Sei sulla pagina 1di 20

Su RaiUno Giuliano Ferrara si scaglia contro Ingroia, il pm

antimafia di Palermo. Cosa Nostra sentitamente ringraziay(7HC0D7*KSTKKQ( +=!z!,!#!#


www.ilfattoquotidiano.it

Mercoledì 11 maggio 2011 – Anno 3 – n° 111 € 9,90 DVD + € 1,20 – Arretrati: € 2,00
Redazione: via Valadier n° 42 – 00193 Roma Spedizione abb. postale D.L. 353/03 (conv.in L. 27/02/2004 n. 46)
tel. +39 06 32818.1 – fax +39 06 32818.230 Art. 1 comma 1 Roma Aut. 114/2009

“MENO POTERI AL QUIRINALE” Le Mills balle blu


di Marco Travaglio

davvero impagabile la scena di B. che, nell’aula

BASTA, FERMIAMOLO A MILANO È del Tribunale di Milano, non ricorda di aver


“mai incontrato Mills in vita mia” e aggiunge:
“Mi han fatto anche vedere una sua foto, ma
non sono proprio riuscito a ricordarlo”. Niente da
fare: nonostante gli sforzi mnemonici, quel volto non
Per il Giornale, Napolitano è un comunista. Per Libero gli dice nulla. E dire che è quello dell’avvocato
d’affari inglese che negli anni ‘80 costituì per la
versa lacrime tardive ed elettorali sui giudici Fininvest 64 società offshore, ha percepito per oltre
10 anni parcelle miliardarie dal gruppo Berlusconi e

uccisi dai terroristi. E ora l’attacco finale del Caimano nel 1997-98 ha reso testimonianze reticenti ai
processi Guardia di finanza e All Iberian per “salvare
Mr. B – come ha poi scritto al suo commercialista –
Il premier si gioca da un mare di guai”. Infatti Mills dice di conoscerlo
Udi Enrico Fierro il tutto per tutto
bene, avendolo incontrato almeno due volte e
sentito al telefono altrettante. Il primo incontro
A NAPOLI nella partita delle risulta da un appunto sequestrato a Mills – “July 95
amministrative e Meet B” – confermato da una nota del suo
VOTANO commercialista Bob Drennan: “1995 Met
I RIFIUTI sotto la Madonnina SB+Daughter”. L’incontro fra Mills, Silvio B. e Marina
di Adriano Celentano
chiama alla conta: B. sarebbe avvenuto al Garrick Club di Londra, per

Lfiutiatamonnezza: ancora una vol-


saranno le tonnellate di ri-
che appestano la città (ieri
o io o i pm. Moratti
in difficoltà:
discutere delle società estere del gruppo. Un
secondo incontro con B., sempre nell’estate ‘95 ma
ad Arcore, lo racconta lo stesso Mills nel 2003 alla
3 mila tonnellate) dal centro al- il ballottaggio si Procura di Milano. Pm: “Ha mai incontrato Silvio
le periferie a decidere chi vin- Berlusconi?”. Mills: “Sì, nell’estate ‘95. Nella sua villa
cerà le elezioni. Ma questa vol-
avvicina, Pisapia ad Arcore. Gli ho dato consigli su un progetto che
ta non si ripeterà lo scenario può farcela non s’è concretizzato”. Mills ne informò il socio di
del 2008. pag. 4 z pag. 2 - 5 z studio Jeremy Scott (che l’ha confermato ai pm),
mentre alla socia Virginia Rylatt (anch’essa sentita
come teste) rivelò due colloqui con B. Lo stesso Mills
annotò l’incontro ad Arcore in due appunti. E lo
LIBIA x La Nato: senza sue notizie da 10 giorni confermò ai pm il 18 luglio 2004: “Sapevo che Livio
Gironi (direttore finanziario Fininvest, ndr) era

BOMBE SUL BUNKER direttamente legato a Silvio Berlusconi, amministrava


il suo patrimonio personale. Ho avuto conferma di
questo fatto in un incontro per me importante,

DI GHEDDAFI avvenuto a Milano in quella che credo fosse la casa di


Berlusconi: era una villa con un bellissimo giardino e
una biblioteca a due piani, in legno. Gironi mi disse

È VIVO O MORTO?
che bisognava fare un’operazione: lo scopo
fondamentale era destinare parte del patrimonio
privato di Silvio Berlusconi ai figli del suo primo
matrimonio. L’idea era costruire due veicoli societari
Il compound di che dovevano fare trading sui diritti e quindi ottenere
Bab el-Aziziya profitti, che si voleva fossero destinati a Marina e Pier
centrato Silvio... Gironi sottolineò che i figli sarebbero stati i
ancora una beneficiari, ma la gestione pratica doveva essere
volta dalle sempre soggetta al consenso di Silvio Berlusconi, che
bombe della nel documento viene denominato ‘X’”. In un altro
Nato
memorandum, Mills annota che il 23 novembre ‘95
B. lo chiamò da Milano due giorni dopo il mandato di
Illustrazione cattura spiccato dai giudici milanesi contro Craxi per
di Emanuele Fucecchi una tangente All Iberian da 10 miliardi: “Quando ho
parlato a Silvio Berlusconi giovedì lui ha insistito sul
Ccosaifinalmente
siamo, ragazzi! Fra quattro giorni si vota per le amministrative e
sapremo cosa c’è dentro l’UOVO dei milanesi. Qual-
mi dice che la SORPRESA sarà grande. Per due motivi. Se vince
fatto che le ultime accuse sono motivate
politicamente. Sono bombe politiche perché ora i
giudici di Mani Pulite sono in grado di affermare che
Sul silenzio del raìs l’Alleanza spiega: “Non Pisapia, sarà grande perché finalmente le cose cambierebbero e ciò dietro a questo pagamento a Craxi ci sia Berlusconi”.
abbiamo prove. Lui non è un obiettivo specifico. significherebbe una tremenda sconfitta per il governo. pag. 2 z Tra la fine del ‘95 e l’inizio del ’96 in casa B. si pensa
Alla fine libereremo la Libia” Oppes pag. 9 z di far dichiarare da Mills al fisco inglese alcuni profitti
delle società offshore costituite per B. e di pagarci le
tasse perché – confesserà Mills – “non era un segreto
Passati quasi quarant’anni, che ciò andasse largamente a beneficio di
Paolo Grugni
nel descriverci “quei SCUOLA x Chi dice no ai quiz del ministero npasticcio Marcegaglia Berlusconi: era importante per Berlusconi essere in
l’odore acido giorni” Paolo Grugni grado di dimostrare che queste società non erano
di quei giorni fotografa la realtà
di questi.
Nazione Indiana Gli studenti La Confindustria
si incarta sugli
sue”. Quando poi, il 16 aprile ‘96, fu perquisita a
Londra la Edsaco col sequestro di montagne di
documenti sulle offshore, Mills fu di nuovo
Si possono raccontare
lucidamente gli Anni
di piombo e al tempo
stesso intrattenere
boicottano applausi alla Thyssen
Meletti pag. 10z
contattato da B., come risulta dal verbale della
riunione del 22 luglio 2004 con l’Inland Revenue: “Al
tempo della perquisizione del Serious Fraud Office,
romanzo

Non usa mezzi termini


con un’intensa trama
gialla? È la sfida vinta
da Grugni.
i test CATTIVERIE
Berlusconi aveva discusso con DM su ciò che poteva
essere fatto per distanziare lui stesso da queste
società. Sulle prime s’era ipotizzato un accordo di
Paolo Grugni,
penna iconoclasta
e impegnata.
Sorrisi e Canzoni
Invalsi L’Unità: “Scajola è tornato ad
abitare nella casa con vista
Colosseo”. Scajola: “Davvero?”
trust”. Telefonate, incontri a Londra e ad Arcore:
Mills ricorda tutto, B. nulla. La sindrome Scajola
dev’essere contagiosa: anche B. fa tutto a sua
la Repubblica www.laurana.it
Perniconi pag. 12 z Mariastella Gelmini (FOTO DLM) (Albert Huliselan Canepa, www.luttazzi.it) insaputa.
pagina 2

C
LA SORPRESA

i aveva abituato alle sue campagne vera passione, i Verdi, arrivando a fare all’allora esprimere una preferenza. Fece il nome di Mino
“Sempre con la Dc” ambientaliste, l’ultima proprio sul capogruppo Francesco Rutelli una proposta choc: Martinazzoli, “una persona onesta”, disse,
Fatto, contro il nucleare. Ma Adriano “Gettiamo una ‘bomba’ su uno dei tanti quartieri “bisogna dargli credibilità, anche se nella sua
Celentano, della politica vera e propria, quella invivibili delle città e costringiamo gli speculatori a squadra ci sono persone note da troppo tempo”.
Ma non ha mai fatto nomi fatta di nomi e cognomi non si era mai ricostruirlo in modo più umano”. Ma anche la E aveva aggiunto: “Si parla di cambiamento, ma i
praticamente occupato. Ha sempre detto di aver carriera degli ambientalisti in Parlamento non ha due politici che lo rappresentano sono Bossi e
votato Dc. Poi, con la fine della Balena Bianca avuto grandi fortune. Così, per la prima volta, Berlusconi”. Quello a Pisapia, quindi, è il primo
(Martinazzoli escluso) negli anni di Tangentopoli, era approdato alla sua correva il 1994, Celentano si era spinto ad vero appoggio incondizionato del “molleggiato”.

L’altra lettera sul “Fatto” re nuclearisti non solo è


una bestemmia, ma è es-
“Il premier ci avvelena, cacciamolo” sere dementi fin dalla na-
scita”. Se il referendum
fosse cancellato – è la

“N on si tratta più di
destra o di sinistra
per capire che un uomo
sul “Fatto Quotidiano”
per sostenere i referen-
dum.
proposta di Celentano –
“dobbiamo lasciare da-
vanti ai seggi il nostro vo-
così non può governare Sul quesito contro il legit- to scritto su un foglietto”.
nessun Paese. A questo timo impedimento: “È lui E poi sulla privatizzazio-
punto il 12 giugno dob- (Berlusconi, ndr) che non ne dell’acqua: “È un bene
biamo assolutamente tutti si presenta in aula”. Sul comune, di tutti. Ma come
andare a votare”. Così lo nucleare nessun dubbio: si può pensare che se io
scorso 29 aprile Celenta- “Caro ministro (rivolto a ho sete devo pagare per
no in una lettera-appello Paolo Romani, ndr), esse- bere?”.

“IO STO CON PISAPIA


MA IL FUTURO È 5 STELLE”
Celentano: “L’avvocato ci può traghettare verso il miracolo di sconfiggere
anche il governo nazionale. Per il vero cambiamento dico Calise”
di Adriano Celentano su scala nazionale, con lampi gnerebbe licenziare in TRON- finita. Il BUIO seminato dai da Vinci, dovete farlo in modo l’incertezza: solo lei ci può dare
di gioia sprigionati dall’intera CO, ma ancora meglio sarebbe grattacieli firmato Moratti-For- che il CAMBIAMENTO sia RA- quel NUOVO da cui nasce la
i siamo, ragazzi! Fra quat- Europa. Se invece vince la Mo- sul TRONCO, vuole regalare le migoni continuerà imperterri-

C
DICALE. Non esiste altro mo- speranza di un mondo migliore
tro giorni si vota per le ratti, la sorpresa sarà ancora spiagge agli imprenditori per to la sua avanzata. mento più opportuno per riac- lontano da ogni logica di parti-
amministrative e final- più grande perché le cose non la costruzione di stabilimenti Cari milanesi, credo sia arrivato cendere nel vostro cuore quel- to. E questa speranza è sotto gli
mente sapremo cosa c’è cambieranno e allora sarà un balneari a cinque metri dal ma- il momento di cambiare le co- la luce di entusiasmo che i PA- occhi di tutti: si chiama Mattia
dentro l’UOVO dei milanesi. disastro per noi italiani. Chi re. se. È chiaro che, votando Pisa- LAZZINARI CORROTTI hanno Calise, 20 anni, tre esami alla
Qualcosa mi dice che la SOR- non ce la fa a tirare alla fine del pia si cambia. Non so fino a che spento senza alcuna pietà. Ma, laurea in Scienze politiche, gio-
PRESA sarà grande. Per due mese dovrà andare in Svizzera ORA, CHIUNQUE abbia un punto, però si cambia e questa per farlo, bisogna avere il corag- vane e forte, membro del mo-
motivi. Se vince Pisapia, sarà per un bicchier d’acqua, poi- minimo di buon gusto può im- è già una grande notizia, essen- gio di imboccare la strada del- vimento Cinque Stelle. Per ora
grande perché finalmente le ché in Italia l’ACQUA non sarà maginare quale stravolgimento do lui il migliore e quindi il più
cose cambierebbero e ciò si- più un bene comune. subirebbe il mare delle nostre credibile fra i rappresentanti
gnificherebbe una tremenda Costruiranno nuove centrali coste. Nel giro di pochi mesi, dei vari partiti...
sconfitta per il governo e non NUCLEARI e presto la RA- sarebbe travolto da uno TSU- Ma, se davvero volete dare una
soltanto per ciò che riguarda la DIOATTIVITA’ sarà sulle no- NAMI di CEMENTO che, a dif- svolta a questa nostra Milano
città di Milano, ma addirittura stre tavole. Tremonti, che biso- ferenza di quello NATURALE, così tanto amata da Leonardo
non si placherebbe mai più.
E comunque anche per coloro
Referendum il cui immaginario fosse mo- L’appello
mentaneamente ridotto a zero di Adriano
Nucleare, Fiorello: (può capitare), esiste, già pron-

“Centrali sicure?
Ma va! Io voto contro”
ta, una serie di orrende costru-
zioni, verificabili quindi dal ve-
ro, da cui è possibile misurare la
portata che avrebbe la SVEN-
TURA italiana, qualora fosse ap-
“ Basta scempi
sull’ambiente,
provata la proposta di Tremon- con le schede
di Paola Zanca ti. Per cui, prima di andare a vo-
tare, è consigliabile fare quat- elettorali
occiate dal ministero”, senza troppe spiegazioni. Le tro passi alle Varesine di Mila-
“B modifiche allo spot sui referendum del 12 e 13 giugno
proposte dai Comitati non andranno in onda. Dunque, fino
no, dove lo sfacelo, tutt’ora in
atto, ha OSCURATO una buona
la rivoluzione In prima fila
Qui sopra mons. Camaldo al fianco di
a giovedì prossimo - 19 maggio - i telespettatori curiosi di parte di cielo. E ancora non è è possibile Ratzinger ai funerali di Wojtyla(FOTO ANSA)
capire che cosa devono votare dovranno accontentarsi de-
gli spot a “contenuto informativo vicino allo zero”, come li
ha definiti Stefano Rodotà. Il regolamento sulla par con-
dicio approvato una settimana fa (l'emendamento porta la
firma del Pdl Alessio Butti) stabilisce che gli spazi autoge-
EQUI-LONTANI ”
stiti a disposizione dei candidati possano partire solo in
quella data. “Visto che ci è ancora impossibile vedere il no-
stro spot sulle televisioni e sul servizio pubblico – spiegano
TERZO POLO, LIBERTÀ DI COSCIENZA AL SECONDO TURNO
dal Comitato '2 Sì per l’acqua bene comune' – utilizzeremo di Wanda Marra che non possiamo votare la di fare su centri sociali, stranie- Sulla stessa linea, Roberto Rao
intanto la rete per dare massima diffusione allo spot”. Il Moratti. Ma neanche uno che ri, moschee”. E dunque? “Nel (Udc): “Non esiste che io faccia
video da ieri è on line, si consiglia la visione a tutti quelli che n caso di ballottaggio a Mi- viene da Sel”. In realtà il pro-
dallo spot confezionato dalla tv pubblica non hanno capito
un accidente. I Comitati ora hanno chiesto motivazioni
“I lano? Chi votiamo al bal-
lottaggio? Ci andiamo noi, col
blema per i futuristi a Milano è
particolarmente sentito, vista
caso di ballottaggio senza di
noi probabilmente lasceremo
libertà di voto”.
adesso una eventuale dichiara-
zione di voto per il ballottag-
gio. Non esiste”. Ma dopo tutto
scritte al ministero, vogliono capire perchè le loro modi- nostro candidato: Manfredi la spaccatura tra una parte del Insomma, libertà di coscienza. quello che state dicendo di Ber-
fiche allo spot ufficiale non siano state accettate. E anche il Palmeri”. Italo Bocchino, vice- partito che ha già detto che In realtà, il “tradimento” degli lusconi potreste votare la Mo-
leader Idv Antonio Di Pietro (promotore dei referendum su presidente di Futuro e Libertà sceglierebbe il candidato del ex compagni di partito sembra ratti? “Io penso di no”.
nucleare e legittimo impedimento) ha scritto al presidente fa lo spavaldo. E alla risposta: centrosinistra (vedi Fabio Gra- più vicino di quanto loro siano
Garimberti e al dg Lorenza Lei per denunciare come siano “Sì, vabbe’, certo. Ma se così nata) e l’ala “moderata” che è disposti ad ammettere. Ieri Pal-
stati “completamente ignorati” i loro pareri. Convinto an-
che lui che, così com’è, “lo spot proposto dalla Rai risulta
non fosse?”, replica ancora:
“Io se fossi in lei non lo esclu-
di un’altra opinione (Urso e
Ronchi, che peraltro non han-
meri pubblicamente ha parlato
di “frana Moratti”. E un dialogo
L’outsider
incomprensibile e burocratico”. Mentre
tutto sembra giocare a sfavore dell'ap-
derei”. Comprensibile l’osten-
tato ottimismo di Bocchino,
no mai smesso di minacciare
l’uscita).
con il centrosinistra è in realtà
già in corso, come ha detto Ste-
Manfredi
puntamento referendario, però, ieri è ar-
rivata una dichiarazione di voto impor-
ma anche nei migliori sondag-
gi il candidato ufficiale del Ter- BARBARÀ CIABÒ, consi-
fano Boeri, capolista del Pd.
L’eventuale apparentamento
Palmeri
tante. Fiorello, in un'intervista a Oggi, ha zo Polo non va oltre l’8%. E gliere comunale e capolista di con Pisapia è più di una possi-
fatto sapere che “dopo quello che è suc- dunque, la scelta tra Letizia Palmieri, non si espone: “È ve- bilità. Anche se Bruno Tabacci nei sondaggi
cesso in Giappone” è andato “in ansia”. Moratti, candidata ultra-berlu- ro che per noi sarebbe molto (Api) non ne vuole sentir par-
“Dicono: le centrali adesso sono sicure. sconiana e Giuliano Pisapia a difficile sostenere la Moratti. lare: “Abbiamo un candidato e si ferma all’8%
Ma va? – aggiunge Fiorello – Ci fosse an- un certo punto sarà obbligata. Ma su che basi invece dovrem- ci crediamo. Poi, vediamo
che solo un 1 per mille di rischio, io avrei “La nostra è una posizione di mo appoggiare Pisapia? Io non quanti voti abbiamo, dove li E denuncia
paura. E se il referendum si fa, vado a vo- equi-lontananza - non prende so ancora che programma ha. prendiamo (non solo a Milano)
tare”. posizione Bocchino - è chiaro Non ha ancora detto che pensa e a quel punto decidiamo”. la “frana”Pdl
Mercoledì 11 maggio 2011

C
LA SORPRESA

i sono due nuovi indagati nell’inchiesta di urbano. I due nuovi indagati erano stati convocati ieri violazione della legge edilizia, perché, senza richiedere
Bat-casa del figlio Milano con al centro un immobile del figlio dal procuratore aggiunto di Milano Alfredo Robledo, le autorizzazioni necessarie, avrebbe trasformato i
del sindaco Letizia Moratti, Gabriele, che ma non si sono presentati per l’interrogatorio. cinque capannoni ad uso commerciale in una abitazione
avrebbe ristrutturato dei capannoni per realizzare una Secondo l’accusa, i due avrebbero riportato nelle loro privata. Nelle scorse settimane il figlio del sindaco, su
di Donna Letizia: casa “in stile Batman”, senza le necessarie relazioni tecniche delle circostanze non vere riguardo input della Procura, aveva provveduto a smantellare
autorizzazioni. I militari della Finanza infatti hanno all’immobile di via Ajraghi e dunque sono stati iscritti tutti gli arredi “in stile Batman” messi all’interno dei
notificato un invito a comparire per un geometra degli nel registro degli indagati con l’accusa di falso capannoni, ripristinando le condizioni originarie
due nuovi indagati uffici tecnici del Comune di Milano e per un vigile ideologico. Gabriele Moratti, invece, è indagato per dell’immobile.

Milano, adesso la trincea


del Caimano traballa
DALLE BR IN PROCURA ALLE BEGHE LEGHISTE
MORATTI SOTTO IL 50%. L’AGCOM CONTRO B.
di Gianni Barbacetto mio cognome”. Milano, dome- ma. È lui a dirigere l’orchestra: lizione, sulla massiccia (e sem-
e Davide Vecchi nica prossima, deve scegliere il Berlusconi chiama (dice che la pre negata) presenza della ’n-
suo sindaco: niente di più e campagna elettorale si fa su tas- drangheta a Milano, sulla Batca-
er Silvio Berlusconi la po- niente di meno. Ma il presiden- se e immigrati) e Moratti rispon- verna del figlio, sui lavori delle

P sta in gioco è chiara: “Chi


mi vota, domenica pros-
sima a Milano, vota con-
tro Ilda Boccassini e Fabio De
Pasquale”. Un referendum
te del Consiglio ha deciso di
buttare tutto il suo peso nella
competizione. Perché sa che la
candidata del centrodestra, Le-
tizia Moratti, poco amata dai
de: “A Milano non arriverà nes-
suno dei 700 profughi previsti
in Lombardia”, ha dichiarato ie-
ri, solleticando la pancia degli
elettori.
metropolitane in eterno ritar-
do... Anche da Sky ha preteso
diverse garanzie, tra cui quella
di confrontarsi solo con il can-
didato del centrosinistra, esclu-
contro i magistrati. Di più, un milanesi, rischia di non farcela. “Poveretta, usa parole non dendo Manfredi Palmeri del ter-
giudizio di Dio sulla sua figura. Perché per la prima volta il can- sue”, commenta Giuliano Pisa- zo polo, che pure è stato negli
“O me o loro”, ripete. I tamburi didato del centrosinistra, Giu- pia, riassumendo in una frase ultimi cinque anni presidente
di guerra diventano poi miele liano Pisapia, potrebbe vince- l’intera campagna elettorale del suo Consiglio comunale e
in uno spot radiofonico: “Se mi re. Perché una sconfitta a Mi- del sindaco uscente. Al suo co- che da giorni gira per la città
vuoi bene, scrivi sulla scheda il lano sarebbe disastrosa per mizio di sabato scorso al Pala- con una piccola sedia bianca,
Illustrazione di Emanuele Fucecchi Berlusconi e avrebbe immedia- sharp, Moratti non ha detto una vuota, in segno di protesta con-
ti contraccolpi a Roma. parola su Milano. Anzi, non ha tro il sindaco che rifiuta il con-
la sua candidatura a Sindaco di dei consensi. detto una parola. È stata quaran- fronto.
Milano vale solo il 5%, ma è pro- Mi rendo conto però che ciò Il rischio cemento L’ULTIMA MOSSA di una ta minuti sul palco senza profe-
prio in questo 5% che si nascon- che vi sto chiedendo certo non e nucleare campagna elettorale trasforma- rir verbo, in piedi accanto al mi- CE LA FARÀ Davide-Pisapia
de la Milano del futuro. Un mo- è una piccola cosa. Si trattereb- Nelle foto a sinistra, i cantieri ta in guerra psicologica è la dif- crofono davanti al quale nel (un milione di euro di spese
vimento, quello delle Cinque be di un vero e proprio miraco- delle Varesine (FOTO EMBLEMA). A destra, fusione di un sondaggio che dà frattempo sfilavano Iva Zanic- elettorali) contro Golia-Moratti
Stelle, la cui avanzata, lenta ma lo politico che tuttavia solo voi invece, l’attuale sindaco Letizia Moratti vincente al primo turno chi e Ignazio La Russa a cantare (oltre 12 milioni di euro)? Nel
inesorabile, sta svegliando le milanesi avreste il coraggio di Moratti, il presidente della regione con il 52 e passa per cento. Ser- “O mia bella Madunina”, Rober- 2006, Letizia vinse per soli 35
coscienze in gran parte d’Italia. fare. Perché voi siete i milanesi Lombardia Roberto Formigoni e il ve a galvanizzare le truppe to Formigoni in camicia rosa a mila voto contro il debolissimo
A Bologna, in un anno e mezzo, delle “Cinque Giornate” di Mi- candidato del movimento “Cinque preoccupate per una gara diffi- elogiare la Regione Lombardia, candidato del centrosinistra,
è salito dallo 0,7 al 12 per cento lano. Allora fu necessaria la for- Stelle” Mattia Calise (FOTO ANSA) cile, a rischio sconfitta proprio e molti altri a dire molte altre co- l’ex prefetto Bruno Ferrante.
za, per liberarci dal dominio au- se. Quando finalmente sembra- Da allora il Pdl ha perso quasi
striaco, ma oggi basterebbe va arrivato il suo turno, è salito cinque punti in città, passando
scrivere una semplice crocetta in palcoscenico Berlusconi che dal 41,8 per cento delle comu-
sulla casella giusta del foglio le ha rubato la scena con il suo nali 2006 al 36,9 delle politiche
elettorale e la rivoluzione è fat- solito repertorio. Letizia Morat- 2008, fino al 36 delle regionali
ta. ti in questa campagna elettora- 2010. Una emorragia di voti
le è stata una faccia sorridente confermata anche dai risultati
MA FORSE anche per questo sui muri e sui taxi. Senza voce.
non siete ancora pronti e io non Le parole sono state tutte di al-
vi biasimo. Probabilmente
quello delle Cinque Stelle, per
tri, Berlusconi soprattutto, ma
perfino Daniela Santanché, che
Il sindaco strizza
come siete stati maltrattati fino
adesso, è un salto troppo gran-
l’ha smentita su Roberto Lassi-
ni, il padre dei manifesti “Fuori
l’occhio
de anche per voi milanesi. Un
salto che tuttavia, ora come ora,
le Br dalle procure”. al Carroccio:
è raggiungibile solo attraverso LETIZIA ha minacciato: “In li-
Pisapia. Mi sbaglierò, ma è lui sta o me o lui, siamo incompa- “Qui nessuno
l’uomo giusto. L’uomo di tran- tibili”. Eppure Lassini in lista
sizione. Colui che ci traghette- non soltanto c’è rimasto, ma ha dei 700 profughi
rà verso quel CAMBIAMENTO anche dichiarato che se votato
RADICALE che è sì nell’animo potrebbe proprio non dimet- previsti in
delle cinque STELLE, ma credo tersi. Venerdì prossimo, arrive-
anche nel CUORE di Pisapia. rà anche Umberto Bossi a soste- Lombardia”
nella città dove il berlusconi- Multa da 100 delle provinciali del 2009,
MINETTI & C. Caso Ruby bancaria, le testimonianze. smo è nato: una partita persa in
casa, insomma. mila euro al tg
quando Filippo Penati superò
in città il candidato del Pdl, Gui-

processo al via il 27 giugno Sono cinque le ragazze che


riferiscono dei festini hard
del premier: Ruby, Melissa
Se Silvio esibisce gli effetti spe-
ciali di una SuperMoratti che
schianta gli avversari al primo
di Minzolini:
do Podestà. Stesso risultato an-
che alle regionali, contro Ro-
berto Formigoni.
l giorno del primo giudizio per Nicole Mi- T. (amica di Minetti), Natascia T., Ambra Bat- E ora scoppia con la Lega (che
Igno.netti,QuelEmilio Fede e Lele Mora sarà il 27 giu- tilana e Chiara Danese. I rapporti sessuali a
giorno il giudice per l'udienza pre- pagamento con una minorenne sono l’unico
turno, altri sondaggi suggeri-
scono che è più probabile il bal-
lottaggio: Donna Letizia non ce
troppo spazio già non ama la Moratti) anche la
polemica sulle prostitute: fatte
liminare di Milano, Maria Grazia Domanico, caso in cui scatta l’imputazione per il cliente. la fa a superare la soglia del 50 al candidato sparire dalle vie del centro cit-
dovrà stabilire se farli processare per il caso Così Silvio Berlusconi si è trovato nei guai ed è per cento, caso più unico che tà, ma soltanto perché spostate
Ruby. I tre sono accusati di induzione e favo- già sotto processo, con rito immediato, per raro per un sindaco verso il se- capolista in periferia o nei Comuni vicini,
reggiamento della prostituzione per i bun- concussione e prostituzione minorile. Ma nei condo mandato. E al ballottag- come ha scoperto ilfattoquotidia-
ga-bunga ad Arcore di 32 ragazze maggioren- guai assieme a lui è finito anche chi gli avreb- gio tutto può succedere, per- Berlusconi no.it che ieri ha messo online un
ni , “dagli inizi del 2009 fino al gennaio 2011” be portato Ruby e le altre. Ora sarà il gup Do- ché al secondo turno vince chi documento, il dispositivo C51,
e della minorenne Karima El Mahroug, in arte manico a decidere se mandare a processo Mi- riesce a mobilitare i suoi e a por- che ordina ai vigili urbani di
Ruby Rubacuori, “dal settembre 2009 al mag- netti, Fede e Mora. E domani proprio Mora, il tarli alle urne. Può succedere di nere la Signora. Giulio Tremon- “spostare gradatamente la pro-
gio 2011. La richiesta di rinvio a giudizio è talent scout su cui Minetti e Fede hanno sca- tutto: anche che l’elettorato le- ti è già venuto a darle man forte. stituzione su strada verso la pe-
stata inoltrata al giudice ve- ricato l'ingresso di Arcore, terrà una confe- ghista, e una parte di quello ber- I leader nazionali passano senza riferia e, se possibile, oltre i
nerdì scorso, dai procura- renza stampa: “È arrivato il momento di rom- lusconiano, non tornino a vota- troppa voglia a Milano a tirarle confini comunali”.
tori aggiunti Ilda Boccassi- pere il silenzio, ora anche io sento il bisogno re, come successe nel 2004 la volata, mentre lei continua a Per vincere vale tutto, pensano
ni e Pietro Forno e dal pm di parlare, non l'ho fatto fino ad ora, ma ormai quando il Ds Filippo Penati non proferir verbo e a non ri- nel quartier generale milanese
Antonio Sangermano. Nel- i tempi sono maturi”. Anche per questo pro- trionfò alla Provincia di Milano lasciare interviste, se non quel- del Pdl, in viale Monza. Anche la
le 36 pagine c'è l'elenco de- cedimento, Ruby è parte offesa, ma è facile su Ombretta Colli. le preventivamente concorda- festa dello scudetto del Milan,
gli elementi di prova: le in- immaginare che non si costituirà parte civile. Intanto l’Agcom sanziona il Tg1 te nei minimi dettagli. Oggi sarà da fare domenica, a campagna
tercettazioni (su dopo-ce- Così ha già deciso al processo in cui è impu- di Augusto Minzolini per il trop- costretta a far sentire la sua vo- elettorale chiusa e urne aperte.
na con tanto di bustarelle e tato Berlusconi. po spazio concesso a un candi- ce su Sky, a confronto con Pi- Vale almeno tre-quattro punti
regali), la documentazione A. Masc. dato consigliere comunale a Mi- sapia. Dovrà finalmente rispon- percentuali in più per la Morat-
lano, che guarda caso è anche dere sull’Expo fermo da due an- ti, giurano in viale Monza. A di-
presidente del Consiglio a Ro- ni per litigi interni alla sua coa- spetto del cognome.
pagina 4 Mercoledì 11 maggio 2011

S
LORO DI NAPOLI

etacciando le candidature in Campania si Matacena, indagato per riciclaggio in concorso col casa di Largo Arenula a Roma. Luigi De Magistris
Imputati e arrestati, scova di tutto: arrestati per collusioni con la senatore e sindaco Pdl di Afragola Vincenzo Nespoli, (Idv-Federazione della Sinistra) ha una richiesta di
camorra, indagati per riciclaggio, ex ministri per il quale pende un’ordinanza di arresto fermata dal rinvio a giudizio per alcune presunte anomalie sulla
rinviati a giudizio, sindaci che collezionano inchieste e Parlamento. In lista c’è anche Marco Nonno, gestione dei tabulati telefonici nelle inchieste di
benvenuti processi. Achille De Simone, consigliere comunale consigliere uscente An, imputato per concorso in Catanzaro. In caso di vittoria di Lettieri a Napoli e del
uscente, capolista di Alleanza di Centro, una delle 11 devastazione, per aver coordinato la guerriglia urbana Pd De Luca a Salerno, si realizzerebbe una singolare
liste a sostegno di Lettieri: il Gip il 26 novembre 2009 di Pianura. Clemente Mastella (Popolari-Udeur) è coincidenza: due sindaci di due città capoluogo,
tra i candidati campani ne ordinò l’arresto. Nel Pdl è in corsa Maurizio fresco di rinvio a giudizio per la compravendita della imputati nello stesso dibattimento e per lo stesso fatto.

VIVERE E MORIRE
(POLITICAMENTE) SUI RIFIUTI
Nel 2008 B. conquistò Palazzo Chigi ripulendo la città
Nel 2011 le tonnellate di rifiuti sono ancora in strada
flop. Le discariche sono piene, tanti sondaggi che da settimane Scampia, i Quartieri spagnoli. E cora sulle sue: “Con il Morcone
gli impianti di tritovagliatura ingombrano le scrivanie di par- una manifestazione a piazza che sto vedendo in campagna
sotto stress, l’inceneritore di titi, candidati sindaci e spin doc- Dante affollata come non si ve- elettorale ci sono pochi margini
Acerra funziona a fasi alterne. tors. Il dato incerto è con chi deva da tempo, giurano i suoi so- per fare accordi”. Si vedrà, da lu-
Tanto che il Cavaliere ha già Gianni Lettieri, l’imprenditore stenitori. nedì pomeriggio ogni scenario
cambiato spartito: “La colpa voluto da Nicola Cosentino per è possibile e Napoli è sempre la
della crisi dei rifiuti è dei magi- conquistare la città, dovrà gio- CHE FARANNO i due “tron- città delle grandi sorprese. Per il
strati che hanno chiuso le disca- carsi la partita finale. Con Mario coni” del centrosinistra da lune- momento i napoletani hanno
riche e del Comune”, beccan- Morcone, il prefetto scelto dal dì in poi? Massimo D'Alema pun- poche certezze: voteranno tra
dosi una risposta piccata dal vertice romano del Pd dopo il di- ta su Ciriaco De Mita e il suo can- cumuli di spazzatura, dovranno
procuratore Giandomenico Le- sastro delle primarie col trucco, didato, il rettore Raimondo Pa- scegliere tra 7 mila candidati
pore: “Critiche pronunciate da o con Luigi De Magistris, l’ex pm squino: “Ho molta stima e ri- (tanti sono gli aspiranti al Comu-
chi non ha letto gli atti o non che corre con un cartello di liste spetto per lui, e sono fiducioso ne e nelle municipalità), distri-
conosce la situazione di Napoli. civiche e Italia dei Valori? Ieri il che in corso di ballottaggio pos- candosi tra liste sporche e gente
In questa provincia non ci sono candidato Pdl non ha partecipa- sa esserci un’ampia convergen- abbondantemente in odore di
discariche: come avremmo po- to al confronto con i suoi avver- za”. De Magistris si mantiene an- camorra.
tuto chiuderle? Ci siamo limita- sari, negli studi di Sky al suo po-
ti a sequestrare solo una parte sto, una sedia vuota. E i napole-
della discarica di Chiaiano, pe- tani hanno ricordato il coman-
raltro già prossima all’esauri-
mento, per compiere alcuni ac-
dante Lauro, che quando vide
per la prima volta Ferlaino disse: ATTACCO all’Udc
certamenti indispensabili. La “Si è fermata una macchina vuo-
Immondizia e manifesti elettorali a Napoli. In alto, Gianni Lettieri (FOTO ANSA) verità è che in campagna elet-
torale si utilizza di tutto. Ognu-
ta ed è sceso Corrado Ferlai-
no”.
ma la candidata se la ride
di Enrico Fierro Quasi no può speculare sui rifiuti”. Gli ultimi sondaggi danno Mor-
cone e De Magistris quasi ap- “F aremo le riforme
ora che non ci sono
a monnezza: ancora una certamente E ALLORA, se la monnezza paiati, con un leggero vantaggio più Fini e Casini. Abbia-

L volta saranno le tonnellate


di rifiuti che appestano la
città (ieri 3 mila tonnella-
te) dal centro alle periferie a de-
cidere chi vincerà le elezioni.
si arriverà
al ballottaggio
non basta più serve l’annuncio
di un altro miracolo. Venerdì
prossimo Berlusconi annuncerà
“una legge speciale per Napoli”,
parola di Gianni Lettieri, il can-
di quest’ultimo, ma sono dati,
avvertono scaramanticamente
nel suo quartier generale, che
non tengono conto di quanto è
avvenuto negli ultimi giorni.
mo una maggioranza
coesa e politicamente
compatta con cui fare-
mo la riforma della giu-
stizia, quella tributaria e
Ma questa volta non si ripeterà didato a sindaco del Pdl. Il Ca- La discesa in campo di quello dell’architettura dello
lo scenario del 2008, quando Testa a testa valiere novello Depretis, ma è che rimane uno dei potentati Stato, cose che fino ad ora non sono state fatte per il
Silvio Berlusconi fece il doppio dal 15 agosto 1884 che Napoli del Pd: Antonio Bassolino e An- veto dei nostri alleati”. Fin qui la solita solfa. Peccato
miracolo: quello farlocco di to- tra Morcone va avanti con colera, epidemie, drea Cozzolino. L’ex sindaco-go- che Berlusconi abbia detto queste cose ieri a Crotone,
gliere le montagne di sacchetti terremoti e immancabili leggi vernatore e il suo pupillo parla- mentre lanciava la candidata sindaco Dorina Bianchi.
dalle strade e ripulire Napoli, e e De Magistris speciali. mentare europeo, il vincitore Cioè senatrice dell’Udc di Casini. Ma “sapete che io
quello vero di stracciare il cen- La verità è che quattro mesi fa il delle primarie dello scandalo, alle lusinghe delle belle donne non so resistere...”.
trosinistra e riconquistare Pa- Pdl aveva Napoli in mano. La vit- entrambi in campo per sostene- Peccato che la Dorina, accanto a lui, non abbia bat-
lazzo Chigi. Certo, il Cavaliere, mezzi) ha creato più problemi toria certissima già al primo tur- re Morcone. Convegni, confe- tuto ciglio rispetto agli attacchi del premier (anche) al
come i vecchi prestigiatori di quanti tentava di risolverne. no. Un Pd schiacciato, umiliato renze stampa, dichiarazioni, ap- suo partito. E allora su di lei è piovuta subito la sco-
d’un tempo, ha tentato di ripe- Berlusconi per primo lo ha ca- nella città che aveva visto il po- parati mobilitati al massimo, il munica di Lorenzo Cesa: “Non sarò presente domani
tere il numero mandando i mi- pito: venerdì, quando chiuderà tere saldamente nella mani del Pd sente che la partita di Napoli (oggi, ndr) a Crotone, perchè non posso accettare che
litari a combattere la guerra del- la campagna elettorale, la città centrosinistra fin dal 1993. Ora è ancora tutta da giocare e ci un candidato sindaco designato dal mio partito non
la monnezza. Ma non gli è riu- non sarà pulita. E i napoletani lo scenario è cambiato. Il Pdl prende gusto. De Magistris dal reagisca davanti alle provocazioni di un presidente
scito. L’invio delle truppe (140 sono ormai disillusi: il miracolo non vincerà al primo turno, e canto suo continua a macinare del Consiglio che attacca il leader dell’Udc”.
uomini con pochi e inadatti di tre anni fa si è rivelato un questo è l’unico dato certo dei chilometri: Secondigliano,

“L’esercito rallenta la raccolta dell’immondizia”


VIAGGIO TRA GLI AUTOCOMPATTATORI FERMI DAVANTI ALLA DISCARICA DI GIUGLIANO, DOVE I MEZZI MILITARI HANNO LA PRECEDENZA
di Vincenzo Iurillo verdi dell’esercito sono sta- l’ingresso del mezzo nello ri nel complesso alle 40 ton- come se si fosse deciso di nel lavoro di raccolta dei ri-
Giugliano (Napoli) te create finestre orarie de- Stir, ad un certo punto fini- nellate. svuotare un silos coi cuc- fiuti, il parere dell’ex presi-
dicate ed esclusive. Che fi- scono. A quel punto la navet- Meno di quella contenuta in chiaini invece che con le dente della commissione
esercito per affrontare niscono per l’esasperare gli Ambiente del Senato, Tom-
L’coreografia.
l’emergenza rifiuti è pura
Come si dice a
autisti dell’Asìa, la municipa-
lizzata dei rifiuti di Napoli.
ta riaccompagna indietro gli
autisti ‘cotti’ e ne riporta di
‘freschi’. Durante il cambio,
tre o quattro degli autocom-
pattatori Asìa. Il paradosso è
evidente. “Se si consentisse
pompe idrovore. L’impianto
di trattamento di Giugliano è
comunque in sofferenza.
maso Sodano, è tranciante:
“Ha sempre funzionato co-
Napoli, ‘non toglie e non Distrutti dal caldo e dalle due o tre lavoratori Asìa fan- ai nostri mezzi di sversare me elemento ‘rallentante’
mette’. Anzi, forse è un in- lunghe, inutili attese, senza no la guardia a decine di ca- prima – spiega un altro ad- CI SONO difficoltà nello del ciclo, è un dato storico.
tralcio. La prova è nella fila nemmeno il conforto di un mion fermi con le chiavi at- detto della municipalizzata – smaltire la frazione umida, Non è la prima volta che i
di autocompattatori dell’A- bar o di un bagno: il locale taccate al cruscotto, mentre i i camion tornerebbero a Na- parte della quale destinata in militari intervengono, ma è
sìa pieni della monnezza di pubblico più vicino è a un mezzi verdi dei militari van- poli e preleverebbero dalle Puglia, il resto in altre regio- solo propaganda”. Rassegna-
Napoli. Sono fermi per ore e chilometro. no avanti e indietro senza tre- strade una quantità maggiore ni. Mentre la frazione trito- ti gli ambientalisti giugliane-
ore di fronte allo Stir di Giu- gua a portare quantità picco- di spazzatura di quelle rac- vagliata dovrebbe prendere si, ormai abituati a vivere nel-
gliano. Alle 12.30 di ieri ce RIASSUME la situazione le di spazzatura, non superio- colte dai mezzi militari”. È la via dell’inceneritore di la monnezza 24 ore su 24. Per
n’erano ventiquattro ad ab- Luigi, capelli bianchi e volto Acerra. Ma le nuove giacenze loro parla Salvatore Micillo:
brustolirsi sotto il sole. segnato dagli anni, che atten- si aggiungono alle vecchie. “Risolvere il problema rifiuti
Ognuno di loro stracolmo di
12 tonnellate di spazzatura,
de paziente a circa 300 metri
dall’ingresso dell’impianto di
Possono In pratica: se non esce qual-
che mezzo delle aziende di
in campagna elettorale è un
atto che solo il miglior illu-
che grazie al calore sprigio-
na un tanfo nauseabondo
trattamento: “L’esercito sver-
sa in un giorno quello che
sversare in tutto trattamento dell’umido, non
possono entrare gli autocom-
sionista d'Italia può fare, le
illusioni, insieme alla com-
percepibile a distanza di chi-
lometri. Un odore che inner-
noi sversiamo in dieci minu-
ti”. Forse esagera, ma va com-
40 tonnellate, pattatori pieni di tal quale. È
quasi l’una quando un mili-
parsa dei militari, svaniranno
a fine elezioni…”.
vosisce uomini e bestie. preso. Luigi è in fila da cin- tare di guardia alla sbarra del- Nel primo pomeriggio l’uffi-
I camion sono costretti a da- que ore. Ma non è il più sfor- meno di quante l’impianto urla: “Un Napoli e cio flussi della Regione co-
re la precedenza all’ingresso tunato. “I mezzi in cima alla un Giugliano”. È il segnale. munica che le giacenze di ri-
dei piccoli veicoli militari, fila sono fermi da ieri sera” ne contengano 4 Possono entrare un camion fiuti per le strade di Napoli si
che essendo destinati a usi spiega un addetto dell’Asìa. Il dei rifiuti napoletani e uno di sono ridotte di “oltre 400
ben diversi riescono a stento suo compito è singolare: fare camion quelli giuglianesi. La fila si ri- tonnellate”. Peccato che ce
a trasportare 3 tonnellate di da servizio navetta per gli au- duce a 22. ne siano ancora almeno 1800
pattume l’uno. Per i mezzi tisti. I cui turni, con o senza tradizionali Sulla presenza dell’esercito in giro.
Mercoledì 11 maggio 2011 pagina 5

D
L’ASSALTO

al discorso di Napolitano di lunedì: qualunque fosse la matrice ideologica – di fronte della giustizia penale. (...) Ci si soffermi su
Quelle parole “E dirò ora dei servitori dello Stato estrema sinistra, prevalentemente, o di estrema quei nomi, quei volti, quelle storie, per poter
e in particolare dei magistrati. Non destra, come nel caso di Vittorio Occorsio – parlare responsabilmente della magistratura e
c’è distinzione che possa suonare irrispettosa degli atti terroristici di cui rimasero vittime. Se alla magistratura, nella consapevolezza
su onore e riforme nel nostro omaggio alla memoria degli uccisi e oggi poniamo l'accento sui servitori dello Stato dell’onore che ad essa deve esser reso come
dei feriti dai terroristi: siamo egualmente vicini a come quelli, è per sottolineare come fu premessa di ogni produttivo appello alla
tutti e alle famiglie di tutti, qualunque ne fosse la essenziale la loro lealtà alle istituzioni e come fu collaborazione necessaria per le riforme
che non sono piaciute posizione sociale o ne fossero le idee, e decisiva, contro il terrorismo, la battaglia sul necessarie”.

LACRIME
NAPULITANE
“Libero” bastona il capo dello Stato
“Un pianto senile o elettorale”
di Luca Telese smo antiretorico dei pm cada-
veri con le scarpe bucate (come
acrime Napulitane: ecco, va

L
il giudice Amato) crivellati dai
fatto un monumento a Li- terroristi rossi e neri, perché di-
bero, che ci segnala con lo fendevano un’idea di civiltà e
sberleffo quel che merita non si piegavano al ricatto. Sic-
l’elogio, che dedica una prima come Libero scrive con la testa
pagina alla censura di un gesto indietro, chiede conto a Napo-
che invece va considerato no- litano delle mancate lacrime po la sofferenza, si torna mi- Queste lacrime, per Libero tardi- Mainiero dovrebbero scrivere
bile, che ricorda con una invet- del 1956 (sull’invasione del- gliori. La vita acquista un senso ve, dicono “Onore ai magistra- che le lacrime di Napolitano
tiva quel che è un vantaggio: l’Ungheria!), e non capisce che nuovo”. E ha pianto a L’Aqui- ti!”: non sono lacrime di una vi- non sono in ritardo sull’Unghe-
avere sul Colle un presidente di le sue lacrime sono belle pro- la, nel 2009, coi familiari ta, ma di molte vite. E, forse, ria, ma figlie di un inno laico, il
carne e sangue, un ottuagena- prio perchè arrivano al termine Libero decide di aprire con un delle vittime, dicendo ai re- proprio l’imponderabile emoti- Povera patria di Franco Battiato.
rio che, in un panorama poli- di una carriera di aplomb: in un attacco al capo dello Stato. Nella prima porter: “Non sono venuto a far- vità di Napolitano dovrebbe In un Paese come il nostro, ai
tico di salme, esprime più vita- paese di emozioni effimere pagina scrive “Meglio tardi che mai”, mi fotografare, fatevi da par- renderle non sospette, ma più cattivisti che si danno di gomito
lità di un ventenne. “Napolita- consumate con contrazioni da accusando Giorgio Napolitano di non te...”. Sarà un caso che Berlusco- credibili: “E come potevamo noi se Berlusconi sghignazza per
no piange”, si scandalizza il centometrista, sono il tripudio aver versato lacrime per gli anni di ni dice: “Serve un premier con cantare/ con il piede straniero sopra barzelletta sulla mela “che sa di
quotidiano di Belpietro e Fel- del maratoneta, l’approdo di piombo. In seconda si parla addirittura più poteri e un capo dello Stato il cuore”(Quasimodo). fica”, diciamo che siamo orgo-
tri, come se commuoversi per una intera biografia. di “Sceneggiata Napolitano”. In alto, il che ne abbia di meno?”. Nel gliosi di queste lacrime lunghe
le vittime del terrorismo al Qui- In realtà Napolitano tirò fuori la presidente della Repubblica (FOTO ANSA) paese della commozione facile, ECCO, IN UN PAESE in cui trent’anni. Ci commuoviamo se
rinale fosse segno di debolezza passione già nel congresso del dell’emotività mediatica e del- l’Antistato si incarna nel sorriso il San Carlo tributa acclama ’in-
o, addirittura, spia di demenza l’impunità giuridica, pesano le atroce di Francesco Piscicelli no di Mameli (suonato da Ric-
senile. “Sceneggiata Napolitano”, lacrime dei duri; i vasi che Bet- (quello che rideva la sera del cardo Muti) e Napolitano, al gri-
scrive Mattias Mainiero, con
un elogio implicito del cattivi-
E intanto Pci del 1991, quando gridò con
orgoglio che non solo Ingrao si
tino Craxi decorava a Hamma-
met con colature rosso sangue
terremoto sognando appalti)
forse l’unico modo di rappre-
do di “Viva la Costituzione!”.
In un Paese così, non ci turbano
smo, che invece ci fa capire co-
me il cattivismo sia una prigio-
il Cavaliere poteva commuovere: fu un mi-
rabile duello di grandi vecchi,
(L’Italia piange). Le polemiche
contro Sandro Pertini, com-
sentare le istituzioni è com-
muoversi. In un paese in cui la
le “sofferenze” delle veline Ol-
gettine o del piccolo Nathan
ne mentale, un abito stretto
che impedisce di capire.
propone: poi tradotto nell’adagio giorna-
listico: “Dalle mozioni alle emo-
mosso per il terremoto e a Ver-
micino (quando Alfredino ri-
migliore epigrafe al cattivismo
affarista è un cartello in un ne-
Falco Briatore costretto dalla Fi-
nanza (che crimine!) a scende-
Libero è schizofrenico. Indeci- zioni”. In realtà Napolitano ha mase in fondo a un pozzo). gozio (L’Aquila, ore 3.32, noi non re dallo Yacht. E nemmeno il
so se insinuare che Napolitano “Meno poteri mostrato di non essere l’iceberg In realtà, nel paradosso istitu- ridevamo!”, e il più bel simbolo povero manager Thyssen con-
pianga perché rimbambito, o - dipinto dai cattivisti quando si zionale che è l’Italia, i presiden- di dignità sono le scarpe del giu- dannato perché manda i suoi
nientemeno - perché a caccia al Colle, commosse ricordando (nel ti che non piangevano (come dice Amato che scossero persi- operai a morire. In questo Paese
di voti: “In clima elettorale tut- 2008) il suo lessico familiare: Antonio Segni) accompagnava- no Francesca Mambro (“Mi ven- viene da cantare anche a noi:
to fa brodo”. Aggiunge Mainie- più poteri “Mio padre aveva scritto a mo’ no rumori di sciabola, e quelli ne in mente mio padre”), ecco, Presidente siamo con teee!!!/ Meno
ro: “I brigatisti sono finiti in di appunti sulla Grande Guerra: che ridevano amaro (Francesco in un paese osceno e grottesco male che Giorgio c’è! (Lacrime na-
carcere, in gran parte pure li- al premier” Si è intensamente sofferto. Ma, do- Cossiga), hanno picconato. come il nostro, Belpy, Littorio e pulitane comprese).
beri. Alcuni morti. Storia. Da ri-
cordare per mantenere alta la
guardia. Ma storia. E Napolita-
no piange. Presidente – scrive
Mainiero – sarà uno scherzo
del’età? Oppure è un pianto
L’Udc ritira fuori il salvacondotto per B.
elettorale?”. DALLA CALABRIA BERLUSCONI ATTACCA QUIRINALE, MAGISTRATI E I LEADER DI SINISTRA CHE “PUZZANO”
ORA, NON SI CAPISCE a di Sara Nicoli poi il sublime quando, da- aver “portato in politica un sente. E sui conti poi si vedrà. cessità “oggettiva di inter-
chi tiri la volata Napolitano (so- vanti alla candidata sindaco clima da guerra civile” e an- D’altra parte, subito dopo le rompere la spirale dei pro-
lo cinque giorni fa i quotidiani testa bassa, senza rete. Ar- del centrodestra, l’Udc Dori- nunciando riforme pirotec- cessi, non solo per me ma per
di centrodestra erano in orga-
smo perché cazziava il Pd!). Ma
Aanche
rivando a farsi scappare
che “i leader di sini-
na Bianchi, ha inveito contro
Casini. Gaffe clamorose, in-
niche come il cambio “della
composizione della Corte
elezioni rientrerà nel gover-
no anche Scajola (alle Politi-
che comunitarie), uomo che
tutti i cittadini, perché da
quel girone infernale non si
la cosa divertente, è che Libero stra non si lavano” e che se vettive, intenti golpisti non costituzionale” e “una legge Berlusconi intende elevare a esce più”.
trascura l’ipotesi più semplice. fosse per lui, “i rifiuti di Na- più celati ma sbandierati con per allargare la compagine bandiera di malagiustizia a di-
E cioè che si sia commosso per poli li porterei in Procura forza (“più poteri a me, me- di governo”, nonché “l’abo- mostrazione “dell’assoluta ECCO, un girone dell’infer-
la ferocia delle storie che gli sfi- perché sono i magistrati che no al Colle”) fino a raggiun- lizione dell’appello”. Di tut- necessità di una riforma”: “I no. Contro il quale ieri l’Udc,
lavano davanti, per i lutti senza sotto elezioni chiudono le gere la vetta del delirio col- te si sapeva, ma la penultima, processi sommari sulle pagi- a firma di Pierluigi Mantini,
giustizia, le famiglie, per l’eroi- discariche”. Raggiungendo pevolizzando la sinistra di quella che dovrebbe supera- ne dei giornali sono un meto- ha voluto dare il suo contri-
re le imposizioni della Bassa- do indegno di un Paese civi- buto con una proposta di leg-
nini sui numeri dei membri le”. L’attacco alla magistratu- ge costituzionale (subito so-
del governo, dovrebbe arri- ra si è poi nutrito ieri di un prannominata Lodo Mantini)
STAMPA E REGIME vare – almeno a quanto an- nuovo capitolo, condito di per la sospensione dei pro-
nunciato – nel prossimo invettive contro le toghe an- cessi al premier fino alla fine
NOI C’ERAVAMO Consiglio dei ministri. Si par-
la di una proposta di legge or-
dinaria per aumentare le pol-
cora “malattia della democra-
zia”, esponenti di un sistema
che “non garantisce i cittadi-
della legislatura attraverso la
modifica dell’articolo 68 del-
la Costituzione. Si tratta di
ella rassegna stampa di Radio Radicale ieri
N Massimo Bordin si è dovuto scusare con gli
ascoltatori quando, a programmazione inoltrata,
trone fino al raggiungimento
del numero complessivo di
100, archiviando il numero
ni, con un partito dei magi-
strati, chiamato Magistratura
democratica, che determina
una noma “salva premier” in
piena regola, definita tuttavia
da Mantini “un atto di pacifi-
è dovuto tornare sulla notizia del giorno, vale a di 12 ministeri con portafo- carriera e stipendio”. cazione”, per “affermare il
dire la commozione di Napolitano nel Giorno glio. Segue il solito tormentone principio di conciliazione tra
della memoria per le vittime del terrorismo. “La sulle intercettazioni “che politica e giustizia”. Fabrizio
scelta di Stampa e Regime - ha spiegato - è AL MOMENTO il governo non devono essere portate Cicchitto ha subito benedet-
è a quota 64, presto entrerà come prova nei processi e to l’iniziativa, anche se molti
venuta per caso, quella invece di omettere il come sottosegretario anche per questo serve una legge” co firmatari del provvedi-
nome di Napolitano nei titoli della prima pagina Giuseppe Galati e si arriverà a perché, in fondo, “chi è che mento hanno ritirato il loro
da parte del Fatto è invece una scelta politica 65, ma quello a cui punta Ber- non ha paura di essere inter- placet. Resta però il dubbio
decisamente significativa”. Niente di significativo lusconi è di passare a 20 il nu- cettato quando alza il telefo- che dietro la proposta si celi
da segnalare, dunque, poiché ieri in prima pagina A testa bassa La sinistra? Puzza. mero dei ministri. Napolita- no?”. Il populismo portato al- altro. Casomai la richiesta dei
il Fatto aveva appena quattro titoli nei due L’immondizia di Napoli? La portiamo no gli ha già detto che prefe- l’eccesso e che ha superato le centristi di levare via dal tavo-
principali c’erano richiami proprio al discorso del in Procura. Senza Casini e Fini? rirebbe di no, Tremonti che barriere del suono quando, lo la modifica della legge elet-
Meglio. Peccato che quest’ultima frase non ci sono soldi di copertu- ormai a tarda sera, ha voluto torale che vuole il Cavaliere.
Colle. Urge un caffè.
la dica di fianco alla “sua” candidata ra, ma quando c’è da pagare riacutizzare lo scontro con la Quella che li spazzerebbe via
Udc, Dorina Bianchi (FOTO ANSA) la cambiale il Cavaliere non ci magistratura parlando di ne- definitivamente dal Senato.
pagina 6 Mercoledì 11 maggio 2011

“D
AL VOTO

obbiamo dire un grazie ai Fisica all’Università La Sapienza di Roma, già nucleare. “Grande spazio a chi si esprime a
Il fisico Scalia ringrazia sardi perché il referendum presidente della commissione Bicamerale sul favore del nucleare - ha spiegato - mi riferisco a
regionale sulle centrali ciclo dei rifiuti e protagonista della battaglia Veronesi e a Margherita Hack, una campagna di
nucleari del 15 e 16 maggio, pur essendo solo contro il nucleare degli ultimi trent'anni. Che informazione in sordina sul referendum vero e
i sardi: “La consultazione consultivo, è un test importante a livello così ha messo l’accento sull’importanza della proprio. Dibattito vecchio come il cucco, quello
nazionale e rilancia un dibattito che la strategia consultazione sarda. sul nucleare - ha concluso Scalia - e che oggi più
del governo vorrebbe tenere spento”. Ad Il docente ha anche posto l’accento sul modo che mai deve tenere conto dello scenario dove
tiene alto il dibattito” affermarlo è stato Massimo Scalia, docente di “asimmetrico” di fare informazione sul tema del regna l’instabilità dei cicli climatici”.

NON SIAMO UNA SCORIA


In Sardegna domenica alle urne anche
un referendum consultivo per dire no al nucleare
è medico. Conosce il territorio
non per le sue spiagge, ma per
le malattie riscontrate: “Vuole
40 %
un esempio? – continua – Nel LE PATOLOGIE
sud-ovest, a Carloforte, dove
incide la Portovesme, indu-
stria specializzata in metallur-
TIROIDEE NEI BAMBINI
gia non ferrosa, un'indagine
della settimana scorsa ha ri-
DI CARLOFORTE
di Alessandro Ferrucci
inviato a Cagliari
scontrato patologie tiroidee
sul 40% dei bambini! Si rende
conto? Lì è inquinato tutto, a
62.000
è chi lo definisce il TONNELLATE DI
C’
partire dalla frutta e dalla ver-
giorno dell'orgoglio dura. E il caso dei tre tir ci ha
sardo. Della sovranità.
Chi parla di “rinasci-
allarmati ancora di più...”. Il ca-
so è scoppiato a gennaio di RIFIUTI SPECIALI
ta”, chi scomoda nonni o ge-
nitori e profetizza, in nome lo-
quest'anno, quando il portale
radiometrico della Portove- DELLA BASE USA ALLA
ro, una sorta di riscossa per un
passato di morti e malattie. Il
sme è improvvisamente im-
pazzito: la prima motrice ave- MADDALENA
giorno è domenica prossima, va appena superato la barra di A sinistra, la Saras. A destra, la base Usa della Maddalena (FOTO ANSA)
tra sole novantasei ore, quan- controllo. Dentro erano stipa-
do l'isola andrà alle urne per
dire “no” al nucleare e alle sue
te oltre settanta tonnellate di
fumi d'acciaieria radioattivi
Una delle zone ti. Ne abbiamo viste delle 'bel-
le', poi da quando il servizio è
stesso presidente Ugo Cappel-
lacci, delfino di Silvio Berlu-
postu – sono soggetti a leuce-
mie cinque volte più degli altri.
scorie. Qui non aspettano giu-
gno, non attendono esiti di ri-
provenienti dall'Alfa Acciai di
San Polo.
individuate per le passato all'Arpa, è calato il si-
lenzio assoluto. Vede, per trop-
sconi, è stato costretto a schie-
rarsi con il sì. “Bè, molto è do-
E poi, basta con la leggenda del-
la disponibilità di acqua: dati al-
corsi e contro-ricorsi. Qui in
Sardegna hanno deciso da MA NON SOLO . Nella re-
centrali è vicina pi anni abbiamo messo la testa
sotto la sabbia in nome del la-
vuto a quanto successo in
Giappone. Prima erano tutti
la mano, il nucleare assorbireb-
be tutte le risorse idriche della
tempo di promuovere un refe- gione della Costa Smeralda, voro, abbiamo fatto finta di molti più attenti, parchi, stem- Sardegna, togliendolo alla pa-
rendum consultivo per ferma- pronta in questi giorni a lancia- alla Saras, dove niente, e ora ne paghiamo le perati nelle dichiarazioni – storizia e all'agricoltura. Pensa-
re voci e certezze che danno re una nuova stagione di vip, conseguenze. Per fortuna, pe- spiega Maria Paola Morittu, di re poi, che sul piano energeti-
l'isola come miglior indiziata barche, feste e luoghi comuni, già c’è la maggior rò, qualcosa sta cambiando”. Italia Nostra – Solo un anno fa la co siamo assolutamente auto-
per costruire tre o addirittura esistono anche le realtà come chiesa di Oristano ha diffuso sufficienti”. Chi lo ascolta è cu-
quattro centrali, grazie alla Capo Teulada, con i suoi im- incidenza ANCHE A PARTIRE da un degli opuscoli nei quali ha tran- po, preoccupato. Riflette sul
bassa densità di popolazione, portanti poligoni di sperimen- ingegnere cinquantenne, Bu- quillizzato i fedeli sulla bontà futuro, ma si fa un'esame di co-
alla vicinanza con il mare e so- tazione, e dove la penisola col- tumorale stianu Cumpostu, promotore del nucleare. Lo definiva 'ener- scienza su quanto è avvenuto
prattutto al territorio non si- legata è stata dichiarata zona del referendum. Corre per gia pulita'. Per non parlare del nel passato. Su quanto ha con-
smico. non bonificabile. O Porto Tor- ogni angolo dell'isola per spie- Pd: uno dei suoi massimi espo- cesso: “Pensavamo alla fami-
res, protagonista con l'indu- non abbiamo ancora capito co- gare l'importanza del quesito, nenti regionali, Antonello Ca- glia, eravamo orgogliosi di ave-
“PENSI , una delle zone indi- stria pesante; la Maddalena e la me e dove sono andati a finire”. per spronare ogni elettore ad bras, lo sosteneva a gran vo- re grandi industrie sul territo-
viduate è addirittura a ridosso dismissione della base Usa “do- E ancora: “Con la Provincia di andare alle urne. L'obiettivo è ce”. rio, non capivamo – racconta
della raffineria Saras, vicino Ca- ve la Protezione civile dichiara Cagliari avevamo piazzato del- raggiungere quota 600 mila, Ilario –. Ognuno di noi ha uno o
gliari: parliamo di uno dei lem- di aver bonificato – spiega la le centraline di controllo nella non importa di quale schiera- ORA , al contrario, tutti zitti. più morti in casa da piangere.
bi di terra a maggior incidenza Zuncheddu – 62 mila tonnella- zona della Saras – racconta il mento, se indipendentista o Chi urla sono i referendari. Ur- Ora basta”. Ora manca poco al
tumorale” spiega Claudia Zun- te di rifiuti speciali, dei quali il presidente della Provincia, meno, perché in Sardegna la lano dati, statistiche. Puntano giorno nel quale la Sardegna
cheddu, consigliera regionale 21% giudicato pericoloso. Pec- Graziano Milia – Un sms, avver- stragrande maggioranza è con- sulle generazioni future: “I potrà voltare pagina. Se ne avrà
del raggruppamento indipen- cato che ci hanno messo solo tiva tutta la popolazione quan- vinta della necessità di mettere bambini che abitano nei pressi il coraggio e la forza.
dentista. Lei oltre che politico, 45 giorni, tra luglio e agosto, e do venivano superati certi limi- un argine forte al nucleare e lo delle centrali – denuncia Cum- Ha collaborato Debora Aru

Il Secolo torna al nero. E all’azzurro


IL CAMBIO DI LINEA DEL NUOVO DIRETTORE MARCELLO DE ANGELIS, GIÀ CONDANNATO PER TERRORISMO
futurista di Flavia Perina e Lu- vista alla sottosegretaria: “Leti- ne Perina il Secolo vendeva ferto questa situazione”. Il suo inconscia dell’Asse che fu. Og-
ciano Lanna. Il cambio di mar- zia vincerebbe facile se tutti i 2mila copie, oggi sono meno di lontano passato da camerata gi vicino al ministro Matteoli,
cia (su Roma, nella redazione nemici fossero come me”. Ma 500”. comunque ritorna in mente de Angelis è stato per lungo
di via della Scrofa) risale già al la vera rivelazione della svolta leggendo il messaggio che apre tempo nella destra sociale e co-
(FOTO EMBLEMA) 20 aprile scorso quando è an- normalizzatrice è l’ingresso in CONDANNATO per il 270 la pagina degli auguri: “Anche munitaria di Alemanno. Le sue
dato via Lanna (subentrato per prima pagina del larussiano bis, associazione sovversiva dalla Germania ti giungano le credenziali sono da “uomo ne-
di Fabrizio d’Esposito qualche settimana alla Perina) Massimo Corsaro, l’esponente per banda armata, de Angelis congratulazioni per il presti- ro” irregolare. Al punto che ri-
e il giornale è stato affidato a del Pdl che durante il dibattito era tra i neofascisti di Terza Po- gioso incarico”. Suggestione vela: “La prima a chiedermi di
l Secolo definizzato impugna Girolamo Fragalà, interno di sul processo breve si beccò del sizione e suo fratello Nanni fu
Inuovo
finanche la spada. Parola del
direttore, il deputato
lungo corso che rimarrà diret-
tore responsabile con la nuova
“fascista” persino da metà del
suo gruppo parlamentare. Mo-
“suicidato” nel carcere di Re-
bibbia. Lui, però, dopo tren-
fare il direttore fu Flavia Pe-
rina. Mi disse: ‘Perché non
lo fai tu?’”.
del Pdl Marcello de Angelis, era di Angelis. Da allora giù ti- tivo? Questa grottesca citazio- t’anni invoca il diritto all’o-
che ieri ha concluso così il suo toli e interviste nel segno del- ne: “Ci è voluto il rapimento e blio sulla condanna. La sua Trasformazioni Due titoli del nuovo
editoriale di saluto ai lettori: l’ortodossia berlusconiana. l’uccisione di Moro perché si nomina a direttore politico “Secolo”. A sinistra, De Angelis
“Torneremo a fare di questo smettesse di dire che le Brigate (lo stesso ruolo che aveva la
giornale una bandiera e un BREVE CARRELLATA. La rosse erano sedicenti, ma che Perina) ha pure causato un
simbolo, uno scudo e una spa-
da, una piazza in cui incontrar-
farsa tragicomica dei nove sot-
tosegretari Responsabili: “Rim-
erano parte integrante della
cultura della sinistra”.
clamoroso autobuco al Seco-
lo. Decisa giovedì scorso dal
Dopo la Perina,
si e una casa comune”. Perché
pure la spada? Risponde de
pasto, il Colle rovina il brindisi:
‘Parlino le Camere’”. Lo sciope-
Ieri, nel numero d’esordio di
de Angelis, il Corsaro corsivista
cda del quotidiano, l’accor-
do era di dare la notizia all’i-
spazio ai falchi
Angelis: “Perché sin da bambi-
no mi piacciono le storie di ca-
ro della Cgil di venerdì scorso:
“La chiamavano Cgil. Ieri in
ha menato forte contro l’ex di-
rezione futurista: “Quel suo ca-
nizio di questa settimana. Ma
è trapelata lo stesso e il giorno
Interviste alla
valieri come Parsifal”. piazza uno sciopero solo poli- rezzare temi che manco Conci- dopo tutti l’hanno pubblica-
Solo che adesso i cavalieri non tico con dipietristi e centri so- ta De Gregorio o Marco Trava- ta tranne il Secolo. Una scena Santanchè
si chiamano più Parsifal ma Sil- ciali”. La campagna per le ele- glio azzardavano nei loro scrit- tra Fantozzi e le Sturmtrup-
vio Berlusconi e il nuovo diret- zioni amministrative: “Il Cav ti, gli aveva garantito i peana pen degli ex an. Cui adesso si e corsivi
tore è stato investito del duro sfida l’opposizione nelle piaz- dell’intellighenzia nostrana. aggiunge la spada di Parsifal.
compito di normalizzare lo ze”. La Moratti litiga con la “ne- Peccato che quanto a vendite si In redazione de Angelis rac- del “fascista”
storico quotidiano della destra mica” Santanchè sulla questio- fosse rimasti a zero”. Replica conta di “aver trovato un clima
postfascista dopo la gestione ne Lassini, segue ampia inter- del finiano Raisi: “Con la gestio- teso perché molti hanno sof- Corsaro
Mercoledì 11 maggio 2011 pagina 7

U
COSE LORO

n fiume di denaro sporco che vale Maria Tarantola: “Il riciclaggio rappresenta un e politiche”.
Il riciclaggio in Italia il 10% per cento del Pil nazionale ponte fra criminalità e società civile che offre Tra il 2007 e il 2010 le segnalazioni di
(dato doppio rispetto alla media ai criminali, che dovrebbero per definizione operazioni sospette sono triplicate (da 12.500 a
mondiale) “suscettibile di generare gravi essere ‘banditi dalla società’, gli strumenti per 37 mila) e nel 20% dei casi hanno prodotto
vale il 10 per cento distorsioni nell’economia legale, alterando il essere invece accolti e integrati nel sistema, risultati sul piano investigativo. Le segnalazioni
corretto funzionamento dei mercati”. Sono i arrivando a sedere nei consigli provengono soprattutto da intermediari
numeri del riciclaggio in Italia, resi noti dal d’amministrazione e a contribuire bancari e dalle Poste, molto meno da
del Pil nazionale vicedirettore generale della Banca d’Italia Anna all’assunzione di decisioni economiche, sociali commercialisti e notai.

TUTTI I PUPARI
questo personaggio quando ci
ha consegnato il materiale su
De Gennaro? Laconica la rispo-
sta: “Perché lui non voleva en-
trare nella vicenda”. È qui che
Ciancimino sceglie di subordi-
nare, tradendolo, il patto di

DI CIANCIMINO
lealtà con i magistrati che lo in-
terrogano, al rapporto di fidu-
cia che lo lega a questo miste-
rioso personaggio, potente a
tal punto, nel suo immagina-
rio, da tacerne il ruolo per un
anno ai magistrati. Potente e in-
“Le carte me le passò un carabiniere formato a tal punto da avvertir-
lo “che si stava muovendo qual-
cosa” contro di lui, che era sta-
che poi mi disse: vogliono ucciderti” to dato ordine di farlo fuori “e
in maniera esemplare”. “Mi
consigliò – ha detto – di lascia-
di Giuseppe Lo Bianco teste assistito (è questa la veste ri Giacinto Paolantonio (uno re Palermo”.
e Sandra Rizza giuridica che vede comparire dei protagonisti dei misteri del-
Palermo Massimo Ciancimino ancora la morte del bandito Giuliano, L’AVVERTIMENTO, se-
una volta in aula di fronte a Mo- poi promosso comandante dei condo Ciancimino, si sarebbe
l signor Franco non è Gian- ri), provato da due settimane di vigili urbani a Palermo). concretizzato poco dopo nella

I ni De Gennaro. Il senatore
Marcello Dell’Utri aveva
un canale diretto con Ber-
nardo Provenzano. Il generale
Antonio Subranni era “inqua-
carcere, e da una fresca iscri-
zione nel registro degli indaga-
ti per concorso in associazione
mafiosa, non c’è più traccia di
ironia. Camicia a righe bianche
Un uomo che viene da un pas-
sato fitto di misteri sui rapporti
tra pezzi della mafia e pezzi del-
lo Stato, che si proiettano, do-
po 60 anni, sulla trattativa della
consegna dei candelotti di
esplosivo con un pacco conte-
nente anche una foto di suo fi-
glio, e l’ordine di restituire
“750 mila euro” a chi sapeva
drato”, cioè manovrabile. I e blu, pantalone blu, l’insepa- fine del secolo scorso. L’incon- lui, “e cioè – dice Massimo – a Massimo Ciancimino al processo Mori (FOTO ANSA)
candelotti di dinamite glieli ha rabile bottiglietta d’acqua con tro decisivo tra Massimo e mi- Matteo Messina Denaro”. E ha
spediti Matteo Messina Dena-
ro con la richiesta di 750 mila
faldone di documenti e la con-
sueta propensione alle teleca-
ster X avviene a Palermo, a Pa-
lazzo Steri, nel corso della pre-
concluso: “Il 90 per cento della
gente che incontro mi chiede:
appreso dallo stesso Ultimo
che nel 1996 Mori non gli
Mister X
euro. E la trattativa? Mario Mo-
ri e Giuseppe De Donno non
mere, cui non si sottrae, il figlio
di don Vito si giustifica, tenta di
sentazione del volume Don Vito
nell’aprile dell’anno scorso.
ma chi te lo fa fare a parlare?”.
Ed è anche una delle domande
avrebbe concesso gli uomini
necessari per stanare Bernardo
“mi ha rivelato:
c’entrano, a condurla sono
stati Nicola Mancino (all’epo-
difendere la genuinità della sua
collaborazione, sostenendo
Racconta Ciancimino jr: “Mi
consegnò quattro fogli, ag-
attorno a cui ruotano le nuove
indagini sulle ultime dichiara-
Provenzano. Da qui sarebbe
nata la rottura dei rapporti fra i
“La trattativa
ca ministro dell’Interno), Ni- che da quando ha cominciato a giungendo che mio padre gli zioni del teste in progress più due. Una circostanza sempre
colò Amato (capo del Dap) e parlare con i magistrati è finito aveva fornito tutta questa do- tormentato che la procura di smentita da De Caprio. Nel l’hanno
De Gennaro: “Me l’ha detto nel mirino di quattro procure, cumentazione, che lui chiama- Palermo ricordi. L’udienza si confronto i due ufficiali sono
mister X”. Ecco le nuove verità “invece se stavo zitto non mi sa- va ‘il pepe’, per rendere più ap- era aperta con il confronto tra rimasti sulle loro posizioni. Il condotta
in progress saltate fuori dal ci- rebbe successo niente”. petibile l’eventuale pubblica- Sergio De Caprio, il capitano processo è stato rinviato al 18 e
lindro di Massimo Ciancimi- Ad aggravare la sua posizione zione del libro Le Mafie”. Ma Ultimo, e il colonnello dei ca- 19 maggio a Roma per l’esame Mancino
no, interrogato ieri per la quar- arriva oggi mister X, e cioè l’au- perché, chiede il pm Di Mat- rabinieri Massimo Giraudo, dei pentiti Giovanni Brusca e
ta volta nel processo Mori (la tista del generale dei carabinie- teo, lei non ha fatto cenno a che ai pm ha riferito di avere Angelo Siino. e De Gennaro”
prima da detenuto per calun-
nia), e definito dal senatore
Mancino un testimone che
“non sa nulla, ma riferisce ma-
liziosamente per sentito dire,
confezionandosi una scialup-
Il super affare dei cacciabombardieri
pa di salvataggio per evitare a DAL MADOFF DEI PARIOLI A FINMECCANICA: INCHIESTE PARLAMENTARI IN GERMANIA, AUSTRIA E INGHILTERRA
se stesso ulteriori guai giudi-
ziari”. di Marco Lillo sorzio a cui partecipano anche to al Governo austriaco un paio sono svolte diverse inchieste striaco, Walter Schon, era effet-
i tedeschi, i britannici e gli spa- di anni fa ma già nel 2004, quan- parlamentari, giudiziarie e tivamente il proprietario di una
DOPO il signor Franco è la vol-
ta di mister X, il misterioso sug-
geritore che gli avrebbe fornito
Cdraiunasono un manager italiano e
società con sede a Lon-
e filiale nel quartiere Prati
gnoli, si è messo in proprio.
Oggi risulta essere il rappre-
sentante in Italia di una società
do l’accordo era stato appena
firmato, cominciarono a girare
vorticosamente decine di mi-
giornalistiche ma nessuna fino-
ra aveva illuminato il ruolo del-
l’allora manager italiano del
delle società, la Centro Con-
sult, che hanno incassato 7,4
milioni di euro da Vector Aero-
il documento taroccato su di Roma, a monte e a valle di che - come ha scoperto Il Fatto lioni tra Germania, Austria, consorzio Eurofighter: Pier Lui- space. Il Fatto però ha scoperto
Gianni De Gennaro. Lui, Cian- uno degli affari più importanti Quotidiano - ha un ruolo chiave Gran Bretagna e Italia. L’azioni- gi Romagnoli. Quando è stato che Centro Consult, è stata di
cimino jr, lo chiama proprio e intricati d’Europa: la vendita in uno dei maggiori scandali fi- sta tedesco del consorzio Euro- arrestato per la sua truffa ai dan- Schon fino a pochi mesi fa,
così, mister X, dopo che i pm di 15 caccia Eurofighter per 2 nanziari degli ultimi tempi. fighter, Eads Deutsch, ha sbor- ni dei clienti romani, Lande ha quando la proprietà è passata a
Antonio Ingroia e Nino Di Mat- miliardi di euro all’Austria. Il Non stiamo parlando del crac sato negli anni seguenti e fino al raccontato al pm Luca Tescaro- Marketdrive, che già nel 2003
teo lo invitano a non pronun- manager si chiama Pier Luigi del cosiddetto Madoff dei Pa- 2008 circa 84 milioni che sono li la parte della storia che già era era stata titolare di questa socie-
ciare il suo nome in aula per Romagnoli, 63 anni, dopo aver rioli, Giancarlo Lande, ma di finiti a Vector Aerospace Llp, emersa in Austria e Germania. tà. Non basta, la Marketdrive -
non ostacolare le indagini in guidato Alenia è passato nel Eurofighter. una struttura societaria londi- Lande nel suo interrogatorio rappresentata in Italia dal 2008
corso. Nel racconto del figlio 2003 ad Eurofighter, il consor- nese creata da Lande. Vector gi- spiega che il Governo austria- da Romagnoli, è stata proprie-
di don Vito, l’uomo misterioso zio del quale Alenia (gruppo LA SOCIETÀ londinese di- rerà parte di quei soldi a altre co, come compensazione di un taria anche, per brevi periodi e
è il “puparo”, il regista, il silen- Finmeccanica) ha il 19,5 per retta da Lande fino a pochi mesi società schermate di Lande (11 investimento di 2 miliardi per in anni diversi, delle società
zioso manovratore che lo cento. Quando Eurofighter ha fa e rappresentata in Italia da milioni alla Daharti, circa 6 mi- l’acquisto di 15 aerei ottenne che controllavano Vector Aero-
avrebbe precipitato nel tunnel venduto 20 cacciabombardie- Romagnoli, si chiama Market- lioni alla Dharma) e ancora a so- da Eurofighter l’impegno a in- space. Si chiamano Hopewell
della calunnia, trascinandolo ri all’Austria (poi scesi a 15), drive Consultants Ltd ed è la cietà dietro le quali ci sono sog- vestire sul territorio somme im- Investments Ltd e Provan Tra-
in galera e mettendo a dura pro- Romagnoli era responsabile chiave del giallo Eurofi- getti austriaci e tedeschi. portanti. Il socio tedesco di Eu- ding Ltd.
va la credibilità delle sue affer- export Eurofighter. Dopo es- ghter-Austria. L’ultimo caccia- Su questa vicenda in Austria, rofighter si premurò di assicu-
mazioni. E stavolta sul viso del sere uscito nel 2007 dal con- bombardiere è stato consegna- Germania e Gran Bretagna si rare questo investimento e MARKETDRIVE appare in
scelse stranamente una società epoche diverse nell’azionaria-
neocostituita da Lande, la Vec- to di tre società che hanno in-
tor appunto, che aveva preso in cassato decine e decine di mi-
FORTUGNO Al Senato prestito solo il nome da un co-
losso dell’aviazione. Perché
lioni di euro dall’affare Eurofi-
ghter. Il Fatto è andato a curio-
Eads sceglie Lande? Questa è la sare nella sede romana di via
lo scoop del “Fatto” sua risposta al pm: “Si sono ri-
volti a me i due rappresentanti
Crescenzio 69. E ha scoperto
che Pierluigi Romagnoli, fino a
n’interrogazione è stata presentata dai senatori del
Udi Francesco
Pd Alberto Maritati e Silvia Della Monica a proposito
Fortugno, ucciso a Locri il 16 ottobre
dell'EADS, Manfred Wolff, cit-
tadino tedesco, che vive in
Spagna, e Klaus Bergner, tede-
pochi mesi fa frequentava la se-
de della Marketdrive Consul-
tants. Questo manager brizzo-
2005: “In un articolo pubblicato il 3 maggio 2011 – si sco, che vive in Austria e io ho lato, alto ed elegante somiglian-
legge – il Fatto Quotidiano riporta il contenuto di un’in- creato questa struttura Vector te un po’ a Tronchetti Provera
formativa del 1° dicembre 2005 della squadra mobile di Aerospace. Il contatto è giun- parcheggiava la sua Bmw e sa-
Reggio Calabria. Da essa si evince che tre giorni prima to per il tramite dell’ingegnere liva al terzo piano. Qualche me-
che Fortugno venisse ucciso, lo ‘ndranghetista Salva- Romagnoli”. Poi Lande ag- se fa, poco prima dell’arresto di
tore Tuscano informava don Mico Libri che un evento giunge però i nomi di due au- Lande, però è sparito sia lui che
straordinario sarebbe accaduto a breve, e che il lunedì striaci: “i procacciatori per la targa della Marketdrive. L’ap-
successivo ne avrebbero parlato tutti i giornali”. Libri – Vector sono Walter Schon e Al- partamento (di proprietà della
potente boss di Reggio morto nel 2007 – era allora agli fred Plattner. I soci di Vector”, moglie, Maria Luisa Paolantoni,
arresti domiciliari, dunque sottoposto ad intercettazio- per Lande, “erano i citati tede- titolare di una quota del Caffè
ni ambientali. I senatori chiedono di accertare even- schi. Devo verificare”, però Palombini dell’Eur) è stato oc-
tuali responsabilità: non risulta che l’informativa sia Eurofighter A Prati, quartiere aggiunge il manager, “se Ro- cupato dallo studio di un avvo-
mai stata trasferita né nelle indagini né nel processo. della Roma bene, la sede della magnoli abbia percepito parte cato. Si chiama Salvatore Sciul-
società di Romagnoli, al centro di quei 84 milioni di Euro”. lo ed è il legale di Gianfranco
dell’affare dei cacciabombardieri Il commerciante di armi au- Lande.
pagina 8 Mercoledì 11 maggio 2011

DAL MONDO

BIN LADEN “VECCHIO”


Il fotogramma del video diffuso dal Pentagono
(FOTO LAPRESSE) e le immagini “comparative” messe
in rete dal sito Shoumoukh al Islam (FOTO ANSA)

de facendo sapere che il figlio

VIDEO-GUERRA
minore dei 24, o 26, di Osama,
Hamza, sarebbe riuscito a fuggi-
re da Abbottabad e avrebbe già
vestito i panni di “principe ere-
ditario del terrore”.

IN UN VIDEO del 2001, un

TRA USA E AL QAEDA Hamza allora ragazzino legge


una poesia sulle gesta del padre:
“Avverto l’America che subirà
conseguenze terribili se cerche-
rà di prenderlo”. Il Wall Street
Journal invece fa pregustare agli
Il sito dei terroristi: “Gli americani mentono, americani un frutto dell’elimi-
nazione del “nemico pubblico
numero 1”: il ritiro dall’Afghani-
quell’uomo non è Osama” stan di 5mila soldati entro luglio
e di altrettanti entro fine anno. Il
piano, in realtà, è precedente al-
di Giampiero Gramaglia se stesso”. Ecco le prove del fal- la casa-covo. Islamabad nicchia, l’uccisione di Osama: attuato
so: l’anziano dalla barba bianca mentre la stampa statunitense ora porterebbe pure mandare il
on sai più a chi credere: snocciola notizie urticanti per il messaggio che la guerra è vinta.

N
del video diffuso dal Pentagono
appena uno dice una co- non sarebbe Osama, perchè gli Pakistan. Eccone un’antologia: Infatti, con mossa bipartisan,
sa, l’altro la smentisce. occhi e le orecchie non sareb- la Cia spiava da tempo l’Isi, il ser- esperti per interrogare Osama quisite, ma non è detto che vo- due influenti senatori, John
Però, tra Barack Obama, bero le sue. Gli Stati Uniti ave- vizio segreto pachistano, e le se l’avessero catturato, e specia- glia spartirle con i pachistani. E Kerry, democratico, e Richard
e un sito di terroristi, si tende a vano annunciato che le forze Navy Seals del blitz erano auto- listi di riti funebri islamici per per la seconda volta dal raid, un Lugar, repubblicano, mettono
credere al primo. Nella vicenda speciali avevano sequestrato, rizzate a rispondere al fuoco dei seppellirlo, com’è poi avvenu- drone Usa colpisce e uccide nel in guardia la Casa Bianca: niente
dell’uccisione di Bin Laden, ve- nel blitz del 1° maggio, cinque militari pachistani, se questi to. Infine, l’Amministrazione Waziristan, in quel lembo di ter- ritiro “precipitato” dall’Afgha-
rità e falsità, informazione e video, uno o più computer e dei avessero cercato di fermarli; le americana intende condividere ritorio pachistano dove si cre- nistan, dove l’estate è il momen-
propaganda, s’intrecciano di documenti nella casa-covo squadre speciali avevano con sè con gli alleati le informazioni ac- deva fosse Osama. L’Isi rispon- to più cruento.
continuo: l’unica cosa davvero d’Abbottabad. Uno mostra, ap-
certa è che il fondatore di al punto, Osama, o un suo alias,
Qaeda è stato ammazzato.

ADESSO PERÒ un sito mette


barba bianca non curata, un ber-
retto di lana nero in testa, una
coperta marrone sulle spalle,
“Eroe della causa palestinese
in rete un video di al Qaeda che
accusa gli americani d’avere fal-
mentre fa zapping con il teleco-
mando davanti a una minuscola
No, solo un assassino”
sificato le immagini del terrori- televisione e soffermandosi
sta “baby-pensionato” a 54 an- quando un’emittente diffonde morte di Osama bin Laden ha invece por- nei del Nordafrica, si sono dati appunta-
ni: uno spezzone che, da solo, sue immagini. Quel frammento tato nuove divisioni, in giornate che era- mento con Facebook: domenica dovreb-
inficia il mito della mente degli è devastante per il mito di Osa- no pensate all’insegna della riconcilia- bero iniziare le occupazioni dei posti di
attacchi dell’11 Settembre ma e rischia di annacquarne l’i- zione nazionale, con l’obiettivo di un’u- blocco dello Stato ebraico. Fremiti che
2001. “L’America mente” pro- conografia anche nel Mondo nità tra le due enclave palestinesi. Gli agitano l’accordo tra Hamas e Fatah. Nel-
clama il sito Shoumoukh al arabo. La polemica “vero/falso” estremisti di Hamas e i moderati di Fatah l’agenda politica di Bin Laden c’era anche
Islam, che di solito mette in rete è il fatto saliente di una giornata I leader di Fatah e Hamas al Cairo (FOTO ANSA) si sono divisi. “Condanniamo l’uccisio- la causa palestinese. Anzi, al centro del-
i messaggi di al Qaeda e che d’ordinario malessere tra Usa e ne di ogni mujahed (combattente islami- l’ultimo messaggio del fondatore di Al
spiega d’avere voluto risponde- Pakistan: stavolta, i contrasti na- di Matteo Bosco Bortolaso co) e di ogni individuo musulmano o ara- Qaeda, ci sarebbe un messaggio dedicato
re “al video diffuso da media ara- scono dal desiderio dell’intelli- Betlemme bo”, ha tuonato il capo dell’esecutivo di proprio al futuro dei territori occupati da
bi e stranieri che mostra Osama gence americana d’interrogare Hamas, Ismail Haniyeh. All’opposto, il Israele: “L’America – aveva detto lo sceic-
mentre guarda in tv immagini di le mogli di Osama che erano nel- in Laden? Era stato pagato dalla Cia! leader dell’Anp, Salam Fayyad, ha detto co – non potrà sognare alcuna sicurezza
“B Gli americani fanno sempre così:
trovano un alleato di comodo, poi si ac-
che “l’uomo che è stato ucciso si era im-
pegnato in un’opera di distruzione lun-
per se stessa fino a quando non ci sarà la
pace in Palestina”. Rivolto agli Stati Uniti,
corgono dell’errore, ma ormai è troppo go la sua intera vita: spero che la morte Osama aveva detto che è “ingiusto che la
tardi”. Il fabbro di Betlemme, in Cisgior- segni l’inizio della fine di questa epoca vostra vita sia in pace mentre i vostri fra-
dania, accoglie i suoi ospiti con caffè e tenebrosa”. telli palestinesi vivono nell’angoscia”.
commenti sulle ultime dal Pakistan. Nei Un sondaggio del Near East Consulting,
territori palestinesi fa caldo, la torrida L’USCITA DI BIN LADEN in realtà, un istituto di ricerca di Ramallah, sostie-
estate mediorientale è alle porte, e tutti coincide con l’impegno dei palestinesi ne che il 64% dei palestinesi avrebbe ac-
parlano del defunto sceicco del terrore. che, al Cairo, hanno deciso di formare un cettato di vedere Bin Laden sepolto nella
Cosa accadrà adesso? “Niente, non cam- governo unitario per portare all’Onu, in loro terra. Washington, però, ha impedi-
bierà niente”, ripete il fabbro mentre i settembre, la richiesta di riconoscere la to ogni ipotesi di mausoleo qaedista get-
suoi compagni saldano maniglie e pre- Palestina come Stato, al pari di Israele. Al tando il corpo in mare. Lo spettro dello
parano inferriate. I cancelli servono alle momento, al Palazzo di Vetro, l’Anp ha un sceicco continuerà comunque ad aleg-
povere case di arabi e cristiani, alle chie- rappresentante senza potere di voto, un giare sulla Palestina, mettendo a dura pro-
se dedicate a Gesù e alle moschee. Lui, semplice osservatore. L’unità reggerà? va i tentativi di riconciliazione nazionale.
un uomo pacato col guizzo arguto, rea- Difficile dirlo, anche perché Ramallah, “È un accordo sporco, non funzionerà”,
gisce come fa la gente comune in Pale- Hebron, Nablus e Gaza sono attraversate dice il fabbro di Betlemme, mentre sor-
Il corpo riappare nel Tevere Un fantoccio con le sembianze di Bin Laden nel fiume di Roma. stina: un’alzata di spalle, rassegnata, per- da quelle ondate di protesta che hanno seggia il caffè e fuma una sigaretta. Per poi
In tasca le tessere di Cia, Mossad e Democratic Party. E un biglietto con la scritta “Guardati dagli ché tutto rimarrà come sempre. Per chi scosso Tunisia, Egitto, Libia. I giovani pa- fare una domanda: “Mi dicono che agli ita-
amici”. Ovviamente è una burla targata Turbodinamismo, corrente artistica di Casa Pound. fa politica, tra Gaza e Cisgiordania, la lestinesi, tecnologici come i loro coeta- liani piace il caffè e le donne, è così?”.

Tra Afghanistan e Pakistan: tanti padroni, nessuna legge


LE ZONE TRIBALI COVO DEGLI ORFANI DEL TERRORISTA E CUORE DEI TRAFFICI ILLEGALI CHE INFLUENZANO I DUE PAESI
di Barbara Schiavulli Omar”, ci dice Rashid Katthak, un capo- shington”. Molti, tra cui i partiti di oppo- ne permanente in materia di sicurezza”, chi non si fa crescere la barba riceve una
Islamabad redattore di uno dei principali giornali pa- sizione vorrebbero le teste di presidente, confermando che le forze americane con- bastonata con una canna di bambù. Nien-
chistani, il Down. Ma gli americani do- premier, capo dei servizi e dell’Esercito, ducono delle operazioni in territorio pachi- te scuola per le ragazzine, niente musica e
uhammad Khan è arrivato due giorni vranno andarci cauti, perché il governo ma di fatto è probabile che dovranno ac- stano. E il territorio è il Nord Waziristan, il niente cinema. Quelli di al Qaeda godono
M fa dallo Swat, una delle regioni tribali
del Pakistan che confinano con l’Afgha-
pachistano non può accumulare imba-
razzi. Ieri il premier Gilani ha riferito al
contentarsi dell’apertura di un’inchiesta
sulla presenza di Osama bin Laden in Pa-
sud, le regioni autonome, e tutta quella
lunga striscia di terra che i Taliban attra-
della loro ospitalità che rientra nel codice di
condotta delle montagne di cui la cosa più
nistan. Non è particolarmente contento parlamento l’affare Osama, ma in realtà kistan. versano quando scappano dai combatti- importante è il nang, l’onore.
di aver dovuto lasciare la sua casa e i suoi rispondeva al presidente americano Oba- “È stato un fallimento dell'intelligence - ha menti nel sud dell’Afghanistan, dove ci sa-
familiari, ma sono stati proprio loro a spin- ma. “Le accuse di complicità o incompe- detto il ministro degli Interni Rehman Ma- rebbero i centri di addestramento della mi- Ed è qui che gli americani, per gli analisti,
gerlo ad andarsene. Khan è un noto com- tenza sono assurde. L’azione unilaterale lik - Qualche volta succede, ma voglio ras- litanza. Anche perché non c’è Stato, la gen- hanno commesso l’errore più grande con
positore di musica tradizionale. Per la delle forze speciali Usa su territorio pa- sicurare i nostri alleati che Bin Laden non te delle montagne è libera con sue regole l’uso dei drone, gli aeroplanini armati te-
strada, nella capitale lo fermano per strin- chistano. Non resterà senza conseguen- era protetto da alcuna agenzia governa- feudali. Nelle aree tribali, scarsamente po- lecomandati, che fino al 2007 avevano
gergli la mano, lui invece è distrutto. Uno ze”, anche se il Pakistan “attribuisce gran- tiva”. Il ministro ha sottolineato che tra Sta- polate, con un tasso di alfabetismo del condotto solo qualche operazione, per poi
dei membri del suo gruppo è stato ucciso de importanza ai suoi rapporti con Wa- ti Uniti e Pakistan “esiste una cooperazio- 19% e con le uniche scuole che sono quelle diventare quasi 300 dal 2008 causando la
solo perché era un musicista. “La nostra coraniche finanziate per morte di 3000 persone, sospetti militanti
terra ormai è in mano dei Taliban e i nostri lo più dalla conservatrice per gli americani, ma spesso c’erano don-
cieli sono degli americani, a noi non resta
che fuggire”.
La disperazione Arabia Saudita, coman-
dano i Signori della Guer-
ne e bambini. “Bisogna pensare che uno
dei valori di questa gente è la vendetta se

Una terra maledetta che in molti han-


della gente: ra, Hekmatyar solo per ci-
tarne uno, e della droga di
l’onore viene violato – ci spiega Amid Mir,
noto giornalista pachistano, l’ultimo ad
no cercato di piegare, un confine che solo
esiste sulle mappe ingiallite dal tempo di-
“Questa terra cui passa un quarto di
quella prodotta in Afgha-
aver intervistato Bin Laden nel 2001 – non
è una guerra di religione, i militanti di quel-
segnate dopo il 1948 e mai riconosciute nistan, i leader anziani e l’area lo fanno per vendicarsi dei loro fa-
dai pashtun, l’etnia dalle montagne che da è in mano tribali e ora i comandati miliari uccisi. Credo che se i raid smettes-
Pakistan unisce tutto il sud dell’Afghani- Taliban afghani, mentre i sero si formerebbero meno militanti per-
stan. La terra dei Taliban, dei conflitti, il luo- ai Talebani, Taliban pachistani si sono ché gli verrebbe tolta una motivazione es-
go dove si nascondono i leader di al Qaeda formati solo nel 2007. Chi senziale”. Non sono gli irriducibili, gli arabi
rimasti da catturare. “Gli americani ora i cieli sono non porta il cappellino ti- o gli afghani che combattono da sempre,
staranno cercando al Zawahiri, il numero pico viene multato di 2 dai tempi dei sovietici, quando Bin Laden
due di al Qaeda o addirittura il Mullah degli americani” dollari, due giorni di paga, faceva comodo agli americani.
Mercoledì 11 maggio 2011 pagina 9

DAL MONDO

N
IL SILENZIO DI GHEDDAFI: MORTO O SPARITO SIRIA
Asma al Assad
fuggita a Londra

SOTTO LE BOMBE DELLA NATO L a moglie del dittatore


siriano Bashar al
Assad, volto positivo fin di
recente del regime di
Damasco, sarebbe
L’Alleanza ripete: non è un obiettivo, ma se viene colpito... scappata in Gran
Bretagna: Asma Assad, 35
anni e nata nella capitale
britannica dove ha
di Alessandro Oppes tv satellitari Al Jazeera e Al Ara- notizia in merito”. nese distrusse una palazzina al- minazione fisica è diventato un lavorato alla City prima di
Madrid biya – anche il bunker di Bab Non sappiamo cosa stia facen- la periferia di Tripoli nella qua- obiettivo prioritario della mis- sposarsi, si sarebbe
el-Aziziya, dove Gheddafi ha la do adesso Gheddafi – dice Ga- le si disse che si trovava il Co- sione, sarebbe una scelta in net- rifugiata con i 3 figli della
ivo o morto? Il mistero sua residenza. Se il leader libi- copia in una casa di lusso

V
bellini – A dire la verità, non sia- lonnello. ta contraddizione con gli sforzi
sulla sorte di Muammar co si trovasse all’interno in mo neppure interessati. Il no- del Tribunale Penale Interna- nell’area di Londra.
Gheddafi resta intatto an- quel momento, nessuno è in stro mandato è proteggere la IN QUELL’ATTACCO, ri- zionale, che punta decisamen-
che dopo l’ultimo, pesan- grado di stabilirlo. popolazione civile libica e lo masero uccisi – secondo la ver- te a portarlo sul banco degli im-
te bombardamento di Tripoli eseguiamo colpendo bersagli sione ufficiale – il figlio Saif putati. Dall’Aja, il procuratore
che la Nato si ostina ad affer- “NON ABBIAMO alcuna militari, non individui specifi- al-Arab e 3 nipoti. Nelle scorse capo Luis Moreno Ocampo ha
mare non avesse come obiet- prova” che sia ancora vivo, ha ci”. settimane, si era anche diffusa fatto sapere proprio ieri che
tivo l’uccisione del Colonnel- ammesso il brigadiere generale Una formula che sembra studia- la voce, poi smentita, dell’ucci- probabilmente lunedì prossi-
lo. Eppure nella notte tra lune- Claudio Gabellini parlando ai ta per scongiurare polemiche sione in combattimento di un mo, emetterà i mandati di cat-
dì e martedì, nelle tre ore d’in- giornalisti a Napoli nella sede all’interno della Coalizione, ma altro dei figli del Raìs, Khamis, tura per crimini di guerra e cri-
ferno scatenate dai caccia del- del comando della missione che appare contraddetta dai che guida una temibile brigata mini contro l’umanità per il lea-
l’Alleanza in 8 raid condotti sui Unified Protector, mentre da Tri- fatti: sono passati poco più di d’élite. der libico, suo figlio Saif
cieli della capitale, sarebbe sta- poli il vicario apostolico, mon- dieci giorni da quando, in un al- È dalla morte di Saif che di al-Islam e il capo dell’intelligen-
to colpito per la seconda volta signor Giovanni Martinelli, so- tro violentissimo raid dell’Al- Gheddafi non si hanno più no- ce Abdullah al-Senussi.
in due settimane – secondo le steneva di non avere “nessuna leanza atlantica, un caccia da- tizie. Ma se è vero che la sua eli- Resta aperta tuttavia anche YEMEN
un’altra ipotesi, in qual-
che modo avvalorata Scontri e morti
dalle ultime dichiarazio- a Sana’a
IMMIGRAZIONE Maroni allarmista ni del segretario genera-

Il Cnel: “No alla retorica dell’invasione”


le della Nato, Anders Fo-
gh Rasmussen, che do-
po aver affermato che
S contri in Yemen tra
manifestanti e polizia
nella città portuale di
“per Gheddafi la partita al-Hodeida, dove la
di Alessandro Cisilin solo 25 mila gli immigrati arrivati da voi e la mag- è chiusa”, ha invitato la protesta alla fine è stata
gior parte hanno proseguito il viaggio verso il coalizione a “trovare dispersa. Nella capitale,
l mare grosso rallenta l'ondata di sbarchi sulle una soluzione politica”. Sana’a, almeno 15 persone
Igenza
isole siciliane, ma il governo rilancia l'emer-
e la polemica con l'Europa. In mezzo, il
nord”. “No a improvvisazioni sull'immigrazio-
ne”, sentenzia da Strasburgo il presidente della
Commissione Barroso. Ma a tirare le orecchie ai
Non è escluso insomma
che, abbandonata per
sarebbero state uccise nella
repressione di una
Consiglio Nazionale dell'Economia del Lavoro ministri italiani interviene anche il Cnel. “Basta calcolo strategico la ri- manifestazione per
che parla di politiche fallimentari e rovescia del con la retorica dell'emergenza”, protesta il vice- balta, il Raìs possa esse- chiedere la destituzione del
tutto la problematica migratoria. Sono poche presidente Alessandrini. Il Cnel è organo di ri- re impegnato a trovare presidente Saleh.
centinaia gli extracomunitari rimasti a Lampe- levanza costituzionale, eppure ad assistere alla una via d’uscita negozia-
dusa dopo gli smistamenti nei porti del cen- presentazione di un'esauriente ricerca sulle mi- ta, un salvacondotto che VATICANO-USA
tro-nord, e proprio oggi a Civitavecchia saran- grazioni dall'Africa non c'era ieri l'ombra di potrebbe essere ritenu-
no consegnate quattro motovedette alle auto- esponenti politici. Le previsioni dicono che, dal to conveniente anche Richiesti
rità tunisine, in base all'accordo del mese scor- continente sub-sahariano, arriveranno in Euro- dalla coalizione interna- documenti interni
so. “I rifugiati libici potrebbero essere in parte pa almeno 40 milioni di migranti entro il 2050. zionale impegnata nel
mandati da Gheddafi”, azzarda intanto il mini-
stro La Russa, ribadendo il concetto di un'Italia
“lasciata sola dall'Europa”.
Un dato strutturale, legato a ragioni demogra-
fiche ed economiche, prima che belliche. Un fe-
nomeno talmente esteso da rendere ininfluenti
conflitto. In visita ai sol-
dati spagnoli a Decimo-
mannu, il ministro della
P er la prima volta il
Vaticano dovrà
produrre dei documenti
le (costose) politiche di frontiera, tra respingi- Difesa di Madrid, Carme interni davanti alla
REFRAIN RECITATO ieri anche da Maro- menti e quote, spiega il relatore del rapporto An- Chacón, dopo aver det- giustizia Usa, che cerca di
ni a margine di una riunione ministeriale del G8 tonio Golini. Uno scenario apocalittico? No. Laf- to che “non so se è que- valutare la sua qualità di
a Parigi, nel ricordare i 750 mila profughi po- flusso non basterà neppure a pareggiare il calo stione di settimane o di “datore di lavoro” nella
tenziali stimati dall'Onu in Libia, chiosando: “Se- della popolazione europea, soprattutto giovani- mesi, ma alla fine libere- vicenda di un prete
condo me sono il doppio”. E per l'ennesima vol- le, tant'è che la previsione è di una forza lavoro remo il popolo libico”, accusato di pedofilia in
ta i suoi colleghi europei hanno dovuto repli- diminuita, considerando pure gli immigrati, di ha ammesso che per Oregon. Un tribunale civile
care: “L'Italia non ha ragione di lamentarsi”, pa- oltre cento milioni di persone nei prossimi qua- Stirpe Gheddafi (69 anni) e, in senso orario, Seif- porre fine al conflitto ha deciso di citare la Santa
role del tedesco Friedrich, notando che “sono rant'anni. Nessuno, quindi, “ci ruberà il posto”. al-Islam (39), Aisha (35), Hannibal (35), occorre che “la pressio- sede come testimone nella
Moutassim (34), Khamis (28) e al Saadi (38); ne militare” sia “unita vicenda, che risale al 1965:
restano Mohammed (41) e Seif al-Arab (29)F A OTOagli sforzi diplomatici”.
NSA la vittima, 15enne all’epoca
dei fatti, accusa il
reverendo Andrew Ronan
I “most wanted” all’americana (deceduto nel 1992) di
averlo molestato.

La hit dei ricercati, non solo terroristi GIAPPONE


Naoto Kan si
ul sito dell'Fbi, il nome di Osama Gli altri criminali super toglie lo stipendio
S bin Laden non è stato (ancora) ricercati per la rivista
cancellato dalla lista dei super-ricer-
cati, i “most wanted”. Ma accanto
al nome del fondatore ed (ex) capo
“Forbes” sono Alimzhan
Tokhtakhounov (capo
della mafia russa);
I l premier giapponese,
Naoto Kan, rinuncerà
allo stipendio finchè
di al Qaeda, c'è la dizione “decea- Dawood Ibrahim Kaskar, perdurerà la crisi nucleare
sed”, “defunto”. Come a dire “que- criminale sospettato di Fukushima.
sto ce lo siamo tolto di torno”. L'uc- di aver preso parte Ammettendo
cisione di Osama, lo sceicco del ter- Joaquín Guzmán Matteo Messina Félicien Kabuga Joseph Kony James Bulger agli attacchi di Mumbai responsabilità del governo
rore, cambia la mappa dei latitanti Loera Denaro implicato nel genocidio criminale di guerra mafioso e narcotrafficante del 2008 sull’incidente, Kan s’è
d'America (e del mondo). Riviste, narcotrafficante capo di Cosa Nostra ruandese ugandese di Boston scusato con i giapponesi.
come Forbes o Time, compilano
classifiche che danno l'impressione
di un cambio della guardia nelle parato. Poi, con un taglia di 5 milioni, percezione della minaccia.
priorità “giornalistiche” della sicu- alcuni alqaidisti di vecchio corso, ye- Ma, da tempo, Hollywood e le serie Gavotti, chi era costui?
rezza internazionale: narcotraffi- meniti ritenuti responsabili dell'at- tv sono alla ricerca di cattivi alterna-
canti e mafiosi, anche italiani, in vet-
ta alla lista al posto dei terroristi. Ma
tacco al cacciatorpediniere Cole (17
morti nell'autunno 2000, nel porto
tivi al terrorista mediorientale. E, al-
lora, mentre Time si contenta di
Un secolo di bombe dal cielo:
l'Fbi e la Cia, che badano al sodo e
non guardano al titolo, hanno una
di Aden), libanesi considerati prota-
gonisti di un dirottamento aereo nel
mettere Osama in prospettiva sto-
rica fra i più grandi criminali di tutti i
tutto inizia con un italiano
linea più conservativa. 1985, un presunto “bombarolo” alle tempi, Forbes mette Joaquin
ambasciate Usa di Nairobi e Guzman, detto “El Chapo” – ovve- Ecco un primato italiano di cui non andare novembre 1911, nel pieno dei combattimenti tra
Se usiamo l’entità della taglia, co- Dar-es-Salam, del 1998. Vale un mi- ro “il corto” visto che è basso di sta- proprio fieri. E un precursore di cui ci siamo le forze italiane e quelle dell’Impero Ottomano,
me criterio oggettivo per valutare la lione una soffiata che porti ad tura – sanguinario narcotrafficante (quasi) tutti dimenticati: il sottotenente Giulio il sottotenente scriveva al padre: “Ho deciso di
pericolosità percepita dei ricercati, Adam Gadahn, lo jihaddista ame- messicano, in testa alla sua classifica Gavotti, pilota nella guerra di Libia (quella gettare bombe dal mio aeroplano. È la prima
vediamo che la cricca di al Qaeda ricano, portavoce californiano (stra- mondiale. Subito dietro il criminale coloniale del 1911). La Bbc se n’è ricordata volta che ci proviamo: se ci riesco, sarò contento
continua a dominare la scena. Mor- no, ma vero) di al Qaeda. In questa indiano Dawood Ibrahim, che col- proprio al momento giusto. E la storia, sul sito di essere la prima persona ad averlo fatto”. Di lì a
to Osama, con un risparmio di 25 “hit parade” ufficiale, il primo non labora anche con organizzazioni dell’emittente britannica, è subito divenuta una poco, il Gavotti lo fece davvero, lasciando cadere
milioni di dollari – la taglia non sarà integralista islamico, quotato “solo” terroristiche (c'era il suo zampino delle più “cliccate”, complice una foto che ci tre bombe da un chilo e mezzo ciascuna su
pagata, è stato detto, a tacitare voci 250mila dollari è Daniel Sandie- negli attacchi a Mumbai del 2008, mostra l’ufficiale ai comandi del suo aereo con truppe turche stazionate in un’oasi nel deserto,
di soffiate e tradimenti – resta, “quo- go, integralista dell'animalismo, una oltre 190 vittime), non dimentica indosso una mantellina che fa tanto Alberto Ain Zara, oggi una cittadina a Est di Tripoli.
tato” come lui, il suo vice e probabile cui azione salvò cavie, ma fece due al-Zawahiri nè mafiosi nostrani co- Sordi ne “La Grande Guerra”. Grazie alle lettere Guernica e Coventry, Dresda e Hiroshima, e i
successore, Ayman al-Zawahiri, vittime umane. Per l'intelligence me Matteo Messina Denaro, al padre di Gavotti, di cui è entrata in possesso, la raid sui bunker di Gheddafi, che richiudono sulla
medico egiziano, figura meno cari- americana, come per la polizia fe- capo di Cosa Nostra dopo l'arresto di Bbc può ricostruire la genesi “fai-da-te” del Libia il cerchio d’un secolo di morte dal cielo.
smarica e fisicamente meno ierati- derale Usa, l'uccisione di Osama non Bernardo Provenzano. primo bombardamento aereo della storia. Nel G. G.
ca, ma ideologicamente molto pre- cambia, dunque, almeno a caldo, la (G. G.)
pagina 10 Mercoledì 11 maggio 2011

ECONOMIA

SUL CASO THYSSEN


CONFINDUSTRIA
NON SA COSA DIRE
Imbarazzo e versioni contrastanti
sull’applauso al manager condannato Le foto delle sette vittime della Thyssen in tribunale a Torino, nel tondo la Marcegaglia ( FOTO ANSA)

di Giorgio Meletti confindustriali sono state una-


nimi. Partiti di opposizione e
Espenhahn aveva ritenuto più
conveniente rinviare l’installa-
Marcegaglia vedrà le famiglie tanare gli investimenti esteri
dall’Italia e mettere anche a re-
on conosco la dina- di governo, ministri, sindacali- delle vittime. “Condanne troppo pentaglio, in qualche modo, la

“N
zione del sistema antincendio
mica dell’inciden- sti di tutte le sigle, hanno tro- automatico lungo quella linea sopravvivenza del nostro siste-
te”. Questa frase ap- vato la mossa quantomeno di di laminazione dell’acciaieria: ma industriale”. Curioso che
parentemente ba- dubbio gusto. La presidente “Se desidera incontrarci, va be- dure? Ce lo dica in faccia” avesse detto queste cose subito
nale l’ha pronunciata ieri, in Emma Marcegaglia, ideatrice ne. Vogliamo che ci ripeta in dopo le rassicurazioni di Espe-
un’intervista a La Repubblica Sa- della passerella trionfale per faccia che le condanne sono nhahn sul punto (vedi prima
lomone “Samy” Gattegno, ma- Harald Espenhahn, l’ammini- troppo alte”. to della linea innocentista della lontario. Può bastare addirittu- versione).
nager dal curriculum presti- stratore delegato della Thys- La Confindustria ha cercato di sua organizzazione. “Ha perfet- ra il taglio di un budget, hanno
gioso, da tre anni responsabile sen Krupp condannato a sedi- fronteggiare le critiche soste- tamente ragione la presidente stabilito i giudici di Torino. TERZA versione, data dal
del Comitato per la sicurezza ci anni e mezzo per omicidio nendo che è stato tutto un frain- – ha dichiarato – Non c'è alcun L’imbarazzo confindustriale ha giornalista Oscar Giannino che
della Confindustria. É lui la volontario, è rimasta senza pa- tendimento. Tesi complicata paese europeo che abbia con- comunque prodotto almeno dirigeva i lavori di Bergamo.
massima autorità confindu- role. da sostenere per la presidente dannato per omicidio volonta- tre versioni dei fatti di Berga- Presentando il manager con-
striale in tema di morti sul la- che ha voluto la brillante ope- rio un manager di un'azienda in mo, che per completezza van- dannato ha commentato la sen-
voro. E non sa come sono mor- L’IMPRENDITRICE di razione di sostegno alla Thys- cui si è verificato un incidente no riferite. tenza che l’ha colpito: “É un
ti i sette operai della Thyssen Mantova ha cercato di uscire sen Krupp, la multinazionale mortale. Quando tutti noi co- Prima versione, consegnata da unicum sinora in Italia, un uni-
bruciati vivi la notte del 6 di- dall’imbarazzo mettendosi pri- tedesca che praticamente tie- muni mortali parliamo di omi- Gattegno a la Repubblica: cum in Europa. E a quel punto
cembre 2007. vatamente in contatto con An- ne in piedi da sola la Confindu- cidio volontario pensiamo a “Espenhahn ha detto che il suo ho aggiunto: la mia personale
Gattegno, che in tre anni e tonio Boccuzzi, unico operaio stria dell’Umbria, e che all’in- qualcuno che tira fuori la pisto- gruppo continuerà a investire opinione è che questa svolta
mezzo non si è preso la briga di sopravvissuto alla strage e oggi domani della sentenza di Tori- la e ti spara”. in Italia, paese nel quale vive giudiziale della volontarietà
andare a Torino a chiedere rag- deputato Pd, e chiedendogli di no aveva chiesto in modo pe- con la sua famiglia. I suoi figli – omicidaria apra una strada per
guagli, è l’immagine plastica poter incontrare i familiari del- rentorio di essere difesa dall’or- SE GATTEGNO, anziché fa- ha detto – parlano meglio il dia- la quale, cari imprenditori, vi
dell’imbarazzo della Confin- le vittime. Dalle indiscrezioni ganizzazione. re il comune mortale, si fosse letto ternano che il tedesco. Su sarà sempre più difficile trova-
dustria e del modo all’appa- fatte filtrare con arte su qualche Così Marcegaglia ha fatto un informato come i doveri del questo punto è scrosciato l'ap- re manager in grado di accetta-
renza scoordinato con cui sta giornale pare che voglia spiega- passo indietro e il gioco del ce- suo ufficio imporrebbero, plauso”. re l’idea di esporsi a vent’anni
gestendo il clamoroso infortu- re come effettivamente sono rino ha designato Gattegno che avrebbe scoperto che c’è una Seconda versione, data a caldo di galera come se volessero as-
nio di sabato scorso a Berga- andate le cose a Bergamo. a Bergamo non c’era. É stato co- giurisprudenza (sicuramente dalla Marcegaglia: il problema sassinare i vostri e loro dipen-
mo. Sferzante la replica di Graziella stretto ad arrampicarsi sugli opinabile) per cui non c’è biso- della sentenza Thyssen è che denti. É a quel punto che si è
Le critiche all’assurda ovazio- Rodinò, madre di Rosario, mor- specchi raccontando cose che gno di estrarre la rivoltella per “se una cosa di questo tipo do- scatenato un fortissimo applau-
ne innocentista delle Assise to bruciato a 26 anni perché non ha visto, ma molto convin- commettere un omicidio vo- vesse prevalere potrebbe allon- so”.

NUOVI AIUTI (INUTILI) IN ARRIVO

LA GRECIA SI PREPARA AL CRAC E INTANTO SCIOPERA


miliardi da prestare alla Grecia trebbero (forse) salvare le fi- ieri, il membro italiano del tutto tedesche – che ne aveva-
nelle prossime settimane. Olli nanze elleniche. Quindi i soldi board della Bce, Lorenzo Bini no fatto incetta invogliate dalle
Rehn, il commissario europeo arrivano come prestiti condi- Smaghi, escludeva categorica- cedole consistenti. Ma forse è
agli Affari economici e mone- zionati, cioè vincolati a rifor- mente l’ipotesi di una banca- solo whishful thinking, come di-
tari, non conferma e non smen- me, e il peso del debito che rotta della Grecia, cioè l’am- cono gli economisti. Il crac è
tisce, chiede solo di aspettare schiaccia ogni prospettiva di missione di non poter pagare in dietro l’angolo: il premier lus-
l’esito della missione in corso sviluppo continua ad aumenta- tutto o in parte i creditori, can- semburghese Jean-Claude Jun-
Ue-Bce-Fmi ad Atene che sta re: prima dell’annuncio del pia- cellando con un tratto di penna ker è sotto attacco dalla stampa
L’immagine simbolo dello sciopero di un anno fa ad Atene (FOTO ANSA) proprio cercando di capire no di privatizzazioni di feb- il debito. Ed è comprensibile, tedesca per aver negato l’esi-
quanti soldi servono per anda- braio, calcolava la missione visto che la Bce si è comprata stenza di un vertice – che ci sa-
di Stefano Feltri con tre persone bruciate da re avanti. Ue-Fmi, l’indebitamento della sul mercato ingenti quantità di rebbe invece stato – sull’uscita
una molotov in una banca di Quel che è già certo è che il co- Grecia sarebbe cresciuto dal buoni del Tesoro ellenici con il della Grecia dall’euro. Chi
questo punto prima la Gre- Atene, il parlamento sotto asse- sto del salvataggio greco sta di- 142,5 per cento del Pil nel 2010 duplice scopo di deprimerne i scende in piazza oggi ad Atene
Ati. Oggi
cia fallisce, meglio è per tut-
Atene si ferma per uno
dio e giorni di scontri in un Pae-
se che ben conosce la violenza
ventando astronomico: tra
Unione europea e Fmi sono già
al 153,8 per cento del 2011 al
159,4 del 2012 per poi scende-
rendimenti (cioè di rendere il
debito meno costoso per Ate-
sa che il Paese è senza speranza
e che, ormai, nessuno può farci
sciopero generale contro i pia- di piazza. Oggi la situazione è stati previsti 110 miliardi di eu- re solo dal 2013, di pochissimo, ne) e aiutare le banche – soprat- più nulla.
ni di risanamento che il gover- solo peggiorata, perché sta di- ro entro il 2013, a cui si aggiun- a 158,9. Percentuali insosteni-
no sta approntando. Un anno ventando sempre più chiaro gerebbero i 60 in arrivo. Il pro- bili, visto che più cresce il de-
fa, quando l’esecutivo di Geor-
ge Papandreou annunciò le pri-
che ogni sacrificio richiesto ai
greci sarà inutile. Ieri si parlava
blema è che nessun governo
europeo può permettersi, da-
bito più crescono gli interessi,
che quindi rendono impossibi-
Oggi le nuove proteste di piazza
me manovre di lacrime e san-
gue su tasse, salari e pensioni,
di un nuovo piano di aiuti con-
giunto Unione europea Fondo
vanti alla propria opinione
pubblica, di ipotizzare aiuti a
le trovare un minimo di risorse
per lo sviluppo.
contro tagli e rigore che
le proteste in strada finirono monetario internazionale, 60 fondo perduto, gli unici che po- In un’intervista alla Stampa di
prolungano soltanto l’agonia
Mercoledì 11 maggio 2011 pagina 11

ECONOMIA

ALITALIA VOLA ANCORA IN ROSSO


E GLI AZIONISTI SI DIVIDONO
Intesa e Pirelli svalutano, Fratini vende, gli altri fanno finta di niente
di Vittorio Malagutti mento del 7 per cento rispet- più probabile che alla fine sa- di un patto di riacquisto sot- compagni di cordata si vedrà. la holding di Colaninno, la Im-
Milano to ai 639 milioni rispetto alla rà Air France-Klm, già azioni- toscritto sin dall’inizio. Una Qualcuno di loro ha già messo msi, che ha mantenuto inalte-
stesso periodo dell’anno sta al 25%, a rilevare le quote sorta di paracadute che avreb- in conto perdite milionarie. rato il valore di carico della
e solo sei mesi fa mi scorso quando le perdite ope- dei patrioti in difficoltà. Qual- partecipazione nella compa-

“S
be garantito anche gli altri so- Per altri invece non è cambia-
avessero detto che rative toccarono i 125 milio- cuno di loro però non può ci, una ventina in tutto, tra cui to niente. In due anni Alitalia gnia (80 milioni per il 7,08 per
in Giappone ci sa- ni. permettersi di aspettare. E al- Colaninno con la sua Immsi, ha prodotto perdite per quasi cento) perchè, si legge nel bi-
rebbe stato un terri- Insomma, il bilancio miglio- lora si sfila passando alla cassa Pirelli, Atlantia dei Benetton, 400 milioni, ma il valore della lancio, “i risultati sono in linea
bile terremoto seguito da una ra, anche se i passeggeri tra- per recuperare l’investimen- la Fondiaria dei Ligresti, il compagnia sarebbe rimasto con piani industriali”. Alla Pi-
catastrofe nucleare, che il pe- sportati aumentano solo del- to. gruppo siderurgico Riva solo sempre lo stesso. Niente sva- relli di Marco Tronchetti Pro-
trolio sarebbe balzato a 120 l’1,8 per cento. Ma nonostan- per citare i più importanti in lutazioni in bilancio, quindi. vera devono pensarla diversa-
dollari, che in Tunisia ed Egit- te i progressi, numeri come È IL CASO dei fratelli Fratini, termini di peso azionario. E’ mente, visto che nel 2010 han-
to ci sarebbero state delle ri- questi restano inferiori a gli immobiliaristi fiorentini probabile che i Fratini, già QUALCHE ESEMPIO con- no svalutato quasi del 30 per
bellioni e in Libia addirittura quelli dei maggiori concor- pronti a vendere la loro pic- molto esposti su numerosi creto. Fondiaria ha speso 50 cento, da 17,1 a 12,8 milioni,
la guerra io avrei preso le mie renti internazionali e non so- cola quota, l’1,33 per cento progetti immobiliari, con ol- milioni per comprare il suo l’investimento in Alitalia. Per
azioni Alitalia e le avrei date, no certo un’iniezione di fidu- pagata a suo tempo 15 milio- tre 400 milioni di debiti con le 4,4 per cento della compa- non parlare di Intesa, che ha
gratis, a chi mi stava davanti”. cia per i cosiddetti imprendi- ni. A comprare sarà Intesa, la banche (bilancio 2009), ab- gnia. Atlantia, gruppo Benet- comprato la sua quota per 100
Alla fine Roberto Colaninno tori patrioti che nel 2008 ri- banca che sin dall’inizio ha fa- biano preferito tirare i remi in ton, ha investito 100 milioni. milioni. Alla fine del 2010
la sua quota di Alitalia se l'è sposero all’appello di Silvio to da regista all’operazione di barca per concentrarsi sul bu- Nel bilancio 2010 di queste quelle stesse azioni valevano
tenuta, ma le sciagure da lui Berlusconi per rilanciare, in salvataggio sottoscrivendo in siness del mattone. Poco ma- due società quotate in Borsa il 81 milioni. Una perdita secca
elencate in una recente inter- gran parte a spese dello Stato, proprio l’8,8 per cento del ca- le. Loro, i Fratini, dovrebbero valore della quota Alitalia è ri- del 20 per cento. E se lo di-
vista hanno dato un colpo pe- l’ex compagnia di bandiera. pitale. Non è chiaro se l’inter- riuscire a recuperare l’investi- masto lo stesso del 2009. Lo cono loro che sono i capicor-
sante ai conti della compa- In prospettiva appare sempre vento della banca sia il frutto mento iniziale. Per gli altri stesso discorso vale anche per data....
gnia area nel primo trimestre
dell’anno. Non che Alitalia
abbia fin qui navigato nell’o- Conti in ripresa
ro, ma i vertici del gruppo
presieduto da Colaninno, con ma meno COSTI & RISCHI Di cosa avere macchine che per loro natura non possono
Rocco Sabelli amministratore permettersi il lusso di restare in panne per
delegato, contavano su un de-
collo positivo per centrare
dei concorrenti: paura quando si prende l’aereo aria, pena la catastrofe.
L’aspetto più sconcertante di tutta la
nel 2011 l’obiettivo del pa- gli albori volare era un’impresa, rischio e ro, questo dato appare inco- faccenda a ben vedere è anche quello
reggio operativo. Niente da
fare. Da gennaio a marzo la
passeggeri Anologia
azzardo. Dopo un secolo e passa la tec- raggiante e miracoloso consi-
sempre più sofisticata rende gli aerei derando tutto quello che frulla
apparentemente meno scandaloso.
Le storie dei falsi piloti, per quanto rac-
flotta degli aerei tricolore ha più 2 per cento, sempre più affidabili. Ma sui livelli di sicurez- intorno alla carlinga di un jet. capriccianti, appartengono al genere
volato ancora in rosso. Il ri- za pesa la concorrenza spietata tra compa- C’è davvero da aver paura a aeronautico-pittoresco estremo,
sultato operativo è stato in 85 milioni di gnie. I margini di profitto non sono più ampi e volare? I fatti documentati mentre quelle sui ricambi taroccati, di
perdita per 85 milioni su ri- sicuri come un tempo. Anzi, il mondo è pieno dall’autrice sono impressio- cui l’autrice fornisce un elenco degli
cavi per 684 milioni in au- perdite di aziende aeree in perdita ed è forte la ten- nanti, tanto che al confronto utilizzatori, rientrano nella sfera della
tazione di raddrizzare i bilanci risparmiando sembrano acqua fresca le sto- truffa tout court. La faccenda assume
Roberto Colaninno, presidente di Alitalia, sotto Elia Valori (FOTO ANSA) su tutto, dai pezzi di ricambio alla manuten- rie in circolazione su comandanti di voli in- una coloritura più fosca quando si esce dalla
zione degli aeromobili, fino alle paghe dei di- tercontinentali, soprattutto americani, patologia e si entra, appunto, nel mondo con-
pendenti, piloti compresi, spesso costretti a sbronzi come cocuzze, beatamente addor- suetudinario dei voli, un business dove la cura
corvé massacranti e pericolose e indotti al mentati nel cockpit, con l’aereo in volo sul- della necessaria perfezione spesso si inchina
silenzio con il ricatto dell’emarginazione o del l’Atlantico consegnato al pilota automatico. Il alla logica del profitto e dove la concorrenza
licenziamento. Così, in un testacoda tempo- libro documenta circostanze su cui finora cir- selvaggia degli ultimi tempi tra compagnie ri-
rale, volare ridiventa troppo spesso un’impre- colavano congetture e voci, dai falsi piloti, cioè schia di condizionare davvero i livelli di sicu-
sa piena di rischi. Come agli albori. “Alcune coloro che si inventano comandanti da un rezza del sistema.
compagnie aeree non sono molto diverse da giorno all’altro e senza brevetto riescono a Sono inquietanti i licenziamenti di piloti che
organizzazioni criminali. Per sopravvivere fare fesse le compagnie aeree e poi scorraz- avevano osato denunciare malfunzionamen-
nella giungla delle tariffe low cost adottano zano per il mondo centinaia di passeggeri ti oppure la manutenzione scarsa o orari al
tecniche simili a quelle mafiose” scrive Nadia ignari, fino al commercio illegale e pericoloso limite dell’assurdo: fino a 27 ore di fila senza
Francalacci nel libro “Paura di volare” (Chia- dei pezzi di ricambio a basso prezzo, un bu- mettere piede a terra. Così come preoccupa
relettere, 15 euro) e probabilmente non esa- siness truffaldino e lucroso per chi lo gestisce, quel senso diffuso di omertà dell’ambiente:
gera. In giro ci sono casi estremi di società ma che mette a repentaglio l’incolumità dei comandanti ed equipaggi impauriti che si so-
aeree malavitose, mentre ovunque la lotta passeggeri e del personale di bordo. Per ar- no imposti di tenere le bocche cucite e di ri-
per abbassare i costi rischia di comprimere il rivare poi alle storie di ordinaria manuten- schiare non denunciando pecche e difetti, per
livello dei controlli. E se è vero che l’aereo è il zione, o meglio alle storie della manutenzio- non incorrere nelle rappresaglie aziendali.
mezzo di trasporto statisticamente più sicu- ne tirata via o comunque insufficiente per Daniele Martini

Finta cordata, ora anche Elia Valori rischia il processo


DOPO LE ACCUSE DELL’EX SOCIO BALDASSARRE NELLA PRIVATIZZAZIONE ALITALIA, IL PM CHIEDE IL RINVIO A GIUDIZIO
di Rita Di Giovacchino cluda con un rinvio a giudizio – i suo collaboratori. Questo per ca- Un vero colpo di scena che aveva Elia Valori complica la fantomatica
andrà a riunirsi a quella di Baldas- pire chi davvero fosse il capo delle definitivamente orientato il pm a vicenda della scalata Alitalia. L’en-

Dto didia testimone a imputato. Rischia


essere processato per il rea-
aggiotaggio il manager Gian-
sarre. La decisione era nell'aria do-
po che il 7 febbraio il pubblico mi-
nistero Marina Finiti, propensa ad
cordata”. Preso in contropiede,
Elia Valori aveva finito per ammet-
tere alcune circostanze. E addio ri-
mutare la decisione e in questi me-
si le indagini avrebbero conferma-
to le accuse del capo cordata.
trata in scena in veste di imputato
di un manager, che in passato van-
tava amicizie con il dittatore rume-
carlo Elia Valori da ieri accusato di archiviare la posizione di Elia Va- chiesta di archiviazione. Una delle contestazioni riguardava no Nicolae Ceasescu e con Licio
aver avuto un ruolo dirimente nel lori, alla fine dell'udienza aveva due documenti falsi: uno datato 23 Gelli, implica un salto di qualità an-
2007 quando una cordata di inve- chiesto indietro gli atti per un ap- IERI L'EX PRESIDENTE della ottobre 2007 (in cui venivano evi- che se l'unico a uscire indenne è
stitori, capeggiati dal presidente profondimento di indagine. Il ma- Corte Costituzionale è tornato alla denziati dei fondi Ubs emessi in fa- stato proprio Berlusconi, vero
emerito della Corte Costituziona- nager, che nell'operazione Alitalia carica esibendo una serie di docu- vore della società Loraerive su un sponsor dell'iniziativa tesa a sbara-
le Antonio Baldassarre, tentò di aveva assunto il ruolo di advisor menti che comproverebbero il ruo- presunto conto da 500 milioni di gliare l'Air France nella trattativa di
dare la scalata all'Alitalia. Il 12 lu- quale presidente della finanziaria lo da lui svolto al fine di ricavare un euro); l'altro, datato 8 novembre acquisizione della compagnia di
glio prossimo il gup Maria Bona- Sviluppo Mediterraneo, era stato fi- nuovo importante incarico ovvero 2007, in cui Ubs indicava la società bandiera.
ventura dovrà pronunciarsi sulla no a quel momento ritenuto estra- quello di presidente dell'Alitalia. Loraerive (facente parte della cor-
richiesta di rinvio a giudizio che i neo a ogni accu- data) come cliente e TRE MESI FA il procuratore ag-
pm Francesca Loy e Stefano Pesci sa. autorizzava la banca giunto Nello Rossi ha chiesto l'ar-
hanno ieri sollecitato nei confron-
ti sia dell'ex presidente Autostrade
Ma Baldassarre
non ci stava a fa-
L’ex presidente a fornire appoggio
tecnico. Secondo i
chiviazione per il premier esclu-
dendo ogni ipotesi di insider tra-
che di due consulenti della società
Sviluppo Mediterraneo, Claudio
re da capro
espiatorio e , in
di Sviluppo Lazio pm, Baldassarre era
consapevole di tutto
ding, In definitiva era soltanto fa-
vorevole a una soluzione italiana e
Prati e Danilo Dini. udienza, era
esploso: “Le riu-
accusato di questo. Ma lui aveva
replicato: “Fui pro-
ha esercitato le sue “legittime pre-
rogative di politico e di parlamen-
AL MOMENTO sembra averla nioni si svolge- prio io a denunciare tare”. Per Elia Valori invece non è
avuta vinta Baldassare, nei con- vano negli uffici essere il regista la falsità dei docu- un gran periodo. Dopo una lunga
fronti del quale il processo per gli della società menti e la manovra in carriera ai vertici di società come la
stessi fatti doveva iniziare ieri ed è Sviluppo Medi- di un’operazione atto”. E ieri avrebbe Sme, Autostrade, e, fino allo scorso
invece slittato al 22 novembre in terraneo, inte- prodotto carte che dicembre, di Sviluppo Lazio, ora è
attesa che si chiarisca la posizione stata a Elia Valo- che ingannò confermerebbero la privo di poltrone di peso. E ha ot-
di Elia Valori e dei due suoi col- ri e ad occupar- sua versione. time possibilità di andare a proces-
laboratori che – nel caso si con- si di tutto erano la Borsa Il coinvolgimento di so, assieme a Baldassarre.
pagina 12 Mercoledì 11 maggio 2011

D-ISTRUZIONE

N
GLI STUDENTI RIFIUTANO I TEST INVALSI CAMORRA
Arrestato capo
clan Giugliano

MA IL MINISTRO: AVANTI A TESTA BASSA A rrestato


nell’operazione
anticamorra condotta
tra il Lazio e la
Campania dalla
Le scuole boicottano le prove. Idv: sprecati 8 milioni Guardia di Finanza,
Feliciano Mallardo,
detto “o sfregiato”,
ritenuto l’attuale capo
di Caterina Perniconi sere valutate in base a test a dell’omonimo clan
crocette, molto diffusi in Eu- camorrista di
li striscioni davanti alle ropa, ma piuttosto banali ri- Giugliano in

G scuole. La protesta, il
boicottaggio. E poi la
sospensione. È quello
che è successo ieri a Roma
agli studenti dell’Istituto
spetto ai metodi di studio
adottati nel nostro paese e ap-
prezzati anche all’estero. Se-
condo il sindacato dei Cobas
in tutta Italia il boicottaggio da
Campania.

d’Arte Roma II, incorsi nella parte degli insegnanti che og-
sanzione da parte del Diri- gi si sono rifiutati di far svolge-
gente scolastico per essersi re le prove con il metodo In-
rifiutati di fare i test Invalsi. valsi ha riguardato il 20% delle
In realtà nella Capitale sono scuole, mentre a Ro-
stati molti i ragazzi delle ma ha raggiunto il Gli studenti
scuole secondarie che han- 30%. occupati
no ostacolato il regolare La polemica non si è in un esame
svolgimento dei quiz propo- fermata nelle aule sco- di Stato OMICIDIO REA
sti dall’Istituto per valutazio- lastiche, ma ha rag- (F
OTO A
NSA)
ne del sistema educativo. Se- giunto i palazzi del po- Interrogato
condo il collettivo studente- tere. Se per il ministro dell’I- per ore il marito
sco “Senza Tregua”, al liceo struzione, Mariastella Gelmi-
classico Orazio il boicottag-
gio ha toccato la percentua-
le più alta di Roma, circa
ni, “sui test non si torna indie-
tro”, il senatore Fabio Giam-
brone, chiede che il ministro
H a trascorso tutta la
giornata di ieri in
caserma a Napoli ,
l’83%: su 130 studenti pre- riferisca in Commissione e il Salvatore Parolisi, vedovo
senti nelle classi dell’istitu- suo collega Stefano Pedica ha di Melania Rea. Parolisi
to, 108 hanno consegnato in chiesto addirittura ai ragazzi avrebbe fornito le
bianco. E alcuni hanno di scendere in piazza “contro cosiddette “sommarie
strappato i codici di ricono- una buffonata che allo Stato informazioni
scimento. Sempre secondo costa 8 milioni”. Contrario al testimoniali”: la sua
quanto riferito dal colletti- boicottaggio il Pd: '”Non con- posizione, dunque,
vo, al liceo Machiavelli oltre divido il boicottaggio delle sarebbe al momento
il 60% dei questionari è stato prove Invalsi promosse dai quella di teste, non di
consegnato in bianco. Al Vi-
sconti i ragazzi hanno par-
lato di 90 schede in bianco o
Cobas, in quanto è una forma
di lotta controproducente
che valorizza la posizione di
Il giornalismo riunito in Puglia indagato. L’uomo, dopo
circa quaranta minuti
trascorsi all’interno della
non conteggiabili su 130
presenti. All’Albertelli sono
chi, come la Gelmini, fa della
valutazione una sorta di ideo-
in memoria di Maurizio Rampino caserma di Somma
Vesuviana, comune
90 su 130, al Virgilio 125 su logia, di cui non chiarisce le fi- vicino, si è poi recato a
169, mentre al Socrate, dove nalità, se non un generico col- di Pierluigi G. Cardone tori hanno aggiunta una terza: un premio quello di Castello di
i ragazzi di due classi “hanno legamento con la premialità. Trepuzzi, Lecce alla carriera consegnato al direttore del Cisterna, pare soltanto
strappato tutti i codici di ri- Le criticità dei test Invalsi so- Fatto Quotidiano Antonio Padellaro, che nel per una maggiore
conoscimento, minacciati di no tante, ma possono essere n’intera comunità unita nel ricordo di suo intervento ha ragionato sulla situazio- disponibilità logistica.
denuncia da parte degli
ispettori esterni e di provve-
corrette nel futuro”.
Le prove intanto continuano
U un “suo” cronista che ha fatto della li-
bertà di pensiero e di analisi il caposaldo
ne odierna dei media, analizzandone il
rapporto con il potere e gli scenari futuri CREMONA
dimenti disciplinari dalla oggi e per i prossimi tre giorni. della propria professione. anche alla luce del fenomeno editoriale
scuola”. Infine, in uno dei li- Ma non sarà facile capire pri- É quanto accaduto giovedì scorso nella costituito dal Fatto. Suicida il nipote
cei campione, il Giordano ma di un mese che tipo di ri- sala consiliare di Trepuzzi, in provincia di Ad aggiudicarsi il primo premio nella se- di Farinacci
Bruno, gli stessi commissari sultato sarà stato raggiunto Lecce, dove si è tenuta la cerimonia con- zione editi è stato Alessio Lasta con un’in-
dell’Invalsi hanno deciso di
far saltare i quiz perchè gli
studenti delle classi speri-
dalle scuole. clusiva della quinta edizione del “Premio
giornalistico Maurizio Rampino”, scom-
parso prematuramente nel 2006.
chiesta video (andata in onda a l’Ultima
parola di Gianluigi Paragone) sulla scabro-
sa situazione dei musei di Selinunte, Pa-
S i è sparato sulla tomba
del nonno Pietro
Enrico Mola, per tutti
mentali hanno deciso di boi-
cottare in massa.
A Roma gli alunni La kermesse organizzata dal Comune di
Trepuzzi, in collaborazione con La Gaz-
lermo e Messina. Arcangelo Rociola, in-
vece, ha vinto la sezione inediti con il ser-
Pepe, nipote del gerarca
fascista Roberto Farinacci.
dell’istituto zetta del Mezzogiorno e l’associazione “Ami-
ci di Maurizio” (con il patrocinio di Re-
vizio “A Consonno tutto è meraviglioso”.
Sala consiliare gremita in ogni ordine di
Mola, medico in pensione
di 67 anni, si è tolto la vita
Le ragioni
della protesta d’Arte che gione Puglia, Provincia di Lecce, Ordine
Nazionale dei Giornalisti e Ordine dei
posto, giovani partecipanti in costante au-
mento nelle cinque edizioni fin qui or-
ieri alle 10,30 con un
colpo di fucile al cuore.
Giornalisti di Puglia) ha visto la parteci- ganizzate, istituzioni vicine a prescindere L’uomo avrebbe portato il
MA QUALI SONO le ragio- non hanno pazione di oltre 103 giornalisti provenien- dal loro colore politico e ospiti di rilievo: fucile, smontato in tre
ni? Allo storico liceo Giulio ti da tutta Italia, che hanno inviato articoli dal profondo Sud, una ventata di freschez- pezzi, all’interno del
Cesare di Roma, proprio in compilato i quiz e servizi televisivi sul tema “Turismo, pae- za che fa bene al mondo del giornalismo. E camposanto di prima
polemica con i questionari saggio e sviluppo: le politiche virtuose e i Maurizio, da lassù, che non potrà non es- mattina, entrando da un
personali somministrati ai sono stati cattivi esempi”. sere orgoglioso di ciò che sono riusciti a ingresso secondario, e poi
partecipanti ai test, i ragazzi Due le sezioni di gara (pezzi editi ed ine- creare i suoi amici di Trepuzzi, nobilitan- montato lontano da occhi
hanno esposto lo striscione: sospesi diti), alle quali quest’anno gli organizza- do la sua memoria. indiscreti quando è
“Prove Invalsi? Meglio non fi- tornato dopo le 10. La
darsi”. causa potrebbe essere
“La nostra è una preparazione depressione o malattia.
umanistica –spiega un alunno
di quinta – le crocette non ci
piacciono, i prof ci insegnano
Che fine ha fatto di Loris Mazzetti
Repubblica, l’Unità, persino il Manifesto con una pa-
11 MAGGIO
ad argomentare e noi quello
vogliamo fare”. Mentre i geni-
la par condicio? gina personalizzata. Per non parlare dei tg, doppio,
in alcuni casi, triplo servizio. La par condicio? Non la
A Roma psicosi
terremoto
tori del liceo Virgilio, che pro- legge dalemiana del 2001, quella che sta alla base della
testano da settimane, gli stessi
che si erano opposti all’orien-
tamento “cattolico” proposto
uando si pensa alla droga, intesa come “abitudine
Qta dal
radicata a cui è difficile rinunciare” (definizione trat-
vocabolario Zingarelli), se usata per migliorare la
corretta informazione, che fine ha fatto? Ma soprat-
tutto: che fine ha fatto Giuliano Pisapia, il candidato del
centrosinistra a sindaco di Milano o quello del Terzo polo
I cinesi a quanto pare ci
credono, e non
soltanto loro. Si svuota,
dal presidente della Regione prestazione, si pensa al ciclismo. Per fortuna che l’an- Palmieri, oppure il grillino Mattia Calise? Che fine hanno per l’11 maggio 2011, la
Renata Polverini, con tanto di tidoping non seleziona. Più drogata del ciclismo è l’in- fatto i temi della campagna elettorale: i servizi sociali, la China Town della capitale:
gita al santuario, hanno scritto formazione, senza distinzione tra giornali e tv, con scuola, l’inquinamento? partono quindi anche
e diffuso un volantino “No alle un’aggravante rispetto al ciclismo: i controlli discrimi- Sul Corriere Pisapia è stato relegato nell’inserto locale, quelli che non mollano
prove Invalsi” invitando i ra- nano e il politico più spaccia più è considerato comu- spazio: un terzo rispetto a quello di B., foto: quella di B. mai. Si affollano gli
gazzi a consegnare in bianco nicatore . e la Moratti, un quadro, dieci più grande; Repubblica solo agriturismi della
dopo aver reso illegibile il loro B. si è candidato come capolista a Milano e l’informa- dieci righe, almeno nelle pagine nazionali. In tv la par provincia. C’è chi inventa
codice identificativo “per im- zione nei suoi confronti sembra un tossico in crisi di asti- condicio (quella dalemiana), risulta perfetta: a leader si il pic-nic anti-sisma. E il
pedire ogni schedatura”. I ge- nenza. Sabato è intervenuto al Palasharp, trasformando contrappone leader, dopo B. (la Moratti sempre pre- 18% dei dipendenti
nitori hanno chiesto anche una manifestazione dedicata alla Moratti sindaco in un sente, con tanto di inquadratura sul lato b mentre si pubblici prende un giorno
agli alunni delle classi campio- suo plebiscito: “Chi mi vuole bene metta la croce sul mio dimena al ritmo di “Viva la mamma”), appare Bersani, di ferie. È la psicosi per il
ne di non entrare e di non ave- nome. Voglio superare il record delle 53 mila preferen- che non è a Milano, ma a Rimini e non ha al suo fianco il “terremoto di Roma”,
re “contatti”con gli osservato- ze”. Tra una barzelletta e una cantata i soliti attacchi candidato Pisapia. Quando l’informazione racconterà previsto dal sismologo
ri Invalsi. all’insegna dell’autodifesa: prima alla Corte costituzio- delle proposte di Pisapia o di Palmieri o degli altri can- Raffaele Bendandi che ha
La contestazione dei genitori nale, “Prona davanti alla richieste dei procuratori di si- didati? Ancora una volta una campagna elettorale me- già fatto pure il giro del
nasce dal questionario allega- nistra”, poi ai pm che lo stanno processando, “Cancro da diaticamente imbarazzante che andrebbe invalidata. mondo. L’Istituto
to ai test che offre informazio- estirpare”. Peggio definirli brigatisti o cancro? Dove sono i garanti della democrazia? Tutti al mare o nazionale di Vulcanologia
ni sensibili sulla vita dei ragaz- L’informazione drogata gli ha consentito il pieno me- proni di fronte all’ordine del Caimano? “Questo è un chiarisce: “Quando a
zi. Mentre i docenti temono diatico. Il Corriere della Sera due pagine intere, altrettanto voto per il governo”. Roma ci sarà un terremoto
che le loro scuole possano es- non sarà forte”.
pagina 14 Mercoledì 11 maggio 2011

SECONDOTEMPO
SPETTACOLI,SPORT,IDEE
in & out

ORRORE CAPITALE

Musei privati, X-Factor


Addio a
Tennis
Fognini e
Zucchero
Il cantante
Polanski
Il regista al

pubblici sprechi Raidue,


a giugno
il debutto
a Skyuno
Bolelli fuori
al primo
turno
a Roma
parte in tour
mondiale. A
giugno 5
date in Italia
lavoro per
“True crime”
in attesa
di Venezia

Le mostre Il palazzo delle Esposizioni di via Nazionale a Roma. Nella foto piccola Gianni Alemanno (FOTO ANSA)

secondo Alemanno
di Carlo Tecce stra, quasi due anni fa, Ema- re e scompare una bozza di de-
nuele fu nominato presidente libera per liquidare l'azienda

O
di Palaexpo: al professore la Palaexpo con 65 dipendenti
prestigiosa carica, al Comune pubblici e affidare il palazzo
4 milioni attraverso la sua Fon- delle Esposizioni, le scuderie
dazione Roma. L'esperimento del Quirinale e la Casa del Jazz
pubblico-privato funziona, i ai privati. E come? Un appalto
turisti gradiscono le mostre, le
casse del Campidoglio respi-
rano. Ma i 4 milioni di Fonda-
zione Roma, sborsati per inve-
Il sindaco vuole
stire sul cartellone dei palazzi,
servono al Comune per rispar-
cedere
miare: i 9 milioni destinati al
Palaexpo nel 2009 diventato 8
la gestione
nel 2010. E così Emanuele an-
rmai è una massima di Gianni nuncia le dimissioni e l'addio del palazzo
Alemanno: “Cultura, basta ai 4 milioni di euro di Fonda-
con i tagli”. Il sindaco di Ro- zione Roma: non ci sta più sen- delle Esposizioni
ma, coerente, mica vuole za comandare, o decide lui o
scippare soldi ai musei. Peg- niente soldi. Il Comune corre e delle Scuderie
gio: pensa di regalarli ai priva- ai ripari stanziando 10 milioni
ti. Di cedere in gestione per di euro per il 2011 con coper- del Quirinale
(almeno) dieci anni il palazzo ture dubbie (tipo la nuova tas-
delle Esposizioni, le scuderie sa di soggiorno), una voce ag-
del Quirinale e la Casa del Jazz, giunta in fretta nel bilancio di tradizionale non è obbligato- un panegirico politico per evi- fermare la convenzione che
le tre strutture controllate dal- previsione che è soltanto una rio, men che meno il bando tare l’argomento: “Noi abbia- ha con il Comune per l’uso
l'azienda speciale Palaexpo di stima e pure con tanto ottimi- europeo. Si può provare, mo previsto 10 milioni di euro delle Scuderie nonostante
proprietà del Campidoglio. smo, visto che nessuno può quindi, con una gara a invito, a per il Palaexpo, prima parlia- l'arrivo dei privati.
L’ex banchiere Emmanuele calcolare in anticipo quanti chiamata. Convocare quat- mo con Emanuele, poi vedre- E c'è un errore passato che il
Emanuele è la figura centrale turisti visiteranno la capitale. tro-cinque società, cucire una che se l'amministrazione sarà mo cosa fare. Non discuto le sindaco potrebbe pagare og-
di un'operazione di Alemanno C'è una scena che va aggiunta concorso su misura (in prima privata, il Comune sorveglierà ipotesi”. gi. La presidenza di Emanuele
che va oltre le regole e il buon al racconto, forse un gioco a fila Emanuele) e liberarsi di un la qualità del servizio con un Ma il tempo è poco e i soldi fu benedetta dalla Commissio-
senso. Che il sindaco nascon- incastri tra milioni di euro, po- patrimonio pubblico che per posto nel comitato scientifi- ancora di meno: Alemanno, ne cultura del Campidoglio
de ai cittadini e ordina nel si- tere e politica. A metà aprile Alemanno è soltanto una voce co. Che vale come un coltel- entro maggio, dovrà approve- che, però, avvisò i naviganti:
lenzio di una Giunta spaesata. Alemanno incontra Emanuele di spesa. Che vinca il preferito lino in guerra. rà il bilancio con i 10 milioni di mai i musei ai privati. Forse
Con un'investitura celebrata a per ascoltare le sue proposte, del sindaco e non il migliore. Il berlusconiano Dino Gaspe- incerta provenienza e dovrà Alemanno non c’era, e se c’e-
destra e ben tollerata a sini- mentre in Campidoglio appa- Tanto la scusa è già pronta: an- rini, assessore alla Cultura, fa convincere il Quirinale a con- ra, non ricorda.

Qui Lazio

E la giunta regionale “polverinizza” la cultura


di Cristina Cosentino clama: "in termini economici è un'attivi- tabilità regionale al momento dell'asse- liberata dalla giunta la proposta di legge cando, di fatto, qualunque iniziativa,
tà che va sostenuta". Ma ad agosto, a fe- stamento del bilancio non era in linea. È “Interventi regionali per lo sviluppo del compresi il nucleo di valutazione di 50
nnunci rassicuranti per la cultura nel stival già concluso, durante l'assesta- ovvio se il provvedimento storna residui
ARegione
Lazio da parte della presidente della
Renata Polverini, almeno sino a
mento di bilancio opera un taglio di 1,9
milioni di euro sul capitolo del 2010 che
passivi del 2009 per una somma inesi-
stente perché già corrisposta nel gen-
cinema e dell'audiovisivo” che prevede
lo smantellamento della Fondazione
Rossellini, della Film Commission del La-
progetti cinematografici e la program-
mazione del RFF. Intanto per la fondazio-
ne Rossellini sono stati nominati ieri i
tre mesi fa. Oggi la situazione è tutt'altro prevedeva 5,9 milioni di stanziamento, naio 2010. Questa – conclude Alicicco - è zio e del Centro Audiovisivo, per accor- commissari liquidatori, Cinzia Felci e Ro-
che chiara ed i lavoratori del settore af- “e – aggiunge Francesco Alicicco, presi- una cosa ancora da chiarire da parte del- parli in un unico ente, “puntando a eli- berto Marraffa, che ne opereranno l'e-
fatto rassicurati, a partire del comparto dente del Collegio dei revisori della Fon- l'assessorato al bilancio della regione”. minare gli sprechi, la dispersione e l’inef- stinzione e che dovranno gestire i debiti,
dell'audiovisivo. Il 1° febbraio di que- dazione Rossellini - storna 1,1 milioni co- ficienza” spiega, durante la presentazio- di più di 5milioni, contratti con i forni-
st'anno ha smentito ogni voce che la ve- me residui del 2009, fondi in realtà ine- IN REALTÀ non è l'unica cosa da chia- ne della Legge quadro, Fabiana Santini, tori e mai liquidati a causa del mancato
deva come protagonista dello smantel- sistenti perché già corrisposti alla Fon- rire sul comparto cultura. “Sono stati assessore alla Cultura, arte e sport e già pagamento, da parte della Regione, del
lamento dei festival istituiti negli anni dazione”, che gestisce il festival. “La con- cancellati, con una delibera illegittima, segretaria dell'ex ministro delle attività finanziamento previsto nel bilancio
precedenti dal centrosinistra, in partico- 35 milioni di fondi europei – spiega Giu- produttive Claudio Scajola. “Il provvedi- 2010. Nel frattempo la Regione, che
lare del RomaFictionFest, ideato dal- lia Rodano, consigliera regionale IdV e mento – aggiunge l'assessore con una sponsorizza una massimizzazione degli
l'APT, sostenuto dalla Camera di Com-
mercio e voluto dal predecessore Mar-
Rodano (Idv): “Sono assessore alla cultura nella precedente
giunta - già assegnati, con bando pubbli-
punta d'orgoglio - comporterà un taglio
complessivo di 45 ‘poltrone’ fra dirigenti
sforzi e la contestuale riduzione di spre-
chi, ha deliberato 800 mila euro per gli
razzo. “Non è assolutamente vero che il
FictionFest o che, per quello che riguar-
stati cancellati, co e atto di determina regionale, e de-
stinati alla valorizzazione e promozione
e cda.” Ma l'intero cda della Fondazione
Rossellini aveva già rassegnato le dimis-
stipendi e le spese correnti della Fonda-
zione per il 2011 e stanziato 3 milioni e
da la nostra quota, il Festival del cinema dei Grandi Attrattori Culturali. Ed è sioni il 9 dicembre, lasciando vacante il mezzo di euro per la nascita della Fon-
di Roma saranno penalizzati. Tutt’altro, con una delibera scomparso – prosegue - un milione di ruolo di organizzatore del Roma Fiction dazione Franco Zeffirelli. Insomma, una
cercheremo di investire di più e meglio''. euro per il sostegno allo sviluppo di pro- Fest. A tutt'oggi l'iter della legge è ancora grande confusione sotto il cielo laziale,
Quelle voci, però, non erano infondate. illegittima, 35 milioni getti cinematografici.” Mentre si taglia- in alto mare e fino all'approvazione fina- dove l'audiovisivo diviene caso emble-
Dopo aver partecipato alla scorsa edizio- no i fondi e si cancellano finanziamenti le del testo non si potrà dare il via libera matico delle politiche culturali operate
ne del RFF la neoeletta governatrice pro- di fondi europei” alla cultura, nel dicembre 2010 viene de- alla costituzione del nuovo ente, bloc- dalla giunta Polverini.
Mercoledì 11 maggio 2011 pagina 15

SECONDO TEMPO

IL GIORNO DOPO

IL GIRO METTE IL LUTTO


La carovana riparte, la gara no: tutti
in gruppo per rendere omaggio a Weylandt
di Luca Cardinalini RAI SPORT

A
ccade di raro, in una
corsa ciclistica, che l’at-
tenzione di tutti si con- UN DRAMMA IN DIRETTA
centri sulla partenza
piuttosto che sull’arrivo. È
capitato oggi, a Quarto dei
LUNGO 25 CHILOMETRI
Mille, da dove salparono i ga-
ribaldini e da dove oggi è ri- di Orlando Terla
partita la carovana del Giro in
un silenzio surreale, tanti oc- lle 16 e 17 la caduta mortale di Weylandt, le telecamere
chi lucidi e nessuna voglia di
parlare. Gara annullata dal
Asituazione
di Rai Sport sono lì, il tempo di capire la gravità della
e, come si dice in gergo, staccare sulle altre
punto di vista agonistico, si è immagini della corsa. Nel furgone della redazione siamo
scelto tutti insieme di allesti- seduti davanti a due televisori al plasma, improvvisamente
re una sorta di omaggio su il silenzio. Passano 30 minuti e si va in onda ma il dramma
due ruote per lo sfortunato non può essere raccontato. Dopo un quarto d’ora dalla
collega belga. Al posto delle caduta, dopo il massaggio cardiaco e nessuna risposta alle
tipiche musiche allegre e as- punture di adrenalina, è chiaro che non c’è piu nulla da
sordanti della carovana, le fare. Ma i compagni di Weylandt chiedono di prendere
uniche note sono state quel- tempo, di non dirlo perché la moglie del ragazzo è incinta
le del minuto di silenzio suo- Arrivo in parata della Leopard, la squadra di Wouter Weylandt, con tutti i corridori abbracciati. ( FOTO ANSA) davanti al televisore. Bisogna andare in onda, prendere
nato dalla fanfara dei Bersa- tempo e dare tempo a qualcuno di avvisare la ragazza.
glieri, poi sulla linea di par- consola nessuno. Quindi la mattina decideranno se con- convinti che i primi a voler Ecco, qualcuno dice che ora si può dire. Bulbarelli dalla
tenza i corridori si sono di- Maglia Rosa e dietro il resto tinuare questa assurda avven- onorare la memoria del col- regia trova le parole per farlo e chiude la diretta, sono le 17
sposti in più file, davanti gli del gruppo, tutti con il lutto tura o se tornarsene a casa. lega, correndo, erano pro- e 30. Alessandra De Stefano la conduttrice di quella mez-
uomini della Leopard-Trek, al braccio. Un passaggio al- Subito dietro le quattro ma- prio loro”. z’ora infinita nasconde le sue lacrime dietro una porta
orfani del povero Weylandt, l’ospedale pediatrico Gaslini glie del giro, a testimonianza Non hanno ancora deciso se chiusa. Davide Cassani sospira e inizia a parlare piano,
rimasto all’obitorio di Lava- di Genova, dove ci sono bam- della condivisione del dolore continuare o tornarsene in quasi sussurrando, la sua voce che da piu di 15 anni dà il
gna, il quale secondo il me- bini che sanno cos’è la sof- da parte dell’intero plotone. Belgio, i compagni di squa- ritmo alle fughe e alle rincorse del Giro è quasi un sibilo. È
dico legale “è morto sul col- ferenza. Quello che è seguito Anche la gente presente lun- dra di Weylandt, alcuni asso- la seconda volta che incontra la morte. La prima al Tour de
po e non dovrebbe aver sof- è stato un lungo corteo fu- go la strada con il groppo in lutamente sotto choc. L’altra France 1995 quando il suo ex compagno di squadra Ca-
ferto”, anche se la cosa non nebre lungo 216 chilometri, gola, nessuno striscione o sera sono stati convinti a pre- sartelli cade, sui Pirenei. Un’ora dopo gli disse che Ca-
ogni 10 chilometri una squa- scritta sull’asfalto, se non sentarsi alla partenza, dal pa- sartelli era morto. Oggi ha vissuto le stesse emozioni, ma
dra a darsi il cambio nella gui- qualche saluto di addio a chi dre dello stesso compagno. allora aveva potuto tenersele per me, soffrire, piangere, e
Gli otto corridori da del gruppo, ma per una
volta senza scatti, fughe, vo-
non c’è più, e le uniche ban-
dierine a sventolare erano
Non è ancora certo, però, se
oggi saranno al via. Il team
restare in silenzio. Oggi ha dovuto raccontare, ha dovuto
parlare per 25 lunghi chilometri, quelli che mancavano
della Leopard late e classifiche. Un corteo,
più che una gara. A 50 chi-
quelle con la scritta “108,
presente”, il numero del pet-
manager Brian Nygaard ha
detto: “Ogni squadra ciclisti-
all’arrivo. Ha dovuto trovare le parole sapendo che se n’era
già andato.
decideranno lometri dal traguardo, c’è sta-
ta una caduta che ha coinvol-
torale di Wouter.
In molti avevano pensato di
ca è come una famiglia, que-
sto non era un giorno per sta-
Arriva anche Auro Bulbarelli nonostante la sua mole sem-
bra piu piccolo, il suo telefono suona di continuo, no,
to tre corridori. chiudere qui la corsa appena re da soli. Domani si vedrà”. niente immagini, non le diamo a nessuno è sempre la stessa
oggi se Stesso copione e stessa com- iniziata. Il direttore del giro, Oggi si riparte, da Piombino risposta. Per una volta, la rai ha fatto una bella figura,
posizione all’arrivo, dove la Angelo Zomegnan, ha con- a Orvieto, compreso lo strap- scegliendo la strada piu difficile, mettendo da parte il do-
continuare testa della corsa era formata fessato che la possibilità è ri- po finale con pendenze del lore lo sgomento e lo strazio prendendosi la responsabilità
da una catena umana, otto masta sul tavolo degli orga- 15 per cento, pensato, si dis- di andare avanti per piu di un ora, per risparmiare la bru-
l’avventura o corridori abbracciati e in la- nizzatori per qualche buon se, “per rendere più vivo il talità della vita ad una ragazza di 25 anni incinta di un
crime, che hanno tagliato in- quarto d’ora, “poi abbiamo Giro”. Ce n’è davvero biso- ragazzo di 26 che è caduto mentre stava inseguendo un
tornare a casa sieme il traguardo e che sta- sentito i corridori e ci siamo gno. sogno.

Banski e il suo doppio dalla strada al cinema


DOMANI AL FESTIVAL SCHERMO D’ARTE DI FIRENZE SI PROIETTA L’OPERA PRIMA DEL WRITER DI CUI NESSUNO CONOSCE L’IDENTITÀ
ovation al Sundance Film Festival e al Festival carte e sa fare un po’ di marketing, riesce a za risposta, tra cui: e se Brainwash fosse Ban-
di Berlino nel 2010 e la candidatura agli vendere qualsiasi cosa a chiunque a prezzi ski?”. E se Banski fosse una donna? “L’idea fa
Oscar 2011, la produzione inglese diventa esorbitanti”. Di fatto ancora adesso nessuno parte della mitologia su un personaggio che
anche italiana: “Siamo il terzo paese al mon- sa se Guetta-Brainwash esiste o meno: “Esiste nessuno ha mai conosciuto, che non ha mai
do a proiettarlo dopo States e UK: P.F.A. Films eccome, è ovunque ritratto con la famiglia e i rilasciato interviste e che quando compare è
l’ha prodotto per farlo uscire nelle nostre sa- suoi lavori hanno quotazioni d’asta, stiamo sempre oscurato in volto o con un cappuccio.
le, forse in estate e la Feltrinelli penserà alla parlando di decine di migliaia di euro. Nel Si dice anche che Banski siano più persone”.
versione home video”. “Exit Through The 2009 ha perfino firmato la copertina di “Ce- In effetti, nelle ultime settimane, sembra
Gift Shop”, questo il titolo del film, racconta lebration”, un album di Madonna. Quello che ovunque: paga una cauzione per due writer
di Thierry Guetta, bislacco francese che vive non si capisce è se ciò è una conseguenza del russi colti in flagrante dalla polizia locale men-
a Los Angeles soggiogato dalla sua videoca- film o se è la storia che il film semplicemente tre a Hollywood fa colare per centinaia di me-
mera da cui non si stacca mai filmando ogni racconta. Con la datazione non ci si arriva”. tri una riga rosa che finisce su un muro dove
cosa, che a un certo punto s’innamora della Nel senso? “Il mio assistente ha un bimbo rosa di spalle sta facendo pipì.
street art e scopre che un suo cugino è Space visto di recente a New York
Invader, famosissimo writer d’Oltremanica. una mostra di Brainwash, effet-
Tramite lui riesce a incontrare Banski e di-
venta Brainwash: la storia è vera? “Il punto
tivamente affollatissima, ma
era posteriore a quando fu gi- I PICCOLI uomini
Il writer e cineasta Banski nel suo studio del film è esattamente questo: non si sa. Il rato il film”. In realtà Brainwa-

di Eugenia Romanelli
montaggio comprende materiali di 20 anni fa
– si dichiara girati da Guetta – con altri nuovi,
sh espone con grande succes-
so a Los Angeles già nel 2008:
di Lidia Ravera
quindi sembrerebbe trattarsi di una fonte rea- “E’ vero e, come raccontato nel Una serie di istantanee scattate con i canoni di solito
er gli appassionati di street art e graffiti, le costruita come una fiction. film, copia la mostra di Banski riservati alle donne, quelli dell’avvenenza fisica, del
P giovedì è una giornata memorabile: al ci-
nema Odeon di Firenze viene proiettata l’an- MA NON È CHIARO se Guetta-Brainwash
quando lui, stessa città due an-
ni prima, assemblò in un gran-
sex appeal, della disponibilità sessuale. Solo che questa
volta i ruoli sono invertiti; l'autrice è Lidia Ravera e le
teprima italiana del film di Banski, guru mon- ha accettato di raccontare la sua storia a Ban- de capannone industriale ope- vittime sono i Piccoli uomini (Il Saggiatore) protagonisti
diale di illegal art e artista straquotato ama- ski, che ne ha fatto un docu-fiction, oppure se re tra le più disparate, tra cui un del nuovo libro della scrittrice e firma del “Fatto Quo-
tissimo dal pubblico di tutti e 5 i continenti, Banski ha inventato un plot su un sedicente elefante vivo dipinto di rosa, tidiano”. Tutto è nato da un momento di irritazione
non solo giovane. L’iniziativa è di Silvia Luc- artista di alcuna fama, di fatto lanciandolo”. In apprezzatissimo anche da Brad selvaggia: quando B. nella primavera del 2009 ha fatto
chesi e del suo Schermo dell’Arte Film Festi- effetti le opere di Brainwash sono deludenti, Pitt e Angelina Jolie. Potrebbe l’ennesima battuta su Rosy Bindi “più bella che in-
val, rassegna cinematografica novembrina Guetta è un finto artista che scopiazza da in- quindi essere Banski stesso ad telligente”. Così, con un profilo alla volta dei nostri
dedicata all’arte contemporanea: “Abbiamo ternet le sue produzioni o rubacchia le idee aver costruito l’evento, per co- politici, è partito il contrappasso in un vortice di pan-
deciso per questo evento speciale, al di fuori degli altri. Insomma, è raccontato piuttosto struire il suo film”. Una specie cette e riporti, occhietti sfuggenti e sorrisi freddi. Se
della nostra stagione, per accompagnare come un abile comunicatore di se stesso: “Di di Effetto Droste? “Un incredi- secondo B. Rosy Bindi è più bella che intelligente,
l’importante ingresso nel panorama artistico sicuro la critica al sistema dell’arte è feroce. bile mise en abyme, ed è questa secondo la Ravera non ci sono dubbi: i piccoli uomini
italiano di un autore sui generis, unico al Attraverso questa vicenda Banski mostra co- l’idea geniale del film, si esce sono più brutti che potenti.
mondo”, spiega Lucchesi. Dopo le standing me una persona comune, se gioca bene le sue con un sacco di domande sen-
pagina 16 Mercoledì 11 maggio 2011

SECONDO TEMPO

IL PEGGIO DELLA DIRETTA

TELE COMANDO
TG PAPI
+ dei comizianti appaiono
muffiti. Berlusconi rispolve- di Luigi Galella
Il reality
disumano
modello è proprio nella pro- prio nella loro capacità d’es-

Un harem, ra la “sinistra che aumenta le


tasse e gli immigrati clande-
stini”. Bersani replica che il
“ghe pensi mi” non ha fatto
nulla. Insomma, roba trita e
ccingendoci a scrivere di
Amo“Uman take control”, sia-
stati colti dalla proditoria
notizia della sua cancellazio-
gressiva spettacolarizzazione
dell’uomo comune, quel var-
care il confine – sempre più
labile nella percezione che si
vuole diffondere – fra l’ano-
sere mostruosi? Semmai, vale
il concetto opposto. Erano i
vari Veronica, Maicol e Geor-
ge sufficientemente mo-
struosi e quindi prodigiosi?

ma frugale ritrita, niente a che vedere


con “le metastasi” della
Santanché. Forse – a parte
Gheddafi sparito e Al Za-
wahiri ricomparso – la vera
ne. Non ne siamo sorpresi. Si
era detto che fosse il più brut-
to programma della stagione.
Ma il giudizio era inesatto per
difetto, perché attribuiva al
nimato e il glamour: l’uomo
qualunque che diventa qual-
cuno, il nip (not important
person) che si trasforma in
vip. Che in altri termini signi-
La risposta è no, non per ca-
renza di umanità, ma del suo
opposto.
“Non si deve forse quasi es-
sere disumanizzati per senti-
notizia era per Bill Gates che reality di Italia 1 la dignità di fica attribuire a ognuno, alla re in sé l'inclinazione oppo-
di Paolo Ojetti si è comprato anche Skype. Chissà che fine farà un valore assoluto. In realtà, sua “verità” e “autenticità”, la sta?”, scriveva Nietzsche in
quel canale di comunicazione ancora gratuito? si trattava di uno spettacolo più profonda ragione di sen- “Umano, troppo umano”.
g1 Curiosità finale: oggetti smarriti a Malpensa. Si mediocre, un po’ presuntuo- so artistico. E che nient’altro L’errore di “Uman take con-
T La prima notizia non c’è: il Tg1 è stato multato
dal garante perché ficca Berlusconi in ogni ango-
comincia da una dentiera per arrivare a 1000 ban-
conote da 20 euro buttati in una latrina. Otturata,
so, approssimativo e confu-
so. Accade, è vero, che pro-
come la vita, i pensieri, le pa-
role comuni possono produr-
trol” è nella sua idea genera-
tiva: che si possa e debba
lo, con qualsiasi scusa, ne alimenta il culto della ma preziosa. duzioni anche più modeste re “spettacolo”. Vada quindi “controllare” i personaggi te-
personalità che Hitler, Stalin (anche il povero Ce- vengano per misteriose alchi- la vecchia arte al macero, dal levisivi. Un Golem al contra-
ausescu) si stanno mordendo i gomiti dall’invi- g3 mie premiate comunque dal momento in cui viene sosti- rio, che anziché ribellarsi ri-
dia. Berlusconi ricompare per la finale elettorale,
accompagnato da Sonia Sarno. Che ci sorpren-
T Come sempre, qui la politica spadroneggia.
Mariella Venditti, alle costole di Berlusconi, par-
pubblico televisivo. Qui però
non si è verificato nemmeno
tuita dalla vita di tutti noi.
Che da comune, quindi, si
diventa succube del suo crea-
tore. Ma a che pro allora
de quando, dopo la solita esaltazione del “pre- la della “solita litania”. Sì, certo, adesso promette questo e i bassissimi ascolti trasforma miracolosamente “creare” il mostro?
mier”, aggiunge che a Crotone ci sono stati “ap- un sottosegretario in più per ogni ministero, mi- hanno quindi indotto la rete a in eccezionale. Le macchine umanizzate so-
plausi, ma anche qualche contestazione” e quan- naccia riforme che tappino la bocca al Quirinale e una chiusura anticipata: me- Ma “Uman take control” ha no affascinanti letteraria-
do non censura una delle solite e incomprensibili – udire per credere – accusa la magistratura na- glio una disonorevole ritirata pensato invece di invertire i mente quando ci prendono
uscite berlusconiane: “I leader della sinistra si la- poletana di aver chiuso le discariche per fargli di- che la definitiva débâcle. termini di questo processo, la mano, non quando le gui-
vano poco”. Eppure Bersani sembra lindo, Fini ad- spetto: “L’immondizia gliela scaricherei in Procu- Il format era di marca israe- riconoscendo in quell’ “ecce- diamo, dal mostro di Fran-
dirittura azzimato e Casini (che il Tg1 fa sfilare ra”. Si scivola verso gli altri “leader” (Bossi sogna liana e nasceva sul presuppo- zionale” un processo disuma- kenstein a Pinocchio. E il bu-
con il loden) o è freddoloso o chi monta i servizi è di sorpassare il Pdl a Milano e dice “stronzo” a Fini, sto della “riumanizzazione” nizzante, che andava quindi rattino di legno ci piace
proprio qualcuno che tira via e rubacchia la pa- che non polemizza: “Troppo elevato”), ma Ber- dei personaggi di precedenti normalizzato. Presunzione quando tira calci e sfugge a
gnotta. Curiosità nel servizio su Bin Laden: aveva sani – sempre soft – non è un duro per i giochi reality, sottoposti al controllo didattica e pedagogica, che il Geppetto, non quando di-
tre mogli “un harem, ma frugale”. Niente a che duri. Ricompare il dimenticatissimo Rutelli, man- e al dominio del pubblico. pubblico non ha gradito. Per- venta un bambino come tutti
vedere con i bunga bunga. ca poco ai verdetti amministrativi. Per lo scontro Questo, nelle intenzioni teo- ché mai pretendere di nor- gli altri. Perché in quella di-
milanese (pare che con la Moratti ci si giochi il riche. In realtà, altro non era malizzare quei personaggi se spettosa trasgressione si pre-
g2 futuro della Repubblica), interviene Paolo Mieli: che una delle tante varianti la loro umanità risiede pro- figura l'avventura e il possi-
T Qui la “politica” si assopisce. Simonetta
Guidotti ha confezionato un pezzettino da far-
se vincesse Pisapia, resterebbe “molto sorpreso”.
Chiusura sul terremoto devastante che oggi di-
del protoreality per eccellen-
za, ovvero del “Grande fratel- Rossella Brescia ha condotto con
bile orizzonte dell'umano,
che al contrario la riduzione
macista, tanti grammi a Berlusconi, tanto a Ber- struggerà Roma. Leggere questa rubrica in fretta, lo”. Ora, se c’è un residuo il Mago Forest “Human Take alla “norma” restringe o az-
sani e, via via, le altre dosi. Anche gli argomenti non è vero ma qualcuno ci crede. motivo di interesse in quel Control”, reality cancellato ieri zera.

LA TV DI OGGI
11.00 NOTIZIARIO TG1 14.00 ATTUALITÀ Pome- 15.05 SPECIALE Tribune 19.30 NOTIZIARIO TG3 11.00 REAL TV Forum 13.40 CARTONI ANIMATI 11.30 NOTIZIARIO TG4 - 11.25 DOCUMENTARIO
11.05 ATTUALITÀ Occhio riggio sul Due Elezioni Amministrative (REPLICA) 13.00 NOTIZIARIO TG5 - I Simpson Meteo - Vie d'Italia noti- Atlantide - Storie di uomi-
alla spesa 16.10 TELEFILM La signora 15.45 EVENTO SPORTIVO 20.00 RUBRICA Il caffé - Meteo 5 14.35 TELEFILM E alla fine zie sul traffico ni e di mondi
12.00 VARIETÀ La prova in giallo Ciclismo, 94º Giro d'Italia Noi e loro (REPLICA) 13.40 SOAP Beautiful arriva mamma! 12.00 TELEFILM Wolff - Un 12.30 TELEFILM Due South
del cuoco 17.00 TELEFILM Top Secret 5a tappa: Piombino - 20.30 RUBRICA Consumi e 14.10 SOAP CentoVetrine 15.05 SIT COM Camera poliziotto a Berlino - Due poliziotti a Chicago
13.30 NOTIZIARIO TG1 17.45 NOTIZIARIO TG2 Orvieto, 191 Km (DIRETTA) consumi 14.45 TALK SHOW Uomini Cafè 13.00 TELEFILM Distretto 13.30 NOTIZIARIO TG La7
14.00 NOTIZIARIO TG1 Flash L.I.S. 17.10 RUBRICA SPORTIVA 20.57 NOTIZIARIO Agrime- e Donne 15.45 SIT COM Camera di Polizia 9 13.55 FILM Il giardino
Economia - TG1 Focus 17.50 NOTIZIARIO SPORTI- Processo alla tappa teo 16.15 ATTUALITÀ Pome- Cafè Ristretto 13.50 REAL TV Sessione indiano
14.10 ATTUALITÀ Se... a VO Rai TG Sport 18.05 DOCUMENTARIO 21.00 NOTIZIARIO News riggio Cinque 15.50 TELEFILM Zack e Cody pomeridiana: il tribunale 15.55 TELEFILM Chiamata
casa di Paola 18.15 NOTIZIARIO TG2 Aspettando Geo & Geo - lunghe da 24 18.50 GIOCO Chi vuol sul ponte di comando di Forum d'emergenza
16.10 ATTUALITÀ La vita 18.45 TALK SHOW Mauri- Geo & Geo 21.27 PREVISIONI DEL TEM- essere milionario 16.50 TELEFILM Zeke e 15.10 TELEFILM Flikken 16.30 TELEFILM J.A.G. -
in diretta zio Costanzo Talk 19.00 NOTIZIARIO TG3 - PO Meteo 20.00 NOTIZIARIO TG5 - Luther coppia in giallo Avvocati in divisa
18.50 GIOCO L'eredità 19.35 TELEFILM Squadra TG Regione - Meteo 21.30 RUBRICA Tempi Meteo 5 17.50 SIT COM Love Bugs 16.15 FILM Ben-Hur - Pri- 18.35 REAL TV Cuochi e
20.00 NOTIZIARIO TG1 Speciale Cobra 11 20.00 VARIETÀ Blob dispari 20.30 ATTUALITÀ Striscia 18.30 NOTIZIARIO Studio ma parte fiamme
20.30 ATTUALITÀ Qui 20.30 NOTIZIARIO TG2 20.10 TELEFILM Cotti e 22.30 NOTIZIARIO News la Notizia - La voce del- Aperto - Meteo 18.55 NOTIZIARIO TG4 - 19.40 VARIETÀ G' Day
Radio Londra 21.05 FILM Pretty Princess mangiati lunghe da 24 l'improvvidenza 19.00 NOTIZIARIO SPORTI- Meteo 20.00 NOTIZIARIO TG La7
20.35 EVENTO SPORTIVO 23.05 NOTIZIARIO TG2 20.35 SOAP OPERA Un 22.57 PREVISIONI DEL TEM- 21.10 FICTION I Liceali VO Studio Sport 19.35 SOAP OPERA Tempe- 20.30 ATTUALITÀ Otto e
Calcio, Coppa Italia: Tim 23.20 TELEFILM Close to posto al sole PO Meteo 3"Non tagliateci le ali" 19.30 TELEFILM C.S.I. Mia- sta d'amore mezzo
Cup 2010/2011 Semifina- home 21.05 ATTUALITÀ Chi l'ha 23.00 RUBRICA Il punto 23.15 ATTUALITÀ Matrix mi 20.30 TELEFILM Walker 21.10 ATTUALITÀ Exit -
le, gara di ritorno Inter - 0.05 DOCUMENTARIO visto? 23.27 PREVISIONI DEL TEM- 0.50 ATTUALITÀ Nonso- 20.30 GIOCO Trasformat Texas Ranger Uscita di sicurezza (DIR.)
Roma (DIRETTA) La Storia siamo noi 23.15 VARIETÀ Parla con me PO Meteo lomoda - 25 e oltre 21.10 VARIETÀ Le Iene 21.10 TELEFILM Le indagini 0.00 NOTIZIARIO TG La7
23.10 ATTUALITÀ Porta a 1.00 TELEFILM In Justice 0.00 ATTUALITÀ TG3 23.30 NOTIZIARIO News 1.30 NOTIZIARIO TG5 Show di padre Castell 0.15 DOCUMENTARIO
Porta 1.40 PREVISIONI DEL TEM- Linea notte brevi Notte - Meteo 5 Notte 0.00 VARIETÀ Saturday 23.05 RUBRICA I bellissimi La storia proibita del '900
0.45 NOTIZIARIO TG1 PO Meteo 2 1.00 RUBRICA Appunta- 23.33 ATTUALITÀ Inchiesta 2.00 ATTUALITÀ Striscia Night Live di R4 italiano (REPLICA)
Notte - TG1 Focus - Che 1.45 RUBRICA Appunta- mento al cinema 23.57 PREVISIONI DEL TEM- la Notizia - La voce del- 1.25 RUBRICA SPORTIVA 23.10 FILM Payback - la 1.15 ATTUALITÀ Otto e
tempo fa mento al cinema 1.10 RUBRICA SPORTIVA PO Meteo l'improvvidenza (REPLICA) Poker1mania rivincita di Porter mezzo (REPLICA)
1.20 ATTUALITÀ Qui 1.50 RUBRICA SPORTIVA 94º Giro d'Italia - Giro 0.00 NOTIZIARIO News 2.20 TELEFILM In tribuna- 2.15 NOTIZIARIO Studio 1.15 NOTIZIARIO TG4 1.55 VARIETÀ G' Day
Radio Londra Reparto Corse notte lunghe da 24 le con Lynn Aperto - La Giornata Night News (REPLICA)

TRAME DEI FILM PROGRAMMIDA NON PERDERE


/ Jerry Maguire  Inter - Roma  Exit - Uscita di sicurezza
Il rampante Jerry Maguire è il fiore L’Inter parte decisamente favorita nella Per cosa voteremo davvero domenica e
all’occhiello della Sports Management sfida di ritorno della semifinale di Cop- lunedì? Più si avvicina il voto per le
International. Nella vita il suo unico pa Italia. Si parte infatti dalla vittoria amministrative e più sembra che non si
obiettivo è procurare contratti miliar- di misura ottenuta dai nerazzurri quin- voti per il governo delle città ma si voti
dari e ottenere cospicue percentuali. dici giorni fa all’Olimpico.Ancora una pro o contro Berlusconi. E in questo
Poi, un giorno, complice lo stress, ha volta si ritroveranno di fronte le due scenario Milano, luogo del duello tra il
una crisi di coscienza e presenta ai suoi squadre, che hanno dato vita negli ulti- premier e giudici, diventa anche la piaz-
dirigenti una relazione che delinea un mi anni a un’accesa rivalità con nume- za più importante per il futuro politico
/ Pretty Princess / Payback - la rivincita di Porter  Le Iene Show
modus operandi più etico. Risultato? rosi scontri sia in campionato sia nella dell’Italia intera. Cosa succederà se vin-
Mia Thermopolis, una timida ragazza di Porter e Val sono una coppia di abili Dei cani antidroga in servizio nelle For-
Jerry viene licenziato in tronco. Proverà seconda competizione nazionale. In ce la maggioranza? E se a vincere
San Francisco, scopre all’improvviso di ladri. Il sodalizio tra i due si rompe ze dell’Ordine e del prezioso aiuto che
a risalire la china... palio la finalissima di Roma. saranno le opposizioni?
essere l’erede al trono di un piccolo quando, dopo aver scippato un bel mal- danno giornalmente nella lotta al traf-
principato europeo. Per la giovane ini- Sky Cinema 1 21,10 loppo a un gruppo di malviventi cinesi,
Rai 1 20,35 fico di stupefacenti si parla molto ma si
La7 21,10
zia un duro addestramento tra regole di Val, con l’ignara complicità della moglie conosce, in realtà, ben poco. Luigi
galateo e passi di valzer. Il re della del suo “socio in affari”, attira Porter in Pelazza colma questa lacuna seguendo,
commedia Garry Marshall dirige una una trappola e gli spara. Peccato Val dalla nascita alla pensione, la vita di
pellicola in perfetto stile Disney.Accan- non si accerti che Porter sia realmente questi speciali “agenti a quattro zam-
to alla protagonista Anne Hathaway morto. L’uomo infatti si riprende e si pe”. Un reportage che, dai primi adde-
troviamo l’inossidabile Julie Andrews, dedica anima e corpo ad un unico sco- stramenti, porterà la Iena a seguire i
nei panni della nonna regina. po: la vendetta... cani sino ai servizi di controllo.
Rai 2 21,05 Rete 4 23,10 Italia 1 21,10
Mercoledì 11 maggio 2011 pagina 17

SECONDO TEMPO

feedbac$
k
MONDO
MICROSOFT SI BUTTA SU INTERNET
WEB
di Federico Mello
è ARRIVA “GOOGLE MUSIC”
IL MOTORE DI RICERCA MANDA LA MUSICA SULLE NUVOLE
Si chiamerà “Google Music”, arriverà a breve e – etichette
permettendo – punta a cambiare il modo in cui fruiamo la
nostra musica. Il nuovo servizio di Big G. permetterà agli
utenti di conservare i propri brani preferiti (fino a 20 mila)
sulle nuvole, ovvero sui server del motore di ricerca. Dal
pc, dai telefoni e tablet Android, sarà poi possibile accedere
Commenti al post
su ilFattoQuotidiano.it
“Bloccare i processi
fino alla fine del
mandato”. La
proposta di immunità
ovunque alla nostra libreria musicale. “Google Music” – per firmata dall’Udc

Bill Gates è B. FA FLOP SU YOUTUBE


IL VIDEO-APPELLO PER LE AMMINISTRATIVE
Quant’è faticoso Internet... per Silvio
ora grutuito ma su invito – funzionerà anche
offline, permetterà di organizzare playlist e di
avere info su album e brani. Servizi simili, come
Spotify, stanno funzionando bene in Inghilterra.
Ma il peso di Google sul mercato online
è DI CHE CI vogliamo
stupire? Non aveva tra le
sue file un noto mafioso?
Lui è così, sempre pronto a

compra Skype Berlusconi. Il premier ha pubblicato sul canale


YouTube del Pdl un video-appello per le
amministrative: “Il 15 e il 16
maggio, fai vincere il governo del
fare” nel quale lancia le solite
potrebbe spedire definitivamente la musica
sulle nuvole.
dare una mano alla
“famiglia” e anche a due!
Matahari

è È RISAPUTO che tutti


l’acquisizione dell’anno nel meno una volta al mese. Il mo- accuse contro giudici e
È mercato dei software, della
rete e delle telecomunicazioni.
dello di business delle telefonate
gratis, però, ha mostrato la cor-
“comunisti”. Dal punto di vista
della comunicazione online, però,
i politici, dal consigliere
comunale del più piccolo
paese al presidente della
Microsoft, il colosso del softwa- da: nonostante il giro d’affari di è un disastro: appena 500 Repubblica, vogliono essere
re fondato da Bill Gates, ha com- 860 milioni di dollari, la compa- visualizzazioni in cinque giorni e degli impuniti. Il problema è
prato ieri Skype, azienda leader gnia ha perso 7 milioni di euro commenti e voti degli utenti, fargli capire che devono
mondiale nelle telefonate via In- nel 2010 (che si vanno ad ag- bloccati. Chissà perché. avere il buon senso di
ternet (Voip) per 8,5 miliardi di giungere ad altri 686 milioni ora dimettersi al primo
dollari: è la più grande operazio- ripianati da Microsoft). Ma la no- infondato sospetto, chiarire
ne mai fatta dall’azienda di Red- tizia è anche un’altra: per la pri- la propria posizione e
mond fondata 36 anni fa. “Insie- ma volta l’azienda di Gates “si bu- magari rientrare se
me creeremo il futuro della co- ta” seriamente su Internet. Mi- innocenti. Il loro è un
municazione in tempo reale”, ha crosoft è conosciuta nel mondo mandato di nomina non di
dichiarato l’ad di Microsoft Steve per i programmi, Office in par- diritto.
Ballmer”. La notizia, in effetti, ha ticolare, e dalle licenze genera Ansimo
un valore “storico” (e non solo gran parte dei ricavi. Sul web ha
perché Microsoft ha soffiato l’af- scommesso solo ultimamente è CI VANTIAMO di
fare a Google e Facebook). (vedi il motore di ricerca Bing), essere la sesta o la settima
Skype, da tempo in vendita, è sta- ma senza riuscire ad incidere. potenza economica del
ta fondata nel 2003 da Niklas Ora, invece, probabilmente il mondo occidentale ma
Zennstorm e Janus Free, già idoli prezioso marchio Skype verrà in- oltre a questo non andiamo.
di Internet per aver creato Ka- tegrato nel Windows Phone, il si- Cosa guarda Osama? Ai morti andrebbe sempre Non esiste in nessun altro
zaa, uno dei primi e più noti sof- stema operativo sviluppato per garantito rispetto. Ma la figura di Bin Laden ha rappresentato paese occidentale dove un
tware di file-sharing. Portando a smarphone e tablet: la sfida ad un’icona (del male) troppo potente per restare immune politico possa dire o fare
una vera e propria rivoluzione iPhone e Android è lanciata. La all’ironia in Rete. Tra i tanti, il sito tomscott.com permette qualcosa che possa
nella comunicazione telefonica Borsa Usa e il Nasdaq hanno ri- ora a chiunque di “personalizzare” l’ultima foto del terrorista avvicinarsi lontanamente a
(basta pensare alle videochiama- sposto positivamente. Più critici (in quella proposta sopra, Bin Laden guarda quello che fa Berlusconi e
te con chi vive all’estero), l’a- gli utenti della Rete: i palati fini l’ultimo Passaparola di Marco Travaglio). quell’orda di mangiapane
zienda leader nel Voip ha con- digitali, si sono sempre fidati po- che ricoprono cariche
quistato 800 milioni di utenti, co dell’informatica di Bill Gates. pubbliche in Italia. Se
124 dei quali si connettono al- f.mello@ilfattoquotidiano.it capitasse a me, mi
Il logo Skype; sbatterebbero in galera
il video YouTube di Berlusconi; senza darmi il tempo di
il blogger egiziano Wael Ghonim; fiatare.
I FILM LO SPORT il secret service su Twitter Elianto63

SC1= Cinema 1 SCF=Cinema Family SP1=Sport 1 è SONO sempre gli stessi,


SCH=Cinema Hits SCC=Cinema Comedy SP2=Sport 2
SCP=Cinema Passion SCM=Cinema Max SP3=Sport 3
da millenni, sempre loro!
Nevercould
18.55 Antwone Fisher SCP 18.30 Calcio, Liga 2010/2011
18.55 Iron Man 2 SC1 36a giornata Real Madrid -
è CARO onorevole Casini,
19.00 Anno Uno SCC Getafe (Replica) SP3
gradirei che si facesse una
19.20 Presa mortale 2 SCM 20.00 Calcio, Liga 2010/2011 legge anche per il
19.20 A proposito di Henry SCH 36a giornata Levante - sottoscritto, legge che
19.30 La rivincita delle dami- Barcellona (Diretta) SP1 potrebbe recitare così: a
gelle SCF 20.15 Golf, PGA European Tour tutti quelli che si chiamano
21.00 Dorian Gray SCP 2011 Open de España: 4a gior- (come nik) PIPY, gli vanno
21.00 La dea dell'amore SCC nata (Replica) SP3 consegnati 10000,00 euro al
21.00 Triplo Inganno - Wrong 22.00 Basket, NBA 2010/2011 mese. Grazie.
Number SCM Finale di Conference. Gara 6 Pipy
21.00 Bibi e il segreto della Chicago Bulls - Atlanta Hawks
polvere magica SCF (Replica) SP3 è CAMBIARE le regole
21.10 Uomini che odiano le 22.00 Calcio, Liga 2010/2011 durante il gioco e
donne SCH 36a giornata Osasuna - Siviglia quantomeno sospettoso.
21.10 Jerry Maguire SC1 (Diretta) SP1 Penso piuttosto che a tanti
22.45 Misterioso omicidio a 0.00 Poker, PartyPoker SP2 deputati farebbe comodo
Manhattan SCC 0.30 Tennis, ATP World Tour arrivare a fine mandato per
22.45 Jade SCM Masters 1000 2011 Roma: la pensione; perché gli
23.00 Valentino: l'ultimo secondo turno (Replica) SP3 interessi personali vengono
imperatore SCP 1.00 Basket, NBA 2010/2011 sempre prima di tutto.
23.00 A Christmas Carol SCF Playoff, Semifinale di Conference Marco Cottonati
23.35 Happy Family SC1 Gara 5 Miami Heat - Boston “Scusate se il mio applauso
23.50 La ragazza che giocava Celtics (Diretta) SP2 a Confindustria non si è sentito”. è NON C’È da stupirsi.
con il fuoco SCH 1.15 Calcio, Serie A 2010/2011 L’ironia amara di Frankezze.it L’Udc sostiene i condannati
0.25 Il Tesoro Perduto SCM Anticipo 17a giornata ritorno sugli applausi ai manager Thyssen in via definitiva per
0.40 I diari della motocicletta SCP Roma - Milan (Replica) SP1 favoreggiamento aggravato a
Cosa Nostra.
Lorenzo
è I SERVIZI SEGRETI USA SU TWITTER

RADIO è EGITTO: “RIVOLUZIONE 2.0”


LIBRO DEL BLOGGER E DIRIGENTE GOOGLE
Prima da blogger anonimo, poi con la sua
NESSUN SEGRETO, MA 5 MILA FOLLOWER IN UN’ORA
I servizi segreti degli Stati Uniti ti stanno seguendo...
su Twitter. L’agenzia di sicurezza federale ha appena
è L’IMMUNITÀ voluta
per salvare il sultano,
equivale al processo di
A “Radio3 Mondo” il ruolo faccia, il suo nome e cognome (nonché
l'autorevolezza di un lavoro come dirigente
aperto il proprio account sulla piattaforma di
microblogging, scatenando l’ironia degli utenti del
ibernazione, dopo un lasso
di tempo si cercherà, con
del Libano di Google), l’egiziano Wael Ghonim è social network e del web in generale. “Finalmente il eventuali scoperte
diventato il simbolo della primavera araba: profilo twitter del presidente Obama è al sicuro!”, è scientifiche (o ulteriori leggi
Il Libano uno dei pochi paesi dell’area che finora non è fu lui ad aprire la pagina Facebook “Siamo stato uno dei primi, sarcastici messaggi che hanno ad personam), di tenere in
stato travolto dalla rivolta araba è diventato la meta di tutti Kahled Said” – in memoria di un accolto la notizia. Quanti segreti fondamentali vita un soggetto, che per il
numerose persone, soprattutto donne e bambini, che giovane torturato e ucciso dalla polizia – saranno rivelati al mondo via tweet? Ovviamente sottoscritto è già
sulla quale le proteste trovarono spazio e nessuno. Il profilo dei servizi segreti, come ha trapassato.
fuggono dalla violenta repressione siriana. Chi sono
diffusero in tutto l’Egitto. Ieri Ghonim ha spiegato il portavoce Max Milien, sarà utilizzato Homo Italicus
questi profughi e cosa cercano in Libano? Intanto il annunciato su Twitter che racconterà la soprattutto come canale di informazione e
movimento islamico libanese Hezbollah che nella fac- sua incredibile esperienza in un libro che reclutamento per chi è interessato a lavorare è NEANCHE per sogno!
ciata sta mostrando un sostegno incondizionato al regi- s’intitolerà “Rivoluzione 2.0”, in libreria nei nell’agenzia. E nonostante le prese in giro degli utenti, Un presidente del Consiglio
me siriano, è accusato di fomentare la rivoluzione nei primi mesi del 2012. Il blogger ha firmato ha raggiunto quota 5 mila follower dopo appena indagato, si dimette ed un
un accordo con l’editore americano un’ora dalla sua apertura (Tommaso Rodano). altro, più pulito, prende il
paesi del Golfo per indebolire l’Arabia Saudita e favori-
Houghton Mifflin Harcourt per raccontare suo posto! È così che fanno,
re cosi’ il regime iraniano. Qual è il ruolo del Libano “la rivoluzione egiziana vista da dentro e gli nei Paesi civili e che non
negli sconvolgimenti geopolitici del mondo arabo? insegnamenti della primavera araba”. seguono inciuci! Proprio
Roberto Zichittella ne parla con Bibi David, giornalista “Rivoluzione 2.0 – si legge in un comunicato – spiegherà come la rivolta sia non ce la fate ad essere
e conduttrice radiofonica da Beirut.
nata grazie al potere dei sociale network e di internet”. Il libro uscirà in persone serie e dignitose,
arabo il 25 gennaio prossimo, in concomitanza con il primo anniversario eh?
Radiotre 11,30 della protesta che ha portato alle dimissioni di Mubarak. _utopia_
pagina 18 Mercoledì 11 maggio 2011

SECONDO TEMPO

il badante
PIAZZA GRANDE É di Oliviero Beha

NANNI E BUOI
DEI PAESI TUOI
Cannes ha ancora un senso? L a direzione e la redazione di questo giornale mi viene dipinta
come un “covo di morettiani”. Niente a che vedere con il
brigatista Mario Moretti di altri anni (questa è per Sallusti), né con
il ferroviere capo Mauro Moretti, quello che definì la tragedia di
di Roberto Faenza Una volta, i tre, immaginando festival non Viareggio “uno spiacevole incidente”. Bisogna essere assai cauti con
più in smoking ma in abito vir- le omonimie, si sa come si comincia e poi... Per esempio il
ggi si apre a Cannes in festival servivano

O
tuale, situati sul territorio del personaggio basico di Nanni, il Moretti che ci riguarda qui, si
pompa magna il 64° fe- web e non in un singolo paese.
stival cinematografico, a promuovere i Spike Lee nel 2008 si impegnò
chiama Michele Apicella come il musicante di Silvio... Anch’io a
modo mio faccio parte del suddetto “covo”. Penso che in piccolo
come sempre diviso in film. Oggi a a lanciare un esperimento di
anche la filmografia di Moretti sia complessivamente da ascrivere
varie sezioni. Due articoli festival on line. Lo scorso anno
ai classici contemporanei e quasi moderni, sulla strada che porta a
pubblicati su Saturno-Il Fatto lo queste kermesse Ridley Scott ha coordinato un
dei Maestri di regia come Almodovar tragicomico greco antico, o
scorso 29 aprile, una bella in- progetto ancora più ambizio-
tervista a Ermanno Olmi di Ca- interessa solo so, Lifeinaday. A metà strada tra Eastwood. L’ultimo film di Nanni, “Habemus Papam”, da oggi a
milla Tagliabue e un pungente contenuti. Olmi e Canova con- il megafestival e il raduno pla- Cannes, cui auguro ogni fortuna, che ho visto con i miei tempi
“coccodrillo” del critico Gian- perpetuare cordano sulla presenza di uno netario, il regista ha chiamato a rallentati senza indugiare sulle recensioni, mi ha colpito
ni Canova, inducono a una ri- spettro che si aggira nel mon- raccolta i filmaker del mondo particolarmente per come è riuscito e per come non è riuscito.
flessione. Hanno ancora sen-
se stesse, ma do della celluloide: Internet. intero per raccontare la vita di Straordinario e coraggioso il tema, quello di un Pontefice che
so oggi i festival? Cannes è il non le pellicole Nell’era del web, la sacralità un determinato giorno, 24 ore rinuncia al seggio (Michel Piccoli inarrivabile cardinal Melville,
più importante, specie per del tempio cinematografico è del 24 luglio. Sono arrivati omonimo dell’autore di “Bartleby lo scrivano”, quello appunto di
l’affollamento del marché. Se- e tantomeno messa a dura prova. Il digitale 80.000 contributi da 197 pae- “preferisco di no”). Mirabile la ricostruzione del conclave, di Piazza
guono Venezia e Berlino, sta mutando lo scenario: il ci- si, 2.300 dall’Italia! Alla rivolu- San Pietro, delle guardie svizzere. Poesia pura il Papa non Papa in
pronti a giurare di non essere gli autori nema non sarà più lo stesso, le zione in atto i festival non pos- incognito per Roma, come pure alcuni squarci dei cardinali.
secondi a nessuno. Incalza To- modalità di produzione e frui- sono sottrarsi. I più avveduti se Commedia corale l’escamotage della pallavolo, come pure la
ronto, molto seguito dai nor- zione già stanno cambiando. ne sono accorti e cercano di ri- controfigura del Pontefice in fuga che riempie la scena spostando
damericani. Sono in pista Sun- ler concorrere, vedi Woody Al- generarsi. Per chi siede sugli al-
una tenda. L’elenco anche simbolico è lungo, e testimonia
dance, fondato da Robert Red- len. Altri esigono dai produtto- PERSINO I CRITICI stan- lori è d’obbligo il pensiona-
ford, e Rotterdam, prediletto ri la firma sul contratto per re- no scomparendo, fagocitati da mento anticipato. Cannes non dell’importanza del film e del mio “morettismo” da spettatore.
dai cinéphiles duri e puri. Tut- stare fuori dalla mischia. Può migliaia di recensioni on line è ancora iniziato, ma secondo Dove cominciano i dubbi, da dove si sviluppa una critica a
te queste rassegne hanno in un maestro del cinema soggia- fatte direttamente dagli spetta- alcuni è già finito. Saprà ade- quell’altro “morettismo”, ossia quello vero, quello ingombrante
comune la parola crisi. Dice cere al giudizio di giurie spesso tori. C’è chi si è già spinto ol- guarsi ai nuovi tempi Venezia? (citando in scala ciò che ne diceva Dino Risi), quello dell’autore ?
Olmi, alla vigilia della saggez- improvvisate? Capita di veder- Cominciano dalla resa “parlata” di Moretti che recita se stesso,
za di chi compie 80 anni: “An- le capeggiate da amici degli Michel Piccoli in una scena di “Habemus Papam”. In alto, Ermanno Olmi (FOTO ANSA) come sempre. Più volte ho pensato che nei dialoghi quelle parole
che il Festival di Cannes non amici. Oppure composte da anche divertenti con i cardinali o con il portavoce vaticano (tutti
può sottrarsi al mercantili- un cocktail di personalità chia- attori mossi dal regista con abilità incontestabile) fossero un torto
smo, alle pressioni politiche, mate a farne parte per ragioni al film e al suo disegno più profondo. Mentre tutto ciò che vedevo
ai patteggiamenti che poco di glamour e visibilità. I festival era convincente, toccante, emozionante, raziocinante, quell’audio
hanno a che fare con l’arte. È hanno anche perso di credibi- morettiano mi sembrava una miniaturizzazione del film: un
difficile trovare sussulti, gesti lità per la ridondanza di premi ammicco allo spettatore e a se stesso da parte di Nanni, quasi a dire
di ribellione, fili d’erba...” . Ca- tanto roboanti quanto inutili. “anche se mi occupo di San Pietro e dintorni, tranquilli, sono
nova rincara la dose. A propo- A scorrere l’elenco si capisce sempre io, Nanni, quello degli inizi, il minimalista romano che con
sito di Cannes scrive: “I nomi che un premio ormai non lo si
ironia e leggera autoironia non si prende mai troppo sul serio, non
degli invitati e dei convenuti nega neppure ai comprimari.
sono più o meno sempre gli Gianni Canova pone un quesi- sono cambiato...”. Togli l’audio e l’espressività di Moretti, degli altri
stessi e si ripetono di anno in to impietoso: a cosa servono i attori, della scena collettiva già espressiva al massimo di suo fino al
anno con rassicurante conti- festival? Una volta servivano a Piccoli incommensurabile, e diventa o resta la carne viva del film in
nuità”. promuovere i film. Oggi non tutta la sua creatività. È un film muto, “Habemus Papam”, e non lo
più. Lo scorso anno a Cannes sa... È muto a modo suo, è muto come rumore di fondo e suono
E AGGIUNGE con ironia: “Il vinse la Palma d’Oro un corag- d’anime e di corpi, è muto anche quando parla, ma parla come se
più delle volte è un défilé dei gioso film thailandese, eppure pensasse e quindi fosse “muto” (Piccoli sull’autobus che a voce alta
‘soliti noti’. Se non addirittura gli spettatori lo hanno diserta- rimugina quello che dirà dal balcone papale). Diventa “gridato” nel
una festa di coscritti”. Effetti- to ovunque. A Venezia 2010 ha morettismo di sempre, quando Nanni fa Nanni, cioè il motivo di
vamente a guardare la vista de- vinto Sofia Coppola, ma il suo fondo per cui fa cinema, è un artista ed è (direi invece “sembra”)
gli invitati che si disputeranno film ha avuto un riscontro di riconoscibile per questo. Magari rinunciare alla sua sopravvivenza
la Palma d’oro, troviamo sem- pubblico inadeguato al Leone giovanile, che lo fa com’è e gli conserva il morettissimo
pre gli stessi “in rigoroso ordi- d’Oro ed è stato snobbato nelle “fanciullino” , avrebbe trasformato un film così in un capolavoro.
ne alfabetico: Pedro Almodo- sale americane. Dei film, dice il Intendiamoci, coefficiente di difficoltà altissimo, come per i tuffi,
var, i fratelli Dardenne, Aki critico, non importa più a nes-
come per “Il Divo” di Sorrentino, unico riferimento di difficoltà a
Kaurismaki, Lars Von Trier. E suno. Ai festival interessa sol-
via compitando”. Saranno pre- tanto perpetuare se stessi, non bocce in movimento che mi viene in mente. Ma dopo Cannes se
senti anche tre italiani. Due già le pellicole, tantomeno gli au- provassimo a rimontarlo, a lesinare su quell’audio, a fare dell’audio
affermati, Moretti e Sorrentino tori. Conta il contenitore, non i un video... Nanni, rinunciare non è peccato.
(preferito dai bookmakers).
Una regista opera seconda, Ali-
ce Rohrwacher (sorella dell’at-
trice Alba), nella sezione della
Quinzaines. Le osservazioni di
Olmi puntano il dito su un pro-
blema non da poco: i festival
come tutti i luoghi di potere
Il nuovo caos sulle materie prime
rappresentano un crocevia do- di Mario Seminerio del petrolio, mentre movimento pari a 5 deviazioni standard dalla media
ve è inevitabile rintracciare l'argento ha subito l'en- giornaliera dei prezzi, cioè a un evento che dovrebbe
pressioni politiche e interme- l pomeriggio del 6 maggio 2010, quella che sem- nesimo rovescio, culmi- essere pressoché impossibile. Ma nell'era del “Cigno
diazioni, il più delle volte mi-
serevoli. Vedi il Festival di Ve-
nezia dello scorso anno, quan-
do, a insaputa del suo stesso di-
rettore Marco Müller, si è in-
I brava una normale giornata di scambi sulla Borsa
americana venne turbata da un impressionante
crollo, sviluppatosi nel giro di pochi minuti. I
maggior indici azionari giunsero a perdere quasi il 10
per cento nel corso della seduta, mentre le agenzie
ne di un ribasso di circa
il 30 per cento in pochi
giorni.
La meccanica del mi-
ni-crollo dei giorni scor-
Nero” sappiamo che non vi è nulla di “normale” nella
distribuzione dei prezzi delle attività finanziarie, e
che eventi estremi sono ormai divenuti un'inquietan-
te regola.

ventato un fantasioso premio battevano impazzite nuovi lanci, chiedendosi cosa si appare diversa dal Fla- COME SEMPRE in questi casi, ai crolli seguono le
fantasma all’ormai celebre stesse accadendo. Si parlò di imminenti minacce ter- sh Crash di un anno fa, spiegazioni. O meglio, le razionalizzazioni. Il mondo è
Dragomira. Lì sono venute alla roristiche, di Grecia sull'orlo del default o dell'uscita ma le similitudini restano. Anche oggi ci chiediamo sulla soglia di una ricaduta in recessione, sentenzia
ribalta le pressioni di ministri dall'euro, di un caso di “fat finger”, letteralmente il cosa sa il mercato che noi non sappiamo, come se il qualcuno, anche dopo aver visto nelle ultime settima-
senza pudore e compiacenti “ditone” di qualche operatore che digita uno zero di mercato fosse un’entità terza rispetto alla somma dei ne dati macroeconomici meno brillanti delle attese.
portaborse. Il più delle volte i troppo su un ordine di ven- suoi componenti. Giovedì scorso tutto è Forse è così, o forse le materie prime (che negli ultimi
condizionamenti restano die- dita. L’episodio venne ribat- cominciato dopo che il presidente della anni hanno subito una metamorfosi, soprattutto per il
tro le quinte, coperti sotto la tezzato con il suggestivo no- Dietro i crolli Bce, Jean-Claude Trichet, ha di fatto esclu- ricorso ai derivati) si erano spinte troppo oltre, dive-
coltre della vergogna. Ai festi- me di “Flash Crash”, e su di so un aumento dei tassi ufficiali sull’euro nendo il bene rifugio del pianeta, di fronte alla elevata
val, ha ragione Olmi, vale la re- esso venne aperta un'in- improvvisi e i rapidi già nella riunione di giugno. Questo ha incertezza causata da politiche monetarie adottate
gola del più forte, ovvero del chiesta da parte della SEC causato un'improvvisa corrente di vendite dalla Fed di Ben Bernanke per fare uscire gli Stati Uniti
mercantilismo, raramente del- (la Consob americana) e aumenti di euro contro dollaro. Le materie prime dalla peggiore crisi dalla Grande Depressione.
l’arte. Sappiamo tutti che a es- della CFTC, la commissione di prezzo sono espresse in dollari, e tendono quindi Alla base del rally delle materie prime degli ultimi anni
sere invitati in concorso sono i di controllo sui derivati. a deprezzarsi quando il dollaro si rafforza: è restano tuttavia squilibri reali. La Cina fa incetta di ra-
soliti noti e che a farla da pa- La conclusione giunse il 30 di questi giorni così cominciato lo smottamento, divenuto me, per costruire, ma anche per avere garanzie tan-
drone sono le produzioni più settembre scorso: un gran- esondazione quando, nel primo pomerig- gibili da offrire alle banche e aggirare i controlli sul
ricche, lasciando ai margini de ordine di vendita di futu- c’è l’eccesso di gio italiano, sono stati pubblicati dati ame- credito imposti dalle autorità di Pechino. Le materie
produttori e registi davvero in- res aveva innescato una rea- ricani che indicavano un inatteso rallenta- prime agricole restano in tensione, dopo i pessimi rac-
dipendenti. Merce sempre più zione a catena e il mercato si finanza e di dollari mento della crescita del settore dei servizi. colti dello scorso anno e la corsa al bioetanolo, che
rara, se non destinata a scom- era improvvisamente trova- nel settore A questo si aggiunga il fatto che le maggiori riduce le superfici coltivabili. Così come il petrolio,
parire. Non tutti gli autori per to da una sola parte, quella Borse merci internazionali hanno mecca- dopo che l'azzeramento dell'export libico non è stato
fortuna fremono dal desiderio dei venditori. A distanza di ma anche la fame nismi di controllo delle oscillazioni di prez- compensato dalla produzione saudita, da tempo in af-
di portare a casa un premio e un anno, giovedì 5 maggio, zo molto laschi, e il crash è servito. Per dare fanno. Eliminata negli ultimi giorni quella che gli an-
non tutti sono afflitti dalla feb- un simile “vuoto d'aria” si è crescente la misura di quanto estremo è stato il mo- glosassoni spesso definiscono “schiuma speculativa”,
bre del presenzialismo. Alcuni verificato sulle materie pri- vimento, basti pensare che un crollo di cir- le materie prime resteranno protagoniste di fortune e
registi si guardano bene dal vo- me, con un crollo verticale della Cina ca il 10 per cento del petrolio equivale a un rovesci dell'economia globale.
Mercoledì 11 maggio 2011 pagina 19

SECONDO TEMPO

MAIL BOX
LA VIGNETTA

Un ringraziamento
alla gente di Lampedusa
Mi sono commosso nel vedere
Furio Colombo

7 A DOMANDA RISPONDO
il passamano nel quale la gente
di Lampedusa si è esibita pas- LA GUERRA
sandosi i bambini, prendendoli
da quel barcone fino alla sal-
vezza. Speriamo che siamo
CIVILE
queste le immagini dell’Italia ad aro Colombo, siamo diventati dall’Europa) di “clandestini”. Berlusconi,
andare in giro per il mondo.
Non oso immaginare cosa
C specialisti della costernazione, del
“dove andremo a finire” (e ci siamo
personalmente, e nelle crisi sempre più frequenti
della sua malattia che lo rende estraneo a tutte le
avrebbero fatto i borghezi andati, e continuiamo ad andarci). Ma leggi, dal codice penale alla Costituzione, si occupa
lumbard, meglio non pensarci. quando il presidente del Consiglio dei piani alti della Repubblica. Si va dagli attacchi
Un pezzo di pane non si nega a afferma che è in corso una guerra civile personali al presidente della Repubblica al ripetere,
nessuno. Ringrazio i Lampedu- (tutti i giornali e telegiornali, 9 maggio) – nel pieno esercizio delle sue funzioni –
sani di averci onorati. non è una dichiarazione che affermazioni come la prossima iniziativa della sua
Bruno Sermenghi inevitabilmente ci porta tutti a vivere nel maggioranza in Parlamento: l’istituzione di una
mondo malato di Silvio Berlusconi? commissione di inchiesta per accertare che esiste
La “catena umana” Santo effettivamente, fra i magistrati, un’associazione a
delinquere. La prova è che lui è imputato e rinviato a Lo spot “afferma” che la do- al manager tedesco della Tys-
contro il razzismo LA MALATTIA, indubbiamente giudizio o in attesa di sentenza per reati come nazione è finalizzata esclusiva- senKrupp condannato a 16 an-
È una lacrima che scorre sulla presente nella persona in questione, spiega ma non corruzione di testimoni in un processo, falso in mente alla realizzazione di ni dal Tribunale di Torino per
carta l’orma che lascia un bam- ci libera. Ovvero non c’è alcuna via d’uscita nel dirci bilancio, tangenti, prostituzione minorile. La opere di bene in favore dei po- l’omicidio volontario dei sette
bino passato di mano in mano reciprocamente: poveretto, è malato. Lo è. Ma con sindrome del denunciare l’“evidente criminalità” di veri. Ma in effetti non è così. La operai fatti morire avendo
dal barcone allo scoglio. “Ca- un grande potere di fare danno. Lo usa tutto, quel chi osa accusarti (di prove non si fa mai cenno) è chiesa trattiene per sé l’80 per scientemente lasciato la fab-
tena umana” l’avete chiamata potere. E il danno è grande. Ora io non penso che la ovviamente in sé manifestazione di malattia. Le cento di quanto incassato (45 brica priva dei necessari siste-
ed è un ossimoro dolce quella guerra civile resti un modo di dire “colorito”. persone normali (a cui non accade di avere almeno per cento esigenze di culto e mi di sicurezza. Non un fiato
“catena” che si unisce alla pa- Neanche i centomila fucili nelle valli di Bossi sono quattro gravi processi in corso nello stesso tempo) si 35 per cento sostentamento neppure sulle incredibili di-
rola “umano”. E non c’è un’al- stati uno scherzo di colore e folclore, come in tanti ci difendono, specialmente quando dispongono di del clero) e destina solo il re- chiarazioni della “Presidentes-
tra risposta possibile ai razzisti, avevano assicurato. Bossi, attraverso Maroni, si è poderose batterie di avvocati. Berlusconi invece stante 20 per cento per le fi- sa” secondo la quale quella
agli xenofobi, agli anaffettivi: assicurato, contro gli immigrati, il controllo di polizia, dichiara “la guerra civile”. Dice che è in corso. nalità pubblicizzate. Detta ri- sentenza, ed eventuali simili,
catena umana. Nella notte di carabinieri, Guardia di finanza, Guardia forestale, Definisce così la legge, se si tenta di spingerlo a partizione è stata confermata allontanerebbe gli investimenti
onde. Nella voce del guarda- unità militari, che non sono pochi per sfogare una obbedire alla legge, come tutti. Ma la domanda anche nel programma “Re- esteri dall’Italia. Una frase che
coste. Negli occhi vivi di quel febbre di xenofobia fra le peggiori in Europa. Più la chiave che non è evitabile è la seguente: può port” dello scorso 30 maggio, detta dal presidente di Con-
neonato. Negli occhi angoscia- complicità vile di molti sindaci, e dunque dei vigili governare uno così malato? E in base a quale parte dal massimo rappresentante findustria lascia ben intendere
ti e fermi di quella madre che lo urbani, per la caccia medievale ai Rom, che si della Costituzione, può governare un primo ministro del Vaticano in materia, il pre- perché in questo Paese la di-
ritrova, lo riprende, lo abbrac- realizza attraverso quel barbaro rituale che sui che annuncia un golpe (accusa di associazione a sidente dell’Amministrazione gnità del lavoro e di chi lo ese-
cia. Non avranno scampo, gli giornali viene burocraticamente definito “sgombero delinquere fra i magistrati del suo Paese e della Santa Sede, cardinale At- gue è da troppo tempo calpe-
indifferenti assassini, mentre dei campi nomadi”, e che vuol dire abbattere povere dichiarazione di “guerra civile” in corso) mentre tilio Nicora. È un’operazione stata.
con tutte le nostre forze of- cose, sequestrare povere cose, terrorizzare i controlla l’esecutivo del Paese? Non aveva ragione semplicemente vergognosa, Mario Sacchi
friremo scampo a chi chiede bambini (gli sgomberi, in questo Paese civile Asor Rosa quando ha detto “bisognerebbe chiamare ingannevole, omissiva e ambi-
soltanto di essere. Umano. avvengono solo nel cuore della notte) e spingendo i Carabinieri?”. Il pensiero triste è: basterebbe il gua, che induce in errore quan- Un linguaggio
Paolo Izzo ogni volta decine di famiglie a vagare e a Parlamento, la stessa maggioranza di Berlusconi in ti in assoluta buona fede, do-
nascondersi fino a quando si saranno rifatti una Parlamento. A volte (nella storia è accaduto) persino nano il loro 8 per mille cre- rozzo e offensivo
Fuori dal tribunale piccola vita e arriverà un nuovo barbaro sgombero, i servi hanno un guizzo di dignità e si rivoltano, per dendo di aiutare gli ultimi (che Per chi è meno fortunato si
sempre senza neppure fingere di avere indicato un ragioni più alte. Non in questa maggioranza, non in consiglio invece di aiutare nel usano termini come “non ve-
una scena da brividi luogo dove “gli sgomberati” dovrebbero spostarsi. questo Parlamento. Non in questo Paese. quotidiano, direttamente e dente” oppure “diversamente
Nel giorno in cui Berlusconi si Ma tutto ciò non è che il dettaglio crudele, senza intermediazioni) . Spero abile”, e così via. Perché non
è presentato al Tribunale di Mi- realizzato da complici, del mondo folle di Berlusconi, Furio Colombo - Il Fatto Quotidiano che l' autorità garante della usare pari riguardo verso chi è
lano per l’udienza del processo come ributtare in mare i migranti o arrestarli con il 00193 Roma, via Valadier n. 42 concorrenza e del mercato malato di tumore? Perché Ber-
Mills ho visto in un filmato al- reato inventato (e cancellato con adeguato sdegno lettere@ilfattoquotidiano.it faccia il suo dovere. lusconi e Santanchè, nelle in-
cune scene che mi hanno fatto Gabriele Bianco vettive verso i loro nemici po-
venire i brividi. Un avvocato litici, usano un linguaggio così
Il Partito democratico rozzo offendendo chi è malato
e avrebbe invece bisogno di pa-
e gli applausi alla Thyssen
IL FATTO di ieri11 maggio 1872 Questo episodio conferma,
però, che mentre il presidente
rebbe doveroso che l’opposi-
zione presentasse un’interro- Non c’è proprio di che mera-
role di speranza? Non fanno
costoro un minimo sforzo per
Pseudonimo da fumetto, linguaggio deliziosamente arcaico, del Consiglio può permettersi gazione parlamentare per vigliarsi se i lavoratori, in par- capire come si può sentire un
Petronilla, al secolo Amalia Moretti Foggia, nata in quel di di dire davanti alle tv o nei te- chiederne conto al ministro ticolare gli operai, iscritti alla malato vero alle loro parole?
Mantova l’11 maggio 1872, entrò nel mondo e nel cuore delle legiornali che i giudici sono de- dell’Interno Maroni. CGIL quando è il momento di Se fossero governanti respon-
massaie del primo ‘900, con la sua rubrica “Tra i fornelli”, per gli eversori, un’associazione a Silvio Zanchet esprimersi politicamente vota- sabili, non dovrebbero, invece
vent ’anni appuntamento-cult della “Domenica del delinquere, un cancro da estir- no per la Lega e ignorano in di tagliare i fondi alla ricerca,
Cor riere”. Con le sue ricette di guerra, fatte per “sbarcare il pare e nessuno prende prov- Si va avanti nascondendo particolare il Pd. I vertici del Pd impegnarsi in ogni modo per
lunario mangereccio, stando attenti al borsellino” e i suoi vedimenti, chi è fuori dal coro, sono talmente lontani dai gravi combattere il male?
siparietti di vita familiare, Petronilla, oltre a dispensare invece, è ormai obbligato a non la testa sotto la sabbia problemi che affliggono quei Lettera firmata
pillole di cultura e saggezza culinaria, traccerà uno scorcio poter più esprimere alcuna L’allungamento delle conces- lavoratori che pare non si siano
di vita femminile italiana, dal ’27 al ’47. Protofemminista con opinione in pubblico pena l’i- sioni per le spiagge fino a 90 accorti, infatti non hanno fia-
l’amore per la divulgazione, l’Amalia, tra le prime donne dentificazione forzosa da parte anni dovrebbe costituire una tato, di quel che è successo al-
medico a laurearsi in Italia, non fu solo firma di cucina, ma delle forze dell’ordine. scossa per l’economia? Ma chi l’assemblea confindustriale di IL FATTO QUOTIDIANO
anche “dottoressa dei poveri”, per anni al servizio dei malati Giancarlo Merlo vuole prendere in giro il mi- Bergamo, dove è stato tribu- via Valadier n. 42 - 00193 Roma
di Milano, nell’ambulatorio di Porta Venezia. Pronta, ancora nistro Tremonti? Questi inter- tato uno scrosciante applauso lettere@ilfattoquotidiano.it
una volta, a trasferire sul magazine del Corriere i suoi Chi contesta B. venti non intaccano minima-
consigli di medicina in “La parola del medico”, altra rubrica mente i problemi che gravano
di successo firmata “Dott. Amal”, soprannome al maschile, non può manifestare sull’economia italiana che so- Direttore responsabile
più rassicurante in tempi di maschilismo imperante. Legata Ancora una volta davanti al Tri- no la bassa crescita, l’elevata
a figure come Ada Negri, Anna Kuliscioff e Sibilla Aleramo, bunale di Milano coloro che disoccupazione giovanile, la Antonio Padellaro
Amalia-Petronilla fu un piccolo mito. Una modernissima manifestavano a favore di Ber- mancanza di innovazione, ec- Vicedirettore Marco Travaglio
donna d’altri tempi. lusconi hanno avuto il via libera cetera. Insomma, qui si vuole
Giovanna Gabrielli mentre ai contestatori è stato continuare ad andare avanti Caporedattori Nuccio Ciconte e Vitantonio Lopez
impedito di manifestare ed anzi nascondendo la testa sotto la Progetto grafico Paolo Residori
uno di questi ultimi è stato ad- sabbia, magari nella sabbia di Redazione
dell’associazione “Robin preso per la collottola poi, dirittura trascinato via con la qualche spiaggia in concessio- 00193 Roma , Via Valadier n°42
Hood” è uscito dal Palazzo di quasi sollevandolo, lo hanno forza. Siamo in presenza di una ne per 90 anni. tel. +39 06 32818.1, fax +39 06 32818.230
Giustizia rivolgendo frasi di spinto con forza contro un palese violazione dell’articolo Cristiano Martorella e-mail: segreteria@ilfattoquotidiano.it
sito: www.ilfattoquotidiano.it
condanna nei confronti dei so- portone a vetri dove un altro 21 della Costituzione, che tu-
liti sostenitori “spontanei” di ha urlato al portiere dello sta- tela il diritto a manifestare li- La grave omissione Editoriale il Fatto S.p.A.
Sede legale: 00193 Roma , Via Valadier n°42
“meno male che Silvio c’è”. È bile: “Apri sono della polizia... beramente il proprio pensiero,
stato subito raggiunto alle spal- cretino!”. Dopo l’identificazio- e anche dell’articolo 3, che as- dello spot sull’8 per mille Presidente e Amministratore delegato
le da tre energumeni della po- ne l’avvocato, che ha subito sicura l’eguaglianza dei cittadi- In questi giorni imperversa lo Giorgio Poidomani
lizia in borghese: due gli hanno questa violenza gratuita, è sta- ni di fronte alla legge senza di- spot della Chiesa cattolica per Consiglio di Amministrazione
bloccato le braccia, uno lo ha to logicamente rilasciato. stinzione di idee politiche. Sa- la donazione dell’8 per mille. Luca D’Aprile, Lorenzo Fazio, Cinzia Monteverdi, Antonio Padellaro
Centri stampa: Litosud, 00156 Roma, via Carlo Pesenti n°130,
20060 Milano, Pessano con Bornago , via Aldo Moro n°4;
Centro Stampa Unione Sarda S. p. A., 09034 Elmas (Ca), via Omodeo;
Abbonamenti Società Tipografica Siciliana S. p. A., 95030 Catania, strada 5ª n°35
Queste sono le forme di abbonamento • Abbonamento postale semestrale (Italia) Modalità di pagamento di pagamento, nome cognome, indirizzo, Concessionaria per la pubblicità per l’Italia e per l'estero:
previste per il Fatto Quotidiano. Prezzo 120,00 € • 4 giorni telefono e tipo di abbonamento scelto.
Poster Pubblicità & Pubbliche Relazioni S.r.l.,
Il giornale sarà in edicola 6 numeri Prezzo 170,00 € • 6 giorni • Pagamento direttamente online Sede legale e Direzione commerciale: Via Angelo Bargoni n°8, 00153 Roma
• Bonifico bancario intestato a:
alla settimana (da martedì alla domenica). Editoriale Il Fatto S.p.A., con carta di credito e PayPal. tel. + 39 06 68896911, fax. + 39 06 58179764, email: poster@poster-pr.it
• Modalità Coupon *
Per qualsiasi altra informazione in merito
Prezzo 320,00 € • annuale BCC Banca di Credito Cooperativo Distribuzione Italia:m-dis Distribuzione Media S.p.A.,
• Abbonamento postale annuale (Italia) può rivolgersi all'ufficio abbonati ai numeri
Prezzo 180,00 € • semestrale Ag. 105 Via Sardegna Roma
+39 02 66506795 - +39 02 66505026 -
Sede: Via Cazzaniga n°1, 20132 Milano
Prezzo 200,00 € • 4 giorni Iban IT 94J0832703239000000001739 tel. + 39 02 25821, fax. + 39 02 25825203, email: info@m-dis.it
Prezzo 290,00 € • 6 giorni • Abbonamento online PDF annuale +39 02 66506541 o all'indirizzo mail
Prezzo130,00 € • Versamento su conto corrente postale: abbonamenti@ilfattoquotidiano.it Resp.le del trattamento dei dati (d. Les. 196/2003): Antonio Padellaro
E' possibile pagare l'abbonamento annuale 97092209 intestato a Editoriale Il Fatto Chiusura in redazione ore 22.00
postale ordinario anche con soluzione Per sottoscrivere il tuo abbonamento, S.p.A. - Via Valadier n° 42, 00193 Roma * attenzione accertarsi prima che Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione al numero 18599
rateale: 1ª rata alla sottoscrizione, compila il modulo sul sito Dopo aver fatto il versamento inviare un la zona sia raggiunta dalla distribuzione de
2ª rata entro il quinto mese. www.ilfattoquotidiano.it fax al numero 02.66.505.712, con ricevuta Il Fatto Quotidiano
Avviso a tutti gli abbonati RAI

CLASS ACTION CONTRO


LE VIOLAZIONI RAI
DEL CONTRATTO DI SERVIZIO PUBBLICO

Nel corso del 2010, la RAI non ha rispettato gli obblighi di realizzare
un’informazione obiettiva, imparziale ed equilibrata assunti attraverso
il Contratto di Servizio Pubblico e imposti dalla disciplina sulla par condicio.

Altroconsumo ha promosso una Azione Collettiva Risarcitoria per garantire,


a tutti gli abbonati RAI che aderiranno, un risarcimento per la lesione
di diritti costituzionalmente garantiti.

Chi ha pagato il canone per il 2010 ha diritto al risarcimento del danno causato
dai comportamenti della RAI.

Altroconsumo ha chiesto che il Tribunale riconosca a ciascun abbonato RAI


che ne faccia richiesta, un risarcimento minimo di 500 euro.

Oltre 11.000 abbonati RAI


ADERISCI ANCHE TU hanno già confermato
la loro adesione a questa
GRATIS ANCHE DAI CELLULARI Class Action.
Più siamo, più contiamo.
Dal lun. al ven. 9.00/20.00, sab.10.00/15.00

www.altroconsumo.it/rai
Clicca e lascia il tuo numero: ti richiameremo noi.
Una conferma formale all’adesione sarà necessaria successivamente alla verifica dell’ammissibilità
dell’azione legale da parte del Tribunale. Con l’occasione potrete anche conoscere meglio
Altroconsumo: la più grande associazione indipendente che informa, consiglia e difende i consumatori.