Sei sulla pagina 1di 2

Pesca e acquacoltura

www.fao.org

Fatti salienti Il pesce come cibo, fonte di reddito


Più del 75 per cento della e commercio
produzione ittica mondiale è
utilizzata per il consumo umano. Malgrado la loro sconfinata estensione, gli oceani hanno risorse limitate ed
Il resto viene trasformato in ecosistemi fragili. La FAO ritiene che possano essere protetti e conservati con
farina e olio di pesce. una attenta e responsabile amministrazione. L’Organizzazione è impegnata ad
Nel 2006, 43,5 milioni di uomini affiancare i paesi per una gestione più efficace della pesca e dell’acquacoltura
e donne sono stati coinvolti e per garantire che il pesce continui ad essere una fonte significativa di cibo,
nella produzione ittica o nella di reddito e di commercio per le generazioni future.
cattura del pesce nell’habitat
naturale e in acquacoltura.
Nell’ultimo trentennio il numero
di pescatori e di allevatori ittici è
Importanza globale di un settore in crescita
cresciuto più della popolazione
mondiale e dell’impiego Il pesce è un’eccellente fonte di proteine il passo della popolazione mondiale in
nell’agricoltura tradizionale. animali e di un’ampia gamma di nutrienti espansione, e data la forte probabilità che
essenziali, e contribuisce alla sicurezza la quantità del pescato rimanga stagnante,
L’esportazione di pesce e dei
alimentare in molte regioni. Nel 2006, l’aumento di produzione dovrà venire
prodotti ittici è salito nel 2006 è stato consumato come cibo oltre il dall’acquacoltura.
a 85,9 miliardi di dollari, con la 75 per cento della produzione ittica mondiale La pesca e l’acquacoltura, direttamente e
previsione di una ulteriore forte – 16,7 chilogrammi a persona – e per il 2030 si indirettamente, svolgono un ruolo essenziale
crescita commerciale. Nei paesi stima che il consumo arrivi a 20 chilogrammi per il benessere di milioni di persone nel
pro capite annui. L’altro 25 per cento viene mondo – dai pescatori su piccola scala delle
in via di sviluppo, l’esportazione
lavorato come farina e olio di pesce. acque interne che pescano nei laghi e negli
ittica netta (esportazione meno L’ammontare complessivo del pesce acquitrini, agli uomini e donne che lavorano
importazione) supera quella di e prodotti derivati ha toccato un nuovo nei grandi stabilimenti di trasformazione.
altri prodotti agricoli come caffè, record nel 2006 – 143,6 milioni di tonnellate Tenendo conto delle persone a carico, almeno
tè, riso e banane. di pesce e derivati, inclusi 51,7 milioni 520 milioni di persone sono legate a questo
dall’acquacoltura, un settore in forte crescita. settore, ovvero circa l’8 per cento della
Circa il 52 per cento delle Se la produzione complessiva deve tenere popolazione mondiale.
risorse ittiche mondiali sono
“completamente sfruttate”,
o sfruttate al massimo livello.
Impegno per una
Un altro 28 per cento è “super pesca responsabile
sfruttato”, esaurito o in fase di
Nel 1995, i paesi membri della FAO hanno
recupero dopo l’esaurimento. adottato il Codice di condotta per la pesca
Il pesce contribuisce alla responsabile, che contiene criteri e metodi ©FAO/Giulio Napolitano

sicurezza alimentare di varie da applicare a tutti gli aspetti della pesca


e dell’acquacoltura. Il codice, largamente
regioni. Per un gran numero di applicato nel settore ittico, suggerisce le
paesi in via di sviluppo il pesce strade per lo sviluppo e la gestione della pesca
rappresenta un’importante fonte e dell’acquacoltura. La FAO ha sviluppato
Sbarco del pescato a Cox’s Bazar, Bangladesh.
di proteine – in 30 di questi arriva piani internazionali di azione e strategie per
incrementare l’informazione sulla cattura del
al 45 per cento delle proteine
pesce e sull’acquacoltura, come strumenti
animali assunte. complementari del codice per promuovere gli
Dal 1970, i prodotti obiettivi di una pesca responsabile. I piani si
dell’acquacoltura sono aumentati occupano di pesca con palangaro, pesca degli
squali, quantità del pescato e pesca illegale,
mediamente dell’8,7 per cento
clandestina e irregolare.
annuo. Con l’ultima produzione
di 51,7 milioni di tonnellate,
l’acquacoltura è in grado per la
prima volta di coprire circa la
metà di tutto il consumo di pesce.
Agire sui problemi globali
Cambiamento climatico Sicurezza in mare Standard e certificazioni
L’aumento del riscaldamento globale, con i La pesca in mare è probabilmente la L’aumento dei consumi e delle vendite al
conseguenti cambiamenti fisici, e la maggiore più pericolosa occupazione del mondo dettaglio hanno contribuito ad accrescere
frequenza di eventi meteorologici eccezionali – la stima parla di 24 000 morti l’anno. le preoccupazioni per la salute umana e gli
stanno esasperando la pressione sulle risorse Le cause principali dipendono non impatti sociali e ambientali della pesca e
naturali e sugli ecosistemi. Le variazioni solo dai battelli da pesca carenti sotto dell’acquacoltura. Si sono quindi moltiplicati
climatiche colpiranno le disponibilità alimentari l’aspetto della progettazione, costruzione gli standard privati e le certificazioni su
e le condizioni di vita, mentre alcune comunità ed equipaggiamento, ma anche dal tutta la catena di distribuzione. Ideati per
ittiche affrontano una minore disponibilità di comportamento dell’uomo e dalla mancanza rintracciare le origini dei prodotti alimentari
pesce, un aumento dei costi di produzione di attenzione verso i problemi della sicurezza (e assicurare la loro qualità e sanità), si stanno
e la contrazione del commercio. Peraltro, e di una corretta condotta. Oltre alla revisione occupando anche delle condizioni ambientali
i cambiamenti nella distribuzione e nella del Codice di sicurezza per i pescatori e i e sociali. La FAO, come foro neutrale e
quantità delle specie ittiche possono creare pescherecci e relative linee guida volontarie, mondiale per discutere questi problemi,
nuovi mercati. L’attenzione della FAO è rivolta la FAO sta attualmente lavorando con suggerisce raccomandazioni per lo sviluppo
verso i piani di azione per i cambiamenti l’Organizzazione internazionale del lavoro e degli standard, fornisce una guida su come
climatici, affinché siano legati a politiche l’Organizzazione marittima internazionale per trattare la trasparenza, l’armonizzazione e
appropriate e a normative di legge, con sviluppare nuovi standard di sicurezza per i la complementarietà degli standard a livello
opportune misure per minimizzare gli impatti piccoli pescherecci. privato e governativo, e revisiona le procedure
negativi e sfruttare le opportunità. di certificazione per un’unanime approvazione.

Informazione sulla Tendenze globali delle scorte marine mondiali dal 1974
pesca e l’acquacoltura
Percentuale delle scorte stimate
Unica depositaria dei dati globali sulla pesca, 60
la FAO svolge un ruolo primario come autorità
riconosciuta per l’informazione sulla pesca 50
e l’acquacoltura. Compila, raccoglie, analizza
e integra dati e informazioni su pesca e 40

acquacoltura, creando una documentazione


30
informativa importante, tempestiva e
disponibile per gli utenti (su stampa ed 20
elettronicamente). Tra questi: Sottosfruttate + moderatamente sfruttate
fascicoli su pesca e acquacoltura: una 10 Completamente sfruttate
Supersfruttate + esaurite + in fase di recupero
ricca fonte d’informazione su specie
0
ittiche, risorse ittiche, pescherecci, 74 76 78 80 82 84 86 88 90 92 94 96 98 00 02 04 06
macchinari ed equipaggiamenti, profili di
paesi e organismi regionali della pesca; La maggior parte delle scorte di pesce sono in pericolo di supersfruttamento.
Annuario statistico della FAO sulla pesca Fonte: SOFIA 2006

e l’acquacoltura: una serie di dati sulla


pesca, acquacoltura e derrate;
Rete FISHINFO: un gruppo di
sette organizzazioni governative e Produzione mondiale da pesca di cattura e da acquacoltura
intergovernative, oltre alla GLOBEFISH
della FAO, con servizi d’informazione su Milioni di tonnellate
marketing e commercio, che riunisce 140
venditori e acquirenti in conferenze
Cina
internazionali, offre notizie aggiornate 120 Nel mondo Cina esclusa
sui mercati e sulle tendenze dei prezzi, e 100
formazione sugli standard per la qualità
degli alimenti; 80
La Situazione mondiale della pesca 60
e dell’acquacoltura (SOFIA): questo
documento esauriente, a cadenza 40
biennale, offre un panorama generale 20
sulla pesca di cattura e l’acquacoltura
nel mondo. 0
50 55 60 65 70 75 80 85 90 95 00 04

La produzione mondiale ittica da pesca di cattura e da acquacoltura è attualmente al valore


più alto – più di 143,6 milioni di tonnellate nel 2006.
Fonte: SOFIA 2006

Organizzazione delle Nazioni Unite


per l’alimentazione e l’agricoltura Telefono: (+39) 06 57051 Informazioni per i media:
Viale delle Terme di Caracalla Fax: (+39) 06 57053152 Telefono: (+39) 06 57053625
00153 Roma, Italia E-mail: FAO-HQ@fao.org Fax: (+39) 06 57053729