Sei sulla pagina 1di 4

La 

Giornata mondiale della Giustizia Sociale
(20 febbraio 2017)

Riflessione e preghiera

1. PREGHIERA INIZIALE
Dio nostra Madre e Padre
In questa Giornata Internazionale della Giustizia Sociale Vi supplichiamo, in
comunione con il creato e con i nostri fratelli e sorelle. Manda il tuo spirito su
di noi per sradicare la povertà e promuovere la parità tra di noi. Possiamo
crescere nella consapevolezza di fare la giustizia, amare con tenerezza e
camminare umilmente con te. Te lo chiediamo per Cristo nostro Signore.

2. GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA GIUSTIZIA SOCIALE (GS)


La Bibbia è stata una fonte di ispirazione per la promozione della giustizia
sociale. È incoraggiante sapere che la frase giustizia sociale è stato coniato
da un sacerdote gesuita chiamato Luigi Taparelli, (1793-1862). Papa Leone
XIII, che ha configurato nella chiesa cattolica la preoccupazione sociale con
la pubblicazione della Rerum Novarum (1891), è stato uno studente di p Luigi
Taparelli. La campagna per l'abolizione della schiavitù che è considerato
come il miglior successo politico dall'attivismo basata sulla fede, è stato
guidato da cristiani devoti. Il Comitato per l'abolizione della tratta degli
schiavi, costituita il 22 maggio 1787, è stata costituita da dodici cristiani che
erano Quaccheri (cristiani che credono che Dio è in ogni persona) e
Anglicani. L'Islam promuove anche la giustizia sociale per gli appartenenti
alla Fratellanza Musulmana. Uno dei pilastri dell'Islam sta dando l'elemosina
(zakat) che è obbligatorio nei confronti dei membri meno privilegiati. I seguaci
della religione Bahai credono nell'unità della persona umana e considerano la
diversità come ricchezza.
L'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha dichiarato il 26 novembre del
2007, per celebrare la Giornata Mondiale della Giustizia Sociale il 20 febbraio
e l'eradicazione della povertà e il trattamento compassionevole della

1
comunità e gruppi sociali sono stati considerati come oggetto di questo giorno
(http://www.un.org/en/ga/search/view_doc.asp?symbol=A/RES/62/10).
Questa risoluzione era solo una conseguenza naturale del vertice mondiale
per lo sviluppo sociale (marzo 6-12,1995 a Copenaghen) e il 24 ° Assemblea
Generale delle Nazioni Unite per il raggiungimento dello sviluppo sociale per
tutti (26 giugno - 1 giugno 2000). 26 marzo dell'anno 2007 è anche segnato
bicentenario della abolizione della schiavitù. Anche la dichiarazione da parte
dell'Assemblea delle Nazioni Unite sui Diritti dei Popoli Indigeni era
(http://www.un.org/esa/socdev/unpfii/documents/DRIPS_en.pdf).
Contrastante realtà di oggi: Gli indigeni sono estinti veloceLa Dichiarazione
delle Nazioni Unite, sopra menzionata, riconosce che i popoli indigeni hanno
il diritto di auto-determinazione (articolo 3), dritti sopra le loro terre ancestrali
e acqua (articolo 10) ed i governi hanno bisogno del loro consenso libero e
informato di utilizzare la loro terra e acqua (Articolo 32. 2). Per evitare i
Questi diritti a persone primitive inizialmente, Australia, Canada, Nuova
Zelanda e Stati Uniti hanno votato contro la risoluzione, ma in seguito
divenne firmatari; India continua a sostenere che l'intera popolazione
dell'India è indigena e quindi non c'è alcun diritto speciale per ogni gruppi
sociali particolari.
A parte gli indigeni, i gruppi sociali fondate sulla religione, orientamenti di
genere e la disabilità continuano a subire discriminazioni
I risultati da Oxfam, rilasciati a 16 gennaio,2017, dice che il 50% della
ricchezza del mondo ($ 426.000.000.000) sono nel mano degli otto persone
più ricchi del pianeta. D'altra parte, una persona tra le 10 persone hanno
bisogno di sopravvivere con meno di $ 2 al giorno.
In questi contesti la giustizia sociale richiede la tutela dei diritti delle persone
e dei gruppi sociali e giusta distribuzione della crescita economica del mondo.

3. Pregare la Bibbia

Salmi 22,1-6
Il Signore è il mio pastore:
non manco di nulla;
su pascoli erbosi mi fa riposare,
ad acque tranquille mi conduce.
Mi rinfranca, mi guida per il giusto cammino,
per amore del suo nome.

Se dovessi camminare in una valle oscura,


non temerei alcun male, perché tu sei con me.
Il tuo bastone e il tuo vincastro
mi danno sicurezza.

Davanti a me tu prepari una mensa


sotto gli occhi dei miei nemici;
2
cospargi di olio il mio capo.
Il mio calice trabocca.
Felicità e grazia mi saranno compagne
tutti i giorni della mia vita,
e abiterò nella casa del Signore
per lunghissimi anni.

RIFLESSIONE
Il salmo è una speranza per coloro che sono sotto l'oppressione e coloro che
lavorano per la giustizia sociale. Mentre cercando di preparare il banchetto
della società giusta, non si può evitare la esperienza del buio; ma Dio va con
loro anche in questo periodo di buio. È certo di sedersi in un tavolo di gioia un
giorno. Anche gli oppressori condivideranno questa tavola dopo una giusta
conversione. È possibile arrivare a questa società attraverso i mezzi non
violenti di lotta.

Matteo 25,35-37
Perché io ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi
avete dato da bere; ero forestiero e mi avete ospitato, nudo e mi avete
vestito, malato e mi avete visitato, carcerato e siete venuti a trovarmi. Allora i
giusti gli risponderanno: Signore, quando mai ti abbiamo veduto affamato e ti
abbiamo dato da mangiare, assetato e ti abbiamo dato da bere?
Riflessione
Gesù è nei poveri e negli emarginati. Come il frutto dalla loro terra non
raggiunge rimangano affamati e stranieri nella propria terra. Tutti siamo
interconnessi perche tutte le persone ei pianeti insieme formano un mondo.
Finché uno solo anche si ha sete, il resto del mondo non può rimanere
assettati. Ecco perché Gesù ripete questo sei volte 'I ero ... ' in questo breve
passaggio. Possiamo allungare le mani e il cuore per raggiungere i
bisognosi?

COSA POSSIAMO FARE?


 Comprendere panorama della giustizia sociale del nostro posto
 Leggendo almeno una dottrina sociale della chiesa dal compendio
(http://www.vatican.va/roman_curia/pontifical_councils/justpeace/docum
ents/rc_pc_justpeace_doc_20060526_compendio-dott-soc_en.html) o
leggere la dichiarazione delle Nazioni Unite sui diritti dei popoli indigeni
 La condivisione su un tema giustizia sociale con qualcuno; o la scrittura
di esso in giornale
 Firmare una petizione sulla tema della giustizia sociale o l'avvio di una
campagna (https://avaaz.org/en/petition/start_a_petition/?30311) o
partecipare a un rally per la giustizia sociale.

3
 Amicizia con qualcuno di una diversa razza, etnia, religione,
orientamento sessuale ecc
 Fare un cambiamento nella configurazione consumer personali di
avvicinarsi ai poveri.
 Pagare giusto agli nostri impiegati.

4. PREGHIERE DI INTERCESSIONE
 Signore ti ringraziamo per la varietà che vediamo nella natura e nella
persone; aiutaci a vedere la tua faccia riflessa in essi.
 Signore ti preghiamo per le popolazioni indigene e le comunità
emarginate poiché possano sperimentare la solidarietà del mondo nella
loro lotta per preservare la loro terra e identità.
 Signore, noi preghiamo per coloro che sono diversamente abili, trans
gender, migranti e la trafficati: Possano sperimentare rispetto e libertà.
 Signore, noi preghiamo per coloro che sono soggetti a persecuzioni
religiose. Possano essere restaurati loro diritti alla vita e il culto.
 Signore noi preghiamo per la conversione degli oppressori. dona loro la
grazia di partecipare al banchetto che hai preparato per tutti noi.

5. PREGHIERA FINALE:
O Dio di tutte le culture e di tutti i popoli, ascolta il grido delle persone
sofferenti e la natura. facci uno strumento per creare un mondo di giustizia e
di pace. Amen.

(S. Vincent Anesthasiar,CMF)


Secretariat for JPIC , E mail: jpiccmf@cmfgen.org
Curia Generalizia, 00197 Roma.

Potrebbero piacerti anche