Sei sulla pagina 1di 96

Manuale

di assistenza

50 M RES - 50 M
100 M - 100 S RES - 100 S

EM060-IT - rel1.0- Aprile 2006


SOMMARIO

1. GENERALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 1

1.1 AVVERTENZE GENERALI. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 1

1.2 REGOLE FONDAMENTALI PER LA SICUREZZA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 1

1.3 CONDIZIONI GENERALI DI GARANZIA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 2

1.4 IDENTIFICAZIONE MODELLO CALDAIA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 2

1.5 IDENTIFICAZIONE PRINCIPALI COMPONENTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 3


1.5.1 Bruciatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 3
1.5.2 Scambiatore di calore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 3
1.5.3 Camera di combustione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 3
1.5.4 Elettrodo di accensione e rilevazione fiamma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 3
1.5.5 Pressostato differenziale acqua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 4
1.5.6 Sonda Mandata e Sonda di Ritorno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 4
1.5.7 Termostato di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 4
1.5.8 Sonda Fumi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 4
1.5.9 Ventilatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 5
1.5.10 Valvola gas . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 5
1.5.11 Venturi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 5
1.5.12 Sifone raccolta condensa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 5
1.5.13 Quadro di comando. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 5

1.6 QUADRI DI COMANDO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 6

1.7 DISPLAY. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 7


1.7.1 Modo visualizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 8
1.7.2 Modo monitor . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 9

2. PRIMA ACCENSIONE. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 10

2.1 OPERAZIONI PRELIMINARI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 10

2.2 CARICAMENTO E SVUOTAMENTO IMPIANTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 10


2.2.1 Caricamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 10
2.2.2 Svuotamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 11

2.3 PRIMA MESSA IN SERVIZIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 12

2.4 CONTROLLI DURANTE E DOPO LA PRIMA ACCENSIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 14

3. FUNZIONAMENTO CALDAIA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 15

3.1 REGOLAZIONE DEI PARAMETRI FUNZIONALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 15

3.2 IMPOSTAZIONE DEI PARAMETRI RISCALDAMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 16


3.2.1 Setpoint_T_CH_High . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 16
3.2.2 Setpoint_T_CH_Low . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 16
3.2.3 CH_Priority . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 17

I
3.3 IMPOSTAZIONE DEI PARAMETRI SANITARIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 18
3.3.1 Setpoint_DHW . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 18
3.3.2 DHW_Type . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 18
3.3.3 DHW_Priority . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 18

3.4 FUNZIONI PRINCIPALI. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 18


3.4.1 Funzione priorità sanitaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 18
3.4.2 Funzione antigelo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 18
3.4.3 Funzione smaltimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 18
3.4.4 Funzione gestione cascata. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 18
3.4.5 Funzione controllo accensioni/spegnimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 18
3.4.6 Funzione Emergenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 18

3.5 PROGRAMMAZIONE PARAMETRI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 19


3.5.1 Impostazione della password . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 19
3.5.2 Elenco parametri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 19

3.6 REGOLAZIONI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 24


3.6.1 Regolazione CO2 alla massima potenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 24
3.6.2 Regolazione CO2 alla minima potenza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 24
3.6.3 Verifica della taratura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 24

3.7 TRASFORMAZIONE DA UN TIPO DI GAS ALL’ALTRO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 25

3.8 TARATURA PRESSIONI AL BRUCIATORE. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 26


3.8.1 Controllo della pressione del gas di alimentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 26

3.9 CONTROLLO DELLA COMBUSTIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 27

3.10 VELOCITÀ DEL VENTILATORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 27

3.11 IMPOSTAZIONE DELLA TERMOREGOLAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 27


3.11.1 Funzionamento in riscaldamento per circuito ad alta temperatura. . . . . . . . . . pag. 27
3.11.2 Attenuation_High . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 27
3.11.3 Funzionamento in riscaldamento per circuito di bassa temperatura . . . . . . . . pag. 28
3.11.4 Attenuation_Low. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 29
3.11.5 T_out_correct . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 29
3.11.6 T4_frost_protection. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 29
3.11.7 Power_control_mode . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 30
3.11.8 Funzioni di sicurezza delle schede Slave. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 31
3.11.9 Gestione valvola mix . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 32
3.11.10 Tipo di GAS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 33
3.11.11 Ciclo di accensione del bruciatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 33
3.11.12 Impostazioni di fabbrica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 33

3.12 IMPOSTAZIONE DEGLI INDIRIZZI PER ABBINAMENTI IN CASCATA . . . . . . . . . . . . pag. 34


3.12.1 Dati scheda Master. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 34
3.12.2 Dati schede Slave. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 34
3.12.3 Interfaccia Utente schede Slave. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 34
3.12.4 Accesso alle schede SLAVE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 34
3.12.5 Impostazione INDIRIZZI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 35

II
4. SPEGNIMENTO CALDAIA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 37

4.1 SPEGNIMENTO TEMPORANEO. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 37

4.2 SPEGNIMENTO PER LUNGHI PERIODI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 37

5. MANUTENZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 38

5.1 TABELLA MANUTENZIONE PERIODICA PROGRAMMATA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 38

5.2 UTENSILI NECESSARI PER ESEGUIRE INTERVENTI DI MANUTENZIONE . . . . . . . pag. 39

5.3 NORME DI SICUREZZA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 39

5.4 ACCESSIBILITÀ AI COMPONENTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 39


5.4.1 Smontaggio mantello. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 40
5.4.2 Smontaggio quadro di comando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 41
5.4.3 Smontaggio schede elettroniche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 42
5.4.4 Smontaggio elettrodo accensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 43
5.4.5 Smontaggio venturi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 44
5.4.6 Smontaggio ventilatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 45
5.4.7 Smontaggio bruciatore e pulizia camera di combustione . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 46
5.4.8 Smontaggio sifone. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 47
5.4.9 Smontaggio sonde NTC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 48
5.4.10 Smontaggio termostato di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 49
5.4.11 Smontaggio sonda fumi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 50
5.4.12 Smontaggio valvola gas . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 51
5.4.13 Smontaggio valvola a 2 vie - oppure circolatore di iniezione . . . . . . . . . . . . . pag. 52

6. RICERCA GUASTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 53

6.1 MODO ERRORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 53

6.2 BLOCCO PERMANENTE. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 53

6.3 CODICI ANOMALIE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 53


6.3.1 Errori nella scheda MASTER . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 53
6.3.2 Errori nella scheda SLAVE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 54

6.4 EVENTUALI ANOMALIE E RIMEDI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 55

7. INSTALLAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 57

7.1 INSTALLAZIONE DEl GRUPPO TERMICO. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 57

7.2 COLLEGAMENTI IDRAULICI. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 57


7.2.1 Kit idraulici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 58

7.3 COLLEGAMENTI COMBUSTIBILE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 58

7.4 COLLEGAMENTI ELETTRICI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 59


7.4.1 Morsettiera interna al quadro di comando master . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 60

7.5 CARICAMENTO E SVUOTAMENTO IMPIANTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 61


7.5.1 Caricamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 61
7.5.2 Svuotamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 61

III
7.6 SCARICO FUMI ED ASPIRAZIONE ARIA COMBURENTE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 62
7.6.1 Lunghezza massima dei condotti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 62
7.6.2 Predisposizione scarichi condensa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 63

7.7 INSTALLAZIONE SONDA ESTERNA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 64


7.7.1 Fissaggio al muro della sonda esterna. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 64

8. APPENDICI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 66

APPENDICE A - Principali componenti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 66

APPENDICE B - Dimensioni e peso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 67

APPENDICE C - Tabella dati tecnici. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 68

APPENDICE D - Circuito idraulico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 69

APPENDICE E - Posizionamento sonde . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 70

APPENDICE F - Circolatori. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 71


F.1 Configurazione con circolatori di distribuzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 71
F.2 Configurazione con circolatori di inserzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 71
F.3 Configurazione con circolatore di anello e valvole sugli elementi termici . . . . . . . . . . . . . . . pag. 72

APPENDICE G - Schemi elettrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 73

APPENDICE H - Collegamenti elettrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 77


H.1 Collegamento della sonda esterna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 78
H.2 Collegamento della termoregolazione esterna 0-10 V . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 78
H.3 Collegamento di un dispositivo di allarme. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 78
H.4 Kit controllo remoto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 78

IV
1. GENERALE

1.1 AVVERTENZE GENERALI

 Dopo aver tolto l'imballo assicurarsi dell’integrità


e della completezza della fornitura ed in caso di
 Verificare periodicamente che la pressione di
esercizio dell’impianto idraulico a freddo sia 1,5
non rispondenza, rivolgersi all’Agenzia che bar. In caso contrario contattare il Servizio Tecnico
ha venduto il gruppo termico. di Assistenza Riello oppure personale professio-
nalmente qualificato.
 L'installazione del gruppo termico de-
ve essere effettuata da impresa abilitata ai sensi
della Legge 5 Marzo 1990 n° 46 che a fine lavoro ri-
 Inperiodo:
caso di non utilizzo della caldaia per un lungo

lasci al proprietario la dichiarazione di conformità - posizionare l'interruttore principale dell’appa-


di installazione realizzata a regola d’arte, cioè in recchio e quello generale dell'impianto su
ottemperanza alle vigenti norme Nazionali e locali SPENTO;
ed alle indicazioni fornite dalla Riello nel libretto di - chiudere i rubinetti del combustibile e dell’ac-
istruzione a corredo dell'apparecchio. qua dell’impianto riscaldamento;
 Ilprevisto
gruppo termico deve essere destinato all’uso
dalla per il quale è stato espressa-
- svuotare l'impianto riscaldamento e sanitario in
caso di pericolo di gelo.
mente realizzato. È esclusa qualsiasi responsabi-
lità contrattuale ed extracontrattuale della Riello  La manutenzione del gruppo termico deve essere
eseguita almeno una volta l'anno.
per danni causati a persone, animali o cose, da er-
rori d’installazione, di regolazione, di manutenzio-
ne e da usi impropri.
 Questo libretto è parte integrante del gruppo ter-
mico e di conseguenza deve essere conservato
con cura e dovrà SEMPRE accompagnare il grup-
 Intermico
caso di fuoriuscite d’acqua scollegare il gruppo
dalla rete di alimentazione elettrica, chiu-
po termico anche in caso di sua cessione ad altro
proprietario o utente oppure di un trasferimento
dere l’alimentazione idrica ed avvisare, con solle- su un altro impianto. In caso di danneggiamento o
citudine, il Servizio Tecnico di Assistenza smarrimento richiederne un altro esemplare al
oppure personale professionalmente qualificato. Servizio Tecnico di Assistenza di Zona.
 Verificare periodicamente che lo
condensa sia libero da occlusioni.
scarico della

1.2 REGOLE FONDAMENTALI PER LA SICUREZZA

Ricordiamo che l’utilizzo di prodotti che impiegano combu- ( È vietato tappare lo scarico della condensa.
stibili, energia elettrica ed acqua comporta l’osservanza di ( È vietato tirare, staccare, torcere i cavi elettrici, fuo-
alcune regole fondamentali di sicurezza. riuscenti del gruppo termico, anche se questo è scol-
( È vietato l’uso del gruppo termico ai bambini ed alle legato dalla rete di alimentazione elettrica.
persone inabili non assistite. (È vietato tappare o ridurre dimensionalmente le
(È vietato azionare dispositivi o apparecchi elettrici aperture di aerazione del locale di installazione.
quali interruttori, elettrodomestici, ecc. se si avverte ( È vietato esporre il gruppo termico agli agenti atmo-
odore di combustibile o di incombusti. In questo ca- sferici. Esso non è progettato per funzionare
so: all’esterno e non dispone di sistemi antigelo suffi-
- aerare il locale aprendo porte e finestre; cienti.
- chiudere il dispositivo d’intercettazione combustibi- ( È vietato spegnere il gruppo termico se la temperatu-
le; ra esterna può scendere sotto lo ZERO (pericolo di
- fare intervenire con sollecitudine il Servizio Tecni- gelo).
co di Assistenza oppure personale profes-
sionalmente qualificato. ( È vietato lasciare contenitori e sostanze infiammabili
nel locale dov'é installato il gruppo termico.
( È vietato toccare il gruppo termico se si è a piedi nu-
di e con parti del corpo bagnate. ( È vietato disperdere nell’ambiente e lasciare alla por-
tata dei bambini il materiale dell’imballo in quanto
( È vietato qualsiasi intervento tecnico o di pulizia pri- può essere potenziale fonte di pericolo. Deve quindi
ma di aver scollegato il gruppo termico dalla rete di essere smaltito secondo quanto stabilito dalla legi-
alimentazione elettrica posizionando l’interruttore ge- slazione vigente.
nerale dell’impianto su “spento”.
( È vietato modificare i dispositivi di sicurezza o di re-
golazione senza l’autorizzazione e le indicazioni del
costruttore del gruppo termico.

1
1.3 CONDIZIONI GENERALI DI GARANZIA

La garanzia copre tutte le parti componenti i prodotti. Essa • la causa del malfunzionamento è esterna al prodotto;
si intende come riparazione ed eventuale sostituzione gra- • sono stati usati componenti, ricambi o materiali di consu-
tuita di qualsiasi pezzo che presentasse, a giudizio del for- mo non originali;
nitore, difetti di fabbricazione. • gli interventi di riparazione o manutenzione sono stati ef-
La prima accensione del prodotto dovrà essere effettuata fettuati da personale non autorizzato;
da personale tecnico autorizzato che dovrà redigere un • le condizioni ambientali o di installazione differiscono da
verbale, controfirmato dal cliente. quanto specificato nella SEZ. 7., PAG. 57.
La garanzia decade se: La garanzia non si applica ai materiali soggetti ad usura:
filtri, guarnizioni, manopole, etc.

1.4 IDENTIFICAZIONE MODELLO CALDAIA

I gruppi termici sono identificabili attraverso:


• Etichetta imballo (FIG. 1.1) • Targhetta Tecnica (FIG. 1.2)
Riporta il codice, il numero di matricola e il codice a bar- Riporta i dati tecnici e prestazionali.
re.
Modelli
Modelli 100 S RES - 100 S
50 M RES - 50 M - 100 M
2
1

Fig. 1.1

Fig. 1.2

2
• Etichetta gas (FIG. 1.3)
È applicata sulla parte laterale del telaio e riporta il tipo
di combustibile utilizzato dal gruppo termico, ed il paese
di destinazione.

 La manomissione, l’asportazione, la mancanza


della targhetta matricola o quant’altro non permet-
ta la sicura identificazione del prodotto rende dif-
ficoltosa qualsiasi operazione di installazione e
manutenzione.

Fig. 1.3

1.5 IDENTIFICAZIONE PRINCIPALI COMPONENTI

Per individuare la posizione dei componenti descritti, rife- 1.5.2 Scambiatore di calore
rirsi agli spaccati riportati nell’APPENDICE A - PAG. 66.
Lo scambiatore di calore (FIG. 1.5) è costituito da una ser-
Per le operazioni di smontaggio riferirsi alla SEZ. 5., pentina corrugata bimetallica la cui superficie esterna è in
PAG. 38.
acciaio Inox AISI 316 L (lato fumi) mentre la superficie in-
terna è in rame (lato acqua). Non necessita di una partico-
1.5.1 Bruciatore lare manutenzione.
Il bruciatore (FIG. 1.4) è a premiscelazione totale, micro-
fiamma a basse emissioni inquinanti ed è collocato al cen-
tro dello scambiatore di calore al quale viene meccanica-
mente fissato, sotto il gruppo ventilante, attraverso 4 viti.

Bruciatore

Fig. 1.5

1.5.3 Camera di combustione


La camera di combustione (FIG. 1.6) è di forma cilindrica
con testate in alluminio. A seconda della potenza della
macchina sono presenti in 1 (mod. 50 Kw) o 2 (mod. 100
Kw) unità.

Fig. 1.4 1.5.4 Elettrodo di accensione e rilevazione


fiamma
L’elettrodo (FIG. 1.7) si trova sulla parte sinistra in alto della
camera di combustione (SEZ. 1.5.3, PAG. 3) e la sua fun-

3
Sonda di
mandata

Sonda di
Fig. 1.6 ritorno
zione è quella di generare una scarica di alta tensione in
prossimità del bruciatore (SEZ. 1.5.1, PAG. 3) e di rilevare
la presenza di fiamma.
Fig. 1.8
Elettrodo

Termostato
di sicurezza
Fig. 1.7

1.5.5 Pressostato differenziale acqua


La portata minima del fluido termovettore per ciascun ele-
mento termico è controllata da un pressostato differenziale Fig. 1.9
acqua e da un sistema elettronico di sicurezza che control-
la una sonda di mandata ed una sonda di ritorno. L’appa- 1.5.8 Sonda Fumi
recchio è posto in sicurezza in caso di mancanza acqua o La sonda fumi (FIG. 1.10) posta nella parte inferiore dello
di circolazione insufficiente. scambiatore, interviene qualora la temperatura dei fumi
espulsi supera gli 80°C.
1.5.6 Sonda Mandata e Sonda di Ritorno
Le sonde di mandata e ritorno (FIG. 1.8) sono di tipo NTC
e sono collocate nella tubazione di mandata, la prima nella
parte superiore in prossimità della valvola di sfiato automa-
tica, e la seconda nella parte inferiore della tubazione di ri-
torno in prossimità del rubinetto di scarico. Le sonde per- Sonda
mettono alla scheda elettronica di misurare la temperatura fumi
dell’acqua in mandata e ritorno dell’unità.

1.5.7 Termostato di sicurezza


Il termostato di sicurezza (FIG. 1.9) è a riarmo manuale e
si trova posizionato nella parte superiore della tubazione di Fig. 1.10
mandata ed interviene se la temperatura di mandata supe-
ra i 90 °C mandando in blocco il bruciatore.

4
1.5.9 Ventilatore 1.5.12 Sifone raccolta condensa
Il ventilatore (FIG. 1.11) è posizionato nella parte superiore Il sifone (FIG. 1.14), realizzato in materiale composito, è
della camera di combustione ed è collegato attraverso posizionato nella parte inferiore destra della camera di
delle viti - dadi al venturi (miscelatore aria - gas) e al corpo combustione, ha la funzione di scaricare la condensa ge-
della camera di combustione al cui interno è posto il bru- nerata dallo scambio termico fra i prodotti della combustio-
ciatore. Serve a spingere la miscela aria - gas al bruciatore ne ed il circuito dell’acqua primaria e di mantenere il circui-
e successivamente i prodotti della combustione verso il to di combustione separato dal circuito di scarico conden-
raccordo scarico fumi. sa. Al suo interno c’è un galleggiante che assolve alla fun-
zione di separazione dei due circuiti sopra descritti anche
quando nel sifone non c’è acqua.

Fig. 1.11

1.5.10 Valvola gas


La valvola gas (FIG. 1.12) è posizionata nella parte supe-
riore della camera di combustione, è collegata al venturi ed Fig. 1.14
è il componente preposto a sovraitendere alle operazioni
di regolazione e controllo del flusso gas al bruciatore. La
1.5.13 Quadro di comando
valvola è composta da una pressofusione in alluminio
provvista da due elettrovalvole, meccanicamente in serie Il quadro di comando (FIG. 1.14), dei modelli Condexa Pro
ma elettricamente in parallelo. Questa configurazione ga- 50 M RES, 50M e 100 M contiene una scheda master e
rantisce che, in qualsiasi situazione di anomalia, l’afflusso una o due schede slave a seconda della potenza del grup-
di gas al bruciatore venga interrotto in tempi brevissimi. po termico. I modelli 100 S RES e 100 S contengono solo
Scollegando il venturi dalla valvola gas attraverso le viti di due schede slave. Nel caso di collegamenti in cascata di
fissaggio, si accede al foro di passaggio del gas con rela- più gruppi termici la scheda master del gruppo termico
tiva guarnizione (nel caso di alimentazione a metano Condexa Pro 50 M RES, 50 M o 100 M gestisce tramite
non è presente alcun ugello). BUS tutte le schede dei gruppi termici Condexa Pro 100 S
RES o 100 S. La gestione è a controllo a microprocessore
e autodiagnosi visualizzata attraverso led e display con
predisposizione di attivare in cascata fino a 60 elementi
termici comandati dal gruppo termico versione Master con
rotazione della sequenza e selezione della strategia di ca-
scata. Grazie alla versatilità della scheda elettronica è pos-
sibile effettuare un rapido collegamento ad ogni tipo d’im-
pianto di riscaldamento o produzione di acqua calda sani-
taria con accumulo gestendo, contemporaneamente, tre
Fig. 1.12 circuiti operanti a tre differenti temperature.

Scheda
1.5.11 Venturi
master Scheda
Il venturi (FIG. 1.13) è un corpo in allumino pressofuso at- Scheda slave
traverso il quale viene convogliata la miscela aria-gas al slave
ventilatore e quindi all’interno del corpo caldaia.

Venturi

Fig. 1.15
Fig. 1.13

5
1.6 QUADRI DI COMANDO

50 M RES - 50 M
1 2 3 45 6 7 8 9

1- Interruttore PRIMO elemento termi-


11 12 13 15 14
co
2- Tasto selezione modo di funziona-
100 M mento
3- Tasto Reset (Master)
1 2 3 45 6 7 8 9 10
4- Segnalazione di blocco del gruppo
termico
5- Tasto selezione parametri
6- Display
7- Tasto memorizzazione
8- Tasto incremento valori
9- Tasto decremento valori
10 - Interruttore SECONDO elemento
termico
11 - Segnalazione di alimentazione elet-
trica Slave
12 - Segnalazione di blocco Slave
13 - Tasto Reset (Slave)
14 - Pannello porta strumenti
15 - Interruttore principale del gruppo
11 12 13 15 14 13 12 11 termico

100 S RES - 100 S


1 10

11 12 13 15 14 13 12 11

6
1.7 DISPLAY

I tasti del quadro di comando del gruppo termico hanno differenti funzioni in diversi modi. Per esempio
una combinazione di due tasti corrisponde a una sola funzione. Oppure una funzione è attivata premendo brevemente il
pulsante o attendendo circa 5 s.

Led rosso
Si accende in caso di anomalie che implicano il
blocco permanente di un elemento termico (solo
premendo il tasto reset Master o Slave si ripristina
il normale funzionamento). Digit a 7 segmenti

RESET
Serve a sbloccare la scheda elet-
tronica dopo che è sopraggiunta +e-
una condizione di blocco perma- Permettono di aumentare o dimi-
nente. nuire un determinato valore.

RESET

MODE SEL MEMO

MODE SEL MEMO


Permette di entrare in modalità Permette di visualizzare lo stato Permette di memorizzare dei
variazione dei parametri e moda- di funzionamento dei vari circuiti nuovi valori.
lità monitor per le singole unità. gestiti dalla scheda Master.

I 3 digit a sette segmenti visualizzano gli stati del sistema:

Stato del sistema Display


Nessuna richiesta di riscaldamento o sanitario.
I due digit a destra visualizzano la temperatura di mandata T1. Es.: T1 = 30°C.
Richiesta dal circuito n°1 o simultaneamente dal 1° o 2° circuito.
I due digit a destra visualizzano la temperatura di mandata T1. Es.: T1 = 80°C.
Richiesta del circuito sanitario o funzionamento simultaneo.
I due digit a destra visualizzano la temperatura di mandata T1. Es.: T1 = 80°C.
Il punto dopo il 1° digit a sinistra lampeggia.
Richiesta dal 2° circuito
I due digit a destra visualizzano la temperatura di mandata T1. Es.: T1 = 80°C.

7
1.7.1 Modo visualizzazione
(VALORI DI TEMPERATURA E STATO DI FUNZIONAMENTO DEI VARI CIRCUITI)
Premere il tasto “SEL” per scorrere in avanti e visualizzare i valori impostati nei singoli circuiti. I valori sotto elencati sa-
ranno visualizzati in successione premendo il tasto “SEL”.

Valori visualizzati Display


Temperatura di mandata T1 del circuito alta temperatura.
1
Es.: T1 = 80°C.
Temperatura sanitario T3.
2
Es.: temperatura bollitore = 50°C.
Temperatura esterna T4.
3
Es.: T4 = 7°C.

4 Temperatura di mandata 2° circuito o circuito di bassa temperatura T6.

Termostato ambiente del 1° circuito ambiente chiuso o aperto.


5 OFF = contatto aperto
ON = contatto chiuso

2° circuito termostato ambiente chiuso o aperto.


6 OFF = contatto aperto
ON = contatto chiuso

Ingresso analogico 0-10V.


7
Es.: 5.5V, 10V.

Stato di funzionamento valvola miscelatrice.


8
Es.: in chiusura, in apertura, in pausa.

Stato di funzionamento del circolatore principale.


9
Es.: circolatore non funzionante, circolatore funzionante.

Stato di funzionamento del circolatore sanitario.


10
Es.: circolatore non funzionante, circolatore funzionante.

Stato di funzionamento del circolatore secondario.


11
Es.: circolatore non funzionante, circolatore funzionante.

Per uscire dalla visualizzazione dei valori premere il tasto “MEMO”. Se non viene effettuata nessuna operazione entro
5 minuti, la scheda torna automaticamente in modo Display.

8
1.7.2 Modo monitor
Premere “MODE” per 5 secondi per accedere al modo "Monitor". Questo modo permette di verificare i valori di funzio-
namento di ogni singola unità del sistema (indirizzi da 1 a 60 ).

Operazioni Display

1 Il gruppo termico sta funzionando con il circuito alta temperatura a 80°C.

Premere “MODE” per 5 sec.


2
Il display indica che è possibile leggere i valori e lo stato di funzionamento dell’unità 1.

3 Premere “+” o “-” per scorrere e leggere i valori dell’unità desiderata.

Premendo “SEL” sul display compare il 1° valore dell’unità prescelta.


Premendo successivamente lo stesso tasto “SEL” è possibile visualizzare i successivi va-
4
lori.
Es.: temperatura di mandata a 70°C.
Per uscire dal modo monitor premere “MODE”.
5 Se entro 5 minuti non viene premuto o effettuata nessuna operazione si ritorna
al modo Display.

Attraverso “SEL” possono essere visualizzati i valori seguenti per le singole unità:

Grandezze Display

1 Temperatura di mandata. Es.: 70°C.

2 Temperatura di ritorno. Es.: 50°C.

3 Temperatura fumi. Es.: 60°C.

Corrente di ionizzazione (indice da 0 a 99).


4
Es.: corrente ionizzazione indice 44.
Segnale PWM del ventilatore (%).
5 Se PWM = 100%, corrisponde sul display a 99.
Es.: 66%.

Contatto aperto/chiuso del flussostato (non attivo).


6
Es.: contatto aperto.

Circolatore o valvola motorizzata singola unità on/off.


7 Es.: Circolatore ON.
Es.: Circolatore OFF.

Massima corrente di ionizzazione (range da 0 a 99) al primo tentativo.


8
Es.: massima corrente di ionizzazione 80.

9
2. PRIMA ACCENSIONE

2.1 OPERAZIONI PRELIMINARI

Prima di effettuare l’accensione ed il collaudo funzionale


del gruppo termico è indispensabile
controllare che:
• I rubinetti del combustibile e di intercettazione dell’im-
pianto termico siano aperti.
• Il tipo di gas e la pressione di alimentazione siano quelli
per i quali il gruppo termico è predisposto.

Fig. 2.2

Fig. 2.1

• La pressione del circuito idraulico, a freddo, sia circa 1,5


bar ed il circuito sia disareato.
• La precarica del vaso di espansione impianto sia ade-
guata.
• Gli allacciamenti elettrici siano stati eseguiti corretta-
mente.
Fig. 2.3
 Sileruttori
consiglia di collegare i circolatori mediante te-
ad azionamento manuale di emergenza.
 Prima di allentare o rimuovere il tappo di chiusu-
ra del circolatore proteggere i dispositivi elettrici
• Verificare che il tappo della/e valvola/e di sfiato sia svita-
sottostanti dall’eventuale fuoriuscita di acqua.
to.
• I circolatori ruotino liberamente: svitare la vite d’ispezio- • I condotti di scarico dei prodotti della combustione siano
ne e verificare con un cacciavite piatto che l’albero del stati realizzati adeguatamente.
motore si muova senza impedimenti.

2.2 CARICAMENTO E SVUOTAMENTO IMPIANTI

Il gruppo termico non è dotato di rubi-


netto di carico automatico, che deve essere previsto sul ri-
torno dell’impianto.

2.2.1 Caricamento 1
• Aprire i rubinetti di intercettazione (1 - FIG. 2.4) installati
sugli attacchi idraulici del gruppo termico.
• Aprire di due o tre giri i tappi della/e valvola/e di sfiato au- MI
tomatico (2 - FIG. 2.5). RI
• Aprire la valvola a 2 vie, di ciascun elemento termico,
portando la levetta (3 - FIG. 2.6) in posizione “MANUA- GAS
LE”. Tale levetta è posta sotto il gruppo termico.
• Aprire il rubinetto di riempimento, previsto sull’impianto,
fino a che la pressione indicata sul manometro sia 1,5
bar.
• Richiudere il rubinetto di riempimento.
• Riposizionare la levetta (3 - FIG. 2.6) della valvola a 2 Fig. 2.4
vie, di ciascun elemento termico, in posizione “AUTO-
MATICO”. sommità degli elementi termici. Verificare che il
tappo della valvola sia aperto.
 La disareazione del gruppo termico
ravviene automaticamente attraverso la/e
valvola/ e di sfiato automatico posizionata/e sulla

10
2
1

MI
RI
GAS

Fig. 2.5 Fig. 2.8

3 4

AUTO
MAN

Fig. 2.9

Fig. 2.6

2.2.2 Svuotamento
1
Prima di iniziare lo svuotamento togliere l’alimentazione
elettrica posizionando l’interruttore generale dell’impianto
su “spento” (FIG. 2.7). MI

ON RI
GAS

OFF
5

Fig. 2.10

• Aprire la valvola a 2 vie, di ciascun elemento termico,


Fig. 2.7
portando la levetta (3 - FIG. 2.11) in posizione “MANUA-
LE”. Tale levetta è posta sotto il gruppo termico.
Svuotamento del GRUPPO TERMICO
• Chiudere i rubinetti di intercettazione (1 - FIG. 2.8) instal- 3
lati sugli attacchi idraulici del gruppo termico.
• Collegare un tubo di plastica al rubinetto di scarico (4 - AUTO
MAN
FIG. 2.9), di ciascun elemento termico, ed aprirlo.

 proteggere
Prima di aprire il rubinetto di scarico (4 - FIG. 2.9)
i dispositivi elettrici sottostanti da
un'eventuale fuoriuscita d'acqua.

Svuotamento dell’IMPIANTO
• Verificare che i rubinetti di intercettazione (1 - FIG. 2.10),
installati sull’impianto idraulico, siano aperti.
• Collegare un tubo di plastica al rubinetto di scarico (5 -
FIG. 2.10), previsto sulla linea di ritorno dell’impianto, ed Fig. 2.11
aprirlo.

11
2.3 PRIMA MESSA IN SERVIZIO

• Posizionare l’interruttore generale dell’impianto su "ac- • Premere il tasto “SEL”: verrà visualizzata la temperatu-
ceso" (FIG. 2.12). ra massima del gruppo termico, che è la temperatura
massima del circuito ad alta temperatura preceduta dal
simbolo “1” (FIG. 2.15).
ON

OFF
RESET
Fig. 2.12

• Posizionare l’interruttore principale (1 - FIG. 2.13) del


gruppo termico e gli interruttori (2 - FIG. 2.13) di ciascun MODE SEL MEMO
elemento termico su "acceso”. Fig. 2.15
La segnalazione verde (3 - FIG. 2.13) di alimentazione
elettrica SLAVE lampeggia. Il gruppo termico effettua un • Premere “MODE”: verrà visualizzato il relativo setpoint
ciclo di autodiagnosi alla fine del quale entrerà in modo e i due digit a destra lampeggeranno. Per modificare il
DISPLAY. valore premere “+” o “-”. Per confermare premere il ta-
Il display (4 - FIG. 2.13) visualizza lo stato del sistema e sto “MEMO” (FIG. 2.16).
la temperatura misurata dalla sonda del circuito “alta
temperatura”.
Se i gruppi termici sono più di due occorre configurare gli
indirizzi dal terzo gruppo termico in poi.
RESET

2 4 2

1
0
1
0
MODE SEL MEMO
RESET Fig. 2.16

• Premere quattro volte il tasto “SEL”: verrà visualizzata


MODE SEL MEMO

RESET RESET

la temperatura massima del circuito a bassa temperatu-


ra preceduta dal simbolo “6” (FIG. 2.17).

3 1
RESET

Fig. 2.13

• Regolare i termostati ambiente delle zone ad alta e bas- MODE SEL MEMO
sa temperatura alla temperatura desiderata (-20°C) op- Fig. 2.17
pure se gli impianti sono dotati di cronotermostato o pro-
grammatore orario verificare che sia attivo e regolato (- • Premere “MODE”: verrà visualizzato il relativo setpoint
20°C). e i due digit a destra lampeggeranno. Per modificare il
valore premere “+” o “-”. Per confermare premere il ta-
sto “MEMO” (FIG. 2.18).

RESET

MODE SEL MEMO


Fig. 2.14 Fig. 2.18

12
 Innarecaso di impianti a bassa temperatura selezio-
una temperatura compresa tra 20°C e 45°C.
Impostando l’impianto tipo “Bassa temperatura”,
l’impostazione della temperatura massima di
mandata sarà limitata a 50°C (Parametro 23 = RESET
T_CH_Low_limit).

 La modifica della temperatura di mandata com-


porta una modifica della curva climatica (vedere
SEZ. 3.11, PAG. 27). Tale modifica deve essere MODE SEL MEMO
eseguita solamente dal Servizio Tecnico di Assi- Fig. 2.21
stenza .
• Nel caso si verificassero anomalie di accensione o fun-
Se il gruppo termico è collegato a un bollitore occorre im-
zionamento in un qualunque elemento termico, il display
postare il parametro 6 (preimpostato a 0 = nessun servizio
del gruppo termico Master comincia a lampeggiare e il
sanitario).
led rosso (4) si accende.
Per far ciò, accedere al modo “Programmazione per l’in-
stallatore” e impostare il parametro 6 a:
• 2 = per bollitore con sonda
• 6 = per bollitore con termostato
Impostare inoltre il parametro 9 (DHW_Priority) a 2 per
avere la priorità assoluta. RESET
Se il bollitore è dotato di sonda NTC è possibile impostare
da display la temperatura desiderata da 10°C a 50°C.
Se il bollitore è dotato di termostato, la temperatura desi-
derata va impostata direttamente sul bollitore, mentre il pa-
MODE SEL MEMO
rametro 3 deve essere lasciato a 50°C. Fig. 2.22
• Premere due volte il tasto “SEL”: verrà visualizzata la
temperatura del sanitario preceduta dal simbolo “3” (FIG. Gli errori possono essere di due tipi:
2.19). • Errori di Tipo A, disattivabili solo premendo il pulsante di
RESET.
• Errori di Tipo E, che si disattivano quando scompare la
causa che li determina (vedere SEZ. 6.1, PAG. 53 e
SEZ. 6.3, PAG. 53).

RESET

MODE SEL MEMO


Fig. 2.19

• Premere “MODE”: verrà visualizzato il relativo setpoint


e i due digit a destra lampeggeranno. Modificare il valore
premere “+” o “-”. Per confermare premere il tasto
“MEMO” (FIG. 2.20).
Il gruppo termico si attiverà in modalità sanitario fino a
soddisfare la richiesta.

RESET

MODE SEL MEMO

Fig. 2.20

• Quando il gruppo termico è in Stand-by, il display


dell’unità Master si trova in modalità DISPLAY e i tre digit
visualizzeranno “1” seguito dal valore della temperatura
di mandata. Il led verde (Riferimento 11, SEZ. 1.6,
PAG. 6) è verde lampeggiante.

13
2.4 CONTROLLI DURANTE E DOPO LA PRIMA ACCENSIONE

Ad avviamento effettuato verificare che il gruppo termico


presegua correttamente:
• Le procedure di avviamento e successivo spegnimento,
chiudendo i contatti dei termostati di zona.
• La visualizzazione delle temperatura sanitario (solo se
presente il bollitore) e riscaldamento premendo due vol-
te il tasto “SEL”.
Verificare, se presente il bollitore, che il parametro “6”
sia impostato correttamente:
2 = bollitore con sonda
6 = bollitore con termostato
e il funzionamento corretto aprendo un rubinetto dell’ac-
qua calda.
• Verificare l’arresto completo del gruppo termico posizio-
nando l’interruttore generale dell’impianto su "spento".
• Generare una richiesta di calore intervenendo sul termo-
stato ambiente o sul programmatore orario (esterno).
• Verificare, se presente un bollitore, il funzionamento in
sanitario aprendo un rubinetto dell’acqua calda.

Fig. 2.23

• Verificare l’arresto totale della caldaia posizionando l’in-


terruttore generale dell’impianto su “spento”.

ON

OFF

Fig. 2.24

Dopo qualche minuto di funzionamento continuo da otte-


nersi con richiesta da termostato ambiente, i leganti e i re-
sidui di lavorazione sono evaporati e sarà possibile effet-
tuare:
• il controllo della pressione del gas di alimentazione;
• il controllo della combustione.

14
3. FUNZIONAMENTO CALDAIA

3.1 REGOLAZIONE DEI PARAMETRI FUNZIONALI

È possibile impostare le funzioni riscaldamento per i circui- ESEMPIO


ti alta temperatura, bassa temperatura e sanitario, sulla Variazione del Setpoint del circuito a bassa temperatura
base delle esigenze dell’impianto attraverso l’impostazio- da 50°C a 40°C.
ne dei parametri funzionali. I primi tre parametri sono ac-
cessibili a livello utente, per quelli successivi è necessario Procedura Display
introdurre la password (“22”, vedi SEZ. 3.5.1, PAG. 19). Per
Valore letto sul display per il circui-
accedere ai parametri utente, premere il tasto "SEL" e in 1
to di alta temperatura 80°C.
successione verranno mostrati i valori:.
Premere “SEL” per accedere al
Temperatura di mandata T1 del circuito modo Visualizzazione, premere di
alta temperatura 2 nuovo e portarsi con il primo digit
su 6 per visualizzare il valore im-
Temperatura circuito T3 postato di 50°C.

Temperatura di mandata circuito di bas-


sa temperatura o circuito di anello T6 3 Premere “MODE”.

Per modificare i relativi setpoint:


• Premere il tasto "MODE", comparirà il relativo valore e i Premere “-” per portare il setpoint
due digit a destra lampeggeranno. 4
al valore desiderato di 40°C.
• Premere “+/-” fino ad ottenere il valore desiderato. Pre-
mere "MEMO" per memorizzare il nuovo valore . Il valo-
re mostrato smetterà di lampeggiare e dopo 3 sec sarà Premere “MEMO” per memoriz-
5
efficace. zare il nuovo valore.
Dopo 3 sec si ritorna al modo display con il nuovo va-
6
lore impostato.

Se dopo aver premuto “MODE” per 10 sec. non viene ef-


fettuata nessuna variazione (perchè il valore desiderato
corrisponde a quello impostato) la scheda torna sul funzio-
namento al modo Display.
Se dopo aver premuto “+” o “-” non viene premuto alcun
tasto per almeno un minuto si ritorna al modo Display. Se
ciò accade il nuovo valore non viene memorizzato.

15
3.2 IMPOSTAZIONE DEI PARAMETRI RISCALDAMENTO

Le seguenti funzioni possono essere impostate per il riscaldamento.

3.2.1 Setpoint_T_CH_High
Setpoint circuito alta temperatura (parametro 1)
Se viene impostato il modo di funzionamento a "punto fisso" (par.14 = CH_type_high = 0), è la temperatura obiettivo. Se
viene impostato il modo di funzionamento con "regolazione climatica" (par.14 = 1), è la massima temperatura obiettivo
con minima temperatura esterna (T_out_min = par.37, preimpostato a 0°C) (FIG. 3.1). Il parametro 18 (T_ch_high_foot,
preimpostato a 50°C) definisce il minimo setpoint alla massima temperatura esterna (T_out_max, preimpostato a 18°C).
Preimpostato a 70°C e limitato superiormente dal par. 17 (T_ch_high_limit, preimpostato a 80°C).

CURVA CLIMATICA
Circuito ALTA TEMPERATURA
100
90
T_CH_High_foot
Temperatura di mandata (°C)

80 fabbisogno
termico max
70 T_out_min

60
50 T_out_max
T_CH_High
40
30
20
10
0
25 20 15 10 5 0 -5 -10 -15 -20
Temperatura esterna (°C)
Fig. 3.1

3.2.2 Setpoint_T_CH_Low
Setpoint circuito a bassa temperatura (parametro 3)
Se viene impostato il modo di funzionamento a "punto fisso" (par.22 = CH_type_low = 0), è la temperatura obiettivo. Se
viene impostato il modo di funzionamento con "regolazione climatica" (par.22 = 1) , è la massima temperatura obiettivo
con minima temperatura esterna (T_out_min = par.37, preimpostato a 0°C) (FIG. 3.2). Il parametro 24 (T_ch_low_foot,
preimpostato a 25°C) definisce il minimo setpoint alla massima temperatura esterna (T_out_max, preimpostato a 18°C).
Preimpostato a 40°C e limitato superiormente dal par. 23 (T_ch_low_limit, preimpostato a 50°C).

CURVA CLIMATICA
Circuito BASSA TEMPERATURA
100
90
Temperatura di mandata (°C)

80
70
60 T_CH_Low_foot

50 fabbisogno
termico max
40 T_out_min

30
T_out_max
20
T_CH_Low
10
0
25 20 15 10 5 0 -5 -10 -15 -20
Temperatura esterna (°C)

Fig. 3.2

16
3.2.3 CH_Priority
Priorità riscaldamento (parametro 16)
Se è impostato a 0 il sistema lavora senza priorità riscal- Il diagramma è stato disegnato con Priorità sanitaria asso-
damento con circuito di Alta Temperatura e di Bassa Tem- luta (Dhw_Priority Par.9 = 2) e senza Priorità Riscalda-
peratura serviti in parallelo. Se impostato a 1 la richiesta mento (Ch_priority Par.16 = 0) e lavora con circuito di Alta
del circuito di Bassa Temperatura è ignorata e la relativa Temperatura e di Bassa Temperatura in parallelo.
pompa rimane spenta. La richiesta del circuito di Bassa Con Priorità Riscaldamento sul circuito di Alta Temperatu-
Temperatura è accettata solo quando quella del circuito di ra (Ch_priority Par.16 = 1), il circuito di Alta Temperatura è
Alta Temperatura è inattiva. Viceversa se impostato a 2 è attivo quando TA_H = 1 e DHW = 0. In questa condizione
il circuito di Bassa Temperatura ad avere la priorità. Pre- il circuito di Bassa Temperatura non è attivo.
impostato a 0. Con Priorità Riscaldamento sul circuito di Bassa Tempera-
NOTA: Se viene selezionata una priorità, bisogna utilizza- tura (Ch_priority Par.16 = 2), il circuito di Bassa Tempera-
re il sistema con impostazione termostatica. tura è attivo quando TA_L = 1 e DHW = 0. In questa con-
Il master può trovarsi in differenti stati operativi, rappresen- dizione il circuito di Alta Temperatura non è attivo.
tati dal diagramma di flusso in FIG. 3.3.

STAND BY ANTIGELO

TA_H = 1 & TA_H = 0 & TA_H = 1 & DHW = 1


TA_L = 0 & TA_L = 1 & TA_L = 1 &
DHW = 0 DHW = 0 DHW = 0

CIRCUITO
CIRCUITO ALTA CIRCUITO BASSA SERVIZIO
ALTA E BASSA
TEMPERATURA TEMPERATURA SANITARIO
TEMPERATURA

TA_H = 0 or TA_H = 1 or TA_H = 0 or DHW = 0


TA_L = 1 or TA_L = 0 or TA_L = 0 or Errore = 255
DHW = 1 DHW = 1 DHW = 1
Errore = 255 Errore = 255 Errore = 255

SI
ERRORE = 255

NO

CONTROLLO
ALLARME
ERRORE

Errore = 255

ERRORE = 255 SIGNIFICA ASSENZA DI ERRORI

Fig. 3.3

17
3.3 IMPOSTAZIONE DEI PARAMETRI SANITARIO

Le seguenti funzioni possono essere impostate per il sani- 3.3.3 DHW_Priority


tario.
Priorità sanitaria (parametro 9)
• 0 = Priorità slittante A
3.3.1 Setpoint_DHW
Lo scopo della funzione priorità slittante A è che il siste-
Setpoint acqua calda sanitaria (parametro 2) ma possa servire anche il riscaldamento quando la ri-
È il valore della temperatura di produzione dell’acqua cal- chiesta riscaldamento è bassa. Il sistema risponde alla
da sanitaria Il limite massimo è dato dal par. 8 richiesta riscaldamento se:
(T_DHW_limit, preimpostato a 60°C). Preimpostato a (Setpoint_Ch - 50°C) < Temp_collettore < (Setpoint_Ch
50°C. + 1°C)
Setpoint_Ch = Setpoint del circuito ad alta o bassa tem-
3.3.2 DHW_Type peratura secondo la richiesta.
Tipo Bollitore (parametro 6) • 1 = Priorità slittante B
• 0 = Nessun servizio sanitario Lo scopo della funzione priorità slittante B è che il siste-
• 1 = Scambiatore rapido con sonda ma non interrompa per un tempo troppo lungo il servizio
• 2 = Bollitore con sonda riscaldamento. Il sistema risponde alla richiesta riscalda-
• 6 = Bollitore con termostato mento se:
Nel caso di bollitore con termostato, se l’ingresso è un con- (Setpoint_Dhw+T_Tank_extra)-50°C < Temp_collettore
tatto chiuso è attivata richiesta acqua calda sanitaria, se è < (Setpoint_Dhw + T_tank_extra)+1°C
un contatto aperto la richiesta cessa. Preimpostato a 0. T_tank_extra = Par. 10 = preimpostato a 30°C.
• 2 = Priorità assoluta (solo servizio sanitario)
Preimpostato a 0.

3.4 FUNZIONI PRINCIPALI

3.4.1 Funzione priorità sanitaria 3.4.5 Funzione controllo accensioni/


spegnimenti
La funzione priorità sanitaria prevede che con domanda di
acqua calda sanitaria la scheda master possa servire an- In entrambe le modalità di gestione cascata, la funzione
che il circuito di alta o bassa temperatura. controllo accensioni/spegnimenti limita le accensioni e gli
spegnimenti dei bruciatori in caso di bassa richiesta di ca-
3.4.2 Funzione antigelo lore.
La funzione antigelo, attiva anche in stand-by, avvia il cir-
3.4.6 Funzione Emergenza
colatore del circuito alta temperatura e il circolatore di
anello se la temperatura di collettore scende sotto i 5°C. In caso di guasto della scheda Master ci sono due modi di
Se è presente la sonda esterna i circolatori si attivano se controllare manualmente le schede Slave:
la temperatura esterna scende sotto i 3°C. Se dopo 10 mi- • Con eBUS e con la sonda Collettore
nuti la temperatura di collettore è inferiore a 5°C, un bru- Togliere l’alimentazione dal sistema, disconnettere il
ciatore si accende alla massima potenza, finchè la tempe- BUS. Impostare su tutte le schede Slave l’indirizzo
ratura di collettore raggiunge i 20°C. Se dopo 10 minuti la 000000 (J10 e J17 OFF). Connettere un’alimentazione
temperatura di collettore supera i 5°C ma la temperatura tra i 21 e i 28 Vac al BUS. Se Temperatura Collettore <
esterna è inferiore a 3°C i circolatori rimangono attivi fin- Temp.Emergency (Par.40; Preimpostato 70°C; imposta-
chè la temperatura esterna non supera tale valore. bile tra 10 e 80°C) tutti i bruciatori funzionano alla mas-
sima potenza. Se Temperatura Collettore > Temp.Emer-
3.4.3 Funzione smaltimento gency + 5°C tutti i bruciatori sono spenti.
Grazie alla funzione smaltimento le pompe del circuito alta • Con PC
e bassa temperaura rimangono in funzione per 5 minuti Togliere l’alimentazione dal sistema, disconnettere il
dopo lo spegnimento dell’ultimo bruciatore. Il tempo di at- BUS e connettere l’interfaccia per PC. La potenza dei
tesa prima della chiusura della valvola a due vie una volta bruciatori può essere inviata alle schede Slave diretta-
spento il bruciatore è di 6 minuti. Allo spegnimento dell’ul- mente con il PC.
timo bruciatore la valvola si chiude solo quando cessa la
richiesta del termostato ambiente.
 InAssistenza
caso di guasto rivolgersi al Servizio Tecnico di
.

3.4.4 Funzione gestione cascata


Con la funzione gestione cascata è possibile scegliere tra
minima e massima quantità di bruciatori accesi per gestire
la potenza erogata dal sistema.

18
3.5 PROGRAMMAZIONE PARAMETRI

3.5.1 Impostazione della password


Procedura Display
I parametri possono essere modificati inserendo la pas-
sword (22). La password permette di visualizzare e modi- Usare “+” e “-” per inserire sul
ficare i parametri utente e installatore. Procedura per en- 5 digit centrale la prima cifra della
trare in modo programmazione: password. Es.: password = 22.

Procedura Display Premere “MEMO” per confermare la password, se la


6 password è scorretta la scheda ritorna al modo Di-
Esempio: la temperatura di splay.
1
mandata T1 è 80°C.
Premere “+” e “-” per scorrere fra i parametri abilitati
Premere “MODE” e “MEMO”. dalla password. Premere “MODE” per iniziare a mo-
7
2 Dopo 5s il secondo e terzo digit dificare i parametri. Ora la scritta P-XX e il rispettivo
lampeggeranno. valore si alternano sul display.
Con “+” e “-” si cambia il valore del parametro. Ogni
Usare “+” e “-” per inserire sul
volta che si preme un tasto la visualizzazione alterna-
digit di destra la seconda cifra 8
3 ta del parametro e del rispettivo valore si ferma per 5
della password. Es.: password
s ed è mostrato solo il valore.
= X2.
Con “MEMO” il nuovo valore del parametro viene
Premere “MEMO” per memo- 9
salvato.
4 rizzare la seconda cifra della
password. Per uscire dal modo programmazione per l’installatore pre-
mere il tasto “MODE”.

3.5.2 Elenco parametri


Questa caldaia è equipaggiata con una scheda Master che permette, tramite l’impostazione/modifica dei parametri di fun-
zionamento, una maggiore personalizzazione per rispondere alle diverse esigenze di impianto e/o di utenza.
I parametri programmabili sono quelli indicati in tabella.
Impostazioni
di fabbrica
superiore
inferiore
Limite

Limite

N. Nome U.M. Descrizione

Parametri UTENTE
Se Par. 14 = 0 è il setpoint circuito di alta tem-
peratura.
1 SetPoint_ch_high 10 Par. 17 70 °C
Se Par. 14 = 1 è la massima temperatura del
circuito ad alta temperatura.
2 SetPoint_DHW 10 Par. 8 50 °C
Se Par. 22 = 0 è il setpoint circuito di bassa
temperatura.
3 SetPoint_ch_low 10 Par. 23 40 °C
Se Par. 22 = 1 è la massima temperatura del
circuito a bassa temperatura.
Parametri INSTALLATORE accessibili con password: 22
0 = Nessun servizio sanitario
1 = Istantaneo con sonda NTC
6 DHW_type 0 6 0 2 = Bollitore con sonda NTC
5 = Istantaneo con flussostato
6 = Bollitore con termostato

19
Impostazioni
di fabbrica
superiore
inferiore
Limite

Limite
N. Nome U.M. Descrizione

7 P_DHW_max 1 255 230 Velocità/Potenza massima in sanitario

8 T_DHW_limit 10 80 60 Limite per set utente sanitario


0 = Slittante A
9 DHW_priority 0 2 0 1 = Slittante B
2 = Priorità assoluta
Temperatura gruppo termico in sanitario = Par.
10 T_tank_extra 0 50 30 °C
2 + Par. 10
11 T_tank_hyst_up 0 20 1 °C Differenziale superiore sanitario

12 T_tank_hyst_down 0 20 5 °C Differenziale inferiore sanitario

13 N°_bruc_DHW 1 60 60 N° massimo di bruciatori in sanitario


0 = Temperatura fissa
1 = Climatica con sonda esterna
14 CH_type_high 0 3 1
2 = 0-10 Vdc in potenza
3 = 0-10 Vdc in temperatura
155 (Res)
15 P_ch_max 1 255 Velocità/Potenza massima in riscaldamento
230
0 = Nessuna priorità tra circuiti
16 CH_priority 0 2 0 1 = Priorità al circuito alta
2 = Priorità al circuito bassa
17 T_CH_high_limit 10 80 80 °C Limite per set utente circuito di alta temperatura
Minimo setpoint circuito di alta - alla massima
18 T_CH_high_foot 10 Par. 1 50 °C
temperatura esterna (Par. 38)
Isteresi di accensione circolatore di alta tempe-
19 CH_high_mod_hyst_on 0 20 7 °C
ratura
Isteresi di spegnimento circolatore di alta tem-
20 CH_high_mod_hyst_off 0 20 3 °C
peratura
21 Attenuation_high 0 70 0 °C Attenuazione setpoint con TA aperto
0 = Temperatura fissa
1 = Climatica con sonda esterna
22 CH_type_low 0 3 1
2 = 0-10 Vdc in potenza
3 = 0-10 Vdc in temperatura
23 T_CH_low_limit 10 70 50 °C Limite per set utente circuito bassa
Minimo setpoint circuito di bassa - alla massi-
24 T_CH_low_foot 10 Par. 13 25 °C
ma temperatura esterna (Par. 38)
25 Attenuation_low 0 70 0 °C Attenuazione setpoint con TA aperto
Isteresi di accensione circuito di bassa calcola-
26 CH_low_hyst_on 0 20 5 °C
to sulla T mandata Mix
Isteresi di spegnimento circuito di bassa calco-
27 CH_low_hyst_off 0 20 3 °C
lato sulla T mandata Mix
Ad ogni passo la valvola apre per 1/2 del valore
28 Mix_valve_step_ open_time 0 255 5 s
impostato
Ad ogni passo la valvola chiude per 1/2 del va-
29 Mix_valve_step_close_time 0 255 7 s
lore impostato

20
Impostazioni
di fabbrica
superiore
inferiore
Limite

Limite
N. Nome U.M. Descrizione

30 Mix_valve_interval_time 0 255 5 s Tempo di attesa valvola mix

31 Mixing_p_hyst 0 255 2 °C Isteresi per apertura massima valvola

32 Mixing_still_hyst 0 255 2 °C
0 = Minimo numero di bruciatori
33 Power control mode 0 1 1
1 = Massimo numero di bruciatori
0 = Di sistema/anello
34 3° pump 0 1 0
1 = Circuito di bassa temperatura
35 Frost protection -30 15 3 °C Sistema
1 = MTN con scarico fumi < 15m
2 = MTN con scarico fumi > 15m
36 Gas_type 1 7 1
3 = GPL con scarico fumi < 15m
4 = GPL con scarico fumi > 15m
37 T_out_min -20 30 0 °C

38 T_out_max 0 30 18 °C

39 T_out_correct -30 30 0 °C

40 T_emergency 10 80 70 °C

41 Parameter_reset 0 1 0
42 Pressostato_si/no 0 1 1 0 = Lo slave non verifica il pressostato
0 = Protocollo Eco
43 Protocollo 0 1 1
1 = Argus link (nuovo)
Parametri COSTRUTTORE (OEM) accessibili con password: 44
NOTA - Questi parametri non devono essere modificati
44 T_ch_high_max 10 117 90 °C Limite superiore per Par.17
Costante Proporzionale per la modulazione
45 P_factor_CH_high 0 255 30 della potenza per il circuito di alta
Costante Integrale per la modulazione della po-
46 I_factor_CH_high 0 255 70 tenza per il circuito di alta
Costante Derivativa per la modulazione della
47 D_factor_CH_high 0 255 128 potenza per il circuito di alta
All’apertura di TA_H, il sistema accetta una
48 Ch_H_block_time 0 255 0 min nuova richiesta per il circuito di alta dopo il tem-
po impostato
49 Postcirc_high 0 255 5 min Postcircolazione della P1 (+P3)
Correzione del valore letto dalla sonda colletto-
50 T_H_correct_20° -30 30 0 °C
re a 20°C
Correzione del valore letto dalla sonda colletto-
51 T_H_correct_85° -30 30 1 °C
re a 85°C
Tempo di spento del bruciatore nel passaggio
52 Blocking_time_ DHW-CH 0 255 0 min
tra DHW a CH
53 T_ch_low_max 10 90 80 °C Limite superiore per Par.23
Costante Proporzionale per la modulazione
54 P_factor_CH_low 0 255 30 della potenza per il circuito di bassa

21
Impostazioni
di fabbrica
superiore
inferiore
Limite

Limite
N. Nome U.M. Descrizione

Costante Integrale per la modulazione della po-


55 I_factor_CH_low 0 255 70 tenza per il circuito di bassa
Costante Derivativa per la modulazione della
56 D_factor_CH_low 0 255 128 potenza per il circuito di bassa
57 Ch_L_block_time 0 255 0 min

58 T_dhw_max 10 117 80 °C

59 P_factor_DHW_istantaneus 0 255 30
60 I_factor_DHW_istantaneus 0 255 70
61 D_factor_DHW_istantaneus 0 255 128
62 P_factor_DHW_storage 0 255 30
63 I_factor_DHW_storage 0 255 70
64 D_factor_DHW_storage 0 255 128
65 Dhw_&_ch_hysterese_up 1 80 1
66 Dhw_&_ch_hysterese_down 1 80 50
67 T_tank_hyst_down_2 0 20 5
68 T_tank_hyst_up_2 20 3
69 Postcirc sanitario 0 255 3 m

70 Hyst_up_reduce_burner 0 20 2 °C

71 Hyst_down_add_burner 0 20 5 °C

72 Hyst_up_quick_stop 0 80 4
73 Hyst_down_quick_start 0 80 70
74 Tempo Quick stop 0 255 2 s

75 Tempo Quick start 0 255 2 s


Tempo attesa after
76 burner_switched 0 255 30 s

77 Cycle_limitation 0 1 0
78 Cycle_limit_stop 0 255 60
79 Cycle_limit_inc 0 50 10
80 Rotazione cascata 0 255 24 h
0 = Flussostato assente
81 Flussostato 0 1 0
1 = Flussostato presente
0 = Sonda ritorno non presente
82 Sonda di ritorno 0 1 1
1 = Sonda ritorno con controllo su ∆T
83 Maximum_fan_speed_slave 20 70 57 rpm

84 Minimum_fan_speed 20 Par.83 25 rpm

85 Ignition_fan_speed Par.84 Par.83 45 rpm

86 Prepurge_fan_speed Par.84 Par.83 45 rpm

22
Impostazioni
di fabbrica
superiore
inferiore
Limite

Limite
N. Nome U.M. Descrizione

87 Max temp. mandata 10 117 90 °C

88 Max temp ritorno 10 117 80 °C

89 Max temp. fumi 10 117 80 °C


0 = Blocco volatile
90 Sicurezza Temperatura Fumi 0 1 0
1 = Blocco non volatile
Sicurezza T.max 0 = Blocco volatile
91 0 1 0
mandata/ritorno 1 = Blocco non volatile
Postcircolazione
92 0 255 6 m 255 = funzionamento continuo
pompa/valvola slave
∆ > Par.93:Spento
∆ > Par.93 - 5°C:Minimo
93 D_max_flow_return 10 99 35 °C
∆ > Par.93 -10°C:Riduzione della potenza di
60/°C.
94 Postcircolazione 3° pompa 0 255 5 m 255 = funzionamento continuo

95 Password 00 99 22-44 NON MODIFICARE

96 Hyst_up_PID_I_reduce 0 10 1
Se T.mandata ≥ setpoint + Par.96, il Par.97 vie-
ne sottratto dal byte alto della somma degli sco-
97 I_reduce_value 0 30 1 s
stamenti dal set. Riduzione del fattore integrale
più rapido
Tempo di attesa della master per determinare
98 Low_load waiting 0 255 60 s
la presenza della condizione di basso carico
Tempo di attesa per l’attivazione della condi-
zione di basso carico. Dopo che la T.mandata
supera la temperatura scelta con Par.9B, la
99 Low_load period 0 255 60 °C
funzione basso carico è attiva se T.mandata ri-
mane superiore dopo il tempo impostato nel
Par.99
È usato per ripristinare la potenza dei bruciatori
9A Neg_delta2_T 0 20 8 °C
quando T. mand < setpoint - Par.9A
0 = Calcolo basso carico da 85°C
9B Calc_neg_delta 0 1 1
1= Calcolo basso carico dal setpoint del master
È usato per ridurre la potenza dei bruciatori
9C Neg_delta2_T 0 30 0 °C quando T. mand ≥ Setpoint - Par9C. La riduzio-
ne di potenza è di 60/1°C
La condizione di basso carico è attiva con T
9D Low_load_∆ 0 20 5 °C
mandata > Setpoint + Par.9D
Isteresi del Par.93: Il bruciatore si spegne con
9E Hyst_∆_mand/rit. 0 5 2 °C ∆ > Par.93 e si riaccende con ∆ < Par.93-
Par9E

23
3.6 REGOLAZIONI

Il Gruppo Termico viene fornito per il


funzionamento a G20 (gas metano) secondo quanto indi-
cato dalla targhetta tecnica ed è già stato regolato in fab- 2
brica dal costruttore. Se fosse però necessario effettuare
nuovamente le regolazioni, ad esempio dopo una manu-
tenzione straordinaria, la sostituzione della valvola gas,
oppure dopo una trasformazione da gas G20 a G30-G31 o
viceversa, operare come descritto di seguito.

 Le regolazioni della massima e della minima


potenza devono essere eseguite nella sequenza
indicata ed esclusivamente dal Servizio Tecnico
di Assistenza .
1
Modo TEST
Nel modo Test è possibile generare una richiesta riscalda-
mento ad alta temperatura alla massima potenza e alla mi-
nima potenza. Tutti i ventilatori del sistema devono essere Fig. 3.4
attivati. Se l’installatore spegne l’interruttore di alcuni Sla- sualizzando sul display “L” seguito dalla temperatura di
ve, gli altri, connessi al Master, devono continuare a fun- mandata.
zionare. Per entrare nel modo Test dal modo Display, se- • Regolare la CO2 agendo con un cacciavite sulla vite di
guire i passi seguenti: regolazione (3 - FIG. 3.5) posta sul gruppo di ventilazio-
ne (girando in senso antiorario il valore di CO2 dimi-
Procedura Display nuisce), in modo da ottenere un valore di 8,4% per G20
Premere “MODE” e “+” con- e 8,7% per G30-G31.
temporaneamente per 5 s. Do-
po 5 s la velocità massima o la
velocità minima possono essere 3
selezionate con i tasti “+” e “-”.
Tutti i ventilatori del sistema fun-
zioneranno alla velocità selezio-
1 nata. Sul primo digit verrà mo-
strata la velocità selezionata:
H = velocità massima
L = velocità minima
Gli altri due digit mostreranno la
temperatura di mandata. Es: T1
= 80°C. 1
Premere “MEMO” per uscire dal
2 modo Test e tornare al modo Di-
splay.

3.6.1 Regolazione CO2 alla massima potenza Fig. 3.5


• Premere contemporaneamente i tasti “MODE” e “+”
per 5s. 3.6.3 Verifica della taratura
• Generare la richiesta di calore tramite il termostato am- Premere contemporaneamente i tasti “MODE” e “+” per
biente. Il gruppo termico funzionerà alla massima poten- 5s e verificare il valore di CO2 max (9,4% per G20 e 10,7%
za visualizzando sul display “H” seguito dalla temperatu- per G30-G31). Successivamente premere i tasti “MODE”
ra di mandata (funzione spazzacamino). e “-” per 5s e verificare il valore di CO2 min (8,4% per G20
• Svitare il tappo (1 - FIG. 3.4) ed inserire la sonda e 8,7% per G30-G31).
dell’analizzatore di combustione
• Regolare la CO2 agendo con un cacciavite sulla vite di Terminate le verifiche:
regolazione (2 - FIG. 3.4) posta sul gruppo di ventilazio-
• Interrompere la funzione spazzacamino premendo il ta-
ne (girando in senso orario il valore di CO2 diminui-
sto “MEMO”.
sce), in modo da ottenere un valore di 9,4% per G20 e
• Interrompere la richiesta di calore.
10,7% per G30-G31.
• Rimuovere la sonda dell’analizzatore e riavvitare accu-
ratamente il tappo (1 - FIG. 3.5).
3.6.2 Regolazione CO2 alla minima potenza
• Premere contemporaneamente i tasti “MODE” e “-” per
5s. Il gruppo termico funzionerà alla minima potenza vi-

24
3.7 TRASFORMAZIONE DA UN TIPO DI GAS ALL’ALTRO

Il Gruppo Termico viene fornito per il tata.


funzionamento a G20 (gas metano). Può però essere tra- • Disassemblare la valvola gas dal gruppo di ventilazione
sformato per funzionamento a G30-G31 (G.P.L.) utilizzan- allentando le tre viti (3 - FIG. 3.7).
do l’apposito Kit fornito a corredo.
3
 Le trasformazioni devono essere eseguite solo
dal Servizio Tecnico di Assistenza o da
personale autorizzato dalla , anche a
Gruppo Termico già installato.

 Eseguita la trasformazione, regolare nuovamente


la il gruppo termico seguendo quanto indicato
Fig. 3.7
nella SEZ. 3.6, PAG. 24.
Prima di effettuare la trasformazione: • Sostituire il diaframma calibrato montato sulla valvola
• Togliere l'alimentazione elet- gas con quello (4 - FIG. 3.8) fornito all’interno del kit e
trica all'apparecchio posizio- ON contrassegnato dal scritta “6.5”. Solo nel caso in cui il
nando l'interruttore generale gruppo termico venga alimentato con una miscela di gas
su "spento". che causa problemi di accensione utilizzare l’altro dia-
OFF framma (5 - FIG. 3.8) contrassegnato dalla scritta “6.75”.

6.5 6.75

• Chiudere il rubinetto di inter-


cettazione del combustibile.

4 5
Fig. 3.8
Per l’installazione del kit:
• Svitare le viti (1 - FIG. 3.6) di fissaggio del pannello fron- • Rimontare la valvola gas.
tale (2 - FIG. 3.6). • Applicare l’adesivo (6 - FIG. 3.9) per G30-G31, fornito
all’interno del kit, sulla parte interna della pannellatura,
ed eliminare quello per G20.
• Eliminare l’etichetta gas per G20 presente sulla parte la-
terale del telaio.

Paese di destinazione:

ITALIA

Tipo di apparecchio : C13, C33


Caldaia categoria : II2H3B/P

6 Pressioni di alimentazione gas:


G20 20 mbar
G30+G31 28-30/37 mbar

Regolazione effettuata dal costruttore:


G20 - 20 mbar - 2H METANO

ATTENZIONE

Leggere attentamente il libretto istruzioni


Gruppo termico regolato per: prima di installare e mettere in servizio
l'apparecchio.

1 G30 - G31 28-30/37 mbar (Laterale DX)

Paese di destinazione: ITALIA


Fig. 3.6
Fig. 3.9
• Tirare a sé e poi verso l’alto la base del pannello (2 - FIG.
3.6) per sganciarlo dal telaio e rimuoverlo. Dopo aver installato il kit verificare:
• Impostare il parametro 36 a 3 o 4, a seconda della lun- • La tenuta di tutte le giunzioni realizzate
ghezza (L) del condotto scarico fumi: • Eseguire tutte le operazioni di taratura descritte nella
• 3 = L < 15 m SEZ. 3.6, PAG. 24.
• 4 = L > 15 m.
La velocità del ventilatore viene automaticamente adat-

25
3.8 TARATURA PRESSIONI AL BRUCIATORE

3.8.1 Controllo della pressione del gas di • Alimentare elettrica-


alimentazione mente il gruppo temico
posizionando l’interrut- ON
• Posizionare l’interruttore ge-
ON tore generale dell’im-
nerale dell’impianto su
pianto e quello/i princi-
“Spento”.
pale/i dell’apparecchio OFF
OFF su "acceso".

Nel modo TEST è possibile generare una richiesta riscal-


damento ad alta temperatura alla massima potenza.
• Svitare le viti (1 - FIG. 3.10) di fissaggio del pannello fron- Per far ciò:
tale (2 - FIG. 3.10).
• Premere contemporaneamente i tasti “MODE” e “+”
• Tirare a sé e poi verso l’alto la base del pannello (2 - FIG.
per 5 s.
3.10) per sganciarlo dal telaio e rimuoverlo.
• Generare la richiesta di calore tramite il termostato am-
biente. Il gruppo termico funzionerà alla massima poten-
za visualizzando sul display “H” seguito dalla temperatu-
ra di mandata (funzione spazzacamino).

RESET

MODE SEL MEMO


Fig. 3.12

• Verificare a bruciatore acceso alla massima potenza che


la pressione del gas sia quella nominale di alimentazio-
ne indicata nella tabella.

Descrizione G20 G30 G31


Indice di Wobbe 45,7 80,6 70,7 MJ/m3
1
Pressione nominale
20 28-30 37 mbar
Fig. 3.10 alimentazione

• Svitare di circa due giri la vite della presa di pressione (3 • Interrompere la richiesta di calore.
- FIG. 3.11), a monte della valvola gas, e collegarvi un • Premere “MEMO” per uscire dal modo TEST.
manometro. • Scollegare il manometro e riavvitare la vite della presa di
pressione (3 - FIG. 3.11) a monte della valvola gas.

Fig. 3.11

26
3.9 CONTROLLO DELLA COMBUSTIONE

• Alimentare elettrica-
mente il gruppo temico
posizionando l’interrut- ON
tore generale dell’im-
pianto e quello/i princi- RESET
pale/i dell’apparecchio OFF
su "acceso".

MODE SEL MEMO


Nel modo TEST è possibile generare una richiesta riscal-
Fig. 3.13
damento ad alta temperatura alla massima potenza. Per
far ciò: • Interrompere la richiesta di calore.
• Premere contemporaneamente i tasti “MODE” e “+” • Rimuovere la sonda dell’analizzatore e riavvitare accu-
per 5 s. ratamente il tappo (4 - FIG. 3.14).
• Generare la richiesta di calore tramite il termostato am-
biente. Il gruppo termico funzionerà alla massima poten-
za visualizzando sul display “H” seguito dalla temperatu-
ra di mandata (funzione spazzacamino). 4
• È possibile effettuare il controllo della combustione svi-
tando il tappo (4 - FIG. 3.14) ed inserendo la sonda
dell’analizzatore nella posizione prevista.
• Effettuato il controllo, interrompere la funzione spazza-
camino premendo il tasto “MEMO”.
Fig. 3.14

3.10 VELOCITÀ DEL VENTILATORE

La velocità del ventilatore è regolata automaticamente in I gruppi termici vengono forniti per il funziona-
base al tipo di gas e alla lunghezza del condotto scarico mento a G20 (gas metano), con condotto scarico fumi con
fumi (L).Tali informazioni vengono gestite dal parametro L<15m (parametro 36 = 1).
36. Per la modifica: Una volta terminati i controlli rimontare il pannello anteriore
• Entrare in “MODO PROGRAMMAZIONE PER L’IN- e bloccarlo con le viti rimosse in precedenza.
STALLATORE” seguendo la procedura descritta nella
SEZ. 3.5, PAG. 19 ed impostare il parametro 36 a:  Tutti i controlli devono essere eseguiti dal Servi-
zio Tecnico di Assistenza .
1 = gas metano e L<15 m
2 = gas metano e L>15 m
3 = GPL e L<15 m
4 = GPL e L>15 m.

3.11 IMPOSTAZIONE DELLA TERMOREGOLAZIONE

3.11.1 Funzionamento in riscaldamento per 3.11.2 Attenuation_High


circuito ad alta temperatura
Funzione Attenuazione per circuito ALTA TEMPERA-
Il tempo di ritardo bruciatore del circuito di Alta Tempera- TURA (parametro 21)
tura (Ch_high_blocking_time; Par.48 OEM preimpostato Si distinguono 2 casi:
0; impostabile tra 0 e 255min) è il tempo che trascorre tra • Funzionamento a punto fisso, Par. 14 = 0.
due accensioni successive del bruciatore durante una ri- • Funzionamento con regolazione climatica Par. 14 = 1.
chiesta di calore del circuito di Alta Temperatura. Il tempo
di ritardo è attivo solamente quando lo spegnimento del Funzionamento a punto fisso, Par. 14=0
bruciatore avviene per isteresi e non per l’apertura del con- • Con attenuazione circuito Alta Temperatura disabilitata,
tatto TA_H. Il tempo di ritardo non è attivo in caso di richie- Par.21 = 0 alla chiusura del termostato del circuito ad
sta del circuito sanitario. alta temperatura è attivata la domanda riscaldamento.
In questo stato la potenza richiesta dal controllo Master ai All’apertura il sistema si spegne.
controlli Slave varia linearmente tra 1 e il parametro della • Il controllo Master attiva la pompa del circuito di alta tem-
Potenza Massima in riscaldamento (P_ch_max; Par.15 peratura PZ1 e la pompa di anello PZ3, se il parametro
preimpostato 230; impostabile tra 1 = potenza minima e per la terza pompa è impostato a 0 (Par. 34 = 0 ), altri-
255 = potenza massima). menti la terza pompa rimane spenta.

27
• Sul controllo Master è possibile impostare il setpoint del preimpostato a 50°C.
circuito di Alta Temperatura, Setpoint_T_CH_High = Tra i 2 valori di temperatura esterna il setpoint è calcolato
Par. 1, preimpostato a 70°C e impostabile da 10°C a linearmente.
T_CH_high_limit = Par 17, a sua volta preimpostato a La temperatura esterna è misurata tra -30°C e 98°C e può
80°C. Il setpoint utilizzato sarà quello impostato con il essere corretta tramite il parametro T_out_correct (Par.39
parametro 1. preimpostato a 0°; impostabile tra -30°C e 30°C).
• Il bruciatore è acceso quando: Temperatura Colletto-
re≤sepoint-isteresi accensione. Curve climatiche
L’isteresi di accensione è impostabile, 90
CH_high
CH_High_mod_hyst_on = Par. 19, preimpostato a 7°C, 80 CH_low

impostabile tra 0 e 20°C. Il controllo Master converte la Par. 1 CH high attenuato


70
richiesta di calore in una richiesta di potenza per ciascun

Setpoint
60
controllo slave. Par. 18

• I bruciatori sono spenti quando: Temperatura Collettore


50
Par. 3
≥ Setpoint+Isteresi spegnimento. 40

L’isteresi di spegnimento è impostabile 30

(CH_High_mod_Hyst_off = Par. 20, preimpostato a 3, 20


-30 -20 -10 0 10 20 30
impostabile tra 0 e 20°C). Par. 39 Par. 38
• Con il parametro Attenuazione circuito alta temperatura, Temperatura esterna
Par. 21 ≠ 0, il contatto del termostato alta temperatura è Fig. 3.15
ignorato ed è presente una domanda di calore per il cir-
cuito di alta temperatura quando: Temperatura Colletto- Se il parametro Attenuazione circuito Alta Temperatura è
re ≤ Sepoint - isteresi di accensione diverso da 0 (Attenuation_high; Par.21 preimpostato 0;
• La domanda di calore cessa quando: Temperatura Col- programmabile da 0 a 70), il TA_H non influisce nella ri-
lettore ≥ Setpoint+Isteresi spegnimento. chiesta calore.
Il setpoint in questo caso coincide con il valore impostato La richiesta calore è attiva quando:
al parametro 1 (Setpoint_t_ch_high) se il contatto del Temperatura Esterna < T_out_max (Par.38 preimpostato
Termostato Alta Temperatura è chiuso, mentre è calco- a 18°C)AND
lato come il valore impostato al parametro 1 meno l’atte- Temperatura Mandata ≤ SetPoint_ch_high (Par.1 preim-
nuazione (Setpoint_t_ch_high-Attenuation_high) se il postato 70°C) - ch_high_mod_hyst_on (Par.19 preimpo-
contatto è aperto. stato a 7°C).
• Se non c’è domanda di calore da parte del circuito di La richiesta di calore cessa quando:
Bassa Temperatura, la valvola miscelatrice è chiusa e la Temperatura Mandata > SetPoint_ch_high (Par.1 preim-
potenza richiesta ai controlli Slave è calcolata attraverso postato 70°C) + ch_high_mod_hyst_off (Par.20 preimpo-
il controllo PID del circuito ad alta temperatura stato a 3°C) oppure
(PID_CH_high: P_factor_CH_high; Par.45 OEM preim-
Temperatura Esterna > T_out_max (Par.38 preimpostato
postato 30; programmabile da 0 a 255;
a 18°C)
I_factor_CH_high Par.46 OEM preimpostato 70; pro-
Il setpoint è calcolato come sopra ma il valore di Attenua-
grammabile da 0 a 255; D_CH_high Par.47 OEM preim-
zione circuito Alta Temperatura (Attenuation_high; Par.21
postato 128; programmabile da 0 a 255) applicato al
preimpostato 0; programmabile da 0 a 70) è sottratto dal
setpoint impostato (Setpoint_ch_high; Par.1) e alla tem-
calcolo quando il contatto TA_H è aperto.
peratura di collettore.
• La potenza richiesta a ciascun controllo Slave dipende
3.11.3 Funzionamento in riscaldamento per
anche dalla scelta della strategia di cascata.
circuito di bassa temperatura
• Con l’apertura del contatto del TA_H e la fine della ri-
chiesta di calore, il bruciatore viene spento e la pompa Il tempo di ritardo bruciatore del circuito di Bassa Tempe-
del circuito di Alta Temperatura P1 continua a funziona- ratura (Ch_low_blocking_time; Par.57 OEM preimpostato
re per il tempo di postcircolazione (Postpump_ch_high; 0; impostabile tra 0 e 255 minuti) è il tempo che trascorre
Par.49 OEM preimpostato 5min; programmabile tra 0 e tra due accensioni successive del bruciatore durante una
255min). Se il parametro 3rd_pump Par.34 è impostato richiesta di calore del circuito di Bassa Temperatura. Il
a 0 (Pompa di sistema) anche la terza pompa continua tempo di ritardo è attivo solamente quando lo spegnimento
a funzionare per il tempo di postcircolazione. La valvola del bruciatore avviene per l’isteresi e non per l’apertura del
2 vie rimane aperta per 1’ e poi chiude. contatto del TA_L. Il tempo di ritardo non è attivo in caso di
richiesta del circuito sanitario.
Funzionamento con regolazione climatica, Par. In questo stato la potenza richiesta dal controllo Master ai
14=1 controlli Slave varia linearmente tra 1 e il parametro della
Se il parametro Attenuazione circuito Alta Temperatura è Potenza massima programmabile in riscaldamento
uguale a 0, Attenuation_high = Par. 21 = 0, il comporta- (P_ch_max; Par.15 preimpostato 230; impostabile tra 1 =
mento è lo stesso del paragrafo precedente eccetto che il potenza minima e 255 = potenza massima).
setpoint è calcolato in funzione della temperatura esterna.
• Se temperatura esterna = Tout_min = Par. 37, preimpo-
stato a 0°C, allora setpoint = setpoint_T_Ch_high.
• Se temperatura esterna = Tout_max = Par. 38, preimpo-
stato a 18°C, allora setpoint T_ch_high_ foot = Par. 18,

28
3.11.4 Attenuation_Low mo discusso nel paragrafo “Gestione valvola mix”.
• Con l’apertura del contatto del TA_L e la fine della richie-
Funzione Attenuazione per circuito BASSA TEMPE-
sta di calore, il bruciatore viene spento e la pompa del
RATURA (parametro 25)
circuito di Bassa Temperatura o Pompa di Sistema P3
Questo paragrafo è analogo al precedente per il circuito a
continua a funzionare per il tempo di postcircolazione
bassa temperatura. Si distinguono 2 casi:
(Postpump_ch_low; Par.94 OEM preimpostato 5min;
• Funzionamento a punto fisso, Par. 22 = 0. programmabile tra 0 e 255 min).
• Funzionamento con regolazione climatica Par. 22 = 1.
Funzionamento con regolazione climatica, Par.
Funzionamento a punto fisso, Par. 22=0 22=1
• Con attenuazione circuito Bassa Temperatura disabilita- Se il parametro Attenuazione circuito Bassa Temperatura
ta, Par. 25 = 0 alla chiusura del termostato del circuito ad è uguale a 0, Attenuation_low = Par. 25 = 0, il comporta-
bassa temperatura è attivata la domanda riscaldamento. mento è lo stesso del paragrafo precedente eccetto che il
All’apertura il sistema si spegne. Il controllo Master atti- setpoint è calcolato in funzione della temperatura esterna.
va la pompa del circuito di bassa temperatura PZ3 Sul
• Se temperatura esterna = Tout_min = Par. 37, preimpo-
controllo Master è possibile impostare il setpoint del cir-
stato a 0°C, allora setpoint = setpoint_T_Ch_low.
cuito di Bassa Temperatura, Setpoint_T_CH_Low = Par.
• Se temperatura esterna = Tout_max = Par. 38, preimpo-
3, preimpostato a 40°C e impostabile da 10°C a
stato a 18°C, allora setpoint T_ch_low_ foot = Par. 24,
T_CH_low_limit = Par. 23, a sua volta preimpostato a
preimpostato a 50°C.
50°C. Il setpoint utilizzato sarà quello impostato con il
Tra i 2 valori di temperatura esterna il setpoint è calcolato
parametro 3.
linearmente.
• Il bruciatore è acceso quando: Temperatura Collettore ≤
sepoint - isteresi accensione. La temperatura esterna è misurata tra -30°C e 98°C e può
L’isteresi di accensione è impostabile, essere corretta tramite il parametro T_out_correct (Par.39
CH_Low_mod_hyst_on = Par. 26, preimpostato a 5°C, preimpostato a 0°; impostabile tra -30°C e 30°C).
impostabile tra 0 e 20°C. Il controllo Master converte la Se il parametro Attenuazione circuito Bassa temperatura
richiesta di calore in una richiesta di potenza per ciascun (Attenuation_low; Par.25 preimpostato 0; programmabile
controllo slave. da 0 a 70) è diverso da 0, il TA_L non influisce nella richie-
• I bruciatori sono spenti quando: Temperatura Collettore sta calore.
≥ Setpoint+Isteresi spegnimento. La richiesta calore è attiva quando:
L’isteresi di spegnimento è impostabile Temperatura Esterna < T_out_max (Par.38 preimpostato
(CH_Low_mod_Hyst_off = Par. 27, preimpostato a 3, a 18°C) & Temperatura Mandata ≤ SetPoint_ch_low
impostabile tra 0 e 20°C). (Par.3 preimpostato 40°C) - CH_low_mod_hyst_on
• Con il parametro Attenuazione circuito bassa temperatu- (Par.26 preimpostato a 5°C).
ra, Par. 25 ≠ 0, il contatto del termostato bassa tempera- La richiesta di calore cessa quando:
tura è ignorato ed è presente una domanda di calore per Temperatura Mandata > SetPoint_ch_low (Par.3 preimpo-
il circuito di bassa temperatura quando: Temperatura stato 40°C) + CH_low_mod_hyst_off (Par.27 preimpostato
Collettore ≤ Sepoint-isteresi di accensione. a 3°C) oppure Temperatura Esterna > T_out_max (Par.38
• La domanda di calore cessa quando: Temperatura Col- preimpostato a 18°C)
lettore ≥ Setpoint+Isteresi spegnimento. Il setpoint è calcolato come sopra ma il valore di Attenua-
Il setpoint in questo caso coincide con il valore impostato zione circuito Bassa temperatura (Attenuation_low; Par.25
al parametro 3 (Setpoint_t_ch_low) se il contatto del preimpostato 0; programmabile da 0 a 70) è sottratto dal
Termostato Bassa Temperatura è chiuso, mentre è cal- calcolo quando il contatto TA_L è aperto.
colato come il valore impostato al parametro 3 meno l’at-
tenuazione (Setpoint_t_ch_low-Attenuation_low) se il 3.11.5 T_out_correct
contatto è aperto.
Correzione temperatura esterna (parametro 39)
• Se non c’è domanda di calore da parte del circuito di Alta
Normalmente il valore visualizzato è il valore letto dal mi-
Temperatura, la valvola miscelatrice è completamente
crocontrollore più o meno un valore di correzione
aperta e la potenza richiesta ai controlli Slave è calcolata
(T_visualizzata = T letta dalla sonda +/- correzione).
attraverso il controllo PID del circuito a Bassa Tempera-
È possibile correggere il valore letto della temperatura
tura (PID_CH_low: P_factor_CH_low; Par.54 OEM pre-
esterna variando il valore del parametro 39, (il limite con-
impostato 30; programmabile da 0 a 255;
sentito dalla correzione è di +/- 30 °C). In questa fase è
I_factor_CH_low Par.55 OEM preimpostato 70; pro-
consigliabile avere un termometro di riferimento.
grammabile da 0 a 255; D_CH_low Par.56 OEM preim-
postato 128; programmabile da 0 a 255) applicato al Preimpostato a 0.
setpoint impostato (Setpoint_ch_low). Gli algoritmi di
quick start e quick stop sono calcolati sul setpoint del cir- 3.11.6 T4_frost_protection
cuito di Bassa Temperatura (Setpoint_ch_low) e sulla Protezione Antigelo (parametro 35)
Temperatura di Collettore (T_flow_high). • Il controllo elettronico ha una protezione antigelo attiva
• La potenza richiesta ai controlli Slave dipende anche anche in condizione di stand by. La protezione antigelo
dalla scelta della strategia di cascata. ha due livelli, il primo che porta all’attivazione della pom-
• Se c’è anche una richiesta del circuito di Alta Tempera- pa e il secondo che attiva pompa e bruciatore.
tura la valvola di miscela è controllata in modo che la • Se Temperatura Collettore ≤ 5°C sono attivate la pompa
Temp. Mandata Circuito Bassa sia pari al del circuito Alta Temperatura e la pompa di anello oppu-
setpoint_ch_low. Per questo esiste un apposito algorit- re, con CH_type = 1 e sonda esterna connessa, se la

29
Temperatura Esterna ≤ 3°C (par. 35) sono attivate la Funzioni aggiuntive di gestione cascata
pompa Alta Temperatura e la pompa di anello. Rotazione sequenza accensione dei bruciatori
• Se dopo 10’ Temperatura Collettore ≤ 5°C un bruciatore Al momento dell’alimentazione del controllo Master il bru-
è acceso al massimo fino a che la Temperatura Colletto- ciatore con indirizzo 1 è il primo della sequenza. Dopo 24h
re ≥ 20°C. il primo bruciatore diventa quello con indirizzo 2, mentre
• Se dopo 10’ Temperatura Collettore ≥ 5°C ma, con quello con indirizzo 1 diventa l’ultimo della sequenza.
CH_type = 1 (Par. 14 o 22) e sonda esterna connessa,
la Temperatura Esterna ≥ 3°C (par. 35) la pompa conti- Limitazione delle accensioni/spegnimenti
nua a girare fino a che Temperatura Esterna ≥ 3°C. Il pa-
In entrambe le strategie di cascata dopo ogni accensione
rametro 35 è impostabile da -30°C a 15°C.
o spegnimento vi è un tempo minimo prima del quale il Ma-
Preimpostato a 3. ster non può accendere o spegnere bruciatori.
3.11.7 Power_control_mode
Messa a regime e spegnimento rapidi
Gestione cascata (parametro 33) In entrambe le modalità è presente una funzione di messa
Per gestire la potenza erogata dal sistema sono possibili a regime e spegnimento rapidi.
due strategie di cascata. In entrambi i casi il controllo Ma- • Se Temperatura Collettore < setpoint - 70°C i bruciatori
ster può solamente incrementare un nuovo bruciatore sono accesi ad intervalli di tempo pari a 2s
quando un altro è acceso. Se il controllo Master deve in- • Se Temperatura Collettore > setpoint + 4°C i bruciatori
crementare il numero di bruciatori accesi, verifica prima sono spenti ad intervalli di tempo pari a 2s.
che il bruciatore successivo possa essere acceso: nessun
errore presente e temperatura del gruppo termico minore Basso carico
del massimo. In caso contrario verifica un altro bruciatore.
La funzione basso carico previene accensioni e spegni-
Se nessun bruciatore è disponibile all’accensione il master
menti di un bruciatore in caso di bassa richiesta di calore.
decrementa il numero di bruciatori da accendere.
Il controllo delle condizioni di attivazione della funzione di
Basso Carico è implementata in ogni scheda Slave che in-
Modalità: minima quantità di bruciatori accesi
via al Master la richiesta di attivazione della funzione. Du-
(Par. 33=0)
rante il normale funzionamento, il setpoint del circuito atti-
La modulazione della potenza del sistema è controllata da vo (setpoint circuito di Alta o Bassa Temperatura, o set-
un regolatore PID in cui la grandezza regolata è la Tempe- point sanitario) viene inviato alle schede Slave e viene
ratura di Collettore e il setpoint è quello del circuito attivo controllata la temperatura dell’Elemento Termico da cia-
(setpoint circuito di Alta o Bassa Temperatura, o set-point scuna scheda Slave:
sanitario). Il PID influisce direttamente sugli ultimi 2 brucia-
• se Temperatura del gruppo termico > Setpoint - 8°C op-
tori accesi, mentre i precedenti lavorano alla massima po-
pure
tenza.
• se Temperatura del gruppo termico > 85°C - 8°C non
• Se la Temperatura Collettore < setpoint - 5°C viene ac- viene dato il consenso alla partenza del bruciatore.
ceso il bruciatore successivo ed entrambi sono gestiti
Quando la scheda Slave acquisisce una Temperatura del
dal regolatore PID. Il controllo Master attende un tempo
gruppo termico superiore a 85°C per 3 volte con bruciatore
pari a 30s e poi se Temp. Collettore < setpoint - 5°C, vie-
acceso, l’elemento termico viene spento e si avvia nuova-
ne acceso un ulteriore bruciatore. Il primo bruciatore fun-
mente la procedura di accensione.
ziona alla massima potenza, mentre gli altri due sono
Poiché ciascun elemento termico ha un termostato limite a
gestiti dal regolatore PID.
85°C, la massima potenza di un singolo bruciatore è limi-
• Se la Temperatura Collettore > setpoint + 2°C viene
tata dalla Temperatura Caldaia:
spento il bruciatore acceso per ultimo, i rimanenti ultimi
due bruciatori sono gestiti dal regolatore PID e gli altri la- • se Temperatura Caldaia > setpoint - Neg_∆2_slave il
vorano alla massima potenza. Il controllo Master attende bruciatore modula;
un tempo pari a 30s prima di prendere un’ulteriore deci- • se Temperatura Caldaia > setpoint - Neg_∆2_slave +
sione. 4,5°C il bruciatore funziona al minimo.
Quando Temperatura Caldaia > 85°C per il tempo
Modalità: massima quantità di bruciatori acce- Low_load_period_slave (Par.99; preimpostato 60”) oppu-
si (Par.33=1) re Temperatura Caldaia > setpoint + Low_load_∆ (Par.9D;
Tutti i bruciatori sono controllati dallo stesso regolatore preimpostato 5°C) viene inviata alla scheda Master la ri-
PID in cui la grandezza regolata è la Temperatura di Col- chiesta dell’attivazione della funzione di Basso Carico e la
lettore e il setpoint è quello del circuito attivo (setpoint cir- scheda Master riduce il numero di bruciatori accesi. La
cuito di Alta o Bassa Temperatura, o setpoint sanitario). scheda Master attende quindi il tempo Low_load_waiting
(Par.99; preimpostato 60”) e verifica nuovamente la pre-
• Se la Temperatura Collettore < setpoint - 5°C viene ac-
senza della richiesta di Basso Carico, diminuendo il nume-
ceso il bruciatore successivo. Il controllo Master attende
ro di bruciatori accesi fino ad arrivare ad un unico brucia-
un tempo pari a 30s e poi se Temp. Collettore < setpoint
tore acceso.
- 5°C, viene acceso un ulteriore bruciatore.
• Se la Temperatura Collettore > setpoint + 2°C viene
spento il bruciatore acceso per ultimo. Il controllo Master Gestione della richiesta di calore per il circuito ad alta
attende un tempo pari a 30s prima di prendere un’ulte- temperatura con ingresso analogico (Par. 14=2 o 3)
riore decisione. Il termostato ambiente per il circuito alta temperatura viene
ignorato nella richiesta calore e il segnale in ingresso è uti-
lizzato per il calcolo della potenza o della temperatura di

30
setpoint del sistema. L’ingresso analogico (vedere i mor- per la fine della richiesta è di 0,2V e quindi la richiesta è
setti 13-14 dello schema elettrico a pag. 34) è unico per la presente sopra i 2V e cessa sotto 1,8V. Il bruciatore si
scheda Master e può essere utilizzato anche per il circuito accende quando:
a bassa temperatura (Par.22). Non è possibile utilizzare Temp. Mandata ≤ Setpoint_ch_high (Par. 1) -
l’ingresso analogico per entrambi i circuiti. Ch_high_hist_on (Par 19)
(Temp. Mandata ≤ Setpoint_ch_low (Par. 3) -
Ingresso analogico in potenza, Par. 14=2 (Par. Ch_low_mod_hist_on (Par.26))
22=2 per circuiti a bassa temperatura) Il bruciatore si spegne quando:
La domanda per il circuito di Alta Temperatura (Bassa Temp. Mandata > Setpoint_ch_high (Par. 1) +
Temperatura) viene fatta secondo queste regole (FIG. Ch_high_hist_off (Par. 20)
3.16): (Temp. Mandata > Setpoint_ch_low (Par. 3) +
• 0-2Vdc Ch_low_hist_off (Par. 27))
Nessuna richiesta da parte del circuito di Alta Tempera-
tura (Bassa Temperatura) 90
• 2-9Vdc 80
La domanda di calore viene convertita in una richiesta di
70
potenza per ciascun Slave. Un ingresso di 2V corrispon-

Setpoint
de alla minima potenza, 9V alla massima potenza 60
(Par.15). Tra 2V e 9V la potenza è calcolata linearmen- 50
te. L’isteresi per la fine della richiesta è di 0,2V e quindi 40
la richiesta è presente sopra i 2V e cessa sotto 1,8V. Il 30
bruciatore si accende quando: 20
Temp. Mandata ≤ Setpoint_ch_high (Par.1) -
10
Ch_high_mod_hist_on (Par.19)
(Temp. Mandata ≤ Setpoint_ch_low (Par.3) - 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Ch_low_mod_hist_on (Par.26))
Il bruciatore si spegne quando: Tensione (Volt)
Temp. Mandata > Setpoint_ch_high (Par.1) + Fig. 3.17
Ch_high_hist_off (Par.20)
(Temp. Mandata > Setpoint_ch_low (Par.3) + 3.11.8 Funzioni di sicurezza delle schede
Ch_low_hist_off (Par.27)) Slave
Quando la Temperatura Mandata > 90°C per 5s la scheda
250
Slave va in blocco (n°46).
Quando la Temperatura Ritorno > 80°C per 5s la scheda
200
Slave va in blocco (n°47).
Potenza (kW)

150 Quando la Temperatura Fumi > 80°C per 5s la scheda Sla-


ve va in blocco (n°48) e il ventilatore funziona per 10 minuti
100 al massimo.
La scheda Slave ha la possibilità di proteggere lo scambia-
50 tore primario dai pericoli di una bassa circolazione di ac-
qua in tre modi:
0
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 • 1 = con un flussostato (non utilizzato)
• 2 = con il controllo sulla differenza tra le temperature di
Tensione (Volt) mandata e di ritorno ∆T
Fig. 3.16 • 3 = con flussostato e ∆T
Il controllo sul ∆T utilizza un parametro ∆T_max (preimpo-
stato a 35°C) e limita la potenza del bruciatore nel modo
Ingresso analogico in temperatura, Par. 14=3
seguente:
(Par. 22=3 per circuiti a bassa temperatura)
La domanda per il circuito di Alta Temperatura (Bassa se ∆T_max -5°C>∆T>∆T_max-10°C bruciatore modula
Temperatura) viene fatta secondo queste regole (FIG. se ∆T_max>∆T>∆T_max-5°C bruciatore al minimo
3.17):
• 0-2Vdc se ∆_T>∆_T_max bruciatore spento
Nessuna richiesta da parte del circuito di Alta Tempera-
tura (Bassa Temperatura)
• 2-9Vdc
La domanda di calore viene convertita in una richiesta di
potenza per ciascun Slave, tramite l’algoritmo
PID_CH_high (PID_CH_low). 2V cor-risponde ad un
setpoint pari a T_Ch_high_foot, Par. 18
(T_Ch_low_foot, Par. 24), 9V ad un set-point pari a
SetPoint_Ch_high, Par.1 (SetPoint_Ch_low, Par.3). Tra
2V e 9V il setpoint viene calcolato linearmente. L’isteresi

31
3.11.9 Gestione valvola mix
La valvola mix è controllata dai parametri:
• mix_valve_step_open_time (Par.28): preimpostato 5s
• mix_valve_step_close__time (Par.29): preimpostato 7s
• mix_valve_interval_time (Par.30): preimpostato 5s
• mix_valve_p_hyst (Par.31): preimpostato 2°C
• mix_valve_still_hyst (Par.32): preimpostato 2°C
La valvola prima di aprire o chiudere attende il tempo impostato al Par.30:
• apre se T_mandata_bassa < setpoint_low - Par.32
• chiude se T_mandata_bassa > setpoint_low + Par.32
All’interno dell’intervallo (la valvola rimane nella posizione in cui si trova):
• se T_mandata_bassa < setpoint_low - Par31 apre per un tempo di ½ × Par.28
• se T_mandata_bassa > setpoint_low + Par31 chiude per un tempo di ½ × Par.29

55

45
Temperatura collettore

35

25

15

-5
0 5 10 15 20
Tempo [s]
Fig. 3.18

Setpoint 40˚C
3
Chiusura - apertura

2 Default

1 Apertura
valvola [s]

Par. 31 = 10
0

-1 Chiusura
-2

-3

-4
20 25 30 35 40 45 50 55 60
Temperatura mandata Mix
Fig. 3.19

32
3.11.10Tipo di GAS
Con il parametro 36 (Gas_type; preimpostato 1; impostabile da 1 a 4) è possibile scegliere il tipo di gas e la tipologia
d’installazione utilizzati. La scelta del tipo di Gas modifica automaticamente i parametri relativi alla velocità del ventilatore
nelle diverse fasi del controllo del bruciatore. I parametri modificati vengono inviati dalla scheda Master a tutte le schede
Slave collegate.
• 1 = MTN con scarico fumi < 15m
• 2 = MTN con scarico fumi > 15m
• 3 = GPL con scarico fumi < 15m
• 4 = GPL con scarico fumi > 15m

3.11.11Ciclo di accensione del bruciatore

Preventilazione
sicurezza OFF
sicurezza ON

Accensione

Accensione
Prescarica

Bruciatore
flusstato
Contatto

Scarica

acceso
Pompa

chiuso

fase 0

fase 1
Relè
Relè

Stato OFF

Tempo 0 TC>80°C 10 s 10 s 5s 24h max 5


Potenza
0 - - - - - - - >04
richiesta
Par. 86 Par. 85 Par. 85 Secondo
Ventilatore 0 0 0 0 0
preventilazione accensione accensione richiesta
Pompa 0 1 1 0 16 1 1 1 1
Valvola gas 0 0 0 0 0 0 0 1 1
Scarica 0 0 0 0 0 0 1 1 3 0
Ionizzazione 0 0 0 0 0 0 0 1 2
1 1

Se la sequenza di accensione inizia, viene portata a termine anche se cessa la richiesta calore.
1. Se la rilevazione della fiamma avviene alla fine del periodo di prescarica la scheda Slave genera un errore non vola-
tile.
2. Se alla fine del tempo di sicurezza (5 s) non è stata rilevata fiamma la scheda Slave effettua una fase di post-venti-
lazione per eliminare gli incombusti. Dopo si ripete un tentativo di accensione. Dopo 3 tentativi di accensione falliti
la scheda Slave genera un errore non volatile.
3. La scarica è presente per il tempo si sicurezza meno 1 secondo.
4. La potenza richiesta deve essere aggiornata dalla scheda Master almeno ogni minuto altrimenti la scheda Slave spe-
gne il bruciatore
5. Il bruciatore può funzionare al massimo per 24h di seguito. Dopo 24 ore di funzionamento continuo il bruciatore viene
spento e riacceso.
6. Se è presente un flussostato la scheda passa per lo stato “Flussostato chiuso”. In questo stato la scheda Slave veri-
fica la chiusura del contatto del pressostato e se non avviene entro 10 s viene generato un blocco. Se il contatto si
apre durante il funzionamento del bruciatore, il bruciatore viene spento e si ripete un tentativo di accensione
7. Durante le fasi di preventilazione e funzionamento viene controllata l’accelerazione del ventilatore. L’accelerazione è
programmabile dalla minima di 0,5Hz/300ms (1,67rps2) alla massima di 7,5Hz/300ms (25rps2).

3.11.12Impostazioni di fabbrica
È possibile riportare tutti i valori dei parametri (Service e OEM) alle impostazioni di fabbrica, impostando a 1 il valore del
parametro 41 Parameter_reset.

33
3.12 IMPOSTAZIONE DEGLI INDIRIZZI PER ABBINAMENTI IN CASCATA

3.12.1 Dati scheda Master 3.12.3 Interfaccia Utente schede Slave


La scheda Master è progettata per funzionare come unità • Il Led verde lampeggia con frequenza di 1 Hz in assenza
di controllo di 60 dispositivi slave. di richiesta calore
• Il Led verde lampeggia con frequenza di 2 Hz durante il
230Vac (-15% +10%), ciclo di accensione
Alimentazione
50Hz • Il Led verde rimane acceso con presenza di fiamma
0-60°C • Il Led rosso rimane spento in assenza di errori
Temperatura di funzionamento
(Picchi non continua) • Il Led rosso lampeggia con frequenza di 2 Hz in presen-
za di blocco volatile
Temperatura di stoccaggio –25 + 75°C
• Il Led rosso rimane acceso in presenza di blocco non vo-
Umidità relativa 93% a 25°C latile
Fusibili 2×3,15A-T, 230V
3.12.4 Accesso alle schede SLAVE
3.12.2 Dati schede Slave I microinterruttori delle schede slave sono già impostati in
fabbrica in modo da interfacciare un gruppo termico ma-
La scheda Slave è progettata per funzionare come unità a
ster (50 M o 100 M) ad un gruppo termico slave (100 S).
sè.
Qualora sia necessario collegare ulteriori gruppi termici
230Vac (-15% +10%), slave, i microinterruttori devono essere reimpostati.
Alimentazione
50Hz • Posizionare l’interruttore generale dell’impianto su
0-60°C (Picchi non con- “spento”.
Temperatura di funzionamento
tinua) • Accedere alle schede slave all’interno del quadro di co-
mando del gruppo termico (vedere passi descritti alla
Temperatura di stoccaggio –25 + 75°C PROCEDURA 5.4.3, PAG. 42).
Umidità relativa 93% a 25°C • Seguire la procedura di indirizzamento sotto descritta e
collegare i vari generatori tramite l’apposito cavo bus
Fusibili 1x3,15A T, 230V
(vedere APPENDICE G - PAG. 73).
Tempo di sicurezza 5,0s
Numero di tentativi
3
di riaccensione
Separato o combinato
Elettrodo di rilevazione
con accensione
Corrente di ionizzazione
1,2 µA
minima
Corrente di ionizzazione:
1,3 µA
inizio rilevazione
Corrente di ionizzazione
4,9 µA
massima

ATTENZIONE - Le schede di regolazione sono sensibili


allo scambio tra fase e neutro. L’inversione tra fase e neu-
tro genera un errore.
Tutte le schede slave sono complete di funzioni di blocco
non volatile e sono progettate con tutte le funzioni di sicu-
rezza necessarie per il comando diretto di un bruciatore.

34
3.12.5 Impostazione INDIRIZZI
Ciascuna scheda slave (una per ogni generatore presente) deve essere configurata opportunamente per essere ricono-
sciuta nella giusta sequenza dalla scheda master.
I generatori slave vanno innanzitutto suddivisi in blocchi ed il sistema può gestire fino a 15 blocchi di quattro generatori
slave ciascuno.
Ad esempio se si collegano n°5 generatori slave ad un master si hanno due blocchi: il primo composto da quattro gene-
ratori slave ed il secondo da un generatore slave.
Pertanto, la configurazione degli indirizzi va effettuata mediante la seguente procedura:
• Individuare il blocco da quattro a cui appartiene il generatore slave che si sta configurando (ad esempio blocco n°1,
n°2, ....., fino al blocco n°15)
• Individuare la posizione del generatore slave all’interno di ciascun blocco (ad es. in posizione 1, 2, 3 oppure 4).
1
OFF

J10
ON

Indirizzo SLAVE
2

Scheda SLAVE
J17
1

Main
2

ON
OFF

Indirizzo BLOCCO
3

Tabella indirizzi BLOCCHI


4

Microinterruttori BLOCCHI
1 2 3 4
OFF OFF OFF OFF Emergenza
OFF OFF OFF ON 1° blocco
OFF OFF ON OFF 2° blocco
OFF OFF ON ON 3° blocco
Tabella indirizzi SLAVE OFF ON OFF OFF 4° blocco
Microinterruttori Indirizzo OFF ON OFF ON 5° blocco
SLAVE OFF ON ON OFF 6° blocco
1 2 OFF ON ON ON 7° blocco
OFF OFF 1 ON OFF OFF OFF 8° blocco
OFF ON 2 ON OFF OFF ON 9° blocco
ON OFF 3 ON OFF ON OFF 10° blocco
ON ON 4 OFF OFF ON ON 11° blocco
ON ON OFF OFF 12° blocco
ON ON OFF ON 13° blocco
ON ON ON OFF 14° blocco
ON ON ON ON 15° blocco

35
Esempio di configurazione di una batteria con 7 bruciatori in cascata
Nel caso d’installazione di una batteria di sette generatori slave, i blocchi sono due: il primo composto da quattro gene-
ratori ed il secondo da tre. Pertanto, dovremo configurare due blocchi, rispettivamente con indirizzo 1 e 2 ed i generatori
appartenenti al primo blocco con indirizzo 1, 2, 3 e 4 e quelli appartenenti al secondo blocco con indirizzo 1, 2 e 3.

Indirizzo SLAVE Indirizzo BLOCCO

ON ON

Generatore n°1

1 2 1 2 3 4
OFF OFF

ON ON

Generatore n°2

1 2 1 2 3 4
OFF OFF
Blocco n°1
ON ON

Generatore n°3
1 2 1 2 3 4
OFF OFF

ON ON

Generatore n°4
1 2 1 2 3 4
OFF OFF

ON ON

Generatore n°1
1 2 1 2 3 4
OFF OFF

ON ON

Generatore n°2
Blocco n°2
1 2 1 2 3 4
OFF OFF

ON ON

Generatore n°3

1 2 1 2 3 4
OFF OFF

36
4. SPEGNIMENTO CALDAIA

4.1 SPEGNIMENTO TEMPORANEO

In caso di assenze temporanee, fine settimana, brevi viag- 1 e sonda esterna connessa;
gi, ecc. procedere come segue: Se temp.esterna ≤ 3°C (Par. 35 = Frost_protection) sono
• Impostare i termostati ambiente a circa 10°C. attivate la pompa di sistema e la pompa del circuito alta
• Impostare il parametro 2 a “10” oppure regolare il termo- temperatura.
stato bollitore a 10°C. • il secondo che attiva pompa e bruciatore
Restando attive l’alimentazione elettrica segnalata dal led Se dopo 10’ la temperatura di collettore ≤ 5°C, un brucia-
verde lampeggiante e l’alimentazione del combustibile, il tore è acceso al massimo finchè la temperatura di collet-
gruppo termico è protetto. Il controllo elettronico ha una tore ≥ 20°C;
protezione antigelo attiva anche in condizione di stand- Se dopo 10’ la temperatura di collettore ≥ 5°C,ma con
by. La protezione antigelo ha due livelli: CH_Type = 1 e sonda esterna connessa, la temperatura
• il primo che porta all’attivazione della pompa Esterna ≤ 3°C, la pompa continua a girare finchè la tem-
Se temperatura collettore ≥ 5°C, oppure, con CH_type = peratura esterna ≥ 3°C.

4.2 SPEGNIMENTO PER LUNGHI PERIODI

Il non utilizzo del gruppo termico per un lungo • Chiudere i rubinetti del combustibile e dell’acqua dell’im-
periodo comporta l’effettuazione delle seguenti operazioni: pianto termico.
• Posizionare l’interruttore generale dell’impianto e quello
principale del gruppo termico (1 - FIG. 4.1) su “spento” e
verificare lo spegnimento della segnalazione verde (2 -
FIG. 4.1).

ON
2
Fig. 4.2
OFF
 InSvuotare
questo caso i sistema antigelo è disattivato.
l’impianto termico e sanitario se c’è
1 pericolo di gelo.
Fig. 4.1

37
5. MANUTENZIONE
Per garantire il permanere delle caratteristiche di funziona- La pulizia della pannellatura deve essere fatta solamente
lità ed efficienza del prodotto e per rispettare le prescrizioni con acqua saponata.
della legislazione vigente, è necessario sottoporre l'appa-
recchio a controlli sistematici a intervalli regolari. La fre- MANUTENZIONE STRAORDINARIA
quenza dei controlli dipende dalle particolari condizioni di Sono gli interventi atti a ripristinare il funzionamento
installazione e di uso, ma è comunque opportuno un con- dell'apparecchio secondo quanto previsto da progetto e
trollo annuale da parte di personale autorizzato dei Centri normative, ad esempio, a seguito di riparazione di un gua-
di Assistenza. Nel caso di interventi o di manutenzioni di sto accidentale. Di norma è da intendere:
strutture poste nelle vicinanze dei condotti dei fumi e/o nei • sostituzione
dispositivi di scarico dei fumi e loro accessori, spegnere • riparazione
l'apparecchio e, a lavori ultimati, farne verificare l'efficienza • revisione di componenti.
da personale qualificato. Tutto questo ricorrendo a mezzi, attrezzature e strumenti
IMPORTANTE: prima di intraprendere qualsiasi opera- particolari.
zione di pulizia o manutenzione dell'apparecchio, agire
sull'interruttore dell'apparecchio stesso e dell'impianto per Prima di effettuare qualunque operazione:
interrompere l'alimentazione elettrica e chiudere l'alimen-
• Togliere l'alimentazione elettrica posizionando l'interrut-
tazione del gas agendo sul rubinetto situato sulla caldaia.
tore generale dell'impianto su "spento" (FIG. 5.1).
MANUTENZIONE ORDINARIA
Di norma sono da intendere le seguenti azioni: ON
• rimozione delle eventuali ossidazioni dal bruciatore;
• rimozione delle eventuali incrostazioni dagli scambiatori;
• verifica e pulizia generale dei condotti di scarico; OFF
• controllo dell'aspetto esterno della caldaia;
• controllo accensione, spegnimento e funzionamento
dell'apparecchio sia in sanitario che in riscaldamento;
Fig. 5.1
• controllo tenuta raccordi e tubazioni di collegamento gas
ed acqua; • Chiudere il rubinetto di intercettazione del combustibile
• controllo del consumo di gas alla potenza massima e mi- (FIG. 5.2).
nima;
• controllo posizione candeletta accensione-rilevazione
fiamma;
• verifica sicurezza mancanza gas;
Non effettuare pulizie dell'apparecchio né di sue parti
con sostanze facilmente infiammabili (es. benzina, alcool,
ecc.). Non pulire pannellatura, parti verniciate e parti in Fig. 5.2
plastica con diluenti per vernici.

5.1 TABELLA MANUTENZIONE PERIODICA PROGRAMMATA

1° 2° 3° 4°
OPERAZIONI DA EFFETTUARE ALLA SCADENZA DEL
ANNO ANNO ANNO ANNO
ANALISI DI COMBUSTIONE - SEZ. 3.6, PAG. 24 ✘ ✘
CONTROLLO CONDOTTI DI SCARICO E ASPIRAZIONE E RELATIVI TERMINA-
LI - SEZ. 7.6, PAG. 62 ✘ ✘ ✘ ✘
CONTROLLO E PULIZIA DELL’ELETTRODO ACCENSIONE - SEZ. 5.4.4, PAG. 43 ✘ ✘ ✘ ✘
CONTROLLO E PULIZIA VENTURI - SEZ. 5.4.5, PAG. 44 ✘ ✘ ✘ ✘
CONTROLLO E PULIZIA VENTILATORE - SEZ. 5.4.6, PAG. 45 ✘ ✘ ✘ ✘
CONTROLLO E PULIZIA BRUCIATORE - SEZ. 5.4.7, PAG. 46 ✘ ✘ ✘ ✘
CONTROLLO E PULIZIA SCAMBIATORE CONDENSANTE - SEZ. 5.4.7, PAG. 46 ✘ ✘ ✘ ✘
CONTROLLO E PULIZIA SIFONE - SEZ. 5.4.8, PAG. 47 ✘ ✘ ✘ ✘
VERIFICA SICUREZZE BLOCCO, MODULAZIONE, CHIUSURA OPERATORI
DOPO SPEGNIMENTO FIAMMA ✘ ✘ ✘ ✘
VERIFICA TARATURE E REGOLAZIONI - SEZ. 3.6, PAG. 24 - SEZ. 3.8, PAG. 26 ✘ ✘ ✘ ✘

38
5.2 UTENSILI NECESSARI PER ESEGUIRE INTERVENTI DI MANUTENZIONE

• Cacciavite magnetico PH1


• Cacciavite magnetico PH2
• Cacciavite piano
• Chiave a tubo da 7mm
• Chiavi fisse da 5mm - 7mm - 10 mm - 11mm - 13mm -
23mm - 24mm - 27mm e 29mm
• Forbici
• Lubrificante tipo Molikote 111
• Panno pulizia
• Spazzola
• Pasta termoconduttiva
• Pinza con becchi lunghi
• Pinzetta
• Punta da segno

5.3 NORME DI SICUREZZA

L'installazione della caldaia e qualsiasi altro intervento di


assistenza e di manutenzione devono essere eseguiti da
Personale Qualificato secondo le disposizioni ed i regola-
menti di legge vigenti nella Nazione dove il prodotto viene
commercializzato.

 Prima di ogni intervento:


- togliere tensione alla caldaia;
- chiudere il rubinetto del gas;
- se necessario chiudere l'ingresso dell'acqua
sanitaria ed i rubinetti del riscaldamento. Per
l'eventuale svuotamento dell'impianto di riscal-
damento e/o sanitario riferirsi alla SEZ. 7.5,
PAG. 61.

5.4 ACCESSIBILITÀ AI COMPONENTI

In questo capitolo sono riportate in dettaglio le operazioni


necessarie per accedere e smontare i principali compo-
nenti della caldaia. Se non espressamente indicato le pro-
cedure sono da ritenersi valide per tutte le versioni

39
5.4.1 Smontaggio mantello

PARTICOLARE INTERESSATO UTENSILI NECESSARI PER


SEQUENZA DELLE OPERAZIONI
DALL’OPERAZIONE ESEGUIRE L’OPERAZIONE
1 Togliere tensione al gruppo termico e chiudere il rubinetto del gas
1.1 Svitare le viti (1) di fissaggio del
mantello (2) N. 2 viti Cacciavite magnetico
1.2 Tirare a sé e poi verso l’alto la
base del mantello (2) per sgan-
ciarlo dal telaio e rimuoverlo Mantello Nessun utensile - a mano

 Per le operazioni di rimontaggio operare in senso contrario a quanto descritto.

40
5.4.2 Smontaggio quadro di comando

PARTICOLARE INTERESSATO UTENSILI NECESSARI PER


SEQUENZA DELLE OPERAZIONI
DALL’OPERAZIONE ESEGUIRE L’OPERAZIONE
2 Togliere tensione al gruppo termico e chiudere il rubinetto del gas
2.1 Sfilare il mantello. Riferirsi alla
PROCEDURA 5.4.1, PAG. 40
2.2 Ruotare di 90° il quadro di
comando (1) e rimuovere le quat-
tro viti (2) per togliere la chiusura
posteriore. N. 4 viti Cacciavite magnetico

 Per le operazioni di rimontaggio operare in senso contrario a quanto descritto.

41
5.4.3 Smontaggio schede elettroniche

PARTICOLARE INTERESSATO UTENSILI NECESSARI PER


SEQUENZA DELLE OPERAZIONI
DALL’OPERAZIONE ESEGUIRE L’OPERAZIONE
3 Togliere tensione al gruppo termico e chiudere il rubinetto del gas
3.1 Sfilare il mantello. Riferirsi alla
PROCEDURA 5.4.1, PAG. 40
3.2 Sfilare il quadro di comando.
Riferirsi alla PROCEDURA 5.4.2,
PAG. 41
3.3 Rimuovere le viti (1) e quindi il
coperchio della scheda Master. N. 2 viti Cacciavite magnetico
3.4 Ripetere la stessa operazione
per rimuovere il coperchio (2)
della prima scheda Slave e (3)
dell’eventuale seconda scheda
Slave. N. 2 viti + N. 2 viti Cacciavite
3.5 Togliere i connettori dei cablaggi
(4) delle schede e svitare le viti di
fissaggio per rimuoverle. Viti Cacciavite
3.6 Le schede presenti all’interno del
quadro sono:
• scheda Master (5) (modelli 50M
e 100M)
• prima scheda Slave (6)
• seconda scheda Slave (7) (mo-
delli 100M-100S)

 Per le operazioni di rimontaggio operare in senso contrario a quanto descritto.

2
3

7
5
4

4 4

42
5.4.4 Smontaggio elettrodo accensione

PARTICOLARE INTERESSATO UTENSILI NECESSARI PER


SEQUENZA DELLE OPERAZIONI
DALL’OPERAZIONE ESEGUIRE L’OPERAZIONE
4 Togliere tensione al gruppo termico e chiudere il rubinetto del gas
4.1 Sfilare il mantello. Riferirsi alla
PROCEDURA 5.4.1, PAG. 40
4.2 Togliere il cappuccio elettrodo (1) Cappuccio Nessun utensile - a mano
4.3 Svitare le viti (2) di fissaggio elet-
trodo e rimuoverlo N. 2 viti Cacciavite

 Per le operazioni di rimontaggio operare in senso contrario a quanto descritto.

43
5.4.5 Smontaggio venturi

PARTICOLARE INTERESSATO UTENSILI NECESSARI PER


SEQUENZA DELLE OPERAZIONI
DALL’OPERAZIONE ESEGUIRE L’OPERAZIONE
5 Togliere tensione al gruppo termico e chiudere il rubinetto del gas
5.1 Sfilare il mantello. Riferirsi alla
PROCEDURA 5.4.1, PAG. 40
5.2 Svitare le viti (1) di fissaggio ven-
turi - ventilatore N. 2 viti Cacciavite
5.3 Svitare le viti (2) di fissaggio val-
vola gas - venturi N. 4 viti Cacciavite

 Per le operazioni di rimontaggio operare in senso contrario a quanto descritto.

1
2

44
5.4.6 Smontaggio ventilatore

PARTICOLARE INTERESSATO UTENSILI NECESSARI PER


SEQUENZA DELLE OPERAZIONI
DALL’OPERAZIONE ESEGUIRE L’OPERAZIONE
6 Togliere tensione al gruppo termico e chiudere il rubinetto del gas
6.1 Sfilare il mantello. Riferirsi alla
PROCEDURA 5.4.1, PAG. 40
6.2 Staccare il cablaggio (1) del ven-
tilatore (2) Cablaggio
6.3 Svitare le quattro viti (3) che fis-
sano il ventilatore (4) allo scam-
biatore N. 4 viti Chiave a tubo da 8 mm
6.4 Svitare le due viti (5) che fissano
il ventilatore (2) al convogliatore
dell'aria (6) N. 2 viti Chiave fissa
6.5 Estrarre il ventilatore (2) Ventilatore

 Per le operazioni di rimontaggio operare in senso contrario a quanto descritto.

3
2

6 5

45
5.4.7 Smontaggio bruciatore e pulizia camera di combustione

PARTICOLARE INTERESSATO UTENSILI NECESSARI PER


SEQUENZA DELLE OPERAZIONI
DALL’OPERAZIONE ESEGUIRE L’OPERAZIONE
7 Togliere tensione al gruppo termico e chiudere il rubinetto del gas
7.1 Sfilare il mantello. Riferirsi alla
PROCEDURA 5.4.1, PAG. 40
7.2 Smontare il ventilatore. Riferirsi
alla PROCEDURA 5.4.6, PAG. 45
7.3 Togliere la guarnizione (1) ed
estrarre il bruciatore (2) Guarnizione + Bruciatore Nessun utensile - a mano
7.4 Una volta smontato il bruciatore è possibile accedere alla camera di combustione (3): per la pulizia utilizzare un
pennello in setola, aspirare il materiale depositato e, infine, lavare con acqua.

 Per le operazioni di rimontaggio operare in senso contrario a quanto descritto.

2
3

46
5.4.8 Smontaggio sifone

PARTICOLARE INTERESSATO UTENSILI NECESSARI PER


SEQUENZA DELLE OPERAZIONI
DALL’OPERAZIONE ESEGUIRE L’OPERAZIONE
8 Togliere tensione al gruppo termico e chiudere il rubinetto del gas
8.1 Sfilare il mantello. Riferirsi alla
PROCEDURA 5.4.1, PAG. 40
8.2 Togliere la coppiglia (1) e stac-
care il tubo corrugato di scarico
condensa (2) Molletta + Tubo corrugato Pinza
8.3 Estrarre il sifone e smontarlo
agendo sui due tappi a vite (3) Tappi a vite Nessun utensile - a mano
8.4 Rimuovere il galleggiante (4) e
pulire tutti i componenti Galleggiante Nessun utensile - a mano

 Per le operazioni di rimontaggio operare in senso contrario a quanto descritto.

1
2

47
5.4.9 Smontaggio sonde NTC

PARTICOLARE INTERESSATO UTENSILI NECESSARI PER


SEQUENZA DELLE OPERAZIONI
DALL’OPERAZIONE ESEGUIRE L’OPERAZIONE
9 Togliere tensione al gruppo termico e chiudere il rubinetto del gas
9.1 Sfilare il mantello. Riferirsi alla
PROCEDURA 5.4.1, PAG. 40
9.2 Svitare la sonda di mandata (1) Sonda di mandata Chiave fissa
9.3 Svitare la sonda di ritorno (2) Sonda di ritorno Chiave fissa

 Per le operazioni di rimontaggio operare in senso contrario a quanto descritto.

Tenuta dello
scambiatore

1 Se allentato
può allagare
la camera di
combustione

Tenuta dello
scambiatore

48
5.4.10 Smontaggio termostato di sicurezza

PARTICOLARE INTERESSATO UTENSILI NECESSARI PER


SEQUENZA DELLE OPERAZIONI
DALL’OPERAZIONE ESEGUIRE L’OPERAZIONE
10 Togliere tensione al gruppo termico e chiudere il rubinetto del gas
10.1 Sfilare il mantello. Riferirsi alla
PROCEDURA 5.4.1, PAG. 40
10.2 Rimuovere il termostato di sicu-
rezza (1) Termostato di sicurezza Chiave fissa

 Per le operazioni di rimontaggio operare in senso contrario a quanto descritto.

49
5.4.11 Smontaggio sonda fumi

PARTICOLARE INTERESSATO UTENSILI NECESSARI PER


SEQUENZA DELLE OPERAZIONI
DALL’OPERAZIONE ESEGUIRE L’OPERAZIONE
11 Togliere tensione al gruppo termico e chiudere il rubinetto del gas
11.1 Sfilare il mantello. Riferirsi alla
PROCEDURA 5.4.1, PAG. 40
11.2 Rimuovere la sonda fumi (1) Sonda fumi Chiave fissa

 Per le operazioni di rimontaggio operare in senso contrario a quanto descritto.

50
5.4.12 Smontaggio valvola gas

PARTICOLARE INTERESSATO UTENSILI NECESSARI PER


SEQUENZA DELLE OPERAZIONI
DALL’OPERAZIONE ESEGUIRE L’OPERAZIONE
12 Togliere tensione al gruppo termico e chiudere il rubinetto del gas
12.1 Sfilare il mantello. Riferirsi alla
PROCEDURA 5.4.1, PAG. 40
12.2 Svitare le viti (1) di fissaggio val-
vola gas - rampa gas N. 4 viti Cacciavite
12.3 Svitare le viti (2) di fissaggio val-
vola gas - venturi N. 4 viti Cacciavite

 Per le operazioni di rimontaggio operare in senso contrario a quanto descritto.

2 1

51
5.4.13 Smontaggio valvola a 2 vie - oppure circolatore di iniezione

PARTICOLARE INTERESSATO UTENSILI NECESSARI PER


SEQUENZA DELLE OPERAZIONI
DALL’OPERAZIONE ESEGUIRE L’OPERAZIONE
13 Togliere tensione al gruppo termico e chiudere il rubinetto del gas
13.1 Sfilare il mantello. Riferirsi alla
PROCEDURA 5.4.1, PAG. 40
13.2 Allentare le ghiere superiore e
inferiore (1). N. 2 ghiere Chiave fissa
13.3 Rimuovere la valvola a due vie
(2) oppure il circolatore di inie-
zione (3).

 Per le operazioni di rimontaggio operare in senso contrario a quanto descritto.

52
6. RICERCA GUASTI
6.1 MODO ERRORE

Il display comincia a lampeggiare in presenza di un’anomalia proveniente da un qualunque elemento termico. Seguire la
procedura indicata per individuare gli errori.

Procedura Display

1 Il display comincia a lampeggiare per segnalare uno o più errori.

Premere “+”: sul display comparirà l’indirizzo della prima unità in alternanza con il primo co-
dice di errore. Premere “+” di nuovo per visualizzare il resto degli errori di questa unità. Gli
errori delle unità successive non funzionanti saranno visualizzati in successione, premendo il
2
tasto “+”. Premendo il tasto “-” gli errori verranno visualizzati in ordine inverso (Es. unità 2
codice di errore E02). Se gli errori provengono dalla scheda Master sono visualizzati come er-
rori dell’unità 00 (U 00 + codice errore).

3 Premere “MODE” per uscire dal modo Errore e tornare al modo display.

6.2 BLOCCO PERMANENTE

In caso di bruciatori in blocco permanente, è necessario premere il tasto “RESET” per ripristinarne il funzionamento.
Se si preme il tasto “RESET” mentre si è in modalità Visualizzazione, tutti gli elementi termici Slave saranno ripristinati.
Se si preme il tasto “RESET” mentre si sta visualizzando l’errore che ha provocato il blocco permanente, verrà ripristi-
nato solo l’elemento termico interessato dal blocco.

6.3 CODICI ANOMALIE

6.3.1 Errori nella scheda MASTER


Nelle tabelle successive viene fornita una descrizione degli errori che si verificano nella scheda Master. Gli errori possono
essere divisi in due gruppi:
• Errori permanenti TIPO A, disattivabili solo premendo il pulsante di Reset (vedere rif. 3, SEZ. 1.6, PAG. 6).
• Errori di blocco TIPO E che si disattivano quando scompare la causa che li determina.

Errori permanenti TIPO A

N. Errore Descrizione
A 16 ERRORE DI EEPROM I contenuti della EEPROM non sono corretti

A 18 FIRMA ERRATA DI EEPROM EEprom non corrisponde al processore principale

Errori disattivabili automaticamente TIPO E


Si possono verificare i seguenti errori disattivabili automaticamente.vv
Se viene rilevato uno qualsiasi di questi errori si accende il led rosso (vedere rif. 4, SEZ. 1.6, PAG. 6).

N. Errore Descrizione
E 25 ERRORE DI LETTURA DELLA EEPROM La EEPROM non è leggibile

E 23 ERRORE DI REFHI TROPPO BASSO Temperatura misurata non corretta

E 24 ERRORE DI REFHI TROPPO ALTO Temperatura misurata non corretta

E 25 ERRORE DI REFLO TROPPO BASSO Temperatura misurata non corretta

E 26 ERRORE DI REFLO TROPPO ALTO Temperatura misurata non corretta

E 32 SLAVES NON PRESENTI Non ci sono slaves connesse

53
N. Errore Descrizione
E 34 ERRORE DI 50 Hz La frequenza principale non è 50 Hz
NTC1 aperto (o non connesso)
E 02 Sensore di mandata del primario non connesso
(NTC1 = sensore di mandata)
NTC6 aperto (o non connesso)
E 03 (NTC6 = sensore di mandata del 2° circuito o di bas- Sensore di mandata del 2° circuito non connesso
sa temperatura)
NTC3 aperto (o non connesso)
E 04 Sensore del bollitore non connesso
(NTC3 = sensore bollitore)
NTC4 aperto (o non connesso)
E 05 Sensore di temperatura esterna non connesso
(NTC4 = sensore della T esterna)
E 18 NTC1 in cortocircuito (NTC1 = sensore di mandata) Cortocircuito del sensore di mandata del circuito 1°
NTC6 in cortocircuito (NTC6 = sensore di mandata Cortocircuito del sensore di mandata del circuito 2°
E 19 del 2° circuito o di bassa temperatura) o di bassa temperatura
E 20 NTC3 in cortocircuito (NTC3 = sensore del bollitore) Sensore del bollitore in cortocircuito
NTC4 in cortocircuito
E 21 Sensore T esterna in cortocircuito
(NTC4 = sensore della T esterna)

Se si verifica un errore nella scheda Master il led rosso si accende e il contatto di segnalazione di allarme (vedere rif. 13,
SEZ. 1.6, PAG. 6) si chiude.

6.3.2 Errori nella scheda SLAVE

Lista errori slave: ripristino con reset manuale


Nel caso di errori di tipo slave con ripristino manuale è possibile agire anche sul pulsante di reset Slave (vedere rif. 13,
SEZ. 1.6, PAG. 6).

N. Errore
A 01 5 tentativi di accensione senza successo

A 02 Troppe accensioni fallite

A 04 Errore relè valvola gas

A 05 Errore relè valvola gas

A 06 Relè sicurezza non chiude

A 07 Relè sicurezza non apre

A 08 Relè sicurezza aperto quando si aspetta chiuso

A 09 Errore di RAM

A 10 Errore di EEprom

A 11 Errore ventilatore

A 12 Firma errata di EEprom

A 16 Relè sicurezza chiuso quando si aspetta aperto

A 17 Errore sensore di mandata per aver superato la max. temperatura di mandata

A 18 Errore sensore di ritorno per aver superato la max. temperatura di ritorno


Errore sensore fumi per aver superato la max. temperatura fumi (con questo errore il ventilatore gira alla
A 19 massima velocità )
A 20 La fiamma si è spenta troppo tardi dopo la chiusura della valvola gas

A 24 Errore ventilatore

54
Lista errori slave: ripristino automatico

N. Errore
E 33 Errore di inversione fase-neutro

E 34 Errore tasto reset

E 35 Errore pressostato acqua - contatto non chiuso (non utilizzato)

E 36 Errore lettura EEPROM

E 37 Errore di rivelazione fiamma - fase e neutro invertiti

E 38 Sensore fumi in cortocircuito

E 39 Sensore fumi aperto

E 40 Errore 50 Hz

E 41 Errore comunicazione

E 42 Sensore di mandata in cortocircuito

E 43 Sensore di mandata con contatto aperto

E 44 Sensore di ritorno in cortocircuito

E 45 Sensore di ritorno con contatto aperto

E 46 Errore sensore di mandata per aver superato la temperatura limite

E 47 Errore sensore di ritorno per aver superato la temperatura limite

E 48 Errore sensore fumi per aver superato la temperatura limite (con questo errore il ventilatore gira al max.)

Se si verifica un errore nella scheda Slave, il Master indica questo errore nel display e il sistema continua a funzionare.
È possibile la memorizzazione degli ultimi 32 errori.

6.4 EVENTUALI ANOMALIE E RIMEDI

ANOMALIA CAUSA RIMEDIO


Verificare la tenuta delle giunzioni e la
Odore di gas Circuito di alimentazione gas
chiusura delle prese di pressione
Verificare:
• La tenuta delle giunzioni
Odore di gas incombusti Circuito fumi
• Assenza di ostruzioni
• Qualità combustione
Verificare le regolazioni di combustio-
Condensa sui tubi uscita fumi Bassa temperatura dei fumi
ne e la portata combustibile
Pressione gas bruciatore Verificare regolazione
Diaframma installato Verificare diametro
Combustione non regolare Pulizia bruciatore e scambiatore Verificare condizioni
Passaggi scambiatore ostruiti Verificare pulizia dei passaggi
Ventilatore in avaria Verificare funzionamento
Pressione gas bruciatore Verificare regolazione
Ritardi di accensione con pulsazioni al
bruciatore Verificare il posizionamento e le condi-
Elettrodo di accensione
zioni

Il gruppo termico si sporca in breve Verificare colore fiamma


Combustione
tempo Verificare regolazioni di combustione
Verificare presenza tensione 230Vac
Il bruciatore non si avvia al consenso
Valvola gas sui terminali della valvola gas; verifica-
della regolazione del gruppo termico
re cablaggi e connessioni

55
ANOMALIA CAUSA RIMEDIO
Mancanza alimentazione elettrica (il Verificare:
Il gruppo termico non si avvia display non visualizza nessun mes- • collegamenti elettrici
saggio) • stato del fusibile
Corpo generatore sporco Pulire camera di combustione

Il gruppo termico non va in temperatu- Portata bruciatore insufficiente Controllare regolazione bruciatore
ra Verificare corretto funzionamento
Regolazione gruppo termico
Verificare temperatura impostata
Verificare corretto funzionamento
Verificare temperatura impostata
Mancanza acqua
Verificare il cablaggio elettrico
Il generatore va in blocco di sicurezza
termica Verificare posizione bulbi sonde
Verificare valvola di sfiato
Regolazione gruppo termico Verificare pressione circuito riscalda-
mento
Presenza d'aria nell'impianto Sfiatare l'impianto
Sbloccare il circolatore
Il generatore è in temperatura ma il si-
stema scaldante è freddo Sostituire il circolatore
Circolatore in avaria
Verificare il collegamento elettrico del
circolatore
Sbloccare il circolatore
Sostituire il circolatore
Il circolatore non si avvia Circolatore in avaria
Verificare il collegamento elettrico del
circolatore
Vaso espansione impianto Verificare taratura o efficienza

Frequente intervento della valvola di Verificare pressione carico


Pressione circuito impianto impianto
sicurezza impianto Verificare riduttore di pressione
Valvola di sicurezza impianto Verificare efficienza

56
7. INSTALLAZIONE

7.1 INSTALLAZIONE DEl GRUPPO TERMICO

Il gruppo termico deve essere fissato


su una solida parete in muratura mediante la staffa (1 - FIG. 1
7.1). Per l’installazione:
3
• Posizionare la staffa (1 - FIG. 7.1) sulla parete ad un’al-
tezza di circa 200 cm da terra, con l’ausilio di una livella
in modo che i fori siano perfettamente orizzontali.
• Marcare sulla parete i fori per il fissaggio.
• Esegure i fori e inserire i tasselli ad espansione (2 - FIG.
7.1).
• Fissare la staffa al muro utilizzando le viti (3 - FIG. 7.1).
• Agganciare quindi il gruppo termico alla staffa.
2
 L’altezza del gruppo termico va scelta in modo da
rendere semplici le operazioni di smontaggio e
manutenzione.

 Ilzioni
gruppo termico pr non è progettato per installa-
all’esterno.

Fig. 7.1

7.2 COLLEGAMENTI IDRAULICI

I gruppi termici sono progettati e realiz- Raccolta condensa


zati per essere installati su impianti di riscaldamento e di Individuare lo scarico condensa (S - FIG. 7.2) posto nella
produzione di acqua calda sanitaria. Le caratteristiche de- parte inferiore del gruppo termico e:
gli attacchi idraulici sono le seguenti (FIG. 7.2): • rimuovere la/e ghiera/e (1 - FIG. 7.2);
• MI - Mandata impianto: 1” M • far passare il tubo (2 - FIG. 7.2) nell’apposito foro e ri-
• RI - Ritorno impianto: 1” M montare la ghiera dall’esterno.
• GAS - Alimentazione gas: 3/4” M. Convogliare la condensa nello scarico delle acque bianche
o verso un neutralizzatore quando richiesto dalla Normati-
va vigente.

 Ildanni
costruttore non è responsabile di eventuali
causati dalla mancanza di convogliamento
del condensato.

 La linea di collegamento dello scarico condensa


deve essere a tenuta garantita.
S

1 Pulizia dell’impianto
Questo accorgimento preventivo si rende assolutamente
necessario allorché si procede alla sostituzione di un ge-
neratore di calore su impianti preesistenti ed è comunque
2 consigliabile anche su impianti di nuova realizzazione
onde rimuovere scorie, impurità, residui di lavorazione
ecc. Per effettuare tale pulizia, nel caso fosse ancora in-
stallato nell’impianto il vecchio generatore, si consiglia di:
MI RI GAS MI RI GAS
• Aggiungere un additivo disincrostante nell’acqua d’im-
Fig. 7.2 pianto.
• Far funzionare l’impianto a generatore funzionante per

57
circa 7 giorni.
• Scaricare l’acqua sporca d’impianto e lavare una o più
volte con acqua pulita. Ripetere eventualmente l’ultima
operazione se l’impianto risultasse molto sporco.

400
In caso non fosse presente o disponibile il vecchio genera-
tore, utilizzare una pompa per far circolare l’acqua additi-
vata nell’impianto per circa 10 giorni ed effettuare il lavag-
gio finale come descritto al punto precedente. Alla fine
dell’operazione di pulizia, prima dell’installazione del grup-
po termico è consigliabile additivare l’acqua d’impianto con
un liquido protettivo.

 Per informazioni aggiuntive sul tipo e sull’uso


degli additivi rivolgersi al Servizio Tecnico di
Assistenza .

7.2.1 Kit idraulici

125 125 200


MI
Per facilitare la realizzazione dell’impianto idraulico sono
disponibili due kit accessori che consistono di collettori RI

1000
idraulici e staffe di supporto. GAS

Kit idraulico per installazioni fino a 100 kW 700

(cod. 4030070 - FIG. 7.3)


• N° 1 collettore gas diametro 45 mm
• N° 1 collettore mandata impianto diametro 45 mm
• N° 1 collettore ritorno impianto diametro 45 mm
• Attacchi femmina da 2” Fig. 7.3

Kit idraulico per installazioni superiori a 100


kW (cod. 4030071 - FIG. 7.4).
• N° 1 collettore gas diametro 3”
• N° 1 collettore coibentato di mandata impianto Ø 3”
150
400

• N° 1 collettore coibentato di ritorno impianto Ø 3”


• Tubi flangiati DN 80 - PN 6

 Identificare come gruppo termico Master quello


più vicino alla mandata impianto in modo da
minimiz-zare la lunghezza dei cavi dei circolatori,
della sonda di mandata e dell’eventuale sonda
bollitore.

 La sonda di mandata va posta nel pozzetto più


300

vicino alla mandata impianto in relazione al MI


senso di flusso dell’acqua
250

RI
1000

250

GAS
1500

Fig. 7.4

7.3 COLLEGAMENTI COMBUSTIBILE

Il collegamento del Gruppo Termico • la tubazione di alimentazione gas sia di dimensione


all'alimentazione del gas metano o GPL deve essere ese- uguale o superiore a quella del raccordo del Gruppo Ter-
guito nel rispetto delle Norme di installazione vigenti. mico (3/4”) e con perdita di carico minore o uguale a
Prima di eseguire il collegamento è necessario assicurarsi quella tra alimentazione gas ed apparecchio.
che: Ad installazione effettuata verificare che le giunzioni ese-
• il tipo di gas sia quello per il quale l'apparecchio è predi- guite siano a tenuta, come previsto dalle Norme di instal-
sposto; lazione. Sulla linea gas è consigliato l'impiego di un ade-
• le tubazioni siano accuratamente pulite; guato filtro.

58
7.4 COLLEGAMENTI ELETTRICI

I gruppi termici 50 M RES, 50 M e 100 M la- • Ruotare il quadro di comando (3 - FIG. 7.7) e rimuovere
sciano la fabbrica completamente cablati con il cavo di ali- la carenatura posteriore rimuovendo le viti di tenuta (4 -
mentazione elettrica già collegato, e necessitano solamen- FIG. 7.7).
te del collegamento dei termostati ambiente, della sonda
esterna e dei circolatori utilizzati, da effettuarsi ai morsetti
dedicati. Per i gruppi termici 100 S RES e 100
S è sufficente il collegamento del cavo Bus (vedere AP- 3
PENDICE G - PAG. 73). Per far ciò:
• Posizionare l’interruttore generale dell’impianto su
“spento”.

ON

OFF

4
Fig. 7.7
Fig. 7.5
• Individuare la morsettiera (5 - FIG. 7.8) ed effettuare i
• Svitare le viti (1 - FIG. 7.6) di fissaggio del pannello fron- collegamenti come nello schema sotto riportato.
tale (2 - FIG. 7.6).
• Tirare a sé e poi verso l’alto la base del pannello (2 - FIG.
7.6) per sganciarlo dal telaio e rimuoverlo.
5

Fig. 7.8

Fig. 7.6

59
7.4.1 Morsettiera interna al quadro di comando master

28 Sonda zona 1
1
PB (*) SZ1
Circolatore sanitario alta temperatura
27 2
26 PZ1 (*) 3
Circolatore impianto Sonda di bollitore SB
25 Alta Temperatura 4
24 PZ2 (*) Circolatore di anello o 5
Sonda zona 2 SZ2
Pbas (*) Circolatore impianto bassa temperatura
23 6
Bassa Temperatura
22 7
Sonda esterna SE
21 VM (*) 8
Valvola miscelatrice
20
19
Contatto per
segnalazione di allarme
18
TA2 TA1
Termostato ambiente Termostato ambiente
Bassa Temperatura Alta Temperatura

Ingresso
analogico
0-10V

17 16 15 14 13 12 11 10 9

(*) 230V~50Hz

 È1 obbligatorio:
- l'impiego di un interruttore magnetotermico
 Simediante
consiglia il collegamento dei circolatori
l’interposizione di idonei teleruttori con
onnipolare, sezionatore di linea, conforme alle azionamento manuale d’emergenza.
Norme CEI-EN (apertura dei contatti di almeno 3
mm); ( È vietato l'uso dei tubi gas e/o acqua per la messa a
2 - rispettare il collegamento L (Fase) - N (Neu- terra dell'apparecchio.
tro). Mantenere il conduttore di terra più lungo di
circa 2 cm rispetto ai conduttori di alimentazione.
( È vietato far passare i cavi di alimentazione e del ter-
3 - utilizzare cavi con sezione maggiore o uguale mostato ambiente in prossimità di superfici calde
a 1,5 mm2, completi di puntalini capocorda; (tubi di mandata).
4 - riferirsi agli schemi elettrici del presente Il costruttore non è responsabile di eventuali danni
libretto per qualsiasi intervento di natura elet- causati dalla mancanza di messa a terra dell'apparec-
trica. chio e dall'inosservanza di quanto riportato negli
5 - collegare l'apparecchio ad un efficace schemi elettrici.
impianto di terra.

60
7.5 CARICAMENTO E SVUOTAMENTO IMPIANTI

Il gruppo termico non è dotato di rubi- sommità degli elementi termici. Verificare che il
netto di carico automatico, che deve essere previsto sul ri- tappo della valvola sia aperto.
torno dell’impianto.
7.5.2 Svuotamento
7.5.1 Caricamento
Prima di iniziare lo svuotamento togliere l’alimentazione
• Aprire i rubinetti di intercettazione (1 - FIG. 7.9) installati elettrica posizionando l’interruttore generale dell’impianto
sugli attacchi idraulici del gruppo termico. su “spento”.

1 ON

OFF

MI

RI
Fig. 7.12
GAS
Svuotamento del Gruppo Termico
• Chiudere i rubinetti di intercettazione (1 - FIG. 7.13) in-
stallati sugli attacchi idraulici del gruppo termico.
Fig. 7.9 1
• Aprire di due o tre giri i tappi della/e valvola/e di sfiato au-
tomatico (2 - FIG. 7.10).

2 2

MI

RI
GAS

Fig. 7.13
Fig. 7.10
• Collegare un tubo di plastica al rubinetto di scarico (4 -
• Aprire la valvola a 2 vie, di ciascun elemento termico, FIG. 7.14), di ciascun elemento termico, ed aprirlo.
portando la levetta (3 - FIG. 7.11) in posizione “MANUA-
LE”. Tale levetta è posta sotto il gruppo termico. 4 4

AUTO
MAN

Fig. 7.14

 Prima di aprire il rubinetto di scarico (4 - FIG.


7.14) proteggere i dispositivi elettrici sottostanti
Fig. 7.11 da un'eventuale fuoriuscita d'acqua.

 La disareazione del gruppo termico


avviene automaticamente attraverso la/e
valvola/ e di sfiato automatico posizionata/e sulla

61
Svuotamento dell’impianto • Aprire la valvola a 2 vie, di ciascun elemento termico,
• Verificare che i rubinetti di intercettazione (1 - FIG. 7.15), portando la levetta (3 - FIG. 7.16) in posizione “MANUA-
installati sull’impianto idraulico, siano aperti. LE”. Tale levetta è posta sotto il gruppo termico.
• Collegare un tubo di plastica al rubinetto di scarico (5 -
FIG. 7.15), previsto sulla linea di ritorno dell’impianto, ed
aprirlo. AUTO
MAN
1

MI

RI
GAS Fig. 7.16

Fig. 7.15

7.6 SCARICO FUMI ED ASPIRAZIONE ARIA COMBURENTE

Il condotto di scarico ed il raccordo alla canna fumaria de-


vono essere realizzati in conformità alle Norme, alla Legi-
slazione vigente ed ai regolamenti locali. È obbligatorio
l’uso di condotti rigidi, resistenti alla temperatura, alla con-
densa, alle sollecitazioni meccaniche e a tenuta. Tali con-
dotti devono essere acquistati a cura dell’installatore.

275 37

61 B23
S S

S - Scarico fumi Ø 50 mm • B23


Ventilatore a monte. Aspirazione aria comburente
Fig. 7.17 direttamente dal locale dov’è installato il gruppo
termico. Scarico gas combusti a mezzo di condotti
 Ifonti
condotti di scarico non isolati sono potenziali
di pericolo.
orizzontali o verticali, e predisposte prese di venti-
lazione.

 chierato.
Il raccordo camino di è bic-
 Fare riferimento al DPR 412 e UNI CIG 7129.
Fig. 7.18

7.6.1 Lunghezza massima dei condotti


La lunghezza massima equivalente della somma dei con-
dotti di aspirazione e scarico fumi da 50 mm è di 30 metri
con una perdita di carico di 2 metri per ogni curva da 90°.
Installazione di un singolo gruppo termico con scarico fumi
passante all’interno di un cavedio (funzionamento a came-
ra aperta).

62
Per questo tipo di funzionamento bisogna accertarsi che le
dimensioni del cavedio siano conformi a quanto previsto
dalle norme vigenti. modelli 50 M + 100 S
Nelle FIG. 7.19, FIG. 7.20 e FIG. 7.20 sono riportate le di-
mensioni minime del cavedio in caso del passaggio di un
tubo (modello 50 M) o di due tubi (modelli 100 M o 100 S)
scarico fumi.

 ÈSEZnecessario impostare il parametro 36 (vedere


. 3.5, PAG. 19) in base al tipo di gas ed alla lun-
ghezza del camino.

modello 50 M

Dimensioni minime del cavedio per il passaggio


di tre tubi fumo da 50 mm di diametro
Cavedio quadrato Cavedio rettangolare

20 50 20 50 20 230 mm

20
90 mm

50
20
20 20

Dimensioni interne minime del cavedio per il passaggio 20 50 20 50 20 50 20

di n° 1 tubo fumi da 50 mm di diametro


160 mm
Cavedio circolare Cavedio quadrato
Fig. 7.21

Ø 71 mm 63 mm 7.6.2 Predisposizione scarichi condensa


L’evacuazione della condensa prodotta dal gruppo termico
durante il suo normale funzionamento
deve essere realizzata a pressione atmosferica, cioè per
Ø 50 mm Ø 50 mm gocciolamento in un recipiente sifonato collegato, secondo
Fig. 7.19 la seguente procedura:
• realizzare un gocciolatoio in corrispondenza dello scari-
co condensa;
• collegare il gocciolatoio alla rete fognaria mediante un
modello 100 M
sifone;
• prevedere un neutralizzatore dove previsto dalla legge.

 Ilnormative
gocciolatoio deve essere realizzato secondo le
tecniche vigenti.

 Ègruppi
obbligatorio l’uso di condotti specifici per
termici a condensazione. Per l’installa-
zione seguire le istruzioni fornite con i Kit.

Dimensioni interne minime del cavedio per il passaggio


di n° 2 tubi fumo da 50 mm di diametro

Cavedio circolare Cavedio rettangolare

Ø 160 mm 160 mm
20
90 mm

50
20

20 50 20 50 20
20 50 20 50 20

Fig. 7.20

63
Sifone lungo il condotto di scarico
Qualora si renda necessario prolungare il tratto verticale o
quello orizzontale del condotto di scarico per una lunghez-
za superiore ai 4 metri, è necessario provvedere al dre-
naggio sifonato della condensa al piede della tubazione.
L’altezza utile del sifone deve essere pari ad almeno 300
mm. Lo scarico del sifone dovrà quindi essere collegato
alla rete fognaria.
distanza
minima
300 mm

distanza
minima
10 mm i > 3%
Scarico Civile
Raccoglitore di condensa
(a pressione atmosferica)

Fig. 7.22

7.7 INSTALLAZIONE SONDA ESTERNA

Il corretto posizionamento della sonda esterna è fonda- • Svitare il dado del pressacavo, introdurre un cavo bipo-
mentale per il buon funzionamento del controllo climatico. lare (con sezione da 0,5 a 1 mm2, non fornito a corredo)
La sonda deve essere installata all’esterno dell’edificio da per il collegamento della sonda ai morsetti 7 e 8 (vedere
riscaldare, a circa 2/3 dell’altezza della facciata a NORD o APPENDICE G - PAG. 73).
NORD-OVEST e distante da canne fumarie, porte, finestre • Collegare alla morsettiera i due fili del cavo senza ne-
ed aree assolate. cessità di identificare le polarità.
• Avvitare a fondo il dado del pressacavo e richiudere il
7.7.1 Fissaggio al muro della sonda esterna coperchio della scatola di protezione.
• Svitare il coperchio della scatola di protezione della son-
da ruotandolo in senso antiorario per accedere alla mor-
 La sonda va posta in un tratto di muro liscio, in
caso di mattoni a vista o di parete irregolare, va
settiera ed ai fori di fissaggio. prevista un’area di contatto liscia.
• Tracciare i punti di fissaggio utilizzando la scatola di con-
tenimento come dima.  La lunghezza massima del collegamento tra
sonda esterna e pannello comandi è di 50 m.
• Togliere la scatola ed eseguire la foratura per tasselli ad
espansione da 5x25.  Ilcomandi
cavo di collegamento tra sonda e pannello
non deve avere giunte; nel caso fossero
• Fissare la scatola al muro utilizzando i due tasselli forniti
a corredo. necessarie, devono essere stagnate e adeguata-
mente protette.

 Eventuali canalizzazioni del cavo di collega-


mento devono essere separate da cavi in ten-
sione (230 V.a.c.).

Fig. 7.23

64
Tabella di corrispondenze
Temperature rilevate (°C) - Valori resistivi delle sonde (Ω).

T (°C) R (Ω)
( ) T (°C) R (Ω)
( ) T (°C) R (Ω)
( ) T (°C) R (Ω)
( )
-20 67739 20 12090 60 3021 100 973
-19 64571 21 11634 61 2928 101 948
-18 61568 22 11199 62 2839 102 925
-17 58719 23 10781 63 2753 103 901
-16 56016 24 10382 64 2669 104 879
-15 53452 25 9999 65 2589 105 857
-14 51018 26 9633 66 2512 106 836
-13 48707 27 9281 67 2437 107 815
-12 46513 28 8945 68 2365 108 796
-11 44429 29 8622 69 2296 109 776
-10 42449 30 8313 70 2229 110 757
-9 40568 31 8016 71 2164
-8 38780 32 7731 72 2101
-7 37079 33 7458 73 2040
-6 35463 34 7196 74 1982
-5 33925 35 6944 75 1925
-4 32461 36 6702 76 1870
-3 31069 37 6470 77 1817
-2 29743 38 6247 78 1766
-1 28481 39 6033 79 1717
0 27279 40 5828 80 1669
1 26135 41 5630 81 1622
2 25044 42 5440 82 1577
3 24004 43 5258 83 1534
4 23014 44 5082 84 1491
5 22069 45 4913 85 1451
6 21168 46 4751 86 1411
7 20309 47 4595 87 1373
8 19489 48 4444 88 1336
9 18706 49 4300 89 1300
10 17959 50 4161 90 1266
11 17245 51 4026 91 1232
12 16563 52 3897 92 1199
13 15912 53 3773 93 1168
14 15289 54 3653 94 1137
15 14694 55 3538 95 1108
16 14126 56 3426 96 1079
17 13582 57 3319 97 1051
18 13062 58 3216 98 1024
19 12565 59 3116 99 998

65
8. APPENDICI

APPENDICE A - Principali componenti

50 M RES - 50 M 100 M - 100 S RES - 100 S


1 2 3 4 1 2 3 4 1 2 3 4

22 22
21 21
5 5
20 6 20 6

7 7

8
19 19

18 18

17 9 17 9
10 10
16 11 16 11

14 13 15 12 14 13 15 12 14 13 12

LEGENDA
1 - VENTILATORE 12 - ALIMENTAZIONE GAS
2 - RACCORDO ASPIRAZIONE ARIA COMBURENTE 13 - RITORNO IMPIANTO
3 - VALVOLA GAS 14 - MANDATA IMPIANTO
4 - RACCORDO SCARICO FUMI 15 - INTERRUTTORE PRINCIPALE
5 - PRESA ANALISI FUMI 16 - VALVOLA A DUE VIE
6 - SONDA MANDATA 17 - RUBINETTO DI SCARICO
7 - TERMOSTATO DI SICUREZZA 18 - SONDA FUMI
8 - SECONDA CAMERA DI COMBUSTIONE (SOLO 19 - PRIMA CAMERA DI COMBUSTIONE
PER MODELLI 100 M E 100 S) 20 - VALVOLA DI SFIATO AUTOMATICA
9 - SONDA RITORNO 21 - ELETTRODO DI ACCENSIONE / RIVELAZIONE
10 - SIFONE RACCOLTA CONDENSA 22 - PANNELLATURA
11 - QUADRO DI COMANDO (ROTAZIONE 90°)

66
APPENDICE B - Dimensioni e peso

L P

100 M
DESCRIZIONE 50 M RES
100 S RES
50 M
100 S
L 600 mm 600 mm
P 380 mm 380 mm
H 1000 mm 1000 mm
Peso netto ~60 kg ~90 kg
Peso con imballaggio ~65 kg ~95 kg

67
APPENDICE C - Tabella dati tecnici

Descrizione Unità 50 M RES 50 M 100 M 100 S RES 100 S


G20 G20 G20 G20 G20
Combustibile G30 G30 G30 G30 G30
G31 G31 G31 G31 G31
Categoria apparecchio II2H3+ II2H3+ II2H3+ II2H3+ II2H3+
B23 B23 B23 B23 B23
Tipo apparecchio C63 C63 C63 C63 C63
Potenza termica focolare
rif. PCS (min - max) kW 16,3-38,7 16,3-50 16,3-100 16,3-77,3 16,3-100
Potenza termica focolare
rif. PCI (min - max) kW 15-34,8 15-45 15-90 15-69,6 15-90
Potenza termica utile (80°/60°C) kW 34,2 44,2 88,3 68,5 88,3
Potenza termica utile (50°/30°C) kW 37,6 48,5 96,8 75,3 96,8
Rendimento utile
rif. PCI (80°C/60°C) kW 98,4 98,2 98,2 98,4 98,2
Rendimento utile
rif. PCI (50°C/30°C) % 108,2 107,7 107,7 108,2 107,7
Rendimento utile al 30%
rif. PCI (50°C/30°C) % 108,7 108,7 108,7 108,7 108,7
Perdite al camino
con bruciatore funzionante % 1,3 1,3 1,3 1,3 1,3
Perdita al camino
a bruciatore spento % 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1
Perdita al mantello (Tm = 70°C) % 0,5 0,5 0,5 0,5 0,5
Temperatura Temperatura Temperatura Temperatura Temperatura
Temperatura fumi °C ritorno + 5 ritorno + 5 ritorno + 5 ritorno + 5 ritorno + 5
CO2 al minimo - massimo % 8,4-9,4 8,4-9,4 8,4-9,4 8,4-9,4 8,4-9,4
CO S.A. al minimo - massimo
inferiore a p.p.m. 10-120 10-120 10-120 10-120 10-120
NOx S.A. al minimo - al massimo
inferiore a p.p.m. 10-20 10-20 10-20 10-20 10-20
Classe NOx 5 5 5 5 5
Pressione massima
di esercizio riscaldamento bar 6 6 6 6 6
Temperatura massima ammessa °C 90 90 90 90 90
Campo di selezione temperatura
acqua caldaia (±3°C) °C 20-80 20-80 20-80 20-80 20-80
Contenuto acqua l 5 5 10 10 10
Alimentazione elettrica V~Hz 230~50 230~50 230~50 230~50 230~50
Potenza elettrica
assorbita massima W 169 169 333 333 333
Grado di protezione elettrica IP X0D X0D X0D X0D X0D
Quantità di condensa Kg/h 5,6 7,2 14,4 11,2 14,4

68
APPENDICE D - Circuito idraulico

LEGENDA
AA 1 - VENTILATORE
2 - VALVOLA GAS
3 - VALVOLA DI SFIATO AUTOMATICA
2 4 - BRUCIATORE
1 5 - SCAMBIATORE DI CALORE
6 - SIFONE SCARICO CONDENSA
3 SF 7 - RUBINETTO DI SCARICO
8 - VALVOLA A DUE VIE
AA ASPIRAZIONE ARIA
4 SF SCARICO FUMI
SC SCARICO CONDENSA
MI MANDATA IMPIANTO
5 RI RITORNO IMPIANTO
GASALIMENTAZIONE GAS

SC MI RI GAS

Perdita di carico lato acqua del gruppo termico


Il gruppo termico non è equipaggiato di circolatore che deve essere previsto sull’impianto. Per il suo dimen-
sionamento considerare la perdita di carico lato acqua del gruppo termico, riportata di seguito nel grafico.

600
con VALVOLA
a due vie INSERITA
500
Perdite di carico (mbar)

400

300 senza VALVOLA


a due vie

200

100

0
0 200 400 600 800 1000 1200 1400 1600 1800 2000

Portata (l/h)

69
APPENDICE E - Posizionamento sonde

Per ciascun elemento termico sono presenti le seguenti sonde/termostati:

SONDA
MANDATA
RISCALDAMENTO

TERMOSTATO
DI SICUREZZA

SONDA
FUMI

SONDA
RITORNO
RISCALDAMENTO

70
APPENDICE F - Circolatori

I gruppi termici non sono equipaggiati di circolatore che deve essere previsto sull’impianto. Per la scelta del
tipo di circolatore fare riferimento agli schemi impiantistici seguenti e per le curve caratteristiche vedere il Listocatalogo
.

F.1 Configurazione con circolatori di distribuzione

Prevalenza gruppo termico: 7 m.c.a. PB - Circolatore bollitore


Portata gruppo termico: 2 m 3 /h per ciascun elemento ter- PZ1 - Circolatore zona 1 (alta temperatura)
mico. PZ2 - Circolatore zona 2 (bassa temperatura)
Considerare inoltre le perdite di carico del singolo circuito.

PB

PZ1 80°C
PZ2 50°C
60°C

30°C

F.2 Configurazione con circolatori di inserzione

Prevalenza gruppo termico: 6 m.c.a. PB - Circolatore bollitore


Portata gruppo termico: 2 m 3 /h per ciascun circolatore. PZ1 - Circolatore zona 1 (alta temperatura)
Consigliata RMX100 per ogni elemento termico. PZ2 - Circolatore zona 2 (bassa temperatura)

PB

PZ1 80°C
PZ2 50°C
60°C

30°C

71
F.3 Configurazione con circolatore di anello e valvole sugli elementi termici (*)

Prevalenza gruppo termico: 7 m.c.a. PB - Circolatore bollitore


Portata gruppo termico: 2 m 3 /h per ciascun elemento ter- PZ1 - Circolatore zona 1 (alta temperatura)
mico. PZ2 - Circolatore di sistema
Consigliate: 50 M: RMX 100; 100M/S: RMDM
40-80; 100M/S+100M/S: RMDM 50-90.

PB

PZ1 80°C

50°C
60°C

PZ2 30°C

(*) Con questa configurazione il circolatore del circuito a bassa temperatura viene gestito esternamente da un termostato
(vedere parametro 34, SEZ. 3.5, PAG. 19).

72
APPENDICE G - Schemi elettrici

Il quadro di comando del gruppo termico 50 M RES, 50 M e 100 M contiene una scheda master e una o due
schede slave. I modelli 100 S RES e 100 S contengono solo due schede slave. Nel caso di collegamenti in cascata di
più gruppi termici la scheda master del gruppo termico 50 M RES, 50 M o 100 M gestisce tramite BUS tutte
le schede dei gruppi termici 100 S RES o 100 S.

p 50 M RES - 50 M - 100 M parte 1


gv
Polo
principale
di terra
IG
a
Terra 230V~50Hz
Neutro
m
Fase

Giunzione a
guainata m
gv
gv

a
m
gv
gv
gn 6 Pump NTC 1 n
28 1
gn 5 PB SZ1 2 2 n
27
bv 4 Pump NTC 3 g
26 3
bv J10
3 25
PZ1 SB 4 4 g
J11
vi 2 Pump 3 NTC 5 v
24 5
vi 1
23
PZ2 SZ2 6 6 v
Circ. 2
rg 3 Valv.Mix
0 22 TA2 TA1 7
NTC 7 gr
J9 r
br 2
21 VM 17 16 15 14 13 12 11 10 9 SE 8 8
Neutro Pompa Sanit.

OFF
Neutro Pompa circ.1

Com.
Fase Pompa Sanit.

Analogic
Fase Pompa circ.1

24V

Bus

rsn 1 Input Circ.2


Neutro Pompa 3

Neutro Valv. Mix

ON 20
Fase Pompa 3

gr
Off - Valv. Mix
On - Valv. Mix

vn 2 Alarm
19
J8
vn 1
18
9 8 7 6 J12 5 4 3 2 1
arn
gbl

ar

ar
bg

r
r

NTC mand. circ. 2

NTC mand. circ. 1


Ebus contr. remoto
24V contr. remoto

NTC climatica

NTC bollitore
Analogic Input

T. A. circ. 2

T. A. circ. 1

Comune

Comune

Comune

Comune
Comune

Comune

Comune

Comune
Comune
Alarm

arn
rsn

gbl
gn
gn

vn
vn

bg
bv
bv

ar
ar

gr
gr
rg
br
vi
vi

g
g
b
b

v
v

n
n
r
r

6 5 4 3 2 1 3 2 1 2 1 9 8 7 6 5 4 3 2 1 8 7 6 5 4 3 2 1
J10 J9 J8 J12 J11

T1
R6 R5 R4
R3 R2 R1
Fuse
F1 3.15 A

Fase 230V a.c.


m
1
Neutro 230V a.c. a
2 J3
3
BARCODE

4
Terra gv
J7
J2
MASTER
Terra gv
J6

Terra gv
J5
BUS J14
Terra gv
MC 1 2 3 4
J4
J1
PC

Linea Bus con connettore Linea Bus con connettore


maschio per eventuale femmina per eventuale
connessione ad altro connessione ad altro
gruppo termico tipo 100S. gruppo termico tipo 100S.

73
 Simento
consiglia il collegamento dei circolatori mediante l’interposizione di idonei teleruttori con aziona-
manuale d’emergenza.

Colori vn = verde-nero r = rosso parte 2


gn = giallo-nero bg = bianco-giallo n = nero
bv = bianco-verde arn=arancio-nero v = verde
vi = viola arn= arancio-nero gr = grigio
rg = giallo-rosso gbl= giallo g = giallo
rsn= rosa-nero ar = arancio a = azzurro
br = bianco-rosso b = bianco

olo principale di terra al polo principale di terra


IG1 IG2
EA/ER EA/ER
gv Terra gv Terra
J6 J6
gv Terra
J14
J7 J8 Fusibile 4A gv Terra
1

J15 1
1 3 m Fase m Fase
1

1
F1
5

5
T1 a Neutro T1 a Neutro
2

2
m Valvola 2 vie
3

3
J2 V2 J2
6

a
4

4
5

5
6

6
v
m
4 5

Valvola gas
g
7

a
8

b
6
3

J12 m Termostato sicurezza


m
5
2

J1 a
7
3 4
WD

n TS
2
1
4

SLAVE 1 SLAVE 2
3

J11
2
1

Soffiante (+)
m
Input Sens. Hall b
Alimentaz. Sens. Hall v
PC J5 Comune Sens. Hall g
Soffiante (-)
T3 n
m NTC mandata
6

a
11

J10 SM
5

1 2 m NTC di ritorno
1 2
4

J9 J9
10

J4 a
SR
3

J17 m NTC fumi


2

J16 a
SF
1

Main

BUS 1 BUS 2

PB - Circolatore bollitore V2 - Valvola a due vie


PZ1 - Circolatore zona 1 SM - Sonda mandata
(alta temperatura) SR - Sonda ritorno
PZ2 - Circolatore zona 2 SF - Sonda fumi
(bassa temperatura) TS - Termostato sicurezza
VM - Valvola miscelatrice EA/ER - Elettrodo di accensione/rivelazione
SB - Sonda bollitore IG - Interruttore principale del gruppo termico
SZ1 - Sonda zona 1 IG1 - Interruttore PRIMO elemento termico
SZ2 - Sonda zona 2 IG2 - Interruttore SECONDO elemento termico
SE - Sonda esterna J10/J17 - Microinterruttori per indirizzamento
TA1 - Termostato ambiente zona 1 (vedere pagina 54)
(alta temperatura)
TA2 - Termostato ambiente zona 2
(bassa temperatura)

SISTEMA ELEMENTO TERMICO

74
p 100 S RES - 100 S parte 1

Polo principale di terra

gv

IG
a
Terra 230V~50Hz
3 Neutro
m
Fase

Giunzione
guainata

a
m
gv
gv

a
m
al polo principale di gv
gv
terra

EA/ER IG1
gv Terra
J6
gv Terra
J14
J7 J8 Fusibile 4A gv Terra
1

J15
1 3 m Fase
1

F1
5

T1 a Neutro
2

m Valvola 2 vie
3

J2 V2
6

a
4
5
6

v
m
4 5

Valvola gas
g
7

a
8

b
6
3

J12 m Termostato sicurezza


m
5
2

J1 a
7
3 4
WD

n TS
2
1
4

SLAVE 1
3

J11
2
1

Soffiante (+)
m
Input Sens. Hall b
Alimentaz. Sens. Hall v
PC J5 Comune Sens. Hall g
Soffiante (-)
T3 n
m NTC mandata
6

a
11

SM
5

J10 1 2 m NTC di ritorno


4

J9
10

J4 a
3

NTC fumi
SR
m
J17
2

J16 a
SF
1

Main

BUS 1

Linea Bus con connettore


maschio per eventuale
L = 1500 mm
connessione ad altro
gruppo termico tipo 100S.

75
 Simento
consiglia il collegamento dei circolatori mediante l’interposizione di idonei teleruttori con aziona-
manuale d’emergenza.

parte 2
V2 - Valvola a due vie
SM - Sonda mandata
SR - Sonda ritorno Colori
gn = giallo-nero gbl= giallo
SF - Sonda fumi bv = bianco-verde ar = arancio
TS - Termostato sicurezza vi = viola b = bianco
rg = giallo-rosso r = rosso
EA/ER - Elettrodo di accensione/rivelazione rsn= rosa-nero n = nero
IG - Interruttore principale del gruppo termico br = bianco-rosso v = verde
IG1 - Interruttore PRIMO elemento termico vn = verde-nero gr = grigio
bg = bianco-giallo g = giallo
IG2 - Interruttore SECONDO elemento termico arn=arancio-nero a = azzurro
J10/J17 - Microinterruttori per indirizzamento arn= arancio-nero
(vedere pagina 54)

gv
al polo principale di
terra

EA/ER IG2
gv Terra
J6
gv Terra
J14
J7 J8 Fusibile 4A gv Terra
1

J15
1 3 m Fase
1

F1
5

T1 a Neutro
2

m Valvola 2 vie
3

J2 V2
6

a
4
5
6

v
m
4 5

Valvola gas
g
7

a
8

b
6
3

J12 m Termostato sicurezza


m
5
2

J1 a
7
3 4
WD

n TS
2
1
4

SLAVE 2
3

J11
2
1

Soffiante (+)
m
Input Sens. Hall b
Alimentaz. Sens. Hall v
PC J5 Comune Sens. Hall g
Soffiante (-)
T3 n
m NTC mandata
6

a
11

SM
5

J10 m NTC di ritorno


1 2
4

J9
10

J4 a
3

NTC fumi
SR
J17 m
2

J16 a
SF
1

Main

BUS 1

Linea Bus con connettore


femmina per eventuale
L = 1200 mm
connessione ad altro
gruppo termico tipo 100S.

76
APPENDICE H - Collegamenti elettrici

Morsettiera interna al quadro di comando master

28 Sonda zona 1
1
PB (*) SZ1
Circolatore sanitario alta temperatura
27 2
26 PZ1 (*) 3
Circolatore impianto Sonda di bollitore SB
25 Alta Temperatura 4
24 PZ2 (*) Circolatore di anello o 5
Sonda zona 2 SZ2
Pbas (*) Circolatore impianto bassa temperatura
23 6
Bassa Temperatura
22 7
Sonda esterna SE
21 VM (*) 8
Valvola miscelatrice
20
19
Contatto per
segnalazione di allarme
18
TA2 TA1
Termostato ambiente Termostato ambiente
Bassa Temperatura Alta Temperatura

Ingresso
analogico
0-10V

17 16 15 14 13 12 11 10 9

(*) 230V~50Hz

 È1 obbligatorio:
- l'impiego di un interruttore magnetotermico
 Simediante
consiglia il collegamento dei circolatori
l’interposizione di idonei teleruttori con
onnipolare, sezionatore di linea, conforme alle azionamento manuale d’emergenza.
Norme CEI-EN (apertura dei contatti di almeno 3
mm); ( È vietato l'uso dei tubi gas e/o acqua per la messa a
2 - rispettare il collegamento L (Fase) - N (Neu- terra dell'apparecchio.
tro). Mantenere il conduttore di terra più lungo di
circa 2 cm rispetto ai conduttori di alimentazione.
( È vietato far passare i cavi di alimentazione e del ter-
3 - utilizzare cavi con sezione maggiore o uguale mostato ambiente in prossimità di superfici calde
a 1,5 mm2, completi di puntalini capocorda; (tubi di mandata).
4 - riferirsi agli schemi elettrici del presente Il costruttore non è responsabile di eventuali danni
libretto per qualsiasi intervento di natura elet- causati dalla mancanza di messa a terra dell'apparec-
trica. chio e dall'inosservanza di quanto riportato negli
5 - collegare l'apparecchio ad un efficace schemi elettrici.
impianto di terra.

77
H.1 Collegamento della sonda esterna

Se si desidera utilizzare una termoregolazione climatica, bisogna collegare la sonda esterna ai morsetti n. 7 e 8. La sonda
esterna deve essere posizionata su una parete esterna a Nord o Nord/Est, ad un’altezza minima di 2,5 metri e lontano
da finestre, porte e griglie di aerazione. Riparare la sonda dall’esposizione diretta ai raggi solari.

H.2 Collegamento della termoregolazione esterna 0-10 V

L’eventuale utilizzo di una termoregolazione esterna che utilizzi un segnale 0-10 V può essere effettuato collegando il
segnale di uscita ai morsetti n. 13 e 14.

H.3 Collegamento di un dispositivo di allarme

Un’apposita uscita con un contatto pulito presente sulla morsettiera della caldaia, consente di collegare all’esterno un
dispositivo di allarme sonoro o visivo in grado di segnalare eventuali anomalie tecniche. Il dispositivo di allarme va col-
legato ai morsetti n. 18 e 19.

H.4 Kit controllo remoto

Installazione • Fissare lo zoccolo (B - FIG. 8.2) alla parete usando le viti


L’installazione del kit deve essere effettuata da un Servizio e i tasselli (G - FIG. 8.2) forniti a corredo.
Tecnico di Assistenza o da personale professional-
mente qualificato. Per una corretta installazione tener pre-
sente che il Controllo Remoto:
• Deve essere installato su una parete, possibilmente in-
terna, che non sia attraversata da tubazioni calde o fred-
de.
• Deve essere fissato a circa 1,5 m da terra.
• Non deve essere installato in prossimità di porte o fine-
stre, apparecchi di cottura, termosifoni, ventilconvettori o F G
più in generale influenzato da situazioni che possono
D
generare perturbazioni alle temperature rilevate. E
Per fissare il controllo remoto alla parete procedere come B
segue: Fig. 8.2
• Separare il pannello comandi (A - FIG. 8.1) dallo zoccolo
(B - FIG. 8.1) premendo in corrispondenza del gancio in • Rimontare il pannello comandi sullo zoccolo.
plastica (C - FIG. 8.1).
• Utilizzare lo zoccolo (B - FIG. 8.1) per segnare i punti di  La lunghezza massima del collegamento tra pan-
nello comandi e caldaia è di 100 m.
fissaggio sulla parete.
 Ilcaldaia
cavo di collegamento tra pannello comandi e
non deve avere giunte; nel caso fossero
B
necessarie, devono essere stagnate e adeguata-
mente protette.

 Eventuali canalizzazioni del cavo di collega-


mento devono essere separate da cavi in ten-
sione (230 V.a.C.).

Collegamenti elettrici
A C Prima di effettuare qualunque operazione togliere l’alimen-
tazione elettrica al gruppo termico posizionando l’interrut-
Fig. 8.1 tore generale dell’impianto e quello principale dell’appa-
recchio (H - FIG. 8.3) su "spento".
• Forare la parete (fori Ø 5 mm).
• Far passare un cavo tripolare (D - FIG. 8.2), con sezione
da 0,5 a 1 mm2 (non fornito a corredo), per il collega- ON

mento del controllo remoto al gruppo termico, attraverso


il foro (E - FIG. 8.2). OFF

 Per il corretto funzionamento, assicurarsi che la


superficie di montaggio al muro sia piana.
H
Fig. 8.3
• Collegare il cavo proveniente dai morsetti “15-16-17”
della Scheda Master del gruppo termico ai morsetti Per effettuare i collegamenti elettrici:
“BUS-Com-24V” del connettore (F - FIG. 8.2). Un adesi- • Svitare le viti (I - FIG. 8.4) di fissaggio del pannello fron-
vo indica la corretta posizione di cablaggio. tale (L - FIG. 8.4).

78
MORSETTIERA INTERNA AL QUADRO DI COMANDO MASTER

28 Sonda zona 1
1
PB (*) SZ1
Circolatore sanitario alta temperatura
27 2
26 PZ1 (*) 3
Circolatore impianto Sonda di bollitore SB
25 Alta Temperatura 4
24 PZ2 (*) Circolatore di anello o 5
Sonda zona 2 SZ2
Pbas (*) Circolatore impianto bassa temperatura
23 6
Bassa Temperatura
22 7
Sonda esterna SE
21 VM (*) 8
Valvola miscelatrice
20
19
Contatto per
segnalazione di allarme
18
TA2 TA1
Termostato ambiente Termostato ambiente
Bassa Temperatura Alta Temperatura

IA
Ingresso
analogico
0-10V
BUS
Com
24V

17 16 15 14 13 12 11 10 9

(*) 230V~50Hz
16-Com
15-BUS

17-24V

MORSETTIERA INTERNA
AL CONTROLLO REMOTO

• Tirare a sé e poi verso l’alto la base del pannello (L - FIG. • Ruotare di 90°C il quadro di controllo (M - FIG. 8.5) e ri-
8.4) per sganciarlo dal telaio e rimuoverlo. muovere le quattro viti (N - FIG. 8.5) per togliere la chiu-
sura posteriore.
• Individuare la morsettiera (O - FIG. 8.6) ed effettuare i
collegamenti come nello schema di pagina seguente.
L

I
N
Fig. 8.4 Fig. 8.5

79
Il dispositivo consente di eseguire un’ampia gamma di fun-
O zioni tramite l’utilizzo di soli quattro tasti, in maniera tale da
semplificare qualsiasi operazione.

Indicazioni generali sulle schermate


Nelle pagine successive verranno prese in considerazione
tutte le possibili schermate visualizzate dal controllo remo-
to. Per rendere più semplice la comprensione dell’immagi-
ne riportata sul display, la rappresentazione grafica pre-
Fig. 8.6
senta alcune peculiarità che devono essere spiegate.
In riferimento nella FIG. 8.8, ad esempio, le caselle indicate
Tasto di CONFERMA e di ACCESSO al con il colore grigio indicano zone del display in cui è possi-
Menù principale bile muoversi utilizzando i due cursori (▲ e ▼). Sul display
Permette di entrare nella schermata desiderata o verrà visualizzata una freccia che indica il rigo selezionato.
nella impostazione desiderata. Se si è nella prima
schermata permette di accedere alla schermata
Menù.
Programma orario
➔ CH1
Tasto INCREMENTO CH2
Permette di muoversi verso l’alto San*
sul diplay e di aumentare un de- (*) Presente solo se il parametro 6 LIVELLO 3
terminato valore. è diverso da “0”.

DISPLAY Fig. 8.8

Allo stesso tempo, però, come riportato nella FIG. 8.9, la


casella grigia può anche indicare una zona del display
dove è possibile immettere dei dati come, ad esempio, il
codice installatore, inizio e fine del programma orario, il pa-
rametro di attenuazione, e così via.

INIZIO FINE CH1


➔ L u n 11 : 0 0 Mer 22:00
aggiungi

Tasto DECREMENTO LIVELLO 3.1


Permette di muoversi verso il Fig. 8.9
basso sul display e di diminuire
un determinato valore. Un’ultima cosa da ricordare è che, nel momento in cui vie-
ne selezionata un’opzione sul display comparirà la scritta
Tasto ESC ATTIVO. Così, ad esempio, in relazione a tale visualizza-
Tasto di RESET se premuto per 5 secondi zione del display (FIG. 8.10), possiamo avere la conferma
Permette di tornare alla schermata precedente o di della nostra scelta in corrispondenza del rigo con la scritta
uscire da un’impostazione. Se premuto per 5 sec "on/off": ciò significa, come verrà approfonditamente spe-
quando si è nella schermata principale, in presenza cificato più avanti (paragrafo “CONTROLLO CIRCUITI”),
di uno o più errori di tipo A (non volatile, vedere che è stata selezionata la programmazione oraria (indicata
SEZ. 6.3, PAG. 53), funziona da tasto di reset sia per con on/off, appunto) per il circuito di alta temperatura
la master che per le slave. (CH1).

Fig. 8.7
CH1
Controllo remoto On/off Attivo
Il controllo remoto, una volta collegato alla scheda Master, ➔ Continuo
permette la programmazione e il monitoraggio dei parame- Spento
tri fondamentali dell’impianto (timer, ore di funzionamento LIVELLO 2.1.1
del sistema per i tre circuiti, stato dei circolatori, potenza
Fig. 8.10
dell’impianto, ecc.). Principali caratteristiche:
• Display retrolluminato a 20 x 4 caratteri. ATTENZIONE:
• Massima distanza di installazione del controllo remoto: • per entrare in una schermata premere (OK).
100 m. • per uscire da una schermata premere (ESC).
• Facilità di programmazione e monitoraggio.
• Sonda ambiente integrata. Utilizzo del controllo remoto
• Alimentazione: 24Vdc. Nell’allegato vengono riportate tutte le possibili schermate
visualizzate dal controllo remoto. Tali schermate sono sta-

80
te, per comodità, tutte numerate ed ora verranno prese in Menù generale
considerazione e spiegate singolarmente. Dalla visualizzazione principale (S) è possibile accedere a
tale schermata (FIG. 8.13) semplicemente premendo il ta-
Informazioni generali sto conferma (OK). A questo punto si può accedere a tutti
Dalla prima schermata del controllo remoto (FIG. 8.11) è e quattro i sottomenù indicati:
possibile ricevere alcune informazioni sul sistema, indicate • Configurazione
nella tabella sotto riportata. • Installazione
• Programma orario
22 feb 2005 • Informazioni
selezionandoli con i due cursori (▲ e ▼) e premendo il ta-
C H 1 70 ° C 09 23
sto conferma (OK).
CH2 40°C Ta m b 21 ° C
San 50°C Te s t 21 ° C
MENU
LIVELLO S
➔ Configurazione Livello 1
Fig. 8.11
Installazione Livello 2

Programma orario Livello 3

Grandezza Display Informazioni Livello 4


LIVELLO 0
Data 22 feb 2005
Fig. 8.13
Ora 09 23
Temperatura ambiente (misurata dalla son- Modalità “CONFIGURAZIONE”
Tamb 21°C
da del controllo remoto) A partire da questa schermata (FIG. 8.14) è possibile acce-
Temperatura esterna (se tale rigo non è vi- dere a tutti quei livelli (da 1.2 a 1.4) che consentono di con-
sibile significa che la sonda esterna non è figurare le impostazioni indicate (lingua/data) nella manie-
Test 21°C ra desiderata.
presente, oppure non è correttamente colle-
gata)
Temperatura di set point del circuito alta CONFIGURAZIONE
CH1 70°C
temperatura (*) ➔ Lingua
Temperatura di set point del circuito bassa Data
CH2 40°C
temperatura (*) Parametri ambiente
LIVELLO 1
Temperatura di set point sanitario (tale in-
formazione è visibile solo se è presente il San 50°C Fig. 8.14
circuito sanitario) (*)
(*) Se i circuiti sono spenti apparirà OFF al posto del valore Impostazione lingua
di set point.
Il controllo remoto ha impostato di default la lingua italiana.
Se si desidera cambiare tale impostazione, scegliendo
Indicazione di un errore
un’altra lingua è sufficiente, una volta entrati in questa se-
Se dovesse verificarsi un errore di qualsiasi genere nel si- zione (FIG. 8.15), selezionare la riga con l’opzione prescel-
stema, nella schermata principale si accende una spia, ta utilizzando i due cursori (▲ e ▼) e premere il tasto con-
nella parte alta a sinistra del display, come mostrato nella ferma (OK).
figura a lato. La spia appare solo quando nel sistema c’è
un malfunzionamento, contemporaneamente al codice
dell’errore e al numero della unit in cui questo è stato ri- Lingua
scontrato. Nell’esempio in FIG. 8.12 nell’unità n.1 si è veri- ➔ Italiano
ficato l’errore n° 33 (01 33). English
spia
errore unità n° errore LIVELLO 1.2
Fig. 8.15
01 33 22 feb 2005
Impostazione giorno della settimana, data e ora
CH1 70 ° C 09:23 Per entrare in questa schermata basta selezionare l’opzio-
CH2 40°C Ta m b 21 ° C ne “Data” dalla modalità “CONFIGURAZIONE” utilizzando
San 50°C Te s t 21 ° C i due cursori (▲ e ▼) e premere il tasto conferma (OK). A
LIVELLO S questo punto è possibile immettere il giorno della settima-
Fig. 8.12 na, la data e l’ora (FIG. 8.16).

Impostazione correzione temperatura ambiente


Tale livello consente di correggere il valore di temperatura
ambiente (FIG. 8.17). Per default il controllo remoto esce

81
Tramite questo livello del controllo remoto è possibile con-
Data trollare i parametri dei tre circuiti (sempre che siano tutti
➔ Giovedì contemporaneamente presenti su un unico impianto).
Di default, per tutti i tre circuiti, è impostata l’opzione
14 A p r 0 5
“SPENTO”. Se tale configurazione non venisse cambiata
10 : 3 0 la caldaia rimarrebbe sempre spenta.
LIVELLO 1.3

Fig. 8.16 Impostazione modalità di funzionamento del circuito


di alta temperatura (CH1)
con un valore di correzione impostato a 0°C. È il parametro
1. Selezionando “ON / OFF” si sceglie la modalità pro-
39 (vedere la SEZ. 3.5, PAG. 19 per la lista completa dei pa-
grammazione oraria (FIG. 8.21). La programmazione
rametri).
delle fasce orarie si fa nella modalità programma orario
(vedere pag. 83).
Parametri ambiente
Ta m b c o r r. 3 0 ° C CH1
➔ On/off
Continuo
LIVELLO 1.4
Fig. 8.17
Spento
LIVELLO 2.1.1
Fig. 8.21
Modalità “INSTALLAZIONE”
Da questa modalità è possibile avere accesso al controllo 2. Selezionando “CONTINUO” si sceglie che la caldaia ri-
dei circuiti collegati alla caldaia e ai parametri del sistema, manga sempre funzionante con fasce orarie, indipen-
dopo aver introdotto la password installatore (FIG. 8.18). dentemente dall’apertura del termostato ambiente.
All’apertura del termostato ambiente si attiva la funzio-
MENU ne di attenuazione.
Configurazione 3. Selezionando “SPENTO” si sceglie che la caldaia ri-
manga sempre spenta.
➔ Installazione
Programma orario Impostazione modalità di funzionamento del circuito
Informazioni di bassa temperatura (CH2)
LIVELLO 0 1. Selezionando “ON / OFF” si sceglie la modalità pro-
Fig. 8.18 grammazione oraria (FIG. 8.22). La programmazione
delle fasce orarie si fa nella modalità programma orario
Controllo circuiti (vedere pag. 83).
Il gruppo termico, al quale è abbinato il controllo remoto,
può gestire contemporaneamente tre circuiti (FIG. 8.19 -
CH2
FIG. 8.20).
• circuito di alta temperatura (indicato con CH1) ➔ On/off
• circuito di bassa temperatura (indicato con CH2) Continuo
• circuito sanitario (indicato con San). Tale circuito è pre- Spento
sente solo se il parametro 6 (imposta San) è impostato LIVELLO 2.1.2
ad un valore non nullo Fig. 8.22

Installazione 2. Selezionando “CONTINUO” si sceglie che la caldaia ri-


manga sempre funzionate con fasce orarie, indipen-
➔ Controllo circuiti dentemente dall’apertura del termostato ambiente.
Parametri All’apertura del termostato ambiente si attiva la funzio-
ne di attenuazione.
LIVELLO 2 3. Selezionando “SPENTO” si sceglie che la caldaia ri-
Fig. 8.19 manga sempre spenta.

Controllo circuiti
➔ CHI
CH2
San*
(*) Presente solo se il parametro 6 LIVELLO 2.1
è diverso da “0”.
Fig. 8.20

82
Impostazione modalità di funzionamento del circuito • CH1: parametri relativi al circuito di alta temperatura
sanitario (San) - se presente • CH2: parametri relativi al circuito di bassa temperatura
1. Selezionando ON si sceglie che la caldaia sia accesa • San: parametri relativi al circuito sanitario
e programmabile (FIG. 8.23). La programmazione delle Per la descrizione dei paramentri visualizzati, consultare la
fasce orarie si fa nella modalità programma orario (ve- SEZ. 3.5, PAG. 19.
dere pag. 83).
Modalità “PROGRAMMA ORARIO“
(solo se è stata scelta la MODALITÀ ON/OFF)
San
Questa sezione (FIG. 8.26) ha ragione d’essere solo se è
➔ On stata selezionata la modalità programmazione (ON/OFF)
Off oppure continuo. In essa è possibile programmare i giorni
Antilegionella 70 ° C e gli intervalli di tempo di accensione della caldaia.
LIVELLO 2.1.3
Fig. 8.23 MENU
2. Selezionando OFF si sceglie la modalità sempre spen-
Configurazione
to e non programmabile Installazione
3. L’opzione “ANTILEGIONELLA” serve per impostare la ➔ Programma orario
temperatura dell’acqua del circuito sanitario per la fun- Informazioni
zione antilegionella. LIVELLO 0

Fig. 8.26
Parametri
Come ben visibile in modalità “INSTALLAZIONE” (LIVEL- Regolazione periodi di funzionamento (giorno-ora)
LO 2.2), per entrare in questa sezione è necessario inseri- Utilizzando i due cursori (▲ e ▼) e il pulsante conferma
re il codice installatore (FIG. 8.24). In questo caso, dopo (OK) entriamo nella programmazione oraria relativa al cir-
aver introdotto la password installatore “22”, oltre all’elen- cuito di alta temperatura (CH1) (FIG. 8.27): da questo pun-
co completo dei parametri, compariranno anche una serie to in poi, in relazione a tale circuito, sarà possibile pro-
di sezioni dedicate a parametri tematici (relativi alla poten- grammare uno o più periodi di accensione della caldaia. È
za del gruppo termico e delle singole slaves che la costitu- bene ricordare che la stessa procedura è valida per gli altri
iscono) e, di seguito, il riferimento ai parametri di tutti i tre due circuiti: circuito di bassa temperatura (CH2) e sanitario
circuiti eventualmente presenti. (San).

Installazione Programma orario


Controllo circuiti ➔ CHI
➔ Parametri cod. _ _ _ CH2
San
LIVELLO 2.2 LIVELLO 3
Fig. 8.24 Fig. 8.27

Nel caso in cui non si disponga del codice installatore è co- La prima schermata che si presenta (FIG. 8.28) (LIVELLO
munque possibile visualizzare i primi tre parametri, relativi 3.1) ci mostra, ad esempio, che il nostro sistema funzione-
al set point dei circuiti di alta temperatura (CH1), bassa rà dalle ore 20:00 di ciascun lunedì fino alle ore 22:00 del
temperatura (CH2) e del circuito sanitario (San). mercoledì. Per variare l’impostazione basta selezionare il
I parametri che vengono visualizzati sono i seguenti (FIG. rigo di interesse, impostare “INIZIO” e “FINE” della fascia
8.25): oraria, scorrere verso il basso e premere conferma (OK).
Per cancellare l’impostazione basta selezionare il rigo di
interesse, scorrere verso il basso e premere cancella
Parametri (OK).
➔ Elenco completo
Potenza INIZIO FINE CH1
Slaves ➔ Lun 20:00 Mer 22:00
CH1 Aggiungi
CH2
San LIVELLO 3.1
LIVELLO 2.2.1
Fig. 8.28
Fig. 8.25

• ELENCO COMPLETO (par. 1 ÷ 43): sono tutti i parame-


tri a cui può avere accesso l’installatore tramite l’inseri-
mento del codice
• POTENZA: parametri di potenza
• SLAVES: parametri che risiedono nelle singole slave

83
Se voglio programmare un funzionamento a ciclo continuo 2. se lavoriamo in climatica, l’attenuazione è calcolata
è sufficiente impostare un qualsiasi giorno, considerando come differenza tra il set point calcolato in climatica e
per due volte la stessa programmazione oraria (FIG. 8.29). il valore che andiamo ad inserire sul display nel relativo
campo.
Indipendentemente dalla modalità di lavoro del sistema,
INIZIO FINE CH1 impostando un valore sul parametro di attenuazione
➔ Lun 20:00 Lun 20:00 all’apertura del termostato ambiente (per il raggiungimento
della temperatura impostata) partirà un ciclo di attenuazio-
Aggiungi
ne. In generale, l’asterisco (*) indica che la funzione atte-
nuazione è attiva. Per attenuazione con set point fisso sul-
LIVELLO 3.1 le schermate del monitor del controllo remoto comparirà la
scritta fi*. Per attenuazione in climatica comparirà la scritta
Fig. 8.29 cl*.
Modifica periodi funzionamento e temperatura dell’ac-
Circuito sanitario - funzione antilegionella
qua
Per quanto riguarda il sanitario, dopo aver attivato il campo
Una volta avuto accesso al LIVELLO 3.1, alla schermata
“ON” nella schermata di modalità di funzionamento sanita-
successiva (LIVELLO 3.1.1) (FIG. 8.30) è possibile specifi-
rio (LIVELLO 3.1.1), è possibile impostare il set point di
care i valori preferiti dei parametri considerati e conferma-
tale circuito (FIG. 8.32).
re le nuove impostazioni (selezionando sul display il co-
mando conferma). Tramite questa sezione è possibile im-
postare inizio e fine (identificati entrambi con giorno e ora) ➔ iI n i z i o Lun 20:00
del periodo di funzionamento della caldaia, la temperatura
Fine Mer 22:00
dell’acqua di mandata al circuito selezionato e, rispettiva-
mente per circuiti riscaldamento (CH1 e CH2) e sanitario, Te m p 70 ° C
l’attenuazione e la funzione antilegionella. C
c oonnffeerrmmaa
C
c aanncceellllaa
➔ Inizio Lun 20:00 LIVELLO 3.1.1

Fine Mer 22:00 Fig. 8.32


Te m p 70 ° C
Attenuaz. 5°C Se tale valore dovesse superare gli 80°C, automaticamen-
te viene attivato il valore impostato per la funzione antile-
Conferma gionella del sanitario, precedentemente inserito al LIVEL-
Cancella LO 2.1.3 (come evidenziato nell’immagine a lato) (FIG.
LIVELLO 3.1.1 8.33).
Fig. 8.30

Circuito riscaldamento - attenuazione


iI n i z i o Lun 20:00
Nel caso di un circuito di riscaldamento (CH1 o CH2) che Fine Mer 22:00
funzioni in “CONTINUO” è possibile impostare il parametro ➔ Te
A nmt ipl e g i o n e l l a70 ° C 70 ° C
di attenuazione. È bene, inoltre, far notare che se viene im- C
c oonnffeerrmmaa
postato un valore di temperatura superiore agli 80°C sul di- C
c aanncceellllaa
splay, in corrispondenza del rigo relativo alla temperatura
LIVELLO 3.1.1
del set point circuito, comparirà la scritta “AUTO”: il che si-
gnifica che è stata impostata la modalità climatica. Fig. 8.33

Modalità “INFORMAZIONI”
➔ Inizio Lun 20:00
L’ultima è la sezione che dà informazioni relative a:
Fine Mer 22:00 • sistema
Te m p 70 ° C • impianto
Attenuaz. 5°C • zone (comando non abilitato)
Conferma • errori
Cancella
LIVELLO 3.1.1 inizio I N F O R M ALZuI O
n N2I 0 : 0 0
Fig. 8.31
➔F
Sin s tee m a Mer 22:00
I mm
Te p ipa n t o 70 ° C
Per quanto riguarda il valore del parametro di attenuazione Z
c o n fee r m a
dobbiamo precisare che il sistema si comporta come se-
E
c ar rnocr e
i lla
gue:
LIVELLO 4
1. se lavoriamo a punto fisso, l’attenuazione è calcolata
come differenza tra il valore impostato e il valore che Fig. 8.34
andiamo ad inserire sul display nel relativo campo;

84
Informazioni sul sistema
Le prime informazioni fornite riguardano il monitoraggio 1/5 IMPIANTO
del funzionamento dell’apparecchiatura, con particolare CH1 o n 6 0 ° ➔ 70 ° c l *
attenzione rivolta al numero di slaves installate e ai brucia-
CH2 o f f 3 0 ° ➔ 4 0 °f i
tori funzionanti (FIG. 8.35).
San o n 3 5 ° ➔ 4 5 °p g
LIVELLO 4.2.1
i n i z i o S I ST E M L uAn 2 0 : 0 0
Fig. 8.37
F
Niunm e e r o s l a v eMs e0r 92 2 : 0 0
Te
B rm u cpi a t o r i o n 700° C5 temperatura di set-point che, in caso di funzionamento,
dovrebbe essere raggiunta è di 40°C e il sistema lavora
➔S
co l anvf e r mna° 0 3 a punto fisso (fi) senza attenuazione.
cancella 3. Nel circuito sanitario (San) sta circolando acqua a 35°C
LIVELLO 4.1 e bisognerà raggiungere una temperatura di 45°C. Il
circuito lavora con modalità programma orario (pg). Se,
Fig. 8.35
ad esempio, inoltre, invece dei 45°C comparisse la
Da questa schermata è possibile, inoltre, accedere, sele- scritta “ANTI” vorrebbe dire che in quel momento si sta
zionando l’ultima riga del display, ad una sezione studiata realizzando un ciclo di antilegionella.
per ogni singola slave presente (LIVELLO 4.1.1). Nella
FIG. 8.36 si fa riferimento alla slave n.3. A questo punto sul Informazioni sull’impianto: su temperatura esterna e
display sono visualizzati i dati di: temperatura ambiente (2/5)
• Temperatura mandata impianto Proseguendo con il cursore verso il basso appariranno
• Temperatura ritorno impianto nuove informazioni relative all’impianto. Dalla schermata
• Temperatura uscita fumi visualizzata dal display (FIG. 8.38) si possono leggere la
• Corrente di ionizzazione temperatura esterna (nel caso riportato pari a 5°C). Da qui
• Percentuale di utilizzo del ventilatore è possibile anche capire se i termostati ambiente del primo
• Pressostato differenziale con funzione di flussostato: e del secondo circuito (Ta1, Ta2) sono aperti o chiusi (on,
ON - se operante off) e se, per quel determinato circuito, è attiva la program-
• Valvola a due vie o pompa di unità (solo dopo un even- mazione oraria.
tuale inserimento da parte dell’installatore): ON se attiva
• Massima corrente di ionizzazione 2/5 IMPIANTO
• Ore di funzionamento della slave.
Te s t 05°
Ta 1 o n p rogr. on
S LAV E 0 3 Ta 2 off progr. off
➔ Te m . m a n 70 LIVELLO 4.2.2
Te m . r i t 60 Fig. 8.38
Te m . f u m i 62
C o r. i o n 55 Informazioni sull’impianto: varie (3/5)
Pwm ven 99% Sempre proseguendo verso il basso con il cursore compa-
riranno queste ulteriori informazioni relative alla funzione
Flus on antilegionella per il circuito sanitario, alla potenza nel caso
Pompa on in cui sia presente un controllo input di tipo analogico e, in-
Max ion 60 fine, alla valvola miscelatrice. Nel nostro esempio (FIG.
Ore fun 4000 8.39):
LIVELLO 4.1.1 1. la funzione antilegionella è attiva ed è impostata ad
una temperatura di 70°C.
Fig. 8.36 2. è presente un controllo input analogico che legge una
potenza di 8.8 V (altrimenti tale riga non è presente sul
Informazioni sull’impianto: sui 3 circuiti (1/5) display).
In questa sezione è possibile leggere importanti notizie 3. la valvola miscelatrice sta chiudendo.
sulla temperatura attuale e quella di set-point del circuito
che ci interessa. È possibile, inoltre, vedere se la regola-
zione è di tipo climatica (cl) o a punto fisso (fi) e, nel primo 3/5 IMPIANTO
caso, se è attiva l’attenuazione (solo se è presente l’aste- Antileg. on 70 ° C
risco “*”). In relazione alla FIG. 8.36 (LIVELLO 4.2.1), si Input Potenz 8.8 V
nota che: Va l v _ m i x chiude
1. la sonda posta sul circuito di alta temperatura (CH1) LIVELLO 4.2.3
legge una temperatura di 60°C ma che la temperatura
di set-point che dovrà essere raggiunta è di 70°C. Il si- Fig. 8.39
stema sta lavorando in climatica (cl) con attenuazione
(*).
2. Il circuito di bassa temperatura (CH2) non sta funzio-
nando. La sonda legge una temperatura di 30°C, la

85
Informazioni sull’impianto: sulle pompe (4/5) Nella maggior parte dei casi il codice dell’errore può non
A partire da questa schermata si possono ricavare infor- dare al primo impatto tutte le informazioni necessarie sul
mazioni sullo stato delle varie pompe presenti nel sistema. tipo di anomalia riscontrata: basta, però, premere il tasto
Nell’esempio (FIG. 8.40) vengono fornite le seguenti infor- conferma in corrispondenza del rigo che ci interessa per
mazioni: scoprire che tipo di errore corrisponde a quel determinato
1. il circolatore che porta il fluido termovettore ai radiatori codice. In riferimento alla schermata a lato riportata, ad
(P1) sta funzionando senza alcuna priorità o differenza esempio, si nota che ad un errore di tipo A02 corrisponde
tra circuito di alta e di bassa temperatura (Ch1 e Ch2). un blocco della fiamma, che ha come diretta conseguenza
Ciò è una diretta conseguenza e indica come è stato una mancata accensione della unit.
impostato il parametro installatore n.16 (priorità di Ch).
2. la pompa del sanitario (P2) è spenta. Il dato potenza blocco fiamma
80% esprime la potenza che si sta richiedendo all’im- mancata accensione
pianto per soddisfare i circuiti attivi.
3. come pompa 3 (P3) abbiamo impostato il circolatore
principale di ritorno che, al momento, sta funzionando.
LIVELLO 4.4.1

4/5 IMPIANTO Fig. 8.43


P1 on Preced CH1e2
P2 off Potenza 80%
P3 on P3 Generale
LIVELLO 4.2.4

Fig. 8.40

Informazioni sull’impianto: sulle ore di funzionamento


impianto (5/5)
Le ultime informazioni fornite sono quelle relative alle ore
di funzionamento del sistema (nell’esempio pari a 40000
ore). Questa funzione sarà attiva a partire dal software
MASTER versione A05.

5/5 IMPIANTO
Ore funz. 40000

LIVELLO 4.2.5
Fig. 8.41

Informazioni sugli errori


Nel caso in cui dovessero verificarsi anomalie nel sistema,
il controllo remoto fornisce informazioni sul numero
dell’unità in cui si è verificata tale anomalia e il codice di er-
rore. Se, ad esempio, il display si presentasse come a lato
potremmo dedurre che:
1. il terzo errore nella lista si è verificato nella unit 12 ed è
di tipo E36
2. il quarto errore verificatosi nella unit 5 è il numero 255
3. il quinto errore nella lista si è verificato nella unit 13 ed
è di tipo A02.

N° U N I TA ERRORE
3 12 E36
4 05 255
➔5 13 A02
LIVELLO 4.4
Fig. 8.42

86
RIELLO S.p.A.
37045 Legnago (VR) Via degli Alpini, 1 - Tel. 199.166.144 - 633.393

Poiché l’Azienda è costantemente impegnata nel continuo perfezionamento di tutta la sua produzione, le caratteristiche
estetiche e dimensionali, i dati tecnici, gli equipaggiamenti e gli accessori, possono essere soggetti a variazione.

Potrebbero piacerti anche