Sei sulla pagina 1di 4

URL :http://www.ilmascalzone.

it/
ilmascalzone.it
PAESE :Italia
TYPE :Web Grand Public

16 settembre 2021 - 19:08 > Versione online

dall’UniUrb
Home - Cronaca e Attualità - dall’UniUrb

Cronaca e Attualità
• 16 Settembre 2021
By
Redazione
-
31 minuti ago
35
Nuova edizione del dottorato in Global Studies di Uniurb
Lunedì 20 settembre sarà avviata la nuova edizione del dottorato in Global Studies del
l’Università di Urbino , area tematica: International economic policy, business and
governance.

Tutti i diritti riservati


URL :http://www.ilmascalzone.it/
ilmascalzone.it
PAESE :Italia
TYPE :Web Grand Public

16 settembre 2021 - 19:08 > Versione online

Nella mattinata a partire dalle 9,30 ci sarà una sintetica illustrazione del programma di
dottorato da parte del professor Antonello Zanfei che lo coordina, una breve
autopresentazione dei dottorandi e un keynote speech di Etienne Balibar della Kingston
University di Londra (si veda locandina allegata). Nel pomeriggio inizieranno i corsi
introduttivi ad uso della nuova coorte di dottorandi.
Per facilitare questo primo incontro con i dottorandi, alcuni dei quali saranno presenti di
persona a Urbino, l’intera giornata avrà luogo in modalità “mista”, ovvero in presenza su
prenotazione dei posti disponibili in aula Amaranto di Palazzo Battiferri, e online per
chi non potrà esserci.
Sono disponibili circa 30 posti, opportunamente distanziati in conformità con le
disposizioni in materia di prevenzione del Coronavirus, prenotabili inviando una mail a
phd-global-studies@uniurb.it entro venerdì 17 settembre, ore 12.
I link per assistere online ai due momenti introduttivi della mattinata saranno i seguenti:
– Welcome and introduction (ore 9:30):
https://uniurb-it.zoom.us/j/87517998364?pwd=UmplTytxZThJVkJiOWJEL3UzMXFZdz09
– Keynote speech di Etienne Baibar (ore 10:30)
https://uniurb-it.zoom.us/j/87411261520?pwd=ZklRa3IrTEl1Ymh0N3hDQVEzK21UUT09
Scienze dell’educazione di Uniurb al top delle classifiche
• Lunedì 4 ottobre la presentazione a Palazzo Albani e in streaming –
Per il secondo anno consecutivo, il Corso di studi in Scienze dell’educazione del
l’Università di Urbino è il quarto in Italia per la qualità della didattica a fronte di 32
concorrenti. L’analisi del Censis pubblicata lo scorso luglio premia il Cds urbinate
riconoscendogli 101,5 punti contro i 96 dell’anno precedente. Con questo significativo
balzo in avanti, la Carlo Bo di Urbino si colloca a pochi passi da corsi analoghi erogati da
Atenei ben più grandi come Bologna (104 punti) e stacca un Mega Ateneo come Roma
La Sapienza, che l’anno scorso la precedeva, confermando il sostanziale ex aequo con
Siena (102) e dimezzando la distanza dalla capofila del settore Perugia (107).
“Si tratta di una conferma importante che ribadisce il valore del lavoro dei docenti e del
personale di segreteria” afferma il professor Stefano Azzarà, Coordinatore del Corso.
“Un risultato, oltretutto, che è stato anticipato dall’ulteriore crescita delle iscrizioni
nell’anno accademico 2020-2021 (oltre 350 matricole che si aggiungono alle oltre 300
del 2019-2020), ad attestazione di una tendenza di netta crescita che sarà
probabilmente confermata questo ottobre. Vengono premiate le scelte strategiche e di
programmazione del Dipartimento di Studi Umanistici, che ha impostato un’offerta
formativa costruita sulle esigenze degli studenti, sulla fluidità del loro percorso
accademico e sull’avvicinamento con gli sbocchi professionali (oltre 70% di laureati/e al
lavoro ad un anno dal conseguimento del titolo). Il corso di studi, oltre ad accompagnare
gli iscritti in itinere mettendo loro a disposizione un confronto quotidiano con i docenti e
l’ausilio dei tutor, ha come principale obiettivo lo sviluppo delle capacità di pensiero
critico e di autonomia, perseguito attraverso un approccio interdisciplinare che alla
formazione di base di taglio pedagogico e psicologico unisce l’apertura mentale favorita
dagli studi filosofici e la concretezza della conoscenza storica e sociologica. Al tempo
stesso, però, il Cds è attento all’avvicinamento al mondo del lavoro, tanto più che è
stato costruito a partire da un rapporto strettissimo con gli enti socioeducativi e
socioassistenziali del territorio, i quali sono stati coinvolti sin dalla sua progettazione”.
Impegnato in un continuo monitoraggio e miglioramento qualitativo dei processi
gestionali e della didattica, il Cds ha puntato soprattutto su un sostanziale

Tutti i diritti riservati


URL :http://www.ilmascalzone.it/
ilmascalzone.it
PAESE :Italia
TYPE :Web Grand Public

16 settembre 2021 - 19:08 > Versione online

potenziamento dei tirocini, che impegnano adesso gli studenti dal secondo anno per
275 ore complessive, al fine di mettere alla prova le conoscenze teoriche e le
competenze acquisite a lezione e nei laboratori attraverso l’immersione pratica nelle più
diverse situazioni educative.
“Già dallo scorso anno Urbino ha completato la filiera con un corso magistrale in
Pedagogia che consente agli educatori di diventare pedagogisti e coordinatori
pedagogici, formandosi per posizioni di direzione nell’ambito delle professioni educative,
ma anche di accedere all’insegnamento di storia, filosofia e scienze umane nei licei
(classi di concorso A-18 e A-19). Si tratta di un percorso formativo completo e integrale,
dunque, che si unisce alle condizioni ideali offerte dalla città per lo studio e la ricerca.
Anche nell’ultimo monitoraggio, viene confermato non a caso che la metà dei nostri
studenti proviene da fuori regione. Il CdS è pronto come tutta l’Università di Urbino ad
assicurare un rientro in presenza e in piena sicurezza” conclude Azzarà. “Con queste
credenziali, diamo il benvenuto ai nuovi studenti e alle nuove studentesse, garantendo
un impegno sempre maggiore per migliorare i risultati raggiunti”.
Dopo gli Open Day di luglio e settembre, il Cds verrà presentato alle matricole lunedì
4 ottobre alle ore 11 presso Palazzo Albani, con streaming dell’evento.
Teatro in carcere: Aenigma al workshop internazionale “Escape”
– Il lavoro in arti sceniche in carcere del Teatro Universitario Aenigma (Ateneo Carlo Bo
di Urbino) al centro dell’attenzione –

Si avvia a conclusione a Pesaro il secondo Workshop di studio del Progetto ESCAPE


(Encouraging the use of SCenic Arts in Prisoners’ Education) sostenuto dal Programma
europeo ERASMUS+ .
La Ricerca coinvolge operatori e studiosi da Italia, Spagna e Portogallo, con
capifila il Nuovo Comitato “Il Nobel per i Disabili Onlus” fondato da Dario Fo e Franca
Rame (Project manager Nazzareno Vasapollo). Sotto la lente dei ricercatori è stata
approfondita la conoscenza delle esperienze artistico-educative condotte negli istituti
penitenziari di Porto, Covihla, Siviglia e Pesaro.
Per l’Italia in questi giorni l’analisi si è concentrata sulla ventennale esperienza
nelle carceri marchigiane del Teatro Universitario Aenigma dell’Università Carlo

Tutti i diritti riservati


URL :http://www.ilmascalzone.it/
ilmascalzone.it
PAESE :Italia
TYPE :Web Grand Public

16 settembre 2021 - 19:08 > Versione online

Bo di Urbino, capofila del Coordinamento Nazionale Teatro in Carcere (organismo che


riunisce oltre 50 esperienze da 15 Regioni). Per Aenigma, oltre al direttore artistico Vito
Minoia, anche coordinatore del gruppo di Ricerca ESCAPE per il Curriculum Teatro,
hanno partecipato l’attrice Romina Mascioli (partecipante anche ai gruppi di Ricerca
multidisciplinare), il regista Francesco Gigliotti coordinatore del modulo “il Teatro d’arte
plastica e dinamica”, l’esperto di Teatro dell’Oppresso Roberto Mazzini, coordinatore del
modulo “Teatro-Forum”. Hanno partecipato ai lavori anche l’associazione Nuovi
Linguaggi, la Compagnia portoghese ASTA, il Centro di Educazione per gli Adulti
CEPER di Siviglia. Significativi anche gli interventi della Prof.ssa Angela Anderlucci del
CPIA di Ancona, attiva negli istituti penitenziari di Ancona, Stefano Natoli, giornalista del
Sole 24 ore, coordinatore di un progetto di Formazione al giornalismo nel carcere di
Opera a Milano.
Obiettivo della Ricerca è quello di arrivare nel corso del 2022 ad una serie di
pubblicazioni che potranno essere utilizzate nelle diverse regioni d’Europa per una
disseminazione delle buone pratiche in Arti Sceniche (Teatro, Danza, Musica) ideate e
sperimentate negli ultimi due anni in Italia, Spagna e Portogallo.

Tutti i diritti riservati