Sei sulla pagina 1di 2

La tecnica di Segovia

Un solco indelebile venne lasciato da Andrés Segovia, in quanto altri artisti come Miguel Llobet,
Augustin Barrios e altri di natura modesta e di carattere umile, non ebbero la forza di tentare,
dopo un periodo di caduta, un reinserimento della chitarra nel mondo musicale.
Questa operazione riuscì perfettamente a Segovia. E’ infatti noto a tutti che è grazie a lui che
abbiamo il repertorio moderno.
Fu lui che rese eseguibili le composizioni dei nuovi autori mediante correzioni e suggerimenti ed in
questo senso Segovia agì drasticamente scegliendo solo le musiche nelle quali poteva configurare
il suo ideale estetico e sulle quali applicare la sua tecnica. Questa discriminazione escluse dal suo
repertorio molti compositori contemporanei e del passato. Già nel periodo prebellico assunse
molta notorietà e tenne molti corsi di perfezionamento, a cominciare da quelli dell’Accademia
Chigiana.
La scuola di Tarrega
Verso la fine dell’Ottocento Antonio de Torres inventò uno strumento con dimensioni più ampie
ed un nuovo sistema di incatenatura capaci di offrire maggior potenza sonora, più estese
dimensioni dinamiche e migliori possibilità timbriche.

Su questo nuovo strumento produce esperienze preziose Francisco Tarrega (1852-1909), il quale
dopo molti anni di studio, definì un proprio linguaggio dove pensiero musicale e accorgimenti
tecnici trovavano una coerenza ideale.
Ai suoi allievi Tarrega insegna la nuova impostazione delle mani, il tocco appoggiato, la verticalità
delle dita, e le possibilità di far cantare la melodia non soltanto sulla prima corda (come era usuale
al tempo), ma anche sulla seconda e la terza corda e concede di frequente anche ai bassi una
funzione melodica e perfeziona anche la scrittura a parti late.
La sua intenzione di scrivere un Metodo rimase solo un’idea, ma esercitò una grande influenza.
Anche il suo miglior allievo Miguel Llobet (1878-1938) non scrisse Metodi, ma nella sua
produzione musicale si notarono notevoli progressi tecnici.
Emilio Pujol (1886-1980) si adoperò per diffondere la didattica tarreghiana attraverso:
 Un saggio pubblicato nel 1926 compilando la voce “Guitare” per l’Encyclopédie de la musique
et Dictionnaire du Conservatoire dove troviamo i fondamenti teorici che stanno alla base
dell’Escuela razonada
 L’Escuela razonada de la guitarra
L’Escuela razonada è dedicata alla memoria di Tarrega ed è introdotta da una lettera di Manuel de
Falla. Si tratta di un’opera monumentale, senza precedenti storici per l’ampiezza della trattazione
e l’approfondimento analitico, segnando la nascita della didattica moderna. Si tratta di 4 volumi
pubblicati tra il 1933 e il 1971 (ma prima della pubblicazione del primo volume Pujol aveva iniziato
a lavorarci 10 anni prima).