Sei sulla pagina 1di 20

“Commissione d’inchiesta sui libri di testo comunisti”:

un’idiozia che il ministro Gelmini prende in considerazione y(7HC0D7*KSTKKQ( +=!"!&!#!@


www.ilfattoquotidiano.it

Mercoledì 13 aprile 2011 – Anno 3 – n° 87 € 1,20 – Arretrati: € 2,00


Redazione: via Valadier n° 42 – 00193 Roma Spedizione abb. postale D.L. 353/03 (conv.in L. 27/02/2004 n. 46)
tel. +39 06 32818.1 – fax +39 06 32818.230 Art. 1 comma 1 Roma Aut. 114/2009

BRUCIATI VIVI Abbiamo


un condannato
di Marco Travaglio

QUALCUNO PAGHERÀ? S
i discute molto, a Torino, sulla decisione del Pd
di candidare alle comunali l’ex socialista Giusy La
Ganga, che nel '94, per vari episodi di
Tangentopoli, patteggiò 20 mesi di reclusione e
restituì 500 milioni di lire prima di lasciare la politica.
Ferma restando l’inopportunità della candidatura,

Battaglia alla Camera, l’opposizione denuncia: la nuova legge per denunciata da Libertà e Giustizia, va ricordato che La
Ganga fu il politico inquisito da Mani Pulite che si
salvare B. farà saltare anche il processo per la strage di Viareggio. comportò meglio, o meno peggio: rinunciò
all’immunità, non gridò al complotto, andò in Procura,
Alfano nega, ma questa “prescrizione breve” è un’amnistia confessò tutto e si fece da parte. Per 17 anni restò ai
margini, ma siccome è malato di politica seguitò a farla
senza incarichi nel centrosinistra. Ora si ricandida
Il Pdl costringe Montecitorio a una maxi seduta dopo aver pagato il conto con la giustizia e scontato
notturna per garantire il capo. Dal disastro del treno una lunga quarantena: i cittadini saranno liberi di
votarlo o di non votarlo, almeno alle comunali possono
a L’Aquila, oggi i familiari delle vittime in piazza pag. 2 - 3 z scegliere. Ma nel Pd torinese c’è un altro caso di cui si
parla molto meno (anzi quasi per nulla) e invece
Udi Gian Carlo Caselli Ilaria merita più attenzione: la promozione di Giancarlo
e Michela Roberta Hamza Mohamed Quagliotti a “coordinatore politico” della campagna
IL GIOCO Mazzoni Calzoni Ayad Ayad elettorale del candidato sindaco Piero Fassino. Chi è
Quagliotti? Già dirigente “migliorista” del Pci torinese,
DI PRESTIGIO divenne nei primi anni ‘80 capogruppo al Comune e
oi italiani siamo convinti di nel 1983 fu coinvolto negli scandali tangentizi del
Nbarzelletta
essere molto furbi. Non c’è
che abbia come pro-
“caso Zampini” e dei “semafori intelligenti” (dai quali
fu prosciolto). Nel 1993 fu di nuovo indagato per una
tagonisti un francese, un tedesco tangente di 260 milioni di lire dalla Fiat al Pds (avete
Le fiamme e poi la morte per trentadue persone. capito bene: la Fiat pagava anche gli ex comunisti). E
e un italiano che non ci veda pre- Mancano le foto di Andrea Falorni, Iman Aziza Angela Magdalena
valere alla grande. pag. 18 z Alessandro Farnocchia e Mauro Iacopini Ayad Aboutalib Monelli C. R. Oliva fu condannato a 6 mesi assieme al suo sodale Primo
Greganti per finanziamento illecito. La mazzetta
riguardava l’appalto per il depuratore del consorzio
Po-Sangone. La confessò alla Procura di Torino un
manager della Fiat Italimpresit, Ulrico Bianco: nel 1987
un vecchio funzionario del Pci era andato a batter
cassa per “risarcire” il partito per gli appalti perduti
Elena Iacopini dalle coop rosse: o sganciava 500 milioni, o il Pci si
Elisabeth Ana Rachid Sara e Federico Marina Antonio Rosario Emanuela sarebbe messo di traverso nel Cda del consorzio,
G. Silva Habic Moussafar Orsi Battistini Galano Farnocchia Campo Milazzo chiesto al Consiglio di Stato di annullare la gara e
ostacolato la Fiat in altri appalti nelle zone più “rosse”
del Torinese. La Fiat pagò una prima rata di 260 milioni
e tutto filò liscio. Il manager che dispose il pagamento,
Enso Papi, ammette pure lui l’episodio: il denaro
approdò su due conti cifrati svizzeri, “Idea” e
“Sorgente”, aperti rispettivamente da Quagliotti e
Greganti. I due, a fine 1989, andarono in Svizzera e
Maria Luisa Abdellatif Stefania Maccioni e i figli Nouredine Mario Emanuela Nadia Bermacchi provvidero all’incasso e al rientro clandestino del
Carmazzi Boumalhaf Lorenzo e Luca Piagentini Boumalhaf Pucci Menichetti e Claudio Bonuccelli denaro in Italia. A Milano, dove l’inchiesta è passata per
competenza, il 1° marzo 1996 i due tesorieri occulti
vengono condannati a 6 mesi di carcere: violazione
CULTURA DI GOVERNO x L’impazienza del viceministro leghista della legge sul finanziamento dei partiti. Nel ricorso in
Appello, anziché spiegare perché mai avesse aperto un

Castelli delira: “Per ora non conto presso la Soginvest Bank di Lugano per incassare
fondi neri, Quagliotti giura che della tangente non
sapeva nulla. E aggiunge che, provenendo il denaro da
una società estera (Sacisa, Fiat), la legge sul

possiamo sparare agli immigrati” Roberto Castelli (FOTO DLM)


finanziamento dei partiti non vale. La Corte d’appello
spazza via queste facezie e conferma le condanne: è
provato che Greganti “aveva preso contatto con il
Quagliotti e insieme a costui si era recato in Svizzera,
“Questo dove aveva aperto un conto corrente, dal quale era

problema - dice - Udi Giuliano Pisapia ni pm di Milano successivamente transitata una parte della somma, che
qualche tempo dopo aveva consegnato al primo; la
potrebbe LA MORATTI “Nessuno tentò residua parte della somma gli era stata data dal
Quagliotti in due soluzioni, una di 50 e una di 80
diventare E LA MAFIA di uccidere milioni”. Se si fosse trattato di un normale contributo al
talmente enorme CHE NON C’ERA Maurizio Belpietro” partito, “non sarebbe stata necessaria la tortuosa e
che dovremo Mascali pag. 7z complessa procedura per farlo pervenire in Italia”.
aro direttore, sono molto lie-
porci il problema
di usare anche
C
to che il sindaco Moratti ri-
Sentenza confermata nel '97 in Cassazione: “I fatti sono
incontestabilmente provati” e cosí la “piena coscienza

le armi”. Pd, Idv


conosca quanto non solo “ma-
gistratura, istituzioni e media” CATTIVERIE dei due imputati di concorrere in un finanziamento
illecito”, dunque la loro colpevolezza per
ma anche le opposizioni hanno Attentato al giornalista l’“accreditamento terminale di una somma al Pci a
e Fli: è uno denunciato in merito alle infil- Belpietro. Quante balle in una titolo di finanziamento occulto”. Oggi Quagliotti, oltre
scandalo, trazioni della ‘ndrangheta a Mi- sola frase ai 6 mesi, ha 69 anni e Fassino 62. Comprereste da loro
si dimetta pag. 9 z lano e in Lombardia. pag. 4 z (www.spinoza.it) una candidatura usata?
pagina 2

C
AD PERSONAM

ancellare 15 mila processi per salvare un sugli altri procedimenti, a cominciare dal processo invalidi, oltre ai reati di riciclaggio addebitabili
Per azzerrare Mills uomo solo – il presidente del Consiglio – Mediaset che sarà prescritto 6 mesi prima del tempo alla camorra. A Bari, i due processi contro il
da quelli che lo riguardano: questo previsto (tra la fine del 2012 e i primi mesi del 2013). ministro Raffaele Fitto e lo scandalo della sanità
l’effetto della prescrizione breve, che va verso Assieme ai processi del premier se ne estinguono dell’imprenditore Ganpi Tarantini, per esempio. A
ecco gli scandali l’approvazione da parte della Camera oggi. Poiché anche molti altri. Tra i più noti: Parmalat, Milano sono a rischio processi “pesanti” come
Berlusconi è incensurato (grazie a depenalizzazioni, Antonveneta, Cirio, il disastro ferroviario di Enipower e Hdc. E a Roma, tra gli altri, rischiano il
prescrizioni, attenuanti generiche, amnistia) il Viareggio. A Napoli lo scandalo di Calciopoli, i procedimento per il caso Bnl che vede alla sbarra i
in via di estinzione processo Mills va al capolinea a giugno. E via a cascata processi per l’emergenza rifiuti, le truffe dei falsi furbetti del Quartierino, quello che riguarda Billè.

PORCATA DI NOTTE
Letta: “Giornate difficili e amare”
Così ieri mattina il sottosegretario alla vigilia del voto sul processo
breve. Nella foto sotto, il disastro di Viareggio (FOTO ANSA)

Il Pdl occupa la Camera per la prescrizione


salva-B. L’opposizione: colpo alla giustizia
di Fabrizio d’Esposito nel cortile fa gruppo con Enrico
Letta e Walter Veltroni. Un falco
n votificio ad personam. berlusconiano osserva e dice:

U La Camera privata del


Caimano sembra un’are-
na gladiatoria quando ini-
ziano le prime votazioni nomi-
nali e il giovane vice del capo-
“Sul processo breve nessuno
oserà fare scherzi ma bisognerà
mantenere la guardia alta”.

IN AULA, il silenzio cala solo


gruppo del Pdl Cicchitto si alza quando si vota. Al contrario gli
in piede e dà le indicazioni. Si interventi sono spesso fonte di
chiama Baldelli il berlusconia- ricreazione per la maggioranza.
no preposto al compito. Pollice
all’insù per spingere il tasto ver-
de e approvare. Pollice verso
per il rosso e respingere. Baldel-
li ripete la scena sei volte. E do-
In alto a destra, un capannello
attorno a La Russa, mini-
stro-triumviro degli ex-An. In
basso, altri deputati circondano
Denis Verdini, vero capo del
15.000
altri processi
ve non arriva il pollice, alla mas- Pdl, che riferisce dell’incontro
sa di nominati del centrodestra,
arriva la voce: “Rosso, rosso”,
avuto con i Responsabili in mat-
tinata: il rimpasto ormai è vicino
SARANNO PRESCRITTI
“Verde, verde”. Al banco del go-
verno, anche i ministri eseguo-
e la terza gamba si trasformerà in
partito, “Sudisti e popolari”,
(DATO CSM)
no fedelmente. Uno dei più di- questo il nome. Per il momento,
ligenti è Giulio Tremonti, che sudditi e impopolari. Si blinda
stoicamente rimane col dito sul tutto il blindabile. Giovedì sera
verde pure quando deve scosta-
re la sedia e far passare una
viene convocata una cena dal
capogruppo Cicchitto per seda-
invece fatto una battuta: “Sape-
te qual è stato il giorno più bello
Melchiorre, la maggioranza co-
munque tiene per i soliti dieci,
cettare i deputati. Si marca a uo-
mo. Anche dentro Futuro e Li-
Tutti i ministri
Brambilla trafelata andata fuori
in cortile a fumare. Le tre di
re le risse interne, da Scajola alle
tensioni dei ministri anti-tre-
per Aznar, Blair e Clinton? Quan-
do hanno lasciato la politica”.
undici voti di vantaggio. Il trend
è questo e rassicura gli ansiosi
bertà: qualche finiano paventa il
rischio che già oggi Urso e Ron-
schierati in aula,
martedì pomeriggio, 12 aprile
dell’anno 17 dell’era berlusco-
montiani. In un’altra cena, lune-
dì sera a Lesmo, il Caimano ha
Alle prime votazioni mancano i
neoarrivati libdem Tanoni e
Cicchitto e Baldelli, che hanno
spedito centinaia di sms per pre-
chi possano fare il grande ritor-
no dal premier, in teoria previ-
il Pd declama
niana. La Camera dei deputati sto tra il primo e il secondo tur-
apre la sua terza settimana di no delle amministrative. la Costituzione
passione per approvare una
legge che serve al premier per hanno detto L’OPPOSIZIONE si dà alla Ma stasera
ammazzare il processo Mills. Il lettura della Costituzione, nobi-
cosiddetto processo breve. Massimo D’Alema Antonio Di Pietro Piero Grasso le ostruzionismo. Un articolo a il testo sarà
Una scena “imbarazzante” in testa, compresi i big. D’Alema
tutto il mondo dice una depu- “Napolitano sciolga “I referendum per “È la morte recita l’articolo sui poteri del legge
tata del Pd, De Torre: fuori ci so- presidente della Repubblica,
no le forze dell’ordine che cir- le Camere” smontare il regime” dei procedimenti” l’ottantasette. Chiosa: “Meno
condano piazza Montecitorio, male che c’è Napolitano”. Non st’ultima, Alfano risponde che i
dentro ci sono “i ministri che
hanno abdicato al loro ruolo di
servitori del paese”. Tutti al ser-
“L’ unico
punto di
riferimento per i
“I cittadini so-
no l'ultima
speranza contro
“L a dizione
di pro-
cesso breve è
resiste al primo rigo dell’artico-
lo successivo: il capo dello Stato
scioglie le Camere. “Più che una
reati di disastro colposo e omi-
cidio plurimo si prescriveranno
tra più di venti anni. La demo-
vizio del Caimano. Sembrano cittadini è il presi- un regime in cui impropria”. È lettura un auspicio”. La radicale crat Mariani non ci sta: “Alfano
scolaretti. Da sinistra verso de- dente della Re- ogni giorno Ber- netto il procu- Bernardini parla del carcere di non ci convince. La scure della
stra, per chi guarda: Brunetta, pubblica”. Così D’Alema in lusconi inventa leggi ad per- ratore antimafia Piero Messina e, come nota Furio Co- prescrizione assicurerà l’impu-
Meloni, Brambilla, Carfagna, Aula. Leggendo la Costituzio- sonam. Invece di tirare per la Grasso: “È un modo per lombo, il ministro Alfano pensa nità ai responsabili. È una vergo-
Romano, Tremonti, Alfano, ne proclama: “Il presidente giacchetta Napolitano, orga- far morire il processo, a fare una lunga telefonata. An- gna”.
Prestigiacomo, Gelmini, Ro- della Repubblica ha il potere nizziamoci per la difesa de- piuttosto che per trovare che i dipietristi leggono. Elenca- Fini sospende per la capigrup-
tondi. Poi viceministri e sotto- di sciogliere le Camere”. E di- mocratica e andiamo a votare le eventuali responsabili- no i processi che saranno stron- po. Si va alla “notturna”. Sempre
segretari. La maggioranza si av- ce: “Questo, più che una lettu- per il referendum che smon- tà dei colpevoli o l'even- cati dalla nuova salva-B.: dal pro- per salvare il premier. Il pd Gia-
via alla due giorni cruciale per ra del comma, è un mio au- ta le leggi che tengono in pie- tuale assoluzione di inno- cesso Cirio all’Ilva di Taranto, al- chetti chiede il voto segreto sul-
“la legge ad Berlusconem” sul- spicio personale”. di questo regime”. centi”. la strage di Viareggio. Su que- l’articolo 3 della legge, quello
l’onda torbida di paure e fibril-
lazioni.
OGGI IN PIAZZA Da L’Aquila all’amianto
UN MARTEDÌ che vede l’al-
ba con le sensazioni opposte e
contrarie degli eterni duellanti
Tremonti e Letta, presunti logo-
ratori del Cavaliere. Il ministro
“Basta amnistie”: le vittime circondano il Palazzo
dell’Economia assicura, tramite di Paola Zanca da Livorno hanno già confer- “la tutela del cittadino contro anni. I famigliari delle 140 vit- per NON aver contribuito a ren-
il Corriere della Sera, che non c’è mato la presenza. Sono terro- la durata indeterminata dei time del Moby Prince: “Il reato dere giustizia a tutte le vittime
alcun complotto. Il sottosegre- ra un po’ ci daranno il nu- rizzati dall'idea che il “tana li- processi”, come la chiamano di morte violenta – ha spiegato
tario di Palazzo Chigi, invece,
profetizza “una settimana in-
“T meretto, come in macelle-
ria”. Tuta verde e trombetta in
bera B.” diventi un “tana libera
tutti”. Oggi – dalle 15 davanti
nella maggioranza. Significa la
paura che non ci sia nessuna
lunedì Loris Rispoli durante il
ventesimo anniversario della
di violenza i cui reati subiti ver-
ranno prescritti grazie al pro-
cesso breve”.
candescente” e “una giornata mano, l'operaio dell'Eurallu- alla Camera dei deputati e poi giustizia, significa il rischio di strage – non può andare in pre- Secondo i calcoli dei Viola, che
difficile”. I vari Bruto che po- minia ha capito come funzio- dalle 18 al Pantheon – raccon- “un'amnistia generalizzata”: scrizione come non va in pre- oggi in piazza apriranno uno
trebbero dare la prima coltellata na: in piazza Montecitorio c'è teranno cosa significa per loro Antonietta Centofanti, del co- scrizione il nostro dolore”. speaker corner da cui alcuni
sono tutti in aula. A cominciare la fila. Ieri, i lavoratori sardi pri- mitato Vittime Casa dello Stu- magistrati daranno “lezioni” di
dallo stesso Tremonti. Che si ag- ma di poter cominciare a dente de L'Aquila ha scritto CI SARANNO le famiglie diritto, sarebbero 400 i proces-
gira come un deputato al suo
primo giorno di scuola, quando
strombazzare davanti al Parla-
mento, hanno dovuto attende-
Ma davanti a una lettera ai parlamentari ita-
liani – che ieri è stata letta in
delle vittime dell'alluvione di
Scaletta Zanclea, Messina, che
si a rischio alla Procura di Firen-
ze, 3500 a quella di Napoli,
la discussione non impone la
presenza. Addirittura raggiunge
re che i poliziotti finissero di
manifestare per gli straordinari
Montecitorio è Aula dal portavoce di Artico-
lo21, Giuseppe Giulietti – chie-
il primo ottobre del 2009 ucci-
se 37 persone. E a chiedere giu-
compresi quelli sull'emergenza
rifiuti, altrettanti a Milano,
la presidente di turno Rosy Bin-
di e scherza con lei: “Rimpiango
non pagati. Oggi si sposteran-
no davanti al ministero dello
da giorni un via dendo loro di “riflettere, prima
di votare una norma indecente
stizia per la strage di due anni fa
arriveranno, almeno in una
10mila a Roma, 500 a Palermo.
Un'ecatombe che l'opposizio-
di non fare più il vicepresidente Sviluppo economico per la- che priverà della giustizia i ventina, anche da Viareggio. Ie- ne sta cercando quanto meno
della Camera” (dal 2006 al 2008, sciare il posto ai famigliari del- vai di proteste: morti e i vivi”. In piazza oggi ci ri, a organizzare il mail-bom- di rallentare con l'ostruzioni-
ndr). Tremonti perlustra l’emi- le vittime contro il processo saranno le foto dei ragazzi mor- bing, ci ha pensato il Popolo smo in Aula . I parlamentari di
ciclo in lungo e in largo. Si intrat- breve. È un via vai continuo. “Tra un po’ ci ti a L'Aquila. Le voci degli abi- Viola. Centinaia di messaggi di Pd, Italia dei Valori e Futuro e
tiene a lungo con Scajola, altro Ormai, per protestare, la pre- tanti delle White, le case popo- posta elettronica indirizzati in Libertà usciranno dal palazzo
sospettato di tradimento, poi in- notazione non è gradita, è ob- daranno il lari di Rogoredo, Milano, am- particolare ai leghisti e ai Re- per portare la loro solidarietà ai
crocia Ghedini, l’inventore del- bligatoria. Da Viareggio, da malati per colpa dell'amianto sponsabili: “Si spera che Ella famigliari delle vittime, poi di
le leggi-porcate. Infine esce e Scaletta Zanclea, da L'Aquila e numeretto” con cui hanno convissuto per non ambisca a futura memoria corsa torneranno dentro a pro-
Mercoledì 13 aprile 2011

C’
AD PERSONAM

è stata solo la prima udienza, Moretti. Mentre le persone costituitesi parte 2012” chiarì il presidente del Tribunale di Lucca,
Due anni fa il disastro due anni dopo, che porterà al civile sono 349. Nell’udienza sono stati stabiliti i Gabriele Ferro. “Il primo grado potrà terminare
processo sulla strage di termini per la maxi-perizia: l’incarico a due periti a fine 2012, inizio 2013”. Oltre a Moretti, fra gli
Viareggio, il deragliamento di un treno merci e consulenti per le parti lese. La consegna delle indagati ci sono i vertici del Gruppo Fs e i
ferroviario: 32 morti, tra esploso il 29 giugno 2009 mentre passava sui perizie, in seconda udienza, avverrà tra fine responsabili delle ditte Gatx, Cima di Mantova e
binari da Viareggio. Trentadue morti, via luglio e metà ottobre. “L’udienza preliminare è Jugenthal di Hannover, proprietarie del
Ponchielli rasa al suolo. Gli indagati sono 38, tra invece prevista per il gennaio-febbraio 2012, il convoglio o che eseguirono manutenzioni o
gli indagati Mauro Moretti cui l’amministratore delegato di Fs Mauro vero inizio del processo per le soglie dell’estate montaggi del carro che deragliò.

Viareggio, la strage
che diventa breve
UNA MADRE: “LE NOSTRE VITE
SPENTE IN UNA VAMPATA”
di Luca Telese madre che se ne va. Roberta Cal- ferrovie di Moretti, certo. Ma an-
zoni, invece, non ha fatto in tem- che la ditta polacca che ha co-
ra anche il tempo delle po a sapere nulla di sua figlia. Le è struito i vagoni, la Pkp; la ditta

O stragi si è fatto breve. Da


ieri, malgrado i giochi con
calcolatrice del ministro
Alfano, anche i cavilli di un pro-
cesso con 32 vittime sono appe-
sopravvissuta, grazie a un inne-
sto. Ma è morta nello stesso re-
parto. Ibitissam Ayad, 21 anni,
ha perso padre, sorellina e fratel-
lo. Che aveva fatto in tempo a sal-
milanese che aveva revisionato
il primo vagone, quella tedesca
che si era occupata degli altri do-
dici. Le cisterne del convoglio,
da cui è fuggito il gas che ha in-
si ai destini del premier e alle varsi, e a tornare indietro, per nescato l'incendio, erano della
sue strategie difensive. Che provare a salvare la piccola, di 4 multinazionale americana Gatx
strano rito obliquo che si cele- anni. Un gioco feroce, l’incastro (ma recano l'insegna Kvg, una
bra in Parlamento: il tempo del- dei destini. controllata austriaca). Sulla stes-
le vite di tanti, contro il tempo sa tratta, a dicembre dello stesso
dell’impunità di uno solo. PER LA MAGGIOR parte anno, un automobilista vide
Che scambio feroce, e inaccet- delle vittime della strage, il rito prendere fuoco lo stesso treno:
tabile. Ci sono storie che biso- di commiato è stato brevissimo: in questo paese il sangue non in-
gna rincorrere tra il passato di tutti morti sotto le macerie di via segna davvero nulla. Ibitissam
una catastrofe ferroviaria e l’au- Ponchielli, folgorata dalle fiam- però ha avuto un figlio. Lo ha
la di un tribunale. Ora c’è la me- me come un mazzo di carte. Il chiamato Mohamed Hamza. Co-
moria della strage di Viareggio Gpl non perdona: quando i su- me il padre, come il fratello. Ec-
Alfano: rischia che va recuperata perché quel-
le vittime non finiscano brucia-
lina in un corpo carbonizzato.
Ora Daniela lo sa: le sono ultime
“Sa cosa vuol direbagno? E’ come
essere spellata viva”. Per salvare
perstiti entrarono nelle case,
trovarono mura mangiate fino
co perché Enrico Rossi, presi-
dente della regione Toscana non
solo lo 0,2% dei te per la seconda volta, in un ro-
go di amnesia giudiziaria. Ora,
parole di sua figlia. Anche quella
telefonata è troppo breve, nel ri-
Emanuela, e le altre sei persone
rimaste nel limbo del centro
all’intonaco. C’erano ragazze,
anziani, italiani, ecuadoregni,
scherza: “Oggi sarò davanti a
Montecitorio per protestare. Se
processi davvero, c’è la voce ferma di Da-
niela Rombi, madre di Emanue-
cordo, una raffica di frasi conci-
tate che ha tagliato la possibilità
ustionati le hanno provate tutte.
Coltivavano la pelle, ipotizzava-
romeni, marocchini. Vite belle e
pulite, di periferia, sogni coltiva-
vogliono evitare ogni rischio ba-
sta il nostro emendamento.
la, che dice con un suono di di un congedo. I genitori di Ema- no trapianti. L’ultima ad andarse- ti la sera, addormentandosi con Quello che esclude le stragi dalla
I Responsabili piombo: “Non mi interessa nul- nuela arrivarono al centro grandi ne è stata Elisabeth Guadalupe il metronomo sferragliante dei prescrizione breve. No dovreb-
la dei guai giudiziari di Berlu- traumi alle 4 del mattino, lei era Silva. Nelle foto è bellissima: la- treni. Non c’erano vip o potenti, be essere difficile, no?”. Daniela
all’attacco sconi. Lo so che non siamo po- già imbottita di morfina. Il suo vorava in Italia per mantenere le in quelle case lungo la ferrovia. Rombi prende un solo respiro:
tenti. So che siamo gente sem- corpo, 90 per cento di ustioni, figlie in Equador. Sei mesi sono Ora al banco degli impuntati, ot- “Ci hanno tolto tutto il tempo di
Oggi Cdm plice, stipendi da mille e cin- resiste 42 giorni. Sopravvive a un tempo infinito, nell’agonia di to diverse società: una legione 32 vite. Ora a questo processo
quecento euro al mese, quelli due operazioni. A tre “bagni”. La un letto di ospedale. Sei mesi so- straniera di subbapalti intricata non possono togliere un solo se-
in pausa pranzo che fanno fatica ad arrivare al voce di Daniela torna di piombo: no un battito d’ali, quando è tua come una foresta. C’erano Le condo”.
27. Eppure la mia vita, quella di
mio marito, quella di venti fami-
che introduce la prescrizione glie sono state spente da una EX CIRIELLI Ricorso in Cassazione della Procura di Torino
breve ma il presidente della Ca- vampata, in una sera di giugno,
mera dice no. Alle nove e mezza
della sera, il capogruppo dei Re-
sponsabili mostra i muscoli alla
due anni fa. A noi nessuno può
insegnare niente. Nessuno può
permettersi di dare rassicura-
Un’anomalia tutta made in Italy:
Bindi, di nuovo alla presidenza:
“Lei fa demogogia, questo è un
dibattito stucchevole”. Si va
zioni. Ci hanno tolto 32 vite,
non possono toglierci il diritto a
questo processo”.
richiamo della Corte di Strasburgo
avanti fino alle 23 e 30. Stamat-
tina si riprenderà alle otto. Poi ORA BISOGNA riavvolgere di Luca De Carolis anche dopo la prima condan- lo sei giorni in carcere, poi ven- zione dell’accusa a carico di
nella pausa pranzo una riunione la bobina. ll 29 aprile del 2009 na. Una norma che esiste solo ne affidato ai servizi sociali, un poliziotto, che nel 1997
del consiglio dei ministri. Tutto Sara Orsi e Emanuela Menichet- n Italia, solo nel 2009, ha in Italia e in Grecia, nonché perché “ultrasettantenne”, aveva ucciso un ragazzo alba-
vero, non è uno scherzo, pur-
troppo.
ti, giovanissime e temerarie, ave-
vano fondato una agenzia immo-
Icessi,“ucciso” quasi 150mila pro-
mentre nei Paesi anglo-
una manna anche per gli im-
putati di corruzione, per cui
che non era mai stato dichia-
rato “delinquente abituale,
nese con un colpo di pistola
accidentale. “Il diritto ad ac-
biliare. C’erano l’università, i so- sassoni non sanno neppure co- bastano i canonici sette anni e professionale o per tendenza, certare le responsabilità per la
gni mille progetti di una ragazza sa sia e nel resto d’Europa la mezzo per uscire indenni dai e mai condannato”. Così pre- morte di un uomo prevale sul-
di 24 anni e di una di 21, in quel- usano con mille cautele. Il pro- processi. Effetto della legge ex vede un comma della ex Ci- la ragionevole durata del pro-
l’impresa. Mamma Daniela gri- cesso breve incombe, ma già Cirielli, approvata nel dicem- rielli, che ogni anno stronca cesso” hanno scritto i giudici
dava, divertita e preoccupata: oggi la prescrizione produce bre 2005, che ha ridotto dra- decine di migliaia di processi europei. D’altronde nel ricor-
“Ma che vi mettete a fare!?”. E effetti devastanti sulla giusti- sticamente i tempi della pre- per corruzione: un reato che, so, in cui chiede alla Cassa-
due sorrisi: “Se non ci proviamo zia italiana. Un’evidente ano- scrizione. Nel 2008 ne bene- secondo i calcoli della Corte zione di sollevare il tema pres-
a vent’anni, quando?’”. Il tempo malia nel panorama giuridico ficiò la Bank of America, coin- dei Conti, costa ogni anno so la Consulta o almeno la Cor-
che correva. E anche la morte, occidentale, come emerge dal volta nel processo per lo scan- 1000 euro a ciascun cittadino te di giustizia europea, Russo
già in viaggio sui binari: un pic- ricorso alla Cassazione del so- dalo della Parmalat. Il provve- italiano, neonati compresi. Ma dimostra l’unicità della pre-
colo incidente di cui nessuno si stituto procuratore generale di dimento fu quanto mai oppor- la legge del centrodestra ab- scrizione italiana. Sconosciuta
era accorto a Prato: finché non Torino, Fulvio Rossi. Di fronte tuno anche per Cesare Previti, batte anche i processi per omi- a Stati Uniti e Gran Bretagna,
c’è un cadavere, in questo paese, all’ennesimo caso di reato pre- condannato nel 2006 in via cidio colposo. Se ne è accorta mentre in Germania ha tempi
è sempre manutenzione ordinaria. scritto, per un morto sul la- definitiva a sei anni di deten- anche la Corte di Strasburgo, doppi e in Francia e Belgio è
La sera del 29 giugno Emanuela voro, nel marzo scorso Rossi si zione per corruzione, nel pro- che il 29 marzo scorso ha ri- limitata dall’assenza dell’ap-
esce: “Vado da Sara!”. Serata cal- è rivolto alla Suprema Corte, cesso Imi-Sir. Previti scontò so- chiamato l’Italia per la prescri- pello.
da: sedute sul letto a giocare a sollevando l’incostituzionalità
carte in mutandine e reggiseno. delle norme sulla prescrizione,
A divertirsi e a fantasticare: stu- e in particolare la loro incom- 150 mila I tempi Nel mondo
dentesse-impresarie, sogni che patibilità con il principio costi-
vare a mettere in difficoltà la corrono, affacciate su una ferro- tuzionale e comunitario di ef- I giudizi al macero Quando scadono In Usa e Gb non c’è
maggioranza. Per Sinistra e Li- via. Telefonata dall’ospedale, fettività dei giudizi. Nell’istan-
bertà ci sarà, tra gli altri, l'ex pre- notte fonda. “Signora, c’è stato un za, il pg sottolinea come il tem- nel 2009 i reati prescrizione
sidente della Commissione An- incidente. Sua figlia le vuole parlare”. po di prescrizione per una
timafia Francesco Forgione. Un
cordone di polizia, schierato già
da ieri, impedirà ai manifestanti
Daniela resta di pietra, ma la vo-
ce di Sara attenua l’angoscia. La
ricorda agitata, ma cristallina e
morte sul lavoro sia lo stesso di
un insulto: sette anni e mezzo,
a partire dalla commissione
I n Italia nel 2009 sono
finiti al macero quasi
150 mila processi. I
I n Italia la prescrizione
scatta dopo 8 anni per i
reati di ricettazione, dopo 5
L a prescrizione non esi-
ste in Usa e Inghilterra.
In Spagna si sospende du-
di avvicinarsi all'ingresso. Ma lo- squillante: “Mamma, c’è stato un del reato. E allora per chi la- principali distretti sono per omicidio colposo e 3 rante i processi. In Germa-
ro non demordono. Se il proces- incidente!!”. Non hai tempo di scia morire operai nei cantieri Napoli (il 20,4%), Bolo- per truffa. Non esiste per i nia esiste la prescrizione
so breve passa alla Camera, si co- chiedere, dove: “Non ti preoccupa- spesso basta far scorrere la gna (8,3%), Venezia reati per cui è previsto l’er- lunga (il doppio del massi-
mincia a presidiare il Senato. Po- re - aggiunge lei - non mi sono fatta clessidra, anche perché la pre- (8,2%), Milano (7,8%), gastolo (omicidi volontari, mo della pena), in Francia
sti liberi permettendo. nulla”. Che inganno: voce cristal- scrizione continua a decorrere Roma (6,9%). strage, ecc.) quella breve.
pagina 4

F
SE LA SONO BEVUTA

inalmente è arrivato. Dopo la all'università di Messina, già condannato in sulla tavolo della giunta Formigoni la
Sfiducia a Pezzano, fumata nera del 18 gennaio primo e secondo grado per lesioni gravi, ma questione. Quindi toccherà al governatore la
scorso, ieri il consiglio regionale soprattutto grande amico dei boss della decisione finale. Decisione che in serata è
della Lombardia con una larga maggioranza 'ndrangheta che fanno affari sotto la stata anticipata dallo stesso Pezzano. Il
il direttore Asl ha votato per sfiduciare Pietrogino Pezzano, Madonnina. Adesso, dopo che il consiglio ha dirigente sanitario, infatti, ha annunciato le
neo direttore dell'Asl di Milano, la più detto sì alla mozione di sfiducia presentata sue dimissioni per togliere dall'imbarazzo la
grande d'Italia (nomina incassata il 23 dal Pd e dall'Idv, la palla passa al presidente Regione.
amico dei boss dicembre 2010), chirurgo laureato Davide Boni. Sarà lui, leghista doc, a portare L'intera vicenda di Pezzano è scritta nelle

A Trezzano L’imprenditore La maxi-retata Il politico


L’ex sindaco Il primo condannato 165 arresti e almeno L’assessore
e la criminalità per mafia 500 affiliati provinciale di Penati

I l 22 febbraio 2010 viene


arrestato l'ex sindaco
di sinistra a Trezzano sul
L’ 11 giugno 2010 per la
prima volta a Milano un
imprenditore vien condan-
I l 13 luglio 2010 vengono
arrestati 165 presunti
mafiosi. L'inchiesta svela gli
I l 24 marzo 2011, il primo
politico lombardo viene
rinviato a giudizio per con-
Naviglio Tiziano Butturini. nato in primo grado per asso- equilibri dei clan al nord corso esterno in associazio-
Si tratta dell'indagine Par- ciazione mafiosa. È il lombar- con almeno 500 affiliati, 20 ne mafiosa. È Antonio Olive-
co sud che per la prima do Maurizio Luraghi coinvol- locali di 'ndrangheta riuniti rio, ex assessore provinciale
volta porta in primo piano to nell'indagine Cerberus che in un unico mandamento: la nella giunta di centrosinistra
i rapporti tra 'ndrangheta porta in carcere esponenti Lombardia. L'indagine par- di Filippo Penati. Il suo no-
e politica in Lombardia. della cosca Papalia-Barbaro te dall'omicidio di un boss. me è legato alla cosca Valle.

O MIA BELLA
’NDRANGHETINA
I rapporti a Milano tra Mora, l’uomo
dei clan e il governatore Scopelliti
di Davide Milosa sere invitato, nel 2009, in una lerà due ore. Svelerà nomi e in- un bulletto di quartiere”. Gen- un'opinione”. In cambio, però, riere del Pdl, Luca Giuliante,
villa di Berlusconi per una rac- contri come quelli con il pre- nari è d’accordo. “Nel ricono- ottiene questa risposta. “Guar- racconta un’altra storia. “Marti-
ei, signor giudice, mi colta fondi in favore di Guido sidente della Regione Calabria

“L
scerle il ruolo apicale – dice il da Paolo – Martino riferisce le no mi è stato presentato da Mo-
chiede di Lele Mora? Podestà. e con Mora. Racconterà i suoi giudice – le si riconosce il fatto parole del legale – io ora sto di- ra negli uffici di viale Monza”.
È stato lui a volermi Poco dopo mezzogiorno, Mar- rapporti con il gotha della mo- che lei non va in giro a passare fendendo il presidente”. Poi
conoscere. Giusep- tino si accomoda così davanti da: da Santo Versace (“Mi ha vi- cocaina o a pigliare a botte uno specifica: “Difendo Fede e IL PADRINO è un fiume in
pe Scopelliti, il presidente del- al giudice. Si comincia. La pa- sto crescere), a Saverio Mo- che vende panini”. quindi non posso”. Falso anche piena. E così le vicende dell’im-
la Regione Calabria? Conosco rola passa all’uomo che più di schillo di Richmond (“Mi ha Sgomberato il campo, l’interro- questo, a dire della Alecci: “Gli presario televisivo incrociano
lui, suo fratello Francesco che ogni altro sembra custodire im- aiutato in tante cose”), a Maria gatorio di garanzia entra nel vi- ho solo detto che non faccio quelle dell’attuale governatore
sta a Como e fa l’assessore. Io, barazzanti segreti sulle infiltra- Paola Paciotti (“È lei che dirige vo. Lele Mora, dunque. “Dopo queste cause”. Anche Mora ne- della Calabria. “Un giorno – ini-
signor giudice, conosco un po’ zioni mafiose sotto al Duomo. l’azienda”). E dirà, infine, della la vicenda di Vallettopoli sono ga di aver conosciuto Martino. zia il referente delle cosche – mi
tutti”. Diciassette marzo 2011. Il fiduciario delle cosche par- sua conoscenza con Italo Fal- stato l’unico a stargli vicino”. Eppure il suo legale ed ex teso- ha chiamato Scopelliti”. Siamo
Giornata di celebrazioni per i comatà, l’ex sindaco di Reggio L’uomo della ‘ndrangheta fa di nel 2006. L’allora sindaco di
150 anni dell’Unità d’Italia. Set- cresciuto nelle file del Partito più: consiglia a Mora l’avvocato Reggio vuole vederlo per orga-
timo piano della Procura di Mi-
lano. Ufficio del gip Giuseppe
Le rivelazioni comunista, morto nel 2001 e
che il boss definisce “un gran-
giusto. “Gli ho detto di prende-
re Nadia Alecci”. Lo stesso lega-
Tra gli affari nizzare alcuni eventi estivi. I
due si incontrano in febbraio al-
Gennari, marchigiano, giova-
ne, preparato. Davanti a lui,
davanti ai pm de amico mio”. le oggi difende Emilio Fede nel-
l’inchiesta sulle cene ad Arcore.
anche due la Bit di Milano. “Ho bisogno di
una cortesia – gli dice l’ex sin-
Paolo Martino sta parlando già
da qualche minuto. Tre giorni
meneghini PRIMA D’INIZIARE, pe-
rò, l’ex killer di Archi, promos-
Sentita dal Fatto smentisce su
tutta la linea: “Martino, che ho
serate su Rai2 daco –, abbiamo intenzione di
fare qualcosa di eccezionale
prima è stato arrestato per as- so, secondo i pm, nel cda della difeso nel processo in cui era per Reggio”. Il fiduciario del
sociazione mafiosa. I magistra- di Paolo Mafia spa, fa una precisazione. imputato per omicidio, non mi di un’ora e Pdl in Calabria vuole portare
ti lo ritengono il grande tessi- “Io con certe schifezze umane ha mai messo in contatto con “qualche personaggio dello
tore degli affari della 'ndran- Martino, non c’entro”. Il boss si riferisce Mora, a farlo fu Fatma Ruffini”. mezza in diretta spettacolo”. Quindi si confida
gheta in riva al Naviglio. E lo all’indagine sul racket e lo spac- Il 22 febbraio scorso il boss si con Martino: “Sarebbe il massi-
fanno a ragion veduta, visti i referente cio di droga gestito da Davide presenta nel suo studio perché da Reggio mo incontrare Mora”. È mezzo-
suoi contatti con la politica Flachi. Per lui quel figlio della vuole querelare un giornalista. giorno e il sindaco ha l’aereo al-
lombarda. Talmente alti da es- delle ‘ndrine ‘ndrangheta milanese “è solo “L’ho sentita per chiederle Calabria le due del pomeriggio. Martino

LA LETTERA di Giuliano Pisapia, candidato sindaco di Milano

Le mie quattro mosse per combattere la criminalità


aro direttore, sono molto lieto che il sin- le infiltrazioni di carattere mafioso, soprattut- valutazione che ci ha fatto perdere tempo pre- lare attenzione ai lavori per l’Expo, a comin-
Cmente
daco Letizia Moratti riconosca pubblica-
quanto non solo “magistratura, istitu-
to in vista di Expo” invocando l’istituzione di
una commissione comunale antimafia. Quella
zioso almeno da quel 25 maggio 2009, quando
il Consiglio bocciò la proposta dell’istituzione
ciare dalla interoperatività tra banche dati (vi-
gilanza urbana, Asl, Ispettorato del lavoro). Il
zioni e media” ma anche le opposizioni – e a stessa commissione cui la maggioranza ha di quella Commissione antimafia di cui oggi secondo riguarda la Polizia locale che tornerà
più riprese – hanno denunciato in merito alle sempre detto no. Era un’illusione – e ora il tutti sembrano riconoscere la necessità, pri- ad avere una specializzazione per le infrazioni
infiltrazioni della ‘ndrangheta a Milano e in sindaco lo ammette – “credere di avere an- mo passo per avviare le azioni che devono ambientali, urbanistiche, nei cantieri e non
Lombardia. Non più tardi di un mese fa avevo ticorpi sufficienti per contrastare ogni con- fermare la penetrazione mafiosa nel mondo sarà più quel corpo paramilitare voluto dal-
richiesto “più antidoti contro la criminalità e taminazione di stampo mafioso”. della politica denunciata dalle recenti inda- l’amministrazione attuale. Terzo, il controllo
Di fronte al manifestarsi della rete criminale gini. L’impegno che maggioranza e opposi- di legalità interno al comune e alle aziende
attiva a Milano e in Lombardia nei più di- zione devono assumere davanti a tutti i cit- controllate: adotteremo rigorosi canoni di
“Sono due anni versi settori dell’attività imprenditoriale
e dei servizi, l’attuale sindaco avrebbe
tadini è la creazione di nuove strutture di ve-
rifica e controllo che rendano attuale ed ef-
condotta per tutti i dipendenti, interventi di-
sciplinari e cautelari rapidi, con il controllo
che La Moratti dovuto assumere iniziative ben più in-
cisive, come chiesto ripetutamente dai
ficace il contrasto delle attività del crimine
organizzato. A oggi non esistono neppure i
continuo della conduzione di appalti e subap-
palti, la verifica e la revisione dei contratti in
e il centrodestra consiglieri di opposizione che nell’aula
di Palazzo Marino hanno rappresentato
criteri per la composizione della tanto accla-
mata “white list” delle imprese pulite per l’E-
corso, la piena estensione del sistema degli
appalti in base alla “offerta economica van-
l’allarme di cittadini, imprese e xpo. taggiosa” e abolizione del “massimo ribasso”.
sottovalutano associazioni. E che troppo Personalmente mi sono già impegnato – con il Quarto: introdurremo per le nomine modalità
spesso si sono sentiti ri- mio progetto per la città, condiviso da tutta la pubbliche di esame preventivo delle compe-
il problema spondere ai più alti coalizione che sostiene la mia candidatura e tenze ed escluderemo qualsiasi persona inda-
livelli cha “la reso pubblico da settimane – per una serie di gata per mafia, rinviata a giudizio o condan-
È ora di una mafia a Mila- interventi organici in seno al Comune di Mi- nata anche solo in primo grado per reati con-
no non esi- lano. Il primo: la dotazione di strutture di con- tro la PA, la fede pubblica e i cosiddettireati
commissione” ste”. Una trollo dedicate alla prevenzione, con partico- “dei colletti bianchi”. Giuliano Pisapia
Mercoledì 13 aprile 2011

SE LA SONO BEVUTA

carte dell'inchiesta Infinito che il 13 luglio luogotenente della cosca Moscato. Si tratta di cambio Pezzano chiede al boss di dargli una nell'inchiesta Caposaldo del marzo scorso.
2010 ha portato in carcere 160 presunti Giuseppe Sgrò, il quale, grazie al dirigente mano a trasportare alcune piante da Desio Quella, per capirci, che ha portato in carcere il
mafiosi. Da qui si capisce come il dirigente sanitario ottiene un lavoro per l’installazione fino alla sua casa calabrese. Conclusione: presunto fiduciario della 'ndrangheta reggina
sanitario sia “uno che fa favori a tutti”. Parole di condizionatori nelle Asl locali di Cesano Pezzano verrà indagato per mafia. Sul registro Paolo Martino. Sarà lo stesso Martino, l'8
di Pino Neri, avvocato, massone, e padrino Maderno, Desio, Carate Brianza. “Dobbiamo degli indagti ci rimane un anno. Poi, nel aprile 2009, ad andarlo a trovare a Monza. In
delle cosche a ridosso di Pavia e dintorni. Le chiamare il direttore generale, che è amico dicembre 2010 la sua posizione viene quel periodo, infatti, Pezzano è il direttore
conoscenze, però, non finiscono qua. In mio, così lo chiamiamo e fissiamo un stralciata e alla fine archiviata. Eppure non è generale dell'Asl brianzola. A fine 2010 la
agenda, Pezzano ha anche il nome di un appuntamento”, racconta lo stesso Sgrò. In finita. Il suo nome, anzi il suo cellulare, rientra promozione. Ieri la bocciatura definitiva.

Illustrazione di Emanuele

Quanti affari intorno


Fucecchi. Sotto, Guido Podestà
(FOTO EMBLEMA) . In basso, Giuliano
Pisapia (FOTO DLM)

contro. Sempre a Milano. Sem-

al presidente Guido Podestà


pre in viale Monza. Martino par-
la chiaro: “Lele, guardami negli
occhi, ho bisogno di te per or-
ganizzare qualcosa di eclatante
da portare in prima serata sulla
Rai”. Mora si convince: “Sinda-
co, non dica altro. Paolo mi ha
chiesto una cosa che io ho il do-
CONSULENZE DA 300 MILA EURO, APPALTI
vere di eseguire. Le farò un pro-
gramma memorabile”.
PER LA TANGENZIALE E CURRICULUM TAROCCATI
COME ANDRÀ a finire lo di Davide Vecchi persone di specchiata fidu- residenza a Roma. Anche se né professionali, l'ormai manager
racconta Martino: “Due serate cia, come Strozzi di cui ha ri- Serravalle né la Provincia han- ha lavorato presso lo studio le-
su Rai2 di un’ora e mezza in di- l quarto piano di via velato il Corriere della Sera. Ma no un ufficio nella capitale. I gale Dinoia, ha svolto consu-
retta da Reggio”. Il rapporto è
avviato e prosegue anche per la
Notte bianca. “Io sono l’orga-
nizzatore – dice il boss – siamo
finiti anche sui giornali”. Ha ra-
A Scarlatti 30 a Milano ieri
è stata una giornata piut-
tosto movimentata. Ne-
gli uffici che ospitano la galas-
sia delle società di Guido Po-
non è il solo. Nel maggio 2010
Podestà ha voluto cambiare il
Consiglio di amministrazio-
ne. Nominando presidente
Marzio Agnoloni su segnala-
conti della manager in carriera
sono finiti all'attenzione del-
l'organo di vigilanza della so-
cietà guidato da Giuseppe
Grechi, ex presidente della
lenze con una trentina di so-
cietà, fino ad arrivare a ricopri-
re l'incarico di assistente al se-
nato di Vincenzo Pisanu e a
collaborare con il ministero
gione. Ma non tutti i giornali si destà (presidente della Pro- zione di un’altra persona di fi- Corte d'Appello di Milano. dello sviluppo economico e a
occupano dell’evento. Uno, in vincia e maggior azionista di ducia, Denis Verdini. Che ha avviato un'indagine af- quello delle politiche foresta-
particolare, nel settembre di Milano-Serravalle) e quelli di fidandola a Luca Giuliante, nu- li.
quel 2006 titola: “Il sindaco Servizi Verdi, società ammini- QUANDO la Procura di Fi- mero due del collegio di con-
Giuseppe Scopelliti, il boss Pao- strata da Aronne Strozzi, brac- renze ha iscritto Agnoloni nel trollo della società, nonché so- UN CURRICULUM di rilie-
lo Martino, il faccendiere Pa- cio destro di Podestà e bene- registro degli indagati nell'in- cio di Podestà, di cui è stato an- vo, che giustifica l'incarico in
squale Rappoccio e il padrino ficiario di consulenze da 300 chiesta sugli appalti per i gran- che legale di fiducia. Lo stesso Serravalle. Ma non i compensi,
delle dive Lele Mora in un sum- mila euro affidategli da Serra- di eventi, ipotizzando l'emis- Giuliante che ha difeso Ruby secondo Grechi e secondo al-
mit mafioso a Milano organizza- valle, è arrivato (anche) il ma- sione di fatture false per con- ed è oggi difensore di Lele Mo- tri dipendenti della società
no l’estate reggina”. Per questo teriale elettorale di Marcova- sulenze fittizie, Agnoloni si è ra. Dall'indagine interna spun- che hanno inviato il dossier al-
Martino si scuserà con l’allora lerio Bove. Il giovane candida- detto pronto a dimettersi. Ma ta comunque un dossier su la procura di Milano e alla cor-
sindaco, il quale non appare to al Comune di Milano nella Podestà gli ha rinnovato la fi- Carmen Zizza. Correlato di te dei conti perché faccia luce
sconvolto: “Per me – gli dice lista del Pdl a sostegno di Le- ducia. curriculum. Sei pagine fitte di sull'incarico. “Zizza è priva di
Scopelliti – è gratificante cono- tizia Moratti, infatti, ha il co- Lo ha fatto anche quando è studi e incarichi. Molte delle titolo di studio accademico ne-
scere uomini come te. Non scu- mitato elettorale in via Scarlat- emerso che era sotto inchiesta quali però non veritiere. A par- cessario”, scrivono tra l'altro.
sarti”. ti 30. Quarto piano. Una cor- insieme a Verdini e ai vertici tire dalla seconda riga: “Iscrit- Lamentando “l'emolumento
Ore 14 e 27, l’interrogatorio si tesia di Podestà all'ingegnere della Btp. Adesso il presidente ta presso l'ordine nazionale base di 154 mila euro annui in-
chiude. Molto è stato detto. No- Luigi Bove, padre di Marcova- della Provincia si è deciso a dei giornalisti di Roma e Pie- crementato dal rimborso spe-
chiama l'impresario dei vip. mi, relazioni e incontri sono sta- lerio, nonché consulente, an- cambiare il Cda. E tra i nomi monte, numero di tessera se” che “nei primi quattro me-
“Ho bisogno di te”, dice. “Ti ti fotografati con allarmante che lui, di Serravalle. Del resto spunta un'altra persona dell'u- 121524”. Una rapida verifica si ammonta a 38 mila euro poi
aspetto”, gli risponde il pigma- limpidezza. La stessa con la qua- la Provincia è azionista di niverso di via Scarlatti 30: Car- negli albi conferma che di Ziz- a oltre 10 mila mensili”.
lione di tronisti e veline. Scopel- le il manager della 'ndrangheta maggioranza della società che men Zizza. Una bionda qua- za non v'è traccia. C'è poi una Per non parlare delle spese di
liti è sorpreso. Il boss scopre le intreccia relazioni con i vertici gestisce le tangenziali milane- rantenne milanese in pole po- laurea conseguita alla “Milan rappresentanza. “Oltre 90 mi-
carte: “Mora è un amico mio”. della politica milanese. si, naturale quindi insediare sition per il posto di direttore State University in doctorate la euro nel periodo compreso
Dalla Fiera a viale Monza 9 il tra- generale, attuale direttore re- in law and public relation”, da aprile 2010 a dicembre
gitto non è lungo. Poco meno di lazioni istituzionali e progetti con successivo “trust found 2010”. In azienda la chiamano
mezz’ora e i due sono seduti in speciali. Un ruolo che le garan- corse”. E ancora un corso “la zarina” e garantiscono che
ufficio. Martino fa le presenta- tisce circa 150 mila euro an- “presso l'Università pontificia non finirà come con Agnoloni:
zioni. “Lele – dice – oltre a es- nui, rimborsi spese, apparta- delle chiese orientali”. Per non basterà la fiducia di Pode-
sere il sindaco di Reggio, è un mento a Milano nonché auto e quanto riguarda le esperienze stà per rimanere in sella.
amico mio. La cosa importante
è che ti sto portando una per-
sona che ti garantisce lavoro”. Sotto
Sul tavolo c’è l’organizzazione Il radicale Cappato
di partite di calcetto tra vip. Mo-
ra lo ha già fatto in Costa Sme-
osservazione
ralda. Il successo è garantito. La le credenziali “ATTENTI ALL’EXPO: FORMIGONI
cosa, però, appare complicata.
La manifestazione si deve svol-
alterate di E MORATTI SONO INADEGUATI”
gere tra il 10 e il 22 agosto. Mar-
tino riferisce le parole di Mora: l vero problema è che le misure concrete
"Questi se ne vanno in Sardegna
e io non posso fare figure con te
Emilia Zizza: per “I contro la malavita organizzata scarseggia-
no ancora, mentre i segnali di infiltrazioni del-
e con il sindaco, devo rinuncia- lei è pronto un le mafie si moltiplicano”. Marco Cappato, ca-
re”. Scopelliti, però, insiste. E polista della lista Bonino-Pannella a Milano,
così va in scena un secondo in- ricco contratto non è convinto dalla lettera del sindaco Mo-
ratti al Fatto. A suo avviso, in Lombardia le ma-
fie continuano a conquistare spazi, e sono
IL COORDINATORE PDL IN LOMBARDIA sempre più fameliche “perché - ricorda – sta
arrivando una valanga di soldi per l’Expo”. Mo-
ratti rivendica di essersi mossa “nella direzione
MANTOVANI, OVVERO IL “BADANTE DI MAMMA ROSA” giusta” assieme alla sua giunta contro la cri-
minalità organizzata. Ma Cappato attacca: “La
credibilità della politica si basa innanzitutto
di Gianni Barbacetto za onoraria. Sono cose che un scono le intercettazioni dell’in- le, Mantovani aveva fatto le co- sul rispetto delle regole e della legalità: ma il
figlio non dimentica. chiesta sul bunga-bunga. se in grande: non solo il micro- sistema di potere che domina in Lombardia, e
el Pdl lo chiamano “il badan- Non che Mantovani non abbia Altre iniziative organizzate da fono, ma anche impianto voce, che ha nella Moratti, in Formigoni e in Ber-
NMantovani,
te di Mamma Rosa”. È Mario
61 anni, Forza Italia
anche altri meriti: tra i fondato-
ri di Forza Italia, fedelissimo del
Mantovani, più controllabili,
non hanno dato grandi risultati.
grande palco (su un camion
“Dimensione Moda”), autobus
lusconi referenti di punta, non tiene in nessun
conto le regole. Lo prova anche l’evidente truf-
dalla prima ora, senatore, sotto- presidente del Consiglio, ha fa- Le due mobilitazioni fuori dal e panini per tutti. Ma il palco ha fa nelle liste elettorali per le Regionali del
segretario, da gennaio coordi- ma di grande organizzatore. Al- palazzo di giustizia di Milano, dovuto essere smontato per or- 2010, da noi denunciata 14 mesi fa e tuttora
natore del partito in Lombar- le ultime elezioni politiche, nel per esempio, quando il coordi- dine della Digos e i panini sono impunita”. La minaccia principale rimangono
dia. “Mamma Rosa” è la madre 2008, è stato lui a costruire l’e- natore del Pdl ha chiamato a avanzati: dei due-tremila soste- però le mafie e i loro interessi. Cappato os-
di Silvio Berlusconi, che Manto- sercito dei “Difensori del vo- raccolta i sostenitori del presi- nitori attesi ne sono arrivati so- serva: “In Lombardia c’è un diffuso sistema
vani ha amorevolmente segui- to”, 120 mila volontari che pre- dente “perseguitato” dai magi- lo duecento. clientelare, che pesa in tema di appalti. Un
to fino agli ultimi giorni di vita. sidiarono i seggi italiani per im- strati. Per la prima, l’udienza Sufficienti comunque, secon- sistema che, per sua natura, è facilmente per-
È un esperto di terza età, del re- pedire i brogli elettorali dei “co- preliminare Mediatrade del 28 do l’Anm, a fare uno “spettaco- meabile dalla criminalità organizzata. Bisogne-
sto, tanto da aver fondato Soda- munisti” paventati da Silvio. marzo, aveva inviato più di 600 lo indecoroso che delegittima i rebbe intervenire innanzitutto lì”. Come? Cap-
litas, una cooperativa sociale Suo braccio operativo è quella sms a militanti del partito, ma giudici”. Il “badante di Mamma pato propone: “Va innanzitutto istituita l’ana-
che gestisce residenze per an- Clotilde Strada che da anni or- ha raccolto un centinaio scarso Rosa” non si scompone. Ribat- grafe pubblica degli appalti, tramite cui otte-
ziani. Viene da Arconate, un ganizza la delicata raccolta del- di persone. E quando lui, Silvio, te che erano tremila, “una folla nere la trasparenza assoluta degli appalti e de-
paesotto in provincia di Milano le firme per la presentazione alla fine dell’udienza si era av- sterminata”. E continua a lavo- gli assetti societari delle aziende. Bisogna poi
di cui è stato anche sindaco. Lì delle liste elettorali (alle ultime vicinato ai suoi fan, non aveva rare per il partito. Prossima sca- che la pubblica amministrazione gestisca sem-
ha piazzato il suo capolavoro: regionali, con qualche proble- trovato neppure un microfono. denza, le elezioni comunali. Ha pre in prima persona gli appalti, senza dele-
un monumento per ricordare ma, denuncia e inchiesta giudi- Soltanto il predellino della sua un obiettivo da raggiungere: gare a società terze, svincolate dagli obblighi
Rosa Bossi, genitrice di Silvio. ziaria in corso). Poi Clotilde è auto per un saluto veloce (e bloccare in Lombardia l’erosio- di trasparenza”.
“Mamma Rosa”, insomma, a cui stata prestata come assistente a muto). La seconda volta, per il ne dei voti Pdl da parte della Le- Luca De Carolis
da viva aveva dato la cittadinan- Nicole Minetti, come garanti- processo Mediaset dell’11 apri- ga.
pagina 6 Mercoledì 13 aprile 2011

C’
SERVIZI PRIVATI

è da giurarci che il Cavaliere ne quella delle tribune politiche, proprio per evitare Vigilanza, Sergio Zavoli. Senza citare eplicitamente
L’Agcom vieta soffrirà moltissimo. Durante la che i telespettatori possano cadere in confusione. il rallentamento del rinnovo dei contratti di
campagna elettorale, infatti, non Dalle parti del Tg1,tuttavia, l’alternativa è già stata Giovanni Floris, Milena Gabanelli e Fabio Fazio
potrà inviare all’amico Minzolini o a Bruno Vespa trovata; i videomessaggi saranno sostituiti da (quest’ultimo ormai molto vicino a La 7 nonostante
i videomessaggi durante videomessaggi preconfezionati da inserire dentro il interviste; gli spot pro Berlusconi, insomma, sono i tentativi di Paolo Ruffini, direttore di Raitre, di
Tg1 piuttosto che dentro Porta a Porta. Secondo salvi. Intanto, però, c’è anche chi comincia a trattenerlo), sembra voluto da Masi stesso, Zavoli
l’Agcom, infatti, sarà necessario tenere ben preoccuparsi della deriva della Rai nell’era Masi. E ha “minacciato” un intervento della Vigilanza Rai.
la campagna elettorale separata l’informazione generale televisiva da stavolta a protestare è stato il presidente della sa.ni.

SGARBI PUBBLICI
di Carlo Tecce

ittorio Sgarbi ha deciso: vado in

V onda il 2 maggio, non il 25 apri-


le. Meglio un feriale che un fe-
stivo, giusta osservazione. Il cri-
Il programma,

COLLABORATORI
tico d'arte ha dimenticato un picco-
lo particolare, un passaggio burocra-
tico: avvisare i vertici di viale Maz-
zini, obbligati a smontare il palinse-
che rischia di non
sto di Rai1. Perché la Rai ha una data
X per la trasmissione X di Sgarbi, an- andare in onda,

A PESO D’ORO
cora senza nomi e senza temi. E con
un legittimo impedimento: il consu- costa 8 milioni
lente del ministero dei Beni cultu-
rali, versione sindaco di Salemi, viola di euro e
la par condicio durante la campagna
elettorale per i comuni e le province la società esterna
italiane. La Rai pensa di rinviare a
giugno oppure a settembre (o mai a
Dalla compagna Sabrina Colle Ballandi da mesi
più) l'esordio de Il mio canto libero,
ultimo titolo scelto, tanto Lucio Bat- paga la redazione
tisti non può protestare.
Nessun abbonato del servizio pub-
al giornalista Carlo Vulpio
blico ha visto un minuto del pro-
gramma di Sgarbi, eppure ognuno di veloce analisi psicologia: “La Tullia- Mesiano, il giudice che condannò la Fi-
loro sta pagando un conto che cre- ni? Sono i sentimenti che rovinano ninvest a risarcire 750 milioni di euro a
sce con il passare dei giorni. Il sin- gli uomini”. E così, furbo, il sindaco Carlo De Benedetti per il lodo Monda-
daco ha arruolato una squadra di lus- convoca la sua compagna per l'av- dori, e anche a Luigi De Magistris, An-
so per 5 puntate che costano 8 mi- ventura in Rai, la modella e attrice tonio Di Pietro, Beppe Grirllo, Marco
lioni di euro; amici, collaboratori, Sabrina Colle (autrice, 40 mila eu- Travaglio, Patrizia D'Addario e la fami-
giornalisti, familiari che lavorano or- ro). Il giornalista Angelo Crespi (60 glia Agnelli.
mai da novembre, che cercano di mila euro), ex direttore del Domeni-
riempire un contenitore vuoto. In- cale (ora chiuso) di proprietà di Mar- La scenografia
vitano Zidane, Baggio, Ferilli, Baric- cello Dell'Utri, sarà la penna dissa- secondo B.
co, e tutti rifiutano. Mandano le te- crante per la cultura, sostenuto nelle
lecamere in giro con Sgarbi, e non retrovie da Luigi Mascheroni del
beccano nulla. E da novembre, però, Giornale (60 mila euro) e l'architetto DIEGO VOLPE PASINI fa politica
la Rai si è impegnata a pagare il grup- Peter Glidewell (25 mila euro), as- nelle strade, amministratore duro e
po di Sgarbi, attraverso la società di sessore all'agricoltura a Salemi. puro a Udine, non molla mai la presa
produzione di Bibì Ballandì. Il gior- su rom, clandestini e prostituite. Si è
nalista Carlo Vulpio, candidato con Obiettivo: gli sprechi autodefinito aiutante in campo di
l'Idv al Parlamento europeo, è l'ar- delle regioni rosse Sgarbi: “Periodicamente ci vediamo
chitrave de Il mio canto libero, capo del con il presidente del Consiglio, gli ab-
progetto e autore di punta. La re- biamo presentato la scenografia. Il
sponsabilità ha un prezzo: 220 mila VULPIO È IL CAPITANO di una re- mio compito sarà sia di occuparmi di
euro, più 60 mila per le spese di tra- dazione d'assalto, incaricata di scova- diversi aspetti organizzativi, sia di es-
sferta. E il regista, pittore, scrittore, re le magagne nelle regioni rosse (in- sere inviato in giro per la trasmissio-
scenografo Filippo Martinez, già viati schierati da settimane in Umbria e ne”, a soli 90 mila euro, più 25 mila
padre putativo di Sgarbi quotidiani su Puglia): Giacomo Amadori, Gianni quando Il mio canto libero sarà su Rai1.
Canale 5, è il direttore artistico (e Lannes, Cecilia, Moretti, Cristina La società di Ballandi ha ricevuto l'ap-
autore): 130 mila euro, più 40 mila di Pellecchia e Cosimo Forino, a cia- palto di 2,35 milioni di euro, ma per
vitto e alloggio. E un gesto di affetto scuno un compenso medio di 45 mila precauzione scarica su viale Mazzini
tipicamente italiano: tradurre in sca- euro. Amadori (Panorama) ha appena qualsiasi rischio legale: il primo è il
lette le idee di Sgarbi assieme al figlio patteggiato un anno (pene sospese) contratto di Sgarbi. Il regolamento Rai
Marco Martinez, già montatore per per il reato di accesso abusivo a siste- vieta di pagare chiunque ricopra un in-
le Iene, collaboratore ai testi per 60 ma informativo. Il giornalista indicava carico pubblico o politico, e l'accordo
mila euro. Il critico d'arte su Vulpio e a un finanziere di Pavia di tracciare una di un milione di euro tra l'azienda e il
Martinez è intransigente, si è preoc- radiografia patrimoniale di una perso- sindaco può incuriosire l'Autorità di
cupato di scrivere ai dirigenti Rai: ba- na che gli interessava, violando la ban- garanzia nelle Comunicazioni e la Cor-
sta trattative per i contratti, sgancia- ca dati dell'Agenzia delle Entrate, per te dei conti. Musica stonata per il cri-
te. Quando il bilocale di Montecarlo poi pubblicare le notizie riservate sul tico d'arte che, però, può consolarsi
e il cognato travolgevano Gianfran- settimanale berlusconiano. con il gruppo jazz di Oristano ingag-
co Fini, Sgarbi intervenne con una Nel 2008/2009 è toccato a Raimondo Vittorio Sgarbi, visto da Andrea D’Elia. In alto Sabrina Colle, la compagna del sindaco di Salemi (FOTO OIYCOM) giato per il programma.

Tarantini, la piccola talpa e il grande buco


di Caterina Perniconi
A BARI ARRESTATO MORRONE, EX CONSULENTE E GIORNALISTA, PER LA FUGA DI NOTIZIE
CAMERA L’assemblea di Montecitorio si è riunita ieri
di Antonio Massari quante donne portava da nio Laudati. Lo scoop per nerale – che un soggetto mattina alle 12.05 per interpellanze urgenti e
Silvio Berlusconi, nell’esta- lui suona come un’offesa. esterno può leggere un’in- interrogazioni. La seduta è durata 40 minuti, e sospesa

Udeinmatico
ex consulente infor-
usa la password
pubblici ministeri, ac-
te del 2008, specificando
anche le modalità di paga-
mento per intrattenere ses-
Da allora, dell’inchiesta su
Tarantini e le donne che fre-
quentavano Palazzo Grazio-
formativa riservata, divul-
garne il contenuto agli inda-
gati, distruggere qualsiasi ti-
alle 12.45 è ripresa alle 15 con la discussione sulla
legge per il processo breve. I lavori sono stati interrotti
tra le 20.30 e le 21.00 per la conferenza dei
cede ai documenti riservati sualmente il presidente del li, non s’è saputo più nul- po d’indagine. Nel caso con- Capigruppo e proseguiti in notturna. Nuovo
della procura e li copia, per Consiglio. La notizia, però, la. creto invece – il quadro è appuntamento oggi alle 9.30
poi passarli al Corriere della viene pubblicata dal Corrie- solo indiziario – Morrone
Sera. È il 4 agosto 2009 e il re soltanto tre settimane do- DA IERI però sappiamo avrebbe passato la notizia al SENATO A Palazzo Madama si è svolta soltanto la
verbale “trafugato” è di po. E gli investigatori si chi è – secondo l’accusa – la Corriere. Non solo. Se fosse seduta pomeridiana. Senatori in aula alle 16.32 per
quelli che pesano: Gianpi chiedono il perché di tanta talpa in procura. Ed è una vera questa ricostruzione, discutere le norme per lo sviluppo degli spazi verdi
Tarantini, pochi giorni pri- attesa: è il 30 agosto, giorno storia che merita attenzio- bisogna restituire dignità a urbani. La seduta si è conclusa alle 19.10. I lavori
ma, aveva spiegato al pm d’insediamento del nuovo ne. Per diversi motivi. I pm un’ex presunta “talpa”, il co- riprendono questa mattina alle 9.30
Giuseppe Scelsi quali e procuratore di Bari, Anto- Giuseppe Dentamaro e Te- lonnello della GdF Salvatore
resa Iodice ieri hanno arre- Paglino, arrestato alcuni me-
stato – con l’accusa di ac- si fa. Per Paglino resta l’ac-
Gianpi Tarantini (FOTO ANSA)
Intanto cesso abusivo al sistema in-
formatico – l’ex consulente,
cusa di peculato, avendo
usato il cellulare di servizio
minuscola talpa. E per inca-
strarla – accusa l’Assostam-
avendo come unica colpa
quella di fare i cronisti”. In
dell’indagine poi giornalista (da ieri so-
speso dall’ordine), Andrea
per telefonare a una delle
donne che accompagnava-
pa di Puglia e l’ordine dei
giornalisti – è stato messo in
sintesi, dallo scoop del Cor-
riere in poi, il palazzo di giu-
sull’utilizzatore Morrone. Con la password –
sostiene l’accusa – ha pre-
no il premier, Terry de Ni-
colò. Lui non è però la talpa
discussione “un principio
fondamentale per la libertà
stizia è pieno d’intercetta-
zioni. Quelle dei cronisti. In-
levato l’interrogatorio di Ta- e nessun complotto – come di stampa: la tutela delle fon- tanto sappiamo che la segre-
finale rantini accedendo, da una scritto da Panorama nei mesi ti e della loro segretezza”. tezza in procura fa acqua da
postazione esterna, al de- scorsi – è mai stato ordito ai Nell’ordinanza d’arresto, in- tutte le parti, ma non per
Berlusconi sktop del computer del pm danni di Berlusconi, da po- fatti, compaiono intercetta- colpa dei giornalisti, mentre
Scelsi. E questo dimostra la litici, giornalisti e pm. Il zioni di giornalisti “estranei nessuno sa dire che fine ab-
non se ne sa fragilità della segretezza “complotto”, quindi, per al reato su cui s’indagava, in- bia fatto l’indagine su Taran-
d’indagine appaltata all’e- ora partorisce – da una gran- tercettaticome strumenti vi- tini e sull’utilizzatore finale,
più nulla sterno: è come dire – in ge- de falla nella sicurezza – una venti di ricerca della prova, Silvio Berlusconi.
Mercoledì 13 aprile 2011 pagina 7

S
BUFALE

ono le 22.40 del primo ottobre 2010 incappucciato che gli puntava una pistola contro. Sente procuratore aggiunto Gerardo D'Ambrosio.
Una nottata quando nel palazzo di via Monte di Pietà “il clic”, ma l'arma si è inceppata. La fuga nelle scale, poi Nemmeno lì, gli autori vennero mai individuati.
dove vive il direttore di Libero Maurizio l’attentatore sparisce nel nulla. L’altro agente che “Quello che mi ha stupito - ha spiegato D’Ambrosio a
Belpietro si sentono due spari. Sono partiti dall’arma aspetta in auto non vede uscire nessuno. Da subito gli La Stampa dopo il caso Belpietro - oltre alla
mai chiarita del caposcorta del giornalista che, dopo aver inquirenti non riuscivano a spiegarsi da dove il presunto coincidenza delle due vicende, è il fatto che abbia
accompagnato Belpietro fin sulla porta di casa, sta attentatore fosse fuggito. Il caposcorta di Belpietro già sparato tre colpi di pistola: a meno che non l’abbia fatto
scendendo le scale per tornare in auto, dove lo aspetta nel ‘95 si era reso protagonista di un episodio a scopo intimidatorio, un professionista difficilmente
Da dove è fuggito? un collega. Sostiene di aver visto un uomo controverso: un altro possibile attentato all'allora non colpisce il bersaglio da quella distanza”.

L’ATTENTATO A BELPIETRO
NON È MAI ESISTITO
Chiesta l’archiviazione dell’indagine sul presunto agguato
di Antonella Mascali “astio” e “odio” verso il gior- A confermare la versione del
nalista. I pm sostengono che è ladro colto in fallo, anche l’au-
on c’è stato un tentati- illogico per un attentatore

N
tista di Belpietro, Ciro Lupo,
vo di uccidere Maurizio non avere complici, possede- che però al momento della
Belpietro. Il “clima di re una pistola difettosa, non sparatoria si trovava in mac-
odio” tirato in ballo dal fare dei sopralluoghi. Non è china.
direttore di Libero, non ha por- stata trovata neppure una I primi dubbi su quanto acca-
tato a uno sciagurato proget- traccia di cellulari sospetti, duto, sono stati posti, già a ot-
to di morte. agganciati alla “cella” elettro- tobre, dall’ex procuratore di
I pm di Milano, Grazia Pradel- nica, nella zona dove abita Milano, Gerardo D’Ambrosio,
la e Ferdinando Pomarici, Belpietro. Dunque Pradella e senatore del Pd: “Anch’io ho
hanno chiesto l’archiviazione Pomarici chiedono l’archivia- subito, il 14 aprile 1995, uno
dell’indagine, aperta sei mesi zione dell’inchiesta per tenta- strano attentato. A denunciare
fa, quando la sera del 30 set- to omicidio, detenzione e la presenza di un uomo con
tembre, il capo scorta del porto d’armi ai danni di Ma- qualcosa di simile a un fucile,
giornalista, Alessandro Masto- store perché “l’autore è rima- di fronte a casa mia, fu lo stes-
re, spara sulle scale del palaz- sto ignoto”. Ed è anche il po- so capo scorta di Belpietro.
zo dove abita Belpietro, senza liziotto a ipotizzare che l’uo- Anche allora l’agente inseguì,
colpire nessuno. L’agente rac- mo misterioso in cui si è im- senza raggiungerlo, il presun-
conta di aver visto un uomo battuto era un rapinatore, un to attentatore, ed ebbe anche
che, trovandoselo di fronte, ladro, pronto a ucciderlo per- un premio. Ci furono delle in- Le prime pagine
tenta di sparargli, ma gli si in- ché “sorpreso” dalla sua pre- dagini che non approdarono a Sopra,
ceppa la pistola. Il poliziotto, senza. Del presunto ladro, pe- nulla. Se devo dire la verità, le prime pagina
sempre secondo la sua versio-
ne, reagisce. Spara una volta,
rò, non è stata trovata neppu-
re un’impronta.
non ho mai creduto troppo
che quello fosse un vero atten-
L’ipotesi è quella di un ladro di Libero
dopo l’accaduto,
due volte, tre volte. Ma a vuo-
to. L’uomo riesce a fuggire SONO STATI ascoltati an-
tato”.
Il direttore di Libero, invece,
nel palazzo del direttore di Libero, dai titoli emblematici
“Attentato a Belpietro”,
senza che nessuno lo veda, che gli abitanti del palazzo, ma non ha mai vagliato altre ipo-
senza che una delle telecame- l’unico che racconta di essersi tesi: “L’attentato nei miei con- ma dell’uomo nessuna impronta “Un colpo non ci ferma”
e “Chi ci vuole male”
re piazzate nei dintorni lo ri- affacciato alla finestra, senten- fronti-dichiara il primo otto-
prenda. È davvero fortunato. do i colpi di pistola, ha avuto bre - lo collego certamente a
Ora la procura scrive che “le un dubbio fondamentale per un clima di odio che c'è in que- Immagino dunque che presto certe motivazioni dei magi- né “verificato la notizia”, rive-
dichiarazioni (di Mastore, far escludere ai magistrati sto Paese. Non credo si possa sarò definito sedicente vitti- strati che lasciano perplessi. latasi una bufala. È il 27 dicem-
ndr) non contraddette da al- un’altra ipotesi: che il capo parlare di uno squilibrato. ma”. E ieri, nonostante anche Leggo che siccome l’attentato- bre, il direttore di Libero scrive
tra fonte consentono di esclu- scorta (a insaputa di Belpie- Non era un ladro, un ladro non il capo scorta abbia escluso re era solo, era sicuramente un di un progetto per ferire Gian-
dere con ragionevole certez- tro) possa essersi inventato gira con una pistola...”. L'8 ot- che qualcuno volesse uccider- ladro. Come se poi i ladri gi- franco Fini ad Andria e far ri-
za che i fatti siano ricondu- tutto. Il vicino del giornalista, tobre con l'editoriale “Scusate lo, il giornalista se la prende rassero armati...”. cadere la colpa su Silvio Ber-
cibili a un piano per attentare ha dichiarato di non aver visto se sono vivo”, fa una previsio- con la Procura: “Ho appreso Sempre a Milano, Belpietro è lusconi: “Chi mi ha spifferato
alla vita del dott. Belpietro”. nessuno scappare, ma non ha ne: “Tra poco certi giornali rie- con sollievo che quella sera accusato dal pm Armando il piano non mi pareva un mat-
Una conclusione giunta dopo escluso che per qualche istan- sumeranno il linguaggio usato non c’era nessuno che voleva Spataro di “procurato allar- to”. Ora Belpietro rischia una
una mole di accertamenti del- te possa essersi allontanato negli anni settanta nei con- attentare alla mia vita. Fa pia- me”. Per non aver né verifica- condanna e un provvedimen-
la Digos anche su motivi di dalla finestra. fronti del terrorismo rosso. cere. Fa meno piacere leggere to “l’attendibilità della fonte” to dell’Ordine dei giornalisti.

COMMISSIONE D’INCHIESTA
Gli “Olindo&Rosa” del giornalismo
“VIA I LIBRI DI SCUOLA CHE NON PARLANO DI B.” ECCOLI, MANO NELLA MANO
di Chiara Paolin parlamentare per mettere sotto esa- edito da Zanichelli, reo di sostenere
me i testi scolastici accusati di deni- che “l’ignominia dei gulag sovietici Il settimanale “Chi”
roposta di legge Carlucci, atto del- grare il Presidente del Consiglio in ca- non è dipesa da questo sacrosanto
P la Camera 4101, disegno di legge
per “l’Istituzione di una Commissio-
rica, ai posteri Silvio Berlusconi.
Conciona Gabriella Carlucci nella
ideale (il comunismo, ndr), ma dal
tentativo utopico di tradurlo imme-
diretto da Alfonso
Signorini pubblica le
prime foto mano per la
ne parlamentare d’inchiesta sull’im- proposta: “Può la scuola di Stato, diatamente in atto o peggio dalla con- mano di Daniela
parzialità dei libri di testo scolastici”, quella che paghiamo con i nostri sol- versione di Stalin al tradizionale im- Santanché e Alessandro
cofirmatari Barani, Botta, Lisi, Scan- di, trasformarsi in una fabbrica di perialismo”. E ancora, per chi non Sallusti, soprannominati
droglio, Bergamini, Biasotti, Castiel- pensiero partigiano?”. Perché il pro- fosse sazio di sciocchezze, leggersi la da Vittorio Feltri gli
lo, Di Cagno Abbrescia, Di Virgilio, blema è che, con infinita capacità di Storia, volume III, di De Bernar- “Olindo e Rosa” del
Dima, Girlanda, Holzmann, Giulio coordinamento, negli ultimi anni gli di-Guarracino, edito da Bruno Mon- giornalismo italiano, a
Marini, Nastri, Sbai, Simeoni e Zac- editori scolastici hanno ordito una dadori, per il quale dal 1948 “l’attua- Milano nel giorno del
chera. battaglia ossessiva e sleale “osannan- zione della Costituzione sarebbe di- compleanno della
Nomi che resteranno davvero nei li- do l’attuale schieramento di sinistra e ventato uno degli obiettivi dell’azio- sottosegretaria.
bri di storia per raccontare di quella gettando fango sugli avversari”. ne politica delle forze di sinistra e de-
volta che, il 18 febbraio 2011, un au- E l’accusa non è mica campata in aria. mocratiche”. Insomma, il nemico si
torevole rappresentante del Pdl pro- Nella proposta di legge, assegnata a nasconde anche dietro un cognome
pose di istituire una commissione tempi di record alla Commissione famoso per colpire a tradimento.
Cultura lo scorso 14 marzo, ci sono zia italiana arriva a un passo dal disa- gravissima – attacca il senatore Idv Ste-
pagine e pagine ben dettagliate, bra- MA IL TESTO che più si distingue stro”. Cose che è meglio non dire, e fano Pedica – simili precedenti sono
ni interi di testi scelti per la loro mar- “per la quantità di notizie partigiane e che invece infestano i testi su cui si for- rintracciabili solo nei regimi totalitari
chiana ostilità nei confronti del pre- propagandistiche” è, secondo i di- mano le giovani generazioni. “L’elen- dello scorso secolo”.
mier. Pensate a La storia di Della Pe- ciannove deputati Pdl, quello di Ca- co naturalmente potrebbe continuare E gli studenti, diretti interessati, che
ruta-Chittolini-Capra, edito da Le mera e Fabietti. In Elementi di storia vie- ancora per molto – conclude il testo –, dicono? “Rimaniamo sinceramente
Monnier, che descrive per i secolo ne descritta l’attuale presidente del ma bastano questi esempi per capire sbigottiti da come si possa costruire
scorso “tre personaggi storici: Palmi- Pd, Rosy Bindi, come la “combattiva la gravità della questione”. un'allarme e un livello di fantasticazio-
ro Togliatti ‘un uomo politico intel- europarlamentare” che, ai tempi della Il ministro dell’Istruzione, Mariastella ne tale per distogliere l’attenzione dei
ligente, duttile e capace di ampie vi- militanza nella Democrazia cristiana, Gelmini, ha confermato che della pro- problemi reali della scuola – fa sapere
sioni generali’; Enrico Berlinguer, ‘un sollecitava ad “allontanare dalle cari- posta si discuterà in Commissione l’Unione degli Studenti – non com-
uomo di profonda onestà morale e in- che di partito” tutti “i propri esponen- perché “qualche volta” c’è un proble- prendiamo come possano essere mes-
tellettuale, misurato e alieno alla re- ti inquisiti”. Imperdonabile. ma di oggettività. “Se non ci fosse da si sotto attacco, senza alcuna compe-
torica’; Alcide De Gasperi ‘uno stati- Anche se il problema vero è la descri- preoccuparsi sarebbe tutto da ridere” tenza nel settore, intellettuali e studio-
sta formatosi nel clima della tradizio- zione dello statista Berlusconi. “Nel commenta la responsabile scuola del si come quelli citati dalla Carlucci nel-
ne politica cattolica’”. Niente su Ber- 1994 – citano ancora i parlamentari Pd, Francesca Puglisi. “Cercare di in- lo stesso modo con cui sono stati ad-
lusconi, accidenti. Ma non è da meno dal Camera-Fabietti –, con Berlusconi cidere sui testi scolastici per favorire ditati gli insegnanti delle scuole pub-
Elementi di storia di Camera-Fabietti, presidente del Consiglio, la democra- l’immagine del premier è un’iniziativa bliche”.
Mercoledì 13 aprile 2011 pagina 8

POVERA ITALIA

MI STATE A CUORE
Soldi destinati alla “comunicazione istituzionale”
Ma nemmeno Berlusconi aveva mai osato tanto
Rodano (Idv): “Un ibrido fra pubblicità progresso e spot”
campagne crollano ai minimi sport” (con cinque società fi- camper ambulatorio della re-

Propaganda
termini. Una mossa che ha ispi- nanziate), di cui 70 mila euro gione. La ripartizione dei fondi
rato alla “bestia nera” della Pol- vanno in defibrillatori per i cor- rivela il carattere mediatico de-
verini, la consigliera dell’Italia si e 85 mila “per realizzare, e di- l’iniziativa: “Solo 150 mila euro
dei Valori Giulia Rodano, una stribuire materiale informativo infatti – spiega la Rodano – sono
pioggia di interrogazioni e un ri- e divulgativo”. Ma il cuore di tut- destinati alla campagna vera e
corso all’Autorità garante per le ta la campagna è la delibera da propria, mentre 108.694 euro
comunicazioni. 280.941,96 euro per la “campa- vanno in comunicazione e

a peso d’oro
gna di comunicazione per la ri- 7.142 euro addirittura per le ho-
LA PRESIDENTE non ha ri- duzione delle liste di attesa ne- stess”. Di fatto quasi un euro su
tenuto necessario rispondere ai gli ospedali”. Qui le società fi- due della delibera (il 42%) non
quesiti in Consiglio regionale, nanziate sono 13 (tutte quelle sono dedicati alla sanità, ma so-
per l’autorità (come sappiamo che si occupano di affissione). lo alla promozione dell’immagi-
sempre molto solerte in materia Altri 265.837 euro servono per ne presidenziale.
radiotelevisiva) vedremo. Dice la campagna di primavera con il Un’ultima delibera, per una ci-
la Rodano: “Si tratta di un peri- fra molto bassa è interessante
coloso precedente, che può per un altro motivo. Si tratta di
Polverini per farla butta aprire la strada a un uso indiscri-
minato della comunicazione
istituzionale a scopi propagan-
720 euro che servono a stampa-
re i manifesti da affiggere sugli
autobus. Si legge nell’articola-

500 mila euro pubblici distici”. E non c’è dubbio che


questa forzatura stupisca, in
una persona come la Polverini,
to: “Gli spazi sono stati messi a
disposizione gratuitamente dal-
l’azienda”. Perché a Renata stia-
che aveva costruito la sua fortu- mo a cuore noi, ma – evidente-
di Luca Telese le, nel farsi pubblicità, per un esecutivo. Ed è anche vero che na con il buonsenso e con una mente – anche all’Atac “sta a
presidente di Regione, se que- Silvio Berlusconi è riuscito nel- grande capacità di equilibrio. cuore” Renata.
Renata Polverini noi citta- sta campagna così smaccata- Ma i tempi della politica impon-

A
l’impresa rara di farsi infilare da
dini stiamo a cuore, mol- mente personale non fosse sta- Michela Brambilla nello spot per gono gli azzardi: “Con il tracollo
to a cuore. Ci teneva in ta finanziata con i fondi desti- la promozione del nostro Paese di immagine di Alemanno e le
così grande considerazio- nati alla comunicazione istitu- all’estero (immaginate che ap-
ne, la presidente della Regione zionale della Regione Lazio. In peal...): ma nemmeno lui era ar-
Lazio, da pensare che fosse dav- pratica la Polverini ha usato de- rivato a utilizzare slogan di chia-
vero necessario comunicare gli spazi che erano stati formal- ro sapore elettoralistico all’in-
questo lodevole slancio senti- mente presi (e profumatamen- terno delle pubblicità progres-
mentale a tutti gli abitanti del te pagati) per informare i citta- so pagate dalla Presidenza del
Lazio con una imponente pro- dini, infarcendoli con il suo pri- Consiglio. Avevamo assistito – è
fusione di mezzi: pubblicità su vatissimo slogan. Ci ha fatto sa- vero – alla prodigiosa apparizio-
autobus, radio, giornali (tutti i pere quanto le stiamo a cuore a ne dell’attrice Elena Russo nello
principali tranne l’Unità e il Fat- spese nostre, come quegli ado- spot di Palazzo Chigi sulla riso-
to, per nostra fortuna), manife- lescenti che telefonano a casa luzione dell’emergenza rifiuti,
sti murali. Una simpatica cam- effettuando la chiamata a cari- con un passaggio spericolato divisioni nel Pdl Renata Polverini,
pagna di comunicazione, divi- co dei genitori. dall’inchiesta di Vallettopoli alla – osserva la Roda- governatore
sa in più delibere, e in più tran- pubblicità progresso. Ma – per- no – la Polverini appro- del Lazio
che di finanziamento, per diver- SI TRATTA di un piccolo re- sino quando nel 1995 varò la fa- fitta del denaro pubblico (ELABORAZIONE DI FABIO CORSI)
si soggetti. Slogan ammiccan- cord. Perché è vero che le isti- mosa campagna di spot “Fatto” per rifarsi il look e posizionarsi
te: “Mi state a cuore, Renata tuzioni usano spesso la promo- (nel senso di obiettivo raggiun- nel nuovo scenario del Pdl”.
Polverini”, con tanto di logo zione istituzionale in modo im- to), il Cavaliere ebbe il pudore Una delle delibere più corpose
con coccardina azzurra. Totale proprio, per favorire in modo di non metterci la faccia. La Pol- (la 22076 del 21 dicembre
della spesa? Centinaia di mi- più o meno occulto l’immagine verini invece, ha costruito (so- 2010) mostra la capillarità della
gliaia di euro per ogni campa- degli amministratori (già que- prattutto sulla Sanità) un ibrido spesa. Alla voce “Progetto don-
gna, per una spesa totale che sto non dovrebbe essere con- inquietante: il manifestone, in na mi state a cuore – affidamen-
supera (soldo di più, soldo di sentito) o per finanziare gruppi formato 4 per 3, per esempio, si to servizi comunicazione istitu-
meno) il mezzo milione di eu- o clienti “amici” per procaccia- apre, inequivocabilmente con zionale ” vengono erogati
IL TAR RIMANDA di Stefano Caselli
ro. Non ci sarebbe nulla di ma- re delle benevolenze al potere la fascia blu e il marchio ufficiale 97.887.60 euro, così ripartiti:
della Regione Lazio. Poi mostra
una parata di medici in camice
bianco solari e sorridenti. E
“15 mila euro alla Publikompass
Spa; 14.400 euro alla Manzoni e
C. Spa; 14.400 euro alla Rcs Spa;
CONCILIAZIONE?
quindi procede con un annun-
cio chiaramente (e corretta-
18.000 euro alla Piemme Spa;
6.600 euro alla Globo records
DECIDE LA CONSULTA
entrato in vigore da meno di tre settimane ed è
mente) di servizio: “Sabato e do-
menica ambulatori aperti”. Su-
bito dopo, però, ecco la griffe
Srl; 8 mila euro a Dimensione
Advertising srl; 1.440 a Radio
proletaria soc. Coop”.
È già diretto alla Corte costituzionale: il
Regolamento del ministro della Giustizia che
pubblicitaria, enorme: “Mi sta- Nel dettaglio della delibera si obbliga, prima dell’azione in giudizio, il ricorso alla
te a cuore” (scritta e solito fioc- scopre l’entità delle testate toc- conciliazione (nella figura dei “mediaconciliatori”,
co in azzurro) “Renata Polveri- cate dalla campagna: Corriere soggetti privati il cui compenso è a carico delle parti)
ni” (Scritto in nero con un cor- dello Sport, il Tempo, Libero, Repub- in moltissime controversie civili e commerciali, dalle
po cubitale). blica (giornale più sito), Corriere liti ereditarie ai contratti con banche e assicurazioni,
della Sera, il Messaggero, Radio passando per diffamazione a mezzo stampa e
LO STESSO format veniva re- città aperta, Radio Globo, Radio
plicato sui torpedoni e sui mez- Dimensione suono. Sempre per contratti di locazione. Secondo il Tar del Lazio, che
zi dell’Atac, e anche sui flani de- il “progetto donna” vengono ha accolto il ricorso dell’Oua (Organismo Unitario
stinati alle pagine dei quotidiani stanziati in altra delibera dell’Avvocatura) ci sarebbero numerosi elementi che
(compresa Repubblica e persino 10.807,20 euro (per spazi sul richiedono l’intervento della Consulta, tra cui la
– sia pure con qualche spicciolo Giornale) e altri 7.142,40 alla violazione di articoli della Costituzione: in contrasto
– alla “comunistissima” Radio cit- “Posto 9, srl”, per la promozio- con l’articolo 24 che garantisce “il diritto di agire in
tà aperta!). Insomma, due pic- ne del “Progetto donna - mi sta- giudizio per la tutela dei propri diritti e interessi
cioni con una fava: promuover- te a cuore”, relativo alle popo- legittimi” e con l’articolo 77 che vieta al governo di
si presso il pubblico, e far circo- lazioni migranti. Altri stanzia- emanare decreti con valore di legge ordinaria senza
lare qualche lira fra gli addetti ai menti promozionali (90 mila)
la previa autorizzazione del Parlamento.
Per la salute Renata Polverini alla presentazione del mese di “visite mediche lavori, per di più in una stagione per pubblicizzare “La giornata
gratuite”, la cui campagna istituzionale è diventata propaganda pro governatore in cui tutti gli investimenti delle regionale della sicurezza e dello

Al campo per i rifugiati ci mandano i rom


PARADOSSI: IL SINDACO DI CASTELNUOVO DI PORTO (PDL) SI DIMETTE E DORME IN AUTO PER PROTESTA CONTRO IL “PIANO NOMADI”
di Gian Carlo Castelli sione di trasferire 200 rom dai cam- in alto, non posso dire di più”. Il tra- dice il quasi ex-primo cittadino. tro, spiega, si trova nella zona di Pon-
Roma pi abusivi della capitale al Cara, il sferimento non è ancora avvenuto te Storto, periferia della città. Il Cara
Centro per l’assistenza dei richie- ma ha già scontentato un po’ tutti: il EPPURE continua, i problemi non è un centro di prima accoglienza,
l sindaco dimissionario di Castel- denti asilo. “Ci hanno detto che era
I nuovo di Porto, Fabio Stefoni, vi-
ve come un rifugiato. “Da venerdì
una questione di emergenza – spie-
ga Stefoni – ma 200 rom, che emer-
Comune, i cittadini che hanno fatto
sentire le loro proteste. E anche i
rom stessi che, all’idea di dover di-
sono mancati per la piccola ammi-
nistrazione comunale che ospita
uno dei più grandi Cara d’Italia: “Il
istituito nel 2004 con la legge Bos-
si-Fini. Dopo una prima fase, spie-
gano dal Centro italiano per i rifu-
scorso staziono per protesta dalla genza rappresentano?” videre le famiglie (al Centro sono am- Centro, di proprietà del ministero giati, i richiedenti asilo dovrebbero
mattina alla sera nell’aula consiliare messi soltanto madri con bambini dell’Interno è costituito da 6 edifici entrare nel sistema Sprar (Sistema di
della provincia di Roma. La notte PER QUESTO il 7 aprile scorso ha mentre per i padri non c’è alcuna per un totale di 650 posti. Questo in protezione per richiedenti asilo e ri-
dormo fuori dal portone nella mia deciso di dimettersi. Ricevendo il so- soluzione) hanno preferito rinuncia- una cittadina di 8000 abitanti. Tutta fugiati) che prevede, secondo la leg-
automobile”. Da oggi, però, tornerà stegno, lui sindaco del Pdl, anche re. Nessuna intolleranza o razzismo, l’assistenza sociale per i rifugiati ri- ge 140 del 2005, l’assistenza mate-
nella sua cittadina alle porte di Ro- dell’opposizione. “Sono stato tratta- assicura Stefoni. “Dal 2008, da quan- cade sul nostro bilancio comunale. E riale: formazione, lavoro, accesso al-
ma perché deve formalizzare in to come un usciere – dice sconsolato do c’è il Cara, sono passati centinaia ora dobbiamo anche subire i diktat l’alloggio. Ove questo non fosse pos-
Consiglio comunale le sue dimissio- – non siamo stati coinvolti né io, né i di rifugiati, poi integrati con la cit- del prefetto!”. D’accordo le oppo- sibile, lo Stato garantirebbe un aiuto
ni. Dirà che andrà avanti con la sua sindaci degli altri quattro comuni li- tadinanza”, dice. “È assurdo trasfe- sizioni. “L’emergenza rom non la economico. Quanto? Non si sa, per-
protesta finché il prefetto Pecoraro, mitrofi. Abbiamo saputo tutto dalla rire famiglie che hanno già avviato percepiamo”, dice Sonia Diociaiuti ché una simile eventualità, finora,
commissario straordinario per il Pia- stampa”. Non intende arrendersi. un percorso di integrazione e man- del Pd. Che ammettono però: “I rom non è mai stata presa in considera-
no Nomadi, non revocherà la deci- “Sposterò la mia protesta molto più dano i loro figli nelle nostre scuole”, qualche disagio lo creano”. Il Cen- zione.
pagina 9 Mercoledì 13 aprile 2011

ITALIE

N
CASTELLI PRENDE IL MITRA: CHIESA
“Contraccezione”
Salta il catechismo

NON POSSIAMO SPARARE, PER ORA C olpa di un errore di


traduzione: l’edizione
italiana di Youcat, il
Catechismo della Chiesa
cattolica per i giovani,
Migranti, l’ex ministro pronto alla violenza sarebbe stata
temporaneamente sospesa.
Secondo quanto scrive la
Cns, agenzia dei vescovi
di Michele De Gennaro no smistati nei Cie della penisola Usa, l’inghippo sarebbe nel
Palermo e da lì rimpatriati. termine “contraccezione”:
Nel centro di accoglienza di con- “Si dà erroneamente
isogna respingere gli l’impressione che le coppie

“B
trada Imbriacola rimangono così
immigrati, ma non pos- solamente un centinaio di perso- cattoliche possano usare
siamo sparargli, alme- ne, per lo più somali ed eritrei pro- metodi contraccettivi”.
no per ora”. Così Ro- venienti dalla Libia, che quindi han- Catechismo da rifare.
berto Castelli, senatore della Lega no diritto allo status di rifugiati po-
Nord, ospite in studio del pro- litici. Mentre per quanto riguarda i
gramma di Radio2 Un Giorno da Pe- minori presenti sull’isola, nel po-
cora. E ha proseguito: “Zapatero ha meriggio il ministro dell’Interno
sparato agli immigrati che voleva- Roberto Maroni, nel corso di
no andare in Spagna, Sarkozy sta un’audizione alle commissioni riu-
bombardano alcuni possibili im- nite Affari costituzionali ed Esteri
migrati in Libia: si prefigurano mo- di Montecitorio, aveva affermato
menti drammatici. E, se ragionia- che “tutti i minori arrivati a Lampe-
mo in termini storici, cioè nell’am- dusa non saranno rimpatriati.
bito dei prossimi decenni, c’è il (FOTO EMBLEMA)
pericolo che questa invasione SONO STATI affidati a case fa-
possa diventare di decine di milio- miglie attraverso i Comuni: gli ul- NAPOLI
ni”. E proprio mentre Castelli non timi sono partiti dall’isola lunedì”.
escludeva per il futuro l’uso delle Affermazione che però è risultata Scarcerato
armi, ieri a Lampedusa erano lacri- del tutto falsa, in quanto a Lampe- boss del Vomero
me e urla. “Libertà-libertà”. I tuni- dusa, come confermano i coordi-
sini che vengono forzatamente
rimpatriati secondo l’accordo ita-
natori della missione di Save the chil-
dren, ancora ieri erano presenti 33 S carcerato il boss della
camorra del Vomero
lo-tunisino protestano. Sono sce-
ne strazianti. Tutti chiedono di po-
ter andare in Italia, in Francia, in
minori non accompagnati. “Sareb-
be un bene trasferirli in situazioni
più accoglienti di queste – dice Vi-
Immigrazione: l’Europa Antonio Caiazzo: il 17
febbraio scorso era stato
assolto dalla Cassazione
Europa. Prima si rifiutano di scen-
dere dall’autobus che li ha portati
viana Valastro – ma alcuni di loro
sono qui fin dall’8 aprile, e stanno
è unita solo a parole nel processo in cui era
indicato come mandante
in aeroporto. E poi continuano a assorbendo tutta la tensione che del tentato omicidio di un
mostrare la loro disperazione fin regna in queste ore, come accadu- di Giampiero Gramaglia leggiamento: “Abbiamo una direttiva rimpatri, che collaboratore di giustizia,
sotto la scaletta che li conduce a to durante la rivolta di lunedì po- Bruxelles stabilisce che i rifugiati possono restare, mentre i ma avrebbe dovuto
bordo. meriggio”. Nel frattempo ieri po- clandestini devono tornare ai Paesi d’origine”. Ma è scontare due anni in una
meriggio è scattato un altro dram- l giorno dopo il naufragio dell’Italia in Europa, con il come cercare di gettare fuori con un secchio l’acqua casa lavoro, oltre a un
DOPO UNA LUNGA media-
zione, ieri, attorno alle 13, le for-
matico allarme. Da due settimane,
da quando è ripreso il flusso dalle
Inareministro dell’interno Maroni pronto ad abbando-
il barcone dell’Ue e gettarsi nel mare del
dal Titanic: i primi a violare la direttiva sono gli italiani
con i permessi temporanei che volevano solo essere
anno di libertà vigilata, in
quanto riconosciuto
ze dell’ordine in tenuta anti som- coste libiche, almeno 800 migranti “fai-da-te” della globalizzazione, i toni della polemi- un lasciapassare per la Francia. delinquente abituale. I
mossa sono riuscite a convincere mancano all’appello: oltre ai 250 ca tra Roma e Bruxelles si placano un po’ grazie, so- legali avevano fatto
i trenta migranti a salire sul primo morti nel naufragio dello scorso 6 prattutto, al presidente della Commissione europea Frattini si risente “Non abbiamo scaricato nessun ricorso, sottolineando che
dei due aerei previsti per la gior- aprile nel Canale di Sicilia, non si Barroso. Una telefonata al premier Berlusconi, che è emigrante su nessun Paese”. Ma l’impressione a Pa- l’uomo era stato estradato
nata. Ogni tunisino era scortato hanno notizie di 560 persone par- amico suo – ma di chi non lo è, il Silvio nostro? – e una rigi, e anche a Berlino, è diversa. In attesa del nuovo dalla Spagna solo per il
da due poliziotti. Intanto Lampe- tite su tre barconi e mai arrivate a missione in Tunisia, a promettere ulteriori aiuti, ma appuntamento europeo il 12 maggio, tutti ora con- tentato omicidio. Ora
dusa si era praticamente svuotata destinazione. Denuncia Laura Bol- anche a pretendere “impegni precisi”: “Ci aspettia- dividono che ci vuole “un approccio europeo” all’emer- Caiazzo dovrà
dopo l’imbarco di circa 800 tuni- drini, portavoce dell’Unhcr, l’Alto mo – dice – che la Tunisia accetti in modo forte e genza innescata dal domino dei satrapi nel Nord Afri- abbandonare il territorio
sini a bordo della nave Excelsior commissariato Onu per i rifugiati: chiaro il rimpatrio dei propri cittadini che sono giunti ca e accresciuta dalla guerra in Libia. Il problema è che italiano entro 45 giorni.
della Grimaldi. Il traghetto è sal- “questo significa che una persona in Europa in maniera irregolare”. Così, il ministro degli manca l’accordo su quale debba essere l’approccio eu-
pato ieri diretto al porto di Cata- su cinque non ce l’ha fatta ad arri- esteri Frattini promuove Barroso – “È esattamente ropeo. Frattini invita a tenere “i nervi saldi”, risconosce VIA DEI GEORGOFILI
nia da dove poi i migranti verran- vare. Riceviamo telefonate da tutta quello che l’Italia chiede” – e corregge Maroni: “Non che l’Ue è per l’Italia “una straordinaria opportunità”,
Europa accorate e dolorose di pa- credo abbia detto che dobbiamo lasciare l’Europa. ammette che “senza l’Europa l’Italia sarebbe troppo In ricordo di
renti che vorrebbero recarsi a Lam- Ha espresso una forte delusione in un momento d’ira piccola”, ma denuncia le carenze dell’Ue, che avrebbe Gabriele Chelazzi
Sull’isola pedusa nel disperato tentativo di che si puo’ capire”. Maroni stesso fa marcia indietro, dovuto negoziare lei con Tunisi, e chiosa l’invito del

ancora
trovare i propri cari. Viaggio scon-
sigliato e inutile perché non po-
trebbero né identificare né, quindi,
dopo il “meglio soli che male accompagnati”: dichiara
apprezzamento per la Commissione di Barroso e se
la prende con gli Stati. Frattini incalza: “Sono mancati
presidente Napolitano “a non giocare con l’Europa”:
“Non bisogna giocare con l’Europa, ma neppure con
gli interessi dell’Italia in Europa”. Paiono quasi discorsi
U n libro per ricordare
Gabriele Chelazzi e le
vittime della strage di via
proteste seppellire le salme dei propri con-
giunti perché anche se vengono av-
gli Stati membri, è mancato il Consiglio Ue. Noi vo-
gliamo che la Commissione sia più forte”. Il lunedì in
di buon senso. Poi arriva il vice-ministro leghista Castelli
che, prima a Porta a Porta poi alla radio, sostiene che
dei Georgofili. Sabato 16
aprile, presso l’aula
vistati cadaveri in mare non vengo- cui l’Europa ha scritto “una brutta pagina della sua se la Padania fosse indipendente mai e poi mai si pren- bunker del tribunale di
dei tunisini no recuperati. Credo sia necessa- storia” – parole d’Alfano, un altro ministro che in- derebbe gli immigrati di Lampedusa – e allora perchè Firenze verrà presentato
rio un maggior coordinamento tra crocia a Lussemburgo in queste convulse 48 ore Ue – avercela con la Francia che fa proprio così? – e poi “Pentiti. I collaboratori di
contro tutti i mezzi navali presenti nel Me- è già acqua passata? Ci pensa il leader della Lega sostiene che “le violenze degli immigrati, che potreb- giustizia, le istituzioni,
diterraneo”. E ieri sera, dopo 40 Bossi a rinfocolare la polemica: l’Europa è un pro- bero diventare milioni nel corso del tempo, potrebbero l’opinione pubblica” alla
i rimpatri ore di tregua, un altro barcone è ar- blema, dice, e gli immigrati devono andarsene tutti obbligare le autorità ad usare le armi”. È l’Europa di presenza del procuratore
rivato a Lampedusa con 70 migran- fuori dai piedi. Frattini prova a tamponare l’ennesima Lepanto che torna. Ma di quella non si sente il biso- Pier Luigi Vigna.
forzati ti a bordo. falla in un governo che va avanti sotto la linea di gal- gno.
TARANTO
Sequestro
Mazzette, l’audio inchioda il sindaco De Rubeis deposito rifiuti
LAMPEDUSA, ACCUSE DA UN IMPRENDITORE AL PRIMO CITTADINO: “MI HA CHIESTO 50 MILA EURO” U n impianto di
depurazione senza
autorizzazioni, un’area di
di Enrico Fierro dell’arrivo del Cavaliere in Francisci (uno dei tre impren- ma. Ci sono i “titoli autorizza- cinque dita in bella mostra. 12 mila mq dove erano
piazza. “Ma che minchia fate? ditori che accusano De Rubeis tivi”, manca solo la concessio- L’imprenditore equivoca, pen- erano stoccati rifiuti
i hai presi i diecimila euro Abbassate questa minchia di sa a cinquemila, il sindaco (se- speciali e pericolosi per la
“L che ti ho mandato tramite
l’assessore?”. “Sì, certo”. Sto-
cartelli se no il presidente non
parla con voi”. C’erano slogan
di aver intascato mazzette), il
sindaco gli avrebbe chiesto per
una concessione edilizia. La re-
ne. Passano ancora tre anni e
all’imprenditore arriva la ri-
chiesta del pagamento degli
condo la testimonianza di De
Francisci), “abbassando il tono
salute e 43 autobus
dismessi sono stati
ria di concessioni edilizie e e scritte “non gradite”, c’era- gistrazione con i dialoghi tra oneri di urbanizzazione, come della voce, mi rispose che la sequestrati all’interno
tangenti a Lampedusa. L’ha no contestatori e Silvio aveva De Rubeis e l’imprenditore è sempre avviene in questi casi, somma richiesta era di 50 mila della sede della società
raccontata ieri nell’aula del chiesto solo applausi e con- stata secretata e acquisita agli si tratta sulla quantità e sulle euro”. Alcune settimane dopo che gestisce il trasporto
Tribunale di Agrigento l’im- sensi. I cartelli sparirono. atti, l’accusa si aggrava. Per il forme del pagamento. La cifra i due si incontrano a Palermo, pubblico nella città di
prenditore settantenne Pa- procuratore aggiunto Ignazio finale è di 23 mila euro. l’imprenditore proprio non Taranto.
squale De Francisci e ha por- LA CASSETTA dell’impren- Fonzo la concussione si è con- vuole pagare, ritiene ingiusta
tato le prove. Una cassetta re- ditore no. È spuntata ieri du- sumata. L’IMPRENDITORE li ver- la richiesta di una mazzetta e si
gistrata di nascosto a Palermo rante il processo a carico di De La storia inizia il secolo scorso, sa, ma la concessione ancora arma di registratore.
in Piazza Politeama durante Rubeis e ha provocato il fini- nel 1992, quando De Francisci non si vede. “A novembre del Il colloquio col sindaco (tutto
un incontro con Bernardino mondo. L’accusa nei confronti presenta un progetto di lottiz- 2008 – fa mettere a verbale De in stretto dialetto siciliano, una
De Rubeis, detto Dino, il sin- del sindaco cambia, si aggrava: zazione per una delle zone più Francisci – mi recai in Comune cosa da far impazzire Camille-
daco dell’isola. Un politico di- non più tentata concussione, belle di Lampedusa, Cala Cro- e il sindaco mi disse che avrei ri) nella splendida piazza paler-
ventato personaggio grazie al- ma concussione consumata. ce. L’intenzione è quella di co- avuto tutto, ma mi sarebbe co- mitana viene fissato su nastro.
l’emergenza immigrati di que- Perché nella registrazione fatta struire un albergo di piccole di- stato un po’. Più precisamente De Francisci chiede se i primi
sti mesi. Gli italiani lo ricorda- dall’imprenditore si parla di mensioni e alcuni dammusi (le mi fece il segno con la mano 10 mila euro sono arrivati, De
no, lui altissimo, accanto a soldi dati, almeno diecimila eu- costruzioni tipiche dell’isola). aperta per indicare la somma Rubeis: sì. I due prendono un
Berlusconi. Sull’isola ancora ro, di altri da dare, altri 40mila La vicenda si trascina fino al che avrei dovuto pagare a lui caffé, ma litigano sulla somma:
risuonano i suoi ordini secchi, per arrivare alla cifra totale di 2005, perché solo allora la pra- per ottenere la concessione 30 mila, no, pagano tutti 50 mi-
impartiti pochi minuti prima 50mila. Tanto, secondo De tica comincia a prendere for- edilizia”. La mano aperta con la. Si usa così a Lampedusa.
pagina 10 Mercoledì 13 aprile 2011

ECONOMIA

FIAT, SU CHRYSLER
MARCHIONNE
CONFONDE LE IDEE
Il Lingotto sale al 30 per cento
Dubbi sui tempi della fusione Sergio Marchionne, ad di Fiat e Chrysler, e Mike Manley, ad della Jeep, controllato dalla Chrysler (FOTO ANSA)

di Vittorio Malagutti zioni previste negli accordi. In prare il 16 per cento che la por- scorso. Va detto che Chrysler vendute nel 2011 contro 1,51 nata verso Wall Street. E maga-
Milano questo caso si trattava di rag- terà a quota 51? Il pacchetto di dipende molto di più rispetto milioni nel 2010 con ricavi di ri a quel punto potrebbe aver
giungere un volume di vendite azioni andrebbe valutato sulla ai rivali dalle cessioni alle flot- 55 miliardi di dollari in forte già assorbito anche le attività
a ieri la Fiat è un po’ più base di complessi parametri te aziendali e agli autonoleg-

D
per 1,5 miliardi di dollari al di aumento rispetto ai 41 miliardi automobilistiche di Torino,
vicina a Detroit. Il grup- fuori dell’area Nafta (Usa, Ca- fissati nel contratto del 2009. gio. E questo tipo di affari of- dell’anno scorso e utili opera- che invece marcia a ritmo mol-
po di Torino ha aumen- nada Messico) oltre ad alcuni Le stime degli analisti sono frono margini più risicati in tivi di 2 miliardi. to più lento del partner ame-
tato dal 25 al 30 per cen- accordi di distribuzione con molto differenti tra loro, van- confronto alle vendite ai con- Se davvero Chrysler riuscisse ricano.
to la sua quota in Chrysler e Fiat per il Brasile. Per passare no dai 600 milioni di dollari fi- cessionari. Marchionne però anche solo ad avvicinare que- Ecco fatto allora: al Lingotto
Sergio Marchionne già rilan- dal 30 al 35 per cento la casa no al miliardo e più. Fiat co- si dice fiducioso di rispettare sti numeri, le perplessità di sventolerebbe la bandiera Usa
cia. “Potremmo anche salire americana dovrà immatricola- munque ha in cassa liquidità gli obiettivi annunciati al mer- molti analisti svanirebbero e il e la Fiat diventerebbe una suc-
oltre il 51 per cento”, ha detto re un’auto con tecnologia del sufficiente a finanziare l’acqui- cato. E cioè 2 milioni di auto gruppo avrebbe la strada spia- cursale di Chrysler.
il manager italo canadese du- partner italiano in grado di per-
rante un incontro con la stam- correre almeno 14 chilometri
pa straniera. Quando? A che con un litro. Per centrare an- Adesso bisogna
prezzo? Questo ancora non si
sa, ma l’importante, come
che questo obiettivo potrebbe
servire ancora qualche mese. rimborsare SPESE TELECOM Bernabè
sempre, è l’effetto annuncio.
In altre parole: tutto va per il
meglio e quanto prima, forse
POI FIAT punterebbe al 51
per cento di Chrysler, o anche
i prestiti chiede soldi indietro a Tronchetti
addirittura nel giro di un an-
no, Fiat diventerà una cosa so-
la con Chrysler. Una nuova en-
di più afferma adesso Mar-
chionne. Il quale ormai da tem-
po sta trattando con le banche
governativi, Llitàagranitica.
linea di Telecom Italia rimane per ora
Nessuna azione di responsabi-
verso i manager delle precedenti gestio-
fondi d’investimento) ha raccolto un sor-
prendente 39 per cento dei voti (contro il 47
di Telco, l’azionista di maggioranza che riu-
tità che prevedibilmente bat- per rimborsare 5,8 miliardi ma il vero nodo ni, nonostante le pressioni in tal senso dei nisce Telefonica, Assicurazioni Generali, Me-
terà bandiera a stelle e strisce. con il governo Usa e 1,6 miliar- piccoli azionisti dell’associazione Asati o di diobanca e Intesa Sanpaolo). In questo modo
Propaganda a parte, il percor- di con quello canadese. Que- sono le vendite consiglieri indipendenti come l’economista è rimasta esclusa dal consiglio la Findim della
so verso le nozze transatlan- sto denaro, che è servito a fi- Luigi Zingales. famiglia Fossati, che fino a ieri era la mag-
tiche prevede ancora alcune nanziare il salvataggio di nel mercato Usa L’assemblea degli azionisti di ieri, celebrata a gior forza di minoranza ed esprimeva due dei
tappe, non tutte agevoli da Chrysler fallita nel 2009, costa Milano, ha però offerto un piccolo colpo di tre consiglieri di “opposizione”, su una linea
completare. interessi elevatissimi al grup- scena. Il numero uno Franco Bernabè ha prima vicina a Tronchetti e poi nostalgica.
po di Detroit. Negoziare nuovi sto. A questo punto iniziereb- informato i soci presenti della decisione di La novità è costituita dal nuovo regolamento
L’IMPRESSIONE è che crediti con il sistema bancario be lo sprint finale verso la quo- chiedere indietro alla Pirelli di Marco Tron- per la partecipazione alle assemblee: i fondi
neppure Marchionne abbia farebbe quindi molto bene al tazione in Borsa a Wall Street chetti Provera (dal 2001 al 2007 azionista di d’investimento non sono più obbligati a te-
ben chiara la tabella di marcia. bilancio. Non solo. In base al previsto per l’inizio del 2012. controllo di Telecom Italia) il pagamento del- nere congelate le azioni per un paio di set-
A gennaio, la Fiat salì (gratis) contratto, Torino non può ar- le spese che Telecom stessa ha sostenuto e di timane in vista delle assemblee, una misura
dal 20 al 25 per cento centran- rivare alla maggioranza assolu- CERTO MOLTO dipende da cui non ha beneficiato il gruppo telefonico che scoraggiava la partecipazione al voto de-
do il primo dei tre obiettivi fis- ta del capitale Chrysler senza come andranno le vendite ma la Pirelli. “É il caso di alcune attività che è gli istituti del risparmio collettivo. Teorica-
sati contrattualmente. E cioè prima rimborsare i prestiti Chrysler, che nel 2010 ha re- risultato essere state svolte nell’interesse mente, votando insieme i fondi e la Findim
l’avvio della produzione in Usa pubblici. Marchionne adesso cuperato terreno sui concor- esclusivo di Pirelli”, ha specificato Bernabè. avrebbero potuto sfilare a Telco il controllo
del motore Fire destinato alla dice che non sa se potrà far renti americani (Ford e Gm) e Per il resto l’assemblea ha avuto il suo cul- di Telecom Italia.
Fiat 500. I due passi successivi fronte a questo impegno entro giapponesi (Toyota e Nissan). mine in un solo risultato a sorpresa. Al mo- Oggi si riunirà il nuovo consiglio d’ammini-
sembravano a portata di mano. la fine dell’anno. In altre occa- La corsa è proseguita nei primi mento dell’elezione del nuovo consiglio strazione che nominerà Bernabè presidente
E invece il traguardo del 30 per sioni era sembrato più ottimi- tre mesi di quest’anno. A di- d’amministrazione, la lista di minoranza pre- con poteri e Marco Patuano amministrato-
cento è stato raggiunto solo ie- sta. cembre 2010 la quota di mer- sentata da Assogestioni (associazione dei re delegato.
ri, dopo che Chrysler ha rea- Poi c’è la questione del prezzo. cato era all’8,8 per cento con-
lizzato la seconda delle condi- Quanto pagherà Fiat per com- tro il 9,8 registrato il mese

Dopo la manifestazione di sabato

Si può essere precari e felici (negli Usa)


di Alberto Bisin* So che, messa così, è una affermazione male, specie per un giovane, magari con do degli Stati Uniti (o meglio, di New tivo importante, naturalmente. Ma non
apodittica e che chiunque sappia come poca istruzione: il pizzaiolo per sei mesi, York), naturalmente. Ma non sto soste- è che senza non si vive o non si crea fa-
a manifestazione dei precari di saba- trovare o massaggiare un dato proverà a il barista per due (che lavorare la notte è nendo che il mercato del lavoro negli Sta- miglia. Perché precariato non significa ri-
Ldifficili
to ha evidenziato ancora una volta le
condizioni di lavoro di coloro che,
contraddirmi, a mostrare che la Svezia
garantisce protezione e occupazione e
bello ma stanca), il massaggiatore per
un anno; un periodo a Milano, uno a Ve-
ti Uniti sia il migliore dei mercati del la-
voro possibili. Anzi. È un inferno da molti
schiare di perdere lavoro, ma al massimo
trovarlo in un’altra città o in un'università
in Italia, non godono di protezione con- la Gran Bretagna all’opposto non garan- nezia, uno a Urbino e uno a Londra… punti di vista. Ma la questione del pre- meno prestigiosa. Parlo anche per espe-
trattuale e l’inefficienza del nostro mer- tisce né protezione né occupazione. Mi rendo conto di quanto anche solo ipo- cariato non esiste. Non ho mai sentito rienza. Ho tenure, adesso; ma sono sta-
cato del lavoro che si manifesta appunto Non è così, mi spiace. Ma entrare in una tizzare un mondo di questo tipo possa nessuno lamentarsi del precariato. Della to precario per circa 10 anni girando Sta-
nel suo eccessivo dualismo: protezione disamina seria dei dati non è possibile sembrare assurdo e che chi oggi in Italia mancanza di assicurazione sanitaria, sì, ti Uniti ed Europa, senza mai sentirmi
estesa per alcuni e minima per altri. Mol- qui, perché voglio provare a fare un ra- cerca di tenersi stretto il lavoro al call sempre. Della disoccupazione ogni tan- precario. La stessa cosa si può dire per
ti commentatori reagiscono proponendo gionamento più “leggero”. Chiedo al let- center possa essere addirittura insultato to, specie nei periodi di crisi come questo. medici, avvocati, operatori finanziari.
una soluzione “morale”: estendere le tore di credermi, quindi, di concedermi da questo mio ragionamento. Non ho Ma mai del precariato. Mai dei giovani
protezioni a tutti. Spesso abbinata a di- per una volta il principio di autorità, ac- nessuna intenzione di insultare nessuno. che non riescono ad avere sicurezza suf- Per arrivare a un mercato del lavoro di
chiarazioni da lotta di classe, lavoratori cettare la mia provocazione e continua- Ma li vedo tutti i giorni ragazzi giovani ficiente per metter su famiglia. Non esi- questo tipo è necessario ridurre la pro-
contro padroni. re a leggere. (spesso anche italiani), che fanno espe- ste nemmeno la parola “precariato”. al- tezione del posto di lavoro, permettere
Come sarebbe bello se fosse così facile. Ma torniamo ai precari. Dovrebbero es- rienze sul mercato del lavoro a questo meno non con il significato peggiorativo alle imprese di licenziare per ragioni eco-
Ai precari manca sicurezza? Diamoglie- sere contenti? Meglio precari che disoc- modo. Cambiano lavoro in continuazio- che ha in italiano. nomiche, ad esempio. Mi rendo conto
la. Dove prenderla? Dai padroni (o dai cupati, dopotutto. Assolutamente no. Un ne e si stabilizzano lentamente, alcuni che possa apparire un po’ un salto nel
ricchi, o da chi non paga le tasse, e via lavoro precario in Italia è una sciagura. attraverso attività imprenditoriali, altri E non sto parlando solo di lavoro manua- buio. Capisco anche che possa essere
discorrendo). Lo dico con ironia, natural- Hanno completamente ragione. Perché cercando lavori più protetti. Sto parlan- le. I professori universitari, per esempio, inattuabile, nelle presenti condizioni in
mente, ma piacerebbe anche a me vi- se si perde, il lavoro prima di avere lavori fissi Italia. Mi riferisco sia alle condizioni eco-
vere in un mondo in cui la redistribuzione precario, si è rovina- e protetti, hanno lavori nomiche (l'eccessiva partecipazione
del reddito potesse risolvere ogni proble-
ma. Non è così purtroppo, estendere la
ti, in Italia. Perché la-
vori precari ce ne so-
Cambiare precari. Cambiano uni-
versità continuamente:
dello Stato inefficiente nella vita econo-
mica) che a quelle culturali (in cui il de-
protezione del lavoro – garantire con-
tratti a tempo indeterminato con solide
no pochi e lavori pro-
tetti ancora meno.
spesso lavoro perché si stufano di sta-
re in città noiose, perché
siderio del “posto fisso” è scolpito quasi
indelebilmente nella mente di molti). Pe-
garanzie contro il licenziamento – a tutti
o quasi si può fare, ma a un costo: un'ul-
Proviamo a immagi-
nare un mondo di-
non è in sé cambia la loro situazio-
ne familiare, perché vo-
rò so anche che se non si arriva a un
mercato del lavoro di questo tipo i pro-
teriore riduzione del tasso di occupazio- verso. Un mondo in gliono essere più vicini a blemi dei precari sono irresolubili. Non
ne, soprattutto dei giovani e delle donne. cui di lavori precari un problema qualcuno con cui fanno c'è via d’uscita, purtroppo: più si proteg-
È brutto da dirsi ma è così: più si protegge ce ne fossero a iosa: ricerca... e perché l'uni- ge una parte dei lavoratori, più gli altri ne
il lavoro, minore è il numero dei lavoratori finito uno se ne tro- se il mercato è versità dove lavorano li fanno le spese. Chi dice il contrario, o non
protetti (a meno di non avere salari mol- vano altri, diversi, al- manda via. Girano, per capisce o è in malafede. Nel caso ita-
to più bassi). Proteggere costa, riduce la trove. In questo flessibile, ma in anni. Il lavoro fisso (si liano, di solito, è in malafede.
produttività del lavoro e quindi l’occupa- mondo essere pre- chiama tenure per gli *New York University e
zione del lavoro stesso a parità di salario. cario non è affatto Italia è ingessato accademici) è un obiet- noisefromamerika.org
Mercoledì 13 aprile 2011 pagina 11

ECONOMIA

MORIRE DI SARAS
Dopo la strage del 2009 ancora una vittima
della raffineria sarda: la quinta in 4 anni
di Cinzia Simbula 2009 e sembra reiterare infra- cedirettore generale dell’Inter,
Cagliari zioni simili al passato”. Il sinda- Stefano Filucchi spiegava alla
calista contesta chi sostiene che tv di Cagliari Videolina, nella sua
eanche una settimana fa seconda veste di capo delle re-

N
i Moratti, proprietari dell’im-
azienda e sindacati ave- pianto, investano in sicurezza: lazioni esterne della Saras:
vano fatto il punto su si- “Si vede che investono poco o “Stiamo cercando di capire co-
curezza e formazione. male. Le otto ore di sciopero m'è successo. Non vogliamo
Sembrava tutto a posto ed era hanno proprio il significato del- né possiamo fare ipotesi e rico-
stata data pure grande enfasi al la ribellione di fronte a uno sta- struire quanto avvenuto ieri, in
fatto che nei primi mesi dell’an- bilimento che ha dimo- questo momento”. Poi ha det-
no, nelle imprese d’appalto, strato altre volte, anche In alto Gianmarco to che la Saras fa di tutto per
non fosse successo nulla. Ma lu- sul piano dell’inquina- Moratti, presidente aumentare la sicurezza: “Ogni
nedì sera, nella raffineria Saras mento, di non avere della Saras. giorno ci alziamo pensando a
di Sarroch, a un passo da Caglia- troppo rispetto per il Qui di fianco come fare ancora di più”.
ri, ha perso la vita Pierpaolo territorio e per chi vive la raffineria sarda A questo punto però i casi sono
Pulvirenti, 23 anni, originario e lavora lì. Gli utili ci so- due. O la Saras non fa abbastan-
di Catania. É stato aperto un fa- no, ma ciò che i Moratti reinve- za per la sicurezza, perché la si-
scicolo contro ignoti, per omi- stono è molto poco”. curezza costa e invece i mana-
cidio colposo, dal sostituto pro- Silvio Lai, segretario del Partito ger devono ottimizzare i profit-
curatore della Repubblica pres- democratico in Sardegna, so- ti, come sostengono i pm di Ca-
so il Tribunale di Cagliari, Ales- stiene che non sia più tollerabile gliari che proprio in questi
sandro Pili, che dovrà ricostrui- assistere inermi a queste trage- giorni stanno processando per
re l’esatta dinamica dei fatti. die: “Il Pd si farà parte attiva nel- omicidio colposo plurimo
la ricerca delle responsabilità e (per i tre morti di due anni fa) i
ERANO da poco passate le 18 massimi dirigenti Saras, a co-
quando Pierpaolo, per conto minciare dal direttore generale
dell’impresa d’appalto Star Ser-
vice, stava lavorando all’interno
Pierpaolo Mai dire Moratti a Sarroch, dove Dario Scaffardi. Oppure dob-
biamo arrenderci di fronte al-
dell’impianto “Dea tre”: assie- Pulvirenti aveva l’ineluttabile: nonostante la
me al collega Gabriele Serrano
era intento ad aprire quello che 23 anni. Altri due
l’incidente è una tragica abitudine buona volontà di dirigenti co-
me Filucchi, che la mattina cer-
tecnicamente si chiama il “pas- cano nella tazzina del caffè una
so d’uomo” per fare arieggiare di Giorgio Meletti tempo lasciato libero da que- in questo mosaico il problema nuova idea per salvare qualche
la colonna di stazionamento, colleghi sono sto gravoso ma ben remunera- del ragazzo siciliano ucciso vita in raffineria, quell’attività
una sorta di silos verticale, ap- ai dire Moratti. Pierpaolo to impegno, fa il presidente dall’acido solfidrico nell’azien- industriale è pericolosa e pre-
parecchiatura che “lava” i gas e
toglie l’idrogeno solforato. Al-
in ospedale M Pulvirenti è morto in se-
guito a un incidente avvenuto
dell’Inter. La moglie di Gian
Marco, Letizia, è sindaco di
da di famiglia che in definitiva
consente con i suoi profitti tut-
tende il suo sistematico pedag-
gio di vite umane.
l’improvviso i due giovani sono I lavoratori dentro la raffineria Saras, a Sar- Milano, e sta correndo per il se- te quelle brillanti e ammirate Il segretario della Cgil sarda,
stati investiti da un getto di idro- roch, in provincia di Cagliari. condo mandato nella competi- attività sociali. Enzo Costa, pensa va giù duro
geno solforato. Pierpaolo Pulvi- scioperano Ma di chi è la Saras? Ieri l’agen- zione elettorale del prossimo Ancora più complicato se uno nelle accuse ai Moratti. Ma an-
renti è andato subito in arresto zia Ansa non ha mai nominato 15 maggio. La moglie di Mas- mette in fila i fatti e scopre che che lui ha vita difficile, perché i
cardiaco ed è morto ieri nelle la famiglia Moratti in nessuno simo, Emilia detta Milly, è con- la morte in fabbrica, dai Morat- Moratti sanno organizzarsi be-
prime ore del mattino. Gabriele chiede sin d'ora al Consiglio Re- dei numerosi lanci dedicati alla sigliere comunale ed è uno de- ti, non è una tragica fatalità, co- ne il consenso. Per esempio il
Serrano è ancora ricoverato al gionale di procedere senza in- tragica fine dell’operaio sicilia- gli esponenti di spicco dell’op- me loro e i loro aedi vorrebbe- segretario dei chimici Cgil di
Brotzu di Cagliari, in prognosi dugio e con la massima determi- no. Il morto in fabbrica distur- posizione a sua cognata. ro far credere, ma una ricorren- Cagliari, William Schirru, di-
riservata. Un terzo operaio, Lui- nazione nella verifica di quanto ba l’atmosfera, soprattutto se è Per l’immagine di casa Moratti, za statistica. Occhio alle date. Il pendente Saras, ha protestato
gi Catania, 42 anni, nel tentativo accaduto ieri nello stabilimento il quinto di una serie impressio- sapientemente gestita da fior 14 aprile 2007 è morto Felice quando la Cgil si è costituita
di soccorrere i due colleghi è ca- della Saras di Sarroch. E anche di nante. Ricapitoliamo. La Saras di professionisti, le ricorrenti Schirru, 34 anni, dipendente parte civile nel processo per
duto dalla scala riportando un individuare le responsabilità, è una società quotata in Borsa, morti di operai nell’azienda di di una ditta di appalto impe- l’incidente del 2009. Dentro la
trauma. perché vengano finalmente ac- la cui attività principale è co- famiglia sono di disturbo e di gnata nelle manutenzioni di Cgil è scoppiato il finimondo,
Una tragedia che sembra la fo- certate e sanzionate. Non ci pia- stituita dalla raffineria di Sarro- imbarazzo. Prendete il caso di primavera della Saras. Il 26 il segretario generale Susanna
tocopia dell’incidente di due an- cerebbe assistere all'ennesima ch, dove si lavora il 15 per cen- ieri. Letizia Moratti come sin- maggio 2009 sono morti Da- Camusso ha dovuto convoca-
ni fa, quando persero la vita tre sfilata di dichiarazioni di intenti to di tutto il greggio che arriva daco ha inaugurato a Milano il niele Melis, 29 anni, Bruno re tutti a Roma e ha rifilato un
operai. Ieri i sindacati hanno e di buona volontà”. in Italia. É la più grande raffine- Salone del mobile. Milly Morat- Muntoni, 58 anni, Gigi Soli- cazziatone memorabile a
proclamato una giornata di scio- Un’accusa al governo arriva da ria del Mediterraneo e porta al- ti come sua oppositrice ha lan- nas, 27 anni, dipendenti di una Schirru. Poi le hanno spiegato
pero, mentre arrivano le dure Maurizio Zipponi, responsabile la Saras gran parte dei suoi 8 mi- ciato la sua lista dell’Arancia ditta di appalto impegnata nel- che era lo stesso Schirru che,
reazioni del mondo politico e Lavoro dell’Idv: “Il governo Ber- liardi di euro di fatturato. che si batterà al fianco del can- le man utenzioni di primavera dopo aver tuonato contro la Sa-
sindacale. lusconi non ha fatto nulla per La maggioranza delle azioni Sa- didato di centro-sinistra Giu- della Saras. Il 12 aprile 2011 è ras, un anno fa fu “sorteggiato”
“La dinamica dell’incidente di- evitare il ripetersi di incidenti ras è in mano ai due fratelli liano Pisapia per liberare i mi- morto Pierpaolo Pulvirenti, di- per il mitico viaggio premio a
mostra che nella raffineria più mortali nelle fabbriche. I tagli si Gian Marco e Massimo Mo- lanesi della cognata. Massimo pendente di una ditta di appal- Madrid per la finale di Cham-
grande del Mediterraneo non sono abbattuti anche sugli ispet- ratti. Il primo è presidente, il Moratti compariva sul sito Cor- to impegnata nelle manuten- pions tra Inter e Bayern, e la no-
c’è attenzione per la sicurezza tori dell’Inail e degli altri enti secondo è amministratore de- riere.it con un’intervista in cui zioni di primavera della Saras. tizia finì sui giornali locali. Ca-
dei lavoratori”, commenta Enzo preposti che, in molti casi, non legato. Ogni anno l’azienda pa- ci avvertiva che questa sera a Ogni volta la Saras esprime do- pita l’antifona, la Camusso ha
Costa, segretario generale della hanno la benzina per le auto e ga ai due padroni-manager uno Gelsenkirchen “contro lo lore, sorpresa e incredulità. E allargato le braccia. La via del
Cgil sarda. E aggiunge: “La Saras quindi non possono eseguire le stipendio di 2,5 milioni di euro Schalke 04 tenteremo l’impos- ogni volta promette che met- sindacato è lastricata di debo-
è sotto processo per i morti del ispezioni”. a testa. Massimo Moratti, nel sibile”. É complicato inserire terà le cose a posto. Ieri il vi- lezze.

Mediobanca, Bollorè cerca il suo posto nel dopo Geronzi


IL FINANZIERE FRANCESE DICE CHE VUOLE RESTARE NELLA BANCA PER “MOLTI ANNI”, PUR AVENDO PERSO IL SUO GRANDE ALLEATO
di Giovanna Lantini con l'amministratore delegato Giovanni Peris- nell'interesse di nessuno”, ha detto senza partita che si sta giocando nelle alte sfere della
Milano sinotto e i rilievi fatti sull'alleanza polacca Ppf. mezzi termini il finanziere. finanza italiana. In primis per quelli dell'indu-
L'industriale bretone, in passato grande elet- Di concreto, quindi, per ora c'è solo il fatto striale bretone, che conosce bene Silvio Ber-
incent Bolloré non è uno che molla. Ha in- tore alle Generali di Geronzi ai danni dell'ex che Dieter Rampl, il presidente del primo so-
Vpervestito 700 milioni in “un Paese che ama
il cibo e la musica, ma anche per l'industria
presidente Antoine Bernheim, ha poi preci-
sato di non avere notizia di progetti di cam-
cio di Piazzetta Cuccia, Unicredit, ha auspi-
cato una revisione del modello di governo so-
lusconi, quasi quanto Ben Ammar. Proprio il
finanziere franco-tunisino socio in affari del
premier con la Quinta communication, che ie-
e la finanza” e così ieri, già prima dell'inizio del biamento nell'azionariato francese di Piazzet- cietario di Mediobanca, che dovrebbe coin- ri si è affrettato a dichiarare l'assenza di un'om-
consiglio di amministrazione di Mediobanca – ta Cuccia, cosa che invece, secondo molti, è cidere con il rinnovo del consiglio di ammi- bra politica su Mediobanca smentendo le in-
il primo dopo l'uscita di nei progetti del ministro dell'E- nistrazione dell'istituto, in scadenza a otto- discrezioni che lo vedevano protagonista, as-
scena di Cesare Geronzi conomia Giulio Tremonti. Che bre. sieme a Marina Berlusconi e a Ennio Doris, di
dai vertici delle Generali –
ha fatto sapere a scanso di
Primo cda dopo coltiverebbe l'ipotesi di un inter-
vento delle Fondazioni bancarie EVENTO che sarà seguito di poco dalla sca-
una richiesta di chiarimenti sui fatti di Trieste.
Che cosa aspettarsi a questo punto dai soci
equivoci che non ha alcu-
na intenzione di lasciare il
le dimissioni (presenti in forze in quella Cassa
Depositi e Prestiti che si appre-
denza del patto di controllo dell'importante
snodo finanziario italiano. Il cui cda ieri, no-
francesi? “Abbiamo tutti i motivi per rimanere
per molti e molti anni”, ha risposto Bolloré a
patto di sindacato che
controlla il salotto buono
del presidente sta a “preservare” l'italianità del-
la Parmalat) per rilevare parte
nostante l'ad Alberto Nagel si sia messo a di-
sposizione per eventuali spiegazioni, non sem-
chi gli chiedeva se stava pensando battere in
ritirata. Milioni di motivi che si traducono an-
della finanza italiana. Tan- del pacchetto di titoli in mano ai brava neppure interessato alla defenestrazione che nei budget pubblicitari delle più importan-
tomeno intende uscire delle Generali, soci stranieri. Non solo. di Geronzi dalla poltrona più alta della parte- ti società in cui Mediobanca ha partecipazioni
dalla compagine azionaria Bollorè ha anche escluso l'ipote- cipata strategica Generali. come la stessa Generali e magari anche Tele-
(è socio con il 5 per cen- tutto tranquillo si di un patto di controllo di Me- Alla luce del sole Bolloré e il collega Tarak Ben com Italia. Contratti che Bolloré vorrebbe por-
to). Esattamente come diobanca più “ristretto” che Ammar hanno parlato di un clima sereno, ma è tare a casa per la sua Havas, la società pubbli-
non ha lasciato la vicepre- Ma lo scontro scenderebbe dall'attuale 44 per evidente che lo scacco al banchiere capitolino citaria attorno alla quale sta costruendo Oltral-
sidenza del Leone di Trie- cento a una quota vicina al 30 rappresenta un contraccolpo notevole per gli pe il suo impero mediatico. Anche se ora dovrà
ste, nonostante lo scontro è solo rinviato per cento. “Non credo che sia interessi della parte francese nella complessa perfezionare la sua strategia per l'Italia.
pagina 12 Mercoledì 13 aprile 2011

DAL MONDO

I RIBELLI E L’ALLEATO RILUTTANTE


“L’ITALIA CI DIA ARMI CONTRO GHEDDAFI”
Roma dubbiosa anche a bombardare il raìs
di Giampiero Gramaglia stallo delle operazioni militari del- che l’aveva invece evocata come
Bruxelles l’Alleanza atlantica nè quello del- possibile 48 ore prima – il ruolo e
le manovre diplomatiche. Eppu- l’efficacia dell’operazione Uni-
ahmud Jibril e Ali Al Isa-

M
re, questa settimana è il crocevia fied Protector, con le polemiche
wi, i due inviati del Con- di tutti gli incontri: oggi il Gruppo ogni giorno rinfocolate sulle “vit-
siglio nazionale transito- di Contatto a Doha, dove ci sarà time collaterali”.
rio (Cnt) di Bengasi, por- anche l’ex ministro degli esteri li-
tano gli orrori della guerra in Li- bico Mussa Kussa (e il Cnt alza su- L’ITALIA CONTINUA a for-
bia a Lussemburgo, dove i mini- bito gli scudi: quello lì mica ci rap- nire il suo contributo (otto mis-
stri degli esteri dei 27 danno un presenta); domani, al Cairo, il sioni, tra lunedì e ieri), fedele,
giro di vite alle sanzioni contro il consulto inedito fra Lega araba, per ora, alla consegna di non spa-
regime di Gheddafi colpendo, in Conferenza islamica, Unione afri- rare un colpo: “Vedremo che co-
particolare, le industrie petroli- cana, Onu, Usa, Nato; venerdì a sa ci chiederà Jalil”, dice un Frat-
fere, e approvano la missione Berlino il Consiglio atlantico. Ci tini riluttante all’idea di un’azio-
umanitaria Eufor Libia, con sede sarà pure la visita a Roma del pre- ne militare diretta italiana. Per-
a Roma e sotto commando ita- sidente del Cnt, Jalil, che vedrà chè, del resto, dovrebbe essere
liano, pronta a essere dispiegata, Berlusconi e Frattini. Le decisioni altrimenti, se persino gli Stati
se l’Onu lo chiederà, a Misurata, da prendere riguardano la forni- Uniti si mantengono estranei agli
città che sarebbe allo stremo. tura, o meno, di armi ai ribelli, attacchi sulla Libia: “La Nato non
l’avvio o meno di un’operazione ci chiede di riprenderli”, ha detto
JIBRIL E AL ISAWI sciorinano militare a protezione degli inter- ieri un portavoce statunitense.
le cifre del conflitto secondo gli venti umanitari – eventualità ieri Di che frustrare le attese del Cnt,
insorti: le forze regolari e i mer- esclusa da Lady Ashton, responsa- che chiede alla comunità interna-
cenari del colonnello dittatore bile della diplomazia europea, zionale un maggiore sostegno
avrebbero ucciso finora circa concreto: la messa a disposizio- Tank di Gheddafi distrutti dalla Nato sul fronte di Ajdabya e Brega, in Cirenaica (FOTO ANSA)
10mila persone e ne avrebbero fe- ne di parte dei fondi congelati a
rite 30mila, mentre altre 20mila
sarebbero disperse. Cifre molto
Bengasi: finora Gheddafi e al regime, un’azione
militare più efficace, la fornitura L’Iraq si vuol disfare degli esuli
superiori alle stime diffuse la scor- 10mila le di armi. I ribelli proprongono an-
sa settimana da fonti statunitensi:
1500 vittime, compresi i morti di vittime del raìs
che un percorso di transizione
“molto preciso” (il giudizio è di
iraniani arruolati da Saddam
Misurata e quelli dell’inizio del- Frattini) che esclude ogni ipotesi
l’insurrezione, a Bengasi, che sa- di permanenza al potere di Ghed- esiduato della storia atroce e dimenticata Da quando, il 1° gennaio del 2009, il controllo
rebbero stati circa 300. I dati dei
ribelli sono agghiaccianti, ma san-
Nel gran dafi o dei suoi figli. Il rischio è che
la situazione si insabbi e che, alla
Rpassato
della guerra Iran-Iraq, simbolo di un tempo
che si vuole smantellare, il campo
dell’area è stato trasferito dagli americani al go-
verno di Bagdad, ci sono state decine di vittime
no pure di operazione propagan- consulto sulla fine, come paventa Mussa Kussa, (quasi una città-stato) di Ashraf sarà chiuso en- e un assedio politico e militare scatenato - se-
distica, nello sforzo di acquisire la Libia diventi una nuova Soma- tro l’anno. È la promessa minacciosa che il go- condo gli esuli iraniani - da parte del primo mi-
maggiore aiuti. La manovra, però, Libia spazio ai lia: uno Stato senza governo e verno di Bagdad ha fatto nei confronti degli nistro iracheno Nuri al-Maliki, reo - sempre se-
non va in porto: il rapporto degli senza pace, potenziale incuba- abitanti dell’installazione creata nel 1986 da condo i Mujahiddin del Popolo - d’essersi ac-
inviati del Cnt non sblocca nè lo paesi arabi toio di violenza e di terrorismo. Saddam per ospitare gli oppositori della teo- cordato con Teheran per risolvere l’ormai in-
crazia degli ayatollah. Da allora, dopo la fine gombrante presenza dell’enclave iraniana nel
del conflitto tra Iran e Iraq (1980-1988 e mi- suo paese.
lioni di morti con l’uso di armi chimiche, bam-
Vite e vizi paralleli bini-soldato e martiri-kamikaze in un osceno VENDUTI ALL’ACERRIMO NEMICO,
repertorio bellico-ideologico) gli esuli persia- spiegano la situazione i militanti di Ashraf (il no-
Papi e Papik: se Gheddafi ni - riuniti nel movimento di resistenza dei Mu-
jahiddin del Popolo - sono divenuti profughi
me viene da uno dei prigionieri politici dello
Shah, rilasciati prima della fine del regime e del-
è il Piccolo Padre del Bunga-Bunga sempre più mal sopportati. Da strumento del-
la propaganda del raìs iracheno (in quegli anni
la vittoria della rivoluzione nel 1979). Nono-
stante 11 mesi fa il Consiglio di sicurezza Onu,
appoggiato dall’Occidente come baluardo a sostenendo la risoluzione 1883, abbia sancito il
UNA BIONDA EX INFERMIERA DI GHEDDAFI ha Cosa che aggiunge un tocco tragico alla figura freno dell’espansionismo del radicalismo scii- diritto degli abitanti del campo - nel quale si è
rivelato a Newsweek che lei e le altre ucraine di Gheddafi, prigioniero nella catastrofe del ta) contro il vicino orientale, armati e forag- ormai sviluppata una seconda generazione di
ingaggiate dal rais libico per le sue cene più suo Paese insanguinato. Ma è una giati, nel loro compound a una sessantina di esuli nati in territorio iracheno - vietando il rim-
intime, lo chiamavano Papik. Dunque non era meravigliosa rivelazione destinata a chilometri a nord di Bagdad e a circa 120 dal patrio forzato e la dispersione dei residenti nel
solo il bunga bunga a provenire dalle segrete completare l’alta figura del nostro primo confine con l’Iran, gli abitanti di Ashraf sono paese ospite, le forze di sicurezza irachene han-
tende del suo amico Muammar, ma c’era ministro che in queste ore prova a vendere divenuti col passare degli anni un fastidio cre- no moltiplicato il ritmo degli attacchi, fino al-
anche il soprannome a perfezionare quel macchine per la depilazione davanti al scente. Da enclave autonoma con un suo Par- l’ultimo avvenuto la settimana scorsa, costato
travestimento notturno che dopo tante Tribunale di Milano, nonostante il fuggi fuggi lamento (dove le donne hanno una presenza finora la vita ad oltre trenta persone e con cen-
“cene non meno che eleganti” e tutte “con dei suoi legali. A ben pensarci Papik gli assai più importante che in madrepatria), un tinaia di feriti. Secondo i residenti l’aggressione
simpatiche ragazze bisognose”, ha fatto sarebbe filologicamente assai più adatto di suo esercito e una completa rappresentanza non è ancora finita e le vittime sarebbero molte
perdere il senno al nostro povero Silvio B. Papi, magari con una mascherina e il amministrativa e diplomatica (grazie agli aiuti di più di quelle riportate dalle agenzie di stam-
Il quale certamente ignora che Papik in russo mantello. Non per la sventurata Russia di elargiti dalla diaspora iraniana e anche da go- pa. Sarebbe dunque in corso la soluzione finale
significa Piccolo Padre e che per alcuni ieri, ma per il perpetuo fumetto dell’Italia di verni occidentali) Ashraf è andato degeneran- della questione Ashraf, “usando tutti i mezzi e
decenni, nell’Unione Sovietica dei Gulag, era oggi. do in un campo-profughi circondato dalle for- con l’espulsione degli abitanti in un paese ter-
l’affettuoso appellativo attribuito a Stalin. Pino Corrias ze irachene che hanno nell’ultimo paio d’anni zo”, che non sarà l’Iran, afferma il regime di Bag-
compiuto diversi sanguinosi blitz all’interno. dad. (S. C.)

Il lato oscuro del buon Ouattara


MOLTE PIÙ VITTIME DI QUANTO RIPORTATO E INTERESSI ECONOMICI GETTANO OMBRE SULLA VITTORIA CONTRO GBABO
di Roberta Zunini sua ex colonia, non tutta la co- nuovo presidente non vorrà o nonimato. Quando due setti- della Costa d’Avorio, dove la fo-
munità internazionale ritiene non sarà in grado di tenere sot- mane fa le truppe di Ouattara, resta equatoriale rende com-

Nrio,elsidente
suo primo giorno da pre-
della Costa d’Avo-
Alassane Ouattara ha an-
che la giustizia abbia trionfato
e che da oggi le armi taceran-
no. “La situazione è ancora
to controllo tutti i suoi miliziani
stranieri e i guerriglieri che so-
no fuggiti dalle carceri del pae-
dirette da Guillame Soro, inizia-
rono a scendere dal nord (la
parte settentrionale del paese è
plicati anche i minimi sposta-
menti. “Sono stato ad Aben-
gourou fino a due settimane fa.
nunciato che l’ex presidente molto difficile – dice James, un se tre settimane fa, approfittan- rimasta sotto il controllo delle Abbiamo avuto paura perché ci
Laurent Gbagbo – catturato giovane di Abobo, il quartiere do dello scontro in atto”, rac- forze repubblicane di Ouattara sono stati scontri anche qui. Al-
l’altro ieri ufficialmente dai ca- roccaforte di Ouattara ad conta una fonte che chiede l’a- anche dopo la fine della guerra cune notti le abbiamo trascor-
schi blu dell’Onu, in realtà dai Abijan – Ci sono ancora molti civile nel 2004, ndr) per sferra- se buttati a terra perché c’era- Alassane Ouattara (FOTO LAPRESSE)
soldati francesi della missione sostenitori di Ouattara e Gbag- re l’offensiva nel centrosud e no sparatorie feroci. Ho visto
d’appoggio Licorne nell’ambi-
to della risoluzione 1975 – ver-
bo che combattono. I saccheg-
gi continuano e anche questa
Il presidente conquistare la capitale econo-
mica Abijan dove Gbagbo cer-
morti per le strade e bambini
soldato armati di fucili e ma-
provenienza burkinabè avreb-
be cercato di fomentare la rival-
rà processato dalla magistratu-
ra ivoriana. Subito dopo la di-
mattina ci sono state sparato-
rie. Temo proseguiranno”.
della Costa cava di gestire una controffen-
siva. si aggiunsero anche questi
chete. Ouattara per conquista-
re il potere non si è fatto scru-
sa del nord islamico con il sud
cristiano del Paese. Ma, soprat-
chiarazione di Ouattara, il se-
gretario dell’Onu Ban Ki È PROPRIO in questi mo-
d’Avorio guerriglieri. “Erano inferociti
da anni di prigione e non han-
poli nei confronti dei civili. Se-
condo me ne sono morti a mi-
tutto, si sarebbe fatto garante
del mantenimento dello status
Moon, ha sentito il bisogno di menti di transizione che si apre no esitato a compiere massacri gliaia”. quo: la precedenza francese
sottolineare che “va evitato un lo spazio per le vendette. Gli appoggiato da come quelli di Douekouè dove nello sfruttamento dei giaci-
bagno di sangue”. Se con il abitanti dei villaggi del sud, che si sarebbero registrati circa mil- SECONDO ANTONIO Ja- menti petroliferi off shore, nel-
blitz nel bunker di Gbagbo la hanno sempre sostenuto e vo- Parigi anche per le morti”. Antonio è un ragazzo mes e le altre fonti sentite dal la gestione della produzione di
Francia può dichiararsi soddi- tato per Gbagbo, iniziano a vi- italiano che ha fondato un’as- Fatto, Ouattara è un signore cacao e caffé, dei diamanti e del
sfatta, perché il candidato che vere nel terrore delle ritorsioni favorire gli affari sociazione con l’intento di co- della guerra travestito da eco- legno. Gbagbo invece avrebbe
stava a cuore a Sarkozy è stato da parte delle truppe di Ouat- struire scuole e case per gli in- nomista. Facendo leva sulla sua voluto togliere i privilegi ai
insediato alla presidenza della tara. “Abbiamo paura che il con l’ex colonia segnanti nelle zone più interne origine musulmana e sulla sua francesi e aprire alla Cina.
Mercoledì 13 aprile 2011 pagina 13

DAL MONDO

N
Disastro totale MUBARAK
Interrogatorio
e attacco cardiaco
C onvocato per un

Fukushima
interrogatorio, finito
in ospedale. L'ex
presidente egiziano Hosni
Mubarak ha avuto un
attacco cardiaco mentre il
procuratore Abdullah
al-Shazli gli faceva

come Chernobyl
domande in un
commissariato di polizia.
Fonti della sicurezza
egiziana hanno fatto sapere
che Mubarak è stato
Fukushima, 2011 la centrale giapponese vista dall’alto (F OTO LAPRESSE) ricoverato in una struttura
a Sharm el-Sheikh.

RAGGIUNTO LO STESSO LIVELLO DI GRAVITÀ


di Alessandro Oppes per la sicurezza nucleare del reattori. Il quadro, tuttavia, renza di Chernobyl, il livello di vinto che “la situazione si stia
Giappone non ha potuto far al- non è per niente rassicurante. radiazioni, seppure alto, con- mano a mano normalizzan-
enticinque anni dopo, il tro che riconoscere che dal-

V
Le strutture di contenzione dei sente agli operai di continuare do”.
mondo si ritrova ad af- l’impianto di Fukushima Daii- reattori 1,2, 3 e 4 sono distrut- a lavorare all’interno dell’im-
frontare nuovamente lo chi si sono sprigionate quan- te; i sistemi di raffreddamento pianto per cercare di stabilizza- CRESCE la preoccupazione
spettro di una catastrofe tità massicce di sostanze ra- delle vasche di combustibile re le quattro unità più danneg- soprattutto in Cina: il governo
nucleare. Non che sia una sor- dioattive nell’aria, tali da costi- non funzionano; le stesse barre giate, la Tepco – l’impresa che di Pechino ha ripetuto il suo ap-
presa, perché da settimane tuire un grave pericolo per la di combustibile sarebbero par- gestisce la centrale, che secon- pello a Tokyo perché fornisca BIELORUSSIA
esperti di ogni parte del piane- salute umana e l’ambiente. zialmente fuse. E con i ripetuti do JP Morgan potrebbe essere “informazioni rapide, comple-
ta lanciavano l’allarme, insiste- tentativi di raffreddare i noc- costretta a versare indennizzi te ed accurate sull’evoluzione Arresti dopo
vano nel chiedere alle autorità TECNICAMENTE il pas- cioli sono stati inondati i reat- per 23,6 miliardi di dollari – do- della crisi”. E mentre il piano di l’attentato
giapponesi di dire tutta la ve- saggio dal livello di gravità 5 al 7 tori con tonnellate di acqua ra- veva ammettere poco dopo evacuazione si estende fino al-
rità. Ma solo ieri mattina il go-
verno di Tokyo ha riconosciu-
to che i peggiori timori erano
viene spiegato con il fatto che
l’emissione di iodio 131 ha su-
perato i diecimila terabeque-
dioattiva che si sta riversando
all’esterno, mentre cresce il ti-
more che le alte concentrazio-
che la quantità di materiale ra-
dioattivo che continua a fuo-
riuscire dall’impianto giappo-
la località di Iitate, a 40 chilo-
metri da Fukushima, il portavo-
ce dell’esecutivo Yukio Edano
A ll'indomani
dell'attentato alla
metropolitana di Minsk (12
più che fondati: l’incidente al- rel, ben oltre i livelli di guardia ni di idrogeno possano provo- nese potrebbe finire per supe- conferma che non esiste alter- morti e oltre 200 feriti) la
la centrale di Fukushima, de- anche se per il momento si trat- care nuove esplosioni. E allora, rare quella che si sprigionò da nativa allo smantellamento del- polizia ha diffuso
vastata dal terremoto e dallo ta di una quantità ancora molto anche se il portavoce dell’A- Chernobyl. Per questo conti- l’impianto. Il problema è capi- l'immagine di un robusto
tsunami dell’11 marzo, ha rag- al di sotto delle centinaia di mi- genzia per la sicurezza nuclea- nuano a non convincere le ras- re come e quando si potrà giovane di 27 anni, non
giunto il livello 7 nella scala di gliaia registrati a Chernobyl. E re, Hidehiko Nishiyama, insi- sicuranti dichiarazioni del pre- smantellare un mostro diventa- slavo, come principale
gravità prevista in questi casi a allora, questo significa che i ri- steva ieri sul fatto che, a diffe- mier Naoto Kan, ancora con- to ormai incontrollabile. sospettato. I servizi segreti
livello internazionale. Una si- schi nel caso giapponese sono stanno seguendo tre piste:
tuazione paragonabile solo a inferiori rispetto a quelli del di- Chernobyl, 1986 il disastro in Ucraina (F OTO LAPRESSE) tentativo interno di
quella dell’impianto ucraino
di Chernobyl spazzato via da
sastro ucraino? Niente affatto.
Vuol dire solamente che si trat-
Kan non desiste: destabilizzare il Paese,
vendetta esterna o il gesto
una fragorosa esplosione nel
1986. C’è voluto un mese, se-
ta di due casi molto diversi ma
ugualmente tragici. Nell’inci-
“La situazione di uno squilibrato. Intanto
diverse persone sono state
gnato da ritardi, silenzi, errori
di valutazione, probabili men-
dente del 1986, la nube radioat-
tiva si sprigionò con grande ra-
sta migliorando” fermate per interrogatori.

zogne, e caratterizzato da un pidità e con effetti immediata-


La Tepco USA
crescendo di incendi, esplo- mente devastanti perché in
sioni, fughe radioattive, conta- quell’occasione esplose il noc- Carl Lewis corre
minazione delle acque del ma- ciolo del reattore, mentre la potrebbe pagare con i Democratici
re e delle terre coltivate, tra lo centrale era in piena attività. A
danni per 23
sconcerto e il panico della po-
polazione locale. Un mese al
termine del quale l’Agenzia
Fukushima, al contrario, le de-
tonazioni di idrogeno hanno
colpito gli edifici esterni dei miliardi di dollari C arl Lewis, uno dei più
grandi campioni di
sempre, ha annunciato che
correrà per il posto di
senatore nel New Jersey tra
TAGLI&PRIVILEGI le file dei Democratici.
Lewis, 49 anni, ha

LA LEZIONE (SBAGLIATA) DI CAMERON A OXFORD E CAMBRIDGE conquistato dieci medaglie


olimpiche, di cui nove
d’oro e 4 nel salto in lungo.
Presentando la sua
di Andrea Valdambrini
Londra
ge, come si dice familiarmen-
te. Cameron e Clegg non fan-
rivato nello Yorkshire per un
incontro pubblico, Cameron
gli anni passati solo un nero
sia stato ammesso ai corsi di
Il premier candidatura ha detto di
volersi impegnare a favore

on c’è niente da fare. Cam-


no eccezione. Potrebbe sem-
brare strano, dunque, che
ha dovuto rispondere ai dub-
bi dei cittadini sulla riforma
Oxford”. Leggi tra le righe: i britannico se dei bambini e degli anziani.

Nmabiano i tempi e le stagioni,


certe stereotipi sono duri
David Cameron, araldo della
destra moderna e “progressi-
universitaria.
laburisti fanno tanta propa-
ganda quanto al democratiz-
zare l’accesso alle università
la prende con FRANCIA
a morire. Gli inglesi mangia- sta”, attacchi proprio la sua TAGLIARE le sovvenzioni d’élite, ma il risultato delle lo-
l’élitarismo L’imam: giusta
no fish and chips, amano il ex università, considerata, statali agli atenei e portare le ro politiche non è granché. Il la legge sul burqa
football alla follia. Saranno nell’immaginario comune, la tasse a 9000 sterline (10.000 movimento degli studenti de-
degli atenei
pure simpatici, però in mate-
ria di istruzione universitaria
restano elitari. Al punto tale
fucina delle élites per eccel-
lenza. La stessa che, tuttavia,
insieme a molte altre, ha con-
euro circa), gli chiedono, non
sarà forse un deterrente agli
studi universitari per le classi
finisce i tagli agli atenei un di-
sastro tale da giustificare l’a-
ver messo a ferro e fuoco Lon- britannici, dove P rima multa per una
donna che ha infranto
la legge, entrata in vigore
che praticamente tutti i capi testato con forza la strategia meno abbienti? No e poi no, si dra già un paio di volte. Ma so- lunedì, che impedisce di
di governo hanno studiato tra dei tagli voluta dal premier, a scalda il premier in maniche no solo chiacchiere. Con la ha studiato portare il velo integrale nei
Oxford e Cambridge. Vengo- causa della quale si ritrova co- di camicia. E poi, argomenta, mia riforma invece ci sarà giu- luoghi pubblici. La donna,
no insomma allevati a Oxbrid- stretta a triplicare le rette. Ar- “è un peccato sapere che ne- stizia sociale. E leggi anche: se 27 anni, è stata multata
Oxford mi attacca, allora met- ché di questo si tratta – marca nella banlieue di Parigi.
to in luce come in realtà sono il nervosismo di Cameron di Ieri, inoltre, Hassen
Comicità involontaria proprio loro a difendere il pri- fronte ai tagli contestati da Chalghoumi, l’imam della
vilegio. Peccato però che il università e sanità pubblica, e moschea di Drancy alle
La stampa estera ringrazia dato fornito dal Primo mini-
stro – un solo studente di ori-
arriva in un momento delica-
tissimo per il governo.
porte di Parigi si è detto
favorevole alla norma
“Per fortuna che Silvio c’è” gine caraibica ammesso nel
più prestigioso ateneo britan- SOLO POCHI GIORNI fa
anti-burqa.

nico da due anni a questa par- Nick Clegg era scivolato infat- ISRAELE
“PER FORTUNA CHE SILVIO c’è”, cantilenavano per “comprare attrezzatuire per la te – debba subire una precisa- ti su una storia non troppo di-
mature sostenitrici del Silvio Nazionale, lunedì, depilazione” (Telegraph). E se qualcuno avesse zione a stretto giro. A ben versa. La mattina presenta il Liberman
fuori dal Palazzo di Giustizia di Milano, in attesa dubbi su una linea di difesa del genere, ecco la guardare, corregge Oxford, nuovo programma in favore tira lo sciacquone
che il loro eroe concludesse la sua comparsata sua amica russa Raissa Skorkina dargli una gli ammessi provenienti da della mobilità sociale, che
davanti ai giudici e le gratificasse con uno show
di qualunquismo. Ma c’è chi giura che, a
intonare la nenia, ci fossero pure alcuni
mano: “Berlusconi è troppo attraente per
dovere pagare per sesso”, assicura. Il resto
sono cose trite: fango sui giudici e un’ampia
backgorund svantaggiati so-
no complessivamente il 22%,
41 e non uno i “neri” ammessi
vorrebbe venire incontro ai
giovani dei ceti meno abbien-
ti. Il pomeriggio gli viene ri-
I n un’intervista
radiofonica il ministro
degli Esteri israeliano
freelance corrispondenti dall’Italia della stampa auto-assoluzione da tutte le accuse (El Pais). ai corsi inferiori. Il premier ha cordato come proprio lui, Lieberman, tribuno della
estera: senza Mr B, il loro lavoro sarebbe più Quanto alla sostanza del processo che si equivocato citando l’unico rampollo di buona famiglia, destra ultranazionalista,
monotono e, soprattutto, meno intenso. celebrava lunedì, e che non era quello di Ruby, studente di origine caraibica prima dell’ammissione a mentre parlava delle
Questa volta, a meritarsi l’ironia generalizzata nessuno ci bada: storie noiose di presunte ammesso al solo primo livello Cambridge ottenne uno sta- tensioni con la Striscia di
e neppure scandalizzata dei media stranieri, è frodi. Per fortuna che c’è Silvio, che brevetta il nel 2009 e ha fatto la figura ge, per quanto non pagato, Gaza infervorandosi sulla
l’affermazione del premier di avere dato 45 bunga bunga (Telegraph), mentre le ragazze dello studente impreparato, grazie alla “raccomandazio- strategia da adottare nei
mila euro a Ruby “per evitarle di diventare una dell’Olgettina lo fanno diventare un “hit” quello che spara dati a caso. ne” del padre. Se l’intenzione confronti degli integralisti
prostituta” (Times) e per consentirle di (Times). Una caratteristica a cui i bri- di Cameron era quella di dare palestinesi di Hamas, ha
“mettere su un centro di estetica” (Guardian) e G. G. tannici sembrano non essere una mano al suo vice, non gli è lasciato udire lo scroscio
troppo abituati. La gaffe – per- andata troppo bene. sonoro d’uno sciacquone.
pagina 14 Mercoledì 13 aprile 2011

SECONDOTEMPO
SPETTACOLI,SPORT,IDEE
in & out

STORIA (O QUASI)

MUSSOLINI Polanski
Dirige “True
Abbado
Torna a
Leo Messi
“Il mio
Lippi
Il gruppo

Libera patacca
crime”, da Santa Cecilia segreto? di Prandelli
un caso di e dedica il Gioco mi ricorda
omicidio concerto a come quello di
in Polonia Napolitano un bambino” Germania 06

in Libero diario Il quotidiano di Belpietro accusa


Mimmo Franzinelli di usare le “agende”
contro B. Lo studioso: i documenti sono falsi, per questo la buttano in politica
di Silvia Truzzi falso. I diari del duce e la mani- per favore”. A questo punto sul
polazione della Storia”. Il quoti- Corriere interviene Pierluigi Bat-

D
diano Libero, che sta pubblican- tista, persuaso della falsità dei
do a fascicoli i Diari, non la pren- Diari e ancor di più – come dargli
de affatto bene, soprattutto per- torto – che la patente di auten-
ché un altro giornale non pro- ticità a un documento storico la
prio in linea con il bifronte Fel- diano i metodi di analisi scienti-
tri-Belpietro (Repubblica) dedica fica e non le “ideologie” (ma le
una pagina a un colloquio con ideologie sono morte da tempo:
Franzinelli. Nell’intervista lo sto- al massimo resta qualche, confu-
rico sostiene che difficilmente sa, idea). Il Corriere fa notare che
Dell’Utri e Bompiani pubbliche- Libero non dichiara apertamente
ranno le rimanenti quattro agen- la falsità delle agende, gli altri ri-
de (ma la casa editrice fa sapere spondono sostenendo che non è
che i Diari usciranno al ritmo di
due agende l’anno. A giugno il
a qualche giorno è resuscitata la 1935, a novembre il 1936). Un
polemica sui Diari del Duce, punto in particolare fa arrabbia-
quelli “veri o presunti”, un po’ re il giornalista di Libero France-
taroccati di sicuro, praticamen- sco Borgonovo. Cioè quando
te in similpelle. Le agende resta- Franzinelli dichiara quanto se- Autopsia
no quel che sono (più patacche gue: “Da quelle pagine balza di un falso.
che preziosi documenti: leggere l’immagine di un Mussolini ine- I Diari
per credere la dettagliata relazio- dito: statista autocritico, nemico del duce
ne di Emilio Gentile sul sito del- dei tedeschi, desideroso di tene- M. FRANZINELLI
l’Espresso), eppure sembrano es- re l’Italia fuori dalla guerra, ad- BOLLATI BORINGHIERI
sere diventate l’ennesimo argo- dirittura scettico rispetto alle 16 EURO 280 PAGINE
mento pro o contro il presidente leggi razziali”. Benito Mussolini a Monaco con
del Consiglio. Quand’è troppo è troppo. I libe- Adolf Hitler nel 1938 (FOTO LAPRESSE)
Breve riassunto delle puntate ri s’infuriano: “Questa è la balla vero: i Diari sono stati “realizzati pubblicazione a dispense di quel mensione di fiction teorizzata da
precedenti: il senatore-bibliofilo più clamorosa, propria di chi – da chi ha avuto sottomano gli ori- volume, non riuscendo a rispon- Vittorio Sgarbi sul Giornale del 1
Marcello Dell’Utri, tra un pro- davvero – non conosce la diffe- ginali”. Oltre al botta-risposta dere alle argomentazioni scienti- settembre 2010. E che mi piace euro, più se ne parla, più di-
cesso per mafia e l’altro, entra in renza tra finzione e realtà. Dai giornalistico (e alle reciproche fiche, la buttano in politica e si at- citare: ‘Effettivamente quei Dia- ventano spendibili sul merca-
possesso del manoscritto dei diari, come più volte specificato affettuosità Borgonovo-Battista: teggiano a vittime di una mano- ri, ancor meglio se fossero apo- to.
Diari, annunciati al mondo in su queste pagine, dai vertici di uno “giovane e bravo giornali- vra anti-berlusconiana. crifi, e la cui autenticità è dun- Le eventuali preoccupazioni fi-
pompa magna; segue una lun- Bompiani e dallo stesso Dell’Utri sta”, l’altro “esperto e intelligen- Però lei ha detto: “Un clamo- que ininfluente, sono resi anco- nanziarie del senatore Dell’Utri
ghissima polemica sulla loro au- (tanto che ormai ci siamo stan- te editorialista”), cosa resta? Pro- roso esempio di falsificazione ra più attraenti e desiderabili per non possono legittimare la diffu-
tenticità. L’editore Bompiani de- cati anche noi di ripeterlo) non viamo a fare il punto con Mimmo della storia, che corrisponde il loro scopritore’. sione di un falso storico. Provia-
cide di pubblicare il primo volu- emerge affatto un Mussolini Franzinelli. a una fase della vita pubblica Quindi? mo a immaginare se il gruppo
me relativo all’anno 1939, con “buono”. Non si nega affatto l’or- Perché questa meta-polemi- italiana segnata da confusio- Sono dunque i ‘berlusconiani’ editoriale Stern dopo aver pagato
un sottotitolo “veri o presunti” e rore delle leggi razziali né si tenta ca sull’uso politico dei Diari? ne tra finzione e realtà”. ad ammettere che sono falsi e profumatamente i cosiddetti
una guida introduttiva che pro- di riabilitare un regime. Che Nel mio libro dimostro sul piano Nell’intervista a Repubblica mi è che l’operazione s’inquadra in ‘Diari di Hitler’ nel 1983 li avesse
pende per la tesi del falso. Qual- avrebbe dovuto fare Benito per filologico, biografico e storiogra- stata chiesta un’interpretazione quella politica culturale di cui il pubblicati per ragioni di casset-
che giorno fa un altro editore, convincere gli amici progressi- fico l’assoluta inattendibilità dei e una contestualizzazione del senatore Dell’Utri, Sgarbi e il ta.
Bollati Boringhieri, esce con un sti? Avrebbe dovuto scrivere nel Diari 1939, attribuiti a Mussolini progetto editoriale impostato da quotidiano Libero vanno fieri. L’editore Arnoldo Mondadori
libro di Mimmo Franzinelli dall’i- suo diario: “Eccomi, sono un ba- dall’editore Bompiani. I giornali- Dell’Utri, allora ho risposto che Dell’Utri però si è detto felice comprò alla fine degli anni ‘50
nequivoco titolo “Autopsia di un stardo razzista e assassino? Ma sti di Libero che hanno in corso la a mio avviso rientra in una di- dell’uscita del sua autopsia. altre agende del duce. Poi
Se davvero ne è felice, perché quando si scoprì che era una
non ha ancora accettato l’invito bufala, si fecero restituire il
Torino dell’edizione 2011, in moto le oligarchie, perché i grandi a un dibattito pubblico sui Diari denaro.
presieduta dal presi- numeri, per governare, hanno bisogno da lui patrocinati? A farmi dubi- Proprio quel materiale, acquista-
LA DEMOCRAZIA dente emerito della
Corte costituzionale
dei piccoli numeri. Dunque è necessa-
rio riattivarsi contro le oligarchie e – si
tare della sua contentezza c’è
poi il commento al vetriolo con
to incautamente da Mondadori
proviene dalla stessa officina di
SI FA Gustavo Zagrebelsky.
Una città ancora mas-
badi – non solo in Italia. La Biennale è
un modo per diffondere consapevolez-
cui definisce ‘pentito’ lo storico
Brian Sullivan, colpevole agli oc-
falsari che hanno fabbricato il
materiale comprato da Dell’Utri:
BIENNALE sicciamente imban-
dierata per le celebra-
zioni del centocin-
za e informazione su questi temi”. Si co-
mincia oggi alle 15 al Carignano con
una Lectio magistralis del governatore
chi del senatore di essersi con-
vinto della falsità di quelle agen-
de sulla base della documenta-
le signore Rosetta e Mimì Panvini
di Vercelli.
In quale trappola cadiamo se
quantenario dell’Uni- della Banca d’Italia Mario Draghi; alle zione archivistica da me reperi- perfino parlando di un docu-
di Stefano Caselli tà d’Italia s’interrogherà sul concetto di 21 e 30 Roberto Benigni al Palaolimpi- ta. mento storico arriviamo a
Torino democrazia (il potere di tutti) e la sua co Isozaki metterà in scena “Tutto Dan- Ma gli sarà sfuggito: pentito è Berlusconi?
deriva oligarchica (il potere di pochi) te – VI canto del Purgatorio”, spettaco- una parola molto siciliana... Autopsia di un falso compara i
soltanto alla seconda edizione ma è nelle varie declinazioni del potere, del lo gratuito (come tutti gli eventi della Sì, ma il punto è che Sullivan era, Diari pseudo-mussoliniani con
È– dopo
già quasi un classico: torna a Torino
l’inaspettato successo del 2009
sapere e dell’avere: “In altre epoche
nemmeno troppo lontane – commenta
Biennale) che sabato ha spinto migliaia
di torinesi ad affrontare fino a otto ore
fino a un mese fa, l’unico studio-
so a credere nell’autenticità di
fonti d’epoca, con la biografia
del duce e con i diari inediti della
– la Biennale della Democrazia, e pro- Gustavo Zagrebelsky – la distanza tra le di coda pur di assicurarsi uno dei 13 mi- queste pagine. Ora attorno all’o- Petacci. Con l’esito di mostrarne
mette di andare ancora meglio. Alla pri- oligarchie e il potere di tutti è stata me- la posti a disposizione). In tutto, fino al perazione c’è un assordante si- l’insostenibilità. È questo il no-
ma uscita furono in quarantamila ad as- no abissale. Joseph De Maistre, grande 17 aprile, saranno 150 gli ospiti italiani lenzio storiografico. do. Non certo dietrologiche ri-
sistere alle decine di incontri organiz- autore controrivoluzionario, scrisse e stranieri chiamati a confrontarsi su Sembra essere rimasto solo costruzioni pro o contro Berlu-
zati, molti di più coloro che sostarono che il potere di tutti si esercita solo nei sette aree tematiche, tra cui quella di un interesse commerciale: sconi, che non sono minimanen-
di fronte al maxi-schermo di piazza Ca- momenti eroici, quando si abbatte il ti- “democrazia ecologica”. Programma pare che le agende siano state te oggetto né del mio lavoro né
rignano. “Tutti, molti, pochi” è il titolo ranno. Dopo, lentamente, si mettono completo su biennaledemocrazia.it. pagate 1 milione e mezzo di del mio interesse.
Mercoledì 13 aprile 2011 pagina 15

SECONDO TEMPO

CANALE 5 LI ARRUOLA IN UN REALITY

LE PUPE E I PRECARI
“Aiutiamo una professione sottovalutata”
Ma su Facebook scoppia la rivolta: vergogna
di Caterina Perniconi guerra tra poveri – impove- ti precari. Insomma prima la rizzare una professione che sidente della tv in questione mo bravi a realizzarlo – ha
riti, tra l’altro, da un taglio politica riduce alla fame i è troppo spesso sottovaluta- che li ha accusati di “incul- affermato lo stesso Donelli –
erbo essere? “Io fu sta- orizzontale di 8 miliardi in 5 precari della scuola, poi ar- ta in un gioco di contrasto care nella testa dei bambini sono certo che ne trarranno

V to, tu fusti, egli foste...”.


Tallone d’Achille? “L’in-
telligenza...”. La Gialap-
pa’s ha fatto la sua fortuna
portando in tv i “casi uma-
anni inflitto alla scuola dai
ministri del governo Berlu-
sconi, Tremonti e Gelmini –
che rappresenta la loro real-
tà e non quella patinata del
riva il reality show che ha
l’unico scopo di sfruttare la
disperazione per denigrarli
rendendoli fenomeni da ba-
raccone. A noi non interessa
con la scarsa preparazione
di persone note, simpati-
che, amate dal pubblico, ma
bisognose di rinfrescare le
nozioni base dei tempi della
principi contrari a quelli dei
genitori” e dal suo governo
che ne ha lasciati a casa 120
mila in tre anni – nemmeno.
Ma che a partecipare siano i
beneficio non solo i prota-
gonisti, ma anche i telespet-
tatori che, una volta tanto,
avranno occasione di misu-
rare, e magari arricchire, le
ni”, attratti dai magnetici set televisivo. chi sia l’ideatore di un simile scuola”. Sulla mancanza di precari disperati, alla ricerca proprie conoscenze; e ap-
provini dei reality show mo- I potenziali conduttori (Ni- contenitore, vorremmo solo conoscenze scolastiche di dell’agognata tranquillità, è prezzare, una volta di più, il
dello Grande Fratello. cola Savino e Barbara D’Ur- ricordare a lui (o loro) che la molti improvvisati vip, non diverso e per molti versi valore di un bravo insegnan-
Ma la spettacolarizzazione so) si sono rapidamente di- dignità del personale docen- c’è dubbio. Che gli inse- strumentale allo spettacolo te. Tutto qui...”. Evidente-
dell’ignoranza che negli ul- leguati, lasciando spazio, se- te precario della scuola, tan- gnanti siano preparati, e sot- ricercato. “Se questo proget- mente, a lui, non sembra po-
timi anni ha riempito tubi condo indiscrezioni, ad Al- to più se disoccupato, non è tovalutati – in primis dal pre- to andrà in porto e se sare- co.
catodici e schermi ultrapiat- fonso Signorini e Federica in vendita”.
ti non ha ancora raggiunto il Panucci, quest’ultima redu- Gli autori chiamati in causa Illustrazione di Maurizio Ceccato
culmine. Mediaset ha ideato
un nuovo programma che si
ce dall’antesignano La Pupa e
il Secchione, dove intelligente
hanno ricevuto tre indica-
zioni precise dal direttore di
La Cgil: “Dopo
prefigge d’insegnare a parla-
re e far di conto agli pseudo
era sinonimo di sfigato.
Dopo aver visto la pubblicità
Canale 5, Massimo Donelli:
“La prima: costruire il pro-
gli attacchi del
vip sfornati dai format tele-
visivi, naturalmente “i più
scorrere sulle reti Mediaset,
in molti sono saltati sulla se-
gramma sulle materie scola-
stiche che ogni italiano, stu-
premier alla
somari”. A educarli sarà dia. La Flc Cgil, il sindacato dente o ex studente, dovreb-
un’altra categoria di “dispe- che ha difeso i docenti pre- be padroneggiare. La secon- scuola statale,
rati”: i precari della scuola, cari nei numerosi ricorsi da: mettere al centro del
meglio se disoccupati. In pa- contro il ministero dell’I- programma insegnanti pre- ora le sue tv
lio, se ci riusciranno, “dieci struzione, ha definito il pro- parati e disposti a colmare,
anni di tranquillità” non gramma “una vera, autenti- in una dimensione insieme ridicolizzano
quantificata, né in soldi né in ca, clamorosa vergogna”, ri- seria e ludica, le lacune degli
contratti. In barba alla me- cordando che “dopo le of- alunni-star. Obiettivo: valo- i lavoratori”
ritocrazia. fese da parte del premier alla
La formula dà per scontato scuola statale, è arrivata l’of-
che chi ha una laurea – a vol- fesa da parte delle sue reti a
te due – e una specializza-
zione, voglia a tutti i costi
lavoratrici e lavoratori pre-
cari, che hanno contribuito COMPLIMENTI
fare soldi facili. Perché qual- finora ad assicurare il diritto
siasi altra strada, per i 4 mi-
lioni di atipici italiani, sem-
all’istruzione, sotto costante
attacco da parte di quelle
per la selezione
bra ormai preclusa. Gli au- istituzioni che dovrebbero on era chiaro come la tv avrebbe potuto riciclare le fa-
tori di Canale 5 non avevano
considerato la reazione di
invece garantirlo”. C’è an-
che chi, all’inizio, è rimasto
Ndistinguibili
langi di tronisti sfornati in fotocopia dai reality show,
solo grazie ai tatuaggi. Ora, lo sappiamo: i
chi un lavoro lo sogna da addirittura abbagliato dall’i- “gieffini” avranno a disposizione un reality di riparazione.
molti anni, ma di quelli veri, niziativa, come gli insegnan- Non è mai troppo tardi per sparare bestemmie, strafalcioni
che non hanno a che fare ti del Coordinamento della e parolacce. Finalmente un esempio di meritocrazia, sep-
con i quiz e i reality. La ri- scuola: “Sul momento, sia- pure sui generis: la selezione sarà spietata, ma a esclusivo
volta dei precari contro il Bi- mo stati favorevolmente col- vantaggio dei più asini. Se Berlusconi redime le ragazze dal
scione è nata su Facebook, piti dall’idea che si volesse marciapiede, perché la sua tv non dovrebbe preoccuparsi
dove il gruppo “No al ridi- fare una trasmissione che di strappare bulli e pupe all’ignoranza crassa in cui si sono
colo programma sui precari desse voce ai precari della distinti? A chiudere il cerchio, i docenti precari ridotti a
della scuola Mediaset!” ha scuola”, hanno spiegato. In- collaboratori domestici degli aspiranti vip. In questo mon-
già raggiunto le bacheche di vece, dietro l’illusione, si ce- do alla rovescia, però, i concorrenti di “Non è mai troppo
quasi 10 mila persone. Gli lava un’amara sorpresa: “Ab- tardi” rischiano grosso. Se dovessero diventare istruiti e be-
insegnanti che ogni anno biamo appreso con rabbia e neducati, che faranno? Probabilmente, i precari anche lo-
lottano per una cattedra e sgomento che l’idea era ro. Di sicuro, in tv non troverebbero più posto. (n.d.)
mille euro si sono ribellati quella di mandare in onda
alla messa in scena della un reality show con i docen-

Anche il Fatto al Festival di Perugia


FINO A DOMENICA DECINE DI INCONTRI E OSPITI DA TUTTO IL MONDO PER DISCUTERE DELLE FRONTIERE DEL GIORNALISMO
dare il via, ieri sera, ci ha conta la tragica fine di Federi- smo d’inchiesta o complotto
Aconpensato Roberto Saviano,
il suo racconto della “mac-
co Aldrovandi. Ci sarà anche la
musica: Vasco Brondi (vener-
mediatico-giudiziario?”;
mattina di giovedì al panel “in-
la

china del fango”. Ma fino a do- dì alle 18.30) spiega il suo pro- ternettiano” “The news fron-
menica, a Perugia, la quinta getto de Le Luci della Cen- tier: coinvolgere la communi-
edizione del Festival interna- trale Elettrica. Insomma, ty”; e domenica, alle 18:30 al
zionale del giornalismo ospi- niente di convenzionale. dibattito con Facci, Menichi-
terà volti e penne, note e me- Quello di Perugia è un evento ni e Luca Sofri: “Un anno di
no note, del panorama dell'in- che nasce da un’idea di Arian- ilpost.it”. Venerdì, su precari,
formazione che ha voglia di na Ciccone e Christopher Pot- espatriati e talenti, dirà la sua
confronto. Non una kermesse ter che, nel 2006, hanno lan- Stefano Feltri, alle 14 e 30.
di celebrazione, ma cinque ciato al mondo dell’informa- Giorgio Meletti sarà giovedì
giorni per interrogarsi sul ruo- zione una sfida: uscire dall’au- all’incontro “Giornalismo di
lo delle notizie e sulle sfide che toreferenzialità, provare a precisione” e venerdì alla ta-
aspettano chi vuole raccontar- confrontarsi con colleghi da vola rotonda sul “Declino ita-
le. Dalla rivoluzione “mediati- tutto il mondo, con i cittadini, liano” con, tra gli altri, Paul
ca” che ha fatto muovere i gio- con chi questo mestiere lo vor- Betts del Financial Times. Ve-
vani in Tunisia ed Egitto, al fe- Roberto Saviano rebbe fare. Ci proverà, per nerdì alle 17, Federico Mello
nomeno Wikileaks, racconta- ha aperto ieri a Perugia esempio, stasera alle 21 Luca modererà il dibattito “La tv in
to dalla viva voce di Mark Ste- il Festival del Telese con un monologo su Italia: una finestra sul niente”:
phens, avvocato di Julian As- giornalismo (FOTO EMBLEMA) “Come non si diventa giorna- con Walter Siti, Fulvio Ab-
sange. Dalle “lezioni magistra- listi”. E non sarà l’unica incur- bate e Luca Mastrantonio.
li” di Carlo De Benedetti e di sione del Fatto a Perugia. Mar- Sabato, infine, si parla di inter-
Giulio Anselmi fino all’“hac- dell’Ansa Luigi Contu, dell’E- nalismo nell’era berlusconia- torio Zincone. E poi lo sport, co Travaglio avrà “Carta bian- cettazioni: “Loro parlano, noi
ker’s corner”, per imparare a spresso Bruno Manfellotto, na. Mentre sabato, alle 17, il il no-profit, il ruolo dei social ca” (questo il titolo dell’incon- pubblichiamo” con Gianni
mimetizzarsi nella Rete. del Messaggero Mario Orfeo e governatore della Puglia, lea- network, da Facebook in giù. tro) venerdì 11 aprile al Teatro Barbacetto, Andrea Via-
Tanta cronaca (ci saranno John Lloyd, direttore del Reu- der di Sinistra Ecologia e Liber- E ancora i documentari, scelti Morlacchi alle 21. Peter Go- nello di Agorà e Stefano Zur-
workshop sui casi di Avetrana ters Institute for the Study of tà Nichi Vendola si racconte- in collaborazione con l’asso- mez, direttore de ilfattoquoti- lo del Giornale. Gli incontri
e di Meredith Kercher) ma an- Journalism proveranno a spie- rà al pubblico attraverso un’in- ciazione Ilaria Alpi, come È sta- diano.it; interverrà all’incontro possono essere seguiti in
che tanta politica: i direttori gare come è cambiato il gior- tervista con il giornalista Vit- to morto un ragazzo, che rac- odierno (alle 18): “Giornali- streaming sul sito del Festival.
pagina 16 Mercoledì 13 aprile 2011

SECONDO TEMPO

IL PEGGIO DELLA DIRETTA

TELE COMANDO
TG PAPI
+ gli “egoismi europei”. Subito
dopo, una lieta sorpresa. An- di Luigi Galella
Bianca &
Berlinguer
si può parlare di mondi quasi vero triste.

Belpietro? drea Covotta firma un servizio


sulla mobilitazione per votare
la prescrizione breve, dove la
parola decisiva e convincente
è per l’opposizione che cerca
l “meglio” della diretta, og-
Ifotogramma.
gi, è un salto nel tempo. Un
In evidenza,
Bianca Berlinguer, intervista-
inconciliabili e di diversi lin-
guaggi televisivi, che si con-
frontano. Berlinguer parlava
di ideali della gioventù cui
era rimasto fedele; oggi i gio-
Chi osasse ancora pensare
che il barzellettiere logorroi-
co di Arcore sia un personag-
gio carismatico, si riguardi
attentamente quell'intervi-

Non ci risulta in tutti i modi (oggi la giornata


decisiva) di fermare questo
massacro istituzionale. .

g3
ta da Daria Bignardi (“Le in-
vasioni barbariche”, La7, ve-
nerdì, 21.10). Sul vidiwall al-
le sue spalle, il padre Enrico,
in primissimo piano, in un
vani, disincantati e disorien-
tati, hanno da tempo smesso
di coltivare sogni, ma l'ab-
bandono delle illusioni e l'a-
derenza concreta alle cose,
sta: forse anche i più maldi-
sposti riusciranno a intuire
che il vero carisma non va
confuso con la furbizia, il de-
naro e il populismo sovrec-
di Paolo Ojetti tro Scalfaro e Ciampi, un “ac-
cordo” commerciale con l’o-
T Poiché la memoria è sem-
pre corta, il Tg3 si incarica di
vecchio “Mixer” del 1983.
Un'immagine che condensa
purtroppo, non li ripaga.
Il politico in tv, allora, non
citato.
Bianca è oggi la direttrice del
g1 nesto Karzai, un po’ di pubbli- riassumere i termini di questa quasi trent'anni di storia. Un era soggiogato dalla smania Tg3, e il meglio di sé lo offre
T Un giorno si farà un bilan-
cio? Ebbene, se si farà, il Tg1
cità per Galan che ricostrui-
sce Pompei (povero Bondi,
“prescrizione breve” per la
quale Berlusconi ha mobilita-
concentrato di com'eravamo
e come siamo.
dell'apparire, non indugiava
sulla risposta, non utilizzava
come conduttrice di “Linea
Notte”. Ospita spesso dei po-
sarà la prima delle partite pas- che pugnalata) e un cenno im- to i suoi parlamentari e ha pa- “La qualità a cui è più affe- lo scettro dell'oratore come litici, come La Russa o Di
sive. Anche ieri (figurarsi og- percettibile alla Carlucci che ralizzato ancora una volta la zionato?”, chiede Gianni Mi- occasione di propaganda, Pietro, che tratta quasi come
gi) mentre i berluscones al po- ha scoperto il “fango” contro vita politica italiana per un noli. E Berlinguer: “Quella di anzi, sembrava quasi volerse- degli scolaretti, con bacchet-
tere abusavano della demo- Berlusconi nei libri di scuola. uso privato. Per esempio – ri- esser rimasto fedele agli idea- ne liberare al più presto. Og- ta e note sul registro: lei in
crazia, il Tg1 ha fatto da palo, Insomma, cari fedeli del Tg1, corda Bianca Berlinguer – li della mia gioventù”. gi, al contrario, chi conquista piedi e loro seduti, lei severa
prima dirottando sul Giappo- anche ieri vi hanno fregato. nessun colpevole per la strage “E la cosa che le dà più fa- il microfono non lo lascia che riporta l'ordine in classe
ne e poi presentando (tagliati di Viareggio. Si rivedono così stidio sentir dire di lei?” più, con il risultato che di ciò alzando la voce, loro indisci-
gli interventi delle opposizio- g2 peones e Caballeros correre Il leader del Pci ci pensa un che dice non resta nulla, plinati e ciarlieri che si bat-
ni) l’imbroglio della prescri-
zione breve come una con-
T Come si liquidano la vi-
cenda immigrati, il disastro di
su e giù, fra un caffè e un voto
per salvare il Capo, per co-
attimo, poi le labbra si apro-
no in un sorriso: “Che... che
mentre quelle poche, scabre
risposte di Berlinguer resi-
tibeccano e in qualche caso
abbandonano l'aula. Sipariet-
quista di libertà, eguaglianza e Lampedusa, i barconi della minciare, dal processo Mills. sarei triste”. stono agli anni: laconiche, ti che la Bignardi ci mostra
fraternità. Ma più che per gli morte? Con “l’arrabbiatura di Questi voti peseranno: inter- Il giovane giornalista televi- ma del tutto informative. facendoci apprezzare una
osanna di regime, il Tg1 di ieri una notte”, la notte che avreb- vistato, il “responsabile” Raz- sivo di successo; il segretario Anche del personaggio. Che Berlinguer volitiva e autore-
sera va spulciato per le notizie be dovuto portare consiglio a zi chiede un posto al governo, del più grande partito comu- la natura intimistica dell'in- vole.
mancanti. Non c’era il finto Maroni e che invece costringe uno qualsiasi, l’incompeten- nista d'Occidente; sua figlia, tervista cerca di far emerge- Nell'affettuoso e commosso
sequestro di Belpietro, pura Frattini (che sarebbe il mini- za spazia a 360 gradi. Il Tg3 ri- che a distanza di ventotto an- re, scrostando lo stereotipo, sguardo rivolto verso l'imma-
invenzione a suo tempo stro degli Esteri) e Bossi (che prende anche una dichiara- ni ne osserva l'immagine, la patina dell'uomo che non gine di suo padre, c'è un mi-
strombazzata come complot- sarebbe il capo di Maroni) a zione dell’ex ministro Robero trattenendo le lacrime. ride mai, rivelando la qualità sto di riconoscenza e di pri-
to del Kgb, della Stasi, di Sal- spegnere i fumi del ministro Castelli: “Agli immigrati non si In fondo, non è trascorso un della mitezza allegra, dello vate memorie, che rappre-
lusti e di Vendola. Mancava leghista che voleva piantare può sparare. Almeno per tempo così lungo, ma l'acce- sguardo pensoso ma mai dav- sentano qualcosa di troppo
anche Kill Bob Castelli, che in asso l’ Europa. Una mobili- ora”. E c’è il sondaggio: Mon- lerazione impressa dalla sto- intimo per poter essere inda-
vuole sparare ai migranti, ma tazione alla quale – aggiunge il tezemolo new entry, centrosi- ria negli ultimi anni proietta Bianca Berlinguer, gato. Tuttavia, se possibile,
non subito. In compenso nel Tg2 – si somma anche il car- nistra in vantaggio, Berlusco- quelli in una lontananza sem- direttore del Tg3 e conduttrice avremmo voglia idealmente
Tg1 è tornata la crociata con- dinal Bertone che ce l’ha con ni a rotoli. pre più remota, al punto che di “Linea notte” di condividerle.

LA TV DI OGGI
11.00 NOTIZIARIO TG1 15.00 EVENTO Question 14.00 NOTIZIARIO TG 19.30 NOTIZIARIO TG3 11.00 REAL TV Forum 12.25 NOTIZIARIO Studio 11.30 NOTIZIARIO TG4 - 11.25 TELEFILM L'Ispettore
11.05 ATTUALITÀ Occhio time (DIRETTA) Regione - TG3 - Meteo 3 - (REPLICA) 13.00 NOTIZIARIO TG5 - Aperto - Meteo Meteo Tibbs
alla spesa 15.45 RUBRICA Crazy TGR Leonardo - TG3 L.I.S. 20.00 RUBRICA Il caffé - Meteo 5 13.00 NOTIZIARIO SPORTI- 12.00 TELEFILM Distretto 12.30 TELEFILM Due South
12.00 VARIETÀ La prova Parade 15.05 ATTUALITÀ Tribune Noi e loro (REPLICA) 13.40 SOAP Beautiful VO Studio Sport di Polizia 8 - Due poliziotti a Chicago
del cuoco 16.10 TELEFILM La signora Elezioni Amministrative 20.30 RUBRICA Consumi e 14.05 REALITY SHOW 13.40 CARTONI ANIMATI 12.55 VARIETÀ Ricette di 13.30 NOTIZIARIO TG La7
13.30 NOTIZIARIO TG1 in giallo 15.50 NOTIZIARIO TG3 GT consumi Grande Fratello - Pillole I Simpson famiglia - Anteprima 13.55 FILM Il cielo giallo
14.00 NOTIZIARIO TG1 17.00 TELEFILM Top Secret Ragazzi 20.57 NOTIZIARIO Agrime- 14.10 SOAP CentoVetrine 14.30 TELEFILM E alla fine 13.00 VARIETÀ Ricette di 15.55 DOCUMENTARIO
Economia - TG1 Focus 17.45 NOTIZIARIO TG2 16.00 DOCUMENTARIO teo 14.45 TALK SHOW Uomini arriva mamma! famiglia Atlantide - Storie di uomi-
14.10 ATTUALITÀ Se... a Flash L.I.S. Cose dell'altro Geo 21.00 NOTIZIARIO News e Donne 14.55 SIT COM Camera 13.50 REAL TV Sessione ni e di mondi
casa di Paola 17.50 NOTIZIARIO SPORTI- 16.50 EVENTO SPORTIVO lunghe da 24 16.15 ATTUALITÀ Pome- Cafè pomeridiana: il tribunale 17.40 TELEFILM Leverage
16.10 ATTUALITÀ La vita VO Rai TG Sport Calcio, Incontro amiche- 21.27 PREVISIONI DEL TEM- riggio Cinque 15.25 SIT COM Camera di Forum 18.40 TELEFILM J.A.G. -
in diretta 18.00 EVENTO Dichiara- vole Da Padova Under 21: PO Meteo 18.50 GIOCO Chi vuol Cafè Ristretto 15.10 TELEFILM Flikken Avvocati in divisa
18.50 GIOCO L'eredità zioni di voto dei Gruppi Italia - Russia (DIRETTA) 21.30 RUBRICA Tempi essere milionario 15.35 CARTONI ANIMATI coppia in giallo 19.40 VARIETÀ G' Day
20.00 NOTIZIARIO TG1 Parlamentari sul disegno 19.00 NOTIZIARIO TG3 - dispari 20.00 NOTIZIARIO TG5 - 16.35 TELEFILM Merlin 16.15 FILM Desiderio nel 20.00 NOTIZIARIO TG La7
20.25 ATTUALITÀ Qui di legge che introduce il TG Regione - Meteo 22.30 NOTIZIARIO News Meteo 5 17.25 TELEFILM Smallville sole 20.30 ATTUALITÀ Otto e
Radio Londra processo breve (DIRETTA) 20.00 VARIETÀ Blob lunghe da 24 20.30 ATTUALITÀ Striscia 18.15 RUBRICA Cotto e 18.55 NOTIZIARIO TG4 - mezzo
20.30 EVENTO SPORTIVO 19.30 REALITY SHOW 20.10 TELEFILM Cotti e 22.57 PREVISIONI DEL TEM- la Notizia - La voce del- mangiato - Il menù del Meteo 21.10 ATTUALITÀ Exit -
Calcio, UEFA Champions L'isola dei Famosi 8 mangiati PO Meteo l'improvvidenza giorno 19.35 SOAP OPERA Tempe- Uscita di sicurezza
League 2010/2011 20.30 NOTIZIARIO TG2 20.35 SOAP OPERA Un 23.00 RUBRICA Il punto 21.10 TELEFILM Non smet- 18.30 NOTIZIARIO Studio sta d'amore (DIRETTA)
Quarti di finale, gara di 21.05 FILM Shall we dan- posto al sole 23.27 PREVISIONI DEL TEM- tere di sognare Aperto - Meteo 20.30 TELEFILM Walker 0.00 NOTIZIARIO TG La7
ritorno Schalke 04 - Inter ce? 21.05 ATTUALITÀ Chi l'ha PO Meteo 23.45 ATTUALITÀ Matrix 19.00 NOTIZIARIO SPORTI- Texas Ranger 0.15 DOCUMENTARIO La
(DIRETTA) 23.00 NOTIZIARIO TG2 visto? 23.30 NOTIZIARIO News 1.00 ATTUALITÀ Nonso- VO Studio Sport 21.10 FILM Il Santo storia proibita del '900
22.45 RUBRICA SPORTIVA 23.15 TELEFILM Close to 23.15 VARIETÀ Parla con brevi lomoda - 25 e oltre 19.30 TELEFILM C.S.I. Miami 23.35 FILM Travolti dal italiano (REPLICA)
90° Minuto Champions home me 23.33 ATTUALITÀ Inchiesta 1.30 NOTIZIARIO TG5 20.30 GIOCO Trasformat destino 1.15 ATTUALITÀ Prossima
23.25 ATTUALITÀ Porta a 23.55 DOCUMENTARIO La 0.00 ATTUALITÀ TG3 23.57 PREVISIONI DEL TEM- Notte - Meteo 5 Notte 21.10 VARIETÀ Le Iene 1.30 NOTIZIARIO TG4 Fermata
Porta Storia siamo noi Linea notte PO Meteo 2.00 ATTUALITÀ Striscia Show Night News 1.30 TELEFILM Cold Squad
1.00 NOTIZIARIO TG1 0.30 ATTUALITÀ TG Par- 1.00 RUBRICA Appunta- 0.00 NOTIZIARIO News la Notizia - La voce del- 0.00 VARIETÀ Saturday 1.55 TELEVENDITA 2.30 TELEFILM Alla corte
Notte - TG1 Focus lamento mento al cinema lunghe da 24 l'improvvidenza (REPLICA) Night Live Mediashopping di Alice

TRAME DEI FILM PROGRAMMIDA NON PERDERE


/ Il Santo  Schalke 04 - Inter  Nonsolomoda - 25 e oltre
Simon Templar è un ladro che opera su Dopo l’inattesa debacle di San Siro, Torna l’appuntamento mensile con
scala internazionale, e che riesce a farla l’Inter è chiamata ad un’impresa quasi Nonsolomoda il programma di tenden-
franca grazie alla sua grande abilità nel disperata per ribaltare il risultato e ze e design, condotto da Valeria Bilello.
camuffamento e cambio di personalità. ottenere la qualificazione. I nerazzurri Tra i servizi di questo mese: a pochi
Sulla sua strada troverà la giovane devono infatti vincere con quattro reti giorni dall’inizio del Salone del Mobile
Emma Russell, scienziata che sta lavo- di scarto in casa dello Schalke 04. I di Milano, Nonsolomoda è andata a
rando ad un importantissimo esperi- tedeschi invece sono attesi ad un vedere come si prepara la città per que-
mento nucleare. Esperimento tanto appuntamento con la storia, visto che sto cinquantesimo anniversario che si
/ Shall we dance? / Travolti dal destino  Exit - Uscita di sicurezza
importante da non essere sfuggito al non sono mai riusciti ad approdare alle annuncia ricco di eventi. E poi un
John Clark: una spledida moglie, un la- Remake del film diretto da Lina Wer- E' un altro mercoledì di fuoco: alla
malvagio miliardario russo Ivan Tre- semifinali di Champions League, dove incontro con Vincent Cassel, uno degli
voro di successo, una vita perfetta. Ogni tmüller.A causa di un naufragio, per Camera il voto sul processo breve agita
tiak. troverebbero un avversario inglese. attori più amati del cinema francese.
sera, di ritorno a casa, incontra lo l’aristocratica e viziata milionaria la maggioranza, mentre la situazione
sguardo e il volto di una donna miste- Rete 4 21,10 Amber, la vacanza in barca si trasfor-
Rai 1 20,30 immigrati rischia di portarci fuori dal-
Canale 5 1,00
riosa affacciata a una finestra di una ma in un’autentica avventura. L’altro l’Europa. Insomma, il governo Berlu-
scuola di ballo. Intrigato dalla scono- naufrago, il semplice mozzo Giuseppe sconi, con il premier sotto processo a
sciuta una sera prende il coraggio a due (Adriano Giannini, figlio di Giancarlo), Milano, è sempre più stretto nell’ango-
mani, scende dal treno e si iscrive a una diventa il suo signore&padrone, dando lo. E anche l’orizzonte esterno non sem-
lezione. L’incontro con Paulina e, vita ad una relazione assai particolare bra tranquillo: Geronzi esce dai salotti
soprattutto, l’incontro con la danza ed ad un amore senza regole.A Madon- finanziari, Montezemolo minaccia anco-
sconvolgeranno la sua vita. na non fa difetto la presunzione… ra una volta la discesa in politica.
Rai 2 21,05 Rete 4 23,35 La7 21,10
Mercoledì 13 aprile 2011 pagina 17

SECONDO TEMPO

feedbac$
k
MONDO
L’ULTIMA BEFFA DI DEBENEDETTI
WEB
di Federico Mello
è CHIUSA LA CONTESA SU FACEBOOK
LA CORTE BOCCIA IL RICORCO DEI GEMELLI WINLEVOSS
La Corte d’appello di San Francisco ha bocciato il
ricorso che i due gemelli Tyler e Cameron Winklevoss
avevano presentato contro il creatore di Facebook,
Mark Zuckerberg, accusandolo di aver rubato loro
l’idea del popolare “social network” (tema portante
anche dell’omonimo film sulla creatura di Zuckerberg).
Commenti al post su
ilFattoQuotidiano.it:
“Mediaset, docenti
precari nel reality per
insegnare ai vip”
di Claudia Campese
La Corte californiana ha stabilito lunedì sera che il

Un finto Eco risarcimento stimato in 65 milioni di dollari ricevuto dai


gemelli nel 2008 è equo e che i due non hanno il diritto
di contestare un accordo raggiunto in precedenza.
Secondo il giudice Alex Kozinski, “a un certo punto la
disputa deve terminare, e questo punto è stato
è L’INSEGNANTE
precario messo a fare i
giochetti in Tv per vincere
10 anni di stipendio, bello.
Peccato che il format sia

sul Nyt raggiunto”.

L’“INTERNET ECONOMY” ITALIANA VALE 56 MILIARDI


stato copiato da quella gente
che con certi giochini
davanti la TV ha vinto
legislatura e pensione a
vita...
er il New York Times, la bibbia pieno: pubblica la lettera sul- LO STUDIO BOSTON CONSULTING GROUP PER GOOGLE ITALIA
P del giornalismo mondiale, è
uno scivolone. Per lui, Tommaso
l’Herald Tribune, la sua versione
internazionale diffusa nel mon-
Lo dice Confindustria, lo denuncia l’opposizione, persino il
governo lo ammette a denti stretti: l’Italia deve tornare a
Goldenhuys

è ECCO, ora la cultura


Debenedetti, il genio delle “in- do, e sul suo sito. La firma non crescere (il Pil italiano è crollato del cinque per cento nel 2009, viene finalmente
terviste-truffa” (per dieci anni, lascia spazio a dubbi: “Umberto per crescere dell’1,3 nel 2010 e, secondo la stima fornita ieri riconosciuta. Céline direbbe:
prima di essere smascherato, è Eco, Milan”. “Avevo fornito un dall’Fmi, dell’1,1 per cento nel 2011). Per la crescita, politici, “Figlioli non parlateci più
riuscito a piazzare a giornali ita- mio numero di cellulare, ma nes- “Ci vediamo mercoledì a Geru- imprenditori e analisti hanno la loro ricetta. Ma una ricerca della vostra intelligenza.
liani finte interviste spacciate suno si è preso la briga di chie- salemme alla festa del libro. Ciao realizzata dal Boston Consulting Group – leader nella Penseremo noi a tutto.
per vere a Gore Vidal, John Le dergli conferma” spiega oggi caro” un botta e risposta in ba- consulenza strategica – per Google Italia, mostra quanta Penseremo noi anche a
Carré, Abraham Yehoshua e Phi- l’autore del falso; è bastata una checa. “Tutto ormai viene accet- ricchezza potrebbe ulteriormente portare la crescita della Rete. quella”.
lip Roth), l’ennesimo colpo mes- mail e l’autorevole opinione del tato senza che ci sia più confine Secondo lo studio il valore attuale dell’ “Internet economy” in Dashiell
so a segno. In mezzo, un ignaro finto Eco è stata ripresa da nume- tra verità e menzogna” spiegò Italia ha raggiunto nel 2010 la cifra di 31,6 miliardi di euro: il 2 per
italiano illustre: Umberto Eco. rosi siti di news d’Oltreoceano. Debenedetti svelando la sua cento del Pil, in crescita del 10 per cento rispetto al 2009. è ODDIO, non sarebbe
Il tutto è accaduto la settimana Quella di Debenedetti per Eco operazione (e sulla questione lui Questo valore sale a 56 miliardi di euro se ci calcolano anche l’ nemmeno il peggio di quello
scorsa quando Debenedetti in- appare come una vera e propria è di certo un esperto). Adesso un “approvvigionamento elettronico” (E-procurement) della che transita su Mediaset,
via (via mail) una finta lettera al ossessione: a febbraio aveva suo falso è arrivato fino al Nyt Pubblica amministrazione e il valore delle merci cercate online e dove il peggio del peggio, il
New York Times firmata dal grande creato un falso profilo Facebook che, ironia della sorte, ha intito- poi acquistate offline. Ancora meglio le prospettive: l’e-mercato vero diavolo è Striscia la
scrittore italiano. Nella missiva il dello scrittore che in pochi gior- lato “A Terrible Mistake”, un in Italia può crescere tra il 13 e il 18 per cento dal 2009 al 2015; Notizia. La trasmissione più
finto Eco si dice contrario alla ni aveva raccolto richieste di grosso sbaglio, l’intervento di nel caso di un forte sviluppo del e-commerce soprattutto reazionaria della storia:
posizione – favorevole – assunta amicizia (alcune delle quali da Eco. Non si hanno notizie su co- “mobile”, si potrebbero raggiungere i 77 miliardi di euro, sempre fateci caso, il messaggio che
da Bernard Henry Lévy sull’in- noti giornalisti e intellettuali ita- me possa aver preso la beffa, il nel 2015. Ultimo dato, quello sulle piccole e medie imprese che, passa da un ventennio in
tervento in Libia: “La situazione liani), elogi sperticati e una ca- Professore. E non è dato sapere secondo BCG, quando presenti su Internet, crescono più in quella pagliacciata è che le
in Libia – si legge – è catastrofica scata di utenti che si dicevano se si sia accorto della svista il fretta, raggiungono più clientela internazionale, assumono di più contraddizioni della realtà
e la guerra crea una situazione di “onorati” di poterlo annoverare quotidiano Usa: “Il nostro sito di- e sono più produttive. E pensare, aggiungiamo noi, cosa si non sono una cosa da
reale pericolo all’economia eu- tra i propri “friends”. Non pago, venta a pagamento per garantire potrebbe fare se una politica responsabile decidesse di investire risolvere, sono una cosa da
ropea aumentando il rischio di Debenedetti aveva creato anche l’alta qualità del nostro giornali- sulla Rete. ridere o da mettere,
un attacco terroristico nelle na- un falso profilo di Abraham smo” aveva annunciato a fine squadristicamente, alla
zioni occidentali. Questa guerra Yehoshua per farlo interloquire marzo Arthur Sulzberger jr, pre- gogna.
può creare un nuovo Iraq sulla sul social network proprio con sidente della New Ghigo Buccilli
costa del Mediterraneo”. Il Nyt, l’amico Umberto “conferman- York Times La finta lettera di Eco sul New
mal gliene incolse, ci casca in do” così l’identità di entrambi: Company. York Times; il falso Umberto Eco è MA CI SARÀ un limite a
su Fb; i fratelli Winklevoss; tutto questo letame?
il logo di Twitter; Giovanna

I FILM LO SPORT è RAGAZZI, non ho


parole. Aiutatemi ad
SC1= Cinema 1
SCH=Cinema Hits
SCF=Cinema Family
SCC=Cinema Comedy
SP1=Sport 1
SP2=Sport 2
GRILLO DOCET esternare lo schifo che
SCP=Cinema Passion SCM=Cinema Max SP3=Sport 3
FUKUSHIMA FORZA 7 sento.
L’allarme a Fukushima è Bisy one
17.35 Il prezzo di Hollywood SCH 19.00 Wrestling WWE
arrivato al livello 7. Lo
17.35 Grey Gardens SC1 Superstars Episodio 41 SP2
stesso di Chernobyl. Lo ha è VERGOGNA e vergogna
18.55 Johnny Stecchino SCC 20.45 Calcio, UEFA Champions
detto la Tepco. Quando lo denunciavano a chi si presta a questa
19.05 Four Brothers SCM League 2010/2011 Quarti di Greenpeace e altre organizzazioni si buffonata! Bell’esempio da
19.10 Avventura nello spazio SCF finale, gara di ritorno Schalke 04 poteva dubitare. Ora non più. Fukushima ha dare ai ragazzi di oggi: basta
19.10 The Uninvited SCH - Inter (Diretta) SP1 acceso la spia di sorpasso rispetto a Chernobyl. Ma dopo il andare in tv e hai risolto
19.15 84 Charing Cross Road SCP 20.45 Calcio, UEFA Champions livello 7 che altro c’è? Cosa ci aspetta? C’è un livello 8, un tutto, basta essere bello/a e
19.25 Happy Family SC1 League 2010/2011 Quarti di livello 9? Lo sapremo solo vivendo. Un disastro nucleare, disponibile e hai soldi a
21.00 Il cattivo tenente SCM finale, gara di ritorno Tottenham ambientale di questa portata non è mai successo nella palate! Si rifiutino tutti! La
21.00 Sydney SCP Hotspur - Real Madrid Storia. Ipotesi verosimili prevedono una contaminazione dignità non ha prezzo e
21.00 Scusa ma ti voglio (Diretta) SP3 sempre più estesa verso la grande Tokyo. In questo caso si poter dire di NO a
sposare SCF 21.00 Rugby, Heineken Cup dovrebbero sfollare 35 milioni di persone. Il Giappone si Berlusconi è il massimo!
21.00 Sono un fenomeno 2010/2011 Leinster Rugby - trasformerebbe in una Nuova Atlantide alla luce del sole. Il Dany68
paranormale SCC Leicester Tigers (Sintesi) SP2 nocciolo sta fondendo. Sta penetrando nel terreno e se
21.10 Dragonball: Evolution SCH 22.00 Basket, NBA 2010/2011 incontrerà delle falde acquifere esploderà rilasciando nell’aria è DISGUSTOSO,
21.10 The Truman Show SC1 New York Knicks - Chicago una nuvola da far impallidire “La Nuvola nera” del semplicemente disgustoso.
22.45 Hudson Hawk SCH Bulls (Replica) SP2 romanzo di Fred Hoyle. La nuvola andrà dove la Però attenzione, questo
22.50 Dorian Gray SCP 22.45 Calcio, UEFA Champions porterà il vento, in Corea e in Cina oppure in California significa che per chi ha il
22.55 Una tata magica 2 SCF League 2010/2011 Quarti di fina- dove sono già state trovate tracce di radioattività nel controllo delle TV che tutti
23.00 Ace Ventura missione le, gara di ritorno Schalke 04 - latte. noi non siamo più esseri
Africa SCC Inter (Replica) SP3 Fukushima non è un problema dei giapponesi, è un umani, ma una sorta “cose”
23.00 Io sono l'amore SC1 0.00 Poker, SNAI Poker Main problema dell’umanità. L’Onu ha trovato il tempo per far privi di dignità, anzi di
23.10 Senza scrupoli SCM Episodio 9 SP2 bombardare la Libia, ma non per affrontare le conseguenze umanità. Bruttissimo
0.35 L'odore della notte SCH 0.45 Calcio, UEFA Champions di Fukushima. (...) Il nucleare rende bene, così bene che segnale, siamo considerati di
0.40 Brüno SCC League 2010/2011 Quarti di fina- Fukushima è scomparso dall’informazione. Gli esperti meno di quanto facessero i
0.45 Non Aprite Quella Porta - le ritorno Tottenham Hotspur - Ernesto Burgio e Angelo Baracca mi hanno inviato una lettera signori feudali coi i servi
L'inizio SCM Real Madrid (Replica) SP3 contro le affermazioni di Veronesi, l’irresponsabile sponsor del della gleba.
Pdmenoelle del Monik2
nucleare, nonché suo è SCRIVERE VIDEOGAME
ex senatore. Veronesi CORSO DI CARLO LUCARELLI A BOLOGNA è IL CLASSICO

RADIO deve dimettersi


dall’Agenzia per la
sicurezza nucleare
Se i videogiochi sfidano ormai direttamente
le pellicole di Hollywood (il titolo “L.A.
Noire” della Rockstar, verrà presentato al
programma Mediaset. Si
accoda al Grande Fratello,
Uomini e donne, le grandi
è 25$ DI SCONTO PER KINDLE
A “Radio3 Mondo” il ruolo IN CAMBIO DELLA PUBBLICITÀ
italiana. Lo faccia per prestigioso festival cinematografico di
noi e per il suo passato. Tribeca), è una buona idea quella di creare
*******te spazzatura che
può offrire a quelli all’altezza
della Giordania Non vuoi pagare? Beccati la
pubblicità. Questo un modello di
(su BeppeGrillo.it il competenze specifiche per l’intrattenimento della visione.
A più di due mesi dall’onda rivoluzionaria partita dalla testo della lettera) videoludico. In questo senso si muove il Alias
business sempre più diffuso, a partire
Tunisia, anche il regno hascemita è scosso da proteste e corso per imparare a scrivere una
da siti web e social network.
da manifestazioni anti governative senza precedenti. sceneggiatura per un videogioco in è DAI SU basta, dov’è la
Potrebbe valere anche per un
L’opposizione continua a chiedere vere riforme oltre ad programma a Bologna che, unico nel suo telecamera? Eh dai e ditelo
dispositivo? Ne è convinta Amazon, la libreria online più
insistere sullo scioglimento del Parlamento e le dimis- genere in Italia, sarà attivato nel 2012 grazie che ormai da 16 anni siamo
grande al mondo che propone per il suo lettore eBook
sioni del governo del premier Maruf Bakhit, nominato alla collaborazione tra la Bottega Finzioni di su scherzi a parte!
Kindle uno sconto di 25 dollari (da 139 a114), in cambio
dopo un rimpasto deciso nel tentativo di placare le pri- Carlo Lucarelli e l’Archivio videoludico della Franco Amico
proprio della pubblicità. L’offerta vale i modelli di terza
me esplosioni di malcontento popolare. Intanto nel Cineteca di Bologna. Gli allievi lavoreranno a
generazione nella versione WiFi e sarà valida al momento
mezzo della crisi in Siria il re di Giordania Abdallah II un progetto che possa avere uno sbocco è É L’ENNESIMO modo
solo negli Stati Uniti. I lettori “scontati” avranno
ha inviato una lettera al capo di Stato in cui parla della produttivo, che possa insomma trasformarsi di umiliare la cultura nel
preinstallata sul loro lettore AdMash, un’applicazione
necessità di garantire la stabilità della regione. Qual è il in un vero “titolo”. Un assaggio della novità si nostro paese... lo ha già fatto
nuovo ruolo di Amman nella geopolitica mediorientale?
pubblicitaria che consentirà di salvare come screensaver
potrà avere partecipando a un workshop di con le leggi e con la
Roberto Zichittella lo chiede a Bibi David, giornalista e inserzioni pubblicitarie considerate interessanti (ma si
tre incontri con professionisti del settore in campagna stampa contro
conduttrice radiofonica da Amman. E ancora: Medici potranno rifiutare le proposte pubblicitarie sgradite). Sarà
programma il 9, il 23 e il 24 maggio a Bologna. l’università e la scuola
Senza Frontiere ha presentato il 7° rapporto sulle “Crisi interessante verificare la risposta del mercato.
La quota di partecipazione è in totale di 120 pubblica e ora deve minare
dimenticate”, che contiene i dati sulla copertura dei TG euro. Le iscrizioni possono essere effettuate anche la credibilità e la
italiani in merito alle due grandi emergenze del 2010. entro il 2 maggio 2011 tramite il sito on line dignità!
Radiotre 11,30 della Bottega. Dany68
pagina 18 Mercoledì 13 aprile 2011

SECONDO TEMPO

il badante
PIAZZA GRANDE É di Oliviero Beha

IL DENARO
NEL CERVELLO
La favola del processo breve T ra le tante frasi, gravi, insulse, ridicole che hanno segnato
questa fine d’epoca con il tramonto del Cavaliere
Inarrestabile, quella che mi è rimasta più impressa è di Scajola: la
di Gian Carlo Caselli calcio del Portogruaro vincerà elettorali. Sicurezza che ora di- patori, borseggiatori, topi d’al- famosa “mi hanno comprato casa a mia insaputa”. Per un motivo
sicuramente la Champions, venta – di colpo – roba di scar- loggio e ladri assortiti, truffato- preciso, oltre l’ovvio bagaglinesco, che quasi si rovescia nel suo
oi italiani siamo convin- confidando nella disattenzio- to, rivelando con assoluta evi- ri, sfruttatori di donne, spac-

N
opposto. Perché almeno in parte potrebbe essere vera. Ma sì, come
ti di essere molto furbi. ne o dabbenaggine di chi ascol- denza come il tema sia consi- ciatori di droga, corruttori, è pensabile che non sia in parte vero che questa classe dirigente
Più furbi degli altri e or- ta. derato un’opportunità da usurai, bancarottieri, estorto- abbia compiuto la “catastrofe umanitaria” che ha compiuto, sul
gogliosi di ciò. Non c’è sfruttare biecamente, anche ri, ricattatori, appaltatori diso- piano culturale e antropologico (cfr. persino il cardinale
barzelletta che abbia come ORA, COME per vincere la gabbando la povera gente, più nesti, pedofili, violenti d’ogni Bagnasco...), “a sua insaputa”? Non avendo dunque né coscienza
protagonisti, per dire, un fran- Champions ci vuole una squa- che un problema da risolvere. risma, operatori economici in- né consapevolezza né riflessi etici di alcun tipo nel commettere
cese, un tedesco e un italiano dra attrezzata, così per avere E tutto questo perché? Per fare curanti delle regole che vieta- questa serie di reati che non finiscono davanti a un giudice ma
che non ci veda prevalere alla un processo davvero breve ci un favore a LUI, all’altissimo no le frodi in commercio e tu-
grande. Ma forse siamo cam- vogliono interventi che il pro- (ed ecco i futili motivi). Non telano la salute dei consumato- semplicemente in tv? Devono almeno in parte aver trasformato la
biati. Perché ormai ce le bevia- cesso lo facciano finire prima: sfugge a nessuno, difatti, che ri, imprenditori che spregiano loro commovente amoralità in qualcosa che li ha fatti vivere “a loro
mo tutte con allegria. Da tem- ma finire con una sentenza nel l’obiettivo vero non è tanto am- la sicurezza sui posti di lavoro e insaputa” il peggior periodo italiano del dopoguerra, osservato dal
po, infatti, ci prendono in giro merito (innocente o colpevo- mazzare migliaia di processi, via elencando... Questo catalo- punto di vista di un minimo di decenza morale. E se la frase è
e siamo contenti. Ci inganna- le), non con una dichiarazione quanto piuttosto sopprimere – go già sterminato di gentiluo- questa, qual è invece il mandante principe di questo modo di
no e godiamo. Cadere in trap- di morte per non aver rispetta- nell’ammucchiata – anche mini che la faranno franca, che intendere la vita che temo renda non uguali ma simili o meglio
pola ci inebria. to un termine stabilito ex novo, quel paio di cosucce che ap- si ritroveranno impuniti come complementari molte figure e figuri ai vertici politici, finanziari,
Formule come “riforma (epo- più o meno a capocchia. In ve- punto interessano a LUI. Con se avessero vinto al totocalcio imprenditoriali ecc., che abbiano come riferimento la maggioranza
cale) della giustizia” e “proces- rità la riforma ha un sapore di tripudio di un esercito di scip- senza neppure giocare la sche- o l’opposizione (dalla coscienza della libertà alla libertà di
so breve” sono né più né meno dina, si “arricchirà” all’infinito coscienza mischiate nel voto sul caso Tedesco)? Ma il denaro, via, lo
che ipocrisie degne della peg- con la cosiddetta “prescrizio- sterco del diavolo, il Dio Mammone, la pecunia...
gior propaganda ingannevole. In realtà si tratta ne breve”: un’altra misura che L’ultimo episodio, quello del cosiddetto “Madoff dei Parioli”, è
Se le parole avessero ancora sa di presa per il naso, l’enne- assolutamente stupendo ed esemplare, un po’ come la frase di
un senso, e non fossero usate di uccidere i sima leggina “ad personam” Scajola che può riassumere tutto. Il fatto di cronaca lo
come conigli estratti da un ci- (meglio, la fotografia di LUI in
lindro, sarebbe chiaro che di procedimenti con persona) che fa a pugni col
conoscete. I nomi dei truffati, almeno dei più importanti, pure.
Il sospetto che tirando il capo del filo venga via tutto o quasi, in
riforma della giustizia si po- tempi dati a priori principio di buona fede legisla-
trebbe parlare soltanto se si fa- tiva. Sarebbe poco se fosse una termini di delinquenza organizzata, di frange politiche, di
cesse qualcosa per accelerare e con l’aggravante di quelle barzellette che il pre- scudo fiscale, di tasse evase ecc., anche. Che aggiungere allora
la conclusione dei processi. mier usa raccontare in pubbli- a questo affresco che somiglia più a una fotografia che a un
Ma se non si fa niente in questa dei futili motivi co per il divertimento di chi quadro da interpretare? Una breve nota sul rapporto che c’è
direzione, parlare a vanvera di truffa (verbale), perché i tempi ama l’ossequio servile. Invece tra gli italiani e i soldi. Per quel poco che mi consta, siamo un
riforma della giustizia equiva- non saranno ridotti ma castrati, Uno schiaffo a si tratta di una bastonata in te- paese all’avanguardia nell’ipocrisia o nell’omertà con cui
le a sollevare spesse cortine fu- ed i processi non saranno ab- quella sicurezza dei sta a una giustizia che già sta af- trattiamo il denaro e le sue implicazioni. Anche il rapporto che
mogene intorno al vero obiet- breviati ma morti e sepolti. In fogando. Una catastrofe per l’I- c’era una volta tra lavoro e stipendio è saltato da un pezzo.
tivo: che è quello di mettere la parole povere: si fissa un termi- cittadini su cui si è talia, perché il feudo di Arcore Sono due entità che ormai raramente si incontrano, delle
magistratura al guinzaglio del- ne che deve essere rispettato a possa continuare a svettare sul- “divergenze parallele” come direbbe la buonanima di Moro.
la maggioranza politica del pena di morte senza minima- costruita la fortuna la palude nella quale annaspa- Pensate che una volta a proposito di un giovane facoltoso e
momento (oggi, domani e do- mente preoccuparsi del fatto no i comuni mortali in cerca di affermato si diceva: “Quello guadagna tanto perché è bravo”.
podomani), buttando nella che l’attuale sfascio del sistema elettorale del Pdl giustizia. Oggi, chiedete a chiunque, la clessidra si è rovesciata in
spazzatura ogni prospettiva di non consentirà di rispettarlo in banalità tipo “quello è bravo perché guadagna tanto”. Siamo
legge uguale per tutti. una infinità di processi. È come Nella foto, Bernard Madoff. In basso, il premier cinese Wen Jiabao (FOTO LAPRESSE)
già in pieno massacro culturale, sociale, psicologico e anche
pretendere che un palombaro
QUANTO AL SEDICEN- vestito da palombaro percorra politico-sindacale per chi ha permesso che tale clessidra si
TE “processo breve”, siamo al i cento metri in pochissimi se- rovesciasse fino a questo punto. C’è vergogna a dire quanto si
gioco di prestigio. La riforma, condi, sennò muore. Assurdo, guadagna, come fosse una colpa: e a meno che tu non sia un
infatti, avrebbe come effetto esattamente come il sedicente elusore o un evasore fiscale, ciò non dovrebbe darsi in natura
non un processo breve ma un processo “breve”. Una man- se quanto guadagni è la mercede per la bontà del tuo lavoro.
processo ammazzato a tradi- naia che impedirà di accertare Ma questo rimanda alla solita faccenduola della meritocrazia
mento (con l’aggravante dei fu- colpe e responsabilità e con- che non esiste praticamente più, al Regno della
tili motivi). Ovviamente schie- cluderà il processo con un’at- Raccomandazione indistinta (cioè non distinta né decisa dalle
rarsi contro il processo breve è testazione di decesso (estinzio- qualità ma dal nepotismo e dal clientelismo) in un Paese di
da folli. Sarebbe come rifiutare ne) tanto burocratica quanto cooptatori e di cooptati distante anni luce dal merito, dal
una medicina efficace contro il definitiva e tombale. Uno sapere, dal saper fare. Resta il far sapere, nella trappola
cancro. Qui però non si tratta schiaffo alla fatica che le forze dell’informazione. Le ragioni di questa calamità tutt’altro che
neanche dell’elisir di Dulcama- dell’ordine compiono per assi- naturale sono diverse, compresa (e ingombrante) la doppia
ra! Non basta urlare a squarcia- curare alla giustizia fior di de- morale delle due Chiese, quella del velluto e quella della
gola che il processo sarà breve. linquenti. Uno schiaffo al dolo-
strada, nel Paese del Papa. Resta tale contraddizione, di un
Occorre fare qualcosa di serio re e alla sofferenza delle vitti-
(procedure snellite; più mezzi me dei reati. denaro insieme motore e infezione di tutte le cose, l’ultimo
agli uffici giudiziari) perché si tabù che sembra tenere tutti quelli che ne hanno come
possa arrivare a sentenza in UNO SCHIAFFO alla sicu- confezionati in un pacco regalo. Per quell’altro tabù
tempi più rapidi. Se non si fa rezza dei cittadini. Proprio polverizzato in questo Autunno del Caimano, tabù collegato al
nulla è come proclamare ai quella sicurezza su cui sono denaro e al potere, quello del sesso, date un’occhiata a
quattro venti che la squadra di state costruite solide fortune qualche altra pagina, ieri, oggi, domani...

La Banca centrale
Come si dice di Pechino cerca
di tirare il freno
ne zone, sino a un decimo del
flusso creditizio totale.
In Cina la politica monetaria pe-
sa molto di più rispetto ad altri
prezzarne il merito di credito, fi-
nisce con l'essere più rischioso
del dovuto. Per ovviare a questo
problema il governo ha autoriz-
to ufficiale dei capitali cinese vi
è il fatto che costruttori e svilup-
patori immobiliari non possono
indebitarsi con le banche fin

subprime in Cina all’economia, ma


c’è un sistema
paesi sviluppati, perché l'alloca-
zione di capitali resta formal-
mente riservata allo Stato. Il tas-
so ufficiale sui depositi è siste-
maticamente inferiore a quello
zato gli assicuratori del credito,
che dovrebbero risarcire le ban-
che in caso di insolvenza del de-
bitore principale, ma queste fi-
nanziarie sono molto spesso già
quando non posseggono i terre-
ni, e sono quindi costretti a cer-
care fondi altrove. Da queste di-
storsioni deriva il proliferare di
forme atipiche e alternative di
creditizio parallelo tecnicamente insolventi per- credito e l'accumulazione di ri-
di Mario Seminerio rallelo. Sempre più imprendito- ché fortemente sottocapitaliz- schi finanziari che sono molto
ri, infatti, ricorrono a istituzioni a quello ufficiale, zate rispetto al volume di garan- differenti da quelli che hanno
ei giorni scorsi, la Peo- finanziarie di Hong Kong per fi-

N
completamente zie prestate. Alcune imprese, messo in ginocchio il sistema
ple's Bank of China ha nanziarsi attraverso l'emissione per accedere ai finanziamenti, bancario americano, visto che
portato al 20 per cento il di obbligazioni che poi finisco- incontrollabile. offrono alle banche una garan- in Cina gli immobili vengono ac-
coefficiente di riserva ob- no nel portafoglio delle famiglie zia in materie prime, soprattut- quistati con anticipi molto ele-
bligatoria, cioè la quota di incre- cinesi più facoltose, dietro lo Proprio come negli to rame, divenute così una riser- vati, e il finanziamento copre
mento dei depositi che le ban- schermo di fiduciarie che servo- va di valore. Le grandi correnti quindi una parte relativamente
che commerciali devono versa- no anche allo sviluppo di ope- Usa prima della crisi di acquisto di questo metallo sui bassa del costo d'acquisto. È la
re alla Banca centrale. Ma que- razioni immobiliari. Con l'inter- mercati internazionali, da parte rivincita del mercato su un'eco-
ste manovre di apparente stret- vento attivo delle autorità poli- cinese, non derivano quindi nomia dai tratti ibridi e a volte
ta monetaria sono poco più che tiche locali, che dalla cessione che consente alle aziende di in- d'inflazione, spingendo le fami- esclusivamente da finalità di co- mostruosi. C'è chi definisce la
una finzione, perché i debitori di terreni ai privati traggono debitarsi a breve termine da fa- glie a trovare impieghi alterna- struzione, ma anche per costi- casa di abitazione come un “di-
riescono ad aggirare le restrizio- gran parte delle risorse fiscali miglie benestanti, attraverso l’a- tivi al risparmio bancario. Stan- tuire tali garanzie. È facile imma- ritto umano di base”. Per questo
ni, con la benevola negligenza (oltre spesso ad arricchirsi ille- zione di broker estemporanei te il regime di razionamento am- ginare cosa potrebbe accadere nel nuovo piano quinquennale
delle autorità. citamente). muniti di telefono cellulare, veri ministrativo del credito, le ban- in caso di ribasso dei corsi CO- elaborato dal partito, e che pre-
Accanto a un sistema finanzia- Il tentativo della Banca centrale pusher creditizi. I tassi sono che preferiscono prestare alle STI del rame: richiesta di margi- vede più qualità che quantità
rio pesantemente regolamenta- di combattere l'inflazione si molto alti, fino al 20-30 per cen- grandi imprese statali, sia per ot- ni di reintegro di garanzia da della crescita, vi saranno inter-
to, dove il tasso di remunerazio- scontra quindi con il sistema to, perché tale pratica è illegale. tenere meriti politici che per parte delle banche, vendite for- venti di edilizia popolare e a
ne dei depositi e quello degli im- bancario ombra, che trae ali- Si stima che i finanziamenti at- fruire della garanzia implicita zose da parte dei debitori, spi- prezzi calmierati. Ma gli squili-
pieghi sono decisi centralmen- mentazione al dettaglio anche traverso tale intermediazione sui rimborsi. Prestare ai privati, rale distruttiva sui prezzi. bri cinesi, lungi dal ridursi, si ac-
te, opera infatti un sistema pa- da una pratica (minjian jeidai), possano rappresentare, in alcu- in assenza della possibilità di Tra le altre anomalie del merca- cumulano.
Mercoledì 13 aprile 2011 pagina 19

SECONDO TEMPO

MAIL BOX
LA VIGNETTA

Bertolaso e l’ospedale
ai piedi del Vesuvio
A proposito dell’Ospedale del
Furio Colombo

7 A DOMANDA RISPONDO
Mare. Mi ricorderò sempre un
telegiornale dove Bertolaso SOSTIENE
(fresco dal progetto Case) illu-
strava questa attuale nuova
“cattedrale nel deserto” come
MARONI
un modello di progresso per la aro Colombo, non credo a Maroni, come affrontare il problema vero, gli esseri umani
Campania. Ma la cosa che più mi
ha fatto rabbrividire era la fascia
C non credo a Frattini, però è vero che
l’Europa ci ha lasciati soli, ha voltato le
che invece di morire nel mare sopravvivono. E
invece di tentare di agire (per esempio inviando navi
arancione sulla quale sarebbe spalle all’Italia, ha ignorato un vero militari e da crociera per trasportare subito i nuovi
sorto e subito mi sono allertata. problema nel suo momento più difficile. arrivati in varie dislocazioni italiane) il gioco si fa
Far nascere un nuovo ospedale Non pensi che, per una volta, si debba sporco e sgradevole con due espedienti: lasciare il
a ridosso del Vesuvio non mi era dare ragione a questo governo? numero più alto possibile di migranti nelle strade di
proprio sembrata una buona Danilo Lampedusa, in modo da creare paura; e incolpare
idea. E su una fascia a rischio per l’Europa di non dare un aiuto che non è stato mai
di più. Immaginavo già la diffi- NON C’Èpartito preso (qui la questione non chiesto, come se ciò che accade fosse equiparabile
coltà di trasportare i malati da è un partito) nel dire, come sto per dire, che Maroni a un terremoto, imprevisto e imprevedibile.
un posto all’altro in caso il Ve- e Frattini non hanno ragione neppure se il resto Imprevedibile è stata invece, agli occhi del mondo,
suvio decidesse di eruttare... dell’Europa ha torto. Infatti la situazione va la totale impreparazione di un Paese rivierasco che,
Comunque mi spiace che si ricostruita secondo passaggi che di solito si saltano due mesi dopo lo scoppio delle rivolte nel
spendano soldi pubblici per ar- o si ignorano come se fossero stati fin troppo Nordafrica, non aveva pensato a un solo luogo naufragi (scarpe, piatti eccete- fiction evento “Atelier Fontana
ricchire i pochi privati ed illu- discussi, come se le sequenze fossero note e ovvie. alternativo in Italia, oltre al molo di Lampedusa. 3) ra). Saluti. – Le sorelle della moda” e la
dere così le persone che magari Proverò a offrire una ricostruzione attendibile, o A questo punto si verificano due problemi. Il primo Giuliano Caruso “fortunata” casualità ha fatto ar-
necessitano veramente di un almeno riempire una parte rimasta finora vuota e è l’esplodere e il proseguire una lamentazione con rivare ancora in finale il pacco da
ospedale a causa di questi spre- che disorienta non solo i cittadini ma anche gli toni ora vendicativi, ora ricattatori, verso l’Unione Con Cristiano Ronaldo 250.000 euro), giovedì 3 marzo
chi. addetti ai lavori. 1) Prima viene il trattato con la europea, colpevole di non intervenire (ma intanto (il sorpasso è stato di appena
Silvia Freschini Libia. Serve a dirci che il governo ha appaltato alla continuando lo spettacolo della totale mancanza di cominciano le elezioni 26.000 telespettatori con l’ulti-
Lega sia la questione sicurezza sia la questione iniziativa e di idee che ha agito certo da irritante Il premier ha promesso di com- ma manche di Affari tuoi giocata
Si vergogni immigrazione, che la lega ha impastato insieme, per i Paesi confinanti con l’Italia ). Il secondo è lo prare Cristiano Ronaldo. I tifosi con il pacco da 500.000 euro).
facendo diventare i migranti non un problema da scontro fra le destre, tutte portatrici, come da del Milan saranno di nuovo in- Scrivere poi che Affari tuoi “vin-
ministro Meloni affrontare e risolvere - possibilmente con umanità - prescrizione ideologica, di egoismo e di chiusura dei vogliati a votare Pdl dalla pro- ce il sabato con l’elefantino a
Caro direttore, desidero ri- ma un problema di sicurezza da risolvere con confini. È di destra il governo francese, che non messa. L’ultima volta fu Ronal- casa”, è inesatto perché per
spondere al commento del mi- soluzioni militari. Il trattato con la Libia è un trattato vuole saperne dei problemi italiani. È di destra il dinho. Vi prego milanisti, non fa- quanto riguarda l’appuntamen-
nistro Meloni sulla manifesta- militare di stretta cooperazione. E affida a governo tedesco che si astiene e respinge. Sono teci fregare. Dopotutto quelli a to del sabato Striscia la Notizia
zione dei precari del 9 aprile. La pagamento alla Libia, che ha la polizia più quasi tutti di destra i governi che hanno messo i loro Ibrahimovic sono stati “soldi ha sempre perso. Ricordiamo,
sola ragione plausibile che può arbitraria e crudele del mondo (uso i verbi al carri in cerchio intorno ai loro villaggi pur di non buttati”. però, che si tratta di una puntata
averla spinta a sostenere che i presente per evocare ciò che è realmente dare una mano. È di destra il modesto Barroso, Piero Secchi registrata ed è una sorta di “me-
nostri padri hanno goduto di accaduto) il compito di impedire l’arrivo dei presidente della Commissione europea, con un glio di” e che il sabato il bacino
privilegi, è che la sua estrazione migranti, che abbiano o no diritti. Si arriva al punto basso livello e una mancanza di idee che sono Diritto di Replica d’ascolto più basso è dovuto alla
sociale e il suo background la da smantellare del tutto il Centro di Accoglienza di ormai noti, famosi e penosi. Disgraziatamente è di giornata prefestiva. Per quanto
inducono ad avere una visione Lampedusa. Purtroppo per il pessimo governo destra (se questa è destra) anche il governo Gentile redazione, vi scriviamo riguarda, invece, il pubblico
distorta della realtà. In altre pa- Bossi-Berlusconi, la Storia provvede quasi subito a Berlusconi. Quando Maroni e Frattini ti dicono che in merito all’articolo pubblicato 15/65 anni, pubblico di riferi-
role: ministro, ma dove vive? Gli smantellare il governo di Gheddafi e la sua polizia. “ci siamo sentiti traditi” vuol dire che hanno visto da dalla vostra testata domenica 10 mento di Striscia la Notizia, te-
unici genitori con privilegi sono Nessuno cancella il trattato, ma il trattato non c’è fuori un governo di destra e hanno detto che aprile 2011 dal titolo “Elefanti- niamo a sottolineare che Stri-
stati i vostri. Privilegi che hanno più. Arrivano di nuovo i migranti. 2) Mentre bisogna andar via. È quello che vorremmo fare tutti no, flop da 106 euro al secon- scia ha sempre vinto la gara degli
permesso solo a poche perso- divampa la guerra in Libia, e prima ancora noi. Non dall’Europa, ma dal governo di destra che do”, in cui è stato scritto che “il ascolti con Affari tuoi, anche al
ne, come lei, di ricoprire ruoli dell’intervento della Nato, Lampedusa torna a perseguita, insieme, noi e gli immigrati, il tragico varietà Affari tuoi, da quando sabato. Ci stupiamo che la vo-
degni (e solo poche volte) delle riempirsi di migranti scampati al mare. Come governo Bossi-Berlusconi. c’è Ferrara, colleziona sconfitte stra testata cerchi di tutelare un
competenze che si possiedono, prima del trattato con la Libia, il governo nel confronto con Striscia la programma come Affari tuoi, in
mentre noi dobbiamo scendere Bossi-Berlusconi, tramite la profonda incompetenza Furio Colombo - Il Fatto Quotidiano Notizia, perché riceve la linea cui concorrenti senza alcun tipo
in piazza per rivendicare dei sa- di Maroni, che si comporta da uomo di punta della 00193 Roma, via Valadier n. 42 dal 15 massimo 16% di share e di talento possono vincere mi-
crosanti diritti sanciti dalla Co- Lega molto più che da ministro dell’Interno, non sa lettere@ilfattoquotidiano.it non riesce a recuperare”. Sa- lioni di euro aprendo semplice-
stituzione. Mio padre ha 66 an- rebbe bellissimo ricevere una mente una scatola, un gioco tal-
ni. Ha iniziato a lavorare nelle gioia da Ferrara, però vi segna- mente diseducativo e dalla ca-
campagne ne aveva 8. A 14 anni liamo che dalla partenza di Af- sualità molto sospetta, che do-
è emigrato in nord Italia. Ha fat- fari tuoi (fatta eccezione per il vrebbe attirare la vostra atten-
to lo sguattero nelle cucine, l’o-
peraio alla Fiat, il pizzaiolo, il ma- IL FATTO di ieri 13 aprile 1872 realtà. Quella in cui i giovani de-
vono subire la frustrazione di
periodo del Festival di Sanre-
mo) Striscia la Notizia ha sem-
zione per ben altri motivi. In-
fatti, i pacchi con i premi più alti
cellaio, il trasportatore, il came- Fu certamente tale Vincenzo Verzeni, strangolatore di accettare i soldi dei genitori in- pre vinto contro il programma arrivano sempre alla fine della
riere e perfino l’agricoltore, nei donne e primo serial killer d’Italia, l’ospite più famoso vece di vederli riposare a go- di Max Giusti tranne in tre oc- trasmissione contro ogni calco-
momenti di forti problemi eco- della Senavra, primo lugubre manicomio milanese. dersi la pensione dopo una vita casioni: giovedì 24 febbraio lo delle probabilità.
nomici quando letteralmente, Entrato in quel ricovero per folli il 13 aprile 1872 e lì di sacrifici. Una vita di sacrifici, (battuta di poco più di 50.000 Ufficio stampa Striscia la notizia
non aveva i soldi per comprare impiccatosi dopo i trattamenti a colpi di scariche ministra Meloni, non di privilegi. telespettatori e con un pacco da
da mangiare. Io me lo ricordo elettriche imposti da Cesare Lombroso. Del resto, si Perché nel mondo vero, cara 250.000 euro in finale, in più su
ancora mio padre, il privilegiato, moriva anche così alla Senavra, ex luogo di ritiri
ministra, i privilegi li avete sol- Rete 4 è stata trasmessa la par-
che piangeva dalla disperazione. tanto voi che non siete scesi in tita di Europa League Villa-
spirituali dei Gesuiti, trasformato alla fine del ‘700 da
Mio padre ha sempre lavorato piazza. Si vergogni per quello real-Napoli), lunedì 28 febbraio IL FATTO QUOTIDIANO
Maria Teresa d’Austria in ospizio per i pazzi della città,
come un mulo e, a differenza dei che ha detto e ci chieda scusa. A (su Raiuno è andata in onda la via Valadier n. 42 - 00193 Roma
vostri, lui non può smettere ma anche per sordi, ciechi, deformi e mendicanti, tutti tutti. seconda e ultima puntata della lettere@ilfattoquotidiano.it
perché deve aiutarmi a pagare rinchiusi in quel tetro edificio senza finestre, circondato Debora Aru
l’affitto quando non ce la faccio da stagni e marcite poco fuori le mura della vecchia
Porta Tosa. Non molto diverso da una prigione, la
da sola perché sono una pre-
Senavra, come dire mostarda in dialetto meneghino, con
Il monumento ai migranti Direttore responsabile
caria. Si vergogni di quello che
ha detto e chieda scusa a chi non celle munite di inferriate, niente servizi igienici, corridoi esiste già a Lampeusa Antonio Padellaro
può comprarsi una casa, farsi maleodoranti per l’ora d’aria di uomini e donne Premetto che leggo Furio Co-
rigorosamente separati. Vita dura per gli alienati Vicedirettore Marco Travaglio
una famiglia, essere indipenden- lombo sempre con grande in-
te e poter aiutare i propri ge- dell’800, costretti a terapie choc come le docce gelide, le teresse e anche perché riesce a Caporedattori Nuccio Ciconte e Vitantonio Lopez
nitori perché è precaria. Ai famose “bastonate liquide”, e comunque sempre più darmi le parole con le quali Progetto grafico Paolo Residori
“bamboccioni” insomma, come numerosi tanto da deciderne lo spostamento nel esprimere i miei sentimenti di Redazione
tempo fa ci chiamò un suo ono- “grandioso manicomio di Mombello”. Con buona pace indignazione e di mortificazione 00193 Roma , Via Valadier n°42
revole collega. Si vergogni e della Senavra, oggi anonima Parrocchia, nascosta tra i rispetto all’attuale governo. tel. +39 06 32818.1, fax +39 06 32818.230
chieda scusa a quei ragazzi che palazzoni di Porta Vittoria. Scrivo per dirvi che il monu- e-mail: segreteria@ilfattoquotidiano.it
sito: www.ilfattoquotidiano.it
quando avranno 66 anni, non Giovanna Gabrielli mento a Lampedusa esiste già.
potranno neppure decidere se Lo conosco perché ne lessi su Editoriale il Fatto S.p.A.
continuare a lavorare per aiu- “Diario”, il mitico settimanale Sede legale: 00193 Roma , Via Valadier n°42
tare i propri figli. Perché non ce hanno passato tre quarti della center, con contratto precario diretto da Enrico Deaglio (dei Presidente e Amministratore delegato
l’avranno un lavoro e neppure propria vita a studiare e a for- naturalmente. Si vergogni per- cui pezzi giornalistici soffro la Giorgio Poidomani
una pensione. Si vergogni e marsi e che devono emigrare al- ché lei, come tutti i suoi col- mancanza). Il monumento è fat- Consiglio di Amministrazione
chieda scusa a tutti quelli che trimenti l’alternativa è un call leghi, non ha la percezione della to anche con cose rivenute nei Luca D’Aprile, Lorenzo Fazio, Cinzia Monteverdi, Antonio Padellaro
Centri stampa: Litosud, 00156 Roma, via Carlo Pesenti n°130,
20060 Milano, Pessano con Bornago , via Aldo Moro n°4;
Centro Stampa Unione Sarda S. p. A., 09034 Elmas (Ca), via Omodeo;
Abbonamenti Società Tipografica Siciliana S. p. A., 95030 Catania, strada 5ª n°35
Queste sono le forme di abbonamento • Abbonamento postale semestrale (Italia) Modalità di pagamento di pagamento, nome cognome, indirizzo, Concessionaria per la pubblicità per l’Italia e per l'estero:
previste per il Fatto Quotidiano. Prezzo 120,00 € • 4 giorni telefono e tipo di abbonamento scelto.
Poster Pubblicità & Pubbliche Relazioni S.r.l.,
Il giornale sarà in edicola 6 numeri Prezzo 170,00 € • 6 giorni • Pagamento direttamente online Sede legale e Direzione commerciale: Via Angelo Bargoni n°8, 00153 Roma
• Bonifico bancario intestato a:
alla settimana (da martedì alla domenica). Editoriale Il Fatto S.p.A., con carta di credito e PayPal. tel. + 39 06 68896911, fax. + 39 06 58179764, email: poster@poster-pr.it
• Modalità Coupon *
Per qualsiasi altra informazione in merito
Prezzo 320,00 € • annuale BCC Banca di Credito Cooperativo Distribuzione Italia:m-dis Distribuzione Media S.p.A.,
• Abbonamento postale annuale (Italia) può rivolgersi all'ufficio abbonati ai numeri
Prezzo 180,00 € • semestrale Ag. 105 Via Sardegna Roma
+39 02 66506795 - +39 02 66505026 -
Sede: Via Cazzaniga n°1, 20132 Milano
Prezzo 200,00 € • 4 giorni Iban IT 94J0832703239000000001739 tel. + 39 02 25821, fax. + 39 02 25825203, email: info@m-dis.it
Prezzo 290,00 € • 6 giorni • Abbonamento online PDF annuale +39 02 66506541 o all'indirizzo mail
Prezzo130,00 € • Versamento su conto corrente postale: abbonamenti@ilfattoquotidiano.it Resp.le del trattamento dei dati (d. Les. 196/2003): Antonio Padellaro
E' possibile pagare l'abbonamento annuale 97092209 intestato a Editoriale Il Fatto Chiusura in redazione ore 22.00
postale ordinario anche con soluzione Per sottoscrivere il tuo abbonamento, S.p.A. - Via Valadier n° 42, 00193 Roma * attenzione accertarsi prima che Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione al numero 18599
rateale: 1ª rata alla sottoscrizione, compila il modulo sul sito Dopo aver fatto il versamento inviare un la zona sia raggiunta dalla distribuzione de
2ª rata entro il quinto mese. www.ilfattoquotidiano.it fax al numero 02.66.505.712, con ricevuta Il Fatto Quotidiano