Sei sulla pagina 1di 12

ALMA Edizioni | NUOVO Espresso DaD | Didattica a Distanza | Introduzione

INTRODUZIONE e SUGGERIMENTI
Autori: Marco Dominici, Carlo Guastalla, Chiara Pegoraro

© 2020 ALMA Edizioni – Firenze


Tutti i diritti riservati

Questo materiale è pensato per essere utilizzato dagli insegnanti che adottano nella DaD
(Didattica a Distanza). Sono contemplate le seguenti due modalità.

Libro Ebook
Sia l’insegnante che gli studenti hanno la copia Sia l’insegnante che gli studenti hanno l’ebook di
cartacea di NUOVO Espresso. NUOVO Espresso.

Indice
FAQ pag. 1
Operazioni preliminari pag. 2
Come usare l’ebook di NUOVO Espresso pag. 3
Strumenti della DaD pag. 6
Tipologie di attività pag. 8
Qualche consiglio per la gestione della classe pag. 10
Strumenti integrativi pag. 11

FAQ
• Quali strumenti vi servono per svolgere una lezione online?
Computer, buona connessione internet, webcam, microfono, cuffie (quelle per il cellulare vanno
benissimo).

• Quali caratteristiche deve necessariamente avere il software usato per la lezione a distanza?
Chat, Condivisione dello schermo e dell’audio.

• Cosa sarebbe meglio avesse inoltre?


Possibilità di attivare dei sottogruppi, gestione dei microfoni da parte dell’insegnante (host), lavagna
condivisa.

• E se volessi rendere la lezione ancora più interattiva, quali caratteristiche dovrei cercare nel
software?
Sondaggi, alzata di mano, reazioni.

1
ALMA Edizioni | NUOVO Espresso DaD | Didattica a Distanza | Introduzione

Operazioni preliminari

Durante la prima lezione è una buona idea dedicare qualche minuto a fare una serie di test tecnici che vi
permetteranno di individuare subito eventuali problemi.

Chiedete agli studenti di attivare e disattivare il proprio microfono.


1. Microfono
Chiedete agli studenti di attivare e disattivare la webcam.
2. Webcam
Scrivete una parola nella chat e chiedete agli studenti se riescono a leggerla. Chiedete
a ciascuno di scrivere una parola nella chat. Se il programma lo consente e se avete
3. Chat intenzione di usare questa funzione, chiedete agli studenti di mandare un messaggio
privato a uno dei loro compagni.

Condividete il vostro schermo e chiedete agli studenti se riescono a vedere quello che
4. Condivisione state mostrando. Se lo ritenete utile, potete anche insegnare agli studenti come
dello schermo condividere il proprio schermo.

Selezionate un file audio e condividete lo schermo includendo anche l’audio del


vostro computer e controllate che gli studenti lo sentano. Se avete intenzione di
usare file audio che si trovano su internet, verificate che si sentano. Ricordate che è
importante chiudere i microfoni durante la condivisione dell’audio. Se nessuno degli
5. Condivisione
studenti riesce a sentire l’audio, avete probabilmente dimenticato di selezionare
dell’audio
una casella apposita che è presente nella maggior parte dei programmi. In quel caso,
terminate la condivisione e ricominciate facendo attenzione a selezionare anche
l’opzione “condividi audio del PC”.

Se il vostro programma lo consente, l’uso dei sottogruppi può facilitare moltissimo il


lavoro online perché permette il lavoro in coppia o a piccoli gruppi che è una
costante delle lezioni in presenza. Testate anche questo strumento e verificate che
tutti gli studenti sappiano cosa devono fare se hanno bisogno di assistenza. In alcuni
6. Sottogruppi programmi molto noti questa opzione viene inclusa nella versione a pagamento.
Vale la pena fare un piccolo investimento economico, magari condiviso con altri
colleghi, per mettere a disposizione della nostra lezione uno strumento molto utile
che sicuramente permette di dare una direzione più comunicativa alla lezione.

Molti programmi consento l’uso di altri strumenti come i sondaggi, l’alzata di mano, le
7. Altri reazioni e la lavagna condivisa. Esplorate questi strumenti e testateli insieme agli
strumenti studenti se pensate di averne bisogno.

Stabilite insieme agli studenti il modo in cui possono segnalarvi problemi tecnici
8. Segnale per i
durante la lezione per esempio attraverso un messaggio o una reazione. Decidete se
problemi
prevedere un tempo di recupero in caso di problemi tecnici prolungati.
tecnici

2
ALMA Edizioni | NUOVO Espresso DaD | Didattica a Distanza | Introduzione

Come usare l’ebook di


NUOVO Espresso

Con l’ebook di NUOVO Espresso l’insegnante può creare


La classe virtuale delle vere e proprie classi virtuali con tutti gli studenti che
le compongono; ha uno spazio di comunicazione tipo
e-mail che può gestire per diversi scopi (ad esempio
assegnare dei lavori da svolgere a casa e anche inviare materiale extra di sua proprietà); può assegnare
singoli esercizi interattivi (anche individualizzati e a scadenza) e tracciare il progresso degli studenti
della classe, visualizzando gli errori di ognuno. Per utilizzare la classe virtuale, l’insegnante che adotta
NUOVO Espresso deve fare richiesta di un codice di attivazione scrivendo un’e-mail a
alma@almaedizioni.it. Naturalmente, per poter inserire gli studenti nella classe virtuale, anche questi
devono avere l’ebook.

L’ebook di NUOVO Espresso è multimediale, perché è


L’ebook multimediale possibile ascoltare le tracce audio, vedere i video e
raggiungere pagine esterne su internet semplicemente
cliccando sulle icone presenti nell’ebook:
ascolta l’audio; guarda il video o raggiungi una pagina esterna.

L’ebook di NUOVO Espresso è interattivo, perché lo


L’ebook interattivo studente ha la possibilità di svolgere tutte le attività del
videocorso, i test e tutti gli esercizi in modalità interattiva.

Gli esercizi contrassegnati da questa icona sono interattivi. Ogni esercizio interattivo è a punti e
dà un punteggio da 0 a 10. Possono essere svolti dagli studenti in autonomia o essere assegnati
dall’insegnante attraverso la classe virtuale, individualmente o a tutti gli studenti. Ogni studente può
poi inviare all’insegnante gli esercizi svolti. Le tipologie di attività interattive sono varie: cruciverba,
riordino, abbinamento, cloze con drag and drop o compilazione libera, vero / falso, scelta multipla,
domande aperte, ecc.

3
ALMA Edizioni | NUOVO Espresso DaD | Didattica a Distanza | Introduzione

Per quanto riguarda l’ebook vero e proprio, gli strumenti


Gli strumenti dell’ebook messi a disposizione dalla piattaforma Blinklearning sono
gli stessi sia per insegnanti che per studenti. Gli strumenti
si attivano cliccando sui simboli della barra grigia in alto:

Condivisione | È uno strumento utile soprattutto all’insegnante, per inviare alla


classe il link con la lezione su cui si lavorerà. È possibile copiare il link o condividerlo sui
maggiori social network e sulla piattaforma Google Classroom. Ovviamente qualsiasi link può essere
aperto solo se si è in possesso dell’ebook.

Matita | La matita permette di


sottolineare, cerchiare e tracciare segni sulla
pagina digitale. Ogni tratto può essere poi cancellato
cliccandoci sopra e premendo il tasto “canc” o cliccando
su “delete”.
La matita prevede l’utilizzo di colori e spessori differenti,
a seconda delle esigenze (clicca su “style”).

Possibili utilizzi: cerchiare immagini o parole, disegnare frecce o linee di raccordo tra elementi testuali
o iconografici; cancellare parole o espressioni di un testo per creare un cloze (la cui verifica è agevole:
basta cancellare il tratto di pennarello e rendere quindi di nuovo visibile la parola del testo).

Evidenziatore | L’evidenziatore
permette di mettere in evidenza parti del
testo. Come la matita, anche questo strumento può
essere poi cancellato cliccandoci sopra e premendo il
tasto “canc” o cliccando su “delete” e prevede l’utilizzo
di colori differenti.
Possibili utilizzi: evidenziare elementi diversi con
differenti colori (per esempio: aggettivi in blu, articoli in giallo, verbi in rosso, ecc.)

Scrittura di testo| La scrittura di testo è uno strumento molto utile che permette
di scrivere parole o intere frasi sul libro digitale. Anche in questo caso, ci sono opzioni
differenti sia per il colore delle parole sia per la loro dimensione.

4
ALMA Edizioni | NUOVO Espresso DaD | Didattica a Distanza | Introduzione

Questi strumenti
possono essere usati nella stessa pagina, come
nell’esempio qui a fianco, in cui con la matita
(colore: nero; spessore: 13) sono state cancellate
delle parole sul libro e sono state trascritte a
parte, in modo da creare un’attività di
abbinamento non prevista dal manuale.

Annotazione | In qualsiasi
momento e in qualsiasi punto del libro
digitale, l’utente può inserire delle annotazioni in cui
scrivere ciò che ritiene opportuno. L’annotazione può
essere spostata, modificata e cancellata.
Possibili utilizzi: l’insegnante può annotare un’attività
da modificare con gli strumenti a disposizione nella
tavolozza; lo studente può utilizzare l’annotazione per
la traduzione di alcune parole; sinonimi o contrari,
ecc.

Cerca | L’importanza di questo strumento è spesso sottovalutata. Può essere usata per
realizzare giochi su singoli elementi lessicali dei quali individuare la categoria grammaticale.
Vedete ad esempio l’attività pensata per NUOVO Espresso 1, lezione 8, punto Extra.

5
ALMA Edizioni | NUOVO Espresso DaD | Didattica a Distanza | Introduzione

Strumenti della DaD

La chat consente lo scambio di messaggi.


Chat Generalmente tutti i programmi di videoconferenza
permettono di inviare messaggi da una persona al resto del
gruppo. Alcuni programmi permettono di mandare
messaggi individuali. Se il programma che usate permette
questa funzione, riflettete se è utile usarla durante la lezione. Se non vi serve, è consigliabile disattivare
questa funzione, in modo che non sia una distrazione (ad esempio, gli studenti potrebbero usarla per
mandarsi messaggi privatamente durante la lezione).

La condivisione vi consente di mostrare agli studenti tutto


Condivisione dello quello che vedete sullo schermo del vostro computer.
Potete usarla per mostrare l’ebook, un’immagine, un sito e
schermo e dell’audio anche per aprire un documento word e usarlo per scrivere
appunti, come se fosse una lavagna.
La condivisione non consente ai partecipanti di interagire con lo schermo, per esempio gli studenti non
potranno cliccare su un link ma solo vedere quello che fate voi.
Alcuni programmi consentono di mostrare solo una porzione dello schermo, per esempio solo la
consegna o solo la prima parte di un dialogo.
La condivisione dello schermo può rallentare il funzionamento del programma per cui è consigliabile
aprire i file o i programmi che volete mostrare prima di iniziare la condivisione.

La condivisione dello schermo permette di far sentire agli studenti anche un file audio che è presente su
internet o sul vostro computer, sia in formato digitale che su CD. Se volete condividere anche l’audio
del vostro computer con gli studenti per fare un’attività di ascolto, ricordatevi di spuntare la casella
“condividi audio del PC” che è presente nella maggior parte delle piattaforme.
Alcuni programmi consentono la condivisione del solo audio. In questo caso potete far sentire agli
studenti solo l’audio, senza mostrare quello che è presente sul vostro schermo.
È importante che i microfoni dei vostri studenti siano chiusi quando condividete un audio (vedi la voce
“Microfoni”).

Ci sono diverse possibilità per sostituire la lavagna che


Lavagna usiamo in presenza. Molti programmi di videoconferenza
permettono la creazione di una lavagna che si può
mostrare agli studenti e su cui è possibile scrivere e
disegnare.
Esistono anche programmi di lavagne digitali interattive con funzioni più estese su cui si può lavorare che
permettono anche agli studenti di scrivere sulla lavagna.
Un’alternativa più semplice può essere la creazione di documenti in cui l’insegnante scrive mentre
spiega, mostrandoli agli studenti con una condivisione dello schermo. Per questioni di praticità , alcuni
insegnanti preferiscono usare documenti su servizi di cloud (come Google Drive) che permettono a
gruppi di persone di condividere e modificare documenti istantaneamente, senza doverli scaricare.

6
ALMA Edizioni | NUOVO Espresso DaD | Didattica a Distanza | Introduzione

È possibile che sia necessario chiudere o riaprire i microfoni


Microfoni degli studenti più volte durante la lezione. Alcuni
programmi permettono all’host della chiamata (che
dovrebbe essere l’insegnante) di disattivare i microfoni a
uno o a tutti i partecipanti simultaneamente. Se il
programma che usate non lo consente, spiegate agli studenti che dovranno chiudere e riaprire i
microfoni quando lo dite voi.
In generale, se uno studente non deve parlare, è bene che abbia il microfono chiuso. I rumori di fondo
infatti possono disturbare moltissimo la comprensione, soprattutto per uno straniero, per cui ogni
interferenza è un ostacolo alla comprensione.

Alcuni programmi consentono la creazione di sottogruppi di


Sottogruppi lavoro (chiamate anche Breakout rooms). Se il programma
lo consente potete dividere gli studenti in modo che
lavorino in coppie o piccoli gruppi. Il programma crea delle
stanze in cui potete mettere i partecipanti in maniera
casuale o selezionando quali persone volete far lavorare insieme. In qualità di host voi potete entrare
nei sottogruppi anche a webcam o microfono spento e potete scrivere loro dei messaggi. Ricordate che
quando gli studenti sono nei sottogruppi, non possono più vedere il materiale che era presente nel
gruppo principale. Se per esempio gli studenti devono svolgere una serie di istruzioni che avevate dato
a tutta la classe, è una buona idea ricopiarle e condividerle o tramite chat o con una funzione che si
chiama broadcast che consente di mandare un messaggio a tutti i sottogruppi simultaneamente.
Se il programma che utilizzate non consente la creazione di sottogruppi potete far lavorare una coppia
per volta, mentre il resto della classe resta a guardare. È importante dare un incarico agli studenti che
non stanno partecipando, come prendere appunti, segnare alcune parole o dare un voto
all’interpretazione. In questo modo tutti avranno un compito da svolgere in ogni momento. Per attività
più complesse, potete decidere di interrompere la chiamata di gruppo, chiedere agli studenti di fare
delle brevi chiamate fra di loro per svolgere un compito e ritornare alla chiamata di gruppo dopo un
tempo stabilito.

È possibile che sia necessario chiudere le webcam degli


Webcam studenti più volte durante la lezione, soprattutto se ci sono
problemi di connessione. Alcuni programmi permettono
all’host della chiamata di disattivare le webcam a uno o a
tutti i partecipanti simultaneamente. Se il programma che usate non lo consente, spiegate agli studenti
che dovranno chiudere e riaprire le webcam quando lo dite voi.

7
ALMA Edizioni | NUOVO Espresso DaD | Didattica a Distanza | Introduzione

Tipologie di attività

Libro Ebook
1. Chiudete tutti i microfoni.
2. Condividete il vostro schermo e selezionate anche la condivisione dell’audio. Se
il programma lo consente, condividete solo l’audio e non lo schermo.
IMPORTANTE: Se nessuno degli studenti sente l’audio che state condividendo, con
ogni probabilità non avete selezionato la condivisione dell’audio. In questo caso,
ascoltare chiudete la condivisione e ricominciate.

3. Fate partire la traccia dal CD o dai 3. Fate partire la traccia dall’ebook.


file scaricati. 4. Al termine dell’attività di ascolto
4. Al termine dell’attività di ascolto riaprite i microfoni.
riaprite i microfoni.
Indicate agli studenti la pagina del loro Potete scegliere se far leggere agli
libro dove si trova il testo da cui studenti dalla loro copia o se
dovranno leggere, come in una condividere la vostra. Nel primo caso,
lezione in presenza. date le normali indicazioni sulla pagina
dove si trova il testo, come una lezione
in presenza. Nel secondo caso aprite la
vostra copia dell’ebook sulla pagina
che vi serve e condividete lo schermo.
In molti casi le letture sono accompagnate da domande di comprensione. Potete
decidere voi se usarle o meno. Quando non sono presenti o non volete usarle,
proponiamo la seguente procedura:
1. Date agli studenti qualche minuto per leggere il testo in autonomia e in modo
silenzioso. Sarebbe meglio invogliarli a saltare le parole o frasi che non
comprendono e arrivare alla fine.
leggere 2. Alla fine del tempo che avete dato, fate chiudere il libro o l’ebook, quindi
chiedete a uno studente (potete usare la → ruota) di raccontare quello che
ricorda del testo. Non intervenite in questa fase, ascoltate senza commentare.
3. Dopo qualche secondo, o nel primo momento di difficoltà, dite STOP e passate
la parola a un secondo studente che avrà il compito di continuare il racconto.
4. Andate avanti così e quando sembra che non ci siano più elementi, chiedete se
qualcuno ha da aggiungere qualcosa o vuole chiedere chiarimenti a qualche
altro studente.
5. Se avete non siete soddisfatti del livello di comprensione della classe, date altro
tempo per leggere.
6. Chiedete se qualcuno ha da aggiungere o modificare qualcosa rispetto a quanto
detto in precedenza.
7. Fate di nuovo aprire il libro e rispondete a domande sul lessico. Meglio limitare
il numero di domande: una per studente è più che sufficiente.

8
ALMA Edizioni | NUOVO Espresso DaD | Didattica a Distanza | Introduzione

Libro Ebook
Se riuscire a far parlare gli studenti, nella classe in presenza rappresenta una
difficoltà; non si può negare che questa attività nella classe a distanza risulta
ancor più faticosa e di difficile gestione.
Con gli strumenti base dei più noti programmi di videoconferenza potrete far
parlare tutti gli studenti, ma sempre in plenum. Si possono adottare diverse
strategie, come il “dialogo a catena” descritto nei consigli, o altre modalità
parlare proposte nelle istruzioni delle singole attività.
(produzione e Di certo l’utilizzo dei sottogruppi (che danno la possibilità di creare delle
coppie o piccoli gruppi che possono confrontarsi in autonomia) aiuta molto
interazione la realizzazione di attività di interazione orale più articolate.
orale) C’è però da considerare anche le controindicazioni legate all’uso massiccio dei
sottogruppi: ci vuole tempo a creare i gruppi, c’è spesso almeno uno
studente che ha problemi a capire come partecipare ed è più facile “perdere
il controllo della situazione” soprattutto con principianti inesperti. È
consigliabile riservare questa modalità di lavoro per attività ben strutturare,
lavorando in anticipo sulla comprensione delle istruzioni.
Uno dei vantaggi della lezione online è la facilità con cui si possono ricevere
brevi messaggi scritti da parte degli studenti. Questo strumento può essere
molto importante quando si vuole verificare la comprensione di un testo o
di alcune strutture grammaticali.
Per quanto riguarda le attività di scrittura di testi, è una buona idea lasciare
che li facciano autonomamente, nel lavoro a casa. In questo modo avranno
scrivere più tempo da dedicarci e salvaguarderete anche la loro privacy, mettendo a
proprio agio gli studenti più riservati. Stabilite anche in questo caso un
(produzione canale di comunicazione per l’invio e la ricezione dei testi corretti.
La prima vera attività di produzione scritta che proponiamo per la DaD è alla
scritta) lezione 4, attività 8. Vi consigliamo di andare a vedere quanto scritto lì.
Uno strumento molto efficace per fare attività di scrittura può essere la
creazione di gruppi usando social network in cui gli studenti scambiano
messaggi rispondendo a un input lanciato dall’insegnate. Valutate la
possibilità di creare un ambiente di questo tipo per i vostri studenti come
parte dell’attività di classe.

9
ALMA Edizioni | NUOVO Espresso DaD | Didattica a Distanza | Introduzione

Qualche consiglio per la gestione della classe

Stabilite insieme agli studenti un modo per segnalare se


Alzata di mano vogliono partecipare, commentare o fare una domanda.
Alcuni programmi hanno strumenti specifici che simulano
l’alzata di mano. Se il programma che usate non prevede
questa funzione stabilite un segnale o un messaggio da utilizzare. Ricordate che nella chat è anche possibile
selezionare gli emoji e potrebbe essere utile utilizzarne alcuni in determinati momenti.

Stabilite insieme agli studenti quale canale di comunicazione


Canale di comunicazione utilizzare (email o messaggio) e assicuratevi che tutti sappiano
come contattarvi. Potrebbe essere utile aprire una casella e-
mail che usate solo per le comunicazioni con i vostri studenti.
Durante la lezione, in caso di difficoltà di accesso, gli studenti potrebbero avere bisogno di parlare con voi
senza usare il software di videoconferenza che avete scelto per le lezioni. Assicuratevi che in questo caso
sappiano come rintracciarvi in tempo reale.

In diverse situazioni può essere necessario avviare un dialogo


Dialogo a catena o una chat a catena. In questo tipo di dialogo, l’interazione
passa da studente a studente senza dover passare di nuovo
per l’insegnante.

L’insegnante …lo studente 1 risponde …lo studente 2 risponde


fa una domanda e fa una domanda e fa la domanda
allo studente 1 allo studente 2… allo studente 3…

Potete scegliere un ordine fisso in cui gli studenti devono parlare o crearne uno nuovo volta per volta.
Creare un nuovo ordine per il dialogo a catena può diventare una breve attività di riscaldamento da fare
all’inizio di una lezione. Per esempio, potreste chiedere agli studenti di formare un ordine cronologico
rispetto alla data del compleanno, un ordine alfabetico rispetto al film preferito o un ordine relativo
all’argomento della lezione, assegnando ad ogni studente un numero progressivo da usare durante la
lezione.

10
ALMA Edizioni | NUOVO Espresso DaD | Didattica a Distanza | Introduzione

Sembra una banalità ricordarlo, ma ricordatevi di guardare


Occhi negli occhi negli occhi i vostri studenti. Per buona parte della lezione, i
vostri occhi viaggeranno da un lato all’altro dello schermo del
vostro computer, per leggere messaggi, per selezionare
elementi da mostrare e anche per scrivere. Prendete l’abitudine di fissare lo sguardo sulla webcam quando
vi rivolgete direttamente agli studenti in modo che abbiano la sicurezza di avere tutta la vostra attenzione.

Se avete bisogno di raccogliere delle risposte brevi dagli


Sondaggio studenti, come le risposte a domande di comprensione, il
sondaggio può essere un modo molto efficiente per farlo.
Chiedendo queste informazioni semplicemente a voce,
rischiate di perdere gli studenti più timidi o di creare confusione con sovrapposizioni di voce e finire senza
sapere chi ha risposto. Alcuni programmi consento la possibilità di creare sondaggi e se scegliete di usare
questo strumento, ricordatevi di crearli prima della lezione. Se non potete creare dei sondaggi o se
preferite un sistema più semplice, potete chiedere agli studenti di scrivere la risposta nella chat e inviarla
solo al vostro segnale, in modo da avere tutte le risposte nello stesso momento.

Lo screenshot consente di scattare una foto dello schermo. È


Screenshot uno strumento che può essere utile per mostrare agli studenti
solo una porzione di un materiale, come la prima parte di un
dialogo. I comandi per fare uno screenshot dipendono dal tipo
di dispositivo che usate ed è una buona idea imparare a fare uno screenshot quando si lavora online.

Strumenti integrativi
Alcuni programmi possono aiutarvi ad animare la lezione, sostituendo a volte
i materiali che usate in presenza.

• Correttore ortografico e traduttore automatico


Usando internet, gli studenti avranno facile accesso a strumenti che permettono la traduzione e la
correzione dei testi. È una buona idea lasciare la possibilità di utilizzare questi strumenti nei compiti di
produzione scritta spiegandone i vantaggi e i limiti, per guidare gli studenti verso una sempre maggiore
autonomia.
https://www.correzioneonline.it/
https://translate.google.it/
• Dado e moneta
In diversi casi vi può servire un dado da tirare o una moneta.
https://it.piliapp.com/random/dice/
• Ruota
Permette di selezionare a caso un elemento di una lista. Possono essere i nomi dei vostri studenti o
materiale relativo a un’attività.
https://wheelofnames.com/it/
• Cappello virtuale
Simula il cappello da cui estrarre i nomi. A differenza della ruota, consente di rimuovere i nomi che sono
stati estratti.
https://www.online-stopwatch.com/random-name-pickers/magic-hat-name-picker/

11