Sei sulla pagina 1di 20

Chiesaviva

MENSILE DI FORMAZIONE E CULTURA


DIRETTORE responsabile: sac. dott. Luigi Villa
Direzione - Redazione - Amministrazione:
ANNO XXXII - N° 341
LUGLIO-AGOSTO 2002

Spedizione in abb. post. - Comma 20/C - art. 2 - Legge 662/96 - Filiale di Brescia
Expedition en abbon. postal - Comma 20/C - art. 2 - Legge 662/96 - Filiale di Brescia
Abbonamento annuo:
Operaie di Maria Immacolata e Editrice Civiltà «LA VERITÀ ordinario Euro 35, sostenitore Euro 65 una copia Euro 3, arretrata Euro 3,5
Via G. Galilei, 121
25123 Brescia - Tel. e fax (030) 3700003
VI FARÀ LIBERI» (inviare francobolli). Per l’estero Euro 65 + sovrattassa postale
Le richieste devono essere inviate a: Operaie di Maria Immacolata e Editrice Civiltà
Autor. Trib. Brescia n. 58/1990 - 16-11-1990 (Jo. 8, 32) 25123 Brescia, Via G. Galilei, 121 - C.C.P. n. 11193257
Fotocomposizione in proprio - Stampa: Com & Print (BS) I manoscritti, anche se non pubblicati, non vengono restituiti
contiene I. R. Ogni Autore scrive sotto la sua personale responsabilità

IL PROBLEMA
DELLA “PACE” 3
ASSISI BIS
24 gennaio 2002
sac. dott. Luigi Villa

P
urtroppo, è da ghiera, mostra che
più di 40 anni c’era contraddizione
che la Gerar- e impossibilità di
chia cattolica non fa raggiungere, assie-
che promuovere una me, quel progetto.
inspiegabile “aper- Comunque, rimane
tura” verso tutte le pur sempre una spe-
altre presunte “reli- cie “communicatio
gioni” che non co- in sacris”, per cui il
noscono o non rico- suo carattere sincre-
noscono Gesù Cri- tico non può essere
sto, ponendolo, per stato evitato, perché
di più, alla stessa non si trattava di una
stregua degli “idoli” preghiera individuale
di quelle false reli- dell’uomo che cerca
gioni, e che tali sono una sua adesione
perché l’unico Dio personale con Dio,
Rivelato è il nostro Creatore e Santifica-
Dio, Uno nella Sua tore, ma bensì di
Trinità. preghiere di diverse
Quindi, il gesto di religioni coi loro riti,
Giovanni Paolo II di e rivolte alle loro pro-
radunare ad Assisi prie divinità. Ora, è
le maggiori religio- dottrina di sempre
ni del mondo - in della Chiesa catto-
primis quella musul- lica che Dio non
mana - per una pre- accetta se non la
ghiera per la pace, L’incontro di Assisi del 24 gennaio 2002. preghiera di Colui
è stato, indubbia- che è il solo Media-
mente, un gesto che tore tra Lui e gli uo-
ha provocato una mini, e che questa
profonda indignazione e riprovazione in re la pace, nel cercare di stabilire tra i po- preghiera non può esserci che nella vera
chi sa rendersi conto del grave significato poli la pace, ma bensì nell’invito che il Vi- ed unica religione, in quella, cioè, di Ge-
di questo gesto papale. cario di Cristo, unico Mediatore tra Dio e sù Cristo!
Perché fu un’offesa a Dio nel Suo pri- gli uomini, ha fatto alle altre religioni (?) Quindi, come si può pretendere che le
mo comandamento; di trovarsi ad Assisi con Lui per pregare a false religioni possano ottenere da Dio
perché quel gesto ha negato l’unicità fine di ottenere la pace. È vero, per evita- qualcosa? San Paolo non dice, forse,
della Chiesa e della sua missione sal- re ogni sincretismo, ogni religione è stata che questi falsi “dèi” sono degli angeli
vatrice; messa in sale distinte, ma questo non decaduti, ossia i demoni?.. quindi, “...
perché quel gesto ha aperto decisa- giustifica né dissipa il malessere e la con- quello che sacrificano, lo sacrificano
mente all’indifferentismo i fedeli catto- fusione che ne è venuta da questa riunio- ai demoni e non a Dio. Ora - continua
lici; ne. Il fatto di averle invitate tutte in un so- S. Paolo - io non voglio che voi entria-
perché quel gesto ha anche ingannato lo luogo, Assisi, per un medesimo fine, te in comunione con i demoni. Non
gli infedeli adepti delle altre religioni. dimostra che ci fu una decisa volontà di potete bere il calice del Signore e il ca-
Il problema, comunque, non sta nel vole- unione, e l’averle separate per la pre- lice dei demoni; non potere partecipa-

2 “Chiesa Viva” *** Luglio-Agosto 2002


re alla tavola del Signore e alla tavola La seconda parte, poi, dell’affermazione co” di stabilire un grande Tempio di
dei demoni”1. di Giovanni Paolo II che “lo Spirito San- fraternità universale, al di sopra di tutte
Quindi, invitare quelle false religioni per to abita misteriosamente in ciascuna le religioni e credenze. È la meta del
un atto che Dio riprova e che condanna anima”, è certamente falsa! Nella Sa- “New Age”. È il “globalismo mondia-
nel primo Comandamento: “adorerai un cra Scrittura - e, quindi, anche nella Teo- le”! Si rilegga quello che scrisse il Gran
solo Dio!”, si è indotto all’errore anche logia cattolica! - l’abitazione nell’anima Maestro Armando Corona, della Gran-
gli adepti di quelle presunte religioni, fa- dello Spirito Santo è legata necessa- de Loggia dell’Equinozio di Primavera”9:
cendoli credere che anche la loro pre- riamente al ricevimento della Grazia «Il Nostro inter-confessionalismo ci è
ghiera è utile ad ottenere la pace, mentre santificante. Ne fa testo il Battesimo; valso la scomunica, ricevuta nel 1738
San Paolo ha scritto con chiarezza: “Non all’inizio della cerimonia battesimale, in- da parte di Clemente XI. Ma la Chiesa
lasciatevi legare al giogo estraneo de- fatti, il sacerdote ordina al demonio di la- era certamente nell’errore se è vero
gli infedeli! Quale rapporto ci può es- sciare l’anima per far posto allo Spirito che, il 27 ottobre 1986, l’attuale Ponte-
sere tra la giustizia e l’empietà, o qua- Santo. Un rito che indica chiaramente fice ha riunito ad Assisi uomini di tutte
le comunione tra la luce e le tenebre? che lo Spirito Santo non abitava, prima, le confessioni religiose per pregare in-
Quale intesa tra Cristo e Belial? Quale in quell’anima. Il “dialogo” con le religio- sieme per la pace. E che cercavano
associazione tra un fedele e un infede- ni non cristiane, perciò, è solo un sofi- d’altro i nostri fratelli quando essi si
le? Quale accordo tra il Tempio di Dio sma, perché fa perno sulla non distinzio- riunivano nei templi, se non l’amore
e gli idoli?”2. ne tra ordine naturale e ordine sopran- tra gli uomini, la tolleranza, la solida-
Possibile che un Vicario di Cristo non rietà, la difesa della dignità della
ricordasse più il richiamo del primo persona umana, considerandosi
Papa, San Pietro: “Non vi è altro no- eguali, al di sopra del credo politi-
me dato agli uomini sotto il cielo co, del credo religioso e del colore
nel quale possiamo avere la salvez- della pelle?».
za”?3 Com’è possibile ridurre a una Eccoci arrivati, quindi, a questo frican-
semplice fede soggettiva questa ne- deaux di culture e di religioni, volute
cessità della pace, quando non c’è dall’ebraismo-massonico, ormai domi-
che un solo Dio, per cui sono “inescu- nante anche nelle organizzazioni cat-
sabili coloro che l’ignorano”4, come toliche, per cui siamo arrivati anche a
non c’è che un solo Mediatore5, Cristo, provocare i giusti castighi di Dio!
e un solo Ambasciatore accetto a Dio,
che intercede di continuo per noi 6 .
Quindi, le religioni che escludono la di- UNA PREGHIERA
vinità di Gesù, come il Giudaismo e INUTILE PER LA PACE!
l’Islam, sono religioni che pregano
certamente invano. “Chi è il menzo- Ad Assisi, dunque, Giovanni Paolo II
gnero se non colui che nega che ha convocato ben 250 delegati uffi-
Gesù è il Messia? Questi è l’anticri- ciali delle 12 maggiori Religioni del
sto, che nega il Padre e il Figlio! mondo per una seconda “giornata
Chiunque nega il Figlio, non possie- mondiale di preghiera per la pace
de nemmeno il Padre”7. nel mondo”10.
Questa è la fede della Chiesa di Cri- Il Papa vi andò in treno, partendo dalla
sto, insegnata e creduta da sempre. Città del Vaticano. Nelle varie carroz-
Non è questione, quindi, di intolleran- ze, oltre il Papa e una trentina di Car-
za, ma solo rigore di verità. “Nessuno dinali, vi erano i delegati delle varie
viene al Padre se non per mezzo Chiese e religioni. Per le Chiese orto-
mio”8. dosse: il Patriarca ecumenico di Co-
Com’era possibile, allora, radunare stantinopoli, Bartolomeo I; quello gre-
quelle false religioni, sapendo che co di Antiochia e di tutto l’Oriente,
non sarebbero state certamente esau- Ignace IV Hazim. Altri dignitari rappre-
dite da Dio?.. sentavano i patriarcati di Alessandria,
Eppure, la giornata di Assisi fu giustifi- di Gerusalemme, di Mosca, di Serbia,
cata da Giovanni Paolo II e a più ripre- di Romania, di Bulgaria, e le Chiese di
se. «Ogni preghiera autentica - disse Cipro, di Polonia e di Albania. V’erano
- viene dallo Spirito Santo che abita Giovanni Paolo II. anche esponenti delle antiche Chiese
misteriosamente in ciascun cuore». Orientali: l’armena, la sira, la copta.
Ma, allora, sarebbe una preghiera au- Tra gli ortodossi, la più gradita al Vati-
tentica anche quella del buddista da- cano era quella di Pitirin, metropolita
vanti all’idolo di Budda, e anche quella di Volokolamsk e Juriev, vicario pa-
del mago che ha fumato il calumeto triarcale di Mosca.
della pace e quella dell’animista? Dirle naturale. Cioè: quel bene che c’è in Assenti, invece, ad Assisi, le Chiese orto-
una “preghiera autentica” sarebbe un quelle presunte religioni, è solo un bene dosse di Georgia e di Grecia, nonostante
qualificare come autentica anche la pre- naturale che l’anima ha avuto dal Creato- che Giovanni Paolo II, nel 1999 avesse
ghiera al demonio, e anche sarebbe au- re. Perciò, la pretesa del Vaticano II di incontrato, a Tilisi, il cattolico-patriarca
tentica la preghiera del terrorista islamico superare questa distinzione tra ordine Ilia II, e nel maggio 2001, in Grecia, si
che, prima di schiantarsi col velivolo con- naturale e ordine della Grazia, ha portato fosse incontrato con l’arcivescovo d’Ate-
tro la torre di Man-hattan, ha gridato: “Al- solo frutti disastrosi, e ha generato una ne, Christodoulos. Presente, ancora, il
lah è grande!” confusione d’idee, facendo pensare che segretario generale del Consiglio ecume-
È vero, invece, che un sentimento religio- ogni religione può ottenere qualsiasi gra- nico delle Chiese (Cec), Konrad Raiser.
so soggettivo non basta per diventare au- zia dal buon Dio. Ma è, invece, un errore Inoltre, c’erano 13 Rabbini e personalità
tentico preghiera! grottesco, che riporta il “piano massoni- del mondo ebraico, provenienti da Israele

1 Cfr. I Cor. 20-21. 5 Cfr. I Tim. 2, 5. 9 Cfr. Hiram-organo del Grand’Oriente


2 Cfr. II Cor. 6, 14-16. 6 Cfr. Ebrei, 7, 5. d’Italia, aprile 1987.
3 Cfr. Atti, 4-12. 7 Cfr. I Gv. 2, 22-23. 10 La prima fu dal 9 e 10 gen. 1993. Cfr. “L’Os-
4 Cfr. Rom. 1, 20. 8 Cfr. Gv. 14, 6. servatore Romano” del 27 ottobre 1985.

“Chiesa Viva” *** Luglio-Agosto 2002 3


Un momento dell’incontro di Assisi del 24 gennaio 2002.

e dalla diaspora (ma il Rabbino-capo ***


d’Israele non c’era, come pure il sefardita
e l’ashkenazita). C’era, però, anche il IL DECALOGO Dopo questa seconda riunione con i
presidente dell’Unione delle Comunità DI ASSISI “rappresentanti delle altre religioni del
ebraiche italiane, Amos Luzzatto. Le mondo”, per “un incontro di preghiera
personalità islamiche dei vari Paesi del PER LA PACE per la pace”, le considerazioni che ora
Medio Oriente, dalle Filippine, degli Stati faremo avranno una loro importanza,
Uniti, dell’Europa (Italia compresa) erano specialmente in questo tempo post-con-
una trentina. Infine, c’erano rappresen- Il Santo Padre ha inviato, ad ciliare, in cui si taccia di “integralismo”
tanti del Buddismo, del Tenrikyo (religio- un mese dall’incontro di Assisi la Fede di chi è ancora rimasto cattoli-
ne giapponese), dello Shintoismo, del del 24 gennaio, una lettera a co e rimasto nella sua pietà religiosa
Confucianesimo, del Giainismo, del tutti i Capi di Stato, o di Gover- dell’ante-Vaticano II.
Sikhismo, dello Zoroastrismo e delle reli- Gli avvenimenti che sono venuti dopo
gioni tradizionali africane. no, per far conoscere il “Deca- quell’11 settembre 2001, ci hanno fatto ri-
Un supermarket, insomma, di religioni, logo di Assisi per la Pace”. cordare, tra l’altro, anche quella celebre
riuniti sotto una tenda, collocata sul piaz- frase: «il XX secolo sarà religioso, ma
zale della Basilica Inferiore di San Fran- non certo nel modo che si fa in Assisi,
cesco. E qui, in mattinata, furono lette va- anche se molti lo rendono un gesto le-
rie “testimonianze” (?!), concluse con il gittimo, data la grave situazione politi-
. Ci impegniamo a pro-
discorso di Giovanni Paolo II, il quale ha
affermato:
«È doveroso che le persone e le co-
1 clamare la nostra ferma
convinzione che la violenza
ca sociale in cui si trova tutto il genere
umano».
Io, però, non sono incline a credere che
munità religiose manifestino il più net- e il terrorismo si oppongo- quello spettacolo delle 12 religioni (?!)
to e radicale ripudio della violenza, di valga a manifestare per davvero al mon-
ogni violenza, a partire da quella che no al vero spirito religioso e, do il volto autentico dell’uomo religioso!
pretende di ammantarsi di religiosità, condannando qualsiasi ri- Si può dubitarne! Il gesto di Giovanni
facendo addirittura appello al nome corso alla violenza e alla Paolo II, infatti, non è scevro di ambiguità
sacrosanto di dio per offendere l’uo- di fondo mediatico. E fu senz’altro anche
mo». guerra in nome di Dio o della un po’ spettacolo quel caos di religioni
Al discorso papale, è seguita una pre- religione, ci impegniamo a che si attaccarono al carro trionfale del
ghiera dei vari gruppi religiosi; non coral- fare tutto il possibile per sra- Papa! Ma al di là di questa impressione -
mente, ma separata, gruppo per gruppo, che non pochi hanno avuto! - al di là di
onde evitare - fu detto - “sincretismi” e dicare le cause del terrori- ogni preconcetto del “fatto”, questo ge-
“relativismi”. smo. sto papale muove un inquietante pro-
All’agape fraterna, nel “sacro Conven- blema di teologia e di pastorale che
to”, vi partecipò anche il presidente del . Ci impegniamo a edu- non va minimizzato.
Consiglio, Silvio Berlusconi.
Terminato l’agape, tutti i leader si sono
riuniti di nuovo, esprimendo, ciascuno,
2 care le persone al rispet-
to e alla stima reciproci, af-
Giovanni Paolo II, l’aveva già detto nel
suo discorso alla Curia di Roma, il 11 di-
cembre 1986, in cui manifestò “l’unità
una serie di “impegni” per fare ogni sfor- finché si possa giungere a radicale basilare e determinante del
zo per favorire la pace, la giustizia e la ri- genere umano”. Secondo Giovanni
conciliazione del mondo. una coesistenza pacifica e Paolo II, cioè, l’unità del genere umano fu
Il Papa ha concluso con queste parole: solidale tra i membri di etnìe, immediatamente e di fatto soprannatura-
«Mai più violenza! Mai più guerra! Mai di culture e di religione di- le; tutte le religioni, perciò, sarebbero, in
più terrorismo! In nome di Dio, ogni qualche modo, sia che lo sappiano o che
religione porti sulla terra la giustizia e verse. l’ignorano, sia che si accettino o che si ri-
la pace, il perdono e la vita, e l’amo- fiutano! - delle manifestazioni incomplete
re!». del Mistero cristiano. È facile pensare,

4 “Chiesa Viva” *** Luglio-Agosto 2002


perciò, che questa linea teologica è un l’esperienza spirituale privata rimpiazzare denza tutta relativa, la quale non potreb-
tutt’uno con la teoria del “cristiano la Fede, così da poter dire: “ciascuno be essere che un punto di vista tra tanti
anonimo” dell’eretico gesuita Karl ha la sua fede!”, o anche: “ciò dipende altri!
Rahner, per il quale ogni uomo sarebbe dalle varie fedi!”.. Ora, un tale procede- Quindi, il raduno di Assisi del 1986, come
un “cristiano”, anche se egli lo ignora. re farebbe sparire l’Assoluto per una cre- quello del 2002, non possono essere che
In ogni uomo, cioè, ci sarebbe, preesi- dei segni negativi, anzi, dei segni di mor-
stente, un germe già soprannaturale. Se te! L’abbandono dell’assoluto da parte
questo fosse vero, però, ci potremmo delle religioni, che solo può giustifica-
chiedere: che cosa ha da dire, allora, un re la loro esistenza, per un cattolico non
. Ci impegniamo a pro-
predicatore del Vangelo?.. e quale “buo-
na Novella” dovrebbe portare al mon-
do?.. e di quale “novità” la Fede cristia-
3 muovere la cultura del
dialogo, affinché si sviluppi-
sarebbe altro che un perdere l’unica via
della propria salvezza!
L’Assoluto del cristiano, infatti, è il Dio
na sarebbe segno efficace?.. e se tutti gli d’Amore venuto a salvare chi era perdu-
uomini sono già “cristiani”, anche senza no la comprensione e la fi- to, donando la propria vita per riscattare
saperlo, perché, allora, Gesù ha insisti- ducia reciproche fra gli indi- l’uomo dal peccato. È questo che distin-
to per la nostra conversione?.. E la vidui e fra i popoli, poiché gue il “DIO” vero dagli altri “dèi-demo-
nuova nascita, quella che viene dall’Alto ni”, come lo afferma la stessa Sacra
e dallo Spirito Santo, ha ancora un senso tali sono le condizioni di una Scrittura: “... omnes dii Gentium, dae-
in questo nuovo quadro di teologia? E pace autentica. monia”13.
l’infusione della Grazia Santificante, vera Ma allora, con questo Vaticano II si vuole
partecipazione alla vita trinitaria, quale
. Ci impegniamo a di-
4 fendere il diritto di ogni
persona umana a condurre
un’esistenza degna, confor-
«Gloria a Dio me alla sua identità cultura- «Pensate
le, e a fondare liberamente
nel più alto dei cieli che Io sia venuto
una propria famiglia.
e pace in terra a portare la pace
agli uomini . Ci impegniamo a dia- sulla terra?
di buona volontà!». 5 logare con sincerità ciò
che ci separa come un muro
No, vi dico,
ma la divisione».
(Lc. 2, 14) insormontabile, ma, al con-
trario, riconoscendo che il (Lc. 12, 51)
confronto con la diversità
degli altri può diventare
un’occasione di maggiore
comprensione reciproca.

. Ci impegniamo a per-
utilità avrebbe in questa nuova versione
teologica?..
Son domande imbarazzanti, certo, ma
6 donarci reciprocamente
gli errori e i pregiudizi del
proprio protestantizzare anche la Chiesa
cattolica, o, persino, peggio ancora, si
vuole dissolverla per formare quella “Su-
che non hanno ancora avuto alcuna ri- per-Ecclesia-Universale”, voluta dal-
sposta. Rimane, perciò, sempre valida la passato e del presente, e a l’ebraismo-massonico e già in esecu-
verità del Vangelo: “chi crederà e sarà sostenerci nello sforzo co- zione sul piano universale?
battezzato, sarà salvo. Chi non cre- mune per vincere l’egoismo Forse è utile ricordare di nuovo, qui, che
derà, sarà condannato”11. la preparazione a questa fusione delle re-
E anche sul piano pastorale, ogni tentati- e l’abuso, l’odio e la violen- ligioni si iniziò con Paolo VI: all’inizio, col
vo di spiegare è inadeguato e inaccetta- za, e per imparare dal passa- concedere al clero di indossare il clergi-
bile. Infatti: Se tutte le religioni si unisco- to che la pace senza la giu- men protestante; poi, si passò a per-
no, nessuna di essa può pretendere di li- mettere, tacitamente, col vestirsi da
berarsi da quello che Cristo chiama “la stizia non è una pace vera. borghese, così da sopprimere la separa-
verità tutt’intera”12, perché ciascuno si zione tra il “laico” e il “prete”, e non più
presenterà ad Assisi come “una parte di . Ci impegniamo a stare guida, ma semplice “presidente”. In se-
verità”, come “un modo” di incarnare la
verità spirituale universale. Ma allora, co-
me si potrà esigere che la gente abban-
7 accanto a quanti soffro-
no per la miseria e l’abban-
guito, si cambiò l’Altare in una “tavo-
la”, come s’era già fatto durante la
Riforma Protestante del 1548 dall’arci-
doni la sua vita privata, le sue convinzioni dono, facendoci voce di vescovo Thomas Crammer; e questo
personali, i suoi punti di vista particolari, quanti non hanno voce e perché la “tavola” richiamava la “Ce-
per proclamare delle verità parziali? For- na”, mentre l’Altare richiamava il “Santo
se che l’appartenere a una religione si operando concretamente per Sacrificio”. E così avvenne la grande in-
realizza a tappe, come lo immagina an- superare simili situazioni, versione: il “prete” dovette voltare la
che il cardinale Ratzinger?.. Ma un catto- convinti che nessuno possa schiena a Dio per celebrare la Messa
lico può essere una mezza-fede o averne con la faccia verso il popolo!
un solo quarto?.. Si cadrebbe nel sogget- essere felice da solo. Ma non era finita! Si passò alla soppres-
tivismo e il giudizio sgorgherebbe dalle sione della lingua latina, facendo per-
proprie impressioni, dalle proprie opinio- dere, così, alla Chiesa cattolica di rito
ni, che poi volano via!.. E può, forse, latino, la sua unità e, quindi, l’immuta-

11 Cfr. Mc. XVI, 16. 12 Cfr. Jo. V, 13. 13 Cfr. Salmo 95.

“Chiesa Viva” *** Luglio-Agosto 2002 5


bilità della sua dottrina; facendo entra- lebrare il MEMORIALE DEL SIGNO- forme liturgiche della Chiesa luterna-
re, di conseguenza, la Chiesa cattolica RE”. Quindi, la Messa non era più altro na!”. Perfetto! Quindi, per Paolo VI, non
nell’area della “democrazia universa- che una cerimonia comunitaria, ossia sono più i protestanti che si devono
le”. Infatti, si fecero “traduzioni-tradi- convertire al cattolicesimo, ma sono i
menti” - imposte! - da paese a paese, cattolici che si devono “protestantiz-
per cui, mentre il “latino”, prima, era zare”!..
stato il tre-d’union per far comunicare Ed è proprio quello che l’ebraismo mas-
assieme tutti i fedeli e tutte le Nazioni sonico voleva; indebolire la Fede; divide-
. Ci impegniamo a fare
nella stessa Fede, ora, senza più il “lati-
no”, la Chiesa fu come sfasciata in tante
“sètte” e in tante “chiese di base”, au-
8 nostro il grido di quan-
ti non si rassegnano alla
re la Chiesa in chiese nazionali, in sètte,
come lo sono i protestanti... perché così
sarebbe stato più facile integrarle tutte in
tentici scismi! una “Super-Ecclesia” di tutte le religio-
Infine, dopo tutto questo sfascio dogma- violenza e al male, e desi- ni. Ma questa opera luciferiana era già
deriamo contribuire con
tutte le nostre forze a dare
all’umanità del nostro tem-
po una reale speranza di
«Vi lascio la mia pace, giustizia e di pace. «Ci saranno
vi dò la mia pace. stranieri a pascere
. Ci impegniamo a in-
Non come la dà il mondo.
Io la dò a voi. 9 coraggiare qualsiasi
iniziativa che promuova
i vostri greggi,
e i figli di stranieri
Non sia turbato saranno
il vostro cuore l’amicizia tra i popoli, con- i vostri contadini
vinti che, se manca un’inte-
e non abbia timore!». e vignaiuoli».
sa solida fra i popoli, il pro-
(Jo. 14, 27)
gresso tecnologico espone (Isaia)
il mondo a crescenti rischi
di distruzione e di morte.

. Ci impegniamo a
tico liturgico-legale, non fu più difficile
10 chiedere ai respon-
sabili delle nazioni di com- stata sognata da Lutero quando scrisse:
dare battaglia ai dogmi, verità rivelate! «L’ora verrà in cui noi potremo cele-
Ed ecco che, per far piacere ai protestan- piere tutti gli sforzi possibi- brare insieme la Cena di Gesù Cristo»!
ti, si è attaccato il culto dell’Eucare- li affinché, a livello nazio- Ora questo significava che, in quel mo-
stia, perché i protestanti, in maggioran- nale e a livello internazio- mento, la vera Chiesa di Cristo avrebbe
za, non credono alla “Presenza Reale”; nale, sia edificato e conso- finito di esistere! E questo doveva essere
e così, i “tabernacoli” furono tutti ri- proprio il risultato di questo massonico
mossi dall’Altare e portati in luoghi sem- lidato un mondo di solida- ecumenismo in atto!
pre più separati; e vennero aboliti tutti i rietà e di pace fondato sul-
segni di adorazione (genuflessioni, in- la giustizia.
chini, incensazioni...) e tutte le azioni di UN ECUMENISMO
grazia!.. Il finale di tutto fu la “nuova MASSONICO
Messa”, a stendere la quale vennero 24 gennaio 2002
chiamati cinque protestanti (cosa mai A conferma di questo, cito un estratto dal
vista nella Chiesa cattolica!): due angli- periodico “HUMANISME” del “Centro di
cani (uno, inglese; l’altro, americano); un Documentazione del Grand Oriente di
membro della Federazione Mondiale Francia”15:
Luterana; un membro del Consiglio non era più il SACRIFICIO incruento del- «... Non è il patibolo che attende il Pa-
Mondiale delle Chiese, e un luterano la Croce con la “PRESENZA di Nostro pa, ma la proliferazione delle chiese
di Taizé. Alla fine di questo scempio litur- Signore” nell’OSTIA consacrata! Dopo il locali che si organizzano democratica-
gico, Paolo VI volle persino essere fo- deciso intervento dei cardinali Bacci e mente, rifiutando le barriere tra clerici
tografato in mezzo a loro, ponendo alla Ottaviani, Paolo VI fece un passo indie- e laici, creando dei loro propri dogmi,
sua destra Frère Max Thurian, di Taizé! tro, nel “Proemio”, dove aggiunse un vivendo in una completa indipendenza
Fu una evidente prova che Paolo VI larvato Santo Sacrificio, ma senza cam- dai rapporti con Roma».
aveva fatto del suo meglio per prote- biare altro nel contenuto della Messa! Un Il che significa: confondersi, in piena
stantizzare la Messa Cattolica, anche “contenuto”, comunque, che “s’allonta- anarchia, con le sètte protestanti. Colle-
se fece di tutto per nascondere il suo gio- na in modo impressionante, nell’assie- gialità nazionali che approdano in una re-
co, secondo la sua tattica abituale dei me, come nel dettaglio, dalla teologia ligione sintetica, la famosa O. R. U. (“Or-
due passi in avanti e uno indietro!.. cattolica della Santa Messa”14. ganizzazione delle Religioni Unite”).
Il passo in avanti fu la “Institutio gene- Però, anche qui bisogna pur riconoscere Un’altra conferma la si può avere anche
ralis”, d’ossatura prettamente protestan- che Paolo VI riuscì nel suo intento di da un altra rivista massonica, il “SIMBO-
te: basta leggere il primo testo di Paolo dare una impronta protestante, se lo LISMO”16, dove si legge:
VI: “La CENA del Signore, o messa, è stesso “Osservatore Romano” (del 13 «Non lasciamo dire, miei fratelli, che la
l’assemblea, o l’assembramento del ottobre 1969) ebbe a scrivere: “La rifor- framassoneria è l’Anti-Chiesa; questo
popolo di Dio che si riunisce assieme, ma liturgica ha fatto un passo notevo- non è che una fase di Circostanza;
sotto la presidenza di un prete, per ce- le in avanti: essa si è avvicinata alle fondamentalmente, la framassoneria

14 Cfr. “Lettera” dei cardianli Bacci-Otta- ve Esame Critico del Novus Ordo Missae”. 16 Cfr. Maggio 1962. E, citata in “Restauration
15 Cfr. Novembre-Dicembre 1969, p. 72. chrétienne” di Montréal, Vol. 1, 1967.
viani a Sua Santità Paolo VI; dal titolo “Bre-

6 “Chiesa Viva” *** Luglio-Agosto 2002


vuole una “Super-Ecclesia” che le riu- bisognerebbe credere che Cristo ha gresso di Bruxelles (settembre 1970) in
nirà tutte». mentito quando ci ha detto: «Chi ha vi- cui si cercò proprio di abbattere i dog-
E così la Chiesa cattolica sarà alla pari sto Me, ha visto il Padre»; «Nessuno mi della Chiesa cattolica. Quel Con-
con le altre religioni. Per questo, Paolo viene al Padre se non per Me» 17 ; gresso era presieduto dal card. Sue-
VI, il 23 giugno 1970, fece questa dichia- «Chiunque nega il Figlio, non ha più il nens, massone, (che, poi, fu anche invi-
razione: Padre»18; «Io e il Padre siamo Uno»19... tato da un rabbino della loggia B’naî-
«... mentre che i contatti con i rappre- Di conseguenza, è falso affermare che il Brith, nemica dichiarata della Chiesa!),
sentanti delle altre religioni si fanno ed era animato dall’eretico domenicano
più frequenti, specialmente con i giu- padre Schillebeekx, il quale dichiarò
dei, i musulmani e i buddisti, un dialo- che “la teologia deve ridursi a un uma-
go difficile, complesso e delicato, nesimo sociale”.
però, (condannato da tutti i Papi! - ndr.) «State in guardia Basta dogmi, quindi! Per questo, Paolo
si annoda anche con diversi rappre- VI sostituì il “docete” (insegnate) di
sentanti dell’Umanismo». perché il vostro cuore Cristo, con il “dialogo”, che mette tutto
Ora, questo umanismo non è altro che non si lasci sedurre in stato di “ricerca”, ma che è un eretico
una delle tante maschere con cui si tra- e voi vi allontaniate, pretesto per poter attaccare e demolire
sforma la framassoneria! ogni dogma, uno dopo l’altro; per cui, non
E di questo “Umanismo Umanitario” si servendo degli altri dèi, essendoci più dogmi, anche la Chiesa
tenne, a Bièvres, l’8 aprile 1970, una vi- o prostrandovi cattolica potrà entrare nella “CHIESA
va Sessione. In “Carrefour” del 17 mar- UNIVERSALE”20. Una Chiesa Universa-
zo 1971, c’era questa informazione: «La davanti a loro». le, però, che sarà forzatamente nelle ma-
riunione ecumenica di Montgeron, con ni del “GOVERNO MONDIALE”, quello
l’accordo dell’Arcivescovo di Parigi, (Deuteronomio 11-16) che stanno già preparando con questa
ebbe come simbolo la croce, la mezza- “inutile” e “criminale” guerra che è in
luna, una iscrizione ebraica e lo stem- corso, mascherata con l’islamico “ter-
ma della falce e del martello»!.. rorismo”!..
E ancora, nel maggio 1970, a Ginevra, Ora, noi combattiamo per questo: in dife-
s’era tenuto un altro Congresso per la sa della nostra vera Fede, che il nemico-
“Organizzazione delle Religioni Uni- demonio vuol mescolare con le altre reli-
te”, durante il quale tutti i congressisti si gioni per annullarla per sempre!
riunirono nella cattedrale, San Pietro, per Il “Nuovo DIRITTO CANONICO” non
pregare insieme, perché “i credenti di Giudaismo, l’islamismo hanno lo stesso scomunica più nessuno (e questo già lo
tutte le religioni erano invitati a coesi- Dio come noi cristiani!.. come pure è er- voleva Paolo VI!). Non più scomuniche
stere nel culto del medesimo Dio”. Il rato far credere che i Giudei e i musulma- per la “Massoneria”, ormai ben vista
che significava chiaramente che i cristiani ni, senza convertirsi, possono essere in anche dalla Gerarchia attuale; non più
devono rinunciare a credere nella SS. comunione con noi cristiani nel culto di scomunica per gli apostati, per gli ere-
Trinità e a Gesù Cristo, la seconda Per- un medesimo Dio!.. tici, per gli scismatici..., per arrivare,
sona della SS. Trinità, che s’è incarnato Perciò, per realizzare un ecumenismo così, a una generale amnistia per tutti gli
per portarci la Rivelazione e, mediante “Super-Confessionale”, bisognerebbe scomunicati del tempo passato, come
essa, salvarci! sopprimere tutti i dogmi della nostra reli- Lutero, Calvino, Huss, ecc., e avere - e
Un tradimento della nostra Fede, quin- gione cattolica! Il che sarebbe un autenti- ben presto! - una “SUPER-CHIESA”
di! In effetti, per mettere insieme il Giu- co tradimento della nostra Fede! senza dogmi, senza Messa, senza al-
daismo, l’Islamismo e il Cristianesimo, Eppure, Paolo VI ha permesso il Con- cun impegno di Fede!..

17 Cfr. Jo. VIII, 6-9. 20 È una “mens” che è ormai congestionata già una loro Rivista dal titolo: “Apostolat de
18 Cfr. San Gv. I.a Lettera, 2-23. in molte teste di frati e di preti. A Bordeaux, l’Eglise Universelle”.
19 Cfr. San Gv. XIV, 11-30. (Francia) per esempio, i Francescani hanno

Cristiani, Musulmani, Ebrei, hanno lo stesso Dio? NO!


sac. dott. Luigi Villa (pp. 130 - € 10)

Questo nostro libro ha lo scopo di rettificare certe affermazioni, sparse largamente


sulla stampa, specie cattolica, circa l’eresia ecumenica d’oggi che afferma che il
Dio dei Cristiani è lo stesso di quello dei Giudei e dei Musulmani. Ma il nostro ragio-
namento, semplice, è questo: Gesù Cristo è Dio. Giudei e Musulmani, però, non
credono in Gesù Cristo e non Lo venerano come Dio; perciò, Ebrei e Musulma-
ni non hanno lo stesso Dio dei Cristiani.
La radice, quindi, della contrapposizione tra Cristianesimo, Giudaismo e Islamismo, è
di natura teologica. Il Dio dei Cristiani, infatti, non è soltanto il Dio Unico, ma è anche
il Dio Uno e Trino. Uno nella natura, Trino nelle Persone. Il Giudaismo del Nuovo
Testamento, invece, ripudia Gesù Cristo, e come Messia e come Dio. L’Islam,
pur riconoscendo Gesù come “un apostolo di Allah” (cfr. Sura IV, 156/157), nega
la SS. Trinità come bestemmia; perciò, chi non ha la fede musulmana è un “Kafir”,
cioè un “infedele”, per cui i “Kaffirma” sono tutti i non musulmani, contro i quali
ogni lotta è lecita e doverosa, dalla “guerra santa” in giù, fino alle persecuzioni
d’ogni genere!

Per richieste, rivolgersi a: Operaie di Maria Immacolata e Editrice Civiltà


Via G. Galilei, 121 - 25123 Brescia Tel. e Fax. 030. 3700003 - C.C.P. n° 11193257

“Chiesa Viva” *** Luglio-Agosto 2002 7


«In un colloquio, avuto con (Giovanni Paolo II) nel suo apparta-
mento privato (...), capii, o credetti di capire, che quel Papa, in-
tenso e inteso a frugare dentro se stesso, avrebbe lasciato die-
tro di sè un cumulo di macerie: quelle della struttura autoritaria
e piramidale della curia romana.
Ora, mi sembra di capire che quella intuizione vagamente cata-
strofica peccava, sì, ma per difetto: quelle che PAPA WOJTYLA
SI LASCERÀ DIETRO NON SONO LE MACERIE SOLTANTO
DELLA CURIA, MA DELLA CHIESA, o almeno di quella che da
duemila anni siamo abituati a considerare tale e ci portiamo,
anche noi, laici, nel sangue».
(Indro Montanelli - “Corriere della Sera”, 9 marzo 2000)

8 “Chiesa Viva” *** Luglio-Agosto 2002


OCCHI SULLA POLITICA
IL PENTIMENTO EBRAICO LA DOTTRINA SOCIALE CATTOLICA
(da: La Dottrina sociale cattolica: sfida per il terzo millennio - Rimini)

Le scuse del Pontefice Romano,


Ovverosia i “mèa culpa” della Chiesa,
A CHI SPETTA EDUCARE?
Accettati dal popolo cristiano
Con più d’una riserva, nell’attesa Il diritto-dovere educativo dei genitori, però, non deve esse-
re inteso come dispotico o assoluto, perché il loro compito
Che anche il giudeo, non certo puritano, educativo si configura come un vero e proprio servizio nell’inte-
Benché d’essere giusto abbia pretesa, resse, prima di tutto, dei figli, e poi della società e della religio-
ne, tanto da essere sottoposto alla vigilanza ed alla tutela giuri-
Il petto si battesse, con la mano, dica dello Stato ed al giudizio ed all’autorità della Chiesa.
Avendo fatto a Cristo grande offesa,
Il compito educativo, poi, spetta alla società ed allo Stato,
Hanno, alla fine, indotto al “pentimento” dal momento che la famiglia non è una società perfetta e non di-
Il bonario Sharòn, che ha dichiarato, spone sempre e dovunque dei mezzi necessari per esercitarlo.
In questi casi, in base al princìpio di sussidiarietà, laddove man-
In linea col Vecchio Testamento,
chi l’iniziativa delle famiglie e delle altre società, senza mai so-
stituirsi ad esse, lo Stato promuove l’educazione della gio-
D’esser pentito e molto amareggiato, ventù, rimuove gli ostacoli che la impediscono, aiuta le iniziative
Perché vent’anni fa - bel sentimento! - di associazioni, enti e comunità, completa l’opera delle famiglie,
Quel “boia” d’Arafat non ha ammazzato! istituisce scuole ed istituti propri.
È proprio per questa impostazione che Pio XI, nell’enciclica
“Non abbiamo bisogno”, e successivamente nella “Mit Bren-
Prof. Arturo Sardini nender Sorge”, riaffermò con forza che:

«Una concezione dello Stato che gli fa apparte-


nere le giovani generazioni interamente e sen-
Chiosa za eccezioni dalla prima età fino all’età adulta,
non è conciliabile, per un cattolico, con la dot-
L’Illuminismo e la Rivoluzione, trina cattolica e neanche è conciliabile con il
Napoleone ed il Risorgimento, diritto naturale della famiglia!».
Ottobre Rosso e sangue a profusione
Sono ispirati al Vecchio Testamento! L’educazione, infine, spetta alla Chiesa.
Come società umana, anch’essa, come lo Stato, ha “l’obbligo
Ora, la prepotenza in Palestina di dare alla famiglia tutti gli aiuti possibili affinché possano
Dovrebbe aprire gli occhi a noi cristiani - adeguatamente esercitare i loro compiti educativi” (Cost.
Ed anche quel che accade in Argentina - Apost. “Familiaris Consortio”).
Come società soprannaturale, la Chiesa ha il compito di annun-
Per non doverci mordere le mani! ciare a tutti gli uomini la via della salvezza: «Andate, dunque,
ammaestrate tutte le genti... Ed ecco Io sono con voi tutti i
giorni fino alla fine del mondo» (Matteo XXVIII, 18-20).
Questa azione, che è di vera e propria evangelizzazione, viene
Chiusa esercitata, o direttamente con la catechesi, dentro l’orbita della
Chiesa stessa, o indirettamente, nella società civile, con accordi
presi con i singoli Stati o con la creazione di Scuole cattoliche.
Ebraismo, marxismo e massonismo
Sono la “trinità” dei farisei! Ma... chi è e com’è il soggetto dell’educazione?
E noi cristiani, poveri babbei,
Sponsorizziamo ancora l’ebraismo! (continua)

“Chiesa Viva” *** Luglio-Agosto 2002 9


Documenta-Facta
tengo che con il tacere non si renda
testimonianza della propria Fede!
(G. Gallini - CH)

DIO TRINO E DIO NON TRINO


SONO IL MEDESIMO DIO?

Per i maomettani, specialmente per i


quali San Tommaso ha scritto la
“Summa contra Gentiles” vale la
pena di conoscere il pensiero autore-
vole del nostro angelico Dottore (L. I,
c. VI):
«Coloro che introdussero sètte erro-
nee procedettero per vie del tutto
UNA LETTERA A SUA ECC.ZA RE- liari, in nome di un non ben precisato contrarie alla fede, come è evidente
VERENDISSIMA MONS. GIUSEPPE “dialogo” e con l’ausilio dei diversi nel caso di Maometto, il quale al-
PITTAU, PREFETTO DELLA CON- poteri massonici, tendenti alla in- lettò i popoli con la promessa di
GREGAZIONE PER L’EDUCAZIONE staurazione del loro Governo Mon- piaceri carnali, ai quali loro sono
CATTOLICA - ROMA diale, si è consentita una massiccia già propensi per la concupiscenza
immigrazione che ha portato alla co- della carne.
Eccellenza Reverendissima, struzione di ben 2,500 moschee in «Inoltre diede precetti conformi a co-
ho letto con vivo interesse l’intervista tutta Europa, risultate poi veri e pro- deste promesse, sciogliendo le bri-
da Lei concessa sulla questione isla- pri potenziali centri di terrorismo! Ri- glie alle passioni del piacere in cui
mica, apparsa su “Il Tempo” del 31 cordo la cerimonia dell’inaugurazione è facile farsi obbedire dagli uomini
dicembre 2001 scorso, e non Le na- della moschea di Roma, la più grande carnali. (...). Le verità stesse che egli
scondo che quanto da Lei affermato d’Europa, alla quale intervenne, oltre insegnò sono mescolate a favole e a
mi ha profondamente amareggiato. al potere politico, anche - molto com- dottrine falsissime. E neppure si
Da quarant’anni, la Gerarchia non piaciuta! - una Delegazione Vaticana servì di miracoli soprannaturali,
fa che promuovere “aperture” ver- in rappresentanza dello stesso che costituiscono la sola testimo-
so tutte le altre religioni che non ri- Pontefice. nianza adeguata della rivelazione
conoscono il Cristo, come si può ri- Oggi, Lei lancia l’allarme: “Se i cri- divina (...). Ma disse di essere stato
levare dalla proluvie di documenti stiani non prenderanno posizioni inviato con le armi: il quale contrasse-
partoriti dal Vaticano II; aperture coscienziose, l’Italia sarà islamiz- gno non manca neppure ai briganti e
che, inevitabilmente, pongono No- zata”; ma con quale credibilità pos- ai tiranni.
stro Signore, Re del Cielo e della siamo prendere delle posizioni se la «Inoltre a lui inizialmente non credet-
Terra, Creatore di tutte le cose, alla cristianità è avvilita e colpevolizzata - tero uomini pratici delle cose divine e
stessa stregua degli idoli delle altre proprio da Chi questa cristianità do- umane, ma bestiali abitanti del deser-
“religioni”, che vere religioni non vrebbe difendere! - per non si sa bene to, del tutto ignari delle cose di Dio; e
possono essere, dato che l’Unico quali colpe di cui deve continuare a servendosi poi del loro numero, egli
Dio Rivelato è Uno nella Sua Tri- chiedere perdono a tutti? costrinse gli altri ad accettare la
nità. E prosegue: «Fate sentire la vostra sua legge con la forza delle armi. E
E tra queste, l’Islamismo, inventato voce»; ma se i nostri Pastori tac- neppure ebbe anteriormente la testi-
dal Rabbino della Mecca e supporta- ciono ed il Santo Padre rende visita monianza dei profeti precedenti; anzi,
to dall’ebraismo dell’epoca, gelosi alle moschee e si lascia fotografare egli guasta tutti gli insegnamenti
di vedere tante anime aderire alla perfino nell’atto di baciare il Cora- del Vecchio Testamento, per non
nuova religione cristiana, predicata in no, che cosa vuole che facciano que- essere tacciato di falsità con racconti
terra d’Arabia dagli Apostoli. La diffu- sti poveri cristiani, ai quali è stato favolosi, come risulta dalla lettura del-
sione, poi, di questa dottrina fu affi- tolto il supporto della Vera Fede la sua legge.
data alla ferocia di Maometto. nel Dio Vivente e vengono sollecitati «Ecco perché, con astuzia, egli proibi-
Si può definire “religione” un movi- a credere solo nell’uomo, esortati ad sce ai suoi seguaci di leggere i libri
mento, sostenuto con la violenza un ecumenismo che tutto consente del Vecchio e del Nuovo Testamento,
nei confronti dei propri adepti, che e che porta solo ad un irrazionale per non essere tacciato di falsità. Per-
predica lo sterminio non soltanto sincretismo religioso?.. ciò è evidente che coloro che credono
dei cristiani, ma di tutti coloro che la E parla, poi, della “applicazione del in lui compiono (oggettivamente) un
pensano diversamente? Un movi- principio di reciprocità”; ma quale atto di leggerezza».
mento che vuole la sottomissione reciprocità si può sperare da un Per tutte queste ragioni, l’Aquinate,
della specie umana e propugna la massa di fanatici che, in nome del ovviamente, nega ogni parentela tra
conquista del mondo mediante una loro “dio” (... ma quale?) distrugge il nostro Dio, che è vero, e il loro,
“guerra” che loro chiamano “san- tutti i simboli di qualsiasi religione che è falso e, specialmente, inesi-
ta”? che non si accordi con i propri punti di stente!
In passato, la civiltà occidentale, che vista e continua a massacrare i cri- Bisogna dire che per San Tommaso i
può identificarsi nella civiltà cristia- stiani in tutti i Paesi sotto il loro maomettani sono per antonomasia
na, ha saputo difendersi dalle nu- dominio, perfino crocefiggendoli sulle “gli infedeli”, mentre gli ebrei sono
merose invasioni delle orde musul- porte delle chiese?.. È storia di tutti i spesso chiamati semplicemente “in-
mane succedutesi nei secoli, com- giorni! creduli”, non avendo creduto al Cri-
battendo eroicamente tante sangui- Eccellenza, forse questa mia esterna- sto, loro Re e Messia. Tutta la Tradi-
nose battaglie. zione Le sarà sembrata poco diplo- zione è con lui: fedeli propriamente
Da quarant’anni a questa parte, in- matica; ma, esortato anche dal Pen- sono i cristiani, unici a obbedire alla
vece, grazie alle “aperture” conci- siero di San Tommaso d’Aquino, ri- Fede.

10 “Chiesa Viva” *** Luglio-Agosto 2002


“Chiesa Viva” *** Luglio-Agosto 2002 11
LA “TELA DI RAGNO”
– PLAGIO PSICOLOGICO
NEL CAMMINO NEO-CATECUMENALE –
di Augusto Faustini

«Ci sono prigioni che hanno le sbarre: solide sbarre che si vedono e si possono segare.
Ci sono prigioni, che hanno le sbarre invisibili - che non possono essere afferrate e scosse con rabbia;
mentre sorridendo vi dicono: “Ma siete liberi!!! La porta è aperta... aperta! Potete uscire!”»
(Claud Buffet).

3
CONQUISTA rio all’automobile, dalla casa alla
DELLE PARROCCHIE baby sitter. Questi Catechisti itine-
ranti, sono spinti a licenziarsi dal
Insensibilmente e subdolamente posto di lavoro per vivere, da quel
essi inducono a credere e a con- momento e per tutta la vita, a tota-
siderare come loro vera famiglia le carico della Sètta, insieme a tut-
la Comunità Neo-catecumenale, ta la famiglia, senza che manchi
adottando i termini di “fratello” e loro nulla, in paesi stranieri, com-
“sorella” per riconoscersi tra pletamente spesati. Quante volte
membri. Sostituiscono il termine ho pensato a loro, ed al lusso in
sacerdote con quello di presbitero. cui vivono, quando, cacciato di ca-
Sparano parole forti e incomprensi- sa fui costretto a dormire in auto-
bili agli estranei, come “kérygma”, mobile! Le somme rastrellate da
“koinonìa”, “kénosis”, “esisten- questa sètta sono un qualcosa di
ziale”, “òntico”’ “Servo di gigantesco e difficilmente valutabi-
Jahvè”, “Croce gloriosa”, per fa- le. Esse comprendono il 10% di
re impressione sulla gente sempli- tutti i guadagni di lavoro dipenden-
ce, quasi a far credere d’avere te o professionale e le entrate di
sempre Dio in tasca! S’impadroni- pensioni, donazioni, eredità; le of-
scono della parrocchia “in ferte fatte per dimostrare d’essere
esclusiva”: con maliziosa gradua- distaccati dal danaro con rinuncia
lità, fanno le “monizioni” alla Let- ai beni personali e familiari. Le fre-
ture della Messa; scelgono i canti; quenti raccolte di danaro vengono
insegnano il catechismo ai comuni- effettuate con un sacco di plastica
candi e ai cresimandi; preparano la nera (il sacco per le immondizie)
liturgia pasquale, estromettendo che viene fatto girare. Ognuno vi
quanti fossero loro contrari, e sosti- mette dentro danaro od oggetti di
tuendosi ad ogni altra associazio- valore. Il danaro serve per l’acqui-
ne. perché d’un colpo, gli portarono via, qua- sto ed il mantenimento di lussuose resi-
Il Parroco perde così il controllo della si- si tutti i fedeli! denze, di Seminari, e per pagare gli sti-
tuazione. Nei rari casi in cui il parroco rie- pendi a quei parroci e a quei Vescovi che
sce ad allontanarli, dovrà aspettarsi una si sono mostrati bravi nel facilitare
reazione terribile. Allora, esploderà tutto il L’ARMA DEL DANARO l’espansione dei Cammino. Naturalmen-
loro fanatismo. Il poveretto, incontrerà te, tali stipendi, pur riconducibili ad un
grandi difficoltà a sostituirli in maniera pa- Altro fortissimo condizionamento è dato unico tariffario nazionale, sono dati in
cifica e conveniente; non potrà certo rim- dal DANARO. proporzione del numero delle “Comu-
piazzare l’entrata considerevole dell’of- Ogni adepto deve versare almeno il nità” esistenti nel territorio, e non sono
ferta mensile (avendo rinunciato a quella 10% delle sue entrate al movimento. chiamati “stipendi”, ma “offerte”. La
del Cammino Neo-catecumenale) e nem- Ciò avviene dopo il “secondo passag- sostanza, comunque, non cambia.
meno difendersi da offese e calunnie che gio”. Questo danaro, anziché andare ai Altro danaro viene speso per le pubbliche
costoro metteranno in giro. Così, avven- poveri, va ai cosiddetti “catechisti itine- relazioni e per farsi una bella immagine
ne ad un parroco della provincia di Ro- ranti”, che andando in giro per l’Europa nel mondo cattolico. Solo in piccola parte
ma: come riuscì a liberarsi dei Neo-cate- e per il mondo a diffondere il Movimento, è utilizzato a favore di fratelli di Comunità
cumenali, immediatamente si trovò solo, non devono mancare di nulla, dal vestia- più bisognosi, ma viene dato come frutto

12 “Chiesa Viva” *** Luglio-Agosto 2002


di grandi sacrifici ed è fonte di continui ri- l’amore dei nipoti, la casa, ecc. Spesso tolleranza, unito ad un proselitismo ag-
catti e di debiti di riconoscenza. In prati- sento storie da far accapponare la pelle: gressivo. Impone il suo modo particolare
ca: prima, impoveriscono le famiglie persone bloccate nella loro carriera o sul di pensare, di sentire, di agire, mentre la
con una prolificità irresponsabile, e lavoro da superiori e dirigenti che sono Chiesa chiede all’uomo un consenso per-
poi le tengono legate col ricatto del Catechisti Neo-catecumenali; professori sonale, convinto e responsabile. La “co-
danaro. danneggiati a scuola; Vescovi trasferiti; strizione” è latente e non è facilmente
Il danaro è il bene cui tengono di più i parroci cacciati e molte altre situazioni riconoscibile.
capi del Movimento. Tra breve, potreb- del genere. La Chiesa Cattolica, nella Nota Pastorale
be servire anche a condizionare il prossi- Come mai i Vescovi non intervengano della CEI del 30 Maggio 1993, a cura del
mo Conclave, in concorso con altri Movi- in una questione così grave? Segretariato per l’Ecumenismo e il dialo-
menti, sorti negli ultimi tempi all’interno Provo ad ipotizzare delle risposte: go, accenna al “lavaggio del cervello”
della Chiesa. - Alcuni obbediscono acriticamente agli in questi termini: “A ragion veduta si
Il fiume di danaro che entra ininterrotta- ordini che vengono dall’alto; può osservare che le sètte e i nuovi
mente nelle casse del Movimento, non è - Altri sono colpiti dal successo e dalle movimenti religiosi normalmente ap-
dato solo dalle offerte “spontanee”, ma calorose partecipazioni dei Neo-catecu- paiono chiusi al dialogo, protesi come
anche dalla vendita di migliaia d’oggetti menali agli eventi organizzati dal Papa; sono all’annuncio con metodi di pro-
di culto col marchio esclusivo di Kiko. Mi - Alcuni non possono più fare a meno de- paganda che si servono della pressio-
riferisco a leggii, croci, tovaglie per altare, gli stipendi mensili della Sètta; ne psicologica tendendo a soggiogare
tappeti, portafiori, stole, tuniche, ecc. Tut- Tutti però dovranno fare i conti con la lo- l’interlocutore in modo da raggiungere
ti questi oggetti sono costruiti in una loro ro coscienza e col giudizio di Dio. un’adesione acritica e totale, fino a
fabbrica, firmati dal loro santone, venduti Perché, poi, i poteri civili non interven- produrre, in taluni casi, il plagio della
a prezzi “esclusivi”, unicamente nel loro gono? personalità”. E ancora: “A volte acca-
negozio. Persino il rito de che gli adepti a
finale del battesimo una sètta vengano
nel fiume Giordano è vincolati attraverso
celebrato indossando forme di coercizione
una costosa tunica e vigilanza, fino ad
“griffata”, con viaggio arrivare a vere e pro-
e alloggio organizzato prie limitazioni della
dalla Sètta. libertà personale. In
“Siccome sono ve- questi casi, ci si tro-
nuti a mancare i fon- va di fronte ad un
di internazionali”, a successo imposto e
maggio dello scorso tutelato”.
anno (2001), Kiko ha In tale documento si fa
chiesto a tutte le Co- esplicito riferimento al
munità che avevano fatto che in alcuni
fatto il 2° Passaggio, gruppi sono presenti
di versare con urgenza sistemi di pressione
(anche a costo di fare psicologica che non ri-
una fidejussione) la spettano le persone.
somma di l0 milioni Nel Movimento neo-
per poter ultimare la catecumenale vi sono
costruzione della “Do- delle scelte che sem-
mus Calileae”, “la brano libere, ma che in
più grande opera del realtà non lo sono. Ciò
genere in Palesti- succede anche al ter-
na!”. Dai dati forniti mine della “Conviven-
all’agenzia di stampa za” che conclude il ci-
Cerimonia neo-catecumenale.
“Adnkronos”, venia- clo delle quindici cate-
mo a sapere che nel chesi che introducono
mondo ci sono 17mila i partecipanti al pre-ca-
comunità (4.500 in Italia). Se la cifra L’unica norma penale che poteva essere tecumenato. Coloro che accettano di ini-
corrisponde al vero, quanti miliardi avran- chiamata in causa è quella sul “plagio ziare il Cammino Neo-catecumenale, da
no raccolto con questa chiamata, e come psicologico” (art. 603 C. P) che, pur- quel momento, senza accorgersene, la-
li useranno veramente? Certo, Kiko ha troppo, nel 1981 è stata dichiarata inco- sciano di fatto la Chiesa Cattolica per
un forte senso degli affari e sa camuffare stituzionale perché non chiara. La Corte aderire ad un nuovo culto, la cui dottrina
molto bene, proponendo la sua alta spiri- Costituzionale, raccomandò che si prov- e prassi sono in antitesi con la fede pre-
tualità. E gli illusi, pieni d’entusiasmo per vedesse al più presto ad una sua riformu- cedente, pur rimanendo convinti d’essere
lui, credono e pagano. lazione. La richiesta di incostituzionalità nell’ortodossia, della quale si fa garante
fu fatta da varie Sètte religiose italiane e la figura passiva del sacerdote-presbite-
straniere. ro.
RICATTO PERSECUTORIO Come mai da 20 anni la sua riformula- Chi entra a far parte della Comunità Neo-
zione è ferma alla Commissione? catecumenale, ignora il meccanismo che
I Neo-catecumenali dicono sovente di su- Affari Costituzionali della Camera? Non lentamente, ma inesorabilmente, lo por-
bire “persecuzioni”, ma quando qualcu- so proprio cosa rispondere. Ricordo, terà a farsi convertire, e i metodi di for-
no, come me, denuncia i frutti disastrosi però, che diversi avvocati Neo-catecume- mazione cui sarà sottoposto fino a rag-
del Cammino, è offeso, dileggiato, com- nali mi hanno riso in faccia dicendomi: giungere una totale adesione dogmatica
patito; stigmatizzato come “Giuda”, “tra- “Lei non può farei nulla, perché in Ita- e acritica ai principi di fede e all’ideologia
ditore” “demonio”, “Faraone”. Nelle lia il plagio non esiste più”! religiosa proposta dal Cammino neo-ca-
Comunità, poi, esultano quando qualcu- tecumenale che lo porterà ad un plagio
no li critica, perché ritengono che le criti- totale della sua personalità.
che siano “persecuzioni” che provano MANIPOLAZIONE PSICOLOGICA Alcuni elementi conferiscono al Movi-
la loro “santità” e la giustezza della loro mento Neo-catecumenale il sapore
esperienza. Il Movimento Neo-catecumenale è un d’una sètta. Essi sono: la stratificazione
Ma le vere persecuzioni le subiscono gruppo cristiano di spirito settario. Come gerarchica; i riti d’accesso e di “pas-
altri. A me è stata tolta la famiglia, i figli, tutte le sètte, usa un atteggiamento di in- saggio”; la verifica costante dell’orto-

“Chiesa Viva” *** Luglio-Agosto 2002 13


dossia; l’impegno totalizzante; il pro- con la manina così e la faccia tutta ri- membri incominciano a scorgere gli
selitismo. toccata, tutto zucchero e miele, tutto aspetti positivi della vita comunitaria: in-
L’appartenenza al gruppo è così esclusi- soavino e tenerino...” (OR, p. 115). “La teresse e attenzione a chi mostra di ave-
va da essere inconciliabile con la parteci- Chiesa Cattolica è piena di paganesi- re qualche problema che lo assilla; clima
pazione ad ogni altra espressione della mo e di idolatria” (PR, p. 34). “...a Ro- di cordiale e festosa accoglienza; “con-
vita sociale. Il processo d’indottrinamento ma con i cardinali, la curia... “ognuno vivenze” con cadenze mensili che ven-
praticato nel Movimento non è compatibi- fa i fatti suoi; li, non c’è pastorale ve- gono accolte con entusiasmo dagli adep-
le con la Fede cattolica e si serve d’una ra: in Roma........ mai stata una pasto- ti, come evasione dalla “routine” quoti-
pressione psicologica che fa uso di sofi- rale. È la peggio terra del mondo” (PR, diana. La Comunità è vista come cosa
sticati meccanismi che non rispettano la p. 183). buona e accettata e fatta propria. Colui
persona, la quale, inconsapevole e igna- che comincia a farne parte, inizia a per-
ra di cosa le stia succedendo, accetta tut- “Vogliamo formare nella parrocchia correre quella spirale che qualche studio-
to passivamente. una comunità che sia segno. Questa so ha identificato e collegato al processo
Le conseguenze di questo condiziona- comunità, alla lunga, cambia la pasto- di affiliazione alle sètte. L’individuo si al-
mento sulle persone sono deleterie e rale e la struttura della parrocchia” lontanerà sempre più dal suo retroterra
permangono anche quando il catecume- (OR, p. 28). (affetti familiari, legami sociali, valori vita-
no ha abbandonato il gruppo, segnando Questi messaggi vengono ben recepiti li). A mano a mano che si partecipa al
in modo irreversibile la salute psichica dai deboli di fede e dai delusi dalla Chie- Movimento, si discende di spira in spira,
dei più deboli. sa cattolica che cominciano a credere perdendo di vista ogni altro riferimento,
L’espressione “lavaggio dei cer- vedendo solo la realtà proposta
vello” è stata introdotta agli inizi dal gruppo.
degli anni ‘50 da Edward Hunter
Jr., giornalista corrispondente da Terzo stadio dei processo: “ri-
Hong Kong per un quotidiano di congelamento”. All’inizio, la scel-
Miami, per tradurre un termine ci- ta d’entrare nel Movimento poteva
nese (brain-washing) che significa essere in qualche modo libera e
“pulizia della mente”. Si trattava consapevole, ma quando uno è
di un sistema di persuasione, usa- entrato, viene trascinato in un vor-
to per liberare la mente dei cinesi tice dal quale non riuscirà più a li-
dalle vecchie credenze e “conver- berarsi e la comunità diventerà la
tirli” agli ideali e ai programmi co- cosa più importante della sua vita.
munisti. Kiko dice: «Quando siete entrati
Tre erano le fasi del processo: nella comunità, anche voi eravate
“scongelamento”, col quale met- politeisti e per voi la verità e la vita
tevano in dubbio tutti i loro princìpi, erano il lavoro, la famiglia, l’affer-
fino al punto da volerli abbandona- mazione di voi stessi, i figli, la so-
re; “modificazione”, che aveva cietà, la macchina, e fra tutte que-
luogo quando il prigioniero comin- ste cose avevate anche la Comu-
ciava a intravedere i lati positivi nità. A questo punto del Cammino,
nell’ideologia comunista e a met- dopo quattro anni, le cose sono un
tersi sulla scìa di altri che l’aveva- po’ diverse, e ora, poiché siete
no accettata; “ricongelamento”, convinti che queste cose non vi
che consisteva nel convincerli del- danno affatto felicità, ora il Signo-
la bontà delle nuove idee che così re può dirvi: “Ascolta Israele, io
venivano accettate definitivamen- sono l’amico, gli altri non sono
te. Poi, per farli sentire più sicuri, li dei”» (SH, p. 72). “C’è molta gen-
mettevano in condizione di prepa- te cui dà fastidio l’andare in comu-
rare la loro difesa, nel caso fosse- nità, ma non la possono lasciare,
ro attaccati. Così preparati, difficil- perché la Parola gli ha aperto la
mente avrebbero potuto lasciarsi verità dei mondo e ormai non si
influenzare da altri che avessero possono più alienare perché... do-
messo in discussione la nuova po- ve andrebbero? Se il sale perde il
sizione nella quale s’erano adagia- suo sapore ormai non serve a
ti. niente altro se non ad essere cal-
Stessa tecnica viene usata dal Giovanni Paolo II con Kiko e Carmen. pestato dagli uomini. Diventerai un
Movimento Neo-catecumenale nel uomo disgraziato, non servirai a
suo reclutamento. Le quindici ca- niente, perché se almeno fossi co-
techesi introduttive, in cui viene procla- che la vera Chiesa stia nella Comunità. me quelli che non hanno conosciuto il ca-
mato il Kerygma, corrispondono alla fase Dice Kiko: “Le Comunità Neo-catecu- tecumenato e non sanno nulla, allora ti
cinese dello “scongelamento”. menali sono la chiesa stessa che è alieneresti con la T.V. o diventeresti so-
Nella fase dello “scongelamento”, si qualcosa di molto diverso dal gruppet- cio della Roma e te ne andresti con gran-
tende a demolire le certezze che i mem- to delle signore della S. Vincenzo, da de illusione a vederla giocare ogni dome-
bri possiedono, specialmente se sono un gruppo di Azione Cattolica... è un nica. MA TU SEI STATO MARCATO A
cattolici praticanti. Si dice che “La Chie- cammino che ha la Chiesa perché se FUOCO E QUESTO NON TE LO PUO’
sa, sacramento di salvezza, oggi, nelle voi scoprite che l’Azione Cattolica non TOGLIERE NESSUNO” (SH,p. 103).
parrocchie, non si vede da nessuna dà frutto, e non sapete dove andare, Con queste parole Kiko inchioda per
parte; piuttosto sono degli uffici, dove voi potete, in questo cammino, incon- sempre al Cammino gli adepti e non si fa
la gente va a Messa, al battesimo, trare la fede” (1°SCR, p. 55). “Pensate scrupolo di lanciare maledizioni su quelli
però non sono un sacramento di sal- quando sarete scrutati che state da- che, svegliandosi dall’incantesimo, in un
vezza” (1°SCR, p. 31). E ancora: “Di vanti a Gesù Cristo, anche se io sono momento di lucidità, volessero tornare in-
quelli che noi chiamiamo cristiani so- un imbecille, una canaglia, un idiota; dietro: “ ... Fratello mio, tu puoi tornare
no scandalo per quelli che non vengo- quando starai seduto parlando con indietro: però, attento! Attenti, fratelli,
no più in chiesa” (1°SCR, P. 62). Ven- me, in quel momento starai parlando perché Dio vi ha inviato dei catechisti
gono ridicolizzate le spiritualità racco- con Gesù Cristo; noi facciamo un ser- concreti, che vi hanno detto che han-
mandate dal Magistero: “Attenti con vizio nel suo nome e Dio c’ispira” no visto Gesù Cristo. SE ANDATE VIA,
certi concetti di “Dio Buono” che è tut- (2°SCR,p. 90). IL SANGUE DI GESU’ CRISTO PER LA
to misericordia... tipo “Sacro Cuore”, Nella fase della “modificazione”, i NOSTRA TESTIMONIANZA RICADRA

14 “Chiesa Viva” *** Luglio-Agosto 2002


SU DI VOI”! (PR,p. 412). Fede si decida ad emanare un documen- molti devono subire, come la perdita di
Se l’adepto mostra qualche segno di ten- to che possa fermare Kiko, Carmen e i identità, l’insicurezza e le forme depressi-
tennamento, i catechisti lo “sorreggono” loro catechisti, che continuano a diffon- ve che qualche volta portano al suicidio?
ricordandogli che ha messo la sua firma dere la loro falsa dottrina, spadroneg- Quelli che vorrebbero abbandonare il
sul “Libro della Vita”, cioè la copia della giando nelle parrocchie, con la presenza Cammino non possono. Come uno entra
“Bibbia della Comunità”, nella cerimo- passiva di “presbiteri” che “garantisco- nel gruppo viene travolto dagli impegni e
nia nota come “Primo Scrutinio”. Allora no” l’ortodossia delle loro catechesi an- dai compromessi e, pertanto, subisce, ta-
gli fu detto che era libero di non firmare e che se sentono pesanti accuse rivolte al- ce e ubbidisce ciecamente ai Catechisti
interrompere il “Cammino”; firmare, vo- la Chiesa Cattolica? che con maledizioni e minacce intimori-
leva dire salvezza assicurata, non firmare Fino a quando permetterete, col vo- scono chi dia segni di tentennamento.
perderla per sempre. “Ora, mettendo il stro silenzio, che continuino a distrug- Quelli che sono usciti chiedono aiuto
vostro nome, direte il vostro sì alla gere parrocchie e famiglie? Perché la- alla Chiesa, denunciando gli abusi, ma
scelta che Dio ha fatto nei vostri con- sciare che i Neo-catecumenali dicano sono considerati dei lebbrosi e nessu-
fronti dall’eternità. Gioite per una cosa che il Santo Padre li approva e li benedi- no li ascolta.
sola: i vostri nomi sono scritti in Cie- ce, quando sapete bene che dicono il fal- Con la vostra reticenza, voi screditate
lo”! (1°SCR,p. 143). so? E se il Papa sa quello che tutti la figura del Sommo Pontefice e vi ren-
Il gruppo diventa così la prigione in cui hanno scoperto, perché lasciare che sia dete responsabili di tanti peccati di per-
tutti, a sentire i catechisti, sono sone che, deluse dal vostro at-
liberi, ma nella realtà moral- teggiamento, perdono la fede.
mente “incatenati”. In questo Dopo più di trent’anni si cono-
clima di terrorismo psicologico, sce ormai la dottrina di Kiko. Il
si svolgono gli “Scrutini”, con- segreto è stato svelato per me-
dotti da semplici laici, che si rito di zelanti uomini di Chiesa
sostituiscono al sacerdote, e si che Voi conoscete bene e i cui
erigono a confessori dei fratelli, libri sono stati messi dagli
dai quali pretendono di sapere stessi nelle vostre mani.
le cose più intime della loro vi- I tempi sono ormai maturi. A
ta che, in questo modo, diven- che serve tacere, coprire,
ta patrimonio di tutta la comu- aspettare? È forse lo scan-
nità. Sotto l’effetto del “lavag- dalo che volete evitare?
gio del cervello”, i catecume- Dobbiamo fare i conti con
ni vengono forzati a donare i Dio, prima che con gli uomi-
propri beni. “L’uomo cerca la ni di questa terra. Dinanzi al
vita nei beni. Per questo, nel- Suo tribunale dovremo tutti
le comunità venderete i beni. comparire: Papa, Vescovi e
Questo non ditelo alla gente Cardinali compresi. Baste-
perché se ne andrebbero tut- rebbe, senza creare scandalo,
ti di corsa” (OR,p. 50). “ ... Se che tutti i Vescovi proibissero:
in paese corre voce che per - Le catechesi di Kiko e Car-
entrare in questa comunità men nelle parrocchie, a porte
bisogna vendere i beni, nes- chiuse, con il loro pseudo-ca-
suno viene più alle cateche- techismo: il Vangelo va “gri-
si” (20 SCR,p. 97). “In molte dato dai tetti”; il Catechismo
convivenze, la gente si ribel- che la Chiesa ha consegnato
la e non intende vendere i ai fedeli è uno solo!
propri beni e pensa che deve - La celebrazione eucaristica il
fare una elemosinuccia... sabato sera. Voi sapete che i
non capite” (SH,p. 96). Neo-catecumenali celebrano
Nella tappa che i Neo-catecu- varie messe contemporanea-
menali chiamano “Secondo mente, una per ogni gruppo.
Scrutinio”, Kiko arriva a chie- Ciò è contro le norme che ave-
dere ai catechisti di scrutare le te emanato. Nella Nota pasto-
persone secondo questi criteri: rale della CEI, 15 luglio 1984,
1) se hanno cambiato menta- “Il giorno del Signore”, invi-
lità; tate a “non moltiplicare, oltre
2) se si sono provati con i il giusto, il numero delle
beni; messe domenicali e, qua e
3) se hanno fatto il Cammi- là, anche delle messe festive
no. del sabato sera”, perché que-
Si può concludere che il pro- sta prassi di “messe contem-
Giovanni Paolo II in una “Messa neo-catecumenale”
blema nel Movimento Neo-ca- poranee risulta di grave pre-
tecumenale non stia solo nei giudizio per la cura pastora-
contenuti (decisamente incom- le e rischia di compromette-
patibili con la Fede cattolica), re la verità della celebrazio-
ma anche nei metodi e nelle tecniche di compromesso con errori dogmatici dis- ne festiva”.
indottrinamento, tendenti all’annienta- seminati nelle “catechesi” di Kiko e - Lo svolgimento del loro programma pa-
mento della personalità e al plagio delle Carmen, di chiaro sapore ereticale, fi- storale: obbligandoli a seguire il program-
persone divenute psicologicamente de- loprotestanti, impartite da laici privi ma pastorale diocesano o parrocchiale.
boli. d’una adeguata preparazione teologica, È giunto il tempo che ci diate delle ri-
in ore anche notturne e in un clima di sposte chiare!
massima segretezza, con una tecnica Noi siamo stanchi d’aspettare!
APPELLO FINALE psicologica di indottrinamento tendente Affrettatevi ad intervenire, prima che
ad umiliare le persone, abbassando l’au- sia troppo tardi!
Quanto tempo ancora dobbiamo aspet- to-stima in modo da renderle recettive e Non vogliamo pensare d’essere stati
tare, noi, vittime degli inganni del Movi- più malleabili alle idee del Movimento? traditi dai nostri Pastori!
mento Neo-catecumenale, prima che la E che dire delle gravissime conse- QUALE VERGOGNA SE TRADITE CRI-
Congregazione per la Dottrina della guenze spirituali e psicologiche che STO, PER FAVORIRE KIKO!

“Chiesa Viva” *** Luglio-Agosto 2002 15


MONDIALISMO
E ALIMENTAZIONE
del prof. Francesco Cianciarelli

I
niziamo col dire che in alcuni Paesi, logia per produrre maggiore cibo. Noi ri-
per l’esattezza gli USA (in considere- spondiamo: solo gli imbecilli possono
vole percentuale) ed in CINA pensare che le multinazionali si occupa-
(all’80%), sono già presenti sul mercato no delle necessità altrui, anziché delle
gli “OGM”. proprie! Anzi, mentre prima i Paesi del
Da qualche tempo a questa parte, sento Sud avevano autosufficienza alimentare,
parlare di BIOTOCNOLOGIE, ma qui, le multinazionali gliel’hanno tolta con l’in-
non si tratta di ciò, bensì di MANIPOLA- ganno, con la forza o con i prestiti.
ZIONI GENETICHE. Sappiamo bene, d’altronde, che, con i
Perché con la Biotecnologia, per es., si SEMI “TERMINATOR”, non si combat-
può fare la birra, l’aceto, il vino o lo yo- terà la fame nel mondo, bensì tutta l’agri-
gurt; e, quindi, la Biotecnologia non è coltura del pianeta dipenderà completa-
certamente una novità. La novità, invece, mente dal settore sementiero che starà
consiste nel cambiare “parti” di infor- nelle mani di poche multinazionali!
mazioni genetiche, corrispondenti ai ge- 3) Con le biotecnologie si può ridurre
ni, per trasferire da una specie ad un’al- l’impiego chimico in agricoltura. Noi ri-
tra. Da qui, giustamente, la parola: “tran- spondiamo: peccato che si emettano tan-
sgenesi”, appunto. te verità. Una tra tante: la resistenza agli
Già in Europa è stata “autorizzata” l’im- erbicidi va in direzione completamente
missione su cinque vegetali: mais, opposta. E, quindi, non è affatto vero!
soia, colza, cicoria e tabacco, pur se 4) Se le autorità americane hanno auto-
debbono contenere sull’etichetta la frase: rizzate gli “OGM”, vuol dire che non c’è
“prodotto (con “mais”, p. es.) genetica- di che preoccuparsi. Noi rispondiamo:
mente modificato”. quando la FDA (= Food and Drugs Admi-
Mentre nessuna “etichettatura” è previ- nistration) ha permesso gli “OGM” in
sta per i “mangimi” degli animali. commercio, il responsabile legale della
I rischi sono tanti: Monsanto era presidente della commis-
sione del FDA. Dopo il suo “benestare”
1) La trasmissione del gene nuovo ad al- sulla innocuità degli “OGM”, è andato a
tre piante non modificate, sia attraver- lavorare per la Monsanto, primo colosso
so gli insetti che tramite l’aria; chimico mondiale. Che strana coinciden-
2) la difficoltà di sradicare, poi, l’invasio- za!
ne della crescita; Inoltre, ancora nessuno ci informa come
3) la pericolosità delle piante transgeni- un batterio degli “OGM” stia causando
che verso gli altri esseri viventi; Le multinazionali, per giustificare la ma- diversi morti e migliaia di invalidi. Si tratta
4) la resistenza agli antibiotici; croscopica truffa, normalmente usano le della sindrome di mialgìa cosinofila.
5) l’aumento delle allergie; seguenti scuse: 5) Con gli “OGM” ci saranno piante-me-
6) la tossicità di certi “OGM”; 1) l’uomo - affermano - ha sempre modifi- dicinali, e così i poveri potranno curarsi.
7) l’uso incontrollato degli erbicidi nelle cato l’ambiente. E la biotecnologia è anti- Rispondiamo: non vediamo come il pove-
piante resistenti. ca quanto l’uomo. Noi rispondiamo: l’uo- ro, che già non ha accesso al cibo, possa
mo avrà pur modificato le varietà vegetali domani acquistare un cibo-medicamen-
E questa tecnologia è ancor più deva- che ha coltivato, ma solo incrociando fra toso. A parte, poi, non penso sia buono
stante dal momento che è nelle mani di loro le specie interfertili; nessuno ha mai diffondere medicine nell’ambiente. Già
potenti multinazionali agro-chimiche-far- superato il “muro” delle SPECIE, e tan- diffido di prendere quelle esistenti, figu-
maceutiche, che tendono a brevettare to meno dei REGNI! Come - p. es. - in- riamoci quelle future!
tutto di tutti! Ma, mentre i “diritti” di pro- troducendo geni di pesci nella carota, Inoltre, affermano o fanno dire a persona-
prietà sono garantiti, esse non sono ed il tabacco nella medusa, e così via. lità scientifiche, istituzionali o premi nobel
“responsabili” dei danni che cause- Sono azioni criminali, di gran lunga su- “file-OGM”, quali, la Montalcini, un Dul-
ranno. Tant’è che le stesse ASSICURA- periori all’abbattimento delle Torri Ge- becco, un Prodi, un Veronesi 1, che i
ZIONI non sono disposte ad assicurare melle di New York! progressi scientifici, nel corso della storia,
questo tipo di rischi, per cui questo la di- 2) Se vogliamo sfamare la popolazione sono stati sempre difficili; si sono affer-
ce lunga sulla loro dannosità! mondiale, dobbiamo sviluppare la tecno- mati con molta difficoltà; hanno sempre

16 “Chiesa Viva” *** Luglio-Agosto 2002


trovato pregiudizi e resistenze da parte niche, guadagnerà circa 15.000 miliardi ha “decretato” che tutti gli organismi
della gente. Rispondiamo: peccato dav- di lire. Con quest’ORO VERDE del 21° viventi multi-cellulari - animali inclusi -
vero che questo sia solo un modo per secolo - come l’hanno “battezzato” - 15 sono brevettabili! E già ci sono molti
non entrare nel merito del singoli aspetti. multinazionali (13 delle quali sono degli animali brevettati. La Monsanto, Novar-
Certo è che, spesso, mi chiedo se certi “States”) metteranno “le mani” sul no- tis, Du Pont, Rhone, Poulene, Lafarge,
“professoroni” siano dei venduti o degli stro PATRIMONIO GENETICO!!! Coppe, ne sanno qualcosa.
emeriti imbecilli! È mai possibile che que- Potrà sembrare una follìa; ed invece no, Ancora: la “OMPI” (= l’Organizzazione
sti “soloni” della scienza non capiscano non lo è, in quanto stanno ormai esten- Mondiale della Proprietà Intellettuale), già
che, dopo milioni di anni di evoluzione, alcuni anni fa informava che, in Africa,
non avviene mai che i geni di una specie “Lorsignori” detenevano il 95% dei bre-
si trasferiscano in un’altra specie viven- vetti; in America Latina l’85%; in Asia, il
te? Certo, mi si dirà, ma nel nostro Paese La ditta australiana “Stem 70%.
non è ammessa la produzione degli Cell Sciences” e la statuni- Anche nel Vecchio Continente c’è una
“OGM”. Questo è vero, ma intanto ci so- direttiva sulla protezione giuridica delle
no - per ora - già dei terreni “sperimen- tense “Biotransplant” han- invenzioni tecnologiche, che autorizza a
tali”; ed è, però, permesso importarli! no richiesto un brevetto per brevettare interi organismi, nonché
Per giunta, non c’è nessuna indicazione parti, organi e geni di qualsiasi essere
sulle “etichette”, e quindi possiamo in- la clonazione di embrioni, vivente, uomo compreso! Alcune nazio-
gerire ingredienti assolutamente nuovi, compresi quelli umani. ni Europee si sono opposte, ma, com’era
senza essere stati informati, e senza sa- Nella richiesta di brevetto, prevedibile, senza esito. Già due anni fa,
perlo! all’Ufficio Europeo di brevetti, con se-
Eppoi, quali sono i tanto “decantati” le due aziende rivelano di de a Monaco, e sotto il N° EP 695 354, è
vantaggi per gli agricoltori? aver prodotto degli embrio- stato “registrato” un brevetto per ma-
Al contrario: le sementi non solo coste- nipolare EMBRIONI UMANI! Purtroppo,
ranno di più, ma - il colmo dei colmi! - si ni incrociando due specie, dobbiamo amaramente constatare che la
pagheranno - vita natural durante - i “di- utilizzando cociti di maiali Biosfera, il patrimonio naturale e cultura-
ritti” alle multinazionali, anche se do- le di milioni di anni di evoluzione biologi-
vessero usarsi i semi prodotti succes- rimuovendone il nucleo e ca, e di millenarie pratiche agricole, non è
sivamente in proprio, in quanto saran- sostituendolo con quello più dell’UMANITÀ, ma è di PROPRIETÀ
no sempre coperti da “brevetti”. prelevato da feti umani! PRIVATA!!! Oggi, si vuole clonare tutto
Il contadino non potrà tenersene una par- e tutti! Piante, animali e perfino gli uo-
te, né potrà scambiarli con altri contadini. mini. Sì! Perché si presentano grandi e
Perché non ci dicono Lorsignori - ad (WO 99/21415 - 6 maggio 1999) nuove prospettive, sia commerciali che
esempio - che numerosi contadini, nel- scientifiche, clonando l’uomo! Questo
lo Stato Indiano del Karnataka, si sono sarà il grande “business” del futuro!
suicidati per questo tipo di “politi- Da una parte, si “animalizzerà” l’uomo
ca”?.. (già lo stanno facendo in campo morale)
Riassumendo: gli “OGM” non avranno e, in pari tempo, si “umanizzeranno” gli
migliori qualità nutrizionali; danneggeran- animali; rendendoli più simili all’uomo.
no l’ambiente; recheranno gravi danni al- «Il motivo per cui molti uo- Scimmie e maiali, in primis. Non ultimo, a
la salute dell’uomo; non se ne conoscono fini di trapianti. Con la BIOTECNOLOGIA
i rischi che produrranno. Infatti, i geni del- mini saranno portati a non è nata, ormai, la BIOPIRATERIA, la BIO-
la resistenza agli antibiotici sono sempre credere più al progresso PAZZIA, il BIOMANICOMIO!
presenti negli “OGM”, che trasferendosi scientifico sarà l’attitudine Geni di una specie passeranno ad
ai batteri, causeranno inevitabilmente le un’altra specie completamente diver-
malattie, e, quindi, non potremo più cu- superba dei dottori che la- sa: geni animali - per esempio - in bat-
rarci con gli antibiotici. vorano alla realizzazione teri o piante; geni umani, negli animali,
Ma non solo gli “OGM” produrranno - a e così via!..
detta di onesti studiosi della Medicina - d’una creatura uscita da un Non c’è più la selezione di una variante,
danni al sistema immunitario e cambia- incrocio tra l’uomo e l’ani- ma addirittura l’invenzione di più varianti
menti ai vari organi, finanche al cervello! male. possibili!
Perché non dicono che la produzione Le multinazionali degli “OGM” hanno or-
mondiale di CIBO è sufficiente, mentre, Gli uomini avvertiranno nel mai il diritto di brevetto e lo pretendono
almeno un terzo della popolazione mon- più profondo del loro cuore non solo sugli organismi da loro genetica-
diale non ha denaro per comprarlo? Ver- mente modificati, ma anche sui geni (o
gogna!.. che tutto questo è ingiu- parti) di organismi viventi (uomo compre-
Mi auguro che, dopo la morte, esistano stificabile. In un primo tem- so) da loro scoperti!
davvero il Paradiso e l’Inferno. Il primo, ri- po, nessuno si opporrà alla In una sola parola: BREVETTARE MA-
servato a chi soffre ingiustamente in que- TERIALE BIOLOGICO ED ORGANISMI,
sto mondo; ma soprattutto il secondo, per creazione di questi mostri, significa accreditarsi come inventori, cioè
questi loschi individui che ormai stanno ma gli scienziati saranno fi- come CREATORI DELLA VITA!!!
“plasmando” la natura per fare una Stiamo per entrare ormai in un’èra dove
“fauna-flora-bio-industriale”; ovvero, nalmente cacciati come si l’uomo non sarà più libero di decidere del
una fusione tra l’agricoltura, la farmacia e caccia un branco di lupi!» suo futuro; non sarà più protagonista ed
la chimica! autore delle sue scelte, perché una nuo-
Ci sarà, ad esempio, la trasformazione (Madonna di Lourdes, va forma di PROPRIETÀ sta per abbat-
degli animali domestici in laboratori, per tersi su di lui: quella di essere, oltreché
produrre i farmaci. Saranno animali “bio- nel 5° Messaggio) suddito, schiavo, autòma, anche pro-
industriali” DOC! prietà di una MONSANTO o di una DU
I profitti (e solo questi!) per le multinazio- PONT!!!
nali saranno immensi. Altro che fondare Ma noi, a squarciagola, diciamo e dire-
una banca! Già, oggi, i proventi del mer- mo: IL PATRIMONIO GENETICO NON
cato dell’ingegneria Genetica si aggirano dendo la “Brevettabilità” su tutto il È IN VENDITA! L’UOMO NON È IN VEN-
sui 70.000 miliardi di lire; e, tra 3-4 anni, MONDO VIVENTE! DITA!
si calcola che questa somma sarà quintu- Basta dirvi che già il “PTO” (= Patents
plicata. and Trademark Office), che è l’equivalen-
La Monsanto, con le sole piante transge- te americano dell’Ufficio Brevetti italiano, 1 Cfr. www.rifondazione.it.

“Chiesa Viva” *** Luglio-Agosto 2002 17


Conoscere la Massoneria

del dott. Franco Adessa

In un’altra fonte, si legge che il colonnello House, in


realtà, era figlio “di un finanziere che curava gli interes-
si economici inglesi negli Stati meridionali”1. Educato in
Inghilterra, House fu autore del libro “Philip Dru: Admini- Col. E. Mandell House Paul Warburg.
strator”, pubblicato nell’autunno 1912, DOVE SI DESCRI-
VEVA LA NASCITA DI UN RAGGRUPPAMENTO INTER-
NAZIONALE DI POTERE CHE AVEVA LO SCOPO DI IN-
SEDIARE IL SOCIALISMO “COME LO SOGNAVA CAR- nenti alla Massoneria, alla Round Table o alla Pilgrims
LO MARX”! Society, con la sponsorizzazione dell’Alta finanza, posta al-
L’esistenza di questo «Raggruppamento internazionale di lora sotto il controllo delle grandi famiglie ebraiche.
potere che aveva lo scopo di insediare il socialismo “come Ci si potrebbe chiedere: ma... il Colonnello House aveva un
lo sognava Carlo Marx” non può che farci venire alla superiore?
mente il vero fondatore del Comunismo: Giuseppe Mazzi- Nel libro “Dope Inc.”, trattando della Swiss-Israel Trade
ni, Capo d’Azione politica della Massoneria Universale, Bank di Ginevra, legata agli interessi dei Rothschild, trovia-
la stessa persona che, negli anni 1870-71, insieme ad Al- mo una citazione che getta luce su questo aspetto: «Sin dal
bert Pike, Pontefice Massimo della Massoneria Univer- 1922, dopo il suo servizio di ufficiale di contro-spionaggio
sale, aveva tre stilato il piano di tre Guerre Mondiali da dell’Esercito americano durante la Prima Guerra mondiale, il
scatenarsi nel secolo XX, col fine di porre fine al potere Generale Julius Klein, manager della Swiss-Israel Trade
spirituale della Chiesa cattolica e della civiltà cristiana! Bank, fu ingaggiato da Sir William Wiseman, il capo dei
Il Colonnello House dà egli stesso, nelle sue memorie, un Servizi Segreti britannici negli Stati Uniti per tutto il perio-
piccolo saggio della manipolazione di cui furono vittime la do della Prima Guerra mondiale (...), e posto al servizio del
Germania e l’Occidente, quando furono precipitati nella Pri- Colonnello House, il consigliere speciale del presidente
ma Guerra mondiale; il 15 aprile 1915, vale a dire due anni Woodrow Wilson, che diresse il gruppo americano durante le
prima dell’intervento USA in guerra, egli scriveva: «Mi chie- negoziazioni del Trattato di Versailles. Il consigliere specia-
do spesso quali siano le cause della guerra. Non mi pro- le House RARAMENTE AVEVA PRESO UNA DECISIONE
nuncio giammai, ma, qui, posso dire cosa ne penso. Non POLITICA SERIA SENZA PRIMA CONSULTARE SIR WIL-
credo che il Kaiser abbia voluto la guerra e, in realtà, LIAM WISEMAN»4. In un’altra pagina, si legge che «Sir Wil-
non se l’aspettava che scoppiasse. Con mossa assai im- liam Wiseman divenne socio “senior” della banca Kuhn
prudente , egli permise all’Austria di entrare in conflitto con and Loeb. (...)»5.
la Serbia con l’idea che, se la Germania sosteneva il suo Nel libro “Il Lusitania” di Colin Simpson, si afferma che Wil-
alleato, la Russia si sarebbe tenuta ad energiche prote- liam Wiseman, alto dignitario massonico e capo dei servizi
ste, e che avrebbe agito in egual maniera allorché l’Austria segreti britannici per l’emisfero atlantico, fu uno dei principali
si fosse annessa la Bosnia e l’Erzegovina... egli (il Kai- promotori dell’ “affair” del Lusitania, e che, alla fine della
ser) si rifiutava di ammettere che l’Inghilterra potesse guerra, Willaim Wiseman fu promosso a ruolo di alto
prendere le armi di fronte ad un incidente nel teatro funzionario della banca Kuhn and Loeb6.
balcanico... le relazioni anglo-tedesche erano, in quel mo- Risulta, quindi, che il capo dei Servizi Segreti britannici negli
mento, improntate a grande cordialità, il Kaiser non poteva USA, Sir William Wiseman, superiore diretto del Colonnel-
supporre che l’Inghilterra avrebbe sostenuto la Russia e la lo Edward Mandell House, a sua volta consigliere spe-
Francia fino al punto di prendere le armi a loro favore e ciale del presidente W. Wilson e poi del presidente F. D.
marciare contro la Germania...»2. Roosevelt, era di casa alla Kuhn and Loeb, dove erano so-
«Il 14-15 gennaio 1917 si tenne a Locarno la riunione delle ci anche Jacob Shiff, Felix Warburg e Paul Warburg, l’ar-
alte massonerie, avendo come oggetto il Nuovo Ordine del tefice della Legge sulla “Federal Reserve Bank”!
mondo da instaurare alla fine della Prima Guerra mondiale.
(...). Parallelamente, venne designato in USA, nel settem-
bre 1916, ad opera del Colonnello House, un Comitato
1 Cfr. C. Skousen, “Il capitalista nudo”, Ed. Armando 1978, p. 34.
di circa 150 professori, giuristi, economisti, politici e altri, in 2
cui spiccavano i membri della Pilgrims e della Round Ta- Cfr. Charles Seymour, “The intimate papers of Colonel Hou-
ble, come Walter Lippman, Norman Thomas, Allen e se”, Houghton Mifflin, Boston 1926, p. 79.
3 Cfr. Epiphanius, “Massoneria e sètte segrete: la faccia occulta
John Foster Dulles, ecc.. incaricato di redigere un pro- della storia”, Litografia Amorth, Trento, pp. 239-240.
getto di condizioni di pace in Europa e di elaborare la 4 EIR Editors, “Dope Inc. - Boston bankers and Soviet Commis-
“Carta” della futura Società delle Nazioni»3. sars”, New Benjamin Franklin House, New York 1986, pp. 439440.
Nel 1918, il Colonnello House nomina i plenipotenziari 5 Idem, p. 77.
negoziatori a Versailles, tutti, nessuno escluso, apparte- 6 Colin Simpson, “Il Lusitania”, Ed. Rizzoli 1974.

18 “Chiesa Viva” *** Luglio-Agosto 2002


In Libreria
Lettere «Guardati dall’uomo che ha
letto un solo libro».
(S. Tommaso d’Aquino)

alla Direzione

SEGNALIAMO:

Gent. Don Luigi, sce - ardisco dire col massimo rispetto - IL SENSO DELLA VITA -
la ringrazio moltissimo di avere ancor più e meglio del pur validissimo e IL DESTINO DELL’UOMO
esaudito la mia richiesta. Ora riceviamo compianto P. Prof. Zoffoli. di Claudio Fauci
regolarmente la Vs. interessante ed utile Tanto è vero che Lei fa vedere da “chi”
Rivista “Chiesa Viva”, e tutta la famiglia (Kyrie eléison!) quei “Brigatisti rossi”
ne è edificata. dello spirito sono “protetti”. Peggio di Sottoponiamo all’attenzione dei no-
Mia figlia, che è al terzo anno d’Univer- “quelle”. Cf. Pp. 6-16, 99-101. Infatti si stri lettori questo profondo testo di
sità, ne trae spunto per analisi e riflessio- tratta di una enorme prostituzione spiri- riflessione sulla Storia della dottrina
ni, arricchendo le ricerche e gli studi già tuale (per una pallida approssimazione si di S. Gregorio I, vescovo di Roma,
iniziati con altre buone pubblicazioni. Mio pensi all’8 luglio u. s.): appunto come de- onorato, poi, col titolo di “Magno”,
figlio, che è ancora piccolino, si ritroverà nuncerebbero specialmente i Santi Profe-
una bella biblioteca da consultare. Quin- ti Isaia, Geremia, Ezechiele; ma, soprat- rimasta ancora non adeguatamen-
di, un grosso grazie da parte mia e di mia tutto, nostro Signore (cf. Mt., 7, 6; ivi, 15, te esplorata e approfondita.
moglie, unitamente al nostro augurio di 18-20; ivi, 23, 1-39; Gv., 8, 44; Ap., 2, 9; La sua figura, infatti, è stata studia-
buon proseguimento nella battaglia intra- ivi, 3, 9). ta, prevalentemente, in un’ottica
presa. Tenendo sempre alta la qualità dei E dopo la più convincente dimostrazione storica, o ecclesiastica, o esegeti-
testi proposti. So che non deve essere dell’apostasia radicale di quella sètta (pp. ca, o spirituale, specialmente di
cosa facile a realizzarsi, unitamente agli 17-91), Lei mette a fuoco la schiavesca stampo monastico, essendo egli
impegni sacerdotali, ma sappiamo anche dipendenza di essa dall’ebraismo caba- stesso monaco e biografo del pa-
che non è solo, ma assistito dalle Suore listico-talmudico e dal soggettivismo dre della vita cenobitica in Occi-
e da altri collaboratori cui pure va il no- protestantico che coinvolge all’interno di dente; San Benedetto da Norcia.
stro sincero riconoscimento. sé tanto la superbia gnostica quanto la
Preghiamo l’Arcangelo San Michele e Mi- stoltezza fideistica, il più scatenato immo- Ma San Gregorio è anche un fine
lizie Celesti che vi scaccino gli spiriti ralismo e persino la barbarie marxistica teologo.
sparsi nell’aria sempre in agguato e che (cf. pp. 91 s. V. Altresì l’agghiacciante ta- Il presente studio del Dottor Clau-
la Vergine Santa Vi assista e protegga bella riassuntiva di quelle eresie: pp. 95- dio Fauci è un’analisi circoscritta
tutti!. 98). alle lettere e alle prediche di Papa
Sia lodato Gesù Cristo!. Il Signore La benedica e rimeriti anche Gregorio I, il cui merito principale è
(P. F. - St. Michael’s Field 3/11/01) per le altre Sue opere che tanto degna- di aver inteso colmare questa lacu-
mente si affiancano a questa. na della teologia e della storia e, in-
*** Mi permetta, dunque, di concludere col ri- sieme, della teologia di Gregorio, e
lievo seguente. Giacché in una “massi-
ma” del La Rochefoucauld si legge che di approfondire le idee filosofiche
Rev.mo e illustre Monsignore,
benché io non sia teologo ma “il ridicolo disonora più del disonore” ad essa collegate, integrando i mo-
l’ultimo dei fedeli davvero credenti (se - e questo detto proviene da vari testi bi- tivi ascetici, liturgici, pastorali.
non presumo troppo), sento il dovere di blici (cf. 1 Re, 9, 4-9; Ez., 22, 1-5) -, mi Ci auguriamo, perciò, che questo
rivolgerLe il più intenso plauso per il Suo sembra conseguirne che i “neo-catecu- studio sia accolto con interesse e
ottimo saggio: “Eresie nella dottrina menali” ma, prima e peggio, i loro poten- profitto da tutti coloro ai quali è ca-
neo-catecumenale”, Ed. Civiltà, Brescia tissimi “protettori” vanno bollati e scher- ra l’età patristica nel suo interes-
2000. niti come “Mao-sinagogali”. sante contesto.
In questo saggio Lei, teologo di perfetta In unione costante di preghiere, La rin- (Prof. Bazyli Degòrski O.S.P.D.E.)
ortodossia cattolica, di autentica genialità grazio di quanto ci ha insegnato e La os-
e di vasta e profonda cultura, smaschera sequio toto corde in Christo Rege.
l’apostasia di tutti quei sovversivi; e ci rie- (Un sostenitore di “Chiesa viva”)

RAGAZZE e SIGNORINE
in cerca vocazionale, se desiderate diventare Religiose-Missionarie”
– sia in terra di missione, sia restando in Italia – per opere apostoliche, con la preghiera e il sacrificio,
potete mettervi in contatto, scrivendo, o telefonando a:

“ISTITUTO RELIGIOSO MISSIONARIO”


Via Galileo Galilei, 121 - 25123 Brescia Tel. e Fax: 030 3700003

“Chiesa Viva” *** Luglio-Agosto 2002 19


Conoscere accascia all’indietro, ma un aggressore
continua a percuoterlo e, nel tentativo di
prendere Maria, viene impedito dal Ve-

il Comunismo scovo al qual la ragazza si aggrappa per


resistere. Allora, egli viene percosso an-
cora fino a quando è costretto a lasciare
la presa.
contro Dio - contro l’uomo Trascinati a terra i due missionari, e dopo
aver frugato nelle loro tasche, rubando il
denaro e l’orologio, i soldati li conducono
nel folto di un bosco di bambù.
Le ragazze, fatte sedere poco lontano,
racconteranno: «Don Caravario, chinato il
capo, parlava sottovoce al Vescovo. Cre-
I PRIMI DUE MARTIRI DELLA CINA COMUNISTA do che si confessassero a vicenda. Tra-
scianti i missionari più avanti nel bosco, e
fatte allontanare le ragazze, poco dopo,
si odono rintronarre nell’aria cinque colpi
di fucile. I soldati rientrano ed uno di loro
dice: “Abbiamo visto morire tanti uo-
mini e tutti hanno avuto paura. Questi,
invece, sono morti contenti!”».

LUGLIO-AGOSTO 2002

Il 1° ottobre dell’Anno Giubilare, sono stati proclamati Santi i due missio-


nari salesiani, martiri in Cina: Mons. Luigi Versiglia e don Callisto Ca- SOMMARIO N. 341
ravario. Già nella solenne cerimonia della beatificazione in Piazza San
Pietro, il 15 maggio 1989, Giovanni Paolo II li aveva dichiarati “Proto-
marrtiri della Congregazione Salesiana”: «Il sangue dei due Beati
sta alle fondamenta della Chiesa cinese, come il sangue di Pietro è ASSISI BIS
alle fondamenta della Chiesa di Roma».
24 gennaio 2002

Il 23 giugno 1887, Luigino Versiglia era Il 13 febbraio 1930, don Caravario è a


stato prescelto per leggere il componi- Shiuchow per accompagnare il Vescovo
mento di augurio per l’onomastico di Don nella visita pastorale alla sua missione di 2 Assisi bis
Bosco. Dopo la lettura, il Santo lo aveva Linchow. Pochi giorni dopo, partono pre- 24 gennaio 2002
chiamato a sè e gli aveva sussurrato: del sac. dott. Luigi Villa
stissimo, in treno, insieme a tre alunne
“Vieni a trovarmi, ho una cosa da dirti”. della missione: Maria Thong, 22 anni,
Forse il Santo, che da alcuni anni aveva maestra e segretaria della gioventù fem- 9 Occhi sulla politica
iniziato a mandare i suoi salesiani in Ci- minile; Clara, 22 anni, catechista, e Pao-
na, aveva visto in Luigino il futuro aposto- la 16 anni che rtornava a casa dopo gli 10 Documenta-Facta
lo della Cina e forse - nel sogno del calice studi.
ricolmo di sangue - il primo martire. Dopo il treno, il viaggio prosegue in bar- 12 La “tela di ragno” (3)
Tutto si sarebbe compiuto attraverso le ca. Ad un tratto, dalla riva viene lanciato - Plagio psicologico nel Cammino
tappe segnate da un lavoro apostolico un grido “Fermate la barca!”. Subito ap- Neo-catecumenale -
senza respiro, a partire dal 19 gennaio di A. Faustini
paiono uomini armati, ed uno di essi gri-
1906, quando egli fu messo a capo della da: “Non andrete avanti se non pagate
prima spedizione missionaria in Cina. 500 dollari!”. Una somma spropositata, 16 Mondialismo e alimentazione (3)
Iniziò il lavoro a Macao, con la fondazio- del prof. F. Cianciarelli
ma non era quella che volevano quegli
ne di un orfanatrofio, poi, incalzato dalla uomini armati; infatti gradarono: “Fate
“rivoluzione dei giovani cinesi”, curò lo uscire i diavoli europei!”, e immediata- 18 Conoscere la Massoneria
sviluppo di varie comunità cristiane in te- mente scaricano le armi sulla fiancata
ritorio cinese, ormai controllato dai bol- della barca. I barcaioli accostano a riva 19 Lettere alla Direzione
scevichi. ed alcuni pirati saltano a prua e, viste le In Libreria
Il 19 gennaio 1921, venne consacrato Ve- ragazze, uno di loro grida: “Portiamo via
scovo e nominato Vicario apostolico del le loro mogli!”. “Sono le nostre alunne - 20 Conoscere il Comunismo
Kwangtung. Qui, il 18 maggio 1929, or- spiega don Caravario - e voi non dovete
dinò sacerdote Don Callisto Caravario, toccarle!”. Ma quelli urlano: “Uscite!
giunto in Cina nel 1924, con tappe a Scendete tutti a terra!”. SCHEMI DI PREDICAZIONE
Hong Kong, Shangai e all’isola di Timor. Viste le intenzioni dei soldati, i due mis- di p. Paolo Luciani
Intanto le violenze xenofobe, favorite dai sionari si piazzano all’ingresso della bar-
bolscevichi, si erano fatte sempre più fre- ca e chiudono con il loro corpi l’entrata. Epistole e Vangeli
quenti finché, nel 1928, dopo la forma- Allora, i soldati cominciano a percuoterli Anno A
zioe dell’Armata Rossa, era scoppiata con pesanti bastoni, sulle braccia, sulle (Dalla XXI Dom. del Tempo Ord. alla
una violenta guerra civile con feroci per- spalle, sulla testa; infine, li colpiscono col XXIV Domenica del Tempo Ord. )
secuzioni contro i cristiani e, in particola- calcio del fucile.
re, contro i missionari. Mons. Versiglia, per la furia dei colpi si

20 “Chiesa Viva” *** Luglio-Agosto 2002