Sei sulla pagina 1di 267

Universita’ degli Studi di Milano

Dipartimento di Fisica

Lezioni di
Astrofisica Nucleare
Relativistica
Laurea Magistrale in Fisica

Prof. Pierre Pizzochero, Ph.D.


Astrofisica Nucleare Relativistica

Appunti del corso tenuto dal Prof. Pierre Pizzochero

September 16, 2009


Indice

1 Generalità 5
1.1 Effetti legati alla relatività generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
1.1.1 Collasso gravitazionale e generalità . . . . . . . . . . . . . . . . 10
1.1.2 Raggio di Schwarzschild . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
1.1.3 Redshift gravitazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
1.2 Sistemi classici e quantistici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
1.3 Termodinamica nelle stelle . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16

2 Equazione di stato per gas ideali 21


2.1 Funzione di distribuzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
2.2 Gas ideale classico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
2.3 Gas di fotoni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
2.4 Gas di fermioni a T=0 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
2.5 Gas T=0 di fermioni parzialmente relativistici . . . . . . . . . . . . . . 34
2.6 Gas di fermioni a temperatura finita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
2.7 Regimi di validità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40

3 Equazione di stato per materia degenere 47


3.1 Correzione elettrostatica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
3.1.1 Approssimazione di Wigner-Seitz . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
3.1.2 Modello di Thomas-Fermi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
3.2 Il gas n − p − e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
3.3 Equazione di stato reale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
3.3.1 Equazione di stato ρ < ρdrip : HW, BPS . . . . . . . . . . . . . . 59
3.3.2 Equazione di stato ρdrip < ρ < ρnuc : BBP . . . . . . . . . . . . . 64
3.3.3 Equazione di stato ρ > ρnuc . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69

4 Struttura stellare 77
4.1 Il teorema del viriale (caso NR) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 78
4.2 Teorema del viriale dall’equilibrio idrostatico . . . . . . . . . . . . . . . 80
4.3 Equilibrio e indice adiabatico effettivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85

I
4.4 Protostelle . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
4.5 Massa minima . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
4.6 Evoluzione stellare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
4.7 Limite di Schönberg-Chandrasekhar . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 100
4.8 Equazioni politropiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101

5 Trasporto di calore 111


5.1 Trasporto radiativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114
5.2 Approssimaziome di diffusione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 121
5.2.1 Atmosfera di Eddington . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124
5.2.2 Relazione tra temperatura interna e superficiale . . . . . . . . . 126
5.3 Conducibilità termica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
5.3.1 Conduzione: elettroni e ioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 128
5.3.2 Trasporto radiativo: fotoni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129
5.4 Autodiffusione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130
5.5 Diffusione come random walk . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
5.6 Diffusione nel Sole . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
5.7 Stelle in equilibrio radiativo: modello standard . . . . . . . . . . . . . . 136
5.8 Convezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 140

6 Nane bianche 143


6.1 Massa di Chandrasekhar . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 144
6.2 Estensione del modello delle nane bianche . . . . . . . . . . . . . . . . 147
6.3 Confronto con l’osservazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150
6.4 Il raffreddamento delle nane bianche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 152

7 Supernovae 159
7.1 SN di tipo II: panoramica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 161
7.2 Condizioni iniziali del collasso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 168
7.3 Fotodissociazione nucleare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 169
7.4 Neutronizzazione ed emissione di neutrini . . . . . . . . . . . . . . . . . 171
7.5 Neutrino trapping . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 175
7.6 Entropia durante il collasso caldo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 179
7.7 Collasso omologo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 182
7.8 Onda d’urto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 186
7.9 Massa efficace ed esplosione di una supernova . . . . . . . . . . . . . . 190
7.10 Relazione massa-energia per la SN1987A . . . . . . . . . . . . . . . . . 194

8 Stelle di neutroni 199


8.1 Massa massima . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
8.1.1 Misura della massa di una stella di neutroni . . . . . . . . . . . 205
8.2 Struttura delle NS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 206

II
8.3 Raffreddamento di una stella di neutroni . . . . . . . . . . . . . . . . . 208
8.4 Curve di raffreddamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 211
8.4.1 Superfluidità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 215
8.4.2 Effetto delle impurità sul raffreddamento . . . . . . . . . . . . . 216
8.4.3 Raffreddamento in stelle strane . . . . . . . . . . . . . . . . . . 217

9 Pulsars 221
9.1 Pulsar: stella di neutroni rotante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 222
9.2 Modello del dipolo magnetico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 223
9.3 Pulsar Glitches e superfluidità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 229

A Termodinamica 239
A.1 Postulati fondamentali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 239
A.2 Legame tra grandezze estensive e intensive . . . . . . . . . . . . . . . . 240
A.3 Variabili indipendenti P , S e N . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 241
A.4 Variabili indipendenti T , V e N . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 242
A.5 Variabili indipendenti T , P e N . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 242
A.6 Variabili indipendenti T , V e µ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 243
A.7 Funzioni termodinamiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 244
A.8 Collegamento tra la termodinamica e la meccanica statistica . . . . . . 245

B Richiami generali 247


B.1 Energia e massa in relatività . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247
B.2 Teoria cinetica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 248
B.3 Meccanica statistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 249
B.4 Peso molecolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 252
B.5 Classificazione delle particelle . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 255

C Integrale di Landau 257

III
IV
Prefazione

Questa dispensa è stata curata negli anni da diversi studenti del corso di Astrofisica
Nucleare e Relativistica del Prof. Pierre Pizzochero. Si tratta di materiale tratto prin-
cipalmente dallo Shapiro-Teukolsky (Black Holes, White Dwarfs and Neutron Stars)
e dal Phillips (The Physics of Stars), integrato con appunti presi durante le lezioni e
con ulteriore materiale messo a disposizione dal docente, comprendente articoli e pa-
pers. L’intento è quello di fornire una guida generale nello studio, cercando di dare
un quadro coerente e lineare del percorso seguito durante il corso, di uniformare le
notazioni e le argomentazioni. L’ultima parte del corso, riguardante gli accenni all’a-
strofisica relativistica, è stata tralasciata in quanto costituita principalmente da temi
ancora estremamente aperti e dibattuti all’interno della comunità scientifica, dunque
in continua evoluzione.
Si invita a migliorare ulteriormente la presente dispensa, certamente non priva di
errori ortografici, concettuali, numerici, segnalandoli o correggendoli di persona. Buono
studio!

V
Introduzione

Non è mai stato possibile documentare la vita di una singola stella dall’inizio alla
fine poiché la dimensione temporale è troppo vasta. Si sono però ottenuti una tale
abbondanza di dati analizzando le stelle in diversi stadi, talune giovani, altre di età
media, altre ancora molto vecchie che, combinandoli assieme, si può ricostruire una
sequenza ragionevolmente completa dell’evoluzione di molte stelle.
Una stella inizia la sua esistenza sotto forma di nube di polvere e di gas che, inne-
scata da un processo ancora non del tutto chiaro, inizia ad addensarsi sotto la spinta
della propria attrazione gravitazionale. Una volta iniziato, il processo continua molto
velocemente, esercitando pressione sulla materia al centro della nube e aumentando
la temperatura nelle regioni centrali. La nube in contrazione, o protostella, diventa
estremamente brillante per un certo periodo di tempo, ma poi inizia a impallidire col
progredire, più lento, del collasso, mentre la regione centrale diventa sempre più calda.
Infatti siamo in presenza di una compressione adiabatica senza alcun scambio di calore.
Dal primo principio della termodinamica, risulta quindi che la variazione dell’energia
interna è pari a quella del lavoro dU = ncV dT = −δL. Il lavoro è dovuto alla forza
gravitazionale UG = −GM/R, da cui si vede che, diminuendo il raggio aumenta la
temperatura. Alla temperatura di circa 107 K (quando i protoni riescono a vincere la
repulsione Coulombiana), si innesca la fusione nucleare nel nucleo, la quale fornisce
l’energia che manterrà la stella splendente per milioni di anni, anche se non fino alla
morte.
Quando le reazioni nucleari sono ben innescate al suo interno, il materiale di una
stella cessa di addensarsi, poiché l’espansione verso l’esterno dei gas molto caldi agisce
come controspinta nei confronti della forza di gravità che preme verso l’interno. Una
stella a questo stadio viene a trovarsi nella sequenza principale (fase centrale dell’evo-
luzione stellare), stato in cui essa passerà la maggior parte della sua esistenza visibile.
Una stella con massa identica a quella del Sole impiega circa 5 × 107 yr per raggiungere
la sequenza principale e vi rimane finché l’idrogeno del suo nucleo sarà esaurito. La
posizione di una stella nella sequenza principale è determinata dalla composizione chi-
mica ma soprattutto dalla sua massa. Più la stella è massiva più brucia rapidamente
con una luminosità maggiore.
Quando la quantità di idrogeno del nucleo di una stella si esaurisce, la fusione nu-
cleare cessa di controbilanciare la forza di gravità e la stella inizia a contrarsi sotto

1
il suo peso, mentre contemporaneamente la temperatura cresce. Questo processo tra-
sferisce abbastanza calore all’inviluppo di materia attorno al nucleo da innescare una
nuova serie di reazioni di fusione. Questa zona di idrogeno in combustione si espande
all’esterno del nucleo originale, depositando elio creato dalla fusione come una sorta di
cenere nel centro della stella.
L’emissione di energia dalla zona di idrogeno in espansione continua ad aumentare,
mentre il nucleo continua a ridursi. Alla fine la temperatura del nucleo raggiungerà
i 108 K e a questo stadio inizia un nuovo processo di fusione in cui i nuclei degli
atomi di elio si fondono a formare nuclei di carbonio. Questo processo tiene in vita
la stella nella veste di gigante rossa. Una stella delle dimensioni del Sole contiene
abbastanza combustibile, cioè idrogeno, per mantenersi nella sequenza principale per
circa 10 miliardi di anni, mentre le stelle di massa maggiore vi restano un tempo più
breve, poiché consumano il loro combustibile molto più velocemente.
Quando tutto il combustibile è esaurito, la gravità comprime una stella della massa
del Sole fino a ridurla in nana bianca, un corpo caldo paragonabile come dimensioni
alla Terra e con una densità media pari a ∼ 106 g cm−3 . Il nome nana bianca deriva dal
fatto che, avendo una luminosità bassa e un raggio piccolo, la temperatura è tale che
la stella emette nel bianco. Si pensa che la maggior parte delle stelle, incluso il Sole,
faranno parte della schiera delle nane bianche, che diverranno pallide e fredde fino a
ridursi a nane brune. Quando una stella diventa nana bianca, una parte della massa
viene espulsa creando quella che si chiama nebulosa planetaria.
Una stella con massa nel range 1.4 M⊙ < M < 8 M⊙ forma una nana bianca instabi-
le. Se questa stella si trova in un sistema binario, la nana bianca assorbe materiale dalla
compagna fino alla deflagrazione nucleare perché la stella si è accresciuta oltre il limite
di massa per avere una configurazione stabile. Siamo in presenza di una supernova di
tipo I.
Quando la stella possiede una massa M > 8 M⊙ , una volta esaurito il suo combu-
stibile nucleare, termina la sua esistenza con una violenta esplosione, detta supernova
di tipo II. In questo caso gli strati più esterni di materia vengono scagliati lontano nello
spazio, mentre il nucleo si comprime fino a formare un corpo ancora più denso di quello
di una nana bianca: una stella di neutroni.
Esiste un limite di massa anche per una stella di neutroni, benché non lo si conosca
con esattezza, probabilmente tra 2 − 5 M⊙ . Quando ciò che resta della stella supera
questo limite, una volta iniziato il collasso, nulla lo può fermare: il collasso della materia
continua fino a raggiungere le dimensioni di un punto di densità infinita. Prima che
l’oggetto raggiunga questo stadio, la forza di gravità alla superficie diviene cosı̀ grande
da impedire alla luce stessa di fuggire. La stella diventa pertanto letteralmente invisibile
e forma un buco nero. Per definizione, un buco nero non ha capelli, cioè noi vediamo
solo la radiazione degli oggetti che cadono nei buchi neri, abbiamo quindi solo misure
indirette sulla massa, spin e temperatura.
In questo corso si presentano le proprietà degli oggetti compatti quali nane bianche,

2
supernovae e stelle di neutroni, che rappresentano lo stadio finale della vita evolutiva
di una stella normale. A tal proposito è necessario conoscere l’equazione di stato della
materia stellare (cap. 2, 3), la configurazione di equilibrio (cap. 4) nonché i meccanismi
di trasferimento dell’energia dal centro verso l’esterno (cap. 5). Le nane bianche saranno
analizzate nel cap. 6, mentre il processo di esplosione di una supernova viene discusso
nel cap. 7. La teoria delle stelle di neutroni verrà presa in considerazione nel cap. 8
mentre le pulsars, stelle di neutroni in rotazione, verranno presentate nel cap. 9. Per
mancanza di tempo non sono stati trattati i buchi neri.

3
4 Indice
Capitolo 1

Generalità

Iniziamo a familiarizzare con la stella a noi più vicina, il Sole, riportandone in Tab.
1.1 le proprietà principali oggi note. Le quantità osservate verranno inoltre spesso
utilizzate quali unità di misura.

Proprietà Valore
Massa M⊙ = 1.99 × 1033 g
Raggio R⊙ = 6.96 × 1010 cm
Luminosità fotonica L⊙ = 3.86 × 1033 erg s−1
Temperatura superficiale superficiale T⊙ = 5780 K
Età t⊙ ≈ 4.55 × 109 yr
Densità centrale ρc = 148 g cm−3
Temperatura centrale Tc = 15.6 × 106 K
Pressione centrale Pc = 2.29 × 107 dyne cm−2
Tabella 1.1: Proprietà fisiche del Sole. Quelle misurate sono la massa, il raggio, la lumino-
sità e la temperatura superficiale. La stima dell’età è basata su studi geologici. Le proprietà
al centro del Sole si basano su calcoli del Modello Solare Standard. In astrofisica si utilizza
solitamente il sistema di misura c.g.s per cui l’unità di misura dell’energia è l’erg o M eV .

Effettuiamo una stima qualitativa della densità media del Sole, utilizzando la seguente
espressione
M⊙ M⊙ 2 × 1033 g
ρ̄⊙ = = 4π 3 = 4π 10 3 3
∼ 2 g cm−3 ∼ ρH2 O = 1 g cm−3 (1.1)
V⊙ 3
R⊙ 3
(6 × 10 ) cm

Se confrontiamo questo risultato con la densità centrale del Sole (ρc ), riportato in Tab.
1.1, si nota una notevole discrepanza. Questo è dovuto al fatto che la densità del
Sole non è costante ma risulta essere una funzione della distanza dal centro del Sole,
cioè del raggio. Esiste quindi un gradiente di densità. Le reazioni nucleari avvengono
all’interno del Sole, dove la densità è molto elevata.

5
6 1. Generalità

Consideriamo le proprietà degli oggetti compatti osservando, innanzitutto, che l’e-


voluzione di una stella dipende fortemente dalla massa iniziale. A tal proposito, nella
Tab. 1.2 viene presentato uno schema rappresentante lo stadio finale della vita di una
stella in funzione della sua massa iniziale.

Range di massa Probabile evoluzione


M ≤ M⊙ Vita più lunga di quella dell’universo
1 ≤ M/M⊙ ≤ 3 − 6 Nebulose planetarie con al centro una
nana bianca (più luminosa del sole)
3 − 6 ≤ M/M⊙ ≤ 5 − 8 Supernova di tipo I: collasso gravitazionale
dovuto a reazioni del tipo 12 C →12 C e
successiva esplosione del core;
probabile formazione di nane bianche
5 − 8 ≤ M/M⊙ ≤ 60 − 100 Supernova di tipo II: collasso gravitazionale
con esplosione del core precedentemente imploso;
si ha forte emissione di energia e materia;
il remnant è, di solito, una stella di neutroni
(eventualmente buco nero)
M ≥ 60 − 100 M⊙ Incertezza, probabili buchi neri
Tabella 1.2: Lo schema soprastante rappresenta l’evoluzione stellare in funzione della massa
iniziale della stella.

In Fig. 1.1 vengono invece raffigurati alcuni oggetti compatti identificati dalle
osservazioni astronomiche, come la pulsar della Nebulosa del Granchio e il buco nero
Cignus X − 1.

Figura 1.1: Alcuni oggetti compatti noti dalle osservazioni astronomiche.


7

Le proprietà degli oggetti compatti dipendono fortemente dalla densità e quindi dal
raggio, come si può osservare in Fig. 1.2.

Figura 1.2: Range di densità e raggio per oggetti stellari

Riassumiamo brevemente, in Tab. 1.3, i tratti distintivi degli oggetti compatti, quali
massa, densità, raggio confrontandoli con quelli solari. Vediamo, quindi, che la nana

Massaa Raggiob Densità Media


Oggetto [M⊙ ] [R⊙ ] [g cm−3 ]
Sole 1 1 ∼1
Nana bianca ≤1 ∼ 10−2 ≤ 107
Stella di neutroni ∼ 1 − 3 ∼ 10−5 ≤ 1015
Buco nero arbritaria 2GM/c2 ∼ M/R2
Tabella 1.3: La tabella descrive le caratteristiche fondamentali degli oggetti compatti in
funzione delle quantità solari.

bianca risulta essere massiva quanto il Sole ma la sua massa è concentrata in una sfera
grande quanto la Terra: ha quindi una densità molto elevata. Ancora più sorprendenti
sono però le stelle di neutroni, con una densità confrontabile con la densità nucleare
che, come è noto, è indipendente dalla massa del nucleo e vale ρnuc = 2.8 × 1014 g/cm3
(che corrisponde a una densità numerica di particelle nnuc = ρnuc /mu = 0.17 f m−3 ).
È dunque lecito, come vedremo, interpretare la stella di neutroni come un gigantesco
nucleo atomico contenente circa 1057 nucleoni.
8 1. Generalità

Quasi tutti i dati sperimentali sulle stelle e quindi sugli oggetti compatti derivano
dall’analisi dell’energia che emettono. Le nane bianche, avendo temperatura molto alta,
emettono raggi X e possono essere osservate. La rotazione diventa fondamentale nelle
stelle di neutroni dato che la quantità Iω (momento d’inerzia per velocità angolare) si
conserva. Dalla misura della differenza di frequenza rotazionale si hanno informazioni
sull’oggetto in rotazione. Recentemente si cerca di misurare la temperatura superficiale
utilizzando i satelliti a raggi X. Per i buchi neri la situazione è molto complicata. Si
è facilitati nel caso in cui il buco nero si trovi in un sistema binario, nel qual caso si
studia l’accrescimento del disco della stella compagna.

Oggetto Densità
Nane bianche nWD = 0.008 pc−3
Nebulose Planetarie nPN ≈ nW D
Pulsars nPSR ∼ (2 − 6) × 10−3 pc−3
1
RPSR ∼ 35 yr−1
Supernovae RSN = fN∆t = 28 1
yr−1
600
(N = 6, ∆t = 103 yr, f = 360 0)
1 −1
RSN = 300 yr (other galaxies)
RSN ≈ RPSR
Tabella 1.4: Osservazioni nella Via Lattea

Prima di procedere oltre, torniamo alla definizione di luminosità: essa rappresenta


il tasso di energia emessa dalla stella. Possiamo calcolare questa perdita per il Sole
misurando il flusso, ossia la quantità di energia che colpisce un’area unitaria dell’atmo-
sfera terrestre, cioè la costante solare F = 1.374 × 106 erg cm−2 s−1 . Attraverso questo
valore e la distanza media del Sole dalla Terra, ossia 1AU ∼ 1.5 × 1013 cm, si può
calcolare la luminosità solare integrando su tutto l’angolo solido, presupponendo che
la radiazione sia emessa in simmetria sferica.
L⊙ = F⊙ × 4πAU 2 = 3.86 × 1033 erg s−1 (1.2)
La luminosità bolometrica di una stella rappresenta l’output energetico elettromagne-
tico totale, integrato su tutte le lunghezze d’onda, ignorando l’energia persa per altre
ragioni (particelle, neutrini, etc.). In realtà non possiamo vedere tutte le lunghezze
d’onda dello spettro e quindi la luminosità assoluta viene ottenuta osservando l’ogget-
to in una piccola regione dello spettro e applicando poi una correzione, detta correzione
bolometrica.
Si può collegare alla luminosità assoluta una temperatura efficace definita come la
temperatura che dovrebbe avere un corpo nero ideale per emettere la stessa luminosità
della stella. Un corpo nero alla temperatura assoluta T irradia un’energia per unità di
area e di tempo pari a
I = σT 4 (1.3)
9

in cui abbiamo introdotto la costante di Stefan-Boltzmann

σ = 5.671 × 10−5 erg cm−2 s−1 K −4 (1.4)

Un corpo nero sferico di raggio R e temperatura T ha una luminosità:

L = 4πσR2 T 4 . (1.5)

Possiamo perciò usare la relazione precedente per definire una temperatura efficace,
Tef f , come la temperatura che dovrebbe avere un corpo nero di raggio R pari a quello
della stella per dare la luminosità osservata della stella:
!1/4
Loss
Tef f = 2
(1.6)
4πσRoss

Tale valore non corrisponde esattamente alla temperatura superficiale della stella che
si ricava da analisi spettrali. Tuttavia, le differenze non sono molto grandi (poche
centinaia di gradi) cosı̀ che le temperature efficaci possono essere considerate prossime
a quelle atmosferiche.
Abbiamo visto in precedenza che la gravitazione determina lo stato e l’evoluzione
di una stella. Come facciamo a saperlo? Quanto tempo impiegherebbe una stella a
variare il suo raggio se fosse sostenuta solo dalla gravità? Diamo una risposta a queste
domande attraverso una stima di ordini di grandezza considerando la caduta libera
della stella. Questo vuol dire che non ci sono forze agenti, eccetto la gravità, quindi
il tempo di caduta libera dipende esclusivamente dalla massa M , dal raggio R e dalla
costante gravitazionale G. L’unico modo in cui queste tre grandezze possono essere
combinate per ottenere un tempo è il seguente
1
tf f = √ (1.7)

La relazione precedente indica che il tempo di collasso diminuisce lentamente all’au-
mentare della massa ma aumenta rapidamente all’aumentare del raggio iniziale. Nel
caso del Sole si trova che tf f ≈ 26 min.
Una stella è caratterizzata da altre scale temporali. Abbiamo la scala termica
definita da
E 3M kB T
tth ≡ ≈ , (1.8)
L 2mL
in cui E è l’energia totale (gravitazionale più interna) della stella e L la luminosità.
Questo è il tempo richiesto da una stella per cambiare in modo sostanziale la sua
struttura interna se il rifornimento di energia termonucleare dovesse improvvisamen-
te annullarsi. Per fenomeni con scale temporali più lunghe di tth , la stella si può
considerare in equilibrio termico. Nel caso del Sole si trova che tth ≈ 2 × 107 yr.
10 1. Generalità

La scala temporale più lunga è quella termonucleare, definita come


M εc2
tn ≡ , (1.9)
L
in cui εc2 è l’energia per grammo proveniente dalle reazioni termonucleari.

1.1 Effetti legati alla relatività generale


La relatività generale è la teoria relativistica della gravitazione e può essere definita
come la “teoria di campo del campo gravitazionale”. In relatività speciale, la metrica
è definita come
ds2 = c2 dt2 − dx2 − dy 2 − dz 2 (1.10)
Per comodità si introduce, poi, il tensore metrico ηµν definito come

1 0 0 0
 
 0 −1 0 0 
(1.11)
 
0 0 −1 0
 
 
0 0 0 −1

che descrive lo spazio piatto della geometria euclidea.


Nella teoria della relatività generale, lo spazio si considera curvo a causa della
massa. Di conseguenza anche il tensore metrico cambia e si avranno coefficienti diversi
da zero che rappresentano la relazione massa-energia. In generale scriveremo che

ds2 = gµν dxµ dxν , (1.12)

dove il tensore gµν è l’oggetto della relatività generale e si riconduce a ηµν nel caso di
assenza di gravità.

1.1.1 Collasso gravitazionale e generalità


Il collasso gravitazionale è la rapida implosione di una stella o di un altro corpo celeste
dalle sue normali dimensioni iniziali a dimensioni cento o mille volte inferiori. La sua
efficacia è soggetta a severe limitazioni dovute ai fenomeni della relatività generale.
La gravità è la forza creatrice dominante nell’universo (è responsabile della forma-
zione iniziale della stella dal materiale protostellare) ma è anche, a causa del collasso
gravitazionale, la forza distruttrice. Gli effetti relativistici (sia della relatività speciale
che generale) sono importanti nello studio della struttura stellare quando

• le velocità delle particelle diventano confrontabili con quelle della luce;

• le energie sono dello stesso ordine di grandezza della massa a riposo (E = mc2 );
Effetti legati alla relatività generale 11

• i campi gravitazionali sono forti.

Queste tre condizioni non sono del tutto indipendenti tra loro. I fotoni, per esempio,
sono particelle relativistiche. Gli elettroni (nelle nane bianche) e i neutroni (nelle stelle
di neutroni) possono assumere velocità relativistiche se gli effetti quantistici diventa-
no importanti. Il campo gravitazionale può diventare determinante in molti oggetti
compatti quando l’energia potenziale gravitazionale risulta essere confrontabile con
l’energia a riposo, cioè se Egrav = M 2 G/R ∼ M c2 .

1.1.2 Raggio di Schwarzschild


Vogliamo studiare le caratteristiche di un oggetto tale che la sua velocità di fuga sia
pari alla velocità della luce. La velocità di fuga si calcola ponendo a zero l’energia
totale di un oggetto di massa m
GM m 1 2
− + mvf = 0, (1.13)
R 2
da cui si ricava: s
2GM
vf = . (1.14)
R
Definiamo un buco nero come un oggetto di massa M avente raggio tale che la sua
velocità di fuga sia uguale a c. Questo raggio è detto raggio di Schwarzschild :
2GM
RSch = . (1.15)
c2
Esso definisce l’orizzonte degli eventi che separa le zone accessibili mediante segnali da
quelle inaccessibili, e viene utilizzato come parametro per distinguere tra oggetti in cui
sono importanti gli effetti relativistici e quelli in cui possiamo trascurarli. Consideriamo
un sistema non relativistico quando la sua energia gravitazionale è molto minore della
sua energia di massa:
GM 2
≪ M c2 (1.16)
R
che equivale alla condizione sul raggio:
GM
R≫ ≃ RSch (1.17)
c2
Un altro parametro utile per la distinzione tra i casi in cui applicare la fisica newtoniana
e quella relativistica è il potenziale gravitazionale adimensionale definito come:
GM RSch
φ= 2
≃ (1.18)
cR R
12 1. Generalità

Potenziale adimensionale Teoria adatta per la


Oggetto φ = GM/Rc2 descrizione dell’oggetto
Sole ∼ 10−6 Meccanica Newtoniana
Nana bianca ∼ 10−4 Meccanica Newtoniana
Stella di neutroni ∼ 10−1 Correzioni dovute a relatività generale
Buco nero ∼1 Relatività generale
Tabella 1.5: Valori del potenziale superficiale degli oggetti compatti.

Quando φ è molto minore di uno si può applicare la fisica newtoniana, mentre se è


confrontabile con l’unità è necessario applicare la relatività generale. In Tab. 1.5 sono
riportati i valori del potenziale gravitazionale per i casi astrofisici che ci riguardano. Si
può generalizzare dicendo che le stelle vere e proprie, cioè le stelle della sequenza prin-
cipale, possono essere descritte dalla meccanica classica newtoniana senza introdurre
la meccanica quantistica o la relatività sia speciale che generale. Nel caso degli oggetti
compatti (stelle evolute fuori dalla sequenza principale) l’introduzione della relatività
generale è funzione del valore del potenziale adimensionale φ. Nel caso delle stelle di
neutroni gli effetti relativistici rappresentano correzioni mentre i buchi neri possono
essere analizzati esclusivamente nell’ambito della teoria di Einstein della gravitazione.

1.1.3 Redshift gravitazionale


Alcune conseguenze della relatività generale hanno descrizione semiclassica in astrofisi-
ca. Un esempio è il calcolo del redshift per la radiazione emessa da un oggetto che cade
dentro un buco nero. È stato dimostrato da Oppenheimer che se una stella, mediante
collasso, riduce il suo raggio al di sotto del raggio di Schwarzschild, essa non può più
cedere energia cinetica di collasso in alcuna forma, ma continuerà a collassare finché le
forze gravitazionali non l’avranno ridotta a uno stato di densità infinita (singolarità).
La curvatura dello spazio-tempo generata dalla gravitazione costringe un osservatore
orbitante e la superficie della stella a muoversi lungo traiettorie curve piuttosto che su
linee rette. Supponiamo che durante il collasso un osservatore, sulla superficie della
stella, invii segnali a un altro in orbita attorno alla stella descrivendogli il collasso.
L’osservatore orbitante riceve i segnali con un ritardo crescente. Questo shift, noto co-
me redshift, deriva dal rallentamento subito nel campo gravitazionale da tutti i processi
periodici (quali segnali radio). Di conseguenza, per l’osservatore la stella sta subendo
un collasso sempre più lento e la sua luce viene spostata sempre più verso il rosso. Alla
fine la stella appare come una sfera scura, praticamente invisibile ma può catturare
materia e luce. Per questo motivo si chiama buco nero.
Analizziamo il fenomeno precedente in termini più quantitativi, semiclassicamente.
La relatività speciale associa una massa equivalente, E/c2 , ad ogni oggetto la cui energia
sia E. Ad un fotone di energia E = hν deve quindi essere associata una “massa
Sistemi classici e quantistici 13

gravitazionale” m = hν c2
. La relatività generale richiede che tutte le forme di massa
agiscano come sorgenti di campo gravitazionale e rispondano a campi gravitazionali
esterni. Questo significa che il fotone emesso alla frequenza iniziale ν0 , mentre lascia
l’oggetto di massa M e raggio R, risentirà di un’energia gravitazionale data da
GM m GM hν0
Egrav = − =− (1.19)
R Rc2
Dalla conservazione dell’energia, si ottiene quindi che
GM hν0
hν = hν0 + Egrav = hν0 − (1.20)
Rc2
dove hν è l’energia del fotone lontano dall’oggetto che sta collassando. Quindi si ricava
che la riduzione nell’energia del fotone ∆E = h∆ν = h(ν − ν0 ) è associata all’energia
potenziale gravitazionale del fotone. In questo modo si ottiene che
GM hν0 ∆ν MG RSch
h∆ν = − → =− 2 ∼− (1.21)
Rc2 ν0 Rc R
L’ultima relazione, ottenuta con un calcolo semiclassico in cui si conserva l’energia
totale, coincide con il redshift in relatività generale. Sempre da questa relazione si
ottiene il seguente risultato
(
R ≫ RSch ∆ν ≪ ν0 redshift di poca importanza
(1.22)
R ≪ RSch ∆ν ≫ ν0 redshift di molta importanza

1.2 Sistemi classici e quantistici


Abbiamo visto che il potenziale gravitazionale adimensionale è il parametro che ci
permette di distinguere i casi in cui è necessario applicare la teoria della relatività
generale. Una seconda importante discriminazione è quella tra sistemi che devono
essere studiati con l’ausilio della meccanica quantistica e sistemi “classici”, dove per
classico si intende non quantistico.
Consideriamo un sistema omogeneo, con una densità numerica di particelle n. Pos-
siamo tracciare attorno a ogni particella una celletta, che rappresenta lo spazio a dispo-
sizione della singola particella: il volume della cella sarà inversamente proporzionale
alla densità. Da questo possiamo ricavare la distanza media tra le particelle del sistema:
1
l≈ (1.23)
n1/3
In Tab. 1.2 sono riportati i valori delle distanze medie tra le particelle di alcuni oggetti
di nostro interesse. Una delle maggiori differenze tra fisica classica e quantistica è che
nella seconda alla particella viene associata un onda. Un sistema è classico quando i
14 1. Generalità

Oggetto Distanza media


Materia nucleare ≈ 2 fm
Sole ≈ 105 f m
Nana Bianca ≈ 103 f m
Stella di Neutroni ≈ 1 fm
Tabella 1.6: Distanze medie tra le particelle di alcuni sistemi fisici.

pacchetti d’onda associati alle singole particelle non si sovrapponogono. Quindi per
distinguere tra sistemi classici e quantistici è necessario confrontare la distanza media
tra le particelle con la lunghezza d’onda di De Broglie associata alle particelle, definita
come
h
λdB = (1.24)
p
dove p è il momento della particella. L’altra lunghezza d’onda importante è quella di
Compton
h
λC = (1.25)
mc
Se le particelle si trovano a distanze confrontabili a questa, si comportano in modo
meccanicamente quantistico. Consideriamo infatti il principio di Heisenberg, secondo
cui le incertezze su posizione e momento sono vincolate dalla relazione ∆x∆p ≥ h̄/2.
Se assegniamo alla particella un’incertezza ∆x ∼ λC , si ottiene


∆p ≥ ∼ mc (1.26)
2λC
Ciò significa che su scale spaziali confrontabili con la lunghezza Compton le incer-
tezze sul momento sono tanto alte da introdurre importanti effetti di creazione e
annichiliazione di coppie, un effetto puramente quantistico.
Consideriamo gli elettroni nel Sole: sono particelle non relativistiche poiché la loro
energia media termica ǫ = 23 kB T è dell’ordine di ≈ 2 × 10−3 M eV (con Tc,⊙ ≈ 1.5 ×
107 K), molto minore dell’energia di massa (0.5 M eV ). A maggior ragione saranno non
relativistici i nucleoni, che hanno la stessa energia termica, ma massa molto maggiore
(≈ 1 GeV ). Calcoliamo ora la lunghezza d’onda √ di de Broglie
√ a queste particelle:
il momento p nel caso non relativistico è p = 2mEK = 3mkB T . Sostituendo
nell’espressione (1.24) i valori numerici troviamo per gli elettroni

h
λdB
e = √ ≈ 3 × 104 f m (1.27)
3me kB T

che è minore della distanza media tra le particelle, riportata in Tab. 1.2. A maggior
ragione la lunghezza d’onda associata ai nucleoni, che è molto minore di quella degli
Sistemi classici e quantistici 15

elettroni, sarà minore della distanza tra particelle. Possiamo quindi affermare che sia
gli elettroni che i nucleoni del sole sono classici e non relativistici.
Consideriamo ora le nane bianche: anche in questo caso le temperature tipiche
(Twd ≈ 107 K) sono tali che l’energia termica associata alle particelle (Ewd ≈ 10−3 M eV )
è molto minore dell’energia di massa sia per gli elettroni che per i nucleoni. Possiamo
quindi calcolare la lunghezza d’onda di de Broglie come nel caso precedente e troviamo
per gli elettroni
λdB 4
e = 3 × 10 f m (1.28)
che è maggiore della distanza media. Nelle nane bianche quindi gli elettroni sono
degeneri. A questo punto, dobbiamo però verificare l’assunzione che gli elettroni siano
non relativistici utilizzando le tecniche della meccanica quantistica: dobbiamo cioè
confrontare le distanze medie con la lunghezza d’onda Compton sopra definita con le
distanze medie. Per gli elettroni troviamo

λC
e ≈ 2400 f m (1.29)

dello stesso ordine di grandezza della distanza media: gli elettroni sono quindi tipica-
mente quasi relativistici, ma come vedremo questo dipende dalla densità centrale della
nana bianca, che a sua volta è fissata dalla sua massa. I nucleoni delle nane bianche
sono invece non relativistici e non degeneri.
L’ultimo caso è quello delle stelle di neutroni: anche in questo caso le temperature
(Tns ≈ 108 K) sono tali da suggerire che le particelle siano non relativistiche. Tuttavia
sappiamo dal caso delle nane bianche che la lunghezza Compton dell’elettrone è circa
2400 f m, molto maggiore della distanza media tra le particelle della stella di neutroni
(l ≈ 1 f m): gli elettroni sono quindi ultra relativistici. In questa approssimazione il
momento è p = ε/c e la loro lunghezza d’onda di de Broglie

λdB 5
e = hc/ε ≈ 10 f m (1.30)

è notevolmente maggiore della distanza media tra le particelle: gli elettroni sono anche
degeneri. Calcolando la lunghezza Compton per i nucleoni troviamo
me C
λC
N = λ ≈ 1.3 f m (1.31)
mN e

dello stesso ordine di grandezza della distanza media: si tratta quindi di particelle
relativistiche. Per i nucleoni inoltre troviamo che la lunghezza d’onda di de Broglie
è molto maggiore della distanza media: anche i nucleoni sono degeneri nelle stelle di
neutroni.
λdB
N ≈ 400 f m (1.32)
In Tab. 1.7 sono riassunti i risultati ottenuti.
16 1. Generalità

Oggetto Particelle Caratteristiche


Sole elettroni classici e non relativistici
nucleoni classici e non relativistici
Nana bianca elettroni degeneri e quasi relativistici
nucleoni classici e non relativistici
Stella di neutroni elettroni degeneri e ultra relativistici
nucleoni degeneri e relativistici
Tabella 1.7: Caratteristiche delle particelle in tre classi di astri.

1.3 Termodinamica nelle stelle


Nella formulazione della termodinamica classica si parte dall’assunzione di conservazio-
ne del numero di particelle. Nelle stelle questa assunzione non è sempre valida perché
possono avvenire processi, come la formazione di coppie, in cui il numero di particelle
non è conservato. È quindi necessario riformulare alcuni risultati della termodinamica,
utilizzando la conservazione di un’altra quantità: il numero barionico.
In applicazioni astrofisiche si preferisce introdurre le seguenti variabili termodina-
miche:

numero di barioni

nb = = densità numerica di barioni






 volume



1 volume



= = volume occupato da un barione



 nb numero barionico


(1.33)
energia




 ε= = densità di energia totale
volume








ε densità di energia




 = = energia per barione
nb densità barionica

Questa scelta si basa sull’ipotesi che il numero barionico sia una quantità che si conser-
va nelle reazioni nucleari e tra particelle elementari. Ricordiamo, infatti, che finora la
teoria della gravità e la QCD non sono state ancora unificate nella GU T (teoria della
grande unificazione), che dovrebbe prevedere che il protone possa decadere in leptoni
(vedi appendice B). Tuttavia, tali teorie non sono ancora state unificate e il decadi-
mento del protone non è ancora stato osservato sperimentalmente. Se ciò avvenisse, la
conservazione del numero barionico sarebbe violata.
Un altro motivo per riscrivere la termodinamica in termine del numero barionico
è che, secondo questa formulazione, risulta più evidente l’invarianza relativistica della
Termodinamica nelle stelle 17

termodinamica. Questo significa che viene scelto un sistema di riferimento localmente


inerziale, solidale con il fluido relativistico.
È opportuno osservare che quando si parla di energia si intende sempre l’energia
relativistica
ε2 = (pc)2 + (mc2 )2 (1.34)
comprensiva dell’energia a riposo. L’energia cinetica è definita come εk = ε − mc2 che
nel caso NR tende all’usuale forma classica (vedi appendice B).
Il primo principio della termodinamica, per barione, diventa
ε 1
   
d = δQ − P d (1.35)
nb nb
dove δQ è il calore guadagnato per barione e P è la pressione.
Se un processo avviene all’equilibrio (la trasformazione è reversibile), si può colle-
gare l’entropia per barione s al calore, attraverso la relazione

δQ = T ds, (1.36)

dove T è la temperatura. Introducendo l’espressione precedente nell’Eq. (1.35), si


ottiene
ε 1
   
d = T ds − pd (1.37)
nb nb
È evidente, dalla relazione precedente, che ε è una funzione di stato dipendente dalle
variabili indipendenti n, s, cioè ε = ε(nb , s).
In generale, la densità di energia di un sistema che contiene diverse specie di par-
ticelle dipende dalle quantità relative presenti delle diverse specie. Indicizziamo con la
lettera i le diverse specie presenti, per esempio n, p, e, e definiamo come concentrazione
(o abbondanza) della i-esima specie la quantità
ni
Yi = (1.38)
nb
dove
ni = NVi
(
(1.39)
n= NV

La funzione di stato ε dipenderà anche dalla variabile Yi , quindi ε = ε(nb , s, Yi ), cioè


bisogna considerare anche la concentrazione delle varie specie barioniche. Il primo
principio della termodinamica per un sistema che può scambiare con l’ambiente energia,
lavoro e particelle si generalizza, perciò, come
ε 1
  X 
d = T ds − pd + µi dYi (1.40)
nb nb i
18 1. Generalità

in cui µi rappresenta il potenziale chimico della specie i-esima. In quest’ultima relazione


si evidenzia la dipendenza della variazione di energia dal numero N di particelle.
La funzione di stato ε(nb , s, Yi ) è una forma differenziale esatta:
     
ε ε ε

ε
 ∂ n
∂ nb

1
  X∂ n
b


d = ds + d + dYi (1.41)
nb ∂s ∂ n1b
nb i ∂Y i


nb ,Yi s,Yi nb ,s

Confrontando questo risultato con l’Eq. (1.40) si ottiene



∂(ε/nb )
T =
∂s nb ,Yi


∂(ε/nb ) 2 ∂(ε/nb )

P = − = n b
∂(1/nb ) s,Yi ∂nb s,Yi


∂(ε/nb ) ∂ε
µi = =
∂Yi s,nb ∂ni s,nb

(1.42)

Da questi ultimi risultati si vede che il potenziale chimico µi della specie i-esima non
è altro che la variazione della densità di energia causata da una variazione nella den-
sità numerica della specie i-esima mentre il volume, l’entropia e tutte le altre densità
numeriche vengono mantenute costanti. In pratica, rappresenta l’energia guadagnata
o persa quando si aggiunge o toglie una particella.
È opportuno fare una piccola osservazione sulla densità numerica di barioni: questa
quantità è in qualche modo legata alla massa del sistema considerato. Nel caso in cui,
nel sistema in esame, fossero presenti più specie, si avrebbe
X
nb = nj Aj , (1.43)
j

dove Aj è il numero dei barioni per specie mentre nj è la densità numerica della i-
esima specie. Per esempio, se consideriamo il 56 Fe sappiamo che è costituito da Z = 26
protoni e N = 30 neutroni (56 barioni) per cui nb = nF e × 56. Se consideriamo,
invece, un sistema composto da H, 4 He e 235 U il numero barionico sarà dato da nb =
nH × 1 + nHe × 4 + nU × 235.
Consideriamo il sistema isolato e in equilibrio. Ciò significa che non ci sono scambi
calore (δQ = 0), nè variazioni del volume o del numero di particelle (dnb = 0). All’in-
terno del sistema considerato ogni reazione viene bilanciata dalla sua inversa, fenomeno
che conduce alla costanza della concentrazione di ogni specie presente. Il primo prin-
cipio della termodinamica (vedi Eq. (1.35)), per un tale sistema, diventa d(ε/nb ) = 0,
cioè l’energia rimane costante. L’entropia assume un valore massimo all’equilibrio (se-
conda legge della termodinamica), quindi ds = 0. Questo vuol dire che, all’equilibrio
Termodinamica nelle stelle 19

si avrà (vedi Eq. (1.40)) X


µi dYi = 0, (1.44)
i

Consideriamo, per esempio, un gas di neutroni, elettroni e protoni all’equilibrio. Le


reazioni possibili sono

• n → p + e− + ν̄e

• e− + p → n + νe

Applicchiamo la condizione di Eq. (1.44) alla prima reazione ottenendo

µe dYe + µp dYp + µn dYn + µν dYν = 0. (1.45)

Dato il tipo di reazione si ha che dYe = dYp = −dYn = −dYν che, inserito in Eq. (1.45),
porta a
µe + µp = µn + µν . (1.46)
Quanto visto finora vale per trasformazioni reversibili. Nel caso di irreversibi-
lità, il secondo principio della termodinamica applicato a una trasformazione ciclica
si trasforma in
I
δQirrev I
δQrev I
δQirrev
δQirrev < T ds → = ∆s > =0→ >0 (1.47)
T T T
per cui la condizione di conservazione dell’energia implica
ε 1
   
d + Pd ≡ δ Q ≤ T ds (1.48)
nb nb
dove le uguaglianze valgono nel caso di trasformazioni reversibili. Nel caso di sistema
isolato si verifica che dnb = 0 e ds = 0, per cui
ε
 
d ≤ 0. (1.49)
nb
Questo significa che lo stato di equilibrio, corrispondente a dε = 0, è un minimo per
ε, con la condizione che nb e s siano costanti. In pratica, all’equilibrio, il sistema
minimizza un certo potenziale termodinamico adatto a descriverlo.
Ricordiamo che in termodinamica sono necessarie solo due variabili indipendenti
per descrivere il sistema, in quanto la terza variabile si ricava dall’equazione di stato.
Molto spesso è conveniente utilizzare l’energia libera di Gibbs per barione o quella di
Helmholtz (vedere appendice A). Nel primo caso abbiamo
ε+p 1 X
g≡ − T s, dg = dP − sdT + µi dYi (1.50)
nb nb i
20 1. Generalità

da cui, se T e P sono mantenuti costanti, si ottiene g ≤ 0. La condizione di equilibrio si


verifica, perciò, quando l’energia libera (con T e P costanti) assume un valore minimo.
Nel secondo caso si ha
ε
f≡ − T s, (1.51)
nb
da cui, mantenendo T e nb costanti, si ottiene che la condizione di equilibrio corrisponde
ad un minimo per f , cioè df ≤ 0.
All’equilibrio, tutte le quantità termodinamiche associate alla specie i sono funzioni
solo di T e µi (gas ideali). In generale è necessario specificare la temperatura T e i µi
per una descrizione completa dello stato di equilibrio. In alternativa, per determinare
pressione, temperatura, energia interna bisogna specificare la concentrazione di H, He
e non solo la densità barionica nb .
In alcune situazioni si parla di equilibrio limitato. Questo significa che certe reazio-
ni necessarie per raggiungere l’equilibrio sono troppo lente sulla scala dei tempi di
interesse.
Capitolo 2

Equazione di stato per gas ideali

I sistemi astrofisici non sono in equilibrio termodinamico esatto. Anche le proprietà


locali della materia cambiano con il tempo (composizione, grado di ionizzazione). Le
velocità dei cambiamenti microscopici sono dell’ordine di 10−8 s (tempo tipico dei pro-
cessi atomici) e sono molti ordini di grandezza più piccole delle scale temporali dei
processi astrofisici di interesse. Tutto ciò significa che possiamo considerare le variazio-
ni di uno stato istantanee e l’elemento di materia può essere considerato in equilibrio
termodinamico e quindi descrivibile tramite le usuali variabili termodinamiche quali
energia interna, temperatura e pressione. Le proprietà della materia possono essere
poi espresse in termini di un’equazione di stato, cioè una relazione che collega, per
esempio, la pressione o la densità di energia alle variabili indipendenti T e ρ. In que-
sto capitolo presentiamo le equazioni di stato più importanti che verranno usate per
studiare le proprietà degli oggetti compatti.
Consideriamo la materia stellare costituita da una sfera di gas. Questo ci permette
di utilizzare le tecniche e i risultati della teoria cinetica, la quale descrive lo stato
di equilibrio e le proprietà di trasporto di un gas (massa, calore, quantità di moto,
carica elettrica). I metodi usati sono quelli della meccanica statistica. Lo stato del
sistema viene descritto in termini di appropriate funzioni di distribuzione mediante le
quali è possibile valutare il valore medio di ogni proprietà individuale delle particelle
costituenti e, di conseguenza, ogni proprietà macroscopica di equilibrio e di trasporto
nell’intero sistema.

2.1 Funzione di distribuzione


In meccanica statistica la densità numerica nello spazio delle fasi per ogni singola specie
di particelle, dN/d3 xd3 p, dà una descrizione completa del sistema. Si rimanda all’ap-
pendice B per una breve trattazione, di cui riportiamo i principali risultati riguardanti

21
22 2. Equazione di stato per gas ideali

densità numerica di particelle n, densità di energia ε e pressione P :


gs Z
n = 3 f (p)d3 p
h
gs Z
ε = 3 εp f (p)d3 p
h
1 gs Z
P = pvp f d3 p. (2.1)
3 h3
∂εp
dove vp = ∂p
. Inoltre
V gs
g(p)dp = 4πp2 dp (2.2)
h3
Riportiamo inoltre i due limiti estremi delle relazioni precedenti, che rappresentano un
sistema di particelle non-relativistiche (NR) e ultra-relativistiche (UR), sempre ricavati
in appendice B.

non-relativistico(NR) ultra-relativistico(UR)
p2
εp = mc2 + + ... εp = pc
p 2m
vp = vp = c
m
2 1
P V = Ek,nr P V = Ek,ur
3Z 3Z
p 2 gs
!
3 gs
Ek,nr = d p f Ek,ur = d3 p(pc) f
2m h3 h3

Occupiamoci dunque di definire la funzione di distribuzione f , ossia il numero di


occupazione medio di una cella nello spazio delle fasi definito da relazione
dN gs
≡ (2.3)
d3 xd3 p h3
dove N è il numero totale di particelle, h = 6.626 × 10−27 erg s costante di Planck e gs
la degenerazione di una particella con un dato valore di momento p.
La funzione di distribuzione appropriata ad un particolare sistema fisico varia a
seconda che le proprietà che si vogliono descrivere siano di equilibrio o di trasporto, e
che il sistema sia classico o quantistico. In entrambi i casi c’è un ulteriore distinzione
collegata alla natura ideale del sistema (le interazioni tra le particelle costituenti il
gas sono trascu-rabili) o reale. La funzione di distribuzione fi (x, p, t) rappresenta il
numero di particelle costituenti il gas della i-esima specie che al tempo t giacciono entro
un elemento infinite-simo di volume attorno a x e che hanno momento in un intervallo
infinitesimo attorno a p.
In condizioni standard un gas classico è composto da particelle identiche e distin-
guibili. Dal punto di vista quantistico questa situazione cessa di essere valida nel
Funzione di distribuzione 23

momento in cui, in condizioni di alta densità, le funzioni d’onda si sovrappongono per-


dendo la distinguibilità. Dal punto di vista microscopico, la temperatura, la pressione
e il potenziale chimico determinano la distribuzione di equilibrio delle particelle negli
stati quantistici. Questa distribuzione dipende dalla natura fermionica o bosonica delle
particelle.
• Fermioni identici obbediscono alla statistica di Fermi-Dirac per cui l’occupazione
degli stati è limitata dal principio di esclusione di Pauli: non più di una particella
può occupare un dato stato quantistico e il numero medio si trova da
1
f (εp ) = , (2.4)
e(εp −µ)/kB T +1
in cui kB = 1.381 × 10−16 erg K −1 è la costante di Boltzmann. I fermioni riem-
piono tutti gli stati di momento p ad energia più bassa; questo implica che, anche
a T = 0 alcune particelle possono avere momento finito. Quindi un gas di Fermi,
a T = 0, ha una pressione finita e non nulla. Per un gas ideale fermionico, non
c’è condensazione in un singolo stato. A temperatura nulla, tutti gli stati al di
sotto di un’energia εF√= µ, detta energia di Fermi, sono occupati e il momento
corrispondente, pF = 2mεF , viene chiamato momento di Fermi.
• Bosoni identici obbediscono alla statistica di Bose-Einstein in cui qualsiasi numero
di particelle può occupare un dato stato quantistico e il numero medio si trova
da
1
f (εp ) = (εp −µ)/k T . (2.5)
e B −1
A basse temperature, un gas bosonico può effettuare una transizione di fase
(anche se le particelle non interagiscono) nella quale un numero macroscopico
di particelle condensa in uno stato a momento singolo. Per un gas di Bose, il
potenziale chimico assume valori negativi mentre per un gas di Fermi può essere
positivo o negativo.
Queste distribuzioni sono illustrate in Fig. 2.1, in cui si vede che l’occupazione
media di ogni stato decresce al decrescere del potenziale chimico o all’aumentare della
temperatura. Quando ciò avviene, le funzioni di distribuzione dei fermioni e dei bosoni
approssimano la medesima funzione di distribuzione di Maxwell-Boltzmann che è valida
nel caso di un gas classico diluito. In un tale sistema, anche gli stati ad energia più
bassa sono scarsamente occupati e l’occupazione di tali stati diventa più piccola di uno
quando
2
e(mc −µ)/kB T ≫ 1, limite diluito (2.6)
In questo caso, i fattori +1 e −1 nelle distribuzioni fermioniche e bosoniche possono
essere trascurati e, in entrambi i casi, l’occupazione media diventa
f (εp ) ≈ e−(εp −µ)/kB T ≪ 1. (2.7)
24 2. Equazione di stato per gas ideali

Figura 2.1: Numero medio di bosoni e fermioni in uno stato quantistico con energia εp per
valori diversi del potenziale chimico. La scala di energia è stata fissata ponendo kB T = 1.

Questo risultato implica che gas di bosoni e di fermioni hanno proprietà simili quando
l’occupazione di ogni stato quantistico è bassa. Il fatto che ci può essere un fermione
ma un qualsiasi numero di bosoni in un dato stato non ha più importanza perché l’occu-
pazione media di quello stato è molto minore di uno. Inoltre, gas diluiti si comportano
come un sistema di particelle classico perché la separazione tra particelle permette di
poter seguire il loro moto e di distinguere le particelle. In questa situazione bosoni e
fermioni obbediscono alla statistica classica di Maxwell-Boltzmann, e si dicono max-
wellioni. Il comportamento classico o quantistico di un gas di elettroni ha una rilevanza
fondamentale nello studio della fisica stellare. L’analisi che stiamo per effettuare sul gas
ideale è applicabile a qualsiasi tipo di fermioni, in particolare agli elettroni, nucleoni
(neutroni e protoni), neutrini e le loro antiparticelle. In molte condizioni astrofisiche,
i neutrini hanno un cammino libero medio talmente grande che non hanno bisogno di
essere descritti da un’equazione di stato, cioè non esercitano pressione. Comunque,
nel breve intervallo di tempo del collasso stellare, che può portare all’esplosione di una
supernova, il neutrino può diventare degenere e avremo bisogno di un’equazione di
stato.
Gas ideale classico 25

2.2 Gas ideale classico


Mostriamo che l’usuale equazione di stato del gas ideale P V = N kB T risulta valida
indipendentemente dal fatto che le particelle siano relativistiche o meno. Un gas è clas-
sico quando l’occupazione media di ogni stato quantistico è piccola ed è data dall’Eq.
(2.7) (per semplificare la notazione si introduce la quantità β = 1/kB T ):

f (p) = eβ(µ−εp ) (2.8)

in cui l’energia di una particella è data da

ε2p = mc2 + (pc)2 (2.9)

Calcoliamo la pressione di un tale gas utilizzando l’Eq. (2.1)


1 Z ∞ βµ −βεp gs 2 1 βµ gs Z ∞ 3 −βεp
P = e e pvp 3 4πp dp = e 4π pe vp dp (2.10)
3 0 h 3 h3 0

Usiamo le seguenti considerazioni per semplificare l’integrale


h i
d e−βεp = −βe−βεp dεp = −βe−βεp vp dp. (2.11)

In questo modo l’integrale diventa


Z ∞
3 −βεp 1 Z ∞ 3 −βεp
pe vp dp = − p de , (2.12)
0 β 0
che può essere integrato per parti, ottenendo
Z ∞
3 −βεp 3 Z ∞ −βεp 2
pe vp dp = e p dp. (2.13)
0 β 0
Sosituendo questo risultato in Eq. (2.10) si ottiene l’espressione della pressione per un
gas ideale classico
1 βµ Z ∞ −βεp gs
P = e e 4πp2 dp. (2.14)
β 0 h3
Calcoliamo ora il numero di particelle per un gas classico utilizzando le Eqs. (2.1) e
(2.7)
N Z ∞
gs
= eβµ e−βε 3 4πp2 dp. (2.15)
V 0 h
Questo risultato può essere utilizzato in Eq. (2.14), ottenendo

P V = N kB T. (2.16)

Va sottolineato che questa equazione di stato è valida per particelle classiche anche
quando sono relativistiche. Quando le particelle diventano più energetiche ci possono
26 2. Equazione di stato per gas ideali

essere contributi addizionali a P in quanto il processo di creazione di coppie diventa


energeticamente possibile.
L’Eq. (2.16) può essere confrontata con le relazioni tra pressione e densità di energia
cinetica (vedi tabella (2.1)). Si trova che l’energia cinetica media di una particella in
un gas classico è Ēk /N = 3/2kB T (caso NR) e Ēk /N = 3kB T (caso UR). A parità
di temperatura T , se le particelle sono relativistiche hanno un’energia cinetica media
doppia rispetto al caso non relativistico, anche se la statistica che le descrive è identica.
In un gas perfetto monoatomico l’energia interna coincide con quella cinetica in
quanto le particelle interagiscono solo per urti elastici. Indicando il numero di moli
come nm ≡ N/NA (dove NA = 6.023 × 1023 è il numero di Avogadro), questo significa
che
3 3
Unr = N kB T = nm RT
2 2
Uur = 3N kB T = 3nm RT (2.17)
Ricordando il primo principio della termodinamica dU = δQ − pdV , si può calcolare
la capacità termica a volume costante

δQ dU
CV ≡ = (2.18)
dT V dT V

Introduciamo quindi il calore specifico molare a volume costante cV ≡ CV /nm , che


risulta essere (
3
R NR
cV = 2 (2.19)
3R UR
dove R ≡ kB /NA = 8.314472 J K −1 mol−1 è la costante universale dei gas perfetti.
Abbiamo in definitiva trovato che vale la stessa equazione di stato per un gas classico
di particelle NR o UR ma che le loro capacità termiche differiscono (sono il doppio nel
caso UR).
Analogamente, consideriamo il calore specifico molare a pressione costante:

1 δQ 1 d(U + P V )
cP = = = cV + R (2.20)
nm dT P nm dT
P

Definiamo inoltre l’indice adiabatico


cP
γ≡ (2.21)
cV
che nel caso di un gas ideale monoatomico vale γ = 5/3. Possiamo inoltre calcolare la
differenza di entropia per mole dovuta a una trasformazione reversibile tra due stati
per un gas perfetto (P0 , T0 , ρ0 ) e (P1 , T1 , ρ1 ):
! ! !
1 Z 1 δQ 1 Z 1 dU + P dV Z 1
dT dV
∆s ≡ = = cV +R (2.22)
nm 0 T rev nm 0 T 0 T V
Gas di fotoni 27

Figura 2.2: Potenziale chimico di gas ideali classici di fermioni e bosoni mantenendo
costanti il numero di particelle e il volume.

da cui, utilizzando (2.21):

T1 V1γ−1 P1 ργ0
! !
∆s = cV ln = cV ln (2.23)
T0 V0γ−1 P0 ργ1

Nella Fig. 2.2 viene rappresentato il potenziale chimico classico. Quando la tempe-
ratura diminuisce, la quantità µc /kB T si annulla e diventa positiva divergendo a T = 0.
Dato che per un gas di bosoni µ ≤ 0 questo vuol dire che il potenziale chimico di un
gas ideale di bosoni deve avere un valore più basso di quello classico quando T → 0.

2.3 Gas di fotoni


In prima approssimazione, si può considerare la materia stellare come una miscela di
materia e radiazione in equilibrio termodinamico. Infatti, la pressione dovuta alla ra-
diazione all’interno della stella può essere importante tanto quanto la pressione dovuta
agli ioni e agli elettroni. Per questa ragione è importante conoscere le proprietà del
corpo nero, cioè di un gas di fotoni in equilibrio termodinamico.
Questo gas è il caso più semplice perché tutte le particelle costituenti, i fotoni, hanno
la medesima velocità pari a quella delle luce (v = c) e sono quindi intrinsecamente
ultrarelativistici. La caratteristica insolita di questo gas è che il numero di particelle
cambia: i fotoni, aventi massa a riposo nulla (m = 0), possono essere creati o distrutti.
28 2. Equazione di stato per gas ideali

Consideriamo un sistema isolato, con volume e temperatura fissati: il primo principio


della termodinamica
dU = T dS − pdV + µdN (2.24)
si riduce a
T dS + µdN = 0. (2.25)
Infatti dU = 0 poiché il sistema è isolato e pdV = 0 perché il volume
è fissato. Inoltre
dS
in un sistema all’equilibrio l’entropia è massima e quindi dN = 0. Combinando
V,U
questi risultati si ottiene
dS µ
= = 0, (2.26)
dN V,U T

da cui si ricava che il potenziale chimico deve essere nullo per un gas di fotoni.
Possiamo ottenere questo stesso risultato in un altro modo, considerando l’energia
libera di Helmoltz

F = U − TS dF = dU − T dS − SdT ⇒ dU = dF + T dS + SdT (2.27)

Confrontando questo risultato con il primo principio della termodinamica, espresso in


Eq. (2.24), si ottiene
dF = µdN − pdV − SdT. (2.28)
Come nel caso precedente i termini pdV e SdT sono nulli (V e T costanti), da cui si
ricava dF = µdN . La condizione di equilibrio si traduce nella minimizzazione di F ,
per cui
dF
= 0 = µ. (2.29)
dN V,T

La condizione µ = 0 implica che i fotoni sono completamente degeneri: stiamo quindi


studiando il caso di un gas ultrarelativistico e degenere.
La funzione di distribuzione del corpo nero è data da
1
f (ε) = , (2.30)
eβε −1
in cui l’energia del bosone è uguale a ε = pc.
Calcoliamo ora la densità dei fotoni attraverso l’Eq. (2.1)
gS Z 1 3 2 Z 1
n= 3 βε
d p = 3 βε
4πp2 dp. (2.31)
h e −1 h e −1
L’integrale può essere calcolato effettuando un opportuno cambiamento di variabile.
Infatti, ponendo x = βε si ricava che dx = βdε = cβdp in quanto ε = pc. L’integrale
diventa
8π Z ∞ x2
n= dx. (2.32)
(hcβ)3 0 ex − 1
Gas di fotoni 29

La densità di energia in un gas di fotoni può essere calcolata utilizzando lo stesso cambio
di variabile precedente nell’opportuno integrale delle Eqs. (2.1). Si ottiene quindi

E 8π 1 Z ∞ x3
ε= = dx. (2.33)
V (hcβ)3 β 0 ex − 1
Gli integrali in x possono essere messi in relazione con integrali particolari della funzione
ξ di Riemann. In particolare si ottiene
Z ∞ x2
dx = 2ξ(3) = 2.404,
0 ex − 1
Z ∞ x3 π4
dx = 6ξ(4) = . (2.34)
0 ex − 1 15
Combinando i risultati di Eqs. (2.32, 2.34), si ottiene che
!3
kB
n = 16πξ(3) T 3 = bT 3 , (2.35)
hc

dove b = 20.3K −3 cm−3 , mentre la densità di energia risulta essere

8π 5 (kB T )4
ε= 3
= aT 4 , (2.36)
15 (hc)

in cui a = 7.565 × 10−16 J K −4 m−3 .


Queste due equazioni possono essere combinate per dare

π4
ε= kB T = 2.7nkB T (2.37)
30ξ(3)
Questo vuol dire che l’energia media di un fotone in un gas a temperatura T è uguale
a 2.7kB T ; il corrispondente risultato per particelle in un gas classico diluito è pari a
3/2kB T nel caso NR e 3kB T in quello UR. Questo significa che i fotoni sono un pò
meno energetici di un gas di particelle U R.
Consideriamo la capacità termica a volume costante. Per il gas di fotoni si ottiene

dU εV dε

CV = = =V = V 4aT 3 (2.38)
dT V dT V dT

questo significa che CV dipende dal cubo della temperatura.


Dato che la pressione di particelle UR è un terzo della densità di energia cinetica,
la pressione di radiazione alla temperatura T è uguale a
1
Pr = aT 4 , (2.39)
3
30 2. Equazione di stato per gas ideali

in cui si vede una dipendenza quadratica dalla temperatura mentre nel caso delle
particelle si ha una dipendenza lineare. Questo significa che la pressione di radiazione
diventa dominante al crescere della temperatura in particolar modo nelle stelle massive
che sono sostenute dalla pressione di radiazione dei fotoni. Come vedremo nel capitolo
4, il teorema del viriale ci dice che l’energia cinetica termica di una stella in equilibrio
idrostatico è collegata all’energia potenziale gravitazionale. Questo significa che la
tipica temperatura interna T di una stella di massa M e raggio R è approssimata da
M/R. Gli elettroni e gli ioni hanno densità numeriche ne e ni che sono proprorzionali
a M/R3 , e questo gas di particelle forniscono una pressione pari a

M2
Pg = ne kB T + ni kB T ∝ . (2.40)
R4
Viceversa, la pressione di radiazione è data da

1 M4
Pr = aT 4 ∝ 4 . (2.41)
3 R
Quindi
Pr
∝ M 2. (2.42)
Pg
Questo significa che il rapporto tra la pressione di radiazione generata dai fotoni e quella
del gas di elettroni e ioni aumenta con la massa delle stella, e che quindi il contributo
dei fotoni diventa sempre più importante rispetto a quelllo del gas all’aumentare della
massa della stella.

2.4 Gas di fermioni a T=0


Come abbiamo visto in precedenza, gli elettroni, mentre la materia stellare si con-
trae, formano inizialmente un gas classico diluito e, successivamente, un gas quantisti-
co. Inoltre, all’aumentare della densità, diventano altamente relativistici. Gli effetti
quantistici dominano quando la densità degli elettroni diventa grande rispetto alla
concentrazione quantistica, definita come

nQ = λ−3
dB (2.43)

Questa richiesta può essere vista, equivalentemente, come la richiesta di bassa tempe-
ratura. In particolare n ≫ nQ è equivalente, nel caso classico non relativistico in cui
K̄ = 3/2kB T , a kB T ≪ h2 n2/3 /3m. Quindi un gas diventa quantistico se è abbastanza
freddo, ma lo standard di freddezza viene imposta dalla densità: una temperatura di
miliardi di gradi può corrispondere ad un gas freddo molto denso. Approfondiremo
questo discorso nella sezione 2.7, esaminando le zone di confine tra caso NR, UR e
Gas di fermioni a T=0 31

classico, degenere.
Un gas freddo di elettroni è detto degenere perché gli elettroni si trovano in stati quan-
tistici con la più piccola energia possibile. A causa del principio di Pauli, a T = 0, gli
elettroni sono distribuiti in modo che gli stati fino ad una certa energia sono comple-
tamente occupati e gli stati al di sopra sono vuoti. L’energia dello stato elettronico
occupato più energetico si dice energia di Fermi (εF ) e il corrispondente momento,
momento di Fermi (pF ). La funzione di distribuzione, a temperatura nulla, è quindi
data da (
1 εp ≤ εF
f (εp ) = (2.44)
0 ε p > εF
Calcoliamo la densità numerica di questo gas elettronico utilizzando le Eqs. (2.1, 2.44)
Z
gs 3 Z pF
gs 8π
n= f 3d p = 3
4πp2 dp = 3 p3F , (2.45)
h 0 h 3h
dove si è utilizzato il valore gs = 2 per la degenerazione degli stati di spin elettronici.
Questa relazione non è altro che un’equazione di definizione del momento di Fermi
in quanto si può riscrivere come
1/3
3n

pF = h = h̄(3π 2 n)1/3 . (2.46)

Quest’ultima relazione è assolutamente generale, risulta essere indipendente dalla tem-
peratura, dalla relatività e dal tipo di particelle. Da questa espressione si vede che
la lunghezza d’onda di de Broglie, λ = h/p, dell’elettrone più energetico, in un gas
degenere è confrontabile con n−1/3 , cioè con la distanza media tra le particelle.
Nel seguito analizzeremo le proprietà di un gas fermionico a temperatura nulla nei
due limiti estremi NR e UR e calcoleremo, in entrambi i casi, l’energia totale del sistema
E, l’energia media per particella ε̄ e la pressione p.
L’equazione di stato di un tale gas, può essere calcolata valutando l’energia interna.
Considereremo i due casi NR e UR.
• caso NR: questo vuol dire che pF ≪ mc, cioè n ≪ (mc/h)3 , dove h/mc =
2.4 × 10−12 m è la lunghezza Compton dell’elettrone. In questo caso la densità
di energia interna si può trovare sostituendo εp = mc2 + p2 /2m nell’integrale di
Eq. (2.1), ottenendo
p2 3 p2F
! !
2 Z pF 2 2 2
εnr = 3 mc + 4πp dp = n mc + (2.47)
h 0 2m 5 2m
L’espressione trovata rappresenta la densità di energia interna da cui si può
ricavare l’energia totale come
3 p2F
!
2
Enr = V ε = N mc + (2.48)
5 2m
32 2. Equazione di stato per gas ideali

mentre l’energia media per particella è uguale a

Enr 3 p2F 3
ε̄nr = = mc2 + = mc2 + EF = mc2 + Ēk,nr (2.49)
N 5 2m 5
p2
in cui EF = 2m F
rappresenta l’energia cinetica alla superficie di Fermi. Abbia-
mo quindi trovato che, in un qualsiasi sistema NR, l’energia cinetica media per
particella, Ēk,nr , è uguale a 3/5 di quella di Fermi.
Ricordiamo ora che la pressione in un gas NR ideale è due terzi della densità di
energia cinetica (vedi tabella (2.1)). Quindi la pressione in un gas degenere NR
vale
2 Ek,nr 2 3 p2F N 2 2 h̄2 (3π 2 )2/3 5/3
Pnr = = = nε̄F = n , (2.50)
3 V 3 5 2m V 5 5 2m
dove si è utilizzata la relazione espressa in Eq. (2.46). Scriviamo l’equazione di
stato nella forma

5/3 h̄2
Pnr = Knr ρi , dove Knr = 8/3
(3π 2 )2/3 (2.51)
5mi
In conclusione, abbiamo trovato le seguenti due importanti relazioni

Ēk,nr = 53 EF

Pnr = Knr ρ5/3 gas fermionico NR

• caso UR: in questo caso n ≫ nQ ur e n ≫ (mc/h)3 , e si ottiene un’espressione


approssimata per l’energia interna sostituendo εp = pc nell’Eq. (2.1). Questo dà

2 Z pF 2 8π p4F c 3
εur = pc4πp dp = = n pF c, (2.52)
h3 0 h3 4 4
da cui si trova l’energia totale
3
Eur = V εur = N pF c (2.53)
4
mentre l’energia cinetica media per particella risulta essere uguale a
Eur 3
Ēk,ur = = εF (2.54)
N 4
Gas di fermioni a T=0 33

In questo caso la pressione (vedi tabella 2.1) risulta essere uguale a un terzo della
densità di energia cinetica, quindi
13 1
Pur = npF c = ncpF . (2.55)
34 4
Utilizzando la massa media del sistema m̄ ≡ ρ/n l’equazione di stato assume la
forma
4/3 h̄c
Pi,ur = Kur ρi , dove Kur = 4/3
(3π 2 )1/3 (2.56)
4mi
In conclusione, abbiamo trovato le seguenti due importanti relazioni

Ēk,ur = 43 EF

Pur = Kur ρ4/3 gas bosonico NR

I due casi considerati riguardano la pressione data da una singola specie di massa mi e
densità ρi . Nel caso in cui ho più specie, ρi = mi ni = mi nb Yi = ρYi mi /mu dove ρ è la
densità totale del sistema. Le costanti per la pressione dell’i-esima specie divengono:

h̄2 Yi 5/3
 
Knr = (3π 2 )2/3
5mi mu
h̄c Yi 4/3
 
Kur = (3π 2 )1/3 (2.57)
4 mu

Abbiamo ottenuto equazioni di stato del tipo P = KρΓ ,che prende il nome di forma
politropica. L’indice Γ prende il nome di indice adiabatico effettivo, in quanto gli
esponenti ottenuti 4/3 e 5/3 possono essere messi in analogia con gli indici adiabatici
della termodinamica classica introdotti in Eq. (2.21). Infatti, una trasformazione
adiabatica possiede un’equazione di stato del tipo
1
P V γ = cost ⇒ P ∝ γ
∝ ργ (2.58)
V
Una trasformazione di questo tipo avviene sempre senza scambi di calore, deve essere
perciò molto veloce. Nel caso di un gas monoatomico cV = 3/2R per cui γ = 5/3. Tu-
tavia nel caso generale l’indice adiabatico effettivo non corrisponde a priori al rapporto
dei calori specifici:
Γ 6= γ
34 2. Equazione di stato per gas ideali

Osserviamo che la pressione di un gas degenere risulta essere una funzione crescente
della densità, ma il tasso di crescita diventa meno rapido quando le particelle diventano
ultrarelativistiche: cioè l’equazione di stato diventa meno rigida. Questo significa che
a parità di variazione di densità la pressione varia meno nel caso UR. Vedremo che
questo risultato sarà di fondamentale importanza nella discussione delle nane bianche.
Osserviamo, inoltre, che la pressione risulta essere non nulla anche a temperatura zero
come conseguenza del principio di Pauli.
Nel caso di una nana bianca la pressione di degenerazione è dovuta agli elettroni
mentre la massa a quella degli ioni. Infatti, una nana bianca è composta da nuclei
pesanti e da un gas di elettroni che hanno massa molto minore rispetto agli ioni. Nel
caso delle stelle di neutroni la pressione di degenerazione è dovuta ai neutroni cosı̀ come
la massa. In entrambi i casi siamo in presenza di gas fermionici.
Da questa trattazione possono essere dedotte due importanti conclusioni:
• Nel caso limite T = 0 c’è un legame definito tra densità e momento di Fermi (la
densità fissa il valore di pF );
• Il gas degenere produce una pressione, il cui valore varia dal limite non relativi-
stico a quello ultrarelativistico.
Studiamo ora il caso intermedio, ossia particelle con un grado arbitrario di relatività .

2.5 Gas T=0 di fermioni parzialmente relativistici


Consideriamo un gas elettronico a temperatura zero. Ignoriamo le interazioni elettro-
statiche in modo che il gas possa considerarsi ideale. Risulta più conveniente definire
un momento di Fermi adimensionale, o parametro relativistico, x, definito da
pF
x≡ . (2.59)
me c
In questo modo si ha che x ≫ 1 corrisponde a pF ≫ me c, cioè al caso UR mentre per
x ≪ 1 siamo nel caso NR.
La densità numerica elettronica in funzione del parametro relativistico è data da
8π 3 1
ne = 3
p F = 2 C 3 x3 (2.60)
3h 3π λe
dove λC 1
e = h̄/me c ≃ 400 f m è la lunghezza d’onda di Compton elettronica . La
pressione risulta essere uguale a
1 Z 3 dε g 1 2 Z pF p2 c2
Pe = d p p 3f = 4πp2 dp
3 dp h 3 h3 0 [p2 c2 + m2e c4 ]1/2
1
La definizione data qui differisce di un fattore 2π rispetto a quella introdotta precedentemente.
Gas T=0 di fermioni parzialmente relativistici 35

8πm4e c5 Z pF p4 dp/mc 8πm4e c5 Z x y 4 dy


= =
3h3 0 m4 c4 [(p/mc)2 + 1]1/2 3h3 0 (y 2 + 1)1/2

me c2
= φ(x) = 1.42180 × 1025 φ(x) dyne cm−2 , (2.61)
λC
e
3

in cui
1 Zx y 4 dy
φ(x) = . (2.62)
3π 2 0 (y 2 + 1)1/2
Analogamente, la densità di energia (vedi Eq. (2.1)) risulta essere uguale a

2 Z pF 2 2 me c2
εe = 3 [p c + m2e c4 ]1/2 4πp2 dp = 3 χ(x), (2.63)
h 0 λe

in cui
1 Z x 2q 2
χ(x) = y y + 1dy. (2.64)
π2 0
Osserviamo ora che, anche quando gli elettroni degeneri contribuiscono maggiormente
alla pressione, la densità di massa risulta dominata dalla massa a riposo degli ioni.
Come esposto in appendice B, possiamo scrivere
ne m B
ρ= ≃ ne m u µ e . (2.65)
Ye

La quantità Ye rappresenta il numero medio di elettroni per barione (vedi Eq. (1.38)),
mentre µe è il peso molecolare medio per l’elettrone. Quindi possiamo trovare che

ρ = µe mu ne = 0.97395 × 106 µe x3 g cm−3 (2.66)

da cui !1/3
−2 ρ[g/cm−3 ]
x = 1.0088 × 10 (2.67)
µe
Introduciamo anche il peso molecolare medio, utilizzato per legare densità di massa
ρ a densità totale numerica di particelle ntot . Rimandiamo all’appendice B per una
discussione approfondita, qui ricordiamo la sua definizione:
" #
X
ρ = ntot µmu = ne + ni µmu (2.68)
i

Il peso molecolare medio è particolarmente utile nel limite non degenere, in quanto
esprime la massa media come m̄ = mu µ. Riscriviamo allora la legge del gas perfetto
X ρ
P = (ne + ni )kB T = kB T. (2.69)
i µmu
36 2. Equazione di stato per gas ideali

Le equazioni precedenti esprimono l’equazione di stato del gas ideale degenere P =


P (ρ), in forma parametrica, in quanto sono funzioni di x. Praticamente l’equazione di
stato può essere scritta nella forma politropica

P = KρΓ , (2.70)

dove K e Γ sono costanti. Vediamo ora i due casi estremi

• caso NR: x ≪ 1, ρ ≪ 106 g cm−3 : le due funzioni φ e χ si possono scrivere come


1  5 
φ(x) = x + · · · ,
15π 2
1  3 
χ(x) = x + · · · , (2.71)
3π 2
da cui si ottiene
5 32/3 π 4/3 h̄2 1.0036 × 1013
Γnr = Knr = 5/3 5/3
= 5/3
c.g.s. (2.72)
3 5 m e m u µe µe

• caso UR: x ≫ 1, ρ ≫ 106 g cm−3 : le due funzioni φ e χ si possono scrivere come


1  4 
φ(x) = x + · · · ,
12π 2
1  4 
χ(x) = x + · · · , (2.73)
4π 2
da cui si ottiene
4 31/3 π 2/3 h̄c 1.2435 × 1015
Γur = Kur = 4/3 4/3
= 4/3
c.g.s. (2.74)
3 4 m u µe µe

I risultati ottenuti riguardano una sola specie costituente. Nel caso di più specie
presenti nel gas si possono riscalare i risultati in termini della massa mi e del peso
statistico gi per determinare l’equazione di stato di un’arbitraria specie i-esima di
fermioni ideali. Consideriamo, come esempio, un gas di neutroni. Allora le equazioni
diventano
pF
xn =
mn c
mn c2
εn = 3
χ(xn ) = 1.6250 × 1038 χ(xn ) erg cm−3
λn
mn 1 3
ρ = m n nn = 3 2
xn = 6.1067 × 1015 x3n g cm−3 (2.75)
λn 3π
e la politropica P = KΓ ρΓ assume i seguenti valori nei due casi limiti
Gas di fermioni a temperatura finita 37

• caso NR: xn ≪ 1, ρ ≪ 6 × 1015 g cm−3

5 32/3 π 4/3 h̄2 5.3802 × 109


Γnr = Knr = 8/3
= 5/3
erg cm−3 (2.76)
3 5 mn µe

• caso UR: xn ≫ 1, ρ ≫ 6 × 1015 g cm−3

4 31/3 π 2/3 h̄c 1.2293 × 1015


Γur = Kur = 4/3
= 5/3
erg cm−3 (2.77)
3 4 mn µe

In questo caso la soglia di densità è molto più alta di quella degli elettroni e la densità
di massa ρ = εn /c2 è dovuta interamente ai neutroni.

2.6 Gas di fermioni a temperatura finita


Consideriamo un gas degenere fermionico a temperatura finita bassa e cerchiamo di
ottenere la sua equazione di stato. In questo caso bisogna utilizzare la funzione di
distribuzione di Fermi-Dirac
1
f (εp ) = . (2.78)
eβ(εp −µ) +1

Il comportamento della funzione di distribuzione in funzione della temperatura e del


potenziale chimico è rappresentato in Fig. 2.3.
Ricordiamo che εp = mc2 + p2 /2m nel caso non relativistico (cioè risulta essere
la somma di un termine cinetico e uno di massa), mentre εp = pc nel caso ultra
relativistico.
Nel caso di sistemi a temperatura finita è molto utile introdurre il gran potenziale
Ω, utile a descrivere sistemi che ammettono la possibilità di avere variazione nel numero
di particelle (vedi appendice A). Questo potenziale è collegato alla pressione e volume
del sistema attraverso la seguente relazione

Ω(T, V, µ) = −P V (2.79)

da cui si ottengono le seguenti relazioni



∂Ω ∂(P V )
= −N ⇒ N= . (2.80)
∂µ T,V ∂µ T,V

Analizziamo i due soliti casi, sistema NR e quello UR:


38 2. Equazione di stato per gas ideali

Figura 2.3: Funzioni di distribuzione fermioniche a varie temperature

• NR: Abbiamo visto in precedenza che, indipendentemente dall’avere un gas de-


genere o meno, la pressione risulta essere 2/3 della densità di energia cinetica.
Quindi
2 Ek 2
P = ⇒ P V = Ek (2.81)
3V 3
da cui si ottiene
2 gs V Z ∞ p 2 1
PV = 3 β(ε −µ)
4πp2 dp (2.82)
3 h 0 2m 1 + e p

p2
Riscriviamo l’integrale precedente usando le seguenti variabili ε̃p = 2m
e µ̃ =
µ − mc2
2 gs 4πV Z ∞ 4 dp
PV = 3
p (2.83)
3 h 2m 0 1 + eβ(ε̃p −µ̃)
q
pdp
Osserviamo ora che p = 2mε̃p e che dε̃p = m
, per cui

2 gs 4πV Z ∞ (2mε̃p )3/2 dε̃p 4π gs V


PV = 3
m β(ε̃ −µ̃)
= (2m)3/2 I(µ), (2.84)
3 h 2m 0 1+e p 3 h3
in cui
Z ∞ (ε̃p )3/2 dε̃p
I(µ) = (2.85)
0 1 + eβ(ε̃p −µ̃)
Gas di fermioni a temperatura finita 39

è un particolare caso di integrale di Landau (vedi appendice C) in cui f (ε) =


f (ε̃) = ε̃3/2 . Quindi, servendosi dei risultati esposti in appendice, si può scrivere
2 π2
I(µ) = µ5/2 + 2 µ1/2 + · · · . (2.86)
5 4β
L’equazione di stato di un sistema di particelle N , contenute in un volume V e
alla temperatura T diventa
3/2
π2
" #
gs V 2m 2 2 5/2

PV = µ + (kB T )2 µ1/2 + · · · . (2.87)
4π 2 h̄2 3 5 4
Cerchiamo ora di esprimere il potenziale chimico in funzione delle variabili N, V, T ,
utilizzando la seguente relazione termodinamica
3/2
π2
" # " #
∂(pV ) gs V 2m 2 3/2

N= = µ + (kB T )2 1/2 + · · · (2.88)
∂µ T,V
4π 2 h̄2 3 8µ

da cui si ricava la densità numerica di particelle


3/2
π2
" #
N gs 2m 2 3/2

n= = 2 µ + 2 1/2 + · · · . (2.89)
V 4π h̄2 3 8β µ
Usiamo, a questo punto, l’approssimazione zero per µ, cioè i risultati ottenuti a
temperatura zero (vedi par. 2.4)
p2F h̄2
εF = µ(T = 0) = = n2/3 (3π 2 )2/3 ,
2m 2m
2 Ek 2N 3 2
P0 = = εF = nεF (2.90)
3V 3V 5 5
da cui si può scrivere
3/2 "
2 1/2 2
# " #
gs 2m 2 2 5/2 2π µ 2 5π

P = 2 µ + (kB T ) + · · · = P0 1 + (kB T ) + ··· .
4π h̄2 3 5 4 8µ2
(2.91)
Inserendo la relazione tra µ ed energia di Fermi a temperatura zero nell’equazione
si ottiene  −2/3
!2
2
kB T π
µ = ε F 1 + + · · · . (2.92)
µ 8
kB T kB T
Risulta evidente che il parametro dello sviluppo è dato da µ
. Dato che µ
≪ 1,
si può sviluppare in serie ottenendo
 !2 
π2 kB T
µ = µ(T ) = εF 1 − + · · · . (2.93)
12 εF
40 2. Equazione di stato per gas ideali

Da questo risultato si vede che un sistema di fermioni a temperatura finita


possiede un’energia di Fermi εF inferiore alla situazione in cui T = 0.
Calcolo ora l’entropia, usando sempre le relazioni termodinamiche di appendice
A
3/2
2 2π 2 2 2
π2
" # " #
∂(P V ) gs V 2m kB

1/2
S= = k Tµ + ··· = N T . (2.94)
∂T µ,V
4π 2 h̄2 3 4 B εF 2

Da quest’ultima relazione si può ricavare la capacità termica a volume costante

π2
" #
∂S kB T
CV = T = N kB , (2.95)
∂T N,V
2 εF

da cui si ricava
mkB 2
gπ 2/3 V 2/3
   
CV = S = N T . (2.96)
h̄2 6 N
Osserviamo che il calore specifico cV = CV /nm di un gas di Fermi a bassa tempe-
ratura è lineare in T . Viceversa, ad alte temperature, dove si applica la statistica
di Boltzmann, la capacità termica di un gas perfetto (di Bose o di Fermi) è dato
da
3
CV → N kB quando T → ∞. (2.97)
2
• UR: Si procede come nel caso NR ottenendo un calore specifico lineare con la
temperatura ma indipendente dalla massa
1/3
(3π 2 )2/3 V

CV = N (kB T ) (2.98)
3hc N

2.7 Regimi di validità


Riassumiamo nella tabella seguente i risultati ottenuti per l’equazione di stato.

gas classico NR P = nkB T


gas classico UR P = nkB T
gas degenere NR P = Knr ρ5/3
gas degenere UR P = Kur ρ4/3
gas di fotoni P = 31 aT 4
Tabella 2.1: Equazioni di stato dei gas

Nella Fig. 2.4 vengono rappresentano i vari regimi dell’equazione di stato plottando
la temperatura T in funzione della densità.
Regimi di validità 41

e
ur
7 ess
n pr re
ti o su

Non relativistic
dia pres

Relativistic
te te
Ra
log T
s

a
Ga

ne ner
6

e
De deg
ra
n
ge
No
5

−8 −6 −4 −2 0 2 4 6 8
log ρ

Figura 2.4: Grafico dei diversi regimi di equazioni di stato

• Gas classico: Studiamo il confine tra il caso NR e UR. Un gas classico possiede
la tipica energia cinetica kB T per particella (vedi sezione 2.2). Se kB T ≫ mc2 ,
il gas diventa UR mentre nel caso contrario si ha gas NR. La quota della linea
di separazione dipende dal fermione considerato. Generalmente i fermioni sono
NR, nel caso del Sole abbiamo che gli elettroni sono classici e NR.

• Gas degenere: Studiamo il confine tra il caso NR e UR. La tipica energia di


un gas di fermioni degeneri è εF . Quindi se εF ≫ mc2 i fermioni sono UR (il
che corrisponde a pF ≫ mc) nel caso contrario siamo in presenza di una gas NR.
Dato che
pF
= (3π 2 n)1/3 , pF ≫ mc (2.99)

si può scrivere la condizione per cui il gas diventa UR come

mc 1
n1/3 ≫ = C ⇒ l ≪ λC (2.100)
h̄ λ

• Gas NR: Studiamo il confine tra classico NR e degenere NR. Vediamo di trovare
la condizione per cui un sistema di particelle possa essere considerato classico. Il
gas è classico se l’occupazione media di ogni stato quantistico è molto minore di
uno (vedi Eq. (2.6)). Questo significa che la condizione di classicità dipende dal
potenziale chimico. Cerchiamo, perciò, di ottenere un’espressione esplicita per
µ. Nel caso di gas classico non relativistico, il potenziale chimico può essere cal-
colato sostituendo l’espressione εp = mc2 + p2 /2m nell’espressione della densità
numerica di particelle ed effettuando l’integrazione usando Eq. (2.7). Si ottiene
gs β(µ−mc2 )
n= e (2πmkB T )3/2 (2.101)
h3
42 2. Equazione di stato per gas ideali

che può essere riscritta come


gs n Q
 
2
µ − mc = −kB T ln , (2.102)
n
dove n è la densità numerica delle particelle del gas e nQnr , detta concentrazione
quantistica, è definita come
" #3/2
2πmkB T
nQnr ≡ . (2.103)
h2
Le espressioni precedenti per il potenziale chimico possono essere usate per capire
il significato fisico della disuguaglianza definita in Eq. (2.6), che rappresenta la
condizione di classicità per un gas. Infatti, la disuguaglianza è verificata se la
concentrazione n di particelle è piccola rispetto alla concentrazione quantistica
nQnr . Questo è un altro modo di dire che la separazione media delle particelle
è grande rispetto alla loro tipica lunghezza d’onda di de Broglie. Osserviamo
che la distanza di separazione tra particelle l è legata alla densità: la condizione
l3 n = 1 implica che il volume l3 contenga una sola particella. Quindi l = n−1/3 è
la distanza di separazione tra particelle. Quindi
h h
λ= =√ ≈ h/(mkB T )1/2 (2.104)
p 2mE
Il gas è classico se la separazione tra le particelle è grande rispetto a λdB , cioè se

n ≪ [mkB T /h2 ]3/2 ≈ nQnr (2.105)

In termini più semplici questo vuol dire che un gas è classico se la lunghezza
d’onda di de Broglie delle particelle è piccola. I fotoni non formano mai un gas
classico in quanto il loro potenziale chimico è nullo. I gas formati da particelle
massive, come elettroni e ioni, possono comportarsi classicamente o quantistica-
mente, a seconda del valore della densità. La densità richiesta per la rottura della
classicità è più bassa in un gas di particelle leggere perché particelle leggere han-
no lunghezza d’onda di de Broglie più lunga. Ciò implica che, mentre una stella
si contrae, la sua densità aumenta e gli elettroni, le particelle più leggere nella
zona ionizzata, sono i primi a diventare quantistici. Gli elettroni inizialmente
formano un gas classico diluito e poi un gas quantistico denso; inoltre diventano
relativistici all’aumentare della densità.

• Gas UR: Anche in questo caso analizziamo il confine tra sistema UR classico e
UR degenere. Procedendo come nel caso precedente, ponendo εp = pc, si ottiene
gS nQ ur
 
µ = −kB T ln (2.106)
n
Regimi di validità 43

per il potenziale chimico e


!3
kB T
nQ ur ≡ 8π , (2.107)
hc

h
per la concentrazione quantistica UR. Nel caso UR λdB = h/p = ≈ hc/kB T ,
E/c
da cui si può affermare che il gas è classico se la separazione tra le particelle è
grande, cioè se n ≪ [kB T /hc]3 ≈ nQur .

Questi regimi sono illustrati nella Fig. 2.5 nel caso particolare di un gas ideale di
elettroni.

CLASSICAL ULTRA−RELATIVISTIC
P=nkT
TEMPERATURE T (K)

Core of
supernova
progenitor
10
10
CLASSICAL NON−RELATIVISTIC
P=nkT

Sun

5 White Dwarf
10

DEGENERATE,
DEGENERATE, ULTRA−RELATIVISTIC
NON−RELATIVISTIC 4/3
5/3
P=K n
UR
P=K n
NR

Normal Metal
0
10
25 30 35 40 45
10 10 10 10 10
ELECTRON CONCENTRATION n (m−3 )

Figura 2.5: Regimi dell’equazione di stato di un gas ideale elettronico alla temperatura T e
a densità n. Ricordiamo che kB T ≈ 107 K = 1 keV , la densità di massa nucleare è uguale a
ρnuc = 2.8 × 1014 g/cm3 mentre quella numerica risulta essere nnuc = 0.17 f m−3

In prima approssimazione, le linee di contorno tra diversi regimi in questo diagram-


ma n − T sono imposte da quattro equazioni (solo per gli elettroni)

• n = nQnr ≈ 2 × 1027 T [K]3/2 cm−3

• n = nQur ≈ 8 × 101 2 T [K]3 cm−3


44 2. Equazione di stato per gas ideali

 3
me c
• n= h
≈ 7 × 1040 cm−3

• T = me c2 /kB ≈ 6 × 109 K
Questo vuol dire che gas densi elettronici sono degeneri a meno che non siano troppo
caldi, e che gas elettronici caldi sono classici a meno che non siano troppo densi.
Se invece di avere degli elettroni avessimo dei nucleoni (p,n), che risultano essere più
massivi, le linee si spostarebbero verso valori maggiori dei rispettivi assi di riferimento,
quindi sarebbe più difficile avere le condizioni UR.
Analizziamo questo diverso comportamento degli elettroni e dei nucleoni nel caso
di collasso stellare. Consideriamo, quindi, la relazione tra la temperatura T all’interno
della stella la sua massa M e il suo raggio R. Una stima della temperatura T si può
ottenere dalla relazione viriale E¯K = −2U che vedremo nel capitolo 4:
GM m̄
kB T ≈ ⇒ T ∝ R−1 ∝ n1/3 (2.108)
3R
Abbiamo appena visto che la concentrazione quantistica nQ degli elettroni aumenta
all’aumentare della temperatura: per un gas NR vale nQnr ∝ T 3/2 . Questo vuol dire
che nQnr ∝ R−3/2 mentre la reale concentrazione degli elettroni è pari a n ∝ R−3 . Ciò
implica che in un gas NR n aumenta più rapidamente di nQ quando il core si contrae e,
successivamente, diventa più grande di nQnr . Il processo di contrazione porta ad avere
effetti quantistici importanti nel gas elettronico.
Dato che la massa degli elettroni è più piccola, la rispettiva concentrazione quanti-
stica risulta essere più bassa. Questo significa che, mentre la stella si contrae, aumenta
la sua densità per cui le particelle possono diventare da classiche a quantistiche NR
e, successivamente, quantistiche UR. Gli elettroni sono le prime particelle a diventare
quantistiche.
Come detto in precedenza, nel caso del Sole abbiamo elettroni classici NR, che
diventano degeneri NR nelle nane bianche. Nel core di una supernova abbiamo infine
elettroni degeneri e UR (kB T ≈ 1 GeV ).
Consideriamo ora un gas di fotoni e analizziamo la ragione per cui questo gas non
può mai essere classico. La condizione di classicità implica che valga il limite diluito
precedentemente incontrato:
mc2 −µ mc2 − µ
e kB T
≫1 ≫ 1. (2.109)
kB T
D’altra parte sappiamo che µγ = 0 e mγ = 0 nel caso dei fotoni, per cui
mc2 − µ
=0 (2.110)
kB T
Ricordiamo che l’equazione di stato di un gas di fotoni è uguale a
1
Pr = aT 4 (2.111)
3
Regimi di validità 45

mentre per le particelle abbiamo


Pg = nkB T (2.112)
Consideriamo ora una stella formata da gas di fotoni e fermioni alla temperatura T .
Quale delle due pressioni domina? La condizione si ricava studiando l’equazione Pg =
Pr , da cui si ricavano le seguenti osservazioni

• Stelle massive, giganti rosse: sono sorrette dalla pressione di radiazione. Sono
caratterizzate da T alta e n bassa.

• Stelle poco massive (Sole, maggior parte delle stelle in sequenza principale):
sono sorrette dalla pressione delle particelle. Abbiamo infatti un gas di elettroni
NR e classici.

Abbiamo visto, perciò, come le caratteristiche strutturali delle stelle dipendono dalla
pressione che le sostiene.
46 2. Equazione di stato per gas ideali
Capitolo 3

Equazione di stato per materia


degenere

3.1 Correzione elettrostatica


Il gas elettronico ideale non esiste perché gli elettroni interagiscono. La principale
correzione all’equazione di stato deriva dall’interazione elettrostatica tra elettroni e ioni
la quale si origina in quanto le cariche positive non sono distribute uniformemente nel
gas ma sono concentrate nei singoli nuclei di carica Z. Questo diminuisce l’energia e la
pressione degli elettroni ambiente, cioè esterni ai nuclei: gli elettroni, che si respingono
tra loro, si trovano, in media, ad una distanza inferiore rispetto alla distanza media tra
nuclei ed elettroni (che si attraggono). Questo implica una repulsione netta più debole
rispetto all’attrazione.
In un gas classico questa correzione diventa sempre più importante all’aumentare
della densità. Il rapporto dell’energia coulombiana elettrostatica1 e dell’energia termica
è uguale a
Ec Ze2 / < r > ∼ Ze2 n1/3
e
= = , (3.1)
kB T kB T kB T
dove Z è la carica degli ioni e < r >∼ n−1/3e è la tipica distanza di separazione ione-
elettrone.
Viceversa, la correzione elettrostatica diventa sempre meno importante ad alta den-
sità in un gas degenere. In questo caso, la tipica energia cinetica degli elettroni è de-
terminata dal momento di Fermi, che a sua volta dipende dalla densità. Se gli elettroni
sono NR il rapporto dell’energia elettrostatica e di quella cinetica è dato da

Ec Ec Ze2 / < r >


= 2 = . (3.2)
εF pF /2me p2F /2me
1
Utilizziamo qui le unità gaussiane.

47
48 3. Equazione di stato per materia degenere

Usando l’Eq. (2.46) per pF , si ottiene


Ec 2 Z 1
= , (3.3)
εF (3π ) a0 n1/3
2 2/3
e

dove a0 = h̄2 /me e2 è il raggio di Bohr. Quindi, all’aumentare della densità in un


gas degenere, le interazioni elettrostatiche diventano sempre meno importanti ed è più
conveniente considerare l’approssimazione di gas ideale classico. Le stelle di neutroni e
le nane bianche sono formate da gas quantistici, ma la stella di neutroni risulta essere
più perfetta di una nana bianca perché è più densa.

3.1.1 Approssimazione di Wigner-Seitz


Affrontiamo il seguente modello, dovuto a Chandrasekhar, che lo sviluppò durante i
suoi pionieristici studi sulle nane bianche. L’obiettivo consiste nel trovare un’espressio-
ne approssimata dell’equazione di stato degenere assumendo che ne sia in prima appros-
simazione uniforme (valido quando la densità è sufficientemente alta, ρ > 104 g/cm3 ).
In questo caso Ec risulta essere una piccola perturbazione. Gli elettroni sono deloca-
lizzati e formano, in prima approssimazione, una nube uniforme attorno ai vari nuclei.
Questa nube non viene deformata dall’attrazione dei nuclei che sono considerati fissi
in un reticolo. Infatti, quando T → 0, gli ioni si possono considerare localizzati in un
reticolo che massimizza la separazione degli ioni. Consideriamo una cella sferica del
reticolo di volume 4πr03 /3 = 1/nN , dove nN è la densità numerica dei nuclei. In questa
approssimazione, detta di Wigner-Seitz, il gas viene suddiviso in tante sfere neutre di
raggio r0 attorno ad ogni nucleo, che contiene gli Z elettroni più vicini al nucleo.
L’energia elettrostatica totale di ogni sfera è la somma delle energie potenziali
dovute all’interazione elettrone-elettrone (e − e) e a quelle elettrone-ione (e − i). Per
assemblare una sfera uniforme di Z elettroni è necessaria un’energia
Z r0 qdq
Ee−e = , (3.4)
0 r
dove
r3
q = −Ze , (3.5)
r03
è la carica all’interno del raggio r0 . Dopo aver integrato, si ottiene un’energia positiva
(sistema non legato)
3 Z 2 e2
Ee−e = . (3.6)
5 r0
Per assemblare una sfera elettronica attorno al nucleo centrale di carica Ze è necessaria
un’energia pari a
Z r0
dq 3 Z 2 e2
Ee−i = Ze =− . (3.7)
0 r 2 r0
Correzione elettrostatica 49

L’energia totale per assemblare Z elettroni in una nube uniforme attorno al nucleo è
uguale a
9 Z 2 e2
Ec = Ee−e + Ee−i = − . (3.8)
10 r0
Il risultato finale è un valore negativo perché il sistema è legato, cioè l’attrazione vince
la repulsione. Il contributo energetico è negativo quindi ci si aspetta una diminuzione
di pressione.
Calcoliamo la pressione partendo dal primo principio della termodinamica applicato
all’energia per elettrone εe /ne :

εe 1
   
d = T ds − pd (3.9)
ne ne

La pressione risulta essere uguale a


   
εe εe
∂ n

ne
 e  = n2e

P |s = − (3.10)
∂ 1 ∂ne
ne s s

in cui εe /ne = Ec /Z è l’energia Coulombiana per elettrone. Poiché abbiamo considerato


le celle neutre, l’interazione tra elettroni e nuclei di celle differenti può essere trascurata.
L’energia elettrostatica per elettrone è uguale a
1/3
Ec 9 4π

=− Z 2/3 e2 n1/3
e , (3.11)
Z 10 3

dove si è usato che ne = Z/(4πr03 /3). Il coefficiente numerico dell’Eq. (3.11) è pari a
1.45079, valore molto vicino a quello esatto calcolato nel modello del reticolo cubico a
corpo centrato. La pressione risulta perciò essere uguale a
1/3
d(Ec /Z) 3 4π

Pc |S = n2e =− Z 2/3 e2 n4/3
e . (3.12)
dne 10 3

Il risultato trovato rappresenta la correzione coulombiana alla pressione, contributo


negativo. Questo significa che la pressione diminuisce rispetto alla pressione imper-
turbata. Infatti, se chiamiamo P0 la pressione del gas degenere perfetto (sistema
imperturbato), la pressione totale risulta essere uguale a

P = P0 + Pc (3.13)

da cui si vede che la correzione elettrostatica all’equazione di stato riduce la pressione


(in quanto Pc è negativo). Analizziamo separatamente i casi UR e NR:
50 3. Equazione di stato per materia degenere

• Gas degenere UR. Il risultato ideale senza correzione elettrostatiche è uguale


a (vedi Eqs. (2.55, 2.46))
n4/3
P0 = h̄c(3π 2 )1/3 e (3.14)
4
da cui risulta che
 1/3
P P0 + Pc 25/3 3
= =1− αZ 2/3 ≃ 1 − 0.00456Z 2/3 (3.15)
P0 P0 5 π
dove α = e2 /h̄c = 1/137 è la costante di struttura fine. Il termine successivo
nello sviluppo in serie di potenze di αZ 2/3 deriva dalla deviazione della distri-
buzione elettronica dall’uniformità. Notiamo che le correzioni alla pressione non
dipendono da ne .
Sebbene questa correzione Coulombiana sia in realtà molto piccola, risulta, tut-
tavia, molto importante per nane bianche ad alta densità e per stelle di neutroni
a bassa densità.
• Gas degenere NR. La pressione senza correzione elettrostatica è data da (vedi
Eqs. (2.50, 2.46))
5/3
2 2 2/3 ne
P0 = h̄ (3π ) (3.16)
5me
da cui si ricava
P P0 + Pc Z 2/3
= =1− 1/3
(3.17)
P0 P0 21/3 πa0 ne
La correzione dipende da ne . Questo vuol dire esiste un valore di ne per cui la
pressione si annulla, cioè P = 0 quando ne = Z 2 /2π 3 a30 , il che corrisponde ad una
densità di massa pari a ρ ≈ 0.42 Z 2 g cm−3 con A ∼ 2Z. Per esempio, nel caso
del ferro, si ottiene un valore di ρ ≈ 284 g cm−3 molto diverso dal valore della
densità terrestre. La ragione per questa discrepanza risiede nel fatto che, a bassa
densità, l’uniformità del gas elettronico non è più una buona approssimazione.

È molto difficile ricavare un’equazione di stato accurata alle densità dei laboratori,
perché gli effetti di shell elettroniche mascherano gli effetti statistici: il modello di
Wigner-Seitz funziona per ne sufficientemente grande. Serve un approccio statistico
all’equazione di stato, in cui la densità elettronica non sia uniforme.

3.1.2 Modello di Thomas-Fermi


La trattazione statistica più semplice della struttura atomica è il modello di Thomas-
Fermi. In questo modello si considerano molte particelle entro la cella di Wigner-Seitz
ma con una densità variabile con r che risulterà maggiore vicino al nucleo e diminuirà
allontanandosi da esso. Le ipotesi del modello sono le seguenti:
Correzione elettrostatica 51

• la cella di Wigner-Seitz ha una densità di carica ne ≡ ne (r) che varia radialmente;


• la cella è globalmente neutra, non esiste interazione elettrostatica con le altre
celle;
• ogni elettrone nella cella è soggetto ad un potenziale elettrostatico V (r) dovuto
al nucleo e a tutti gli elettroni e si utilizza la teoria di campo medio.
Consideriamo un atomo e con V (r) indichiamo il potenziale elettrostatico alla distanza
r dal nucleo prodotto dall’azione complessiva della carica del nucleo e degli elettroni.
L’energia di questi ultimi sarà
p2
E= − eV (r) (3.18)
2me
Localmente gli elettroni sono quasi liberi e possono quindi essere considerati come un
gas di particelle quasi libere, cioè un gas di Fermi locale. Se l’atomo si trova nello
stato fondamentale tutti gli stati, fissato r, sono occupati fino all’energia di Fermi εF
che risulta indipendente da r, perché, altrimenti, gli elettroni migrerebbero in zone con
un’energia inferiore fino al raggiungimento dell’equilibrio. Possiamo quindi assumere
che, all’equilibrio, l’energia massima del livello occupato più alto sarà uguale in tutti i
punti della cella e pari a
p2
εF = F − eV (r). (3.19)
2me
Ricordando che ne = 8πp3F /(3h3 ), si può riscrivere l’equazione precedente come
1 3/2
ne (r) = 2 3 [2me (εF + eV (r))] (3.20)
3π h̄
che fornisce la densità elettronica in funzione del potenziale elettrostatico V (r) e di
εF . La local density approximation (LDA) consiste nell’aver espresso la densità locale
in termini del momento di Fermi pF , per un fissato r, che funge da parametro. Questo
vuol dire che gli elettroni, localmente, sono soggetti ad un’interazione media.
Il potenziale V (r) si può calcolare dall’equazione di Poisson

∇2 V = 4πene + contributi nucleari. (3.21)

Il contributo nucleare è semplicemente una funzione delta attorno all’origine, quindi


la si può trascurare. Consideriamo ora le condizioni al contorno: ricordiamo che in
prossimità del nucleo l’azione di schermo degli elettroni può essere trascurata e quindi

lim rV (r) = Ze. (3.22)


r→0

Per quanto riguarda il comportamento di V (r) per grandi r osserviamo che il flusso
del campo elettrico attraverso la superficie di raggio r = r0 (raggio della cella) è nullo
52 3. Equazione di stato per materia degenere

perché la cella è neutra, infatti Φ(E) = 4πQint = Ze − Ze = 0. Questo significa che il


campo elettrico si annulla sulla superficie della cella e quindi

dV (r)
= 0. (3.23)
dr r0

L’equazione di Poisson, in coordinate sferiche, diventa quindi quindi l’equazione diffe-


renziale di Thomas-Fermi :
1 d2 32π 2 e
(rV ) = [2me (εF + eV )]3/2 (3.24)
r dr2 3h3
Per risolvere questa equazione è conveniente introdurre una funzione φ e una quantità
adimensionale, r = xµ, attraverso le seguenti definizioni
!1/3
9π 2
µ = a0 ,
128Z
Ze2 φ(x)
εF + eV (r) = (3.25)
r
Osserviamo che la funzione φ(x) è definita per rendere φ(0) = 1 la condizione al
contorno Eq. (3.22)) in r = 0, mentre il raggio risulta naturalmente proporzionale al
raggio di Bohr, che è la tipica scala di lunghezza atomica. L’equazione di Thomas-Fermi
diventa
d2 φ(x) φ3/2 (x)
= , (3.26)
dx2 x1/2
soggetta alle seguenti condizioni al contorno

φ(0) = 1,
φ(x0 )
φ′ (x0 ) = (3.27)
x0
dove r0 = x0 µ. L’Eq. (3.26) è non lineare e deve essere risolta numericamente. Partendo
da φ(0) = 1, esiste un valore speciale φ′ (0) = −1.5880710 per cui la soluzione risulta
asintotica all’asse x per grandi valori di x (vedi Fig. 3.1).
Abbiamo visto che φ(x) è legata alla densità del gas degenere e quest’ultima dipende
dalla pressione del gas. Poiché in questo caso φ → 0 se r → ∞, siamo nella situazio-
ne pressione nulla corrispondente a densità nulla e raggio infinito, cioè otteniamo un
sistema di atomi neutri liberi. Questo difetto del modello di Thomas-Fermi, cioè che
atomi liberi hanno raggio infinito, viene aggiustato considerando effetti di correlazione
e il modello diventa il modello di Thomas-Fermi-Dirac.
Quando φ′ (0) > −1.5880710, φ(x) non si annulla e diverge per x → ∞. L’Eq. (3.26) è
soddisfatta per alcuni valori finiti di x0 , che determinano il raggio della cella. Queste
Correzione elettrostatica 53

Figura 3.1: Comportamento delle soluzioni dell’equazione di Thomas-Fermi

soluzioni divergenti descrivono atomi neutri sottoposti a pressione, quindi atomi neutri
non isolati.
Non ci interessa il caso φ′ (0) < −1.5880710 in quanto corrisponde al caso in cui φ(x) = 0
per x finito. Questo vuol dire che anche la pressione si annulla, quindi abbiamo il caso
di ioni positivi liberi.
Il modello di Thomas-Fermi descrive la materia come un reticolo di varie celle di
Wigner-Seitz con un determinato raggio r0 , globalmente in contatto superficiale tra
loro. Determiniamo ora la pressione superficiale, al confine della cella. Consideriamo
il caso NR (Eq. (2.50)), viste le basse densità:

p5F (r0 ) (3π 2 )3/2 h̄2 ne5/3 (r0 )


P (r)|r=r0 = = (3.28)
15π 2 h̄3 me 5me

Notiamo che, poiché dV /dr = 0 al bordo della cella, celle confinanti non esercitano
alcuna forza sulla cella presa in esame. Usando le Eqs. (3.20, 3.25), si può scrivere che
#5/2
1 Z 2 e2 φ(x0 )
"
P = (3.29)
10π µ4 x0

La densità è semplicemente data dalla massa a riposo totale all’interno della cella

Amu
ρ= . (3.30)
4πµ3 x30 /3

Le Eqs. (3.29) e (3.30) forniscono l’equazione di stato P = P (ρ) in funzione del pa-
rametro x0 . Anche se localmente la pressione nella cella è data dalla relazione di
Fermi ideale per elettroni NR, la deviazione di ne (r) dall’uniformità produce un com-
portamento diverso per l’equazione di stato P (ρ). A basse densità, dall’Eq. (3.30)
ricaviamo x0 → ∞. La soluzione asintotica dell’equazione di Thomas-Fermi risulta
numericamente essere:
144
φ(x) ∼ 3 per x → ∞, (3.31)
x
54 3. Equazione di stato per materia degenere

da cui si ricava l’equazione di stato

P ∼ x−10
0 ∼ ρ10/3 . (3.32)

Questa relazione mostra in maniera molto chiara la rigidità dell’equazione di stato a


basse densità in quanto l’indice adiabatico effettivo risulta essere pari a 3.3̄. Questo ha
notevoli conseguenze nello studio della struttura delle nane bianche a massa piccola.
Nel limite di alta densità, il risultato di Thomas-Fermi di Eq. (3.29) si riduce a
quello di Eq. (3.17). Il modello di Thomas-Fermi si utilizza tipicamente per studiare
materia contenente elettroni e nuclei 56 F e all’equilibrio: in questo caso prende il nome
di Feynman-Metropolis-Teller (FMT).
Possiamo riassumere i risultati riguardanti le correzioni elettrostatiche:

• ρ > 104 g/cm3 : distribuzione elettronica uniforme (approssimazione di Wigner-


Seitz);

• ρlab < ρ < 104 g/cm3 : distribuzione elettronica funzione del raggio delle celle,
LDA (modello di Thomas-Fermi);

• ρ molto basse, pari a quelle del laboratorio: modelli che tengano conto degli
effetti di shell degli elettroni.

3.2 Il gas n − p − e
E’ un modello dovuto a Chandrasekhar in cui si considerano elettroni completamente
degeneri in presenza di nuclei. Se aumentiamo la densità, dopo un certo tempo, si ot-
terrà un gas di elettroni, protoni e neutroni a causa della cattura elettronica (processo
di neutronizzazione). Non si possono più trascurare gli effetti dei neutroni nell’equazio-
ne di stato. Iniziamo a considerare il gas ideale n − p − e e, successivamente, passeremo
ad un sistema realistico di nuclei ed elettroni. In questo modo si arriva all’equazione di
stato per materia densa, materia che può essere creata negli acceleratori di ioni pesanti.
Consideriamo un gas neutro di e e p (ne = np ) a T = 0 K (trascuriamo i nuclei)
in cui tutte le particelle sono degeneri. Se aumentiamo progressivamente la densità
(ad esempio per effetto gravitazionale) le prime particelle a diventare relativistiche
sono gli elettroni (poiché hanno massa minore). Normalmente, la reazione inversa del
decadimento β (cattura elettronica)

e− + p → n + ν (3.33)

non può avvenire, perché la soglia energetica è troppo elevata. Dato che i neutrini
e le corrispondenti antiparticelle interagiscono debolmente con la materia, la cattura
elettronica può avvenire se µp + µe > µn cioè se µe > µn − µp = 1.29 M eV . Questo
Il gas n − p − e 55

significa che la reazione può procedere se l’elettrone acquista abbastanza energia da


bilanciare la differenza di massa tra protone e neutrone. Aumentando la densità ne , gli
elettroni acquistano abbastanza energia da superare la soglia energetica e la cattura
elettronica si oppone al decadimento β

n → p + e + ν̄, (3.34)

che risulta efficace se µn > µe + µp , cioè quando µe < 1.29 M eV . Quest’ultima reazione
è bloccata se la densità del gas risulta essere abbastanza alta in modo che tutti i livelli
energetici elettronici nel mare di Fermi sono occupati, compreso lo stato che l’elettrone
emesso dovrebbe andare ad occupare. Questo vuol dire che la configurazione stabile di
un gas di e− , p e n non è casuale: dipende dall’efficienza delle reazioni nelle condizioni
in cui si trova il gas e dal principio di Pauli, che pone dei vincoli sulla popolazione degli
stati fermionici.
Possiamo calcolare le proprietà di una tale miscela assumendo equilibrio termodina-
mico, cioè
n⇀ ↽ p + e− µp + µe = µn + µν . (3.35)
Tranne che in casi eccezionali (T > 1010 K) nessun sistema è in grado di trattenere i
neutrini. Allora la condizione di equilibrio diventa

µp + µe = µn , (3.36)

a cui va aggiunta la condizione di neutralità di carica ne = np .


Ricordiamo che gli elettroni possono considerarsi relativistici a partire da ρ ∼
10 g/cm3 , i neutroni a partire da ρ ∼ 1015 g/cm3 , condizione che viene raggiunta
6

solo nei collassi di supernova. Indicativamente, per le nane bianche abbiamo una den-
sità di ρ ≈ 106 − 107 g/cm3 mentre per le stelle di neutroni si ha ρ ∼ 1014 g/cm3 . Le
prime particelle a reagire sono quelle ad energia maggiore, quindi

T = 0 µ = εF
T2
! q
T ≪ εF µ = εF 1 + α 2 + ... εF = m2 c4 + p2F c2 .
εF
(3.37)

Nel gas di e− , n e p è conveniente introdurre le seguenti quantità


peF pnF ppF
xe = , xn = , xp = . (3.38)
me c mn c mp c

A causa della neutralità del sistema (ne = np ) e ricordandosi che n = x3 /(3π 2 λC 3 ), si


ottiene
1 1
2 3
x3e = 2 3 x3p ⇒ m e xe = m p xp (3.39)
3π λe 3π λp
56 3. Equazione di stato per materia degenere

q
mentre la condizione di equilibrio, utilizzando µ = εF = m2 c4 + p2F c2 , diventa

me (1 + x2e )1/2 + mp (1 + x2p )1/2 = mn (1 + x2n )1/2 . (3.40)


L’equazione di stato può essere ricavata in funzione del parametro xe . Grazie ai risul-
tati ottenuti nella sezione 2.5 si ottiene il seguente risultato, rispettivamente, per la
pressione, densità di energia e densità barionica:
me c2 mp c2 mn c2
P = φ(x e ) + φ(x p ) + φ(xn )
λC
e
3 λC
p
3 λC
n
3

me c2 mp c2 mn c2
ε = χ(x e ) + χ(x p ) + χ(xn )
λCe
3 λC
p
3 λC
n
3

1 3 1
nb = 2 C 3
x p + 2 C 3
x3n (3.41)
3π λp 3π λn
Risolviamo l’equazioni precedenti partendo da una densità xe nota, dalla condizione di
neutralità me xe = mp xp si ricava xp mentre dalla condizione di equilibrio µn = µp + µe
si ricava xn . In questo modo si può ricavare la densità di massa barionica.
Si può calcolare la densità minima alla quale i neutroni incominciano ad apparire
ponendo xn = 0 nell’Eq. (3.40), ottenendo
mn = mp (1 + x2p )1/2 + me (1 + x2e )1/2 . (3.42)
Poiché presumibilmente i protoni a questa densità non sono relativistici, si ha xp ≪ 1
e quindi
mn = mp + me (1 + x2e )1/2 . (3.43)
Definendo Q = mn − mp , l’equazione precedente diventa:
Q = me (1 + x2e )1/2 , (3.44)
da cui ricavo: !1/2
2
Q

xe |βinv = −1 . (3.45)
me
Il risultato mostra, come ci si aspettava, che gli elettroni sono relativistici, e che xp ≃
xe /1800 ≪ 1, coerentemente con l’ipotesi per cui i protoni sono NR. A questo punto
posso ricavare il valore della densità elettronica di soglia:
2 #3/2
x3e
"
1 Q
ne |βinv = 2 3 = 2 3 −1 = 7.37 × 1030 cm−3 . (3.46)
3π λe 3π λe me
Al di sotto di questo valore si ha solo p − e mentre per densità superiori, a causa della
cattura elettronica, si hanno anche i neutroni. La densità di massa di soglia equivale a
ρβinv ≈ nb mu ≈ 1.2 × 107 g cm−3 . (3.47)
Equazione di stato reale 57

La composizione della miscela di gas all’equilibrio consiste in un numero sempre cre-


scente di neutroni al di sopra della densità ρβinv . Quello che ci interessa conoscere è
il rapporto tra i protoni e i neutroni. Effettuando un pò di calcoli a partire dalle Eqs.
(3.39, 3.40) e ricordando Q, me ≪ mn si ottiene che
#3/2
1 1 + 4Q/mn x2n + 4(Q2 − m2e )/m2n x4n
"
np
≈ . (3.48)
nn 8 1 + 1/x2n

Il rapporto precedente risulta essere una funzione di xn inizialmente decrescente al-


l’aumentare di xn (cioè all’aumentare della densità). Questo rapporto raggiunge poi
un minimo quando np /nn = 0.0026, corrispondente ad una densità di massa pari a
ρ ≈ 7.8 × 1011 g cm−3 ; in seguito aumenta in maniera monotona tendendo al valore
1/8 quando xn → ∞ o ρ → ∞. Questo è facilmente comprensibile, se pensiamo che
per ρ → ∞ anche xn , xe , xp → ∞, cioè le particelle divengono sempre più relativi-
stiche. Per tutte le specie si ha m(1 + x)1/2 → mx. La condizione di equilibrio Eq.
(3.40) diviene mp xp + me xe = 2mp xp = mn xn . Eleviamo al cubo il risultato trovato
(mn xn )3 = 8(mp xp )3 = p3F (n)/c3 ∼ nn . Quindi nn = 8np , per cui si può scrivere che
n : p : e = 8 : 1 : 1.
Questi risultati non possono essere applicati al collasso gravitazionale con i neutrini
che fuggono perché l’equilibrio termodinamico non è raggiunto in un sistema aperto e
la composizione n − p − e deve essere determinata risolvendo appropriate equazioni.
Le equazioni precedenti descrivono un sistema in equilibrio con numero barionico,
leptonico e di carica fissato, sebbene stiamo considerando neutrini che fuggono dal
sistema. In ogni caso il risultato importante è che
nn
=8 per ρ → ∞ (3.49)
np

3.3 Equazione di stato reale


La materia tende normalmente ad avere una struttura atomica con nuclei ed elettroni
legati. Se aumenta la densità gli elettroni possono essere catturati non dai protoni
liberi ma da quelli contenuti nei nuclei. Le reazioni nucleari di cattura elettronica
e decadimento β avvengono tra nuclei isobari (cioè con lo stesso numero di massa
A). In astrofisica si considerano sistemi macroscopici con masse dell’ordine di 1 M⊙ ≃
2 × 1033 g. Dato che la massa di un nucleone in grammi è circa 1/NA , vuol dire che
1 M⊙ contiene circa 1057 nucleoni.
Vogliamo determinare lo stato a energia più bassa di un sistema di A ∼ 1057 barioni
(massa ∼ 1 M⊙ ) che formano un corpo in cui non si può più trascurare l’interazione
gravitazionale, la quale tende ad aumentare la densità del sistema. Quello che vogliamo
studiare è il modo in cui queste particelle si organizzano, cioè stabilire se formano nuclei
58 3. Equazione di stato per materia degenere

Figura 3.2: Energia di legame per nucleone per le condizioni di laboratorio. Il nuclide
favorito all’equilibrio risulta essere il 56 F e.

e di che tipo (valori di A e Z), le condizioni di equilibrio e l’equazione di stato (quindi


la pressione).
Consideriamo un sistema in cui sia passato abbastanza tempo in modo da avere
equilibrio rispetto alle reazioni nucleari, alle interazioni e.m., deboli e forti. Si vedrà che
questa assunzione è valida per le stelle di neutroni ma non va bene per le nane bianche.
Dobbiamo calcolare lo stato di equilibrio, cioè trovare le equazioni che minimizzano
l’energia. Per un insieme di barioni con A ≤ 100 (pochi nucleoni) lo stato energetico
più basso consiste di un singolo nucleo, dove 56 26 F e è il nucleo con la più alta energia
di legame, come mostrato in Fig. 3.2. Quando A > 100 la situazione cambia. Lo
stato che minimizza l’energia è costituita da molti nuclei di 56 F e. Se si arriva a A ∼
1057 , tuttavia, l’attrazione gravitazionale diventa importante, la densità eccede il valore
ρβinv ∼ 107 g cm−3 . Questo significa che gli elettroni diventano relativistici e possono
combinarsi con protoni legati per formare neutroni (decadimento β inverso) alterando
la composizione di equilibrio spostandosi verso nuclei sempre più ricchi di neutroni, che
non esistono in laboratorio (nuclei esotici).
Diamo una descrizione più dettagliata di ciò che succede. Se le forze nucleari deter-
minassero, da sole, l’equilibrio della struttura nucleare, i nucleoni si accumulerebbero
in nuclei di dimensioni illimitate. Ma la repulsione Coulombiana diventa cosı̀ grande
che i nuclei subiscono una fissione. A basse densità, questi due effetti opposti raggiun-
gono un compromesso a A = 56. Infatti, in un nucleo normale non vi possono essere
solo protoni a causa della reciproca repulsione elettrostatica. In nuclei in equilibrio
tendono ad avere Z = A/2, cioè esiste un termine di simmetria che limita il numero
dei protoni. Si può concludere dicendo che a basse densità esiste una competizione tra
i termine di simmetria (che favorisce l’aumento dei neutroni) e la tendenza a non avere
Equazione di stato reale 59

troppi neutroni e protoni, cioè nuclei troppo grandi.


Quando gli elettroni diventano relativistici, l’equilibrio si sposta. Nel nucleo, come
visto in Eq. (3.49), il rapporto tra neutroni e protoni diventa grande a causa del
decadimento β inverso e la forza coulombiana gioca un ruolo minore. Esiste quindi una
tendenza alla formazione di nuclei sempre più grandi. Quando la densità raggiunge
il valore di ρdrip ∼ 4 × 1011 g cm−3 , il rapporto nn /np raggiunge un livello critico.
Qualsiasi ulteriore aumento nella densità porta al neutron drip, cioè i nucleoni escono
al di fuori dei nuclei. L’equazione di stato al di sopra del neutron drip non è nota.
Esiste un’altra densità critica ρnuc = 2.8 × 1014 g cm−3 , cioè la densità nucleare, a cui i
nuclei sono talmente vicini da fondersi. Quindi non esistono più nuclei distinti ma solo
materia nucleare ovvero un gas di n − p − e, complicato eventualmente dalla creazione
di altre particelle come i muoni.
Riassumendo si ha

• ρ < ρβinv = 107 g cm−3 : si hanno solo nuclei di 56


F e ed elettroni: modello FMT
(alias Thomas-Fermi);

• ρβinv < ρ < ρdrip = 4 × 1011 g cm−3 : si hanno nuclei (A, Z) ed elettroni;

• ρ ∼ 4 × 1012 g cm−3 : la pressione dei neutroni è superiore a quella degli elettroni;

• ρdrip < ρ < ρnuc = 2.8 × 1014 g cm−3 : si hanno nuclei (A, Z), elettroni e neutroni
liberi

• ρ > ρnuc : materia nucleare estesa, probabilmente con fasi esotiche della materia,
dovute alla presenza di altre particelle oltre a n, p, e.

Le Figs. 3.3, 3.4 mostrano l’andamento della pressione e dell’indice adiabatico effettivo
in funzione della densità delle diverse equazioni di stato che ora andiamo a studiare.

3.3.1 Equazione di stato ρ < ρdrip : HW, BPS


La trattazione quantitativa di questo sistema parte dall’espressione della densità di
energia della miscela di nuclei, elettroni e neutroni liberi, per cui si ha

ε = nN M (A, Z) + ε′e (ne ) + εn (nn ), (3.50)

dove M (A, Z) è l’energia di un nucleo (A, Z), includendo la massa a riposo, nN rappre-
senta la densità dei nuclei presenti nella miscela mentre nn quella dei neutroni liberi. ε′e
è la componente dell’energia cinetica degli e− e εn dei neutroni. Riferiamoci a grandezze
più significative effettuando il seguente cambiamento di variabile
( (
nb = nN A + nn densità barionica 1 = AYN + Yn
⇒ (3.51)
ne = nN Z Ye = YN Z
60 3. Equazione di stato per materia degenere

Questo vuol dire che la densità di energia a T = 0 sarà funzione di (nb , A, Z, Yn ). La


condizione di equilibrio (cioè lo stato di equilibrio del sistema) si trova minimizzando
ε rispetto ad A, Z e Yn mantenendo fisso nb , cioè

∂ε ∂ε ∂ε
= 0, = 0, = 0. (3.52)
∂A nb ,Z,Yn ∂Z nb ,A,Yn ∂Yn nb ,A,Z

Vi è però un problema: la quantità M (A, Z) non è nota sperimentalmente per nuclei


molto ricchi di neutroni (nuclei esotici) e deve essere dedotta teoricamente. Questo
viene fatto attraverso la formula semiempirica delle masse.
Una trattazione piuttosto semplice dell’equazione di stato è stata fatta da Harrison
e Wheeler nel 1958 (HW). Essi fecero due approssimazioni: la prima è quella di
considerare Z e A come quantità continue ovvero non si considerano effetti di shell. La
seconda è quella di utilizzare il modello a goccia incomprimibile per ottenere M (Z, A).
In questo modello semiempirico, basato sull’analogia tra nucleo e goccia di fluido, si
ricava la formula delle masse seguente:

M (Z, A) = [(A − Z)mn c2 + Z(mp + me )c2 − AĒb ]


b5 Z 2
" #
1 Z
 
2 2/3
= m u c b1 A + b2 A − b3 Z + b4 A − + 1/3 (3.53)
2 A A

in cui Ēb è l’energia di legame media per barione e i coefficienti sono dati da

b1 = 0.991749, b2 = 0.01911, b3 = 0.000840,


b4 = 0.10175, b5 = 0.000763. (3.54)

Consideriamo l’energia di legame B = AEb osservando, innanzitutto, che i nuclei hanno


una distribuzione di carica e di massa piuttosto regolari. Il raggio nucleare è uguale a
rN = r0 A1/3 ∼ 1.2 × A1/3 f m da cui si ricava la densità di massa
Amu mu
ρnuc = 4 3
= 4 = 2.8 × 1014 g/cm3 (3.55)
3
πrN 3
πr03

da cui si vede che la densità nucleare è costante, indipendente da A. Questa proprietà è


nota come effetto di saturazione, cioè ogni nucleone interagisce solo con i nucleoni vicini,
quindi l’interazione nucleare ha short range (basti ricordare che una goccia d’acqua
le molecole interagiscono solo con quelle vicine). Infatti, se un nucleone interagisse
anche con tutti i nucleoni, l’interazione nucleare sarebbe del tipo A(A − 1) ∼ A2 . Il
termine B = aV A (aV = 15 M eV ) è il contributo principale dell’energia di legame ed
è proporzionale al volume del nucleo (il raggio del nucleo va come A1/3 ).
A tale interazione bisogna però aggiungere termini correttivi che tendono a dimi-
nuire l’energia di legame. Prima di tutto va considerata l’interazione tra protoni, la
Equazione di stato reale 61

quale è repulsiva e quindi diminuisce l’energia di legame. Per una sfera carica, tale in-
terazione dà un contributo energetico pari a 3/5q 2 /r. Nel caso di un nucleo le particelle
sono in numero finito e si ha
3 Z(Z − 1)e2 Z(Z − 1)e2
EC = − = −a C
5 r0 A1/3 A1/3
Si è perciò ricavata la correzione coulombiana all’energia di legame che tiene conto
della repulsione dei protoni del nucleo
Un nucleone all’interno del nucleo risente di forze dirette radialmente, in tutte
le direzioni, dovute ai nucleoni vicini. Un nucleone superficiale, invece, interagisce
solo con i nucleoni all’interno, quindi con un numero inferiore. L’energia di legame
deve tenere in considerazione tale differenza tramite un termine di tensione superficiale
proporzionale alla superficie del nucleo, cioè il termine A2/3 , quindi ES = −aS A2/3 .
Consideriamo ora il fatto che i nuclei tendono ad avere lo stesso numero di neutroni
e protoni. Consideriamo il rapporto X = Z/A il cui valore, in genere, è uguale a 1/2
per un nucleo in equilibrio. Il termine di simmetria diminuisce se l’equilibrio è rotto.
Il termine di simmetria risulta essere uguale a
2
1 Z

Esym = −asym A −
2 A
Infine, i nucleoni tendono ad accoppiarsi in stati di spin opposti (pairing nucleare),
cioè esiste un’interazione di pairing che diminuisce ulteriormente l’energia di legame.
Tale interazione origina una forza responsabile della superfluidità nucleare. Il termine
di pairing è uguale a

1  δ
 odd − odd
Ep = ap ap =  0 even − odd
A3/2 
−δ even − even

L’energia di legame è perciò data da


2
Z(Z − 1)e2 1 Z

B = AĒb = aV A − ac 1/3
− aS A2/3 − asym A − + aP A−3/2 (3.56)
A 2 A
Il principale risultato di questa equazione è che i nuclei presenti nella configurazione
di equilibrio sono quelli per cui, considerando che numericamente risulta ac ≪ asym , si
trova:
!−1 (
∂B A ac 2/3 A
≃ 2
nuclei leggeri
= 0 ⇒ Zeq ≃ 1+ A A (3.57)
∂Z A 2 asym < 2
nuclei pesanti

Si possono ora ricavare le tre condizioni di minimo dall’Eq. (3.52).


62 3. Equazione di stato per materia degenere

∂M
1. Da ∂Z
= −(EF e − me c2 ) si ricava

2Z Z me
 
b3 + b4 1− − 2b5 1/3
= [(1 + x2e )1/2 − 1] (3.58)
A A mu

∂ε ∂ε
2. Dalle condizioni ∂A
=0e ∂Z
= 0 otteniamo:
!1/2
b2
Zeq = = 3.54 × A1/2 (3.59)
2b5
Z 1
da cui si ricava A ≃ A1/2 . Questo vale per i nuclei non isolati, in presenza di
elettroni. I nuclei più pesanti sono più ricchi di neutroni.
∂ε ∂ε
3. Dalle condizioni ∂A
=0e ∂Yn
= 0 si ricava

1 Z2 b5 Z 2
!
2 mn
b1 + b2 A−1/3 + b4 − − = (1 + x2n )1/2 (3.60)
3 4 A2 3A 4/3 mu

Osserviamo che mentre Z aumenta all’aumentare di A, il rapporto Z/A diminuisce con


A−1/2 in queste condizioni di alta densità. In definitiva la ricetta consiste nel fissare
A, trovare Zeq dall’Eq. (3.57), ricavare il valore di xn dall’Eq. (3.60). Se questo è
non nullo significa che i neutroni hanno cominciato a sgocciolare dal nucleo: abbiamo
superato la densità di neutron drip:

ρdrip = 4 × 1011 g cm−3 (3.61)

Una volta noto xn , trovo εn , Pn , ρn dall’Eq. (2.75); ricavo xe dall’Eq. (3.58), da cui
trovo ε′e , Pe , ne per avere finalmente l’equazione di stato, che si può scrivere nella forma

ε ne M (A, Z)/Z + ε′e + εn


ρ ==
c2 c2
P = Pe + Pn
A
n = ne + nn (3.62)
Z
Riassumendo il modello di Harrison-Wheeler si può dire che essi partono da un sistema
di nuclei, elettroni ed eventualmente neutroni e utilizzano la formula semiempirica delle
masse dei nuclei considerando gli elettroni come un gas degenere uniforme. Nell’equa-
zione di stato risultante, la pressione è determinata dal gas relativistico di elettroni.
Questo modello ha dei difetti:
• non considera effetti di shell nucleari;

• A, Z vengono trattate come variabili continue, in realtà sono discrete;


Equazione di stato reale 63

• si ignorano completamente le correzioni elettrostatiche.


Il modello di HW risale agli anni ’50. Negli anni ’60 fu migliorato da Salpeter intro-
ducendoo effetti di shell. Solo negli anni ’70 Baym, Pethick e Sutherland (BPS)
hanno ulteriormente migliorato il modello utilizzando una formula semiempirica mi-
gliore ed introducendo una correzione energetica di reticolo εL . Dalla fisica dello stato
solido risulta che, finché esiste un sistema con una carica +Ze concentrata in un nu-
cleo, per minimizzare l’energia del sistema conviene disporre gli atomi in punti fissi che
formano il reticolo cristallino. La soluzione più conveniente, ovvero quella di equili-
brio, è un reticolo cubico a facce centrate (FCC), con il nucleo al centro della faccia,
ed è quella che BPS considerano nel loro modello. Aumentando la densità, i nuclei si
modificano nella loro forma e prima di divenire materia nucleare, essi si allungano e
appiattiscono diventando nuclei a lasagna. La densità di energia è ora data da

ε = nN M (A, Z) + ε′e (ne ) + εn (nn ) + εL , (3.63)

in cui la correzione reticolare, a parte un fattore numerico, è quella ricavata in Eq.


(3.11):

εL = −1.444Z 2/3 e2 n4/3


e
nb (1 − Yn )
nN = (3.64)
A
Poiché Pc = n2b ∂(ε/n
∂nb
b)
si ha che Pc = 1/3εL che risulta essere il contributo negativo
del reticolo alla pressione. Questo contributo di pressione non varia eccessivamente
la pressione totale P ma agisce sul valore Z di equilibrio che viene corretto di circa
il 15%. Infatti, come abbiamo visto sopra, Zeq è funzione del rapporto aC /asym . Se
(Z,A) vengono trattate come trattate come variabili discrete, si studia qual è la coppia
che minimizza l’energia.
Fino a ρ ∼ 8.1 × 106 g/cm3 il nuclide favorito è 56 F e, poi sono nuclidi sempre più
massivi, come mostrato in Tab. 3.1. Non si ha perfetta monotonia, a causa di effetti
di shell come le configurazioni a numeri magici, che sono energeticamente favorite. A
ogni variazione di Z/A corrisponde una variazione di ρ, infatti ne = nb Z/A, per cui

∆ρ ∆nb ∆(Z/A)
∼ ∼− (3.65)
ρ nb Z/A

Quando si creano i neutroni liberi questi contribuiscono poco alla pressione (plateau
della curva) e molto alla massa. L’ammorbidimento avviene alla neutron drip, come si
vede in Fig. 3.3. BPS e HW sono quasi identiche rispetto all’andamento pressione vs.
densità. Si distinguono principalmente per quello che predicono riguardo alla materia.
A densità molto alte, anche i neutroni contribuiscono alla pressione. Entrambi i modelli
concordano per un rapporto pari a Z/A → 1/3.
64 3. Equazione di stato per materia degenere

Nuclide ρmax (BPS) ρmax (JGK)


56
Fe 8.1 × 106 8.1 × 106
62
Ni 2.7 × 108 2.8 × 108
64 9
Ni 1.2 × 10 1.3 × 109
66
Ni - 1.5 × 109
86
Kr - 3.1 × 109
84
Se 8.2 × 109 7.6 × 109
82
Ge 2.2 × 1010 2.6 × 1010
80 10
Zn 4.8 × 10 6.0 × 1010
78
Ni 1.6 × 1011 8.4 × 1010
76 11
Fe 1.8 × 10 -
126
Ru - 1.2 × 1011
124
Mo 1.9 × 1011 1.7 × 1011
122 11
Zr 2.7 × 10 2.5 × 1011
120
Sr 3.7 × 1011 3.6 × 1011
122
Sr - 3.8 × 1011
118
Kr 4.3 × 1011 4.4 × 1011
Tabella 3.1: Nuclidi favoriti all’equilibrio secondo Shapiro-Teukolsky. Sono indicate le
densità massime a cui risulta favorito il nuclide indicato; la prima colonna riguarda il calcolo
effettuato con BPS i valori sperimentali di M (A, Z) noti; la seconda colonna riguarda anche
l’implementazione di estrapolazioni teoriche di Jänecke, Garvey, Kelson (JGK, 1976).

3.3.2 Equazione di stato ρdrip < ρ < ρnuc : BBP


Consideriamo l’equazione di stato nel range ρdrip < ρ < ρnuc . A ρdrip i nuclei iniziano
a far uscire i neutroni. Quindi dobbiamo cercare un’equazione all’equilibrio per un
sistema composto da nuclei molto ricchi di neutroni, elettroni e neutroni liberi. Il
contributo alla pressione di questi ultimi diventa sempre più importante all’aumentare
dela pressione. Quando la densità si approssima a ρnuc bisogna considerare anche
la possibilità che i nuclei si dissocino e si dissolvano. Perché questo avviene? La
QCD (quantum chromo dynamics) spiega l’interazione nucleone-nucleone in termini
dell’interazione tra i quarks che li compongono. Tale interazione è uguale per neutrone
e protone.
I quarks formano i protoni e i neutroni ma non possono esistere liberi. Essi si trovano
a coppie nei mesoni e in tripletti nei barioni. Come tra le molecole di certi solidi esiste
un’interazione efficace di Van der Waals, anche tra i nucleoni è più comodo pensare in
termini di un’interazione efficace molto più complicata. Si vede che si possono legare
neutroni e protoni per formare il deutone, cioè un nucleo stabile ma non si riescono
a legare due neutroni per formare un sistema legato. Aumentando la densità i nuclei
divengono sempre più ricchi di neutroni, si avvicinano ad essere sistemi di soli neutroni,
cioè poco legati. Essi pertanto tendono a dissolversi formando la materia nucleare.
Equazione di stato reale 65

Figura 3.3: Equazioni di stato valide fino alla densità di neutron drip. La curva Ch indica
un gas ideale con µe = 56/26; le equazioni di stato HW e BPS sono il prolungamento liscio
dell’equazione FMT a ρ = 104 g cm−3 . Al neutron drip HW viene prolungata in maniera
liscia dall’equazione ideale n − p − e, mentre la BPS fluisce nella BBP.

Consideriamo la formula semiempirica delle masse partendo dalle seguenti ipotesi

• A = ∞, cioè non si considerano effetti di superficie;

• trascuriamo interazioni elettromagnetiche;

• Z = A/2, cioè consideriamo materia simmetrica.

Quello che si trova, utilizzando questi ipotesi, è la materia nucleare infinita simmetrica
in cui np = nn e B = −aV = −16 M eV = costante. Si tratta di un’estrapolazione,
ma è ciò a cui tendono le equazioni di stato quando non ci sono più nuclei. Bisogna
distinguere tra materia nucleare finita (vi sono effetti di superficie e coulombiani) e
materia nucleare infinita (non vi sono più effetti di superficie).
Baym, Bethe e Pethick (BBP) nel 1971 fecero considerazioni molto importan-
ti. Nel loro modello vengono usate formule semiempiriche delle masse, fittate usando
tutti i nuclei noti (laboratorio) ma si utilizzano anche informazioni sulla natura del-
l’interazione nucleone-nucleone (CERN) e dettagliate simulazioni a molti corpi. Più
neutroni si trovano fuori dal nucleo più piccolo è il termine che dà la correzione di
66 3. Equazione di stato per materia degenere

Figura 3.4: Indice adiabatico effettivo in funzione della densità nelle diverse equazioni di
stato.

tensione superficiale a B. Questo termine deve azzerarsi quando vi sono tanti neutroni
dentro il nucleo quanti ve ne sono all’esterno di essi. La correzione superficiale tende
a zero quando la densità tende all’infinito al di fuori del nucleo. Questa è l’idea di
BBP. Inoltre essi migliorano il contributo del reticolo. Aumentando i neutroni esterni
al nucleo, questo viene schiacciato e deformato, si passa quindi al modello a goccia
liquida comprimibile in cui anche il volume nucleare VN è una variabile, poiché la ma-
teria potrebbe essere più compressa dell’ordinaria. Cerchiamo ora una formula delle
masse in cui le variabili dipendono anche dalla densità e minimizzano ε anche rispet-
to al volume nucleare. Incorporano inoltre le correzioni che vengono dallo scattering
nucleone-nucleone. L’ipotesi di base è di avere materia allo stato di equilibrio. Questo
si verifica nelle stelle di neutroni perché sono sistemi molto stabili. Dato la quantità ε
funzione di A, Z, nN , nn , VN si trova lo stato di equilibrio minimizzando questa funzione,
cioè
ε = nN (WN + WL ) + εe (ne ) + εn (nn )(1 − VN nN ) (3.66)
in cui WN rappresenta l’energia del nucleo (inclusa l’energia di massa), WL è il termine
del reticolo, il secondo termine rappresenta il contributo del gas di elettroni men-
tre l’ultima quello dei neutroni (1 − VN nN è il volume occupato dai neutroni liberi).
Sappiamo inoltre che valgono le relazioni ne = ZnN (cioè la carica totale è nulla)
Equazione di stato reale 67

e nb = AnN + nn (1 − nN VN ) (densità barionica). Minimizziamo rispetto alle quat-


tro variabili A, Z, nN , nn , VN , tenendo fisso n. In questo modo si ottengono quattro
equazioni

∂ε
1. Da ∂Z A,nN ,VN ,nn
= 0 si trova

(P )
µe = µn(N ) − µP

Il nucleo risulta dunque in equilibrio rispetto al decadimento β e alla cattura


elettronica.

∂ε
2. Da ∂A Z,nN ,VN ,nn
= 0 si trova

µn(N ) = µn(ext)gas

I neutroni fuori dal nucleo sono quindi in equilibrio con quelli all’interno. Non
costa energia portare n da fuori a dentro il nucleo e viceversa. Questo implica
che i neutroni non migrano da una parte all’altra
 
∂ WN +WL
3. ∂A A

= 0 equivale a minimizzare l’energia per nucleone
x,nN A,nN VN ,nn
dentro al nucleo.

∂ε
4. Da ∂VN Z,A,nN ,nN (1−VN nN )
= 0 si trova

Pn(gas) = Pn(N )

ossia l’equilibrio tra la pressione esercitata dai neutroni dentro al nucleo e quella
esercitata dal gas di neutroni liberi, fuori dal nucleo.

Queste condizioni di minimo racchiudono un problema a molti corpi. Ora vediamo le


ipotesi del modello sui vari termini dell’equazione, cioè WN , WL , εn (nn ), εe (ne ), di cui
devo specificare la forma funzionale per avere l’equazione di stato. Quello che si trova
è la seguente espressione per la pressione

∂(ε/n)
P = n2 = Pe + Pn(gas) + PL (3.67)
∂n
Definendo X ≡ Z/A il modello a goccia comprimibile ipotizza:

WN = A[(1 − X)mn c2 + Xmp c2 + W (k, X))] + Ws + WC (3.68)

in cui Wc è l’energia coulombiana, Ws quella di superficie, WN è l’energia del nucleo,


W (k, X) è l’energia per nucleone della materia estesa dove si trascurano effetti di
68 3. Equazione di stato per materia degenere

superficie e coulombiani (k è il momento definito da n = 2k 3 /(3π 2 )2 ). Il termine


W (k, X), dipendente da X e da k che è a sua volta legato alla densità, contiene gli
effetti dell’interazione nucleone-nucleone poiché dipende dalla densità.
La densità di energia dei neutroni liberi viene descritta cosı̀:

εn = nn [mn c2 + W (kn , 0)] (3.69)

Si usa cioè lo stesso termine WN dell’Eq.(3.68) con X = 0, quindi Z = 0 (nessun


protone) cioè si considerano nuclei con solo neutroni. Anche in questo caso kn è legato
alla densità. Trattiamo in modo uguale i neutroni dentro il nucleo e quelli esterni, con
il modello di materia nucleare estesa. In tal modo ha senso dire ρ(gas)
n = ρn(N ) .
Scegliamo una parametrizzazione di Ws che si annulla quando si ha la stessa densità
di neutroni dentro e fuori al nucleo. Per WC si considera il nucleo di raggio rN avente
carica Ze non localizzato al centro, ma distribuita uniformemente entro la sfera di
raggio rN . Quindi
3 Z 2 e2
WC = (3.70)
5 rN
Il risultato più accurato tiene conto del fatto che il nucleo non è puntiforme ma
ha un certo raggio rN > 0. BBP ottengono un termine comprensivo di interazione
coulombiana e reticolare:
3 Z 2 e2
2  2
rN rN

WC+L = 1− 1+ (3.71)
5 rn rc 2rc

in cui rc è il raggio della cella di Wigner-Seitz. Utilizzando le quattro equazioni derivate


dalle minimizzazione di ε si può ora trovare l’equazione di stato e studiare l’Eq. (3.67).
Le novità importanti introdotte da BBP sono

1. il nucleo può comprimersi;

2. neutroni dentro e fuori dal nucleo sono le stesse particelle, si comportano in


maniera analoga;

3. si usano correzioni reticolari;

4. si è introdotto l’importante concetto di materia nucleare infinita con energia per


nucleone W (k, X).

La base di tutto sta nello scegliere W migliore. Si vedrà che questa funzione si trova
senza problemi una volta noto un potenziale nucleone-nucleone. I risultati ottenuti da
BBP con il W scelto da loro sono mostrati in figura
2
La definizione di k in BBP differisce di un fattore 2 dall’usuale definizione di momento di Fermi.
Equazione di stato reale 69

Tale andamento è soddisfacente almeno fino a ρnuc . I risultati numerici sono

ρdrip ⇒ P = Pe
ρ = 1.5 × 10 g/cm3
12
⇒ Pn ≃ 20%Ptot
ρ = 1.5 × 1013 g/cm3 ⇒ Pn ≃ 80%Ptot (3.72)

All’aumentare di ρ, i neutroni entrano sempre più in gioco e sono sempre più respon-
sabili della pressione. I nuclei sopravvivono fino quasi alla densità nucleare, prima di
dissolversi. Le celle di W-S sono ora formate da un nucleo più un mare di neutroni
liberi. Nel caso di una stella di neutroni il raggio nucleare è dell’ordine di 5 − 7 f m
mentre il raggio della cella di W-S è di 15 − 20 f m.
Esistono critiche al modello di BBP. Infatti, scegliendo Ws diversa si ottengono
nuclei diversi e inoltre è valida solo fin a ρ = 5×1014 g cm−3 . Infatti, quando la materia
diventa troppo densa, gli elettroni possono avere energie paragonabili all’energia di
massa del muone, ossia mµ c2 = 104 M eV . Questo significa che compaiono i muoni e
non si ha più materia nucleare pura. A questo punto l’equazione di stato BBP cessa
di avere validità.
L’altro risultato importante è che studiando l’andamento dell’indice adiabatico ef-
fettivo Γ, questo risulta inferiore al valore critico 4/3 nella regione 1011 < ρ[g cm−3 ] <
1013 : non posso dunque avere stelle stabili con densità centrali in questo intervallo.

3.3.3 Equazione di stato ρ > ρnuc


Abbiamo visto che l’equazione di BBP era stata sviluppata per descrivere il compor-
tamento della materia quando la densità è inferiore a quella nucleare. Tale modello
introduceva la quantità W (k, X), cioè l’energia per nucleone della materia estesa (sen-
za contributo superficiale e coulombiano), che si può determinare una volta noto il
potenziale nucleare. Le forze nucleari non sono semplici, sono il risultato globale delle
interazioni quark-gluone. Le caratteristiche del’interazione nucleone-nucleone sono le
seguenti:

• riesce a spiegare lo shift di fase degli esperimenti di scattering;

• le forze nucleari hanno breve range;

• soddisfa la proprietà di saturazione, cioè che le forze nucleari legano un numero


finito di particelle.

Che cosa genera questa saturazione?

• interazione di scambio (accanto a quella diretta) che genera indistinguibilità;

• sono forze puramente repulsive a piccole distanze;


70 3. Equazione di stato per materia degenere

• esiste una simmetria isotopica: il protone e il neutrone sono due stati di isospin.
I principali problemi legati allo studio di questa interazione sono:
• non vale il principio di sovrapposizione;

• non sono forze centrali in quanto esiste dipendenza dallo spin, descritta da
componenti tensoriali;

• conoscenza approssimativa della dipendenza da r (potenziale di Yukawa, vedi


sotto);

• le tecniche relativistiche per un problema a tre corpi non sono ancora affinate.
Il valore della densità di saturazione è ρnuc = 2.8×1014 g/cm3 a cui corrisponde una
densità numerica nnuc = 0.17 f m−3 . La materia densa è tale per cui X = Z/A = 1/2.
Questo vuol dire che l’energia della materia nucleare estesa (nuclear bulk matter ) è
espressa da:

Wnbm = A(xmp c2 + (1 − x)mn c2 ) + W (k, X)


!2
1 k 1
 
W (k, X) = −WV + K 1 − + 4SV X− (3.73)
2 k0 2

in cui i valori sperimentali di k0 , WV , K (modulo di compressione) e SV (coefficiente


di simmetria volumetrica) sono:

k0 ≃ 1.33 f m−1
WV ≃ 16 M eV
k 2 ∂ 2 W
K≡ ≃ 240 M eV
2 ∂k 2 k=k0

∂ 2 W (K0 , X)
!
1
SV ≡ ≃ 30 M eV (3.74)

8 ∂X 2


X=1/2

Il potenziale nucleare scelto deve riprodurre i valori sperimentali di queste quantità,


tenendo presente che la forza nucleare non è lineare e quindi si possono avere interazioni
a tre corpi. Infatti se ρ ≤ ρnuc la materia è ancora poco densa e basta considerare
un’interazione a due corpi mentre se ρ > ρnuc l’interazione diventa a tre corpi in
quanto la materia è molto densa. È possibile usare i potenziali di Yukawa per stimare
W (k, X) e l’interazione nucleone-nucleone.
Dall’elettrodinamica quantistica si sa che l’interazione elettromagnetica ha un range
infinito ed è mediata da bosoni (i fotoni) di massa nulla, cioè mγ = 0. L’idea è che se
si ha un’interazione a breve range, questa può essere mediata da un bosone a massa
finita e tanto più il range è breve tanto più massivo sarà il bosone di scambio. Questo
Equazione di stato reale 71

fatto non deve stupire in quanto, dalla relazione di Heisenberg ∆E∆t ∼ h̄, si ricava
che (mc2 )(c∆t) ∼ h̄c, in cui c∆t rappresenta la distanza r percorsa dalle particelle.
Quindi mc2 r ∼ h̄c da cui si ottiene r ∼ h̄/mc = λC . Questo vuol dire che il range della
particella mediatrice dell’interazione diminuisce all’aumentare della sua massa, quindi
il range dell’interazione è inversamente proporzionale alla massa del bosone di scambio.
Questo risultato può essere visto in modo formale nella teoria quantistica dei campi,
cioè introducendo i campi Aµ e Φ si ottiene l’equazione di Klein-Gordon. Se abbiamo
un campo bosonico massivo, esso nel limite non relativistico può essere descritto dal
seguente potenziale di Yukawa:
C
e−r/λ
Φ(r) = ±g (3.75)
r
in cui il segno + corrisponde a repulsione (campi vettoriali di spin S = 1) e il segno −
ad attrazione (campi scalari di spin S = 0). La teoria di Yukawa descrive l’interazione
tra nucleoni con un potenziale ∝ 1/r pesato da un termine esponenziale che lo rende a
corto range. L’interazione nucleare attrattiva ha range pari a r ≃ 1.2 f m = ra ottenuto
da misure di scattering e fornisce la distanza media tra i nucleoni. Questa interazione
viene mediata da particelle scalari, i pioni la cui massa equivale a mπ = 140 M eV .
Le interazioni nucleari repulsive hanno range pari a r ≃ 0.025 f m = rr mediate da
particelle vettoriali dette bosoni ρ (mρ ∼ 783 M eV ) e ω. La componente attrattiva
della forza nucleare prevede lo scambio dei pioni mentre quella repulsiva dei mesoni ω
che risultano essere più importanti di quelli ρ. La costante di accoppiamento dell’inte-
razione forte è uguale a g 2 /h̄c ≃ 10 mentre per gli elettroni (costante di accoppiamento
dell’interazione elettromagnetica) si ha e2 /h̄c = α ≃ 1/137. Il potenziale di Yukawa è
stato usato in diversi casi:

• potenziale di Reid: è una somma di termini di tipo Yukawa; questo potenziale


fornisce un’equazione di stato soffice che però non va bene per le stelle di neutroni;

• equazione di Bethe-Johnson: considera sia la parte attrattiva che quella repulsiva


di Yukawa.

Vediamo ora come da un potenziale di Yukawa si possa ricavare W (k, X). Riprendiamo
una trattazione classica svolta da Zel’dovich (1962). Quando la densità non è troppo
alta possiamo considerare un’interazione a due corpi per cui l’energia risulta essere la
somma di termini a due corpi. Assumiamo una distribuzione uniforme nN dei nucleoni,
trascurando effetti di correlazione. Dato che il sistema contiene molte particelle si può
sostituire la sommatoria con un integrale. Quindi
C
1X 1 Z Z
e−rij /λ
Eint = Φij = ± g 2 n2N dVi dVj (3.76)
2 i6=j 2 Vi Vj rij
72 3. Equazione di stato per materia degenere

in cui si è considerato un sistema di shells sferiche e gnN dV è la carica infinitesima


contenuta nelle shells. Semplifichiamo l’integrale mettendo una particella al centro e
sommando su tutte le shells sferiche concentriche centrate sulla particella al centro e
integrando per parti si ottiene
Z −r/λC
1 2 2 Z e
Eint = ± g nN dV 4πr2 dr = ±2πn2N g 2 V λC 2 (3.77)
2 r
La quantità Eint è l’energia di interazione per un sistema di particelle distribuite uni-
formemente entro un volume V di raggio R. Questo vuol dire che la densità di ener-
gia di interazione del sistema composto da N nucleoni in un volume V è uguale a
ε = EVint = ±2πn2N g 2 λC 2 . L’energia totale è la somma di due termini: quello di un
2 2
gas di fermioni ideale e quello di interazione: ε = εid ± 2πnµ2 g . Ricaviamo W da ε
ricordandoci che W non contiene l’energia a riposo, quindi
ε εid
W = − mc2 = ± 2πn2N g 2 V λC 2 − mc2 . (3.78)
nN nN
La quantità W = W (nN ) è funzione della densità di nucleoni che è, a sua volta,
collegata a k. Nell’espressione trovata non è presente la dipendenza da X = Z/A in
quanto, finora, non si è mai distinto tra protoni e neutroni. Ricordiamo inoltre che
bisogna distinguere tra i due casi limite di sistema NR e UR in cui si ha

3 h̄2 5/3
εnr = nN mc2 + (3π 2 )2/3 n
10 2m N
2 (8π)2/3
εur = nN mc + h̄cn4/3 (3.79)
4
La pressione del sistema si calcola come
 
ε
∂ nN
P = n2N = P0 ± 2πn2N g 2 V λC 2 = P0 + εint (3.80)
∂nN
in cui il primo termine a destra rappresenta la pressione del gas fermionico libero mentre
il secondo è la correzione dovuta all’interazione di Yukawa dove il segno + rappresenta
particelle vettoriali che generano una pressione maggiore (equazione più dura) mentre
il segno − riguarda le particelle scalari che diminuiscono la pressione (equazione più
soft). Ricordiamo che per gas degeneri
(
Γ Γ = 5/3 N R
P0 = KΓ ρ (3.81)
Γ = 4/3 U R

A densità inferiori a ρnuc domina il termine attrattivo nel potenziale di Yukawa, quindi
si ha ammorbidimento dell’equazione di stato, che si irrigidisce a densità superiori a
Equazione di stato reale 73

causa del core repulsivo di Φ(r). Quando ρ e nN tendono all’infinito, si ha il dominio


del termine in n2N per cui P ≃ εint , mentre per gas ideali si trovava P = 1/3ρc2 . Questo
implica una grossa differenza per la velocità del suono:
∂P 1
c2s,id ≡ = c2
∂ρ 3
∂P
c2s,int ≡ = c2 (3.82)
∂ρ
Consideriamo il metodo di Bethe-Johnson in cui si considera una somma di termini
di Yukawa con termine repulsivo e qualcosa che permetta che ad alte ρ compaiono
nuove particelle: muoni o iperoni o barioni più massivi dei protoni. Consideriamo due
casi separati.

• Pura materia neutronica: X = 0. Si hanno i seguenti risultati


ε
= W (k, 0) + mc2

n


W (k, 0) ≡ 236na M eV /particelle a = 1.54 (3.83)
P = 364na+1 M eV /f m3 ∝ n2 .54

con n espressa in f m−3 . Si è ottenuta un’equazione di stato rigida P ∝ n2.54 , in


accordo con i risultati delle stelle di neutroni. Maggiore è il termine a + 1 tanto
più le stelle di neutroni saranno massive, con raggio grande e con minore densità
centrale. Questa equazione di stato ha però un difetto, non si ha saturazione per
cui bisogna considerare un’interazione a tre corpi.

• Si ammette l’esistenza degli iperoni Λ, ∆, Σ, n, µ e p. Il primo iperone che


compare è il muone µ− → e− +ν̄e +νµ . All’equilibrio termodinamico scelgo lo stato
a minima energia corrispondente a quando i neutrini sono tutti sfuggiti al sistema.
Allora µµ = µe . Ma dobbiamo anche considerare la solita reazione (decadimento
β/cattura elettronica) n → p + e− + ν̄e che all’equilibrio termodinamico dà µn =
µp +µe . Inoltre bisogna sempre tenere in considerazione la conservazione di carica
per cui np = ne + nµ . Riassumendo si hanno le tre equazioni

 µµ = µe

µn = µp + µe (3.84)
np = ne + nµ

Similmente al percorso seguito nella sezione 3.2, definiamo per ogni specie di
particella del sistema il rapporto relativistico

 xe = pF (e) pF (p)
me c
xp = mp c
 xn = pF (n) pF (µ) (3.85)
mn c
xµ = mµ c
74 3. Equazione di stato per materia degenere

Utilizzando questi rapporti e ricordando che n ∝ (mx)3 si ottiene


2 1/2
= me (1 + x2e )1/2

 mµ (1 + xµ )

mn (1 + x2n )1/2 = me (1 + x2e )1/2 + mp (1 + x2p )1/2 (3.86)
(me xe )3 + (mµ xµ )3 = (mp xp )3

Cerchiamo la soglia per la comparsa dei muoni, cioè xµ = 0 e nµ = 0 si ricava


mµ = me xe da cui si ricava xe ∼ mme
µ
≃ 200. Sostituendo nell’ultima equazione si
3 3 me me
ottiene (me xe ) = (mp xp ) per cui xp = mp
xe ∼ 200 mp
. Riassumendo

 xe ∼ 200


me
xp ∼ 200 mp
∼ 10−1 ⇒ xn = 0.5 (3.87)

xµ = 0

La densità di soglia risulta quindi essere uguale a ρmuoni = 8.21×1014 g/cm3 . Una
volta portato il sistema a questa densità, l’elettrone possiede energia sufficiente
a creare un muone, che è una particella ∼ 200 più massiva. Analogamente si può
trovare la soglia di produzione di altre particelle. Vediamo cosı̀ che introducendo
gli iperoni ad alta densità i contributo più importante alla pressione è dato ancora
dai neutroni.

Esiste però una domanda aperta: come compare il pione? La reazione fondamentale
che avviene a densità sufficientemente elevate

n → p + π− (3.88)

Quando si origina i pioni, si ha un ammorbidimento dell’equazione di stato poiché si


verifica la cosiddetta condensazione del pione. Vediamo ora in che cosa consiste. Il
pione è un adrone un pò più massivo del protone. Esso interagisce fortemente. Se
consideriamo una particella che si propaga, essa può interagire con se stessa oppure col
mezzo che attraversa e in conseguenza di ciò la sua energia viene aumentata. Alla fine è
come se vi fosse una nuova particella libera con una massa efficace. Anche per il pione
si può fare lo stesso discorso, ottenendo una massa efficace maggiore di mµ . Questo
implica che il pione può comparire successivamente al muone. Esso infatti compare a
densità dell’ordine di 2 − 3 volte quella nucleare. Il pione è un bosone quindi segue la
statistica di Bose-Einstein. Questo implica che tutti i pioni creati possono coesistere
in un medesimo stato quantistico a momento nullo. La temperatura critica per cui ciò
avviene è uguale a
!2/3
3.31 n
Tc = h̄2 (3.89)
mkB g
Si tratta di una condensazione bosonica, cioè si ha uno stato a momento nullo che non
contribuisce alla pressione. Questo significa che la condensazione toglie il contributo
Equazione di stato reale 75

pionico alla pressione totale del sistema ammorbidendo l’equazione di stato. Se ciò si
verifica le stelle sono più piccole. Finora abbiamo considerato i π − ma esistono anche i
π + . Le reazioni possibili sono π + + π − → 2γ annichilazione dei pioni. Osserviamo che
µγ = 0 da cui si ricava che µπ+ = −µπ− il che è assurdo perché il potenziale chimico
non può essere negativo. Questo vuol dire che i pioni positivi non possono essere nel
sistema condensato. Un’altra reazione possibile è π 0 → 2γ da cui µπ0 = 0 = µγ . Quindi
non esistono pioni neutri poiché, altrimenti, avremmmo potenziale chimico nullo.
76 3. Equazione di stato per materia degenere
Capitolo 4

Struttura stellare

Durante la maggior parte della sua esistenza una stella è in un delicato stato di bilan-
ciamento sia locale che globale. Piccoli spostamenti da questo stato portano a stati
dinamici stabili (stelle variabili) o instabili (perdita di massa dalle giganti rosse, novae e
supernovae). Sebbene una stella abbia quasi tutte le grandezze macroscopiche costanti
(massa, raggio, temperatura efficace), in realtà effettua cambiamenti irreversibili re-
sponsabili della sua evoluzione. Molto spesso si possono separare questioni riguardanti
la struttura stellare da quelli della sua evoluzione, ma spesso le due problematiche sono
collegate. Per esempio, lo stato precedente di una stella determina la sua composizione
chimica, che, a sua volta, influenza la sua struttura durante le fasi successive. Indipen-
dentemente da questo legame stretto, si possono analizzare aspetti che non dipendono
dal tempo.
Vogliamo studiare l’equilibrio idrostatico di corpi autogravitanti in condizioni new-
toniane. Le condizioni di equilibrio nelle stelle sono date da equazioni di equilibrio
idrostatico (la pressione bilancia la gravità), e di bilancio energetico in cui le sorgenti
di energia (le reazioni nucleari) bilanciano le perdite. Da questa condizione di equili-
brio si ricavano le equazioni del trasporto energetico radiativo e termico (convettivo).
Infine abbiamo l’equazione di stato. Praticamente la struttura stellare viene analizza-
ta attraverso cinque equazioni, locali, che descrivono pressione, temperatura, massa,
raggio e luminosità della stella. Due di queste sono un mezzo alternativo per studiare
il trasporto di calore. Fisicamente queste equazioni differenziali descrivono l’equilibrio
meccanico locale e termodinamico, conservazione dell’energia e della massa. Poiché le
equazioni sono del primo ordine, e solo quattro vengono usate, servono quattro con-
dizioni iniziali, che riguardano il centro della stella o richiedono che la temperatura
superficiale e la pressione siano consistenti con i risultati del modello dell’atmosfera
stellare. Inoltre si ha bisogno di fissare la massa totale e specificare la composizione
chimica iniziale.
In questo capitolo e nel prossimo ci occuperemo di studiare queste cinque equazioni.
Iniziamo a occuparci del teorema del viriale per le stelle.

77
78 4. Struttura stellare

4.1 Il teorema del viriale (caso NR)


Il teorema del viriale è una legge statistica riguardante particelle mutuamente inte-
ragenti. Consideriamo un sistema di masse puntiformi mi nelle posizioni ri sotto
l’influenza della forza Fi . Allora le equazioni del moto si possono scrivere come

d
pi = Fi . (4.1)
dt
Consideriamo ora la quantità i pi · ri , in cui la somma è su tutte le particelle del
P

sistema. Deriviamo rispetto al tempo

d X X d X d
pi · ri = pi · ri + pi · ri . (4.2)
dt i i dt i dt

Il secondo termine nel caso NR coincide con 2Ek = mi vi2 , dove Ek è l’energia cinetica
P

della totalità di particelle. Tenendo conto che pi = mi vi = mi dr


dt
i
, il termine a sinistra
può essere riscritto come

d X dri d X1 d 1 d2 I
mi · ri = (mi ri2 ) = , (4.3)
dt i dt dt i 2 dt 2 dt2

dove I = mi ri2 è il momento d’inerzia. L’Eq. (4.2) si può, quindi, scrivere come
P
i

1 d2 I X
= 2Ek + Fi · ri . (4.4)
2 dt2 i

La sommatoria, nell’equazione precedente, viene detto viriale di Clausius. Include solo


forze a lungo raggio d’azione e forze di pressione mentre le forze di contatto danno
contributo nullo. Sotto le ipotesi di equilibrio, cioè considerando un sistema statico, il
momento d’inerzia è costante, per cui si può ottenere un legame tra energia cinetica
totale (somma delle energie cinetiche di tutte le particelle) e il viriale di Clausius, cioè

1X
Ek = − Fi · ri . (4.5)
2 i

Come prima applicazione di questo teorema, consideriamo un gas contenuto in un


recipiente. Le forze che entrano in gioco sono di due tipi: la forza di pressione esterna
alla superficie del contenitore FP e le forze di interazione tra le particelle costituenti il
gas. Consideriamo il primo contributo che si può scrivere come
X Z Z Z
FP · ri = −f ds · r = −P n · rds = −P ∇ · rdv = −3P V (4.6)
i Σ Σ V
Il teorema del viriale (caso NR) 79

Nel caso di un gas perfetto non si hanno interazioni tra le particelle per cui esistono
solo forze di pressione. Il teorema del viriale si può quindi scrivere come
3 3
0 = 2Ek − 3P V ⇒ Ek = P V = kB T N ⇒ P V = N kB T (4.7)
2 2
Abbiamo ritrovato, partendo dall’equazione del viriale, la legge del gas perfetto già
nota dalla teoria cinetica.
Consideriamo ora il contributo delle forze a distanza. Queste possono essere di due
tipi: gravitazionale ed elettromagnetica. Consideriamo il caso di un gas carico, cioè in
cui si ha l’interazione elettrostatica F coul , allora il teorema del viriale si scrive come
3 1 X coul
Ek = P V − F ij (ri − rj ). (4.8)
2 2
in cui l’interazione elettrostatica è del tipo
1 qi qj
Fcoul ij = 3
rij (4.9)
4πε0 rij
L’equazione di stato che si ottiene è la seguente
2 Ek 1 Ecoul
P = + ,
3V 3 V
(4.10)
dove Ecoul è il potenziale elettrostatico.
Nel caso di una stella, la situazione è differente. Il gas risente di due forze: quella
elettrica, derivante dalle collisioni coulombiane tra le particelle cariche del gas ionizzato,
e quella gravitazionale (non esiste il termine di pressione sulla superficie altrimenti la
stella si disperderebbe). Sebbene le forze elettrostatiche siano intrinsicamente più forti
di quelle gravitazionali, il loro contributo al viriale è molto piccolo. Le forze elettriche
mantengono la neutralità di carica nel gas ionizzato, cosı̀ che non esiste una forza
elettrica netta all’interno della stella. Quindi possiamo trascurare le forze coulombiane
e considerare la stella come un gas perfetto in cui le uniche forze agenti sono quelle
gravitazionali e scrivere
Gmi mj
Fij = − 3
(ri − rj ). (4.11)
rij
Il teorema del viriale diventa
1X 1 X Gmi mj
Ek = − Fi · ri = − . (4.12)
2 i 2 coppie rij

Ogni termine della sommatoria è uguale all’energia potenziale (negativa) dovuta all’in-
terazione tra la particella mi con mj . Sommando su tutte le coppie si ottiene
Egrav
Ek = − , (4.13)
2
80 4. Struttura stellare

in cui Egrav è l’energia potenziale totale della stella. Nel caso di un sistema legato
(dove effettivamente ha senso applicare il teorema) Egrav < 0 per cui Ek > 0. Questo
risultato rappresenta il teorema del viriale per una stella con particelle NR. Poiché
l’energia cinetica di particelle non degeneri, in una stella, corrisponde ad una misura
della temperatura media, l’equazione precedente ha una conseguenza molto importante:
la temperatura dell’interno di una stella aumenta quando la stella si contrae.
Osserviamo che Ek è stato definito come energia cinetica traslazionale delle par-
ticelle e non include l’energia dei gradi interni di libertà (rotazionale, vibrazionale o
energia d’eccitazione) o energia cinetica dei fotoni intrappolati.

4.2 Teorema del viriale dall’equilibrio idrostatico


Il teorema del viriale può essere ottenuto, in modo alternativo, tramite quantità ma-
croscopiche assumendo che una stella sia in equilibrio idrostatico. Consideriamo una
sfera di massa M e raggio R, in cui le uniche forze agenti sono la gravità e la pressione
interna. La materia racchiusa in un elemento di volume a distanza r dal centro risulta
essere uguale a Z r Z r
2
m(r) = dm = 4πr′ ρ(r′ )dr′ , (4.14)
0 0
e agisce come una massa gravitazionale dando origine ad una accelerazione gravitazio-
nale diretta verso il centro di modulo
Gm(r)
g(r) = . (4.15)
r2
Ricaviamo, ora, la forza derivante dal gradiente di pressione. Consideriamo un elemento
di volume localizzato tra i raggi r e r + dr di sezione dA e volume drdA. Esiste una
forza netta se la pressione sulla superficie esterna del volume non riesce a bilanciare
la pressione sulla superficie interna (vedi Fig.(4.1)). Infatti, la forza diretta verso il
centro agente sul volume dovuta al gradiente di pressione è uguale a
dP dP
P (r + dr)dA − P (r)dA = drdA = dV. (4.16)
dr dr
Quindi, l’accelerazione diretta verso il centro di un qualsiasi elemento di massa m(r)
a distanza r dal centro è uguale a
1 dP 1 dP
a(r) = g(r) + dV = g(r) + . (4.17)
m(r) dr ρ(r) dr
L’equazione del moto di un elemento di massa è perciò uguale a
d2 r Gm(r) 1 dP
2
=− 2
− (4.18)
dt r ρ(r) dr
Teorema del viriale dall’equilibrio idrostatico 81

Figura 4.1: Calcolo della forza di pressione per un sistema sferico di massa M e raggio R.

cioè è dovuta a due forze, quella gravitazionale e a quella di pressione.


Vi sono casi in cui la pressione non esiste, per esempio in un sistema completamente
trasparente alla radiazione in cui i fotoni escono senza interagire. I fotoni non hanno
pressione. Questo però non è sempre valido in quanto il sistema collassa; infatti au-
mentando la densità i fotoni avranno un libero cammino medio sempre più piccolo fino
al punto in cui sarà minore delle dimensioni del sistema. In queste condizioni i fotoni
saranno intrappolati e sarà necessario considerare il termine di pressione.
Un altro caso in cui la pressione è nulla risulta in sistemi in cui l’energia prodotta viene
usata per dissociare legami molecolari e non per muovere le molecole.
Osserviamo che non esiste caduta libera ideale. In realtà è come se il sistema si
autoregolasse perché esiste un meccanismo che, ad un certo istante, innesca la pressione.
Consideriamo infatti la caduta libera. Allora si ha
d2 r Gm(r)
2
=− (4.19)
dt r2
in cui r è il raggio della sfera che racchiude una massa fissa m0 . All’inizio del collasso
questo raggio è uguale a r0 al tempo t0 mentre al tempo t > t0 r(t) < r0 . Utilizziamo
il principio di conservazione dell’energia Ek + Egrav = cost ai due istanti t0 e t
!2
m0 M 1 dr m0 M
0−G = M −G (4.20)
r0 2 dt r(t)
Calcoliamo quanto tempo impiega la sfera di massa m0 e di raggio iniziale r0 a collassare
in un punto ovvero calcoliamo il tempo di free fall, tf f . Dall’equazione precedente si
ottiene !2
1 dr 1 1
 
= −Gm0 − (4.21)
2 dt r r0
82 4. Struttura stellare

Il tempo di caduta libera è perciò


!−1 −1/2
0 dt Z 0
dr 0 2Gm0 2Gm0
Z Z Z 
tf f = dt = dr = dr = − − dr (4.22)
r0 dr r0 dt r0 r r0
Ponendo x = r/r0
!−1/2 !−1/2  −1/2
Z 0 2Gm0 2Gm0 Z 0 2Gm0 1
tf f = − dx = −1 dx
1 r03 x r03 1 r03 x
!1/2 
r03
1/2
Z 0 x
tf f = dx (4.23)
1 2Gm0 1−x
Effettuiamo un altro cambio di variabile x = sin2 θ, quindi
!1/2 Z !1/2 !1/2
r03 0 sin2 θ 2 r03 π
tf f = d(sin θ) =
2Gm0 1 1 − sin2 θ 2Gm0 2
!1/2
3π m0 m0
tf f = ρ̄0 = = 4 3 (4.24)
32Gρ̄0 V0 3
πr0
Quindi tf f è il tempo impiegato da un oggetto di densità media iniziale ρ̄0 a collassare
in un punto. Calcoliamo, come esempio, il tempo di caduta libera del Sole in cui
ρ̄⊙ ≃ 1.5 g/cm3 quindi t⊙ f f ≃ 30 min. Questo significa che il Sole necessiterebbe solo
mezzora per collassare sotto l’effetto della propria gravità. Nel caso di una stella al suo
stadio finale, invece, la densità media vale ρ̄ ≃ 109 g/cm3 per cui il tempo di caduta
libera vale tf f ≃ 1/10 s
Ritorniamo all’equazione del moto osservando che, per opporsi alla gravità, la pres-
sione deve aumentare verso il centro. Affinché l’elemento di materia considerato sia
in equilibrio deve risultare d2 r/dt2 = 0 da cui si trova l’equazione di equilibrio
idrostatico:
dP (r) Gm(r)ρ(r)
=− (4.25)
dr r2
In relatività generale l’equazione precedente presenta una correzione su cui torneremo
nel capitolo 8, ma che per ora ignoriamo. L’intero sistema si trova in equilibrio se
l’equazione (4.25) è valida per tutti i raggi r. In questo caso è possibile ricavare una
semplice relazione tra la pressione interna media e l’energia potenziale gravitazionale
del sistema. Moltiplichiamo entrambi i membri per 4πr3 e integriamo su r da r = 0 a
r = R. Si ottiene
Z R
m(r) Z R dP (r) Z R
− dr4πr3 ρG 2 = dr 4πr3 = 4πr3 P (r)|R
0 − 3 dr4πP (r)r2 . (4.26)
0 r 0 dr 0

La definizione di raggio stellare R è tale per cui P (R) = 0. Quindi


R
Z R
2 Gm(r) Z R
dV P
− dr4πr ρ = −3π 4drP (r)r2 = −3V . (4.27)
0 r 0 V
Teorema del viriale dall’equilibrio idrostatico 83

Il termine a sinistra è l’energia potenziale gravitazionale della stella Egrav . Il secondo


termine è uguale a −3 < P > V , dove V è il volume del sistema e < P > la pressione
mediata sul volume. Concludiamo che la pressione media necessaria per sostenere un
sistema con energia gravitazionale Egrav e volume V è data da
1 Egrav 1
< P >= − = − εgrav . (4.28)
3 V 3
Osserviamo che Egrav è negativa per un sistema legato, quindi la pressione risulta essere
una quantità positiva. Questa espressione rappresenta il teorema del viriale, il quale
fornisce la pressione media necessaria per sostenere un sistema autogravitante.
Questo risultato è in qualche modo più generale della trattazione del paragrafo
precedente perché non si è fatta alcuna ipotesi sulla natura delle particelle. Infatti,
l’origine fisica della pressione dipende dal sistema, cioè può essere generata da gas
classici o quantistici di particelle NR o UR. Dimostriamo, ora, che l’Eq. (4.28) si riduce
ai risultati del paragrafo precedente.
• Consideriamo un gas ideale monoatomico NR di volume V tenuto assieme
dalla gravità. Essendo le particelle monoatomiche l’energia interna U coincide
con quella cinetica dovuta al moto traslazionale Ek . La pressione media è data
allora da
2 Ek
< P >= , (4.29)
3V
Confrontando con il risultato ottenuto nell’Eq. (4.28) per l’equilibrio idrostatico,
si può scrivere che
2Ek + Egrav = 0. (4.30)
Se le particelle non hanno gradi di libertà interni eccitati, l’energia totale del gas è
la somma dell’energia cinetica e di quella gravitazionale. L’equazione precedente
implica che questa energia totale può essere espressa in termini o dell’energia
cinetica o dell’energia potenziale, cioè
1
Etot = −Ek = Egrav . (4.31)
2
Le Eqs. (4.30, 4.31) vengono usate per descrivere l’equilibrio idrostatico di un
sistema di particelle NR autogravitante. Consideriamo una prima conseguenza
dell’equazioni precedenti. Se un sistema si trova in equilibrio idrostatico è legato
con un’energia pari a Etot < 0, che risulta essere uguale in modulo all’energia ci-
netica traslazionale. Questo significa che nuvole di gas legate hanno particelle con
grande energia cinetica, cioè sono calde. Il secondo punto interessante è che se il
sistema evolve lentamente e rimane vicino all’equilibrio idrostatico, il cambiamen-
to nelle energie gravitazionale e cinetica è legato ad un cambiamento nell’energia
totale. L’Eq. (4.31) è infatti ovviamente valida anche per le differenze:
1
∆Etot = −∆Ek = ∆Egrav . (4.32)
2
84 4. Struttura stellare

Questi cambiamenti sono tipici di molti sistemi astrofisici. Consideriamo, per


esempio, una nuvola di gas che sta perdendo energia dalla sua superficie per ra-
diazione. Se la perdita di energia dalla superficie è dovuta al rilascio di energia
gravitazionale, l’energia gravitazionale diminuisce ed aumenta l’energia termica:
la nuvola si contrae e diventa più calda. Se la perdita di energia è dovuta all’e-
nergia nucleare liberata nelle reazioni di fusione termonucleari, l’energia totale
rimane costante e la nuvola non contrae: il Sole si comporta in questo modo.
Ma se la reazione nucleare rilascia un eccesso di energia, abbiamo un aumento
dell’energia totale. Questo significa un aumento dell’energia gravitazionale e una
diminuzione dell’energia cinetica; la nuvola si espande e diventa più fredda, ren-
dendo meno efficiente la produzione nucleare. Viceversa, reazioni nucleari che
assorbono energia provocano una contrazione e un riscaldamento della nuvola di
gas.
• Nel caso di particelle monoatomiche UR, la pressione all’interno del gas è data
da
1 Ek
< P >= , (4.33)
3V
da cui si ricava che
Ek + Egrav = 0. (4.34)
Questo vuol dire che l’equilibrio idrostatico è possibile solo se l’energia di legame
è nulla. Siamo in presenza di un sistema che si trova al limite della condizione
di stabilità. Il sistema può essere facilmente distrutto. Questo tipo di instabilità
avviene in stelle in cui una frazione notevole della pressione deriva dalla pressione
di radiazione, cioè da gas di fotoni.
Le stelle massive sono rette da pressione di radiazione, cioè sono relativistiche per
cui Etot ≃ 0. Esse sono quindi in bilico tra l’essere un sistema legato e non legato. Per
questo motivo le supergiganti possono facilmente espandersi e hanno un raggio molto
grande: esse sono sulla cuspide tra stato legato e non, cioè sono sistemi instabili. I
sistemi con Etot = 0 non hanno fattore di scala (cioè l’aumento di R non cambia nulla
nelle proprietà del sistema): vedremo questo più avanti.
Quando la densità aumenta a tal punto che gli elettroni diventano ultrarelativistici
si hanno le nane bianche che vengono sostenute dalla pressione di tale UR. Anche
in questo caso Etot = 0 e il sistema diventa instabile; approfondiremo questo aspetto
parlando della massa di Chandrasekhar, ossia la massa massima che può essere sorretta
per evitare il collasso. Nei corpi con pressione data da un gas UR ci si aspettano
fenomeni di instabilità.
Nel caso in cui la pressione è data da un gas NR, come nelle stelle della sequenza
principale, le stelle di neutroni e le nane bianche non troppo massive, Etot < 0, cioè
abbiamo sistemi stabili, legati. Un sistema perfetto autogravitante è tanto più legato
quanto più è negativa la sua Egrav , ossia quanto più è negativa Etot , o quanto più
Equilibrio e indice adiabatico effettivo 85

elevata l’energia cinetica è elevata. Questo implica che un sistema NR più caldo è più
legato.
Consideriamo ora un gas che presenti una mistura di particelle NR e UR (radiazio-
ne), per cui P = Pg + Pr e indichiamo con β la frazione di pressione data dal gas di
particelle (NR):
Pg
β≡ (4.35)
P
Si ha allora, date le relazioni Eqs. (4.33) e (4.29):
Ek 3 1
 
= 3Pr + Pg = 3 1 − β P (4.36)
V 2 2
Dall’Eq. (4.28) possiamo dunque ricavare
1 Ek 1 1
Z  
dV = − Egrav ⇒ Ek = − 1 − β Egrav (4.37)
3(1 − β/2) V 3 2
Perciò possiamo ricavare il teorema del viriale per una tale mistura:
β
Etot = Egrav (4.38)
2
Questa equazione ci conferma che stelle di grandi masse, dove prevale la pressione
di radiazione (β → 0) sono poco legate (Etot → 0). Questa trattazione (modello
standard ), con β costante, verrà ripreso quando introdurremo i politropi.
In generale un corpo autogravitante come un pianeta non emette energia, Etot =
cost, perciò è stabile. Le stelle hanno invece una fonte di produzione interna e l’energia
prodotta è uguale a quella irradiata, e anche in questo caso Etot ≃ cost e il sistema è
in equilibrio. Quando finisce il combustibile, l’irraggiamento continua rendendo ancora
più negativa Etot e aumentando Ek . Questo implica che un corpo autogravitante che
emette energia senza produrne si contrae e si riscalda. Dal teorema del viriale Eq.
(4.32), se l’energia gravitazionale Egrav diminuisce metà va in energia cinetica e metà
in energia totale, ossia energia emessa dal corpo. Per questo motivo si dice che una
stella in sequenza principale ha capacità termica negativa: quando perde energia si
contrae e si riscalda, invece quando produce energia si espande e si raffredda. Inoltre,
come spiegato sopra, le reazioni nucleari sono autoregolanti.
2
Nel caso del Sole, E⊙,grav ≈ − GM R
= −4 × 1048 erg. Dato che il Sole può essere
considerato come un gas perfetto, la sua energia cinetica termica, per il teorema del
viriale, vale E⊙,k ≈ 2 × 1048 erg.

4.3 Equilibrio e indice adiabatico effettivo


La stabilità dell’equilibrio idrostatico è spesso descritta in termini dell’indice adiabatico
γ del gas. Questo risulta particolarmente utile quando i costituenti del gas hanno gradi
86 4. Struttura stellare

di libertà vibrazionali e rotazionali. Infatti l’energia cinetica Ek dipende solo dai gradi
di libertà traslazionali, l’energia interna U invece dipende da tutti i gradi di libertà.
Inoltre la pressione P = P (Ek ) dipende solo dai gradi di libertà traslazionali e non
da dagli altri gradi di libertà. Gli eventuali altri gradi di libertà non influenzano la
pressione ma sono importanti per l’energia interna U .
Ognuno degli f gradi di libertà, secondo il teorema di equipartizione dell’energia, con-
tribuisce all’energia interna con un termine U/f = 1/2kB T . Nel nostro caso abbiamo
considerato solo energia gravitazionale e cinetica, quindi non possiamo descrivere si-
stemi con altri gradi di libertà : tutto quello che è stato ottenuto finora riguarda il gas
perfetto monoatomico, in cui U = Ek . Lo scopo è quello di generalizzare il teorema
del viriale ad un sistema adiabatico con f gradi di libertà. Il valore di f è pari a 3
per molecole monoatomiche (gradi di libertà traslazionali), 5 per biatomiche, 6 per
poliatomiche e 7 per gas poliatomici comprensivi di moti vibrazionali.
L’indice adiabatico è usato per descrivere la relazione tra pressione e volume di un
gas ideale in una espansione o compressione adiabatica. Per un tale processo δQ =
T dS = 0 e quindi, ricordando la definizione di calore specifico molare cV = 1/n∂U/∂T
si ha:
RT T
0 = dU + P dV = cV dT + P dV = cV dT + dV = cV dT + (cP − cV ) dV (4.39)
V V
dT cP dV
 
+ −1 = 0 ⇒ ln T + (γ − 1) ln V = cost ⇒ V γ−1 T = cost (4.40)
T cV V
da cui si ottiene P V γ = cost, dove
cp cv + R R
γ= = =1+ (4.41)
cv cv cv
R
in cui cV = f per un gas perfetto. Osserviamo che
2
cP cV + R 2
γ= = =1+ (4.42)
cV cV f
quindi γ è sempre maggiore di 1 e tende a 1 all’aumentare dei gradi di libertà f . Se
nel sistema possono avvenire processi di ionizzazione o dissociazione, in seguto ad essi
aumentano di colpo i gradi di libertà (ci sono di colpo più particelle), questo fà sı̀ che
γ → 1. Questo fatto sarà importante per la stabilità delle stelle.
Per piccoli cambiamenti adiabatici nel volume e nella pressione si può scrivere

0 = d(P V γ ) = γP V γ−1 dV +dP V γ = V γ−1 [γP dV +V dP ] ⇒ γP dV +V dP = 0 (4.43)

Sostituendo questa relazione in d(P V ) = P dV + V dP , si ottiene

d(P V ) = −(γ − 1)P dV. (4.44)


Equilibrio e indice adiabatico effettivo 87

Poiché non c’è trasferimento di calore in un processo adiabatico, il cambiamento in


energia interna U è dovuto solo al lavoro fatto (primo principio della termodinamica):

1
dU = −P dV ⇒ dU = d(P V ). (4.45)
γ−1

La densità di energia interna u ≡ U/V viene spesso scritta in funzione dell’indice


adiabatico effettivo Γ, assunto costante, in modo che
P
u= . (4.46)
Γ−1
In generale Γ 6= γ ≡ cP /cV . La relazione precedente risulta utile per un ristretto
range di valori della pressione in cui U/P è costante. Per un gas monoatomico ideale
Γ = γ = 5/3.
In effetti esiste un teorema che afferma:
Se la trasformazione è adiabatica (δQ = 0), per un gas di particelle identiche, risulta
vero che:
P = K Γ ρΓ ⇔ P = (Γ − 1)u (4.47)
Dimostriamo l’affermazione ⇒ partendo dal primo principio della termodinamica, con
quantità espresse per unità di massa e ricordando che ε = ρc2 + u in cui ρc2 = nmc2
rappresenta la densità di energia a riposo
! ! !
ε Q 1
d =δ − Pd (4.48)
ρ ρ ρ

Dato che stiamo considerando trasformazioni adiabatiche, δQ = 0 e


! !
ε 1 P
d = −P d = dρ (4.49)
ρ ρ ρ2

Ma P = KΓ ρΓ , quindi P/ρ = KΓ ρΓ−1 da cui si ricava


!
P P
d = KΓ (Γ − 1)ρΓ−2 dρ = (Γ − 1)dρ (4.50)
ρ ρ2

Da questo si ottiene ! !
1 P P ε
d = 2 dρ = d . (4.51)
Γ−1 ρ ρ ρ
Dopo aver integrato l’equazione, si ottiene
ε 1 P
= + cost. (4.52)
ρ Γ−1 ρ
88 4. Struttura stellare

Troviamo il valore della costante imponendo P = 0. In assenza di pressione U = 0, per


cui ε = ρc2 , da cui la costante è c2 . Quindi
ε 1 P P
− c2 = ⇒ u = ε − ρc2 = (4.53)
ρ Γ−1 ρ Γ−1
come volevasi dimostrare. In realtà il calcolo appena svolto è semplicemente la versione
“per unità di massa” che ha portato all’Eq. (4.45)
Dunque ogni volta che si trova una relazione del tipo P = (Γ − 1)u vuol dire
che P = KΓ ρΓ0 . Questo è importante perché abbiamo trovato che, per un gas NR,
PN R V = 2/3Ek da cui si ricava PN R = KN R ρ5/3 . In questo caso, però, non è vero che
Γ = cP /cV . Nel caso UR, la pressione risulta essere uguale a P V = 1/3Ek da cui si
trova PU R = KU R ρ4/3 .
Nei processi stellari spesso entrano in gioco reazioni adiabatiche perché sono tal-
mente rapidi che la variazione di calore è pari a zero. Consideriamo, quindi, un gas
autogravitante con indice adiabatico effettivo Γ in equilibrio idrostatico. La pressione
media in un tale gas può essere espressa in termini dell’energia interna e di Γ e, usando
il teorema del viriale, dell’energia potenziale gravitazionale
U 1 Egrav
< P >= (Γ − 1) =− . (4.54)
V 3 V
Questo gas risulta in equilibrio se vale la relazione
3(Γ − 1)U + Egrav = 0. (4.55)
L’equazione trovata rappresenta il teorema del viriale generalizzato. Le relazioni
di Eqs. (4.30, 4.34) sono casi particolari della relazione di Eq. (4.55). Per esempio, uti-
lizzando Γ = 5/3 per particelle monoatomiche (U = Ek ), degeneri NR (P = KN R ρ5/3 )
si ottiene l’equazione (4.30) mentre, per Γ = 4/3 (particelle monoatomiche degeneri
UR, P = KU R ρ4/3 ), si ottiene l’Eq. (4.34). Per un gas di fotoni, P = 13 U da cui
P = KU R ρ4/3 , cioè è UR ma è bene ricordare che Γ 6= ccVP . Infatti

dU adT 4
cV = = = 4aT 3 (4.56)
dT dT
il che implica che non ha senso riscaldare i fotoni a pressione costante perché T rimar-
rebbe costante: il calore specifico a pressione costante cP non ha senso. Per un gas UR
di particelle massive monoatomiche, P V = nRT cV = 3R e cP = 4R, quindi γ = 4/3.
L’energia totale di un gas con indice adiabatico effettivo Γ in equilibrio idrostatico
è data da
3Γ − 4
Etot = U + Egrav = −(3Γ − 4)U = Egrav ≤ 0. (4.57)
3(Γ − 1)
La disguaglianza segue dal fatto che una stella deve essere energeticamente legata. Dato
che U > 0 e il gas è legato se Etot < 0, si ottiene che deve risultare Γ > 4/3. Infatti
Equilibrio e indice adiabatico effettivo 89

se Γ → 4/3, Etot → 0: un piccolo cambiamento nell’energia totale è accompagnato


da cambiamenti molto più grandi nelle energie interne e gravitazionali: è chiaro che la
stabilità di un tale sistema è precario. Stelle con Γ = 4/3 non esistono e quando Γ →
4/3 una stella diventa sempre più instabile. Stelle con Γ ≈ 4/3 includono stelle molto
massive la cui pressione deriva interamente dalla radiazione e nane bianche degeneri
vicino al loro limite superiore di massa (massa di Chandrasekhar). Infatti se prendiamo
un gas di fotoni, e utilizziamo il fatto che dal viriale sappiamo
M m̄
kB T ∼ −G (4.58)
R
abbiamo che
M4
Pγ ∝ T 4 ∝ (4.59)
R4
mentre la pressione del gas è data da
M2
Pg ∝ ρT ∝ (4.60)
R4
Il loro rapporto è uguale a Pr /Pg ∝ M 2 : a grandi masse il contributo dei fotoni è
dominante. Questo vuol dire che Γ approssima il valore 4/3, cioè instabilità. Il limite
di 4/3 può essere raggiunto anche quando ci sono processi che forniscono nuovi modi
di assorbimento del calore, come la dissociazione delle molecole, la ionizzazione degli
atomi, la fotodisintegrazione dei nuclei atomici o la produzione di particelle.
Per Γ > 4/3 il sistema è legato, stabile e dunque molto caldo. Valgono le con-
siderazioni fatte nella sezione precedente riguardanti il comportamento di un sistema
NR, che riassumiamo ancora. Se l’energia totale Etot aumenta si ha una riduzione di
|Etot |, |Egrav | e di U . Dato che la temperatura è una funzione decrescente monoto-
na di U (e dipende solo da U per materia perfetta nondegenere) questa iniezione di
energia porta ad una riduzione di temperatura; analogamente, la perdita di energia
dalla superficie stellare, se non è rifornita di nuovo internamente, porta ad un aumento
della temperatura interna. La ragione per questo comportamento sorprendente è insita
nell’Eq. (4.55) che vale fino a che l’assunzione di equilibrio idrostatico è valida. Come
già detto, il sistema possiede un calore specifico negativo ed è autoregolante. Questa
proprietà (cioè dando energia la stella si allarga e si raffredda) è anche la ragione per
cui il rilascio di energia nucleare, che aumenta rapidamente con la temperatura, è un
processo autoregolante.
In particolare, se Γ = 5/3, cioè le stelle come il Sole, nane bianche e stelle di neutro-
ni, allora Etot = 21 Egrav = −U < 0. Una tale stella è legata e resiste al collasso perché
in uno stato più piccolo e più denso |Egrav | e |Etot | sarebbero più grandi. Per poter
raggiungere un tale stato dovrebbe diminuire la sua energia totale ma, considerando
questo processo sulle scale di tempo dinamiche, l’energia si conserva. L’energia può
essere persa a causa di processi radiativi lenti (incluso l’emissione di neutrini); in molti
casi viene rifornita da sorgenti termonucleari.
90 4. Struttura stellare

Una stella con Γ < 4/3 dovrebbe avere energia positiva e quindi dovrebbe esplodere
o collassare. Tali stelle non esistono, mentre si osservano regioni con Γ < 4/3 localizzate
all’interno delle stelle. Sono state trovate in atmosfere stellari fredde (specialmente in
giganti e supergiganti) in cui la materia è parzialmente ionizzata e nei core di stelle
evolute che sono abbastanza calde per la produzione di coppie o abbastanza dense per
il decadimento β. Tali regioni tendono a destabilizzare una stella, sebbene la risposta
dell’intera stella deve essere calcolata per determinare se è instabile. L’instabilità è
una proprietà dell’intera stella in equilibrio idrostatico e non di una sottoregione.
Un’ulteriore conferma di questo concetto può essere dedotta dalla seguente conside-
razione. Supponiamo di avere la stella in equilibrio idrostatico, consideriamo un certo
raggio fissato r = R − h, dove h rappresenta quindi la distanza dalla superficie della
stella. All’equilibrio la pressione è data da
Z M Gm′ (r)
P (r) = Ph ≡ dm(r) (4.61)
m(r) 4πr4

Ora supponiamo di ridurre di poco il raggio con una trasformazione adabatica: r′ =


r(1 − ǫ), per cui

dm dm
ρ′ (r′ ) = ′2 ′
= ≃ ρ(r)(1 + 3ǫ) > ρ(r) (4.62)
4πr dr 4πr dr(1 − ǫ)3
2

Data l’equazione di stato P = KΓ ρΓ , si ha quindi

P ′ (r′ ) = KΓ ρΓ (1 + 3ǫ)Γ ≃ P (r)(1 + 3ǫΓ) > P (r) (4.63)

Consideriamo ora il termine destro dell’Eq. (4.61), che diventa


Z M Gm′ (r)
Ph′ ≡ dm(r) = (1 + 4ǫ)Ph (4.64)
m(r) 4πr4 (1 − ǫ)4

Abbiamo stabilità se la nuova pressione idrostatica è maggiore del nuovo termine di


attrazione gravitazionale, per cui la stella si oppone alla contrazione riportando verso
il valore iniziale di r. Questo significa, ricordando che inizialmente P (r) = Ph (r):

4
P ′ (r′ ) > Ph′ (r′ ) ⇒ P (r)(1 + 3Γǫ) = Ph (r)(1 + 4ǫ) ⇒ Γ > (4.65)
3
Presentiamo un ultimo argomento riguardante il legame tra l’indice adiabatico ef-
fettivo Γ e l’instabilità. In modelli realistici la stabilità viene valutata con un indice
adiabatico effettivo medio pesato dalla pressione:
R
ΓP dV
Γ̄ ≡ R (4.66)
P dV
Protostelle 91

Ricaviamo ora le condizioni di equilibrio di una configurazione sostenuta dalla pressione


di elettroni degeneri (nana bianca). La condizione di equilibrio idrostatico si può anche
scrivere come
∇P + ρ∇φ = 0, (4.67)
da cui si ottiene Z
δE = (∇P + ρ∇φ) · ξd3 τ, (4.68)

in cui ξ rappresenta la variazione. Se δE = 0 si ha condizione di equilibrio. Per


vedere se la soluzione è stabile o meno si utilizza la teoria delle piccole perturbazioni
di una configurazione statica di equilibrio. Queste equazioni permettono di calcolare
le frequenze e i modi normali di oscillazione della configurazione. Infatti si trovano
soluzioni del tipo f ∼ eiωt in cui ω 2 < 0 corrisponde all’instabilità mentre ω 2 = 0 si
dice modo neutro, in quanto è il segnale dell’instaurarsi dell’instabilità. Nel caso della
stella si ha che
ω 2 ∝ 3Γ̄ − 4 (4.69)
in cui Γ̄ è l’indice adiabatico effettivo mediato sulla pressione, definito in Eq. (4.66).
Da queste equazioni si vede che la stella è stabile se Γ̄ > 4/3 (ω 2 > 0), instabile quando
Γ̄ < 4/3 (ω 2 < 0) e marginalmente stabile se Γ̄ = 4/3 (ω 2 = 0). Nel caso di gas ideali
classici NR con f gradi di libertà vale l’Eq. (4.42). La ionizzazione e la dissociazione
possono essere considerati come ulteriori gradi di libertà perché consentono al sistema
di assorbire energia. Questi fenomeni tendono ad abbassare Γ e a farlo scendere a 1,
rendendo il sistema instabile.
Dalle equazioni precedenti si può ricavare anche che

dM 4
∝Γ− , (4.70)
dρc 3

in cui ρc è la densità centrale. Le configurazioni d’equilibrio con dM/dρc > 0 sono


stabili mentre quelle con questo rapporto negativo risultano essere instabili. Questo
risulta essere di fondamentale importanza per selezionare i possibili intervalli di densità
centrale e massa per nane bianche e stelle di neutroni.

4.4 Protostelle
Consideriamo la storia dell’universo secondo il Big Bang: mentre l’universo si stava
raffreddando, i quarks producevano protoni e neutroni, questi a loro volta hanno dato
origine all’elio e ai nuclei leggeri che, unendosi agli elettroni liberi hanno originato
gli atomi. Tutto ciò ha portato all’universo odierno in cui la materia è assemblata
in stelle e galassie con una radiazione di fondo di fotoni e neutrini alla temperatura,
rispettivamente, di Tγ = 2.73 K e Tν = 1.95 K.
92 4. Struttura stellare

Quando si è formato l’elio? Dopo pochi minuti, quando il decadimento neutronico


aveva ridotto il rapporto neutrone-protone a 1/7, l’universo era abbastanza freddo per
una sequenza di reazioni a due corpi che creano stati legati dei neutroni e protoni,
cioè il deutone. Quest’ultimo può catturare neutroni e protoni dando origine al trizio
e all’3 He. Questi nuclei, a loro volta, catturano protoni e neutroni formando l’4 He.
Quindi la nucleosintesi primordiale ha condotto alla formazione di un universo in cui
circa il 25% della massa è data dall’He (questa percentuale viene ricavata dal suddetto
rapporto neutrone-protone). Il restante 75% è composto da idrogeno e da tracce di
elementi come il litio.
Le nubi di gas hanno poi iniziato a collassare in seguito agli squilibri tra forza
gravitazionale ed energia interna. Sembra che le stelle si siano formate in cluster.
Ci sono due tipi di clulster, globulari e aperti. I cluster globulari sono aggregazioni
compatte di molte migliaie di stelle prive di elementi pesanti come il carbonio, l’ossigeno
e il ferro. Ciò suggerisce che queste stelle siano vecchie e che si siano formate da idrogeno
ed elio primordiale. Invece, nei cluster aperti, le stelle sono ricche di elementi pesanti
indicando che sono stelle relativamente giovani.
Non si capisce tuttora la modalità di formazione di una stella da una nuvola di
gas. Tuttavia si possono identificare alcune caratteristiche fondamentali. Affinché una
nuvola di gas possa condensare in stella, deve essere sufficientemente compatta in modo
che la forza attrattiva gravitazionale non sia travolta da effetti dispersivi della pressione
interna. In particolare, la nuvola diventa legata se l’energia potenziale gravitazionale è
in modulo maggiore dell’energia cinetica interna. Ricaviamo una condizione approssi-
mata per la condensazione di una nuvola di raggio R e massa M contenente N particelle
di massa media m̄ alla temperatura uniforme T : per semplicità consideriamo che la
nuvola sia formata solo da idrogeno.
L’energia potenziale gravitazionale è uguale a
GM 2
Egrav = − . (4.71)
R
L’energia cinetica termica della nuvola si trova ricordando che ogni particella contri-
busce con 3/2kB T . Quindi
3
Ek = N kB T (4.72)
2
La condizione critica per l’inizio della condensazione è |Egrav | > U = Ek . Questo
implica che una nuvola di raggio R collassa se la sua massa eccede il valore di Jeans
3kB T
MJ = R. (4.73)
2Gm̄
Equivalentemente, una nuvola di massa M può condensare solo se il suo raggio R è
minore del raggio di Jeans
2Gm̄M
RJ = , (4.74)
3kB T
Protostelle 93

ovvero se la sua densità supera il valore


" #3
3 3kB T
ρJ = 2
. (4.75)
4πM 2Gm̄

Osserviamo che la densità critica è piccola e quindi è raggiunta facilmente quando M è


grande. Per esempio, una nuvola di idrogeno molecolare alla temperatura di 20 K con
una massa di 2 × 1036 g, che è equivalente a 1000 M⊙ , potrebbe condensare se la sua
densità numerica di molecole fosse di circa 1011 cm−3 . La densità di Jeans sarebbe di
ρJ = 10−25 g cm−3 e il raggio di R = 109 R⊙ . La densità critica di una simile nuvola di
massa pari a una massa solare sarebbe un milione di volte più grande.
Durante la condensazione si perde energia gravitazionale la cui perdita, però, non
aumenta l’energia termica in due casi

• esistono gradi di libertà interni ma non traslazionali

• il gas è trasparente alla radiazione per cui la radiazione riesce a fuggire.

All’inizio il collasso è una caduta libera e ci sono atomi di idrogeno non ionizzati e mo-
lecole non dissociate. In questa situazione ρJ = 10−19 g/cm3 , RJ = 106 R⊙ , M = 1 M⊙
e T = 20 K. A questa temperatura il sistema non è ancora ionizzato e quindi l’energia
gravitazionale va prima nella dissociazione delle molecole, poi nella ionizzazione degli
atomi. Durante questi processi la temperatura non aumenta e si raggiungono i valori
di densità e massa sopra indicati.
Queste considerazioni suggeriscono che è naturale considerare la condensazione di
nuvole di gas in stelle come un processo a più stadi.

1. Fase di collasso: Frammenti di massa confrontabile con una massa solare si


contraggono separatamente in caduta libera poiché in essi la maggior parte della
materia è ancora non dissociata e non ionizzata. Dato che non esiste una pressione
interna contrastante la perdita gravitazonale, si assiste ad una caduta libera nel
tempo dato da tf f . Nel caso di una nube che si contrae, ρ̄ ≃ 10−19 g/cm3 per
cui tf f ≃ 105 yr. Dopo questo tempo, la nube sarà completamente dissociata e
ionizzata.
Il collasso gravitazionale non è mai libero. In pratica l’energia rilasciata dal cam-
po gravitazionale è di solito dissipata in moto termico dei costituenti creando
quindi una pressione che si oppone al collasso. Comunque, la caduta libera è una
buona approssimazione se l’energia è persa per irraggiamento o se i costituenti
del sistema collassante possono assorbire energia per eccitazione o dissociazione.
Per esempio, una nuvola interstellare di idrogeno molecolare può collassare ra-
pidamente fintanto che è trasparente alla sua stessa radiazione o fintanto che le
molecole di idrogeno possono essere dissociate in idrogeno atomico o se l’idrogeno
94 4. Struttura stellare

atomico può essere ionizzato. Ma il rilascio di energia gravitazionale in una nuvo-


la opaca di idrogeno ionizzato sarà intrappolato come moto termico. La pressione
interna aumenta e il tasso di collasso rallenta. La nuvola raggiunge l’equilibrio
idrostatico.
L’energia necessaria per dissociare una molecola di idrogeno H2 è εD = 4.5 eV ,
quella per ionizzare un atomo di idrogeno εI = 13.6 eV . Quindi l’energia neces-
saria per dissociare e ionizzare tutto l’idrogeno in una protostella di massa M è
approssimativamente
M M
εD + εI , (4.76)
2mH mH
dove mH è la massa dell’atomo di idrogeno. Se si assume che questa energia è
fornita dal collasso gravitazionale di una protostella da un raggio iniziale R1 ad
uno finale R2 , allora
GM 2 GM 2 M M
− ≈ εD + εI . (4.77)
R2 R1 2mH mH
In particolare, l’energia necessaria per dissociare e ionizzare l’idrogeno in una
protostella con una massa uguale ad una massa solare è 3 × 1046 erg. Una tale
protostella collasserà liberamente dal raggio iniziale di R1 ≈ 1017 cm al raggio
R2 ≈ 1013 cm; cioè il raggio si restringe di 10000 volte ad una dimensione uguale
a cento volte il raggio solare. La scala temporale di questo collasso (tempo di
caduta libera) è di circa 20000 yr.
2. Fase di opacità: Quando la maggior parte dell’idrogeno è ionizzato e la pro-
tostella diventa opaca alla sua stessa radiazione, l’energia gravitazionale rilascia-
ta viene convertita in energia termica degli elettroni e degli ioni. La pressione
interna aumenta e il collasso della protostella rallenta raggiungendo l’equilibrio
idrostatico. La scala dei tempi è ora quella del tempo termico tth (vedi Eq. (1.8)).
Stimiamo ora la temperatura interna media di una protostella nell’istante in cui
il collasso rapido a causa della gravità viene sostituito dalla contrazione lenta.
Usiamo il teorema del viriale per collegare l’energia cinetica interna a quella gra-
vitazionale di una protostella quando, quest’ultima, si trovi vicino all’equilibrio
idrostatico. L’energia cinetica termica degli ioni idrogeno e degli elettroni nella
protostella alla temperatura T è data da
3 3M M
Ek = N kB T = kB T ≈ 3kB T. (4.78)
2 2 m̄ mH
in cui abbiamo posto m̄ = mH /2. L’energia gravitazionale alla fine del periodo
del collasso veloce è data da (4.77); poiché R1 ≫ R2 si ha
GM 2 M M
 
Egrav ≈ − ≈− εD + εI . (4.79)
R2 2mH mH
Massa minima 95

Secondo il teorema del viriale (vedi Eq. (4.30)), 2Ek + Egrav = 0. Quindi una
protostella si avvicina all’equilibrio idrostatico alla temperatura data da

1
kB T ≈ [εD + 2εI ] ≈ 2.6 eV. (4.80)
12
Questa corrisponde ad una temperatura interna di 30000 K (la stima fatta è
indipendente dalla massa della protostella)
La successiva lenta contrazione della protostella è governata dall’opacità della ma-
teria interna ionizzata. Questa opacità controlla la velocità con la quale l’energia
viene persa sotto forma di radiazione dalla superficie, e quindi la velocità di rila-
scio dell’energia gravitazionale. La scala di tempo della contrazione è dell’ordine
di 107 − 108 yr. Usando il teorema del viriale, si vede che metà dell’energia gra-
vitazionale rilasciata è persa dalla superficie, l’alta metà è immagazzinata come
energia cinetica interna. La temperatura e la pressione al centro della protostella
aumentano fino alle condizioni adatte per la fusione termonucleare dell’idrogeno.
L’energia rilasciata dalla fusione nucleare riduce la necessità di rilascio dell’ener-
gia gravitazionale e la protostella cessa di contrarsi. Il vero status di stella viene
raggiunto quando la velocità delle reazioni nucleari è sufficiente per fornire l’e-
nergia irraggiata dalla superficie. La contrazione guidata da questo meccanismo
è detta contrazione di Kelvin-Helmholtz.

4.5 Massa minima


Non tutti i corpi autogravitanti raggiungono lo status di stella. Un gas caldo di elet-
troni e ioni classici non è l’unica condizione per opporsi alla gravità. La contrazione
gravitazionale può essere bilanciata da un gas freddo e denso di elettroni degeneri. In
un tale gas, gli elettroni sono governati dalle leggi della meccanica quantistica e occu-
pano gli stati energetici più bassi in accordo al principio di Pauli. Un gas degenere di
elettroni resiste alla compressione perché l’energia cinetica totale degli elettroni possie-
de un valore minimo che aumenta all’aumentare della densità. Infatti, la temperatura
di un corpo che si sta contraendo cessa di aumentare se gli elettroni diventano degene-
ri. Questo avviene se la distanza media tra gli elettroni nel sistema contraente diventa
confrontabile con la tipica lunghezza d’onda di de Broglie degli elettroni. Abbiamo
esaminato con cura questi aspetti nel capitolo 2.
Dal teorema del viriale abbiamo inoltre visto che la temperatura interna della pro-
tostella aumenta quando la densità aumenta. Utilizzando nel teorema l’espressione
classica dell’energia cinetica interna si ottiene infatti:

GM m̄
kB T ≈ ≈ Gm̄M 2/3 ρ1/3 . (4.81)
3R
96 4. Struttura stellare

Quindi la temperatura è proporzionale a ρ1/3 . Questo vale fino a che la densità non
è abbastanza alta, cioè fino a quando vale la meccanica classica. Quando la densità
raggiunge il valore
(me kB T )3/2
ρ ≈ m̄ , (4.82)
h3
la meccanica quantistica diventa importante e gli elettroni diventano degeneri. Come
conseguenza, la temperatura del gas non aumenterà più in maniera marcata quando vie-
ne compresso. Si può stimare la temperatura alla quale gli elettroni diventano degeneri
nella protostella sostituenedo il valore della densità critica nell’equazione precedente,
cioè
1/2
G2 m̄8/3 me
" #
2/3 1/3 (me kB T )
kB T ≈ Gm̄M m̄ = M 4/3 . (4.83)
h h2
A questa temperatura gli elettroni degeneri incominciano a resistere alla compressione
e successive contrazione gravitazionali non produrranno un aumento della temperatura.
L’equazione precedente (4.83) dà una stima del massimo valore della temperatura
media interna raggiunta da una protostella che si contrae. In questa equazione gioca un
ruolo chiave la massa della protostella. Se consideriamo una massa solare si ottiene una
temperatura di kB T ≈ 1 keV , cioè circa 107 K. Questa è una temperatura sufficiente
per ignire le reazioni termonucleari e la fusione dell’idrogeno e dell’elio.
Studiamo la contrazione di Kelvin-Helmholtz, quella vista finora. Consideriamo la
pressione totale, data dagli ioni classici (assumendo ρ = ni mu ) e dagli elettroni degeneri
ρ
P = Pi + Pe = kB T + KN R ρ5/3 (4.84)
mu
Scriviamo la pressione centrale ricavata integrando l’equazione dell’equilibrio idrosta-
tico dal centro r = 0, P = Pc alla superficie r = R, P = 0:
Z 0 Z R 4πr3
dP = − Gρ(r)2 dr (4.85)
Pc 0 3r2
Sfruttando R3 ∝ M/ρ e introdocendo un fattore numerico f dell’ordine dell’unità che
dipende dal profilo di densità ρ(r) otteniamo:

Pc = f GM 2/3 ρ̄ 4/3 (4.86)

Uguagliando le pressioni trovo l’espressione per la temperatura T :


f Gmu 2/3 1/3
T = M ρ − Knr ρ2/3 Ye5/3 (4.87)
kB
Ora studio la massima temperatura raggiungibile al variare della densità centrale.
∂Tc fG
= 0 ⇒ ρ1/3
c max = 5/3
M 2/3 (4.88)
∂ρc 2KN R Ye
Evoluzione stellare 97

da cui
2 !4/3
(f G)2 mu 5 G me m8/3 M

u
Tc max = = M 4/3 ≃ 2.2 × 108 K (4.89)
4kB Knr 4(18π)2/3 h̄ kB M⊙

La temperatura di ignizione dell’idrogeno è di circa TH ≃ 107 K; imponendo che


Tc max > TH si ottiene quindi la minima massa necessaria alla fusione, pari a circa
0.1M⊙ . Calcoli accurati portano a

Mmin,H ≃ 0.08M ⊙ (4.90)

Dunque la contrazione di protostelle meno massive del Sole raggiungono temperature


più basse. Protostelle con masse minori di circa 0.08 M⊙ evolvono in oggetti dove la
gravità è bilanciata dalla pressione degli elettroni degeneri, le nane brune.

4.6 Evoluzione stellare


Il ruolo degli elettroni nell’evoluzione stellare può essere capito analizzando il loro com-
portamento nel Sole. In accordo a modelli teorici del Sole, il suo centro è costituito da
elettroni con una concentrazione nc,e ≃ 8×1025 cm−3 alla temperatura Tc ≃ 1.6×107 K.
Se sostituiamo questa temperatura nell’espressione della concentrazione quantistica NR
si trova nQ,N R = 1.5 × 1026 cm−3 che è superiore alla concentrazione reale. Questo vuol
dire che possiamo trattare gli elettroni nel centro del Sole come un gas classico.
Quando il Sole evolve, l’idrogeno diminuisce trasformandosi in elio. Avremo quindi
una shell di H che circonda un core di He. Modelli teorici dicono che la temperatura
sale a 2 × 107 K, la concentrazione degli elettroni risulta essere 3 × 1026 cm−3 . Gli ef-
fetti della degenerazione elettronica diventano ora importanti perché la concentrazione
quantistica a questa temperatura, 2 × 1026 cm−3 , è ora confrontabile con quella reale.
Quando il Sole evolve verso la regione delle giganti rosse, allontanandosi dalla se-
quenza principale, avremo un core di He alla temperatura di 108 K, una concentrazione
elettronica di 3 × 1028 cm−3 e una concentrazione quantistica un ordine di grandezza
più piccolo: nQ ≃ 2 × 1027 cm−3 . Indipendentemente dalla temperatura, abbiamo un
gas degenere freddo in cui la maggior parte degli elettroni occupano gli stati di energia
più bassa in base al principio di Pauli.
Anche se la temperatura 108 K è abbastanza fredda perché gli elettroni siano de-
generi, è, però, abbastanza calda da innescare la fusione dell’elio per formare carbonio.
L’energia di fusione rilasciata causerà un aumento dell’energia gravitazionale e una
diminuzione dell’energia interna. Di conseguenza, si avrà un’espansione e una diminu-
zione nell’energia degli elettroni degeneri ma non ci sarà variazione di temperatura. La
velocità di fusione sarà incontrollata producendo un rilascio esplosivo di energia detto
helium flash; il picco di potenza può eccedere la luminosità del Sole. Solo una piccola
98 4. Struttura stellare

frazione di questa energia fuggirà come radiazione: parte di essa andrà in espansione
rapida del core che aumenta la degenerazione degli elettroni.
Il Sole non ha massa sufficiente per procedere oltre la fusione dell’elio. Ci si aspetta
che la sua evoluzione finirà come una nana bianca composta principalmente di carbonio
e ossigeno. Se si formasse una nana bianca di massa 0.5M⊙ , la densità centrale sarebbe
dell’ordine di 106 g cm−3 con una temperatura iniziale di 108 K. Gli elettroni in questa
nana bianca sarebbero degeneri e parzialmente realtivistici. Infatti, siamo in presenza
di un gas elettronico con concentrazione 3×1029 cm−3 , un momento di Fermi di 0.8me c
e un’energia di Fermi di 1.3me c2 : questo implica che il gas rimarrà degenere fino a che
la temperatura è inferiore a 109 K. Gli ioni di carbonio nella nana bianca, invece, sono
particelle massive con una piccola lunghezza d’onda di de Broglie. Formeranno quindi
un gas classico, con un’energia termica media di 1/2kB T per ogni grado di libertà, che
si raffredderà lentamente. La gravità tenderà a comprimere gli ioni e gli elettroni, ma
la resistenza maggiore viene opposta dagli elettroni; in prima approssimazione, una
nana bianca è sostenuta dalla pressione di degenerazione degli elettroni relativistici.
Consideriamo stelle di sequenza principale non troppo massive, cioè di massa pari
a qualche M⊙ . Consideriamo i valori centrali di temperatura e densità, cioè

Tc ≃ 1.6 × 107 K nc ≃ 8 × 1031 m−3 nQ,c ≃ 1.5 × 1032 m−3

Dato che nc è minore ma confrontabile con nQ,c possono esserci delle correzioni di
degenerazione al gas classico NR. Quando al centro ci sarà una sfera di He, questa non
riesce a bruciare. L’idrogeno continuerà invece a bruciare sulla shell esterna. Quando
la maggior parte del centro non produce più energia, la sfera di He si contrae e si
riscalda. Questo implica che, sulla zona di superficie, aumenta la produzione di energia
della reazione dell’idrogeno per cui l’inviluppo si espande. Possiamo inoltre assumere
la luminosità costante, considerando che i cambiamenti nella produzione di energia
nucleare non hanno una conseguenza immediata sulla luminosità, in quanto il segnale
arriva con un certo ritardo alle parti più esterne. Per intuirlo, basti pensare che un
fotone prodotto al centro del Sole impiega mediamente circa 50000 anni per essere
emesso, come vedremo nel prossimo capitolo. Poiché la luminosità rimane uguale
a L = 4πR2 σT 4 , se R aumenta allora T diminuisce. La stella esce dalla sequenza
principale. Nel core si raggiunge T ∼ 108 K (temperatura di ignizione dell’elio) e la
densità vale
nc,e ≃ 3 × 1034 m−3 nQ,c ≃ 2 × 1033 m−3
Il sistema è molto caldo ma degenere. L’unica reazione stabile è He + He + He →12 C.
Poiché è una reazione a tre corpi ci vogliono alte T e alte ρ (nell’universo primordiale
non poteva avvenire questa reazione perché la densità era troppo bassa). Le reazioni
dell’elio fanno espandere il core di He ma non si assiste alla diminuzione della T perché
la pressione è ora degenere. Questo significa che esiste una sovraproduzione di energia
ma il sistema non riesce ad autoregolarsi, si assiste all’helium flash. Tutta questa
Evoluzione stellare 99

energia fa espandere il nucleo cosı̀ tanto da far scendere la densità al di sotto di ρdeg
per cui si inizia la normale fusione autoregolata. Nel frattempo l’inviluppo ha subito
gli effetti di tutte queste produzioni di energia, si è espansa o contratta. A seconda
della massa della stella si possono avere processi diversi:

• 0.1 M⊙ < M < 0.5 M⊙ : fusione di H;

• 0.5 M⊙ < M < 8 M⊙ : fusione di H e He;

• 8 M⊙ < M < 11 M⊙ : fusione di H, He e C;

• M > 11 M⊙ : tutte le reazioni fino al F e.

Le temperature di ignizione sono

TH ≃ 107 K THe ≃ 108 K TC ≃ 5 × 108 K


TN e ≃ 10 K TO ≃ 2 × 10 K TSi ≃ 3 × 109 K
9 9

Cosa ci si aspetta da una stella come il Sole? La stella riesce a bruciare H ed He creando
un core di C che si contrae mentre la zona esterna si espande e viene espulsa (nebulosa
planetaria). Il nucleo rimasto (∼ 0.5 M⊙ ) si contrae senza riuscire ad innescare nuove
reazioni per cui diventa degenere. In una stella con massa M ∼ 0.5 M⊙ e T ∼ 108 K si
ha εF ∼ 1.3 me c2 il che significa che gli elettroni sono parzialmente relativistici. Sono
anche degeneri, infatti ρc ≃ 106 g/cm3 e nQ = 3 × 1029 m−3 per cui nc > nQ . Stelle
come il Sole partono da particelle classiche NR, nella combustione di He sono degeneri
NR e alla fine della loro vita diventano degeneri quasi relativistiche.
Gli elettroni giocano un ruolo diverso nelle stelle massive. Queste stelle possono
evolversi ampiamente prima che gli elettroni diventino degeneri influenzando la loro
evoluzione. Infatti, la tipica temperatura interna di un core stellare di massa M e
raggio R sostenuto da un gas classico ionizzato è data da
GM m̄
kB T ≈ ∝ M 2/3 ρ1/3 . (4.91)
3R
Questo vuol dire che la temperatura aumenta quando la stella si contrae, ma una
certa temperatura può essere raggiunta anche diminuendo ρ se si aumenta M . Tutto
ciò implica che gli elettroni, in una stella massiva, difficilmente diventeranno degeneri
perché l’ignizione avviene a densità più basse. Calcoli teorici hanno dimostrato che una
stella massiva con una massa più grande di 11M⊙ evolverà attraverso tutti gli stadi
delle reazioni termonucleari senza effetti dovuti alla degenerazione degli elettroni.
La degenerazione degli elettroni gioca un ruolo molto importante alla fine dell’evo-
luzione di una stella massiva. Supponiamo che la stella termini con un core di ferro. A
questo punto non può più essere estratta energia nucleare e questo core si contrae ren-
dendo gli elettroni degeneri. La massa di questo core degenere aumenta all’aumentare
100 4. Struttura stellare

del ferro depositato in esso e quando la sua massa supera la massa di Chandrase-
khar di 1.4M⊙ , collasserà rapidamente. Parte dell’energia rilasciata da questo collasso
darà luogo all’eiezione di materiale dagli strati più esterni della stella: esplosione di
supernova.
Modelli teorici suggeriscono che il core di ferro ha una temperatura di circa 8×109 K
e una densità di 4 × 109 g cm−3 prima del collasso. Gli elettroni nel core sono quindi
degeneri e UR. La concentrazione elettronica è approssimativamente 1033 cm−3 con un
momento di Fermi relativistico pari a 12me c. La concentrazione quantistica a questa
temperatura è 1000 volte più piccola di quella reale. Quindi, abbiamo un gas di elettroni
degeneri che occupano gli stati energetici più bassi. Poiché la densità è cosı̀ alta, la
maggior parte degli elettroni sono UR, la loro energia media è di circa 9me c2 . Il collasso
del core è un risultato diretto della natura UR del gas elettronico.

4.7 Limite di Schönberg-Chandrasekhar


Possiamo spiegarci come le stelle massive passino da un bruciamento all’altro introdu-
cendo un altro tipo di instabilità, applicabile a stelle dove domina la pressione termica.
Quando il nucleo esaurisce il combustibile (ad esempio l’idrogeno, se siamo al primo
bruciamento), il flusso di energia diminuisce fortemente, e poiché questo è legato al
gradiente termico, possiamo assumere che il core sia isotermo, a una temperatura Tc .
Il risultato a cui ora arriveremo è che se il core è troppo massivo la stella non riesce a
sostenere la propria massa. Integriamo tra il centro e il raggio del core l’equazione di
equilibrio idrostatico opportunamente moltiplicata per 4πr3 :
Z Rc
P 4πRc3 −3 P 4πr2 dr = Egrav c (4.92)
0

Applichiamo il teorema del viriale al core di raggio, massa e temperatura (Rc , Mc , Tc ),


utilizzando l’Eq. (4.29) e moltiplicando per il volume del core, indicando con ψ un
fattore numerico O(1) dell’energia gravitazionale:
3Mc kB Tc ψGMc2
4πRc3 Pc = 2Ek c + Egrav c = − (4.93)
m̄c Rc
Derivo ora rispetto a Rc per trovare il massimo della pressione centrale:
∂Pc 4ψ GMc m̄c
= 0 ⇒ Rc =
∂Rc 9 kB Tc
!4
0.7 kB Tc 1
Pc max = 3 (4.94)
ψ m̄c Mc G 3
2

Posso ora legare la pressione centrale alle quantità M , R dell’intera stella secondo
l’equazione (4.86) e imporre che non sia maggiore della pressione massima sostenibile
Equazioni politropiche 101

appena ricavata:
!4
M2 kB Tc 1
Pc < Pc max ⇒ 4 < ψ1 (4.95)
R m̄c Mc2 G4
dove ψ1 è un altro fattore numerico. Utilizzo inoltre il teorema del viriale per esprimere

ψGM m̄
Tc = (4.96)
3kB R

per ottenere quindi


2
M m̄

<η ≃ 0.1 (4.97)
Mc m̄c
dove nella valutazione numerica abbiamo stimato il fattore η ≃ 0.4 da calcoli teorici e
ipotizzato una massa media centrale doppia di quella totale, in quanto al centro ci sarà
abbondanza di He, fuso a partire dall’idrogeno che rappresenta ancora il costituente
principale dell’inviluppo (m̄ ≃ mH ).
Abbiamo quindi ottenuto che una stella può sostenersi se la massa del nucleo non
supera 1/10 della massa totale, altrimenti non è in grado di opporre una pressione
sufficiente e va incontro ad instabilità. Questo limite, tuttavia, può essere violato per
stelle altamente convettive, e, ripetiamo, non è valido per stelle leggere nelle quali un
contributo importante alla pressione totale proviene dalla pressione degenere, che non
compare nel limite trattato ora.

4.8 Equazioni politropiche


Durante la maggior parte della sua esistenza una stella è in uno stato che evolve molto
lentamente, stato molto prossimo all’equilibrio idrostatico e all’equilibrio termodina-
mico. Il gradiente di pressione interna è allora sufficiente a bilanciare l’attrazione
gravitazionale per cui
dP Gm(r)ρ(r)
=− (4.98)
dr r2
dove m(r), la massa racchiusa da una sfera di raggio r è data da

dm
= 4πr2 ρ(r). (4.99)
dr
Combiniamo le due precedenti equazioni, ossia equilibrio idrostatico e conservazione
della massa, per ottenere la seguente equazione differenziale del secondo ordine:

1 d r2 dP
" #
= −4πGρ. (4.100)
r2 dr ρ dr
102 4. Struttura stellare

Questa equazione coinvolge le due funzioni ignote P (r) e ρ(r). Può essere ridotta ad
un’equazione in cui si ha una sola funzione incognita assumendo una semplice relazio-
ne tra pressione e densità valida in tutta la stella e indipendente dalla temperatura:
questa è la procedura adottata dai modelli politropici della struttura stellare. Essi evi-
tano di considerare le equazioni del trasporto, che analizzeremo nel prossimo capitolo.
In particolare, un modello politropico con indice n si ottiene imponendo la seguente
relazione tra pressione e densità
1
P = Kρ(n+1)/n = KΓρΓ ⇒ Γ=1+ (4.101)
n
in cui K è una costante che dipende dalla natura della politropica e l’indice adiabatico
effettivo Γ, ripetiamo, a priori non coincide con l’indice adiabatico γ. Quando la
relazione precedente è sostituita in (4.100), si ottiene la seguente equazione differenziale
per la densità all’interno della stella
1 d r2 d(Kρ(n+1)/n )
" #
= −4πGρ. (4.102)
r2 dr ρ dr
Imponiamo le condizioni iniziali, cioè
ρ(0) = ρc

(0) = 0 (4.103)
dr
dove la seconda condizione segue dal fatto che m(0) = 0, per cui dP dr
∝ dρ
dr
= 0. Quindi,
se si fissa un valore per la densità centrale, si può ottenere un profilo di densità. Il
raggio R della stella è allora il valor r per cui ρ(r) si annulla e M = m(R).
Analizziamo, ora, esempi di stelle che possono essere descritte da politropiche.
• Esempio 1: equilibrio convettivo adiabatico. Modello studiato da Lord Kelvin: se
l’interno della stella è completamente convettivo, elementi di massa si muovono
sia verso l’esterno che l’interno della stella. Una stella si dice in equilibrio con-
vettivo se qualsiasi elemento di massa, dopo avere aumentato o abbassato la sua
temperatura e densità iniziale ai valori finali, si trova nelle stesse condizioni di
temperatura e densità del materiale circostante. L’equilibrio convettivo risulta
adiabatico se le celle convettive si muovono senza scambiarsi calore. Si arriva
quindi ad una condizione di equilibrio. Se trascuriamo la radiazione di pressione,
i cambiamenti adiabatici sono della forma
P = Kργ (4.104)
Dato che questo elemento di materia si trova nelle stesse condizioni di tempera-
tura e pressione della materia circostante, si può scrivere che
P (r) = KρΓ (r) (4.105)
Equazioni politropiche 103

per cui Γ coincide con l’indice adiabatico γ e per un gas ideale monoatomico NR
vale 5/3: in questo caso n = 1.5.

• Esempio 2: modello standard. Prendiamo una stella in cui sia la pressione di


radiazione che quella del gas contribuiscono. In questo caso, se il gas è classico,
la pressione totale, P = Pg + Pr , somma della pressione del gas e quella di
radiazione, è uguale a
N kB T 1 kB 1
P = Pg + Pr = + aT 4 = ρT + aT 4 (4.106)
V 3 mu µ 3
in cui µ è il peso molecolare medio definito in appendice B. Definiamo la quantità
β (in questo caso β non corrisponde alla quantità 1/kB T definita in precedenza)
in modo che
kB
Pg = ρT = βP
mu µ
1 4
Pr = aT = (1 − β)P (4.107)
3
In generale β dipende dalla posizione, ma nel modello standard viene assunto
costante ovunque (e in effetti si può dimostrare che questa non è un’ipotesi total-
mente irrealistica). Osserviamo che β = 1 corrisponde ad un sistema dominato
dalla pressione del gas, mentre la radiazione prevale quando β = 0. Uguagliando
i valori della pressione da queste due equazioni si ottiene, per ogni punto,
!1/3
kB 3 1 − β
T = ρ1/3 (4.108)
mu µ a β

Poiché
kB ρT
P = (4.109)
mu µ β
risulta che  1/3
!4
kB 3 1 − β
P = ρ4/3 (4.110)
mu µ a β4
Il vantaggio di questo approccio è che se β (o il prodotto βµ) è costante, allora
l’effetto della radiazione è formalmente equivalente a modificare il peso molecolare
medio.
L’equazione trovata vale in ogni punto all’interno della stella. Il rapporto tra la
pressione del gas e la pressione totale, β, dipende dalla distanza dal centro della
stella. Se, comunque, si ha una configurazione speciale in cui β è costante, cioè la
pressione del gas è una frazione della pressione totale in tutta la stella, allora K
104 4. Struttura stellare

è una costante e si ottiene P = K(β)ρ4/3 . Questo modello di stella corrisponde


ad una politropica con n = 3, cioè a stelle in equilibrio radiativo in cui l’energia
viene trasportata per trasferimento radiativo piuttosto che per convenzione. In
questo modello Γ = 4/3 non dà informazioni sul grado di relatività della stella,
che piuttosto è spostato nella dipendenza da β, per cui βU R = 0 ≤ β ≤ 1 = βN R .
Il modello standard è stato studiato inizialmente da Eddington; ci torneremo nel
prossimo capitolo.

• Esempio 3: stelle degeneri. Consideriamo stelle sostenute dalla pressione di un


gas di elettroni completamente degeneri (nane bianche), studiato nella sezione
2.4. La pressione in questo caso varia come Knr ρ5/3 (elettroni NR) o Kur ρ4/3
(elettroni UR): la costante K è data rispettivamente dalle Eqs. (2.57).

Questi esempi dimostrano che esistono evidenze fisiche alla base dell’assunzione della
forma politropica della relazione tra pressione e densità. Dato che P ∝ ρT e che
P ∝ ρ(n+1)/n si ottiene che ρ ∝ T n in una politropica non degenere di indice n.
Introduciamo, per convenienza, una nuova funzione Θ definita come

ρ = ρc Θn (4.111)

in cui ρc è il valore della densità centrale e, come conseguenza, Θ è normalizzata a 1


nel centro della stella: Θ(0) = 1 e Θ′ (0) = 0. In questa rappresentazione, la pressione
risulta uguale a
P = Kρ(n+1)/n = Kρ(n+1)/n
c Θn+1 . (4.112)
Sostituiamo questa espressione nell’equazione (4.100) ottenendo
!
1 d dΘ
(n + 1)Kρ1/n
c r2 = −4πGρc Θn . (4.113)
r2 dr dr

Questa equazione può essere semplificata introducendo una variabile adimensionale


ξ = r/ζ in cui ζ, definita come
#1
(n + 1)Kρ(1−n)/n
"
2
c
ζ= (4.114)
4πG

rappresenta un’unità di lunghezza (osserviamo che Θ è adimensionale). Facendo le


opportune sostituzioni, si ottiene
!
1 d dΘ
2
ξ2 = −Θn . (4.115)
ξ dξ dξ

Questa è l’equazione di Lane-Emden usata per studiare la struttura di una politropica


di indice n. La soluzione Θ in funzione di ξ determina in maniera completa la struttura
Equazioni politropiche 105

Figura 4.2: Soluzioni numeriche all’equazione di Lane-Emden.

della politropica eccetto che per il valore della densità centrale. Soluzioni analitiche
dell’equazione di Lane-Emden sono state ottenute solo per n = 0, n = 1 e n = 5:
2
 n = 0 θ0 = 1 − ξ /6


n = 1 θ1 = sinξ ξ (4.116)
n = 5 θ5 = (1 + ξ 2 /3)−1/2

Osserviamo che se Θ(ξ) è soluzione, allora anche Θ(−ξ) lo è. Questo vuol dire che si può
sviluppare Θ(ξ) in serie di potenza pari di ξ e calcolare la soluzione in maniera accurata
per ξ < 1. Come mostrato in Fig. 4.2, le soluzioni trovate decrescono monotonicamente
dal centro e per valori di n minori di 5 si annullano per un certo valore finito di ξ che
chiamiamo ξ1 , come si vede in Tab. 4.1, dove sono mostrati le risoluzioni numeriche
per diversi n. Tutto ciò significa che la pressione si annulla in ξ1 . Il valore di ξ1 e la
derivata di Θ in ξ1 sono importanti per determinare le proprietà a larga scala di diverse
configurazioni di gas.
La struttura di ciascuna politropica viene specificata in funzione della lunghezza
adimensionale ξ. Dalla sua definizione in termini del parametro ζ (vedi Eq. (4.114)), si
vede che il valore di ξ dipende da due numeri: il primo è la costante K che entra nella
definizione della politropica e il secondo è il valore della densità centrale ρc . Questo
vuol dire che ogni soluzione Θn di Lane-Emden rappresenta, per un valore fissato di
K, una famiglia di soluzioni ad un parametro, cioè ρc .
Per capire in che modo tutti questi fattori entrano in gioco, possiamo considerare
proprietà a larga scala della configurazione in esame.
106 4. Struttura stellare

n Γ √ξ1 −ξ12 Θ′
√n (ξ1 ) α ρc /ρ̄
0.0 ∞ 6 2 6 0.80600 1
0.5 3 2.75280 3.78710 0.63793 1.84
1.0 2 π π 0.54193 3.29
1.5 5/3 3.65375 2.71406 0.47795 5.99
2.0 3/2 4.35287 2.41105 0.43100 11.40
2.5 7/5 5.35528 2.18720 0.39422 23.41
3.0 4/3 6.89685 2.01824 0.36394 54.18
3.5 9/7 9.53581 1.89056 0.33791 152.9
4.0 5/4 14.97155 1.79723 0.31456 622.4
4.5 11/9 31.83646 1.73780
√ 0.29244 6189
5.0 6/5 ∞ 3 0.26867 ∞
Tabella 4.1: Soluzioni dell’equazione di Lane-Emden per diversi n; le uniche analitiche sono
quelle con n = 0, n = 1, n = 5. ξ1 è il primo zero della funzione Θn (ξ) ed è legato al raggio
della stella, α è il fattore numerico che compare nella pressione.

• Raggio. Il raggio della configurazione è, per definizione, determinato dal primo
zero della funzione di Lane-Emden di ordine n. Quindi
" #1/2
(n + 1)K
R = ζξ1 = ρc(1−n)/2n ξ1 . (4.117)
4πG

Per esempio, nel caso n = 0 (stella di densità costante) risulta ξ1 = 6, mentre
per n = 1 si ottiene ξ1 = π. Per n = 5, Θ(ξ) non ha zeri e la stella si estende
all’infinito.
• Massa. La massa M all’interno del raggio ξ è data da
Z r Z ξ
′2 ′ 3
M (r) = 4πr ρdr ⇒ M (ξ) = 4πζ ρc Θn ξ ′2 dξ ′ . (4.118)
0 0

Usando l’equazione di Lane-Emden e la definizion e di ζ, si può ottenere il valore


della massa per ξ = ξ1 . Quindi
" #3/2
(n + 1)K
M ≡ M (ξ1 ) = 4π ρc(3−n)/2n [−ξ 2 Θ′ (ξ)]ξ=ξ1 . (4.119)
4πG
Studiamo i casi più significativi.
– Nel caso n = 3 la massa dipende solo dalla costante K ed è indipendente
da ρc . Nel modello standard la massa di una politropica di indice n = 3,
utilizzando l’Eq. (4.110) vale
1/2 !2 √ √
3 kB 1−β 1−β

2 ′
M =4 3
= 2 2
[−ξ1 Θ (ξ1 )] = 18 2 2 M⊙ . (4.120)
πG a mu µβ µβ
Equazioni politropiche 107

Per una data composizione µ, la massa determina il parametro β.


– Nel caso degenere UR ho nuovamente n = 3 e posso sfruttare le relazioni
riguardanti la sezione 2.5: per Γ = 4/3, ossia n = 3:
!−1/3  −2/3
4 ρc µe
R = 3.35 × 10 km,
10 g/cm3
6 2
!2
2 5.8
M = 1.457 M⊙ = M⊙ = Mch . (4.121)
µe µ2e

Abbiamo appena definito la massa di Chandrasekhar, che non dipende nè


dal raggio nè dalla densità. Quando M → Mch , allora ρc → ∞ e la stella
è composta di gas relativistico. Questa è la massa massima che può essere
sostenuta dalla degenerazione elettronica. Questo valore rappresenta una
massa limite perché gli elettroni possono essere relativistici solo se la massa
è sufficiente per comprimere il volume ad un punto. Dato che le masse delle
nane bianche osservate hanno un raggio finito, la loro massa deve essere più
piccola di Mch .
– Il caso Γ = 5/3 (n = 1.5) si applica a stelle degeneri NR (nane bianche
leggere e stelle di neutroni): in questo caso
!−1/6  −5/6
4 ρc µe
R = 1.1 × 10 km,
106 g/cm3 2
−3  −5
R µe

M = 0.7 4
M⊙ . (4.122)
10 km 2

La massa è proporzionale a R−3 .

• Rapporto tra densità media e densità centrale. La densità media della


configurazione è data dalla massa totale della configurazione divisa per il volume
della configurazione, mentre la densità centrale è uguale a ρc . Quindi il rapporto
è uguale a !
ρ̄ 3 dΘ
=− . (4.123)
ρc ξ1 dξ ξ1
Questo rapporto dipende solo dall’indice della politropica. In realtà, si può con-
siderare questo risultato come la caratteristica principale dell’indice politropico,
cioè l’indice rappresenta un segno di come la materia si concentra verso il centro
della stella. Il rapporto tra le due densità varia da 1 (stella di densità uniforme),
per una politropica di indice zero, all’infinito (stella infinitamente concentrata al
centro) per una politropica di indice 5.
108 4. Struttura stellare

• Pressione centrale. Poiché Θ è normalizzata a 1 per ξ = 0, la pressione


centrale può essere scritta come

Pc = Kρ(n+1)/n
c . (4.124)

Per esprimere la pressione centrale in funzione di quantità macroscopiche, si


riscrive il raggio come
#1/2
(n + 1)ξ12
"
R= [Kρ(1−n)/n
c ]1/2 (4.125)
4πG
da cui si ottiene
4πR2 G Pc
Kρ(1−n)/n
c = 2
= 2 (4.126)
(n + 1)ξ1 ρc
Quindi, utilizzando Eq. (4.123), otteniamo
!1/3
1 4π
Pc = 2 ′
GM 2/3 ρ4/3
c ≡ αGM 2/3 ρ4/3
c (4.127)
n+1 |ξ1 Θ (ξ1 )|
Il fattore numerico α dipende da n ma nei nostri casi si attesta sempre attorno a
α ≃ 0.4, come si vede in Tab. 4.1.
• Temperatura centrale (modello standard). La temperatura centrale può
essere calcolata da pressione e densità centrali usando l’appropriata equazione di
stato. Per il caso di gas non degenere ideale ionizzato, la relazione fondamentale

kB
Pg = ρc Tc = βc Pc (4.128)
mu µ
in cui Pc è uguale alla pressione totale (gas + radiazione) al centro della stella.
Quindi la temperatura centrale è data da
mu µ βc Pc
Tc = . (4.129)
kB ρc
Nel modello standard, dove β = cost., questa temperatura è dunque

Tc ∝ βµM 2/3 ρ1/3


c . (4.130)

Diamo ora una stima quantitativa della temperatura centrale delle stelle della
sequenza principale, ritenendole rappresentate in prima approssimazione da po-
litropiche di indice n = 3. La densità centrale è ignota ma, dalla Tab. 4.1
ricaviamo che ρc = 54.2ρ̄, da cui si ottiene
!2/3
M 6
Tc = 17.4 × 10 µβ ρ̄1/3 . (4.131)
M⊙
Equazioni politropiche 109

La densità media ρ̄ si può scrivere come:


1.4
ρ̄ ≃ g/cm3 . (4.132)
M/M⊙

La densità media delle stelle della sequenza principale diminuisce all’aumentare


della massa. Questo segue dal teorema del viriale, che comporta temperature più
alte per valori più alti dell’energia potenziale gravitazionale. Queste temperatu-
re più alte diventano sufficienti per sostenere la stella in una configurazione di
densità più bassa.
Come vedremo nel prossimo capitolo, si trova β ≈ 1 per stelle della sequenza
principale. Il peso molecolare medio ha un valore prossimo a 0.7 per le zone
centrali delle stelle che hanno parzialmente esaurito il loro idrogeno, quindi X ≈
0.5, Y ≈ 0.5. Da tutte queste considerazioni segue che
!1/2
6 M
Tc ≃ 14 × 10 . (4.133)
M⊙

Molte altre proprietà fisiche interessanti possono essere calcolate usando questi mo-
delli stellari. Inoltre, in queste note si sono considerate solo politropiche uniformi di
composizione omogenea, mentre è possibile dividere le stelle in shell politropiche o
politropiche miste.
110 4. Struttura stellare
Capitolo 5

Trasporto di calore

Non è possibile vedere direttamente l’interno di una stella. Quello che vediamo sono
solo i fotoni che vengono emessi in prossimità della superficie stellare e che, perciò,
forniscono informazioni solo sugli strati più esterni della stella. Ma il solo fatto che
noi vediamo le stelle è un segno che la stella sta perdendo energia per mezzo di radia-
zione. D’altra parte, noi sappiamo sperimentalmente che la temperatura delle stelle,
di solito, non cambia nel tempo. Questo ci dice che, nonostante la perdita di energia
superficiale, la stella non si raffredda, deve cioè essere in equilibrio termodinamico. Se
avviene questo, vuol dire che gli strati superficiali della stella devono ricevere energia
dall’interno.
Consideriamo il Sole: noi riceviamo fotoni emessi da uno strato di spessore 100 km.
Consideriamo allora una colonna di altezza pari a h = 100 km e di sezione A = 1 cm2
(vedi Fig. 5.1).

F=flusso

n=numero di 3
particelle per cm

h=altezza
(atmosfera)

Figura 5.1: La perdita di energia per area unitaria e per secondo è il flusso F . Questa
energia esce da una colonna di atmosfera di altezza h in cui si trovano nh particelle

La pressione del gas in questo strato è data da Pg = nkB T ed è circa 0.1 volte la

111
112 5. Trasporto di calore

pressione dell’atmosfera stellare. Da questo si può ricavare che il numero di particelle


contenute in questa colonna è circa n ≈ 1024 particelle per cm2 . Con una temperatura
media di 6000 K, l’energia per particella è, approssimativamente, 32 kB T ≈ 10−12 erg.
Nella colonna considerata dalla quale i fotoni fuggono, si ha una quantità di energia
pari a E = 32 kB T nh = 10−12 × 1024 erg/cm2 = 1012 erg/cm2 . La perdita di energia
per cm2 e per s è data dal flusso superficiale che è uguale a F = 6 × 1010 erg cm−2 s−1 .
Questo vuol dire che il Sole emette l’energia contenuta nella colonna in un tempo pari
a t ≈ E/F = 15 s. Questo vuol dire che dovremmo essere in grado di vedere variazioni
di temperatura. Ma questo non avviene. Da queste considerazioni si può concludere
che il riscaldamento degli strati superficiali, dovuto alla parte interna della stella, deve
fornire tanta energia quanta ne viene persa dalla superficie.
Abbiamo visto nel capitolo precedente che l’equilibrio idrostatico è realizzato quando
dP Gm(r)ρ(r)
= − = −g(r)ρ(r)
dr r2
dm
= 4πr2 ρ(r) (5.1)
dr
Queste equazioni da sole non bastano. Infatti si ha P = P (T, ρ) da cui si può ottenere
un determinato valore di P con infinite combinazioni di T e ρ. Un modo per risolvere
il tutto è imporre un modello politropico. Questo può funzionare per stelle degeneri
e per il modello standard, ma non è mai una descrizione corretta. Dobbiamo porre
una qualche condizione sulla temperatura e questo viene effettuato tramite il trasporto
radiativo. Definiamo ε(r) la quantità di energia sviluppata per unità di massa e unità
di tempo mentre ε(r)ρ(r) è l’energia sviluppata per unità di volume e di tempo. Allora
in condizioni statiche ci si aspetta che
Z R
L= ε(r)ρ(r)4πr2 dr (5.2)
0

in cui L è l’energia persa per radiazione e risulta uguale all’energia totale emessa per
unità di tempo. Vogliamo riscrivere questa equazione in forma differenziale. Conside-
riamo un guscio sferico e ricordiamo che la luminosità è funzione del raggio. Quella
che fluisce attraverso la shell è
dL
L(r + dr) = L(r) + dr L(r + dr) − L(r) = ε(r)ρ(r)4πr2 dr (5.3)
dr
L’equazione precedente ha il seguente significato: la differenza tra il flusso uscente e
quello entrante coincide con l’energia prodotta nel guscio. Sempre dall’ultima equazione
si ottiene
dL
= 4πr2 ρ(r)ε(r) (5.4)
dr
Il rapporto tra il trasporto di energia e il gradiente di temperatura verrà fissato dalla
luminosità, cioè dalla quantità di energia che bisogna trasportare e dal modo in cui si
trasporta questa energia.
113

In generale si può scrivere L(r) = 4πr2 F (r) in cui F (r) rappresenta il flusso di
energia per area. Indipendentemente da come avviene il trasporto di energia si ha che
dT
F (r) = −K th (r) (5.5)
dr
in cui K th è la conducibilità termica ottenendo
dT
L(r) = −4πr2 K th (r) (5.6)
dr
Abbiamo quindi trovato le quattro equazioni differenziali accoppiate per P, m, L, T ,
cioè
dP
= −g(r)ρ(r)
dr
dm
= 4πr2 ρ(r)
dr
dL
= 4πr2 ρ(r)ε(r)
dr
dT L(r)
= − (5.7)
dr 4πr2 K th (r)

I meccanismi grazie ai quali si ha trasporto di calore sono divisi in

1. Trasporto microscopico: il trasporto di energia può essere legato all’energia


termica delle particelle, che interagendo e diffondendo trasferiscono calore dalle
zone più calde a quelle più fredde; si parla di:

• conduzione per elettroni e ioni;


• trasporto radiativo per i fotoni.

2. Trasporto macroscopico: è di tipo convettivo cioè è un moto collettivo delle


particelle costituenti: esiste un valore limite di dT /dr al di sopra del quale la
materia è instabile rispetto alla conduzione e diventa perciò possibile agli elementi
caldi salire e a quelli freddi scendere. Si ha perciò un trasporto macroscopico
convettivo. Nel caso delle stelle la convezione è turbolenta, il che complica la
modellizzazione del processo. Nelle supernovae si ha invece il rimescolamento
(dredge up), che consente di osservare nello spettro elementi pesanti.

Vedremo che se il gradiente di temperatura non supera un certo valore il trasporto di


energia è microscopico mentre se lo uguaglia il trasporto diventa macroscopico. Nelle
stelle di sequenza principale come il Sole prevale un trasporto di tipo radiativo, ed
è presente un nucleo convettivo. Nelle stelle massive, con alte temperature centrali,
114 5. Trasporto di calore

l’elevata dipendenza dell’efficienza nucleare da T (per esempio il ciclo CNO ha εCN O ∝


ρT 17 ) provoca facilmente la convezione per la grande quantità di energia producibile,
che causa un elevato gradiente termico. Stelle molto massive tendono ad avere un core
più grande di quanto consentito dal limite di Schönberg-Chandrasekhar (vedi sezione
4.7). Nel modello standard vedremo che β → 1 per stelle di bassa sequenza principale,
con M < M⊙ : questo, come vedremo, implica alto gradiente termico.
Per le nane bianche si ha conduzione elettronica tranne che nella zona radiativa su-
perficiale, come nelle stelle di neutroni che tuttavia perdono inizialmente molta energia
tramite i neutrini; nel caso delle supernovae l’energia è espulsa principalmente tramite
neutrini e onda d’urto.
Riassumendo:

• stelle di alta sequenza principale M > M⊙ : nucleo convettivo, inviluppo radiati-


vo;

• stelle simili al Sole M ≃ M⊙ : nucleo radiativo, inviluppo convettivo;

• stelle di bassa sequenza principale M < M⊙ : completamente convettive;

• giganti e supergiganti: nucleo convettivo, regione intermedia radiativa, esterno


convettivo;

• nane bianche: conduzione all’interno, sottile strato superficiale (pelle) radiativo;

• stelle di neutroni: raffreddamento neutrinico seguito da quello fotonico, analogo


alle nane bianche.

5.1 Trasporto radiativo


La densità di energia e il numero fotonico associate con la radiazione di corpo nero alla
temperatura T sono date dalle Eqs. (2.35, 2.36). L’energia media per fotone è dunque
dell’ordine di aT [K]/20 erg. All’interno del Sole, questa energia è dell’ordine dei keV ,
cioè siamo nella regione dei raggi X. La luce che fugge dalle superficie stellare è nello
spettro visibile, corrispondente ad energie circa 104 volte più piccole dell’energia media
per fotone nel core. La sorgente di degradazione dell’energia fotonica è l’accoppiamento
della radiazione con la materia. I fotoni diffondono attraversano la materia stellare, un
processo in cui il fotone viaggia, in media, un libero cammino medio ¯l prima di essere
assorbito e riemesso in una direzione random. La descrizione di tale processo è simile
al problema statistico del random walk, dove N scelte random per lo step successivo
(in questo casi riemissione in una direzione arbitraria) risultano in uno spostamento
netto pari a N 1/2 ¯l dal punto di partenza. Di conseguenza, un fotone richiede, in media,
N ∼ (R/¯l)2 riemissioni per diffondere dal centro della stella alla superficie di raggio R.
Trasporto radiativo 115

Analizziamo più in dettaglio tutti questi concetti partendo dall’equazione del trasporto
radiativo.
Se analizziamo il trasporto per radiazione, dobbiamo fare alcune ipotesi: prima
di tutto non si può considerare un gas di fotoni come gas di Bose alla pressione di
P = 13 aT 4 perché questa relazione vale solo in condizioni termodinamiche (cioè la
radiazione deve essere in equilibrio con la materia). Lo spettro di un gas di questo
tipo sarebbe di Planck perfettamente isotropo e quindi mancherebbe un flusso netto di
radiazione.
La quantità fondamentale che descrive lo stato termodinamico di un insieme di
particelle (nel nostro caso fotoni) è f (r, p, t), cioè la funzione di distribuzione. Il
numero di fotoni in un volume dello spazio delle fasi d3 rd3 p attorno a r e p al tempo t
è collegato a f attraverso la relazione (vedi appendice B)
2 3 3 2
dN = 3
f d rd p = 3 f ν 2 dΩd3 rdν, (5.8)
h c
in cui h è la costante di Planck e la frequenza ν è collegata al momento p attraverso
la relazione p = E/c = hν/c. La direzione di propagazione è specificata dall’elemento
di angolo solido dΩ attorno al vettore unitario n, per cui l’elemento di volume è pari a
d3 p = p2 dpdΩ. L’energia trasportata dai fotoni in questo volume è data da

dE ≡ hνdN ≡ dνdΩd3 r. (5.9)
c
La relazione precedente definisce Iν (r, n, t), (vedi Fig. 5.2) che è collegata alla funzione
di distribuzione attraverso la relazione e che rappresenta un flusso di energia ricevuta
per unità di frequenza.
2hν 3
Iν (r, n, t) ≡ 2 f (ν, r, n, t). (5.10)
c
La quantità Iν , detta intensità specifica, è costruita in modo che Iν (r, n, t)dνdΩ
rappresenti l’energia trasportata per unità di tempo attraverso un’area unitaria nel-
l’angolo solido dΩ attorno a n (cioè alla normale dell’area unitaria) da fotoni di energia
compresa tra ν e ν + dν. Il campo di radiazione viene specificato da Iν oppure f . La
quantità
1Z
εrν (r, t) ≡ Iν dΩ, (5.11)
c 4π
rappresenta la densità di energia specifica in r mentre il flusso specifico lungo la
direzione n è dato dalla seguente funzione vettoriale
Z
Fν (r, t) ≡ Iν ndΩ. (5.12)

Il flusso specifico attraverso un’area di normale m è dato da


Z
Fν (r, t, m) = Fν (r, t) · m = Iν cos θdΩ, (5.13)

116 5. Trasporto di calore

n
dΩ

Figura 5.2: L’intensità Iν è definita come la quantità di energia che attraversa la superficie
A per unità di tempo nell’angolo solido dΩ

in cui θ è l’angolo tra la direzione di moto dei fotoni n e la normale m. Il termine


specifico viene utilizzato come sinonimo di monocromatico, cioè per unità di intervallo
di frequenza. La densità di energia viene detta momento zero di Iν mentre il flusso
è il momento di ordine uno. Questo perché le loro espressioni contengono il termine
integrale del tipo Z
Iν cosm θdΩ. (5.14)

Quando m = 0 si ha la densità di energia, se m = 1 il flusso. Se m = 2 si ottiene il


secondo momento che è collegato alla pressione attraverso la relazione
1Z
Pν = Iν cos2 θdΩ. (5.15)
c 4π
L’intensità totale, la densità di energia e il flusso si ottengono integrando le analoghe
funzioni specifiche sulla frequenza, cioè
Z ∞
I = Iν dν
0
Z ∞
εr = εrν dν
0
Z ∞
F = Fν dν (5.16)
0

Nel caso di flusso isotropo, cioè Iν indipendente dalla direzione, si ottiene


4πIν
εrν =
c
Fν = 0
1 r
P = ε (5.17)
3 ν
Trasporto radiativo 117

Questa è la relazione per particelle relativistiche. Osserviamo che non si è assunto equi-
librio termodinamico, e la distribuzione di radiazione Iν è completamente arbitraria.
L’equilibrio termodinamico è condizione sufficiente ma non necessaria per l’isotro-
pia, cioè il campo di radiazione può essere isotropo senza essere in equilibrio. Per il
caso speciale di equilibrio termodinamico locale (LTE) alla temperatura T , l’intensità
specifica è data dalla funzione di Planck (indipendente dalla direzione)

2hν 3 1
IνP = Bν = 2
, (5.18)
c exp(hν/kB T ) − 1

dove Bν è la brillanza specifica per un corpo nero, ossia l’energia emessa per unità di
tempo e di frequenza da un’area unitaria della superficie. εrν e εr sono date da

4πBν 8πhν 3 1
εrν = εPν = = 3
c c exp(hν/kB T ) − 1
P 4
εr = ε = aT (5.19)

in cui a = 7.56 × 10−15 erg cm−3 K −4 è l’usuale costante di Stefan e l’apice P indica
Planck.
Se vogliamo conoscere l’energia emessa per unità di tempo e di superficie della
sorgente in tutto lo spazio, dobbiamo integrare Iν cosθ (intensità specifica lungo la
direzione n per unità di angolo solido) sulle frequenze e sul semispazio esterno alla
superficie, che per un corpo nero significa:
Z Z 2π Z π/2 Z
c
F = Bν (ν, T )dν dφ cos θ sin θdθ = π Iν dν = ε (5.20)
0 o 4
da cui si ricava il legame tra le costanti σ e a:
ac 4
F = T ≡ σT 4 (5.21)
4
Una delle principali quantità da noi osservabili è la temperatura di una stella. Possiamo
definire diverse temperature:

• Temperatura efficace Tef f : riproduce il flusso integrato ipotizzando che la sor-


gente sia un corpo nero, per cui valga ovunque ε = aT 4 ; dunque
1/4
L

Tef f ≡ (5.22)
4πr2 σ

• Temperatura di colore Tcol : si ricava ipotizzando che la sorgente sia un corpo nero;
il rapporto tra i flussi in due diversi range di frequenze definisce univocamente la
temperatura del corpo nero.
118 5. Trasporto di calore

• Temperatura di brillanza Tb : dipende dalla frequenza e riproduce l’intensità os-


servata Iν ; è la temepratura fisica della radiazione, che può essere discrepante
dalla temperatura di colore, quella effettivamente osservabile.

Capita spesso in casi di interesse astrofisico di non trovarsi in equilibrio termodi-


namico. In tali configurazioni, come le stelle, esiste un campo di radiazione che risulta
leggeremente anisotropo, poiché esiste un eccesso di energia radiativa che fluisce in una
particolare direzione. Nel caso di una stella, per esempio, esiste un eccesso netto di
flusso di radiazione elettromagnetica nella direzione radiale. In ogni punto della stella
la situazione corrisponde approssimativamente a uno stato di equilibrio termodinami-
co, cioè la radiazione è pressoché isotropa. L’approssimazione è valida se l’isotropia
si manifesta su scale molto maggiori del libero cammino medio. È conveniente, nelle
situazioni di lieve anisotropia, definire una direzione polare e porre questa direzione
lungo l’eccesso di flusso. In termini di questo sistema di coordinate si definisce l’in-
tensità del campo di radiazione I(θ) in cui I(θ)dΩ è il flusso di energia per unità di
area e tempo che si muove lungo la direzione θ all’interno di un angolo solido dΩ at-
torno a questa direzione. Nel caso delle stelle, dove siamo sempre vicini all’equilibrio
termodinamico, il campo di radiazione può essere approssimato come

Iν (θ) = Iν0 + Iν1 cos θ (5.23)

in cui Iν0 rappresenta la parte isotropa del campo di radiazione e Iν1 ≪ Iν0 la lieve
anisotropia. Utilizzando questa approssimazione si possono calcolare al primo ordine
non nullo le tre quantità (5.11, 5.13, 5.15) ottenendo
4π 0
εν = I
c ν
4π 1
Fν = I
3 ν
4π 0 εν
Pν = I = (5.24)
3c ν 3
In questa approssimazione, la densità di energia e la pressione sono indipendenti dal
termine anisotropo. Inoltre la relazione tra densità di energia e pressione coincide con
quella di un campo di radiazione isotropo. Nel caso di una forma più generale del
campo di radiazione che coinvolga potenze di ordine superiore in cos θ, quest’ultima
relazione non è più valida, ma nei casi di interesse fisico all’interno delle stelle, la
relazione P = 1/3εν = 1/3aT 4 è corretta. Usiamo i risultati ottenuti per riscrivere il
termine Iν , cioè
c 3
Iν (θ) ≈ εν + Fν cos θ. (5.25)
4π 4π
Il secondo termine è numericamente molto più piccolo del primo all’interno di una
stella.
Trasporto radiativo 119

Quando abbiamo introdotto una lieve anisotropia nello sviluppo di Iν abbiamo


anche operato in condizioni di equilibrio termico tale che la temperatura è fissata in
ogni punto. Ancora una volta la regola generale vuole che se si è in LTE allora si ha
anisotropia, se si ha anisotropia non è detto che si sia in LTE. Ciò nonostante ai nostri
fini è comodo che una affermazione implichi l’altra e viceversa.
Consideriamo ora l’emissione e l’assorbimento di fotoni in un mezzo gassoso. Infatti,
i fotoni che passano attraverso la materia possono essere assorbiti o diffusi da atomi, ioni
o molecole. Possono anche essere emessi come risultato del moto di particelle cariche o
da atomi eccitati. Questi processi, presi collettivamente, possono modificare il campo
di radiazione Iν . Quando questo succede, la radazione e la materia sono accoppiate.
Definiamo il coefficiente di emissione o emissività jν (r, n, t) in modo che jν dνdΩ sia il
tasso di emissione spontanea di energia per unità di volume nell’intervallo ν a ν + dν
e nell’angolo solido dΩ attorno a n al tempo t. Analogamente, definiamo il coefficiente
di assorbimento o opacità, κν (r, n, t) in modo che κν ρIν dνdΩ dia la corrispondente
energia sottratta ad un fascio di data intensità Iν per unità di volume per unità di
tempo, a causa dell’assorbimento. Le due quantità appena definite sono collegate al
cambiamento che può subire Iν . Assumendo che i fotoni viaggino in linea retta, il
cambiamento totale subito da Iν in una distanza ds di una lastra di materiale percorsa
dai fotoni, nella direzione n è uguale a
dIν 1 ∂Iν ∂Iν 1 ∂Iν
= + = + n · ∇Iν = jν − κν ρIν . (5.26)
ds c ∂t ∂s c ∂t
La relazione precedente rappresenta l’equazione del trasferimento radiativo. Nelle ap-
plicazioni, è possibile trattare il gas in LTE in ogni punto dello spazio e in ogni istante
di tempo. In questo caso, lo stato termodinamico del gas può essere descritto sempli-
cemente dalla temperatura e dalla densità. Questo vuol dire che le funzioni dipendenti
dallo stato della materia, quali l’opacità, dipenderanno da T e ρ.
In molti casi, includendo anche LTE, jν e κν assumono gli stessi valori che si otten-
gono in equilibrio termodinamico, cioè Iν = Bν = cost. In questa situazione, il termine
sinistro dell’equazione (5.26) si annulla e si ottiene
jν = κν ρBν (T ), (5.27)
in cui T rappresenta la temperatura locale della materia. L’equazione trovata si dice
legge di Kirchhoff ed esprime il bilancio tra emissione e assorbimento in equilibrio
termodinamico. Sostituendo Eq. (5.27) in Eq. (5.26), si ottiene
1 ∂Iν
+ n · ∇Iν = κν ρ(Bν − Iν ). (5.28)
c ∂t
Consideriamo il primo momento di questa equazione che si ottiene integrandola su dΩ
e utilizzando le Eqs. (5.11, 5.13, 5.19). Il risultato è
∂εrν
+ ∇ · Fν = cκν ρ(εPν − εrν ). (5.29)
∂t
120 5. Trasporto di calore

Questa non è altro che un’equazione di continuità per la radiazione di una certa
frequenza includendo sorgenti e pozzi di radiazioni.
Una soluzione formale all’equazione del trasporto radiativo può essere ottenuta
assumendo che queste funzioni, dipendenti dallo stato termodinamico locale del gas,
siano funzioni note dello spazio e del tempo. Per semplicità si assume di essere in uno
stato stazionario per cui si ottiene
∂Iν
= κν ρ(Bν − Iν ). (5.30)
∂s
Definiamo la profondità ottica lungo la direzione di propagazione la quantità τν definita
come
ds
dτν ≡ κν ρds ≡ ¯ . (5.31)

Questa quantità rappresenta la probabilità che un fotone sia assorbito o diffuso ed è
uguale al rapporto tra la distanza percorsa attraverso il mezzo e il libero cammino
medio del fotone ¯lν . Usiamo ora la profondità ottica per calcolare Iν . Dopo aver
integrato l’Eq. (5.30) tramite l’utilizzo di Eq. (5.31), si ottiene
Z τν
Iν = Iν (0)exp(−τν ) + Bν (T )exp[−(τν − τν′ )]dτν′ . (5.32)
0

Iν (0) rappresenta l’intensità della radiazione incidente sul retro della regione, dove
τν = 0. In generale, la temperatura può variare nel mezzo, cioè T = T (τν ). Nel caso
speciale in cui T sia costante si ottiene

Iν = Iν (0)exp(−τν ) + Bν (T )[1 − exp(−τν )] con (T = costante) (5.33)

Per una regione otticamente spessa, nella quale la radiazione deve essere assorbita o
diffusa parecchie volte prima di aver effettuato il percorso ds, risulta τν ≫ 1 e si ottiene

Iν ≈ Bν (T ) quando τν ≫ 1 (5.34)

Questa equazione esprime il fatto che l’emissione da una lastra di materiale ottica-
mente spessa e isoterma è un corpo nero alla temperatura del gas. Per un materiale
otticamente sottile in cui τν ≪ 1 senza radiazione incidente (cioè Iν (0) = 0), l’intensità
è Z L
Iν = jν ds ≈ Bν (T )τν con (T = costante). (5.35)
0
in cui L è lo spessore totale geometrico della lastra lungo il raggio di luce. Questo
vuol dire che, per un mezzo otticamente sottile, il libero cammino medio del fotone
sarà maggiore dello spazio da percorrere, cioè non ci sarà scattering o assorbimento
nella distanza ds. L’equazione precedente è valida anche se T dipende dalla posizio-
ne. A seconda della variazione dell’opacità con la frequenza, una regione può essere
otticamente spessa ad alcune frequenze e sottile ad altre.
Approssimaziome di diffusione 121

5.2 Approssimaziome di diffusione


L’equazione del trasporto radiativo si semplifica notevolmente quando la radiazione è
isotropa. Moltiplichiamo l’equazione (5.28) per n e integriamo su tutti gli angoli. Dato
che κν ρBν è indipendente dalla direzione non contribuisce all’integrale e, utilizzando
la definizione di flusso (5.13), si ottiene
1∂ Z
Fν + n(n · ∇Iν )dΩ = −κν ρFν (5.36)
c ∂t
Assumiamo poi che la radiazione sia quasi-stazionaria ad ogni istante di tempo, per
cui l’equazione precedente si riduce a
Z
n(n · ∇Iν )dΩ = −κν ρFν . (5.37)

Questa equazione rimane valida anche se il campo di radiazione cambia con il tempo,
fintanto che le variazioni siano sufficientemente lente in modo che si possano descrivere
attraverso la variazione temporale della temperatura e della densità. Ma se il campo
è strettamente isotropo, Fν = 0. Per un campo debolmente anisotropo, si possono
effettuare i calcoli nell’integrale precedente utilizzando lo sviluppo di Eq. (5.23) fino al
primo ordine, cioè Iν = Iν0 + Iν1 cos θ. La componente i-esima risulta essere
Z Z
4π c
ni nk ∂k Iν dΩ = (∂k Iν0 ) ni nk dΩ = (∂k Iν0 ) δik = ∂i εrν (5.38)
3 3
da cui si ottiene
c
Fν = − ∇εrν
3κν ρ
∇ · Fν = cκν ρ(εPν − εrν ) (5.39)

Le due equazioni precedenti rappresentano l’approssimazione di diffusione delle equa-


zioni di trasporto radiativo. Questa approssimazione è valida se il campo di radiazione
è isotropo su distanze dello stesso ordine o più piccole del libero cammino medio della
radiazione, definito in (5.31) come:

¯lν ≡ 1 . (5.40)
κν ρ
L’applicabilità dell’approssimazione di diffusione non richiede LTE. Quindi LTE è una
condizione sufficiente ma non necessaria per l’utilizzo di questa approssimazione.
Assumiamo che ci sia LTE e consideriamo il flusso integrato sulle frequenze. Dato
che in LTE εrν = εPν , si ottiene
c Z∞ 1
F=− ∇εP dν (5.41)
3ρ 0 κν ν
122 5. Trasporto di calore

sapendo che εPν dν = aT 4 .


R

Definiamo, per convenienza, l’opacità media di Rosseland come:


P
∞ 1 dεν
R R∞ 1 dεP
1 0 dν 0
ν

= R ∞κνdεdT
P = κν dT
(5.42)
κ̄ 0
ν
dν 4aT 3
dT

Questa quantità è una media armonica pesata, con peso dεPν /dT = cν ed ha un mas-
simo quando hν ≈ 3.8 kB T cosı̀ che i fotoni ad alta energia giocano il ruolo maggiore
nel processo di trasporto radiativo. Notiamo inoltre che vengono pesate maggiormente
le finestre trasparenti, dove κν è piccolo; ci aspettiamo inoltre che la presenza di ri-
ghe spettrali, strette in frequenza e responsabili di assorbimento, contribuiscano poco
all’integrale. Sostituiamo la precedente definizione nell’espressione del flusso integrato
ottenendo la relazione del trasporto radiativo
c c 4ca 3
F=− ∇εP = − ∇(aT 4 ) = − T ∇T (5.43)
3κ̄ρ 3κ̄ρ 3κ̄ρ
Tale relazione tra flusso e gradiente di temperatura rappresenta la vera e propria
approssimazione di diffusione.
Abbiamo osservato all’inizio che la radiazione interagisce con la materia statistica-
mente, cioè che un fotone ha una probabilità di essere assorbito o scatterato. Oltre
all’opacità totale κν si può definire l’opacità di scattering κsc
ν e di assorbimento κν
ass

tali per cui


κν = κsc
ν + κν
ass
(5.44)
e se si considera l’emissione stimolata
− khνT
κstim
ν = κass
ν (1 − e
B ). (5.45)

Il trasporto radiativo nel plasma astrofisico è governato dall’opacità del gas. L’o-
pacità non è altro che una misura dell’accoppiamento della radiazione con la materia.
Fisicamente la sorgente di questo accoppiamento è l’interazione elettromagnetica tra
fotoni ed elettroni, ioni e, qualche volta, atomi neutri. Esistono sorgenti diverse di
opacità. Quale delle sorgenti domina sulle altre dipende dallo stato termodinamico del
gas, cioè da T e ρ. Le seguenti sorgenti di opacità possono essere importanti

• Scattering da elettroni liberi. All’interno della stella in una situazione di


alte temperature, la materia è totalmente ionizzata con molti elettroni liberi e
quindi prevale il fenomeno dello scattering. Se gli elettroni sono relativistici si ha
uno scattering Compton, altrimenti Thomson. Ricordiamo che nello scattering
2
Compton la lunghezza d’onda del fotone aumenta della quantità 2λC e sin θ/2
in cui λCe = h/me c=0.024 Å è la lunghezza d’onda Compton dell’elettrone e
θ è l’angolo di scattering. Lo shift Compton deriva dal fatto che il fotone ha
Approssimaziome di diffusione 123

trasferito parte della sua energia e momento all’elettrone. Poiché questo shift
della lunghezza d’onda è piccolo, risulta essere importante solo per fotoni molto
energetici, la cui lunghezza d’onda è piccola.
La sezione d’urto per lo scattering di fotoni da parte di elettroni liberi a bassa
energia è data dalla formula di Thomson
!2
8π e2
σT = = 0.665 × 10−24 cm2 ≡ 0.665 barn. (5.46)
3 me c2

Questa sezione d’urto è indipendente dalla frequenza e lo scattering è isotropo.


La corrispondente opacità è data da
σT ne
κes = = 0.2(1 + X) cm2 g −1 (5.47)
ρ

in cui si è utilizzato ne = Ye ρ/mu e X è la frazione in massa dell’idrogeno. Poiché


lo scattering elettronico è indipendente dalla frequenza, l’opacità di di Rosseland
coincide con κes .

• Assorbimento free-free (Bremsstrahlung inversa). Nell’atmosfera stellare,


dove le temperature sono inferiori a quelle centrali, prevalgono effetti di assorbi-
mento. In questo caso, oltre agli elettroni liberi, siamo in presenza di ioni positivi
di carica Ze e peso atomico A. L’opacità media di Rosseland per assorbimento
free-free dei fotoni è approssimato dalla relazione di Kramers:
ρ
κ̄f f ∝ (5.48)
T 3.5
in cui la costante di proporzionalità dipende dalla composizione chimica del gas.

• Assorbimento bound-free (Fotoionizzazione). Si ha assorbimento bound-


free quando un atomo con elettroni legati assorbe fotoni di energia sufficiente a
ionizzare l’atomo in uno stato energetico più alto. Anche in questo caso l’opacità
media di Rosseland può essere approssimata da
ρ
κ̄bf ∝ , (5.49)
T 3.5
in cui, anche in questo caso, la costante di proporzionalità dipende dalla compo-
sizione chimica del gas.

Sebbene la sorgente di opacità dominante dipenda dalla natura dettagliata di ρ


e T , il comportamento generale è il seguente: a basse T , dove una grande frazione
degli atomi può essere parzialmente ionizzato, è importante l’assorbimento B-F. Ad
alte T , dove la ionizzazione è completata, abbiamo l’assorbimento F-F. All’ulteriore
124 5. Trasporto di calore

aumento di T si ha scattering elettronico (κ̄f f diminuisce con T e diventa sempre meno


importante). A questo punto diventano importanti nuovi processi in quanto le energie
dei fotoni sono relativistiche (hν ≥ me c2 ): si ha quindi effetto Compton.
Riassumendo: dati T , P , ρ e composizione chimica, si deve prima di tutto calcolare
il grado di ionizzazione ed eccitazione di tutte le specie atomiche presenti. Bisogna
poi considerare tutte le sezioni d’urto bound-bound, free-free e bound-free per avere la
variazione dell’opacità totale in funzione della frequenza.
Nel caso di trasporto di calore in stelle sferiche, l’equazione (5.43) si riscrive nella
forma1
16πr2 acT (r)3 dT
L(r) = 4πr2 F (r) = − , (5.50)
3κ(r)ρ(r) dr
in cui L(r) è la luminosità in r. Per questi sistemi, il flusso netto di fotoni è dovuto
al gradiente di temperatura nell’interno delle stelle. Questa è l’equazione del trasporto
radiativo appropriata per l’interno stellare, dove il campo di radiazione può essere preso
approssimativamente isotropo e planckiano.

5.2.1 Atmosfera di Eddington


La struttura termica dell’atmosfera di una regione radiativa può essere calcolata nel-
l’approssimazione di diffusione. Dall’Eq. (5.50) si ottiene
dT 3 ρ(r)κ(r)L(r)
=− . (5.51)
dr 16 acπr2 T (r)3
Il trasporto di energia nelle atmosfere stellari in molte stelle è radiativo. Il problema
viene semplificato dall’assenza di sorgenti di energia ma può diventare complicato dal
fatto che l’atmosfera può non essere in LTE e Iν potrebbe non essere Planckiano.
Consideriamo un semplice modello di atmosfera stellare in equilibrio radiativo con un
flusso costante. Di solito, la scala di altezza nell’atmosfera è molto piccola rispetto
al raggio della stella R per cui si può considerare l’atmosfera reale come un piano di
estensione infinita in LTE. Supponiamo che il flusso attraverso l’atmosfera sia costante
e diretto lungo la direzione perpendicolare alla superficie, ossia l’asse z, ossia Fν =
Fν ẑ = cost. La stessa condizione di costanza si ricava dall’equazione (5.39) quando si
assume LTE. In questo caso ∇ · Fν = dFν /dz = 0. Al posto di z utilizziamo lo spessore
ottico medio τ , definito da
dτ ≡ −κ̄ρdz (5.52)
in cui il segno meno garantisce che τ , nullo alla superficie, aumenti spostandosi verso
gli strati più interni dell’atmosfera. L’equazione di diffusione diventa
c dεP c d(aT 4 )
F = = , (5.53)
3 dτ 3 dτ
1
D’ora in avanti indicheremo genericamente con κ l’opacità media di Rosseland.
Approssimaziome di diffusione 125

da cui si ottiene
F
εP ≡ aT 4 = 3τ + costante. (5.54)
c
La costante può essere determinata imponendo condizioni al contorno sul campo di
radiazione alla superficie, ossia z = τ = 0. Se assumiamo che il campo di radiazione
alla superficie sia isotropo lungo le direzioni uscenti e si annulli nelle direzioni entranti
(cioè non abbiamo fotoni incidenti sulla superficie dalla parte esterna), allora si può
ottenere, utilizzando le equazioni (5.11, 5.13):
cεrν (τ = 0)
Fν (τ = 0) = (5.55)
2
oppure, in LTE
cε(τ = 0)
F (τ = 0) = (5.56)
2
dove abbiamo introdotto la temperatura superficiale T0 = T (τ = 0). Utilizzando
quest’ultimo risultato in equazione (5.54), si ottiene la densità di energia
3
 
ε(τ ) = aT04 1+ τ . (5.57)
2
e il profilo di temperatura in funzione della profondità ottica
3
 
T 4 = T04 1 + τ , (5.58)
2
ed è, a sua volta, in relazione con la temperatura efficace Eq. (5.22):

Tef f = 21/4 T0 = T (τ = 2/3) (5.59)

Quest’ultima relazione è spesso chiamata approssimazione di Eddington del profilo


dell’atmosfera. Dalle Eqs. (5.58, 5.59), si vede che la temperatura efficace, ossia la
temperatura a cui posso associare la fotosfera, ossia la superficie di ultima interazione
dei fotoni, è la stessa della temperatura fisica a τ = 2/3. Se l’opacità è dominata
da processi di assorbimento, i fotoni emergenti si originano vicino e al di sopra dello
strato in cui τ ≈ 2/3. Questo vuol dire che la temperatura di sarà confrontabile con
la temperatura efficace. Se l’opacità è dominata dallo scattering, l’equazione (5.58)
descrive ancora, in maniera approssimata, il profilo di temperatura della materia. Tut-
tavia, i fotoni emergenti si originano, tipicamente, in strati più profondi, cioè quando
τ = τs ≫ 2/3. Seguendo l’emissione molto al di sotto della superficie a grandi profon-
dità ottiche τs , i fotoni effettuano molti scatterring prima di uscire. Se lo scattering è
elastico, allora i fotoni emergono a temperatura di colore confrontabile con la tempera-
tura della materia nel punto di generazione, τs ; quindi Tcolore ≈ T (τs ) ≫ Tef f . Questo
vuol dire che lo scattering elastico tende ad aumentare l’energia caratteristica dei fotoni
emergenti al di sopra del valore che essi avrebbero se l’emissione fosse di corpo nero.
126 5. Trasporto di calore

5.2.2 Relazione tra temperatura interna e superficiale


Possiamo legare la temperatura superficiale a quella interna utilizzando le equazioni
dell’approssimazione di diffusione (5.39) in cui ε = aT 4 per i fotoni. Questo implica
che la luminosità diventa
4πr2 c d
L(r) ≡ 4πr2 F (r) = − (aT 4 ). (5.60)
3κ(r)ρ(r) dr

Consideriamo la luminosità alla superficie stellare L = L(R) mentre, al posto del


gradiente di temperatura, considero la quantità

d(aT 4 ) T 4 − TI4
≈a 0 (5.61)
dr R
in cui T0 è la temperatura superficiale mentre TI rappresenta quella interna. Ricordando
che per un corpo nero σ = ac/4, si può scrivere

4πR2 ca 4 16πRσ 4
L= (TI − T04 ) = (TI − T04 ) (5.62)
3κρR 3κρ

Ricordando che L = 4πR2 σTef


4 2 4
f = 8πR σT0 si può scrivere che

TI4 ¯l
T04 = 3R ≃ TI4 (5.63)
¯ +1
2l
R

dove abbiamo utilizzato R ≫ ¯l. ¯l/R rappresenta il fattore di attenuazione: se i fotoni


fuggissero immediatamente, la luminosità sarebbe aTI4 . In realtà, i fotoni, a causa del
suddetto fattore di attenuazione, si comportano come se avessero velocità v = c¯l/R < c.
Si tratta di un risultato su cui torneremo parlando del random walk.

5.3 Conducibilità termica


Consideriamo un gas in cui la temperatura T dipenda debolmente da una coordinata
che chiamiamo x in modo che il calore fluisca nella direzione x tra regioni che sono,
approssimativamente, in equilibrio termico. Il meccanismo microscopico alla base di
questo flusso di calore non è altro che, come vedremo successivamente, il moto random
delle particelle costituenti il gas. In generale queste si muovono con una distribuzione
di velocità, in tutte le possibili direzioni e con una distribuzione di liberi cammini medi
prima di interagire. Assumiamo che 1/6 delle particelle si muovano nella direzione
x con una velocità media v̄ e che percorrano una distanza ¯l (libero cammino medio)
prima di interagire. Indichiamo con ε(x) l’energia termica per unità di volume a x.
Consideriamo una superficie ad un particolare valore di x (vedi Fig. 5.3).
Conducibilità termica 127

Figura 5.3: Trasferimento di energia attraverso una superficie x per il moto termico casuale
delle particelle.

Se ∂T /∂x > 0, una particella che viene dall’alto ha una energia media più grande
rispetto a quella di una particella che viene dal basso. Esiste quindi un trasferimento
netto di energia attraverso la superficie. Le particelle che si muovono dal basso, nella
zona x − ¯l, trasferiscono un’energia che è proporzionale a ε(x − ¯l) mentre quelle che
partono da x + ¯l trasferiscono energia proporzionale a ε(x + ¯l). Il tasso di trasferimento
di energia nell’attraversare la superficie considerata è dato da

1 1 1 dε
F (x) ≃ v̄ε(x − ¯l) − v̄ε(x + ¯l) ≃ − v̄¯l . (5.64)
6 6 3 dx
Poiché sia ε che T sono entrambe funzioni di x si ha che
dε dε dT dT
= = CV , (5.65)
dx dT dx dx
in cui CV è la capacità termica per unità di volume. Quindi la densità di flusso di calore
attraverso la superficie x è direttamente proporzionale al gradiente di temperatura

dT 1
F (x) = −K th , K th ≈ v̄¯lCV (5.66)
dx 3
La quantità K th rappresenta il coefficiente di conducibilità termica del gas. Poiché
il calore fluisce dalla regione di temperatura più alta a quella più bassa, si ha che
F (x) < 0 quando ∂T /∂x > 0. Il segno − è stato introdotto in modo tale che K th sia
una quantità positiva. Possiamo riscrivere l’equazione precedente e l’Eq. (5.39) come:

F = −K th ∇T (5.67)
∂ ∂ε ∂T ∂T
∇·F =− ε=− = −CV (5.68)
∂t ∂T ∂t ∂t
Assumendo K th indipendente dalla coordinata, si può scrivere

∂T CV ∂T 1 ∂T
−K th ∇2 T = −CV ⇒ ∇2 T = th
= (5.69)
∂t K ∂t D ∂t
128 5. Trasporto di calore

Abbiamo ottenuto l’equazione di diffusione del calore, in pratica la variazione di


T in funzione del tempo e della coordinata. Utilizziamo ora l’equazione (5.66) per
descrivere la conduzione di calore per moto random di elettroni e ioni in un plasma.
La useremo poi per descrivere il moto random di fotoni, processo detto di diffusione
radiativa.

5.3.1 Conduzione: elettroni e ioni


L’importanza della conducibilità termica degli e− e degli ioni in un plasma si può
ricavare utilizzando i risultati della teoria cinetica dei gas. Per elettroni classici con
concentrazione ne alla temperatura T si ha
s
3 3 3kB T
εe = ne kB T, CVe = ne kB , v̄e ≈ . (5.70)
2 2 me

Poiché le collisioni e − e sono meno efficaci di quelle e − i, il libero cammino medio


rilevante è quello di un elettrone che collide con uno ione. Questo risulta essere uguale
a
¯l = 1 , (5.71)
ni σ
in cui ni è la concentrazione degli ioni e σ è la sezione d’urto elettrone-ione. Un ordine
di grandezza per la stima di questa sezione è πr2 , in cui r è la distanza alla quale
l’energia potenziale di una coppia elettrone-ione è confrontabile con l’energia cinetica
termica: si ha un trasferimento significativo di energia se l’elettrone raggiunge questa
distanza. Per uno ione di carica Z questa distanza è data da

Ze2
≈ kB T. (5.72)
r
Sostituiamo tutti questi risultati in Eq. (5.66) e calcoliamo il coefficiente di con-
ducibilità termica degli elettroni, ricordando che ne = Zni (plasma completamente
ionizzato):

" #1/2 " #2 1/2  2


kB ne 3kB T kB T kB Z 3 1

Keth ≈ = (kB T )5/2 (5.73)
2π ni me Ze2 2π me Ze2

La conducibilità termica degli ioni si ricava analogamente:

" #1/2 " #2 1/2  2


kB ni 3kB T kB T kB 3 1

Kith ≈ = (kB T )5/2 (5.74)
2π ne mi Ze2 2πZ mi Ze2
Conducibilità termica 129

Il rapporto tra le due conducibilità è dunque


Kith
1/2
1 me

th
= 2 (5.75)
Ke Z mi

Poiché Z ≫ 1 e mi ≫ me , si ottiene che Kith ≪ Keth . Questo risultato è una conseguen-


za del fatto che gli ioni sono in numero maggiore rispetto agli elettroni e si muovono
molto più lentamente. Quindi, il moto termico degli ioni è, in generale, meno efficace
per il trasferimento di calore del moto degli elettroni.
In realtà, la conducibilità termica degli ioni e degli elettroni è di minore importanza
nella maggior parte della stella. Le nane bianche sono un’eccezione. In questo caso gli
elettroni formano un gas degenere denso con un’alta conducibilità termica, come in un
metallo. L’Eq. (5.66) è ancora valida ma le equazioni (5.70) devono essere modificate
per poter tenere in considerazione la degenerazione. Se l’energia di Fermi, εF , è grande
rispetto a kB T , la tipica velocità elettronica viene aumentata di un fattore pari a
(εF /kB T )1/2 e la capacità termica viene ridotta di un fattore kB T /εF . Infatti
s
mvF2
s
2εF εF
εF = ⇒ vF = ≈ v̄e (5.76)
2 me kB T
mentre
kB T 3 kB T
CV ≈ CVcl , ⇒ CV = ne kB . (5.77)
εF 2 εF
Il libero cammino medio per una collisione elettronica è più lungo in un gas degenere,
perché un elettrone può solo essere scatterato se c’è uno stato non occupato a dispo-
sizione. Il risultato è che il calore all’interno di una nana bianca viene trasferito in
maniera molto efficace dagli elettroni degeneri. In prima approssimazione, una nana
bianca ha una parte interna ad alta conducibilità ad una temperatura che è pressoché
uniforme, circondata da un rivestimento isolante di elettroni non degeneri e ioni.

5.3.2 Trasporto radiativo: fotoni


Utilizziamo ancora l’Eq. (5.66) per studiare la conducibilità termica dei fotoni. I fotoni
termici si muovono alla velocità della luce e formano un gas di densità di energia e
capacità termica date da
εr = aT 4 , CVr = 4aT 3 . (5.78)
Quindi la densità del flusso di calore dovuta alla diffusione radiativa è
dT 4
J(x) = −Krth , Krth ≈ c¯laT 3 , (5.79)
dx 3
in cui Krth è il coefficiente di conduzione termica dovuta al moto random dei fotoni. Per
poter fare stime ulteriori dobbiamo conoscere il libero cammino medio per la collisione
130 5. Trasporto di calore

di un fotone nella materia stellare. La situazione più semplice avviene ad alte tempera-
ture e a basse densità trovate nell’interno di stelle massive della sequenza principale. Il
processo dominante è lo scattering Thomson dovuto agli elettroni (vedi Eq. (5.46)). La
relazione esistente tra coefficiente di conducibilità di radiazione ed elettronica è dato
da
#5/2
Krth √ Pr me c2
"
≈ 3Z (5.80)
Keth Pe kB T
in cui Pr e Pe sono le pressioni di radiazione ed elettronica.

5.4 Autodiffusione
Finora ci siamo concentrati sul trasporto di energia. Tuttavia questo è possibile so-
lamente grazie al trasporto di particelle, che vogliamo ora studiare, cercando anche
di ottenere informazioni sui tempi scala, senza occuparci esplicitamente dell’equazione
del trasporto. A questo proposito consideriamo una sostanza formata da particelle e
alcune di queste particelle siano identificabili. Sia n1 il numero medio di particelle per
unità di volume. Nella situazione di equilibrio, le particelle segnate dovrebbe essere
distribuite uniformemente nel volume a disposizione in modo che n1 risulta indipen-
dente dalla posizione. Supponiamo che la loro distribuzione non sia uniforme, cosı̀ che
n1 = n1 (z), anche se il numero medio totale n di molecole per unità di volume rimane
costante (questa costanza assicura che non ci sia moto di massa). Questa non è una
situazione di equilibrio e quindi ci sarà un moto delle particelle segnate che tenderan-
no ad aumentare l’entropia, cioè tenderanno a rendere n1 più uniforme. Chiamiamo
il flusso delle molecole segnate J, cioè Jz rappresenta il numero medio delle particelle
segnate che attraversano l’unità di area di un piano (nella direzione z normale al piano)
per unità di tempo. Se n1 fosse uniforme, Jz = 0. Se n1 non è uniforme, ci aspettiamo
che Jz risulti proporzionale al gradiente di concentrazione delle particelle segnate:

∂n1
Jz = −D . (5.81)
∂z
La costante di proporzionalità D è detta coefficiente di autodiffusione della sostanza.
Se ∂n1 /∂z > 0, il flusso delle particelle segnate è nella direzione z cosı̀ da equalizzare la
concentrazione, cioè Jz < 0. Quindi il segno meno introdotto serve per rendere D posi-
tivo. La relazione precedente è abbastanza soddisfacente per descrivere l’autodiffusione
delle molecole di gas, liquidi o solidi isotropi. Cerchiamo di ricavarla.
La quantità n1 soddisfa un’equazione differenziale. Consideriamo un problema a
una dimensione dove n1 (z, t) è il numero medio delle particelle segnate nell’unità di
volume posizionata al tempo t in z. Poiché il numero totale delle particelle segnate
si conserva, possiamo affermare che l’aumento delle particelle deve essere uguale al
Autodiffusione 131

numero di particelle che entrano nel volume considerato attraverso la superficie a z


meno le particelle che ne escono in z + dz. Cioè

(n1 Adz) = AJz (z) − AJz (z + dz), (5.82)
∂t
da cui si ottiene
∂n1 ∂Jz ∂ 2 n1
=− =D 2 . (5.83)
∂t ∂z ∂z
Questa è l’equazione della diffusione.
Nel caso semplice di gas diluito, il coefficiente di autodiffusione può essere calcolato
tramite il libero cammino medio. Consideriamo un piano z = cost nel gas, esattamente
come visto nella sezione 5.3. Il numero medio delle particelle segnate che attraversano
questo piano dal basso nell’unità di tempo è uguale a 16 v̄n1 (z − l) mentre quello che
lo attraversano dall’alto è dato da 16 v̄n1 (z + l). Il flusso netto di queste particelle che
attraversano il piano dalla zona inferiore a quella superiore è dato da
1 1 1 ∂n1
Jz = v̄n1 (z − l) − v̄n1 (z + l) = v̄(−2 l) (5.84)
6 6 6 ∂z
che può essere riscritta come
∂n1 1
Jz = −D , D = v̄l (5.85)
∂z 3
Quindi Jz risulta proporzionale al gradiente di concentrazione e D dà un’espressione
approssimata per il coefficiente di autodiffusione in funzione di proprietà statistiche,
senza includere direttamente le quantità legate all’aspetto energetico (K th , cV ).
D’altra parte, si può calcolare lo spostamento quadratico medio da argomenti pu-
ramente macroscopici basati sull’equazione di diffusione. Immaginiamo che un numero
totale N1 di molecole segnate venga introdotto al tempo t = 0 in un volumetto vicino
a z = 0. La conservazione del numero di particelle richiede che
Z ∞
n1 (z, t)dz = N1 . (5.86)
0

Per definizione si ha quindi

¯2
1 Z∞ 2
z (t) = z n1 (z, t)dz. (5.87)
N1 −∞

Per trovare come z¯2 dipenda da t, moltiplichiamo l’equazione di diffusione per z 2 e


integriamo su z. Quindi
2
2 ∂n1 2∂n1
Z ∞ Z ∞
z dz = D z dz (5.88)
−∞ ∂t −∞ ∂z 2
132 5. Trasporto di calore

Per il termine di sinistra si ottiene


Z ∞ ∂n1 ∂ Z∞ 2 ∂
z2 dz = z n1 dz = N1 (z¯2 ), (5.89)
−∞ ∂t ∂t −∞ ∂t
mentre quello di destra si risolve integrando per parti:
#∞
∂ 2 n1 ∂ 2 n1
"
Z ∞ Z ∞ ∂n1
z 2 2 dz = z 2 2 −2 z dz = 2N1 . (5.90)
−∞ ∂z ∂z −∞ −∞ ∂z
Abbiamo quindi ottenuto che
∂ ¯2
N1 (z ) = 2N1 D (5.91)
∂t
da cui:
z¯2 = 2Dt + z¯2 0 . (5.92)
Le particelle quindi diffondono, come mostrato in Fig. 5.4. Vediamo ora come rileggere
questi risultati descrivendo la diffusione come random walk.

Figura 5.4: La densità numerica n(z, t) in funzione di z a vari tempi t dopo che le molecole
sono state introdotte al tempo t = 0 vicino al piano z = 0. Le aree sottese da ognuna delle
curve coincidono tra loro e sono uguali al numero di particelle.

5.5 Diffusione come random walk


È possibile vedere il problema della diffusione come un problema di random walk
eseguito da una molecola. Assumiamo che successivi spostamenti subiti dalla molecola
tra le collisioni siano statisticamente indipendenti e indichiamo con li la componente z
dello spostamento i-esimo della molecola. Se la molecola parte a z = 0, la componente
z della sua posizione dopo un numero N di spostamenti è dato da
N
X
z= li . (5.93)
i=1
Diffusione come random walk 133

Calcoliamo il valor medio. Data la natura casuale della direzione di ogni spostamento,
si ha che ¯li = 0 da cui risulta z̄ = 0. D’altra parte, si ottiene per la dispersione la
seguente relazione
z¯2 = l¯i2 + li¯lj
X XX
(5.94)
i i6=j j

Dato che gli spostamenti sono statisticamente indipendenti, abbiamo li¯lj = l¯i l¯j = 0 da
cui si ottiene
z¯2 = l¯i2 = N l¯2 .
X
(5.95)
i

La quantità l¯2 rappresenta lo spostamento quadratico medio che può essere calcolato
nel seguente modo: la componente z dello spostamento nel tempo t è dato da li = vz t.
Ma per simmetria spaziale si ottiene v¯z2 = 31 v¯2 . Data la probabilità

1 −t/tsc
P (t)dt = e dt (5.96)
tsc
che la particella interagisca dopo un tempo compreso tra t e t + dt, definita in modo
che il tempo medio di collisione sia t̄ = tsc , ottengo quindi
R∞
t2 P (t)
t¯2 = R0 ∞ = 2t2sc , (5.97)
0 P (t)

perciò l¯2 = 2/3v¯2 t2sc . Poiché ogni spostamento tra collisioni richiede un tempo medio
tsc , il numero totale N di spostamenti subiti nel tempo t è uguale a t/tsc . Quindi:

t 2 2 ¯2
z¯2 (t) = N l2 = l = v tsc t (5.98)
tsc 3
Confondendo la velocità quadratica media con il quadrato della velocità media, ossia
v¯2 = v̄ 2 , si ottiene
z̄ 2 1 1
D= = v¯2 tsc = v̄¯l (5.99)
2t 3 3
cioè lo stesso risultato trovato in precedenza con la trattazione dell’autodiffusione (vedi
Eq. (5.66)).
Consideriamo una stella di raggio R, allora

R2 ¯l = v̄tsc
N = ¯2 (5.100)
l
Il tempo di diffusione è dato da
¯l R2 R2
td = tsc N = ≃ (5.101)
v̄ l¯2 v̄¯l
134 5. Trasporto di calore

Nel caso dei fotoni v̄ = c, quindi


RR R
td = = tf s ¯l , (5.102)
c ¯l
dove la quantità tf s = R/c (tempo di free streaming) rappresenta il tempo in cui il
fotone percorrerebbe R in assenza di collisioni, ossia senza diffusione. Il tempo di
diffusione è dunque aumentato di un fattore R/l: questo implica che il flusso dei fotoni
è più lento e la luminosità è ridotta.
Leghiamo i risultati del random walk alle considerazioni riguardanti l’atmosfera di
Eddington (sezione 5.2.1). Ipotizziamo che l’atmosfera sia diffusiva, ossia κ = κsc +
κass ≃ κsc . Indichiamo con z ⋆ la profondità a cui è stato prodotto il fotone prima di
subire N scattering elastici. L’effettivo percorso compiuto deve essere dunque N ¯lsc =
¯lass . Dunque otteniamo:
z ⋆ = N ¯lsc = ¯lass ¯lsc
2 2
(5.103)
da cui
1
z⋆ = √ (5.104)
ρ κass κsc )
corrispondente a una profondità ottica
s
⋆ ρκsc κsc
τ (z ) = √ = (5.105)
ρ κass κsc ) κass

Per cui, in un’atmosfera diffusiva, la temperatura di colore, ossia quella data dai fotoni
prodotti a una profondità z ⋆ , risulta molto maggiore di quella efficace, relativa alla
fotosfera: 1/4
3 κsc 1/8
  
⋆ ⋆
Tcol = T (z ) = Tef f 1 + τ (z ) ≃ Tef f (5.106)
2 κass
Osservativamente noi misuriamo il flusso, la distanza e la temperatura di colore: se
siamo in presenza di atmosfera assorbitiva, per cui Tcol ≃ Tef f , possiamo avere una
stima affidabile sul raggio dall’Eq. (1.6); nel caso di atmosfera diffusiva sovrastimo T0 ,
per cui sottostimo R.

5.6 Diffusione nel Sole


Indipendententemente dal meccanismo dominante, nel Sole il libero cammino medio dei
fotoni è determinato dall’interazione con un e− o con uno ione. Questo dipende dalla
concentrazione degli elettroni ne e ioni ni e dalle corrispondenti sezioni d’urto d’assor-
bimento e scattering. È quindi conveniente esprimere ¯l in funzione di ρ e dell’opacità
κ attraverso la relazione
¯l = 1 , (5.107)
κρ
Diffusione nel Sole 135

dove ρ è definito da
X
ρ = (ne + ni )µmu
ne m e
ρ = ne µ e m e ≃
Ye
1 X
= Ye + Yi . (5.108)
µ i

come spiegato nell’appendice B. Considerando X = ρρH , si può calcolare la densità


elettronica ne in funzione di ρ da cui si ottiene l’opacità:
ρ
ne = (1 + X) ,
2m
ne σT
κes = = 0.2(1 + X) cm2 /g. (5.109)
ρ
Applichiamo questi risultati al Sole, considerando queste caratteristiche:
T¯I = 6 × 106 K, ρ̄ = 1.4 g cm−3 , ρc ≃ 150 g cm−3 ,
X = 0.71, Xc = 0.35, Y = 0.27, Yc = 0.63, (5.110)
dove T¯I è la temperatura media interna, X, Y, Z sono le frazioni in massa relative
all’intera stella, mentre Xc , Yc , Zc sono relative al centro. Osserviamo che
kB T¯I ≈ 10−3 me c2 (5.111)
Dalla luminosità solare L⊙ = 4 × 1033 erg/s e dal valore del raggio R⊙ = 7 × 1010 cm,
si può ottenere la temperatura efficace
Tef f ⊙ = 5780 K
Sapendo che 107 K ∼ 1 keV , si vede che i fotoni, nel Sole, passano da energie dell’ordine
del keV ad energie dell’ordine di 1 eV . Abbiamo quindi un trasporto radiativo. Infatti
utilizzando questi dati si ottengono i coefficienti di conduzione termica Eq. (5.80):
Krth ≈ 2 × 105 Keth . Questo vuol dire che la diffusione radiativa è un meccanismo più
efficiente per il trasferimento di calore che la conducibilità termica.
Calcoliamo il tempo di diffusione dato dalla Eq. (5.102). Questo è ovviamente va-
riabile all’interno della stella, in quanto al centro la densità sarà maggiore. Utilizzando
Eq. (5.109) si ricava κ⊙ = 0.34 cm2 /g; assumendo un valore di densità dell’ordine di
ρ⊙ ∼ 30 − 40 g/cm−3 si ottiene:
¯l⊙ ∼ 1 mm (5.112)
Si ottiene allora una stima della profondità ottica, della temperatura interna e del
tempo di diffusione dato dall’Eq. (5.102)
R⊙ 7 × 1010 cm
τ⊙ = ¯ = = 7 × 1011
l 10−1 cm
136 5. Trasporto di calore

TI ≃ 103 T0
R⊙ R⊙
td ≃ ¯ ≈ 50000 anni (5.113)
l c

Prendendo la densità centrale ρc e il valore Xc otterremmo ¯l ∼ 0.2 mm, mentre utiliz-


zando la densità media ρ̄ otterremmo ¯l ∼ 2 cm, In ogni caso un fotone, che impieghe-
rebbe circa tf s ≃ 2.3 s ad uscire dal Sole, in realtà impiega circa 104 − 105 anni a causa
della diffusione.

5.7 Stelle in equilibrio radiativo: modello standard


Occupiamoci di stelle in equilibrio radiativo, ossia dove il trasporto di calore è pre-
valentemente sotto forma di trasporto di radiazione, come accade nel Sole; escludia-
mo dunque stelle degeneri e stelle che presentano convezione. Abbiamo le seguenti
relazioni:

dP Gm(r)
= − ρ(r)
dr r2
dm
= 4πr2 ρ(r)
dr
dL
= 4πr2 ρ(r)ε(r)
dr
dT 3κ(r)ρ(r) L(r)
= − (5.114)
dr 16acT (r)3 πr2

in cui ε(r) è la densità di energia per unità di massa prodotta alla distanza r dal centro
della stella, L(r) è la potenza emessa da una sfera di raggio r, κ l’opacità.
Le Eqs. (5.114) sono le quattro equazioni fondamentali della struttura stellare. Sono
basate sull’assunzione di simmetria sferica, equilibrio idrostatico e flusso di energia per
diffusione radiativa. Quest’ultima ipotesi deve essere molto spesso modificata per per-
mettere il trasporto di energia per convenzione, come negli strati più esterni del Sole o
nel nucleo di una stella massiva della sequenza principale o per tenere in considerazione
il trasporto di energia per conduzione, come in una nana bianca.
L’analisi completa della struttura stellare richiede calcoli molto complicati e la so-
luzione di queste equazioni differenziali accoppiate in quattro incognite: P (r), m(r),
T (r) e L(r). La struttura statica della stella può essere trovata se le equazioni fonda-
mentali della struttura stellare sono implementate da equazioni di stato che collegano
la pressione, l’opacità e la potenza irradiata alla densità e temperatura del materiale
stellare; cioè
P = P (ρ, T ), κ = κ(ρ, T ), ε = ε(ρ, T ). (5.115)
Stelle in equilibrio radiativo: modello standard 137

Inoltre servono quattro condizioni al contorno per specificare una soluzione univoca.
Due di queste sono: m(0) = 0 e L(0) = 0, che sono soddisfatte perché la massa e
l’energia generate all’interno di una sfera di raggio r tendono a zero quando r → 0.
Le altre due condizioni si ottengono specificando la pressione e la temperatura vicino
alla superficie della stella: questo, in pratica, richiede la conocenza delle proprietà
dell’atmosfera stellare. Fissate le condizioni superficiali si risolve il sistema, ottenendo
i parametri R, M ≡ m(R), T ≡ T (R), P ≡ P (R) ricorreggendo eventualmente le
condizioni iniziali imposte per ottenere qualcosa di autoconsistente.
La pressione totale è
1 ρ
P = Pr + Pg = aT 4 + kB T (5.116)
3 µmu

somma del contributo di radiazione e di quello delle particelle, utilizzando ρ = ntot µm.
Come visto nella sezione 4.8, indichiamo con β la frazione di pressione dovuta al gas,
per cui possiamo scrivere

Pg (r) = β(r)P (r)


Pr (r) = (1 − β(r))P (5.117)

Abbiamo
dPr d 1 4 4 dT
 
= aT = (aT 3 ) , (5.118)
dr dr 3 3 dr
da cui
dT 3 dPr
= (5.119)
dr 4aT 3 dr
Possiamo sostituire tale risultato nell’ultima delle equazioni (5.114), ottenendo

dPr κ(r)L(r)ρ(r)
=− (5.120)
dr 4πcr2
Ora dividendo quest’ultima equazione per la prima delle equazioni (5.114), si ha

dPr κ(r)L(r)
= (5.121)
dP 4πcGm(r)

Per stelle di alta sequenza principale, ossia M⊙ < M < 50M⊙ , vale in buona appros-
simazionevale β = cost (modello standard ): si ha P ∝ ρ4/3 , ovvero Γ = 4/3, quindi
un politropo di indice n = 3. Sono stelle molto calde in cui domina il processo di
scattering κ ≃ κsc . Un valore costante di β implica che l’equazione (5.121) diventa

dPr κsc (r)L(r)


=1−β = (5.122)
dP 4πcGm(r)
138 5. Trasporto di calore

Figura 5.5: Valore di (1 − β) ∝ µ4 M 2 nel modello standard di stelle a massa piccola.

Figura 5.6: Valore di β ∝ µ−1 M −1/2 nel modello standard di stelle a massa grande.

Valutando globalmente la stella (r = R):

(1 − β)4πcGM
L= = (1 − β)LE (5.123)
κsc (r)
Stelle in equilibrio radiativo: modello standard 139

in cui
4πcGM
LE = (5.124)
κsc (r)
è la luminosità di Eddington, la quale rappresenta la massima luminosità che una stella
in equilibrio radiativo può avere, in quanto 0 ≤ β ≤ 1 sempre. Il caso L = LE implica
β = 0 e P = Pr , che come abbiamo visto nel capitolo precedente implica instabilità.
Torniamo ai risultati delle equazioni politropiche per il modello standard n = 3: la
massa totale M di una stella non dipende dal raggio:

(1 − β)1/2
M = 18 M⊙ (5.125)
µ2 β 2

Introducendo ω (coefficiente di proporzionalità) si ha

1−β
f (β) ≡ 4
= ωµ4 M 2 (5.126)
β

In Fig. 5.7 è mostrato l’andamento M vs. L. Dall’Eq. (5.126) possiamo trovare le

Figura 5.7: Luminosità in funzione della massa per stelle in sequenza principale.

tipiche relazioni massa-luminosità, considerando l’Eq. (5.123).


140 5. Trasporto di calore

• Per stelle poco massive si utilizza l’opacità di Kramers κ ∼ ρT −7/2 ed è possibile


ottenere numericamente:

L ∝ Mα M < M⊙ (5.127)

con 4 < α < 5.

• f (β) ≪ 1 ⇒ β → 1 ⇒ (1 − β) ∝ µ4 M 2 , valida per stelle di medio-alta sequenza


principale:
L ∝ M3 M⊙ < M < 50M⊙ (5.128)

• f (β) ≫ 1 ⇒ (1 − β) → 1 ⇒ β ∝ µ−1 M −1/2 , valida per stelle molto massive,


dominate dalla radiazione e quindi sono instabili:

L∝M M > 50M⊙ (5.129)

Maggiore è la luminosità, minore è il tempo di vita tipico della stella: stelle più lu-
minose, dunque più massive, bruciano molto velocemente il carburante e vivono meno
rispetto a stelle più leggere.
Riassumendo, nel modello standard la massa è collegata al rapporto tra la pressione
del gas e quella totale. Questo significa che, per un fissato valore di µ, la funzione β
è una funzione della massa (o viceversa) sebbene la soluzione non possa essere scritta
esplicitamente. Le Figs. 5.5, 5.6 mostrano, graficamente, la dipendenza di β dalla
quantità µ2 M/M⊙ . Questi grafici indicano la crescente importanza della pressione di
radiazione all’aumentare della massa.

5.8 Convezione
Se il gradiente di temperatura varia notevolmente, il calore viene trasferito dalle regioni
calde a quelle fredde da parti galleggianti di fluido caldo che salgono e pacchetti di
fluido denso freddo che cadono verso il centro. È un processo in cui masse consistenti di
materia si muovono ed è difficile da trattare perché rappresenta un regime di turbolenza.
Vediamo come funziona per un sistema non degenere. Immaginiamo di avere due quote
x e x + ∆x caratterizzate rispettivamente da T, P, ρ e T + ∆T, P + ∆P, ρ + ∆ρ in
equilibrio. Poiché P ∝ ρT si ottiene

∆P ∆ρ ∆T ∆ρ ∆P ∆T
= + ⇒ = − (5.130)
P ρ T ρ P T
Immaginiamo di avere una cella convettiva. Partiamo dall’ipotesi che sia in equilibrio
con la materia circostante (ha la stessa T ). In condizioni instabili si sposta adiaba-
ticamente da x a x + ∆x, come mostrato in Fig. 5.8. Attenzione: ∆ caratterizza le
Convezione 141

Figura 5.8: Cella convettiva.

quantità termodinamiche del sistema alla quota x+∆x, ricavabili dall’equazione di sta-
to, mentre con δ indichiamo le variazioni subite dalla cella in movimento: T ′ = T + δT
e ρ′ = ρ + δρ. Alla quota x + ∆x la cella avrà che la pressione interna P + δP e quella
esterna P + ∆P saranno uguali, cioè δP = ∆P . Poiché i tempi di diffusione del calore
sono molto maggiore dei tempi dinamici, il processo può essere considerato adiabatico,
per cui sfruttando P = ργ si ottiene

δP ∆P δρ
= =γ (5.131)
P P ρ

Vogliamo capire se, dopo essersi alzata alla quota x+∆x, una bolla di materia riaffonda,
il che implicherebbe stabilità. Si ha instabilità se la cella in risalita risuta più leggera
dell’ambiente circostante δρ < ∆ρ, per cui

δρ ∆ρ 1 ∆P ∆P ∆T
< ⇒ < − (5.132)
ρ ρ γ P P T

da cui si ottiene il criterio di instabilità di Schwarzschild :


! ! !
γ−1 ∆P dT γ−1 T dP γ−1 T Gm(r)ρ(r)
∆T < T ⇒ < =− (5.133)
γ P dr γ P dr γ P r2

Poiché dT /dr e g(r) ≡ −Gm(r)/r2 che compaiono nel criterio di Schwarzschild sono
entrambe negative, esso si può esprimere anche come
!
dT γ−1 T dT
> g(r)ρ(r) = (5.134)

dr γ P dr ad

in cui il termine a destra della disequazione viene detto gradiente adiabatico. Se si


raggiunge il limite
dT dT
= (5.135)

dr dr

ad
142 5. Trasporto di calore

si instaura il trasporto convettivo, quindi il gradiente non aumenta. Utilizzando le Eqs.


(5.135, 5.114), possiamo scrivere che l’instabilità convettiva avviene quando

3κ(r)ρ(r) L(r) γ − 1 T Gm(r)


> ρ(r) ⇒
4acT 3 4πr2 γ P r2
γ−1
κ(r)L(r) > 4(1 − β)4cπGm(r) (5.136)
γ

dove nell’ultima relazione abbiamo sfruttato Pr = 1/3aT 4 = (1 − β)P . In definitiva:


" #
γ−1 4πGcm(r)
L(r) > 4 (1 − β) (5.137)
γ κ(r)

Notiamo che ponendo γ = 4/3, β = 0 (gas UR) ricaviamo ancora il limite di Eddington
precedentemente incontrato in Eq. (5.124). In conclusione la convezione può avvenire
facilmente quando:

• γ → 1 (zone di ionizzazione);

• β → 1, ossia dominio della pressione di particelle (stelle di bassa massa);

• zone ad alta opacità, che rendono poco efficiente il trasporto radiativo;

• m(r) piccolo, ossia campo gravitazionale debole (stelle diffuse non compatte).
Capitolo 6

Nane bianche

Le nane bianche sono stelle di circa una massa solare con raggi caratteristici di circa
5000 km e densità media pari a ρ ∼ 106 g cm−3 . Queste stelle non bruciano più il
loro combustibile nucleare ma si stanno raffreddando attraverso l’irraggiamento della
loro energia termica. Sappiamo oggi che le nane bianche si autosostengono contro
l’attrazione gravitazionale attraverso la pressione degli elettroni degeneri. Questo fatto
non era noto all’inizio del secolo XX sebbene si sapesse che le nane bianche fossero
oggetti compatti. Modelli realistici di nane bianche, che considerano anche effetti
dovuti alla relatività speciale nell’equazione di stato degli elettroni degeneri, furono
costruiti nel 1930 da Chandrasekhar. Egli arrivò a definire una massa massima per
le nane bianche dell’ordine di ∼ 1.4 M⊙ ; il valore esatto dipende dalla composizione
della materia. Questa massa è ora chiamata limite di Chandrasekhar. Successivamente
Landau diede una spiegazione elementare di questo valore limite e applicò il risultato
alle stelle di neutroni, che si erano appena incominciate ad analizzare.
Il modello più semplice per spiegare la nascita di una nana bianca è il seguente:
una stella passa attraverso vari stadi del processo di fusione nucleare ognuno dei quali
pospone la contrazione gravitazionale. Può anche perdere massa a causa di vari mec-
canismi coi quali quali la stella emette materiale nello spazio. Alla fine, la fusione
nucleare nel centro della stella non può più fornire sufficiente pressione termica e la
stella inizia il collasso gravitazionale. La stella passa attraverso la fase di fusione dell’H
(predomina il ciclo p − p su quello CN O che avviene a temperature più alte) forman-
do un core di He. A causa della contrazione questo core si riscalda facendo gonfiare
l’inviluppo esterno (la stella diviene una gigante rossa). Quando si raggiunge la tempe-
ratura di ignizione dell’elio (THe ≃ 108 K) inizia la combustione dell’elio che forma un
core di carbonio-ossigeno circondato da un inviluppo di He ed H. La temperatura del
core aumenta mentre la stella si contrae accelerando il tasso di fusione dell’He nella
shell che circonda il core, l’inviluppo si espande e scivola via per formare una nebulosa
planetaria. La contrazione gravitazionale non è, però, sufficiente a scaldare il core per
innescare la reazione di fusione del C. Il core, avendo perso il suo inviluppo, emerge

143
144 6. Nane bianche

come nana bianca calda. Mentre questo oggetto si raffredda, la pressione generata dal
moto termico degli ioni diventa sempre meno importante fino a che la pressione di
degenerazione elettronica produce la pressione necessaria per sostenere la stella.
In pratica stelle con massa 0.1 M⊙ < M < 0.5 M⊙ possono arrivare a bruciare solo
idrogeno, stelle con 0.5 M⊙ < M < 7 − 8 M⊙ bruciano anche l’elio mentre stelle di
massa 7 − 8 M⊙ < M < 11 M⊙ arrivano fino alla combustione del carbonio. Solo stelle
di massa superiore e cioè M > 11 M⊙ arrivano a bruciare anche il ferro.
Da quanto detto ci si aspetta che le nane bianche siano composte esclusivamente
da C e O. La stella più brillante del nostro cielo è Sirio che possiede una compagna,
Sirio B, una nana bianca di massa M ∼ 1 M⊙ . Il suo raggio che si può ricavare dalla
luminosità L = 4πR2 σTef 4
f in quanto si conosce la distanza di questa stella e la sua
3
massa (L ∝ M ). Si trova che il raggio è circa quello della Terra e possiede una
densità media di circa ρ ∼ 106 g/cm3 , quindi estremamente alta. Le nane bianche sono
stelle sostenute non più da reazioni nucleari ma dalla pressione di degenerazione degli
elettroni.

6.1 Massa di Chandrasekhar


La pressione di un gas elettronico completamente degenere può essere calcolata a partire
dai risultati esposti nella sezione 2.5, dove avevamo considerato un gas completamente
degenere con grado arbitrario di relatività dato dal momento di Fermi adimensionale
xF che dipende dalla densità (vedi Eq. 2.59):
pF h̄
xF ≡ = (3π 2 ne )1/3 (6.1)
me c me c
Tramite alcune integrazioni è possibile esprimere la pressione elettronica come
P = Kur I(xF )ρ4/3 (6.2)
dove
2x2
" ! #
3
I(x) = 4 x(1 + x2 )1/2 − 1 + ln[x + (1 + x2 )1/2 ]
2x 3
4/3
h̄c Ye

Kur = (3π 2 )1/3 (6.3)
4 mu
in cui abbiamo valutato Eq. (2.57) per un gas di elettroni.
• Nel caso limite di alta densità, il momento di Fermi è grande e xF ≫ 1. In
questo caso l’Eq. (6.2) dà una pressione in accordo a quella di un gas degenere
elettronico UR (vedi Eq. 2.56):
I(xF ) → 1 ⇒ P → Kur ρ4/3 (6.4)
Massa di Chandrasekhar 145

Figura 6.1: La densità ρc al centro di una nana bianca di massa M sostenuta dalla pressione
di un gas ideale di elettroni degeneri. La densità tende all’infinito quando la massa si avvicina
al valore limite della massa di Chandrasekhar.

• A bassa densità, xF << 1 dando una pressione in accordo con quella di un gas
degenere NR (vedi Eq. (2.51):
4
I(xF ) → xF ⇒ P → Knr ρ5/3 (6.5)
5
Se assumiamo di poter modellizzare la nana bianca come un politropo di indice n, la
pressione centrale è calcolabile come visto in Eq. (4.127):
Pc = αGM 2/3 ρ4/3
c (6.6)
Il valore di α dipende da n, come visto nella Tab. 4.1: per i nostri interessi esso varia
da α(Γ = 4/3) = 0.36 ad α(Γ = 5/3) = 0.48.
Possiamo ora uguagliare la pressione centrale con l’Eq. (6.2):
αGM 2/3 ρ4/3
c = Kur ρ4/3 I(xF ). (6.7)
Si ottiene
!3/2 !3/2
Kur I(xF ) 2 1/2 h̄c
M= = (3π ) Ye2 [I(xF )]3/2 = MCh [I(xF )]3/2 (6.8)
Gα 4αG
in cui MCh rappresenta la massa di Chandrasekhar. Il risultato di un calcolo elementare
basato sull’Eq. (6.8) è mostrato in Fig. 6.1.
Per capire il significato di questa massa limite, consideriamo una sequenza di nane
bianche con massa crescente. All’aumentare della massa, gli elettroni degeneri all’in-
terno della stella diventano relativistici. Quando la massa raggiunge il limite di Chan-
drasekhar, la densità tende all’infinito. In realtà la densità diventa grande rispetto al
valore mu /(h̄/me c)3 e la stella collassa.
146 6. Nane bianche

La situazione limite Γ = 4/3, per cui imponiamo α = 0.36, porta alla massa di
Chandrasekhar per le nane bianche:

MCh = 5.8Ye2 M⊙ (6.9)

Questo è un risultato già incontrato nella sezione 4.8, in cui avevamo ottenuto i valori
di raggio e massa per Γ = 5/3 e Γ = 4/3 (vedi Eqs. (4.122, 4.121)). È interessante os-
servare che la massa M non dipende da ρc e quindi da R nel caso UR. Si può concludere
che, quando ρc → ∞, gli elettroni diventano degeneri e sempre più relativistici.
L’esistenza di una massa limite per una stella degenere è cosı̀ importante che vale
la pena di capire questo concetto nel modo più semplice possibile. Seguiamo il ra-
gionamento fatto da Landau che poi lo applicò sia alle nane bianche che alle stelle di
neutroni.
Supponiamo di avere N fermioni in una stella di raggio R, cosı̀ che la densità
numerica di fermioni è n ∼ N/R3 . Il volume per fermione è ∼ 1/n per cui, utilizzando il
principio di indeterminazione di Heisenberg, si può ricavare il momento di un fermione,
che risulta essere < p >∼ h̄n1/3 . L’energia di Fermi di un gas di particelle nel regime
relativistico è pari a
h̄cN 1/3
εF = cpF ∼ h̄n1/3 c ∼ . (6.10)
R
L’energia gravitazionale per fermione è, invece, data da

GM mu µe
ǫgrav ≃ − (6.11)
R
in cui nel caso degli elettroni scriviamo M = N mu /Ye . Risulta utile fare un’osservazio-
ne: anche se la pressione è dovuta agli elettroni, la maggior parte della massa proviene
dai barioni. La condizione di equilibrio si raggiunge quando è minima l’energia totale
per fermione ǫ ≡ E/N

h̄cN 1/3 GN (mu µe )2


ǫ = εF + ǫgrav = − . (6.12)
R R
Entrambi i termini sono funzione di 1/R. Consideriamo una nana bianca leggera: si
hanno pochi fermioni per cui il termine N 1/3 prevale su N . Possiamo quindi usare
l’approssimazione relativistica in cui domina il termine cinetico e l’energia totale è
positiva. La quantità ǫ può diminuire aumentando R: infatti, diminuisce εF e gli
elettroni diventano NR con εF ∼ p2F ∼ 1/R2 . Tutto ciò significa che ǫgrav domina su εF
all’aumentare di R e quindi ǫ può diventare negativa. Siamo tornati ad una condizione
di equilibrio per un valore finito di R. Nel caso di nana bianca pesante, N è grande per
cui ǫ è negativa. L’energia può decrescere ulteriormente senza alcun limite diminuendo
R senza raggiungere una soluzione di equilibrio ed ha inizio il collasso.
Estensione del modello delle nane bianche 147

Il numero massimo barionico per avere equilibrio si può determinare attraverso la


condizione ǫ = 0, da cui si ricava
!3/2
h̄cYe2
Nmax ≈ ≃ 2Ye3 × 1057
Gm2u
Mmax ≃ Nmax mu ≈ 1.5Ye2 M⊙ (6.13)

La massima massa di una stella degenere dipende solo dalle costanti fondamentali.
L’approccio di Landau qui seguito dà una stima dell’ordine di grandezza della massa
limite e la giusta dipendenza da Ye nel caso elettronico, omettendo diverse costanti
(energia gravitazionale, energia di Fermi...). Il raggio di equilibrio associato con masse
che approssimano Mmax viene determinato dalla condizione di degenerazione relativi-
stica, εF ∼ mc2 , in cui m si riferisce agli elettroni o ai neutroni. Da questa condizione
si ottiene !1/2 (
h̄ h̄c 5 × 108 cm m = me
R≤ ∼ 5 (6.14)
mc Gmu 2 3 × 10 cm m = mn
Si vede, quindi, che il limite di massa di Chandrasekhar MCh coincide sia per gli
elettroni che per i neutroni (vedi Eq. (6.13)) mentre i raggi cambiano.
Esistono quindi due distinti regimi di collasso: uno per densità superiori ai valori
delle nane bianche e un altro per densità al di sopra della densità nucleare.

6.2 Estensione del modello delle nane bianche


Abbiamo visto che le nane bianche sono stelle degeneri supportate primariamente dalla
pressione di degenerazione elettronica poi ché abbiamo che εF ≫ kB T . Infatti per
temperature dell’ordine di 108 K l’energia termica kB T d̀i qualche decina di keV, mentre
εF = pF c = 600 keV (nel caso di particelle relativistiche) o εF = p2F /2me = 360 keV
(particelle NR). Possono essere descritte nel limite NR di basse masse come politropo
con Γ = 5/3 e nel limite UR di grandi masse come politropo con Γ = 4/3.
Il modello di Chandrasekhar che abbiamo considerato nel paragrafo precedente non
è un modello realistico ed è necessario apportare alcune correzioni, in quanto in esso:

• si trascura l’interazione coulombiana;

• si trascura la presenza di catture elettroniche che alterano la composizione.

Le particelle costituenti la nana bianca sono cariche, quindi interagiscono attraverso


interazione coulombiana. L’effetto principale delle correzioni elettrostatiche è quello di
dare raggi più piccoli e densità centrali più grandi. Anche se le correzioni coulombiane
sono piccole nel regime di alta densità per nane bianche di massa 1M⊙ , in questo regime
Γ ∼ 4/3 e quindi E/(GM 2 /R) ≪ 1. Questo vuol dire che piccoli cambiamenti nella
148 6. Nane bianche

Figura 6.2: Relazione tra M ed R, per stelle a temperatura zero composte da 4 He, 12 C,
24 M g e 56 F e. La curva segnata con eq indica la composizione di equilibrio ad ogni densità,

irraggiungibile nelle nane bianche, dove non ci sono le condizioni per completare le fusioni fino
al 56 F e. Le curve tratteggiate rappresentano il modello di Chandrasekhar, quella superiore
nel caso di µe = 2 e quella inferiore per µe = 2.15.

Figura 6.3: Relazione tra M e densità centrale ρc (in g cm−3 ), per stelle a temperatura
zero composte da 12 C, 24 M g, 28 Si, 32 S e 56 F e e per condizioni di equilibrio (eq). La curva
tratteggiata rappresenta il modello di Chandrasekhar nel caso di µe = 2.

pressione o nell’energia producono grandi variazioni nel raggio. I risultati di calcoli


effettuati con queste correzioni sono mostrati nelle Figs. 6.2 e 6.3.
Una seconda correzione da tenere in considerazione è la cattura elettronica. Le
nane bianche non arrivano all’equilibrio termodinamico perché non sono state in grado
Estensione del modello delle nane bianche 149

nella loro vita di fare tutte le reazioni. Innanzitutto, calcoli attuali di evoluzione
stellare di progenitori di nane bianche predicono che la temperatura non diventerà mai
abbastanza alta per iniziare la fusione di C. Questo vuol dire che generalmente nane
bianche massive sono principalmente costituite da C e O. Secondariamente, anche se
il processo di fusione dovesse procedere fino al F e, seguito da una graduale contrazione
della nana bianca per raggiungere l’equilibrio idrostatico, le scale temporali in gioco
perché le reazioni nucleari, fondamentali nell’evoluzione stellare, possano arrivare a
compimento sono troppo lunghe. Secondo l’equazione di stato BPS, al di sopra di
ρc = 8.1 × 106 g cm−3 , il 56 F e dovrebbe diventare 62 N i. Questo non può avvenire
esclusivamente con decadimenti β che cambiano Z da 26 a 28. Sono necessarie reazioni
che cambiano A da 56 a 62 e questa ricombinazione nella pratica non può essere mai
raggiunta.
Cosa succede quando la densità risulta maggiore di 8.1 × 106 g cm−3 ? Ad una
densità di 1.14 × 109 g cm−3 , l’energia di Fermi degli elettroni è me c2 = 3.695 M eV .
Questa rappresenta l’energia di soglia per il decadimento β inverso

56
26 F e + e− →56
25 M n + ν. (6.15)

56
Il nucleo dispari-pari 25 M n effettua immediatamente una cattura elettronica

56
25 M n + e− →56
24 Cr + ν. (6.16)

Il nucleo pari-pari 56
24 Cr risulta essere stabile rispetto a successive catture elettroniche
fino a che la densità non supera il valore ∼ 1.5 × 1010 g cm−3 . Tutto ciò ha l’effetto di
rendere più soffice l’equazione di stato: invece di una compressione che aumenterebbe
l’energia di Fermi degli elettroni e quindi la pressione, gli elettroni si combinano con
nuclei di F e per formare Cr. L’indice adiabatico effettivo, che è molto prossimo a
4/3 perché gli elettroni sono altamente relativistici, si abbassa al di sotto di questo
valore. Come si vede in Fig. 6.3, la relazione tra la massa M e la densità centrale
passa attraverso un massimo e questo segnala l’instaurarsi di una instabilità rispetto al
collasso gravitazionale, come sappiamo dalla relazione (4.70). L’inizio del decadimento
β inverso alla densità ρc = 1.14 × 109 g cm−3 termina la sequenza delle possibili nane
bianche di ferro.
Esiste un ulteriore processo che dovrebbe essere considerato prima di decidere sul
destino delle nane bianche composte di nuclei a basso A ad alta densità. In una reazione
termonucleare, l’energia termica dei nuclei reagenti sovrasta la repulsione coulombiana
tra essi cosı̀ che la reazione può procedere. A densità sufficientemente alte, anche a
temperatura nulla, l’energia di punto zero dei nuclei in un reticolo può portare ad un
tasso apprezzabile di reazioni nucleari, dette reazioni picno-nucleari (pyknos in greco
significa denso). Non ci addentriamo nel dettaglio.
150 6. Nane bianche

6.3 Confronto con l’osservazione


Abbiamo visto che il raggio di una nana bianca risulta essere una funzione decrescente
della sua massa. Questo risultato è in buon accordo con i pochi dati sperimentali a
disposizione su masse e raggi delle nane bianche. Alcuni di questi dati, che sono limitati
perché la massa può essere determinata solamente se la nana bianca è un membro di
un sistema binario o ternario, sono dati in Tab. 6.1

Massa Raggio Redshift


(M⊙ ) (R⊙ ) (km s−1 )
Sirius B 1.053 ± .028 0.0074 ± .0006 89 ± 16
40 Eri B 0.48 ± .02 0.0124 ± .0005 23.9 ± 1.3
Stein 2051 0.50 ± .05 0.0115 ± .0012 ?
oppure
0.72 ± .08
Tabella 6.1: Masse e raggi di nane bianche da osservazioni ottiche.

Le scale temporali del raffreddamento delle nane bianche sono sufficientemente lun-
ghe che molte nane bianche degeneri rimangono visibili per un certo tempo a causa della
radiazione dalla loro superficie. Questa circostanza porta ad un test basilare della teo-
ria delle nane bianche, cioè la loro localizzazione nel diagramma di Hertzprung-Russel.
Questo diagramma (vedi Fig. 6.4) è un plot log-log della luminosità L in funzione della
temperatura efficace Tef f .
Ricordiamo che la luminosità e la temperatura efficace sono legate dalla relazione

L = 4πR2 σTef
4
f, (6.17)

in cui σ è la costante di Stefan-Boltzmann. La luminosità di una nana bianca è data


da
1 M⊙ 2/3 Te 4
   
L≈ 2 L⊙ . (6.18)
74 M 6000
Per esempio, una nana bianca di massa M = 0.4M⊙ e Te = 104 K ha una luminosità
di circa 3 × 10−3 L⊙ .
Le nane bianche di massa definita (prossima a 1M⊙ ) hanno un raggio prossimo a
9
10 cm, per cui occupano una linea definita nel diagramma HR. Poi ché la posizione
della linea di raffreddamento è determinata dalla massa della nana bianca e poi ché
tutte le masse si trovano in un piccolissimo intervallo attorno a 1 M⊙ , tutte le nane
bianche occupano una piccola striscia nel diagramma di HR a sinistra e al di sotto della
sequenza principale. Il confronto con i dati sperimentali è molto buono.
I raggi delle nane bianche vengono determinati attraverso il fit di modelli dell’at-
mosfera della radiazione residua osservata. Il flusso Fν (erg s−1 cm−2 Hz −1 ) misurato
Confronto con l’osservazione 151

Figura 6.4: Posizione delle nane bianche osservate di distanza nota sul diagramma di
Hertzprung-Russel. Le righe diagonali sono righe di raggio costante, che sono state indicate
usando la massa ottenuta dal modello di Chandrasekhar con µe = 2.

sulla terra è uguale a


R2 Bν
Fν = , (6.19)
D2
in cui Bν è la brillanza, relativa alla superficie della stella, R è il raggio e D la di-
stanza, che viene determinata attraverso il metodo del parallasse. In questo modo
viene costruito un modello di atmosfera, funzione della temperatura efficace e della
gravità superficiale, in modo da riprodurre il flusso a diverse lunghezze d’onda e quindi
determinare R.
Un ulteriore test per la relazione massa-raggio delle nane bianche è dato dal red-shift
gravitazionale di cui abbiamo parlato nella sezione 1.1.3.

∆λ GM
≈ . (6.20)
λ Rc2
In questo modo si può ricavare il rapporto M/R per la nana bianca. Usando la relazione
massa-raggio, si trova che il red-shift per una nana bianca è uguale a
" #4/3
∆λ M GM⊙
≈ 74 . (6.21)
λ M⊙ R⊙ c 2

Per esempio, il red-shift osservato per 40 Eri B è uguale a ∆λ


λ
= (7.97 ± 0.43) × 10−5 .
Questa nana bianca ha una massa di 0.48M⊙ e il red-shift teorico è ∆λλ
= 6 × 10−5 .
152 6. Nane bianche

6.4 Il raffreddamento delle nane bianche


Un test cruciale della teoria delle nane bianche coinvolge la scala temporale del raf-
freddamento di questi oggetti. Infatti, l’età di una nana bianca può essere calcolata
dalla sua luminosità. Questo è possibile perché una nana bianca è un gas inerte senza
sorgente di potenza interna: il tempo del decesso può essere dedotto dalla temperatura
del “cadavere”.
Nella grande maggioranza dei casi, una nana bianca è composta da un sistema den-
so di ioni classici ed elettroni degeneri circondati da un inviluppo sottile di particelle
gassose classiche. La stella raffredda principalmente per conduzione di calore da parte
degli elettroni nella parte interna e per diffusione di radiazione attraverso gli strati
più esterni. Gli elettroni hanno un grande libero cammino medio poi ché la superfi-
cie di Fermi risulta essere completamente occupata. Come conseguenza si ha un’alta
conducibilità termica e una temperatura uniforme.
Possiamo considerare un modello semplice per il raffreddamento di una nana bianca
consistente in una sfera calda di tipo metallico circondata da un inviluppo di gas
ionizzato isolante. Gli elettroni all’interno trasferiscono energia su liberi cammini medi
molto ampi perché possono diffondere solo su stati non occupati (principio di esclusione
di Pauli). Indichiamo con TI la temperatura uniforme interna. Assumiamo che l’energia
termica degli ioni, tipicamente 3/2kB TI per ione, venga persa quando il calore viene
trasportato attraverso l’inviluppo esterno per irraggiamento. Questo vuol dire che
le proprietà isolanti dello strato più esterno controllano la perdita di energia verso
lo spazio esterno e quindi determinano la relazione tra luminosità L della stella e la
temperatura interna TI . Mentre viene persa energia, la struttura della stella subisce una
modestissima variazione in quanto la stella è sostenuta dalla pressione di degenerazione
degli elettroni che non possono perdere energia.
Consideriamo la variazione di pressione, temperatura e densità nello strato esterno
della nana bianca. Assumiamo che il gas ionizzato sia ideale classico con un’equazione
di stato data da P = ρkB T /m̄. Siamo in presenza sia di un gradiente di pressione,
determinato dalla condizione di equilibrio, sia di un gradiente di temperatura prodotto
dal flusso di calore verso la superficie. Quindi
dP GM ρ(r) dT 3ρ(r)κ(r) L
=− =− (6.22)
dr r2 dr 4acT (r)3 4πr2
Dato che non esiste una sorgente di energia, la luminosità è costante perciò L = L(r),
in cui L rappresenta la luminosità superficiale. Le due equazioni precedenti possono
essere combinate per dare
dP 16πacG M T (r)3 dT
 
= . (6.23)
dr 3 L κ(r) dr
L’opacità del gas ionizzato nello strato esterno dipende dalla temperatura, densità e
composizione chimica. L’approssimazione più adatta per l’opacità risulta essere quella
Il raffreddamento delle nane bianche 153

di Kramers (vedi Eqs. (5.48, 5.49))


m̄P −4.5
κ = κ0 T −3.5 ρ = κ0 T (6.24)
kB
che deriva dalla fotoionizzazione di atomi e dalla bremsstrahlung di elettroni liberi
(transizioni bound-free e free-free). Sostituendo quest’ultima relazione nell’Eq. (6.23),
utilizzando l’equazione di stato per la pressione e imponendo come condizioni alla
superficie P = T = 0,
1/2
2 4ac 4πGM µmu

3.25
ρ = CT dove C= . (6.25)
8.5 3 κ0 L kB
Il valore appropriato per κ0 risulta essere uguale a

κ0 = 4.34 × 1024 Z(1 + X)cm2 g −1 , (6.26)

in cui X è la frazione di massa dell’idrogeno e Z la frazione di massa degli elementi pe-


santi (cioè di tutti gli elementi diversi da H e da He). L’espressione di Eq. (6.25) rappre-
senta l’equazione di stato, cioè la relazione della densità in funzione della temperatura,
di una nana bianca.
L’equazione di stato trovata non è più valida al di sotto della superficie nella zona
in cui gli elettroni diventano degeneri. Possiamo stimare la densità ρ∗ e la temperatura
T∗ a cui avviene questa transizione uguagliando l’espressione della pressione elettronica
degenere a quella non degenere. Si ottiene
!5/3
ρ∗ kB T∗ ρ∗
= 1.0 × 1013 (6.27)
µe m u µe
In questo modo si ricava che

ρ∗ = (2.4 × 10−8 g cm−3 )µe T∗3/2 . (6.28)

La temperatura nella zona di transizione viene data in funzione della luminosità, quindi
uguagliando quest’ultima relazione all’Eq. (6.25):
µ 1 M 3.5
L = (5.7 × 105 erg s−1 ) T . (6.29)
µe Z(1 + X) M⊙ ∗
2

Una volta assegnata la luminosità, la composizione e la massa, si può ricavare la


temperatura interna di una nana bianca.
Per esempio, se poniamo X = 0, Y = 0.9, Z = 0.1 (l’inviluppo è tipicamente
costituito da He) e M = M⊙ , si ha che µe ≈ 2, µ ≈ 1.4 da cui si ricava
M 3.5
L ≈ (2 × 106 erg s−1 ) T . (6.30)
M⊙ ∗
154 6. Nane bianche

Dato che, tipicamente, L ≈ 10−2 − 10−5 L⊙ si ottiene una temperatura pari a T∗ ≈


106 − 107 K e quindi ρ∗ ≤ 103 g cm−3 ≪ ρc . Questa bassa densità, nello strato
di transizione, conferma l’idea che lo strato superficiale è relativamente sottile e non
altera la relazione massa-raggio trovata per stelle fredde. Se indichiamo con r∗ il raggio
a cui T = T∗ , si può ricavare la seguente relazione
R − r∗
< 10−2 . (6.31)
R
Osserviamo, inoltre, che l’energia termica kB T∗ è molto minore dell’energia di Fermi
degli elettroni nel core della nana bianca.
Quando una stella entra nello stadio di nana bianca, l’unica sorgente importante
di energia che può essere irradiata è l’energia termica degli ioni. Una minima quantità
di energia può essere rilasciata da un ulteriore collasso gravitazionale poi ché la stella
è ormai nello stato di degenerazione. L’energia proveniente dall’emissione neutrinica
risulta essere importante nella fase iniziale ad alta temperatura. L’energia termica
degli elettroni non può essere emessa perché la maggior parte degli stati ad energia
più bassa sono occupati nel gas degenere. L’energia termica per ione si ricava dalla
relazione Z
Uioni = CV dT (6.32)
Sapendo che CV = 3/2N kB , per un gas monoatomico non degenere, si trova che
l’energia termica totale di una nana bianca risulta essere uguale a
3 M
Uioni = kB T . (6.33)
2 m̄
In questa espressione, T rappresenta la temperatura uniforme della nana bianca e se si
considera il gas costituito da una singola specie di numero barionico A vale m̄ = Amu .
L’energia immagazzinata in (6.33) è notevole in quanto risulta essere dell’ordine di
∼ 1048 erg per una temperatura di T ∼ 107 K, il che vuol dire che è confrontabile
con l’output energetico di una supernova nella parte visibile dello spettro. Il tasso di
raffreddamento è invece dato dall’Eq. (6.29), da cui si può ricavare la luminosità nella
forma !
dU d 3kB T /2
− =− = CT 7/2 (6.34)
dt dt Amu
Integrando l’equazione precedente, si ottiene
3 kB −5/2
(T −5/2 − T0 ) = C(t − t0 ) (6.35)
5 Amu
in cui T0 è la temperatura iniziale (∼ 108 K, a t = t0 ). Assumendo T ≪ T0 , si può
ignorare il termine contenente la temperatura iniziale e ottenere il tempo tipico di
raffeddamento tcool .
3 kB T M
tcool = . (6.36)
5 Amu L
Il raffreddamento delle nane bianche 155

Utilizzando il risultato di Eq. (6.34), si può scrivere il tempo di raffreddamento in


funzione della luminosità e massa della nana bianca nella forma
−5/7
L

tcool ∝ . (6.37)
M

Numericamente, si ottiene tcool ∼ 109 yr per una luminosità di L ∼ 10−3 L⊙ , che è


proprio ciò che ci si aspetta, cioè un tempo sufficientemente lungo per cui molte nane
bianche sono ancora visibili e sufficientemente breve per cui le luminosità non sono
troppo basse.
Negli anni ’60 e ’70, questa teoria di raffreddamento era abbastanza in accordo
con i dati osservati per nane bianche calde e brillanti (10−3 ≤ L/L⊙ ≤ 10−1 L⊙ ). Per
nane bianche poco brillanti (L ≤ 10−3 L⊙ ), tuttavia, il tempo teorico di raffreddamento
risultava troppo lungo di un fattore 10. Questa discrepanza apparve in nane bianche
in ammassi globulari in cui l’età della nana bianca era più grande di quella del clu-
ster. Il problema era dovuto ad errori nell’osservazione dei cluster globulari e nella
determinazione della loro età.
Tuttavia, la teoria del raffreddamento presentata sopra necessita di correzioni anche
a causa dell’osservazione della mancanza di nane bianche a luminosità molto basse
L ≤ 10−4 L⊙ , e quindi con un tempo di raffreddamento molto breve. Da che cosa
è determinato tutto questo? L’effetto più importante che è stato trascurato è quello
della cristallizzazione del reticolo ionico. A temperature sufficientemente basse, il calore
specifico è dovuto alle vibrazioni reticolari degli ioni piuttosto che al moto termico. La
temperatura critica è data dalla temperatura di Debye (ΘD ∼ 107 K) al di sotto della
quale CV diminuisce rapidamente con conseguente accelerazione del raffreddamento.
La cristallizzazione di un reticolo ionico avviene quando diventa sufficientemente grande
il parametro adimensionale
(Ze)2
χ= (6.38)
ri kB T
che esprime la stima del rapporto tra energia coulombiana ed energia termica. La
quantità ri è definita attraverso la condizione

ni 4πri3
= 1, (6.39)
3
in cui ni è la densità numerica degli ioni. Per χ << 1, il plasma ionico si comporta
presso ché come un gas ideale di Maxwell-Boltzmann con piccole deviazioni di natura
elettrostatica. Quando invece χ >> 1, le forze di tipo Coulombiano dominano e il
plasma cristallizza in una struttura periodica cristallina che minimizza l’energia di
Coulomb. Il valore critico di χ è ricavabile da considerazioni riguardanti le fluttuazioni
della posizione degli ioni; bisogna inoltre tenere il considerazione la fase liquida, che
avverrà sopra una certa temperatura di fusione.
156 6. Nane bianche

Una temperatura importante è data dunque da Tg , cioè il punto in cui l’energia


cinetica ionica supera quella vibrazionale (χ > 1). Al di sopra di questa temperatura
il reticolo si dissolve dando un gas imperfetto denso. La stima di questa temperatura
critica risulta essere uguale a
Tg ∼ 3 × 104 ρ1/3 Z 5/3 K. (6.40)
Nel caso in cui T ≫ Tg , gli ioni possono essere trattati come un gas ideale classico MB e
la capacità termica per ione risulta essere CV ∼ 3/2kB . Quando la temperatura scende
al di sotto di Tg , si forma un reticolo. La capacità termica aumenta di un fattore 2
a causa del termine addizionale kB T /2 per grado di libertà nell’energia potenziale del
reticolo. Quindi CV ∼ 3kB quando θD ≪ T ≪ Tg .
Nel limite T → 0, si ricava
3
16π 4 T

CV = kB , T ≪ θD . (6.41)
5 θD
Una regola empirica permette di calcolare anche il parametro critico di fusione χm ≈ 75
e la corrispondente temperatura di fusione Tm data da (assumendo µe ≈ 2)
1/3
Z 2 e2 4π ρ

Tm ≈ ≈ 2 × 103 (ρ[g cm−3 ])1/3 Z 5/3 K. (6.42)
χkB 3 2Zmu
Quando un liquido cristalliza a T ∼ Tm rilascia una quantità di calore latente per ione
dato da
−q ∼ kB Tm . (6.43)
Questo rilascio di calore deve essere incluso nel calcolo del rifornimento energetico
totale della stella e aiuta ad aumentare la sua vita media termica. Nel caso del 12 C, si
ha che ΘD < Tm < Tg quando ρ ≤ 106 g cm−3 . La capacità termica ionica in funzione
di T è rappresentata in Fig. 6.5.
Possiamo generalizzare il legame tra luminosità e perdita di energia interna, visto
sopra per un gas ideale NR. Viste le dipendenze a legge di potenza di luminosità e
capacità termica, la relazione dU/dt = CV dT /dt porta sempre a una semplice equazione
differenziale del tipo
dT
= −αT n+1 . (6.44)
dt
In particolare, se CV ∝ T η e L ∝ T 7/2 , si ottiene n = 5/2 − η. La soluzione integrata
tra il tempo iniziale t0 (T = T0 ) e il tempo di nostro interesse t sarà
T (t) = T0 (1 + (t − t0 )αnT0n )−1/n = T0 (1 + (t − t0 )/τ )1/n , (6.45)
dove abbiamo introdotto il tempo caratteristico τ ≡ (αnTin )−1 . Se è trascorso molto
tempo dalla nascita della nana bianca, ossia t ≫ τ , allora
T ≪ T0 ⇒ T → [nα(t − t0 )]−1 (6.46)
Il raffreddamento delle nane bianche 157

Figura 6.5: Capacità termica per ione in funzione della temperatura degli ioni. A bassa T ,
ΘD < T < Tg , gli effetti vibrazionali reticolari aumentano CV al di sopra del valore ideale
3/2K di Maxwell-Boltzmann. A temperatura molto bassa, T < ΘD , CV varia come T 3 .

da cui si può ricavare il legame stretto tra la temperatura T attuale e l’età della stella,
indipendentemente dalla temperatura iniziale. Se invece t ≪ τ allora

T → T0 (1 − (t − t0 )/nτ ) (6.47)

che è una molto lenta rispetto a quella delle fasi successive. Il tempo τ è dunque la
scala temporale spesa dalla stella alla temperatura iniziale T0 .
La temperatura iniziale e la luminosità sono determinate dagli eventi che hanno
portato alla formazione della nana bianca. Per esempio, se la nana bianca si è formata
dalla fusione di He, la temperatura interna è di circa 108 K e la luminosità iniziale sarà
uguale a L⊙ se la massa era di 0.4 M⊙ . La Fig. 6.6 mostra il declino della luminosità
di una nana bianca di C di massa 0.4 M⊙ con T ∼ 108 K. Il tempo di raffreddamento
per passare da L⊙ a 10−4 L⊙ è di milioni di anni.

Figura 6.6: Declino della luminosità di una nana bianca di C di massa 0.4 M⊙ con una
temperatura iniziale di 108 K.
158 6. Nane bianche
Capitolo 7

Supernovae

La morte di una stella massiva, M > 4 M⊙ , è un evento violento e improvviso. La


stella evolve per milioni di anni, passando attraverso vari stadi di sviluppo, ma quando
termina il combustibile nucleare collassa a causa del suo peso in meno di un secondo.
Gli stadi più importanti nel collasso avvengono in tempi dell’ordine del millisecondo.
Successivamente si ha una supernova, l’esplosione catastrofica della stella. Le super-
novae sono estremamente luminose, spesso brillanti (nella radiazione visibile) quanto
un’intera galassia composta da parecchi milioni di stelle. Nel corso di pochi mesi la
supernova può emettere tanta luce quanta ne emette il sole in miliardi di anni. Questa
luminosità è perciò facilmente rivelabile e dura, in genere, per parecchi mesi diminuendo
poi gradualmente. L’energia totale irradiata è circa 1049 −1051 erg. Alcune supernovae
vicine sono state viste anche durante il giorno. Questa luce e altre radiazioni e.m. rap-
presentano solo una piccola parte dell’energia totale della supernova. Infatti, si pensa
che la maggior parte dell’energia venga trasportata lontano dal core collassante da un
flusso di 1057 − 1058 neutrini, molti dei quali vengono emessi in un “lampo” che dura
circa un secondo. Quando l’esplosione si è esaurita, la maggior parte della massa della
stella risulta dispersa nello spazio e al centro rimane un residuo compatto (stella di
neutroni). In alcuni casi anche questo residuo può scomparire in un buco nero. Le
supernovae sono eventi rari. Nella nostra galassia, storicamente, ne sono state datate
quattro:

• 1006: fu osservata in Cina e sembra anche in Europa. È la più brillante di tutte


quelle osservate.

• 1054: anch’essa osservata in Cina. Il suo resto è oggi la Nebulosa del Granchio,
che è ancora notevolmente luminosa. Questo è collegato al fatto che al centro
della Nebulosa si trova una stella di neutroni, una pulsar, che emette radiazione
elettromagnetica ad intervalli regolari di circa 30 impulsi al secondo. La pul-
sar, probabilmente, emette anche elettroni e sono questi che, interagendo con il
materiale della Nebulosa, la rendono luminosa.

159
160 7. Supernovae

• 1572: fu osservata da Tycho Brahe nella costellazione di Cassiopea. La supernova


rimase visibile per parecchi mesi. Il suo resto emette raggi X ma non si rileva
alcuna pulsar.

• 1604: fu osservata da Keplero, che potè studiarla per un interoanno.

Negli ultimi anni sono stati sviluppati diversi programmi di osservazione dedicati alla
ricerca di supernovae nelle galassie esterne e ora si riescono ad osservare centinaia di
supernovae ogni anno (nel 2002 ne sono state osservate più di 200). Il nome della
supernova viene assegnato in base all’anno della scoperta e ad una lettera maiuscola
(SN1987A) o due lettere minuscole una volta che le lettere dell’alfabeto non sono più
sufficienti (SN2003dh). Molte supernovae non possono essere osservate a causa dell’alta
probabilità di scattering e assorbimento della luce visibile nella polvere interstellare.
Le supernovae possono essere divise in due categorie in base alla presenza o meno di
idrogeno nel loro spettro. Si denotano supernovae di tipo I quelle che non presentano
righe dell’idrogeno e sono generalmente prodotte da stelle molto vecchie. Sono caratte-
rizzate da una curva di luce molto regolare, con una luminosità crescente per circa tre
settimane, dovuta all’espansione della superficie, e un successivo declino esponenziale
della durata di circa sei mesi. Le supernovae di tipo II si originano invece da stelle
giovani, presentano righe di idrogeno nello spettro e l’esplosione avviene in modo com-
pletamente diverso da quella delle supernovae di tipo I. La loro curva di luce non ha
un picco ben definito come per le supernovae di tipo I, ma si sparpaglia su un periodo
di circa 100 giorni.
Il meccanismo di esplosione delle supernovae di tipo I, che derivano da stelle di
massa iniziale 4M⊙ < M < 8M⊙ , è meno noto rispetto a quelle di tipo II. Si pensa
che l’energia delle supernovae di tipo I derivi dalle reazioni termonucleari che portano
alla distruzione di una nana bianca composta principalmente di C e O. Questo spie-
gherebbe anche l’assenza delle righe di idrogeno, che sarebbe stato espulso dalla stella
nella fase di gigante, prima di diventare una nana bianca. Nel caso in cui possieda una
stella compagna, questo oggetto compatto può aumentare il contenuto di materia fino
a raggiungere la massa limite di Chandrasekhar. In questo processo di accrescimento,
si raggiungono le condizioni di ignizione del C e una parte sostanziale della stella viene
bruciata. Il prodotto finale della combustione è il F e, molto abbondante nello spettro
ottico delle SN di tipo I. Il nuclide che si forma inizialmente è il 56 N i che decade in
6 giorni in 56 Co, che a sua volta decade in 56 F e nel giro di 77 giorni. Anche il Co
viene osservato nello spettro delle SN. L’energia ottica osservata può essere calcolata
assumendo che la maggior parte della luce derivi dal decadimento del cobalto in nichel
e che tutta la massa della stella (1.4 M⊙ ) riesca a bruciare in questi prodotti finali. Le
SN I, grazie alla loro caratteristica curva di luce, vengono usate come “candele” per
determinare la distanza delle galassie cui appartengono. Il meccanismo di esplosione è
però ancora poco chiaro. Alcuni pensano ad una detonazione, cioè ad un’onda super-
sonica (il fronte si sposta ad una velocità superiore a quella del suono) che si propaga
SN di tipo II: panoramica 161

attraverso il C, altri ad una deflagrazione (il fronte è subsonico) che, successivamente,


si trasforma in detonazione. Sembra che il processo dipenda dal tasso di accrescimento
del materiale dalla stella compagna (la cui natura è ignota: potrebbe essere una su-
pergigante, una stella della sequenza principale o una seconda nana bianca), che può
variare tra 10−10 e 10−5 M⊙ per anno.
Altra caratteristica delle SN di tipo I è l’assenza di una pulsar e l’osservazione di
raggi X dal resto di supernova come provenienti da una shell di materiale. Questo
viene interpretato come un’onda d’urto proveniente dalla SN che si sta propagando nel
gas interstellare. Circa l’80% delle SN di tipo I si comportano in questo modo e sono
dette SN Ia, ma esistono altri tipi, dette Ib e Ic, che si distinguono dalle precedenti per
l’assenza di Si nel loro spettro. In particolare, si è recentemente scoperto che alcune
SN di tipo Ic sono associate ai cosiddetti Gamma Ray Bursts (GRB) e potrebbero
derivare dal collasso gravitazionale asimmetrico di una stella molto massiva.

7.1 SN di tipo II: panoramica


Il meccanismo di esplosione delle SN di tipo II è molto interessante ed è stato studiato
in maniera approfondita. È ormai opinione diffusa che il core di una stella massiva
collassa, alla fine della sua esistenza, fino a formare qualcosa simile ad una stella di
neutroni. La prima richiesta per ottenere una teoria soddisfacente delle SN II è quella
di avere una buona conoscenza dell’equazione di stato a densità sia al di sotto che al
di sopra di quella nucleare. Inoltre è necessaria una buona conoscenza delle interazioni
dei neutrini e dell’evoluzione dell’entropia di ogni elemento di materia in funzione del
tempo. Analizziamo ora in dettaglio il processo di esplosione di una supernova di tipo
II.
In Fig. 7.1 è illustrata l’evoluzione di una stella massiva, con M > 8M⊙ , completata
in circa 107 yr. Il processo comincia con la combustione dell’H (T ∼ 2 × 107 K) in He.
Questa reazione nucleare è energeticamente favorevole in quanto la massa dell’atomo di
elio è minore della somma dei quattro atomi di idrogeno che si legano assieme a formare
l’He. L’energia equivalente a questo eccesso di massa viene liberata sotto forma di
calore. Quando l’H è stato consumato completamente la stella si contrae, perché la
gravitazione non è più bilanciata dalla produzione di energia. La temperatura della
stella, di conseguenza, aumenta fino a raggiungere la temperatura di ignizione dell’He,
e successivamente, del 12 C, 20 N e, 16 O e 28 Si (quest’ultimo elemento brucia ad una
temperatura di 3 × 109 K). Il processo termina con la produzione di 56 F e, il nucleo con
la massima energia di legame per nucleone. A questo punto dell’evoluzione, la stella
ha una struttura a cipolla, cioè a gusci concentrici con la parte centrale, il core, di
massa 1 − 2 M⊙ composto di F e − N i alla temperatura di T ∼ 1010 K e alla densità
di 109 − 1010 g cm−3 . Questo nocciolo interno è circondato da shell concentriche di
materiale più leggero a cominciare dal silicio, ossigeno, elio e idrogeno (vedi Fig.7.2).
162 7. Supernovae

Figura 7.1: Evoluzione di una stella di massa 18 M⊙ .


SN di tipo II: panoramica 163

Figura 7.2: Struttura a cipolla di una stella di massa 10M⊙ alla fine della sua evoluzione,
prima del collasso gravitazionale.

Dato che le reazioni di fusione del F e assorbono energia invece che liberarla, il
core si contrae (il core non è altro che una sfera inerte sottoposta a grandissima pres-
sione come una nana bianca). Inizialmente, questa contrazione viene bilanciata dalla
pressione di degenerazione del gas elettronico. Poiché il silicio, bruciando, continua a
depositare materia sul core, gli elettroni diventano relativistici e quando la massa del
core raggiunge il valore della massa di Chandrasekhar (1.4 M⊙ ) gli elettroni diventano
UR e non sono più in grado di bilanciare l’attrazione gravitazionale. Il limite di Chan-
drasekhar viene raggiunto in circa un giorno. A questo punto inizia la catastrofe. Il
core collassa in meno di un secondo.
Quando un corpo si contrae per effetto della gravità, l’energia gravitazionale viene
convertita in energia interna. Se questo porta all’attivazione di reazioni esotermiche
(cioè che liberano energia), l’energia cinetica interna e la pressione aumentano, ral-
lentando il processo di contrazione. Può, però, accadere l’opposto se vengono attivati
processi endotermici (con assorbimento di energia). Esistono due processi che assorbo-
no energia all’interno di una stella aiutando, in questo modo, il collasso incontrollato del
core di ferro. Questi sono la fotodissociazione dei nuclei atomici e la cattura elettronica.

• Fotodissociazione: La pressione è determinata sia dal numero di particelle che


dallo loro energia media. Nel core, sia i nuclei che gli elettroni contribuiscono alla
pressione, ma la componente elettronica è il termine dominante. Quando il core
si scalda, i fotoni termici hanno energia sufficiente a dissociare i nuclei pesanti,
164 7. Supernovae

per esempio
γ +56 F e → 13α + 4n,
γ + α → 2p + 2n. (7.1)
Il risultato è quello di ottenere un numero maggiore di particelle rispetto a quelle
iniziali aumentando, di conseguenza, la pressione nucleare. Nello stesso tempo,
però, la dissociazione dei nuclei assorbe energia (è un processo endotermico) dagli
elettroni diminuendo perciò la pressione di degenerazione elettronica. Il risultato
netto è quello di un’accelerazione nel processo di contrazione.
• Cattura elettronica: All’aumentare della densità, si raggiunge l’equilibrio per
cui la fotodissociazione si ferma. A questo punto inizia la cattura elettronica
da parte dei protoni ma sopratutto dei nuclei. Siccome siamo in presenza di un
processo del tipo
N + e− → N ′ + ν, (7.2)
l’energia cinetica degli elettroni degeneri viene convertita in energia cinetica dei
neutrini che fuggono dal core portando con sè energia. Questo processo ha anche
l’effetto di ridurre il rapporto elettroni/nucleoni, cioè Ye . In un core standard di
una presupernova, questa quantità assume il valore di 0.42 − 0.46.
Questi due processi sono cosı̀ efficaci che il collasso è pressoché incontrastato e si può
parlare di collasso libero. Questo implica che la scala temporale dipenderà solamente
dalla densità del core (∼ 109 g cm−3 ) e il tempo è dato da
" #1/2

tf f = ≈ 1 millisecondo. (7.3)
32Gρ
Il primo stadio nel collasso si arresta quando la densità del core stellare raggiunge il
valore di 1011 g cm−3 in quanto, per questa densità, la materia diventa opaca ai neu-
trini. Sappiamo che il neutrino è una particella debolmente interagente ma, raggiunta
la densità precedente, la materia è talmente densa che anche un neutrino incomincia
ad interagire: i neutrini sono “intrappolati”. Questo intrappolamento non è, in realtà,
permanente in quanto il neutrino riesce sempre a sfuggire. La questione fondamentale
è che la scala temporale dell’intrappolamento risulta essere più lunga delle scale tempo-
rali delle fasi successive del collasso. Conseguenze principali di questo intrappolamento
sono due: l’impossibilità dell’energia di sfuggire dal core e un valore di Ye costante
(perché i neutrini rimangono nel core), sebbene più basso di quello iniziale. Il valore
di Ye , a questo densità, è di circa 0.39 implicando un valore più piccolo per la massa
di Chandrasekhar (circa 0.88M⊙ ). A questo punto la MCh assume un altro significato:
non rappresenta più la massa massima che può essere sostenuta dalla pressione elet-
tronica ma la massa limite al di sotto della quale il core può collassare omologamente.
Nel collasso, il core si può considerare diviso in due zone
SN di tipo II: panoramica 165

Figura 7.3: Definizione del core omologo in funzione del punto sonico.

• r < 40 km: la materia collassa con una velocità proporzionale al raggio e forma
il core omologo con una distribuzione di densità inalterata in ogni punto. La
velocità di caduta al suo interno è inferiore alla velocità locale del suono e le
varie parti del core possono quindi comunicare tra loro con onde sonore e di
pressione livellando ogni possibile variazione di densità.

• r > 40 km: la velocità della materia è supersonica ed è proporzionale a 1/ r,
cioè alla velocità di caduta libera. Molto lontano dal core, la velocità è più piccola
perché queste parti della stella non hanno ancora ricevuto il segnale che il core
sta collassando.

Si definisce punto sonico il valore del raggio per cui la velocità di caduta del materiale
uguaglia la velocità del suono (vedi Fig.7.3). Questo punto definisce anche il contorno
del core omologo. Una perturbazione all’interno del core non può propagarsi al di là
di questo punto in quanto si sta muovendo verso l’esterno con una velocità rispetto al
materiale uguale a quella con cui la materia si sta muovendo verso l’interno. Le onde
risultano, perciò, immobili rispetto al centro della stella nel punto sonico.
Un parametro importante per il collasso è la densità nucleare, ρnuc = 2.4×1014 g cm−3 ,
che può essere utilizzata per delimitare tre regimi

• ρ < ρnuc : la pressione è essenzialmente elettronica (gas relativistico di fermioni)

• ρ ≃ ρnuc : i nuclei fondono in un materiale denso che oppone una forte resisten-
za alla compressione (la materia nucleare è, infatti, incomprimibile). Mentre la
materia continua a cadere sul core producendo altre onde e aumentando la den-
sità, vengono generate onde sonore che si accumulano al punto sonico creando
una discontinuità sia di pressione che di velocità. Questa discontinuità rallenta
il materiale in caduta a causa della diminuzione locale della velocità sonora.
166 7. Supernovae

• ρ ≃ 2ρnuc : il core rimbalza (passa cioè da contrazione a espansione) e le onde


accumulate al punto sonico originano un’onda d’urto supersonica che procede
verso l’esterno facendo invertire direzione di moto al materiale che attraversa. Lo
shock si forma appena al di fuori del core omologo.

Un’onda d’urto differisce da quella sonora per due ragioni. Primo, un’onda sonora non
causa cambiamenti permanenti nel mezzo in quanto, una volta passata la perturbazione,
il materiale ritorna nelle condizioni iniziali (è un processo reversibile). Il passaggio di
un’onda d’urto può, invece, indurre grandi cambiamenti nella densità, pressione ed
entropia (è quindi irreversibile). Secondo, un’onda sonora si muove alla velocità del
suono, per definizione. Un’onda d’urto si muove più velocemente, con una velocità
determinata dall’energia dell’onda. Quando la discontinuità nella pressione al punto
sonico si è trasformata in onda d’urto, quest’ultima non è più costretta dalla materia
che cade ma può propagarsi negli strati più esterni della stella. Secondo simulazioni,
quest’onda si propaga ad una velocità di circa 30000 − 50000 km/s.
Il meccanismo descritto funziona per stelle con massa iniziale fino a 18 M⊙ (prompt
shock). Stelle con massa iniziale più grande non riescono a dare origine ad un’esplosione,
poiché l’onda d’urto sembra bloccarsi. Una stella cosı̀ massiva, per esempio una stella di
25M⊙ , possiede un core di ferro di circa 2M⊙ cosı̀ che l’onda d’urto deve attraversare
un core di circa 1.2M⊙ invece che 0.55M⊙ . L’onda d’urto non possiede abbastanza
energia per dissociare questo ferro.
Simulazioni hanno, però, dimostrato che l’onda d’urto “stallata” può rianimarsi a
causa del riscaldamento dovuto ai neutrini. Il core interno è un emettitore di neutrini
a causa della cattura elettronica mentre la materia si sta comprimendo alle densità
nucleari. È stato calcolato che metà degli elettroni nel core omologo vengono catturati
in circa 1 s e che i neutrini emessi trasportano circa metà dell’energia gravitazionale
liberata durante il collasso, qualcosa come 1053 erg. I neutrini intrappolati trasferiscono
la loro energia all’onda d’urto riaccendendola dopo tempi dell’ordine di 100 ms (tempo
caratteristico per diffondere verso l’esterno molto più lungo dei tempi dinamici del
collasso). Il riscaldamento neutrinico è molto più efficace a raggi di circa 150 km, dove
la probabilità dell’assorbimento neutrinico non è troppo bassa e la temperatura non
cosı̀ alta, che la materia stessa diventa un buon emettitore di neutrini. Questo tipo
di shock si chiama ritardato (delayed shock) e porta a stelle di neutroni con masse più
grandi del caso con shock veloce. Questo perché l’onda d’urto si rianima in una zona
più lontana dal centro.
Consideriamo ora l’energia di formazione di una stella di neutroni, cioè l’energia
che deve essere rilasciata quando la stella di neutroni si forma. Questa energia è
determinata dal cambiamento nell’energia gravitazionale causato dal collasso. Prima
del collasso si ha un core di massa ∼ M⊙ e un raggio di circa 1000 km. Dopo il collasso,
abbiamo una stella di neutroni con massa simile ma con raggio di circa 10 km. Per
una stella di neutroni di tale massa e raggio, l’energia di legame gravitazionale è data
SN di tipo II: panoramica 167

da
GM 2
EB ≈ ≈ 3 × 1053 erg. (7.4)
R
Questa energia di formazione risulta essere un ordine di grandezza superiore all’ener-
gia necessaria per la fotodissociazione e alla cattura elettronica. Inoltre è molto più
grande dell’energia associata ad effetti cinetici e visibili di qualsiasi supernova. L’e-
nergia cinetica tipica di un resto di supernova è di circa 1 f oe = 1051 erg e l’output
energetico ottico durante l’anno seguente all’esplosione è di circa 1049 erg. Dobbiamo
perciò giustificare il rilascio di circa il 90% dell’energia quando si forma una stella di
neutroni dopo il collasso. Deve esistere una specie di stadio intermedio caratterizzato
da una perdita di energia di circa 3 × 1053 erg, la tipica energia di legame della stella
di neutroni.
Si pensa che questo stadio intermedio sia la formazione di una stella di neutroni
calda e “gonfia” che poi si raffredda (in circa 10 s) e contrae emettendo neutrini trami-
te processi URCA modificati. Questa configurazione può essere vista come un plasma
denso di neutroni, protoni, nuclei, elettroni, fotoni e neutrini tenuti assieme dalla gra-
vità. La temperatura e densità tipiche interne sono, rispettivamente, di 1011 K e
1011 g cm−3 . Questo plasma è praticamente opaco ai fotoni e l’energia emessa è do-
vuta soprattutto ai neutrini. Il segnale reale dell’avvenuto collasso di una stella non
è quindi una supernova ma un intenso impulso di neutrini. L’osservazione dell’energia
di questi neutrini e la durata dell’impulso potrebbero rivelare l’andamento del collasso
gravitazionale. Risulta, quindi, necessaria per l’analisi accurata del processo di collasso
lo studio dei processi di interazione debole. Possiamo definire una supernova di tipo II
come una bomba neutrinica innescata dalla gravità.
La rivelazione dei neutrini dal core collassante è un problema sperimentale compli-
cato tuttavia non insormontabile. Infatti il 23 Febbraio 1987, due rivelatori massivi sot-
terranei, Kamiokande II (KII) in Giappone e il rivelatore Irvine-Michigan-Brookhaven
(IMB) negli USA, sono stati in grado di rivelare neutrini dalla supernova SN1987A.
Questi due rivelatori sono simili nella struttura e consistono di grandi volumi d’ac-
qua circondati da migliaia di fotomoltiplicatori. Il flusso di neutrini dalla SN fu rivelato
attraverso la reazione
ν̄e + p → n + e+ . (7.5)
Se il positrone rincula con una velocità più grande della velocità di fase della luce
nell’acqua, può emettere radiazione Cerenkov che viene rivelata dai fototubi. Anche se
la reazione precedente è la più probabile, solo un antineutrino su 1015 riesce ad essere
rivelato. Infatti solo 20 neutrini furono rivelati da KII e IMB.
La durata dell’impulso neutrinico è di circa 10 s. Questo tempo può essere identi-
ficato con R2 /¯lc, il tempo tipico necessario per un neutrino con l.c.m. ¯l a diffondere
dalla stella di neutroni di raggio R che si sta raffreddando. Considerando R = 100 km
e ¯l = 10−4 R, si ricava t = 10 s .
168 7. Supernovae

Figura 7.4: Neutrini provenenti da SN1987A rivelati da Kamiokande II e IMB.

Le energie dei neutrini rivelati sono consistenti con lo spettro energetico di un tipico
corpo nero a temperatura efficace di Tef f ≈ 5 × 1010 K, dieci milioni di volte più calda
della temperatura superficiale del Sole. Si può quindi tentare di ottenere una stima
della temperatura interna TI attraverso la relazione (vedi Eq. (5.63))
#1/4
¯l
"
Tef f ≈ TI . (7.6)
R

Quindi, se ¯l ≈ 10−4 R, valore consistente con la durata dell’impulso neutrinico, allora


la temperatura interna assume i valori tra 1011 e 1012 K.
La rivelazione dei 20 neutrini provenienti dalla SN1987A da parte di KII e IMB,
mostrata in Fig. 7.4 fu un banco di prova per molti modelli teorici sviluppati nel corso
degli anni sul collasso gravitazionale del core di ferro di una stella massiva. Fu uno
degli eventi astrofisici più eccitanti del secolo scorso che diede origine ad un nuovo ramo
della fisica: l’astronomia neutrinica non-solare.

7.2 Condizioni iniziali del collasso


Si pensa che stelle massive (8 − 10 ≤ M/M⊙ ≤ 70) evolvano per circa 107 yr attraverso
la fusione termonucleare di carburante nucleare sempre più pesante. Come detto, il
processo comincia con la fusione dell’idrogeno in elio (temperatura di ignizione TH,ig ∼
2 × 107 K), procede a temperature sempre più alte attravero la fusione dell’ 4 He,
12
C, 20 N e, 16 O e 28 Si (temperatura di ignizione TSi,ig ∼ 3 × 109 K), e termina con la
formazione di 56 F e, il nucleo con la massima energia di legame per nucleone. Tutti
i calcoli effettuati per studiare questo processo hanno dimostrato che stelle massive
possiedono core centrali di massa Mcore ∼ 1.5 M⊙ formati principalmente da nuclei del
gruppo del ferro e sostenute dalla pressione di degenerazione elettronica.
Fotodissociazione nucleare 169

Nella sezione 4.5 avevamo visto come stabilire la massa necessaria per ignire un
certo combustibile nucleare. Alternativamente, possiamo interpretare questa massa
come la massa di Chandrasekhar a dato Ye :
!3/2
Kur
MCh = Ye2 ≈ 5.83Ye2 M⊙ . (7.7)
fG
lo stadio finale della fusione del silicio avviene ad alte temperature, kB T > 0.6 me c2 .
Poiché Ye ≈ 0.42 quando si hanno le condizioni di ignizione del silicio, è necessario che
la massa del core soddisfi la condizione

Mcore ≥ MSi,ig ≈ MCh (Ye ≈ 0.42) ≈ 1.03M⊙ (7.8)

affinché si abbia la fusione del silicio. Questo implica che, per raggiungere tali valori,
si ha bisogno di masse MSi,ig ≈ MCh e che il Sole, non potrà mai completare il ciclo
in quanto la sua massa totale è inferiore a questo limite di Chandrasekhar. Se dopo
l’eliminazione dei nuclei leggeri nel core si ha Mcore < MSi,ig l’ignizione del Si deve
aspettare fino a che la fusione di una shell di nuclei leggeri aumenti ulteriormente
Mcore .
In conclusione, una stella di 15M⊙ avrà un core di 1.5M⊙ all’inizio del collasso con
una temperatura centrale Tc,i , densità centrale ρc,i , frazione leptonica centrale Ye,i ed
entropia per barione si (di cui parleremo in seguito) dati da

Tc,i ≈ 8 × 109 K = 0.7 M eV /kB ,


ρc,i ≈ 3.7 × 109 g cm−3 ,
Ye,i ≈ 0.42,
si /kB ≈ 0.91 (7.9)

Due diversi processi fisici si combinano, dopo la fusione del silicio, per guidare il core
verso il collasso gravitazionale. Inizialmente, il collasso è acceso dalla parziale disso-
ciazione dei nuclei di ferro. Questa dissociazione parziale utilizza energia di legame
nucleare e abbassa, di conseguenza, la pressione. Mentre il collasso procede, la den-
sità aumenta, cosı̀ come il momento di Fermi, innalzando quindi il potenziale chimico
elettronico. Questo porta alla neutronizzazione del core, perché gli elettroni vengono
catturati dai protoni nei nuclei. Sia la neutronizzazione che la dissociazione abbassano
l’indice adiabatico effettivo del materiale stellare al di sotto di 4/3, aiutando il collasso.

7.3 Fotodissociazione nucleare


Mentre la stella si contrae, la temperatura aumenta e si raggiunge uno stadio in cui i
fotoni termici sono abbastanza energetici da disintegrare i nuclei di ferro, i quali ven-
gono spezzati in nuclei più leggeri con assorbimento di energia. Nei calcoli realistici
170 7. Supernovae

bisognerebbe considerare tutti i possibili nuclei ma, per avere un’idea generale, con-
centriamoci sulla reazione di dissociazione dei nuclei in particelle α. Questo tipo di
reazione di fotodissociazione coinvolge due tipi di interazioni, quella forte ed elettro-
magetica, ed è molto più veloce (t ≈ 10−21 s) del collasso (t ≈ 10−3 s), tanto da poter
essere considerata in equilibrio termodinamico:
56
γ+ F e ↔ 13 4 He + 4n. (7.10)
La fotodisintegrazione del ferro è un processo endotermico con assorbimento di un’e-
nergia pari a
Q = (13mHe + 4mn − mF e )c2 = 124.4 M eV. (7.11)
Quindi 1 kg di ferro potrebbe assorbire 2 × 1021 erg. Avendo assunto la reazio-
ne precedente all’equilibrio, i potenziali chimici delle specie coinvolte soddisfano la
condizione
µF e = 13µHe + 4µn , (7.12)
in cui si è assunto µγ = 0, perché i fotoni obbediscono alla statistica di BE. Alla
temperatura e densità a cui siamo interessati, i nuclei e i nucleoni sono non degeneri e
soddisfano alla statitisca di MB, per cui i potenziali chimici sono dati da
 !3/2 
µ − mc2 n 2πh̄2
= ln  . (7.13)
kB T g mkB T
Il fattore statistico g dipende dal momento angolare della particella e abbiamo che
g = 2s + 1 = 2 per i nucleoni (s = 1/2). Per un sistema con gradi di libertà interni,
come un nucleo nei suoi stati eccitati, il peso statistico g è dato da
(2Ir + 1)e−Er /kB T ,
X
g= (7.14)
r

in cui Ir è lo spin dello stato eccitato di energia Er al di sopra dello stato fondamentale.
Per temperature T = kB T ≤ 1 M eV , si ha che ghE = 1 (I=0 nello stato fondamentale)
e gF e ≈ 1.4 (I=0 nello stato fondamentale e un contributo da stati eccitati di bassa
energia).
Sostituiamo i valori trovati di g in Eq (7.13) per poter calcolare il potenziale chimico
da introdurre nell’Eq. (7.12). Dopo alcuni calcoli algebrici, utilizzando le Eqs. (7.12,
7.13) e imponendo mHe = 4mu , mF e = 56mu , mn = mu , si arriva all’equazione di Saha
che dà il rapporto di equilibrio delle particelle α e dei neutroni rispetto al ferro, cioè
!24 !3/2
n13
α nn
4
g 13 g 4 kB T m13
α mn
4
= He n e−Q/kB T . (7.15)
nF e gF e 2πh̄2 mF e
Utilizzando il peso atomico invece che la massa, si ottiene
!24
n13
α nn
4
243 mµ kB T
= e−Q/kB T . (7.16)
nF e (56)3/2 (1.4) 2πh̄2
Neutronizzazione ed emissione di neutrini 171

Aggiungiamo la condizione nn /4 = nHe /13, che risulta dal fatto che tutti i prodotti
vengono dallo stesso nucleo di ferro e che quindi non sono indipendenti; indichiamo
inoltre con x la frazione dissociata, per cui

nF e = (1 − x)ntot
nn nHe
= = xntot (7.17)
4 4
si ottiene un’equazione che permette quindi di calcolare il grado di dissociazione x del
ferro a qualsiasi ρ e T . Circa i 3/4 del ferro vengono dissociati quando la densità e la
temperatura del core raggiungono i valori ρ = 109 g cm−3 e T = 1010 K. Questo indica
che il processo di fotodissociazione è iniziato prima, probabilmente nel core di silicio.
A temperature più alte i nuclei di elio si dissociano attraverso la reazione

γ +4 He ↔ 2p + 2n, (7.18)

in cui viene assorbita un’energia pari a Q = 28.3 M eV . Stimiamo ora l’energia totale
assorbita da queste reazioni di fotodissociazione. Il core collassante ha una massa di
circa 1.4 M⊙ , quindi 4 × 1051 erg sono assorbiti dalla fotodissociazione del ferro e altri
1052 erg da quella dell’elio. L’energia totale assorbita è quindi pari a

Ef oto ≈ 1.4 × 1052 erg. (7.19)

Questa è una notevole quantità di energia, equivalente a quella irradiata dal Sole nel
periodo di 10 miliardi d’anni. La fotodissociazione rappresenta quindi un modo efficace
per innescare il collasso incontrollato del core.

7.4 Neutronizzazione ed emissione di neutrini


All’aumentare della densità del core, l’energia di Fermi elettronica aumenta favoren-
do la cattura elettronica su nuclei e protoni liberi (detta neutronizzazione). Questo
comporta una riduzione in Ye (abbondanza elettronica) e diminuisce il contributo degli
elettroni degeneri alla pressione totale che deve contrastare il collasso gravitaziona-
le. Può accadere che la massa di Chandrasekhar, che è la massima massa che può
essere sostenuta dalla pressione di degenerazione, diventi più piccola della massa del
core. Questo provoca un ulteriore collasso con aumento di densità ed ulteriore cattura
elettronica con diminuzione di Ye . Quindi la pressione diminuisce come pure l’indice
adiabatico effettivo Γ e il collasso accelera. Nel processo di neutronizzazione, i neutrini,
almeno inizialmente, riescono a fuggire.
I neutrini vengono generati durante il collasso sia per neutronizzazione che per
emissione termica, cioè attraverso l’annichilazione di coppie e+ e− reali e virtuali che
formano coppie ν ν̄. I processi di emissione termica più importanti sono
172 7. Supernovae

e− νe
νe e− e− νe
0
Z
W−
W−

νe e−− νe e−
νe e−

Figura 7.5: Diagramma di Feynman per lo scattering elettrone-neutrino tramite corrente


neutra Z o carica W ± .

1 Annichilazione di coppia
(W,Z)
e+ + e− → ν + ν̄ (7.20)

2 Decadimento del plasmone:


(W,Z)
γp → ν + ν̄ (7.21)

3 Fotoannichilazione
(W,Z)
e− + γ → e− + ν + ν̄ (7.22)

4 Bremsstrahlung
(W,Z)
e− + (Z, A) → (Z, A) + e− + ν + ν̄ (7.23)

Tutti questi processi possono procedere sia per correnti cariche, attraverso lo scambio
di bosoni vettoriali W ± , sia per correnti neutre con lo scambio di bosoni vettoriali Z,
come mostrato in Fig. 7.5.
Nel caso della prima reazione, per esempio, una coppia di neutrini elettronici può
essere prodotta sia da Z che da W ± mentre una coppia di neutrini muonici o tauonici
(coppie di neutrini collegati a leptoni pesanti) sono prodotti solo da scambio di Z.
Un plasmone è un’onda elettromagnetica quantizzata che si propaga in un plasma
dielettrico denso. Si comporta come una particella di Bose relativistica con una massa
a riposo pari a mp = h̄ωp /c, in cui ωp è la frequenza di plasma. Diversamente da un
fotone libero, un plasmone è energeticamente instabile e può decadere in una coppia
neutrino-antineutrino emettendo l’energia di massa a riposo.
I processi neutrinici termici dominano nel core di una stella massiva fino a che il
collasso non è ben assestato e sono importanti anche negli ultimi stadi del collasso
quando aiutano a trasportare energia termica lontano dalla zona shockata. I neutrini
generati termicamente hanno energie Eν prossime a kB T . La creazione di queste coppie
non varia il numero leptonico e, se le coppie fuggono, non varia nemmeno l’abbondanza
elettronica Ye .
Neutronizzazione ed emissione di neutrini 173

Le reazioni di neutronizzazione più significative sono

1 Cattura elettronica su nuclei


(W )
e− + (Z, A) → νe + (Z − 1, A) (7.24)

2 Cattura elettronica su protoni liberi


(W )
e− + p → νe + n (7.25)

Osserviamo che entrambe le reazioni procedono attraverso correnti cariche. La diffe-


renza tra queste due reazioni è legata al fatto che, dato che il nucleo ha una struttura e
il protone no, bisogna considerare, nel valore Q della reazione, anche l’energia di eccita-
zione del nucleo, il cui valore risulta essere di circa 3 M eV . Per esempio, il decadimento
β inverso del 56 F e
(W )
e− + 56
F e → νe + 56
Mn (7.26)
è energeticamente possibile quando gli elettroni hanno un’energia pari a quella di soglia
E = me c2 + 3.7 M eV .
La cattura elettronica per decadimento β inverso su nuclei nel core stellare avviene
principalmente quando la densità è circa 109 −1011 g cm−3 , mentre la cattura elettronica
su protoni diventa prevalente quando la densità eccede 1011 g cm−3 . I neutrini prodotti
interagiscono debolmente con la materia portando con sè la maggior parte dell’energia
immagazzinata originariamente dagli elettroni. Quando la pressione di degenerazione
di questi elettroni scompare, il core collassa rapidamente.
Stimiamo la possibile perdita di energia dovuta alla cattura elettronica nel core
stellare. Un core di ferro con una massa pari a MCh contiene circa 1057 elettroni che
possono produrre, a loro volta, 1057 neutrini. Assumendo che l’energia media di un
elettrone catturato sia di circa 10 M eV , l’energia totale persa equivale a

Eν tot ≈ 1.6 × 1052 erg. (7.27)

Quando il collasso si è instaurato, la neutronizzazione diventa il meccanismo di pro-


duzione di neutrini più importante. La neutronizzazione riduce Ye , diminuendo la
pressione elettronica e influenzando l’equilibrio nucleare statistico. L’energia media
dei neutrini generata per cattura elettronica è confrontabile con l’energia di Fermi
elettronica:
Ēν ∼ Ēe µe = 51.6(Ye ρ12 )1/3 M eV, (7.28)
in cui ρ12 è la densità in unità di 1012 g cm−3 .
Stimiamo ora la velocità di cattura elettronica su protoni liberi. Adottiamo il
metodo della teoria delle perturbazioni assumendo che i neutroni siano NR e non
174 7. Supernovae

degeneri. Possiamo quindi utilizzare la regola d’oro di Fermi nel limite NR per ottenere
la sezione d’urto di cattura per un dato protone

2π G2F CV2 (1 + 3a2 )


Γ= I, (7.29)
h̄ (2π 2 h̄3 c3 )2

in cui GF è la costante di decadimento di Fermi, CV è la componente vettoriale mentre


I è un termine integrale che contiene tutte le informazioni più importanti, compresa
la densità degli stati elettronici. Si può dimostrare che negli stadi iniziali del collasso
quando gli elettroni sono UR e degeneri e i neutrini riescono a fuggire dal core, risulta
1
I = µ5e . (7.30)
5
Il tasso per unità di volume di cattura elettronica su protoni liberi si trova moltiplicando
Γ per np , la densità numerica protonica

dne dnp
=− = −np Γ. (7.31)
dt dt
Dividendo per n, si ottiene
dYe
= −Yp Aµ5e , (7.32)
dt
in cui A raccoglie tutti i termini costanti. L’equazione precedente rappresenta la
variazione di Ye , cioè dell’abbondanza elettronica, in funzione del tempo.
Stimiamo ora l’energia media di un neutrino emesso da una cattura elettronica. Per
definizione il valore medio risulta essere
R
Eν dΓ 5 10
Ēν = = µe = Ēe , (7.33)
Γ 6 9
in cui Ēe rappresenta l’energia elettronica media nel mare di Fermi relativistico.
Diamo ora una valutazione del tasso di cattura elettronica per elettroni degeneri
relativistici con neutrini liberi di fuggire. Si ottiene che
5
−4 1 µe

Γ = 6.3 × 10 s−1 protone−1 , (7.34)
5 me c2
a cui corrisponde una luminosità neutrinica per protone pari a
6
−10 1 µe

Lνe = 5.15 × 10 erg s−1 protone−1 . (7.35)
6 me c2
All’inizio del collasso µe ∼ 10 M eV : se tutti i protoni si neutronizzano si ottiene una
luminosità di circa 1053 erg/s.
Neutrino trapping 175

7.5 Neutrino trapping


Ogni processo di emissione neutrinica ha un corrispondente processo inverso di assor-
bimento. Sia i processi di scattering che di assorbimento impediscono ai neutrini di
fuggire dal core collassante. Le reazioni più importanti sono
1) Scattering su nucleoni liberi
(Z)
ν + n → ν + n,
(Z)
ν+p → ν+p
(7.36)

2) Scattering coerente su nuclei pesanti (A > 1)


(Z)
ν + (Z, A) → ν + (Z, A) (7.37)

3) Assorbimento nucleonico (inverso della cattura elettronica)


(W )
νe + n → p + e− (7.38)

4) Scattering elettrone-neutrino
(W,Z)
e− + ν → e− + ν (7.39)

Processi analoghi avvengono per gli antineutrini. Le prime due sorgenti di opacità esi-
stono a causa delle correnti neutre e non furono considerate prima dell’avvento della teo-
ria di Weinberg-Salam sulle interazioni deboli. L’importanza di questi processi dipende
dall’estrema debolezza dell’interazione dei neutrini. Anche se un neutrino ha massa a
riposo nulla, trasporta energia proprio come un fotone. Ma, diversamente da quest’ul-
timo, che si accoppia alla materia con sezioni d’urto dell’ordine di 10−16 − 10−24 cm2 ,
le sezioni d’urto dei processi che coinvolgono i neutrini (scattering su nucleoni liberi)
sono dell’ordine di
2 2
1 Eν Eν
 
σν ≈ σ0 = 2 × 10−44 cm2 , (7.40)
4 me c2 me c2
in cui Eν è l’energia del neutrino. La “piccolezza” di σν implica che la materia è
trasparente ai neutrini. Per apprezzare questa affermazione osserviamo che il libero
cammino medio dei neutrini nella materia con densità barionica nb è uguale a
mu 8 × 1019
l¯ν ∼ (nb σν )−1 ∼ ≈ cm. (7.41)
ρσν (Eν /me c2 )2 ρ
176 7. Supernovae

Il l.c.m. nel core solare supera i 6 pc. Per nane bianche con ρc ≤ 109 g/cm3 e per stelle
di neutroni con ρc ≤ 1015 g/cm3 , il l.c.m dei neutrini è dell’ordine di 24R⊙ e 17 km,
rispettivamente.
Poiché i neutrini prodotti in molti core stellari hanno l.c.m più grandi dei raggi
stellari, possono, in linea di principio, essere usati come sonda delle condizioni del core.
Questo è possibile perché il tasso di produzione dei neutrini è sensibile alla specifica
reazione che avviene, e quindi alla temperatura interna, densità e composizione chi-
mica. In questo modo una conoscenza dettagliata della produzione di neutrini stellari
compensa i dati sperimentali ottenuti da metodi tradizionali.
Nel caso di scattering coerente la sezione d’urto risulta essere uguale a
2  2
A2 Eν Z Z

σAcoe = σ0 1 − + (4 sin2 θw − 1) , (7.42)
16 me c2 A A

in cui θw è l’angolo di Weinberg (valore noto). Per neutrini a bassa energia (cioè
Eν ≪ mn c2 ), lo scattering su nuclei è elastico: le energie del neutrino iniziale e finale
sono pressoché uguali. Lo scattering coerente su nuclei varia come A2 . Questo dipende
dalla definizione stessa di coerenza: il nucleo agisce non-lineramente come una singola
particella e non semplicemente come A nucleoni separati. La persistenza di nuclei
pesanti ad alte densità rende lo scattering coerente sorgente di opacità dominante
durante la fase del collasso caldo.
Lo scattering elettrone-neutrino non è conservativo e si hanno cambiamenti di ener-
gia. La natura inelastica dello scattering deriva dal valore molto basso dell’energia della
massa a riposo dell’elettrone, tipicamente Eν > me c2 . Le collisioni tra neutrini ed elet-
troni degeneri possono portare ad un’apprezzabile perdita di energia. Neutrini degeneri
possono interagire con elettroni che si trovano in stati molto al di sotto del mare di
Fermi. Per questo tipo di interazioni, l’energia totale disponibile è uguale a Eν e in
media è suddivisa tra elettrone e neutrino in ugual misura dopo lo scattering. Per
neutrini a bassa energia (Eν ≪ µe ), gli effetti della degenerazione elettronica diven-
tano importanti. Un elettrone con energia Ee < µe non può perdere energia. Questo
vuol dire che, affinché il processo di scattering abbia luogo, il neutrino a bassa energia
può perdere anche più della metà della sua energia nello scattering. Questo processo
è quindi abbastanza importante nella termalizzazione dei neutrini e aiuta a portarli in
equilibrio termodinamico quando sono intrappolati nel core ad alte densità.
Anche l’assorbimento nucleonico (che è il processo inverso della neutronizzazione)
contribuisce al processo di termalizzazione. La sezione d’urto per l’assorbimento di un
neutrino da parte di neutroni NR liberi può essere calcolata e si ottiene

2 

2 !2 1/2
(1 + 3a2 )CV2 Eν Q  Q me c2
  
σa = σ0 1+ 1+ −  I(Eν + Q),
4 me c2 Eν Eν Eν
(7.43)
Neutrino trapping 177

in cui
1
I(Eν + Q) ≡ 1 − . (7.44)
e[(Eν +Q−µe )/kB T ]
+1
Nel caso di elettroni UR e degeneri, il fattore di inibizione I si comporta come e(−µe /kB T )
per Eν ≪ µe e coincide con 1 per Ee > µe . Questo deriva dall’importanza della
degenerazione elettronica nel bloccare l’assorbimento a bassa energia.
All’aumentare dell’opacità e della densità durante il collasso del core, i neutrini
cominciano ad avere problemi a fuggire dalla stella essendo trascinati dalla materia
formando un mare di Fermi semidegenere. Per definizione, a ρ ∼ ρtrap , la scala di tempo
per la diffusione dei neutrini dal core diventa confrontabile con la scala temporale del
collasso. Questa densità vale
ρtrap ∼ 3 × 1011 g cm−3 , (7.45)
Cerchiamo di ottenere questa stima di ρtrap . La scala temporale del collasso idrodina-
mico è dell’ordine della scala temporale del collasso libero, tf f , quindi
1 −1/2
tcol ∼ 1/2
∼ 4 × 10−3 ρ12 s, (7.46)
(Gρ)
in cui ρ ∼ M/(4πR3 /3) è la densità media del core collassante e M ∼ M⊙ . Il tempo
di diffusione può essere stimato assumendo che lo scattering coerente sia la sorgente di
opacità dominate, cosı̀ che
λcoe Nscat
tdif f ∼ A , (7.47)
c
in cui λcoe
A è il l.c.m. di un tipico neutrino nel mare di nuclei pesanti (A,Z) e Nscat ≫ 1
rappresenta il numero di scattering subiti dal neutrino prima di fuggire. Lo scattering
coerente implica una traiettoria di tipo random walk nel core senza un apprezzabile
cambiamento di energia, prima di raggiungere la superficie. Dalla relazione di random
walk (vedi Eq. (5.95)) si può quindi stimare Nscat , cioè
1/2
λcoe
A Nscat ∼ R. (7.48)
Il l.c.m λcoe
A per un neutrino di energia Eν è uguale a
ρ
(λcoe
A )
−1
≈ σAcoe nA ≈ σ coe , (7.49)
AmB A
in cui si è assunto che tutti i nucleoni siano nuclei pesanti e possiamo prendere il 56 F e
come rappresentante di questi nuclei. Per il gruppo del ferro, A ≈ 56, e la sezione d’urto
di scattering coerente è circa 3000 volte più grande di quella sul singolo nucleone.
Per valutare la sezione d’urto di scattering coerente utilizziamo le due Eqs. (7.28,
7.33) che, per l’emissione di un neutrino a seguito di una cattura elettronica su protone,
danno un’energia neutrinica dell’ordine di
5 1/3
Eν ≈ µe ≈ 33ρ12 M eV, (7.50)
6
178 7. Supernovae

da cui si ricava, ricordando Eq. (7.42)


5/3
(λcoe
A )
−1
∼ 3.9 × 10−5 ρ12 cm−1 . (7.51)

Da queste relazioni si può ottenere il tempo di diffusione che risulta essere uguale a

tdif f ∼ 0.08ρ12 s. (7.52)

Questo vuol dire che per densità sufficientemente alte tdif f ≫ tcol . Le due scale
temporali diventano confrontabili quando ρ ∼ ρtrap ∼ 1.4 × 1011 g/cm3 .
Consideriamo il valore della densità di trapping. La cattura elettronica su nuclei
produce un flusso di neutrini con energie medie pari a Ēν = 15 M eV . Poiché A ≈
56 per il gruppo del ferro, λcoe 6
A ≤ 4 × 10 cm e il νe prodotto in questa regione (il
cui raggio è tipicamente dell’ordine di rc ≈ 108 cm) effettuerà approsimativamente
(rc /λν,A )2 ≈ 7 × 102 collisioni prima di fuggire dalla stella. Poiché lo scattering è
elastico, l’energia del neutrino emergente è invariata. Comunque, a causa del piccolo
l.c.m, un neutrino rimane nel core abbastanza a lungo per poter effettuare scattering
elettrone-neutrino, processo che riduce l’energia del neutrino. In questo modo i neutrini
possono raggiungere uno stato di equilibrio alla temperatura locale del gas.
Il neutrino trapping ha molta importanza per il collasso del core. Quando ρ ≥ ρtrap ,
molti dei neutrini provenienti dalla cattura elettronica nella materia sono intrappolati,
e il numero leptonico Ye non cambia. La distribuzione di equilibrio dei neutrini appros-
sima quella di Fermi-Dirac cosı̀ che l’intero stato fisico del sistema (barioni, leptoni e
fotoni) può essere specificato da tre quantità: T , ρ e Ye oppure s, ρ e Ye .
La luminosità neutrinica viene notevolmente ridotta dal trapping. Consideria-
mo la luminosità quando il centro del core raggiunge densità pari a quelle nucleari
ρnuc = 2.8 × 1014 g/cm−3 . Al di sopra di questa densità, la pressione termica e le forze
nucleari rendono l’equazione di stato più rigida rallentando il collasso. La maggior par-
te dell’energia di legame gravitazionale del core viene rilasciata sotto forma di neutrini.
In assenza del trapping, la differenza di energia di legame totale dovrebbe essere com-
pletamente emessa nella scala temporale del collasso, cioè il tempo necessario perché il
3
core si contragga da 2Rnuc a Rnuc , dove ρnuc ∼ M/(4πRnuc /3). Questo significa che se
la massa del core è circa uguale a M⊙ , il raggio risulta Rnuc ∼ 12 km. La luminosità
neutrinica raggiunge il suo valore massimo nel caso di collasso libero e risulta essere
GM 2 /Rnuc
Lν,max ∼ ∼ 1057 erg s−1 . (7.53)
tcol
In pratica, il neutrino trapping forza l’energia gravitazionale liberata ad essere emessa
su una scala temporale di diffusione più lunga quando ρ ∼ ρnuc . Questo implica che la
vera luminosità neutrinica è prossima al valore
GM 2 /Rnuc
Lν ∼ ∼ 1052 erg s−1 . (7.54)
tdif f
Entropia durante il collasso caldo 179

Quindi risulta che Lν ≪ Lν,max dato che tdif f ≫ tcol . Questa disuguaglianza nella
luminosità dimostra l’incapacità dei neutrini ad uscire liberamente dal core nelle fasi
più avanzate del collasso. Questo implica che l’energia gravitazionale liberata deve
essere convertita in altre forme di energia interna (termica, energia degli stati nucleari
eccitati, . . .) e che il trapping dei neutrini rende la fase finale del collasso del core un
processo adiabatico, come vedremo nella prossima sezione.

7.6 Entropia durante il collasso caldo


Consideriamo il comportamento dell’entropia durante le fasi del collasso. Inizialmente
assume un valore basso, si /kB ∼ 1, aumenta leggermente prima del trapping neutrinico
(∆s/kB ≤ 0.5) e poi rimane costante durante il collasso adiabatico, sf /kB ∼ 1 − 1.5.
Questo comportamento si ripercuote sull’equazione di stato del collasso. In particolare,
il valore basso di entropia per barione, congiunto con quello alto del numero leptonico
(Yl = Ye +Yν ∼ 0.3−0.4) a causa del trapping neutrinico, impedisce ai nuclei di rompersi
fino a valori di densità pari a quella nucleare. Solo a questo punto i nucleoni escono
liberamente. Quindi la dissociazione dei nuclei in particelle α e neutroni liberi all’inizio
del collasso è ora invertita (l’entropia si blocca, di conseguenza il disordine si blocca
e quindi i nuclei si riformano) in quanto le particelle α tornano nei nuclei. Il basso
valore della densità e l’alto valore di Yl previene la comparsa del dripping neutronico,
che aumenterebbe il valore netto di entropia. Questa situazione nella materia calda
contrasta con il comportamento della materia fredda ad alta densità in cui s/kB ≡ 0
e Yl ≪ 1. Nella materia fredda il drip dei neutroni appare a ρ = ρdrip ∼ 4.3 ×
1011 g cm−3 ≪ ρnuc e i neutroni liberi dominano la composizione per ρ ≥ ρdrip .
Cerchiamo di calcolare l’entropia all’inizio del collasso vicino al centro del core,
quando Tc,i ≈ 8 × 109 K e ρc,i ≈ 3.7 × 109 g cm−3 . Si può assumere di essere in
presenza di nuclei di 56 F e ideali e non degeneri circondati da un mare di Fermi di
elettroni degeneri e UR. Abbiamo che il contributo all’entropia dovuto ai nuclei è
uguale a  
!3/2
si 5 1 56m k T
 
u B c,i
= + ln  = 16.7 (7.55)
kB nuc 2 nF e 2πh̄2
che è una relazione generale ricavabile per un gas di Maxwell-Boltzmann. L’entropia
nucleare per barione è dunque:
si 167
 
= = 0.3, (7.56)
Nb kB nuc 56
mentre il contributo degli elettroni (assoluto e per barione) è dato dalle relazioni trovate
nella sezione 2.6:
si π 2 kB Tc,i
 
= = 1.10
kB el µe
180 7. Supernovae

si
 
= 1.10 ∗ Ye = 0.51 (7.57)
Nb kB el

Sommando assieme tutti i contributi, considerando tutte le specie presenti e introdu-


cendo correzioni riguardanti gli stati eccitati, si ottiene che il valore iniziale di entropia
è uguale a
si
= 0.93 (7.58)
kB
Consideriamo i cambiamenti dell’entropia durante le fasi iniziali del collasso, prima del
trapping neutrinico. Dalla prima legge della termodinamica, la variazione di entropia
è data da X
q̇ = T ṡ + µI Ẏi , (7.59)
i
in cui q̇ è il calore assorbito per barione, cioè l’energia persa a causa della fuga dei
neutrini. Quindi

q̇ ≈ −Ēν esc , (7.60)
τesc
dove Ēν è l’energia media del neutrino che fugge e τesc il tempo medio di fuga dal core.
Quest’ultima quantità può essere ricavata dalla relazione
R
 
τesc = max , tdif f . (7.61)
c
Consideriamo solo neutrini elettronici perché sono quelli che dominano durante il col-
lasso. Il cambiamento nel numero dei neutrini dipende quindi dalla differenza tra pro-
duzione di neutrini tramite cattura elettronica (processo dominante nella fase iniziale
del collasso) e perdita di neutrini a causa della fuga dal core. Questo viene descritto
tramite la relazione

Ẏν = −Ẏe − . (7.62)
τesc
Consideriamo la reazione
e− + (Zi + 1, Ai ) ↔ (Zi , Ai ) + ν, (7.63)
da cui si ottiene
X X
µi Ẏi = µe Ẏe + µp Ẏp + µn Ẏn + µν Ẏν + µZi ẎZi . (7.64)
i i

Le reazioni di neutronizzazione conservano carica e numero barionico, per cui


X
ẎZi Ai + Ẏp + Ẏn = 0,
i
X
ẎZi Zi + Ẏp − Ẏe = 0.
i
(7.65)
Entropia durante il collasso caldo 181

Combinando assieme i risultati, si ottiene che


X
µi Ẏi = (µe + µp − µn )Ẏe + µν Ẏν . (7.66)
i

Sostituendo nell’Eq (7.59) si ottiene



T ṡ = −(µe + µp − µn )Ẏe + (µν − Ēν esc ) . (7.67)
τesc
Il primo termine rappresenta la variazione di entropia dovuta ai processi di interazione
debole, mentre il secondo quello dovuto alla perdita di neutrini. Il risultato importante
è che se siamo all’equilibrio β (µe + µp = µn ) e τesc è molto grande l’entropia può essere
ritenuta costante. Queste sono effettivamente le condizioni che caratterizzano la fase
di trapping dinamico dei neutrini.
Per poter risolvere l’equazione precedente abbiamo bisogno di un’equazione per Ẏe
che dia la variazione del numero leptonico dovuta alla neutronizzazione. Possiamo
usare a tal proposito l’Eq. (7.32), trovata nel caso di cattura su protoni liberi, e porre
Ye = Yp . Si ottiene quindi
Z
∆Ye = Ẏe dt ∼ [Ẏe (ρ)tcoll (ρ)]ρ=ρtrap , (7.68)

che può essere riscritta come


8/3 7/6
Ye,f − Ye,i ∼ −(5.1 × 103 )Ye,f ρ12,trap . (7.69)

Questa equazione mostra che la maggior parte della cattura avviene quando ρ ∼ ρtrap .
Usando il corrispondente valore si ottiene che Ye,f ∼ 0.07, ma se si considera la cattura
su nuclei pesanti il valore diventa Ye,f ∼ 0.31 con una variazione del numero leptonico
pari a ∆Ye ∼ −0.11.
Ora che abbiamo l’equazione per Ẏe , possiamo calcolare la varazione dell’entropia
dall’Eq. (7.67). Il primo termine domina se la materia è sufficientemente fredda cosı̀
che ci sono pochi protoni liberi e la neutronizzazione avviene sui nuclei. In quel caso,
il potenziale chimico deve essere sufficientemente lontano dall’equilibrio per superare
l’energia di eccitazione del nucleo figlio, ∆. Quindi si deve avere

µe + µp − µn − µν ≥ ∆, (7.70)

in cui ∆ ∼ 3 M eV e µν ∼ 0 prima del trapping. In questa situazione, il primo termine


dell’Eq. (7.67) porta ad un aumento nell’entropia specifica. Il secondo termine può
dominare, invece, quando le entropie iniziali sono alte e ci sono più protoni liberi e la
neutronizzazione sui protoni liberi è il processo dominante. In questo caso l’energia del
neutrino (∼ µe , vedi Eq. (7.33)) è molto più grande di µe + µp − µn . Il secondo termine
quindi comporta una diminuzione dell’entropia.
182 7. Supernovae

Consideriamo ora l’equazione di stato. A tutte le densità fino a ρnuc , la pressione è


dominata dagli elettroni degeneri relativistici. Questo vuol dire che l’indice adiabatico
effettivo Γ rimane prossimo al valore 4/3. All’inizio del collasso, la pressione elettronica
è prossima al valore di equilibrio idrostatico

Pi ≈ Peq ∝ (Ye,i ρ)4/3 , (7.71)

e il core ha un profilo di densità di una politropica di indice n = 3. Dopo la neutroniz-


zazione, Ye diminuisce da ∼ 0.42 a ∼ 0.34 − 0.36, e la pressione al trapping diminuisce
al di sotto del valore di equilibrio
!4/3
Ye,f
Pf ≈ Peq ∼ (0.7 − 0.8)Peq . (7.72)
Ye,i

Una configurazione con Γ = 4/3 è neutramente stabile ad una perturbazione radiale


omologa. Il collasso procede omologamente e l’Eq. (7.71) viene mantenuta fino alle
densità nucleari. A questo punto l’equazione di stato diventa più rigida e Γ aumenta.
Al di sopra della densità nucleare, i nuclei fondono. La materia può quindi essere
considerata come un mezzo uniforme di singoli neutroni e protoni e questi nucleoni
possono essere visti come un gas degenere fermionico con interazioni.
Quando le densità passano il valore di quella nucleare al centro del core, il co-
re decelera rapidamente e rimbalza in risposta all’aumentata pressione della materia
nucleare.

7.7 Collasso omologo


La formazione di un core omologo avviene quando l’indice adiabatico effettivo
∂(ln P )
Γ= , (7.73)
∂(ln ρ)

risulta essere prossimo a 4/3, poiché a questo valore l’equazione di stato della materia
non ha una lunghezza di scala assoluta. Un core con Γ = 4/3 può avere uno stato di
equilibrio con la pressione che bilancia la gravità indipendentemente dalla lunghezza di
scala. Tali core possono sviluppare un collasso omologo. Una trasformazione omologa
è definita in modo tale che, introducendo un parametro di scala α(t), ad ogni tempo t
valga
r(t) = α(t)r0 , (7.74)
in cui r0 è la posizione iniziale della massa. La densità si trasforma secondo la legge
ρ0 (r0 )
ρ(t) = , (7.75)
α3 (t)
Collasso omologo 183

da cui si ricava che per un politropo n = 3


4/3 4/3
ρ0 ρ P0

P = Kρ 4/3
=K = K 04 = 4 .
α3 α α
Dimostriamo che la massa non varia, cioè m(r(t)) = m(r0 ):
!2
Z Z
r(t) dr Z
m(r0 ) = 4πρ(r0 )r02 dr0
= 3
4πα ρ(r(t)) = 4πρ(r)r2 dr = m(r(t)).
α α
(7.76)
Attraverso le relazioni precedenti, dimostriamo che l’equazione di equilibrio idrostatico
non varia. Infatti dalla condizione di equilibrio iniziale
1 dP0 Gm(r0 )
=− ,
ρ(r0 ) dr0 r02
si ricava
1 4 dP Gm(r)α2
α α = − ,
ρ(r)α3 dr r2
da cui si ottiene l’equazione di equilibrio idrostatico:
1 dP Gm(r(t))
=− . (7.77)
ρ(t) dr r(t)2
Consideriamo ora la situazione di densità omogenea (ρ = cost) e non siamo necessa-
riamente all’equilibrio, cioè
d2 r Gm(r) 1 dP
= − − . (7.78)
dt2 r2 ρ dr
Dato che ρ = cost e P = Kρ4/3 , anche la pressione è costante e il secondo termine si
annulla: l’equazione diventa
d2 r Gm(r)
2
=− . (7.79)
dt r2
Riscriviamo questa equazione in un’altra forma utilizzando il seguente fatto
d2 r dṙ dṙ dr dṙ Gm(r)
2
= = = ṙ = − . (7.80)
dt dt dr dt dr r2
Integrando si ottiene
1 2 Gm(r)
ṙ = , (7.81)
2 r
che può essere riscritta come 21 ṙ2 − Gm(r)
r
= 0. Questa equazione rappresenta il teo-
rema di conservazione dell’energia (l’energia potenziale, per unità di massa, è opposta
all’energia cinetica per unità di massa).
184 7. Supernovae

Ricordando la definizione r(t) = α(t)r0 , segue che


α̇ α̇
ṙ = α̇r0 = αr0 = r, (7.82)
α α
cioè la velocità di ogni punto risulta proporzionale al raggio; il coefficiente α̇/α dipende
dal tempo t.
Quindi si ricava che
d2 r Gm(r) Gm(r)
=− ⇒ α̈r0 = − . (7.83)
dt 2 r2 α2 r02
Ricaviamo la massa dalla densità ricordando che quest’ultima è costante. Quindi
4π 3 4π 3 3 4π
m=ρ r = r0 α ρ = ρ0 r03 , (7.84)
3 3 3
da cui si ottiene
4π G 4π
α̈ = − ρ 2 ⇒ α̈α2 = −G ρ. (7.85)
3 α 3
Quest’ultima espressione è l’equazione a cui soddisfa il parametro di scala α con ρ
densità centrale nella posizione iniziale. Non è altro che l’equazione del collasso gravi-
tazionale secondo Goldreich-Weber, che applicano questo al collasso gravitazionale di
una sfera uniforme.
Integriamo l’Eq. (7.85), assumendo che α̇(t = 0) = 0 e α(t = 0) = 1. Si ottiene
d2 α dα̇ dα̇ 4π
α̈ = 2
= α̇ , α̈α2 = α2 α̇ = − ρ0 G ⇒
dt dα dα 3
4π dα
α̇dα̇ = − ρ0 G 2
3 α
αf
1 2 α̇f 4π G

α̇ = ρ0
2 α̇0 3 α α0
1 2 4π 1
 
α̇ = ρ0 G −1
2 3 α
8π 2
 
α̇2 = α ρG(1 − α)
s
3
α̇ 8π
= ± ρG(1 − α)
α 3
(7.86)
in cui, nel penultimo passaggio, si è utilizzata l’Eq. (7.75). Per tempi prossimi al
collasso, α ≪ 1 e il fattore 1 − α può essere preso uguale a 1. Il collasso omologo di
una stella in caduta libera dà un tasso di collasso pari a
d(ln ρ) α̇ q
= −3 = 24πρG(1 − α), (7.87)
dt α
Collasso omologo 185

dove si è utilizzata la relazione ρ = ρ0 /α3 che implica

ln ρ = ln ρ0 − 3 ln α.

Consideriamo ora il collasso omologo di un core di raggio R con pressione (caso genera-
le). All’inizio del collasso Ye è diverso da quello iniziale e si può ricavare dall’equazione
di stato P = Kρ4/3 Ye4/3 . L’equazione del collasso è data da

Gm 1 ∂P d2 r
+ = − 2, (7.88)
r2 ρ ∂r dt

da cui si ricava che


d2 r Gm
2
= − 2 F. (7.89)
dt r
L’equazione è la medesima del collasso omologo precedente a meno del termine F , che
risulta essere uguale a
!4/3
Ye,f 0.35
F =1− =1− ∼ 0.2. (7.90)
Ye,i 0.42

L’equazione del collasso risulta complicata da risolvere perché sia Y che F sono funzioni
di t. Se F è costante, condizione soddisfatta durante il trapping, il risultato è il seguente

d(ln ρ) √
= 24πGF ρ1/2 . (7.91)
dt

Il fattore di depressurizzazione F risulta essere effettivamente costante quando ρ >


ρtrap in quanto Ye non varia più. Se Ye,f ≈ Ye,i si ha una caduta lentissima, F ∼ 0
(equilibrio). Se F = 1 ci ricondiuciamo alla caduta libera (Ye,f = 0).
I risultati sono validi rigorosamente se ρ è costante, che non è il caso di un politropo
n = 3. Di fatto è applicabile all’intero oggetto solo in casi limitati: per una nube in
contrazione che dia origine a una protostella o per le SN remnants in espansione. Può
essere applicato tuttavia anche a parti di stelle: nel nostro caso al core di un politropo.
Nel caso delle supernovae si può dimostrare che la massa del core omologo Momo è
data da
Momo = D3/2 MCh = 5.8Ye,trap
2
(7.92)

Tipicamente Momo ∼ 0.6 − 0.8M⊙ < MCh ∼ 1.4M⊙ . Questo core omologo è tale per
cui le onde sonore sono subsoniche e si accumulano a r = r(Momo ), da dove l’onda
d’urto partirà una volta acquistata sufficiente energia.
186 7. Supernovae

Piston Shock

Shocked Fluid Unshocked Fluid


at rest
u u U

0 ut Ut x

Figura 7.6: Shock prodotto da un pistone.

7.8 Onda d’urto


Un’onda d’urto è una discontinuità irreversibile nella pressione, densità e velocità che
si propaga in un mezzo. Per studiare tale fenomeno si considera una situazione di
equilibrio termodinamico e si analizzano le cosı̀ dette equazioni di Hugoniot, che ci
permettono di analizzare le quantità T, ρ, v prima e dopo il passaggio dell’onda.
Occupiamoci di onde nei fluidi assumendo che, ovunque nel fluido, si abbia equili-
brio termodinamico e il fluido sia caratterizzato, almeno localmente, dalla sua velocità,
densità, pressione ed energia interna. Siamo interessati nel trovare relazioni tra i para-
metri di un fluido non shockato, quelli di un fluido shockato e la velocità di propagazione
dell’onda d’urto. Questa relazione si ricava dalle leggi di conservazione.
Consideriamo un fluido inizialmente in quiete con densità uniforme ρ0 e pressione
P0 , come illustrato in Fig. 7.6.
A t = 0 il fronte dell’onda si propaga nella direzione +x dall’origine con velocità U .
Il gas a sinistra di questo fronte si muove con velocità u e possiede densità uniforme
ρ1 e pressione P1 . Le equazioni dell’idrodinamica sono soddisfatte ovunque tranne che
al fronte dell’onda. Questa configurazione può essere prodotta da un pistone che si
muove con velocità u cosı̀ che il gas shockato risulti in quiete rispetto al pistone.
La legge di conservazione della massa porta a
ρ1 (U − u)t = ρ0 U t, (7.93)
in cui il termine destro rappresenta il tasso del flusso di massa entrante nel fronte
d’onda e quello sinistro è quello uscente. La massa non si può accumulare.
La conservazione del momento conduce a
ρ0 U tu = (P1 − P0 )t, (7.94)
in cui P1 − P0 è il salto di pressione attraverso il fronte d’onda. La materia può
acquistare momento solo applicando un gradiente di pressione.
La conservazione dell’energia implica che
1
 
ρ0 U t U1 − U0 + u2 = P1 ut, (7.95)
2
Onda d’urto 187

che rappresenta il tasso a cui il pistone a sinistra compie lavoro sul fluido, in cui U1 e
U0 sono le energie per unità di massa rispettivamente per la materia shockata e non
shockata. Per mantenere il fronte d’onda propagante ad un tasso costante, è necessario
fornire continuamente energia e momento dall’esterno.
Effettuiamo ora una trasformazione Galileiana ad un sistema di riferimento che si
muove verso destra alla velocità U , in modo che lo shock risulti stazionario. In questo
sistema di riferimento la materia non shockata ha velocità u0 = −U mentre quella
shockata u1 = u − U . Le equazioni di conservazione si trasformano in

ρ 1 u 1 = ρ 0 u0 ,
P1 + ρ1 u21 = P0 + ρ0 u20 ,
P1 1 2 P0 1 2
U1 + + u1 = U0 + + u0 .
ρ1 2 ρ0 2
(7.96)

Combinando le prime due equazioni di ottiene:


!
ρ1 P1 − P0
u20 = . (7.97)
ρ0 ρ1 − ρ0
Questo risultato ha una semplice interpretazione.
q Sappiamo che la velocità di un’onda
sonora infinitesima in un fluido è uguale a ∂P/∂ρ. Il rapporto (P1 − P0 )/(ρ1 − ρ0 ) è
una approssimazione di ∂P/∂ρ, e si trova tra i valori di ∂P/∂ρ per il fluido shockato
e non. La velocità del suono nel fluido caldo, shockato e compresso risulta essere più
grande di quello del fluido non shockato cosı̀ che si può assumere che
P1 − P0
c21 > > c20 , (7.98)
ρ1 − ρ0
in cui c rappresenta la velocità del suono. Sapendo che ρ1 > ρ0 si ricava che

u20 > c20 . (7.99)

Lo schock avanza nel fluido non shockato con una velocità superiore alla sua velocità
sonora (onda supersonica; gli shock hanno numeri di Mach più grandi di uno).
Analogamente si ottiene che
!
ρ0 P1 − P0
u21 = , (7.100)
ρ1 ρ1 − ρ0

da cui si ricava che u21 < c21 . La materia shockata si allontana dalla shock a velocità
minori della sua velocità sonora (onde subsoniche).
Il sistema in Eq. (7.96) collega le quattro incognite ρ1 , u1 , P1 U1 ai valori noti ρ0 , u0 ,
P0 , U0 . Se ci fosse una condizione ulteriore sarebbe possibile risolvere esplicitamente
188 7. Supernovae

le equazioni e calcolare le incognite. La condizione aggiuntiva è data dall’equazione di


stato
1 P
ε= . (7.101)
γ−1 ρ
Utilizzando questa espressione si può scrivere che
! !−1
ρ1 γ + 1 P1 γ + 1 P1
= +1 + . (7.102)
ρ0 γ − 1 P0 γ − 1 P0
La quantità P1 /P0 rappresenta l’ampiezza dell’onda d’urto. Questo rapporto può as-
sumere valori molto grandi, mentre ρ1 /ρ0 non può eccedere (γ + 1)(γ − 1)−1 (Esempio:
γ = 4/3 implica ρ1 /ρ0 = 7, γ = 5/3 implica ρ1 /ρ0 = 4).
Consideriamo ora la differenza di entropia nei due lati del fronte d’onda. L’entropia
è una variabile di stato e per un gas ideale viene data in funzione della densità e della
pressione, quindi ricordando l’Eq. (2.23):
" !γ #
P1 ρ0
s1 − s0 = cV ln . (7.103)
P0 ρ1
Questa quantità è sempre positiva quindi si può concludere che l’onda d’urto è un
processo irreversibile dato che l’entropia aumenta.
Per studiare il caso delle supernovae scegliamo il sistema di riferimento solidale con
la stella; inoltre la materia sta cadendo verso il centro: il fluido non è a riposo. Sia u1
la velocità con cui il materiale cade nell’onda rispetto al centro della stella e u2 quella
che tende verso l’esterno. L’equazione di conservazione di Hugoniot si riscrive come

ρ1 (u1 − U ) = ρ2 (u2 − U ) (7.104)

da cui si può ricavare


!
2 1 1
(u2 − u1 ) = (P2 − P1 ) − . (7.105)
ρ1 ρ2
Questa relazione può essere usata per calcolare P2 specialmente nel caso di onda d’urto
forte P1 ≪ P2 . Il cambiamento di energia interna per unità di massa è data da
!
1 1 1 1
E2 − E1 = (P2 + P1 ) − ≈ (u2 − u1 )2 (7.106)
2 ρ1 ρ2 2
Questo significa che l’energia interna aggiunta uguaglia l’energia cinetica del materiale
shockato nel sistema di riferimento in cui il materiale shockato risulta in quiete.
La velocità U del fronte d’onda, nel sistema di riferimento solidale con la stella è
data da
u2 ρ 2 − u 1 ρ 1
U= (7.107)
ρ2 − ρ1
Onda d’urto 189

L’onda d’urto cominica a muoversi verso l’esterno quando u2 = u1 ρ1 /ρ2 .


Consideriamo, come esempio, un gas di particelle NR di massa media m̄. In questo
caso si ha che m̄(E2 − E1 ) ≃ 23 kB T2 (E2 ≫ E1 per shock forte). Sapendo che P/ρ =
(γ − 1)ε si può scrivere che

E2 − E1 = kB (T2 − T1 ) ⇒ kB T2 ≃ m̄(γ − 1)(E2 − E1 ) (7.108)

Utilizzando l’Eq. (7.106)


!2
1 1 ρ2 − ρ1
kB T2 ≃ (u2 − u1 )2 m(γ − 1) = (U − u1 )2 m̄(γ − 1) (7.109)
2 2 ρ2

da cui si ottiene
γ−1
kB T2 = 2m̄ (U − u1 )2 (7.110)
(γ + 1)2
Se si conosce la velocità dello shock e la velocità di caduta della materia nello shock,
si può ricavare kB T2 . Per un’onda d’urto in un mezzo in cui la maggior parte della
pressione è data dalla pressione termica di particelle NR (nucleoni), ρ1 /ρ0 ≈ 4, quindi
u2 ≈ 41 u1 . Questo significa che l’onda si muove verso l’esterno quando il materiale
interno si sta ancora muovendo verso l’interno. In Fig. 7.7 è mostrato il profilo di
velocità calcolato da Cooperstein e Baron (1990) per quattro diversi istanti del collasso.

Il moto verso l’esterno dell’onda è rapido, infatti in un intervallo di circa 0.95 ms


l’onda si muove da 27.7 a 76 km ad una velocità media di

Ū = 5 × 109 cm/s. (7.111)

La velocità media esterna (di caduta) è

u¯1 = −5.6 × 109 cm/s, (7.112)

da cui si ottiene il valore delle velocità relative alla materia in caduta:

U ′ = Ū − u¯1 = 10.6 × 109 cm/s


3
u 2 − u1 = U = 8 × 109 cm/s (7.113)
4
L’energia per nucleone è data da
kB T2 1
≃ (U2 − U1 )(γ − 1) = (u2 − u1 )2 (γ − 1) ∼ 2 × 1019 erg g −1 , (7.114)
m̄ 2
che corrisponde a circa 25M eV per nucleone. L’energia dello shock viene spesa in due
contributi: il primo termico, il secondo di dissociazione e in fuga di particelle leggere
190 7. Supernovae

Figura 7.7: Profilo di velocità, secondo Cooperstein e Baron (1990), in diversi istanti: (a)
ultimo istante in cui la velocità di caduta è circa porporzionale al raggio; (b) densità centrale
pari a quella nucleare; (c) la materia nei 10 km più interni è ora a riposo; (d) partenza
dell’onda d’urto.

(circa un terzo dell’energia in elettroni, neutrini, raggi γ), che sottraggono energia allo
shock. La dissociazione porta alla diminuzione della pressione e quindi anche di velocità
in quanto γ → 1 e perciò U diminuisce. L’energia termica dei nucleoni corrisponde a
una temperatura di circa 10 M eV .
Un ultimo risultato: se lo shock è partito con un’energia totale Es ed è arrivato ad
un raggio rs (t), l’unica ipotesi che possiamo avanzare è che Es sia distribuita in modo
uniforme nel volume, per cui Es = UV ρ(r), da cui si ricava che in un mezzo con profilo
di densità ρ(r) ∝ r−3 l’energia per unità di massa U, e dunque la velocità dell’onda
d’urto, sono costanti.

7.9 Massa efficace ed esplosione di una supernova


Nel modello a goccia del nucleo si possono considerare i vari contributi dell’energia delle
p2 p2
particelle nella forma E = 2m , se la particella è libera oppure E = 2m +U (r) se si muove
in un mezzo. Nell’approssimazione di massa efficace, la particella non libera viene vista
come una nuova entità che si muove liberamente. Tutte le informazioni concernenti
la propagazione nel mezzo (quindi U (r)) vengono trasferite nella massa efficace m∗ .
Praticamente, si sostituisce la descrizione di un nucleone con massa m che si muove
in un potenziale statico U (r) con quella di una particella di massa m∗ libera. D’altra
parte, il potenziale nucleare, che confina i nucleoni, non è statico in quanto la superficie
Massa efficace ed esplosione di una supernova 191

nucleare può vibrare attorno ad una posizione di equilibrio. Queste variazioni del raggio
nucleare in funzione del tempo vengono descritte attraverso i fononi. I nucleoni possono
interagire con questi fononi, accoppiandosi ad essi. In questo modo la loro massa m∗
viene modificata, aumentando, in quanto il moto dei nucleoni è più lento, a causa
dell’interazione con i fononi. Questo comportamento della massa nucleonica in nuclei
esotici ha conseguenze importanti sulle esplosioni di supernovae.
Ricordiamo che l’evoluzione stellare, cioè la fusione termonucleare, procede attra-
verso le seguenti reazioni
1
H → 4 He → 12
C→ 16
O→ 20
Ne → 28
Si → 56
Fe (7.115)

alla cui fine si forma una struttura a cipolla in cui il core è formato da ferro circondato
da un involucro esteso di H e He. La massa massima che può essere sostenuta dalla
pressione leptonica degenere è data dalla massa di Chandrasekhar, MCh = 5.8 Ye2 M⊙ .
Quando il core di ferro raggiunge questo limite di massa, la fusione termonucleare si
ferma instaurando un’instabilità gravitazionale per cui il core, formato da nuclei del
gruppo del ferro ricchi di neutroni, collassa. Le condizioni iniziali per il collasso sono

(Ye )in ≈ 0.43 ρin ≈ 3.7 × 109 g · cm−3


kB Tin ≈ 0.7 M eV sin ≈ 0.9 kB

Consideriamo, in sintesi, le fasi che portano all’esplosione di una supernova


1) il collasso gravitazionale del core di F e (fase di implosione in tempi dell’ordine
del millisecondo);

2) la formazione dell’onda d’urto (fase del rimbalzo del core in tempi di qualche
secondo);

3) la propagazione dell’onda d’urto (fase di esplosione, dura un’ora e mezza).


La fase di implosione determina la posizione della superficie del core omologo, cioè
la zona in cui si forma l’onda d’urto. L’ampiezza di questa zona è determinata da Ye
e dall’entropia s, quindi dall’equazione di stato. La seconda fase determina l’ampiezza
di questo shock, che è regolata dall’equazione di stato della materia, cioè dall’indice
adiabatico Γ e dall’incomprimibilità Ξ, definita da P = Ξ(wΓ − 1), in cui w = ρρ0 . La
scarsa conoscenza di tale equazione, dovuta all’assenza di informazioni sperimentali e
a problemi di natura teorica, è uno dei grandi problemi della teoria delle SN. L’ultima
fase prevede la dissipazione dell’energia di shock e l’eiezione dell’inviluppo da parte
dello shock. Questa fase è controllata dai parametri dello shock e dal fenomeno del
trasporto neutrinico.
L’ultima fase, in realtà, può accadere in due modi diversi: se lo shock ha un’am-
piezza iniziale sufficiente ad attraversare completamente il core di F e, può raggiungere
l’inviluppo e dare origine alla SN. In questo caso si parla di esplosione diretta ed è
192 7. Supernovae

tipica di stelle leggere. È stato dimostrato che si può avere anche uno shock ritardato
in cui l’onda d’urto si ferma a causa di perdite di energia, ma, dopo un certo intervallo
di tempo dell’ordine di parecchi secondi, si rianima a causa del riscaldamento neutri-
nico dando origine alla SN. Questo vale per stelle molto pesanti. Il risultato finale
dell’esplosione è la formazione di una stella di neutroni o di un buco nero.
Consideriamo la fase di implosione fino all’intrappolamento dei neutrini in dettaglio,
in quanto è lo stadio del processo della SN influenzato dalla massa efficace, in particolar
modo dalla sua dipendenza dalla temperatura. Consideriamo i valori di due masse di
Chandrasekhar, quella del core che collassa, MF e = MCh (Ye,i ) e quella del core omologo
Momo = MCh (Ye,f ). L’onda d’urto si forma al margine del core omologo e si propaga
nel core di F e, attraversando una quantità di massa pari a ∆M = MF e − Momo prima
di raggiungere l’inviluppo di He e H.
Consideriamo ora il processo di neutronizzazione durante il collasso. Quando la
fusione nucleare termina all’interno del core di F e, quest’ultimo collassa portando
ad un aumento della densità e del potenziale chimico elettronico µe . Questo induce
la cattura elettronica sui protoni, cioè p + e− → n + ν. Fino a che ρ < ρtrap , i
neutrini possono fuggire dal core e Ye diminuisce. Quando la densità raggiunge il
valore ρtrap ≃ 5 × 1011 g/cm3 , i neutrini rimangono intrappolati nel core collassante,
in quanto il loro tempo di diffusione è dello stesso ordine di grandezza del tempo del
collasso. Da questo punto in poi la frazione leptonica Ye rimane costante e uguale
al valore assunto al momento dell’intrappolamento, cioè (Ye )f in = (Ye )trap quando
Tf in = Ttrap ≃ 1.5 M eV . La quantità di deleptonizzazione o di neutronizzazione può
essere definita (prima dell’intrappolamento dei neutrini) come ∆Ye = Ye,i − Ye,trap .
Mentre lo shock esce dal core dissocia i nuclei di F e perdendo energia. Poiché, come
abbiamo visto, l’energia di dissociazione del ferro è ∼ 17 f oe/M⊙ , l’energia dissipata
dall’onda d’urto nell’attraversare il core risulta essere uguale a
2 2
Ediss = 98[Ye,i − Ye,trap ] f oe, (7.116)

in cui Ye,trap rappresenta il valore della frazione leptonica alla densità di intrappola-
mento dei neutrini. Un valore grande di Ye,trap porta ad una minore dissipazione di
energia e, di conseguenza, ad uno shock più forte.
La cattura elettronica avviene sia sui protoni liberi che su quelli legati nei nuclei ed
ha un tasso dipendente dalla differenza µ̂ = µn − µp . Se µ̂ è alto si avrà meno neutro-
nizzazione (e quindi un valore più grande per Ye,trap ) poiché risulta molto più difficile
trasformare un protone in neutrone. Analizziamo la relazione tra neutronizzazione ed
energia di simmetria. Per un nucleo con una concentrazione percentuale di protoni
Z
pari a x = A , l’energia di simmetria che appare nell’espressione dell’energia di legame
è data da
Es = s(T )(1 − 2x)2 , (7.117)
in cui s(T) è il coefficiente di simmetria il cui valore, a T = 0, è uguale a s(0) ≈ 30 M eV .
Massa efficace ed esplosione di una supernova 193

Nel modello a gas di Fermi, questo coefficiente assume la seguente espressione


h̄2 kF2 m
!
m m
s(T ) = s(0) + − , (7.118)
6m mk mω (T ) mω (0)
dove m∗ = mkmmω è la massa efficace e kF = 1.35 f m−1 corrisponde alla densità di satu-
razione nucleare. Si può quindi vedere che l’energia di simmetria dipende dalla massa
efficace e dal suo comportamento in funzione della temperatura. Si può schematizzare:
grande Esym ⇒ minor neutronizzazione ⇒ grandeYe,trap
⇒ minor energia dissipata ⇒ forte shock
Considerando che l’energia di simmetria dipende dalla temperatura e che il range di
temperatura importante per il collasso è di 0.7 − 1.5 M eV , si vede che la temperatura
influenza lo shock e, in particolare, ci si aspetta che all’aumentare della temperatura
la massa efficace diminuisca incrementando l’energia di simmetria e quindi rendendo
più forte lo shock.
Quali nuclei sono presenti nel core collassante? La cattura elettronica porta ad
avere nuclei ricchi di neutroni (0.3 < Z/A < 0.42) all’aumentare della densità. Questi
nuclei vengono detti esotici e, in particolare, sono dati da
84 82 80 78 76 124 120,122 86,118
Se, Ge, Zn, N i, F e, M o, Sr, Kr
m∗
Da una analisi microscopica si è analizzato il comportamento di m in funzione della
T . I risultati ottenuti sono stati fittati attraverso una formula esponenziale
mω (T ) = 1 + [mω (0) − m]e−T /T0 . (7.119)
Questa dipendenza della massa efficace dalla temperatura influenza l’energia di sim-
metria aumentandone il valore all’aumentare della temperatura.
Studiamo ora il collasso gravitazionale in modo quantitativo usando un modello
schematico. Le equazioni fondamentali di questo modello sono:
1) le equazioni idrodinamiche del collasso vengono sostituite da un’unica equazione
che rappresenta l’evoluzione della densità, cioè
d(ln ρ) 1/2
= 100 ρ10 . (7.120)
dt
dove ρ10 è la densità in unità di 1010 g cm−3 ;
2) L’evoluzione della frazione elettronica Ye , includendo sia la cattura su elettroni
liberi che legati nei nuclei, è data da
dYe
= −2.12Ye ρ10 [XBP x(1 − Xn ) + XF P Xn e−µ̂/T ], (7.121)
dt
in cui XBP rappresenta la cattura su protoni legati e XF P su protoni liberi.
194 7. Supernovae

3) l’evoluzione della temperatura si ricava dall’entropia

T dS = −dYe (µe − µ̂ − 1.297 − ε̄ν ), (7.122)

in cui ε̄ν è l’energia media del neutrino.

Combinando assieme le tre equazioni precedenti, si possono ottenere due equazioni


differenziali accoppiate che rappresentano il collasso gravitazionale, cioè l’evoluzione
temporale di Ye e di T .
Nel modello considerato si è analizzata l’evoluzione di Ye dal valore iniziale di 0.42
ad un valore finale ignoto in due casi: con o senza la dipendenza dalla temperatura
della massa efficace nucleonica. I risultati sono i seguenti: nel range di temperatura
0.7 < T < 1.5 M eV (tipiche temperature del collasso) la massa efficace subisce una
diminuzione dell’8 − 14% portando ad un aumento dell’energia di simmetria dell’ordine
del 3−5%. Tutto ciò corrisponde ad una diminuzione nella deleptonizzazione del 7−9%
con una guadagno, nell’energia di dissociazione, di 0.5 − 0.6 f oe. L’energia tipica del
materiale espulso dall’esplosione di una SN (inviluppo H, He) è dell’ordine di un foe.
Il risultato ottenuto con la massa efficace dipendente dalla temperatura implica un
guadagno nell’energia dello shock confrontabile con l’energia dell’esplosione.

7.10 Relazione massa-energia per la SN1987A


Consideriamo lo stadio della fase evolutiva in cui la protostella è diventata una stella di
neutroni e concentriamoci sugli strati più esterni, cioè i gusci di H ed He. L’inviluppo di
idrogeno in espansione di una supernova può essere caratterizzato da due quantità : la
sua massa e l’energia cinetica. La prima dipende dalla struttura della stella progenitrice
e dalla massa persa durante l’evoluzione. La seconda è collegata all’energia depositata
nell’inviluppo dall’onda d’urto e quindi dipende dall’equazione di stato della materia e
dal meccanismo di esplosione.
Le informazioni ottenute dalle osservazioni dirette della SN1987A sono sufficienti
per collegare in modo univoco la massa e l’energia cinetica del suo inviluppo di idrogeno
basandosi semplicemente su assunzioni generali e non dipendenti da modelli. Dopo 3
giorni dall’esplosione della SN, si iniziarono a registrare dati sulla luminosità bolome-
trica L(t), temperatura efficace Tef f (t) e velocità v(t) dal redshift delle righe del F e.
Queste informazioni vengono utilizzate per collegare la massa dell’inviluppo con la sua
energia cinetica.
Esistono due contributi importanti alla luminosità totale della SN: l’energia interna
depositata dall’onda d’urto nell’inviluppo di idrogeno e l’energia di ionizzazione degli
atomi di idrogeno ed elio. Il primo si trova in forma di energia radiativa intrappo-
lata dietro la fotosfera, mentre il secondo viene rilasciato quando la temperatura è
abbastanza bassa da permettere la ricombinazione. La temperatura tipica di questa
Relazione massa-energia per la SN1987A 195

ricombinazione è di circa T ≈ 5500 K, che corrisponde ad un tempo di tr = 10 d


dall’esplosione.
Il problema del trasferimento radiativo si può semplificare imponendo la condizione
che la materia rilasci tutta la sua energia interna come radiazione quando viene attra-
versata dalla fotosfera. Questa descrizione risulta essere realistica nello stadio in cui
avviene la ricombinazione perché le opacità davanti e dietro il fronte di ricombinazione
sono talmente diverse da poter considerare una fotosfera ben delineata. In questo modo
il fronte di ricombinazione coincide con la fotosfera.
Mentre il fronte procede nelle zone a T > 6000 K, cioè verso l’interno, nella ma-
teria attraversata avviene la ricombinazione con conseguente rilascio verso l’esterno di
energia.
L’energia cinetica dell’inviluppo di idrogeno della SN1987A è dato da
1 Z Menv 2 1 Z tH 2 dM (t)
Ek,env = v (t)dM (t) = v (t) dt, (7.123)
2 0 2 0 dt
dove Menv rappresenta la massa dell’inviluppo, dM (t)/dt la massa attraversata per
unità di tempo dalla fotosfera, e tH il tempo impiegato dalla fotosfera ad attraversare
l’intero inviluppo e a raggiungere il margine esterno del core di elio. Le osservazioni
non sono in grado di determinare questo tempo in modo preciso, tuttavia si è potuto
stabilire un range di valori per cui 25 d < tH < 40 d. Questi valori sono stati rica-
vati dall’analisi della velocità delle linee spettrali del F e. La velocità che compare
nell’integrale dovrebbe essere quella dell’inviluppo di idrogeno. Sfortunatamente, le
osservazioni di tali righe non furono eseguite nel periodo di interesse. In ogni caso,
confrontando le velocità delle righe di H nell’infrarosso con quelle di vari metalli, si
è arrivati alla conclusione che le righe del F e danno la velocità della materia alla fo-
tosfera. Si può anche considerare il fatto che l’energia gravitazionale di un qualunque
elemento di massa dell’inviluppo della SN1987A è molto più piccola della sua energia
cinetica e che, quindi, la velocità di questo elemento non cambia durante l’espansione
dell’inviluppo. Questo implica che i valori osservati di v(t) per il F e descrivono la
velocità della shell di massa che viene attraversata dalla fotosfera nel tempo t.
Per poter seguire la posizione in massa della fotosfera della SN1987A in funzione
del tempo, si è utilizzata la luminosità L(t). Dalle assunzioni fatte sulla fotosfera e su
come l’energia intrappolata incominci ad essere rilasciata, si può scrivere che
dM (t) L(t)
= , (7.124)
dt (dE/dM )
in cui dE/dM rappresenta l’energia specifica (energia per unità di massa) della ma-
teria dietro la fotosfera. Questa energia è composta da due termini, uno dovuto alla
radiazione e uno alla densità di energia di ricombinazione, per cui
dE
= εrad + εrec . (7.125)
dM
196 7. Supernovae

Il termine εrec è diverso da zero solo se t > tr . Nel caso di un inviluppo con frazione di
massa di elio uguale a Y e quella di idrogeno pari a X = 1 − Y , si ha che

NA eV
 
εrec = Θ(t − tr ) 13.6(1 − Y )NA + 24.58Y , (7.126)
4 g

dove NA rappresenta il numero di Avogadro, mentre 13.6 e 24.58 rappresentano,


rispettivamente, l’energia di ionizzazione dell’H e dell’He.
La frazione in massa dell’idrogeno e dell’elio è un problema aperto, essendo colle-
gato alla formazione del progenitore. In ogni caso il valore accettato è di Y ≈ 0.3,
compatibile con l’abbondanza di elio nella Grande Nube di Magellano.
Per trovare un’espressione per εrad , senza avere una conoscenza dettagliata della
temperatura e del profilo di densità, bisogna fare alcune assunzioni. Osserviamo, prima
di tutto, che la progenitrice della SN1987A era una supergigante blu. Questo vuol dire
che il suo inviluppo di idrogeno, attraverso cui l’onda d’urto si propaga, può essere
descritto in modo appropriato con una politropa di indice n = 3 (Γ = 4/3). Sotto
queste condizioni, la densità ha un profilo di tipo r−3 , che implica una velocità costante
per l’onda d’urto. Di conseguenza, l’energia depositata dallo shock è costante lungo
l’inviluppo per cui εrad non dipende dal raggio.
L’inviluppo shockato è dominato dalla radiazione, per cui Γ = 4/3. Questo significa
che la configurazione in espansione non ha scala di lunghezza assoluta ma ammette
soluzioni simili, cioè è omologo. Inoltre si può assumere che un qualunque elemento di
massa all’interno della fotosfera sia adiabatico (P V Γ = cost) in quanto la radiazione
rimane intrappolata in essa. Questo significa che la densità e la temperatura scalano
come ρ ∼ t−3 e T ∼ t−1 . Poiché l’energia specifica di una radiazione si comporta come
T 4 /ρ ∼ t−1 , si può ritenere che
C
εrad = , (7.127)
t
in cui la costante C non dipende dal raggio.
Combinando assieme tutte le equazioni si nota che l’energia cinetica dell’inviluppo
della SN1987A è completamente determinato quando si fissa la costante C. Questo
può essere fatto calcolando la massa dell’inviluppo

1 Z Menv 1 Z tH dM (t)
Menv = dM (t) = dt, (7.128)
2 0 2 0 dt
e risolvendo questa equazione per C. Eliminando poi questa costante dalle due equa-
zioni si trova una relazione tra Menv e Ek,env . Le energie cinetiche ottenute hanno
il seguente comportamento: per tH fisso, aumentano con la massa in maniera linea-
re al variare di Menv mentre per Menv fisso diminuiscono con tH . Il loro range è di
circa 0.9 − 2.1 f oe, dove 1f oe = 1051 erg. Questi valori corrispondono solo ai valo-
ri dell’idrogeno ma va considerato anche il contributo del core di elio. Aggiungendo
Relazione massa-energia per la SN1987A 197

questo contributo (che è di circa 0.16 f oe) al risultato precedente, si ricava che l’e-
nergia cinetica totale del materiale emesso della SN1987A corrisponde ad un valore
maggiore di 1 f oe. L’energia cinetica ottenuta dalle osservazioni risulta essere uguale
a Ek,env = (1.4 ± 0.4) f oe.
198 7. Supernovae
Capitolo 8

Stelle di neutroni

Una stella di neutroni nasce come residuo caldo di un core collassato di una stella
massiva. La temperatura interna si trova inizialmente tra i 1011 e i 1012 K per poi
decrescere rapidamente attraverso emissione di neutrini e si pensa che raggiunga una
temperatura dell’ordine di 109 K in un giorno e 108 K in circa 100 yr. Queste sono
temperature estremamente alte se confrontate con gli standards terrestri e solari ma
sono decisamente basse se confrontate con l’alta densità della materia all’interno di
una stella di neutroni: gli elettroni, i protoni e soprattutto i neutroni all’interno di una
stella di neutroni sono degeneri e occupano gli stati accessibili più bassi consentiti dal
principio di Pauli. La densità numerica dei neutroni è tipicamente 200 volte quella dei
protoni.
In condizioni normali la forma più stabile di materia nucleare consiste di nuclei vicini
56
al F e. Nuclei meno massivi sono meno stabili perché hanno una grande frazione dei
loro nucleoni vicini alla superficie, e i nuclei più pesanti sono meno stabili a causa della
repulsione Coulombiana tra i protoni.
Questo scenario viene modificato dalla presenza di elettroni relativistici. Queste
particelle sono abbastanza energetiche da indurre il decadimento β inverso in cui
i protoni vengono trasformati in neutroni e si formano nuclei sempre più ricchi di
neutroni.
Come visto nel capitolo 3, quando la densità supera i valore di ρdrip ≈ 4.3 ×
10 g cm−3 , si ha un nuovo fenomeno: il neutron drip. I neutroni escono dai nu-
11

clei e si forma uno stato di materia in cui neutroni liberi, nuclei ed elettroni coesistono
in equilibrio. L’equazione di stato della materia è abbastanza nota per densità al di
sotto di ρnuc = 2.8 × 1014 g cm−3 , la densità della materia nucleare normale. A densità
superiori i nuclei cominciano a fondersi assieme fino ad ottenere un gas denso di elet-
troni, protoni e neutroni. L’equazione di stato dipende ora fortemente dall’interazione
tra nucleoni, un’interazione che a tutt’oggi non è ancora ben conosciuta. A densità
superiori, circa ∼ 1015 g cm−3 , diventa energeticamente possibile produrre pioni, muoni
e iperoni (stati eccitati dei nucleoni). A densità ancora più alte, i gradi di libertà dei

199
200 8. Stelle di neutroni

quark possono diventare importanti e giocare un ruolo fondamentale.

8.1 Massa massima


In prima approssimazione, i neutroni giocano in una stella di neutroni il ruolo che
gli elettroni hanno nelle nane bianche. Come gli elettroni degeneri sono incapaci di
sostenere una nana bianca con una massa al di sopra di un valore critico, il limite di
Chandrasekhar, i neutroni degeneri sono incapaci di sostenere una stella di neutroni
con una massa al di sopra di un certo valore.
La fisica alla base del limite di Chandrasekhar è molto chiara: quando la massa
della nana bianca si avvicina a questo limite, la densità centrale aumenta e gli elet-
troni degeneri diventano relativistici. Al limite di Chandrasekhar, gli elettroni sono
ultrarelativistici, la densità si avvicina all’infinito e la stella collassa. Ci si aspetta un
fenomeno simile per i neutroni nelle stelle di neutroni ma ci sono differenze sostanzia-
li. Primo, le interazioni tra neutroni sono molto importanti alle alte densità trovate
nelle stelle di neutroni. Secondo, i campi gravitazionali sono molto forti e la teoria di
Einstein, e non quella di Newton, deve essere usata per descrivere l’equilibrio di una
stella di neutroni sotto l’azione della gravità. Tuttavia, queste differenze non alterano
il risultato fondamentale, ovvero che esiste una massa massima.
Il valore vero di questa massa massima gioca un ruolo chiave nella ricerca dei buchi
neri. Le masse delle stelle in un sistema binario possono essere determinate dal loro
moto relativo. Se uno dei membri del sistema binario è compatto con una massa più
grande di quella teorica, questo oggetto è certamente un buco nero.
I modelli teorici che ora illustreremo brevemente partono dall’assunzione di assenza
di rotazione; in ogni caso è possibile dimostrare che la rotazione può cambiare del 20%
il valore della massa massima, una percentuale piccola se confrontata al 70% delle nane
bianche.
Deriviamo ora un valore della massa massima considerando gli effetti della relatività
generale, senza assumere alcuna particolare equazione di stato. Per apprezzare il ruolo
dell’effetto della gravità riesaminiamo l’equazione dell’equilibrio idrostatico di una di-
stribuzione di massa sferica. Sappiamo che il gradiente di pressione interna necessario
per opporsi alla gravità Newtoniana è dato da

dP Gmρ
=− 2 , (8.1)
dr r
in cui m(r) è la massa racchiusa da una sfera di raggio r e densità ρ(r) nella posizione r.
Consideriamo materia incomprimibile per cui ρ = cost e usiamo la teoria Newtoniana
per calcolare la pressione
2π 2 2 4π 3
P (r) = Gρ0 (R − r2 ) M= R ρ0 . (8.2)
3 3
Massa massima 201

La pressione centrale risulta essere uguale a


2π 2 2 π 1/3
 
4/3
P (0) = Gρ0 R = GM 2/3 ρ0 . (8.3)
3 6
Questo significa che, per ogni massa, se la densità è finita lo è anche la pressione.
Quindi, in meccanica newtoniana, un oggetto incomprimibile può avere una qualunque
massa.
L’equazione dell’equilibrio idrostatico in relatività generale, ricavata da Tolman,
Oppenheimer, Volkoff (detta quindi TOV, o più semplicemente OV), risulta uguale
a   
P 2 P
dP Gm(r)ρ(r) 1 + ρ c 1 + 4πr3 mc 2
=− . (8.4)
dr r2 1 − 2Gm
rc 2

Nel caso in cui P ≪ ρc2 e il potenziale adimensionale introdotto in Eq. (1.18) sia
φ ≪ 1 si ritrova il caso newtoniano.
Una differenza essenziale tra teoria di Newton e di Einstein sta nella sorgente del
campo gravitazionale. Nel primo caso è la densità di massa, nel secondo il tensore
energia-momento, un’entità che dipende dalla densità di energia e dalla pressione. Di
conseguenza, energia e pressione dannno origine a campi gravitazionali in oggetti molto
compatti. Tutto ciò si può capire dall’equazione precedente: i termini m(r)c2 e ρ(r)c2
sono l’energia e la densità di energia racchiuse dal raggio r. Questa dipendenza della
gravità dalla pressione ha un effetto drammatico sulla stabilità delle stelle di neutroni.
L’aumento progressivo di pressione necessario per opporsi al collasso gravitazionale
risulta essere auto-distruttivo, perché porta al rafforzamento del campo gravitazionale.
Una gravità più forte implica un collasso facilitato.
Nella teoria einsteiniana la pressione centrale nel caso di oggetto incomprimibile
(ρ0 = cost) si ottiene integrando Eq. (8.4) su tutta la stella:
 1/2
1 − 1 − 2 GM
Rc2
PGR (0) = ρ0 c2  1/2 , (8.5)
3 1 − 2 GM
Rc2
− 1
da cui si ottiene, cercando lo zero del denominatore, il limite per la massima massima
GM 4
 
2
= . (8.6)
Rc max 9
Esprimendo nell’Eq. (8.6) il raggio in funzione della densità si trova
2/3 1/3
Mmax ρ = costante,
da cui la relazione Mmax = costρ−1/2 . Quindi fissata la densità ρ esiste una massa
Mmax per cui la pressione centrale tende all’infinito: in queste condizioni il corpo non
può più essere sorretto da nessun tipo di pressione.
Una trattazione seria della massa massima di una stella di neutroni, proposta da
Rhoades e Ruffini (1973) (RR) deve basarsi sulle seguenti assunzioni
202 8. Stelle di neutroni

• utilizzo della teoria della relatività generale: le equazioni OV determinano la


struttura di equilibrio.

• l’equazione di stato deve soddisfare la condizione di stabilità microscopia

dP
≥ 0. (8.7)

Se questa condizione venisse violata, piccoli elementi di materia potrebbero col-


lassare.

• l’equazione di stato deve soddisfare la condizione di causalità

dP
≤ c2 , (8.8)

cioè la velocità del suono deve essere minore di quella della luce.

• l’equazione di stato è nota fino a una certa densità ρ = ρ0

Utilizzando tutte queste assunzioni, sono stati effettuati calcoli per ottenere l’equazione
di stato al di sopra di ρ0 che massimizza la massa. Il risultato è

P = P0 + (ρ − ρ0 )c2 quando ρ ≥ ρ0 , (8.9)

Il valore della densità ρ0 scelto da RR è 4.6 × 1014 g cm−3 . Se si integra l’equazione di


OV utilizzando l’equazione di stato di HW al di sotto di ρ0 e si utilizza l’Eq. (8.9) al
di sopra, si ottiene
!1/2
4.6 × 1014 g cm−3
Mmax ≈ 3.2 M⊙ . (8.10)
ρ0

L’utilizzo di HW non è cruciale, in quanto il valore finale dipende poco dalla specifica
equazione di stato; inoltre HW si avvicina al comportamento di altre equazioni di
stato più realistiche. Se si abbandona la condizione di causalità possiamo rifarci al
caso ρ = cost, e quindi dall’Eq. (8.6) si può ricavare
!1/2
4.6 × 1014 g cm−3
Mmax ∼ 5.3 M⊙ . (8.11)
ρ0

Una considerazione importante è il fatto che, poiché il potenziale adimensionale


introdotto in Eq. (1.18) risulta essere φN S ∼ 0.1, gli effetti della relatività risultano
essere importanti. Analizziamo infatti l’energia di legame gravitazionale di una stella
Massa massima 203

di neutroni che risulta essere uguale all’energia emessa dai neutrini durante il collasso
del core. Stimiamo questa energia
GM 2 GM
Egrav ≈ − = − 2 M c2 = −0.1 M c2 (8.12)
R rc
Poiché M c2 = M0 c2 − |Egrav | in cui M0 è la massa a riposo, notiamo come la massa
reale risulta essere più piccola.
La massa massima di una stella di neutroni è una quantità ricavabile anche dal-
l’equazione di stato della materia nucleare. I modelli teorici della stella di neutroni
che utilizzano le diverse equazioni di stato hanno quindi caratteristiche dipendenti dal
valore della massa massima.

• Cominciamo con il caso più semplice di gas UR puramente neutronico (Yn = 1)


modellizzato quindi da un politropo con n = 3. Trascuriamo, per semplicità, le
interazioni tra neutroni e uguagliamo la pressione di un gas di neutroni ultrarela-
tivistici alla pressione necessaria per sostenere una stella di massa M . Seguendo
la stessa procedura effettuata per le nane bianche, si trova che la massa massima
sopportata da un gas ideale di neutroni degeneri risulta essere

Mmax ≈ 5.8Yn2 M⊙ , (8.13)

Tuttavia il risultato ottenuto non è credibile perché i neutroni sono parzialmente


relativistici, non UR.

• Se consideriamo il caso ideale degenere NR Γ = 5/3 avevamo visto nella sezione


4.8 che i risultati per un politropo n = 3/2 sono:

ρc −1/6
 
R = 14.6 km
1015
ρc 1/2
 
M = 1.1 M⊙ (8.14)
1015
Notiamo che non esiste una massa minima: se ρc → 0 allora R → ∞ e M → 0. In
realtà i neutroni diventano instabili al decadimento β a densità sufficientemente
bassa. Questi risultati sono validi per densità sufficientemente basse, che si hanno
per M < M⊙ .

• Qualsiasi calcolo realistico delle proprietà delle stelle di neutroni si basa sull’e-
quazione relativistica dell’equilibrio idrostatico e su un’equazione di stato della
materia che prenda in considerazione le interazioni nucleari. L’equazione di OV
(8.4) viene integrata partendo dal centro (ρ = ρc quando r = 0) fino alla super-
ficie (r = R dove ρ = 0). In questo modo, si trova un raggio R e una massa
M = m(R) per una data densità centrale e si può calcolare la massa per la
204 8. Stelle di neutroni

Figura 8.1: Massa gravitazionale in funzione della densità centrale per le equazioni di stato
di HW e OV.

quale la stella collassa. Il primo calcolo di questo tipo, mostrato in Fig. 8.1, fu
effettuato da Oppenheimer e Volkoff nel 1939.
La configurazione di equilibrio viene soddisfatto dai seguenti valori
Mmax = 0.7 M⊙ R = 9.6 km ρc = 5 × 1015 g cm−3 . (8.15)
Questa è una stima più piccola di quella di Eq. (8.13) perché, in relatività gene-
rale, l’effetto della gravità porta ad un collasso a densità finita quando i neutroni
sono relativistici e non quando sono UR.
• Si può considerare un modello più realistico di stella di neutroni prendendo una
miscela in equilibrio di neutroni, protoni ed elettroni non interagenti (gas n −
p − e). I neutroni sono presenti solo a densità superiori a 1.2 × 107 g cm−3 .
Il rapporto neutrone/protone raggiunge un massimo nn /np ≃ 103 alla densità
ρ = 7.8 × 1011 g cm−3 e poi decresce a 8 quando ρ → ∞. In ogni caso, per un gas
ideale, P → ρ/3 quando ρ → ∞. I modelli stellari costruiti con questa equazione
di stato non differiscono molto dai calcoli di OV poiché P (ρ) è molto simile al
caso di gas puramente neutronico. Infatti
Mmax = 0.72 M⊙ R = 8.8 Km ρc = 5.8 × 1015 g cm−3 . (8.16)
Risultati analoghi si ottengono con l’equazione di stato BPS.
• La condensazione dei pioni, se avviene, tende a contrarre la stella di neutroni e a
diminuire Mmax , in quanto la frazione condensata non contribuisce alla pressione
Massa massima 205

Figura 8.2: Massa gravitazionale vs. densità centrale per diverse equazioni di stato, non
trattate nel testo in dettaglio. Le porzioni ascendenti delle curve rappresentano le stelle di
neutroni stabili: la massa massima è identificata dal punto di massimo delle curve.

e questo tende a compattare la stella. In generale possiamo avere materia esotica


che ha l’effetto di agire sull’equazione di stato e quindi sulla massa massima. La
presenza di iperoni ad esempio abbasserebbe la massa massima, tuttavia la scarsa
conoscenza dei parametri d’accoppiamento rende molto incerta la modellizzazio-
ne. Stelle calcolate con un’equazione di stato rigida hanno masse massime più
grandi di stelle ottenute con equazione soffice, densità centrali più basse, raggi
più grandi e croste più spesse.

Esistono molte osservazioni indirette di stelle di neutroni con M ∼ M⊙ , che esclude


quindi il limite 0.7M⊙ . In effetti, equazioni di stato realistiche rigide alzano il valore di
Mmax nel range ∼ 1.5 − 2.7M⊙ , come mostrato in Fig. 8.2. Abbiamo inoltre visto che
la teoria della relatività generale, a seconda delle assunzioni fatte, sempre indipendenti
dall’equazione di stato, prevede un limite nel range ∼ 3 − 5M⊙ .

8.1.1 Misura della massa di una stella di neutroni


Per poter determinare l’equazione di stato corretta bisognerebbe determinare simul-
taneamente la massa e il raggio della stella di neutroni. La massa M può essere
determinata dalla legge di Keplero mentre R dalla tamperatura efficace Tef f . Se la
stella di neutroni è isolata si può determinare R ma non la massa.
206 8. Stelle di neutroni

È stata però recentemente proposta una possibile misura di massa per una stella di
neutroni isolata, con un metodo che risulta particolarmente interessante. Nel giugno
2003 la posizione apparente di una stella di neutroni che si trova a 61 pc da noi sarebbe
passata vicino a quella di una stella molto più distante. Questo allineamento avrebbe
prodotto il fenomeno del gravitational lensing, in cui la luce emessa dalla stella lontana
sarebbe stata deviata, a causa del campo gravitazionale della stella di neutroni, di uno
spostamento angolare pari a
φ2E
δφ = (8.17)
∆φ
in cui ∆φ = 300 mas è il massimo avvicinamento della stella di neutroni e φE è detto
Einstein ring definito come φE (4GMN S /c2 dπ )1/2 in cui
1 1
dπ = − = 61 pc
DN S DS
Si sarebbero dovute effettuare alcune osservazioni con il telescopio spaziale Hubble
nell’arco di un anno. La massa della stella di neutroni si sarebbe ricavata da
M c2 dπ dπ δφ ∆φ
= δφ∆φ = 2.25 (8.18)
M⊙ 4G 61 pc 1 mas 300 mas
Ci si aspettava, dalle misure di Hubble, un δφ di circa 0.6 mas. Una nuova determina-
zione della distanza e del moto proprio di questa stella di neutroni ha però mostrato che
l’allineamento sarebbe stato meno perfetto di quanto precedentemente previsto. Quin-
di l’eccessiva distanza tra la posizione apparente dei due oggetti non ha dato alcun
effetto misurabile.

8.2 Struttura delle NS


La formazione di strati all’interno della stella di neutroni (Fig. 8.3) è dovuta al susse-
guirsi dei vari regimi nell’equazione di stato all’aumentare della densità. Questi strati
vengono indentificati come

• atmosfera: H, He;

• superficie (ρ < 106 g cm−3 ): regione in cui le temperature e i campi magnetici pos-
sono influenzare in maniera significativa le equazioni di stato. È la zona più ester-
na formata da nuclei di ferro immersi in un gas di e− classici NR responsabili del
trasporto radiativo (fino a ρ ≤ 103 g cm−3 ) o degeneri NR (ρ ∼ 103 − 106 g cm−3 );

• crosta esterna (106 g cm−3 < ρ < 4.3 × 1011 g cm−3 = ρdrip ): regione solida in cui
un reticolo coulombiano di nuclei pesanti coesiste, in equilibrio nucleare statistico,
con un gas di elettroni degeneri relativistici;
Struttura delle NS 207

Figura 8.3: Illustrazione della struttura interna di una stella di neutroni di massa 1.4 M⊙ .

• crosta interna (ρdrip < ρ < (2 − 2.4) × 1014 g cm−3 ∼ ρnuc ): regione formata da un
reticolo di nuclei ricchi di neutroni con un gas superfluido di neutroni sgocciolati
(degeneri e non relativistici) e un gas elettronico (degeneri e relativistici); a ρ ∼
1014 g cm−3 la morfologia dei neutroni non è più a simmetria sferica, assume forme
particolari;

• nucleo esterno (ρ > ρnuc ): zona composta da n, p, e− , µ liberi con neutroni e


protoni superfluidi, degeneri e non relativistici.

• nucleo interno (eventuale materia esotica): in alcune stelle di neutroni potrebbe


esistere, oltre a un condensato di pioni, un nucleo interno costituito da quarks.

La conoscenza teorica di queste zone è buona fino alla crosta interna, parziale fino alla
densità nucleare, scarsa per quanto riguarda la materia esotica.
L’involucro è fondamentale per il raffreddamento. La stratificazione esiste a pre-
scindere dall’equazione di stato, in quanto è dovuta semplicemente alla variazione di
densità. I raggi delle zone dipendono invece dalle equazioni di stato usate.
208 8. Stelle di neutroni

L’eventuale condensato di pioni è lo stato più interno del core della stella di neutroni
mentre è più improbabile l’esistenza di quarks. Se la densità aumenta, i nucleoni si
avvicinano sempre più. Secondo la QCD, i nucleoni sono composti da tre quarks che,
a causa della libertà asintotica, a tale densità formano un gas di quarks u − d − s e cioè
stelle di quarks. Secondo alcune teorie, lo stato fondamentale della materia è formato
da quarks per cui tutte le stelle di neutroni sono in realtà delle stelle strane di quarks
circondate da crosta di materia normale. La separazione tra le due fasi di materia
avverrebbe tramite campo elettrico. Una stella di quarks sarebbe riconoscibile da un
periodo di rotazione più breve.

8.3 Raffreddamento di una stella di neutroni


Le stelle di neutroni si formano con un’alta temperatura interna, T ≥ 1011 K, nel core di
una SN. Il meccanismo fondamentale del raffreddamento, immediatamente successivo
alla formazione della stella, è quello dell’emissione di neutrini su una scala temporale
di circa 10 secondi, durante i quali la protostella si sgonfia. Dopo circa un giorno, la
temperatura interna scende a ∼ 109 −1010 K ≈ 0.1 M eV . L’emissione e.m. può avvenire
solo quando la temperatura scende a ∼ 108 K, con una corrispondente temperatura
superficiale di due ordine di grandezza più piccola. Il raffreddamento neutrinico domina
per almeno i primi 103 anni.
I calcoli teorici forniscono curve della temperatura supeficiale della stella di neu-
troni in funzione del tempo che, in linea di principio, sono verificabili con osservazioni
sperimentali. I calcoli sull’evoluzione termica sono sensibili all’equazione di stato adot-
tata, alla massa della stella di neutroni, all’ampiezza del campo magnetico, all’esistenza
della superfluidità neutronica, al condensato di pioni e cosı̀ via.
Consideriamo la storia termica di una stella di neutroni dopo che la sua temperatura
interna è già al di sotto di 109 K. L’epoca precedente, iniziata con il collasso stellare e
con l’esplosione di una SN, è molto più breve del tempo di raffreddamento dell’epoca
successiva.
Per temperature interne T < 109 K, qualsiasi neutrino emesso durante il raffreda-
mento può fuggire dalla stella di neutroni senza interagire con la materia. Questo fatto
semplifica notevolmente la determinazione dell’evoluzione termica. A temperature alte
(T ≥ 109 K), il modo dominante di perdita di energia deriva dalle cosı̀ dette reazioni
URCA

n → p + e− + ν̄e ,
e− + p → n + νe .
(8.19)

Queste equazioni dominano anche durante il collasso. In entrambi i casi, i nucleoni


sono non degeneri. Tuttavia, quando la stella di neutroni si raffredda a T ∼ 109 K,
Raffreddamento di una stella di neutroni 209

i nucleoni diventano degeneri e le reazioni precedenti sono fortemente soppresse. La


materia degenere soddisfa la condizione di equilibrio β (il neutrino fugge e quindi non
va considerato)
µn = µp + µe , (8.20)
in cui µ ≈ εF + O((kB T /εF )2 ) (in condizioni di alta degenerazione). Ricordando la
condizione di neutralità di carica e che gli elettroni sono relativistici, si può scrivere
che

p2F (n)
εF (n) ≈ mn c2 + ,
2mn
p2 (p)
εF (p) ≈ mp c2 + F ,
2mp
εF (e) ≈ pF (e)c,
pF (p) = pF (e).
(8.21)

Combinando assieme tutte le condizioni si ricava, imponendo εF (n) = εF (p) + εF (e)

p2F (n)
!
pF (p)
≈ pF (e)c 1 + − Q, (8.22)
2mn 2mp c

in cui Q = (mn − mp )c2 = 1.293 M eV è piccolo rispetto agli altri termini. Dall’equa-
zione precedente si può vedere che l’energia cinetica di Fermi neutronica è molto simile
a quella elettronica, considerando che pF (p)/(2mp c) ≪ 1.

p2F (n)
εk,F (n) = εF (n) − mn c2 ≈ ≈ pF (e)c = εF (e), (8.23)
2mn

e che

pF (e) = pF (p) ≪ pF (n),


εk,F (p) ≪ εk,F (n).
(8.24)

Il neutrone può decadere, secondo le reazioni URCA, in un range di energia pari a


∼ kB T attorno alla superficie di Fermi. Per la conservazione dell’energia, anche il
protone e l’elettrone si devono trovare in questo range attorno alle loro superfici di
Fermi e il neutrino deve avere energia ∼ kB T . Dalle condizioni appena ottenute, il
protone e l’elettrone devono avere momenti piccoli rispetto al neutrone. Ma ciò è
impossibile: il decadimento non può conservare il momento se conserva l’energia.
210 8. Stelle di neutroni

Affinché il processo di decadimento possa avvenire, è necessaria un’altra particella,


lo spettatore, che assorba momento. Si considerano allora i cosı̀ detti processi URCA
modificati
n + n → n + p + e− + ν̄e ,
n + e− + p → n + n + νe ,
(8.25)
che risultano essere determinanti nel processo di raffreddamento di una stella di neu-
troni.
Calcoli teorici portano all’espressione della perdita di energia dovuta alla fuga dei
neutrini, nei processi URCA modificati, cioè l’emissività neutrinica
!2/3
ρ erg
εUν RCA = 7.4 × 10 20
T98 (1 + F ) , (8.26)
ρnuc cm3 s
in cui T9 è la temperatura espressa in unità di 109 K e la quantità F (che tiene in
considerazione i muoni, ovvero le reazioni del tipo n + n → n + p + µ− + ν̄µ ) è data da


 0 ρ ≤ 2.9ρnuc
F =    1/2
2 2 (8.27)
mµ c
 1− εF (e)
ρ ≥ 2.9ρnuc

Per una stella di neutroni di massa M e densità uniforme ρ, trascurando la presenza


dei muoni, si può calcolare la luminosità integrando l’emissività data in Eq. (8.26). In
questo modo si ottiene
!1/3
M ρnuc erg
LUν RCA = 5.3 × 10 39
T98 . (8.28)
M⊙ ρ s
Esistono, tuttavia, altre possibili reazioni di raffreddamento. Esse sono
1) Crust bremsstrahlung. Nel caso in cui i neutroni siano in uno stato super-
fluido, le reazioni URCA modificate non sono più efficaci in quanto il loro tasso
verrebbe ridotto del fattore ∼ exp(−∆/kB T ) in cui ∆ ∼ 1M eV è il gap super-
fluido. In queste condizioni, il raffreddamento neutrinico avviene tramite reazioni
del tipo
e− + (Z, A) → e− + (Z, A) + ν + ν̄, (8.29)
la cui luminosità è pari a
Lbrem
ν ∼ (5 × 1039 erg s−1 )(Mcrosta /M⊙ )T96 . (8.30)
Data la dipendenza da T9 , questo tipo di processo prevale al diminuire di T
rispetto ai processi URCA modificati. Queste reazioni possono avvenire solo
nella crosta, dove i nuclei sono ancora presenti.
Curve di raffreddamento 211

2) Bremsstrahlung su nucleoni. Anche questo è un processo inibito in presenza


di superfluidità:

n + n → n + n + ν + ν̄
n + p → n + p + ν + ν̄ (8.31)

Come per le reazioni URCA modificate L ∝ T 8 , ma è numericamente sfavorito


di un fattore ∼ 30.

3) Reazioni con pioni. Abbiamo visto in precedenza che la condensazione di pioni


può cambiare in modo sostanziale l’equazione di stato all’interno della stella di
neutroni. Se questo condensato esiste, si avrebbero reazioni del tipo

N → N ′ + e− + ν̄e , (8.32)

in cui N e N ′ sono combinazioni lineari di neutroni e protoni nel mare di pioni.


Il condensato di pioni permette la conservazione sia dell’energia che del momen-
to, analogamente al processo URCA ordinario. Una versione semplificata della
reazione precedente è data da

π − + n → n + e− + ν̄e , (8.33)

che rappresenta il raffreddamento neutrinico dovuto al decadimento di pioni


liberi. L’emissione dovuta a tali processi risulta essere uguale a
ρnuc M 6
Lπν ∼ (1.5 × 1046 erg s−1 )θ2 T , (8.34)
ρ M⊙ 9
dove θ ∼ 0.3 è un angolo che misura il grado di condensazione dei pioni. Poiché
Lπν è più grande di LUν RCA , questo tipo di raffreddamento dominerà a tutte le
temperature di nostro interesse sotto la condizione, ovviamente, che esista il
condensato di pioni.

4) Quarks: Se il core della stella di neutroni fosse composto di quarks, allora sa-
rebbe possibile l’emissione di neutrini per il decadimento β di quarks relativistici
degeneri: d → u + e− + ν̄e . La corrispondente luminosità è data da
M 6
Lquark
ν ≈ (1.3 × 1044 erg s−1 ) T . (8.35)
M⊙ 9

8.4 Curve di raffreddamento


La temperatura di una stella di neutroni può essere calcolata in funzione del tempo.
L’energia della stella è dovuta principalmente ai fermioni degeneri (neutroni e quarks).
212 8. Stelle di neutroni

Trascurando le interazioni, la capacità termica di N particelle di massa m e parametro


relativistico x = pF /mc è uguale a

π 2 (x2 + 1)1/2
!
dU kB T
CV = N cV = = N kB , (8.36)
dT N,V x2 mc2

in cui cV è il calore specifico per particella. Nel caso di neutroni non relativistici,
l’energia termica totale è uguale a
Un = 6 × 1047 erg(M/M⊙ )(ρ/ρnuc )−2/3 T92 . (8.37)
La temperatura T che appare nell’equazione coincide con quella interna. La parte
interna di una stella di neutroni può essere considerata isoterma in quanto la condu-
cibilità termica del gas elettronico degenere è molto alta. Come nel caso delle nane
bianche, appare un gradiente di temperatura solo negli strati più esterni, a bassa den-
sità. Consideriamo l’Eq. (8.36) e una luminosità data da L = αT m : l’equazione del
raffreddamento risulta essere uguale a
dU dU dT dT
L = αT m = − =− = −CV (8.38)
dt dT dt dt
Similmente a quanto visto per le nane bianche si ottiene:
−1/(m−2)
t

T = Ti 1 + (8.39)
τ
dove τ = (m − 2)αTim−2 . In particolare L è data dalla luminosità neutrinica e fotonica.
Assumendo un’emissione fotonica di corpo nero dalla superficie con una temperatura
efficace Tef f , si ottiene
2
R

Lγ = 4πR2 σTef
4
f = 7 × 10
36 4
Tef −1
f,7 erg s , (8.40)
10 km
dove Tef f,7 rappresenta la temperatura efficace in unità di 107 K e σ è la costante di
Stefan-Boltzmann.
Utilizziamo ora le luminosità calcolate nel paragrafo precedente per integrare l’e-
nergia termica in modo da calcolare il tempo (t − t0 ) di raffreddamento della stella
dalla temperatura T (i) a T (f ). Esponiamo i risultati nel dettaglio.
• Nel caso in cui i processi URCA dominino, si ottiene
!−1/3  " #6 
ρ −6
 T9 (f ) 
(t − t0 )(U RCA) ≈ 1 yr T9 (f ) 1 − . (8.41)
ρnuc T9 (i) 

Se T9 (i) è molto alta, il raffreddamento è molto veloce. Se T9 (i) ≫ T9 (f ), allora


T9 (f )
T9 (i)
è trascurabile. Questo significa che, comunque si parta, se la T (i) è alta in
un anno si arriva a 109 K e poi il raffreddamento rallenta.
Curve di raffreddamento 213

• Se domina la bremsstrahlung
!−2/3  " #4 
M ρ T9 (f ) 
  
−4
(t − t0 )(brem) ≈ 2 yr T9 (f ) 1 − (8.42)
Mcrosta ρnuc T9 (i) 

che è dell’ordine del tempo di raffreddamento delle reazioni URCA.

• Consideriamo il caso in cui dominano i pioni


!1/3  " #4 
ρ  T9 (f ) 
(t − t0 )(pioni) ≈ 20 s θ−2 T9−4 (f ) 1 − . (8.43)
ρnuc T9 (i) 

Per raggiungere temperature di 109 K si impiegano secondi.

• Per un raffreddamento da quark decay si ottiene:


 " #4 
−1/3
n T9 (f ) 
 
(t − t0 )(quark) ≈ 1 hr T9−4 (f ) 1 − (8.44)
nnuc T9 (i) 

dunque dell’ordine delle ore.


Modelli molto dettagliati indicano che in generale la temperatura superficiale e quella
interna sono legate da una relazione della forma
Tef f
∼ 10−2 α 0.1 ≤ α ≤ 1 (8.45)
T
Si può comprendere tale risultato in modo molto semplice utilizzando lo stesso ragio-
namento effettuato per le nane bianche. Infatti, la regione importante è quella per
cui gli elettroni diventano non degeneri, perché ovunque all’interno della stella si ha
temperatura costante. Si può allora assumere che i processi bound-free e free-free siano
quelli che dominano l’opacità. Assumendo che la composizione della superficie sia di
puro ferro, si ha che X = 0, Z = 1, µe = 56
26
e µ = 56
27
, in modo che
!1/4  −1/2
Tef f −1/8 M R
≈ 10−2 T9 . (8.46)
T M⊙ 10 km
Da questa relazione si può notare quanto la dipendenza dalla temperatura sia piccola
e, ponendo M = M⊙ e R = 10 km, si trova Tef f /T ≈ 10−2 .
Supponendo che la stella (considerata sferica) si raffreddi per emissione di fotoni e
utilizzando il risultato precedente abbiamo che
!1/3  !2 
M −2  Tef f,7 (f )
(t − t0 )(γ) = 2 × 103 α2 Tef f,7 1 −
 yr. (8.47)
M⊙ Tef f,7 (i)
214 8. Stelle di neutroni

Figura 8.4: Curve di raffreddamento della temperatura interna in funzione del tempo per
vari processi.

Tutti questi risultati possono essere riassunti in Fig. 8.4, dove l’importanza relativa
dei vari processi di raffreddamento viene plottata in funzione del tempo.
Ogni curva della figura rappresenta T (t) per ciascun processo, assumendo che gli
altri siano assenti. Il processo di raffreddamento più efficace a qualsiasi tempo sarà
quello con la T (t) più bassa: la temperatura interna sarà approssimativamente T a
quel tempo. Nei primissimi momenti dominano i processi URCA diretti che portano
in un giorno la temperatura a 1010 K. Nei seguenti 1000 anni dominano i processi di
bremsstrahlung, successivamente l’emissione di fotoni.
I calcoli effettuati con il modello standard, senza condensazione dei pioni e quarks,
suggeriscono una temperatura superficiale Tef f di almeno (1 − 2) × 106 K per un og-
getto di circa 300 yr con una temperatura minima di (0.5 − 1.5) × 106 K per almeno
104 yr. Le supernovae storiche sono importanti per verificare queste previsioni perché
si conosce la loro età in modo accurato, ma tra queste solo la Nebulosa del Granchio
possiede una pulsar all’interno. Il limite superiore di ∼ 2 × 106 K per la temperatura
superficiale della pulsar del Granchio dedotta da osservazioni con il satellite a raggi X
Chandra è consistente con i calcoli convenzionali. Alcuni dei valori delle temperature
superficiali osservati per altri oggetti di cui si ha una stima dell’età cadono invece al
di sotto di questi limiti teorici suggerendo un raffreddamento più rapido della stella. Il
modello del raffreddamento standard, che non considera la superfluidità della materia
neutronica, va bene per stelle giovani come quella del Granchio. Se si aggiunge anche
la superfluidità si riesce a giustificare anche la temperatura di Vela, che è una stella di
neutroni più vecchia.
Curve di raffreddamento 215

8.4.1 Superfluidità
La superfluidità e la superconduttività sono due facce dello stesso fenomeno, in cui si
forma un condensato. Nel primo caso il condensato è formato da particelle neutre (come
i neutroni) mentre nel secondo si ha condensato di particelle cariche. Consideriamo
un condensato di bosoni, quale 4 He, nel quale, al di sotto di una temperatura limite
Tlim , tutti i bosoni occupano lo stesso stato di momento nullo. I fermioni non possono
formare un condensato (principio di Pauli) ma, se esiste un’interazione, si possono
accoppiare formando coppie di Cooper. I fermioni formano un bosone a momento
nullo in quanto p = p↑ + p↓ = p − p = 0. Per esempio 3 He, stato fermionico a
spin s = 1/2, 3/2 riesce a condensare e formare coppie bosoniche. Altro esempio di
superconduttività è ciò che avviene nei metalli comuni, in cui gli elettroni formano
coppie di Cooper attraverso lo scambi di fononi, cioè delle vibrazioni reticolari degli
ioni.
In un materiale superfluido e superconduttore il primo stato eccitato è separato
da quello fondamentale da un gap energetico chiamato ∆. La temperatura critica che
discrimina tra stato normale e condensato è kB Tc ≃ ∆. Nel caso dei metalli questa
temperatura è dell’ordine del kelvin, quindi kB T ≃ 10−1 eV . Nel caso nucleare, invece,
E ∼ M eV per cui il gap è dello stesso ordine di grandezza dell’energia termica. Infatti,
nelle stelle di neutroni T = 109 K ⇒ kB T = 10−1 M eV e quindi ci può essere super-
fluidità. Ricordando che in questo sistema l’energia di Fermi neutronica è maggiore
di quella protonica, si ha che i neutroni formano un condensato prima dei protoni. I
neutroni della crosta interna si accoppiano a formare uno stato 1 S0 , cioè uno stato
di singoletto (S = 0) mentre nel core si accoppiano a dare uno stato di tripletto 3 P2
(S = 1).
q
L’energia delle coppie di Cooper è data da εqp = ε2k + ∆2 , da cui si vede che
il primo stato eccitato è separato da quello fondamentale di una quantità ∆. La
superfluidità modifica il calore specifico, infatti esso è dato da CVSF = CVN e−∆/kB T e, di
conseguenza, anche l’emissività εSF = εN e−∆/kB T . Questo vuol dire che i calori specifici
e le emissività sono molto più piccoli nello stato superfluido rispetto
 al caso normale a
causa del fattore esponenziale. In particolare se T ≪ Tc , CVSF ∝ ∆ T
e−∆/kB T , quindi
CVSF è molto più piccolo mentre se T ≤ Tc diventa più grande.
Facciamo osservare che non esiste una teoria per poter calcolare il pairing gap.
Si può procedere in due modi: si parte dai potenziali nucleonici neutrone-neutrone
in cui si trascurano le interazioni con le altre particelle o si considerano potenziali
efficaci ottenuti fittando proprietà dei nuclei terrestri. Nelle stelle di neutroni, però, si
potrebbero avere nuclei esotici, che si possono studiare solo con le nuove generazioni
di acceleratori a ioni pesanti. I risultati dei futuri esperimenti di laboratorio potranno
cosı̀ contribuire a dare informazioni più realistiche sui potenziali da usare.
Lo studio del raffreddamento di una stella implica l’analisi dei vari processi di raf-
freddamento per capire la loro propagazione nella crosta fino ad arrivare alla superficie
216 8. Stelle di neutroni

da cui si può poi ricavare la temperatura. Si trova che il core raffredda velocemente al
contrario della crosta in quanto, in essa, dominano effetti di bremsstrahlung. I modelli
oggi vigenti concordano in questo raffreddamento intenso del core interno ma non sul
processo dominante. In ogni caso, il tempo a cui arriva il brusco raffreddamento alla
superficie è indipendente dal tipo di raffreddamento del core.
È stato dimostrato che processi rapidi di raffreddamento nel core delle stelle di neutroni
e il salto nella temperatura superficiale possono porre dei limiti alla relazione massa-
raggio di una stella di neutroni dando, di conseguenza, informazioni sull’equazione di
stato della materia. Per densità ρ < 1014 g cm−3 , solo i neutroni sono superfluidi e
sono accoppiati in stati di singoletto. Per ρ > 1014 g cm−3 anche i protoni possono
essere superfluidi e i neutroni possono essere in stati di tripletto. Il problema della
superfluidità è che non si conosce l’interazione nucleone-nucleone.

8.4.2 Effetto delle impurità sul raffreddamento


Nella crosta non ci sono solo neutroni ma anche nuclei, che possono essere considerati
delle impurità. In che modo la presenza di questi nuclei influenza la superfluidità dei
neutroni? La conducibilità dovuta agli elettroni si può calcolare da

∂T
Fr = −K th , (8.48)
∂r

che unita all’equazione di continuità

∂Fr ∂T
+ CV = 0, (8.49)
∂r ∂t

dà l’equazione del calore


∂T ∂2T
=D 2, (8.50)
∂t ∂r
dove D = K th /CV è il coefficiente di diffusione. Definiamo τ ≡ t/tω e σ ≡ r/R;
tω ≡ R2 /D è il tempo in cui precipita la temperatura. Quindi si trova che

∂T ∂2T
= . (8.51)
∂τ ∂σ 2

Il modo migliore per calcolare tω , considerando che la crosta non è uniforme, è quello di
dividerla in regioni e calcolare, in ciascuna di esse, il corrispondente tω . Il risultato è che
la presenza dei nuclei nella crosta polarizza i neutroni quindi influenza la superfluidità
e interessa il CV . La quantità importante è la diffusività: con i nuclei il calore diffonde
più lentamente. La presenza dei nuclei ritarda il raffreddamento di circa un 20%.
Curve di raffreddamento 217

8.4.3 Raffreddamento in stelle strane


Tutti i fotoni irradiati dalla superficie di una stella subiscono il red-shift a causa del forte
campo gravitazionale. Ci si aspetta quindi che la temperatura che si vede all’infinito
sia più bassa a causa del red-shift. La luminosità sarà allora abbassata ulteriormente
perché anche il tempo risente del red-shift. Supponiamo che il core si raffreddi in un
mese o in un anno (cioè velocemente), ma quanto tempo ci mette questo raffreddamento
ad arrivare alla superficie? Ci sono due modi per calcolarlo:
• la risoluzione esatta dell’equazione del calore
dQ
∇·F+ = ε, (8.52)
dt
da cui si trova T = T (r, t)

• ci sono motivi per pensare che il valor medio della diffusione possa essere assimi-
lato ad un processo di raffreddamento.
Avevamo visto che per percorrere una distanza R ci vuole un tempo t ≈ R2 /D in cui
D = K th /c = 1/3¯lv è il coefficiente di diffusione. Se la crosta fosse omogenea (ρ e T
uniforme), anche D sarebbe uniforme. Altrimenti si può considerare
Z
dR2
t= . (8.53)
D(R)
Vediamo come si può risolvere l’equazione del calore in un caso particolare: le stelle
strane. Queste stelle costituiscono una nuova classe di oggetti compatti in cui il core
è formato da quarks ed è circondato da una sottile crosta di materia ordinaria. La
pressione nella crosta è dovuta dagli elettroni relativistici degeneri e il comportamento
termico della crosta stessa è quello di un solido. Questo significa che il calore specifico
cV è quello di un cristallo.
Il core si raffredda rapidamente a causa dell’intensa emissione neutrinica proveniente
dal decadimento β dei quarks. L’emissività neutrininca εν dipende dalla massa dei
quarks e dalla costante di accoppiamento QCD. Il suo valore è dato da
erg
εν = 9 × 10−30 T [K]6 . (8.54)
cm3 s
Per un gas degenere e non relativistico si ha che CV dT
dt
= εν . Assumendo che la
densità sia abbastanza costante e prendendo una temperatura iniziale Ti uniforme, la
temperatura del core al tempo t è data da

Tc (t) = Ti (1 + εTi4 t)−1/4 , (8.55)

in cui ε = 1.7 × 10−30 R2 /M −2/3 .


218 8. Stelle di neutroni

Queste stelle avrebbero una crosta che ha densità che va da zero a ρdrip che corri-
sponderebbe quindi alla crosta esterna e alla pelle della stella di neutroni normale.
Vediamo di calcolare la temperatura superficiale, ovvero T∞ . Useremo Tc (t) come
condizione al contorno sulla superficie di separazione tra core e crosta. L’ipotesi di
crosta è che in essa il calore specifico sia dovuto al reticolo ionico e il trasporto di
calore alla conduzione elettronica, come per le stelle di neutroni normali (nella pelle
invece il trasporto avviene per radiazione).
La pressione invece è dominata dagli e− (degeneri e relativistici). La maggior par-
te della massa è concentrata nel core, mentre nella crosta si trova di solito 10−3 −
10−4 Mtotale . La curvatura della crosta (raggio della crosta è circa 1 km) è tale da poter
usare la geometria piana. In relatività speciale si ha dilatazione dei tempi e contrazio-
ne delle lunghezze a causa del moto del sistema di riferimento. In relatività generale
succede lo stesso, però a causa di intensi campi gravitazionali. Non si usa la coordinata
r ma la coordinata propria
z = e−Φ (R − r), (8.56)
in cui R − r è la distanza dalla crosta e e2Φ = 1 − 2GMRc2
. Si trova che il gradiente di
pressione è dato da
dP
= ρgs , (8.57)
dz
in cui
GM
gs = 2 e−Φ , (8.58)
R
rappresenta la gravità superficiale.
Dall’assunzione che la pressione sia dovuta ad un gas di e− degeneri e relativistici,
si ottiene P = 1.25 × 1015 ξ(Ye ρ)4/3 in cui ξ = 1 − 0.0046Z 2/3 è il fattore di correzione
coulombiana Eq. (3.11) dovuta al reticolo. Sostituendo in dP/dz = ρgs si trova
l’espressione analitica di come varia la densità scendendo lungo la crosta
!3
−48 gs
ρ = 8 × 10 Ye−4 z 3 . (8.59)
ξ

La crosta si estende fino ad una profondità zc e densità ρc in cui è in contatto con il


core fatto di quarks. Calcoli teorici sulla stabilità della materia strana indicano che
questa ρc coincide con la densità del neutron drip.
Per l’equazione del calore
1 ∂T
∇2 T = , (8.60)
D ∂t
devo conoscere D e quindi CV e la conducibilità termica che tipicamente si trova essere
uguale a
K th = 3.3 × 1011 (Ye ρ)2/3 , (8.61)
valida per e− che interagiscono con gli ioni.
Curve di raffreddamento 219

Stiamo considerando l’approssimazione di crosta solida ma, in realtà, una parte


risulta essere liquida. Per la legge di Dulong-Petit

CV = 3kB NZ , (8.62)

in cui NZ rappresenta la densità numerica del reticolo ionico.


L’equazione relativistica del calore è in una dimensione (abbiamo ipotizzato geo-
metria piana) !
∂T ∂ ∂T
CV = K th , (8.63)
∂S ∂z ∂z
in cui S = eΦt è il tempo proprio. Bisogna ora risolvere questa equazione ricordando
che il profilo di densità è della forma ρ = f (z 3 ). Quindi si ottiene

k = a2 z 2 ,
CV = a1 z 3 ,
(8.64)

in cui a1 e a2 sono costanti che dipendono da Z, A e gs .


Definiamo le coordinate adimensionali
z S a1 3
x= , τ= , Sc = z . (8.65)
zc Sc a2 c
Si ottiene un’equazione differenziale adimensionale se si rende adimensionale anche T
T
θ =1− . (8.66)
Ti
Definiamo anche la funzione F come
Tc
F =1− = 1 − (1 + aτ )−1/4 dove a = εTi4 Sc . (8.67)
Ti
L’equazione del calore diventa
!
∂θ 1 ∂ ∂θ
= 3 x2 , (8.68)
∂τ x ∂x ∂x

che va risolta con le condizioni al contorno

θ(1, τ ) = F (τ ),
θ(0, τ ) < ∞,
θ(x, 0) = 0.
(8.69)
220 8. Stelle di neutroni

Figura 8.5: Temperature superficiali misurate da un osservatore lontano. I risultati cor-


rispondenti ad una stella strana sono rappresentati dalla linea solida. La linea tratteggiata
corrisponde a stelle di neutroni ordinarie.

Queste condizioni non sono altro che la richiesta di avere la temperatura a z = zc


coincidente con quella del core, che la temperature alla superficie sia finita e che la
temperatura iniziale della crosta abbia il valore costante Ti .
L’equazione del calore può, allora, essere integrata ottenendo la soluzione nela forma
θ(x, τ ) = R(x, τ )F (τ ), (8.70)
in cui R si dice funzione di risposta. La temperatura della crosta risulta funzione di R
secondo l’espressione
T (x, τ ) = [1 − R(x, τ )]Ti + R(x, τ )Tc (τ ). (8.71)
Discutiamo ora il significato fisico di questo risultato. La crosta agisce come un isolante
che rallenta il segnale termico proveniente dal core. L’efficienza di questo ritardo lungo
la crosta viene espresso in funzione di R(x, τ ). Un valore nullo di tale funzione indica
un isolamento perfetto, mentre il valore unitario implica equilibrio termico tra crosta
e core.
In Fig. 8.5 viene mostrata la quantità Ts∞ , cioè la temperatura superficiale modi-
ficata a causa del red-shift gravitazionale: si vede che la temperatura superficiale di
una stella strana con crosta è più bassa di quella di una stella di neutroni (ordinaria o
con uno stato condensato nel core) della stessa età. Il salto di temperatura presente a
tempi brevi rappresenta un indicatore per l’identificazione di una stella strana.
Capitolo 9

Pulsars

La possibilità dell’esistenza delle stelle di neutroni fu postulata dopo la scoperta del


neutrone da parte di Chadwick nel 1932. Nel 1934, Baade e Zwicky cercarono di
collegare il collasso di stelle ordinarie con le stelle di neutroni e i primi modelli teorici
furono sviluppati da Oppenheimer e Volkoff nel 1939. Le stelle di neutroni non furono
considerate interessanti fino all’osservazione delle pulsars nel 1967 ad opera di Hewish
e Bell. Essi osservarono, per la prima volta, un oggetto che emetteva onde radio alla
frequenza di 81.5 M Hz ad impulsi periodici di periodo 1.377 s. L’identificazione di
questi oggetti con le stelle di neutroni non fu però ovvia.
Le pulsars devono il loro nome al fatto che la radiazione è pulsata con un periodo
molto regolare e breve. Il periodo delle pulsars osservate finora spazia dai millisecondi ai
secondi. Le pulsars osservate sono sorgenti a bassa frequenza (≤ 400 M Hz) ma alcune
di esse hanno periodi molto brevi (≤ 0.1 s) ed emettono nel visibile, nel range dei raggi
X e γ. I modelli sviluppati per spiegare l’emissione di questa radiazione richiedono il
moto di elettroni (o positroni) molto energetici in campi magnetici intensi. Finora si
conoscono 350-400 pulsars la maggior parte delle quali non si trovano in sistemi binari.
Si ritiene che le pulsars si siano originate in sistemi binari e poi, grazie alla velocità di
rinculo, siano fuggite dal sistema.
A livello di struttura fine, le pulsazioni hanno una struttura molto complicata. La
pulsazione è regolare ma decrescente il che significa che la stella ruota meno velocemente
e che, probabilmente, la radiazione elettromagnetica emessa è dovuta alla rotazione.
Per alcune pulsars si presenta il fenomeno dei glitches, cioè improvvise accelerazioni
che determinano una diminuzione del periodo.
La pulsars più famosa si trova al centro della nebulosa del Granchio (Crab Nebula),
il remnant di una supernova che, secondo i cinesi, esplose nel 1054 A.C. Questa pulsars
ha un periodo di 33 ms e sta aumentando il periodo di 1 ms ogni 90 yr.

221
222 9. Pulsars

9.1 Pulsar: stella di neutroni rotante


L’argomento principale che ha portato all’identificazione delle pulsars con stelle di neu-
troni si basa sulla brevità e stabilità del periodo. Infatti il periodo di emissione delle
pulsars varia generalmente tra 10−3 − 1 s, con osservazioni di pulsar con periodi molto
più lunghi (102 − 103 s). La distanza percorsa dalla luce nel più breve periodo osservato
t = 1.25 ms è circa d ∼ ct = 375 km. Questo pone un limite superiore alla dimen-
sione dell’oggetto emettitore. Infatti, due punti a distanza maggiore di 375 km non
potrebbero comunicare tra di loro per emettere luce coerente. Si tratta di un oggetto
compatto a scelta tra WD, SN e BH. Esistono tre possibili meccanismi che posso-
no spiegare la regolarità del periodo della radiazione emessa dalle pulsars: rotazione,
pulsazione e sistema binario.
Il buco nero isolato non ha struttura, per cui non si può avere un emettitore pe-
riodico, mentre un buco nero che sta aumentando la sua massa (sistema binario) non
avrebbe un periodo cosı̀ regolare.
Consideriamo la massima velocità di rotazione di un oggetto, tenendo in considera-
zione il fatto che la materia può essere scagliata via dalla stella se questa ruota troppo
velocemente. In questo modo si può determinare la massima frequenza angolare e, di
conseguenza, il periodo minimo di rotazione, uguagliando l’attrazione gravitazionale
alla superficie della stella con la forza centrifuga che tende a staccare la materia dalla
superficie. Questo implica condizione di peso nullo sulla superficie della stella. Quindi
si può scrivere che
#1/2
R3
"
GM 2 2π
2
= Rωmax e τmin = = 2π , (9.1)
R ωmax GM

dove ω è la velocità angolare di rotazione. L’equazione precedente può essere riscritta


in termini della densità
q 1
ωmax ∼ Gρ e τmin ∼ √ . (9.2)

Da questa espressione si vede che una stella di neutroni con massa ∼ M⊙ potrebbe
ruotare con un periodo dell’ordine del millisecondo. Questo vuol dire che oggetti densi,
quali le stelle di neutroni, possono ruotare velocemente senza perdere massa mentre
oggetti meno densi, quali le nane bianche, non sono adatte allo scopo. Se consideriamo
una densità media di 108 g cm−3 (tipica delle nane bianche) si ottiene un periodo di
∼ 1 s. Si potrebbe, allora, pensare alla possibilità di una nana bianca pulsante ma il
periodo più breve per il modo fondamentale di un tale oggetto è di ∼ 2 s, troppo grande
per il periodo caratteristico delle pulsars. Armoniche superiori hanno periodi molto
più brevi ma risulterebbe troppo complicato eccitarle; inoltre, la perdita di energia in
un sistema che vibra porterebbe ad una diminuzione del periodo di rotazione (legge di
Modello del dipolo magnetico 223

Keplero). Questo è in contraddizione con i dati delle pulsars che affermano il contrario:
il periodo aumenta.
Una stella di neutroni pulsante ha una densità ∼ 106 volte la densità di una nana
bianca da cui si ricava che il periodo fondamentale risulta ∼ 10−3 , troppo breve per
spiegare le pulsars più lente. Si potrebbe pensare a un opportuno sistema binario di
stelle di neutroni con periodo nel range 10−3 − 10−4 s. Tuttavia, un tale sistema risulta
essere un buon emettitore di onde gravitazionali che provocherebbero la diminuzione
del periodo e non un aumento, come viene osservato.
Solo una stella di neutroni in rotazione può spiegare questa regolarità nella frequen-
za. Calcoliamo il momento di inerzia di una tale stella assumendola di forma sferica e
di densità uniforme
2
I = M R2 . (9.3)
5
Le altissime frequenze osservate possono essere comprese semplicemente dalla conser-
vazione del momento angolare durante la contrazione, prendendo come valori tipici
Ti = T⊙ ∼ 30 giorni, Ri ∼ R⊙ :
2
Rf

Ii ωi = If ωf ⇒ Tf ≃ Ti ∼ 10−10 Ti ∼ 10−3 s (9.4)
Ri

dell’ordine di grandezza dei periodi osservati.

9.2 Modello del dipolo magnetico


Il modello più semplice per descrivere le proprietà osservate delle pulsars è il cosı̀ detto
modello di dipolo magnetico il quale riesce a dimostrare che l’emissione di radiazione
dalle pulsars è dovuta all’energia cinetica di rotazione della stella di neutroni. Nella
versione del rotatore obliquo, si assume che la stella di neutroni ruoti uniformemente
nel vuoto ad una frequenza ω e possegga un momento di dipolo magnetico m orientato
di un angolo α rispetto all’asse di rotazione. Si assume inoltre che la rotazione sia
sufficientemente lenta da evitare distorsioni dalla forma sferica della stella.
Indipendentemente dalla geometria interna, il campo di dipolo magnetico al polo
magnetico della stella, Bp , si calcola dalla conoscenza di m attraverso la relazione

Bp R3
m = |m| = , (9.5)
2
in cui R è il raggio della stella. Una tale configurazione possiede un momento di dipolo
che varia con il tempo per cui irradia energia al tasso di

dE 2
P =− = 3 |m̈|2 . (9.6)
dt 3c
224 9. Pulsars

111111111111111111111
000000000000000000000
000000000000000000000
111111111111111111111
000000000000000000000
111111111111111111111
magnetic axis
spin axis

0000
1111
1111
0000
0000
1111
0000
1111
0000
1111
0000
1111
0000
1111

Figura 9.1: Modello del dipolo magnetico.

Il momento di dipolo magnetico può essere scomposto nelle sue componenti lungo l’asse
di rotazione (ek ) e lungo assi perpendicolari a questo e mutuamente ortogonali tra loro
(e⊥1 e e⊥2 )
1
m = Bp R3 (ek cos α + e⊥1 sin α sin ωt + e⊥2 sin α cos ωt), (9.7)
2
da cui si può ricavare che
1
m̈ = Bp R3 (−e⊥1 ω 2 sin α sin ωt − e⊥2 ω 2 sin α cos ωt). (9.8)
2
Alla fine si trova
1 2 1
P = −Ė = Bp2 R6 ω 4 sin2 α 3 = 3 Bp2 R6 sin2 αω 4 . (9.9)
4 3c 6c
Se guardiamo in una direzione vedo solo una componente che è quindi pulsata (sin ωt
o cos ωt nella direzione ortogonale) mentre lungo ω non vedo niente.
La quantità Ė rappresenta l’energia totale persa (proporzionale a ω 4 ) e quindi
emessa che si può anche scrivere come
1 2 6 2 4
Ė = Iω ω̇ = − B R sin αω , (9.10)
6c3 p
Modello del dipolo magnetico 225

da cui si ricava che


2Bp2 R6 sin2 αω 3
ω̇ = − . (9.11)
3c3 I
Poiché Ė < 0, risulta ω̇ < 0, cioè la pulsar sta rallentando. Da valori osservati di ω e
ω̇ e usando valori teorici di R ed I, si può ricavare il valore di Bp . Per molte pulsars,
il campo magnetico assume valori di ∼ 1012 gauss, ma per alcune (quelle con periodi
molto brevi) Bp è molto più piccolo, in alcuni casi anche ∼ 108 gauss.
Esiste un’argomentazione storica alla base dell’ipotesi della radiazione di dipolo
magnetico come meccanismo di perdita di energia da una pulsar: questo meccanismo
dà un’età per la pulsar del Granchio consistente con la data della supernova che ha
prodotto la nebulosa del Granchio. Assumiamo che la pulsar del Granchio sia una
stella di neutroni sferica di massa M = 1.4 M⊙ , R = 12 km e I = 1.4 × 1045 g cm2 . La
frequenza angolare della pulsar del Granchio, ω = 190 s−1 , non è esattamente costante
ma cambia ad un tasso dato da

= −2.4 × 10−9 s−2 , (9.12)
dt
che corrisponde ad un aumento di circa un millisecondo in un periodo di novanta anni.
La sua energia di rotazione è quindi data da Erot = 12 Iω 2 e diminuirebbe come

dErot dω
= Iω . (9.13)
dt dt
Da questo si può dedurre che il tasso di perdita dell’energia rotazionale della stella di
neutroni nel cuore della nebulosa del Granchio sia 4.6 × 1038 erg/s. Questa perdita
di energia è confrontabile con la luminosità stimata della nebulosa del Granchio, pari
a 5 × 1038 erg/s. Questo buon accordo spiegherebbe perché gli elettroni relativistici
emessi (responsabili della luminosità della nebulosa) hanno mantenuto la loro energia
per circa 1000 yr dopo l’esplosione della SN.
Il campo magnetico Bp per la stella di neutroni della nebulosa del Granchio risulta
essere uguale a
Bp = 5.2 × 1012 gauss (sin α = 1). (9.14)
Questo è un campo magnetico enorme corrispondente ad una densità di energia ma-
gnetica di circa 4 × 1022 erg cm−3 . Da dove nasce un tale campo magnetico? L’ipotesi
che si fa è la seguente: un tale campo potrebbe originarsi dall’intrappolamento del
flusso magnetico (effetto Meisner) durante il collasso gravitazionale ad una stella di
neutroni molto compatta. Il flusso magnetico attraverso un qualsiasi loop che si muove
con un fluido di alta conducibilità è costante. Questo implica che la contrazione di
un core ferroso di raggio 1000 km ad una stella di neutroni di raggio 10 km potrebbe
aumentare il campo magnetico interno di un fattore 104 .
226 9. Pulsars

Assumiamo, in maniera del tutto generale, che il meccanismo di emissione di energia


da parte di una stella di neutroni sia del tipo

Ė = −αω n+1 (9.15)

in analogia con quanto visto per l’emissione termica per le potenze di T . Allora
α
ω̇ = − ω n = −βω n (9.16)
I
L’esponente n è detto braking index (indice di frenamento). Definiamo tempo caratte-
ristico la quantità misurata al tempo attuale
ω 1 ω̇ ω˙0
 
T =− ⇒ = − = − = βω0n−1 (9.17)
ω̇ t0 =adesso T ω t0 ω0
Riscriviamo l’equazione differenziale come segue
ωn
ω̇ = −βω n = − (9.18)
ω0n−1 T
Nel caso della Crab abbiamo T ≃ 2486 yr mentre per Vela T ≃ 22000 yr. Questo
tempo caratteristico è un parametro osservativo legato all’età della stella.
Integriamo l’equazione precedente ponendo ω = ωi al tempo t = 0 e indicando con
t il tempo attuale. Si può scrivere
dω n−1 1 1 n−1
= n−1 dt ⇒ − n−1 = t (9.19)
dω n T ω0 ω n−1 ωi T ω0n−1
da cui si ottiene !− 1
ωin−1 t n−1
ω(t) = ωi 1 + (n − 1) n−1 . (9.20)
ω0 T
Se t = τ (età della stella) si può scrivere
" n−1 #
T ω0

τ= 1− (9.21)
n−1 ωi
Se si avesse solo perdita di energia elettromagnetica, si dovrebbe trovare n = 3. Questo
significa "  2 #
T ω0
τdip = 1− (9.22)
2 ωi
Sostituendo il valore attuale della velocità angolare, si conclude che la stella di neutroni
nella nebulosa del Granchio sta ruotando da circa
T
τ< = 4 × 1010 s = 1253 yr. (9.23)
2
Modello del dipolo magnetico 227

Nel caso in cui ω0 ≪ ωi si ottiene τdipolo = T /2. Questo tempo è confrontabile con
l’età storica della nebulosa del Granchio (1054 d.c). In realtà questo modello dà l’età
storica esatta se la velocità angolare iniziale della stella di neutroni fosse circa 400 s−1 .
Comunque, il declino della velocità angolare non è stazionario come espresso dalle
equazioni precedenti, ma si possono avere brusche variazioni: per esempio, il periodo
della pulsar del Granchio diminuı̀ improvvisamente di circa 3 ns il 29 Agosto 1989.
La fisica che sta alla base del meccanismo dell’emissione pulsar è molto complicata
e i modelli schematici non sempre sono sufficienti per analizzare il fenomeno. Infatti,
una stella di neutroni rotante potrebbe emettere anche radiazione gravitazionale. Il
gravitone, che è un bosone vettoriale, ha spin 2 ed massa nulla. Le sorgenti del campo
sono le masse. Se queste sono ferme o si muovono di moto uniforme non emettono. Ma
se sono accelerate irraggiano. Nel caso del gravitone si può avere emissione quadrupo-
lare e non di dipolo. L’equivalente del quadrupolo elettrico è un corpo deformato che
non ha simmetria assiale. Basta una piccola eccentricità per giustificare la radiazione
gravitazionale. Dalla teoria di Einstein è possibile ricavare che Iω ω̇ ∝ ω 6 : per l’emis-
sione gravitazionale è possibile fare esattamente lo stesso discorso fatto per l’emissione
elettromagnetica con n = 5. Nel limite ωi ≫ ω0 si ottiene
T
τgrav = = 621 yr. (9.24)
4
È stato sviluppato un modello più completo in cui l’energia emessa è data da Iω ω̇
mentre il meccanismo di emissione risulta essere dato da
Ė = Ėgrav + Ėe.m. . (9.25)
I risultati ottenuti sono
T1972 = 2486 yr,
τ = 1972 − 1054 = 918 yr
ε = 2.9 × 10−4 (9.26)
Bp sin α = 4.6 × 102 gauss,
Ėgrav = 1.4 × 1038 erg/s,
Ėe.m. = 5.1 × 1038 erg/s. (9.27)
Questo vuol dire che la maggior parte dell’energia emessa si trova sottoforma di energia
elettromagnetica. In questo modello misto n = 3.43. La misura di n avviene misurando
accuratamente il periodo, le sue variazioni e sfruttando l’Eq. (9.16) per ottenere:
ω̈ω
n=− (9.28)
ω̇ 2
Per la pulsar del Granchio si trova n = 2.5 ± 0.005. Tutto questo significa che il
modello deve essere raffinato. Esistono, ad esempio, modelli secondo cui può esserci
228 9. Pulsars

l’allineamento o anti-allineamento dell’asse magnetico di una pulsar con il suo asse di


simmetria (che non è necessariamente l’asse di rotazione). In questi modelli n può
abbassarsi a 2 durante l’anti-allineamento mentre alla fine di ciò n = 3.
Il modello più realistico per il campo magnetico di una stella di neutroni è che essa
possieda una magnetosfera in cui vengono intrappolate particelle cariche strappate alla
stella. La magnetosfera non è altro che un plasma immerso nel campo magnetico. Le
particelle cariche, muovendosi lungo le linee del campo magnetico, emettono energia.
La trattazione di un momento di dipolo immerso in una magnetosfera è un complicato
e irrisolto problema di magnetoidrodinamica. Goldreich e Julian (GJ) propongono
il modello del rotore allineato, nel quale il momento magnetico è allineato con l’asse
di rotazione, come mostrato in figura 9.2. Viene definito il cilindro di luce come il
luogo dei punti che distano dall’asse di rotazione di una distanza Rl tale per cui v =
Rl ω = c. Entro il cilindro di luce si assume che le particelle costituenti la magnetosfera
coruotino con la stella, mentre all’esterno ho linee di campo aperte lungo le quali
vengono allontanate definitivamente le particelle cariche, strappate dagli intensissimi
campi elettrici.
In realtà il modello di GJ non è realistico in quanto, poiché il dipolo è allineato con
l’asse di rotazione, non può esserci emissione di radiazione di dipolo.
Si considera allora qualitativamente un caso simile a GJ, ma nel quale asse di rota-
zione e dipolo non siano allineati. Ci aspettiamo che all’interno del cilindro di luce valga
B ∼ BP R3 /r3 , mentre a grande distanza l’intensità della radiazione elettromagnetica
sia proporzionale al vettore di Poyinting, per cui
1 B2 E2 cB 2
!
I ∝ S = cε = c + = (9.29)
2 4π 4π 4π
Raccordando le due soluzioni a r ∼ Rl si ottiene che l’energia emessa è pari a
BP2 ω 4 R6
Ė ∼ (9.30)
c3
che è la stessa dipendenza trovata nel caso semplice di rotore non allineato senza
magnetosfera.
Si può quindi schematizzare la vita di una pulsar nel seguente modo: nasce con
un’alta frequenza di rotazione, emette onde gravitazionali che la fanno rallentare au-
mentando il contributo delle onde e.m. che, successivamente, diventa determinante. Gli
elettroni vengono accelerati essenzialmente da onde e.m. perché quelle gravitazionali
hanno poca efficacia su di essi.
Non esistono, tuttora, modelli soddisfacenti che spieghino come il meccanismo di
emissione della radiazione possa venir convogliato nelle pulsazioni cosı̀ regolari delle
pulsars. Esistono sicuramente meccanismi differenti che portano all’emissione radio
o ad alta energia. Infatti, nel caso della pulsar del Granchio, si ha una temperatura
di brillanza per la radiazione ad alte energie di The ≃ 1011 K corrispondenti a circa
Pulsar Glitches e superfluidità 229

Figura 9.2: Schema del modello del rotore allineato proposto da Goldreich e Julian. Par-
ticelle legate alle linee di campo magnetico chiuse coruotano con la stella e formano la ma-
gnetosfera corotante. Le linee di campo magnetico che attraversano il cilindro di luce (dove
v = c) sono aperte e deviate in modo da formare una componente toroidale del campo. Par-
ticelle cariche fluiscono lungo queste linee. La linea di campo critica è allo stesso potenziale
elettrico del mezzo interstellare circostante. Questa linea divide le regioni di flusso di corrente
positiva e negativa; i segni + e − indicano la carica delle diverse regioni dello spazio. La linea
tratteggiata diagonale rappresenta il luogo dei punti dove Bz = 0, dove avviene un cambio di
segno della carica. L’angolo sotteso dalla calotta polare contenente linee di campo aperto è
θp .

10 M eV . Nel caso delle onde radio si ottiene Tradio ∼ 1019 − 1022 K da cui si ricava
106 −109 GeV . Questo implica che l’emissione radio richiede un’emissione coerente, cioè
un fenomeno collettivo in cui tante particelle si accoppiano ed emettono coerentemente,
mentre questa coerenza non è richiesta per l’emissione X − γ.

9.3 Pulsar Glitches e superfluidità


Le pulsars, in generale, possiedono una frequenza di rotazione decrescente con un tasso
tipico |ω/ω̇| ∼ 103 − 106 yr attraverso output e.m. Le particelle cariche perdono il loro
momento angolare direttamente, mentre i neutroni, che trasportano la maggior parte
del momento angolare della stella, trasferiscono momento alle particelle cariche.
È stato osservato che alcune pulsars, possiedono un improvviso spin-up o glitch.
L’esempio di Vela è mostrato in Fig. 9.3. Per esempio, la Pulsar Vela, PSR 0833-45,
di periodo 89 ms, ha effettuato nove di tali glitches dall sua scoperta nel 1968. Queste
230 9. Pulsars

Figura 9.3: Periodo della pulsar di Vela con i quattro glitches registrati.

accelerazioni sono dell’ordine di


∆ω
∼ 10−6 , (9.31)
ω
che corrispondono ad un aumento nell’energia rotazionale pari a

∆Erot = Iω∆ω ∼ 1043 erg. (9.32)

La quantità I è il momento d’inerzia della stella ed è uguale a I ∼ 1045 g cm−2 . Questo


aumento in energia è uguale all’output energetico del Sole per un periodo di ∼ 100 yr.
La Pulsar del Granchio ha effettuato 4 glitches di dimensione

∆ω
∼ 10−9 . (9.33)
ω
I glitches sono stati osservati in altre pulsars. Dopo l’iniziale accelerazione, il tasso
di rotazione ritorna al valore pre-glitch nel giro di giorni o anni. Questo fenomeno
di rilassamento è simile al processo di rilassamento dei vortici osservati nello stato
superfluido in rotazione di 3 He.
Sono state presentate molte ipotesi sulla natura di questi glitches. Quella più
accettata, proprio per la similarità di comportamento con l’3 He è la seguente: il gas
di neutroni che si forma nella inner crust di una stella di neutroni è superfluido cosı̀
Pulsar Glitches e superfluidità 231

come lo sono i neutroni nei nuclei. Un superfluido può rotare solo formando linee di
vortice parallele all’asse di rotazione. Queste linee sono attaccate (pinned) ai nuclei
del reticolo cristallino in cui si muove il gas superfluido di neutroni. Fintanto che i
vortici rimangono fissati ai nuclei la velocità angolare rimane costante. I glitches si
originano nel momento in cui le linee di vortice si staccano dai nuclei (unpinning) con
conseguente trasferimento di momento angolare dall’inner crust alla crosta.
Cerchiamo di spiegare in maniera più quantitativa questo fenomeno utilizzando il
modello a due componenti. In questo modello, la stella di neutroni possiede una com-
ponente normale di materia, dovuta alla crosta e alle particelle cariche, di momento
d’inerzia Ic , debolmente accoppiata alla componente superfluida neutronica di momen-
to d’inerzia In . La componente carica ruota alla velocità angolare della stella ωc (t),
poiché tutte le particelle cariche sono fortemente accoppiate al campo magnetico. La
componente supefluida neutronica ruota con una velocità angolare ωn (t). L’accoppia-
mento tra queste due componenti viene descritta tramite un parametro τc , che rap-
presenta il tempo di rilassamento: se la crosta rallenta per emissione elettromagnetica
anche il superfluido rallenterà ma con un ritardo τc . Quest’ultimo si origina in quanto
si considera la presenza di attrito tra le due componenti e si ha quindi dissipazione.
L’equazione del moto per la componente normale si può scrivere
Ic (ωc − ωn )
Ic ω̇c = −α − (9.34)
τc
in cui il primo termine a destra rappresenta il momento della forza dovuto all’emis-
sione elettromagnetica mentre il secondo termine descrive l’accoppiamento tra le due
componenti normale e superfluida.
L’equazione del moto per la componente superfluida si può scrivere
Ic (ωc − ωn )
In ω̇n = (9.35)
τc
Integrando si ottiene
ωc = − αI t + IIn ω1 e−t/τ + ω2
(
(9.36)
ωn = ατ
Ic
− ω1 e−t/τ + ωc
in cui (
I = In + Ic IN S ∼ 1045 g/cm3
(9.37)
τ = τc IIn
Cerchiamo la soluzione stazionaria quando t ≫ τ
ωc = − αt
(
I
+ ω2
(9.38)
ωn − ωc = ατ
Ic

La prima equazione indica che la crosta rallenta linermente mentre la seconda dà la
differenza di velocità angolare tra componente normale e superfluida in cui quella su-
perfluida è più veloce. Imponendo che a t = 0 vi sia un salto finito ∆ωc,0 , si può
232 9. Pulsars

Ω Q ∆ ω0
ω 0(t) ∆ ω0
Pulsation Frequency

Time

Figura 9.4: Dipendenza temporale della frequenza angolare ω dopo l’improvviso spin-up.

ricavare una semplice espressione per analizzare il comportamento post-glitch. Infatti,


si può scrivere che per la componente carica vale

ωc (t) = ωc,0 (t) + ∆ωc,0 [Qe−t/τ + 1 − Q] (9.39)

in cui Q è un parametro collegato alla velocità di rilassamento della velocità angolare


e ωc,0 (t) = ωc,0 − αt/I rappresenta la velocità che si avrebbe in assenza di glitch. Il
comportamento indicato in Eq. (9.39) e illustrato in Fig. 9.4 dà un buon accordo con i
dati sperimentali noti. Il fatto che questo modello funziona abbastanza bene giustifica
il fatto che alla base del fenomeno vi sia la superfluidità dei neutroni. Sempre in questo
modello si dimostra che Q = IIn . Questo vuol dire che Q e τ si possono derivare da
osservazioni di proprietà macroscopiche di movimento avendo, come conseguenza, di
fornire informazioni su proprietà microscopiche della stella quali In /I, ovvero sulla
componente di massa neutronica rispetto alla massa totale.
Andiamo oltre questo modello fenomenologico introducendone uno più sofisticato
in cui la superfluidità della materia gioca un ruolo fondamentale. Abbiamo visto pre-
cedentemente che lo stato fondamentale di un condensato è separato dal primo stato
eccitato da un gap pari a ∆. Consideriamo il caso di temperatura nulla T = 0. Le
eccitazioni termiche sono dell’ordine necc ∝ e−∆/kB T < 10−10 in quanto ∆ ≃ 1 M eV
e kB T ≤ 0.1 M eV . Questo significa che le eccitazioni sono in numero ridotto e le
particelle si trovano tutte nello stato condensato n0 . Solo le particelle nella banda
di conduzione sono responsabili dei fenomeni dissipativi. Possiamo descrivere l’intero
1/2
sistema condensato con un’unica funzione d’onda macroscopica Ψ = n0 eiΦ in cui Φ
è semplicemente un fattore di fase globale in quanto |Ψ|2 = n0 . L’autofunzione Ψ
Pulsar Glitches e superfluidità 233

descrive il condensato di coppie di Cooper. Dalla meccanica quantistica sappiamo che


v = p/m = −ih̄/m∇ per cui

ih̄ 1/2 h̄ iΦ h̄
vΨ = − ∇Ψ = −in0 e i∇Φ = ∇ΦΨ (9.40)
m m m

Quindi h̄/m∇Φ è un autovettore della velocità del fluido in cui m è la massa della
coppia di Cooper per cui m = 2mn da cui segue che v = 2mh̄ n ∇Φ. Dall’espressione
trovata della velocità si vede che ∇ × v = 0 (perché il rotore di un gradiente è sempre
nullo). Questo vuol dire che un superfluido può solo avere moto irrotazionale, quindi
potenziale nel senso che la velocità risulta essere il gradiente di un potenziale.
La stella di neutroni ha un contenitore (crosta) che ruota, possiamo chiederci cosa
succede al core superfluido per effetto di questa rotazione. Consideriamo un contenitore
ruotante con all’interno del liquido (secchio di Newton). Aggiungiamo He solido e
mettiamo in rotazione. Quello che vediamo è una rotazione rigida, cioè vr = ω × r
in cui r è la distanza dall’asse di rotazione. Diminuendo la pressione, l’elio solido
diviene liquido superfluido. Dato che |∇ × vr | = 2ω 6= 0, il superfluido non può
ruotare rigidamente. Il superfluido sta fermo se la rotazione del secchio è lenta. Ma
cosa succede se la rotazione è rapida? Quello che bisogna fare è calcolare lo stato
termodinamicamente più stabile del sistema rotante, cioè quello a energia minima, cioè
minimizzare la quantità
ER = E0 − L0 · ω (9.41)

in cui il termine a sinistra rappresenta l’energia cinetica del sistema in rotazione a


velocità angolare ω, il primo termine a destra è l’energia nel sistema del laboratorio
(fisso) e L0 è il momento angolare. Questa quantità può diventare negativa se E0 <
L0 · ω, per cui la rotazione fornisce un vantaggio energetico (con ω sufficientemente
grande) rispetto al caso di rotazione nulla.
Consideriamo tutto ciò in modo più quantitativo nel caso più semplice di vortice
rettilineo. L’asse del vortice ha lunghezza infinita e ogni punto del fluido ruota attorna
all’asse con velocità
k
v(x) = eθ . (9.42)
R
Da questa relazione si vede che la velocità diventa sempre più intensa quando R → 0
e presenta una singolarità in R = 0. Questo vuol dire che il vortice ha un buco
nel mezzo a causa della forza centrifuga. All’aumentare della rotazione del recipiente
anche il superfluido deve essere in movimento. La condizione di irrotazionalità dello
stato superfluido può essere violata solo sulle linee di vortice. Esiste, quidi, un valore di
frequenza critica tale per cui al di sopra di questo valore si ha l’insorgere delle linee di
vortice. Inoltre è energeticamente favorevole formare due vortici con n = 1 piuttosto
che uno solo con n = 2: questo è dovuto al fatto che E ∝ n2 mentre L ∝ n. La
234 9. Pulsars

Figura 9.5: Vortice classico.

frequenza critica per il caso di vortici con n = 1 è data da


!
h̄ R
ωcrit = 2
ln . (9.43)
2mn R ξ
in cui ξ è il raggio del buco. Aumentando ulteriormente la velocità di rotazione,
aumenta anche il numero dei vortici. Infatti, si ha che E ∼ ω, L ∼ ω da cui Lω ∼ ω 2 .
Questo significa che, per grandi ω domina il termine di rotazione Lω da cui segue che
minimizzare l’energia libera è equivalente a massimizzare la rotazione.
D’altra parte, il massimo momento angolare si ottiene quando il liquido si muove
come un tutt’uno (corpo rigido) cioè quando
v = ω × R. (9.44)
Questo significa che si formano tanti vortici in modo tale che la somma delle loro
frequenze di rotazione dia un moto analogo alla rotazione di corpo rigido. Solo lo-
calmente si ha un moto vorticoso ed è necessario introdurre dei domini non connessi
che conservano l’irrotazionalità. Facciamo l’ipotesi che esiste un vortice e calcoliamo
la circuitazione della velocità lungo un cammino chiuso che contiene il buco, cioè la
singolarità. La circuitazione è data da
I
h̄ I h̄
v · dl = ∇Ψ · dl = ∆Φ (9.45)
C 2mn C 2mn
L’autofunzione deve essere, per definizione, monodroma, per cui ∆Φ deve essere un
numero intero uguale a 2πn. Da questo segue che la circuitazione assume il valore
I
h h
v · dl = n = kn k= (9.46)
C 2mn 2mn
Pulsar Glitches e superfluidità 235

Figura 9.6: Rotazione di un superfluido.

in cui k = 2 × 10−3 cm2 /s è il quanto di circuitazione e l’intero n rappresenta il numero


di giri compiuti attorno al vortice. Dal risultato si vede che i vortici sono quantizzati.
Vediamo ora in che modo si può abbassare l’energia. Basta aumentare il numero
di vortici perché il guadagno in energia che se ne ottiene compensa della perdita di
energia necessaria per creare questi vortici. Esiste comunque un limite al numero dei
vortici in quanto la circuitazione è quantizzata per cui si può ricavare una relazione tra
frequenza di rotazione del contenitore ω e numero di vortici per unità di superficie nv .
Infatti si ottiene che I
h̄ h̄
v · dl = ∇Φ · dl = ∇Φ (9.47)
C 2mn 2mn
Quindi un superfluido in un contenitore che ruota con velocità angolare ω si riempie
di vortici e complessivamente ruota come un corpo rigido. Se aumentiamo la velocità
angolare aumenta anche la densità nv dei vortici. Calcoliamo ora la distanza media tra
due vortici come  1/2 −1/2
1 ω

lv ∼ = 2 × 10−3 cm (9.48)
nv 100 Hz
È utile introdurre la forza inerziale di Magnus definita come
FM ag (r) = ρ[k × (u − uf )], (9.49)
in cui ρ è la densità del fluido, k = (h/2m)ez , u è la velocità di un punto sulla linea
di vortice mentre uf quella creata da altre linee di vortice. Quindi sull’asse del vortice
si eserciterà una forza ogni volta che il moto della linea di vortice non è coerente con
il campo di velocità generato dalle altre linee presenti.
236 9. Pulsars

Figura 9.7: Configurazioni possibili per vortici con pinning su reticolo BCC.

Applichiamo questi risultati alle stelle di neutroni. I vortici si formano nela regione
superfluida della pulsar, cioè nella inner crust, e si aggrappano (pinning) ai nuclei del
reticolo. Cerchiamo di calcolare l’energia di pinning, cioè l’energia che tiene ancorata
il vortice al nucleo. Prima di tutto si considerano i nuclei posti all’interno, al centro di
celle cubiche di Wigner-Seitz e si calcola il profilo di densità all’interno di tale regione.
Tutto questo viene fatto a diverse profondità della inner crust e in presenza di un
vortice. Si procede poi a calcolare il raggio del vortex core. Infine, è indispensabile
conoscere il comportamento del gap di energia ∆ che caratterizza il superfluido in
funzione della densità.
A questo punto, per calcolare l’energia di pinning, si studiano separatamente due
casi: il vortice attaccato al nucleo e il vortice staccato (vedi Fig.9.7).
Si ignora, in questo momento, in che modo il vortice si è staccato dal nucleo. In cia-
scun caso, l’energia totale è la somma dell’energia cinetica e di quella di condensazione,
cioè l’energia di legame delle coppie di Cooper
Etot = Ecin + Econ ,
1 Z RW S
Ecin = mn nn (r)v 2 (r)dr,
2 Ri
3 Z RW S ∆2 (r)nn (r)
Econ = − dr,
8 Ri EF (r)
(9.50)
in cui gli integrali sono calcolati sulla cella di Wigner-Seitz di raggio RW S .
Ricordando che Econ = 0 nella materia normale, l’energia di pinning si trova da
Epin = Etot (0) − Etot (RN + Rt ), (9.51)
in cui il primo termine rappresenta l’energia totale con vortice sul nucleo mentre l’e-
nergia del secondo termine corrisponde al caso in cui il vortice e il nucleo sono separati.
Quando Epin è negativo, il vortice preferisce stare ancorato al nucleo.
Pulsar Glitches e superfluidità 237

Vediamo allora come tutto ciò può giustificare lo spin-up delle pulsars osservato
sperimentalmente. Si schematizza la stella come contenitori cilindrici uno inserito
nell’altro, cosı̀ da rappresentare le diverse densità della materia e quindi la struttura
a cipolla vista nel capitolo 8. Nella crosta non si hanno vortici (cilindro più esterno),
nella inner crust i vortici sono ancorati ai nuclei e in quello più interno i vortici sono
liberi (i nuclei non esistono più). Sappiamo che ω sta rallentando. Questo implica
anche una diminuzione nel numero dei vortici. I vortici liberi cercano di spostarsi ma
sono bloccati dalla seconda zona dove sono ancorati ai nuclei. Il numero dei vortici
in questa zona è costante e questo implica anche che la circuitazione è costante: la
velocità dei vortici è maggiore della velocità a cui si muove la crosta della stella di
neutroni che sta rallentando. Abbiamo allora una differenza di velocità che genera una
forza di Magnus
FM ag (r) = ρ[k × (ω0 − ωc )], (9.52)
per cui i vortici tendono ad essere strappati dai nuclei. Infatti, la forza di Magnus risulta
proporzionale alla differenza di velocità angolare per cui, aumentando questa differenza,
si ha una forza di Magnus talmente intensa da liberare i vortici. Quest’ultimi vanno
sulla superficie della stella cedendo la loro energia e momento angolare. Il risultato è
quello di avere un aumento dell’accelerazione e quindi di un glitch. La periodicità dei
glitches si spiega col fatto che questo meccanismo è “ad orologeria”: dopo ogni glitch
il differenziale di velocità si annulla e poi periodicamente di ricrea.
238 9. Pulsars
Appendice A

Termodinamica

Ricordiamo che la termodinamica nacque dallo studio dell’ottenimento di energia mec-


canica attraverso l’impiego di sorgenti termiche. Si può parlare di termodinamica
macroscopica (che considera cioè le proprietà globali nel loro insieme) o di termodi-
namica statistica (che parte dalla struttura microscopica della materia), distinguendo
quest’ultima in “classica e “quantistica (se incorpora i principi fisici della meccanica
quantistica).

A.1 Postulati fondamentali


Oggetto dello studio della termodinamica macroscopica è l’evoluzione di un sistema
fisico cioè di una porzione di spazio, generalmente contenente materia, racchiuso da
pareti (virtuali o reali), capaci di limitare o impedire il passaggio di massa, quantità di
moto ed energia nelle sue diverse forme. Per un sistema termodinamico macroscopico
si ammette che valga il principio di conservazione dell’energia in ogni sua forma. Si
postula poi che al sistema si possa attribuire una ben determinata energia U (detta
energia interna), che obbedisce anch’essa al principio di conservazione. Consideriamo
ora i principi fondamentali della termodinamica

1) Esistono particolari stati di un sistema (detti stati di equilibrio) descritti macro-


scopicamente solo dall’energia interna U , dal volume V e dal numero di particelle
N dei componenti chimici del sistema. Questo vuol dire che le uniche coordinate
dei componenti microscopici del sistema, capaci di descrivere il sistema stesso,
sono solo tre. Queste coordinate sono estensive (o additive) nel senso che in un
sistema composto il loro valore è la somma dei valori da esse assunti per i sistemi
semplici componenti.

2) Per un sistema in equilibrio è definibile una funzione S, detta entropia (che


misura il grado di disordine del sistema), funzione solo dei parametri U , V e Ni .

239
240 A. Termodinamica

L’entropia di un sistema composto è la somma delle entropie dei singoli sistemi


(cioè anche l’entropia è estensiva).

L’evoluzione di un sistema composto isolato avviene sempre verso situazioni a


entropia crescente.

A.2 Legame tra grandezze estensive e intensive


Per un sistema monocomponente a numero di particelle costanti, il primo principio
della termodinamica (conservazione dell’energia) si può scrivere come

dU = δQ + δW (A.1)

Osserviamo che dU è un differenziale esatto (U è una funzione dello stato del sistema e
la sua variazione non dipende dalla scelta del percorso fatto per passare da uno stato di
equilibrio all’altro) mentre δQ e δW non lo sono (i loro valori dipendono dal particolare
percorso scelto). Quando il numero di particelle non è costante e siamo in presenza di
più componenti chimici, l’Eq. (A.1) diventa

dU = δQ + δW + δWc (A.2)

dove δWc rappresenta l’incremento di lavoro “chimico, associato cioè a passaggi di


massa. In generale, se fossero presenti altre forme di energia, la variazione dell’energia
interna U andrebbe scritta come
X
dU = δWk (A.3)
k

dove δWk è la variazione associata alla generica forma di energia K. Se i processi che
stiamo considerando son quasi statici, la seconda legge della termodinamica permette
di esprimere la variazione di energia termica in funzione dell’entropia nella forma

δQ = T dS (A.4)

Inoltre, il lavoro fatto sul sistema quando il suo volume cambia di una quantità dV è
dato semplicemente dalla relazione

δW = −P dV (A.5)

dove P è la pressione del sistema. Per quanto riguarda il lavoro chimico si può scrivere
utilizzando i potenziali chimici µi e il numero di particelle Ni delle varie specie, cioè

δWc = µi dNi (A.6)


Variabili indipendenti P , S e N 241

Il primo principio della termodinamica si può perciò scrivere come


X
dU = T dS − P dV + µi dNi (A.7)
i

Questa equazione mostra che l’energia interna è una funzione di stato di tre variabili
U = U (S, V, Ni ). Essendo dU un differenziale esatto, si può scrivere (utilizzando la
definizione matematica di differenziale esatto)

∂U ∂U X ∂U
dU = dS + dV + dN i (A.8)
∂S V Ni ∂V SNi i ∂Ni SV

Confrontando le Eqs. (A.7) e (A.8), si trova che


!
∂U
T =
∂S V Ni
!
∂U
P = −
∂V SNi
!
∂U
µi =
∂Ni SV

L’energia interna è utile per studiare processi isoentropici. In pratica però gli espe-
rimenti sono di solito effettuati a temperatura T costante, ed è perciò conveniente
esprimere l’energia interna in funzione di T . Oppure ci sono situazioni in cui la pres-
sione è la grandezza di interesse e sarebbe quindi conveniente avere l’energia interna
in funzione di P . A tal proposito si utilizzano le cosı̀ dette trasformazioni di Legendre
per esprimere l’energia interna in una o l’altra variabile.

A.3 Variabili indipendenti P , S e N


In questo caso, al posto del volume, abbiamo la pressione come variabile indipendente.
Ricordando che
d(P V ) = P dV + V dP (A.9)
si può riscrivere l’Eq. (A.7) come
X X
dE = T dS − [d(P V ) − V dP ] + µi dNi = T dS + V dP − d(P V ) + µi dNi (A.10)
i i

da cui si ottiene X
d(E + P V ) = T dS + V dP + µi dNi (A.11)
i
242 A. Termodinamica

La funzione H ≡ H(S, p, Ni ) ≡ E + P V si chiama entalpia e risulta quindi essere una


funzione di S, P e Ni . Usando la definizione di differenziale esatto e confrontando con
l’Eq. (A.11) si ottiene che
!
∂H
T =
∂S pNi
!
∂H
V =
∂p SNi
!
∂H
µi = (A.12)
∂Ni Sp

A.4 Variabili indipendenti T , V e N


In questo caso, al posto dell’entropia, consideriamo la temperatura come variabile
indipendente e manteniamo il volume e il numero delle particelle delle varie specie
presenti come seconda e terza variabile indipendente. Ricordando che
d(T S) = T dS + dT S (A.13)
si può riscrivere l’Eq. (A.7) come
X
dE = d(T S) − SdT − P dV + µi dNi (A.14)
i

da cui si ottiene X
d(E − T S) = −SdT − P dV + µi dNi (A.15)
i
La funzione F ≡ F (T, V, Ni ) ≡ E − T S si chiama energia libera di Helmotz e risulta
quindi essere una funzione di T , V e Ni . Usando la definizione di differenziale esatto
si ottiene che
!
∂F
S = −
∂T V Ni
!
∂F
p = −
∂V T Ni
!
∂F
µi = (A.16)
∂Ni SP

A.5 Variabili indipendenti T , P e N


In questo caso, al posto del volume, abbiamo la pressione come variabile indipendente
mentre al posto dell’entropia la temperatura. Inoltre continuiamo a considerare il
Variabili indipendenti T , V e µ 243

numero delle particelle delle varie specie come terza variabile indipendente. Ricordando
che
d(P V ) = P dV + V dP e d(T S) = T dS + dT S (A.17)
si può riscrivere l’Eq. (A.7) come
X X
dE = d(T S)−dT S−[d(P V )−dP V ]+ µi dNi = d(T S)−d(P V )−dT S+V dP + µi dNi
i i
(A.18)
da cui si ottiene
X
d(E − T S + P V ) = −SdT + V dP + µi dNi (A.19)
i

La funzione G ≡ G(T, P, Ni ) ≡ E −T S +P V si chiama energia libera di Gibbs e risulta


quindi essere una funzione di T , P e Ni . Usando la definizione di differenziale esatto
si ottiene che
!
∂G
S = −
∂T P Ni
!
∂G
V =
∂p T Ni
!
∂G
µi = (A.20)
∂Ni TP

A.6 Variabili indipendenti T , V e µ


Molto spesso è utile considerare un’altra serie di variabili indipendenti, cioè (T, V, µi )
che è molto utile se interessa la variabile Ni . Effettuando la trasformazione di Legendre,
come in precedenza si ottiene
d(µi Ni ) = µi dNi + dµi Ni e d(ST ) = SdT + T dS (A.21)
da cui si ottiene
X X
d(E − T S − µi Ni ) = −SdT − P dV − Ni dµi (A.22)
i i

La funzione Ω ≡ Ω(T, V, µi ) ≡ E − T S − i µi Ni = F − i µi Ni si dice granpotenziale


P P

ed è una funzione di T , V e µi . Usando la definizione di differenziale esatto si ottiene


!
∂Ω
S = −
∂T P µi
!
∂Ω
V = −
∂V T µi
!
∂Ω
Ni = − (A.23)
∂µi TV
244 A. Termodinamica

A.7 Funzioni termodinamiche


Il risultato importante da ricordare è che esistono diverse funzioni termodinamiche date
da
E E ≡ E(S, V, Ni )
H ≡ E + PV H ≡ H(S, P, Ni )
F ≡ E − TS F ≡ F (T, V, Ni ) (A.24)
G ≡ E − TS + PV G ≡ G(T, P, Ni )
Ω ≡ E − T S − i µi Ni Ω ≡ Ω(T, V, µi )
P

le quali soddisfano le seguenti relazioni


X
dE = T dS − P dV + µi dNi (A.25)
i
X
dH = T dS + V dP + µi dNi (A.26)
i
X
dF = −SdT − P dV + µi dNi (A.27)
i
X
dG = −SdT + V dP + µi dNi (A.28)
i
X
dΩ = −SdT − P dV − Ni dµi (A.29)
i
Sebbene E, F , G e Ω rappresentino, formalmente, modi equivalenti di descrizione dello
stesso sistema, le loro variabili indipendenti differiscono in modo molto importante.
In particolare, l’insieme (S, V, Ni ) è formato da variabili estensive, proporzionali alla
quantità di materia presente. La trasformazione ad F e poi a G e Ω può essere inter-
pretata come una riduzione delle variabili estensive a favore di quelle intensive che sono
indipendenti dalla quantità totale di materia. Questa distinzione tra quantità estensive
ed intensive porta a risultati importanti. Consideriamo infatti un cambiamento in scala
in cui tutte le quantità estensive (come E, F , G e Ω) sono moltiplicate per un fattore
λ. Studiamo l’energia interna E che diventa λE = E(λS, λV, λNi ). Deriviamo rispetto
a λ ponendo poi il valore di questa variabile uguale a 1. Si ottiene (consideriamo,
per semplicità, un sola specie presente e utilizziamo il risultato delle trasformazioni di
Legendre)
! ! !
∂E ∂E ∂E
E=S +V +N = T S − P V + µN (A.30)
∂S VN
∂V SN
∂µ SV

Per le altre funzioni termodinamiche si ottiene


F = −P V + µN G = µN Ω = −P V (A.31)
che mostra che il potenziale chimico in un sistema ad una componente coincide con
l’energia libera di Gibbs per particella.
Collegamento tra la termodinamica e la meccanica statistica 245

A.8 Collegamento tra la termodinamica e la mec-


canica statistica
La termodinamica è essenzialmente una scienza “macroscopica”, mentre la meccanica
statistica è “microscopica”. Le coordinate macrosopiche U , V e Ni individuano dei
macrostati, o valori medi, ciascuno dei quali è compatibile con una miriade di micro-
stati. L’entropia del macrostato X è legata al numero N dei microstati associati a X
attraverso la relazione
S = kB ln N (X) (A.32)
dove kB è la costante di Boltzmann.
246 A. Termodinamica
Appendice B

Richiami generali

B.1 Energia e massa in relatività


Nel caso relativistico, l’energia di una particella è data da

ε2 = (mc2 )2 + (pc)2 (B.1)

da cui si può ricavare la definizione relativistica di velocità della particella


dε pc2
2εdε = 2pdpc2 ⇒ = = vp (B.2)
dp ε
L’energia cinetica viene definita come

εk = ε − mc2 (B.3)

Ricaviamo ora le energie nei due limiti estremi: non relativistico e ultra relativistico.
• NR: In questo caso si verifica la condizione p ≪ mc (cioè i momenti sono piccoli)
che utilizziamo per calcolare l’energia. Infatti
!1/2
2 2 2 4 1/2 p22
ε = (p c + m c ) = mc 1 + 2 2 (B.4)
mc
p2 p2
!
≈ mc2 1 + = mc 2
+ (B.5)
2m2 c2 2m
in cui il primo termine dell’ultima equazione rappresenta l’energia della massa a
riposo mentre il secondo l’energia cinetica nella sua forma classica
p2
εk,N R = (B.6)
2m
in cui pN R = mvU R .

247
248 B. Richiami generali

• UR: La condizione sul momento è ora p ≫ mc per cui si ricava


(
εU R = pc
(B.7)
vU R = c

Questo vale strettamente per particelle prive di massa (ad esempio i fotoni).

Nelle situazioni reali intermedie in cui p ∼ mc non si possono utilizzare le relazioni


ottenute nei due casi limite precedenti.

B.2 Teoria cinetica


Consideriamo un contenitore cubico di lato L contenente N particelle di gas. La
pressione del gas è il risultato del trasferimento di quantità di moto alle pareti del
contenitore da parte delle particelle. Concentriamoci su una delle particelle racchiuse
nella scatola di volume V = L3 e seguiamo il suo moto, per esempio, lungo l’asse x.
Questa particella colpisce elasticamente le pareti del contenitore ad intervalli rego-
lari dati da t = 2L
vx
impartendo una quantità di moto pari a ∆px = 2px . Ricaviamo ora
la forza esercitata dalla particella sulla parete utilizzando la seconda legge di Newton
dp 2px vx px vx
Fx = = = (B.8)
dt x 2L L
La pressione esercitata da una particella sulla superficie perpendicolare alla direzione
di moto (quindi a x) è perciò data da
Fx Fx px vx
P1 = = 2 = 3 (B.9)
A L L
Consideriamo ora tutte le N particelle nella scatola. La pressione dovuta a queste
particelle sulla parete perpendicolare a x è uguale a
N N
X X 1
P = Pi = pxi vxi (B.10)
i=1 i=1 V

Fattorizzando il volume, si ottiene


N
P = < px v x > (B.11)
L3
in cui < > indica una media su tutte le N particelle. Se il gas è isotropo, tutte le
direzioni del moto sono ugualmente probabili e
1
< px vx >=< py vy >=< pz vz >= <p·v > (B.12)
3
Meccanica statistica 249

Questo vuol dire che la pressione su ogni lato della scatola è la stessa ed è uguale a
N n
P = < p · v >= < p · v >, (B.13)
3V 3
in cui n = NV
è il numero di particelle per unità di volume.
La relazione precedente rappresenta il risultato principale della teoria cinetica per
un gas classico non degenere. Consideriamo ora i due limiti estremi

• NR: In questo caso p = mv per cui p · v = 2Ek . La pressione è perciò data da


2 1 2
PN R = n < mv 2 >= Ek,N R (B.14)
3 2 3
in cui Ek,N R = n < 12 mv 2 > rappresenta la densità di energia cinetica newtoniana.

• UR: La velocità risulta essere uguale a c per cui p · v = pc che coincide con
l’energia totale del sistema. La pressione ricavata risulta
1 1
P = n < pc >= Ek,U R (B.15)
3 3
in cui Ek,U R = n < pc > rappresenta la densità di energia cinetica ultrarelativi-
stica.

I coefficienti 2/3 e 1/3 rivestono un ruolo importante nello studio della stabilità
stellare.

B.3 Meccanica statistica


In meccanica statistica si utilizza lo spazio delle fasi in cui l’asse verticale rappresenta il
momento p~ della particella mentre quello orizzontale le coordinate ~r. In questo spazio,
l’elemento di volume infinitesimo è dato da

dτ = d3 pd3 r = dpx dpy dpz dV = 4πp2 dpdV (B.16)

In meccanica quantistica vale il principio di indeterminazione secondo cui



 ∆px ∆x ∼ h

∆py ∆y ∼ h ⇒ ∆τ ≈ h3 (B.17)
∆pz ∆z ∼ h

con h = 6.626 × 10−27 erg s costante di Planck. La relazione trovata rappresenta la


minima dimensione di una cella nello spazio delle fasi a cui posso associare una particella
per effetto del principio di indetrminazione.
250 B. Richiami generali

Applichiamo ora la meccanica statistica ad un sistema quantistico. Uno dei primi


problemi è quello di contare gli stati. Questi stati diventano discreti se poniamo la
particella in una scatola (stati legati). La funzione d’onda che caratterizza la particella
ha lunghezza d’onda pari a λ = h/p ed è simile ad un’onda stazionaria. Esiste infatti
un’analogia tra un sistema quantistico legato ed una corda vibrante con estremi fissi. In
entrambi i casi si ricava un’equazione delle onde con opportune condizioni al contorno
che ne detrminano la soluzione. In particolare si ottiene che

ψ(~x) = sin(kx x) sin(ky y) sin(kz z) (B.18)

con le seguenti condizioni al contorno sin(kx L) = 0, sin(ky L) = 0 e sin(kz L) = 0 da cui


si ottiene 
 kx L = nx π

π
ky L = ny π ⇒ (kx , ky , kz ) = (nx , ny , nz ) (B.19)
L
kz L = nz π

L’intervallo (kx , kx + dkx ) contiene un numero di stati discreti pari a dnx = Lπ dkx , per
cui il numero di stati in un elemento di volume dello spazio delle momenti è dato da
V
dNstati = dnx dny dnz = dkx dky dkz (B.20)
π3
Consideriamo la simmetria sferica del nostro problema e calcoliamo il numero degli
stati q
nel primo ottante corrispondente a kx , ky , kz > 0 nell’intervallo (k, k + dk) dove
k = kx2 + ky2 + kz2 . In coordinate sferiche l’elemento di volume dei momenti diventa
dkx dky dkz = 4πk 2 dk, per cui, nel caso dell’ottante, si ottiene
4π 2 π V 4π 2
dkx dky dkz = k dk = k 2 dk ⇒ dNstati = k dk (B.21)
8 2 π3 8
Nei calcoli precedenti si è sempre trascurata la degenerazione degli stati legata allo spin
s della particella, che rappresenta un fattore moltiplicativo nelle equazioni precedenti.
La degenerazione, indicata con gs , viene definita come

 gs = 2s + 1 particelle massive

gs = 2 fotoni (B.22)
gs = 1 neutrino

Nel caso dei neutrini, che hanno spin s = 1/2, bisogna considerare che l’elicità, cioè la
proiezione dello spin sul vettore momento p~ è fissata, per cui per ogni specie neutrinica
ho una degenerazione unitaria.
Ricordando ora che p = h̄k, possiamo scrivere il numero di stati con momento nell’in-
tervallo (p, p + dp):
V gs
g(p)dp = 3 4πp2 dp (B.23)
h
Meccanica statistica 251

Consideriamo ora un sistema con N particelle, e la sua funzione di distribuzione f ,


che dà il numero di occupazione medio di una cella nello spazio delle fasi e che viene
definita dalla relazione
dN gs
3 3
≡ 3 f, (B.24)
d xd p h
Conoscere dN/d3 xd3 p, ossia la densità numerica di particelle nello spazio delle fasi,
significa avere una descrizione completa del sistema.
Nel caso di sistemi omogenei si può integrare sul volume in quanto le altre quantità
sono indipendenti dalle coordinate x, y, z, cioè
gS
dN = 3
V f (p)d3 p. (B.25)
h
Utilizzando la quantità g(p)dp data da (B.23), si può perciò calcolare il numero di
particelle come Z
N = g(p)f (p)dp (B.26)
L’energia si calcola attraverso l’equazione
Z
E= εp g(p)f (p)dp, (B.27)

dove εp è data dalla forma relativistica (B.1). La densità numerica e di energia si


ottiene come
N Z
gs
n = = f (p)d3 p
V h3
E Z gs
ε = = 3
εp f (p)d3 p (B.28)
V h
Utilizziamo le relazione termodinamiche per ricavare la pressione. Dalla termodinamica
(appendice A) sappiamo che
∂E
P =− (B.29)
∂V N,S

in cui il numero di particelle N e l’entropia S vengono mantenute costanti. Dalla co-


stanza del numero di particelle si ottiene una relazione importante per il proseguimento
dei calcoli. Infatti
Z
∂N Z

N= g(p)f (p)dp = cost ⇒ =0= (f g)dp (B.30)
∂V ∂V
Dato che il prodotto f g è una quantità sempre positiva, per definizione, l’integrale
precedente può essere nullo se e solo se la funzione integranda è nulla. Quindi si
ottiene

(f g) = 0 (B.31)
∂V
252 B. Richiami generali

Ritorniamo ora al calcolo della pressione utilizzando quest’ultima relazione, cioè



∂E ∂ Z Z
∂εp
P =− =− εp g(p)f (p)dp = − g(p)f (p)dp (B.32)
∂V N,S ∂V ∂V

Calcoliamo la derivata parziale della densità di energia nel seguente modo


∂εp ∂εp ∂p ∂p
= = vp (B.33)
∂V ∂p ∂V ∂V
in cui vp è la velocità relativistica (vedi Eq. (B.2)). Per quanto riguarda la derivata
parziale del momento, osserviamo che p = h̄k e che, in una scatola cubica di volume
V = L3 , il vettore
q d’onda è dato da Eq. (B.19). Il modulo del momento è quindi
uguale a k = nx + n2y + n2z π/L. Questo vuol dire che
2

∂p ∂k q ∂(1/L)
= h̄ = h̄ n2x + n2y + n2z π . (B.34)
∂V ∂V ∂V
∂V
Ora, ricordando che = 3L2 = 3V /L si può scrivere
∂L
∂(1/L) 1 ∂L 1 L 1
=− 2 =− 2 =− , (B.35)
∂V L ∂V L 3V V 3L
per cui
∂p q π h̄k p
= −h̄ n2x + n2y + n2z =− =− (B.36)
∂V 3V L 3V 3V
Sostituendo questo risultato nell’equazione (B.32) si ottiene
Z
p 1 Z 1Z gs
P = vp (f g)dp = pvp (f g)dp = pvp f 3 d3 p. (B.37)
3V 3V 3 h
Il risultato espresso in Eq. (B.37) stabilisce che la pressione è un flusso di momento
pvp dove il fattore 1/3 deriva dall’ipotesi di isotropia delle direzioni. Queste relazioni
risultano utili nello studio dell’equazione di stato, svolto nel capitolo 2, dove si studiano
le diverse possibili funzioni di distribuzione f .

B.4 Peso molecolare


Supponiamo di avere un gas con diverse specie, caratterizzate da densità numerica nj ,
massa mj . Per trattare le equazioni di stato è fondamentale conoscere la densità, che
può essere quella di massa ρ o quella numerica ntot :
X
ρ= nj m j
j
X
ntot = nj (B.38)
j
(B.39)
Peso molecolare 253

Il nostro obiettivo è capire come queste siano legate. Se avessi una singola specie, la
banale relazione sarebbe data da
ρj = nj m j (B.40)
È evidente, tuttavia, che la composizione, ossia la mistura delle varie specie, riveste un
ruolo fondamentale nel legare ρ e ntot . Introduciamo anche l’unità di massa atomica
mu = 1.66053886 × 10−24 g, che per i nostri scopi possiamo confondere con la massa
dei nucleoni. Inoltre sappiamo che la massa dell’elettrone è molto minore di quella
barionica:
me ≪ mu ≃ mp ≃ mn (B.41)
Introduciamo inoltre la densità barionica, in cui sostanzialmente consideriamo solo gli
ioni (densità i-esimo ione indicata con ni ), escludendo gli elettroni
X
nB ≡ ni (B.42)
i

Possiamo infine esprimere le abbondanze relative a nB :


nj
Yj = (B.43)
nB

Tipicamente in una stella, dove si ha totale ionizzazione, le specie presenti sono elettro-
ni, ioni H, He e i cosiddetti metalli, ossia quegli elementi con numero di massa A > 2.
Si utilizzano convenzionalmente le seguenti frazioni in massa, riferite a ρ:
ρH
X =
ρ
ρHe
Y =
ρ
ρA
P
A
Z =
ρ
X +Y +Z = 1 (B.44)

Tutte queste quantità sono coinvolte nelle relazioni che permettono di passare da ρ a
ntot o ne . Possiamo per ora scrivere tutte le densità numeriche degli ioni in funzione di
ρ:

Xρ ρ
nH = ≃X
mH mu
yρ Y ρ
nHe = ≃
4mH 4 mu
Zρ Z ρ
nA = ≃ (B.45)
mA A mu
254 B. Richiami generali

Assumendo carica totale nulla, sappiamo esprimere anche la densità elettronica, dunque
anche quella totale:

ne = nH + 2nHe + ZnA ,
X
ntot = ne + ni = 2nH + 3nHe + (Z + 1)nA (B.46)
i

Z
Nel caso di gas ionizzati e soprattutto nei plasmi astrofisici, si pone per i metalli A = 21
e A ≫ 1. Quindi,
A
ntot ≃ 2nH + 3nHe + nA . (B.47)
2
Sostituendo le espressioni di Eqs. (B.45, B.46) e utilizzando la relazione X +Y +Z = 1,
si ottiene:
6X + Y + 2 ρ
ntot ≃
4 2mu
X +1 ρ
ne ≃ (B.48)
2 mu

Tramite le precedenti relazioni possiamo quindi definire il peso molecolare medio, che
lega ρ a ntot :

ρ = ntot mu µ

4
µ = (B.49)
6X + Y + 2
Analogamente viene definito il peso molecolare medio elettronico, relativo alla densità
elettronica:

ρ = ne m u µ e

2
µe = (B.50)
X +1
La massa media di una particella è dunque
ρ
m̄ ≡ = mu µ (B.51)
ntot

Un altro modo di arrivare allo stesso risultato è considerare la massa barionica media
1 X ni m i
P
mB ≡ ni mi = Pi (B.52)
nB i i ni Ai
Classificazione delle particelle 255

dove Ai è il numero di massa della specie i-esima. In questo modo, essendo la densità
di massa dominata dagli ioni, si può scrivere, ricordando Eq. (B.43):
ne m B
ρ ≃ nB m B = = ne m u µ e (B.53)
Ye
Analogamente il peso molecolare medio µ può essere visto come
1 X mu
= (Ye + Yi ) (B.54)
µ i mB
La quantità mu /mB può essere presa uguale a uno, eccetto alcuni casi molto specifici,
dunque µ e µe sono legati alle abbondanze delle varie specie da:
1
≃ Ye
µe
1 X
≃ Ye + Yi . (B.55)
µ i

B.5 Classificazione delle particelle

Particella Spin Quark Massa [M eV ] Vita media [s]


Leptoni
e 1/2 - 0.511 Stabile
µ 1/2 - 105.658 2.2 × 10−6
τ 1/2 - 1777 2.9 × 10−13
Barioni
p 1/2 uud 938.272 Stabile
n 1/2 ddu 939.565 886
∆ 3/2 comb. di u, d ∼ 1232 6 × 10−24
Λ0 1/2 uds 1115.7 2.6 × 10−10
Mesoni
π0 0 comb. uū, dd¯ 134.98 8 × 10−17
π± 0 ¯ dū
ud, 139.57 2.6 × 10−8
±
K 0 us̄, sū 493.7 1.2 × 10−8
K0 0 ds̄, sd¯ 497.6
Tabella B.1: Proprietà delle principali particelle.

Le particelle vengono divise in due classi: i leptoni, non soggetti alla forza forte e ritenuti
privi di struttura interna, e gli adroni, soggetti all’interazione forte. Ogni particella ha
la propria antiparticella, con eventuali carica e numero leptonico/barionico opposti ma
uguale famiglia/sapore. Fino a prova contraria, in tutte le reazioni viene conservato il
numero barionico e quello leptonico.
256 B. Richiami generali

Leptoni. Sono attualmente noti tre famiglie di leptoni: e, µ, τ , ognuno con il proprio
neutrino: νe , νµ , ντ . Hanno tutti numero leptonico 1.

Adroni. Sono divisi in barioni, a cui è associato il numero barionico B = 1, e mesoni


(B = 0). Il modello a quark ha avuto successo nello spiegare molte proprietà adro-
niche. Attualmente si pensa a sei differenti sapori, chiamati up, down, strange,

Quark Carica Stranezza Leptone associato


d -1/3 0 e
u +2/3 0 νe
s -1/3 -1 µ
c +2/3 0 νµ
b -1/3 0 τ
t +2/3 0 ντ
Tabella B.2: Proprietà dei quark.

charm, top, bottom (u,d,s,c,t,b), schematizzati in Tab. B.2. I quark posseggono


spin 1/2 e ognuno può essere di tre differenti colori. Il neutrone è un composto
dal tripletto di quark udd, mentre il protone da uud.

L’interazione debole è responsabile della trasformazione tra differenti sapori di quark


e famiglie di leptoni. Nel modello di Weinberg-Salam le interazioni debole ed elettro-
magnetica sono unificate; il fotone rappresenta il mediatore privo di massa dell’inte-
razione elettromagnetica, mentre l’interazione debole avviene tramite lo scambio dei
bosoni W ± , Z, estremamente massivi (∼ 80 GeV ). Nella Tab. B.5 sono indicate le
caratteristiche di alcune particelle, quelle di nostro interesse che incontriamo nel testo.

Dal punto di vista statistico dividiamo le particelle in base allo spin:

fermioni: particelle a spin semi-intero (1/2, 3/2), costituenti la materia, soggette alla
statistica di Fermi-Dirac;

bosoni: particelle mediatrici delle interazioni (γ, W ± , Z) , a spin intero, soggette alla
statistica di Bose-Einstein.
Appendice C

Integrale di Landau

Consideriamo il seguente integrale (detto integrale di Landau)


Z ∞ f (ε)dε
I= (C.1)
0 eβ(ε−µ) +1
e pongo z = β(ε − µ) da cui dz = βdε. L’integrale diventa
z z z
1 Z ∞ f (µ + β )dz 1 Z 0 f (µ + β )dz 1 Z ∞ f (µ + β )dz
I= = + . (C.2)
β −βµ ez + 1 β −βµ ez + 1 β 0 ez + 1
Cambio segno alla variabile nel primo integrale z → −z
z z
1 Z 0 f (µ − β )(−dz) 1 Z ∞ f (µ + β )dz
I= + (C.3)
β βµ e−z + 1 β 0 ez + 1
Ricordando che
1 1
=1− z (C.4)
e−z +1 e +1
si può riscrivere l’integrale di Landau come
" Z βµ f (µ − z )dz Z ∞ f (µ + z )dz #
1 Z βµ z β β
I= f (µ − )dz − z
+ z
(C.5)
β 0 β 0 e +1 0 e +1
Dato che T → 0 segue che βµ >> 1. Questo vuol dire che nel secondo integrale posso
utilizzare come limite superiore il valore ∞ per cui
" Z ∞ f (µ + z )dz − f (µ − z ) #
1 Z βµ z β β
I= f (µ − )dz + dz (C.6)
β 0 β 0 ez + 1
Sviluppo in serie di potenze attorno a z = 0 il secondo integrale, cioè
!2 !3
z z 1 z 1 z
f (µ ± ) = f (µ) ± f ′ (µ) + ′′
f (µ) ± f ′′′ (µ) + · · · (C.7)
β β 2 β 6 β

257
258 C. Integrale di Landau

per cui !3
z z z 1 z
f (µ + ) − f (µ − ) = 2 f ′ (µ) + f ′′′ (µ) + · · · (C.8)
β β β 3 β
L’integrale di Landau diventa
Z ∞ 3
1 Z βµ z 2 ′ Z ∞
zdz 1 ′′′ z dz
I= f (µ − )dz + 2 f (µ) z
+ 4 f (µ) + ··· (C.9)
β 0 β β 0 e + 1 3β 0 ez + 1
Utilizzando la seguente relazione
Z ∞ z n−1 dz
= (1 − 21−n )Γ(n)χ(n) n>0 (C.10)
0 ez + 1
dove Γ(n + 1) = n! e χ è la funzione di Eulero i cui valori sono tabulati. In particolare
a noi interessano i seguenti valori

π2 π4
χ(2) = χ(4) = (C.11)
6 90
Infatti dobbiamo risolvere i seguenti due integrali
Z ∞ zdz π2
I1 = z
= (1 − 2−1 )Γ(2)χ(2) =
0 e +1 12
Z ∞ z 3 dz 7π 4
I2 = z
= (1 − 2−3 )Γ(4)χ(4) =
0 e +1 120
(C.12)

Quindi
Z µ π2 ′ 7π 4 ′′′
I= f (ε)dε + f (µ) + f (µ) + · · · (C.13)
0 6β 2 360β 4
Valore (cgs) Descrizione Commenti
J ≡ 107 erg joule
eV ≡ 1.602 × 10−12 erg elettronVolt
Å ≡ 10−8 cm ångström
fm ≡ 10−13 cm fermi scala nucleare
bn ≡ 10−24 cm2 barn tipica sezione d’urto di scattering per elettroni
e2 ≡ q 2 /4πε0 4πε0 = 1 in unità gaussiane
AU ≡ 1.496 × 1013 cm unità astronomica distanza media Terra-Sole
ly = 9.461 × 1017 cm anno-luce
pc = 3.086 × 1018 cm parsec
M⊙ = 1.9891 × 1033 g massa solare
L⊙ = 3.839 × 1033 erg s−1 luminosità solare
R⊙ = 6.955 × 1010 cm raggio solare
c ≡ 2.99792458 × 1010 cm s−1 velocità della luce nel vuoto valore esatto
h = 6.626 × 10−27 erg s costante di Planck
h̄ = 1.055 × 10−27 erg s costante di Planck ridotta h̄ ≡ h/2π
G = 6.673 × 10−8 cm3 g −1 s−2 costante gravitazionale
kB = 1.381 × 10−16 erg K −1 costante di Boltzmann
q = 1.602 × 10−19 C carica elementare
me = 9.109 × 10−28 g massa dell’elettrone
mn = 1.675 × 10−24 g massa del neutrone
mp = 1.673 × 10−24 g massa del protone
12
mu = 1.661 × 10−24 g unità di massa atomica dodicesima parte della massa di un atomo di C
me c2 = 0.511 M eV energia a riposo dell’elettrone
mp c2 = 938.272 M eV energia a riposo del protone
mn c2 = 939.566 M eV energia a riposo del neutrone
R = 8.315 × 107 erg mol−1 K −1 costante dei gas perfetti R ≡ NA kB
α = 1/137.0 costante di struttura fine α ≡ e2 /h̄c
a0 = 0.5292 Å raggio di Bohr a0 = h̄/αme c, scala atomica
re = 2.8 f m raggio classico dell’elettrone re ≡ e2 /me c2 (en. potenziale = en. massa)
σT = 0.665 bn sezione d’urto di Thomson σT = 8π/3re2
a = 7.56 × 10−15 erg cm−3 K −4 costante di radiazione ε = aT 4 a = (π 2 /15)(kB
4
/h̄3 c3 )
σ = 5.671 × 10−5 erg cm−2 K −4 s−1 costante di Stefan-Boltzmann σ ≡ ac/4 = (π 2 /60)(kB 4
/h̄3 c2 )
1y ≃ π × 107 s
1 pc ≃ 3 ly
h̄c ≃ 200 M eV f m
1 M eV ↔ 1.16 × 1010 K
NA = 6.02214179 × 1023 numero di Avogadro NA = mu [g]−1
1 rad = 2.063 × 105 arcsec