Sei sulla pagina 1di 8

NECRONOMICON DECODIFICATO

ANALIZZERÒ QUI LE 3 VERSIONI DEL NECRONOMICON DISPONIBILI:

1) IL NECRONOMICON PRESENTE NELLA BIBLIOTECA VATICANA:

“Al azif (Necronomicon) – traduzione in italiano dalla versione tradotta in greco da Teofilatto.”

Si tratta di un testo definito dalla Chiesa Vaticana di “magia nera”, trattandosi in realtà di un testo di
astronomia che era ovviamente pura eresia per l'oscurantismo cattolico.

In questa versione del Necronimicon dice Teofilatto “ho tradotto di nuovo per noi il libro dell’arabo.
Ho portato tutto in greco senza omettere nulla per paura né alterare alcunché per orrore. Ho riferito
tutto perché prima di noi l’arabo (Abdul al Azraq/ Alhazred n.d.r.) aveva cercato la via che anche
noi cerchiamo. Prima di noi aveva trovato chiavi che aprono porte di cui si è perso il ricordo.” Dice
Abdul al Azraq: “ in seguito agli ultimi fatti della vita del mio maestro mi accingo a scrivere,
secondo le sue istruzioni, quanto abbiamo imparato insieme perché rimanga come insegnamento”.

Abdul al Azraq/Alhazred era un poeta folle di Sanaa, capitale dello Yemen, vissuto, si pensa, ai
tempi dei Califfi Ommiadi nell'ottavo secolo dopo Cristo. Si racconta che fece molti pellegrinaggi
misteriosi, fra le rovine di Babilonia e le catacombe segrete di Memphis. Trascrorse dieci anni in
completa solitudine nel deserto dell'Arabia meridionale Raba El Khaliyeh, o Spazio vuoto degli
arabi antichi, o Dhana, o Deserto cremisi dei moderni, ritenuto dimora di spiriti maligni e mostri
mortiferi. Di questo deserto, coloro che dicono di averlo attraversato, narrano molte storie strane ed
incredibili.
Negli ultimi anni della usa vita, Alhazred, visse a Damasco. Morì nel 738 d.C. e della sua morte, si
raccontano particolari terribili e contraddittori.

A mio parere in questo libro si parla principalmente di astronomia dando dati scentifici che sono
inconcepibili per l'epoca dell' ottavo secolo dopo Cristo:

“Immaginate ancora il nostro piccolo mondo con i suoi pianeti e le sue sfere celesti che
diligentemente ruotano l’una nell’altra e, fuori di questo, lo sterminato oceano del Caos che si agita
ed, in esso, i vortici che si addensano e si dissolvono senza fine. L’unica parvenza di ordine e di
logica che potete tentare di trovarvi, se vi regge la mente per contemplarlo abbastanza a lungo, è un
lento ed incerto ma costante passaggio, man mano che ci si allontana dal nostro mondo, da vortici
piccoli e relativamente stabili a vortici sempre più titanici ma instabili e sempre più violentemente
agitati e privi di ordine e forma.
Già senza addentrarsi molto nel Caos - nessuno lo ha mai fatto ed è tornato indietro in grado di
raccontarlo - si trovano vortici al di là di ogni possibile terrore immaginabile capaci di inghiottire
intero il nostro mondo”.

Si tratta senza ombra di dubbio dei BUCHI NERI. Con qualche rituale sconosciuto i due arabi
hanno avuto una visione mistica dell'universo e ne sono stati terrorizzati e molto confusi a darne
delle spiegazioni:

“Appena fuori dalle ultime sfere del cosmo ordinato e tranquillo che conosciamo e che ci illudiamo
sia «il mondo», dove comincia il regno incontrastato degli Altri Dei, esiste una fascia di spazio in
cui regna UMR-AT-TAWIL, la soglia ed il guardiano della soglia.”
“In questo luogo dell’ultimo abominio, al di là di quelle che nel
nostro linguaggio umano potrebbero essere indicate come le ciclopiche mura finali dell’universo, si
trova AZATHOTH”... “Questo spazio è un unico, titanico e mostruoso vortice, un unico calderone
ribollente e tumultuante all’infinito, un’unica mente ed un’unica diabolica e sterminata attenzione
occupata eternamente a gorgogliare bestemmie e maledizioni contro tutto, compreso se stesso, in un
supremo delirio di caos. Questo è il demone cieco, amorfo e idiota che regna imprigionato al centro
dell’infinito come un animale intrappolato in un imbuto di sabbia che si affanna vanamente
tentando di risalire la china e spende il suo tempo e le sue energie in sforzi isterici quanto inutili per
uscirne”

E' probabile che “Azathoth” sia il buco nero al centro della nostra galassia e successivamente viene
descritta la stessa galassia con il nome di “Yog-Sothoth”, da notare che loro chiamano erroneamente
l'intero universo quello che è la galassia:

“AZATHOTH è al di là delle Mura dell’universo, al di là delle nostre concezioni del tempo e dello
spazio, al di là anche delle nostre idee di essere e di esistenza: è per noi il completamente e
definitivamente altro. Ha però una sua manifestazione per noi più comprensibile, una
manifestazione che per noi è come il lato della sua faccia rivolto verso di noi. Questa
manifestazione è il diabolico vortice che nelle rappresentazioni viene figurato come un ciclopico
anello intorno alle Mura dell’universo, è quello che conosciamo sotto il tremendo nome di YOG-
SOTHOTH”...”gli antichi ricercatori di queste pericolose conoscenze hanno chiamato YOG-
SOTHOTH la Porta finale ed il Guardiano della porta. In realtà lì dove le sfere si toccano esiste il
passaggio ed il passaggio è sorvegliato dal vortice sterminato che è intorno alle Mura dell’infinito
ed è anche al limite dello spazio al centro. Quando infatti qualche folle osa tentare l’uscita nello
spazio esterno trova prima UMR-AT-TAWIL, detto anche la Porta concava, all’uscita del nostro
spazio, e quindi il grande YOG-SOTHOTH, la Porta convessa all’entrata degli spazi centrali.”

Si parla del buco nero come di una porta dove si uniscono le sfere (stesse e pianeti che vengono
inghiottiti) e definendolo come un passaggio verso lo spazio esterno, incredibile che questo sia un
saggio antico dell'ultima teoria astronomica che parla dei buchi neri come di un possibile passaggio
verso universi paralleli !

“Sappiate poi che, se altri mondi ordinati come il nostro esistono, sono posti come il nostro intorno
al grande vuoto centrale. I vortici fra questi mondi sono però come gorghi infiniti che tutto
inghiottono senza scampo, sono le ciclopiche cateratte poste a limitare il cosmo ordinato in cui
viviamo. Quando vorrete conoscere gli altri mondi l’unica terribile via che avete sarà allora il
passaggio attraverso la Porta del vuoto nello spazio esterno e, ancora attraverso questa, negli altri
mondi. E per questa via - per mezzo di YOG-SOTHOTH - che, dicono, torneranno anche su questa
terra i Grandi Anziani, che una volta regnarono qui, per reclamare il loro antico possesso”

Se i buchi neri siano in realtà una porta tra universi paralleli o tra galassie è da determinare, i
“Grandi Anziani” o esseri antichi sono più che probabilmente gli Annunaki/Elohim (extraterrestri)
che dai testi dell'antico testamento e dalla “religione” sumera hanno conquistato la terra nel 400000
a.c. Creando la razza umana e le “religioni” oltre che il sistema piramidale di controllo delle masse
schiavizzate. I due arabi hanno trovato sicuramente rovine sumere dell'antica Babilonia e ne hanno
compreso alcuni segreti fino ad arrivare ad uno stato grave di confusione e di follia.

Segue il libro spiegando come si creano dei canali spazio-temporali tra il buco nero e la galassia e di
come gli Annunaki le conoscessero:

“Questi vortici tentacolari formano infatti qualcosa di simile a dei canali nello spazio esterno entro
cui l’attenzione e la volontà degli Altri Dei vengono portate avanti e indietro: in questo modo gli
Altri Dei e lo stesso AZATHOTH, anche se lontani e abitanti in spazi fuori dal nostro, possono
scavalcare oceani di vuoto e superare le porte fra i vari strati dello spazio esterno fino ad entrare nel
nostro mondo ed operare il loro magistero di caos.”
“Questi tentacoli sono infatti l’aspetto esterno di NYARLATHOTEP, il caos dalle mille forme, il
vortice che quando si insinua nel mondo ordinato è capace di assumere ogni forma che gli è
necessaria per passare inosservato nel mondo o, al contrario, per essere notato provocando, a
seconda del suo capriccio, ammirazione, timore, reverenza e terrore.”
“Altre forme possono prendere ancora gli Altri Dei per manifestarsi nel nostro mondo. Altre forme
conobbero gli Esseri antichi che furono sulla Terra prima di noi. Altre forme esistono ancora in
mezzo a noi anche se noi non possiamo vederle e ne abbiamo perso anche il ricordo.”

Si parla anche di un altra razza di extraterrestri arrivati da canali spazio-temporali che hanno
combattuto con gli Annunaki:

“Gli Esseri antichi conobbero il principale degli Altri Dei che si sono insediati in questa forma nel
nostro mondo sotto il nome tremendo di CTHULHU quando calò sulla Terra alla testa del popolo
degli Esseri piovra. Sono gli Esseri antichi, che lo hanno visto per primi ed hanno combattuto con le
sue mostruose emanazioni”

Cthulhu è l'essere che esce dal mare descritto nell'ottava tavola di Kutu, dove viene nominato come
Kutusumgal (Presente in altra versione del Necronomicon di Fanucci editore) e poi copiato
dall'apocalisse della Bibbia..

“quando R’lyeh - l’infame città degli Esseri piovra venuti dagli spazi esterni - si inabissò nel mare,
secoli infiniti prima che l’uomo comparisse sulla Terra, il grande CTHULHTU protesse la città con
i suoi incantesimi alle offese del mare e del tempo ed entrò in quella che, per mancanza di termini
più adeguati, noi chiamiamo la sua tomba.”

Il libro disprezza le conoscenze religiose umane considerandole false e ridicole, chiama invece
come Dei (Altri Dei) quello che penso siano il buco nero al centro della galassia, la galassia stessa,
ponti spazio-temporali e si parla addirittura della materia oscura astronomica, una nozione
assolutamente recentissima della scienza:

“È HASTUR che riempie il vuoto fra le stelle, è HASTUR che è il vuoto fra le stelle ed il vaso in
cui tutto è contenuto. E HASTUR la vera essenza di tutto quello che noi nel nostro mondo crediamo
vuoto e chiamiamo vuoto.”

2) NECRONOMICON – Il libro dei morti

I sette libri

Nel 1° libro “dei nomi perduti” Abdul Alhazred cita chiaramente ANU, il padre degli Annunaki e di
Enlil ed Enki quando afferma parlando degli “Altri Dei” : “Che ANU possa avere pietà della mia
anima”. Questo rappresenta il primo collegamento diretto con gli Annunaki. Poi continua “Ho
esplorato le stelle e tremato davanti agli Dei. Ho trovato la formula per passare il Cancello di
ARZIZ ed andare nei reami dimenticati di IGIGI.” Gli Igigi sono gli addetti al trasporto dell'oro
dalla Terra a Marte degli Annunaki e i loro reami dimenticati sono probabilmente su Marte.
Successivamente viene nominata la protezione di INANNA e suo fratello MARDUK, che sono
palesemente Annunaki.
Dal “Libro degli Antichi”

“Gli Antichi e la loro Progenie”

Gli Antichi furono, gli Antichi sono e gli Antichi saranno. Venuti dalle stelle oscure prima della
nascita dell’uomo, sono discesi sulla Terra primordiale inosservati, covando sul fondo degli oceani
mentre gli anni passavano, finché le terre non emersero dai mari e loro le invasero.”

Potrebbero essere gli Annunaki o un altra razza extraterrestre, si parla di un momento in cui la terra
era composta di sola acqua (chiamata Tiamat dai sumeri) e dopo emergono le terre (quando
all'impatto con Nibiru e le sue lune si forma la Terra).
“La progenie degli Antichi ricoprì la Terra e sopravvisse negli anni, generando ogni sorta di
abominio. Hanno visitato ogni luogo e visto ogni cosa. Hanno percorso senza ritegno le vie
dell’oscurità creando opere empie e blasfeme.”

Potrebbe trattarsi come affermano i sumeri del dominio sul pianeta e sul uomo e la costruzione di
quelle opere inspiegabili in ogni parte del mondo nell'antichità più profonda (piramidi, ecc)

“L’uomo fece la sua comparsa e venerò gli Antichi. Alcuni impararono ad evocare coloro che si
trovano su altri Mondi e Piani di esistenza e nel loro folle gesto trovarono una morte orribile. Altri
cercarono di distruggere le immagini ed i simboli degli Antichi, ma furono loro ad essere distrutti.
Finalmente gli Dei del Cielo aprirono gli occhi e videro l’orrore generato da quei dannati. Nella loro
collera i Grandi Dei scacciarono gli Antichi dalla Terra gettandoli nel Vuoto tra i Piani dove regna il
caos e misero il loro sigillo sul Cancello esiliandoli.”
“Relegati nelle loro prigioni, aldilà dello spazio conosciuto dall’uomo, su altri Piani di esistenza,
attendono il momento del loro ritorno.”

Molto interessante, supponendo che gli Antichi siano gli Annunaki si spiega la loro scomparsa dalla
Terra. I Grandi Dei potrebbero essere un'altra civiltà extraterrestre superiore agli Annunaki che li
hanno intrappolati in un altra dimensione (come per altro sostenuto da David Icke, la “quarta
dimensione”). Ugualmente per quanto riguarda i rituali per evocare gli Antichi dalla Massoneria al
Satanismo non c'è che l'imbarazzo della scelta.

“Gli Elementi”

“Ogni Antico ha un’innata affinità con i quattro elementi principali (aria, acqua, fuoco e terra). Ad
esempio, Cthulhu è una divinità marina con la testa di piovra. Il suo fratellastro Hastur (in perenne
contrasto con Cthulhu) è legato all’elemento dell’aria.”

Altro dato molto interessante: Cthulhu e Hastur sono 2 fratellastri in perenne contrasto e
appartengono rispettivamente agli elementi acqua e aria, esattamente come i fratellastri Enki ed
Enlil dei sumeri di cui parla anche Zecharia Sitchin ovvero i 2 capi principali degli Annunaki o gli
Elohim della Bibbia.

“Il Cancello”

“Gli Antichi sono tra noi, ma non possono afferrarci se non li invochiamo. Essi sono in attesa dietro
al Cancello. Il Cancello è qualunque luogo in qualsiasi tempo perché gli Antichi sono ovunque in
qualsiasi momento.
Ogni uomo che conosca i Segni e le Parole giuste può aprire un Cancello dove e quando vuole.
Aprire un Cancello non significa però avere il controllo su ciò che ne uscirà, ne essere certi di cosa
verrà fuori.”
Esattamente come sostenuto da David Icke quelli che lui invece chiama “rettiliani mutaforma” sono
in mezzo a noi e sono invisibili perché in frequenze che non percepiamo della quarta dimensione.
Quanto ai tentativi di invocazione con sacrifici umani e specialmente di bambini da parte dell'elite
massonica mondiale è altamente noto nell'informazione alternativa. In tutte le versioni del
Necronimicon la maggior parte del testo riguarda rituali evocatori di sangue con sacrifici umani.
Non mi stupisce che come si dice in molte introduzioni del libro : “...Comunque esistono
certamente numerose altre copie presso dei privati, ed in proposito circola con insistenza la voce
che un esemplare del testo in caratteri gotici del quindicesimo secolo faccia parte della collezione
privata di un celebre miliardario americano.”

“Libro dei Luoghi

Luoghi Esterni

Yuggoth: è una strana sfera oscura sull’estremo bordo del nostro sistema solare, ancora sconosciuta
agli astronomi. Ci sono città maestose su Yuggoth, con file sterminate di torri costruite in pietra
nera. Il sole non risplende luminoso, ma chi vi abita non ne ha bisogno, anzi, lo trovano fastidioso
se non dannoso. Le loro grandi case e gli immensi templi sono privi di finestre. I fiumi sono neri
come pece e scorrono, sotto ponti enormi, per irrigare sconfinati giardini di oscurità.”

Potrebbe essere Nibiru il pianeta degli Annunaki, dalla mancanza di Sole al suo esserne dannoso
quando l'orbita del pianeta gli si avvicina.

“Libro dei Segni

Simboli Sacri”

Da notare che il simbolo di Azathoth sono due svastiche sovrappposte in cui una è inclinata di 45°

Si dice che la svastica sia il simbolo del Sole che ha ispirato i Nazisti nei loro rituali magici, non
risulta nuovo che i Nazisti fossero assidui ricercatori delle arti più occulte nel mondo, come che
fondamentalmente fossero dei satanisti e cercassero di comunicare con antiche “divinità”
extraterrestri. Se questo simbolo invece lo chiamiamo “il Sole Nero” ovvero il buco nero ciò mi dà
ragione sulla mia teoria secondo la quale Azathoth non sia altro che il buco nero al centro della
galassia, attorno al quale ruota la galassia stessa ed è esattamente l'idea che rappresenta questo
simbolo.

“Segni potenti”
“Il primo è il Segno di Voor ed in natura è il vero Segno degli Antichi. Usatelo ogni volta che volete
supplicare Coloro che sempre attendono al di là della Soglia.
Il secondo è il Segno di Kish, che abbatte tutte le Barriere ed apre i Portali per accedere agli altri
Piani.
Il terzo è il Grande Segno di Koth, che sigilla i Cancelli e protegge il Sentiero.
Il quarto è il Segno Antico degli Dei Maggiori, protegge chi invoca il Potere di notte e bandisce le
forze minacciose ed ostili.”
Il primo segno “le corna” sono un segno satanista riconosciuto, che come hanno più volte
fotografato i “complottisti” (vedi David Icke) è stato più volte fatto da personaggi politici di
altissimo livello come ad esempio George W. Bush (suo nonno ha finanziato i Nazisti..) che è uno
dei Massoni più pericolosi al mondo.

“Evocare il Guardiano
Questo è il rituale per l'evocazione del Guardiano, le cui formule io, Alhazred, ho ricevuto dallo
scriba di Enki, il nostro Padrone, Signore di tutta la Magia.”
Tralascio tutti i rituali, cito solo questa parte per far notare che si parla chiaramente di Enki, lo
stesso Enki di cui parlano i sumeri e Zecharia Sitchin. Allo stesso modo in molti altri rituali si parla
di Kingu, Marduk, Anu, Enlil, Ecc.

Ma ancora più sbalorditiva è L'evocazione a Yog-Sothoth:

“EVOCAZIONE
Per Adonai Elohim, Adonai Jehova Adonai Sabaoth, Metraton Ou Agla Methon,Verbum
Pythonicum, Mysterium Salamandrae Cenventus Sylvorum, Antra Gnomorum Demonia Coeli God,
Almonsin Gibor Jehoshua Evam Zariathnatmik, Veni, Veni, Veni!”

Sono chiaramente gli Elohim (o Annunaki) che vengono chiamati tramite il Buco Nero della
Galassia !

“Ascoltami! Re dello Spazio Infinito! Motore dei Pianeti!”


“Squarcia il Velo! Rompi lo Specchio! Rivela l'Illusione! Osserva, il Cancello si apre!”

3) LE TAVOLETTE DI KUTU

Tratte dalla versione del Necronomicon di Fanucci editore

Si tratta di tavolette di argilla del tempo sumero trovate in Iraq da un archeologo italiano. Vengono
riportate nel libro in quanto si capisce chiaramente che sono la fonte dei “miti di Chtulhu” di H.P.
Lovecraft, noto scrittore horror.

Sembra ridicolo che si definisca generalmente il Necronomicon come un libro inesistente, se questo
tratta semplicemente della ben conosciuta religione sumera, di cui Zecharia Sitchin ha tradotto e
pubblicato decine di libri.

Cambiano leggermente i nomi delle “divinità” ma la storia raccontata è esattamente la stessa nei 2
testi del Necronomicon prima descritti come in questa che semplicemente è una raccolta di tavolette
sumere.
Si ricollega chiaramente alla creazione della Terra e della Luna nella prima tavoletta di cui parla
anche Sitchin.

Dalla prima tavoletta di Kutu:


“Quando lassù non era ancora nominato il cielo, di sotto la terra ferma non aveva ancora un nome,
Kutusumgal, il loro generatore, Mummu ed Ereskigal, la generatrice di tutti loro, le loro acque
insieme mescolavano,”
La più antica trinità

Afferma Sitchin ne “La Genesi”


“Tutto cominciò, riportano i testi sumeri, quando il sistema solare era ancora giovane. Il Sole (nei
testi sumeri: APSU, che significa "quello che esiste fin dall'inizio"), il suo piccolo compagno
MUM.MU ("quello che è nato", il nostro Mercurio) e più lontana TI.AMAT ("la fanciulla della
vita") erano i primi membri della famiglia del sistema solare;”

Praticamente si parla della formazione del sistema solare, della successiva collisione della Terra
(Tiamat/Ereskigal) con il pianeta Nibiru (Marduk)
Tiamat é la “Madre Terra” vergine.

Bisogna leggere i libri di Sitchin per capire il Necronomicon, sia nelle opere di Sitchin che nei
Necronomicon a pianeti, galassie e buchi neri vengono dati nomi di divinità. Allo stesso modo
fecero dopo (copiando) gli antichi greci e anche gli ebrei nelle sephiroth.

Sitchin parla della creazione della razza umana in modo dettagliato da parte degli extraterrestri
venuti da Nibiru (Annunaki/Elohim) e nella TAVOLA SESTA di Kutu si dice:
“la formazione a opera di Marduk di Lullu, I'uorno; perchè adempisse i riti degli dei, ossia li
servisse.”
In realtà a Marduk è il nome di Nibiru o meglio dei suoi abitanti. In realtà è Enki a crearli e poi dà il
nome di Marduk a suo figlio.

La tavola ottava dà l'ennesima dimostrazione che la Bibbia si basa su queste credenze, è quasi
completamente identica all'Apocalisse biblico:
“E una stella cadde dal cielo sulla terra, e questo era l'atteso segnale e l’ultimo dei grandi sacerdoti
forgiò con la pietra infuocata della stella, una chiave con essa aprì finalmente il pozzo dell'Abisso e
dal pozzo salì il fumo, come il fumo di una immensa fornace e il sole e l’aria vennero oscurati dal
fumo del pozzo. E dal fumo avanzarono sulla terra delle cavallette e venne dato loro un potere come
hanno potere gli scorpioni della terra. ...”

...” Allora si vide salire dal mare una fiera con dieci coma e sette teste; sulle coma aveva dieci
diademi e sulle teste titoli blasfemi e sul corpo squame e aculei prodigiosi: Kutusumgal, il più
Antico tra tutti i Grandi Antichi. Con voce terribile, disse: "Chi eguaglia la fiera, e chi è in grado di
farle guerra?" Marduk spiegò la sua rete e il vento cattivo sguinzagliò davanti a lui. Con un soffio di
fuoco il potente Kutusumgal respinse l'assalto e il suo alito orrendo, riempì la gola di Marduk e poi
il suo ventre. Allora con terribile artiglio lo sventrò e divorò le interiora e gettò nel mare la sua
carogna. Trionfante Kutusurngal si rivolse ad Ereskigal regina e con lei concertò terribili pene per
gli Anunnaki ed eterni supplizi. E gli Antichi ordinarono all'uomo il servizio degli dei e a capo di
essi con grandi privilegi i sacerdoti del culto di Kutu posero.”

Molto interessante la parte finale, dove Kutusumgal, il Sole col suo fuoco potente distrugge
Marduk, il pianeta Nibiru degli Annunaki. Secondo Sitchin, gli Annunaki colonizzarono la Terra
esattamente per estrarne oro per proteggere il loro pianeta dal Sole, polverizzando l'oro terrestre
nella loro sottile atmosfera creando uno specchio dorato protettivo. Ugualmente Ereskigal (la
Terra) prepara pene e supplizi per gli Annunaki.
Nibiru si suppone sia stato un pianeta di questo sistema solare nel tempo dei sumeri, oggi è
scomparso, è stato il Sole a distruggerlo ? Allo stesso modo “i sacerdoti del culto di Kutu” hanno
successivamente adorato il Sole (presente in tutte le prime religioni) perché è stato il Sole a
distruggere Nibiru e gli “dei” Annunaki che hanno dominato la Terra fino ad allora ?
Si spiegherebbe perché gli Annunaki sono scomparsi (nella parte finale della lunga storia che
traduce Sitchin gli Annunaki ritornano su Nibiru) insieme al loro pianeta. Quindi l'apocalisse
potrebbe essere già avvenuto. Chiarirebbe inoltre come dal culto dell'antico testamento (che parla
della dominazione degli Annunaki/Elohim sulla terra) si passi al culto di Gesù Cristo, che è la copia
esatta di Horus ovvero il Sole.

Segue con i soliti rituali..

Da notare che Enki (Ea) viene degradato come Satana dagli ebrei e che nelle tavole di Kutu sarebbe
esattamente uno degli “Dei Primigeni” che complotta contro Kutusumgal (Apsu) che pianifica di
punirlo in quanto lo infastidisce.
Ea è Nettuno e Kutusumgal/Chtulhu è il Sole, in effetti dalla creazione del sistema solare Nettuno è
un residuo della formazione solare ed è nella zona più lontana dalla sua luce, come quasi “fosse
caduto nell'oscurità”. In effetti il diavolo viene spesso raffigurato con un tridente, esattamente come
gli antichi greci raffiguravano il Dio Nettuno. Ea é anche il Dio dell'acqua, finalmente gli astronomi
del periodo più recente hanno chiaramente detto che Nettuno non è un pianeta gassoso, bensì di
ghiaccio e acqua, da chi lo hanno saputo i sumeri migliaia di anni fa ? Dagli Annunaki ovviamente.

Tutte le religioni che si basano sul monoteismo o no il Sole viene sempre raffigurato come il Dio
della creazione, il supremo. I nomi delle divinità creano solo sempre confusione volutamente nella
piccola mente degli uomini, in realtà sempre si giunge al culto del Sole in ogni religione, come in
quella primordiale sumera dalla quale TUTTE discendono.
Ovviamente non si può pensare che il Sole sia l'unico Dio, perché sappiamo oggi che esistono
infinite stelle e quindi “soli” in infinite galassie. Il Dio vero dovrà essere senz'altro qualcosa di
molto più grande e di certo non saranno le religioni a spiegarlo...Forse Dio ha dato la capacità,
lentamente, all'uomo di scoprirlo : la Scienza. E forse le religioni odiano la scienza perché le mina
nel profondo e perché forse non nascono per far comprendere veramente Dio all'uomo.

Il Necronomicon è solo un libro di astronomia occultata, non provoca nessuna pazzia, ve lo posso
assicurare.. a meno che non lo intendiate. Ma tutte le religioni prese alla lettera provocano la
pazzia..