Sei sulla pagina 1di 4

DINAMICA 

DEI TERRENI  – Lezione n. 1
INDICE LEZIONE N. 1

1. Introduzione
1.1 Finalità del corso
12P
1.2 Programma d dell corso
1.3 Sulla determinazione delle proprietà dinamiche dei terreni
2. Comportamento dei terreni in presenza di carichi dinamici, monotonici e ciclici
2.1
2 1 Generalità e definizioni
2.2 Caratteristiche dei problemi geotecnici dinamici
2.3. Modificazioni della struttura del terreno indotte da carichi dinamici e ciclici
2.3.1 Terreno ideale privo di peso
2.3.2 Terreno ideale dotato di peso
2.3.3 Terreni incoerenti asciutti
2.3.4 Terreni coesivi asciutti
2 4 Prova di taglio semplice in condizioni di carico monotono
2.4.
2.4.1 Confronto tra resistenza al taglio in condizioni statiche e dinamiche
2.4.2 Influenza di OCR, IP e sulla resistenza al taglio in condizioni dinamiche
2.5 Prova di taglio semplice in condizioni di carico ciclico
3. Definizione del rapporto di smorzamento
4. Domini di comportamento
4.1 Dominio elastico lineare
4 2 Dominio isteretico stabile
4.2
4.3 Dominio isteretico instabile

DINAMICA DEI TERRENI  – Lezione n. 2
INDICE LEZIONE N. 2

1. Comportamento dei terreni a bassi e medi livelli deformativi


1.1 Fattori che influenzano il modulo di taglio
1 1 1 Indice di plasticità
1.1.1
1.1.2 Stato di addensamento
1.1.3 Pressione efficace di confinamento
1.1.4 Tempo di consolidazione
1 1 Pre-straining
1.1.5 P i i dinamico
di i
1.1.6 Età geologica
1.1.7 Velocità di deformazione
pp
1.2 Fattori che influenzano il rapporto di smorzamento
1.2.1 Indice di plasticità
1.2.2 Stato di addensamento
1.2.3 Pressione efficace di confinamento
1 2 4 Tempo di consolidazione
1.2.4
1.2.5 Pre-straining dinamico
1.2.6 Età geologica
1.2.7 Velocità di deformazione
1 3 Fattori che influenzano le soglie di deformazione
1.3
2. Stima dei parametri dinamici mediante relazioni empiriche
2.1 Finalità e tipi di relazioni empiriche
2.2 Stima di G0 e D0 a partire dai risultati di prove di laboratorio
2.3 Stima di G0 a partire dai risultati di prove in sito
2.4 Individuazione delle curve G(γ) e D(γ)
2.5 Esempio applicativo: alcune relazioni empiriche studiate
DINAMICA DEI TERRENI  – Lezione n. 3
INDICE LEZIONE N. 3

1.Comportamento dei terreni a elevati livelli deformativi


1.1 Introduzione
1.2 Accoppiamento tra le fasi e tra deformazioni volumetriche e distorsionali
1.3 Decadimento con il numero dei cicli
2. Terreni incoerenti
2.1 Stati tensionali precedenti l’azione sismica
2 2 Fluidificazione
2.2 Fl idifi i e mobilità
bilità ciclica
i li
2.3 Comportamento a rottura in condizioni monotoniche (qs = 0)
2.4 Superficie di flusso per la fluidificazione (FSL)
2.5 Comportamento a rottura in condizioni monotoniche (qs ≠ 0)
2.6 Comportamento a rottura in condizioni cicliche
3. Il fenomeno della liquefazione
3.1 Introduzione
3 2 Dilatanza “negativa”
3.2 negativa
3.3 Liquefazione a scala microscopica
3.4 Fattori predisponenti e fattori scatenanti
3.5 Resistenza al taglio ciclica e post-ciclica
36R
3.6 Resistenza
i t alla
ll liliquefazione
f i
3.7 Fattori che influenzano la resistenza alla liquefazione
3.8 Cenni sulla verifica a liquefazione
4. Resistenza al taglio
g non drenata p
post-ciclica
4.1 Fattori che influenzano la resistenza post-ciclica
4.2 Incremento delle pressioni interstiziali
4.3 Deformazioni permanenti post-cicliche

DINAMICA DEI TERRENI  – Lezione n. 4
INDICE LEZIONE N. 4
1. Introduzione
2. Numero di cicli equivalente
2.1 Numero di cicli equivalente per i terremoti
3. Comportamento a rottura dei terreni coesivi
3.1 Influenza della velocità di applicazione
3.2 Influenza del grado di sovraconsolidazione
33R
3.3 Resistenza
i t statica
t ti ((τstat) e resistenza
i t dinamica
di i ((τdyn)
3.4 Influenza della degradazione ciclica
3.5 Curva di resistenza ciclica
3.6 Cause della degradazione ciclica
3.7 Effetto delle sovrappressioni interstiziali
3.8 Effetto combinato della velocità di applicazione dei carichi e della
degradazione ciclica
3 9 IIncremento
3.9 t e accumulo l ddelle
ll pressioni
i i iinterstiziali
t ti i li
3.10 Resistenza ciclica, τcyc
3.10.1 Resistenza ciclica non drenata, Scyc
3.10.2 Indice di degradazione
g ciclica,, δcu
3.10.3 Parametro di degradazione ciclica, t
3.11 Resistenza post-ciclica
4. Terreni argillosi normal-consolidati
4 1 “Q
4.1 “Quasi-consolidazione”
i lid i ”
5. Terreni argillosi sovraconsolidati
DINAMICA DEI TERRENI  – Lezione n. 5

INDICE LEZIONE N. 5

1. Modelli dinamici e ciclici


1 1 Modelli elastici lineari
1.1
1.2 Modelli lineari equivalenti
1.3 Modelli ciclici non lineari

2. Esempi di adattamento di alcuni modelli


2.1 Modello G(γ) di Hardin e Drnevich
2 2 Modello G(γ) di Yokota et al.
2.2 al (1981)
2.3 Modello G(γ) di Ramberg e Osgood (1943)
2.4 Modello G(γ) di Kondner e Zelasko (1963)
2.5 Modello sigmoidale a tre parametri
2.6 Modello D(γ) di Yokota et al. (1981)

3. Esercitazione per gli studenti del C.L. in Ingegneria per la Tutela dell'Ambiente e
del Territorio

4. Esercitazione per gli studenti del C.L. in Ingegneria Civile

DINAMICA DEI TERRENI  – Lezione n. 6

INDICE LEZIONE N. 6

1. Propagazione delle onde sismiche nel terreno


1
2. Metodi di indagine sismica in sito
2.1 Introduzione
2 2 Prove sismiche di superficie
2.2
2.2.1 Metodo a riflessione
2.2.2 Metodo a rifrazione
2 2 3 Metodo SASW
2.2.3
2.2.3.1 Tecnica di esecuzione
2.2.3.2 Interpretazione e inversione delle misure
2.3 Prove sismiche in foro di sondaggio
2.3.1 Down Hole
2.3.1.1 Tecnica di esecuzione
2.3.1.2 Interpretazione
p e inversione delle misure
2.3.2 Cross Hole
2.3.2.1 Tecnica di esecuzione
2.3.2.2 Interpretazione e inversione delle misure
2.4 Prove con piezocono sismico e con dilatometro sismico
DINAMICA DEI TERRENI  – Lezione n. 7

INDICE LEZIONE N. 7

1. Misura dei parametri dinamici in laboratorio


1.1 Finalità e tipi di prove dinamiche
1.2 Principali caratteristiche delle prove dinamiche e cicliche di laboratorio
2. Prove ad impulsi (PT)
3. Prova di taglio semplice ciclico (CSS)
3.1 Apparecchiatura
3.2 Modalità di prova
3 3 Interpretazione delle misure
3.3
4. Prova triassiale ciclica (CTX)
4.1 Apparecchiatura
4.2 Modalità di prova
p
4.3 Interpretazione delle misure
5. Prova di colonna risonante (RC)
5.1 Apparecchiatura
52M
5.2 Modalità
d lità di prova
5.3 Interpretazione delle misure
6. Prova di taglio torsionale ciclico (CTS)
7 Considerazioni sugli errori nella misura di ξ con l’amplitude
7. l amplitude decay method

DINAMICA DEI TERRENI  – Lezione n. 8

INDICE LEZIONE N. 8

1. Elaborazione delle misure di colonna risonante effettuate nell’esercitazione


11D
1.1 Datiti riepilogativi
i il ti i
1.1.1 Misure in saturazione
1.1.2 Misure in consolidazione
1 1 3 Misure in decadimento
1.1.3
1.2 Determinazione di G, γ, ed e
1.3 Determinazione di D
1 4 Certificati
1.4
1.5 Soglie di deformazione

2 Verifiche agli SLU di un’opera


2. un opera di sostegno in ottemperanza alle NTC 2008
2.1 Verifiche in condizioni statiche
2.1.1 Approccio 1, Combinazione A2+M2+R2
2.1.2 Approccio
pp 2,, Combinazione A1+M1+R3
2.1.3 Equilibrio al ribaltamento, Combinazione EQU+M2
2.2 Verifiche in condizioni sismiche (kv<0, kv>0)
pp
2.2.1 Approccio 1, Combinazione A2+M2+R2
2.2.2 Approccio 2, Combinazione A1+M1+R3
2.2.3 Equilibrio al ribaltamento, Combinazione EQU+M2