

12. siate perciò come pesci nel fiume degli eventi.

13. siate come uccelli nel vento delle menti.

14. siate vermi nella terra delle strutture.

15. siate scintille nel fuoco dell’ illuminazione.

16. tutto questo è in voi.

17. tutto questo è fuori di voi.

18. tutto questo è fuori e dentro voi.

19. il vino , il pane e il sale si trasformano.

20. il vino, il pane e il sale vi trasformano.

21.La nuova nascita sia seguita dalla festa per le due famiglie e per la

comunità.

22. tutti si uniscano alla festa se per loro è facile.

23. che siano o non siano credenti coloro che partecipano, questo

non è importante.

24.Che ad ogni credente sia insegnato a purificarsi mani e faccia con

l’ acqua prima di ogni rito ed ogni preghiera e a pregare al sorgere ed


al tramontare vostro ed al massimo splendore e nella notte.

25.Ricordatevi dunque che noi eleviamo chi ci chiama e

glorifichiamo chi ci glorifica.

26.Ricordate dunque che tutto ciò è condizionato alla facilità nel fare

e non vi corrucciate se non vi è facile e perciò ne tralasciate l’

esecuzione.

27.Abbiamo posto giorni speciali che sono segnati dal sole e dalla

luna e in questi giorni fate festa e fate offerte a noi.

28.Il primo giorno purificatevi e fate offerte di ringraziamento per

quello che vi è stato dato da noi e dalla vostra fatica.

29.Il secondo giorno è il giorno dei morti, offrite loro libagioni ed

offerte a quelli del sottosuolo, tirate oracoli per il nuovo giro.

30.Il terzo giorno fate offerte al sole per la sua nuova venuta come

rappresentante dell’ eterna luce.

31.Il quarto giorno è la fecondazione e fate offerte alla madre ed al

suo ventre.

32.Il quinto giorno accendete fuochi per il padre e per la sua creazione.

33.Il sesto giorno è quello della nascita e fate offerte alla madre e ai

nuovi nati.

34.Il settimo giorno benedite la forza del tutto e fate offerte a

quelli che stanno sulla terra.

35.L’ ottavo giorno fate offerte a tutti noi e fate festa con noi.

36.Tra un giorno e l’ altro molti giorni passano e i giorni dividono l’

anno in otto periodi.

37.Abbiamo stabilito in terra come in cielo la mezzanotte, il


mezzogiorno, il levare ed il deporre perché ognuno possa

riconoscere i segni e possa offrire di fronte a chi offre, per questo

quando ci chiamate e ci date o quando stabilite un luogo sacro, o quando stabilite un luogo dell’
offerta, o quando benedite o quando consacrate o quando pregate;

segnate in alto, a sinistra in basso, a sinistra in alto, in basso, a destra in alto, a destra in basso, in
alto. Questo è il sole alato che anima la via dritta e apre e chiude ogni rito. Su questo chiamate o
cantate il nostro nome,

benedite le offerte ed offritele a noi con buon a grazia. Pregate tutti

gli esseri, Benedite le tre cose sacre e offritele, esse sono sangue,

corpo e anima nostra e così vi nutrirete di noi.

38. dall’ alto al basso, da destra a sinistra e ogni punta una mezza luna e siano tre punte, ed al centro
un cerchio. Questo è il cerchio alato di mercurio che anima ogni forgiatore.

39. in alto, a sinistra in basso, a destra in basso, in alto, e ogni punta una mezza luna e siano tre
punte. Questo è la luna alata che contrassegna ogni entrata.

40.Per questo sappiate sempre di fronte a chi siete e con chi parlate

in terra come in cielo e offrite loro terra, acqua, aria e fuoco o di ciò

che potete.

41.Quando i piccoli diventeranno forti fate festa che un altro uomo

o un’ altra donna è arrivata al giudizio.

42.Quando il giudizio arriverà alla costruzione allora si formerà la

famiglia e farete festa anche allora e i due divideranno un pane e

offriranno un quarto ai demiurghi, un quarto agli dei e un quarto agli

spiriti dei morti e mangeranno il loro quarto insieme e dalla stessa

parte e così dopo le dichiarazioni siano uniti finchè loro non

decideranno.

43.Abbiamo stabilito un tempo per ogni cosa e il tempo viene in cui

non c’è più tempo per la vita.

44.Il corpo non è nulla più che immagine, una foglia che prima o poi
cade, un frutto che torna alla terra dopo aver cresciuto il seme.

45.Piangete perciò perché vi dividerete e forse non avrete ancora un

saluto.

46.Che sia dunque benedetto il corpo perché è stata sacra la sua

anima e la sua vita e lo sarà ancora nel ventre della madre.

47. non è finita la sua vera vita, egli è solo mutato.

48. la vita non finisce, la vita non inizia, la vita è YAH e per ciò

eterna.

49.Chi va ha ancora cammino da fare

attraverso di noi e di ciò che non vi è dato di vedere.

50.Ancora gli occhi non sono pronti e mai lo saranno perché non è

di occhi che agognate il bisogno.

51.Oltre voi coloro che non hanno corpo e che abbiamo posto sulle

nostre strade e poi noi che comandiamo e prendiamo ognuno per

ciò che è.

52.Noi siamo le strade e che ognuno abbia la sua e che nessuno dica

“tu sbagli i passi verso la luce” se il cuore è puro e pace lo segue.

53.Oltre noi coloro che creano e che in continuo donano la loro

essenza per farne cose nuove e più adatte e oltre a loro la grande luce

e l’ assoluto che è uno e molti e molti ed uno, in un solo intento ed

in molte sorgenti come il fiume che tutti porta.

54.Vi abbiamo dato le fresche fonti che vi nutrono, le alte cime che

vi guardano e i sacri alberi che mandano le loro voci antiche.

55.Vi abbiamo dato il più utile dei pellegrinaggi che è quello che ognuno compie nel proprio se
verso la luce.

56.Vi abbiamo dato il migliore dei digiuni che è quello in cui ognuno
si allontana dall’ orgoglio, la violenza e le cattive opere.

57.Vi abbiamo dato il migliore dei consigli perché tra voi e noi non

esiste baluardo e chi chiede avrà risposta.

58.Ciò che fate non fatelo per noi che noi bastiamo a noi stessi e

perciò se voi non volete andare avanti perché noi dovremmo

spingervi?

59.Se farete un’ offerta la farete per ricordare il vostro posto.

60.Se pregherete lo farete per sapere chi siete.

61.Se agirete giustamente lo farete per non avere ostacoli sul vostrocammino.

62.La pace genera pace, l’ odio genera

odio, l’ odio è distruzione, la pace è sviluppo.

63.Questo è tutto ciò che dovete sapere per crescere e prosperare; il

resto se vi è facile.

64. ricordate che dove non c’ è sole, ne luna, ne mercurio, ne direzioni i riti non vanno disattesi ma
tutto può essere adattato tramite la crescita, la diminuzione, l’ unione e la divisione. Poiché per
simbolo noi parliamo, e non per materia.

LIBRO XVI

1.Gloria a yah gioiello dei gioielli centro e luce, struttura di ogni struttura regnante imperatore del
piano oltre i piani

2.Questo è il libro che aggiunge luce alla luce, che recita il canto degli universi e delinea l’ operato
dei forgiatori

3.Questo è il libro della natura dei comandi

4.Yah è luce, perfezione, canto.

5.Il canto di yah regna indiviso nel piano della perfezione

6.Il canto di yah si spande originando i piani, per i piani, con i piani.
7.Nel piano di fuoco esso cambia e si divide in quattro parti che sono i quattro demiurghi, perciò il
piano del fuoco è chiamato il gioiello delle luci.

8.I quattro demiurghi progettano e questi sono i loro progetti:

per il demiurgo che è immateriale: elevazione

per il demiurgo che è movimento: divisione

per il demiurgo che è quiete:unione

per il demiurgo che è materiale: inabissamento.

9.Nel piano dell’ aria esso cambia e si divide in sedici parti che sono le sedici specie di dei, perciò il
piano dell’ aria è chiamato il gioiello delle nuvole. Le sedici specie di dei comandano e i loro
comandi sono:

per la specie degli YZ: illuminare

per la specie degli YN: creare

per la specie dei PW: aprire

per la specie degli YS: chiamare

per la specie dei KZ: conservare

per la specie degli MS: sigillare

per la specie dei KN: sciogliere

per la specie dei PZ: mostrare

per la specie dei PN: confondere

per la specie dei KW: proteggere

per la specie dei PS: purificare

per la specie dei KS: nascondere

per la specie degli MZ: legare

per la specie degli YW: bandire


per la specie degli dei ctoni: oscurare

per la specie degli MN: distruggere

10.Nel piano dell’ acqua esso cambia e si divide in sedici parti che sono le sedici specie di spiriti,
perciò il piano dell’ acqua è chiamato il gioiello delle onde. Le sedici specie di spiriti influenzano e
le loro influenze sono:

per la specie degli FR: energia

per la specie degli FB: visione

per la specie dei GH: nome

per la specie dei GB: immagine

per la specie dei DH: sogno

per la specie dei TH: mente

per la specie dei TB: tempo

per la specie dei TR: potere

per la specie dei DR:piacere

per la specie degli spiriti FH:dolore

per la specie dei TL: porta

per la specie dei GL: forma

per la specie dei DL: rituale

per la specie degli FL: azione

per la specie dei DB: spazio

per la specie dei GR: materia

11.Nel piano della terra esso cambia e si combinano i comandi con le influenze, dando origine alle
duecentocinquantasei potenze dell’ illusione; perciò il piano della terra è chiamato il gioiello delle
rocce.

12.Ogni potenza ha quattro facce, e il canto le comprende tutte.


13.Se yah è il canto e il canto è yah, chi è l’essere?

14.Colui che conosce il canto conosce l’ illusione, colui che intona il canto modifica l’ illusione ,
colui che medita sul canto trascende l’ illusione.

15.Conta dunque, muta dunque, combina dunque.

16.Il canto è suono, segno e gesto.

17.Il canto è la trama dell’ illusione e della realtà

18.Colui che vuole conoscere il canto trasforma il tetraedro in trigono e il trigono in tetragono.

LIBRO XVII

1.Il canto procede dal sole del caos che è YAH e per il forgiatore il canto è un serpente

2.Dall’ uovo nasce il serpente, rompendo il guscio, ed il serpente è come un rosso fiume vibrante ed
irto di scaglie, e il suo nome è YAHE, che è 16, perché procede da YAH.

3.E il serpente inizia la sua discesa nel fuoco, dove i demiurghi possiedono la loro essenza
profonda, il regno di IAOW, e nel fuoco del fuoco depone un uovo.

4.Il suo guscio ha nome YAOWY, che è 35 e significa follia, ed al suo interno giace YAOW, che è
34 e significa gnosi. E l’ uovo è custodito dalla specie degli dei YN e dalle sedici specie di spiriti a
loro asserviti.

5.Il serpente discende ed esso depone due uova equidistanti.

6.Il primo uovo lo depone nel fuoco dell’ aria e il suo guscio ha nome MEB , che è 99 e significa
ignoranza, e al suo interno giace MAB, che è 98 e significa sapienza. E l’ uovo è custodito dalla
specie degli dei YZ e dalle sedici specie di spiriti a loro asserviti.

7.Il secondo uovo lo depone nel fuoco dell’ acqua e il suo guscio ha nome OGE, che è 74 e significa
disordine, e al suo interno giace EGOE, che è 78 e significa legge. E l’ uovo è custodito dalla specie
degli dei YS e dalle sedici specie di spiriti a loro asserviti.

8.Il serpente discende e nel fuoco della terra depone un uovo.

9.Il suo guscio ha nome KLOMOKU , che è 48 e significa indifferenza, e al suo interno giace
KLOMOK, che è 46 e significa compassione. E l’ uovo è custodito dalla specie degli dei YW e
dalle sedici specie di spiriti a loro asserviti.

10.Il serpente procede e diventa bianco, perciò gli esseri lo possono vedere con la loro mente.

11.Accanto al fuoco della terra è l’ aria del fuoco


12.E il serpente si accinge alla sua discesa nell’ aria, che è il regno di PSYNOROG e nell’ aria del
fuoco depone un uovo.

13.Il suo guscio ha nome YWIHYO, che è 70 e significa tradimento, ed al suo interno giace WIHO,
che è 68 e significa principio. E l’ uovo è custodito dalla specie degli dei PN e dalle sedici specie di
spiriti a loro asserviti.

14.Il serpente discende ed esso depone due uova equidistanti.

15.Il primo uovo lo depone nell’ aria dell’ aria e il suo guscio ha nome FEUBU , che è 198 e
significa eccesso, e al suo interno giace FEBU, che è 196 e significa moderazione. E l’ uovo è
custodito dalla specie degli dei PZ e dalle sedici specie di spiriti a loro asserviti.

16.Il secondo uovo lo depone nell’ aria dell’ acqua e il suo guscio ha nome DIYOF, che è 148 e
significa irrazionalità, e al suo interno giace DILOF, che è 156 e significa scienza. E l’ uovo è
custodito dalla specie degli dei PS e dalle sedici specie di spiriti a loro asserviti.

17.Il serpente discende e nell’ aria della terra depone un uovo.

18.Il suo guscio ha nome KEAWOPA , che è 96 e significa ingiustizia, e al suo interno giace
KAWOPA, che è 92 e significa giustizia. E l’ uovo è custodito dalla specie degli dei PW e dalle
sedici specie di spiriti a loro asserviti.

19.Il serpente procede e diventa blu, perciò gli esseri lo possono vedere con il loro cuore.

20.Accanto all’ aria della terra è l’ acqua del fuoco

21.E il serpente si accinge alla sua discesa nell’ acqua, il regno di INUN e nell’ acqua del fuoco
depone un uovo.

22.Il suo guscio ha nome WOZAU, che è 105 e significa egoismo, ed al suo interno giace WOZU,
che è 102 e significa abbandono. E l’ uovo è custodito dalla specie degli dei KN e dalle sedici
specie di spiriti a loro asserviti.

23.Il serpente discende ed esso depone due uova equidistanti.

24.Il primo uovo lo depone nell’ acqua dell’ aria e il suo guscio ha nome ENAIPOI , che è 297 e
significa odio, e al suo interno giace NEPOI, che è 294 e significa amore. E l’ uovo è custodito dalla
specie degli dei KZ e dalle sedici specie di spiriti a loro asserviti.

25.Il secondo uovo lo depone nell’ acqua dell’ acqua e il suo guscio ha nome OMANE, che è 222 e
significa rigetto, e al suo interno giace MONEMO, che è 234 e significa desiderio. E l’ uovo è
custodito dalla specie degli dei KS e dalle sedici specie di spiriti a loro asserviti.

26.Il serpente discende e nell’ acqua della terra depone un uovo.

27.Il suo guscio ha nome OUWYZIYO , che è 144 e significa diminuzione, e al suo interno giace
WAEZIYO, che è 138 e significa crescita. E l’ uovo è custodito dalla specie degli dei KW e dalle
sedici specie di spiriti a loro asserviti.
28.Il serpente procede e diventa nero, perciò gli esseri non lo possono vedere con la vista.

29.Accanto all’ acqua della terra è la terra del fuoco

30.E il serpente si accinge alla sua discesa nella terra, che è il regno di IRSYZ e nella terra del
fuoco depone un uovo.

31.Il suo guscio ha nome KIZEMEWY, che è 140 e significa deformità, ed al suo interno giace
KIZMEWY, che è 136 e significa forma. E l’ uovo è custodito dalla specie degli dei MN e dalle
sedici specie di spiriti a loro asserviti.

32.Il serpente discende ed esso depone due uova equidistanti.

33.Il primo uovo lo depone nella terra dell’ aria e il suo guscio ha nome HUEGUSIHU , che è 396 e
significa indefinizione, e al suo interno giace HEGUSIH, che è 392 e significa struttura. E l’ uovo è
custodito dalla specie degli dei MZ e dalle sedici specie di spiriti a loro asserviti.

34.Il secondo uovo lo depone nella terra dell’ acqua e il suo guscio ha nome PAFAWIB, che è 296
e significa insostanzialità, e al suo interno giace POFALIWB, che è 312 e significa sostanza. E l’
uovo è custodito dalla specie degli dei MS e dalle sedici specie di spiriti a loro asserviti.

35.Il serpente discende e nella terra della terra depone un uovo.

36.Il suo guscio ha nome HERYLIT , che è 192 e significa instabilità, e al suo interno giace
ERYLIT, che è 184 e significa stabilità. E l’ uovo è custodito dalla specie degli dei MW e dalle
sedici specie di spiriti a loro asserviti.

37.Il serpente giace come morto, il suo corpo si decompone.

38.Infiniti serpenti discendono in infinite discese, e depongono ognuno 16 uova delle sedici specie.

39.Il serpente torna in vita dalla sua stessa sostanza e risale verso il sole del chaos, divorando
nuovamente le uova e infine divorando se stesso e diventando esso stesso uovo, che presto si
schiude per dare origine ad un nuovo serpente.

40.Infiniti serpenti risalgono in infinite ascese, e divorano ognuno 16 uova delle sedici specie .

41.Il forgiatore controlla la realtà facendo vibrare le uova attraverso la pratica delle potenze, degli
spiriti e degli dei.

42.Vibrando le uova nutrono le stelle, e le mantengono nel loro interno.

43.Ogni uovo è un mondo, ogni uovo è un’ illusione, perciò il forgiatore sa che esistono infinite
illusioni e che l’ illusione non cambia, ma esso stesso passa da un’ illusione ad un’ altra.

44.il forgiatore è un viaggiatore.

45.Il forgiatore è colui che sa come far schiudere le uova.

46.Cantando il serpente si alza, cantando il serpente torna alle uova, ma le uova non si possono
schiudere poiché il loro guscio è di durezza infinita.
47.Perciò il guscio deve fermentare, attraverso la meditazione, attraverso il rituale il guscio nutre la
stella che è al suo interno e la fa nascere, una porta ed uno splendore che illumina gli universi.

48.Chi controlla la stella controlla il regno della stella, chi controlla la stella controlla le potenze
della stella, chi controlla la stella controlla gli spiriti della stella, chi controlla la stella è esso stesso
la stella.

49.Con la loro presenza le uova fanno sì che la realtà e l’ illusione esistano, poiché l’ illusione è
come il guscio e la realtà come la stella.

50.Con il loro vibrare le uova modificano l’ illusione rendendo possibile il passaggio tra illusione
ed illusione.

51.Con il loro schiudersi le uova rendono manifesta la realtà nel forgiatore e al forgiatore, nella sua
anima ed alla sua anima.

52.Medita su questo.

53.Pratica questo.

LIBRO XVIII

1.Questo è il libro degli spiriti, che insegna a prendere gli spiriti, proteggerli e liberarli attraverso le
opere , i canti e gli oracoli.

2.Il forgiatore chiama spiriti e dei attraverso il loro canto e il loro sigillo

3.Il forgiatore costruirà l’ oracolo, in qualunque modo, ed in qualunque sostanza, ed in qualunque


forma, gli elementi dell’ oracolo dovranno essere cinque volte benedetti e consacrati e dovranno
dare sei risultati possibili.

4.uno è fuoco;

due è aria;

tre è acqua;

quattro è terra;

cinque cambia secondo ciò che si deve scoprire;

sei da fine ad ogni ricerca.

5.Per scoprire una potenza il forgiatore tirerà quattro risultati che porrà nei quattro livelli della
potenza, non contando il cinque e il sei.
6.Per scoprire un nome il forgiatore canterà il canto che apre la porta, il canto del suo proprio
sigillo e la potenza che protegge il nome, canterà la potenza che mostra il nome è tirerà tanti
risultati fino a che non otterrà un sei e solo allora si fermerà.

7.Uno è Y,U,A,E,M e tra loro tirerà ancora per cercarne una;

due è K,D,H,L,O e tra loro tirerà ancora per cercarne una;

tre è W,I,G,P,T e tra loro tirerà ancora per cercarne una;

quattro è Z,R,B,F,N e tra loro tirerà ancora per cercarne una;

cinque è S,C,J,V,Q e tra loro tirerà ancora per cercarne una;

sei da fine ad ogni ricerca.

8.Ricorda che CJVQ è 0.

9.Ogni sigillo ha sedici nodi, ogni nodo ha una lettera.

10.Il forgiatore scriverà i segni del nome o della potenza in serie di quattro. Trasformerà i segni in
numeri e sommerà i primi con i primi, i secondi con i secondi, i terzi con i terzi, i quarti con i quarti
ed otterrà quattro numeri in tutto, corrispondenti ai quattro livelli. Poi li disporrà e li sommerà
secondo questo :

Sul primo livello:

il primo è di nessuno;

il secondo è aria, acqua e terra;

il terzo è fuoco e aria;

il quarto è fuoco, acqua e terra.

Sul secondo livello:

il primo è fuoco, aria e terra;

il secondo è fuoco e acqua;

il terzo è terra;

il quarto è aria e acqua.

Sul terzo livello:

il primo è acqua e terra;

il secondo è aria;
il terzo è fuoco, aria, acqua e terra;

il quarto è fuoco.

Sul quarto livello:

il primo è fuoco, aria e acqua;

il secondo è fuoco e terra;

il terzo è acqua;

il quarto è aria e terra.

11.Sommerà i numeri nel nodo, e poi i nodi del sigillo dal nord al sud, dall’ est all’ ovest , dal nord
est al sud ovest, dal nord ovest al sud est, e nord, sud est e ovest, e i quattro in centro, e i quattro in
angolo e sempre otterrà lo stesso numero; permuterà colonne con colonne e righe con righe ed
otterrà comunque il risultato. Questa è la prova che ha operato bene. Infine trasformerà nuovamente
i numeri in lettere, e porrà sui nodi del nulla il segno dei quattro elementi. Questo è il sigillo che il
forgiatore cerca, per una potenza, un dio, uno spirito o un essere ed esso si trasforma secondo i
suoni delle lettere in canto.

12.Per gli dei degli dei il forgiatore prenderà quattro numeri uguali a coppie, secondo i due livelli
alti

13.Per gli spiriti degli spiriti il forgiatore prenderà quattro numeri uguali a coppie, secondo i due
livelli bassi.

14.Per legare a se lo spirito il forgiatore canterà il canto del sigillo, della potenza che lega il nome, e
il canto del proprio sigillo.

15.Per proteggere lo spirito il forgiatore canterà il canto del sigillo e della potenza che protegge il
nome

16.Per liberare lo spirito il forgiatore canterà il canto del sigillo, della potenza che scioglie il nome e
brucerà il sigillo.

17.Il forgiatore canterà infine il canto del proprio sigillo, della potenza che nasconde il nome e la
potenza che chiude le porte.

18.Ascoltate, forgiatori, i canti per ogni lettera:

Per il segno dei quattro elementi, che è CJVQ questo è il canto:AUM HA TA BA

per YAH è il suono di A e questo è il suo canto:AH

Per IAOW è il suono di E e questo è il suo canto:EY

Per PSYNOROG è il suono di O e questo è il suo canto:OR

per INUN è il suono di U e questo è il suo canto:UT


Per IRSYZ è il suono di I e questo è il suo canto:IN

Per il fuoco del fuoco è il suono di Y e questo è il suo canto:YE

Per il fuoco dell’ aria è il suono di N e questo è il suo canto:NAM

Per il fuoco dell’ acqua è il suono di F e questo è il suo canto:FEH

Per il fuoco della terra è il suono di B e questo è il suo canto:BU

Per l’ aria del fuoco è il suono di P e questo è il suo canto:PAD

Per l’ aria dell’ aria è il suono di Z e questo è il suo canto:ZAY

Per l’ aria dell’ acqua è il suono di T e questo è il suo canto:TEU

Per l’ aria della terra è il suono di R e questo è il suo canto:RA

Per l’ acqua del fuoco è il suono di K e questo è il suo canto:KOM

Per l’ acqua dell’ aria è il suono di S e questo è il suo canto:SU

Per l’ acqua dell’ acqua è il suono di D e questo è il suo canto:DA

Per l’ acqua della terra è il suono di H e questo è il suo canto:HEY

Per la terra del fuoco è il suono di M e questo è il suo canto:MA

Per la terra dell’ aria è il suono di W e questo è il suo canto:WE

Per la terra dell’ acqua è il suono di G e questo è il suo canto:GA

Per la terra della terra è il suono di L e questo è il suo canto:LO

19.che questo libro non sia affidato agli esseri che non ne conoscono la potenza, poiché qui è l’
essenza di colui che sempre risponde ad ogni chiamata.

LIBRO XIX

1. questo è il libro della forgia, che insegna ciò che è necessario nell’ azione e nell’ intenzione per
forgiare il gioiello dei mondi.

2.dì:
sacro gioiello , luce tra le rocce;

costruito dagli esseri per gli esseri e con gli esseri;

ricettacolo dei simboli e delle conoscenze;

schiavo e padrone, potente e dolente;

attraverso di te filtra la luce di yah,

attraverso te che sei l’ universo fatto universo dall’ universo per l’ universo;

sacra espressione di scienza, materia, desiderio ed illuminazione;

sacro posseduto e sacro invisibile;

santo.

3. il gioiello dei mondi ha in se i 16 dei e 16 spiriti, costruiti dagli esseri per gli esseri. La sua forma
è stabilita dal forgiatore di mondi, come è chiamato colui che costruisce tali gioielli.

4.Che il forgiatore canti il canto che apre la porta, il canto del suo proprio sigillo e la potenza che
protegge il nome

5.Che sia cercato e creato il sigillo di uno spirito e legato al forgiatore

6.che siano creati i sigilli degli dei degli dei, e legati allo spirito.

7.Che siano creati i sigilli degli spiriti degli spiriti e legati allo spirito

8.Che il forgiatore sigilli il tutto con il canto della potenza che sigilla il potere.

9. che tutti i sigilli siano uniti ai simboli e che tutto sia benedetto e consacrato come cosa unica nel
nome dei demiurghi.

10. che sia bagnata la cosa unica col sangue del forgiatore, secondo un patto di alleanza e di
comando, e sia chiamato per sempre santo.

11. Gli siano tributate offerte di pane, sale e bevanda sacra, da ora e per sempre, fino al momento
della mutazione.

12.Che il forgiatore comunichi con lo spirito attraverso la mente o l’ oracolo, che prenderà questa
forma:

uno è sì;

due è no;

tre è assolutamente sì;


quattro è assolutamente no;

cinque è incerto;

sei è la fine di ogni domanda.

13. Sia ordinato al gioiello secondo le 256 potenze ognuna coi suoi canti e i suoi sigilli.

14. sia contrattato il prezzo dell’ azione, sia pagato per ciò che compie e sia festeggiato nel secondo
giorno stabilito.

16. che il gioiello sia mantenuto come si mantiene un bambino appena nato.

17. di qualsiasi materia, simbolo, segno esso sia fatto esso rimane ciò che è finché il suo forgiatore
decide.

18. e quando il forgiatore decide sia seppellito il santo come si seppelliscono i morti e salutato come
si salutano gli amici e liberato come si liberano gli schiavi. Che il forgiatore canti il canto dello
spirito, la potenza che scioglie il potere, la potenza che scioglie il nome per ognuno dei legamenti, e
siano bruciati tutti i sigilli.

19.sia gloria ai forgiatori che comprendono i misteri e seguono le istruzioni, poiché il gioiello dei
mondi è il segreto degli universi, ed essi saranno padroni di ogni cosa in ogni universo, poiché il
gioiello è il segreto potere di chi riesce a cambiare l’ illusione.

20.questo è il segreto dei segreti: il forgiatore esperto può diventare esso stesso il proprio gioiello

21.che questo libro non sia affidato agli esseri che non ne conoscono la potenza, poiché qui è l’
essenza di colui che sempre risponde ad ogni chiamata.

LIBRO XX

1.questo è il libro del rituale adamantino, che completa in se ogni studio e da ogni sapienza a colui
che lo pratica.

2. che ponga sotto il gioiello il sigillo della potenza che chiama il nome. che egli ponga il gioiello in
posizione preminente e intoni il canto della potenza che apre il rituale e segni una luce dall’ infinito
zenit all’ infinito nadir.

3. che egli segni intorno a se i vertici di un triangolo : all’ infinito nord una luce, all’ infinito sud est
una luce, all’ infinito sud ovest una luce; che unisca ogni vertice alla colonna di luce intonando il
canto della potenza che apre le porte ; che il gioiello dei mondi sia il centro del lavoro.
4. che dalla colonna di luce egli accenda il primo fuoco, che è il fuoco del forgiatore a nord, e che
intoni il canto della potenza che illumina il nome e il suo proprio canto.

5. che dal fuoco del forgiatore egli accenda il secondo fuoco, che è il fuoco della protezione del
forgiatore a sud, che intoni il canto della potenza che protegge il nome e il suo proprio canto

6. che dal fuoco del forgiatore egli accenda il terzo fuoco, che è il fuoco degli dei e lo ponga
accanto al gioiello dei mondi, e intoni il canto della potenza che illumina l’ energia.

7. che egli chiami colui che deve chiamare con il sigillo e il canto adatto, ed intonando il canto della
potenza che chiama il nome; che egli apra l’ uovo, con il sigillo e il canto adatto, ed intonando il
canto della potenza che apre la visione.

8. che faccia offerta sacrificale al fuoco degli dei per colui che ha chiamato, ma che non scorra
sangue!

Che l’ offerta sia ciò che si può dare;

che l’ offerta sia pane per carne, bevanda per sangue, sale per ossa;

che l’ offerta sia incenso per carne, olio per sangue, legno per ossa;

che l’ offerta sia pura mente per carne, sangue e ossa.

Tutto questo dalla peggiore alla migliore.

9. che chieda ciò che deve attraverso il canto delle potenze, il gesto, il simbolo, la sua mente.

10. che faccia offerta dovuta al gioiello dei mondi.

11.che ringrazi e congedi attraverso il canto suo proprio, il canto della potenza che bandisce il nome
e il canto di colui che ha chiamato.

12. che spegna il fuoco degli dei intonando il canto della potenza che oscura la luce.

13.che spenga il fuoco della protezione intonando il canto della potenza che oscura l’ energia

14. che spenga il fuoco del forgiatore intonando il canto della potenza che nasconde il nome

15. che le luci siano riassorbite dalla colonna di luce, e che essa si dissolva; che le porte siano
chiuse dal canto della potenza che sigilla le porte.

16. che chiuda il rituale intonando il canto della potenza che scioglie il rituale e poi mediti.

17. che questo libro non sia affidato agli esseri che non ne conoscono la potenza, poiché qui è l’
essenza di colui che sempre risponde ad ogni chiamata.

18. che il forgiatore usi questo libro liberamente, che sia corporeo il suo uso, o mentale,
considerando questa la base necessaria e aggiungendo ciò che desidera. Che sappia che esso è la
chiave per ascendere alle uova del serpente , ed attraverso la sapienza degli dei degli dei e degli
spiriti degli spiriti e la valenza dell’ aiuto spirituale esso scoprirà le stelle che vi sono racchiuse.
LIBRO XXI

0. queste sono le parole dell’ oracolo, che secondo i 256 sigilli porta la luce nell’ oscurità del
dubbio. Lancia dunque quattro volte, ne cinque ne sei conteranno. Ricorda che di un intero ogni
primo quarto è per il fuoco, ogni secondo quarto per l’ aria, ogni terzo quarto per l’ acqua, ogni
quarto quarto è per la terra.

1.La luce degli astri illumina il buio, l’ eterno splendore è vicino

2.Distruggi la tua mente, esegui il voto solenne della gnosi ultima

3.Lo splendore si palesa ai tuoi occhi: con umiltà accetta

4.Il rituale è esso stesso falsità: oltre il rituale si trova la verità

5.Niente è verità se essa è ottenuta con mezzi ingiusti

6.Eterna meditazione, eterna coscienza attende chi segue la giusta via

7.Oltre la tua mente, oltre la comprensione, oltre ciò che ogni essere può raggiungere è la stella
purpurea

8.Fortunato colui che intravede la luce dell’ assoluto ed ancora è, poiché è l’ illusione che fa parte
dell’assoluto, ma non l’ assoluto che fa parte dell’ illusione

9.Il mio occhio onniveggente regna sui cuori degli esseri, nessuno arriva a me se non combatte
secondo le regole

10.Agisci dunque in ottemperanza di ogni regola, così che non ne siano scossi i pilastri del tuo
universo

11.Chi si illude di poter giocare contro le regole, è l’ essere che delle regole è più schiavo

12. il mio tocco distrugge ogni percezione, la mia vista annichilisce ogni materia, solo con la tua
anima potrai accedere alla mia porta.

13. se giustizia è quello che chiedi, sappi che ogni più piccola azione di questo universo è giusta
oltre ogni dubbio.

14. il dubbio ti ha portato, e ne sei stato esaltato. E’ il momento di abbandonare ogni fede ed ogni
certezza.

15. oltre me nessuno può essere, oltre me solo io, oltre me solo chi mi raggiunge. Accettare non
significa dissolversi.
16. la follia è per coloro che non riescono a cambiare se stessi. Perché intraprendere un lungo
viaggio se si vuole restare dove si è?

17.infinita luce, infinita ricreazione io porto: io sono il distruttore del buio

18. al culmine del suo splendore, un essere sente il suo compito venir meno. E’ il momento di
lavorare di più e meglio.

19. il declino è un movimento naturale: accettare è seguire la natura della cose.

20. nella discesa ci si prepara alla notte, ciò che non pare vicino è subito arrivato

21. il momento della trasformazione è il momento in cui l’ illusione è più forte.

22. la morte non è un ostacolo: vivi come se non dovessi mai morire.

23. la tenebra è scesa, non si vede luce: la speranza è allo zenith

24. si apprestano tempi in cui ogni luce è negata; non per questo è negata ogni sapienza.

25. una scintilla nella notte è la verità che inizia ad erodere l’ illusione

26. porta il tuo carico ben nascosto nelle tue vesti, il momento di svelare l’ assoluto non è ancora
arrivato.

27. la nuova luce nasce, ed ogni nascita è il punto più delicato di ogni vita.

28. se la speranza è passata e lo splendore giunge è facile gioire, ogni cosa va e torna

29. la salita è il momento del trionfo, presto sarai vincitore, ma cura bene il tuo veicolo

30. incutere timore è facile se si è cinti di luce, cura adesso il momento del declino.

31. fiammeggiando ogni sole splende della sua luce. Illumina ogni illusione, ed è esempio per tutti
gli esseri

32. guarda bene, anche colui che predilige il buio deve fare affidamento sulla luce per procedere!

33.distruggi ciò che hai imparato per ricostruire di nuovo

34.la brutalità raggiunge il parossismo: quando il vaso è colmo sgorga la pace

35.hai commesso ogni genere di efferatezza, chiediti: per chi?

36. il dio del ferro comanda la potenza della potenza, nessuno può intaccare la sua pelle

37. ogni essere ha un punto debole, e gli è stato posto per una ragione: esso deve sfruttare i suoi
punti deboli più che i suoi punti forti.

38. il corvo delle battaglie regna su un esercito di sciacalli: è necessario non smettere mai di
cercare.
39. hai incontrato il signore dalla lunga spada, ora dimmi: non era dolce la sua voce?

40. puoi trasformare il minerale in gemma o in spada; ne le due cose insieme , ne le due cose in
successione

41. il sacro canto del ferro ti chiama, chiediti: è giusto? E dunque: perché?

42. anima la tua ricerca nel dubbio, forgia il tuo gioiello nell’ incertezza; questo significherà
successo.

43. distruggi ed impera, impera e macella: sarai sottomesso, distrutto e macellato

44. colui che apre le strade necessita di tributi: nessun sangue e nessuna carne gli sono graditi!

45. come martello su incudine batti fino a che non otterrai il bene desiderato

46. nessuna pazienza viene ripagata con lo sdegno e l’ umiliazione

47. l’ assoluto è indivisibile eppure diviso, unico eppure molteplice: pensa a questo.

48. un punto solo è vulnerabile, ed esso è irraggiungibile; questo significa che tutto ciò non è un
problema.

49. maestro delle cerimonie, cura il tuo popolo come curi te stesso.

50. signore della saggezza, egli nasce quando la mente nasce.

51.egli è colui che trasporta il sacrificio: con gioia sopporta il tuo fardello

52. come il fuoco è la corona del sole, così l’ essere è la corona di YAH, rifletti.

53. nessun essere è inutile, poiché il suo posto è stato designato per lui dove il tempo non è tempo

54. due sono gli elementi cruciali alla vita: dei due il fuoco è ciò che va cercato

55. esso splende di mille forme, l’ infinito non lo vedrà mai uguale a se stesso: quale fortuna e quale
esempio!

56. il sacro passa attraverso il suo calore, riscaldati dunque alla sua luce!

57. due volte nasce e tre volte è formato, non si può combatterlo in nessun caso.

58. maestro della trasformazione, ciò che è nocivo diventa sano, ciò che è sano diventa nocivo.

59. nessuna forma e tutte le forme, ma esso è colui che si concede all’ essere osservato.

60. il piccolo splendore è accessibile, il grande irraggiungibile, ma attraverso l’ uno è l’ altro

61. che sia tuo maestro il fuoco, se ne segui l’ esempio niente ti potrà ingannare!
62. esso è colui che prova la verità: che la verità passi sempre alla verifica del saggio!

63. dolce come l’ illusione, duro come la verità!

64. duro come l’ illusione, dolce come la verità!

65. il tempo lo segue da vicino, egli lo regola e lo distribuisce; nessuno conosce il suo criterio.

66. oscuro signore della regola, egli è l’ essenza dell’ impermanenza

67. se lo segui piangerai calde lacrime, eppure è così dolce la sua danza!

68. falcia e taglia, come deve essere così è

69. pone il seme e lo governa, come deve essere, così è

70. egli è il viandante che compie ogni passo con lento incedere; nessuno in cielo e in terra lo può
fermare

71. solo uno è il suo punto debole: egli non può toccare chi lo accetta

72. la veste stracciata portata dal vento, si logora e si strappa ma mai si distrugge

73. nere nuvole lo accompagnano, e la riflessione di ciò che non si può più essere

74. lentamente macina ogni seme, lentamente gira ogni manopola, l’ ingranaggio non può fermarsi,
solo rallentare.

75. di segni impronunciabili è formata la sua lingua, nessuno li traduce, ne potrebbe.

76.solo a colui che cerca una vera risposta egli concederà una vera domanda

77. segna ventuno segni, aggiungine quattro, questo è il segreto

78. prima della fine esso viene sempre, ed avverte colui che si appresta ad andare: presta attenzione!

79. padre dello scempio e madre dell’ abominio! niente si può contro colui che ha già preso la sua
decisione

80. l’ esistenza dipende da colui che regola lo scorrere del grande fiume, non gli si sfugge ne si può
sconfiggere.

81. ogni tesoro è chiuso nella camera dei segreti.

82. oro e argento, platino e palladio, ogni segreto è nella purezza

83. se come è in basso così è in alto, perché non riconosci la legge universale?

84. maschere e vesti di seta affollano la tua mente, ciò che vi è dietro è ciò che cerchi

85. un globo d’ oro illumina il cammino, non perderti nella sua lucentezza!
86. il signore della grande aquila domina il firmamento. L’ universo lo accompagna

87. chiedi la direzione dei segni, e la loro intensità, più pericolosa di una domanda è una risposta

88. con mano leggera domina l’ universo, esso è unico eppure molteplice

89. l’ oracolo è il suo segno tangibile, su alte cime si nasconde, di grandi nuvole si ammanta

90. i boschi sono suoi, così le cime, non è andando in alto che si raggiunge il cielo

91. la fine è vicina, ma chiedi: cosa posso fare prima della conclusione?

92. in alto nascosto tra le nuvole, la sua potenza velata da nebbie graziose

93. l’ apparenza è molteplice ma la conclusione è unica, giudica bene.

94. eterna saggezza si spande dal grande saggio, esso è re in modo meritevole

95. mille terre egli feconda, mille muse egli cura, fuggi dalla sua vista se non hai uno scudo

96. potenza e possanza sono le sue virtù, con esse domina il destino del giusto.

97. signore del vento, potente uragano, lo spazio è il tuo regno

98. turbini escono dalla sua bocca, e nubi coronano le sue spalle, la leggerezza è forza

99. su raggi di sole egli danza, porta con se la luce della perfezione

100. invisibile maestro esso cambia il suo essere e la sua sostanza

101. la scienza è il suo credo, egli analizza l’ illusione in modo pragmatico

102. nessun ostacolo lo ferma, poiché esso trova sempre una via d’ uscita

103. è il motore dell’ universo in qualsiasi forma, egli è l’ essenza del movimento

104. energia senza massa, movimento senza sostanza.

105. cade ogni ostacolo sotto la sua impetuosa furia, ma egli non agisce senza riflettere

106. dolce, romantico, forte, distruttore, ogni sentimento è suo, ogni varietà lo pervade

107. la scienza scopre la regola dell’ illusione, non ostacolarla

108. la divisione dei quattro elementi è analisi della loro essenza

109. di ogni fenomeno egli prende il particolare e lo trasforma in vantaggio. Tanti piccoli vantaggi
trasformano la sconfitta in vittoria
110. egli è puro movimento, eppure egli può essere immoto. Ciò che il nemico non si aspetta
costituisce un vantaggio

111. nessuno vede la sua porta eppure egli è dovunque. Nascondi le porte e rendi manifeste le
azioni

112. ogni azione compiuta con perfetta efficienza è un’ azione elegante.

113. signore dell’ incrocio, esso è al centro delle strade, ogni cosa è ugualmente buona

114. nessuno sfugge al suo sguardo , nessuno sfugge al suo giudizio

115. signore dai piedi alati, nessun luogo è irraggiungibile

116. il suo trono è posto appena sopra l’ abisso, esso passa e torna senza paura

117. lo accompagna la luna, lo trasporta il vento, velocità ed efficacia!

118. il cimitero è la sua porta, gli spiriti gli sono asserviti per antico patto, egli risponde sempre alla
chiamata

119. tiene il giudizio discosto dall’ atto, non rifiuta mai un favore.

120. la giustizia è sua consigliera, non manca mai di prendere l’ offerta

121. ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, niente è giusto, niente è sbagliato.

122. dopo aver avuto ciò che chiedi sarai forse soddisfatto?

123. il desiderio non finisce mai di albergare nel cuore di ogni essere

124. non porta tentazioni, ogni essere costruisce la propria tentazione

125. viene con il riso, se ne va con il pianto, non ridere prima di aver riflettuto !

126. questo dunque è il suo castigo, soddisfare ogni piccolo desiderio

127. questo dunque è il suo compenso: soddisfare il vero desiderio

128. zoppo egli corre, non è piccolo, non è grande, è piccolo , è grande, è rosso, è nero, è e non è, in
questo è il suo segreto più profondo.

129. Signore dell’ infinito mare, esso è unico e di molteplice forma

130. la sua ira spazza il mondo, ciò che è distrutto viene conservato

131. osserva e reagisci, quando tutto è perso esiste ancora la speranza

132. un’ azione ben studiata porta al successo anche nei casi più duri

133. infinita saggezza si spande dall’ eterno mare degli eventi, saper scegliere è necessario
134. distruggendo ogni cosa l’ onda avanza , nessuno può fuggire dall’ illuminazione

135. nuvole sulle onde sono segno di buon tempo, ma non ci si può affidare all’ intuizione

136. la nebbia sulle acque presagisce la cecità dell’ iniziato

137. continuo movimento, massa nel tempo, tempo nella massa tutto segue la giusta legge

138. il vascello accetta ciò che le onde portano, per questo esso riesce ad avanzare

139. osserva bene ciò che il cielo dice, sfrutta bene ciò che il mare fa

140. un fortunale non è niente più che l’ applicazione di una condizione, non è sbagliato ciò che
accade

141. senti arrivare il vento da lontano, quando non si ha più terra da vedere il mare è un buon
compagno

142. nessuno domina la sua furia, nessuno distrugge una legge dell’ illusione

143. chi passa l’ abisso deve ancora combattere, non ha fine la guerra finchè non ha fine la vita

144. dove la luce non alberga, dove i colori non si spandono, lì è l’abisso. Ma attento, anche l’
abisso segue le stesse regole di ogni luogo della luce.

145. di dolci onde è cosparso il suo ventre, umide pieghe di vita e di carne, scegli e agisci

146. l’ amore è il collante che tiene insieme l’ universo, se si agisce con vero amore nessuna azione
è sbagliata

147. un cuore pulsa enorme e caldo, segui il suo battito

148. verde e strisce di sfere rosse, analizza bene ciò che cerchi

149. un dolce fiume trasporta il vero desiderio, l’ abbandono lo segue.

150. l’ abbandono è la forma più alta di fiducia

151. luce, calore, amore, ciò che è piacevole diventa utile

152. fini tessuti coprono il suo corpo, non è necessario scostarli per capire

153. una scelta fatta per amore è una vera scelta

154. l’ amore per l’ universo è come il calore per il sole

155. ama l’ universo! questo è l’ essenza dell’ essenza di ogni insegnamento

156. l’ universo ti ama! Questo è l’essenza dell’ essenza di ogni apprendimento


157. dona il tuo amore senza aspettare niente in cambio

158. cerca amore senza aspettarti di trovarlo

159. il vento si unisce all’ acqua, al fuoco, alla terra, ecco l’ essenza dell’ amore!

160. nel tuo petto la tua anima è puro e luminoso amore

161.Sempre cambia forma e sempre scorre, mai fermarsi, è impossibile!

162.due sono gli elementi cruciali alla vita: dei due l’ acqua è ciò che va accettato

163. colui che si cura dell’ apparenza delle cose non si può dire iniziato.

164. se non vedi struttura nell’ acqua è perché non hai occhi adatti a vederla

165. ascolta gli innumerevoli zampilli! Aspettativa di speranza

166. antica come le montagne e giovane come un nuovo nato, nessuno ha mai bisogno di dimostrare
ciò che sa.

167. l’ aspetto non ha valenza se non assolve una funzione. Il piacere è funzione solo quando non è
fine a se stesso.

168. cambiando forma secondo leggi imposte, si comprendono più cose che nell’ imporre leggi.

169. forse il letto di un fiume non è sempre diverso. Non si ha bisogno di imporre con forza per
procurare il cambiamento.

170. lungo tempo impiega, eppure non c’è distruzione più manifesta, ma nel frattempo ogni cosa
appare come era.

171. dolcemente penetra nell’ essenza delle cose, non vista torna da dove era venuta

172. nessuno si accorge della potenza dell’ acqua finche essa non si manifesta nella fine di ciò che
influenza.

173. l’ acqua è la forma del vuoto

174. luminosa se scorre nella luce, oscura se scorre nel buio. Non c’è niente di più giusto.

175. col giusto mezzo essa distrugge il più alto bastione tramite cedevolezza e tranquillità

176. cambiare se stessi è cambiare ciò che si ha intorno.

177. la signora del gioco si nasconde, ma lascia sempre una traccia

178. nell’ oscurità essa si ammanta di stelle, solo esse la rivelano

179. la signora della magia discende tra gli esseri, tutto cambia con lei
180. una falce orna la sua testa ed i suoi piedi, una è utile, l’ altra inutile.

181. argento vivo scorre nei suoi occhi, il suo sguardo porta conoscenza

182. nessuno la tocca, ma tutti la vedono, se lo sguardo è puro non c’è nessun castigo

183. il potere sorge attraverso la bianca signora: distrugge o vivifica, chi lo usa cerca prima un
risultato

184. illumina la notte con i suoi riflessi, non sempre è necessaria la luce diretta

185. alza le acque e produce rinnovamento, tutti ascoltano e niente di diverso può essere fatto

186. sorge, e illude lo sguardo, è solo riflesso ciò che si vede come è illusione ciò che si percepisce

187. tramonta ed illude la mente, la luce dell’ assoluto non illumina i corpi, se non di riflesso

188. l’ ombra è parte della luce, ma la luce non è parte dell’ ombra, questo va compreso bene

189. pallidamente, timidamente, eppure il suo potere è uno dei più grandi

190. appare luminosa ed agisce non vista, tutto va valutato prima di agire

191. il gioco continua e continua, ciò che era distrutto si ricostruirà, ciò che era morto risorgerà.

192. volando tra strati di nuvole purifica il cielo, ogni impurità è nascosta, ogni purezza esaltata!

193.Le fiamme ardono nelle sue bocche, fuoco e zolfo vengono espulsi, ne soffrirà anche chi è
lontano

194.Le sue teste diffondono la pestilenza, il pericolo diventa invisibile ma è sempre presente

195.i suoi artigli strappano le carni dei servi come piume da un’ oca, chi serve dovrà soffrire

196.le sue molte code sono fruste che rigano la pelle, chi passa sotto il drago avrà le carni segnate
per sempre

197.il drago porta il caos distrugge e ricrea, ogni nascita è un momento di dolore

198.la sua furia si spegne nel sangue, il suo fuoco non finisce di ardere, bisogna fuggire finchè si è
in tempo

199.il drago si alza in volo e distrugge le nuvole, ciò che ricrea non può essere guardato

200.i monti crollano al suo passaggio, le terre tremano e i fiumi si prosciugano, se hai coraggio nel
cuore puoi vincere

201.Il drago dalle molte teste scuote la sua chioma: la distruzione è cominciata!

202.Il fuoco spacca la terra, il tuono distrugge l’ aria, nessuno si salva


203.La lava scende dai monti, il mondo è nero come carbone, nell’ oscurità si vedono solo fiamme

204.Il drago dalle molte teste domina il suo mondo, dovrai chinare la testa per andare avanti

205.Dilania e distrugge, smembra e aggredisce, scuote la preda spezzandogli il collo: presto viene la
fine

206.lancia le sue scaglie come il porcospino, nessuno si salva anche se è protetto

207.la furia si placa, niente ne esce intatto, il drago torna nella sua tana dopo aver finito il suo
compito

208.il drago rosso dorme nella terra, prudenza e passi silenziosi sono necessari.

209.Dolce terra che tutto sostieni, con tranquillità agisci e con forza

210.Il silenzio ti accompagna, lenti i passi e sicuri portano al successo

211.Di ogni cosa confronta ed esamina, la polvere delle impronte contiene meraviglie

212.Come una tartaruga antica ha il dorso e partorisce mille figli, la pazienza è la sua arma

213.Niente è più immobile della roccia, ma niente la può muovere, saldezza è la sua qualità

214.Nel deserto si muove sinuosa , le dune si muovono per secoli a venire

215.In ogni roccia è contenuta l’ eternità, in ogni montagna i segreti

216.Il segreto non è nella quantità di forza ma in come viene usata

217.Se non c’è una soluzione al problema, questa è la soluzione del problema

218.Per un universo studierai pochi istanti, per un sasso molti millenni

219.Madre delle madri, il suo segreto è la costanza

220.Il tempo passa ed esso cresce, il dolce germoglio spacca la roccia

221.Per costruire si necessita di ingegno, per conservare si necessita di equilibrio

222.Un serpente tra le rocce, il suo veleno è mortale, l’ unico antidoto è evitare il contatto

223.un cerchio racchiude otto direzioni, un cubo racchiude lo spazio

224.nel cercare attende, nel trovare si muove, nel tacere persevera.

225.Il signore del buio ammassa i suoi tesori nelle tenebre

226.Re arcigno e santo, gli spiriti dei morti lo contornano

227.Egli è il signore del non ritorno, chi mangia del suo cibo è suo eternamente
228.Nella nera terra le grotte si susseguono, nessuno torna dal suo labirinto

229.La nera signora lo accompagna, triste è il suo regno e grave il suo riso

230.Il custode della fonte di memoria ha lunghe lance ed atterrisce chiunque si presenta al suo
cospetto

231.Dove l’ assetato beve, la perderà la sua memoria, solo l’ iniziato passa

232.I figli delle stelle hanno via luminosa nel buio, dichiara chi sei e persegui il tuo scopo

233.In campi di dorati fiori è la dimora dell’ ignavo, agisci per non restare nell’ ombra del nulla

234.La nuda terra egli apre on la sua lancia indistruttibile e apre baratri nella propria madre, la
rovina lo accompagna nei suoi giochi

235.Il suo trono si estende sul nulla, le sale dei suoi templi risuonano di vuoto, non chiamare chi
non puoi comandare!

236.Al di la della morte e del sonno, al di la dei sogni egli porta gli esseri, gli iniziati non ne hanno
timore, per gli altri è bene pagare il debito

237.Signore dei lamenti perdona i tuoi servi che ardono di desiderio, pregheranno gli iniziati di
ricordare la parola di passo

238.La nera signora cinge le spalle dell’ iniziato, viene l’ ora del grande cambiamento

239.La polvere rimane della polvere, ma anche la polvere ha un’ anima

240.Ricorda che tutto ciò che cambia è illusione. Ricorda che l’ illusione serve all’ apprendimento.

241.Io sono l’ antica larva, che da origine ed è la fine di ogni origine. Non ho occhi ne labbra, nella
terra cresco in attesa della nuova nascita,

242.non ha bisogno di occhi colui che vive nel buio

243.aspetta e cresci al sicuro, presto rinascerai

244.pensa ed attendi, proteggiti nascondendoti

245.in un mondo di ciechi è re chi sa usare le proprie mani

246.ciò che si muove nel profondo non da segni alla luce del sole

247.ciò che protegge non opprime, ciò che non opprime non sempre protegge

248.la struttura di base di ogni elemento è semplice e solida, come il cristallo di sale.

249.Un cubo è la mia casa, e vi si può entrare da ogni lato


250.Ciascuno ha la sua certezza e la sua crescita, non affrettare ne ritardare

251.Presto la terra si increspa, bisogna essere pronti alla nuova nascita

252.Dai piccoli segni vengono le grandi cose, attendere è la giusta azione

253.Agire senza agire, pensare senza pensare, seguire ciò che fluisce

254.Nell’ ombra fermenta il nuovo sole, il primo passo è nero, ma l’ ultimo sarà rosso

255.Ciò che secca diventa inutile, ciò che cresce è sempre utile.

256.fermentare nella terra è donare la vita alla vita

0.da un piccolo seme in un luogo nascosto, si eleva con pazienza e forza il più grande degli alberi.

COMMENTARIO

1.Oh, essenza delle essenze! Io canto il sigillo di ogni rivelazione che mai potrà essere eguagliato,
la sacra trama e la sacra istruzione, limite di ogni mente e di ogni linguaggio! In esso è YAH e
YAHE, i quattro demiurghi, i sedici principi divini , i 256 oracoli e le poche istruzioni essenziali.

2.YAH è essenza di ogni essenza, luce di ogni luce. Ne nero ne bianco, ne colorato ne incolore ne
saporito ne insapore, ne maschio ne femmina, ne androgino ne mutante, YAH non è “è” e non è
“non è”, eppure YAH è, dunque come comprenderlo?

3.Le parole non possono dire e i pensieri non possono esprimere la sua comprensione, e tutti i libri e
tutti i canti non possono che arrivare a lui vicino che non nella misura dei due estremi degli
universi. Questo è abbastanza, perché questa distanza è superata in un passo dall’ essere che vi si
avvicina con comprensione. E tuttavia come arrivare a quella grande distanza dalla sua
comprensione?

4.Giudicate, oh esseri, come giudica il commerciante d’ oro, che visto un pezzo lo graffia e lo torce
e lo esamina finchè non è sicuro della sua sostanza, e se è prezioso lo mette da parte, e se non lo è lo
getta via. Così vi dovete avvicinare alla conoscenza.

5.Se esso è l’ interezza del tutto e molto di più, è studiando il tutto che arriveremo a comprendere
una parte. Per questo, oh esseri, abbiamo fatto apparire questi trattati, che sotto parole nuove e
vecchie, sotto riti e nomi e numeri e canti nascondono l’ unica e pura verità. Essi sono un espediente
per elevare la comprensione di ognuno, essi non sono verità in se, ma sono ciò che porta alla verità,
proprio come il sentiero non è la cima, ma ciò che porta ad essa.

6.canta i canti delle potenze, degli dei, degli spiriti, dei demiurghi e del caos indiviso che è YAH e
YAHE al medesimo tempo!
7.fanne amuleti, monili, oracoli, riti, mantra brevi e lunghi, cose intelligenti e stupide, arti e scienze;
ciò che vuoi sia fatto con essi in tutto o in parte se questo, nel tuo giudizio, può portare alla
perfezione!

8. il sole alato è il segno dei cinque elementi, in esso convergono il 5, il 6 e l’ 8

9. che colui che vuole studiare i segreti della via tortuosa presti giuramento davanti ai forgiatori, di
seguire e preservare la legge di YAH per quanto gli è possibile.

10.che i forgiatori gli diano un nome segreto, prendendone i suoni dall’ oracolo ed adattandoli
secondo il loro giudizio.

11. che gli siano donati i libri chiusi e i segreti delle lettere, ogni cosa al momento giusto sia
studiata insieme ai forgiatori.

12.l’ apprendimento essenziale sulla via della conoscenza non è imparare questo o quello, ma
imparare ad apprendere.

13.Questo è il primo giorno del primo anno della rivelazione.

14.Segui la legge di YAH , oh essere, e qualunque forma tu abbia verrai chiamato uomo!

15.Noi spezziamo i sigilli; ogni rivelazione personale è aperta!

16. Noi forgiamo un sigillo eterno; ogni grande rivelazione è sigillata in eterno.

INNI

1.tutti gli dei noi chiamiamo, signori del passaggio dell’ abisso che

guardano e agiscono maestri e ispiratori: Ermes dai piedi alati, Crono

eterno fiume, Giove massimo universale, Dioniso eccelso nel

sacrificio, Tifone iroso e combattente, Asclepio che salvi da ogni

malattia, Ecate oscura vestita di croco, ricco Plutone signore dell’ ade

, immenso Mare eterno, posata Terra madre, quadricipite Fano,

infinito Universo che tutto comprendi, Apollo signore dell’ armonia,

Diana splendente nella notte, Albero che cresci sicuro, Pan dagli
zoccoli caprini , Giano bifronte che inizia e finisce, Ares feroce nelle

armi splendenti, madre Era che non perdoni il tradimento,

ingegnoso Efesto che crei nuove cose, inguardabile Abisso

profondo, feconda Cerere di spighe avvolta, luminoso e purificante

Fuoco, pura e lucente Acqua, dolce Pioggia che fecondi e bianche

Nuvole volanti; Sonno da tutti desiderato, Sogno signore caotico,

Morte che illude e che trasforma , Notte tenebrosa trapunta di stelle ,

utile e mutevole Memoria, rosea Alba che cacci e rosso Tramonto

che riposi; brillanti e altissimi Astri ,grande e ceca Giustizia, dotta

Minerva di armi adornata, inflessibile Legge che tutti conduci,

Rettitudine signora del cuore, Sole vittorioso e grandioso, Mitra

possente e salvatore , Cielo illimitato ed eterno , gioioso Arcobaleno

cangiante, signore Desiderio che unico ci invii, pratica Scienza che

scopri, infecondo Set signore del deserto, alato Heru dal volto di

falco, orribile Apofi dalla grande fauce, nera Cibele dal capo turrito,

Gnosi illuminante e sicura, Ercole possente dalle grandi gesta, Orfeo

che canti la pace, Incubo spaventevole e misterioso, Venere amorosa

di lussuria, Guerra sacrilega, Fulmine preciso che scocchi nel fuoco e

Anima luce di ogni essere e ogni altro noi cerchiamo, poiché essi

sono di numero infinito e ogni cosa è sacra a loro; coi loro nomi

chiusi e i loro nomi aperti, che presiedono ad ogni cerimonia ed ogni

iniziazione, ad ogni vita e ad ogni passaggio. Aspetti dell’ unico e

facce di un unico corpo perfetto e senza mente. Tutti in uno ed uno

in tutti noi vi rechiamo il nostro saluto!


2.tutti gli spiriti noi chiamiamo e a tutti porgiamo rispetto da amici

spiriti di natura, spiriti senza tempo

creati e increati,

adirati e benedicenti

esempio e ricerca

aiuto e consiglio

desiderosi di luce e di perfezione

che conoscono l’ oracolo di ogni cosa nell’ illusione noi vi rechiamo

saluto

3.Signore trigenerato e biforme

Cinto d’ edera e di pelle di fiera

Bisessuato contrasto

Dilaniante e dilaniato

Che progredisce e che distrugge

Folgorante e folgorato

Gioia e follia ci viene da te

Sazietà e fame ci spingono

Che i tuoi misteri siano aperti per tutti gli esseri,

che la tua luce ombrosa risplenda!

4.Bianche spazzate dal vento, stracci candidi di forma o nere gravide.

Tutto questo noi vediamo di voi nuvole e di come la mutevolezza

regni nei vostri volumi.

Voi fiammeggianti e tonanti, voi prime allo splendore del sole ed

ultime al suo morire


Ali dell’ aurora, segni del buon auspicio, di rugiada ricche, portate

fertilità alla terra.

5.Luminoso, eterno, evolvente signore del tempo.

Sole, titano d’ oro e di bronzo, principe della luce, incessantemente

in moto.

Dalla dodecuplice via

Occhio onniveggente, diradatore di ogni nebbia, istruttore della vita

che come te nasce, cresce, muore e ritorna a nascere.

Signore della via dritta.

Come riscaldi la terra alla luce tua, la nostra anima si riscaldi alla luce

dell’ eterno increato.

6.Folgoratore che spacchi l’ aria.

Molteplice nella forma e unico nell’ intento,

dritto e contorto, luminoso datore del fuoco

fulmine saettante aiutaci a procedere distruggendo l’ ignoranza

secondo le regole già date.

7.Immenso signore dell’ acqua

Unico nell’ unità e molteplice nella parte

Costante movimento

Creatore ed assassino

Impareggiabile forza e costante dolcezza

Alla tua ira sempre segue la pace e tu ti ergi profondo, oh mare, per
istruirci nella struttura dell’anima e nel mistero dell’ assoluto.

8.Turbinante messaggero signore della via contorta.

Indiretto e rotante, preciso e avvolgente

Signore del gioco, impetuoso padre del movimento

Piede alato e testa coronata

Da ogni cosa indegna ti elevi, e da ogni cosa aurea rilevi lo

splendore.

Guidaci secondo norma e desiderio per arrivare al punto in cui

niente conta e tutto si annulla.

9.Dirompente, ribollente vulcano signore della materia.

Rivoluzionante signore del metallo che crei dal nulla

Riporti la terra all’ aria e il fuoco combini con ogni elemento.

Portatore di luce e sconforto, ira degli dei e simbolo dei demiurghi.

Tu che sposti le terre, la tua forza dirompe ogni landa.

Aiutaci nell’ esempio usando la forza per costruire di nuovo e

distruggere ciò che è passato.

10.Ramificato ed aereo

Imponente signore del bosco

Aereo padrone delle rocce inaccessibili

Tra i tuoi rami riposa chi si istruisce nel librarsi e chi si affanna nell’

erpicarsi

Piantato nel profondo della terra

Tendente sempre all’ alta luce


Che ti rinnovi e cresci

Che ci insegni la forza della pazienza.

11.Piantato profondamente, stabile e di larga base

Sempre vincente per l’ essere che pellegrina su di te

T’ innalzi al cielo supremo e nessuno è più alto

Di resistenza e di pericolo sono fatti i tuoi sentieri

Nessuno è più sicuro su questa terra di te che la esalti

Madre delle sorgenti e padre dei pascoli erbosi

Insegnaci la stabilità e la carità per tutti gli esseri

12.Tenebrosa e dolce, foriera di preoccupazioni e di riposo

Noi ti sentiamo , oh notte, con paura e sollievo.

Origine del sogno e della creazione illusoria

Splendente trapunta di stelle desiderata e temuta

Dal cupo chiarore e dalla splendente fine

Dal pallido lume e dal glorioso inizio

Nel tuo regno l’ occhio non distingue come non distingue la mente

nell’ illusione

13.Pallida e rotonda

Mutevole e ciclica luna

Speranza e direzione

Che comandi le acque e il fertile discendere

Madre e padre, maschio e femmina


Prima luce del seguito e primo indice dello sviluppo

Porta del tempio, fanciulla che corre nella notte

Portatrice di frutti e di buona caccia

esempio del coraggio

rivelatrice di cambiamento

Cerchiato specchio che rifletti la luce del sole come noi riflettiamo la

luce dell’ infinito

14.Tremolanti luci di mondi lontani

sante ed eterne indicatrici della via e del simbolo

figlie di notte correnti in cerchio

padrone e ornamenti del mantello

stelle di fiamma dal cammino di fuoco

indistruttibili lumi di moderazione ed umiltà

splendete sulla bruna terra istruendoci nel cammino, noi, polvere

vostra che a voi sempre tende.

15.dolce e confusa, perfetta ed attenta;

memoria che c’ insegni il passato

memoria solerte e parca che indietro lasci l’ inutile

memoria indicibile di colori

malleabile nelle bocche e accresciuta nei passaggi

che tutto registri di difficile lettura

che ogni parola cambia

che si perde figlia di tempo nella nebbia della mente

che ci istruisci in ciò che erriamo.


16. Ceca, precisa madre di legge

che ognuno accompagni se ti è amico

di spada lunga e di bilancia armata

ognuno ai tuoi piedi chiede perdono

madre dei bimbi, signora sdegnata

unica ed impossibile

ferma ed inarrestabile

ci guidi nelle buone offerte e nei buoni atti

17.distruttrice di ogni civiltà

carnefice assassina, furia degli esseri

corvo sui cadaveri padrona degli indegni

sempre rossa di sangue fresco

mai giusta e mai caritatevole

che trasformi l’ essere in ciò che non vuole

violatrice spaventosa che ognuno si illude di giocare

ogni oro diventa polvere di fronte a te

ogni corpo cadavere nelle membra o n ella mente

che segni decisa chiunque ti bacia.

18.rosee dita, gioiosa alata portatrice di buona caccia ,

sempre giovane, sempre vecchia

leggera e semplice, piccola luce

figlia di sole , farfalla graziosa


dall’ occhio dorato e dalla chioma di bocciolo

felicità ti accompagna se livida non ti presenti, signora che il lavoro

vede

ma sempre nuova di lume ammanti la nostra anima nella preghiera.

19.sonno dolce padre del sogno

rivelatore, quietante

riposante, da tutti desiderato

agitato, angosciante da tutti agognato

distensore di volti in pace col mondo

privo di pensieri, carico di impressioni

piccola morte, splendido incanto dal sabbioso soffio.

Ondulante, privo di anima e porta del suo viaggio.

Ci insegni il riposo e nuove soluzioni.

20.pazzo e saggio desiderato

incoerente, incostante, in te si perde il tempo e lo spazio, oh sogno

dalle ali d’ insetto.

Portatore della nostra anima, padrone del vortice al tuo limitare

Origine della mente e fine di ogni ragione

Rivelatore figlio di notte, sonno e oracolo

Ci insegni l’ arte dell’ apparire e del mutare senza mai perdere l’

essenza pura.

21.illusione delle illusioni

da tutti sfuggita che tutti raggiungi


inevitabile, ingannatrice

tu, oh morte, la cui sostanza è quella dell’ inesistenza

che porti a nuova vita perché non c’è fine alla vita

che ti immergi e ritorni all’ aria nell’ acqua dell’ esistenza

suprema insegnante della vacuità e del passaggio

in te si abbandonano tutte le cose

e un nuovo inizio è pronto nella via.

22.Seme del cielo

fertilizzante pioggia che baci la terra

dolce e furiosa sposa di vento

di grigio vestita, madre dell’ arcobaleno

purificante e rinfrescante

flagello e carezza

che vieni desiderata e che giungi inaspettata

in te la bellezza regna maschio e femmina

che insegni la modestia e la semplicità

23. altissimo e puro cielo, limite dell’ occhio

infinito, mai violato

intatto, splendente dagli innumerevoli figli

onniveggente, unico

sotto di te tutti gli esseri si eguagliano

porta del non limitato

unico e mutevole d’ aspetto


ci insegni l’ essenza dell’ unità e della forma

24.signore universo che tutto comprendi

solo ed unico eppure molteplice

in te ogni cosa e più di questo

mai generato e mai creato

sempre in movimento nella tua ricerca dell’ equilibrio

padre e madre di tutto e di tutti

signore e signora di ogni generazione

ci insegni il segreto dell’ essenza di ogni essenza

tu che sei più simile all’ assoluto

tu che resterai quando noi andremo

supremo maestro tra molti maestri.

25. luminoso e multicolore arcobaleno, figlio di pioggia e sole, d’

acqua e luce

portatore dell’ arco

ponte sull’ abisso

foriero di immani tesori spirituali

tu che scaturisci nell’ aria

di cui non si trova la fine

di raggi di luce ammantato

che rechi gioia ai buoni esseri

che sei ricompensa dopo la battaglia

che cingi i due mondi

ci insegni la via per l’ assoluto


26. bifronte di guerra e di pace, giano dotato di corna ritorte

porta e soglia

che inizi l’ anno

sposo della luna

navigante operoso

che viene da altre terre, straniero nella nostra famiglia

che adorni la barca di ghirlande sicuro di buona pesca

che guardi il cerchio in tutte le direzioni

ci insegni il contrasto di cui ogni cosa vive nell’ illusione ci insegni i

tempi sconosciuti

27. possente e stabile terra, madre e tomba inizio e fine dell’ illusione

dai molti frutti sempre ben accetti

dai molti tesori ben custoditi

umile e ferma, signora e serva

alle buone opere rispondi con gioia

nascondi il passato e dai frutto al futuro

che attiri e regni di ragni trapunta

che riscaldi e rafforzi ogni tuo figlio all’ inizio e alla fine

28. aria movente, discreta, avvolgente mente della riflessione

volvente e ascendente, chiara,

scura e rabbiosa

che accogli i degni alberi e sviluppi i semi


che secchi ogni cosa che in te sale

spegni i piccoli fuochi e innalzi lo splendore delle pire

che trasporti la luce della vita, madre di nuvole e sposa di cielo

che stai in pace con terre ed elementi.

29. dolce e purificante acqua

dalle mille forme e dalla sola essenza

amorosa madre e amante , custode e inizio della vita

nelle nostre lacrime ti perdi

furiosa ti ammanti di livido

discendi dai sacri monti e ti ricongiungi a te stessa

ricca e povera ma sempre generosa

cuore del cuore , fonte di sviluppo e di crescita.

30. distruttore, luminoso fuoco, che purifichi distruggendo , che

consumi nutrendoti

gnosi e tetragono

signore del buon segno

casa e protezione da tutti cercata, sventura da tutti evitata

lingua che parla , indistruttibile testimonianza della luce

calda essenza necessaria alla vita

opera di ingegno e di natura

che operi per te stesso ma prima per gli esseri esempio e sostegno

31. etere massimo, cerchiato uroboro sigillo dei quattro elementi,

signore nuovo
misterioso e santo, eterno e invisibile

dagli esseri cercato in essenza

che rechi l’ abisso o la luce, che insegni ogni mistero

che cerchi e mai ti stanchi , che soffi non visto

che accompagni non accompagnato

tu, il più alto segreto di ogni oracolo.

32. Spiga di grano che sempre rinasci

madre di ogni messe

Cerere eccellente che bevi e che nasci

Piovi! Cresci!

Signora salvifica del santo mistero

Coronata di spighe , torcia splendente

abisso che attiri

che invadi le menti

signora degli spiriti disincarnati

ci insegni la vita e

ci istruisci nel non temere la morte

33. Guerriera, armata di lancia e scudo, che porgi vittoria.

Minerva, signora senza madre coperta di armi lucenti

grande sapienza che si staglia raggiata

regina delle arti e di coloro che operano con le mani

medicina

ultima nel decidere, salvatrice di cuori, musica indicibile, portatrice di


giustizia

34. Cibele dalla testa turrita

che comandi il carro dei leoni, scura signora madre delle madri che

da lontano vieni

patrona di fiere

latrice di indicibili misteri

amante dell’ albero e delle canne

che desideri sangue

pietra nera di ceneri cosparsa

35. rettitudine che stringi i cuori , latrice di giustizia ancorché

dolorosa

che sei ceca e ferma

il cui braccio nessuno piega

che fai di ogni principio regola

suprema ispiratrice delle vite

suprema portatrice di sviluppo

nei cuori e nelle membra degli esseri

36. Santo tramonto, morte di sole

che preannunci nuova vita dalla vita

mantello rosso d’ amore trapunto

inevitabile padre del sonno

che rallegri e rattristi

di venere ornato
che attardi e precedi

che ci insegni la fine di ogni cosa

37. mordente, sognante, indicibile

desiderio latore di follia

accecante e sviluppante

unico e di molte sembianze

in vero sei uno e verso perfezione porti ogni essere che nel cuore ti

coltiva rettamente

illumini le anime non visto.

38. innalzi ogni mente, oh scienza che tutto esplori

spiegazione di ogni illusione

legata alla terra

esperimento infinito ed infinita osservazione

che guidi d’ aiuto impareggiabile

che operi per migliorare

sempre desiderata dall’ essere che ti mortifica

sempre desiderata dall’ essere che ti glorifica

ci insegni ad imparare.

39. fano quadricipite divorato e splendente

padrone dei quattro elementi

che tutto contieni

figlio di notte
fecondo dalle ali lucenti

nato dall’ uovo

di doppia natura origine di tutto

occulto e misterioso che strappi il velo

e spargi la luce su di ogni essere.

40. terribile scuotimento

che ribolli sotto terra

aria fuoco e terra dalle possenti ali illimitate, tifone

dalle gambe di serpente

distruttore e rinnovatore

sempre pronto al combattimento

caos fumoso divoratore

ci insegni la rabbia la distruzione

ribelle possente, vento impetuoso.

41. ermes, mercurio, signore dell’ incrocio

dai piedi alati portatore infallibile di messaggi signore dei venti

inizio di ogni inizio

sempre chiamato per primo

truffatore e ladro ingannatore

giocatore, mercante, pacifico

che correggi il torto e cambi la ragione

unica via verso gli dei sempre amico degli esseri.

42. Asclepio, medicina che guarisce, farmaco portatore di salute


nemico di ogni malattia.

Che lenisci le sofferenze, che stimoli il corpo e la mente

Dolcemente consolatore

Che soccorri potente

Respingi il male e il dolore

Sempre chiamato signore del monte e delle erbe che ascolti benevolo

il richiamo

Latore del destino.

43. luminoso nato dalla roccia

Mithra splendente signore del mondo

Corvo e scorpione

Toro solare sacrificato per la pace

Mangiante pane e vino

Ornato del mantello delle costellazioni

Dagli indicibili misteri

Che combatti con la libertà in testa e la spada in mano

Che sacrifichi il toro

Accompagnato da sorgere e tramontare

Che vivi nella grotta e inizi gli esseri degni.

44. zeus folgoratore, zeus altissimo,

ottimo e massimo,

tonante daglio occhi di luna e di sole,

tutto comprendente,
uccisore del tempo, fiero e barbuto,

dalle dorate corna contrapposte,

mente di etere e piedi di ade,

cinto da catene d’ oro e incoronato di cielo

che mangiasti l’ universo e lo facesti tuo

padrone di ogni oracolo

aquila possente e fulmine irresistibile.

45. Apollo, musico splendente

fratello di luna

profeta ineffabile

arciere ottimo e sole invitto

custode del segreto perduto

signore di ogni ispirazione

ci insegni l’ abbandono e la luce

46. Madre degli dei Giunone

vendetta e splendore

sempre fedele dalle dolci forme

sgargiante di colori protettrice della famiglia

che trasformi e punisci

che dai giusto oblio

fertile e distruttrice

sposa e puerpera

che maestosa avanzi

ci insegni la fedeltà
47. Marte splendente dalle grandi armi

saldo e combattivo di ferro adornato

dal grande dodecuplice scudo

che proteggi gli armenti e ciò che si alleva

figlio del magico fiore

tu che vai lucente

vendicatore del torto

rosso e potente

signore delle verdi nascite nuove

48. Plutone ricchissimo

padre delle ombre

dal volto severo, dal fosco cipiglio

che squarci la terra

dotato di chiavi per tutti i tesori

che guardi nell’ abisso senza paura alcuna

che doni prontamente

che togli la memoria a chi non deve tornare

49. Ecate trivia e quadrivia

luna fosca adorna di torce

giovane matura e vecchia

che ululi nel vento triforme

signora del nero e latrice di misteri grandi


superba colonna

che viaggi tra i mondi e proteggi il viandante

canina e volatile

di duplice natura.

50. Vulcano, Efesto re di ogni ingegno

dal corpo ritratto e dalla mente espansa

padrone del fuoco

inventore di molte utili cose

fuciniere dal grande martello

addolcitore di menti e metalli

triplice fuoco

casa, offerta e sentinella del male

51. protettore del commercio

Ercole potente di sole

Ammantato di pelle di leone

Dalla dodecuplice impresa nel cielo

Figlio della sempre vergine

Che resusciti dopo la morte che oscura ogni luce

Dalla potente mazza e dalla folta barba

Vincitore impareggiabile

52. Musico solenne, armonioso Orfeo

dal dolce canto, che porti la pace

due volte nato


sceso nell’ ombra , simbolo di eterno amore e di impazienza

dilaniato e pacificatore

che porti il buon riposo alle menti

che suoni per noi le note dell’ infinito

alla cui musica nessuno resiste

che porti armonia e dolci pensieri

53. Heru di fiamma e di sole

falco dalle grandi ali

dagli occhi di luna e di sole

signore grandioso

luce infinita

che cammini sulle acque

che curi gli infermi

che muori e risorgi ogni giorno

figlio della vergine

dai dodici compagni

vittoria sicura

protettore dell’ universo

che sei tutt’ uno col sole

condottiero impareggiabile

grande combattente

immensa speranza

54. deserto bruciante e sabbioso


Set dal volto ferino

Sterile uccisore di tuo fratello

Custode del vascello solare

Che difendi la luce

Che dilani e regni sovrano

Nord e sud

Luce fumosa

Padrone del contrasto e dell’ unione degli opposti

55. Apofi oscuro, serpente dell’ abisso

che minacci e divori il sole

signore del profondo senza inizio ne fine

dente velenoso, bocca di caverna

dalle ali maestose

che atterrisci

male puro e insonne che sempre porta disperazione

dalle scaglie lucenti delle corazze di chi ti sfida

spaventoso signore del nero

56. Gnosi di purezza ammantata

goccia dell’ assoluto

realizzazione di ogni essere

indicibile illuminazione

piccola perfezione

minima e massima

di duplice natura
che dissolvi ogni mente e rechi la comprensione

nostro cammino e porta di ogni via

57. Crono possente signore del tempo

signore dell’ impermanenza e di ogni cambiamento

sovrano potente

divoratore dei propri figli

vecchio e nuovo

deposto, regnante ascendente

che nessuno disdegni e che tutti guidi

fiume eterno che mai rimane simile a se stesso

58. nettuno potente padrone del mare

signore delle sette colonne degli oceani

tridente indistruttibile dalla barba folta di alghe

comandante di spaventevoli mostri

dolce e salato

pozzo insondabile e oscuro

ira devastante e bellezza abbacinante

che asseti e disseti

che accogli il sole in te

59. cieco e invincibile

incubo figlio dell’ oscurità

che nessuno alleggerisce del proprio carico


indicibile e sconosciuto

conoscitore di ogni mente

che ci guidi in ogni via

creatore di illusioni e di meriti

esecutore di ogni azione ineseguibile

60. pan solerte di vello irsuto

selvaggio protettore di ogni natura che suoni amorevole e provochi

terrore

selvaggio, potente, dotato di zoccoli, agile e rapido nell’ incedere

che svegli in ognuno la propria natura selvaggia

carnale, gioioso ed allegro

che vaghi leggero

61.Dolce spuma del mare, venere che apri i cuori

languida e dolce di forma

che splendi per bellezza

che porti l’ amore a tutte le menti

che unisci ogni anima

lussuria lucente e infinita che danzi lasciva nei cuori degli esseri

62. inflessibile, eterna legge

che della comunità fai un’ unica casa

legge divina che tutto regola

che non ha bisogno di libri per essere eseguita

che nessun essere comune può contravvenire


che nessuno può ignorare

unica per tutti

senza giudici ne giudicati

sola ti ergi e nessuno passa

63. anima splendente

immota goccia di eternità

nostra essenza pura

che apprendi dolcemente per elevarti

che giochi per istruirti

gioia di ogni essere

indicibile e raggiante

misteriosa e sognante

che ci porti e ci conduci alla perfezione

64. nero, tumultuoso abisso che nel profondo ci guardi dal profondo

innominabile ed eterno confine che gli esseri non attraversano senza

danno

che distruggi ogni cosa nell’ incauto e regni nella mente della morte

inconcepibile maestro di terrore

65. tutto ciò che qui è scritto è una sola cosa e tutto ciò che

conoscerai sarà utile.

Noi vi congediamo spiriti e dei che siete una cosa sola con tutti gli

esseri. La vostra luce ci guida sempre.

Potrebbero piacerti anche