Sei sulla pagina 1di 28

Berlusconi: “Sospendere la demolizione delle case abusive

a Napoli”. Il premier dell’illegalità non si smentisce mai y(7HC0D7*KSTKKQ( +#!"!,!=!@


www.ilfattoquotidiano.it

Venerdì 13 maggio 2011 – Anno 3 – n° 113 € 9,90 DVD + € 1,20 – Arretrati: € 2,00
Redazione: via Valadier n° 42 – 00193 Roma Spedizione abb. postale D.L. 353/03 (conv.in L. 27/02/2004 n. 46)
tel. +39 06 32818.1 – fax +39 06 32818.230 Art. 1 comma 1 Roma Aut. 114/2009

INDAGATO MINZOLINI Perfetta Letizia


di Marco Travaglio

PUÒ RESTARE AL SUO POSTO? D


ice il presidente della Repubblica, Giorgio
Napolitano, rispondendo a uno studente:
“Qualche tempo fa ha fatto molto clamore in
Gran Bretagna, mentre da noi quel clamore
sembrò eccessivo, perché abbiamo una scala di
giudizio un po’ diversa... Era accaduto che alcuni
parlamentari avevano abusato dei loro privilegi e,
L’inchiesta della Procura di Roma su note spese per 68 mila quando furono scoperti, seguirono le dimissioni di
alcuni di loro e dello speaker del Parlamento”. Noi lo
euro. L’ipotesi di reato è peculato. Ma il Tg1 censura la notizia ripetiamo da qualche anno, che nelle vere democrazie
ci si dimette al primo sospetto di scorrettezza
(nemmeno di reato), mentre da noi sui sospetti e
di M. Lillo e C.Tecce addirittura sulle imputazioni e sulle condanne si
LETIZIA MORATTI ALLA BATTAGLIA DI MILANO
Stato e Antistato A ugusto Minzolini è indagato
costruiscono carriere. Ma il fatto che ora lo dica anche
il capo dello Stato è particolarmente significativo e,

di Paolo Flores d’Arcais


per peculato dalla Procura di
Roma per le spese pazze della sua Senti chi parla pur mantenendo le nostre riserve su alcune sue scelte,
gliene rendiamo merito e grazie. Per una serie di
dc
omenica, nelle urne elettorali di Mi-
carta di credito aziendale. I 68
mila euro spesi in 15 mesi senza Lei ha due condanne motivi. 1) In questi anni lo sdegno per un Parlamento
e un governo sviliti al livello di comunità di recupero

D
titolo cominciano a costare caro per devianti è cresciuto nel Paese grazie ad alcuni libri,
lano e di Napoli, si combatte uno a pochi giornalisti e a pochissimi politici perbene, ma
al direttore del Tg1. pag. 3 z
scontro di civiltà. Conosciamo i va- anche alle battaglie di Beppe Grillo, troppo spesso
lori, e anzi i volti, tra cui si dovrà scambiate per qualunquismo e antipolitica. 2) Non c’è
scegliere. Da una parte lo Stato – uno, de- ombra di “giustizialismo” né di “forcaiolismo” nel
mocratico, fondata sul lavoro – che lunedì U di Flavia Perina
pretendere che la classe politica non sia lo specchio
ha commemorato i suoi martiri vittime del del Paese (che comunque è molto meglio di lei), ma
terrorismo. A Milano tre gigantografie ri- ANTICOMUNISMO selezioni il meglio che c’è nel Paese. È invece una
cordavano a Palazzo di Giustizia il sacrifi- ABBIAMO doverosa aspirazione delle persone perbene, quella di
cio di Emilio Alessandrini e Guido Galli, GIÀ DATO essere rappresentate da persone perbene. 3) Non è
assassinati dai brigatisti, e di Giorgio Am- detto che una persona sia per male solo perché
aro direttore, un po’ tutti si stan-
brosoli, assassinato da un killer di Sindona
(mai accostamento fu più giusto e giusti- C no chiedendo il senso dell’at-
tacco della Moratti a Pisapia e la ri-
inquisita, e paradossalmente nemmeno se è
condannata. Bisogna vedere per quali “fatti” è
inquisita o è stata condannata. È reato anche il blocco
ficato). Nello stesso volger di tempo, l’An-
tistato che odia la Costituzione repubbli- sposta corrente è che si sia trattato stradale, il picchettaggio in fabbrica, la critica ritenuta
cana, l’establishment eversivo che vuole di un fuor d’opera. pag. 18 z Malagutti, Portanova e Telese pag. 4-5 z diffamatoria (per questo, e giustamente, la
Costituzione rende insindacabile il politico per le
distruggerla, vomitava le sue ingiurie: i ma-
opinioni espresse, purché nell’esercizio delle funzioni
gistrati definiti, per la bocca immonda del
PARLAMENTO PULITO x Napolitano cita l’esempio della Gran Bretagna parlamentari): tutti fatti che non trasformano in
Narcisocrate, un cancro da estirpare. E delinquenti chi li ha commessi. E ci sono
un’intera adunata di padroni che esplode

“A casa i deputati
comportamenti che purtroppo non sono reati (tipo
nell’applauso fescennino in difesa di uno conflitti d’interessi o frequentazioni con mafiosi) o
di loro, assassino condannato a 16 anni e non lo sono più (favoritismi, lottizzazioni, certe
rotti di carcere. fattispecie di evasione fiscale o di falso in bilancio),
Berlusconi ha spiegato che la sua era una che invece rendono chi ne è portatore assolutamente

coinvolti negli scandali”


metafora. E che altro può essere la parola incompatibile con la vita pubblica. 4) Quando un fatto
“cancro” applicata non alla malattia ma a è accertato, la politica deve prenderne subito atto e
una persona o gruppo di persone? Per il domandarsi se chi l’ha commesso può proseguire la
compagno di merende di Putin e di Ghed- sua carriera, o deve saltare un giro: senz’aspettare che
dafi, i magistrati che fanno il loro dovere la magistratura stabilisca se quel fatto è anche reato.
sono appunto “come un cancro”, e come All’estero bastano piccoli Così si afferma il primato della politica, non
tale vanno “estirpati”. Pronunciamento abusi, spiega il presidente. In inventando forme sempre più fantasiose e indecenti di
eversivo in piena regola, che in ogni altra impunità per la casta-cosca. 5) Il caso Moratti-Pisapia
democrazia d’occidente avrebbe provoca-
Italia, invece, non si dimette cade a proposito: se davvero Pisapia si fosse salvato
to immediato impeachment bipartisan. mai nessuno Calapà pag. 2 z per l’amnistia da una condanna per rapina e
terrorismo, visto che si tratta di fatti di trent’anni fa,
Quanto alle “scuse” della Confindustria,
quando Pisapia era un’altra persona, non ci sarebbe
Michela Murgia nell’esemplare editoriale
alcun motivo per non votarlo come sindaco di Milano
di ieri, le ha già trattate per quel che me- Elisabetta Canalis: “Io (tutt’altra faccenda se si fosse mischiato in fatti di
ritano. nuda per gli animali”. Bau
(Alessandro Cappai sangue). Ma sarebbe giusto saperlo e bene avrebbe
Berlusconi ha spiegato che a Milano si vota
contro la Boccassini e a Napoli contro i ma- CATTIVERIE www.luttazzi.it) fatto la Moratti a rinfacciarglielo e nessuno potrebbe
accusarla di “macchina del fango” o di “metodo
Il Presidente Giorgio Napolitano (F A )
OTO NSA
gistrati. Ha ragione: a Mila- Boffo”. Il guaio è che quel fatto è falso, Pisapia avendo
no e a Napoli, le cricche del rinunciato (rara avis) all’amnistia per essere assolto nel
regime chiedono un voto U di Marco Onado merito, cosa che puntualmente avvenne. Quindi quel
contro la legalità e la decen- che ha fatto la Moratti è una diffamazione bella e
za, un voto a favore delle ma- CONSOB, buona, oltretutto da parte di una signora che, lei sì, è
fie, dei ladri, dei corrotti, un stata condannata dalla Corte dei conti per avere
voto a favore della menzo-
IL PIATTO sperperato i soldi dei milanesi in consulenze inutili. Ed
gna e dell’impunità. Un vo- PIANGE è molto peggio del metodo Boffo, che almeno una
to di inciviltà. Per questo è notizia vera la conteneva (il decreto penale di
Il volto umano della scienza: ercoledì, mentre le agen-
necessario che a Milano Ber-
lusconi-Moratti sia costretta
luci e ombre,
debolezze e passioni
M zie italiane battevano la
notizia delle indagini per pos-
condanna per molestie). 6) Il fatto che i berluscones
abbiano sfidato la verità dei fatti per infangare
l’avversario inventandosi accuse false sul piano penale
al ballottaggio (per poi esse- si fondono nel ritratto sibili operazioni di insider dovrebbe far riflettere i leader del Pd e i pompieri al
re sconfitta) e a Napoli De di un matematico trading nella scalata a Parma- seguito, che da anni spiegano come sia un autogol
Magistris arrivi al ballottag- e del suo mondo. lat, una giuria di New York ha rinfacciare a B. i suoi crimini. E, pur potendolo
gio (per poi vincerlo). Per dichiarato colpevole il “re de- accusare di fatti gravi e veri senza bisogno di inventare
una questione di civiltà. www.edizionidedalo.it gli hedge funds”. pag. 18 z All’interno pag. I-VIII z nulla, parlano d’altro.
pagina 2

D
PARLAMENTO PULITO

ue voli di Stato con andata e alla partita di Champions League tra l’Inter e carabinieri all’andata, e un velivolo
La Russa, indagine ritorno per la partita dell’Inter, su lo Schalke 04. La Corte ha disposto dell’Aeronautica militare al ritorno. Sulla
cui ora indagherà la Corte dei l’acquisizione dei piani di volo e dell’intera vicenda l’Idv ha presentato un’interrogazione
Conti. I giudici contabili hanno aperto documentazione sul viaggio, per conoscerne il parlamentare, ma il ministro replica: “La storia
della Corte dei Conti un’inchiesta sulla trasferta “calcistica” del costo e sapere se con La Russa a bordo ci dell’aereo è un’invenzione totale, una bufala. E
ministro della Difesa Ignazio La Russa, che il 5 fossero altre persone. I giudici vogliono quindi io non posso prendere aerei privati, sennò
aprile scorso, come rivelato dal Fatto, prese un capire se fosse proprio indispensabile creo casino all’Alitalia per le misure di
sui voli per vedere l’Inter aereo di Stato per andare a Milano e assistere utilizzare due aerei statali: un P180 dei sicurezza”.

NAPOLITANO:
C’È CHI
SI DIMETTE SEMPRE
Il presidente agli studenti: in altri
Paesi basta poco per andare a casa Via dei Georgofili A Firenze, accolto dal sindaco Matteo Renzi, Napolitano si è fermato davanti alla targa che ricorda la strage
di Giampiero Calapà Firenze per una lezione-dibatti- che ha fatto molto clamore. E da (dopo corona e primo ministro) pa le dimissioni arrivano anche un’indagine del giudice Balta-
to con gli studenti – hanno l’ef- noi ci si può stupire per quel cla- del Regno Unito. Motivo? Lo per molto meno, se il confronto zar Garzòn – e della titolare de-
ll’estero basta poco, pic- fetto di un terremoto, con i Ga- more eccessivo in quell’occa- scandalo dei rimborsi assurdi rimane quello con l’Italia: gli Esteri in Francia, Michèle

A coli abusi e subito arriva-


no le dimissioni di chi è
stato beccato con le mani
nella marmellata. Qui c’è un Par-
lamento e un governo di inda-
sparri di turno pronti al con-
tro-monito: “Non strumentaliz-
zate quelle parole, in modo fa-
zioso e distorto per gettare ben-
zina sul fuoco”, alla vigilia delle
sione, perché noi abbiamo una
scala di giudizio un po’ diversa.
Venne fuori che alcuni parla-
mentari inglesi avevano abusa-
to di qualche privilegio di cui
per i parlamentari (come 160
sterline al mese per la cura del
giardino di casa) che colpì an-
che diversi membri del crepu-
scolare governo di Gordon Bro-
Karl-Theodor zu Gutten-
berg, non è più ministro della
Difesa in Germania perché un
giornale ha scoperto che la sua
tesi di dottorato in diritto inter-
Alliot-Marie, ospite privata del
dittatore Ben Alì (con in dote la
promessa di aiuti) proprio men-
tre scoppiava la rivoluzione ara-
ba. Basta molto meno in Porto-
gati, condannati, prescritti e elezioni amministrative. Ma godevano. Ci furono dimissio- wn. Martin non beneficiò di un nazionale era in parte copiata. gallo nel 2009: Manuel Pinho
privilegiati: cronache dell’Italia quali parole di Napolitano pos- ni, anche dello speaker della Ca- solo rimborso-vergogna, ma la Tanto che sembrano più gravi i abbandona il ministero dell’E-
quotidiana a cui il Paese si abitua sono essere strumentalizzate? mera dei Comuni, per piccole sua colpa fu quella di non porre casi del Guardasigilli spagnolo conomia per aver dato del “cor-
sempre di più. Tanto che le pa- “Non troppo tempo fa – ha ri- cose. Ci furono reazioni forti e un freno, di non ostacolare, di Mariano Fernàndez – che nel nuto”, con un gesto, al capo del
role del presidente della Repub- cordato il presidente – c’è stato con spiegazioni”. Michael Mar- non proibire, quanto accadeva 2009 ha lasciato l’incarico solo Partito comunista. Con una pa-
blica Giorgio Napolitano – ieri a in Gran Bretagna uno scandalo tin lasciò nel 2009 la terza carica attorno a lui. In giro per l’Euro- per i sospetti su interferenze in noramica mondiale s’inciampa
nell’ex governatore di New
York, Eliot Spitzer: a casa per un
ALL’ESTERO HANNO BUONE ABITUDINI giro di prostitute di lusso. O in
Seiji Maehara, non più ministro
degli Esteri nipponico per aver
Michael Martin Jacqui Smith Katzav e Olmert accettato 500 euro da una don-
REGNO UNITO REGNO UNITO ISRAELE na sud-coreana per la campagna
Nel 2009 scoppia Il ministro “Orgoglioso di un Paese elettorale: in Giappone è inter-
lo scandalo dei rimborsi dell’Interno lascia nel che processa il premier”, ferenza straniera.
pazzi dei parlamentari. 2009 a causa di due disse Olmert nel 2008 dopo Napolitano ha parlato anche di
Lo speaker della Camera film porno affittati essersi dimesso per federalismo (solo un Paese uni-
non ne beneficia, ma si dal marito con la sua corruzione. Katzav si to ha futuro, sì a una Camera fe-
dimette per omesso carta di credito dimise per una condanna a derale) e della centralità del Par-
controllo (FOTO AP) statale (FOTO ANSA) 7 anni per stupro (FOTO ANSA) lamento (che non deve essere
ridotto a un “ruolo meschino”);
ma soprattutto ha indicato un al-
Eliot Spitzer Manuel Pinho Joseph Habineza tro buco nero italiano: “la scarsa
STATI UNITI D’AMERICA PORTOGALLO RUANDA rappresentanza femminile” nel-
Il gran moralizzatore Nel luglio del 2009 Il ministro si dimette le Camere. Mentre nelle stesse
dei vizi di Wall mima il gesto delle dopo la pubblicazione ore il premier Silvio Berlusconi
Street. Questa la sua corna al capo del di foto che lo continuava il braccio di ferro
fama. Poi viene fuori Partito comunista, ritraggono abbracciato istituzionale, trovando il modo
il suo giro di squillo lui è il ministro con quattro ragazze. di sminuire proprio il ruolo del
di lusso. Dimissioni dell’Economia. A Risate nel Paese capo dello Stato: “Non penso al
immediate (FOTO LAPRESSE) casa subito (FOTO ANSA) del bunga bunga Quirinale, penso a governare”.

Nessuno abbandona la poltrona

Qui dove indagini e condanne sono titolo di merito


ome le acciughe che fanno la palla. I te sull’Espresso è stato indagato per tro per abuso d’ufficio. Francesco Sa- dagati. Roberto Rosso (Agricoltura) è
Channo
parlamentari indagati o condannati
adottato questa tattica: uno iso-
concorso esterno in associazione ma-
fiosa. Il coordinatore Pdl, Denis Ver-
verio Romano (neo ministro dell’A-
gricoltura) è indagato per concorso
accusato di peculato, turbata libertà
degli incanti e truffa. Giacomo Ca-
lato lo noteresti, messi tutti insieme in- dini, amico e assiduo frequentatore esterno in associazione mafiosa. Ro- liendo (Giustizia) è indagato nell’in-
vece si nascondono nel mucchio. Così degli uomini della Cricca e della P3, è berto Maroni è stato condannato de- chiesta P3. Roberto Castelli (vicemi-
resistono ai richiami di Giorgio Napo- indagato per associazione segreta e finitivamente a 4 mesi e 20 giorni per nistro delle Infrastrutture) ha superato
litano e all’opinione pubblica che in- corruzione. Si era detto che il suo po- resistenza e oltraggio a pubblico uffi- un’inchiesta sulle consulenze (abuso
voca leggi per “depurare” le Camere. sto potesse essere preso da Claudio ciale. Avrebbe tentato di mordere la ca- d’ufficio patrimoniale) grazie al voto
Prima ci aveva provato Beppe Grillo Scajola, che si vanta di non aver rice- viglia di un poliziotto. Naturale la no- del Senato che gli ha regalato l’immu-
che aveva raccolto 350 mila firme per vuto avvisi di garanzia per l’apparta- mina a ministro dell’Interno. Umber- nità. Ma la Corte dei Conti lo ha con-
lanciare il Parlamento Pulito. Oggi la mento comprato a sua insaputa. Sca- to Bossi è stato condannato in via de- dannato a pagare quasi centomila euro
proposta rischia di morire tra le scar- jola, però, dimentica che la Procura di finitiva a 8 mesi di reclusione per 200 di danni erariali. Giampiero Catone
toffie di Palazzo Madama. Anche il Fat- Imperia lo ha indagato perché lo ritie- milioni di lire di finanziamento illecito (Ambiente), arrestato nel 2001, giura Marcello Dell’Utri (FOTO EMBLEMA)
to Quotidiano l’anno scorso aveva pre- ne a capo di un’associazione a delin- dalla maxi-tangente Enimont. Il Sena- di essere uscito indenne da tutte le vi-
sentato una proposta di legge contro quere nell’inchiesta sulla costruzione tùr è anche condannato in via definitiva cende che lo riguardavano. utilizzate le intercettazioni del leader
la corruzione. Ma in Parlamento sem- del porto della città. per istigazione a delinquere e oltraggio In Parlamento non va meglio: gli ono- Pd. Stessa sorte benigna per Nicola La
brano non sentirci. Basta scorrere i alla bandiera. Roberto Calderoli ha revoli pregiudicati, cioè con una con- Torre: il Senato ha bocciato l’utilizzo
curricula giudiziari degli onorevoli UN POSTO a parte merita Marcello ottenuto la prescrizione nel processo danna definitiva, sono 19. Difficile per delle conversazioni. Ma le rogne riguar-
per capire perché. È facile citare Silvio Dell’Utri, da decenni a fianco del Ca- per via Bellerio (resistenza a pubblico il centrosinistra scagliare la prima pie- dano anche gli enti locali. il governa-
Berlusconi che ha affrontato una valiere. Nel suo curriculum giudiziario ufficiale). Il ministro per la Semplifica- tra. Massimo D’Alema s’è salvato per tore della Sardegna, Ugo Cappellacci,
trentina di procedimenti di cui 19 an- spiccano la condanna in appello a 7 an- zione Normativa ha ottenuto invece prescrizione del reato (accertato) di fi- è indagato per abuso d’ufficio e con-
dati a dibattimento. Nessuna condan- ni per concorso esterno in associazio- l’archiviazione nell’inchiesta Antonve- nanziamento illecito nel processo a corso in corruzione. Il suo collega
na finora, grazie anche a prescrizioni ne mafiosa e la recente accusa di essere neta. Era accusato di essersi spartito proposito di 20 milioni di lire in nero abruzzese Gianni Chiodi è invece in-
(abbreviate) e leggi ad personam. Ades- parte della P3. E il Governo? Gianni 200 mila euro con Aldo Brancher che versatigli negli anni ‘80 dal boss delle dagato per gli appalti post-sisma. Mi-
so, però, incombono i processi Mills e Letta, sottosegretario alla Presidenza, per questo ha dovuto rinunciare alla cliniche Francesco Cavallari. D’Alema chele Iorio, che guida da anni il Molise,
Ruby. Ma le rogne giudiziarie sono la è stato indagato e poi archiviato per poltrona di ministro al Decentramento è stato a lungo in ansia per l’inchiesta è finito in un’inchiesta sui rapporti tra
questione più trasversale della politica abuso d’ufficio, turbativa d’asta e truffa (è stato condannato a due anni). Il mi- Unipol-Bnl. Non era indagato, i magi- la Regione e una società di consulenza.
italiana. Partiamo dal Pdl: la seconda dalla Procura di Lagonegro. Raffaele nistro Altero Matteoli invece è impu- strati stavano vagliando la sua posizio- Il governatore siciliano Raffaele Lom-
carica dello Stato, Renato Schifani, Fitto, ministro per i Rapporti con le Re- tato per lo scandalo Elbopoli (favoreg- ne, ma il Parlamento europeo ha tolto bardo (Mpa) è indagato per concorso
secondo quanto scritto da Lirio Abba- gioni, è stato rinviato a giudizio tra l’al- giamento). Diversi i sottosegretari in- ogni dubbio impedendo che fossero esterno in associazione mafiosa. (Fq)
Venerdì 13 maggio 2011

L
MEDIA E REGIME

a prima rivoluzione organizzativa in Rai alla realizzazione dei singoli programmi. Il Cda ha
Il dg Lorenza Lei del neo-direttore generale Lorenza Lei approvato all’unanimità la costituzione della
[in foto]. Il via libera è arrivato Direzione Intrattenimento come primo passo
all’unanimità dal Cda di viale Mazzini che ha verso questa nuova struttura organizzativa e ha
avrà una cabina di regia approvato la nuova impostazione del modello dato mandato al dg di presentare entro il 30 giugno
organizzativo. Questo sarà articolato in eventuali ulteriori interventi. Nella sostanza
Canali/Generi: separate le competenze delle attività Lorenza Lei può costituire la sua personale cabina di
sopra i direttori di rete editoriali e di palinsesto rispetto a quelle connesse regia togliendo potere agli attuali direttori di rete.

E CHI NON SI DIMETTE MAI


Il “direttorissimo” Minzolini indagato per l’abuso
della carta aziendale: il Tg1 delle 20 ignora la notizia
di Marco Lillo Illustrazione di un’associazione di consuma- dirigente e un impiegato pescati gale di rivalsa nei confronti del-
e Carlo Tecce di Emanuele Fucecchi tori che a sua volta prendeva con le mani nella marmellata a l'azienda”. Minzolini a sostegno
spunto dallo scandalo sollevato sperperare i soldi pubblici in della sua tesi ricorda che “ venu-
ugusto Minzolini è indaga- dalle iniziative del consigliere viaggi e ristoranti. Nonostante al to meno il benefit e l'impegno di

A to per peculato dalla Pro-


cura di Roma per le spese
pazze della sua carta di cre-
dito aziendale. I 68 mila euro spe-
si in 15 mesi senza titolo comin-
della Rai, Nino Rizzo Nervo.
Se Minzolini è stato finalmente
costretto a restituire 64 mila eu-
ro in tre rate alla Rai nei mesi
scorsi per evitare danni peggiori
momento della consegna della
carta di credito, come accade
sempre, Augusto Minzolini ave-
va ricevuto istruzioni scritte che
vietavano di usare la carta per
esclusiva, ho ripreso la collabo-
razione con Panorama". Poi ecco
il colpo di scena: le due lettere
intercorse tra Minzolini e Masi.
Scriveva Masi il 19 marzo scorso:
ciano a costare caro al direttore sul piano penale e disciplinare, spese che nulla avevano a che fa- 'Caro Direttore, come ricorderai
del Tg1. Dopo l’inchiesta della lo si deve proprio all’azione con- re con il suo ufficio, il direttore all'atto della stipula del Tuo con-
Corte dei conti sul presunto dan- vinta di questo consigliere di mi- del Tg1 sostiene che ci sarebbe tratto di lavoro convenimmo sul-
no alle casse dello Stato, Minzo- noranza che dovrebbe diventa- stato un diverso accordo “orale” l'idea di assegnarTi la carta di cre-
lini si vede contestare un reato re un modello per l’opposizione con Mauro Masi. Minzolini, per dito aziendale, unitamente al-
molto grave. Il peculato prevede politica. Rizzo Nervo, dopo aver questa ragione, non pensa mini- l'impegno di esclusiva da Te con-
infatti la galera da tre a dieci anni sollevato il caso delle carte di mamente alle dimissioni e anche cesso a Rai stessa..... È’ emerso
per l’incaricato di pubblico ser- credito di tutti i direttori e dopo la direzione generale non sembra tuttavia che questo 'beneficio'
vizio, che, avendo per ragione aver scoperto che Minzolini intenzionata a chiedere la so- non e' del tutto compatibile con
del suo servizio la disponibilità di spendeva somme dieci volte su- spensione del direttore del Tg1. la normativa aziendale. ...La man-
denaro altrui, se ne appropria. periori a quelle del collega del “Mi era stato dato un benefit in canza di chiarezza nella gover-
Ovviamente il Tg1 ha ignorato la Tg2 Mario Orfeo, ha stanato il di- cambio dell'esclusiva giornalisti- nance aziendale in materia ha
notizia nonostante gli investiga- rettore generale Mauro Masi con ca”, spiega la nota di Minzolini creato una sorta di incompren-
tori l’abbiano portata fisicamen- ripetute richieste di documen- che aggiunge, “solo dopo diciot- sione di natura amministrativa in
te a domicilio: gli uomini del Nu- tazione e risposte ufficiali. to mesi e dopo aver approvato un questi mesi tra Te e l'Azienda....
cleo di Polizia Tributaria della bilancio - il vertice Rai ha scoper- Voglio non a caso sottolineare il
Guardia di Finanza di Roma sono MASI fu costretto a divulgare to che quel benefit non era com- concetto di incomprensione am-
tornati ieri nella sede della Rai così gli estratti conto sibaritici patibile con la politica aziendale. ministrativa - rispetto alla quale,
per prendere altri documenti re- del direttorissimo che finirono Il sottoscritto proprio perché è evidentemente, non possono es-
lativi alle presenze del direttore. sui giornali e poi sul tavolo della tranquillo, per trasparenza e per sere rinvenute, a mio avviso, Tue
È questa la nuova frontiera del- Procura della Corte dei conti e evitare polemiche di basso pro- responsabilità”. Chissà che le re-
l’inchiesta del procuratore ag- del pm Caperna. Quando ha vi- filo ha già ridato indietro alla Rai sponsabilità non siano di qualcu-
giunto Alberto Caperna: dopo sto la mala parata, Minzolini ha l'intera somma in questione, nel no più in alto di Minzolini.
avere messo un punto con l’iscri- culo di pietra. Lo Stakanov della rerà la notizia anche quando, tra messo mano al portafoglio e con contempo ha avviato
zione per peculato sulle spese notiziarisultava stoicamente al pochi giorni, il direttore sarà no scambio di lettere con Masi ha un'azione le-
per 68 mila euro caricate dal gior-
nalista sulle spalle dei contri-
suo posto a Capodanno del
2009, a Pasqua del 2010 e persi-
convocato dal pm Caperna per
rendere un formale interrogato-
cercato di attestare la sua difesa
sulla tesi del “disguido ammini-
Ha già restituito
buenti (e restituite solo dopo che
il direttore è stato scoperto) ora
no nella calura romana di ferra-
gosto del 2010, mentre invece si
rio. Una mossa che sarà seguita
dall’audizione dell’altro termina-
strativo” e dell’equivoco. Un di-
sguido da 64 mila euro che - sen-
alla Rai
le indagini puntano a verificare
se vi siano i margini per ipotiz-
trovava rispettivamente a Marra-
kesh, a Dubai e in crociera alla
le dello scandalo, l’ex direttore
generale Mauro Masi, colui il
za l’azione di opposizione inter-
na, giornali e Procure - sarebbero
64 mila euro.
zare anche la truffa, punita fino a volta di Palma di Maiorca. “Un er- quale ha prima dato la carta a rimasti nelle tasche di Minzolini.
tre anni di galera. rore della segreteria”, si è difeso Minzolini e poi gli ha offerto una Ieri il direttore del Tg1 ha diffuso Ieri la Finanza
La carta di Augusto Minzolini per il direttorissimo. La Procura sta copertura non da poco accredi- una nota alle agenzie basata sulla
19 giorni strisciava allegramente verificando e la Guardia di Finan- tando la sua linea difensiva. corrispondenza con Masi che è ritornata
all’estero mentre il direttorissi- za continua ad acquisire carte su Il Fatto Quotidiano era stato il pri- conferma la tesi dell’equivoco.
mo risultava in ufficio. Per i re- carte, ieri a Roma e la settimana mo giornale a svelare i contenuti Una tesi difensiva che difficil- Indagine su Minzolini a viale Mazzini:
gistri aziendali sulla poltrona di scorsa a Torino nella sede ammi- dell’indagine della Procura di mente sarebbe utilizzabile in L’inchiesta anticipata sul
direttore del Tg1 era planato un nistrativa. Chissà se il Tg1 igno- Roma, nata grazie a un esposto qualsiasi ufficio pubblico da un “Fatto” del 18 marzo scorso accertamenti

CASO MINZOSPESE
SGARBI “Rinuncio
a Raiuno per 3 milioni” L’OPPOSIZIONE IN CDA CHIEDERÀ LA SOSPENSIONE
di David Perluigi di Fabrizio d’Esposito dell’Usigrai. Ieri il segre- so è il portavoce indagato. Se ne vada per
tario del sindacato dei il bene della Rai e del Paese”. Aggiunge
sei giorni dalla messa in onda non mi sento rispettato e ga- adesso: sospenderlo o no? giornalisti Rai, Carlo Ver- Pancho Pardi, capogruppo dell’Idv nella
“A rantito dalla Rai”: Vittorio Sgarbi è un po’ teso per le sorti del
suo programma tv in Rai che potrebbe slittare fino al 25 maggio.
E L’ingombrante quesito
aleggia da ieri sul consiglio di
na, è rimasto zitto. Ma so-
lo per un atto di cortesia:
Vigilanza Rai: “Minzolini indagato dalla
procura di Roma è una buona notizia per
L’altra sera ha addirittura tentato, sgomitando, di avvicinare il pre- amministrazione della Rai. In- ricevuto per la prima vol- tutti i cittadini perché la carta di credito
sidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, durante un ricevimento del- terpellati dal Fatto, Nino Rizzo ta dal nuovo dg Lorenza con cui ha dilapidato ben 68 mila euro in
l’ambasciata israeliana. Senza riuscirci pare. Così ieri ha improv- Nervo e Giorgio Van Straten, Lei non ha voluto fare di- 15 mesi appartiene all’azienda, sono cioè
visato una conferenza stampa negli studi tv. Una telecamera del all’opposizione nel cda di Via- chiarazioni polemiche soldi del canone”.
nostro sito web registra tutto, insulti compresi al Fatto quando le Mazzini, riferiscono di non sull’azienda. Ma la posi- Com’era prevedibile, Minzolini si è difeso
Sgarbi si rivolge a un giornalista dicendogli: “Ah sei di Repubblica, avere “commenti da fare”. Riz- zione dell’Usigrai resta parlando di “operazione politica” contro
pensavo fossi del Fatto, perché quelli lì mi stanno sui coglioni”. zo Nervo, centrista del Pd, pre- sempre la stessa: cioè di lui ed è ritornato sulla questione del
Quindi l’elenco di problemi avuti con l’azienda che, nonostante cisa che “non dichiara sulle in- Paolo Garimberti (F A ) OTOcontro le “coperture
NSA benefit avuto in cambio dell’esclusiva
tutto, ha pattuito il costo di 1,4 milioni di euro a puntata per cinque chieste in corso”. Van Straten, omertose” date da Masi giornalistica perché il presidente Paolo
puntate, più un milione di euro per il conduttore Sgarbi: “Ho saputo scrittore scelto a suo tempo da Veltroni, si al direttore del Tg1. Non solo: se poi Min- Garimberti gli aveva chiesto di interrom-
soltanto l’altro ieri, telefonando al direttore generale Rai, Lorenza spinge più in là: “Io sono un amministra- zolini non dovesse essere sospeso si cree- pere la collaborazione con il settimanale
Lei, che non avrei potuto andare in onda con la puntata dedicata a tore e quindi sono abituato a fare, non a rebbe una disparità di trattamento con berlusconiano Panorama (peraltro ripresa
Dio. Mi è stato detto che la puntata non sarà più in diretta. Perché parlare”. Segno, questo, che la richiesta Ignazio Scardina, fermo da anni per il suo proprio nell’ultima settimana). Il diretto-
non chiedono la stessa cosa anche a Santoro, Floris, Saviano?”. di sospensione potrebbe arrivare presto coinvolgimento nell’inchiesta napoleta- re del Tg1 paragona la Rai “al delta del Me-
Infine la terribile minaccia: “Non so più cosa fare. Ho la sensazione sulla scrivania del presidente Paolo Ga- na di Calciopoli. kong” (la guerra in Vietnam) e sorride
che il direttore di rete, Mauro Mazza, viva rimberti, che però sarebbe intenzionato Sul fronte politico, è l’Italia dei Valori a perché la “notizia è finita sui media a due
questo programma come imposto dall’alto e a muoversi con “la massima prudenza”. cavalcare la notizia. Sostiene Antonio Di giorni dalle elezioni”. Dice Maurizio Ga-
cioé dall’ex dg Mauro Masi. La mia agenda è Per un motivo semplice: il centrodestra Pietro: “Siamo noi che abbiamo fatto la sparri, capogruppo del Pdl al Senato:
molto piena. Sono pronto a rinunciare, ma- su Minzolini indagato andrà al muro con- denuncia alla procura di Roma per pecu- “Quella sul direttore Minzolini è un’in-
gari con una trattativa come quella che fece tro muro, forte dell’assoluzione interna lato o truffa aggravata. Minzolini invece chiesta ridicola. Piuttosto i magistrati in-
Enzo Biagi, che trattò per 1,5 milioni di euro, impartita con una lettera dall’ex direttore di sparare contro di noi, corresse dal giu- daghino su Michele Santoro che ha invi-
io voglio 3 milioni”. Peccato che Sgarbi non generale Mauro Masi. dice a chiarire la sua posizione. Dimostri tato ad Annozero uno come Massimo Cian-
abbia mai fatto gli ascolti di Biagi. Ahi lui. Niente sospensione, quindi, alla fine. No- davanti a lui che non ha commesso alcun cimino che si è servito della popolarità
nostante la probabile mossa dell’opposi- reato. Finora lui era il portavoce nel ser- televisiva per fare tranquillamente il truf-
zione. È questo, per esempio, il timore vizio pubblico di una parte politica. Ades- fatore”.
pagina 4

“A
AL VOTO

ccertati che chi voterai sabato e propria opinione nella pagina facebook realizzata ad Boeri e il candidato sindaco Giuliano Pisapia. “Noi,
Legambiente domenica non sia una scoria hoc affinché gli italiani possano farsi governare da quando saremo al governo di Milano sosterremo le
radioattiva”. A lanciare la chi veramente rappresenta gli interessi dei cittadini energie pulite e gli incentivi all’efficienza energetica
campagna “Candidati denuclearizzati” è italiani dichiarando subito, senza se e senza ma, un degli edifici pubblici e privati, vecchi e nuovi. E
lancia i candidati Legambiente. L’associazione ambientalista, da deciso no all’atomo. Nel giro di poche ore più di metteremo le municipalizzate al servizio degli
sempre schierata contro il nucleare, nei giorni cinquanta candidati hanno raccolto l’appello di interessi dei cittadini. La green economy sarà la
scorsi ha invitato chi è in lista per un posto da Legambiente. Da Milano i primi a dichiararsi contro chiave di volta per far ripartire Milano e il Comune
“denuclearizzati” sindaco o consigliere comunale a esprimere la il nucleare sono stati il capolista del Pd Stefano dovrà dare il buon esempio riqualificando dal punto

DIARIO DI UNA CAMPAGNA


Il concerto Libertà e Giustizia Chiamami ancora
20 mila in Centrale Eco, Ovadia, Milva Suona Vecchioni

M artedì sera nel piaz-


zale della stazione
Centrale di Milano, venti-
I eri sera allo spazio Kri-
zia “l’endorsement co-
rale” del mondo della cul-
Q uesta sera Giuliano
Pisapia chiude la sua
campagna elettorale in
mila giovani hanno assi- tura. Da Umberto Eco (“Im- piazza Duomo con un
stito al concerto in soste- pegnatevi tutti in questi grande concerto di Rober-
gno di Pisapia. Sul palco giorni a convincere un vi- to Vecchioni, che ha ria-
Afterhours, Subsonica, cino di casa”) a Moni Ova- dattato il titolo della can-
Don Andrea Gallo, Roy dia, da Nando Dalla Chiesa zone con cui ha appena
Paci, Marta sui Tubi, Casi- a Roberta De Monticelli, fi- vinto Sanremo: “Chiama-
no Royale. no alla cantante Milva. mi ancora Milano”.

MILANO, B. SPARA
PISAPIA RISPONDE
“Io assolto, premier amnistiato”
di Mario Portanova candidato Lassini che ha messo ne intende di condanne e di am- niana, lo sbraco finale nelle cam- bocca buona quanto a dialettica certezza che, a differenza di Pi-
quei vergognosi manifesti”. La nistie dovrebbe saperlo bene”. pagne elettorali dove il centro- politica, Berlusconi la sostiene sapia, la Moratti non abbia “un
etizia Moratti ha perso destra rischia di perdere. Ricor- in pieno: “Non vedo come la si- passato di cui vergognarsi”. Par-

“L
risposta negativa è scontata. Ce Anzi: “Io ho rinunciato a un’am-
la testa”. Giuliano Pi- n’è anche per il presidente del nistia per affrontare il giudizio di date gli elettori avversi definiti nistra possa scandalizzarsi per- lando di guai giudiziari, è davve-
sapia lo scandisce per Consiglio, nella dichiarazione ri- merito e sono stato assolto con “coglioni” cinque giorni prima ché la Moratti ha ricordato una ro così? Ilfattoquotidiano.it ricorda
bene, prima davanti ai servata ai giornalisti, studiata al- formula piena per non aver del voto politico del 2006, quan- condanna di primo grado per il le due condanne inflitte al sin-
giornalisti e poi alle tre-quattro- la virgola: “Berlusconi continua commesso il fatto, lui invece del- do il Cavaliere arrancava? Non a proprio candidato”, afferma ai daco dalla Corte dei conti. La
cento persone chiamate allo a mistificare dicendo che ho l’amnistia ha beneficiato”. caso, mentre dall’uscita morat- microfoni di CnrMedia, sorvo- prima per l’assunzione di sei alti
Spazio Krizia di Milano da Liber- avuto una condanna. Questo A Pisapia non conviene cadere tiana prendono le distanze per- lando (proprio lui) su quanto ac- dirigenti presi da fuori e lauta-
tà e giustizia. È la risposta all’av- non è mai accaduto. E lui che se nell’abituale tattica berlusco- sino i leghisti, solitamente di caduto nei successivi gradi di mente retribuiti, senza le oppor-
versaria, che l’altroieri l’aveva giudizio. Letizia ha finalmente tune verifiche su titoli e capaci-
attaccato a freddo affermando “tirato fuori le unghie” dopo tà, né sui possibili candidati già a
che la “Corte d’assise” lo aveva una campagna che contro il Pdl libro paga del Comune. La sen-
“giudicato responsabile di fur- di Lidia Ravera avrebbe assunto, secondo Ber- tenza di primo grado condanna
to di un veicolo” in relazione a lusconi, toni “da guerra civile”. la Moratti e fissa il danno erariale
una vicenda del crepuscolo de-
gli anni Settanta. Un trascorso
Santanchè, donna da guerra IL PRESIDENTE del Consi-
in 887 mila euro, ridotti poi a
una richiesta di risarcimento di
che, secondo la Moratti, avreb-
be dovuto renderlo impresen-
pronta a poter odiare glio rispolvera poi un evergreen
delle sfide elettorali difficili, la
tabile ai milanesi moderati.
“Noi invece manterremo la cal- LEVIGATA FINO alla soglia della sempre più spesso, si deforma
paura del comunismo. “Pisapia
si vuol far passare per un mode-
Da ministro
ma”, continua Pisapia, “e con la
forza della ragione vinceremo
cancellazione espressiva, Daniela
Santanchè è costretta, per non perdere la
nell’esercizio del disprezzo, con grave
rischio per i materiali di cui è stato
rato ma ha tutta una storia di si-
nistra, ha degli alleati che sono
e da sindaco:
le elezioni”. naturale irruenza, ad armarsi i connotati:
zigomi contundenti, bocca smodata, in
ricoperto.
Che attacchi Berlusconi con “la Destra”,
l'estrema sinistra e i centri socia-
li che sono un covo di violenti e
due condanne
IL CANDIDATO del centrosi- di facinorosi, credo sia questa la
nistra sceglie di rispondere col-
grado di ingoiare l’interlocutore o parti di
esso. Voce stentorea. Collo proteso a
o lo idolatri contro la sinistra, quello che
conta, per questa Erinni corretta al cosa importante, e non quello dalla Corte
po su colpo, cercando però di frustare l’aria con le lunghe onde immobili botox, è poter odiare. Appena trova una che è avvenuto ieri sera in tra-
conservare un’immagine sere- di una capigliatura da dama scatenata ma parola pesante, la sguaina, la punta e la smissione”. dei conti per aver
na e pacata. E così lo chiede al composta, grazie alla solerzia di un spara contro il nemico (meglio se donna). Non può mancare il supporto di
suo pubblico se per caso vede manipolo di coiffeur, assunti come Se qualcuno non ha capito c’è sempre il Michela Vittoria Brambilla, che sprecato soldi
qualche differenza “tra Silvio guardie “al corpo”. Il bel viso, ahimè, dito, a chiarire il messaggio. ha chiuso una manifestazione
Berlusconi, Letizia Moratti e il del Pdl esternando la granitica dei contribuenti
IL PERSONAGGIO L’imprenditrice prestata alla politica

Brichetto Moratti, la manager con il buco intorno


di Vittorio Malagutti dell'advisory board di Syntek. tinaia di milioni di perdite. dono quattrini e basta. E poi poi 45 milioni nel 2008 e altri suo ruolo di maggiore azioni-
Milano Solo che nel frattempo è suc- Quasi peggio dell'Inter, gran tocca al marito staccare l'as- 20 nel 2009, ultimo dato di- sta e presidente dell’advisor y
cesso di tutto. passione dell'altro Moratti, segno per far fronte al passi- sponibile. Dal bilancio emerge board avrebbe comunque do-
presidente e maggiore Il gruppo fondato nel 2000 Massimo. Anche lì i bilanci so- vo. che la holding targata Moratti vuto dare un occhio alla ge-
“È azionista di Syntek capi-
tal group, società d'investi-
dalla moglie del petroliere
Gian Marco Moratti si è tra-
no da tempo in rosso profon-
do, ma almeno la squadra ha NEGLI ULTIMI cinque anni
vanta crediti per oltre 180 mi-
lioni nei confronti di una finan-
stione aziendale e alla scelta
degli investimenti.
mento attiva nel settore delle sformato in un buco senza fatto man bassa di trofei. Nel l’avventura Syntek è costata ziaria olandese, la Golden.e, a
telecomunicazioni e dei me- fondo che ha inghiottito cen- regno di Letizia, invece, si per- una somma non inferiore ai sua volta esposta verso Syntek. A QUANTO sembra gli af-
dia con sede a Monaco di Ba- 200 milioni di euro. I conti Ma le probabilità di recupera- fari sono andati a rotoli sin da
viera”. Correva l'anno 2001 e Obama style I manifesti anti-Moratti sballati della società con sede re questi prestiti sono talmen- principio. L’iniziativa è partita
Letizia Brichetto Arnaboldi
Moratti si raccontava così sul
Guida la Syntec affissi per le strade di Brooklyn da un
candidato Idv in consiglio comunale
in Baviera hanno mandato a
picco i bilanci della Securfin
te ridotte che sono state iscrit-
te all’attivo a valore zero.
troppo tardi per cavalcare a fi-
ne anni Novanta l’onda del
sito Internet del ministero
dell'Istruzione. Lei, donna
dalla sua holdings, la società di famiglia
di Gianmarco e Letizia Moratti.
Insomma, una situazione disa-
strosa. Mica male per una si-
boom della cosiddetta New
Economy. In compenso è stata
manager, “donna del fare”,
chiamata al governo da Silvio
fondazione La stessa a cui fanno capo una
serie di proprietà immobiliari
gnora che ama sfoggiare le sue
competenze manageriali. Pro-
investita in pieno dalla crisi.
Una delle operazioni meno
Berlusconi, sfoggiava orgo- in Italia e all’estero (Stati Uniti prio lei, l’erede dei Brichetto, fortunate (eufemismo) è però
gliosa l'ultimo traguardo rag- nel 2000: e Gran Bretagna), compresa la una dinastia di assicuratori molto lontana dal mondo delle
giunto in carriera. A un de- casa del sindaco in pieno cen- partiti da Genova alla fine del- nuove tecnologie. Carte alle
cennio di distanza, nella sua conta perdite tro di Milano e il castello di Ci- l’Ottocento. Certo, impegnata mano si scopre che la società
pagina online del Comune di gognola, nell’Oltrepo Pavese. a fare il sindaco, forse Letizia controllata da Letizia Moratti è
Milano, la sindaca Moratti per milioni Securfin holdings ha perso 11 Moratti avrà trovato poco tem- riuscita a perdere svariate de-
conferma: è ancora lei il socio milioni nel 2006, addirittura po da dedicare alla sua Syntek. cine di milioni con la Cargoi-
principale nonché presidente di euro 112 milioni l’anno successivo, È un fatto, comunque, che nel talia, una compagnia aerea per
Venerdì 13 maggio 2011

AL VOTO

di vista energetico i propri edifici”. Con loro anche “Bonino Pannella” . A spiegare l’iniziativa è il vice chi si presenta alle amministrative di domenica e
numerosi candidati al consiglio comunale della direttore nazionale di Legambiente: “Dobbiamo lunedì di metterci la faccia. In questa campagna il
metropoli lombarda: Maria Carla Baroni, Franco stare attenti ai candidati radioattivi. In campagna rischio è che i temi dell’energia e dell’acqua restino
Beccari, Fabia Di Drusco, Fabio Arrigoni candidato elettorale tutti si trasformano in amanti della natura sullo sfondo. Noi in questo modo abbiamo
presidente per il Pd nel consiglio di zona 1, e delle nostre città. Ecco allora un bel discrimine! sollecitato un impegno concreto e riportato al
Annamaria Chiappetti in lista con il Nuovo Polo, Con questa campagna abbiamo invitato gli elettori a centro dell’agenda una questione prioritaria visto
Camilla Notarbartolo, Michele Sacerdoti e anche chiedere al proprio candidato di dichiararsi l’imminente referendum”.
Marco Cappato, capolista per lo schieramento pubblicamente denuclearizzato, abbiamo chiesto a Alex Corlazzoli

Bat-Letizia e la storia
rivista a fumetti
GLI “ESTREMIS TI” DI GOVERNO
LA GENERAZIONE DEI SETTANTA
di Luca Telese Russa girava per San Babila
con il cane lupo? Vi pare pos-
è qualcosa di grotte- sibile che lo stimato avvocato

C’ sco e anche in qualche


modo osceno, nell’at-
tacco di Letizia-Cru-
delia Moratti a Giuliano Pisa-
pia, in questo tentativo di rie-
Gaetano Pecorella (oggi de-
putato pidiellino) tenesse ar-
ringhe accorate in cui diceva
in un’aula giudiziaria (testua-
le) che un pestaggio a colpi di
sumare frammenti di sentenze Hazet 37 “era la legittima ap-
(lette male) e singoli episodi plicazione di un principio co-
(scontornati da qualsiasi con- stituzionale”? (lo diceva nel
testo storico) per trasformarli 1987, non nel 1968). Sapevate
in strumenti contundenti da che – se si ragionasse come
bruciare – in un disinvolto sal- Bat-Letizia, nel disperato ten-
to di epoca fra il Novecento e il tativo di trattenere voti in fuga
Duemila – nel fragore di una – il gruppo di cui suo marito è
campagna elettorale. Se que- proprietario ha sulla coscien-
125 mila nell’appello del 2010 ro. E si va nel penale. L’accusa di sto giornale volesse cedere al- za i cadaveri degli operai morti
(ma come si è visto, i gradi suc- abuso d’ufficio contestata al sin- le semplificazioni trogloditi- nelle cisterne di Sarroch? Lo sa
cessivi al primo per la Moratti daco Moratti è archiviata, ma la che di Bat-Letizia, infatti, tutta Crudelia Moratti che il suo al-
non contano). Altra storia: per sentenza parla di comporta- la classe dirigente italiana – da leato Giorgio Stracquada-
un’ottantina di consulenze menti “censurabili”. Da mini- destra a sinistra – sarebbe de- nio si è vantato di essere stato
esterne assegnate in modo arbi- stro dell’Istruzione, il vizio delle stinataria di avvisi di garanzia amico – negli anni Settanta –
trario, con contorno di mob- consulenze facili le era costato postumi per i fatti (stiamo solo degli uomini dei servizi d’ordi- Acca Larentia Il primo a destra, in impermeabile è Gianfranco Fini. Di fianco
bing negli uffici comunali, la un risarcimento da 50 mila euro, a quelli inconfutabilmente ac- ne che sprangavano il giovane a lui c’è il diciannovenne Stefano Recchioni, che sarà ucciso dieci minuti dopo
Corte stabilisce in primo grado inflitto ancora dalla Corte dei certati) degli anni Settanta. Ri- missino Sergio Ramelli fino a
un risarcimento di 261 mila eu- conti nel 2010. cordavate che Massimo D'A- spargere frammenti di materia deva altri imputati esperti nel- lia. Per questo se si vuole apri-
lema ha – in altri tempi – rac- cerebrale sul marciapiede? l'uso delle chiavi inglesi) “per- re questo intrico di storia e
contato con orgoglio di aver ti- Mercoledì Stracquadanio seguiva l’obiettivo opposto”. sangue, serve la severità con
rato una molotov nei giorni ro- (persona peraltro squisita) in- Gli anni di piombo sono avvol- cui si può scrivere un libro di
venti del ‘68 pisano? Lo sape- veiva dal salotto di Exit contro ti ancora oggi nella nebbia, storia, e non la cialtronesca de-
vate che nel 1977 Gianfranco Pisapia, evidentemente a insa- perché sono la vera scatola ne- magogia con cui si giustifica
Fini era stato ferito da un can- puta di se stesso, dimentican- ra della generazione che – a de- un abuso edilizio nel nome di
delotto al ginocchio durante do, cioè, di essere stato com- stra e a sinistra – governa l’lta- un eroe dei fumetti.
pagno di Pisapia nel gruppo
parlamentare di Rifondazione
Molotov, (peraltro arrivandoci due anni

candelotti,
prima di lui, e su posizioni più
estreme). Neodirettore del Se- GHEDINI i Nar
colo d'Italia, Marcello De An-
passamontagna gelis, è stato latitante a Londra
e in passato animatore di un
e la strage di Bologna
e P38. I “giochi” gruppo musicale che si chia-
mava 270bis in omaggio all’ar-
ticolo del codice che perse-
Ssosaecheilcampagna
metro di giudizio è quello
usa il Pdl nella sua chias-
elettorale mila-
d’infanzia gue l’associazione sovversiva. nese, allora si può dire tutto. Se
Ci sono molti ex ragazzi del anche con sentenze che ne ga-
della classe servizio d’ordine di Capanna rantiscono l’innocenza passate
che hanno incarichi di massi- in giudicato, il candidato sinda-
dirigente italiana ma responsabilità a Mediaset, co del centrosinistra Giuliano
e Gad Lerner mi raccontò Pisapia deve essere additato co-
commosso di quel carissimo me un nemico della democra-
gli scontri con le forze dell’or- amico che un bel giorno infilò zia cresciuto in un brodo di cul-
dine? Il ragazzo con cui parla- la testa in un forno stroncato tura di estremismo rosso, allora
va fino a pochi secondi prima, dai sensi di colpa per aver aiu- si può anche dire che l’avvoca-
accendendosi con lui una siga- tato gli assassini di Ramelli. to del premier, Niccolò Ghedini, onorevole al di so-
retta, era diventato cadavere Uno dei più stimati editoriali- pra di ogni sospetto, visse la sua gioventù nel brodo
solo da pochi istanti. Sapevate sti di Repubblica, Adriano So- di cultura dell’estremismo nero. Interrogato in que-
il trasporto merci. Nel 2008 lanese, Eckhard Pfeiffer, già che Fabrizio Cicchitto ha fri, ha sulla testa una sentenza stura, a Bologna, il 27 settembre 1980, il ventunen-
Syntek ha messo in vendita l’a- numero uno di Compaq com- detto, solo tre anni fa, “io sono definitiva per l'omicidio di Lui- ne che pochi anni dopo sarebbe diventato il cavallo
zienda, passata al gruppo Leali puter e molti altri ancora. uno di quelli che si vanta di gi Calabresi. Franco Frattini di razza dello studio legale di Piero Longo, era uno
con il supporto di Banca Inte- aver fatto a botte con i fasci- se l'è vista brutta quando dif- degli iscritti del Fronte della Gioventù nella tumul-
sa. Il conto finale è stato pe- NELL’ELENCO spunta an- sti”? Ricordavate che il futuro fondeva Il Manifesto, Lino Mic- tuosa sede del Movimento Sociale del quartiere Ar-
santissimo: 76 milioni di per- che il nome di Sonja Kohn, sindaco di Roma si è fatto qual- ciché ha fatto a botte per di- cella di Padova. Dall’autunno ‘76 al dicembre ‘77 il
dite. Un mezzo crac che ha la- banchiera con base in Austria che giorno di carcere con un fendere Lotta Continua. Ma segretario di sezione era Roberto Rinani sopranno-
sciato il segno nel bilancio del- che dopo la sua esperienza in suo camerata (Paolo Di Nella) siccome la storia è anche com- minato “Ammiraglio”, più volte denunciato per atti
la holding. Syntek è stata travolta dal crac che poi è stato barbaramente plessità, e non può essere di violenza politica e sospettato, anni dopo, di aver
Speranze di recupero? Pochi- di Bernard Madoff. Era lei, que- assassinato dagli autonomi. scritta come una Bat sceneg- avuto un ruolo anche nella strage della stazione di
ne, al momento. E pensare che sta l’accusa, a vendere in Eu- Che la celtica al collo di Gian- giatura, io non mi scordo che Bologna del 2 agosto 1980. Proprio per questo, po-
nel 2000, per lanciare la neo- ropa i prodotti finanziari del ni Alemanno, ancora oggi, è nel 2005 Ignazio La Russa, ri- co più di un mese dopo quella deflagrazione, lo stu-
nata Syntek, i Moratti chiama- bancarottiere americano, pro- quella di Paolo? Che lo hanno costruendo quella madre di dente in Legge Ghedini fu chiamato dalla polizia a
rono a raccolta una schiera di tagonista di uno dei crac più arrestato anche per aver fer- tutte le battaglie che è stato raccontare le sue frequentazioni. Quelle parole le
consulenti d’eccezione. Un clamorosi della storia di Wall mato la macchina di George proprio il processo Ramelli confermò in aula il primo febbraio del 1988, testi-
vero parterre di grandi nomi Street. La Kohn, così come Bush (quello meno scemo). (lui difendeva la famiglia), mi mone nel primo processo sulla bomba alla stazione.
della finanza internazionale. gran parte degli altri consulen- Sapevate che il professor Toni diceva che in quella sede Pisa- Parlò del gruppo di Rinani che esercitava violenza
Scorrendo l’advisory board si ti, ha da tempo rotto i rapporti Negri, oggi stimato saggista pia (che difendeva alcuni degli politica (“era personaggio di spicco tra quelli che
incontrano personaggi come con Syntek. Motivi d’immagi- (non da noi) tesseva l’elogio imputati) era stato un genti- conoscevo”), ma non aveva contezza che detenes-
Antoine Bernheim, a lungo ne: meglio tenere le distanze della P38 impugnata da chi si luomo impeccabile con cui lui se esplosivi. E parlò di Franco Giomo (“siamo usciti
presidente delle assicurazioni da una società che perde soldi camuffava con il passamonta- aveva collaborato per una sen- assieme un paio di volte”) vicino ai Nar. Vatti a fidare
Generali, l’avvocato Sergio a rotta di collo. Così, alla fine, il gna per sparare? Che Pier- tenza equa (“Condanna seve- degli anni ‘70. e.d.b.
Erede, titolare di uno degli stu- cerino acceso è rimasto a Le- paolo Cento picchiava come rissima, pena meno severa”),
di legali più noti nella city mi- tizia Moratti. E il marito paga. un fabbro? Che Ignazio La mentre Pecorella (che difen-
pagina 6 Venerdì 13 maggio 2011

I
AMMINISTRATIVE

l sindaco del Comune di Montesarchio politico e imprenditore, a 24 anni fonda la Seieffe produzione di superfici di quarzo. Il successo del
Arrestato sindaco (Benevento), Antonio Izzo e l’assessore ai Prefabbricati S.p.A, azienda leader nel settore della marchio è legato al prodotto Okite che esporta in
Lavori pubblici e Protezione civile della sua prefabbricazione con oltre 300 occupati e interessi vari paesi. Nel 1996 viene eletto a presidente
giunta, Silvio Paradisi sono stati arrestati dai in Stati Uniti, Australia e Medio Oriente, e con dell’Unione Industriali di Benevento e nel 2003 con
del beneventano carabinieri con l’accusa di associazione camorristica attività che variano dalle costruzioni civili, industriali l’elezione a sindaco di Montesarchio sotto le
e reati elettorali. Sono accusati di essersi fatti e stradali, alla fabbricazione, dalle forniture alle insegne di una lista civica. Lo scorso anno, alla vigilia
sostenere nella campagna elettorale in corso dal imprese (conglomerati bituminosi, materiali calcarei alla ultime Regionali, l’adesione al Pdl, presentata in
per legami con la camorra clan camorristico Iadanza-Panella. Antonio Izzo, e calcestruzzo preconfezionato) fino alla pompa magna dalla deputata Nunzia Di Girolamo.

LA LEGALITÀ DI B. PER NAPOLI:


“STOP ALLA DEMOLIZIONE DI CASE ABUSIVE”
La Lega è contraria. I pareri di elettori illustri sui candidati
Piazza del Plebiscito (FOTO ANSA)

di Vincenzo Iurillo situazione simile, il premier Ber- namento, invece di pensare a tu- Claudio Rosaria Gianfelice
lusconi che fa? Atteso oggi a Na- telare l'ambiente e sostenere il Baglioni Di Cicco Imparato
Nle eapoli va al voto soffocata da
due emergenze. Quella, visibi-
odorabile, di oltre 2000 ton-
poli per tirare la volata a Gianni
Lettieri, annuncia ai microfoni
della napoletana Radio Kiss un
nostro territorio con iniziative
che mirino alla qualità della vita,
dell'aria e dell'acqua, il premier
cantautore
Ho firmato
l’appello a
attrice
Voto De
Magistris
attore
L’attore di
Gomorra, di
nellate di spazzatura sparpagliata imminente provvedimento per annuncia l'ennesima legge ad favore di Mario perché tra tutti i origini stabiesi
tra le piazze e le strade del centro fermare gli abbattimenti delle ca- hoc”. Ancora più duro Luigi De Morcone candidati è il si schiera con
e delle periferie, che nemmeno il se abusive. L’ennesimo premio Magistris, candidato sindaco di perché se vivessi a Napoli più adatto a combattere la l’ex pm di Why Not. “Avrei
rutilante intervento dell’esercito per chi viola le leggi - ma la Lega Idv e della Federazione della Sini- non avrei esitazione a camorra e il malaffare che voglia di puntare su una
è riuscita a risolvere. E quella, in- Nord si è messa di traverso, an- stra: “In un territorio in cui la ca- votarlo. Ha grandi capacità hanno inquinato Napoli. figura nuova come De
visibile ma comunque percepibi- nunciando che non sosterrà il de- morra controlla il settore dell’edi- amministrative e sa gestire le Perché non gira con il Magistris, che si presenta
le, di una camorra che si infiltra creto - che segue la firma sul rein- lizia e perfino il mercato della pro- situazioni complesse, qualità codazzo come tutti i politici. con una forza politica che
nelle liste, fa pressioni sugli elet- tegro in consiglio regionale di duzione di cemento di scarsa qua- che ha dimostrato in lunghi Perché non parla in chiede il rispetto delle
tori, sta tentando e tenterà in tutti due condannati per reati gravi, di lità, lo stop alle demolizioni è una anni trascorsi come integro politichese. Si emoziona e mi regole. Basterebbe far
i modi di condizionare le elezioni cui uno per camorra. “Ecco cosa benedizione verso l’illegalità più servitore dello Stato. Con emoziona. Ha voglia di rispettare quelle che già ci
e la futura amministrazione. Nei intende la destra quando parla di totale, un assist ai boss e ai loro Mario ho avuto bellissime portare aria pulita. Mi sono, non c’è bisogno di
giorni scorsi l’edizione napoleta- legalità” commenta il candidato interessi economici. Niente di occasioni di collaborazione ricorda la meravigliosa nuove leggi. Lo voterei
na di Repubblica ha rivelato che la sindaco di Pd e Sel Mario Morco- nuovo, in pieno stile berlusconia- per progetti sociali e sono stagione dei girotondi, il più anche perché il Pd a Napoli
Digos sta indagando su 1300 can- ne a proposito dello stop agli ab- no: dopo decenni di leggi crimi- tuttora un suo grande amico. bel periodo di impegno ha gestito la cosa pubblica e
didati ritenuti in qualche modo battimenti. “In una città invasa nogene, francamente non c’è da Credo che Napoli debba civile e politico degli ultimi la cultura in modo lobbistico.
contigui, per parentele o prece- dai rifiuti e con problemi di inqui- stupirsi”. affidarsi a qualcuno come anni. Mi piace il fatto che il Sul versante della legalità
denti di polizia, agli ambienti dei lui, che sia capace di andare suo staff sia composto però è bene dire che sarà
clan. Un numero enorme sul to- oltre la rassegnazione e la interamente da giovani. difficile per chiunque,
tale dei candidati, circa 7000. In delusione, che sia in grado di Come mi ha colpito la nessuno ha in tasca la ricetta
pratica uno su cinque. Di questi, il creare le condizioni di una costante presenza della sicura per affrontare una
70% concorre alle municipalità, rinata fiducia nel madre al suo fianco in questione ricca di
‘primo passo’ per conquistare le cambiamento di cui questa campagna elettorale, la componenti non facilmente
istituzioni e fare carriera, per poi città ha bisogno. E per fare interpreto come un segnale gestibili. Io non ho dubbi
essere promossi in una tornata questo bisogna farla finita di trasparenza. Luigi è un sull’onestà e buona fede di
successiva al consiglio comunale. con la demagogia che Masaniello in senso positivo, Bassolino e dei suoi. Credo
Cinque candidati sono stati già caratterizza certi approcci ai gli auguro di avere la stessa però che la sua vicenda di
esclusi dalle liste per le elezioni problemi della città o con gloria senza fare la stessa gestione del potere assomigli
comunali, a causa di condanne trasversalismi equivoci, che fine. Masaniello venne al detto napoletano del
passate in giudicato. Mentre per garantiscono i loro interpreti abbandonato da tutti. Ma noi carbone: ‘Appicciato ti
le municipalità l’informativa non vecchi e nuovi, senza non abbandoneremo De brucia, astutato ti tigne
è ancora arrivata. Di fronte a una guardare al futuro della città. Magistris. (sporca, ndr)’.

Reggio Calabria stregata da “nu bellu figghiolo”


IL CANDIDATO PD MASSIMO CANALE STA PICCONANDO L’EREDITÀ DI SCOPELLITI E DEL CENTRODESTRA
di Enrico Fierro È tutto finito, travolto da uno tivo costruire un mirabile peggia un polo civico di cen-
tsunami di debiti e con l’om- Waterfront, negozi, centri tro. Sindacalista, segretario
Reggio Calabria si vota e bra di un cadavere, quello commerciali, museo del ma- del Pci, presidente del Consi-
Apubbliche
piovono soldi per opere
e strade, lungoma-
della superconsulente Orso-
la Fallara, che i “salotti” reg-
re, centri multimediali. Co-
sto 100 milioni. “Il tutto – an-
glio regionale, Bova è uno dei
mammut fuggiti dal Pd. Guida
re e aeroporto. Lo annuncia a gini hanno frettolosamente nunciò l’immaginifico sinda- un “polo civico” e ai comizi si
pochi giorni dal voto Giusep- sepolto e dimenticato. Il co- co – sorgerà su quello che un fa accompagnare da Pasquale
pe Scopelliti, l’ex sindaco, mune è sull’orlo del default fi- tempo è stato definito da Ga- Tripodi, un altro che ha girato
che nel 2010 ha preferito ac- nanziario, oberato dai debiti: briele D’Annunzio il chilo- mille partiti, e che da consi-
comodarsi sulla poltrona di 80 milioni di spese liquidate metro più bello d’Italia”. Una gliere regionale salì agli onori
governatore della Calabria. e non pagate, con i dipenden- favola metropolitana che An- della cronaca per l’arresto di
C’è di tutto e di più, ma nella ti delle ditte appaltatrici sen- tonio Calabrò, uno straordi- un suo autista che in macchi-
città del “festa, farina e forca” za stipendio da mesi, 23 mi- nario ferroviere-scrittore, ha na nascondeva un vero e pro-
non poteva mancare il colpo lioni di euro di Irpef per l’e- smontato pezzo dopo pezzo prio arsenale. Massimo Cana-
di teatro: tre serate di Miss Ita- sercito di dipendenti comu- sul sito Internet Zoomsud. “Il le è sicuro di farcela, è circon-
lia a giugno. È il “modello nali non versati all’Erario dal Vate, che soffriva pure il mal dato da giovani e ha trascinato
Reggio”, il segreto delle 2008 al 2010 e una tempesta di mare, non è mai stato a Il lungomare di reggio Calabria con gli scavi archeologici (FOTO ANSA) nella sua avventura una figura
straordinarie vittorie eletto- finanziaria che minaccia di Reggio. È transitato una volta straordinaria: Fausta Ivaldi,
rali di Scopelliti, giovane pro- abbattersi sui cittadini. Se- soltanto dallo Stretto a bordo Arena ripete in ogni comizio Lamberti Castronovo, un edi- una signora settantenne del
messa del berlusconismo, condo gli uffici del Comune del suo yacht veleggiando che lui vincerà al primo tur- tore televisivo che quattro an- profondo Nord. Anni di vo-
con un passato da pupillo di (consuntivo del 2009) i reg- per la Grecia. Non ha mai no, che straccerà gli altri 6 ni fa Marco Minniti scelse co- lontariato in Africa fra care-
Gianfranco Fini. Nel 2007 gini sono pessimi pagatori, scritto nulla sulla via Marina, aspiranti sindaci, e soprattut- me candidato sindaco del stie e guerre, poi una lunga
stravinse e stappò bottiglie di evadono tutto, Ici, Tarsu, ac- e forse l’ha vista solo col bi- to lui: Massimo Canale. É un centrosinistra, ora è col cen- esperienza ad Arghillà, uno
champagne nel suo quartier qua, multe, per 141 milioni di nocolo”. avvocato di 41 anni che gli trodestra, Peppe Bova, dal dei quartieri più poveri della
generale, l’ex Cinema Mar- euro, praticamente 759 euro amici chiamano Maso, consi- 1990 consigliere regionale città. “Massimo mi ha convin-
gherita, gentilmente e gratui- a cranio. Lattanti compresi. ANCHE QUESTA bufala, gliere comunale che ha dato (famosissimo per i suoi rim- to a candidarmi. Reggio deve
tamente messo a disposizio- “Ma è una bufala – dice Mas- però, è riuscita a far dimenti- filo da torcere alla maggioran- borsi-macchina faraonici), ca- cambiare”.
ne dal “re dei videopoker” simo Canale, candidato a sin- care ai reggini debiti e buche, za. Da mesi gira col suo “pul-
Gioacchino Campolo, nei daco per una parte del cen- la città che si allaga e frana ad mino del cambiamento”, un
mesi scorsi condannato a 18 trosinistra – la verità è che gli ogni pioggia, e a decretare il furgone che guida lui perso-
anni di galera per estorsione accertamenti sono stati gon- successo a botta del 70% dei nalmente, batte le periferie e i
e rapporti con la mafia. Anni fiati per giustificare le spese voti del centrodestra e di Pep- mercati rionali. “Guardate
di spese folli per le notti bian- fatte in questi anni lasciando pe Scopelliti. Un’altra era. che bellu figghiolo”, si pre-
che e i concerti di sir Elton al futuro solo debiti”. Si vive Perché ora in città governato- senta così. Lo sostiene il Pd,
John, le passeggiate di Vale- di illusioni e di balle in riva al- re e Pdl temono lo smotta- Rifondazione comunista e
ria Marini portata da Lele Mo- lo Stretto, una chiama in cau- mento. I sondaggi fin qui pub- due liste civiche. Comunisti
ra grazie ai buoni uffici del sa addirittura Gabriele D’An- blicati non sono buoni. Il can- italiani, Sel e Idv lo hanno
fratello massone Pasquale nunzio. Ed è nata quando didato voluto da Scopelliti, snobbato, preferendogli l’ex
Rappoccio e di un pezzo da Giuseppe Scopelliti volò a Demetrio Arena, detto Demi, segretario dell’Mpa di Raffae-
novanta della ’ndrangheta Londra per incontrare due ar- è 30 punti sotto il 69% toccato le Lombardo, Aldo de Caridi.
trapiantata a Milano come chistar mondiali, Zaha Hadid da Pdl & associati alle ultime Trasformismi reggini, passag-
Paolo Martino. e Patrick Schumacher. Obiet- elezioni comunali del 2007. gi da una sponda all’altra.
Venerdì 13 maggio 2011 pagina 7

L
CRICCHE

a loggia Propaganda massonica, come si Dopo la Prima guerra mondiale, il Gran Consiglio nome “Propaganda 2” per ragioni di numerazione
Una storia chiamava in origine, fu istituita nel 1877 del fascismo dichiarò l’incompatibilità tra fascismo delle logge italiane imposte dal Grande Oriente
dal Gran maestro Giuseppe Mazzoni, e massoneria. Due anni dopo le leggi fasciste d’Italia e venne riorganizzata sotto l’influenza della
ma fu Adriano Lemmi (Gran maestro dal 1885 al abolirono le libertà di stampa e di associazione, massoneria americana.
che affonda le radici 1895) a riunire al suo interno deputati, senatori e costringendo il Gran maestro del Grande Oriente La relazione della Commissione parlamentare
banchieri del Regno d'Italia che, in ragione dei loro d’Italia, Domizio Torrigiani, a firmare il decreto di sulla P2, firmata da Tina Anselmi, scoprì che Frank
incarichi, erano costretti a lasciare le loro logge scioglimento di tutte le logge. La Liberazione sancì Gigliotti era il punto di contatto tra la massoneria
nell’ottocento territoriali e stabilirsi a Roma. la rinascita della loggia Propaganda, che prese il italiana e americana.

P2: 30 ANNI DOPO


L’ANTISTATO
NON SI NASCONDE PIÙ
Un convegno a Parma sulla Loggia
che oggi “si è fatta Stato”
di Stefano Caselli dagano sulla bancarotta di Mi- mentare presieduta da Tina An-
chele Sindona e sull’omicidio di selmi.
eparazione delle car- Giorgio Ambrosoli, commissa- Se quell’esperienza sia servita a

“S
Il “venerabile maestro” della loggia P2 Licio Gelli, (FOTO LA PRESSE)
riere tra pubblici mini- rio liquidatore della Banca pri- qualcosa o sia caduta nel vuoto
steri e giudici, divieto
per la magistratura di
vata italiana. Durante l’inchie-
sta si imbattono in un più o me-
è stato oggetto del convegno
“P2, 30 anni dopo” organizzato
Raffaele Fiengo: l’indignazione e fino alla morte
Pertini non volle mai stringere
Sandra
comunicare con la stampa, re-
sponsabilità in capo al ministe-
no oscuro personaggio cui mol-
ti sembrano tributare grandi
ieri a Parma con il giudice Giu-
liano Turone e – tra gli altri – l’ex
“Capimmo la mano a nessun piduista”.
Anche Antonio Padellaro, allo-
Bonsanti:
ro della Giustizia dell’azione pe-
nale, privatizzazione della Rai,
onori. Si chiama Licio Gelli e vi-
ve ad Arezzo. Il 17 marzo Co-
senatore Sergio Flamigni e i
giornalisti Sandra Bonsanti, Raf-
che il Corriere ra giornalista del Corriere della
Sera, ricorda bene quei giorni
“Ma qualcuno
controllo dei giornali un sinda- lombo e Turone ordinano la faele Fiengo e il direttore del Fat- del 1981: “Entrai trafelato nella
cato collaborativo nell’interes- perquisizione di tutti i domicili to Quotidiano Antonio Padellaro. c’era dentro redazione romana con l’elenco si indignava:
se della nazione, eliminazione riferibili a Gelli, tra cui l’ufficio Il Corriere della Sera – che anno- dei nomi. C’era la riunione e da
di feste come il 1 maggio e il 25 della “Gioele” di Castiglion Fi- verava tra i piduisti l’editore, fino al collo Milano era collegato il direttore Pertini non
aprile”. Appunti dal Piano di ri- bocchi. È qui che salta fuori la l’amministratore delegato e il Di Bella. Dissi che avevo la lista
nascita democratica, andati in lista (quasi certamente incom- direttore – uscì con le ossa rot- e rielaborammo e Di Bella chiese: ‘Ah sì? E chi strinse mai mani
scena ieri al Teatro Due di Par- pleta) di oltre 980 affiliati alla te: “Ricordo la notte in cui fu- c’è?’ . ‘Beh – risposi io – vera-
ma. È fin troppo facile rilevare loggia segreta P2, un sovrastato rono resi noti i nomi – racconta tante cose” mente ci sei anche tu’. Non ri- a piduisti”
le affinità tra il piano della P2 e illegale che si rivelerà invischia- Fiengo, una vita in via Solferino cordo un silenzio simile in tutta
l’attualità, ma è più che mai ne- to nelle peggiori trame crimina- – capimmo che il giornale c’era la mia vita”. Dall’altra parte del
cessario, soprattutto in questi li della storia recente italiana, dentro fino al collo e comin- intervista preconfezionata di telefono c’era anche Enzo Bia- finitivamente dalla parte che si
giorni, in cui ricorre il trentesi- cui aderiscono politici, impren- ciammo a rielaborare tante co- Maurizio Costanzo a Licio Gelli gi, che uscì dalla sala riunioni di rifà alla Costituzione. La diffe-
mo anniversario della scoperta ditori, magistrati, militari, gior- se accadute dal 1976 in poi. Ho dal titolo ‘Il fascino discreto del via Solferino per ultimo, sibilan- renza tra ieri e oggi, per usare
della superloggia segreta guida- nalisti, esponenti dei servizi se- curato per la Commissione An- potere nascosto’ erano chiari do “Che vergogna” dopo l’auto- un’espressione di Gherardo
ta da Licio Gelli. Un anniversa- greti. La lista viene resa nota il selmi un dossier di 374 pagine, segnali per preparare l’opinio- difesa del direttore, come rac- Colombo, è che oggi c’è meno
rio che sembra passare parec- 21 maggio 1981, ed è un terre- che a rileggerlo ora mette i bri- ne pubblica a una svolta auto- contato da Maurizio Chierici, ipocrisia; nel senso che l’anti-
chio sotto silenzio, forse per- moto politico senza preceden- vidi: titoli come ‘Bisogno di pu- ritaria”. Qualcuno oggi vorreb- organizzatore del convegno. stato non ha più bisogno di na-
ché non c’è nulla da celebrare; ti. Trent’anni dopo alcuni illu- lizia’, ‘Giustizia umiliata’, ‘Scuo- be liquidare la P2 come la storia “L’attualità del potere occulto – scondersi, si è fatto stato e ti ri-
semmai da ricordare, ed è ope- stri esponenti di quella lista (a la rotta’, ‘Piaga sanità’, “Polizia di un innocuo comitato d’affari: ancora Padellaro – è il cuore del pete in continuazione ‘non c’è
razione assai più impegnativa. partire da Silvio Berlusconi, tes- liquefatta’, l’esaltazione al limi- “Sandro Pertini – racconta San- problema italiano, di quella lot- niente da fare, abbiamo vinto
È il marzo 1981. Due giovani sera 1.816) sono ancora in sce- te del parossismo delle forze ar- dra Bonsanti, allora cronista di ta tra stato e “antistato” che, a noi’. Come ben ripete, puntua-
magistrati milanesi, Gherardo na, nonostante il poderoso la- mate durante il terremoto del- Repubblica – non la pensava così. fasi alterne, va avanti dal 1946 e le ogni sera dopo il Tg1, Giulia-
Colombo e Giuliano Turone, in- voro della Commissione parla- l’Irpinia del 1980 e l’incredibile Il Quirinale si mise alla testa del- che nel 1981 sembrava vinta de- no Ferrara”.

LO STRANO FEELING CON MICCICHÉ Mora scaricabarile: Ruby portata


URSO CON UN PIEDE FUORI DA FLI? ad Arcore da alcuni imprenditori
di Giuseppe Giustolisi collocazioni parlamentari e politiche”. Sarà. di Antonella Mascali Melania Tumini. “Sono bugiarde”, è il suo com-
Ma aggiunge anche: “Certo se il partito doves- mento lapidario.
on posso ritornare nel partito da cui sono se condividere le posizioni di Granata, ne alle “vecchie cornacchie”, così si chiamava- Si spertica in lodi, invece, per Berlusconi: “Una
“N uscito”. Per Adolfo Urso è una questione
di onore e lo ribadisce sottovoce, non senza
prenderei serenamente atto”.
Per adesso c’è solo una convergenza di intenti
D no fra loro Emilio Fede e Lele Mora, ai “tre persona speciale, che mi ha aiutato nel momen-
capponi finiti in padella”. to del bisogno”. Ed ecco il messaggio per dirgli
una punta di rimpianto, ai fedelissimi che lo chiamata dialogo, destinata ad evolversi dopo Copywriter, l’agente che ha voluto parafrasare che non può abbandonarlo al suo destino giu-
attorniano a margine del convegno “Fare Ita- le elezioni. Alla fine del convegno il duo Ur- i capponi manzoniani (anche se erano quat- diziario: “Ha promesso che se avrò bisogno mi
lia-Fare Sud”, organizzato a Catania nei giorni so-Micciché scambia un rapido saluto. Un’oc- tro), per lanciare un appello ai suoi coimputati aiuterà ancora”. Il Cavaliere ha già sganciato a
scorsi insieme al sottosegretario Gianfranco chiata di intesa e Urso sussurra al sottosegre- Fede e Nicole Minetti, coinvolti nel caso Ruby: Mora un milione e 200 mila euro. Non un re-
Micciché. Invitato speciale il neo sottosegre- tario: ”Mi raccomando tu lavora a quella cosa, siamo sulla stessa barca, restiamo uniti. galo, precisa, “ma un prestito. In tribunale por-
tario della Destra Nello Musumeci. io a quell’altra”. E non importa se un paio di Mora ha parlato durante una conferenza stam- terò una lettera per dimostrarlo”. E difende Fe-
La sortita di Urso ha scombussolato i vertici nostalgici del vecchio Msi siciliano immorta- pa a Milano, organizzata per la presentazione de a proposito di 400 mila euro: “Non ha fatto
nazionali di Futuro e Libertà e fatto partire una lano con uno scatto i camerati di un tempo che del “festival anni ’80” che si terrà ad agosto a alcuna ‘cresta’. Appena il presidente del Con-
serie di accuse incrociate. “L’iniziativa del col- fu, Urso, Musumeci, e l’assessore comunale San Mauro Pascoli, in Romagna. Vestito grigio a siglio mi ha dato quei soldi, ho restituito ad Emi-
lega è inopportuna e offensiva anche nei con- Pdl Fabio Fatuzzo. Indietro non si torna. Il fu- quadrettoni, camicia rosa, il talent scout era se- lio il denaro che mi aveva prestato”.
fronti di Gianfranco Fini”, è andato giù duro turo è la lega del sud, la possibile sorpresa delle duto in mezzo alla drag queen Platinette e al- Per i suoi coimputati di induzione e favoreg-
Fabio Granata. “Nessuno di Fli è stato invitato consultazioni elettorali a venire. l’avvocato Nicola Avanzi. giamento della prostituzione, anche minorile,
al convegno”, ha rilanciato lo stato maggiore Destra e Sud sono due parole chiave del con- Si è proclamato innocente: “Non sono un pap- Mora non ha parole pesanti nonostante gli ab-
del gruppo finiano. Pronta la replica dei depu- vegno che possono andare a braccetto: “La me- pone, un magnaccia”; ha lanciato un messag- biano addossato l’arrivo di Ruby ad Arcore: “Mi-
tati regionali vicini a Urso: “Al convegno è stato ridionalità è nel codice genetico della destra” gio a Silvio Berlusconi: “Se avrò bisogno mi aiu- netti becca me, Fede becca me, ma tutti e tre
invitato il segretario regiona- dice Musumeci. E Urso gli fa terà”; ha dato una nuova ver- siamo finiti al forno o in padel-
le Fli Pippo Scalia”. Già Scalia, eco: “La nostra associazione sione sull’ingresso della mi- la”. Poi nega di aver mai avuto
un fedelissimo di Urso, pron-
to a mollare i finiani insieme
“Nel partito ‘Fare Italia’ vuole rinnovare il
centrodestra, ma consapevo-
norenne marocchina a villa
San Martino: “Ruby è stata
a che fare con la droga, nono-
stante una condanna a 1 anno
al suo mentore, stando alle in-
discrezioni sempre più insi-
da cui sono li di avere radici comuni che
affondano nei popolari euro-
portata ad Arcore da impren-
ditori, uomini, milanesi. Non
e 6 mesi. Nega anche che il 6
ottobre 2010, da indagato, si
stenti. Ma non sarà un ritorno
al Pdl. È una questione d’ono-
uscito non pei. Per rifare l’Italia bisogna
ripartire dal Sud depresso”.
so i nomi”. Come dire, amici o
conoscenti del premier. “Co-
trovasse assieme a Ruby, par-
te lesa, nello studio di un av-
re. Meglio guardare alla neo- Rafforza il concetto Micci- munque – ha aggiunto – non vocato: “È falso e la Boccassi-
nata Forza del Sud di Gian- posso tornare” ché: “La Lega di Bossi coman- cambia nulla, perché ad Arco- ni l’ha già visto perché con-
franco Micciché. Scalia però da a Roma e se ho deciso di re non è successo niente”. Gli trolla le celle del telefono”. A
nega: “La finalità del conve- Granata: fondare Forza del Sud è per- ricordiamo le intercettazioni, raccontare l’episodio, inter-
gno è quella di avviare una se- ché penso che una lega del le testimonianze sul bunga- cettato, è stato Luca Risso. Il
rena collaborazione con rap- “Inopportuno, sud possa contrastare questo bunga della stessa Ruby, di futuro sposo di Ruby quella
presentanti del Governo na- strapotere”. Più che dialogo Maria Makdoum, di Ambra sera parlava al cellulare con
zionale, pur nelle differenti offende Fini” sembra un’alleanza. Battilana e Chiara Danese, di Lele Mora (F E OTO ) Serena, allora sua fidanzata.
MBLEMA
pagina 8 Venerdì 13 maggio 2011

ECONOMIA

Bruxelles

GRECIA, L’ITALIA TEST NUCLEARI


PIÙ AFFARI

RISCHIA CHE SICUREZZA


di Marco Maroni

accordo per ora non


L’peoc’è.
IL CONTAGIO
Il confronto euro-
sulle centrali nucleari
è rimandato a un nuovo
summit il 19 e il 20 maggio
a Praga. Ma gli stessi termi-
ni della discussione che si
è tenuta ieri a Bruxelles, tra
Fondo monetario e Bce avvertono le autorità di controllo dei
27 paesi Ue e la Commis-
sione, sui criteri minimi di
Ma il governo fa finta di niente I rischi italiani La crisi greca può contagiare il nostro Paese
sicurezza per i 143 reattori
europei, fa intravedere un
compromesso al ribasso al
di Superbonus sca e non solo verso costosi in- ascolti ti esponi a rischi enor- se e greco. Si continua quindi a venti correttivi sui bilanci pub- di là delle aspettative. Le
terventi economici di soste- mi. Gli economisti che hanno parlare di soluzioni improvvi- blici”, mentre sui monitor gli revisioni delle centrali si fa-
Europa non è pronta a gno. È lo stesso motivo per cui strutturato il Fondo europeo sate e abborracciate che non operatori vedevano assotti- ranno sulla carta, pratica-

L’ lasciare affondare la
Grecia, non ancora, an-
che se ieri i tasso di in-
teresse sui titoli del debito
pubblico a due anni è arrivato
in Finlandia il Partito populista
che ha appena ottenuto uno
strabiliante 19 per cento alle
ultime elezioni si collocherà
all’opposizione del governo se
per il salvataggio degli Stati (Ef-
sf) si basano sulla erronea con-
vinzione che i governi possa-
no sopravvivere all’adozione
di misure altamente impopo-
rassicurano nessuno e non fan-
no che complicare le cose an-
che per Irlanda, Portogallo
Spagna e Italia che, in caso di
ristrutturazione del debito gre-
gliarsi la domanda di obbliga-
zioni europee. Il secondo ha
risposto alle affermazioni del
Fmi circa un possibile espan-
dersi della crisi greca dicendo
mente guardando i libretti
d’istruzioni. Saranno con-
dotte dalle stesse società
che gestiscono gli impianti
e anche se dovessero
al 26,77 per cento. E anche se questo accetterà di aiutare il lari. Ma le cose non stanno an- co, sarebbero le prime a essere “sono convinto che siamo al emergere delle criticità,
il Fondo monetario interna- Portogallo (della Grecia anco- dando così lisce. Risultato: colpite dall’ondata di diffiden- riparo dal contagio" dalla crisi ogni stato deciderà auto-
zionale avverte che c’è il ri- ra non hanno parlato). Il dram- nessuno si fida più delle pre- za che già inizia a serpeggiare del debito sovrano, "perché nomamente cosa fare. Con
schio di un’estensione della ma europeo è tutto qui, nella visioni altrui sugli sviluppi del- fra gli investitori che in questi abbiamo una robusta discipli- le prime sei società elettri-
crisi del debito, un contagio contraddizione dell’elettorato la crisi da debito. Ieri il Fondo giorni. Che hanno preferito al- na di bilancio insieme con una che europee che totalizza-
innescato soprattutto dalla degli Stati soccorritori che è monetario internazionale ha leggerire le posizioni in euro. grande ricchezza nazionale". no quasi 160 miliardi di de-
Grecia. Mentre per la Bce contro i salvataggi e nell’elet- dichiarato che “la Grecia non Un ottimismo che aveva già biti e con i bilanci degli sta-
“l’inflazione è troppo eleva- torato dei Paesi soccorsi che si ha la necessità di ristrutturare NELLA SURREALE gior- sfoggiato in mattinata il Sole 24 ti europei in affanno, che
ta”. oppone alle misure austerità il debito”, mentre contempo- nata di ieri a complicare le co- Ore che ospitando in prima pa- gli stress test annunciati a
richieste dai salvataggi. raneamente Barclays scriveva se ci sono messi anche la Ban- gina un articolo di Daniel Gros fine marzo dal Consiglio
I COSTI di una ristrutturazio- La storia recente ha dimostra- un report per gli investitori dal ca centrale europea e il nostro titolato “Perché l’Italia non è il europeo per placare l’opi-
ne del debito o di un’uscita dal- to ai politici di Irlanda, Porto- titolo “Grecia, la (lunga) strada ministro del Welfare Maurizio Portogallo”. Distinzioni che nione pubblica allarmata
la moneta unica sono per il gallo, Finlandia e la stessa Ger- verso la ristrutturazione” indi- Sacconi. La prima ha sottoli- non portano molta fortuna, vi- dall’incidente di Fukushi-
momento troppo alti per esse- mania che se ascolti i tecnici cando in giugno 2012 la pos- neato i rischi d’inflazione e la sto che nei mesi scorsi si sono ma rischiassero di essere
re sostenuti. I Paesi europei perdi le elezioni, ma se non li sibile data per il collasso de- necessità di “immediati inter- letti un po’ troppi titoli analo- una bufala si era già capi-
troveranno un accordo per finitivo del debito ellenico. ghi: “Il Portogallo non è la Gre- to.
prolungare l’agonia di Atene cia” (The Economist 22 aprile
per almeno un altro anno nella
speranza che qualcosa succe-
Atene di fatto DA QUESTO corto circuito
fra politici, tecnici e investitori
I Paesi da salvare 2010), “La Grecia non è l’Irlan-
da” (ministro delle Finanze M a più passa il tempo più
la lobby nucleare gua-
da, al prezzo di 60 miliardi da
erogare entro l’anno alle casse
è già fallita: è difficile uscire: la strada mae-
stra sarebbe quella che al ver-
non vogliono greco, 8 novembre 2010), “Né
la Spagna né il Portogallo sono
dagna posizioni e la possi-
bilità di avere verifiche se-
vuote del governo Papandre-
ou. La retorica del ministro
nessuno può tice europeo di lunedì la Ger-
mania, la Francia e l’Olanda si
le riforme, l’Irlanda” (segretario generale
OCSE 19, novembre 2010). Se
rie si allontana. “Quello
che i regolatori europei
delle Finanze tedesco Wol- accollassero il debito dei Paesi lunedì i Paesi più forti non da- sembrano volere dagli
fgang Schäuble – “prima di da- resistere più deboli attraverso l’emissio- gli elettori dei ranno un messaggio univoco, stress test è qualche insi-
re altri soldi vogliamo avere la ne di titoli di Stato europei se- chiaro e un poco altruista ai gnificante scambio di car-
certezza che Atene faccia più pagando il 27 condo il principio “un’unica Paesi salvatori mercati, presto i governanti si te”, ha detto ieri Jan Haver-
sforzi per il risanamento dei moneta un unico debito”. Ma accorgeranno di quanta acqua kamp, esperto nucleare
conti” – serve solo a tentare di per cento sul ovviamente non succederà, si- non vogliono si può imbarcare in mezzo a europeo di Greenpeace.
calmare la crescente ostilità gnificherebbe spazzare via tre una tempesta. Di fermare gli impianti per
dell’opinione pubblica tede- debito pubblico governi, irlandese, portoghe- spendere www.superbonus .name verificare la sicurezza delle
strutture non se ne parla
neanche più, come non si

Da Unicredit 150 milioni per i truffati Cirio parla più della possibilità
di imporre rimedi alle cen-
trali che risultassero inade-
guate. L’oggetto del con-
IL CRAC NEL 2002: GERONZI ANCORA SOTTO PROCESSO PER IL SUO SUPPORTO A CRAGNOTTI tendere ora è se le analisi
dei dati debbano limitarsi
di Giovanna Lantini do Carli alla carriera e sul liardi richiesto alle banche ta somma che si va ad aggiun- euro, sempre per il caso Cirio ai rischi connessi a cata-
Milano quale pende una richiesta di coinvolte nel crac che nel gere al recente – e criticato e sempre ereditato da Capi- strofi naturali, come vor-
condanna a 8 anni. 2003 aveva fatto andare in de- dalle associazioni dei consu- talia, che sarà oggetto di un'u- rebbero soprattutto Fran-
nicredit torna alla carica dienza in corte d'Appello il cia (58 centrali) e Gran Bre-
Uro per
e offre 150 milioni di eu-
chiudere i conti ere-
L'OFFERTA è arrivata alla
vigilia della sentenza e vor-
fault obbligazioni per 1,125
miliardi di euro emesse tra il
2000 e il 2002. La somma an-
matori – accordo con i rispar-
miatori di risarcire il 5 per
cento di quanto investito nel
14 novembre 2014. Intanto
ieri l'istituto, l'unico dei gran-
tagna (19) o considerare
anche errori umani, inci-
ditati da Cesare Geronzi e dai rebbe sanare la posizione del- drebbe a ripagare i debiti del- gruppo che fu di Sergio Cra- di del credito che non ha an- denti aerei, attentati terro-
suoi ex dirigenti alla Banca di l'istituto di credito, ereditata le società e quindi anche gli gnotti. Accettato o meno, il cora varato una consistente ristici. Molto interessata al-
Roma per il crac Cirio. La no- dalla Banca di Roma con la fu- obbligazionisti in proporzio- risarcimento in ogni caso ricapitalizzazione per ade- la faccenda è anche l’italia-
tizia, raccolta dal Sole24ore.it sione con Capitalia, che in se- ni che non sono ancora chia- non andrebbe a modificare di guarsi ai nuovi parametri in- na Enel, che possiede nella
è trapelata ieri nel corso del de civile è stato chiamato da- re, anche perché non è detto una virgola la posizione di ternazionali in arrivo, ha li- Repubblica Slovacca quat-
processo penale per la ban- gli amministratori straordi- che la transazione vada in Geronzi, per il quale nei gior- cenziato una trimestrale che tro centrali da 500 MW di
carotta del gruppo agroali- nari Cirio a rifondere il grup- porto. La nuova proposta ar- ni scorsi il Corriere della Sera ha evidenziato un utile netto tecnologia sovietica degli
mentare che vede coinvolto po con una cifra complessi- riva infatti dopo che Unicre- ventilava un passaggio alla di 810 milioni di euro, in rial- anni ’70 e in Spagna (a Ga-
anche l'ex presidente di Ge- vamente vicina agli 1,2 mi- dit aveva già messo sul piatto guida del ministero del Teso- zo del 55,7 per cento rispetto roña), in joint venture con
nerali fresco di premio Gui- liardi su un totale di 1,9 mi- 100 milioni, offerta che gli ro. allo stesso periodo del 2010. Iberdrola, la centrale più
“Sul capitale aspetto e valuto, vecchia d’Europa.
I PM, nella requisitoria fina- il mondo cambia”, ha detto A insistere per un proces-
le al processo penale aveva- l'amministratore delegato so di revisione che sia qual-
DERIVATI BNL, indagine no ricordato che la Banca di
Roma era la banca d'appog-
Federico Ghizzoni a proposi-
to della necessità di una rica-
cosa di più di una foglia di
fico è stato finora il com-
gio del gruppo Cirio che ver- pitalizzazione attesa dal mer- missario europeo all’ener-
sulle truffe ai Comuni sava in grave crisi di liquidità
fin dal 1997-98. E l'istituto
cato nonostante le continue
smentite della banca. Even-
gia Günther Oettinger. Il
governo tedesco è peral-
eagisce male laBanca nazionale del lavoro alla notizia trattava “il cliente Cragnotti tuali nuovi investitori per il tro l’unico ad aver preso
Rdalladel sequestro preventivo di 17 milioni di euro fatto
Guardia di Finanza a Messina. Al centro dell’ope-
in un modo assolutamente
anomalo. Dalla lettura dei
gruppo che nel primo trime-
stre ha ridotto l'organico di
dopo Fukushima misure
drastiche sul nucleare, de-
razione dei finanzieri ci sono operazioni su strumenti verbali dei comitati esecutivi 1.330 dipendenti portando il cretando a marzo la chiu-
finanziari derivati con i comuni di Messina e di Taor- emerge, ogni volta che si par- totale a quota 160.679, in sura di sette impianti (la
mina, che avrebbero fatto finire nelle casse dell’istituto lava di Cirio, la piena consa- ogni caso, “sono solo benve- scelta non è piaciuta al
di credito un’ingente quantità di denaro pubblico. Bnl Sergio Cragnotti (FOTO ANSA) pevolezza dello stato proble- nuti”. Quanto invece ai “nuo- gruppo Rwe, che gli ha fat-
ritiene “infondato e basato su una serie di fraintendi- matico in cui versava il Grup- vi” investimenti, a brevissi- to causa). Il vertice Ue del
menti normativi e concettuali che saranno chiariti nelle amministratori avevano po di Cragnotti”, avevano mo, molto probabilmente marzo scorso, che ha lan-
sedi giudiziarie competenti” il provvedimento delle prontamente rispedito al sottolineato i magistrati per i oggi, è attesa la risposta della ciato gli stress test, non ha
fiamme gialle. “La banca – si legge in una nota – nel con- mittente. Resta da vedere co- quali dal processo è emersa Consob al quesito presenta- fissato scadenze. L’ambi-
fermare la correttezza dell'operato dei propri dipenden- sa faranno ora, vista comun- “la responsabilità individua- to dalla banca e da Premafin zione dichiarata era però
ti, impugnerà il provvedimento con richiesta di riesame que l'elevata differenza tra la le degli ex dirigenti della Ban- per chiedere se dall'opera- di raggiungere un accordo
al Tribunale di Messina”. La banca è accusata di non aver richiesta e il risarcimento ca di Roma coinvolti, Geron- zione di salvataggio del grup- tra i 27 al Consiglio dei mi-
informato sui rischi e costi delle operazioni e di aver proposto dalla banca, per la zi su tutti”. Quanto a Unicre- po Ligresti, messa a punto da nistri dell’Energia il 10 giu-
taciuto ai clienti le oscillazioni dei tassi d’interesse. quale comunque 150 milioni dit, sulla banca pende anche Unicredit, scaturisca o meno gno prossimo a Lussem-
con l'aria che tira nel mondo un altro risarcimento, questa un obbligo di Opa su Fondia- burgo e concludere i test
del credito, sono una discre- volta da oltre 200 milioni di riaSai. entro la fine dell’anno.
Venerdì 13 maggio 2011 pagina 9

ECONOMIA

C’È CHI NON APPLAUDE


A Catania una fiaccolata muta ricorda lo studente
morto alla Saras per pagarsi le vacanze
di Giorgio Meletti dacati a fornire le parole al lo- alla Saras da un po' di tempo
Catania ro dolore. Lo dimostra la scena sono molto tirati sul prezzo
quasi surreale avvenuta nella dei lavori, e se la ditta d'ap-
ochi di loro hanno letto storica, centralissima via dei palto va a prendere gli specia-

P sui giornali che seimila


imprenditori, che riven-
dicano di “fare il Pil”, sa-
bato scorso hanno tributato
un applauso trionfale al ma-
Crociferi, davanti alla sede
della Camera del Lavoro che
ha aspettato la fiaccolata con
porte aperte, luci accese e
bandiere rosse della Cgil espo-
lizzati non ci sta dentro. Così
Gabriele dice a Pierpaolo che
c'è un'occasione segnalata dal
padre: un contratto di venti
giorni (sotto il mese non si pa-
nager della ThyssenKrupp ste. Il corteo si è fermato e, gano neppure i contributi pre-
condannato a sedici anni e guidati dalla voce decisa della videnziali, applauso), mille
mezzo di carcere per aver madre di Pierpaolo, Milena Ba- euro, ottimi per pagarsi le va-
provocato con le sue brillanti sile, tutti hanno recitato l'Ave canze estive. Il padre, una vita
mosse gestionali la morte di Maria. nella formazione professiona-
sette operai. Questi quattro- le, sa che nelle raffinerie non
cento ragazzi di Catania, di si mandano i bambini a gio-
Pil, ne fanno davvero poco: La fiaccolata per ricordare care. Guarda perplesso il suo
chi non è studente è disoc- Pierpaolo a Catania. artista: “E perché danno mille
cupato. E sarà per questo che Sotto, lo studente morto alla euro a te”. Poi pensa che Ser-
hanno un pudore diverso. Saras dei Moratti ranò ci porta suo figlio, quindi
Mercoledì sera hanno voluto sarà una cosa tranquilla.
ricordare, a un mese dalla
morte, il loro amico Pierpao-
lo Pulvirenti rimasto vittima
Da un lato, zioni Seneca. “Non è stata fa-
cile la ricerca di un disegna-
I DUE RAGAZZI partono.
Arrivano a Cagliari venerdì 8
di un assurdo incidente alla
Saras di Sarroch, in provincia
l’ovazione tore ma poi Pierpaolo Pulvi-
renti è stata una vera rivela-
aprile, entrano in raffineria.
Non si sa quanta formazione
di Cagliari, la raffineria della
famiglia Moratti. Una fiacco-
di Confindustria zione”, dice Gargiulo. E' stata
una vera rivelazione anche
ricevono, c'è chi dice due ore,
chi dice due giorni. Sicura-
lata muta per le vie del centro per Pulvirenti padre, un po' mente lunedì 11 aprile è il loro
di Catania, nessuno slogan, all’ad Thyssen, scandalizzato da quel ragazzi- primo giorno di lavoro. Nel
un solo striscione: “Per il no- no di suo figlio che gli squa- pomeriggio devono andare a
stro Pierpaolo”. dall’altro l’omaggio dernava in faccia quei disegni, pulire un'impianto che risulta
“donne nude, dettagliatissi- già “bonificato”, cioè senza
UNA PROTESTA? No. In silenzioso me”, ricorda. Pierpaolo è vul- più traccia del terribile acido
una città dove il casco in mo- canico, ha un sacco di amici, e solfidrico. Invece qualcosa è
torino è ancora un optional e di Pierpaolo anche chi non lo conosce per- andato storto, come si dice
il contributo dei giovani al Pil sonalmente sa chi è. “Quando nel linguaggio di quelli che
risulta piuttosto marginale, entrava in aula regalava sorri- sembrano affidare la sicurezza
questi ragazzi non sembrano Sarebbe stato meglio, per que- classe dirigente lungimirante) di formazione professionale. so”, dice uno studente di far- in fabbrica alla buona sorte.
sentirsi legittimati ad alzare la sti giovani siciliani esclusi dal- – a Bergamo avessero ricorda- Una famiglia né ricca né po- macia, liberando il pensiero. Appena iniziano ad aprire il
voce. In silenzio, hanno ma- la produzione del Pil e da tante to con un caldo applauso, loro vera, semplicemente norma- Pierpaolo è anche un graffita- cosiddetto “passo d'uomo”,
nifestato un sentimento sco- altre cose, se l'esempio glie- imprenditori che “fanno il le. E Pierpaolo non è un'ope- ro, e adesso i suoi amici vanno un getto di gas li investe. Pier-
nosciuto ai convegni e alle as- l'avessero dato i seimila im- Pil”, lo studente Pulvirenti raio, forse bisognerebbe defi- in giro per Catania a fotogra- paolo ha un primo arresto car-
sise, la volontà di far sentire prenditori delle “assise con- Pierpaolo di anni 23. nirlo un'artista, un intellettua- fare le sue opere residue. diaco, riescono a far ripartire
alla famiglia del ragazzo l'affet- findustriali”. Sarebbe stato un É strano che di fronte alla sua le. Nelle foto sorride sempre, Che ci fa dunque Pierpaolo il cuore che si fermerà all'alba,
to di una comunità. Un ab- contributo alla coesione so- storia agghiacciante la Confin- in metà porta gli occhiali, in dentro una raffineria? E' che il alle 4,15 del 12 maggio. Ga-
braccio collettivo per sentirsi ciale di cui tanto si parla se - dustria non abbia niente da di- metà no. Ha frequentato l'isti- suo amico e compagno di stu- briele finisce in rianimazione,
meno soli di fronte a una tra- anziché acclamare come eroe re ai ragazzi di Catania. Pier- tuto d'arte dove ha messo tec- di Gabriele Serranò ha il padre per qualche ora si teme anche
gedia. e vittima il manager tedesco paolo era uno studente uni- nica sul suo talento. Ha ven- che lavora come capo cantie- per la sua vita, poi ce la fa.
Con il loro silenzio i ragazzi di Harald Espenhahn condanna- versitario, iscritto alla facoltà t'anni quando lo scrittore An- re alla Star Service, un'azienda C'era anche lui alla fiaccolata.
Catania hanno anche manife- to per omicidio volontario, di farmacia. Suo padre, Salva- tonio Gargiulo gli affida le il- che prende appalti dalla Saras Appoggiato a una stampella,
stato che, di fronte alla morte salvo poi accorgersi con 48 tore, 56 anni, è un perito elet- lustrazioni del suo libro di rac- per i lavori di manutenzione. con un sorriso implacabile
in fabbrica del loro amico, ore di ritardo di aver fatto un'i- trotecnico e insegna (feroce conti erotici “Il viaggio dei Go- La Star Service cerca gente sulla faccia da bambino. Un
non sono la politica né i sin- diozia (quando si dice una ironia della sorte) in un centro tulani”, pubblicato dalle edi- svelta che costi poco, perché sorriso da applausi.

IL POPOLO DELLE PARTITE IVA

A CAGLIARI LA PROTESTA DEL SULCIS: “CHIEDIAMO LO STATO DI CRISI”


di Alessandro Ferrucci filtrati. Rassicura, quando è neces- spetta”. Ecco, questo è il punto. la. E noi siamo alla fame. Pensi, il mio to. Mentre oggi è tutta un'altra storia,
Cagliari sario. Sembra un politico d'annata, Niente bandiere durante la marcia, vicino è stato sfrattato pochi giorni una storia di orgoglio, non di violen-
ma non lo è. solo quella dei Quattro mori. Niente fa, non ha soldi, non può mantener- za”. Vero. E basta guardare in faccia
rrivano con i mezzi da lavoro, simboli di appartenenza o striscioni. si: è invalido, gli manca una gamba. Si le Forze dell'ordine per capirlo. Chi

A la maggior parte dal Sulcis,


angolo meridionale della Sar-
degna. Automotrici, camion,
macchine sporche di calce, è lo
stesso. Con loro le mogli, i figli, i
Né politici
né sindacalisti

GUAI a chiederglielo, guai a parlare


Tanti fischietti, tamburi improvvisa-
ti, gole scatenate e tutto quanto ser-
ve a fare rumore. Basta. Dei candidati
al comune di Cagliari, poche e spa-
rute tracce: alcuni tentano un timido
guardi in giro, non c'è solo il popolo
delle partite iva, ci sono un po' tutte
le categorie perché la tragedia è co-
mune”.
dirige la sicurezza ancora ricorda gli
scontri a ottobre con i pastori, con
botte, corse e fumogeni. Al contra-
rio gli scudi stanno a terra, i manga-
nelli nelle cinte, qualche volta scap-
genitori, alcuni sono invalidi e gi- di destra, centro o sinistra in mezzo approccio, ma vengono respinti o in- Obiettivo pa un sorriso di solidarietà, qualche
rano in sedia a rotelle. Sono con- ai manifestanti: “Ci fanno schifo, tut- vitati a rimanere ai margini. Di loro Cappellacci abbraccio tra conoscenti. Dopo un
tadini, commercianti, piccoli im- ti – urla Carlo, muratore di Carbonia non si fidano più. “Sono anni che ci paio di ore il corteo arriva alla sede
prenditori, qualche pastore, rap- – si fanno solo i fatti loro. Quando ab- promettono il lavoro – racconta Ila- della Regione. Obiettivo: parlare
presentanti e disoccupati. Si defi- biamo posto il problema, hanno gi- rio, piccolo imprenditore di Iglesias STA di fatto che dalla Fiera di Caglia- con il presidente Ugo Cappellacci.
niscono il “popolo delle partite rato le spalle, esattamente come i - ma va sempre peggio. Quando ci so- ri partono in molti, meno di quanto In otto salgano per un confronto, al-
iva”. Dicono di essere “incazzati”. sindacati. Per questo abbiamo deci- no le elezioni vengono nelle nostre sperati, ma durante il cammino è fre- tre due ore di tavolo comune. Chi ha
E lo sono. Ieri a Cagliari sono scesi so di prenderci da soli quello che ci case a stringerci la mano, poi più nul- quente vedere i passanti abbandona- partecipato parla di animi caldi all'i-
in diecimila per strada “perché vi- re il loro percorso e nizio, più concilianti alla fine. Gli al-
viamo nella provincia più povera unirsi ai manifestanti. tri aspettano sotto il sole, alcuni sal-
d'Italia, forse d'Europa e non ne
possiamo più di tasse, di vessazio-
“Equitalia Così come i negozian-
ti abbassare le saraci-
gono su un palco improvvisato e at-
traverso il microfono urlano tutto il
ni. Paghiamo quasi il sessanta per
cento di imposte, e con la crisi
ci ha messi nesche, non per pau-
ra, solo per solidarie-
possibile. A chiunque. Una donna si
sente male, dall'emozione non ha
molti di noi non sono stati in grado
di rispettare le scadenze. Così è ar-
in ginocchio, tà. Una edicolante si
affaccia sull'uscio. Ap-
mangiato e sono quasi trenta gradi.
Verso le due la delegazione scende,
rivata Equitalia con le sue ventimi- plaude. Dalla testa del braccia la cielo in segno di vittoria.
la cartelle. Ci ha messi in ginoc- in mezzo corteo le urlano “che Andrea Impera azzittisce tutti: “Han-
chio, in mezzo a una strada, ci ha fai, cosa fai lì? Il pro- no accettato le nostre condizioni, il
pignorato le case. Non ne possia- a una strada, blema è anche tuo, governatore chiederà lo stato di crisi
mo più”. Chi parla è Andrea Im- vieni con noi”. Lei an- e da lunedì si aprirà un tavolo di con-
pera, di professione rappresenta- ci ha pignorato nuisce, chiude, si uni- fronto per chiedere una moratoria”.
te: è lui il leader dei “disperati”, sce. “Vedi, questa è la Tutti felici. Basta questo. In due mi-
come si auto-definiscono. Discute, le case” nostra forza – conti- nuti la folla si dilegua. Per loro la so-
organizza, incensa la folla, spiega nua Andrea Impera – luzione politica è stata trovata. Per
di stare attenti a provocatori e in- La protesta ieri siamo partiti in pochi, ora.
a Cagliari (FOTO DEBORA ARU
) a volte in due-trecen- Ha collaborato Debora Aru
pagina 10 Venerdì 13 maggio 2011

CRONACHE

LO STRANO ACCORDO CON TUNISI LAMPEDUSA


N
Sos da barcone

I VOLI NON PARTONO PIÙ con 200 immigrati


U no scafo con a
bordo oltre 200
migranti ha lanciato un
Sos dal Canale di Sicilia:
Saltati almeno 4 rimpatri, poliziotti spostati come nel Risiko “Chiediamo all’Italia e a
Malta di aiutarci: stiamo
imbarcando acqua e
rischiamo di affondare”.
di Silvia D’Onghia dacato autonomo di polizia Coi- che il meccanismo del rimpatrio Al momento della
sp – ha organizzato in due turni il si inceppa. Ancora Maccari: richiesta, ieri sera,
e possono rimpatriare 60 “Partenza programmata alle 4 l’imbarcazione si

N
trasferimento da Palazzo all’ae-
al giorno, ma spesso non roporto di Napoli, distante 200 del mattino, si parte soltanto alle trovava a circa 80 miglia
riescono a fare neanche chilometri. Per i primi 30 si or- 13, dopo i numerosi ordini e con- di distanza dalle coste
quello. Nella generale di- ganizza la scorta nel cuore della trordini da parte del ministero. libiche, in acque di
strazione della campagna elet- notte. Sono impegnati 60 poli- Gli altri 30 immigrati dovrebbe- competenza maltese.
torale, capita che l’accordo con ziotti, il rimpatrio procede senza ro imbarcarsi all’aeroporto di Uno dei migranti a
la Tunisia, stipulato il 5 aprile problemi, ma al rientro dei col- Capodichino. Lì ai 60 poliziotti bordo, nigeriano, al
dal ministro dell’Interno Maro- leghi da Napoli a Potenza l’auto viene concesso un lauto pranzo: telefono con un
ni, salti in maniera continuativa. di servizio viene coinvolta in un un panino e acqua minerale. Alle giornalista di Al Jazeera
Parlano i numeri: dei 33.880 im- incidente stradale”. Due poli- 18 ancora gli immigrati non ven- ha spiegato che la nave è
migrati sbarcati sulle coste ita- ziotti rimangono feriti. gono imbarcati. Poi si svela l’ar- partita mercoledì da un
liane dal primo gennaio, 23.938 Ma è col secondo trasferimento cano: a Napoli non c’è alcun ae- porto vicino Tripoli.
sono tunisini. È vero che i primi reo per Tunisi! Così qualche pa-
rimpatri sono scattati subito do- pavero del ministero, pensando
po la firma dell’accordo, ma in
un mese e mezzo sono fermi a
Maroni ha di spostare gli agenti per mezzo
Sud Italia come se fossero carri
861. Qualcosa quindi non fun-
ziona.
appena regalato armati del Risiko, dispone l’in-
credibile: spedire gli immigrati

IL 2 MAGGIO, per esempio, si


all’omologo da Napoli al Cie di Bari, che dista
soltanto 80 km da quello di par-
sarebbe dovuto provvedere a ri- tenza di Palazzo San Gervasio”.
portare a casa 60 tunisini ospiti tunisino quattro Cosa è accaduto? “Il problema è
della ex tendopoli (trasformata che sono tanti e il ministero non
poi in un Cie temporaneo) di Pa- motovedette sa come gestirli – commenta
lazzo San Gervasio, nel potenti- Maccari –, soprattutto in questi A1
no. “Il ministero dell’Interno – di ultima giorni che precedono le ammi-
racconta Franco Maccari, segre- nistrative. Fate caso che non li Si ribalta pullman,
tario generale nazionale del sin- generazione portano né a Napoli né a Milano, dodici feriti
Poliziotti accompagnano in aereo i tunisini da rimpatriare (FOTO ANSA)

per non scontentare le fazioni di livolo è decollato nuovamente, U n autobus a due piani
che trasportava circa
SCUOLA L’ultima trovata del Pdl: governo. I centri di Civitavec-
chia e Cagliari vengono chiusi e
alla volta però del Cie di Torino.
Sono rimasti tutti senza mangia-
cinquanta passeggeri è
finito fuori strada sull’A1,
riaperti a seconda delle necessi- re, compresi i poliziotti che dal in prossimità di San
stipendio congelato per i professori tà”. capoluogo piemontese sono poi
dovuti rientrare nella capitale.
Vittore, in direzione di
Napoli. Nell’incidente
opo la proposta di due giorni fa di cente ordinario e docente esperto. Sta- E NON si tratterebbe dell’unica Costo dell’operazione, seimila sono rimaste ferite una
Dsospendendoli,
un deputato Pdl di “imbavagliare”, bilisce quindi che l’attività delle prime
i professori accusati di due figure sia soggetta a valutazione
volta in cui il rimpatrio è saltato.
Lunedì scorso un volo con a bor-
euro all’ora per l’affitto del mez-
zo Mistral Air, oltre naturalmente
dozzina di persone, 3 delle
quali in modo grave. Il bus
fare propaganda politica, arriva l’ulti- periodica da parte di una commissione do 29 immigrati e una settantina allo stipendio dei poliziotti. E sarebbe uscito fuori strada
ma trovata anti-docenti firmata da Ga- ad hoc”. di poliziotti è decollato alle 10 sembra che il Viminale, anziché in seguito alla foratura di
briella Carlucci: busta paga congelata “Vogliamo informare l’onorevole – ri- del mattino da Roma-Fiumicino riconoscere la missione interna- una gomma, o forse a
ai docenti considerati inadempienti sponde il il segretario generale della destinazione Tunisi (via Napo- zionale, abbia declassato la gior- causa di un colpo di vento.
sul piano della didattica e dell’impe- Flc Cgil, Mimmo Pantaleo – che la mag- li-Palermo), ma l’autorizzazione nata a “ordine pubblico”. “Un’o-
gno. Ma per questo il ministero non sta gioranza politica di cui fa parte ha già all’atterraggio dall’altra parte del dissea dovuta alla situazione in- SICUREZZA
già facendo una campagna sulla valu- tagliato tutti gli stipendi bloccando an- Mediterraneo non è mai arrivata. terna alla Tunisia – spiega Enzo
tazione? Allora a che serve la nuova zianità e contratto ai docenti. La storia Così l’aereo è rimasto fermo pri- Marco Letizia, segretario genera- Niente soldi,
sanzione? La proposta prevede inoltre è sempre la stessa: il problema sono gli ma a Capodichino, poi nello sca- le dell’Associazione nazionale niente denuncia
l’articolazione della professione do- insegnati che il governo vorrebbe lo siciliano: qui si è aspettato il funzionari di polizia – con i vio-
cente in tre livelli: docente iniziale, do- completamente cancellare”. console per il riconoscimento,
ma il nullaosta finale non è mai
arrivato. Così a tarda sera il ve-
lenti scontri di sabato che hanno
riportato il coprifuoco dalle 21
alle 5”. Sarà, ma altri due episodi
I l commissariato online
del ministero
dell’Interno sta per
analoghi si sarebbero verificati chiudere i battenti a causa
anche a fine aprile e all’inizio di della mancanza di fondi. I

La doppia vita di Buzzanca maggio. Ieri, invece, è andato


tutto bene (per il governo) e 28
tunisini sono tornati indietro.
Se da un lato Maroni non riesce
cittadini non avranno più
l’opportunità di
presentare le proprie
denunce attraverso
IL SINDACO DI MESSINA È ANCHE DEPUTATO REGIONALE: IL 16 SI PRONUNCIA IL TRIBUNALE dunque a rispettare gli impegni internet, riducendo i
assunti con la base leghista, dal- tempi dell’iter burocratico
di Adele Fortino dei poveri” per via degli Intanto, il Tribunale di cissitudini giudiziarie par- l’altro è costretto a ottemperare ed evitando le code degli
escamotage, le furbate, i Messina, nel novembre lano chiaro: nel ‘91 fu so- agli obblighi proprio con la Tu- uffici pubblici. Protesta
Claudio Giardullo,
IsinalCorte
prossimo 16 maggio la
d’appello di Mes-
attenterà a uno dei pi-
pressappochismi, le bugie,
gli svolazzi con cui suole
aggirare la strada della le-
2010, dichiara sì l’incom-
patibilità di Buzzanca ma
da deputato, lasciandolo
speso dalla guardia medica
dell’isola di Panarea per-
ché lasciò scoperto il pre-
nisia: mercoledì ha consegnato
personalmente all’omologo tu-
nisino Essid, 4 motovedette di ul-
segretario del Silp Cgil: “Si
tratta dell’ennesimo passo
lastri della tormentata esi- galità), aguzzando l’inge- tranquillo sulla poltrona di sidio in due occasioni. Sic- tima generazione, 15 metri, due indietro, imposto dai tagli
stenza politica di Giusep- gno, dopo l’ordinanza del sindaco. Ma il nostro eroe, ché nel ‘97 dovette sloggia- motori con una potenza di 1000 del governo, sulla strada
pe Buzzanca, sindaco pi- Tribunale di Palermo, fu deciso a non perdere nulla, re da presidente della Pro- cavalli, ecoscandaglio e naviga- della modernizzazione e
diellino (ex An) di Messina primo firmatario di una si appella ed è così che lu- vincia per via della condan- tore satellitare. Ma quanto ci sta dell’efficienza delle forze
e, contemporaneamente, leggina regionale (8/09) nedì 16 si arriverà a capire na di reato contro la P.A. costando questa emergenza? di polizia”.
deputato al parlamento re- con la quale faceva decor- se la Corte d’appello di Durante questo mandato
gionale. Sì, insomma, con rere il termine dell’opzio- Messina avrà, questa volta, poi fu accusato di peculato
l’esplodere delle rose,
Buzzanca dovrà necessa-
ne dal passaggio in giudi-
cato della sentenza, così da
la forza di sdradicare Buz-
zanca dall’adorata poltro-
d’uso, ciò che lo fece de-
cadere nel 2003, dalla ca- in libreria
riamente optare tra due consentire il mantenimen- na di primo cittadino. rica di sindaco della città e,
cariche che, in Sicilia, dal to della doppia carica per Le frequentazioni di codici nel 2006, da deputato del-
2007 in poi, potevano es- tutti i tre gradi di giudizio e pandette, di aule giudi- l’Assemblea della Regione
sere ricoperte simultanea- (praticamente l’arco di ziarie e tribunali vari, co- siciliana.
mente. Potevano, appun- tempo dell’intera legislatu- stituiscono pane quotidia-
to. Perché, come spiega ra). no per Buzzanca. Le sue vi- IN QUESTO ultimo pe-
l’avv. Antonio Catalioto, riodo Buzzanca è vertice
che, nel gennaio 2009, sol- Il sindaco di Messina, Buzzanca (FOTO ANSA) amministrativo di una cit-
levò, dinanzi al Tribunale
di Palermo, la questione di
Il primo cittadino tà al collasso: il Ponte sullo
Stretto è sempre più una
costituzionalità, “con sen-
tenza n. 143 dell’aprile
ha tentato chimera per gli allocchi, le
strade crollano, la cantie-
2010, la Corte costituzio- di prorogare ristica è in fortissimo af-
nale ha accolto l’eccezio- fanno, l’azienda trasporti
ne imponendo ai deputati è al fallimento, alcune im-
di optare entro 10 gior- i termini per prese importanti stanno
ni”. per chiudere. E ciò, nono- sabato 14 maggio ore 18.30
decidere quale stante il sindaco si sia oc- aperitivo con l’autrice
MA, nell’attesa del pro- cupato di Messina soltan-
nunciamento della Corte, delle carriere to a mezzo servizio. E se al Salone Internazionale del Libro di Torino
l’astuto sindaco (chiamato avesse esercitato il tempo Cooper editore • stand n72, padiglione 2
da qualcuno “il Berlusconi mantenere pieno?
il Fatto Quotidiano ALL’INTERNO
Letture Tiziano Scarpa
Granta senza grinta pag. III
Percorsi Philip Gossett
Rossini e la finanza pag. V
Lab Antonio Pascale
Petrini il creazionista pag. VI
Arti Tomaso Montanari
settimanale di libri, arti, scienze diretto da Riccardo Chiaberge A tu per tu con Velázquez pag. VII
13 maggio 2011 - N° 12

Il Grande Bugiardo
LE MENZOGNE
DEI PRESIDENTI,
DA JFK A BUSH
LA VERITÀ di
Riccardo Chiaberge
IMPEDITA
C
HE MENTANO i dittatori, è normale: i regimi
totalitari sono incardinati sulla menzogna, se ne
di Franca D’Agostini nutrono per stare in piedi. Negli anni della guer-
ra fredda, Nikita Krushev bluffava sul numero di
missili dell’arsenale sovietico, per dissuadere gli ameri-

«U
NUM, verum, bonum:
queste vecchie glorie me- cani dallo sparare il primo colpo: e così partì la corsa agli
ritano la loro celebrità; c’è armamenti. Negli ultimi giorni di Baghdad un Saddam
qualcosa di strano in cia- Hussein ormai alle corde lanciava proclami bellicosi dal
scuna di esse» così scriveva John Austin, in suo bunker, come fosse a un passo dalla vittoria finale sul
Truth (1950). Ma che cosa propriamente è Grande Satana. E davanti alla rivolta dei popoli arabi i
strano, nella verità? Lo scopo di Introdu- Gheddafi e i Mubarak hanno eretto cortine fumogene di
zione alla verità è rispondere alla doman- propaganda, fingendosi vittime di complotti stranieri o
da, presentando in termini preliminari e ge- di frange fondamentaliste. Ma mentono, per ragioni di-
nerali (si tratta di una introduzione, appun- verse, anche i leader democratici. Quando Clinton giurò
to) tutto quel che è utile sapere sul concetto in tv a milioni di americani di non avere avuto una re-
di verità: le teorie contemporanee, gli usi e lazione sessuale con «quella donna, Miss Lewinsky», si
gli abusi a cui va soggetto nel dibattito pub- aggrappava a un sottile distinguo dell’etica battista, se-
blico e nella vita quotidiana, le trappole lo- condo cui relazione sessuale implica un coito in senso
giche e gli inganni metafisici che si legano a stretto, non una semplice prestazione orale. Non era tec-
questa «vecchia gloria» della filosofia. nicamente una bugia, ma neppure la verità, e gli elettori
continua a pagina II non perdonarono. Anche se gli andrebbe riconosciuta
l’attenuante di dover salvare la faccia da un’inchiesta che
violava la sua privacy (e fino a prova contraria, alla Casa
Bianca, non c’erano festini né escort).
continua a pagina II

Spergiuri
Le menzogne del potere viste da Paolo D’Altan

A
vendo appreso che nella contro il fascismo?». Domanda legitti- organizzata della nazione”. Il PCC
VESPE scuola italiana gli insegnan-
ti inculcano nei ragazzi va-
ma, che sul momento spiazza un po’
papà. Il quale però si riprende subito, e
non propone candidati e tanto meno
partecipa alle elezioni non essendoci
lori contrari a quelli che le fa- spiega che le autostrade non bastano competizione con altri partiti, e il se-
Per Baricco miglie vorrebbero inculcargli (fuori- se manca la libertà. «Però adesso non è gretario del PCC è contemporanea-
strada, condono edilizio e giubbotto così, vero?», chiede trepidante Baricco mente Capo di Stato e di Governo. Un
Castro Abercrombie, per intenderci), Alessan- jr. Certo che no, lo tranquillizza il bab- paese totalitario, ma agli antipodi del
dro Baricco ha deciso di provvedere per- bo. Ma aggiunge, «i fascismi sono mol- fascismo. È vero che qualcuno di no-
è fascista sonalmente, inculcando nel figlio undi-
cenne quelli che lui considera i valori
ti, in molte parti del mondo». Per esem-
pio? Mmmmh, vediamo: ah sì, Cuba.
stra conoscenza vede comunisti anche
e soprattutto dove non ci sono, ma que-
fondamentali di una società libera. Ne Proprio lei, l’isola rossa del compagno sto non è un buon motivo per fingere di
ha dato conto in un volume a più mani Fidel, dove la gente non può nemmeno non vederli dove invece ci sono, o per
pubblicato da Fandango per il cinquan- navigare in Internet. Cuba, un regime censurare il loro nome. Non vorrem-
tesimo anniversario di Amnesty In- fascista? Consigliamo al giovane Ba- mo che il ragazzo finisse sotto il torchio
ternational. Dopo aver ascoltato la ricco di non prendere per oro colato di uno di quei professori bolscevichi
rievocazione dell’Italia mussolinia- quello che gli racconta papà: consulti che inculcano valori contrari a quelli
na, con le autostrade, le bonifiche e Wikipedia e vedrà che la repubblica cu- della famiglia media: «Baricco, mi fac-
due vittorie degli azzurri ai mon- bana è uno “Stato socialista di lavora- cia l’esempio di un paese fascista». «Cu-
diali di calcio, il ragazzo chiede a tori” dove al Partito Comunista (PCC) ba, profe!». «Vai al posto, e studia di
bruciapelo: «Perché allora siamo è assegnato il ruolo di “avanguardia più». «Ma me l’ha detto papà!».
Venerdì 13 maggio 2011 il Fatto Quotidiano
LE CLASSIFICHE
II 2 - 8 maggio, fonte: Arianna +

VETRINA
TOP 10 - ECONOMIA
IL GRANDE BUGIARDO 1 Jay Elliot e William L. Simon
Steve Jobs. L'uomo che ha inventato il futuro

I LEADER DEMOCRATICI 2
Hoepli, pagg. 256, € 19,90

Slavoj Zizek

MENTONO PIÙ DEI DITTATORI 3


Vivere alla fine dei tempi
Ponte alle Grazie, pagg. 619, € 26,50
Luciano Gallino
assoluto o un presidente eletto dal popolo? Il po- Pensate a Churchill e Roosevelt costretti a con- Finanzcapitalismo
litologo di Chicago John J. Mearsheimer non ha trabbandare il santino di uno Stalin “buono”, in Einaudi, pagg. 324, € 19,00
dubbi. Come dimostra nel suo ultimo penetran- quanto alleato indispensabile contro la Germa- 4 Serge Latouche
te saggio, Why leaders lie (Oxford University nia hitleriana. Cos’avrebbero potuto fare di di- Come si esce dalla società dei consumi
Press, se ne possono scaricare dei brani da Ama- verso? Smascherarlo, denunciare le purghe e i Bollati Boringhieri, pagg. 203, € 16,00
zon.com) sono proprio i leader democratici a gulag a rischio di perdere il suo appoggio?
cacciare più balle, soprattutto quando si profili Per il politologo americano, dunque, non sem- 5 Gianluigi Nuzzi
una qualche minaccia alla sicurezza nazionale, pre la bugia è eticamente condannabile. Un ca- Vaticano Spa
perché per andare in guerra, al contrario dei po di stato o di governo ha spesso ottime ragioni Chiarelettere, pagg. 280, € 15,00
despoti, hanno bisogno del consenso popo- strategiche per mentire, e certe menzogne, 6 Dario Banfi e Sergio Bologna
lare. Scatta così il meccanismo del fearmon- omissioni o mezze verità sono considerate «in- Vita da freelance
gering, lo spaccio della paura: si gonfia la por- telligenti, necessarie e forse perfino virtuose». Feltrinelli, pagg. 279, € 17,00
tata di pericoli incombenti, e si chiamano i Specialmente in politica estera. Peccato che a 7 Antonio e Carlo Calabrò
cittadini alle armi. essere presi per i fondelli siano più facilmente i Bandeirantes
Un altro tipo di menzogna è «l’insabbiamento cittadini che i governi alleati o nemici. Laterza, pagg. 188, € 16,00
strategico», quando un leader nasconde la ve- Su un altro piano, anche il filosofo inglese Ian
rità per non confessare una scelta che potreb- Leslie, in Born Liars.Why we can’t live without 8 Federico Rampini
be suscitare reazioni negative. John F. Kennedy, deceit (Quercus) propugna il diritto di mentire. Occidente estremo
per esempio, smentì un accordo con Mosca per Il mondo, ci ricorda, non potrebbe funzionare Mondadori, pagg. 289, € 18,00
togliere i missili americani dalla Turchia in cam- senza un certo tasso di frottole e di ipocrisia. La 9 Walter Fontana
bio del ritiro di quelli russi da Cuba. «Una bugia definizione agostiniana di bugia come «afferma- L'uomo di marketing e la variante limone
nobile, la definisce Mearsheimer, perché contri- zione falsa fatta con l’intento di ingannare» è Bompiani, pagg. 158, € 7,90
buì a sventare un confronto estremamente ri- troppo restrittiva per essere applicabile a tutte
schioso tra due potenze dotate di ordigni nuclea- le forme di manipolazione della verità a cui sia- 10 Hans Küng
ri». mo esposti nella vita di ogni giorno. Quando un Onestà
Poi ci sono le bugie che servono a costruire i miti agente immobiliare ci vuole vendere una villa, Rizzoli, pagg. 370, € 20,00
nazionali. Nei libri di testo francesi si esalta il magnificherà l’ampiezza del giardino o la como-
passato coloniale, in quelli della Russia di Putin dità di accesso al supermercato, e tacerà sulla
si sorvola sui crimini staliniani per enfatizzare la
vittoria in guerra dell’armata rossa, così come i
vicinanza della tangenziale. La differenza tra
mentire e millantare (o infiorettare la realtà) è
IL FLOP
testi scolastici italiani per molto tempo propi- stata riassunta efficacemente dal golfista Tiger Se invece degli elettori decidessero i lettori, se
navano ai ragazzi versioni edulcorate o lacunose Woods, noto bugiardo e traditore seriale (chie- le primarie si facessero in libreria, Matteo Renzi
del fascismo, dell’8 settembre e della guerra ci- dete alle sue mogli): «Ho imparato che puoi sem- con Fuori! (Rizzoli) vincerebbe. Secondo, Nichi
vile. E infine quelle che Mearsheimer chiama pre dire la verità, ma non sei tenuto a dirla tut- Vendola con C’è un’Italia migliore (Fandango),
Dita incrociate «bugie liberali», quando un leader cerca di indo- ta». terzo Pier Luigi Bersani con Per una buona
Le menzogne del potere viste da Paolo D’Altan rare la pillola di comportamenti e scelte pale- Già Machiavelli raccomandava al Principe di ragione (Laterza). Uscito a febbraio, Renzi è
semente in contrasto con gli ideali del paese. mentire per conservare il potere. Ma è un’arma a entrato tra i primi venti e ora è al 107esimo
doppio taglio, almeno in democrazia, perché se posto contro il 482esimo di Bersani. Vendola
CONTINUA DALLA PRIMA tutti vedono nel politico un mentitore profes- però è già fuori classifica, oltre i primi mille.
Per il politologo sionale, nessuno più gli crede. A meno che di-
sponga di mezzi di persuasione così potenti da
PRIMIZIE
U
NA BUGIA egoista, insomma, diver- renderlo comunque affidabile agli occhi dei fan.
samente da quelle “altruiste”, per il
bene del paese, architettate da Geor-
Mearsheimer Le martellanti bugie del premier sul numero dei
suoi processi, sull’età delle occasionali amanti o Paul Knitter, Senza Buddha non potrei
ge W. Bush intorno alle fantomatiche sulle loro parentele con Mubarak, amplificate essere cristiano, Fazi, pagg. 320, € 19,00
armi di distruzione di massa di Saddam: nient’al-
tro che uno spauracchio per convincere Con-
un governo eletto dall’omertà e dal servilismo dei tg Rai e Media-
set, si traducono in un colossale furto di verità a
L’avventura spirituale di un teologo “eretico”:
è davvero possibile il dialogo interreligioso?
gresso e opinione pubblica della necessità di at-
taccare l’Iraq. Cia e Pentagono rovesciavano la deve manipolare danno dei cittadini elettori, che vengono privati
della conoscenza necessaria per decidere, come Lorena Canottiere, Oche, Coconino Press,
colpa sul dittatore, che avrebbe millantato un ben spiega Franca D’Agostini nel libro che an- pagg. 125, € 15,00
arsenale fittizio per spaventare gli iraniani: ma in
seguito l’interessato si rimangiò tutto, e gli ispet-
i fatti per ottenere ticipiamo in questa pagina. E seminano sfiducia
nelle istituzioni.
Una graphic novel garbata e ben disegnata.
Lo spaesamento di tre ragazzi in un’ostile
tori dell’Onu confermarono il bluff. Non è il pri- Talvolta, in politica come in amore, ci sono cose Torino. Straniante.
mo, né l’unico caso nella storia degli Stati Uniti.
Nel 1964, un altro presidente, il democratico
consenso. Specie in più importanti della verità. Chi sta al potere, pe-
rò, tende a vederne più del necessario. Lo dimo- Luigi Manconi, Valentina Calderone,
Lyndon Johnson, aveva sfruttato l’infame inci- strano le reazioni ai dossier di Wikileaks, o la va- Quando hanno aperto la cella, Il Saggiatore,
dente del Golfo del Tonchino per dare il via al- politica estera ghezza dei portavoce Nato nei briefing sui bom- pagg. 244, € 19,00
l’escalation in Vietnam. E quattro anni prima, Ei- bardamenti in Libia. O le fandonie che hanno Nelle carceri italiane si muore. E muore lo
senhower cavalcò la montatura degli aerei spia ammannito ai giapponesi i governanti di Tokyo e stato di diritto. Il caso Cucchi insegna.
sovietici U-2, affossando un vertice programma- i manager della centrale di Fukushima: camuf- ,
to col Cremlino. E risalendo ancora più indietro, fare la verità, in un caso come quello, non serve a
nel 1941, Roosevelt esagerò la portata di una evitare un male peggiore, ma a salvare stipendi e
E-PUB
schermaglia tra un sottomarino tedesco e un
cacciatorpediniere della marina Usa per affret-
tare l’ingresso del paese nella Seconda Guerra
I LIBRI posti di comando, invece che vite umane.
Riccardo Chiaberge
Il sito writerdream.org (di navigazione
Mondiale. • Franca D’Agostini, Introduzione alla difficoltosa) dà battaglia agli editori a
Chi ha il naso più lungo, insomma: un tiranno verità, Bollati Boringhieri, pagg. 359, pagamento ma anche agli editori a «doppio
€ 16,50; il saggio, anticipato in queste binario» che chiedono in modo più o meno
pagine, sarà presentato domani al Sa- chiaro forme di contributo. Las Vegas Edizioni
lone del libro di Torino (Sala Rossa, è stata da poco inserita nella categoria
SAPERE E CREDERE ore 10.30);
• John J. Mearsheimer, Why Leaders
«doppio binario» perché non prevede diritti
d’autore. Il «sindaco» di Las Vegas (ossia
Lie. The Truth About Lying in Interna- direttore editoriale), Andrea Malabaila,

LA VERITÀ tional Politics, Oxford University


Press, pagg. 160, $ 21,95;
33enne scrittore torinese, protesta sul blog di
Writersdream: «I nostri autori sanno che quei

IMPEDITA • Ian Leslie, Born Liars: Why We Can’t


Live without Deceit, Quercus, pagg.
352, £ 12,99.
due caffè che otterrebbero con i diritti
finiscono in promozione, in fiere, in copie per
la stampa». Da quando gli scrittori vengono
pagati in caffè?
Filosofa della scienza
Franca D’Ag os tini
CONTINUA DALLA PRIMA
lysis” (2010), Roy A. Sorensen di loro ha veramente intenzione relative ai suoi rapporti con la di menzogne che lo scagioni- che non si può tenere seriamen-
riflette su un caso particolare di di ingannare: il loro scopo, nota minorenne detta Ruby, chie- no?» si rispondeva «no, non è ve- te in considerazione. Invece, è

U
NO DEGLI OBIET- menzogna: quella che non ci in- Sorensen, è piuttosto impedire dendo che si facesse chiarezza. ro», a conferma citando l’avvo- molto probabile che l’intero
TIVI del libro è ri- ganna veramente, ma ci impe- al generale romano di sapere, Il quotidiano “il Giornale”, di cato e Ruby stessa. È però chia- procedimento sia una simula-
cordare un fatto ben disce di sapere. Dunque ci to- bloccargli irreparabilmente proprietà della famiglia del pre- ro che né Ruby né il suo avvo- zione. Quel che conta non è “far
noto alla tradizione, glie la verità, ma non ci offre l’acquisizione della verità di- mier, e con lui schierato, ha for- cato costituiscono fonti affida- trionfare la verità” (cosa che for-
ma che oggi si tende a dimen- neppure, in cambio, la menzo- chiarata e condivisa. nito dieci risposte, che intende- bili: il sospetto che mentano se non ci si aspetta dai giornali),
ticare: la verità non è l’arma pro- gna. L’esempio di base, sugge- Il procedimento è interessante: vano mostrare come le suddet- precisamente allo scopo di rice- e neppure convincere i lettori
pria dei dogmatici, delle Chie- rito da Sorensen, è il famoso ca- io credo che una certa propo- te menzogne non fossero tali. vere o avendo ricevuto i 5 mi- che il premier è innocente: si
se, o anche della Scienza come so di Spartaco, impersonato da sizione o teoria sia vera, ma nel Avrebbe potuto essere un vero lioni è del tutto legittimo. tratta piuttosto di impedire di
istituzione. È, invece, una strut- Kirk Douglas nel film di Kubrick momento in cui dovrei vedere confronto democratico, con i Quale è lo scopo di argomenti sapere, lasciando credere. Im-
tura concettuale critica e scet- del 1960, che è stato fatto pri- confermata ufficialmente e col- due quotidiani di parti avverse così deboli? Perché sprecare pedire che le proprie credenze
tica, che usiamo precisamente gioniero e deve essere crocifis- lettivamente la mia credenza, che confrontano i rispettivi ar- tempo ed energie per obiettare siano ufficialmente riconosciu-
per contrastare qualche pre- so. Il generale romano vittorio- compare qualcosa che non gomenti. Ma ciò sarebbe stato con argomenti molto discutibi- te vere, senza però togliere né i
sunta verità che ci viene impo- so chiede ai prigionieri: «Chi tra smentisce quel che credo (anzi se le risposte del “Giornale” li, in questo modo conferman- dubbi né le certezze. Questo
sta. È ciò che ci permette di dire voi è Spartaco?»; Kirk Douglas, in certo modo lo conferma), ma avessero messo a tacere i dubbi. do indirettamente che non si stato di sospensione epistemi-
a chiunque, fosse pure un papa, coraggioso e leale, ammette: impedisce il riconoscimento In verità i contro-argomenti hanno buoni argomenti? Una ca è caratteristico della sfera
un presidente, o un illustre in- «Sono io!», ma subito dopo, lo pubblico della verità. Non è un proposti erano estremamente prima ipotesi è che i lettori del pubblica italiana, al momento
tellettuale: «questo non è vero, schiavo al suo fianco si alza e di- caso raro. deboli. Per esempio, alla do- “Giornale” siano stupidi o di- in cui scrivo.
le cose non stanno così»... ce «no, sono io!» e così dicono Nel gennaio 2011 “la Repubbli- manda: «È vero che Ruby attra- stratti, o che siano presupposti Franca D’Agostini
In un articolo dal titolo Kno- tutti gli altri. È chiaro ed eviden- ca” ha elencato dieci (presunte) verso il suo avvocato ha chiesto essere tali dai giornalisti della © 2011 Bollati Boringhieri
wledge Lies apparso su “Ana- te che tutti mentono, e nessuno menzogne del premier italiano, 5 milioni al premier, in cambio testata. È un’ipotesi spiacevole, Editore
Venerdì 13 maggio 2011 il Fatto Quotidiano

III
LETTURE

Penne a squarciagola EDUCAZIONE

GOM ORRA
Tutto il testo è noia SUI BANCHI
di
Claudio Giunta
Da Califano a Vasco, Aspirante N UN PAESE meno distratto nel nostro, Quelli che

da Keith Richards
Ammaniti
Francesco Bianconi,
Ivaneperò è lo stesso di Silvia Dai Pra’, diario di una gio-
insegnante in una scuola professionale della pe-
leader dei Baustelle riferia romana, avrebbe una risonanza non molto di-
versa da quella che ha avuto Gomorra. O anche mag-
a Guccini e Bianconi: giore, dato che la camorra riguarda solo un pezzo del
lasciandosi alle spalle una paese (beh...), mentre la scuola riguarda tutti.
i cantanti che scrivono famiglia borghese e amici
destinati ad avvilirsi, un
Di bei libri sulla scuola ce ne sono molti, ma la Dai Pra’
fa meglio di tutti. Evita tutte le trappole in cui è facile
amaro dopo l’altro. Non cadere scrivendo di scuola dall’interno: non è mai re-
romanzi sono l’ultima c’è traccia però della rab-
bia sociale di Bianciardi,
torica, non è mai sentimentale, e per il disastro che ha
di fronte ogni giorno non incolpa Amici o Berlusconi
sconvolto dalle tragedie o la Cgil: non perché non siano colpevoli ma perché
moda editoriale con dei minatori maremmani. le radici del disastro sembrano tanto profonde da sfi-
Simile è invece l’ambiente dare qualsiasi spiegazione. È modesta: non s’inorgo-
nel quale ci si incista: un glisce troppo dei successi, che sa effimeri; e le stanno
risultati spesso mediocri sottobosco editoriale fatto a cuore i casi disperati, ma sa bene che non è lì per
di mediocrità, invidie, fe- salvare la vita a nessuno. In più, scrive splendidamen-
di Mauro Novelli rocie. Alberto, il protago- te e possiede un vero talento comico. La scena della
nista di Bianconi, è il clas- gita di classe a Montecitorio, col parlamentare in cra-

D
AL PALCO alle librerie, il passo è sico inetto, frustrato dal- vatta verde che squadra Daiana «e le sgranocchia i glu-
sempre più breve. Ormai è prassi: l’impotenza sessuale ma tei con lo sguardo mentre mastica un chewing-gum»
non appena un cantante comincia lucidissimo nell’esplorare vale cento saggi di sociologia e rivela l’essenziale, e
a imporsi, l’editore alza la cornet- i meandri di una città livi- cioè che, tranne che per il censo, gli abitanti del Pa-
ta. Troppo male l’affare non andrà, perché a da, in balia della nube di lazzo sono ormai identici agli abitanti delle borgate.
garantire il minimo sindacale di vendite prov- polvere bianca che tutti Dopo aver chiuso il libro della Dai Pra’, il lettore che
vede lo zoccolo duro di fan. La proposta più ammalia. Sullo sfondo, ama i contrasti può aprire Il ruggito della madre ti-
ovvia è quella del racconto autobiografico, un’Italia che si milanesizza gre, di Amy Chua, stravenduto in America. Tema: co-
che non lascia indifferenti neppure i divi più sempre più, nei desideri, me una madre sino-americana educa le sue figlie.
giovani. Di recente hanno messo nero su bian- negli odi e nei costumi. È Svolgimento: «Alle mie figlie Sophia e Louisa non è
co le loro memorie nientemeno che Cesare un male? Il romanzo non ri- mai stato permesso di: (1) andare a dormire dalle ami-
Cremonini, dj Francesco, Tiziano Ferro e per- sponde direttamente. Va che; (2) partecipare a una recita scolastica; (3) guar-
sino Anna Tatangelo, classe 1987. Tutte più o ascritta tra i suoi meriti l’as- dare la televisione; (5) prendere una voto inferiore a
meno costruite secondo la stessa formula: un senza di moralismo, come 10; (6) non essere la migliore in ogni materia». 240
po’ di colore locale, buoni sentimenti, tenacia, pure delle nostalgie paesa- pagine così: da un trionfo all’altro, da una violenza
be yourself ed ecco pronta la fiaba del calime- ne e del maledettismo di psicologica all’altra (le figlie per un po’ si ribellano a
ro che è riuscito a farcela. Poi alzi gli occhi, in maniera. Le vicissitudini essere trattate come droni, poi soccombono). Ogni
un altro scaffale scorgi il profilo demoniaco di del precariato scorrono tanto (per esempio quando applica questi stessi prin-
Keith Richards sulla copertina di Life, e ti pi- con ironia e disincanto. cìpi educativi al samoiedo Coco, che ha la sventura di
gliano le vertigini… Manca però un intreccio finire in casa sua) ci si domanda se Amy Chua non stia
La seconda strada è quella sapienziale. Il can- Sergio Caputo, Claudio Baglioni con Q.P.G.A. – forte in grado di avvincere, e delude la lunga scherzando. Se è così, è una dei grandi umoristi del
tante è maestro di vita? E dunque giù un diluvio capita la sigla?), peripezie mirabolanti (Van De sequenza finale dedicata a un party veneziano nostro tempo. Ma non è così.
di riflessioni, versi, aforismi e ammaestramenti Sfroos), pippotti filosofici (Francesco Renga, (tipo l’Ammaniti di Che la festa cominci), sti- Terminato anche il libro di Amy Chua, il lettore resta
vari. Dai pensieri di Battiato sino alle “disso- Roberto Vecchioni), vicende di formazione pato di celebrità cialtrone. Per fortuna Alberto più che mai nel dubbio. Che fare? Da una parte ci sono
luzioni” di Morgan, ai tomi di 500 pagine per le (Ligabue, Max Pezzali) e la solita pila di gialli. incontra il cantante dei Baustelle, che si distin- i tatuati palestrati nazisti delle borgate romane, c’è la
e-mail di Jovanotti. Allora meglio l’esile, esila- Intendiamoci: roba nostrana, niente a che fare gue – ma dai ? per eleganza e contegno, prima madre di Thomas, che fa a botte col figlio davanti al
rante Calisutra firmato da Franco Califano! con le atmosfere grottesche, plumbee evocate di morire colpito per caso da una mitragliata cancello perché non vuole che il figlio vada a scuola.
Meno loffia, in genere, è l’ultima eventualità, la da Nick Cave in La morte di Bunny Munro. all’uscita dei cessi. Un destino ridicolo, verreb- E dall’altra c’è Amy Chua, che ha una crisi di nervi
star che si dà alla narrativa, sotto forma di ro- D’altra parte la fedeltà alle radici può garantire be da dire, se non fosse il titolo di un romanzo quando apprende che la piccola Sophia è arrivata so-
manzi, racconti, o graphic novel: vedi Ho fatto risultati dignitosi. Lo ha dimostrato Francesco di Fabrizio De André. Ebbene sì, pure lui… lo seconda, e non prima, «al test di velocità nelle mol-
un sogno firmato da Vasco Rossi, che in realtà Guccini alleandosi con un professionista sot- Francesco Bianconi, Il regno animale, tiplicazioni». Due abissi. In tutto questo, l’unica per-
si è limitato a una supervisione del progetto, tovalutato come Loriano Macchiavelli. La loro Mondadori, pagg. 253, € 17,50; sona amabile è Silvia Dai Pra’, per cui sembrerebbe
ispirato a un suo testo distopico, curiosamente ultima opera, Malastagione, è un noir appen- Serge Gainsbourg, Gasogramma, Isbn, logico concludere che la scuola che ha formato la Dai
somigliante a un romanzo di Luciano Ligabue, ninico ben riuscito, dove un ispettore della pagg. 92, € 8,00; Pra’ è esattamente quella di cui abbiamo bisogno.
La neve se ne frega, anch’esso trasposto a fu- Guardia forestale indaga sulle tracce di un mi- Francesco Guccini e Loriano Macchiavel- Peccato che, presa in mezzo tra la scuola per i so-
metti. sterioso cinghiale, avvistato con un piede uma- li, Malastagione, Mondadori, pagg. 305, € ciopatici e la scuola per i piccoli Einstein, sia anche
In questo settore, comunque, sfilano le tipo- no tra le fauci. 18,00; quella che ha meno chance di sopravvivere.
logie più diverse. Certo nessuno si sogna di Più difficile da inquadrare è Il regno animale, Nick Cave, La morte di Bunny Munro, Fel- Silvia Dai Pra’, Quelli che però è lo stesso, La-
mettere a repentaglio la fama, come fece Serge primo romanzo di Francesco Bianconi, leader trinelli, pagg. 272, € 8,50; di nuovo in li- terza, pagg. 168, € 10,00;
Gainsbourg con la follia petomane di Gaso- del gruppo rock Baustelle. Di primo acchito la breria il 18 maggio. Amy Chua, Il ruggito della madre tigre, Sper-
gramma. Trovi invece garbate storie persona- storia pare un aggiornamento della Vita agra: ling & Kupfer, pagg. 256, € 18,00.
li, appena camuffate dalla terza persona (Nada, le disavventure di un toscano che sale a Milano,
RISVOLTI
FUORIGLOTTA di
Diego Marani
ZITTO ZITTO di
Tiziano Scarpa La copertina di “Scuote l’anima
mia Eros” di Eugenio Scalfari è
cambiata all’ultimo momento,
SDRAIO DI CEMENTO
GRANTA SENZA GRINTA Leggendo l’editoriale di
Paolo Zaninoni ci si sente passando da Amore e Psiche del AI BAGNI ERGASTOLO
presi in giro. Si parla di Canova (vedi libreriauniversita-
SARÀ UNA COINCIDENZA che la rivista “Granta” sbarchi in Italia pro- «contributi provenienti da ria.it) ad Apollo e Dafne del Ber- CON LA CONCESSIONE ai privati delle spiagge de-
prio nel 150esimo anniversario dell’unità. In ogni caso non c’era modo tutto il mondo» ma è un maniali per un periodo di 99 anni il paesaggio italiano
migliore per fotografare la situazione della cultura nazionale. bluff. I nomi degli stranieri di nini: forse perché in Einaudi si so- non sarà più lo stesso. Finiti i bungalow di canne e
Allora: una grande casa editrice italiana fa un atto di coraggio e avvia una questo numero suonano no accorti tardi che l’avevano già paglia in riva al mare. D'ora in poi si costruirà in pro-
nuova rivista letteraria. Ottima notizia. Come la concepisce? Come una esotici (Sungyoon Choi, usata per “Il professore di deside- spettive secolari. Bar di marmo, cabine di granito,
filiale. Apre da noi lo sportello di una rivista inglese. “Granta Italia” è fatta V.V. Ganeshananthan, Mar- ombrelloni di cemento armato. E anche i nomi degli
così: contiene metà testi tradotti dall’edizione londinese, e metà inediti tin Kimani, Chang-rae Lee, rio” di Philip Roth. Il lapsus (freu- stabilimenti dovranno per forza cambiare. Non più gli
italiani commissionati per l’occasione. Gli inglesi hanno fatto un numero Téa Obreht), poi si scopre diano) rivela una fonte d’ispira- effimeri Bagno Manila o Bagno Letizia.
monografico sul tema del lavoro? Pronti: l’editore italiano fa un giro di che vivono a New York o a zione nel maestro americano? Ora servono nomi fatali, incrollabili. Il Bagno Ergastolo
telefonate agli scrittori nostrani: ci scrivete anche voi un racconto sul Londra e scrivono tutti in in- offrirà ombrelloni a sbarre e una spiritosa palla al piede
lavoro? In cambio avrete il lustro di essere pubblicati accanto alle tra- glese. di gomma a tutti i suoi clienti. La spiaggia del Bagno
duzioni in italiano dei racconti di Doris Lessing, Salman Rushdie ed emer- Millennium sarà dominata dal parallelepipedo di 2001
genti vari. Gli scrittori italiani eseguono. MORALE: gli italiani, uniti da centocinquant’anni e alfabetizzati da mille, Odissea nello Spazio e il barista in costume da scim-
“Granta Italia” arriva dopo “Granta en Espanõl” e “Granta em Portu- non sono capaci di fare una rivista letteraria. Devono farselo insegnare mia. Il Bagno Big Bang avrà il bar in forma di pianeta
guês”. Praticamente una multinazionale. Dieci anni fa si insorgeva contro dagli stranieri, ricevere un format inglese, riproporlo pari pari. Colonia- cerchiato e le cabine piccoli satelliti. Il bagnino del
il potere delle marche. No Logo è passato invano. L’anglocrazia è ege- lismo puro. Curioso che non se ne sia accorto Antonio Pascale, che nel Bagno Matusalemme avrà una barba bianca lunga
mone. suo intervento discute di globalizzazione e prodotti tipici: sì, ma nell’a- quanto la scaletta del suo trespolo. Anche il Bagno
limentazione. E nella cultura? Peraltro, il suo contributo è il meno retorico Pompei avrà una sua legittimità con opportuni crolli di
NELLE LIBRERIE italiane, sottolineo, italiane, Libertà di Franzen è e il più interessante fra gli italiani di questo numero. cabine, docce sulfuree e pedalò bruciacchiati. Il Ba-
esposto accanto alla fotocopia a colori della copertina di “Time” con lo (P. S. Questo articolo non è stato scritto da Lavolpe Elùva. Invitato anch’io gno Eterna Giovinezza sarà riservato ai minorenni e ai
strillo: «Great American Novelist». Quando si tratta di riconoscersi in a partecipare a “Granta Italia”, ho detto no grazie). maggiori di 80 anni. Il Bagno Dentiera al ristorante
un’opera e lanciarla in tutto il mondo, united they stand, gli anglofoni si “Granta Italia”, n. 1, L avoro, a cura di Francesca Cristoffanini, Ste- servirà solo brodi e sarà dotato di distributori gratuiti di
stringono intorno ai loro autori e artisti e li valorizzano: lo fanno così bene fano Magagnoli, Michele Rossi, Paolo Zaninoni, con contributi di Sil- Kukident.
che l’eco risuona forte anche qui. Noi invece che si fa? Si pubblica una via Avallone, Salman Rushdie, Francesco Piccolo, Alissa Torres, Co-
rivista bilingue, in cui testi italiani vengano tradotti in inglese e diffusi al- lumn McCann, Giuseppe Catozzella, V.V. Ganeshananthan, Antonio
l’estero? Neanche per sogno. Si offre servilmente l’ennesima vetrina alla Pascale, Chang-rae Lee, Giorgio Vasta, Gianni Berengo Gardin, Do-
letteratura più tradotta e sopravvalutata al mondo, quella di lingua in- ris Lessing, Walter Siti, Martin Kimani, Marcello Fois, Téa Obreht,
glese con baricentro Usa e Uk. Michela Murgia, Rizzoli, pagg. 250, € 18,50; in libreria da domani.
Venerdì 13 maggio 2011 il Fatto Quotidiano

IV
PERCORSI

Storie di poeti
ossessionati dai soldi
Nei romanzi di Walter e Ricuperati, due differenti
letture della nostra realtà, dove contano solo il sapere
finanziario e una smania illimitata di consumo
di Antonio Tricomi furti e grandi bugie, è incapace, appunto per-
ché dilapida risorse, di diventare ricco come

V
IVIAMO IN UNA società nella qua- il suo tempo gli imporrebbe. Dall’altro lato,
le il possesso e l’uso del denaro so- non dispone però delle finanze sufficienti per
no divenuti i requisiti essenziali soddisfare il secondo ideale della propria epo-
per essere ammessi nel vigente or- ca: consumare illimitatamente. Col suo vivere
dine civile. Che succede, però, se una simile al di sopra delle proprie possibilità, accusan-
società precipita in una profonda crisi econo- dosene per quel residuo moralistico di edu-
mica, per effetto della quale sempre più in- cazione cattolica che si fa sentire in lui, ma
dividui vedono ridotte o azzerate le loro pos- anche assolvendosi da tale colpa grazie al so-
sibilità di cumulare e spendere sostanze, e strato parimenti nichilistico di quella mede-
dunque di sentirsi appagati o pronti a raggiun- sima formazione, l’io narrante diviene così il
gere i propri obiettivi? simbolo di un’Italia cialtrona, che nutre pac-
A questa domanda rispondono ora due ro- chiani sogni di benessere e nella quale, «al fon-
manzi, La vita finanziaria dei poeti di Jess do di tutta la disperazione» avvertita dai cit-
Walter e Il mio impero è nell’aria di Gianluigi tadini consci del degrado, si nota però «un’on-
Ricuperati, che si confrontano rispettivamen- da ferma d’ironia» da costoro «rivolta verso se
te con la «recessione» iniziata negli Stati Uniti stessi». Quello di Ricuperati è un bel libro, lu-
dopo l’Undici Settembre e con un paese, l’I- cido nel ritrarre un Paese che appare gretto e
talia, che nell’ultimo ventennio «è diventato immodificabile, se la sua classe dirigente co-
una cisterna di denaro contante, denaro na- nosce alla perfezione l’arte del paternalismo e
scosto, denaro mancante». nessun ricambio generazionale intende age-
Provocatorio e intelligente, il libro di Walter volare, ben sapendo che «l’identità del denaro
descrive un mondo in cui l’unico sapere e la è solo nel nome di chi lo possiede».
sola arte socialmente legittimati sono il sape- Ritroviamo in questi due romanzi quanto ri-
re finanziario e l’ottenere profitti. Il progetto scontrava, poco più di cent’anni fa, il filosofo
che sancisce il tracollo economico dell’io nar- Georg Simmel nel suo Le metropoli e la vita
rante, ossia l’idea di aprire un sito di consigli dello spirito. Ovvero la coincidenza fra eco-
finanziari in versi che non trova visitatori, di- nomia monetaria e cultura moderna, entram-
viene l’emblema di un’epoca nella quale nes- be tese a «trasformare il mondo intero in un
suna forma di conoscenza o d’espressione, calcolo», a imporre «uno schema rigidamente
che non sia direttamente partorita dal denaro, prefigurato» alle manifestazioni della sogget-
può ritagliarsi uno spazio di sopravvivenza, tività umana. Il filosofo scorgeva dunque nel
anche qualora accetti di veicolare le logiche denaro «il più terribile livellatore» delle cose
monetarie egemoni. Il protagonista del ro- tutte, l’unità di misura incaricata di cancellare
manzo è a tal punto convinto del dominio as- «le differenze qualitative» esprimendole «in
soluto del mercato, da sostenere, in una delle termini quantitativi». ECONOMIA E RELIGIONE
sue improbabili liriche: «la causa reale della Nelle odierne società occidentali ciò risulta
crisi globale / del nostro sistema finanziario / ancor più vero. Il tramonto delle “grandi nar-
è il nostro sistema finanziario». Che, nei pe-
riodi di prosperità sociale, ascrive totalmente
razioni” ha favorito l’equiparazione, anch’es-
sa ideologica, fra libero mercato e democra-
BENEDETTO CAPITALE
a sé il merito del benessere diffuso, ma, quan- zia. È necessario comprarli, se si vogliono di-
do lo sviluppo segna una battuta d’arresto, ritti di cittadinanza, un’istruzione, un lavoro, di Massimo Palma e anche l’etica, si riformò lo ce come, a partire dal Seicento,
scarica tutta la responsabilità del collasso eco- forme di tutela sociale. Occorre consumare, “spirito” con cui si vedeva il la- il mercante in virtù delle dottri-
nomico sui cittadini, generando in loro un fe- se si aspira alla felicità, in un mondo che ri- TICA ed economia, si sa, vi- voro nell’aldiquà, e lo sposalizio ne etiche di alcune sezioni della
roce “senso di colpa”. E Walter ci mostra co-
me il sogno americano del self-made-man,
tiene emancipati solo gli individui che produ-
cano e fruiscano indiscriminatamente merci.
E vono un connubio proble-
matico, longevo ma irto di colpi
con l’economia prese forme
inedite. Almeno stando a Max
galassia riformata, smise di es-
ser sgradito a Dio e cominciò a
ansioso di dare ai figli più di quanto egli abbia Urge difendere i soldi e le rendite, di cui si bassi, litigi e separazioni. C’era Weber, testimone di queste noz- muoversi secondo «un’etica
avuto, sia ormai sentito, nell’Occidente inte- dispone, da qualsiasi politica redistributiva e un tempo in cui si diceva: Deo ze più o meno infami. Dal 1904, professionale specificamente
ro, alla stregua di una legge di natura che è da ogni tipo di prelievo fiscale, se si mira a placere non potest, che si per- anno del celebre saggio su L’e- borghese». Nel momento in cui
compito degli individui non violare se inten- saziare i propri appetiti. Specie in un sistema segua il guadagno per il guada- tica protestante e lo “spirito” si trovò chiamato a esercitarsi
dono apparire moralmente degni. che esalta sì l’egoismo sociale, ma non per fe- gno. Né piaceva a Dio l’usura- del capitalismo, Weber si trovò in una vita ascetica, perché que-
Ossessionato dal denaro, che ama sperpera- deltà al teorema illustrato da Mandeville, qua- ria pravitas di chi chiedeva in- più e più volte a specificare, tra sto era dovuto a Dio, la nuova
re, è anche il trentenne Vic Gamalero, prota- si tre secoli orsono, nella Favola delle api: teressi sui prestiti. Né, tantome- critiche, anticritiche e repliche figura d’imprenditore generata
gonista del libro di Ricuperati. Il senso di ver- non perché accolga, insomma, il principio in no, erano privi di remore etiche conclusive, cosa mai avesse vo- dalla Riforma giunse a fare i con-
gogna da cui è afflitto si spiega con una du- base al quale, nei grandi consorzi civili, i vizi e religiose i primi commercianti luto dire nel collegare la contur- ti con un cumulo, quello del de-
plice mancanza che il personaggio è costretto privati determinerebbero pubblici vantaggi, a esser dominati dall’impulso bante genesi del capitalismo naro, finalmente beneodoran-
ad attribuirsi. Da un lato Vic, che non ha im- ma perché cancella l’idea stessa di bene co- acquisitivo. Poi qualcosa cam- con un’etica religiosa come te, copioso e benvenuto, ma
parato un mestiere e si mantiene con piccoli mune. biò, perché cambiò la religione quella protestante. E mise in lu- non da dissipare, bensì da rein-

LIBRI Alessandro Bergonzoni


I GIOCHI DI PRESTIGIO romana, anche quando questa promette autonomia
Gianluigi Ricuperati, Il mio im-
DEL FEDERALISMO
ma la riduce. Prendiamo il caso dell’Ici: per non tradire DENARO - Dio pagano (o
pero è nell’aria, minimum fax, la promessa elettorale, il governo di Silvio Berlusconi
Roma 2011 toglie l’imposta sulla prima casa, già in gran parte abo- meglio un “dio che paga”),
ALL’ITALIANA
Jess Walter, La vita finanziaria lita dal governo Prodi. Risultato: nel 2008 ai Comuni moneta di scambi per
dei poeti, Guanda, Milano LA POLITICA DI BILANCIO in Italia è un quadro pun- vengono meno 3,3 miliardi di euro, che il governo cen-
2011 tinista. Più ti avvicini, meno si distingue una trama che trale rimpiazza con un trasferimento da Roma di 2,6 sistemi binari, prima mira
Ernst Friedrich Schumacher,
Piccolo è bello. Uno studio di
separi la destra dalla sinistra, i sostenitori dello Stato miliardi. Meno libertà e un buco da riempire. Gli am- e poi centro del mondo
forte e quelli dello Stato minimo. Quando si arriva al ministratori locali intervistati nel libro di Gitti e Capo-
economia come se la gente nocciolo della politica, cioè i soldi, si scopre che i pro- rossi raccontano come hanno resistito fino all’ultimo immondo, in nome del
contasse qualcosa, Mursia, Mi-
lano 2011
blemi e le risposte sono comuni. Anzi, Comuni, con la alla necessità di aumentare altre imposte consapevoli quale tutto si fa, molto si
maiuscola: poiché tutta la politica è locale, sono so- che questo avrebbe complicato la rielezione. Negli un-
Hans Küng, Onestà. Perché l’e- prattutto i sindaci a fare i conti, a inventare o cancellare dici Comuni analizzati scendono le entrate ma le spese distrugge, apostrofo verde
conomia ha bisogno di un’etica,
Rizzoli, Milano 2011
servizi e a ridefinire il perimetro dello Stato assisten- continuano ad aumentare del 2,6 per cento. Come è tra le parole poco e tanto,
ziale. Il Mulino pubblica un libro dal titolo Il federalismo possibile? Prestidigitazione. Il Comune di Roma stava
P. Caporossi e G. Gitti (a cura che già c’è con l’ambizioso programma di spiegare affogando sotto 13 miliardi di debito? Presto fatto, lo si motore dell’economia tua,
di), Il federalismo che già c’è, Il
Mulino, Bologna 2011
“come vengono spesi i soldi dei cittadini nei Comuni trasforma in una bad company tipo Alitalia, a cui si sua ma specialmente l’oro,
italiani”, uno studio promosso dalla Fondazione Etica e lascia il debito, e si crea un nuovo Comune che, es-
David Harvey, L’enigma del ca- curato dalla direttrice della fondazione, Paola Capo- sendo fresco di nascita, può trasformare il 100 per “contante” varianti.
pitale, Feltrinelli, Milano 2011 rossi, e dal presidente Gregorio Gitti. Importante av- cento delle entrate in spesa corrente, mentre gli altri
Max Weber, L’etica protestante vocato milanese, professore a Pavia, genero del ban- devono destinarne la metà a investimenti. I comuni
e lo “spirito” del capitalismo, chiere ulivista Giovanni Bazoli (Intesa Sanpaolo), Gitti è leghisti interpellati dai ricercatori della Fondazione Eti-
Rizzoli, Milano 2009 espressione di quella cultura politica che trova nel ca non hanno voluto rispondere alle domande sulla
Bernard Mandeville, La favola pragmatismo dell’amministrazione locale il suo primo gestione. Perché, in fondo, quasi tutti preferiscono che
delle api, Laterza, Roma-Bari banco di prova. E nei saggi raccolti nel libro si capisce, la situazione resti quella denunciata nell’introduzione
2006 come diceva Ulrich Beck, la necessità di trovare so- al volume: alle amministrative si va a votare incapaci di
Georg Simmel, Le metropoli e luzioni locali a problemi globali. O almeno nazionali. Il valutare la performance del Comune, “se non sulla
la vita dello spirito, Armando federalismo già c’è, o c’era. I Comuni hanno imparato base di impressioni o del semplice sentito dire”.
Editore, Roma 1995 a sopravvivere alle ricadute sul territorio della politica Stefano Feltri
il Fatto Quotidiano Venerdì 13 maggio 2011

V
PERCORSI

Rossini, la finanza
in palcoscenico
Lettere inedite
Ritrovata la corrispondenza
del celebre compositore
col banchiere Rothschild:
versamenti a clarinettisti,
autori di testi e due medici
di
Philip Gossett 2200 francs, da pagare entro 40 giorni al signor
Antonio Zoboli. Per favore abbiate la bontà di

I
N ANNI RECENTI la nostra cono- versare questa somma e addebitarla sul mio
scenza della vita e dei lavori di Georg conto. Il vostro devoto, Gioachino Rossini, Bo-
Friedrich Händel è cambiata grazie al- logna, 14 settembre 1840».
la straordinaria ricerca di una profes- Alcune lettere sono scritte interamente da Ros-
soressa del Mit, Ellen Harris. Ha fru- sini, altre solamente firmate, mentre il resto
gato nella vita personale di Händel, esaminan- delle missive è redatto dalla sua “segretaria in-
do i movimenti bancari, analizzando il suo te- tima”: così Olimpe Pelissier, amante di Rossini
stamento e seguendo i gruppi per cui com- (poi sua seconda moglie), si definiva nel post
poneva musica: ha scoperto così che era un scriptum a una lettera del 19 maggio 1840, in
sostenitore di quelli che oggi chiameremmo cui affermava pure che Rossini era bravo solo a
circoli omosessuali (non ci sono prove che firmare. Tra coloro a cui venivano corrisposti i
fosse gay, ma solo buone ragioni per sospet- versamenti figurano molti colleghi di Rossini:
tarlo). Adesso sappiamo chi erano i suoi amici Domenico Liverani (clarinettista e arrangiato-
ed eredi e possiamo accedere ai manoscritti. re, che scritturò tra il 1840 e il 1850), Giuseppe
Conosciamo le sue facoltà economiche e pos- Torre (che scrisse i testi di molte canzoni) e Ma-
siamo capire le motivazioni pratiche del suo dame Vigano, figlia del coreografo Salvatore Vi-
passaggio dalle opere italiane agli oratori in- gano e vedova del primo mecenate di Rossini,
glesi. Dettagli apparentemente triviali della Domenico Mombelli. Fu lei a scrivere il libretto
biografia, ma quando accuratamente inter- della prima opera di Rossini, Demetrio e Po-
pretati hanno un impatto decisivo sulla nostra libio, e le parole della sua prima canzone Se il
comprensione dei lavori di questo composi- vuol la molinara. Poi si trovano anche i paga-
tore. menti a due dottori bolognesi, Andrea Cipria-
no Ghedini e Joseph Vigna Dalferio, e all’amico
OLIMPE: SEGRETARIA, fiorentino Laudadio Della Ripa.
L’albero dei talenti Da una lettera del 1838 a James, apprendiamo
Disegno di Tiziana Romanin
AMANTE E MOGLIE che un altro amico banchiere, Alexandre Agua-
do, aveva regalato a Rossini alcune azioni di
Mentre si devono ancora condurre ricerche simi- una ferrovia da Le Havre al mare. Il composi-
li sulla maggior parte dei compositori del XIX se- tore, però, decise di rivenderle perché ricor-
colo, la gentilezza di Charlotte de Rothschild e dava ancora «la paura che ho avuto su quei treni
del “Rothschild Archive” di Londra mi ha permes- quando viaggiavamo da Bruxelles ad Anversa».
so di esaminare le fotocopie di 41 lettere recen- Si riferiva a un episodio di due anni prima,
vestire, perché così piaceva a Dio. la morale vissuta si univa, nel tala- un’etica, il nuovo libro di Hans temente scoperte, inviate da Gioachino Rossini a quando accompagnò James a Bruxelles per le
Non più sterco del demonio, il de- mo ben predisposto dalle diverse Küng, teologo cattolico, estromes- James de Rothschild a Parigi o agli impiegati della nozze di suo nipote, Lionel, a Francoforte. C’è
naro diventò il segno che le cose, dottrine, all’economica. Ma la sua so dall’insegnamento dal 1979. Il sua banca. Rossini fu presentato per la prima vol- una traccia musicale di questo viaggio nel ros-
lassù, sul piano dell’elezione, si attenzione era sempre volta a oc- nuovo affondo dell’anziano collega ta a James durante il congresso di Verona del siniano un petit train de plaisir, un brano de-
stavano mettendo bene: sorpassa- cidente, dove accadevano fatti di Ratzinger a Tubinga cerca la ri- 1822: rimasero amici per tutta la vita (James morì scrittivo dei Péchés de vieillesse, in cui si rac-
ta dall’ambizione escatologica in- unici, come il capitalismo “razio- conciliazione di due ambiti distan- poco dopo Rossini, che spirò il 13 novembre conta di un incidente in cui persero la vita mol-
dividuale, la scatologia del profitto nale”. Fu qui, dalle nostre parti, ti, indicando il profilo di un’econo- 1868). La corrispondenza inizia nel 1838 e con- ti passeggeri. Così, musica e finanza s’intrec-
finì in soffitta. La formula funzio- che Weber notò come col passar mia che sappia assumere coloritu- tinua, con interruzioni, fino al 1853. Esistevano ciano nella complessa rete dei significati. Ogni
nava, il nesso trovato – in chiave del tempo, i beni esteriori, da sot- re etiche, che sia diretta cioè secon- sicuramente altri documenti simili, ma non si tro- nome, data e dettaglio ci insegnano qualcosa.
antimarxista, perché qui la sovra- tile mantello del sant’uomo, erano do un atteggiamento morale inte- vano più nel fondo Rothschild delle “Archives Na- Traduzione di Camilla Tagliabue
struttura compenetrava la struttu- divenuti “gabbia d’acciaio” e la no- riore ravvisabile in tutto l’orbe ter- tionales du Monde du Travail” di Roubaix.
ra – ed ecco che Weber, enciclo- stra “età del ferro”. E l’etica salutò racqueo, a prescindere dalle fedi, Molte lettere sono identiche: richieste di Rossini
pedico non specialista, si spostò a l’economia, delusa dalla progenie perché l’acciaio torni tessuto e la alla sua banca, la “Frères de Rothschild” di Parigi,
Oriente, verso il Buddhismo, il di Benjamin Franklin. Almeno fino gabbia un abito. di saldare i debiti. Tipicamente suonano così:
Confucianesimo, l’Induismo, sen- a oggi, quando, dopo l’ennesima «Messieurs, ho l’onore di informarvi che oggi ho
za trascurare l’Antico Israele: di crisi del capitalismo, esce Onestà. versato sul mio conto duemiladuecento franchi,
qui lo studio dei diversi riti con cui Perché l’economia ha bisogno di

CORSI E RICORSI ingiusti privilegi legati all’intervento


pubblico contro cui i vari ministri del-
Thomas Friedman non si potesse più
fare a meno della grande scala. È vero
grande è diventato il simbolo del ma-
le e il piccolo è ritornato in auge. I
la funzione pubblica (oggi anche che Skype è stata inventata in uno giornali si sono riempiti di racconti di

PICCOLO È BELLO, “della semplificazione”) hanno potu-


to ben poco. Il mito del piccolo è bel-
lo ha favorito il perpetuarsi di uno Sta-
scantinato. Ma di inventori di Skype
ce ne sono pochi e per tanti anni non
hanno certo fatto profitti. Nella net
casi aziendali di piccoli che ce la sta-
vano facendo durante la crisi e che
anzi avevano approfittato della crisi
MITO CHE RITORNA to che interviene in modo discrezio-
nale: il favore al Piccolo di turno ha un
valore sul mercato politico solo se di-
economy i piccoli che hanno buone
idee scoprono presto che, per avere
accesso alle centinaia di milioni di
per costruirsi posizioni di leadership
nelle nicchie in cui operavano. Il mi-
to del piccolo è bello è di nuovo pron-
pende dalla discrezione del Principe. consumatori americani o cinesi, biso- to per decollare. E gli interventi della
di Francesco Daveri che il mito del piccolo è diventato il In uno Stato che funziona secondo gna mettere in piedi una costosa rete politica nel frenare l’arrivo dei capi-
criterio fondante di una politica indu- poche regole generali e ben distributiva e dotarsi di buoni le- tali stranieri sono un’avvisaglia del ri-

P
ICCOLO È BELLO, come re- striale assistenziale. Quasi nessuno definite scompare il mer- gali per definire e vedere ri- torno di un peloso interesse della po-
cita il fortunatissimo libro dei tanti ministri dell’Industria si è fat- cato politico basato sul- spettati i propri diritti di pro- litica per il tema.
degli anni Settanta dell’e- to mancare una legge o un regola- lo scambio tra conces- prietà intellettuali. Con in- C’è un pendolo che oscilla e non si
conomista Ernst Friedrich mento che creava un trattamento sione di favori e con- ternet è parso che il mito ferma mai nel punto giusto. Eppure
Schumacher – ripubblicato proprio preferenziale per le piccole imprese, senso elettorale. Il mi- del “piccolo è bello” potes- non sarebbe impossibile. Il bello del
in questi giorni da Mursia. Nell’Italia spesso accompagnato a un permesso to del piccolo è così di- se andare in soffitta. E con il piccolo nel mondo globale è la sua
del secondo dopoguerra il “piccolo” implicito di evitare gli obblighi fisca- ventato un elemento declino del mito del piccolo particolarità e la sua flessibilità. Il
è sempre stato bello, anzi bellissimo. li. È nata perciò la categoria del pic- importante alla base della è bello, si poteva addirittura brutto è che il piccolo fa fatica a strut-
Per una buona ragione: la miriade di colo come entità da tutelare, spesso diffusione della corruzione ascrivere la bassa crescita dell’I- turarsi e quindi non offre sufficienti
piccole imprese, spesso artigianali, in spregio al riconoscimento di diritti nel nostro paese. Soprattutto, talia alle piccole dimensioni delle garanzie di vita, professionale e non.
del tessile, delle piastrelle, del calza- individuali generali. Nel sistema così l’idea che il piccolo sia bello in sé e imprese italiane. Una volta – si diceva È il mito del “piccolo è bello” che de-
turiero, della meccanica costituiva- disegnato, il piccolo aveva una con- che quindi vada protetto come tale, – le piccole imprese andavano bene ve essere cancellato, non il piccolo
no una ricchezza inimitabile di ciò venienza a rimanere tale per conti- ha contribuito a minare la percezione così, artigianali e raggruppate in di- come tale.
che oggi chiamiamo “Azienda Italia”. nuare a esser tutelato, possibilmente del bene pubblico e dell’interesse ge- stretti e in comunità sociali che con-
A fianco delle piccole di successo c’e- dimostrando gratitudine elettorale ai nerale già scarsa in Italia fin dai tempi ferivano loro una chiara identità so-
rano però anche le piccole che face- politici benefattori. di Federico Barbarossa. ciale. Ma la piccola dimensione era di-
vano fatica. Ma siccome era il piccolo Naturalmente la pratica di protegge- Poi è arrivata internet e a cavallo della ventata una palla al piede, ai tempi di
come categoria a essere bello (e non re specifiche “piccole” categorie o fine del millennio è sembrato che nel Google e della finanza di Wall Street.
il “piccolo di successo”) è accaduto gruppi di individui ha generato tanti mondo piatto descritto nei libri di Poi c’è stata la Grande Recessione. Il
Venerdì 13 maggio 2011 il Fatto Quotidiano

VI
LAB

Nuove religioni PROFETI

Ecologismo Un pamphlet
sui furbetti della
PETRINI,
CREAZIONISTA
insostenibile green economy

smetici, macchine, prodotti bancari,


ANTI-OGM
di Antonio Pascale (di sinistra), ossia quelle che
giornali, viaggi. Ci sono anche il Club producono e trasmettono cul-
Med, la Fiat, Nestlé, Gaz de France, tut- EMPO FA Carlo Petrini tura – sta strutturando, appun-
ti saltati sul treno dell’ecologia, tanto
promettente in termini di immagine e
T elencò dieci punti per ri-
badire il no ai cosiddetti “ogm”.
to, l’idea di un ecologismo sì,
ma senza innovazione tecnolo-
profitti. Sono gli stessi manager a con- Al punto otto sosteneva, tra l’al- gica. Un paradosso. Per esem-
fessarlo, con una franchezza disar- tro, che «le piante mal soppor- pio, una foto di famiglia ritrae
mante: «Da Ernst & Young sappiamo tano le modificazioni geneti- mio nonno, mia nonna, mio pa-
che per essere sostenibile lo sviluppo che». Ora, se durante un esame dre e io, bambino. Questa foto
deve creare valore a lungo termine per di biologia avessi fatto un’affer- (1968) illustra tre generazioni.
gli azionisti», recita una brochure. mazione del genere sarei stato Mia nonna sullo sfondo lavava i
Questa campagna in favore del piane- cacciato dall’università. L’evo- panni. L’ha sempre fatto, per
ta ha contorni ormai troppo allargati e luzione dei prodotti agricoli tutta la vita – poi è stata felicis-
astratti, e dunque sospetti: chi può dir- (da diecimila anni) è stata pos- sima di potersi servire dell’in-
si veramente contro? chi è il nemico sibile perché le piante soppor- novazione portata dalla lavatri-
da combattere? la figura dell’imbecille tano – e come! – le modificazio- ce: per lei quella era una scelta
che va in giro con il Suv e lascia le luci ni genetiche. Nei millenni non ecologica, recuperava tempo e
accese in casa non esiste più (forse abbiamo fatto altro che sposta- risparmiava acqua. Mio nonno
non è mai esistita), ci ha pensato la cri- re geni da una parte all’altra. La era un contadino, povero,
si economica, che presto spingerà tut- prima modifica indotta (empi- sdentato, con i postumi della
ti quanti verso consumi più morigera- ricamente) è stata quella che pellagra. Coltivava biologico e
ti. Sia chiaro, Gran non mette in di- ha permesso la creazione di ce- non per scelta etica. Non aveva
scussione i dati scientifici sul riscalda- reali che non disperdevano i se- né fertilizzanti né agrofarmaci.
mento globale (anche se in un capi- mi. Abbiamo modificato il loro Si lamentava degli insetti che
Geneticamente contro tolo prova ad analizzare come la mag- status selvaggio cercando di ot- mangiavano la sua roba – gli in-
Attivisti di Greenpeace tagliano piante di mais OGM in Friuli, luglio 2010 gioranza “bolscevica” degli scienziati tenere cariossidi più grandi e setti non sono culturalmente
abbia demonizzato la minoranza più ricche di proteine. Questo modificati, cioè non dicono:
“menscevica” degli eco-scettici) né è avvenuto e avviene ancora e questo campo è biologico non
di Martina Cardelli improvvisamente convertito al bon-ton l’ovvia importanza di salvaguardare la na- avverrà sempre e riguarda tut- l’attacchiamo. Mio padre inve-
ecosostenibile: spesa al supermercato bio, tura. Quello che contesta è la forma presa to ciò che consumiamo. Quan- ce ha goduto delle innovazioni

E
CCO FINALMENTE un libro caffè equo e solidale, carta igienica che da questa psicosi collettiva e i troppi in- do modifichiamo un prodotto tecnologiche, agrofarmaci, fer-
che non ci salva dal riscalda- «somiglia a un giornale dell’Europa dell’e- teressi che vi si trovano coinvolti. Da figlio modifichiamo i suoi geni – per tilizzanti e miglioramento ge-
mento globale ma dall’ecologia st», lampadine a basso consumo. di immigrati russi, non può esimersi dal questo tutto è ogm. Afferma- netico.
stessa. Vendicandoci, in una so- Gran vede venire avanti, minacciosa e inar- diffidare di un’ideologia tanto ecumenica zioni come quella di Petrini
la volta, dei bizantini distinguo davanti alla restabile, una nuova religione che sta oscu- che prevede un’acritica adesione. Da scrit- contribuiscono a formare un L’INNOVAZIONE
raccolta differenziata, dei minacciosi av- rando il senso critico dei suoi contempo- tore ne percepisce l’assurdo e rivendica il immaginario ecologista (e di si-
vertimenti dei climatologi, dello stillicidio ranei e alla quale si sente costretto ad ade- diritto di ridere, per esempio, di un’agen- nistra) di stampo creazionista, DIMENTICATA
di tutti quei gesti che ci vengono richiesti rire a costo di passare da criminale, da ne- zia di pompe funebri australiana che ga- un po’ alla testimone di Geova.
per “salvare il pianeta”, del cinismo di un mico dell’umanità: lo Sviluppo Sostenibi- rantisce bare a impatto zero ed eco-soste- Ha visto la produzione agricola
Carrefour che invita ad agire responsabil- le. Come tutte le religioni prevede l’esi- nibili. E poi, a voler cercare a tutti costi uno aumentare, quindi ha potuto af-
mente o della Coca-cola a impatto zero, de- stenza del male (espresso con una formula stile di vita sostenibile, si potrebbe arriva- francarsi dalla terra e studiare. Io
gli eco-scrittori che si riuniscono sotto il chimica: Co2), ha i suoi sacerdoti e i suoi re a dire che il gesto più ecologico è restare sono stato il più fortunato. Perché
marchio “penne verdi”, del greenwashing templi, e predica un’apocalissi finale. Ha a casa propria davanti al televisore («le tra- ho potuto beneficiare appieno
dilagante che nasconde in realtà nuove addirittura previsto un mercato delle in- smissioni Endemol, una scelta responsabi- della rivoluzione agricola e nello
strategie commerciali. Si chiama L’Ecolo- dulgenze, con la possibilità, per privati e le per limitare le emissioni di Co2» ecco un stesso tempo capire che questa
gie en bas de chez moi, ed è appena uscito imprese, di riscattare i propri peccati: per bello slogan)! aveva prodotto dei danni. Come
in Francia (dall’editore P.O.L di Parigi). compensare l’emissione di carbonio e di- Iegor Gran sa di provocare e non vuole es- rimediare? C’è solo un modo: ca-
L’autore, Iegor Gran, francese ma nato in chiarare la propria attività “a impatto ze- sere preso sul serio. Crede però nell’utilità pire, ora, attraverso quali nuove
Unione Sovietica, da anni si diverte a pro- ro”, basta ormai finanziare qualche ONG della polemica e nel primato della cultura tecnologie si arriva a produrre di
vocare il “pensiero unico” della gauche che provveda a piantare un paio di alberi in sulla natura – in questo è profondamente più, meglio e con meno costi so-
francese, la sua mancanza di dubbi e di sen- Amazzonia. Con queste partnership si illuminista e anti rousseauiano. Ci dice di ciali. Si possono ottenere agrofar-
so dell’umorismo: lo aveva fatto qualche guadagnano il diritto di esporre il santo si- preferire i libri all’orso polare e ci ricorda maci biodegradabili e innocui?
anno fa con ONG, dove due associazioni, gillo del WWF o dell’FSC. che Noè ha salvato l’umanità dal diluvio Certo e lo si sta già facendo. Si pos-
una in difesa dell’infanzia e l’altra ambien- Poi c’è il salone «Pianeta Sostenibile», dove con la scienza e l’ingegneria, e non flagel- sono ottenere piante resistenti al-
talista, vicine di pianerottolo, si facevano lo scrittore si reca in pellegrinaggio una landosi o facendo quotidianamente “un la siccità e agli insetti? Certo. L’e-
una guerra all’ultimo sangue per questioni domenica mattina (ma, restando in Fran- piccolo gesto per il pianeta”. Ci ricorda voluzione ci ha insegnato che so-
condominiali. cia, avrebbe potuto scegliere il salone del- che la letteratura ha sempre aiutato gli lo attraverso l’innovazione cultu-
La sua scrittura ha origine da un’insoffe- lo Sviluppo Sostenibile, la fiera “Pianeta uomini a immaginare il proprio futuro. rale e tecnologica (e con i fondi
renza, dal sentirsi accerchiato: qui a irri- istruzioni per l’uso”, la Settimana della mo- Rivendica infine per sé l’arte come me- alla ricerca) si può sperare di mo-
tarlo sono la vicina del terzo piano che lo bilità sostenibile, la Giornata mondiale del- dicina individualista, là dove l’ecolog ia Meglio non muoversi affatto dificare in meglio il mondo. Sa-
spia mentre getta l’immondizia, i media le biodiversità, o iniziative regionali come è diventata un obbligo collettivo. Forse perché, simbolicamente par- rebbe un disastro se la sinistra per-
che lo bombardano con slogan preconfe- la Giornata alsaziana dei Troppi-Rifiuti, non possiamo seguirlo fino in fondo lando, le piante non sopporta- desse di vista due parole: innova-
zionati, ma soprattutto l’amico Vincent, ecc.) è la sua Lourdes. Anche qui l’interes- nella sua paradossale battaglia, ma è no le modificazioni genetiche, zione e inclusione. Più innovi più
se primario è quello sempre salutare, quando si tratta di sa- quindi ogni tentativo di miglio- includi. Adesso la sinistra (a legge-

WHAT’S APP di
Antonio Armano commerciale, poi-
ché due stand su tre
sono punti vendita:
cro, ascoltare una voce dissacrante.
Iegor Gran, L’Ecologie en bas de chez
moi, P.O.L, Parigi, pagg. 180, euro
ramento produce un danno e
inquina un presunto stato natu-
rale. Questo atteggiamento –
re la pubblicità) è oltre. Dove pe-
rò, non è chiaro, sospetto che,
culturalmente, sia precipitata nel
alimentazione, co- 15,5 che, tra l’altro, incide sulle élite buco nero del passato.
KAMASUTRA IN TASCA
LEGGENDO LE ISTRUZIONI per la “posizione del- ERME generale). Per capire come questo possa
avvenire è consigliabile il bel libro di Ro-
l’Aquila”, nel Kamasutra per iPhone, ci s’imbatte in un’e-
saltazione del “piacere della lebbra”. Lapsus inquietante, bert Maggiori, appena uscito in Francia per
se consideriamo che il testo erotico viene dall’India e la
radice del termine dal greco “lepròs”, scabroso. Ma la
FILOSOFI IN REDAZIONE le edizioni Seuil, dal titolo Le métier de cri-
tique. Journalisme et philosophie. L’auto-
re ha vissuto sulla propria pelle quanto det-
scabrosità, nel caso della malattia, è da intendersi come
orrore alla vista, e non a caso i lebbrosi erano costretti nel to finora: da più di trent’anni è giornalista
Medioevo a vivere al di fuori delle città. di tematiche filosofiche al quotidiano Libé-
di Marco Filoni
Al contrario nelle città indiane i lebbrosi si vedono ancora rezza, un voler nascondere dietro ad astru- ration. E a leggere le sue pagine si capisce
abbandonati per terra e l’unico amore di cui sono oggetto si paroloni e oscurità concettuali un vuoto perché, contrariamente al senso comune,
isogna saper leggere un classico della di senso. Quasi una frattura insanabile – sal- la filosofia serve a qualcosa. Quando infatti
è quello, disinteressato, delle Missionarie della Carità, le
suore di Maria Teresa di Calcutta. L’applicazione iKa- B filosofia come se fosse il giornale del
mattino, e leggere il giornale del mattino
vo poi comporsi velocemente quando un
filosofo scrive un libro e cerca il giornalista
la sua semplificazione non diventa sempli-
cismo, è utile a combattere quella che Mag-
masutra è gratuita ma non disinteressata, perché con-
tiene 39 posizioni e per avere la versione completa bi- come un classico della filosofia. La battuta affinché ne parli, così come il giornalista giori chiama emorragia del comprendere.
sogna pagare. Non si tratta di una trasposizione digitale era di Eric Weil. Seppur sconosciuto ai non cerca il filosofo per farsi invitare a quel con- Viviamo bombardati di informazioni, sol-
del testo classico sanscrito ma di un Kamasutra limitato specialisti, Weil è stato un protagonista del- vegno o a quella conferenza… lecitati dalla brevità e dalla velocità dei
alle posizioni. Poterselo portare dietro ovunque sul cel- la filosofia francese del Novecento – secon- Ma il problema è vero. Nel senso che la ri- mezzi di comunicazione (tv, internet), per-
lulare aiuta, ma la colonna sonora è troppo ripetitiva e il do la non sospetta testimonianza di Ra- flessione, se vuol evitare di essere pura spe- ciò stentiamo sempre più a saper collegare
linguaggio è a tratti classicheggiante (vedi “Aquila”, che ymond Aron, formava con Alexandre Ko- culazione riservata a una manciata di adep- ciò che succede: non ne capiamo le mo-
poi sarebbe il cunnilingus) e a tratti pecoreccio, “peco- jève e Alexandre Koyré un trio di “spiriti ti, non può disinteressarsi alle espressioni dalità, non cogliamo le relazioni di causa ed
rina” compresa, che in inglese è “doggy style”, un altro superiori”. E con il suo motto poneva un più concrete della vita di tutti i giorni. E effetto, siamo esposti a una saturazione
animale. C’è la possibilità di segnare le posizioni già fatte, problema annoso: il rapporto fra una disci- quindi una teoria filosofica deve esser ac- delle facoltà intellettive. La filosofia, quella
quelle gradite e addirittura inviarle via email. plina per definizione “difficile” e la sua co- cessibile, utilizzabile, “volgarizzata” affin- buona, aiuta a problematizzare e mettere in
Il linguaggio è a volte approssimativo, involontariamente municazione. Un rapporto non facile: ché fruibile per scopi educativi. Allo stesso discussione la realtà – così come le certez-
comico, come nella fellatio dove si raccomanda di “fare spesso i filosofi non vedono di buon occhio tempo questa “volgarizzazione” deve esser ze e le presunte verità, indubitabili e ovvie.
attenzione a non soffocarla”. i giornalisti che scrivono di filosofia, col- una traduzione, un’intelligente “dire cose Così si capirà che chiunque voglia raggiun-
S’è mai visto una donna morta di quello che Penna chia- pevoli secondo loro di una banalizzazione difficili con parole facili”, operazione non gere la certezza è nella posizione del baro-
mava “peccato di gola”? eccessiva delle grandi questioni dell’esse- sempre agevole ma indispensabile a chi vo- ne di Münchhausen, il quale, secondo la
re e dell’esistenza. A loro volta i giornalisti glia far convivere il giornalismo con la fi- leggenda, cercava di sollevarsi dallo stagno
imputano ai filosofi una mancanza di chia- losofia (e non solo: anche con la scienza in dove era caduto tirandosi su per i capelli.
il Fatto Quotidiano Venerdì 13 maggio 2011

VII
ARTI

Sorpresa agli Uffizi VIENI AVANTI, ICTINO

Faccia a faccia ARC HITETTI


IN FASCE
con Velázquez diLuigi
Prestinenza
Puglisi
L NUOVO year-
L’autoritratto del maestro di “Las Meninas”, appena restaurato, I book dell’archi-
tettura in Olanda,
che raccoglie i mi-
torna visibile nel Corridoio Vasariano. Da non perdere gliori 26 progetti
realizzati tra il 2010
di
Tomaso Montanari singoli “capolavori”), sarebbe sano entrare che sembra vivo». Siamo intorno al 1645, e il 2011 dalla nazio-
in un museo per vedere un’opera precisa, quando Velázquez intende il “ritratto par- ne da sempre all’a-

A
LLA NATIONAL GALLERY non proprio come si va in biblioteca per leggere lante” dei contemporanei italiani non nel vanguardia nella ri-
è raro notare londinesi in pausa un libro, e non un intero scaffale. senso di una figura in movimento o in atto cerca edilizia, an-
pranzo che entrano per vedere Ebbene, chi aspettava un’occasione per ri- di conversare con lo spettatore, ma come nuncia la ritirata. Lo
una o due opere. Da noi questo varcare la soglia degli Uffizi, oggi ne ha una una figura, oltraggiosamente viva e presen- fa proponendo ca-
è impensabile: un po’ perché l’accesso strepitosa: un recentissimo restauro (di- te, che con il suo corpo e con la sua ma- sette composte da Gusto puerile
non è gratuito, ma un po’ anche perché gli sposto dal direttore Antonio Natali ed ese- linconica ed enigmatica personalità inter- un parallelepipedo Herzog & de Meuron, “House Vitra”,
italiani sono stati educati a vedere i musei guito da Rita Alzeni e Francesca De Luca) ha pella i sentimenti più profondi e riposti di coperto da un tetto a
Basilea (Svizzera)
una volta nella vita (quando va bene), e di fatto regalato alla Galleria un nuovo, im- chi, più che guardarla, ne viene guardato. doppia falda, esatta-
dalla prima all’ultima sala (proprio come portantissimo quadro. È un Autoritratto di La sublime austerità della pittura e del co- mente come quelle
si beve una medicina). E mentre le mostre Diego Velázquez (1599-1660) fino a ieri ri- lore permettono a quello sguardo diretto di che disegnano i bambini riali impermeabilizzanti uti-
dovrebbero servire a ricostruire i contesti tenuto una copia e oggi esploso in tutta la entrarti nell’anima. E sembra dirti: «Ero un quando vogliono rappresen- lizzati. Oppure ti coinvolge
storici e stilistici recisi dalla genesi acci- straordinaria evidenza di autografo: e di pri- uomo come te: con le tue passioni, i tuoi tare la loro abitazione. La con effetti speciali di mon-
dentale delle raccolte museali (una missio- m’ordine, perché siamo di fronte all’unico desideri, i tuoi affetti. E sono morto, sono stessa copertina dell’annua- taggio: come lo studio Her-
ne sempre più negata dalle ostensioni di autoritratto oggi noto (se si eccettuano la polvere da quattro secoli: così sarà di te». rio è dedicata a una grossa zog & de Meuron al campus
testa di Valencia e Il mezzo di questo incantesimo, insieme costruzione composta da de- Vitra di Weil am Rhein. I due,
quello incastonato in terribile e meraviglioso, è l’incredibile tes- cine di queste casette mon- da sensibili sensori del nuo-
Las Meninas), e al più suto pittorico: Diego fa collassare le forme tate l’una sull’altra. Il ritorno vo, hanno capito che biso-
importante fra i quat- in una pittura compendiaria che parte dal a forme puerili e tranquilliz- gnava anticipare la moda di
tro dipinti del grande tardo Tiziano e da Tintoretto, ma arriva già zanti lo ritroviamo nei pro- queste casette in Canadà. E le
spagnolo che sono in a Renoir, come si vede nella mano poggiata getti di architetti di altre na- hanno sovrapposte con la
Italia. al fianco, che sboccia come un inquietante zionalità. Il numero 154 della consueta abilità. Risultato:
Le opere di Velázquez fiore di carne. L’altra mano, invece, è ne- autorevole rivista spagnola un ibrido in cui la semplicità
esercitano sui moder- gata da un memorabile guanto di cuoio, “El Croquis”, dedicato al col- ed elementarità dei moduli
ni una speciale fasci- che sta alla pari con quello del Jan Six di lettivo portoghese Aires Ma- di base convive con la com-
nazione: «Da tutti i Rembrandt e contiene tutti interi i presup- teus, mostra disegni appa- plessità volumetrica e una
suoi dipinti – ha detto posti (e anzi gli svolgimenti) di Manet. Per rentemente usciti da un qua- coinvolgente spazialità.
Francis Bacon – tra- capirlo, tuttavia, nessuna fotografia e nes- derno di schizzi di un prea- Perché le scatolette? Gli ar-
spare quell’emozio- sun iPad sono sufficienti: bisogna avere un dolescente. I giapponesi non chitetti coinvolti dicono:
ne che deve aver pro- rapporto fisico col quadro, stargli davanti, sono da meno. Cubetti e in- perché non ne potevamo più
vato, persino in quel- contare tutti i segni lasciati da Velázquez clinati tettucci bianco imma- degli edifici alla Gehry e alla
le bellissime opere mentre rinettava il pennello sullo sfondo, colato, lontani dalle tentazio- Hadid. Di segni arroganti e
dove le figure hanno farsi ammaliare dai riflessi che costruisco- ni della carne e a prova di fortemente iconici.
una meravigliosa no l’impressione della chiave e quella del- peccato tecnologico. Falso: anche queste casettine
struttura e al tempo l’elsa della spada. Realizzate come immagini sono delle icone. Tranquilliz-
stesso la colorazione Per godere di tutto questo, occorre preno- astratte, le costruzioni gio- zano il pubblico e gli stessi
di un Monet. Si avver- tare una visita al Corridoio Vasariano: così cattolo sono complicate e progettisti che così non sono
te sempre il passaggio si potrà accedere a uno dei luoghi più ma- costose. Si tratta pur sempre costretti a inventare ogni
dell’ombra della vita». gici d’Italia, la via privata che portava i gran- di opere d’arte e la sempli- giorno una nuova immagine.
E qui la vita è quella duchi dagli Uffizi a Pitti, passando sopra cità rappresentata è ben di- E poi, nei momenti di crisi
dello sfuggente pitto- Ponte Vecchio. Finché non saranno pronte versa da quella costruita. Se alzarsi e vedere che una casa
re che Filippo IV ave- le Sale degli stranieri, il “nuovo” Velázquez no perché chiamare l’archi- è ancora una casa, esatta-
va appena nominato è infatti esposto nel Corridoio, insieme agli tetto? mente così come la rappre-
suo Ayuda de cáma- altri autoritratti di celeberrimi artisti colle- Il quale punta a stupirti per sentavamo quando eravamo
ra (la carica cui allude zionati dai Medici. esempio con tetti fatti della piccoli, ci distoglie per un at-
la chiave d’argento in- Ed è difficile dire se sia più vera la luce del- stessa materia liscia del mu- timo dallo stress quotidiano.
filata nella cintura). l’Arno che scintilla dalle finestre o quella ro, invece che di banali te- Si chiama effetto Disne-
Come scrisse Édo- che Diego imprigionò nei suoi grumi di co- gole e coppi: per la delizia yland.
uard Manet, a propo- lore quasi quattrocento anni fa. dell’occhio che percepisce Samir Bantal, JaapJan
sito di un altro Veláz- Diego Velázquez, Autoritratto, Firen- la costruzione come un vo- Berg, Kees van der Hoe-
quez, «lo sfondo scom- ze, Galleria degli Uffizi, Corridoio Va- lume unico e senza soluzioni ven, Anne Luijten (a cura
pare, ed è solo l’aria che sariano, € 14,00; visite solo su preno- di continuità. Con buona pa- di), Architecture in the
Capolavoro ritrovato circonda quest’uomo, tazione, telefonando allo 055/294883. ce di chi tra qualche anno do- Netherlands. Yearbook
Diego Velázquez, “Autor itratto”, Firenze, Uffizi, Corridoio Vasariano tutto vestito di nero, e www.uffizi.firenze.it vrà pagarne la manutenzio- 2010/11, NAI Publishers,
ne, nonostante i nuovi mate- pagg. 200, € 47,50.

OXFORD
PATRIMONIOSOS di
Denise La Monica

MALVERSAZIONE IN SICILIA MACEDONIA DORATA


di Nicola Gardini tava immagine itinerante, da passar-
DALL’INIZIO del 2011 si intensificano le notizie di crolli in Sicilia. Particolarmente si di mano in mano.
a rischio sono la città di Agrigento e il territorio circostante. Nonostante un cor-
poso intervento di consolidamento guidato dalla Protezione Civile nel 2007 e
costato ben 10 milioni di euro, arcidiocesi, soprintendenza e comune hanno
InontoMACEDONI avranno anche avu-
la colpa di non essere Greci e di
conoscere la democrazia, ma i
Alcune eccellenti prove di questa ci-
viltà sono ora visibili all’Ashmolean
Museum di Oxford nel contesto di
recentemente constatato l’allargamento di alcune crepe presenti nell’area della loro sovrani vantavano ascendenze una preziosa mostra, From Heracles Testa di Medusa
cattedrale di San Gerlando. Dopo un primo transennamento parziale dell’area divine (si risaliva fino a Eracle e, at- to Alexander the Great . Dei 552 og- © Ashmolean Museum, University of Oxford
settentrionale della chiesa, si è poi arrivati alla totale chiusura della stessa, in traverso lui, a Zeus stesso); e soprat- getti esposti, tutti provenienti dal
attesa di nuovi lavori. Nel frattempo altri edifici hanno cominciato a presentare tutto, come rivelano gli scavi ar- museo delle tombe reali di Ege, la Baccanti di Euripide è ricordata l’or-
lesioni e il seicentesco palazzo Lo Iacono, in pieno centro storico, è crollato il 25 cheologici, vivevano vite davvero maggior parte non è mai stata resa gia sacra delle donne di Ege.
aprile. Questi macroscopici eventi non sono passati inosservati e si è così deciso reali in palazzi prestigiosi e, quando accessibile al grande pubblico prima È inevitabile che grazie a tanti mate-
di rifinanziare la legge per il centro storico della città. D’altro canto, il caso gir- morivano, ricevevano onori e sepol- d’ora: monete, elementi ornamenta- riali inediti, che rappresentano un
gentino non è isolato: altri crolli si sono registrati a Favara e soprattutto a Cam- ture degni degli eroi omerici. Né li, scudi, corazze, coppe, gioielli, va- periodo storico di ben mille anni
marata, dove hanno subito pesanti danni l'antica chiesa di San Giacomo, costruita Ege, sede della corte, era bloccata si, armi, una splendida testa aurea di (dal 1300 al 300 a. C.), la conoscenza
su una moschea, e la chiesa di San Biagio. A Gela è in parte crollato un portale nell’isolamento che sembra suggeri- Medusa, la corona aurea di Filippo II, del regno macedone cresca in ma-
quattrocentesco del santuario di Maria d'Alemanna; il sito archeologico costiero di re la mancanza di fonti letterarie an- il contenitore aureo delle sue ceneri niera sostanziale e si arrivi a interpre-
Camarina è sottoposto all’azione erosiva della corrente marina, che si è rafforzata teriori al V secolo. Anche la Mace- e molto altro. Oro, moltissimo oro, tazioni più raffinate dei prodromi di
a seguito del prolungamento del vicino molo di Scoglitti; a Noto la chiesa di Santa donia, come la Grecia, beneficiava lavorato in lamine sottili o in strati di quella potenza, politica e militare,
Maria del Soccorso è chiusa da almeno una decina d’anni per instabilità strutturale di scambi e di contatti con l’area cospicuo spessore. Vari reperti – tra i che sconvolse l’assetto del mondo
dovuta alle continue infiltrazioni di umidità; a Mazara è pericolante la facciata egea. In più siti, sia nella capitale sia più interessanti – rimandano all’esi- antico.
dell'ex collegio dei Gesuiti e a Licata il tetto della chiesa barocca di San Francesco, nel resto della regione, si sono rin- stenza delle donne di corte, regine e From Heracles to Alexander the
“minore” e meno conosciuto, che scompare progressivamente determinando la venuti numerosi esemplari di vasel- principesse. Il loro ruolo, rispetto a Great, Oxford, Ashmolean Mu-
gravissima cancellazione di un paesaggio storico, urbano e diffuso, composto di lame miceneo, accanto a reperti del quello delle donne del popolo, di- seum, fino al 29 agosto.
chiese, monasteri, palazzi, tabernacoli. È lecito forse interrogarsi sui tempi utili per genere che attestano una produzio- mostra di essere stato di eccezionale www.ashmolean.org
stanziare e utilizzare i fondi: si rischia che tra un atto amministrativo e l’altro ne chiaramente locale. Un’econo- importanza. La donna di famiglia rea-
passino mesi e si verifichino altri crolli, determinando così ulteriori irreparabili mia monetaria cominciò già dalla fi- le, come insegnano i simboli, pur re-
perdite di patrimonio e mettendo a repentaglio l’incolumità e la sicurezza dei ne dell’età arcaica, nel trentennio stando soggetta all’uomo, era un’ini-
cittadini. della dominazione persiana: per la ziata; aveva di Medea e di Atena, le
www.patrimoniosos.it prima volta il ritratto del sovrano ve- veniva, cioè, riconosciuta una sa-
niva stampato sulla moneta e diven- pienza misterica. Non a caso, nelle
Venerdì 13 maggio 2011 il Fatto Quotidiano

VIII
CARTELLONE

TITOLI DI CODA di Gianni Canova BACKSTAGE di Camilla Tagliabue

CORPI POETICI
Banalità di Algeri «COSÌ SPARISCONO l’uno nell’altra e si sente sola-
mente, debole, il vento tra gli alberi e loro sono lontani e
si vergognano». È un Jon Fosse meno autistico e anaf-
fettivo quello di Insonni, non drammaturgia ma raccon-
“Uomini senza legge” zanti, confessando candidamente di non suona di per sé quasi ridicolo (sarebbe co-
to che parla d’amore e vita, pur non nominandoli mai. La
vicenda è semplice; ha il gusto di una parabola, l’eco di
averlo visto, ma invocando comunque la me invocare la censura di Apocalypse una teologia “alla McCarthy”: Asle e Alida, 17 anni, or-
di Bouchareb affronta censura? Potenza del cinema: a volte basta
l’annuncio di un film perché qualcuno si
Now perché non risulta che gli elicotteri
yankee attaccassero usando Wagner co-
fano lui, lei rinnegata dalla madre e abbandonata dal
padre, sono fuggiti di casa nella cieca speranza di co-
indigni non per quello che ha visto, ma per me colonna sonora…). Ma poi basta ve- struirsi un futuro insieme, e migliore, a Bjørgvin. Vagano
il colonialismo francese quello che presume che potrebbe vedere. dere il film per verificare l’infondatezza tutto il giorno alla ricerca di un rifugio, ma nessuno è
Potremmo definirla “economia del risen- delle accuse: Uomini senza legge non è disposto a ospitarli o a offrir loro una stanza in affitto: lui
timento preventivo”: qualcuno si risente a un film manicheo, non ci sono i buoni da
con eccessiva correttezza priori perché teme che quel dato film pos- un parte e i cattivi dall’altra, e tutte le parti
porta un violino in spalla, lei lo scandalo in grembo; Fos-
se li accompagna (al) piano, inanellando pensieri, de-
sa far sentire il pubblico in modo diverso in lotta condividono la stessa logica di scrizioni, dialoghi con una leggerezza pensosa.

I
N FRANCIA le polemiche sono esplose da come sente lui. In Francia, Hors-la-loi spietatezza e di ferocia. Non a caso, il re- Dalla prosa lirica di Fosse si passa idealmente a Dopo la
ancor prima dell’uscita in sala. Capita, di Rachid Bouchareb ha fatto scattare il gista dichiara di essersi ispirato a L’armata battaglia (il libro, non lo spettacolo) di Pippo Delbono,
con i film. Anche da noi. Ricordate gli risentimento preventivo di chi temeva che degli eroi (1969) di Jean Pier Melville, un che forgia Scritti poetico-politici impastando la cronaca
schiamazzi con cui – più o meno un il film potesse proporre una visione di- noir storico che mostrava i partigiani fran- all’arte: Pippo è un lottatore, per lui il teatro è militanza,
anno fa – politici con vocazione da gendarmi versa dalla propria sul passato coloniale cesi disposti anche a uccidere la loro com- ma nel senso più alto, «una trappola per topi». È bravo a
si scagliavano contro Draquila di Sabina Guz- francese e soprattutto sul rapporto tra pagna Simone Signoret per paura che par- rimanere sul filo (immagine a lui cara, dal Funambolo di
Francia e Algeria. I france- lasse e rivelasse al nemico informazioni Genet) della nostalgia senza cadere nella retorica o nel
si – si sa - non hanno mai preziose. Anche i militanti del Fln algerino rimpianto, di Pasolini, Ginsberg, il terzo teatro o il Living.
Noir storico digerito fino in fondo il del film di Bouchareb agiscono così: con- Eppure, per iscritto, gli riesce meno bene che dal vivo,
Una scena di “Uomini senza legge” processo di decolonizza- vinti che il fine giustifichi i mezzi, si ren- quando vibra per denunciare questa «società che sem-
di Rachid Bouchareb zione e ogni volta che dono simili a macchine da guerra. Rimuo- pre meno danza», ma sempre più balla. Smessa la po-
qualcuno prova a raccon- vono dalla coscienza ogni forma di sen- stura intellettuale, Delbono costruisce immagini elo-
tarlo le opinioni si divido- sibilità. E uccidono. Esattamente come fa quenti: quella volta in cui Bobò (sordomuto, microce-
no e le polemiche ripar- nel film anche il colonnello Faivre, leader falo, analfabeta, che dopo 46 anni in manicomio da 10
tono. Acide, spesso fana- dell’organizzazione governativa semiclan- lavora con lui) cacciò Pina Bausch dal suo teatro perché
tiche, quasi sempre pre- destina che combatte i terroristi con me- erano in prova, o quella in cui Nelson (ex barbone,
giudiziali. Fin da quando il todi terroristici. “scritturato” per i vicoli di Napoli) scherzò su Lou Reed
governo francese vietò Politicamente corretto, Uomini senza che aveva appena assistito a uno spettacolo: «E perché
per ben cinque anni la legge è però un film molto corretto anche non è venuto a salutarmi? Ma spero che lei gli avrà detto
programmazione in Fran- sul piano estetico. Troppo corretto, forse. che non ho potuto incontrarlo perché in questo periodo
cia di un film come La bat- E qui sta il suo limite. L’aver scelto di rac- sono molto occupato». Commuove sentire questi con-
taglia di Algeri (1966) di contare la grande Storia attraverso le vi- sumati teatranti darsi ancora del lei dopo anni di prove e
Gillo Pontecorvo, nono- cende di tre fratelli algerini (uno dei quali recite e piazze macinate insieme...
stante ben tre nomination aderisce al Fln e combatte con metodi ter- Se per Delbono la poesia sboccia, chiassosa e virulen-
agli Oscar, compresa quel- roristici, il secondo che persegue metodi ta, nel corpo (la verità è nella carne, perché la bugia ori-
la a Pontecorvo per la re- non violenti, e il terzo che pensa solo al ginaria lo è: «Da piccolo mia mamma mi faceva fare il
gia. suo interesse e organizza spogliarelli e in- bagno separato da mia sorella. Non voleva che sco-
Anche Uomini senza leg- contri di boxe a Pigalle) avrebbe consen- prissimo la diversità dei nostri corpi. Forse è per questo
ge di Bouchareb è stato tito a Bouchareb di giocare di continui at- che per vari anni sono stato convinto che il corpo delle
candidato all’Oscar come triti fra la Storia e le convenzioni dei generi donne fosse uguale al nostro»), per Fosse nasce per
miglior film straniero. Ma cinematografici. Invece il regista preferi- sottrazione, si annida nel non detto, è un accadimento,
ciò ha placato solo in par- sce lavorare sugli stereotipi. Con il risul- così nel finale di Insonni come nel più conosciuto dei
te le polemiche. I detrat- tato che i caratteri sono spesso prevedi- suoi drammi, Inverno: «-Mi ami -Sì -Mi ami da morire -Sì
tori lo accusano di “falso bili, le citazioni (a cominciare da quelle di -No non funziona -Sì che funziona -Non così... Non suc-
storico” per il fatto di mo- Rocco e i suoi fratelli) risultano sprecate e cede così -Tutto succede così».
strare le efferatezze com- il racconto non riesce mai a decidersi se Jon Fosse, Insonni, Fandango, pagg. 70, € 15,0 0;
piute dai coloni francesi essere un blockbuster iperviolento o un’o- Pippo Delbono, Dopo la battaglia, Barbès, pagg.
contro la popolazione al- perazione di memoria riflessiva. Non ci si 267, € 18,00: in libreria, rispettivamente, dal 19 e 18
gerina, in particolare du- identifica con nessuno, non ci si indigna maggio.
rante il massacro di Setif con nessuno. E la Storia – purtroppo –
dell’8 maggio 1945, quan- resta là, inerte e lontana. Manca un punto
do oltre 45.000 algerini sa- di vista attraverso cui osservarla: cioè pro-
rebbero stati trucidati dai prio il motivo opposto a quello per cui il
francesi mentre a Parigi si film era ed è accusato dalla schiera risen-
festeggiava la fine della tita dei gendarmi della Verità.
guerra. Già il fatto di ac- Uomini senza legge, di Rachid Bou-
cusare un film di “falso” chareb, 131’, Francia/Belgio/Algeria.

SMARTIME di
Eugenia Romanelli
ALTA FEDELTÀ
AMAZZONI AL TROTTO
DA OGGI a domenica, a Riolo Terme, tra boschi, castagneti e cri-
SOGNANDO DAVIS
nali delle terre di Faenza, le donne che riescono a prenotarsi uno dei di
Enzo Gentile veniristico, le folgorazioni in
cento posti in palio potranno partecipare al decimo Equiraduno
Nazionale delle Amazzoni. «Arrivano da tutta Italia – racconta uno
anticipo su tutti i colleghi, sa- Il rivoluzionario del jazz
UPERBI ECHI di un piccolo mon- ranno un viatico esemplare per le ge-
degli organizzatori, Claudio Giovannini, segretario dell’Associa-
zione sportiva Ippoverde, la prima ad aver riunito sullo stivale quel-
S do antico, quando ancora a gui-
dare i gusti musicali delle masse era il
nerazioni a venire e particolarmente
istruttivo è ascoltare una band stel-
Miles Davis (1926 - 1991)

le che nell’Eneide erano le «guerriere ardite» – ma anche da Belgio, vinile, quei dischi finiti poi nelle can- lare guidata da un estremista della
Austria, Svizzera. Chi col proprio cavallo chi a piedi». La differenza tine o in qualche sparuto antro per perfezione come Miles, che a Wight per la serie A King Crimson ProjeKct: il
con Pentesilea & co. è che le amazzoni contemporanee non si mu- collezionisti. schierava una line-up con doppie chitarrista-stregone, convoca amici e col-
tilano il seno, non suonano il sistro e al posto di arco, ascia bipenne Per la felicità di quelli che all’epoca percussioni e doppie tastiere (Keith leghi di ieri e di oggi, tra cui il sassofonista
e pelta, portano un cellulare o un iPad, e poco più. «Gli uomini re- non c’erano, e se c’erano dormivano, Jarrett + Chick Corea!): in scaletta le e cantante dei primordi Mel Collins, per
stano a casa». ecco che, ripescati nel sempre sor- tracce di un disco, Bitches brew, che tracciare visioni crimsoniane del terzo mil-
Rispetto al dipinto di Rubens o alla Venere Armata della National prendente mare degli inediti di qua- risulta immenso ancora oggi, da qual- lennio. Nei sei capitoli qualche lampo e un
Gallery, spiega Giovannini, le nostre sono ragazze più sobrie: «In- lità, arrivano sul mercato due cd idea- siasi angolazione lo si voglia consi- clima sin troppo sereno, pacificato, senza
segnanti, manager, professioniste. Vogliono staccare per un wee- li per rimandare a uno dei tanti pe- derare. ardimento, né dannazione: anche i miti,
kend, tuffarsi nella natura del Parco Regionale della Vena del Gesso riodi d’oro di Miles Davis – 1969/70 – Tra i beneficiati da annoverare nella fuori dagli archivi della memoria, quando
Romagnola e nei Calanchi di argilla azzurra percorrendo i sentieri e all’apice dei Weather Report, 1975, svolta davisiana, i migliori furono si- devono misurarsi con il contemporaneo
tra torrenti, foreste, rocche e castelli». Invece delle cavalcate sugli in una performance compresa tra lp curamente i tostissimi Weather Re- faticano a stare al passo dei tempi…
aggressivi stalloni, le escursioni sono tutte al passo, preferendo come Tale spinnin’ e Black market. port di Joe Zawinul e Wayne Shorter Miles Davis, Bitches Brew Live, Sony,
qualche chiacchiera in amicizia, l’ascolto delle voci degli animali e Quando si ricorre a festeggiamenti di che, dopo alcune fulgide stagioni di 60’; Weather Report, Live in Berlin
la meraviglia dei panorami. Ogni sera si torna alla base dove si cena ricorrenze e anniversari si rischia la avviamento, a metà dei 70 erano una 1975, ZDF, 42’; Jakszyk, Fripp and Col-
con cappelletti e strozzapreti, le erbe aromatiche, lo scalogno di deriva revivalistica o più probabil- sublime macchina musicale, autenti- lins, A scarcity of miracles, DGM,
Romagna, l’olio d’oliva Brisighello e (tanto) vino del luogo, all’in- mente si desidera restituire i celebrati ci totem del jazz-rock: Live in Berlin, 44’.
segna di un turismo eco-compatibile e responsabile. Sempre ri- ai fasti che loro competono, aiutan- con le sue trame ubriacanti, all’ulti-
gorosamente tra donne: «Gli unici uomini ammessi sono i fotografi, doci a sentirli presenti, vivi, attuali mo respiro, serve anche a ricordare il
il personale delle aziende agricole e dell’assistenza sanitaria». più che mai: e per Miles Davis, scom- quarantennale della formazione di
Alla cena di gala del sabato seguiranno, la domenica, la sfilata per il parso nel settembre 1991, la propul- cui per vie traverse si occuperà que-
paese fino alla Rocca Sforzesca, una festa in stile country e l’i- siva forza di modernità che ne distin- st’estate un bel festival, “Ai confini tra Redazione: viale Montello, 14 - 20154 Milano
naugurazione della mostra dello scultore Luciano Samorè. Infine, se la stagione elettrica torna con tutta Sardegna e jazz”, dedicato alla me- saturno@ilfattoquotidiano.com
un consiglio per i familiari: regalate alle vostre amazzoni la saga a la carica del genio senza età e senza moria di Jaco Pastorius, fuoriclasse
fumetti dedicata di Wonder Woman o la serie a tema del cartone frontiere in questo Bitches brew live del basso elettrico che militò proprio
animato Sailor Moon. A meno che, coltissime, non preferiscano che associa materiali registrati al fe- nei Weather Report degli anni della
Verne o Salgari, sulle loro colleghe del Dahomey, o i saggi di André stival di Newport e un anno più tardi maturità.
Thevet su quelle del Sud America. all’isola di Wight, un set tumultuoso, Allo stesso periodo storico di Miles &
www.ippoverde.it qui in versione integrale. co. si richiama un lavoro nuovo di
smartime@bazarweb.info La direzione elettrica, quel suono av- zecca e concepito da Robert Fripp
Venerdì 13 maggio 2011 pagina 11

DAL MONDO

N
AMNESTY E L’ITALIA SESSO-RAZZISTA IL BOIA DEL LAGER
Condannato, non
andrà in galera

LA DITTATURA DELLA VOLGARITÀ C inque anni di


carcere al 91enne
John Demjanjuk, il
“boia di Sobibor”. Ieri il
tribunale di Monaco ha
Rapporto annuale sui diritti umani: problemi anche in Europa condannato l'ex
guardia nazista
accusata di concorso
nell'eccidio di circa
di Stefano Citati di invasione, i numeri sono fi- diritti con interessi e stabilità”. 28mila ebrei nel 1943.
nora piuttosto bassi”. La giustizia internazionale do- Demjanjuk non andrà
olgarità sessuali e razzi- Certo c’è un vasto mare tra i comunque in carcere

V
vrebbe non innescarsi solo per
ste, ripetute “parole lesi- paesi democratici e le dittature motivi (interessi o comodi) per motivi di età.
ve della dignità di gay, le- e i problemi e la loro gravità so- strategici e geopolitici, ma per
sbiche, transgender, im- no difficilmente paragonabili; sostenere i principi che hanno
migrati, rifugiati, Rom”. Oltre proprio per questo Amnesty per noi ormai un valore così
alla volgarità gratuita usata dai punta il dito sulle storture dei scontato. E nei paesi occiden-
politici - ampia la casistica ri- sistemi occidentali ed europei. tali la consapevolezza sociale è
portata ieri dal Fatto quotidiano - “La mancanza di strumenti ed diventata a tal punto individua-
c’è anche quella applicata e organismi di monitoraggio in- le da rendere possibile la difesa
violenta contro le minoranze, dipendenti” che ‘facciano le di casi di violazione dei diritti
che minano lo spirito di un pulci’ ai provvedimenti pubbli- non solo di interi paesi o mino-
paese e amplificano il senso e i ci e poi quel fiorire di battute e ranze, ma anche di singoli dal-
motivi delle “decisioni danno- parole a effetto elettorale che l’altra parte del mondo. Senza
se prese dall’attuale governo spesso escono dalla bocca della allontanare troppo lo sguardo e
(ma anche dai precedenti)”. classe dirigente italiana. Ma an- l’orecchio da quel che accade e YEMEN
Scelte di politica sociale “poco che la Francia viene criticata, si dice a casa nostra. L’eleganza di Bossi alla festa del Carroccio (FOTO ANSA)
lungimiranti, di respiro corto”, Repressione:
che confermano lo scarso va- almeno 19 morti
lore - se non quello “in termini
elettorali” - che immigrazione
“La classe Misteri libici: riappare Gheddafi, A lmeno 19 morti in 48
e difesa dei diritti rivestono per dirigente ore. Questo il
molti esponenti della classe di
governo e politica italiana in usa parole e
un francese viene ucciso a Bengasi bilancio degli scontri tra
le forze di sicurezza dello
generale. Yemen e gli oppositori
di Giampiero Gramaglia da allora non s’era più fatto vedere). I funzionari che da oltre tre mesi
NEL PONDEROSO e detta- prende decisioni libici che mostrano ai giornalisti la zona colpita, chiedono le dimissioni
gliato volume che raccoglie il opo 11 giorni di silenzio e mistero, così fitti a Bab al-Aziziyah, dicono che tre persone sono del presidente Saleh. Gli
rapporto annuale di Amnesty
International - associazione na-
lesive della DGheddafi
che neppure la Nato sapeva se Muammar
fosse vivo o morto, il dittatore libico
rimaste uccise e almeno 25 ferite. ultimi manifestanti sono
stati uccisi da colpi d'arma
ta il 28 maggio del 1961 e che dignità di gay, ricompare sulla tv di Stato in immagini quasi INTANTO, I RIBELLI rifiutano la proposta da fuoco nella cittadina di
nel 1977 ha vinto il Premio No- ieratiche per la loro fissità mentre, in un hotel di dell’Onu di un cessate-il-fuoco, avanzano oltre Al-Bayda, a 210 chilometri
bel per la Pace - 5 pagine sono immigrati, Rom” Tripoli – quello, pare, dove vivono da mesi i Misurata e progettano la marcia su Tripoli, che da Sanaa. Decine di feriti a
dedicate ai maggiori episodi ac- giornalisti occidentali – incontra dei leader tri- finora non gli è mai riuscita. E mentre si prepa- Taiz, mentre nella capitale
caduti nel 2010 che riguardano bali: la scena è imbarazzata e senza spontaneità, rano a celebrare il “giorno della rabbia” il 17 mag- il bilancio è di almeno 12
la violazione dei diritti umani (3 prima di tutto per il “no al bur- in un ambiente non consono a riunioni del ge- gio (esattamente a tre mesi dallo scoppio della morti. La situazione
quelle sul Kazakistan, vicino qa, che limita il diritto delle nere. Dopo l’uccisione di Osama bin Laden e la rivolta), il capo del Consiglio nazionale transi- sempre più grave in
scomodo - nell’elenco - e buon donne islamiche di coprire vol- “guerra dei video” che ne è scaturita, non ci si torio di Bengasi Mahmud Jabril viene oggi rice- Yemen suscita le
amico del governo italiano, e to e corpo”, anche se il princi- fida più neppure delle immagini: lo spezzone vuto alla Casa Bianca dal consigliere per la sicu- preoccupazioni del
dove è certo più difficile racco- pio si scontra con motivi di op- televisivo suscita più dubbi che certezze, anche rezza nazionale del presidente Obama. È la pri- Dipartimento di Stato Usa
gliere informazioni su crimini e portunità e sicurezza delle de- se l’immagine che compare su un maxi-scher- ma visita di un leader Cnt a Washington, dopo che ha condannato la
violazioni). mocrazie occidentali. mo alle spalle del colonnello è datata e, quindi, che Jabril è già stato a Parigi, a Roma e in altre repressione.
Nei primi mesi del 2011 s’ag- Al di là del mare tra Europa e avvalora la tesi del “ritorno” del raìs. Ma la prova capitali europee. Gli Usa hanno finora conside-
giunge ai temi principali (sgom- Africa si concentra l’attività di non basta a fugare i sospetti: i giornalisti si stu- rato il Cnt un interlocutore affidabile ma non SIRIA
bero dei rom, espressioni ed monitoraggio (Amnesty ha un piscono che Gheddafi sia arrivato nel loro hotel l’hanno ufficialmente riconosciuto. Ma, da Ben-
episodi sessisti e razzisti, sen- team che già un paio di volte è e che nessuno di loro se ne sia gasi, arriva una notizia imba- L’ambasciatore:
tenze sui pestaggi di Bolzaneto stata nella città assediata dai accorto. E i dubbi sulla sorte Sosia? L’ultima apparizione del raìs(F A ) razzante proprio per la Fran-
OTO NSA
“È un complotto”
2001, e sulla vicenda Abu gheddafiani di Misurata) e de- del dittatore restano: fuggito? cia: un francese è stato ucciso
Omar) quello dell’aumento de-
gli sbarchi di immigrati dal
Nord Africa: non uno “tsunami
nuncia, per decifrare se quella
del Medio Oriente finirà con
l’essere “una falsa alba dei dirit-
Ferito? Morto? Oppure vivo e
vegeto, ma cauto negli sposta-
menti e nelle “comparsate”?
in città “durante un controllo
di polizia” e altri quattro fran-
cesi sono stati fermati. Chi
G li scontri in Siria
sono “frutto di un
complotto”. Lo ha detto
umano” come sostenne Berlu- ti umani”: sta all’uso a doppio Del resto, la Nato prosegue la erano e che ci facevano lì? Il l'ambasciatore siriano in
sconi il 1° aprile a Lampedusa. senso dei social media - veicolo notte i suoi raid su Tripoli e i riserbo è totale, ma, di recen- Italia Hasan Khaddour,
“Finora sono circa 28.000 le contaminatore di libertà e di in- dintorni. Poche ore dopo la te, ex militari francesi erano ieri, nell'ambito di un
persone arrivate”, ricordano i formazioni indipendenti, ma sortita televisiva, gli aerei al- stati notati a Bengasi alla ricer- convegno presso la
responsabili di Amnesty Inter- anche a rischio di controllo e leati colpiscono di nuovo il ca di contratti nella sicurezza Facoltà di Scienze
national nel cortile del palazzo controinformazione ufficiale - bunker del colonnello, già at- privata: mercenari, insomma, politiche a La Sapienza di
dell’Enciclopedia Treccani a e “ai governi dei potenti che taccato a più riprese (qui morì più che combattenti della li- Roma. “Tra i manifestanti
Roma . “Non c’è nessun segnale hanno a lungo mercanteggiato un figlio del rais, che proprio bertà. – afferma l'ambasciatore –
si sono infiltrati dei
provocatori. Hanno

Adesso Bin Laden fa anche ridere armato mani e sono


riusciti a uccidere molti
uomini delle forze di
sicurezza. Più di 3200
BATTUTE, PARODIE E VIGNETTE: L’AMERICA SI SCATENA DOPO LA MORTE DEL GRANDE NEMICO persone si sono
consegnate confessando
di Angela Vitaliano uccisione del numero uno di Al elicotteri che sorvolavano il suo pa- cuno sta bussando alla porta” ai taccuino/diario in cui Bin La- di essere stati pagati per
New York Quaeda. Hanno (ovviamente), lazzo non erano lì per dare aggior- tweet che chiedono “Bin La- den avrebbe appuntato pensie- creare disordine”. La
dato inizio alla carrellata di bat- namenti sul tempo e il traffico) a den è morto: possiamo avere ri e “progetti” futuri circa gli Sta- Siria, ha concluso, è
Conan (Osama Bin Laden è mor- pronta alle riforme.
Umi nanocomici
risata lo seppellirà. Devo-
averlo pensato i tantissi-
e conduttori di talk
tute, i conduttori dei talk show
serali da Jay Leno (Sarah Palin ha
detto: potevamo usare le foche? –
to, questo significa che il nemico nu-
mero uno per gli americani resta
un altro giorno di festa nazio-
nale?”. Non mancano poi le pa-
rodie di famosi film comeWee-
ti Uniti. Il leader di Al Qaeda, co-
me scritto in una delle pagine
del taccuino, era fermamente
(Ste. Pa.)

show che, dal 1° maggio, han- riferendosi al corpo speciale Kentucky Fried Chicken), fino a kend con il morto o di serie tele- convinto che solo attentati co- GRAN BRETAGNA
no dato via ad una valanga di dei Navy Seals – io in effetti avevo Craigs Ferguson (I membri di al visive Le casalinghe disperate di me quello dell'11 settembre
battute, scherzi, vignette e sce- pensato ai pinguini) a David Let- Queada sono furiosi con gli ameri- Bin Laden. avrebbero potuto davvero, nel La Lonely Planet
nette con un unico protagoni- termann (Le ultime parole di Osa- cani per la morte di Bin Laden: non tempo, piegare gli Usa. Appun- boccia Londra
sta: Bin Laden. I media parlano ma Bin Laden sono state 'ho biso- capisco perchè visto che hanno ot- LA CRONACA continua ad ti, niente di più ma anche prova
di una “catarsi comica”, lo stru-
mento più efficace per “sep-
pellire” una volta per tutte il ne-
gno di una casa piena di Navy Seals
come ho bisogno di un buco nella
tempia), da Jon Stewart (Voglio
tenuto tutti una promozione). A va-
langa anche le battute sui social
network, dallo status di una
offrire nuovi spunti che, sicura-
mente, daranno ispirazione ai
comici americani. Notizia del
che il leader di Al Qaeda, da Ab-
bottabad, continuava a proget-
tare possibili attacchi all’Ameri-
L a nuova Lonely Planet
sulla Gran Bretagna
“boccia” il Paese senza
mico, senza il contorno di rea- sapere che sguardo aveva Bin La- fantomatica pagina di Osama giorno è quella del ritrovamen- ca ipotizzando come e cosa col- mezzi termini. Ristoranti
zioni polemiche scatenato dall' den quando si è reso conto che gli Bin Laden “Torno subito, qual- to, nel rifugio pachistano, di un pire, se treni o metropolitane, e e hotel troppo cari, scarse
soprattutto quando. Una delle attrazioni e un’industria
date simboliche indicate negli turistica non “a misura del
La catarsi comica appunti è il 4 luglio, giorno del- consumatore”: così la
immagini dai video l’Indipendenza degli Stati Uniti. guida, pubblicata ogni due
“The Real Housewives of Osama” Un’altra data è il decimo anni- anni. Si salvano
e da “Weekend con Bin Laden” versario dell’11 settembre. In- Edimburgo e Manchester.
tanto, mentre i parenti di Bin La- Ma Londra perde fascino.
den, in particolare il figlio Anzi, secondo i 12
Omar, invocano un’inchiesta estensori, se uno pensa di
internazionale, le autorità ame- andare in vacanza nella
ricane hanno ribadito anche ie- capitale inglese “è meglio
ri il giudizio già espresso dal che resti a casa”. Rapporto
presidente, Barack Obama sulla qualità-prezzo davvero
legittimità de blitz. “deludente”.
pagina 12 Venerdì 13 maggio 2011

DAL MONDO

CRISTIANI
I NUOVI PARIA
DEL PAKISTAN Una strada

Una minoranza di due milioni del quartiere-bidonville dove


vivono i cristiani, a Islamabad;
l’interno di una casa
di persone discriminata e povera (FOTO BARBARA SCHIAVULLI)

di Barbara Schiavulli
Islamabad
crisi economica, schiacciato dal
fondamentalismo. Un paio di uo-
ironia chiamato Musharraf Colony
in nome del presidente che ha
al mese (35 euro) e purtroppo
non possiamo permetterceli”, ci
“Siamo il capro ma quello sarebbe nulla se non
fosse che non vengono eletti da

Jm Markez, un quartiere re-


mini sono intenti a raccogliere la
pattumiera, l’odore delle fogne a
fatto meno per loro. Azra, una
donna vestita di viola ci viene in-
dice quasi scusandosi pronta ad
offrire quel poco che ha.
espiatorio di tutti noi, ma nominati proporzional-

A
mente dai partiti che vinceranno
sidenziale dove vive la clas-
se media di Islamabad, tra
cielo aperto impregna i vicoli
stretti, una ragazzina con un sec-
contro con una squadra di bam-
bini tutti suoi, e subito ci offre di SONO QUASI due milioni i cri-
Troviamo solo – ci spiega un appassionato Julius
Salik, ministro delle minoranze
due file di palazzi grigi co- chio va a prendere l’acqua al poz- andare a casa sua a prendere il tè. stiani in Pakistan (180 milioni di tra il 1993-’96, quando governava
steggiati di viali alberati dove il zo, mentre una donna sbircia da Viene dal Punjab, non è sicura di abitanti) e rappresentano la mino- lavori umili, Benazir Buttho che lo ha sponso-
traffico è sempre scorrevole, bi- una porta di casa. Ci sono delle quanti anni ha, tra i trentacinque ranza più importante del Paese, rizzato per il premio Nobel – i cri-
sogna superare una discesa ripi- casupole di mattoni di fango co- e i quaranta e abita da sette anni quella che più di tutte le altre vive non possiamo stiani non possono neanche per-
da per imbattersi in una colonia struite alla rinfusa dove pullula- nella capitale dove il marito lavo- ai margini della società. “Siamo mettersi delle case, andate, anda-
di bidonville nascosta dalla vista no bimbi impolverati che con gli ra come uomo delle pulizie. Dal- una specie di capro espiatorio, se permetterci te a vedere”.
della strada. Qui vive la comunità occhietti vivaci scorrazzano tra la porta si vede che non ha luce. gli americani sparano con i drone,
cristiana pakistana, il fanalino di le immondizie. Un quartiere abu- “Mi dispiace non ho mobili, mio i militanti se la prendono con noi, case e mobili” FANGO E BAMBINI sui gior-
coda di un paese sull’orlo della sivo, il ghetto dei cristiani con marito guadagna 4000 pakistani se c’è una faida basta accusarci di nali li chiamano “i barboni”, gli
blasfemia e per noi non c’è spe- è stato ucciso dalla sua guardia del “squatter”. A Kachi Cololy vivo-
ranza”, si sfoga Sanon Suhail, pa- corpo il gennaio scorso (poco pri- no 10 mila persone, in un buco
Lo sceicco e il mullah (Omar), store della bidonville che dorme
in una stanza vicino all’altare dove
celebra messa. Anche qui non c’è
ma che anche il ministro per le Mi-
noranze, il cristiano Shabaz Bhatti
venisse ucciso in un attentato ri-
dove la gente brulica e aspetta
che qualcosa succeda. All’entra-
ta del ghetto cristiano c’è un ma-
gli amici Usa e il sodalizio del terrore luce. Sua madre di occupa di tut-
to, della piccola scuola, dell’am-
vendicato dai talebani). Il posto
ora resta vacante perché il suo
nifesto della Bhutto, l’ex premier
è l’unico politico che rispettano.
bulatorio, del catechismo. “I cri- successore, un musulmano nomi- È morta ma continua a vivere nel-
di Giancesare Flesca donna che i “crociati americani” cercavano di “ingan- stiani sono sempre stati persegui- nato la settimana scorsa è stato le loro speranze. “Anche se oggi
nare con ogni trucco”. Tutti sanno, del resto, quel che tati nella Storia, noi cerchiamo di spostato alla Salute perché aveva viene diffuso un messaggio mo-
stato indicato come un possibile erede di Bin La- toccò al genere femminile durante quello che si chia-
Èriconosciuto
den. Qualcuno sostiene che il mullah Omar, capo
dei Taliban, avrebbe tutte le carte in re-
mò l’“emirato afgano” agli ordini di Omar, sempre più
rispettato dai combattenti di Dio. Su di lui giravano già
vivere felici il tempo che ci è con-
cesso”, dice Ester che stringe fra le
braccia il nipote, senza farsi illu-
scatenato critiche che in questo
momento, con l’imbarazzo mon-
diale della faccenda Bin Laden, il
derato, nelle scuole pakistane i
testi scolastici del ministero inse-
gnano che gli ebrei sono strozzini
gola per un’eventuale successione. Altri dicono che delle leggende. Omar aveva perduto in battaglia un sioni che le cose possano miglio- governo non si può permettere. e i cristiani sanguinari crociati I
Omar non ha nessuna chance di ereditare Al Qaeda, occhio e, sostengono i suoi compagni, riuscì a toglier- rare. La storia di Asia Bibi, in pri- “Siamo cittadini di seconda cate- rapporti qui ad Islamabad con i
una centrale internazionale del terrore di matrice selo da solo dall’orbita malgrado altre tre ferite. Per gione e condannata a morte per goria, bruciano le chiese, non pos- musulmani sono buoni – dice Sa-
strettamente araba, non adattabile a un leader come diventare leader, il religioso mostrò alla folla un man- blasfemia ha fatto il giro del mon- siamo fare che lavori umili e la no- lik con tristezza - ma in altre città
Omar che appartiene a un’altra etnia, quella pashtun. tello chiuso dentro delle ceste: quello appartenuto al do, così come quella di Salman stra rappresentanza in parlamen- la situazione è difficile. E ai cri-
Si ribatte allora che lui e Bin Laden si conoscevano fin profeta Maometto. Era questo, spiegò lui, il segno di- Tasseer, il governatore del Punjab, to è inutile: dieci seggi da dividere stiani, a volte, vengono offerti sol-
dagli anni ’80, quando combattevano contro l’occu- vino della sua investitura. Così divenne presidente de che aveva cercato di difenderla ed tra sich, indù, cristiani, buddisti, di per diventare musulmani”.
pazione sovietica del paese, incoraggiati dagli Usa che facto. Che cosa avvenne durante i 5 anni di potere
fornivano armi, soldi e consiglieri militari ai mujahid- Taliban è storia ormai tristemente risaputa. Omar so-
din. Ma quella esperienza è ormai lontana negli anni, steneva di ricevere ordini direttamente dal Profeta e
l’unica cosa certa che li accomuna sono i 25 milioni di così giustificava i suoi crimini, da quelli contro i suoi Psicosi italiane
dollari che l’America aveva posto sulla testa dell’uno e sudditi, a quelli contro la cultura universale come l’ab-
dell’altro, mostrando di ritenerli egualmente perico-
losi. Dopoché l’Armata Rossa dovette abbandonare in
battimento delle enormi statue di Budda scavate nella
valle di Bamyan. E anche la fuga dalla sua città pre-
Il terremoto immaginario
gran fretta il paese, il Principe del terrore si trasferì in
Sudan, mentre le azioni del mullah crebbero in patria
ferita, Kandahar, all’arrivo degli americani si tinse di
leggenda. Secondo alcuni Omar era scappato su cam-
è più vero di quello reale
fino a fare di lui, classe 1959, il capo del movimento melli. Secondo altri su una grossa moto.
che andò al governo per difendere il paese dall’“osce- NON CI CREDEVA NESSUNO ovviamente, ma “Roma rumoreggia” (Le Monde); e ancora “Il
na cultura occidentale”, una cultura di cui si rifiuta- IN QUESTO PERIODO nessuno l’ha mai visto o ne hanno scritto tutti. E i giochi di parole, terremoto immaginario” (Les Echos),
vano sia l’idea di democrazia, sia la condizione della fotografato. Unica eccezione una serie di scatti per un scherzosi, si sono moltiplicati: “Tutte le leggenda urbana, mito, psicosi, fuga, paura da
fotografo amico che poi li vendette con la sua auto- strade portano fuori da Roma” (Daily Mail); Big One, umori da cataclisma, fino al
Il mullah Omar a Kandahar nel settembre 2001 (FOTO LAPRESSE) rizzazione a Vanity Fair. In quella occasione mandò un “Vedi Roma e poi muori, ma non oggi” qualunquistico stereotipo dell’italiano furbo
messaggio alle mogli (ne ha 4) e agli innumerevoli figli, (Guardian); “La paura, non il sisma, mette “Un giorno di vacanza per studenti e
uno dei quali ha sposato una figlia di Osama. Ma da un sottosopra Roma” (El Mundo). Solo la Bbc la lavoratori”. La Bbc, che, evidentemente, non
anno, a sorpresa, il mullah giura di non aver visto Bin mette, un po’ seriosamente, tra cronaca e ci dormiva sopra la notte, scova che
Laden fin dal 2001. Una presa di distanza? Forse, e con lezione di sismologia: “Una previsione Mussolini fu così impressionato dal
un suo significato. Secondo Karzai e l’intelligence oc- provoca l’esodo dalla città – esagerati! ndr – Nostradamus dei sismi, lo studioso Raffaele
cidentale, egli non sarebbe più il capo militare dei Ta- anche se i terremoti non si possono Bendandi, da insignirlo di un’onorificenza.
liban, ma il capo spirituale. In questa veste, secondo prevedere”. La stampa americana, imbeccata Abilmente, il Telegraph mette insieme le dieci
loro, il mullah potrebbe mostrarsi più malleabile sul dall’Ap, constata che, l’11 ci sono state “fine del mondo” che, malgrado le predizioni,
futuro dell’Afghanistan, accettando prima o poi un ne- “dozzine di scosse” in Italia e altrove – non ci sono mai state (ma, attenzione, ci
goziato con i suoi avversari e facendolo accettare ad tragica, quella in Spagna – ma nessuna a aspetta il 2012). Poveri Incas, che
amici quanto mai riottosi come Gulbuddin Hekhma- Roma. Erano, però, giorni e giorni che la l’aspettavano, sempre invano, ogni 52 anni.
tiar, altro assiduo frequentatore degli ormai mitici mon- stampa estera ricamava sull’argomento: G. G.
ti di Tora Bora e poi di Abbottabad.
pagina 14 Venerdì 13 maggio 2011

SECONDOTEMPO
SPETTACOLI,SPORT,IDEE
in & out

FESTIVAL DI CANNES

SUL RED CARPET Al Pacino


Sarà il boss
G. Michael
Tournée
Nanni Moretti
A giugno
Giro d’Italia
Ventoso

SFILA IL
John Gotti europea in il regista si batte
in un compagnia racconta in Petacchi,
kolossal dell’orchestra due recital Weening
sulla mafia sinfonica all’Auditorium resta in Rosa

PROFONDO NERO I primi tre film in concorso, tutti


firmati da registe donne,
raccontano altrettante storie di prostituzione, abuso e violenza minorile
di Anna Maria Pasetti imminente cartoon della Ministri vaganti
da Cannes Dreamworks è stata presentata
una manciata di minuti a prete-

Galan:

P
sto di avere Banderas e Salma
Hayek, i doppiatori del felino e
dintorni. Ugualmente – pare
che la strategia dell’animazione
più doppiatori-vip sia vincente
– sono accorsi la Jolie e Jack
Black per il cartone Kung Fu Pan-
da 2.
Roma?
CERTO BANDERAS vestirà
anche i panni del tormentato e
cinico chirurgo plastico nel film
di Almodòvar, atteso in concor-
Solo una festa
so, ma chissenefrega, tutto fa di Federico Pontiggia
aillettes e dolore, rosa e nero. brodo. O meglio audience, e
Benvenuti a Cannes 2011, il re- dunque euro. Ma basta uscire eda di ravvedersi prontamente. Tutti noi che facciamo
gno dei contrasti. Non che que-
sto sia inedito alle grandi ci-
dal rione glitter per inciampare
in crescenti folle di mendicanti,
“V cinema ci aspettiamo da lui cose grandi. Almeno ade-
guate alla sua taglia”. Parola di Roberto Faenza, destina-
ne-kermesse, ma anno dopo an- maghrebini e non solo. Dunque tario Giancarlo Galan: perché? Il ministro è rimasto fol-
no sembra che lo stridore au- il fuori-fuori è come il dentro le gorato sulla via di Cannes - “Impressionante”, ha detto in-
menti. E ci si chiede fino a che sale. Almeno da quanto assag- contrando i giornalisti italiani sulla Croisette – e ha riattac-
punto la scatola magica assomi- giato finora, Woody Allen esclu- cato Roma: “Mi dicono sia già più festa che festival ed è bene
glierà sempre più a un vaso di resti così. Lo dico da amico del cinema. E’ come se la Francia
Pandora. Il sipario si è appena facesse un festival a Parigi”. Piccolo problema, Roma il fe-
alzato sulla 64esima edizione
del festival diretto da Thierry
E in attesa di stival ce l’ha: “Si informi, è molto simile al nostro: stessa
struttura, sezioni e impegno economico”, puntualizza il di-
Fremaux – quest’anno apparso
meno in forma del solito – ma
apparire nel film rettore artistico Piera Detassis. E Faenza le dà man forte:
“E’ davvero un gesto di disinformazione: Galan l’ha sparata
l’identità che velocemente
prende forma non prescinde da
di Almodovar, grossa, sarebbe utile una lavata di testa a chi lo consiglia”.
Non solo, mentre il presidente della Biennale Paolo Ba-
tali riflessioni. Sul tappeto ros- ratta a Ca’ Giustinian presentava l’accordo per il WiFi al
so impazza Lady Gaga inneg- Banderas si Lido, sulla Croisette Galan rincarava la dose sul sistema Mo-
giando alla pop-trasgressione stra: “Da ministro e cittadino, non voglio insistere per la
di plastica. Dentro le sale i pri- diverte a costruzione del nuovo Palazzo del Cinema, visti i 15 milioni
mi film passati imperversano di euro da impegnare per eliminare l’amianto. Serve corag-
sulla morte, sulla prostituzione doppiare il Gatto gio, un’idea nuova: quella è una strada morta”. Se lui e il
di bellezze addormentate, sulle direttore della Mostra veneziana Marco Muller (la ricon-
stragi perpetrate da adolescen- con gli stivali ferma in pectore è servita?) facevano coppia in Francia, a chi
ti a scuola, sulla pedofilia. A pre- John C. Reilly, protagonista di “We Need to talk about Kevin” (FOTO ANSA) rimane a casa tocca reggere Baratta e burattini: “Non è sul
scindere dalla qualità o meno tavolo che il nuovo Palazzo non si faccia più”, ma la que-
delle opere dai temi di cui so- so. I primi tre titoli concorrenti, durre atmosfere choccanti poi Cannes. Cine-trasponendo il be- stione ben intesa dal presidente della Biennale non è quanto
pra. Il cinema contenitore-con- un trittico di firme al femminile disattese. st-seller della statunitense di cul- scavare ma sotto quali piedi. Il cerchio, la “Festa buiaccara”
tenuto mescola tutto questo e sono un potente antidoto alle to Lionel Shriver, sbatte sullo di Roma, dunque è sempre lo stesso, ma Galan un bel colpo
si sa – Fellini docet – il circo ti feste notturne delle ville qua at- DOLORE CHIAMA dolore, schermo mamma Tilda Swinton e lo dà alla botte veneziana: “La differenza con Cannes la fan-
diverte mentre ti trafigge, ti torno, altrimenti detto la cruda ecco scivolare un’altra pellicola, papà John C. Reilly alle prese con no i servizi: loro hanno un mercato, noi no, sulle sale pos-
commuove mentre ti sta pren- rappresentazione (con denun- stavolta francese e dal titolo Poliss, un figlio killer, Kevin. siamo fare di più e poi i prezzi”. Eppure, la vera lotta è Ca-
dendo in giro. cia, ovvio) del peggio che la vita cioè polizia. Il tema è l’abuso dei Il tema anche qui è di un’attualità pitale: l’Auditorium di Piano, mutatis mutandis la “struttura
umana possa incontrare. È una minori, spesso da parte dei fami- da far impallidire la cronaca ne- diretta principalmente al festival di Venezia ma anche ad
TRA LA SERATA d’apertura botta allo stomaco, seppur il liari, documentato dalla squadra rissima: a 16 anni il pargolo de- altre attività” che Galan agogna. Je rode, dicono a Roma, e
e ieri, la Montè de Marche ha film sia un inno alla noia, il con- di protezione dei bambini, così cide di sterminare i compagni di stigmatizzano: “Non si è mai visto in nessun Paese normale
contato le scarpe di più star e tenuto di Sleeping Beauty dell’e- come opera in Francia. La regista classe, trafiggendoli con le frec- che dei ministri facciano dichiarazioni in giro per il mondo
starlette del solito: oltre a Woo- sordiente australiana Julia Lei- è anche un’attrice di una certa po- ce tirate dall’arco regalato da pa- contro la loro Capitale”, sbotta il presidente della Provincia
dy Allen & cast più giuria inter- gh, primo film in gara. Sulla car- polarità Maiwenn (Le Besco, ma il pà. Il film, lo si intuisce al volo, è Zingaretti, mentre il sindaco Alemanno e intima: “Giù le
nazionale con De Niro, Uma ta già urlava allo scandalo, es- cognome preferisce ometterlo), “alla Gus Van Sant” che, ironia mani da Roma”. E i diretti interessati? L’89enne presidente
Thurman, Jude Law & co, sono sendo la vicenda di una post anche perché stupì i benpensanti della sorte, è pure a Cannes con della Fondazione Cinema per Roma Gian Luigi Rondi non
sfilati Angelina Jolie, Dustin Hof- adolescente che sceglie la via partorendo a 17 anni un pargolo un lavoro passato lo stesso gior- parla e continua ad attaccare i bollini Siae. Ma se Galan ha
fman, Melanie Griffith, Antonio della “prostituzione dormien- di Luc Besson, suo attuale compa- no. Restless è il titolo scelto per la consigliato la kermesse - l’Auditorium è già Parco (della Mu-
Banderas, Tilda Swinton solo te”. Offrendo il proprio corpo, gno. Tra bimbi piangenti e con- pellicola che – inspiegabilmente sica) - di farsi “a tema”, viceversa, la Detassis accetta la sfida:
per dare alcune misure. L’emu- senza penetrazione, a ricchi e fessanti e genitori mostruosi – nel – il festival ha deposto nella se- una bella retrospettiva sul cinema veneto per calmare le
lazione di Hollywood non è un potenti anziani. Certo per noi cast anche il nostro Riccardo Sca- zione “Un certain regard”. Se- acque? Risata: “Certamente no”. E ributta la palla in Laguna:
segreto, ma il made in Croisette italiani, vedere le cene tra acchi- marcio nei panni di un papà che guendo la cineonda tragica, an- “Che polemica oziosa, Venezia ha problemi e deve essere
impone la sofisticatezza “siamo tati e potenti figuri serviti a ta- impone alle figliolette di dire che Van San racconta una storia sostenuta in tutto e per tutto? Lo sia, ma lasci lavorare gli
pur sempre francesi”. E in que- vola da strip teaser ha riacceso la sempre la verità, a sue spese – pas- d’amore tra una giovane malata altri. Rivendico la diversità di Roma, e la mia: una donna non
sto monster che la Mostra di Ve- parola bunga-bunga. Ma è chia- sano due ore di perversioni rac- terminale di cancro e un coeta- usa i muscoli”. Tutto il contrario della Moratti, sebbene an-
nezia gareggia ad eguagliare, rie- ro che la regista fosse lungi da contate, con uno stile non lonta- neo orfano di entrambi i genitori. che Piera scenda in campo: “Il tono di Galan mi sembra
scono a convivere giganteschi imitare certe presunte pratiche no dall’action tv. È davvero note- Ma attenzione, “Non usa più ve- populista, da campagna elettorale”. Ma al Salone del Libro il
stivali di cartapesta edificati sul- del Malpaese. Il suo, infatti, è un vole, invece, We Need to Talk About stirsi di nero ai funerali”. ministro invita la Capitale ”a stare al suo posto, come il fe-
la spiaggia a inneggiare il famo- film serio e seriossimo, per un Kevin di Lynne Ramsay, talentuosa E se lo dicono questi due ragaz- stival di Torino”. Infatti il ministro ubiquo è già arrivato al
so gatto che li indossava, del cui racconto che si limita ad intro- cineasta british alla sua seconda zi, dobbiamo credergli. Lingotto per la prossima esternazione.
Venerdì 13 maggio 2011 pagina 15

SECONDO TEMPO

IL SALONE DEL LIBRO

UNITI NEL LITIGIO


Pareri discordi sui 150 titoli che hanno fatto
la storia d’Italia: “Una mostra-Cencelli”
di Silvia Truzzi Leggerezza si discute da vent’anni? fatto più di Oriana Fallaci). I ver-
Inviato a Torino O Marcovaldo? Ma qui il pesce puz- tici del Salone gongolano però: il
za più nella coda: i libri degli ul- giovedì dell’apertura è una gior-
n copertina, al Salone del li- nata moscetta e quasi quasi sono

I
timi anni sono mal digeriti quasi
bro, il cerimoniale di sorrisi e all’unanimità. Sarà perché i narra- loro che alimentano la polemica.
strette di mano. Sindaci sa- tori della generazione TQ si riuni- Resta che se la rassegna vuole pe-
baudi passati (Valentino Ca- scono per occuparsi di politica in- dagogicamente illustrare l’Italia
stellani), presenti in dismissione vece che scrivere romanzi? Belpo- dei libri nell’anniversario dell’U-
(Sergio Chiamparino), futuri (ci nità ha messo insieme, in un pa-
sono sia Fassino che Coppola). sticciaccio non particolarmente
Vescovi, sottosegretari, alti gradi
delle forze dell’ordine: sembra
Belpoliti: riuscito, quantità e qualità. Un po’
puzza la naso, un po’ circo com-
una canzone di Rino Gaetano. To-
ni un po’ troppo trionfalistici da
“Al centro merciale.

parte degli organizzatori, che già


s’affannano a dare i numeri (1500
delle scelte LA POLITICA dà, nessuno stu-
pore, spettacoli un po’ miseri.
editori, di cui 159 new entry, Giancarlo Galan arriva e improv-
1300 eventi in programma, bla non c’è la visamente il cielo piange (la bat-
bla bla) ma forse è perché a giu- tuta sul governo è troppo facile):
gno si ridiscute l’assetto della letteratura ma subito s’affollano dignitari d’ogni
Fondazione Salone del libro: pol- sorta. Alain Elkann riempie di sor-
trone vacanti. la produzione risi sussiegosi sia il ministro che la
di lui signora, il candidato sindaco
IL PRESIDENTE Rolando Pic- editoriale” di Torino per il Pdl, Michele Cop-
chioni rilancia subito il tema di La giornata di inaugurazione del 24/mo Salone Internazionale del Libro, questa mattina (FOTO ANSA) pola, prova a buttarla in campa-
giornata: la mostra sui 150 anni gna elettorale. Ma Galan non ci sta
dell’Unità letteraria, bersaglio di non come beato ma come autore canto a una bandiera del Pci che e romanzetti inclusi. Davico Boni- liti dice bene: “questa mostra po- e la visita prosegue istituzional-
strali da più parti. Dice che sì, l’i- di un Grande libro, “Varcare la so- intimorisce il vescovo di Torino no se la prende con la scarsa at- ne al centro la produzione lette- mente. In quanto a paraculaggine
spirazione è il Manuale Cencelli: glia della speranza”. Si passeggia (non vuol farsi ritrarre accanto alla tenzione riservata al teatro, ma an- raria e non la letteratura”. Il libro è però, nemmeno il Pd si tira indie-
“qui c’è tutto, la cultura alta e bas- tra i totem che raccontano i libri, i falce e martello); l’altarino di Go- che con Fantozzi, Venuto al mondo anche merce, di cui molta – spiega tro: sabato è giorno di silenzio
sa, di destra e di sinistra”. La rac- loro autori e i motivi della scelta. morra , un fucile in una teca. della Mazzantini, La solitudine dei Goffredo Fofi in diretta su Radio- elettorale, ma Fassino sarà al Salo-
conta come percorso di scrittori, Merita la menzione d’onore la de- I titoli fan discutere: è la sindrome numeri primi (il libro di Giordano Tre, piuttosto scadente. E le case ne a parlare di “Turchia alle por-
libri e naturalmente editori che so- scrizione di Va’ dove ti porta il cuore: del ct della nazionale di calcio che prende bordate un po’ da tutti: editrici sono aziende: la scelta dei te”. Arriva anche Bersani e a pro-
no stati tipografi lungimiranti e in- “emozionante affresco dei senti- Ernesto Ferrero, scrittore e diret- non piace a nessuno, in compen- 16 con l’esclusione di Garzanti è posito di Berlusconi partorisce la
tellettuali sofisticati, filantropi e menti che lacerano e legano tre ge- tore editoriale del Salone, ribat- so lui, nella foto del totem, si piace incomprensibile. Non c’è un cri- definizione “da promotore della
manager. La kermesse si articola in nerazioni di donne” (no com- tezza con la consueta eleganza “la moltissimo). Saltan fuori partico- terio di selezione, almeno appa- libertà a promotore dell'illegalità”
diversi filoni (15 Superlibri, 150 ment). C’è Roberto Calasso, al Lin- vertigine delle liste”. Nel pome- lari esilaranti, tipo che “Il talisma- rentemente. Certo non sono le (bar condicio). Avvistato da un
Grandi libri, 15 Personaggi, 16 edi- gotto con Le nozze di Cadmo e Ar- riggio si ritrovano assisi Gian Ar- no della felicità” di Ada Boni do- quote di mercato. Però siamo in paio di colleghi in mattinata an-
tori e i fenomeni editoriali) ed è co- monia che – siamo certi per que- turo Ferrari, padre putativo della veva essere eliminato, ma per er- Italia e se in mostra non c’è un li- che Sandro Bondi, in visita solita-
struita attorno a una spirale dove le stioni di coerenza filologica – ha mostra, Guido Davico Bonino, Ot- rore è rimasto. Si contestano an- bro di Pavese, l’autore de La luna e i ria e privata. Doveva morire di cu-
sezioni si confondono. Così capita scelto una sua foto coeva all’anno tavio Di Brizzi, Marco Belpoliti, Er- che le decisioni sui grandi: di Cal- falò rientra dalla finestra nella se- riosità e brama per il Salone (lui
che Antonio Gramsci sia dirimpet- di pubblicazione del libro (1988); manno Paccagnini. Molte le osser- vino perché Il Barone rampante e zione Personaggi (dove non c’è poeta e ora anche saggista): da mi-
taio di Giovanni Paolo II, presente c’è la bicicletta di Don Camillo ac- vazioni, tra capolavori estromessi non le Lezioni americane, sulla cui Manzoni che forse per l’Italia ha nistro non c’era mai venuto.

L’atleta? Se è donna è dilettante


IN ITALIA PER LEGGE SOLO GLI UOMINI SONO SPORTIVI “DI PROFESSIONE”
di Beatrice Borromeo Luisa Rizzitelli, responsabile sola passione ed esigui rim- to a una pensione, niente
nazionale per lo sport del- borsi spese (stipendi di fat- contratti collettivi, zero tfr,

Fsuoederica Pellegrini? Una


dilettante, nonostante il
oro olimpico (prima ita-
l'Idv, ex pallavolista che si
occupa oggi di Pari oppor-
tunità.
to), oltre che di scritture pri-
vate che, per dirne una, pre-
vedono di norma il licenzia-
nessuna assistenza sanitaria.
Né tanto meno alcuna forma
di assicurazione per la vec-
liana a portarne a casa uno), mento in tronco nel caso l'a- chiaia, l'invalidità o il deces-
i podi ai campionati mondia- SOLO I MASCHI. Sono so- tleta rimanga incinta. Casi so.
li di nuoto, e i record ancora lo sei, in Italia, le discipline che non si limitano a spor- E per chi volesse accantona-
imbattuti in più di una spe- qualificate come “professio- tive alle prime armi: per re un po’ di soldi affidandosi
cialità. E così la regina del nistiche”: il calcio (serie A, B, esempio una delle più quo- esclusivamente al proprio ta-
pattinaggio sul ghiaccio, C1, C2), la pallacanestro (se- tate campionesse di pallaca- lento, la fregatura è comun-
Carolina Kostner: campio- ria A1 e A2), il ciclismo su nestro italiane, Adriana que in agguato: i
nessa italiana, mondiale, strada, il motociclismo, la bo- Moises Pinto, si è vista ri- monte pre-
olimpica. E ancora la palla- xe e il golf. Con un piccolo solvere il contratto appena mi per le
volista Francesca Piccini- particolare: sono professio- annunciata la maternità. La donne sono
ni, Josefa Idem (alla sua ot- nisti solo gli uomini. Tutte le società Pallacanestro Faenza sempre infe-
tava olimpiade nel Kayak), la colleghe, infatti, non hanno ha persino minacciato di ci- riori a quelli
tennista Flavia Pennetta, la nessun diritto: lo stabilisce la tarla per danni. maschili.
calciatrice della Nazionale legge 91 del 1981, che de- E se su questo aspetto c'è al- Qualche volta
femminile Patrizia Panico. lega la regolamentazione del- meno una proposta di legge addirittura la
Se è donna, è dilettante: tut- le attività sportive a titolo presentata alla Camera dalla metà. Nono-
te atlete che sono un orgo- oneroso e con carattere di deputata Pdl Manuela di Cen- stante lo Statuto
glio nazionale, di cui l'Italia continuità (cioè chi è atleta ta, che vorrebbe stanziare 5 della federazione Atletica
si vanta all'estero, ma con per lavoro) alle federazioni milioni di euro all'anno per vieti i montepremi diversi, ancora, come ha raccontato per rallentare i miei allena-
ben pochi diritti sanciti dalla sportive nazionali. Le quali sostenere le sportive durante nella prassi avviene. Prendia- la campionessa di ciclismo menti e mettermi in difficol-
legge. E se loro non hanno la non tutelano affatto l'altra la gravidanza (ma solo quelle mo la maratona del Piceno: su pista Vera Carraro: “L’o- tà visto che, se mi ammalo,
qualifica di professioniste, metà del cielo, che vive di che giocano in Nazionale), 42 chilometri di gara, stessa ro dei mondiali valeva 20 mi- non mi tutela nessuno”. La
ma hanno sponsor e redditi ciò che manca è una legge quota d'iscrizione per uomi- la euro contro gli 80 mila del- giornata di Josefa comincia
all'altezza del talento, c'è un quadro che affronti l'insieme ni e donne, stessa fatica. Però la gara maschile”. Un quar- alle 7 del mattino: si sveglia e
esercito di sportive scono-
sciute, senza diritti e senza
La legge non dei problemi. Per avere alme-
no una tutela base infatti
i vincitori maschi vengono
premiati fino al nono classi-
to.
“Siamo messe peggio di colf
porta i figli a scuola. Si allena
fino all'una meno un quarto.
soldi. Una discriminazione
non da poco, se si considera
prevede né molte atlete si arruolano nel-
le Fiamme Gialle, che insie-
ficato, mentre le colleghe so-
lo fino al quarto posto.
e badanti”, dice al Fatto Jo-
sefa Idem, campionessa di
Poi altre tre ore il pomerig-
gio. “Mi considero una lavo-
che in Italia ci sono 7 milioni
di tesserati con le federazio-
contributi, né me ai Vigili del Fuoco, alla
Polizia e alle Forze armate I MONTEPREMI. E so-
Kayak che ha rappresentato
per due volte la Germania
ratrice autonoma – spiega –
ho la mia società e guadagno
ni sportive nazionali, e che possono assumere diretta- prattutto sono diversi i mon- (suo Paese natale) alle Olim- grazie agli sponsor. Quando
lo sport è il terzo aggregato indennità. mente sportivi di interesse tepremi: 1.500 euro per il piadi, e cinque volte l'Italia. guardate le Olimpiadi e tifate
industriale di questo Paese: nazionale. primo classificato. 1.200 per “Dal 1990 sono italiana a tutti per la medaglia d'oro all'Ita-
costituisce il 3 per cento del E se rimangono il secondo, 1.000 per terzo gli effetti e subisco le vostre lia sappiate che, spente le te-
Pil. “Per questo l'Italia dei MAI MAMME. Chi sceglie sul podio. Mentre le donne leggi: se ottengo il risultato lecamere, torniamo a essere
Valori vuole proporre un di- incinte, lo sport come professione partono dai mille euro per la mi pagano, altrimenti nulla. precarie a cui vengono strac-
segno di legge per eliminare non deve rinunciare solo a medaglia d'oro, 700 per l'ar- Ho avuto il raffreddore per ciati i contratti se rimaniamo
le disuguaglianze”, spiega le cacciano essere madre: non avrà dirit- gento e 500 per il bronzo. E due settimane e basta questo incinte”.
pagina 16 Venerdì 13 maggio 2011

SECONDO TEMPO

IL PEGGIO DELLA DIRETTA

TELE COMANDO
TG PAPI
+ espiatorio) e a Berlusconi
“amico generoso, colpiscono di Luigi Galella
Genio
e baro
metodologia mnemonica as- to sembrava sorpreso e vaga-

Il Re Sole me per colpire il Presidente”.


Chissà come mai. Ancora un
po’ di pazienza, il 27 giugno
comincerà lo spettacolo.
a società moderna è sme-
Lcapace
morata e distratta. Così in-
di ricordare anche ba-
nali sequenze di parole o ci-
sociativa, a suo dire alla por-
tata di tutti. In passato se n'e-
ra già occupato l'insospetta-
bile Piero Angela, divulga-
tore principe di ogni discipli-
mente sospettoso. L'inviato
di “Striscia la notizia” (“Cana-
le 5”, martedì, 20.30) gli ha
fatto ripetere l'esperimento
di fronte ai suoi nuovi adepti:

della Brianza T g3
Politica debordante e sor-
da agli appelli di Napolitano.
Più il Quirinale chiede di ab-
bassare i toni, più Berlusconi
fre – e magari le stesse pro-
messe politiche reiterate e di-
sattese del nostro premier -
che chi si presentasse con la
patente di “uomo mnemoni-
na scientifica, in “Super-
quark”, e lo stesso autorevole
Tg regionale “Leonardo” lo
aveva presentato come l'uo-
mo “con più memoria al
riuscito alla perfezione, co-
me sempre. Ma poi, a tradi-
mento, ha svelato l'arcano:
sul retro delle carte, mimetiz-
zati nelle miniature, c'erano
di Paolo Ojetti doio, come fosse uno che pas- alza il volume: la Moratti ha co” diventerebbe un caso. mondo”. Un doppio impri- numeri e seme per identifi-
sa per caso. Non c’è lotta. fatto bene, vai così Letizia. Il E tale si dichiara infatti Gian- matur col quale è approdato carle. Come mai segnare le
g1 “presidente” costruttore, ci- ni Golfera, che ricorda 261 infine a “Il senso della vita” di carte come un comune baro
T Metti un trono giallo oro. g2
Metti le piante rigogliose. T Meno male che da oggi la
clista, anticomunista, piazzi-
sta (ricordate i manifesti della
libri appresi con l'esercizio
delle mnemotecniche, in au-
Bonolis (“Canale 5”, domeni-
ca, 1 maggio, 21.10), in affan-
quando la memoria le ha già
fotografate una dietro all'al-
Metti, sul fondo, un quadro cosiddetta “campagna eletto- “discesa in campo”?), adesso ge in epoca umanistica, pri- no e alla ricerca di pubblico tra, con la stessa esattezza di
fra il ‘500 e il ‘600 (magari una rale” si acquieta. Il pastonci- è garantista: non si abbattono ma della diffusione della per evitare la chiusura anti- uno scanner? E infine: qual-
crosta, ma d’ effetto). E metti no pomeridiano di Simonet- più le case abusive a Napoli e stampa. Questa, infatti, po- cipata del programma. Qui il cuno ha mai verificato che
che in mezzo alla suite da Lui- ta Guidotti, al quale si affida- provincia. Si vota e con una tenziando la memoria ester- novello Pico della Mirandola questo signore conosce effet-
gi XIV ci sia il “premier”, com- no le sorti della politica, ricor- promessa si fa una vendem- na attraverso la diffusione del ha tenuto un esperimento tivamente a memoria 261 li-
posto come una statuetta di da – senza offesa – lo svolgi- mia. Se si fosse votato a Bol- libro ha ristretto il campo e con 52 carte, esaminate nella bri? Sembrerebbe di no.
porcellana. E, metti ancora, mento dei temi delle elemen- zano, avrebbe dichiarato: l'esigenza di quella interna. loro sequenza nel mazzo per Ci troviamo quindi di fronte a
che di fronte ci sia la sua gior- tari di una volta: “Ho passato “Mia nonna era metà austria- Già Socrate nel “Fedro” lo un solo minuto e poi ricono- un millantatore che non ri-
nalista preferita, Sonia Sar- una bella estate. E poi ho gio- ca e metà ladina: comprerò aveva anticipato a proposito sciute, una dietro l'altra, no- corda ma semplicemente si li-
no, che deve la sua ascesa per cato sulla spiaggia col sec- una villa a Merano”. La Lega della scrittura, creazione am- nostante una vistosa benda mita a leggere le carte? Ri-
la bravura – un’arte – di ripe- chiello. E poi mamma mi ha prende le distanze un po’ qui bivalente, in quanto gli uomi- sugli occhi. Il conduttore, ri- chiesto di ripetere l'esperi-
tere quello che dice Berlusco- comprato un cappellino. E e un po’ lì, ma sono distanze ni cesseranno “di esercitarsi masto per una volta senza pa- mento ma con un mazzo di-
ni, tagliarlo quando deraglia e poi è venuto papà, che lavora millimetriche. Un servizio la memoria perché fidandosi role, lo ammirava estasiato. verso, non taroccato sul retro
non fare mai (nemmeno ieri) sempre”. Ecco, sostituire alla speciale fa risorgere uno dei dello scritto richiameranno Un trionfo, un vero prodigio. delle carte, il nostro Johnny
domande vere. Che scenario, spiaggia, al cappellino e a pa- veri motivi della lotta politi- le cose alla mente, non più Come del resto, a guardar be- Mnemonic si è sentito im-
una cosa scintillante che il po- pà, Napolitano, al secchiel- ca: nel 2015 dovrebbe partire dall’interno di se stessi, ma ne, sanno essere i prestidigi- provvisamente inceppato
polo vede solo nelle occasio- lo Berlusconi, e al resto la Mo- l’Expò universale di Milano. dal di fuori, attraverso segni tatori. nelle sue miracolose funzio-
ni solenni: è la chiesa berlu- ratti e la solida idealista Do- Per adesso, è un fantasma. E estranei”. Moreno Morello gli ha fatto ni, come se la sua capacità di
sconiana che officia i suoi riti rina Bianchi e il risultato è quel fantasma pare attendere Gianni Golfera quindi va in visita mentre teneva uno dei immagazzinamento – causa
televisivi. Prima del Re Sole perfetto. Spazio alle dichiara- la spartizione speculativa su controtendenza: nell’epoca suoi costosi corsi. Il giovanot- ospite indesiderato – fosse di
della Brianza, un soufflé di zioni di Lele Mora. Ha manda- terreni di privati in attesa. Ul- di Internet e degli smartpho- colpo pregiudicata. Come
Casini (con Alberto Matano to messaggi trasversali a Fede tima notizia, una rasoiata con- ne è una sorta di biblioteca Gianni Golfera, nel film omonimo. Con un
batuffolino d’ovatta) e un e alla Minetti (che lo vedreb- dominiale: Minzolini è inda- vivente, che tiene corsi e scri- il “Johnny Mnemonic” possibile, fatale, collasso neu-
Bersani in piedi in un corri- bero molto bene come capro gato a Roma per peculato. ve libri per diffondere una sbugiardato da Striscia rale.

LA TV DI OGGI
11.00 NOTIZIARIO TG1 14.00 ATTUALITÀ Pome- 14.00 NOTIZIARIO TG 19.30 NOTIZIARIO TG3 11.00 REAL TV Forum 13.40 CARTONI ANIMATI 11.30 NOTIZIARIO TG4 - 11.25 DOCUMENTARIO
11.05 ATTUALITÀ Occhio riggio sul Due Regione - TG3 - Meteo 3 (REPLICA) 13.00 NOTIZIARIO TG5 - 14.35 TELEFILM E alla fine Meteo - Vie d'Italia noti- Atlantide - Storie di uomi-
alla spesa 16.10 TELEFILM La signora 14.50 RUBRICA TGR Leo- 20.00 RUBRICA Il caffé - Meteo 5 arriva mamma! zie sul traffico ni e di mondi
12.00 VARIETÀ La prova in giallo nardo Noi e loro (REPLICA) 13.40 SOAP OPERA Beauti- 15.05 SIT COM Camera 12.00 TELEFILM Wolff - Un 13.30 NOTIZIARIO TG La7
del cuoco 17.00 TELEFILM Top Secret 15.00 NOTIZIARIO TG3 20.30 RUBRICA Consumi e ful Cafè poliziotto a Berlino 13.55 FILM Killer comman-
13.30 NOTIZIARIO TG1 17.45 NOTIZIARIO TG2 L.I.S. consumi 14.10 SOAP OPERA Cento- 15.45 SIT COM Camera 13.00 TELEFILM Distretto do - Per un pugno di dia-
14.00 NOTIZIARIO TG1 Flash L.I.S. 15.05 EVENTO SPORTIVO 20.57 NOTIZIARIO Agrime- Vetrine Cafè Ristretto di Polizia 9 manti
Economia - TG1 Focus 17.50 NOTIZIARIO SPORTI- Ciclismo, 94º Giro d'Italia teo 14.45 TALK SHOW Uomini 15.50 TELEFILM Zack e 13.50 REAL TV Sessione 15.55 TELEFILM Chiamata
14.10 ATTUALITÀ Se... a VO Rai TG Sport 7a tappa: Maddaloni - 21.00 NOTIZIARIO News e Donne Cody sul ponte di coman- pomeridiana: il tribunale d'emergenza
casa di Paola 18.15 NOTIZIARIO TG2 Montevergine di Merco- lunghe da 24 16.15 ATTUALITÀ Pome- do di Forum 16.30 TELEFILM J.A.G. -
16.10 ATTUALITÀ La vita 18.45 TALK SHOW Mauri- gliano, 110 Km (DIRETTA) 21.27 PREVISIONI DEL TEM- riggio Cinque 16.50 TELEFILM Zeke e 15.35 FILM L'inferno di Avvocati in divisa
in diretta zio Costanzo Talk 18.05 DOCUMENTARIO PO Meteo 18.50 GIOCO Chi vuol Luther cristallo 18.35 REAL TV Cuochi e
18.50 GIOCO L'eredità 19.35 TELEFILM Squadra Aspettando Geo & Geo - 21.30 RUBRICA Tempi essere milionario 17.50 SIT COM Love Bugs 18.55 NOTIZIARIO TG4 - fiamme
20.00 NOTIZIARIO TG1 Speciale Cobra 11 Geo & Geo dispari 20.00 NOTIZIARIO TG5 - 18.30 NOTIZIARIO Studio Meteo 19.40 VARIETÀ G' Day
20.30 ATTUALITÀ Qui 20.30 NOTIZIARIO TG2 - 19.00 NOTIZIARIO TG3 - 22.30 NOTIZIARIO News Meteo 5 Aperto - Meteo 19.35 SOAP OPERA Tempe- 20.00 NOTIZIARIO TG La7
Radio Londra 20.30 TG Regione - Meteo lunghe da 24 20.30 ATTUALITÀ Striscia 19.00 NOTIZIARIO SPORTI- sta d'amore 20.30 ATTUALITÀ Otto e
20.35 GIOCO Affari tuoi 21.05 TELEFILM N.C.I.S.: 20.00 VARIETÀ Blob 22.57 PREVISIONI DEL TEM- la Notizia - La voce del- VO Studio Sport 20.30 TELEFILM Walker mezzo
21.10 VARIETÀ Ciak si Los Angeles 20.10 TELEFILM Cotti e PO Meteo l'improvvidenza 19.30 TELEFILM C.S.I. Miami Texas Ranger 21.10 ATTUALITÀ Il peggio
canta 21.50 TELEFILM Blue Bloods mangiati 23.00 RUBRICA Il punto 21.10 TELEFILM Squadra 20.30 GIOCO Trasformat 21.10 ATTUALITÀ Quarto di... Niente di personale
23.15 ATTUALITÀ TV7 22.45 NOTIZIARIO TG2 20.35 SOAP OPERA Un 23.27 PREVISIONI DEL TEM- Antimafia 3 - Palermo oggi 21.10 FILM Ti presento i Grado 0.00 NOTIZIARIO TG La7
0.15 RUBRICA L'Appun- 23.00 ATTUALITÀ L'ultima posto al sole PO Meteo 23.50 FILM Giorni e nuvole miei 23.20 RUBRICA I bellissimi 0.10 DOCUMENTARIO
tamento parola 21.05 ATTUALITÀ Mi man- 23.30 NOTIZIARIO News 1.30 NOTIZIARIO TG5 23.25 FILM Bulletproof di R4 Complotti (REPLICA)
0.55 NOTIZIARIO TG1 0.00 TELEFILM Close to da Raitre brevi Notte - Meteo 5 Notte 1.15 RUBRICA SPORTIVA 23.25 FILM L'agguato 1.15 ATTUALITÀ Otto e
Notte - TG1 Focus home 23.15 VARIETÀ Parla con me 23.33 ATTUALITÀ Inchiesta 2.00 ATTUALITÀ Striscia Grand Prix: Prove sintesi 2.00 NOTIZIARIO TG4 mezzo (REPLICA)
1.25 PREVISIONI DEL TEM- 1.30 PREVISIONI DEL TEM- 0.00 ATTUALITÀ TG3 23.57 PREVISIONI DEL TEM- la Notizia - La voce del- 2.05 RUBRICA SPORTIVA Night News 1.55 VARIETÀ G' Day
PO Che tempo fa PO Meteo 2 Linea notte PO Meteo l'improvvidenza (REPLICA) Poker1mania 2.25 FILM Il corpo (REPLICA)
1.30 ATTUALITÀ Qui 1.35 RUBRICA Appunta- 1.00 RUBRICA Appunta- 0.00 NOTIZIARIO News 2.20 TELEFILM In tribuna- 2.55 NOTIZIARIO Studio 4.00 TELEVENDITA 2.15 DOCUMENTI La7
Radio Londra mento al cinema mento al cinema lunghe da 24 le con Lynn Aperto - La Giornata Mediashopping Colors

TRAME DEI FILM PROGRAMMIDA NON PERDERE


/ L’agguato  Mi manda Raitre  TV7 Settimanale del TG1
E' il 12 giugno del 1963 quando Med- Il programma di Edoardo Camurri tor- In primo piano una inchiesta in Puglia,
gar Evers, leader di un movimento per na ad occuparsi di chi propone rimedi dalla schiavitù nei campi di raccolta
l'affermazione dei diritti sociali degli miracolosi per guarire dalle malattie. pomodori a quella nei campi del foto-
uomini di colore, viene brutalmente Parleranno quindi le persone che hanno voltaico. I diritti di 400 nordafricani
ucciso. L’assassino, Byron De La Beck- subito ingiustizie da sedicenti guaritori riconosciuti da un imprenditore cinese,
with, viene prosciolto grazie ad una e da coloro che propongono medicine che si costituisce parte civile e risarci-
giuria formata di soli bianchi ed un giu- alternative. Nel corso della puntata vie- sce all’istante gli immigrati. Inoltre, il
dice non proprio imparziale. Dopo tren- ne data voce ad alcune vittime di inci- ventre di Napoli trasformato in discari-
/ Ti presento i miei / Giorni e nuvole  Quarto Grado
t'anni, il giovane procuratore distret- denti stradali la cui causa, secondo il ca illegale. Mentre per le strade giaccio-
Commedia brillante interpretata da Elsa e Michele sono felicemente sposati, In apertura, la trasmissione farà il pun-
tuale Bobby Delaughter riesce a far ria- loro racconto, sarebbe da attribuire a no tonnellate di spazzatura, anche il
uno strepitoso Ben Stiller nei panni di hanno una figlia e una splendida casa. to sull’omicidio di Carmela Melania
prire il caso. un difetto di progettazione del veicolo. sottosuolo è invaso dalla “monnezza”.
Gaylord Fotter, imbranato fidanzato Elsa si è appena laureata in Storia del- Rea, mentre l'attenzione degli inquiren-
della bella e dolce Pam, che si trova Rete 4 23,25 l’Arte; Michele è stato invece estromes-
Rai 3 21,05 ti pare concentrarsi sul marito, le cui
Rai 1 23,15
"costretto" a passare un intero wee- so dall’azienda per la quale lavorava versioni dei fatti sono in parte lacunose
kend a casa dei futuri suoceri... Un’in- dai suoi stessi soci. Dopo la confessione e talvolta contraddittorie, ma che,
terminabile serie di esilaranti imprevi- del licenziamento, Elsa e Michele sono nonostante interrogatori fiume, conti-
sti e gaffes in quantità industriale ren- costretti a ridimensionare il loro tenore nua a rimanere parte offesa e non inda-
deranno la visita di Gaylord indimenti- di vita.A quarant'anni si confronteran- gato. Dopo le rivelazioni del nuovo
cabile, soprattutto per il padre di Pam, no drammaticamente col mutato mer- testimone, Sottile tornerà ad occuparsi
granitico ex agente della CIA. cato del lavoro... del caso della piccola Scazzi.
Italia 1 21,10 Canale 5 23,50 Rete 4 21,10
Venerdì 13 maggio 2011 pagina 17

SECONDO TEMPO

feedback$
MONDO
OSAMA, WILL E KATE
WEB
di Federico Mello
è TORTURE PER ESTORCERE PASSWORD FB
IN SIRIA GLI ATTIVISTI CONNESSI FANNO PAURA AL REGIME
Tortura per estorcere le password Facebook. Succede in
Siria dove le forze di sicurezza battono ogni strada per
strappare informazioni sensibili agli attivisti anti
governativi. La denuncia delle torture, ripresa dal
quotidiano internazionale in lingua araba Asharq
Al-Awsat, arriva dall’Osservatorio dei diritti umani,
Commenti al post su
ilFattoQuotidiano.it:
“Tv digitale terrestre,
arriva il beauty contest
a carte truccate”
di Matteo Cavallito
secondo il quale, fra le pagine on-line che fanno paura a e Lorenzo Galeazzi

La classifica è ANCHE I TALEBANI SU TWITTER


HANNO OLTRE CINQUECENTO FOLLOWER
Twitter va tanto di moda nel mondo – anche
Damasco, c’è “La rivoluzione siriana 2011”.
Un attivista dell'Osservatorio ha ammesso
che, sotto tortura, alcuni colleghi sarebbero
crollati, rilevando i dati di accesso, e questo
spiegherebbe il flusso ridotto di messaggi.
è MI MERAVIGLIO che
qualcuno si meravigli!!! Cosa
vi aspettavate? Questa
grande anomalia (una delle

di YouTube se meno in Italia – che anche i Talebani


hanno aperto il loro account sul social
network da 140 caratteri. Come scrive il
Guardian, l’account Twitter
@alemarahweb, distribuisce molti messaggi
Nonostante la repressione, l’attivista si è
detto sicuro della resistenza della protesta.
tante) della nostra società
ha origini remote. Vi
ricordate del governo
D’Alema? Ebbe tutto il
tempo per varare la legge sul
cco i video più visti su You- Un rap serrato – in stile Eminem al giorno, conta oltre 500 “follower” e IN ITALIA IL CHROMEBOOK
E1) President
Tube Italia questa settimana.
Obama on Dea-
– da uno dei tanti talenti YouTu-
be. 622’885 views.
pubblica notizie gonfiate sulle battaglie in
corso contro “le forze infedeli” e “il regime
PC SULLE NUVOLE DI GOOGLE
Nuvole, nuvole e ancora nuvole.
conflitto d’interessi, non
fece nulla. Ora, vorrei
chiedere al signor baffetto
th of Osama bin Laden 5) Freaks ! - 1X02 - Blackout - fantoccio di Karzai”. Molti messaggi sono Dopo aver annunciato il lancio del un suo parere a tal
È un video già nella storia. L’an- Parte II scritti in lingua Pashtu e linkano – su servizio Google Music che proposito.
nuncio di Barack Obama sul- Sempre lui: Freaks, la web-serie piattaforme multilingue – articoli riguardanti permetterà di ascoltare la musica dai server Me34
l’uccisione di Osama bin Laden. italiana. Continuano le “repli- lo stesso “governo ombra” dei Talebani. del motore di ricerca (un po’ come succede
5’694’391 visualizzazioni. che”. 396’863 views. ora con la posta elettronica), Google ha è AGGIUNGIAMO poi il
2) William and Kate kiss on 6) IT - La bara di Giovanni lanciato ieri un “un tipo di computer del tutto boicottaggio sistematico
the Balcony - The Royal Paolo II è in Basilica nuovo: Chromebook” che, si apprende, sarà sul mercato il della banda larga che è vista
Wedding L’inizio delle celebrazioni per 15 giugno in sette paesi (compresa l’Italia). Il laptop, con orrore dal presidente
Il famosissimo bacio dal balco- Wojtyla beato. 317’220 views. prodotto da Samsung e Acer (“è un oggetto tipo del consiglio in quanto via
ne di William e Kate subito do- 7) Pippa Middleton computer” la definizione di Big G. per marcare la differenza cavo potrebbe arrivare una
po il matrimonio reale (la cro- Continua la Pippa-mania. Una con i pc come li abbiamo conosciuti finora) non avrà TV digitale di qualità non
naca è quella della Bbc). video-celebrazione della sorella installato alcun software: tutto, dalla scrittura alla controllabile da lui ed i suoi
2’610’452 views. di Kate. 285’603 views. navigazione, si farà connettendosi a Internet. Ciò tristi sgerri!
3) Malore Sposini a La vita in 8) Nido del Cuculo - Matri- permetterà una capacità di partenza ridottissima (otto Wfte
diretta Rai1 - Venier non era monio William e Kate - secondi) e l’assicurazione contro la perdita di qualsiasi dato
a conoscenza della gravità Esclusivo (che rimarrà sempre sui server Google). In Italia i computer è PRIMA di aprire il pc
L’opinione pubblica è rimasta Sul matrimonio dell’anno non saranno offerti, dicono da Google Italia “secondo un avevo fatto una telefonata
molto colpita dal malore di Lam- possono mancare le parodie. rivoluzionario modello ‘as a service’ al costo mensile di 21 alla Rai incavolatissimo uno
berto Sposini il 29 aprile (le con- Questa, in un toscano stretto (e euro per dispositivo per le aziende e di 15 euro per le perchè non prendo i canali
dizioni del conduttore sono ora sboccato) è stata vista 222’270 Scuole. In Italia, i modelli 3G includeranno una scheda SIM televisivi nazionali, a volte si
in lento miglioramento). Nel vi- volte. con 3 GB di traffico gratuito forniti da 3 Italia”. É una e a volte no, due per l’attesa
deo, l’annuncio della Venier 9) Guglielmo Tell #9 - Delirio grande scommessa per Google: può potenzialmente lunga per parlare con un
che, come specificato nel titolo, con Matteo e Claudio cambiare il mondo dei computer per l’uso operatore. Apro il fatto
non era a conoscenza della gra- La YouTube star Willwoosh2 quotidiano, ma potrebbe anche rivelarsi un flop. quotidiano e mi incavolo
vità della condizioni di Sposini. con i suoi amici (già noti a You- ancora di più perchè vedo in
707’217 visualizzazioni. Tube), Matteo e Claudio Cane primis proprio questo
4) Incredibile ragazza canta Secco. 207’296 views. L’annuncio di Obama; argomento, ma scusate, non
una canzone rap f.mello@ilfattoquotidiano.it il video dedicato a “Pippa”; sarebbe ora che tutti i
la rapper di YouTube; cittadini protestino?
i Talebani su Twitter Akab

I FILM LO SPORT è UE SALVACI tu!


Floop
SC1= Cinema 1
SCH=Cinema Hits
SCF=Cinema Family
SCC=Cinema Comedy
SP1=Sport 1
SP2=Sport 2
LA CAPA GIRA (ONLINE)
SCP=Cinema Passion SCM=Cinema Max SP3=Sport 3
IL FILM DI PIVA è CHISSÀ perché, ma me
DA SCARICARE IN HD lo aspettavo...
17.35 Men in the City SC1 17.00 Fan Club Milan Calcio,
“Il 90 per cento degli spettatori ha Forzutino
18.45 Dentro la notizia SCP Serie A 2010/2011 18a giornata
visto il film su cassette pirata o l’ha scaricato
19.10 I Love You, Man SCC Cagliari - Milan (Sintesi) SP1
da Emule. E dato che lo richiedono ancora, ho è ORMAI comincio ad
19.15 Young Guns 2 SCM 17.30 Fan Club Inter Calcio, deciso di metterlo a disposizione gratis e in alta abituarmi al quotidiano
19.15 Drillbit Taylor SCF Serie A 2010/2011 Posticipo qualità”. “La Capa gira” è l’opera prima di attentato ale regole.
19.25 La ragazza del mio 18a giornata Inter - Napoli Alessandro Piva che dal 2 maggio si può scaricare Conservo intatta la mia
migliore amico SCH (Sintesi) SP1 legalmente sul web su www.piva.it. É stato il caso capacità di adirarmi e di
19.25 Sunshine Cleaning SC1 19.00 Wrestling, nazionale del 2000, che è valso a Piva il Ciak d’Oro e oppormi: non mi rassegnerò
21.00 Serendipity - Quando WWE NXT SP3 il Nastro d'Argento come migliore regista esordiente mai al degrado
l'amore è magia SCP 20.00 Wrestling, WWE Super- e che il pubblico su Internet ha trasformato in cult. A berlusconiano della società
21.00 Waterboy SCC stars SP3 undici anni dall’uscita sono in tanti ancora a cercare italiana. Quello che mi
21.00 Prima tv Rec 2 SCM 20.45 Calcio, Serie B 2010/2011 sul web il film sulla piccola gang della malavita barese scandalizza un po’ è il fatto
21.00 Prova a volare SCF Anticipo 19a giornata ritorno che parla in dialetto e vaga nelle periferie della città che pur sapendo benissimo
21.10 Il superpoliziotto del Ascoli - Siena (Diretta) SP1 alla ricerca di un misterioso pacco spedito nei di avere a che fare con dei
supermercato SCH 21.00 Wrestling, WWE Dome- Balcani. “È stato il peer to peer a decretarne il cialtroni, solo pochi pensano
21.10 Il Signore degli Anelli - stic Smackdown SP3 successo, per cui chi lo desidera è giusto che di reagire nell’unico modo
La Compagnia dell'Anello SC1 22.45 Basket, NBA 2010/2011 continui a vederlo, ma in maniera legale. Quindi che ci rimane e che nessuno
22.35 Inganni di sangue SCM Semifinale di Conference. Gara 6 invitiamo al download dal nostro sito, senza ci può togliere: non usare i
22.40 Hope Springs SCP Atlanta Hawks - Chigago Bulls diffondere il file intero o alcuni estratti su altre sevizi venduti da B., non
22.40 Il pesce innamorato SCC (Replica) SP3 piattaforme”, spiega il regista che dimostra così la guardare le sue televisioni.
22.40 I ragazzi di Timpelbach SCF 0.15 Poker, Gran Finale SNAI sua riconoscenza nei confronti del popolo della Attiliomanduzio
22.50 Killer Diabolico SCH Poker Cup Episodio 6 SP2 Rete, pronto a fruire del cinema con modalità
0.10 The Hole SC1 1.15 Calcio, Serie B 2010/2011 diverse dal passato. “Tra qualche anno nelle sale è E CHE VI aspettavate da
0.15 Ingannevole è il cuore più Anticipo 19a giornata ritorno vedremo solo commedie e blockbuster americani. B. , Romani, Gasparri e
di ogni cosa SCP Ascoli - Siena (Replica) SP1 Bisogna trovare altre strade, tra cui il pay per view e compari?? Pluralità?
0.15 Shutter Island SCM 2.00 Basket, NBA 2010/2011 la distribuzione su smartphone e tablet”. “La capa Frate79
0.25 Explorers SCF (Diretta) SP2 gira” sarà disponibile sul sito ancora per qualche
settimana, è QUESTA è la discesa in
mentre Piva è IL FESTIVAL DI INTERNET A PISA campo del premier per
anticipa l’uscita di OTTIMO BILANCIO. E SI LAVORA GIÀ AL 2012 arricchirsi sempre di più e
RADIO Henry, il suo
prossimo film.
Vedremo dove e
Si è concluso mercoledì la prima edizione
dell’Internet Festival, il primo festival
italiano interamente dedicato al mondo
tutelare le sue reti Mediaset
con un grande conflitto
d'interesse mai voluto
è SU FB TROPPI MINORI
“Con Parole mie” ricorda 5 MILIONI SOTTO I DIECI ANNI
come deciderà di
mostrarlo al suo
della rete appena concluso a Pisa, con oltre
7.000 visitatori. Promosso dal Consiglio
troncare dalle opposizioni
per paura di che cosa???????
Agnelli e la FIAT L’esercito degli utenti di Facebook
conta milioni di bambini sotto i 10
pubblico. (Eleonora Nazionale delle Ricerche (Cnr) e dal Festival claude 47
Nella puntata di “Con Parole mie”, Umberto Broccoli Bianchini) della Scienza di Genova, l’appuntamento ha
anni che, nonostante i controlli da
ricorderà il giorno in cui Giovanni Agnelli assunse la animato la città con oltre 70 eventi che è NEL mediasetgoverno,
parte dell’azienda, riescono ad
presidenza della FIAT. E’ il 30 aprile 1966, la morte hanno acceso i riflettori sui settori non c’è un ministro che non
eludere il limite di 13 anni imposto
improvvisa del padre Edoardo nel 1935, il dissidio tra il applicativi più promettenti di Internet, e porta acqua al mulino del
dal social network. Lo afferma uno studio della rivista
“senatore” suo nonno e sua madre Virginia segnano pro- sull'eccellenza della ricerca informatica premier, però gli stipendi
statunitense Consumer Report, secondo cui oltre a quello
fondamente il destino di Giovanni Agnelli. Il nonno sot- italiana. Per Anna Vaccarelli, coordinatore glieli paghiamo noi, ecco
aziendale anche il controllo da parte dei genitori è
trae a Virginia la potestà dei figli e si occupa diretta- dell’Internet festival e responsabile perchè l’azienda prospera
insufficiente. La ricerca è stata fatta sugli utenti statunitensi
mente della formazione dei giovani Agnelli. Gianni, non Relazioni esterne del Registro.it. “l’Internet anche con trasmissioni di
di Facebook, e ha mostrato che sono in totale 7,5 milioni
ancora diciottenne, è inviato in America per la sua for- festival è già un laboratorio permanente” e bassissimo livello, qualche
gli under 13 che hanno un loro profilo: la gran parte di
mazione industriale. Secondo il senatore il destino del- “da domani inizieremo un percorso fatto di gettone di presenza a
questi utenti, più di 5 milioni, avrebbe meno di dieci anni:
l’industria dell’auto si decide sull’altra sponda del- tappe ed eventi intermedi, per arrivare gieffini, omini e donnini,
l’Atlantico. Un’idea maturata sin dagli anni ‘10, osser-
“Il dato più preoccupante della ricerca – spiega Jeff Fox,
all’Internet festival 2012 seguendo il filo minima spesa, massima resa.
vando il modello produttivo di Henry Ford. Gli anni uno degli autori – è che la maggior parte dei genitori non è
rosso che si è creato in questi giorni, grazie Abitante
trascorsi con i genitori sono importanti per Gianni, per a conoscenza dell’attività dei figli, o sottovaluta i pericoli
anche all’impegno di tutte le istituzioni
approfondire amicizie nel mondo dell’aristocrazia dalle che potrebbero venire dall’uso del social network”.
partecipanti”. Pisa è anche la capitale italiana è SPERO che Almunia
quali assorbe la padronanza delle lingue e l’eleganza dei computer: nella città toscana è stata blocchi tutto questo modo
che lo distingue dai modi rudi e spicci del nonno. aperta la prima facoltà di informatica del di fregare gli italiani.
Radiouno 14,07 nostro paese nel 1969. GiulioRiggio
pagina 18 Venerdì 13 maggio 2011

SECONDO TEMPO

GIUSTAMENTE
PIAZZA GRANDE É di Bruno Tinti

TEST INVALSI?
C’È DI PEGGIO
Borsa, qui tutto è lecito S arà perché sono laico e ho sempre considerato una bufala
le verità rivelate. Sarà perché ho fatto il magistrato e
l’abitudine a considerare i diversi aspetti di una questione è
diventata una seconda (veramente una prima) natura. Sarà
di Marco Onado salto qualitativo mai compiuto nei reati finanziari un funzionario di grande competenza, ma che perché sono uno snob e appartenere a una fazione che ti
e, guarda caso, sono saltati fuori molti elementi non è stato potenziato per quantità di risorse e impone di non avere pensieri autonomi perché il capo ha
a allora lo fanno apposta. Mercoledì,

M
che hanno aiutato l’accusa a convincere la giuria. per competenze specifiche nelle tecniche sempre ragione mi sembra degradante. Sarà per tutte queste
mentre le agenzie italiane battevano la Nessuno ha gridato allo scandalo, anche perché i operative di mercato; infine, una separazione cose insieme, ma il boicottaggio del cosiddetto test Invalsi
notizia delle indagini della Procura di pubblici ministeri in America non portano la to- sequenziale fra competenze della Consob e (quello somministrato agli studenti delle scuole per verificare il
Milano per possibili operazioni di in- ga e non possono quindi essere accusati di averla quelle dell’autorità giudiziaria, a cui le conclu-
livello di apprendimento) mi pare proprio una cretinata.
sider trading nella scalata a Parmalat, una giu- rossa. La ragione è molto semplice: come disse a sioni arrivano a qualche anno di distanza dai
ria di New York ha dichiarato colpevole il “re suo tempo (novembre 2009) uno dei magistrati, fatti, cioè quando le indagini non sono più tec- Provate a farli: sono due, uno di italiano e uno di matematica.
degli hedge funds” in un processo per insider “quando sofisticati finanzieri usano i metodi dei nicamente possibili. Parlo solo del primo perché il mio livello di competenza
trading, per ben 14 capi di imputazione. La criminali comuni, non abbiamo altra scelta che Non a caso, la possibilità prevista dalla legge di matematica è molto basso e non sono in grado di valutare il
sentenza, attesa per giugno, comporta una pe- trattarli come tali”. E poiché ricorrevano a cel- collaborazione durante la fase istruttoria non è test. Bene, lo studente deve leggere alcuni testi e rispondere a
na fino a 19 anni e mezzo: si badi la delicatezza lulari non intercettabili, schede telefoniche crip- mai stata attivata. Insomma: il reato di insider domande che, quanto ai testi letterari, permettono di valutare
di non arrivare a venti anni. È un processo sto- tate e simili (ricorda qualcuno in Italia?), si è al- trading che il caso Galleon ha dimostrato es- la comprensione della storia raccontata e la valutazione delle
rico, per molti motivi, su cui in Italia occorre zato il livello delle tecniche investigative e le “ci- sere così grave e pervasivo, in Italia viene pu- qualità stilistiche del racconto. I temi di critica letteraria che,
seriamente riflettere. Il primo è la portata del mici” hanno fornito prove inoppugnabili. È qua- nito molto difficilmente perché tutta la mac- da sempre, si fanno nelle scuole hanno lo stesso obiettivo; e
processo: l’imputato, Raj Rajaratnam, non so- si ovvio: una rete di soggetti che operano per i china organizzativa e investigativa sembra tutti noi ci siamo sciroppati il “Contesto esistenziale del poeta
lo era il capo di un importante hedge fund dal propri interessi finisce fatalmente per assumere i concepita in modo da rendere pressoché im- quale desumibile dalla poesia ‘Il Passero Solitario’ ”. È vero, il
nome ambizioso e più pronunciabile, Galleon, connotati omertosi della mafia e dunque richie- possibile provare il reato in tribunale. Il neo- tema tradizionale permette di valutare le qualità letterarie
ma aveva rapporti stretti con il Gotha della fi- de le indagini tipiche di questo tipo di reati. presidente Vegas ha dichiarato la sua intenzio- dello studente, cosa che l’Invalsi non fa. Ma non è questo il suo
nanza globale: la pubblica accusa ha dimostra- Aspettiamo con ansia il giorno in cui, per com- ne di “colpire con rapidità e severità i com- scopo: il test serve solo a misurare il livello di apprendimento.
to l’esistenza di un’autentica rete di soggetti, pletare l’analogia, avremo finalmente il primo ve- portamenti più gravi”. Non ha però indicato Dunque, cosa c’è che non va? Ci sono poi un test grammaticale
di Goldman Sachs, IBM, McKinsey e compa- ro pentito della finanza. Uno Spatuzza in Piazza né quali sono le fattispecie cui si riferisce, né se
e due test di natura scientifica. Le relative domande sono
gnia cantante che per anni si sono scambiati Affari, tanto per dire. Altro che il dito di Cattelan. intende poi adottare tutte le decisioni organiz-
allegramente informazioni riservate su società Il terzo motivo di interesse è che il verdetto Gal- zative e di collaborazione con la magistratura pertinenti, complesse, razionali e consentono una buona
quotate. Insomma: i furbetti del quartierino su leon è il frutto di un gioco di squadra fra l’Autorità che ne derivano. È sperabile che egli sappia valutazione dello studente. Dov’è il problema? Leggo su alcuni
scala industriale. La cosa sconvolgente è stato di controllo americana (la Sec) che dopo la crisi si trarre la giusta lezione dal caso americano; se giornali che non avrebbe senso misurare il livello di
appunto scoprire la naturalezza e l’arroganza è finalmente mossa con decisione per questo ti- non sarà così, il galeone affondato negli Stati apprendimento degli studenti in una scuola pubblica disastrata
con cui costoro si ritenevano legittimati ad po di reati e la pubblica accusa. Altri organi di Uniti potrà continuare a veleggiare tranquilla- per tagli economici e di personale docente. E perché? Se il
usare per scopi personali informazioni che do- controllo, ad esempio la Fsa britannica, si pen- mente nelle acque (torbide) del mercato ita- risultato fosse disastroso si potrebbe argomentare che occorre
vrebbero essere a disposizione di tutti, perché tono dell’eccessiva indulgenza dimostrata in pas- liano. investire in maniera adeguata e farne una prova indiscutibile di
altrimenti il mercato è un gioco truccato. sato. In Italia, la quanto la riforma Gelmini sia sbagliata; se invece fosse buono,
Consob non sem- si potrebbe ammettere che non tutto è sbagliato.
QUESTO È DUNQUE il primo processo in bra invece disposta A processo negli Usa Altra critica sembra essere: il test non garantisce
cui la pubblica accusa riesce a dimostrare che a mettere gli inter- l’anonimato. Perché, quando si fa un compito in classe, lo
il problema non è solo di un finanziere diso- venti contro questo l’intreccio perverso tra studente che lo ha consegnato rimane ignoto? Ma che
nesto, ma di una vera e propria rete di com- tipo di reati fra le
portamenti illegali e gravemente lesivi della sue priorità: la re- fondi, banche e aziende discorso è? Alla fine il test Invalsi non è affatto una cattiva
cosa; ve lo dice uno che, per curiosità, si è andato a leggere i
correttezza del mercato. Cade quindi la facile cente relazione del In Italia, la Consob ha 15000 quiz a cui si deve rispondere prima di essere ammessi
giustificazione della “mela marcia” che nor- neopresidente Ve-
al vero e proprio concorso di magistratura (io per fortuna
malmente segue la scoperta di gravi reati finan- gas era troppo an- pochi mezzi e scarsa non ho dovuto affrontare questa prova, ai miei tempi non
ziari: è inevitabile – si dice – che si commet- siosa di dare priori-
tano reati, la carne è debole e quella dei ban- tà alla semplifica- volontà per fare lo stesso esisteva). 15000. Sapete come si preparano i poveretti che
chieri è più tenera dello stracchino, ma l’im- zione delle regole per occuparsi di questi aspetti. debbono rispondere? Imparano le risposte giuste a
portante è che le irregolarità e i reati vengano Dovremmo invece seriamente riflettere sul fatto memoria; oppure fanno ricorso a
prontamente puniti. In questo caso non è così: che da noi la lotta all’insider trading rimane un criteri statistici. Questo sì che è un test
le mele marce sono troppo numerose e hanno fatto marginale e legato allo scenario della “mela Un gruppo di studenti protesta contro la riforma della scuola. idiota: vi piacerebbe un magistrato
potuto operare per troppo tempo in organiz- marcia” che non è più credibile. I numeri della Sopra a sinistra il presidente della Consob Giuseppe Vegas (FOTO ANSA)
che non sa pensare, non sa scrivere,
zazioni che si vantano di avere controlli interni relazione Consob sono inequivocabili: per abu- non sa valutare e che però conosce i
degni del Pentagono, per accontentarci di so di informazioni in senso stretto sono state ef- codici a memoria? Eh, ora che ci
questa versione consolatoria. Non è solo una fettuate indagini per 14 casi in sei anni. penso, questo è il magistrato che va
mela, dunque; c’è del marcio in Danimarca, bene a B. Però nessuno si è
direbbe il principe Amleto. PUDICAMENTE non si dice per quanti so- scandalizzato, nessuno ha protestato,
Il secondo motivo di interesse è che questo è il no stati poi riscontrati illeciti: sul totale delle nessuno ha boicottato: zitto e nuota
primo processo per insider trading in cui l’ac- indagini per abusi di mercato sono più della
(Dory a Nemo); se puoi, portati il
cusa si vale di intercettazioni ambientali, oltre metà. Se la proporzione fosse la stessa, si do-
che degli strumenti di indagine tradizionali. Il vrebbe dire che si è avviato circa un caso al- rotolino con le risposte giuste; e non
reato di insider trading che può essere provato l’anno. Le regole contro gli abusi di mercato farti beccare.
“al di là di ogni ragionevole dubbio” solo esami- sono state rafforzate negli ultimi dieci anni, ma Insomma, avere idee preconcette
nando pazientemente le tracce lasciate dai pre- le strutture organizzative risentono dei pro- significa non avere idee ma solo
sunti colpevoli nei dati ufficiali dei mercati di blemi di sempre: separazione geografica e or- convinzioni; i negri sono inferiori, gli
Borsa e nelle comunicazioni, telefoniche o di po- ganizzativa fra due divisioni e le sedi di Roma e ebrei sono sfruttatori, gli omosessuali
sta elettronica. Qui il tribunale ha autorizzato un Milano; un ufficio insider trading guidato da sono immorali. Stupidaggini, appunto.

LETTERA DALL’ESILIO di Flavia Perina

C aro direttore, un po’


tutti si stanno chieden-
do il senso dell’attacco di Le-
Anticomunismo:
residui della vecchia identi-
tà missina, dei sentimenti
antimoderni, bacchettoni,
vette scegliere se “giocare da
solo” puntando sul suo lea-
der o se stipulare un patto in
tizia Moratti a Giuliano Pisa-
pia e la risposta corrente è
che si sia trattato di un fuor
abbiamo già dato vagamente xenofobi che il
Cavaliere associa alla parola
destra sulla base della sua
nome dell’anticomunismo
con il padrone della Finin-
vest e del Milan, quello stra-
d’opera, di una temeraria (e formazione anni ’60. no tycoon che aveva im-
fallita) operazione di deni- Dall’altra parte c’è chi ha provvisamente deciso di
grazione dell’avversario, di creduto alla sfida futurista, e scendere in campo. Forse al-
un segno di disperazione da vole che, con questa doman- incertezze”. lo parole: ad esempio a La- ha messo in gioco il suo ruo- l’epoca quella scelta era in
parte di una candidata alle da, può forzare scelte e sen- E comunque, fra tre giorni tina, epicentro della speri- lo e il suo orizzonte perché qualche modo obbligata,
strette. Non credo che sia co- timenti che altrimenti sa- Fli dovrà decidere che cosa mentazione futurista, uno convinto dal Fini che diceva: perché la destra non era
sì. L’obbiettivo, a mio giudi- rebbero molto chiari, per- fare da grande, se farsi im- dei dirigenti vicini a Ronchi, “non abbiamo avviato que- “psicologicamente” attrez-
zio, è molto diverso e ha a ché orientati in tutt’altra di- prigionare dagli schemi del Potito Salatto, ha partecipa- sta avventura per lucrare in- zata ad affrontare un conte-
che fare con i possibili risul- rezione: lo strappo col ber- passato o se tirare dritto nel- to a pubbliche manifestazio- teressi o giocare sullo scac- sto che gli offriva un ruolo
tati del Terzo Polo milanese lusconismo della base elet- la direzione della “nuova ni a sostegno della lista civi- chiere politico, ma per co- protagonista dopo cinquan-
e in particolare di Futuro e torale di Futuro e Libertà è politica”, oltre destra e sini- ca per Gatto sindaco, con- struire oltre le incompren- t’anni di ghetto e di comples-
Libertà. La riscoperta del- da mesi così netto e irrevo- stra, che è stata alla base del- correnziale a quella di Fli e sioni del Novecento un par- si minoritari. Ma adesso, se-
l’anticomunismo militante cabile che immaginarne un l’elaborazione finiana da costruita per sostenere ai tito nuovo e radicalmente al- dici anni dopo, sarebbe dav-
e il rigurgito di anni ’70 possibile spostamento sui Mirabello in poi. Una parte ballottaggi il candidato pi- ternativo al berlusconi- vero ridicolo tornare al pun-
squadernato in queste ore è candidati del Pdl risulta im- della classe dirigente, guida- diellino. L’operazione della smo”. Le due opzioni, da lu- to di partenza, come in un
puntato sul possibile ballot- possibile se si resta nelle ca- ta da Andrea Ronchi, spinge Moratti sembra fatta appo- nedì, quando saranno chiari surreale gioco dell’oca, per
taggio e sui voti, che a quel tegorie della politica. Ma se nella prima direzione: “Tor- sta per offrire a queste tesi i risultati, non potranno evi- la posta in palio di qualche
punto diventeranno crucia- si punta su altro, sul rime- nare allo spirito del ‘94” è il un contesto favorevole e ar- dentemente più convivere. incarico di sottogoverno a
li, del “centrodestra alterna- scolio del fango degli anni di loro mantra, fondato sul de- chiviare la stagione del “pa- Sono radicalmente alterna- Milano o altrove. E a chi evo-
tivo” di Manfredi Palmeri. Si piombo, sulle emozioni pri- ja vù di una destra al 5/6 per triottismo repubblicano” tive e ripropongono, questa ca il peggio degli anni ’70 per
riportano indietro le lancet- mordiali, si può creare un cento che usi i suoi numeri che si è aperta a Bastia Um- volta in modo definitivo, il riproporre quello schema,
te dell’orologio per dire: chi problema anche “dialetti- per puntellare una fase due bra, nel nome di più modesti bivio a cui la destra si è già noi che in quegli anni c’era-
si definisce di destra può vo- co”. Non tutti sono come il (o tre, o quattro: personal- orizzonti e del posiziona- trovata davanti proprio nel vamo, e qualche rischio lo
tare per uno come Pisapia, temerario Tommaso Staiti, mente ho perso il conto) del mento che Silvio Berlusconi ’94, quando il vecchio Msi, abbiamo corso perché non
ex-estremista, ex-avvocato che va dicendo al telefono: Cavaliere in attesa che l’ana- ha sempre immaginato e in- reduce dalla inaspettata e in- andavamo a scuola al Colle-
di Soccorso Rosso, ex-difen- “tra gli ex-amici dell’autono- grafe ci liberi di lui. La tesi è dicato agli ex-An: guardie ar- credibile vittoria di Gian- gio delle Fanciulle, dovrem-
sore degli imputati del delit- mia e gli attuali amici di Li- stata argomentata dal- mate dell’anticomunismo franco Fini sul candidato mo rispondere: spiacenti,
to Ramelli? Il Pdl è consape- gresti, scelgo i primi senza l’ex-ministro e non sono so- fuori tempo massimo, dei sindaco della Dc a Roma, do- abbiamo già dato…
Venerdì 13 maggio 2011 pagina 19

SECONDO TEMPO

MAIL BOX
LA VIGNETTA

La Marcegaglia
dovrebbe dimettersi
Ma come si fa ad applaudire i di-
Furio Colombo

7 A DOMANDA RISPONDO
rigenti ThyssenKrupp che hanno
causato quell’immane disastro? IL VASCELLO
Trovo la cosa veramente barbara
e incivile, degna di ottenere la
peggiore vergogna. A morire so-
FANTASMA
no stati sette operai, bruciati vivi aro Furio Colombo, si della Lega padana in servizio a Roma, Maroni.
nello stabilimento perché qualcu-
no doveva risparmiare sui costi
C susseguono le notizie dei barconi
persi in mare, e sale continuamente il
Tutto ciò spiega i giorni in cui i barconi affondano
e le navi e gli elicotteri della Nato non si fermano
per la sicurezza. Trovo che gli in- numero di vittime, come nel a guardare. Undici testimoni sopravvissuti sono
dustriali si siano dimostrati per Mediterraneo durante la Seconda tanti, e fa da portavoce per loro padre Zerai, un
l’ennesima volta sordi e insensibili guerra mondiale. Adesso c’è la sacerdote eritreo che vive a Roma e che ha
a determinate tematiche riguar- vicenda dei naufraghi lasciati al loro ascoltato da un telefono satellitare ciò che le
danti il progresso sociale. Con destino da una nave militare. La Nato autorità italiane e tutte le navi presenti in
quell’applauso hanno dimostrato come Maroni? quell’area del Mediterraneo sapevano: uomini e
tutto il loro modo di intendere la donne in mare da salvare subito. Ma fa da guida
vita umana. Ancora una volta, il Franco per tutti il comportamento senza pietà e senza
profitto ha prevalso sull’uomo. La scrupoli di un’autorità che sembra
Marcegaglia ha sottolineato che PER CAPIRE ciò che tv e giornali ci rappresentare l’Italia e la sua Costituzione (ma
sentenze come quella di Torino hanno narrato in data 10 maggio (“Fra il 27 e il la nega) costringendo la Mistral Express carica
potrebbero allontanare gli inve- 30 marzo un barcone carico di 72 profughi, fra di libici, dunque profughi, dunque protetti dalle rang che inevitabilmente avrà il Romano e non ha mai avuto pre-
stimenti dal nostro Paese. Credo cui donne e bambini, diretto a Lampedusa, va leggi internazionali, a invertire la rotta mentre è killeraggio perpetrato dalla “si- cedenti penali, né alcun rapporto
che Confindustria, con questo in- alla deriva a Nord delle coste libiche. Sono già arrivata in Italia, una crudeltà memorabile e gnora” Moratti ma sono anche con la ’ndrangheta. E ciò è fatto
tervento, abbia toccato il punto sopravvissuti solo in undici” scrive “Repubblica”) una violazione clamorosa di leggi e doveri consapevole che non si vincono le notorio a Baggio. La madre di Ro-
più basso. Spero almeno che qual- occorre tornare a ciò che sapevamo e ci veniva internazionali. Sembra chiaro che un simile elezioni, politiche o amministra- sario Scuteri ha infatti fratelli ca-
cuno abbandoni la solita retorica detto in quei giorni. Cito “Il Corriere della Sera” comportamento e una così totale mancanza di tive che siano, contando solo sulla rabinieri. L’articolo pubblicato il 5
che se alla guida di qualcosa vi è del 15 marzo, che titola: “Una nave dalla Libia, scrupoli da parte dell’Italia abbiano suggerito dabbenaggine degli avversari. Oc- maggio 2011, invece, insinua rap-
una donna va tutto bene. Con- allarme del Viminale: pericolo terroristi. Affonda alle navi ed elicotteri della Nato di non corre essere chiari ed alternativi porti con la ’ndrangheta destituiti
cordo molto di più con l’“uomo” barcone con quaranta migranti, cinque salvi”. Le immischiarsi negli affari italiani, e di lasciar nei programmi e soprattutto di- di qualsivoglia fondamento leden-
Guariniello. No signori miei, non notizie sono quasi identiche, ma non si perdere i naufraghi. L’ipocrisia però non ha mai mostrare una coesione politica do così gravemente la persona di
è una questione di genere, ma di sovrappongono. L’articolo del 15 marzo descrive fine. Dopo che tutta Lampedusa, l’altra notte, che, purtroppo, noi del Pd non Rosario Scuteri, assolutamente
teste. Le scuse ora suonano tar- un episodio incredibile, da Germania durante la spontaneamente e contro gli ordini della Lega, si abbiamo. Se la destra vincerà an- slegata da qualsivoglia contesto
dive, dimissioni please. Shoah: “Ieri è stato evitato uno sbarco record. La è buttata al soccorso di coloro che rischiavano di cora le elezioni deriverà solamen- criminale”. Dal momento che
Giorgio Mari Mistral Express, partita dalla Libia, ha chiesto di morire annegati sotto gli scogli dell’isola, te dal fatto che loro hanno un lea- purtroppo il vostro articolo è sta-
attraccare ad Augusta, ufficialmente per fare salvando quasi tutti i naufraghi, adesso lo stesso der unico che, per quanto in mo- to riportato da numerosissimi siti
Menzogne, calunnie rifornimento. Il pieno le è stato concesso, ma al personaggio inventore dei respingimenti (e della do assolutamente deprecabile, si internet e che ciò danneggia
largo delle coste italiane. Quindi la nave è stata morte) in mare di tanti, ha detto che proporrà spende per la coalizione e noi no. enormemente, e ingiustamente,
e diffamazioni scortata in acque internazionali, non senza un’onorificenza per i cittadini che hanno Non dovremmo perdere anche l’immagine sia politica sia impren-
Il berlusconismo e le scorrettez- polemiche per la linea dura adottata. Dopo una finalmente fatto il contrario di ciò che lui e la questa occasione perchè io credo ditoriale di Rosario Scuteri, vi
ze connaturate alla sua pratica apparente ripartenza verso il Nordafrica, la Lega e la fascista Le Pen e il capo dei deputati che mai le amministrative abbiano chiediamo di dare la massima
fanno scuola e si diffondono, que- nave si è fermata di nuovo. E due aerei della leghisti in Europa Borghezio e lo stesso Bossi avuto, come questa volta, valenza pubblicità alla presente rettifica in
ste sì, come una metastasi. Infet- capitaneria di porto si sono levati in volo per ordinano e proclamano ogni giorno: “Fuori dalle politica. Vorrei che si smettesse di modo che tutti i siti internet che
tano un po’ tutti, compresi coloro tenere la situazione sotto controllo fino a tarda palle”. Maroni, quando può, realizza concentrare tutte le nostre ener- appaiono digitando su Google il
che non posseggono le difese im- notte, quando sembrava che avesse ripreso la quell’impegno usando Marina, Aviazione e gie politiche condensandole in un nome Rosario Scuteri o Scuteri
munitarie necessarie per non far- rotta. “Da Al Jazeera si è poi saputo che a bordo soldati italiani. Due crimini, due offese: all’Italia improduttivo antiberlusconismo. Rosario possano riprenderla.
sene soggiogare. Fra questi, ed è vi erano mille libici partiti dal porto di Misurata e ai profughi. Non è il Berlusconi uomo che do- Avv. Vito D’Ambra,
solo l’ultimo pietoso esempio, (in quelle ore iniziava il sanguinoso assedio di vremmo combattere ma l’idea di legale di Rosario Scuteri
troviamo Letizia Moratti la quale, Gheddafi alla “città martire”) con destinazione Furio Colombo - Il Fatto Quotidiano governo che egli rappresenta.
per un eccesso di zelo suggerito l’Italia. “Non possiamo sapere se a bordo ci sono 00193 Roma, via Valadier n. 42 Quindi meno gossip e più politica Ribadiamo, comunque, che tutte le
da sondaggi non proprio tranquil- terroristi” è la risposta del ministro degli Interni lettere@ilfattoquotidiano.it e nel frattempo, lasciamo che si frasi riportate dal Fatto sono prese
lizzanti, in diretta televisiva si pre- facciano male da soli, perché la dall’ordinanza di arresto firmata
sta a una pietosa pantomima nel destra è piena di signore Moratti. dal gip di Milano nei confronti di
tentativo (fallito) di screditare Giancarlo Piciarelli appartenenti alla cosca
l’avversario. E come non ritorna- Barbara-Papalia. Scuteri non è
re con la memoria anche all’im-
barazzatissimo Mauro Masi della IL FATTO di ieri13 maggio 1960 politiche una sentenza di condan-
na, ammettendo, in forma impli-
Diritto di Replica indagato, né affiliato alla
'ndrangheta, ma risulta
goffa telefonata ad Annozero? Un piccolo, grande anniversario. Dedicato alle donne cita, che la commissione di reati Rosario Scuteri non ha mai com- imparentato, come da lui stesso
Vorrei dare un consiglio a costo- italiane. Che, fanalino di coda in Europa, possono non è compatibile con l’esercizio messo reati, non è stato mai in- ammesso durante le sommarie
ro: lascino perdere; si concentri- festeggiare oggi i 61 anni della sentenza della Corte di pubbliche funzioni. Una rarità. dagato, si è limitato a comprare informazioni davanti al gip, con la
no su altre pratiche. Per certe co- Costituzionale che il 13 maggio 1960 sancì il loro diritto Mi chiedo che cosa abbiano pen- un terreno nella sua qualità di im- famiglia dei Mammoliti di Oppido
se ci vuole una faccia di bronzo e ad accedere alle carriere e ai pubblici uffici. Fine di una sato i berluscones di questa uscita prenditore ignorando le qualità Mamer tina.
un pelo sullo stomaco che non so- discriminazione legata alla misogina legge monarchica morattiana, dato che si affannano soggettive del venditore. È mila- (F.q.)
no nelle loro disponibilità. L’utiliz- del 1919 che escludeva le donne “da tutti gli uffici da anni ad attaccare e a screditare nese dalla nascita, ed è comple-
zo sistematico di strumenti quali pubblici che implicano l’esercizio di diritto e potestà la magistratura accusandola di in- tamente estraneo ad ambienti in
la menzogna, la diffamazione, la politiche” e via libera alle donne prefetto, magistrato e vasione di campo, arroccandosi qualsivoglia modo collegati alla
calunnia, la denigrazione dell’av- molto altro. Apripista di questa rivoluzionaria sentenza in dietro un garantismo di facciata ’Ndrangheta. Suo padre di origine
versario è cosa per gente ben più materia di parità, una giovane napoletana, Rosa Oliva, pur di giustificare la presenza (o le calabrese è venuto a Milano nel IL FATTO QUOTIDIANO
scafata di una spaesata Moratti o laureata in Scienze politiche, che, non ammessa, in promozioni) di fior fiori di con- lontano 1956 e ha svolto il lavoro via Valadier n. 42 - 00193 Roma
di un impacciato Masi. Così facen- quanto donna, al concorso per diventare prefetto, dannati all’interno del Pdl. Da ul- di lattaio a Baggio in via Quinto lettere@ilfattoquotidiano.it
do, rischiano di rovinarsi irrime- ricorse, col sostegno del grande costituzionalista timo la Moratti afferma che l’am-
diabilmente la reputazione. Lasci- Costantino Mortati, contro il ministero dell’Interno, nistia non equivale all’assoluzione
no che a sbrigare il lavoro sporco invocando il principio di eguaglianza, sancito e allora c'è da chiedersi cosa abbia Direttore responsabile
ci pensi il boss con la sua prima dall’articolo 3 della Carta. Battaglia vinta e importante provato Berlusconi a udire quelle
cerchia di cortigiani: questa gente tassello nella lotta per l’emancipazione, coronata nel ’99 parole, dato che lui stesso grazie Antonio Padellaro
la reputazione se l’è definitiva- da un altro successo. Il placet per la carriera militare. Al all’amnistia del 1989 non ha scon- Vicedirettore Marco Travaglio
mente giocata già da molto tem- di là di quella storica vittoria, per le donne ancora una tato la pena conseguente alla con-
po. strada in salita, se si pensa che l’occupazione femminile danna nel 1990 per falsa testimo- Caporedattori Nuccio Ciconte e Vitantonio Lopez
Roberto Fasoli è ancor’oggi inferiore del 22% rispetto a quella maschile. nianza per affermazioni sulla P2. Progetto grafico Paolo Residori
Giovanna Gabrielli Paolo Masullo Redazione
La clamorosa autorete 00193 Roma , Via Valadier n°42

della Moratti Servono programmi tel. +39 06 32818.1, fax +39 06 32818.230
e-mail: segreteria@ilfattoquotidiano.it
di palesi incoerenze. Ma ricordia- cioè che Pisapia stesso ha rinun-
L’attacco del sindaco uscente mo i fatti: Letizia Moratti afferma ciato all’amnistia per poter dimo- chiari e alternativi sito: www.ilfattoquotidiano.it
Moratti nei confronti del candida- che Pisapia è stato condannato strare la sua estraneità alle accu- Non è chiaro se le esternazioni di Editoriale il Fatto S.p.A.
to Giuliano Pisapia è un’autorete per furto e che tale reato è stato se, tant’è che ha ottenuto in se- Letizia Moratti, durante il faccia a Sede legale: 00193 Roma , Via Valadier n°42
clamorosa perché dà una sterzata coperto da amnistia, aggiungendo condo grado l’assoluzione in for- faccia di Sky, siano frutto di impe- Presidente e Amministratore delegato
tanto goffa quanto involontaria al- che l’amnistia è diversa dalla as- mula piena per non aver commes- rizia, arroganza o stupidità. Io da Giorgio Poidomani
la politica del centrodestra berlu- soluzione. Si è dimenticata di dire so il fatto. La Moratti per la prima elettore di sinistra non posso che Consiglio di Amministrazione
sconiano ammettendo una serie la seconda parte della notizia, volta ha portato nelle valutazioni essere felice dell’effetto boome- Luca D’Aprile, Lorenzo Fazio, Cinzia Monteverdi, Antonio Padellaro
Centri stampa: Litosud, 00156 Roma, via Carlo Pesenti n°130,
20060 Milano, Pessano con Bornago , via Aldo Moro n°4;
Centro Stampa Unione Sarda S. p. A., 09034 Elmas (Ca), via Omodeo;
Abbonamenti Società Tipografica Siciliana S. p. A., 95030 Catania, strada 5ª n°35
Queste sono le forme di abbonamento • Abbonamento postale semestrale (Italia) Modalità di pagamento di pagamento, nome cognome, indirizzo, Concessionaria per la pubblicità per l’Italia e per l'estero:
previste per il Fatto Quotidiano. Prezzo 120,00 € • 4 giorni telefono e tipo di abbonamento scelto.
Poster Pubblicità & Pubbliche Relazioni S.r.l.,
Il giornale sarà in edicola 6 numeri Prezzo 170,00 € • 6 giorni • Pagamento direttamente online Sede legale e Direzione commerciale: Via Angelo Bargoni n°8, 00153 Roma
• Bonifico bancario intestato a:
alla settimana (da martedì alla domenica). Editoriale Il Fatto S.p.A., con carta di credito e PayPal. tel. + 39 06 68896911, fax. + 39 06 58179764, email: poster@poster-pr.it
• Modalità Coupon *
Per qualsiasi altra informazione in merito
Prezzo 320,00 € • annuale BCC Banca di Credito Cooperativo Distribuzione Italia:m-dis Distribuzione Media S.p.A.,
• Abbonamento postale annuale (Italia) può rivolgersi all'ufficio abbonati ai numeri
Prezzo 180,00 € • semestrale Ag. 105 Via Sardegna Roma
+39 02 66506795 - +39 02 66505026 -
Sede: Via Cazzaniga n°1, 20132 Milano
Prezzo 200,00 € • 4 giorni Iban IT 94J0832703239000000001739 tel. + 39 02 25821, fax. + 39 02 25825203, email: info@m-dis.it
Prezzo 290,00 € • 6 giorni • Abbonamento online PDF annuale +39 02 66506541 o all'indirizzo mail
Prezzo130,00 € • Versamento su conto corrente postale: abbonamenti@ilfattoquotidiano.it Resp.le del trattamento dei dati (d. Les. 196/2003): Antonio Padellaro
E' possibile pagare l'abbonamento annuale 97092209 intestato a Editoriale Il Fatto Chiusura in redazione ore 22.00
postale ordinario anche con soluzione Per sottoscrivere il tuo abbonamento, S.p.A. - Via Valadier n° 42, 00193 Roma * attenzione accertarsi prima che Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione al numero 18599
rateale: 1ª rata alla sottoscrizione, compila il modulo sul sito Dopo aver fatto il versamento inviare un la zona sia raggiunta dalla distribuzione de
2ª rata entro il quinto mese. www.ilfattoquotidiano.it fax al numero 02.66.505.712, con ricevuta Il Fatto Quotidiano
150°
Nuova

BUSSOLINO-sitcap
ANNIVERSARIO
DELL’UNITÀ
D’ITALIA
ENCICLOPEDIA TRECCANI
UN PATRIMONIO
ITALIANO

L’Enciclopedia Treccani è, dalla sua prima L’Enciclopedia Contemporanea. Ogni


edizione nel 1929, l’espressione più alta spiegazione presenta un punto di vista mo-
della cultura italiana e, così come la nostra derno ed è una vera e propria finestra aper-
cultura, si è evoluta e ha cambiato volto. ta sul futuro che unisce al testo immagi-
L’Istituto della Enciclopedia Italia Trec- ni, illustrazioni e grafici.
cani festeggia quindi il 150° Anniversa-
Il Sapere di oggi e di domani. Hanno col-
rio dell’Unità con La Nuova Enciclope-
laborato all’Enciclopedia Treccani i gran-
dia che rappresenta il traguardo ultimo di
di nomi della scienza e della cultura con-
questo costante mutamento.
temporanee che hanno dato a quest’ope-
Nuova Enciclopedia Treccani. Dieci vo- ra un carattere unico: l’Enciclopedia Trec-
lumi per un’enciclopedia innovativa e di- cani ha, infatti, le sue basi nella tradizio-
versa da qualsiasi altra. La Nuova Enci- ne, ma guarda decisamente all’innovazio-
clopedia Treccani presenta una struttura ric- ne in ogni campo del sapere.
ca di contenuto e di facile fruizione che ga-
rantisce la completezza dell’informazione
con voci precise e immediate.
★ 10 volumi
dimensioni cm 24x31
★ rilegati in piena pelle
con fregi e incisioni in oro
★ carta Fabriano, 100%
cellulosa garantita 200 anni
★ oltre 9.000 pagine
★ 9.600 illustrazioni

Per ricevere il suo regalo compili il modulo su Subito un REGALO SICURO


www.nuovatreccani.it/DN Per lei L’Italia e la sua storia
o compili e spedisca il tagliando se chiede informazioni sulla
Tagliando di richiesta informazioni senza impegno Nuova ENCICLOPEDIA TRECCANI
Sì, desidero ricevere in regalo L’ITALIA E LA SUA STORIA. Con il regalo riceverò, senza alcun Uno straordinario volume di grande
impegno da parte mia, tutte le informazioni sulla Nuova ENCICLOPEDIA TRECCANI. formato con cui approfondire la storia d’Italia
IMPORTANTE: COMPILARE CORRETTAMENTE grazie al sapere enciclopedico. Composto di
una parte testuale e di un ricco corredo
Cognome
iconografico, contiene un percorso che si
Nome snoda attraverso la biogeografia, la storia, la
letteratura, l’arte e la musica per delineare un
Tel. ab. Cell.
quadro multiforme della nostra realtà
Indirizzo N. nazionale. Un’opera preziosa, creata
dall’Istituto della Enciclopedia Italiana per
Città Provincia C.A.P.
festeggiare il 150° Anniversario dell’Unità.
Professione

Già Cliente Treccani SÌ NO Gratis senza


• Presa visione del vostro impegno di riservatezza, consento al trattamento dei dati per ricevere informazioni e aggiornamenti da parte di Treccani.
Sì No, non consento
obbligo d’acquisto
Fino a esaurimento disponibilità. In caso di esaurimento
• Consento alla comunicazione dei miei dati per ricevere analoghe offerte da parte di società terze. Sì No, non consento verrà sostituito con un regalo di pari valore.
Compili e invii subito in busta chiusa a:
Istituto della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani IMPEGNO DI RISERVATEZZA. L’Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani S.p.A, Titolare del trattamento, si impegna a trattare con
riservatezza i dati che Lei inserirà nel coupon, per farLe avere il regalo previsto e il materiale informativo su quest’opera oltre che
C/O Cemit C.P. 1140 SB - 10125 Torino per informarLa su iniziative e offerte riservate. Se Lei lo desidera alcune società, il cui elenco aggiornato può essere richiesto al-

oppure lo trasmetta per fax al numero 011 273 0183 l'Istituto, potranno ricevere questi dati per inviarLe le loro proposte ed informazioni. Ai sensi dell'articolo 7 del D. Lgs. 196/2003,
potrà sempre verificare i Suoi dati, aggiornarli, modificarli, integrarli, cancellarli e opporsi all'invio di messaggi rivolgendosi a: Isti-
ET11.1 Offerta valida solo per l’Italia fino al 31/07/2011 DN tuto della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani S.p.A., Piazza della Enciclopedia Italiana, 4 - 00186 Roma.