Sei sulla pagina 1di 2

ITALIANO: IL 700

La popolazione dell’Europa inizia a crescere perché muoiono meno bambini. In


Inghilterra c’è una RIVOLUZIONE AGRICOLA (si costruiscono strumenti in ferro che
facilitano l’agricoltura, nuovi macchinari e si usano nuove tecniche di coltivazione).
Queste terre, dal punto di vista economico, erano coltivate dai grandi proprietari
terrieri (PRODUZIONE CAPITALISTICA DELLE TERRE).
In Italia abbiamo:
 nel NORD ITALIA RIVOLUZIONE AGRICOLA
 nel SUD ITALIA abbiamo i LATIFONDI: enormi estensioni di terre in mano a
pochi proprietari.
Tra il 1780 e 1800 in Inghilterra abbiamo la RIVOLUZIONE INDUSTRIALE: nascono
molte innovazioni tecnologiche che modificano l’organizzazione del lavoro. Queste
nuove macchine vengono concentrate nelle FABBRICHE, dove lavorano moltissimi
OPERAI. Ogni operaio svolge funzioni SEMPRE PIU’ SPECIALIZZATE.
Un economista, Adam Smith scrive un TRATTATO per scoprire le cause della
ricchezza delle Nazioni.
Nella prima metà del ‘700 abbiamo MOLTE GUERRE: 3 guerre di SUCCESSIONE.
1. Spagnola
2. Polacca
3. Austriaca
Nel 1748, con la Pace di Aquisgrana, finiscono le guerre e Francia ed Inghilterra
diventano le DUE POTENZE PIU’ IMPORTANTI D’EUROPA.
Nella seconda metà del ‘700 ci sono guerre tra francesi ed inglesi per CONTROLLARE
LE COLONIE:
1. INDIA
2. CARAIBI
3. NORD AMERICA
La guerra viene vinta dagli INGLESI che diventano la POTENZA PIU’ IMPORTANTE.
In questo periodo, in diversi paesi, si hanno RIFORME ECONOMICHE, SOCIALI E
POLITICHE con cui si cerca di introdurre negli Stati il PENSIERO ILLUMINISTA, infatti
parliamo di DISPOTISMO ILLUMINATO. Queste riforme servirono a RAFFORZARE IL
POTERE ASSOLUTO DEI SOVRANI.
2 importanti eventi storici:
1. RIVOLUZIONE AMERICANA (1776 – 1783): le colonie del nord America si
distaccano dall’Inghilterra perché DIVENTANO INDIPENDENTI, INFLUENZATE
DAL PENSIERO ILLUMINISTA. Scrivono addirittura la DICHIARAZIONE DI
INDIPENDENZA DALLE COLONIE AMERICANE (1776), uguaglianza tra tutti gli
uomini, il diritto alla rivolta contro i governi che impediscono ai cittadini la
RICERCA DELLA FELICITA’ PERSONALE.
2. RIVOLUZIONE FRANCESE (1789-1794): i principi di UGUAGLIANZA, LIBERTA’ e
FRATELLANZA portano i cittadini a mettere FINE AL POTERE ASSOLUTO DEI
SOVRANI ed a ridurre i privilegi della Nobiltà. La borghesia rivendica i propri
diritti.
Dal punto di vista CULTURALE, in ITALIA, gli intellettuali acquistano una COSCIENZA
DI CLASSE e cercano di realizzare il MITO DI UNA REPUBBLICA DELLE LETTERE che
unisca gli intellettuali senza differenze individuali. Abbiamo Giovan Battista Vico che
è tra i fondatori dell’ANTROPOLOGIA (dal greco uomo e discorso) perché secondo
lui l’uomo può conoscere solo ciò che ha già fatto, cioè gli EVENTI STORICI mentre
NON PUO’ CONOSCERE il significato della natura e della vita che sono invece studiati
dalla religione.
In Inghilterra abbiamo John Locke che getta le basi dell’EMPIRISMO (le idee
derivano dall’esperienza, cioè dalle informazioni che riceviamo attraverso i sensi)
e del DEISMO (la volontà di Dio coincide con le LEGGI DELLA NATURA E DELLA
RAGIONE).
In questo periodo nasce il GIORNALISMO MODERNO: gli INTELLETTUALI iniziano a
riunirsi nei salotti e nei caffè. In Italia, a partire dal 1730, inizia a diffondersi la
MASSONERIA, una società segreta con obiettivi culturali e vi è l’ACCADEMIA
DELL’ARCADIA che riunisce molti intellettuali.
Nella seconda metà del ‘700 nasce in Francia l’ILLUMINISMO: movimento culturale
che sostiene la libertà di pensiero, la tolleranza, il progresso e che rifiuta il fanatismo
religioso e la cieca obbedienza a verità precostituite (senza dimostrazioni).
L’ ILLUMINISMO ESALTA IL LUME DELLA RAGIONE CONTRO IL BUIO
DELL’IGNORANZA.
L’intelligenza umana ed il sapere scientifico sono gli STRUMENTI con cui combattere
contro la superstizione, la magia e la religione. In questo periodo gli intellettuali
lottano per il PROGRESSO.