Sei sulla pagina 1di 29

certificato

N. IT 04/0841

TECNOLOGIE NO-DIG PER IL RINNOVAMENTO E


L’AMPIAMENTO DELLE RETI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA
Criteri di scelta e opportunità di applicazione
Milano, 14/11/2017

Inquadramento delle tecnologie


no-dig e normativa esistente

Relatore
Prof. Ing. Stefano Mambretti
Definizioni

 Riabilitazione: misure per il ripristino (e miglioramento) della


funzionalità di una condotta esistente o della rete

 Rinnovo: lavori che incorporano tutta o parte di una struttura


originaria di rete idraulica tramite i quali il funzionamento dell’opera
viene migliorato

 Riparazione: correzione/sistemazione di un danno locale

2
Definizioni (segue)

 Famiglia di tecniche: raggruppamento di metodi di


riparazione/riabilitazione/rinnovo che hanno caratteristiche comuni
 Lining: processo di rinnovo di una condotta tramite l’inserimento di
materiali all’interno della stessa
 Liner: la condotta di rinnovo dopo la messa in opera
 Condotta per il lining: condotta inserita nella preesistente per il suo
rinnovo
 Sistema di lining: condotta e altri mezzi e strumenti inseriti nella
condotta preesistente ai fini del rinnovo

3
Definizioni (segue)

 Diversione: messa in atto di sistemi per allontanare la corrente idrica


da una condotta da riparare

 Manutenzione: attività e lavori routinari che hanno lo scopo di


evitare il degrado del sistema e mantenerlo efficiente

4
EN 15885 Classificazione e caratteristiche delle tecniche di ripristino (rinnovo)
e riparazione degli impianti di smaltimento dei reflui
Risanamento

Manutenzione

Ripristino Rinnovamento Riparazione

Risanamento con tubazione inserita


a trazione
Risanamento
Relining close-fit Misure per il ripristino o per il
miglioramento della funzionalità dei sistemi
Relining con calze indurite in loco di drenaggio.

Relining con condotte singole Rinnovamento


Misure di miglioramento dell‘attuale
Relining con condotta spiralata
funzionalità di un sistema di condotte
Relining con condotte preparate sul esistente tramite il totale o parziale utilizzo
posto dei manufatti (condotte, pozzetti,..)
Relining con tratti di condotte
originali.

Famiglie (gruppi) di tecniche di rinnovamento secondo la EN 15885 (Giugno 2010)

5
Relining tramite tiro del tubo
La tubazione viene saldata testa a testa appena prima
dell’inserimento.

Loose fit

6
Saldatura a caldo

Saldatura con temperatura, pressione e tempo di raffreddamento imposte.


Verifica della saldatura.

7
Close fit: deformazione del condotto

8
Caratteristiche principali

9
Inserimento tronchetti di condotte.

10
Metodi di applicazione.
Metodo A: a spinta Metodo B: con tiro

Metodo C: tiro di condotte singole

11
Caratteristiche principali

12
Liner spiralati

13
Caratteristiche principali

14
Relining con segmenti di tubazioni

15
Caratteristiche principali

16
Relining con rivestimento a spruzzo

17
Caratteristiche principali

18
C.I.P.P.: Cured In Place Pipe
Una calza in materiale portante, o in
materiale rinforzato, che può essere
ricoperta con un foglio di protezione,
viene impregnata con una resina capace
di reazione alla temperatura
(indurimento).

19
Inserimento per inversione ad aria e
polimerizzazione a vapore

20
Inserimento per inversione e
polimerizzazione ad acqua

La pressione necessaria per l’inserimento


del liner è data dall’altezza dell’acqua nel
castello esterno.

21
Inserimento per traino e
polimerizzazione a raggi UV.

22
Ripristino allacciamenti.

23
Caratteristiche principali

24
Classificazione strutturale
UNI EN ISO 11295:2010

Un liner in classe A è in grado di resistere ai carichi imposti indipendentemente


dal condotto nel quale è inserito.
Liner in classe B o C collaborano con il condotto esistente.

25
Classificazione strutturale
UNI EN ISO 11295:2010

26
C.I.P.P. – Cured In Place Pipe

27
Condotte in materiali plastici

28
Contatti

Prof. Ing. Stefano Mambretti, PhD

Email: stefano.mambretti@polimi.it
Cellulare: 347.7352491
Azienda:

29

Potrebbero piacerti anche