Sei sulla pagina 1di 43

ALBERTO CURCI

PARTE TERZA

D ZI NI CURCI - MILANO

CONTENUTO DELLA III. PARTE

PREPARAZIONE AL SALTATO pag. 5


Tre Studi sull'arcata preparatoria al saltato » 6
LE ALTRE APPLICAZIONI . » 7
Scala, intervalli di terze, arpeggio, trilli e note doppie in La bemalle
magg . » 7
Due Studi in La bernolle magg. . . » 8
Scala, intervalli 'eli terze, arpeggio, trilli e note doppie in Mi bemolle
magg . » 9
Due Studi in Mi bemolle magg. . . » 10

SETTIMO STUDIO IN FORMA DI DUETTO . » 12

Sviluppo dell'estensione del 4° dito . »

Scala, intervalli di terze, arpeggio, trilli e note doppie in Mi magg.


Tre Studi in Mi magg. . . 'II

Riassunto delle scale maggiori fino a 4 diesis e 4 bernolli, can


diversi ritmi e colpi d'arco .
Arpeggi sull'accordo di tonica nelle tonalita fino a 4 diesis e 4
bemolli can diversi colpi d'arco .
I COLORITI . 20
Tonalita minori . 23
Scala, arpeggio, intervalli di terze, trilli ed esercizi per l'articolazione
in La min . »

Esercizio per la rotazione della spalla .


Tre Studi in La min. . . »

Scala, arpeggio, intervalli di terze, trilli ed esercizi per l'articolazione


in Mi min . » 26
Tre Studi in Mi min. . . 28
OTTAVO STUDIO IN FORMA DI DUETTO . »

Scala, arpeggio, intervalli, trilli, note doppie ed esercizi in Re min. » 32
Esercizi per l'articolazione della spalla e del polso . » 33
Due Studi in Re min. . . » 34
Cambiamento d'arcata senza interruzione . » 35
Due Studi per il cambiamento d'arcata . » 36
Studio sul sincopato . »
37
Scala, arpeggio, intervalli, trilli e note doppie in Sol min. . . »
37
Due Studi in Sol min. . . »
38
Scala, arpeggio, intervalli, trilli e note doppie in Si min. . . » 39
Tre Studi in Si min. in tempo 6/8 . » 40
NONO STUDIO IN FORMA DI DUETTO (Tarantella) i • • • • • • • • • » 42
J

PARTE III.

PREPARAZIONE AL SALTATO
E bene iniziare 10 studio di quest' arcata preparatoria verso il tallone, la cioe, dove Ia mane
controlla meglio il rimbalzo deIl'arco dovuto all'elasticita dei crini e perche trovandosi Ia mana mo.t:
vicina al punto di contatto tra corda e arco essa domina meglio I'azione di quest' ultimo.
Condizione preliminare per quest' arcata preparatoria e quella di saper reggere 1'arco sospe3C'
in aria in atteggiamento di voler son are al tallone, senza poggiare l' arco sulle corde. Per otten ere cio
e necessario che il mignolo prema con Ia necessaria forza sulla bacchetta per agire da con tropeso ec
evitare che l' arco tenti a cadere dal lato della punta. Tuttavia il mignolo non deve rinunciare alla
morbidezza delle sue articolazioni per potersi flettere durante l'arcata al momento opportuno.
Questa condizione, per cosi dire, di compromesso tra pressione e morbidezza del mignolo 3~
raggiunge soltanto poggiando il mignolo lateralmente sulla bacchetta, un po' piu indietro aIle altre
dita e leggermente flesso. La posizione laterale sulla bacchetta del mignolo e indispensabile per evitar e
che esso mantenendosi morbido e flettendosi scivoli dalla bacchetta. Premesso cia si poggi I'arco sui.a
corda al tallone e si suoni un'arcata di due 0 tre centimetri, poi la mano sollevi 1'arco dalla corda e
descrivendo nell'aria un ovale rimetta 1'arco sulla corda allo stesso punto di prima per ripetere il proce­
dimento per ogni arcata in giu. Per l'arcata in su i movimenti si svolgono in direzione opposta.

AVVERTENZA:
Lo studio di questa colpo d' area
preseritto a questa punta dell'inse­
mov imeutc i::
gnamento serve prineipalmente a dare ,... -- .... ... " sosp ensioae
all'allievo le conoscenre preliminari per i
futuri eolpi d'area saltati, gettati eee. e per :':;l;~~~J~ ~\~

i(~VI
alleggerire l'arcata al tallone. Pertanto se
ne limiti 10 studio in primo luogo quale ginna-
stiea per il braeeio destro mentre nell'applieazione
pratica ei si attenga al solo materiale di studio dato qui, essendo I'allieoo ancora immaturo !Jer ulteriori applica; ic':;.
1:::--------- /
-------­
,,
,,
,

Direzioue dei movimenti Direz ione dei movimenti

Dell' arcata in giu Dell' arcata in su

La curva punteggiata viene descritta dall'arco nell'aria durante la pa1.lsa per riporrare
sulla corda al punto di prima.
Arcata in su

m l¥li5¥&'f[ecc ~!~i, ~P~TiJhi'


Arcata in gin
v V V V VV V V
¥i~ ~ ¥ verso il Tall. verso il Tall.
~'I • _._. - ­

Eseguire questa arcata sulle scale di Sol, Re e La magg. in un'ottava iniziarido ­


vuote e ripetendo 4 volte ogni nota.

~i=il~~"JY£"fl
.(~

Tall. V V V V V V V V V
~

V V V

Proprieta esclusiva per tutti i paesi: EDIZIONI CURCI S.r.l. Galleria del Corso, 4 - 20122 Milano. E. 4313 c C

-,: Copyright 1952 (Renewed 1980) by EDIZlONI CURCI S.LI. - Milano.

T'Jrt.:. : dir-rti 5C'rlO risen-at}.

TRE STUDI

sull'arcata preparatoria al saltato.

275. Moderato

ff st"mt"le
~

~ . . . . . . . . .
~~~~

f ... . .. 4

tii
. . .

276. Moderato VV

" . .
simile

277. Moderato

simile

~ ~ 4

¥' r - !

E. 4313 c C.
LE ALTRE APPLICAZIONI

Oltre alle cinque applicazioni fondamentali delle dita studiate precedentemente, le dita possono
produrre in r a Posizione altri intervalli risultanti dalle prime due applicarioni fondamentali abbassate di
un semitono e cioe partendo dal semitono tra corda vuota e primo dito anziche dal tono. In tal caso
I a r a Applicazione abbassata di un semitono da i seguenti intervalli.

Sui La ~ ~ Sui Sol


~oo o () gg§jj~
-1- U" ~
ol:'e­

e la 2a Applicazione abbassata di un semitono questi altri intervalli

fg S~I, M~ bo ~-&~.o. SuI La ~~ . SuI Sol

j:rg~~~~ll II ~o ~ o 1,1) Eube-b!?u-be- ~


AVVERTENZA. - Data la dijJicoltd d'intonarione di alcuni di questi interoalli se ne tralasci per ora lo
studio prendendone solo conoscenra teorica e servendosi nella pratica dei soli intervalli necessari a formare le scale,
gli intervalli e gli accordi nelle tonalita di !vIi bemolle e La bemolle magg.

SCALA, INTERVALLI DI TERZE, ARPEGGIO, TRILLI E NOTE DOPPIE IN LA BEMOLLE ;\[AGG.

il~~)~E(b,~(~t
j

~J(~~E

twe~r~;i:

E. 4313c c.
8

279.
~ T.A. ••
d~
~ --------- simile

- II

280. NOTE DOPPIE

~I~

DUE STUDI

in La bemolle magg.

r
"6­
I I
9

¥ i3~
282. Moderato alIa Marcia
.I\.>!.", .
~Jt§~g
J
fdec£so ' . .

~~~~~~~I:
. . . .
"--" . . '

Preparazione per la scala di Mi bemolle magg.

,*I~ ~

283. SCALA, INTERVALLI DI TERZE, ARPEGGIO, TRILLI E NOTE DOPPIE IN MI BEMOLLE ~fAGG.

"m
J -[

~
T.A. M.S.- T.A. M.l.

E. 4313 c C.
10

J -~

'I,ll ~~

~-
~. NOTE DaPPlE 0 •

¥ .

DUE STUDI

in Mi bemolle magg.

~t=~7~~: ~

.. . . .

E. 4313 c C.
11

287. Allegretto moderato

~~~~S~:

TA~~;~. pcantabile --­


M.L

T.A.

alia Meta

288. Quinte e Seste ~ ~ ~

~I~

E.4313c·C.
12

SETTIMO STUDIO IN FORMA DI DUETTO

Riassunto della tecnica studiata dal N. '275 at N. '288.

1\loderato

I
~I r:'I V i\
V.
....
simile .

~ ,) p r r I ,

Con pOCD arco al Tallone

sollevando dopo ogni nota

289. l'arco dalla corda.


~I
I
t ~ ~ - ~ - ~ ~ ~ ~
p1t.../

fll . . . . . . . . . .
I I I
• I I J J

~ r
1 0 - :; - ~ ~ ~"J. - I
.
<:» -9­ •
i
11 S:­ .. -
3

~I
. . . . . . .
I

<I

I ~ ~, .
I
, J -- ,
--- -6- ~.
iI ":" [:1~ '*!- ...
3
- ~ ­ ~

~I ,
,. I

j f'j I J ,.

A Mibmagg.

f'J, i\
. . . .
. .
e. ~ I ~ . I

f deciso
fll ...alla corda
~
f
":'" ~ "'!" ~ ~
. .

. ~
":"
~l~
~. .
I '--.--­
~

. .

E. 4313 c C.
13

~I -
..­ ..­
.. . .
0

4 · ­ . .. I
L../ .. .
~
) fll ---------­ ---­ ~.

. I
j

.. .
~

. .
4 ~
.... .­ . ...
~4i '!'" ..
~
.... ~1
. .:»

,\, I I ~ ~. ~- ......--. . .
­
--;

, 4 • •.----. I
'--.-­ . I I I I I I i

<
~-~,..~i'\
I '\1 ~ ~.:. ~
. •
r:..
4 I ... - ... 4I-! ! ~.~
. . .

1"11 ~ ;.
...-...
• ~~ -. .
. -!

4 J

r> I -........
-­ • .~

I ~I
I
II
I
• . • •••'-.-;f . .
i
-------4-----]
i

4 2.......... "1-" .------- . ••


~. ! •. ":'
. ;J ~ ! . ~ '!
fl. . . . . . . . . -. ........
. ,


. . . I ,

<
, lJ

~I
- I
- .-..
------- . I

.. ...
I
4 • [;7-- ...
• • • if •
~ .
! ~ - "!~ Ii:
. Ji 4J. ~
Tempo I.

B La~ magg.

f'll r:l . . . . . ·. . . . . . .. . . . .
I -
uJ
~
Pcomeprima

"" .
4
-tJ i -~ ~ .,;:~ ~ i: . 41­. -V~ V~ 1!i-~ ~ ~ • •-
'\1

. .
. .. . -= - ...
largamente e marcato
.-i­ ~~*:; •
~
~

\ 4
. "':' . .. fT.A.allacorda
<
~I I
::>­

..... .. ...
~
I -:;;
= -­

4 J ! ! ~ -6-' ! ... ! ~ '-.......-41­ - - - ! .. - - ! ..


• 3
f

E. 4313 c C.
14

SVILUPPO DELL' ESTENSIONE DEL 40 DITO


N.B. - Se qualcuna delle estensioni dovesse riuscire troppo difficile per l' allievo se ne rimandi 10 studio a
quando la mano aora imparato a superare senra sforzo le estensioni pill facili.
290. 4

1 1_~2:"=========:....- __
~J~_-:I

1 2 1 ~. ~=====3=========- __
._ N

2 2 3 __
1 1 _

~ 12
3 3 __
1_~~2=================__ _

291. Su due corde vicme

~1~t_rJ~~
4 _

. . • =' _ : .
:11
2

3 " 4

~~E~
4 _

:11

~~J~~

- IJ

~ 3 4 4 __
J :1
E. 4313 c C.
15

292. SCALA, INTERVALLI DI TERZE, ARPEGGIO, TRILLI E NOTE DOPPIE IN MI MAGG.

~jN==fgJr~a
(1)

~~~j~1

294. NOTE DOPPIE

¥~~1~!'

E. 4313 c C.
16
TRE STUDI

295. Moderato in Mi magg.

~,.-
__·tmUrr~~
------

Variante

_ant.> MOSSO ~ ,

pcanta~

E. 4313 c C.
17
297. Moderato ­

N. B. - Studiare anche legando ogni misura in un'arcata.

RIASSUNTO DELLE SCALE MAGGIORI FINO A 4 DIESIS E 4 BEMOLLI, CON DIVERSI ~IT:,n
E COLPI D'ARCO
298. DO magg. r---. ~ ~ ~

~!~S-..
M.L

~~~II

i'
~~~(~~
SOL
magg. 0 0 . 0

r r~

~~~~a
Tall. - ­

Punta
Tall.
3
~
- -
Jl
- - - - - - ­
~L~·g~~~
• ••

~:.~.~
•••
-
E. 4313 c C.
19
306. . .
~m.gg.
~~-----===_-_-
T.A< _ . . - . simil~
. ~+§f~ E ~F r

ARPEGGI SULL'ACCORDO DI TONICA NELLE TONALITA FINO A 4 DIESIS E 4 BEMOLLI CO);

DIVERSI COLPI D'ARCO

;~~~

~
~~i=: M iPUnta - Tall. - - - _

308. 80L magg. ­


~T.L~TA ---~--_--~~~ .~
w=
309.
_ -
-Punta
-
- Tall. -
-
- ~
-
- ..
-

~
REmagg.

~
~

~
3iO . LAmagg. o' 4 • 4
T~_I:L4 ~.' 0 •• ~O,~=,
_~~I . .. . . _oj :1
~ . M.l. ~ .'. ,-_~

311. MI magg. _

~~~~

312. FA magg.

~~

313 . 81 ~ magg.

'1MI. - - -~
j . -+

~
3140: T:~' ~ r- co " " "
_---=1
~~~~-
==-- -
. "
"--'"
.. ~ _ ~====.
. . -~
"--.-. . .
J ~.

315. A~

~I ~
:.

E. 4313 c C.
20
I COLORITI
(Effetti dinamici)
Con 1a determinazione Coloriti s'intende in musica i diversi gradi di forza del suono. Come e
state gia spiegato nella I a Parte a pag. 34 i coloriti fondamentali in musica sono il piano e il forte.
Pero il suono puo essere prodotto anche con altre gradazioni di sonorita e cioe:
pianissimo (PP )
piano ( P )
mezzo forte ( mf )
forte (f )
fortissimo ( ff )
(he formano la gamma completa dei coloriti alla quale s'innestano quali graduali mezzi sussidiari il
crescendo (aumen to graduale della forza del suono) che si segna - oppure cresc. e il diminuendo
diminuzione graduale della forza del suono) che si segna opp. dim.
I fattori che determinano negli strumenti ad arco il grado di forza sonora sono:
I. La maggiore 0 minore pressione dell'arco sulla corda.
2. La maggiore 0 minore oelocita dell'arco sulla corda.
3. La maggiore 0 minore pressione accoppiata alla maggiore 0 minore oelocita dell'arco sulla corda.
Aumentando la pressione dell'arco sulle corde e necessario accostare l'arco verso il ponticello per­
che a quel punto le corde presentano una maggiore resistenza alla pressione, e nello stesso tempo au­
mentare la quantita di crini che tocca la corda, cia che si ottiene raddrizzando verticalmente la bacchetta
« a piombo» sui crini.
Al contrario, nel piano, inclinando leggermente la bacchetta verso la tastiera si diminuisce la
quantita di crini che passa sulla corda fino a ridurla al minimo nel pianissimo.
Per rendersi conto delle diverse gradazioni di senorita che si possono produrre s'inizi 10 studio
dei coloriti con l'esercizio seguente sulle corde vuote adoperando nel piano poco arco e poea pressione
e nel forte pili arco e maggiore pressione. Nel crescendo e nel diminuendo si regoli l'arco in conforrnita.

¥;~~-f~- ~'-
Iecc.sulle
corde
LaeMi

~ alla M".
eee

p --==1= p
Dopo questo esercizio preliminare si possono studiare le scale imparate precedentemente nel
modo seguente :
~ alla M.ta a alla Punta

~~~(~~= ece.

p-=-f- P <i> p. ---=1= p ~/=.::=~


L'aumentare (crescendo) e il diminuire (diminuendo) della senorita nella stessa arcata presenta una
difficolta maggiore degli esercizi precedenti, specie se il crescendo viene eseguito con l'arcata in gili
~~:"(lno al tallone e forte alla punta) 0 il diminuendo con l'arcata in su (forte alla punta e piano al tallone) perche
=~cl primo caso si dovra produrre il forte alla punta dell'arco, dove cioe il suono e naturalmente pili
c~Ebole e nel secondo caso il piano al tallone, dove il suono e natural mente pili forte.
Per ovviare questa difficolta e bene iniziare 10 studio del crescendo e del diminuendo servendosi delle
c:mdizioni pili favorevoli offerte dall'arco per tali coloriti e cioe il crescendo con l'arcata .in su e il dimi­
con l'arcata in gili.
316.
T.A. V
=i;e EO I
n
n

t)

=f=U===-_
p :/
E. 4313 c C.
21

Dopo gli esercizi sulle corde vuote si applicheranno gli stessi coloriti sulle scale gia note.
~ oOD.T.A.

~e~ j ~~~~~~~~~~~~Iecc. I
$I

P ---=== J==- p--=== J-.-===~ simile


ed infine si passera all'esecuzione del crescendo e del diminuendo con l'arcata inversa, cioe il cresco con l'ar­
cata in giu e il dim. con l'arcata in suo
317.
T.A.

~-=(~ F'1 ~~V~bi#~~~~==ttt


P n~=::::::::J u
o
P =
II

~ =
====t== 222d~r~

L'esecuzione del crescendo e del diminuendo nella stessa arcata accoppla 1 due procedimenti gia
esposti. Si studi questa duplice colorito prima sulle corde vuote
318.

~
T.A.

==(~ sul.le sc~le ~(~


Ie.poisemibrevi, ~3~~1 eee.
_ ==::I=o=
II U
III _ - =<J::: .
......c::::::::-- e- ~-

p-=J===-p -==- -====-- - ­

CINQUE STUDT

sui coloriti

J~~
mf f mJ

_~~·4~~i.

P mJ f mJ J J f p

E. 4313 c c.
22

321. Allegretto MS (poco area) 4,

r ... p co~i u~eco r' _ _ P(ecoJ f

~W~~~
--i@
p. . . f P f P
322. Allegretto

~~~~

=w= Y;;---"~'.1J~.=--'._~=J_

E. 4313 c C.
23
TONALITA.. MINORI
LE SCALE MINORI MELODICHE

Esercizio preparatorio (retrocessione del rO dito senza alzarlo),

324.sCALA, ARPEGGIO, INTERVALLI, TRILL! ED ESERCIZI PER L'ARTICOLAZIONE IN LA :-II:\.

,*(~_d~~

T.A.

~~2p£]~II

'*~
325. Quarte
~
(~
• • 0
EE i

T.A. T.A.

;. ~~
~
==(~ ~~=
~ F
M.1. T.A. M.S.
_1
T.A.
_.- ~. -~­
9_­

E. 4313 c C.
24

328. ESERCIZIO PER RINFORZARE IL 30 DITO (vedi Ia Parte Esercizio N. 52).

~I~
~ ~ ~ ~ ------' ~ ---=------' ~

329. ESERCIZIO

~I~ 1
...J,/ 3
---2/
DI ARTICOLAZIONE

.=, ~ - ~=~ _=

E. 4313 c C.
25
TRE STUDI
in La min.
331. Sostenuto
~ M'at"'i'" e salt i di " , d . . 2

~~(~~

332.Moderato
~ . Ribattut o di '!.""" _ _

J~~

333. Moderato
~
I~
T.A. _ ' 0 •

~
alla Meta

E. 4313 c C.
26

SCALA, ARPEGGIO, INTERVALLI, TRILLI ED ESERCIZI PER L'ARTICOLAZIONE IN MI MIN.


Preparazione alla scala

334.

1~I~i~

f I
~

adoperare per la semiminima in su

la stessa quantita d'arco dell'arcata in gin

~.I
335. Terze
~
-~
7i 7i •

aHa Meta

f
&$
~
?rr_.,
• < •

E. 4313 c C.
27

336. Quarte

~~
M.l. T.A. M.S. T.A.

~r~-i

i/ alla Meta

338. ESERCIZI PER RINFORZARE IL 30 E 40 DITO

1. _

1.
F
_

~------- 1. _

n L. :1

E. 4313 c C.
O~)
- o - I)

4
- ~O __ I )
4

-
~I)
o

o
­
4

-
(, It
-..0
O~ ­ - IJ -

TRE STUDI
in Mi min.
341~oderato
1m T.A. ~

~~=E;i~
M.S.

~
=I ~

~~~

'~~~J t~

Variante

~
alla Meta

E. 4313c C.
29

~t~

f
cresco

Meta~~~~
P scorreuole

E. 4313 c C.
30
OTTAVO STUDIO IN FORMA DI DUETTO
Riassunto della tecnica studiata dal N. 290 al N. 342.

Moderato
T.A. i1 i1
r.a ­ . ..:.. .
. . ,.. .. .
, 4U ~4t ""! ":'" .J ~ .,,:," !4
. l!
• I
.
344. (
f
4
Ii deciso 1!
I f1 ~ .-..."
.
r:I i1 Ii

~!~
r .~"*! !. 7f~
1
l~
~·t~ ~
I
f i~
~.
I

alla Meta

r. alIa Meta
.. 9 4 3_ i1"O' - --- . ..
~
~
--==
--.-.-.- ~
s. ~
~ii:i~ ~
U -'~-"- T s Ii

l
I - ~
~ _ simile !i ~ f --­
fl 9 n:f ~ 3' 3 i11 Ii
""'~
~
"0'

lET ~~~ :.t~~ •• • -----t! ••• Ii,


"I

~ 0 r:I 9
"'" -- - - 4_

....
-
l ..
.... 3
I lET 3 --- !i 3' ~~
fl Ii
'-'''3' ... ... '-'
~

"'"
-,
n) ---. ... • ±i
~. ~ ~
r:.J "': ! .... 4!
_ S-::-. A
11 ~~. -~ .--!­ ...--... --. ..,-..,
-
i
: -iJ
f1

...... -~ - .~
~ con brio
- - - 3

U • 7' ! 4f ..,;
"'!" I.J
"':" . . - -i i "'!

.\
I~l~~~~~~~~~~
1'1
o
- 0
_ 4
- 4 ____
--- . . ---- - - ­ .
tJ

11
~
- .

tJ - ~ <.» • ~ ­ ~ i ..
.=
ii =
ii ii 11 : i : i

E. 4313 c C.
31

B aHa Meta

P. M.

c M.S. ----~ .i±.


'" 0

4~ 'O~ ... "it ~.1Ji- ~


~"·iJ
",fr.~ -
~

r-,
~

.
4;:)
f "'--­ - :* lI!'-­ --_.-.
'3---------­ --­
... -
... ------ .....-.
~ i1--­
- --- ~ 0 ~.~

,
<,
@)
~
~ n
- ---- - • 11

scorreoole
_
-
\1
- - - 1,
I
;

IU c.
~ ?1

~
... M-. 1..-_____ o~.:.
4 ....
~
o~.
.. P unot
b• 0ll!.
..
, . ft. ~ ,;.P.

<
)
iJ
~
-'!' -Tl
- \ .f
.

nJ . , -J ~ ! • ~ -; ~ ;t~ ":'" .

fl
... M.
• .. ~. . .. ~ I!: .. . I!: ~\
-
111- ...­ 9­

\
) '"
4LJ

q'!"
-==
• .
I!!!!!I!!!!!!I!

... ...
-= ..
...
4LJ l~ Ii!' '!" ~

E. 4313 c Co
32
345. SCALA, ARPEGGIO, INTERVALLI, TRILLI, NOTE DaPPlE ED ESERCIZI IN RE MIN.

'm a~:la~,u
;r ~ ~- 2
~~i
0

_~ _ -- 4
J~~§~
~

~~I~~~~II

T.A.

~I_~
MJ.

346. Terze

+I~ M.I.

347. Quarte

T.A.

349'TRILLI

~~I~ ~ 1,,-0 IuS I­


4 o~

ll~ -
oe­
.... ­ II
o
"",.
-;, I 0~-J
o
:&

E. 4313 c C.
33
ESERCIZI PER L'ARTICOLAZIONE DELLA SPALLA E DEL POLSO

351. Spalla

Wi T.A.

E~Jii-Y
352. Spalla e pol so

W!:,. Punta

~t'~~

~-I

~
Due varianti all'esercizio precedente

l;~~~t;
PUtlt~
~
Tall.
~ ~ ~ ~ ----------- ~ --­
.-------..~~...-..-----...----=:::::.-----....----.....~

. t- ]
~~"./ "./ U~ ~~ ~J
Altre varianti

+ e l ) ~ J ~•.

TA
. .
Punta .fA: TA
. .
~ ~ M.1.~
~~3)
alla Meta con poco arco Meta ~d - ~ ­
Punta 1 . 1 .
Tall.

E. 4313 c C.
34

DUE STUDI
in Re min.

353 ·Andante sostenuto

~~if

~§§ ~.J

~F~~~~

~~~.~

~
Varianti

WI~t:

E. 4313 c C.
35

CAMBIAMENTO D'ARCATA SENZA INTERRUZIONE

Una delle principali aspirazioni tecniche del violinista e quella di raggiungere un cambiamento
d'arco senza produrre pause tra un'arcata e l'altra. Per quanta questo ideale tecnico non faccia parte
dello studio elementare, tuttavia, poiche la sua pratica realizzazione avviene a traverse 10 svolgersi di
movimenti di carattere meccanico e data 1a sua grande importanza nella tecnica violinistica genera1e
e indispensabi1e che l'allievo ne conosca fin d'ora i1 procedimento per poterne curare in seguito i1 per­
fezionamento insieme con le altre specie di tecnica di cui son date qui le norme fondamentali.
Per raggiungere il cambiamento d'arcata senza interruzione del suono e necessario che nel mo­
mento in cui l'arco cambia direzione, l'avambraccio, il polso e la mana assumano, ciascuno per qud
tanto che 10 riguarda, una parte del procedimento meccanico di questa tecnica.

Nell'arcata in giu con cambiamento d'crco alta punta si osservino le seguenti norme:
Quando i1 braccio avra tirato quasi tutta l'arcata, deve fermarsi lasciando 3
I. 0 4 centimetri di
cnrn da poter utilizzare ancora per l'arcata in giu.
Fermato i1 movimento del braccio si tireranno i residuali 3
2. 0 4 centimetri abbassando 1a sola
mana in modo da produrre una piccola arcata in gill di polso.
3. Mentre si produce la piccola arcata di polso l'avambraccio, indipendentemente da cia che fa la
mano, si mette in mota come per iniziare l'arcata in su COS1 la mano, esaurito il suo movimento di ab­
bassamento per la piccola arcata in gill, trova gia l'avambraccio in salita e ad esso si associa iniziando
immediatamente I'arcata in suo

, ,
,-_ ... ''
piccola arcata di polso in giu

Ji=
Nell'arcata in su con cambiamento d'arco al tallone si procede invece nel modo seguente:
I. Quando il braccio avra spinto l'arco quasi fino al tallone, deve fermarsi lasciando 3 0 4 centi­
metri di crini da poter utilizzare ancora per l'arcata in suo
2. Fermato il movimento del braccio si spinge l'arco per i residuali 3 0 4 centimetri col solo
movimento della mano producendo COS1 una piccola arcata in su di polso.
3. Mentre si esegue la piccola arcata di polso, l'avambraccio, indipendentemente da cia che fa 1::..
mana si mette in mota come per eseguire l'arcata in gill e allora la mano, esaurito il suo movimer.to
di spinta dell'arco in su trova l'avambraccio gia in discesa e ad esso si associa per iniziare immedic:c­
mente l'arcata in gill.

v
J.s;;.

Can questi procedimenti viene ridotta al minimo la pausa di sileneio tra un'arcata e I'oltra, anr]. ...... _._ ..
nello studio i movimenti acquisteranno tale morbidezza e flessuosita da descrioere quasi una piccolo (~r::.: .:,. _.
mento del mutar direrione d'arcata St da dare perfino La sensazione che La pausa non esista.

E. 4313 c C.
36

ESERCIZIO PREPARATORIO PER RENDERE MORBIDI I MOVIMENTI DEL POLSO

=--
~ T.A. Punt a T.A. Tall.
. . . . . . .
~I~~.
-con poco
arco col polso
~
si;"ile -
COD poco

areo col polso

. - - =

. - -
. - - . .
DUE STUDI

per il cambiamento d'arcata.

355. Sostenuto

:p T. A. piccola
arcata
picco la
arcata

samle
ill

di polso ing-iu di polso iDSU

Ifj

356.Moderato
rsu, •

~
T.A. Punta T.A. ~ M.L.

~===~(~~= .
• - - - - T.A. piccola T.A. piccola
arcata arcata
di pclso di polso

~~!.;~.~~~

E, 4313 c C.
37

STUDIO SUL SINCOPATO


357.

~~:O~_~
T.A.' -' ,sImIle

~
~
• 0 •
I t -

~
'=i~_ti-.~i-I
• • 0 •

td

'I,pr
SCALA, ARPEGGIO, INTERVALLI, TRILL! E NOTE DOPPIE IN SOL MIN.

358,

*1'
~r_~~ _
~ =-­ ~l~ i

~ - Punta

E. 4313 c C.
38

1
0
- 0 0-'
0
A U
- ~
0
4
tt1 1
J

!
1
~
j
1
1
.•
•••

I
DUE STUDI
in Sol min.

E. 4313 c C.
39

SCALA, ARPEGGIO, INTERVALLI, TRILLI E NOTE DaPPlE IN 51 MIN.


Preparazione alla scala

E. 4313 c C.
40

4
o
- n

0

0
(, - 0 -&
- rr I#e- -
U' ~ - ~

369. NOTE DaPPlE


o

TRE STUDI
· . m
in S1 mm, . t empo "8
6

;;o~
¥----"o.:.lL.---'-"--W
M.S.
",--" '---'" ~
~. ~ ~ 4

E. 4313 c C.
41

371. Allegretto

nifalla Punta

.. .. ~
~
~
~

372. Allegretto

- - -
mf alla Meta - - - - - ­

E. 4313 c C.
..+2

NONO STUDIO IN FORMA DI DUETTO


Riassunto della tecnica studiata dal N. 346 al N. 371.

TARANTELLA
Allegro brill ante
y
. .
,
fll \.
..--...... .".---

t] ., ., Ii!'
373.
f deciso f
) ~, 2
3
I

I
4 .
0·' -~- ~. tI --. • •

fl1 ,--. \, M.S. 4, 0

4U --. ., ., til
~~ ~. '-- L> -=
1 Pgrazioso Cresco
!
i ~I I L ! ~- •
""iT
"

f
-u~.
:::::=­ •
:::::=- •
:::::=-
.,
:::::=- : •. #~ ~~ .. ~.

f}, -. »<::
-------­ ..--......

.....-.
0

........ --­ ......


~
-- 4
v
-tJ

f},
----­ f
".----­
P
..,­ '-/

-
tJ
i ~ . ...
. f ~ 7i 4! ! "':' -.. ~
•.
~I !j a
-. r-. ~. ~ -~
-------
~
--------
,
4U
~,
,-/. -...-.
-
cresco f
--....­

4U 11"': v,,:, •
cresco
.. ." .. ., .. •

fli, - 0 :::::=-
-- 0 4, (0)
:::::=­
----
-- -
~.

-
f) .................
. <, ~. ----. -4 I

"',, 'I.,
. -. . .
..
~

t,.,
4 '! 1------
.~'
~i '1~ ~ ~ TT. .,.
'--'

!~:E~ta Tarantella e pubblicata anche per Violino e Pianoforte - Ed. Curci.

E 4313c C
43

~1 ~
----­ -. -'\ 4, 0

-
I

, I --. <, ~. ~ <, v~


P
• .--- ~":' ~cresc.'- f.--'"'
'-" -------

) I'} I
I . .
" 4U ~r'.
r'~i • '= ~. • P'
• ;t~
qtesc .
... ~

~I . ~ ~.
----- 0
­ .... ­ • .-
­ -----­

(
,

I
I

~r
.......,

f - --- --- "1-~


---- Pgrazioso

41
i ~ 1i
. ~~ ~
­ ~ ~ ~ ; n'!"

"ll _ ,..-. -..


f
. ~..:. _'L'.
0
4,~.
::::­
,u,~
'" . ,u,~
::::­
P

Qf .. ~

\ I .......
I

<
~I I I I

4 • n~ Ii!' "1 • 11 • I 1
t.
T1
2
11 . 1
3 3 3

I'}J ;,..--~. • ,u,' .*. l


o• .lJ,~ . I .l.lo_
. 4, I •
------
, 4
(

rJl r1_ --.. 4,

..
I

........ . . .
4 l'I -: I ~ - 1 •

~ I ------
_. -. -. . -. ..,-, ..---.. • •

I
(
4~

') I
-
restez
-
.
P
....... I

I
~
1'. "1'3 v- .,. ~ ~!"
2
T1~
P ~ 1 1
,!" .. "I":'

~.
rJ r J!':. ~ 4,~. L.~ . ~ ~.~ 1'- . . . . . .----.:.. 1'-.1'­
I
4
(

'11 0 I I . .
-'­ ~v

I 11 • I 'I. . I I I

E. 4313 c C.
f11 f! ~. .;,. -~- ~ 1"'/-----... · - ---- . - -'.1*"

U
f11 4,
·
----
I ~..,~
I

~~ .. ~~#·b"· ~ I ., . i

,
fli

"--'
- -
cantabile
::.

mfcres~.
I
. .;. -=.
.' ; . ~. 1*"

Pgrazioso
'1.
,--.
­

c;.anta1bile
. . . - . .... ....
'} I
"'"
1 4
i Pfj ... !!.
.
!. •- • tIl·
- !' -
· ..
:::=­
..
m Cresco -: P~

flJ - -----
.
.
.---'" .......-----.
cantabile
jJ,-. ,
. ;t. jJ, -=. •• •• .,.. .. ­
-1
I·~ mfcresc.
cant~b£le
f P
fl n
i I \/
. . . . .
2

. .
~ ~ ~ !
...
-
m cresco
-,,-. !. !. 'IT!.­ .,~. ... '.
fl. ,
- . - .---..... ~J'-. •• ~~

4!J III •
-----
., .
f-
............. ..
if\/
.
.. --------
,_ .
"'I i1

.
go \/

tlJ
p.: ~ i '1~
f
• -i
:::=­ ~

fll ~ J'-. .. ~J' ~~


.
. 4:.J
!
.. sf-­ . ---------­
----- .. .. if\I
-~ ,---­ ~ -
if~
• '---.­

-\/
fir • • i J.J. .: '\/

4!J :i. • TI~ .. . ~


, y ---.­ _.~

4 0
,

\ '-'
.
Cresco
'-'

<

tJ

--"
cresco
.. e.

E -1313 ~ C.
45

, t
I'll -.
-
.....---. -----.. -
"""-.: ......
-
-------­ -....-­
---­ 'r ____
~

_f
'-../

f P
) f11
I
4
-J. ." .:;J. iJ •. ! --:" ! .,. ... .

1\1 ~- 0
-. ..---. ,,---. r-.=.. r--~ ~~ ~ .u~ .fL .u~
---­
I
< •1\1 ='
-­ f
n
cresco
n
I
4J TT· I • . •. ... 11 -
a
- •

. . -. .
:::>­
1\1 fI. ~~ fL
. '" . ­. . · . ••
, 41 TT
. •
I J t

, mf cresco malta

.•
<
n n

.
I'll I
. . ••. . . · .
I
4
~t- •
:::>­
mfi
: ~: ,:
-
cresco motto
. : !' TT!' •• • • •- • -•• ••
­ ..:

'-.....-:.
mf ~resc. malta

::>­ V n
1\ 1
-----a .--......... ::>­ ~ fI- JJ,

I

<
• t> ~ • ~ :::>­ ........ ff~ •
:::>­
f11 ;:;­ :::>­ ~ 1/

4
~
,,---,.
~)~ it) •
~.
I :::>­ .... .­ • ~

Fine della III. Parte

E. 4313 c C.

Potrebbero piacerti anche